Page 1

il

Domani dello Sport Il domani dello sport

POLITICA

Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

Martedì 11 Settembre 2012 > euro 1,00 > Anno XV - Nr. 220

CULTURA

L’assessore Fedele al Macef di Milano ha parlato dell’immagine della Calabria da potenziare a pag. 2

Il giornalista Roberto Giacobbo in Calabria per Voyager in visita ai siti archeologici della Regione

www.ildomanidellosport.it

ISTITUZIONI

Il Governatore Scopelliti in visita al castello di Fiumefreddo Bruzio a un mese dalla riapertura

a pag. 3

a pag. 4

La più giovane delle Williams vince anche gli Us Open dopo Wimbledon e le Olimpiadi

SERENA E’ FELICE TENNIS

BULGARIA-ARMENIA

All’interno supplemento GIOCHI E SCOMMESSE dell’11/9/2012

Serena Williams ha vinto il suo 15º torneo dello Slam e insegue la mitica Navratilova pag. 9

REGGINA

La furia di Ceravolo: «Foti mi ha tenuto un po’ in trappola». L’attaccante va allo scontro con la società amaranto a pag. 8

1

Consiglia

1.65

1.65

X

3.60

3.50

CATANZARO L’argentino Bugatti dovrà operarsi dopo l’infortunio. Francesco Cozza lo riavrà all’inizio del prossimo anno

a pag. 17

2

5.00

5.20


2 il Domani dello Sport

Martedì 11 Settembre 2012

CRONACA CALABRIA

“MADE IN CALABRIA” IMMAGINE DA POTENZIARE

POLITICHE EUROPEE L’Assessore Fedele ha partecipato al Macef di Milano

L’

Scopelliti sulla legge elettorale

Daria Ciotti

Assessore all’Internazionalizzazione Luigi Fedele ha preso parte al Salone Internazionale della Casa MACEF che si è svolto a Milano. L’iniziativa, realizzata insieme all’Assessorato alle Attività Produttive e ad Unioncamere Calabria, si inserisce nell’ambito delle attività promosse dal Programma Calabria Internazionale e si propone di rafforzare l’immagine unitaria del “Made in Calabria” attraverso azioni in favore del sistema produttivo calabrese con l’obiettivo finale di sostenere il posizionamento delle produzioni regionali nel mercato internazionale. L’Assessore Luigi Fedele ha visitato tutti i corner delle aziende operanti nei settori del complemento di arredo e dell’oggettistica per la casa presenti nello stand Calabria e si è congratulato con tutti gli espositori calabresi soprattutto per l’alta qualità dei prodotti curati in ogni minimo particolare, dal marketing all’immagine aziendale. «Occorre mettere in campo azioni di questo tipo - ha dichiarato l’assessore Fedele per contribuire alla diffusione delle eccellenze calabresi sui mercati esteri. Grazie agli strumenti concreti e ai giusti input che le politiche di internazionalizzazione forniscono alle aziende, volte a supportare gli operatori economici in un mercato sempre più complesso e spesso critico, si trasmettono quelle direttive necessarie per

I

valorizzare il prodotto calabrese attraverso la promozione e la conoscenza». Un’occasione, quella del Macef, servita all’assessore Fedele per incontrare i vertici di Fiera Milano, Roberto Foresti e Giuseppe Biffi, con

L’occasione del Macef è servita all’assessore anche per incontrare i vertici di Fiera Milano per stringere nuovi rapporti per il prossimo futuro

FITTASI

lo scopo di stringere rapporti che servano a pianificare strategie comuni da mettere in campo in virtù della vasta esperienza nel settore maturata dai due esperti. Durante la visita milanese l’assessore Fedele ha rivisto il presidente della Camera di Commercio italoruss, Flavio Ramella, per programmare nuove iniziative e dare seguito alle azioni intraprese durante l’ultima missione dell’assessorato in Russia. Nell’area predisposta dall’Assessorato regionale all’Internazionalizzazione sono presenti circa venti imprese della Calabria che rappresentano i più diversi comparti: tessuti, legno,

ceramiche, oreficeria, vetro, accessori d'arredo, bigiotteria oggettistica, che rimarcano l’arte e la tradizione di una terra di antica cultura come la Calabria. «Lo stand della Calabria - ha concluso Fedele - è stato apprezzato da tanti visitatori, tecnici del comparto e operatori professionali con i quali i nostri imprenditori hanno potuto allacciare rapporti commerciali reali e produttivi. È stata un’occasione importante per le nostre aziende che hanno avuto modo di trasmettere un’immagine positiva della Calabria fatta di arte e di creatività».

