Issuu on Google+

TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

13 magazine 路 Anno 11 路 n. 108 - ottobre 2012 路 www.13magazine.it


VG

visioni grafiche


40.000 copie Il mensile più diffuso e letto di Roma Sud Lo puoi trovare: SUPERMERCATI

AL MERCATO (Caltagirone V. Massimo Troisi) CARREFOUR (Ostia - Staz. Lido C.)

Parrucch. Angelo Di Pasca

ELITE (Eur - Via O.Indiano)

Via dell’Idroscalo)

ELITE (Eur Torrino

SUPER ARI (Acilia - Via di

ACILIA - MADONNETTA

Ristorante Maharajah 2

Birreria Spaten

Via della Cina)

Macchia Saponara)

CASAL BERNOCCHI

Ristorante Pane e Vino II°

Bread & Coffee

ELITE (Eur Torrino

TODIS (Axa-P.zza Eschilo)

Abbo Bar

Tru Trussardi

Caffè d’Arte

Via della Seta)

TODIS (Acilia Madonnetta

Bar Benevento

ELITE (Eur Torrino

Via di Macchia Palocco)

Bar Domino

CASALPALOCCO

Caffè Viola

Via Salisburgo)

TODIS (Infernetto

Bar Laura

Bar “44”

Euro Caffè

ELITE (Eur - Via d. Tecnica)

Via Castelporziano)

Bar Marica

Bar Casa del Tramezzino

Gelateria in via degli Astri

ELITE (Infernetto

TODIS (Poggio di Acilia)

Bar Pasticceria Fredolini

Bar Colombo

Via C. Colombo)

TODIS (Infernetto-V.Cilea)

Bar Verde Rosa

Bar Cristal

ELITE (Mezzocammino

TUO (Dragona-V. Dragone)

Baroni Gioielli

Bar Drive In

Via C. Colombo)

TUO (Ostia - V. Gondole)

Baroni Ottica

Bar Flaming

EUROSPIN (Acilia

TUO (Ostia-V. P. Orlando)

Biclim

Bar Le Mimose

Via Prato Cornelio)

TUODÌ (Acilia-V. A. Bocchi)

Bitton Bar

Cannavale Immobiliare

EUROSPIN (Caltagirone

TUODÌ (Acilia - V. di

Bricofer

Centro Sportivo Eschilo 2

Vitinia - Via Ostiense)

Macchia Saponara)

Caffè Bistrot

La Boutique del pane

Calandrelli Group

La Tabaccheria d. Terrazze

Caffè Tazza d’Oro

CARREFOUR (Dragona Via Criminali) CARREFOUR (Ostia Antica Via del Collettore Prim.) CARREFOUR (Infernetto Viale Castel Porziano) CARREFOUR (Infernetto

Gran Caffè Astoria Gran Caffè Circi Lops Romus Re Sha.mo Bar Snack Tanaka Sturdust Village

Via Antonio Angeloni)

Torrino Sporting Center

CARREFOUR (Infernetto -

Vasian IPER TRISCOUNT (Via

Via Boezi) Ostiense)

CENTRI COMMERCIALI

Caseificio Zì Teresa

Priolo

LEON (Infernetto

C. COMM. BERSONE

Climart

Quelli dell’Albero Azzurro

Viale Castel Porziano)

(Infernetto)

Compro Oro

St. Odont. Podda & Sorci

MA Supermercato (Acilia

C. COMM. COLUMBIA

Fisioter

Via di Acilia)

(Infernetto)

Gastronomia Marika

DRAGONA-DRAGONCELLO

MAP (Infernetto

C. COMM. 2000 (Acilia)

Giocheria

Abitare Oggi

Via Wolf Ferrari)

C. COMM. ESCHILO (Axa)

La Cartareccia

Bar Ocy & Stè

MAXI SIDIS (Acilia

C. COMM. I GRANAI (Eur)

MC Traslochi

Bar Phelipe

Via di Macchia Saponara)

C. COMM. LE TERRAZZE

M. & G. Tabacchi

Bar Pinco Pallino

Via di Casalpalocco)

MD (Caltagirone Vitinia

(Casalpalocco)

Mobili al centimetro

C.I.M. Costruzioni

CONAD (Eur Torrino

Via Borghini)

C. COMM. SIC (Eur - bar)

Pink Bar

Di Carlo Cafè

Bar La Vela

Via della Cina)

ONEPRICE (Acilia

C. COMM. WOLF FERRARI

Ristorante Bianco Rosso

Legno + Ingegno

Bar Star

CONAD (Ostia

Via Prato Cornelio)

(Infernetto)

Panificio Signori Luciano

Bar Strauss

Via Isole di Capoverde)

PAM (Axa Malafede

CENTRO VECCHIO

Snai

Ristor. Il cielo sul mare

Bar Tabacchi Gli Angoli

CONAD (Ostia

Via G. Usellini)

(Casalpalocco)

Tabaccheria Sirio

Se.Ma. Traslochi

Bar Tabacchi Il Cigno

Via della Stella Polare)

PAM (Ostia - V. Gondole)

PARCHI DELLA COLOMBO

Vivaio Primaverde

CONAD (Ostia - Viale

PAM (Ostia-V. Promontori)

(Infernetto)

Vega/Via della Tolda)

SMA (Casalpalocco

PORTO TURISTICO OSTIA

CARREFOUR (Via di Casal Bernocchi) CONAD (Acilia Via di Macchia Saponara) CONAD (Infernetto Via Castrucci) CONAD (Ostia Antica Via di Castelfusano) CONAD (Casalpalocco

INFERNETTO Babel Bar “Al Cinghiale” Bar “Cricket”

e Pannone

Bar Andy Bar Casina del Bosco Bar Cristal Bar Dolce Paradiso Bar Evandro Bar Gatta

Bar Tabac. Castelporziano EUR - EUR TORRINO

Bar Via San Candido

AXA

MOSTACCIANO

Bruna Coiffeur - Estetica

Axa Bike

Bar Bonsai

Il Gelatiere

DICO (Infernetto)

Via Pindaro)

DIXDI (Ostia - V. P. Caselli)

SMA (Via Monti S. Paolo)

ISTITUZIONI

Bar Cristiano

Bar gelat. gastronomia 3

La Boutique del pane

DOC (Torrino - Via Fosso

SMA (Nuova Palocco

DISTACCAMENTO

Bar Menandro

Bar ristorante di via Lione

Il Parco Giochi

Torrino)

Via Zenone di Elea)

MUNICIPIO XIII (Piazza

Centro Sportivo Eschilo 1

Bar Roberto

Priolo

EFFE + (Ostia

SIMPLY SMA MARKET

del Capelvenere - Acilia)

Euroservice

Bar Tentazioni

Rist. Zucchero e limone

Via dell’Appagliatore)

(Acilia-V. di Saponara)

MUNICIPIO XIII

Gelateria Alessia

Bar Tornatora

Twinky

ELITE (Acilia - Via di Acilia)

STELAC CASTORO (Ostia

(Via Claudio - Ostia)

Paola Sgrò estetica

Bar Via Baldovinetti

Zucchero e Babà

PER INFORMAZIONI SULLA PUBBLICITÀ Tel. 06.52363798 - Cell. 333.8626296 - Fax 06.52363694 - e-mail: anna@visioni-grafiche.it

5


sabato

6

LEZIONI DIMOSTRATIVE DI “CAKE DESIGN” COMETA ADV

Dalle ore 16.00

In questo nuovo appuntamento la pasta di Zucchero prende la forma di una “Fattoria”. In collaborazione con “Dolci tentazioni decorate”.

sabato

6

domenica

BACK TO SCHOOL CON I TUBI ANIMATI

7

Dalle ore 16.00

Due simpatici Tubi Animati doneranno ai piccoli ospiti dei gadget per ricominciare in allegria il nuovo anno scolastico.

sabato

13

domenica

ASTERIX ED OBELIX

14

Dalle ore 15.00 alle ore 19.00

Indovina gli ingredienti della pozione magica che bolle nel pentolone e scatta una foto con il Grande Obelix.

sabato

20

“LATTE DI MAMMA” ALLATTA AL CENTRO

Dalle ore 10.00 alle ore 12.00

Il personale qualificato del Consultorio Familiare di Via dei Lincei incontra le mamme per affrontare insieme il delicato tema dell’allattamento al seno.

domenica

28

XVI° EDIZIONE ROMA MASTER CROSS

Prima tappa della gara a due ruote presso il Parco del Forte Ardeatino. Org. U.S. ICARO www.romamastercross.com

via Mario

Rigamonti, 100 EUR

(Tintoretto)


OSTIA ANTICA

Bar Lo Spuntino

Bar Cristian

Bar Lo Stadio

Bar del Corso

Bar Centro

Bar Maffei

Bar Derby

Bar Stazione Roma-Lido

Bar Marechiaro

Bar Garden

Ceramiche Ostia Antica

Bar Mattei

Bar Green

Conauto

Bar Olivieri

Bar Grigo

International Bar

Bar Paradise

Bar Idea

Officine Interni

Bar Paradiso

Bar International

Ristorante Il Frantoio

Bar Piper

Bar King

Bar Polo Nord

Distribuito anche presso

i nostri partners Pag. 50-81

Abitare Oggi

58

Legno+Ingegno

63

Ago & Filo

64

Lilù

86

Al 12

74

Livio Gallottini Studi Odont.

70

Analisi D.M.Q.S.

53

Lops

72

Andromeda e Villa Faieta

Bar La Bussola

76

Angel’s Hair

12

Appolloni gioielleria

24

OSTIA LIDO

Bar Romin

Bar Lauretta

In estate gli stabilimenti

Bar Sisto

Bar Nanù

balneari del litorale

Bar Smeraldo

Bar Pines

Bar Stazione Stella Polare

Bar Prestige

100 86

MACRO Maison du Chocolat

4

Marinauto

Arma Game

10

Michelessi

32

Aurora (L’)

62

Miss Cake

OSTIA LEVANTE

Bar Studente

Bar Remondi

14

Axa Bike

18

Mobili al centimetro

Assithermo

Gran Caffè Salerno

Bar Ringo

26

Babel

42

Money & Gold

Bar Antinori

Petit Cafè

Bar Roma Lazio 46

Bali England

52

Officine Interni

Bar Bingo

Pizza Metro

Bar Scacco Matto

Bar Caprini

Snai

Bar Sport

Biclim

96

One Card

Bar dello sport

Vancleef

Bar Top

31

Borghi Factory

69

Parafarmacia Tropea - D’Alberti

68

Calandrelli Group

78

Pets shop

29

Caramelli studio tributario

14

Pino a Ostia

16

Primigi

Bar Europa

Bar Velieri

2

Bar Fortuna

OSTIA PONENTE

Biblioteca Elsa Morante

Bar Friends

Bar Alexander

Cineland Multisala

Bar Giusti

Bar Amigos

Duca Bar

49

Casale dei piccoli (Il)

Bar Gran Caffè

Bar Andrew’s

Gamma Auto

48

Ceramiche Ostia Antica

Bar Isola Mauritius

Bar Baleari

Gelateria Harley

45

CIM Costruzioni

22

RDA Motors

Bar Jolly

Bar Caffè Fiore

Gelateria Martin

Bar Krapfen

Bar Canarie

Gelateria Tartarughino

54

Cirillo autocarrozzeria

23

Ricci e capricci

Bar Kristall

Bar Corallo

Marinauto

61

Claria Group

64

Sarte allegre (Le)

Snai

33

C.Max autofficina

31

Sciunnach

89

Compro Oro

23

Scuola di danza F3

Conauto

82

SE.MA. Traslochi

38-81

Priolo

Studio odontoiatr. Puzzilli Tabaccheria Peres 8

SPINACETO

44

CS Impianti

56

Sexy Shop 24h

TOR DE CENCI

78

Cucciolissimi Onlus

98

Slot House Europa

30

Cucine & dintorni

34

Sogno in un... pacchetto (Il)

VITINIA - CALTAGIRONE

30

Della Rocca

VILLAGGIO AZZURRO

44

Di Carlo Cafè

40

Studi in corso

79

Dott. Stefano Giammetti

66

Studio Odontoiatrico Puzzilli

77

Dott.ssa Valentina Pellegrino

16

Tagliati x il successo

Oasi Ice Gelateria

80

Festando

20

Twinky Home

Profumo di Caffè

60

Finestre & dintorni

36

Vetral Acilia

82

Gamma Auto

84

Vivai Esotica

33

Giorgio Carrozzini siti web

40

Zeroseiplinio

34

Gymseng 91

GUIDA AI RISTORANTI

Bar Tabacchi Europa

Bar Caltagirone

1

SomaWell

Idrotermica Sanitari La Bombonera Caffè

Ristorante Re Grano Slot House Europa (Villaggio Azzurro) Slot House Europa (Vitinia)

6

Granai Centro Commerciale (I)

Tabaccheria Pirfo 88

Idrotermica sanitari

7


sommario 15

43 ANNO 11 - NUM. 108 - OTTOBRE 2012 Speciale

Rubriche

15

Un futuro a pedali

21

Roma: bicicletta anno zero

11

Editoriale

51 49 Fotografia

23 23 Fallimento Bike Sharing

51

Costume e società 25 All’armi siam pagani!

Arredamento

53 Architettura 55 Moda e tendenze

55

25 33 Ottobre: Perugia di cioccolata 57 Spettacolando 35 Immigrati: un mese per 61

Libri

mettersi in regola

41

Gioco non significa solo

65 Viaggi

65 playstation

75 Salute e benessere

33

77 Scienze

Arte e cultura 79 Veterinaria 37 La luce borghese di Vermeer

75 87 Budget e ricette

Teatro

97 Oroscopo di Settembre

35 41

“Perdutamente” al Teatro India

81 81

Interno 13

91

MagnaRoma

Cinema

37

43 Il matrimonio che vorrei 43 007: 50 anni e non sentirli

Per la vostra Pubblicità tel. 06.52363798 • cell. 333.8626296 • fax 06.52363694 È vietata la riproduzione anche parziale di testi, grafica, immagini e spazi pubblicitari realizzati dalla Visioni Grafiche S.r.l. ( VGvisioni grafiche )

91 11


VG

visioni grafiche


di Maurizio Carta

13 MAGAZINE Anno 11 - n.108 - OTTOBRE 2012 mensile d’informazione: politica, attualità, cultura, sport, spettacolo, moda www.13magazine.it IN ALLEGATO: 13 Immobiliare Direttore Editoriale Claudio Petrollo claudio@visioni-grafiche.it

Direttore Responsabile Dott. Maurizio Carta maurizio@visioni-grafiche.it

Art direction Cristian Bifolco cristian@visioni-grafiche.it

Redazione Grafica Giada Gargano Pubblicità Renata Di Santo - Sergio Marà Giuseppe Regalbuto - Marina Preciutti Amministrazione e segreteria Ombretta Petrollo Collaboratori 13 Magazine Dante Cruciani - Michela Carè Leandro Abeille - Camilla Trandafilo Angelita Papa - Penelope Salomone Leonardo Caviola - Massimo Mostacci Rossella Smiraglia - Federico Zaza Simona Bottoni - Valentina Mancini Barbara Zorzoli - Riccardo Colella Roberta Riga - Lucia Bianco Gaetano Gaggiottino Dott. Stefano Giammetti Dott.ssa Valentina Pellegrino Editore Visioni Grafiche S.r.l. Direzione e Redazione Via Padre S.F. Pifferi, 39 - 00126 Roma Tel. 06.52363798 Fax 06.52363694 e-mail: info@visioni-grafiche.it Stampa Arti Grafiche Boccia S.p.A. Distribuzione M.E. Service 13 MAGAZINE - tutti i diritti di riproduzione riservati. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo mensile è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita.

editoriale

“Adoro i partiti politici: sono gli unici luoghi rimasti dove la gente non parla di politica” Oscar Wilde finita. L’implosione della maggioranza della Regione Lazio è stato il canto del cigno della Seconda Repubblica. Tutto ciò che accadrà fino alle prossime elezioni sarà solo il patetico e disordinato tentativo di salvare la faccia. Il punto è che non c’è più una faccia da salvare. Perché questa volta gli italiani non riusciranno a turarsi il naso e a mettere la solita croce sulla scheda elettorale: la puzza è ormai arrivata ben al di fuori del seggio. Niente PDL dunque, partito che ha candidato i Fiorito e le Minetti, consorteria di gregari, tutti ancora oggi ad aspettare che parli Berlusconi (classe 1936, unico italiano al mondo il cui nome è accompagnato in qualsiasi lingua da un sorriso di compiaciuta commiserazione). Niente PD, partito che ha candidato i Lusi e i Penati, formazione acefala, senza idee, proposte o identità, i cui dirigenti hanno passato più tempo a farsi le scarpe che a fare opposizione, i cui interessi castali e la cui nullità politica rappresentano le più convincenti ragioni del ventennio berlusconiano. Niente UDC, partito che ha candidato i Cuffaro, piccolo feudo personale di Pier Ferdinando Casini, un tizio che sta in parlamento dal 1983, che è riuscito nel miracolo di coprire tutti i trent’anni necessari ad accollarci 2 miliardi di euro di debito pubblico, che su aborto, fine vita e diritti civili ha posizioni degne di un contadino vandeano. Niente Sinistra Ecologia e Libertà, ennesima disorganizzata armata Brancaleone di ciò che è rimasto sotto i calcinacci del muro di Berlino: il partito del no a tutto, delle infinite dispute sul modello migliore di mondo, della fascinazione per un leader che parla come un vocabolario sfogliato a caso. Niente, infine, Futuro e Libertà, formazione politica che a parlarne come di un partito quasi gli si fa quasi un favore. È facile intuire l’obiezione a questo discorso. Che è “antipolitico”. Che se si dipinge questo

È

quadro, l’unica alternativa rimane Grillo. Sbagliato. Da qui ad otto mesi, complice anche il sostegno di PDL, PD, UDC e FLI al governo Monti (un esecutivo gradito come le zanzare al buio), il cadavere della Seconda Repubblica inizierà a puzzare. I vecchi partiti - senza orizzonte politico e senza collante tra i militanti - hanno ormai perso ogni controllo sui comitati d’affari che li sostanziano. I rispettivi collettori di voti, per farsi votare, dovranno fare una doppia fatica: convincere a votare un simbolo impresentabile e convincere a votare un candidato sconosciuto (considerata l’attuale legge elettorale). E dovranno farlo con molti meno fondi di quanti ne abbiano sperperati finora. Insomma, stante il forte odore di decomposizione, ciò che è prevedibile è che l’area degli smantellatori si allargherà, con soggetti nuovi pronti ad occupare aree politiche e culturali estranee al Movimento Cinque Stelle, probabilmente anche con clamorosi episodi di trasformismo. Siamo dunque alla vigilia dell’implosione finale. Il vecchio sistema ha già la corda al collo. Più passano i giorni, più si rimandano le decisioni relative alla legge elettorale, al ridimensionamento dei costi della politica e alla corruzione, più la sedia sotto i piedi del condannato prende una brutta inclinazione. Sarà un triste spettacolo, ancora più penoso se gli italiani decideranno di viverlo seduti in poltrona, magari raccontato da gruppi editoriali che sono concausa del disastro. Si spera nella buona sorte (o nel buon Dio, per chi ci crede).

