Page 1

M O V I M E N T O

G I O VA N I L E

F R A N C E S C A N O

Newsletter Mensile PER TUTTO IL POPOLO Quale migliore e più efficace segno della credibilità dell’annuncio di cui siamo portatori possiamo dare al “popolo” se non quello della nostra umanità trasformata dall’accoglienza di Gesù e della sua salvezza? Pagina 1

D I

S I C I L I A

Gennaio 2013 UNA GIOIA PER TUTTI Le Porziuncole di Enna, Pergusa e Catenanuova. Pagina 7 CHRISTMAS WORSHIP Come ad ogni worship del Gruppo Jubilate, anche a Noto il canto si è fatto annuncio, testimonianza, preghiera e adorazione. Pagina 3

VERSO RIO DE JANEIRO Anche i giovani siciliani si stanno preparando a partecipare alla GMG di Rio de Janeiro. Pagina 5

NATALE CON I DISCIPLES A Palermo-Noce giovani e adolescenti del Disciples Project insieme per un Natale di evangelizzazione e testimonianza della carità. Pagina 6

EVENTI Le Notti di Nicodemo e il Corso “Gesù nei 4 Vangeli”. Pagina 5 e 7 LA BACHECA Gli appuntamenti del mese di gennaio. Pagina 8

L’angelo che   reca   l’annuncio   del   gioioso   evento   della  nascita   nella   car-­‐ ne   del   Figlio   di   Dio   dice   ai  pastori   che   tale   gioia   non   è   solo   per   loro   ma   anche   per   tu9o   il   popolo   (cfr   Lc   2,11).  È  per   i  pastori  che  veglia-­‐ no   so2o   le   stelle   le   greggi   come  per  quan6,  chiusi  nelle   loro   case,  non   hanno   aper-­‐ to   le   porte   al   bussare   di   Dio.  È   per   Erode,   che   te-­‐ me   questo   discendente   della  casa  di  Davide  come   un   usurpatore   del   suo   potere,  come   per   i   sacer-­‐ do6  che  tengono   in  mano   le   redini  e  le   sor6  del   po-­‐ polo  di  Dio.  È  per  gli  scribi   che   pur   conoscendo   me-­‐ diante   la   Scri2ura   il   luogo   della  venuta  del   Messia   non   si  vi  si  recano  insieme   ai   magi   a  cui   hanno   dato  le   giuste  indi-­‐ cazioni,   come   per   i   farisei,   che   si   ritengono   così  gius6  da  non   sen6re  il   bisogno  di  farsi  suoi  discepoli.

PER TUTTO IL POPOLO Newsletter - Gennaio 2013

1


M G F

S I C I L I A

È per   i   pubblicani,   le   pros6tute,   i   lebbrosi   e   per   quan6   sono   esclusi  a  priori  da  una  qualunque   sorta   di  relazione  con  Dio  e  tanto   meno  da  ogni  possibilità  di   salvezza.   È  per   i   poveri,  i  sordi,  i  ciechi,   gli   storpi   e   quan6,  feri6   nella   propria   umanità,   sono   costreC   ai   margini   della  vita   e  della  società.  Ma  è  anche  per   quei   ricchi  sordi   e   ciechi   nei   confron6  del   grido   degli   oppressi.  È   per   gli   sfiducia6   come  per   quan6  confidano  unicamente  in  sé  stessi  e   nelle  proprie   capacità,  intelligenza  e  forza.  La  gioia  del  Natale   è   per   tu2o   il   po-­‐ polo,  quella  porzione  di   popolo  di  Dio   che  è  Israele,  chiamato,  per   elezione  di   Dio,  ad  essere  luce  per   tu2e  le   gen6  affinché   formino   l’unico  e  universale  –  ca2olico!  –  popolo  di  Dio. InfaC,  come  l’annuncio   al   popolo  di   Israele   che  è  nato  il   Salva-­‐ tore   par6rà   da   un   campo   di   pastori   situato   fuori   le   mura   di   Be-­‐ tlemme,  così,  circa   trentatrè   anni   dopo,   da   un   giardino   fuori   le   mura  di   Gerusalemme   par6rà  l’annuncio   che   il   Salvatore  ha   com-­‐ piuto  la  sua   opera,  un   annuncio  des6nato  a  raggiungere  tuC  i   po-­‐ poli  fino  ai  confini  della  terra. Ma   tutto   parte   da   uno   sparuto   e   quanto   mai   improbabile   gruppo   di   uomini.  A   Betlemme   sono  i  pastori  -­‐   gente  considera-­‐ ta   losca,   impura,   destinata   a   vivere   ai   margini   della  società   -­‐  a   ricevere  e   a   diffondere  l’annuncio   della  nascita  del  Salvatore.  A   Gerusalemme   i   destinatari   e   i   messaggeri   dell’annuncio   della   Salvezza   saranno   prima   le   donne   –   considerate   inattendibili   –   tra  cui   Maria  di   Magdala,   da  cui   erano   usciti   sette   demoni;  poi   pescatori,   ex   pubblicani,   zeloti…   non   proprio   gente   affidabile   sotto   l’aspetto  religioso,  nella  pratica  cultuale  e  nella  conoscen-­‐ za  delle  Scritture. Eppure   sono  i   pastori   a   portare   il  lieto   annuncio   alla  città   e   alle   case  che  hanno  chiuso  le  porte  al  Figlio  di  Dio,  così  come  Pietro   e  gli  

