Page 1

RM U L A O F A V O U N

ionale, z o m o r P Tessile l e d i e n d al e z a t A s i o l v i a r g e a L io, del R r a t i c i l b b t t o Pu zione a z dell’Ogge z i l a n o e di Pe r s h c i n c e T e d e ll e

La stampa quadricromatica in serigrafia

Giving Europe Italia punta in alto… di gamma

Franco Lo Giudice

Camac presenta la rivoluzione digitale a “colpi di spugna” Valerio Zammarchi

Stefano Zaccaria

Ottobre 2011

#5 - 15 euro - www.top-rivista.it

Pubblicata da

in collaborazione con


TOP! è… a interviste

ed analisi

In stretto contatto col mercato, TOP! dà la parola ai protagonisti del settore promozionale e della personalizzazione e vi offre delle analisi dettagliate di quest’ambito professionale. In questo numero, tra i vari interventi: - intervista a Stefano Zaccaria, Amministratore Delegato di Giving Europe Italia: “Giving Europe Italia punta in alto… di gamma!” - intervista a Valerio Zammarchi, Azionista e Amministratore di caac Arti Grafiche: “Camac presenta la rivoluzione digitale a “colpi di spugna” - inchiesta sulla personalizzazione implementata da parte dei fornitori - intervista a Scott Fresener: “La stampa diretta su articoli confezionati è un argomento che diventa sempre più scottante”.

a tecniche

TOP! vi propone un quaderno, facile da individuare nella rivista, che contiene tutti gli articoli e le novità sulle tecniche di personalizzazione sia tessile che di oggetti. Articoli tecnici, banchi di prova, spiegazioni tecniche, ecc.

a Novità

Presentarvi gli oggetti più innovativi e le ultime collezioni tessili costituisce uno degli scopi principali di una rivista professionale dedicata al settore promozionale. Troverete inoltre una selezione delle migliori novità in ambito d’attrezzature per la personalizzazione. Scoprite un’ampia selezione di prodotti in ogni numero di TOP!. In questo numero: - tante novità in termini di prodotti tessili, oggetti ed attrezzature per la personalizzazione; - numerosi focus tematici: camicie, accessori per l’automobile, calcolatrici.

a interattività

La versione elettronica, e-TOP!, è molto più che una semplice rivista on-line: vi propone un accesso inedito ad una fonte affidabile d’informazioni professionali. Più rapida, più completa e totalmente interattiva grazie alle sue molteplici funzioni, costituisce un prezioso strumento al servizio della vostra attività.

Via Padre Gargioni, 6 26010 Dovera (CR) E-mail: info@656editions.net www.top-rivista.it Direttore responsabile: Guillaume Abou - g-abou@656editions.net Direttore commerciale: Pascal Almi - palmi@656editions.net - Direzione artistica e realizzazione: François Jaillet - studio@656editions.net Caporedattore: Francesco Lattarulo - francesco@656editions.net Responsabile della pubblicità: Anne Sizaret - anne@656editions.net Redazione: Guillaume Abou - Francesco Lattarulo - Jessica Buisson - Céline Collot Contributi editoriali: Guillaume Andrieu - Charlie Taublieb - Thierry Reynaud Franco Lo Giudice - Olivier Cetra - Pierre-Yves Belabbas - Correzioni: Cathy Rissena - Illustrazioni e grafica: Origami - Webmastering: Jon Fayard Abbonamenti: Jocelyne Charrière - Omelette e birra: Cristian del Romarin Stampa: Imprimerie du Viaduc - 21, route de Paris - 69171 Tarare Cedex Smistamento: CMP Roserio, Posta Service, via Cristina Belgioioso 165/11, 20157 Milano - Prezzo unitario: 15 euro - Abbonamento annuale: 50 euro Editore: Sarl 656 Editions - RCS Lyon B 440 290 070 - APE 221E ISSN 1633-6151 “costatum pressio est” È vietata ogni riproduzione totale o parziale degli articoli e delle illustrazioni pubblicati su TOP! senza l’esplicito consenso dell’editore.

E L A I R EDITO Il numero precedente ha già segnato l’inizio della nostra svolta imperniata attorno al tema del “cambiamento”, con una rivista dal contenuto ricco e vario, strettamente inerente alle problematiche del mercato. Il “cambiamento” è nuovamente il leitmotiv di quest’autunno 2011, in quanto la vostra rivista TOP! è stata completamente ripensata per soddisfare ancora di più le vostre aspettative. Una nuova impostazione grafica più chiara e moderna, un contenuto più ricco, un numero maggiore di testimonianze rilasciate dai grandi protagonisti del settore e molte più novità proposte dai fornitori italiani... Grazie alla stretta collaborazione tra 656 Éditions e European Sourcing, specialista di strumenti on-line, TOP! è più vicina che mai al mercato italiano. Tessile promozionale, oggettistica pubblicitaria, regali aziendali e tecniche di personalizzazione: con la rivista TOP!, il motore di ricerca di European Sourcing e, presto, una nuova fiera, il nostro obiettivo è quello di aprirvi nuovi orizzonti su tutti questi temi. Il nostro team, infatti, è già proiettato a gennaio 2013 per il lancio di CTCO Bologna. Idealmente programmato all’inizio dell’anno, questo nuovo evento, ispirato al modello di successo di CTCO Lione, ha già ricevuto il sostegno delle principali aziende del settore. In un periodo in cui il mercato evolve in un contesto incerto e l’associazione nazionale di categoria attraversa una fase d’importanti cambiamenti, vogliamo porci dalla parte delle aziende del settore e aiutarle a svilupparsi nella loro attività. Nell’attesa di questa prima promettente edizione italiana, v’invitiamo ad accorrere numerosi alla 5a edizione di CTCO Lione, che accoglierà, nel 2012, numerosi espositori italiani ed ambiziosi progetti di sviluppo.

Buona lettura a tutti!

Guillaume Abou Direttore responsabile

Stampato con inchiostri vegetali su carta ecologica prodotta senza uso di cloro e proveniente da foreste sostenibili.

#5 Ottobre 2011

1


O I R A SOMM #5

Ottobre 2011

1 4

E

EDITORIAL NOTIZIE

Le ultime notizie del vostro settore d'attività

8 CTCO Bologna 2013 10 La fiera che darà nuova energia al mercato! L'attualità delle manifestazioni professionali

Mentre la fiera CTCO 2012 di Lione è in fase di preparazione, la prima edizione di CTCO Italia, prevista a Bologna nel mese di gennaio 2013, è già una realtà concreta per gli organizzatori, che maturano questo progetto da diversi mesi. Confidando nelle loro rispettive esperienze nel mercato italiano, 656 Éditions e European Sourcing uniscono le loro forze per proporre una nuova fiera in linea con le aspettative del mercato.

Foto di copertina: “Scrigno”, designed by Roberto Lazzeroni per Atelier Poltrona Frau

Modulo d’abbonamento pagina 76

14 Ottimo rientro con Premium Sourcing

Inaugurati nei giorni 7 e 8 settembre a Parigi, gli incontri d'affari organizzati da 656 Éditions e European Sourcing, dedicati all'oggettistica promozionale e alla regalistica aziendale.

18 Speciale regali di fine anno 22 26 30 32

TESSILE Le novità tessili delle vostre marche preferite

Gli articoli imperdibili di un segmento del tessile promozionale

L'arte della camicia OGGETTI Le novità e i migliori oggetti del momento

Gli articoli imperdibili di un segmento dell’oggettistica pubblicitaria

Un oggetto su cui si può sempre contare…

36 In macchina! 2


o n r e d a Qu lizzazione

38 42

Primo piano Giving Europe Italia punta in alto… di gamma! Giving Europe Italia ha inaugurato lo scorso anno un programma di partnership con alcune rinomate aziende manifatturiere italiane. Intervista a Stefano Zaccaria, Amministratore Delegato dell’azienda.

IONE ONALIZZAZ

ERS

Le novità dei fornitori d’attrezzature P e consumabili per la personalizzazione

INCHIESTA

46 48

La personalizzazione implementata da parte dei fornitori è più che una realtà In Europa, la struttura tradizionale del mercato promozionale prevede che il rivenditore funga da intermediario tra le aziende di personalizzazione ed il cliente finale. Tuttavia, negli ultimi tempi salta agli occhi una forte tendenza da parte dei fornitori a proporre anche il servizio di personalizzazione.

Primo piano Camac presenta la rivoluzione digitale a “colpi di spugna” La stampa su spugna presenta delle peculiarità specifiche. Tradizionalmente realizzata in serigrafia, dispone ora di una nuova interessante modalità d’esecuzione, la stampa digitale con inchiostri reattivi. Intervista a Valerio Zammarchi, Azionista e Amministratore di Camac Arti Grafiche, azienda che ha investito in un impianto appositamente dedicato.

Intervista

52

Scott Fresener

“La stampa diretta su articoli confezionati è un argomento che diventa sempre più scottante"

persona

61 62

SOMMARIO SERIGRAFIA TESSILE

La stampa devoré sazia la sua fame di successo di Charlie Taublieb

“Tecnica consistente nell’eliminazione locale di una fibra presente in un tessuto misto di fibre a costituzione chimica differente che consente di ottenere degli effetti di trasparenza”, ecco la definizione ufficiale della stampa “devoré”.

64

SERIGRAFIA

La stampa quadricromatica in serigrafia

66

di Franco Lo Giudice

DOMING

Il potere di seduzione del doming

70

di Pierre-Yves Belabbas

RICAMO

Forme che si deformano di Tierry Reynaud

Per realizzare delle forme di base come i cerchi o i quadrati in punto raso i software per ricamo propongono degli strumenti molto semplici da usare. Ma, una volta realizzato il ricamo, ci si rende conto che c’è un abisso tra la teoria e la pratica.

72

Tutto quello che c’è da sapere per eseguire ricami in piano di qualità di Olivier Cetra

BUSINESS In collaborazione con

56 Cloud Computing, ovvero oggetti 58 pubblicitari tra le nuvole? L’attualità della Rete e delle nuove tecnologie del vostro settore d’attività

di Guillaume Andrieu

L’informatica all’interno delle aziende si è rimessa in discussione negli ultimi anni con l’emergere di un nuovo modo di funzionamento: le reti smaterializzate, note anche come “informatica tra le nuvole” (Cloud Computing) o informatica in modalità “SaaS” (Software as a Service).

78 80

LIBRI La biblioteca di TOP!

INDICE DEGLI INSERZIONISTI

#5 Ottobre 2011

3


NOTIZIE Impresa Brother Italia cambia sede

Dal mese di ottobre, Brother Italia trasferisce la propria sede presso “Segreen Business Park”, una nuova e prestigiosa location alle porte di Milano est immersa nel verde e concepita secondo i più elevati standard globali. Un cambiamento importante per l’azienda fondata a Cassina dè Pecchi nel Dicembre 1989 e cresciuta in questi anni in maniera esponenziale. La scelta della nuova sede, moderna e all’avanguardia nella realizzazione grazie all’attenzione posta nei materiali utilizzati e nei sistemi di risparmio energetico tali da concorrere all’ottenimento della certificazione LEED-GOLD, risulta coerente con la filosofia di Brother, azienda da sempre sensibile ai temi di tutela ambientale. www.brother.it

Amann apre un nuovo stabilimento in Cina

Lo scorso mese di maggio, in Cina è stato inaugurato il nuovissimo stabilimento di produzione di fili per cucire della marca Amann, denominato Amann Sewing Threads, che si trova a Yancheng ed ha una capacità produttiva di 3.000 tonnellate all’anno. Moltissimi rappresentanti nazionali ed internazionali (operatori del settore del ricamo e del cucito, clienti, autorità governative e dipendenti dell’azienda Amann) hanno partecipato alla serie di eventi: visita dello stabilimento, spettacolo, esibizioni musicali, specialità culinarie di un gruppo tedesco-cinese ecc. Da notare che l’inaugurazione di questo nuovo stabilimento ha segnato la fine di un progetto intrapreso nel 2005 dopo un’indagine di mercato che aveva visto nascere nel 2010 lo stabilimento Amann Twisting a Yancheng. Tale azienda realizza fili ad alta resistenza in poliestere e poliammide ed ha una capacità di produzione di 2.700 tonnellate all’anno. Grazie alle due sedi di Yancheng, il gruppo Amann fornisce ai clienti un prodotto interamente integrato in Asia e si espande a livello mondiale. www.amann.com

Evento

Bompan celebra 15 anni d’innovazione al fianco di Mimaki

Bompan, importatore esclusivo per l’Italia dei plotter Mimaki, ha celebrato il 16 e 17 settembre scorso, nella suggestiva cornice del Barlassina Golf Club, il suo 15° anniversario. Il green è stato scelto per enfatizzare uno degli slogan che dal 2008 esprimono la filosofia Bompan/Mimaki “Make it green”, al quale si affianca l’altro fondamento del credo aziendale “L’innovazione continua”. E proprio l’innovazione è stata il filo conduttore dell’evento celebrativo. In questa occasione, Massimo Bompan, Presidente e fondatore dell’omonima azienda, ha ricordato i suoi esordi nel mondo del digitale fino al fatidico incontro, a Viscom Paris 1996, con la tecnologia Mimaki, marchio di cui è poi diventato dal 2003 importatore esclusivo per. Ricordiamo che l’offerta di Bompan può essere suddivisa in 3 macro-categorie (grafica, tessile e industria) e che l’attuale gamma proposta sarà presto arricchita, a quanto fa sapere l’azienda, da importanti novità. www.bompan.it

4


Servizio Il nuovo stabilimento di

personalizzazione di PF Concept è operativo

PF Concept aveva annunciato la costruzione per la metà del 2011 del più grande stabilimento di personalizzazione d’Europa, vicino à Poznan in Polonia. La sede è infatti operativa dal 1° settembre. I suoi 20.000 m² di superficie sono utilizzati per una parte importante degli stock di PF Concept e per tutte le tecniche di personalizzazione quali la tampografia, la serigrafia, l’incisione laser, il transfer, il doming, la goffratura e il ricamo. Tutti i prodotti del catalogo PF Concept – Oggettistica e Tessile – sono ora personalizzati in questo stabilimento che impiega più di 800 persone. Le serie piccole possono anche essere stampate (previa conferma) in 24 ore in Polonia ed essere consegnate ai clienti in 72-96 ore. Le consegne di prodotti personalizzati di qualità in termini sempre più brevi contribuiranno allo sviluppo di PF Concept in Italia ed in Europa. www.pfconcept.com

Ovunque e in qualsiasi momento potete consultare la versione elettronica della rivista su

www.top-rivista.it


NOTIZIE Cataloghi Inspirion si prepara per

le feste con “Christmas Special”

Disponibile dalla metà di agosto, il catalogo “Christmas Special 2011” della marca Inspirion contiene oltre 350 prodotti, di cui quasi 90 novità. Le 84 pagine di “Christmas Special” offrono un presentazione molto vivace, ma sono anche uno strumento di lavoro molto efficace, poiché tutti i prodotti sono presentati con prezzi al cliente finale, personalizzazione monocolore o incisione compresa. I costi d’impianto sono indicati per ogni articolo. www.promotiontops.com

Regali di fine anno all’insegna del lusso con Xindao

Xindao ha lanciato il catalogo di fine anno “Winter collection 2012” che presenta un’ampia gamma di regali aziendali di lusso e prezzi diversi. Quest’originale collezione, realizzata dai designer della marca, ha come scopo quello di permettere ai rivenditori di distinguersi in un mercato estremamente competitivo. I prodotti di alta gamma sono presenti nella sezione “Casa e arte di vivere” con accessori da tavola presentati in colori molto trendy e magnifici coltelli design. Nella rubrica high-tech, nonostante il noto albero solare (Goodies d’or 2011 della rivista C!mag nella categoria Ufficio) resti un regalo intramontabile, si scoprono anche articoli originali come il Flower Hub. www.xindaoitalia.it

James Ross pronto per l’autunno-inverno

Il nuovo catalogo autunno-inverno 2011 della marca d’abbigliamento promozionale e da lavoro James Ross è già pronto! Le novità salienti del catalogo riguardano il raddoppio delle felpe “made in Italy”, l’ampliamento della gamma di felpe, pile, giubbotti, gilet e accessori, oltre all’aggiunta di nuovi colori e taglie per articoli già presenti. Il tutto per un totale di 160 articoli aggiuntivi, di cui 31 prodotti nuovi! Molto pratico, questo vero e proprio strumento di lavoro contiene delle pratiche illustrazioni e la traduzione in 4 lingue straniere. www.jamesross.it

ERRATA CORRIGE

Si precisa che nel focus “Intorno allo smartphone” pubblicato nel numero precedente, alla pagina 35, si è verificato un errore in merito al sito Web indicato in calce alla descrizione dell’articolo Q24454 di Silicon. L’indirizzo corretto del sito è www.promobusiness.net (anziché .it). Ci scusiamo con i nostri lettori e con l’azienda interessata.

6


In breve American Apparel consolida il proprio capitale La marca American Apparel ha annunciato che prossimamente riscuoterà 14,9 milioni di dollari che le permetteranno di affrontare il futuro con maggiore serenità. Questi fondi, necessari alla realizzazione del proprio business plan, saranno ottenuti dalla vendita di quasi 16 milioni di azioni a un gruppo canadese d’investitori privati. www.americanapparel.net

Nuovi locali per B&C La società d’abbigliamento promozionale B&C si è trasferita all’inizio di aprile nei nuovi locali del parco commerciale di Waterloo in Belgio. Ecco i nuovi contatti dell’azienda: Waterloo Office Park drève Richelle 161 - building O, box 5 – B-1410 Waterloo. Tel. +32 (0)2 352 11 00, fax: +32 (0)2 352 11 98. www.bc-collection.eu

Nuovo consiglio direttivo per Assoprom Lo scorso 29 settembre si sono svolte le elezioni per il rinnovo delle cariche direttive dell’associazione. Sono stati eletti membri del Consiglio Direttivo Assoprom per il prossimo biennio: Mattia Riccò (Presidente), Fabio Zalambani (Tesoriore) e i consiglieri Marco Baldo, Marco Brescia, Graziano Grillo, Robert Helm e Massimiliano Moro. www.assoprom.it

PF distribuisce tre nuove marche Il catalogo “End of the Year 2011” di PF Concept è uscito a fine agosto. Presenta 300 novità e comprende tre nuove marche: la nota marca italiana di valigeria Roncato (per la prima volta disponibile in BtoB), le capsule speaker X-MINI e Griffin, che presenta il “nec plus ultra” in materia di accessori per Iphone, Ipod e Ipad. www.pfconcept.com

Iniziative Arjowiggins lancia

“The Blank Sheet Project”

La marca Arjowiggins ha lanciato “The Blank Sheet Project” (il progetto foglio bianco), un appello a raggrupparsi e un’opportunità per essere creativi in modo sostenibile ed indimenticabile, invitando a una riflessione tradizionale ed esprimersi in modo innovativo, creativo e addirittura radicale. “The Blank Sheet Project” si focalizza sull’industria del design grazie alla stretta collaborazione di Arjowiggins Creative Papers con D&AD, organizzazione che promuove il design e l’advertising di qualità nel mondo: nel corso dei prossimi mesi, quattro designer condivideranno il loro approccio del foglio bianco e risponderanno ad un quesito fondamentale: “In che modo lascerai il segno?”. Si troveranno ad affrontare volta per volta tutte le fasi del processo creativo, dall’ispirazione all’idea finita. Designeranno, inoltre, le opere che intendono lasciare alle generazioni future e si esprimeranno sul ruolo della carta oggigiorno, sul futuro dell’industria del design e sulla responsabilità di essere sempre più innovativi, attenti ed eco-responsabili. www.theblanksheetproject.com

Collezioni DEONET lancia le penne promozionali

La società DEONET è nota nel settore dell’oggettistica promozionale come fornitore di chiavette USB personalizzate. L’azienda ha arricchito la sua gamma con nuovi prodotti. Per soddisfare la richiesta dei clienti, traendo vantaggio dalle proprie linee di prodotti digitali esistenti, DEONET ha lanciato delle penne promozionali. La Budget Pen è una penna neutra di plastica. È disponibile in rosso, nero e blu, e può essere personalizzata in tutti i colori (o colori PMS su richiesta). La quantità minima degli ordini è di 70 pezzi. Peraltro, DEONET lancia l’Executive pen: una penna elegante in metallo, presentata in nero brillante o satinato. Questa penna di alta gamma può essere personalizzata tramite incisione laser ed è disponibile con un quantitativo minimo di 56 pezzi. www.deonet.it

#5 Ottobre 2011

7


Bilanci

Expo Reclam Xmas: buona la prima di due giorni

Dopo aver rilevato lo scorso anno la tradizionale fiera madrilena Promogift, Expo Reclam Xmas è tornata di scena quest’anno nella capitale spagnola, ma concentrando la manifestazione in due giorni, 6 e 7 settembre 2011. La scelta si è rivelata efficace, viste le cifre comunicate dagli organizzatori: 2.236 visite totali e 2.116 visitatori unici, con un picco di presenze nel primo giorno. Anche la partecipazione internazionale ha fatto registrare un leggero aumento: dal 4,90% dello scorso anno al 5,35% di quest’anno. Il prossimo appuntamento è ora per l’edizione d’inizio anno, che si terrà dal 14 al 16 febbraio 2012 sempre nelle strutture di Ifema di Madrid. www.exporeclam.es

AGENDA Ottobre

dal 23 al 27

110th China Import and Export Fair Fiera internazionale dell’import ed export cinese, Fase II Guangzhou / Cina www.cantonfair.org.cn

Novembre dal 3 al 5

Viscom Italia 2011 Mostra convegno internazionale di comunicazione visiva e servizi per l’evento Fiera Milano / Italia www.visualcommunication.it dal 29 novembre al 3 dicembre

Pollutec Horizons 2011

Salone delle soluzioni del futuro al servizio delle sfide ambientali ed economiche Paris-Nord Villepinte / Francia www.pollutec.com

Gennaio 2012 dall’11 al 13

PSI 2012

Fiera internazionale della pubblicità tramite l’oggetto Düsseldorf / Germania www.psi-messe.com

Febbraio 2012 dal 14 al 16

Expo Reclam Fiera professionale del regalo promozionale e pubblicitario Feria de Madrid / Spagna www.exporeclam.es

8

Previsioni

Viscom Italia 2011 ai nastri di partenza

Giunta alla sua 23a edizione, la fiera Viscom sarà di scena dal 3 al 5 novembre presso i padiglioni 1 e 3 del quartiere fieristico di Rho-Fiera di Milano. Il palcoscenico offerto da questa manifestazione ai professionisti della comunicazione visiva è piuttosto vasto e comprende le seguenti aree: stampa digitale grande formato, insegnistica, cartellonistica, serigrafia, tampografia, promozione tessile, ricamo, incisione, fresatura, laser, premiazione sportiva, digital signage, P.O.P., servizi per eventi di comunicazione. Gli organizzatori attendono decine di migliaia di visitatori e la direttrice Paola Sarco parla anche di nuove categorie che si sono avvicinate a questa manifestazione: “Aziende e professionisti alla ricerca di idee e nuove tecnologie per personalizzare i materiali più diversi, per comunicare con nuovi supporti, per prendere spunto da testimonianze di progetti realizzati nei più diversi campi”. L’edizione 2011 si avvale della preziosa collaborazione delle principali associazioni di riferimento dei vari settori, oltre che del MIP – Politecnico di Milano, che arricchirà di nuovi contenuti le sessioni dei convegni del Viscom Forum. Come sempre, torneranno le aree Digital Signage by Viscom con il relativo Forum ed il Viscom Lab, l’area di dimostrazioni “live” tenute da professionisti del settore, dove poter guardare in diretta le lavorazioni ed ispirarsi ad idee innovative per allargare il pacchetto di offerte al cliente. La fiera ospiterà anche il cantiere creativo Wrap and the Interior Decoration World, e i consolidati concorsi DIVA (Display Italia Viscom Award) e il Telaio d’Argento, organizzato in collaborazione con Siotec. www.visualcommunication.it


Gli eventi targati Mid Ocean Brands fanno tappa in Italia… Dopo le rive del Loch Lomond in Scozia nel 2010, Mid Ocean Brands ha scelto quelle del Lago Maggiore per organizzare un altro dei suoi “Partner Events”, dal 6 al 16 giugno scorso, dedicato ai partner europei. Questi ultimi si sono incontrati in date diverse a Baveno per conoscersi meglio e condividere le loro idee per una più proficua collaborazione, il tutto in un’atmosfera al tempo stesso professionale e conviviale. Il programma di questo incentive trip prevedeva: un’introduzione da parte del CEO Willem van Walt Meijer, seminari (come quello sull’on-line marketing ed e-commerce) e conferenze (come la “Wheel of Partnership“, che ha incoraggiato i partecipanti a migliorare le loro relazioni di lavoro, e quella sul futuro della potenza economica Cina). Ma non solo momenti di lavoro, c’è stato anche spazio per momenti di svago quali il barbecue della sera del giorno di arrivo, le attività pomeridiane e la cena di gala del giorno successivo con i fuochi d’artificio che hanno segnato la chiusura dell’evento. Questo tipo di eventi rappresenta per Mid Ocean Brands un modo per stringere ulteriormente il legame con i suoi rivenditori, per poter lavorare con loro con un vero spirito di partnership.

