Issuu on Google+

www.ilcittadinodimessina.it

r.g. Salvatore Forestieri

n째 104 anno XI - 24 Gennaio 2013

il Cittadino

Palazzo Montecitorio

Elezioni politiche 2013

La marcia su Roma


Asterisco di Lillo Zaffino

L’avanzata dei pinguin

L

a presentazione delle liste per le prossime elezioni p di tutti i difetti di un sistema elettorale che, non a cas re i parlamentari nato male e cresciuto peggio, da tut o meno spietata da tutti i partiti. Dal 2005, consecutivame nalmente garantito e fondamentale nella concezione repu

popolo. Pur apprezzando il timido tentativo del PD, con

con le Parlamentarie, rimane improrogabile una riforma ele

esprimere la propria preferenza. In mancanz il naso di “montanelliana” memoria, a esercitare il d

lazione. Siamo obbligati a esprimere un giudizio su tanti ca

Una lunga fila di pinguini in marcia verso della colonia, sospinti dal naturale bisog

In questa realtà, non si possono che registrare soprusi, sce ma, tutti i sentimenti esistenti nelle corde degli strumenti Pirandello, sono andate in scena le migliori interpretazioni La Sicilia è stata il teatro che ha ospitato ogni genere di ra La tragedia, con la scena madre della “morte tua vi e Raffaele Lombardo per la conquista di un salvacondotto ne di un sistema di potere, insediato da vent’anni nella pro de Nania- Buzzanca- Formica: ai primi due è stata negata solidarietà ha lasciato il gruppo per aderire al movimento d Pdl peloritano riparte, anche se ridimensionato, da una nu Germanà e il sempre verde Nanni Ricevuto. Un nuovo a già sperimentato nel governo regionale e che si è consolida il duopolio di Giampiero D’Alia e Francantonio Genovese c autorevolezza i propri partiti. Un thriller del tipo mission im Lo Monte che, inabissatosi sott’acqua, è riemerso all’ultim invece, quella vissuta da Carmelo Briguglio che, dopo le forza nel Fli. E tutti sperano in un “vengo an

2

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


ni più uguali degli altri

olitiche nazionali è stato il momento culminante riassuntivo so, viene definito “porcellum”. Un metodo per eleggetti denigrato, ma ancora una volta impiegato in maniera più nte , i cittadini sono espropriati da un loro diritto costituzioubblicana dello Stato: la sovranità appartiene al

n le Primarie, e l’originale sistema virtuale del M5S di Grillo,

ettorale che riconsegni

agli italiani il diritto di

za di una riforma radicale, siamo costretti, magari turandoci

diritto-dovere del voto, anche se ha subito un’enorme mutiandidati e su persone mai viste né valutate.

o Roma, tutti uguali, che seguono il capo no di autoconservazione della specie.

elte non significative, vendette, tradimenti, delusioni: insomdi una complessa umanità. Come sempre, nella terra di . appresentazione. ta mea” che ha visto come protagonisti i fratelli Angelo o per Roma. Il psicodramma, con la repentina cancellazioovincia di Messina, poggiato sugli ex Msi-An- Pdl della triaa la candidatura per il Parlamento, il deputato regionale, per di Musumeci. Sgombrato il campo da potenziali avversari, il uova alleanza nata da nuovi equilibri: Enzo Garofalo, Nino ssetto di potere che presto si dovrà confrontare con quello ato nella leadership in occasione della formazione delle liste: he, al dì là di qualche scaramuccia in periferia, guidano con possibile quella interpretata come protagonista da Carmelo mo istante nella lista del Centro di Tabacci. Un’avventura, emorragie del partito, ha la necessità di misurare la propria

nch’io”.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

3


a cura di Marilena Faranda

I candidati per la Sicilia CANTIERE POPOLARE - Il capogruppo di Cantiere popolare all’Assemblea regionale siciliana Toto Cordaro e’ il capolista al Senato per la lista di Cantiere Popolare in Sicilia. Il deposito e’ avvenuto solo poco fa, prima della chiusura. Cordaroe’ seguito da Roberto Clemente, Rudy Maira e Innocenzo Leontini, ex Pdl. Al quinto posto c’e Marianna Caronia, ex candidata a sindaco di Palermo. Il partito non ha presentato liste per la Camera. Ma il leader Saverio Romano e’ stato candidato con il Pdl, in quota Pid-Cantiere popolare. GRANDE SUD-MPA - Questi candidati alla Camera per la Sicilia occidentale: Giuseppe Fallica, Antonino Rizzotto, Aldo Roberto Licata, Guglielmo Giovanni Salvatore Anastasi, Antonino Di Liberto, Antonella Pollina, Manola Albanese Albanese, Lorenzo Vella, Giovanna Munafò detta Stefania, Giuseppe Terenziano Di Stefano, Tiziana D’Alessandro, Giuseppe Eusebio Dalì, Francesco Brancato, Giuseppe Norfo, Michele Pergolizzi, Claudia La Sala, Calogero Adornetto, Barbara De Luca, Salvatore Di Liberto, Antonino Miccichè, Rosamaria Ingargiola, Girolama Dominici, Antonino Di Caccamo, Angelo Lo Presti, Valentina Cantavenera. Per Sicilia orientale: Scammacca Della Bruca Guglielmo I, Centaro Roberto, Colianni Paolo, Arcidiacono Giuseppe, Le Mura Nicola, Pesce Massimo, Galvagno Domenico Claudio, Cimino Sebastiano Diego, Capodieci Giuseppe, Brancato Ciro Antonio Maria, Floresta Federico, Rosa Sebastiano, Foti Santo, Calì Salvatore, Caldarella Mariano, Liotta Corrado, Lorefice Francesca, Rapisarda Antonino, Arena Francesco, Borgia Maria, Ragusa Mirko, Cavallaro Annamaria, Tumino Simone, Grego Annamaria, Di Salvo Riccardo, Patitucci Martino, Troia Giulia Maria Pia.

4

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Aula della Camera Palazzo Montecitorio PDS-MPA – Questi i candidati al Senato per la Sicilia: Raffaele Lombardo, Giovanni Di Mauro, Giuseppe Gennuso, Vito Li Causi, Cataldo Dino Fiorenza, Sandro Oliveri, Giovanni Greco, Mario Luciano Brancato, Paolo Buscema, Carmelo Galati, Mario Sebastiano Di Mauro, Margherita Rita Ferro, Rossana Interlandi, Concetta Foti, Rossella Cuccì, Anna Maria Gregni, Maria Pensabene, Mario Tinervia, Roberto Commercio, Filippo Mario Drago, Francesco Paolo Lucchese, Pietro Rao, Giuseppe Reina, Antonio Andò, Calogero Rino Piscitello. GRANDE SUD - Questi i candidati al Senato per la Sicilia: Giovanni Miccichè detto Gianfranco, Salvatore Iacolino, Giacomo Terranova, Michele Mancuso, Maurizio Ranno, Gerlando Inzerillo, Carmelo Nicolosi, Michele Arcidiacono, Giovanni Paolo Bono detto Gianpaolo, Massimo Bruno, Mario Briguglio, Mario Baldacchino, Francesco Mannino, Francesco Todaro, Antonino Mario Fiore, Filippo Alberto Frasca, Antonino Sutera, Marco Maria Antonio Alfio Patti detto Marco,Claudio D’Amico, Luigi Caruso, Giuseppe Cacciatore, Luigi Di Prima, Angelo Spalletta, Santa Amato. MEGAFONO - ”C’e’ tutta la societa’ civile siciliana nel movimento ‘Il Megafono-Lista Crocetta’, che presenta nella lista oltre a Beppe Lumia, ex presidente della Commissione nazionale antimafia e oggi componente, il mecenate Antonio Presti, il magistrato Nicolò Marino. Ma anche tante espressioni di una Sicilia che vuole seriamente cambiare: da Placido Rizzotto, nipote omonimo del sindacalista ucciso dalla mafia, a Simona Chines, ex atleta e oggi allenatrice di pallacanestro, al professore Giovanni Nicoletti, cardiochirurgo di chiara fama, a Giuseppe Antoci, capo area Sicilia

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

5


della Banca sviluppo Spa”. Lo dice il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta. “La Sicilia – aggiunge Crocetta – e’ rappresentata in tutti i suoi territori con uomini e donne di coraggio e di impegno. Tra quest’ultime: Cristina Navarra, ex assessore ai servizi sociali del comune di Caltagirone; Maria Rita Sgarlata, archeologa di Siracusa; Maria Giovanna Di Martino, esperta di fondi europei; Maria Grazia Brandara, presidente del Consorzio agrigentino legalita’ e sviluppo, gia’ deputata regionale e sindaco di Naro; Concetta Fiore, commercialista di Vittoria; Alessandra Aloisio, medico di Palermo; Laura Pulejo, docente universitaria di Messina; Francesca Gemmellaro, avvocato di Nicosia; Maria De Luca, architetto di Paterno”’. “E ancora – continua il presidente – altri nomi di grande valore: Giuseppe Di Martino, famoso senologo, non eletto in provincia di Caltanissetta per una manciata di voti alle scorse regionali col Megafono; Antonio Giuseppe Parrinello, attuale dirigente del settore agricoltura della Regione e vittima di una singolare situazione nel 2006 quando eletto all’Ars venne escluso dopo un anno per un banale vizio di forma; Gianni Villari, uno dei politici piu’ votati della provincia di Catania, gia’ parlamentare regionale; Giuseppe La Face, noto avvocato di Messina; Giuseppe Russo, dirigente scolastico di Piazza Armerina; Andrea Zichichi, biologo e rappresentante provinciale della Federbiologi di Trapani; Lillo Salvaggio, affermato medico di Caltanissetta; Gioacchino Nicastro, biologo di Casteltermini; Angelo Ferrigno, gia’ sindaco del Comune di Barrafranca”. “Mentre i partiti – aggiunge Crocetta – hanno litigato per settimane attorno alle posizioni nelle liste il nostro movimento ha scelto la partecipazione con grande unita’ e con grande spirito di servizio. La nostra lista si candida ad essere una delle piu’ votate in Sicilia, puntando a creare il gruppo parlamentare sicilianista e autonomista-democratico piu’ forte al Senato”. ”Vogliamo continuare al Senato la rivoluzione democratica avviata in Sicilia, per difendere gli interessi di una Regione piu’ volte lesa nei suoi diritti e dare col nostro Megafono voce ai siciliani – conclude – Sono convinto che i siciliani capiranno bene la grande partita che si gioca per la Sicilia e si stringeranno attorno ad un grande progetto di riscatto ed orgoglio”. CENTRO DEMOCRATICO - Questi candidati alla Camera per la Sicilia occidentale: Bruno Tabacci, Carmelo Lo Monte, Ciro Coniglio, Fabio Virdi, Salvatore Giardina, Delia Mangiaracina, Salvatore Sanfilippo, Giorgio Calì, Giuseppe Lo Verde, Filippo Alessi, Marcantonio Pinto Uraca, Massimo Strazzeri, Adriana Pirrone, Domenico Corrao, Carmela Salice, Maria Brex, Emanuela Tomasello, Lucrezia Ricciardi, Emanuele Magliocco, Mariolina Catania, Silvana Chirieleison. Per la Sicilia orientale: Tabacci Bruno, Lo Monte Carmelo, Donnarumma Gregorio, Bellia Concetto, Dolce Nunzio, Gullotta Salvatore, Malvaso Roberto, Di Giorgio Alessia Rosaria, D’Angelo Sebastiano, Di Dio Balsamo Maria, Pinto Svraca Marcantonio, Musumeci Isidoro, Cacciola Salvatore, Calabrò Andrea Fortunato, Romanzo Marco Arcangelo, Micali Salvatore, Santoro Gabriele, Schillirò Serena, Pisana Sebastiano, Ricciardi Lucrezia, Fisicaro Alessio, Catania Mariolina, Chirieleison Silvana, Briguglio Carmela, Tafuri Giuseppa, Bondì Francesco, Scarpignato Andrea. Per il Senato: Cinzia Dato, Tommaso Gargano, Biagio Gugliotta, Giuseppe Liberto, Giacinto Russo, Giuseppa Prestipino, Virginia Silvestro, Giuseppe Lo Monaco, Antonino Grillo, Antonino Maisano, Maria Di Guardo, Marcello Ingrassia, Fabio Chillemi, Rosa Calamunci, Federico Ferro, Maria Concetta Musumeci, Franca Maria Barraco, Stefania Salvo, Rita Battiato, Gino Zito, Romina Signorino, Roberto Composto, Alfredo Pagano, Carmelo Blancato, Roberto Gulotta. UDC – Questi candidati alla Camera per la Sicilia occidentale: Gianpiero D’Alia, Ferdinando Adornato, Rosario Basile, Antonio Gagliano, Domenico Porretta, Angelo Mistretta, Antonino Amato, Mimmo Guarneri, Gioacchino Cardarella, Nicolò Giacalone, Toni Costumati, Michele Botta, Annalisa Fazia, Pietro La Torre, Fabio Bongiovanni, Grazia Locascio, Carmelo Sciarrabone, Adriano Barba, Luciano Marino, Carmencita Mangano, Orlando Dicembre, Laura Ancona, Maria Tumminaro, Romina Adriana Morselli in Cilia. Per la Sicilia orientale: Giampiero D’Alia, Giovanni Pistorio, Salvo Di Salvo, Salvatore Giuffrida, Edgardo Bandiera, Giuseppe Lavima, Lorenzo