2

N E W S L E T T E R

altri porteranno  l’annuncio  della  Salvezza  per  primi   proprio  a  coloro   che  lo  hanno  voluto  togliere  di  mezzo  consegnandolo  alla  morte. Se,  dunque,  noi  –  miseri  e  peccatori,  come  direbbe  San  Francesco   –   abbiamo   sperimentato   la  gioia  dell’incontro   con   il   Salvatore   e  la   sua  salvezza,  non   possiamo  non   fare  nostra  la  missione   di   portare  e   condividere   tale  gioia  con   coloro   che  non   lo  hanno   accolto,  che  gli   hanno  chiuso  le  porte,  che  lo   hanno   lasciato   fuori  dalla  propria  vita   e  che  ogni  giorno  lo  crocifiggono  con  il  proprio  volontario  rifiuto. La   gioia  della  salvezza   è   per   tu2o   il   popolo   di   Dio   e   per   tuC   i   popoli   che  non   lo  conoscono   né  lo  a2endono  e  noi,  non   gli  angeli   del  cielo,  ne  siamo  cos6tui6  messaggeri. Come  ai  pastori  viene  dato  un  segno   da  essi  ben  comprensibile,   alla  loro  portata,  cioè   la  mangiatoia;  come  ai   magi  –   scrutatori   dei   cieli   –  viene  dato  il   segno  della  stella  ad  essi  ben  conosciuto;   come   a  Pietro,   pescatore,  viene  dato   il   segno   della  rete  piena  di   pesci…   così   agli   uomini   di   oggi,   ai   nostri   amici,  colleghi   e   familiari   viene   dato   un  segno   ad   essi   ben  conosciuto   e   comprensibile:  noi   stessi,   figli   di   ques6   tempi   e   di   questa   società   e   cultura   scris6anizzate.   Quale   migliore  e  più   efficace   segno  della  credibilità  dell’annuncio   di   cui   siamo   portatori   possiamo   dare   al   “popolo”   se   non   quello   della  nostra   umanità   trasformata  dall’accoglienza   di   Gesù   e   della   sua  salvezza? Carissimi   fratelli   e   sorelle,  discepoli   di   Cristo,  ciò   che  abbiamo   visto,  udito,  toccato,  contemplato…  è  “per   tu2o  il  popolo”!  Nessu-­‐ no   deve  esserne   escluso  a  priori.  Iniziamo   il  nuovo   anno  con   que-­‐ sta  consapevolezza   e   con  la  gioiosa  determinazione  e   parresia  dei   pastori   e   degli   apostoli:   Noi   non   possiamo   tacere  quello   che   ab-­‐ biamo  visto  e  ascoltato  (At  4,20).  Buon  Anno! fra’  Saverio  Benena9