il Domani dello Sport Direttore GUIDO TALARICO Direttore responsabile FRANCESCO ARCIDIACO Redazione Calabria Tel. 0961.023922 Loc. Serramonda 88044 Marcellinara (CZ) redazione@ildomani.it EDITORE T&P Editori SRL - Tel. 0961.023922 Loc. Serramonda 88044 Marcellinara (CZ)

Il Domani dello Sport - già il Domani Testata reg. - trib. Cz n. 64 del 15/7/1997 R.O.C. Numero 5606 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990 n. 250 e seguenti modifiche PUBBLICITÀ Nazionale, locale e giudiziaria MEDIATAG SPA SEDE CALABRIA LOC. SERRAMONDA 88044 MARCELLINARA (CZ) Tel. 0961.023922 - Fax 0961.903421 Tariffa a modulo 46x19 mm h. Commerciale euro 103,00 - Occasionale euro 129,00 - Corsi di formazione euro 129,00

l Presidente Scopelliti ha espresso la sua opinione sulla legge elettorale: «Ripartiamo ancora una volta dalle dichiarazioni rese da autorevoli leader della politica nazionale Alfano, Gasparri e Casini. Se non si dovesse trovare, come ancora non è stata trovata, una soluzione alla legge elettorale mantenendo fede alla strada indicata dal Presidente della Repubblica si proceda immediatamente ad approvare in Parlamento una riforma che veda finalmente protagonista il cittadino elettore. Pdl e Udc sono due forze politiche che hanno già esplicitato il loro orientamento sulla nuova legge elettorale, ovviamente anche con una eventuale disponibilità della Lega o di qualche altro partito rappresentato in Parlamento, si potrebbe ottenere la maggioranza necessaria per restituire più forza alla politica, adesso tocca al Pd pronunciarsi. La preferenza espressa dal cittadino - conclude il Presidente Scopelliti diventa ormai un passaggio obbligato». (dc)

Fondatore GUIDO TALARICO

- R.P.Q. euro 78,00 - Necrologio euro 77,00 cad. - Economici euro 0,62 a parola. Supplemento colore: 40% Distribuzione Media Services (Calabria) CENTRO STAMPA Stabilimento tipografico DE ROSE C/da Pantoni Marinella 87040 MONTALTO U. (CS) Tel. 0984.934382 Responsabile del trattamento dati Dlgs 96/2003 FRANCESCO ARCIDIACO


Martedì 11 Settembre 2012 il Domani dello Sport

3

CRONACA CALABRIA

VOYAGER SULLE ORME DEL PROGETTO CALABRIA JONES

CULTURA Il giornalista Rai Roberto Giacobbo visita i siti archeologici regionali

S

Maria Gallo

u invito dell’Assessore Regionale alla Cultura Mario Caligiuri - informa una nota dell’Ufficio Stampa della Giunta - Roberto Giacobbo, vice direttore di Rai Due e ideatore della trasmissione “Voyager”, seguirà il progetto di educazione all’archeologia promosso dall’Assessorato Regionale alla Cultura denominato Calabria Jones e seguito dagli atenei più importanti del mondo, dalla Normale di Pisa alla Sorbona di Parigi. Sarà una tre giorni molto intensa, con incursioni in luoghi soliti e insoliti della regione, con una lettura a volte intrigante, dichiaratamente sulla proiezione misteriosa. Il 12 settembre alle 10.30 l’ideatore di “Voyager” s’incamminerà verso il primo percorso denominato “L’alchimia dei numeri e del tempo”, approdando nell’area archeologica di Capo Colonna, nei pressi di Crotone. Nell’occasione, approfondirà la straordinaria figura di Pitagora, uno dei geni dell’umanità, che intendeva racchiudere nei numeri tutto il significato dell’universo. Tra l’altro un personaggio storico che quasi nessuno associa alla Calabria. A fine mattinata il giornalista si recherà a Cirò presso il Museo Astronomico “Aloysius Lilius”, l’inventore del calendario perfetto, firmato da Gregorio XIII. Si parlerà anche di Giano Lacinio, uno degli alchimisti più importanti del Rinascimento, anch’egli di Cirò. Nel pomeriggio Giacobbo seguirà la via delle “Profezie alla Porta d’Occidente”, visitando a San Giovanni in Fiore l’Abbazia del profeta dell’Apocalisse Gioacchino da Fiore e i portali con simboli