6

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Granata, Daniela Bruno, Carola Parano, Michele Stornello, Letterio Dario Daidone, Santo Orazio Primavera, Antonino Naso, Giovanni Leonardi, Laura Marsala, Matteo Giuseppe Francilla, Sebastiano Zagami, Arcangela Palmeri, Savatore Filippo Abate, Enza Tallarita, Concetta Carbone, Giorgio Muscolino, Giovanni Litteri, Rocco Leonardi, Paolo Vicari, Andrea Cesare Guzzardi, Paola Consiglio, Rocco Andrea Gumina. MOVIMENTO 5 STELLE – Questi i canditati del M5S alla Camera per la Sicilia occidentale: Riccardo Nuti, Giulia Di Vita, Chiara Di Benedetto, Loredana Lupo, Azzurra Pia Maria Cancelleri, Claudia Mannino, Giuseppe Lo Monaco, Giovanni Di Caro, Francesco Lupo, Pietro Salvino, Giuseppe Zagarrio, Alice Pantaleone, Emanuele Dalli Cardillo, Vincenzo Pintagro, Mauro Giulivi, Ermanno Romano, Mirko Bognanni, Laura Tremamondo, Salvatore Lanzafame, Giorgio Stassi, Alessandro Vetro, Salvatore Sclafani, Marco Negri, Stefano Paradiso detto Alessio, Luigi Nereo Dani. Per la Sicilia orientale: Giulia Grillo, Tommaso Currò, Maria Marzana, MarialuciaLorefice, Francesco D’Uva, Gianluca Rizzo, Alessio Villarosa, Filippo D’Amico, Rosalia Curreli, Marco Nipitella, Paolo Buda, Luca Calpitano, Maria Saija, Alberto Laspada, Isidoro Allegra, Salvatore Gulino, Carlo Fanara, Savio Pagano, Rita Interlicchia, Gaetano Nuciforo, Ernesto Sfragano. Per il Senato: Campanella Francesco, Mario Michele Giarrusso, Vincenzo Santangelo, Nunzia Catalfo, Fabrizio Bocchino, Ornella Bertorotta, Sergio Tancredi, Angelo Nicotra, Emma Giannì, Leonardo Russo, Roberto Anzalone, Luigi Rosario Cammarata, Caterina Prato, Antonino Vitale, Alfio Mazza, Calogero Santangelo, Calogero Schifano, Croce Domenico Maira. AMNISTIA, GIUSTIZIA E LIBERTA’ - Questi i candidati alla Camera per la Sicilia occidentale: Rita Bernardini, Giacinto Marco Pannella, Giuseppe Rossodivita, Donatella Corico, Paolo Buzzanca, Alfonso Albano, Giancarlo Ciulla, Marco Farina, Marcello Mazzara, Giovanna Salis, Francesca Tumino Campello, Gaia Rosini, Bachisio Maureddu detto Isio, Raffaella Tosi, Gennaro Romano, Marco Cerrone, Paolo Izzo, SchettWilhelmine detta Mina Welby, Angiolo Bandinelli, Gianfranco Spadaccia, Gianfranco Spadaccia, Sergio Augusto Stanzani Ghedini, Emma Bonino. Per la Sicilia orientale: Rita Bernardini, Giacinto Marco Pannella, Alessandro Gerardi, Gianmarco Ciccarelli, Luigi Alfio Francesco Recupero, Zelda Siria Raciti, Rosaria Gianluca Bella, Ina Verdiana Cilona, Felice Roberto Di Pietro, Eliana Lucia Raffaella Verzi’, Angelo Fazio, Andrea Brancato, Gaia Rosini, Bachisio Maureddu, Vincenzina Antonelli, Marco Cerrone, Paolo Izzo, SchettWilhelmine, Angiolo Bandinelli, Gianfranco Spadaccia, Sergio Ghedini, Emma Bonino. Per il Senato: Tommaso Farina, Maurizio Turco, Agatino Vittorio detto Tino, Rosario Visicoro, Antonella Casu, Antonio Cerrone, Laura Arconti, Paola Di Folco, Fiorella Mancuso, Alessandro Giulio Edoardo Luigi Litta Modignani, Caterina Corse detta Olga, Marco Perduca. PDL - E’ il leader Silvio Berlusconi il capolista al Senato in Sicilia. La lista e’ stata depositata alla Corte d’Appello di Palermo dal senatore uscente Antonio D’Ali’. Berlusconi e’ seguito dal presidente del Senato uscente Renato Schifani, Simona Vicari, Giuseppe Marinello, Vincenzo Gibiino, Antonio D’Ali’, Giuseppe Ruvolo, Antonio Scavone, Mario Ferrara, Bruno Mancuso, Salvatore Torrisi, Francesco Scoma, Bruno Alicata. Sono confermate le esclusioni di Enrico La Loggia, Domenico Nania, Giuseppe Firrarello, Umberto Scapagnini. Angelino Alfano è il capolista alla Camera nella circoscrizione Sicilia occidentale. Il segretario politico del Pdl, sara’ candidato capolista alla Camera anche in altre tre circoscrizioni: Lazio 1, Piemonte 1 e Piemonte 2. Lo rende noto un comunicato dell’ufficio stampa del Pdl. La lista e’ stata presenta alla Corte d’Appello di Palermo. Al secondo posto l’ex ministro dell’Agricoltura Saverio Romano, esponente Pid-Cantiere popolare, seguito da DoreMisuraca, Gabriella Giammanco, Alessandro Pagano, Riccardo Gallo, Nino Bosco, Giulio Tantillo, Duilio Pecorella, Pippo Enea, Cristoforo Greco, Nunzio Moschetti. Nessuna sorpresa per l’esclusione di Enrico La Loggia, che ha rinunciato alla deroga, di Domenico Nania, di Giuseppe Firrarello, Antonio Battaglia WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

7


e Sebastiano Burgaretta. Capolista per la Sicilia orientale Antonio Martino, seguito da Stefania Prestigiacomo, Giuseppe Castiglione e Antonio Minardo. RIVOLUZIONE CIVILE - E’ stata depositata alla Corte d’Appello di Palermo la lista ‘Rivoluzione Civile’ di Antonio Ingroia per la Camera e il Senato. Per Sicilia 1 il capolista, come in tutte le circoscrizioni e’ l’ex procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia. Al secondo posto Franco La Torre, figlio dell’ex segretario del Pci, Pio La Torre, ucciso da Cosa nostra. Al terzo posto il senatore uscente di Italia dei Valori, Fabio Giambrone. Segue il leader di Rifondazione comunista Paolo Ferrero. Al quinto posto la sindacalista Cgil Giovanna Marano, candidata alla presidenza della Regione Sicilia alle ultime elezioni regionali di ottobre. Al sesto posto l’avvocato Anna Falcone, seguita dal giornalista dell’Unita’ Saverio Lodato e da un altro giornalista, Maurizio Torrealta, autore del libro ‘La trattativa’. Scorrendo la lista si notano i nomi di Maruzza Battaglia, esponente di Rifondazione comunista, e altri esponenti dei Verdi e di Rifondazione. Al Senato e’ confermato capolista il senatore uscente Idv Luigi Li Gotti, seguito dall’avvocato Carmelo Costanza e dalla giornalista Sandra Amurri. Al quinto posto il leader dei Verdi Carmelo Sardegna. Al 21esimo posto c’e’ la tunisina HoudaSboui, dirigente di Italia dei Valori. Questi i candidati alla Camera per la Sicilia occidentale: Antonio Ingroia, Franco La Torre, Fabio Giambrone, Paolo Ferrero, Giovanna Marano, Anna Falcone, Saverio Lodato, Maurizio Tarozzi Torrealta, Maria Ippolito, Francesco Alotta, Giuseppe Giandolfo, Pietro Currò, Eugenia Belluardo, Giuseppe Piazza, Maria Giovanna Battaglia detta Maruzza, Massimiliano Mazzola, Giuseppe Barra, Bianca Montalbano, Filippo Falcone, Vita Anna Maria Ranno, Calogero Broccia Veneziano, Rosaria Cinzia Mosca, Davide De Caro, Mario Cristiano Scuderi, Salvatore Marco Dimitri Caramanna. Per il Senato: Luigi Li Gotti, Carmelo Costanza, Sandra Amurri, Salvatore Mammola, Carmelo Fortunato Sardegna, Salvatore Mario Torregrossa, Ienna Iulia, Leonilde Russo detta Nilde, Umberto Procida, Genny Anna Concita Mangiameli, Filippo Giunta, Paolo Pantano, Maria Concetta Prestigiacomo, Francesco Napoli, Rita Napolitano, Filadelfo Chiarenza, Ilaria Fagotto, Salvatore Scuderi detto Salvo, Luigi Fazzina, Calogero Accardo detto Geri, HoudaSdoui. PD - Come preannunciato, e’ Flavia Piccoli Nardelli, figlia dell’ex ministro alle Partecipazioni sta-

8

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Aula del Senato Palazzo Madama tali Flaminio Piccoli che fu piu’ volte capogruppo della Dc alla Camera e anche segretario nazionale del partito nel 1969, la capolista del Pd alla Camera dei deputati nel collegio Sicilia Orientale. Nella lista manca come previsto il parlamentare uscente Mirello Crisafulli, dopo la decisione di non candidarlo della Commissione nazionale di garanzia del Pd, presieduta da Luigi Berlinguer, sul dossier liste pulite. Al suo posto l’ennese Maria Gaetana Greco. Questi tutti i candidati alla Camera per la Sicilia occidentale: Pierluigi Bersani, Magda Culotta, Angelo Capodicasa, Luigi Taranto, Marco Causi, Davide Faraone, Daniela Cardinale, Teresa Piccione, Franco Ribaudo, Tonino Moscatt, Maria Jacono, Calogero Speziale, Dario Safina, Rosalia Stadarelli, Daniele Camilleri, Francesca Corpora, Marina Militello, Davide Cammarata, Angela Maria Galvano, Rosa Faragi, Rosario Filoramo, Sabrina Mangione, Roberto Tagliavia, Lorenzo detto Renzo Di Trapani, Enrico Antonio Vella. Per la Sicilia orientale: Piccoli Nardelli Flavia, Berretta Giuseppe, Genovese Francantonio, Lauricella Giuseppe, Raciti Fausto, Zappulla Giuseppe, Greco Maria Gaetana, Albanella Luisella, Gullo Maria Tindara, Burtone Giovanni, Amoddio Sofia, Samperi Maria, Spitaleri Tania, Cafeo Giovanni, Catania Amanda, La Rosa Nunzia Pina, Intilisano Luciana, Russo Alessandro, Rapè Katya, Urciullo Massimiliano, Cartesio Milena, Occhino Giuseppe, Roccuzzo Giuseppe, Calvo Giovanna, Barbera Paolo, Medeot Bruno, Bonina Riccardo. Per il Senato: Corradino Mineo, Pamela Orrù, Venerina Padua, Amedeo Bianco, Liliana Modica, Giovanni Barbagallo, Alessandra Siragusa, Luigi Bellassai, Giuseppe Apprendi, Antonio Saitta, Antonino Russo, Sergio D’Antoni, Lucia Tarro Celi, Angela Barone, Carmela Castelluccio, Giovanni Battaglia, Giuliana Zerilli, Paolo Randazzo, Giovanna Marta Scalia, Maria Trimarchi, Angela Girone, Giancarlo Torre, Salvatore Caliri, Alfonso Di Carlo, Giuseppe De Francesco. FLI - Presentata la lista di Futuro e Libertà alla Camera per la circoscrizione Sicilia Occidentale: è capeggiata dal leader Gianfranco Fini cui seguono col numero 2 il vice coordinatore nazionale Fabio Granata e con il 3 il vice coordinatore regionale vicario, Alessandro Aricò. I candidati alla Camera per la Sicilia occidentale: 1 Gianfranco Fini; 2 Benedetto Granata detto Fabio; 3 Alessandro Aricò; 4 Gabriele Vitale;5 Maurizio Maria Salvatore Reas;6 Francesco Candela; 7 Antonio Moscato, 8 Lucia Giannelli,9 Antonino Arena,10 Salvatore Pace,11 Vito Orlando,12 Salvatore Diesi,13 Eduardo De Filippis,14 Francesco Riina,15 Francesco Paolo Scarlata,16 Maria Teresa Marcellino,17 Lavinia Lo Presti, 18 Michele Pellegrino, 19 Basilio MilatosFacuntos, 20 WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

9


Giuseppe Conticello, 21 Ugo Benfratelli, 22 Giovanni Iovino, 23 Salvatore Ferrara, 24 Francesco Russo, 25 Giulio Figlia. Al numero 4, si legge in una nota, c’e’ il vice presidente del consiglio comunale di Catania Puccio La Rosa. Fli schiera poi tra i candidati delle quattro province, amministratori locali, sindacalisti e rappresentanti del precariato, delle professioni, della piccola impresa, dello sport, e del mondo animalista. Fabio Granata e’ candidato col numero 2 dopo Fini anche nella circoscrizione per la Sicilia Occidentale (Sicilia 1). La lista e’ pubblicata per intero sul sito www.flisicilia.it. LISTE SEL - Dalla portavoce dell’Alto Commissariato per i Rifugiati (UNHCR) per l’Europa Meridionale, al trentenne segretario siciliano del partito. Dall’insegnante al militante, passando per il consigliere comunale, il commercialista e l’ex parlamentare. Sono state depositate questa mattina le liste elettorali di Sinistra, Ecologia e Libertà Sicilia per la Camera e il Senato. Il partito di Nichi Vendola è stato il primo a depositare la lista nel collegio Sicilia 2 (Catania, Messina, Enna, Ragusa, Siracusa) e tra i primi 5 partiti a depositare i nomi dei candidati in corsa per uno scranno al Senato e alla Camera nel collegio Sicilia 1 (Palermo, Trapani, Agrigento, Caltanissetta). Quasi seimila, invece, le firme raccolte dai militanti e volontari di Sel Sicilia nelle scorse settimane, a sostegno delle candidature presentate. Oltre il 40 per cento di donne candidate in Sicilia, mentre quasi la metà degli aspiranti deputati alla Camera sono under 35. Tra i candidati in posizioni eleggibili, ampio spazio è stato ad importanti esponenti della società civile, come dimostrato dalla scelta di designare Laura Boldrini capolista in entrambi i collegi dell’Isola. “Adesso – si legge in una nota di Sel Sicilia – inizierà la nostra campagna elettorale, con lo sguardo rivolto al futuro. Siamo la sinistra che vuole vincere, che vuole governare per ambiare l’Italia, senza limitarsi alla testimonianza”. LA DESTRA - Depositate anche le liste siciliane de «La Destra» in vista delle prossime elezioni politiche. A guidare il partito in tutti i collegi per la Camera dei Deputati sarà il segretario nazionale del partito Francesco Storace. Per la Sicilia Occidentale, il numero 2 della lista è stato assegnato al segretario provinciale della Federazione di Palermo, Filippo Cangemi. FORZA NUOVA - A liste presentate, si completa il quadro delle candidature siciliane per il Movimento guidato da Roberto Fiore; confermate le posizioni dei tre capilista, (in Sicilia1, Giuseppe Provenzale, segretario regionale, in Sicilia 2, Giuseppe Bonanno Conti, coordinatore per il Sud Italia, e al Senato con Giuseppe Scalisi, ex parlamentare). Forza Nuova presenta anche vari esponenti della protesta dei Forconi che infiammò la Sicilia nel gennaio scorso: oltre a Martino Morsello, presidente del “Movimento dei Forconi”, infatti, confermato numero due al Senato, spiccano anche i nomi di Ignazio Ardagna, secondo in lista alla Camera (Sicilia occidentale), Mario Antonio Signorello, leader della protesta popolare a Castelvetrano e impegnato nel volontariato, quinto in lista nella stessa circoscrizione, e Marcello Martorana, del Movimento dei Forconi di Ragusa, anche lui al Senato. Sempre al Senato, è candidato, al terzo posto, Rosario Gambacorta, di Giardini Naxos, esponente del movimento “Sicilia Vera” e poi di “Rivoluzione Siciliana”, dirigente del locale CafFenapi. In Sicilia 2, FN schiera tra gli altri Salvatore Marotta, responsabile di Forza Nuova per la provincia di Enna, e il dottor Michele Formica, già consigliere provinciale e assessore al Comune di Torregrotta. Inoltre, terzo in Sicilia 1, è candidato Innocenzo Vitale, molto attivo al’interno della parrocchia di S. Basilio a Palermo. Nei primi posti in lista anche Antonella Morsello (quarta in Sicilia 1), collaboratrice de “Il Borghese” e responsabile FN per la provincia di Trapani, Gianni Cicciarella e Pietro Paolo Messina (Sicilia 2) – coordinatori FN per la provincia di Ragusa e per il Calatino – e il dottor Armando Antona, quinto nella lista del Senato, già consigliere comunale a Licata.