Newsletter - Gennaio 2013


M G F

S I C I L I A

N E W S L E T T E R

JUBILATE CHRISTMAS WORSHIP Non c’era  regalo  più  bello  che  il  Gruppo  Jubilate  potesse  con-­‐ dividere  in  questo  tempo  che  precede  il  Natale  se  non  quello   della  fede  in  un  Dio  che  si  consegna  totalmente  nelle  mani   dell’uomo  come  la  fiamma  che  si  accosta  allo  stoppino  per-­‐ ché  la  candela  si  illumini. Guidati,  infatti,  dalle  parole  del  Prologo  del  Vangelo  secondo   Giovanni  –  “Il  Verbo  si  è  fatto  carne  e  venne  ad  abitare  in   mezzo  a  noi.  A  quanti  lo  hanno  accolto  ha  dato  potere  di   diventare  figli  di  Dio”  (Gv  1,14.12)  –  all’interno  dell’artistica   basilica  del  SS.  Salvatore  di  Noto,  il  Gruppo  Jubilate  ha   proposto  il  Worship  di  Natale  a  una  folla  di  centinaia  di   giovani  e  adulti  provenienti  non  solo  dalla  città  ospitante   ma  anche  da  centinaia  di  chilometri  di  distanza,  dal-­‐ l’estremo  occidente  e  dal  centro  della  regione. Come  ad  ogni  worship  del  Gruppo  Jubilate,  il  canto  si  è   fatto  annuncio,  testimonianza  ma  soprattutto  preghiera   e  adorazione:  tre  ore  di  full-­‐immersion  nel  mistero  del-­‐ l’incarnazione,  nello  “scandalo”  di  un  Dio  che  si  fa  carne  in  Gesù  il   Cristo,  che  non  ha  disdegnato  di  spogliarsi  della  sua  gloria  divina  per   assumere  la  condizione  di  servo,  umiliandosi  fino  alla  morte  di  croce   per  la  salvezza  dell’uomo.  Ma  anche  vittorioso  sul  peccato  e  sulla   morte  e  vincente  in  eterno,  ancora  presente  in  mezzo  a  noi  nel  suo   vero  corpo,  nell’Eucaristia. Emozionante  il  gesto  unanime  dei  partecipan6  che  hanno  aperto  le   proprie  mani  rivolgendole  a  Gesù-­‐Eucaris6a;  mani  spesso  chiuse  e   aggrappate  alle  cose  del  mondo,  perfino  al  proprio  peccato,  povere   e  sporche  come  una  mangiatoia,  ma  scelte  da  Dio  come  capaci  di  

Newsletter - Gennaio 2012

acco-­‐ gliere la  sua  nascita  nella  carne.   Dio,  infaC,  non  è  venuto  a  cercare  i  gius6  ma  a  chiamare   i  peccatori  a  salvezza.  Allora  il  Natale  non  è  altro  che  una  faccia   della  stessa  medaglia;  l’altra  è  la  consegna  che  Gesù  stesso  farà  del   suo  corpo,  caricato  del  peccato  del  mondo,  nelle  mani  degli  uomini   e,  appeso  al  legno  della  croce,  nelle  mani  del  Padre. L’accoglienza  della  sua  salvezza  consiste,  quindi,  nel  consegnare  noi   stessi,  la  nostra  umanità,  il  nostro  peccato,  ai  suoi  piedi  perché  Egli   ci  faccia  rinascere  a  nuova  vita  in  lui  e  con  lui  per  sempre.

3


M G F

S I C I L I A

Per tre  ore  è  risuonato  tra  le  mura  della  basilica  ne6na  questo  mes-­‐ saggio,  con  una  sequenza  di  can6  e  preghiere  che  hanno  portato   tan6ssimi  giovani  ai  piedi  di  Gesù  per  affidargli  la  propria  vita  ed   iniziare  così  un  nuovo  percorso  da  uomini  liberi  e  libera6  dalla  schia-­‐ vitù  del  peccato.

