Issuu on Google+

Numero 8 - Anno I MercoledĂŹ 14 aprile 2010

Scocca l’ora dei jolly azzurri In rampa di lancio Dossena e Santacroce

Denis si allena Il calcio Coppa Italia: con il gruppo: divertimento di Fiorentina ko, pronto per Bari? Ventura avanti l’Inter pagina 2

pagina 4

pagina 5


2

Mercoledì 14 aprile 2010

Denis lavora con il gruppo D

Gli azzurri hanno ripreso la preparazione

opo la sconfitta di sabato, il Napoli ha ripreso ieri la preparazione. Agli ordini di Mazzarri gli azzurri hanno svolto un’allenamento mattutino al quale hanno partecipato anche Dossena e Denis che dovrebbero essere disponibili per la trasferta di Bari. La squadra ha svolto lavoro atletico sul campo e in palestra prima di giocare una partitina su campo ridotto nella quale sono andati a segno Lavezzi, Gargano, Hoffer e Denis. Sul campo si è visto anche Maggio per una leggera corsa che ha fatto seguito alle terapie e agli esercizi in palestra. Domani in programma una doppia seduta di allenamento.

In vendita i biglietti per la sfida contro il Cagliari

S

aranno in vendita dalle ore 15 di oggi i biglietti per la partita contro il Cagliari in programma al San Paolo, il 25 aprile alle ore 15. Questi i prezzi dei biglietti: Tribuna Posillipo 54+1 euro (ridotto 39+1); Tribuna Nisida 24 + 1 euro (ridotto 19 + 1 euro); Distinti 24 + 1 euro (ridotto 19 + 1 euro); Tribuna laterale primo anello 17 + 1 euro (ridotto 14 + 1); Curve 17.50 + 0.50 euro. I biglietti ridotti sono riservati agli under 16 e alle donne. I biglietti si potranno acquistare al Botteghino 1 dello stadio San Paolo (ore 9-13/14-18) e nelle abituali ricevitorie autorizzate.

Le giovanili azzurre

N

on è stato certo un fine settimana positivo per i colori azzurri. Oltre alla sconfitta della prima squadra, anche nel settore giovanile le cose non sono andate per il verso giusto. Sconfitta di misura per la Primavera (01) contro il Bari. Pareggio per la Beretti contro il Vico Equense (2-2) con doppietta di Montuori. Sconfitta invece per la squadra allievi nel derby contro la Salernitana, con la rete azzurra firmata da Signorelli. L’unico sorriso arriva dai giovanissimi che con una rete di Pianese hanno battuto i pari età del Vico Equense (1-0). Intanto il primavera Maiello è stato convocato con la nazionale under 19 per l’amichevole del 21 aprile contro la Svizzera.

Le rivali, Palermo: Miccoli vuole la Champions

L

a compagine rosanero ha vinto la prima delle sei “finali”, compiendo un ulteriore passo verso un sogno chiamato Champions League. ll tecnico rosanero Delio Rossi, in vista della gara di domenica prossima con il Cagliari, potrebbe schierare dall’inizio l’attaccante Abel Hernandez, in coppia in avanti con Fabrizio Miccoli, visto il buono stato di forma in cui si trova il giovane attaccante uruguaiano. Proprio il capitano ha rilasciato delle dichiarazioni, «Visto che ci siamo è giusto provarci a conquistare il preliminare - ammette il ‘Romario del Salento’, speriamo di portare a casa un piazzamento storico, per la città e per la società rosanero».

Napolinelpallone


3

Mercoledì 14 aprile 2010

Fabiano Santacroce, solo due presenze in questo campionato

Dossena e Santacroce hanno vissuto una stagione piena di infortuni.Per la trasferta di Bari Mazzarri ha bisogno di loro e li carica

