Page 1

NOTIZIARIO DI TAVERNERIO

Periodico distribuito gratuitamente Anno I - Numero 2 OTTOBRE 2012

A Tavernerio arriva la “casetta dell’acqua” ! Il 23 Settembre è stata inaugurata, in Piazza Don Benzoni, la “casetta dell’ acqua”. L’acqua dell’acq uedotto comunale viene microfiltrata, sterilizzata e refrigerata e messa a disposizione dei consumatori che pagheranno cinque centesimi per ogni litro prelevato. Il processo di microfiltrazione permette di ridurre la durezza dell’acqua in modo da renderla più adatta al consumo. Per chi la gradisce, allo stesso prezzo, è disponibile anche l’acqua nella versione frizzante. L’impianto sarà aperto 24 ore su 24 e permetterà di prelevare l’acqua come una comune bibita. Il costo per il comune sarà di 1.500 euro annue che sarà coperto dall’introito della tassa per l’occupazione del suolo pubblico. Quindi niente costi per la collettività, ma Il profilo che contraddistingue il rapporto tra il mondo giovanile e la politica è caratterizzato da indifferenza e distacco ed è un rapporto fatto quasi di sofferenza. Oggi addirittura è diventato difficile parlare di politica tra ragazzi. Negli ultimi anni è cresciuto sempre più un senso di sfiducia nei confronti di quest’importante istituzione. Capita spesso di ascoltare giovani adolescenti dire: “I politici sono tutti ladri”, oppure “la politica è una cosa sporca”. A causa di questa sfiducia, nell’ultimo decennio abbiamo assistito ad una progressiva crisi di partecipazione alle strutture politiche tradizionali da parte dei giovani con il conseguente “invecchiamento” del modo di fare politica. Ma perché c’è tutta questa

molti vantaggi per i cittadini che potranno risparmiare cifre considerevoli su un bene di prima necessità come l’acqua potabile. Per prelevare l’acqua bisogna munirsi di un’apposita

tessera del costo di euro 2,50 in vendita presso l’edicola del paese. Successivamente la tessera potrà essere ricaricata direttamente all’erogatore.

La “casetta” è dotata di videosorveglianza ed è collegata ad una centrale operativa che raccoglie i dati dell’ acqua per un tempestivo intervento in caso di guasti e malfunzionamenti. Oltre ai vantaggi di avere acqua controllata e microfiltrata, l’iniziativa permette di limitare il consumo di bottiglie di plastica, prodotto derivato dal petrolio e quindi inquinante per l’ambiente. Ci auguriamo anche che la “casetta dell’acqua” diventi un centro di aggregazione per la popolazione come già è avvenuto in altri centri in cui è stata installata. Nelle pagine seguenti abbiamo inserito altre informazioni utili relative a questa importante iniziativa. ( M.Pau.)

I giovani e la politica diffidenza da parte dei giovani nei confronti della politica? I giovani hanno perso la fiducia nelle istituzioni perché hanno ricevuto da chi ha governato solo incertezze e precarietà. Hanno rinunciato a credere negli ideali che hanno accompagnato le lotte delle generazioni precedenti. I giovani d’oggi vedono la politica come una cosa che non gli appartiene e che non va vissuta attivamente. Pensano che la società non li accolga come dovrebbe, ma non fanno nulla per cambiare lo stato delle cose continuando a vivere passivamente la loro condizione. Proprio questa è una delle ragioni per cui non cercano più nei partiti risposte ideologiche e non guardano

più, come i loro padri, ai leader della politica come bandiere dietro la quale militare, ma chiedono una visione nella quale credere, un modello nel quale identificarsi e si aspettano risposte concrete e proposte che migliorino le loro condizioni. Le promesse non mantenute, gli scandali, l’opportunismo, i giochi di potere, queste sono le ragioni per le quali regna lo scetticismo tra le nuove generazioni che sono diventate un oggetto separato da una politica e una cultura nate e cresciute in un mondo parallelo all’universo giovanile. La politica non si preoccupa di quello che pensano i giovani e la distanza che li divide

Sommario Messaggio del Sindaco pag. 1 Notizie dall’Amministrazione pag. 2 Gruppi consiliari pag. 4 Notizie dalle Parrocchie

pag. 8

Cultura

pag. 9

Associazioni

pag. 9

Scuola

pag.10

Storia

pag.12

Territorio

pag.14

Messaggio di Don Silvio pag.15

continua a crescere. La strada da percorrere non è facile, ma questo non vuol dire che si debba gettare la spugna perché gli strumenti per offrire iniezioni di fiducia alle nuove generazioni ci sono, basta u t i l i z z a r l i . I l p r i mo argomento da proporre ai giovani è quello del recupero del senso della collettività. Se si comprende l’importanza del proprio rapporto con gli altri e del proprio contributo all’interno della società, si può trovare ottimismo anche nell’approccio con il mondo della politica, considerandola un aiuto alla società. Bisogna quindi reagire e fare uno sforzo per penetrare in certi ambienti senza mai dimenticare i propri valori. (S.Aia.)


Messaggio del Sindaco

il Paese

Comunicazione, trasparenza ed interazione con la cittadinanza, è, e sarà, una priorità di questa amministrazione. Comunicazione che cambia, evolve e si modifica : nel Luglio 2011 abbiamo con coraggio riproposto il progetto di informatizzazione dei sistemi scolastici che ad oggi ci ha portato a risparmiare sul cartaceo, sul tempo da parte delle famiglie e anche degli impiegati comunali. Trasparenza costante con la cittadinanza grazie alla newsletter che informa costantemente su iniziative, eventi, ma anche comunicazioni di servizio ed eventuali segnalazione urgenti relative a sospensione di servizi. La ricerca dell’interazione con la cittadinanza ci ha portati più volte a convocare assemblee pubbliche non solo in Paese, ma anche nelle frazioni, per accogliere le osservazioni dei cittadini e lavorare per fini condivisi. Quest’anno stiamo raggiungendo importanti obbiettivi che facevano parte del nostro programma elettorale, eccoli schematizzati per una più facile lettura e comprensione. SETTORE URBANISTICO Abbiamo ereditato un piano di governo del territorio cui stiamo dando la nostra impronta politica, velocizzando una pratica rimasta ferma per molto tempo e creando un’interazione costante e presente non solo con i privati, ma anche con le aziende del territorio, promovendo, dove possibile, le loro possibilità espansive in funzione di un aumento della produttività. Ciò creerà nuovi posti di lavoro per i nostri cittadini in questo momento di crisi. Questo tipo di interazione, effettuata durante questo anno e mezzo di amministrazione, ha permesso di conoscere la produttività legata al settore imprenditoriale, comprenderne le difficoltà e creare una rete di aiuto reciproco, che ha visto le Aziende entrare nella “RETE LAVORO”, progetto inerente al settore Servizi Sociali, che sta prendendo forma in questi ultimi

me si . Vo r r e i co gl iere l’occasione per ringraziare gli uffici che nel corso dell’estate non hanno mai smesso di lavorare affiancando me e l’assessore Brisotto nel portare a termine questi ultimi importanti passi relativi al PGT e le numerose osservazioni giunte dai cittadini che hanno permesso di redigere insieme un Piano delle Regole più vicino alle esigenze del nostro paese. Il 2 Ottobre vi è stato l’ultimo incontro pubblico, il p asso successivo sarà l’adozione del piano in Consiglio Comunale. Diversità importante rispetto a Comuni limitrofi è stata sicuramente questa comunicazione, che ha permesso di risolvere, in itinere, osservazioni che, se presentate dopo l’approvazione, avrebbero creato notevole disagio e accumulo di lavoro per gli uffici, rischiando inoltre un ulteriore allungamento dei tempi per l’adozione del Piano. SETTORE LAVORI PUBBLICI. Nonostante il periodo difficile a breve andranno in appalto i lavori sulla SS Briantea per la messa in sicurezza della strada. Abbiamo affrontato anche il difficile compito di sistemare le fogne della frazione di Urago, che, da più di 15 anni creavano disagi importanti a diverse famiglie. Un primo lotto di lavori inizierà a breve. Partecipando ad un bando dell’ATO, siamo riusciti a farci finanziare una parte dello stanziato: questo modo di amministrare ha creato certamente una nuova metodologia di lavoro anche per gli uffici c o mu n a l i , ma , g r a z i e all’impegno di tutti, siamo riuscirti nell’intento. CULTURA E ISTRUZIONE. Nel mese di Maggio, in occasione della commemorazione dell’anniversario della morte di Falcone e Borsellino, è stata promossa un’iniziativa in collaborazione con le scuole secondarie dal titolo “Per non dimenticare” che è consistita nella proiezione di un film relativo alla vita dei due giudici e in un dibattito con il Prefetto Michele Tortora e i Sindaci dei paesi limitrofi. La discussione ha voluto far avvicinare i ragazzi al tema della mafia, comprenderne i significati, la gravità e capire

come lo Stato, partendo anche da un piccolo Comune come il nostro, possa combatterla con la semplice “informazione” . L’iniziativa è terminata con l’invito alla lettura, nel periodo estivo, del libro “Perché mi chiamo Giovanni” . Questa lettura servirà da spunto per un concorso che sarà indetto dall’ amministrazione nel prossimo inverno. Ci è sembrato giusto che temi tanto importanti non iniziassero e finissero a scuola, ma continuassero e si consolidassero in famiglia. Nel prossimo numero saranno presentate importanti novità legate al mondo della scuola, che vede sempre di più istituzioni e scuola collaborare nella formazione dei nostri piccoli cittadini.

