Issuu on Google+


ieri...

...oggi

IN DIRETTA GENNARO MONTUORI

Giovedì ore 20.50

RECORD DI ASCOLTI PRIMI IN ITALIA

Ringrazio tutti i miei ospiti per aver reso grande il programma ieri...

...oggi

ROBERTO FIORE

ieri...

...oggi

GIUSEPPE VOLPECINA

ieri...

...oggi

GAETANO MUSELLA

ieri...

...oggi

ANGELO BENEDICTO SORMANI

ieri...

...oggi

ieri...

...oggi

GIUSEPPE SAVOLDI

ieri...

...oggi

ANTONIO CAPONE

ieri...

ENRICO TUCCILLO

...oggi

MASSIMO FILARDI

ieri...

IDRIS

ANTONIO CORRADO

...oggi

GUIDO POSTIGLIONE

LISA CIARDIELLO

Parrucchiere: WONDER LINE HAIR

Via Pigna, 134 - Napoli - Tel. 081.0403442 Foto in studio: Raffaele Esposito Assistente di studio: Antonio Cicia

SANDRO ABBONDANZA

ANTONELLA MADDALUNO

Ci seguono sul digitale terrestre in Lombardia (canale 614), Veneto (canale 642), Lazio (canale 189), Campania (canale 18) e prossimamente anche in Emilia Romagna. Sulla piattaforma Sky (canale 901) e sull’analogico in Calabria, Puglia, Abruzzo, Molise, Lucania, Marche, Basilicata e Umbria


Direttore Editoriale

Gennaro Montuori Direttore Responsabile

Antonio Corrado

4

Hanno collaborato:

M. Carratelli M. Cucco R. Fiore C. Montuori

EDITORIALE

6 L’ANNO D’ORO DEL NAPOLI

In redazione:

Cinzia Montuori I servizi fotografici sono di:

Agenzia Mosca R. Esposito

SORTEGGIO 8 IL DI NYON MERCATO 10 IL APRE I BATTENTI

Copertina e poster di:

R. Esposito Impaginazione e ideazione grafica:

Gennaro Uccello tel. 328.3359262 Per la pubblicità su questo mensile rivolgersi alla redazione di:

Tifosi Napoletani MUGNANO (NA) Via Cesare Pavese, III trav. 2/A tel/fax 081 745 14 33 Gli articolisti forniscono la propria prestazione a titolo spontaneo, gratuito e assumendos la responsabilità.

6

32 NAPOLI JUVENTUS 36 NAPOLI LECCE 40 VILLARREAL NAPOLI

16 IL FIORE ALL’OCCHIELLO

44 NOVARA NAPOLI

GIOCATORE DEL MESE: 48 NAPOLI 20 IL EZEQUIEL LAVEZZI ROMA

22 LADELFOTOMESE

52 TIFOSE DOC SPAZIO 56 LODEI TIFOSI

20

Per ricevere a casa UltrAzzurro basta pagare le spese di spedizione inviando un vaglia postale di € 40,00 intestato a: GENNARO MONTUORI Via Cesare Pavese, III Trav. n° 2/A - 80018 Mugnano (NA). Riceverai il mensile periodicamente a casa tua per un anno (con probabile esclusione di Luglio ed Agosto). la spedizione in 24/48h lavorative è a cura del corriere espresso:

30 ATALANTA NAPOLI

14 L’ANGOLO DELL’INSOLENTE

24 NAPOLI LAZIO

Autorizzazione del Tribunale di Napoli n. 4267/92 del 28/3/92.

26 NAPOLI MANCHESTER CITY

Stampa di:

40

52


C

arissimi lettori eccoci qua con il nostro consueto appuntamento mensile. Ci ritroviamo così come ci eravamo lasciati, ossia con un Napoli esaltante in Champions e balbettante in campionato. La vittoria con Manchester e Villarreal hanno consentito agli azzurri di emulare il Napoli di Maradona entrando per la seconda volta nella sua storia tra le prime sedici squadre d’Europa. In campionato, invece, Cannavaro e compagni non riescono ad avere quel cambio di marcia per restare aggrappate alle prime. La sconfitta interna con la Roma, di fatto, ha estromesso il Napoli dalla lotta al vertice. Gli azzurri dovranno riprendere a correre se vorranno centrare la qualificazione in Europa, più Europa League che non Champions, infatti pensare, oggi, di raggiungere il terzo posto appare piuttosto velleitario. Con adeguati rinforzi nel prossimo mercato di gennaio, il nostro Napoli potrà ancora ambire ai massimi traguardi. In questo numero Mimmo Carratelli ripercorrerà questo magnifico 2011 per i colori azzurri, vi racconteremo del sorteggio di Champions che per il Napoli ha visto uscire dall’urna di Nyon il Chelsea, avversario difficile ma non imbattibile. Con Antonio Corrado faremo il punto sulle voci di mercato a poco più di dieci giorni dalla sua apertura. Ci sarà il solito pepe nell’angolo dell’insolente e Mauro Cucco ci parlerà del “Pocho”, il giocatore più in palla di questo mese. Vi faremo rivivere attraverso le nostre splendide foto le gare di campionato e le esaltanti sfide di Champions. In questo numero vi presenteremo, inoltre, un’altra “tifosa doc”, l’attrice partenopea Anna Fusco. Vi rinnovo il consueto appuntamento televisivo con “Tifosi Napoletani” tutti i giovedì sulle frequenze di Tele A che vi terrà compagnia anche durante le prossime festività natalizie durante le quali entreremo nelle vostre case per raccontarvi le ultime notizie di mercato e tutto quello che ruota intorno al nostro Napoli. Vi ricordo che potrete interagire con la trasmissione e con il nostro giornale anche attraverso il nostro sito www.tifosinapoletani.it, sempre aggiornato nella nuova veste ricca di news ed aggiornamenti. Voglio chiudere questo editoriale formulando a tutti voi un affettuoso augurio di buon natale e di un felice anno nuovo ed in particolare a tutte le persone che soffrono. Al nostro Napoli auguro, invece, un 2012 ricco di vittorie e magari foriero di qualche trofeo.Un abbraccio a tutti voi e come sempre, dal profondo del cuore, forza Napoli.