«È il vostro momento» F

inalmente potrebbe essere arrivato il loro momento. Sfortuna ed infortuni li hanno tormentati continuamente in questa stagione. Ora, proprio nel momento del bisogno, nello sprint finale di una difficile corsa all’Europa, con una squadra in piena emergenza, potrebbero essere chiamati a dare il loro apporto. Si tratta di Fabiano Santacroce e dell’acquisto del mercato invernale, Andrea Dossena. É stato lo stesso Walter Mazzarri, nella conferenza stampa di lunedì, a chiamarli all’appello. A questo punto del campionato al Napoli servono gli assi nella manica e questi due giocatori, se recuperati, potrebbero veramente essere motivati a far bene e a riscattarsi. Il “Leoncino di Bahia” ha attraversato probabilmente Napolinelpallone

il periodo più nero della sua carriera. Dalla trasferta di Milano contro l’Inter del 23 settembre 2009, Santacroce ha subito ben due operazioni al menisco, prima del ginocchio destro e poi di quello sinistro. Quando infatti sembrava avviato sulla strada del recupero, il 26 febbraio 2010 ha riportato una nuova lesione. Il difensore potrebbe ritornare almeno in panchina nella sfida di Bari. Segnali confortanti arrivano, infatti, dal provino che il difensore ha tenuto con la Primavera, avendo giocato i novanta minuti. Con le assenze per squalifica di Cannavaro e Aronica, Santacroce può essere una valida alternativa per Mazzarri nel reparto arretrato. L’ex del Liverpool, invece, da quando è arrivato a Napoli a gennaio ha collezionato solo 6 presenze, subentrando qua-

si sempre a match iniziato. Qualche bella discesa sulla fascia sinistra si è vista ma nulla di più. Una serie interminabile di problemi fisici lo ha relegato al ruolo di seconda linea in un reparto rimasto per lungo tempo senza un vero titolare. Ora il tecnico azzurro punterà sul recupero di Dossena per occupare la fascia mancina. Se però non dovesse farcela, Mazzarri potrebbe optare per il modulo 3-5-2, schierando Hamsik a centrocampo con Bogliacino o Rullo sulla sinistra. Una stagione travagliata potrebbe ancora riservare loro la possibilità di contribuire all’obiettivo della squadra, conquistare cioè l’Europa. Da fantasmi potrebbero diventare gli uomini in più del Napoli, avendo risorse fresche e motivazioni da vendere. Donatella Ucci


4

Mercoledì 14 aprile 2010

Il Ventura calcio show G

iampiero Ventura, genovese, classe 1948; il suo Bari, per almeno un girone intero, ha mostrato il calcio più fresco e spumeggiante del campionato. Un 4-4-2, il suo, che si sovverte spesso in 4-2-4, ma non ditelo troppo in giro, che poi nessuno gli crede, al vecchio Giampi. E’ rimasta negli annali la frase che disse alla conferenza stampa di presentazione come allenatore dei pugliesi, appena ritornati in A dopo 8 anni: “Alleno per libidine”. Già, perchè il suo calcio è innanzitutto divertimento e poi voglia di stupire, i tifosi e i giocatori stessi, chiamati ad applicare con il massimo entusiasmo i suoi schemi. Due tocchi e via, fughe in velocità, tagli e sovrapposizioni; e poi c’è quella strana espressione “far frullare la palla”, e siamo sempre da quelle parti, divertire e divertirsi. Ha dato il meglio di sé, Ventura, nelle squadre di mare, e forse per lui, ligure di nascita, non è un caso; a Lecce compie un autentico miracolo, doppio salto dalla C1 alla A in soli due anni, poi fa bene a Cagliari, con cui nel ‘98 esor-

Giampiero Ventura, 48 anni, alla prima stagione a Bari

disce in massima serie. Non gli porta fortuna invece Napoli; ha l’onore di inaugurare l’era-De Laurentiis, sebbene in C1, ma non lega troppo con ambiente e dirigenza e a inizio 2005 fa le valigie, lasciando il posto a Edy Reja. Dopo una retrocessione al Verona (ma era subentrato in corsa all’esonerato Ficcadenti), nel 2007 approda al Pisa, neopromosso in B. Il suo gioco frizzante conquista ben presto la tifoseria; gli sarà fatale però un filotto di quattro sconfitte consecutive. E’ storia di oggi il suo ingaggio da parte del Bari; i biancorossi, che si erano appena separati, più o meno consensualmente, da Antonio

