Issuu on Google+

Località Mirabilandia

Un parco per tutta la famiglia

Tel. 0544 690020

divertiamoci “naturalmente” insieme!

www.safariravenna.it info@safariravenna.it

w w w. r a v e n n a e d i n t o r n i . i t

2 maggio 2013 n. 533

Redazione tel 0544 271068 redazione@ravennaedintorni.it • Pubblicità tel. 0544 408312 info@reclam.ra.it POLITICA

La ravennate Josefa Idem ministro della Repubblica A PAGINA 3 COOPERAZIONE

La festa dell’economia equa e solidale A PAGINA 12 LIBRI

Il musicista che diventa scrittore A PAGINA 19 SPORT

Una stagione tutta da correre

VISTA MARE

A PAGINA 23 GUSTO

Acciuga, pesce povero ma buono A PAGINA 24

LITORALE in uscita il 23 maggio

IL FESTIVAL

Speculazione o valorizzazione? Da Marinara al futuro di Cervia

Dieci giorni di grande jazz in città

Una volta era tutto demanio, tutto vista mare. Mentre a Cervia parte la raccolta firme contro il progetto del nuovo grattacielo di Milano Marittima a pochi metri dalla spiaggia ad opera di una società misto pubblico-privato che intende investire decine di milioni di euro nella località, a Marina di Ravenna al porto turistico Marinara si accende un barlume di speranza per il rilancio grazie all’interesse di alcuni imprenditori intenzionati a portare le proprie attività nella piazzetta costruita sull’arenile immortalato nella foto qui sopra prima dei lavori iniziati una decina di anni fa. E a Casal Borsetti verso il fallimento la società che costruì il porticciolo sul fiume Reno.

Dal 3 al 12 maggio, con un inedito cartellone allargato, il festival Ravenna Jazz festeggia la sua quarantesima edizione. Un evento che porterà la musica dal vivo di pomeriggio nei locali del centro storico e di sera tra teatri, sala Rinascita e anche Cisim di Lido Adriano. Tra i grandi ospiti Joshua Redman e Uri Caine.

SERVIZI ALLE PAGINE 5-6-7-8 E 9

SERVIZIO A PAGINA 17

Una casa dove sentirsi a casa! PROSSIMA APERTURA CASA FAMIGLIA

Alba Serena

R A V E N N A v i a Te v e r e , 3 - Te l . 3 3 3 6 5 2 9 4 6 3

LA CASA DEL CONDIZIONATORE

Ravenna, Via Romea (sud) 56/B tel. 0544.472086

acquatechitalia@libero.it

FINO AL 30 GIUGNO

DETRAZIONI FISCALI DEL 50%

PREVENTIVI GRATUITI

• ASSISTENZA 24 ORE SU 24 CON OPERATORI QUALIFICATI • ASSISTENZA INFERMIERISTICA COMPLETA • AMBIENTE FAMILIARE CON ANIMAZIONE E ATTIVITÀ RICREATIVE • FISIOTERAPIA • SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE ANCHE CON BREVI RICOVERI E ASSISTENZA DIURNA • POSSIBILITÀ ANCHE PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

PRESSO LE NOSTRE STRUTTURE PUOI TROVARE I PREZZI MIGLIORI - TEL. 333 6529463 RAVENNA CASA FAMIGLIA VIOLINO Vicolo Violino, 20 RUSSI CASA FAMIGLIA SERENELLA Via Chiesuola, 61 RUSSI CASA FAMIGLIA DIAMANTE Via Garibaldi, 14 RUSSI CASA FAMIGLIA FENICE Via Cacciaguerra, 7/1 Editore Reclam Aut. Trib. di Ravenna n. 1172 del 17/12/2001 Direttore responsabile: Fausto Piazza Stampa: Galeati Industrie Grafiche Anno XI nr. 532. Poste Italiane spa - Sped. in abb. post. D.L. 353/2003 (conv. di legge 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1 DCB C.R.P.- C.P.O. RAVENNA. Prezzo€ COPIA OMAGGIO


POLITICA& ATTUALITÀ

RAVENNA& DINTORNI | gioverdì 2 maggio 2013

CRONACHE ROMANE

IL PERSONAGGIO

Una ravennate al Governo L’ex canoista Idem è ministro Dopo Benigno Zaccagnini nel 1959, al Governo italiano arriva un altro cittadino da Ravenna. L’incarico di ministro nel neonato esecutivo Letta – con deleghe Sport, Pari opportunità e Politiche giovanili – è toccato questa volta a una donna: la 49enne Josefa Idem, campionessa di canoa con un palmares di 35 medaglie tra Olimpiadi, Mondiali ed Europei. Tedesca di nascita ma da tempo ravennate d’adozione, da quando nel 1990 sposò il suo allenatore Guglielmo Guerrini trasferendosi a vivere a Santerno. Proprio a Ravenna, dal 2001 al 2007, quella che fino al 27 aprile scorso era stata la sua unica esperienza politica: assessore comunale. La nomina di Idem è arrivata del tutto a sorpresa. Nel borsino del totoministri dopo l’incarico di premier a Enrico Letta il suo nome non era mai spuntato: l’ex canoista – eletta al Senato alle elezioni di febbraio come capolista del Pd in Emilia Romagna dopo aver superato a mani basse le primarie a Ravenna senza nemmeno fare campagna elettorale e restando in Australia per impegni sportivi – era tra i nomi più plausibili per un eventuale governo Bersani. «Sono onorata, non me l'aspettavo e sono consapevole della responsabilità in questo momento particolare. Quando l'ho saputo mi tremavano le mani, sento la responsabilità ma non la temo», sono state le sue prime parole rilasciate da ministro alle televisioni nazionali. E subito dopo la lettura dei ventuno ministri scelti da Letta (9 targati Pd, 5 Pdl, 3 montiani, 1 radicale e 3 tecnici) il nome di Idem ha scalato alla massima velocità la classifica degli argomenti più discussi su Twitter dove cinguetta in prima persona, come molti altri ministri, con il profilo @josefaidem. Immediate le reazioni entusiastiche dal mondo sportivo nazionale. Più fredda invece, è il caso di dirlo, l’accoglienza della notizia da parte

3

Il sontuoso patto Pd-Pdl crea un monocolore Dc E ora basta “posizionarsi” di

A sinistra Josefa Idem accanto Cecile Kyenge, entrambe sono ministri nel governo Letta

della politica ravennate. L’unico a inviare una nota alla stampa è stato il sindaco Fabrizio Matteucci per congratularsi: «Ci vorrà una gran tempra per il lavoro che l'aspetta: Sefi Idem è dotata della passione e del talento necessari». Applausi dalla folla presente a Roma davanti al Quirinale nella mattinata di domenica quando i ministri hanno prestato giuramento: Idem è arrivata a piedi, giacca nera e pantaloni grigi, accompagnata dal marito e da uno dei due figli. «Quanto è accaduto rende il cuore pesante, visto il timore per le conseguenze gravi sulla vita di una persona», sono state invece le parole del neoministro a commento della sparatoria che all’esterno di Palazzo Chigi ha ferito due carabinieri proprio mentre al Quirinale il Governo giurava. Nelle prime ore successive all’incarico c’è già stato il tempo per tracciare

la rotta del mandato: «Bisogna favorire e garantire l'attività motoria nelle scuole elementari». Del resto in una intervista su queste colonne disse che sarebbe capace di rinunciare a qualunque cosa ma non a un’ora di sport al giorno. Un sorriso e il gesto tipico degli sportivi quando indicano che va tutto bene (il pugno con pollice rivolto verso l'alto): così ha commentato la decisione, annunciata dal premier, di abolire lo stipendio dei ministri che sono anche parlamentari. E poco prima di andare in stampa la ravennate si è guadagnata i primi titoli di apertura sulle principali testate online: «Il risentimento degli italiani, colpiti dalla crisi e dalle misure di austerità, nei confronti della cancelliera Angela Merkel è comprensibile». E pensare che la Cancelliera magari si era immaginata di avere una nuova alleata a Roma…

ANDREA CASADIO

Eccoci. Il sontuoso patto delle larghe intese tra Pd e Pdl ha creato un simpatico monocolore Dc. Enrico Letta, Dc. Angelino Alfano, Dc. Dario Franceschini, Dc. Maurizio Lupi, Comunione e Liberazione. Mario Mauro, Comunione e Liberazione. Il padre di Gaetano Quagliariello aveva militato a lungo nella Dc, corrente morotea. Più o meno spiritualmente vicini alla Dc sono Anna Maria Cancellieri e Nunzia De Girolamo. Spero basti. Non so, dico, vi sfido: qualcuno di voi si ricorda che uno di questi tiepidi democristiani abbia pronunciato un discorso o almeno una frase calorosa, accorata, sillabata col cuore in mano e non dico di sinistra ma almeno timidamente progressista? Voi sì, io no. Sono prudenti, sono moderati, pergiove! Che idee esprime Enrico Letta? Voi lo sapete? Io no. Sapete che idee ha in economia Enrico Letta? Vuole meno austerity o più austerity? Bisogna tassare di più i ricchi e meno i poveri? Dario Franceschini cosa spera per quel che riguarda i diritti umani? Che ne so, vuole il matrimonio gay sì o no? Il vantaggio dell'essere democristiano è che non devi esprimere opinioni, non devi prendere posizioni chiare, non ti devi “schierare”, ti devi solo “posizionare” tanto prima o poi la Storia, in versione edulcorata come un brodino Knorr, ripasserà dalle tue parti. Per dire, la Bindi si posiziona a favore delle unioni gay, basta che i gay non lo dicano in giro. Questa è una posizione che in Usa ha solo il partito repubblicano. Il giovine Matteo Renzi, Dc anche lui, ha per consulenti economici Luigi Zingales, un economista neoliberista che in Usa ha detto che avrebbe votato per il candidato repubblicano e non per Obama, e il finanziere Davide Serra, che sostiene che la crisi è avvenuta perché la gente prendeva troppi soldi a prestito, non per colpa delle banche speculatrici (Toh? È di sinistra, questo?). Ora, questi due repubblicani cosa ci fanno nel Pd? Non è che il Pd s'è ridotto ad essre un partito democristiano che in Usa si chiamerebbe Partito repubblicano? Invece, sentite qua uno che parla chiaro e si schiera: «I partiti hanno occupato lo Stato e tutte le sue istituzioni, a partire dal governo. Hanno occupato gli enti locali, gli enti di previdenza, le banche, le aziende pubbliche, gli istituti culturali, gli ospedali, le università, la Rai Tv, alcuni grandi giornali. Insomma, tutto è già lottizzato e spartito o si vorrebbe lottizzare e spartire. E il risultato è drammatico. Tutte le "operazioni" che le diverse istituzioni e i loro attuali dirigenti sono chiamati a compiere vengono viste prevalentemente in funzione dell'interesse del partito o della corrente o del clan cui si deve la carica. Un credito bancario viene concesso se è utile a questo fine, se procura vantaggi e rapporti di clientela; un'autorizzazione amministrativa viene data, un appalto viene aggiudicato, una cattedra viene assegnata, un'attrezzatura di laboratorio viene finanziata, se i beneficiari fanno atto di fedeltà al partito che procura quei vantaggi, anche quando si tratta soltanto di riconoscimenti dovuti.


Taglie comode dalla 46 alla 58

Promozione sulla collezione Primavera Estate

2013 via Boccaccio 10 Ravenna - Tel. 0544 216038 (di fronte al Teatro Alighieri) Orari: 09.30 - 12.30 e 15.30 - 19.30


CRONACA& SOCIETÀ

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 2 maggio 2013

RETROSCENA

Per i figli del senatore Mercatali la casa a Marinara costa meno

Giugno 2005, posa della prima pietra a Marinara. Da sinistra Gabriele Albonetti (deputato Pd), Miro Fiammenghi (consigliere regionale Pd), Gaetano Sateriale (sindaco Ferrara), Pier Luigi Bersani (parlamentre europeo), Vasco Errani (presidente regione), Vidmer Mercatali (sindaco Ravenna), Bruno Caravita (Seaser)

di Andrea Alberizia

tamento, così almeno vedrà che invece l’ho pagato». E allora mettiamo in fila i numeri. Per 76 metri quadrati al secondo piano affacciati sulla piscina Mercatali pagò, con due bonifici bancari e due assegni circolari versati tra luglio del 2007 e settembre del 2008, 171mila euro (Iva esclusa) che significano 2.250 euro al metro quadrato. Lo dicono i documenti consultabili negli archivi della conservatoria. «È intestato ai miei figli. L’ho pagato io ma è un regalo per loro». La scrittura privata tra Seaser, concessionaria del porticciolo e venditrice degli immobili, e i figli di Mercatali è stata registrata il 24 settembre 2008. Lo stesso giorno di fronte allo stesso notaio viene registrata anche

A Marinara l’appartamento vista mare per i tre figli dell’ex senatore della Repubblica e prima ex sindaco di Ravenna, Vidmer Mercatali, è costato circa il 40 percento in meno del prezzo medio di compravendita dichiarato dai gestori del porto turistico a Marina di Ravenna. Ma non chiamatelo sconto senatore: «Non ho chiesto sconti o favoritismi, ho contrattato un prezzo come tutti. Ho chiesto di pagarlo quanto lo pagavano gli altri», assicura il 64enne uscito dalla politica attiva da un mese. «L’ho pagato quello che mi hanno chiesto. Se devi scrivere, scrivilo pure». E un sorriso: «C’è gente convinta che mi abbiano regalato quell’appar-

la scrittura privata di un altro appartamento acquistato però da un imprenditore bolognese: 80 metri quadrati al secondo piano della palazzina accanto, 3.500 euro al metro. «Ma il prezzo non si fissa nel momento in cui viene registrato l’atto di vendita – ci tiene giustamente a precisare Mercatali –. Il prezzo si fissa in precedenza. E quando si compra sulla carta prima che partano i lavori, come ho fatto io, si sa che i prezzi sono molto più bassi proprio per attirare i compratori. L’impegno d’ac-

quisto del mio appartamento risale all’estate 2005 e il preliminare di vendita subito dopo». Mercatali è stato sindaco fino al 2006. Ci sono però le parole di Patrizia Odessa, ex legale rappresentante di Seaser che firmò gli atti di vendita, a fissare un termine di paragone. In agosto del 2007, due mesi dopo l’inaugurazione dei primi diciotto appartamenti su 111, Odessa parlava così su Il Sole 24 Ore: «Ne abbiamo già assegnati un centinaio al costo medio di 3.800 euro al metro quadrato». Per la cronaca il piano industriale rinnovato un anno fa continua a indicare la stessa cifra come indicazione per la vendita della parte residenziale. Per avere una valutazione super partes vale la pena dare un’occhiata all’edizione 2008 del rapporto del mercato immobiliare redatta dall’agenzia Savorani per conto del sindacato mediatori Fimaa. In quell’anno i prezzi medi di compravendita delle case vacanze a Marina per la categoria «zona centrale o di pregio in ottimo stato» oscillavano tra un minimo di 3.239 e un massimo di 4.176, in aumento del 5,3 percento rispetto all’anno precedente. Occorre però ricordare che a Marinara gli edifici sorgono su terreno demaniale di proprietà dello Stato: attraverso l’Autorità portuale viene concesso il diritto di superficie a Seaser che a sua volta lo cede ai privati per cinquant’anni. La convenzione siglata tra Seaser e Comune (nel periodo in cui sindaco era Mercatali) impone come condizione necessaria per l’acquisto di un appartamento anche la proprietà di un posto barca con l’in-

«Non ho chiesto sconti o favori Sono sereno»

Rispetto al prezzo medio dichiarato un ribasso del 40%

5

tento di rendere la parte edificata a terra non una speculazione edilizia a ridosso del mare ma una struttura al servizio di un contesto turistico. «Infatti oltre all’appartamento ho anche acquistato il posto barca», aggiunge Mercatali. Per quanto riguarda l’altro appartamento il preliminare, si apprende dal proprietario, risale all’incirca al 2007. Ma c’è anche il preliminare di un altro affare siglato all’inizio del 2005 per 2.900 euro al metro quadrato. Secondo quanto è in grado di ricostruire Ravenna&Dintorni esistono almeno altre cinque scritture private di altrettanti appartamenti, confrontabili con i tre già citati, registrate nel corso del 2008: i prezzi, sempre Iva esclusa, oscillano tra 2.700 euro e 4.000. Insomma prezzi molto variabili, pur nella comprensibile oscillazione del mercato, che forse raccontano una gestione del porto non impeccabile sin dal principio suscitando interrogativi sulle presunte responsabilità del management sulla difficoltà con cui la cittadella sulla costa ancora tarda a decollare. Ma c’è una spiegazione se il prezzo della casa andata ai figli di chi, al momento dell’acquisto, era sindaco figura decisamente tra i più bassi del porto? «Non mi sono preoccupato di andare a vedere quanto l’hanno pagato gli altri. Ho chiesto solo il prezzo fatto a chiunque altro e mi hanno assicurato che è stato così. Non volevo storie. So per certo che alcuni sono stati pagati anche meno del mio ma non mi metto certo a fare i nomi di questi acquirenti. So che tra appartamento e posto barca ho pagato 260mila euro. Non so se qualcuno ha pagato di più o di meno e comunque tutte le cifre vanno confrontate al momento in cui c’è stato l’acquisto tenendo conto che in un certo periodo i prezzi di Marinara sono cresciuti molto in fretta».

BAR - RISTORANTE - PIANO BAR

Dalla prima colazione al bacino della buonanotte OFFERTE 2013

ANTIFURTO

VIDEOSORVEGLIANZA

KIT WIRELESS

KIT VIDEO

euro

euro

49,90

44,50

Ø

per 18 mesi ad interessi

1 Volumetrico - 1 Contatto di apertura Sirena interna - Combinatore telefonico Iva, installazione e 5 anni di garanzia inclusi

1 videoregistratore digitale 2 telecamere con visione notturna Iva e 2 anni di garanzia inclusi

per 18 mesi ad interessi



Ø

CHIAMACI!!!  0544.200988 - 334.9204346

CONSEGNA QUESTO COUPON E AVRAI DIRITTO A UN TELECOMANDO IN OMAGGIO



CONSEGNA QUESTO COUPON E AVRAI DIRITTO AL 10% DI SCONTO SULL’INSTALLAZIONE

COLAZIONI PRANZI CENE E SEMPRE APERTO E X B A RR IQ U dalle 8:00 alle 2:00 Ti aspettiamo con le Ampio parcheggio proposte gastronomiche Aria climatizzata del nostro nuovo cuoco! Ogni sera un’offerta diversa!

RAVENNA, VIA TRAVAGLINI 14 Centro Commerciale Teodora Zona Pala de Andrè, sulla strada per il mare

TEL. 0544 590116 INFO E PRENOTAZIONI 339 3845550

www.ristorantenericomio.it

IL NERICOMIO


6

CRONACA& ATTUALITÀ

CASAL BORSETTI

giovedì 2 maggio 2013 | RAVENNA& DINTORNI

MARINARA/1

Crisi Porto Reno Libri in tribunale per l’autofallimento

Nove nuove attività pronte per aprire al porticciolo

Un indebitamento di quasi dodici milioni di euro, un patrimonio attivo valutato circa otto: con questa situazione finanziaria la società Porto Reno – proprietaria di abitazioni, posti barca, ponti e terreni nell’omonimo porto turistico realizzato alla foce del fiume Reno a Casal Borsetti – nei giorni scorsi ha portato i libri contabili in tribunale presentando istanza di auto fallimento. La mossa – come ricostruisce Il Resto del Carlino che ha pubblicato la notizia – è stata decisa dal commercialista ravennate Fulvio Piacenti, tra i soci fondatori del noto Studio Consulenza di Ravenna e da giugno 2011 amministratore unico della Porto Reno dopo la nomina da parte della curatela fallimentare di Cmr, la cooperativa edile ferrarese che controllava la società e che aveva realizzato l’insediamento turistico votato alla nautica da diporto così come il porto turistico Marinara. Il porticciolo fluviale è costituito da 70 bungalow sull’acqua, duecento posti barca e diversi posti auto. Manca ancora all’appello, secondo i progetti già approvati, la realizzazione di diversi locali commerciali e promozionali che sarebbe spettata proprio a Cmr. Da gennaio del 2012 una ventina dei circa cinquanta proprietari dei bungalow hanno in mano la gestione della struttura (inaugurata nel 2007) attraverso il Consorzio Porto Reno, una Srl nata a gennaio 2011 riunendo i soggetti intenzionati a salvare il proprio investimento: dall’inizio dell’anno scorso, dopo la firma di un accordo con Porto Reno, la gestione è passata in mano al Consorzio trasformando la società in fallimento in un semplice condominio con la porzione di immobili ancora di sua proprietà. La Porto Reno fu costituita nel 1993 dalla famiglia Gruber: Alfred, padre della giornalista Lilli, nota conduttrice della trasmissione Ottoemezzo su La7, ideò l’insediamento. Nel 2004 partirono i lavori con l’appalto vinto da Cmr che nel 2005 comprò la società da Gruber. Nel 2007 l’inaugurazione alla presenza, tra le varie autorità locali, del governatore regionale Vasco Errani e Pierluigi Bersani, al tempo ministro.

La rinascita, l’ennesima annunciata, di Marinara proverà a passare attraverso l’apertura di nove nuove attività commerciali nella piazzetta del porto. Sono infatti al vaglio dell’Autorità portuale, chiamata a dare l’approvazione definitiva, nove contratti di affitto di locali. L’iter però è di fatto congelato: all’inizio di marzo Ap ha avviato la procedura per la decadenza della concessione demaniale per presunte inadempienze di Seaser e di Italia Navigando (capofila dell’associazione di imprese che gestisce il porticciolo). In attesa della definizione di questa partita (Seaser ha già presentato le sue controdeduzioni) le altre questioni sono tutte ferme sulle scrivanie di via Antico Squero. A maggio però potrebbero arrivare i primi sviluppi nella vicenda della concessione. Al momento non si conoscono ancora quali sono le attività in questione nel dettaglio ma quasi certamente queste fanno parte del gruppo di quindici esercenti che hanno fatto domanda a Marinara partecipando a una sorta di gara interna per l’assegnazione dei posti concessi con affitti ribassati a prezzi stracciati proprio per attirare nuove imprese. Dal sito internet di Marinara è possibile consultare la graduatoria dove vengono sommariamente descritte le tipologie di attività: parrucchiera, esposizione-vendita abbigliamento, assi-

la curiosità IL MURO FANTASMA PAGATO UN MILIONE E COLLAUDATO MA MAI COSTRUITO Questa è la storia di un muro fantasma che vale un milione di euro. Sulla carta esiste ed è stato anche pagato. Ma nella realtà non c’è. Dovrebbe esserci per questioni di sicurezza e una commissione pubblica ha addirittura collaudato le opere che dovrebbero essere protette dal muro fantasma. Succede sulla diga foranea sud a Marina di Ravenna. Il genio civile per le opere marittime, nella concessione rilasciata nel 1998 dall’Autorità portuale a Seaser per la realizzazione della parte a mare di Marinara, impone un muro paraonde. Il muro non è mai stato fatto. Al suo posto una recinzione: la mareggiata di ottobre 2012 l’ha abbattuta e il ripristino è stato causa di uno scontro fra le Ap e Seaser. Ma nel 2008 una commissione collaudò l’uso dei pontili di Marinara che dovevano essere protetti dal muro paraonde inesistente. E il paradosso si chiude sfogliando la perizia fatta dal tribunale di Ferrara per valutare i rapporti crediti-debiti tra la Cmr in fallimento e la controllata Seaser: quest’ultima ha pagato più di un milione di euro alla prima considerando completato il muro.

stenza tecnica e riparazioni per nautica, outlet abbigliamento in spugna, libreria specializzata in nautica, ristorante self-service, produzione di apparecchiature per il trattamento delle acque a uso alimentare, desk per accoglienza, rivendita monomarca Lego. L’annuncio delle imminenti nuove aperture era arrivato a marzo. A quel tempo si parlò di dodici

nuove attività pronte per l’inizio di aprile. E così è stato quando sono stati presentati i contratti all’Autorità portuale puntando all’avviamento prima che la stagione balneare entrasse nel vivo. L’obiettivo era quello di arredare il prolungamento verso il mare di piazza Dora Markus a Marina di Ravenna con nuove vetrine. (and.a.)


