Issuu on Google+

Mensile dell’Oratorio Salesiano di Bova Marina -R.C. -

Anno III, numero 2 bis - Luglio 2011 Cari lettori… Sento l’esigenza di condividere mille pensieri che dominano la mia mente, tantissime emozioni dentro me… Siamo a metà di questa estate ragazzi e posso gridare a gran voce che io ho già vinto e questo grazie ai ragazzi. Troppe sconfitte personali ultimamente e adesso mi godo a pieno tutta questa felicità.. è indescrivibile la gioia nel cuore che provi quando ti doni completamente agli altri..indescrivibile ciò che provo dopo un abbraccio caloroso di un bambino o dopo tre piccole paroline sussurrate ad un orecchio: “Ti voglio bene!”. L’oratorio ti permette di crescere bene,apri gli occhi e percorri il cammino che Dio ti indica… L’estate ragazzi è un’opportunità da prendere al volo e se la vivi bene il cambiamento c’è!! Tante le occasioni per percorrere il giusto cammino: L’esperienza formativa… momento di crescita individuale e collettiva… per essere veramente una squadra..per essere veramente UNITI non per vincere un gioco..ma per vincere il gioco della Vita! La storia di Rango, piccolo e buffo camaleonte, è la storia di tutti noi.. – chi sono IO?- è una domanda che porgo continuamente a me stessa... – qual è il progetto di Dio su di Me?- Non è ben definita la risposta ma so che sto camminando verso la strada giusta! Poi c’è il tanto atteso gioco, dove i ragazzi mettono il meglio di loro stessi,delle loro capacità fisiche ma anche mentali.. perchè è un dato di fatto che non è la forza che vince ma la logica! Qual è il ruolo dell’animatore durante il gioco? Molti pensano che durante questo momento giocano solo i ragazzi e molti pensano male!! Tu,animatore,quando i ragazzi giocano..giochi pure tu.., Tu hai il compito di dire “ puoi farcela!”, loro hanno bisogno di sentirselo dire.., di sentirsi dire “Tu puoi” perché effettivamente loro possono farcela con il Tuo aiuto. Ma non dimentichiamoci della preghiera perché tutto quello che stiamo vivendo lo facciamo per Dio,con Dio e in Dio! Alla fine di questa estate ragazzi non porterò indietro la voce e le ginocchia, ma sicuramente avrò un bagaglio stracolmo di cose belle e ringrazio il Signore per avermi concesso tutto questo... Grazie Signore per i fantastici ragazzi che mi hai fatto incontrare... Grazie per i loro sorrisi e i loro pianti... Grazie perché ho visto TE nei loro occhi... Grazie Signore perché Tu, dal primo momento che ho messo piede in questa vita, mi hai detto: “TU PUOI FARCELA” Un’animatrice

Estate zi z a Rag 2011 Anche quest’anno il laboratorio di Giornalino ha dato i suoi frutti… Eccovi un edizione “Speciale E.R.”, realizzata da una redazione “nuova di zecca”, con l’intento di fornire ai nostri cari lettori uno squarcio di questa E.R. 2011.

La nostra redazione speciale Estate Ragazzi Direttore: Giuseppe Cimino Vice--direttore: Marco Leuzzo Vice RedattoreRedattore-capo: Ivan Plutino ViceVice-redattore: Demetrio Cara Responsabile grafica: Silvia Plutino, Yana Legato, Sara Geremia Resp. Rubriche: Francesco Iaria, leonardo Spinella, Giuseppe Siviglia, Francesca Stelitano Resp. distribuzione: Manuel Lo Faro, Angelo Sagoleo, Daniele D’Aguì


Cosa si può dire alla fine di quest’Estate Ragazzi? Questa è una bella domanda, tante cose sarebbero da dire che però a parole non hanno lo stesso valore che vissute. L’Estate Ragazzi porta con se molte esperienze e giornate vissute al 1000 per 1000, sia gli animatori che i ragazzi danno tutto, potenzialità, forza, pazienza, abilità varie, per riuscire in ciò che viene chiesto. La storia stessa chiedeva molto a tutti. Chiedeva di riflettere se anche noi, come Rango, indossiamo delle maschere quando siamo con gli altri, se ci inventiamo la nostra storia per paura di non piacere, se siamo egoisti e pensiamo solo al nostro tornaconto. Ma ci chiedeva anche di metterci in gioco, di credere in noi stessi perché ognuno può trovare il suo modo di brillare, di metterci a disposizione o meglio a “servizio” degli altri, di vivere la nostra vita al massimo e di non pensare che quella altrui sia migliore. Queste sono tutte le riflessioni che alla fine restano di quest’esperienza; ma restano anche i sorrisi, l’allegria, gli occhi lucidi dei bambini, la loro felicità e spensieratezza; restano anche le incomprensioni che fanno crescere le amicizie, i punti tolti e qualche scaramuccia, ma è tutto nella “normale amministrazione” di un’Estate Ragazzi. Non sappiamo ancora i vincitori di quest’anno che ha visto un cambio di guardia tra le capo squadra, ma spero vivamente che tutti si siano divertiti tanto!! E congratulazioni a chi porterà a casa la coppa!!! E ricordate sempre: Questa storia ha bisogno di te, ha bisogno di credere in chi, come te ha risorse da offrire alla gente che ha sete di verità!! Mariagrazia Nucera