10

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


“In Sicilia – sottolinea Filippo Cangemi – vogliamo ottenere un forte risultato, per riportare in Parlamento la voce della Destra, che intende entrare a Montecitorio per difendere la sovranità del Popolo Italiano e impedire qualsiasi ritorno al governo di Mario Monti e dei suoi accoliti, che hanno spremuto i cittadini oltre ogni limite, pur di servire le lobbies bancarie e i centri occulti di potere”. FIAMMA TRICOLORE – Questi i candidati alla Camera per la Sicilia occidentale: Giuseppe Francesco Cammalleri, Dario Marasà, Irene Ruggieri, Antonino Sampognaro, Francesco Allegra, Isidoro Nania, Antonino Canteli, Francesco Nicola Condorelli Caff, Agata Cavallaro, Gaetano Rizzo, Salvatore Marraro, Domenico Maccarrone, Massimo Giuseppe Adonia, Giuseppe Tomaselli, Gianluca Marigna, Walter Perez, Omar Franchetti, Francois Arcidiacono. Per la Sicilia orientale: Condorelli Caff Francesco Nicola, Rizzo Gaetano, Cantali Antonino Salvatore, Barone Salvatrice, Adonia Massimo, Giuseppe Roccaro, Pietro Guzzardi, Alessandro Scibona, Guido Perez, Walter Carrabino, Giuseppe Mario, Lo Voi Angela, Manoli Giuseppe, Nania Isidoro, Crupi Onofrio, Maccarrone Domenico, Petralia Giovanni, Allegra Francesco, Cavallaro Agata, Denaro Antonio, Marletta Gianluca, Inserra Giuseppina, Marraro Salvatore, Matteo Piconese, Salvatore Arcidiacono, Francois Tomaselli, Giuseppe Spinella, Salvatore Fallo Rosario. Per il Senato: Giovanni Salvaggio, Giuseppe Catalano, Carlo Taormina, Tommaso Lo Cicero, Alfio Sardo, Alessandro Ferlito, Giuseppe Polizzotto, Antonino Curcio, Maria Pia Giannino, Rosario La Mattina, Caterina Anna, Maria Fontana, Giuseppe Lo Cicero, Antonino Amato. PLI - Questi i candidati alla Camera per la Sicilia occidentale: Renata Jannuzzi, Salvatore Buccheri, Aurelio Giganti, Sonia Romano, Clara Di Benedetto, Giovanna Piscopo, Anna Caldarella, Roberta Catalano, Francesco Napoli, Vincenza Valenti, Andrea Mercadante, Angelo Antonio Salvatore Liuzza, Angela Moceri, Salvatore Gumina, Francesco Moscato, Giuseppina Scavone, Giuseppe Accardi, Sergio Maurizio, Silvio Petta, Marco Marucco, Alfredo Santopietro, Francesca Pelella, Sergio Neri, Raffaella Giove, Ottavio Ruggiero. Per la Sicilia orientale: Palumbo Vincenzo detto Enzo, Rizzo Massimo, Lombardo Enzo, Carastro Natalino, Interdonato Attilio, Pizzino Filippo, Stella Giuseppe, Turiaco Paolo, Bua Nicolò, Buccheri Salvatore, Fabiano Concetto, Gava Francesco Paolo, Giganti Aurelio, Irrera Giuseppe, Irpi Maurizio, Liuzzo Claudia, Massimi Dora, Morganti Antonino, Napoli Francesco, Piscopo Giovanna. FARE PER FERMARE IL DECLINO - Questi i candidati alla Camera per la Sicilia occidentale: Oscar Fulvio Giannino, Marco Saltalamacchia, Alessandro Piergentili, Giovanni Morreale, Dario Ricolo, Claudia Serio, Rosa Vitale, Roberto Mineo, Gianluca Santise, Barbara Rosy Ines Manachini, Rita Maria Rosa Piazza, Daniele Pirrello, Bernardo Perrone, Roberto Pagano, Gigliola Beniamino. Per la Sicilia orientale: Oscar Fulvio Giannino, Carlo Cocina, Ruggero Aricò, Antonio Caruso, Salvatore Gian Parlato, Giuseppe Graziano Bonelli, Vittorina Rossi, Rosario Branchina, Nunzio Tasca, Orazio Privitera, Giuseppe Muscatello, Adriano Giuseppe Coniglione, Loredana Gallia, Angelo Marletta, Salvatore Di Fidi, Agata Pino. Per il Senato: Carlo Palazzo, Marco Giammanco, Luca De Giorgi, Daniela Paola Mazzone, Giovanni Maurizio Salerno, Ennio Grillo, Francesco Ventimiglia, Michele Ferullo, Rosario Pennisi. SCELTA CIVICA - Questi i candidati alla Camera per la Sicilia occidentale: Gea SchiròPlaneta, Ettore Artioli, Giovanni Battista Baratta detto Gianni, Massimo Plescia, Lorenzo Alessi, Paolo Minacori, Giacomo D’Annibale, Salvatore Federico Gallo, Vittoria Vassallo, Salvatore Sodaro, Giulio Bonanno, Caterina Ferrara, Giuseppina Li Cauli, Sabrina Amodeo, Vincenzo Musso, Gaspare Biondo, Mario Lupica, Gaia Geretto, Angela Caviglia, Luigi Maria Zumbo, Anna Di Martino, Paolino Lombardo, Raimondo Brucculeri, Alessandra Trainito, Maria Teresa Ciminnisi. Per la Sicilia orientale: Andrea Vecchio, Roberto Visentin, Gennaro Iorio, Michelangelo Fabio Maria Montesano, Alessandro Bonanno, Marisa Giunta, Massimo De Natale, Cristina Vitale, Salvatore WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

11


Mizzi detto Salvo, Antonio Giuseppe Latora, Andrea Ventimiglia, Ferdinando Ofria, Andrea Calderone, Maria Cristina Castelli, Gisella Scollo, Marina Milazzo, Anna Palmisano, Carmelo Sapia, Carmelo Sapia, Maria Luisa D’Agostino, Carmelo Barbagallo, Alessandra Nicosia, Stefano Giardina, Nunzio Gozzo, Walter Antonino Torrisi, Patrizia Romano. CON MONTI PER L’ITALIA – Questi i candidati al Senato: Pier Ferdinando Casini, Rosario Sidoti, Benedetto Adragna, Mario Baldassarri, Antonino Recca, Salvatore Raiti, Giovanna Bona, Pietro Brancato, Renato Mancuso, Caterina Mirto, Sebastiano Arcidiacono, Renato Meli, Vito Badalamenti, Giovanni Gulisano, Sabina D’Alessandro, Giuseppe Trischitta, Antonino Sammartano, Pietro Giovanni La Tona, Angela Mazzola, Concetta Giallongo, Fabrizio Biondo, Paolo Ingrao, Piera Graceffa, Guido Di Lernia, Assunta Massaro. MIR - Questi i candidati alla Camera per la Sicilia occidentale: Gianpiero Samorì, Paolo Ruggirello, Antonino Pisano, Dario Zimmardi, Manlio Mauro, Francesca Camilleri, Eleonora Milazzo, Vincenzo Giardina, Antonella Fogazza, Caterina Azzaro, Salvatore Colomba, Maria Tripoli, Francesca Milazzo, Giuseppe Leone, Mario Sugamiele, Domenico Martorana, Fabio Maria Basiricò, Giuseppe Maltese, Antonino Novara, Filippo Giacalone, Sergio Martire, Valentina Spanò, Valentina Mosca, Valentina Sciarretta, Giacomo Basiricò. Per la Sicilia orientale: Gianpiero Samorì, Paolo Ruggirello, Natale Consoli, Giacomo Ferrazzano, Francesco Saggio, Giuseppe Salvatore Balsamo, Vito Giuseppe Cambia, Giuseppe Isgrò (detto Pippo), Roberto Abbadessa, Sergio Savagnone, Marco Arezzi, Agatino Costanzo, Angelo Pannitteri, Paolo Daniele Scollo, Vincenza Acciarito, Maria Pia Catalano, Gabriella Baglieri, Valeria Di Pietro, MichelnageloBlandizzi, Sebastiano La Meta, Roberta Arcieri, Domenico Luigi Rodelli, Daniele Zappalà, Natale La Pina, Silvio Bellomia, Mario Sugamiele, Ferdinando Cognata. Per il Senato: Francesco La Fauci, Bice Ruggirello, Salvatore Mattaliano, Milena Salerno, Carmelo Schepis, Giuseppe Scolaro, Giuseppe Angelo Maria Scaccianoce, Francesco Restifo, Monica Foti Longo, Marco Ponte, Giuseppe La Porta, Alfredo Liberatore, Placido Bellavista, Antonio Vacanti, Caterina Mendolia, Giuseppe Di Rosa, Rosa Maria Carmela Pulvirenti, Santo Corrente Giannetto, Antonio Ricciardi, Salvatore Basiricò, Salvatore Catalano, Angelina Abrignani, Salvatore Bevinetto, Flavia Vingiano, Rosalia Varvarà. LEGA NORD - Questi i candidati alla Camera per la Sicilia occidentale: Navarra Veronica, Scrivano Giuseppe, Bausone Santina, Moscarelli Giuseppe, Russo Leonardo, Gallina Sabina, D’amico Gaspare Mario, Orlando Rosa, Asaro Carlo, Bonomo Benedetto, Riggio Giacomo, Agrusa Annalisa, Orlando Federico, Iannolino Giuseppe, Rizzo Palma, Santarelli Laura, Cracolici Rita, Strano Sandra, Barbagallo Daniele, Cialdino Giovanni, Correri Alessandro, La Manna Giuseppa, Montalto Fabio, Pizzuto Angela Maria, Cialdino Giusto. Per la Sicilia orientale: Scrivano Giuseppe, Muscolino Sebastiano Giuseppe, D’Amico Gaspare Mario, Muscarelli Giuseppe, Cirmia Gandolfo, Barbagallo Daniele, Pertini Silvia, Sebastiana Federico, Bonomo Benedetto, Bausone Santina, D’Amico Giuseppina, Lo Mauro Maria, Faurisi Martino, Oddo Daniela, Castrianni Giuseppe, Trombello Lucia, Neurotti Sivlio, Cipriano Piero, Sottile Silvana Pierina, Richiusa Massimo Gaetano, Gulino Rita, Cefalù Maria, Di Paola Maria Rosa, Gulino Giuseppe, Federico Antonio, Lio Liboria, Navarra Veronica. Per il Senato: Giulio Tremonti, Chiara Zarlocco, Valentino Amato, Mirella Cefalù, Vito Catania, Teresa Lo Biondo, Pietro Ganci, Maria Carmela Amato, Giuseppe Correri, Antonino Pancaro, Carlema Burgarello, Ennio Antonetti, Gioia Dominici, Antonio Li Puma, Antonio Carlotta, Antonio Sancarello, Maddalena Pandolfi, Luciano Dastoli, Maria Fiorino, Antonio Giuseppe Bausoni, Calogero D’Amico, Fabrizio Alfieri, Luigi Maceratesi, Maria Grazia Cocciolo, Gioachino Badagliacca.

12

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


FRATELLI D’ITALIA - Questi i candidati alla Camera per la Sicilia occidentale: Pietro Cannella detto Giampiero, Maria Carolina Varchi, Leonardo Leso, Giuseppe Ciulla, Rosanna Genna, Fabiano Lo Monaco, Antonino Sala detto Nino, Manlio Corselli, Fabio Sciascia, Beatrice Rinaudo, Salvatore Graffato, Vincenzo Geluso, Calogero Drago, Angelo Tripoli, Girolamo Calivà, Giusy Gianfilippo, Vincenza Nancy Catania, Eligio Proto, Annamaria Magro, Gianfranco Di Cristina, Alfio Giuseppe Bucaro, Giuseppe Bartolo Caminita, Roberto Peretti, Alessia Corsini, Lidia Primavera. Per la Sicilia orientale: Ignazio La Russa, Emanuele Passanisi, Giovanni Moscato, Giuseppe Sottile, Giuseppe Cardaci, Salvatore Quartararo, Maurizio Montemagno, Carmelo Barbagallo, Fabrizio Tudisco, Giuseppe Coco, Gaetano Naní, Rosario Minissale, Eva Castro, Emanuele Di Mauro, Giuseppe Tomasello, Lorena Mileti, Stefania Tiralongo, Andrea Neri, Antonietta Schembri, Nicola Zagame, Pietro Aci, Barbara Albanese, Salvatrice Ferlito, Salvatrice Gozza, Cristina Porretti, Venera Licciardello, Rosario Crisci. Per il Senato: Guido Crosetto, Salvatore Caputo detto Salvino, Sandro Pappalardo, Giuseppe Arnone, Raoul Russo, Giovanni Conti Guglia, Giacomo Giuseppe Fichera, Luciano Francesco Zuccarello, Mario Cantarella, Roberto Corsello, Salvatore Miccichè, Baldassare Lombardo, Concetto Di Mauro, Maria Allotta, Alessandro Sittineri, Pietro Barbaccia, Salvatrice Mignano, Vincenzo Montalto, Giuseppa Fiumanò, Caterina Taibbi, Giuseppina Conti, Pietra Rita Cordaro, Carmelo Caruso, Maria Fatima Teresi, Lucia Taibbi. PARTITO REPUBBLICANO ITALIANO - Questi i candidati alla Camera per la Sicilia orientale: Calvo Biagio detto Gino, Capuano Fabio, Nicastro Massimo, Barbera Luigi, Bertolini Luigi, Garufi Marilena, Gurrieri Maria Stella, Fronterrè Pietro, Turlà Katia, Pisani Marcella, Malacria Stefania, Tumino Monica, Incardona Romina. MID - Questi i candidati alla Camera per la Sicilia orientale: Domenico Mancuso, Carmelo Caruso, Antonio Crisafulli, Giuseppa Mansarro, Luciano Catanzaro, Rossella Napoli, Silvana Aiello, Maria Mancuso, Francesco D’Amico. PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI - Questi i candidati alla Camera per la Sicilia orientale: Castiglione Roberta, Gelmini Mara, Latino Anna, Monelli Salvatore, Poidimani Giorgia, Schilirò Ivano Alessio, Trinchera Antonio, Botto Andrea, Cacciamani Fabio, Chiavelli Giannantonio, Dell’Anna Alessio, Di Pietrantonio Marco, Doino Florenzo, Faini Simone, Ferro Claudio, Fornaciari Fausto, Fumagalli Valentina, Gemmo Eugenio, Giustelli Martina, Liverani Lerec, Lorenzoni Ermanno. Per il Senato: Marco Ferrando, Andrea Calarese, Sergio Castiglione, Salvatore D’Arrigo, Attilio D’Asoia, Carmelo Delpopolo Campione, Giacomo Di Leo, Angelo Franchina, Vito Giunta, Giovanni Interdonato, Agata Manganaro, Giuseppe Maniscalco, Michele Monastero, Umberto Pulejo, Maria Lombardo, Demetrio Cutrupi detto Mimì, Luciano Zangoli, Rossana Camparini, Natale Azzareto, Maria Laura Beretta. INTESA POPOLARE - Questi i candidati alla Camera per la Sicilia orientale: Sciotto Gino, Lo Bianco Bernadette, Calì Antonino, Gloria Giuseppe, Catanese Giuseppe, Cambria Paolo, Vona Giovanni, Munitto Roberto, D’Arrigo Paolo, Attinà Giosuè, Riccardo Rito, Greco Corrado, Oteri Natalino, Mangraviti Rocco. I MODERATI- Questi i candidati al Senato: Adolfo Maria Rosario Messina, Maria Cristina Bertazzo Savona, Lucia Pinsone, Angelo Spina, Gaetano Calò, Accursio Gallo, Giovanni Di Giovanni, Salvatore Ronsisvalle, Giuseppe Taravella, Alessandro Romano, Attilia Musumeci, Giuseppe Susinni, Santina Ficarra, Ermelinda Salvia, Alfio Coppola, Alessandra Desconti, Loredana Dovile, Benedetto Inzerillo, Vincenza Roccaro, Antonio Aserio, Melania Litrico, Arturo Tortorici, Roberto Ciancitto, Pietro Gulizzi, Salvatore Rosario Caruso.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

