Issuu on Google+

Catanzaro il Domani dello Sport

Edizione Il domani dello sport

Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

www.ildomanidellosport.it

Martedì 22 Maggio 2012 > euro 1,00 > Anno XV - Nr. 122

La squadra partenopea interrompe l’imbattibilità della Juventus

CANTA NAPOLI CRONACA

POLONIA-LETTONIA 1

a pag. 2

REGGINA

Non si vede l’ora di finire questo deludente campionato per una squadra che ormai non ha più niente da dire e da chiedere a pag. 5

Consiglia

NAPOLI

1.43

1.45

TENNIS

La quarta Coppa Italia rappresenta il riscatto di una squadra rilevata da De Laurentiis dal fallimento nel 2004 e dalla serie C/1 a pag. 7

X

4.00

4.10

Maria Sharapova e Rafael Nadal trionfano a Roma agli Internazionali che hanno registrato un grande successo a pag. 10

2

7.00

Da Rosarno a Rebibbia la storia di Giuseppina Pesce

All’interno supplemento GIOCHI E SCOMMESSE del 22/5/2012

6.00


2 il Domani dello Sport

Martedì 22 Maggio 2012

CRONACA CALABRIA

QUEI 650 CHILOMETRI Da Rosarno all’aula bunker di Rebibbia il viaggio di Giuseppina Pesce

D

Felice Stanca

a Rosarno all’aula bunker di Rebibbia. Sono poco meno di 650 i chilometri che separano Giuseppina Pesce, figlia, sorella e nipote di boss di una delle cosche più potenti della Calabria, dalle sue origini, dalla sua storia e dalla sua famiglia. Ma è una distanza enorme quella percorsa da questa giovane mamma di 30 anni che dal suo arresto, nell’aprile del 2010, è diventata una collaboratrice di giustizia. Che lunedì prossimo a Roma testimonierà contro gli imputati del maxi processo di Palmi – iniziato nel luglio dell’anno scorso – contro esponenti della ‘Ndrangheta che anche lei, passando per una sofferta ritrattazione, ha contribuito a far arrestare. Compresi i suoi familiari più stretti. Giuseppina è l’unica delle donne che, negli ultimi tempi, sono andate contro la ‘Ndrangheta a essere viva. Maria Concetta Cacciola è morta dopo aver bevuto misteriosamente dell’acido e i suoi familiari sono in carcere per istigazione al suicidio. Il corpo di Lea Garofalo invece non è mai stato trovato. I sei uomini che sono stati condannati all’ergastolo, compreso l’ex marito e padre di sua figlia, l’avrebbero sciolta in cinquanta litri di acido. A tutte e tre queste donne è stato dedicato l’ultimo 8 marzo. Nell’ottobre del 2010 Giuseppina, che all’interno della cosca aveva il compito di fare da staffetta di ordini tra il padre in carcere e i suoi uomini fuori, decide di collaborare. Dice di volere assicurare ai tre suoi figli un futuro diverso. Fuori dalla criminalità organizzata. Dove lei aveva avuto quel ruolo di collegamento per portare al di là delle sbarre le richieste estorsive. Ma anche di avere partecipato all’attività di intestazione fittizia di beni e per riciclare i soldi sporchi della cosca, che solo per farne comprendere la forza aveva un bunkerista di fiducia. Una breccia, la collaborazione di Giuseppina nell’impenetrabile universo ‘ndraghetista, che ha permesso agli inquirenti calabresi, che ne sottolineano la novità e l’eccezionalità, di ricostruire la piramide del potere dei Pesce. Con Antonino, lo zio della collaboratrice, a capo e con il figlio Francesco, subentrato prima dell’arresto, al boss. E poi il ruolo di suo padre e del fratello, anche lui di nome Francesco, della madre e della sorella. Arrestati. Il suo racconto, le sue dichiarazioni anche hanno permesso di sequestrare beni per 224 milioni di euro. Giuseppina ha così raccontato di avere saputo dal fratello e dal marito che esistono gerarchie e gradi, che si acquisisco-

no attraverso la commissione di reati. Chi dimostra maggiore capacità criminale viene promosso. Il fratello le aveva confidato di avere la “santa” e quindi di avere uno dei gradi più alti nella speciale carriera della società mafiosa. Non solo i gradi, ma anche le alleanze ed ecco che così Giuseppina agli inquirenti della Dda di Reggio Calabria, l’aggiunto Michele Prestipino e il pm Alessandra Cerreti, ne descrive la

composizione: “Lo so perché, come le ripeto, le dicevo ci sono le squadre, no?, e quindi loro sono i tifosi, ci sono le persone vicine alla famiglia Pesce, cioè ha le su famiglie, e la famiglia Bellocco ha le famiglie di cui parlavo prima, gli Ascone, i Cacciola (cui apparteneva Maria Concetta, amica di Giuseppina ndr), adesso mi sfugge… Olivieri, e i Cacciola sono… lui, la sua famiglia insomma, fanno parte

di quelle famiglie vicine ai Bellocco, insomma…”.Giuseppina, da interna, sa tante cose: “Stando dentro una famiglia che di questi discorsi ne senti, dove vai, anche… cioè anche non facendone parte, non prendendo parte ai discorsi però li senti, è così!. Eh, bisogna viverci! Non vuol dire però che si condividono, eh, questo volevo puntualizzare… le so però non vuol dire che sono cose che… cioè,

magari, fa anche male saperli e anche male sentirli e anche respirarle”. Chissà come deve essere respirare la ‘Ndrangheta. Le indagini che hanno riunificato le operazioni dei carabinieri “All Inside” 1 e 2 erano partite dopo l’omicidio, nell’ottobre del 2006, di Domenico Sabatino, considerato uomo dei Pesce.All’improvviso però Giuseppina, era il 2 aprile dell’anno scorso, decide di interrompere la collaborazione. Non vuole più essere una pentita. In una lettera la giudice dichiara di essere stata “indotta” a fare le dichiarazioni eppure il giorno 4 aprile, interrogata dal pm che ancora non è informato della novità, risponde. Solo l’11 aprile si avvale della facoltà di non rispondere e ammette di essere in contatto con la sua famiglia e con quella del marito; tutti le avevano offerto sostegno economico per le spese legali e tutto ciò di cui, rinunciando alla protezione dello Stato, avrebbe avuto bisogno per sé ed i figli. Poi l’arresto a giugno per evasione dagli arresti domiciliari. Dopo qualche giorno spiega le sue ragioni. Per esempio la non condivisione da parte dei figli, pur giovanissimi, della sua collaborazione e in particolare della figlia maggiore adolescente. E poi anche un’altra verità forse quella più sentita; il timore che qualcosa di male potesse accadere ai suoi cuccioli. Giuseppina era assolutamente consapevole che se quel giorno, l’11 aprile, avesse regolarmente risposto alle domande, non avrebbe più rivisto i figli. Che ora stanno con lei. Sotto protezione. Come questa mamma che respirava la ‘Ndrangheta sognava e scriveva alla sua Angela in una poesia.

il Domani dello Sport Direttore GUIDO TALARICO Direttore responsabile ORLANDO ROTONDARO Caporedattore FRANCESCO PUNGITORE Redazione Calabria Tel. 0961.023922 Loc. Serramonda 88044 Marcellinara (CZ) redazione@ildomani.it EDITORE T&P Editori SRL - Tel. 0961.023922 Loc. Serramonda 88044 Marcellinara (CZ) Testata reg. - trib. Cz n. 64 del 15/7/1997 R.O.C. Numero 5606 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990 n. 250 e seguenti modifiche

già il Domani

PUBBLICITÀ Nazionale, locale e giudiziaria MEDIATAG SPA SEDE CALABRIA LOC. SERRAMONDA 88044 MARCELLINARA (CZ) Tel. 0961.023922 Fax 0961.903421 Tariffa a modulo 46x19 mm h. Commerciale euro 103,00 - Occasionale euro 129,00 - Corsi di formazione euro 129,00 - R.P.Q. euro 78,00 - Necrologio euro 77,00 cad. - Economici euro 0,62 a parola. Supplemento colore: 40% Distribuzione Media Services (Calabria) CENTRO STAMPA Stabilimento tipografico DE ROSE C/da Pantoni Marinella 87040 MONTALTO U. (CS) Tel. 0984.934382 Responsabile del trattamento dati Dlgs 96/2003 ORLANDO ROTONDARO


Martedì 22 Maggio 2012 il Domani dello Sport

3

CRONACA CALABRIA

ARPACAL ACCOGLIE ISTANZE AMBIENTE L’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria

I

Andrea Splendore

Il Direttore scientifico dell'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente della Calabria (ARPACA); Oscar Ielacqua, accompagnato dal direttore del dipartimento provinciale di Reggio Calabria, Angela Diano, ha incontrato il presidente del Comitato Oliveto, Vincenzo Crea, per discutere delle problematiche ambientali ricadenti nel comune di Motta San Giovanni (Rc), che da diversi anni il Comitato sottopone all'attenzione delle istituzioni. Ielacqua, manifestando ai convenuti l'ampia volonta' dell'Agenzia ad accogliere le istanze che provengono dal territorio, ha sottolineato l'importanza di un confronto costruttivo tra le istituzioni e i cittadini, affinche' l'azione di controllo effettuata dai tecnici e dal personale altamente specialistico dell'Agenzia possa fornire un contributo incisivo all'azione di tutela dell'ambiente, voluta fortemente dai vertici agenziali e regionali. ''Gli interlocutori privilegiati di Arpacal - ha dichiarato Ielac-

Il Dipartimento, attraverso i propri servizi tecnici, ha già programmato un monitoraggio delle diverse matrici (acqua ecc.)

Le associazioni devono affiancare le amministrazioni locali e gli enti preposti a perseguire l’obiettivo difesa

qua - sono le amministrazioni locali, ma nella mission agenziale un ruolo fondamentale e' costituito dall'ascolto delle istanze che provengono dai cittadini e dai portatori di interesse. Senza cedere alla tentazione di facili allarmismi che portano nocumento all'economia della nostra Regione, le associazioni devono affiancare le amministrazioni locali e gli enti prepo-

sti a perseguire l'obiettivo della difesa del territorio dall'inquinamento, quale strategia vincente per la valorizzazione delle bellezze paesaggistiche e ambientali della Calabria e per la salvaguardia della salute umana''. Il Direttore Scientifico ha ribadito che l'Arpacal e' impegnata anche, quale ente regionale di supporto tecnico, a supportare

le Autorita' Giudiziarie e gli enti preposti (Capitaneria di Porto, N.O.E., ecc) alla lotta all'inquinamento, che realizza mettendo in campo le proprie forze costituite da tecnici e operatori specializzati nel controllo del territorio. Il Dipartimento, attraverso i propri servizi tecnici, ha gia' programmato un monitoraggio delle diverse matrici (suolo, aria, acqua), con il coinvolgimento dell'amministrazione comunale di Motta San Giovanni e la collaborazione dei servizi dell'Azienda Sanitaria interessati, per fornire ai cittadini la massima informazione a tutela della salute e del benessere della popolazione.


4 il Domani dello Sport

Martedì 22 Maggio 2012

SPORT CALABRIA Partiti i play-off e i play-out della Lega Pro 1ª e 2ª divisione

N

el girone C di Seconda Divisione, vittoria della Paganese per 1-0 sul Lamezia e pareggio 2-2 tra Aprilia e Chieti. Negli spareggi salvezza vittoria della Vibonese sul Neapolis grazie ad un gol di Doukara. Il Perugia, invece, si aggiudica la Supercoppa Lega Pro si sono conclusi i primi 90 minuti degli spareggi promozione e salvezza che determineranno gli ultimi verdetti della stagione in

Lega Pro. Nel girone C di Seconda Divisione, polemiche dopo la vittoria per 1-0 della Paganese sulla Vigor Lamezia, col ds calabrese Maglia che ha gettato ombre sull'arbitraggio del sig. Borriello di Mantova. Nell'altro spareggio promozione, Aprilia e Chieti impattano sul 2-2; abruzzesi favoriti in vista del ritorno grazie ai due risultati utili su tre in virtù dei gol

segnati in trasferta e della miglior posizione in classifica rispetto alla formazione laziale. Per quanto riguarda i play out, vittoria importantissima della Vibonese che espugna il campo del Neapolis Mugnano grazie ad un gol del solito Doukara. Intanto il Perugia si aggiudica la Supercoppa di categoria nonostante la sconfitta per 1-0 in casa contro il Treviso (all'andata era finita 2-1 per i Grifoni).

I TIFOSI CE L’HANNO ANCHE CON FOTI R REGGINA Dopo una stagione non esaltante la tifoseria amaranto dice la sua

iceviamo e pubblichiamo. Per continuare a inviarci le vostre considerazioni, l'indirizzo di riferimento è supporters@tuttoreggina.co mgiorno a tutta la redazione. “Volevo approfittare del vostro spazio per fare alcune considerazioni in merito alla società reggina calcio gestita dall'irriconoscibile presidente Lillo Foti. L'anno appena finito è figlio dell'improvvisazione che ormai regna sovrana nella Reggina. Non c'è alcuna voglia, nè tantomeno interesse a programmare la serie A, che, se voluta veramente sarebbe venuta. Ma la mancanza di un programma ha reso ciò impossibile. L'annata precedente guidata da Atzori è stata una casualità (come le altre) e resa possibile poichè la forza di alcuni elementi e la bravura del mister ha

Sul caso Bonazzoli, messo fuori rosa per aver chiesto un aumento sull’ingaggio, pareri discordanti

fatto si che si giungesse ai playoff persi col Novara. Ieri sera pensavo al Napoli che nel 2004 era in C1 ed oggi vincitrice della coppa Italia. Ora pensare ciò per noi, obiettivamente non è possibile, ma stabilizzarsi su un livello adeguato in serie A si, invece solo passi indietro fino alla retrocessione in serie B, spalti vuoti ed altro. Poi la gestione dei calciatori da un punto di vista prettamente umano.

Bonazzoli docet, che forse ha solo la colpa di accettare le imposizioni del presidente per la riduzione dell'ingaggio. Risultato fuori rosa, e la cosa più orrenda tacere e non dare spiegazioni. Si Bonazzoli dimostrazione di serietà ed attaccamento ai colori amaranto di cui tanto parla il Presidente che forse è l'unico a non essere attaccato, se non per la parte inerente al portafoglio. Bonazzoli, Tedesco, Montiel, ed altri, ma ancor prima

POSSANZINI e DIONIGI, ricordate? Si DIONIGI cacciato in malo modo ed ora

Molti tifosi scrivono che il futuro non può essere roseo se non si rinnova del tutto l’organigramma

rivoluto. Ragazzi non ho parole, io ho disdetto gli abbonamenti televisivi, Foti mi ha fatto venore la nausea. Spero che il Presidente legga tutte le mail per riflettere, ma dubito che lo faccia. Lillo Foti deve andare via ed avere il coraggio di cedere la Reggina Calcio, ha fatto il suo tempo. Purtroppo dovremo sperare di non retrocedere. Grazie a tutti e sempre forza REGGINA, Davide


Martedì 22 Maggio 2012 il Domani dello Sport

5

SPORT CALABRIA

NON SI VEDE L’ORA DI FINIRE QUESTO DELUDENTE CAMPIONATO REGGINA Ancora una sconfitta per la Reggina di Breda a Modena contro il Sassuolo

I

n campo, per il penutlimo turno del campionato di Serie bwin, Sassuolo e Reggina. Gli amaranto, dunque, ritrovano da avversario l'ex capitano Simone Missiroli, oggi in Emilia. La partita: 90° E' finita. Vincono le maggiori motivazioni dei neroverdi che, grazie a questo successo, continuano a sperare nella promozione diretta in serie A. 80' Dilaga il Sassuolo: Sansone serve il poker su una punizione, deviata da un compagno di squadra. 77° Terzo gol del Sassuolo: non basta il miracolo di Zandrini sul colpo di testa di Boakye, l'attaccante è il più lesto ad avventarsi sulla ribattuta e scarica in rete. 50° Sassuolo nuovamente avanti: angolo per i padroni di casa, palla ribattuta dalla difesa amaranto sulla quale si fionda Cofie che batte Zandrini con un bel diagonale rasoterra. 40° Pari della Reggina! La punizione di Nicolas Viola è poesia: il pallone, partito dal suo mancino, trova l'incrocio dei pali e beffa Pomini. 1-1! 37° Gol del Sassuolo. Splendida rete di Salvatore Bruno che su azione di angolo anticipa tutti con un'incornata sul primo palo ed incrocia la conclusione. Palla che sfiora il palo, non ci arriva Zandrini. 30° Secondo cambio nella Reg-

gina. Dopo l'espulsione di Adejo, Breda corre ai ripari ed inserisce Freddi per Alessio Viola. 29° Reggina in 10: espulso Adejo per un fallo di mano. Annullato il gol di Missiroli che nel prosieguo dell'azione aveva depositato il pallone in rete. L'arbitro, però, aveva già fermato il gioco. 20° Non ce la fa Emanuele Belardi che lascia per infortunio. Rientra tra i pali Giovanni Zandrini. 13° Traversa di Nicolas Viola! Splendida traiettoria disegnata su punizione dal centrocamista amaranto, la palla bacia il legno e torna in campo senza oltrepassare la linea di porta. 5° Subito Missiroli! L'ex capitano della Reggina ad un passo dal gol del vantaggio per il Sassuolo: si supera Belardi sul suo colpo di testa. 1° Gara iniziata. Reggina in completa divisa bianca, attacca