RAVENNA& DINTORNI | giovedì 2 maggio 2013

MARINARA/2

CRONACA& ATTUALITÀ

VICEVERSA

MARINARA/3

Ormeggiatori senza stipendio da tre mesi

L’associazione dei porti: «Il gestore è solo una palla al piede»

Da gennaio la regolarità dei pagamenti degli stipendi è diventata un miraggio ma ora, con circa tre mensilità da ricevere, è arrivato l’impegno dell’azienda a pareggiare i conti entro ottobre. È la situazione di Marine Italia, società di gestione di porti turistici presente a Marinara con sei ormeggiatori dipendenti che forniscono vari servizi ai diportisti. Marine Italia a gennaio 2012 entrò nell’associazione temporanea di imprese (Ati) capeggiata dalla società pubblica Italia Navigando che prese in mano la gestione del porticciolo di Marina di Ravenna dalla concessionaria Seaser: è controllata al cinquanta percento da Mast (La Spezia) e Marina Manage (Ravenna). Quest’ultima è la società della famiglia ferrarese Sandri. Il padre è Alfredo, ex segretario provinciale Pci a Ferrara, ex onorevole Ds, ex assessore regionale al Turismo. Il figlio è Riccardo, 31 anni, oggi è direttore operativo. Tra i sei ormeggiatori in attesa degli stipendi molti provengono da Marinagest che si occupava della fornitura di servizi per la parte a mare fino al 2011: cambiarono datore di lavoro a gennaio 2012.

«Il sostegno allo sviluppo della portualità italiana era valido come principio ispiratore ma l’esperimento è da considerare fallito e ci ritroviamo con un carrozzone inutile pieno di incarichi assegnati per ragioni politiche che diventa un ostacolo per le imprese private che vorrebbero investire». Queste le ragione per cui Italia Navigando, società pubblica che da gennaio 2012 ha messo piede a Marinara prima semplicemente come capofila di un’associazione di imprese per la gestione e oggi con un accordo per l’acquisto della concessionaria, andrebbe chiusa. La pensa così Roberto Perocchio, presidente nazionale di Assomarinas, l’associazione nata nel 1972 e collegata a Confindustria in cui sono riuniti 87 porti turistici italiani gestiti da imprenditori privati. In provincia di Ravenna tra gli associati figura Cervia. Nel resto della regione si contano Lido degli Estensi, Cesenatico, Rimini, Misano, Cattolica. In passato anche Seaser, concessionaria di Marinara, è stata tra gli associati. «L’esperienza di Italia Navigando si giudica dai risultati: sono state create ventisei società per intervenire nei porti da costruire o da rilanciare. Di quelle società quelle in condizioni migliori sono state vendute al socio privato per chiudere una difficile vertenza. Di quelle rimaste molte sono in perdita o messe in liquidazione. I bilanci degli ultimi anni del gruppo segnano perdite pesanti. Non credo ci sia molto da aggiungere per spiegare la necessità di chiudere questo esperimento». Che in alcuni casi, secondo Perocchio, addirittura diventa dannoso per la regolarità delle gare pubbliche: «In caso di rilascio delle concessioni demaniali i privati si trovano ad essere in concorrenza con lo Stato che si trova a sua volta in un conflitto». Guardando al caso specifico di Marinara, il presidente di Assomarinas assicura che ci sarebbero gruppi internazionali interessati a investire ma non al fianco di Italia Navigando: «Il settore non è più a livello pionieristico in Italia. E nel mondo ci sono grandi gruppi capaci di fare investimenti. Una struttura come quella di Ravenna avrebbe certo più interesse se fosse libera da interferenze del pubblico».

Locale piacevole e accogliente, luogo ideale per cene d'atmosfera, per pranzi e cene d'affari o per una serata in compagnia del buon gusto. Cucina del territorio rivisitata. Menù a base di carne e di pesce accompagnati dall'ottimo pane fatto in casa. In stagione si possono trovare preparazioni a base di tartufi e foie gras. Golose le proposte di formaggi d'alpeggio, con mostarde e confetture, e molto ricca la selezione di vini nazionali. Una tessera gastronomica nella mosaicale creatività di Ravenna. Il ristorante Al Boschetto è aperto tutti i giorni, domenica e lunedì compresi, a pranzo e cena. Giorno di chiusura il giovedì.

San Michele RAVENNA - Via Faentina, 275 - Tel. 0544.414312

7

La New England di Marina non è brutta. Ma non è turistica di

GUIDO PASI

Inauguriamo questa settimana una nuova rubrica a cura di Guido Pasi, esperto di comunicazione, copywriter, storico rappresentante della sinistra ravennate prima tra le fila di Prc e poi tra quelle di Sel e noto per gli incarichi da assessore al Turismo per il Comune di Ravenna (nella giunta Mercatali) e per l’Emilia Romagna (nelle giunte Errani fino al 2010). Si sente dire spesso che Marinara è brutta, che ha occluso la vista a mare e non ha portato niente a Marina di Ravenna. Viceversa chi lo dice è capace di omettere ogni critica al “Palaghiaccio” che sorge impunito in piazza Marinai d’Italia. A me pare che il problema di Marinara non sia estetico, anche se è vero che lo stile New England sta diventando un po’ seriale a Marina di Ravenna. Marinara non è brutta. Certamente non è più brutta degli spazi irrisolti che l’hanno preceduta o di molte altre costruzioni sorte o in via di sorgere nei paraggi . Il problema sta nella logica della rendita immobiliare che l’ha ispirata e che impera sovrana nonostante sia causa non ultima della crisi. La logica della rendita ha spinto ad esagerarne la residenzialità e soprattutto gli spazi commerciali che in quella quantità sarebbero stati impensabili anche a Milano Marittima. Forse si sarebbe dovuto costruirla con una logica di marketing turistico, pensandola per ospitare e non per abitare, magari lasciando che fosse la località retrostante a dotarsi dei servizi commerciali man mano che si fossero resi necessari. Così nessuno l’avrebbe trovata ostile e si sarebbe meglio integrata nella comunità locale. La rendita immobiliare spinge a costruire abitazioni nelle località turistiche e la residenzialità permanente è nemica del turismo: provoca contrasti tra chi beve una birra nella terrazza dell’albergo alle 23 e chi si deve alzare alle 6 per andare a lavorare, non induce occupazione, non lancia mai la fama di un luogo, ne sanno qalcosa sulla costa ferrarese. Quel po’ di fama turistica che a Marina di Ravenna si è fatta non ha niente a che vedere con la residenzialità, anzi. Secondo me andrebbe accompagnata da un’offerta di ospitalità turistica. Un tempo gli inglesi andavano in vacanza a Brighton adesso non ci va più nessuno ma ci abitano molti pendolari e residenti. Una città turistica è diventata una città che dorme. E gli inglesi vanno in vacanza altrove. Insomma io penso, diversamente da altri autorevoli e rispettabilissimi pareri, che la coppia “impresa turistica-lavoro” o, se preferite, “capitale-salario” sia più virtuosa di quella “rendita-speculazione”. Per questo credo che non si dovrebbe introdurre l’imposta di soggiorno che colpisce la coppia virtuosa invece di quella parassitaria.


8

CRONACA& SOCIETÀ

giovedì 2 maggio 2013 | RAVENNA& DINTORNI

LA DIATRIBA LA CITTADINANZA

C’è partecipazione e partecipazione: la raccolta firme

di Federica Angelini Parte sabato 4 maggio dall’Harley Bar di Milano Marittima la raccolta firme per fermare un progetto che sta dividendo la cittadinanza e che potrebbe effettivamente mutare l’aspetto della cittadina molto profondamente e in modo irreversibile. Si tratta del cosiddetto “grattacielo Pentagramma” che dovrebbe sorgere nel centro della località che ha di recente celebrato il centenario. Un edificio imponente, parte di un progetto più vasto che include la totale una parziale ristrutturazione del centro storico della vecchia Cervia, le cosiddette case dei salinari, oltre a una zona più ampia a nord di Milano Marittima (che dovrebbe diventare una spa resort). Il tutto ora è di proprietà della società misto pubblico-privato, Pentagramma Romagna spa che a fronte degli interventi è tenuta per legge a realizzare anche una serie di opere pubbliche compensative. Si tratta per la verità di una storia lunga e complicata che comin-

Cervia divisa sul grattacielo in riva al mare

Il comitato per il no al grattacielo in questi mesi ha organizzato incontri, dibattiti, posto domande pubbliche e chiesto di indire un referendum, che però è stato ritenuto inamissibile da un’apposita commissione. Ecco perché ora si impegna su una raccolta firme cercando di coinolgere sia residenti che turisti. Da parte sua, il Comune ha invece promosso, insieme al progetto Cervia d’Amare, un processo di partecipazione dal basso che però non è stato riconosciuto dal comitato secondo il quale in discussione non vi era il progetto nella sua totalità, ma solamente quali potessero essere eventuali aggiustamenti sulle contropartite. Il Comune intanto ha fatto sapere che, in 45 giorni di apertura, sono stati 73 i contatti dell’Infopoint allestito nella Sala Artemedia in piazza Garibaldi. «La maggior parte delle persone – rendono noto da piazza Garibaldi – ha indicato il recupero del Magazzino Darsena (una delle opere compensantive previste dall’accordo) come priorità delle opere pubbliche. In tanti si sono rivolti all’ufficio per approfondire il tema delle ombre sulla spiaggia legato alla realizzazione dell’edificio alto a Milano Marittima, molti coloro che sollecitano l’Amministrazione a chiedere garanzie sulla realizzazione delle opere pubbliche».

ciamo a raccontarvi, con l’intenzione, nelle prossime settimane, di sentire varie opinioni perché su questo progetto è evidente che si gioca il futuro stesso della località e perché è altrettanto evidente che, un po’ come è accaduto a Russi con la centrale a biomasse, questo diventerà l’argomento fondamentale dell’imminente campagna elettorale per rinnovare sindaco e consiglio. Anche perché l’ultima firma su un iter lungo anni dovrebbe essere apposta proprio a primavera 2014, a ridosso delle elezioni. Il pacchetto all inclusive del demanio Ma andiamo con ordine. Se la notizia del progetto per un grattacielo a Milano Marittimo risale all’estate 2012, la vicenda prende il via ormai dieci anni fa, quando il Demanio cede il patrimonio di cui dispone in una ventina di città, tra cui il Comune di Cervia. Si tratta di parte del centro storico di Cervia stessa, di 6mila mq in riva al mare in centro a Milano Marittima e dell’ex colonia Montecatini, nella parte settentrionale di Milano Marittima, di circa 60mila mq. A comprare è una società pubblica, Fintecna, che nel giro di poco costituisce nelle varie regioni società miste pubblico privato. Per quanto riguarda Cervia, la società si chiama Pentagramma Romagna spa ed è composta da Fintecna Immobiliare, dal Consorzio Regionale delle Cooperative di Costruzione e dal costruttore bolognese Galotti. Il capitolo centro storico di Cervia E nel 2003 inizia il primo conflitto con parte dei residenti. A protestare sono gli eredi dei salinari che occupavano e ancora occupano le case della cinta muraria di Cervia, parte dei beni demaniali che vengono appunto ceduti alla società che intende sfrattare chi non sarà in grado di acquistare il bene a un prezzo ritenuto vantaggioso per chi vende. Una cifra che però viene ritenuta troppo esosa da gran parte delle famiglie, in alcuni casi anziani. Secondo il comitato del no «al momento della vendita (Natale 2003), il Comune ha in mano un accordo con il Demanio per il trasferimento delle proprietà al Comune a titolo gratuito, ma non si oppone all’iniziativa del governo». Ora circa 60 delle 70 famiglie degli assegnatari delle case ha dato mandato all’avvocato Carullo di Bologna di difendere i propri interessi il quale ha diffidato Fintecna e Pentagramma Roma-


CRONACA& SOCIETÀ

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 2 maggio 2013

I progetti di compensazione

gli attuali residenti, ma il tutto in cambio di un’annunciata riqualificazione del centro storico,più trasversale e per certi versi più di impatto è la battaglia, in qualche modo collegata perché vede sempre coinvolta Fintecna e Romagna Pentagramma, sul grattacielo. Una superficie di 6mila mq su cui dovrebbe sorgere un edificio di 58 metri di altezza con 200 appartamenti, 30 negozi e tre piani di parcheggio interrato a una cinquantina di metri dalla riva del mare. Più o meno all’altezza della Prima traversa, in riva al mare. Il comitato “Abbasso il grattacielo” lamenta che ancora a oggi non ci sarebbero valutazioni di impatto ambientale disponibili e citano un parere dell’Autorità di Bacino della Regione Emilia Romagna che avrebbe sconsigliato di “scavare per costruire in riva al mare”. E a chi si oppone per ragioni di impatto ambientale, ora si affianca anche chi ha perplessità sull’opportunità di un’operazione immobiliare di quella portata in piena crisi.

Nelle immagini due rendering dal sito Cervia d’Amare dove sono elencate anche le opere di recupero che la società privata si impegna a realizzare a fronte della possibilità di realizzare i suoi progetti, per quanto riguarda il centro storico si tratterebbe di proposte per Magazzino Darsena, riqualificazione di via Borgo Saffi e Via dei Mille, un progetto di Housing Sociale, la realizzazione di una pista ciclabile tra Ponte San Giorgio e SS16, il miglioramente dell’accesso al Centro Visite Saline e un sovrappasso pedonale in centro città. Per quanto riguarda Milano Marittima si parla della riqualificazione di viale Matteotti e della Prima Traversa e una riqualificazione degli arenili nella fascia retrostante i bagni. Il grattacielo è progettato da Mario Cuccinella secondo le più moderne tecniche di ecosostenibilità.

gna dal trattare la disponibilità degli alloggi e nel febbraio 2012 ha diffidato anche il sindaco a trattare. Carullo proprio nei giorni scorsi ha presentato una citazione in tribunale nella quale sostiene che Pentagramma Romagna non è proprietaria dei terreni e degli immobili in questione, chiedendo la nullità del primo atto di vendita. A questo si aggiungerebbe l’intervento del Ministero dei Beni e delle attività culturali che ha ribadito la messo sotto la tutela dell’intero centro storico dall’inestimabile valore storico e urbanistico (Cervia fu una delle poche “città nuove” effettivamente realizzate, pianificate fin nel dettaglio e costruite secondo criteri di salute, sicurezza e vivibilità alla fine del 1600). Se i discendenti dei salinari dovessero vincere la loro battaglia, avrebbero il diritto di prelazione per l’acquisto a prezzi molto bassi già fissati nel 2003. Pentagramma, da parte sua, ha ovviamente in mente altre e

9

progressive sorti e cioè quelle di ristrutturare e poi mettere in vendita sul mercato turistico le case del centro storico. A questo punto, dicono dal Comune, si tratta comunque di una vicenda tra privati che spetterà a un giudice dirimere. Dal punto di vista politico, il Comune ha sempre sostenuto di aver tutelato i residenti (mai di fatto sfrattati). Non a caso tra le opere di “compensazione” ci sarebbe proprio un progetto di housing sociale a carico di Pentagramma, insieme a numerosi altri interventi di riqualificazione (vedi didascalia). Per gli scettici resta comunque il rischio di snaturare per sempre l’abitato della cittadina già oggi costosissima per chi voglia mettere su famiglia e casa. Il grattacielo della discordia Se per il centro storico si può obiettare che gli unici forse a rischiare eventualmente di perderci sono

politica LA SOLITUDINE DEL PD Sul fronte politico, è evidente che questa operazione è tutta interna al Pd che però alle ultime elezioni ha perso molto consensi. Tra gli alleati rimasti in coalizione hanno l’appoggio dell’Idv. Curiosamente il fronte del no vede unita l’estrema sinistra, con esponenti del Pri, del Pdl, del M5stelle, della Lega Nord, di Rifondazione Comunista e di Sel. Ma, ovviamente, anche all’interno del Partito democratico c’è chi nutre più di un dubbio.

Quanto vale l’operazione Il comitato del no denuncia in generale una gestione poco trasparente dell’intero accordo e risposte poco esaustive da parte del sindaco Roberto Zoffoli. In particolare definiscono “svantaggiosissima” la perequazione prevista per il Comune di Cervia, che incasserebbe in opere l’equivalente in tutto 18/20milioni secondo le valutazioni fatta dalla stessa Pentagramma. La legge prevede in pratica che debbano essere reinvestite in opere pubbliche risorse pari alla metà dell’aumento del valore di quanto ceduto dal Demanio. Ora, in realtà al momento si parla genericamente di un investimento pari a 150milioni, ma non è dato sapere quale sia la stima del valore dell’intero affare per la società pubblico-privato né quale sia il conto economico. La stima sarà affidata al professor Stanghellini dell’Università di Venezia, scelto dal Comune come prevede la legge. E tutto sarà trasparente e consultabile, dicono dal Comune, appena il programma sarà definito. E intanto, assicurano anche, il privato sarà vincolato a realizzare prima le opere pubbliche. Ma tra i dubbi sollevati dal comitato, c’è la costruzione di quel grattacielo in riva al mare con varianti ad hoc costituirà un appiglio formidabile per chi vorrà fare in futuro operazioni analoghe nella cosiddetta “città-giardino”.

Sul Molo di Marina di Ravenna un tuffo nell’ antica tradizione di pesce con 4 MENÙ DEGUSTAZIONE 1o Menù Degustazione €30

-Antipasto misto caldo e freddo -Tagliolini alle veraci -Griglia mista €35 -Assaggio di fritto a persona

3o Menù Degustazione

4o Menù Degustazione

-Insalata di mare -Risotto alla marinara -Griglia mista -Assaggio di fritto

Via Molo Dalmazia 37 Marina di Ravenna - Tel. 0544 530231 Aperti tutti i giorni a pranzo e cena chiuso il lunedì www.trattoriacubana.it info@trattoriacubana.it

2o Menù Degustazione

a persona

-Insalata di mare -Spaghettoni o risotto allo scoglio -Griglia mista e spiedini €40 (o spiedini misti) a persona -Assaggio di fritto

-Antipasto fantasia -Tagliolini al branzino o al granchio -Griglia mista e spiedini e scampi €45 -Assaggio di fritto a persona

Tutti i menù sono compresi di acqua, sorbetto e caffè (escluso il vino)


10

CRONACA& SOCIETÀ

giovedì 2 maggio 2013 | RAVENNA& DINTORNI

LAVORI PIAZZA KENNEDY: APPROVATO

BILANCIO COMUNALE

Più soldi a infanzia e Asp Fondi per imprese e famiglie

IL PROGETTO ESECUTIVO

La Giunta comunale ha approvato il progetto esecutivo per la riqualificazione urbanistica di piazza Kennedy. Il progetto del valore di 1milione 150mila euro è interamente finanziato dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. A breve partirà l’iter per l’aggiudicazione dei lavori, sulla base di una gara, il cui avviso sarà pubblicato entro il 20 maggio prossimo. Tenuto conto dei tempi di espletamento della gara è presumibile l’avvio dei lavori tra circa un anno. «Il tempo necessario – dichiara l’assessore ai lavori pubblici Andrea Corsini – non solo per attuare gli interventi finalizzati a creare per il centro storico soluzioni di parcheggio alternative alla chiusura di piazza Kennedy, ma per potenziare l’offerta di sosta a servizio della rete commerciale del cuore della città».

aziende che assumono (un fondo che non si è rivelato utile come si sperava) sostituito da quello sull’innovazione, da un incremento di 100mila euro in più nel fondo per i consorzi fidi e, soprattutto, dall’abbassamento dell'aliquota Imu a tutte le attività produttive per cui lo stato ha previsto, con l’aumento del valore catastale, un aggravio. L’aumento non sarà azzerrato, ma ridotto di oltre la metà. Insomma, se un’impresa che nel 2012 pagava 6mila nel 2013 ne avrebbe pagati 7mila, grazie alla rimodulazione ne pagherà meno di 6500. Il fondo di restituzione Imu secondo una base progressiva tenendo conto di reddito e presenza di mutuo annunciato dal sindaco sarà di 400mila euro. E saranno sanate le situzioni dei comodati gratuiti ai figli e delle cooperative a proprietà indivisa: pagheranno tutte l’aliquota f a m i g l i e pari alla prima casa. Nulla si sa ancora della TaBOLLETTE DELL’ACQUA: COME CHIEDERE I CONTRIBUTI res, per esempio. Fino al 14 giugno si può presentare domanda per ottenere un Di certo c’è, invece che saranno aumentate contributo, relativo al pagamento delle bollette dell’acqua per di 300mila euro le risorse per l'Asp (servizi il 2011 e 2012, attraverso il quale il Comune intende sostenere sociali) e di un milioni quelle per l'Istruzione i nuclei familiari che si trovano in possesso di determinati reper coprire un taglio di contributi alle scuole pariquisiti (tra cui la residenza e un Isee al di sotto degli 8mila eutarie da parte dello Stato (cioé le scuole materne ro). Lo domande dovranno essere redatte sul modulo scaricacomunali) e per coprire l'indicizzazione dei contratti. Infine, bile dal sito www.comune.ra.it (nella sezione bandi vari dell’aRavennAntica riceverà 100mila euro in più. Il tutto a rea tematica bandi e concorsi) o reperibile all’Ufficio relazioni fronte di un ulteriore taglio di risorse pari a 4milioni e col pubblico (via Berlinguer 68) o negli uffici decentrati. L’age300mila di euro dallo Stato. E così, per recuperare risorse, il volazione può coprire una quota massima stabilita in base al Comune continua con economie sui servizi, nel personale numero dei componenti del nucleo familiare. non sostituendo i dirigenti (costosi) che vanno in pensione. In tutto 3milioni e 500mila euro di spesa corrente in meno dello scorso anno, che includono anche i risparmi per l'estinINCONTRO zione di un mutuo lo scorso anno. Investimenti fermi o quasi, nonostanIL MEETUP BYZANTIUM te i 40 milioni di euro di cui il Comune potrebbe disporre se non fossero SU “USURA BANCARIA INTERNAZIONALE” bloccati dal patto di stabilità. E a incidere per qualche decina di migliaia Continua il ciclo di incontri sulla crisi organizdi euro in quei risparmi ci sono anche, una curosità, i tagli sui giornali ai zato dal Meetup Collettivo Byzantium. Martedì gruppi consigliari e assessori. Niente più mazzetta dei quotidiani per 7 maggio alle 20.45 all’ex sala della circoscrinessuno, insomma. I tempi sono durissimi. Sforare il patto di stabilità zione di via Aquileia, a Ravenna, Fania Savorani potrebbe significare, per il Comune di Ravenna, non poter pagare gli stie Normanno Malaguti terranno una conferenza pendi di maestre a contratto mettendo a rischio l'apertura di intere sesul tema “Usura bancaria internazionale: liberazioni di scuola comunale. Dunque, questo è il messaggio da Palazzo Merzione dalla moneta debito conferendo la sovralato, nessuno si aspetti troppo. (fe. an.) nità monetaria allo stato”.

