Issuu on Google+

TRAPANI

Sondaggio: Meno

7,7% consensi Fazio

ERICE

Il Comune ha 1,7 milioni di debiti

PROVINCIA

Co-Marketing per sostenere Birgi

Questo periodico non fa pubblicità agli Enti Locali REGISTRAZIONE n. 297 13 ottobre 2004 PUBBLICAZIONE n. 1 - 19 gennaio 2011

IL SALUTO  Inizia con il foglio che hai in mano l’avventura di questi uomini che non si rassegnano ad essere complementari a nessun Potere. Nelle passate elezioni amministrative, chi scrive ha appoggiato con coscienza la candidatura del sindaco di Erice, ritenendo che alla umanità bisogna pur dare la possibilità di esprimere tutto il bene che è in loro. Orbene ci si aspettava che dopo i soldi spesi per la Polizia Penitenziaria e per la Polizia di Stato, il sindaco Tranchida potesse avere la stessa sensibilità per coloro che hanno percorso la difficile strada del recupero e della riconciliazione alla società a cui appartengono. Così fino a questo momento non è stato, confidiamo che ciò venga fatto in futuro. Il sindaco di Trapani con le strisce blu ha cercato di mettere ordine in una città che del disordine aveva fatto il suo modo di vivere. Ma le strisce blu sotto casa non piacciono a nessuno, anche se per alcuni fortunati lavoratori, il sindaco di Trapani ha provveduto in maniera diversa. Dicono fonti del tutto inattendibili che alcune strisce bianche sono state poste davanti al posto di lavoro di qualche suo familiare. Ma si sa che il sindaco di Trapani è un tipo rude e dalla querela facile (tanto Lui non paga gli avvocati essendo egli stesso un avvocato), e allora tutti zitti e muti tanto alla fine del mandato di sindaco ci arriverà anche Lui.

Giacomo Augugliaro

DIRETTORE RESPONSABILE Giacomo Augugliaro CONTATTI Cell. 388 196 260 1 altratrapani@gmail.com

EDITORE “Una Città per tutti” STAMPA Esseci Service Sas - Erice

VIA FARDELLA A PAGAMENTO? UNA CONQUISTA DI CIVILTA’ 

Troppe menzogne e populismo

“Via Fardella con tutti questi posteggi liberi sembra vuota, desolante”. Questa l’affermazione di una nota professionista a commento del nuovo piano parcheggi del Comune. Quasi a rimpiangere il bel caotico traffico! “Poi questa quantità di strisce blu è illegittima. Dovrebbero essere tanti parcheggi liberi, quanti quelli a pagamento” – insiste. “Lei ha letto la norma?” le chiediamo. “No, ma l’ho sentito dire!”. Alla nostra spiegazione che il Codice della Strada dice ben altro, l’architetto resta interdetto. Non ci crede. E’ vero, tante menzogne fanno una verità!

Il vecchio caos di via Fardella

La confusione, montata ad arte da politicanti in cerca di consensi a se stessi ed alla propria parte politica, è tanta. Basta vedere che dietro il “Comitato” si celano due noti personaggi politici colla tessera del PD. Il contratto firmato dal Comune di Trapani colla società concessio-

nariadelle strisce blu, è quinquennale. Nessuno può recedere senza grossi costi per la collettività. Quindi discutere di strisce blu è inutile. Salvo se per suggerire delle piccole migliorie. Migliorie cui l’Amministrazione è disponibile a dare attenzione e realizzazione. Già alcune sono allo stu-

dio o stanno per essere attuate. Ma se vogliamo il progresso della città, mettersi di traverso ai posteggi a pagamento è sbagliato. Le strisce blu, oltre ad assicurare un posto di lavoro “in regola” a poco meno di un centinaio di giovani trapanesi, assicura disponibilità di posteggi liberi per chi deve recarsi presso uffici pubblici a sbrigare faccende o a fare compere. Rendono il traffico piùfluido, quindi si risparmia in carburante ed in inquinamento. Bisogna solo adattarsi. Un pò come quando via Garibaldi passò pedonale. Natale Salvo

L’ANGOLO DEL LEONE Dicono fonti bene informate, che il Leone del Guarrato sia ancora chiuso nella sua magione e che di tanto in tanto va in giro a cercare i vecchi amici. Per ultimo è andato a trovare il rag. Sambrunone. Il figlio di questi, Gaspare, gli abbia detto che il papà, ormai ultra ottantenne, esce poco di casa e quando lo fa, si fa scortare dalla badante. Il vecchio Leone aspetta le elezioni prossime venture

per far valere tutta la sua forza e la sua grinta. Nessuno ha avuto il coraggio di dirgli che buona parte dei suoi amici sono passati a miglior vita. Come Totò Fontana, l’avvocato Veneziano, l’avvocato Ettore Gentile ecc…etc. D’altra parte uno che aveva fatto della lotta ai galantuomini e alle oligarchie che cosa ti aspetti che faccia? Che si batta per la Sicilia, la sicilitudine e la sicilianità!

