Page 1

Sabato 11 Dicembre 2010

Anno XIII - Numero 340

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

GOVERNO

SCOPELLITI

Si parla di mercato dei voti e la Procura apre un’indagine

’NDRANGHETA Scoperta joint venture con la mafia per importare 600 chili di cocaina

Parla di lotta al crimine con Rudolph Giuliani a NY

a pag » 26

a pag » 3

a pag » 5

Dopo l’interrogazione di De Magistris la riattivazione della centrale finisce sul tavolo del commissario Ue all’Ambiente

Centrale del Mercure, un caso europeo Possibili sanzioni, ma la gente della zona protesta: «Vogliamo tutelare i posti di lavoro» IL COMMENTO

Poste Italiane il disservizio a Catanzaro

Lunedi il Consiglio regionale vota la mozione che ostacola la riattivazione della centrale. Ma si levano le proteste di molti abitanti della zona, i quali assicurano sulla sostenibilità dell’impatto ambientale: «Le leggi sono rispettate». di Alessandro Caruso a pag » 4

CORTE COSTITUZIONALE

La Calabria delle attese infinite, dura riscuotere...

di Marcella Rosetta segretaria regionale assoc. Codici

Assume i contorni del ridicolo ciò che sta succedendo alla sede centrale di Catanzaro di Poste Italiane: cumuli di raccomandate giacciono in attesa del ritiro da parte degli utenti poiché il postino bussa zero volte, lasciando ai cittadini l’avviso, riportante le indicazioni dello sportello e dell’orario in cui sarà possibile farsi consegnare la corrispondenza. A causa di non si sa quali scellerate politiche "imprenditoriali" di Poste Italiane migliaia di utenti di Catanzaro centro sono costrette quotidianamente a sopportare file interminabili per il ritiro delle raccomandate fino a quando Poste Italiane non deciderà di intervenire. Tra lo sconcerto, l’incredulità e la rabbia molte delle reazioni che abbiamo raccolto. (segue a pag 2 )

FOCUS

Il nuovo Presidente è De Siervo ROMA - I giudici della Consulta hanno eletto ieri Ugo De Siervo nuovo presidente della Corte costituzionale, rispettando i pronostici da noi riportati mercoledì scorso. De Siervo è stato eletto al ballottaggio, come ha comunicato un portavoce della Corte. Professore di diritto costituzionale, De Siervo è stato eletto alla Consulta dal Parlamento, su indicazione del centro sinistra, nel 2002: il suo mandato finirà dunque l’anno prossimo alla scadenza del mandato di giudice.

ROMA – Certo non è una novità. Da anni, qualunque indagine si occupi dei tempi di riscossione dei crediti spettanti alle imprese finisce per fotografare l’ennesima realtà in cui il Sud rimane indietro rispetto al resto della penisola. Il dato preoccupante, però, è che si tratta di una situazione che non accenna a migliorare, anzi. Secondo un`indagine dell’Ance sui ritardi dei pagamenti, svolta a settembre 2010 presso le imprese associate e realizzata dall`Osservatorio congiunturale sull`industria delle costruzioni, quello che emerge è un costante e progressivo peggioramento del fenomeno: quasi la metà delle imprese (il 44% contro il 20% a gennaio 2009 e il 28% a maggio 2010) ha denunciato ritardi medi che superano i quattro mesi. a pag » 28

CATANZARO Rifiuti, Scopelliti tranquillizza ma a Lamezia il Sindaco chiede interventi urgenti a pag » 17

COSENZA Perugini: la stabilizzazione dei medici precari serve a garantire servizi essenziali a pag » 13

REGGIO CALABRIA Caridi: nello Stretto ci sono le basi per una nuova cultura dello sviluppo partecipato a pag » 11

L’INTERVENTO

Chi ha paura davvero di Wikileaks? di Giuseppe Candido Abolire la miseria della Calabria

Il libertario blasfemo Julian Assange è stato finalmente arrestato, o meglio, il "Bill Aden" della notizia si è consegnato spontaneamente alla polizia londinese che lo ricercava a causa di un mandato di cattura internazionale emesso dall’Interpol su richiesta della procura di Stoccolma che lo accusa di molestie sessuali perché sarebbe stato denunciato da due giovani svedesi con cui l’australiano Assange ha avuto rapporti sessuali. Denunciato per stupro? Macché, Assange era ricercato - con mandato di cattura internazionale a causa di un reato previsto dalla legislazione svedese, figura giuridica sconosciuta al nostro Paese, che è il "sex by surprise". «Si è rotto il profilattico» scrive Alessandro Oppes che ricostruisce per il Fatto quotidiano «L’accusa di Stoccolma». Le due donne - prima consenzienti - a novembre decidono di rivolgersi alla giustizia.Contrariamente alle speranze di chi invece lo definisce «un uomo che vuol distruggere il mondo» e paragona le pubblicazione su Wikileaks dei dispacci della diplomazia americana all’attacco alle torri gemelle dell’11 settembre, i fatti per i quali Assange è accusato risalgono al mese di agosto 2010 quando era a Stoccolma per un seminario e sono in realtà collegati alla particolare legislazione svedese sulla violenza sessuale applicabile «a qualunque atto di costrizione vincolato al sesso». La giornalista Anna Ardin che organizzava l’ufficio stampa del convegno si offrì di ospitare Assange nel proprio appartamento e con lui ebbe un rapporto sessuale consenziente. segue a pag » 2


2

il Domani Sabato 11 Dicembre 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI IL COMMENTO di Giuseppe Candido Chi ha paura davvero di Wikileaks?

Durante il quale però - sia Assange sia l’Ardin lo riconoscono - il preservativo si ruppe. Sul momento - scrive ancora Oppes nel suo articolo - «La giornalista non diede grande importanza al fatto e continuò ad ospitare Assange a casa, e organizzo anche una festa in suo onore». Affianco a questo episodio c’è la recidiva: si chiama Sofia Wilden, una ragazza che presentandosi ad Assange come sua fan sarebbe riuscita ad invitarlo a casa dove i due poi hanno un rapporto. Fanno sesso due volte: la prima volta con, poi senza il protezione ma, a detta di Assange, in maniera consenziente. «Nientedi grave ma, tornata a Stoccolma, la giovane ci ripensa, si spaventa e - spiega il giornalista del Fatto - parla con la Ardin scoprendo che anche lei ha avuto l’incidente del condom rotto. E a questo punto che le due donne si coalizzano - spiega ancora Oppes - e decidono di presentarsi in tribunale. Violenza, stupro? No, niente di tutto questo - conclude

l’articolo - l’unico rimprovero che viene fatto ad Assange è quello di essersi rifiutato di sottoporsi, dopo i rapporti avuti con le due ragazze, ad una prova per vedere se era affetto dall’Hiv o da altre malattie veneree". Insomma, non si tratta di stupro (perché il sesso era sempre consenziente) come hannoripetuto i tg all’unisono e nemmeno di un arresto legato all’attività di pubblicazione dei cabli. L’arresto "internazionale" arriva per un preservativo rotto, anzi due. Senza fare quindi grandi analisi sui file pubblicati da Assange su Wikileaks e che piano piano emergeranno dalla rete, mentre il libertario che non si vuol far fare il test dall’Hiv a Stoccolma si fa arrestare a Londra, una domanda noi garantisti liberali dovremmo almeno porgercela. Perché quest’uomo diventa addirittura l’uomo più temuto dai potenti? Paura della o delle verità che potrebbero emergere ancora in quei cabli e

DONNE CHE CONTANO

di Carmela Mirarchi

Marisa Bellisario, una manager eccellente Marisa Bellisario, una manager giovane, bella, all’apice del successo scomparsa a soli 53 anni. Marisa aveva saputo prendere in mano un’azienda di trentamila dipendenti destinata alla rottamazione, sostituire tre quarti dei dirigenti, convertire decine di quadri e migliaia di operai a nuove tecniche e nuova cultura, trasformare una vetusta fabbrica elettromeccanica in una modernissima industria elettronica. Tutto questo senza perdere nulla della sua femminilità, del suo amore per i bei vestiti, per le acconciature ardite, per i suoi animali, per le cose belle e per la sua famiglia. La Fondazione a lei intitolata è nata da un’emozione l’8 marzo 1989, ad un anno della scomparsa di Marisa Bellisario. L’idea della Mela d’Oro, simbolo malizioso, è vincente. Dare ogni anno un riconoscimento a donne eccellenti che si sono distinte nei vari rami di attività colpisce la fantasia: è il nuovo protagonismo femminile che si impone, è il femminismo intelligente e costruttivo.La Fondazione ha come obiettivo principale quello di richiamare costantemente l’attenzione del mondo politico, delle Istituzioni, dell’imprenditoria e del mondo del lavoro su idee e progetti innovativi, per promuovere e sostenere l’affermazione delle professionalità femminili in ambito nazionale ed internazionale.

nei prossimi 2.700 file riguardanti l’Italia che dovrebbero essere a breve resi disponibili? Perché chi è da sempre garantista afferma invece che Assange «non deve essere processato solo per stupro ma anche per gli altri gravi reati che ha commesso». Ma se c’èun reato collegato alla fuga di notizie, è il giornalista che le pubblica che commette il reato o chi le ha trafugate? Perché, dunque, come lo stesso ministro Frattini spiega, si ha paura che «lo stillicidio di rivelazioni» continuerà? Cosa c’é nei 2.700 file che riguardano - dal 2000 al 2010 - l’Italia e di cui ci si preoccupa tanto da voler oscurare il sito Wikileaks ed arrestare Assamge? Perché si temono così quei dati tanto da invocare il carcere duro per il libertario impenitente? Nella qualità d igiornalista Assange forse dà fastidio perché fa luce su fatti e misfatti che, se pur veri e documentati, secondo alcune logiche di "Stato", dovrebbero restare "segreti", sconosciuti ai più. Oggi la rete permette invece, ai dati ed alla conoscenza di essere divulgati anche senza il consenso censorio dei potenti. Sappiano però, coloro che spererebbero di arrestare la diffusione di quei cabli che questi, giunti ormai in rete, sono stati duplicati su centinaia di siti mirror, siti definiti specchio perché replicanti fedelmente quei dati, e l’ondata di notizie non è più arrestabile. Dopo gli attacchi moltiplicatisi contro il sito Wikileaks, i suoi contenuti, i suoi finanziamenti e il suo fondatore, la rete si sta mobilitando e persino il Partito Radicale di Pannella, che da sempre si batte per la libertà d’informazione nel mondo, ha

«raccolto l’appello di Wikileaks a ripubblicare il materiale sotto attacco». Più di centomila utenti sono oggi in grado di rimetterli in rete qualora si riuscissero a spegnere contemporaneamente tutti i siti replicanti. Tentare ora di metterci una pezza ponendo sotto attacco il sito, non è servito e non servirà ad impedire che quelle stesse informazioni vengano lette, analizzate, divulgate e ripubblicate. La fluidità e la dinamicità della rete è inarrestabile e se la notizia c’è non si ferma. In fondo, e meno male, anche questa oggi è la stampa, bellezza!

L’INTERVENTO di Marcella Rosetta * Ass. Codici diritti cittadini «Come è possibile che un’azienda tra le prime come fatturato in Italia sia arrivata al punto di non garantire agli utenti i servizi minimi essenziali? ». Se lo chiedono molti dei cittadini interpellati. Poste Italiane è un’azienda privatizzata, gestita come una normale società di capitali, seppure gran parte del capitale è ancora in mani pubbliche. Tuttavia riteniamo doveroso che Poste Italiane non presti "solo" attenzione a politiche finanziarie, economiche e puramente capitalistiche: Poste Italiane deve garantire ai cittadini di Catanzaro i giusti servizi. Monitoreremo la situazione giorno dopo giorno, fino a quando Poste Italiane non risolverà il problema esposto in oggetto, ma contestiamo anche, data la situazione, la pianta organica di un ufficio che non può andare avanti con un solo addetto allo sportello per la consegna delle raccomandate. Infruttuosi gli incontri con i vertici di Poste italiane con le associazioni dei consumatori, ad oggi l’intera regione Calabria è vittima di un sistema incomprensibile ed illegittimo, considerato che stiamo parlando di una azienda che offre un servizio pubblico e pure in posizione di monopolio. Pertanto l’Associazione Codici invia diffida a Poste italiane Spa, al fine di protestare vigorosamente contro questa situazione incredibile che si è venuta a creare e che sta causando non pochi disagi agli utenti. * segretaria regionale


Sabato 11 Dicembre 2010

il Domani

3

PRIMO PIANO

Lotta al crimine, Scopelliti a New York vede Giuliani

Rudolph Giuliani e Giuseppe Scopelliti

di Fabrizio Viscomi CATANZARO - Sicurezza e lotta al crimine sono stati gli argomenti al centro dell’appuntamento tra il governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti e Rudolph Giuliani nel corso dell’incontro avvenuto nello studio dell’ex sindaco di New York. Alla riunione - informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta regionale - hanno preso parte il sottosegretario alle

riforme Alberto Sarra ed il consigliere regionale con delega all’Emigrazione Alfonsino Grillo. Rudolph Giuliani ha illustrato a Scopelliti l’esperienza e le metodologie adottate durante il periodo in cui ha guidato il comune newyorkese. Scopelliti, da parte sua, ha evidenziato a Giuliani l’esperienza da sindaco di Reggio Calabria in questo delicato comparto e le strategie dell’amministrazione regionale per combattere il crimine organizzato e tenere

Giuliani e Scopelliti hanno discusso del ruolo delle Regioni nel contrasto alla criminalità e dell’opportunità di varare "best practices" condivise a livello mondiale

fuori dell’ente ogni tipo di condizionamento delinquenziale. Durante l’incontro, che si è svolto in un clima di grande cordialità, si sono discussi inoltre i problemi legati alla globalizzazione delle attività criminali e si è evidenziata la necessità di una collaborazione sempre più stretta non solo tra apparati giudiziari e forze di polizia dei vari paesi, ma tra le istituzioni tutte. In questa prospettiva Giuliani e Scopelliti hanno discusso del ruolo delle Regioni nel contrasto alla criminalità e dell’opportunità di varare "best practices" condivise a livello mondiale che possano aiutare a diffondere la cultura della legalità. Giuliani ha anche voluto ricordare il ruolo e l’importanza degli italiani di origine calabrese presenti negli Stati Uniti, e in particolare a New York, sottolineando la forza del rapporto che unisce gli Usa all’Italia. «Un appuntamento molto importante - ha sottolineato il presidente Giuseppe Scopelliti -. È stato un momento di grande arricchimento personale e professionale. Ascoltare le parole di Rudolph Giuliani alla luce di quanto ha fatto realmente a New York durante la sua esperienza da sindaco, in cui il tasso di criminalità scese in modo significativo soprattutto durante il primo mandato di Giuliani come sindaco, è stata per noi un’esperienza particolarmente significativa. Dopo la

riunione alla sede di rappresentanza permanente delle Nazioni Unite, a New York, quella con Giuliani è un’altra tappa fondamentale che fa parte di un percorso più ampio. È chiaro che a queste giornate ricche di esperienza e formazione ne seguiranno altre in cui, ovviamente, avvieremo percorsi ancora più concreti».

«Un appuntamento molto importante - ha sottolineato Scopelliti -. È stato un momento di grande arricchimento personale e professionale» Soddisfatti per l’incontro anche il sottosegretarioalleriformeAlberto Sarra ed il consigliere regionale con delega all’emigrazione Alfonsino Grillo: «Con il presidente Scopelliti siamo impegnati su questi temi delicatissimi. La lotta al crimine organizzato è significativa per lo sviluppo della nostra terra. Avvalerci dell’esperienza di chi lo ha combattuto e lo combatte quotidianamente non può che giovare nella ricerca della strategia migliore».


4

il Domani Sabato 11 Dicembre 2010

PRIMO PIANO La Commissione europea, in seguito all’interrogazione di De Magistris, indaga sull’impatto ambientale e lunedi in Consiglio si vota sulla mozione presentata da Idv

Centrale del Mercure, braccio di ferro tra Idv e i favorevoli alla riattivazione di Alessandro Caruso REGGIO CALABRIA - La questione della centrale del Mercure di Laino Borgo diventa una caso europeo, ma in Calabria l’opinione pubblica si divide. Mentre si approssima il voto in Consiglio regionale sulla mozione presentata dal gruppo consiliare di Idv, da Bruxelles la Commissione europea, attraverso il commissario all’Ambiente Janez Potocnik, rispondendo all’interrogazione presentata da Luigi De Magistris, ha fatto sapere di voler andare fino in fondo alla problematica, con impegno a richiedere ogni utile chiarimento alle autorità italiane sull’impatto che la riattivazione della centrale potrebbe avere. Ma nel frattempo si sollevano le rimostranze dei favorevoli alla riattivazione della centrale, che, organizzati un comitato, hanno fatto sapere: «Ci aspetteremmo dalla politica azioni concrete per risolvere il mancato svilup- Luigi De Magistris po del nostro territorio. Vorremmo che i nostri politici si impegnassero per garantire a noi e al- anche ad assumere un chiaro orientamento pole nostre famiglie posti di lavoro e sviluppo so- litico sullo sviluppo della Regione, che rilanci il stenibile». E con riferimento alla mozione tema della sostenibilità e dell’ecocompatibilità. dell’Idv aggiungono: «I soldi dei contribuenti «Esprimo viva soddisfazione – ha dichiarato Tasono utilizzati per fare interrogazioni parla- larico – per il primo risultato che è stato ragmentari e mozioni ridondanti e ripetitive». giunto in sede europea. Mi aspetto che il ConsiDall’Idv, invece, fanno sapere che dall’Europa glio regionale, dal suo canto, dia un voto chiaro potrebbero arrivare sanzioni all’Italia in caso di e inequivocabile sulla mozione che abbiamo risposte poco chiare del nostro Paese e avverto- presentato». no che la mozione, primo firmatario Mimmo Non è della stessa opinione il Comitato: «È bene Talarico, andrà avanti. Spiegandone anche i ricordare che la commissione Ambiente della possibili effetti: nel caso di approvazione da par- Comunità europea, lo scorso aprile, aveva già te del Consiglio regionale, la risposto che il progetto di rimozione impegnerebbe la conversione a biomasse delQualora le risposte del Giunta a rappresentare, sul la centrale del Mercure ripiano politico e istituzionale, nostro Paese fossero spetta le leggi. Non si può l’inequivocabile e netta espresignorare che sono a rischio sione di contrarietà alla riatti- insoddisfacenti, l’autorità migliaia di posti di lavoro se vazionedellacentraleEneldelad ostacolare, europea potrebbe aprire una siconcontinuerà la Valle del Mercure nel Comuil teatrino della politica, ne di Laino Borgo (Cs), per la procedura di infrazione la riattivazione di una censua manifesta incompatibilità trale ormai autorizzata nel con il quadro ambientale. La nei confronti dell’Italia pieno rispetto delle leggi». mozione impegna la Giunta

150 anni dell’Unità, Caligiuri a lavoro con le Regioni CATANZARO - L’assessore calabrese Mario Caligiuri, in qualità di coordinatore, ha introdotto ieri la riunione dalla commissione Cultura delle Regioni che si è tenuta a Roma, alla presenza di Paolo Peluffo, consulente del presidente del Consiglio per i 150 anni dell’Unita’ d’Italia. Peluffo ha illustrato le varie iniziative che si stanno svolgendo. Tra queste, il censimento dei luoghi della memoria che ha individuato 400 siti, di cui 285 musei del Risorgimento, e che si possono rinvenire sul sito internet www.governo.it. Inoltre, si intende lavorare sulla realizzazione del Museo nazionale di Garibaldi a Caprera, sulla valorizzazione del Museo Mazzini a Pisa, sul restauro già avviato di 100 statue di protagonisti risorgimentali, realizzate a suo tempo nella stragrande totalità tramite sottoscrizioni pubbliche. Si stanno anche allestendo 47 mostre di piccolo formato e la grande mostra delle Regioni che si svolgerà a Roma nel corso del prossimo anno. L’assessore alla Cultura della regione Calabria

Caligiuri ha sollecitato ulteriori incontri per approfondire le iniziative da mettere in atto, tra le quali censimenti comune per comune del patrimonio storico, l’individuazione di un luogo della memoria regionale, la realizzazione di film e documentari per evidenziare il ruolo che ogni singolo territorio ha offerto all’Unità. E questo nella logica della continuità e della valorizzazione degli spazi con finalità educative e di sviluppo economico e culturale, orientando in questa fase l’attività della valorizzazione in direzione dei beni risorgimentali. Al termine della riunione si è convenuto di fissare un’ulteriore incontro a fine gennaio per mettere a punto le iniziative avviate e per programmare quelle da svolgere nel 2011, anno fatidico in cui ricorre il 150esimo compleanno della nostra unità nazionale.

A.M

Raccolta di sangue, lunedi è la volta dei consiglieri regionali REGGIO CALABRIA - Il Consiglio regionale si mobilita per la raccolta del sangue. Lunedi 13 dicembre dipendenti e consiglieri potranno donare il sangue nell’Automoteca dell’Avis che, nell’occasione, sosterà nel cortile interno di palazzo Campanella. L’iniziativa, sollecitata dal presidente della sezione reggina dell’Avis, Mimmo Nisticò, è stata subito accolta dal presidente dell’Assemblea legisla- Talarico: «Non tiva, Francesco Talarico. potevamo «Non potevamo rimanere insensibili - afferma Talarico - rimanere insensibili di fronte ad una richiesta di fronte ad una dall’alto significato sociale. Sappiamo bene come, per al- richiesta dall’alto cune malattie, il sangue sia vero e proprio farmaco salva significato sociale» vita e, pertanto, nella semplicità del suo gesto, la donazione assurge a momento fondamentale, racchiudendo i valori più importanti di una comunità: quella solidarietà che, attraverso la partecipazione consapevole, diventa manifestazione concretaetangibiledellasensibilità e dell’attenzione verso il prossimo». Al tempo stesso l’iniziativa con l’Avis, secondo Talarico, assume una collocazione ben precisa, rappresentando una ulteriore tappa di un percorso che vedeilConsiglioregionaleattento e vicino alle problema- Francesco Talarico tiche sociali, come testimonia, tra l’altro, l’impegno a favore dei malati di Sla e la campagna di prevenzione dell’aneurisma aortico addominale».

A cura: Mediatag Spa coord. area Calabria

Enti Pubblici e Istituzioni Gli annunci sono presenti sul sito www.aste.eugenius.it

AM M INISTRAZIONE PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA SETTORE VII - STAZIONE UNICA APPALTANTE tel. 0963-997359 - fax 0963-997282

ESTRATTO BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA STAZIONE APPALTANTE: Amministrazione Provinciale di Vibo Valentia - Stazione Unica Appaltante - tel.0963/997378 Fax 0963/997282 - 997219 AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE: Comune di Tropea. OGGETTO: Lavori di consolidamento della Rupe di Tropea incluso versante sottostante il centro abitato in via Molini - CUP F12J10000010006 - CIG 0591488F52 PROCEDURA DI GARA: CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE: Aperta, per come previsto dall'art. 11 del Decreto Legislativo n. 163/2006 e s.m.i. da esperire ai sensi dell'art. 82 comma 2 lettera b) del DLGS n. 163/2006 e s.m.i., secondo il criterio del prezzo più basso, determinato mediante offerta a ribasso sull'importo dei lavori posto a base di gara, con l'applicazione dell'art. 122 comma 9 e art. 86 comma 1 del citato decreto legislativo n. 163/2006 e s.m.i.; IMPORTO: lavori a base di gara: euro 849.133,38 oltre euro 42.456,67 per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso - Categoria prevalente: OS21 class III - Cat. Scorporabile OG8 Class I TERMINE DI PRESENTAZIONE OFFERTE: 5-1-2011 alle ore 12,00; Apertura offerte: seduta pubblica presso sede Amministrazione ore 12,30 del giorno 5-1-2011; Requisiti di partecipazione: Per partecipare alla gara i concorrenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti: attestazione di qualificazione, rilasciata da una SOA regolarmente autorizzata, in corso di validità che documenti il possesso della qualificazione in categorie e classifiche adeguate ai lavori da assumere, ai sensi del comma 2, dell'art. 3 del medesimo DPR n. 34/200, Possono partecipare alla gara i soggetti di cui all'art. 34 del Dlgsvo 163/2006 costituiti da imprese singole o da imprese che intendano riunirsi o consorziarsi nel rispetto di quanto previsto dagli artt. 35-36-37-38 del Dlgsvo 163/2006 e s.m.i. Tempo utile per l'eseguzione dei lavori: giorni 330. - Il bando e disciplinare di gara sono disponibili sul sito internet www.provincia.vibovalentia.it e sul sito internet della Regione Calabria - Vibo Valentia, li 3 dicembre 2010 Il Dirigente Dott.ssa Edith Macrì


Sabato 11 Dicembre 2010

il Domani

5

PRIMO PIANO Musi: «Noi oggi a Roma in massa contro un Governo che non ci ascolta»

La società malavitosa con base a MIlano, composta da esponenti di mafia e ’ndrangheta, riciclava i soldi della droga in beni di lusso

La Gdf scopre un traffico di droga da 600 Kg di coca MILANO - Un patto tra ’ndrangheta e mafia per importare 600 kg di droga da Panama. Un affare dal volume "enorme", come è stato anche definito dagli investigatori della Guardia di Finanza. Era una joint venture quella messa in piedi da siciliani e calabresi, attivi nel milanese da oltre 20 anni ma stavolta con una forma nuova, una vera e propria società con una struttura capillare in grado di riciclare il denaro frutto dei trafficiinambitoimmobiliareattraverso imprenditori che mettevano a disposizione i loro conti correnti per ripulire i soldi. Coinvolti anche due importanti personaggi del mattone a Milano, i fratelli Pietro e Nunzio Paolo Bungaro, entrambiarrestati,cosìcome altri immobiliaristi di Pavia e Torino. Guardia di Finanza di Milano e Bologna e Polizia del capoluogo lombardo hanno sequestrato 115 tra abitazioni e terreni (tra cui una villa con piscina nel cagliaritano e una a Vermezzo) e oltre 40 tra automobili (anche una Ferrari) e motoveicoli. Sequestrati anche conti correnti, quote societarie e una serra con piante di marijuana riconducibile a uno degli arresati, Vincenzo Gallo. Il

valore complessivo stimato dei beni sequestrati ammonta a oltre 50 milioni. A fare da tramite tra le famiglie siciliane e calabresi era un broker, Antonio Saccinto che, arrestato e poi scarcerato perchè la droga in suo possesso era falsa, ha cercato le forze dell’ordine per iniziare a collaborare. Schiacciato da 700mila euro di debiti e picchiato dagli affiliati alle organizzazioni criminali perché non riusciva a pagare, ha preferito cercare la protezione delle forze delll’ordine e raccontare tutto. A lui, perfetto conoscitore dello spagnolo, spettava di mantenere i contatti con l’estero, Spagna e Panama. Tra i 49 destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Stefania Donadeo, in maggioranza italiani

Le accuse ipotizzate dalla Dda antimafia di Milano sono anche traffico internazionale di droga, estorsione e lesioni personali

e molti incensurati, spiccano i nomi di Ugo Martello e Luigi Bonanno. L’indagine parte proprio dalla loro scarcerazione, nel 2005, quando quest’ultimo, appena riassaporata la libertà, si recò a Palermo dove si mise a disposizione delle famiglie emergenti che fanno capo al boss Salvatore Lo Piccolo. Bonanno era stato delegato a un’operazione di traffico di droga col Sudamerica e lì i suoi destini s’incrociano con quelli di Martello, a suavolta vicino al clan dei fratelli Pellegrino, attivi a Milano da molto tempo e con cui è imparentato Saccinto. Da quel momento è inziata una febbrile attività di pedinamento da parte delle forze dell’ordine che ha consentito di scoprire l’imminente arrivo in Italia di 600 kg di coca destinati ai mercati milanese, calabrese e siciliano. Gli arrestati tenevano i contatti tra loro anche attraverso pizzini che si scambiavano in un bar a Milano, in via Fratelli Zoia 43. Le accuse ipotizzate dalla Dda antimafia di Milano sono traffico internazionale di droga, estorsione, lesioni personali, intestazione fittizia di beni, detenzione di armi clandestine e simulazione di reato.