Morigi: «I Comuni sono allo stremo, se l’Imu sarà abolita, servono compensazioni» Per l’approvazione del bilancio comunale ci sarà da aspettare fino a giugno, ma intanto alcune linee fondamentali sono state annunciate e dovrebbero essere confermate a prescindere da cosa succederà all’Imu perché, spiega Valentina Morigi: «Ci aspettiamo che nel caso venga eliminata il governo adotti un comportamento analogo a quello che ebbe quando eliminò l’Ici sulla prima casa e cioé compensi quella cifra con un aumento dei trasferimenti delle risorse». Per la verità, ancora si è in alto mare perché il neopremier Enrico Letta ha annunciato un generico “congelamento” della prima rata, che potrebbe essere quindi solo slittata, modificata o addirittura abolita. In ogni caso, per ora i numeri del bilancio non cambiano. E così, ecco le anticipazioni che sono state fatte dopo i primi incontri con associazioni datoriali e sindacati. Tra le novità ci sarà, se le associazioni di categoria lo riterranno utile, un fondo di 200mila euro per l'innovazione nelle imprese. E 90mila euro saranno a disposizione per le bollette dell'acqua delle famiglie in difficoltà. Saranno riconfermati anche i fondi per restituire Irpef e Tia alle fasce più deboli (300mila euro), il fondo per i lavoratori colpiti dalla crisi (300mila euro). Scompaiono i contributi per le

P U B B L I C I


CRONACA& SOCIETÀ

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 2 maggio 2013

UNIVERSITÀ

9 MAGGIO

BIBLIOTECA CLASSENSE

Aperitivo con i professori sui temi di attualità: si parte con il Movimento 5 Stelle Nei mercoledì di maggio torna l’appuntamento con gli “Aperitivi giuridici” di Giurisprudenza. Quattro incontri-lezione, in programma l’8, il 15, il 22 e il 29 maggio, tenuti da docenti universitari, sui temi di più stretta attualità. L’iniziativa, che si terrà alle 18 al caffè Corte Cavour (di via Cavour), intende offrire al pubblico una scelta di approfondimenti in versione light di alcune tra le vicende che oggi animano tv e giornali. Obiettivo del ciclo di appuntamenti – organizzato da Scuola di Giurisprudenza e Fondazione Flaminia – è infatti portare il sapere accademico fuori dalle aule, rendere il diritto accessibile anche a un pubblico più vasto. Saranno l’exploit elettorale del Movimento 5 Stelle e le caratteristiche del modello alternativo di democrazia incarnato dalla “libera associazione di cittadini” promossa dal binomio Grillo-Casaleggio, il tema al centro del primo appuntamento di mercoledì 8 maggio. Silvia Vida, professoressa di Filosofia del diritto, e Lorenzo Gradoni, ricercatore di Diritto internazionale, parleranno della reazione alla deriva oligarchica dei partiti, tradizionali e non, che si propone come una parziale trasposizione dell’antico motivo filosofico-politico della democrazia diretta nei nuovi spazi comunicativi della Rete: «Un modello – spiegano – che vuole essere ‘non di parte’, anti-partitico, e prefigurazione di un futuro assetto dell’intero sistema politico non necessariamente antitetico rispetto agli attuali meccanismi della democrazia rappresentativa. Il modello non è rivoluzionario se non nel mezzo prescelto per la sua attuazione: la Rete». Ma quale comunità politica si delinea nelle maglie della Rete e che tipo di leadership? Chi è incluso? Chi, invece, escluso? Chi lo decide e come? Questi e altri quesiti saranno sciolti in occasione dell’incontro che, come tutti gli appuntamenti, sarà caratterizzato da un linguaggio semplice e accessibile.

11

Lezioni e coreografie pensando al 2019 per la festa dell’Europa

Una mostra per un mondo senza armi nucleari Arriva a Ravenna la versione compact della mostra Senzatomica - trasformare lo spirito umano per un mondo libero da armi nucleari a cura dell’Istituto Buddista Soka Gakkai, allestita nei chioschi della biblioteca Classense, con il contributo del Comune. L’inaugurazione è prevista per venerdì 3 maggio: si parte in municipio alle 16 con la presentazione della mostra a cura di Andrea Bottai, vice direttore dell’Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai; alle 16.30 il taglio del nastro nei chiostri della Classense. La mostra sarà aperta da lunedì a venerdì dalle 9 alle 19, sabato dalle 9 alle 18, fino al 18 maggio. La mostra è stata anticipata dallo spettacolo di sabato 27 aprile in un gremito teatro Rasi dal titolo “Esplodiamo il disarmo” (nella foto). La mostra si snoderà nei chiostri della biblioteca lungo quindici pannelli esplicativi.

FOTOGRA TRE INCONTRI SULL’ARCHIVIO A PALAZZO CORRADINI

F I A

Proseguono gli incontri “sulla fotografia” organizzati dall’Osservatorio fotografico. I prossimi tre sono in programma lunedì 6 maggio con Tiziana Serena (Università di Firenze) sul tema “L’archivio fotografico: un oggetto teorico”; martedì 7 con Antonello Frongia (Università di Roma Tre) sul tema “Come si diventa Walker Evans? La formazione di un fotografo vista attraverso il suo archivio”; e mercoledì 8 con Silvia Paoli (Musei del Castello Sforzesco, Milano) sul tema “Conservare e valorizzare: storie da un archivio”. Tutti e tre gli incontri si terranno a palazzo Corradini di Largo Firenze (in centro a Ravenna) a partire dalle 16.

Il 9 maggio è la giornata scelta nel Vecchio Continente per la festa dell’Europa e per l’occasione Ravenna, candidata a capitale europea della cultura nel 2019, organizza una giornata di iniziative. Il programma parte alle 9 di giovedì 9 maggio al palazzo dei congressi di Largo Firenze (in centro a Ravenna) con lezioni sull’Europa e la cittadinanza europea e la presentazione del “Rapporto CEQuS!” a cura di Fondazione Flaminia. Alle 11 avverrà la premiazione del concorso “Ti racconto la mia città nel 2019. Immagini e parole per l’Europa”, rivolto ai ragazzi delle scuole e a cura dello staff di Ravenna 2019. Alle 12 ci si trasferisce in piazza del Popolo per “We stand for Europe”, azione coreografica per festeggiare l’Europa e la candidatura di Ravenna (ideazione e cura di associazione Cantieri). Nel pomeriggio alle 15 parte dalla stazione una pedalata verso la darsena con possibilità di noleggio gratuito biciclette (per prenotazioni www.vira2019.it e 3471768102). Infine, alle 16 all’ex tiro a segno di via D’Alaggio, nel cuore della Darsena di città, verrà inaugurata un’esposizione delle opere di Lupan cellula della Mutoid Waste Company. Contestualmente verrà organizzato un laboratorio di riciclo-creativo e seguirà un aperitivo realizzato da Q.B. Food Performer. Info: www.ravenna2019.eu.


ECONOMIA& IMPRESA

giovedì 2 maggio 2013 | RAVENNA& DINTORNI

COOPERAZIONE

12

IL VILLAGGIO GLOBALE

L’economia equa e solidale in festa Torna il 5 maggio l’iniziativa della cooperativa sociale Villaggio Globale ”Coltiviamo un’Altra Economia”. L’appuntamento è all’Almagià di Ravenna per un’occasione di incontro e divertimento all’insegna della sostenibilità: dal mattino alla sera si alterneranno laboratori dell’Università del Riuso e di autoproduzione, momenti conviviali che vanno dalle colazioni “con il mondo” all’aperitivo bio-equo, il mercato dell’Altra Economia, la caccia al tesoro, proiezioni, mostre, un incontro pubblico sul commercio equo e il concerto di chiusura. Il programma della giornata, pensato sia per i grandi che per i più piccoli, vuole far conoscere alla cittadinanza le tante realtà che promuovono e praticano un’economia solidale sul territorio, ed è stato reso possibile grazie alla collaborazione con i due gruppi di acquisto solidale di Ravenna, Gras e Ragas, e al contributo di altre organizzazioni locali. La festa apre i battenti alle ore 8.30 con la colazione equo-solidale accompagnata, per i bambini, da letture, racconti e laboratori interculturali. Dalle 9 si apriranno varie attività come il punto info e accoglienza, l’Equobar, lo sportello di Turismo responsabile e quello di Banca Etica, il punto gruppi d’acquisto solidale, lo sportello ecomamme, il mercato dell’Altra Economia, con i suoi stand di editoria critica, produttori biologici locali, riuso e sobrietà ambientale, cooperative sociali, prodotti eco-sostenibili e di commercio equo e solidale e poi prenderanno via i laboratori dell’Università del riuso e di autoproduzione, attivi fino alle 18. Dalle ore 10 alle 13 è in programma la caccia al tesoro per adulti e ragazzi a tema. Alle 18, Marco Costantino membro del Comitato Progetti Altromercato e co-autore del libro “Il commercio equo e solidale alla prova dei fatti” guiderà i presenti alla scoperta dei partner del Sud del mondo durante l’incontro pubblico “L’altra faccia del commercio equo: storie di produttori”. Alle 19 verrà servito un ricco aperitivo bioequo mentre alle 21, per concludere “in leggerezza” la giornata, concerto di musica folk-rock cantautoriale degli Araba Fenice.

All’Almagià, domenica 5 maggio anche i laboratori dell’università del riuso nel dettaglio TRA IL SACCO E KIRECÒ Ampio spazio ai temi dell’ambiente ovviamente alla giornata “Coltiviamo un’altra economia” all’Almagià il 5 maggio. Per esempio alle 11 o in seconda proiezione alle 15.30, si potrà assistere (alla vicina agenzia Image) al film di animazione 3D “Il sacco dell’energia” di Panebarco & c, una fiaba ecologica divertente che fa riflettere su temi ambientali. Alle 17, invece, all’Almagià la cooperativa Impronte presenta il progetto Kirecò, un centro studi per le eco-innovazioni di Ravenna.

DADO

La psicomotricità al nido: se ne parla in un seminario Sabato 4 maggio il Consorzio Dadonew organizza il seminario di fine anno educativo dal titolo “La psicomotricità al nido - Corpo, gioco, benessere del bambino” come sperimentato dai gruppi di lavoro, nel corso dell’anno 2012-2013, nei nidi d’infanzia del territorio ravennate Darsena, S.Antonio, Orsa Minore, Marina di Ravenna, Sira, “Spazio Bimbi presso Polo Lama”, La Mongolfiera, il Riccio. L’appuntamento è dalle 9 alle 13 presso la Sala Forum di via Berlinguer, ex Circoscrizione Seconda, di Ravenna. Ai lavori parteciperanno il medico Giuseppe Nicolodi e la neuropsicomotricista Emilia Manzo.

GIOVANI COOPERATORI

IMPRONTE

Incontri sull’innovazione

Spiaggia pulita con gli studenti

Inizia il 6 maggio il progetto formativo

Due uscite didatttiche per pulire la spiaggia al termine di un percorso di approfondimento affiancato a laboratori didattici sul tema dei rifiuti e dell'acqua, parteciperanno alla raccolta dei rifiuti abbandonati nella spiaggia e nella zona dunale. Le sta effettuando la cooperativa Impronte in collaborazione con il Comune, il Corpo Forestale dello Stato, il Circolo Matelda di Legambiente Ravenna, le Guardie Ecologiche Volontarie di Legambiente ed Hera. Al primo appuntamento, il 24 aprile sono state coinvolte due classi, il 7 maggio è prevista la seconda uscita. Il materiale raccolto sarà ritirato e smaltito da Hera. Le uscite sono state effettuate nell’ambito del più ampio progetto “Orme”, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, è un progetto multidisciplinare che prevede una serie di interventi differenziati in circa 20 classi delle scuole secondarie.

Si terrà lunedì 6 maggio alle 18 al Teatro Socjale di Piangipane l’incontro organizzato dall’associazione dei Giovani Cooperatori di Confcooperative Ravenna con Michele Vianello (nella foto). Direttore del Parco Scientifico e Tecnologico di Venezia, esperto di innovation technology, Vianello da anni si occupa di analisi aziendale e dell’organizzazione di modelli avanzati di sviluppo gestionale e organizzativo per favorire crescita e competitività delle imprese. L’approfondiment apre un ciclo di convegni organizzati dall’associazione ravennate per sollevare tematiche legate al rapporto dei giovani con il mondo economico e sociale di oggi. L’approfondimento avrà per protagonisti il 24 maggio e il 13 giugno anche Pier Luigi Celli e Andrea Mariotto e proseguirà infatti il prossimo autunno con l’organizzazione di un vero e proprio percorso formativo aperto ai giovani soci delle cooperative sui temi della gestione aziendale, della partecipazione e della rappresentanza.

C.A.B. TER.RA.Soc. Coop. Agr. Cooperativa Agricola Braccianti Territorio Ravennate Soc. Coop. Agr.

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE Associazione Interprovinciale Ravenna - Ferrara

C.A.B. TER.RA. è la prima cooperativa agricola nata in provincia di Ravenna: fondata il 17 ottobre 1888 da Nullo Baldini, oggi è proprietaria di vaste superfici, coltivate con tecniche moderne e condotte con efficienti forme di organizzazione del lavoro. La coltivazione agricola - con un occhio di riguardo per il settore biologico, in forte espansione - è la principale attività della cooperativa, che svolge anche lavori per conto terzi, vendita di mele e allevamento di bovini - alcuni di razza Romagnola da carne, con marchio Q.C. (Qualità Controllata) e I.G.P. (Indicazione Geografica Protetta). VIA PIANGIPANE 262 - RAVENNA - TEL. 0544 418802 - FAX 0544 414219 - CABTERRA@CABTERRA.IT

www.agci.ra-fe.it Ravenna - Via Classicana, 313 Tel. 0544-471619 • fax 0544-471569 • info@agci.ra-fe.it


ECONOMIA& IMPRESE

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 2 maggio 2013

13

ASPPI Notizie

LA FESTA

Verso la Confcooperative della Romagna Un momento della festa che si è svolta principalmente nella sede di Agrintesa

Si è tenuta, dal 26 aprile al 1 maggio, la 36esima Festa della Cooperazione di Bagnacavallo. La manifestazione si è svolta principalmente nei locali di Agrintesa di via Boncellino. Durante le intense giornate si sono alternati momenti di riflessione, gioco, incontro, scoperta anche per i più piccoli, mostre e stand. Tra i tantissimi appuntamenti c’è stata anche la presentazione del volume I colori dell’agricoltura e dell’ambiente nella bassa pianura ravennate. Un’opera fotografica voluta dall’Ente di Gestione dei parchi e delle biodiversità, Parco del Delta del Po, Regione Emilia Romagna e dalla cooperativa agricola Csa di Bagnacavallo con l’obiettivo di valorizzare maggiormente il territorio della Bassa Romagna attraverso le foto di Milko Marchetti e le parole dell’agronomo Flavio Ricci. La festa si era inoltre aperta con un importante intervento del presidente di Confcooperative Raffaele Gordini: «Siamo convinti che la Romagna sia l’unità territoriale adatta per uno sviluppo economico integrato e che i tempi siano maturi per riformulare le politiche di coordinamento e rappresentanza territoriale». L’occasione vedeva la partecipazione dei presidenti di Confcooperative Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini nonché dei presidenti e consiglieri delle cooperative del territorio della Bassa Romagna: «Questo confronto - prosegue Gordini - servirà per comprendere le esigenze e le aspettative delle cooperative socie sul tema della rappresentanza unitaria, con l’obiettivo finale della grande Alleanza delle cooperative italiane». E ancora, «la cooperazione è pronta a rivedere gli strumenti di rappresentanza, a prescindere dal riassetto più o meno veloce della pubblica amministrazione. Le Confcooperative di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini stanno già da tempo concentrando gli sforzi verso una futura sinergia e, ben presto, i tre Centri Servizi diventeranno uno solo. Con questo impegno speriamo di dare un segnale forte anche alle istituzioni».

A Bagnacavallo si è parlato anche di riorganizzazione «Un segnale forte» FUSIGNANO

La Cab apre l’archivio La storica coop fu fondata nel 1945 La Cooperativa agricola braccianti di Fusignano ha aperto alla consultazione il proprio “archivio storico” nella sua sede della Cab di via Cesare Battisti. L’archivio contiene documenti, foto e materiale riguardanti la cooperativa a partire dalla sua costituzione, nel 1945: chi fosse interessato a consultare l’archivio potrà farlo dal 6 maggio, facendone richiesta agli uffici della Cab (0545 50017; il referente è il presidente Mauro Parisi). L’inaugurazione avviene in concomitanza con l’assemblea di bilancio della Cab: il 2012 chiude in positivo con un utile di 50mila euro (dopo accantonamenti per 90mila euro). Nello specifico, la gestione caratteristica consegue un risultato positivo di 220mila euro e il fatturato cresce, rispetto al 2011, del 30 per cento. Gli elementi che hanno contribuito a questo risultato sono l’aumento dei prezzi agricoli, in particolare dell’uva, la resa dei 2 impianti fotovoltaici realizzati sui tetti dei capannoni aziendali, gli accordi per la produzione di biomasse per biodigestore, le buone rese colturali, la produttività del lavoro. Sul fronte occupazionale la Cab nel 2012 ha dato lavoro a 25 soci e a 9 dipendenti stagionali: grazie al buon risultato di bilancio è stato possibile pagare un premio aggiuntivo a tutti i lavoratori. La Cab può contare anche su 37 soci sovventori.

La nuda proprietà: Chiariamo il significato di questa formula di compravendita immobiliare La nuda proprietà è sostanzialmente un contratto di vendita. Con l’atto in questione, chi vende diventa usufruttuario e può abitare in quell’immobile, che ha venduto, finché vive. Il diritto è esteso anche al coniuge. Chi compra ha la nuda proprietà e potrà disporre dell’immobile solo dopo la morte dell’usufruttuario e, se c’è, del coniuge. Nessun diritto invece hanno gli eredi dell’usufruttuario. L’acquirente di nuda proprietà paga l’immobile molto meno del suo prezzo reale e perciò fa un affare, ma per entrare in possesso deve aspettare la morte di chi è diventato usufruttuario e del suo coniuge.Per calcolare il valore della nuda proprietà esiste una tabella con un elenco di coefficienti, in base all’età anagrafica del proprietariovenditore, che viene emanata dal Ministero dell’Economia e che permette di calcolare il prezzo di vendita. E’ chiaro che più si è anziani e più sale il valore della nuda proprietà. Occorre calcolare il 2,5% (tasso legale d’interesse attuale), del valore dell’immobile. Il risultato va moltiplicato per il coefficiente dell’età del proprietario-venditore. La cifra ottenuta va sottratta al reale valore della caed il risultato è il vaTABELLA PER CALCOLO sa lore della nuda proVALORE DELLA prietà. Esempio: Se abNUDA PROPRIETÀ biamo un appartamento del valore di 300mila euDa 67 a 69 anni 18 ro ed il proprietario ha Da 70 a 72 anni 16 70 anni, il coefficiente sarà 16. Il 2,5% di Da 73 a 75 anni 14 300mila è 7.500. MoltiDa 76 a 78 anni 12 plichiamo 7.500 per 16 Da 79 a 82 anni 10 che darà 120mila euro. Sottraiamo a 300mila Da 83 a 86 anni 8 euro, 120mila, si ottiene Da 87 a 92 anni 6 il prezzo della vendita Da 93 a 99 anni 4 della nuda proprietà: 180mila euro.

Associazione sindacale piccoli proprietari immobiliari Ravenna Via R. Serra, 65 tel. 0544 470102 fax 0544 470075 info@asppi.ra.it www.asppi.ra.it Faenza Via Cavour, 25 tel. 0546 25807 faenza@asppi.ra.it Lugo Via Manfredi, 41 tel. 0545 33356 lugo@asppi.ra.it SERVIZI AI SOCI - Gestione contratti di locazione - Assistenza legale - Consulenza condominiale - Consulenza tecnica - Affitti e vendite da privato a privato Dal 1980 a Ravenna

1992 > 2012

Gruppo Ormeggiatori del Porto di Ravenna Via Fabbrica Vecchia, 5 Marina di Ravenna (Ra) Tel. (0544) 530505

www.ormeggira.it

20 anni di qualità e professionalità


14

CRONACA& SOCIETÀ

giovedì 2 maggio 2013 | RAVENNA& DINTORNI

RAV SFRUTTAMENTO DELLA TERRA: UN INCONTRO E UN SEMINARIO

IL SEMINARIO

Così uguali e così diverse, femministe in dialogo

E N N A

Il coordinamento “Il Sud siamo noi” di Ravenna organizza per venerdì 3 maggio alle 21 alla parrocchia di Santa Maria del Torrione di via Majoli 8, a Ravenna, un incontro pubblico con Alvaro Ramazzini, vescovo di Huehuetenango, sul tema “Idroelettriche, attività estrattive, sfruttamento della terra. In Guatemala la frontiera avanzata dell'aggressione ai diritti umani”. Sabato 4, dalle 14 alle 19 al Villaggio del Fanciullo di Ponte Nuovo si terrà invece il seminario su “Energia perché ? Energia per chi? Lo sfruttamento mascherato da cooperazione allo sviluppo”. Al termine cena e musica della tradizione latinoamericana con Gianluigi Tartaull. Info: 347 9216970.

di Marina Mannucci Alla sala Muratori della biblioteca Classense di Ravenna, il 3 e il 4 maggio, si terrà il seminario di studi “Femminismi musulmani. A proposito di Gender Jihad”, promosso dalle associazioni Femminile Maschile Plurale, Life Onlus, Comune di Ravenna, Cgil Ravenna Rete Donne. Il seminario si propone di analizzare le principali correnti di pensiero del femminismo musulmano, con particolare attenzione all’area mediterranea, attraverso le voci di studiose e attiviste, per comprenderne i fondamenti comuni, le articolazioni, l’influenza sui processi di riforma della legge e sui processi sociali e politici in atto nel Maghreb. Una forma di Gender Studies, con approccio multidisciplinare e interdisciplinare allo studio dei significati socioculturali dell’identità di genere, guidato «dalla dinamica del “femminismo musulmano” […] prova evidente che la spiritualità e la ricerca di senso sono coerenti con i valori universali della giustizia, dei diritti umani, dell’uguaglianza e della libertà» (Asma Lamrabet, Prefazione al volume di Marisa Iannucci, Gender JihÇd: Storia, testi e interpretazioni nei femminismi musulmani, Cesena, Società Editrice Il Ponte Vecchio, 2013, p. 8). «Le donne che intraprendono lo sforzo (il jihÇd per l’appunto) per l’emancipazione delle donne musulmane in generale, devono oggi impegnarsi su più fronti. Non solo contro sessismo e cultura patriarcale, che strumentalizza la religione a fini politici e di dominio, ma anche dalla cultura islamofoba e razzista che i governi hanno coltivato in Occidente negli ultimi decenni per legittimare nuove guerre e dominazioni per l’accaparramento delle risorse; e paradossalmente subisce l’ostilità da parte del femminismo occidentale, che in larga parte non accetta forme diverse di lotta e di emancipazione» (M. Iannucci, Gender JihÇd…, cit., p. 163). Questo seminario rappresenta la prima importante occasione, per Ravenna, ma anche in campo nazionale, per superare un’epistemologia femminista “a senso unico”. In tal modo si potrà dare inizio a una nuova visione di genere

SI PARLA DI UOMINI E DONNE NEI SOCIAL NETWORK

FA

E N Z A

/1

L’associazione Sos Donna ha organizzato tre incontri sulla comunicazione tra generi nella vita e nei media dal titolo “Donne e uomini, che lingue parliamo?”. La terza e ultima serata – a ingresso libero e condotta dalle psicologhe Cristina Castagnoli e Valentina Montuschi – è in programma lunedì 6 maggio sul tema “Linguaggi e relazioni in rete – Uomini e donne nei social network”. Ne parlerà anche Alessandra Farabegoli, web strategist. L’appuntamento è alla sala “Dalle Fabbriche” a Faenza in via Laghi 81.

che sia in grado di cogliere le specificità culturali che i movimenti femministi, di differenti società, avanzano in materia di diritti e riconoscimenti. Si tratterà, da una parte, di interrogare noi stessi, di ammettere le nostre resistenze, i nostri dubbi, e, dall’altra, di ascoltare l’esperienza di donne che, con percorsi autonomi rispetto alla cultura occidentale, stanno realizzando un importante percorso di emancipazione. Il programma. Venerdi 3 maggio alle 14.30 saluti e presentazione del convegno. Alle 15 “Femminismi musulmani” (modera Maria Paola Patuelli) con Marisa Iannucci su “Il Gender Jihad: Storia, testi e interpretazioni del femminismo musulmano”; Aysha Al Hajjami su “Il Corano e le donne: l’esegesi al femminile del testo sacro. Dalla rivelazione al diritto”; Abdennur Prado su “La costruzione dell’Islam patriarcale nella storia e il ruolo degli uomini nel femminismo musulmano. Il caso Spagna”. Alle 17 Latifa Bouhsini su “L’evoluzione delle tesi del movimento femminista nella difesa della riforma del codice di statuto personale in Marocco” a cui seguirà un dibattito. Alle 19 cena a buffet. Alle 19.45 proiezione documentario. Sabato 4 maggio: ore 9.30 tavola rotonda “Femminismi a confronto” (modera Marisa Iannucci) con i relatori Maria Luisa Boccia (filosofa della politica, femminista), Renata Bedendo Teologa (consiglio di presidenza Cti); seguirà dibattito. Info e iscrizioni: info@lifeonlus.org o 327 6656310.