Dopo un primo tempo molto buono culminato con la pennellata di Alessio Viola all’incrocio, arriva la debacle

VIBONESE

La vittoria di Mugnano lancia i rossoblù verso la salvezza

I

l sesto risultato utile consecutivo della gestione Ammirata è stato ovviamente ben accolto in casa rossoblù, anche perché è coinciso con la vittoria nella gara di andata dei play out in casa del Neapolis. Un successo arrivato al termine di una partita interpretata ottimamente da Caridi e compagni, che si sono aggiudicati il primo round di questa doppia sfida contro la squadra campana, che riceveranno domenica prossima per la gara di ritorno. Soddisfatto il presidente Pippo Caffo per una «vittoria meritata, conquistata contro un avversario ostico, al quale abbiamo concesso pochissimo. Sono ovviamente felice per il modo in cui la squadra ha preparato la gara ed anche per come è stata gestita dal campo e dalla panchina. Era importante tornare a

casa con un risultato positivo e noi abbiamo ottenuto il massimo. E poi ci fa piacere registrare il ritorno al gol di Doukara». Il presidente rossoblù mette però al bando ogni entusiasmo: «Da oggi bisogna già pensare al ritorno e guai a ritenersi già qualificati. Ci aspetterà un’altra battaglia, calcisticamente parlando. I giochi sono ancora aperti e noi dobbiamo rimanere carichi e concentrati. Il cammino è ancora lungo, la strada è irta di pericoli. Domenica prossima al “Luigi Razza” il Neapolis ci farà soffrire, com’è giusto che sia, perché deve ribaltare il risultato. E noi non possiamo permetterci distrazioni o errori. Speriamo di godere del supporto del pubblico e ringrazio chi ci ha seguito e sostenuto in Campa-

nia».

da sinistra verso destra rispetto alla tribuna centrale dello Stadio Braglia di Modena. Queste le formazioni ufficiali della gara: SASSUOLO: Pomini, Piccioni, Consolini, Bianco; Gazzola, Cofie, Magnanelli, Longhi; Missiroli, Bruno, Sansone. A disposizione: Bassi, Boakye, Noselli, Troianiello, Marzoratti, Bianchi, Marchi. Allenatore: Sig. Pea. REGGINA: Belardi; Adejo, Emerson, Angella; Melara, Rizzo, N. Viola, Barillà, Rizzato; Ragusa, A. Viola. A disposizione: Zandrini, Freddi, D'Alessandro, Maicon, Armellino, Ceravolo, Louzada. Allenatore: Sig. Breda. * * * * Appuntamento speciale con la nostra consueta rubrica del lunedì, dedicata ai calciatori di proprietà della Reggina, in prestito in altri club. Dopo il termine della regular season, alcuni calciatori impegnati con i playoff e playout di Lega Pro. VERRUSCHI (Pavia): Solo panchina per lui, nell'andata del playout contro la Spal. Per i lombardi, 0-0 pericoloso in vista del return match. DALL'OGLIO (Pavia): Convocato, ma relegato in tribuna. Seconda parte di stagione, causa anche un infortunio, da dimenticare. SARNO (Lanciano): Stavolta

gioca per 90 minuti e mette in mostra tutta una serie di numeri del suo bagaglio tecnico. Sfiora anche la rete del raddoppio per la sua squadra. ZIZZARI (Siracusa): In rotta con l'allenatore Sottil. RUGGERI (Piacenza): Problema alla caviglia per lui, niente gara d'andata del playout salvezza contro il Prato (vinto dal Piacenza) BOMBAGI (Piacenza): Solo panchina per lui. BURZIGOTTI (Latina): Solo

Ancora una volta la squadra di Breda ha confermato di non possedere le energie nervose per ribattere colpo su colpo gli avversari panchina in gara-1 dei playout contro la Triestina.


6 il Domani dello Sport

Martedì 22 Maggio 2012

SPORT NAZIONALE

HO UNA BUONA SQUADRA

ITALIA Mancano pochi giorni al raduno ufficiale in vista dei campionati europei 2012

«L

’obiettivo è creare un clima di grande entusiasmo, voglio vedere la voglia di essere generosi e a disposizione per affrontare tutte le situazioni senza grandi problemi, questo chiederò ai ragazzi». Così il ct azzurro Cesare Prandelli nel primo giorno di ritiro della nazionale a Coverciano in vista di Euro 2012. «Ai giocatori dico: c'è poco tempo, usiamolo bene. è inutile stare qui a chiedersi perchè non sono stati fatti gli stage: dobbiamo voltare pagina e avere ottimismo. Il mio futuro? La squadra ce l'ho ed è molto importante», risponde Prandelli. «Il clima intorno alla nazionale? Quello che chiederò ai giocatori me lo sono chiesto anch'io. Dobbiamo affrontare questo Europeo stemperando tensioni, provocazioni e polemiche. È un appuntamento unico e deve esserci massima tolleranza e disponibilità, dovremo affrontare tutti gli argomenti con il sorriso: se noi saremo veri nel trasmettere questi valori la gente ci seguirà.. Dovremo essere una squadra positiva, non accettare nessun tipo di pole-

Ferentino: «La Roma sta lavorando per poter andare in Champions»

mica e stare sul pezzo, cioè capire dove si vuole andare a parare». In azzurro si rivedono insieme Balotelli e Cassano, i due giocatori di maggior talento: «Sì, finalmente Cassano e Balotelli sono di nuovo insieme, ma magari giocano altri...», scherza il ct, che si sofferma in particolare su Supermario: «Non so se gli parlerò, casomai sarà lui a dovermi dire qualcosa. Deve pensare che questa è un'occasione straordinaria per sè e per la Nazionale e per far parlare di lui solo sul campo». All'inizio della sua avventura sulla panchina dell'Italia si parlava della nazionale di Cassano e Balotelli: «Cercheremo di lavorare sulla qualità del gioco per valorizzare i nostri attaccanti», dice.

«Il mio futuro? La squadra ce l’ho ed è molto importante. Il clima intorno alla nazionale è buono e sono veramente ottimista»

«Si punta ad avere una squadra che riesca a leggere tutte le situazioni, poi è chiaro che la differenza la fa la qualità», ammette Prandelli. «C'è chi dice che siamo legati ai gol degli attaccanti, alle giocate di Pirlo, alle parate di Buffon o alla difesa della Juve. L'importante è che si parli di una squadra che scenda in campo con un obiettivo preciso e noi sappiamo qual è. L'Italia non parte strutturalmente per vincere l'Europeo ma gli italiani sanno sorprendere». Ancora presto per sciogliere le riserve sugli infortunati: «Non abbiamo ancora valutato le loro condizioni, domani saremo più precisi. Chiellini? Bisogna aspettare i nuovi accertamenti, ma anche la sua disponibilità a venire tre giorni prima la dice lunga. Non diciamo nulla ma la cosa bella è che vuole bruciare le tappe per recuperare». Prandelli parla poi del trionfo del Napoli in coppa Italia e delle possibili ripercussioni sul 'blocco Juvè in nazionale. «Non sono stupito da questo risultato perchè di fronte la Juve aveva un Napoli motivatissimo che si giocava la stagione. Per quanto ci riguarda

’ anno prossimo la squadra deve competere per entrare in «L Champions League.

Questa è stata una stagione di passaggio, con Pallotta faremo strada». Paolo Fiorentino, vice direttore generale di Unicredit, fa il punto sul 'progetto Romà al termine della stagione 2011-2012. «Era un anno di passaggio, sono più preoccupato per la mancanza di continuità tecnica che per la mancata qualificazione alla Champions League», dice riferendosi alle dimissioni dell'allenatore Luis Enrique. «Ci sarebbe piaciuto moltissimo» vedere la Roma in Champions «ma non era

«Balotelli? Non so se gli parlerò e se sarà credo che sarà lui a dovermi dire qualcosa. Lui sa che è la sua grande occasione» non sono per nulla preoccupato, arrivano giocatori che hanno vinto, sono migliorati e hanno la consapevolezza di poter essere protagonisti in una competizione così importante». Il ct azzurro dedica poi una menzione speciale a Zdenek Zeman, che ieri ha conquistato la promozione col Pescara: «Se dovessi pagare il biglietto andrei a vedere le squadre di Zeman -dice- perchè sono garanzia di spettacolo». Anche Cesare Prandelli saluta Alessandro Del Piero, all'indomani della sua ultima partita in maglia Juve. «In questi anni si sono sprecati aggettivi per lui - ha detto dal ritiro di Coverciano il commissario tecnico della nazio-

nei programmi. Non è una sorpresa». Unicredit è socia di minoranza della cordata statunitense che, poco più di un anno fa, ha preso in mano le redini del club. «L'interlocutore principale è Jim Pallotta, con cui siamo molto in contatto. È molto interessato affinchè il progetto decolli. È giusto che» gli americani «siano i principali propositori. L'anno prossimo, evidentemente, la squadra deve competere per entrare in Champions League. Anche noi, ovviamente, siamo interessati affinchè il brand sia associato ad una società che vince», dice Fiorentino ai

nale - È stato un campione esemplare, di quelli che non smetteranno mai. È un testimonial di un calcio di alta qualità e senza polemiche. A qualsiasi latitudine, renderà onore all'Italia». Alla domanda se è ipotizzabile una partita azzurra d'addio per il 10 bianconero, Prandelli ha risposto chiaramente: «Personalmente, l'avrei fatta anche per Zambrotta, e per altri, poi però si dice 'i soliti raccomandatì. Noi - ha concluso il ct - siamo disponibili, purchè non si rompano i delicati equilibri geopolitici del nostro calcio...» Parte l'avventura azzurra verso Euro 2012, e Cesare Prandelli ha un messaggio da inviare a Mario Balotelli. «Non so se gli parlerò - ha detto il commissario tecnico azzurro alla prima conferenza stampa del raduno - e se sarà credo che sarà lui a dovermi dire qualcosa. Per me, può pensare che questa è un'occasione straordinaria per se e per la Nazionale. Per far parlare di se solo sul campo. La Nazionale non parte strutturalmente per vincere l'Europeo ma mi piace dire che gli italiani sanno sorprendere».

microfoni di 'La politica nel pallonè su Gr Parlamento. «Abbiamo un impegno contrattuale con gli americani per accompagnarli, non necessariamente con il 40%. Abbiamo interesse ad avere un punto di osservazione interno alla società. In altre società c'è un mecenate. Noi abbiamo in mente una società in cui ci siano diversi azionisti: domani potrebbero anche essere più di due. Con il brand rafforzato, valuteremo la possibilità di aprire ad altri soggetti», dice rispondendo alle domande sull'ipotesi di ridurre la partecipazione di Unicredit.


Martedì 22 Maggio 2012 il Domani dello Sport

7

SPORT NAZIONALE

UNA FESTA COSÌ NON SI ERA MAI VISTA NAPOLI La vittoria della 4º Coppa Italia salutata da una città intera fino all’alba

V

oleva continuare a sognare la Juve, ha scritto una pagina di storia il Napoli. Dopo 30 anni e senza Maradona in campo, la squadra alle pendici del Vesuvio riporta a casa un trofeo: la Coppa Italia, la quarta nella bacheca azzurra, la vincono Cavani and company, 2-0 ai campioni d'Italia, in una finale inedita in cui la festa è tutta partenopea. Ed è tanta perchè da troppo tempo il Napoli non vinceva qualcosa: l'ultima coppa nazionale risale all'87, l'ultimo trofeo vinto (la supercoppa) al '90 con il Pibe de oro ormai ai titoli di coda. In un Olimpico da grandi occasioni, con il silenzio per i morti del terremoto e dell'attentato a Brindisi, i brutti fischi sull'inno di Mameli cantato live da Arisa, Cavani su rigore e Hamsik hanno messo a tacere la Vecchia Signora, regalando il sogno a una città intera. Per la Juve una serata amara: dopo 43 partite se ne va l'imbattibilità di una stagione comunque da record. E ad Antonio Conte, sotto pressione per il Calcioscommesse, non riesce la doppietta. L'addio più malinconico però è per Alex Del Piero: il 'One Lovè stampato a metà

al 2' con Campagnaro che si accentra dalla destra e serve un assist perfetto a Zuniga, che schiaccia di testa costringendo Storari a intervenire in due tempi. E subito dopo Cavani manda fuori di tacco. Il primo quarto d'ora è un pressing tutto di marca napoletana: la squadra di Mazzarri è aggressiva, riparte veloce da centrocampo. Con Lavezzi che all'11' lancia su Cavani, fermato però in fuorigioco. Pochi secondi dopo è lo stesso Pocho che dal limite fa tutto da solo, con Hamsik libero, ma manda fuori. Una Juve remissiva e insolitamente lenta, che ha un guizzo al 18': ci prova Marchisio con un destro potente su cui interviene con una grande respinta Sanctis. Nella serata del suo addio, Del Piero tocca palla al 25' quando si procura una punizione, ma poi calcia dritto sulla barriera. Il gioco rallenta, ma è sempre il Napoli a farsi pericoloso: ci riprova Lavezzi e stavolta, meno egoista, tenta di servire i compagni davanti a Storari. Ma Hamsik arriva in ritardo. Al 38' è la Juve però a mettere paura al Napoli, con un gran sinistro a giro di Borriello dalla distanza che finisce alla destra di De Sanctis. Al

petto sul patch creato apposta per la sua 'ultimà uscita in bianconero non ha lo ha fatto palpitare. Almeno non in campo: la finale di Pinturicchio dura poco più di un'ora e senza lampi, a parte una punizione calciata alla sua maniera. Esce tra gli applausi, che ricambia, lascia alla fine con un mini-giro d'onore in cui le lacrime fanno fatica a scendere, ma gli occhi sono lucidi. La gara tanto attesa si è aperta con squadre speculari sul piano tattico: la Juve che si affida in attacco al tandem Del Piero-Borriello (il secondo preferito a Vucinic). Mazzarri mette in campo dal primo minuto Lavezzi al fianco di Cavani per violare la difesa bianconera, che vede tra i pali Storari. La prima palla è juventina, ma quella gol se la gioca subito il Napoli: brivido

40' fallo di Aronica da dietro su Marchisio che stava calciando a rete: Conte reclama il rigore, che c'era, ma l'arbitro lascia correre. Si comincia a vedere in campo Pirlo e i bianconeri ritrovano forma nel finale. L'ultimo brivido prima della pausa lo prova il portiere del Napoli, costretto a uscire su una bella punizione del capitano. Poche emozioni e quando si torna in campo le formazioni restano invariate. La sfida si accende anche sul piano fisico: Cannavaro prima reclama un tocco di mano di Borriello in area poi commette un brutto fallo sul Del Piero che gli costa l'ammonizione. Al 18' la svolta: Lavezzi viene atterrato in area da Storari. Brighi, che non aveva brillato in altre occasioni, non esita e fischia il rigore. Dal dischetto Cavani non fallisce