POLIAMBULATORIO. Si è dato il via a tre giorni di prelievi alla settimana all’interno del Poliambulatorio di Tavernerio, anche grazie alla nuova identità “interamente sanitaria” data dall’amministrazione con lo spostamento dei Servizi Sociali nel Palazzo comunale. Si è infatti venuto a creare un vero e proprio polo sanitario, in cui le parti un tempo adibite ai Servizi Sociali sono oggi inserite in nuovi progetti che l’amministrazione sta portando avanti, volti a creare una multidisciplinarietà sanitar i a g i à i n i z i a ta co n l’inserimento dei PAP test e delle visite di neuropsichiatria infantile in convenzione con Villa Santa Maria. Sono iniziati dal mese di Ottobre incontri su temi sanitari promossi dall’Assessorato alla Salute: il primo il 14 Ottobre avrà come tematica la disostruzione delle vie aeree nel bambino. SERVIZI SOCIALI: grosse novità in arrivo anche per i Servizi Sociali, prima fra tutte la completa ristrutturazione della equipe tutela minori

Messaggio del Sindaco

finalizzata a una prevenzione di primo livello che ha già dato i suoi frutti. L’interazione fra l’equipe tutela minori, le scuole e i progetti di prevenzione primaria promossi dall’Amministrazione, hanno permesso infatti una maggior attenzione alla segnalazione di nuovi casi con una diagnosi precoce e più favorevole. Il Mantello di San Martino, iniziativa di solidarietà anticrisi, ha finora aiutato 24 famiglie in stato di difficoltà grazie alle raccolte di cibo da parte di cittadini di Tavernerio in collaborazione con parrocchie e associazioni sul territorio. Il progetto prosegue con nuove raccolte di cibo ma anche iniziative di solidarietà di genere diverso, che l’amministrazione sta mettendo in atto insieme alle scuole. Il nuovo regolamento dei Servizi Sociali dà una fotografia dei bisogni del paese. Stiamo stilando una nuova offerta di servizi e un regolamento cui attenersi: ciò eviterà il clientelismo senza regole che gravitava prima attorno ai servizi sociali e che ha permesso in precedenza di concedere contributi senza regole prestabilite e condivise. SICUREZZA. Il corso di difesa personale promosso dall’amministrazione è stato riproposto a grande richiesta ed è iniziato il 5 Ottobre. In questa nuova edizione, che richiede un modesto contributo di 20 euro a persona per le 6 lezioni, abbiamo pensato, grazie alle richieste di alcuni di voi, di estenderlo agli adolescenti sia maschi sia femmine. Al termine delle lezioni, vi sarà una conferenza a tema da parte del dr. Caputo, psichiatra di Milano. Mi ritengo soddisfatta di un’estate di lavoro intenso che ha permesso il raggiungimento di obbiettivi promessi ed importanti per la nostra comunità: credo sia un buon inizio e una buona premessa per il futuro. Rossella Radice Sindaco di Tavernerio Assessore alla Famiglia, Cultura, Istruzione, Sanità e Servizi Sociali

Pagina 2


Notizie dall’Amministrazione Comunale

Ferragosto… in bicicletta sotto le stelle La sera di Ferragosto ha avuto luogo “In bicicletta sotto le stelle”, manifestazione promossa dal Comune di Tavernerio e che ha visto la collaborazione della Pro Lo co , d ell’Asso cia zio n e Genitori di Ponzate, dell’Associazione La Città Possibile e della Croce Rossa Italiana di Lipomo. Al Centro Civico Rosario Livatino, luogo di ritrovo e partenza dell’evento, si è radunata una discreta folla composta da ciclisti di ogni età, ma anche da persone a piedi, poiché, come ben recitava la locandina della manifestazione, lo scopo era di ritrovarsi e passare insieme una serata divertente e serena,

che si fosse o no appassionati delle due ruote . Al calar della sera i due gruppi hanno lasciato il Centro Civico “Livatino” e, attraversando le vie di Tavernerio, per l’occasione temporaneamente chiuse al traffico e presidiate dalla Polizia Locale, personale comunale e volontari, si sono diretti verso la strada campestre della Linea del tram. All’arrivo presso la suggestiva radura del Ponte dei Bottini, dove nel frattempo la Pro Loco aveva allestito un punto di ristoro, i partecipanti, una volta preso posto attorno ai tavoli appositamente allestiti, hanno potuto consumare la cena a

“Casetta dell’acqua”: domande frequenti Dove e come conservo l'acqua? In contenitori adeguatamente puliti, al fresco e al riparo dal sole. Per quanto tempo si può conservare l'acqua in bottiglia? Osservando le regole sopra esposte si consiglia di non conservare l'acqua per più di tre giorni. Quando vengono sostituiti i filtri di cui è dotata la casetta dell'acqua? Di norma ogni 30.000 litri erogati. Vengono alterate le caratteristiche chimiche dell'acqua? No, periodicamente vengono effettuate delle apposite analisi di verifica. il Paese Notiziario Comunale Anno I - Numero 2 OTTOBRE 2012 Direttore Responsabile: Mirko Paulon

Pagina 3

Che trattamenti vengono effettuati all'acqua? L'acqua viene microfiltrata, de-clorata, sterilizzata e raffreddata. Se richiesto, al momento dell'erogazione, l'acqua viene resa frizzante. Ci sono serbatoi d'acqua nella casetta dell'acqua? No, viene presa direttamente dall'acquedotto al momento dell'erogazione. In assenza di erogazioni di acqua, ogni ora la casetta dell'acqua eroga comunque dell'acqua per evitare che la medesima stia ferma nell'impianto. Quali controlli vengono eseguiti sull'acqua? Periodicamente vengono fatte le analisi batteriologiche. Come essere certi che l'assistenza avviene in modo

Comitato di Redazione: Stefano Aiani Manlio Cantaluppi Ugo Angelo Magri Viviana Pilato Ermanno Trombetta

il Paese

lume di candela, allietati da un delicato sottofondo musicale. Uno scenario davvero suggestivo quello di cui ha potuto godere il centinaio di persone convenuto al Ponte dei Bottini, con il crepuscolo che scendeva sul chiacchiericcio a ristorare dalla calura estiva. Il falò organizzato da La Città Possibile ha contribuito a ravvivare l’allegra compagnia, che, a fine serata, ha potuto rientrare alle proprie abitazioni in piena sicurezza visto che la strada del ritorno risultava delimitata e illuminata grazie all’operato dell’Associazione Genitori di Ponzate e dell’Ufficio tecnico comunale. L’elemento importante e maggiormente innovativo, puntuale? La casetta è monitorata in tempo reale garantendo in tal modo efficienza e rapidità d'intervento. Come è gestita la sicurezza della struttura? È presente una videosorveglianza esterna ed interna. In caso di effrazione la casetta dell'acqua blocca l 'ero g az io ne d el l 'acq ua avvisando immediatamente l'assistenza tecnica. Q u a l ' é i l r i s p a r mi o a mbientale prendendo acqua dalla casetta dell'acqua? La mancata produzione e smaltimento di bottiglie in plastica (PET) permette il risparmio di petrolio e acqua; vengono ridotte le emissioni in atmosfera di: CO2, ossidi di zolfo, monossido di carbonio e idrocarburi.

Registrato presso il Tribunale di Como con il n ° 6/2012 del 28/05/2012 Stampato da Graffietti Stampati snc Montefiascone Distribuito in 3.000 copie

oltre la buona riuscita della manifestazione, è da considerarsi la fattiva e vivace collaborazione fra la parte politica (amministrazione comunale), il personale comunale, le associazioni operanti sul territorio e i volontari. In quest’ottica “In bicicletta sotto le stelle” va considerato come l’inizio di un cammino comune che non potrà che portare benefici a quanti, di volta in volta, si troveranno “attori” nelle iniziative che verranno e soprattutto ai cittadini di Tavernerio che godranno di un paese più attivo, vivace e con una più nutrita offerta di attività ricreative e culturali. A cura dell’ Assessorato alla Cultura La tessera è smagnetizzabile? No, la tecnologia in uso evita questo inconveniente. La tessera può essere utilizzata anche su altre casette? Sì, su tutte le casette “AqvaGold” è possibile ricaricare e spendere la tessera. Dove trovare le tessere ricaricabili? Presso l’edicola del paese. Come posso ricaricare le tessere? Con monete e banconote. Le monete accettate sono 5, 10, 20 e 50 €cent, 1 e 2€. Le banconote accettate sono 5 e 10€. La casetta dell'acqua da il resto? Non è prevista l'erogazione del resto.