FAENZ GIOCO D’AZZARDO E MAFIE: IL DOSSIER DEL GIORNALISTA POTO

A

/2

A Faenza due appuntamenti sulla tematica del gioco d’azzardo. Lunedì 6 maggio alle 20.45 l’associazione Libera organizza l’incontro dal titolo “Azzardopoli – Il paese del gioco d’azzardo. Quando il gioco si fa duro le mafie iniziano a giocare”. Si parlerà di “numeri, storie e giro d’affari criminali di quella che viene definita come la “terza impresa” italiana. Interverrà l’autore di questo dossier, il giornalista Daniele Poto. L’appuntamento si terrà all’auditorium Sant’Umiltà di via Pascoli 15. Lunedì 20 alle 20.45 al cinema Europa, sempre a Faenza si terrà l’incontro sul gioco d’azzardo “fra politica, economia e disagio sociale” con Matteo Iori, presidente nazionale del Gruppo Giocatori d’azzardo.

CONSELI NUOVI MEDIA, INFORMAZIONE E I VINCITORI DEL PREMIO DEL GDZ

C E

Sabato 4 maggio, dalle ore 21, all’auditorium comunale di Conselice si terrà un incontro per capire come i nuovi media hanno cambiato il modo di fare e di leggere l’informazione. Organizza il Gruppo dello Zuccherificio, che durante la serata proclamerà i vincitori del premio per il giornalismo d’inchiesta organizzato dalla stessa associazione. Saranno presenti: Loris Mazzetti (capostruttura Rai Tre), Giorgio Santelli (giornalista RaiNews24 e Articolo21), Carla Baroncelli (giornalista Tg2), Norma Ferrara (LiberaInformazione) e Gaetano Alessi (AdEst). Si potrà seguire la serata in diretta twitter su @GZuccherificio.


RAVENNA& DINTORNI | giovedì 2 maggio 2013

COMMENTI& OPINIONI

detti e contraddetti a cura di FAUSTO

PIAZZA

L’OSSERVATORIO

L’assessore Pd che si vergogna del suo partito

Le lettere, le opinioni e i commenti a cui si riserva di rispondere il direttore di Ravenna&Dintorni Fausto Piazza, vanno indirizzate alla mail carodirettore@ravennaedintorni.it oppure al fax 0544 271651 o all’indirizzo viale della Lirica 43, 48124 Ravenna.

TUTTO D’UN TRATTO IL PD DEVE CAMBIARE Le tensioni all’interno del Pd si sentono anche nel Faentino. Sono dell’opinione che occorre cambiare completamente il fare politica, le recenti vicende dopo il voto dimostrano che i dirigenti sono distanti dal parere della base del partito a livello nazionale. Questo è avvenuto in modo particolarmente grave in occasione della elezione del Presidente della Repubblica, nella presentazione del nome di Marini senza una necessaria dialettica interna al partito, inoltre l’incredibile e ingiustificabile bocciatura nella candidatura di Romano Prodi, designata precedentemente all’unanimità dal gruppo parlamentare e non votata da parte di 101 parlamentari. [...] Prodi Presidente avrebbe modificato completamente lo schema politico, a quel punto non si sarebbe fatto l’accordo con Berlusconi che tutti dicevano allora come improponibile, in primis Bersani a cui posso credere, ma che poi nei fatti molti parlamentari auspicavano fin dall’inizio (vedi il non voto a Prodi e il non fare il tentativo su Rodotà). Io considero questo un grave errore, in quanto con l’elezione di Rodotà si rompeva definitivamente la possibilità di un accordo con Bertlusconi e si poteva agire con il nostro programma a un vero governo di cambiamento con il sostegno del Movimento a Cinque Stelle. Ora occorre un vero e radicale cambiamento e questo non lo può fare chi ha gestito fino ad ora il partito e ha dimostrato di non voler cambiare e mantenere i sistemi di potere e correnti interne al partito. Occorre un’assemblea pubblica, che sancisca nuova modalità di partecipazione alla vita del partito, a mio avviso non occorrono scissioni, ma nuova partecipazione e confronto sulle scelte da fare per il futuro dei territori e del paese. A questo punto occorre un governo di breve durata e di scopo che vada a modificare la legge elettorale che faccia nuovamente contare i cittadini nel voto e non come

di

GIANLUCA COSTANTINI

è avvenuto fino ad oggi con le indicazioni del vertice dei partiti. Occorrono misure che sappiano interpretare i bisogni veri dei cittadini, intervenendo sul lavoro e su possibili tutele e rilancio dei diritti delle persone evitando gli errori madornali del governo Monti e che il partito ha appoggiato in materia di riforma delle pensioni e sulla inefficace riforma Foriero sul mercato del lavoro. Adesso serve cambiare radicalmente rotta, ma questa volta sul serio, senza la scusa che “era l’unica cosa possibile l’accordo con il Pdl”. Non cambiare il partito, posizionarlo su una linea come si dice di responsa-

bilità, non sarebbe altro che una posizione di conservazione non capita dalla base e per questo con tragici risultati alle prossime elezioni. Ora serve un vero cambiamento attraverso un congresso che sappia realmente costruire una nuova fase del Pd con la massima partecipazione dei cittadini. A questo scopo presenteremo assieme ad altri un ordine del giorno alla prossima direzione provinciale, nel quale dovranno essere chiari i giudizi su questa fase del partito e gli obiettivi che dovrà darsi a breve. Idilio Galeotti, membro direzione Pd Faenza

15

IL 25 PIENONE AL MARE, MA IL COMUNE DORMIVA? Egregio direttore, volevo riportarle quanto accaduto oggi (25 aprile, ndd) a Punta Marina dopo la bellissima giornata di sole. Purtroppo chi ha deciso di venire dalla città al mare utilizzando i mezzi pubblici ha trovato un’amara sorpresa al rientro. Gli autobus stracarichi di gente non erano sufficienti a portare tutti verso la città, alle fermate di Punta Marina i mezzi passavano dritti senza fermarsi perché già eccessivamente affollati. Gli orari di passaggio poco frequenti non hanno inoltre aiutato il rientro verso Ravenna, è giusto sapere che il 25 aprile le corse verso il mare sono praticamente la metà di quelle del 24, per esempio, in quanto giornata festiva. Qualche cliente disarmato è tornato dopo lunghe e inutili attese qui da noi a cercare soluzioni alternative per un passaggio verso la città. Se non ricordo male questo è il primo 25 aprile di pieno sole dopo il famigerato del 2009 in cui Marina venne invasa da folle di giovani, ma il tempo passa e i problemi rimangono. In compenso però hanno girato i navetti diretti al parcheggio scambiatore tutto il giorno vuoti... come sempre, perché non dimentichiamo che oggi iniziavo il famigerato parcheggio a pagamento sul lungomare. Noi erano giorni che ci preparavamo ad accogliere gente nelle nostre strutture, era evidente e nell’aria che ci sarebbe stata una giornata particolare, era evidente per noi, ma è altrettanto evidente che qualcuno non ci ha nemmeno pensato , Start per gli autobus, il Comune e non solo, se lo sono dimenticati. Va a finire che le responsabilità addebitate alla Duna quel 25 aprile 2009 non erano veramente tutte le loro. Ma loro stanno pagando qualcuno invece dorme sulla sua poltrona. Naturalmente non diffondete il mio nome, temo realmente ritorsioni. Lettera firmata

di

MOLDENKE

Questa lettera non me la sono inventata, l’ha scritta davvero Valentina Contadini, membro del direttivo provinciale del Pd e assessore nel Comune di Cotignola. La voglio pubblicare quasi integralmente qui sotto. Specificando che non ne condivido la parte propositiva: io ovviamente il Pd non lo voterò mai più in vita mia (non che lo avessi fatto a ‘sto giro) e spero che non lo voti più nessuno. Però complimenti a Valentina e a tutti i militanti che come lei hanno il coraggio di gridare la propria rabbia ai dirigenti di questo (ex) partito. «Mi sono vergognata perché molti dei dirigenti del mio partito non hanno detto ciò che pensavano e non hanno fatto ciò che dicevano. [...] Ci hanno sommerso di macerie, noi, i militanti, gli elettori, i volontari , macerie delle quali non abbiamo ancora capito la provenienza , né chi siano stati i responsabili, macerie che ci hanno inchiodati ad abbracciare la cultura del berlusconismo, quella cultura da cui stiamo cercando di difendere con le unghie e con i denti i nostri figli. L’amarezza, la delusione che accompagna questo crollo è talmente tanta da averci fatto sentire anche stupidi, stupidi di non riuscire ad arginare il groppo in gola, stupidi di non volerci arrendere. Riflettendoci meglio non è la stupidità ma è coraggio, sì coraggio di volere ricostruire di non arrendersi di non soccombere alla logica di chi pavidamente ha tessuto nell’ombra la tela che ha permesso il tradimento del mandato elettorale, dei principi, delle promesse con le quali si è chiesto il consenso. È il coraggio di utilizzare la libertà per riappropriarsi del proprio partito e ricostruirlo nella verità. Perché il partito è prima di tutto degli elettori, dei militanti,dei volontari, dei dirigenti diffusi, degli amministratori dei territori piccoli e grandi, che ogni giorni vivono la realtà sulla propria pelle, non dei grandi strateghi, che da troppi anni hanno costruito sul nostro partito il vestito del perdente. [...] I responsabili di questo terremoto devono essere stanati e noi , la cosiddetta base, dobbiamo avere il coraggio di appropriarci della nostra libertà e pretenderla questa verità. Il Pd è roba nostra di tutti, elettori militanti, iscritti che arrivano da tante storie diverse, che le battaglie le fanno con le spalle dritte e di fronte. A cui non interessano le chimiche delle alleanze , il cinismo di bassa lega, che non vogliono accodarsi a chi ha distrutto il nostro paese, che non rincorrono un sogno ma un mondo possibile, scevro da ogni mistificazione. Occorre un congresso urgente che ci permetta l’uscita di scena ai cinici dinosauri responsabili di tanto scempio , a chi ha utilizzato il partito per i propri fini personali, ai gruppi che hanno agito per occupare posti di potere. Ed io voglio esserci, perché non è il momento di cedere all’amarezza, non ancora.


CULTURA& SPETTACOLI

IL FESTIVAL

Tra teatro e musica Dall’opera di Twist è di nuovo Fèsta in Darsena (e non solo) al grande Terry Riley LUGO

In attesa di entrare più nel dettaglio del programma sul prossimo numero del nostro settimanale, annunciamo la seconda edizione di Fèsta, la rassegna organizzata dalle quattro compagnie di teatro contemporaneo della cooperativa E: ErosAntEros, Fanny & Alexander, gruppo nanou e Menoventi. Dal 9 al 12 maggio, quattro giorni fitti di programmazione tra teatri e gallerie d’arte, banchine della Dar-

sena e Almagià, con mostre, incontri, performance, spettacoli e momenti musicali. L’inizio di Fèsta è atteso per giovedì 9 maggio e si articola in una presentazione itinerante delle varie mostre: il pubblico è invitato a seguire un moto inaugurale prendendo parte ai singoli vernissages e spostandosi in una sorta di passeggiata-parata che dal centro condurrà in Darsena. Prima tappa del percorso è Palazzo Rava (ore 17.30) sede delle esposizioni di Marco Smacchia e Cristina D’Alberto. Seguono le inaugurazioni delle mostre fotografiche di Fabio Sajiz a MyCamera (ore 18.30) e di Enrico Fedrigoli alla galleria Ninapì (ore 19.30), dove seguirà il “concerto sintetico per figure espressive”, la performance TraScendere, di ErosAntEros. Dalle 21 ci si sposterà in Darsena, al magazzino ex Poste (in via Magazzini Posteriori) con l’installazione Strettamente confidenziale di gruppo nanou. Nei giorni successivi Fanny&Alexander presenterà in anteprima assoluta a Ravenna il suo ultimo lavoro, Discorso Giallo, che debutterà al Festival delle Colline Torinesi il prossimo giugno. Punto di ritrovo al termine di ciascuna giornata è la Darsena di città con il suo “DopoFèsta”. Punti ristoro e momenti musicali, con i live di Radio Zolfo e i dj set, animeranno ogni sera dalla 19 le banchine per accogliere il pubblico di ritorno da incontri e spettacoli. A curare il punto ristoro tutte le sere saranno l'azienda agricola “La Rondine”, il ristorante bio-vegan “La Tegia” (Forlì) e il ristorante “Las Ramblas” (Faenza) con specialità spagnole.

Uno scorcio delle banchine della Darsena nel corso della passata edizione di Fèsta

In collaborazione con il festival Angelica di Bologna, torna a Lugo il compositore americano Terry Riley – l’autore del manifesto del minimalismo in musica, il famoso “In C” del 1964 – che si esibirà al teatro Rossini giovedì 9 maggio alle 21. Il progetto col compositore, oggi 77enne, trova coinvolte dal 7 al 10 maggio le tre città di Bologna, Modena e Lugo e si tratterà di una prima italiana assoluta per quest’opera “The 3 Generations Trio”. Accanto a Terry Riley (nella foto) ci sarà il figlio chitarrista Gyan Riley e il violinista “elettrico” a 6 corde Tracy Silverman. Lo spettacolo rientra anche nell’ambito del Lugo Opera Festival, che martedì 7 maggio alle 20.30 porta al Rossini anche Oliver Twist, la nuova opera commissionata e prodotta dalla Fondazione Teatro Comunale di Modena, con libretto e musica di Cristian Carrara dall’omonimo romanzo di Charles Dickens.

giovedì 2 maggio 2013 | RAVENNA& DINTORNI

CULTURA

16

LA BUSTINA DI MELPOMENE a cura di MARIA GIOVANNA MAIOLI Venerdì 26 aprile. Sono appena rientrata dall’Alighieri dopo avere abbondantemente riso insieme a Enza, la cara amica dalla risata squillante e vitale che ti fa pensare al meglio della vita e che mi fa tornare in mente una delle più belle massime di Chamfort, da me spesso citata: “La più perduta delle giornate è quella in cui non si è riso”. E tutta questa ridarella la debbo e la dobbiamo a Art di Yasmina Reza, l’acclamata scrittrice franco-iraniana che ha il raro dono della satira sottile. Una pièce godibilissima imperniata sul rapporto amicale maschile, magistralmente interpretata da un eccellente trio: Alessio Boni, Alessandro Haber, Gigio Alberti. La poesia scelta per l’occasione? Eccola:

FRA VECCHI di Aldo Palazzeschi Un amico carissimo e quasi vecchio quanto me meco spesso si lagna che nonostante l’inverosimile età non gli si vuol placare il sesso, cosa che invece di compiacerlo lo contraria. Per consolarlo io gli rispondo contrariato altrettanto che nonostante l’inverosimile età in me non si vuol placare la fantasia. La fantasia era il mio sesso? Per questo mi vergogno. (in Poesie sull’amicizia, a cura di Piero Gelli, Baldini & Castoldi, Milano 2000) Aldo Palazzeschi, pseudonimo di Aldo Giurlani, è nato a Firenze nel 1885 ed è morto a Roma nel 1974. Poeta e narratore, strinse via via rapporti con i futuristi fiorentini e milanesi.

IL CONCERTO

Cristina Zavalloni in trio all’Alighieri L’eclettica cantante bolognese alla rassegna dell’associazione Mariani Prosegue al teatro Alighieri la stagione “Ravenna Musica” curata dall’associazione Angelo Mariani. L’appuntamento di giovedì 9 maggio esce dai soliti canoni della musica classica e porterà sul palcoscenico uno dei personaggi più originali e affascinanti della scena “contemporanea” italiana, l’eclettica cantante, compositrice e performer Cristina Zavalloni. La bolognese ha ottenuto fama anche internazionale muovendosi tra jazz e musica

contemporanea, tra strutture insolite e canzoni. A Ravenna si esibirà in trio insieme al pianista Andrea Rebaudengo, musicista dall’attività poliedrica con cui ha stretto un fortunato sodalizio, e al clarinettista jazz Gabriele Mirabassi. Il trio proporrà un programma con composizioni di John Cage, Leonard Bernstein, George Gershwin, Charles Ives, Cole Porter, Duke Ellington e Kurt Weill.


CULTURA& MUSICA

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 2 maggio 2013

17

LA RASSEGNA

Dieci giorni di grande jazz Dal 3 al 12 maggio la quarantesima edizione del festival ravennate Per la sua edizione numero 40, il festival Ravenna Jazz si rinnova e presenta un cartellone esteso dal 3 al 12 maggio, con ben dieci giorni di musica dal vivo e seminari. Il nuovo programma coinvolgerà i principali teatri cittadini (l’Alighieri e il Rasi) nonché la sala Piazza Rinascita e il Cisim di Lido Adriano, che ospiteranno “Ravenna 40° Jazz Club”, ossia un’alternativa d'ascolto più casual rispetto alle serate in teatro. In più, un notevole numero di locali del centro di Ravenna accoglierà quotidianamente i concerti pomeridiani Aperitifs: dieci chitarristi impegnati dal 3 maggio in altrettanti performance in solo. Il resto lo diranno i grandi artisti invitati a partecipare a questa importante edizione del festival. Sabato 4 maggio al teatro Alighieri (ore 21) saranno i variopinti ritmi caraibici di Chucho Valdés e dei suoi Afro-Cuban Messengers a dare il via alla programmazione teatrale: il gruppo di sette elementi guidato dal più celebre dei pianisti cubani è un bolide ritmico, una delle più fiammeggianti formazioni del latin jazz odierno. Impetuoso protagonista della storia del jazz degli anni Sessanta al fianco di John Coltrane, Pharoah Sanders, colosso del sax tenore, sarà il protagonista del concerto di domenica 5 (teatro Alighieri, ore 21), alla testa di un quartetto il cui spettacolo prende il titolo da una delle più celebri composizioni di Sanders: The Creator Has a Master Plan. Lunedì 6 il festival si sposta al teatro Rasi (ore 21) e protagonisti saranno Franco Ambrosetti, Uri Caine e Furio Di Castri. Rispettivamente, il trombettista

Due dei protagonisti di questa edizione di Ravenna Jazz: Joshua Redman (a sinistra) e Paolo Fresu

svizzero, il pianista statunitense e il bassista italiano, ognuno esponente di spicco del proprio strumento, proporranno From Bach to Miles and Trane: un concerto che esplorerà gli espressivi legami tra musica barocca e jazz, con un sottile e affascinante gioco di rimandi improvvisativi. A partire da martedì 7, Ravenna Jazz diventa per tre sere di fila “Ravenna 40° Jazz Club”: concerti musicalmente intraprendenti in un'ambientazione informale da jazz club. Il 7 maggio (inizio alle 21.30) il palcoscenico del festival sarà alla Sala Piazza Rinascita, dove il giovanissimo sassofonista Mattia Cigalini, col suo quartetto “Beyond”, potrà sfoderare la sua tecnica, fatta di flussi musicali inarrestabili e coinvolgenti, che proiettano il mainstream verso

lidi sempre più modernisti. Assai particolare è la proposta musicale di mercoledì 8, al Cisim di Lido Adriano (ore 21.30), con due esibizioni in solitudine che offriranno una visione decisamente originale dell'improvvisazione jazzistica. Nel suo dj-set, il trombonista Gianluca Petrella farà largo uso dell'elettronica, dando un indirizzo futurista alla creazione estemporanea. Il beatboxer Alien Dee trasforma invece il proprio corpo in una sorgente musicale che pare non avere limiti, senza bisogno di utilizzare alcuno strumento. Giovedì 9 si torna alla Sala Piazza Rinascita (ore 21.30) con il sassofonista Rosario Giuliani: con un quin-

tetto che annovera Roberto Tarenzi (pianoforte), Joe Locke (vibrafono), Darryl Hall (contrabbasso) e Joe La Barbera (batteria), proporrà il suo nuovo progetto Images, un’altra opera importante fuoriuscita dalla creatività di un musicista ai vertici della scena internazionale. Per il suo secondo e conclusivo fine settimana, Ravenna Jazz 2013 torna stabilmente al teatro Alighieri con una serie di concerti di grande richiamo (tutti con inizio alle 21). Venerdì 10 la voce di Gino Paoli e il pianoforte di Danilo Rea daranno vita a un incontro tra i vertici della canzone d'autore e del jazz nazionale.

Da Chucho Valdés a Joshua Redman tra teatri e locali

Sabato 11, tornano in scena le "Microlezioni di Jazz" ideate da Filippo Bianchi (qui anche voce recitante) e con l'apporto musicale della tromba di Paolo Fresu e dell'elettronica di martux_m: una produzione originale di i-jazz che ha riscosso un enorme successo lo scorso anno durante il suo tour inaugurale e che ora assume una nuova veste strumentale per continuare a stupire e, anche, a istruire. La star del sax tenore Joshua Redman arriverà all’Alighieri domenica 12 per chiudere in grande stile l’edizione 2013 di Ravenna Jazz, con un quartetto dalla line up altisonante: Aaron Goldberg (pianoforte), Reuben Rogers (contrabbasso) e Gregory Hutchinson (batteria). Il cartellone del festival, oltre a questa ricca serie di concerti ospiterà anche due seminari, gli ormai storici workshop di “Mister Jazz”. Il primo di essi sarà tenuto dalla cantante americana Rachel Gould, una delle più prestigiose vocal trainer attive in Europa. La Gould terrà il suo corso “Jazz phrasing for singers” venerdì 3 maggio al teatro Rasi (ore 10-13 e 15-18). Protagonista dell'altro seminario sarà Alien Dee, che mercoledì 8 (al Cisim di Lido Adriano, ore 1013 e 15-17) con il suo "The Alien Beatbox" fornirà insegnamenti sulle tecniche di beatbox. Ravenna Jazz 2013 tornerà inoltre, come detto, a proporre i concerti Aperitifs, appuntamenti pomeridiani nei locali del centro cittadino in attesa del concerto serale in teatro. Dieci performance a partire da venerdì 3 maggio (con inizio sempre alle ore 18.30) tutte affidate a chitarristi che si esibiranno in solo.