L’ANNO D’ORO D L’

anno solare del Napoli, mentre mancano due partite al San Paolo contro Roma e Genoa, si illumina di due risultati “storici”. Il terzo posto in campionato a conclusione della stagione 2010-2011 e l’esaltante classifica degli azzurri nel girone di qualificazione della Champions League 2011-2012, definito “il girone della morte” per la presenza di Bayern Monaco e Manchester City, il più difficile degli otto gironi della Champions. Il Napoli di Mazzarri centra in campionato il terzo posto che, nelle 81 partecipazione degli azzurri ai campionati nazionali, era stato conquistato in precedenza solo sette volte. Due volte negli anni Trenta dallo squadrone di Garbutt con Sallustro. Nel 1966 dal Napoli di Pesaola con Sivori e Altafini. Nel 1971 dalla squadra di Chiappella con una difesa super, la migliore del campionato (Zoff, Ripari, Pogliana, Zurlini, Panzanato, Bianchi), e la sfida-scudetto interrotta a Milano dall’arbitro Gonella nella partita contro l’Inter. Nel 1974 dal primo Napoli irriducibile di Vinicio. Nel 1981 dalla squadra di Rino Marchesi in corsa per lo scudetto, corsa stroncata dalla “maledetta” partita al San Paolo contro il Perugia (0-1, fulmineo autogol di Ferrario e record di spettatori, 89.365). Nel 1986 dallo squadrone di Maradona, premessa dello scudetto nella stagione successiva. Nella corsa alla qualificazione degli ottavi di Champions, il Napoli (11 punti) è la quinta squadra in assoluto fra le 32 partecipanti dietro Real Madrid (18 punti), Barcellona (16), Bayern (13), Benfica (12) e davanti alle due altre formazioni italiane, Inter (10) e Milan (9). Escludendo le due ultime partite di dicembre, nel 2011 il Napoli ha disputato 45 partite (35 di campionato, 2 di Coppa Italia, 2 di Coppa Uefa, 6 di Champions) vincendone 20, pareggiandone 13 e perdendone 12. Con 68 gol segnati e 47 subiti. Il cannoniere dell’anno è Cavani con 27 gol (23 in campionato, 4 in Cham-

6

pions), seguito da Hamsik (10 reti), Lavezzi (6), Maggio e Mascara (4). Due reti per Zuniga, Campagnaro, Fernandez, Pandev, Dzemaili. Un solo centro per Yebda, Pazienza, Josè Ernesto Sosa, Dossena, Lucarelli e Inler. Il Matador mette a segno tre”triplette” contro la Juventus (3-0), la Sampdoria (4-0), la Lazio (4-3) e il Milan (3-1). E’ stato un anno esaltante annunciato dal 3-0 alla Juventus il 9 gennaio al San Paolo a conclusione del girone d’andata. Festa grande per l‘accesa rivalità con i bianconeri. Notte di sogno, notte di trionfo con 60mila spettatori sugli spalti. I tre colpi di testa del Matador nella porta di Storari valsero la riconquista del secondo posto, 4 punti

dietro al Milan. Perno del successo un superlativo Pazienza, battitore libero davanti alla difesa, pronto sui raddoppi, svelto nell’impostare il gioco. Era la Juve di Delneri lasciata in classifica 5 punti dietro. Lo squillante 4-0 alla Sampdoria tenne in corsa il Napoli alle spalle del Milan. La Samp aveva la migliore difesa del campionato. Fu un gran concerto dei tre tenori. Tripletta di Cavani, a segno anche Hamsik. Restò all’asciutto Lavezzi, che giocò una partita furiosa. Suoi gli assist del primo gol di Cavani e della rete di Hamsik. La Sampdoria aveva ceduto Pazzini e Cassano, firmando la sua decadenza. Il Napoli andò poi a vincere all’Olim-


DEL NAPOLI

Mimmo Carratelli

pico contro la Roma (2-0, “doppietta” di Cavani, prima rete su rigore) dove non aveva vinto ancora nessuno. Fu definita la partita della maturità col Napoli che, a 3 punti dal Milan, si accomodava al tavolo dello scudetto. Ma fu una batosta il confronto diretto con i rossoneri a San Siro (0-3). Il Napoli calò a sei punti dal Milan. La corsa proseguì. Con la sconfitta del Milan a Palermo (0-1), il Napoli si riportò a tre punti dalla vetta e, in una memorabile rincorsa, batté la Lazio a Fuorigrotta (4-3). La partita si giocò all’ora del ragù, a mezzogiorno. Fu un match pirotecnico contro la squadra di Reja, l’allenatore che aveva riportato il Napoli in serie A. Sembrava superiore la Lazio per assetto tecnico (Reja conosceva bene la squadra azzurra) e Zarate fu un folletto imprendibile. Dopo un’ora di gioco, la Lazio era avanti di due gol (29’ Mauri, 57’ Dias). Ma venne fuori il Napoli furente dei secondi tempi. Due punizioni di Lavezzi aprirono la strada alla rimonta. Sulla prima segnava di testa Dossena (60’), sulla seconda il tocco di Maggio proiettava in gol Cavani, ancora di testa (61’). Pareggio in due minuti. Un gran tiro di Brocchi picchiava sotto la traversa e, nel rimbalzo, era chiaramente dentro, ma né l’arbitro Banti né il guardalinee se ne accorsero. La partita girò a favore degli azzurri dopo che un autogol di Aronica riportò avanti la Lazio. Ma la squadra romana era ormai stanca per la pressione del Napoli e Lavezzi ne terrorizzava la difesa. Pari su rigore di Cavani (81’: il Matador atterrato in area da Biava, penalty ed espulsione del laziale). Vittoria all’88’ col terzo gol di Cavani, un pallonetto delizioso sull’assist strepitoso di Mascara (colpo di testa in torsione). 4-3 come il mitico punteggio di Italia-Germania al Mondiale del 1970. Il Napoli perse la corsa-scudetto nelle ultime sette partite: 8 punti contro i 17 del Milan. Sogno svanito. Occasione d’oro. Gli azzurri si cavarono l’ultima soddisfazione sul campo della Juventus (2-2) all’ultima giornata. Assenti Cavani, Hamsik e Lavezzi, la squa-