In caso di mancato recapito segnalare al seguente indirizzo di posta elettronica: redazione.ilpaese@comune.tavernerio.co.it Sul sito internet del Comune è disponibile la versione del notiziario in formato digitale www.comune.tavernerio.co.it Chiuso in redazione: 8 Ottobre 2012 Prossima uscita prevista: Febbraio 2013

Notizie dall’Amministrazione Comunale


Gruppi Consiliari

il Paese

Il servizio di trasporto scolastico Il servizio scuolabus è stato oggetto negli ultimi mesi di una serie di polemiche e discussioni, alcune con ragione di essere, altre decisamente un po’ forzate. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sull’argomento. Fino al termine dell’anno scolastico 2011/2012 il servizio ha avuto una copertura dei costi di circa il 20%, una quota - visti i problemi di reperimento di risorse da parte dei Comuni - che è diventata insostenibile per il Comune di Tavernerio. La prima idea è stata quella di abolire la corsa del mezzogiorno per il rientro a casa per pranzo, ma viste le motivazioni portate dai genitori e fatta un’analisi molto più attenta si

è deciso di prendere una strada diversa e sicuramente migliore. Innanzitutto si è operato sul servizio di trasporto con un appalto per la guida degli scuolabus ottenuto a condizioni più vantaggiose per il Comune sia in termini di costo (inferiore al passato) sia in termini di servizi offerti (maggiori rispetto a prima, vedi, ad esempio, le manutenzioni a carico della ditta vincitrice dell’appalto). Poi si è cercato di razionalizzare le tariffe per l’anno scolastico che sta per iniziare: oltre all’aumento dovuto all’inflazione programmata ISTAT (circa 1 euro sulla tariffa dello scorso anno) si è deciso di far pagare la tariffa

anche ai genitori dei bambini che frequentano gli asili di Tavernerio e Solzago, perché l’amministrazione ritiene corretto che tutti paghino il servizio di cui usufruiscono (da un’attenta lettura delle norme da parte degli uffici non risultano divieti in tal senso). Infine, per chi vuole utilizzare la corsa del mezzogiorno si è deciso di applicare un aumento della tariffa (si usano 2 corse in più) e portarla a circa 45 euro. Un ultimo punto, anche questo molto importante, è il servizio degli accompagnatori, che incide parecchio sul costo del servizio scuolabus. Si sono iniziati degli incontri con le associazioni del territorio (esempio MAGOLIBE-

RO) per cercare una collaborazione per organizzare un servizio di accompagnatori su base volontaria. Per quest’anno scolastico si prosegue come negli anni passati. L’amministrazione spera di riuscire a organizzare questo difficile progetto per il prossimo anno, in modo da tenere sempre attivo e funzionante il servizio scuolabus così come è strutturato e organizzato attualmente. Spero che questo piccolo contributo serva a fare un po’ di chiarezza e spiegare come si v u o l e m u o v e r e l’amministrazione in questo campo. Mauro Montini Capogruppo “Il Nostro Paese”

Aumentano le tasse a Tavernerio La sera del 28 giugno scorso, in occasione di un consiglio comunale “fiume” durato circa cinque ore, con ben quindici punti all’ordine del giorno, sono stati approvati, tra l’altro appunto, il nuovo regolamento comunale per l’applicazione dell’IMU e dell’IRPEF. Il tutto, complice la partita di semifinale dei campionati Europei di calcio, in assenza di testimoni. Anche il giornalista de “La Provincia”, infatti, al fatidico orario dell’inizio della partita ha abbandonato l’Auditorium Comunale. Provo quindi a relazionare in questa pagina alcuni aspetti significativi decisi, con il nostr o p arere co ntr ar io , dall’amministrazione e che potrebbero avere un’influenza significativa sul nostro vivere quotidiano. In passato il precedente regolamento per l’ICI, sostituita ora dall’IMU, prevedeva agevolazioni per particolari categorie disagiate e prevede-

va anche l’eventualità, in determinate condizioni, di rateazione del contributo. Così, il nostro Gruppo consiliare, con l’intento di andare incontro ai cittadini che già si troveranno in questo bruttissimo periodo economico a fare fronte al pagamento delle tasse con grande sacrificio, ha proposto di reintrodurre tutte quelle agevolazioni esistenti fino ad ora. La risposta è stata ferma e sfrontata. Tutti i nostri emendamenti non sono stati neanche presi in considerazione e sono stati bocciati. Abbiamo dovuto subire quella sera un atteggiamento di sfrontatezza inaudita nei confronti di proposte che in fondo volevano andare incontro ai cittadini. Il messaggio di questa maggioranza è stato: che paghino, senza se e senza ma. Questo ci ha fatto adirare parecchio. Ma allora la gente ha ragione a dire che quando uno va al potere pensa solo ai suoi interessi, di qualunque partito sia!!

Allora anche a Tavernerio le logiche di partito sono più importanti dell’interesse dei propri concittadini? Mi meraviglio in particolare della Lega. E’ così che ora che è al potere fa gli interessi della cittadinanza: pagate le tasse e state zitti! Io non sono d’accordo. La stessa cosa si è verificata anche in occasione della modifica del regolamento dell’addizionale IRPEF che ha visto un aumento significativo per tutti i lavoratori e anche per i pensionati. E le nostre proposte finalizzate a esentare le persone sotto la soglia di povertà e di considerare aliquote più “sopportabili” per la popolazione non sono state anche in questo caso prese in considerazione. Patetico l’intervento del leghista Pozzi che non ha saputo fare altro che dire: prenderemo in considerazione proposte di modifiche il prossimo anno. Perché? Se sono adeguate si prendono in considerazione da subito (o aveva

Gruppi Consiliari

paura di andare in contrasto con i diktat delle segreterie?). Le copie delle delibere che ho citato sono a disposizione sul sito comunale ed invito tutti a leggerle nella versione integrale. Che dire poi in merito alla delibera di alienazione della cascina San Bartolomeo? Anche qui, abbiamo assistito all’apertura delle procedure per l’alienazione di una delle più importanti aree di proprietà comunale, con una previsione di entrate di 800.000 euro, per fare che? Non ci è stato spiegato. Quando in una famiglia si vende un bene prezioso, lo si fa sempre a malincuore e il tutto deve essere giustificato da una buona motivazione. Perché vendiamo la cascina San Bartolomeo? Che lo spieghino almeno ai loro elettori, anche perché noi (pur sapendo che a pensare male si fa peccato...) forse lo sappiamo già. Cosimo Prete Capogruppo “Nuova Tavernerio”

Pagina 4


Gruppi Consiliari

il Paese

“Tavernerio Città” continua a dire “no” al bilancio del Comune Alcuni mesi fa sul sito di Tavernerio Città è apparso il seguente articolo di cui si riporta uno stralcio relativo al bilancio comunale del 2012: “Tutto lo sforzo di questo b i l a n c i o 2 0 1 2 , dell’amministrazione Rossella Radice, è rivolto a compensare con aumenti di imposte la presunta riduzione dei contributi statali, senza introdurre nessuna nuova opera di rilevo. Due gli strumenti utilizzati per aumentare le imposte: la nuova IMU e l’aumento dell’addizionale Comunale Irpef. Due sistemi semplici da applicare al costo di accettare inevitabili situazioni di disuguaglianza. L’IMU ad esempio, nel tassare il patrimonio pone sullo stesso piano una famiglia che è piena proprietaria di un immobile con un’altra famiglia che

l’immobile lo ha appena comprato con un mutuo, entrambe sono proprietarie, ma la seconda ha una capacità contributiva molto inferiore alla prima. Ancora più evidente è l’effetto negativo dell’addizionale Comunale Irpef, aumentata al 7,5 per mille su tutte le categorie di reddito (il valore massimo consentito è l’8 per mille). Senza alcun correttivo di progressività essa colpisce allo stesso modo coloro che guadagnano più di 100 mila euro all’anno e quelli, la maggior parte, che guadagnano tra i 7.500 e 33.500 annui. Completa il quadro del reperimento delle risorse l’ipotesi di cessione dell’area su cui insiste la Cascina San Bartolomeo. Un’area ricevuta dal comune al valore di perizia di

Notizie dalla redazione Ben ritrovati con il secondo numero de "il Paese”. Ci scusiamo per i disagi che alcuni cittadini hanno lamentato nella distribuzione del primo numero. Siamo intervenuti aumentando la tiratura del notiziario da 2.500 copie a 3.000 copie e segnalando al distributore le zone non coperte. Siamo fiduciosi che questo intervento sia risolutivo. Segnaliamo che oltre al formato cartaceo, il Paese è disponibile anche in formato digitale. Le modalità per reperire la copia in formato digitale sono riportate sul sito del Comune : www.comune.tavernerio.co.it

In breve CASTAGNATA AL PONTE DEI BOTTINI Il 1° di Novembre dalle ore 10, è prevista la tradizionale Castagnata al Ponte dei Bottini. La manifestazione è organizzata dall’ amministrazione comunale, in co llab orazio ne co n la Pro Loco , l’Associazione Genitori di Ponzate, La Città Possibile e la Birreria di Como. Nel corso della

Pagina 5

giornata ci sarà un intervento musicale de “Il Baule dei Suoni” e un’esibizione degli allievi della Scuola Comunale di Teatro “Chi è là?”. Sarà inoltre possibile effettuare una passeggiata a cavallo con il Centro Ippico “Il Sagittario” e gustare merende al miele dell’apicoltura “Gallo”. Il pranzo è previsto per le ore 12. In caso di maltempo, la

834.072,00 e che si prevede di cedere, se tutto va bene, allo stesso prezzo di acquisizione. Se veramente si concludesse in questo modo si otterrebbe un duplice risultato negativo: rivendere allo stesso prezzo un bene ricevuto sul quale si sta lavorando con il Piano di Governo del Territorio con buona probabilità di vedere aumentare il valore del bene e perdere un’occasione di sviluppo di servizi per la comunità…” Eb b ene nel Co n si glio Comunale del 27.09.2012 è stato confermato che i temuti tagli dei trasferimenti statali non si sono verificati e che nessun rilievo è stato fatto dal nuovo revisore dei conti che ha confermato nella sua relazione una situazione di avanzo di gestione. Oggi essere in avanzo significa avere accumulato

imposte (IMU ed Addizionale IRPEF prelevate dai cittadini di Tavernerio) in misura superiore a quanto si è speso. Se il comune non riesce ad investire queste risorse in progetti importanti che possano migliorare il paese e magari far circolare qualche soldo, si assume la responsabilità di essere esso stesso un fattore che incrementa la crisi, perché ogni euro accumulato nelle casse comunali è un euro che non viene speso dalle famiglie e dalle imprese. Commentando questa situazione vengono in mente le parole “Molto rigore per nulla” [non me ne voglia Corrado Guzzanti per la citazione]. Francesco Agostinelli Capogruppo “Tavernerio Città” www.taverneriocitta.it