… in Tailandia… Qualche settimana prima, Mid Ocean Brands aveva già dato spettacolo in ambito di fidelizzazione dei suoi clienti. Il gruppo, infatti, che aveva lanciato a settembre 2010 una sfida aperta a tutti i distributori e legata all’incremento del volume d’affari, ha ricompensato ben 176 rivenditori francesi, spagnoli, portoghesi e italiani con un viaggio in Tailandia, in compagnia del team commerciale e direttivo di Mid Ocean Brands. Il soggiorno si è svolto in un’atmosfera rilassata, con visite alle meraviglie della capitale Bangkok, cene sontuose e conversazioni tra colleghi europei. Vincenzo Carli e Marta Poll, responsabili di marketing e organizzatori dell’evento, hanno dichiarato: “Abbiamo lavorato diversi mesi per organizzare un viaggio così importante. L’impegno è stato massimo perché l’obiettivo principale era quello di far divertire e rilassare il cliente che ci ha dato fiducia lavorando con noi con continuità”. Anche il Direttore Generale dell’Area Mediterranea Giuseppe La Torre ha espresso la propria soddisfazione, sia per l’andamento del viaggio sia per i risultati di fatturato raggiunti nel 2010 da Mid Ocean Brands.

…e in Kenia!

Mid Ocean Brands ha inoltre annunciato un nuovo viaggio premio per i clienti più fidelizzati scegliendo un’altra meravigliosa tappa: il Kenya! L’appuntamento per i fortunati rivenditori è per la primavera del 2012. ///

#5 Ottobre 2011

9


La fiera che darà nuova energia al mercato! Mentre la fiera CTCO 2012 di Lione è in fase di preparazione, la prima edizione di CTCO Italia, prevista a Bologna nel mese di gennaio 2013, è già una realtà concreta per gli organizzatori, che maturano questo progetto da diversi mesi. Confidando nelle loro rispettive esperienze nel mercato italiano, 656 Éditions e European Sourcing uniscono le loro forze per proporre una nuova fiera in linea con le aspettative del mercato.

Il lancio di una nuova fiera è per 656 Éditions e European Sourcing uno sviluppo naturale e legittimo: grazie alle loro attività, infatti, hanno da tempo stabilito un legame stretto con i rivenditori, i produttori e gli importatori d’oggettistica pubblicitaria, regalistica aziendale e tessile promozionale, oltre che con gli specialisti italiani della personalizzazione.

656 Éditions, editore presente nel settore fin dal 2006 con la rivista PromoTessile, diventata TOP! da più di un anno, propone l’unica rivista, totalmente dedicata ai rivenditori ed ai distributori, specializzata nel settore dei supporti promozionali e delle tecniche di personalizzazione (serigrafia tessile, ricamo, transfer, sublimazione e stampa digitale di piccolo formato). A corredo dei nuovi progetti, TOP! si dota, a partire dal numero di ottobre, di una nuova veste grafica più chiara e dinamica che riflette un contenuto ancora più approfondito del settore, con numerosi articoli ed un’attenzione tutta particolare alle interviste.

European Sourcing, dal canto suo, presente sul mercato da 7 anni attraverso la sua struttura italiana, mette a disposizione di rivenditori e fornitori un potente strumento di ricerca: una vera e propria fiera virtuale, un servizio che sta prendendo sempre più piede in Italia. 656 Éditions e European Sourcing, mossi dalla stessa ambizione, rappresentano una trentina di persone. Il loro team pluridisciplinare lavora tutto l’anno per creare e sviluppare strumenti capaci di soddisfare le nuove esigenze degli operatori del settore… Intorno a due pilastri, la rivista e il Web, e presto un terzo pilastro: una fiera professionale denominata CTCO Bologna!

10


Duccio Campagnoli

Presidente di BolognaFiere Quali sono i vantaggi della location Fiera di Bologna per l’organizzazione di una fiera professionale? BolognaFiere è, insieme a Milano, il più importante centro fieristico italiano, che conta ogni anno un milione di visitatori professionali. Bologna, inoltre, è per una sua fortunata posizione geografica al centro dei principali collegamenti nazionali ed internazionali (1 ora di treno da Milano, 30 minuti da Firenze e meno di 2 ore da Roma). La nostra struttura è anche dotata (unica fiera in Italia) di un casello autostradale dedicato e di un’elevata disponibilità di parcheggi. L’aeroporto internazionale Marconi è collegato dalle principali compagnie di bandiera oltre che da low cost. Il quartiere fieristico è a pochi minuti dal centro storico medievale bolognese, uno tra i meglio conservati e più grandi d’Europa.

Conoscete il modello della fiera CTCO di Lione? Cosa ne pensate del suo arrivo in Italia? Gli espositori della fiera CTCO sono in molti casi nostri fornitori. Si tratta di una fiera che mette in mostra quanto di più nuovo la comunicazione offre al servizio del business. La capacità di CTCO di organizzare parallelamente un programma innovativo e di rilievo internazionale di convegni e seminari che anticipano le tendenze del mercato e dettano la linea strategica per le aziende è una formula innovativa che apprezziamo e che ci sentiamo molto gratificati di ospitare.

Un mercato in piena evoluzione Questo nuovo progetto è nato in modo del tutto naturale dall’evoluzione del mercato della PTO che, come quello della personalizzazione, è stato profondamente scosso dai cambiamenti degli ultimi anni. La crisi non ha risparmiato questo settore e oggi i distributori non hanno altra scelta: per continuare a sviluppare la loro attività, devono distinguersi inserendo nuovi servizi o specializzandosi. In fondo alla catena, le aspettative dei clienti finali, ovvero degli inserzionisti, sono anch’esse in piena evoluzione. Si cercano supporti promozionali con più qualità e più funzionalità, ma anche un’essenziale presa di coscienza dello sviluppo sostenibile capace di trasmettere un messaggio ecologico. Anche chi si occupa di personalizzazione assiste ad un cambiamento della propria professione, i cui principali indicatori sono le quantità degli ordini in calo, i prezzi al ribasso, la rivoluzione digitale che obbliga a rinnovare le proprie tecniche… La diversificazione e la creazione di nuovi servizi si rendono, di conseguenza, necessari. Infine, questi ultimi anni sono stati difficili anche per i fornitori e i produttori/importatori che hanno dovuto affrontare le conseguenze di numerosi eventi economici, tra cui la fluttuazione del dollaro, l’aumento del prezzo delle materie prime, la comparsa di conflitti sociali nelle fabbriche di produzione in Cina, la riduzione dei volumi, ecc. Tutta la catena di questo settore ha bisogno di essere ascoltata e sostenuta. Alle aziende servono nuovi strumenti per reinventare la loro attività.

In che modo accompagnerete gli organizzatori per offrire un servizio di qualità sia agli espositori che ai visitatori? Bologna ha un quartiere fieristico comodo ed efficace dal punto di vista dei servizi ai visitatori e agli espositori. La nostra società di allestimenti e servizi ha vinto il premio UFI per l’innovazione e le prestazioni proposte e ci consente di assistere gli organizzatori di CTCO nella loro offerta agli espositori. Chi espone a CTCO Bologna può contare su una serie di servizi appositamente studiati per amplificare il messaggio della propria presenza in fiera: applicazioni per smartphone e tablet, pocket fair, ecc. Per tutti questi motivi, siamo sicuri del successo della vostra manifestazione e voglio dare il benvenuto a Bologna a CTCO e a tutti i suoi partner.

Una fiera di nuova generazione Alle problematiche emerse nel mercato italiano, gli organizzatori 656 Éditions e European Sourcing pensano di trovare una soluzione attraverso il lancio, sotto l’egida di CTCO, di un nuovo evento importante che, programmato a inizio anno, riunirà tutti i players del settore. Essendo i mesi di gennaio e febbraio tradizionalmente caratterizzati da eventi importanti a livello europeo, è stata scelta la terza settimana di gennaio per organizzare quest’evento. .../...

#5 Ottobre 2011

11


CTCO Bologna 2013 La fiera che darà nuova energia al mercato!

... Una fiera dinamica significa innanzitutto scegliere un luogo adeguato. CTCO si svolgerà a Bologna nel moderno complesso della Fiera di Bologna. Il centro espositivo, costituito da 18 padiglioni completamente attrezzati e climatizzati, è perfetto perché offre agli espositori numerosi servizi (vedi l’intervista a Duccio Campagnoli, Presidente di BolognaFiere, nella pagina precedente). Inoltre, la città di Bologna è ben servita da autostrade, treni e aerei.

Una fiera ambiziosa significa mirare ad un posizionamento chiaro. Il modello di CTCO, unico in Europa, riunisce nello specifico due settori complementari: da una parte l’oggettistica pubblicitaria e il tessile promozionale, dall’altra tutte le tecniche di personalizzazione e di stampa. Finora in Italia questi due mondi non si sono mai incontrati nella stessa fiera! Ognuno è costituito da eventi dedicati. Il moltiplicarsi degli scambi tra queste due professioni distinte ha reso necessaria la realizzazione di una fiera che li faccia coesistere, rispecchiando quindi la realtà attuale del mercato.

Gianpaolo Smania

Responsabile Marketing e Comunicazione di Master Italia Cosa ne pensa della nuova idea di fiera di CTCO in Italia? Era ora che imprenditori coraggiosi dessero nuova vitalità al mercato italiano, che rappresenta una vetrina importante nel panorama del mercato promozionale. Questo nuovo progetto è entusiasmante, crea coesione tra le differenti aree di servizi e prodotti, offre un ambiente piacevole per chi espone e per chi visita, offre spunti di discussione e informa sulle tecniche valorizzando prodotti e sistemi.

Lei che conosce già bene il modello CTCO di Lione, cosa pensa che potrà portare di nuovo nel panorama italiano? Quella di Lione è stata la fiera meglio organizzata degli ultimi anni. Strumenti efficaci, ambiente sereno e piacevole, risoluzioni veloci ad ogni problema piccolo o grande, soluzioni innovative, cultura del prodotto e delle tecniche che lo valorizzano, aree ben progettate… ecco, questo arriverà in Italia e questo è quello che ci vuole per tornare protagonisti.

Stefano Zaccaria

Amministratore Delegato di Giving Europe Italia Cosa ne pensa dell’arrivo in Italia di una fiera basata sul modello di CTCO Francia?

Una fiera innovativa significa, infine, creare un evento ricco di informazioni e scambi. Tavole rotonde, workshop, conferenze, dimostrazioni tecniche dal vivo, presentazione di novità in aree specifiche: ecco la formula che, oggi, attira e conquista i visitatori! Soddisfatti della formula di CTCO in Francia, molti produttori ed importatori italiani hanno già apportato il loro sostegno a questa nuova iniziativa (vedi, qui di fianco, le interviste a Stefano Zaccaria di Giving Europe Italia e Gianpalolo Smania di Master Italia). Un evento che servirà quindi a colmare un vuoto nel nostro mercato, apportando un servizio su misura ad ogni target: i fornitori da un lato, i rivenditori dall’altro, e i professionisti della personalizzazione che necessitano di una fiera realmente specializzata. ///

12

Incredibilmente opportuna, in una situazione di mercato complessa, dove le strategie devono necessariamente considerare il cambiamento. Alle pareti dei nostri uffici, per rafforzare questa mia convinzione, ho fatto riprodurre la frase di Denis Waitley, uno dei più apprezzati scrittori, conferenzieri e consulenti per il potenziamento delle prestazioni umane: “Ci sono sempre due scelte nella vita, accettare le condizioni in cui viviamo o assumersi la responsabilità di cambiarle“.

Secondo Lei, cosa può portare al mercato italiano? Un primo piccolo contributo verso un dialogo responsabile e consapevole con clienti, partner, concorrenti e associazioni.

La scelta del luogo (Fiera di Bologna) la soddisfa? Finalmente un quartiere fieristico con padiglioni completamente cablati, climatizzati e dotati di sistemi informatici; un quartiere dove è garantita una eccellente mobilità grazie ad una rete di percorsi mobili e da un significativo impianto di parcheggi. Il casello autostradale dedicato non fa che rendere ancora più comodo il raggiungimento della fiera. Ma i vantaggi di questa location sono tanti altri; gli addetti ai lavori li conoscono già molto bene e sapranno apprezzarli da utenti.


Fiera CTCO Lione 2012:

sviluppi attuali, ambizioni future Con questo nuovo spazio, intitolato “L’Atelier CTCO – Live Creative Workshop”, la fiera francese inaugura un approccio diverso delle attività d’“animazione”, che mira chiaramente a coinvolgere il visitatore nella creazione di un supporto personalizzato. Infatti, l’aspetto interattivo cresce e il visitatore avrà la possibilità di far stampare la propria immagine (inviata prima della fiera), scegliere il supporto, la tecnica e vedere con i propri occhi il risultato prodotto. Più che mettere in mostra macchine che “producono”, questo laboratorio offrirà prima di tutto una presentazione di soluzioni di personalizzazione facili da implementare. Idealmente situato al centro della fiera, questo spazio si rivolgerà ai visitatori con profilo “rivenditore” e a quelli con profilo “decoratore”: La principale forza di CTCO risiede nel suo posizionamento. essi avranno quindi tutte le carte in mano, sia che scelgano, nel Originale e mirato, questo modello di fiera, realizzato per la prima caso dei primi, di dotarsi d’attrezzature per la volta nel 2008, ha pensato di riunire gli operatori personalizzazione, sia nel caso dei secondi, di del settore promozionale e quelli delle tecniche Espositori lanciarsi in una nuova tecnica. di personalizzazione. L’approccio innovativo presenti ha reso l’evento CTCO un vero e proprio must a CTCO 2011 a cui partecipa un numero sempre crescente di Nova: un nuovo sviluppo espositori e visitatori. e new per CTCO Francia La 5a edizione, attualmente in fase di preparazione, Da sempre specializzato nella nicchia di mercato entry 2012 si preannuncia ricca di sorprese. Come ogni anno, della personalizzazione di tessile promozionale e AMP Team a febbraio, i principali produttori/importatori si d’oggettistica pubblicitaria, 656 Éditions s’interessa Camac ritroveranno in fiera per presentare le loro nuove ora maggiormente ai settori della comunicazione Erga collezioni tessili e di oggetti, essendo questo mese visiva e del grande formato. Quest’evoluzione si Fiorenzo Sport da sempre il periodo ideale per stabilire nuovi tradurrà in un nuovo evento, chiamato Nova, che Get Impressed Maikii, rapporti e contratti. si svolgerà in concomitanza con CTCO. Manicardi Mentre chiudiamo questo numero della rivista, 138 “Tra gli espositori, negli ultimi due anni, è emersa Master Italia espositori hanno già confermato la loro presenza. una nuova domanda. Abbiamo accolto nella Monti Antonio E sono sempre più numerose le aziende italiane nostra fiera aziende provenienti dai settori della Raxyline che partecipano a questo evento, tra quelle già comunicazione visiva e del grande formato. Roland Dg Mid Europe presenti nell’edizione 2011 e le new entry del Inizialmente, non rientravano tra la figure di Sipec Universal... 2012. espositori classici di CTCO, eppure tornavano ad esporre anno dopo anno, in quanto trovavano a Lione una nuova tipologia di clienti. Bisogna dire che, dal 2008, “Live Creative Workshop”, il laboratorio abbiamo accolto in media un 30% di nuovi visitatori all’anno, tra di personalizzazione a grandezza naturale! cui un numero crescente di professionisti che hanno profili “ibridi”, L’esperienza delle scorse edizioni mostra che non c’è niente occupandosi di diverse attività … Abbiamo così pensato per il 2012 di meglio di una dimostrazione live per imparare una tecnica di di offrire qualcosa in più e creare uno spazio dedicato al segmento personalizzazione! L’inchiesta realizzata tra i visitatori di CTCO della comunicazione visiva e identificato come tale” spiega Guillaume 2011 ha anche rivelato che il 49,66% dei rivenditori/distributori ed il Abou, direttore di 656 Editions. 58,55% dei decoratori sono interessati ad investire in una soluzione Ecco dunque com’è nato Nova, con la consapevolezza che di personalizzazione. questo nuovo evento, indipendente, rifletterà un ambiente più Per l’edizione 2012 della fiera, gli organizzatori hanno scelto di industriale e più tecnologico di CTCO. Dalla prestampa alla apportare qualche innovazione nella presentazione del contenuto rifinitura passando attraverso i diversi tipi di stampa per il grande tecnico riproducendo, su una superficie di 300 m², al centro della formato e i consumabili, Nova offrirà una panoramica delle fiera, le condizioni reali di un laboratorio di personalizzazione. Per applicazioni, ma anche degli sbocchi. Il tutto, ovviamente, in un’ottica ogni tecnica rappresentata, un espositore-partner, associato ad un focalizzata sullo sviluppo sostenibile, aspetto oggi importante per gruppo di designer, realizzerà dal vivo supporti di comunicazione tutta la filiera. /// originali. In attesa dell’evento che si svolgerà nel 2013, vi invitiamo a scoprire il modello di CTCO visitando la fiera di Lione che si terrà dal 7 al 9 febbraio 2012. L’evento francese del settore promozionale si prepara a ricevere 8.000 visitatori. Organizzata in tandem da 656 Éditions e European Sourcing, l’edizione 2012 si svolgerà per la prima volta nel padiglione più recente e più attrezzato del complesso fieristico Eurexpo di Lione, consentendo così di accogliere espositori e visitatori nelle migliori condizioni, in un’area di 20.000 m². Inoltre, come ogni anno, sono in programma diverse novità, che rafforzano sempre più questo concetto di fiera innovativa.

#5 Ottobre 2011

13


Ottimo rientro conPremium

Sourcing Inaugurata nei giorni 7 e 8 settembre scorso nella prestigiosa cornice di Docks en Seine a Parigi, la prima edizione di Premium Sourcing si prefiggeva di offrire agli espositori e ai visitatori un nuovo evento all’altezza delle loro aspettative. Detto, fatto! Gli incontri d’affari organizzati da 656 Éditions e European Sourcing, dedicati al settore dell’oggettistica promozionale e della regalistica aziendale, hanno ottenuto l’apprezzamento unanime degli espositori ed hanno riscontrato una forte adesione da parte dei visitatori, con un totale di 1.579 visite registrate in due giorni. Facendo registrare un totale di 1.424 visitatori unici, praticamente tutti i principali rivenditori francesi del settore dell’oggettistica pubblicitaria e del tessile promozionale hanno partecipato alla prima edizione di Premium Sourcing, tenutasi a Parigi il 7 e 8 settembre scorso. Per soddisfare al meglio le richieste di un tale numero di visitatori, ben 110 fornitori hanno calato i loro assi. Tra gli espositori erano presenti anche 9 aziende italiane (le loro interviste seguono nelle pagine successive) che hanno così potuto incontrare i loro clienti francesi. In prospettiva delle feste di fine anno, numerosi fornitori hanno puntato su regali aziendali di marca, prodotti dal forte valore aggiunto, ma anche, vista la crisi, su piccoli oggetti originali a prezzi più abbordabili. Inoltre, per diversi espositori, Premium Sourcing è stata un’occasione per incontrare i clienti in una cornice privilegiata e per rafforzare i rapporti di lavoro. La location di Premium Sourcing, nel cuore di Parigi, e le sue dimensioni ridotte, con un centinaio di espositori distribuiti in piccoli stand intorno ad un Open Bar centrale, sono stati pensati per facilitare l’incontro tra fornitori e rivenditori. La fiera Premium Sourcing si è pertanto svolta in un ambiente dinamico, costruttivo e innovativo. “Espositori e visitatori sembrano aver sposato questa nuova idea di evento. Abbiamo quindi ora in calendario due appuntamenti complementari da proporre loro: CTCO a inizio anno, una fiera molto ampia che comprende anche la personalizzazione, e Premium Sourcing a settembre, un evento di piccole dimensioni che privilegia maggiormente l’incontro tra fornitori e rivenditori” ha dichiarato Guillaume Abou, direttore di 656 Editions. Gli organizzatori di Premium Sourcing sono pronti a ripetere questo primo successo nel 2012. L’appuntamento è già stato fissato a Docks en Seine per il 5 e 6 settembre del prossimo anno. /// www.premium-sourcing.fr

14


Le nostre domande 1) Di cosa si occupa l’azienda? 2) Da quanto tempo è presente

La parola agli espositori…

nel mercato francese e con quali strutture commerciali?

3) La vostra offerta di prodotti

a catalogo è la stessa per l’Italia e la Francia oppure è adattata ad ogni singolo paese?

4) Nota delle differenze tra il mercato francese e quello italiano? 5) Quali sono i vostri obiettivi della partecipazione a Premium Sourcing? 6) Cosa ne pensa di questa fiera, della sua idea innovativa con degli stand standardizzati per tutti e dei budget ridotti per gli espositori?

Walter Zanatta

Responsabile Acquisti di RAXYLINE

1) Siamo un’azienda specializzata nella produzione di nastri portabadge, portatelefono e portachiavi stampati.

2) Siamo presenti nel mercato francese dal 2005 e vendiamo direttamente dall’Italia. 3) Considerati i prodotti che noi

proponiamo, l’offerta è la stessa per i due mercati.

4) Non vedo differenze. 5) Vogliamo incontrare i nostri clienti

già acquisiti, per illustrare loro le nuove proposte di articoli, e cercare di stabilire nuovi contatti.

6) È un’ottima iniziativa, basta saperla sfruttare.

1) Maikii esiste da 4 anni e siamo Ottavia Cornetto

Responsabile Vendite Estero di ERGA

1) Erga è un’azienda specializzata nella produzione di strumenti di scrittura: penne in plastica, in metallo o in entrambi i materiali. Siamo in grado di offrire un prodotto sia neutro che già personalizzato (internamente), tramite serigrafia o stampa digitale.

2) L’azienda esiste da oltre 40 anni ed è da sempre presente in Francia. Abbiamo un distributore e vendiamo direttamente alle agenzie rivenditrici di oggetti pubblicitari direttamente dalla sede italiana. 3) Il nostro catalogo contiene tutte le informazioni tradotte in diverse lingue, quindi tutti i prodotti sono disponibili per tutti i mercati.

4) In Italia riceviamo spesso ordini di piccoli quantitativi, mentre in Francia partiamo da un minimo di 500 pezzi. Inoltre, all’estero e in Francia lavoriamo con dei grossi marchi mentre in Italia puntiamo più sul quantitativo e sulla distribuzione. 5) Sicuramente il consolidamento dei

specializzati nel segmento delle chiavette USB (per il 90% personalizzate). Semplici importatori all’inizio, siamo poi diventati produttori, con una nostra struttura in Cina, dove realizziamo anche la personalizzazione.

2) Da poco più di un anno. Ciò è stato reso possibile anche grazie al lavoro svolto con European Sourcing ed il loro motore di ricerca. In Francia vendiamo direttamente dalla sede italiana, con dei sales account appositamente dedicati. 3) Per il nostro tipo di prodotti è abbastanza naturale e consono avere le stesse proposte.

4) Nel mercato francese si lavora molto bene tramite Internet o e-mail, mentre in Italia si è un po’ più abituati ai rapporti interpersonali. 5) Vogliamo consolidare la nostra presenza in Francia e trovare delle nuove agenzie distributrici solide e forti, che credano nel nostro prodotto.