dra delle “seconde linee” con Cribari, Riz, Santacroce, Maiello, Sosa, Zuniga, Mascara e Lucarelli sorprese la Juve due volte costringendola a inseguire. Gol di Maggio (21’), pareggio di Chiellini (47’). Gol di Lucarelli (70’) e nuovi pari di Matri (84’). Col terzo posto in classifica, il Napoli volò verso l’avventura in Champions League. Non accadeva dai tempi di Maradona. Intanto, s’era conclusa male la partecipazione all’Europa League con la sconfitta a Vila-Real in febbraio. Sedicesimi di finale del torneo: gli spagnoli fecero muro a Fuorigrotta (0-0) poi batterono in casa (2-1) un Napoli penalizzato dal turn-over (quattro giorni dopo gli azzurri avrebbero dovuto giocare sul campo del Milan). Troppe “seconde linee” in campo: Cribari, Ruiz, Yebda, Zuniga. Il Napoli cominciò senza Cavani (in panchina). Andò in vantaggio con Hamsik (17’), ma alla fine del primo tempo Nilmar (42’) e Rossi (45’) lo misero sotto. Cavani entrò nel secondo tempo (53’), ma il punteggio non cambiò. A Lavezzi sfuggirono due palle-gol, il Matador colpì un palo. Niente da fare. Avventura conclusa in Europa League. Due partite in Coppa Italia, il Napoli ammesso direttamente agli ottavi di finale. Si sbarazzò del Bologna (2-1) al San Paolo, cedette poi all’Inter, sempre al San Paolo, però ai rigori dopo lo 0-0 alla fine dei supplementari. Dal di-

schetto sbagliò Lavezzi (tiro alto). L’Inter di Eto’o fu infallibile nei penalty. Finì 5-4 per i nerazzurri. Il sorteggio della Champions 20112012 assegnò al Napoli un girone di ferro con Bayern Monaco, Manchester City e Villarreal (toh, chi si rivede). Data per spacciata, la squadra azzurra sorprende tutti al debutto pareggiando sul campo del City (1-1), in vantaggio con Cavani. Al San Paolo batte agevolmente il Villarreal (2-0, gol di Hamsik e di Cavani su rigore) e pareggia su autogol contro il Bayern (1-1). Sconfitto di misura sul campo dei tedeschi (2-3, due gol di testa di Fernandez nel secondo tempo dopo la “tripletta” di Mario Gomez nel primo), il Napoli inchioda il Manchester City alla sconfitta (2-1) al San Paolo e si gioca il passaggio agli ottavi all’ultimo turno del girone. Per l’ansia, la pressione, la posta in palio, gli azzurri soffrono a Vila-Real, nella gara decisiva, ma alla fine domano l’avversario spagnolo (2-0: Inler 65’, Hamsik 76’) mantenendo il secondo posto un punto avanti al City che batte inutilmente un Bayern già qualificato e zeppo di riserve (2-0). E’ la più bella conclusione dell’anno agli inizi di dicembre. Ma ora tocca recuperare in campionato, sette punti sotto il terzo posto che vale il ritorno in Champions l’anno prossimo attraverso i preliminari.

7


IL SORTEGGIO U

n ottavo di finale difficile ma non impossibile quello che l’urna di Nyon ha riservato agli azzurri. Dopo il primo abbinamento tra Lione ed Apoel, dall’urna è venuto fuori il Napoli: altissimo, a quel punto, il rischio di beccare una delle spagnole (il 40% di probabilità). Fortunatamente è venuto fuori il Chelsea che, in quel momento, era sicuramente il male minore. I “blues”, anche se nell’ultimo periodo sono sembrati in ripresa, danno l’impressione di essere, però, in una fase di cambiamento. A gennaio il club londinese dovrebbe dare vita ad una mezza rivoluzione: partirà certamente Nicolas Anelka attratto dal contratto milionario dei cinesi. Sul piede di

8

partenza anche Malouda e Lampard mentre Drogba non ha fatto nulla per celare il suo malcontento e la sua volontà di cambiare aria. Anche Torres non sembra particolarmente contento di restare a Stamford Bridge ma, probabilmente, il vero problema del Chelsea si chiama Villas-Boas ed il suo frenetico 4-3-3 indigesto a molti dei senatori. Gli inglesi, tuttavia, hanno dato segnali di ripresa negli ultimi tempi acciuffando la qualificazione agli ottavi di Champions proprio negli ultimi 90’ ai danni del Valencia. Anche in campionato i “blues” sono in risalita e si stanno avvicinando alla vetta della classifica. Problemi o no, il Chelsea resta sempre una squadra di tutto rispetto con un organico di prim’ordine: la saracinesca Cech, il pilastro difensivo John Terry, il dinamismo e la classe di Ashley Cole e Lampard, la fantasia degli ex Liverpool Meireles e Torres, il ritrovato Sturridge ed i bomber Drogba e Mata fanno del club londinese un avversario tutt’altro che facile. Gli azzurri, tra l’altro, almeno in teoria hanno anche lo svantaggio di dovere disputare la gara di andata in casa ma, proprio il calore e la spinta del San Paolo, il 21 febbraio, potrebbero fare la differenza nell’economia della doppia sfida. A Stamford Bridge, infatti, nella gara di ritorno in programma il 14


O DI NYON

Carmine Montuori

marzo, Cannavaro e compagni saranno tutt’altro che soli visto che, come al solito, i tifosi azzurri saranno numerosi e rumorosi come nelle precedenti trasferte europee. Un solo precedente con i “blues” in un torneo precampionato disputato a Londra nel 1994 con Arsenal, Chelsea ed Atletico Madrid. In quell’occasione i partenopei rifilarono un secco 2-0 agli inglesi. Quella, però, era un’altra squadra e soprattutto un’altra Società che vivacchiava in un anonimo limbo. Dopo 50 anni di anonimato, seguiti al titolo conquistato nella stagione 1954/55, l’avvento del miliardario russo, Roman Abramovich, nel 2004, ha riportato i londinesi ai vertici del calcio inglese con la conquista di due “premier league”, tre coppe d'Inghilterra, 2 Coppe di Lega e 2 Community Shield. Ai successi interni, però, non hanno mai avuto seguito affermazioni in Europa dove il Chelsea è riuscito a conquistare nessun trofeo e la speranza è che anche in quest’edizione i “blues” restino a bocca asciutta.

9


IL MERCATO APR G

ennaio bussa alle porte e con esso è pronto a riaprire i battenti anche il mercato calcistico. Una finestra, quella di gennaio, dove difficilmente vengono messi a segno colpi particolarmente importanti anche se, spesso, questa sessione di mercato riesce a fare la fortuna di varie squadre. Con l’avvicinarsi del primo gennaio è inevitabile che le voci di trattative e le smentite si rincorrano in maniera sempre più frenetica. Ognuno cerca di tirare acqua al suo mulino: c’è chi vuole incassare il massimo facendo trapelare interessamenti anche inesistenti da parte di altre squadra sui giocatori oggetto di trattative, chi, invece, mette in giro voci di altre trattative alternative per cercare di risparmiare qualcosa. Sono gli inevitabili giochi di un mercato che, però, deve fare i conti con una crisi economica e finanziaria che attanaglia mezzo mondo. Un mercato che, quindi, ruoterà per la maggior parte intorno a prestiti ed a trasferimenti di giocatori in scadenza di contratto. Un mercato che, tuttavia, potrà essere acceso dai fuochi di alcuni grossi nomi anche se per queste