Ci preme anche sottolineare che l’obiettivo del comitato di redazione de il Paese, è fornire un servizio ai cittadini realizzando e distribuendo un notiziario comunale ad un costo sostenibile: con meno di 1.000 euro a numero sono coperti tutti i costi di stampa e distribuzione. Per questo motivo ci occupiamo direttamente dell’impaginazione del notiziario senza avvalerci di consulenti o di un’agenzia di grafica. Infine ringraziamo le prime aziende che hanno contribuito alla realizzazione di questo numero: EUROSPIN e FUMAGALLI SpA., certi che questo esempio verrà seguito da altri. Vi auguriamo una buona lettura. La redazione de “Il Paese” manifestazione sarà rinviata al 4 Novembre. I dettagli sul sito del Comune: www.comune.tavernerio.co.it

CORSO DI SCI ALPINO Lo “Sci Club Boletto“ organizza un corso di sci

Gruppi Consiliari

alpino di 4 lezioni a Chiesa Valmalenco (SO). Le giornate di corso ( dalle 10 alle 13 ) si terranno alla Domenica, dal 25 Novembre al 16 Dicembre, con eventuale recupero il 13 Gennaio. Il costo è di euro 145 ad allievo. Iscrizioni entro l’11 Novembre. I dettagli sono disponibili sul si to d el l ’a sso cia zio ne: www.scboletto.com


Notizie dalle Parrocchie

il Paese

Dalla Parrochia Santa Brigida di Ponzate In una dolce serata di Giugno, sul sagrato della nostra chiesa di Santa Brigida, con quel giusto clima che la brezza della valle da un lato e il gusto di stare insieme dall’altro aiutano a costruire, si è parlato di Bellezza, tema che in vari modi ci ha accompagnato poi durante l’Estate, dal momento che la Bellezza (e ce n’è tanta intorno a noi se siamo capaci di cercarla) è un assaggio di Cielo, di infinito, di pace, insomma di quello che ognuno di noi porta nel cuore come desiderio forte e intenso. In quella serata di giugno, dunque, dal titolo “Parlaci della bellezza”, le riflessioni di Don Agostino sono state accompagnate, arricchite, esaltate dalla voce recitante di Erika Renai, che molti dei nostri ragazzi avevano apprezzato durante il corso di teatro dei mesi precedenti, e dalla musica del valente violinista Stefano Grossi. Al di là delle parole, dei concetti, quale mix più bello di voce, musica e atmosfera poteva ammaliare gli attenti ascoltatori di Ponzate (e non solo)? Poi si parte per Braies per il tradizionale Campo estivo dei ragazzi : 71 partecipanti di cui ben 49 ragazzi/bambini (il più piccolo di soli sei mesi!) e il resto adulti

entusiasti e volenterosi. Qui la Bellezza la farà da padrona per una settimana: paesaggi incredibili con

Si torna da Braies e, dopo un periodo in cui il paese quasi si svuota per le ferie, ritornano i sorrisi e le grida dei bambini

scorci da fantasia, monti, prati, acque limpide e cangianti a seconda dell’ora del giorno, cielo terso per tutta la settimana, fiori, ma soprattutto i sorrisi dei nostri piccoli, orgogliosi per una cima raggiunta faticosamente, ‘gasati’ per un gioco vinto, impegnati nei piccoli lavori di collaborazione al buon andamento del campo.

nella settimana dal 27 agosto al 2 settembre per il nostro mini grest, mini, ma ricco di emozioni. È Bellezza la gioia con cui gli animatori, non molti, ma efficienti, fanno giocare i piccoli, alcuni davvero molto piccoli, senza momenti vuoti, sempre pronti ad inventare la cosa giusta. È Bellezza scoprire così vicina a noi un’oasi di pace e tranquillità, la “Cassina Enco” sopra Rezzago, dove le Grigne si mostrano in tutta la loro imponenza, ma anche dove le persone di una famiglia, dai nonni ai nipotini, mettono tutto il loro impegno affinché questo piccolo angolo di paradiso resti integro, pulito, valorizzato, e

E le riflessioni che ogni giorno il Don ci regala parlando dei monti dove Dio si è fatto presente e dove Gesù ha compiuto gesti significativi. Dio sceglie la Bellezza, egli è Bellezza e noi ne possiamo assaporare solo una minima parte, ma possiamo!

Eventi sul territorio L’amministrazione comunale, in collaborazione con le associazioni locali, organizza i seguenti eventi: 14 Ottobre. impariamo dagli esperti la manovra “salvavita” contro il soffocamento da corpi estranei inalati dai

bambini. A cura della SIMEUP. Presso Centro Civico Rosario Livatino, area esterna. In caso di maltempo la dimostrazione sarà in Sala S. Pedar. Novembre. il Sindaco in Cucina. Due cene nel mese di Novembre in cui il primo cittadino si cimenta ai fornelli del Centro Civico. Parte del ricavato sarà

devoluto in beneficenza. 8 Dicembre. Mercatini di Natale al Parco della Casarga. Spazio per i più piccoli dedicato al baratto di giocattoli e libri per bambini. Degustazione Trippa con la Pro Loco. 15 Dicembre. Concerto di Natale con il “Baule dei Suoni”. Auditorium Comunale 16 Dicembre. Tradizionale “T o m b o l a t a N a t a l i z i a “ organizzata dall’Ass. Raggi di

Notizie dalle Parrocchie

scoperto da chi, in città per esempio, non è più abituato alla semplicità e alla purezza dei luoghi. La parola che ci ha accompagnato durante la settimana è stata DABAR, ma la si è formata una lettera al giorno e soltanto domenica, durante la Messa, ha svelato attraverso le parole del Don il suo significato, che è PAROLA, parola di Dio in particolare, parola che crea, che dona Bellezza, che è efficace, che è ciò che significa. E allora per tutti noi l’invito affinché le nostre parole cerchino di assomigliare alla Parola, siano dolci, siano annunciatrici di vera gioia, siano parole buone, medicina per l’anima di chi ascolta, ma siano anche accompagnate sempre dall’ascolto attento di chi ci parla e da un riflessione che impedisca l’uscita di parole vuote, vili e cattive. I bambini ci hanno riflettuto giorno per giorno, per noi adulti valga questo augurio con cui chiudiamo in Bellezza con l’arrivederci alle prossime attività che culmineranno con la serata di Novena in preparazione al Santo Natale. Regina Gruppo Oratorio Parrocchia Santa Brigida Luce presso l’Auditorium Comunale. Nel corso della manifestazione, all’ora del tè , si svolgerà “Tè atro” : letture Tèatrali sul Natale in collaborazione con la Scuola Comunale di Teatro di Tavernerio. I dettagli degli eventi verranno pubblicizzati sul sito del Comune all’ indirizzo : www.comune.tavernerio.co.it e attraverso la newsletter.

Pagina 6


Cultura - Associazioni

il Paese

Biblioteca Comunale di Tavernerio RASSEGNA CINEMATOGRAFICA 2012 Nei mesi di Ottobre e Novembre avrà luogo, presso l’Auditorium Comunale, la sessione autunnale della Rassegna Cinematografica 2012. La rassegna comprende tre proiezioni serali, il Venerdì alle ore 21, e due proiezioni pomeridiane, la Domenica alle 15.30. Le proiezioni serali sono dedicate ad un pubblico di ragazzi e adulti. In programma ci sono due commedie: Quasi Amici e Svegliati Ned! e un film di fantascienza: District 9. Le proiezioni pomeridiane sono dedicate a un pubblico di bambini e famiglie ma il genere è adatto a tutti. In programma prevede due film di animazione: UP e Le avventure di TinTin - Il segreto dell'Unicorno. La visione dei film è LIBERA e GRATUITA. Vi aspettiamo numerosi!

Programma della Rassegna Cinematografica 2012

26 Ottobre, ore 21 Quasi Amici di Olivier Nakache, Eric Toledano Commedia, Francia 2011 28 Ottobre, ore 15.30 UP - Animazione, USA 2009 9 Novembre, ore 21 District 9 di Neill Blomkamp Fantascienza, Usa 2009 18 Novembre, ore 15.30 Le avventure di TinTin - Il segreto dell'Unicorno Animazione, USA - Nuova Zelanda - Belgio 2011 23 Novembre, ore 21 Svegliati Ned ! di Kirk Jones Commedia, Gran Bretagna 1998

LETTURE IN BIBLIOTECA La Biblioteca Comunale di Tavernerio organizza due pomeriggi di letture dal titolo “Storie di Fantasmi” e “Storie di Animali”. Erika Renai, coordinatrice e insegnante della scuola di Teatro Comunale, interpreterà testi per bambini e ragazzi. Un evento suggestivo e di sicuro interesse adatto anche ad un pubblico adulto. L’iniziativa si svolgerà nella “Sala San Pedar” presso il Centro Civico Rosario Livatino di via Risorgimento, 28 a Tavernerio. Di seguito il calendario dell’iniziativa: 27 Ottobre, ore 15.30 24 Novembre, ore 15.30 "Storie di Fantasmi" "Storie di Animali" Per maggiori informazioni su orari e iniziative della Biblioteca Comunale potete visitare il sito : www.biblioteca-tavernerio.it

C.S. Dilettantistica Pallavolo Tavernerio L’ a vv e nt ura d e l C. S. D Pallavolo Tavernerio “Io Volley” continua anche per la stagione 2012-2013. Confermata la partecipazione al campionato di seconda divisione della squadra composta da 14 ragazze e guidata da Sergio Marelli, allenatore alla sua terza stagione a Tavernerio. La squadra ha raggiunto con tenacia la salvezza nella scorsa stagione. Circa 30 ragazze dai 7 a 14 anni sono corollario di un’intensa attività giovanile che ci vede impegnati in due campionati di categoria. UNDER 16, guidate da Stefano Arnaboldi, alla sua prima stagione con noi. UNDER 12, guidate da Andrea Manuel Costa, al terzo anno da allenatore. Continua anche la scuola di

Pagina 7

MiniVolley, sempre seguita da Andrea Manuel Costa , con la quale parteciperemo a diverse manifestazioni provinciali che si terranno anche nella nostra palestra di Tavernerio. Nella scorsa stagione, in due manifestazioni, abbiamo ospitato oltre 180 bambini con la calorosa partecipazione di numerosi genitori.