E’ stata la vittoria del presidente De Laurentiis che ha lasciato gli Usa per comprare il Napoli e riportarlo ai fasti di un tempo e segna il suo quinto gol in Coppa Italia. Conte corre ai ripari e fa ruotare la panchina: paga dazio anche Del Piero che al 23' viene sostituito da Vucinic (fuori anche Lichtsteiner per Pepe), con l'attacco che cambia faccia anche con l'inserimento subito dopo di Quagliarella per l'inconcludente Borriello. E l'occasione arriva al 32' con Pepe che penetra in area e tira di sinistro: salva miracolosamente di piede De Sanctis. Ma la ruota gira sempre per il Napoli, che al 38' trova l'angolo per il raddoppio. La palla la costruisce Pandev entrato al posto del Pocho con un bel contropiede: passaggio filtrante per Hamsik che con un diagonale perfetto mette in crisi Storari. E manda in delirio i 30mila tifosi azzurri arrivati all'Olimpico. Il finale è teso, Quagliarella si fa espellere per una gomitata ad Aronica. Juve in dieci, ma risultato ormai deciso. Passerella per Del Piero e sogno per il Napoli. Non succedeva da troppi anni. «Sono contentissimo, perchè sembrava impensabile battere la Juve: quest'anno non avevano mai perso, ed averli battuti 2-0 èstata l'impresa delle imprese». È un Walter Mazzarri visibilmente soddisfatto quello che, dopo la premiazione della finale di Coppa Italia, si concede ai microfoni di RaiSport. «La nostra canzone ('o surdato nnammurato n.d.r.) ormai la cantano un pò tutti - dice ancora il tecnico del Napoli -, adesso invece la cantiamo noi. Tutta la squadra ha fatto qualcosa di straordinario in questo triennio. Cavani, Lavezzi, Hamsik sono sulla bocca di tutti, ma è il gruppo che è eccezionale e va osannato in blocco». Per Mazzarri la conquista della Coppa Italia è un punto di arrivo o partenza con il Napoli? «Ho un contratto fino al 2013 - risponde - e da parte mia intendo rispettarlo. Ma ora godiamoci questa festa»Caroselli d'auto, fumogeni, fuochi d'artificio e clacson impazziti: è festa grande a Napoli per la conquista della Coppa Italia dopo un digiuno durato 22 anni (la Supercoppa italiana del '90 l'ultimo trofeo vinto a conclusione dell'era Maradona). Una

Il pullman scoperto con i giocatori ha sfilato per le vie del centro tra centinaia di migliaia di tifosi in festa. Poi alle 7 tutti a dormire

festa che durerà tutta la notte e che vivrà il suo momento più entusiasmante quando ci sarà l'abbraccio con la squadra che, di ritorno da Roma, farà un giro in città a bordo di un pullman scoperto. Al triplice fischio finale dell'arbitro Brighi, la città, fino ad allora silente e deserta, si è riversata in strada per festeggiare con caroselli di auto e trombe squillanti il successo guadagnato sui campioni d'Italia della Juventus. Un vero pandemonio che ha ricordato i fasti dell'epoca maradoniana. La festa è partita dal lungomare, dove circa 30mila persone si sono radunate per assistere alla partita grazie ad un maxi schermo: a loro si sono aggiunti tantissimi altri tifosi che avevano preferito vedere la partita incollati alla tv nelle proprie abitazioni. A via Caracciolo tantissimi i tifosi che hanno gioito per le prodezze di Cavani e Hamsik: hanno funzionato evidentemente i riti scaramantici attuati prima dell'incontro, con un corno gigante anti-jella posto sotto lo schermo. Il rigore dell'1-0 trasformato da Cavani ha fatto impazzire di gioia i presenti, ma è stato dopo il gol di Hamsik che è partita la festa, con i sostenitori azzurri con le bandiere e indosso le magliette dei loro idoli impegnati a ballare mentre accompagnavano con cori le scene della premiazione che arrivavano via video da Roma, fino a salutare con un boato il momento in cui capitan Cannavaro ha alzato la Coppa Italia al cielo in un tripudio assordante di fuochi d'artificio e trombe. Numerosi anche i fumogeni accesi. In occasione dei gol, e a fine partita, in diversi quartieri della città sono stati sparati anche fuochi pirotecnici. Poi è partito il corteo delle auto e dei motorini che hanno sfilato per le vie del centro, ma non sul lungomare, chiuso per la ztl. Traffico bloccato, con balli e canti improvvisati al centro della sede stradale occupata, in diversi punti della città: dalla Riviera di Chiaia al Corso Umberto, da piazza Trieste e Trento a via Marina, mentre sullo sfondo rimbombavano fuochi degni della sera di Capodanno. Un copione che andrà avanti per tutta la notte. Per una festa attesa 22 anni Notte di festeggiamenti a Napoli per la conquista della Coppa Italia. La squadra è tornata in città poco prima delle 4, con un treno speciale

Frecciarossa. A Piazza Garibaldi i giocatori, i dirigenti ed i loro familiari sono saliti su un autobus scoperto ed hanno sfilato lungo le strade delle città dove migliaia di persone li hanno incitati ed osannati. La Coppa Italia è passata di mano in mano per essere mostrata ai tifosi. Cori di incitamento per tutti, in particolare per il Pocho Lavezzi il quale sarebbe in procinto di trasferirsi in un'altra squadra. «Pocho, non te ne andare, Napoli ti ama. A Parigi non c'è il mare»: era questo il tenore degli incitamenti che i tifosi hanno tra l'altro rivolto al calciatore argentino, il quale ha attraversato la città con indosso una bandiera azzurra del Napoli. Solo all' alba la squadra ha ritrovato la strada di casa. Il risveglio di Napoli - ma chi ha dormito in questa notte di festa? - è davvero dolce. È quello dei ragazzi che vanno a scuola con la sciarpa azzurra al collo e anche con qualche bandiera nello zaino da srotolare in aula. I professori oggi perdoneranno. Del resto anche loro hanno un cuore, anzi un tifo da coltivare. Il giorno dopo il trionfo è fatto degli sfottò contro i tifosi della Juventus e qualcuno pensa bene di lasciare, a mò di sfregio, un vessillo azzurro fuori alle case dei sostenitori bianconeri. Operazione conclusa con successo dopo le manovre 'preparatoriè: nella zona del Ponte di Casanova, in città, ieri sera era comparso un mega corno di cartone davanti l'abitazione di uno 'iettatorè juventino. C'è chi fa la fila all'edicola per non perdersi il giornale con la Notiziona in prima pagina. Nelle radio la non stop delle telefonate fa il paio con migliaia di commenti su facebook. Qualcuno, nella zona di Piazza Garibaldi, fa sentire a tutto volume i due 'innì del Napoli. Quello storico, legato alla conquista del primo scudetto di Nino D'Angelo e quello 'nuovò, che accompagna tutti i successi recenti del Napoli, 'O surdato nnammurato. Il flash back della notte lascia nella mente immagini della vittoria, i residui della festa nelle strade e anche le istantanee più singolari che hanno colpito i tifosi. Del resto, l'avreste mai creduto che un macedone, Goran Pandev, potesse cantare 'Oj vita, oj vita mià saltando sul prato dell'Olimpico dopo la conquista del successo?


8

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME N. 30/2010 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IL PROFESSIONISTA DELEGATO NOTAIO DOTTOR GIANLUCA PERRELLA Presso ASSOCIAZIONE NOTARILE PROCEDURE ESECUTIVE DI LAMEZIA TERME Piazza della Repubblica – Lamezia Terme nella Procedura Esecutiva N.30/2010 R.E. Visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 25 marzo 2011 ai sensi dell’art. 591 bis c.p.c. a seguito di istanza di vendita formulata dal Creditore Procedente “BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.p.A.”; Considerato che appare opportuno rifissare la vendita con la riduzione del prezzo base di ¼ giusta quanto disposto dal G.E. al comma n.23 della suddetta delega; Visto l’art. 569 c.p.c.; AVVISA che in data 12 luglio 2012 alle ore 10,00, Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, Piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, presso i locali dell’Associazione Notarile, si terra la vendita senza incanto del seguente immobile: LOTTO UNICO In Comune di Soveria Mannelli, località “S.Andrea” (limitrofo alla SS.19): complesso alberghiero in corso di costruzione su lotto di terreno della superficie di circa mq.23.812, che – a costruzione completata – sarà costituito da quattro piani, per una superficie complessiva coperta di circa mq.6.145. Detto complesso alberghiero, essendo in corso di costruzione, non è riportato nel Catasto Fabbricati; il terreno sul quale esso insiste è riportato nel Catasto Terreni del Comune di Soveria Mannelli con le seguenti indicazioni: foglio di mappa 10, particelle 307, sem.cl.1°, are 15.50, redd. dom.euro 10,81, redd. agr. euro 3,20; 829, sem.irr. cl.2°, ha. 2.22.62, redd. dom.euro 68,98, redd. agr. euro 34,49; PREZZO BASE: EURO 1.838.799,00 (euro unmilioneottocentotrentotto settecentonovantanove virgola zero zero) AVVISA ALTRESÌ Che nelle ipotesi in cui: -non siano proposte offerte di acquisto entro il termine stabilito; -le offerte non siano efficaci ai sensi dell’art. 571 c.p.c.; -si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, comma 3, c.p.c.; -la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione; avrà luogo la vendita con incanto dei medesimi beni nelle seguenti date e luoghi: 20 settembre 2012 alle ore 10,00, Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, piazza della Repubblica, presso i locali dell’Associazione. LOTTO UNICO PREZZO BASE: EURO 1.838.799,00 (euro unmilioneottocentotrentotto settecentonovantanove virgola zero zero) CAUZIONE: EURO 183.879,90 (euro centoottoantatremilaotto-centosettantanove virgola novanta) AUMENTO MINIMO: EURO 91.939,95 (euro novantunomilano-vecentotrentanove virgola novantacinque) In tale udienza, a differenza della prima, per aggiudicarsi i beni sarà necessario effettuare almeno un rilascio del prezzo. L’immobile viene posto in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, senza alcuna garanzia per evizione, molestie e pretese di eventuali conduttori; con gli accessori, dipendenze, pertinenze, servitù attive e passive (di passaggio e di transito con ogni mezzo e di acquedotto per uso irriguo) esistenti e diritti proporzionali che devono ritenersi comuni a norma di legge. I beni di cui sopra sono meglio descritti nella relazione di stima a firma dell’esperto arch. Anna Maria Scavelli, che può essere consultata dall’offerente (ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l’esistenza di eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravanti sui beni) sul sito internet www.portaleaste.com e su “Il Domani” (Edizione Regionale), nonché presso l’ufficio della “Associazione Notarile Procedure Esecutive di Lamezia Terme” sito presso il Tribunale di Lamezia Terme.

Martedì 22 Maggio 2012

E’ possibile chiedere un finanziamento pari al 70/80% del prezzo base agli Istituti di credito che hanno aderito all’intesa con il Tribunale di Lamezia Terme, ossia: Banca Carime, San Paolo IMI-Banco di Napoli, Banca Popolare di Crotone, Monte dei Paschi di Siena, Banca di Catanzaro, a cui potranno rivolgersi direttamente. I mutui saranno garantiti da ipoteca da iscrivere sullo stesso immobile posto in vendita. Maggiori informazioni potranno essere chieste alle banche interessate. Se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione verrà immediatamente restituita dopo la chiusura della gara, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare alla medesima, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo: in tale caso la cauzione è restituita solo nella misura dei 9/10 (nove decimi) dell’intero e la restante parte è trattenuta come somma rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione. In caso di dubbi sulla sussistenza dei motivi giustificati per la mancata partecipazione alla gara, l’offerente si rivolgerà al Giudice, che disporrà in merito alla restituzione dell’intera cauzione o respingerà la relativa domanda. A norma dell’art. 46 DPR 06/06/2001 n. 380 l’aggiudicatario, qualora l’immobile si trovi nelle condizioni previste per il rilascio del permesso di costruire in sanatoria, dovrà presentare a proprie esclusive spese domanda di permesso in sanatoria, entro 120 giorni dalla notifica del decreto di trasferimento. Sono a carico dell’aggiudicatario tutte le spese per il trasferimento degli immobili nonché quelle relative alla cancellazione della trascrizione del pignoramento e di tutte le formalità con i relativi compensi spettanti al professionista delegato per le operazioni successive alla vendita, come liquidati dal G.E.. Il presente “avviso di vendita” in estratto sarà affisso presso l’Albo dell’Ufficio Giudiziario del Tribunale di Lamezia Terme. La pubblicità, le modalità di presentazione delle domande e le condizioni della vendita sono regolate dalle «Condizioni generali in materia di vendite immobiliari delegate» allegate al presente avviso. Lamezia Terme, lì 17 maggio 2012 il professionista delegato dottor Gianluca Perrella notaio CONDIZIONI GENERALI IN MATERIA DI VENDITE IMMOBILIARI DELEGATE Quanto alla vendita senza incanto: Le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa contenente domanda di partecipazione in carta da bollo, entro le ore 12,00 del giorno 9 luglio 2012. Sulla busta dovranno essere indicate le sole generalità di chi presenta l’offerta, che può anche essere persona diversa dall’offerente, il nome del giudice dell’esecuzioni, il nome del professionista delegato, la data della vendita e il numero della procedura. Nessuna altra indicazione – né il bene per cui è stata fatta l’offerta o altro – deve essere apposta sulla busta. Il termine di versamento del saldo prezzo, nonché degli ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita è di 60 giorni dall’aggiudicazione. L’offerta dovrà contenere: - Il cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio, stato civile, recapito telefonico del soggetto cui andrà intestato l’immobile, il quale dovrà anche presentarsi alla udienza fissata per la vendita. Non sarà possibile intestare l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’offerta. Se l’offerente è coniugato e in regime di comunione legale dei beni, dovranno essere indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. Nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art.179, co. 1°, lett. f, codice civile, quella del coniuge non acquirente di cui al 2° co. della medesima disposizione normativa. In caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. Se l’offerente è minorenne, l’offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del Giudice Tutelare.

Se l’offerente agisce quale legale rappresentante di altro soggetto, dovrà essere allegato certificato del registro delle imprese da cui risultino i poteri ovvero la procura o l’atto di nomina che giustifichi i poteri. - I dati identificativi del bene per il quale l’offerta è proposta. - L’indicazione del prezzo offerto, che non potrà essere inferiore al prezzo minimo indicato nell’avviso di vendita, a pena di esclusione. - L’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima. All’offerta dovrà essere allegata una fotocopia del documento di identità dell’offerente, nonché un assegno circolare non trasferibile intestato a “notaio Gianluca Perrella procedura esecutiva n.30/2010 R.E.”, per un importo pari al 10 per cento del prezzo offerto, a titolo di cauzione, che sarà trattenuta in caso di rifiuto dell’acquisto. Nessuna somma sarà richiesta, in questa fase quale fondo spese. L’offerta presentata è irrevocabile. L’offerente è tenuto a presentarsi all’udienza sopra indicata di persona, o a mezzo di mandatario munito di procura speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata che dovrà essere depositata contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art.583. co.1°, c.p.c.. I procuratori legali possono fare offerte per persona da nominare. In caso di aggiudicazione, l’offerente è tenuto al versamento del saldo prezzo e degli oneri, diritti e spese di vendita nel termine indicato in offerta, ovvero, in mancanza, entro 60 giorni dall’aggiudicazione mediante due distinti assegni circolari non trasferibili intestati a “notaio Gianluca Perrella procedura esecutiva n.30/2010 R.E.”, uno quale differenza prezzo di aggiudicazione e uno pari al venti per cento del prezzo stesso quale presumibile importo per spese. In caso di inadempimento, l’aggiudicazione sarà revocata e l’aggiudicatario perderà tutte le somme versate. In caso di più offerte valide, si procederà a gara sulla base della offerta più alta. Il bene verrà definitivamente aggiudicato a chi avrà effettuato il rilancio più alto. La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive. La vendita è a corpo e non a misura, eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere – ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore – per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. Gli immobili saranno venduti liberi da tutte le formalità pregiudizievoli. Le formalità gravanti sugli immobili saranno cancellate a cura e spese dell’aggiudicatario. Ogni onere fiscale derivante dalla vendita sarà a carico dell’aggiudicatario. Per tutto quanto qui non previsto si applicano le vigenti norme di legge. Quanto alla vendita con incanto, ferme le disposizioni sopra indicate, se compatibili, valgono le norme di cui agli artt. 576, 580, 584 e 585 c.p.c.. Gli offerenti dovranno dichiarare la propria residenza nel Circondario del Tribunale di Lamezia Terme o eleggere domicilio in Lamezia Terme. Quanto alla vendita con incanto: Ogni offerente dovrà depositare presso l’Associazione Notarile Procedure Esecutive presso il Tribunale di Lamezia Terme entro le ore 12,00 del giorno 17 settembre 2012 busta chiusa contenente domanda di partecipazione in carta da bollo. Info - 0961.023931