Tra i siti toccati dal tour della troupe Rai anche “La linea del sole” che passa per la Chiesa di San Pantaleone di Montauro (Cz)

Inizia oggi la tre giorni della visita di Roberto Giacobbo che seguirà il progetto Calabria Jones su Voyager precolombiani della città silana, svelandone il mistero. Il 13 settembre inizierà con il percorso “L’Ordine di Sion e la Costellazione della Vergine”, quando Giacobbo visiterà a San Marco Argentano l’Abbazia della Matina, una delle sette costruite dai circestensi in Calabria che insieme a quelle di Santa Maria della San Bucina di Luzzi, di Santa Maria di Monte Persano di San Lucido, di Santa Maria di Ligno Crucis nei pressi di Corigliano, di Santa Maria di Acquaformosa, di Santa Maria di Corazzo a Carlopoli e al monastero di Sant’Angelo di Frigilo a Mesoraca disegna la costellazione celeste della Vergine Maria, poiché i monaci costruivano seguendo una geometria sacra che si rispecchia nella ubicazione degli edifici sacri. La tappa non è casuale poiché l’Abbazia della Matina fu fondata da Roberto il Guiscardo nel 1065. L’abbazia ha comu-

nanze architettoniche e artistiche con l’Abbazia di Orval, nell’attuale Lussemburgo, ma la circostanza che appare sorprendente è che sembra sia stata costruita dai monaci calabresi di Val Crati, come testimonierebbe una Bolla papale del 1087 conservata ad Orval. Da lì questi stessi monaci (secondo fonti non scritte ma successivamente più volte riportate) partirono per Gerusalemme, secondo alcuni per rifondare il cosiddetto Priorato di Sion, ordine creato dai Cavalieri Templari, protagonista de “Il Codice da Vinci” di Dan Brown, il successo letterario del secolo. Nel pomeriggio Giacobbo si sposterà a Cosenza sul percorso “Alarico e il Gran Tesoro”, visitando alcuni presunti luoghi della Tomba del re dei Visigoti, sembra seppellito nel 410 nel letto del fiume Busento. La leggenda della tomba Alarico è molto nota, sopratutto nel mondo germanico, tanto che nel 1937 si recò appositamente nella città dei Bruzi Heinrich Himmler, capo delle SS e fondatore dell’Ahnenerbe, la società nazista per la ricerca dell’eredità ancestrale. La visita poi proseguirà presso il Duomo, che venne riconsacrato nel 1222 da Federico II che, per l’occasione, donò la preziosa stauroteca, ancora oggi conservata nel museo diocesano.

Alle 21 al Teatro Rendano di Cosenza, Giacobbo incontrerà gli studenti del progetto ai quali illustrerà le antiche origini della nostra storia, avendo come traccia il suo ultimo libro “Da dove veniamo? La storia che ci manca”, edito da Rai Eri -Mondadori, dove ci sono pure molte pagine dedicate alla Calabria. I partecipanti avranno la possibilità di confrontarsi con l’autore. Il terzo giorno, venerdì 14 settembre, Giacobbo si avventurerà verso “La linea del Sole”, che collega geometricamente Rennes Le Chateau a Gerusalemme, passando attraverso la Chiesa di San Pantaleone di Montauro, in provincia di Catanzaro, nella quale

sono evidenti numerosi e sorprendenti elementi che appaiono, per diversi aspetti, simili a quelli della misteriosissima chiesa di Rennes le Chateau in Francia, a cominciare dall’epigrafe incisa sul portale: “Terribilis est locus iste”. Il tragitto finale, denominato “Le rifrangenze della Fata Morgana”, si svolgerà a Reggio Calabria, dove Giacobbo si recherà alla Chiesa Rosacrociana degli Ottimati al cui interno è visibile il pavimento con mosaici che raffigurano la rossa Croce di Malta inscritta in una rosa stilizzata e al Castello aragonese da dove sembra che, secondo la leggenda di Re Artù, la Fata Morgana venga da alcuni bardi anglo-normanni localizzata sullo Stretto di Messina. L’avventura di Roberto Giacobbo si concluderà con la visita ai Bronzi di Riace, capolavori della civiltà occidentale, riemersi dal mare proprio quarant’anni fa, portando con se millenni di storia e misteri. In tutte le tre giornate, che verranno documentate anche dai tecnici della Rai, le scuole seguiranno l’itinerario di Giacobbo.