6) È una fiera molto bella e siamo contenti dell’investimento realizzato. È strutturata bene, le dimensioni sono ridotte ma è giusto così, si da più importanza alle varie aziende che partecipano senza essere troppo dispersivi e l’affluenza è buona.

clienti e delle relazioni già costituite, oltre alla creazione di nuove relazioni.

6) Mi piace molto l’uniformità degli stand, il fatto di partire tutti dalla stessa base, e l’organizzazione stessa dello spazio espositivo.

Matteo Fabbrini

Amministratore Delegato di MAIKII

#5 Ottobre 2011

15


Ottimo rientro con Premium Sourcing

1) Siamo specializzati nella produzione Gianfranco Tria

1) La nostra è un’azienda specializzata nella produzione di lanyards e tappetini per il mouse.

2) L’azienda esiste dal 1995 ed è presente in Francia fin dagli inizi. Vendiamo direttamente dalla nostra sede milanese e mi occupo personalmente della clientela estera, in particolare di quella francese.

3) Tutti i nostri prodotti sono disponibili

per tutti i paesi.

4) Sinceramente non vedo grandi differenze.

5) Siamo venuti a Premium Sourcing per incontrare dei nuovi clienti e per parlare dei nostri nuovi progetti (come i nuovi articoli disponibili dalla fine dell’autunno) ai clienti che abbiamo già. 6) È una fiera con un’atmosfera

“familiare” e calorosa che mi piace molto. La trovo molto interessante e abbiamo avuto dei contatti di qualità.

Responsabile Vendite Divisione Promozionale di UNIVERSAL

1) Universal è specializzata negli articoli da scrittura (80% prodotti in Italia e 20% importati) ed ha due divisioni: una di prodotti destinati alla GDO (nostro marchio Carioca) ed una dedicata al canale promozionale

2) Da quando siamo nati come divisione promozionale, cioè 17 anni fa. La vendita è realizzata direttamente dall’Italia, attraverso del personale dedicato. 3) I prodotti che abbiamo a catalogo sono disponibili per tutti i mercati, anche perché sono articoli universali. 4) Non vedo grandi differenze,

nemmeno in termini quantitativi. Accettiamo ordini dai 1.000 pezzi in su e li riceviamo sia da clienti italiani che da quelli francesi.

5) Siamo sempre alla ricerca di nuovi

clienti e ci interessa consolidare quelli già esistenti.

Julie Vinay Export Sales Manager di AMP TEAM

16

6) Devo fare i complimenti agli organizzatori! È una fiera ben organizzata, nuova nel suo concetto di organizzazione e questo è un grande vantaggio, perché di fiere tradizionali ce ne sono già tante. Secondo me è un’idea esportabile in Italia!

di Memo-Stick: blocchi appunti fustellati, con o senza copertina o penna, ecc. Gli articoli sono prodotti interamente (dalle bobine di carta al prodotto finito) nella nostra azienda di Conegliano.

2) Abbiamo sempre esportato il nostro prodotto, quindi i clienti francesi ci conoscono da molti anni. Vendiamo direttamente dall’azienda, sempre attraverso i distributori. Mauro Chech

Responsabile Commerciale di RESPONSOR

3) L’offerta è la stessa. Poi magari l’appeal dei singoli articoli può cambiare da un paese ad un altro, anche contrariamente alle previsioni.

4) Nel mercato francese il cliente

va seguito, è abbastanza preciso ed esigente. Non ho trovato elevati quantitativi di richiesta.

5) Incrementare ancor più la nostra

presenza all’estero che attualmente è di un 20% del fatturato.

6) C’è un ottimo afflusso ed è molto

interessante poter incontrare molti clienti in una volta sola, piuttosto che far spostare un commerciale, con tutte le difficoltà e costi connessi.


Alessandro Faggian Area Sales Manager di MASTER ITALIA

1) Produciamo accessori per la moda e promozionali (60% personalizzati): cappelli di tutti i tipi possibili e immaginabili, guanti, sciarpe, berrette, ecc. Siamo in grado di personalizzarli ed offriamo, inoltre, un sistema di produzione su misura (Design your Cap) a partire da 288 pezzi.

2) Vendiamo nel mercato francese da

oltre 10 anni, direttamente dall’Italia ai rivenditori francesi. Io sono il responsabile commerciale per la Francia e abbiamo anche due persone francofone in back office.

1) Nata nel 1979, Sipec è un fornitore di articoli promozionali, la cui gamma comprende numerose famiglie di prodotti, in particolare borse, articoli in pile, giubbini, penne, teli in microfibra e teli mare.

4) Nel mondo dell’headwear l’Italia

lavora con una qualità superiore, mentre in Francia c’è sempre molta richiesta di prodotti economici. Per quanto riguarda invece il servizio di personalizzazione, i nostri collaboratori locali ci consentono di proporre dei prezzi talvolta inferiori del 30% rispetto alla Francia e del 50% rispetto alla zona di Parigi.

5) Consolidare la clientela attiva e possibilmente trovare dei nuovi contatti interessanti. Vogliamo far crescere i nostri clienti consolidati facendo loro vedere le nuove tendenze del cappello (a gennaio usciamo con 50 nuovi prodotti) e offrendo un servizio di personalizzazione. 6) La trovo molto interessante. In fondo

Responsabile Filiale Francese di CAMAC ARTI GRAFICHE

2) Sin dai primi anni ’90, attraverso la partecipazione a fiere di settore, inizialmente seguendo i clienti direttamente dall’Italia e dal 2004 con una rete di commerciali.

1) Camac Arti Grafiche è un distributore d’abbigliamento promozionale multimarca, oltre che un fornitore di prodotti custom-made e servizi di personalizzazione.

i mercati resta il medesimo. Tuttavia, vengono talvolta inseriti degli articoli che richiamano le bandiere nazionali dei paesi in cui Sipec è presente.

anche se distribuisce la gamma promozionale Action Wear dal 2008 (prima lavorava per la divisione Moda). Fino all’anno scorso avevamo ancora uno stock in Francia, mentre oggi distribuiamo tutto dall’Italia

3) L’assortimento dei prodotti per tutti

3) Abbiamo 350 modelli a disposizione

con uno stock di 4.500.000 di pezzi, venduti in tutti i paesi europei. Ovviamente, ci sono dei prodotti che piacciono di più in un paese piuttosto che in un altro.

Gerard Lagougine

Daniele De Luise Marketing Manager di SIPEC

4) Il mercato francese è certamente più esigente e desideroso di servizi a valore aggiunto, quali la personalizzazione. A tal proposito, vi saranno numerose novità nell’offerta Sipec 2012.

5) Incontrare i maggiori rivenditori del mercato, presentare il nuovo catalogo e stringere ancor più il legame con alcuni clienti.

6) È una vetrina importante per il mercato francese: la location, il periodo dell’anno in cui si svolge, la formula organizzativa sono di pieno successo. Potrebbe eventualmente essere esportata in Italia con alcuni accorgimenti dati dalle peculiarità del mercato.

2) La filiale francese esiste dal 2003,

3) Il catalogo francese è identico a quello italiano ed anche le tariffe sono le stesse. Abbiamo voluto semplificare il lavoro interaziendale per focalizzarci sulla parte commerciale e sugli sviluppi. 5) Essenzialmente farci conoscere e

presentare le nostre specificità, quali l’offerta di articoli in spugna, alcune marche poco conosciute in Francia e la nostra produzione speciale, che beneficia del nostro know-how nell’ambito della moda.

6) È un’ottima formula: si respira un’atmosfera quasi familiare e l’organizzazione è perfetta (nessuno prima d’ora si era mai preso la briga di scaricarmi la macchina!). Anche il periodo è perfetto per far ripartire l’attività dopo le vacanze e il luogo è il giusto complemento geografico di Lione, la cui fiera è ormai un’istituzione.

è come una partita a poker, se tutti giocano con le stesse carte vedi chi è più bravo. Noi per la prima volta abbiamo fatto uno stand piccolo puntando solo sui prodotti personalizzati.

#5 Ottobre 2011

17


NOVITÀ PRODOTTI E L A I C E P S

regali di fine anno Accessori per la tavola, addobbi natalizi, oggetti eleganti e regali d’eccezione: archiviata l’estate, i produttori e gli importatori d’oggettistica promozionale e regalistica aziendale propongono tante novità per soddisfare le richieste di fine anno, siano esse legate o meno al Natale. Ecco la nostra selezione…

Accessori

Indispensabile chapka per un inverno trendy Come proteggersi in modo efficace dal freddo contro le rigide temperature invernali, restando comunque alla moda e senza perdere il proprio stile? Master Italia propone una soluzione molto trendy con la sua chapka, il famoso berretto da aviatore con pelliccia, della marca Atlantis, disponibile in 2 colori (bianco e grigio). Basta provarlo per non toglierselo più dalla testa! www.masteritalia.it

Cerchietto natalizio per Inspirion Più originale del classico cappellino rosso da babbo Natale, ecco la proposta d’Inspirion: un cerchietto con corna di renna ed annesse campanelle (cod. Ringing Reindeer 0902317). Il Natale sarà una grande festa, per grandi e piccini! s Dimensioni: 31x32,5 cm www.promotiontops.com

18


NOVITÀ PRODOTTI Prodotti alimentari

Un babbo natale da mordere! Con questo bellissimo regalo goloso, gli inserzionisti faranno colpo sui propri clienti in occasione delle feste! Questo babbo natale di cioccolato è completamente personalizzabile, dalla testa ai piedi, con i colori dell’azienda che lo offrirà in regalo. Fatto di cioccolato di marca prodotto in Germania, è disponibile in versione fondente (60% cacao) o al latte (30% cacao). Questo simpatico ometto, confezionato con carta bianca o argentata, darà maggior risalto all’inserzionista grazie alle sue dimensioni. s Dimensioni: 130x50x30 mm www.kalfany.de

Pelletteria

Regali di classe per finire l’anno con stile Molto elegante e raffinata questa custodia per iPad 1 e 2 di Atelier Poltrona Frau, realizzata in morbida pelle e dotata di cuciture a contrasto, oltre che di un bordo rifinito a mano con verniciatura tono su tono. Quest’articolo è distribuito da Giving Europe Italia che, attraverso la Divisione Regalistica, promuove le esclusive collezioni firmate di Atelier Poltrona Frau, Giorgio Fedon 1919, Antica Murrina Venezia, Coltelleria Saladini e Montres de Luxe; oggetti di stile e qualità, che si contraddistinguono per come sono stati sia concepiti sia realizzati, grazie ad una lunga e rara tradizione manifatturiera italiana. www.givingeuropeitalia.it

Viaggiare con stile

Fine anno davvero “speziale” grazie a Mid Ocean Brands

Per chi vorrebbe partire e per chi parte veramente, NBL Vitolo propone un borsone da viaggio (cod. IT101) in vera pelle “made in Italy” del marchio Roma, per distinguersi in qualsiasi parte del mondo si vada! Grazie alle sue dimensioni (cm 43x31x26) può essere imbarcato in aereo come bagaglio a mano. Dispone di diverse tasche e scomparti per organizzare il bagaglio ed è possibile produrlo in tanti colori. Un regalo di prestigio che sicuramente sarà molto apprezzato. www.nblvitolo.com

E perché mai la fine dell’anno dovrebbe essere insipida? Al contrario, Mid Ocean Brands ha tutto quel che serve per darle un tocco di sapore davvero speciale grazie al suo articolo MO7737. Quest’originale set da 4 spezie colorate, dotato di supporto in metallo e legno, presentato in un’apposita scatola di cartone con coperchio trasparente e nastro con biglietto, contiene: 45 gr. di sale grosso, 22 gr. di pepe nero, 20 gr. di paprika e 5 gr. di prezzemolo. L’articolo qui presentato, inoltre, rientra nella nuova collezione “Gourmetissimo” che include diversi prodotti dolciari e per la cucina. www.midoceanbrands.com

#5 Ottobre 2011

19


NOVITÀ PRODOTTI Speciale regali di fine anno

Ombrelli

Un ombrello da competizione! Con i suoi 129,5 cm di circonferenza, l’ombrello Grand Prix di Viesse (cod. OEX05600) offre un’ampia protezione dalla pioggia. Realizzato in pongee nero, con stecche in fibra di carbonio e manico dritto in EVA, questo modello golf automatico è personalizzabile tramite serigrafia e transfer sublimatico. www.viesse.com

Informatica

Meglio puntare sull’oro…

In questo periodo di crisi, si sa, uno dei pochi investimenti sicuri è quello nel metallo giallo per eccellenza… Ecco quindi che Sipec propone un’originale chiavetta USB (cod. 12415) da 2 GB in metallo, 3,9x1,6x1,6 cm, tra i cui colori disponibili spicca il giallo oro. Dotata di chip scorrevole a scomparsa, sarà un regalo “prezioso” per le feste di fine anno. www.sipec.com

Addobbi natalizi

Con ABC Promotion è già Natale!

Inizia ad intravedersi il Natale e non sapete come addobbare il vostro albero? ABC Promotion vi permette di realizzarne uno davvero originale ed accontentare tutte le vostre esigenze in termini di colori e materiali, grazie alle palline di Natale fatte di carta. Proposte in 2 diversi formati, da 5 e 7,5 cm, questi oggetti nuovi ed originali consentono di stampare il logo dell’inserzionista su tutta la superficie della pallina. www.abcpromotion.it

20

Arte in tavola LM Accessoires infonde calore!

Silicone e acciaio inox sono i materiali con cui è realizzato questo bell’accessorio per il tè della marca Reflects (cod. 51524 Tynemouth), uno dei best-sellers di LM Accessoires per i regali di fine anno 2011. Questo bel set colino da infuso, originale e colorato, serve anche per mescolare. Inoltre, grazie alla foglia in silicone, è molto semplice afferrarlo senza ustionarsi! www.lm-accessoires.com


NOVITÀ PRODOTTI

TESSILE

3

1

2

4

Giacche

Polo

La giacca Diabolik (cod. E0602) 1 della marca MyDay, proposta in colori sobri e intramontabili, è dotata di un look alla moda caratterizzato da collo e vita con bordo a costine tricolori. Confezionata in 100% nylon, con interno in mesh, è anche provvista di 3 tasche con zip (sui lati e sul petto). Da notare che questo capo unisex destinato ad un vasto pubblico offre un’ampia scelta di taglie. s Dalla taglia XS alla XXXL, 4 colori www.mydaywear.com

La polo da donna della marca Spiro (cod. S177F) 3 , ideata per accompagnare le prestazioni sportive, è confezionata in mesh 100% poliestere (145 g/m²). Il tessuto ultraleggero è molto traspirante e permette un’asciugatura rapida: tutte qualità molto apprezzate durante lo sforzo fisico! Il modello è disponibile anche nella versione maschile. s Dalla taglia XS alla XL, 7 combinazioni di toni. www.resultclothing.com

MyDay reinventa lo stile urbano casual

Softshell

James Ross vi protegge da tutte le intemperie! Niente di meglio della giacca softshell Brunico per affrontare le intemperie! Questo nuovo modello della marca James Ross 2 , realizzato col 92% di poliestere e l’8% di elastane, presenta una superficie completamente resistente all’acqua (6.000 mm/H2O). Inoltre, è dotato di cappuccio e maniche staccabili, oltre che di numerose tasche molto pratiche di cui una per il cellulare. I polsini sono regolabili con velcro. s Dalla taglia S alla XXL, 2 colori www.jamesross.it

22

Spiro cura il “team spirit”

Il contrasto fa la differenza! La nuovissima polo unisex a maniche corte della marca SOL’S (cod. Prince-11369) 4 , realizzata in tessuto piqué 100% cotone pettinato, possiede un collo a contrasto così come la fascia posta all’altezza degli spacchetti laterali e del fondo manica. Il modello è assolutamente trendy e provvisto di placket a 2 bottoni in tinta. s Dalla taglia XS alla XXL, 9 combinazioni di toni www.sols-europe.com


TESSILE

Sport

Dribbling e goal con Gamegear!

5

La collezione 2011 della gamma Gamegear presenta 11 nuovi prodotti Cooltex tra cui il completo da calcio composto da una maglietta (cod. KK978) 5 e un paio di pantaloncini coordinati (cod. KK970) 6 in 100% poliestere (140 g/m²). Il completo è disponibile nei colori più richiesti e le fasce a contrasto sulla maglia sono perfettamente abbinate al colore in tinta unita dei pantaloncini. La marca ha aggiunto le taglie XXS e XS per rendere la gamma adatta ai club di squadre di diverse categorie di età. s Dalla taglia XXS alla XXL, 4 combinazioni di toni. www.kustomkit.com

6

Calze che migliorano la performance Le calze a compressione favoriscono l’attivazione muscolare prima dell’attività sportiva, migliorano la performance e la resistenza durante l’esercizio, e, infine, velocizzano i tempi di recupero. Realizzate dalla marca James & Nicholson (cod. JN208) 7 , sono confezionate con l’85% di poliammide ed il 15% di elastane. Presentano una forma ergonomica piede destro/piede sinistro ed una cucitura piatta sulle dita dei piedi che assicura un comfort maggiore. Inoltre, sono dotate d’imbottitura sul plantare e cuscinetti sul tallone e sulle dita. s Dalla taglia I (25-31) alla IV (45-50) - Le taglie corrispondono alla circonferenza del polpaccio in cm www.james-and-nicholson.de

7

9

The Big Apple accompagna gli appassionati di fitness Confezionati in jersey 92% cotone ed 8% di elastane, questi pantaloni (cod. FI703D) 8 possiedono tutte le qualità di comfort e morbidezza necessari all’attività del fitness. Bianchi o neri, esistono anche i pinocchietti (cod. FI704D) che si possono abbinare a una canotta (cod. FI705D) 9 . s Dalla taglia S alla L, 2 colori www.carpipromo.it

8

Pile

Pronte a resistere al freddo con Fruit of the Loom La nuova giacca in pile con zip da donna (cod. 62-066-0) della marca Fruit of the Loom è realizzata in 100% poliestere (300 g/m2). Possiede delle cuciture visibili in tinta all’altezza delle spalle e della vita, e due tasche laterali chiuse da zip nascoste. Il taglio attillato si adatta perfettamente alla silhouette femminile. Piccolo particolare: il tessuto gode di un trattamento antipilling. s Dalla taglia S alla XXL, 5 colori www.fruitoftheloom.eu

#5 Ottobre 2011

23


NOVITÀ PRODOTTI

TESSILE 11

12

13

10

T-shirt

Doppio gioco per B&C

La novità 2011 della marca Promodoro è la Women’s Slim Fit V-Neck-T Long (cod. 3087) 10 confezionata in single jersey con il 95% di cotone ed il 5% di elastane (180 g/m2), un tessuto che la rende estremamente morbida. Questo top con scollo a V, taglio lungo e leggermente sfiancato, seduce tutte le donne che vogliono restare semplici e femminili in ogni occasione. s Dalla taglia XS alla XXL, 4 colori www.promodoro.de

B&C presenta la Blondie Classic (cod. TW260) 12 , una t-shirt a maniche corte raglan, provvista di una scollatura a V molto seducente. Per conferire maggiore stile, possiede delle impunture sul fondo del capo e all’estremità delle maniche. Le cuciture piatte all’interno offrono un comfort superiore. Il capo è realizzato in 100% cotone pettinato ringspun preristretto (120 g/m2) ed è particolarmente morbido. Presentato nella gamma Duo Concept, esiste anche nella versione maschile con il codice Mick. s Dalla taglia XS alla XL, 6 colori www.bc-collection.eu

Il bambù di casa Alô

L’eleganza corporate secondo Russell

La particolarità di questa nuova t-shirt da uomo (cod. M1070) 11 della marca Alô è il tessuto. Di fatti, è realizzata con il 30% di cotone jersey ed il 70% di bambù, una fibra dalle proprietà naturali che consente di ridurre la traspirazione e di prevenire la proliferazione di batteri. Il taglio molto ampio consente una grande libertà di movimento per un comfort superiore. s Dalla taglia S alla XXL, 4 colori www.aloclothing.com

Il top in tessuto elasticizzato con maniche a 3/4 (cod. R-992-F-0) 13 , presentato dalla marca Russell possiede un taglio attillato che copre i fianchi e si adatta a tutte le linee. Il collo a barca e lo spessore doppio all’altezza del collo, della vita e dei polsini gli conferiscono un look elegante. Confezionato col 90% di cotone ed il 10% di elastane (215 g/m2), è caratterizzato da un tessuto ultramorbido, ideale per le stampe discrete, i ricami e le etichette a bandiera. s Dalla taglia XS alla XXXXL, nero e bianco www.russelleurope.com

Promodoro allunga le t-shirt

24


FOCUS

TESSILE

L’arte della

camicia

Generalmente associata all’universo “corporate”, la camicia è uno dei pilastri del tessile promozionale. In passato utilizzata quotidianamente pressoché esclusivamente dagli uomini, oggi si è femminilizzata e le marche non cessano adi modernizzarla (trattamento antipiega, cuciture speciali anti-sgualcitura, tessuto elastico, abbottonatura nascosta...) per adeguarla alle necessità dei consumatori sempre più numerosi. Concepita per il lavoro o per un utilizzo più urbano, classica o molto contemporanea, la camicia è un supporto promozionale vantaggioso che consente alle aziende di beneficiare di una visibilità particolarmente curata. Nel 2011, le marche si sono mostrate piuttosto creative con i nuovi modelli proposti, come testimoniato dalla selezione presentata in questo focus.

Roly

La Camisa Manga 3/4 (cod. 5069 Paris) è una camicia da donna le cui maniche a tre quarti presentano uno spacchetto all’altezza del gomito. Inoltre, presenta due pince laterali sul dietro e sul davanti, a sottolinearne il taglio sfiancato. Realizzata con il 97% di cotone ed il 3% di Spandex (130 g/m²), possiede un tessuto morbido, elastico e di lavaggio e stiratura facili. s Dalla taglia S alla XXL, nero o bianco www.roly.es

Best in Town

Confezionata in jeans 100% cotone (160 g/m²), la camicia Western (cod. 24100) è morbida e confortevole. Dotata di bottoni madreperlati e di due tasche sul petto con patta abbottonata, è caratterizzata da uno stile autentico e casual. s Dalla taglia S alla XXL, 3 colori www.pfconcept.com

26


TESSILE

Kokse

La camicia Sydney è confezionata in 100% popeline di cotone (130 g/m²). Questo modello a maniche lunghe viene proposto in bianco e in nero e garantisce uno stile “corporate” ineccepibile. Il fondo è leggermente arrotondato per un look decisamente femminile. s Dalla taglia S alla XL, 2 colori www.kokse.com

Kariban

La camicia da uomo K1300, leggermente aderente, costituisce un nuovo modello della collezione The Trendy Collection di Kariban. Confezionata in 95% popeline di cotone e 5% elastane, ha subito un trattamento agli enzimi che assicura un comfort quotidiano. Inoltre, un trattamento easy care ne facilita la stiratura. s Dalla taglia S alla XXL, nero o bianco www.kariban.com

Fruit of the Loom

Questa camicia Oxford a maniche lunghe (cod. 65-114-0) è realizzata in 70% cotone e 30% poliestere (130 g/m² e 135 g/m² in versione colorata). Questo modello classico presenta una tasca sul petto e punte di collo e polsini abbottonati. Il capo è disponibile anche nella versione femminile con il codice 65-002-0. s Dalla taglia S alla XXXL, 6 colori www.fruitoftheloom.eu

Russell

L’articolo R-993F-0 di Russell è una camicia a maniche lunghe, dotata di bottoni in tinta e di un taglio allungato sui fianchi. Realizzata col 90% di cotone ed il 10% di elastane (215 g/m²), presenta un tessuto elastico estremamente morbido al tatto che assicura una tenuta perfetta del capo per una vestibilità sempre aderente. s Dalla taglia XS alla XXXXL, nero o bianco www.russelleurope.com

#5 Ottobre 2011

27


FOCUS

TESSILE

L’arte della camicia

SOL’S

I nuovi modelli Bolivia, da uomo (cod. 16005) e da donna (cod. 16006), si distinguono per l’estrema morbidezza al tatto (100% cotone, 120 g/m²). Le camicie presentano all’altezza del petto due tasche applicate con patta abbottonata. Inoltre, la lunghezza della manica è regolabile tramite patta di regolazione per un look decisamente estivo. s Dalla taglia XS alla XXL, colore corda www.sols-europe.com

B&C

Bargear

La camicia a maniche lunghe KK123 dispone di un collo alla coreana, morbido e termoincollato, con abbottonatura nascosta. Realizzata con il 57% di cotone, il 40% di poliestere ed il 3% di lycra (120 g/m²), possiede un tessuto leggermente elasticizzato per un comfort maggiore. Inoltre, il didietro allungato della camicia si adatta a tutte le silhouette. Questo modello, decisamente moderno, è perfetto per il personale del settore della ristorazione. s Dalla taglia S alla XXL, solamente nero www.kustomkit.com

La camicia da uomo Havana (cod. SM570) è un modello perfettamente in linea con le tendenze del momento: taglio aderente, bottoni perlati e una gamma di colori inediti, come il “paradise pink” (foto a fianco). È confezionata in 100% cotone pettinato (120 g/ m²) e ha subito un trattamento antipiega che la rende ingualcibile. Il capo presenta, inoltre, una tasca sul petto a sinistra ed è corredato di due bottoni di ricambio. s Dalla taglia S alla XXL, 5 colori www.bc-collection.eu

Henbury

Questa camicia a maniche corte da uomo (cod. H546) associa un taglio aderente a dei bottoni perlati. Questo modello dotato di collo con stecche rimovibili e di pince nella parte posteriore, si adatta a tutte le silhouette. Confezionato col 97% di popeline di cotone ed il 3% di elastane, assicura una morbidezza e un comfort senza pari. s Dalla taglia S alla XXL, 4 colori www.henbury.com

28


ione z e l l o c a n u ne di o i z a ssivo e e r c c c u a s L “ o s s ra il pa e e i c i m a c di iluppo v s o l l e n o più logic ca” r a m a r t s o della n Intervista a Yasmina Alvarez, Managing Director di Falk&Ross Group Italia, in occasione del lancio, alla ripresa delle attività a settembre, di una gamma di camicie col marchio del gruppo, SG.