La domanda dovrà contenere: a)- se persona fisica: - cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio e residenza, stato civile, recapito telefonico del richiedente; in caso lo stesso sia coniugato, il suo regime patrimoniale, con indicazione – qualora coniugato in regime di comunione legale – delle generalità del coniuge. Alla domanda dovranno essere allegate copie fotostatiche di un valido documento di identità e del codice fiscale (anche del coniuge se in regime di comunione legale). Qualora detta persona fisica dovesse partecipare in qualità di titolare di omonima ditta individuale, dovrà essere indicata la partita IVA e all’offerta dovrà essere altresì allegata una recente visura camerale della ditta stessa. b)- se società o ente: dati identificativi, inclusa la partita IVA e/o codice fiscale, recapito telefonico, nonché nome, cognome, luogo e data di nascita del legale rappresentante. Alla domanda dovranno essere allegati sia una recente visura camerale (dalla quale risulti lo stato della società o ente ed i poteri conferiti all’offerente in udienza) sia copia fotostatica di un valido documento di identità di detto offerente. c)- assegno circolare non trasferibile pari al 10% (dieci per cento) del prezzo base d’asta, a titolo di cauzione, intestato a “notaio Gianluca Perrella procedura esecutiva n.30/2010 R.E.”. Si precisa che in caso di mancata aggiudicazione, detto assegno sarà restituito immediatamente. Offerte in aumento di un quinto: A norma dell’art. 584 c.p.c., avvenuto l’incanto, possono ancora essere fatte offerte di acquisto entro il termine perentorio di 10 giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 (un quinto) quello raggiunto nell’incanto. Pertanto l’aggiudicazione diverrà definitiva decorsi 10 giorni senza offerte in aumento. Divenuta definitiva l’aggiudicazione dovrà essere versata nei sessanta giorni successivi la differenza del prezzo di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “notaio Gianluca Perrella procedura esecutiva n.30/2010 R.E.” nonché il venti per cento del prezzo di aggiudicazione sempre mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “notaio Gianluca Perrella procedura esecutiva n.30/2010 R.E.” quale presumibile importo per spese. Tali offerte potranno essere depositate presso l’indirizzo sopra indicato, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione. Ogni domanda di restituzione della cauzione dovrà essere indirizzata dagli offerenti al Giudice dell’Esecuzione. ***** N.37/94 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IL PROFESSIONISTA DELEGATO DOTTOR GIANLUCA PERRELLA presso ASSOCIAZIONE NOTARILE PROCEDURE ESECUTIVE DI LAMEZIA TERME piazza della Repubblica – Lamezia Terme nella procedura esecutiva proposta da “PIRELLI RE CREDIT SERVICING S.p.A.” già “ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO S.p.A.” Visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice delle Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 23/02/07 ai sensi dell’art. 591 bis c.p.c.; Considerato che – nonostante siano andati deserti i precedenti esperimenti di vendita – non appare opportuno ridurre ulteriormente il prezzo base; Visto l’art. 569 c.p.c.;


9 AVVISA che in data 12 luglio 2012 alle ore 11,00, nel Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, Piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, presso i locali dell’Associazione Notarile, si terrà la vendita al pubblico incanto della piena proprietà del seguente immobile: LOTTO UNICO: In Lamezia Terme, sezione S.Eufemia Lamezia, porzione immobiliare facente parte del Complesso Turistico-Residenziale alla località “Ginepri”, denominato “Lamezia Golfo”, e precisamente l’appartamento facente parte del Corpo di Fabbrica “1/C”, Scala “A”, ubicato al piano primo (2° fuori terra), distinto con il numero interno 5/A; riportato nel corrispondente Catasto Fabbricati con le seguenti indicazioni: foglio di mappa 23, particella 183/sub.29, Contrada Ginepri, piano P, zona censuaria 1, categoria A/3, classe 4°, consi-stenza vani 5,5, rendita euro 355,06. Prezzo Base: € 15.974,40 (euro quindicimilanovecentosettantaquattro virgola quaranta) Cauzione € 1.597,44 (euro millecinquecentonovantasette virgola quaranta-quattro) Spese € 3.194,88 (euro tremilacentonovantaquattro virgola ottantotto) Aumento minimo € 798,72 (euro settecentonovantotto virgola settantadue) L’immobile viene posto in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, senza alcuna garanzia per evizione, molestie e pretese di eventuali conduttori; con gli accessori, dipendenze, pertinenze, servitù attive e passive esistenti e diritti proporzionali sulle parti dell’edificio che devono ritenersi comuni a norma di legge (regolamento di condominio). Il manufatto oggetto del presente avviso meglio descritto nella relazione del C.T.U arch. Livio Giuseppe Mete che può essere consultata presso gli uffici della “Associazione Notarile Procedure Esecutive di Lamezia Terme” siti in Lamezia Terme, Piazza della Repubblica, palazzo di giustizia primo piano seminterrato e che si intende integralmente conosciuta, mentre l’ordinanza è consultabile sul sito internet www.portaleaste.com e su “Il Do-mani” (Edizione Regionale). Tutte le attività che, ai sensi dell'art. 576 cod. proc. civ. e segg., si sarebbero dovute com-piere in Cancelleria, inclusa la gara d'incanto, si terranno presso gli uffici dell’Associazione. E’ possibile chiedere un finanziamento pari al 70/80% del prezzo base agli Istituti di credito che hanno aderito all’intesa con il Tribunale di Lamezia Ter-me, ossia: Banca Carime, San Paolo IMI-Banco di Napoli, Banca Popolare di Crotone, Monte dei Paschi di Siena, Banca di Catanzaro. I mutui saranno garantiti da ipoteca da iscrivere sullo stesso immobile posto in vendita. Maggiori informazioni potranno essere chieste alle banche interessate. Se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione verrà immediatamente restituita do-po la chiusura della gara, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare alla medesima, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documen-

Martedì 22 Maggio 2012

tato e giustificato motivo: in tale caso la cauzione è restituita solo nella misura dei 9/10 (nove decimi) dell’intero e la restante parte è trattenuta come somma rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione. In caso di dubbi sulla sussistenza dei motivi giustificati per la mancata partecipazione alla gara, l’offerente si rivolgerà al Giudice, che disporrà in merito alla restituzione dell’intera cauzione o respingerà la relativa domanda. A norma dell’art. 46 DPR 06/06/2001 n. 380 l’aggiudicatario, qualora l’immobile si trovi nelle condizioni previste per il rilascio del permesso di costruire in sanatoria, dovrà pre-sentare a proprie esclusive spese domanda di permesso in sanatoria, entro 120 giorni dalla notifica del decreto di trasferimento. Sono a carico dell’aggiudicatario tutte le spese per il trasferimento dell’immobile nonché quelle relative alla cancellazione della trascrizione del pignoramento e di tutte le formalità con i relativi compensi spettanti al professionista delegato per le operazioni successive alla vendita, come liquidati dal G.E.. Il presente “avviso di vendita” in estratto sarà affisso presso l’Albo dell’Ufficio Giudiziario del Tribunale di Lamezia Terme. La pubblicità, le modalità di presentazione delle domande e le condizioni della vendita sono regolate dalle «Condizioni generali in materia di vendite immobiliari delegate» allegate al presente avviso. Lamezia Terme, lì 17 maggio 2012 il professionista delegato dottor Gianluca Perrella notaio CONDIZIONI GENERALI IN MATERIA DI VENDITE IMMOBILIARI DELEGATE Le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa, contenente domanda di partecipazione in carta da bollo, entro le ore 12:00 del giorno 9 lu-glio 2012. Sulla busta dovranno essere indicate le sole generalità di chi presenta l’offerta, che può an-che essere persona diversa dall’offerente, il nome del giudice dell’esecuzione, il nome del professionista delegato, la data della vendita e il numero della procedura esecutiva. Nessuna altra indicazione – né il bene per cui è stata fatta l’offerta o altro – deve essere apposta sulla busta. Il termine di versamento del saldo prezzo è di 60 giorni dall’aggiudicazione definitiva, me-diante assegno circolare non trasferibile intestato a “notaio Gianluca Perrella procedura esecutiva n.37/94 R.E” quale saldo prezzo. L’offerta dovrà contenere: se persona fisica: - cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio e residenza, stato civile, recapito telefonico del richiedente; in caso lo stesso sia coniugato, il suo regime patrimoniale, con indicazione – qualora coniugato in regime di comunione legale – delle generalità del coniuge. Alla domanda dovranno essere allegate copie fotostatiche di un valido documento di iden-tità e del codice fiscale (anche del coniuge se in regime di comunione legale). Non sarà possibile intestare l’immobile a soggetto diverso da quello che sotto-scrive l’offerta. Se l’offerente è coniugato e in regime di comunione legale dei beni, dovranno essere

indica-ti anche i corrispondenti dati del coniuge. Nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art.179, co. 1°, lett. f, codice civile, quella del coniuge non acquirente di cui al 2° co. della medesima disposizione normativa. In caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. Qualora detta persona fisica dovesse partecipare in qualità di titolare di omonima ditta in-dividuale, dovrà essere indicata la partita IVA e all’offerta dovrà essere altresì allegata una recente visura camerale della ditta stessa. - se società o ente: dati identificativi, inclusa la partita IVA e/o codice fiscale, recapito telefonico, nonché nome, cognome, luogo e data di nascita del legale rappresentante. Alla domanda dovranno essere allegati sia una recente visura camerale (dalla quale risulti lo stato della società o ente ed i poteri conferiti all’offerente in udienza) sia copia fotostati-ca di un valido documento di identità di detto offerente. - I dati identificativi del bene per il quale l’offerta è proposta. - L’indicazione del prezzo offerto, che non potrà essere inferiore al prezzo minimo indicato nell’avviso di vendita, a pena di esclusione. - L’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima. All’offerta dovrà essere allegata una fotocopia del documento di identità dell’offerente, nonché un assegno circolare non trasferibile intestato a “notaio Gianluca Perrella procedura esecutiva n.37/94 R.E.”, per un importo pari al 10 per cento del prezzo ba-se, a titolo di cauzione, che sarà trattenuta in caso di rifiuto dell’acquisto e un assegno circolare non trasferibile intestato a “notaio Gianluca Perrella procedura esecutiva n.37/94 R.E.”, per un importo pari al 20 per cento del prezzo base a titolo di spese. L’offerente è tenuto a presentarsi all’udienza sopra indicata di persona, o a mezzo di mandatario munito di procura speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata che dovrà essere depositata contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art.583. co.1°, c.p.c.. I procuratori legali possono fare offerte per persona da nominare. In caso di aggiudicazione, l’offerente è tenuto al versamento del saldo prezzo e degli oneri, diritti e spese di vendita nel termine indicato in offerta, ovvero, in mancanza, entro 60 giorni dall’aggiudicazione definitiva. In caso di inadempimento, la aggiudicazione sarà revocata e l’aggiudicatario perderà tutte le somme versate. L’aggiudicatario potrà versare il prezzo tramite mutuo ipotecario con garanzia sul medesimo immobile oggetto della vendita, rivolgendosi alle banche il cui elenco sarà reperibile presso il professionista delegato e presso il sito del Tribunale. In caso di una sola offerta il bene verrà aggiudicato al prezzo base più l’aumento minimo. Info - 0961.023931

In caso di più offerte valide, si procederà a gara sulla base della offerta più alta. Il bene verrà provvisoriamente aggiudicato a chi avrà effettuato il rilancio più alto. La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui il bene si trova, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive. La vendita è a corpo e non a misura, eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere – ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero de-rivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese con-dominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore –, per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. Gli immobili saranno venduti liberi da tutte le formalità pregiudizievoli. Le formalità gravanti sugli immobili saranno cancellate a cura e spese dell’aggiudicatario. Ogni onere fiscale derivante dalla vendita sarà a carico dell’aggiudicatario. Per tutto quanto qui non previsto si applicano le vigenti norme di legge. Gli offerenti dovranno dichiarare la propria residenza nel Circondario del Tribunale di Lamezia Terme o eleggere domicilio in Lamezia Terme. Offerte in aumento di un sesto: A norma dell’art. 584 c.p.c., avvenuto l’incanto, possono ancora essere fatte offerte di acquisto entro il termine perentorio di 10 giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/6 (un sesto) quello raggiunto nell’incanto. Pertanto l’aggiudicazione diverrà definitiva decorsi 10 giorni senza offerte in aumento e nei sessanta giorni successivi dovrà essere versata la differenza prezzo di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “notaio Gianluca Perrella pro-cedura esecutiva n.37/94 R.E.”. Tali offerte potranno essere depositate presso l’indirizzo sopra indicato, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione. Ogni domanda di restituzione della cauzione dovrà essere indirizzata dagli offerenti al Giudice dell’Esecuzione.


10

il Domani dello Sport

Martedì 22 Maggio 2012

SPORT NAZIONALE

NADAL IN TRIONFO PER LA SESTA VOLTA TENNIS Conclusi a Roma gli internazionali con un grande successo di pubblico

I

l Re è tornato. Dopo aver perso il trono di Roma lo scorso anno, Rafael Nadal si è preso la rivincita sul serbo Novak Djokovic, campione uscente al Foro Italico e numero uno al mondo. Lo spagnolo ha messo a tacere il serbo in due ore e 21 minuti di gioco chiudendo la finale sul punteggio di 7-5, 6-3, lasciando la terra battuta della Capitale senza aver mai concesso un set agli avversari. Una prova di forza dopo il passaggio a vuoto di Madrid, e un messaggio lanciato a tutti quelli che a Parigi vorranno togliergli lo scettro del Roland Garros. Il sesto successo a Roma in carriera permette inoltre a Nadal da un lato di riscavalcare lo svizzero

Dopo un anno di assenza dal podio più alto del torneo, lo spagnolo di Maiorca torna ad essere il Re del Foro Roger Federer al secondo posto della classifica Atp, dall'altro di mettere in bacheca il 49/o torneo (di cui ben 21 'Master 1000', uno in più di Federer, che lo aveva appena agganciato col successo sulla terra blu di Madrid). Per il mancino di Manacor, quella con Djokovic è stata la terza

finale romana (disputata di lunedì a causa della pioggia caduta ieri sulla Capitale): nel 2009 si impose Rafa, nel 2011 Nole. Al serbo il bis non è riuscito soprattutto per i troppi errori commessi, il doppio rispetto all'avversario (41 a 21). Il momento in cui probabilmente il match ha girato in favore di Nadal è arrivato all'undicesimo gioco del primo set: sul punteggio di 5-5 lo spagnolo è riuscito a strappare il servizio all'avversario, facendogli letteralmente saltare i nervi. Al momento del cambio campo, infatti, Djokovic si è calato nuovamente nei panni dello 'spacca-racchettè, rompendo la propria sulla colonnina che regge la rete, sotto gli

occhi del giudice di sedia. Persa la prima partita 7-5, il serbo ha subito concesso un altro break a Nadal in avvio di secondo set, e non è più riuscito a rientrare nonostante le chance avute nel secondo game e nel quarto, consegnando il titolo (e i 460.260 euro di montepremi) all'avversario con un doppio fallo, emblema di un incontro caratterizzato per lui dai troppi errori. «È vero, ho avuto tante opportunità per rientrare, ma ho commesso degli errori incredibili e contro il migliore del mondo non te lo puoi permettere perchè ne approfitta per prender il controllo del gioco - ha ammesso Djokovic al termine del torneo - Rafa poi resta sempre il favorito su questa superficie, anche se dall'altra parte della rete ci siamo io o Federer, o qualsiasi altro giocatore al mondo». «La racchetta rotta? Sul campo mostro le miei emozioni, quelle belle e quelle brutte. Il bilancio della settimana comunque resta positivo - ha quindi aggiunto Nole - mi sento bene e questo mi tranquillizza anche in vista del Roland Garros». Di sicuro, a Parigi ancor più sereno sarà Nadal dopo il successo di Roma: «Sono veramente felice, ho vinto un torneo importantissimo, senza aver perso nessun set, e battendo degli avversari importanti come Berdych, Ferrer e Djokovic». Sulla finale, lo spagnolo ha poi aggiunto che «è sempre difficile affrontare Novak perchè è un giocatore aggressivo, spinge molto e ha una risposta lunga. Ma credo di essere stato aggressivo anche io: quando mi sono dovuto difende ho difeso, e quando c'era da attaccare ho attaccato. Potevo giocare meglio? Forse, ma non così tanto, non mi reputo così bravo. Devo dire però che penso di aver giocato meglio rispetto alla finale dell'anno scorso. Il mio dritto è migliorato, sono più aggressivo, veloce, cerco di colpire da dentro il campo». Il settimo Roland Garros insomma è già nel mirino. Djokovic ha perso gli ultimi 2 confronti diretti con Nadal. In precedenza, il serbo si era aggiudicato 7 sfide consecutive. «Non è il caso di fare paragoni con il 2011, ma lo scorso anno i successi a Madrid e qui a Roma contro Nadal mi hanno dato tanta fiducia. Ripeto, quando non si sfruttano le opportunità contro Nadal, alla fine si paga: ho sbagliato