4 il Domani dello Sport

Martedì 11 Settembre 2012

CRONACA CALABRIA

BENE LO STATO DELL’ARTE A UN MESE DALL’APERTURA

ISTITUZIONALE Giuseppe Scopelliti fa visita al castello di Fiumefreddo Bruzio

I

Carlo Liguori

l Presidente delle Regione Giuseppe Scopelliti ha visitato la scorsa settimana il castello di Fiumefreddo Bruzio. Ad accogliere il Governatore è stato il Sindaco del Comune Vincenzo Aloise, i componenti della Giunta comunale ed una alla delegazione dei Sindaci del basso Tirreno cosentino. Il Presidente Scopelliti, mantenendo fede all’impegno assunto nei confronti della comunità di Fiumefreddo Bruzio, a poco più di un mese dall’inaugurazione del castello, ha voluto personalmente valutare lo stato dell’arte degli interventi di ristrutturazione, realizzati con fondi POR, grazie ai quali l’antica fortificazione è stata resa fruibile e restituita quale patrimonio di inestimabile valore culturale al territorio di riferimento. Insieme al Presidente Scopelliti erano presenti l’Assessore al bilancio Giacomo Mancini, il capogruppo del Pdl in Consiglio Regionale Giampaolo

Ad accogliere il Governatore a Fiumefreddo Bruzio il Sindaco Vincenzo Aloise e una delegazione di politici locali

Chiappetta e i consiglieri regionali Fausto Orsomarso e Salvatore Magarò. Il Governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti dopo la visita al castello di Fiumefreddo Bruzio si è successivamente diretto a Diamante dove ha preso parte, su invito degli organizzatori, alla ventesima edizione del “Diamante Peperoncino festival” la grande kermesse turistica-culturale, divenuta ormai celebre in tutta Italia. Il Governatore della Calabria, dopo aver ricevuto un riconoscimento da parte degli organizzatori si è soffermato sull’importanza di valorizzare realtà dinamiche ed intraprendenti come quella di Diamante

Dopo la visita al castello inaugurato giusto un mese fa, Scopelliti si è recato al Diamante Peperoncino Festival 2012 e il suo festival, capaci di attrarre la curiosità di turisti non solo in Italia ma anche nel resto d’Europa. Successivamente Giuseppe Scopelliti ha avuto modo di visitare gran parte degli stand dedicati al particolare prodotto calabrese.

Patto di stabilità: delibera sui comuni ad alta densità

L’

Assessore al Bilancio Giacomo Mancini è intervenuto sulla delibera approvata dalla Giunta al patto regionale verticale “incentivato” riguardante i comuni con popolazione superiore a cinquemila abitanti soggetti a patto di stabilità. «Attraverso questa delibera - ha affermato l’Assessore Mancini - la Regione ha concluso un percorso avviato in Conferenza Stato-Regioni che, in una fase di grande difficoltà economica, consentirà ai comuni calabresi soggetti a patto di stabilità di beneficiare di maggiori margini di manovra nella spesa, potendo in tal modo favorire l’utilizzo di risorse economiche per gli investimenti e per la crescita.Con quest’atto, l’amministrazione guidata dal Governatore Scopelliti dimostra grande sensibilità e attenzione nei confronti del sistema delle autonomie territoriali calabresi ed ha dato prova ancora una volta, grazie allo sforzo organizzativo del dipartimento Bilancio in accordo con l’Anci, di avere le idee chiare rispetto alle misure da adottare per favorire l’economia calabrese».