13 MAGAZINE - Reg. Trib. di Roma n.439/2009 del 18-12-2009

PER LA PUBBLICITÀ

Anna Calà Te l . 0 6 . 5 2 3 6 3 7 9 8 Cell. 333.8626296 Fa x 0 6 . 5 2 3 6 3 6 9 4 a n n a @ v i s i o n i - g ra f i c h e . i t

40.000 copie: il mensile più diffuso e letto di Roma Sud

Distribuito nei seguenti quartieri:

ACILIA - AXA - AXA MALAFEDE - CASALBERNOCCHI CASALPALOCCO - DRAGONA - DRAGONCELLO EUR - EUR TORRINO - INFERNETTO MADONNETTA - OSTIA - OSTIA ANTICA - VITINIA

13


Un futuro a pedali Roma, causa i disastri dell’amministrazione Alemanno, è fenomeno meno diffuso. In altre città italiane ha dimensioni molto maggiori. Parliamo della bicicletta, mezzo che sta vivendo una nuova primavera, un rinascimento ben sintetizzato da un dato: nel 2011 le due ruote hanno superato per vendite persino le automobili. È inutile insistere sui fattori che concorrono al risveglio del pedale. Crisi economica, quotazioni smisurate della benzina, traffico, crescente tendenza sociale alla sedentarietà (dunque all’obesità) sono più che valide ragioni per scegliere di tornare a salire sul sellino. Ma questo non basta. Perché la richiesta dal basso di una nuova mobilità sconta come al solito i ritardi della politica, tutta concentrata a mangiare sopra le “grandi opere” e per niente interessata a promuovere quei pochi provvedimenti di civiltà che potrebbero stravolgere, in meglio, la faccia delle città. Prima che il fenomeno cominciasse a svilupparsi (2007, anno dell’indagine dell’Eurobarometro: Attitudini e problemi relativi ad una politica europea dei trasporti), in Italia la media delle perso-

A

ne che usava la bicicletta abitualmente (3 o 4 volte alla settimana) era pari al 4,4% della popolazione. Un dato sconfortante se si pensa che la media europea era quasi doppia (8,7%) e che in Germania, Olanda e Paesi scandinavi tali percentuali salivano rispettivamente a quota 16,1%, 40,1% e 17,3%. Oggi, purtroppo, non esistono dati omogenei attraverso i quali condurre un confronto. Anzi, stando ad una controversa

di Dante Cruciani

speciale

Secondo l’osservatorio Linear di Unipol, circolano in Italia 25 milioni di biciclette. Secondo Legambiente e Irp Marketing (indagine pubblicata nel 2011), il 9% degli italiani (5 milioni di persone) usa abitualmente la bicicletta come mezzo di trasporto urbano. Così, questa massa critica di persone inizia a comunicare e ad organizzarsi. E lo fa come in Europa, dove la European Cyclist Federation (Ecf ) svolge un’azione di lobby per la quale riceve anche generosi finanziamenti (la Giant, azienda leader mondiale di biciclette, ha recentemente staccato un assegno di 300.000 euro). Il Movimento #Salvaiciclisti ha comunicato esplicitamente di voler percorrere questa via (settembre, fiera Expobici di Padova). A sostanziarla, prima che i fondi, un manifesto in otto punti. Dentro tante richieste: sensori che indicano il cambio di marcia per i mezzi pesanti, semafori appositamente dedicati ai ciclisti, indagine nazionale sul fenomeno bicicletta (morti, praticanti, ecc.), 2% del budget ANAS per le piste ciclabili, limite a 30 km/h per le aree urbane che prevedono il passaggio di biciclette, nomina per ogni città di un

Nonostante i grandi impedimenti cresce l’uso della bicicletta. Il mondo delle due ruote inizia ad organizzarsi per riprendersi le città italiane indagine dell’Istituto ISFORT, la percentuale di utilizzo sarebbe addirittura in discesa (3,3% della popolazione: cifra contestata perché ottenuta attraverso l’analisi di sole 15.000 interviste). Ovviamente, oltre che dubbio da un punto di vista metodologico, il dato è in palese contraddizione con la realtà osservabile tutti i giorni. Così, anche grazie attraverso altre pubblicazioni, è possibile fare una comparazione indiretta.

15


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


speciale

commissario alla ciclabilità, afflusso di fondi privati che sponsorizzino la costruzione di piste ciclabili. Sono proposte che fanno discutere, che in parte vedono la convergenza di una sessantina di parlamentari (proposta di legge del Senatore Ferrante a tutela dei ciclisti), ma che fanno storcere il naso agli automobilisti. Tra due e quattro ruote infatti non corre buon sangue: il 61% degli automobilisti ammette candidamente di non sopportare i ciclisti (indagine Linear). Insomma, la strada è in salita. STATI GENERALI DELLA BICICLETTA Si terranno a Reggio Emilia tra il 5 e il 6 ottobre. Gli Stati Generali sono la risposta italiana alla campagna lanciata dal giornale Times (“City Fit for Cycling”), un’operazione di sensibilizzazione che prevede la realizzazione degli otto punti di un manifesto recepito e promosso in Italia dell’organizzazione “#Salvaicicli-

sti”. Oltre a quest’ultima, i lavori della due giorni saranno portati avanti da Ance, Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) e Legambiente. La scelta di Reggio Emilia non avviene a caso. La piccola città vanta diversi record: ha 180 km di piste ciclabili, il 20% della mobilità urbana su bicicletta, il 60% degli spostamenti a piedi, condividendo l’automobile o utilizzando i mezzi pubblici. Sono previsti cinque gruppi di lavoro: normativa; organizzazione mobilità urbana; investimenti, incentivi, disincentivi e governance; cultura ed educazione; reti ciclabili. USCIRE DALLA CRISI: L’ECONOMIA DELLE DUE RUOTE L’Italia è il primo produttore europeo di biciclette, è solo quarto in fatto di vendite (sempre su scala continentale) ed è solo 19° per biciclette vendute ogni anno

ogni 100 abitanti (2,9 nel 2011). Ciò significa 72% in meno rispetto alla Danimarca, 51% in meno rispetto alla Gran Bretagna, 43% in meno rispetto alla Germania e 30% in meno rispetto alla media europea. Secondo i dati presentati lo scorso anno dall’Associazione nazionale ciclo, motociclo e accessori (aderente a Confindustria), il settore vale circa 1 miliardo di euro di fatturato (compresi accessori: abbigliamento, scarpe, ecc.) ed è sostanziato per circa il 46% dalle biciclette, per un altro 44% dalle parti meccaniche, e per un 10% dal resto. Al 2010 l’industria della bicicletta occupava 1.780 persone, quella dei ricambi 1.750. Tutto il resto dell’indotto conta altre 10.000 persone. Dal punto di vista geografico, Veneto (30%) e Lombardia (20,6%) sono le regioni con il maggior numero di fabbriche: più della metà del totale nazionale per più del 60% del fatturato. Anche in questo caso parliamo di

17


VG

visioni grafiche


speciale

una serie di libere lezioni per ciclisti (Lacu - Libero ateneo del ciclismo urbano). L’obiettivo numero uno è la sicurezza: insegnare come muoversi nel traffico senza mettere a repentaglio la propria vita. Il ciclo di incontri pubblici è iniziato lo scorso settembre. Prossimo appuntamento, 11 ottobre a Piazza San Silvestro. un tessuto di piccole e medie imprese, con fatturati che vanno dai 50.000 euro ai 30 milioni di euro. COME SARÀ LA BICICLETTA DEL FUTURO Chi conosce i patiti delle due ruote, sa che in fatto di modelli, accessori e soluzioni esistono più opinioni che sul sesso degli angeli. In base a ciò che si è visto nelle ultime fiere (Padova e Verona), si può dire che i produttori italiani debbano affrontare gli stessi nodi di qualsiasi altro settore italiano. Per farla breve, inutile competere con i modelli cinesi, quelli venduti a 90 euro nei grandi magazzini. La bici italiana punta dunque in alto, al design e alle nuove tecnologie (pedalata assistita, fari a led, motorini elettrici ricaricabili e nascosti nelle canne, leghe al carbonio, ecc.), perché non ha strade alternative. Antonello Montante, vicepresidente dell’Ancma (Associazione nazionale ciclo, motociclo e accessori), ha dichiarato che il paese deve mirare ad un “marchio doc” delle biciclette italiane, qualcosa che svolga lo stesso ruolo del “made in Italy” per la moda. Certo, va detto che la concorrenza mondiale è di quelle che non lasciano dormire sonni tranquilli. Izhar Gafni, ragazzo israeliano trapiantato negli Usa, ha infatti recentemente realizzato un telaio di bicicletta con soli 9 dollari di cartone (la parte esterna è realizzata con una resina resistente all’acqua). Il mezzo sostiene fino a 140 kg e potrebbe essere immesso sul mercato ad una cifra sotto i 50 euro. Un innegabile vantaggio per tutti? “Sarebbe così economica che non

varrebbe la pena rubarla”. Parola di genio. I FURTI DI BICICLETTA A Roma è una vera ecatombe di bici rubate. Il metallo serve infatti ai ricettatori. Proprio per questo, esiste una petizione pubblica che chiede di cambiare i regolamenti comunali e permettere di installare rastrelliere per le biciclette dentro i cortili delle palazzine. A Milano e Torino la faccenda e già realtà. Roma si muoverà? L’UNIVERSITÀ DELLA BICICLETTA #Salvaiciclisti sta organizzando a Roma

ASSICURAZIONE SUL LAVORO: UN VUOTO NORMATIVO DA RIEMPIRE Chi va al lavoro in bicicletta non è tutelato. La legge riconosce infatti l’infortunio solo a chi è vittima di un incidente sul posto di lavoro o durante il tragitto casalavoro (nel caso in cui si utilizzino i mezzi pubblici). Non esiste dunque copertura per coloro che usano un mezzo privato: auto, moto e bicicletta. In quel caso l’incidente viene liquidato come semplice malattia, senza il riconoscimento di eventuali invalidità e senza le tutele agli infortuni sul lavoro.

di Camilla Trandafilo

Di bicicletta si muore li italiani che scelgono la bicicletta come mezzo per spostarsi in città e per recarsi al lavoro sono in costante aumento. Come già detto, siamo però ben lontani dai numeri che si registrano nei Paesi del centro e del nord Europa, peraltro caratterizzati da condizioni meteorologiche più sfavorevoli. Questa tendenza appare poi meno comprensibile, se non paradossale, quando si leggono i dati relativi al numero di incidenti e al tasso di mortalità dei ciclisti italiani. Ogni giorno, infatti, un ciclista perde la vita e 40 finiscono al pronto soccorso: ciò significa che ogni sei si perde un numero di ciclisti pari a quelli che fanno il Giro d’Italia. Dei 3,5 milioni di ciclisti italiani, hanno perso la vita negli ultimi 10 anni più di 2.500 persone e ci sono stati quasi 15.000 feriti, per un rischio di mortalità medio dell’1,92: un dato schiacciante se confrontato con quello delle auto (0,77) e degli autobus (0,31). La bicicletta si conferma quindi il mezzo di trasporto più pericoloso in assoluto. Tra le maggiori cause di incidenti vi è la coabitazione auto-bici sulle nostre strade, dove non sempre la responsabilità è degli automobilisti. Anche il numero dei conflitti con i pedoni è rilevante, seguito dalle condizioni disastrate delle strade e dall’esistenza di incroci pericolosi.

G

19


VG

visioni grafiche


di Michela Caré

speciale

Roma: bicicletta anno zero Poche piste ciclabili e in stato di abbandono. Intanto il resto d’Europa… onostante la bicicletta stia divenendo un mezzo sempre più utilizzato per girare in città, Roma è sempre più dietro al resto d’Europa per quel che riguarda le piste ciclabili. Il peggio è che lì vuole rimanere. Secondo un rapporto redatto dall’Authority nel mese di novembre 2011, rispetto a un anno prima, quando l’agenzia compilò il primo dossier, la rete ciclabile romana non è migliorata e i problemi sono sempre gli stessi: segnaletica cancellata, manutenzione inesistente, nessuna illuminazione, fondo stradale sconnesso, macchine parcheggiate impunemente. Proprio per questo i ciclisti appassionati si stanno dando da fare. Lo scorso marzo, infatti, è partito il progetto “Percorsi ciclabili sicuri”, promosso dal ministero della Gioventù e realizzato dall’assessorato all’Ambiente e dalla Commissione sicurezza di Roma Capitale. Dieci giovani, selezionati da un bando pubblico e sottoposti a un periodo di tre mesi di formazione, percorreranno presto in bicicletta, per tre mesi, le piste ciclabili cittadine. Lo scopo è monitorarne lo stato di salute, assistere i ciclisti in difficoltà e segnalare criticità. I ragazzi

N

avranno pettorine di riconoscimento e saranno forniti di apparecchi radio collegati alla sala operativa della polizia locale di Roma Capitale. L’obiettivo del progetto è appunto quello di rendere più sicura la percorribilità delle piste ciclabili e di segnalare eventuali disservizi. Contro l’abbandono delle piste ciclabili a Roma e in tutta Italia, la scorsa primavera è stato approvato il piano che prevede 1.000 km di piste per 170 milioni di euro di investimenti da realizzare entro il 2020. Non solo. Al Politecnico di Milano è stato presentato un progetto che prevede la costruzione della pista ciclabile più lunga d’Italia, 679 km, che collegherebbe Venezia a Torino passando per Milano e costeggiando il Po. Situazione completamente diversa in Europa, soprattutto in Germania, Austria e Olanda, dove la bici è il mezzo più usato dagli abitanti. La regione di Salisburgo, ad esempio, viene considerata la meta con i migliori itinerari cicloturistici d’Europa, a cominciare dalla ciclabile dei Tauri (270 km ricchi di monumenti naturali) e il giro dello Steinberg: 75 km accompagnati dalla presenza di una trentina di sculture create da alcuni stu-

denti e da artisti di fama internazionale. Spostandoci in Germania ci sono 200 piste ciclabili a lunga distanza per circa 40.000 km complessivi, che diventano una rete di circa 70.000 km se si contano anche tutti i collegamenti urbani, quelli intermedi, quelli che congiungono i paesini alle frazioni. Facendo un confronto con l’Italia, i 40.000 km di piste ciclabili tedesche sono pari a quasi trenta volte la distanza che separa il Passo del Brennero da Messina. Trenta volte l’Italia, Sicilia e Sardegna escluse. In Olanda, infine, il Paese delle biciclette per antonomasia, ci sono 7 itinerari ciclabili nazionali percorribili anche dai meno allenati e tutti ben strutturati. Basti pensare che ad Amsterdam, che conta poco più di 700.000 abitanti, girano 600.000 biciclette.

AMSTERDAM

21


speciale

di Dante Cruciani

Fallimento Bike Sharing Roma e la bicicletta pubblica: storia di un servizio nato abortito e da rilanciare artito in pompa magna all’inizio del 2010, il servizio di affitto e condivisione di biciclette pubbliche del Comune di Roma ha alle spalle due anni e mezzo di disastri. Ridicolo per dimensioni rispetto all’omologo parigino o londinese (rispettivamente 750 e 400 stazioni di biciclette contro la trentina di Roma), lasciato a se stesso (quasi 500 biciclette rubate), boicottato dalla maleducazione di molti automobilisti (non è infrequente osservare automobili parcheggiate nello spazio riservato alle stazioni), il servizio ha come suo primo difetto la scarsa fruibilità. In teoria sembra una faccenda semplice: 10 euro per acquistare una carta elettronica che comprende 5 euro di diritti e 5 euro di traffico. Un’ora di bicicletta scala dalla carta 50 centesimi (per un massimo di 24 ore). Detto questo, rimangono i problemi. Difficile ad esempio che un turista spenda del tempo prezioso - quello della sua vacanza - per recarsi in una delle dieci stazioni dove è possibile acquistare la carta. Due sole stazioni sono infatti in pieno centro (Spagna e Termini). Il resto è a ridosso o in periferia (Ottaviano, Cornelia, Lepanto, Anagnina, Battistini, Ponte Mammolo, Eur Fermi, Leurentina). Se poi si ha una famiglia al seguito, la faccenda si complica ancora di più: inibito infatti l’uso della bici non solo ai bambini, ma perfino ai minorenni. Al di là dei proclami, il servizio di bike sharing è il manifesto più fedele di quanto la politica realmente creda nella mobilità alternativa. Certo, Roma è la città dei sette colli e girare in bicicletta non è facile come a Ferrara. Esiste però una lista dei desideri chiamata dal Comune “Piano quadro della ciclabilità” (approvato la scorsa primavera). Si punta a passare da 225 a 1.200 chilometri di rete ciclabile (oggi 115 chilometri sono nel verde e solo 110 su strada) e da 26 a 350 stazioni per il bike sharing. Previsti anche nuovi parcheggi nei nodi di scambio. Che sia la volta buona.