La decisione della finale rinviata per pioggia a lunedì si è avuta tra il finale del primo e l’inizio del secondo set molto e ho commesso molto errori. Alcuni veramente incredibili...», dice ripensando alle 6 palle break sciupate nel secondo set. «Non penso che lui si sia espresso al top. D'altra parte, quando si gioca sulla terra battuta, Rafa è sempre il favorito contro qualsiasi avversario», aggiunge Nole. Non è il caso, però, di abbattersi: «In campo mi sento a mio agio, vado a Parigi con ottimismo. Ho perso una finale molto equilibrata dopo aver giocato bene negli ultimi 3 incontri. Al Roland Garros sarà un'altra storia: si gioca 3 set su 5 e il torneo dura due settimane. Mi preparerò come ho sempre fatto, con impegno e concentrazione. Tutti vogliono dare il massimo a Parigi, io mi sento a mio agio in campo e sto bene dal punto di vista fisico. Sarò al top della condizione». «Ho avuto le opportunità per poter portare a casa la vittoria ma non ho saputo sfruttarle. Contro Nadal non si possono commettere errori: non perdona». Novak Djokovic incassa il ko nella finale degli Internazionali Bnl d'Italia. Il serbo, numero 1 del mondo e trionfatore nel 2011, in finale è stato sconfitto in due set dallo spagnolo Rafa Nadal. L'iberico ha centrato il sesto successo della carriera sulla terra rossa capitolina. «Lui ha giocato meglio di me e ha meritato di vincere. Io sono comunque, contento», dice il serbo che, dopo aver perso il primo set, ha sfogato la propria frustrazione distruggendo la racchetta. Nella seconda frazione, Djokovic non ha trasformato nessuna delle 6 palle break avute a disposizione. «Ho giocato bene tutta la settimana, specialmente nelle tre partite precedenti», aggiunge chiudendo l'avventura al Foro Italico. I riflettori ora si spostano sul Roland Garros: «Mi sto preparando per Parigi, dove voglio esser al top», dice pensando al secondo appuntamento stagionale del Grande Slam.


Martedì 22 maggio 2012 il Domani dello Sport 11

TOTOGUIDA SCOMMESSE N.Novgorod-Volga

Ull.Kisa-Tromsdalen

«2»

«X»

2.00

3.55

SPAGNA Liga Adelante

Celta e Valladolid, doppio «1» in arrivo l tour de force della Liga Adelante prosegue. Celta e Valladolid sono attese da un facile impegno casalingo. La squadra di Vigo ospita lo Xerez: «1». Il Valladolid chiede strada a un Recreativo Huelva già salvo: «1» fisso. Il Dep. La Coruna è di scena in trasferta e farà bene a non distrarsi: «2». Per i playoff, l’Almeria va all’assalto del Numancia per l’inseguimento al 6° posto: «1». Stesso discorso per il Cordoba che ospita un Cartagena ormai rassegnato: «1». Qualche difficoltà potrebbe incontrarla l’Hercules che fa visita ad un Alcoyano che ha ancora speranza di salvezza. Il pessimo ruolino dei padroni di casa induce a puntare sul «2». L’Alcorcon punta a conservare il

I

4° posto nella sfida con il Sabadell. Ospiti tranquilli: «1». Le altre sfide sono delle semi-amichevoli. Per questo vale la pena allora puntare sull’«Over» in Guadalayara-Barcellona, due formazioni predisposte all’esito. Il Murcia dovrebbe approfittare dell’occasione dello scontro diretto per scavalcare l’Huesca: «1». Tra Elche e Las Palmas è molto probabile che alla fine venga fuori una gara da «Goal». Infine è da provare l’«1» del Girona contro il retrocesso Villarreal B.

Cordoba - Cartagena Alcorcon - Sabadell Almeria - Numancia

1 1 1

Le possibili sorprese Guadalajara-Barcellona B X Elche - Las Palmas 1

MISTA 8 GARE + 1 "BASE" VINCITA GLOBALE: 623.80 Euro

8

Correzione di 0-1-2-3 errori sulle 8 partite variabili 0 err.=8 quat.; 1 err.=5 quat.; 2 err.=3 quat.; 3 err.=1 quat.

QUATERNE

Ull/Kisa-Tromsdalen Goal Nizhny N.-Volga 2 Shinnik-Rostov X Mjondalen-Maerum 1 Stromsgodset-Odd X SonderjyskE-Aalborg 1 R. Bucarest-Dinamo B. Un 2,5 Corinthians-Vasco 1 LA BASE: Viking-Stabaek 1 1.47 3.10 1.75 1.28 è di

64.31 Euro Ull/Kisa-Tromsdalen Goal Stromsgodset-Odd X R. Bucarest-Dinamo B.Un 2,5 Viking-Stabaek 1 Con 6 euro puntati la vincita

75.57 Euro Nizhny N.-Volga 2 Mjondalen-Maerum 1 R. Bucarest-Dinamo B.Un 2,5 Viking-Stabaek 1 Con 6 euro puntati la vincita

145.30 Euro

1.28

Ull/Kisa-Tromsdalen Goal Mjondalen-Maerum 1 SonderjyskE-Aalborg 1 Viking-Stabaek 1 Con 6 euro puntati la vincita

1.47 1.55 2.20 1.28 è di

Nizhny N.-Volga 2 Shinnik-Rostov X SonderjyskE-Aalborg 1 Viking-Stabaek 1 Con 6 euro puntati la vincita

1.90 3.10 2.20 1.28 è di

104.49 Euro 1.90 1.55 1.70 1.28 è di

40.37 Euro Shinnik-Rostov X Mjondalen-Maerum 1 Stromsgodset-Odd X Viking-Stabaek 1 Con 6 euro puntati la vincita

1.47 1.90 3.10 1.55 3.75 2.20 1.70 1.75

40.42 Euro 1.47 3.75 1.70 1.28 è di

Nizhny N.-Volga 2 Stromsgodset-Odd X Corinthians-Vasco 1 Viking-Stabaek 1 Con 6 euro puntati la vincita

1.90 3.75 1.75 1.28 è di

100.55 Euro 3.10 1.55 3.75 1.28 è di

PT G

PARTITE V N P

RETI F S

IN CASA V N P

D. LA CORUNA CELTA VIGO VALLADOLID ALCORCON HERCULES CORDOBA ALMERIA NUMANCIA ELCHE BARCELLONA B LAS PALMAS VILLARREAL B XEREZ HUESCA MURCIA RECR. HUELVA SABADELL GUADALAJARA GIRONA CARTAGENA ALCOYANO GIMNASTIC

82 78 78 66 65 64 61 54 54 53 52 52 49 48 47 46 46 43 42 34 34 31

26 24 22 19 20 18 15 14 16 14 14 14 13 13 13 12 11 12 10 7 8 6

71 77 65 54 53 48 59 51 54 55 53 51 47 46 47 48 42 45 54 29 42 35

17 14 13 12 11 12 9 12 8 9 10 8 8 8 7 6 9 7 8 5 5 3

SonderjyskE-Aalborg 1 R. Bucarest-Dinamo B.Un 2,5 Corinthians-Vasco 1 Viking-Stabaek 1 Con 6 euro puntati la vincita

52.78 Euro

2.20 1.70 1.75 1.28 è di

39 39 39 39 39 39 39 39 39 39 39 39 39 39 39 39 39 39 39 39 39 39

IL TURNO PRECEDENTE Almeria - Alcorcon Celta Vigo - Alcoyano Elche - Guadalajara Girona - Cordoba Huesca - Cartagena Las Palmas - Hercules Villarreal B - Recr. Huelva Murcia - Gimnastic Numancia - Barcellona B Valladolid - Sabadell Xerez - D. La Coruna

GIRONA Il pronostico di TS

I nostri consigli di gioco

Ull/Kisa-Tromsdalen Goal Shinnik-Rostov X Corinthians-Vasco 1 Viking-Stabaek 1 Con 6 euro puntati la vincita

Classifica

SABADELL ALCORCON GUADALAJARA ALCOYANO GIMNASTIC CORDOBA VILLARREAL B RECR. HUELVA MURCIA

ALCOYANO RECR. HUELVA GIMNASTIC CORDOBA GIRONA MURCIA CELTA VIGO HERCULES ELCHE ALMERIA

ELCHE D. LA CORUNA HERCULES BARCELLONA B SABADELL ALCORCON GUADALAJARA LAS PALMAS ALCOYANO GIMNASTIC

GUADALAJARA GIMNASTIC CORDOBA GIRONA MURCIA CELTA VIGO ELCHE BARCELLONA B ALMERIA VALLADOLID

ALMERIA CARTAGENA D. LA CORUNA HERCULES BARCELLONA B SABADELL ALCORCON NUMANCIA GUADALAJARA ALCOYANO

2-0 4-0 2-3 3-1 1-0 2-0 2-0 2-2 3-0 2-0 3-2

4 6 12 9 5 10 16 12 6 11 10 10 10 9 8 10 13 7 12 13 10 13

9 9 5 11 14 11 8 13 17 14 15 15 16 17 18 17 15 20 17 19 21 20

43 35 32 40 40 42 43 48 52 51 54 55 54 59 62 49 57 73 59 53 72 53

IL TURNO SUCCESSIVO Cordoba - Cartagena 22-05 Girona - Villarreal B “ “ Alcorcon - Sabadell 23-05 Alcoyano - Hercules “ “ Celta Vigo - Xerez “ “ Elche - Las Palmas “ “ Gimnastic - D. La Coruna “ “ Guadalajara - Barcellona B “ “ Murcia - Huesca “ “ Almeria - Numancia 24-05 Valladolid - Recr. Huelva “ “

42 VILLARREAL B 3-2 ▲ 0-0 = 4-1 ▲ 5-1 ▲ 1-1 = 3-1 ▲ . . .

VALLADOLID NUMANCIA LAS PALMAS XEREZ HUESCA RECR. HUELVA GIRONA CARTAGENA D. LA CORUNA

34 HERCULES 3-1 ▲ 0-2 ▼ 3-3 = 1-5 ▼ 1-3 ▼ 0-4 ▼ . . .

CELTA VIGO ELCHE ALMERIA VALLADOLID NUMANCIA LAS PALMAS ALCOYANO XEREZ HUESCA

54 LAS PALMAS 3-4 ▼ 0-3 ▼ 1-0 ▲ 1-1 = 1-3 ▼ 2-3 ▼ . . .

XEREZ HUESCA VILLARREAL B CARTAGENA D. LA CORUNA HERCULES ELCHE BARCELLONA B SABADELL

0-1 1-0 1-4 1-0 4-2 2-0

MURCIA CELTA VIGO ELCHE ALMERIA VALLADOLID NUMANCIA GUADALAJARA LAS PALMAS XEREZ

61 NUMANCIA 1-1 = 2-0 ▲ 0-0 = 1-2 ▼ 1-2 ▼ 2-0 ▲ . . .

HUESCA VILLARREAL B CARTAGENA D. LA CORUNA HERCULES BARCELLONA B ALMERIA SABADELL ALCORCON

CORDOBA ALCORCON GUADALAJARA ALCOYANO GIMNASTIC RECR. HUELVA GIRONA CARTAGENA MURCIA CELTA VIGO

ALCORCON

CORDOBA GIRONA MURCIA CELTA VIGO ELCHE ALMERIA SABADELL VALLADOLID NUMANCIA

▲ ▼ ▲ ▲ ▲ . . .

65 1-0 ▲ 3-0 ▲ 0-0 = 1-1 = 1-3 ▼ 0-2 ▼ . . .

V

FUORI N P

2 1 45 19 9 1 4 46 15 10 4 2 32 14 9 5 2 31 12 7 2 7 28 22 9 6 1 31 13 6 8 2 32 17 6 4 4 32 17 2 2 9 29 27 8 4 7 33 26 5 6 4 29 19 4 6 6 34 31 6 5 7 29 28 5 6 6 21 22 5 4 8 23 32 6 6 8 26 25 6 7 4 28 25 2 2 10 21 31 5 7 4 30 22 2 8 7 17 25 2 7 7 21 28 3 6 10 15 23 3

52

CELTA VIGO BARCELLONA B SABADELL CARTAGENA ALCORCON GUADALAJARA ALCOYANO XEREZ GIMNASTIC CORDOBA

52

GIMNASTIC

0-2 ▼ 1-3 ▼ 4-1 ▲ 1-2 ▼ 1-3 ▼ 2-0 ▲ . . .

GUADALAJARA ALCOYANO RECR. HUELVA CORDOBA GIRONA MURCIA D. LA CORUNA CELTA VIGO ELCHE

43 BARCELLONA B 53 1-0 ▲ 2-3 ▼ 1-4 ▼ 2-2 = 0-3 ▼ 3-2 ▲ . . .

RETI F S

MURCIA

1-0 ▲ 1-4 ▼ 0-1 ▼ 2-1 ▲ 1-2 ▼ 0-3 ▼ . . .

BARCELLONA B SABADELL ALCORCON GUADALAJARA ALCOYANO GIMNASTIC HUESCA CORDOBA GIRONA

54

VALLADOLID

1-2 ▼ 0-1 ▼ 1-2 ▼ 0-3 ▼ 3-1 ▲ 3-0 ▲ . . .

VILLARREAL B CARTAGENA D. LA CORUNA HERCULES BARCELLONA B SABADELL RECR. HUELVA ALCORCON GUADALAJARA

2 5 8 4 3 4 8 8 4 7 4 4 5 3 4 4 6 5 5 5 3 7

8 5 3 9 7 10 6 9 8 7 11 9 9 11 10 9 11 10 13 12 14 10

RETI F S 26 31 33 23 25 17 27 19 25 22 24 17 18 25 24 22 14 24 24 12 21 20

24 20 18 28 18 29 26 31 25 25 35 24 26 37 30 24 32 42 37 28 44 30

REGOLAMENTO

Promosse le prime 2. Dalla 3ª alla 6ª ai play-off. Retrocedono le ultime 4. A pari di punti valgono gli scontri diretti. N.B.: Barcellona B e Villarreal B non possono essere promosse né fare i playoff, a meno che la 1ª squadra non retroceda dalla Liga: in tal caso, però, Barcellona B e/o Villarreal B retrocederebbero d’ufficio se non arrivassero tra le prime 3.

34

64 CARTAGENA 0-2 ▼ 3-2 ▲ 3-3 = 4-2 ▲ 1-0 ▲ 1-3 ▼ . . .

VALLADOLID NUMANCIA CELTA VIGO LAS PALMAS XEREZ HUESCA CORDOBA VILLARREAL B RECR. HUELVA

1-2 ▼ 2-1 ▲ 1-1 = 2-1 ▲ 0-0 = 0-1 ▼ . . .

46

66 SABADELL 2-0 ▲ 0-0 = 3-0 ▲ 0-3 ▼ 3-1 ▲ 0-2 ▼ . . .

GIRONA MURCIA CELTA VIGO ELCHE ALMERIA VALLADOLID ALCORCON NUMANCIA LAS PALMAS

2-3 ▼ 0-1 ▼ 1-2 ▼ 1-1 = 2-1 ▲ 0-2 ▼ . . .

49

78 XEREZ 4-1 ▲ 2-1 ▲ 1-1 = 3-0 ▲ 3-0 ▲ 4-0 ▲ . . .

LAS PALMAS RECR. HUELVA HUESCA VILLARREAL B CARTAGENA D. LA CORUNA CELTA VIGO HERCULES BARCELLONA B

2-0 3-1 1-2 0-1 0-0 3-2

ELCHE ALMERIA VALLADOLID NUMANCIA LAS PALMAS XEREZ GIMNASTIC HUESCA VILLARREAL B

NUMANCIA LAS PALMAS XEREZ RECR. HUELVA VILLARREAL B CARTAGENA MURCIA D. LA CORUNA HERCULES

78 RECR. HUELVA 1-0 ▲ 2-1 ▲ 1-1 = 1-1 = 2-1 ▲ 2-0 ▲ . . .

ALCOYANO XEREZ GIMNASTIC HUESCA CORDOBA VILLARREAL B VALLADOLID GIRONA CARTAGENA

= ▲ .