Ma fino a questo momento i suoi fervidi e calorosi sostenitori, del tempo andato, vedi la presidente del consiglio comunale di Trapani Katya Bucaria, l’arch. Vito Mannina oppure l’avv. Franco Di Bono, nemmeno sono riusciti ad intitolare uno straccio di strada ad uno dei sicilianisti più illustri come Camillo Finocchiaro Aprile.

E allora ci teniamo i nostri ricordi, di quando alla fine della campagna elettorale comunale del 2001, ebbe a dire ai suoi che il sindaco dei Nuovi Siciliani si sarebbe chiamato Fazio e veniva da Fulgatore. Gli altri candidati non erano di suo gradimento perché trapanesi, rigorosi, linguacciuti, antifascisti e radicali e cosa ancora più grave amavano la loro città.


T R A PA N I

AltraTrapani Mercoledì, 19 gennaio 2011

PILLOLE IL COMUNE ASSUME Il sindaco di Trapani ha deliberato di avviare le procedure per l’assunzione di una giornalista per l’organico del Comune. Alla stessa sarà riconosciuta la qualifica di Capo Redattore. CANCELLATA LA PISTA CICLABILE Mommo Fazio ha diramato un bando per la predisposizione di un progetto che cancelli un buon tratto della pista ciclabile di via Libica. Farà spazio all’allargamento della strada. CITTA’ AL BUIO L'illuminazione pubblica è, in atto, accesa mezz'ora dopo il tramonto e spenta mezz'ora prima dell'alba creando seri pericoli per la circolazione stradale e per i vari pedoni. Il sindaco, però, non farà modifiche.

2

MESSINA: MAI DETTO DI UN POSTEGGIO SUBITO IN VIA POMA

Parcheggio completo nel 2012

Per il parcheggio di via Poma bisognerà attendere. Allo stato attuale i cittadini che vorranno lasciare sul posto la propria auto, per “sfuggire” alle famigerate striscie blu della via Fardella, potranno comunque accontentarsi di un’area sterrata. A fare il punto sull’iter dei lavori per la realizzazione del parcheggio gratuito che troverà sede nei pressi del passaggio a livello di via Matera è il vice sindaco ed assessore ai lavori pubblici del Comune, avv. Nicola Messina. «Al momento – puntualizza l’assessore Messina – il progetto preliminare è stato trasmesso rego-

l’area di via Poma e l’assessore Messina

larmente alla Regione ed è in attesa del finanziamento che rientrerà nel programma operativo dei fondi europei 20072013. Il Progetto esecutivo è invece in fase di stesura e dovrebbe essere trasmesso alla Regione entro il mese di maggio di quest’anno».

Tempi lunghi dunque per la realizzazione della terza grande area di sosta “bianca” annunciata dal sindaco Fazio, oltre quelle già esistenti di piazza Vittorio e piazzale Ilio? «Nessuno ha mai parlato di un’area già pronta per quando sarebbero state

attivate le striscie blu della via Fardella – risponde l’esponente dell’amministrazione Fazio – . Dunque i lavori non sono stati sospesi ma è stata semplicemente portata a termine la fase di messa in sicurezza. Esiste uno sterrato che non sarà elegante ma è funzionale allo scopo ed è assolutamente sicuro». Il costo complessivo del Progetto si aggirerebbe intorno ad un milione e 200mila euro. «La spesa esatta la conosceremo al momento di presentare alla Regione il progetto esecutivo». Poi, fra appalto e lavori il completamento salta al 2012. Michele Caltagirone

PUBBLICATO UN SONDAGGIO DEL SOLE 24 ORE

Fazio perde consenso

Mommo Fazio

Le valutazioni dei cittadini sulle qualità e sull'operato del sindaco di Trapani Fazio sono in caduta libera. Secondo un recentissimo sondaggio ha perso, nell’ultimo anno, ulteriori 2 punti di consenso, portando la caduta a 7,7 punti complessivi in tre anni, ovvero da quando, nel 2007, fu rieletto col 64,7%.