CATANZARO - Settantadue pullman sono partiti dalla Calabria alla volta di Roma per la manifestazione promossa per oggi dal Partito democratico contro le politiche del governo. Ne ha dato notizia ieri il commissario del partito, il senatore Adriano Musi. «Da ogni comune della Calabria – ha spiegato – sono partite persone che intendono manifestare contro il governo e per chiedere attenzione Censore: «Il Pd ha il verso i problemi della loro regione e del Mezzogiorno. dovere di dare voce Intendiamo testimoniare – all’Italia che vuole ha aggiunto Musi – la volontà di cambiamento dei calabre- voltare pagina rispetto si alla luce delle tante emergenze che riguardano il Pae- ad un governo che si se, dalla crisi economica è rivelato fallimentare» all’emergenza criminalità. La Calabria chiede che il governo si occupi del lavoro che non c’è e delle infrastrutture che mancano e non dei problemi personali del presidente del consiglio. Da Roma – ha concluso Musi - partirà un segnale forte che chi ha la responsabilità di guidare il Paese non potrà ignorare». Anche Bruno Censore si è accodato ai manifestanti. Il vicepresidente della commissione Antimafia regionale e consigliere del Pd ha spiegato il suo intento nel partecipare alla protesta: «Il Pd – ha detto – ha il dovere di dare voce all’Italia che vuole voltare pagina rispetto ad un governo fallimentare che ha dimostrato un totale disinteresse nei confronti del Meridione e ha concentrato

Adriano Musi

energie e risorse per favorire il Nord, come mai era successo prima d’ora in Italia. Ci troviamo di fronte ad un Esecutivo - ha concluso Censore che, nel tentativo mal riuscito di arginare la crisi politica all’interno della maggioranza parlamentare, si è dimenticato della vera crisi economica e sociale che ha piegato l’Italia intera».


il Domani

|

AsteInfoappalti

6

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Sabato 11 Dicembre 2010

TRIBUNALE DI CATANZARO Procedura esecutiva n. 04/09 R.G. Espr. Il Giudice dell'esecuzione, dr.ssa Giovanna Gioia, a scioglimento della riserva assunta in data odierna dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: Lotto unico: proprietà superficiaria di appartamento sito in Settingiano, fraz. Martelletto (CZ), in catasto al fg. 13, part. 668, sub 3. Prezzo base di euro 163.272,12. Fissa per la presentazione delle offerte d'acquisto il termine del 25.01.2011 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull'offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 1.000,00, l'udienza del 26.01.2011 ore 9,30; dispone che le offerte d'acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - proc. n. 04/09" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. L'immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall'aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e della situazione energetica. L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo d'acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall'aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva. Catanzaro, 28/09/2010 Il Giudice Dott. G. Gioia °°°°°°°°°° Procedura esecutiva n. 02/09 R.G. Espr. Il Giudice dell'esecuzione, dr.ssa Giovanna Gioia, a scioglimento della riserva assunta in data odierna dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: Lotto unico: proprietà superficiaria di appartamento sito in Settingiano, loc. Martelletto, contrada Moniaci (CZ), del quale non risulta l'autorizzazione da parte del comune all'agibilità (cfr. CTU depositata in data 15.06.2010) in catasto al fg. 13, part. 669, sub 23. Prezzo base di euro 59.555,52. Fissa per la presentazione delle offerte d'acquisto il termine del 25.01.2011 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull'offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 1.000,00, l'udienza del 26.01.2011 ore 9,30; dispone che le offerte d'acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - proc. n. 02/09" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. L'immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall'aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e della situazione energetica. L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo d'acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall' aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva. Catanzaro, 28/09/2010 Il Giudice Dott. G. Gioia °°°°°°°°°° Sez. Esecuzioni immobiliari - Proc. esecutiva n. 122/09 RGEI AVVISO DI VENDITA Si rende noto che il Sig. G.E. della procedura esecutiva rubricata al n. 122/09 R.G. Es., Dott.ssa Giovanna Gioia, con provvedimento del 12.10.2010 ha disposto la vendita senza incanto dei seguenti beni immobili, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano e che comunque l'offerente depositando l'offerta dichiara di conoscere, stato meglio descritto nelle relazioni tecnico-estimative in atti consultabili in Cancelleria e a cui si rinvia: Lotto unico: appartamento sito in Sellia

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

Marina (CZ) in catasto al foglio 20 part. 491 sub 2 PREZZO BASE: euro 86.400,00 UDIENZA di vendita senza incanto: 09.02.2011 ore 9,30 AUMENTO MINIMO in caso di gara: euro 1.000,00 DEPOSITO cauzionale per essere ammesso alla vendita: 10% del prezzo base a titolo di cauzione, portato da assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro Procedura n. 122/09", da depositare unitamente all'offerta di acquisto in busta chiusa e sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente la domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa cancelleria) in bollo, fotocopia del documento di identità ed il suddetto assegno circolare non trasferibile, entro le ore 12.00 del 08.02.2011, giorno antecedente alla vendita, presso la Cancelleria dell'intestato Tribunale. DEPOSITO PREZZO residuo: entro 60 gg. dalla data di aggiudicazione presso la Cancelleria dell'intestato Tribunale. Spese di trasferimento a carico della procedura. Maggiori informazioni sono acquisibili presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari. Catanzaro, 29.11.2010 Il Giudice dell'esecuzione Dott.ssa Giovanna Gioia

TRIBUNALE DI CROTONE Fallimento n. 38/1986 G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto Unico: Appartamento sito in Crotone alla via Matteotti 10, piano 7°. Prezzo base: euro 140.000,00 Rilancio: euro 1.000,00 Vendita senza incanto: Vendita con incanto: 22/02/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Dott.ssa Laura Caccavari, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. °°°°°°°°°° Esecuzioni Imm. n. 37/2004 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto Uno: La piena ed intera proprietà di appartamento sito in Petronà, alla Via Roma, vico I. Prezzo base: euro 4.218,75 Rilancio: euro 200,00 Lotto Due: Quota di 1/2 della piena proprietà di villetta unifamiliare su tre livelli in Petronà alla via Vaccari n.59/a, con box auto. Prezzo base: euro 36.703,00 Rilancio: euro 200,00 Vendita senza incanto: Vendita con incanto: 23/02/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv. Maria Levato, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI EX ART. 569 COMMA 3 - C.P.C. NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 14/06 R.E. Il GIUDICE DELL'ESECUZIONE RENDE NOTO che il giudice dell'esecuzione con ordinanza del 3/11/2010 ha disposto la vendita con incanto del seguente bene immobile: lotto unico - "immobile per civile abitazione sito in Lamezia Terme, Via E. Toti n. 107, composto da ingresso, soggiorno, studiolo, camera da letto matrimoniale con ripostiglio, camera doppia, cucina, dispensa, bagno e balconate. Il cespite è riportato in NCEU di detto comune al foglio 16, p.lla 698, sub. 8, piano 4, cat. A/2, vani 5,5; Gli interessati a partecipare all'incanto possono esaminare i beni in vendita chiedendo di accedere agli immobili, previa preventiva

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

comunicazione scritta al custode Avv. Cinzia Mascaro, con studio in 88040 Pianopoli, Via Berlinguer 72 - 88046 Lamezia Terme, Via Sele 33, nei giorni e nelle ore indicati dal combinato disposto ex artt. 519 e 147 cpc. FISSA La vendita con l'incanto per il 9.02.2011 ore 12,00 al prezzo base d'asta di euro 59.906,25. Per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti degli immobili sopra indicati e meglio descritti nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 08.02.2011. - ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) - ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; - in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; - all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; - all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; - le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; - nel caso di una sola istanza di partecipazione,

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, pari al 5% del prezzo base d¥asta, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; - a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; - tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; - soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; Ulteriori informazioni potranno essere chieste in cancelleria. Lamezia Terme, lì IL CANCELLIERE (C/1) F.to Bruna Bernardi

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

7

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Sabato 11 Dicembre 2010 °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Nella procedura esecutiva immobiliare n° 14/2004 ha disposto con ordinanza emessa all'udienza del 03.10.2008 la vendita senza incanto dell'unico lotto, nonché nel caso in cui la stessa non abbia luogo, ha disposto la vendita con incanto del seguente bene immobile, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova: lotto unico: "Magazzino sito in Lamezia Terme, alla Via Duca D'Aosta n° 234, avente una superficie pari a mq. 215, riportato nel NCEU di detto Comune al foglio 18,p.lla1067, sub 2, cat.C/2, classe 1" DISPONE Quanto alla vendita senza incanto, da effettuarsi al prezzo base di euro 48.979,69 per l'unico lotto; ciascun offerente, ai sensi dell'art. 571, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l'acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.), presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del bene (e del lotto) cui l'offerta si riferisce, del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell'offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell'offerente e, se necessario, da valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); l'offerta, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da allegare in copia conforme; in caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'offerta; L'OFFERTA È IRREVOCABILE, SALVO CHE: 1. il giudice ordini l'incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; L'OFFERTA NON È EFFICACE: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell'articolo 568 e più sopra ricordato; c) se l'offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane spa", in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; all'offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l'assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per l'esame delle offerte; le buste saranno aperte all'udienza fissata per l'esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; nel caso di mancata comparizione dell'offerente o degli offerenti l'aggiudicazione sarà

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

comunque disposta, fatta salva l'applicazione delle previsioni di cui all'art. 572, commi 2 e 3, c.p.c.; in caso di più offerte valide, si procederà a gara sull'offerta più alta secondo il sistema delle schede o buste segrete, fatta salva l'applicazione dell'art. 573, comma 2, c.p.c.; in alternativa alle modalità di cui sopra, la presentazione delle offerte di acquisto può avvenire anche mediante l'accredito, a mezzo di bonifico o deposito su conto postale o bancario intestato alla procedura esecutiva ed acceso o da accendersi, nel secondo caso, presso il "Monte dei Paschi di Siena S.p.A." - filiale di Lamezia Terme, di una somma pari ad un decimo del prezzo che si intende offrire e mediante la comunicazione, a mezzo telefax o posta elettronica, nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici e teletrasmessi, di una dichiarazione contenente le indicazioni di cui allo stesso art. 571 c.p.c.; detto accredito deve avere luogo non oltre cinque giorni prima della scadenza del termine entro il quale possono essere proposte le offerte d'acquisto; fin d'ora si prevede che, quando l'offerta è presentata con le modalità alternative, il termine per il versamento del prezzo e di ogni altra somma è di novanta giorni; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; QUANTO ALL'EVENTUALE, SUCCESSIVA VENDITA AGLI INCANTI: essa deve aver luogo al prezzo base di euro 48.979,69 per l'unico lotto; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a euro5.000,00 per l'unico lotto; ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione (tale prescrizione va riportata solo in caso di vendite disposte a decorrere dall'1 marzo 2006); in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 08.02.2011 con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; è fissata, per l'esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell'art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, ai sensi dell'art. 573 c.p.c., l'udienza del 09.02.2011, ore 12.00 e segg.; NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO, è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 22.02.2011, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; è fissata, per il giorno 23/02/2011 ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: gli immobili vengono posti in vendita1 nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; QUANTO ALLA PUBBLICITÀ IN FUNZIONE DELLA VENDITA: su impulso del procedente, sia predisposto l'avviso di vendita, da pubblicare all'albo dell'Ufficio; a cura, rischio e spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.) del medesimo soggetto, sia data pubblicità2: - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, su di un quotidiano di informazione a diffusione locale a scelta del creditore, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, su una rivista periodica, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, e della relazione di stima dell'esperto su un sito Internet individuato ai sensi dell'art. 173 ter disp. att. c.p.c. e di cui è data notizia in Cancelleria, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; il creditore procedente può, inoltre, dare pubblicità della presente ordinanza, a sua cura ed ove lo ritenga opportuno: - a sue spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.), con pubblicità muraria, da effettuarsi nei Comuni di Lamezia Terme e di ubicazione degli immobili, almeno quarantacinque

Info 0961 996802


il Domani

| AsteInfoappalti

8

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Sabato 11 Dicembre 2010 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - a sue spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.), a ulteriori forme di pubblicità dal medesimo prescelte, da eseguirsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; la pubblicità muraria e l'ulteriore pubblicità prescelta sono dichiarate sin d'ora non necessarie ai fini dell'esperibilità della vendita; della prova della pubblicità elettronica e a mezzo stampa - da depositarsi in cancelleria almeno dieci giorni prima delle vendite - sia fatto carico al creditore procedente o surrogante. Lamezia Terme, lì 11.11.2010 Il Giudice dell'esecuzione Dott. Alessandro Brancaccio

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 64/95 promossa da MONTE DEI PASCHI DI SIENA , ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: Terreni siti nel Comune di Palizzi, località Spropoli o Maulizio, catastalmente riportati alla partita 3031, foglio di mappa 63, particella 315, seminativo, classe 3^, r.d. 10.000, r.a. 5.000, e particella 392, seminativo, classe 3^, r.d. 3.640, r.a. 1.820, per complessivi mq. 3410, in ditta … proprietario per 1/2 e … proprietaria per 1/2 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 21.133,42 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 2.113,34 DEPOSITO PER SPESE: Euro 3.170,01 2° LOTTO: Terreni siti nel Comune di Palizzi, località Spropoli o Maulizio, catastalmente riportati alla partita 3031, foglio di mappa 63, particella 345, seminativo, classe 3^, r.d. 2.640, r.a. 1.320, e alla partita 3137, foglio di mappa 63, particella 393, seminativo, classe 3^, r.d. 3.400, r.a. 1.700, per complessivi mq. 1510, in ditta … proprietario per 1/2 e … proprietaria per 1/2 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 13.647,37 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.364,74 DEPOSITO PER SPESE: Euro 2.047,11 3° LOTTO: Unità immobiliare, in corso di costruzione, ubicata al primo piano di un fabbricato a tre piani fuori terra sito nel Comune di Palizzi, località Spropoli o Maulizio strada statale 106, riportato nel N.C.E.U. alla partita 1628, foglio di mappa 63, particella 343, sub 4, superficie utile mq. 317,30, in ditta … proprietario per 1/2 e … proprietaria per 1/2 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 46.968,24 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 4.696,82 DEPOSITO PER SPESE: Euro 7.045,24 4° LOTTO: Unità immobiliare ubicata al secondo piano di un fabbricato a tre piani fuori terra sito nel Comune di Palizzi, località Spropoli o Maulizio strada statale 106, riportato nel N.C.E.U. alla partita 1628, foglio di mappa 63, particella 343, sub 8, Cat. A/3, superficie utile mq. 26,44, r. £. 115.500, in ditta … proprietario per 1/2 e … proprietaria per 1/2 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 9.800,80 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 980,08 DEPOSITO PER SPESE: Euro 1.470,12 5° LOTTO: VENDUTO 6° LOTTO: Unità immobiliare ubicata al terzo piano di un fabbricato a tre piani fuori terra sito nel Comune di Palizzi, località Spropoli o Maulizio strada statale 106, riportato nel N.C.E.U. alla partita 1628, foglio di mappa 63, particella 343, sub 6, superficie utile complessiva mq. 509,09, in ditta … proprietario per 1/2 e … proprietaria per 1/2 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 43.288,38 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 4.328,84 DEPOSITO PER SPESE: Euro 6.493,26 L'incanto avverrà, CON PREZZO DA RIDURRE DI 1/5 + 1/5 + 1/5, all'udienza del 03.02.2011, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno antecedente l'incanto, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 1.032,91 per il 1° Lotto, Euro 516,46 per il 2°, Euro 2.324,06 per il 3°, Euro 258,23 per il 4° ed Euro 2.065,83 per il 6° Lotto. L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 03.02.2011. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Addì, 27 novembre 2010 IL CANCELLIERE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 46/1996 promossa da ITALFONDIARIO SPA Ordina la vendita con incanto dei seguenti beni immobili: Ordinanza del 09.07.2008 LOTTO UNICO: "piena proprietà dell'immobile costituito da un fabbricato destinato a civile abitazione sito nel Comune di Siderno (loc. S. Marini) riportato nel NCEU al foglio di mappa 9, particella 501" PREZZO BASE D'ASTA: Euro 121.200,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15% del prezzo L'incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO DA RIDURRE DI 1/5+1/5, all'udienza del 03.02.2011, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino alle ore 12,00 del giorno anteriore alla vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base, eventualmente ribassato. L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Avv. Stefania PERRONE FILARDI (Tel. 0964.20141) Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 03.02.2011. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Addì, 23 novembre 2010 IL CANCELLIERE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 80/99 promossa da BANCA DI ROMA SpA, ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO 1: Unità immobiliari per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato a due piani fuori terra sito nel Comune di Siderno località Pantanizzi (ai margini della SS 106) riportato nel NCEU al foglio di mappa 25, particella 546 sub 5 Cat. A/2, classe 2^, vani 9,5, mq. 239, r.c. Euro 662,36, in ditta … proprietario per 1/2, … proprietaria per 1/2; PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 104.000,00 DEPOSITO PER CAZIONE: Euro 10.400,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 15.600,00 LOTTO 2: Unità immobiliari per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato a due piani fuori terra sito nel Comune di Siderno località Pantanizzi (ai margini della SS 106) riportato nel

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

NCEU al foglio di mappa 25, particella 546 sub 6 Cat. A/2, classe 2^, vani 9,5, mq. 244, r.c. Euro 662,36, in ditta … proprietario per 1/2, … proprietaria per 1/2; PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 104.000,00 DEPOSITO PER CAZIONE: Euro 10.400,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 15.600,00 L'incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5+1/5+1/5, all'udienza del 03.02.2011, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare, entro le ore 12,00 del giorno antecedente l'incanto, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a Euro 2.582,00 per entrambi i Lotti. L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Custode Giudiziario: dr.ssa MARICA FRAULA (Tel. 0964.82183). Rinvia per il prosieguo all'udienza del 03.02.2011. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Addì, 26 novembre 2010 IL CANCELLIERE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 99/1993 promossa da MPS FONDIARIO ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: Ordinanza del 03.10.2007 LOTTO UNICO: "Piena proprietà sull'immobile adibito a civile abitazione, posto al terzo piano fuori terra di un fabbricato a 6 piani f.t., oltre cantinato, sito in Bovalino, vico 2° Garibaldi n. 21, trav. di via XXIV Maggio, riportato nel NCEU del medesimo Comune al foglio di mappa 18, particella n. 550 sub 10, vani 6,5" Prezzo base d'asta: Euro 106.000,00 Deposito per cauzione: 10% del prezzo Deposito per spese: 15% del prezzo L'incanto avverrà, con il prezzo DA RIBASSARE DI 1/5+1/5, all'udienza del 28.01.2011, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: b) le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base eventualmente ribassato; c) ogni offerente, dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno antecedente l'incanto, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 25% del prezzo base d'asta indicato da imputarsi per il 10% a titolo di cauzione e 15% a titolo di spese presuntive di vendita, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobiliari - di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base, eventualmente ribassato. L'aggiudicatario, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, dovrà depositare il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: dr.ssa Fausta APRIGLIANO - (Tel. 0964.20643). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il Custode Giudiziario. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 28.01.2011. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Addì, 22 novembre 2010 IL CANCELLIERE

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

°°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 c 570 c.p.c. che Il Giudice dell'Esecuzione, DR. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 1/1992 promossa da CARICAL. DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell'allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1 a 28. DESCRIZIONE IMMOBILI VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete vedere l'ordinanza di vendita - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso): La vendita senza incanto in cui procederà all'esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all'udienza del … alle seguenti condizioni: entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita l'offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo ( vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; l'offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente, che, a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le offerte in aumento, nel caso di cui all'art 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato; - l'importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co. cpc). PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete vedere l'ordinanza di vendita - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc. il pubblico incanto avverrà all'udienza del 03/02/2011 con il prezzo da ridurre di 1/4+1/4 riportato nell'ordinanza di vendita, alle seguenti condizioni: Ciascun offerente tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita dovrà depositare sino alle ore 12 del giorno antecedente la vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente: Le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita nell'art. 580 cpc; l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, fermo restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito. Sito internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: … (Tel.: … ) Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. Estratto conforme per uso pubblicità. Esatte: n. 2 marche da Euro 14,62 per bollo Euro 10,62 per diritti. Locri, 16.11.2010 Il Cancelliere

Info 0961 996802


il Domani

| AsteInfoappalti

9

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Sabato 11 Dicembre 2010 ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI SEZIONE CIVILE - ESECUZIONE R.Es. Imm: 1/1992 Il Giudice dell'Esecuzione, … omissis … DISPONE procedersi alla vendita dei seguenti immobili: DESCRIZIONE LOTTO UNICO: "unità immobiliare sita nel Comune di Grotteria (RC), in catasto al foglio 45: - particelle 55 (terreno di 346 mq, con sovrastante struttura in cemento armato e pozzo con vasca) e 57 (terreno di 393 mq); - particella 56 (fabbricato a due piani fuori terra, in stato di abbandono); PREZZO BASE: EURO 67.288,50; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO STABILISCE per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell'art. 569 cpc.,con il metodo dell'incanto, alle seguenti condizioni: 1) l'immobile pignorato sarà posto in vendita nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell'ing. ) che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene, ed ai vincoli esistenti; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l'acquisto dell'immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma, cpc); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, e nel rispetto l'offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo per partecipare alla vendita senza incanto contenente: A) l'indicazione del prezzo che si intende offrire (che, appena di inefficacia, non può essere inferiore al prezzo base indicato poc'anzi, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e se in regime di comunione legale del coniuge; C) l'indicazione della volontà di avvalersi, o ve ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; D) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dall'aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato, nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento ed ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; E) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull'apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell'immobile; F) copia di valido documento d'identità del soggetto che sottoscrive l'offerta; G) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della partita Iva; H) la dichiarazione di residenza o l'elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l'esecuzione (art. 174 disp. Att. Cod. proc. civ. ), pena l'effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; I) la sottoscrizione dei genitori esercenti la potestà e l'autorizzazione del giudice tutelare ove l'offerente sia in minore; 4) l'offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l'esame delle offerte; C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; 5) l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente, che, a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; 6) l'offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l'offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; 7) l'offerta si considera irrevocabile, ad ecce-

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

8)

9)

10)

11) 12)

13)

14)

15) 16)

17)

18)

zione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l'incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l'offerente ( od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi, il giorno fissato, presso il Tribunale di Locri, sale delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss, per assistere all'esame delle offerte; l'udienza di vendita è fissata per il giorno 27.7.2007, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all'esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l'ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); In presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all'art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; in caso di mancata aggiudicazione, l'importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; in caso di aggiudicazione, l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione; in caso di aggiudicazione, inoltre, l'offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione), e nello stesso termine, l'importo complessivo per le spese collegate alla vendita, che saranno all'uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dall'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co., cpc); maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria del Tribunale di Locri; la presente ordinanza dovrà essere affissa, almeno 45 venti giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all'albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc - e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell'art. 555 cpc; B) il valore dell'immobile determinato a norma dell'articolo 568 cpc; C) il sito internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l'avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del tribunale o dal predetto custode; la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Grotteria, Marina di Gioiosa Jonica, Siderno (invitando all'uopo il creditore ed allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura del creditore procedente; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria fino all'udienza di vendita; B) l'attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 096420732; ove si debba procedere all'incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d'acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell'articolo 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall'articolo 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsia-

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

si altra ragione (es. gara in aumento che non tenuta per mancanza di adesioni art. 573 cpc), si fissa fin d'ora per l'udienza del 23.11.2007 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria Ufficio Esecuzioni Immobiliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; 20) la domanda di partecipazione all'incanto dovrà riportare le complete generalità dell'offerente, l'indicazione del codice fiscale, e nell'ipotesi di persona coniugata in regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della partita Iva; in tale istanza dovrà anche essere indicato se l'offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l'acquisto della prima casa; 21) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni debba essere calcolato a ritroso dalla data dell'incanto; 22) se l'offerente non diviene aggiudicatario la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell'intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando della decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d'incanto (art. 584 c.p.c) e se l'offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stesa indicato, da imputarsi a cauzione; 25) le offerte in aumento andranno effettuate in cancelleria con le forme di cui di cui all'articolo 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all'incanto; 26) su tali offerte il giudice, verificatane la regolarità, indice la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l'aggiudicatario anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misura di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l'aggiudicazione diventa definitiva ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione 28) alla medesima udienza fissata per l'incanto,ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all'art. 591 cpc (amministrazione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita ai creditori iscritti e non comparsi ove presenti. Si comunichi. Locri, 23.3.2007 FIRMATO Il Giudice dell'Esecuzione Dott. Davide Lauro

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

TRIBUNALE DI REGGIO CALABRIA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE CON INCANTO Il Commissario Liquidatore Avv. Antonella Lupis con studio a Reggio Calabria via S. Anna n. 49/G (tel.0965/818757) della Cooperativa … srl di Scilla sciolta ex art. 2545/XVII c.c. - giusta decreto ministeriale di nomina del 16.11.2006; vista l'autorizzazione ministeriale pervenuta il 4.10.2010; visto l'art.576 cpc; ordina procedersi alla vendita con incanto degli immobili di seguito descritti: "Appezzamento di terreno identificato al NCT del Comune di Sant'Eufemia d'Aspromonte, contrada Melia, al foglio 10 particella n. 12, per una consistenza complessiva di 25 ha, 92 are, 20 centiare, così ripartiti: ha 15 per l'area pianeggiante, destinata a seminativo irriguo arboreo, con reddito agrario di euro 968,36 e reddito dominicale di euro 1.897,98; ha 10 are 92 ca 20 per la parte scoscesa, destinato a pascolo cespugliato, con reddito agrario di euro 28,20 e reddito dominicale di euro 84,61. Secondo quanto indicato nel P.R.G. ricade in zona 7, aree agropastorali e boschive, bosco ceduo." Il bene sociale sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova che i partecipanti alla gara devono espressamente dichiarare di conoscere ed accettare, al prezzo base di euro 195.000,00 (centonovantacinquemila/00) oltre oneri di legge. L'incanto avrà luogo il giorno 10.01.2011 ore 17.00 dinanzi al Notaio dott.ssa Rossella De Giorgio con studio a Reggio Calabria via Aeschenez n.180/C, presso il quale verrà depositata tutta la documentazione inerente la gara d'incanto e a disposizione per visione degli interessati a partecipare all'incanto. Per partecipare all'asta bisogna presentare idonea domanda in busta chiusa unitamente ad assegni circolari non trasferibili intestati alla procedura, a titolo di cauzione, per un importo pari al 20% del prezzo base d'asta. Le offerte in aumento sul prezzo base d'asta non potranno essere inferiori a euro 5.000,00 (cinquemila) e potranno essere fatte personalmente o tramite mandatario munito di procura speciale. Le iscrizioni ipotecarie e le trascrizioni pregiudizievoli saranno cancellate successivamente in base all'art. 5 L.400/75. Avvenuto l'incanto, potranno essere effettuate ancora - entro il termine perentorio di dieci giorni - offerte di acquisto, purché il prezzo offerto superi di almeno un quinto quello raggiunto nell'incanto. Tali offerte dovranno essere fatte mediante deposito presso il Notaio in busta chiusa all'esterno della quale sono annotati, a cura del Notaio, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata. Il Commissario, verificata la regolarità delle offerte, indirà nuova gara - di cui ne darà pubblico avviso secondo le modalità di cui all'art.570 cpc - fissando un termine perentorio entro il quale potranno essere fatte ulteriori offerte. Alla gara potranno partecipare oltre ai nuovi offerenti e all'aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine che verrà stabilito, abbiano integrato la cauzione nella stessa misura di cui sopra. Se nessuno degli offerenti in aumento parteciperà alla gara nuovamente indetta, l'aggiudicazione diverrà definitiva, il commissario liquidatore pronuncerà a carico degli offerenti in rialzo, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo sarà trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti della procedura. Il prezzo di aggiudicazione unitamente alle spese d'asta, all'importo delle spese notarili ed accessorie e degli oneri fiscali di legge, dovranno essere versati dall'aggiudicatario con assegno circolare entro 30 giorni dall'aggiudicazione definitiva, pena la perdita di cauzione ed ogni diritto all'acquisto.Per quanto non espressamente indicato, si rinvia alle norme contenute dagli artt. 576 e segg. Cpc. Il Commissario Liquidatore (Avv. Antonella Lupis)

Info 0961 996802


10

il Domani Sabato 11 Dicembre 2010

CRONACHE Commissario dell’Azienda Sarà realizzato l’Inventario ospedaliera di Reggio: dei Beni d’interesse Comunale nessuna pressione REGGIO CALABRIA - Sottoscritto a Palazzo San Giorgio il protocollo d’intesa tra il Comune di Reggio Calabria e il club Unesco Re Italo per la realizzazione dell’Inventario dei Beni di Interesse Comunale. A siglare l’accordo il sindaco Giuseppe Raffa e Giovanni Maria Romeo coordinatore operativo del Club Unesco. All’incontro hanno partecipato Monica Falcomatà, consigliere comunale delegata ai Grandi Eventi e il presidente del club Unesco Re Italo di Reggio Alberto Gioffrè. Il protocollo prevede la realizzazione, senza alcun costo per il Comune, dell’inventario dei beni redatto dai volontari del Club con la collaborazione di altre associazioni, per raccogliere il più possibile notizie su beni mobili e immobili, anche di proprietà di privati, con valore storico, artistico, etnografico e paesaggistico per conoscere la loro collocazione storica, la proprietà, lo stato di conservazione e gli eventuali interventi necessari alla sua salvaguardia. L’intento dell’Amministrazione di Palazzo San Giorgio, di concerto con l’associazione, è quello di individuare, tutelare e valorizzare i beni di interesse comunale a contenuto storico, artistico, architettonico ed ambientale. Nel corso della conferenza - stampa, è stata annunciata anche un’iniziativa del Comune

sulle nomine

con la Soprintendenza Archeologica, definita Museo Diffuso, che si svilupperà nel periodo natalizio con l’esposizione prima sul corso Garibaldi e successivamente in una mostra a villa Zerbi di reperti appartenenti al periodo che va dal ‘500 al ‘700, cioè pezzi di palazzi o di ville di famiglie nobiliari, stemmi di chiese che erano crollati nel terremoto del 1908 mai esposti al pubblico ma conservati all’interno del Museo Nazionale.