TOP!: Perché SG ha voluto ampliare

James & Nicholson

Questa camicia da trekking a maniche corte a quadretti è realizzata in 100% poliestere, un tessuto traspirante che regola l’umidità, s’asciuga rapidamente ed è facile da lavare e stirare. Il capo è stato sottoposto ad un trattamento antibatterico e antiodore, e gode di una protezione anti UV (UPF 30) di grande efficacia. Il modello da uomo (cod. JN 1032) presenta una tasca sul petto e spacchetti laterali mentre il modello da donna (cod. JN 1033) è caratterizzato da un taglio sfiancato e da una patta abbottonata sul fondo manica. s Dalla taglia S alla XXL (XXXL nel modello da uomo), 4 colori www.james-and-nicholson.de

la propria collezione estendendola alle camicie? Qual è il target a cui mirate? Yasmina Alvarez: La marca SG deve presentare una collezione di prodotti di qualità, di facile vendita per i nostri clienti e di facile scelta per il cliente finale. La creazione di una collezione di camicie era il passo successivo più logico nello sviluppo del nostro marchio. Un’attenta analisi delle necessità del cliente ci ha consentito d’identificare le camicie come esigenza prioritaria e, di conseguenza, abbiamo scelto di presentare una collezione completa e di ottima qualità per uomo, donna e bambino.

Quali sono i punti di forza di questa nuova gamma? Restiamo fedeli all’ispirazione del nostro slogan “Keep it Simple”. Offriamo quindi un enorme vantaggio ai nostri clienti così come al cliente finale che potrà riconoscersi facilmente nel nostro stile. Per l’ideazione dei tre modelli* è stato adottato un approccio tutto nuovo in quanto essi sono stati realizzati per assicurare al cliente benessere, comfort e durata, grazie all’eccellente tessuto elasticizzato e al popeline che non necessita nemmeno di stiratura. Per quanto riguarda l’Oxford, la sua tessitura compatta conferisce al capo una bella fattura ed un aspetto setoso. Ciascun modello è disponibile in versione a maniche lunghe e corte, per uomo e per donna, ad eccezione della camicia elasticizzata da donna con maniche a tre quarti. In quanto ai colori, tutti i modelli sono proposti in nero, bianco, rosa e blu. Inoltre, un’estrema coerenza tra le taglie all’interno di tutta la collezione, permette di raccomandare più agevolmente i prodotti.

SG

La marca SG ha completato la propria collezione con una gamma di camicie lanciata a settembre. Tra di esse, il modello Oxford (cod. SG70) da donna presenta una struttura morbida e lussuosa in tessuto misto 80% cotone e 20% poliestere, ideale per la personalizzazione. Il tessuto ha subito un trattamento Easycare, per una stiratura facile, è lavabile a 40 °C e può essere messo nell’asciugabiancheria senza problemi. Il modello presenta un collo a due bottoni, pince dietro e polsini con risvolto abbottonato. s Dalla taglia XS alla XXL, 4 colori www.sg-clothing.com

Quali strumenti vengono utilizzati per accompagnare questo lancio? Abbiamo presentato le nostre camicie alla fiera Premium Sourcing di Parigi a inizio settembre. Il messaggio della nostra campagna è “Novità al 100%” in quanto tali camicie non sono semplicemente una novità nell’offerta di SG ma rappresentano una vera novità per il mercato, essendo delle camicie differenti. Ai rivenditori registrati sui siti SG e Falk&Ross saranno messe a disposizione cartelle campioni di tessuto e poster. * Oxford cod. SG70/71, Popeline cod. SG 72/73 e Stretch cod. SG 74/75.

#5 Ottobre 2011

29


NOVITÀ PRODOTTI

OGGETTI

4

1

3

2

Borse

Una collezione che si proietta nel futuro! Tomorrow è la nuovissima collezione di borse personalizzabili della marca Lexon. Include 6 diversi modelli, realizzati in Woolinex, un tessuto, al tatto, simile alla lana. La borsa da palestra (cod. LN 406) 1 è provvista di doppia chiusura lampo, due comparti separati per dividere, ad esempio, i vestiti dai prodotti per l’igiene personale. Due manici e una tracolla consentono di portarla a mano o in spalla. Questa collezione molto trendy comprende anche uno zaino, un borsello, una borsa a tracolla, una cartella portadocumenti semplice e una estensibile. s Dimensioni: 48x31x18 cm www.lexon-design.com

La primavera arriva da Kimood “Rosa”, la nuova borsa per lo shopping ripiegabile di Kimood (cod. Ki.0.202) 2 è confezionata in poliestere 190T. Sfoggia una bella rosa davanti che, di fatto, non è altro che una custodia nella quale ripiegarla quando non serve. Personalizzabile tramite serigrafia, quest’articolo offre una grande visibilità all’inserzionista. Con fiori e colori (7 proposte), Kimood promette una primavera radiosa! s Dimensioni: 39x52 cm Superficie per la personalizzazione: 20x15 cm www.kimood.net

30

Outdoor

Piccolo, ma efficace … PSL Design lancia un nuovo pedometro (cod. Counter SSP1029) 3 provvisto di rivestimento in gomma antiurto e laccetto che ne facilita il trasporto. Esso consente di contare il numero di passi effettuati, i chilometri percorsi e di calcolare le calorie bruciate! Relativamente sottile, s’infila in tutte le tasche. Il pedometro Counter è disponibile in 6 colori e personalizzabile tramite serigrafia. La pila a bottone è inclusa. s Dimensioni: 6,3x3x1 cm Superficie per la personalizzazione: 42x20 mm, 20x18 mm www.winsrl.it

Ufficio

L’accessorio in miniatura di PF Concept PF Concept presenta un set di 12 mini Page’Up disponibili in una varietà di colori translucidi (cod.10.630.800) 4 . Questi accessori, utilizzabili come porta biglietti da visita, appunti, foto o persino cartoline postali, sono apprezzati sia in ufficio che a casa. Facciamo notare che nel 2011 la marca PF Concept ha ripreso a distribuire i prodotti della marca Page’Up in tutta Europa. s Dimensioni: 3x2,5x1,8 cm www.pfconcept.com


OGGETTI 6

7

8

9

Informatica

La chiavetta USB in una veste nuova con Deonet La società Deonet nota nel mercato dell’oggettistica promozionale per le sue produzioni rapide di chiavette USB personalizzate, sempre attenta a distinguersi dagli altri fornitori, ha appena presentato la Smart Twist 6 , un modello in plastica brillante, girevole, piccolo ed elegante. Questo nuovo modello è dotato di un sistema di apertura originale: il connettore esce dal corpo della chiavetta con una rotazione di 360 gradi. Questa nuova chiavetta è disponibile da 1 a 16 GB, in nero o bianco, ed entrambi i lati possono essere personalizzati con la stampa diretta (personalizzazione con tutti i colori). www.deonet.it

Rotonda e supersottile, la nuova chiavetta USB di Maikii Color Card Round 7 è il nome di questa chiavetta USB rotonda (4,6 cm di diametro) e dallo spessore ultrasottile (appena 2 mm), realizzata dall’azienda Maikii. Grazie alla particolare forma e alla possibilità di stampare su entrambi i lati in serigrafia o quadricromia, si presta perfettamente alla riproduzione di loghi e prodotti di questa forma. Dotata di un chip COB di ultima generazione con memoria da 1 a 16 GB, è anche particolarmente pratica grazie alla possibilità di staccare il connettore. www.maikii.com

Audio

Suono e luce, fonti di benessere! La marca Muse arricchisce la linea “Audio & Light” con il nuovo modello ML-30 CR 8 . Design completamente tondeggiante, luce regolabile e funzione radio-sveglia rendono questa lampada da tavolino un oggetto originale “2 in 1” che apporta un tocco futuristico sul comodino della camera da letto. Consente di regolare l’intensità della luce e creare atmosfere con colori diversi a seconda dell’umore e delle attività. Può anche diffondere una luce bianca per essere utilizzata semplicemente come lampada da comodino. Un regalo originale, moderno, utile e fonte di benessere. www.muse-europe.com

Sicurezza

Ben al riparo nella casa della sicurezza … Questo kit di sicurezza per la casa (cod. P269.360) 9 presentato dalla marca Xindao è un cofanetto di cartone a forma di casa che contiene diversi accessori utili e pratici: una coperta antincendio, un rivelatore di fumo, un kit di pronto soccorso, una torcia Dyno, una catenella di sicurezza per porta, un termometro per radiatore e una protezione per prese per bambini. Questo kit permette di affrontare tutti gli imprevisti per garantire un’ottima sicurezza in casa. s Dimensioni: 20x20x30 cm www.xindaoitalia.it

#5 Ottobre 2011

31


FOCUS

OGGETTI

Un oggetto su cui si può sempre contare… Blu, arancione, fucsia, verde: questa calcolatrice in gomma morbida di Passot ne combinerà di tutti i colori!

Trans Script di Topico è una calcolatrice 3 in 1 che fa anche da riga e da traduttore.

32

La calcolatrice non hai mai smesso di reinventarsi. Sia essa incorporata in un tappetino per il mouse o associata ad un bloc-notes, rispettosa dell’ambiente o piuttosto design e decorativa, resta sempre una stella del firmamento promozionale!

Per continuare a suscitare l’interesse degli utilizzatori, molti fornitori dotano le calcolatrici di altre funzioni: riga, orologio o accessorio informatico, come nel caso d’Inspirion. “Le calcolatrici sono dei prodotti classici”, sottolinea Michele Ricci, responsabile per l’Italia dei rapporti diretti con la clientela. “Si tratta di un mercato di nicchia per noi, nel senso che vendiamo più o meno sempre la stessa quantità di calcolatrici da ufficio o tascabili. Ma dotiamo il prodotto di nuove funzioni. Ad esempio, proponiamo delle calcolatrici integrate in tappetini per il mouse, che svolgono anche un ruolo di hub. Nel caso del marchio Topico, la calcolatrice assume le fattezze di una riga, dotata inoltre di un orologio mondiale con l’ora di 15 paesi”. Calcolatrici design o ad energia solare, Giving Europe ha sempre proposto degli strumenti di calcolo, anche se, come constata Stefano Zaccaria, amministratore delegato di Giving Europe Italia: “La richiesta di questo tipo d’articoli è sensibilmente calata. Oggigiorno le persone si rivolgono piuttosto a dei programmi informatici integrati per fare i loro calcoli: calcolatrice di Microsoft, fogli elettronici Microsoft Excel, ecc. Addirittura sull’App Store si possono scaricare riedizioni delle calcolatrici Hewlett Packard”. Inoltre, Zaccaria aggiunge che “considerata l’importante diffusione dei devices mobili, bisogna investire seriamente nel mobile marketing, anche con applicazioni di calcolatrici virtuali personalizzabili per il mercato del promozionale”. Ci sono poi dei produttori che optano per dei modelli di calcolatrici più colorati o ludici, ideali per dar un tocco di fantasia al proprio ambiente di lavoro. In definitiva, bisogna riconoscere che per molti fornitori le calcolatrici sono comunque dei prodotti indispensabili all’interno di un catalogo generalista, trattandosi di articoli di valore assicurato per le campagne caratterizzate da budget ristretti. ///


OGGETTI

La resa dei conti… Obliqua

Grazie al suo piedistallo che le consente di reggersi in posizione obliqua, la calcolatrice da tavolo Crisma del marchio Macma offre una grande facilità d’uso. È dotata di 10 cifre e presenta un display digitale. s Dimensioni: 16x12,3x7 cm (articolo aperto con piedistallo) Personalizzazione: 5x2 cm www.macmaitalia.com/7bd4ee/it/index.html

Tonda

Sorprendente, la calcolatrice “Ovni” di Passot da un tocco d’allegria alla scrivania. Realizzata in plastica blu, presenta dei tasti variopinti per un effetto davvero divertente! www.passot-innovation.com

Ampia

Non c’è rischio di sbagliare tasto su quest’ampia calcolatrice ad 8 cifre di Mid Ocean Brands dal nome Padcal (MO7753). Oltre che per l’ampiezza, questa calcolatrice si contraddistingue per il suo spessore sottile e, soprattutto, per i suoi tasti tutti colorati. s Dimensioni: 24x19x0,6 cm www.midoceanbrands.com

Trasparente

Questa calcolatrice ad 8 cifre di Inspirion, dotata di touch screen ed alimentazione a batterie e solare, è realizzata in plastica trasparente (cod. 4551). È disponibile a catalogo Impression di Giving Europe Italia nelle varanti a cornice bianca, nera o blu. Si contraddistingue per il suo design attuale. s Dimensioni: 8,2x12x0,7 cm www.impression-catalogue.com

Sottosopra

Se la si capovolge, questa calcolatrice solare in alluminio e plastica della marca Reflects (cod. 60116 Maribor) si trasforma in una cornice fotografica semplice ed elegante. s Dimensioni: 145x85x10 mm Personalizzazione: 37x20 mm www.lm-accessoires.com

#5 Ottobre 2011

33


FOCUS

Un oggetto su cui si può sempre contare…

OGGETTI

Pieghevole

Al tempo stesso mouse pad e calcolatrice solare, quest’articolo della marca Ami de la Planète (cod. CF5) di MMS ha il suo posto assicurato accanto al computer. Una volta piegato in due, è facile da inserire in borsa. s Dimensioni (aperta): 240x180 mm Personalizzazione: 90x50 mm www.guide-pub.com

Ludica

Non riempitevi la testa di numeri, distraetevi un po’ grazie al labirinto che si trova sul retro di questa calcolatrice (cod. 12333400) di PF Concept. I risultati dei calcoli sono presentati in 10 cifre. s Dimensioni: 12x3x1 cm www.pfconcept.com

Pratica

Proposta da Anda, questa calcolatrice in plastica trasparente (cod. AP761476) è dotata di una molletta per agganciarla ovunque ed averla sempre sotto mano! s Dimensioni: 40x75x15 mm Personalizzazione: 30x15 mm www.andawestern.eu

Arrotolabile

Altro che tascabile, la calcolatrice Roll Up (cod. 3088) di Makito è addirittura arrotolabile! Presentata in una scatola di PVC trasparente di forma cilindrica, questa calcolatrice è inoltre dotata di calamita e funziona ad energia solare. Disponbile in 3 colori: nero, rosso e blu. s Personalizzazione: 35x15 mm www.asiatradesrl.com

Vanitosa

Questa calcolatrice ad 8 cifre di Get Impressed (cod. 27507), realizzata in plastica e vetro, si apre in due ed ha, nella parte frontale, un pratico specchietto. Ideale per le più vanitose! s Dimensioni: 4,5x13x1 cm www.getimpressed.eu

34


“Ammiccante”

Calcolatrice o iPhone? Bella trovata di Silicon: una calcolatrice in plastica che strizza l’occhio al noto melafonino, dotata di 8 cifre con memoria, percentuale e radice quadrata. I suoi tasti variopinti le conferiscono, inoltre, un tocco d’allegria! s Dimensioni: 6,2x11x0,7 cm www.promobusiness.net

Ecologica

Fare i calcoli pensando all’ambiente, è quanto propone Viesse con la sua calcolatrice solare e biodegradabile (cod. CCT00140) realizzata in PLA, materiale derivato dal mais. Quest’articolo è personalizzabile tramite serigrafia o tampografia. s Dimensioni: 12x6,2x0,8 cm www.viesse.com

Ovunque e in qualsiasi momento potete consultare la versione elettronica della rivista su www.top-rivista.it


FOCUS

OGGETTI

In macchina! È innegabile che l’automobile rappresenta una vera e propria fonte d’ispirazione per i produttori e gli importatori d’oggettistica pubblicitaria. E poiché sono tantissimi gli italiani che passano quotidianamente buona parte del loro tempo in macchina, sia per lavoro sia per piacere, la scelta di un supporto promozionale appartenente a quest’universo costituisce una garanzia di visibilità per l’inserzionista. Trattasi di oggetti semplicemente utili oppure legati alla sicurezza stradale, di cui vi offriamo in questo focus una selezione delle novità 2011…

Orientativo

Con le sue 584 pagine che contengono cartografia stradale e piante di città con punti d’interesse, di cui alcuni dotati di QR code per collegarsi al sito mobile touring, quest’atlante stradale portatile (1:200.000) è la guida fidata di ogni automobilista. Confezionato in brossura cucita, con copertina personalizzabile su richiesta, è edito da Touring Editore e distribuito sul canale promozionale da Giving Europe Italia, nell’ambito di una partnership strategica. s Dimensioni: 18,4x26,4 cm www.givingeuropeitalia.it

Pratico

Grazie al portaocchiali da auto Visor Clip della marca Driinn, realizzato in 100% propilene e disponibile in 3 colori, gli occhiali, sia da sole che da vista, sono sempre a portata di mano. Basta un rapido movimento per afferrarli! s Dimensioni: 55x22x30 mm www.driinn.com

36


OGGETTI

Organizzato

Per non affidare gli appunti alla memoria, Responsor ha ideato Memo Auto (art. 1270), un blocco Memostick (50 fogli) completo di penna in plastica trasparente, da agganciare alla bocchetta dell’aria. È inoltre possibile avere una penna Briosa stampata in quadricromia e resinata sulla clip, richiamando armonicamente la grafica del blocchetto e del cartoncino. s Dimensioni: 85x110 mm (con cartoncino di supporto) www.responsor.it

Carico Molteplice

Una presa di corrente in macchina fa sempre comodo, figuratevi 3! Tante sono le prese DC 12V che mette a disposizione l’articolo Multi Socket, grazie alla sua prolunga da collegare all’accendisigari. s Dimensioni: 91,5x43x40 mm www.gds-import.com

Mai più scarichi grazie al pratico caricabatteria da auto (cod. MO7718) di Mid Ocean Brands, che s’inserisce nella presa accendisigari. Dotato di due porte USB, è compatibile con tutti i dispositivi elettronici che utilizzano un cavo USB per la ricarica. s Dimensioni: 6x4x3,5 cm www.midoceanbrands.com

Ecologico

Il pratico portadocumenti della collezione Recycled Tyres di NBL Vitolo è capiente e soprattutto ecologico, essendo realizzato grazie al recupero e riciclo di pneumatici dismessi. Si chiude con un bottone a pressione ed è personalizzabile (anche con etichetta resinata in quadricromia). s Dimensioni: 23,5x18,5x4,5 cm www.nblvitolo.com

Rassicurante

In caso di emergenza, niente panico, grazie a questo pratico set di Sipec dalle molteplici funzioni: torcia ricaricabile con dinamo, martelletto e taglierino taglia-cinture di sicurezza (posto alla base del martelletto). L’articolo è realizzato in ABS e in metallo. www.sipec.com

#5 Ottobre 2011

37


Primo piano

a i l a t I e p o r u E g n i Giv … o t l a n i a t pun ! a m m a g i d Giving Europe Italia ha stipulato delle partnership strategiche con alcune note aziende italiane di alta manifattura. In cosa consistono esattamente?

Stefano Zaccaria, Amministratore Delegato di Giving Europe Italia

Costituita agli inizi del 2008, Giving Europe Italia è la filiale italiana, con sede a Firenze, di Giving Europe BV, un gruppo internazionale che si occupa dell’importazione e della distribuzione di articoli promozionali e di regalistica aziendale. L’azienda ha inaugurato lo scorso anno un programma di partnership con alcune rinomate aziende manifatturiere italiane, nell’ambito della divisione di Regalistica Aziendale. Abbiamo voluto approfondire il contenuto di questi progetti con Stefano Zaccaria, Amministratore Delegato dell’azienda.

38

Abbiamo deciso d’investire nelle nostre capacità distributive e abbiamo quindi accolto la disponibilità di alcune aziende titolari di marchi di nicchia la cui dominante è l’italianità, sia in termini produttivi che progettuali. Non si tratta, quindi, di distribuire semplicemente marchi italiani, ma piuttosto prodotti la cui progettazione e produzione sono al 100% rigorosamente Made in Italy. Avendo come obiettivo la distinzione, oltre che la necessaria capacità competitiva, abbiamo scelto delle aziende impegnate nella realizzazione di prodotti che spiccano per l’alto livello della manifattura e delle materie prime impiegate. Distribuiamo, attraverso il nostro network di rivenditori selezionati, i prodotti di aziende che sul mercato italiano producono e distribuiscono autonomamente, ma che non raggiungono in maniera organizzata il canale della regalistica aziendale. A tal proposito, è importante non confondere quest’ultimo con il canale del promozionale, anche perché sono il posizionamento di listino ed il valore dei prodotti che distribuiamo a collocarli nel giusto segmento di mercato.

È stato quindi presentato un catalogo a parte per questi progetti? In realtà abbiamo realizzato più cataloghi, uno per marca (consultabili on-line all’indirizzo www.givingeuropeitalia.it, nella sezione “branded gifts”), nel rispetto delle marche che distribuiamo e dei clienti che le percepiscono in quanto tali. Abbiamo, perciò, lasciato ad ognuna la propria identità ed il proprio tratto narrativo.


Primo piano

LCollection, Atelier Poltrona Frau

Ci parli un po’ della collaborazione con Poltrona Frau.

In cosa consiste la partnership con Antica Murrina Venezia?

Ci è stata offerta l’opportunità di distribuire le nuovissime collezioni di oggetti “Atelier Poltrona Frau”: accessori per la casa e l’ufficio, agende e piccola pelletteria per uomo e donna. Si tratta di prodotti che richiamano, attraverso l’uso della pelle, il carattere distintivo di Poltrona Frau. Non ci limitiamo a distribuire i prodotti a catalogo, ma, grazie alla creatività e al dinamismo dell’azienda marchigiana, sviluppiamo anche progetti e produzioni “custom-made” a fronte delle più particolari richieste dei clienti.

Antica Murrina Venezia è un’azienda che si propone ad un

Restando in ambito di pelletteria, come collabora Giving Europe Italia con Giorgio Fedon? Anche il brand Giorgio Fedon 1919 ci ha concesso la distribuzione delle sue collezioni: articoli in pelle e accessori per l’ufficio, per il lavoro ed il viaggio, così da consentire il raggiungimento di un target giovane, dinamico, attento alla qualità ed al design dei prodotti. È un marchio che cerchiamo di posizionare nella fascia immediatamente sotto la soglia del segmento lusso, anche in questo caso sviluppando progetti “custom-made”. Orologio Thunderbolt, Montres de Luxe

pubblico femminile, giovane, raffinato e non convenzionale. Si tratta di oggetti personali, principalmente collane, bracciali, orecchini ed anelli, dove la componente fondamentale è il vetro di murano, lavorato secondo l’antica tradizione dei mastri vetrai veneziani, che ancora oggi uniscono sapientemente artigianalità e capacità produttiva. In un settore come quello del promozionale e della regalistica aziendale, dove la dimensione femminile è difficilmente rintracciabile tra le pagine dei tanti cataloghi, Giving Europe Italia ha stretto questa importante partnership che ha già raccolto significativi successi, soprattutto in occasione di campagne loyalty ed incentivazione.