VG

visioni grafiche

P

23


VANTH "THE SPIRIT WALKER"

di Leandro Abeille

costume e società

All’armi siam pagani! Piccolo viaggio nel mondo eccentrico dei cultori del divino passato

ensavamo che fossero un ricordo di epoche oscure, dimenticati insieme ai segreti dell’antichità. Invece esistono e non sono pochi. Secondo alcune stime che prendono in considerazione l’assenza di censimenti e la ritrosia al dichiararsi, i neopagani italiani potrebbero essere intorno ai 40.000, come nel Regno Unito. Una stima più prudente, che non considera i “mi piace” sulle pagine Facebook o le visite nei siti internet dedicati, li quantifica e tra i 2.000 e i 4.000 fedeli. Non sono atei, al contrario, sono così credenti che non si accontentano di un solo Dio. A volte praticano riti comunitari all’aperto, in onore di divinità romane, etrusche, greche, perfino sumere, native americane o egizie. In agosto, un gruppo di persone, riunite nel Pagan Pride Italia, ha organizzato il “Pagan Summer Camp - Nel grembo di Diana” a Nemi, nei pressi del Tempio di Diana Nemorense, antico mausoleo di epoca romana. La scenografia era da film, la storia molto più prosaica: nessun grido in lingue sconosciute, nessun gattino squartato (solo fiori, miele e qualche frutto spontaneo) e, soprattutto, niente sesso. Durante i riti, gli

P

adepti hanno celebrato il loro “dei naturali” travestiti da antichi sacerdoti o in maglietta e jeans. Qualcuno avrebbe voluto “vestirsi di cielo” (nudo) ma è prevalso il pudore. Insomma, i neopagani sono una faccenda che ha poco a che vedere con il genere avventura/horror e che concede piuttosto spunti socio-antropologici. Innanzitutto la quasi totalità dei pagani proviene dal cattolicesimo, a volte anche militante: come nel caso di Francesco, 24 anni della provincia di Caserta, ex catechista. A 16 anni inizia a porsi domande a cui non riesce a rispondere usando i canoni cattolici. Allora si rivolge ad un’altra parrocchiana, cattolica ma interessata alla stregoneria, che gli presta un libro sulla Wicca (la maggiore corrente neopagana). Gli domando perché ha abbandonato Dio per il paganesimo. Mi risponde che ora si sente al suo posto e che il paganesimo non ha una dottrina rigida come nel cristianesimo. Soprattutto Dio non è al di fuori dell’universo invisibile e trascendente ma in ogni cosa visibile. Lascio Francesco e incontro l’organizzatore dell’evento, Vanth “The Spirit Walker” (ha scelto il nome di una divinità etrusca), un singolare personaggio con tatuaggi, piercing, cappello australiano e occhialoni da sole. Non un coatto e nemmeno uno sprovveduto, al contrario, uno con cui fare una chiacchierata per nulla scontata. Vi dividete in religioni a seconda degli dei del momento? In realtà siamo un movimento unico (il neopaganesimo N.d.R.) anche se composto da seguaci di varie divinità. Esistono delle sette, dei capi? Le sette hanno bisogno di strutture e di capi poiché provengono dalle “religioni del controllo”, come il cattolicesimo. Si autoso-

stengono con ritualità preordinate e strutture piramidali. Ogni pagano invece ha una sua propria ritualità e non riconosce dei capi. Certo, esistono dei sacerdoti ma non sono altro che persone di maggiore esperienza. Avete dei testi sacri? Prendiamo ispirazione dai testi di tutte le religioni in tutto il mondo, senza una scala di supremazia. Siete in possesso di profezie? Esistono delle profezie ma crediamo che l’uomo le possa cambiare come può cambiare le intuizioni della divinazione (tarocchi, pendolino etc. etc. N.d.R.) di cui noi facciamo uso. Almeno avrete un senso di maggior rispetto per il Dio Giudaico-Cristiano-Islamico… No, non credo che sia unico e mi piace definirlo solamente come un dio delle montagne palestinesi. In s o m m a n o n s e i u n a d o r a to r e de l demonio…

25


visioni grafiche

VG

Satana è il maligno secondo la religione cristiana, è una contro-divinità di quella religione che non appartiene al paganesimo. I cristiani hanno, nei secoli, estrapolato l’iconografia di Satana dal paganesimo, ma l’immagine odierna del diavolo (con la testa di caprone N.d.R.) è in realtà quella del dio Pan (divinità greca). Il motivo per il quale i pagani difficilmente ammettono in pubblico il loro credo è che spesso il paganesimo e il satanismo sono associati. Hai un concetto di bene e male? La regola dei pagani è: “finché non fai male a nessuno, fa ciò che vuoi”. Comodo… il concetto di male diventa personale e quello che è male per me magari per te non lo è… Vero, noi lo intendiamo come presa di responsabilità. Siamo convinti che quando facciamo qualcosa di negativo l’Universo ce lo rimanda. In questa concezione, se io faccio del male sarò il primo a subirne le conseguenze. A proposito, ma dopo morti? Crediamo nella reincarnazione anche se non immediata, per questo molti di noi hanno il culto degli antenati che nella nostra concezione ci aiutano e ci proteggono. Quali date festeggiate? Quelle legate alle tradizioni popolari, perlopiù i solstizi, le notti di luna piena e le quattro feste del fuoco intersolstiziali. Il paganesimo è molto legato alle tradizioni naturali e alla natura. Poi ogni dio, nelle varie culture, ha i suoi giorni di festa che il devoto può festeggiare. I pagani sono spesso anche dediti allo sciamanesimo (inteso come stato di alterazione della coscienza per entrare in contatto col divino), lo fai anche tu? Sì, io sono un praticante sciamanico. Ti droghi per alterare la coscienza? No per niente. Le droghe sono usate da sciamani che provengono da altre culture e necessitano di una disciplina che noi occidentali non abbiamo. Se usassi droghe sarebbero loro a guidare me e non il contrario. Qui da noi si usano tecniche sciamaniche basate sul ritmo dei tamburi o sull’alterazione della respirazione. Arriviamo al sesso. Speravo di trovare un gruppo di persone dedite a orge e a riti della fertilità… Nulla di tutto questo, i riti della fertilità ad esempio sono presenti in maniera simbolica (con coppe, simboli femminili, e spadini, simboli maschili N.d.R.) nei nostri riti collettivi. Il rito della fertilità, quello agito, si vive all’interno della coppia come un inno alla natura e all’amore tra due persone. Insomma niente riti con le vergini? A trovarle le vergini…

29


VG

visioni grafiche


A quasi vent’anni dalla prima edizione, Eurochocolate si prepara di nuovo a deliziare i nostri palati he il cioccolato sia il più gustoso tra gli alimenti è risaputo. Non a caso la pianta del cacao ha origini antichissime e il suo consumo era riservato esclusivamente all’élite durante le cerimonie religiose. Forsenontuttisonoperòalcorrentedellesuestraordinarieproprietà:il cioccolato, specie quello fondente, oltre a stimolare la produzione di serotoninaedendorfina(ormonichepredispongonoalbuonumore),è ricco di antiossidanti che contrastano l’invecchiamento. Si è inoltre dimostratobeneficoperilsistemacardiocircolatorio. La popolarità del prodotto, il cui mercato è in costante crescita, viene celebrata ogni anno da “Eurochocolate”, manifestazione internazionale di settore. Perugia e il suo centro storico ospiteranno la 19a edizione dell’evento, che si svolgerà dal 19 al 28 ottobre 2012, con ingresso gratuito dalle 9:00 alle 20:00 e il sabato fino alle 23:00. Le decine di migliaia di visitatori previsti avranno l’opportunità di recarsi tra i 150 stand di produttori di cioccolato provenienti da tutto il mondo, riuniti nell’area commerciale “Chocolate Show”, che offriranno oltre 5.000 prodotti. L’area didattico-culturale ospiterà laboratori di cioccolato per semplici appassionati e professionisti. Non mancheranno spazi dedicati all’intrattenimento per bambini e la possibilità di acquistare la Chococard, una carta che al costo di 5 euro dà diritto a omaggi e sconti sui prodotti. Alcuni ristoranti del centro storico serviranno menù speciali ispirati al cioccolato, mentre l’intera città sarà invasa da bancarelle, degustazioni ed eventi speciali. Domenica 21 si potrà assistere alla creazione di sculture di cioccolato ricavate da enormi blocchi di “Nero Perugina”: il cioccolato rimosso durante la lavorazione sarà offerto ai presenti. Il tema di Eurochocolate 2012 è “Applichiamoci!”, dedicato ai giovani e alla tecnologia: un’esortazione ad applicarsi nel raggiungimento dei propri obbiettivi, ma anche a scaricare l’ “app” della manifestazione, che permetterà di seguirne la diretta web. Tra i gadget ufficiali dell’evento, custodie per pc, tablet, smartphone e pen drive a forma di tavoletta di cioccolato. I visitatori di Eurochocolate avranno molteplici occasioni per gustare prodotti di alta qualità e avvicinarsi alla cultura del cioccolato.

visioni grafiche

C

VG

costume e società

di Camilla Trandafilo

Ottobre: Perugia di cioccolata

33


VG

visioni grafiche


Immigrati:

di Angelita Papa

costume e società

un mese per mettersi in regola Un tempo avrebbe generato dibattiti infiniti. La nuova sanatoria per gli immigrati non è più tema da telegiornale a quest’anno la parola “emersione” non è più soltanto un vocabolo da geologi e geografi, ma anche da politici e burocrati. E se ad emergere è l’Italia sotterranea, quella dei lavoratori in nero e senza permesso di soggiorno, le scosse d’assestamento daranno una rimpinguata alle casse dello stato. Ironia a parte, la nuova sanatoria per la regolarizzazione di lavoratori clandestini (il cui schema di decreto legge recepisce una specifica direttiva europea), attiva dal 15 Settembre al 15 Ottobre, porta alla luce dati incredibili: a soli 9 giorni dalla sua entrata in vigore, sono già state presentate oltre 12.000 domande, la maggior parte delle quali riguardante le mansioni di colf e badante. La sanatoria si rivolge a cittadini extracomunitari presenti sul territorio nazionale almeno dal 31 Dicembre 2011, lavoratori che abbiamo un rapporto di lavoro almeno 3 mesi antecedente all’entrata in vigore del decreto legislativo. Il datore di lavoro che voglia regolarizzarli, è tenuto al versamento di un contributo forfettario di 1.000 euro a persona e ad una serie di altri obblighi che concernono la

D

regolarizzazione delle somme dovute a titolo retributivo, contributivo e fiscale (pari almeno a 6 mesi). Per ciò che riguarda i tetti reddituali, si parla di un ammontare pari o maggiore a 30.000 euro annui in caso di persona fisica, ente o società; a 20.000 euro annui nel caso di addetto al lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare; a 27.000 euro annui nel caso di nucleo familiare. La verifica dei requisiti reddituali non si applica per quei datori di lavoro affetti da patologie o handicap che ne limitano l’autosufficienza, che necessitano dunque di una persona al seguito e per la quale si vogliano avviare le procedure di regolarizzazione. Anche i lavoratori devono però presentare alcuni requisiti. Sono ad esempio non regolarizzabili coloro che hanno avuto un provvedimento di espulsione, i segnalati e i condannati. Insomma, stando al quadro appena presentato, si capisce la pretenziosità di alcune specifiche: sono alte le soglie di reddito ed è esosa la cifra del contributo forfettario da versare per ogni dipendente a carico (senza calcolare il versamento dei contributi dovuto per i mesi di

lavoro antecedenti). In secondo luogo, sono state modificate “all’italiana” le specifiche della direttiva europea, la quale a monte si esprime in termini di denuncia da parte del lavoratore nei confronti del datore, e non di autodenuncia del datore stesso. Infine, problema di non poco conto, esistono delle difficoltà intrinseche nel reperire le attestazioni da parte di organismi pubblici: sarebbe una lampante contraddizione ricevere attestazioni di presenza “clandestina” sul territorio italiano da parte di un pubblico ufficiale… Su questo punto, fortunatamente, torna a fare chiarezza una circolare esplicativa, per la quale sarebbe sufficiente esibire il timbro di ingresso sul passaporto, il certificato di iscrizione scolastica dei propri figli o di ricovero/assistenza medica presso una struttura sanitaria pubblica. C’è inoltre da considerare che la presente sanatoria potrebbe attrarre dai paesi limitrofi, secondo alcuni calcoli, più di 600.000 stranieri a caccia di un datore di lavoro per la regolarizzazione. Insomma, non proprio un colpo di genio.

35


VG

visioni grafiche


cultura e mostre

di Penelope Salomone

La luce borghese di

Vermeer

Mostra da non perdere al Vittoriano. C’è tempo fino al 20 gennaio vento storico: la mostra “Vermeer, il secolo d’oro dell’arte olandese” è la prima assoluta esposizione italiana dedicata al massimo esponente della pittura fiamminga del Seicento. Un artista geniale e quanto misterioso: scarse le notizie sulla sua vita, spesa tutta a Delft (Olanda meridionale) dove nasce 380 anni fa (1632) e muore il 17 dicembre 1675. Poche le opere di attribuzione certa: solo 35. Iscritto alla Gilda di San Luca, un’associazione di pittori, Vermeer pare lavorasse per lo più su commissione del suo mecenate, il ricco mercante Pieter Van Ruijven, e dipingesse non più di due o tre opere l’anno, il necessario per mantenere la consorte Catherina e la numerosa prole: 14 figli. La sua poetica, intima e grandiosa, si concentra soprattutto su personaggi e oggetti immersi, o meglio “sospesi” in interni borghesi, ritratti con precisione “fotografica” grazie a sorprendenti effetti di luce e a curiosi effetti “fuori fuoco” che rendono inconfondibili i suoi dipinti. Pur tuttavia Vermeer fu dimenticato per ben due secoli. Riscoperto a metà Ottocento, il pittore olandese oggi è noto, e amato, anche da chi non frequenta abitualmente musei e mostre. Ad alimentarne il fascino (e il mito) ha contribuito altresì il celeberrimo film “La ragazza con l’orecchino di perla” (2003), pellicola con Scarlett Johansson, Colin Firth e Tom Wilkinson. Il film, ricordiamolo, è tratto dal best seller omonimo di Tracy Chevalier (1986), ispi-

E

rato al quadro “La ragazza col turbante”, un dipinto che si potrà ammirare alle Scuderie del Quirinale, insieme a circa una dozzina di creazioni

FANCIULLA CON CAPPELLO ROSSO

DONNA IN PIEDI ALLA SPINETTA

Museen di Berlino e il Metropolitan di New York (qui cinque Vermeer, record mondiale). Approderanno a Roma tele quali la “Fanciulla con cappello rosso”, la “Donna in piedi alla spinetta”, la “Suonatrice di liuto”, “L’Allegoria della fede”, la “Fanciulla con bicchiere di vino”. In mostra anche una cinquantina di opere di artisti straordinari del secolo d’oro olandese e contemporanei del Maestro. Curatori della mostra, organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo e coprodotta con MondoMostre, sono Arthur K. Wheelock (National Gallery of Art di Washington), Walter Liedtke (Metropolitan Museum of Art di New York) e Sandrina Bandera, soprintendente per il Patrimonio Artistico Storico, Artistico ed Etnoantopologico di Milano. Per info: www.scuderiequirinale.it.

(molti originali sono inamovibili dai siti di provenienza). La mostra esordirà il 27 settembre e andrà avanti fino al 20 gennaio prossimo: un’occasione assolutamente da non perdere, anche perché tra le collezioni italiane non ci sono L'ALLEGORIA opere del genio di Delft, che sono invece sparse nel mondo in ben 18 collezioni: presso il Mauritshuis dell’Aja, il Rijksmuseum di Amsterdam, il Louvre di Parigi, la National Gallery di Londra, lo Staatliche

DELLA FEDE

SUONATRICE DI LIUTO

37


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche


costume e società

di Leonardo Caviola

di Massimo Mostacci

teatro

Gioco non significa solo playstation

“Perdutamente” al Teatro India

Ottobre significa Roma Est in gioco, kermesse di giochi da tavolo

18 compagnie al lavoro per un progetto inedito e aperto a tutta la cittadinanza

i è tenuta il 6 e 7 Ottobre, all’interno del nuovo Centro Ricreativo Polifunzionale in Via di Torrenova 39A, nei pressi del quartiere Torre Angela, una Convention (o Fiera) dedicata al “gioco intelligente”, quello che comunemente, nel gergo ludico, viene parimenti presentato come Boardgame: attività dove l’alea di un dado o la pescata fortuita di una o più carte è sempre commisurata al fatto che comunque la vittoria possa arridere al più meritevole e non al più fortunato. L’evento, ad ingresso gratuito e denominato “Roma Est in gioco” (perché posto nella parte orientale della Capitale e richiamante il latino “essere in gioco”), si è svolto in un ampio spazio ludoteca. Lì molti ragazzi hanno poturo imparare nuovi giochi grazie ad uno staff di appassionati del settore. Tanti dunque i tavoli messi a disposizione per giocare, per assistere alla presentazione delle modalità di gioco on-line, per partecipare ai tornei (alcuni valevoli per le qualificazioni alle rispettive finali nazionali). Il palinsesto ha dato spazio a varie realtà cittadine dedite alla diffusione dei boardgames (la casa editrice Barone Games, il Folletto del Mare, Legio Capitolina ecc.), tra cui l’associazione ludica “Il Gufo”, che ha coordinato i tornei di 7 Wonders, Coloni di Catan, Puerto Rico e Thurn und Taxis: giochi dove la managerialità dei partecipanti ha permesso di immedesimarsi in piccoli imprenditori propensi alla costruzione di antiche meraviglie del mondo antico, di città, colonie, strade, raffinerie, fabbriche e mille altre attività. Non meno prestigioso il torneo di Othello (Reversi) della domenica mattina: gioco astratto di pedine bianche e nere da piazzare fino ad esaurimento degli spazi della plancia. L’appetibilità della Fiera è stata supportata anche da un’altrettanto ampia area ristorazione e la possibilità, per chi è venuto da fuori città, di farsi una 48 ore di giochi, pernottando nei residence limitrofi convenzionati con l’evento.