Chi si  aspe2ava  il  classico  concerto  di   Natale  forse  sarà  rimasto  deluso  nelle  proprie  aspe2a6ve  ma,  come   disse  Pietro  al  Sinedrio,  “noi  non  possiamo  tacere”  ciò  che  abbiamo   sperimentato  né  tanto  meno  frenarlo,  cioè  l’esperienza  di  un  Natale   che  si  perpetua  nel  cuore  di  chi  è  disponibile  ad  accogliere  Gesù   nella  propria  vita:  Natale  e  Pasqua  sono  inscindibili!  San  Francesco,   quando  parlava  del  mistero  eucaris6co,  memoriale  del  sacrificio  di   Gesù,  lo  rapportava  sempre  all’evento  dell’incarnazione,  del  Verbo   che  si  fa  carne  per  restare  per  sempre  in  mezzo  a  questa  umanità,   come  luce  che  splende  nelle  tenebre  del  mondo. Il  momento  dell’affidamento,  che  ha  coperto  circa  la  metà  della  sera-­‐ ta,  è  stato  il  centro  e  il  culmine  dell’evento,  come  ogni  worship  di   evangelizzazione  che  il  Gruppo  Jubilate  da  circa  un  anno  sta  propo-­‐ nendo  in  varie  ci2à  della  regione.  È  un  momento  importante  e  vitale   per  chi  si  decide  a  cambiare  vita  per  ripar6re  con  Gesù  ed  è  un  mo-­‐ mento  di  gioia  per  la  comunità  cris6ana  che  accompagna  con  la  pre-­‐ ghiera  e  sperimenta  con  i  propri  occhi  la  potenza  del  Vangelo  e  i   prodigi  del  Signore.  Sono,  infaC,  sopra2u2o  gli  adul6,  che  seguono   spesso  con  i  propri  figli  gli  even6  musicali  del  Gruppo  Jubilate,  che   condividono  la  gioia  di  vedere  dei  giovani  che  acce2ano  di  diventare   discepoli  di  Cristo  e  di  lasciarsi  condurre  dalla  sua  Parola.  E  come   potrebbe  essere  altrimen6,  quando  si  può  constatare  con  i  propri  

4

N E W S L E T T E R

occhi che  Gesù  è  vivo  e  la   Nuova  Evangelizzazione   non  è  solo  una  bella   espressione  dei  docu-­‐ men6  della  Chiesa  bensì   una  realtà  viva?  Che  è   possibile  un  mondo   diverso,  grazie  ad  una   generazione  di  giovani   che  lodano  il  Signore,   che  si  affidano  al  Van-­‐ gelo  anziché  alle  logi-­‐ che  inconsisten6  e  di   morte  della  cultura   secolarizzata  odier-­‐ na?  Che  Gesù  nulla   toglie  ma  tu2o  tra-­‐ sforma  e  arricchi-­‐ sce?  Come  diceva  il   B.  Giovanni  Paolo  II,   sono  proprio  ques6   giovani  la  speranza  della  chiesa  e  del  mondo!  E  di   ciò,  coloro  che  veramente  tengono  ai  valori  del  Vangelo,  che  deside-­‐ rano  una  chiesa  e  un  mondo  rinnova6,  non  possono  non  gioirne. Questo  miracolo,  che  si  è  ripetuto  a  Noto  e  che  è  sempre  opera  di   Gesù  e  del  suo  santo  Spirito,  è  stato  reso  possibile  dalla  generosa   disponibilità  degli  oltre  o2anta  componen6  del  Gruppo  Jubilate,  tra   coris6  e  strumen6s6,  e  dal  sogno  che  è  diventato  impegno  e  sacrifi-­‐ cio  dei  giovani  della  nascente  Porziuncola  di  Noto,  tra  cui  lo  stesso   dire2ore  Francesco  Parisi. Dal  venerdì  pomeriggio,  ospi6  nei  locali  del  seminario  diocesano,  i   jubila6ni  si  sono  alterna6  tra  prove,  fraternità  e  preghiera:  intensa   l’adorazione  eucaris6ca  vissuta  alla  vigilia  come  momento  di  prepa-­‐ razione  spirituale  all’evento.  Gradi6ssimo  anche  il  prezioso  interven-­‐ to  del  Vescovo,  S.E.R.  Mons.  Antonio  Staglianò,  che  ha  rivolto  parole   di  gra6tudine  ai  giovani  del  Jubilate,  esortandoli  a  dare  sempre  di   più,  sopra2u2o  nel  quo6diano,  nelle  proprie  ci2à,  con  una  carità   faCva  nei  confron6  dei  poveri  e  degli  ul6mi  che  sempre  e  sopra2ut-­‐ to  ci  qualifica  come  cris6ani. Adesso  per  i  giovani  di  Noto,  ma  non  solo,  dopo  la  “semina”  del   Christmas  Worship,  è  iniziato  il  tempo  della  col6vazione  e  della  pa-­‐ ziente  a2esa  dei  fruC  che  sono  cer6  e  saranno  abbondan6,  poiché  il   Signore  Gesù  stesso  ha  promesso  il  cento  per  uno!  Per  tuC  i  giovani   del  Jubilate  e  del  Movimento  Giovanile  Francescano  di  Sicilia  l’ap-­‐ puntamento  è  per  l’MGFest  tra  circa  tre  mesi.  Stay  tuned!