82 4-3 ▲ 0-2 ▼ 1-1 = 3-0 ▲ 3-1 ▲ 2-3 ▼ . . .

48

47 HUESCA 0-1 ▼ 1-0 ▲ 0-3 ▼ 2-2 = 3-1 ▲ 2-2 = . . .

2-1 3-1 2-1 0-2 2-4 1-0

Alcorcon, 24° «No Goal» Guadalajara e Depor a quota 24 «Over» «UNDER» Cordoba Gimnastic Hercules Cartagena Villarreal B Alcorcon Almeria Girona Las Palmas Recr. Huelva Sabadell Valladolid Numancia Barcellona B Elche Huesca Murcia Celta Vigo Xerez Alcoyano D. La Coruna Guadalajara

24 23 23 22 22 21 21 21 20 20 20 20 19 18 18 18 18 17 17 16 15 15

(12-12) (13-10) (11-12) (12-10) (9-13) (11-10) (10-11) (13-8) (12-8) (11-9) (9-11) (9-11) (10-9) (9-9) (6-12) (12-6) (8-10) (8-9) (7-10) (9-7) (5-10) (8-7)

«OVER» D. La Coruna Guadalajara Alcoyano Celta Vigo Xerez Barcellona B Elche Huesca Murcia Numancia Las Palmas Recr. Huelva Sabadell Valladolid Alcorcon Almeria Girona Cartagena Villarreal B Gimnastic Hercules Cordoba

24 24 23 22 22 21 21 21 21 20 19 19 19 19 18 18 18 17 17 16 16 15

(15-9) (11-13) (10-13) (11-11) (13-9) (11-10) (13-8) (8-13) (11-10) (10-10) (8-11) (9-10) (11-8) (10-9) (8-10) (9-9) (6-12) (8-9) (11-6) (6-10) (9-7) (7-8)

▼ . .

31 D. LA CORUNA 0-1 ▼ 2-0 ▲ 2-2 = 2-4 ▼ 1-1 = 2-2 = . . .

▲ ▲

Statistiche

«GOAL» Las Palmas Almeria Girona Valladolid Alcoyano Barcellona B D. La Coruna Huesca Murcia Sabadell Xerez Guadalajara Numancia Recr. Huelva Celta Vigo Villarreal B Elche Cartagena Cordoba Gimnastic Hercules Alcorcon

25 24 24 22 21 21 21 21 21 21 21 20 20 20 19 19 18 17 16 16 16 15

(11-14) (11-13) (11-13) (11-11) (10-11) (11-10) (14-7) (8-13) (10-11) (12-9) (11-10) (11-9) (6-14) (12-8) (8-11) (11-8) (9-9) (10-7) (9-7) (7-9) (8-8) (8-7)

▲ ▲ ▲ ▼ ▼ ▲ . . .

46 1-3 ▼ 1-3 ▼ 2-2 = 2-0 ▲ 0-1 ▼ 0-2 ▼ . . .

«NO GOAL» Alcorcon Cordoba Gimnastic Hercules Cartagena Elche Celta Vigo Villarreal B Guadalajara Numancia Recr. Huelva Alcoyano Barcellona B D. La Coruna Huesca Murcia Sabadell Xerez Valladolid Almeria Girona Las Palmas

24 23 23 23 22 21 20 20 19 19 19 18 18 18 18 18 18 18 17 15 15 14

(11-13) (10-13) (12-11) (12-11) (10-12) (10-11) (11-9) (9-11) (8-11) (14-5) (8-11) (9-9) (9-9) (6-12) (12-6) (9-9) (8-10) (9-9) (8-9) (8-7) (8-7) (9-5)


12 il Domani dello Sport Martedì 22 maggio 2012

TOTOGUIDA SCOMMESSE SVEZIA Allsvenskan

Elfsborg e AIK in casa possibili conferme

Il pronostico di TS Helsingborg-Djurgarden 1 AIK-GAIS 1/Over Elfsborg-Hacken 1/Under

La possibile sorpresa Sundsvall-Malmoe

X/Goal

IL TURNO PRECEDENTE

IL TURNO SUCCESSIVO

(11ª GIORNATA)

(12ª GIORNATA) Gefle - Orebro 23-05 Helsingborg - Djurgarden “ “ Norrkoping - Atvidaberg “ “ Syrianska - Mjallby “ “ AIK - GAIS 24-05 Elfsborg - Hacken “ “ Göteborg - Kalmar “ “ Sundsvall - Malmoe “ “

Malmoe Helsingborg 3-0 PARTITE- DAL 10-05 AL 21-05 AIK - Norrkoping 5-2 Atvidaberg - Kalmar 3-0 Hacken - Djurgarden 1-1 Mjallby - Gefle 0-0 Orebro - Syrianska 0-1 GAIS - Göteborg Pos. Sundsvall - Elfsborg Pos.

3-2 ▲ 2-0 ▲ 1-4 ▼ 3-0 ▲ 0-6 ▼ 2-5 ▼ . . .

MALMOE GEFLE SYRIANSKA OREBRO HACKEN AIK ATVIDABERG MJALLBY KALMAR

GÖTEBORG HACKEN MALMOE DJURGARDEN SYRIANSKA KALMAR NORRKOPING ELFSBORG SUNDSVALL

PT G

ELFSBORG MALMOE HACKEN AIK HELSINGBORG ATVIDABERG MJALLBY NORRKOPING GÖTEBORG SYRIANSKA SUNDSVALL DJURGARDEN KALMAR GAIS GEFLE OREBRO

24 21 20 18 17 16 16 16 13 13 12 12 12 8 8 4

PARTITE V N P

10 11 11 11 11 11 11 11 10 11 10 11 11 10 11 11

8 6 6 4 4 5 3 5 3 4 3 2 3 1 1 0

0 3 2 6 5 1 7 1 4 1 3 6 3 5 5 4

2 2 3 1 2 5 1 5 3 6 4 3 5 4 5 7

RETI F S 17 19 28 14 11 20 16 16 14 12 12 14 11 10 5 9

AIK NORRKOPING HACKEN SUNDSVALL DJURGARDEN MJALLBY OREBRO HELSINGBORG GAIS

16

SYRIANSKA HACKEN ELFSBORG NORRKOPING GAIS ATVIDABERG OREBRO MJALLBY KALMAR DJURGARDEN

0-1 ▼ 0-2 ▼ 0-3 ▼ 0-0 = 1-1 = 0-0 = . . .

SUNDSVALL DJURGARDEN KALMAR NORRKOPING AIK SYRIANSKA GEFLE GAIS MALMOE

7 15 12 9 11 17 14 24 13 17 10 15 15 13 16 20

5 5 4 1 2 4 2 3 2 2 2 2 1 1 0 0

0 1 1 4 3 0 4 1 2 0 0 3 2 3 2 2

V

8 2 10 1 20 5 8 5 7 5 13 7 9 6 10 8 9 7 6 8 7 3 8 7 8 9 5 4 2 6 5 10

3 1 2 3 2 1 1 2 1 2 1 0 2 0 1 0

MJALLBY AIK SUNDSVALL MALMOE HACKEN KALMAR DJURGARDEN GEFLE GÖTEBORG

16

HELSINGBORG MALMOE GAIS KALMAR GÖTEBORG GEFLE SYRIANSKA NORRKOPING ELFSBORG

0 0 1 0 0 2 0 1 1 3 2 1 3 1 3 4

RETI F S

HELSINGBORG

1-3 ▼ 1-2 ▼ 0-1 ▼ 0-3 ▼ 2-2 = 0-1 ▼ . . .

13 MJALLBY 1-2 ▼ 1-4 ▼ 4-1 ▲ 2-0 ▲ 0-1 ▼ 1-0 ▲ . . .

IN CASA V N P

4

8 OREBRO

GEFLE

1-2 ▼ 0-3 ▼ 1-2 ▼ 1-1 = 1-0 ▲ 3-0 ▲ . . .

16 ATVIDABERG

NORRKOPING

Classifica

AIK

1-1 = 2-2 = 2-2 = 2-1 ▲ 1-1 = 0-0 = . . .

GEFLE HELSINGBORG DJURGARDEN ELFSBORG OREBRO NORRKOPING GAIS MALMOE HACKEN

FUORI N P 0 2 1 2 2 1 3 0 2 1 3 3 1 2 3 2

RETI F S

2 2 2 1 2 3 1 4 2 3 2 2 2 3 2 3

9 9 8 6 4 7 7 6 5 6 5 6 3 5 3 4

5 14 7 4 6 10 8 16 6 9 7 8 6 9 10 10

KALMAR OREBRO AIK ATVIDABERG GEFLE HACKEN HELSINGBORG GÖTEBORG SYRIANSKA

1-1 2-1 1-1 1-1 1-1 1-1

(4-4) (4-4) (4-3) (3-4) (2-4) (4-2) (2-4) (2-4) (3-2) (3-2) (4-1) (1-3) (4-0)

«OVER»

= ▲ = = = = .

9 8 7 7 6 6 5 5 5 5 5 4 4

(5-4) (5-3) (2-5) (4-3) (4-2) (2-4) (2-3) (2-3) (4-1) (2-3) (3-2) (2-2) (2-2)

«GOAL» .

Djurgarden Göteborg Atvidaberg Mjallby AIK GAIS Hacken Helsingborg Kalmar Elfsborg Malmoe Norrkoping Orebro

8 1-2 ▼ 2-2 = 2-2 = 0-2 ▼ 1-2 ▼ Pos. . . . .

ELFSBORG KALMAR MJALLBY SYRIANSKA SUNDSVALL GÖTEBORG AIK OREBRO GEFLE

8 8 7 7 6 6 6 6 5 5 5 4 4

Hacken Atvidaberg Malmoe Norrkoping Göteborg Orebro Elfsborg GAIS Kalmar Mjallby Syrianska Djurgarden Helsingborg

.

18 GAIS 1-0 ▲ 0-0 = 1-1 = 0-1 ▼ 2-2 = 5-2 ▲ . . .

AIK Gefle Djurgarden Helsingborg Kalmar Mjallby Syrianska Sundsvall Elfsborg GAIS Orebro Göteborg Malmoe

12

17 DJURGARDEN 1-1 = 0-0 = 1-0 ▲ 0-3 ▼ 3-2 ▲ 1-1 = . . .

«UNDER»

REGOLAMENTO La vincente in Champions League. La 2ª e la 3ª in Europa League con la vincente della Coppa di Svezia. Retrocedono direttamente le ultime 2. La terz’ultima al playout. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto della differenza reti.

9 8 7 7 6 6 6 6 6 5 5 5 5

(5-4) (4-4) (3-4) (3-4) (4-2) (2-4) (3-3) (4-2) (5-1) (2-3) (1-4) (3-2) (2-3)

«NO GOAL»

20

GÖTEBORG

2-1 ▲ 3-0 ▲ 3-0 ▲ 2-3 ▼ 6-0 ▲ 1-1 = . . .

ATVIDABERG SUNDSVALL ELFSBORG MALMOE MJALLBY GAIS KALMAR DJURGARDEN HELSINGBORG

24 HACKEN

ELFSBORG

2-1 ▲ 4-1 ▲ 1-0 ▲ 1-0 ▲ 0-1 ▼ Pos. . . . .

GAIS SYRIANSKA GÖTEBORG AIK MALMOE SUNDSVALL HACKEN ATVIDABERG MJALLBY

SYRIANSKA ATVIDABERG GEFLE HELSINGBORG NORRKOPING DJURGARDEN ELFSBORG SUNDSVALL AIK

12

SUNDSVALL

1-1 = 2-2 = 1-0 ▲ 1-2 ▼ 1-1 = 0-3 ▼ . . .

OREBRO GÖTEBORG HELSINGBORG GEFLE GAIS ELFSBORG MALMOE HACKEN ATVIDABERG

13 KALMAR 2-1 ▲ 2-0 ▲ 0-1 ▼ 2-2 = 1-1 = Pos. . . . .

DJURGARDEN GAIS OREBRO MJALLBY HELSINGBORG ATVIDABERG GÖTEBORG SYRIANSKA NORRKOPING

I 10 numeri più frequenti

I 10 numeri più in ritardo 66 40 82 84 16 68 79 69 30 15 Rit. 87

85

73 9 Rit. 61

53

60

55

53

52

52

70

53 64

6 73 56 Rit. 106 86

50

40

37

23 51 53 17 15 20 82 75 48

42

39

38

15 80 62 30 86 19 48 Rit. 73

82

53

37

35

3

31 5

43

42

59

54

4

30 44 42 49 61 63

56

53

48

46

37

47

43

42

40 41

83 42 86 71 12 87 15 52 88 25 Rit. 89

81

67

64

56

45

43

43

42

38

24 84 81 34 22 28 36 25 85 16 Rit. 68

68

50 7 Rit. 95

87

57

51

47

47

44

40

40

38

14 59 76 47 46 71 39 83 57

57

56

52

50

50

49

48

68 82 18 74 10 19 85 62 34 52 Rit. 123 84

57

54

51

81 32 67 49 15 77

7

51 16 50

39

38

Rit. 86

59

74 50

61 48

59 46

41

47 37

46 34

12 63 80 33 87 53 57 19 64 79 Rit. 86

79

54

49

47

46

39

38

37

35

2 63 19 25 41 83 12 53 75 36 Rit. 80 Rit.

74

73

56

42

41

41

30 86

7

39 75 43 83

2

13 23

6

6

NORRKOPING MJALLBY ATVIDABERG HELSINGBORG GÖTEBORG ELFSBORG SUNDSVALL AIK OREBRO

2-3 ▼ 2-2 = 2-1 ▲ 3-0 ▲ 2-2 = 1-0 ▲ . . .

7 6 6 6 6 6 5 5 5 5 5 4 4

(3-4) (5-1) (2-4) (4-2) (2-4) (3-3) (1-4) (3-2) (3-2) (1-4) (1-4) (3-1) (3-1)

10eLOTTO

LOTTO BA CA FI GE MI NA PA RM TO VE NZ TT

21

12 MALMOE 3-1 ▲ 0-2 ▼ 0-1 ▼ 0-0 = 2-1 ▲ Pos. . . . .

Gefle Malmoe Norrkoping Orebro Syrianska Sundsvall AIK Elfsborg Hacken Helsingborg Kalmar Atvidaberg GAIS

5

45

5

5

45 4

4

3

3

39 3

BA CA FI GE MI NA PA RM TO VE NZ TT

I 10 numeri più in ritardo

14 20 11 34 75 28 41 44 65 23 Freq. 20

18

1 59 Freq. 16

16

15

15

15

3

8

27 35 78 80 83 5

14

14

14

16

78 9

14

14

3

7

28 37 49 58

14

14

14

86 34 84 16

15

14

13

14

15

14

14

14

25 75 43 65 Freq. 16

14

14

14

13 14

5

60

4

17 39

15

15

14

14

13

13

79 19 14 36

5

8

21 38 57 69

14

14

Freq. 18 Freq. 19

16

15

15

14

12 54 77

3

44 74 37 43 80 18

16

16

Freq. 18

16 18

17

20 55 58 12 90 Freq. 18

18

25 83 Freq. 19

16

14 14

14

13

16

15

1

24 41 22 38

15

15

16

1

15 52 56 78 88 48 66

16

16

60 82

1

14 70 29 37 42 52 12

15

16

18 9 Freq. 18

17

15

15

14

1

35 42 25 32 37

17

16

16

14

14

14

15

15

14

14

76 77 17

14

15

14

18

Freq. 19

15

14

14

13

16

16

16

1 78 77 37 Freq.127 125 124 120

15

15

15

15

15

14

3

42 44 60 20 41

119 114 114 114 113 111

SUPERENALOTTO I 10 numeri più frequenti

I 10 numeri più in ritardo NELLA SESTINA 18 48 3 7

4 90 72 32 2 29

RITARDO 80 69 60 57 54 52 50 50 48 38

Il sistema 15 numeri Ridotto a garanzia di due “4” con 6 numeri Combinazioni 30 € 15,00 Pronostico: 4, 9, 13, 17, 22, 31, 34, 37, 38, 40, 41, 49, 61, 75, 77