Conte, l’artefice del ritorno in A, decidono di puntare sul maestro e ispiratore dello stesso tecnico leccese, appunto Ventura. Il suo Bari incanta tutti nella prima parte di stagione, mettendo in luce talenti dal sicuro avvenire come i due centrali Ranocchia e Bonucci e mostrando un gioco corale non comune nel panorama calcistico nostrano. La sua azione perfetta: “Venti-venticinque passaggi di fila senza far toccare il pallone all’avversario e fare gol”. Perchè il calcio, per lui, è un gioco; e deve essere maledettamente divertente. Alessandro Basile

«Domenica ci proveremo ma troveremo di fronte un Napoli arrabbiato. Auguro agli azzuri di centrare la Champins» Giampiero Ventura Napolinelpallone


5

Mercoledì 14 aprile 2010

Napoli, regalo nerazzurro Arriva un regalo nerazzurro a tirare un pò su il morale del Napoli. Ad impacchettarlo è stata l’Inter di Mourinho. I campioni d’Italia grazie ad una rete di Samuel Eto’ si qualificano alla finale di Coppa Italia e aumentano le possibilità di accedere all’Europa League per la settima classificata in campionato. A mettere il fiocco sul pacco regalo dovrà essere ora la Roma che la prossima settimana affronterà l’Udinese nel ritorno della seconda semifinale di Coppa Italia. Se i giallorossi dovessero riuscire a conservare il 2-0 dell’andata ecco che si spalacherebbero le porte dell’0Europa per la squadra che arriverà al settimo posto in campionato. Buone notizie quindi per gli azzurri, che però ora rinfrancati nel

I

morale dovranno dare l’assalto a piazzamenti di prestigio maggiore rispetto al settimo posto. Tornando alla gara di stasera, la Fiorentina ha provato a ribaltare l’1-0 dell’andata ma fin dalle prime battute si è visto che la squadra di Mourinho era determinata ad approdare in finale e forse a dare un segnale anche al campionato dopo il sorpasso della Roma. Dopo un primo tempo ricco di emozioni ma senza gol ecco che Eto’ al 13’ della ripresa batte Frey e infrange i sogni viola di rimonata. Da segnalare a fine gara un brutto episodio che ha visto coinvolto Snejder. L’olandese mentre abbandonava il campo ha rivolto il gesto dell’ombrello alla tribuna, circostanza smentita poi dal-

Clamoroso a Cagliari: esonerato Allegri

naspettata svolta in casa del Cagliari. La società rossoblù ha, infatti, esonerato il tecnico Allegri dopo le deludenti prestazioni delle ultime settimane. L’esonero del tecnico arriva a sole cinque giornate al termine del campionato con i sasrdi in una posizione di classifica tranquilla (40 punti, più nove dalla terzultima). Questo il comunicato con cui il club ha annunciato la decisione: “Il Cagliari Calcio comunica di aver sollevato dall’incarico Massimiliano Allegri . La guida tecnica verrà affidata all’allenatore della Primavera Giorgio Melis, coadiuvato da Gianluca Festa. Ad Allegri vanno i ringraziamenti per il lavoro svolto e i migliori auspici per il proseguo della carriera”.

Napolinelpallone

lo stesso giocatore a fine gara: «È una grande bugia, non ho fatto alcun gesto offensivo nei confronti dei tifosi viola uscendo dal campo, stavo solo scherzando con i miei compagni». Ora per i nerazzurri c’è da affrontare la Juventus venerdì sera, in una sfida da vincere a tutti i costi per riprendersi la vetta del campionato.

Roma: recupera Juan

I

nizia oggi la settimana del derby per la squadra giallorossa; la Roma è tornata ad allenarsi a Trigoria. Presente regolarmente Juan: il brasiliano riprenderà il suo posto al centro della difesa. Il segreto del recupero sull’Inter? È Mirko Vucinic a svelarcelo: «Poche squadre al mondo avrebbero fatto quello che abbiamo fatto noi: raggiungere l’Inter e addirittura superarla. L’importante è continuare così e avere la testa giusta, quella che abbiamo avuto negli ultimi mesi. La forza è venuta dal nostro gruppo, che ci ha tirato fuori dai guai. Adesso nello spogliatoio si respira un’aria frizzante».


Segui le emozioni azzurre su

il primo quotidiano dedicato interamente alla tua squadra del cuore www.napolinelpallone.it


Napoli nel Pallone_14 aprile