18

CULTURA& SPETTACOLI

DANZA

giovedì 2 maggio 2013 | RAVENNA& DINTORNI

CONCERTI

LA CURIOSITÀ

Il Ravenna Festival va al cinema alla scoperta di Matthew Bourne “Born to be Bourne: il mondo di Matthew Bourne” è il titolo della rassegna cinematografica che Ravenna Festival dedica al geniale coreografo inglese nell’attesa di ritrovarlo al Festival con la sua interpretazione della Bella addormentata. Si parte lunedì 6 maggio con il film-documentario Matthew Bourne’s Christmas realizzato nel 2012 dalla televisione inglese per celebrare il percorso artistico, lungo di un quarto di secolo, di Bourne e della sua compagnia. Introdotto da Franco Masotti il documentario ripercorre una avventura straordinaria coronata da grandi successi attraverso estratti dai suoi spettacoli più noti, Swan Lake, Nutcraker!, The car man, Edward Scissorhands, fino al tormentato Dorian Gray. Spettacoli reinventati e raccontati in nuovi contesti presentati attraverso immagini suggestive, la cui particolarità sta nell’aver ripreso la compagnia in studio e non nei teatri con un uso della macchina da presa più intimistico, che consente di presentare la danza e i ballerini sullo schermo in un modo nuovo e suggestivo. Ingresso libero, fino ad esaurimento dei posti, ritirando il coupon invito alla biglietteria del Teatro Alighieri. Il secondo appuntamento, lunedì 13 maggio, è con Swan Lake 3D. Quindici anni dopo avere firmato il proprio “Lago” tutto al maschile dove Odette, il cigno amato dal principe è un maschio, come pure tutti maschi sono i cigni del lago, Matthew Bourne ha rivisitato per lo schermo in 3D il proprio capolavoro con la regia di Ross McGibbon. Girato la primavera scorsa al teatro Sadler’s Wells di Londra, dunque non in studio e con il pubblico in sala, il “Lago” di Bourne conduce dentro la danza permettendo di passare dai primi piani ai pezzi di insieme. Grazie al 3D l’impatto della performance in teatro viene ulteriormente amplificato: l’illusione spinge il pubblico ad un’immersione profonda tra le quinte della “quarta parete”. Ingresso in questo caso a 8 euro. La rassegna si conclude, lunedì 20 maggio, con Nutcracker!, spettacolo che dal debutto al Festival di Edinburgo nel 1992, continua ad incantare, commuovere e divertire il pubblico anche a 20 anni dalla sua creazione. Con i suoi oltre 110 anni di storia, Lo Schiaccianoci di Cˇajkovskij ha offerto infatti al coreografo inglese materia per una delle sue straordinarie riletture in cui traspone l’azione in una situazione diversa da quella originale. Biglietto a 5 euro. Appuntamento al cinema dunque per ritrovare Matthew Bourne in attesa di incontrarlo live con la sua Bella addormentata che il Festival presenta, in prima italiana, al teatro Alighieri dal 30 maggio al 2 giugno.

Dai danesi Efterklang al Bronson fino al folk balcanico in spiaggia Lunedì 6 maggio (ore 22) al Bronson di Madonna dell’Albero appuntamento con un gruppo che negli ultimi anni ha scalato la scena indie-pop internazionale, riempiendo i club di mezza Europa. Si tratta dei danesi (ma ormai di stanza a Berlino) Efterklang, attivi ormai dal lontano 2000 e con un contratto aperto ora con la prestigiosa etichetta discografica 4AD. In particolare la band sta portando in tour l’ultimo album Piramida, caratterizzato da quelle sonorità pop a cui la band si sta dedicando in questi ultimi anni.

Alle Dune di Campiano una maratona di Guerre Stellariin versione originale Il fan club ravennate di Star Wars organizza sabato 4 maggio una maratona cinematografica di Guerre Stellari nella cornice del vecchio cine-teatro “Le Dune” di Campiano (via Petrosa 205). Solo per un giorno verranno proiettati Guerre Stellari (versione del 1977), L’impero colpisce ancora (versione del 1980) e Il ritorno dello Jedi (versione del 1983) nella versione originale in pellicola (per l’occasione è stato restaurato un vecchio proiettore Prevost P55 degli anni 70). La sala sarà aperta per accogliere il pubblico dalle 12.30 e verrà allestita anche una mostra di riproduzioni accurate dei costumi di scena usati durante le riprese, oltre che di poster cinematografici. Le proiezioni si terranno alle 13. Alle 19 la cena a base di cappelletti e piadina con la salsiccia, mentre alle 20.30 avrà luogo una breve celebrazione del trentennale de Il Ritorno dello Jedi. Terminate le proiezioni la serata sarà animata dallo staff del Dr. Why che propone in esclusiva per l’evento, una versione del proprio quiz interamente dedicata alla saga cinematografica.

C

A S T E L B O L O G N E S E IL FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO E UN INCONTRO CON GIORGIO DIRITTI

MARINA

DI RAVENNA RIPARTONO I CONCERTI AL BAGNO PETER PAN

Doppio appuntamento per gli amanti del cinema a Castel Bolognese. Venerdì 3 maggio al cinema Moderno si terrà la 5ª edizione del concorso “Festival del Cortometraggio - Registi a Confronto” in cui si avrà modo di apprezzare nuove produzioni di corti di registi provenienti dal territorio e non solo. Seguirà la premiazione con i premi del pubblico e di quelli della giuria. Il giorno seguente, sabato 4 maggio, in occasione della proiezione del film "Un giorno devi andare" (con Jasmine Trinca) sarà presente il regista Giorgio Diritti e potrebbe esserci anche il direttore della fotografia Roberto Cimatti per un incontro col pubblico.

Ripartono i concerti al bagno Peter Pan di Marina di Ravenna. Sabato 4 maggio alle 17.30 l’appuntamento è con i Del Barrio, band argentina attiva in Italia già da una decina d’anni. Al Peter Pan proporrà lo spettacolo Makumbero, con un repertorio popolare che abbraccia un po' tutto il Sudamerica. Per l’occasione il cantante colombiano Carlos Forero si aggiungerà al trio composto da Hilario Baggini, Andrés Langer e Marco Zanotti.

Le loro influenze vanno dal folk al post-rock, dalle melodie indie all’elettronica. Un appuntamento un po’ per tutti i gusti, insomma, tra gli appassionati di musica cosiddetta alternativa. Un altro concerto di caratura internazionale si terrà venerdì 3 maggio (alle 21.30) ma al bagno Hana-Bi di Marina di Ravenna (sempre gestito dallo staff del Bronson): protagonisti gli A Hawk and a Hacksaw (nella foto) duo americano di Albuquerque composto da Jeremy Barnes e Heather Trost, con la loro ormai consolidata miscela di estatico folk balcanico, scatenate danze magiare, orchestrine mariachi e sognanti arie mediorientali. Info: 333 2097141.

La prima C H U R RA S C A R I A di Ravenna

Tel . 0544 492005 - 335 5254711 È gradita la prenotazione


CULTURA& LETTURE

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 2 maggio 2013

LIBRI/1

Il musicista esordisce da scrittore, e fa ridere Ha appena esordito come scrittore, ma Riccardo Battaglia, classe 1972, è un musicista che vive tra Ravenna e Bombay e che da anni svolge una ricerca musicale tra oriente e occidente che lo porta in giro per il mondo. Il suo primo romanzo Inferno Inverno è stato pubblicato da Foschi Editore nella collana curata da Eraldo Baldini e racconta la vicenda di un musicista che vince una borsa studio a Bombay e che insieme a due amici che hanno fatto scelte molto diverse cerca un equilibrio sentimentale e professionale nella vita. Le sue vicende si incrociano con una scena culturale descritta con un’ironia che sfocia a tratti nel sarcasmo. E in cui si parla di un festival, di un direttore, di una signora che tutto può decidere. Ogni riferimento è puramente casuale? È tra le cose che vogliamo chiedergli. Lei è un musicista e compositore. Come le è venuta l’idea della scrittura? «Qualche estate fa ero nelle colline del casentino. Un posto molto remoto in cui di solito passo i mesi estivi a suonare e comporre. Un musicista deve passare tutta la vita a esercitarsi, tutti i giorni, con una routine degna di un impiegato. Per farla breve, mi è venuta voglia di fare qualcosa di diverso. Non l'ho neppure deciso. Una mattina mi sono seduto al computer e ho scritto ininterrottamente per due mesi». Qual è la differenza tra musica e scrittura nell’atto del comporre?

«Solo la tecnica. Entrambe scaturiscono da un'urgenza creativa, un impulso incontenibile. Ma il mezzo tecnico, il linguaggio usato è diverso, anche se non così tanto: una buona scrittura richiede molta musicalità». Nel libro si sente un elemento autobiografico. E per chi conosce Ravenna sembra facile riconoscere i riferimenti a realtà culturali cittadine su cui lei dà un giudizio ironico, ma piuttosto spietato. «Inverno inferno non è un romanzo autobiografico. Soprattutto, non ho mai voluto giudicare o offendere nessuno. Nutro il massimo rispetto per tutte le manifestazioni culturali della città e per chi le dirige. Prendo solo un po’ in giro l’élite culturale italiana. Ma l'intento è solo di fare ridere. Certo, come qualsiasi scrittore ho preso qua e là dalla mia vita. Ma pochissime cose, il resto è pura fiction. È vero, uno dei protagonisti è un musicista che va a vivere in India con una borsa di studio, come me. Ma non sono assolutamente io: Enrico Pazzaglia è un musicista disperato, mezzo fallito e perennemente disoccupato. Io sono un artista pienamente realizzato, e ho una vita molto diversa dalla sua. E anche gli altri protagonisti sono un puro parto dell'invenzione. Gli eroi del libro sono tre amici cresciuti insieme, amici che io nella realtà non ho mai avuto». Tutto il libro è percorso da una spiccata vena ironica. A chi si è ispirato? E in generale, chi sono i

Il ravennate Riccardo Battaglia in libreria con Inverno Inferno

suoi scrittori di riferimento? «A costo di sembrare tronfio, per quanto riguarda la comicità e l'ironia mi sono ispirato solo a me stesso. Ho sempre amato scrivere, sin da piccolo, e l'ho sempre fatto con questo stile. Semmai ho imparato dalla musica. Le sonate a quattro di Rossini o la Quinta Sinfonia di Schubert sono ironiche, esilaranti, divinamente spiritose. Sono tutto. Quando leggo, però, ho gusti completamente diversi: Manzoni e Dostoevskij sono i miei preferiti. Poi adoro Murakami vecchio stile». Questo è un libro d'esordio fortemente generazionale, dove però i protagonisti scelgono strade diverse. Cosa accomuna i quarantenni d'oggi? «Non credo nelle generalizzazioni. Ci sono quarantenni di ogni tipo. Direi la precarietà lavorativa ed esistenziale». Altri progetti letterari nel cassetto? «Trasformare la Quinta di Schubert in un romanzo». (fe. an.)

19

libri/2 VOLUMI D’ARTISTA ALLA BIBLIOTECA CLASSENSE La Biblioteca Classense di Ravenna presenta la collezione di libri d’artista dell’editore Danilo Montanari. La mostra, nell’aula magna della biblioteca, verrà inaugurata sabato 4 maggio alle 17 e resterà aperta fino al 9 giugno, dal martedì al sabato dalle 10 alle 17. Verranno esposti numerosi volumi di una collezione composta da oltre duecento titoli – in parte pubblicati dall’editore stesso – che documentano l’avventura del libro d’artista dai primi anni ’60 ad oggi. Tra i libri più significativi, tutti pensati e progettati dagli artisti, numerati, firmati e spesso contenenti manufatti originali, da segnalare un’opera di Lucio Fontana realizzata nel 1958 dalla Galleria del Cavallino di Venezia e 1986 di Alighiero Boetti, con interventi originali dell’artista. La mostra documenta inoltre il lungo sodalizio tra Montanari e Giulio Paolini, dal 1985 ad oggi. Per l’occasione è stato concepito il volume Una biblioteca d’artista, la collezione e le edizioni di Danilo Montanari, che presenta testi di Maura Picciau (direttrice del Museo nazionale delle tradizioni popolari di Roma) e una serie di contributi sul tema del libro d’artista.

AGENDA

La filosofia indiana a Sala Melandri

Mostra fotografica Letture tra poesia “Il corpo del gigante” e storia a Tamo

Aperitivo artistico con collezione privata

Un volume sulla palla ovale

Per il ciclo di incontri organizzato dal Centro relazioni culturali, alla sala D’Attorre di Casa Melandri a Ravenna, venerdì 3 maggio alle 18 si tiene l’appuntamento con Giacomo Foglietta, che presenta il suo libro Le tradizioni filosofiche dell’India antica (Foschi Editore, 2012). Partecipano anche i filosofi Rocco Ronchi e Paolo Taroni.

Sabato 4 maggio alle 18 inaugura la mostra fotografica personale di Valentina Cicognani, dal titolo “Il corpo del gigante”. L’appuntmento è alla sala espositiva del Comune di via Massimo D’Azeglio 2, in centro a Ravenna, dove sarà possibile visitarla fino al 12 maggio. Atmosfere musicali a cura di Manu e Francky Vode.

Il gruppo giovani del Fai organizza per il 7 maggio alle 19 un nuovo “Aperitivo in Atelier” per scoprire la collezione artistica Ghigi-Pagnani in via Zotti, una casa-museo che custodisce una raccolta d’arte privata che comprende opere di grande qualità delle avanguardie pittoriche del secondo dopoguerra. Prenotazione obbligatoria al 338 2425035 o a faigiovani.ravenna@fondoambiente.it

Società di San Giorgio, Ravenna Rfc e I Passatelli-Old Ravenna Rugby proseguono nelle iniziative per far conoscere il mondo del rugby. Sabato 4 maggio, alle 18, al Mc Gowan Pub di via Renato Serra, propongono un incontro con Francesco Costantino, autore de Il popolo ovale. Dieci storie di rugby italiano. Coordinerà l’incontro Daniele Fabbri, veterano della palla ovale bizantina.

Venerdì 3 maggio alle 18 a Tamo, in via Rondinelli, si terrà “Poesia al Bar 2012-2013: lettura delle opere vincitrici dell'omonimo concorso nazionale”. Protagonista delle letture Alessandra Maltoni, presidente dell'associazione Albert Einstein. Mercoledì 8, alle 18, l’appuntamento è invece con la rassegna di letture “Tamo Malfattori”. Incontro dedicato a Romolo Gessi e Pellegrino Matteucci a cura di Mauro Mazzotti.


20

CULTURA& RUBRICHE

giovedì 2 maggio 2013 | RAVENNA& DINTORNI

Fulmini&Saette di Adriano Zanni Cronache e visioni dal Deserto rosso - tutti i giorni su www.ravennaedintorni.it

TUTTA UN’ALTRA MUSICA

Una (breve) guida ai festival estivi di

Di notturni e cani fantasma, Marina Romea VISIBILI & INVISIBILI di

FRANCESCO DELLA TORRE

Il nuovo Ozon promosso, nonostante la presunzione

Nella casa, di François Ozon (2012) Germaine è un professore di lettere di un liceo assai conservatore, sposato con una bella gallerista in crisi lavorativa. Sempre annoiato dalla banalità dei temi dei suoi studenti, Germaine condivide con la moglie la lettura di un tema di un suo nuovo studente, sorprendente sia per le capacità di scrittura che per la tematica intrigante e “scorretta”, in quanto l'alunno sta cercando di introdursi nella vita della famiglia di un suo compagno. La chiusura del tema (“continua”) spingerà l'insegnante a stimolare il suo talentuoso alunno a dare un seguito a questa storia, fino a spingersi ben oltre l'aspettativa e il lecito. Tratto da una piece teatrale spagnola, francese in ambientazione, brillante nei dialoghi e ovunque disseminato di intellettualismi vari, Nella casa è un thriller psicologico interessante sia nello sviluppo della sua trama, sia per i molteplici piani di interpretazione che lo spettatore può dare della vicenda. Al di là del filo conduttore principale, il regista è abile e furbo a rappresentare il narrato per orientare e contemporaneamente disorientare un divertito spettatore. Come avviene? Intanto il voyeurismo dello studente nella casa dell'ignaro compagno è mostrato dal regista attraverso le parole lette dall'insegnante, quindi come azioni già svolte e raccontate, ma senza alcun riscontro certo nella realtà. Non sarebbe il primo film in cui Ozon confonde abilmente realtà e immaginazione (vedi l'ottimo Swimming Pool), e scriverlo qui non rovina la visione in quanto il concetto non è assolutamente chiaro. La confusione tra realtà e finzione diventa sempre più evidente col passare dei minuti e lo spettatore dopo un'oretta di film è bel-

lo che disorientato, e la trama apparentemente passa in secondo piano. Il bello arriva nell'inevitabile ma ribaltata identificazione tra alunno-scrittore-regista e professore- lettore-spettatore. Un grande aiuto alla riuscita del film è dato da un cast eterogeneo e davvero in grande forma. Certo, il regista verso il finale esagerà un po' con provocazioni e colpi di trama, ma a visione completata, i conti tornano abbondantemente. Il bello del film è che ognuno può dare una lettura diversa, come ad esempio su un blog al femminile (Fiamma Satta) della Gazzetta dello Sport (citazioni colte, a questo giro) si legge che il film può essere visto come un rapporto tra «il cinema (il professore), la nuova serialità televisiva (il ragazzo), il pubblico femminile (la madre, la moglie del professore) e il valore artistico rivendicabile dalla nuova narrazione televisiva seriale (la moglie del professore)». Esagerato? Allo spettatore l'ardua sentenza; certo è che un film che dà così tanti stimoli, pur nella sua imperfezione e presunzione cinematografica, costituisce in sé una grande motivazione per guardarlo e farsi una propria idea, o anche semplicemente rifiutarlo. Tra i dialoghi e le massime sentite nel film, impossibile dimenticarsi quello che potrebbe diventare il suo cavallo di battaglia, nonché insegnamento di vita: «la matematica non delude mai». Nota a margine: per chi non conoscesse bene il regista, enfant prodige (classe 1967) del cinema francese anni novanta, si può dire che Ozon è uno dei registi più eclettici, fighetti e prolifici del cinema d'oltralpe. Spesso provocazioni intellettualoidi, ma quasi sempre gradevoli e invisibili, tra i film di Ozon da non perdere si segnalano Potiche, Swimming Pool e il musicale Otto donne e un mistero.

LUCA MANSERVISI

Maggio. Tempo di programmare alcune trasferte per i tradizionali festival estivi (o primaverili). Ecco una rapida panoramica, partendo da quelli più vicini a noi. Anzi, vicinissimi, tipo Hana-Bi di Marina di Ravenna, che alla seconda edizione del suo Beaches Brew, dal 27 al 31 maggio, porta in spiaggia (oltre a, tra gli altri, gli indie-rockers americani Beach Fossils, il canadese Dirty Beaches e gli islandesi Dead Skeletons) addirittura The Dream Syndicate, proprio loro, quelli entrati nelle enciclopedie della storia del rock come i capostipiti del cosiddetto Paisley Underground, movimento musicale californiano che negli anni Ottanta ha dato nuova linfa al folk-rock psichedelico. Restando nel Ravennate gran doppio colpo del festival Strade Blu che porta al Masini di Faenza in giugno, prima, metà Sonic Youth, ossia la nuova band di Lee Ranaldo con anche Steve Shelley (il 18) e poi quel grandissimo gruppo di alt.country che porta il nome di Lambchop (il 21), da poco usciti con un nuovo disco che a dire il vero, però, continua a far rimpiangere quelli di una quindicina di anni fa. Arriviamo poi all’immancabile “Ferrara Sotto le stelle” che quest’anno cala l’asso Sigur Ros (il 26 luglio), la band islandese che con l’album dell’anno scorso ha abbassato nettamente la qualità media della propria discografia, ma che dal vivo resta (credo) imprescindibile. Per il resto però il cartellone di Ferrara è un po’ una delusione (al momento) con due rock-band, diciamo così, giovanili e dall’hype garantito come Fun. e Arctic Monkeys, e un suggestivo concerto con tanto di orchestra dei Baustelle, che restano però insomma sempre i Baustelle. Stanno organizzando una grande stagione invece i tipi di Bolognetti Rocks, in vicolo Bolognetti, a Bologna, dove, tanto per citarne due, il 19 giugno si esibiranno nientemeno che i Pere Ubu, leggenda new wave-post punk americana che tra un paio d’anni festeggerà addirittura i 40 anni di carriera; e il 26 giugno i Deerhunter, tra le band più interessanti nate negli anni 2000 in ambito art-rock (tra il punk, il pop, la psichedelia...) negli Stati Uniti. Deerhunter che saranno protagonisti anche allo strepitoso festival Dancity di Foligno, in Umbria, dove gli appassionati in particolare di musica elettronica e (minimal) techno saranno obbligati a fare una gita, essendo in cartellone gente del calibro di Shackleton, Robert Hood, James Holden e Andy Stott, tra i molti. Restando in ambito elettronico, ma fortemente influenzato (se non viceversa) dalla musica rock, ecco che in queste ore è stato annunciato il concerto di un altro nome storico come quello degli scozzesi Primal Scream, protagonisti a fine agosto al festival di Villafranca di Verona “A Perfect Day”, che due giorni dopo ospita anche due band di punta della scena indie-rock contemporanea come Editors e The XX. Infine, almeno una segnlazione ad alcuni concertoni tra Roma e Milano, dove suoneranno il 28 (a Milano) e 29 luglio (a Roma) i redivivi Blur; il 30 giugno (a Roma) e il 1° luglio (a Milano) i National e il 26 luglio (a Roma) Neil Young, che sarà anche il giorno prima al festival di Lucca, dove l’11 luglio suonerà pure Nick Cave (che però in novembre verrà al paladozza di Bologna). Beati voi che non ne salterete neanche uno.

ello! b è o l il cie con noi! o scopril Martedì 7 Maggio, ore 21 Oriano Spazzoli

Viaggio dentro le stelle

Martedì 14 Maggio, ore 21 Claudio Balella Asteroidi: rischio d'impatto con la Terra

Martedì 10 Maggio, ore 21

Sabato 18 Maggio, ore 21

I venerdì dell'A.R.A.R., Sala Conferenze del Planetario, INGRESSO LIBERO

Notte Europea dei musei

Giuseppe Pupillo

Luna e l'altra:

suggestioni tra musica e parole

I detriti spaziali:

l’affollato spazio che ci circonda

con Franco Costantini, duo "Altromodo" (Catia Gori, Alessandro Maltoni), Paolo Morini

Per informazioni e prenotazioni: Planetario di Ravenna, Viale S. Baldini, 4/a - 48121 Ravenna sito: www.racine.ra.it/planet - email: info@arar.it


CULTURA& TEMPO LIBERO

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 2 maggio 2013

CinemaCity - Ravenna

Viaggio sola

• CINEMA •

Hansel & Gretel - Cacciatori di streghe (Regia di Tommy Wirkola)

Proiezione in 3D: fer.: 17-20.40-22.45; sab.: 16.30-18.35-20.40-22.45; dom.: 15.30-17.35-20.40-22.45

21

(Regia di Maria Sole Tognazzi)

ven., sab. e mar.: p.u. 21.15; dom.: 16.30-18.15-21.15

Essential killing

Programmazione da giovedì 2 a mercoledì 8 maggio

(Regia di Jerzy Skolimowski)

lun.: p.u. 21.30

Poniente

Snitch - L’infiltrato

(Regia di Chus Gutierrez)

(Regia di Ric Roman Waugh)

fer.: 17.10-20.25-22.50; sab.: 16.30-20.25-22.50; dom.: 15.30-18-20.25-22.50

Viaggio sola

Effetti collaterali

(Regia di Maria Sole Tognazzi)

(Regia di Steven Soderbergh)

fer.: 17-20.40-22.40; sab.: 16.30-18.30-20.40-22.40; dom.: 15.30-17.30-20.40-22.40

Effetti collaterali

fer.: 20.20-22.40; sab.: 17.40-20.20-22.40-00.55; dom.: 15.30-17.40-20.20-22.40

(Regia di Steven Soderbergh)

Attacco al potere - Olympus Has Fallen

Iron Man 3

(Regia di Antoine Fuqua)