È stato sottoscritto a Palazzo San Giorgio il protocollo d’intesa tra il Comune di Reggio Calabria e il club Unesco Re Italo Annunciata l’iniziativa definita Museo Diffuso

REGGIO CALABRIA - «La riorganizzazione funzionale che ho delineato per l’Azienda risponde esclusivamente alle esigenze assistenziali e organizzative, con l’obiettivo di dare risposte più pronte e concrete ai bisogni dei pazienti». Così il commissario straordinario dell’Azienda ospedaliera di Reggio Calabria, Carmelo Bellinvia, negando "pressioni di alcun tipo", ha replicato alle affermazioni del capogruppo dell’Udc alla Regione, Pasquale Tripodi. Nei giorni scorsi Tripodi ha sostenuto che la "riorganizzazione e le relative nomine dei responsabili dipartimentali, sembrano frutto di ordini superiori. «Organizzazione - ha aggiunto Bellinvia - pianificata e attuata dopo alcuni mesi dal mio insediamento e dopo una esperienza trentennale da operatore nell’ospedale». Il commissario straordinario sottolinea inoltre che la nuova organizzazione «é maturata dopo un continuo confronto con il personale sanitario ed amministrativo ed è stata preventivamente valutata positivamente da tutte le organizzazioni sindacali, come è facilmente documentabile dai verbali. Il nuovo assetto ha l’obiettivo di migliorare l’organizzazione per dare risposte di qualità, per valorizzare e motivare le risorse umane con una premialità per chi lavora, per chi raggiunge gli obiettivi. Questa - ha concluso Bellinvia - è la logica che ha ispirato la nuova organizzazione e la nomina dei capi dipartimento, senza pressioni di alcun tipo, ma solo nell’ottica del rispetto dei ruoli e delle professionalità ed al servizio dei cittadini».

Saverio Corretto

Cinzia Foti

Imbalzano: sul punto nascita di Melito si profilano molte novità MELITO PORTO SALVO - «La richiesta in questa fase da parte del Dipartimento Regionale alla Salute al "Tavolo Massicci" di una proroga di tre mesi in ordine alla chiusura dei punti nascita che nella Regione non raggiungono i 500 parti l’anno, e tra questi del reparto Maternità dell’Ospedale di Melito Porto Salvo, è un significativo risultato che va ascritto all’azione di tutti coloro, e quindi anche nostra, che in queste settimane hanno tentato di far comprendere l’importanza che per il disarticolato territorio dell’Area Grecanica riveste lo stesso reparto». E’ quanto afferma il consigliere regionale della Lista "Scopelliti Presidente" Candeloro Imbalzano. «Va comunque ribadito che il limite numerico è quello definito dal Piano Sanitario Nazionale e non certo dalla Regione, come sottilmente e strumentalmente qualcuno cerca di far passare, e pertanto la disponibilità manifestata dal Dipartimento Regionale a sottoporre a Roma questa proroga testimonia la sensibilità an-

che verso una struttura ospedaliera, come quella di Melito, che nell’arco dei decenni si è caratterizzata particolarmente per l’assistenzaassicuratainquestospecifico comparto» continua Imbalzano.«Il nostro auspicio va in direzione non soltanto dell’accoglimento della dilazione del provvedimento generale necessariamente adottato dal Commissario al Piano di Rientro per le cin-

que strutture calabresi direttamente interessate, ma al possibile riesame di una disposizione nazionale che oggettivamente non tiene conto di alcune peculiari situazioni, come quella più volte da noi rappresentata per il Reparto Maternità di Melito Porto Salvo», conclude il consigliere regionale Candeloro Imbalzano. Rosa Voci

Tripodi replica: non si capisce quali siano le scelte innovative REGGIO CALABRIA - «La riorganizzazione funzionale dipartimentale dell’Azienda Ospedaliera "BianchiMelacrino-Morelli, così frettolosamente determinata dal Commissario dottore-- Carmelo Bellinvia, e le relative nomine dei responsabili dipartimentali, ci sembrano frutto di ordini superiori di vecchia memoria». Lo afferma il capogruppo dell’Udc Pasquale Tripodi, secondo cui: «Non si capisce quali siano le scelte innovative, così tanto auspicate, se non quelle, a mio avviso, di moltiplicare pani e pesci per soddisfare o difendere situazioni particolari. Oggi - chiarisce Tripodi - la sanità regionale ha bisogno di uno sforzo serio e responsabile, lasciando da parte scelte scellerate. È opportuno, pertanto, l’intervento del presidente Scopelliti al fine di eliminare il disagio di un’impostazione profondamente errata. E per evitare che si diffonda un concetto errato di sanità, ancorata al passato e finanziariamente non compatibile. Si tratta di un disagio che già si avverte in altre province, non ultima la provincia di Vibo Valentia, per la quale il presidente della Commissione Attività sociali, sanitarie, culturali e formative, Nazzareno Salerno, chiede azioni coraggiose per una nuova sanità, che punti anzitutto su professionisti capaci». Prosegue il capogruppo dell’Udc: «Non si può più mortificare l’intelligenza e la professionalità dei molti e premiare la furbizia dei pochi. È necessario monitorare i bisogni prima di decidere. Infine, tutte le strutture semplici che rappresentano l’ossatura dell’Azienda Ospedaliera di Reggio Calabria che fine faranno?».


Sabato 11 Dicembre 2010

il Domani 11

CRONACHE

Caridi: a Reggio ci sono le basi per una nuova cultura dello sviluppo partecipato di Carmela Mirarchi REGGIO CALABRIA - L’assessore regionale alle Attività produttive Antonio Caridi - informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta regionale - ha accolto con grande compiacimento la notizia della prima riunione tenutasi Tra l’Amministrazione Comunale di Reggio Calabria e la società per l’Attrazione degli investimenti, costituita circa un mese fa, rappresentata dall’amministratore IvanoNasso,egiàoperativamente attiva. «Esistono le condizioni ha affermato Caridi - per promuovere una nuova cultura dello sviluppo partecipato, attraverso la definizione di atti di programmazione condivisi, con il conseguente aumento della qualità e dell’efficacia delle scelte strategiche effettuate». L’incontro ha permesso di disegnare il quadro strategico delle azioni che potranno essere messe in campo nell’immediato per realizzare una serie di iniziative indirizzate alla crescita complessiva della città. Secondo l’assessore Caridi «la nuova Società ha dimostrato da subito di possedere le capacità idonee a progettare e realizzare percorsi operativi che diano la possibilità di attrarre investimenti e di lavorare, nel contempo, ad un progetto organico per lo sviluppo del territorio. Particolare rilievo assume l’impegno della società per l’Attrazione degli investimenti relativamente alla stabilizzazione di parte degli oltre cento Lsu-Lpu in forza al Comune di Reggio Calabria, grazie alla possibilità offerta dalla Regione conl’approvazionedelladelibera che consente la riapertura dei termini dell’avviso pubblico per

l’individuazione dei datori di lavoro pubblici e privati, dei lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità, dei corsisti Enel, interessati alla stabilizzazione occupazionale. Da non trascurare, inoltre, gli interventi destinati allo sviluppo socio-economico delle aree interne ed alla promozione delle tipicità, nonché di progettazione, realizzazione e gestione delle aree produttive, unitamente alla formazione professionale ed alla promozione di innovazioni tecnologiche». Per l’assessore regionale alle Attività produttive «laSocietàsapràancheoccuparsi di azioni tese al risparmio energetico, alla valorizzazione delle produzioni locali, del patrimonio architettonico, culturale e ambientale, anche nell’ottica dell’incremento turistico. In definitiva, le parti sociali ed economiche

diventano parte integrante del processo decisionale, in un’ottica di cooperazione istituzionale finalizzata ad avviare un tavolo stabile di concertazione socio - economica con il quale stabilire e condividere programmi e strategie funzionali alle necessità scaturenti dal territorio, con lo scopo di avviare una nuova stagione di rilancio economico - produttivo della Calabria».

Minniti: vittoria degli studenti della Mediterranea contro l’aumento delle tasse

Reggio Calabria è la provincia che ha raccolto più rifiuti elettrici nella nostra regione REGGIO CALABRIA - E’ partita l’iniziativa Raeeporter, promossa da Ecodom in collaborazione con Legambiente, una campagna nazionale che ha l’obiettivo di educare i cittadini a non abbandonare i Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche sul ciglio delle strade, nei campi, sui greti dei fiumi o sulle spiagge. Nel 2010 la prima provincia calabrese che raccolto i rifiuti elettrici è quella di Reggio Calabria con 1.722 tonnellate, seguono Catanzaro (603), Crotone (244), Cosenza (194) e Vibo Valentia (50). La campagna Raeeporter è sostenuta da Radio 105, Radio Monte Carlo e Virgin Radio Italia. «Insieme a Ecodom - ha detto il vice direttore nazionale di Legambiente, Andrea Poggio - siamo impegnati nella educazione, prevenzione e azioni concrete per togliere dalle strade rifiuti e elettrodomestici abbandonati. Andiamo insiema a caccia di questi nemici pericolosi per l’ambiente». Il Presidente di Ecodom, Pietro Moscatelli, ha evidenziato che:«Con questa iniziativa vogliamo educarci ad un comportamento sostenibile, accrescendo la responsabilità individuale nei confronti di un tema importante ma molto spesso trascurato».

“Progetto integrato” di Mortara, sopralluogo di Raffa REGGIO CALABRIA - Dopo la rescissione del contratto con l’Ati Lafatre - Cofor s.r.l., ieri mattina, alla presenza del sindaco Giuseppe Raffa si è proceduto alla "redazione del verbale dello stato di consistenza dei lavori e l’inventario delle opere provvisionali e degli impianti presi in consegna" del cantiere "Progetto integrato" di Mortara di Pellaro per la realizzazione del "Centro alimentare - Trasporti pubblici e Servizi annessi". L’opera, di grande rilevanza strategica per lo sviluppo economico della città, entra così in una nuova fase. Al momento dell’ingresso in cantiere, insieme al Primo Cittadino ed ai rappresentanti della Polizia Municipale, erano presenti il Responsabile Unico del Procedimento, architetto Domenico Macrì, nonché gli ingegneri Francesco Costantino, Giuseppe Meliadò, Mattia Neto ed Olga Spanò, e gli architetti Giovanna Pellicanò e Bruno Grenci. Con la prima picconata al lucchetto del cancello, quindi, è stato dato il via ad un passaggio si-

gnificativo di quel crono-programma che, sotto l’input del sindaco Raffa, è stato sviluppato dall’Amministrazione Comunale per risolvere definitivamente le delicate questioni che interessano il Centro Integrato. Problematiche che hanno impedito il trasferimento, in particolare, degli operatori mercatali di via Aspromonte i quali, proprio in quella sede, vivono disagi generati dal degrado strutturale ed anche da insufficienze igienico - sanitarie. «Un altro fondamentale tassello è stato aggiunto verso la soluzione dei problemi del Centro Integrato». Questo il commento del Sindaco Giuseppe Raffa che, dopo il suo ingresso nell’area di cantiere, ha voluto ribadire come il completamento della struttura a Sud di Reggio«rappresenti una delle priorità nelle azioni politico - amministrative che stiamo portando avanti con progetti mirati che crediamo possano essere finalmente risolutivi».

REGGIO CALABRIA «La lotta degli studenti dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria ha pagato e, dopo tanti giorni di occupazionedell’aula magna Quistelli ed altre iniziative, ha ottenuto un primo, sensazionale risultato: il dietrofront del Senato accademico e la revoca dell’aumento delle tasse» si legge in una nota di Omar Minniti, Consigliere provinciale Prc-Fds. «Quando la protesta degli universitari reggini è cominciata a montare, sono state in tante le "cassandre" che non scommetteva un centesimo sull’esito della mobilitazione e invitavano gli studenti a riprendere le lezioni con la coda tra le gambe. Li volevano piegati, divisi, indaffarati solo ad organizzare party mondani e incapaci di difendere i propri diritti - continua -. Adesso dovranno ricredersi: gli studenti della Mediterranea hanno dato una grande prova di compattezza e maturità e questo, alla fine, ha permesso di portare a casa il risultato. Inoltre, con i momenti di partecipazione, dibattito e democrazia dal basso di questi giorni, hanno saputo far vedere all’opinione pubblica un volto dell’Ateneo reggino ben diverso da quello emerso dalle inchieste giudiziarie sulle inquietanti infiltrazioni della ’ndrangheta, sugli esami comprati con i capretti. Difendere il proprio futuro - conclude - battersi per la propria dignità, significa anche dire no al malaffare e le collusioni e dimostrare ai giovani della nostra città, non solo studenti, che si possono conquistare dei benefici tangibili senza chiedere favori ai potenti, siano essi boss, baroni o politici affaristi». Enzo Scarpino


12

il Domani Sabato 11 Dicembre 2010

CRONACHE Ottima riuscita dello scambio culturale fra Cosenza e Spagna COSENZA - Una scuola del Sud dell’Italia, il Liceo Statale "Lucrezia Della Valle"di Cosenza, ed una del Sud della Spagna, il Liceo Scientifico "Angel De Saavedra" di Cordoba, unite da un proficuo scambio culturale nell’ambito del Programma Comenius per la mobilità studentesca. Un travaso di esperienze della durata di tre mesi che ha portato dallo scorso 15 settembre un gruppo di studenti cosentini del Liceo "Della Valle" a studiare a Cordoba ed un gruppo di studenti spagnoli, del Liceo "De Saavedra", a studiare a Cosenza. Ieri mattina la delegazione di studenti spagnoli, insieme ai colleghi cosentini che li hanno ospitati nelle loro famiglie, sono stati ricevuti a Palazzo dei Bruzi dall’Assessore alle politiche dell’educazione Franco Napoli. Ad accompagnarli, la preside del Liceo "Della Valle" Gilda De Caro, artefice del progetto riguardante la mobilità individuale degli alunni Comenius. Con la De Caro anche le professoresse Filomena Amelia Guzzi, docente di spagnolo del Liceo "Della Valle" e responsabile del progetto, Wanda Filippelli, insegnante specializzata nell’insegnamento dell’italiano per stranieri e Filippina Martire che collabora direttamente con la preside De Caro per la gestione del progetto. Un bilancio estremamente positivo dell’esperienza maturata in Italia e a Cosenza

quella tracciato dai ragazzi che ripartiranno per la Spagna tra qualche giorno, esattamente mercoledì 15 dicembre, mentre il 18 faranno ritorno in Italia gli studenti del Liceo "Della Valle" che concluderanno la loro esperienza a Cordoba. A parte il percorso didattico, gli studenti spagnoli hanno visitato Roma, Cosenza e altre località della Calabria durante le gite organizzate dalle famiglieospitantichehannodimostrato nei confronti dei ragazzi spagnoli una mobilitazione, un calore e un affetto che la preside De Caro ha definito "straordinari". «Gli scambi culturali, quando poggiano su basi solide come quelle edificate dal Liceo "Lucre-

zia Della Valle" e che si devono all’impegno di una dirigente scolastica particolarmente attiva come la preside De Caro, rappresentano - ha sottolineato l’Assessore Franco Napoli - un elemento formativo importante per i ragazzi delle nostre scuole, così come per gli ospiti che sono stati a Cosenza per tre mesi. Quello che l’Europa sta attualmente vivendo è un momento difficile, ma è nei momenti di difficoltà che la nostra sensibilità deve diventare più forte ed avvicinarci sempre di più e ciò che si è realizzato tra gli studenti di Cosenza e Cordoba è la prova tangibile che raccogliere le migliori esperienze e metterle a confronto è possibile anche in funzione di una auspicabile rinascita del mondo della scuola». «A parte le relazioni umane ed affettive che si stabiliscono durante questa fruttuosa condivisione di esperienze, questi scambi - ha affermato durante l’incontro la preside del Liceo "Della Valle" Gilda De Caro - sono estremamente utili perché da un lato mettono in evidenza l’identità dei problemi, le differenze di educazione, le comuni difficoltà degli adolescenti, mentre dall’altro incoraggiano il confronto di metodi e si sostanziano nel tentativo di dare l’esattezza nella valutazione degli studi portati avanti dagli studenti». S. Corretto

Feraudo (Idv): potenziare la Casa delle culture, è un luogo importante COSENZA - «La casa delle culture a Cosenza è un luogo importante. Perché è un luogo ove le tante componenti della città trovano una sintesi di luogo e di tempo per coltivareilbagagliodiconoscenze che devono essere trasmesse di generazione in generazione» si legge in una nota del segretario regionale dell’Italia dei Valori, Maurizio Feraudo. «Ed è anche il luogo ove la pluralità, intesa come risorsa, diventa essa stessa essenza vera della casa cosicché tutti possono "appropriarsi" di uno spazio e lo spazio stesso si plasma per poter essere "appropriato" continua -. Il senso, secondo me, di aver pensato, in grande, ad una casa delle culture e non ad una casa della cultura sta proprio nella volontà, intrinseca nel pensiero stesso, di meditare e di far meditare sul pluralismo come risorsa e come dote presente e futura. Cosenza è sempre stata una città plurale, identificata dalle cronache

storiche come la città dei Bruzi, l’Atene della Calabria, sede dell’antica Accademia Cosentina. Ciò a significare che nel pur ricco fermento culturale calabrese, Cosenza è stata sempre un segnale luminoso che ha colorato il sentiero della nostra civiltà. Ed oggi che abbiamo la possibilità di conoscere le diverse sensibilità culturali attraverso non solo i media e gli strumenti informatici, ma direttamente tramite la viva voce

delle esperienze di tanti e tanti uomini e donne che provengono da altri Paesi anche molto distanti, la Casa può e deve diventare il centro di arrivo e di partenza delle esperienze e dei saperi. Midle Europa, Europa dell’Est, Asia, Africa, Americhe: tanti saperi possono essere rappresentati in uno stesso luogo per costruire insieme l’alleanza umana delle competenze e delle conoscenze affinchè si possa edificare un sodalizio culturale che unisca e includa le esperienze personali e collettive delle donne e degli uomini che vivono in questa città. La casa delle culture deve, in questo spirito, essere potenziata, fortificata e corroborata. E a questo processo dobbiamo partecipare tutti - conclude Maurizio Feraudo - indistintamente. Perché solo considerando le altre culture come vere risorse possiamo crescere , migliorarci e maturare».

L’Ambasciatore egiziano in visita dal sindaco Salvatore Perugini COSENZA - L’Ambasciatore della Repubblica Araba d’Egitto Ashraf Rashd è stato ricevuto ieri pomeriggio a Palazzo dei Bruzi dal Sindaco Salvatore Perugini e dal Presidente del Consiglio comunale Antonio Ciacco. L’ambasciatore egiziano, accompagnato da una folta delegazione guidata dal Consigliere dell’Ambasciata in Italia Taha Matar, ha inserito la città di Cosenza nel viaggio e negli incontri istituzionali che sta compiendo in Calabria, in occasione della settimana della cultura egiziana per l’integrazione e il confronto tra la nostra regione e l’Egitto, promossa dall’stituto Superiore Calabrese di Politiche internazionali presieduto da Salvatore La Porta. «Siamo molto interessati a curare i rapporti internazionali con i Paesi del bacino del Mediterraneo - ha detto Perugini dopo aver dato il benvenuto all’ambasciatore egiziano. Dobbiamo essere tutti impegnati affinchè il Mediterraneo perda la sua connotazione di mare di guerra e diventi sempre di più un mare di pace. Un ruolo importante nel dare propulsione a questi processi, come anche alla cooperazione culturale, ma anche nel settore degli studi e della ricerca, lo possono avere i nostri giovani. Crediamo così tanto nelle nuove generazioni che da tre anni a Cosenza ospitiamo il meeting euromediterraneo dei giovani che dialogano tra loro, si conoscono, scambiano esperienze e si confrontano sui temi del Mondo. Il cammino di relazioni - ha aggiunto Perugini - che dovrà essere avviato tra Calabria ed Egitto dovrà riguardare anche le nostre rispettive istituzioni universitarie». Perugini ha poi concluso il suo intervento rivolgendo all’ambasciatore Ashraf Rashd l’invito alla "prima" de "Il Trovatore" di Giuseppe Verdi in programma domani sera al Teatro "Rendano". L’ambasciatore ha ringraziato, ma dovrà ripartire per impegni istituzionali domattina. Al Rendano saranno presenti, però, gli altri componenti della delegazione egiziana. «Occorre assecondare e favorire un fervido percorso di proficua cooperazione tra Italia ed Egitto - ha poi detto il Presidente del Consiglio comunale Antonio Ciacco - assumendo il Mediterraneo come snodo strategico nel quale Calabria ed Egitto possano a loro volta dialogare e cooperare». Ciacco ha indicato nel protocollo d’intesa che sarà firmato domani tra la Biblioteca civica di Cosenza e la biblioteca egiziana il punto più alto di questa cooperazione culturale. «Il Mediterraneo - ha aggiunto Ciacco - dovrà trasformarsi da osservatore passivo in protagonista attivo dei percorsi culturali che andremo a concertare». Dopo aver ringraziato l’Amministrazione comunale per l’accoglienza riservata, l’ambasciatore egiziano ha condiviso l’importanza dei rapporti di cooperazione già avviati avvertendoli quasi come una necessità.

Disagi in città per interruzione dell’acquedotto Abatemarco COSENZA - Una improvvisa e consistente rottura sulla condotta adduttrice dell’acquedotto Abatemarco, verificatasi durante la notte tra iovedì e venerdì in località Cannia, nel comune di San Sosti, ha reso necessario sospendere l’erogazione dell’acqua a Cosenza e in alcuni comuni della provincia per consentire gli interventi di riparazione. Lo ha reso noto la Sorical, comunicando che nelle prime ore della mattinata di ieri è stata parzialmente ripristinata l’erogazione ad alcune utenze, comprese quelle di Colle Mussano e via De Rada, oltre al Merone, rimasta sempre attiva. I lavori di riparazione sono stati ultimati ieri. Ultimata la riparazione della condotta, si procederà al ripristino di tutte le utenze.

Anna Bolle


Sabato 11 Dicembre 2010

il Domani 13

CRONACHE

«Stabilizzare medici precari serve a garantire i servizi» di Carmelo Morise COSENZA - «La problematica riguardante i medici precari che operanonell’AziendaOspedaliera e nell’Azienda Sanitaria Provinciale - dichiara il sindaco di Cosenza, Salvatore Perugini - non può essere oggetto di polemica politica né di strumentalizzazioni o di demagogia, ma si colloca sul piano della responsabilità istituzionale. Siamo, infatti, di fronte a un dato: questi professionisti svolgono da più anni un lavoro importante e delicato al servizio di un vasto territorio. Meritano, perciò, di trovare una stabilizzazione che eviti sia disagi sul piano dell’occupazione, sia scelte penalizzanti per i cittadini sul piano della tutela del diritto alla salute. Nell’esprimere, perciò, la mia totale solidarietà nei confronti dei medici precari che stanno conducendo un’importante battaglia, confido che il Presidente della Giunta Regionale darà una risposta positiva alle legittime richieste dei professionisti, considerato tra l’altro il fatto che la stabilizzazione di questo personale sanitario non determinerebbe un aggravamento dei costi, poiché il suo impegno rientra nella spesa storica. È un problema da affrontare al più presto - conclude - la cui soluzione deve essere considerata come una priorità perché, soprattutto in una situazione difficile come quella della Sanità calabrese, è necessario operare scelte necessarie a garantire servizi essenziali e a valorizzare le professionalità esistenti». Sulla questione è intervenuto anche Giampaolo De Luca, Presidente della Società Italiana di Pediatria - Sezione Calabria, che ha affermato che «non

possiamo e non dobbiamo rinunciare alle competenze acquisite dai medici che lavorano negli Ospedali della nostra Provincia, e che rischiano di essere mandati a casa il 31 dicembre 2010. Mi riferisco, in particolare, ai colleghi che prestano la loro opera nei reparti di pediatria, realtà che conosco meglio. Se ciò avvenisse, la pediatria e la chirurgia pediatrica di Cosenza e la pediatria di Cetraro rimarrebbero con poche unità lavorative, assolutamenteinsufficientiagarantire un adeguato servizio. Con tali premesse, e senza innescare una sterile polemica politica che non mi riguarda, mi chiedo come possono crearsi le condizioni per migliorare davvero la qualità del servizio sanitario se viene a mancare la componente essenziale che deve svolgere tale servizio? Sicuramen-

te le maggiori responsabilità, visto che il problema si trascina da molti anni,nonpossonoattribuirsiall’attuale governo regionale. L’attuazione del piano di rientro, con le conseguenti necessità imperanti di risparmio, non può però penalizzare l’assistenza sanitaria della Provincia di Cosenza dove purtroppo, a differenza di quella di Catanzaro e Reggio Calabria, negli anni passati non si è proceduto alla stabilizzazione dei medici con contratti a tempo determinato. Non si può invocare il rientro dei cervelli o la qualità dei servizi se non si considera che i medici precari, che da molti anni lavorano nei nostri ospedali, sono portatori di competenze e professionalità a cui non possiamo e non dobbiamo rinunciare».

Idv: Corigliano, il Sindaco si deve dimettere subito o ci mobiliteremo CORIGLIANO - "«Il sindaco faccia un regalo di Natale alla città, si dimetta». Così Maurizio Feraudo, ieri sera, intervenuto alla conferenza stampa di presentazione di un nuovo circolo di Idv, inaugurato domenica scorsa e presieduto da Franco Candreva. Il quale ha sostenuto : "Ho deciso di abbracciare il pensiero di Idv perché rappresenta il rinnovamento". Un percorso, quello del neo nato circolo di Idv "nato con la consultazione regionale scorsa e sfociato nell’inaugurazione di domenica 5 dicembre". All’incontro oltre al segretario regionale, Maurizio Feraudo, era presenta anche Emilio De Bartolo e Franco Portella. Il segretario provinciale del partito ha incentrato la sua riflessione sul quadro attuale della politica coriglianese, improntato "su vecchi e ormai logori rituali". «Ci sforzeremo -ha aggiunto - di rappresentare le istanze positive della città. Per questo motivo siamo orgogliosi del gruppo di persone che hanno deciso di abbracciare il progetto, fondando un nuovo circolo di Idv». Il segretario provinciale inoltre sottolinea «la politica coriglianese va rivoltata come un calzino, con un sindaco abbarbicato al potere senza alcuna logica, con un’amministrazione che a stento approva l’ordinario e con una giunta monca. Focalizzerei l’attenzione - ha aggiunto De Bartolo - facendo riferimento a quanto accaduto ieri sera nelle stanze di un notaio cittadino col Pd promotore della raccolta di firme, da parte di alcuni consiglieri comunali ancora intenti a far decadere

l’assise civica sfiduciando il primo cittadino - perché molti hanno sostenuto il tentativo, fallito, di mettere insieme forze sane. Molti si attendevano dall’ex sindaco un alleato in direzione del cambiamento». Maurizio Feraudo, dal canto suo, oltre a reiterare la richiesta di dimissioni da parte del sindaco Straface ha menzionato il percorso del suo partito per la città. «Antonio Di Pietro - ha detto - è stato l’unico politico nazionale a riportare in Parlamento quanto sta accadendo in città. Per questo motivo è giunto a Corigliano, nei mesi scorsi, l’eurodeputato Luigi De Magistris e per questo motivo indiremo il D Day e la mobilitazione di massa a gennaio se il sindaco non si dimetterà o se i partiti non riusciranno a sfiduciarlo. Due circoli in città non significa antagonismo - ha specificato in ultimo Feraudo riferendosi al circolo già esistente - ma rafforzare la presenza del partito». Alla conferenza stampa erano presenti anche alcuni esponenti del centrosinistra, il segretario cittadino del Pd Zangaro, il coordinatore di Sel Laise ed anche il capogruppo democratico, Aldo Algieri.