10

operazioni i club italiani sembrano, attualmente, fuori gioco rispetto alla concorrenza estera. In questo scenario il Napoli di De Laurentiis, forte di un bilancio solido, si mantiene vigile nell’intento di piazzare qualche buon colpo laddove si dovesse averne l’opportunità. Il primo colpo è giunto come un fulmine a ciel sereno: il cileno dell’Universidad de Chile, Edu Vargas, giovane promessa del calcio cileno e da molti già definito come il nuovo Sanchez è il primo acquisto di De Laurentiis in questo mercato di riparazione. Una trattativa lampo che ha spinto emissari del club azzurro, l’osservatore Miceli accompagnato da Mazzoni a recarsi in Sudamerica per anticipare l’agguerrita concorrenza che si era messa sulle tracce del giovane attaccante. 13 milioni di euro l’offerta del Club azzurro che, di fatto, rappresenta il trasferimento più costoso della storia del calcio cileno. Mentre andiamo in stampa, non è ancora chiaro se il calciatore si aggregerà subito al Napoli alla ripresa della preparazione ai primi di gennaio, oppure se sarà par-


E I BATTENTI RE

Antonio Corrado

chggiato all’Universidad de Chile fino al termine della stagione. Un Napoli vigile ma consapevole di dovere rinforzare un organico che, vuoi per sfortuna vuoi per acquisti sbagliati, risulta carente nelle cosiddette seconde linee. Donadel per motivi fisici, Fideleff, Chavez e Santana per quelli tecnici, non sono all’altezza di potere ben figurare in un organico che può vantarsi di essere tra i primi sedici in Europa. Di questo ne è consapevole anche il Presidente De Laurentiis che è deciso a rimediare alle molte operazioni fatte da Bigon sul mercato estivo e rivelatesi fallimentari. Un difensore ed un centrocampista gli obiettivi del Club azzurro. I nomi che, per il reparto difensivo, vengono con più insistenza accostati al Napoli sono quelli dell’interista Christian Chivu, il cui contratto con i nerazzurri scadrà il prossimo 30 giugno, e quello del 24enne brasi-

liano in forza al Botafogo, Bruno Cortes, anche se per quest’ultimo è arrivata una smentita da parte del club carioca. Qualcosa si farà anche per il centrocampo per il quale giunge qualche spiffero dalla Francia legato al nome di Blaise Matoudi in forza al Paris Saint Germain. Sempre dalla Francia giungono voci dell’interessamento del Napoli per il 19enne Kamal Issah Sissoko, 19enne in forza al Rennes. Non ci saranno, però, solo operazioni in entrata in quanto questo mercato vedrà movimenti anche in uscita con l’addio quasi scontato di Aronica che, pare sia stato allettato dall’offerta di un contratto biennale offertogli da Pierpaolo Marino per trasferirsi a Bergamo. Richieste sono giunte anche per Mascara da Bologna e Novara anche se l’ex catanese non pare abbia l’intenzione di lasciare Napoli. Probabile anche l’addio di Lucarelli mentre Chavez non dovrebbe muoversi da Napoli.

11


AZIENDA

DE NICOLA Impianti civili e industriali riscaldamento e idraulica aria condizionata e pannelli solari

Via Caprabianca 12 - SOMMA VESUVIANA (NA) cell. 338.5878765 sponsor ufficiale del settore giovanile della Viribus Unitis


L’ANGOLO DELL’ A

volte si può dare l’impressione di essere particolarmente polemici ma se si deve essere “insolenti” capita anche di dover andare a cercare il pelo nell’uovo. Il comportamento del Napoli in questa prima fase della stagione è stato ampiamente positivo seppur altalenante. All’ottimo comportamento in Champions non ha fatto eco un altrettanto rendimento in campionato dove gli azzurri sono stati grandi con le grandi e piccoli con le piccole. Un rendimento balbettante che ha fatto nascere qualche dubbio sulla bontà delle cosiddette seconde linee. La circostanza che Mazzarri abbia utilizzato, minuti alla mano, soltanto 14 calciatori non può che aumentare i dubbi sul reale valore di una panchina dalla quale il tecnico partenopeo ha attinto molto poco. E’ pur vero che l’infortunio di Britos e l’approssimativa condizione atletica di Pan-

dev hanno impedito a Mazzarri di potere contare su altri due titolari ma è pur vero che, a guardare i rincalzi a disposizione, c’è poco da stare allegri. I difensori di scorta a disposizione di Mazzarri sono Fernandez, Fideleff, Grava e Rinaudo con Britos ancora fermo ai box, tutti poco utilizzati come testimoniano i minuti giocati: 451’ per Fernandez, 278’ per il deludente Fideleff, appena 15’ per Grava, mentre sono ancora fermi al palo Britos e Rinaudo. A centrocampo le note dolenti dove Mazzarri si ritrova a fare i conti con un’anemia congenita: Inler, Gargano e Dzemaili costretti a fare gli straordinari ed a rifiatare poco o niente. Donadel, praticamente infortunato da inizio stagione, e Santana, giocatore ancora da decifrare, sono stati due clamorosi flop. Per il biondo centrocampista il sospetto che sia arrivato a Napoli già con problemi fisici è piuttosto concreto così come l’inconsistenza dimostrata da Santana. In attacco fortunatamente il Napoli ha ritrovato Pandev laddove era desolatamente scoperto con Lucarelli e Chavez. L’elenco dei flop della campagna acquisti condotta dal giovane Bigon

14


’INSOLENTE

Antonio Corrado

è piuttosto lungo: Fideleff, Donadel, Santana, Chavez, Lucarelli ne sono una più che indiscutibile testimonianza. Errori commessi non solo per quanto riguarda le operazioni in entrata ma anche per quelle in uscita: perdere Pazienza a parametro zero per fare, poi, un quadriennale da un milione di euro a Donadel è operazione quanto meno scellerata, così come spendere 10 milioni per Dzemaili, buon giocatore ma che non è certo un fenomeno, e poi perdere un utile gregario come Yebda per poco più 2 milioni di euro. Errori in serie quelli commessi da Bigon che, molto probabilmente, incideranno sul suo futuro che a meno di sorprese sarà lontano da Napoli.