Martedì 11 Settembre 2012 il Domani dello Sport

5

CRONACA CALABRIA

«GRAZIE A SCOPELLITI MOSSI I PRIMI PASSI GIUSTI»

CONFCOMMERCIO GIOVANI Le dichiarazioni di Pedà sul Porto di Gioia Tauro

G

Luca Ogilio

iuseppe Pedà, vice presidente di Confcommercio Giovani e portavoce dell’associazione, in una nota stampa ha dichiarato che «in un periodo di grave crisi economica la grandissima opportunità rappresentata dall’istituzione di una zona economica speciale nell’area di Gioia Tauro, non può essere sottovalutata. E’ necessario compiere ogni sforzo possibile - ha sottolineato Pedà - per raggiungere l’obiettivo che darebbe importanti vantaggi non solo al territorio della Piana ma alla intera

«L’istituzione della ZES nell’area del porto di Gioia Tauro non può essere sottovalutata», afferma Pedà Regione. Grazie all’intuizione e al lavoro della Governo regionale, guidato da Giuseppe Scopelliti - ha affermato inoltre sono stati mossi i primi passi nella giusta direzione; ora è necessario proseguire fino al raggiungimento del risultato sperato. Per questo le istituzioni e le parti sociali devono iniziare a operare in maniera unitaria per superare ogni possibile ostacolo». Secondo Pedà «non si può perdere tempo in distinzioni e tatti-

cismi. Tutti gli indicatori economici dimostrano in maniera inequivocabile la gravità della situazione economica attuale: la disoccupazione continua ad aumentare soprattutto tra i giovani, molte aziende sono costrette a chiudere, i consumi sono da mesi in caduta libera ed è sceso anche il reddito medio delle famiglie. I benefici derivanti dalla Zes (defiscalizzazioni degli investimenti, dei costi e dei profitti), potrebbero ridare - sostiene ancora - ossigeno all’intero tes-

Il portavoce dei giovani imprenditori di Confcommercio loda le iniziative prese dalla giunta regionale calabrese suto economico calabrese, favorendo l'arrivo di nuovi investitori e la nascita di moltissime nuove

imprese. Inoltre la zona economica speciale rafforzerebbe in maniera determinante il Porto di Gioia Tauro rendendolo molto più competitivo nei confronti degli scali concorrenti extraeuropei che si affacciano sul Mediterraneo. Le zone economiche speciali - ricorda - hanno portato a tutti i paesi che le hanno adottate, grandissimi benefici. All’interno dell'Unione Europea, in Polonia, nonostante la crisi mondiale, le Zes nel 2010 hanno fatto aumentare gli investimenti diretti provenienti dall'estero del 70% rispetto all'anno precedente. L’intera classe dirigente calabrese - conclude - ha il dovere di fare la propria parte e di attivarsi in ogni modo possibile per convincere il governo nazionale ad avviare le trattative con la commissione europea per trasformare l’idea di “Gioia Tauro zona economica speciale” in realtà».

«Le zone economiche speciali hanno portato grandissimi benefici a tutti i paesi che le hanno volute adottare»

Corbelli: «Emmezeta non si tocca»

I

l leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, chiede che venga «assolutamente scongiurata la chiusura dell'Emmezeta di Montalto, che oltre a far perdere il posto di lavoro a una novantina di persone, padri e madri di famiglia, rappresenterebbe un altro duro colpo alla già disastrata economia cosentina e calabrese». I 90 dipendenti Emmezeta hanno rivolto un appello a Corbelli, chiedendo un incontro e sollecitando un suo intervento, che è subito arrivato. «Ho incontrato i dipendenti dell’Emmezeta. Non c’è una sola ragione che possa giustificare la chiusura del centro Emmezeta di Montalto. Anzi le motivazioni sono del tutto assurde e ingiustificate. Per questo va respinto il tentativo di chiudere questo centro di Montalto. L’Emmezeta non si stocca. Appartiene alla storia commerciale e non solo di quella vasta area. Chiudere significa buttare nella disperazione 80 dipendenti». (co)