Fazio, perde il primato di sindaco siciliano più gradito e piomba al 22° posto nella classifica nazionale. «Le chiedo un giudizio complessivo sull'operato del Sindaco della sua città nell'arco del 2010. Se domani ci fossero le elezioni comunali, lei voterebbe a favore o contro l'attuale sindaco?», questa la domanda che è stata posta

CHIUDE MARIELLA FIORI

www.altratrapani.tv la micro webtv di Trapani ogni settimana nuovi servizi

La fioraia «Mariella» e il furgone dei panini hanno avuto, dal comune di Trapani, la disdetta della concessione dell'area occupata in piazza Martiri d’Ungheria, già piaz-

za stovigliai, in previsione della futura riqualificazione della stessa Piazza. Per Peppe De Pasquale, il sindaco Fazio non ha voluto sentire ragioni.

dagli operatori dell'istituto IPR Marketing per conto de «Il Sole 24 ore», ad un campione di 600 elettori del Comune capoluogo, disaggregati per sesso, età e area di residenza. Le interviste sono state effettuate nel periodo dal 15 settembre al 15 dicembre 2010. Solo il 57% ha ammesso che rivoterebbe Fazio come sindaco.


ERICE

AltraTrapani Mercoledì, 19 gennaio 2011

3

IL SINDACO DI ERICE SI SOSTITUISCE AL VESCOVO

Tranchida finanzia le parrocchie

«Nutriamo la speranza di poter contribuire a far rinascere lo stile dell' oratorio». Parole del sindaco Tranchida. «Intendiamo muoverci seguendo la linea del Piano Pastorale della Diocesi di Trapani che vede i giovani protagonisti della Chiesa». Parola di Silvana Catalano, ora ex-assessore ai Servizi sociali del comune di Erice. Parole che avremmo compreso se pronunciate dal Vescovo e non da due politici, e sedicenti di sinistra per di più. I due, così, hanno annunciato, qualche giorno fà, il trasferimento di ben 100.000 euro dalle casse del Comune a quelle di

La Palestra di San Giuliano

quattro parrocchie ericine. «Si tratta delle parrocchie di Ballata, di Napola, di Pizzolungo, e Nostra Signora di Fatima, nel quartiere Trentapiedi. A ciascuna struttura saranno destinati 25 mila euro». «La somma stanziata

dalla giunta Tranchida» servirà per «ammodernare e mettere in sicurezza gli impianti sportivi annessi alle Parrocchie». La Chiesa ha già l'8 per mille per finanziare le proprie attività e strutture. Una bella somma. Secondo quando pubblica il

sito 8xmille.it, alla sola Diocesi di Trapani, per l'anno 2009, sono stati destinati, oltre che a 353.611 euro per «interventi caritativi», ben 611.526 euro proprio per «esigenze di culto e pastorale», ovvero, fra l'altro, per la «realizzazione di strutture educative e ricreative per ragazzi». Coi 100 mila euro assegnati al Vescovo Miccichè da Tranchida, il comune di Erice, avrebbe potuto sistemare e dare in gestione gli impianti ricreativi e sportivi comunali a partire dal Centro Sociale e dalla Palestra di Rione San Giuliano che sono, oggi, dimenticati.

PILLOLE STRISCE STRETTE Le “strisce gialle”, delimitatrici dei posteggi per disabili, sono state “disegnate”, ad Erice, in forma errata, ovvero piu’ piccole del dovuto, La denuncia di Mario Lombardo, referente dell’ANGLAT. MULTE ILLEGITTIME Depositato al Giudice di Pace il ricorso alle 60 multe contestate dal Comune di Erice a Francesco Bondì quest’estate. L’uomo rivendica il diritto alla sosta gratuita in un’area, Porta Carmine, attigua, ma fuori dalle strisce blu. ERICE CONTESTATA «Erice, località amabile in linea di principio, detestabile nei fatti». Lo scrive il mensile “I Love Sicilia” che critica i prezzi cari e gli ausiliari del traffico.

IL COMUNE NON PAGA LE BOLLETTE ALL’ATO

1,7 milioni di debiti

Ammonta, considerate solo le fatture a tutto lo scorso ottobre, a 1.019.687 il debito del comune di Erice nei confronti dell' A.T.O. TP1. A questa somma occorre aggiunge circa 675 mila euro di fatture da emettere per l'ultimo bimestre dello scorso anno. Insomma, a fine 2010,

il debito ammontava a quasi 1.700.000 euro. L'A.T.O. TP1, dal primo settembre 2009, ha avviato nel territorio comunale di Erice il servizio di gestione integrata dei rifiuti tramite la ditta Aimeri Ambiente. Per tale servizio, al 31 ottobre 2010 ha emesso fatture, a carico del comune di Erice, per

complesssivi 4.737.896 euro, ma, per lo stesso periodo, l'amministrazione ha deciso di liquidare, solo la somma di 2.550.000 euro a titolo di acconto. Il sindaco Tranchida avrebbe deciso, non si sa su quale base, di trattenere tale somma come una sorta di penale per talune contestazioni.