Quali altre partnership sono state strette? In ambito di accessori per la casa, collaboriamo con la storica Coltelleria Saladini, conosciuta a livello europeo dai massimi cultori delle lame forgiate. Produce articoli di rara artigianalità, dove la lavorazione è quasi interamente manuale. Un altro importante partner è la ditta Time Style proprietaria del marchio Montres de Luxe, che opera nel settore dell’orologeria, il cui direttore creativo è il designer italiano Fulvio Locci, noto per aver dato vita, insieme a Marco Mantovani, alla celebre marca Locman. Time Style ha creduto nel nostro progetto distributivo e così abbiamo deciso di promuovere una collezione di orologi tutti italiani, anche in questo caso progettati ed assemblati in Italia. Un’altra partnership importante è quella con Touring Editore, leader assoluto nella pubblicazione di guide ed atlanti stradali, per conto del quale promuoviamo le “Iniziative Speciali”, prodotti e servizi costruiti per promuovere le eccellenze delle imprese ed i tesori del nostro paese, dedicati a chi investe nelle politiche di marketing territoriale e turistico per le proprie iniziative di comunicazione. .../...

#5 Ottobre 2011

39


Primo piano Giving Europe Italia punta in alto… di gamma!

Qual è il ruolo della personalizzazione nell’ambito dei cosiddetti “branded gifts”? Bracciale Kali, Antica Murrina Venezia

... Quando

sono state inaugurate queste partnership e che feedback avete ricevuto finora?

Si tratta di partnership strette alla fine del 2010, quindi possiamo dire che abbiamo iniziato a promuoverle all’inizio di quest’anno, già in occasione del Promotion Trade Exibition di Milano, dove eravamo presenti con un nostro stand. In considerazione della gamma di prodotti che ciascun marchio rappresenta, ci attendiamo di raccogliere i primi successi in occasione della regalistica di fine anno. Intanto i primi feedback ricevuti dal nostro network di agenzie selezionate appaiono tutti molto positivi, quindi mi sento di poter dire che abbiamo riscontrato un forte apprezzamento soprattutto nelle principali macro-aree, come Lombardia e Lazio, dove pare che anche i clienti finali abbiano risposto in maniera entusiasta, rispetto a qualcosa di veramente italiano al quale destinare una parte dei loro budget.

Questo tipo di strategia è comune a tutte le filiali di Giving Europe o è specifica di quella italiana? Si tratta di una strategia pensata e promossa da Giving Europe Italia, anche se l’abbiamo già illustrata ai colleghi degli altri paesi, che l’hanno immediatamente intesa come una significativa opportunità di distinzione. L’obiettivo potrebbe essere quello di identificare partnership analoghe in altri paesi, così da realizzare un programma simile, con prodotti di alta manifattura europea.

Per voi, la regalistica aziendale medioalto di gamma è meno o più importante del catalogo promozionale? Diciamo che i due “argomenti” sono importanti allo stesso modo. In termini di risultato, la componente “branded gifts” rappresenta per Giving Europe Italia circa il 38% del risultato totale. Per noi è anche un modo diverso per raggiungere rivenditori selezionati, che al tempo stesso hanno bisogno e voglia di mantenere attive le due diverse aree di business, nel rispetto della domanda del mercato.

40

La personalizzazione dell’oggetto di lusso la intendiamo come “ad personam”; ciò si traduce, ad esempio, in un monogramma impresso sulla pelle, inciso su una targhetta in argento, sulla lama di coltello o sul fondello di un orologio, ma cerchiamo sempre di evitare una personalizzazione che sia il logo dell’azienda che lo regala. Tanto importante è l’oggetto che si regala, tanto discreta deve essere la personalizzazione: è questa la distanza che c’è tra l’oggetto promozionale e la regalistica aziendale con prodotti alto di gamma.

Come pensa che si possano innovare le gamme di prodotti e in che senso bisogna lavorare per il futuro? Il mondo della regalistica aziendale con prodotti alto di gamma deve necessariamente impegnare tutte le risorse possibili, nella ricerca, lo sviluppo, la creatività e l’innovazione, ma questi valori non possono che tornare ad essere incredibilmente attuali anche nel settore del promozionale. Occorre soprattutto lavorare su aspetti fondamentali quali la formazione, che, nel processo distributivo, è tanto importante quanto il prodotto. Ogni prodotto dovrà essere trattato “con i guanti bianchi”, sia in fase di presentazione che di vendita. Bisogna stimolare gli addetti ai lavori, così che propongano soluzioni che non si differenzino solo per il prezzo ma anche per la qualità ed unicità delle collezioni. Altrettanto importante sarà continuare ad investire nella dimensione del servizio, come la personalizzazione e la logistica. /// Set viaggio, Giorgio Fedon 1919


#5 Ottobre 2011

41


NOVITÀ PRODOTTI ZAZIONE

IZ PERSONAL

2

1

Serigrafia Workhorse Products lancia una cappa “oversize” per l’essiccazione intermedia… Novità di spicco all’interno della gamma d’attrezzature per la serigrafia di Workhorse Products, la cappa per l’essicazione intermedia Falcon Duplex Oversize Flash 1 è stata concepita per asciugare le stampe di grande formato ed “all-over”. Efficace su delle superfici massime di 76,2x101,6 cm, in formato verticale o orizzontale a seconda delle necessità, è dotata di tre zone riscaldate, che consentono all’operatore di controllare il numero di aree da essiccare (1, 2 o tutte e 3). Non essendo dotata di piedi, visto che si monta direttamente negli alloggiamenti del telaio della macchina serigrafica, diventa una cappa per l’asciugatura intermedia ideale per la giostra automatica Falcon Duplex. E, dal momento che s’inserisce direttamente su quest’ultima, l’operatore può programmarne le impostazioni direttamente nel pannello di controllo principale, rendendola quindi più semplice e rapida da usare.

… ed un forno ultraproduttivo! Inoltre, Workhorse Products ha introdotto sul mercato il Powerhouse 5217 2 , un forno a raggi infrarossi in grado d’asciugare fino a 1.000 t-shirt l’ora. Dotato di un nastro lungo 5,18 metri e largo 132 cm, garantisce ritmi di produzione elevati, consentendo così di seguire le velocità di resa di una o più giostre automatiche. Da notare che questo modello al quarzo emette delle onde medie, che consentono di trasmettere il calore più velocemente e garantiscono, quindi, una maggiore efficacia nell’asciugatura dei supporti tessili voluminosi, come le felpe e le giacche. Inoltre, è dotato di determinate caratteristiche che mirano a migliorarne le prestazioni: aperture regolabili per conservare la temperatura interna del forno, cappa amovibile, sistema di recupero dell’aria riscaldata che consente di ottimizzare l’efficacia energetica. Ricordiamo che gli articoli della marca Workhorse Products sono distribuiti in Europa dall’azienda belga PC Technology. www.pctechnology.be

42

3

V2000: Vastex mette mette le ruote! Per migliorare la mobilità della sua giostra serigrafica V2000 3 , l’azienda americana Vastex propone delle nuove rotelle progettate specificamente per questa macchina: Drop-Down Castors. Girevoli, dotate di freno e montabili su qualsiasi piede della V2000, hanno una capacità di 227 kg ciascuna e consentono all’operatore di spostare la giostra facilmente all’interno del laboratorio. Questo nuovo accessorio, disponibile presso Serigraf Service, è molto utile in particolare per gli uomini di statura inferiore a 1,75 m e per la maggior parte delle donne, per le quali lo spostamento di una macchina serigrafica può presentare qualche problema. www.serigrafservice.com


ZAZIONE

IZ PERSONAL

M&R svela la cappa Red Chili 1418 Il produttore americano M&R, che distribuisce i suoi prodotti in Italia tramite Quaglia, ha arricchito la sua linea di cappe per l’essiccazione intermedia grazie alla nuova Red Chili 1418 4 . Pur essendo abbinabile alla maggior parte delle giostre automatiche e manuali, è stato in realtà concepito in modo specifico per la giostra tessile automatica Diamondback L. Dotato di una tecnologia innovativa con lampade istantanee, passa in modalità veglia quando la giostra è inattiva, consentendo considerevoli risparmi energetici. Segnaliamo, inoltre, che le lampade della cappa Red Chili 1418 sono divise in 3 zone e possono essere utilizzate indipendentemente le une dalle altre in un qualsiasi combinazione. Ulteriore vantaggio: il sensore non ha bisogno di nessun segnale da parte della giostra, il che agevola lo spostamento della cappa tra le teste di stampa e le giostre, senza perdere tempo in regolazioni d’impostazioni. www.quaglia.it

Ovunque e in qualsiasi momento potete consultare la versione elettronica della rivista su

www.top-rivista.it

4

Stampa digitale Azon presenta la DTS White Grande innovazione in casa Azon: la nuova stampante digitale diretta DTS White 5 consente di stampare il bianco su qualsiasi superficie, scura o no, conservando la vivacità dell’immagine originale. Sono, infatti, stati messi a punto dei nuovi pigmenti composti da piccole molecole in grado di penetrare in diversi tipi di materiali (vetro, ceramica, legno, pelle, metallo, ecc.). Inoltre, la DTS White utilizza delle microgocce d’inchiostro di tre diverse dimensioni il cui impiego consente d’ottenere un’alta qualità di riproduzione. Infine, questa macchina offre la possibilità di stampare su supporti di uno spessore massimo di 10 cm. www.azonprinter.com

5

#5 Ottobre 2011

43


NOVITÀ PRODOTTI ZAZIONE

IZ PERSONAL

Consumabili 6

Stampa in rilievo firmata Mimaki, toccare per credere! La multinazionale giapponese Mimaki, rappresentata in Italia dall’importatore esclusivo Bompan, ha lanciato una nuova vernice trasparente, che va ad aggiungersi alla gamma d’inchiostri UV LED LH-100, con la quale è possibile ottenere effetti in rilievo molto interessanti. Concepita in particolare per la stampante flatbed da tavolo UJF-3042, consente la realizzazione di finiture testurizzate e risulta, inoltre, ideale per impreziosire ogni tipo di progetto. Dotata di una risoluzione massima di 1.440x1.200 dpi e di un’asciugatura rapida, garantisce un’ottima resa di stampa sui materiali più disparati, anche termosensibili: poliestere, PVC, policarbonati, cartoncino, polistirolo, alluminio, vetro, legno, canvas, ecc 6 . www.bompan.it

ECO-UVS, il nuovo inchiostro superflessibile di Roland

7

8

È arrivata una nuova generazione d’inchiostri UV in casa Roland, concepita in particolare per le sue stampanti della serie VersaUV. L’ultimo arrivato si chiama ECO-UVS 7 ed è un inchiostro caratterizzato da un’estrema flessibilità, dato che si estendo fino al 220% rispetto alla sua dimensione originaria e si adatta perfettamente alle superfici curve o irregolari, preservando la qualità dell’immagine. Ideale per la produzione di prototipi d’imballaggio e di etichettatura, è disponibile in cartucce ad innesto guidato da 220 cc, nei colori Ciano, Magenta, Nero, Giallo e Bianco. www.rolanddg.it

Stampa digitale DOG Aeoon: una nuova marca cerca di farsi largo nel segmento delle macchine ad alta produttività Nel corso della scorsa edizione della fiera Fespa di Amburgo si è contraddistinta la marca Aeoon col lancio di una nuovissima macchina per la stampa digitale diretta su articoli confezionati: la Aeoon One 8 . Dotata di un’alta velocità d’esecuzione, è stata progettata per soddisfare le richieste di grandi volumi con delle stampe di grande qualità e cerca di far concorrenza alle altre macchine ad alta produttività. In effetti, è capace di stampare fino a 400 capi chiari o 250 scuri l’ora, in una risoluzione massima di 2.400 dpi. Contando su ben 8 testine, due piani stampa, un pannello di controllo con interfaccia digitale ed una superficie di personalizzazione massima di 69,9x99,8 cm (utilizzando i due piani stampa insieme per farne un unico grande piano), può stampare su una grande varietà di materiali tessili, come il cotone, il poliestere, la lycra e la viscosa. www.aeoon.com

Doppio piano stampa per DTG Digital

9

44

La stampante digitale diretta su articoli confezionati M2 di DTG Digital 9 , i cui prodotti sono distribuiti da Sert.Tec., è stata presentata nello stand di Impression Technology Europe nella scorsa edizione della fiera Fespa. Questa nuova macchina stampa ad alta velocità su dei supporti di una larghezza massima di 610 mm e con una risoluzione fino a 1.400 dpi. Uno dei suoi punti forti consiste nel disporre di diversi piani stampa, così da poter realizzare più stampe diverse allo stesso tempo. Sono inoltre disponibili, come opzioni, dei piani speciali per la stampa su capi d’abbigliamento infantile e su bavaglini. www.dtgitaly.com


10

ZAZIONE

IZ PERSONAL

Ricamo Amann prosegue lo sviluppo delle sue gamme Il gruppo Amann ha lanciato due nuove gamme sul mercato: Isabob e Lifecycle Art 35 10 . La prima, Isabob, è una gamma di bobine di preavvolgimento per le macchine da ricamo che offrono un risparmio di tempo considerevole, grazie alla loro maggiore lunghezza di corsa e all’eliminazione della fase di bobinatura. Lifecycle Art 35, invece, è il nome del primo filo da ricamo di casa Amman realizzato in 100% poliestere riciclato. Segnaliamo, inoltre, che è stata ampliata la cartella colori della linea Isacord con 45 nuove tonalità, per un totale di ben oltre 400 colori disponibili. www.amann.com

11

Il filo Polyneon 40 di Madeira con poliestere riciclato Sempre attenta alla salvaguardia ambientale, Madeira ha introdotto una buona parte di fibre di poliestere riciclato nella produzione del filo da ricamo Polyneon 40 11 . Tale decisione è dovuta al fatto che, nonostante la produzione del poliestere riciclato richieda più energia, la stessa non necessita di petrolio, produce meno residui e, soprattutto, non cambia minimamente la qualità del filo né riduce la scelta dei colori. Infatti, grazie alla sua lunga esperienza, Madeira ha determinato per quali dei 360 colori del filo Polyneon 40 fosse possibile utilizzare il poliestere riciclato, garantendo tutte le caratteristiche tecniche e di uso sulle macchine. www.madeira.com

Transfer LTS 150 Slide, la nuova pressa di Lotus Dopo il lancio della pressa LTS 138 Slide 12 , Lotus ha presentato la nuova LTS 150 Slide. Dotata di apertura automatica laterale e capace di garantire al tempo stesso qualità, design, comfort e flessibilità, presenta una superficie di stampa di 40x50 cm. Sono inoltre disponibili diverse piastre intercambiabili e di varie dimensioni per questa pressa, dotata della tecnologia termica innovativa Mikanit. www.lotustransfers.com

12

Tante novità per Siser! Sono tante le ultime novità di Siser in termini di materiali termotrasferibili per applicazione su tessuti presentate nel corso dell’ultima fiera Fespa. Ad esempio, il Sublithin, una pellicola per la stampa digitale inkjet con inchiostri a base solvente ed ecosolvente, specifico per i sistemi di stampa e taglio e per l’applicazione su supporti personalizzati tramite sublimazione. Altri prodotti inediti presentati: il Colorprint PU, materiale in poliuretano sottile leggero ed elastico studiato per gli inchiostri a base solvente ed ecosolvente, ed il 3D Techno, materiale da intaglio espandente e leggermente elastico che offre un effetto tridimensionale simile a quello ottenuto con gli inchiostri serigrafici. www.siser.it

Stahls’ personalizza i capi tecnici fragili Stahls’ ha lanciato l’articolo Cad-Cut Premium Plus 13 , una pellicola concepita in modo specifico per il transfer sui supporti tessili tecnici, sempre più presenti sul mercato da qualche anno a questa parte. Grazie alla sua grande elasticità, può essere applicata su una grande varietà di tessuti, compresi i più fragili come quelli utilizzati per i capi d’abbigliamento sportivo o le borse in polipropilene, visto che richiede una pressione di appena 8 secondi ad una temperatura di 149° C. Disponibile in 40 colori, è molto facile da tagliare e, come gli altri prodotti della gamma Cad-Cut, non si scioglie, non si screpola e non si spellicola. www.stahlsinternational.com

13

#5 Ottobre 2011

45


INCHIESTA

La personalizzazione

implementata

da parte dei fornitori è più che una realtà In Europa, nel settore promozionale, la struttura tradizionale del mercato prevede che il rivenditore funga da intermediario tra le aziende di personalizzazione ed il cliente finale. Tuttavia, negli ultimi tempi salta agli occhi una forte tendenza da parte dei fornitori di supporti promozionali a proporre anche il servizio di personalizzazione. In un mercato in forte cambiamento caratterizzato dalla crescita di attività trasversali, ci è sembrato interessante approfondire questo argomento. Nel settore dell’oggettistica pubblicitaria e del tessile promozionale, i confini tra i mestieri (i rivenditori di supporti promozionali da una parte, i decoratori degli stessi dall’altra) sono sempre più sottili. Il motivo? La crisi innanzitutto, che, facendo calare il fatturato delle aziende, ha spinto alcune di queste a diversificarsi per sopravvivere, ma anche l’evoluzione naturale del mercato. Pertanto, oggi, i decoratori tessili (serigrafi e ricamatori) iniziano a seguire l’esempio dei colleghi dell’oggettistica, proponendosi a loro volta come rivenditori di supporti con incluso il servizio di personalizzazione. Al contrario, con l’arrivo di tecniche più semplici da mettere in pratica, quali la

46

stampa digitale, la sublimazione e la stampa e taglio, alcuni rivenditori d’oggettistica pubblicitaria offrono, senza esitare, un servizio di personalizzazione e propongono ai clienti prodotti finiti. Un nuovo elemento cambia ora le carte in tavola: nell’intento di promuovere un’offerta “globale”, cresce il numero di produttori-importatori che offrono prodotti personalizzati. Ciò avviene essenzialmente in due forme: o internamente, cioè il fornitore realizza un vero e proprio investimento industriale, acquistando delle macchine per la personalizzazione, come nel caso di PF Concept e Mid Ocean Brands; oppure

in outsourcing, affidandosi ad una rete di collaboratori locali, come accade con Master Italia e Sipec. Nel settore dell’oggettistica questo fenomeno non è nuovo e tende ad accentuarsi: “Da sempre la nostra azienda offre il servizio di personalizzazione dei suoi prodotti” dichiara Vincenzo Carli di Mid Ocean Brands. Ma anche in ambito tessile questa tendenza sta prendendo piede, tanto è vero che Alessandro Faggian di Master Italia sostiene che “se una volta uscivano da magazzino l’80% di prodotti vergini e il 20% di articoli personalizzati, adesso ne esce il 60-65% personalizzato”.


Emblematico è il caso di un altro grande gruppo come PF Concept, che ha recentemente inaugurato in Polonia il suo nuovo stabilimento di personalizzazione, che, con i suoi 20.000 m² e le oltre 100 linee di produzione, è il più grande di questo genere in Europa. Tampografia, serigrafia, incisione laser, transfer, doming, goffratura e ricamo: tutte queste tecniche sono ora riunite in unico centro. “Cosa che un piccolo stampatore non è in grado di proporre perché non riesce ad avere tante macchine”, osserva Luca Tacci, Direttore Generale di PF Concept Italia. “Accanto a noi”, prosegue, “continueranno sicuramente a convivere gli stampatori locali, che, essendo vicini all’utilizzatore, magari riescono ad avere tempi di reazione più rapidi, ma il futuro è indubbiamente quello che abbiamo individuato con la nostra scelta. La nostra esperienza ci dice che la domanda dei clienti è molto forte. I motivi? Innanzitutto la qualità della personalizzazione è molto soddisfacente, dal momento che, studiando il prodotto fin dalla sua concezione, abbiamo la consapevolezza dei vincoli tecnici. Inoltre, i costi si riducono per le agenzie, che non devono più disperdere le loro risorse e possono concentrarsi sulle vendite e sulla creatività”. Insomma, un unico interlocutore, meno spese di trasporto… I vantaggi sembrano infatti numerosi ed evidenti per i rivenditori. “Riusciamo ad offrire prezzi vantaggiosi ed eliminiamo ai nostri clienti i famosi costi occulti, come la perdita di tempo nel contattare il ricamificio, far realizzare il programma, mandare la merce al ricamatore, andare a riprenderla, ecc.” conferma Alessandro Faggian, che osserva come spesso sono gli stessi clienti a chiedere loro se possono occuparsi del servizio di personalizzazione. Ma questa integrazione, oltre a semplificare il lavoro del rivenditore, è anche una garanzia di qualità, come segnalava sopra Luca Tacci. Dello stesso avviso è anche Vincenzo Carli, che sottolinea come “la stretta collaborazione tra il dipartimento del

prodotto, che seleziona i nuovi prodotti, e quello di stampa ha come risultato un livello qualitativo decisamente elevato”. Anche perché grandi gruppi come PF Concept o Mid Ocean Brands sono tenuti a garantire un certo livello di prodotto che sia all’altezza della loro posizione sul mercato. Master Italia, invece, affida la qualità della personalizzazione all’esperienza delle aziende specializzate con cui collabora, che posseggono indubbiamente il know-how necessario per tale attività. A questo punto è lecito chiedersi: per quanto tempo i piccoli decoratori potranno resistere se tutti i fornitori iniziano a proporre il servizio di personalizzazione? Avranno i mezzi per reagire contro i grandi gruppi che hanno aperto i loro stabilimenti di personalizzazione in paesi dove la manodopera costa meno che in Italia? “È indubbio che i piccoli stampatori si sentano minacciati da un’iniziativa come la nostra e, dal momento che puntiamo a diventare sempre più veloci, la “minaccia” in questo senso costituita da PF può solo crescere” riconosce Luca Tacci. La pensa allo stesso modo anche Daniele De Luise di Sipec, per il quale l’implementazione della personalizzazione “costituisce un elemento della catena del valore che, quando integrato a monte, determina la scomparsa dell’attore che svolgeva la stessa attività”. Di parere opposto, invece, Vincenzo Carli: “Non penso che questa tendenza possa costituire una minaccia; gli stampatori ben organizzati e flessibili che operano nel rispetto delle normative vigenti hanno comunque i presupposti per operare a 360°”. Diverso è il caso di Master Italia, che invece offre uno sbocco a tutti quei ricamifici e stamperie che hanno avuto dei sensibili cali di fatturato lavorando nell’ambito della moda.

Per quanto riguarda l’ambito tessile, comunque, per il momento non tutti i produttori d’abbigliamento promozionale intendono proporre prodotti personalizzati, come afferma Alain Milgrom di SOL’S, che è stato categorico su questo argomento: “Si tratta forse di un fenomeno inevitabile, ma aspetteremo che si assesti prima di muoverci in questa direzione e, ad ogni modo, non intendiamo assolutamente porre fine all’attività dei serigrafi e dei ricamatori”. In realtà, piuttosto che predire la fine di questi mestieri, bisogna forse cogliere l’occasione per rinnovarsi e guardare avanti. Quasi tutti i settori d’attività sono soggetti a cambiamenti dovuti alla crisi e, nel nostro settore, molti laboratori di stampa tessile si difendono bene, nonostante tutto, realizzando prodotti di alta gamma o diversificando la loro attività. Questa diversificazione è realizzata in due modi: proponendo il supporto insieme alla personalizzazione o ampliando la gamma delle tecniche con l’implementazione, ad esempio, di soluzioni più adatte alle piccole produzioni. Adattarsi, inventarsi, rinnovarsi... Parole che valgono per tutti, se si pensa che anche i rivenditori dovranno rivedere le loro strategie. Infatti, se un giorno tutti i produttori-importatori dovessero essere in grado di offrire un prodotto “chiavi in mano”, quale sarà il loro valore aggiunto, in qualità di rivenditori, nei confronti del cliente finale? Il dibattito è solo all’inizio… ///

tempo o t n a u q r "Pe ratori o c e d i l o c i pic tere s i s e r o n n ziano potra i n i i r o t i n r se tutti i fo il servizio di a proporrezazione?" personaliz #5 Ottobre 2011

47


Primo piano

a l a t n e s e r p c a m a C a e l a t i g i d e n o i z u l ” a rivo n g u p s i d i p l o c “ La stampa su spugna presenta delle peculiarità specifiche per via della struttura stessa del materiale su cui stampare. Tradizionalmente realizzata in serigrafia, dispone ora di una nuova interessante modalità d’esecuzione, la stampa digitale con inchiostri reattivi, che può contare su un impianto appositamente dedicato. Abbiamo intervistato Valerio Zammarchi, Azionista e Amministratore di Camac Arti Grafiche, azienda che ha creduto e investito nello sviluppo di questa soluzione innovativa.