A. Bolle

Gallo: garantire l’assistenza sanitaria di base ad Orsomarso ORSOMARSO - «Sia garantita ai cittadini di Orsomarso l’assistenza sanitaria di base». E’ quanto chiede il consigliere regionale Gianluca Gallo all’Azienda sanitaria provinciale e al governo regionale, al quale l’esponente dell’Udc ha rivolto un’interpellanza. Ricorda Gallo: «Tutto ha avuto inizio nel febbraio del 2009, quando l’unico medico di base da anni attivo in paese è stato collocato in pensione. Pochi giorni dopo, su incarico dell’Asp, un medico di base non massimalista apriva un proprio ambulatorio ad Orsomarso, prestando la propria assistenza, per ragioni di ordine autorizzativo ed amministrativo, limitatamente ad un numero massimo di 800 assistiti. Per tale motivo, tuttavia, almeno 700 cittadini rimanevano sprovvisti, in tutto o in parte, di assistenza sanitaria di base e perciò costretti ad emigrare nei centri viciniori persino per una semplice ricetta o per cu-

rare una banale influenza, con gravissimi disagi soprattutto per anziani e disabili, dal momento che il presidio di Guardia Medica più vicino è situato a Santa Maria del Cedro, a 20 chilometri di distanza, mentre l’ospedale più prossimo, quello di Praia a Mare, dista ben 40 chilometri, peraltro percorribili con difficoltà e tempi lunghi data la condizione orografica del territorio e l’inesistenza di strade di collegamento veloci». Aggiunge l’esponente dell’Udc: «A fronte di ciò a più riprese e con atti ufficiali l’Amministrazione Comunale sollecitava l’Asp di Cosenza a dare soluzione alla problematica, senza tuttavia ottenere esito positivo». Fattosta, osserva il consigliere regionale centrista, «che a tutt’oggi, nonostante i ripetuti solleciti, concretizzatisianche in petizioni popolari e civili proteste, politiche esociali, l’Asp non è riuscita ad individuare

soluzioni idonee a definire la questione, sebbene il Comune di Orsomarso avesse già da tempo messo a disposizione gratuitamente i locali necessari ad ospitare in paese un presidio di Guardia Medica festiva e notturna». Uno stato di cose che porta ora Gallo a chiedere al Governatore e commissario per la sanità Giuseppe Scopelliti «se il Governo regionale sia a conoscenza della situazione e se e come intenda procedere per garantire il diritto alla salute ed all’assistenza sanitaria di base dei cittadini di Orsomarso».

Carmela Mirarchi


14

il Domani Sabato 11 Dicembre 2010

CRONACHE Cotrone, l’Assessore regionale Caridi visita i lavori del centro storico COTRONEI - Accompagnato dall’Assessore al turismo di Cotronei, Giuseppe Pipicelli e dal consigliere regionale Salvatore Pacenza, l’assessore regionale alle Attività Produttive Antonio Caridi, ha visitato nei giorni scorsi il centro storico di Cotronei meglio noto con il nome di "Gria"; nell’apprezzare i lavori quasi ultimati, (l’inaugurazione è prevista per il prossimo mese di febbraio) il rappresentante della Giunta regionale ha dato la sua disponibilità per la creazione di una rete dell’artigianato calabrese e che potrà avere nel centro storico di Cotronei una delle sue location ideali.In merito alla visita di Antonio Caridi, l’assessore al turismo di Cotronei ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Sono particolarmente soddisfatto della venuta a Cotronei di Antonio Caridi il quale ha colto a volo le esigenze rappresentate dal sottoscritto per migliorare il centro storico di Cotronei. Ho sempre creduto in questa parte caratteristica della nostra cittadina che nell’imminente dovrà essere il motore della nostra comunità e avere un ruolo determinate nel mosaico del turismo diversificato che stiamo sempre più perfezionando insieme agli operatori turistici della Sila crotonese. Ho già nel cassetto un progetto che attrarrà nel nostro territorio le eccellenze del settore artistico e culturale e che farà del nostro centro storico un punto di riferimento della provincia e dell’intero territorio silano. Ricordo che grazie anche all’impegno del sottoscritto, Cotronei è oggi comune capofila in vari e importanti progetti turistici e culturali avviati con Regione , province silane e parco nazionale della Sila; ora non bisogna mollare» Annarita Liverani

Controlli dei Carabinieri per i furti di energia elettrica, due arresti CIRO’- I Carabinieri della Stazione di Cirò, comandata dal Maresciallo Diego Annibale, coadiuvati dai colleghi del Norm di Cirò Marina e delle Stazioni Carabinieri di Torre Melissa e di Torretta di Crucoli, nella mattinata di giovedì hanno effettuato una serie di controlli a tappeto nel centro abitato per accertare furti di energia elettrica da parte di privati con pochi scrupoli che, con alcune modifiche all’impianto elettrico, prelevavano il fabbisogno della propria abitazione direttamente dalla rete elettrica. I controlli, in collaborazione con personale tecnico specializzato, hanno consentito di verificare alcuni impianti, per due abitazioni sono state evidenziate irregolarità nella fornitura, nello specifico sono stati scoperti in entrambi i casi dei bypass che consentivano di "scavalcare" il contatore e prelevare direttamente la corrente elettrica senza che venissero conteggiati i consumi. Gli impianti sono stati così sigillati e per i due proprietari, A.C di cinquantanove anni e A.F. di quarantacinque anni, entrambi braccianti agricoli di Cirò. Per loro sono scattate le manette con l’accusa di furto aggravato di energia elettrica in flagranza, sono stati trattenuti così presso le camere di sicurezza e questa mattina convalidato l’arresto venivano rimessi in libertà.

Rosa Voci

FpCgil: il piano sanitario ci toglie 133 posti letto di Rosa Voci CROTONE - «Complimenti! Il compitino sulla sanità crotonese è stato svolto secondo la traccia comunicata ormai da diverso tempo. Solo che a dare il voto che rasenta la scarsità, saranno tutti i cittadini che si vedono declassare una sanità che ormai è in declassabile» si legge in una nota del Segretario Generale Fpcgil, Francesco Grillo e del Segretario Fpcgil Resp. Sanità, Salvatore Scicchitano. «Apprendiamo - continuano - nostro malgrado, che il Piano delle attività dell’Asp di Crotone viene presentato in anteprima agli organi di stampa, quando ancora in corso c’è la discussione con la Conferenza dei Sindaci, con le ooss, con le parti sociali, insomma con tutti gli attori che dovevano avere anzi tempo il copione del film, ma soprattutto quando, giorno 16 dicembre, ci sarà l’incontro con il Governo al tavolo Massicci. Non avevamo dubbi - aggiungono - su come questa partita si sarebbe giocata, cioè,sottraendosialconfronto,facendo di tutto affinchè il messaggio che doveva passare era, "qui facciamo tutto noi" alla faccia del disprezzo delle regole, su una questione di primaria e costituzionale importanza quale la sa-

nità pubblica. La nostra preoccupazione era che il Piano di rientro dal debito si sarebbe tramutato in Piano Sanitario Regionale, volevamo tanto sbagliarci ma purtroppo avevamo ragione. Un Piano che ci definisce Spoke (Ospedale per le acuzie), dimenticandosi addirittura che siamo Azienda Sanitaria Provinciale, con un unico Presidio Ospedaliero, che deve soddisfare i bisogni di una popolazione che si aggira intorno a 172.000 abitanti. Un Piano che ci toglie 133 posti letto, che declassa, accorpa, riordina, non offre, riassumendo applica una sola operazione, " la sottrazione". Un Piano che manda a casa i precari, che mette in discussione l’impiego di 132 ex lavoratori in mobilità in deroga e di 70 lavoratori in cassa integrazione in dero-

ga tutti utilizzati nell’ Asp di Crotone e non solo. Un Piano che riduce considerevolmente le prestazioni sanitarie che tutto l’apparato privato dovrebbe fornire alla sanità pubblica. Ma la cosa che più ci infervorisce è, che secondo quanto dicono i politici del centro destra sia locali che regionali, non doveva cambiare assolutamente nulla, anzi, avremmo avuto una sanità migliore al pari di altre realtà. Ma chi vogliono prendere in giro, una cosa è certa, anche questa volta abbiamo un triste primato, quanto successo è l’unico in tutta la Regione Calabria. A questo punto vogliamo conoscere quali sono le direttive del Direttore Generale del Dipartimento Sanità, con la consapevolezza che saremo ancor più vigili su una così delicata e importante questione. Ribadiamo quanto detto ai Commissari Regionali e al Direttore Generale del Dipartimento Sanità, la Fpgil Crotone non ci stà. Metteremo in campo concludono - tutto quello che è a nostra disposizione per dire la nostra e salvaguardare un "diritto essenziale" come quello della Sanità Crotonese, siamo stanchi di vedere il nostro territorio depredato da ogni cosa».

Lucà scrive a Scopelliti: dignità al sistema scolastico di Cirò Marina CROTONE - «In riferimento all’ultimo Consiglio Provinciale che ha causato una serie di fibrillazioni anche all’interno della maggioranza stessa, mi permetto segnalarvi una situazione alla quale spero, in sede di discussione in Commissione e Consiglio Regionale, sia restituita la giusta dignità al sistema scolastico di Cirò Marina, perché l’attuale dimensionamento, emendato impropriamente, disattende vistosamente le linee guida indicate dalla Regione stessa» si legge nella lettera di Salvatore Lucà al Presidente Scopelliti. «L’Assessore Provinciale Marino aveva presentato, dopo una serie di incontri di sola maggioranza, un piano di dimensionamento scolastico che salvaguardava almeno le autonomie esistenti, ma purtroppo in Consiglio Provinciale, a cui non ho potuto partecipare per impegni personali improrogabili, un consigliere di maggioranza ha presentato un improvvido emendamento poi sorprendentemente votato dalla maggioranza stessa, pur tra mille difficoltà - continua -. La variazione di fatto ha soppresso un’ autonomia senza che c’è ne fosse la necessità e non in sintonia con quanto dichiarato dallo stesso Assessore che aveva sottolineato, or-

gogliosamente in più di un’occasione ed in più sedi, di aver salvaguardato tutti, forse con molta ingenuità e superficialità. Purtroppo - si legge ancora nella lettera di Lucà al Governatore della Regione Calabria - nella pratica non si è concretizzata la tutela preannunciata, penalizzando doppiamente Cirò Marina. Preso atto del Piano presentato dall’Assessore Marino che in sintesi non sopprimeva alcuna autonomia, voglio sentitamente segnalarvi questa situazione veramente paradossale: si emenda il piano di dimensionamento presentato dall’esecutivo di governo provinciale in barba alle linee guida regionali, senza che nessuno, ancora oggi, abbia capito quale interesse particolare ha spinto il consigliere della stessa maggioranza a proporre il cambiamento. Non vorremmo che si consumasse ai danni di Cirò Marina una vera beffa, dopo aver dato un contributo determinante, con la propria popolazione scolastica, al mantenimento dell’autonomia scolastica di Crucoli. Detto ciò - precisa ancora nella lettera - per evitare che monti una protesta legittima da parte di genitori, studenti e docenti, voglio estendervi l’invito a ripristinare quantomeno la

prima soluzione Marino, giuste vostre linee guida, e nel contempo mi permetto, cogliendo naturalmente l’occasione, di sollecitarvi anche la ripresa dei lavori, sospesi da anni, del costruendo polo scolastico di contrada Ceramidio di Cirò. Comprendo che il riavvio dei lavori è un atto di esclusiva competenza della Giunta provinciale, ma sono certo che un vostro importante intervento possa dare il giusto imput ai nostri amministratori provinciali che, al momento, non hanno ritenuto nemmeno rispondere ufficialmente ad alcune mie istanze dei mesi scorsi sollecitatemi da genitori, studenti e docenti. Diminuire una spesa esosa per canoni di locazione non sarebbe un’iniziativa marginale - conclude Salvatore Lucà - specialmente in questi periodi di tagli all’Ente intermedio e nel contempo una giusta attenzione al comprensorio cirotano»

Salvatore Bracco


Sabato 11 Dicembre 2010

il Domani 15

CRONACHE 40 quintali di Alberghiero, presentati Trasportavano rottami ferrosi, due arresti i lavori della nuova sede VIBO VALENTIA - Una volta operativa sarà la scuola più grande della provincia vibonese, e già questo dato basta a rendere l’idea di quanto sia rilevante questo intervento nel settore dell’edilizia scolastica locale. I lavori per il completamento dell’edificio che ospiterà l’Istituto Alberghiero di Vibo Valentia sono stati presentati ieri mattina nel corso di una conferenza stampa tenutasi nell’area di cantiere, alla quale hanno preso parte il presidente della Provincia Francesco De Nisi, l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Barbuto, il sindaco della città capoluogo Nicola D’Agostino e il dirigente scolastico Carlo Pugliese. Presenti anche gli assessoriprovincialiPaoloBarbieri (che curò l’avviò dell’opera durante la precedente amministrazione), Gianluca Callipo e Domenico Antonio Crupi. Il progetto prevede il completamento del corpo di fabbrica esistente e la costruzione di una nuova ala che ospiterà 4 cucine e la grande sala ristorante. Complessivamente, la scuola sarà dotata di 43 aule, 4 laboratori (2 di informatica, uno di chimica e uno di fisica), una sala bar e una sala ricevimento per i rispettivi corsi didattici, più una serie di locali adibiti a uffici amministrativi.Il nuovo investimento ammonta complessivamente a 4 milioni di euro, stanziati nell’ambito dell’Accordo di programma quadro (Apq) sottoscritto con il ministero della Pubblica istruzione.La fine dei lavori è prevista per giugno 2012, ma già dall’inizio del prossimo anno scolastico potrebbe essere possi-

bileutilizzarel’edificioprincipale per trasferirvi gli studenti. «L’Alberghiero riveste una particolare importanza nel contesto scolastico vibonese, proprio per le sue finalità formative in sintonia con la vocazione turistica del territorio - ha spiegato De Nisi -. L’obiettivo della Provincia, dunque, è valorizzare al meglio questa scuola, dotandola di una sede moderna ed efficiente che sia all’altezza delle aspettative di studenti e operatori del settore». Il presidente, poi, ha sottolineato conparticolareapprezzamentoil clima di aperta collaborazione che si è instaurato tra Provincia e Comune, «una sinergia concreta e fattiva che punta al sodo senza pastoie burocratiche». Spirito di collaborazioneriscontrato anche nelle parole del sindaco, che ha ringraziato la Provincia «per

questo regalo alla città capoluogo», promettendo di ricambiare in termini di servizi per gli studenti. I massimi rappresentanti delle due amministrazioni, quindi, hanno ribadito la volontà di concentrare in località Cocari gli istituti di istruzione superiore della città, completando e attrezzando al meglio la cittadella scolastica. «Un sogno che intendiamo realizzare - ha aggiunto dal canto suo l’assessore Barbuto -. Senza sottovalutare i meriti di chi ci ha preceduto, vogliamo dare una sterzata decisiva in direzione di questo ambizioso obiettivo, che con il completamento dell’Alberghiero sarà molto più vicino».

Annarita Fazzi

VIBO VALENTIA - La situazione dei rifiuti nella provincia di Vibo Valentia non fa che agevolare gli illeciti trasportatori di materiale ferroso e di rottami altamente inquinanti e, proprio per far fronteaquestaemergenza, che si è venuta ulteriormente ad aggravare negli ultimi giorni, gli uomini della CompagniaCarabinieridiVibo Valentia hanno ulteriormente intensificato i controlli volti a garantire il corretto smaltimento dei rifiuti pericoloso ed inquinanti. Nell’ambito di questi controlli i militari del Norm hanno arrestato Luigi e Massimo Berlingieri, entrambi cittadini lametini di 43 e 31 anni, ben noti alle forze dell’ordine e sorpresi dai Carabinieri mentre, a bordo del proprio camion, stavano trasportando, attraverso la frazione Vena di Ionadi, ben 40 quintali di rottami ferrosi e parti di veicoli in assenza di autorizzazione e verso un sito di stoccaggio non autorizzato. I Carabinieri,chesisonoaccorti dell’illegale carico nonostante i due avessero appositamente aggiunto un rialzo alle spondedelveicoloproprio per impedire a chiunque di poter scorgere cosa stesse venendo trasportato, dopo la pura formalità della richiesta dei documenti autorizzativi al trasporto, che ovviamente i due non avevano, hanno provveduto a dichiararli in arresto con l’accusa di trasporto illegale di rifiuti pericolosi ed inquinanti.Così, mentre il carico ed il mezzo prendevano la strada del deposito giudiziario, i due nomadi venivano trasferiti nel carcere cittadino in attesa dell’udienza di convalida.

Messa di preparazione al Natale per le forze armate VIBO VALENTIA - In occasione delle imminenti festività natalizie presso il Duomo si San Leoluca il Vescovo di Mileto, Nicotera e Tropea, Mons. Luigi Renzo, ha officiato una celebrazione eucaristica in preparazione del Santo Natale a beneficio delle forze armate e di polizia operanti nel territorio vibonese. L’intera funzione religiosa ha accomunato tutte le istituzioni operanti sul territorio secondo lo spirito di collaborazione che le connota. Da sottolineare l’apprezzata omelia di Mon. Luigi Renzo, che, in questo periodo di avvento, ha ricordato l’importanza delle fede e della riflessione interiore. Al termine il comandante provinciale della Guardia di Finanza, colonnello Giuseppe Licari, ha ringraziato il vescovo, per le parole pronunciate, il prefetto e le altre autorità civili e militari, in servizio e in congedo, per aver impreziosito, con la loro presenza, l’evento, attribuendo allo stesso particolare valenza emotiva, spirtuale. La santa messa è stata celebrata da Mons. Giuseppe Fiorillo e dai cappellani della polizia di stato, dei carabinieri e della Guardia di Finanza.

Anna Bolle


16

il Domani Sabato 11 Dicembre 2010

CRONACHE

Mobilitazione del Pdl a Soverato Ben 8 nuovi vigili urbani al Comune Cervadoro: fiducia a Berlusconi di Catanzaro di Francesco Pungitore SOVERATO - Domenica alle 17.30 nei locali dell’Hotel degli Ulivi il Popolo della Libertà di tutto il comprensorio Soveratese si riunirà con i suoi iscritti e simpatizzanti per esprimere una mozione di fiducia al governo Berlusconi. «Chi è stato chiamato a governare dalla maggioranza del popolo italiano non può essere ricattato dai faccendieri della politica» sottolinea Franco Cervadoro, tra i promotori dell’iniziativa. Cosa sta accadendo a livello nazionale? Prima la rottura tra Berlusconi e Fini e, adesso, il die«Chi è stato trofrontdiFuturo chiamato a e Libertà che addiritgovernare dal propone tura un reincarico al premier.. popolo non «Degli insoddipuò essere sfatti tentano di condizionare ricattato» dall’esterno il Pdl

non essendo riusciti a farlo dall’interno. Tirano la corda sperando di non farla spezzare con il ricorso alle urne da dove uscirebbero malconci». Come sta vivendo la base del Pdl questa situazione? «Il Popolo della Libertà ha ormai maturato una coscienza politica lontana dai vecchi comportamenti. Vuole rispetto del proprio voto e non accetta i tradimenti. Risponderà più forte di prima». Ritiene che ci siano i margini per

condurre in porto questa legislatura? «Se si disperde il margine di voti di sicurezza avuto dagli elettori, anche alla sola Camera, Berlusconi non si farà ricattare da nessuno e punterà alle elezioni». Condivide l’analisi in base alla quale Berlusconi si sia troppo schiacciato sull’alleanza con la Lega, a danno del Sud? «No, la Lega si è dimostrata una forza politica corretta e leale, mai hanno intralciato la politica per il Sud di Berlusconi. Le loro istanze sono il respiro e le aspirazioni non solo dei loro territori di appartenenza ma di tutti noi. I loro temi centrali: federalismo, sicurezza, buon governo sono di tutte le persone che hanno a cuore il nostro Paese al Nord come al Sud. Il resto è folclore. Se avesse la possibilità di incontrare Gianfranco Fini, cosa gli direbbe? «Il Cav. Berlusconi è un osso troppo duro per i tuoi denti, lascia la presa o prenotati la dentiera».

di F. Marra CATANZARO - Prosegue l’impegno dell’amministrazione comunale in tema di occupazione e di miglioramento dei servizi comunali. Un nuovo Dirigente nel settore Politiche sociali e otto nuovi vigili urbani selezionati attraverso la procedura di mobilità volontaria esterna, infatti, andranno ad implementare la macchina burocratica di palazzo de Nobili. E’ questa la buona notizia di fine anno, annunciata dall’assessore al personale, Antonio Argirò, al termine dell’espletamento di due procedure di selezione di mobilità volontaria che hanno portato a risolvere la cronica carenza di personale in dei settori strategici della macchina burocratica comunale. «Il settore Politiche sociali, infatti - ha spiegato Argirò - è

affidato attualmente ad interim all’avv Siciliano, mentre per quanto riguarda il potenziamento della Polizia municipale ha potuto selezionare otto A dirigere nuove unità di agenti garan- il settore tendo così una Politiche maggiore orsociali ganizzazione sul territorio fondamentale sarà per garantire Antonino ai cittadini la Ferraiolo legalità e un’interfaccia immediata con il Comune». A dirigere il settore Politiche sociali, quindi, sarà il dott Antonino Ferraiolo.


Sabato 11 Dicembre 2010

il Domani 17

CRONACHE Rifiuti, Scopelliti tranquillazza Speranza: sono preoccupato di Rosanna Angotti LAMEZIA TERME - «Il sistema, tutto sommato, non é andato in grande affanno. Abbiamo avuto delle difficoltà e questo dimostra che se non c’é la concertazione, la condivisione di tutti sul territorio, comunque esiste un problema di crisi». A dirlo è stato il presidente della Regione Calabria e commissario delegato per l’emergenza, in merito ai problemi registrati negli ultimi giorni in Calabria nel sistema dello smaltimento dei rifiuti, soprattutto dopo il sequestro della discarica di Pianopoli. «Nella discarica di Pianopoli - ha aggiunto i lavori sono stati eseguiti, quindi aspettiamo solo l’ok per la riapertura. Sono ottimista e credo che già da oggi possa riaprire. La riapertura di Pianopoli e l’ampliamento di una serie di realtà che stanno lavorando intensamente - ha concluso Scopelliti ci spinge ad essere ottimisti. Salvo che non ci siano incidenti di percorso, come è accaduto nei giorni scorsi per Pianopoli». Intanto a Lamezia il

sindaco Speranza ha realizzato manifesti con il messaggio "Lamezia non deve essere sommersa dai rifiuti". «Da alcuni giorni - è scritto sul manifesto - non ci è stato consentito di raccogliere la spazzatura. I cassonetti sono stracolmi e i mezzi della Multiservizi sono tutti carichi in fila negli impianti e nelle discariche calabresi. Abbiamo chiesto più volte, anche in questi giorni tragici, al Presidente della Regione, alla Protezione civile ed al Governo di sbloccare la situazione. Chiediamo - conclude il manifesto - la collaborazione dei cittadini perché le cose potrebbero aggravarsi. Noi faremo di tutto per impedirlo. «L’Amministrazione comunale di Lamezia Terme sta sollecitando continuamente il presidente della Giunta regionale, Protezione civile e Governo nazionale per cercare di sbloccare al più presto la problematica dei rifiuti e per evitare, con tutti gli sforzi possibili, che a Lamezia Terme si verifichi la stessa situazione di

MARVI N

Napoli» si legge in una nota stampa diffusa dallo staff del sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza. «Sono preoccupato - ha detto il sindaco - perchè la situazione, al momento molto seria, potrebbe diventare gravissima. La Multiservizi mi ha informato che solo pochi camion sono riusciti a scaricare ad Alli, perciò la pulizia effettuata in queste ore è del tutto parziale». La pulizia completa della città potrebbe avvenire avendo a disposizione 18 camion liberi: oggi almeno 10 sono fermi alla discarica di Alli. Il Comune sta seguendo costantemente la vicenda, in contatto diretto con la Regione, nella consapevolezza che la situazione potrebbe precipitare e peggiorare. «Spero che la situazione - ha concluso il sindaco - possa sbloccarsi e i camion riescano a scaricare. Se ciò avvenisse, in 24 ore saremo in grado di mettere in moto un piano per normalizzare la città e renderla completamente pulita».

Idv: basta scaricare le responsabilità, la Regione deve agire LAMEZIA TERME - «Ieri mattina a la città di Lamezia Terme si è svegliata con uno spettacolo che davvero desta preoccupazione: cumuli di spazzatura in ogni dove e con i cani e i gatti che hanno fatto il resto,spargendo i sacchetti un pò dappertutto» si legge in una nota del coordinatore cittadino dell’Idv Giuseppe Gigliotti. «E’ vero - continua - che questo quadro è allarmante anche in tante altre realtà calabresi ma proprio per questo occorre una grande capacità di gestione e di soluzione di questo problema che è ormai, ci rende conto, diventato di una serietà senza precedenti. In una città sgomenta per quanto accaduto solo pochi giorni fa, con un’economia sempre più precaria e con tante attività commerciali che soffrono terribilmente lo svuotamento e l’essere sempre meno centro di riferimento del compren-

sorio non si può sopportare anche il problema dei rifiuti che offre un’immagine di Lamezia davvero insolita e degradante. Crediamo che sia giunta l’ora di porre fine alle polemiche sterili e inconcludenti e che tutta la classe politica cittadina,a cominciare dalla coalizione di centro sinistra nel suo insieme, si misuri con proposte serie e possibilmente risolutive su una questione di tale rilevanza. La giunta regionale - conclude - non può scaricare su altri enti le responsabilità che sono proprie ma deve agire».


18

il Domani Sabato 11 Dicembre 2010

CRONACHE

Strage, un sopravvissuto: non dimenticherò quel giorno LAMEZIA TERME - Ieri a "Mattino Cinque", Paolo Del Debbio ha raccolto la testimonianza di Gennaro Perri, uno de itre ciclisti sopravvissuti all’incidente avvenuto lo scorso 5 dicembre a Lamezia Terme, dove il ventunenne marocchino Chafik El Ketani ha investito e ucciso sette amici appassionati delle due ruote. In collegamento da Lamezia Terme, Gennaro Perri ha ricordato quella domenica matti-

A "Mattino Cinque", Paolo Del Debbio ha raccolto la testimonianza di Gennaro Perri, uno dei tre ciclisti sopravvissuti all’incidente avvenuto a Lamezia Terme na che gli resterà impressa per sempre nella memoria. «Come tutte le mattine - ha detto - ci siamo incontrati alle 8.30 circa, e dopo le solite amichevoli discussioni riguardanti la destinazione, siamo partiti nell’atmosfera gioiosa di sempre. Eravamo un gruppo di amici affiatati, non c’era differenza economica o sociale, ci univa solo una grande amicizia». Gennaro ha poi parlato dell suo attuale stato di salute e del suo stato d’animo. «Ora sto discretamente, ho una gamba ingessata ma non è niente di grave, ero il terzultimo della fila, mio fratello Rosario, invece, non c’è più perchè era nei primi posti.

Per me è stato veramente un miracolo e ora mi sento uno straccio anche nei confronti degli altri che, come me, hanno perso un loro caro. Per fortuna non ho visto i loro corpi e per me è come se fossero ancora vivi». Nicola Bernardi, genero di Rosario Perri, ha invece detti che «Rosario è rimasto vittima dello Stato e delle Istituzioni che non tutelano il cittadino. Qualcuno deve rendere giustizia a questi morti. Purtroppo in Italia non c’è più la certezza della giusta pena, si va in carcere per anni per aver ucciso un animale, se si uccide sette persone, invece, non si sa se la pena sarà assicurata». Il Cosenza Calcio 1914 è stato autorizzato dalla Lega Pro a giocare con il lutto al braccio nella gara esterna che i rossoblù disputerà domenica 12 dicembre contro il Foggia. L’iniziativa, richiesta immediatamente dalla dirigenza della società, vuole rappresentare la vicinanza della squadra e della compagine al suo calciatore Alessandro Bernardi per la tragica

scomparsa del papà, Fortunato Bernardi, morto nell’incidente stradale a Lamezia Terme nel quale hanno perso la vita sette ciclisti. Inoltre, prima del fischio iniziale della gara, le squadre osserveranno un minuto di raccoglimento. «Un doveroso e sentito omaggio - è scritto in una nota per una tragedia che ha colpito tutta la società civile e che vuole testimoniare la vicinanza della società calcistica alle famiglie colpite dall’improvvisa perdita dei loro cari». Ieri inoltre la comunità marocchina di Lamezia Terme si è riunita n preghiera per ricordare i sette ciclisti travolti ed uccisi domenica scorsa, da un loro connazionale, Chafik El Ketani, di 21 anni. In tanti si sono riuniti nella Moschea del Moshinne, realizzata in contrada Mortilla, a Gizzeria, a due passi da Lamezia, per testimoniare, con la preghiera, la vicinanza alle famiglie delle vittime. «Era l’unico modo che avevamo - dice dice Hassan Qablaoui, rappresentante del Centro islamico - per dimostrarlo. Avremmo voluto essere ai funerali, ma non è stato possibile. Oggi è stata una giornata dedicata alla preghiera ed al silenzio in rispetto delle vittime. Oggi nella moschea c’era tanta gente». Hassan tiene anche a ribadire che tra la comunità marocchina del lametino, circa duemila persone, e gli abitanti della zona non c’é alcun problema.

