Page 1

Via XXVII Agosto, 19/A FANO (PU) Tel. 0721 805156 Fax 0721 813784 www.buldrighini.it RINNOVO PATENTI

Direttore responsabile Corrado Moscelli

venerdì 12 ottobre 2018

Fanoinforma registrazione n. 10 del 22/10/2012 presso il Tribunale di Pesaro - Stampato a cura di Lagostekne Editore: Comunica s.r.l. - via Nuti, 3 - 61032 Fano (PU) - Tel. 0721/830710

Via XXVII Agosto, 19/A FANO (PU) Tel. 0721 805156 Fax 0721 813784 www.buldrighini.it RINNOVO PATENTI

www.fanoinforma.it

anno 7 - numero 197

Una giornata alla scoperta della Fano Ebraica FANO - Per il 4° anno di fila anche Fano parteciperà alla Giornate Europea della cultura braica in programma per domenica 14 ottobre alle 21.15 in sala Verdi al Teatro della Fortuna. “Questa è un’occasione – ha spiegato l’assessore alla Cultura e Turismo, Stefano Marchegiani – per indagare sul mondo ebraico che in passato era ben presente a Fano. Una cultura che ha segnato il nostro territorio per poi sparire totalmente dal qua-

le sono scaturiti, tra le altre cose, anche personaggi riconosciuti in tutto il mondo”. Personaggi come Menachem Azaryah da Fano (fanese di nascita, morto a Mantova) del quale ancora si registra un pellegrinaggio importante sulla sua tomba. “A lui – sottolinea la consigliera Sara Cucchiarini che ha collaborato alla realizzazione dell’evento -, ci parlerà il rabbino Vittorio Robiati Bendaud, coordinatore del Tribunale Rabbinico del

centro-nord Italia che spiegherà come Azaryah da Fano ha tradotto la liturgia ebraica diventando il punto di riferimento per i tribunali rabbinici a livello globale. Inoltre Bendaud si farà anche narratore dei testi sacri toccando varie tematiche: dall’arte narrativa biblica ai viaggi della lingua ebraica, alcuni esempi di narrativa ebraica tra ‘viaggio’ e ‘biografia’ per concludere poi con un racconto italiano e marchigiano. La narrazione

di Robiati sarà accompagnata dai canti, in lingua ebraica e ladina, di Frida Neri ed Anissa Gouizi e s’intreccerà alle letture di alcuni passi dei testi biblici a cura di Agnese Giacomoni e della giovane Emilia Claudi. Sara Cucchiarini, Consigliera comunale della Commissione cultura, condurrà l’evento che sarà aperto dai saluti istituzionali dell’Assessore alla Cultura, Stefano Marchegiani e da quelli del

Vicepresidente della Comunità Ebraica di Ancona, Remo Morpurgo. “Ci concentreremo sui canti Sefarditi – ha raccontato Frida Neri -, uno stile che prevede voce e percussioni, che racchiude un mix di contaminazioni provenienti da varie religioni e che arriva diritto al cuore”. L’ingresso alla giornata è libero e gratuito fino ovviamente ad esaurimento posti . Stefano Orciani

Torna la giornata Il consiglio approva il nuovo regolamento sul lavoro per le categorie svantaggiate Nazionale delle Famiglie al Museo Sara Cucchiarini: “Passo in avanti storico per la città nel segno dell’integrazione culturale e sociale” Domenica 14 ottobre sarà la sesta edizione di Famu, Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo con tema “Il piccolo ma prezioso”. Nell’ambito delle celebrazioni del centocinquantesimo anniversario della morte di Giachino Rossini e nell’ambito della mostra diffusa Rossini 150, l’assessorato alla Cultura e Turismo di Fano aderirà all’iniziativa proponendo un’attività per famiglie dedicata al celebre compositore. “Treni a misura di bambini e di Rossini”, questo il titolo dell’appuntamento che consisterà in una visita animata e in un laboratorio, in programma alle 10.30 alla Sala Morganti del Museo del Palazzo Malatestiano. Un’occasione per un racconto dolce e scanzonato che parlerà di Rossino e del teatro. L’attività, a cura di Sistema Museo è gratuita, si consiglia la prenotazione allo 0721887845.