13


La ritirata dei pinguini meno uguali degli altri

T

ra la confusione generale di liste vecchie e listini nuovi, dalle liste definitive presentate nella nostra regione si leggono molte riconferme: confermati Berlusconi, il messinese D’Alia e Bersani. L’alleanza Miccichè –Berlusconi in Sicilia fa franare il Grande Sud, D’Alcontres, infatti, sceglie di non candidarsi, deluso dalla nuova alleanza tanto rifuggita, dopo aver fatto 4 legislature col PDL.“Una scelta nobile e generosa che connota un’elevata levatura umana e politica”. Così Pippo Fallica commenta la decisione dei parlamentari nazionali Salvo Fleres, Ugo Grimaldi e Francesco Stagno d’Alcontres di rinunciare alla candidatura: “Apprezziamo il gesto d’amore – aggiunge l’esponente del movimento arancione – di chi per anni ha rappresentato e difeso la Sicilia nelle aule del Parlamento, esempi tangibili di abnegazione, competenza e lealtà che sono e resteranno sempre patrimonio del nostro movimento politico. Una casa - conclude - che poggia su forti fondamenta rappresentate anche da Fleres, Grimaldi e Stagno d’Alcontres, i quali siamo certi continueranno a contribuire in maniera fattiva alla crescita del nostro partito”. Fra i grandi ritorni: Lombardo che col nuovo Pds, si riavvicina al Pdl, mentre durante la sua legislatura alla Regione, dopo essere stati alleati, erano diventati feroci oppositori. Picciolo, invece, poteva stare con le mani in mano di fronte a tutti questi rivolgimenti? Certo che no. Egli, infatti, candida Tanino Caliò nel nuovo Mid, creato per l’occasione. Da non confondere con il MIR Samorì, che ha come capo lista al senato Francesco La Fauci, consulente di Cuffaro prima e Lombardo poi. Tra i grandi esclusi, possiamo vedere nell’UDC Naro, che, seppur in fase calante all’interno del partito con l’ascesa di D’Alia, è riuscito a strappare un secondo posto per il suo pupillo Saro Sidoti. Una sconfitta totale, invece, per i grandi esclusi del PDL, ovvero tutta l’area ex AN, a partire da Nania, forse nell’ottica di uno svecchiamento(versione ufficiale), passando per Formica fino ad arrivare a Buzzanca. Quest’ultimo, ormai in fase calante, avendo già subito un duro colpo dalle elezioni regionali. Il suo primo commento è stato “Depositati i nomi dei candidati alle elezioni del 24 e 25 febbraio- si legge nel suo profilo facebook- si rende necessario capire quali siano stati i criteri adottati dagli esponenti nazionali del Pdl e conoscere chi ha deciso tutto per tutti! Una cosa è certa: Il coordinamento provinciale da me presieduto non è stato coinvolto in nessun modo per cui non mi sento di assumermi nessuna responsabilità politica per quello che accadrà”. Germanà, invece, si autoesclude decidendo di restare a fare il deputato regionale. Marilena Faranda

14

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Roma Palazzo Madama sede del Senato WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

15


Sommario numero 104 anno XI 24 Gennaio 2013

28-31 AttualitĂ 

54-59 Sicilia

44

68-69 Cultura

Settegiorni Cronaca della settimana

45

Circoscrizioni

70-79 Spettacoli

Notizie dai quartieri

48-49 CittĂ 

82-83 Pane per tutti

Cronache urbane

52-53 Provincia News dal territorio

18

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

86-87 Mangiare Sano


il Cittadino Direttore editoriale: Lillo Zaffino Direttore responsabile: Carmelo Arena Coordinamento: Tiziana Zaffino, Gianluca Rossellini, Gabriella Giannetto, Dario Buonfiglio, Gino Morabito, Antonio Grasso Redazione Nunzio De Luca, Cristina D’Arrigo, Giuseppe Zaffino, Enza Di Vita, Maria Cristina Rocchetti, Letizia Frisone Collaboratori Andrea Castorina, Hermes Carbone, Marilena Faranda, Chiara Lucà Trombetta, Max Leone, Salvatore Grasso, Paola Libro, Lilly La Fauci, Fabrizio Bertè Rubriche Mimmo Saccà, Michele Giunta Art Director Salvatore Forestieri Ricerca fotografica Antonio De Felice, Riccardo Caristi, Orazio D'Arrigo, Nunzio Di Dio, Peppe Saya, Gianmarco Vetrano Direttore marketing Francesco Micari Pubblicità contatti: 3462306183, 3473640274 e-mail: info@ilcittadinodimessina.it Amministrazione Mario De Marco, Giuseppe Pagano, e Franco Rossellini Web master sito Fabio Lombardo Il Cittadino digitale sarà pubblicato sul giornale on line e inviato gratuitamente ai lettori direttamente nella posta elettronica e sarà condiviso in rete attraverso Facebook

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

19 19


immagine di Michele Giunta


Programma attività 2012/2013 L’inserimento nei vari gruppi è libero e può avvenire dopo un contatto con la nostra Associazione ai numeri: 328/1022286 – 090/631761 o tramite mail al seguente indirizzo: pertedonnaonlus@alice.it Gruppi di auto-aiuto e training autogeno per sostegno psicologico conduce la dott.ssa Grazia Taca c/o sede operativa dell’Associazione (via Appennini, ex scuola materna, Villa LinaMessina) Venerdì dalle ore 16.00 alle ore 17.30 ( incontri individuali su richiesta). Percorsi di tecniche yoga conduce la dott.ssa Domenica Luciano c/o il consultorio di via del Vespro-Messina Lunedì dalle ore 16.15 alle ore 17.30 c/o lo studio “yoga” della dott.ssa Domenica Luciano via Comunale Sperone, Fortuna Residence pal. X – Messina Mercoledì dalle ore 19.00 alle ore 20.15 Pilates matwwork conduce la dott.ssa Maria Ansaldo Lunedì dalle ore 17.30 alle ore 18.30 Meditazione conduce il prof. re Marcello Aragona Lunedì dalle ore 18.30 alle ore 19.30 c/o Aragona (camp.1002) Viale della Libertà is.481, n°41 pal. Palano-Messina. Prestazioni di linfodrenaggio manuale per il trattamento del Linfedema del braccio operato Dott.ssa Jessica Messina c/o studio: Via S. Ermanno n°1 Provinciale-Messina (per le prenotazioni telefonare a cell. 328/1022286). Centro estetico per le donne in trattamento chemioterapico e banca delle parrucche In corso di realizzazione. Campagna di prevenzione Visite senologiche gratuite date da stabilirsi secondo la disponibilità della L.I.L.T. sez. di Messina c/o Villa Salus. Si ricorda alle socie di raccogliere più adesioni possibili al fine di favorire una prevenzione più capillare sul territorio. Il Presidente Grazia Di Blasi

22

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


"Puoi sostenere L'Associazione" Per te donna onlus, che : offre sostegno psicologico alle donne operate di tumore (in partucolare al seno), organizza giornate di visite gratuite per la prevenzione per una diagnosi precoce, organizza delle attivitĂ  per il benessere psicofisico delle donne , destinando il tuo 5x1000. Firma la dichiarazione dei redditi nello spazio dedicato al "sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilitĂ  sociale"... ed inserisci il C.F. 97 059 660 833. E' semplice non ti costa nulla ma per l'Associazione ha un grandissimo valore. Visita il nostro sito : wwwpertedonnaonlus.it" WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

23


Bilancio ragionato di un percorso formativo

Prospettive di genere

U

na donna capace con una sensibilità spiccata verso le differenze di genere e le Pari Opportunità che studia da decenni, un’intuizione, un percorso formativo universitario di grande successo. Stiamo parlando di Antonella Cocchiara, Professore Ordinario di Storia delle Istituzioni politiche della Facoltà di Scienze Politiche di Messina, autrice di numerosi testi universitari, e tra l’altro coordinatrice e ispiratrice del corso “Donne, Politica e Istituzioni”. E’ una realtà ormai consolidata nel panorama accademico messinese e non solo; è una fucina di idee, una rete di rapporti spesso concretizzatisi in progetti di vita. Questo è il settimo anno di un Corso che segna il sodalizio tra l’Università di Messina e il Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio, potremmo ironicamente affermare che si tratta ancora di un matrimonio non in crisi! “Certamente. L’unico elemento di crisi è dato dalle ristrettezze economiche del momento, che hanno contratto i finanziamenti. Il Corso, promosso per due annualità (2012 e 2013), in continuità con l’impegno assunto sin dal 2004, è cofinanziato al 42% dall’Ateneo messinese, cosa che rappresenta un segnale concreto e non “di facciata”, della sensibilità che il Rettore Tomasello e gli organi di governo dell’Ateneo peloritano nutrono verso i principi di pari opportunità e verso una formazione per molti aspetti innovativa ,che in sette anni ha dato risultati nel complesso molto soddisfacenti” Quante sono le allieve che hanno frequentato , negli anni, il Corso e come hanno messo a frutto ciò che hanno appreso? “Tra le circa 500 allieve che hanno frequentato il Corso negli anni precedenti, raggiungendo ruoli di responsabilità, penso, ad esempio, alla nostra Consigliera provinciale di parità, la dott. Mariella Crisafulli, ma anche alla sindaca di Ucria, l’avv. Franca Algeri, e alle tante assessore o coordinatrici di organismi di parità o presidenti di associazioni femminili… Ovviamente mi auguro che anche questa III edizione dia analoghi risultati. Tra luci e ombre, credo di poter dire che il Corso sia riuscito a essere quel contenitore flessibile al cui interno poter affrontare una pluralità di temi, accomunati dalla prospettiva di genere: non uno sguardo strabico o squilibrato – come le asimmetrie che ancora affliggono la società – ma aperto e accogliente, rispettoso delle diversità di genere, di età, di colore della pelle e religione, di orientamento sessuale e di convinzioni politiche, di abilità fisiche e psichiche; uno

24

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


sguardo attraverso il quale donne e uomini, pari in dignità e in diritti possano essere valorizzati nella loro specificità. Ma oltre alla formazione, seria e rigorosa, spero che il Corso abbia avuto, anche per gli altri corsisti, questo “valore aggiunto”. In esso, come in passato, sono nati legami forti, nuove amicizie, l’intento di continuare ad essere “gruppo”, di mettersi in gioco ma anche di mettersi in rete, di esserci nei luoghi delle decisioni e di contare di più per cambiare in meglio il contesto sociale, politico e culturale.” Dunque valenza accademica e sociale. “Infatti. Mi piace pensare a questo Corso come ad una “comunità” che nel tempo si è dilatata, una comunità a difesa dei diritti , non solo delle donne , ma di chiunque corra il rischio di essere discriminato per la sua diversità. Una comunità impegnata in una quotidiana “battaglia per il cambiamento e lo sviluppo” che, proprio mettendo a sistema lo scambio di competenze e diversità, possa migliorare la qualità della politica, delle istituzioni, dei nostri luoghi di lavoro, delle relazioni tra donne e uomini, ovvero: della nostra esistenza”. Il Corso quindi funge da propulsore per le cosìdette “Politiche di Genere”, un’espressione in qualche caso ancora poco conosciuta, ma che esprime una realtà fortemente attuale. Se volessimo darne una definizione? “La categoria analitica del genere serve a misurare il diverso impatto che le differenze tra i due sessi comportano relativamente a qualunque scelta o opzione effettuata da chi ha in mano le leve del potere. Tali differenze si sono prestate, nel corso della storia, a fungere da supporto per la costruzione di un potente sistema gerarchico di disuguaglianze che – come scrivono le sociologhe Piccone Stella e Saraceno – ha assegnato alle donne uno status inferiore «in virtù del quale la divisione del lavoro, i compiti quotidiani, l’accesso alla sfera intellettuale e simbolica, la distribuzione del potere si sono organizzati nel tempo lungo una profonda asimmetria, a discrimine e a svantaggio delle donne». Oggi, grazie agli studi di genere, queste differenze vengono invece “giocate” per valorizzare le specificità tra i due sessi e verificare il diverso impatto che qualunque scelta e azione – dei pubblici poteri come pure della ricerca scientifica – esercita sugli uomini e sulle donne. Gli studi di Genere quindi rappresentano una diversa ottica interdisciplinare, l’applicazione di una metodologia alternativa, un modo differente di interpretare la realtà, che può e deve essere applicato a tutti i settori della conoscenza, diritto, sociologia, storia, medicina2.

La prof.ssa Antonella Cocchiara con alcuni corsisti del Laboratorio di comunicazione multimediale

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

25


A proposito di medicina, quest’anno, nel corso del Seminario sulla Medicina di genere è venuta fuori un’insolita scoperta… “Si .– ride- L’idea di questo seminario è nata dall’impegno, assunto dal Magnifico Rettore ad inizio di questo Corso, di tenere una lezione a proposito del cosiddetto “gene della felicità” che, secondo un gruppo di ricercatori americani della South Florida University ,esisterebbe solo nelle donne, mentre sarebbe assente nei maschi, probabilmente a causa del testosterone. In pratica dopo aver esaminato il Dna di 193 donne e 152 uomini, gli scienziati hanno identificato il legame fra uno specifico gene, chiamato monoamine assidasi A (MAOA), con le reazioni del cervello alla dopamina e alla serotonina, sostanze chimiche connesse con gli stati d´animo positivi, come l´allegria, la serenità e la felicità”. Gabriella Giannetto

Università di Messina foto Peppe Saya

26

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


è messinese il nuovo questore di Biella

C

dott. Salvatore Arena

inquantasette anni, originario di Messina, nella sua lunga e prestigiosa carriera nella Polizia di Stato ha diretto Uffici di importanza strategica nella lotta alle mafie ed alla criminalità. Prenderà servizio a Biella dal primo febbraio. Lunga e prestigiosa la sua carriera sempre al sud. Ha iniziato infatti con l’incarico di funzionario della squadra mobile di Reggio Calabria, per poi svolgere l’incarico di vice dirigente del commissariato di Barcellona. Quindi funzionario addetto alla squadra mobile di Messina prima si ritornare oltre lo Stretto nelle vesti di vice dirigente della Dia di Reggio Calabria. Ha diretto il Commissariato di P.S. di Gioia Tauro e, soprattutto, la Squadra Mobile di Reggio Calabria. Nella sua permanenza a Siracusa, il dott. Arena si è particolarmente impegnato nell’organizzazione dei servizi di ordine pubblico soprattutto in occasione del G8 Ambiente e degli scioperi degli operai dell’indotto industriale di Priolo Gargallo – Melilli.