S

onostante le difficoltà che può comportare avere un cantiere di ristrutturazione in casa, il Teatro India accoglierà per due mesi, da ottobre a dicembre, 18 compagnie del panorama romano protagoniste di un progetto teatrale dedicato al tema della perdita. Un’esperienza inedita che sarà quindi articolata in base alle diverse fasi dei lavori che cambieranno in parte il volto del teatro romano. “Un cantiere nel cantiere. - ha dichiarato il direttore del Teatro di Roma Gabriele Lavia, suggeritore del progetto intitolato “Perdutamente. Atti, distrazioni, incidenti, teorie sul tema della perdita” - È il punto di forza di questa idea che è un salto nel buio, ma il buio è il tema del nostro Occidente”. Nonostante l’esiguità del tempo a disposizione, le scarse economie e l’eterogeneità degli artisti, le compagnie hanno scelto di cercare una modalità comune attraverso una serie di dispositivi a maglie larghe che permettano reciproche contaminazioni. Da ottobre ai primi di dicembre il Teatro India sarà abitato quindi quotidianamente per le prove e la verifica dei lavori. Questi mesi di studio saranno aperti ai romani con laboratori, prove aperte, interventi di altri artisti e della cittadinanza stessa. Dal 3 al 21 dicembre il cantiere mostrerà al pubblico le messe in scena. Ragionare in questa direzione significa non definire un programma: ci sono le 18 compagnie, una linea guida ed il palcoscenico India. Il programma dettagliato dell’apertura al pubblico arriverà dopo la metà di novembre in modo da essere davvero il risultato del processo di condivisione. Queste le compagnie in cartellone: Accademia degli Artefatti; Andrea Baracco; lacasadargilla/Lisa Ferlazzo Natoli; Compagnia Andrea Cosentino; Compagnia Biancofango; Daniele Timpano/Elvira Frosini; Daria Deflorian/Antonio Tagliarini; Diana Arbib; Luca Brinchi; Roberta Zanardo/Santasangre; Fattore K/Federica Santoro Luca Tilli; Fortebraccio Teatro; Lucia Calamaro; MK; Muta Imago; Opera; PsicopompoTeatro; teatrodelleapparizioni; Tony Clifton Circus; Veronica Cruciani.

N

41


cinema

di Rossella Smiraglia

Il matrimonio che vorrei Quando il matrimonio pretende di migliorare se stesso

ay, sposata da diverse decine di anni con Arnold, sente, nonostante la solidità del suo matrimonio, di dover ritrovare intimità con il marito. Quando viene a sapere di un rinomato

K

terapeuta di coppia nella cittadina di Hope Springs, cerca dunque di persuaderlo ad andare a trascorrere una settimana intensiva di terapia di coppia. Convincere il testardo Arnold a sperimentare questo singolare “ritiro” è già un’impresa, ma la vera sfida per entrambi arriverà quando cercheranno di liberarsi delle loro inibizioni a letto e di riaccendere la scintilla che li aveva fatti innamorare al loro primo incontro. Meryl Streep dice di Key: “Vuole ritrovare una connessione profonda e intima con

007: 50 anni e non sentirli In linea con la tradizione, “Skyfall” promette azione, imprevisti e belle donne 50 anni dal primo episodio, l’agente segreto britannico torna al cinema con una nuova avventura, “Skyfall”. Per la terza volta, Daniel Craig vestirà gli elegantissimi panni di un James Bond diretto da Sam Mendes. Il plot è invece nelle mani dei veterani bondiani Neal Purvis e Robert Wade, e dello sceneggiatore di “Ogni maledetta domenica” e di molti altri successi cinematografici, John Logan. Della trama si sa soltanto che sarà la stessa Regina a convocare l’agente 007 e ad affidargli una missione segreta della quale scopriremo tutto solo a partire dal 31 ottobre. Già da alcuni mesi si preparano celebrazioni e mostre relative alla spia inglese più elegante e fortunata della storia del cinema. A Londra sono state inaugurate mostre dedicate alle auto, alle pistole e soprattutto agli abiti di lusso indossati dai vari interpreti, da Sean Connery a Pierce Brosnan, da Roger Moore a Daniel Craig. A consacrare all’immortalità il personaggio di Ian Fleming è un insieme di eleganza e inossidabile impeccabilità. Dal primo James Bond, Dr No, la formula è sempre la stessa: l’avventura comincia con una bellissima donna e si conclude tra le braccia di un’altra, passando da sparatorie, inseguimenti e Martini on the rock. Il prossimo episodio della saga vedrà al fianco di Daniel Craig la nuova Bond Girl, Bérenice Marlohe. Gli abiti saranno firmati Tom Ford.

A

lui, sentire che lui è interessato all’intimità con lei. Ma penso che Arnold, se glielo si chiedesse, direbbe che lui non vede proprio nessun problema nella coppia: se gli si chiedesse a che punto è il loro matrimonio, risponderebbe: ‘Non lo so, più o meno a metà’ ”. Frankel, regista del film, sostiene che Arnold è preoccupato per quello che ha da perdere. “Ha paura di quello che scoprirà se tutti e due cominceranno a fare domande - come sono arrivati a quel punto, perché sono finiti così. Ha una battuta nel film: ‘anche se vai in terapia senza problemi, ne uscirai con dei problemi, perché ti toccherà dire cose che non si possono ritrattare.’ Lui non vuole correre questo rischio”. Vanessa Taylor, autrice della sceneggiatura, è partita da una riflessione sui matrimoni e più in generale dei rapporti di lunga durata: “Ho cominciato a pensare: come fai a riaccendere la scintilla se quella scintilla non era poi tanto viva nemmeno all’inizio? Specialmente dal punto di vista femminile; se una donna non è a proprio agio con se stessa e la propria sessualità, di quanto coraggio ha bisogno per farsi avanti e dire: ‘Il nostro matrimonio va bene, ma non abbastanza. Voglio di più. Merito di meglio’ ”? Molte coppie si riconosceranno in Key (Meryl Streep) e Arnold (Tommy Lee Jones), e sarà divertente scoprire come se la caveranno i due protagonisti quando arriveranno a Hope Springs, dove incontreranno il terapista, il Dr. Field, al secolo Steve Carell. Una commedia brillante che lascia spazio a molte riflessioni. Nelle sale dal 18 ottobre 2012.

43


VG

visioni grafiche


informazione redazionale

CIM Costruzioni Ristrutturare per risparmiare! nella crisi che i più bravi emergono. Facile stare sul mercato quando il vento soffia nella giusta direzione, difficile rimanere a galla quando è contrario. In un momento come quello che viviamo, CIM Costruzioni, con 24 anni di esperienza nel settore edile, ha le sue serie proposte da fare. Questo articolo è rivolto soprattutto a quei condomini che rimandano da troppo tempo le proprie opere di ristrutturazione. È ovvio che spesso si rimanda per necessità. Altrettanto ovvio che rinviare troppo significa far aumentare i costi in maniera del tutto sproporzionata al tempo perso. Oltre una certa soglia, non c’è vantaggio nel differire i lavori. Verso questo tipo di situazioni, CIM Costruzioni ha una proposta. Attraverso accordi stipulati con importanti gruppi finanziari, CIM dà infatti la possibilità ad interi condomini di contrarre specifici mutui per coprire le spese relative ai lavori di ristrutturazione. Previa approvazione dell’ente erogatore, pagando con formule che vanno dalle 24 alle 60 rate, sostenendo interessi bassissimi, accedendo ad un finanziamento condominiale senza ipoteche, è possibile così sgravarsi da spese onerose e farlo con piccolissimi sforzi. Il risultato è funzionale, efficace e, soprattutto, economico. Funzionale perché l’azienda edile non ha alibi per lasciare i lavori a metà o per risparmiare sulla qualità, magari adducendo motivazioni legate alla mancanza di fondi o ritardi nei pagamenti. Efficace ed economico perché i condomini possono alleggerirsi delle spese di ristrutturazione pagando con piccole rate che partono addirittura dopo due mesi dalla fine dei lavori. La CIM Costruzioni è azienda specializzata in risanamenti statici, impermeabilizzazioni, risanamenti di intonaci esterni e molte altre mansioni. È inoltre un’azienda certificata ed è nota in tutto il XIII Municipio. Chiedere un preventivo non costa nulla e potrebbe prospettare soluzioni economiche e agevoli. Basta chiamare i numeri 06.5218579, 06.52310370 e 06.52310231. Email: cimsrl@tin.it.

È

45


VG visioni grafiche


VG

visioni grafiche


fotografia

di Federico Zaza (www.federicozaza.it)

Parliamo di fotografia Nuova rubrica e qualche precisazione arlare di fotografia è l’idea su cui si basa questa nuova rubrica. Di fotografia, non di tecnologia, come invece spesso accade per la grande maggioranza dei siti o delle riviste, dove il dibattito sullo strumento macchina fotografica, causa la rivoluzione digitale, è privilegiato rispetto a quello sul linguaggio fotografico (i cui cambiamenti sono stati altrettanto radicali). Poco si parla poi degli autori, in particolare dei nuovi autori e del progressivo intersecarsi dei diversi modi espressivi, tipici dei molti ambiti fotografici. Un esempio banalissimo può essere la fotografia CARTIER-BRESSON di reportage, fortemente SAINT LAZARE 1932 costruita ed influenzata da suggestioni che fino a pochi anni fa erano impensabili per un genere sostanzialmente “descrittivo”. Da essa partono inoltre un’infinità di specializzazioni, come quella della fotografia di cerimonia che, staccatasi dai canoni classici, ripetitivi e stucchevoli, si lascia oltretutto influenzare da tecniche e sensibilità estetiche prese in prestito anche da altri ambiti. Tecniche di riprese formali di architettura possono far parte del bagaglio tecnico, ma soprattutto culturale, di un fotografo di eventi moderno e preparato. O ancora la fotografia di moda, che riprende influenze estetiche tipicamente più “sporche”, appartenenti a generi come la street photography o il reportage stesso. Insomma, il quadro che ci troviamo di fronte è variegato, complesso e stimolante. La fotografia è un’arte, un linguaggio. Questa rubrica intende quindi sviluppare un discorso complessivo, cercando di fornire qualche spunto e qualche chiave interpretativa che possa essere uno stimolo al lettore. Viviamo sicuramente un periodo molto ricco di proposte eccellenti ed innovative, sarebbe dunque un peccato perdersi l’incredibile evoluzione culturale e tecnico-stilistica degli ultimi anni, magari andando dietro la sola analisi del caotico mercato delle moderne tecnologie. Un po’ come guardare il dito mentre quest’ultimo sta indicando la luna…

P

49


VG

visioni grafiche


di Simona Bottoni

arredamento

Evviva il “self-vintage” In tempi di austerity trionfano gli oggetti trasversali. Si cambia senza rivoluzioni PRINCE

PRINCE

l rientro dalle vacanze, prima del ritorno alla quotidianità, si ha voglia di fare qualche cambiamento anche nell’arredamento della casa: spostare, modificare, aggiungere. Settembre sembra il mese dei ripensamenti e dei nuovi propositi anche tra le mura domestiche. Niente di drastico, però. Poche scelte e misurate, secondo i cliché della casa moderna, che deve essere facile da usare e da modificare, fluida e trasversale, piacevole ma sempre con un perché. Basta, quindi, accaparrarsi anche solo un pezzo nuovo, purché abbia una doppia o tripla vita con cui confrontarsi nel tempo. Poter variare periodicamente uso e disposizione dei propri mobili permette di creare una relazione sempre diversa con la nostra abitazione, senza necessità di cambiarla. La nuova regola per scegliere gli oggetti è l’interpretazione personale: anche un arredo riconoscibile può essere rielaborato secondo il proprio gusto e persino il proprio umore. È ciò che dai sociologi viene definito “self-vintage”: ciò che interessa

A

del mobile non è il fatto di essere un’icona, ma di rappresentare un serbatoio del proprio vissuto che si possa scegliere nella configurazione in cui più ci si riconosce. Ecco, allora, che alla poltrona “Prince” di Minotti, vera novità di stagione che a colpo d’occhio rimanda allo stile anni ‘50, si può aggiungere un pouf per usarla come punto d’appoggio o come chaiselongue. Come pure si possono recuperare le piastrelle “Triennale” ideate da Gio Ponti per Marazzi nel 1960, da combinare giocando con colori e finiture diverse che le rendo-

FAST

no quanto mai attuali. Poi c’è la libreria “Fast” di Francis Chabloz per Danese, con montanti in legno d’acero, mensole e pannelli in metallo verniciato, fissati attraverso un sistema di cinghie con bloccaggio, che permette di creare librerie, sedute, divisori sempre diversi e modificabili esattamente come si vuole. E se si ha poco tempo e meno abilità, basta il tappeto-puzzle a moduli “Plet Rug” di Lago per liberare la propria fantasia: è costituito da 4 moduli e si può comporre liberamente creando forme a piacere. Insomma, la parola chiave del presente, complice anche la crisi, è “reversibilità”. Così, ancora una volta, chi detta legge è la rete. Ne sa qualcosa chi ad esempio frequenta il blog di Stefania (Stered), www.recreathing.com, una vera miniera di idee per chi ha a TRIENNALE casa qualcosa a cui è affezionato e della quale non vuole disfarsi. Cuscini, poltrone, borse, comodini, lampade possono tranquillamente diventare oggetti di design: tutti moderni, colorati, potenzialmente appena usciti da un negozio. Esiste addirittura una sezione interamente dedicata alla modifica dei mobili Ikea (Ikea hacking), PLET RUG un’attività che a dire il vero è diventata uno specifico campo d’applicazione del web. Chiunque avesse un mobile Ikea, prima di darlo via, potrebbe infatti farsi un giro su www.ikeahackers.net, vera e propria fonte inesauribile dell’arte della trasformazione. Il tutto con l’appagante sensazione - ben lontana da quella di precarietà - di sentirsi liberi di ripensarci.

51


architettura

di Leonardo Caviola

Renato Nicolini: architetto del popolo Roma ha perso un protagonista del suo ‘900 d Agosto il mondo dell’architettura, romana per lo più, ha dato il suo saluto a Renato Nicolini. Architetto ma non solo, intellettuale sulla cui “forma mentis” hanno influito non poco gli studi universitari svolti, ideatore e attivissimo promotore di quella manifestazione culturale che prese il nome di Estate Romana: evento dalle mille sfaccettature che fece di lui più una rockstar che un professionista dell’edilizia. Secondo M. Séstito, “l’opera di Renato Nicolini coniuga con sorprendente lucidità analisi critica e indagine storiografica in un impegno politico ove architettura, teatro, cinema, letteratura… sembrano perdere i confini disciplinari per concorrere al medesimo programma civile” . Certo, il suo impegno e la sua particolare fede politica ne hanno etichettato spesso le azioni (fu assessore comunale alle politiche culturali sotto tre sindaci: Argan, Petroselli, Vetere e in altrettante “giunte rosse”: Pci, Psi, Psdi e Pri) ma oggettivamente con il suo progetto, in continua oscillazione tra osanna e critiche, fece riappropriare delle strade e delle piazze i cittadini (con cinema all’aperto, spettacoli notturni, recite tra monumenti, fuochi d’artificio) in una fase caratterizzata dal plumbeo clima del terrorismo di fine anni ‘70. Scriveva, al tempo stesso, per una rivista di architettura con lo stesso impegno come per un importante quotidiano o per una rivista di quartiere, uno dei tanti della città che amava e rispettava in una maniera tutta sua. Un significativo aneddoto ne può evidenziare il contatto diretto con l’Urbe: alcuni suoi amici, tempo fa, gli proposero un libro di fotografie inerenti la stratificazione storica di alcune sezioni del centro storico. Nicolini rispose che l’idea rivoluzionaria sarebbe stata al contrario iniziare dalle periferie, immortalando i quartieri oggi più socialmente problematici o degradati per mostrarne la storia e l’evoluzione. Quindi, ma solo in un secondo momento, concentrarsi sul centro. Progetto che, oggi, con la sua scomparsa assumerebbe, se eventualmente realizzato, un significato ben oltre la semplice e didascalica fotografia.