6 il Domani dello Sport

Martedì 11 Settembre 2012

CRONACA CALABRIA

E’ TUTTO PRONTO PER LA FESTA A SANTA CROCE

SOCIALE Diverse le iniziative in vista delle celebrazioni dei prossimi giorni

L

Andrea Splendore

a solennità dell’Esaltazione della Santa Croce sarà vissuta “adeguatamente e con diverse iniziative di spiritualità” dalla Comunità Parrocchiale di Santa Croce in Catanzaro, che è sotto la cura pastorale dei Padri Minimi di San Francesco di Paola, Santo della Carità Sociale. L’attiva parrocchia svolge la propria testimonianza nel quartiere di Pontepiccolo. Il Consiglio Pastorale Parrocchiale, convocato dal Parroco Padre Gregorio Colatorti, nell’ambito della programmazione di inizio anno, ha approfondito le iniziative che l’arcivescovo metropolita mons. Vincenzo Bertolone ha messo in cantiere nella diocesi di Catanzaro-Squillace, in particolare il convegno sulla Catechesi (Traditio Fidei:Conoscenza e Amore? O Amore e Conoscenza?) del prossimo 21 settembre che si terrà a Catanzaro e l’anno della Fede indetto da Santo Padre. L’organo di pastorale parrocchiale ha altresì stilato il programma religioso dei festeggiamenti dedicati alla Santa Croce, “simbolo di redenzione e di perdono”, che si caratterizzeranno per

sobrietà e servizio alla comunità all’insegna “dell’amore che si dona senza riserve”. La festa della Santa Croce, rappresenta anche l’inizio del cammino parrocchiale dopo la sosta estiva, durante la quale diversi laici responsabili sono stati impegnati in attività formative e di impegno sociale. Il programma prevede: gio-

vedì 13 settembre alle ore 17,00 Via Crucis al Cimitero cittadino, a seguire alle 18,30 la Santa Messa in parrocchia. Venerdì 14 alle ore 21,00 nella Chiesa Parrocchiale, attorno alla Santa Croce, riflessioni e veglia di preghiera animata dai giovani, gruppi e associazioni parrocchiali che avrà come tema, “In Cristo,

mediante il suo sangue abbiamo la redenzione”. Sabato 15, alle ore 17,30 come si legge su Catanzaroinforma.it . adorazione Eucaristica e a seguire alle 18,30 solenne Celebrazione Eucaristica. Domenica 16, alle 18,30, partirà la processione del Santo Crocifisso dalla Cappella di

questa regione». Ancora una volta, il giovane democratico ha annunciato un’azione di «rottamazione” nazionale, “che significa affermare il principio che se sei stato 15-20 anni in parlamento quello che dovevi fare lo hai già fatto e quindi devi abbandonare il posto». E sulle divisioni interne al Pd calabrese. «Non sono interessato a discutere delle divisioni interne del Pd calabrese». Mi interessa – ha aggiunto il sindaco di Firenze – del futuro di questo territorio insieme a chi tutti i giorni si sporca le mani e si spezza la schiena per dare un futuro e una terra migliore ai nostri figli». «Credo - ha

proseguito Renzi - che noi dobbiamo ripartire dai sindaci, dagli amministratori

da quelli che tutti i giorni sono in prima linea e che sono abituati a far funzio-

San Francesco di Paola che si snoderà per le vie del quartiere di Pontepiccolo. In Piazza P.Vincenzo Merante si terrà la Celebrazione Eucaristica che terminerà con una fiaccolata verso la chiesa. Animeranno le celebrazioni la Corale San Francesco di Paola insieme al Coro dei Giovani. della Parrocchia.

Renzi: «Tanto da rottamare anche qui»

A

pochi giorni dall’apertura ufficiale del suo tour in tutta Italia, in vista delle primarie del Pd, Matteo Renzi è venuto ieri in Calabria per una “full immersion” domenicale nella realtà calabrese e per incontrare i sindaci di quattro comuni della Regione: il sindaco di Pizzo, Gianluca Callipo; quello di Castrovillari, Mimmo Lo Polito; il sindaco di Cetraro, Giuseppe Aieta e infine a Diamante con il sindaco Ernesto Magorno. Per il primo cittadino di Firenze, «anche in Calabria c’è molto da rottamare, c’è una classe dirigente che in molti casi ha già dimostrato i propri limiti. Va scritta una pagina nuova in

nare le cose, non a fare grandi discorsi sulle alleanze e sulle coalizioni».