Ad Majora

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

27


Attualità

U

n’aula vuota si è presentata davanti ai rappresentanti degli albergatori che chiedevano lum comunque, anche tramite chiamata diretta delega arrivati a raggiungere il numero legale d gatori, ha detto: a Taormina in un 3 stelle si paga la tassa di 1,50 euro, a Catania di 1 euro la volontà di affossare la loro attività. Si era, tra l’altro, avviata una concertazione con l’allora ass carica. L’albergatore Angelo Villari, incalza, queste amministrazioni sembrano portare avanti dei provved Questa è una tassa di scopo, ha aggiunto Villari, ovvero quello di incrementare il turismo ed i serv Tutti i Capigruppo o loro delegati erano impreparati, rispetto alle domande degli albergatori, in qua ta da parte degli albergatori. Il presidente del Consiglio Giuseppe Previti, andando a riguardare la Consiglio che ha votato solo l’atto deliberativo. Il consigliere Gaetano Gennaro, fra l’altro, ci tiene a lare con l’Amministrazione per rendere edotti i Consiglieri e non venire adesso e dire che si vota s se nessuno li mette al corrente, non possono essere di loro competenza. La seduta si è conclusa con l’attesa di una richiesta ufficiale di udienza al Consiglio, il quale si far

foto Peppe Saya

28

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


i sulla tassa di soggiorno, la più alta di tutti i Comuni limitrofi, forse per un problema formale. Si è, della Conferenza dei Capigruppo. Giuseppe Minniti, rappresentante dell’associazione degli albero, a Messina 2 euro. Si chiede, pertanto, in una città che vuole puntare tutto sul turismo, se ci sia sessore Miloro, che non sembra poi essere stata rispettata, neanche dal dirigente attualmente in

imenti senza competenze, non tenendo conto della realtà e mossi dall’unico scopo di fare cassa. vizi dedicati ai turisti, non la si può utilizzare per risolvere i problemi del Comune. anto era un atto deliberativo vecchio, inoltre, non c’era stata una richiesta di spiegazioni immediaa delibera, si accorge che secondo tale atto è l’Amministrazione a fissare i tassi d’imposta e non il a precisare che, se si voleva una concertazione col Consiglio, la si doveva richiedere prima di parsenza competenza di causa. I Consiglieri votano l’atto deliberativo in se, poi le specificità dell’atto,

rà carico della situazione e studierà una possibile soluzione in accordo col Commissario Croce. Marilena Faranda

Tassa di soggiorno si attendono risposte

Gli albergatori incontrano i Capigruppo

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

29


Mancata individuazione delle aree per spettacoli viaggianti 30

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


I

consiglieri del Nicola Cucinotta e Benedetto Vaccarino hanno presentato un’interrogazione al Commissario del Comune, Luigi Croce, e per conoscenza al dirigente del dipartimento Patrimonio e Demanio, chiedendo di individuare delle aree da adibire a spazi per spettacoli circensi o più in generale viaggianti. Finora, infatti, gli spettacoli circensi si sono svolti in aree private, come il prossimo, che si svolgerà alla fiera, ovvero un’area di proprietà di un ente. Tutto questo avviene, perché, ancora non c’è una normativa, così se si chiedono le autorizzazioni al dipartimento, viene risposto che non c’è ad oggi una normativa vigente, per cui non si possono fornire con-

cessioni. Pertanto, questi spettacoli o giochi mobili, tipo i gonfiabili stagionali, possono essere disposti in aree private o pubbliche, però in quest’ultimo caso in maniera abusiva. I consiglieri, quindi chiedono che, in attuazione alla legge nazionale 337/1968 si individuino delle aree, addirittura nel 1995 il Ministero degli Interni aveva imposto a tutti i Comuni di stilare un elenco ben preciso delle aree. In particolare, adesso che si avvicina il Carnevale ed è, quindi, più facile che i ragazzi siano invogliati a cercare iniziative ludiche o spettacoli, la richiesta si fa più pressante. M. F. WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

31


La Città OltreLeMura A cura di Enzo CARUSO

Il Modello in scala dell’orologio di Strasbugo, che ispirò quello di Messina, donato da Pio XI all’Arcivescovo Pajno

Dedica a Papa Leone XIII da parte dei Vescovi di Strasburgo. Modello dell'Orologio. Par

32

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


P

are che l’Arcivescovo di Messina, Mons. Angelo Pajno, impegnato nella ricostruzione della città dopo il Terremoto, avesse espresso al Papa Pio XI il desiderio di realizzare un campanile per la nuova Cattedrale e di dotarlo di un speciale orologio degno di ammirazione. Pare anche che il Pontefice gli avesse suggerito di ispirarsi al famoso orologio astronomico di Strasburgo, di cui gli mostrò un “modello” in scala donato parecchi anni prima, dal Vescovo francese, a Papa Leone XIII nel 1887. Di proprietà del Vaticano, Pio XI ne fece quindi dono al nostro Arcivescovo. Di questa storia, tramandata oralmente dai padri Salesiani, si cercano per ora le tracce documentali, ma una cosa è certa: il Modello esiste e fu donato da Mons. Pajno ai Padri Salesiani del SS. Salvatore, con atto del 30 gennaio 1952, proprio la vigilia della festa di Don Bosco. Vidi per la prima volta questo splendido orologio a Zafferana, presso l’Hotel salesiano Emmaus, chiuso dentro una teca. Ne chiesi le origini all’allora direttore Don Santino Russo il quale, dopo avermi raccontato quello che gli era stato tramandato oralmente, mi disse che per valorizzarlo aveva ottenuto di trasferirlo nella Hall dell’Albergo, togliendolo dagli angusti ambienti in cui era depositato presso la Chiesa del SS. Salvatore. Provai ad esprimere un educato dissenso a quella incauta soluzione che aveva privato

rticolare WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

33


Messina di un pezzetto di storia, fortemente legata a quella del Campanile della Cattedrale, di cui nessuno ne conosceva l’esistenza, ma la cosa non ebbe riscontro. Negli anni successivi, provai a sensibilizzare, senza successo, diversi personaggi di cultura e alcuni Salesiani affinchè l’Orologio fosse riportato nella sua sede iniziale; ma solo la caparbietà degli exallievi Ninni Cubeta, Francesco Abate e Paolo Capra, presidente dell’Unione Exallievi Don Bosco, insieme all’attuale Direttore dell’Istituto “Domenico Savio” Don Enzo Schilirò, ha consentito di restituire recentemente il prezioso cimelio alla città di Messina che ora, in attesa di un necessario restauro, potrà essere ammirato e raccontare finalmente la sua importante e affascinante storia. Anche se l’Orologio fu inserito nel calendario degli eventi nella scorsa edizione della Notte della Cultura, l’enorme varietà di attrazioni di quella sera fece passare in sordina la straordinarietà dell’esposizione. Per accendere i riflettori su questo importante cimelio, ancora in fase di studio, ci limiteremo in questa fase preliminare a descriverne le sue parti più interessanti. E’ alto circa 2 metri e fu realizzato in legno da Aloïse Lorentz a Soufflweyersheim presso Strasburgo in Alsazia; gli fu comModello dell'Orologio di Strasburgo custodito presso l'Istituto Domenico Savio

Targhetta del dono di Mons. Pajno ai Salesiani

34

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Il Gallo di Messina

Il Gallo di Strasburgo

missionato per offrirlo al Papa Leone XIII, dal Vescovo di Strasburgo Andreas Räβ alla cui morte, avvenuta il 17 novembre 1887, successe Mons. Peter Paul Stumpf vescovo titolare dell’antica sede vescovile di Cesaropolis (identificabile oggi con Sardi in Grecia), che vide il completamento dell’opera. Sul fronte dell’Orologio campeggia infatti la data MCCCXXXVII che coincide con la data di successione tra i due arcivescovi francesi. Sul frontale dell’orologio, ai lati della dedica a Papa Leone, sono riportati gli stemmi episcopali dei due Vescovi della città di Strasburgo, che in latino viene intesa come Argentoratensis o Argentinensis. Questa dicitura ha indotto, per molto tempo, ad attribuire il dono dell’orologio al Pontefice da parte dei vescovi “argentini”. Nelle due colonne laterali sono riportate le fotografie di Jean Baptiste Schwilgluè, restauratore dell’orologio originale contenuto nella Cattedrale francese, nato il 17 dicembre 1774, e di Aloïse Lorentz autore della miniatura. Sulle pareti laterali sono affisse rispetytivamente due targhette che riportano le seguen-

Targhetta posta sul laterale dell'Orologio WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

35


36

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Il Campanile ancora privo dell'orologio e dei meccanismi

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

37


Aloise Lorentz autore del Modello dell'Orologio

38

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

ti diciture: “Munifico dono di S. Ec PAINO” e nell’altra “Proprietà de Messina”. Il Modello in scala, che presto si Domenico Savio, è quindi nelle su magnifico “Orologio dei Re Mag Strasburgo. Questa città francese fu tra le pri canico all'interno della cattedrale trattava di una costruzione dotata sitivo meccanico, un calendario, Vergine col Bambino davanti alla q Re Magi, mentre un carillon suona le ali. L’Orologio affascina soprattutto p ogni giorno, alle ore 12.30, si mett te. Il primo quarto d'ora è scoccat un fanciullo adolescente, il terzo d chio a simboleggiare le quattro e alla Morte che ha in una mano un quale batte le ore mentre le Età, c la notte; dopo i rintocchi dell'ora u scia la clessidra che tiene in mano Allo scoccare del mezzogiorno le sfilano davanti al Cristo che, pas visitatori; durante la sfilata degli ap Da sempre questo animale ha in tempo e, ricordando la rinnegazio lo Pietro prima che il gallo cant umana. I giorni della settimana sono rapp domenica, Diana il lunedì, Marte Giove il giovedì, Venere il vener descritto da un calendario perpet giorni e i rispettivi santi, le feste fis Altro particolare dell’orologio, perfe ra, è un globo celeste caratterizza duce i movimenti della volta stella locata al centro. L'orologio realizz nomia del Cinquecento oltre che dalla tecnologia meccanica nella m Immediato è l’accostamento a qu ditta di Theodore Ungerer (1894orologi per gli edifici, ma anche


cc. l’Arcivescovo Mons. ANGELO ll’Oratorio S. Domenico Savio di

potrà ammirare presso l’Istituto e parti una fedele riproduzione del gi” contenuto nella cattedrale di

me a realizzare un orologio mecnegli anni fra il 1352 e il 1354. Si di una cassa contenente il dispoun astrolabio e la statua della quale s'inginocchiavano ogni ora i ava e un gallo cantava innalzando

per il gioco dei meccanismi che, tono in moto contemporaneameno da un putto alato, il secondo da da un adulto e il quarto da un vecetà della vita. Tutti sfilano davanti a falce e nell'altra un battaglio col come gli uomini, riposano durante un'altra figura di putto alato roveo. statue rappresentanti gli apostoli sato l'ultimo apostolo, benedice i postoli un Gallo canta per tre volte. nfatti rappresentato la misura del ne del Cristo da parte dell'apostoti, simboleggia anche la fragilità

presentati dalle divinità: Apollo la il martedì, Mercurio il mercoledì, rdì e Saturno il sabato. L'anno è uo a forma di anello con i mesi, i sse e mobili. ettamente riprodotto nella miniatuato da migliaia di stelle che riproata intorno alla terra immobile cola una completa visione dell'astroun esempio dell'abilità raggiunta metà dell'Ottocento. uello di Messina, progettato dalla 1935), un produttore alsaziano di artista, storico e bibliofilo, che si

Jean Baptiste Schwilgluè, restauratore dell'Orologio di Strasburgo WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

39


avvalse per la parte tecnica della competenza dell’ingegner Frédéric Klinghammer. Una pubblicazione del Periodico “Città e Territorio”1 , edito dal Comune di Messina, con studi della Dott. Grazia Musolino, dirigente della Soprintendenza BB CC AA di Messina, fu dedicato al Campanile e al grande Orologio Astronomico voluto da Mons. Pajno e installato nella struttura campanaria progettata dall’Arch. Valenti. La descrizione della parte progettuale fu pubblicata nel lavoro di Robert Redslob “L’Horloge astronomique de la Cathedrale de Messine. Ovre d’un maitre strasbourgeois” stampato a Strasburgo nel 1933. Il Campanile del Duomo di Messina, fu inaugurato il 13 agosto 1933 alla presenza di 70.000 persone venute da ogni dove per ammirare “L’Orologio più grande del Mondo”. 1 Città e Territorio n° 2-3, Messina, 2002

Gazzetta di Messina e delle Calabrie dell'agosto 1933

40

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


La data di costruzione del Modello nel 1887 WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

41


42

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Processione in occasione dell'inaugurazione del Campanile del Duomo

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

43


sette giorni

Gennaio 2013

di Andrea Castorina

17 giovedì

18 venerdì

19 sabato

L'on. Garofalo denuncia il rischio di licenziamento nelle mense FS 700 addetti al servizio mensa dei ferrovieri potrebbero perdere il posto di lavoro. Il nuovo CCNL dei ferrovieri li penalizza: ieri a Roma incontro diGarofalo con Braccialarghe. Rischiano di avere vita breve le mense dei ferrovieri in Sicilia e Calabria.A lanciare l'allarme ieri l'on.le Vincenzo Garofalo, nel corso di un incontro con il dirigente di FS Braccialarghe. In sintesi, le cause sarebbero addebitabili non solo alla riduzione del numero dei ferrovieri su tutto il territorio nazionale ma, soprattutto, al nuovo CCNL.

Servizi sociali: Prorogati di due mesi i servizi in scadenza La X Commissione Consiliare, presieduta dal consigliere Elio Sauta, riunitasi stamani, facendo seguito a quanto comunicato dal dirigente del dipartimento servizi sociali, Salvatore De Francesco, ha preso atto che l'Amministrazione ha avuto il via libera dagli uffici competenti sulla fattibilità degli atti propedeutici a prorogare per due mesi tutti i servizi sociali in scadenza domani, 19 gennaio.

Emergenza freddo: attrezzato un punto di accoglienza a Cataratti Le istituzioni messinesi si attrezzano per offrire una sistemazione al coperto per gli homeless che vivono sul territorio comunale, specialmente durante questo periodo nel quale è scattata l'allerta meteo, segnalata dagli operatori di protezione civile. Infatti , da questa sera 19 gennaio, grazie alla collaborazione della Cri, sarà attivato dal Comune di Messina, un punto accoglienza, per l'emergenza freddo,nella ex scuola di Catarratti.

20

Calcio: a punteggio pieno Messina e Città di Messina

21

Un altro duro colpo per l’azienda trasporti messinese, il commissario Santi Alligo rassegna questa mattina le dimissioni a Croce. Era divenuta, infatti, sempre più pressante l’incompatibilità fra l’incarico di segretario generale del Comune e quello di commissario ATM. Sempre al fianco del Commissario Croce, egli non poteva battere i pugni per ottenere concessioni per la società che amministrava, che tra l’altro dovrebbe essere già in liquidazione, per la costituzione di quella nuova.

Domenica dal sapore dolce per le squadre messinesi impegnate nel campionato di serie D. Il Messina espugna il difficile campo dell’Agropoli grazie a una punizione di Cocuzza e stacca di sei punti il Cosenza, battuto a sordomenica presa nella trasferta di Noto. Il città di Messina centra la terza vittoria consecutiva grazie al 3-1 interno contro la Pro Cavese. A segno Citro, Avola e Giardini.

lunedì

22 martedì

23

ATM senza nocchiero in gran tempesta, la reazione dei Sindacati

Alberi alti più delle palazzine e rami che cadono sull’asfalto. Alberi che hanno ormai sovrastato le palazzine e rami talmente lunghi da intrecciarsi con i pali della pubblica illuminazione” è quanto si può verificare nella Via D’Anfuso, al Villaggio Aldisio, e precisamente nel tratto compreso tra la Via De Gregorio e l’entrata lato monte del Policlinico: ad evidenziare una situazione che può avere risvolti pericolosi sono i consiglieri della III Circoscrizione, Claudio Cardile e Antonino Sciutteri che chiudono urgentemente a Palazzo Zanca di risolvere il problema con degli intereventi urgenti.

Scuola, avviate le iscrizioni on line

Le iscrizioni scolastiche on line per 1,7 mln di studenti comportano un risparmio di circa 5 milioni di fogli di carta e 84mila ore di lavoro delle segreterie scolastiche, che non devono piu' inserire a mano i dati dai moduli cartacei. mercoledì Lo riferisce il ministero dell'Istruzione che saluta con "grande soddisfazione" l'avvio del processo di registrazione telematica. Secondo il Miur "la macchina organizzativa sta funzionando al meglio e senza particolari problemi tranne qualche sporadico rallentamento nel funzionamento del sito”.

44

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


circoscrizioni di Andrea Castorina

Circoscrizioni

Raccolta acque piovane: servono fondi e una seria programmazione

L

a Conferenza dei Presidenti circoscrizionali cittadini si è riunita urgentemente a seguito dei soliti e gravi problemi creati dal completo collasso della rete di raccolta delle acque piovane che si è verificata su tutto il territorio messinese a causa delle recenti e violente piogge. Ad oggi nessuno degli interventi necessari è stato eseguito e difficilmente se ne potranno fare, in quanto la reale disponibilità di cassa del Comune non consentono nessuna operazione di manutenzione. Stando così le cose, e con la previsione di una lunga stagione invernale, la Conferenza dei Presidenti intende richiedere al Commissario Croce un impegno non verbale, ma fattuale e concreto riassunto in 5 punti: 1) Eseguire una programmazione degli interventi sulla rete di raccolta delle acque piovane. 2) Risorse da reperire e attraverso quali canali di finanziamento. 3) Comprendere come il personale comunale da impiegare possa essere effettivamente utilizzato nella detta attività: è gente formata per tale operazione? 4) Stabilire un programma di interventi che vada fino a fine mandato amministrativo, 5) Ipotizzare di affidare, attraverso il metodo del cottimo fiduciario, i primi interventi di manutenzione.