Camac Arti Grafiche offre un servizio di stampa digitale su spugna, mediante una macchina dislocata in Slovenia che presenta dei tratti innovativi: in cosa consiste l’innovazione? Si tratta di un impianto (è più giusto definirlo così vista l’imponenza) di stampa digitale reattiva altamente tecnologico, che introduce un metodo di lavoro e consente di offrire un servizio completamente innovativi nella stampa su spugna. Prima, quest’ultima veniva stampata in serigrafia, con conseguenti obblighi di costruzione di grandi telai e costi di “set-up” molto alti (si pensi, ad esempio, ad una stampa in 6-7 colori!). Ora, grazie all’elevata flessibilità che questo impianto offre, è cambiato tutto. Non è più necessario stampare migliaia di pezzi per poter ammortizzare i costi di avviamento (che col digitale non ci sono), ora bastano 50 pezzi per lanciare la produzione! Ciò apre la strada alla realizzazione delle campionature, praticamente impensabile con la serigrafia. Ma questi sono solo alcuni dei vantaggi.

Come funziona quest’impianto?

Valerio Zammachi

Camac Arti Grafiche Azienda che opera nel settore della distribuzione d’abbigliamento promozionale multimarca sportivo e da lavoro per rivenditori specializzati, e della fornitura di prodotti custom-made e servizi di personalizzazione per l'industria e la moda. Amministratore: Valerio Zammachi Anno di fondazione: 1980 Fatturato 2011: oltre 30 milioni di euro

48

È importante precisare che la tecnologia utilizzata è il cosiddetto “digitale reattivo”. L’impianto stampa, quindi, con colori digitali reattivi sulla spugna in continuo, cioè sulle bobine preparate a tal fine e presegnate con il formato del telo che si vuole realizzare (ad esempio 100x150 o 70x140). Una volta stampata, la bobina entra in un forno, dove riceve un’essiccazione fuori polvere, e, successivamente, entra in uno “steamer”, una macchina per il vaporizzo. Quest’ultima operazione è fondamentale, poiché, mediante vapore ad alta temperatura (120-130° C), consente all’inchiostro di penetrare in profondità nella spugna e di fissarsi perfettamente, garantendo un’ottima resistenza ai lavaggi ed una morbidezza eccellente. Infine, la bobina entra in una macchina che la lava e l’asciuga, realizzando lo spurgo finale e conferendole la caratteristica mano morbida. La forza di quest’impianto sta nel fatto che l’invio dell’ordine di stampa è molto simile a quello di un normale foglio A4: basta che il cliente ci mandi un file col suo layout per ottenere delle immagini davvero stupende!


Impianto di stampa digitale reattiva su spugna Ubicazione: Celje (Slovenia) Specifiche tecniche: 12 colori, di cui due quadricromie CMYK (4+4) e 4 colori Pantone Luce di stampa massima: 240 cm Capacità produttiva: 1.000-2.000 pezzi al giorno (a seconda delle dimensioni) Investimento globale: 1 milione di euro

Con quanti colori stampa l’impianto? Con ben 12 colori: 2 quadricromie (4+4 CMYK) e ulteriori 4 colori a Pantone. Parliamo di Pantone digitale! Ciò che è interessante è che si possono stampare, ad esempio, delle immagini fotografiche con una resa dei colori finora inimmaginabile. Trattandosi di un’attrezzatura concepita in maniera specifica per la spugna, possiede dei “jets” in grado di far penetrare l’inchiostro in profondità nel tessuto, offrendo delle immagini nitide, con colori brillanti e molto coprenti, praticamente impercettibili al tatto.

Quali sono i tempi di reazione per la campionatura? Siamo in grado di realizzare dei campioni in tempi rapidi (in genere 7-10 giorni), oltre che con costi davvero minimi, grazie all’assenza dei costi d’avviamento di cui parlavo prima. La rapidità è inoltre possibile grazie al nostro stock di bobine grezze pronte per la stampa, che facciamo produrre in Bulgaria.

Ci racconti l’origine di questo investimento e le varie fasi di sviluppo dell’impianto. L’impianto era stato inizialmente previsto per delle tipologie industriali diverse dalla spugna. A seguito del nostro interesse, è stata quindi prodotta una versione specifica per questo materiale, ma il processo è stato lungo e laborioso. In un primo momento è stato costruito un impianto con dei colori a pigmento, i quali, però, dopo circa 6-8 mesi hanno mostrato i propri limiti. Il risultato di stampa era bello, i tempi per le campionature erano rapidi ed i costi bassi, ma la “mano” lasciava molto a desiderare. Abbiamo quindi deciso d’intraprendere la strada del digitale reattivo, dapprima con 8 colori Pantone, con tempi lunghi e costi d’immobilizzazione dell’impianto altissimi, e successivamente col sistema delle 2 quadricromie + 4 colori Pantone. È stata davvero una bella evoluzione!

Nella stampa su t-shirt, il digitale non ha ancora sostituito del tutto la serigrafia (essendo per ora impensabile realizzare produzioni di diverse migliaia di pezzi con tale tecnica). Pensa che ciò sia vero anche per la spugna? Beh, a dire il vero negli Stati Uniti c’è un’azienda che si è dotata di oltre 20 macchine digitali e stampa senza interruzione. Ma questa è un’altra storia… americana. Nel caso della spugna, oltre a consentire di stampare elevate quantità (fino a 5-10 mila pezzi), il digitale reattivo si adatta perfettamente a tale materiale, anche perché si stampa sempre su fondo bianco. I risultati sono inoltre anche più soddisfacenti rispetto alla serigrafia, che è di solito utilizzata soprattutto sulla spugna rasata, detta “velours”, mentre il digitale reattivo è adatto anche al “terry” propriamente detto. Insomma, ottima qualità di stampa, morbidezza eccellente, tempi rapidi e costi bassi per le campionature: se non è una rivoluzione questa! ///

Esiste un altro impianto simile al vostro? È stato effettivamente realizzato un altro impianto simile ma per un grosso produttore di spugna per il segmento della casa e del retail, non per il promozionale.

#5 Ottobre 2011

49


Intervista

a t t e r i d a p m a t s a L " i t a n o i z e f n o c i l o c i t r o t su a n e m o g r è un a e r p m e s a t n e v i d e h c " . e t n a t t o c più s Scott Fresener, esperto di serigrafia tessile e pioniere della stampa digitale diretta su articoli confezionati (DOG), ha organizzato una serie di seminari dedicati a questi temi durante l’ultima fiera FESPA Fabric, tenutasi ad Amburgo dal 24 al 27 maggio. Una vera occasione, in esclusiva per TOP!, per conoscere il futuro di questi processi. Cosa ci racconta di nuovo dall’intervista che ci ha rilasciato un anno fa? Scott Fresener: È stato un anno molto propizio. Mi sono fatto crescere il pizzetto, ho rimesso su il mio gruppo rock e sono ingrassato di cinque chili… Un attimo però… lei intende dal punto di vista professionale? Sono ormai due anni che l’azienda US Screen Print ha chiuso i battenti e ci tengo a dire che sto ricostruendo una sorta di “Scott 2.0“. Mi sono impegnato molto nella creazione di nuovi prodotti, alcuni di cui posso parlare, altri, invece, che non posso ancora rivelare.

Quali sono queste novità? Dopo la nostra ultima intervista, ho aggiornato il mio programma di separazione T-Seps in modo da farlo funzionare con i nuovi sistemi operativi e sulle

52

piattaforme Mac e PC. Ho inoltre aggiunto nel mio programma FastRIP, la nuova generazione di stampa delle pellicole a partire da un RIP. Si chiama T-RIP. Siccome ho pochi collaboratori, dedico molto tempo alla vendita e al servizio post-vendita. Ecco tutto quello che posso dire al momento!

Quali sono stati i temi affrontati nei suoi seminari “Fresener’s Fabric“ ad Amburgo a maggio? Dopo i riscontri positivi ottenuti nel 2010 a Monaco, ho mantenuto in parte gli stessi argomenti. Essendo una fiera più piccola, non ho potuto interpellare tutti gli interlocutori del precedente anno. Ho presentato io stesso alcuni seminari e sono intervenuti anche Charlie Taublieb, Vince Cahill, Sophie MatthewsPaul e Josh Elsworth di Stahls.


Intervista

I temi al centro dei vari seminari sono stati la stampa diretta su articoli confezionati, in particolare il metodo per raggiungere un livello di produzione in serie, la manutenzione, le prospettive future, ecc. Ho inoltre organizzato una sessione dedicata alla realizzazione di separazioni di colori ad alta tecnologia e alla stampa in policromia su camicie scure. Charlie Taublieb ha tenuto delle sessioni sugli inchiostri ad effetto speciale, l’inchiostro acido e la preparazione dei telai. Josh Elsworth si è occupato di alcuni seminari riguardanti la stampa a caldo, Sophie ha illustrato le altre opportunità della stampa tessile, mentre Vince Cahill ha condiviso la sua esperienza facendo una panoramica sulla situazione attuale della stampa tessile.

Alcune sessioni si sono contraddistinte da altre? La stampa diretta su articoli confezionati è un argomento che diventa sempre più scottante. Ho realizzato una sessione intitolata “Il futuro della stampa diretta su articoli confezionati“ e penso che sia quella che abbia ottenuto maggiore partecipazione e suscitato più domande. Anche se gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un periodo di rimessa in discussione, la stampa diretta su articoli confezionati è in generale considerata come la tecnica del futuro. Non è certo diventata la tecnica predominante in termini di stampa industriale tanto rapidamente come io immaginavo, ma penso che siamo prossimi a ciò che chiamiamo la “Fase 2“ del processo.

Quali reticenze s’incontrano nei confronti della stampa diretta su articoli confezionati? Alcuni timori sono fondati, altri sono inculcati dai media contrari e da commenti negativi pubblicati su alcuni forum. Adesso che non vendo più macchine, ma continuo a discutere con migliaia di utenti, mi sono accorto di una cosa importante. La maggior parte di noi ha sopravvalutato questo processo senza sempre spiegare il suo aspetto negativo, e un bel numero di primi utenti non hanno letto ciò che avevamo scritto sul bisogno per queste macchine di funzionare e di essere sottoposte a una manutenzione

quotidiana. È come se avessero avuto i paraocchi! E la verità è che abbiamo venduto le nostre macchine in un mercato (di start-up) che aveva una visione distorta. Fra i miei primi clienti c’erano tanti nomi nuovi del settore che pensavano che un sito internet sarebbe stato sufficiente e che la gente li avrebbe trovati. Hanno quindi acquistato una macchina DOG e hanno atteso, tanto e tanto… Ho sentito alcuni miei clienti che mi dicevano “Avrei dovuto sviluppare meglio il progetto“, “Pensavo di vendere più articoli“… E troppo spesso ho sentito dire “Non utilizzo la macchina come prevedevo“.

Alcuni di questi timori sono veramente fondati? Il fatto di non utilizzare la macchina tutti i giorni ad esempio - il che d’altronde è una buona cosa! Se intendete stampare camicie ogni due giorni, allora dovete accettare l’idea di dover gestire un numero maggiore di testine intasate, o perché no, addirittura, di subappaltare il lavoro. Ma non è un problema di per sé. Se lasciate le macchine in funzione e pulite le testine due volte al giorno, oppure se stampate almeno una camicia al giorno come test, a quel punto gli inchiostri lavorano e le macchine sono contente! Gli amanti di questo processo sono riusciti a comprendere la tecnica e farla propria. Indipendentemente da ciò che si sente o legge, ci sono molti utenti soddisfatti, anche se gli sforzi richiesti sono tanti.

li o c i t r a u s tta e r i d a p m a t a r e "La sta d i s n o èc i t a n o i z e o." f r u t u con f l e d ica n c e t a l e com .../...

#5 Ottobre 2011

53


Intervista "La stampa diretta su articoli confezionati è un argomento che diventa sempre più scottante"

In queste condizioni, quando pensa che il processo DOG diventerà la tecnica privilegiata per la produzione in serie? ...

Questa è una bella domanda. Ho sentito dire che usciranno presto delle macchine ad alta produzione. Penso che questo accadrà seriamente e non sarà solo una messa in scena; so bene quel che dico ma non posso aggiungere altro. Sono stato il primo nel 2006, con la mia T-Jet HV PRO, a sviluppare una vera macchina per grandi volumi, ma si trattava di una macchina troppo grande che era un po’ in anticipo rispetto ai tempi. Il vero problema non è solamente quello di produrre grandi volumi: per stampare grandi volumi, come nel caso della serigrafia, bisogna soprattutto che il prezzo dell’inchiostro si abbassi. Pensavo sarebbe stato più basso al momento attuale. Finché il prezzo dell’inchiostro non scenderà sotto i 0,75 dollari per una stampa su tessuto scuro, non penso che gli stampatori in serie opteranno per questa tecnica. È vero che per gli stampatori questi prezzi sono sempre troppo elevati ma, una volta che avranno eliminato gran parte dei ritardi di prestampa e di regolazione/smontaggio, sono certo che saranno pronti a pagare l’inchiostro un po’ più caro rispetto al plastisol. Il solo modo in cui questo processo potrebbe diventare più comune sarebbe quello di riuscire a stampare 300 - 400 t-shirt all’ora e di abbassare il prezzo dell’inchiostro almeno del 50%. Questo succederà... molto presto!

ndi a r g e r a p "Per stam e nel caso m volumi, co ia, bisogna raf g i r e s a l l o z e z d e r p l i e ch o t t u t t a r p ." i s so s a b b a i s o r t s o i h c n i dell’ 54

In che modo i cambiamenti riguardanti i processi e le tecniche di stampa hanno influito sul suo lavoro di formatore? Per 30 anni ho insegnato la stampa plastisol. Era facile. Mostravamo ogni tanto un inchiostro acido, ma nessuno voleva aver a che fare con un inchiostro a base acqua maleodorante. Perbacco, come sono cambiate le cose! Insegno ancora la stampa plastisol, ma oggi, la stampa con inchiostri acidi fa furore. Qualche mese fa, ho organizzato i laboratori «Screen Masters» durante la fiera FESPA Americas di Orlando e nonostante avessimo presentato la stampa plastisol tradizionale, tutti gli sguardi erano puntati sull’inchiostro acido e gli inchiostri ad effetto speciale. Poi c’è da dire che anch’io sono un fan della stampa con inchiostri acidi. Questo capo che indosso è stato stampato tramite processo di corrosione. Mi piace tantissimo. È morbido e confortevole ... Non avrei mai pensato di dire questo un giorno!

Cosa vede nella sua sfera di cristallo per i prossimi anni? Per quanto riguarda la serigrafia, penso che bisogna prevedere un ritorno alle stampe con colori vivi. È quello che vedo attualmente e se mi baso su tutte le separazioni di colori che ho fatto di recente, le stampe sono straordinarie ma con un numero elevato di colori. Per quanto riguarda la stampa diretta su articoli confezionati, assisteremo ad una caduta del prezzo dell’inchiostro e vedremo comparire nuovi pretrattamenti che ci permetteranno di stampare direttamente su una più ampia varietà di tessuti, incluso il nylon e il poliestere scuro. Per tutto il corso dell’anno prossimo, alcune macchine di produzione in serie saranno messe sul mercato. Certo, costeranno e non produrranno effetti speciali, ma realizzeranno t-shirt ad alta velocità. Non vedo l’ora! ///


Intervista

#5 Ottobre 2011

55


BUSINESS

Entrate a far parte del Viesse club! In collaborazione con

È on-line il nuovo sito di Viesse: blog, news, gallery, possibilità di realizzare ordini on-line sono le novità più evidenti. Ad una parte istituzionale molto più ampia, dettagliata in tutti i servizi offerti dall’azienda e aggiornata con numerosi dettagli di prodotto, si affianca la possibilità di registrarsi accedendo ad un’area dedicata che permette di dialogare direttamente con la società. È possibile consultare il nuovo catalogo comodamente da qualsiasi pc e accedere all’area Outlet, che mette in evidenza tutte le promozioni e le offerte del momento. Con un solo clic sulle pagine Green, m2m e moosa è possibile scaricare ricche gallerie di prodotto, con gli spunti più interessanti delle produzioni recenti. E grazie alla partnership tra Viesse ed un’azienda storica della tradizione locale, Parmigiano Reggiano, è ora scaricabile on line il catalogo promozionale dedicato. È inoltre possibile visualizzare i prezzi on-line, controllare lo stato del proprio carrello, scaricare descrizioni ed immagini, verificare schede tecniche. Ma la vera novità è il forum, a cui è possibile partecipare con commenti in linea diretta, scambiando pareri con un semplice clic! Entrare a far parte di Viesse Club è semplice, quanto iscriversi alla newsletter aziendale, che consente di rimanere costantemente aggiornati su tutte le novità. Viesse è, inoltre, anche su facebook! www.viesse.com

Il vostro logo sui modelli Kustom Kit, testatelo online!

La marca Kustom Kit presenta un nuovo strumento di personalizzazione tessile accessibile dalla homepage del sito inglese e da tutte le pagine dei prodotti. È quindi possibile aggiungere un logo o un’immagine su tutti i capi della gamma, nei colori scelti e nella posizione desiderata. Il processo di personalizzazione è costituito da quattro fasi: 1. Scelta del modello e del colore. 2. Aggiunta del logo o del disegno (formato jpg, png o gif fino a 5 Mb) 3. Posizionamento dell’immagine sul capo tramite cursore. Per il ridimensionamento è sufficiente cliccare in basso a destra e spostare il mouse fino alla dimensione desiderata. 4. Salvataggio o stampa del bozzetto. La funzione “Salva” rende il bozzetto disponibile in PDF in formato A4. www.kustomkit.com/EN/logoplacement

56

PackshotViewer: il software che risponde alle nuove esigenze dell’e-commerce

Oggigiorno, per esporre un prodotto nel commercio elettronico, la semplice immagine fissa non è più sufficiente. PackshotCreator lancia, pertanto, PackshotViewer, il nuovo software di editing e di arricchimento per l’animazione in 3D che consente di valorizzare i prodotti su Internet. Grazie alle funzioni innovative e all’elevato livello d’interattività, i prodotti sono maggiormente messi in primo piano e il visitatore diventa a sua volta attore e spettatore delle animazioni. Le principali funzionalità innovative del programma sono: - Lo zoom progressivo: è ora possibile zoomare a proprio piacimento su un dettaglio del prodotto direttamente dall’animazione. - Le annotazioni: consentono di mettere in risalto alcuni aspetti del prodotto nei dettagli. - Le animazioni personalizzate: si può mettere in scena una propria animazione per catturare l’attenzione del visitatore e arrivare all’essenziale (il prodotto ruota, si avvicina e si sposta). Il programma è già disponibile in 2 versioni: PackshotViewer 360 per creare delle animazioni a 360° dei prodotti e PackshotViewer 3D per creare delle animazioni in 3D. Le animazioni sono facili da realizzare e integrare al sito web. Inoltre, sono compatibili con tutti i supporti (Mac, PC, Android, iPhone, iPad e altre tavolette con touch screen). PackshotViewer rappresenta un nuovo approccio all’e-commerce! www.packshot-creator.com


Cloud Computing, di Guillaume Andrieu

In collaborazione con

BUSINESS

ovvero oggetti pubblicitari tra le nuvole? Guillaume Andrieu opera nell’ambito dell’oggettistica pubblicitaria da vent’anni. Dopo aver aperto l’agenzia Lys a Parigi nel 1989, si è lanciato nel mercato delle nuove tecnologie. Attualmente è uno dei tre soci di Promotool, azienda specializzata nello sviluppo di soluzioni Internet per i rivenditori di oggetti pubblicitari, che offre, fin dal 2004, un servizio completo di webmastering che gestisce i siti Web di oltre 150 clienti rivenditori. Inoltre, nel 2008 l’azienda ha lanciato, in collaborazione con la rivista Prom’Objet, il motore di ricerca d’oggetti ed abbigliamento promozionali Foxx. Per contattare Guillaume Andrieu: gandrieu@promotool.fr

Conseguentemente alla rivoluzione provocata dall’avvento di Internet, l’informatica all’interno delle aziende si è rimessa in discussione negli ultimi anni con l’emergere di un nuovo modo di funzionamento: stiamo parlando delle reti smaterializzate, note anche come “informatica tra le nuvole” (Cloud Computing) o informatica in modalità “SaaS” (Software as a Service). Ma vediamo in dettaglio di cosa si tratta. L’industria informatica mette ormai a disposizione delle aziende sempre meno materiali o software fisici, proponendo piuttosto un’offerta globale di servizi completi direttamente tramite Internet. Le risorse fisiche vere e proprie si trovano “da qualche parte” nella Rete, “tra le nuvole” come suggerisce l’espressione Cloud computing. Sono distribuite sui server e sono accessibili da un qualsiasi terminale connesso ad Internet. Le aziende, quindi, non hanno più bisogno di acquistare, schierare e sviluppare le proprie risorse informatiche internamente. Basta che sottoscrivano dei servizi disponibili in Rete: elaborazione di testi, posta elettronica, CRM (gestione delle relazioni con i clienti), contabilità, ecc.

I vantaggi per gli utenti Questo modo di funzionamento smaterializzato consente un incredibile abbassamento dei costi, oltre a garantire confort ed efficienza agli utenti: - Nessun investimento diretto: gli investimenti in hardware e lo sviluppo dei software sono direttamente a carico degli editori che propongono il servizio. - Costi sotto controllo: l’editore propone in genere all’utente un abbonamento mensile per una serie di servizi. Nessun costo nascosto o imprevisto né spese fuori budget. L’utente consuma un servizio, senza dover badare né al suo sviluppo, né alla sua manutenzione, né tantomeno alla sua esecuzione.

58


- Rapidità d’esecuzione: il cliente può fare uso del servizio immediatamente, senza dover attendere nessun tempo tecnico di realizzazione o di elaborazione di specifiche tecniche, di sviluppo informatico, correzione d’errori, ecc. - Accessibilità universale e permanente, mediante un semplice terminale con i propri codici personali. - Niente guasti, né mantenimento, né migrazioni varie. L’architettura informatica è gestita dall’editore.

BUSINESS

Un funzionamento in costante perfezionamento Le questioni di sicurezza tecnica e commerciale sono di vitale importanza, ma oggigiorno sono sotto controllo. Da un punto di vista tecnico, i dati aziendali sono generalmente più al sicuro presso un hosting service provider (fornitore del servizio di hosting), che fa della sicurezza il suo mestiere, che all’interno dell’azienda stessa. Dal punto di vista commerciale, bisogna dire che le eventuali frodi come la sottrazione o l’appropriazione indebita di file di clienti sono per lo più dovute alla scorrettezza di alcuni dipendenti, ma mai di un provider tecnico esterno. Gli interessi di un rivenditore e del suo provider informatico sono diversi, allo stesso modo come le responsabilità commerciali. Per quanto riguarda invece le questioni giuridiche relative alla localizzazione dei dati, si è ormai prossimi alla risoluzione delle stesse. La protezione dei database è soggetta ad una legislazione e dei vincoli molto rigorosi, se non si vuole incorrere in delle sanzioni penali. Infine, la qualità del servizio della rete è assicurata. Essa dipende esclusivamente dalla qualità della connessione ad Internet dell’azienda, non dal suo impianto interno. L’Italia segue le orme dei grandi protagonisti informatici mondiali e propone delle offerte sempre più ricche e variegate alle PMI.