Newsletter - Gennaio 2013


M G F

S I C I L I A

N E W S L E T T E R

VERSO RIO DE JANEIRO Mancano ormai   sette   mesi   alla   GMG   2013  che  si  terrà  questa  estate  in   Bra-­‐ sile  a  Rio  de  Janeiro  ed  anche  i   giovani   siciliani  MGF  stano  rispondendo   all’in-­‐ vito   del   Ministro   Generale   dei   Frati   Minori   Conventuali   di   partecipare   al-­‐ l’evento   come   unico   gruppo   interna-­‐ zionale   che   fa   riferimento,   appunto,   alla  Pastorale  Giovanile  francescana. Ad   accompagnare   i   giovani  della  Sici-­‐ lia   ci   sarà   fra’   Salvatore   Cannizzaro   che,   oltre   a   provvedere   agli   aspeC   organizza6vi   a   par6re   dalle   iscrizioni   che   man   mano   gli  saranno   comunica-­‐ te   e   confermate,   ha   incontrato   nei   giorni   preceden6  il   Natale   alcuni   dei   partecipan6  della  Sicilia  orientale. Grande   è   la   gioia  per   la  possibilità  di   essere   protagonis6   di   questa  par6co-­‐ lare   esperienza   di   Chiesa   universale,   radunata   a2orno   al   Santo   Padre   quale  segno   visibile   della  comunione  ca2olica.  Ma   accanto   ai   giorni   di   visita  dei   luoghi   e  quelli   pre2amente   lega6  alla   GMG,   per   i  giovani  italiani  è  prevista  anche   una   seCmana  di   esperienza   missionaria  con  i  fra6  nella  ci2à   di  Salvador,  nello   stato   brasiliano   di  Bahia.  Saranno  ven6qua2ro  giorni  indimen6cabili. Il   nostro   desiderio   e   obieHvo   è  che   da  ogni   nostra   sede   locale   partecipi   almeno   un  giovane  rappresentante  che  al  ritorno  possa  

condividere la   ricchezza   dell’esperienza   vissuta   in   Brasile.   Una   sfida  che  dobbiamo  accogliere  con   coraggio  ed   entusiasmo,  anche   se  ciò   comporterà  un  sforzo  non  indifferente   nel  sostenere  anche   le  spese  del  proprio  giovane  rappresentante  all’evento. Tu9e  le  informazioni   sul  programma,  i   cosK,  ecc.  sono   disponibili   nel   nostro   sito   web   mgfsicilia.org   dove   troverete  anche  i   recapi6   per  me2ersi  in  conta2o  personalmente  con  fra’  Salvatore  per  ulte-­‐ riori  informazioni  e  le  a2ese  iscrizioni.

LE NOTTI DI  NICODEMO ENNA – Chiesa S. Francesco d’Assisi

quei giovani   che   per   varie   ragioni   vivono   ai   margini   o   totalmente   distanti   dall’esperienza   cristiana. L’edizione   2013   delle   NoC   di   Nicodemo   si   terrà   ancora   una   volta   nella   ci2à   di   Enna,   presso  la   Chiesa   di   San  Francesco,  mentre  non   sarà  ripetuta  a  Palermo  per   lasciare  spazio   al   ciclo   di   catechesi   sulle   Dieci   Parole  che  da   novembre   si   stanno   tenendo   seCmanalmente   presso   la   Chiesa   del   Sacro   Cuore   e   a   cui  stanno  già  partecipando  numerosi  giovani   del   capoluogo  e  del   suo  interland. A  differenza  della  prima  edizione,  gli   appuntamen6  di   quest’anno   saranno   quindicinali   così   da   terminare   con   il   Corso   Nuova   Vita   previsto  a  Pergusa  dal  12  al  14  aprile.