15


IL B

ALL’OC

attendo per la seconda volta il Villarreal il nostro Napoli ha conquistato il diritto a proseguire il suo percorso in Champions League. Questa vittoria era già nell’aria, era preventivata soprattutto perché la squadra spagnola aveva già dimostrato di essere in crisi e di rappresentare una squadra modesta. Durante il torneo aveva già perso 5 incontri su 5 ed era quasi ovvio che avrebbe perso contro un Napoli deciso a continuare l’avventura europea, un Napoli che non avrebbe assolutamente mollato. In tanti, in occasione di questa vittoria, hanno parlato di evento storico. Penso soltanto che il Napoli abbia solo dimostrato una certa maturità e se il risultato è un evento storico, questo è stato realizzato in precedenza racimolando 5 punti contro grandi avversari come il Bayern e il Manchester City. Adesso inizia la seconda fase della Champions e la nostra squadra affronterà un avversario di valore come il Chelsea. Questa volta gli incontri saranno ad eliminazione diretta. Bisognerà prepararsi molto bene per evitare di uscire agli ottavi perché questo tipo di partite richiede nervi saldi, sforzo emotivo e qualità atletiche. A questo punto, per evitare sorprese è necessario fare qualche riflessione in più e cercare poi la strada migliore da imboccare. La nostra squadra ha raggiunto la qualificazione però, nel contempo, ha lasciato l’amaro in bocca per i risultati conseguiti in campionato perché mentre partecipava alla coppa, contemporaneamente disputava sette gare collezionando otto punti. Questi modesti risultati in campionato denotano ampiamente che, partecipando contemporaneamente a due competizioni importanti, non sempre si può vincere su più fronti specialmente se non si dispone di un organico ampio formato da elementi di quasi pari valore. In questa prima fase di campionato il Napoli ha disputato tredici

16


CHIELLO Roberto Fiore

partite racimolando solo venti punti ed è staccato dalla Juve, che non partecipa alle coppe europee, di ben nove punti. Inoltre, diverse squadre meno forti del Napoli ci precedono in classifica. Passata l’euforia del Villarreal i tifosi si domandano che cosa ci riserva il prossimo avvenire? Cosa avverrà nel girone di ritorno quando da febbraio saremo ancora impegnati in coppa? Con quali forze affronteremo il futuro durante il quale dovremo affrontare nelle loro tane la Juve, il Milan, la Fiorentina (in ripresa), la Lazio, la Roma e l’Udinese? Questi interrogativi dorrebbero avere subito una risposta dalla società. Solo il presidente, di concerto con l’allenatore, dovrà decidere la linea da seguire. Penso che prima di decidere se acquistare o meno altri giocatori, Società e staff tecnico dovranno meditare bene. Attualmente sussistono ancora le condizioni per ben proseguire. Esiste, però, anche il pericolo di potere avere una brusca frenata . Non vorrei che proprio quest’anno, scesi in campo per dominare in campionato, dovremmo essere costretti ad un campionato amorfo perché distratti da altri impegni. Non vorrei che per partecipare in maniera costruttiva alla Champions, perderemo la possibilità di potere partecipare alla prossima edizione perché costretti ad una classifica penalizzante in campionato. Bisognerà ricordarsi che esiste questa eventualità. Ecco perché i tifosi sono in ansia e aspettano con fiducia la decisione societaria. Siamo in prossimità del Natale. Tutti uniti auguriamoci un buon Natale e questa volta gli auguri li estendiamo a tutto il calcio Napoli.

17


di Orsi Vincenzo e Figli S.n.c.


SUD TRASPORTI

di Iaquinangelo Salvatore & C.

Vendita e Fornitura Materiale edile Ceramiche Servizi Igienici e sanitari Esposizione: Via Santa Maria delle Catene alle Fontanelle, 13 Sede e Punto Vendita: Via Santa Maria delle Catene alle Fontanelle, 26 80136 Napoli - Tel. e Fax 081.549.36.04 e-mail: oreste.sudtrasporti@libero.it


IL GIOCATORE

Q

uando si parla di lui ogni cosa fa sempre notizia. Ezequiel Lavezzi è l’idolo incontrastato della tifoseria azzurra, l’incantatore ammaliante del San Paolo, un folletto dal passo svelto e dalla velocità supersonica che ha mandato in visibilio il pubblico napoletano con le sue accelerazioni e i suoi scatti fulminei. Ed è anche grazie al suo talento se il Napoli si ritrova in questo momento tra le sedici squadre più forti d’Europa, dal momento che per la storica e straordinaria qualificazione agli ottavi di Champions League hanno giocato un ruolo fondamentale le gesta di Lavezzi nonostante non sia ancora riuscito a timbrare il cartellino dei marcatori nella massima competizione continentale. Per non dimenticare poi l’immenso contributo offerto dal numero ventidue azzurro anche in termini realizzativi come in occasione della sfida interna con il Lecce (sua la prima rete nel 4-2 ai salentini). Ma quel Pocho double-face, proprio come è il Napoli in questo periodo, ovvero col freno a mano tirato in campionato ma in estasi per la Champions, non sta attraversando uno dei momenti più felici in assoluto della sua permanenza a Napoli. Tutt’altro. Hanno fatto parecchio rumore le polemiche susseguitesi al furto del Rolex subìto dalla sua compagna, la modella argentina Yanina Screpante, avvenuto più di un mese fa mentre Lavezzi era a Bergamo impegnato contro l’Atalanta con conseguente duro sfogo sul web, ai danni della città, da parte della stessa modella. Se poi a questo ci aggiungiamo anche l’arresto del fratello Diego in Argentina (avvenuto pochi giorni fa) per possesso di

20

una pistola senza porto d’armi, allora il quadro è completo. Hanno fatto però soprattutto clamore le dichiarazioni del suo manager Alejandro Mazzoni che ha evidenziato un malessere del Pocho nella sua vita privata, in particolar modo riguardo la convivenza nella città di Napoli: “Il Pocho è preoccupato, ha molto paura per la sua fidanzata. E’ vero, lui a Napoli è considerato come un Dio ma Ezequiel non vuole esserlo e non vuole sentirsi tale. Vorrebbe poter vivere in maniera più serena di quanto non gli succeda adesso. Ma è diventata molto complicata la sua vita. Prima era difficile uscire di giorno per fare shopping con il figlio Thomas, ora ha paura di uscire anche la sera e teme per la sua ragazza”. Insomma, Mazzoni aveva fatto capire che sicuramente nella mente dell’asso argentino giace questo sentimento di insoddisfazione legato all’impossibilità di trascorrere una vita tranquilla. Ma in giro già s’era sparsa la voce circa un possibile addio del Pocho verso lidi più sicuri (ammesso che ve ne siano) e più quieti. Ecco perché in seguito sono venute fuori altre dichiarazioni dell’agente che hanno voluto correggere il tiro: “Non ho mai detto che Lavezzi voglia andar via. Il Pocho pensa solo a vincere qui, ho solo detto che la vita privata non è semplice che fa fatica a stare per strada. Ma ciò è il prezzo che bisogna pagare per il tanto amore che riceve dai tifosi”. Dunque Lavezzi, a detta del suo manager, non si muove da Napoli. E neanche questo suo presunto malessere lo indurrebbe ad una scelta simile. Ma come la mettiamo con la clausola rescissoria da 31 milioni di euro che è ancora presente nel suo contratto?