(Regia di Shane Black)

gio., ven., mar. e mer.: 17.10-20.25-22.50; sab.: 16.30-20.25-22.50; dom.: 17.35-20.25-22.50; lun.: p.u. 17.10

Scary movie 5

mer.: 17.30 (proiezione in lingua originale spagnola, sottotitolata in spagnolo)-21.15 (proiezione in lingua originale spagnola, sottotitolata in italiano)

Europa - Faenza Hitchcock

Proiezione in 3D: gio., ven., lun. e mer.: p.u. 21.45; sab.: 17.30-21.45; dom.: 15-17.30-21.45 Proiezione in 2D: fer.: 20.15-21-22.40; sab.: 17.45-18.15-20.15-21-22.40-23.20-00.40; dom.: 15.20-15.45-17.45-18.15-20.15-21-22.40

(Regia di Sacha Gervasi)

gio. e ven.: p.u. 21

(Regia di Malcolm Lee)

fer.: 17-20.30-22.45; sab.: 16.30-20.30-22.45; dom.: 15.30-17.25-20.30-22.45

Kiki - Consegne a domicilio (Regia di Hayao Miyazaki)

sab.: p.u. 17.40; dom.: p.u. 15.45

Oblivion Le streghe di Salem (v.m. 14)

(Regia di Joseph Kosinski)

fer.: 17-20.20-22.50; sab.: 16.30-20.20-22.50; dom.: 15.30-17.55-20.20-22.50

(Regia di Rob Zombie)

sab.: p.u. 00.55

Bianca come il latte, rossa come il sangue

Scary movie 5

(Regia di Giacomo Campiotti)

(Regia di Malcolm Lee)

fer.: 17-20.40; sab.: 18.30-20.40; dom.: 15.30-17.40-20.40

gio., ven., sab., lun. e mer.: p.u. 20; dom.: 16-20

Attacco al potere - Olympus Has Fallen I Croods

(Regia di Antoine Fuqua)

fer., sab. e dom.: p.u. 20.20

(Regia di Chris Sanders e Kirk De Micco)

sab.: p.u. 16.30; dom.: p.u. 15.30

Oblivion 25 anni di new adventures

(Regia di Joseph Kosinski)

fer., sab. e dom.: p.u. 22.40

(documentario sul coreografo Matthew Bourne, proposto dal Ravenna Festival)

lun.: p.u. 20.30 fer.: 17.15-20.20-22.40; sab.: 16.30-20.20-22.40; dom.: 15.30-17.50-20.20-22.40

Benur - Un gladiatore in affitto (Regia di Massimo Andrei)

fer.: 17.10-20.40-22.50; sab.: 16.30-18.35-20.40-22.50; dom.: 15.30-17.40-20.40-22.50

Iron Man 3 (Regia di Shane Black)

Proiezione in 3D: fer. e sab.: 17.20-20.05-22.40; dom.: 16.30-20.05-22.40 Proiezione in 2D: fer.: 17-20.15-20.40-22.55; sab.: 16.30-20.15-20.40-22.55-23.15; dom.: 15.30-18.05-20.15-20.40-22.55

I Croods (Regia di Chris Sanders e Kirk De Micco)

Jolly - Ravenna

dom.: p.u. 18

Miele

Spring Breakers

(Regia di Valeria Golino)

(Regia di Harmony Korine)

fer. (escluso mer.) e sab.: p.u. 21; dom.: 16-18.30-21

mar.: p.u. 21 (film in lingua originale)

Cinedream - Faenza

Italia - Faenza

Hansel & Gretel - Cacciatori di streghe

Miele

(Regia di Tommy Wirkola)

(Regia di Valeria Golino)

Proiezione in 3D: fer.: p.u. 22.45; sab. e dom.: 18-22.45 Proiezione in 2D: fer.: p.u. 20.40; sab.: 20.40-00.45; dom.: 16-20.40

(Regia di Hayao Miyazaki)

fer.: p.u. 17; sab.: 16.30-18.20; dom.: 15.30-17.40

Le streghe di Salem (v.m. 14) (Regia di Rob Zombie)

fer., sab. e dom.: p.u. 22.50

Cinemacity Ravenna, via Secondo Bini 7, tel. 0544 500410 Jolly Ravenna, via Renato Serra 33, tel. 0544 478052 Cinedream Multiplex Faenza, via Granarolo 155, tel. 0546 646033

(Regia di Francois Ozon)

ven., mar., sab. e dom.: p.u. 21 gio., lun., mar. e mer.: p.u. 21.15; ven. e sab.: 20.45-22.30; dom.: 17-18.45-21.15

Le avventure di Zarafa - Giraffa Giramondo sab.: p.u. 17; dom.: p.u. 15

(Regia di Michele Placido)

Kiki - Consegne a domicilio

Nella casa

(Regia di Rémi Bezançon e Jean-Christophe Lie)

Il cecchino fer.: 20.35-22.40; sab.: 17.50-20.35-22.40-00.45; dom.: 15.40-17.50-20.35-22.40

Snitch - L’infiltrato fer.: 20.25-22.40; sab.: 18.10-20.25-22.40-00.55; dom.: 18.10-20.25-22.40

Cinema Italia Faenza, via Cavina 9, tel. 0546 21204 Cinema Sarti Faenza, via Scaletta 10, tel. 0546 21358 Cinema Europa Faenza, via S. Antonio 4, tel. 0546 32335

Teatro Moderno - Fusignano Un giorno devi andare (Regia di Giorgio Diritti)

sab. e dom.: p.u. 21

Gulliver - Alfonsine The Master

Sarti - Faenza

(Regia di Paul Thomas Anderson)

gio. e ven.: p.u. 21.15

Voci in nero - L’Emilia-Romagna nelle pagine del noir

(Regia di Ric Roman Waugh)

S. Rocco - Lugo

Il lato positivo

(Regia di Riccardo Marchesini)

gio.: p.u. 21.15

INFOCINEMA Cinema San Rocco Lugo, corso Garibaldi 118, tel. 0545 23220 Teatro Moderno Fusignano, corso Emaldi 32 Sala del Carmine Massa Lombarda, via Rustici, tel. 0545 985890

(Regia di David O. Russell)

sab., dom. e lun.: p.u. 21

Circolo Jolly Russi, via Cavour 5, tel. 0544 587651 Cinema Gulliver Alfonsine, piazza della Resistenza 2, tel. 377 7081999 Sala Sarti Cervia, via XX Settembre 98, tel. 338 4384349


GENITORI& FIGLI

IL FESTIVAL

Pacama di Katarsis Teatro a Lugo, Ravenna e Bagnacavallo per Artebebè Prosegue con un nuovo spettacolo la rassegna Artebebè, il festival di teatro, arte e cultura per la prima infanzia organizzato da Drammatico Vegetale. Dalla Spagna arriva Katarsis, Educación y Teatro con lo spettacolo Pacama, che verrà portato in scena in tre diverse rappresentazioni: sabato 4 maggio alle 17 al Salone Estense della Rocca di Lugo, domenica 5 maggio alle 11 al Teatro Rasi di Ravenna e lunedì 6 maggio alle 10 al Nido d’infanzia La tartaruga e Spazio bimbi Scoiattolo di Bagnacavallo. Si tratta di un racconto di musica e gesti su due amici che non vogliono addormentarsi e il cui letto, con lenzuola e cuscini, diventa un teatro dei sogni. Una palla e un cuscino sono ali per volare, le lenzuola si agitano nell’aria, gli asciugamani si arrotolano e si srotolano, la luce si spegne e si accende, e piccoli burattini a forma di occhi si danno un bacio. Uno spettacolo senza parole che si sviluppa come una coreografia, seguendo il filo di una colonna sonora originale creata in funzione del movimento e delle emozioni dei personaggi. L’utilizzo degli “strumenti del vento” e della gaita irlandese (simile a una cornamusa) creano un’atmosfera da sogno, in cui regnano l’immaginazione e la fantasia. Sempre nell’ambito di Artebebè, inoltre sabato 4 maggio alle 10 al Mar - Museo d’Arte della Città di Ravenna si svolgeranno una visita guidata alla mostra Borderline e un laboratorio didattico, rivolti ai bambini, che si aggiungono al tradizionale sabato “Genitori & Bambini” che il museo dedica alle famiglie (dalle 16 visite guidate e laboratori per bambini dai 5 anni con le loro famiglie, prenotazione obbligatoria tel. 0544 482487). Info e prenotazioni per gli spettacoli: tel. 0544 36239 - www.drammaticovegetale.com

giovedì 2 maggio 2013 | RAVENNA& DINTORNI

JUNIOR

22

LIBRI, STORIE E BURATTINI

Narrazione, musica e giocolerie a Castiglione di Ravenna Secondo appuntamento per “Libri, storie e burattini”, la rassegna realizzata da Teatro dell’Aglio. Domenica 5 maggio, alle 16, alla Biblioteca Omicini di Castiglione di Ravenna, Andro presenta lo spettacolo È successa una cosa incredibile: una storia fantastica, un mostro peloso e la ricerca della sua tana, per liberare un prigioniero, recuperare il maltolto oppure... Il tema dello spettacolo viene adattato al contesto specifico, si alternano narrazione, gags, musica, palloncini, giocolerie, fuoco, trampoli, fachirismi comici. Uno spettacolo adatto a tutti, a partire dai 3 anni di età. A seguire, Torneo del Pirata, corse di biglie su circuito per tutte le età, con il Palomar Ludobus. Ingresso libero, info: 349 0807587

LA CURIOSITÀ

Il terremoto non fu previsto E gli studenti condannano... Dopo due brevi introduzioni, una su come originano i terremoti e l’altra sulle regole di base del processo penale, sabato 27 aprile al liceo scientifico di Ravenna ha preso avvio il processo simulato contro i componenti della Commissione nazionale per la Previsione e la Prevenzione dei Grandi Rischi che il 31 marzo 2009 non avevano segnalato il rischio sismico presente a l’Aquila, rischio concretizzatosi il 6 aprile successivo con una scossa di 6.3 di magnitudo, che ha devastato la città e causato 37 vittime. L’accusa era interpretata dal preside del liceo, l’avvocato Gianluca Dradi; la difesa degli imputati era assunta dall’avvocato Ermanno Cicognani e dalla giuria popolare, composta dalla classe IV A del liceo, presieduta dal giudice Antonella Guidomei, Gip del tribunale di Ravenna. L’accusa ha argomentato l’imperizia e la superficialità del comportamento dei componenti della Commissione, che a fronte di molteplici indicatori del rischio sismico, si erano limitati a sostenere che non era possibile fare previsioni e che lo sciame non poteva considerarsi un precursore attendibile del terremoto. La difesa ha invece puntato sul fatto che la scienza oggi non è in grado di prevedere i terremoti. Al termine la giuria popolare con voto a maggioranza ha sancito la responsabilità penale degli imputati. Alla particolare lezione hanno assistito 150 studenti. A P P U N TA M E N T I / 1

A P P U N TA M E N T I / 2

MOSAICO E RACCONTI A TAMO

LETTURA ANIMATA IN BIBLIOTECA

Sabato 4 maggio, dalle 10 alle 12, RavennAntica propone un laboratorio di mosaico per bambini e una visita guidata per famiglie a Tamo, in via Rondinelli 2 a Ravenna. Domenica 5 maggio, invece, alle 16, è prevista l’attività di gruppo per genitori e bambini dai 3 anni in su “Dentro la storia...”: narrazione e installazione per ascoltare la storia di Pezzettino, con Gessica Santi, Melissa Shebe e Mara Luzietti (prenotazioni obbligatorie tel. 0544 213371).

La biblioteca Taroni di Bagnacavallo promuove nei mesi di maggio e giugno una serie di letture animate e laboratori nell’ambito delle iniziative “Il maggio dei libri” e “In vitro. Facciamo crescere la voglia di leggere”. Si inizierà sabato 4 maggio alle 9.30 in biblioteca con “Burattini in festa”, lettura e laboratorio con Elena Bandini dell’Associazione Leone Nano per bimbi dai 4 ai 7 anni (per prenotazioni, 329 2251425).

PANE CALDO APPENA SFORNATO Viale Newton, 28 - RAVENNA - Centro Commerciale Galilei

Ai nostri clienti vogliamo dare un servizio a 360 gradi e cerchiamo di stupirli sempre. Con il pane caldo appena sfornato ci siamo riusciti. Per dare questo servizio, ci siamo organizzati in un modo speciale. Riceviamo ogni giorno l’impasto dei nostri pani, surgelato, prodotto da un artigiano romagnolo di fiducia. Appena arriva in Conad, nel pomeriggio, lo mettiamo in cella di lievitazione dove resta fino al mattino dopo. L’ambiente è asettico con una temperatura controllata che permette la piena lievitazione e garantisce un prodotto ottimo. Quando lo togliamo dalla cella di lievitazione, ultimiamo la lavorazione, lo incidiamo, lo arricchiamo con semi oleosi come sesamo e girasole, oppure lo lasciamo semplice e poi lo inforniamo. Questo pane risponde ai migliori standard qualitativi ed è prodotto in un ambiente di altissimo livello igenico. Dal primo mattino e a diverse ore del giorno, tutti i giorni


SOCIETÀ& TEMPO LIBERO

La maratona internazionale “Ravenna Città d'Arte” quest’anno si terrà il 10 novembre e sarà affiancata, oltre che dalla half marathon, anche da una gara di 30 km. Inoltre, verrà realizzato un Expò Marathon Village in piazza Garibaldi (9 e 10 novembre) ed è già partita una promozione capillare dell’evento presso le altre principali maratone italiane e anche all’estero. L’annuncio è arrivato in municipio, dove l’associazione Ravenna Runners Club ha presentato il proprio calendario di eventi per tutti gli appassionati di podismo. Tra le novità anche una singolare manifestazione podistica all’interno del parco di Mirabilandia e una gara “EcoPodistica” a Milano Marittima, tra mare e pineta. “Corri e vinci con Ravenna Runners Club” è lo slogan con il quale quest’anno Ravenna Runners Club propone interessanti premi ai podisti e alle società che parteciperanno alle cinque gare competitive del 2013. Ma ecco gli eventi nel dettaglio. Ravenna Night Run. Si partirà il 25 giugno con la Night Run, corsa in notturna di 5 km nel cuore della città con partenza e arrivo in piazza del Popolo. Durante la serata sarà assegnato il Memorial Maurizio Rivano all'atleta ravennate che, secondo una giuria di giornalisti, si sarà particolamente distinto. Giro podistico di Selvapiana. Il 30 giugno il calendario di Ravenna Runners Club prevede la quinta edizione del Giro podistico di Selvapiana, una corsa nella piccola frazione di Bagno di Romagna lungo un percorso collinare di 10 km tra i castagneti, i prati e i sentieri di Selvapiana.

SPORT

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 2 maggio 2013

Un passaggio della maratona

23

PODISMO

Dalla maratona alla gara in pineta fino alla corsa in notturna in centro

MiraTona e Bimbopoli Run. Grazie alla collaborazione con Mirabilandia, domenica 8 settembre all'interno del parco divertimenti ravennate andrà in scena la MiraTona competitiva e non, gara di 5 km, e la Bimbopoli run, corsa o camminata di 1 km aperta a grandi e bambini. EcoPodistica tra mare e pineta. Il 5 ottobre altra novità assoluta: la

Il calendario di eventi di Ravenna Runners Club

compresa la domenica mattina, si può sentire il profumo del pane caldo appena sfornato e si può scegliere di acquistare il proprio pane preferito, fra tanti tipi, oltre al nostro appena fatto. I nostri clienti, inoltre, li coccoliamo con tanti

sfida EcoPodistica di 10 km, una corsa tra il mare e la pineta competitiva e non, aperta ad un massimo di 500 partecipanti. In palio: soggiorni a Milano Marittima, cene nei ristoranti, pacchetti spiaggia negli stabilimenti balneari, abbigliamento e accessori. XV Maratona internazionale Ravenna Città d’arte. L'evento più importante della stagione è in programma il 10 novembre. La maratona internazionale di 42 km e 195 metri toccherà anche quest'anno i lidi di

Punta Marina e Marina di Ravenna, poi si dirigerà verso la città dove i concorrenti correranno tra arte, storia e cultura. La gara partirà dal Pala De Andrè e dopo aver attraversato i lidi si concluderà nel centro storico cittadino, con arrivo in piazza del Popolo. Il 10 novembre si svolgeranno anche la half marathon e la 30 chilometri. La prima partirà da Marina di Ravenna, in contemporanea con la maratona, percorrendo in parte lo stesso percorso della gara regina dell’atletica; men-

prodotti di pasticceria, sempre cotti nei nostri forni. Anche alla Fontana il pane caldo lo trovi tutti i giorni: il reparto è più piccolo ma l’offerta rimane ampia e la cortesia e l’attenzione ai nostri clienti sempre grande, vi aspettiamo!

Via Brunelli - RAVENNA

tre la 30 km partirà sempre contemporanea dal Pala De Andrè insieme alla maratona; poi le due gare si divideranno all'altezza della ex colonia di Marina di Ravenna dove i maratoneti proseguiranno verso Marina, mentre la 30km farà rotta verso la città. Domenica 10 novembre si svolgerà anche la 10 Km non competitiva, che seguirà il serpentone multicolore per i primi 5 km, poi farà rientro al Pala De Andrè attraverso la “ciclabile del mare” di via Canale Molinetto. Family Run. Tra gli eventi collaterali alla maratona, tornerà anche quest'anno la Conad Family Run in calendario sabato 9 novembre in piazza del Popolo. Una corsa di 2 km in centro storico, toccando 8 monumenti Unesco della città, un condensato di storia, arte e cultura in uno scrigno di pochi chilometri quadrati. Urban Walking. Il giorno della maratona per chi ama passeggiare è in programma anche una passeggiata o corsa nel cuore della città lungo un percorso di 5 km. L'Urban Walking partirà da piazza Garibaldi. Progetto Charity. La maratona di Ravenna contribuisce al sostegno dell'associazione italiana MowatWilson (AIMW). Sulla scheda di iscrizione di tutte le gare del 10 novembre verrà apposta una casella da barrare “dona un euro alla ricerca” da aggiungere allo step di iscrizione.


MANGIARE& BERE

giovedì 2 maggio 2013 | RAVENNA& DINTORNI

CIBI DELLA TRADIZIONE

Le acciughe... fanno il pallone di Giorgia Lagosti La storia dell’acciuga, ovvero dei sardoni e dei sardoncini per noi gente di Romagna, è da sempre legata a quella “povertà” che, almeno fino ad almeno 100 anni fa, era la nemica quotidiana di una larga parte della popolazione italiana. Sulle coste il pesce è sempre stato presente, pescato e consumato a seconda delle stagioni del mare. Ed è vero che i tagli migliori e le pezzature più pregiate erano riservate alla classe abbiente, ma anche la povera gente si poteva permettere poverazze e saraghine, sgombri e zanchetti, mursioni e spade, sarde e gallinelle. Non era la stessa cosa però per chi abitava le colline e le pianure lontane dal mare. È da qui che nasce l’esigenza di conservare le acciughe: salandole era possibile trasportarle anche lontano dalle coste, in quelle zone in cui il consumo di pesce spesso si riduceva al baccalà, alle “alacce” (acciughe salate), alle aringhe affumicate o essiccate e ad alcuni, rari, pesci di fiume o di lago. Molto spesso, nei centri di montagna, le famiglie povere si potevano permettere solo acciughe salate, una a testa: non venivano nemmeno pulite perchè conservassero il loro odore e, cotte sulle braci del camino o sulla piastra della stufa economica, portavano in tavola almeno il profumo di qualcosa di diverso dalla quotidiana polenta, dagli onnipresenti fagioli.

L’importanza di questi piccoli pesci nella storia della sopravvivenza è facilmente deducibile anche da un altro aspetto: in passato la loro pesca era soggetta a regole e divieti e, fin dal Medioevo, fu accompagnata dalla “decima”, cioè i pescatori dovevano devolvere alla parrocchia il 10% del pescato. Veniamo ora ai giorni nostri e facciamo chiarezza: c’è differenza tra sardine e acciughe? Pur molto simili fra loro, la prima è più grande, è priva di denti e non ha il muso che sporge dalla mascella come l’acciuga. E anche i bianchetti (o gianchetti) che si troviamo sui ban-

GUSTO

24

modi di dire MAGRE, SFUGGENTI, BRILLANTI, STUPIDE E ...CANTERINE

In Romagna il piccolo pesce azzurro è da sempre sinonimo di sardoni e sardoncini. Che, nei paesi lontani dal mare, venivano conservati sotto sale e poi cotti nel camino o sulla stufa... LA LEGG QUEI PESCIOLINI NON SONO ALTRO CHE PICCOLE STELLE DEL MARE

chi del pesce proprio in questa stagione, non sono di acciuga, ma di sardina: le larve delle acciughe sono amare, quasi immangiabili. Esse, come tutti i pesci azzurri, sono consigliate per le loro caratteristiche organolettiche: le acciughe fresche contengono il 15% di proteine, il 3.5% di grassi (valore decisamente basso) e hanno 100 calorie per ettogrammo di prodotto edibile, molto fosforo e “grassi buoni” (polinsaturi). Quelle salate hanno ancora meno grassi, solo 1% e quelle sott’olio l’11%.

E N D A

Tanti anni fa splendeva nel firmamento una famigliola di stelle, le Engrauline, molto piccole ma molto luminose e, purtroppo anche molto vanitose. Ogni notte si specchiavano nell’acqua del mare e rivolgendosi alle Pleiadi strepitavano: «guardate che bella la nostra luce, è come argento puro»! E alla Via Lattea: «guardate i nostri riflessi come palpitano sulla superficie del mare». E ai pianeti: «guardate quanto ci ammirano gli uomini». Stelle e pianeti le sopportavano educatamente sperando che il loro continuo vocìo ogni tanto si interrompesse. Ma le stelline continuavano a ciarlare anche durante il giorno perché non amavano la luce del Sole che le oscurava. Una notte la luna piena si rifletteva sul mare e sembrava una distesa di platino. Le stelline, invidiose, presero ad insultarla: «È più grande di noi e per questo si crede più bella; ma non vedi quanto è grassa e che facciona larga e tonda che ha»? La Luna, sentendo quelle frasi maligne cominciò a piangere. Il buon Dio allora perse la pazienza: «Ho ascoltato per anni le vostre voci superbe – disse severamente – e sono sempre stato paziente con voi. Ora basta. Vi toglierò dal Cielo e vi manderò nel luogo che vi piace usare come specchio, levandovi anche la voce». Con un gesto imperioso della mano strappò dal firmamento le petulanti Engrauline gettandole nel mare. «Ecco – disse loro – ora gli uomini potranno godere sempre del vostro splendido color argenteo, che però non sarà più fisso nel cielo ma fuggevole come un sospiro. Da oggi sarete costrette a correre, a stancarvi, a patir la fame e la paura. Gli uomini vi apprezzeranno non solo per i vostri riflessi ma anche come cibo. Infine, come pesci, finalmente starete per sempre zitte»! Fu così che i Mari del mondo si popolarono delle acciughe. Dal libro L’Alice delle Meraviglie di Mitì Vigliero

Le acciughe hanno ispirato innumerevoli proverbi e modi dire. Chi non ha mai sentito dire di una persona magra e sottile che … “è un’acciuga”? O ancora il detto “pigiati come acciughe” quando ci si riferisce a quelle sotto sale conservate ben schiacciate nei barili; con “far l’acciuga in barile” si intende non esporsi, passare inosservati, proprio come le acciughe nel barile, del tutto simili le une alle altre. Si dice ancora, ad indicare una cosa di scarso valore, che “vale come l’argento delle acciughe”, i riflessi argentei delle acciughe scompaiono infatti poco dopo averle pescate. I francesi usano dire che “Una piccola acciuga nel piatto vale più che un tonno in mare”; gi spagnoli ci ricordano invece che “la piccola acciuga nuota tanto quanto la grossa cernia” mentre i portoghesi, per indicare un fatto impossibile, dicono “sentir cantare le acciughe nell’acqua”. I genovesi, per descrivere una persona un po’ stupida, dicono che “ha il cervello come un’acciuga”, perchè questi pesciolini hanno un cervello minuscolo ma forse anche perchè vengono conservati senza testa. Infine, quando per difendersi dai predatori, prevalentemente tonni ed alalunghe, le acciughe si riuniscono in grandi sfere scintillanti si dice che “fanno il pallone” ed è così che le ha cantate Fabrizio De Andrè…


MANGIARE& BERE

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 2 maggio 2013

COSE BUONE DI CASA

25

CORSI DI CUCINA

Una ghiotta frittatina su un letto di misticanza a cura di ANGELA SCHIAVINA - WWW.ANGELASCHIAVINA.IT

Questa settimana vi propongo una pietanza facile, ghitta e fresca: un’insaltina di frittata (di fagiolini o altri ortaggi come asparagi, melanzane, zucchine, piselli). Ingredienti genuini li potete trovare facilmente nei mercatini primaverili dei contadini. Ingredienti: insalata di misticanza con varie erbe di campo e aromatiche, una frittata fatta con fagiolini e pomodori secchi, dadini di pane soffritti nell'olio extra vergine d'oliva, ravanelli rossi tagliati a fettine sottili, olio extra vergine d'olive, sale, pepe e aceto di lamponi. Preparazione: sbattete 4 uova con un cucchiaio di parmigiano, mezzo bicchiere di latte o panna fresca, sale e pepe, Fate cuocere al dente i fagiolini a vapore, tritateli grossolanamente e ripassateli in padella con un goccio d'olio e sale e pepe. Ammollate in acqua tiepida i pomodori secchi, poi tritateli e conditeli con un po’ d’olio. Cuocete la frittata con i fagiolini e i pomodori. Lavate l'insalata di misticanza. Assemblaggio del piatto: mettete l'insalatina sul fondo, versate dadini la frittata, aggiungere i dadini di pane nel piatto, i ravanelli. Al termine condire con una emulsione di Olio,pepe, sale e aceto di lamponi. Al termine un pizzico di sale affumicato di Maldon.