Martedì 11 Settembre 2012 il Domani dello Sport

7

SPORT CALABRIA

UN ATLETICO ALLA BRASILIANA

CALCIO A 5 Nella nuova squadra di Catanzaro ben quattro fenomeni verdeoro

C

Marco Foglia

i siamo. E’ partita l’avventura dell’Atletico Catanzaro Stefano Gallo che lunedì 27 agosto si è ritrovato per dare il via alla preparazione in vista dell’inizio del campionato di serie B previsto per il 6 ottobre. La neonata società, frutto della fusione avvenuta tra le due storiche compagini del capoluogo Catanzarese Stefano Gallo ed Atletico Catanzaro, grazie al nuovo riassetto dei gironi di serie B voluto dalla Divisione Calcio a 5 si è vista subito proporre il salto di categoria accettato con entusiasmo da tutta la dirigenza con in testa il neopresidente Pino Mirante (già noto al mondo sportivo catanzarese per essere stato alla guida per alcuni anni dell’U.S. Catanzaro Calcio). L’organigramma della nuova società sarà composto, oltre che dal già citato presidente Mirante, dal presidente onorario Franco Rotella, dai due vicepresidenti Antonio Alfieri e Raffaele Leo, dal segretario Antonio Critelli, dal tesoriere Antonio Scalzo, dal responsabile marketing Antonio Angotti, dal Direttore Generale Piero Nisticò e dall’addetto stampa Michele Marullo. Per quanto riguarda l’aspetto tecnico, il direttore Nisticò dopo aver avuto la conferma del salto di categoria si è subito messo al lavoro per allestire una rosa competitiva che possa ben figurare in un campionato difficile ed impegnativo come quello di serie B affi-

dandone la conduzione tecnica ad un allenatore giovane ma con già diverse esperienze alle spalle come Andrea Lombardo dimostratosi subito entusiasta di tuffarsi in questa nuova avventura. A completare lo staff tecnico ci saranno l’assistente allenatore Nicola Ungaro, il massaggiatore Maurizio Celi ed i magazzinieri Walter Alfieri e Orio Ranieri mentre il responsabile del settore giovanile Pino Rubino ha affidato la guida tecnica dell’Under 21 a Rafael Salomao e Cleber Biscaro. Dei numerosi giocatori che componevano le rose delle due squadre oggetto della fusione in molti hanno deciso, per vari motivi, di rinunciare a

questa nuova ed impegnativa stagione e tra questi particolarmente dolorosi sono stati gli addii dello storico capitano di mille battaglie Marco Celia, di Gianluigi Mardente, di Samuele Pastori e di Massimo Scerbo su tutti. Essendo rimasti a disposizione di mister Lombardo i soli Luca Marullo, Claudio Iozzino, Kevin Rocca, Matteo Brandonisio, Matteo Calabrese, Salvatore Frangipane e i giovani portieri Domenico Lombardo, Domenico Buffa e Aldo Mazzei oltre ai numerosi e validi ragazzi che andranno a comporre l’organico della formazione under 21, la società ha deciso di rimpolpare la rosa ingaggiando sul mercato italiano il promettente Mario

Martino (classe ’89) proveniente dal Kroton Calcio a 5 e sul mercato estero il portiere Cleber Biscaro (classe ’84) proveniente dal Pordenone in serie B ma con alle spalle numerose esperienze nella serie A italiana, l’ultimo Rafael Salomao (classe ’80) proveniente dalla Me.Co. Potenza in serie A2, il laterale Thiago Daga(classe ’85) proveniente dal Palestrina in serie A2 e il pivot Wellington Ribeiro (classe ’87) proveniente dal Frosinone in serie A2. Lo sforzo economico effettuato dalla società testimonia dunque la voglia di ben figurare in un campionato prestigioso come quello di serie B e l’entusiasmo che si respira nel clan giallorosso traspare