Alle ore 21.00 di ogni secondo e quarto martedì del mese. 15 e 29 gennaio 12 e 26 febbraio 12 e 26 marzo

Ripartono questo  mese  le  Notti  di  Nicodemo,   il  ciclo  di  annuncio  kerygmatico  rivolto  ai  gio-­‐ vani  che  tanto   successo   ha  riscosso   lo   scorso   anno   nelle  due  città  di  Palermo  ed   Enna   che   le  hanno   ospitate  in   via  sperimentale. Proprio  a  partire  dall’esperienza  della  prima  edizione,  avendo  veri-­‐ ficato  i  risultati  e  analizzato   i  punti  di  forza  e   di  debolezza  di  questa   attività   di   primo   annuncio   interamente   targata   MGF,   sono   state   apportate   delle  piccole  modifiche  e   correzioni  di  tiro  con   l’obiettivo   di  essere  più  semplici  e  diretti   nella  proposta  del  Vangelo   di  Cristo  a   Newsletter - Gennaio 2013

5


M G F

S I C I L I A

N E W S L E T T E R

A Palermo-Noce giovani e adolescenti del Disciples Project insieme per un Natale di evangelizzazione e testimonianza della carità.

NATALE CON I DISCIPLES Erano tan6ssimi  anni  che  il  palcoscenico  del  teatro  parrocchiale   della  Chiesa  del  Sacro  Cuore  alla  Noce  in  Palermo  non  veniva  cal-­‐ cato  dai  giovani.  Perciò  il  Christmas  Show  messo  in  scena  il  pome-­‐ riggio  di  domenica  23  dicembre  dai  giovani  delle  due  Porziuncole   locali  e  dai  neona6  Teens  del  Disciples  Project  aveva  tu2o  il  sapore   di  un’orgogliosa  rinascita. Lo  spe2acolo,  cara2erizzato  dal  tema  natalizio,  aveva  come   principale  obieCvo  la  condivisione  dell’esperienza  di  fede  vissuta   grazie  al  Proge2o  Discepoli.  Per  quasi  un’ora  e  mezza  i  giovani  di-­‐ sciples  si  sono  cimenta6  sul  palco  con  mimi  di  evangelizzazione  e   can6,  di  cui  alcuni  accompagna6  da  splendide  coreografie,  al  fine   di  condividere  la  gioia  dell’incontro  con  Gesù  nella  Chiesa  sia  ai   genitori  e  i  numerosi  paren6  sia  ai  compagni  di  scuola  egualmente   presen6  nel  salone  parrocchiale.  Al  termine,  commossi  ed  entusia-­‐ s6  sia  gli  eccezionali  giovani  disciples,  sia  sopra2u2o  gli  spe2atori   che  hanno  ricevuto  un  messaggio  forte  di  fede  e  di  fraternità,  no-­‐ nostante  la  semplicità  della  proposta. Una  esperienza  che  è  arrivata  al  termine  di  un  mese  circa  di   preparazione  e  grazie  alla  collaborazione  della  fraternità  locale   OFS  insieme  alla  quale,  proprio  la  domenica  dello  spe2acolo,  i  