PROGRAMMA DELLE ATTIVITA’ 2012-2013 La seconda divisione si ritrova per gli allenamenti il Martedì e il Venerdì dalle 20,15 alle 22,15 e disputa le gare il Giovedì alle ore 21,00. L’under 12 si allena il Lunedì e il Mercoledì dalle 16,30 alle 18,30 e disputerà il campionato dal mese di Novembre. Il minivolley si allena il Lunedì e il Mercoledì dalle ore 16,30 alle 17,30 e da

Cultura - Associazioni

Febbraio parteciperà alle giornate organizzate dal comitato provinciale. L’under 16 svolgerà un allenamento a Tavernerio il Venerdì dalle ore 19 alle ore 21, mentre l’altro allenamento si svolgerà il Martedì dalle 18,00 alle 20,00 ad Albavilla. Considerato che non abbiamo a disposizione altre ore di palestra, anche le partite saranno giocate ad Albavilla. Infine, ci dispiace dover sottolineare che ragazzi e genitori saranno costretti a spostarsi in un altro paese in seguito all’assegnazione, da parte dell’amministrazione comunale, di alcune ore della palestra ad una società di un altro Comune che pratica lo stesso sport. Tiziano Muscionico Presidente C.S. Pallavolo Tavernerio


Associazioni

il Paese

Il Baule dei Suoni Il 10 Giugno, lo spettacolo che il Baule dei Suoni ha tenuto, in occasione della chiusura dell’anno scolastico, a Cernobbio presso lo spazio SHED, ha avuto un grande successo. Si sono esibiti i bambini piccoli dei corsi propedeutici di Cernobbio e Tavernerio quindi i gruppi strumentali del primo anno, le Orchestre Suoneria e Sabe Sebim, l’Orchestra d’archi e l’Orchestra da camera dirette dal maestro Umberto Pedraglio oltre all'esibizione finale dei Musica Spiccia! Dal 18 al 23 giugno scorso al Centro Civico Livatino e presso L’Istituto Villa Santa Maria di Tavernerio, il Baule dei Suoni, ha organizzato “La settimana in musica” e il laboratorio “Musica e libri”, attività rivolte a bambini e ragazzi nati dal 1998 al 2005. Vi hanno aderito con entusiasmo molti ragazzi del Baule dei Suoni, che hanno avuto l’occasione di trascorrere una settimana imparando nuovi

brani musicali e nuovi canti, muovendosi ispirati dalla musica, consultando la biblioteca per ragazzi del Centro, giocando e divertendosi davvero. Un successo ed un interesse particolari ha riscosso l’attività svolta presso Villa Santa Maria, dove, ogni mattina, i ragazzi del “Baule” e i loro insegnanti erano attesi dai ragazzi residenti nell’Istituto e dai bambini dell’Asilo “Borella” per cantare, suonare e muoversi insieme, seguendo ritmi vivacissimi e nuove melodie. Diretti dalla simpatia di Giulia e guidati dagli altri insegnanti di musica del “Baule” e dalle bravissime educatrici dell’Istituto e dell’Asilo, i bambini hanno imparato con straordinaria abilità e rapidità a seguire il ritmo con gli strumenti a percussione, ma soprattutto con il loro corpo e la loro voce. Giorno dopo giorno, tutti, dai più grandicelli ai più piccoli,

si sentivano parte di una vera orchestra. E, come tali, a conclusione di incontri e prove, tutti insieme, i ragazzi del “Baule” e i loro nuovi amici di Villa Santa Maria e dell’Asilo “Borella” si sono esibiti per le loro famiglie in un concerto veramente emozionante e commovente presso l’Auditorium di Tavernerio. Il Baule dei Suoni ha organizzato un viaggio di solidarietà a CAPO VERDE, dall’11 al 25 luglio. Una ventina di soci, ragazzi e adulti, hanno lavorato con l’Orquestra Sabe Sebin di Craquinha nella periferia di Mindelo, sull’isola di Sao Vicente e hanno registrato una decina di brani di musiche, prevalentemente capoverdiane, che verranno pubblicate su cd insieme a un metodo per imparare a suonare. Il lavoro è stato particolarmente apprezzato dalla popolazione e dalle autorità locali, tanto che, con l'aiuto delle maestranze locali, è stato richiesto di attivare un corso

ASS. CULTURALE BAULE DEI SUONI tel. 328.471.16.24 www.bauledeisuoni.it bauledeisuoni@gmail.com

La cornucopia e la Dea della Fortuna La Vergine (parte I)

Associazione “Raggi di Luce” Settembre, dopo la pausa estiva, porta con sé il risveglio di tutte le attività dell’Associazione. L’ultima nata della nostra famiglia è una specialità ginnica: “la Zumba”. Una specialità ultra-moderna, con tanta musica e molteplici coreografie. Altra specialità a cui tengo molto è il “Pilates”. Sono ripresi anche i corsi d’informatica, i pomeriggi danzanti e le visite della dietista. Desidero ricordare il viaggio di due giorni alle Grotte di Frasassi con visita della città di Urbino previsto il 29 e 30 Settembre. Ad Ottobre inizieranno i corsi di ginnastica dolce, aerogim, step, i corsi d’inglese e spagnolo, cucito, maglia e ci

presso il carcere di Mindelo e il Ministro della Cultura ha proposto di aprire altre scuole nelle altre isole dell'arcipelago. I Musica Spiccia! a Giugno 2012 hanno conquistato il primo premio ex aequo al concorso “Val Tidone Folk”, all'interno dell' importante manifestazione internazionale che si tiene ogni anno nel Comune di Pianello Val Tidone. Dopo la spedizione a Capo Verde ed alcuni concerti importanti nei mesi estivi, hanno ripreso la preparazione dello spettacolo curato, nelle coreografie, dal comico e clown brasiliano Andrè Casaca. Dal 1° ottobre partiranno tutti i laboratori di strumento, propedeutici di avvicinamento alla musica e di musica d'insieme.

sarà la Tombolata dell’Amicizia. Le gare amatoriali di Burraco e Scala40 e la “Festa dei Nonni” completeranno il corposo programma di Ottobre. Novembre porta teatri, visite alla Pinacoteca Ambrosiana, altre gare e altre danze. Arriviamo a Dicembre con la Tombolata Natalizia che, con altre manifestazioni, chiuderà il 2012. Accomiatandomi, auguro un 2013 denso di avvenimenti positivi, tanta salute e felicità per tutti noi. Tiziana Butti Presidente Associazione Raggi di Luce

Quinto appuntamento con le costellazioni legate al gonfalone di Tavernerio. Spazio alle stelle della Vergine nella quale era identificata Astrea o Dike dea della giustizia fuggita in cielo al termine dell’Età dell’Oro, lasciando gli uomini alle loro malefatte. Un secondo mito la ricollega a Irene, dea della pace e sorella di Astrea. Un terzo mito richiama la vicenda della bella Persefone o P r o s er p i n a , fi g l i a d i Demetra o Cerere, dea della campagna e delle messi. Plutone, dio degli Inferi, che si sentiva terribilmente solo nel mondo dell’Oltretomba, fu colpito dalla bellezza di Persefone e così decise di portarla nel suo regno. Un giorno, mentre raccoglieva fiori in un campo a Enna, in

Associazioni

Sicilia, la rapì. Demetra, disperata per la sparizione della figlia, cercò di informarsi sulla sua sorte e così chiese aiuto agli astri del cielo. L’Orsa Maggiore non riuscì però a darle alcun ragguaglio, poiché il ratto era stato perpetrato durante il giorno e lei faceva la guardiana del polo celeste solo nelle ore notturne. Allora chiese informazioni al Dio Sole, il quale la rag g u a gl iò d i q ua n to accaduto. E Demetra, per rappresaglia, si disinteressò dei raccolti e la campagna non fece più frutti divenendo arida e portando alla fame i popoli del pianeta. (continua) A cura del Gruppo Astrofili Lariani

Pagina 8


Associazioni

il Paese

Associazione per la Promozione Sociale Ami-Ki Ami-ki è un'associazione che a novembre 2012 compirà il suo primo anno. È nata da un piccolo gruppo di amici, tra cui molti giovani mamme e papà, curiosi di scoprire e valorizzare le tante risorse che ci circondano, viverle assieme e farle conoscere ai “nostri figli”: tutti i bambini. Cosa proviamo a fare: 

creare per i bambini opportunità di esperienze educative e ludiche, opportunità di incontro, opportunità di giocare o condividere spazi sicuri e sani.

dare spazio a persone che, per professione, ma soprattutto per passione, hanno possibilità di insegnarci nuove cose, raccontarci esperienze o più semplicemente condividere risorse e forze nei progetti che proveremo ad intraprendere.

riscoprire le risorse, naturali, culturali, storiche che ci circondano: cominciando da “Intorno a Noi”.