Violento temporale ieri a Catanzaro, allagementi in diverse zone della città e sistema fognario saltato CATANZARO - Ondata di maltempo particolarmente violenta, dalla notte tra giovedì e venerdì, sulla città di Catanzaro. Pioggia, grandine, vento forte, fulmini e nebbia, hanno messo a dura prova la città. In particolare, la chiesa del Carmine e’stata danneggiata da un fulmine, mentre una scuola elementare del quartiere Gagliano,èstataallagatamentre all’interno già si trovavano i bambini. In entrambi i posti hanno operanto i vigili del fuoco per mettere in sicurezza le persone e le strutture. La pioggia e la grandine, miste al vento, hanno creato disagi anche alla circolazione stradale, mentre il sistema fognario è letteralmente saltato, con i tombini divelti in diverse zone. Anche alcune abitazioni private ed alcuni esercizi commerciali sono state allagate dalla pioggia caduta copiosa nelle ultime ore. La situazione meteo, comunque, dalla tarda mattinata di ieri è migliorata.

La Provincia accoglie la richiesta di Galati, si pensa di intitolare ai ciclisti il centro di aggregazione nell’area del Carlei LAMEZIA TERME - È ancora vivo il dolore della comunità lametina e di tutta la nostra provincia per la tragedia che ha segnato la scomparsa di sette ciclisti nella città della piana, tragedia che ha scritto una delle pagine più tristi della nostra storia e che resterà per sempre nella memoria collettiva. In queste ore in ogni modo si cerca di esprimere solidarietà alle famiglie ed a tutta la comunità per queste vite spezzate: in una tappa del prossimo giro d’Italia, quella del 14 maggio tra Sapri e Tropea, la carovana rosa avrà modo di commemorare i sette ciclisti lametini, a dimostrazione di come questa tragedia abbia superato i confini calabresi scuotendo le coscienze di tutto il mondo ciclistico nazionale ed internazionale. In questa direzione l’onorevole Giuseppe Galati, ha inviato una nota ufficiale alla provincia di Catanzaro, con la quale ha chiesto che nell’ambito dei lavori previsti nei prossimi mesi di ristrutturazione dello stadio Carlei, la pista per i cicloamatori sia intitolata alle vittime del tragico incidente del cinque dicembre. Il Presidente della Provincia Wanda Ferro ha subito accolto l’appello dell’onorevole Galati, valutando la possibilità di intitolare ai sette ciclisti anche il centro di aggregazione che sarà realizzato nell’area del Carlei non appena saranno assegnati i finanziamenti del Pon sicurezza. Dalla provincia di Catanzaro abbiamo appreso che nei prossimi giorni inizierà la prima fase dei lavori di rifacimento della pista intorno al campo di calcio che nelle previsioni progettuali sarà percorribile anche da ciclisti e cicloamatori. I fondi necessari per questa prima fase dei lavori sono stati destinati alla provincia di Catanzaro nel novembre 2010 dal ministero dell’economia su richiesta dello stesso onorevole Galati. Nell sua lettera Galati ha scritto: «Un momento di forte commozione e costernazione ha vissuto e sta vivendo la città di Lamezia Terme per la tragica vicenda che ha coinvolto sette ciclisti amatoriali. Si tratta di sette lametini, impegnati nelle loro professioni, stimati ed apprezzati in città, che in un istante e per una tragica fatalità hanno visto spegnersi la loro vita terrena, lasciando nello sgomento una città che ancora oggi è incredula e si chiede come sia potuto accadere tutto ciò.A tal proposito mi rivolgo a Te, per poter agire in tale direzione e far si che, il ricordo vivo dei nostri amici scomparsi, fermo ed indelebile nella nostra mente e nei nostri cuori, possa concretizzarsi anche in altre vie ed in piccoli gesti. Faccio riferimento alle piste ciclabili dello stadio provinciale "A. Carlei". Ti chiedo di intitolare le piste ciclabili dello stadio "A. Carlei" ai sette nostri campioni per rendere un piccolo ma doveroso omaggio a chi, in questo momento, ci sta guardando da un’altra parte».

Carmela Mirarchi

Olivo e Soriero: per garantire trasparenza totale sul settore urbanistica ritirate le pratiche all’odg del consiglio CATANZARO - L’assessore all’urbanistica Giuseppe Soriero , con una nota stampa, ha voluto spiegare le ragioni che hanno portato al ritiro di tutte le pratiche urbanistiche presenti nell’ordine del giorno del consiglio «Una decisione molto impegnativa - ha sottolineato che riguarda pratiche importanti per alcune zone della Città. Tale decisione è maturata a seguito di un incontro che ho avuto con il sindaco Olivo, al quale ho esposto una mia valutazione. Giudizio che il sindaco ha condiviso ed incoraggiato e che scaturiva dalla decisione della giunta che in data 3 dicembre scorso, a seguito della seduta del Consiglio del primo dicembre, aveva deciso, di dare mandato ai Dirigenti di inserire nelle delibere di convenzione, relative agli interventi di nuove costruzioni, l’obbligo per i privati di realizzare, preventivamente, tutte le opere di urbanizzazione previste in convenzione. Quindi in coerenza con la decisione della giunta sono andato all’Ufficio di Presidenza ed ho ritirato le pratiche. Questo per fare in modo che le pratiche che il Consiglio riterrà di approvare abbiano chiare tutti i termini della collaborazione tra privati e pubblica amministrazione. Quindi - conclude - allo scopo di agevolare una discussione trasparente, indenne da forzature interpretative, insinuazioni, pressioni di parte, su tutte le pratiche urbanistiche, il sindaco Olivo e la giunta hanno condiviso la mia proposta».


Sabato 11 Dicembre 2010

il Domani 19

APPUNTAMENTI

Tutti a norma, concerto a Cosenza In occasione della conferenza tenuta presso la sede di Confindustria, illustrati gli obiettivi dell’iniziativa di Monica Viola COSENZA - Mercoledì 15 dicembre presso il Teatro Alfonso Rendano in Cosenza si terrà il concerto di musica "Tutti a norma. Senti come suona la sicurezza". In occasione della conferenza stampa tenuta presso la sede di Confindustria Cosenza sono stati illustrati gli obiettivi ed il programma della manifestazione.Gli organizzatori . L’iniziativa è organizzata dagli organismi di rappresentanza imprenditoriale e sindacale del settore edile della provincia di Cosenza: Ance Cosenza, Ente Scuola Edile Cosenza, Comitato Paritetico Territoriale, Cassa Edile Cosentina, Fillea - Cgil, Filca - Cisl e Feneal - Uil. Hanno partecipato alla conferenza stampa il Presidente di Ance Cosenza Natale Mazzuca, i sindacalisti Umberto Calabrone (Fillea - Cgil), Antonio Di Franco (Fillea - Cgil comprensorio Castrovillari), Mauro Veneluyo (Filca - Cisl), Bruno Marte (Feneal - Uil), i Direttori dell’Ente Scuola Edile Cosenza Ninì Venuto e di Ance Cosenza Rosario Branda e il Direttore Artistico del concerto Caterina Filardo. < Obiettivi dell’iniziativa. I temi del rispetto della legalità e della tutela della sicurezza sul lavoro sono al centro dell’attività degli organismi di rappresentanza imprenditoriale e sindacale del settore

edile della provincia di Cosenza. Ance Cosenza, Ente Scuola Edile Cosenza, Comitato Paritetico Territoriale, Cassa Edile Cosentina, Fillea - Cgil, Filca - Cisl e Feneal - Uil in modo solidaristico e sistematico realizzano azioni di promozione e sensibilizzazione sia verso le imprese e gli addetti del settore sia verso le giovani generazioni affinché sviluppino intimamente il valore civico della legalità e della sicurezza. Il messaggio universale

delle legalità e della sicurezza vengono affidati dagli organizzatori ai giovani musicisti dell’Orchestra Giovanile dei Fiati "Nicola Spadaro" di Delianuova. Ad inizio concerto gli organizzatori conferiranno alcuni premi. Ance Cosenza e la Cassa Edile Cosentina consegneranno un riconoscimento alle imprese associate con maggiore anzianità di iscrizione, l’Ente scuola edile Ente Scuola Edile di Cosenza ed il Comitato Paritetico Terri-

Mostra di Marilena Valerio a Crotone

Caligiuri: auguri a Saverio Strati

CROTONE - Si inaugura sabato 11 dicembre alle ore 16.30 presso il Castello Fortezza Carlo V la mostra di pittura dell’artista Marilena Valerio, "Poesie e Colori" . Le sale della biblioteca comunale ospiteranno fino al 31 dicembre le opere di questa giovanissima artista che, nata a Dusseldorff, vive attualmente a Crotone. La mostra di pittura rientra nel progetto dell’assessorato alla cultura del Comune di Crotone teso a valorizzare i talenti che operano e vivono nel territorio. «Le opere che vengono presentate in questa mostra personale rappresentano la sintesi di un percorso artistico ed evolutivo» dichiara l’assessore alla Cultura SilvanoCavarretta.

RENDE - L’assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri - informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta - esprime compiacimento per il conferimento della laurea "Honoris Causa" in Lettere e Filosofia allo scrittore Saverio Strati, da parte dell’Università della Calabria. «La Regione - ha detto l’assessore Caligiuri consapevole della grande statura cultura che, comunque, non lo ha mai fatto allontanare dalle sue origini popolari e calabresi, intende rendere maggiormente visibile l’opera di Saverio Strati, attraverso la messa in scena della sua unica opera teatrale, intitolata "Il ritorno del Soldato"».

toriale daranno un riconoscimento all’impresa edile che ha manifestato maggiore disponibilità al tema della formazione, realizzando tanti corsi per le maestranze. I Sindacati del comparto edile testimonieranno la loro vicinanza al figlio di un lavoratore che ha perduto la vita sul luogo di lavoro consegnando una borsa di studio. Il concerto . Si tratta di un evento culturale di promozione, sensibilizzazione e formazione sul tema della legalità e della sicurezza sul lavoro che vedrà esibirsi l’Orchestra Giovanile dei Fiati "Nicola Spadaro" di Delianuova, già diretti dal Maestro Riccardo Muti al Ravenna Festival nel 2008. L’orchestra sta ottenendo numerosi riconoscimenti in campo internazionale per la diffusione, attraverso la musica, dei valori fondanti della legalità, solidarietà ed amicizia. Il Corriere della Sera li ha definiti "Il piccolo miracolo d’Aspromonte. Il programma del concerto è stato illustrato dal direttore artistico Caterina Filardo. Verranno eseguiti 11 brani musicali: la Norma di Bellini, Enotria di De Paola, What a wonderful world di Weiss e Thiele, Giovanna d’Arco di Verdi, Sinfonia d’Aspromonte di Deraco, Festa di campagna di Filippa, The Mission di Morricone, Immagini di De paola, Oblivion di Piazzolla, il Nabucco di Verdi e un Christmas medley.


20

il Domani Sabato 11 Dicembre 2010

APPUNTAMENTI

Il lavoro di Eduardo De Filippo, con musiche originali di Eugenio Bennato, in scena lunedì alle ore 21.00

“Bene mio, core mio”, spettacolo al teatro Comunale di Soverato SOVERATO - Il Teatro Comunale di Soverato ospiterà lunedì prossimo alle 21.00 "Bene mio, core mio", un lavoro di Eduardo De Filippo con musiche originali di Eugenio Bennato. Il titolo riprende un’espressione napoletana con cui si identifica ironicamente il tiro giocato ai dannidiqualcunodaun’insospettabile persona di famiglia. "Bene mio, core mio" è ora allestita, dopo ventisette anni da Bruno Colella, che troveremo anche nel cast, assieme a Lunetta Savino, a Lina Polito, a Bianca Nappi, Giovanni Allocca, a Nicola Vorelli, a Marco Tornese, ad Antonella Migliore, a Franco Pica ed a Gennaro Monti. L’amore di Chiarina, prima per i genitori, poi per il fratello, è il succo vitale di questa commedia. Improvvisamente, questa zitella a quarantadue anni, scopre l’amore universale ed eterno che la rimbambisce e le fa dimenticare tutto e tutti. «Dedico il mio personaggio - dice la Savino - a tutte le Chiarine che in qualche modo hanno vissuto nell’ombra e poi improvvisamen-

un po’ sinistro e completamente staccato dalla realtà. Il raffinato copione di Eduardo viaggia a cento all’ora, permettendosi anche disinvolte e veloci soluzioni narrative , e si sofferma nella descrizione attenta dei conflitti di coscienza , delle torbide sfumature di sentimenti a cui so-

«Il raffinato copione di Eduardo viaggia a cento all’ora, permettendosi anche disinvolte e veloci soluzioni narrative»

te sono tornate indietro violentemente nel tempo a quattordici anni». Un semplice bacio dato da Filuccio, interpretato da Giovanni Allocca,ilgiovaneverduraioarrampicatore sociale, fa ardere la marginale vita di questa zitella e porterà un disordine anche nella vita di chi gli sta accanto. E’ stata definita la commedia di Eduardo più napoletana ed in effetti sia i personaggi che gli ingredienti di questa storia sono talmente " napoletani " da permettere a chi opera di andare a sottrar-

Savibo: «Dedico il mio personaggio a tutte le Chiarine che in qualche modo hanno vissuto nell’ombra e poi improvvisamente sono tornate indietro a quattordici anni»

re proprio in quella direzione , quindi ai suoni della strada, alle signore di rimpetto , alle cameriere di Mondragone ai comò e ai ragù senza che ciò tolga forza alla profonda identità partenopea della vicenda ed agli stati d’animo di chi la vive ;con questa premessa l’interpretazione del testo parte con una esibizione di "maschere" contemporanee che rimandano ai centri commerciali , ai vicoli del Pallonetto di S.Lucia ma anche , come nel caso dei due protagonisti, ad un antico ed elegante condominio del Vomero ,

Le artiste Hyo Soon Lee e Antonella Barbarossa in concerto per la “Beethoven Acam” di Crotone CROTONE - Un concerto all’insegna della raffinatezza e del buon gusto, è stato quello al quale abbiamo assistito, domenica 5 dicembre, presso la Basilica Cattedrale di Crotone, organizzato sempre dalla Società Beethoven Acam di Crotone. Le artiste Hyo Soon Lee, soprano, e Antonella Barbarossa all’organo, con una scelta oculata del programma ci hanno riportato sia pure per poco tempo ai fasti, potremmo definire passati, di un tempo che forse non esiste più.Una vocalità quella di Hyo Soon Lee, che nulla aveva da invidiare dei belcantisti del sei - settecento. Uno stru-

mento perfetto attraverso il quale sapeva trasmettere virtuosismi, sonorità inusitate ed una vocalità adamantina, quasi astratta, che rende superala qualsiasi notazione critica.A.Foggia, C.Monteverdi, M.Cazzati, B.Graziani, erano trattati con una ricercata aderenza sonora fra musica e parola, all’interno della quale, tremoli, concitati, pizzicato, erano resi con grande perizia tecnico vocale. Particolarmente interessante si è rivelato il brano "Febo" di Paolo Cusato, nel quale l’artista rarefando i puntelli armonici crea una dialettica voci-silenzio.

no condannati gli esseri umani che amano; il tutto fra colpi di scena alla Garcia Lorca , angeli, diavoli e percorsi del pensiero che solo Napoli riesce a registrare. La messa in scena si muove invece su due piani quello della recitazione tradizionale che lascia rigorosamente intatto il senso drammaturgico dell’Opera e quello più disinibito della confezione che tende attraverso il linguaggio della video-arte e della canzone d’autore a sovvertire "tipi" e stereo-tipi proponendo incantesimi metropolitani scarni , efficaci , privi di enfasi, come nella performance di un fine dicitore. r. a.

«Interessante si è rivelato il brano "Febo"»


Sabato 11 Dicembre 2010

il Domani 21

APPUNTAMENTI

Il comitato ha illustrato le iniziative da intraprendere per scongiurare la chiusura della sede di Catanzaro

Riunione dell’associazione Issfi a favore del banco alimentare CATANZARO - Si è riunito nei giorni scorsi nella sede dell’Associazione di volontariato Issfi di Catanzaro, il costituendo comitato "Pro Banco Alimentare" per discutere sulle iniziative da intraprendere, onde scongiurare la chiusura della sede del banco alimentare di Catanzaro per mancanza di fondi: come ad esempio fitto locali, gestione e trasporto derrate alimentari dalla sede centrale di Cosenza a Catanzaro. Il comitato preposto è composto dai rappresentanti delle seguenti associazioni : Piero Romeo "Iassfi", Lucia Arabia "Graziella Ciancio", Giovanni Paone "Altavilla", Rosa Zaccone "La belle Epoque", Luciano Ventura "New Help", Lucia Aquino "Acquamarina" , Olga Anania "Cscm" e Sergio Cosentino Sindaco di Sorbo San Basile. L’iniziativa è scaturita da una precedente assemblea che si è svolta presso i locali del Banco Alimentare di Catanzaro Sala, alla quale oltre ai rappresentanti delle 102 associazioni che vi aderiscono, hanno preso parte il direttore regionale Gianni Romeo e Carlo Laganà responsa-

Alimentare, modesto quanto sia, dovesse chiudere la sede di Catanzaro, costringendo le associazioni, anch’esse in grave difficoltà economiche, a recarsi a Cosenza per il ritiro delle derrate alimentari. Eppure si spendono fior di migliaia di euro per sostenere,

Nella sola provincia di Catanzaro, nell’anno 2009, sono stati assistite oltre 14mila persone convenzionate con il Banco alimentare, per un totale di 442.551 alimenti distribuiti bile di Catanzaro. «Tra le istituzioni presenti si è rilevata quella del solo don Biagio Maimone in rappresentanza dell’arcivescovo Ciliberti e del direttore del Csv Stefano Morena, che hanno garantito anche per l’anno 2011 il loro decisivo contributo. Assenti - si legge in una nota giunta in redazione -, seppur invitati, l’ assessore ai Servizi Sociali del Comune di Catanzaro e quello della Provincia. Si sottolinea che nella sola provincia di Catanzaro, nell’anno

Il comitato è composto da: Piero Romeo, Lucia Arabia, Giovanni Paone, Rosa Zaccone, Luciano Ventura, Lucia Aquino, Olga Anania e Sergio Cosentino

2009, sono stati assistiti oltre 14.000 persone convenzione con il Banco Alimentare attraverso le associazioni, per un totale di alimenti distribuiti, 442.551,80 di prodotti, per unvalore di 1.300.000,00.Forte e significativa è stata la critica mossa dalle associazioni nei riguardi del Comune di Catanzaro e dell’Amministrazione provinciale che, con la loro assenza hanno dimostrato poca attenzione verso i reali bisogni delle migliaia di famiglie che si trovano in grave disagio economico e sociale: specie se il Banco

valevoli quanto siano, le iniziative a favore delle squadre di calcio e della "notte piccante". Le associazioni non staranno certo a guardare, ma attiveranno, se necessario,formediprotestemolto significative onde scongiurare la chiusura del Banco Alimentare di Catanzaro».

Il Natale dell’associazione culturale “Incontriamoci sempre”: in programma concerti, premi e tombolate REGGIO CALABRIA - L’associazione culturale "Incontriamoci Sempre" fa proprio il pensiero di Madre Teresa: il direttivo ed i soci si apprestano a vivere, in questo momento di notevole disagio sociale ed economico di molte famiglie, un intenso Natale all’insegna dell’amicizia, della fraternità, della solidarietà.Un programma elaborato e condiviso da altri ente ed associazioni per creare oltre a momenti di divertimento, momenti di fratellanza e solidarietà. Il 17 dicembre è la data della premiazione del 1° Premio nazionale di Poesia "Francesco Chirico", un premio

che sta riscuotendo un adesione eccezionale nel numero e nella qualità dei componimenti. Il 18 dicembre di nuovo fuori le mura, in sinergia con il Laboratorio "G. Pirrotta" di Scilla, concerto del Coro Polifonico S.Paolo nella Chiesa di S. Rocco di Scilla. Poi il 25 dicembre il momento più sentito da tutto il direttivo, dai soci e delle loro famiglie: il pranzo della Solidarietà con famiglie meno fortunate che ci regaleranno sicuramente uno dei nostri Natale più belli. Infine il 26 la tradizione maxi tombolata di Santo Stefano.

r. a.

Il 17 dicembre, 1° Premio nazionale di Poesia


22

il Domani Sabato 11 Dicembre 2010

APPUNTAMENTI Incontro della Confagricoltura Calabria Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CASTROLIBERO Aspettando Natale in Biblioteca Fino al 16 dicembre , alla Biblioteca C.Alvaro di Castrolibero, si terrà una rassegna artistico-letteraria denominata Aspettando Natale in Biblioteca. Il programma della rassegna, patrocinata dall’Amministrazione Comunale di Castrolibero e realizzata grazie alla collaborazione delle associazioni La Bottega degli Hobbies e la Cité della Musique, prevede: venerdì 10, alle 16.00, si terrà l’inaugurazione della mostra d’arte sacra chesaràapertaalpubbliconeigiorni di oggi e domenica 12 dicembre dalle ore 9.30 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00. Lagiornataconclusivadel16dicembre sarà invece interamente dedicata ai bambini che avranno la possibilità, dalle 16.00, di visitare il laboratorio di liuteria Giovanni Paolo II, di ascoltare della buona musica grazie alla Citè della Musique, di leggere e di ascoltare dei racconti sotto l’albero. CATANZARO Film, "Viva l’Italia" Oggi , alle ore 17.30, presso il Museo Storico Militare "Brigata Catanzaro" (Musmi) verrà proiettato il film: Viva l’Italia, regia di R. Rossellini (1961). Introduce e modera il dibattito SalvatoreBullotta,storicoUniversitàLa Sapienza di Roma. Presentazionealpubblicodellaghigliottina di Catanzaro a cura di Gregorio Carratelli, presidente Fai Catanzaro e Corrado Iannino, responsabile del Museo Provinciale di Catanzaro. CIRO’ MARINA Incontro “Per uno sviluppo duraturo e sostenibile” Il presidente del Consorzio di Bonifica Ionio Crotonese Roberto Torchia facendosi interprete delle tante richieste che giungono dal territorio ha organizzato per martedì 14 dicembre , alle ore 10.30, nella sala di Palazzo Porti –Piazza Diaz, Cirò Marina un incontro al quale sono stati invitati rappresentanti della regione, sindaci e amministrazione provinciale, sindacati e organizzazioniagricoledaltitolo:“Perunosviluppo duraturo e sostenibile”. CONDOFURI Seminario sull’area grecanica Oggi , ore 10.00, presso il Centro giovanile “Rempicci” via Peripoli n.47, a Condofuri Marina, si terrà un seminario sull’area grecanica di discussione su una proposta alternativa alla centrale a carbone. COSENZA Convegno internazionale “Le impresedelledonne:esempimediterranei” Si terrà a Cosenza oggi , il convegno internazionale “Le imprese delle donne: esempi mediterranei” organizzato dall’assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Cosenza in collaborazione con l’associazione Donne Giuriste italiane.

Il Presidente nazionale di Confagricoltura Federico Vecchioni interverrà lunedì 13 dicembre prossimo, alle ore 15.30, ad una riunione straordinaria del Consiglio Direttivo della Confagricoltura Calabria, che avrà luogo a Lamezia Terme (Cz), presso l’Hotel Ashley. Nel corso dell’importante incontro il Presidente Vecchioni illustrerà le 61 proposte contenute nel progetto “Futuro Fertile”, avviato di recente dalla Confederazione, finalizzato ad un disegno di riformapolitico-economicoperla competitività e la modernizzazione dell’agricoltura italiana. “Il progetto ”Futuro Fertile” - sot-

tolinea il Presidente di Confagricoltura Calabria Nicola Cilento - è una riforma che intende creare le condizioni per rendere il quadro normativo adeguato alle sfide di mercato che l’imprenditore agricolo deve realizzare in termini di ristrutturazione e riorganizzazione della propria attività economica”. Quello definito da Confagricoltura è un progetto “a budget” definito, che punta tra l’altro: allo snellimentonormativo, alla semplificazione burocratica, alla riorganizzazione produttiva, che definisce il rapporto agricoltura-ambiente, rilancia l’agroenergia, favorisce l’insediamento dei giovani in ag-

Saranno presenti delegazioni di Spagna, Francia, Marocco, Algeria, Turchia, Grecia, Israele e Tunisia. Inoltre, grazie al sostegno dato dalla Fondazione Carical.

pam, Alberto Oliveti; il direttore generale vicario dell’assessorato alla salute della Regione Calabria Gianluigi Scaffidi. Le conclusioni saranno affidate al governatore della Calabria, Giuseppe Scopelliti.

Incontro con i cittadini dei verdi per la Costituente Ecologista Verdi per la Costituente ecologista coordinamento cittadino, d’intesa con i commissari Regionali, Mario Giordano e Aurelio Morrone, ha promosso, per oggi in Piazza XI Settembre,con inizio alle ore 9.00 e fino alle ore 13.00, un incontro con i cosentini ai quali verrà consegnato,oltre al materiale divulgativo del Movimento,un mirato questionario – Forum Ambiente sulla ‘Qualità della Vita a Cosenza’: punto di partenza per l’elaborazione di un programma per costruire una città sostenibile e vivibile per tutti. Convegno "La Professione e la Sanità di fronte alle sfide del presente e del futuro in Italia e in Calabria" Con un convegno sul tema "La ProfessioneelaSanitàdifronteallesfide del presente e del futuro in Italia e in Calabria",domenica12dicembre,a partire dalle ore 9.30, l’ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri della Provincia di Cosenza inaugurerà la sua nuova sede. Parteciperanno con il presidente dell’ordine, Eugenio Corcioni e con tutti i membridelconsigliodirettivo,ilpresidente della federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri Amedeo Bianco, il vice presidentenazionalevicariodell’En-

CROTONE Consegna attestati Lunedì 13 dicembre , alle ore 17.00, presso la Sala Azzurra della Provincia di Crotone, si svolgerà la consegna degli attestati ai partecipanti del workshop “Progetto sperimentale Dilis: la diversità e l’integrazione tramite la Lis” organizzato dalla presidenza del Consiglio Provinciale, dall’Ens (Ente Nazionale Sordi), e destinato alle forze di polizia. Convegno - dibattito su "I giovani professionisti ausiliari dei giudici" Martedì 14 dicembre 2010, alle ore 15.30, presso la Sala Consiliare del Comune di Crotone, si terrà un convegno - dibattito su "I giovani professionistiausiliarideigiudici".Introduzione: Giuseppe Gravina;saluti: Fernando Batti; Salvatore Iannotta; MariaLuisaMingrone;PeppinoVallone;MariaLuisaCampise;Natalina Giungato; relazioni: Renato Bissi; Michele Sessa; Laura Caccavari; dibattito; conclusioni: Antonino Dattola. LAMEZIA TERME Progetto “La Legalità cresce sui banchi di scuola: giovani giornalisti in azione” E’ giunto al termine il progetto “La Legalità cresce sui banchi di scuola:

ricoltura ed il ricambio generazionale, dà efficienza ai settori produttivi, realizza un’offerta organizzata, riposiziona il settore primario nelle filiere di prodotti agroindustriali. L’obiettivo è anche quello di puntare sull’efficienza e sul risparmio di spesa, che permetta di razionalizzarerisorseefinanziare capitoli strategici per la competitività delle imprese agricole. In questo contesto, l’impegno progettuale di Confagricoltura è improntato alla concretezza, con proposte immediatamente spendibili per ridisegnare il volto dell’agricoltura italiana, attraverso iniziative razionali, asettiche e non ideologiche, tecnicamente condivisibili da tutti gli agricoltori italiani, perché dirette a garantire più reddito, più efficienza, più competitività. “Sono pienamente concorde con ilPresidenteVecchioni-conclude Nicola Cilento quando indica Confagricoltura non come mero organismo rivendicativo, ma come sindacato progettuale, che vuole ridisegnare il futuro del settore e delle imprese, aggiornando gli strumenti, le regole ed i contesti ai nuovi bisogni ed alle nuove sfide di mercato”.

giovani giornalisti in azione”, promosso dalla Commissione regionale per l’emersione del lavoro non regolare guidata da Benedetto Di Iacovo e condiviso dalla presidenza della Giunta Regionale con l’Alto patrocinio del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano e del ministro della Giustizia, on. Angelino Alfano. Oggi , alle ore 9.30, i risultati finali saranno presentati in un grande evento finale in programma al Centro Agroalimentare di Lamezia Terme alla presenza di un migliaio di studenti, del corpo docente e delle massime autorità calabresi. Nel corsodell’incontro,glistudenticoinvolti nel progetto dialogheranno con il governatore della Calabria, on. Giuseppe Scopelliti, cui sarà conferito, insieme al Procuratore generale di Reggio Calabria, dott. Salvatore Di Ladro, il Premio di Rappresentanza assegnato al Progetto dal Presidente della Repubblica, on. Giorgio Napolitano. I Partner del Progetto sono stati l’Ufficio Scolastico regionale, diretto da Francesco Mercurio e l’Ordine dei giornalisti calabresi, presieduto da Giuseppe Soluri, la stessa Presidenza della Regione, attraverso il suo Dipartimento, diretto da Francesco Zoccali. Convegno Tensegrita Vita 3000 La filiera corta della salute L’associzione Tensegrita, arte ed armonia della Salute Naturale, vincitrice del concorso "Donne Innovatrici" nel progetto "Discover Calabria" di Unioncamere e del "Desk Enter-

prise Europe Network" con Maria Giovanna Notarianni presenta: Tensegrita Vita 3000. La filiera corta della salute, giovedì 16 dicembre , alle ore 9.30, presso il palazzo Nicotera (presso biblioteca comunale). La persona al centro della cura: il coraggio di una nuova visione nella cura della patologia tumorale. La cura medica integrata dalle cure naturali. LOCRI Dibattito Iest Lunedi 13 dicembre , alle ore 16.30, presso i locali dell’Iest, Via Matteotti, 356, si terrà un incontro. Saluti: Francesco Macri; Salvatore Galluzzo; Pietro Crinò. Relazioni: Mario Diano - “Proposta di pacchetti di turismo integrato per allargare la stagionalità ed aumentare l’occupazione” ; Guido Laganà “Turismo e Formazione: ruolo dell’Iest di Locri.” Testimonianze: allievi formati dallo Iest di Locri. Interventi: Antonio Scali ; Attilio Tucci.Dibattito.Conclusioni:on.Antonio Caridi. Saranno presenti operatori turistici, amministratori Regionali, Provinciali e comunali, cittadini. REGGIO CALABRIA Commemorazione prof. Italo Falcomatà Nel nono anniversario della scomparsa del compianto sindaco di ReggioCalabriaprof.ItaloFalcomatà,la Federazione provinciale del Partito dei Comunisti Italiani ha organizzato per oggi , alle ore 10.30, una breve commemorazione presso la Stele a lui dedicata sul lungomare Falcomatà, alla quale prenderanno parte, tra gli altri, il segretario regionale del PdCI Michelangelo Tripodi, e il segretario provinciale del PdCI Lorenzo Fascì.