VG

visioni grafiche

A

53


VG

visioni grafiche


FRANKIE MORELLO

Fascino

di Valentina Mancini

moda e tendenze

rock

o scorso mese ci accingevamo a parlare dell’autunno, dei primi freddi, dei look a cipolla, di quelle che sembrano essere le tendenze irrinunciabili: dal maximaglione oversize allo scintillio del metallo, dal total black al total red, dal pop al rock con una bella sferzata di aggressività, dall’Oriente nello spazio ai broccati barocchi nel tempo, con qualche stampa qua e inserti fluo là. Un mese dopo, quindi, e il freddo ancora non accenna a fare il proprio ingresso stagionale, le fashion victims non si allarmino. Anzi, questa è un’ottima occasione per fare acquisti senza fretta, e cominciare a rinfoltire il guardaroba con una spesa friendly e dilazionata. Questo è il momento per premunirsi dei must-have dell’autunnoinverno, in modo da poter sfoggiare subito e prima abiti e accessori che cammineranno a breve per le vie di Roma, e non solo. I salotti chic non inorridiscano di fronte al ritorno in prima linea delle borchie, che s’infilzano a miriadi su mini pochette rigorosamente nere, perfette per giovani amanti della notte. La borsa è accessorio di grande impatto, trasparente o personalizzata con il proprio nome, bauletto rigido o pochette aggressiva. La scarpa è tacco, decolleté o mocassino, ma questo pare essere, ormai, un must-have per tutte le stagioni; variazione al tema: stivaletto con cinturino/ini alla caviglia e l’intramontabile tronchetto, meglio modello julienne, con plateau ma anche flat. Altro must-have è il blazer, che non mancherà neanche stavolta, dal nero al turchese al rosso corallo, passando per il beige e la maxispilla appuntata ad arte. Una spilla da scegliere a seconda del mood, purché sia vistosa, come borchie e inserti preziosi ‘luccicosi’, ovvero

EL DIES

chic

sparkling. Forme trapezoidali non solo per le borse: ci viene in soccorso l’abito, perfetto per nascondere qualche chilo in più. Chi invece può sfoggiare un corpo sinuoso non perda gli abiti avvolgenti, specie in velluto, uno dei tessuti icona del momento, che richiede, beninteso, grande personalità. E poi c’è la pelle, altro pezzo irrinunciabile, dalle borse alle giacche ai guanti. Il look barocco, come detto, continua la sua scalata tra i pezzi cult del momento, e lo si trova in forma di splendidi, ricchi e vistosi abiti, anche a prezzi abbordabilissimi. Paillettes, VALENTINO argento e strass personalizzano i look più sobri e danno luce al nero; specie sui cappotti donano un tocco d’originalità. La pelliccia - rigorosamente eco - ci avvolgerà durante tutto l’inverno, morbida e abbondante, e sotto... il peplum, su top, abiti, giacche, cappotti e chi più ne ha più ne metta; l’abbiamo già visto nella passata stagione, ma il suo apice deve ancora venire. Cappelli da fantino, ma anche qualcosa da cowboy, imperversano, in tutti i colori e textures. Infine, ma non meno importante, ribaltato il limite del total white d’inverno: stavolta si può, purché con gusto. Una donna sicura, eclettica e originale è l’immagine che viene fuori da questa carrellata di must-have. Un ultimo consiZARA glio, che è un’anticipazione di primavera: lasciate crescere i capelli, perché con il ritorno della bella stagione andranno portati lunghi e mossi, naturali, o raccolti in code di cavallo, acconciature e chignon super rigorosi. Ma ne riparleremo più avanti...

L

Borchie, motivi barocchi, bianco o nero e sparkling: i must-have dell’autunno-inverno

GUCCI

FRANKIE MORELLO

55


spettacolando

di Barbara Zorzoli

Nuovo business per

Drew Barrymore Joseph Gordon-Levitt

era un secchione a adolescente, Joseph Gordon-Levitt non era di certo un ragazzo popolare, e veniva preso di mira dai bulli della scuola: “Non è sempre stato così facile. I ragazzi muscolosi della mia classe si prendevano sempre gioco di chi, diversamente da loro, preferiva leggere piuttosto che fare sport”, ha rivelato l’attore. Il divo, co-protagonista dell’adrenalinico Il Cavaliere oscuro - Il ritorno, non si è però lasciato scoraggiare dalle brutte esperienze scolastiche. Grazie al ruolo ricoperto nel film Looper - In fuga dal passato, l’attore ha capito di essere diventato adulto anche in relazione a questi episodi di bullismo: “Quella storia è finita bene perché alla fine mi sono reso conto che non c’era niente di male a voler leggere e studiare. La lettura e la cultura rafforzano la personalità e le convinzioni di una persona perché la vera forza risiede nella testa. La riprova? Nella vita sono i secchioni a fare strada!”.

D

rew Barrymore ha comprato un club per omosessuali a West Hollywood, il Revolver. Il locale è uno dei preferiti dalla comunità gay e sarebbe proprio per questo motivo che la Barrymore ha deciso di acquistarlo. “È uno dei club più hot di West Hollywood, dove si esibiscono uomini mezzi nudi e cubisti”, riporta il National Enquirer. “Drew adora i locali gay”, ha aggiunto la fonte. La star non vorrebbe peraltro fermarsi a una sola location e insieme a un gruppo di amici starebbe prendendo in considerazione un altro bar che si trova di fronte al Revolver. La Barrymore è un’attivista per i diritti dei gay e ha partecipato a diversi eventi per la promozione delle nozze tra persone dello stesso sesso. Uno dei motivi del suo sostegno a Barack Obama è relativo proristen Stewart non riesce a smettere di tormentarsi per aver tradito l’ex fidanzato Robert Pattinson, tanto da prio a queste convinessersi rivolta a uno specialista per superare la fine della loro relazione. L’attrice è in preda alla disperaziozioni. “Quando l’ho senne da quando è trapelata la notizia della sua avventura con il regista sposato Rupert Sanders. La Stewart si tito parlare di un omoè ampiamente scusata con il fidanzato, ma sembra non ci siano speranze di un riavvicisessuale che non aveva namento tra i due. L’attrice ha persino raccontato agli amici che Pattinson è l’uomo il permesso di stare della sua vita, motivo per cui avrebbe bisogno di un sostegno psicologico per supefuori dalla stanza rare la fine della loro relazione. La Stewart è convinta che d’ora in avanti la sua vita d’ospedale nella quale non sarà più la stessa e sta cercando di parlare del suo dolore ai parenti e agli amici era ricoverata la persopiù stretti ma ha l’impressione che nessuno riesca veramente a comprenderla. na che amava sono “Sa bene di avere fatto un terribile errore tradendo il fidanzato ed è per lei molto scoppiata in lacrime difficile superare l’angoscia di questo momento, Kristen ha una famiglia solida perché tante persone a pronta ad ascoltarla, ma in questo momento non è sufficiente, Kristen continua cui voglio bene sono a colpevolizzarsi chiedendosi: “Perché, perché, perché l’ho fatto?”. Sente di aver gay ed è stato bellissibisogno di un aiuto psicologico perché per lei questo abbandono pesa come un mo sapere che c’era divorzio”, ha riferito un’amica dell’attrice. Dal canto suo, Robert Pattinson era qualcuno sensibile a apparso piuttosto “distaccato” nella sua prima intervista post-rottura. tutto ciò”, ha affermato.

D

I dolori della giovane Kristen

K

57


VG visioni grafiche


VG

visioni grafiche


libri

di Riccardo Colella

Guccini racconta un piccolo mondo antico Nostalgia di ciò che non c’è più e che descrive una certa Italia iaggio nel passato per Francesco Guccini che, nel suo Dizionario delle cose perdute, ricorda un’epoca che è di tutti ma che ormai non esiste più. Col suo stile ironico, sornione e pungente, cui aggiunge sempre un pizzico di velata malinconia, il cantante modenese ricostruisce i ricordi di un’infanzia fatta di giochi, passioni e curiosità. Dalle inquietanti siringhe dall’ago di ferro alle temute maglie di lana grezza, dalle famigerate braghe corte (anche d’inverno…) alle battaglie con le fionde e le cerbottane, quello che ne emerge è un ritratto agrodolce di quel “si stava meglio quando si stava peggio” che, talvolta, sarebbe bello poter rivivere. Disponibile sin dal gennaio scorso, il Dizionario delle cose perdute è un caso editoriale: in capo a marzo è stato già venduto in 100.000 esemplari e ristampato. Il libro ha un prezzo economico (circa 10 euro) e racconta di un Guccini ancora pieno d’energie. È infatti molto probabile che il cantautore emiliano entri a breve in sala d’incisione per pubblicare un nuovo disco.

V

Dire no a Putin 12 storie per capire la Russia dei nostri giorni n occidente le Pussy Riot sono diventate da qualche tempo il soggetto chiave della politica russa. La condanna al carcere del gruppo punk è diventato un atto di accusa verso il presidente Putin, la cartina di tornasole per un blocco di governo che si è fatto da un decennio regime. Ma le Pussy Riot non sono che la punta dell’iceberg. Da molto tempo i giovani russi vivono in acque agitate, producendo i più diversi fenomeni d’opposizione e numerose figure di leader. Chi fosse interessato a scoprirne le storie - che quasi sempre coincidono con i punti nodali del decennio putiniano (strage di Beslan, processo Khodorkovskij, ecc.) - potrebbe leggersi 12 che hanno detto no (edizioni e/o), agile e curioso libro di Valerij Panjuskin, giornalista ironico e informato. La lotta per la libertà nella nuova Russia non è dunque un fatto confinabile ad uno sparuto gruppo di ragazze coraggiose.

I

61


informazione redazionale

A scuola di Cake Design he la pasticceria abbia un suo aspetto artistico è noto. Che l’arte applicata alla pasticceria sia una disciplina dalla storia più che centenaria, un po’ meno. Così, per ripercorrere le origini del design e della decorazione applicata alle torte, bisogna tornare indietro almeno fino alla metà dell’800, quando in Inghilterra e negli Stati Uniti iniziò a svilupparsi un’arte che oggi vive, anche alle nostre latitudini, un vero e proprio boom. Avere per il proprio compleanno, per una cerimonia particolare o per una convention aziendale, una torta che riporti un personaggio in tre dimensioni, un logo, una figura appositamente commissionata, è ormai il desiderio di tanti. Così, per insegnare come si fa e divulgare l’autentica arte del cake design, Ieva Studio d’Arte ha creato il marchio Miss Cake, un veicolo attraverso il quale organizzare corsi e divulgare il corretto uso degli strumenti necessari ad un’arte così creativa. I corsi che propone Miss Cake vanno dal livello principiante (4 ore formative) a quello avanzato (un’intera giornata). Si parte dunque dai fondamenti (conoscenza della pasta di zucchero e del fondente) ai lavori più complessi: torte con veri e propri personaggi a 3 dimensioni. Il tutto è garantito dalla massima serietà e dall’assistenza che l’organizzazione Miss Cake mette in campo: insegnanti specializzati nella spiegazione della pasta di zucchero, docenti che si dedicano alla progettazione e alla decorazione, ecc... Il controllo di qualità sui corsi e sul risultato finale è pressoché completo. Per ciò che concerne il fondente, Miss Cake ha infatti scelto un fornitore italiano, cioè un’azienda alimentare soggetta agli stretti vincoli della legislazione nazionale, in grado di garantire la qualità e soprattutto la genuinità delle componenti utilizzate. Tutto ciò vale anche per il resto: gli utensili utilizzati e quelli in vendita sono importati dal mondo anglosassone, le ricette fornite danno la possibilità di calibrare gli impasti a seconda della decorazione scelta. Miss Cake è presso lo Studio d’Arte Ieva, in via Terpandro 36 (Axa - Roma). Per informazioni: Tel. 347.5657838 www.misscake.it - misscake@misscake.it. Prova anche tu a stupire con la dolcezza!

VG

visioni grafiche

C

63


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


di Dante Cruciani

viaggi

Pécs, meraviglia d’Ungheria Quinta città magiara, infinito tesoro di storie, culture, colori oncedersi un viaggio a Pécs, Ungheria, significa azzardare un itinerario al di fuori dei più scontati flussi turistici. Il modo più comodo di arrivarci è in auto. Si può prenderne una a noleggio a Budapest oppure usare la propria nell’ambito di un viaggio che preveda più tappe (da Roma è possibile ammirare sul tragitto città come Lubiana e Zagabria). Appollaiata su una collina, Pécs è circondata da una natura magnifica. Nelle verdi campagne che la circondano, i tanti vigneti danno il miglior vino d’Ungheria. Quanto alla città in sé, basta un primo colpo d’occhio per percepirne da subito la ricca storia, il fascino e i misteri. Pécs è infatti dominata da una grande cattedrale circondata da quattro possenti torri. L’edificio, costruito nell’XI secolo e rinnovato nell’800, è uno dei simboli della cristianizzazione del popolo ungherese ed è stato meta anche del pellegrinaggio di Papa Giovanni Paolo II. Ma la cattedrale e le sue possenti mura sono solo le prime macroscopiche meraviglie di una città che vanta anche un lapidario romano, un palazzo vescovile del XII secolo, un’Università del XIV secolo, una Sinagoga, un’Accademia delle scienze dell’800 e tantissimi musei (importanti quello di Janus Pannonius, latinista, poeta, umanista ungherese, il museo del rinascimento e il Csontvàry museo: spazio dedicato ad un grande pittore ungherese dell’800). Su tutto, colpisce per eccentricità la presenza della grande Moschea del Pasha Qasim, eredità di un dominio turco-ottomano che durò più di un secolo e mezzo (dal 1526 al 1686) e che oggi, cristianizzata ma

C

intatta, domina la piazza principale della città (piazza Széchenyi, dal nome di uno dei più grandi uomini di stato ungheresi). Città europea della cultura nel 2010, Pécs ha un profilo estetico elegante. Le facciate dei palazzi storici, che comprendono un centro città molto esteso e ben tenuto, sono colorate con delicate tinte pastello. Colpiscono anche gli accurati arredi urbani e un’aria del tutto mitteleuropea. Sul corso è possibile fermarsi a mangiare in uno dei tanti ristoranti oppure gustare un eccellente gelato artigianale italiano. Pécs, essendo uno dei più grandi centri universitari d’Ungheria, è infatti una cittadina piena di vita e di attività. Annualmente, verso la fine di luglio, si svolge per le strade e presso l’ateneo la Settimana Internazionale della Cultura. Organizzata sin dal 1997, la manifestazione è punto d’incontro di studenti provenienti da tutto il mondo. Insomma, un viaggio a Pécs è un regalo a se stessi. Perdersi in una città di frontiera, un territorio che ha visto avvicendarsi romani, austriaci, ungheresi e turchi è come fare un piccolo viaggio nel tempo. I costi degli alberghi, dei musei, dei bar e dei pub sono poi particolarmente convenienti. Le strade per arrivarci sono comode e ben tenute. La città ha un aspetto tranquillo e del tutto adatto ad un clima vacanziero. Difficile volere di più.

65


informazione redazionale

Denti dritti grazie all’apparecchio trasparente el corso della vita la posizione dei denti tende a modificarsi, per cui anche i soggetti che non hanno mai avuto una malocclusione dentale, possono notare un lento e graduale disallineamento o un peggioramento di una imperfezione trascurata negli anni. Ciò significa che per queste persone sorridere potrebbe non essere più un atto spontaneo, ma controllato e imbarazzante. Nella maggior parte dei casi, ci si rivolge agli odontoiatri nell’effettivo momento del bisogno, e cioè quando ci sono i sintomi; ma negli ultimi tempi, si sta rafforzando sempre di più anche l’esigenza estetica in generale tra i pazienti di tutte le età. Molti di questi pazienti, consapevoli dei propri difetti estetici e a volte anche funzionali, sono disposti a sottoporsi a trattamenti odontoiatrici, ed in particolare ortodontici, più o meno complessi e soprattutto più o meno prolungati nel tempo. Ma per tutti coloro che, per motivi personali o professionali, continuano a rimandare o rinunciano al trattamento ortodontico tradizionale, esiste oggi la possibilità di poter risolvere la propria problematica grazie ad una tecnica ortodontica totalmente “invisibile”, che viene riconosciuta come “Tecnica Invisalign”.

N

Che cos’è la Tecnica Invisalign? Per Tecnica Invisalign si intende una terapia ortodontica che consente il riallineamento dentale senza l’uso degli attacchi, ovvero dei classici ferretti. La tecnica prevede infatti l’impiego di mascherine trasparenti, che abbracciano i denti del paziente come un guanto su una mano, favorendo anche l’aspetto estetico in quanto danno loro molta lucentezza: ogni mascherina sposta gradualmente i denti che devono essere riallineati.

Prima del trattamento con Invisalign:

Dopo 12 mesi di trattamento con Invisalign:

Qual è la dinamica del trattamento? Il progetto ortodontico e quindi la produzione delle mascherine necessitano della valutazione del caso clinico. Il suo lavoro in combinazione con un’avanzatissima tecnologia computerizzata tridimensionale, messa a punto dall’azienda Align Technology, consente la visualizzazione progressiva del piano di trattamento completo dalla fase iniziale fino a quella finale. Ogni mascherina, associata ad un ben determinato passaggio ortodontico, viene indossata in maniera sequenziale dal paziente in modo da ottenere il movimento dentale progettato inizialmente.

Volendo fare un esempio, una persona che si rivolge a voi per un eventuale trattamento Invisalign, a cosa va incontro? Innanzitutto ci sarà una visita odontoiatrica preliminare, in cui saranno richieste delle radiografie digitali, seguita da una visita ortodontica durante la quale verranno prese delle impronte e scattate delle fotografie di precisione; il tutto verrà spedito al laboratorio americano Invisalign, insieme al piano diagnostico e al programma ortodontico formulato dall’equipe medica. Dopo pochissimo tempo, sarà disponibile il cosiddetto ClinChek, cioè la ricostruzione tridimensionale del piano di lavoro, che permetterà al paziente ed al medico di visualizzare direttamente sui monitor delle poltrone l’andamento sequenziale della terapia, dall’inizio alla fine, tanto da permettere di decidere se la terapia può ritenersi soddisfacente oppure se bisogna apporre qualche piccola modifica. Il progetto verrà visionato e discusso dal paziente insieme alla equipe medica. Una volta accettato il ClinChek, il trattamento potrà iniziare. Quali sono i vantaggi per i pazienti che si sottopongono al trattamento Invisalign? Quasi sempre chi si sottopone ad una terapia ortodontica lo fa per risolvere una problematica estetica, e fino a qualche tempo fa il compromesso maggiore era quello di portare per un periodo più o meno lungo gli attacchi metallici con i relativi disagi che tutti possiamo immaginare, legati soprattutto alle difficoltà oggettive nell’esecuzione dell’igiene domiciliare; per cui il fatto di poter eliminare completamente l’inestetismo della terapia ortodontica tradizionale ottenendo gli stessi risultati ci permette di poter dire oggi che il vantaggio maggiore per chi si sottopone ad una terapia ortodontica invisibile è nell’estetica.