Per raggiungere questi obiettivi, stiamo trovando la disponibilità operatori esperti di vari settori (pedagogia, botanica, agricoltura, geologia, apicoltura, recitazione e canto, arti e decorazione, lingue...) oltre che a persone amiche che vogliano collaborare, che abbiano fantasia, passione o, semplicemente voglia, di sostenere i nostri progetti.

Anche se ci stiamo ancora strutturando, qualcosa di concreto lo abbiamo fatto!

Piccolo laboratorio teatrale per il Natale 2011 con rappresentazione al “Villaggio degli Elfi di Albese con Cassano”con il supporto della Pedagogista Antonella Torchiana.

Supporto alle Fattorie didattiche presso la Società Agricola Cucina delle Agridee s.s. di Urago per i bambini della scuola dell'infanzia e prime classi di Tavernerio.

Caccia al tesoro nella Valle del Cosia nella giornata di San Fereolo di Tavenerio (con il supporto del Geologo Paolo Dal Negro e del Naturalista Giacomo Tettamanti);

Durante il Campus estivo “stando intorno a noi”, organizzato dalla Soc.Agricola Cucina delle Agridee di Tavernerio, abbiamo passeggiato nella valle del Cosia, “pucciato” i piedi in un bottino, conosciuto i segreti delle api con l'amico Maurizio Gallo, trovato un tesoro sul Montagnino di Montorfano, visitato la Fabbrica del Ghiaccio e passato bellissime giornate nel verde della Valle del Cosia e della Riserva del Lago di Montorfano!

Ora stiamo prendendo fiato per qualche mese (e preparando qualche passettino di crescita), ma per avere informazioni è possibile contattarci ai seguenti riferimenti: Indirizzo di posta elettronica: ki@cucinadelleidee.it Telefono: Dario 349.766.59.01

Pagina 9

Associazioni


Scuola

il Paese

Pensieri, desideri e immagini dei primi giorni di prima elementare

La scuola è bella perché ci siamo noi ( bambini )

La scuola è bella perché ci siete voi ( maestre )

La scuola non è bella dove c’è il pavimento rosso e quando c’è rumore - Samuele -

Mi è piaciuto tutto - Elia-

La scuola non è bella quando i bambini urlano - Thiruni e Giorgia -

La scuola è bella perché ci sono i cespugli e gli alberi Mi è piaciuto giocare con i palloncini bianchi - Lucia D. -

Scuola

Pagina 10


Scuola

il Paese

E’ bellissima questa scuola e io l’ho anche disegnata - Davide -

Io la scuola la vorrei piena di fiori - Chiara -

Mi piace tanto la mia scuola con il pavimento blu e gli appendini blu - Kaled Vorrei una scuola piena di gattini - Giorgia R. -

Mi è piaciuto tanto giocare con i palloncini - Aleyna -

Mi è piaciuto inglese - Pietro -

Mi è piaciuto il panino lungo con la nutella, perché mi piace la nutella - Caterina Mi è piaciuto quando abbiamo fatto il trenino - Lorenzo -

Pagina 11

Scuola


Storia

il Paese Bisogna tornare indietro fino al 16 maggio 1912 in via del Ponte al civico 29 di Tavernerio per parlare delle origini della nostra società. In quel lontano giorno, quarantasei uomini diedero vita alla società Anonima Cooperativa di Consumo ed Agraria “l’Unione” di Tavernerio. T r a i so c i fo nd a to r i figuravano insieme al parroco don Giovanni Baserga, agricoltori, muratori, possidenti, falegnami, lavoranti giornalieri e anche tre analfabeti. Furono loro i primi a credere in un progetto di solidarietà e di collaborazione cooperativa che è arrivato fino ai nostri giorni. La prima vera cooperativa nacque nel 1844 a Rochdale, sobborgo di Manchester, in Inghilterra, per iniziativa di un gruppo di operai tessili che già allora diedero vita ad uno statuto, espressione degli obiettivi cooperativi, le cui finalità di fondo ancora oggi sono un punto di riferimento per milioni di cooperatori in tutto il mondo. Tornando a casa nostra, è sotto la guida del primo presidente, Pietro Gatti, che la società acquista i terreni siti nell’odierna via Roma e da il via ai lavori per la costruzione della propria sede. L’inizio dell’attività commerciale ha da fare i conti con il primo conflitto mondiale e con la relativa situazione economica. Negli anni appena successivi al termine del conflitto, si costruisce il forno per la panificazione in proprio, nella direzione di agevolare l’acquisto di uno dei generi alimentari primari. Superate le difficoltà di un’umiliante dittatura fascista e di un nuovo e più lungo conflitto mondiale, la Cooperativa sotto la presidenza di Luigi Casartelli, aderisce alla Lega Nazionale

Cooperative e Mutue. È con Domenico Meroni che si chiude l’attività di panificazione e si ampliano gli spazi di ritrovo dotandoli di una sala TV, era l’anno 1958. La diffusione dei programmi nazionali da parte della RAI era cominciata quattro anni prima nel gennaio del 1954. Negli anni sessanta lo sviluppo commerciale ed il conseguente boom economico è affrontato dalla cooperativa e dal suo presidente pro tempore Teodolindo Rossini, trasferendo l’attività del proprio negozio in una zona più centrale del paese, che ormai ha imboccato la via di una decisa espansione urbanistica. Il negozio, che ora mostra tutti i segni del tempo, al momento dell’inaugurazione era quanto di meglio possibile in Tavernerio. Un’esperienza che sicuramente va ricordata è la costituzione del circolo “Unione” aderente all’ARCI, che sotto la guida della cooperativa e l’entusiasmo di numerosi soci promuove l’autogestione del bar. Durerà vent’anni con iniziative che ancora oggi

vengono ricordate nel paese. Terminerà nell’anno 2000 alla fine di un ciclo indimenticabile. La Cooperativa che negli anni ottanta godeva di un ottimo periodo commerciale, incorporava, con una fusione, la Cooperativa Edificatrice e Consumo “Concordia” di Ponzate, garantendo in questo modo la gestione diretta del punto vendita, assicurando un servizio alla frazione di Ponzate. Il mutamento della situazione commerciale sul territorio, l’avvento di supermercati e centri commerciali, porta a nuove scelte strategiche. Nel 2007 sotto la presidenza di Marino Gatti, l’Assemblea generale dei soci delibera l’incorporazione della Coop Unione di Tavernerio nella Coop Como Consumo s.c., società cooperativa alla quale partecipano alcune tra le più importanti cooperative della provincia di Como. Nel 2008, in seno a Coop Como Consumo, si costituisce la sezione soci di Tavernerio, che ha in Mario Baserga l’attuale presidente.

È nell’inverno di quest’anno che rovistando tra documenti vari ritroviamo una vecchia fotografia di uomini impegnati nella costruzione della sede, scocca una scintilla comune, “dobbiamo fare qualche cosa per ricordarlo”. La data è stata il 26 maggio 2012. Nel primo pomeriggio presso l’Auditorium Comunale alla presenza di numerosi soci, del sindaco di Tavernerio Rossella Radice, del vice sindaco ed assessore ai Lavori Pubblici Gianvittorio Redenti, del parroco don Alessandro Di Pascale e di numerosi rappresentanti di parecchie cooperative, si è celebrato il 100° anniversario di fondazione. Dopo un saluto a tutti i presenti ed un ringraziamento alle autorità intervenute, è con un minuto di silenzio che si sono ricordati coloro che hanno fatto la storia della nostra società. E’ stato poi Mario Baserga a ripercorrerne le date più significative a memoria dei presenti. Paolo Bernasconi, presidente di Coop Como Consumo, nel proprio intervento, ha illustrato l’assetto della Cooperativa, tracciando le linee di intervento presenti e future. Il gradito saluto del Sindaco e del Parroco, hanno dato all’evento celebrativo un’ufficialità che ci inorgoglisce. A seguire, Carlo Parzani, quale Vice Presidente “Associazione Lombarda Cooperative di Consumo” richiamando le finalità del mondo cooperativo ne ha ricordato l’irrinunciabile impegno a perseguirle all’interno di un mercato sempre più ostico ed in continua mutazione. Oltre ai momenti ufficiali della celebrazione, la sezione soci di Tavernerio ha riservato un segnale di attenzione ai bambini della scuola d’infanzia. (segue nella pagina successiva)

Storia

Pagina 12


Storia (segue dalla pagina precedente)

La signora Neva Cavallini, Presidente del “Comitato genitori scuola dell’infanzia di Tavernerio” ha preso la parola per ringraziare del contributo ricevuto, che faciliterà le attività in progetto. È con emozione che Gianni Molteni e Milena Gatti hanno scoperto la targa commemorativa del centenario di fondazione. La targa, una serigrafia su alluminio, oltre alla già citata fotografia storica, richiama in breve le date più significative di questi cento anni, terminando con l’elenco di tutti presidenti ed in calce il logo ufficiale. Il saluto ed il grazie a tutti i presenti è stato portato con un suggestivo e beneaugurante brindisi. I festeggiamenti sono proseguiti in serata con il concerto del gruppo di musica popolare D’Altrocanto. Un folto pubblico ne ha seguito con attenzione e partecipazione le canzoni proposte, apprezzando in modo particolare la bravura strumentale. Un lungo applauso ha chiuso questa giornata... siamo tornati a casa felici di averla vissuta. Coop Como Consumo Sezione soci di Tavernerio

il Paese

Un grazie a Gianni Aiani In quest’anno, nel Centenario di fondazione della Cooperativa “Unione”, si conclude l’attività lavorativa di un nostro collaboratore di lungo corso: Gianni Aiani. Dal 15 gennaio 1981 al 31 luglio 2012, i nostri soci e clienti lo hanno trovato giornalmente presente dietro il banco dei salumi. Negli ultimi anni di lavoro, con l’adesione a Coop Como