Dopo lo chef Corelli spazio ai vegetali Dopo la magistrale lezione del grande chef Igles Corelli (nella foto di Carlo Morgagni, con Angela Schiavina e Daniela Corrente) tenuta recentemente al Podere Schiavina, proseguono le lezioni di cucina sempre nello spazio conviviale e laboratorio gastronomico di Filetto. Gli appuntamenti sono previsti il 14 maaggio (preparazione delle verdure) e il 28 maggio (le carni bianche). Info e prenotazioni tel 0544 552172 - 3497881929 - 3492399025 - emontesi@racine.ra.it.

Sangiovese “Testamatta” di Bibi Graetz, già ottimo toscano che migliorerà

vol. 1 e 2

Li trovi in libreria a €15,00 cad.

Inaugura in centro Papilla, nuova gelateria dal gusto sano

MAGNANI GLISTAPPATI @GMAIL.COM

Inaugura il 4 maggio nel cuore di Ravenna (su tre piani di un palazzo in via IV novembre 8) la gelateria Papilla, “dolce” impresa di tre giovani imprenditori – Nicole, Rebecca e Francesco – che vuole intrecciare bontà, salute e innovazione commerciale. Oltre ai gusti prodotti nel laboratorio artigianale che punta tutto sulla qualità, genuinità e tipicità delle materie prime (frutta fresca e di stagione, latte fresco intero di alta qualità per le creme, uova biologiche e selezioni dei migliori cacao e caffè, nocciola Piemonte Igp, pistacchio di Bronte e mandorla di Avola...) Papilla proporrà anche un corner dedicato al “Gelato Amico”. Si tratta di una creazione di Cristian Ciacci, un gelato senza zuccheri, glutine e lattosio, a bassissimo contenuto di grassi e calorie, “ amico” di tutti i palati, ottenuto solo dalla ricercata selezione di prodotti biologici e naturali. Da Papilla si possono gustare anche frullati, centrifugati e yogurt con frutta fresca, sempre di alta qualità.

Oggi assaggiamo il "Testamatta" di "Bibi Graetz" ottenuto da uve sangiovese. Siamo in Toscana naturalmente. Un vino dalla spiccata eleganza. Sentori minerali, alloro, marasche, prugne e ricordi floreali di violetta. Un leggero tocco balsamico di eucalipto e bacche di ginepro a vivacizzare il naso insieme a sfumature di cardamomo. Sottile sensualità di caffè e cacao. Al palato, c'è piacevole freschezza acida, un po' frenata dal legno con un finale che cede leggermente in complessità. Un vino ottimo che migliorerà ancora.

BUONE NOTI DOMENICA 5 MAGGIO A RAVENNA IL PRIMO “PASTA MADRE DAY“

Z I E

Domenica 5 amggio all’Almagia si tiene a Ravenna il primo “Pasta Madre Day”, incontro fra appassionati della panificazione casalinga utilizzando il lievito madre, che riunisce consumatori co-produttori, agricoltori, mugnai e panificatori, con l'obiettivo di lavorare assieme per migliorare la qualità del pane di tutti i giorni. La cornice è “Coltiviamo un'altra Economia”, festa del commercio equo e dell'economia solidale. Dalle 10 alle 18 l’incontro prevede condivisione delle esperienze le assaggi di pani e dolcetti autoprodotti. Alle 15 è in programma il laboratorio di panificazione casalinga con un team di “esperti pastamadristi”. Ulteriori info su www.facebook.com/events/572238922810479/ oppure www.pastamadre.net

Ristorante Pizzeria

cose buone di casa

DOLCEZZE RAVENNATI

GLI STAPPATI

di FABIO

EDIZIONI

aperto dal martedì al sabato dalle 5,00 alle 13,30 e dalle 16,30 alle 19,00 alla domenica dalle 5,00 alle 13,00 Via Garigliano, 19 Ravenna Tel. 0544 67503

Tutti i mercoledì al tavolo la terza pizza a solo !

€1

RISTORANTE - PISCINA di Irco Guerra

Forno a legna Cucina casalinga Pasta al mattarello Dessert fatti in casa

Spazio giochi bimbi Giardino estivo

Punta Marina Terme - via delle Ondine 19 - tel. 366.3786596 (500 mt da viale dei Navigatori, prendendo via del Timone)

Seguici su

• Ristorante aperto tutti i giorni a pranzo e la sera su prenotazione • Specialità di pesce Piatti della tradizione romagnola

MARINA DI RAVENNA VIALE DELLE NAZIONI 40 tel. 0544 530186 cell. 347 5313967

www.bagnolucciola.it


SALUTE& BENESSERE

INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA

giovedì 11 aprile 2013 | RAVENNA& DINTORNI

SALUTE

26

DONAZIONI

Interpellanza sull’uso della pillola Ru486 «Vi sono stati casi di aborto farmacologico fatto in luoghi diversi dagli ospedali a Ravenna e, soprattutto, sono stati sempre seguiti rigorosamente i protocolli legati all’impiego della pillola abortiva Ru486?». È l'interpellanza rivolta al presidente della Provincia dal consigliere provinciale Udc Gianfranco Spadoni. L’Asl ravennate, secondo lo stesso Spadoni, sino a pochi anni fa si piazzava ai primi posti in regione per il numero di casi d’interruzione di gravidanza mediante l’uso della pillola Ru486, farmaco utilizzato per l’aborto chimico nei primi due mesi di gravidanza. «Pur esprimendo la mia personale contrarietà sull’aborto volontario – chiarisce Spadoni –, ritengo che gli enti locali debbano assicurare servizi sociali e famigliari adeguati partendo da un rafforzamento del ruolo dei consultori». La preoccupazione di Spadoni è che «la pratica abortiva farmacologia potrebbe venga compiuta senza l’adeguata assistenza sanitaria... mettendo soprattutto la donna in gravi condizioni di pericolo. Nei più recenti dati statistici pubblicati dalla Regione Emilia Romagna, si evidenzia come il tasso di abortività regionale del 2010, pari al 9,31 percento, sia di poco superiore al precedente 2009 (9,2 percento), ma l’interruzione volontaria con trattamento farmacologico, invece, arriva a essere pari a 1.366, vale a dire 12,7 percento dei casi, in forte aumento rispetto ai 735 dell’anno precedente».

casa delle donne UN INCONTRO SULL’ESPERIENZA E IL RUOLO DELL’OSTETRICA Domenica 5 maggio ricorre la “Giornata Internazionale dell’Ostetrica”. Il Collegio delle Ostetriche della Provincia di Ravenna, in collaborazione con l’Associazione Liberedonne – Casa delle Donne di Ravenna, organizza un incontro aperto alla cittadinanza sul tema “L’ostetrica, la professionalità e l’esperienza delle donne insieme”. L’incontro avrà luogo alle ore 17 presso la sede della Casa delle Donne in Via Maggiore 120 a Ravenna.

L’Avis cambia presidente, Carlo Casadio subentra a Laghi Nella prima seduta di insediamento, il nuovo consiglio direttivo dell’Avis provinciale di Ravenna ha eletto recentemente il nuovo presidente dell’Associazione che nel territorio provinciale conta circa 12 mila soci. Si tratta di Carlo Casadio, di Faenza, recentemente riconfermato alla guida dell’Avis manfreda. Il neo presidente Carlo Casadio ha comunicato al Consiglio la composizione dell’ufficio di presidenza dell’Avis provinciale che è così composto: vicepresidente vicario Marco Bellenghi (Barbiano); vicepresidente con delega al bilancio Cesare Giorgi (Bagnacavallo); segretario Francesco Laghi (Fusignano); tesoriere Stefano Sangiorgi (Massalombarda). «Ringrazio i consiglieri della fiducia accordatami - ha dichiarato Casadio in seguito alla sua elezione - e un ringraziamento particolare voglio indirizzarlo agli avisini che negli anni passati hanno guidato con passione, sensibilità e serietà l’Avis, a partire da Francesco Laghi. Siamo una bella squadra, che presenta anche volti nuovi (il 48% dei membri) e un numero maggiore di donne (21%) all’interno del consiglio. Sono sicuro - ha concluso Casadio - che ognuno di noi porterà la propria esperienza, professionalità, il proprio senso civico nell’Associazione e insieme cercheremo di affrontare nel migliore dei modi le tante sfide che ci attendono». Nella foto la stretta di mano fra l’ex (Laghi, a sinistra) e il nuovo presidente Avis, Carlo Casadio.

PUBBLICA ASSISTENZA

Torneo di calcio per l’acquisto di nuovi mezzi È atteso per sabato 11 maggio il fischio d'inizio del primo torneo di calcio a fini di solidarietà “Io sostengo la Pubblica Assistenza di Ravenna. Fallo anche tu!” che la Pa di Ravenna ha organizzato in collaborazione con le istituzioni locali di Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Penitenziaria Ravenna e con le compagini sportive Vecchie Glorie Giallorosse, San Zaccaria Calcio Femminile e Ravenna Calcio. Scopo dell’iniziativa è raccogliere fondi per l’acquisto di nuove ambulanze al fine di garantire il miglior confort e la miglior tutela ai pazienti trasportati dalla Pa. Per chi vuole contribuire economicamente è prevista la detraibilità del contributo dai redditi purché eseguiti nelle forme fiscali: bollettino postale c.c. n° 11138484; bonifico bancario Carisp Ag 2 - IBAN: IT14 A062 7013 181C C081 0004 858; assegno bancario. Con la causale: “Io sostengo la Pubblica Assistenza di Ravenna. Fallo anche tu!” Di seguito il programma del torneo nel mese di maggio. Sabato 11 maggio - Stadio Comunale Benelli: (ore 16) Carabinieri / Polizia Penitenziaria; (ore 18) San Zaccaria calcio femminile / Polizia di Stato. Lunedì 13 maggio Campo di San Zaccaria: (ore 20,30) Guardia di Finanza / Vecchie Glorie Giallorosse. Venerdì 17 maggio - Campo di San Zaccaria: (ore 20,30) San Zaccaria calcio femminile / Carabinieri. Sabato 18 maggio - Stadio Comunale Benelli (ore 16) Vecchie Glorie Giallorosse / Polizia Penitenziaria; (ore 18) Polizia di Stato / Guardia di Finanza. Venerdì 24 maggio - Campo di San Zaccaria: (ore 20,30) Vecchie Glorie Giallorosse / Polizia di Stato. Sabato 25 maggio - Stadio Comunale Benelli: (ore 16) Carabinieri Ravenna / Guardia di Finanza; (ore 18) San Zaccaria calcio femminile / Polizia Penitenziaria. Per informazioni tel. 0544 400888. www.pubblicaassitenza.ra.it

the company for women

A VON •••••••••

SEI UNA PERSONA INTRAPRENDENTE?

AVON FA PER TE! OFFRIAMO SUBITO

Un’attività di vendita stimolante da gestire in autonomia Opportunità di guadagno con le provvigioni più alte nel settore della vendita diretta di prodotti cosmetici A richiesta si rilascia certificato per ottenere crediti formativi per scuole superiori Materiale di lavoro fornito gratuitamente, nessun investimento di denaro, possibilità di corsi di formazione gratuita e crescita professionale Possibilità di prova, senza alcun impegno

PER SAPERNE DI PIÙ Contatta al n. 349 4962988 la tua Responsabile di Zona a Ravenna e provincia ANTONELLA BUCCHI Titolare del trattamento: Avon Cosmetics S.r.l. via XXV Aprile 15, 22077 Olgiate Comasco (CO) - avon@ avon.com - I dati da Lei forniti con il Suo consenso verranno trattati nel rispetto di quanto previsto dal D. Lgs. 196/2003 - Ai sensi della normativa vigente l'offerta di lavoro si intende estesa a entrambi i sessi (L- 903/77)


SALUTE& BENESSERE

RAVENNA& DINTORNI | giovedì 2 maggio 2013

INFORMAZIONE PROMOZIONALE

CENTRO ESTETICO SOLIDEA

Lampade solari, per preparare la pelle all’abbronzatura in tutta sicurezza L’estate è ormai alle porte e, per le amanti del sole, sta per iniziare la stagione in cui crogiolarsi in spiaggia per far prendere alla propria pelle quell’abbronzatura che dona vigore e beltà. Occorre però preparare la pelle con gradualità, per evitare i rischi correlati a scottature ed eritemi che sono maggiori quanto più bianchi ci si presenta all’appuntamento. Un buon metodo per prepararsi ai raggi solari, è fare qualche lampada solare. A tal riguardo, il rinnovato Centro estetico Solidea di Ravenna, in via Porto Coriandro 7/C (di fronte alla Rocca Brancaleone), propone speciali abbonamenti da tre, sei o dodici sedute, tenendo conto delle diverse esigenze della clientela. «Siamo in grado di offrire un servizio di consulenza – illustra la titolare Rita Fabbri –. Prima di qualsiasi seduta, personale qualificato individua il tipo di fototipo per poi consigliare la protezione più corretta prima di entrare in cabina. Il centro dispone di un’ampia scelta di creme per il viso e il corpo, incluse quelle con protezione più alta, oltre che di lozioni doposole. Giorno dopo giorno, la pelle acquista colorito per essere pronta all’esposizione al sole». Non solo dunque un fattore estetico, ma anche di benessere per presentarsi al meglio alla prova costume. Sin dalla sua

apertura, il Centro estetico Solidea si occupa del benessere globale della persona, fornendo – oltre ai tradizionali servizi – anche diversi trattamenti, con pacchetti personalizzati in base al tipo di problematica. Rimodellare e rassodare il proprio corpo è il sogno di tutte le donne, ma per contrastare ogni forma di inestetismo, dalla cellulite ai gonfiori localizzati, è necessario “armarsi” di buona volontà e attenzione. Solidea è aperto dal martedì al giovedì dalle 10 alle 18 (orario continuato), mentre il venerdì e sabato dalle 9 alle 18 (chiuso il lunedì). Per prenotazioni e informazioni, telefonare allo 0544 456554 oppure visitare il nuovo sito web www.centroesteticosolidea.it.

RICERCA PERSONE ESPERTE E MOTIVATE PER AREA COMMERCIALE In attuazione del progetto di rafforzamento e ampliamento della propria area commerciale, Reclam Srl editore di consolidati prodotti editoriali free-press, propone a donne e uomini in età compresa tra 24-40 anni, con eventuale esperienza di vendita nel settore servizi,diploma/laurea o cultura equivalente, ambizione a costruire qualcosa di significativo per sé e di socialmente importante di diventare partner di vendita di prodotti editoriali e di comunicazione,con possibilità di carriera come area manager.Si offrono le migliori condizioni di mercato e formazione di alto livello. Il profilo completo ricercato è scaricabile nel sito www.reclam.ra.it

Per informazioni e appuntamenti: tel 0544 408312 e-mail direzione@reclam.ra.it

MERLINO E IL DESTINO ARIETE Con Mercurio ancora nel segno, sul lavoro puntate sui colpi di glutei per reagire alle avversità e ai collaboratori diversamente provvisti di neuroni. Fine settimana di sex gaudente, malgrado il sudombelico più affaticato dei parlamentari che hanno eletto di nuovo Napolitano. TORO Sul lavoro vi organizzerete così bene da riuscire a ritagliarvi uno spazio per voi nel fine settimana. Attenzione agli invidiosi e ai figli di meretrice che vi alitano sul collo in attesa di un errore. Lasciate che si sopprimano fra loro. Buone intuizioni per il futuro. Sex in ammollo nella candeggina. GEMELLI Con Mercurio in buon transito e Giove amico, ce la mettete tutta per spazzare via dubbi e pessimismo. Cercate però di guardarvi intorno e di prestare più attenzione anche alle esigenze di chi vi vuol bene, partner compreso, che potrebbe aver voglia di nuove sperimentazioni. Week end loffo.

Reclam Edizioni e Comunicazione Srl

Coraggio, il mondo cambia e noi vogliamo cambiare insieme!

27

Centro Estetico Solidea Via Porto Coriandro 7c - Ravenna Info tel. 0544 456554 www.centroesteticosolidea.it

Ti vogliamo così

CANCRO Visti e considerati i tanti pianeti in Toro che ostacolano l’azione di Saturno e, quindi, il vostro già basso indice di pazienza, riorganizzate l’agenda e girate al largo da partner e collaboratori che vi schifano come un attacco di diarrea. Week end da dedicare agli affetti, poco agli ormoni. LEONE Tra giovedì e venerdì vi sentirete di nuovo carichi e ben disposti verso gli altri, con la possibilità di cogliere nuove opportunità che vengono da lontano. Concentratevi sul lavoro, ma nel week end non comportatevi come facoceri con i duroni e curate l’intimità, anche anatomica, con chi vi piace. VERGINE In prospettiva futura le situazioni che più vi interessano evolveranno al meglio. Ma giovedì e venerdì, nel caso di dissapori con colleghi e familiari, cercate di ascoltare di più: stare zitti e imbronciati non serve, è molto meglio rispettare il loro punto di vista e modificare il vostro. BILANCIA Nel lavoro, e nei rapporti in genere, l’atmosfera sarà piacevole come una pioggia di calcoli alla cistifellea. State su che con un po’ di pazienza ed evitando di vedere nemici anche nella scatola dei biscotti, tutto potrebbe migliorar. Fine settimana floscio… anatomicamente parlando. SCORPIONE Le giornate peggiori giovedì e venerdì, quando dovrete combattere da soli contro una miriade di fallo cefali mentre il lavoro stanca senza ripagare in soddisfazioni. Come se non bastasse, in amore sarà urgente chiarire ruoli e incombenze. Nell’attesa, il sex sarà come due palle in fondo al mare. SAGITTARIO Con Mercurio in buon transito e Giove opposto, siete una contraddizione perpetua: il lavoro ingrana, purché mediate come Enrico Letta per fare il Governo. Fate però attenzione a non trascurare la vita di coppia, della serie: domenica invece di andare in gita, restate a letto col partner! CAPRICORNO Metodici e concreti infilate le cose da fare neanche fossero palle da bowling, ottenendo anche un ottimo punteggio. Ma è in famiglia che i gioielli vi gireranno come palle da biliardo. Ci vuole pazienza e molta bravura in chi vi sta intorno per salvaguardarsi dalla vostra nazi-zitellaggine. ACQUARIO Avete la giusta energia per trasformare le vostre idee in azioni. Nel lavoro brillate e fate schiattare chi vi odia, ma in famiglia e nei rapporti in generale non brillerete per la vostra simpatia. In compenso, l’amore, o gli amori, danno sollievo al cuore, ma ancora di più al vostro lato suino. PESCI Con Marte, Venere e Mercurio in appoggio, ma Giove dissonante, dovrete fare segnali di fumo e con chi proprio non capisce l’unica soluzione sembra essere il silenzio. Ma non fate i grilli(ni) parlanti se non volete essere presi a martellate sui malleoli. Mediate certe impotenze sentimentali.


INFORMAZIONE PROMOZIONALE

L’arte di creare un sorriso

DENTI NUOVI IN UN’ORA (GRAZIE AL COMPUTER) L’edentulia (mancanza di denti) interessa oltre 200 milioni di persone in tutto il mondo. L’Italia è una delle nazioni più all’avanguardia riguardo alle soluzioni per fronteggiare la mancanza di denti e per altri problemi dentali. Entrare dal dentista senza denti e uscire, solo dopo un’ora, con una protesi fissa su impianti, oggi è possibile grazie alle nuove tecnologie e a una nuova procedura chiamata “Teeth-in-an-hour” (denti in un’ora). In pratica, si utilizza un nuovo programma informatico, che permette di progettare sul computer tutto l’intervento chirurgico e conoscere, in maniera mirata e in anticipo, dove posizionare gli impianti. Si può così costruire, prima dell’intervento, una protesi perfetta, che viene così applicata sugli impianti appena inseriti.

La radiofrequenza e i suoi benefici. La radiofrequenza viso è una delle nuove conquiste della medicina estetica: essa, infatti, consente di avere ottimi risultati nell’ambito del ringiovamento del volto, della pelle in generale e nel trattamento non-chirurgico della cellulite. È un trattamento per il quale è necessaria la supervisione di un medico. La radiofrequenza attenua le rughe del viso attraverso l’emissione di onde radio e la diffusione di calore sottopelle, raggiungendo cosi il derma. Qui, infatti, sono presenti le cellule che provvedono alla produzione di collagene, la proteina presente nel nostro organismo e responsabile dell’elasticità della pelle. Con il passare degli anni, il collagene tende a essere prodotto in quantità sempre minori, determinando il rilassamento cutaneo e la formazione delle rughe. Generalmente i risultati della radiofrequenza viso sono visibili gradualmente e vanno di pari passo alla formazione del nuovo collagene. Gli esiti veri e propri, infatti, iniziano a essere apprezzabili circa 4 mesi dopo il trattamento e tendono a permanere a lungo nel tempo.


INFORMAZIONI&SERVIZI

FIDO IN AFFIDO

Tea

Tea ha nove anni, era stata adottata nel 2004 e ora, per trasferimento del proprietario, al canile ci è ritornata... Non lasciamola in un box, ora che aveva conosciuto la vita in famiglia!

INFOCITTÀ

28

Per conoscerla e adottarla rivolgersi al canile di Ravenna: tel. 0544 453095.

ADOTTAMICI

Isabella

giovedì 2 maggio 2013 | RAVENNA&DINTORNI

QUALITÀ DELL’ARIA IQA dal 22 al 28 aprile 2013 Stazione Rocca Brancaleone Via Caorle Zalamella Agglomerato di Ra.