disciples hanno  vissuto una  giornata  di  ri6ro  spirituale.  OFS  e  Disciples  a  Palermo-­‐Noce,   come  in  altre  sedi,  camminano  insieme  nella  s6ma  reciproca,  nella   collaborazione  agli  even6,  nella  cura  delle  liturgie  domenicali  e   nella  preghiera  mensile  (il  terzo  martedì  di  ogni  mese)  ai  piedi  di   Gesù  Eucaris6a. L’aCvità  di  nuova  evangelizzazione  di  domenica  23  è  diventata  il   giovedì  successivo  tes6monianza  di  carità,  quando  gli  stessi  disci-­‐ ples  (adolescen6  e  giovani)  hanno  trascorso  una  giornata  con  i   bambini  della  vicina  casa-­‐famiglia  ges6ta  dalle  Suore  Figlie  della   Misericordia  e  della  Croce.  Bambini  con  gravi  problemi  familiari   alle  spalle,  già  feri6  dagli  adul6  e  dalla  società  in  tenerissima  età,   con  i  quali  i  disciples  della  Noce  hanno  giocato,  condiviso  nel  servi-­‐ zio  il  pranzo  e  per  i  quali  hanno  proposto  con  gioia  can6  e  balli.   Non  un  evento  straordinario  ed  isolato  in  quanto  la  compagnia  e   l’animazione  nella  casa-­‐famiglia  è  un  impegno  stabile  realizzato  già   da  tempo  dai  giovani  delle  Porziuncole,  poiché  non  può  esserci   vero  cammino  di  fede  che  non  si  faccia  annuncio  e,  sopra2u2o,   carità  fraterna  verso  gli  ul6mi  e  i  poveri.  In  tu2o  ciò  i  Disciples  di   Palermo-­‐Noce,  Teens  compresi,  prome2ono  bene.  Complimen6!

NUOVO SITO WEB E NUOVA PAGINA FACEBOOK DEI TEEN-DISCIPLES http://mgfsicilia.xoom.it/dp/teendp - www.facebook.com/teendisciplesmgf 6

Newsletter - Gennaio 2013


M G F

S I C I L I A

N E W S L E T T E R

Nei giorni  immediatamente  dopo   il  Natale  le  Porziuncole  della  pro-­‐ vincia  di  Enna  hanno  avuto  la   gioia  di  incontrarsi  attorno  alla   Parola  e  alla  presenza  dell’Assi-­‐ stente  Regionale,  fra’  Saverio,   per  condividere  la  gioia  della   sequela  di  Cristo  e  le  meraviglie   che  Egli  compie  mediante  l’ope-­‐ ra  di  evangelizzazione.

UNA GIOIA PER TUTTI La sera  del  27  dicembre,  nei  locali  della  Parrocchia  del  SS.   Crocifisso  di  Pergusa  si  sono  incontrati  quasi  tutti  i  trenta   membri  delle  tre  Porziuncole  di  Enna,  Enna  Bassa  e  Pergu-­‐ sa  (foto  in  alto)  con  i  quali  si  è  condivisa  la  gioia  del  vivere   come  un’unica  comunità  attorno  a  Gesù  e  con  i  frati  che   guidano  le  due  comunità  ecclesiali  di  Enna  e  Pergusa. La  sera  del  28  dicembre  è  stata  la  volta  dei  giovani  di   Catenanuova  (foto  accanto),  impegnaH  come  i  pergusini   oltre  che  nel  discepolato  e  nell’evangelizzazione  anche   nel  ministero  liturgico-­‐musicale  in  parrocchia  e  nella   guida  dei  neonaH  Teen-­‐Disciples. La  visita  dell’Assistente  Regionale  è  stata  moHvo  per   tuM  per  riconfermarsi  nell’impegno  a  vivere  con  gioia   da  veri  discepoli  e  apostoli  di  Cristo  per  rispondere  con   convinzione,  sulla  scia  di  Francesco  d’Assisi,  al  mandato   di  restaurare  la  sua  Chiesa.

GESÙ NEI 4 VANGELI PERGUSA, 25-27 GENNAIO 2013

PRIM

A PAR TE

Questa è la vita eterna: che conoscano te, l’unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo. Gv 17,3

Info e iscrizioni online:

www.mgfsicilia.org Newsletter - Gennaio 2013

7


M G F

S I C I L I A

CALENDARIO MGF

N E W S L E T T E R

GESÙ NEI QUATTRO VANGELI

in evidenza

7/11 gennaio ad Assisi Incontro Naz.le per responsabili e operatori PGV OFM Conv.