67


VG

visioni grafiche


informazione redazionale

Parafarmacia Tropea-D’Alberti Aiutare il paziente partendo dall’ascolto l Dottor Alfredo Tropea è persona piacevole. I suoi affezionati clienti hanno compreso che l’ascolto è il primo passo verso la guarigione. Insieme alla moglie, la Dottoressa Giulia D’Alberti, il Dottor Tropea è titolare della Parafarmacia di via Ravel 408 (Parchi della Colombo, Infernetto). Con lui abbiamo chiacchierato di professione, salute e benessere… Perché scegliere la sua parafarmacia? Perché siamo un’alternativa che riporta il mestiere del farmacista alle sue più autentiche origini. Le farmacie sono ormai diventati dei punti “take away” (ricetta, farmaco, pagamento). Io e mia moglie l’abbiamo fatto per vent’anni e abbiamo deciso di cambiare. È un anno che siamo “parafarmacisti”, notiamo un costante aumento di clienti e di questo siamo grati. Dunque un modo diverso di porsi… Certamente. Noi offriamo sempre un’alternativa. Se un paziente si presenta con il mal di testa, vogliamo poter proporre delle soluzioni di cura che prendano in considerazione le origini del problema: problemi pressori, muscolo-tensivi, terapie ormonali, ecc... Come professionisti, abbiamo tante alternative da proporre. Lavorate in base a competenze specifiche? Facciamo costantemente corsi di aggiornamento in fitoterapia, omeopatia e medicina funzionale. Inoltre con noi c’è sempre una naturopata. E riguardo ai prodotti? Abbiamo dei prodotti quasi in esclusiva. Per esempio il miele di Manuka (Nuova Zelanda), eccezionale per proprietà antibatteriche. Stessa cosa per la micoterapia, terapia tipica del Giappone e della Cina che sfrutta le proprietà dei funghi. L’ultima domenica di settembre, in collaborazione con il dottor Walter Ardigò, abbiamo fatto in merito una conferenza. Siamo inoltre GSE Point di zona, Zuccari Point e I.M.O. Point E per la cosmesi? Garantiamo un servizio accurato, offrendo il test gratuito della pelle e trattando marchi affidabili come Darphin, Rougj, Christies Endocare ed altri.

VG

visioni grafiche

I

69


informazione redazionale

a cura del Dott. ANTONIO SEMENTILLI

Acido Folico, Vit. B12, Omocisteina: tre fattori importanti per la donna in gravidanza, vegetariani, atleti e anziani CIDO FOLICO: viene introdotto solo con la dieta ed è

zione della Cisteina in Metionina e viceversa.

contenuto fondamentalmente nelle verdure a foglie lar-

L’aumento della concentrazione ematica della Omocisteina

A

ghe (da cui il nome) e nella frutta.

oggi viene considerato un note-

Ha una funzione fondamentale nella

vole fattore di rischio tanto da

costruzione e ricostruzione del DNA spe-

essere inserito dalla Organizza-

cie nei periodi in cui sono implicati pro-

zione Mondiale della Sanità

cessi di veloce replicazione cellulare

(OMS) tra i fattori di rischio car-

(gravidanza) e nella rimetilazione della

diovascolare, cerebrovascolari,

Omocisteina.

vascolari periferici.

La sua carenza nella donna entro i primi tre mesi di gravidanza può portare a

Appare quindi evidente come

malformazioni neonatali specie in riferi-

sia necessario avere precise

mento al sistema nervoso centrale del

informazioni sui valori ematici

feto, al sistema osseo fetale (cranio) ed

che permettono di controllare

al sistema cardiocircolatorio del nascitu-

lo stato nutrizionale di soggetti

ro. La dose consigliata giornaliera di

sani.

assunzione in gravidanza è di 400 mcg fino e non oltre al quar-

Il nostro Laboratorio propone un profilo specifico per questo

to mese: come consigliano le ultime ricerche in merito all’au-

intento, e precisamente:

mento di casi di asma in neonati la cui madre abbia assunto acido folico oltre il quarto mese di gravidanza. VIT. B12: viene introdotta con la dieta (carne, latticini, uova) e scarsamente sintetizzata nell’intestino umano. La sua funzione si evidenzia particolarmente nella produzione del DNA e partecipa al metabolismo del tessuto nervoso, delle proteine, dei grassi e dei carboidrati e migliora la funzione del ferro e dell’acido folico.

PROFILO CONTROLLO NUTRIZIONALE

€ 60,00 Emocromo - Sideremia - Tranferrina Ferritina - Vit. B12 - Acido Folico Omocisteina

La sua carenza ha un effetto particolare nei processi di veloce riproduzione delle cellule ematiche da parte del midollo osseo (anemia macrocitica in gravidanza). Una notevole carenza di Vit. B12 si presenta in casi di difetto di disturbi dello stomaco e dell’intestino (gastrite, ulcera peptica, morbo celiaco, parassiti intestinali) che determinano insufficiente apporto del fattore intrinseco: tale carenza di Vit. B12 può portare ad anemie gravi. OMOCISTEINA: è un amminoacido derivato dalla Cisteina e che svolge il suo ruolo di metabolita intermedio nella trasforma-

C.R.S. ANALISI - Sede centrale - Via Capo Soprano, 9 CUP Tel. 06.5664885 - fax 06.5682653

71


VG

visioni grafiche


informazione redazionale a cura del Dott. ALESSANDRO DI MARZO Medico Chirurgo specialista in Ecotomografia e Radioterapia Oncologica

Ecografia addominale

L’

• masse e lesioni occupanti spazio (tumori benigni e maligni,

rare i parenchimi ed i tessuti molli del corpo umano.

nale;

L’ecografia risponde a tutti i requisiti ideali di un metodo dia-

• alterazioni a carico dei vasi venosi ed arteriosi (aneurisma

gnostico: è applicabile in tutti i pazienti, è indipendente dalla

dell’aorta, aumento di calibro della vena porta, ecc.);

ultrasonografia è una tecnica diagnostica che utilizza le riflessioni subite da un fascio di ultrasuoni nell’at-

cisti, ascessi, ecc.);

traversare i tessuti biologici. Essa permette di esplo-

• presenza di liquido libero o di raccolte nella cavità addomi-

funzione degli organi, non

• patologie vescicali (cistiti, calcoli, divertico-

invasiva e ben tollerata, di

li, tumori, ecc.);

elevata accuratezza dia-

• patologie prostatiche nell’uomo e ginecolo-

gnostica e di basso costo.

giche nella donna;

Grazie alle sue caratteristi-

• alterazioni dello spessore della parete inte-

che, rappresenta la prima

stinale (malattie infiammatorie croniche) o

modalità di screening per

dilatazione di segmenti intestinali (conse-

lo studio dell’addome.

guenti ad ostruzioni).

L ’ e co g r a f i a

a d d o m i n a le

serve, in primo luogo, per valutare la forma, le dimensioni, la

L’esame viene effettuato con paziente a digiuno da almeno sei

struttura degli organi. Attraverso tali informazioni il medico

ore. L’esame ha una durata generalmente di pochi minuti e

puo’ diagnosticare patologie di varia natura a carico di tutti gli

non è assolutamente doloroso né arreca alcun fastidio. Si ese-

organi addominali. In particolare, a livello dell’addome supe-

gue con il paziente in decubito supino e/o laterale. Non è

riore è possibile visualizzare il fegato, la colecisti e le vie bilia-

necessaria alcuna precauzione particolare, è utile praticare nei

ri, il pancreas, la milza, i reni ed i surreni, le principali struttu-

giorni precedenti una dieta priva di frutta e verdura, per ridur-

re vascolari ed i linfonodi e, a livello dell’addome inferiore, la

re il meteorismo intestinale.

vescica, la prostata nell’uomo, l’utero e gli annessi nella donna. Con l’aggiunta del Doppler è possibile avere informazioni sulla

Fino a DICEMBRE 2012

circolazione all’interno dei vasi sanguigni dell’addome e di

PROMOZIONE

eventuali masse presenti al suo interno. Recentemente l’ecotomografia viene utilizzata anche nello studio del tratto gastroenterico. Brevemente possiamo affermare che l’ecografia addominale viene impiegata per valutare:

ECOGRAFIA ADDOME COMPLETO € 110,00 € 60,00 Presentando questo coupon potrai usufruire dell’offerta solo se possiedi la Gold Card

• malattie epatiche acute e croniche (epatiti, cirrosi, lesioni focali ecc.); • malattie della colecisti e delle vie biliari (calcoli e infiammazioni della colecisti, ostruzione delle vie biliari, ecc.); • malattie del pancreas (pancreatiti, neoformazioni solide o cistiche); • malattie renali (nefriti acute e croniche, calcoli, dilatazioni delle vie urinarie, lesioni focali, ecc.); • malattie della milza e dei linfonodi addominali (aumento di volume);

D.M.Q.S. ANALISI - Sede centrale - Via Capo Soprano, 9 CUP Tel. 06.5664885 - fax 06.5682653

73


salute e benessere

di Roberta Riga

Scegliere

la montagna ell’anno della crisi, solo pochi fortunati sono riusciti ad evadere dal caldo torrido della Capitale per concedersi qualche giorno di vacanza. Ora, con l’inizio dell’autunno, sono ancora molti i romani che desiderano godersi la tanto attesa settimana di ferie. Dopo aver assaporato ben tre mesi di mare, sulle onde di Ostia beach, ai vacanzieri dell’ultimo momento consigliamo una rilassante, ma non troppo, settimana in montagna. La montagna è un luogo adatto a tutti: bambini, che soffrono meno il caldo afoso della città, adulti, che possono staccare la spina dal lavoro, e anziani, anche loro, lontani dalle alte temperature possono trascorrere un’estate di pace e relax. Oltre ad una pausa dal clima caotico della città, la montagna offre grandi opportunità sportive legate al benessere. Dalla semplice passeggiata a vere escursioni organizzate di trekking, nelle quali lo sforzo fisico viene sublimato dalle sensazioni che scaturiscono dal contatto con la natura. Camminare su lunghi percorsi, seguendo un’andatura costante, aiuta a mantenersi in forma e a ristabilire il proprio equilibrio psicofisico. Occhio però a non sottovalutare i rischi e le insidie che la mon-

N

tagna può celare: tra le più comuni, insolazioni e disidratazioni, nonché il cosiddetto mal di montagna, incapacità del corpo di adattarsi all’alta quota, e ipotermia. Le escursioni, anche quelle che prevedono i percorsi turistici, non possono essere improvvisate, ma devono, invece, essere preparate con cura. È necessario conoscere la durata del percorso e gli eventuali rifugi presenti sulla strada. Munirsi sempre di cartina geografica e bussola, utilissimi in caso di difficoltà d’orientamento. Anche l’abbigliamento è fondamentale, chiaramente calibrato in base alla stagione e alle condizioni climatiche. Importantissima è la scelta delle calzature: comode e adatte a solcare i terreni montuosi. È possibile abbinare al trekking anche una sessione di arrampicata sportiva su parete naturale. È bene affidarsi ad una scuola d’arrampicata, in grado di fornire le basilari nozioni tecniche, nonché un istruttore qualificato e

Tante le possibilità di concedersi un po’ di fresco e dedicarsi all’attività fisica

tutta l’attrezzatura necessaria per praticare free climbing in piena sicurezza. Praticare uno sport in montagna è molto salutare. Innanzitutto l’aria è molto meno inquinata rispetto alla città e quindi c’è la possibilità di fare sport che ossigenano sangue e polmoni, bruciando così più facilmente i grassi. Ai più temerari, consigliamo invece una elettrizzante discesa di rafting: uno sport estremo per vivere emozioni forti, a bordo di un gommone inaffondabile, che scivola sulle rapide di un percorso fluviale. Adrenalina e natura in un’esperienza divertente da condividere con un gruppo d’amici, il raft, infatti, può ospitare da 4 a 8 passeggeri, tutti dotati di pagaie, muta, giubbotto ad alto galleggiamento e casco. Non spaventatevi dai costi: per fare tutto questo non è necessario arrivare sulle Dolomiti. Anche il Lazio, o dintorni, oltre i confini della Capitale, offre numerose aree naturalistiche e sportive: dal Terminillo, dove è possibile dedicarsi ad escursionismo ed arrampicata, alle cascate delle Mormore, dove sono presenti vere e proprie scuole di rafting.

75


VG

visioni grafiche


scienze

di Gaetano Gaggiottino

Le sorelle del sole Gli astronomi non sono ancora riusciti a scoprire le sorelle del sole, cioè quelle stelle che si sono formate a partire dal suo stesso ammasso. La maggior parte delle stelle è infatti nata a partire da ammassi stellari. C’è dunque da ritenere che anche la nostra non farebbe eccezione. E allora dove sono finite le sorelle del sole? Gli astronomi cercano dunque un ammasso distante 3.000 anni luce dalla terra, dove le stelle sembrano avere circa la stessa età e composizione chimica della nostra.

Venezia sprofonda? Recenti studi avevano indicato che il processo di subsidenza della laguna di Venezia (lento e progressivo abbassamento verticale del fondo del bacino marino) si era stabilizzato. In realtà una nuova ricerca dimostra che Venezia e la sua laguna stanno sprofondando e spostandosi verso est. Ricercatori dell’Università di San Diego (California) hanno combinato i dati GPS di cinque stazioni installate nella città e in laguna. Il verdetto è stato chiaro: Venezia sprofonda ad un velocità di 1-2 millimetri l’anno, la stessa velocità con cui si sposta verso est. Ovvio che il tempo stringe per trovare una soluzione adeguata.

Fibre sintetiche nei mari Secondo uno studio della rivista Environmental Science and Tecnology, ogni lavaggio in lavatrice genera grosse quantità di fibre sintetiche (acrilico, polietilene, polipropilene e poliestere) che si staccano dai vestiti e si accumulano formando grandi masse che colonizzano i mari, minacciando seriamente la vita in essi contenuta. Per alleviare il problema, un suggerimento c’è: sostituire l’ammorbidente con piccolissime dosi aceto di vino bianco, il cui odore andrà perso nei lavaggi. Il risultato sarà simile a quello dato dai prodotti industriali. Ancora, riguardo i detersivi, è preferibile utilizzare quelli in polvere, perchè più efficaci rispetto a quelli liquidi (dunque dosi più contenute). Infine, al posto di sbiancanti e smacchiatori, utilizzare bicarbonato di sodio: ne basta un cucchiaio.

a cura della Dott.ssa Valentina Pellegrino

psicologia

L’ansia non è un nemico da combattere nsia o paura? Qualcuno risponde “e che differenza c’è”. La differenza è che si ha paura quando incontriamo un pericolo, si ha ansia quando temiamo di incontrare un pericolo. Vediamo i due casi: • Davanti a noi c’è un leone, il nostro corpo entra in ansia preparandolo alla reazione di attacco-fuga quindi aumenta il battito cardiaco e il ritmo respiratorio per fornire al nostro corpo più ossigeno, dilata le pupille per vedere meglio, i muscoli si tendono per prepararsi all’azione. In questo caso l’ansia è funzionale, ci serve per affrontare un pericolo reale. • Temiamo di incontrare un leone e cominciamo ad avvertire l’ansia, l’organismo viene attivato per la reazione “attacco-fuga”, aumenta il battito cardiaco e il ritmo respiratorio, si dilatano le pupille, i muscoli si tendono... Ma in questo caso, non essendoci un pericolo reale, cominceremo a fare pensieri catastrofici e a temere di sentirci male (attacco cardiaco, assenza di aria, svenimento, morte, attacco di panico). A questo punto l’ansia aumenterà e non sarà più funzionale. Attraverso lo schema accanto possiamo vedere come si attiva il circolo vizioso dell’ansia. Attraverso un approccio cognitivo comportamentale viene insegnato al paziente a riconoscere se si è di fronte ad un vero pericolo. Per spezzare il circolo vizioso dell’ansia bisogna riconoscere e trasformare i pensieri ansiosi in pensieri razionali percependo sempre di più quanto un pensiero irrazionale sia la causa e non la conseguenza di uno stato di malessere che può essere eliminato o attenuato dai propri pensieri razionali. In questo modo non impareremo a sconfiggere l’ansia, ma ad accettarla, a gestirla, a riconoscerla e a fare in modo che non sia un pericolo, perché in fondo l’ansia è un’emozione di base fondamentale con una valenza sostanzialmente adattiva, non è un nemico di cui sbarazzarsi perché senza di lei non sapremo scappare di fronte al vero leone.

A

77


CINDY

vita da cani

Cerco casa! Dedicato agli amici in cerca di adozione I cani che vi proponiamo questo mese, provengono da una grave situazione di disagio. Sono 4 degli oltre 60 cani che vivevano in un piccolo appartamento romano. Hanno sofferto la fame, non sanno nulla del mondo esterno. Arrivati in canile denutriti e molti di loro malati. Alcuni non sono sopravvissuti. Altri, i più forti, sono stati curati e adeguatamente nutriti. Sono pronti per iniziare una nuova vita. Non lasciamoli in canile.

È una dolce cagnolina di taglia piccola, è pronta per essere adottata, chi ha voglia di conoscere questa piccoletta?

PINETTA Deliziosa e giovanissima cagnolina, sembra un pastore in belga in miniatua, circa 13-15 kg. È perfetta per chiunque! ELISA È una dolcissima e timida simil labrador in miniatura. Si merita una famiglia affettuosa e premurosa!

BRINA

VG

visioni grafiche

Giovane cagnolina di taglia medio piccola, dolce e tranquilla aspetta una famiglia che si prenda cura di lei come merita!