Lun

Legenda IQA Buona Accettabile

Autorizzazione Tribunale di Ravenna n. 1172 del 17 dicembre 2001

Mar

Mer

Gio

Ven

Sab

Dom

Direttore responsabile: Fausto Piazza Collaborano alla redazione: Andrea Alberizia, Federica Angelini, Luca Manservisi, Guido Sani, Serena Garzanti (segreteria), Maria Cristina Giovannini (grafica) Collaboratori: Roberta Bezzi, Matteo Cavezzali, Francesco Della Torre, Lorenzo Donati,Nevio Galeati, Claudia Graziani, Giorgia Lagosti, Linda Landi, Sabrina Lupinelli, Maria Giovanna Maioli, Fabio Magnani, Giulia Montanari, Angela Schiavina, Serena Simoni Fotografie: Paolo Genovesi, Fabrizio Zani - Illustrazioni: Gianluca Costantini

Mediocre

Scadente

Pessima

L’IQA (Indice di qualità dell’aria) rappresenta sinteticamente lo stato complessivo dell’inquinamento atmosferico. Viene calcolato sulla base dei livelli di concentrazione degli inquinantipiùcriticidelnostroterritorio:particolatofine(PM10),biossidodiazotoedozono. Infunzionedelsuovaloresiindividuanocinqueclassidiqualitàdell’aria. I dati giornalieri di Qualità dell’Aria relativi alla Provincia di Ravenna sono consultabili al sito: http://www.arpa.emr.it/ravenna/. L’andamento giornaliero delle concentrazioni di polveri PM10 in Emilia-Romagna è consultabile al sito: http://www.liberiamolaria.it

Per conoscerla e adottarla chiamate: cell. 333 7197573 (Giovanna)

Redazione: tel. 0544 271068 - Fax 0544 271651 - redazione@ravennaedintorni.it Direttore Generale: Claudia Cuppi Segreteria Commerciale: Veronica Rinasti, tel. 392 9784242 Pubblicità: Reclam Edizioni & Comunicazione srl - Tel. 0544 408312 - info@reclam.ra.it Stampa: Galeati Industrie Grafiche, www.galeati.it

FARMACIE APERTURA DIURNA 8.30-19.30 Dal 2 al 4 maggio Comunale 4, Del Portico, Comunale 3, Piferi,

via Nicolodi 21 - tel. 0544 421112; via Corrado Ricci 17 - tel. 0544 212614; via Po 18 (Porto Corsini) - tel. 0544 446301; viale dei Navigatori 35 (Punta Marina) - tel. 0544 437448.

Domenica 5 maggio Comunale 8, via Fiume Abbandonato 124 - tel. 0544 402514. Dradi, via Anastagi 5 - tel. 0544 35449; Comunale 5, via delle Nazioni 77 (Marina di Ravenna) - tel. 0544 530507.

Isabella è stata trovata in una strada trafficata, a rischio di essere investita. Vorrebbe tanto essere adottata da una famiglia che le voglia bene: è giovane, affettuosa e bellissima!

Editore: Edizioni & Comunicazione srl Via della Lirica 43 - 48100 Ravenna - Tel. 0544 408312 - info@reclam.ra.it

Dal 6 all’8 maggio Comunale 8, Dradi, Al Mare, Comunale 9,

via Fiume Abbandonato 124 - tel. 0544 402514. via Anastagi 5 - tel. 0544 35449; viale Mare 80 (Casalborsetti) - tel. 0544 445019; viale Petrarca 381 (Lido Adriano) - tel. 0544 495434.

PULIZIA

Condomini Uffici privati e pubblici Lucidatura pavimenti (CRISTALLIZZAZIONI)

Sgrassature e pulizie di fondo

Comunale 5,

via delle Nazioni 77 (Marina di Ravenna) - tel. 0544 530507.

L’INIZIATIVA

“Un piccolo assist per ripartire”, gli Amatori Villanova per i terremotati dell’Emilia

Lido Adriano - via T. Zancanaro, 74 - tel./fax 0544 493950

A cura del Comitato UISP di Ravenna via G. Rasponi, 5 - RA tel. 0544.219724 - fax 0544.219725 E-mail: ravenna@uisp.it - www.uisp-ra.it

C O R S I

La Società Sportiva Amatori Villanova di Bagnacavallo, affiliata presso il Comitato Uisp di Ravenna e iscritta al Campionato Seniores organizzato dalla nostra Lega Calcio, ha intrapreso un iniziativa denominata “Un piccolo assist per ripartire”. I dirigenti e i giocatori della società di Villanova sono rimasti profondamente colpiti dall’evento sismico che lo scorso anno ha colpito l’Emilia e hanno deciso di intraprendere un percorso di solidarietà verso una società sportiva del modenese. Con l’aiuto di altre associazioni di volontariato della piccola cittadina di Villanova, hanno preso contatto con la Società Sportiva F.C. Ponte Motta, nel comune di Cavezzo, squadra di calcio iscritta al comitato Uisp di Modena. L’iniziativa proposta e denominata appunto “Un piccolo assist per ripartire” è stata suddivisa in due momenti, il primo dei quali, una cena finalizzata alla raccolta di fondi, si è svolto nella serata del 6 aprile. La cena, che ha visto anche la pre-

senza di un rappresentante della Lega Calcio Uisp Ravenna e dei dirigenti della società Ponte Motta, ai quali è stato consegnato direttamente il ricavato dell’ iniziativa, è stata allestita coinvolgendo familiari e amici di giocatori e dirigenti del Villanova. La serata, divertente e gustosa, ha visto partecipi anche i giocatori della squadra che si sono prestati a gestire la cucina e il servizio, ed è servita anche a costruire un rapporto fra le due associazioni. Il secondo momento di solidarietà è previsto per sabato 8 giugno, nella giornata, oltre a proseguire la raccolta fondi, le due squadre si affronteranno in un incontro di calcio amichevole presso l’impianto sportivo di Villanova di Bagnacavallo.

Potature di alto fusto con macchinari specifici

•PRONTO INTERVENTO •INTERVENTI D’EMERGENZA •PREVENTIVI GRATUITI

via Fiume Abbandonato 124 - tel. 0544 402514.

APERTURA NOTTURNA DAL 15/5 AL 15/9 E TUTTE LE DOMENICHE 8.30-19.30

Manutenzione giardini privati e pubblici

334 3218031

APERTURA NOTTURNA 19.30-8 E TUTTI I SABATO 8-12.30 Comunale 8,

E GIARDINAGGIO

GINNASTICA ALL’ARIA APERTA NEI PARCHI URBANI Uisp Ravenna organizza nei mesi estivi l’attività motoria nei parchi urbani. I corsi si svolgeranno nei mesi di maggio, giugno e luglio a partire dal 20 maggio con turni di 8 lezioni. Si tratta di un progetto estivo rivolto al benessere e alla salute da svolgere all’aria aperta e per riscoprire i parchi urbani. Le lezioni si terranno nei parchi Diane Fossey, di via Zalamella nelle giornate di martedì e giovedì dalle 9 alle 10, ai Giardini Pubblici il lunedì e mercoledì dalle 9.30 alle 10.30 e al parco Chico Mendes di via Ravegnana il martedì e giovedì dalle 10.15 alle 11.15.

NUOTO ALLA COMUNALE E AL VILLAGGIO ANIC Per la stagione estiva 2013 Uisp Ravenna continua l’ attività e i corsi di nuoto alla piscina comunale e al villaggio Anic. Il Comitato di Ravenna vuole creare un punto di riferimento annuale all’insegna della salute e del benessere. Partiranno il 4 giugno 2013 i nuovi corsi di nuoto e acquagym dedicati ai primi passi, ragazzi e adulti, oltre all’attività per gestanti, che proseguirà per tutto il mese di giugno. Giornate e orari si trovano all’interno del sito www.uisp.it\ravenna alle pagine dedicate oppure contattando UISP Ravenna tel. 0544 219724.

CENTRI ESTIVI

L’estate dei ragazzi ai camp della Uisp Il Comitato Uisp di Ravenna propone due attività estive organizzate per bambini e ragazzi, si tratta di “Una Mattina di Giochi” e il Camp di Ponte Nuovo. Dopo il successo del 2012, ”Una Mattina di Giochi” continua nel 2013 e vi aspetta per una grande estate. Si svolgerà a Ravenna presso il Campo scuola in via Falconieri e alla Piscina comunale “Gambi”. Attività estiva che impegnerà i ragazzi dai 6 ai 13 anni tutte le mattine dalle 7.45 alle 13 da lunedì al venerdì. L’attività partirà lunedì 10 giugno 2013 e terminerà venerdì 9 agosto 2013. 9 settimane di giochi, sport e laboratori creativi. Personale qualificato seguirà i ragazzi nelle varie attività. Sport, mare, giochi e tanto divertimento. Presso il Parco di via della Vigna a Ponte Nuovo Uisp organizza il Camp per ragazzi e ragazze dai 6 anni (occorre aver frequentato la prima elementare) ai 13 anni. Avviamento allo sport, attività ricreative, uscite al parco acquatico rappresentano le attività che ogni anno Uisp propone in tutta sicurezza seguiti da istruttori qualificati, da quest’anno due tipologie una per chi vuole impegnare i ragazzi solo mezza giornata e l’altra classica che li impegna tutto il giorno. Per informazioni: www.uisp.it/ravenna oppure contattando gli uffici al tel. 0544 219724.


SETTIMANALE inserto di Ravenna&Dintorni giovedì 2 maggio 2013

Agenzia Immobiliare

ROMAGNA

AFFITTASI

RAVENNA (BORGO NUOVO) Appartamento con ascensore. Ingresso in sala con angolo cottura, bel balcone a loggia, ripostiglio, disimpegno, letto matrimoniale, bagno con doccia. P. semint. Garage molto grande. Risc. aut. ARREDATO. € 480,00 (disponibile da luglio) RAVENNA (CENTRO STORICO): ATTICO.Appartamento all’attico in fase di restauro completo composto da ingresso, soggiorno con terrazzo panoramico, cucina abitabile arredata, disimpegno, letto e bagno. P.T. posto auto. € 650,00 S. BIAGIO bella casa indipendente, composta da cortile, ingresso, soggiorno, cucina abitabile, bagno e cantina/lavanderia. 1° P. 3 letto matrimoniali, bagno e 2 balconi. Infissi nuovi e climatizzata. € 750,00/mese S. BIAGIO: in piccola palazzina, appartamento al PT completamente arredato. Ingresso, soggiorno, cucina semiabitabile, letto, bagno, garage attrezzato anche come lavanderia. Risc. aut. No spese condominiali. € 450,00

Via degli Spreti, 71 I Ravenna Tel.0544.501515 - Fax 0544.504972 agenziaromagna@libero.it

VENDESI

CENTRO STORICO: (VIA DON MINZONI),

casa indipendente, abbinata ad un lato con ampia area a giardino/corte di circa 200 mq. La casa è suddivisa su 3 livelli, piano seminterrato, piano terra e primo piano di oltre 100 mq. per piano, nella corte c’è un garage e la possibilità di parcheggiare diverse vetture. Da ristrutturare. € 247.000. tratt RAVENNA (S. BIAGIO/OSPEDALE)

CENTRO (ZONA S. MARIA IN PORTO)

bell’appartamento recente e ben tenuto posto al 1° piano con ascensore in complesso elegante e riservato. Soggiorno con accesso a terrazzo a loggia su giardino interno, cucina ampia ed abitabile, disimpegno armadiato, letto matrimoniale con bagno in camera, letto doppia, bagno con vasca. P.T. garage soppalcabile. Risc. autonomo ed impianti a norma. € 268.000 tratt. S. BIAGIO

RAVENNA - via IV Novembre 4B tel. 0544 36337/36372 www.ideacasaravenna.com • casa_idea@libero.it MARINA DI RAVENNA

VENDESI APPARTAMENTO ristrutturato composto da ingresso, sala con ampio terrazzo di 40 mq circa, cucina abitabile con balcone di servizio, due letto e bagno. Cantina e posto auto. Info in agenzia € 225.000,00

RAVENNA VIA CIRCONVALLAZIONE ALLA ROTONDA DEI GOTI

AFFITTASI UFFICIO di 300 mq ca. oltre a DUE NEGOZI rispettivamente di 100 mq ca e 150 mq ca l’uno con ampie vetrine, oltre a sottonegozi e posti auto esclusivi. Info in agenzia

LAVORO DOMANDE Cantine, garage, soffitte e anche appartamenti sgombero + piccoli trasporti. Massima serietà Tel. 347 8336960 *

appartamento al 1°ed ultimo piano in piccola e recente palazzina senza amministratore. Ampio soggiorno con cucina a vista, letto matrimoniale e bagno. Mansarda attrezzata con seconda letto, bagno e ripostiglio. P.T. posto auto e cantina. Impianti a norma. Possibilità di ampliamento con bilocale mansardato abbinato. € 160.000 tratt.

FORNACE ZARATTINI, in palazzina di nuova costruzione appartamento al piano attico così composto: soggiorno con angolo cottura, 3 camere, 2 bagni, balcone. Posto auto scoperto, cantina. Risc. centr. con contacalorie, ascensore. Buone le rifiniture. €. 240.000,00

VENDITE SANT’ALBERTO (RA),

nel centro del paese vicino a tutti i servizi, si vende villetta a schiera di recente costruzione: Piano terra: giardino con posto auto, soggiorno con camino, cucina abit. con piccola corte, bagno e garage. 1°P.: 2 letto, bagno, ripostiglio e balcone. Impianti certificati. Ben rifinita.€. 190.000,00 RAVENNA, Via Le Corbusier

in palazzina di recente costruzione si vende appartamento posto al primo piano con ascensore: ingresso, ampio soggiorno con angolo cottura che si affac-

cia su un terrazzo di 48 mq., bagno con vasca, camera matr., balcone. Garage e cantina al piano interrato. €. 158.000,00 FORNACE ZARATTINI, appartamento all’ultimo piano con ampio sottotetto composto da: ingresso, soggiorno con angolo cottura e balcone, disimp. notte, camera matrim., studio, bagno, sottotetto molto fruibile, garage. Risc. aut. €. 185.000,00 SAN MICHELE

RAVENNA, Zona Comet

in palazzina di recente costruzione bilocale arredato posto al secondo piano con ascensore: soggiorno con angolo cottura, camera matr., bagno, balcone di mq. 20. Cantina e posto auto coperto. Risc. aut. €. 135.000,00 RAVENNA, San Biagio

lontano da traffico e ferrovia ma vicinissimo al centro città, splendida casa ex colonica completamente ristrutturata insistente su un’area di circa 1.100 mq. circa, completamente piantumata. La villa è composta da: ingresso, studio con camino, ampio salone, cucina abitabile, disimpegno, bagno, soggiorno, cucina di servizio, camera matrimoniale, bagno. Al piano primo: 4 camere (una con guardaroba), bagno. In corpo staccato ampio servizio completamente ristrutturato. €. 530.000,00

in piccolo contesto di sole 4 unità, appartamento con ingresso indipendente posto al secondo ed ultimo piano: ingresso, soggiorno, cucina abitabile arredata, camera matrimoniale, camera singola, 2 bagni, 3 balconi, giardino fronte e retro con garage di mq. 25. Climatizzazione e impianto d’allarme. Libero subito.€. 260.000,00

Ravenna • Via Piave 15 • Tel. 0544/406333 (2 linee)

In piccola palazzina di sole 4 unità abitative vendesi appartamento al 1°P.: ingresso, cucina abit. con balcone, ampia sala con balcone, 3 letto, 2 bagni e ripostiglio. Garage, posto auto e cantina. Risc.aut. Info in agenzia

RAVENNA ZONA VIA UGO BASSI VENDESI APPARTAMENTO di 160 mq circa, composto da ingresso, ampia sala con balcone, cucina, due camere da letto matrimoniali, studio e doppi sevizi. Cantina e posto auto in corte condominiale. € 260.000,00

RAVENNA CENTRO STORICO Vendesi casa di pregio ben tenuta in zona tranquilla composta da ingresso, ampia sala, cucina abitabile, guardaroba, studio e bagno. Al primo piano tre ampie camere da letto servite da altrettanti bagni, cabina armadio e ampia terrazza abitabile che affaccia sulla corte interna di proprietà. Ampia taverna con zona servizi. Piccola depandance alla quale si accede dalla corte interna. € 650.000,00

Impiegati

Appartamento recente, posto al 2° ed ultimo piano con ascensore. Soluzione particolare, in recente palazzina a due passi dal centro con zona notte mansardata. Salotto, cucina con tinello, bagno con doccia, balcone. Mansarda con letto matr., camerina, bagno, terrazzo ampio e panoramico. P.T. posto auto e cantina. Risc. aut. ed impianti a norma. € 182.000

RAVENNA SAN BIAGIO

Collaboratrici domestiche

affittasi NEGOZIO di 60 mq ca con ampie vetrine. Rich. € 850/mese

VOCALI PER I TUOI PARTY CON MUSICA DI GRANDE EFFETTO. POSSIBILITA’ STRUMENTAZIONE PROPRIA OFFRESI Tel. 340 7171418 *

ATTIVITÀ PROFESSIONALI

IMMOBILI Case e appartamenti in vendita Offerte

Lucidatura pavimenti in marmo graniglia e scale, RAVENNA CENTRO STOpreventivi gratuiti e prezzi RICO appartamento lumivantaggiosi. Tel. 333 noso posto al secondo 3077535 * piano di contesto condominiale signorile, compoArtisti musicisti sto da ingresso ampio, salone, cucina abitabile, spettacolo 2 camere matrimoniali, Signora 53enne stranie- D.j. vocalist, ESPER- bagno, balcone. Cantina ra, seria, da tanti anni in TO ANCHE DOPPIAGGI nel seminterrato. RiscalBadante straniera, da tanti anni in Italia, con esperienza anche ospedaliera, anche a ore o 24 ore. Esperienza per ristorazione, lavapiatti e tuttofare. Solo lavoro serio. Tel. 320 1620573

PIANGIPANE (RA) vendesi bilocale al 3 e ultimo piano così composto : Soggiorno con cucina in nicchia, camera da letto matrimoniale, bagno con doccia, balcone, Garage. Ascensore. €. 85.000,00 Rif. 875 MEZZANO (RA) Vendesi ampio appartamento composto da : ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 3 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi , garage. €. 145.000,00 Rif. 876 RUSSI (RA) In zona centro, caratteristica casa indipendente con area cortilizia, stile Liberty, da ristrutturare. E’ disposta su tre piani di mq. 150 circa; l’ultimo è mansardato con altezze importanti e travi a vista. Casa tipica dei primi novecento con porte e finestre dell’epoca, pavimenti in cotto rosso, camini e altro, ideale per chi ama una ristrutturazione di conservazione. Rif. 46SC €. 230.000,00

RAVENNA BORGO S. BIAGIO In condominio molto signorile anni ’80, vendesi ampio appartamento al 3° ed ultimo piano, composto da: ingresso, soggiorno, cucina, balcone, tre camere da letto, due bagni, garage. Risc. autonomo, ascensore. €. 250.000,00 Rif. 877 RAVENNA CENTRO Bellissimo appartamento open space su due livelli, la zona giorno sul primo piano composta da: ingresso indipendente, soggiorno pranzo e cucina a vista, camino nel soggiorno e tre balconi, di cui uno con barbeque, bagno; nel piano mansarda due vani con cabine armadio, balcone e servizio. Garage e giardino al piano terra. Utenze autonome.(I.R.) Rif. GSC66 € 275.000,00

RAVENNA BORGO S. ROCCO Vendesi casa abbinata da ristrutturare per un totale di mq. commerciali 235, così composta: giardino uso esclusivo di m. 35 , piano rialzato con

Vendesi appartamento in casa bifamilare con ingresso indipendente e ampio giardino esclusivo di 250 mq ca. Piano terra: ampia zona servizi e garage; Piano rialzato: ingresso, ampia sala/pranzo, cucina abitabile con camino, 3 vani letto, doppi servizi, balconi. Info in agenzia

RAVENNA VICINANZE VIA DIAZ

Italia, offresi per assistenza anziani, tanta esperienza ospedaliera e in cucina, disponibilità 24 ore su 24. No perditempo. Tel. 347 2976239

Artigiani

RAVENNA VIA CARSO

damento autonomo. Classe energetica “E” € 170.000,00 tel. 0544 212134 PONTE NUOVO in posizione estremamente tranquilla, palazzina costruita in bioedilizia,appartamento posto al secondo piano di 2 composto da ingresso, soggiorno con zona cottura molto luminosa affacciata a terrazzo abitabile, disimpegno zona notte con 2 camere da letto entrambe con terrazzo( matrimoniale e doppia),bagno finestrato, cantina al piano sottotetto e al piano terra posto auto coperto. Ottimamente tenuta. Classe energetica “C” € 185.000,00 tel. 0544 212134

ingresso, soggiorno, 3 stanze, bagno, piano primo con ingresso, soggiorno, cucina, ripostiglio, bagno, terrazzo di m. 40, ascensore di collegamento fra i 2 piani, 2 garage di piccole dimensioni e seminterrato uso cantina. Da ristrutturare. €. 270.000,00 Rif. 882 RAVENNA Zona via Trieste, vicinanze centro storico, villa da ristrutturare composta da due appartamenti con ingressi indipendenti e interno comunicante, al piano terra: ingresso, portico, 3 vani, lavanderia, anti bagno e bagno oltre ad ampio garage; al piano primo: cucina abitabile, sala-pranzo, soggiorno con balcone, bagno, 3 camere di cui una con guardaroba e balcone. Rif. SCG1 €. 440.000,00 RAVENNA CENTRO Vendesi casa tipica del centro storico, composta da 2 appartamenti per un totale di mq. 356, parzialmente da ristrutturare. L’immobile si sviluppa su 2 piani ed ha una corte interna, garage. €. 650.000,00 Rif. 869 IMOLA (BO) Cedesi Azienda Agricola di 11 ettari, comprensiva di attrezzature, cantina e macchinari oltre a fabbricato adibito a Ristorante/Agriturismo. Impianti a norma. Info in Agenzia

RAVENNA, AFFITTANSI APPARTAMENTI DI DIVERSE TIPOLOGIE A PERSONE REFERENZIATE.PREZZI A PARTIRE DA € 500,00 MENSILI

Ravenna - Via G. Garatoni, 12 - tel. 0544.35411 - www.grupposavorani.it


Comune di Ravenna

Il ruolo dell’Architettura contemporanea Ciclo di conferenze organizzate e promosse dal Gruppo Ravimm - Le Cantine di Palazzo Rava in collaborazione con la rivista dell’abitare TrovaCasa Premium (edizioni Reclam), con il patrocinio del Comune di Ravenna e Ravenna 2019 Coordinatore Emilio Rambelli

Panbianco

Tarroni

Lelli

Calendario 2013 Tutti gli incontri si terranno presso Le Cantine di Palazzo Rava Via di Roma 117 - Ravenna. Inizio alle ore 21 Borghi

Giovedì 21 febbraio

Filippo Pambianco parlerà di Studio G.V. Consuegra - Siviglia

Giovedì 21 marzo

Michele Tarroni parlerà di Studio Stanton Williams - Londra

Giovedì 18 aprile

Gabriele Lelli parlerà di Studio Lelli e Associati - Faenza

Giovedì 16 maggio

Alfredo Borghi parlerà di Studio Estudio Sic - Madrid

Giovedì 20 giugno

Ennio Nonni parlerà di Una nuova urbanistica è possibile?

Giovedì 3 ottobre

Gianluca Bonini parlerà di Nuovostudio - Ravenna

Giovedì 31 ottobre

Antonella Ranaldi parlerà di Restauro contemporaneo

Giovedì 21 novembre

Nonni

Bonini

Ranaldi

Daniela Moderini parlerà di Paesaggio Urbano - Venezia

Info: Ilaria Siboni - siboni.ilaria@gmail.com - Cell. 338 1584910

Moderini



RD 02 05 13