RENDE Convegno “E’ possibile fare informazione libera in Calabria?” Unione Studentesca organizza il convegno “E’ possibile fare informazione libera in Calabria?” per lunedì 13 dicembre , alle ore 15.00, presso l’aula seminari del centro sanitario (cubo 34/B) dell’Università della Calabria. SOVERATO Riunione Pdl Soverato Domenica 12 dicembre , alle ore 17.30, nei locali dell’Hotel degli Ulivi ilPopolodellaLibertàdituttoilcomprensorio soveratese si riunirà con i suoi iscritti e simpatizzanti per esprimere una mozione di fiducia al governo Berlusconi. VIBO VALENTIA Presentazione del volume Filosofia della medicina Oggi , alle ore 17.00, presso l’auditorium Sistema Bibliotecario Vibonese, si terrà l’iniziativa "La medicina: arte o scienza?" presentazione del volume "Filosofia della medicina: Epistemologia, ontologia, etica, diritto" (Carocci editore, 2010) a cura di Alessandro Pagnini.


Sabato 11 Dicembre 2010

il Domani 23

APPUNTAMENTI Calabria e Bnl insieme per Telethon Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CASTROLIBERO Presentazione libro Minestra Maritata Oggi alle 17.00, presso la Biblioteca Comunale “C.Alvaro” di Castrolibero, si terrà la presentazione del libro di Carla Curcio Minestra Maritata. CATANZARO Conferenza stampa di chiusura del "Festival d’Autunno" Oggi , alle ore 12.00, presso la segreteria del Festival sita in Via Spasari, 15, si terrà la conferenza stampa di chiusura del "Festival d’Autunno" Manifestazione di fitness La palestra Chiara Fitness di Catanzaro sita in viale Magna Grecia,158 giorno 12 dicembre , nella propria sede organizza un manifestazione di fitness.Sisvolgerannolezionigratuite di fitness (aerobica e spinning ) con la partecipazione di presenter internazionali: Alessandro Galli , Salvatore Pagano e Omar Alampi. La manifestazione avrà inizio alle 10.30 e finirà alle 14.00. Inaugurazione anno accademico Istituto Teologico Calabro Lunedì 13 dicembre , alle ore 10.30, nell’aula Magna del Seminario Regionale “S. Pio X” (Viale Pio x, 160) si terrà l’inaugurazione dell’Anno Accademico dell’Istituto Teologico Calabro “S. Pio X”. Convegno dibattito "Integrazione socioculturale" Giorno 14 dicembre , alle ore 15.00, in via F. Vecchia presso il centro Polivalente per i giovani, si terrà un convegno dibattito sulla "Integrazione socioculturale" visita agli stand e degustazione di prodotti tipici, esibizionedeglialunni,mercatinonatalizio, promosso e organizzato dalla Uo pediatria di comunità dell’azienda sanitaria provinciale di Catanzaro, responsabile Rossella Anfosso e dalla commissione pari opportunità della provincia di Catanzaro presidente Elena Morano Cinque. Il meeting rappresenta le conclusioni del progetto "Donne in cammino" Concerto di Natale Riceveranno come riconoscimento un premio del maestro orafo crotonese Michele Affidato, tutti e sei i protagonisti del Concerto di Natale che si terrà a Catanzaro il 15 dicembre , al GranTeatro Le Fontane della Esse Emme Musica di Maurizio Senese. La serata, che sarà condotta da Stefania Orlando, sarà un importante momento di beneficienza. La manifestazione ha sposato infatti la causa di Bnl - Gruppo Bnp Paribs per Telethon: gli incassi della serata di giorno 15 saranno devoluti alla Fondazione Telethon che da anni raccoglie fondi da destinare alla ricerca sulle malattie genetiche. Ed anchegliospitidelConcertodiNatale hanno dato il proprio sì al progetto: sul palco si alterneranno il Premio Oscar Nicola Piovani che al GranTeatrosiesibiràcon il suoquintetto, Luisa Corna, Francesco Baccini, i Sonohra, Marco Carta e Cheryl

Bnl - Gruppo Bnp Paribas e Telethon sono pronti a rinnovare l’importante sfida: raccogliere fondi a favore della ricerca scientifica sulle malattie genetiche nel corso della maratona Telethon, in onda sulle reti Rai nei giorni 17, 18 e 19 dicembre . La partnership tra Bnl e Telethon prosegue ormai da 19 anni ed ha permesso di raccogliere complessivamente oltre 198 milioni di euro, per questi risultati, rappresenta il più importante progetto di fund raising in Italia. Per l’edizione 2010, Bnl, come ogni anno, sta organizzando oltre 1000 eventi su tutto il territorio nazionale grazie alla creatività dei dipendenti della Banca che lavorano tutto l’anno in collega-

mento costante con i ricercatori per seguire lo sviluppo della ricerca ed incentivare la raccolta. In occasionedellamaratonatelevisiva, inoltre, le agenzie BNL rimarranno aperte al pubblico venerdì 17 dicembre fino alle 22 e tutta la giornata di sabato 18 dicembre dalle 10 alle 24 per raccogliere fondi a favore di Telethon. In particolare in Calabria si svolgeranno diverse iniziative di carattere culturale, sportivo o folcloristico; tra le principali ricordiamo: oggi , a Cosenza: “Il CSEN per BNL Telethon”, incontro tra diverse discipline sportive, con gare e premiazioni finali, presso il Centro Sportivo Indole Cycling di Cosenza per l’intera giornata, dalle ore 9 alle 21.

Nickerson, già corista di Zucchero, che proporrà una selezione gospel. E, intanto, proseguono a gonfie vele le prevendite ufficiali che hanno i seguenti prezzi, comprensivi di prevendita: poltronissima 25,00 euro, poltrona 20,00 euro e tribuna 15,00 euro.

Presentazione del volume "Dizionario dei Musicisti Calabresi" Lunedì 13 dicembre , alle ore 18.00, presso il Teatro Rendano, sala "Maurizio Quintieri" presentazione del volume: Dizionario dei Musicisti Calabresi. Prima opera enciclopedica sull’universo della musica colta calabrese. Editore Abramo. Volume realizzato in collaborazione con: Associazione Musicale "M. Quintieri e Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Rappresentazionecommedia"Troni e lampi" Domenica 19 dicembre , inizio spettacoloore18.00,pressoilteatroHercules via degli Aragonesi (ex cementificio czsala) la compagnia stabile del teatro rappresenta la commedia "Troni e lampi" scritta diretta ed interpetrata da Piero Procopio con gli attori : Mico Ammendolia (Nazzarenu) Lina Rotella (Fiorentina) Tonino Angeletti Eugenio) Antonella Apa (suor Clementina) Stella Surace (Ofelia) Vanessa Curto (Andreina) Stefano Corrado (Marco) Vincenzo Pitingolo (serg:Armignacca) Marianna Rotella (avv.Cinzano) COSENZA Tecne programma 2010-2011 Programma di concerti organizzato per il teatro cittadino dalla neo-associazioneTecne.Rassegnadeglieventi: Concerto di Musica Elettroacustica – 18 febbraio 2011. Red Basica Chamber plays Dario Argento – 8 aprile 2011. Free Radicals in ErotiKollage – 11 maggio 2011. Ho solo la faccia di un uomo (soliloquioperattoresolo,fisarmonica e percussioni), da Piero Ciampi – 20 maggio 2011.

CROTONE Mostra “Simmetrie” dedicata a Pitagora Prosegue il binomio Crotone e Pitagora, le attività previste dal progetto “Pitagora” proseguono con la mostra“Simmetrie”chesaràospitatadal Castello Carlo V per tutto il mese di dicembre.Organizzatadall’amministrazionecomunaleedall’Università della Calabria, con il contributo dell’Ats Krognosi, la mostra si propone come un viaggio nel magico e variegato mondo pitagorico. Concerto Duo Fabrizio Brancaccio e Roberta Piccirillo Il presidente della Società Beethoven Acam, Mariarosa Romano, comunica che domenica 12 dicembre , si terrà il concerto del Duo Fabrizio Brancaccio – Baritono e Roberta Piccirillo - Pianoforte presso l’Auditorium del Liceo Musicale “O.Stillo” di Crotone, alle ore 18.00 XXI edizione Concorso presepe

Prevista la presenza e la partecipazione attiva di numerose autorità politiche della Città e della Regione. 15 Dicembre a Catanzaro: “Concerto di Natale per Telethon”, unica data in Calabria del Gran Galà - organizzato dalla Essemme Musica, in collaborazione con la SIAE, BNL, Telethon - presso il Gran Teatro “Le Fontane” a partire dalle 21.30 sino alle 23.30. Condotto dalla show-girl Stefania Orlando, lo spettacolo prevede nel suo cast artisti di primo piano nel panorama canoro italiano, quali Luisa Corna e l’emergente duo dei “Sonohra”. Ospite d’onore, Nicola Piovani. 17 dicembre a Catanzaro: “Le scuole superiori di Catanzaro per Telethon”, esibizioni degli studenti delle scuole superiori del Capoluogo e della Provincia presso l’Itis Scalfaro di Catanzaro, dalle ore 9 alle 14. 17 dicembre a Crotone: “La città di Crotone per Telethon”, arte ed enogastronomia calabrese insieme per la raccolta Telethon 2010. Sono coinvolte le principali vie della città a partire dalle 17 sino alle 23.30. Nel 2009 la Calabria ha donato a Telethon attraverso BNL oltre 406 mila euro. Un importante risultato che ha visto protagoniste Cosenza con oltre 130 mila euro raccolti; Catanzaro con quasi 105 mila euro; Reggio Calabria con più di 87 mila euro; Crotone con quasi 58 mila euro e Vibo Valentia con quasi 25 mila euro.

citta di Crotone Il Movimento di Spiritualità Vivere In, associazione Internazionale di Diritto Pontificio, è presente nella città dal 1975. Nel quadro delle iniziative di promozioneumanaeculturale,organizzail Concorso Presepe - Natale 2010 giunto alla XXI edizione. Il tema di questaventunesimaedizione,“Tante stelle una sola Luce”. Le sezioni previste sono: il presepe artistico, il presepe amatoriale, il presepe nelle scuole. Le domande di partecipazionedevonoesserepresentateentro le ore 19.00, di mercoledì 15 dicembre 2010 presso “La Copisteria” di Talarico Armando in Via Firenze n. 84, oppure via e-mail al seguente indirizzo: viverein.kr@libero.it, oppure telefonando al numero 0962.23887. GASPERINA "Incontrarsi per crescere insieme" La Parrocchia San Bruno e Beato Lanuino, presenta giorno 14 dicembre , alle ore 17.30, "Incontrarsi per crescere insieme" tematiche sociali di attualità. Programma: riflessioni sul sublime gesto d’amore della donazione degli organi; esibizione dell’allievo Gabriel Giannotti; saluti del parroco Don Francesco Rattà; moderatore: Salvatore Condito; relatori: Marisa Macrina; Padre Pasquale Pitari. LAMEZIA TERME Presentazione del volume di Enzo Ciconte e Nicola Ciconte

Lunedì 13 dicembre 2010 , ore 18.00,pressoilSavantHotel,viaCapitano Manfredi - Lamezia Terme presentazione del volume "Il Ministro e le sue mogli. Francesco Crispi tra magistrati, domande della stampa, impunità" di Enzo Ciconte e Nicola Ciconte. Presenta Armando Vitale, dirigente scolastico liceo classico “Galluppi ” di Catanzaro. Presiede Rosanna De Luca, associazione “Premio Frano Costabile”. Saranno presenti gli autori REGGIO CALABRIA Manifestazione “Una Stella per la Vita” L’Ail, (Associazione Italiana contro le Leucemie Linfomi e Mieloma) Sezione “A. Neri” di Reggio Calabria, comunica che la consueta manifestazione “Una Stella per la Vita” si svolgerà oggi, 12 dicembre 2010 nelle principali piazze della città e della provincia reggina. Gli Arturo Fiesta Circo in concerto Giorno 12 dicembre , alle ore 22.00 al Csoa “A. Cartella” in Via Quarnaro I a Gallico, si esibiranno i brianzoli Arturo Fiesta Circo, dopo l’uscita del nuovo album “E lo chiamerai Giovanni”, il cui primo singolo “Royal” è scaricabile: atmosfere circensi ed una miscela di jazz, blues, canzone d’autore e folk. Ultimo appuntamento con “Teatrino pane e vino” Chiuderà domenica 12 dicembre , ore 18.15, al Teatro Primo di Saracinello (Rc) con la commedia di C. Maurici “U zi Pascali du Canada” messa in scena dalla compagnia teatrale Don Giovinazzo di Locri, la seguitissima rassegna regionale, organizzata dalla Uilt Calabria. SOVERATO Presentazione libro Il tesoretto di Soverato nei documenti di Paolo Orsi" Sabato 18 dicembre , alle ore 10.00, presso l’Acquario comunale, si terrà la presentazione del libro "Il tesoretto di Soverato nei documenti di Paolo Orsi" . CALABRIA L’Esercito Italiano in “Tour Promozionale Invernale 2010” Anche quest’anno riparte il Tour Promozionale, promosso dall’Esercito Italiano, per informare i giovani sui concorsi che la Forza Armata bandisce annualmente. Le tappe previste sono: giorno 14 dicembre “Metropolis” di Cosenza. Giorno 18 dicembre Centro Commerciale “La Gru” della città di Siderno. Gennaio , data da definire, tappa presso il Centro Commerciale “Due Mari”. Compito del team sarà quello di far conoscere le reali prospettive, in termini occupazionali che oggi l’Esercito, testimonianza di continuità nella tradizione e di apertura verso il futuro, è in grado di offrire a chiintendaintraprenderelacarriera militare.


24

il Domani Sabato 11 Dicembre 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA Il curatore Alberto Maria Martini: «In treno si viaggia oltre che con il corpo anche con la mente»

Bologna, Alta tensione dell’anima nella personale di Elisa Saggiomo Claudia Quintieri Alta tensione è la prima personale di Elisa Saggiomo e si svolge alla galleria spazio Testoni "La2000+45" di Bologna. Elisa Saggiomo, giovane videoartista, è fiorentina e nel 2009 ha vinto il premio d’arte contemporanea Val di Sambro. Servendosi dei fili dell’alta tensione, l’artista descrive stati d’animo di un viaggio in treno attraverso la zona appenninica fra l’Emilia e la Toscana. Il viaggio può essere un prolungamento della vita reale se si resta connessi con il computer o con il cellulare, se si leggono i giornali, o Servendosi anche solo se si decide di chiacchierare con un vicidei fili dell’alta no. A volte, invece, assume tensione, l’artista un’altra dimensione: può infatti diventare un attradescrive i diversi versamento onirico se ci si addormenta o, addirittura, stati d’animo un attraversamento della mente con una capacità di un viaggio immaginifica che porta al sui binari di fuori dell’esperienza più reale. Alberto attraverso la zona prettamente Mattia Martini, curatore della mostra, descrive così appenninica quest’ultima condizione: fra l’Emilia «L’aspetto del tempo trascorso in treno che mi e la Toscana appassiona maggiormente è, senza ombra di dubbio, quello di viaggiare oltre che con il corpo anche con la mente. Lasciarmi trasportare dal pensiero, unire in un’indissolubile esperienza eventi reali a sogni vissuti nella veglia. Fonte inesauribile di opportunità e di stimoli in questa direzione è il finestrino del treno, più esattamente quel mondo che possiamo osservare attraverso una sorta di schermo, che fa con-

Trittico degli attimi

correnza alla televisione e come qualità al 3d». I fili dell’alta tensione costituiscono poeticamente il percorso immaginario dell’artista, guidando lo spettatore nelle loro cadenze, nei loro movimenti fra verticale e oriz- La mostra zontale; movimenti simili a quelli del pensiero che si concretizza in picchi ver- si sviluppa ticali o in considerazioni orizzontali. Le attraverso dipinti geometrie e le coreografie che si incontrano imbattendosi in questi fili, portano foto e il video a una capacità di penetrare con la fanta6.719 attimi che sia nei meandri della propria intimità. La mostra Alta tensione si sviluppa attra- è la summa della verso dipinti, installazione e un video, 6.719 attimi, che è la summa dell’espe- sua esperienza rienza della Saggiomo. Il video vive di un moto perpetuo, come succede per tutte le opere in mostra, ed esprime la capacità di movimento dell’artista intrinseca nella sua vita nomade, dal momento che la Saggiomo

si è spostata tra Firenze, Carrara e Napoli e, attualmente, si trova tra le montagne Tosco Emiliane. Prende forma, infine, anche il tema del passaggio in differenti luoghi, attraverso visioni e visibilità, ma anche in differenti condizioni emozionali, fra esperienza reale e esperienza surreale, come «una rete mentale che collega i vari antri della psiche», conclude Martini. Elisa Saggiomo ha lavorato un intero anno alla preparazione di questa sua prima personale importante su invito della direzione artistica di spazio Testoni dopo essere stata selezionata dalla stessa galleria insieme ad altri nove giovani artisti per la partecipazione al premio d’arte contemporanea Val di Sambro nel settembre 2009, del quale è stata proclamata prima vincitrice dalla giuria presieduta da Vera Fortunati, direttrice del dipartimento arti visive del Dams di Bologna. Fino al 15 gennaio 2011. Info: 051371272; www.giannitestoni.it.

La nuda bellezza degli artifici La fotografa Nicole Tran Ba Vang espone i suoi scatti alla Emmeotto di Roma Giorgia Bernoni Da secoli l’icona rappresenta una luccicante meta da raggiungere per tutti, o quasi, gli artisti che si sono misurati con lo spinoso tema della rappresentazione. Scampata alla diatriba tra iconografi e icanoclasti, l’icona è giunta fino a noi senza perdere il suo smalto e la sua forza di desiderata porta d’accesso verso il divino e le sue manifestazioni. È ancora lei, oggi, al centro dell’estetizzante ricerca dell’artista Nicole Tran Ba Vang, fotografa di origine vietnamita ma che vive e lavora a Parigi. Si intitola infatti "Icône" la serie che viene esposta per la prima volta in Italia, precisamente a Roma, nei locali della Emmeotto: un’antologica che palesa la riflessione visiva che l’artista ha elaborato sul tema della bellezza. Fin dagli anni Novanta Tran Ba Vang ha preso in esame proprio il sistema della moda come referente per il suo lavoro, partendo

dalle riviste patinate che trattano la bellezza come momento di apoteosi mediatica. Le sue prime opere, degli interventi pittorici su ritagli di giornale, già contengono una forma iniziale di manipolazione della realtà dei media che caratterizzerà il suo intero lavoro. Dal 2000 la fotografa ha iniziato a modificare i suoi scatti con degli interventi digitali, un’evoluzione che le ha permesso di irrobustire le immagini di significati fino a creare paradossalmente, attraverso lo storpiamento forzato della realtà, un’oggettività ancora più reale. A questo proposito, il curatore Valerio Dehò precisa: «Sembra in un certo senso di ripercorrere la famosa favola di Andersen chiamata Il vestito del re. Gli artisti sono come quel bambino che non seppe resistere alla tentazione di dire la verità, cioè quello che vedeva, ossia che il re era nudo. Ma il discorso

Un'opera della Tran Ba Vang

di Nicole Tan Ba Vang va oltre la rivelazione della verità perché lei sa bene che oggi tutto questo non è possibile perchè il concetto di "vestito"e di "abito", ha permeato completamente la cultura del corpo. La moda dei tatuaggi ne è un esempio importante, ma è il corpo stesso che è diventato un vestito, qualcosa da indossare e da mostrare. Lo sviluppo della chirurgia plastica o il concetto di un corpo che deve essere costruito a

propria immagine e somiglianza è stato un cambiamento che ha rivoluzionato il modo di intendere la seconda pelle. Aspettative e modelli sociali vengono introiettati a fatti propri dagli individui, spesso in modo passivo». La mostra romana raccoglie i tre momenti fondamentali del percorso dell’artista francese attraverso alcuni lavori che ne testimoniano l’originalità. Fino al 5 febbraio.


Sabato 11 Dicembre 2010

il Domani 25

IL DOMANI DELLA CULTURA

Ernesto Ferreyra

La copertina dell'ultimo lavoro

Ernesto Ferreyra, la musica vista da cittadino del mondo Intervista col dj e produttore da poco in tour con “El paraiso de las tortugas” Mattia Marzo Si chiama Ernesto Ferreyra ed è una scommessa vinta per la nuova frontiera della musica elettronica. Ernesto Ferreyra è nato e cresciuto in Argentina e precisamente a Cordoba. Ha iniziato all’età di 15 anni a mettere le mani sui piatti, ma, solo quando si è trasferito in Messico, ha intrapreso la vera carriera professionale di dj. Il suo lavoro di debutto è "Memoria colectiva" seguito da "Exodo". Le sue performance, sia dj set che live act, sono apprezzate in tutto il mondo e soprattutto ai festival, come

Ha iniziato all’età di 15 anni a mettere le mani sui piatti ma solo quando si è trasferito in Messico ha intrapreso la vera carriera professionale di dj

l’anno scorso al transmediale festival di Berlino. Lavora come dj e produttore in giro per il mondo ed è da poco in tour per il suo primo disco "El paraiso de las tortugas" sotto etichetta Cadenza (tra le più autorevoli nel settore). Era in Messico quandoabbiamorealizzatol’intervistaed è lui stesso a raccontarci come vive. Cosa vuol dire essere un cittadino del mondo? «Il vero significato non potrei spiegartelo, sono un nomade più che un cittadino del mondo. Non è facile diventare un cittadino di un paese nuovo. Ci sono tante restrizioni per le persone che non fanno parte del gruppo d’élite dei paesi dove i propri cittadini possono muoversi e viaggiare liberamente. Nel mio caso è passato molto tempo prima di riuscire a spostarmi tra le frontiere». Hai cominciato a suonare giovanissimo in una radio a Còrdoba ed oggi fai parte di alcune tra le più importanti etichette di musica elettronica. Parlaci del tuo percorso. «Da quel programma radiofonico sono successe tante cose e tantissime diverse esperienze tra studi, università, viaggi, lavoro, fidanzate, amici, molti club e par-

«Il mio primo album uscirà a breve su Cadenza e sarò impegnato nel tour di promozione. Sto anche lavorando su una nuova serie di show dal vivo» ty, tonnellate di concerti grandi e piccoli ma la musica c’è stata sempre. Nella mia testa, nel mio studio, in macchina al mattino, prima di dormire, e così via. In poche parole la musica era e sarà l’unica passione costante e, talvolta, un’ossessione, che non ho mai lasciato da quando sono piccolo». Nella tua musica, si sentono influenze di artisti come i Depeche Mode, Jean Michael Jarre o i Pink Floyd. Cosa ti ha spinto a produrre musica elettronica? «Il passo logico per tutti è produrre i dischi e suonare come dj per molto tempo, così come ho fatto io. A un certo punto

Exhibitalia di successo

La Beirut di Rimondi

L’arteitalianacontemporaneaarriva a Miami. E il successo scatta immediato. Exhibitalia, il primo padiglione di rappresentanza dell’arte contemporanea italiana nel cuore dell’Art district di Miami, infatti, ha ottenuto un grande successo di pubblico. Tante le iniziative per diffondere l’arte italiana degli ultimi tempi. Nel padiglione, realizzato in occasione di Art Basel Miami 2010, che si è chiuso l’8 dicembre sera, gli artisti di Exhibitalia hanno lavorato, tra l’altro, sulla Art 500, una vecchia Fiat 500. Presenti le nuove 500 Fiat, ma anche la prima versione vintage. Tra gli artisti e le gallerie che hanno esposto: Art events, circuito di gallerie italiane, Euart, arte contemporanea itinerante, Syrlin-Art-association, la galleria Poliedro di Trieste.

Giovedì 16 e venerdì 17, a Bologna, sarà presentato il volume fotografico "Beirut nocturne” di Giulio Rimondi. Le immagini del libro sono immerse in un nero dilagante, accompagnate solamente dai versi dell’anziano poeta libanese Christian Ghazi, che con i suoi testi ha incorniciato il lavoro del giovane fotografo bolognese Giulio Rimondi. Atmosfere intime, solitudini e il ricordo tormentoso della guerra, nessuna traccia della Beirut famosa del divertimento, della ricchezza e del sesso, ma una città notturna e silenziosa in cui emergono, illuminate per un attimo, persone e scene di vita marginali. Il libro, realizzato nella capitale libanese fra l’autunno 2009 e la primavera 2010, con introduzione a cura di Renato Miracco e presentazione di Ferdinando Scianna, è pubblicato in volume da Charta. Gli scatti

non potevo andare avanti solo come dj e quello che mi mancava era comporre musica, anche se non ho avuto nessuna formazione musicale. Spendo tutti i miei giorni e molte notti in studio lavorando, leggendo manuali, prendendo appunti e facendo esperimenti no stop per cercare di capirne di più». E ci riesci? «Bè, passo tutto il tempo in studio a produrre quando non sono in viaggio, scoprendo nuovi modi di fare musica». E cosa ci dici sul “djing”? «Nello stesso studio la metà del tempo la passo ad ascoltare musica nuova o sono in cerca di qualche vecchio disco che non ho. Il “djing” è quello che mi piace fare di più quando suono dal vivo. Mi piace molto e il più delle volte mi sento molto bene a farlo». Spesso vieni a suonare in Italia: come vivi la scena italiana? «L’Italia è per me il paese dove succede molto in termini di clubbing e la gente è sempre molto presa. Per me è come una seconda casa perché anche le persone sono affascinanti e aperte e ho bisogno di quel tipo di relazioni. Mi diverto sempre quando sono da voi». Quali sono i tuoi prossimi progetti? «Il mio primo album uscirà tra qualche settimana su Cadenza e sarò impegnato nel tour di promozione. Sto anche lavorando su una nuova serie di show dal vivo con alcunidifferenti suoni minimal-chic per un possibile nuovo album. In inverno farò un tour in sud America, credo intorno a febbraio/marzo, e dopo andrò in vacanza lontano da telefoni, mail e computer».