FANO - Approvato martedì dal consiglio comunale il regolamento che regola i contratti dedicati alle persone con difficoltà o con disabilità.“L’obiettivo – afferma Sara Cucchiarini, presidente 1^ Commissione Affari Istituzionali – è quello di tutelare le categorie svantaggiate, individuate da Anac (Autorità nazionale anticorruzione ) creando le condizioni riservate per implementare l’impresa sociale, andando oltre a ciò che si è fatto sino ad ora, prima di tutto individuando due tipologie di assegnatari: laboratori protetti, quegli operatori economici la cui pianta organica è composta da almeno il 30% di lavoratori con disabilità e i programmi di lavoro protetti, appalti pubblici le cui modalità di svolgimento, in relazione alla manodopera, richiedono il diretto coinvolgimento nell’esecuzione dell’appalto almeno del 30% dei soggetti disabili o lavoratori svantaggiati”. Ai laboratori protetti si riservano, ad esempio, gli appalti

di servizi relativi alla manutenzione del verde pubblico e la gestione dei cimiteri mentre pubblicazione, raccolta pubblicitaria e diffusione di ‘Fano Stampa’ sono destinati a programmi di lavoro protetto. “Per ciò che riguarda l’affidamento di servizi, beni e lavori di importo inferiore ad euro 40.000 – prosegue Cucchiarini -, sono aggiudicati esclusivamente ai laboratori protetti: la logistica (magazzinaggio, facchinaggio), sanificazione ambienti/disinfestazioni occasionali, la fornitura ed eventuale impianto di essenze vegetazionali o piante, fornitura fiori, addobbi, corone per cerimonie pubbliche, lavori ed opere di falegnameria, lavori agricoli, pulizia di terreni con eventuale sfalcio di erba ed infestanti, rimozione e trasporto rifiuti non pericolosi presso i centri di raccolta autorizzati e interventi di decoro urbano (controllo, pulizia e/o manutenzione ordinaria di cartelli, elementi di arredo, camminamenti, muri e relative infestanti, ma-

nutenzione ordinaria giochi aree verdi). Questa amministrazione fa uno storico passo avanti che possiamo definire all’avanguardia sul panorama nazionale e da mandato anche ad Aset di integrare nel proprio statuto una modifica che introduca questa che è prima di tutto un’indicazione politica, sintomo

di sensibilità verso la realtà del quotidiano e di una cultura dell’integrazione lavorativa e sociale concreta. Si fa presente - conclude Cucchiarini -che tale regolamento è stato approvato grazie ai soli voti dalla sola maggioranza, con l’astensione di tutta la minoranza e un voto contrario tra di loro”.

DAL 5 AL 14 OTTOBRE / OKTOBERFEST / SPORTPARK FANO

ZEBRA TRE / JOE CASTELLANI & PEDRETTI / ANDREA CATAVOLO / Total Eclipse / 90 BIT / I RINOCERONTI

INFO E PRENOTAZIONI 0721

SPORTPARK FANO

825569


venerdì 12 ottobre 2018 www.fanoinforma.it

anno 7 - numero 197

Rugby, il Fano debutta domenica a Macerata

FANO - Debutto a Macerata per il Fano Rugby che domenica 14 ottobre inizierà il proprio cammino nel campionato di serie C1, un esordio sicuramente non soft come dimostra il cammino dei padroni di casa durante la scorsa stagione che li ha portati a disputare i play off per la serie B. La sconfitta di misura subita l’anno scorso (24-17) e la successiva

vittoria in casa al ritorno (26-6) sono le basi da cui ripartire per iniziare subito bene una stagione dove l’obiettivo, seppur velato e mai dichiarato ufficialmente, è quello di arrivare a quei play off promozione che per due anni consecutivi sono sfuggiti per un soffio. Tempo d’esordio anche per l’Under 16 che farà visita domenica al

Città di Castello. La nuova Under 18 del neo tecnico Annunzio Subissati ospiterà l’Ancona mentre a chiudere il quadro del week end è l’Under 14 di Alessandro Gasparini e Francesco Collacchi di scena a Jesi in un triangolare che vedrà protagonisti i baby rugbisti opposti ai pari età padroni di casa e ai rugbisti della città di Fabriano.

Asi Pesaro nella leggenda: sfondato il muro dei 10.000 tesserati Numeri impressionanti ed in costante crescita per l’Ente di Promozione Sportiva con sede a Fano.In due anni gli iscritti sono aumentati del 60% FANO - Giovani, meno giovani, famiglie, società sportive, palestre. Tutti e in tutta la provincia, si affidano ad Asi Pesaro tanto da far entrare l’ente di promozione sportiva nella leggenda. Nella stagione sportiva 2017/2018, quella appena conclusa, sono stati 10.011 i tesserati che si sono affidati all’ente con sede in Fano (presso la palestra Bruno Venturini) e presieduta da Francesca Petrini. Un numero che attesta il comitato provinciale tra i più importanti d’Italia con impennate vertiginose che si sono registrate dal 2002, anno della sua costituzione, ad oggi. Per fare qualche esempio basta rapportare i dati odierni a quelli del 2015/2016. All’epoca i tesserati erano stati 6.273, 3.738 in meno rispetto ad oggi, un 60% in più frutto di un percorso che ha portato ad avvicinarsi ad Asi centinaia di migliaia di famiglie grazie alle proposte offerte da un team giovane e qualificato, un gruppo apolitico, non legato a correnti di pensiero o religioni, che ha come obiettivo solo quello di promuovere e diffondere lo sport e i valori ad esso collegati, nonché contribuire alla diffusione della pratica sportiva (e del suo insegnamento) come elemento imprescindibile di