ESTATE RAGAZZI RAGAZZI:: VA BENE COSì O AGGIUNGERESTI QUALCOSA DI INNOVATIVO? •

Secondo me, l’estate ragazzi va bene così com’è e penso che non c’è niente da aggiungere poiché è ricca di divertimento di giochi e di tanti pomeriggi passati in compagnia dei nostri amici. Inoltre qui si fa una bella esperienza e si conoscono persone nuove con cui si stringe amicizia.

Pagina 2

Silvia Vadalà

Basta il sorriso di un bambino e l’estate ragazzi è perfetta!!

Mariagrazia

L’estate ragazzi è molto belo e va bene così com’è!!

Rosa Pia

L’E.R. va bene così, qui mi posso divertire ed essere me stessa!! Mariangela Romeo

Quelli de… l’ Oratorio


, mi manncate tanto a m i M ! o chism lontano”! bini del cate guardo “da vi a m … a Ai miei bam ri alleg ri sabati in grazia) cano i nost ne!! (Maria e b o li g o v i v

Ti faccio una dedica che dedica se è dedicata a te! (Salvatore Barbaro)

A te che mi fai rallegrare il cuore (Vittoria Labate)

mentiAmarti è facile, di carti è impossibile (Greta Palamara)

sei, come a ic n te,u osa di c re” a ll e b esiste i iù d p , ie ’è z ra nc ra) vuoi, g osa no o c d la n l ia Chia a r e u a b q M iù a s “P a zia immen ia dall d u la (x C Non riesco a dimenticarmi di te (Mariangela Romeo)

Un grazie colmo di affetto a coloro che sono astati i miei compagni di “viaggio” per 17 anni (Giulia Arconti) Tanti auguri Miky!! (Zuleika)

Mensile dell’Oratorio Salesiano

Pagina 3


tri pomeriggi in oratorio a “fare Alla mia carissima Delia, i nos Ti voglio bene mia pilota! biologia” resteranno nella storia! (Mariagrazia)

Dedico una dedica, dedicata alla mia migliore amica che non smette mai di sorridere alla vita e fa divertire i suoi amici anche con il minimo sguardo di allegria e felicità! (da Giuseppe Cimino a Diletta Foti)

L’amore è la chiave che apre tutti i cuori (M. Antonella Nucera)

Condividere ciò che piace con chi si vuole più bene è il dono più prezioso!! Vi voglio bene ragazzi (Sonia)

…che tra Per Zuleika gi di Ohm, Svevo e leg i stato è agli esami d omba”! stata una “b ichela) AUGURI (M

Ti dedico una dedica per d edicarti tutto qu ello che si ded ica in una dedica ! (Lillo Saladin o)

Lunga è la strada di colui che non smette di amare (Silvia V., Daniela e Ilenia)

La cosa più brutta mentre piangi è capire che l’unica persona che può consolarti è proprio quella per cui piangi (Giulia, Taty e Silvia)

Gesù sta negli occhi dell’altro fratello. (Francesca Surace)

Pagina 4

Quelli de… l’ Oratorio

Non smettere mai di sorridere perché c’è sempre qualcuno che vive dei tuoi sorrisi (Silvia V. e Tatiana)


uniti ono essere v e d i in b m Tutti i ba importa ale, e non m l e n e e n ae nel be l’intelligenz o lle e p lla ano) il colore de bina Autelit a (S … re fa il saper

Ti voglio un mondo di m iele con tanta marm ellata (da F ra ncesco a sua zia M ariangela)

sabilità Estate con… respon se che facciamoresponsabili delle co e ser es o iam bb do n possiamo Perché perché altrimenti no mai crescere (Bruna Vadalà)

te a e con… Estat ltri è un a li g n o stare c Perché za!! ntonio ricchez Don A

Estate con... l’oratorio salesiano di Bova Marina, Marina Perché un’ estate qui in oratorio ha tutto un altro senso, un altro significato! Alma Malara