DEL MESE

Mauro Cucco

21


LA FOTO DEL MESE

22


24


12a Giornata 19/11/2011

0

Rizzoli di Bologna 5

De Sanctis 6 Campagnaro 6,5 Cannavaro 6,5 Aronica 6 Maggio 5,5 Inler 6 Dzemaili 4,5 (57’ Gargano 6,5) Dossena 6 (70’ Pandev 6) Hamsik 6 Lavezzi 7 Cavani 5,5 A disp.: Rosati, Fernandez, Fideleff, Zuniga, Mascara. All.: Mazzarri 6,5

0

Marchetti 8 Konko 5,5 (3’ st Scaloni 6) Diakitè 6,5 Stankevicius 5,5 Radu 6 Brocchi 6,5 Ledesma 6,5 Sculli 5,5 (82’ Gonzalez s.v.) Hernanes 5,5 (48’ Matuzalem 6) Lulic 5,5 Cissè 5 A disp.: Carrizo, Biava, Cana, Rocchi. All.: Reja 5

NOTE: Spettatori 31mila circa. Angoli 7-3 per il Napoli. Recupero p.t. 1’, s.t. 4’.

25


26


5a Giornata 22/11/2011

2

1

Damir Skomina (Slovenia) 6

De Sanctis 7,5 Campagnaro 7 Cannavaro 7 Aronica 4,5 Maggio 6,5 Gargano 6,5 Inler 6,5 (58’ Dzemaili 5,5) Dossena 6 (88’ Fernandez s.v.) Hamsik 6,5 Lavezzi 7 49’ Cavani 7,5 17’ (80’ Pandev s.v.) A disp.: Rosati, Grava, Mascara, Santana. All.: Mazzarri 7

Hart 6 Zabaleta 6 (85’ Jonhson s.v.) Kompany 5,5 Lescott 5,5 Kolarov 6 Yaya Tourè 6,5 De Jong 6 (65’ Nasri 5,5) 33’ Balotelli 6,5 Silva 7 Milner 6 Dzeko 5,5 (80’ Aguero s.v.) A disp.: Pantilimon, Savic, Barry, Clichy. All.: Mancini 5

NOTE: Spettatori 57.575 per un incasso di euro 2.479.399,50. Angoli 5 a 3 per il Manchester. Recupero p.t. 1’, s.t. 3’.

27


30


13a Giornata 26/11/2011

1

Orsato di Schio 5

Consigli 6 Masiello 6 Lucchini 6 Manfredini 6,5 Peluso 6,5 Schelotto 6,5 Cigarini 6,5 (85’ Bonaventura s.v.) Carmona 6,5 Padoin 6 Moralez 6,5 (82’ Marilungo s.v.) Denis 8 64’ (92’ Gabbiadini s.v.) A disp.: Frezzolini, Bellini, Raimondi, Minotti. All.: Colantuono 5,5

1

De Sanctis 6 Fernandez 5 (68’ Maggio 6,5) Cannavaro 6,5 Campagnaro 5 Zuniga 4,5 Gargano 6 Dzemaili 5,5 (74’ Santana 6,5) Dossena 5,5 Hamsik 6 Pandev 6 (63’ Lavezzi 6,5) 94’ Cavani 6,5 A disp.: Rosati, Aronica, Grava, Fideleff. All.: Mazzarri 6

NOTE: Spettatori 30.000 circa. Angoli 6-1 per il Napoli. Recupero p.t. 2’, s.t. 4’.

31


32


recupero 11a

3

Giornata 29/11/2011

Tagliavento di Terni, 5

De Sanctis 6 Campagnaro 5,5 Cannavaro 6 Aronica 4,5 (76’ Fernandez 5,5) Maggio 6 Inler 5,5 Gargano 5 Zuniga 5,5 (87’ Dossena s.v.) Lavezzi 7 Hamsik 6 23’ 68’ Pandev 7,5 40’ (71’ Santana s.v.) A disp.: Rosati, Fideleff, Dzemaili, Mascara. All.: Mazzarri 5,5

3

Buffon 6,5 Lichsteiner 6,5 Barzagli 5 Bonucci 5 Chiellini 6 Pirlo 5,5 72’ Estigarribia 7 80’ Pepe 7 (86’ Pazienza s.v.) Vidal 6,5 Vucinic 5,5 (90’ Del Piero s.v.) 48’ Matri 6 (89’ Quagliarella s.v.) A disp.: Storari, De Ceglie, Krasic, Giaccherini. All.: Conte 6,5

NOTE: Spettatori 57.402. Angoli 5-3 per la Juventus. Recupero p.t. 1’, s.t. 3’.

33


14a Giornata 03/12/2011

4

Romeo di Verona 6

De Sanctis 6 Fernandez 6 Aronica 6 Fideleff 6 (75’ Grava 5,5) Maggio 6 Dzemaili 6 41’ Inler 6 (67’ Hamsik 6) Dossena 5,5 Lavezzi 7,5 26’ Pandev 6,5 (60’ Gargano 6) 82’ Cavani 7. 33’ A disp.: Rosati, Campagnaro, Zuniga, Santana. All.: Mazzarri 6,5

2

Benassi 6 Oddo 6 Tomovic 5 Esposito 5 (46’ Obodo 5,5) Ferrario 6 Mesbah 6 Cuadrado 5,5 Strasser 6 Grossmuller 5,5 93’ (46’ Corvia 6) Pasquato 6 (71’ Bertolacci 5,5) 54’ Muriel 6,5 A disp.: Julio Sergio, Brivio, Giandonato, Di Michele. All.: Di Francesco 5,5

NOTE: Spettatori 39.554. Angoli 6-6. Recupero p.t. 1’, s.t. 3’.