Queste poche righe vogliono riaffermare il nostro GRAZIE all’uomo ed all’amico. Coop Como Consumo Sezione soci di Tavernerio

Cooperativa di Ponzate Anche a Ponzate, negli anni difficili e tormentati dell’inizio 1900, fu costituita una società con forti caratteristiche di cooperazione e mutualità: la Cooperativa di Consumo ed Agricola ‘Concordia’. Dagli elenchi del ‘dazio’ dell’antico Comune di Ponzate (autonomo fino al 1928) si rileva che già nel 1909 in paese c’era uno spaccio di generi alimentari denominato ‘Cooperativa’, probabilmente subentrato nella gestione dell’unico negozio a gestione privata allora presente. Nel 1911 Ponzate conta circa 350 abitanti, per la maggior parte dediti alla magra agricoltura della zona. Un gruppo di 27 capifamiglia decide di formalizzare la costituzione di

una società per gli acquisti e la vendita di prodotti alimentari e per la gestione diretta dello spaccio vino. Nasce così in data 24 settembre 1911, con rogito del Notaio Dott. Evangelista Binda, la ‘Società Anonima Cooperativa di Consumo ed Agricola di Ponzate’. Anche allora c’erano le problematiche presenti oggi: burocrazia, licenze, controlli, presenza di truffatori, ricerca dei fornitori e trattative sui prezzi, difficoltà di finanziamento, prestito soci, ristorni e iniziative per i soci, clienti con pochi mezzi e che non pagano regolarmente. Ma la Cooperativa era nata anche per questo! Tanti problemi vengono affrontati e risolti, pur senza esperienza, con molta buona volontà e con la partecipazione di tutti. Vengono affrontate nuove attività: la macellazione dei suini allevati dai soci, la raccolta del latte prodotto in paese e la relativa rivendita a Como, l’acquisto all’ingrosso degli attrezzi agricoli necessari alla comunità, l’acquisto dell’attrezzatura per la torchiatura delle vinacce, la vendita dei bozzoli dei bachi da seta prodotti in paese, ecc. Il primo Presidente è Salvatore Trombetta il primo segretario e contabile è il parroco Don

Pagina 13

Consumo, ha ricoperto anche l’incarico di responsabile del negozio. Una piccola storia che vogliamo conservare tra i ricordi importanti di quella che è la grande storia della Coop di Tavernerio.

Storia

Domenico Clerici. Del 1915 è la costruzione della ‘casa sociale’ con la partecipazione diretta dei soci ai lavori di scavo, trasporto e manovalanza. Lo stabile verrà poi ristrutturato e ampliato, come lo vediamo ora, nel 1967. Così, fra alterne vicende, tempi più o meno bui, nuove iniziative e carenze finanziarie ricorrenti, fino ai tempi più recenti degli anni sessanta che hanno visto rivivere, per un breve periodo, lo spirito di cooperazione e di unità del paese. Scorrendo l’elenco delle persone che, dedicando tempo e capacità, hanno contribuito alla gestione della Coop è evidente la partecipazione, in tempi diversi, di tutte le famiglie del paese. E’ forse questo ‘vissuto diffuso’ di problemi che ha permesso la sopravvivenza di questa realtà fino al 1992, anno della fusione con la Cooperativa ‘Unione’ di Tavernerio. Ermanno Trombetta


Territorio

il Paese

Villa Santa Maria e la “Settimana dell’Arte e della Cultura“ In occasione della Settimana dell’Arte e delle Cultura si è realizzato un importante progetto grazie alla collaborazione tra Villa Santa Maria, l’associazione il Baule dei Suoni di Tavernerio e bambini della scuola materna Angelo Borella. Durante tutto il periodo della manifestazione è stato avviato un laboratorio dal titolo “W la musica, la musica è viva”. I bambini con gli educatori si sono incontrati nella palestra di Villa Santa Maria tutte le mattine per poi dare vita ad spettacolo pubblico conclusivo tenutosi in Auditorium a Tavernerio, il 22 giugno alle ore 14.00. Filo conduttore del laboratorio, è stato la storia di una bambina che aspettava un bacio prima di addormentarsi. Con musiche diverse e canti il bacio assumeva varie forme: bacio farfallino, bacio dei pirati, bacio mostruoso, stregato, per poi concludere con il bacio della buona notte. Sono stati utilizzati strumenti a suono indeterminato quali maracas, legnetti e tamburi (usati dai bambini di Villa Santa Maria e della scuola materna), ma anche strumenti a suono determinato quali violini, viole, clarinetti, armoniche, tastiere usati da ragazzi e bambini dell’associazione Baule dei Suoni. Per i bambini di Villa Santa Maria è stata un’esperienza molto importante, in quanto hanno potuto lavorare a stretto contatto con i bambini della scuola. Nel percorso riabilitativo il reinserimento, anche graduale, nel contesto sociale di riferimento è un obiettivo ambizioso ma molto importante. “Questa, come tante altre iniziative che abbiamo messo a punto, sono mirate ad offrire ai nostri giovani pazienti e alle loro famiglie un percorso tera-

peutico di sempre maggiore qualità” ha affermato la dott.ssa Gaetana Mariani, Presidente e Direttore Generale di Villa Santa Maria.

La storia dell’Istituto incomincia agli inizi degli anni Cinquanta quando la Pontificia Opera di Assistenza (P.O.A.), sezione di Como, divenuta poi Opera Diocesana di Assistenza (O.D.A.) acquista l’ottocentesca Villa Bossi di Tavernerio. Villa Bossi fu villa patrizia e castello di sorveglianza ai confini dei territori di Milano e Como al tempo dei Comuni, distrutto perché divenuto abitazione dei briganti, ricostruito più volte e più volte distrutto. L’edificio viene rilevato, subito dopo la guerra, dalla P.O.A per il fallimento della Società Italstrade che vi aveva avuto sede dal 1942. Agli inizi degli anni Cinquanta i primi ospiti (di ogni età) provengono dal Polesine alluvionato e per un breve periodo dalle famiglie di Tavernerio alle quali il torrente Cosia aveva distrutto la casa (alluvione del 1951). Il 18 novembre 1952, in seguito a laboriose trattative con l’INPS, si apre presso la villa (denominata ora Villa Santa Maria), il preventorio antitubercolare con asilo e scuola elementari interni. Il preventorio era allora un luogo di prevenzione delle malattie polmonari dei bambini, in particolare della tubercolosi. Si parte con un gruppetto di una ventina e si arriva ad un centinaio di presenze,

bambini e bambine inviati dall’INPS e dal Consiglio Antitubercolare Provinciale. Ne assicurano da subito la gestione le Suore della Congregazione della Presentazione di Maria SS. al tempio con casa Madre a Setri Levante. I bambini restavano allora a Villa Santa Maria ininterrottamente per tutto il periodo della cura e gli esiti a fine anno scolastico testimoniavano sia le cure delle suore sia l’efficiente impostazione del preventorio. È il mese di giugno dell’anno 1966 quando l’INPS annulla gli accordi con gli enti privati costruendo il preventorio del Beldosso di Erba. Il preventorio di Villa Santa Maria viene chiuso e da subito l’Amministrazione Provinciale chiede all’ODA di mettere la villa a disposizione dei minorati mentali in età scolare. La convenzione con il Provveditorato agli studi di Como che assicura gli insegnanti, gli accordi con l’ Amministrazione provinciale che si impegna all’invio di soggetti e al pagamento di un contributo giornaliero per ciascun ragazzo, il 10 ottobre dello stesso anno, danno l’avvio alla nuova attività. Il Provveditorato agli studi di Como, preso atto della presenza nelle scuole statali di una sessantina di bambini con lievi insufficienze mentali e su richiesta inoltrata da Mons. Castelli in collaborazione con l’Amministrazione Provinciale di istituire presso l’Istituto Villa Santa Maria una Scuola Speciale, accetta di stipulare la convenzione della scuola speciale di Tavernerio denominata Istituto Medico Psicopedagogico Villa Santa Maria. Viene sostenuta una spesa molto alta per trasformare l’edificio e dotarlo di aule; la scuola viene a far parte del

Territorio

circolo didattico di Tavernerio e alle Suore si affiancano assistenti sociali. Secondo una terminologia in uso allora, l’istituto accoglie bambini e bambine dai 6 ai 12 recuperabili. Dal 1966 l’istituto accoglie minori portatori di handicap psichici-sensoriali inseribili nella Scuola speciale statale presente nell’istituto e, anche se in parte minore, minori orfani o con genitori non in grado di occuparsi di loro, con conseguenti problemi di apprendimento e che frequentano la Scuola elementare e media locale. Dal 1°novembre 1997 la gestione è affidata a “Solidarietà S.S.E c.s.r.l.” con sede centrale a Vedano Olona e con diverse sedi staccate tra cui Villa Santa Maria. Le suore della congregazione “Suore della Presentazione di Maria SS. al Tempio”, negli ultimi anni erano solo 5 e hanno cessato la loro attività presso l’istituto il 31 luglio 1998. Dal Giugno del 2007 ad oggi il centro è gestito da “Villa Santa Maria Società Cooperativa Sociale”. Villa Santa Maria SCS rappresenta un punto di riferimento nella comunità locale e nel tessuto nazionale, sviluppando e promuovendo anche la cooperazione a livello internazionale con alcuni dei maggiori centri di riabilitazione neuropsichiatrica. Villa Santa Maria SCS si impegna a fornire un servizio di ottima qualità, centrata sul paziente e sulle sue potenzialità, in stretta collaborazione con i genitori, in un ambiente accogliente e armonioso, luogo di attività riabilitative, scolastiche e ludiche. A cura di Dr.ssa Emanuela Aiani Assistente Direzione Generale Responsabile Progetti Speciali