4 9 4 17 13 17 4 9 9 4

31 22 9 34 22 37 31 13 13 13

41 37 22 37 38 38 37 34 17 31

61 38 37 40 49 41 40 37 22 38

75 40 41 61 61 61 49 49 31 40

77 75 77 77 77 75 61 61 61 61

NELLA SESTINA 54 49 90 45 74 67 69 79 38 55 FREQUENZA 48 45 44 42 40 40 39 38 38 37

13 22 4 4 13 9 4 13 4 4

31 31 13 9 17 22 17 34 34 9

37 34 22 17 31 40 22 40 38 13

40 49 34 31 37 41 40 41 40 41

41 75 37 40 38 49 49 75 49 49

49 77 75 77 77 61 75 77 77 75

9 9 17 4 9 4 13 9 4 4

31 22 31 17 13 9 17 13 9 13

34 31 37 22 17 17 22 17 37 22

38 34 41 34 49 34 38 34 38 31

61 38 49 38 75 41 40 38 41 34

2

22 16

8

16

11

10

9

9

17 50 8

8

I 10 numeri più frequenti NUMERO 11 FREQUENZA 14

4

17 18 22 55 60 66 67 81

12

12

12

12

12 12

12

12

12

Il sistema 15 numeri Garanzia di due “8” con 10 numeri Combinazioni 20 - € 20,00 Pronostico: 2, 11, 23, 26, 46, 47, 49, 52, 55, 63, 72, 74, 84, 86, 89

14

43 27 76 80 20 45 50 66 70 17 Freq. 18

20 40 75 43 59 26 62

13

17

15

15

14

14

NUMERO RITARDO

75 41 75 49 77 61 41 40 77 37

2 2 2 11 2 11 11 11 2 2 11 26 2 2 2 2 2 11 2 2

11 11 23 26 23 23 23 23 23 11 23 46 11 23 23 47 11 23 11 11

23 26 46 47 26 49 46 26 26 26 46 47 46 26 26 49 23 26 23 26

26 46 47 49 46 52 47 46 49 46 47 49 49 46 46 52 47 47 26 46

47 47 55 52 49 55 52 52 52 47 49 52 52 47 47 55 49 52 46 49

49 72 63 55 55 63 55 55 55 52 55 63 72 55 49 63 52 63 47 55

72 74 72 72 72 72 74 63 63 55 63 72 74 63 52 72 63 72 49 63

74 84 84 84 74 74 84 72 74 63 74 74 84 72 63 74 72 74 52 84

86 86 86 86 84 86 86 84 84 74 84 84 86 74 86 84 74 84 55 86

89 89 89 89 86 89 89 89 89 86 86 89 89 89 89 89 84 86 72 89


Martedì 22 maggio 2012 il Domani dello Sport 13

TOTOGUIDA SCOMMESSE NORVEGIA Eliteserien

Il Molde in casa è favorito sul Tromsø

Valerenga-Rosenborg X/Goal Viking-Stabaek 1/Goal Haugesund-Honefoss 1/Under Molde-Tromsø 1/No Goal

IL TURNO PRECEDENTE

IL TURNO SUCCESSIVO

(10ª GIORNATA)

(11ª GIORNATA) Brann - Fredrikstad 23-05 Sogndal - Sandnes “ “ Stromsgodset - Odd Grenland “ “ Vålerenga - Rosenborg “ “ Viking - Stabaek “ “ Haugesund - Honefoss 24-05 Lillestrøm - Aalesund “ “ Molde - Tromsø “ “

Fredrikstad 2-3 PARTITE DAL- Stromsgodset 19-05 AL 20-05 Honefoss - Vålerenga 1-0 Aalesund - Brann 2-0 Lillestrøm - Sogndal 1-0 Rosenborg - Odd Grenland 0-0 Sandnes - Molde 0-2 Stabaek - Haugesund 0-2 Tromsø - Viking 5-1

Il pronostico di TS

Le possibili sorprese Stromsgodset-Odd Grenland X

1-0 ▲ 1-0 ▲ 3-0 ▲ 1-3 ▼ 2-0 ▲ 3-2 ▲ . . .

FREDRIKSTAD STABAEK TROMSØ HONEFOSS SANDNES ROSENBORG STROMSGODSET VÅLERENGA MOLDE

PT G

STROMSGODSET MOLDE HAUGESUND TROMSØ ROSENBORG HONEFOSS ODD GRENLAND AALESUND VÅLERENGA SANDNES SOGNDAL VIKING BRANN LILLESTRØM FREDRIKSTAD STABAEK

22 21 19 18 17 16 13 13 13 13 12 11 10 10 6 1

BRANN HAUGESUND VÅLERENGA VIKING LILLESTRØM SOGNDAL AALESUND FREDRIKSTAD TROMSØ STABAEK

STROMSGODSET 22 ODD GRENLAND 13 VIKING LILLESTRØM SOGNDAL AALESUND TROMSØ FREDRIKSTAD ODD GRENLAND ROSENBORG HONEFOSS

Classifica

VÅLERENGA

1-1 = 2-0 ▲ 2-2 = 4-1 ▲ 2-2 = 0-0 = . . .

SOGNDAL BRANN FREDRIKSTAD TROMSØ STABAEK HONEFOSS ROSENBORG ODD GRENLAND AALESUND

10 10 10 10 10 10 10 10 9 10 10 10 10 10 10 9

PARTITE V N P 7 7 5 5 4 4 3 3 4 3 3 3 3 2 1 0

1 0 4 3 5 4 4 4 1 4 3 2 1 4 3 1

2 3 1 2 1 2 3 3 4 3 4 5 6 4 6 8

RETI F S 20 19 18 17 16 9 14 14 12 15 10 8 17 12 15 3

13 10 10 10 9 7 13 14 14 18 13 14 17 15 18 24

ODD GRENLAND SANDNES VÅLERENGA HAUGESUND MOLDE STROMSGODSET BRANN VIKING SOGNDAL

TROMSØ AALESUND STABAEK SANDNES HONEFOSS ODD GRENLAND VÅLERENGA STROMSGODSET VIKING

1 0 1 1 2 2 3 2 0 3 2 0 1 2 1 1

3-0 2-2 3-1 1-1 0-1 0-0

0 0 0 0 1 1 1 0 1 1 1 2 2 2 3 4

RETI F S

V

12 5 11 5 9 4 15 3 9 3 6 6 7 9 9 4 6 5 7 7 4 4 3 4 10 5 7 8 11 10 0 11

3 2 2 0 1 2 2 0 1 1 2 1 1 1 0 0

VÅLERENGA MOLDE STROMSGODSET VIKING BRANN LILLESTRØM SANDNES AALESUND FREDRIKSTAD

17

VIKING

STROMSGODSET HAUGESUND BRANN SOGNDAL LILLESTRØM TROMSØ STABAEK FREDRIKSTAD ROSENBORG

= ▲ = ▼ = . . .

FUORI N P 0 0 3 2 3 2 1 2 1 1 1 2 0 2 2 0

RETI F S

2 3 1 2 0 1 2 3 3 2 3 3 4 2 3 4

8 8 9 2 7 3 7 5 6 8 6 5 7 5 4 3

8 5 6 7 6 1 4 10 9 11 9 10 12 7 8 13

REGOLAMENTO La vincente va direttamente in Champions League. La 2ª e la 3ª in Europa League con la vincente della Coppa di Norvegia 2011 (Aalesund). Retrocedono direttamente le ultime 2. Terz’ultima ai playout con la 3ª classificata di Adeccoligaen

13

12 SANDNES

SOGNDAL

1-1 = 3-4 ▼ 2-3 ▼ 0-0 = 0-2 ▼ 2-3 ▼ . . .

13 ROSENBORG 0-2 ▼ 2-1 ▲ 3-2 ▲ 1-3 ▼ Rin. . 0-1 ▼ . . .

4 5 3 5 3 2 1 3 3 2 1 2 2 1 1 0

6

10 FREDRIKSTAD 1-2 ▼ 1-2 ▼ 0-0 = 4-3 ▲ 5-0 ▲ 0-2 ▼ . . .

IN CASA V N P

2-0 ▲ 2-1 ▲ 0-3 ▼ 1-2 ▼ 0-5 ▼ 0-1 ▼ . . .

STABAEK FREDRIKSTAD HONEFOSS ROSENBORG ODD GRENLAND MOLDE SOGNDAL HAUGESUND LILLESTRØM

2-1 4-3 1-0 1-1 2-2 0-2

▲ ▲ = = ▼

(3-5) (2-4) (3-3) (3-3) (1-4) (2-3) (2-3) (2-2) (1-3) (3-1) (4-0) (4-0) (2-2)

8 7 6 6 6 6 6 5 5 5 5 5 4

(4-4) (3-4) (3-3) (4-2) (3-3) (2-4) (4-2) (4-1) (3-2) (2-3) (1-4) (2-3) (2-2)

.

«GOAL» .

1

SANDNES ODD GRENLAND ROSENBORG MOLDE VÅLERENGA HAUGESUND VIKING LILLESTRØM BRANN

8 6 6 6 5 5 5 4 4 4 4 4 4

«OVER» Brann Stromsgodset Aalesund Molde Rosenborg Sandnes Tromsø Fredrikstad Odd Grenland Sogndal Stabaek Vålerenga Haugesund

.

11 STABAEK 0-1 ▼ 0-2 ▼ 0-0 = 2-1 ▲ 1-2 ▼ 1-5 ▼ . . .

«UNDER» Honefoss Haugesund Lillestrøm Viking Fredrikstad Odd Grenland Sogndal Aalesund Molde Rosenborg Sandnes Stabaek Tromsø

1-2 ▼ 0-2 ▼ 1-3 ▼ 0-5 ▼ Rin. . 0-2 ▼ . . .

Sandnes Aalesund Brann Fredrikstad Haugesund Lillestrøm Rosenborg Stromsgodset Vålerenga Molde Odd Grenland Tromsø Viking

8 7 7 7 6 6 6 6 6 5 5 4 4

(4-4) (3-4) (3-4) (4-3) (3-3) (3-3) (2-4) (2-4) (2-4) (4-1) (3-2) (3-1) (1-3)

«NO GOAL» BRANN VIKING LILLESTRØM FREDRIKSTAD AALESUND STABAEK HONEFOSS SANDNES TROMSØ

16

19 HONEFOSS

HAUGESUND

2-1 ▲ 2-0 ▲ 1-1 = 0-0 = 4-2 ▲ 2-0 ▲ . . .

AALESUND TROMSØ SANDNES ODD GRENLAND ROSENBORG VÅLERENGA HAUGESUND MOLDE STROMSGODSET

LILLESTRØM

3-1 ▲ 0-0 = 0-1 ▼ 1-4 ▼ 1-0 ▲ 1-0 ▲ . . .

MOLDE STROMSGODSET HAUGESUND BRANN VIKING SOGNDAL AALESUND STABAEK SANDNES

13

10 AALESUND 2-3 ▼ 0-1 ▼ 1-1 = 3-4 ▼ 2-1 ▲ 1-0 ▲ . . .

HONEFOSS ROSENBORG MOLDE STROMSGODSET HAUGESUND BRANN LILLESTRØM SOGNDAL VÅLERENGA

1-3 ▼ 2-2 = 1-2 ▼ 3-1 ▲ 2-4 ▼ 2-0 ▲ . . .

18

21 TROMSØ

MOLDE LILLESTRØM SOGNDAL AALESUND STABAEK FREDRIKSTAD SANDNES TROMSØ HONEFOSS ODD GRENLAND

3-2 ▲ 1-2 ▼ 2-1 ▲ 5-0 ▲ 2-0 ▲ 2-0 ▲ . . .

ROSENBORG HONEFOSS ODD GRENLAND VÅLERENGA STROMSGODSET VIKING MOLDE BRANN HAUGESUND

0-3 ▼ 0-0 = 2-2 = 3-1 ▲ 0-2 ▼ 5-1 ▲ . . .

Honefoss Sogndal Stabaek Tromsø Viking Molde Odd Grenland Haugesund Lillestrøm Rosenborg Stromsgodset Aalesund Brann

7 7 6 6 6 5 5 4 4 4 4 3 3

(2-5) (1-6) (5-1) (3-3) (3-3) (1-4) (2-3) (1-3) (2-2) (4-0) (3-1) (2-1) (2-1)

TRIS CAMPO PARTENTI

I NOSTRI SISTEMI Tris - Sistema per 10 cavalli Sistema sviluppato con 2 biglietti T3 (cavalli nell’esatto ordine di arrivo)

ROMA GALOPPO - PR. STONE - m. 1000 MARTEDI’ 22 MAGGIO - ORE 18.30 driver

65.0

G. Marcelli

3

2 RAHPPEN

63.5

P. Borrelli

1

3 THE LAND OF DREAMS 63.0

S. Sulas

11

4 MISTER VELLUCCI

62.0

C. Demuro

7

5 AFTER THE LOVE

60.0

P. Aragoni

8

6 AMJAD

59.5

A. D. Migheli

7 GANESA

59.5

C. Fiocchi

Sistema sviluppato con 6 schede T4 (cavalli nell’esatto ordine di arrivo) 3-7-2 4-8-12 1-9-15

classifica Probabili in terna

metri

1 TACHE NOIRE

58.5

M. Pasquale

2

9 PURE BLUE

56.0

F. Branca

10 WAY TO FLY

55.5

Gb. Bietolini

11 MAMURRA

54.5

S. Diana

13

12 COMMON MARKET

50.5

D. Perovic

9

13 OH WHAT A KITTEN

51.5

G. Ercegovic

6

14 GOLDEN KELLY

50.0

Mario Sanna

12

15 PORTRUSH

50.0

A. Polli

14

16 ROBYBAT

50.0

M. Vargiu

16

10 4

Per la quota

8 STEP UP

Possibili

5 15

Da escludere

N. cavallo

Quarté - Sistema per 9 cavalli

3 7 2 4 8 12 1 9 15 11 10 5 16 14 13 6

3 7-2-4-8-12 1-9-15-11

Vincente 1 1-2 piazzati 0-1 piazzato

1° Arr. 3 2° Arr. 7-2-4-8-12 3° Arr. 7-2-4-8-12-1-9-15-11

F P S

€ 30.00

€ 10.00

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr.

3-7-2 3-7-2 3-7-2-4-8-12 4-8-12

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr.

3-7-2 4-8-12 3-7-2 4-8-12 € 9.00

€ 13.50

Quinté - Sistema per 10 cavalli

€ 150.00

Sistema sviluppato con 2 schede T5 (cavalli nell’esatto ordine di arrivo) 3 7-2-4-8-12 1-9-15-11

F P S

€ 76.50

1° Arr. 3 2° Arr. 1-9-15-11 3° Arr. 7-2-4-8-12

€ 20.00

1 vincente e 1-2 piazzati 1-2 piazzati 0-1 piazzato

Vincente F 3-4 piazzati P 0-1 piazzato (max 4° posto) S

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr.

3-7-2 3-7-2 4-8-12 1-9-15

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr.

3-7-2 3-7-2 1-9-15 4-8-12 € 13.50

€ 13.50

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr. 5° Arr.

3 7-2-4-8-12 7-2-4-8-12 7-2-4-8-12 7-2-4-8-12-1-9-15-11 € 90.00

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr. 5° Arr.

3 7-2-4-8-12 7-2-4-8-12 1-9-15-11 7-2-4-8-12

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr. € 60.00

3-7-2 4-8-12 3-7-2 1-9-15

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr. € 13.50

3-7-2 1-9-15 3-7-2 4-8-12 € 13.50


14 il Domani dello Sport Martedì 22 maggio 2012

TOTOGUIDA SCOMMESSE BULGARIA Victoria Liga Il pronostico di TS

LudogoretsCSKA Sofia, si decide tutto in 90’

Ludogorets - CSKA Under Montana - Chernomorets 2 Levski - Svetkavitsa 1 h. Litex Lovech - Lok. Plovidiv 2

La possibile sorpresa Lok. Sofia - Kaliakra

X

IL TURNO PRECEDENTE

IL TURNO SUCCESSIVO

(29ª GIORNATA)

(30ª GIORNATA) Botev Vratsa - Vidima Rakovski23-05 Cherno More - Slavia “ “ Levski - Svetkavitsa “ “ Litex Lovech - Lok. Plovdiv “ “ Lok. Sofia - Kaliakra “ “ Ludogorets - CSKA Sofia “ “ Minyor Pernik - Beroe “ “ Montana - Chernomorets “ “

Beroe PARTITE - Botev Vratsa DEL 19-05 CSKA Sofia - Litex Lovech Chernomorets - Lok. Sofia Kaliakra - Ludogorets Lok. Plovdiv - Minyor Pernik Slavia - Montana Svetkavitsa - Cherno More Vidima Rakovski - Levski

8

59 SVETKAVITSA

LEVSKI LUDOGORETS LOK. SOFIA CHERNOMORETS KALIAKRA CSKA SOFIA LOK. PLOVDIV BEROE VIDIMA RAKOVSKI SVETKAVITSA

1-2 4-1 1-1 0-4 1-1 1-1 1-3 1-6

0-1 1-1 2-2 4-1 1-0 2-3 2-0 6-1

▼ = = ▲ ▲ ▼ ▲ ▲ .