78


veterinaria

a cura del Dott. STEFANO GIAMMETTI - Medico Veterinario Via Ferdinando Acton, 94/98 - Ostia Lido (Roma) - Tel. 06.5683884

Master Chirurgia del cane e del gatto Scivac 2005 • American Continuing education in clinical rotation 1999 American Continuing education in Radiology 2000 • Corso F.S.A. Displasia dell'Anca 2001 Corso sulla Tecnica di Fissazione Esterna 1994 • Corso Ortopedia AO-VET 1995 Corso Diagnostica Dermatologica 2007 • Corso di Terapia Dermatologica 2008

I vaccini non fanno male! Parliamo del Sarcoma iniezione indotto ualche anno fa negli Stati Uniti si iniziò plasia, sarebbe colpa sua (se di colpa si può sia etico proporre una chirurgia palliativa (cioè a studiare un tumore che si presentava parlare) più che della iniezione. Ma cosa fare non risolutiva) e sottoporre un animale ad un più frequentemente nei gatti e che quando ciò accade? Il SII si presenta come una intervento a volte “importante” per non dire veniva riscontrato soprattutto nelle sedi delle tumefazione irregolare, dura, di grandezza devastante, o quanto invece lo sia l’eutanasia: iniezioni vaccinali; per questo motivo se ne variabile (i gatti con il Sarcoma interscapolare forse non sono opzioni peggiori che il sempliattribuì inizialmente la causa ai vaccini, in par- sembrano dromedari!), che tende ad infiltrarsi ce non fare nulla, aspettando che la Natura ticolare a quelli per la Rabbia e la Leucemia lungo i piani fasciali sottocutanei; l’esame faccia il suo corso… Lascio ad ognuno di voi la Felina. Si cominciò così a parlare di Sarcomi citologico prima e quello istologico dopo, ci propria opinione e vi racconto in poche parole vaccinali creando non poco e ingiustificato confermano il sospetto diagnostico. Le stati- la storia di Small, il bel gattone delle foto: i allarmismo: tutti i suoi “proprietari”, avuta Small alla fine dell’intervento la terribile notizia della detrattori della prediagnosi, hanno deciso di venzione vaccinale in affrontare l’iter terapeutigenere, cavalcarono co con l’intervento chirurl’onda del terrorismo gico e tutti i controlli che psicologico, affermanPreparazione del do erroneamente che i a questo si sono aggiunSarcoma nella regione interscapolare campo operatorio vaccini fanno male, ti. Ebbene, dopo 16 mesi sono pericolosi, ecc. Poi fu accertato che que- stiche e gli studi effettuati ovunque, ci dicono (ricordiamoci che corrispondono a 10 anni di sto terribile tumore può essere indotto anche che un animale con un SII non curato, soprav- una persona) Small non ha ancora avuto recida qualsiasi altra inoculazione sottocutanea o vive da poche settimane a qualche mese: la dive, sta benissimo e gioca come ha sempre intramuscolare di vaccini, antibiotici, vitamine, cosa migliore da fare è l’asportazione della fatto! Chi può dire che il gatto avrebbe preferimicrochip (che negli Usa vengono applicati parte con un ampio margine di escissione to non farsi operare, scegliendo di lasciar fare comunemente anche ai gatti); perfino fram- (Chirurgia radicale), che può essere associata tutto alla Natura… in poche settimane? menti di fili di sutura non riassorbibili, residui alla Chemioterapia e alla Radioterapia a di interventi di ovario-isterectomia eseguiti megavoltaggio (ora disponibile anche in ItaA M B U L ATO R I O V E T E R I N A R I O anni prima, ne sono stati la causa. Tutto ciò ha lia!). Per le masse particolarmente grandi e portato gli studiosi di tutto il mondo alla con- infiltrate, a seconda della sede colpita, può Dott. STEFANO GIAMMETTI clusione che non è corretto parlare di sarcoma essere necessaria l’asportazione dei processi Via Ferdinando Acton, 94/98 vaccino indotto, quanto di una neoplasia spinosi vertebrali, di alcune costole, delle scaOstia Lido (Roma) - Tel. 06.5683884 indotta in modo aspecifico, da prodotti “x” pole o l’amputazione dell’arto e di parte delle dal Lun. al Ven. 8.30 - 19.30 inoculati, dunque di Sarcoma iniezione indot- ossa pelviche! Grazie alla loro elasticità cutaSabato 9.30 - 17.30 to (SII). Questa neoplasia estremamente inva- nea e all’aiuto di potenti farmaci antidolorifici, Emergenze 320.5715565 siva e maligna, è localizzata in genere a livello i gatti rispondono molto bene a questo tipo di cutaneo e sottocutaneo. Il motivo che deter- chirurgia. C’è da dire che la prognosi in ogni CHIRURGIA GENERALE - ORTOPEDIA mina la ribellione delle cellule, che iniziano a caso non è del tutto favorevole, in quanto sepODONTOSTOMATOLOGIA trasformarsi, riproducendosi e invadendo i pure dopo una terapia aggressiva, la sopravviOFTALMOLOGIA - ANALISI CLINICHE tessuti circostanti, fino a prenderne il posto, è venza non supera quasi mai i due anni dall’inECOGRAFIE - RADIOGRAFIE ancora tutto da stabilire: sembra che lo stimo- tervento. Non è questo il momento (per motivi DAY-HOSPITAL - EMERGENZE 24H lo irritativo dovuto alle sostanze inoculate, di spazio) di affrontare il discorso su quanto possa scatenare una infiammazione cronica che poi può evolvere in sarcoma. Siccome però i gatti che sviluppano questo tumore sono molto pochi in confronto a quelli sottoposti ogni giorno in tutto il mondo ad iniezioni di qualsiasi tipo(1-3 casi ogni 10.000), già dal 1996 si parla di predisposizione individuale. In conclusione, se ad un gatto viene questa neo-

Q


www.internotredici.it - info@internotredici.it

FATTI, NOTIZIE, CURIOSITÀ E APPROFONDIMENTI PER CHI VIVE NEL MUNICIPIO XIII

Solidarietà

“Il cavalcavia di Ostia Antica? Donare il sangue Inaccessibile ai disabili Gli appuntamenti di ottobre e senza ascensori”

L

o denuncia Giulio Notturni, responsabile Cambiare davvero e rappresentante UdC Municipio XIII. Continua Notturni: “è improcrastinabile la messa in sicurezza del cavalcavia pedonale di Ostia Antica, che al momento è inaccessibile e inutilizzabile da chi, come disabili, anziani, mamme con passeggini e ciclisti, hanno difficoltà o sono impossibilitati ad usare le scale. Siamo davanti ad una palese violazione della legge, nello specifico il decreto del ministero lavori pubblici N. 236 del 14/06/89 e il D.P.R. N. 503 del 24/07/96, che prevedono l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e strutture pubbliche”. Conclude Notturni: “Il so-

vrappasso, oltre ad essere inaccessibile, si trova in prossimità degli scavi archeologici di Ostia Antica, vicino allo splendido borgo medioevale dov’è il Castello di Giulio II. Un pessimo biglietto da visita per i turisti che da ogni parte del mondo vengono a visitare queste bellezze storico-archeologiche e che si trovano ad aver a che fare con un collegamento tra la stazione e gli scavi decisamente inadeguato”.

L’

Associazione Donatori e Volontari Personale della Polizia di Stato (ADVPS-ONLUS) ha lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione per la donazione del sangue. Nel mese di ottobre sono previsti a Roma ben 5 appuntamenti: Venerdì 05 OTTOBRE - D.C.P.C. Servizio Protezione - Viale dell’Arte 81; Venerdì 19 OTTOBRE - Centro Polifunzionale Spinaceto - Via del Risaro 198; Mercoledì 24 OTTOBRE - I° Reparto Mobile di Roma - Via Portuense 1680; Venerdì 26 OTTOBRE - Questura di Roma Via di San Vitale, 7; Venerdì 26 OTTOBRE - Polo Investigativo Anagnina - Via Torre di Mezzavia 6. L’insufficienza di sangue non è uno scherzo ma una preoccupante realtà che può essere sconfitta solo attraverso il contributo di ognuno di noi. L’invito alla donazione è rivolto a tutti i cittadini in buona salute e di età compresa tra i 18 e i 65 anni. Si ricorda che per donare il sangue è necessario avere un peso corporeo non inferiore ai 50 kg. È essenziale recarsi al prelievo a digiuno. è’ possibile bere un caffè, un tè o un succo di frutta. Non è consentito ingerire latte e derivati. Per ulteriori informazioni: www.advps.it e presidente@advps.it.

INVIATE COMUNICATI E SEGNALAZIONI A: redazioneinterno13@gmail.com


VG

visioni grafiche

VG visioni grafiche


Appuntamenti

83

Ottobre: un mese da vivere in XIII Municipio! Teatro, cultura, natura e sport: sarà un mese pieno di iniziative

P

er gli abitanti del XIII Municipio sarà

riviste, cd, dvd, videocassette, abbigliamen-

un mese impossibile da vivere a casa.

to, accessori per l’infanzia, attrezzature ed

Chi ama il teatro potrà gustarsi Sarto

abbigliamento sportivo, tende ed articoli per

per signora (teatro Dafne, dal 4 al 21 otto-

il campeggio, mobili ed oggetti per la casa e

bre), commedia degli equivoci di Georges

per il giardino, materiale informatico. Gli ar-

Feydeau che tratta in maniera paradossale

ticoli dovranno essere in buono stato di con-

il tema del tradimento. A seguire, sempre al

servazione. Per info: mareinvista@hotmail.it.

Dafne (dal 25 ottobre al 4 novembre), La bai-

Chiudiamo con lo sport. Ottobre sarà il mese

Lillo e Greg

della “Trenta del mare di Roma”, gara podistica di 30 km, prova del “Gran Prix Lazio 2011” e del “Campionato Regionale AICS 30

nattasio” di Ostia (ex Stella Polare), dove è

Km”. La competizione è riservata ai tesserati

situata la partenza e l’arrivo della gara. La

degli Enti di Promozione Sportiva ricono-

partenza sarà data alle ore 9,00.

sciuti dal CONI e ai tesserati FIDAL, purché

Chi non dovesse farcela, può riprovare do-

in regola con le norme sulla tutela sanitaria

menica 28 con la prima edizione della gara

dell’attività sportiva e che alla data del 14

podistica “Vivi Dragona”: 10 km di percorso

ottobre 2011 abbiano compiuto il 18° anno

promossi dal Comitato Cittadino di Dragona.

d’età. L’appuntamento è fissato al 14 ottobre

La gara è aperta ai tesserati FDAL o EPS.

alle ore 7.00 presso lo Stadio “Pasquale Gianta degli spettri di Lillo e Greg (regia di Daniele Trombetti). Ricca anche la programmazione del Teatro Stabile di Ostia Antica, che proporrà tutti i weekend Il Trabocchetto, tre atti comici per la regia di Corrado Croce (venerdì e sabato

Severino Angelo Priolo: una storia di successo

È

venuto recentemente a mancare Se-

per mezzo secolo, un’attività che ha coin-

verino Angelo Priolo, imprenditore

volto in maniera stretta tutta la famiglia

scena la Cavalleria Rusticana tra il 19 e il

che ha segnato la storia di Ostia e del suo

(Antonia Noviello, la moglie, e i figli Do-

28 ottobre.

entroterra. Uomo di fede e di tenacia, Pri-

menico, Gianfranco, Michele e Marisa).

Ottobre sarà anche il mese della terza edizio-

olo ha costruito il proprio successo gra-

Severino Angelo Priolo deve forse questa

ne di “Mare in vista”, multievento che si terrà

zie ad una formidabile forza di volontà.

storia di successo ad un episodio chiave

il weekend del 13 e 14, manifestazione che

Partito

alle 21, domenica alle 18). Punta infine su Verga il Teatro Fara Nume, che porterà in

venditore

della sua vita. Giovane e

gli scorsi anni ha aperto il chilometro di lun-

ambulante

(camioncino

malato, dopo un mese di

gomare ad Ostia ponente, nel tratto che va da

comprato a fatica, dopo

febbre sogna Gesù che

Piazza Scipione l’Africano al Porto Turistico

aver lavorato come giar-

gli annuncia la guarigio-

di Ostia, a più di 30 mila persone. L’obietti-

diniere, commerciante di

ne entro due settimane. Il

vo è di costruire un’immensa isola pedonale

frutta, ecc...), riesce negli

successivo miracolo però

con vista sul mare, dove arte, cultura, sport

anni ‘60 a creare la “Città

non si esaurì solo con il re-

e sociale si fonderanno. Protagonisti saranno

del mobile e del giardino”,

cupero della salute. Perché

soprattuto gli artisti di strada, che potranno

diretta

esibirsi liberamente, aiutati per una volta an-

noto centro di mobili per giardino su via

duto, abbracciò una fede che è diventata,

che da piccoli palcoscenici e relativi impianti

C. Colombo. Oggi quei 4.000 metri qua-

nel corso degli anni, stile di vita. L’ade-

di amplificazione.

dri dedicati all’esposizione di mobili di

sione all’Azione Cattolica e la dedizione

All’interno della manifestazione si terrà an-

qualità, rustici e in giunco, sono la prima

alla famiglia ne sono state le più autenti-

che “Barattamare”, occasione per barattare

testimonianza di un lavoro portato avanti

che testimonianze.

articoli di ogni tipo: oggetti, giocattoli, libri,

come

discendente

del

Priolo, memore dell’acca-


VG

visioni grafiche


di Lucia Bianco (inviate le vostre ricette a luciabianco@hotmail.it)

budget e ricette

Scampoli d’estate, assaggio d’autunno Due ricette: una veloce e fresca per ricordare la bella stagione, un’altra per prepararsi a piatti più strutturati entrovati! È stata bella l’estate? Siete ancora abbronzati? Siete felici e rilassati? Io ho trascorso un’estate speciale, quasi unica. Anzi, direi che l’estate è passata davanti a me: sì! Me che me ne stavo sdraiata sul divano, costretta al massimo a “chiacchierare” causa il mio ginocchietto tutto nuovo.

B

Ingredienti • un rotolo di pasta sfoglia rotonda • 250 gr di gorgonzola dolce • una pera kaiser • 50 gr di noci tritate • qualche gheriglio di noce intero per decorare • 2 cucchiai di pecorino (o grana) grattugiato • sale e pepe

Sono stata super coccolata da mio marito, da Valentina, da Luca e dagli amici: tutti si sono dati da fare per risvegliare il mio appetito preparando squisiti pranzetti. Tra le tante ricette assaggiate, ho dunque scelto cosa proporvi. Con un piccolo segreto da confessare: la quiche l’ho proprio gustata.

Quiche gorgonzola e pere rotolate la pasta sfoglia su una teglia oppure direttamente sulla placca del forno. Con un coltellino affilato incidetela leggermente a circa 2 cm dal bordo e bucherellate con i rebbi di una forchetta. A questo punto ripiegate verso l’interno il bordo e dategli una forma ondulata. Lavate la pera, asciugatela, dividetela in quattro parti. Toglietele il torsolo e tagliatela a fettine sottili. Spolverizzate il disco di sfoglia con il formaggio grattugiato e metà delle noci tritate. Aggiungete il gorgonzola tagliato a pezzettini e guarnite con le fettine di pera. Alla fine, cospargete il tutto con le noci tritate rimaste, guarnite con i gherigli interi e tenete tutto in forno già caldo a 200°C per circa 25-30 minuti. Aggiungete del pepe macinato al momento e servite.

S

N.B.: Valentina ha provato la variante classica della quiche con il composto latte, panna e uova, ma ha trovato che copriva troppo il sapore del gorgonzola e delle pere; magari potrebbe andar bene con la metà della dose (1 uovo, 125 ml di panna o latte).

Sformati di zucchine alla menta ate dorare l’aglio nell’olio in una grande padella antiaderente. Scartate l’aglio e gettate nella padella le zucchine tagliate a dadini. Lasciatele cuocere a fuoco moderato, mescolando spesso, per circa 40 minuti. Devono asciugarsi bene senza però scurire (o quasi). Ungete 4 stampini con burro e cospargete le pareti con formaggio grattugiato. Frullate le zucchine e unite i formaggi, le uova, la menta tritata, sale e pepe. Distribuite negli stampini e cucinate il tutto a bagnomaria a 160° per 50 minuti. Servite caldo, guarnito con prezzemolo sminuzzato. Un consiglio: io di solito faccio il doppio della dose e li congelo. È un piatto utile per chi ha ospiti all’ultimo momento.

F

Ingredienti • 600 gr di zucchine • 1 cucchiaio d’olio d’oliva • 1 spicchio d’aglio • 100 gr di ricotta fresca • 20 gr di parmigiano o grana grattugiato • 1 rametto di menta • 2 uova • sale e pepe • poco burro • prezzemolo

87


VG

visioni grafiche


budget e ricette

di Lucia Bianco

Ciambelle del peccatore N

(basta aggiungere qualche goccia di limone alla panna)

• 250 gr di zucchero semolato • 2 uova (100 gr in totale) • 45 gr di burro fuso • 3 cucchiai di latte intero • 1 cucchiaio di lievito in

polvere • 1 cucchiaio di confettura di arancia • 2 cucchiaini di buccia di arancia grattugiata • 1 cucchiaino di sale • 1 pizzico di noce moscata • olio di arachidi per friggere

PREPARAZIONE: Setacciate insieme la farina, il sale, la noce moscata e il lievito in polvere per due volte sopra un foglio di carta forno. In una ciotola sbattete con un frusta le uova e incorporate poi lo zucchero, un cucchiaio per volta, sbattendo fino a quando il composto è chiaro, denso e cremoso. Unite la panna acida, il latte, il burro, la confettura di arance e amalgamate bene il tutto. Incorporate gradualmente la farina mescolando delicatamente, fate poi una palla, metterla in una ciotola e fate riposare 30 minuti. Spianate l’impasto fino ad uno spessore di 5 cm, ritagliate con un bicchiere dei dischi di circa 6 cm ed al centro uno da 1,5 cm. Portate l’olio a temperatura e friggete le frittelle tre per volta evitando che si tocchino. Friggetele 2 minuti per parte, scolatele su carta da cucina e poi rotolatele nello zucchero semolato. Già, come sono buone! Buon appetito e fatemi sapere se ho soddisfatto il vostro palato. A presto.

visioni grafiche

• 400 gr di farina forte • 200 gr di panna acida

VG

Ingredienti

on esistono ciambelle senza peccato. Questo il senso del nome della ricetta, una ricetta che vi riempirà la giornata di buon umore. Ideale dunque per l’autunno che arriva, le giornate che si accorciano e la voglia, crescente, di qualcosa di dolce.

