Issuu on Google+


ROMPERE IL SILENZIO SCUOLE SICURE: UN DIRITTO PER TUTTE LE BAMBINE E LE RAGAZZE Tutte le bambine e le ragazze hanno diritto all’istruzione. Questo diritto è essenziale non solo perché permette loro di crescere e di imparare, ma anche perché le rende indipendenti e libere di scegliere la loro strada. Tuttavia, non sempre le scuole sono luoghi dove imparare a realizzare le proprie potenzialità. Alcune scuole sono luoghi di paura e di violenza a opera degli insegnanti, del personale scolastico e degli studenti. Unisciti all’appello internazionale per scuole libere dalla violenza: tu puoi rendere le scuole sicure per le bambine e le ragazze! www.amnesty.it

Titolo originale: Breaking Barriers. Safe schools: every girl’s right Scritto e prodotto da Axworks Films © Amnesty International Publications Prima edizione 2008 Amnesty International Publications International Secretariat Peter Benenson House - 1 Easton Street London WC1X 0DW - Regno Unito - www.amnesty.org AI Index: ACT 77/011/2008 L’immagine di copertina è ispirata alla fotografia di una ragazza che vince una gara a Dhaka, Bangladesh. © Roobon/The Hunger Project-Bangladesh Per gentile concessione di Photoshare Fa fede il testo originale in lingua inglese. Traduzione a cura di Filomena Bianco


Amnesty International è un’Organizzazione non governativa indipendente formata attualmente da due milioni e duecentomila soci, sostenitori e donatori in più di 150 paesi. La Sezione Italiana di Amnesty conta oltre 90.000 soci. La visione di Amnesty International è quella di “un mondo in cui a ogni persona sono riconosciuti tutti i diritti umani sanciti dalla Dichiarazione universale dei diritti umani e da altri atti sulla protezione internazionale dei diritti umani”.

PER SAPERNE DI PIÙ: Maggiori informazioni su Amnesty International e su come poter partecipare alle nostre campagne le puoi trovare su: www.amnesty.it Oppure puoi scriverci a: Amnesty International - Sezione Italiana Ufficio Educazione e Formazione Via G. B. De Rossi 10 00161 Roma eduform@amnesty.it


Rompere il silenzio