Alcuni esempi inerenti al nostro mercato…

"Le risorse fisiche vere e proprie si trovano ˝da qualche parte˝ nella Rete, ˝tra le nuvole˝ come suggerisce l’espressione Cloud computing."

Nel mercato italiano dell’oggettistica pubblicitaria, possiamo citare varie iniziative che mostrano la potenza del Cloud Computing: European Sourcing fornisce un servizio di ricerca di prodotti che è ormai diventato uno strumento prezioso per l’attività quotidiana della maggior parte dei rivenditori. Il servizio è altamente qualitativo, completo ed esaustivo, ed è proposto ad un costo modico rispetto ai vantaggi che esso garantisce. Il rivenditore non ha più bisogno di perdere tempo, soldi ed energia nella gestione del suo database di prodotti. Gli basta sottoscrivere il servizio “tra le nuvole” di European Sourcing. European Sourcing propone con Global Solution un catalogo di oltre 25.000 articoli, con i quali i rivenditori possono creare delle vetrine personalizzate nel loro sito. Questa impresa da titani consiste nel raccogliere di continuo tutti i dati dei fornitori del mercato e nel rielaborarli per metterli on-line in maniera omogenea. Il lavoro viene fatto una volta sola per tutti i rivenditori, il che rende possibile proporlo ad un costo molto accessibile rispetto all’investimento che sarebbe invece necessario per gestire la propria base di dati. Il mondo cambia e insieme ad esso l'attività economica. Nel 2011 è impossibile ragionare come qualche anno fa. La produttività di un’azienda sta nel lavorare con i migliori strumenti del suo tempo, nello scegliere le diverse opportunità e nell’adattarcisi. Per non essere quindi “su un altro pianeta”, non è meglio prediligere l’informatica… “tra le nuvole”? ///

#5 Ottobre 2011

59


61

o n r e d a u Q e n o i z a z z i l na

o s r e p 62

SERIGRAFIA TESSILE

La stampa devoré sazia la sua fame di successo

66

DOMING

Il potere di seduzione del doming

di Charlie Taublieb

di Pierre-Yves Belabbas

“Tecnica consistente nell’eliminazione locale di una fibra presente in un tessuto misto di fibre a costituzione chimica differente che consente di ottenere degli effetti di trasparenza”, ecco la definizione ufficiale della stampa “devoré”.

Il settore dell’oggettistica pubblicitaria è molto esigente in termini di tecniche di personalizzazione. La sfida dei rivenditori consiste nel riprodurre fedelmente un’immagine su dei supporti di ogni tipo e in delle superfici sempre più piccole. Il doming rappresenta un’ottima soluzione.

64

SERIGRAFIA

La stampa quadricromatica in serigrafia di Franco Lo Giudice

La stampa quadricromatica in serigrafia pone, da sempre, molte difficoltà allo stampatore, perché nota a pochi. Tenterò di fare un riassunto, il più utilizzabile possibile, di alcune delle regole che bisogna osservare per la sua realizzazione corretta.

70

RICAMO

Forme che si deformano di Tierry Reynaud

Per realizzare delle forme di base come i cerchi o i quadrati in punto raso i software per ricamo propongono degli strumenti molto semplici da usare. Ma, una volta realizzato il ricamo, ci si rende conto che c’è un abisso tra la teoria e la pratica.

72

Tutto quello che c’è da sapere per eseguire ricami in piano di qualità di Olivier Cetra

#5 - Ottobre 2011


62

Serigrafia tessile Charlie Taublieb lavora nell’industria della serigrafia tessile dal 1976. Dopo aver svolto diversi incarichi in vari laboratori negli Stati Uniti, suo paese d’origine, oltre che in America meridionale, Asia ed Europa, lavora attualmente come consulente. Si occupa, inoltre, di sviluppare e testare degli inchiostri per grandi produttori come Rutland ed impartisce dei seminari, in particolare sugli effetti speciali, il soggetto che gli sta più a cuore. Per ulteriori informazioni e per contattare Charlie: www.taubliebconsulting.com

La stampa devoré sazia la sua fame di successo “Tecnica consistente nell’eliminazione locale di una fibra presente in un tessuto misto di fibre a costituzione chimica differente che consente di ottenere degli effetti di trasparenza”, ecco la definizione ufficiale della tecnica della stampa “devoré”. Con un po’ di creatività, questa tecnica di stampa consente di ottenere dei risultati molto interessanti su un supporto tessile. L’effetto devoré è ottenuto con un inchiostro a due componenti che “divora” letteralmente il cotone, ragion per cui questo tipo di stampa è realizzata per lo più su tessuti misti cotone/poliestere. In effetti, qualora si stampasse su un tessuto in 100% cotone questo verrebbe interamente “divorato”, il che, tra l’altro, potrebbe produrre dei risultati piuttosto creativi. Il componente A serve solo da supporto al componente B, che rappresenta invece la parte attiva che corrode il cotone. Si tratta di un inchiostro a base acqua che va stampato mediante un telaio a maglia larga. Per quanto mi riguarda, sono abituato ad usare una maglia 110 con un’emulsione resistente all’acqua. Grazie alla tecnica devoré, è possibile ottenere una stampa molto precisa nei minimi dettagli. La tappa fondamentale di questa tecnica è il lavaggio, in quanto consente di eliminare il cotone corroso. Una volta realizzata la stampa, mettete il supporto tessile nel forno alla stessa temperatura utilizzata di solito per le stampe con inchiostro acido. L’area stampata diventa leggermente più scura e, dopo il lavaggio, vedrete apparire il risultato. ///

Dalla teoria alla pratica… Ecco alcuni esempi di effetti devoré su tessuti misti 50% cotone e 50% poliestere, e su altri in 100% cotone.

Su un tessuto misto 50% e 50%, ho utilizzato un inchiostro a base acqua ed uno “divorante”.


Su una t-shirt viola in tinta unita realizzata in tessuto misto, 50% e 50%, si ottiene un effetto tono su tono.

Su una maglietta di color grigio mélange, invece, si ottiene un effetto a contrasto. Su questa t-shirt verde in 100% cotone, ho applicato dell’inchiostro divorante sulla coda dei draghi ed ho successivamente inserito un cordoncino di cuoio nei buchi ottenuti. Ho poi usato dell’inchiostro ad alta densità intorno ai buchi per evitare che si sfilaccino.

La stampa devoré su tessuti in 100% cotone consente d’ottenere una varietà d’effetti, come ad esempio l’appliqué (applicazione). Il tessuto rosa e la maglietta blu sono entrambi in 100% cotone. Il flock, invece, è realizzato in poliestere e rayon, ma la stampa con inchiostro divorante lascia visibile solo il primo componente.

#5 - Ottobre 2011

Quaderno personalizzazione

Serigrafia tessile

63


64

Serigrafia Franco Lo Giudice, muove i primi passi nella serigrafia nel 1967 presso l’azienda Alt di Costamagna di Torino. Successivamente, si è occupato di vendita, assistenza tecnica e progettazione di attrezzature serigrafiche in Italia e all’estero. Tiene conferenze e corsi tecnici in tutto il mondo ed è stato giudice di prestigiosi concorsi serigrafici (Viscom, Fespa). È autore dei libri “Trattato di Serigrafia” ed “Elementi di Quadricromia”, ed ha collaborato con Michel Caza alla stesura di un dizionario francese/inglese/italiano di termini serigrafici, curandone la parte italiana. Dal 2000 gestisce la sua azienda Quasar, che produce inchiostri per la serigrafia e la stampa digitale. Per ulteriori informazioni: www.quasarink.it Per contattare Franco Lo Giudice: franco.logiudice@quasarink.it

La stampa quadricromatica in serigrafia La stampa quadricromatica in serigrafia pone, da sempre, molte difficoltà allo stampatore. Si può affermare che la tecnica di stampa quadricromatica in serigrafia sia nota a pochi. Tenterò di fare un riassunto, il più utilizzabile possibile, di alcune delle regole che bisogna osservare per la sua realizzazione corretta. I parametri da considerare sarebbero moltissimi e tutti degni di attenzione. Per via della brevità, prenderò in considerazione i più importanti, cercando di semplificare al massimo. Le principali regole da seguire sono le seguenti

REALIZZAZIONE DELLE PELLICOLE - Utilizzare pellicole ad alta risoluzione, min. 2.400 Dpi; - lineatura massima 60 linee/cm; - scegliere preferibilmente il retino tondo, in seconda istanza il retino quadro ed evitare retini stocastici; - ridurre l’output della scansione da 0>100 a 10>90, soprattutto nei retini superiori alle 30-35 linee/cm. Adottare la tecnica GCR (Gray Color Removal) o, se non disponibile, almeno la UCR (Under Color Removal), per eliminare il sottocolore; - inclinazione dei retini delle pellicole: Giallo 0°, Magenta 15°, Nero 45°, Cyan 75°. Nel caso di dominanti sul rosso, si inverta l’inclinazione del Magenta con quella del Cyan.

REALIZZAZIONE DEL TELAIO SERIGRAFICO E STAMPA - Scegliere il tessuto serigrafico compatibile non facendo riferimento al numero dei fili, bensì al diametro del filo con cui è fabbricato, secondo il diagramma della fig. 1; - montare il tessuto su cornici in ferro o alluminio, inclinandolo sempre di almeno 25°-30° in senso orario rispetto alla cornice. Questo per evitare una conseguenza di sbavatura chiamata “effetto chiusura”;

- adottare la tecnica di spalmatura riassunta nelle figg. 2, 3, 4 e 5; in alternativa utilizzare dei film capillari di spessore opportuno oppure usare film indiretti, i migliori per la definizione ma molto delicati; - per evitare sgraditi effetti di “Moiré”, rispettare le seguenti regole: -evitare di inclinare le pellicole sul telaio (non serve a nulla!); -stagionare il tessuto per 2-3 giorni dopo la tensionatura, anche sottoponendolo a trattamenti di calore immediatamente dopo la tesatura; -per l’essiccazione dei telai utilizzare forni termostatati a temperatura ambiente; -non far subire al telaio sbalzi termici superiori ai 10° C; - prestare molta attenzione al raggiungimento di una superficie levigata di emulsione, cercando di raggiungere un fattore “RZ” (l’importante fattore di controllo della precisione degli stampati) di almeno 10 micron; - se possibile, utilizzare emulsioni plastificate che sviluppano minori forze di tensione localizzata; - in stampa, regolare le distanze di Snap (distanza fissa tra il telaio ed il supporto da stampare) e Lift-oMat (sollevamento progressivo del telaio) al minimo di altezza possibile. Privilegiare il Lift-o-Mat a scapito dello Snap.


FIGURA 1 Rapporto tra lineatura al cm. (diametro punto) e diametro filo

Applicare sempre, inoltre, tutti i seguenti concetti generali legati alla stampa ad alta definizione: 1. Scelta della racla di stampa. Poliuretani tendenzialmente rigidi o supportati (tristrato), con attenzione alla “linea teorica di chiusura”. Inclinazione racla tendente ai 67,5°, anche se l’importanza dell’inclinazione è relativa. Velocità di stampa più alta possibile a cadenza costante. Pressione di stampa tendenzialmente elevata. 2. Scelta del raschietto “a lama sottile” con inclinazione identica alla racla. Velocità di ritorno più lenta, non identica a quella di stampa. Pressione bassa, senza segnare il tessuto. 3. L’inchiostro dev’essere altamente tixotropico (cioè capace di variare di viscosità sotto agitazione e di ritornare alla viscosità precedente in stato di riposo), adatto alla stampa quadricromatica. Prima di andare in macchina, bisogna agitarlo per almeno 4-5 minuti con elica “cowless” motorizzata, diluendo con solventi lenti (non ritardanti) o diluenti specifici. È meglio stampare una quadricromia con inchiostri opachi, che sono più caricati, piuttosto che con i lucidi. Nel caso di stampa lucida, se possibile, stampare con gli opachi e lucidare successivamente. Il reintegro dell’inchiostro durante la stampa dev’essere effettuato con inchiostro prediluito ed aggiunto durante la stampa in modiche quantità. Il lavaggio del telaio deve avvenire per intero e mai per singole aree. È meglio programmare il lavaggio del telaio dopo un certo numero di stampe che effettuarlo al bisogno. Subito dopo il lavaggio, il telaio va asciugato con uno straccio.

FIGURA 2 Fattore RZ

FIGURA 3 Fattore RZ

4. La stampa con macchine a sistema cilindrico (meglio le macchine a cilindro unidirezionale) permette migliori precisioni e minore stress del telaio essendo assente il Lift-o-Mat. In tutti gli altri casi, optare per bassi Snap e Lift-o-Mat. È importante rispettare una cadenza di stampa regolare. 5. L’essiccazione dello stampato va effettuata nel minor tempo possibile, con attenzione alle temperature dei forni ad aria che non devono essere troppo elevate rispetto al supporto. Per gli UV, l’essiccazione nei forni UV freddi è senz’altro la migliore.

FIGURA 4 Fattore RZ

FIGURA 5

Seguendo queste poche regole, si otterrà una stampa quadricromatica tecnicamente di ottima qualità, fuorché il rispetto delle tinte originali. Per questo problema, denominato “Errore di Tinta” (sul quale ci soffermeremo nel prossimo numero), insolubile fino a poco tempo fa, esiste un metodo per la correzione, che ho messo in pratica in uno studio apposito denominato “Elementi di Quadricromia”. A questo proposito, si sottolinea che la normativa ISO 12647/5, ufficialmente l’unica normativa Europea che codifichi i parametri di stampa serigrafici per la quadricromia, non è praticabile. Essendo stata derivata integralmente da quella offset (ISO 12647/2), riporta parametri di controllo non in sintonia con la serigrafia ed addirittura assurdi o impossibili da applicare. La mia affermazione rappresenta anche un invito all’Istituto affinché apra un approfondito confronto sulla citata normativa ISO 12647/5 e recepisca le modifiche che devono essere apportate per potere essere veramente di aiuto ai serigrafi. Resto in attesa. /// #5 - Ottobre 2011

Quaderno personalizzazione

Serigrafia

65


66

Personalizzazione oggetti Pierre-Yves Belabbas ha fondato l’azienda V-MACH nel 1990. Partner privilegiata di serigrafi, tampografi e rivenditori d’oggettistica fin dagli inizi, grazie alla sua specializzazione nella fotoincisione, l’azienda ha sviluppato la sua offerta proponendo nuovi servizi (transfer tessile, stampa digitale, adesivi) e, dal 2006, la tecnica del doming. Per quest’ultima attività, V-MACH s’è dotata di un’attrezzatura in grado di produrre 40.000 pezzi al giorno, controllando tutta la catena di produzione.

Maggiori informazioni su www.v-mach.fr e www.kingdome.fr

Il potere di seduzione del doming Il settore dell’oggettistica pubblicitaria è molto esigente in termini di tecniche di personalizzazione. La sfida quasi quotidiana dei rivenditori consiste nel riprodurre fedelmente ed in maniera vantaggiosa un’immagine su dei supporti di ogni tipo e in delle superfici sempre più piccole. Per far fronte a tale sfida, il doming rappresenta un’ottima soluzione tra le varie tecniche disponibili. Zoom sul DOMING RESINA Epoxy, UV, soprattutto poliuretano. Durezza 35 shore (morbido-duro). INCHIOSTO Solvente o altro. Resistente ai raggi UV. FRONTE Supporto da stampare. PVC, poliestere. COLLA Acrilica o solvente. Rinforzata o riposizionabile. RETRO Carta siliconata.

Il doming, noto anche col nome di permavision o bossing, è un’operazione consistente nell’applicazione di una resina liquida su un supporto precedentemente stampato e tagliato. Grazie a tale rivestimento, il supporto assume l’aspetto di una cupola dai riflessi brillanti. Si veda, qui sopra, l’immagine dettagliata di un adesivo personalizzato con tale tecnica per capirne meglio la composizione.

graficamente l’immagine in modo da garantire un ottimo risultato finale. Si tratta spesso di correggere la forma, la nitidezza, la leggibilità, i colori... Il tipo di file da fornire è praticamente lo stesso usato per i lavori di stampa classica (eps, pdf, immagini ad alta definizione). Stampa (fig. 2) Tutte le tecniche di stampa sono possibili (serigrafia, offset, stampa digitale). Il supporto è prevalentemente un PVC adesivo (evitare i materiali porosi), mentre gli inchiostri devono essere dotati di una buona resistenza ai raggi UV. Questa tappa richiede un’alta qualità di riproduzione in quanto le immagini sono spesso di piccole dimensioni. Taglio (fig. 3) Anche questa fase è delicata, poiché bisogna tagliare solo la parte frontale (vedi fig. 1), senza intaccare più di tanto il retro. Spesso si fa ricorso a dei plotter digitali. Spellicolatura (fig. 4) A questo punto si elimina l’adesivo inutile per conservare solo le parti da personalizzare in doming.

Tappe del processo di produzione DTP (fig. 1) Tappa chiave per il buon esito del processo, consiste nell’adattare

Fig. 1

Fig. 2


Fig. 3

Fig. 4

Applicazione della resina (fig. 5) In funzione delle produzioni (da 1 ad oltre 500.000 pezzi), l’attrezzatura va dalla semplice “siringa” ai piani automatici multitesta. Si posiziona l’ago sul supporto e s’inietta la resina, che va a collocarsi piano piano fino ai limiti dell’adesivo ritagliato. Questo comportamento misterioso è dovuto al fenomeno fisico noto come “tensione superficiale”. In parole povere, è come la rugiada del mattino che forma una bella goccia su una foglia perfettamente liscia. Poiché la tensione superficiale della foglia è bassa (poco attrattiva), questa consente alla goccia d’acqua di raggiungere un volume consistente. È fondamentale svolgere quest’operazione in un ambiente stabile e perennemente sotto controllo (temperatura, tasso d’umidità, polveri).

Indurimento La polimerizzazione totale dura circa 6 ore a 25°C. Nelle prime due ore, i fogli devono rimanere perfettamente orizzontali, per evitare che la resina trabocchi.

Fig. 5

ha rivoluzionato gli sport su rotelle. Resiste inoltre perfettamente alle dure condizioni d’uso: UV, umidità, acidi, idrocarburi. Per fare un esempio: se osservate il monogramma Picasso dell’omonima Citroën C4 vi renderete conto che è stato realizzato proprio con la tecnica del doming!

Flessibilità d’impiego La personalizzazione mediante un adesivo con doming è un’operazione semplice e rapida da realizzare su quasi tutti i supporti. Tale flessibilità d’uso consente di rispondere in maniera rapida ed efficace alle richieste abituali, ma anche a richieste sporadiche o legate ad occasioni particolari (congressi, fiere, lanci di prodotti, operazioni di marketing).

Costi Il rapporto qualità/prezzo di una personalizzazione in doming è senza dubbio competitivo. Non bisogna però dimenticare di aggiungerci i costi d’applicazione e manipolazione (imballaggio/disimballaggio). .../...

Vantaggi principali del doming Estetica Il rilievo e la brillantezza aumentano l’impatto visivo della personalizzazione, il che non è da poco in ambito di pubblicità tramite l’oggetto. Inoltre, l’aspetto “glossy” è in linea con l’attuale tendenza grafica. Basta dare un’occhiata su Internet per rendersi conto dell’onnipresenza di questa tendenza (pulsanti, pittogrammi, loghi rivisitati in stile “glossy”).

Resistenza La resina in poliuretano è un materiale particolarmente resistente. La sua consistenza “morbido-dura” la rende resistente agli urti, ai graffi ed allo sfondamento. Tra l’altro, ricordiamo che la sua apparizione negli anni ’70

#5 - Ottobre 2011

Quaderno personalizzazione

Personalizzazione oggetti

67


68

Personalizzazione oggetti

Il potere di seduzione del doming

d’applicazione dell’oggettistica pubblicitaria è perfettamente compatibile con tale gamma. Si usano soprattutto dei tack medio-forti. I tack deboli sono riservati a degli eventi occasionali, alle campagne di mailing postali in quanto consentono la rimozione senza strappo, alle simulazioni, insomma a tutti quei casi in cui si è portati ad attaccare e staccare in breve tempo. I tack forti, invece, sono destinati a condizioni d’uso più impegnative (attrezzatura da sci, macchine industriali, nautica, automobili...).

Le deformazioni ... Un vasto campo d’applicazioni Le applicazioni del doming sono svariate, grazie alle sua qualità estetiche e tecniche (resistenza). Consente di personalizzare una vasta gamma d’oggetti e di materiali negli ambiti elencati sotto.

L’altra condizione da rispettare riguarda il luogo in cui applicare la personalizzazione, che non dev’essere troppo incurvato né deformato nei due assi (deformazione sferica). A patto di rispettare questa condizione, è possibile personalizzare in doming praticamente tutti gli oggetti pubblicitari.

Auto, moto, tempo libero

Casi particolari

Firme, distintivi, marche... possono essere applicate su veicoli, cicli e motocicli, imbarcazioni, attrezzature sportive o materiale da sci.

Un discorso a parte meritano quei supporti con uno spazio appositamente dedicato alla personalizzazione (portachiavi, borse, chiavette USB, metri a nastro, alcune agende). Infatti, dovuto al modo in cui sono concepiti, essi prevedono già uno spazio cavo destinato a ricevere la personalizzazione. Consentono, partendo da prodotti vergini, di avere dei prodotti finiti unici in modo semplice e rapido.

Industria e servizi Per la firma o l’identificazione di macchine industriali, nel settore del noleggio d’attrezzature, l’utensileria, la burotica e l’informatica.

Oggettistica pubblicitaria Si tratta di un settore che assegna un ruolo sempre più importante a questa tecnica. Sono rari gli oggetti pubblicitari venduti senza personalizzazione. I rivenditori alla ricerca di un valore aggiunto devono puntare sulla qualità sia del loro servizio che della personalizzazione. Ecco quindi che il doming offre loro una buona soluzione per impreziosire i loro articoli.

Casa ed elettrodomestici Gli apparecchi per la casa sono spesso firmati tramite il doming (elettrodomestici, apparecchiature elettriche, climatizzazione e riscaldamento, utensili da giardino, ecc.). Questa tecnica consente infatti di firmare in modo diverso, alla fine della catena, dei prodotti usciti dalla stessa produzione.

Associare la colla adeguata al giusto supporto Tutti i supporti, morbidi o rigidi che siano, sono personalizzabili tramite il doming. Basta associare la colla adeguata al giusto supporto e limitare la deformazione dell’adesivo.

Le colle Le colle attuali sono dotate di poteri coesivi variabili (in nome tecnico è “tack”), che vanno da quelli delle colle riposizionabili a quelli delle colle super forti. L’ambito

Numerosi sbocchi Oltre alla personalizzazione d’oggetti pubblicitari, gli adesivi in doming sono essi stessi dei veri e propri oggetti promozionali. Il loro aspetto attraente consente infatti di rafforzare l’impatto di un messaggio (badge temporanei per degli eventi, associati ad un mailing, un’operazione di marketing…). Questi adesivi in doming sono apprezzati per la loro capacità di visualizzare in modo permanente informazioni pratiche o commerciali: N° d’assistenza, contatto commerciale... Infine, in alcuni ambiti, il doming consente di produrre dei prodotti specifici: cover per telefoni cellulari o lettori MP3. Si tratta di un’ottima opportunità per i rivenditori, che possono così diversificare la loro offerta grazie ad un prodotto attraente. La relazione doming-oggetti promozionali sembra quindi destinata a durare nel tempo... Oltre all’aspetto, i rivenditori potranno apprezzarne la libertà creativa offerta e la flessibilità d’uso. Per concludere, il potere di seduzione del doming soddisfa perfettamente le esigenze di un mercato in cui la qualità e l’impatto della personalizzazione sono elementi essenziali. ///


70

Ricamo Thierry Reynaud ha acquisito un’esperienza ventennale nei settori del tessile promozionale e del ricamo. Appassionato d’informatica, si è specializzato da ormai oltre dodici anni nella punciatura. Residente da gennaio 2004 a Montpellier, realizza con la sua azienda Stitch Création, sita a Parigi, dei programmi di ricamo per una clientela fatta di ricamatori, agenzie di comunicazione e produttori. Titolare, inoltre, del sito Web www.piquage.com, è in grado di realizzare e rinviare via Internet i lavori affidatigli in meno di 24 ore.