89


E GRANDE RACCORDO ANULAR

MA

V.O.GHIGLIA

MADONNETTA

RO INDA

V.

DI

E .D

CA

SAL

VIA FO

V I A W OL

2

L O T TI

F FERRA RI

5 INFERNETTO 12

PAL

CASAL PALOCCO

1

L

V.BAZZINI

R A TO

PESCAT ORI V. ARISTOFANE H IL O VIA ESC

VIA P

VIA CRISTOFORO COLOMBO

SAPONA RA

LOCCO VIA DI M. PA

VIA DI SAPONARA

OCCO

9 VIA U. GIORDANO

S S O DR

VIA CANALE DELLA LING UA

NO

AGONC ELLO

A S TEL

V I A DI C FU

SAN

O

VIA DELLA VILLA DI PLINIO

T.

I

VIA DEI DIOSCURI

L.MARE DUCA DEGLI ABBRUZZI

VIA D

OSTIA PONENTE P.LE DELLA POSTA

C.SO REGINA MARIA PIA

L.MARE PAOLO TOSCANELLI

L.MARE DELLA SALUTE PORTO DI OSTIA

VIA C. PASSERO

PONTILE

VIA C. COLOMBO

SCHE

FRA

CAVALCAVIA NUOVO

V. MARINA

V. BE Z Z

L

V. AZZORRE

VIA D. BALENIERE

V. F A R O

ISOLA SACRA

TE

OSTIA STELLA POLARE

V.

VIA C. ZUGNA

LLA SC AFA VIA DE

GIUGNO

A VIA DELLA SCAF

CA

ORI EI PESCAT

EDIP UGLIA

DI

VIA R

VIA PO EMENTIN

VIA T. CL

P.ZZA GRASSI

VIA

TO VIA DELL'AEROPOR

V.LE TRA IANO

P. T E 2 A

MICINA F O CE

VIA DI

FIUMICINO

TE VE RE

LONGARINA 10

OSTIA ANTICA

S

R T UE NSE

P O R ZIA

VIA OSTIENSE

VIA DEL MARE

ACCHIA

VIA A.

NTINI EO

V. COLLETTORE PRIMARIO

VIA DEI ROMAGNOLI

VIA DI M

8

AXA

V.PRASSILLA

3

AXA MALAFEDE P.ZZA ESCHILO

ACILIA

APONA RA

VIA DI S

BO TI

DRAGONA

VIA L

VIA DI ACILIA

NI

CELLO AGON

7

VIA G

POG DEL V IA

VIA DELLA SALVIA

GIO DI ACILIA

E S UEN

P.ZZA S.L. P.TO MAURIZIO

LI GO

ORT VIA P

4 21

V. G.CARPINE

11

SPINACETO

TENUTA DEL PRESIDENTE

CASALBERNOCCHI

V. IN

T V IA O . F A

VIA C. MAESTRINI

VIA DI MALAFE DE

DRAGONCELLO R V. DI D

NAPOLI

CALTAGIRONE

VIA DEI

VIA DEL MARE

A

AN IOR GG V.ALBARETO

6

VIA MOLAIOLI

DI

VIA VITINIA SAR SI N A V. S. A RC. D I ROM AGNA

DI GIA NO

ACILIA NORD

O

VIA D. PURIFIC ATO

ETTO

M M IN

V. P

A S AL

OCA

VIA

VIA C

CENTRO GIANO

EZZ

VIA DI P

8 Maharajah 2 9 Sidra Libre 10 Il Frantoio 11 Di Carlo Cafè 12 La Cucineria

LLE CASE BA DE SS E VIA

VIA ARZANA

DI M

LEGENDA

VIA

1 Eschilo 2 Dancing 2 Zucchero e limone 3 Sushissimi 4 Bianco Rosso e Pannone 5 Fragole e Peperoncino 6 Re Grano 7 Pane ar pane vino ar vino

.SA NT O

VIA

VIA CRISTOFORO COLOMBO

MOSTACCIANO

ORC INA

FIRENZE

V.FOSSO D.TO RRINO

CORNELI O

USCITA 28

EUR TORRINO VIA CINA

VIA OSTIENSE

VIA DI DECIMA

PINETA DI CASTEL PORZIANO

OSTIA LEVANTE L.MARE DUILIO

L.MARE LUTAZIO P.ZZA C. COLOMBO CATULO

LITORANEA


MagnaRoma

INDIRIZZO Via Umberto Giordano, 72 TELEFONO 349.4724031 - 06.94537097 SITO INTERNET www.sidralibre.com CARTE DI CREDITO Sì PREZZO MEDIO 15/25 € SPAZIO ESTERNO Sì PARCHEGGIO Sì NUMERO POSTI 35 RIPOSO Lunedì APERTO Cena (Sab. e dom. anche Pranzo) Possibilità menu a prezzo fisso Take Away - Pranzi e Cene Aziendali Feste Private - Eventi Sportivi - Free Wi-Fi Offerte settimanali

ZONA

9

INFERNETTO

10

92

SIDRA LIBRE

PANE AR PANE VINO AR VINO

SPECIALITÀ > CUCINA SPAGNOLA Questo delizioso locale nasce con la filosofia di far conoscere lo spirito, lo stile e i sapori della tipica cucina spagnola che i proprietari hanno appreso con passione nella Terra del Sol. Fatevi inebriare il palato con squisite pietanze: pollo “asado” a la sidra, papas arrugadas con mojo verde y rojo, zarzuela, paella de pescado y marisco, paella mista, callo, cocido madrileno; inoltre postres (dolci tipici), pinchos e tapas, il tutto da assaporare sorseggiando un bicchiere di sidra...

SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA Ve piace magnà bene secondo la tipica cucina romanesca? Allora venite da noi: a parcheggià nun c’è problema e quanno entrate drento a “Pane ar pane vino ar vino” potete aggustà tutto quello che ve pare dei piatti de Roma nostra, le minestre, le pastasciutte, li seconni de carne e puro de pesce (martedì e venerdì oppuro su ordinazione), er tutto annaffiato dal vino bono de li Castelli. I prezzi ce dovete da crede so proprio boni che de meno nun se pò. Aho, v’aspettamo!!! INDIRIZZO Via O. Ghiglia, 257 TELEFONO 06.52440063/334.8473257 PREZZO MEDIO de meno nun se pò! RIPOSO SETTIMANALE ce semo sempre! CARTE DI CREDITO abbasta che paghi! PARCHEGGIO ce sta! NUMERO POSTI voi venite, noi ve sistemamo! PRENOTAZIONE è mejo! APERTO Pranzo/Cena

7

ZONA

MALAFEDE


MagnaRoma MAHARAJAH 2 SPECIALITÀ > CUCINA INDIANA A Roma la cucina indiana vanta un nome considerato una garanzia: Maharajah (inserito nel 1999 nella guida Gambero Rosso e nel 1998 in quella Michelin) che, dopo il grande successo riscosso con la sua cucina pregiata e di alta

INDIRIZZO P.zza Eschilo, 86/87 TELEFONO 06.52357250 SITO INTERNET www.maharajah2.com PREZZO MEDIO 25/35 € NUMERO POSTI 65 interni/40 esterni AREA BANCHETTI Sì SPAZIO ESTERNO Sì CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Lunedì a pranzo APERTO Pranzo/Cena Menù a scelta TAKE AWAY

8

qualità, apre un secondo locale all’Axa: Maharajah 2. Ambiente curatissimo, impreziosito da originali manufatti e da una squisita gentilezza nel servizio, come nella consueta ospitalità orientale, il ristorante propone peculiari e ricercate prelibatezze della più tipica ed originale cucina indiana. Tra le raffinate ricette del Nord, le preparazioni al curry, accompagnate dalle diverse qualità di riso basmati e di naan troviamo piatti unici quali: il chicken Maharajah tandoori, chicken tikka masala (con spezie ed erbe), il vindaloo lamb (piatto della regione di Goa), makhani paneer (formaggio con verdure e peanut sauce), e per chiudere al meglio kulfi (gelato al pistacchio) o rasmalia (dolce a base di latte). Ad accompagnare il tutto, vini italiani, birre (anche indiane), lassì ed una variegata scelta di thè aromatizzati.

ZONA

AXA

4

93


MagnaRoma ZUCCHERO E LIMONE

ESCHILO 2 DANCING RISTORANTE - PIZZERIA - SALA DA BALLO

SPECIALITÀ > PIZZA - PESCE FRESCO - CARNE Ristorante/pizzeria mirato a proporre una cucina creativa e ricca di sapori, il locale vanta uno stile di servizio professionale in grado di ospitare al meglio ogni tipo di esigenza culinaria. I piatti che il menù propone sono dei più vari: crudité imperiali di pesce di mare e crostacei vivi (visibili in acquario), pesce di mare freschissimo e succulente carni danesi ed argentine, il tutto da accompagnare ad un’ottima carta dei vini. Da non perdere i dolci della casa e le specialità della pizzeria napoletana. INDIRIZZO Via E. Wolf Ferrari, 273/279 TELEFONO 06.5090609 PREZZO MEDIO 30/40 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì a pranzo CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI Inverno 170 / Estate 400 APERTO Pranzo/Cena

Sconto 10% ai lettori di 13 Magazine

ZONA

2

INFERNETTO

SPECIALITÀ > CUCINA ITALIANA - PIZZA Concepiti per appagare sia i vizi culinari sia la sfrenata passione per il ballo, questi due locali (ristorante e sala da ballo) vantano un’accogliente locazione all’interno del centro sportivo Eschilo 2. Gli ospiti possono godere di un menù ricco di specialità nostrane a prezzi competitivi. Per chi desidera trascorrere una serata danzante, il locale offre nel weekend una sala da ballo di 1.000 mq dove poter cenare scegliendo tra la pizzeria e le specialità del ristorante, e usufruire anche dei corsi di ballo. INDIRIZZO Via del Fosso di Dragoncello, 201 TELEFONO 06/5216536 PREZZO MEDIO 15/20 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto SPAZIO ESTERNO Si (d’estate) PARCHEGGIO Si CARTE DI CREDITO Tutte (no American Express) NUMERO POSTI 80 APERTO Pranzo/Cena Sala da ballo in parquet di 1.000 mq. (con capienza di 300 persone)

1

ZONA

NUOVA PALOCCO

3

94


MagnaRoma RE GRANO arte della pizza

INDIRIZZO Via Lago Santo, 23 TELEFONO 06.52372983 INTERNET www.regrano.it - info@regrano.it PRENOTAZIONE gradita (dopo le 16:00) RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte (no American Ex.) NUMERO POSTI 130 interni, 150 esterni AREA BANCHETTI Sì GIARDINO Sì PARCHEGGIO Sì (ampio) APERTO Cena

6

PARCO GIOCHI

ZONA VITINIA EUR-MEZZOCAMMINO

5

95


ZONA

NEGOZIO

INDIRIZZO

CAMPAGNA

Infernetto

Il PArco GIochI

Via e.W. Ferrari 235

Infernetto

AnImAl Store

Via erick Satie 14

Infernetto

lulAn

Via e.W. Ferrari 231

Acilia

SPortuno

Via G. boldini 85/87

Articoli sportivi

1 pt ogni e 50

Acilia

Ikon

V. Prato cornelio 200

centro Analisi cliniche

Sconto 10%

Infernetto

FercomIt

V.le castelporziano 367

Ferramenta

1 pt ogni e 30

Infernetto

Dnc ottIcA

Via manuel de Falla 14

ottico

1 pt ogni e 30

Infernetto

PetAlI & PetAlI

Via e.W. Ferrari 214

Fiorista

1 pt ogni e 30

Infernetto

mIckey mouSe

Via cilea 37

Scarpe da bambino

1 pt ogni e 30

Infernetto

AbrAcADAbrA

Via torcegno 47

cartolibreria

1 pt ogni e 15

Infernetto

okey moDA

V.le castelporziano 372

moda uomo, donna, bambino

1 pt ogni e 25

Infernetto

ProFeSSIonAl beAuty

Via e.W. Ferrari 242d

centro estetico

1 pt ogni e 10

Giocattoli Accessori per animali complementi di arredo

1 pt ogni e 25 1 pt ogni e 20 1 pt ogni e 25

PREMIO 10 pt buono acquisto e 25 10 pt buono acquisto e 20 10 pt buono acquisto e 25 10 pt buono acquisto e 25 A tutti i possessori della one-cArD 10 pt buono acquisto e 20 10 pt buono acquisto e 25 10 pt buono acquisto e 30 (solo fiori freschi) 10 pt buono acquisto e 30 10 pt buono acquisto e 10 10 pt buono acquisto e 25 10 pt buono acquisto e 10


oroscopo di ottobre

WARREN BEATTY (30/3/1937)

JANET JACKSON (16/5/1966)

PAOLO BONOLIS (14/6/1961)

ALESSIA MANCINI 25/6/1978)

BEN AFFLECK (15/8/1972)

ANASTACIA (17/9/1973)

di Alehandra

Ariete 21/3-20/4

Bilancia 23/9-22/10

Mese in discesa in merito a parecchie questioni. Si prospetta qualche piccolo fastidio solo all’inizio (discussioni in famiglia, con gli amici, con il partner o i figli). Le stelle incoraggiano a darsi da fare e a mettersi in moto nei settori amati. Le configurazioni sono positive, quindi è il caso di sfruttarle.

Avrete tantissima voglia di fare, agire, disfare o iniziare certi progetti. Il cielo vi verrà incontro, con Saturno che va via dal vostro segno, Marte in Sagittario (grinta e forza di volontà) e Giove in aspetto fortunato. Esistono tensioni in sospeso? È un buon momento per chiarire, non mancheranno le sorprese positive.

CATHERINE DENEUVE (22/10/1943)

Toro 21/4-20/5

Scorpione 23/10-21/11

Sarà un mese di percorso a ostacoli. Marte in Scorpione vi rendeva nervosi, ora però tocca a Saturno e Mercurio: pronti a riattizzare il fuoco. A rischio i rapporti familiari, le amicizie, gli amori. Per superare tutto è necessario appellarsi al cuore, non alla ragione. Serve chiarezza: prima di tutto con se stessi.

Il cielo vi riserva numerose e notevoli novità. Il 5 sia Mercurio che Saturno traslocano nel vostro segno. Il primo è un transito veloce ma molto profittevole. Il secondo durerà qualche anno. In vista ottime notizie che riguardano famiglia o amici. C’è aria di stabilità esistenziale in parecchi ambiti.

ROBERTO BENIGNI (27/10/1952)

Gemelli 21/5-21/6

Sagittario 22/11-21/12

Tensioni in vista nelle relazioni con gli altri. Verso il 7 Marte diventa ostile e Venere non è in aspetto positivo. Dunque tensioni e nervosismo. Cercate di non avere reazioni esasperate e di evitare situazioni sconvenienti. Si presenteranno anche problemi che non dipendono da voi. Imparate a distinguerli dal resto.

Urano in Ariete e Marte in Sagittario vi renderanno iperattivi! Sarà un mese piacevole sul fronte delle amicizie. Per ciò che concerne la vita familiare dovrete invece mettere in conto qualche tensione. Dunque non prendetevela: i primi e gli ultimi giorni di ottobre saranno i migliori per chiarire situazioni che scottano.

KATIE HOLMES (18/12/1978)

Cancro 22/6-22/7

Capricorno 22/12-20/1

Iniziate a fregarvene dei problemi passati perché ottobre si annuncia come il mese del riscatto. Buona parte del mese andrà del tutto liscio. I momenti brutti trascorsi in precedenza adesso sono lontani e le discussioni prive di senso. È un buon periodo per riallacciare i rapporti con persone che avevate perso di vista.

L’ingresso di Mercurio e Saturno nel segno dello Scorpione rappresenteranno l’inizio della svolta. Non aspettatevi però che questo sia automatico e che tutto cambi il giorno 5 (quello del passaggio). Dovrete dare tempo al tempo, accogliere le novità e metterle a frutto. Ottobre sarà vivace in fatto di amicizie.

ORLANDO BLOOM (13/1/1977)

Leone 23/7-22/8

Acquario 21/1-19/2

Mercurio e Saturno incombono, dunque qualche preoccupazione è possibile. Niente paura però, perché il passaggio di Marte in Sagittario sarà favorevole! Se il gioco si farà duro, siete attrezzati per ogni evenienza. Sarete molto passionali, sexy e attraenti. Ma anche intransigenti, nervosi e scontrosi.

Sarà un mese in discesa. Passato il periodo di nervosismo legato a Marte in Scorpione, arrivano contemporaneamente nel vostro segno Saturno e Mercurio, astri pronti a complicarvi la vita sociale e familiare. Vi converrà essere limpidi ed evitare fraintendimenti. Siate pazienti e sorvolate sulla meschinità altrui.

VANESSA REDGRAVE (30/1/1937)

Vergine 23/8-22/9

Pesci 20/2-20/3

L’autunno inizia in maniera scoppiettante. Farete amicizia più facilmente e potrete migliorare la vostra vita sociale. In vista divertimento, nuove conoscenze, tranquillità. Merito di Saturno e Mercurio e del vostro carattere. Certe volte dovete capire che con l’età si migliora. Questo è il vostro caso.

Sarà un mese del tutto vivace! Farete progressi dal punto di vista della vita sociale e delle amicizie. Mercurio vi rende pieni di energie e allegri, con la battuta pronta e simpatici. Dal 7 Marte è in Sagittario, dunque potrebbe esserci qualche problema in famiglia. Ricordatevi di non farvi trascinare dalla rabbia.

STEFANO ACCORSI (2/3/1971)

97


TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

13 magazine 路 Anno 11 路 n. 108 - ottobre 2012 路 www.13magazine.it


13 Magazine N. 108