Giacomino Tranchida

DIMENTICA L’ANAGRAFE ELETTI

«Entro tre mesi, on line, sul sito, anche i lavori che fanno gli eletti». Parola di Tranchida. Una parola di cui c'è traccia sui «record» di Radio Radicale. Parola che

risale al 22 settembre 2008. Sono passati oltre due anni, ma il Sindaco, forse, ha dimenticato la propria parola. Nessuna traccia delle informazioni sul sito del Comune.

su www.altratrapani.it gli aggiornamenti sulle notizie e sulle opinioni che non leggerete sugli altri giornali


PROVINCIA

AltraTrapani Mercoledì, 19 gennaio 2011

4

LA PROVINCIA COMPRA BANNER SU RYANAIR.COM

Co-marketing per sostenere Birgi

Mimmo Turano pensa anche all'Airgest. E dopo aver dispensato, sotto Natale, regali a destra e a manca, versa 899.336 euro nelle casse di Airgest. Sinceramente non crediamo che potesse spenderli - stavolta meglio. L'operazione, benchè dispendiosa, è la migliore possibile per l'ulteriore lancio della provincia di Trapani nel settore turistico. La delibera di Turano è la n. 567 del 30 dicembre 2010. Essa prevede, la «concessione spazio nell’area arrivi dell’Aero-porto e gestione del desk informativo» al costo di 227.336 euro.

Con tale somma Airgest mette a disposizione anche il personale (come reclutato?) per mantenere il desk. Tuttavia, sarebbe opportuno dotare tale desk anche di «materiale informativo», dato che praticamente lo sportello è privo delle piantine di

Trapani (se non di a dir poco scandalose fotocopie di piantine dell'azienda Trapani Welcome!). L'accordo ProvinciaAirgest prevede che 60.000 euro, invece, siano destinati alla concessione di «cinque spazi – pannelli pubblicitari» da istallare dentro l’aer-

toporto. Ma il clou dell’iniziativa del presidente Turano è, quello dell’acquisto di «spazi web i cui servizi consistono nell’accesso al ricercatissimo portale Rynair.com di cui Airgest è esclusivista per l’importo complessivo di 612.000 euro» Cosa di meglio che mettere link e banner della provincia di Trapani, per promuovere, fra gli utenti di Ryanir, le mete della nostra Provincia? Naturalmente per rendere efficace tutto cio' è necessario che la Provincia disponga di un proprio sito web turistico completo e di qualità. Cosa che oggi ancora non c’è!

PILLOLE 2 CONTI A SCUOLA Quanto ha speso e spenderà avrebbe potuto, probabilmente, acquistarlo. Ma la Provincia ha pensato bene, negli anni, di continuare a finanziare indirettamente la Chiesa, nello specifico il Seminario Vescovile. Stiamo parlando della sede di succursali dell’alberghiero dell'istituto commerciale di Erice. 530 metriquadri che alla Provincia costano, solo per l'affitto corrisposto al Seminario, 56.474 euro annui. Dal 1998, ovvero da quando è iniziata, e sino al 2016, quando scadrà, la loca-zione sarà costata 891.320 euro. Insomma in 18 anni la Provincia ha versato alla Chiesa quasi il doppio (1.861 euro/metro quadro) di quanto può essere il costo di mercato della parte di struttura utilizzata.

TURANO COMPRA PUBBLICITA' O LA STAMPA?

Rischio di autocensura

Alla Provincia, forse, hanno un po' di confusione. Se il fine dell'Ente è quello, dichiarato, del «raggiungimento di un obiettivo di trasparenza» l'uso della definizione «promuovere opportune forme di pubblicità» nella delibera di Giunta fa trasparire ben altro. La pubblicità, infatti, «tende in modo intenzionale e sistematico a influenzare

gli atteggiamenti e le scelte degli individui». Insomma è propaganda. Turano, ha impegnato 47.000 euro per propagandare, a spese dei cittadini, l’attività della sua amministrazione (in calo d’immagine). La somma sarà distribuità in parte a due agenzie di pubblicità (FLY e PLUS) che ne cureranno l’immagine ed in parte

alle emittenti televisive ed ai giornali provinciali. Fra gli altri beneficeranno delle somme Quarto Potere-TrapaniOk editi dalla IGE di Ignazio Grimaldi (4.500 euro), il Giornale di Sicilia (4.000 euro), Telesud, e Monitor (2.000 euro). Il rischio è l’autocensura da parte della stampa, cioè di non controllare criticamente piu’ l’Ente.

GLI AUGURI A SPESE TUE!

Avete mai ricevuto una cartolina di auguri di Natale con affrancatura a carico del destinatario? Come la prendereste? Cosa pensereste del mittente? Il presiden-

te della Provincia di Trapani Turano, ha spedito a Natale, ai cittadini, «cartoline» virtuali (spot televisivi) che pagheremo noi contribuenti ben 36.000 euro.

Mommo Turano


N 33 altratrapani del gennaio 2011