benessere e civiltà. Dal mini Jump (i centri estivi per i più piccoli) per bambini di 3 anni alla ginnastica dolce per over 50, negli anni l’ente è venuta a contatto con tantissime persone diventando un punto di riferimento non solo nella città di Fano ma dell’intera vallata del Metauro e del Foglia come confermano le 80 associazioni sportive affiliate (nel 2015/2016 erano 59) dalla Città della Fortuna a Fossombrone, Lucrezia, Marotta, Monteporzio, San Costanzo, Piagge, Cagli, Urbino e Fermignano passando per Pesaro, Montecchio, Vallefoglia, Sant’angelo in Lizzola e Macerata Feltria. La continua formazione cui vengono sottoposti gli educatori e i collaboratori di Asi ha accresciuto la fiducia che le famiglie hanno riposto nell’ente affidando a personale esperto e qualificato i loro figli. E proprio grazie agli insegnanti e ai continui riconoscimenti arrivati dal Coni, i tesserati Under 18 sono cresciuti e sono arrivati a quota 3.246 (+800 rispetto a due anni fa). Ma oltre ai tesseramenti, Asi pensa anche alle affiliazioni delle società affiancando in tutti i passaggi specialmente quelle di nuova costituzione, come spiega la stessa Francesca Petrini: “Qualsiasi associazione sportiva –

afferma la presidente -, per essere riconosciuta dal Coni e quindi avere tutti i requisiti e agevolazioni delle Asd, ha bisogno di affiliarsi ad una Federazione Sportiva o ad un Ente di Promozione Sportiva. Il costo dell’affiliazione ad Asi è 50 euro e con essa si avrà automaticamente diritto all’assicurazione minima prevista dalla legge (compresa la Rct per l’impianto in gestione), ad una polizza di tutela legale, ad una consulenza fiscale ed amministrativa di base e alla

possibilità di richiedere contributi pubblici o di partecipare al riparto del 5 x 1000”. All’alba della nuova stagione intanto, Asi conferma tutte le principali attività organizzate l’anno scorso e si accresce ulteriormente di nuovo personale qualificato con l’ingresso in qualità di responsabile di Jacopo Barattini, classe ‘91 ormai da 6 anni all’interno dello staff e punto di riferimento sportivo della città grazie soprattutto al suo grande impegno nel rugby.

Vitruvio, il fuoco e Fanum-Fortunae. Ecco il nuovo docufilm di Henry Secchiaroli Sabato 13 ottobre alle 20, nei pressi dell’Arco d’Augusto si girerà una spettacolare scena con il fuoco FANO - Le riprese del “Docufilm Fanum Fortunae - alla scoperta di Vitruvio” realizzato dalla Hego Film da un’idea di Henry Secchiaroli e Andrea Giomaro, continuano sabato 13 Ottobre dalle ore 20, con una spettacolare scena che vede protagonisti l’Arco D’Augusto e Vitruvio. Nella scena vedremo le spettacolari evoluzioni di un uomo alle prese con il fuoco interpretate da Diego Gioacchini (www.toiahi. com) già famoso a Fano per le emozionanti performance messe in scena alla Fano dei Cesari 2018, arricchite dalla presenza dei figuranti della Colonia Ivlia Fanestris che da anni riportano Fano alle magiche atmosfere dell’antica Roma con sapiente energia. Una scena molto importante, dice il regista Henry Secchiaroli, e l’ho

voluta rendere spettacolare per mettere in risalto l’identità del-

la città e come co-protagonista ho voluto inserire il Fuoco che

nell’antichità era considerato sacrò. Siamo nel 9 d.c. inaugurazione dell’Arco D’augusto (Murum dedit) più di 2000 anni fa. In filosofia il fuoco si può considerare come l’anima, un’entità che muta pur mantenendo sempre la propria identità, spiega il regista, ecco quindi un po’ come il fuoco con questa scena voglio rappresentare l’anima identitaria di Fano che nei secoli è mutata pur restando sempre la stessa. Il docufilm è realizzato anche grazie al fondamentale contributo dei Fondi Europei della Regione Marche, Comune di Fano, Fondazione Marche Cultura, Marche Film Commission, Centro studi Vitruviani e Colonia Ivlia Fanestris. La scena è aperta al pubblico.

sant’angelo in vado 2018

BIANCO

13/14 - 19/20/21 - 27/28 ottobre 3/4 novembre 55^ MOSTRA NAZIONALE DEL TARTUFO BIANCO PREGIATO DELLE MARCHE

Fanoinforma n. 197 - Venerdì 12 Ottobre 2018  
Fanoinforma n. 197 - Venerdì 12 Ottobre 2018  
Advertisement