Matteo, Marco,  Luca  e  Giovanni  sono  i  quattro  evangelisti   che  ci  hanno  consegnato  non  solo  un  “resoconto  accurato”   dei  fatti  ma  soprattutto  la  loro  esperienza  personale  di   Gesù.  Ogni  evangelista  ha  dipinto  Gesù  con  un  colore  ben   preciso.  Solo  uno  sguardo  a  tutti  e  quattro  ci  potrà  permet-­‐ tere  di  venire  a  contatto  con  il  vero  Gesù.

NOTTI DI NICODEMO

aio 12/13 genn Fra. egionale Gi. Consiglio R

In questo  corso  i  quattro  evangelisti  ci  presteranno  le  loro   lenti  per  vedere  Gesù  come  essi  lo  hanno  visto  e  dipinto  nei   loro  scritti.

15 e 29 gennaio ad Enna

ADORAZIONE EUCARISTICA MENSILE Catenanuova 2 gennaio Catania 3 gennaio Marineo, 4 gennaio Pergusa, 4 gennaio Trapani 11 gennaio Palermo 15 gennaio Messina 17 gennaio

25/27 ge nnaio a Pergusa CORSO “ GESÙ NE I QUATTR O VANGE LI”

200° CAPITOLO GENERALE Dal 18 gennaio al 19 febbraio 2013, nel Sacro Convento di Assisi, i rappresentanti dei frati di tutto il mondo si incontreranno per il 200° Capitolo Generale. Esso è un tempo di grazia per una attenta verifica e programmazione della vita del Primo Ordine e per eleggere (o rieleggere) il Ministro Generale (l'attuale, fra' Marco Tasca, è il 119° dopo San Francesco). Accompagniamoli con la nostra preghiera!

Dove ci  condurrà  questo  corso?  Sicuramente  a  una  cono-­‐ scenza  più  profonda  e  migliore  della  figura  di  Gesù.  Sicura-­‐ mente  ci  condurrà  a  fare  un’esperienza  di  Lui  attraverso   l’esperienza  che  i  quattro  evangelisti  hanno  fatto  di  Lui.  Ci   condurrà  ad  amarLo  per  poterLo  servire  e  pregare.  Soprat-­‐ tutto  ci  condurrà  a  toccarlo  con  le  nostre  mani  e  a  lasciarci   toccare  da  Lui  affinché  possiamo  andare  ad  annunciarlo  sino   ai  confini  del  mondo. Dal  25  al  27  gennaio  sarà  vissuta  la  prima  parte  del  Corso   (Vangeli  di  Matteo  e  Marco).    La  data  per  la  seconda  parte   del  Corso    (Vangeli  di  Luca  e  Giovanni),  prevista  inizialmen-­‐ te  dal  22  al  24  febbraio,  per  la  coincidenza  con  la  tornata   elettorale,  sarà  stabilita  e  comunicata  al  più  presto.  Si  ri-­‐ chiede  comunque  la  disponibilità  a  partecipare  ad  entram-­‐ be  le  parti  del  Corso! Per  iscriversi  al  Corso  occorre  inviare  la  propria  adesione   mediante  il  modulo  online  presente  in  questa  pagina  oppure   chiamando  lo  091  8725133  (fra’  Saverio).  Per  favorire  una   partecipazione  attenta  e  fruttuosa,  i  posti,  come  sempre,   sono  limitati  ad  una  sessantina  di  iscritti.  Occorre  aver  parte-­‐ cipato  almeno  al  Corso  Nuova  Vita. GESÙ  NEI  QUATTRO  VANGELI  (PRIMA  PARTE)       Pergusa,  25-­‐27  gennaio  2013 Programma,  info  e  iscrizioni  su:  mgfsicilia.org

mgf-sicilia-on-line www.mgfsicilia.org il sito web ufficiale

www.facebook.com/MGFsicilia

CENTRO REGIONALE PER LA PASTORALE GIOVANILE E VOCAZIONALE OFM CONV. Convento S. Maria della Dayna Salita San Francesco 90035 Marineo Tel: 091 8725133 segreteria@mgfsicilia.org

2013 E C I FEL a reteri g e S dalla ia -Sicil F G M

← Questo è il mobtag (QR Code) del nostro sito web 8

Newsletter - Gennaio 2013

Gennaio 2013  

Newsletter mensile del Movimento Giovanile Francescano di Sicilia

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you