37


M I L L E N N I U M G O L D H O T E L **** V I A L E U. M A D D A L E N A , 1 9 2 - N A P O L I T E L . 0 8 1 . 5 9 5 5 4 0 6 - FA X 0 8 1 . 7 5 1 9 1 9 9 – e-mail: info@millenniumgoldhotel.it – – w w w. m i l l e n n i u m g o l d h o t e l . i t –


40


6a Giornata 07/12/2011

0

Moen (Norvegia) 5,5

Diego Lopez 6,5 Angel 5,5 Zapata 5,5 (75’ Rodriguez s.v.) Musacchio 6 Oriol 6 De Guzman 6 Bruno Soriano 6 Senna 6,5 (73’ Joselu s.v.) Perez 5,5 Marco Ruben 6,5 Nilmar 6 (64’ Camunas) A disp.: Cesar Sanchez, Gaspar, Marchena, Gullon. All.: Garrido 6

2

De Sanctis 7 Campagnaro 6 Cannavaro 6 Aronica 6 Maggio 6,5 65’ Inler 6,5 Gargano 6,5 Zuniga 5,5 (90’ Grava s.v.) 76’ Hamsik 6,5 (78’ Dzemaili s.v.) Lavezzi 7 Cavani 7 (81’ Pandev s.v.) A disp.: Rosati, Fernandez, Dossena, Santana. All.: Mazzarri 6,5

NOTE: Spettatori 15.000 circa. Angoli 13-5 per il Napoli. Recupero p.t. 1’; s.t. 5’.

41


PA GRUPPO PARZIALE soluzioni creative

Elettrodomestici - Cucine Ferramenta Vernici - collanti - abrasivi


44


15a Giornata 11/12/2011

1

De Marco di Chiavari 4

Ujkani 6,5 Morganella 6 Dellafiore 5,5 Centurioni 6 Ludi 6 (54’ Labrin 5,5) Gemiti 6,5 Marianini 6 Radovanovic 6,5 70’ (78’ Porcari s.v.) Rigoni 6 Mazzarani 6 (85’ Morimoto s.v.) Rubino 6,5 A disp.: Fontana, Pesce, Granoche, Jeda. All.: Tesser 6,5

1

De Sanctis 6 Campagnaro 5 Cannavaro 5,5 Aronica 5 (75’ Zuniga 5) Maggio 5,5 Hamsik 6,5 70’ Dzemaili 6,5 Dossena 5,5 (80’ Inler s.v.) Pandev 6,5 Lavezzi 7 Cavani 5 (67’ Mascara 6) A disp.: Rosati, Fideleff, Fernandez, Gargano. All.: Mazzarri 6

NOTE: Spettatori 20.000 circa. Angoli 4-3 per il Novara. Recupero p.t. 2’, s.t. 3’.

45


SPORT & ABBIGLIAMENTO American Sport Azzurro Dentro Crispino Moda Sport Cuore Azzurro El Diez Football Shop G.T. Sport Wear Gargiulo Fashion & Sport Hobby Sport Idea Nueva Il Paio Dispari Il Paio Dispari Messere Calcio & Calcetto Mida Sport by Kick Off Mina Sport Jambo Sport Point

Via Calore, 3 - Amorosi BN Corso Italia, 88 – Mugnano di Napoli NA Via Toledo, 148 - Napoli C.so Garibaldi, 48 - Afragola NA Via Circumvallazi. Esterna, 43 - Melito NA Via San Cesareo, 95 – Sorrento NA Via E. Fermi, 13 - Villaricca Via Roma, 334 - S. Antonio Abate NA Via E. Merone, 27 - Sant’Anastasia NA Via Napoli, 105 - Castellammare di Stabia NA C.so della repubblica, 124/B - Pozzuoli NA Via Gemito, 22/24 - Napoli Via Giulio Cesare, 78 - Napoli Via Atellana, 46 - Arzano NA C.C. Jambo - Trentola Ducenta CE Via A. Moro, 1- Via Roma, 5 - Sant’Antimo NA

GIOIELLERIA & OROLOGERIA Aghen Annunziata Gioielli Antigua Argenti Ciarcià Dafne Euro D Fashion Jewels Capretti Gilma Gioielli Gioielli Esposito I Gioielli Di Marigliano I Preziosi Jowels L’Orafo La Creazioni in Oro Le Jewel Mangiapia Navy Time Orologeria Esposito Polvere di Stelle Russo Sara Gioielli Silvano Scanu Tattino Trilogy Italia

C.so Vittoria Colonna, 140 – Ischia Porto NA C.so Umberto I, 500 – Casalnuovo NA Corso Meridionale, 27/28 – Napoli Via Miseno, 123 – Bacoli NA Via Vincenzo di Meglio, 73 - Barano d’Ischia NA Via G. Leopardi, 94 - Napoli Via S. Quasimodo, 15 - Mugnano di Napoli NA Via Empedocle, 7/ A – Pianura NA Corso Europa, 105/107 – Marano NA Via Duca d’Aosta, 62 b/c – Casoria NA Via De Gasperi, 39 – Casoria NA Via Salvator Noto, 40/42 – Torre del Greco NA Via Santa Teresa degli Scalzi, 119 – Napoli Piazza Matteotti, 11 – Forio d’Ischia NA Via S. Rosa, 260 – Napoli Viale Europa – Marcianise CE P.za Francese, 31 - Napoli Via Nazionale, 1 - Napoli Via Plinio, 11 - San Sebastiano al Vesuvio NA C.so italia, 74/76 – Piano di Sorrento NA Via Annunziata, 19 - Acerra NA Via Castellammare, 157 – Gragnano NA Via Arena Sanità, 2 - Napoli C.C. Campania – Marcianise CE

GADGET ‘A puteca ‘e Spaccanapoli Acquerello Alias Ambra Biblia C’Art Candy House Candy House Candy House Candy House Candy House Cart. Paperissima Cartofantasia Cartolibreria Scaramuzzo Cartomania Casa Mia Cuore Azzurro Eccetera Edicola Attanasio Fantafortuna Fantasie di carta Fantasy Carta Fiorina Futura Gadget One Gami Giò School Hakuna Matata Hollywood Humo Iaforte Il Papiro Il Villaggio del regalo Incontro J & M di Falco Joice Keidea Keidea L’angolo dei desideri Le follie di Frangio Mercerie Ghiggi Mozzillo Napolimania e… Napoli nel cuore Napoli Store S.A.G. Sampagnaro Sballo Scegliere… Serel Stile Tabacchi Brescia Tabacchi di Blasi Vertolomo XMONT