Estate con… noi llo… Perché insieme è più be Mariagrazia Nucera

Estate con… noi Perché c’è bisogno di te!! Maria Chiara e Maria Olimpia

Mensile dell’Oratorio Salesiano

Pagina 5


Tanti sorrisi, tante risate, voglia di rivedersi, lezioni di vita e spunti di riflessione: ecco le cose più preziose che questa E.R. mi ha donato. Ogni bambino ha lasciato un segno, un vuoto, un’ amicizia e un insegnamento. Certo siamo stati chiamati per educare, ovvero ex-ducere, quindi a ‘trarre fuori’ qualcosa di bello dai nostri ragazzi e per prenderci cura di loro; ma anche noi abbiamo imparato tante cose dai 150 ragazzi che hanno vissuto con noi queste 3 settimane. Abbiamo imparato ad essere pazienti e disponibili, a premurarci perché stessero bene, a trovare una risposta ai loro bisogni anche a quelli inespressi. Si sente parlare spesso di giovani chiusi in loro stessi ed egoisti, persi nel loro mondo corrotto, che per nulla al mondo perderebbero il loro prezioso tempo a prestare servizio senza salario in un oratorio in mezzo a bambini e/o ragazzi scalmanati. La nostra presenza invece offre una testimonianza di giovani attivi, presenti e volenterosi, con una grande cosa in comune: la Fede. Sembra infatti impossibile alle orecchie del mondo che ci circonda che circa trenta ragazzi - tra arbitri ed animatori - abbiano passato il me se di luglio, periodo di riposo dopo la scuola, tra le mura di un oratorio o in un cortile a far divertire i bambini Pagina 6

e ragazzi a loro affidati. Pur incontrando difficoltà di diversa natura il nostro gruppo è arrivato fino in fondo a questa esperienza, soddisfatto e ancora più unito di quanto l’amicizia lo avesse reso. Ce l’abbiamo messa tutta per far passare ai nostri ragazzi tre settimane di intenso divertimento, di giochi ma anche insegnamenti e momenti di preghiera. Questi obbiettivi sono stati raggiunti, ma si può sempre migliorare. E’ stata veramente una bella esperienza di condivisione, durante la quale ragazzi ed educatori hanno imparato ad affrontare le cose insieme e a sviluppare lo spirito di squadra. L’anno prossimo ritornerò di sicuro perché mi sono divertita, ho imparato tanto e ho conosciuto persone meravigliose. Grazie a tutti, veramente tutti, per quello che mi avete donato durante queste bellissime settimane insieme!! Un animatrice

Quelli de… l’ Oratorio


Bilancio estate ragazzi 2011: la parola a don Natalino D: Come è stata questa E.R.? R: E’ stata bellissima. Ho visto maggiore entusiasmo da parte dei ragazzi, grazie all’impegno agli animatori e al giovane salesiano don Antonio Colombino D:: Come mai la scelta di questa storia? R: Perché è molto bella, fa riflettere sull’identità di ciascuno di noi e tratta anche il tema dell’acqua che è un bene prezioso per tutti quanti noi.

Il matrimonio è l’unione di due cuori, fra i quali si sente battere il cuore di Dio.

Tonino e Roberta Sposi il 30 Luglio 2011 alle ore 10.30 nel Santuario Maria SS. del Monte Carmelo -PalmiPalmiTenetevi per mano e sappiate guardarvi sempre negli occhi!! Auguri da tutta la redazione e dal team dell’E.R. 2011

Mensile dell’Oratorio Salesiano

Pagina 7


VERTICALI 01. Il centro di Vienna. 02. Il nome della Goggi. 03. Andare avanti a fatica. 04. Iniz. di Einstein. 06. Una metà di oggi. 07. Spiegare il significato della parola. 08. L’Attore Wallch. 09. Si ottengono vendendo. 10. Se lo fa chi è in gamba 12. Ormai privi di forze. 16. Molto furbo. 18. Arturo grande direttore d’orchestra. 19. La festa col presepe. 20. Rifugi di lepri. 23. Lo inganna Jago. 26. La città dei sassi. 29. Giocatore che imbroglia. 31. Come sopra. 32. Destino. 35. Antenati. 36. Comune palmipede. 37. Topo...parigino. 38. Tribunale Regionale ORIZZONTALI 01. La Morante che scrisse “L’isola di Arturo”. 05. La custodia della spada. 11. Blocco per prendere appunti 13. Daniel attore. 14. Lo difende lo scacchista. 15. La nota centrale. 17. Un frutto... anche secco. 18. Atleti con la racchetta. 21. In Arabia sono le prime. 22. Numero dispari.

Beckam e Totti B: “Come sta il tuo team?” T:”No grazie uso Vodafone!!” (Ciccio Foti)

24. La potenza di Washington (due parole). 25. Indole. 27. Con le “ Storie tese”. 28. Isola Toscana. 30. Chiusura di lezioni. 33. Latitudine (abbr.). 34. Il nome dell’attrice Di Benedetto. 36. Uno famoso fu Cicerone. 39. Caduta di...fiocchi. 41. Un po’ d’ordine. 42. Copia...per fare ridere.

Totti al Cepu: Prof: “Totti elencami 5 nomi di animali che iniziano con la lettera E” Totti: “Non c’è problema, ermellino,ergatto, ercane, ertopo…” (Ciccio Foti)

Uno dei sei disegni è leggermente diverso dagli altri. Sapreste dire qual è?

Cerca le 7 differenze

Il colmo per un pizzaiolo? Avere la figlia Margherita e una moglie capricciosa!! (Don Antonio)

Qual è il colmo per un idraulico? Avere un figlio che non capisce un tubo (Ciccio Iaria)


Giornalino 2 luglio 2011