III quartiere Iniziati i lavori nel torrente Bordonaro

D

opo tre lunghi anni finalmente sono iniziati i lavori di messa in sicurezza del torrente Bordonaro, autentica bomba ad orologeria pronta ad esplodere da un momento all'altro. I tecnici del Comune procederanno nei prossimi giorni alla risagomatura del corso d'acqua. Il consigliere della III Circoscrizione Massimiliano Minutoli, manifestando la sua soddisfazione per l'inizio dei tanto attesi interventi, ricorda agli organi preposti, il serio problema costituito da una famiglia che vive in un manufatto abusivo, proprio all'interno del torrente. Un'intera famiglia costretta a vivere in condizioni di degrado in attesa di un alloggio alternativo promesso dal Comune. Minutoli propone dunque propone l'assegnazione di un domicilio previsto nel bando per l'assegnazione di 25 alloggi, a cui la suddetta famiglia presenterà regolare domanda. L'ultima possibilità per iniziare a vivere in maniera dignitosa, diritto che non dovrebbe mai essere negato a nessuno.

III quartiere

Viale S.Martino: simbolo del paradosso messinese

E

’ cosa nota che a Messina la manutenzione funzioni a macchia di leopardo: spesso di alcune zone ci si dimentica per anni interi, creando una situazione di assoluto degrado e talvolta precarie condizioni igienico-sanitarie. Questo problema perònon è circoscritto solamente ad alcuni quartieri, vi è infatti un’importante arteria che da tempo viene inspiegabilmente “discriminata” dagli addetti ai lavori. Stiamo parlando del viale S.Martino, una delle vie più importanti della città o forse la più importante in assoluto. Basta percorrere il corso nella sua interezza da nord verso sud, per accorgersi di come, superato l’incrocio con il viale Europa, la situazione cambi bruscamente. Pulizia inesistente, potatura inesistente, decoro urbano, manutenzione inesistente. Il consigliere della III Circoscrizione Libero Gioveni presenterà al C o n s i g l i o Circoscrizionale un nuovo ordine del giorno col quale, oltre a chiedere spiegazioni al Dirigente del Dipartimento competente.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

45


Messina 24 gennaio 2013

Sono iniziati al torrente Bordonaro gli interventi per la pulizia dell'asta torrentizia. no giĂ  operando per eliminare i depositi di materiale che saranno portati alla foce plessivo degli interventi programmati per la manutenzione del territorio dall'asses ta la manutenzione delle reti meteoriche.

46

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


. Messinambiente e Ato 3 stane del torrente. Nel quadro comssore Pippo Isgrò, è stata avviaservizio di Peppe Saya

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

47


città a cura di Marilena Faranda

Disagio abitativo

Bandi di concorso

Elezioni

Liste elettorali

L

'ufficio elettorale del Comune ha completato la cancellazione dal corpo elettorale dei cittadini che non compiranno l'età prevista entro il termine. Sono 841 gli elettori, 437 uomini e 404 donne, che non compiranno diciotto anni in tempo per votare, i neofiti che si recheranno per la prima volta a votare sono 331: 174 uomini e 157 donne. I diciottenni che hanno avuto il “battesimo” del voto alle elezioni regionali sono stati 876 (433 uomini e 443 donne), mentre 439 (230 uomini e 209 donne), coloro che non hanno compiuto gli anni in tempo per votare. Alle regionali precedenti del 2008, i diciottenni che potevano votare per la prima volta erano 615 (308 uomini e 307 donne); alle ultime amministrative, svoltesi sempre nel 2008, invece non poterono votare 113 elettori (55 uomini e 58 donne). Per le amministrative del 27 novembre 2005, coloro che non compivano il 18° anno di età, al primo giorno di votazione, furono 561 (315 uomini e 256 donne ); ed erano stati 289 (161 uomini e 128 donne) per le amministrative precedenti del 2003.

48 48

S

cadrà alle ore 10 del 1 febbraio, il termine per la presentazione dell’istanza e dei documenti per la partecipazione alla selezione di un partner privato ai fini della partecipazione al Bando per programmi integrati per il recupero e la riqualificazione delle città - ( GURS n.49 del 16 novembre 2012). La determinazione dirigenziale è in pubblicazione all’Albo Pretorio e gli atti allegati sono visionabili sul sito istit u z i o n a l e dell’Amministrazione comunale. Per la partecipazione al bando che prevede la realizzazione di interventi volti a contrastare i fenomeni di disagio abitativo per categorie sociali “svantaggiate” così come previste

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

dall’art. 11 della L. 133/2008, le proposte, in plico chiuso e sigillato, dovranno pervenire, al Comune di Messina – Ufficio Programmi Complessi – Palazzo della Cultura “Antonello da Messina”, 4° piano – viale Boccetta is. 373. Nello stesso giorno si procederà all'apertura delle buste pervenute ed all'esame della documentazione. La città di Messina rientra tra i Comuni ad “elevata tensione abitativa” ,nei quali lo sviluppo di politiche e l'implementazione di strumenti volti ad eliminare o mitigare il disagio di soggetti in situazione di disagio abitativo risultano necessari per accompagnare percorsi di sviluppo sostenibile del territorio.


Edilizia scolastica

Consiglio Comunale

Lavori di manutenzione

C

on determina dirigenziale è stato approvato il progetto esecutivo per realizzare lavori di manutenzione degli immobili e dei relativi impianti, dei plessi scolastici comunali di città e villaggi. Gli interventi previsti sono quelli più ricorrenti di manutenzione che occorrono per gli edifici sco-

lastici. In particolare la programmazione, per un importo complessivo di 100 mila euro, interesserà i lavori per la sistemazione dei servizi igienici; revisione del sistema di deflusso delle acque meteoriche; revisione del manto di tegole e dell'orditura in legno con la sostituzione delle parti ammalorate; spicconamento degli intonaci interni ed esterni; risanamento di strutture in cemento armato; tinteggiatura di pareti o soffitti, ove occorre; riparazione di infissi interni ed esterni e sostituzione di vetri; messa in sicurezza delle strutture.

Contributo a famiglie affidatarie di minori in condizioni di disagio

C

I

l Consiglio comunale terrà una seduta aperta e straordinaria indetta per martedì 5 febbraio, alle ore 10.30, destinata ad evidenziare il disappunto per l'annunciata proposta di revisione delle piante organiche dei Tribunali, che vede Messina pesantemente penalizzata con il taglio di 5 magistrati, insieme alla prevista chiusura del Distaccamento della Marina Militare.

Palazzo Zanca

Servizi sociali

on determina del dirigente il dipartimento sociale, è stata autorizzata l'Area Coordinamento economico e finanziario a procedere all'impegno com-

Protesta per il taglio dei magistrati

plessivo della somma di 84.800,00 euro al Cap. 22590/05 per provvedere al pagamento del contributo spettante a 32 famiglie affidatarie di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare. Il servizio ha lo scopo di garantire ai minori le condizioni migliori per lo sviluppo psico-fisico, poiché le famiglie di origine si trovano in situazioni di temporaneo disagio, sia esso morale, economico o sociale.

Determine commissariali

I

l Commissario straordinario del Comune, dott. Luigi Croce, con i poteri della Giunta, ha confermato l'applicazione dell'addizionale comunale all'Irpef per il 2013, nella misura dello 0,80 per cento, invariata dal 2007. Deliberata inoltre l'assegnazione degli spazi per la propaganda elettorale per l'appuntamento di fine febbraio con le politiche 2013.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

49 49 49


Messina 24 gennaio 2013

I lavoratori della Triscele si sono presentati anche stamattina sul posto di lavoro, chiusi e macchinari fermi) e aspettano notizie dalla famiglia Faranda. Prosegue la da parte dei cittadini che chiedono alle istituzioni di non disperder la professiona continuare la produzione della birra della città di Messina a Messina. Una cosa è

50

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


che in realtà non c’è (cancelli a raccolta di firme di solidarietà lità delle maestranze e di far sicura, la protesta non si ferma. servizio di Peppe Saya

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

51


provincia Messina a cura di Marilena Faranda

Incontro con le scuole nell’ambito della “Giornata della Memoria”

L

’assessorato provinciale alla Cultura, in collaborazione con le scuole medie degli Istituti Comprensivi “Boer-Verona Trento“ e “Giuseppe Mazzini”, ha organizzato,nei locali della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, l’incontro dal tema “Memoria e Shoah“ in ricordo dell’abbattimento dei cancelli del campo di sterminio nazista di Auschwitz–Birkenau, evento che viene ricordato ogni anno il 27 gennaio in occasione della “Giornata della Memoria”. Protagonista dell’incontro è statoMimmo Trapani, presidente onorario dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, oggi ottantottenne, che racconta con la sua viva voce l’esperienza vissuta nel Nord Italia da partigiano nella lotta contro l’oppressione nazista. L’iniziativa rappresenta un appuntamento fondamentale con l’attuale generazione di studenti, l’ultima in grado di ascoltare dal vivo il racconto di coloro che vissero all’epoca del nazi-fascismo e la cui storia personale si è intrecciata con la grande storia di quegli anni. L’incontro è stato introdotto dal saluto dell’assessore provinciale alla Cultura, Giuseppe Crisafulli, che ha presentato l’iniziativa e dal dirigente alla Cultura, Anna Maria Tripodo mentre i lavori saranno coordinati dal funzionario dell’Unità Operativa Cultura, Angela Pipitò. All’incontro eranono presenti gli alunni di alcune classi delle scuole medie degli Istituti Comprensivi “Boer – Verona Trento“ e “Giuseppe Mazzini”, accompagnati dalle professoresse Liliana Campanella della scuola media “Mazzini” ed Antonella Prestamburgo della scuola media “Verona Trento”. Durante l’incontro è stato proiettato un filmato dal titolo “Sogni bruciati“, prodotto dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, che racconta l’esperienza didattica realizzata in una scuola romana sul tema della Shoah. Subito dopo la testimonianza dell’ex-partigiano Mimmo Trapani, gli studenti hanno letto alcune poesie sul tema realizzate dagli stessi studenti insieme ad alcune tra le più belle poesie sulla Shoah, un momento di riflessione per non dimenticare. 52

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

53


Sicilia a cura di Dario Buonfiglio

Sequestrati due villaggi turistici ragusani per riflui fognari Residence Marsa Siclà

D

ue dei più rinomati villaggi turistici ragusani sono stati posti sotto sequestro dai carabinieri di Modica e dagli uomini della Capitaneria di Porto di Pozzallo. Il reato ipotizzato è quello di un possibile traffico illecito di rifiuti - soprattutto reflui fognari - che sarebbero prodotti dalle due strutture turistiche. Il villaggio "Baia Samuele", sorto a metà degli anni '90 a Sampieri, è la struttura ricettiva iblea col maggiore numero di posti letto, 320 camere divisi tra albergo e villaggio. In estate durante il pienone ospita più di mille vacanzieri, mentre, Marsa Siclà è un residence aperto nel 2005 a seguito di un piano di lottizzazione in contrada Samuele, nel territorio di Scicli, che negli ultimi anni ha raggiunto alti picchi di presenze turistiche. Entrambe le strutture sono a qualche centinaio di metri dalla frazione di Sampieri (Scicli) e da più di 10 anni questo specchio d'acqua, dove insiste

54

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


tra l'altro la Fornace Penna (suggestivo reperto di archeologia industriale conosciuto come la "Mannira" nella fortunata fitcion televisiva del Commissario Montalbano) puntualmente in estate si inquina. Una situazione intollerabile per turisti e residenti che in piena stagione estiva assistono allo sversamento nelle vie del borgo marinaro di liquami fognari, oltre a ritrovarsi il mare inquinato e la spiaggia off limits. Il sequestro preventivo disposto dal Gip è finalizzato specificamente ad evitare che l’attività criminosa ipotizzata, e che sarà fatta oggetto di più attento accertamento, possa ulteriormente protrarsi con i conseguenti danni all’ambiente circostante, peraltro riconosciuto quale meta privilegiata del turismo ibleo. Il predetto provvedimento colpisce infatti strutture turistiche tra le più grandi in Italia per estensione e valore, stimato attorno ai 30 milioni di euro complessivi e con un volume d’affari tra i più importanti nel settore.

Il centro benessere di Baia Samuele WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

55


Truffa allo Stato

Codacons denuncia 29 deputati regionali “fantasma”

ARS - Sala d’Ercole

56

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


I

l Codacons ha presentano un esposto denuncia alla Procura della Repubblica di Palermo e alla Procura presso la Corte dei Conti, redatto dai penalisti Isabella Altana e Bruno Messina. "La legislatura dell'Assemblea Regionale Siciliana è appena cominciata e già si registrano deplorevoli episodi che meritano un approfondimento giudiziario in sede penale" scrivono i una nota i rappresentanti dei consumatori. L'azione legale fa riferimento alla denuncia del deputato Cancelleri (M5s), corredata da fotografie, secondo la quale durante la seduta dello scorso 16 gennaio, 29 deputati assenti hanno lasciato il proprio tesserino nel lettore per far apparire la loro presenza e ciòan-

che allo scopo di non perdere l'indennità che spetta loro pari a circa 225 euro. Secondo il Codacons si configurano gli estremi per indagare sul reato previsto e punito dall'art. 640 del codice penale e cioè truffa ai danni dello Stato. "Oltre all'illecito profitto che deriva da una simile condotta, afferma una nota del Codacons, è intollerabile che i cittadini siciliani vengano traditi dai loro rappresentanti appena eletti con un comportamento che merita una condanna esemplare. Bisogna avere rispetto per i cittadini siciliani e per le istituzioni di cui si fa parte. Tradire gli uni e le altre significa non essere degni del ruolo che si ricopre".

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

57


La guaina fotovoltaica installata sul Teatro Crystal di Palermo

Cnr: «La Sicilia, come la Svizzera, d

«

Anche la Sicilia -- ha spiegato a Zurigo il chimico del Cnr Mario Pagliaro, invitato dal celebre basso consumo basata sull’energia solare. Con 6 milioni di pannelli fotovoltaici installati e 60

Attualmente in Svizzera come in Italia addizionando tutte le fonti energetiche, ogni persona nece diventare in poco più di un decennio una “società a 2000 Watt”: e di questi 2000 watt, ben 1500 v Pagliaro ha dunque presentato il caso della città di Palermo, dove il Comune ha difficoltà a paga che i 10mila euro al mese di bolletta elettrica per i propri uffici all’interno del “Pallone”, un edificio La soluzione? «Ma naturalmente, le tecnologie dell’energia solare» ha continuato Pagliaro, che a «Il Comune -- ha aggiunto -- deve far installare rapidamente su entrambi i tetti la guaina fotovoltaic ne gratis dal sole oltre 20mila chilowattora annui, risolvendo anche il problema delle infiltrazioni e «E poi deve far installare su una parte dell'immenso tetto della piscina i pannelli solari fototermici almeno il 40% il consumo annuale di combustibile. In Sicilia lo fa con successo la piscina di Comi te le potenzialità dell’energia solare». «Le amministrazioni come Palermo -- ha concluso Pagliaro -- devono avviare alla formazione il pro cienza energetica. E’ semplice, rapido ed economico. Tutto quello che non dovono fare è continua

58

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


diviene regione a basso consumo»

e Politecnico a tenere una lezione sull’idrogeno solare -- è sulla strada per diventare una società a 0 parchi eolici che producono oltre 2 miliardi di chilowattora di energia elettrica ogni anno».

essita di una potenza media di 6000 Watt. Secondo il Politecnico di Zurigo, la Svizzera potrebbe verranno dal sole, dal vento e dall’acqua: cioè, dalle fonti fonti energetiche rinnovabili. are tanto le grandi quantità di gas naturale necessarie a scaldare l'acqua della piscina comunale; costruito per i mondiali di calcio del ’90. l Cnr coordina le attività del Polo Fotovoltaico della Sicilia. ca utilizzata a Palermo dal Teatro Crystal: che in 4 giorni ha solarizzato il proprio tetto e oggi ottiedelle dispersioni termiche attraverso il tetto. , che garantiranno facilmente la produzione di acqua calda a costo zero, abbattendo in misura di so. Ma nessuno ne parla. Così, né gli amministratori né gli imprenditori conoscono adeguatamen-

oprio personale tecnico più giovane, per dotarli di competenze aggiornate in tema di solare ed effiare a fare come se le tecnologie del solare non esistessero». WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

59


Le associazioni del Coordinamento Azioni Ambientali di Messina hanno presentato nella sala ovale del Comune di Messina, le iniziative per l'anno ambientale 2012-13, con il patrocinio di numerose istituzioni: Comune di Messina, Università di Messina, ATO3 Messina, Provincia di Messina, Stazione di Granicoltura di Caltagirone, AMAM Messina, ATO Acque 3 Messina, Ufficio Scolastico Provinciale, CEA Sicilia, Sigea Sicilia. Era presente Pippo Previti, presidente del Consiglio comunale di Messina.