Pagina 14


Messaggio di Don Silvio

il Paese

L’invito, rivoltomi nelle scorse settimane dal direttore di questo giornale, perché accettassi, in modo del tutto essenziale, di ripercorrere il lungo tratto di strada compiuto con la Comunità di Tavernerio, è diventato, per me, una utile occasione per una sosta nell’accavallarsi degli impegni. Riavvolgere il nastro è sempre operazione piacevole e faticosa al tempo stesso. Alla fine ho deciso di accantonare fatti, ricordi, sensazioni, momenti esaltanti e parentesi di durezza e, invece, fermare quelle poche idee che sono state e continuano ad essere il motore propulsivo del mio essere persona e del mio essere prete. Nessuno me ne voglia; ma credo che oggi più che di ricordi, si ha bisogno di spinte motivazionali che rendano capaci di ritrovare ogni giorno entusiasmo e voglia di aggredire la vita con caparbietà. In altre parole, non amo camminare con la testa rivolta all’indietro. Lungo gli anni ho sempre coltivato e mi sono sempre sforzato di tenere in primo piano alcune idee che continuo, nonostante sia giunto ai sessanta suonati, a ritenere decisive.

In primo luogo comprendere a fondo l’immagine di Chiesa che il Concilio Vaticano 2°, ultima grande riflessione sul cristianesimo in rapporto al mondo contemporaneo, ha offerto: Chiesa, comunità di credenti, fondata da Gesù Cristo, sorretta quotidianamente dallo Spirito e animata al proprio interno da alcuni Ministeri Fondamentali.

zione che cosa la comunità cristiana è chiamata veramente a vivere, a proporre, a privilegiare, accantonando percorsi o soluzioni di piccolo cabotaggio o scimmiottature che hanno la durata di un soffio di vento; impegno faticoso ma che il tempo ha confermato e continua a confermare come scelta decisiva e tutt’altro che fuori luogo.

La fatica e il fascino grande è sempre quello di rendere attuale il valore profondo di tale immagine, al tempo stesso, sperimentarne la sua forza nell’impatto con il quotidiano. In secondo luogo mi ha appassionato una costante ricerca dello “specifico cristiano”, cioè il chiedersi in continua-

Infine ho sempre ritenuto fondamentale riservare un posto primario al rapporto personale, all’ascolto, al dedicare ad ogni persona, sia giovane che in età piena, il tempo, senza pretendere di sostituirmi alle personali responsabilità di ciascuno. Da sempre mi colpisce lo stile del Maestro che con un certo

Un po’ di storia...

proposte correndo il naturale rischio di fare molta presenza, ma di costruire poco”.

Don Silvio Bernasconi è stato parroco di Tavernerio dal 1985, quando successe a don Luigi Artali, al 2010. Il suo passaggio a Tavernerio ha lasciato un solco profondo. Ha saputo coniugare l’entusiasmo per il cammino di fede con la prudenza e la precisione dei passi. Dice nel suo diario della sua esperienza pastorale nel nostro paese (“Voglia di camminare: note di una esperienza”, distribuito alle Famiglie): “per tutti la regola di fondo è che ci si assuma un solo impegno e non ci si lasci attirare dalla tentazione di seguire troppe

Pagina 15

fastidio si rapporta alla massa e, invece, privilegia il singolo. I veri cambiamenti passano per questo sentiero. La vita, tuttavia, mi ha insegnato che le idee portanti è possibile mantenerle vive e farle diventare vita se vengono sorrette da un efficace “metodo pastorale”, strumento decisivo, tutt’altro che ottuso, ma capace di dare senso ad un cammino ordinato e motivato. Del resto avere un metodo pastorale, e più in generale un metodo di vita, significa creare e mantenere un orientamento interiore e all’esterno di se stessi, combattere l’improvvisazione, facilitare una verifica seria su aspetti e scelte che si stanno compiendo. Chiaro che il tutto porta con se un notevole grado si costanza e di fatica. Straordinario che, lungo i molti anni, abbiamo insieme accettato di affrontare, giorno dopo giorno tale costanza e tale fatica. Don Silvio Bernasconi

Principio che deriva da un’idea fondamentale: “perché un cammino di comunità risulti ricco - continua nello stesso diario - è bene che non tutto passi attraverso il consenso o il parere di poche persone… pericolo grande che alla distanza porta una comunità a sentirsi demotivata, svuotata e non di rado illusa…”. Dunque a ciascuno una parte, non tutte le parti per poche persone. Però il progetto è uno solo e in esso ciascuno si riconosce e si trova bene. Di qui l’organizzazione del progetto pastorale in settori

(liturgico, bisognosi, ragazzi, famiglia, informazione, spettacolo…). “Ho l’impressione di ritrovarmi in un cantiere costantemente aperto e non passa giorno che io rimanga ammirato…” . La crescita e la vivacità della vita parrocchiale nel frattempo riproponevano il vecchio problema di una nuova struttura parrocchiale, più capiente e più adatta alle nuove esigenze e al futuro delle tre parrocchie di Tavernerio. Questo impegno ha segnato gli anni centrali del suo mandato pastorale, fino alla consacrazione della nuova chiesa dell’Eucarestia da parte del Vescovo Alessandro Maggio-

Messaggio di Don Silvio

lini il 26 ottobre 1997. Ora è stato chiamato ad altri incarichi: ci lascia senza retorica passando il testimone di un cammino di fede: una frase del suo diario ci illumina: “quando poi la vita si fa cruda e alcuni fondali di cartapesta incominciano a cadere l’uno sull’altro, sollevando polveroni e rumori assordanti, a quel punto l’interrogativo tenuto nascosto con abilità, nella parte remota del cuore e della mente, fa capolino e ti capita di non poterlo più governare…”.


Vivere a Tavernerio - agenda degli eventi ( per tutti gli eventi la partecipazione è libera e gratuita )

21 Ottobre, ore 15 Castagnata al Campetto di Ponzate Associazione Genitori Ponzate

26 Ottobre, ore 21 Auditorium Comunale Proiezione Quasi Amici di Olivier Nakache Commedia, Francia 2011

27 Ottobre, ore 15.30 Centro Civico Letture in Biblioteca “Storie di Fantasmi” con Erika Renai

28 Ottobre, ore 15.30 Auditorium Comunale Proiezione UP Animazione, USA 2009

1 Novembre, ore 10 Castagnata al Ponte dei Bottini con la partecipazione de Il Baule dei Suoni e gli allievi della Scuola di Teatro.

9 Novembre, ore 21 Auditorium Comunale Proiezione District 9 di Neill Blomkamp Fantascienza, Usa 2009

18 Novembre, ore 15.30 Auditorium Comunale Proiezione Le avventure di TinTin

NUMERI UTILI UFFICI COMUNALI Area Affari Generali

031.42.12.23 int. 3

Area Finanziaria 031.42.12.23 int. 4 Tributaria Area Sociale

031.42.12.23 int. 5

Area Tecnica Manutentiva Lavori Pubblici

031.42.12.23 int. 2

23 Novembre, ore 21 Auditorium Comunale Proiezione Svegliati Ned !

Area Tecnica Urbanistica Edilizia Privata

031.42.12.23 int. 2

di Kirk Jones Commedia, Gran Bretagna 1998

Biblioteca

031.42.81.68

Polizia Locale

031.42.07.41 338.70.16.154

Animazione, USA Nuova Zelanda - Belgio 2011

24 Novembre ore 15.30 Centro Civico Letture in Biblioteca “Storie di Animali”

Protezione Civile 031.42.12.23 int. 2 Segretario Comunale

031.42.12.23 int. 3

con Erika Renai

8 Dicembre Parco della Casarga Mercatini di Natale 15 Dicembre Auditorium Comunale Concerto Baule dei Suoni 16 Dicembre Auditorium Comunale Tombolata Nataliza dell’ Associazione Raggi di Luce

“Tè atro” : letture Tèatrali sul Natale con Erika Renai

Questo notiziario è stato stampato e distribuito con il contributo di :

PUBBLICA UTILITA’ SERVICE 24 S.p.A. GESTIONE ACQUEDOTTO E RIFIUTI tel. 031.42.80.02 ENEL - ELETTRICITA' tel. 800.900.800 METANO NORD tel. 031.62.84.51 ACSM AGAM PRONTO INTERVENTO GAS METANO tel. 800.388.088 POLIAMBULATORIO "ALDO ROSSINI" tel. 031.42.00.42 PRONTO INTERVENTO SANITARIO tel. 118 NUMERO EUROPEO EMERGENZA tel. 112 CROCE ROSSA ITALIANA Como tel. 031.26.22.62 Lipomo tel. 031.28.26.53 Montorfano tel. 031.20.08.25 GUARDIA MEDICA tel. 840.000.661

il Paese - notiziario comunale - OTTOBRE 2012  

Notiziario comunale di Tavernerio - Numero di Ottobre 2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you