Thierry Reynaud può essere contattato telefonicamente al n° 0033 (0)4 67 58 20 10 o per e-mail all’indirizzo info@piquage.com

Forme che si

deformano Per realizzare delle forme di base come i cerchi o i quadrati in punto raso i software per ricamo propongono degli strumenti molto semplici da usare. Ma, una volta realizzato il ricamo, ci si rende conto che c’è un abisso tra la teoria e la pratica, visto che i cerchi diventano ovali e i quadrati si trasformano in rettangoli! Cercheremo, quindi, in quest’articolo, di comprendere le cause di tali deformazioni e trovare un rimedio. la deformazione è minima e il risultato è spesso molto fedele a quello realizzato al computer. Su una t-shirt o su un costume da bagno, invece, il ricamo restringe il tessuto deformando completamente il disegno. Poiché più il tessuto è elastico maggiore è la deformazione, tutto sta nello stabilizzare il tessuto al massimo per ottenere un ricamo regolare.

La tensione

Teoria

Pratica

Perché il ricamo si deforma? Il tessuto Utilizzando lo stesso programma, il risultato del ricamo può differire a seconda del supporto su cui è effettuato. Su una camicia in tessuto di tipo ordito e trama

Sulle macchine multitesta le deformazioni possono verificarsi in punti diversi a seconda della testa. Da ciò s’intuisce che ci sono anche altri fattori che intervengono nel processo di deformazione. Se la tensione tra il rocchetto e la spoletta non è equilibrata, le deformazioni sono destinate ad accentuarsi. Per ottenere un risultato più o meno costante su tutte le teste è fondamentale avere una tensione identica su ognuna di esse. Alcuni utilizzano un tensiometro per misurarla in maniera precisa.

Lo stabilizzatore

Camicia

PVC

Polo

T-shirt

Pullover

Si tende a credere che esistono degli stabilizzatori universali, ma ciò non è affatto vero. In realtà, ogni tessuto dev’essere sostenuto sul retro con uno stabilizzatore idoneo. Ce ne sono per i tessuti in ordito e trama, per quelli in maglia, in lycra, in piqué, ecc. I


La lunghezza dei punti Stabilizzatore solido

Stabilizzatore leggero

produttori e i distributori sapranno indicarvi con precisione lo stabilizzatore che fa al caso vostro.

Il telaio Nel caso in cui ricamiate i vostri articoli per mezzo di telai, dovete prendere in considerazione il modo in cui li intelaiate. Se l’intelaiatura è floscia, il tessuto non sarà stabile, mentre se è molto tesa il tessuto rischia di deformarsi. Occorre quindi trovare il giusto equilibrio per ogni indumento ed assicurarsi che la tensione di ogni intelaiatura sia ben ripartita su tutto il telaio.

Come evitare le deformazioni? Per evitare le deformazioni è quindi necessario stabilizzare correttamente il tessuto, impostare la giusta tensione dei fili ed intelaiare i capi in modo omogeneo. Ma i problemi possono essere risolti a monte, al momento della punciatura. È possibile evitare una deformazione contro-deformandola. Anche se può sembrare ovvio, funziona davvero! Se digitalizzando un cerchio si ottiene Deformazione Originale manuale una forma ovale, basta realizzare un’ovale per ottenere un cerchio. Idem per il quadrato ed il rettangolo.

I sottopunti Per stabilizzare un tessuto si utilizzano i sottopunti. Ora, poiché, come abbiamo visto sopra, quanto più il supporto è elastico tanto più rischia di deformarsi, bisognerà tenere presente che più è a rischio di deformazione e più sottopunti applicheremo.

Originale

Sottopunto

Allo stesso modo, su un tessuto elastico è preferibile utilizzare un punto raso lungo 5 mm, invece dei soliti 3 mm. Facendo ciò, si avranno meno punti nel ricamo e si ridurranno le deformazioni.

La compensazione Non bisogna dimenticare di far ricorso all’impostazione della compensazione. A tal proposito, meglio utilizzare l’impostazione in percentuale piuttosto che in valore assoluto. In quest’ultimo caso, la compensazione è la stessa su tutte le linee di riempimento, mentre con l’impostazione in percentuale le linee corte sono meno compensate e quelle lunghe lo sono maggiormente. Un’impostazione predefinita al 110% è ideale per i tessuti resistenti, mentre 120% è il minimo per i supporti più elastici.

Il punti d’inizio/fine

Fine

Anche l'inizio e la fine di una forma in punto raso giocano un ruolo importante su un’eventuale deformazione della stessa. Bisogna quindi fare attenzione a collocarli al punto giusto.

Il contorno Un altro metodo efficace, quando è possibile utilizzarlo, consiste nel circondare la forma da riempire con un punto cordoncino parallelo, in quanto, venendo dopo il riempimento, non subisce alcuna deformazione ed effettua anzi un’eccellente rifinitura.

La campionatura Nei disegni con più colori che si sovrappongono si verificano spesso molteplici deformazioni, con dei punti raso che si sovrappongono con sensi diversi. Malgrado l’abitudine, è difficile prevederne il risultato finale. Per ottenere un buon risultato, l’unico buon metodo consiste nel campionare la digitalizzazione in reali condizioni di produzione, vale a dire con la macchina che sarà poi utilizzata per ricamare la serie e col capo che sarà realmente ricamato. Se fate realizzare i vostri disegni a distanza, vi conviene inviare una foto del ricamo al punciatore, in modo che possa apportare le necessarie correzioni. ///

Compensazione

#5 - Ottobre 2011

Quaderno personalizzazione

Ricamo

71


72

Ricamo Ricamatore autodidatta, Olivier Cetra fondò 15 anni fa l’azienda Globe Brodeurs Associés. Grazie al suo lavoro assiduo ed alla sua perseveranza, ha saputo imporre i suoi valori di qualità e servizio derivanti dalla sua visione moderna della sua professione. La sua azienda, situata a Nizza dal 1996, è composta da un’équipe giovane, dinamica e professionale, che realizza ogni tipo di ricamo su qualsiasi supporto, senza restrizioni di quantità.

Olivier Cetra può essere contattato telefonicamente al n° 0033 (0)4 93 21 03 03, al suo cellulare allo 0033 (0)6 12 10 72 71 o per e-mail all’indirizzo contact@globe-brodeurs.com

Tutto quello che c’è da sapere per eseguire ricami in piano di qualità La tecnica del ricamo in piano consiste nel ricamare senza l'ausilio di telai ma utilizzando il pantografo della macchina come supporto. Tale tecnica, utilizzata prevalentemente dai ricamatori industriali su macchine multitesta, può essere adattata anche a coloro che lavorano su macchine monotesta. I vantaggi del ricamo in piano sono numerosi. Innanzitutto, tale tecnica consente di prevenire tutti gli inconvenienti legati all'utilizzo dei telai, ovvero: - le tracce lasciate sul supporto (in particolare sui supporti di colore scuro); - i problemi di tiratura del tessuto, soprattutto quando il motivo da ricamare comprende zone di riempimento estese con contorni a punto cordoncino o impunture. In effetti, la tensione del tessuto o il serraggio del telaio possono influire sulla precisione dei contorni; - il fatto che, dopo diversi lavaggi, il tessuto rischia d’incurvarsi a causa delle deformazioni provocate dal ricamo. Quando si ricama in piano, il tessuto è mantenuto in posizione affinché possa conservare la sua configurazione originaria e questo assicura una qualità costante del ricamo oltre a garantire l'assenza di qualsiasi deformazione del tessuto.

Utilizzate una macchina monotesta? In materia di ricamo in piano vi sono due scenari possibili per gli utilizzatori di macchine monotesta. Nel primo caso, unitamente alla macchina, avete acquistato un pantografo, spesso proposto come accessorio opzionale. Di conseguenza, la macchina monotesta dovrà essere utilizzata con il piatto fisso e il pantografo. Nel secondo caso, al momento dell'acquisto della macchina, non avete acquistato il pantografo e, quindi, sarà necessario utilizzare il telaio più grande a vostra disposizione come pantografo inserendovi dei fogli di fliselina del massimo spessore possibile (non esitate ad utilizzare più fogli).

Telaio classico

Utilizzo del telaio come pantografo

In quanto a tempi di realizzazione, la preparazione della produzione richiede un tempo leggermente superiore ma la regolarità nella qualità dei ricami realizzati e il tempo di finitura ridotto compensano ampiamente tale aspetto leggermente fastidioso.


Programmazione Vi sono due opzioni possibili: - lavorare con il punto d’inizio al centro; tale metodo obbligherà ad utilizzare della colla temporanea o altri metodi di fissaggio del supporto sul pantografo; - iniziare il lavoro in posizione di stop; tale metodo consiste nell'inserire, come illustrato nell'immagine sottostante, una ventina di punti di impuntura in andata e ritorno sotto una zona che sarà in seguito ricoperta dal ricamo finale. Alla fine di tale cucitura, inserire un tagliafilo, quindi un punto di fermo che sposterete in seguito orizzontalmente verso un altro punto anch'esso situato in una zona che sarà ricoperta dal ricamo. Questi due punti vi permetteranno di posizionare con precisione il ricamo sul supporto.

Puntamento

Inserimento di punti di fissaggio

Risultato finale

Posizionamento in posizione di stop

Preparazione del supporto La fase di puntamento consiste nel posizionare correttamente il ricamo sul supporto utilizzando una sagoma realizzata a partire dalla scheda tecnica del programma di ricamo. Tale operazione garantisce che il ricamo sia perfettamente orizzontale.

Sagoma con posizione di stop e punto d’inizio

Per preparare la sagoma dovete quindi perforare in 2 punti se lavorate in posizione di stop, il punto di inizio e la posizione di stop (vedi foto), e in 3 punti se lavorate in partenza dal centro, il punto di inizio e due punti di riferimento su una linea orizzontale che passa per il punto d’inizio. Piccolo suggerimento: per ricamare i cappellini in piano vi consiglio di utilizzare il metodo del punto d’inizio al centro posizionandolo sulla cucitura centrale del cappellino, al fine di ottenere un perfetto centraggio del ricamo. Puntate i supporti con l'ausilio di pennarelli o matite i cui tratti possono essere cancellati con l’acqua. Infatti, alcuni segni possono risultare presenti anche al termine del ricamo, in particolare quando i punti sono posizionati sotto una scritta di piccole dimensioni. Per poter ricamare un articolo senza fissarlo ad un telaio è necessario rendere il supporto più rigido applicando, a tal fine, della fliselina termoadesiva sul rovescio del ricamo come illustrato in foto. Piccolo suggerimento: non esitate ad applicare due strati in caso di ricamo di supporti sottili o estremamente deformabili, in particolare se il ricamo da realizzare imprime delle sollecitazioni importanti al tessuto. Un'altra soluzione che può essere adottata in alcuni casi e che consente di ridurre il tempo di preparazione consiste nel posizionare sul pantografo la fliselina termoadesiva e nell'incollare il supporto direttamente su di essa. .../...

Posizionamento della sagoma

#5 - Ottobre 2011

Quaderno personalizzazione

Ricamo

L’esecuzione della tecnica passo per passo

73


74

Ricamo Tutto quello che c’è da sapere per eseguire ricami in piano di qualità

Ricamo Per ricamare un articolo confezionato sarà necessario programmare la macchina affinché il ricamo sia realizzato a 180° come richiesto obbligatoriamente dal posizionamento del supporto sulla macchina. Posizionamento

Posizionamento punto d’inizio Posizionamento di una polo per l'esecuzione in un ricamo in piano.

Per i supporti aperti quali le giacche con zip intera o gli asciugamani potrete ricamare sul dritto. Nella programmazione della macchina sarà necessario iniziare ripetendo due volte il primo colore. I punti di fissaggio e il primo colore devono essere identici. In seguito riprendete il ciclo normale di programmazione dei colori. Punti di aggancio

Posizionamento sulla posizione di stop

Ciclo di colore In primo luogo, posizionate l'ago del primo colore al di sopra del punto di inizio e avviate la macchina. Questa realizzerà le impunture, quindi si sposterà sopra la posizione di stop prima di fermarsi. Ora, dovrete allineare l'ago su questo secondo punto e riavviare la macchina affinché possa realizzare il ricamo. Nel caso utilizziate la fliselina termoadesiva sul pantografo o adottiate il metodo con punto d’inizio al centro, sarà necessario eseguire l'allineamento direttamente rispetto al punto segnato prima di avviare la macchina. A tal fine, fate riferimento alla parte anteriore della macchina che è, generalmente, diritta per realizzare un allineamento visivo. Potrete quindi riavviare immediatamente la macchina. Oltre alla pulizia tradizionale del ricamo, le finiture consisteranno semplicemente nel rimuovere la fliselina termoadesiva e nel rimettere il supporto tessile al dritto.

Avvio del ricamo

I punti sono ricoperti dal ricamo


Quaderno personalizzazione

75

Casi particolari È possibile utilizzare la tecnica del ricamo in piano nei seguenti casi:

Ricamo su cappellino: il programma di ricamo è eseguito con un posizionamento a 180°

A volte, conviene ricamare con tale tecnica con l'ausilio di telai la cui unica funzione è tenere in posizione il supporto se il capo in oggetto è foderato oppure nel caso di ricamo in aree di difficile accesso quali, ad esempio, la manica. Il telaio non sarà quindi fissato sulla macchina ma semplicemente posizionato sul pantografo.

Ricamo sul didietro di giubbotti foderati: il programma di ricamo è eseguito con un posizionamento a 270°

Infine, non dimenticate che questa tecnica è sconsigliata per alcuni tipi di produzione (ricamo su pelletteria o ricami di grandi dimensioni sul didietro dei capi, ecc.) e che le macchine tubolari offrono delle possibilità di accesso ad alcune zone a cui la tecnica di ricamo in piano non consente di accedere.///

Ricamo su maniche: il programma di ricamo è eseguito con un posizionamento a 0°

In conclusione, riconosco che tale tecnica, per i ricamatori abituati a ricamare con l'ausilio di telai su macchine tubolari, rappresenta un cambiamento radicale nell'organizzazione del lavoro e, a volte, è molto difficile cambiare le proprie abitudini. Tuttavia, questo metodo offre numerosi vantaggi tanto in termini di qualità del lavoro realizzato quanto di precisione. Vi consiglio, in un primo momento, di applicare questa tecnica su capi a maniche corte quali le polo e le t-shirt. Una volta appreso il metodo, vi divertirete ad applicarlo su buona parte della produzione restante.

Ovunque e in qualsiasi momento potete consultare la versione elettronica della rivista su

www.top-rivista.it

#5 - Ottobre 2011


Abbonatevi a

Tutta l’informazione sul tessile promozionale, l’oggetto pubblicitario, la regalistica aziendale e le tecniche di personalizzazione per 1 anno a

rta: Speciale offe 011 /2 fino al 31/12

40 euro

soli 40 euro!

invece di 50

2 FORMULE per ricevere tutta l’informazione sul vostro settore d’attività per 1 anno Mi abbono alla versione elettronica e-TOP!

■ Abbonamento GRATUITO

Mi abbono alla versione cartacea ■ 1 anno (4 numeri) ITALIA E ALTRI PAESI UE - al prezzo di 40 euro con bonifico bancario - al prezzo di 60 euro con assegno

■ 1 anno (4 numeri) ALTRI PAESI NON UE - al prezzo di 60 euro con bonifico bancario o assegno

gratuiti

Assegno intestato a 656 EDITIONS Per il bonifico: IBAN n° FR76 1390 7000 0080 2127 5260 924 BIC: CCBPFRPPLYO

Ragione sociale:

..........................................................................................................

Nome / Cognome: ............................................................................................................ Funzione: ❏ Direttore generale ❏ Direttore tecnico ❏ Acquisti ❏ Vendite ❏ Marketing - Comunicazione

❏ Altro: .......................................................................................................................................... Indirizzo: CAP:

..............................

Paese: Fax:

.....................................................................................................................

Città:

........................................................................

.......................................... Tel.: .........................................................................

..........................................

E-mail:

......................................................................

Sito Web: ................................................................................................................................

Vorrei pubblicare un annuncio

Annunci

Attività:

❏ Distributore di oggettistica e/o abbigliamento promozionale ❏ Agenzia di comunicazione ❏ Produttore/Distributore di indumenti da lavoro ❏ Serigrafia tessile ❏ Serigrafia su oggetti ❏ Tampografia ❏ Ricamo ❏ Tansfer ❏ Stampa digitale ❏ Altro tipo di personalizzazione Altra attività (precisare): .................................................................

Lavoratori in azienda:

❏ 1-2 ❏ 3-5 ❏ 5-10 ❏ 10-20 ❏ più di 20

❏ Le informazioni di cui sopra sono necessarie all’attivazione del vostro abbonamento e potranno essere utilizzate a fini commerciali. Solo se non lo desiderate, barrate questa casella.

gratuito* (riservato agli abbonati della rivista cartacea)

*Non si accettano annunci pubblicitari. A tal fine, potete inviare un’e-mail a: jpizard@656editions.net

Modulo da inviare, insieme al vostro pagamento in caso di un abbonamento, a:

656 Éditions – BP1072 – 69202 Lyon Cedex 01 - Francia In conformità alla legge “Informatica e Libertà“ del 6 gennaio 1978, disponete del diritto di accesso e di rettifica dei vostri dati personali.


LIBRI

La biblioteca di TOP! Da sempre all’avanguardia dell’informazione sulla decorazione tessile, 656 Éditions diventa distributrice esclusiva delle tre opere tecniche qui presentate per l’Italia, Francia e Spagna. Questi libri sono scritti da due grandi specialisti dei loro rispettivi settori di competenza: la grafica computerizzata ed il ricamo. Disponibili soltanto in inglese, ma ampiamente illustrati e documentati, queste opere di riferimento diverranno presto indispensabili per la vostra attività! Per procurarveli, basta ritagliare e riempire il coupon qui di fianco, inviandolo per posta all’indirizzo sotto riportato, insieme al vostro pagamento.

T-Shirt Artwork Simplified Created Specifically For Adobe Photoshop & Illustrator Users Autore: Dane Clement Numero di pagine: 224 Lingua: inglese Data di pubblicazione: settembre 2008 Prezzo: 69 euro

Created Specifically For CorelDRAW & Corel PHOTO-PAINT Users Autore: Dane Clement Numero di pagine: 217 Lingua: inglese Data di pubblicazione: novembre 2008 Prezzo: 69 euro

78

Quest’opera, disponibile in due versioni, una per gli utenti d’Adobe Photoshop & Illustrator e l’altra per chi utilizza CorelDRAW & Corel PHOTO-PAINT, spiega, passo dopo passo, ai decoratori tessili, come trarre maggior profitto da questi due software. Illustrato con schemi tecnici che mostrano in dettaglio le operazioni da compiere per ottenere degli ottimi risultati quando si stampano i disegni, il libro è accompagnato da un CD contenente informazioni aggiuntive, video ed un codice per scaricare gratuitamente 2 immagini dal sito Web di Dane Clement. Dane Clement, grafico ed illustratore da oltre 20 anni, collabora regolarmente con delle riviste di settore e condivide, inoltre, la sua esperienza attraverso dei seminari organizzati nell’ambito delle fiere Imprinted Sportswear Shows, che si svolgono più volte all’anno negli Stati Uniti.


Punch - Digitizing for Embroidery Design Autrice: Bonnie Nielsen Numero di pagine: 300 Lingua: inglese Data di pubblicazione: ottobre 2010 Prezzo: 52 euro

Buono d’ordine Vostri dati Ragione sociale: ............................................................................... Nome/Cognome:............................................................................ Indirizzo completo: ......................................................................... ........................................................................................................ ....................................................................................................... Telefono: ...................................................................................... E-mail :............................................................................................. Le informazioni di cui sopra sono necessarie all’evasione del vostro ordine e potranno essere utilizzate a fini commerciali. Solo se non lo desiderate, barrate questa casella. ❏

Vostro ordine ❏ T-Shirt Artwork Simplified (Adobe Photoshop & Illustrator) (69 euro con bonifico o 84 euro con assegno) Numero di esemplari: ….

❏ T-Shirt Artwork Simplified

Questo libro, dedicato alla punciatura, spiega in dettaglio tutti gli aspetti del processo di disegno in ricamo, dalle tecniche di creazione più semplici a quelle più avanzate. Ricco d’informazioni pratiche e di consigli tecnici essenziali per poter realizzare disegni di buona qualità con le macchine da ricamo industriali, questo libro è inoltre una vera e propria fonte d’ispirazione. Illustrato mediante immagini ed istruzioni passo dopo passo, non basate su nessun software di digitalizzazione in particolare, è adatto a tutti i ricamatori, siano essi principianti o esperti di punciatura. Bonnie Nielsen, specialista della punciatura, gode di un’esperienza di oltre 25 anni nell’industria del ricamo. In forza attualmente all’azienda Madeira, impartisce

(Adobe Photoshop & Illustrator) (69 euro con bonifico o 84 euro con assegno) Numero di esemplari: ….

❏ Punch – Digitizing for Embroidery Design (52 euro con bonifico o 67 euro con assegno) Numero di esemplari: …. + Spese di spedizione: 15 euro Per il bonifico: IBAN n° FR76 1390 7000 0080 2127 5260 924 BIC: CCBPFRPPLYO

Riempire il presente modulo ed inviarlo per posta, insieme alla ricevuta del bonifico o ad un assegno intestato a 656 Éditions (le spese di spedizione devono essere incluse nel totale), al seguente indirizzo: 656 Éditions – BP 1072 – 69202 Lyon Cedex 01, France.

diversi seminari per designer e specialisti della punciatura, oltre a scrivere numerosi articoli per riviste specializzate del settore del ricamo e del tessile. ///

In conformità alla legge “Informatica e Libertà“ del 6 gennaio 1978, disponete del diritto di accesso e di rettifica dei vostri dati personali.

#5 Ottobre 2011

79


ISTI

RZION E S N I I L G E DE

INDIC

2a di copertina: Bag www.bagbase.com

Base

Pag. 5: Result www.resultclothing.com

Pag. 21: JHK www.jhktrader.com

Pag. 25:

Beechfield

www.beechfield.com

Pag. 35: Mid Ocean Brands Via Giulio Vincenzo Bona, 133 00156 Roma Tel.: 06 41 22 33 1 - Fax: 06 41 22 33 99 sales.italy@midoceanbrands.com www.midoceanbrands.com Pag. 41: Gildan www.gildan.com

Activewear

Pagg. 50 e 51, 57, 60, 77:

European Sourcing

italia@europeansourcing.com www.europeansourcing.com

Pag. 55: EPPI www.eppi-magazine.com

Pag. 69: Kokse Via Traversa di Vergaio, 16 59014 Prato (PO) Tel.: 0574 81 14 00 - Fax 0574 66 26 63 kokse@kokse.com www.kokse.com 4a di copertina: Russel www.russeleurope.com

80

Prenotate il vostro spazio pubblicitario nella guida all’acquisto: 02 403 26 792

stefania@top-rivista.it


"Dopo la conferenza sul "Green", ho incontrato un sacco di fornitori d'oggettistica e di tessile promozionali specializzati e ho visto pure delle personalizzazioni "pulite". Ma lo sapevi che esistono degli inchiostri 100% vegetali?"

Alessandra, 32 anni, è rivenditrice d'oggettistica pubblicitaria.

Come i 5.000 visitatori di CTCO 2011, anche lei ha potuto scoprire l'esistenza d'inchiostri vegetali per personalizzare i suoi prodotti. E probabile che proprio questa scoperta le abbia consentito di vincere una gara d'appalto del valore di 80.000 â‚Ź con una gamma di prodotti completamente "verdi"...

en/bio ha dichiarato di Il 68% dei visitatori interessati al tema gre l’arco dei tre giorni di fiera. aver trovato delle soluzioni adeguate nel

2012

7I8I9 FEBBRAIO LIONE (FRANCIA)

Tessile promozionale Oggetto pubblicitario Tecniche di personalizzazione

Apertura delle pre-registrazioni: 17 ottobre 2012

www.salon-ctco.com


TOP! La rivista #5 - Nuova formula!  

La rivista del tessile promozionale, dell'oggetto pubblicitario, del regalo aziendale e delle tecniche di personalizzazione

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you