Anno Ambienta 27 Ottobre 2012 BiodiversaMente 2012: Immersi nella biodiversità: dai Monti Peloritani ai fondali dello Stretto di Messina - Villa Mazzini, nell’ambito della campagna promossa da WWF e ANMS, organizzata dal CeSPOM di Messina, in collaborazione con l’Azienda Regionale Foreste Demaniali - UPA Messina, l’Associazione Ornitologica Messinese onlus, Digimare Italia, il Centro Studi Faunistica dei Vertebrati ed il Centro Studi Invertebrati - Società Italiana di Scienze naturali ed il CEA Messina onlus.

4 Novembre 2012 Villa Dante: Esposizione Canarini, Arricciati, Esotici Indigeni e loro ibridi, pappagalli, razze inglesi. Evento su Facebook: http://www.facebook.com/events/277198679066034

9-10 Novembre 2012 Formazione Quadri Terzo Settore FQTS – Programma: L’effetto della crisi sull’ambiente e sul territorio - Politiche ambientali e di sostenibilità - Politiche partecipative

19-25 Novembre 2012 Concorso per tutte le Scuole di Messina sul Tema Unesco Dess del 2012 con svolgimento il 22 marzo 2013 della premiazione in occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua 2013. Titolo del Concorso per le Scuole del Comune di Messina per la Settimana Unesco Dess 2012: "Cucina senza rifiuti: consapevole, sana ed economica", con presentazione e divulgazione nella Settimana Unesco Dess 2012 e conclusione nel corso della Giornata dell'Acqua 2013 (22 marzo 2013)

19-25 Novembre 2012 Istituzione dell'Osservatorio Rifiuti a Messina in occasione, della 4^ Edizione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti: http://www.facebook.com/events/350679251693032

60

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Ecco i promotori: FareVerde - Ambiente e/è Vita - CEA Messina Onlus – MareVivo Associazione Ornitologica Messinese- Osservatorio Lucia Natoli - CESV Messina - Telefono Amico - CEA Eolie - Il Ramarro onlus Caltagirone - AIF SEz. Messina - ANISN Sez. Messina SlowFood Valdemone - ARPA Sicilia DAP Messina - SS.BB.CC.AA. di Messina - CeSPOM Messina - InBar Messina - Architettura Ecosostenibile - ORSA Scuola Alta Formazione Ambientale – Legambiente.

ale 2012- 2013 Iniziativa editoriale 2013 Realizzazione in formato elettronico del Calendario Ambientale 2013 (soggetto :"La Natura delle Eolie: Aree Protette e Sviluppo Sostenibile", cfr. vedi http://www.facebook.com/calendarioambientale2012)

27 Gennaio 2013 Ventunesima edizione, organizzata dall’associazione ambientalista Fare Verde, dell’iniziativa “Il mare d’inverno”. I volontari, aiutati da tanti cittadini, raccoglieranno i rifiuti che anche d’inverno inondano le nostre spiagge e stileranno una sorta di hit – parade degli oggetti ritrovati sull’arenile.

21 Marzo 2013 “Giornata della Memoria e dell'Impegno per ricordare le vittime innocenti di tutte le mafie”.

9-10-11 Aprile 2013 Ambiente e Benessere: dall’olivo all’olio, 2° Corso di aggiornamento scientifico- sperimentale che si terrà presso la sede dell'Ordine dei Medici di Messina, organizzato dall’Arpa ST Messina, l’ANISN sez di Messina, con la collaborazione dell'Assessorato Regionale delle Risorse Agricole Alimentari Distretto Nebrodi e dell'Università degli Studi di Messina.

12 maggio 2013 “Dieci, cento, mille rapaci sul tuo orizzonte”, con l'eccitante escursione per i sentieri di colle San Rizzo sulle rotte dei rapaci in migrazione alla scoperta di panorami mozzafiato sulle sponde dello Stretto di Messina e il suo mare al cobalto. Con l’appassionata guida di Arnaldo Oliva, uno dei massimi esperti locali e la collaborazione de “il Ramarro” - Associazione di Ecologia e Cultura di Pace.

1-19 Maggio 2013 "European Solar Days 2013", che il Comitato Promotore proporrà di realizzare in condivisione con altre Associazioni non della Ns. Città come avvenuto per il 2012.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

61


SCIENZA & CULTURA A cura di Ignazio Rao Ascia d'argento (argyropelecus hemigimnus)

Le strane creature degli abissi

Particolare degli organi luminosi(fotofori) del pesce lanterna

62

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


G

li oscuri abissi del mare, con le loro misteriose creature, i miti e le leggende alimentate dalla fantasia di molti scrittori, rappresentano per l’uomo un affascinante mistero ed hanno destato l’interesse degli studiosi, ansiosi di esplorare e scoprire gli animali che popolano questo ambiente dalle condizioni veramente estreme. Nel 1844 lo studioso Forbes, sosteneva che il mare, già ad una profondità superiore ai 500 metri , fosse privo di ogni forma di vita a causa della notevole pressione, della totale assenza di luce e della bassa temperatura. Le prime esplorazioni del mare condotte nel Mediterraneo sino ad una profondità di 700 metri, probabilmente per le inadeguate attrezzature utilizzate nelle ricerche, non fecero che rafforzare tale ipotesi. Ma i pesci “abissali”, già da tempi antichissimi, erano ben conosciuti dai pescatori messinesi con il termine dialettale di “pisci diavuli”, utilizzato ancora oggi, per descrivere queste curiose e spesso orripilanti creature che vivono nelle grandi profondità dello Stretto di Messina. Già nel 1829, l’ittiologo messinese Anastasio Cocco, grazie alla grande quantità di materiale biologico raccolto sul nostro litorale, pubblicò alcuni studi su numerose specie di pesci “abissali” appartenenti ai generi “Vinciguerria” e “Icthyococcus”, mettendo in evidenza la strana forma del corpo, idonea a sopportare le altissime pressioni, il colore scuro, le enormi bocche armate di numerosissimi ed aguzzi denti e la presenza di particolari organi luminosi (fotofori). Anche lo zoologo francese Risso, che lavorò nel mare di Nizza, fu probabilmente tra i primi a riconoscere e descrivere alcune specie abissali. Le ricer-

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

63


che effettuate da Thompson, dal 1868 al 1876, con le navi “Lightning”, “Porcupine”, e “Challenger”, quest’ultima munita di una più sofisticata serie di scandagli abissali, consentirono di esplorare il mare ad una maggiore profondità. Nel 1881 il Ministero della Marina, su iniziativa del Direttore dell’Ufficio Idrografico della Regia Marina, Ammiraglio G.B. Magnaghi, e del Direttore del Museo Zoologico dei Vertebrati di Firenze, Prof. E. Giglioli, decise che parte dell’abituale campagna del “Washington” nave idrografica della Regia Marina Italiana, fosse destinata alle ricerche abissali. Gli eccezionali risultati dell’esplorazione, che fornì le prove sulla presenza della fauna abissale in Mediterraneo, furono portati a conoscenza del mondo Scientifico durante il Terzo Congresso Geografico Internazionale, tenutosi a Venezia nel settembre del 1881. In tale circostanza furono illustrati le osservazioni fisiche eseguite dall’Amm. G.B. Magnaghi e le ricerche zoologiche condotte dal Prof. E. Giglioli. Questa incredibile scoperta diede un decisivo impulso all’esplorazione del mare e rappresentò l’inizio di un intenso e permanente rapporto di collaborazione tra la Marina ed il mondo scientifico che ancora oggi è di grande attualità. Altre spedizioni per l’esplorazione degli abissi furono condotte nel 1910 dall’oceanografo norvegese John Hjort, che effettuò una spedizione in Nord Atlantico e descrisse le specie che

64

Vipera di mare (Chauliodus sloani)

Typhlops polycheles

Pesce lanterna puntato (Myctophum punctatum)

Particolare della testa di V

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


vivevano oltre i 500 metri di profondità. Tra le due guerre vennero condotte ulteriori campagne oceanografiche da parte dei tedeschi, con le navi “Meteor” e “Discovery I e II”, e le spedizioni più celebri furono condotte dal Principe di Monaco con la nave “Principessa Alice”. Attraverso l’esplorazione delle grandi profondità è stato inoltre possibile ricostruire la morfologia dei fondali marini rilevando montagne, canyons, crateri, valli e importanti sistemi di faglie. Negli ultimi decenni , grazie all’impiego di moderni batiscafi ed alla disponibilità di sofisticate attrezzature, gli studiosi sono stati in grado di condurre dirette osservazioni dei fondali e degli organismi marini , con eccezionali scoperte . Lo Stretto di Messina, la cui profondità varia da circa 80 metri lungo la congiungente Ganzirri – Punta Pezzo e raggiunge, 2000 metri nello Ionio in prossimità di Capo d’Armi e 1000 metri nel Tirreno al largo di Milazzo, è stato, sin da tempi molto antichi, meta di famosi e autorevoli oceanografi e zoologi provenienti da molte parti del mondo, poiché offre la possibilità di reperire specie ittiche “abissali” che, “catturate” in profondità “e trasportate” in superficie dalle forti e impetuose correnti, “spiaggiano” , spesso ancora vive, prevalentemente sul litorale di Torre Faro, Ganzirri e S. Ranieri. Il nostro meraviglioso Stretto di Messina ci regala sempre nuove scoperte e non finirà mai di stupirci.

Vipera di mare

Re di triglie nero (Epigonus telescopus)

Bocca spinosa (Gonostoma denudatum) WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

65


66

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Histioteutis bonelliana

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

67


Cultura

U

n’accoglienza straordinaria; diciotto concerti con punte di due al giorno; interventi alla radio, grande risalto sulla stampa. Il gruppo di Ficarra, per la quarta volta in Australia ha concluso la lunga permanenza a Perth, Fremantle ed altre cittadine del West Australia. I giovani di Ficarra accompagnati dal Sindaco Basilio Ridolfo, si sono esibiti a Perth, Frematntle, Mandurah, in Teatri, Case d’Italia e case di Sicilia centri per anziani sempre accolti calorosamente non solo dai tantissimi siciliani ma anche da tanti italiani e australiani. A Fremantle presso il teatro comunale alla presenza di diverse autorità fra cui il sindaco della cittadina c’è stato lo scambio di doni e la lettura da parte del sindaco di Ficarra del messaggio inviato dal sindaco di capo d’Orlando città gemellata con Fremantle. “Sono stati giorni straordinari ed indimenticabili - ci dice Nino Indaimo leader storico del gruppo - le canzoni e le danze siciliane sono servite per toccanti incontri con richiami ad atmosfere e scene di vita mai scomparse nelle menti dei tanti connazionali presenti; i momenti dopo gli spettacoli sono stati ancora più emozionanti: tutti a chiedere notizie, ad inviare saluti, a ringraziare per la semplice presenza a dimostrazione di quanto la distanza, la lontananza, il tempo per gente che non torna in Italia anche da 40 anni non hanno, per nulla,fatto dimenticare le proprie origini. “ Un’altra pagina importante per i giovani ficarresi che già si preparano per i prossimi impegni che li vedranno, nel prossimo mese di giugno, prima a Roma e dopo in Germania.

68

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

Il gruppo folkloristico A giugno si esibirà a


o di Ficarra ritorna dall’Australia. Roma e in Germania

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

69


Spettacoli

Presentata la rassegna teatrale della Sala Laudamo

Elogio della dramm L

a presentazione della stagione di prosa della Sala Laudamo, ovviamente è stata segnata Ricevuto, Consigliere di Amministrazione dell’Ente Teatro e delegato del Presidente Ordile, a garantito una cartellone sempre più vario e di un certo livello. Paolo Magaudda, Sovrintende Gli abbonati sono calati, invece del 22 % come avevo comunicato, del 22,5%. Non ci sono soldi, a turismo ancora non si è insediato, quindi ancora non sappiamo cosa fare. Un grazie, comunque, a i 3 milioni 420 Mila euro. Porteremo in scena l´opera dei pupi, con la famiglia Gargano che ha 700 ranno anche molti anziani. Anche la compagnia Gargano risente della crisi e come compagnia loc al 4 piano. Stiamo recuperando una situazione d’emergenza, siamo a febbraio e dovremmo finire che è stato difficile reperire, perché o finiscono la loro tournée adesso o hanno tutto il calendario o la senza alcuna pubblicità sui giornali. Il cartellone della sala Laudamo è uno dei migliori cartellon terzo rispetto agli altri. Tomasello: il clima è tetro e carico di tensioni. è necessario, quando tutto c contemporanea, di caratterizzante, quest´anno, vi è una line a di denuncia civile su quanto succe ranno”, tratto dal lavoro “Certo che mi arrabbio” di Celeste Brancato, interpretato da Federica De cui seguirà un dibattito a cui presenzierà il Prof. Giuseppe Altavilla, primario di Oncologia presso

70

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


maturgia italiana

dalla situazione di crisi economica ed incertezza in cui versa il teatro. A tal proposito, Gustavo afferma: Siamo in un momento non molto felice per il teatro di Messina, ma negli anni si è sempre ente dell’Ente Teatro: è un momento particolare, sostiene, io scappo dai creditori, scappo da tutti. abbiamo avuto il 50% dei contributi, di cui la Provincia ha versato il 10%. L’Assessore regionale al a Maurizio Marchetti e Dario Tomasello, curatori delle rassegne di prosa. Attendiamo dalla Regione 0 pupi che partono dall’’800, questo spettacolo richiamerà in sala molti ragazzi, non bambini e vercale va aiutata. Il cartellone del teatro bambini comprende spettacoli che si svolgeranno nella sala a maggio e dovevamo iniziare ad ottobre. Nella sala grande ci saranno tutte le compagnie di giro ccupato. Per gli abbonamenti della sala grande, si è riusciti ad andare avanti, solo col passa paroni costruiti, perché lì la gente ti aspetta e, soprattutto, per noi, hanno messo dei costi che sono un crolla, stare in piedi e farlo con un sorriso. Nel cartellone, che si basa sulla drammaturgia italiana ede oggi, ma non solo. Da sottolineare, come spettacolo fuori abbonamento, “I mei occhi cambiee Cola per la regia di Giampiero Cicciò. Il lavoro sarà rappresentato: giorno 25 c.m. alle ore 19, a il Policlinico e giorno 26 alle ore 21. Marilena Faranda WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

71


72

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

73


74

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

75


Eva contro Eva 76

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

T

erzo appuntamento della stagione di pros 27 "Eva contro Eva" di Mary Orr, titolo cul da Associazione Teatrale Pistoiese/Artè Te stesso titolo (con Bette Davis e Anne Baxter ne ottenne 14 nomination agli Oscar, vincendone b Nel cast dello spettacolo teatrale, diretto da Mau di Margo Channing e Eva Harrington) con Luigi (Lloyd Richards), Silvia Budri Da Maren (Karen Le scene sono di Giorgio Gori, i costumi di Luci Commedia di grande qualità e intelligenza, ma a sonaggi, "Eva contro Eva" offre, attraverso una nano disperatamente alla ricerca di un attimo d mondo del teatro come rappresentazione del m piccolezze, le sue ossessioni, il desiderio di arr riflettono, si evitano e si scontrano.