Giulio Rimondi

che hanno dato vita al progetto “Beirut nocturne” saranno esposti in una serie di mostre in gallerie d’arte e spazi pubblici tra Milano, Parigi, New York, Washington e Beirut. La prima esposizione è prevista per marzo 2011 nella capitale francese. Nel progetto è coinvolto anche l’Istituto italiano di cultura di Beirut che curerà la presentazione del libro nella capitale libanese.


26

il Domani Sabato 11 Dicembre 2010

DALL'ITALIA E DAL MONDO Fiducia: 310 si, 313 no. La procura di Roma indaga sulle "compravendite"

Il premier pieno di fiducia Fini: è un calciomercato di Maria Teresa Squillaci ROMA- Semplicemente indecisi o corrotti? La Procura di Roma ha aperto un’ inchiesta sulla presunta "compravendita" di parlamentari in atto in queste ore in Parlamento. Obiettivo degli accertamenti (a carico di ignoti) quello di verificare se nelle "conversioni" dell’ ultima ora di molti deputati sia ravvisabile o meno il reato di corruzione. Il leader dell’ Idv Antonio di Pietro si è recato alla Procura di Roma per fornire «molti documenti e numerose prove» per far luce su quello che considera «lo scandalo più grave, in Italia, in questo XXI secolo». «In una vera democrazia - dichiara - non ci si può basare su voti comprati, venduti o estorti. Comunque, di quanto esibito al Procuratore non posso dire nulla, perché sono tenuto al segreto istruttorio». Il reato ipotizzato nei confronti di chi acquista e di chi vende voti sarebbe quello di corruzione. Ma non è da escludere anche quello di concussione. Dal canto suo Berlusconi si mostra per niente turbato dalle

"intemperie" che stanno travolgendo la politica. "Troppa diffidenza. Esiste un’Italia positiva che vuole crescere, che è capace di darsi degli obiettivi e di realizzarli" e che "in Europa e nel mondo è apprezzata e ammirata" Questo l’ intervento del premier all’inaugurazione dell’atrio Pietralata della nuova stazione Alta velocità di Roma Tiburtina, prova tangibile che «il governo lavora». Silvio Berlusconi assicura di voler portare a termine la legislatura senza farsi condizionare. «Andiamo avanti senza farci prendere da pazzie politiche». Siamo sicuri - puntualizza il Cavaliere - della stima della maggioranza degli italiani e vogliamo portare a frutto questi due anni e mezzo di legislatura che ancora mancano». Il premier userà gli ultimi giorni che ci separano dal voto per convincere i dubbiosi a dargli credito. Intanto la fiducia conquista due sì certi, quelli dell’ex dipietrista Antonio Razzi e quello del li-

beraldemocratico Maurizio Grassano. Ma è soprattutto l’area degli incerti che diventa sempre più affollata con l’approssimarsi del 14 dicembre: c’è Massimo Calearo che si esprime per l’astensione (ma secondo molti alla fine voterà la fiducia) e che ieri insieme a Cesario e a Scilipoti ha formato la componente "Movimento di responsabilità nazionale", c’è Paolo Guzzanti che si dice

Quando Fini fa battute sul calciomercato, offende i deputati che invece, da presidente della Camera, dovrebbe rappresentare. È uno strappo gravissimo

Stanno venendo al pettine le contraddizioni degli ultimi anni: l’umiliazione del ruolo del Parlamento, deputati e senatori nominati invece che eletti, falso bipolarismo

pronto a dire sì se Berlusconi aprirà sulla legge elettorale, c’è Pannella che rinvia la decisione sul voto all’ultimo minuto, c’è Gianpiero Catone che dice no alla sfiducia ma non scioglie ulteriormente la riserva e c’è Domenico Scilipoti che per ora è orientato a sfiduciare Berlusconi ma si riserva di riflettere ulteriormente. Difficile dire se e quanti saranno effettivamente convinti ma le trattative si susseguono senza tregua. Al momento la fiducia può contare su 310 voti certi e la sfiducia su 313 sì. Un testa a testa serrato dove non si risparmiano frecciatine e sgambetti agli avversari. Nel corso di una visita al liceo scientifico Majorana di Isernia, Gianfranco Fini, riferendosi al voto a Montecitorio ha dichiarato: «Da adesso comincia il calciomercato». Alla denuncia del leader di Fli fa eco quella di Famiglia Cristiana. «I quotidiani - commenta il settimanale dei paolini in un articolo sulla compravendita di parlamentari - sono pieni di dettagli su questo tariffario, rispetto al quale le mazzette di Tangentopoli sono acqua fresca. (...) La sensazione cioè è che, se non tutto, quasi tutto sia vero. E che i trenta denari abbiamo assunto forme più moderne, ma senza cambiare significato». Amaro il commento di Diliberto , portavoce nazionale della Federazione della Sinistra: «Stanno venendo al pettine le contraddizioni che si sono accumulate negli ultimi anni: l’umiliazione del ruolo del Parlamento, deputati e senatori nominati invece che eletti; sistema bipolare falso, obbligato dalla legge elettorale».

Il Commissario europeo per gli Affari monetari ascoltato in Parlamento

Olli Rehn: a stime confermate, niente ritocchi per l’Italia di Raffaella Malito ROMA - A bloccare voci e allusioni sulla necessità di una manovra aggiuntiva per centrare l’obiettivo dei conti pubblici in Italia è l’Europa stessa. L’Italia al momento non ha bisogno di una manovra aggiuntiva, anzi «né adesso né nell’esercizio successivo, purché crescita ed entrate vadano come previsto», ha detto il Commissario Ue agli Affari economici Olli Rehn ascoltato in Parlamento. «È stato appena approvato il Bilancio per il 2011, che è compatibile con gli obiettivi fiscali per l’anno prossimo e il criterio del disavanzo del 3 per cento del Pil nel 2012. Secondo noi non si renderanno necessari nuovi interventi ora, ma al tempo stesso sarà necessario un monitoraggio rigoroso sul lato della spesa e delle entrate e la verifica che siano rispettate le previsioni di crescita». Le allusioni nascevano dalle discrepanze nelle previsioni sul quadro macroeconomico dell’Ue da una parte e del governo dall’altra. Discrepanze che

Rehn definisce normali. E con queste rassicurazioni sui conti pubblici Tremonti incassa dall’Europa l’ennesima conferma che l’Italia ha ben gestito la crisi e che la situazione è meno deteriorata che altrove. L’occasione di tali riflessioni è fornita dall’audizione congiunta tenuta alla Camera dal commissario europeo per gli Affari economici e monetari, Olli Rehn, con il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, in merito alla riforma della governance economica europea. Tremonti dichiara finita l’era in cui si utilizzava la spesa pubblica per creare consenso politico. Stop al deficit-spending. Ritorna a d auspicare che nella revisione del regole del patto di stabilità e crescita si considerino anche altri fattori oltre al debito pubblico. «L’Italia - ha detto Rehn - ha fatto fronte relativamente bene alla crisi: entro il 2012 le nostre previsioni d’autunno ci dicono che dovrebbe tornare a tassi di crescita precedenti alla crisi. Il governo italiano - ha aggiunto ha mantenuto una posizione fiscale prudente per prevenire eventuali perce-

zioni dei mercati rispetto al rischio Italia». E ancora: «L’Italia grazie al settore bancario relativamente solido e al debito privato relativamente basso è riuscita a evitare insorgere di grandi squilibri esterni. La crisi ha assunto carattere sempre più sistemico e abbiamo quindi bisogno di una risposta altrettanto sistemica complessiva che unisca provvedimenti di natura orizzontale ad azioni paese specifiche», ha detto Rehn che ha espresso fiducia nel raggiungimento a breve di nuove regole. «Sono fiducioso che entro l’estate 2011 sarà realtà il nuovo sistema di governance economica». A darne alcune linee guida è stato Tremonti: «La costruzione che stiamo disegnando si basa per reazione alla crisi su quattro pilastri. I primi due sono un ruolo diverso, per il quale la discussione è in atto, della Banca centrale europea e un ruolo nuovo del fondo di stabilizzazione europea». Gli altri due pilastri «sono la disciplina interna, le politiche di bilancio di rigore che si fanno in tutta Europa, di rigore, naturalmente graduate secondo le strut-

ture politiche ed economiche, e la costruzione di una governance comune che si basa sulla meccanica del semestre europeo». Tremonti ha ribadito che «il Continente produce più debito che ricchezza, più deficit che Pil, e questa è una politica non più sostenibile», segnalando al contempo che "non c’è più un Paese che fa deficit spending. Quell’epoca storica è finita». Finità l’età coloniale in cui si viveva la diaspora delle possibilità, ha ribadito Tremonti. «La crisi ha evidenziato che è giunto il momento d’infondere nuova vita all’Unione monetaria europea con una dimensione economica autentica per rafforzare l’euro e questo amato e prezioso progetto». E infine Tremonti riconferma il suo auspicio che nelle sedi deputate all’analisi della sostenibilità di un Paese si considerino altri fattori come la finanza privata che in Italia come gli ha riconosciuto l’Europa come Rehn gode di ottima salute. «Politicamente dovremmo capire l’equilibrio tra la crisi dei bilanci pubblici e la crisi della finanza privata».


Sabato 11 Dicembre 2010

il Domani 27

DALL'ITALIA E DAL MONDO Ugo De Siervo nuovo presidente della Corte costituzionale

Ma la ventata di ottimismo viene ridimensionata dai dati sulla produzione industriale a ottobre in calo dello 0,1%

Cresce a sorpresa il Pil nel III trimestre, più 0,3% di Carlo Bassi ROMA - Un’ora dopo la delusione dei dati della produzione industriale di ottobre, i dati finali per la crescita italiana nel terzo trimestre registrano una piccola sorpresa positiva, mostrando un Pil in aumento dello 0,3% su base trimestrale rispetto allo 0,2% preliminare. Il dettaglio della crescita tra luglio e settembre indica un andamento migliore delle previsioni per i consumi, una tenuta degli investimenti fissi lordi, anche questi segnali positivi, ma un andamento deludente del canale estero. La sorpresa positiva del In prospettiva, però, Pil non compensa in toto il calo dell’output industriale di ottobre la cattiva notizia della apre l’ultimo trimestre del 2010 sotto produzione industriale un segno della debolezza. di ottobre scesa dello Se il 2010 chiuderà 0,1% su base mensile probabilmente con un’espansione di 1% su tutto l’arco dell’anno, il 2011 dovrebbe segnare una crescita leggermente più debole. «La revisione al rialzo del dato del Pil è incoraggiante, come pure l’accelerazione dei consumi, ma nel quarto trimestre il Pil sarà piatto o crescerà di 0,1%. Per tutto il 2010 mi attendo una crescita di 1%, e, guardando avanti mi as-

petto un rallentamento a 0,7% nel 2011», dice Luigi Speranza, economista di Bnp Paribas. A livello tendenziale il Pil è salito dell’1,1%, rispetto al +1,3% del secondo trimestre 2010, con una revisione di un decimo di punto percentuale rispetto alla stima preliminare. Il Pil acquisito per il 2010 è confermato a +1% a fronte di una stima ufficiale del governo, diffusa a fine settembre, per la crescita di tutto l’anno all’1,2%. Per il 2011 il governo si attende un 1,3%. Nel terzo trimestre i consumi delle famiglie mostrano un contributo alla crescita di 0,2% rispetto ai tre mesi precedenti, quando erano stati neutri. Nessun aiuto, invece, dalle spese della Pubblica amministrazione, mentre gli investimenti fissi lordi contribuiscono con 0,2% da 0,4% del trimestre precedente che godeva, però, ancora degli incentivi fiscali della Tremonti Ter. Le scorte portano un sostanzioso 0,5 al Pil, dopo aver sottratto 0,6 nel secondo trimestre, mentre le esportazioni nette sottraggono un copioso 0,5, dopo aver contribuito per 0,6 nei tre mesi precedenti. Per gli economisti, però, la sorpresa positiva del Pil non compensa completamente la cattiva notizia della produzione industriale di ottobre che è scesa di 0,1% su base mensile, deludendo l’aspettativa diffusa fra gli analisti di un rialzo di 0,7%.

Anche Carlo e Camilla assediati dagli studenti in rivolta LONDRA - Studenti in piazza e tensione contro il provvedimento, approvato nel pomeriggio dalla Camera dei comuni, che aumenta fino a 9mila sterline all’anno le rette delle università inglesi. E ne hanno fatto le spese anche il principe Carlo e Camilla la cui auto è stata assediata dai dimostranti. Secondo il bilancio delle forze dell’ordine quattro agenti e 13 manifestanti sono rimasti feriti negli scontri del pomeriggio tra la polizia e gli studenti, mentre sette persone sono state arrestate. In tarda serata, i manifestanti hanno fatto irruzione al ministero del Tesoro e un gruppo di studenti ha attaccato l’auto con a bordo il principe Carlo e la moglie Camilla. Secondo Sky l’auto dei reali è stata circondata e presa a calci dai manifestanti a Regent Street, i manifestanti hanno anche infranto il vetro di un finestrino e im-

brattato di vernice la carrozzeria della vettura; poi l’auto si è potuta allontanare. Carlo e Camilla sono arrivati quindi all’evento dove erano attesi al Palladium di Londra. Il Palazzo Reale ha confermato l’attacco dei manifestanti alla macchina del principe e della moglie. La coppia reale è «illesa», ha detto un portavoce. La capitale inglese si è trasformata in un campo di battaglia: diecimila giovani hanno sfilato in corteo dalla giovedì mattina contro l’aumento delle rette universitarie ma, arrivati alla Piazza del Parlamento si sono trovati una fila di agenti a sbarrare loro il passo. Centinaia di loro hanno cercato di sfondare la barriera umana, e la polizia ha faticato nel controllo della situazione. Nel corso del braccio di ferro tra studenti e polizia, un agente a cavallo è stato tirato giù ed è rimasto contuso.

ROMA - I giudici della Consulta hanno eletto ieri Ugo De Siervo nuovo presidente della Corte costituzionale, rispettando i pronostici da noi riportati mercoledì scorso. De Siervo è stato eletto al ballottaggio, come ha comunicato un portavoce della Corte. Professore di diritto costituzionale, De Siervo è stato eletto alla Consulta dal Parlamento, su indicazione del centro sinistra, nel 2002 ed è pertanto il giudice con maggiore anzianità. Il suo mandato sarà breve poiché decadrà da giudice nell’aprile del prossimo anno. Sotto la sua presidenza, i 15 giudici della Consulta dovevano essere chiamati la pros- Se la Corte decidesse sima settimana ad esaminare una causa dal forte impat- per l’incostituzionalità to politico, quella sulla costidel legittimo impedimento tuzionalità della legge sul legittimo impedimento, che cadrebbe lo scudo al sospende i processi al presidente del Consiglio Silvio premier in teoria valido Berlusconi fino all’ottobre fino a ottobre 2011 2011. La Corte costituzionale è ora orientata a fare slittare a gennaio l’udienza pubblica in cui affronterà la legge sul legittimo impedimento, evitando la coincidenza con il voto di fiducia in Parlamento. Lo ha confermato ieri proprio De Siervo. La legge di fatto congela fino all’ottobre 2011 i processi al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, sempre che mantenga la carica, stabilendo che il premier e i ministri sono "legittimamente impediti", per l’esercizio delle loro funzioni, a partecipare ai processi in cui siedono come imputati. Ma il tribunale di Milano, davanti al quale Berlusconi è imputato in tre processi, ha sollevato la questione di legittimità costituzionale, inserita nel calendario delle udienze della Consulta il 14.


28

il Domani Sabato 11 Dicembre 2010

FOCUS di Sofia Ricciardi ROMA – Certo non è una novità. Da anni, qualunque indagine si occupi dei tempi di riscossione dei crediti spettanti alle imprese finisce per fotografare l’ennesima realtà in cui il Sud rimane indietro rispetto al resto della penisola. Il dato preoccupante, però, è che si tratta di una situazione che non accenna a migliorare, anzi. Secondo un`indagine dell’Ance sui ritardi dei pagamenti, svolta a settembre 2010 presso le imprese associate e realizzata dall`Osservatorio congiunturale sull`industria delle costruzioni, quello che emerge è un costante e progressivo peggioramento del fenomeno: quasi la metà delle imprese (il 44% contro il 20% a gennaio 2009 e il 28% a maggio 2010) ha denunciato ritardi medi che superano i quattro mesi oltre i termini contrattuali -quindi tempi di pagamento superiori ai 6,5 mesi-

44% Sono le imprese che, secondo un’indagine Ance, hanno denunciato ritardi medi superiori ai quattro mesi

La Calabria delle attese infinite... Un’impresa riscuotere i crediti

La recente protesta dell'Edilizia davanti a Montecitorio

con punte di ritardo che toccano i 24 mesi. Un fenomeno che interessa in modo particolare le imprese del settore edilizio, di qualunque dimensione, e i piccoli artigiani. Conferma il triste primato anche uno studio di D.A.S. Italia, compagnia specializzata nella tutela legale di Alleanza Toro, che ha analizzato le pratiche di recupero crediti avviate dai propri clienti: «Oltre il 70% degli imprenditori e il 78% dei liberi professionisti in-

terpellati -afferma Roberto Grasso, amministratore e direttore generale di D.A.S. Italia- aveva manifestato l’esigenza di una polizza di tutela legale per gestire il recupero dei crediti, a riprova di quanto sia in questo periodo un’esigenza prioritaria e legata alla sopravvivenza stessa dell’azienda. Solo quest’anno aggiunge il manager - su oltre mille pratiche abbiamo recuperato circa 3 milioni di euro. Tutti i settori merceologici sono colpiti e

interessati dal fenomeno delle insolvenze ma le imprese edili e quelle artigiane di falegnameria o carpenteria metallica ne soffrono più delle altre». Detto questo, la situazione può essere molto diversa a seconda che l’impresa si trovi al Nord o al Sud. Con una media di 80 giorni, il Trentino Alto Adige è risultata essere la regione italiana più affidabile e puntuale per i pagamenti alle imprese; una media che resta comunque alta se paragonata ai 30 giorni circa dei Paesi scandinavi o ai tempi della Germania o addirittura di alcune nazioni dell’Est Europa come Polonia ed Estonia. L’Abruzzo, per evidenti ragioni legate al recente terremoto, la Basilicata e la Calabria sono, invece, le regioni dove le attese sono più lunghe poiché le imprese riscuotono i loro crediti con un ritardo di un mese in più (in media) rispetto al Trentino. Tra le regioni nelle quali le imprese soffrono meno per riscuotere i propri crediti rientrano anche la Liguria e l’Emilia Romagna, con una media di 5 giorni in più del Trentino. Situazione accettabile

Il Trentino Alto Adige è la più "virtuosa" (80 giorni). Più si scende al Sud maggiori sono le difficoltà nella vertenze per il recupero di crediti anche in Friuli-Venezia Giulia, nelle Marche e nel Veneto. In generale, D.A.S. ha riscontrato tendenzialmente che più si scende lungo la Penisola e maggiori sono le difficoltà di buon esito della vertenza per il recupero di crediti non riscossi. La Basilicata è la regione più lenta nei pagamenti con una media di 3 mesi e 2 settimane. Qualche giorno in meno si registra in Puglia e Calabria. Segue la Campania con attese medie di poco superiori ai 3 mesi.


Sabato 11 Dicembre 2010

il Domani 29

FOCUS

L’Europa promette: nel 2011 norme per confische dei beni

ha detto il fondatore dell’associazione antimafia ’Libera’, la cui emanazione internazionale, Flare, ha organizzato la due giorni di conferenze e workshop nell’emiciclo di Bruxelles per sostenere la necessità di avere una direttiva europea per la confisca dei beni

di Gaia Mutone BRUXELLES – Troppo grande il fenomeno per essere ignorato. Clamorosa l’abilità con la quale la mafia del nuovo millennio riesca a padroneggiare gli strumenti della finanza di oggi e a trovare sempre nuove vie per accrescere la sua enorme liquidità da reinvestire in tutto il mondo. La quarta edizione del Premio del Libro europeo, che ha incoronato vincitori a pari merito Roberto Saviano con La bellezza e l’inferno e la scrittrice finlandese Sofi Oksanen per il suo romanzo Purga, ha inaugurato anche una due giorni che il Parlamento europeo ha dedicato alla lotta alla criminalità organizzata. «La crisi -ha detto Saviano di fronte ai deputati europei- ha portato necessità di liquidità per gli istituti di credito e per tutto il mercato. Le organizzazioni criminali hanno enormi quantità di denaro liquido. Così stanno entrando sempre di più attraverso la porta dell’est europeo». Un appello a non abbassare la guardia in un momento delicato per tutti in cui la debolezza del-

la ripresa economica e la difficoltà ad accedere al credito da parte di molte imprese può spianare la strada a capitali illeciti e al riciclaggio. Il primo passo è prendere atto che la mafia, ormai, è un fatto europeo e che per questo deve essere oggetto di un’azione politica condivisa. E il concetto che la mafia sia un fenomeno continentale lo ha ribadito anche Don Ciotti. «I mafiosi investono ovunque e cercano di infiltrarsi nel sistema ovunque»

La commissaria alla Giustizia, Cecilia Malmstrom: «Bruxelles varerà la direttiva per coordinare a livello europeo i provvedimenti di confisca dei beni di provenienza criminale»

criminali ed il loro riutilizzo sociale. Una prima risposta dell’Ue però c’è stata: in un videomessaggio, la commissaria alla Giustizia, Cecilia Malmstrom, ha promesso che "entro il 2011" tale proposta sarà avviata,aggiungendo,inoltre,che la Commissione di Bruxelles si attiverà per avviare "un pacchetto di strumenti" per la lotta alla corruzione, definita «un crimine che fa vittime: mina la democrazia e dissangua l’economia». In segui-

Sotto accusa paradisi fiscali e globalizzazione: cuore del riciclaggio i primi e strumento di infiltrazione per le mafie la seconda to, hanno dato sostegno all’iniziativa cinque dei sette gruppi politici dell’europarlamento (Ppe, S&D, Alde, Gue e Verdi), mentre non si sono espressi i conservatori dell’Ecr e gli euroscettici dell’Efd, che raggruppa la Lega e gli indipendentisti britannici dell’Ukip. Da segnalare un aspetto toccato in molti interventi: è piuttosto diffusa la convinzione che globalizzazione finanziaria da una parte, e paradisi fiscali dall’altra, abbiano avuto un ruolo nell’attirare gli investimenti mafiosi e che, quindi, vadano maggiormente regolati. «L’ 80% degli hedge fund - ha osservato l’economista Antonio Tricarico - hanno sede nei paradisi fiscali, attraverso i quali passa il 60% dei flussi generati dal commercio globale». Proposte: tornare ad un controllo del movimento dei capitali, tassare le rendite finanziarie, aumentare la trasparenza nell’utilizzo di fondi pubblici, combattere i paradisi fiscali e insistere sulla confisca dei beni criminali.


30

il Domani Sabato 11 Dicembre 2010

ilD sport

a cura s.s.e. mediatag

Il Cosenza alla corte di Zeman. Il Catanzaro scopre la "bufala" Di Vincenz

Reggina e Crotone chiamate al riscatto davanti al proprio pubblico Andrea Celia Magno tre la vittoria dei toscani è quotata 4.85 .

Reggina - Grosseto (sab.15:00): La sconfitta di Varese, sabato scorso, e quella nel recupero dell’Immacolata contro l’Albinoleffe, per di più al Granillo, hanno rallentato il passo e smorzato gli entusiasmi della Reggina. In sole due giornate (anzi tre, se aggiungiamo la sconfitta di Novara che però può essere considerata un episodio), gli uomini di Atzori hanno perso contatto dalle prime due della classe (ora il Siena, secondo, è a -6) e hanno visto avvicinarsi minacciosamente il Torino per l’ultima posizione play-off disponibile,occupataappuntodagli amaranto. Contro il Grosseto deve arrivare il pronto riscatto se non si vuole perdere definitivamente il contatto dalle prime della classe. Atzori dovrà nuovamente fare a meno di Bonazzoli, mentre a centrocampo desta qualche preoccupazione la condizione di Missiroli (che dovrebbe comunque essere della gara); Viola potrebbe essere sostituito da Castiglia. L’undici amaranto (3-5-2) sarà composto da Puggioni fra i pali; Adejo, Cosenza e Acerbi in difesa; Laverone, Rizzo, Castiglia, Missiroli e Rizzato a centrocampo; Zizzari e Campagnacci in attacco. Nel Grosseto, mister Moriero dovrà fare a meno di quattro infortunati, fra cui Consonni e Turati. Il 4-4-2 sarà dunque obbligato quanto agli uomini, con Narciso in porta; Freddi, Iorio, Federici e Mora in difesa; Alfageme, Vitiello, Asante e Caridi a centrocampo; Soncin e Greco in avanti. Arbitra Cervellera di Taranto. Bwin paga la vittoria amaranto 1.77; 3.20 per il pari, men-

Crotone - Cittadella (sab.15:00): Un Crotone in piena crisi tecnica e di risultati è quello che attende all’Ezio Scida il Cittadella di Foscarini che, a dispetto di qualche giornata fa, può vantare gli stessi punti degli jonici in classifica. Ne consegue che la gara di oggi assume le sembianze di uno spareggio per evitare di venire risucchiati nella bagarre delle ultime posizioni. Corini, comunque, dovrebbe cominciare ad avere migliori risposte da parte della squadra per quel che riguarda l’assimilazione del nuovo modulo di gioco (4-3-3) e spera di recuperare capitan Galardo, uno dei cinque indisponibili, fra squalifiche (Beati, De Giorgio e Curiale) e infortuni (Migliore e, appunto, Galardo), della formazione rossoblù. Il Crotone scenderà in campo con Belec fra i pali; Crescenzi, Viviani, Abbruzzese e Terigi in difesa; Eramo, Parfait e Galardo a centrocampo; Cutolo, Ginestra e Russotto in attacco. Gli ospiti, che dovranno rinunciare a Nassi, Gabbiadini, Scardina e Gorini, andranno in campo con il 4-3-1-2 composto da Villanova fra i pali; Manucci,Gasparetto,Nocentinie Marchesan in difesa; Musso e Volpe ai lati del rombo di centrocampo in cui l’estremo basso è l’esperto Samuele Dalla Bona e quello alto Bellazzini; in attacco Piovaccari completa il tandem con Perna. Dirige il signor Candussio di Cervignano. Bwin quota la vittoria rossoblù a 2.15; il pari è dato a 2.85, mentre la vittoria dei veneti

verrebbe pagata 3.75 . Foggia - Cosenza (dom. 14:30):

Il Cosenza ha preparato la sfida contro il Foggia cercando di non pensare alle vicende societarie. E, stando agli ultimi risultati, ci sta anche riuscendo. In particolar modo, la vittoria contro l’Atletico Roma al termine di una gara vibrante e combattuta da entrambe le parti, ma vinta meritatamente dai rossoblù, ha alzato le quotazioni della squadra di Mario Somma riportandola a ridosso della zona play-off. Convince sempre di più il 3-5-2 che i lupi hanno cominciato ad adottare nella gara di Coppa Italia al San Vito, proprio contro il Foggia di Zeman (a gennaio, quando verrà recuperata, la gara fra Juve Stabia e Cosenza deciderà quale fra le due compagini andrà in semifinale). Allo Zaccheria, però, certamente non si vedrà un Foggia rinunciatario come quello visto al San Vito, tutt’al più che adesso i satanelli vorranno riscattare la sconfitta nel derby contro il Taranto, rimediata nel posticipo del lunedì sera. Il Cosenza (con il lutto al braccio per la morte del padre di Alessandro Bernardi, uno dei 7 ciclisti uccisi da un pirata della strada domenica scorsa) potrebbe scendere in campo con il ritrovato Petrocco fra i pali; Wagner, Raimondi e Di Bari in difesa; Matteini, De Rose, Stefano Fiore, Roselli e Giacomini a centrocampo; Mazzeo e Biancolino in attacco. Arbitra Aloisi di Avezzano. Bwin vede favorito il Foggia, la cui vittoria è quotata 1.97; il pari è dato a 3.10, mentre il 2 è quotato 3.40. Latina - Vigor (dom.14:30):

Mister Costantino dovrà rinunciare a cinque giocatori, fra squalificati e infortunati, per la sfida sul campo della capolista Latina. Ad essi (Caridi, Mangiapane, Iannazzo, Costantino e Catalano) si aggiunge l’addio di Manganaro (rescissione contrattuale), pedina fondamentale fino a questo momento. La Vigor scenderà in campo con un 4-4-2 obbligato, composto da Forte in porta; Trovato, Parisi, Sinicropi e Mercurio in difesa; Potestio, Paonessa, Giuffrida e Rondinelli a centrocampo; De Luca e Iannazzo in attacco. Dirige D’Angelo di Ascoli. Bwin quota la vittoria del Latina a 1.60; a 3.25 il pari; 5.25 per la vittoria vigorina. Vibonese-Neapolis (dom.14:30):