C.C. Iamm Via Napoli, 270 - Arzano NA Via Fosso del Lupo, 35/37 - Napoli Via Mazzini 166/168 - Battipaglia SA Via Napoli, 251 - Mugnano di Napoli NA Via Andrea d’Isernia, 61 - Napoli Via Roma, 90 - C/mare di Stabia NA C. C. Auchan ARGINE Via Aargine - Napoli C. C. Auchan Giugliano - Giugliano NA C. C. Auchan Mugnano - Mugnano di Napoli C. C. Campania - Marcianise CE C. C. Quarto Nuovo - Quarto NA Via Nazionale, 47 - Torre del Greco NA Via A. Scarlatti, 150 - Napoli Via M. De Rosa, 64 - S. Anastasia NA Corso Garibaldi, 145 – Portici NA Piazzetta Guantai, 3 - (Camaldoli) Napoli C.so Vittorio Emanuele II, 98 - Acerra NA Via Roma, 33 - Sant’Antimo NA Via Roma, 57 - Gragnano NA C. C. Auchan Le Ginestre - Volla NA Via Palmieri, 1 - San Sebastiano al Vesuvio NA Via L. Da Vinci, 133 - Portici NA Via G. Gionti, 5 - Terzigno NA Via Vit. Emanuele, 58 - Pomigliano D’Arco NA Via Plinio il Vecchio, 15 - C/mare di Stabia NA C.so Umberto I, 343 - Torre Annunziata NA Via S. Rosa, 30 - S. Giorgio a Cremano NA Via Ettore Corcione, 112 - Aversa CE Via Marconi, 127/129 - Mariglianella NA Via Boscofangone Vulcano Buono - Nola NA Via Mazzocchi, 119 - S. M. Capua Vetere CE Corso Resina, 240 - Ercolano NA C.so Vitt. Emanuele, 162 - Torre del Greco NA Via G. Di Vittorio, 2 - Qualiano NA Via Roma, 2 - S. Gennaro Vesuviano NA Corso Mazzini, 68 - Cava De’ Tirreni SA C.C. I Pini S.S. Sannit., 87 Km 9 - Casoria NA Via Roma, 166 - Frattamaggiore NA Corso Regina, 65 - Maiori SA Via L.do Da Vinci, 13 - Pomigliano D’Arco NA Via O. Fragnito, 77 - Napoli Vai Naz.le delle Puglie, 172/174 – Casalnuovo Corso Nazionale, 268 – Scafati SA Piazza Umberto I, 8 - Frattamaggiore NA C.C. Il golfo dei desideri MANDI - Afragola NA Via Vesuvio, 10 – Trecase NA Via Marchesella – Giugliano NA Via Roma, 95 - Torre del Greco NA C.so Umberto I, 247 - Marigliano Piazza Municipio, 13 - Agerola NA Via Roma, 61/78 – Ottaviano NA Via Nuova Macello, 48 - Poggioreale NA Via Mazzini, 13 - Fontanarosa AV Via Casa D’Antuono, 37 - S. Antonio Abate NA C.C. Galleria del Mare – Staz. Maritt. Napoli


48


16a Giornata 18/12/2011

1

Celi di Campobasso 5

De Sanctis 4 aut. 3’ Campagnaro 4 (73’ Dossena 5,5) Cannavaro 5 Aronica 4 Maggio 5 Inler 5 Gargano 6 (66’ Mascara 6) Zuniga 4 Hamsik 6 82’ Lavezzi 6,5 (56’ Pandev 6) Cavani 4,5 A disp.: Rosati, Fernandez, Dzemail, Santana. All.: Mazzarri 5

3

Stekelenburg 7 Rosi 6 Juan 5,5 Heinze 6 Taddei 5,5 90’ Simplicio 6,5 De Rossi 6,5 Greco 6 (80’ Perrotta s.v.) Totti 5,5 (88’ Viviani s.v.) Lamela 7 (71’ Bojan s.v.) 59’ Osvaldo 6,5 A disp.: Curci, Cicinho, Josè Angel, Borriello. All.: Luis Enrique 6

NOTE: 38.048 spettatori. Angoli 12-2 per il Napoli. Recuperi p.t. 1’, s.t. 5’.

49


TIFOSE DOC

52


A

Anna Fusco

ttrice, fotomodella e show-girl, la bella Anna Fusco è la classica bellezza mediterranea: mora, formosa ed ammaliante nei modi e nello sguardo. A caratterizzarla non è solo bellezza ma anche professionalità che l’ha portata a conseguire il Diploma Europeo di recitazione cinematografica e televisiva ed ha formarsi nel laboratorio di recitazione cinematografica e televisiva presso la Scuola di Cinema di Roma. Nonostante la giovane età, la bella Anna ha alle spalle un discreto bagaglio di esperienza maturato attraverso lavori cinematografici in particolare con Fausto Brizzi nel 2009 in “EX” e con Pappi Corsicato nel 2008 nel “Il seme della discordia”; molte anche le apparizioni televisive con le fiction Rai “Ho sposato uno sbirro 2”, “La squadra”, “Un medico in famiglia” e “Capri” . Apparizioni anche sulle reti Mediaset con un’altra famosa fiction “I Cesaroni”. Non solo grande e piccolo schermo per Anna Fusco che ha lavorato anche in teatro con vari registi tra i quali Roberto De Simone, Michielletto e Dovì. Per una bellezza come quella di Anna non potevano mancare i classici calendari di cui vi diamo un assaggio in queste pagine (foto Fortunato Celentino). A dispetto delle apparenze, però, la sensuale attrice partenopea è una ragazza semplice come testimoniano i suoi hobby: “Amo molto viaggiare ma mi piace farlo in auto per potere visitare e vedere tutto quello che incontro sulla mia strada – ci racconta con un sorriso ammaliante - mi piace portare a casa i souvenir di cui faccio incetta durante le varie tappe dei miei viaggi così da poterli ripercorrerli con la memoria quando mi ritrovo a guardare i miei souvenir. Adoro arredare e curare la casa e mi piace collezionare i cuori degli uomini”. Ed a guardare l’affascinante Anna mi sa che la collezione sarà piuttosto corposa…

53


LO SPAZIO DEI T Ciro Giuliano super tifoso azzurro come papà Massimo

I gemellini De Rosa di Qualiano

Roberta la nipotina di Roberto Vollero, futura grande tifosa del Napoli cosĂŹ come il nonno

del Napoli 56 Le tifosissime Monica e Claudia


TIFOSI

Per la gioia di nonno Mario e di papà Salvatore un altro tifoso azzurro in casa Maraucci: il piccolo Mario Il piccolo ANTONIO CIOFFI già grande tifoso del Napoli come papà Stefano e mamma Marta

In occasione di Napoli-Roma, il nostro direttore Gennaro Montuori, riesce a far sventolare la bandiera del Napoli a Francesco Fiore tifoso della Roma

Anche Martina, l’amore di Carmine e di Rita ci crede

Anche “El Matador” Cavani legge la nostra rivista

57



Ultr'Azzurro Dicembre 2011