Pamela Villoresi e Romina Mondello coppia di star al Vittorio Emanuele

a del Teatro di Messina. Sarà in scena al Vittorio Emanuele da mercoledì 23 gennaio a domenica lt del "cinema a teatro", nella versione italiana di Maurizio Panici e Maria G. Lea Pacella, prodotta eatro Stabile d’Innovazione in collaborazione con Fondazione La Versiliana. Il celeberrimo film dallo ei ruoli delle protagoniste femminili e George Sanders in quello maschile), alla sua uscita nel 1950 ben sei, tra cui quello a Mankiewicz per la miglior regia. urizio Panici, l’inedita, intrigante coppia composta da Pamela Villoresi e Romina Mondello (nei ruoli Diberti (Addison DeWitt) e Massimiliano Franciosa (Bill Sampson). Nel cast anche Maurizio Panici Richards) e Giulia Weber (Birdie). a Mariani, le musiche di Stefano Saletti, le luci di Emiliano Pona, allo stesso tempo racconto raffinato e acuto sul mondo del teatro e sui rapporti interni tra i suoi persceneggiatura di straordinaria ironia, un acido e caustico affresco di uomini e donne che si affandi celebrità, mettendone a nudo le fragilità. Maurizio Panici nelle sue note di regia lo definisce «Il ondo». E poi scrive: «Una piccola e agguerrita comunità che è specchio della società, con le sue rivare a conquistare una posizione sociale riconosciuta e rispettata. Classi sociali diverse, che si

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

77


78

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

79


25esimo anniversario della visita del Santo Padre a Messina

Iniziative in omaggio di Giovanni Paolo II Nel 25° anniversario della storica visita del S. Padre Giovanni Paolo II a Messina in occasione della canonizzazione di Eustochia Calafato si svolgerà un ricco programma di iniziative per ricordare la ricchezza di quella visita e, in generale, realizzare un Omaggio a Karol Woytila, pontefice, beato, intellettuale, poeta, drammaturgo attraverso momenti di Incontro, studio, reading poetici, proiezioni, testimonianze, mostre.Il percorso, ideato e curato dai Padri Rogazionisti di Messina, dall’associazione Cara beltà, l’associazione Antonello da Messina e dalle Clarisse di Montevergine, comincerà nel mese di febbraio e si concluderà a giugno , mese della visita e della presenza del Papa a Messina. Il primo ciclo di iniziative, più specificamente religiose e rievocative, prenderà avvio giorno 9 e si concluderà il 13 febbraio presso L’Istituto Cristo Re di Viale Principe Umberto n.89. Il programma prevede un percorso all’interno del sito con visita guidata al piccolo Museo GPII, alla Mostra fotografica della Visita del 1988, alla Stanza dove ha alloggiato il Pontefice, e alle Reliquie di GPII concesse da Mons. Slawomir Oder Postulatore della Causa di Canonizzazione. La serie di appuntamenti sarà inaugurata con la celebrazione della S. Messa dell’Arcivescovo di Messina Mons. La Piana,e l’accoglienza delle reliquie, proseguirà con la giornata dedicata alle scuole, poi alle parrocchie, ed infine, a gruppi, movimenti, associazioni. Referenti del progetto P. Alessandro Polizzi e la pres. di Cara beltà, Milena Romeo . Per informazioni dettagliate sul programma consultare il sito www.cristore.it per prenotazioni gruppi contattare lo090 712117 o il Fax 090 6781051/2 – segreteria@cristore.it

80

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Commento al Vangelo 27 Gennaio 2013 III domenica T.O. (C)

Poiché molti hanno cercato di raccontare con ordine gli avvenimenti che si sono compiuti in mezzo a noi, come ce li hanno trasmessi coloro che ne furono testimoni oculari fin da principio e divennero ministri della Parola, così anch’io ho deciso di fare ricerche accurate su ogni circostanza, fin dagli inizi, e di scriverne un resoconto ordinato per te, illustre Teòfilo, in modo che tu possa renderti conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto. In quel tempo, Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode. Venne a Nazaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto: «Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l’unzione e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio, a proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; a rimettere in libertà gli oppressi e proclamare l’anno di grazia del Signore». Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato». (Lc 1, 1-4; 4, 14-21)

82

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

Dio è vicino e ci ama Luca, accingendosi a scrivere il suo vangelo, lo vuole dedicare a un personaggio di nome Teofilo. È un personaggio vero o simbolico? Teofilo è una parola greca che significa « amante di Dio». Il mondo è pieno di Teofili, di cercatori del volto di Dio. Luca, discepolo di Paolo, sembra rivolgersi a tutti quelli che sono alla ricerca di questo Dio ignoto per dire loro che il suo volto ci è stato rivelato da Gesù. E si preoccupa subito di collocare Gesù in un preciso contesto storico e geografico per sottrarlo all’indefinibile dimensione dei mito e restituirlo alla storia concreta degli uomini («al tempo di Erode, re della Giudea» (1,5). E Gesù ha una patria precisa, tanto che non si può parlare di lui se non chiamandolo Gesù di Nazaret. Proprio a Nazaret di Galilea, il villaggio oscuro «dove era stato allevato», Gesù inizia la predicazione per annunciare la novità di Dio che abita in lui. Perché questo inizio a partire dalla Galilea, considerata dai giudei terra di eretici (si diceva: «Tutto ciò che non è giudeo, è eretico»), e in particolare da Nazaret da cui, secondo la tradizione, non sarebbe potuto uscire nulla di buono? Fosse stato uomo di potere, Gesù avrebbe scelto Gerusalemme per dare risonanza alle sue parole. Ma Gesù vuole essere piuttosto dalla parte di coloro che, privi di ogni potere, sono costretti a subire ogni sorta di umiliazioni e di sopraffazioni. Per questo incomincia la sua missione dalla Galilea e, nella sinagoga di Nazaret, applica a se stesso un passo di Isaia: egli è stato mandato per annunciare un anno giubilare da parte del Signore, un anno di grazia e di liberazione per la terra e per tutti gli uomini. A chi è rivolto in particolare il suo annuncio? Ai poveri, ai prigionieri e agli oppressi, a coloro che soffrono di cecità fisica e a coloro che soffrono di cecità morale. È interessante osservare che a un certo punto,


citando Isaia, Gesù tronca il testo prima dei versetto che dice: «Un giorno di vendetta per il nostro Dio» (Is 61,2). Gesù non si sente mandato ad annunciare la vendetta di Dio, ma la promessa di una nuova nascita. E per questo annuncio che si crea nell’assemblea una profonda emozione, tanto che, come dice il vangelo, «gli occhi di tutti nella sinagoga stavano fissi sopra di lui». Si tratta di un fatto veramente straordinario. Credevano di conoscere bene Gesù che avevano visto crescere sotto i loro occhi a Nazaret, e s’accorgono ora di avere davanti un personaggio nuovo, capace di esprimere una forza morale insospettata. Potrebbero ancora chiamarlo il «figlio del carpentiere», ma riconoscendo subito che ogni indicazione legata al passato sarebbe troppo riduttiva rispetto alla novità rappresentata da quel fuoco segreto che lascia trasparire da tutto il suo essere. Come spiegare il mistero che lo avvolge, lo compenetra, lo investe di un’autorità che nessuno prima avrebbe potuto riconoscere in lui? La possibilità di entrare in questo mistero ci è data dal testo di Luca, là dove si legge che «Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito santo». Se fosse tornato con un titolo accademico conseguito presso la più prestigiosa scuola rabbinica non avrebbe lasciato nei suoi ascoltatori la stessa impressione che invece riesce a ottenere presentandosi con le umili apparenze di un tempo. Se Gesù riesce a suscitare nella sinagoga una grande emozione, è perché non si limita a leggere e a commentare quel testo che i presenti tante volte forse avevano già ascoltato: quel testo lo legge saldandolo strettamente alla sua persona, come se ogni parola fosse una fibra del suo essere o una particella del suo mondo più segreto. È significativo un particolare del racconto: Gesù, dopo aver letto, «arrotolò il volume, lo consegnò all’inserviente». Se la parola profetica si è incarnata in lui, non c’è più bisogno di leggerla nel rotolo della sinagoga. È lui ormai il libro sempre aperto, è lui la parola da ascoltare. Se fossimo capaci, contemplando oggi la dolcezza e la forza dello sguardo di Gesù, di sentire la passione che brucia il suo cuore, saremmo pronti anche ad ascoltare un appello che intende rivolgere al Teofilo che è in noi: «Se vuoi amare Dio, cerca di avvicinare i poveri, quelli che sono oppressi, quelli che in qualche modo si sentono prigionieri dentro situazioni penose e umilianti, e porta a tutti questo messaggio di speranza: “Dio è vicino e ti ama”. Ma questa parola, perché sia credibile, deve essere testimoniata con gesti d’amore. Allora non avrai nemmeno bisogno di parlare, ma tutto il tuo essere, anche il tuo silenzio, diventerà parola». Sinagoga di Nazaret WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

83


parole in blu

a cura di Sara Ursino

Un tempo i Malavoglia erano stati numerosi come i sassi della strada vecchia di Trezza; ce n'erano persino ad Ognina, e ad Aci Castello, tutti buona e brava gente di mare, proprio all'opposto di quel che sembrava dal nomignolo, come dev'essere. Veramente nel libro della parrocchia, si chiamavano Toscano, ma questo non voleva dir nulla, poiché da che il mondo era mondo, all'Ognina, a Trezza e ad Aci Castello, li avevano sempre conosciuti per Malavoglia, di padre in figlio, che avevano sempre avuto delle barche sull'acqua, e delle tegole al sole. Cit. I Malavoglia, Incipit

CURIOSITà

Dettaglio della prima pagina (contenente lo "svolgimento dell'azione") del manoscritto autografo dei Malavoglia. In alto, la dedica con cui Verga lo offrì all'amico Luigi Capuana, definito scherzosamente "illustre 'fotografo'".

84

- Giovanni Verga è considerato il maggior esponente della corrente letteraria del Verismo - Il 2 settembre 1920 Luigi Pirandello pronunziò il discorso dal titolo "Celebrazione di Giovanni Verga", al Teatro Massimo Bellini di Catania, in occasione dell'ottantesimo compleanno di Giovanni Verga - Il 24 gennaio 1922, colto da ictus, non riprese conoscenza e il 27 gennaio morì per emorragia cerebrale a Catania nella casa di Sant'Anna, assistito dai nipoti e dall'amico De Roberto. - Verga riposa oggi nel "viale degli uomini illustri" del cimitero monumentale di Catania. - Nel 2010 Alitalia gli ha dedicato uno dei suoi Airbus A320-216 (EI-DTK).

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Malpelo si chiamava così perché aveva i capelli rossi; ed aveva i capelli rossi perché era un ragazzo malizioso e cattivo, che prometteva di riuscire un fior di birbone. Sicché tutti alla cava della rena rossa lo chiamavano Malpelo; e persino sua madre col sentirgli dir sempre a quel modo aveva quasi dimenticato il suo nome di battesimo. Cit. Rosso Malpelo Al giorno d'oggi per conoscere un uomo bisogna mangiare sette salme di sale. Cit. I Malavoglia

Giovanni

Catania, 2 settembre 1840 Catania, 27 gennaio 1922

Verga

Amare la vicina è un gran vantaggio, si vede spesso e non si fa viaggio. Cit. I Malavoglia

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

85


RE sano

Mangia

a cura di Mimmo Saccà

Qualche chilo in più non fa male. Lo dice uno studio.

Buone notizie per tutti coloro che hanno accumulato qualche chilo in più durante le feste: i chili in eccesso non sono nocivi. Infatti secondo i risultati di uno studio pubblicato dal Journal of American Medical Association in questi giorni, qualche chilo di troppo non è dannoso per la salute ma anzi chi è in leggero sovrappeso sarebbe più al riparo da morte prematura. Gli esperti per lo studio, hanno usato l'indice di massa corporea (Imc), ossia il parametro che si calcola dal rapporto tra peso e altezza moltiplicata per se stessa, per valutare il sovrappeso di una persona. Dall'osservazione dei dati, è emerso che una condizione di sovrappeso è associata a un rischio di morte inferiore del 6 per cento rispetto al rischio di morte di un individuo di peso normale mentre un obeso ha un rischio complessivo di almeno il 18 per

86

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

cento in più di una persona di peso normale. I vantaggi riguardano soprattutto chi ha più di 60 anni e le persone che soffrono di malattie croniche. Il motivo non è chiaro: emerge da indagini nel mondo che hanno coinvolto 3 milioni di persone. In conclusione chi ha accumulato qualche chilo di troppo in questo periodo non deve quindi sentirsi in colpa ma nemmeno questo deve essere un alibi per ingrassare ulteriormente. Per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” se infatti superare leggermente il peso forma fa bene, l'obesità è invece dannosa e accorcia sensibilmente l'esistenza aumentando drasticamente il rischio di morte. La ricerca non vuole essere un pretesto per ingozzarsi di cibi ipercalorici.


RE sano

Mangia

PREPARAZIONE

La ricetta Linguine con bottarga e arselle Ingredienti per 4 persone • • • • • • •

40 gr di Bottarga di muggine 40 gr 400 gr di Linguine 2 spicchi di Aglio Olio di oliva extravergine q.b. Sale q.b. Prezzemolo tritato q.b. 1 kg di Vongole tipo arselle con guscio

Per realizzare le linguine con bottarga e arselle iniziate preparando le arselle: pulitele scartando quelle con il guscio rotto, poi sciacquatele ripetutamente sotto l’acqua fredda corrente. Ora ponete le arselle in un colino capiente che andrà immerso in una bacinella piena d’acqua, per circa mezz’ora, in modo da permettere lo spurgo di eventuali impurità. Trascorso il tempo necessario, scolate per bene le arselle e mettetele da parte, quindi fate imbiondire due spicchi di aglio schiacciati in una padella antiaderente con tre cucchiai di olio extravergine di oliva. Quando l’aglio sarà pronto unite le arselle e copritele con un coperchio per farle dischiudere (occorreranno pochi minuti). Nel frattempo portate ad ebollizione una pentola di acqua salata e mettetevi a cuocere le linguine, poi scolatele al dente. Quando le arselle si saranno aperte unite il prezzemolo tritato e le linguine, quindi aggiungete la bottarga di muggine grattugiandola direttamente sulla pasta. Mescolate bene per amalgamare tutti gli ingredienti: le vostre linguine con bottarga e arselle sono pronte per essere servite in tavola.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

87


Agenda


Amarcord Messina primo ‘900


Numero 51 - Anno XI - 21 Gennaio 2013

Sport

CALCIO

L’ACR Messina batte l’Agropoli e vola a +6 VOLLEY

Il Savio vince il derby e vede la salvezza

il Cittadino

www.ilcittadinodimessina.it

Città di Messina

RincoRsa Play-off


il Cittadino n. 104