KALIAKRA CSKA SOFIA LOK. PLOVDIV BEROE VIDIMA RAKOVSKI MONTANA SLAVIA CHERNO MORE LEVSKI

1-0 0-3 0-1 0-2 0-0 1-2 0-2 1-3

Classifica

PT G

PARTITE V N P

CSKA SOFIA LUDOGORETS LEVSKI CHERNOMORETS LOK. PLOVDIV LITEX LOVECH SLAVIA CHERNO MORE MINYOR PERNIK BEROE MONTANA BOTEV VRATSA LOK. SOFIA VIDIMA RAKOVSKI KALIAKRA SVETKAVITSA

69 67 59 57 57 56 51 49 35 34 31 28 21 14 11 8

22 3 4 59 17 21 4 4 71 15 19 2 8 54 28 16 9 4 53 21 17 6 6 42 33 16 8 5 51 26 15 6 8 43 35 15 4 10 45 26 8 11 10 34 39 9 7 13 29 36 8 7 14 27 47 7 7 15 28 42 4 9 16 23 48 3 5 21 17 57 2 5 22 24 74 1 5 23 8 64

BOTEV VRATSA

28 VIDIMA RAKOVSKI 14

LITEX LOVECH LUDOGORETS LOK. SOFIA CHERNOMORETS KALIAKRA CSKA SOFIA LOK. PLOVDIV BEROE VIDIMA RAKOVSKI

1-3 0-3 2-0 1-3 6-2 0-2 1-1 2-1

BOTEV VRATSA MINYOR PERNIK MONTANA LUDOGORETS LOK. SOFIA CHERNOMORETS KALIAKRA CSKA SOFIA LOK. PLOVDIV

▼ ▼ ▼ = ▼ ▼ ▼ .

CSKA SOFIA LOK. PLOVDIV BEROE MONTANA SVETKAVITSA SLAVIA CHERNO MORE LEVSKI BOTEV VRATSA

▼ ▲ ▼ ▲ ▼ = ▲ .

3-1 ▲ 2-2 = 0-1 ▼ 1-1 = 2-0 ▲ 1-1 = 5-0 ▲ 1-4 ▼ .

IN CASA V N P 13 11 11 10 13 10 7 9 4 7 4 3 3 2 2 1

LOK. SOFIA CHERNOMORETS KALIAKRA CSKA SOFIA LOK. PLOVDIV BEROE VIDIMA RAKOVSKI SVETKAVITSA SLAVIA

▼ ▼ ▼ = ▼ ▼ ▼

57 1-1 3-2 1-0 2-1 2-1 3-2 1-1 1-1

V

FUORI N P

3-0 2-3 7-1 1-4 1-2 0-2 2-1 3-1

▲ ▲ ▲ ▲ = = .

▼ ▲ ▼ ▼ ▼ ▲ ▲

22 31 27 21 14 23 20 21 18 11 14 12 9 9 9 2

9 9 16 11 19 19 18 17 19 24 24 24 30 29 40 37

REGOLAMENTO La 1ª in Champions League. La 2ª e la 3ª in Europa League insieme alla vincente della Coppa di Bulgaria. Retrocedono le ultime 2, la terz'ultima disputa un play-out. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto degli scontri diretti.

51

CHERNOMORETS KALIAKRA CSKA SOFIA LOK. PLOVDIV BEROE VIDIMA RAKOVSKI SVETKAVITSA MONTANA CHERNO MORE

1-1 2-1 0-1 1-2 0-0 2-1 2-0 1-1

SVETKAVITSA SLAVIA CHERNO MORE LEVSKI BOTEV VRATSA MINYOR PERNIK LITEX LOVECH LUDOGORETS LOK. SOFIA

= ▲ ▼ ▼ = ▲ ▲ = .

11

21 KALIAKRA 0-3 ▼ 1-1 = 0-2 ▼ 1-1 = 0-2 ▼ 0-1 ▼ 1-1 = 1-1 = .

CHERNO MORE LEVSKI BOTEV VRATSA MINYOR PERNIK LITEX LOVECH LUDOGORETS MONTANA CHERNOMORETS KALIAKRA

.

LOK. SOFIA

=

2 3 2 3 1 6 5 3 5 5 5 4 1 5 3 6 6 5 4 8 3 8 2 9 5 9 2 11 1 13 2 12

RETI F S

49 SLAVIA

CHERNO MORE

.

BEROE VIDIMA RAKOVSKI SVETKAVITSA SLAVIA CHERNO MORE LEVSKI BOTEV VRATSA MINYOR PERNIK LITEX LOVECH

RETI F S

1 1 37 8 9 2 1 40 6 10 1 2 27 12 8 4 1 32 10 6 1 1 28 14 4 3 1 28 7 6 5 3 23 17 8 1 4 24 9 6 5 5 16 20 4 3 5 18 12 2 4 6 13 23 4 5 6 16 18 4 4 7 14 18 1 3 10 8 28 1 4 9 15 34 0 3 11 6 27 0

0-1 2-3 0-1 1-2 0-0 1-2 1-2 1-6

56 LOK. PLOVDIV

LITEX LOVECH

29 29 29 29 29 29 29 29 29 29 29 29 29 29 29 29

RETI F S

0-1 1-2 1-7 1-4 2-6 2-2 0-5 0-4

▼ ▼ ▼ ▼ ▼ = ▼ ▼

«UNDER» Beroe Botev Vratsa Cherno More Chernomorets Litex Lovech Lok. Sofia Minyor Pernik Montana Svetkavitsa CSKA Sofia Lok. Plovdiv Vidima Rakovski Levski

17 (10-7) 17 (10-7) 17 (9-8) 17 (9-8) 15 (7-8) 15 (8-7) 15 (8-7) 15 (6-9) 15 (7-8) 14 (6-8) 14 (7-7) 14 (8-6) 13 (6-7)

«OVER» Kaliakra Ludogorets Slavia Levski CSKA Sofia Lok. Plovdiv Vidima Rakovski Litex Lovech Lok. Sofia Minyor Pernik Montana Svetkavitsa Beroe

19 (11-8) 17 (10-7) 17 (8-9) 16 (8-8) 15 (9-6) 15 (8-7) 15 (7-8) 14 (7-7) 14 (6-8) 14 (6-8) 14 (8-6) 14 (8-6) 12 (5-7)

«GOAL» Kaliakra Litex Lovech Minyor Pernik Slavia Lok. Plovdiv Montana Beroe Levski Lok. Sofia Botev Vratsa Chernomorets Vidima Rakovski CSKA Sofia

16 (9-7) 15 (4-11) 15 (7-8) 15 (8-7) 14 (8-6) 14 (7-7) 13 (7-6) 13 (6-7) 13 (6-7) 12 (6-6) 11 (6-5) 11 (5-6) 10 (7-3)

.

«NO GOAL» LEVSKI BOTEV VRATSA MINYOR PERNIK LITEX LOVECH MONTANA LOK. SOFIA CHERNOMORETS KALIAKRA CSKA SOFIA

69

67 CSKA SOFIA

LUDOGORETS

1-0 ▲ 3-0 ▲ 7-0 ▲ 1-1 = 4-1 ▲ 1-0 ▲ 3-1 ▲ 4-0 ▲ .

VIDIMA RAKOVSKI SVETKAVITSA SLAVIA CHERNO MORE LEVSKI BOTEV VRATSA MINYOR PERNIK LITEX LOVECH LUDOGORETS

1-0 3-0 1-0 4-1 0-1 2-0 0-2 4-1

MINYOR PERNIK 35 BEROE

MONTANA LITEX LOVECH LUDOGORETS LOK. SOFIA CHERNOMORETS KALIAKRA CSKA SOFIA LOK. PLOVDIV BEROE

▲ ▲ ▲ ▼ ▲ ▼ ▲ .

2-1 ▲ 2-2 = 0-7 ▼ 1-1 = 1-1 = 2-2 = 2-0 ▲ 1-1 = .

Veikkausliiga (9ª GIORNATA) Honka - KuPS Inter Turku - Haka JJK Jyvaskyla - Jaro Lahti - MyPa Mariehamn - Turku PS Vaasa PS - HJK Helsinki

HONKA JJK JYVASKYLA MARIEHAMN TURKU PS JARO MYPA HJK HELSINKI KUPS HAKA INTER TURKU

LAHTI VAASA PS INTER TURKU JJK JYVASKYLA MARIEHAMN TURKU PS JARO MYPA HJK HELSINKI KUPS

24-05 “ “ “ “ “ “ “ “ “ “

Il pronostico di TS Honka - KuPs Vaasa - Hjk JJK - Jaro Mariehamn - Turku Ps

TURKU PS JARO MYPA HJK HELSINKI INTER TURKU HAKA HONKA VAASA PS LAHTI

9 MYPA 1-2 ▼ 0-5 ▼ 1-2 ▼ 0-2 ▼ 2-0 ▲ Rin. . . . .

1 2 1

La possibile sorpresa

8 KUPS 0-2 ▼ 0-0 = 0-2 ▼ 1-0 ▲ 2-1 ▲ Rin. . . . .

INTER TURKU HJK HELSINKI KUPS HAKA HONKA VAASA PS LAHTI JJK JYVASKYLA MARIEHAMN

1-1 2-0 1-0 2-0 0-0 2-0 0-2 1-2

MONTANA

= ▲

MINYOR PERNIK BEROE LITEX LOVECH VIDIMA RAKOVSKI LUDOGORETS SVETKAVITSA LOK. SOFIA SLAVIA CHERNOMORETS

▲ ▲ = ▲ ▼ ▼ .

31 CHERNOMORETS 57 1-2 0-2 1-0 2-1 1-4 2-1 1-1 1-1

▼ ▼ ▲ ▲ ▼ ▲ = = .

SLAVIA CHERNO MORE LEVSKI BOTEV VRATSA MINYOR PERNIK LITEX LOVECH LUDOGORETS LOK. SOFIA MONTANA

1-1 3-2 2-2 3-1 1-1 1-1 1-3 1-1

= ▲ = ▲ = = ▼ = .

22 20 19 19 18 18 17 16 16 16 15 15 14

(10-12) (10-10) (8-11) (10-9) (9-9) (10-8) (8-9) (8-8) (8-8) (8-8) (7-8) (7-8) (10-4)

«UNDER»

FINLANDIA IL TURNO SUCCESSIVO

LOK. PLOVDIV MONTANA VIDIMA RAKOVSKI SVETKAVITSA SLAVIA CHERNO MORE LEVSKI BOTEV VRATSA MINYOR PERNIK

34

Svetkavitsa Ludogorets CSKA Sofia Cherno More Chernomorets Vidima Rakovski Botev Vratsa Beroe Levski Lok. Sofia Lok. Plovdiv Montana Litex Lovech

2

3 1-1 = 0-1 ▼ 1-2 ▼ 0-2 ▼ 1-2 ▼ Rin. . . . .

15 0-2 ▼ 1-0 ▲ 2-1 ▲ 3-1 ▲ 1-2 ▼ Rin. . . . .

Classifica

PT

INTER TURKU HJK HELSINKI MYPA TURKU PS MARIEHAMN JJK JYVASKYLA LAHTI VAASA PS HONKA HAKA JARO KUPS

18 18 15 13 11 10 9 8 8 6 4 3

INTER TURKU LAHTI JARO HJK HELSINKI JJK JYVASKYLA KUPS MARIEHAMN HAKA TURKU PS HONKA

MARIEHAMN HAKA HONKA VAASA PS LAHTI JJK JYVASKYLA INTER TURKU TURKU PS JARO MYPA

PARTITE G V N P 7 8 7 7 7 7 7 7 7 7 7 8

6 6 5 4 3 3 3 2 2 2 1 0

0 0 0 1 2 1 0 2 2 0 1 3

1 2 2 2 2 3 4 3 3 5 5 5

18 HAKA 5-0 ▲ 1-0 ▲ 1-2 ▼ 2-1 ▲ 2-1 ▲ Rin. . . . .

MARIEHAMN TURKU PS JARO MYPA HJK HELSINKI KUPS INTER TURKU HONKA VAASA PS

11 TURKU PS 2-0 ▲ 0-0 = 2-1 ▲ 2-0 ▲ 2-5 ▼ Rin. . . . .

KUPS HAKA HONKA VAASA PS LAHTI JJK JYVASKYLA MARIEHAMN INTER TURKU JARO

RETI F S 15 16 10 9 10 13 7 7 5 9 4 6

IN CASA V N P

4 7 6 5 10 13 12 8 8 11 13 14

3 4 3 3 1 2 3 1 1 1 1 0

6 0-2 ▼ 0-2 ▼ 4-1 ▲ 1-3 ▼ 0-1 ▼ Rin. . . . .

13 1-1 = 2-0 ▲ 2-0 ▲ 1-0 ▲ 0-2 ▼ Rin. . . . .

0 0 0 0 2 0 0 1 1 0 0 2

RETI F S

0 6 0 11 0 6 1 6 0 3 2 8 1 5 2 4 2 3 2 4 2 1 2 4

FUORI V N P

2 3 1 2 1 9 6 6 6 4 2 8

JJK JYVASKYLA HONKA VAASA PS LAHTI INTER TURKU MARIEHAMN TURKU PS JARO MYPA HJK HELSINKI

VAASA PS LAHTI JJK JYVASKYLA MARIEHAMN TURKU PS JARO MYPA HJK HELSINKI KUPS HAKA

3 2 2 1 2 1 0 1 1 1 0 0

0 0 0 1 0 1 0 1 1 0 1 1

1 2 2 1 2 1 3 1 1 3 3 3

RETI F S

REGOLAMENTO La vincente in

9 2 Champions League. 5 4 La 2ª e la 3ª in Europa League 4 5 insieme alla vincen3 3 te della Coppa di 7 9 Finlandia (l’HJK 5 4 lascia il posto alla 2 6 finalista KuPS). 3 2 Retrocede diretta2 2 mente l’ultima. In 5 7 caso di arrivo a pari 3 11 punti si tiene conto 2 6 della differenza reti.

10 JARO 2-0 ▲ 0-2 ▼ 2-1 ▲ 1-2 ▼ 5-2 ▲ Rin. . . . .

KUPS INTER TURKU HAKA HONKA VAASA PS LAHTI JJK JYVASKYLA MARIEHAMN TURKU PS

8 HJK HELSINKI 2-1 ▲ 2-0 ▲ 1-2 ▼ 0-1 ▼ 1-1 = Rin. . . . .

JARO MYPA INTER TURKU KUPS HAKA HONKA VAASA PS LAHTI JJK JYVASKYLA

4 1-0 ▲ 0-1 ▼ 1-4 ▼ 0-1 ▼ 1-1 = Rin. . . . .

Turku PS Honka Jaro Vaasa PS Haka KuPS Mariehamn MyPa HJK Helsinki

6 5 5 5 4 4 4 4 3

(3-3) (3-2) (3-2) (2-3) (2-2) (1-3) (3-1) (2-2) (1-2)

«OVER» HJK Helsinki JJK Jyvaskyla Inter Turku KuPS Lahti Haka Mariehamn MyPa Honka

5 5 4 4 4 3 3 3 2

(3-2) (3-2) (2-2) (3-1) (2-2) (1-2) (0-3) (1-2) (1-1)

«GOAL» JJK Jyvaskyla KuPS HJK Helsinki Mariehamn Vaasa PS Haka Honka Inter Turku Jaro

5 5 4 4 4 3 3 3 3

(3-2) (3-2) (3-1) (1-3) (3-1) (1-2) (2-1) (2-1) (0-3)

18 4-1 ▲ 0-1 ▼ 2-1 ▲ 2-0 ▲ 1-0 ▲ Rin. . . . .

«NO GOAL» Turku PS HJK Helsinki Haka Honka Inter Turku Jaro Lahti MyPa KuPS

5 4 4 4 4 4 4 4 3

(3-2) (1-3) (2-2) (2-2) (1-3) (3-1) (3-1) (2-2) (1-2)



il domani