Per la gara interna contro il Neapolis, Marco Tosi dovrà fare a meno di Scrugli, Mineo e Grillo. La formazione rossoblù (4-4-2) che affronterà i campani dovrebbe essere composta da Mengoni fra i pali; Stefanini, Perna, Geraldi e Rugiero in difesa; Donati, Mazzetto, Gatto e Dominici a centrocampo; Pasca e Napoli in attacco. Arbitra Todaro di Palermo. Bwin paga 2.55 la vittoria ospite; quota identica a 2.75 per il pari e per la vittoria vibonese. Catanzaro Pomezia

(dom.14:30): Ancora una volta, le promesse di Enzo Duilio Di Vincenz, il rappresentante della nebulosa cordata interessata a rilevare la società giallorossa, si sono rivelate vacue parole non seguite da fatti. Di Vincenz ha continuato a rimandare per tre volte, solo negli ultimi quattro giorni, il suo arrivo in città, dopo che erano stati compiuti tutti i passaggi necessari da parte della vecchia proprietà (in ultimo la man leva) ed era arrivato quello che avrebbe dovuto essere il futuro dg, Vincenzo Maria D’Ambrosio, che aveva visitato le strutture sportive e la squadra, bloccato l’allenatore (Grassadonia) e qualche giocatore. La trattativa può considerarsi ormai conclusa. La credibilità di Di Vincenz, mai stata a livelli accettabili in virtù del suo pessimo modo di condurre l’affare, è pari allo zero. Così come si è rivelata una bufala la promessa dell’invio del bonifico da 250.000 euro per laricapitalizzazione.Lapallapassa di nuovo ai vecchi soci che, entro il 10 gennaio, dovranno trovare un acquirente per evitare di portare i libri contabili in Tribunale. Sul versante tecnico, la squadra ieri non si è allenata per protesta, mentre i tifosi hanno chiesto ai giocatori, in un colloquio all’interno degli spogliatoi, di non scendere più in campo. Un gesto che difficilmente potrà essere portato a compimento. Aloi dovrà mandare in campo contro il Pomezia una squadra con il morale a pezzi e priva dello squalificato Benincasa e dell’infortunato Vono. Dirige Affinito di Frattamaggiore.


il Domani Sabato 11 Dicembre 2010 31

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

FTSE Italia All-Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

CAMBI

CHIUSURA

VAR. %

21.188,48 20.487,34 24.330,29 21.597,33 21.663,92 11.253,45

-0,16 -0,22 -0,00 0,01 -0,55 0,44

Euro

METALLI

US $

UK £

¥en

1 Euro

1.0

1.3227

0.83740 111.04

ORO

1 US $

0.75560

1.0

0.63290 83.920

ARGENTO

1 UK £

1.1935

1.5791

1.0 132.53

1 ¥en

0.0090030 0.011909 0.0075404

1.0

USD/on

EURO/gr

1 387,41

33,66

28,77

0,701

1688,75

41,31

747,02

18,41

PLATINO PALLADIO

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

A.S. Roma A2A Acea Acegas-Aps Acotel Group Acque Potabili Acsm-Agam Aedes Aeffe Aegon Aeroporto Firenze Ageas Ahold Kon Aicon Alcatel-Lucent Alerion Allianz Amplifon Ansaldo Sts Antichi Pellettieri Apulia Prontop Arena Arkimedica Arkimedica 2012 Cv5% Ascopiave Astaldi Atlantia Autogrill Spa Autostrada To-Mi Autostrade Merid Axa Azimut B Interm-15 Cv 1,5% B&C Speakers Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 Banca Generali Banca Ifis Banca Intermobiliare Banca Pop Emilia R. Cv 4% 2010-2015 Banco Popolare Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 Banco Santander Basf Basicnet Bastogi Spa Bayer Bb Biotech Bca Carige Bca Carige R Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat Bca Mps Bca Pop Di Spoleto Bca Pop Emil Romagna Bca Pop Etrur-Lazio Bca Pop Milano Bca Pop Sondrio Bca Profilo Bco Desio Bria Rnc Bco Desio Brianza Bco Sardegna Risp Bee Team Beghelli Benetton Group Beni Sta 2011 Cv2,5% Beni Stabili Best Union Company Bialetti Industrie Biancamano Biesse Bioera Bmw Bnp Paribas Boero Bartolomeo Bolzoni Bonifiche Ferraresi Borgosesia Borgosesia R Bper 12 Cv Sub 3,7% Brembo Brioschi Bulgari Buongiorno Buzzi Unicem Buzzi Unicem Rnc Cad It Cairo Communication Caleffi Caltagirone Caltagirone Edit Camfin Campari Cape Live Cape Live Cv 5% 2009-2014 Carraro Carrefour Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt

Ora

Min

Max

Apertura

1,119 1,078 8,655 3,8025 44,66 1,382 1,083 0,193 0,404 4,5875 11,14 1,90

-0,36 +3,26 -0,74 -0,46 -2,89 -0,22 -1,81 -0,21 -1,94 -0,76 -2,11 -0,73

17.30.40 1,105 1,129 17.30.28 1,044 1,09 17.30.25 8,59 8,71 17.30.46 3,80 3,87 17.30.20 44,50 46,31 17.30.37 1,376 1,428 17.30.24 1,068 1,104 17.30.07 0,1919 0,1939 17.30.32 0,4035 0,418 10.17.05 4,5875 4,5875 17.21.59 10,77 11,24 17.19.07 1,89 1,927

0,214 2,29 0,481 90,75 3,8125 10,61 0,50 0,3635 0,0272 0,4215

+0,00 +0,66 +0,21 +0,14 +0,00 +0,28 +0,00 -1,76 -7,80 -2,43

16.00.43 15.19.19 17.30.54 17.06.03 17.30.15 17.30.52 17.30.19 17.30.36 17.30.45 17.30.33

0,2107 0,2162 2,2775 2,295 0,4755 0,492 0,4755 89,80 91,12 90,62 3,7925 3,8475 3,82 10,44 10,66 10,60 0,477 0,50 0,362 0,37 0,0272 0,0319 0,0297 0,4065 0,435

1,60 4,5075 15,27 10,49 9,80 21,00 12,71 6,465 87,67 3,62 103,73 8,96 5,43 4,18 107,47 3,5225 110,35 8,20 60,45 2,7975 1,585 58,07 46,95 1,648

-1,66 +0,17 +0,00 +0,29 -0,56 +0,05 -1,32 -1,30 -0,09 -1,09 -0,06 -0,11 +1,69 +0,48 +0,44 -1,33 +0,87 -2,21 +0,73 -0,09 +0,51 -0,05 +0,13 -0,84

17.30.33 17.30.17 17.30.14 17.30.10 17.30.13 17.30.52 16.48.42 17.30.35 15.41.41 17.30.33 17.23.56 17.30.34 17.30.36 17.30.59 16.33.41 17.30.45 17.22.36 17.30.22 17.01.29 17.30.00 17.30.34 15.14.22 16.54.50 17.30.34

1,588 4,4825 15,24 10,42 9,80 20,81 12,58 6,455 87,66 3,5075 103,47 8,845 5,365 4,16 107,04 3,49 109,16 8,20 60,00 2,785 1,524 58,07 46,51 1,635

1,625 4,5275 4,4925 15,37 15,27 10,60 10,48 9,895 9,895 21,10 12,94 6,64 6,64 87,90 3,695 3,62 103,73 9,015 9,015 5,48 4,18 107,47 107,04 3,5975 3,57 110,35 8,50 61,79 2,845 1,587 1,524 58,44 47,00 46,51 1,665 1,662

109,11 +0,10 13.10.49 109,11 0,5325 +0,57 17.30.00 0,525 0,8965 -0,28 17.30.28 0,883 3,4875 -0,36 16.16.51 3,4775 9,87 -1,25 17.30.06 9,80 3,17 +1,20 17.30.21 3,0975 2,8725 -1,71 17.30.45 2,8375 6,47 -1,52 17.30.32 6,42 0,448 +1,36 17.30.46 0,439 3,63 -0,89 17.30.57 3,60 3,895 +0,00 17.30.17 3,805 9,09 -1,09 13.01.04 8,925 0,406 +2,14 17.30.43 0,39 0,588 +0,77 17.30.38 0,576 4,8775 +1,62 17.30.20 4,81 99,77 +0,17 17.17.15 99,55 0,70 -1,13 17.30.37 0,692 1,39 -0,71 17.30.03 1,37 0,366 +16,01 17.30.27 0,326 1,349 +1,20 17.30.06 1,341 5,365 +1,23 17.30.05 5,195 Sospensione 62,58 +4,21 17.06.03 60,53 51,79 -0,80 17.30.02 51,55

109,11 0,536 0,9095 0,9025 3,50 9,955 9,935 3,1975 3,1375 2,9425 2,915 6,575 6,53 0,449 3,635 3,895 9,10 0,414 0,5885 4,9175 4,8325 99,77 0,706 1,40 0,366 0,335 1,38 1,38 5,365 5,24

2,1825 28,87 1,252 1,529 101,00 7,78 0,1421 7,955 1,139 8,285 4,9225 4,025 2,65 1,107 1,728 1,72 0,374 4,6825 0,177 72,00 3,465 31,90 19,55 1,68 0,283 6,17 2,125

2,1925 28,97 1,261 1,529 1,529 101,49 7,96 7,89 0,1444 0,143 8,05 7,69 1,167 8,525 8,475 5,075 4,9325 4,035 2,68 1,114 1,729 1,735 1,71 0,374 0,3705 4,72 4,68 0,177 72,00 3,4975 3,45 32,11 19,68 1,69 0,2835 0,282 6,25 2,1625 2,07

-0,23 -0,34 -0,63 +2,00 -0,30 -0,89 -3,00 +3,99 -2,82 -1,78 -2,62 -0,62 +1,44 -0,45 +0,29 -0,86 +0,95 +0,11 +0,00 +0,00 +0,44 -0,34 +3,28 -1,58 +0,00 +0,33 +3,03

17.30.12 17.30.22 17.30.25 12.19.53 17.01.21 17.30.06 17.30.57 17.30.22 17.30.48 17.30.20 17.20.10 17.30.03 17.30.47 17.19.18 17.30.06 17.30.22 17.30.21 17.30.21 12.10.10 12.38.16 17.30.23 15.42.53 17.30.51 17.30.56 17.30.34 17.22.33 17.30.05

2,1825 28,42 1,252 1,529 100,65 7,78 0,1408 7,67 1,139 8,265 4,92 3,98 2,5925 1,09 1,705 1,70 0,3675 4,6525 0,177 72,00 3,365 31,90 18,91 1,651 0,28 6,12 2,07

62,84 52,40

1,047 8,705 3,805 1,398 0,412

52,21

0,2615 0,1366 0,282 0,64 1,355 0,4565 1,284 0,65 0,345

-2,42 -0,22 -0,35 -0,08 -2,38 +2,35 -2,36 -2,98 -0,58

17.30.09 16.40.08 17.30.55 17.30.18 17.30.47 17.30.46 17.30.18 17.30.46 17.30.27

1,076 20,40 4,6125 10,57 1,345 3,345 0,147 100,20 1,122 0,9685 5,20 54,69 0,855 23,23 12,36

+2,48 -0,58 +0,44 +2,62 +4,67 -0,59 +4,85 -0,40 -0,35 +0,99 +0,00 +2,40 -1,27 +0,96 +1,06

17.30.39 1,042 1,076 17.30.47 20,10 20,60 20,51 17.30.56 4,5125 4,6675 4,60 17.02.06 10,45 10,68 17.30.20 1,276 1,36 17.30.14 3,32 3,38 3,37 17.30.43 0,141 0,148 0,148 17.30.38 100,11 100,55 100,55 16.58.45 1,088 1,122 17.30.45 0,9595 0,9795 17.30.49 5,135 5,22 16.36.15 53,37 54,94 13.55.54 0,833 0,858 17.30.05 22,83 23,34 23,06 17.30.39 12,11 12,55 12,11

6,12 5,80 1,153 39,79 9,815 33,03 1,316 2,33 14,74

+0,41 +1,31 -0,26 +0,48 -0,30 +3,67 -1,64 -3,82 +3,22

17.30.56 17.30.31 17.30.21 17.04.09 17.30.39 17.30.53 17.30.56 17.30.09 17.30.20

0,2615 0,267 0,1347 0,1375 0,1347 0,2785 0,282 0,64 0,6415 1,355 1,394 1,389 0,4265 0,458 1,284 1,327 0,649 0,6775 0,67 0,3355 0,35

6,035 5,745 1,146 39,35 9,815 31,70 1,299 2,33 14,10

6,13 5,935 1,156 39,85 9,89 33,15 1,336 2,455 14,80

5,755 1,156 31,70 1,33 14,23

AZIONI E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enel Green Power Enervit Engineering Eni Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Falck Renewables Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Industria E Innovazione Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iren Isagro It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Le Buone Societa' Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Meridiana Fly Meridie Methorios Capital Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Panariagroup Parmalat Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pms Poligraf. S. F Poligrafici Edit

Prezzo ultimo contr. Var % 22,62 0,93 1,259 1,375 12,52 1,32 4,42 3,7875 1,60 1,215 21,09 16,21 10,35 0,7005 0,43 5,525 1,904 22,79 17,89 17,75 0,93 2,1025 17,87 14,55 10,29 10,33 2,9575 4,49 8,515 1,783 0,497 6,24 3,9325 16,33 0,33 4,055 27,55 4,10 0,54 1,03 14,88 3,49 3,99 1,831 2,625 4,78

Ora

Min

Max

+0,04 17.30.42 22,59 +1,36 17.30.43 0,9215 -0,47 16.14.23 1,259 +0,88 17.30.37 1,356 -1,65 17.30.01 12,52 -1,42 17.30.59 1,296 +0,00 12.13.23 4,42 +0,00 17.30.09 3,7775 +0,31 17.30.52 1,588 -1,86 15.56.23 1,215 -0,14 17.30.15 21,00 +0,06 17.30.53 16,16 +0,39 17.30.42 10,26 +0,00 17.30.25 0,7005 +0,59 17.30.11 0,4175 +0,36 17.30.14 5,40 +0,48 17.30.51 1,872 Sospensione -0,04 17.30.23 22,73 +0,56 17.30.51 17,74 +1,66 17.30.36 17,46 -2,10 17.30.30 0,93 -0,82 17.30.11 2,08 -0,17 17.30.16 17,87 +0,55 17.30.38 14,41 +0,49 17.30.33 10,13 +0,68 17.30.10 10,14 +2,07 17.02.03 2,845 +0,45 17.30.10 4,40 Sospensione +1,37 17.30.44 8,36 +2,47 17.16.25 1,783 +0,81 17.30.50 0,493 -0,95 17.30.47 6,15 +0,32 17.30.50 3,77 +1,87 17.30.24 16,02 +0,30 -0,12 +0,92 +1,24 -1,64 +0,00 +0,00 +0,07 +0,25 +1,38 +2,94 -3,19

16.21.20 17.30.41 12.41.37 17.30.36 17.30.45 17.30.50 17.30.00 17.30.49 17.30.23 17.30.18 17.30.28 17.13.07

-0,27 -0,55 +2,15 +0,99 -0,11 +0,95

23,02 22,87 18,10 17,82 17,84 0,956 2,1275 17,91 17,91 14,72 14,55 10,36 10,26 10,38 10,28 2,97 4,50 4,4225 8,555 1,783 0,50 6,44 3,97 16,33

7,315 1,467

17.30.11 14,32 14,69 17.30.36 1,431 1,457 9.08.35 0,93 0,95 17.30.21 1,195 1,268 17.30.51 0,8475 0,8865 17.30.02 2,095 2,14

8,595 -0,29 17.30.52

8,41 1,783 6,255 3,95

0,3275 0,33 4,055 4,25 27,42 27,55 4,04 4,16 0,5315 0,547 0,543 0,999 1,03 14,73 14,94 14,91 3,4675 3,5075 3,4925 3,88 3,99 1,791 1,831 1,818 2,5225 2,64 2,55 4,7725 4,925

7,25 -0,34 17.30.46 7,235 1,46 +0,34 17.30.23 1,45 Sospensione 14,57 1,44 0,95 1,227 0,869 2,1275

Apertura

22,69 0,9345 0,9215 1,265 1,265 1,38 12,72 1,348 1,348 4,42 3,8025 3,7875 1,60 1,596 1,215 21,20 16,30 16,16 10,48 10,30 0,7375 0,45 0,4275 5,60 5,60 1,93

8,59

8,75

7,25 1,453

1,45 0,93 2,11 8,60

2,25 7,71 0,353 0,7085 4,935 2,17 1,851 0,0127 1,45 1,243 3,105

-3,33 -0,26 +0,57 +1,94 +1,18 -1,59 -1,80 -1,55 +0,21 +0,57 -1,51

6,31 3,48 24,95 15,79 1,91 0,94 0,0744 2,2325 1,794 0,3295 0,5795 89,00 1,767 2,8325 0,41 9,51 21,69 122,02 3,1825 0,214 3,62 8,35 2,4475 4,5075 6,905 3,215 0,0444 0,294 1,06

+1,69 17.30.34 6,10 +0,58 17.30.44 3,4375 +0,97 17.30.09 24,33 -1,25 17.30.04 15,75 +2,14 17.30.30 1,863 +2,40 17.30.01 0,9095 +0,81 17.30.41 0,0725 -4,59 17.30.47 2,185 +0,28 17.04.08 1,76 +2,81 17.30.32 0,3205 +0,52 17.30.19 0,5795 +3,48 17.30.46 85,74 +0,11 17.09.41 1,767 +0,18 17.30.05 2,78 -2,15 16.56.40 0,40 +1,33 17.30.42 9,395 +0,56 17.30.10 21,57 +1,68 15.06.46 121,45 -0,93 17.30.26 3,1775 -0,09 17.21.55 0,214 -1,83 17.30.38 3,61 Sospensione +0,48 17.30.23 8,24 +0,72 17.30.08 2,4475 +2,04 17.30.59 4,405 -1,07 17.30.24 6,875 -1,15 17.30.40 3,19 -3,48 17.30.35 0,0443 -0,34 17.30.26 0,282 +2,02 17.30.44 1,012

1,193 1,443 3,125 0,4165 2,625 0,1397 4,96 0,402 0,1418 0,299 0,86 113,20 4,98 1,16 2,835 6,35 7,43

-0,50 +0,91 -1,26 +3,74 -1,41 +1,60 -4,43 -1,83 -4,06 -2,61 -5,49 -0,74 -2,06 -7,86 -0,53 -0,16 -1,06

17.30.53 1,173 1,22 17.30.22 1,398 1,443 17.30.27 3,125 3,165 17.30.59 0,383 0,43 17.30.16 2,625 2,6725 17.30.14 0,1365 0,1398 17.30.12 4,825 5,21 12.34.19 0,40 0,409 17.30.15 0,1418 0,1472 17.30.38 0,299 0,299 17.30.41 0,86 0,923 10.11.02 113,20 114,15 17.30.52 4,98 5,18 17.16.02 1,15 1,259 17.30.13 2,83 2,87 16.40.55 6,26 6,35 17.30.14 7,37 7,45

0,53 1,58 1,988 22,60 2,46 3,32 3,2325 1,89 6,14 5,745 3,345 9,155 0,498

+0,09 +0,00 +0,40 -1,52 -0,51 -0,90 -2,34 +0,05 -0,89 +0,44 -1,33 +0,00 +3,75

17.30.01 0,522 0,542 0,53 16.40.27 1,578 1,58 17.30.22 1,977 1,998 1,983 16.13.08 22,44 22,62 17.30.09 2,43 2,50 2,4725 17.30.28 3,3075 3,345 17.30.45 3,1625 3,31 17.30.39 1,879 1,92 17.30.29 6,135 6,29 6,205 17.30.00 5,675 5,80 17.30.57 3,345 3,4875 15.20.21 9,005 9,19 17.20.17 0,476 0,499

17.30.46 17.30.42 15.44.26 16.00.37 17.30.37 17.30.35 17.30.45 17.30.29 17.22.54 17.30.29 17.30.09

2,2325 2,33 2,3275 7,655 7,77 0,3445 0,359 0,6625 0,7185 0,6685 4,875 4,96 4,8975 2,165 2,2175 2,2175 1,847 1,89 1,887 0,0123 0,013 0,0127 1,42 1,46 1,46 1,22 1,243 1,234 3,105 3,165 6,365 6,20 3,55 3,46 25,10 24,79 15,96 15,78 1,91 0,945 0,9095 0,0744 0,074 2,33 2,29 1,798 0,3315 0,5875 89,89 1,80 1,80 2,875 2,82 0,419 9,65 9,415 21,76 21,60 122,35 3,21 3,21 0,2143 0,214 3,69 3,68 8,48 8,34 2,4475 4,52 4,415 7,00 6,98 3,27 3,2675 0,0483 0,0472 0,2945 1,098 1,024 1,199 0,40 2,67 4,975

0,89 1,16 7,425

AZIONI Poligrafici Printing Poltrona Frau Ppr Pramac Prelios Premafin Fin Hp Premuda Premuda Axa Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Seteco International Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Snia 3% Cv 2010 So Pa F Societe Generale Socotherm Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tesmec Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vita Societa Editoriale Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Ergycapital 2016 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009-2011 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Warr Tamburi 2013 Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Warr Unipol 2013 Warr Unipol Prv 2013 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

0,748 0,852 126,35 0,91 0,413 0,776 0,734 0,0001 5,96 12,61 0,1623 0,8655 1,016 0,716 2,0325 6,58 44,10 0,2315 18,66 0,348 0,0425 0,2345 1,38 49,22 0,817 25,51 0,378 6,635 4,93 12,78 33,28

0,749 0,875 131,80 0,94 0,428 0,8245 0,768 0,0001 6,11 12,98 0,1744 0,89 1,09 0,7555 2,0375 6,685 44,66 0,2372 19,00 0,367 0,0453 0,245 1,40 49,38 0,8795 26,98 0,39 6,985 5,135 12,98 33,81

Apertura

0,748 0,865 127,40 0,925 0,4145 0,79 0,7375 0,0001 5,96 12,77 0,1674 0,88 1,08 0,752 2,0375 6,62 44,10 0,2372 18,86 0,3585 0,0442 0,2418 1,38 49,22 0,826 26,40 0,3875 6,985 5,09 12,97 33,75

+2,61 -0,40 +2,49 +0,71 -1,89 -3,07 -3,34 +0,00 -1,08 +1,51 -1,24 -1,12 +6,40 +3,01 +0,25 +0,61 +0,71 +0,21 -1,31 +1,70 +1,84 +1,17 +0,29 -0,42 -5,06 +1,54 -0,51 +0,94 +2,93 +1,33 +1,17

49,27 36,90 1,60 9,98 7,59 0,562 0,0921 0,85 5,61

+0,98 17.30.20 49,17 49,46 +0,30 15.31.15 36,73 36,90 +0,57 17.30.00 1,577 1,608 1,587 -3,39 17.30.51 9,98 10,33 -0,13 17.05.00 7,225 7,595 -0,35 17.30.06 0,558 0,571 +1,32 17.30.48 0,0908 0,0923 0,0917 +3,66 17.30.44 0,85 0,85 +0,18 17.30.58 5,35 5,61 Sospensione -0,28 17.30.16 7,00 7,02 +0,27 17.00.32 92,04 92,75 +1,47 16.58.30 89,74 90,87 -1,68 17.30.29 2,64 2,695 2,6875 -0,13 17.30.52 3,73 3,7625 3,74 Sospensione Sospensione +0,85 17.30.39 0,0813 0,0836 -0,96 17.06.58 40,89 41,90 41,90 Sospensione +0,44 17.30.34 2,2575 2,29 2,27 +0,30 17.30.05 4,9625 5,08 4,9625 +0,35 17.20.14 58,00 58,88 -0,46 17.30.49 1,694 1,74 -2,15 17.30.04 0,50 0,521 0,521

7,00 92,75 90,51 2,64 3,735 0,0832 41,45 2,29 5,08 58,20 1,72 0,50

11.46.13 17.30.26 15.58.09 17.23.42 17.30.07 17.30.03 17.30.26 9.00.44 17.30.18 17.30.40 16.58.09 17.16.16 17.30.44 17.24.52 17.30.11 17.30.42 16.11.27 17.30.56 17.30.23 17.30.40 17.30.47 17.30.41 17.30.49 10.47.37 17.30.31 17.30.46 17.30.50 17.30.47 17.30.32 17.30.41 17.30.58

7,705 +0,65 17.30.31 7,525 1,389 +0,87 17.30.23 1,374 1,155 -50,00 17.30.50 1,155 1,534 -1,54 17.30.41 1,48 0,3335 +1,06 17.30.50 0,3335 0,9675 -0,36 17.30.32 0,9655 0,2444 +0,33 17.30.45 0,2381 0,8045 +0,06 17.30.36 0,7985 17,20 -0,63 15.36.09 17,20 17,38 +0,64 17.30.42 17,21 3,1225 +0,00 17.30.25 3,1175 3,4975 +1,16 17.30.24 3,45 0,621 +0,16 17.30.53 0,614 0,0801 -0,87 17.30.32 0,08 84,30 +1,08 17.30.01 83,59 1,462 +1,11 17.30.21 1,433 39,24 -0,13 16.35.35 39,24 9,47 -0,99 17.30.10 9,35 5,375 +1,42 17.30.42 5,155 7,02 -0,43 17.30.46 6,935 105,01 +0,07 17.14.46 104,86 0,493 -0,90 17.30.57 0,4895 1,701 -1,56 17.30.42 1,695 1,969 -2,64 17.30.56 1,969 23,25 -0,30 16.02.03 23,25 0,479 -0,83 17.30.19 0,4715 0,3825 +1,19 17.30.24 0,3715 4,08 +0,74 17.30.41 4,05 Sospensione 1,27 +0,08 11.47.12 1,26 3,695 +0,68 17.30.46 3,68 0,726 -5,10 17.30.06 0,718 3,73 -1,06 17.30.11 3,725 19,72 -2,52 17.30.02

19,72

7,735 1,389 1,155 1,55 0,3335 0,9765 0,2445 0,8065 17,38 17,43 3,14 3,51 0,6285 0,0814 84,50 1,462 39,44 9,65 5,375 7,08 105,47 0,506 1,735 2,01 23,39 0,487 0,383 4,08

0,749 0,9125 0,4225 0,81 0,768 6,025 12,68 0,1623 1,02 6,58 19,00 0,3535 0,0441

0,8795 26,00 6,985 5,10 12,80 33,37

7,655

0,971 0,2407 0,805 17,30 3,12 3,4525 0,0812 83,80 39,30 9,58 7,065 104,94 0,4995 1,73 0,4845 0,3825

1,27 3,775 0,75 3,77 20,63

0,0431 +0,23 0,0008 +0,00 1,508 -2,71 0,066 +0,15 0,249 +3,32 0,0233 -2,10 0,13 +13,04

17.30.41 16.25.44 17.24.35 17.12.34 15.46.12 17.30.17 17.30.25

0,0417 0,0431 0,0005 0,0008 0,0005 1,482 1,515 0,0632 0,066 0,2426 0,26 0,257 0,0232 0,0255 0,0232 0,12 0,15 0,15

0,1249 +8,61 0,0238 +0,00 0,49 +1,14 0,0029 -3,33 0,0235 +16,34 0,0139 -2,80

15.16.59 15.34.05 17.30.02 14.47.17 16.41.49 16.40.16

0,11 0,0222 0,481 0,0026 0,0235 0,0122

0,1249 0,0238 0,506 0,0029 0,0235 0,0139

0,0238 0,506 0,0029 0,0235 0,0139

0,0112 -0,88 17.30.20 0,0111 0,0117 0,0117 0,0139 +26,36 9.00.42 0,0139 0,0139 0,0139 0,9895 -0,05 16.35.47 0,9775 0,995 0,99 0,90 +2,80 17.30.00 0,84 0,0479 -2,04 17.30.24 0,0479 0,017 -19,05 16.49.20 0,017 Sospensione 0,225 +4,65 16.04.46 0,2194 0,0022 +0,00 17.16.45 0,0021 0,0038 -9,52 17.30.13 0,0038 0,0243 +0,41 17.23.19 0,0235 0,0249 +1,22 16.08.12 0,0243 8,33 -1,01 17.30.28 8,245 0,059 +0,86 17.24.13 0,0575 4,745 -0,52 17.30.58 4,725 0,475 -1,66 15.52.29 0,469 0,49 -1,61 17.17.31 0,49

0,90 0,0479 0,021 0,2295 0,0023 0,0042 0,0249 0,0254 8,415 0,0594 4,87 0,4795 0,495

0,84 0,017 0,0022 0,0039 0,0249 0,0254 8,415 4,76


il domani  

Edizione del 11 Dicembre 2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you