Operato Bugatti: l’argentino si rivedrà in campo solo nei primi mesi del 2013

I

l sapore della sconfitta non è mai facile da “gustare”, soprattutto quando è quasi sconosciuto nella storia recente. Ecco perché la battuta di arresto di Latina ha rappresentato una novità, se così possiamo dire, che nell’era dell’oro del duo Cozza-Cosentino appariva ai tifosi giallorossi molto ma molto lontana. Ecco perché non si può drammatizzare eccessivamente per uno stop che, staticamente, è anche fisiologico. Che quello di Ciccio Cozza targato 2011/2012 sia stato il Catanzaro dei record (in fatto di vittorie consecutive, di successi stagionali e di punti ottenuti, senza contare il dato della miglior difesa di questo campionato), ossia di una squadra che è entrata di diritto nella storia del football giallorosso, è

sempre bene ricordarselo. A maggior ragione se si riflette sul record d’imbattibilità delle Aquile che è crollato proprio in terra pontina. Dando un'occhiata ai "numeri", le 21 giornate senza sconfitte del Catanzaro di Provenza sono state eguagliate e superate già nella passata stagione sino ad arrivare a quota 24 giornate e 23 partite giocate. Ci spieghiamo meglio. Il Catanzaro di Cozza non perdeva in campionato dalla terz'ultima d'andata dello scorso torneo (anche se il derby con la Vigor venne recuperato prima della sosta natalizia), quindi, 23 giornate (compresa una di sosta) e 22 gare effettiva nel passato campionato alle quali si aggiunge la “prima” dell’attuale stagione. Un record incredibile (probabilmente irripetibile per i

colori giallorossi) che andrebbe esaltato e non dimenticato per lo stop di Latina. Se il “numero” esatto dell’imbattibilità è 23 o 24 insomma poco importa. Tornando alla stretta attualità, la squadra ha fatto rientro in città nel tardo pomeriggio di ieri ed usufruirà di due giorni di riposo. Le Aquile torneranno a sudare martedì pomeriggio al “Ceravolo” allorché si inizierà a preparare la partitissima di domenica prossima contro il Benevento. Alla ripresa degli allenamenti non ci sarà Federico Bugatti che, nella giornata di ieri, s’è sottoposto all’annunciato intervento chirurgico che ha riguardato i legamenti. Per l’argentino, operato dal dottor De Santis, il ritorno in campo è previsto per i primi mesi del prossimo anno. In bocca a lupo, Bugatti!

dalle parole del vicepresidente Antonio Alfieri che ha dichiarato. «Sono molto contento che in appena un mese si sia riusciti, in seguito alla fusione, ad allestire una compagine societaria all’altezza con la speranza di poter coinvolgere in breve tempo altri imprenditori che possano dar vita ad una cordata che, attraverso la squadra di calcio a 5, dia lustro alla città di Catanzaro. Grazie al direttore Nisticò siamo riusciti ad allestire una rosa che subito dopo l’invito del presidente Tonelli a partecipare al campionato di serie B doveva solo permetterci di mantenere la categoria mentre in seguito agli investimenti effettuati e agli ottimi atleti arrivati ci darà sicuramente la possibilità di lottare con le migliori compagini della categoria». Anche il D.G. Piero Nisticò si è dimostrato fiducioso per la stagione che sta per cominciare, ecco il suo pensiero. «Siamo riusciti a creare qualcosa che inseguivo da un ventennio e cioè allestire una sola squadra che possa rappresentare ad alti livelli il calcio a 5 a Catanzaro, l’unico rammarico è che della fusione non abbia potuto far parte il mio Catanzaro Calcio a 5. La società mi ha affidato il compito di allestire una squadra che possa far bene in un campionato duro e difficile come quello di serie B e così è stato incrementato il gruppo con l’arrivo di cinque ottimi atleti che possono farci fare quel salto di qualità che tutti i nostri sostenitori auspicano. Ovviamente tutto questo è stato possibile grazie alla disponibilità di Franco Rotella, Antonio Alfieri, Raffaele Leo che sono stati affiancati dal nuovo presidente Pino Mirante che farà di tutto per regalare grandi emozioni a tutto l’ambiente calcettistico catanzarese. Ora non mi resta che tesserare il sesto uomo che con l’aiuto di tutti spero possa tornare ad essere il nostro meraviglioso pubblico». Concludiamo con le dichiarazioni di mister Andrea Lombardo che così si è espresso. «Sono davvero orgoglioso di essere alla guida di una squadra che è la sintesi di due compagini storiche e dal grande passato come la Catanzarese Stefano Gallo e l’Atletico Catanzaro»


8 il Domani dello Sport

Martedì 11 Settembre 2012

SPORT CALABRIA

HINTERREGGIO NERVOSA

CALCIO Non esalta il pareggio a reti bianche contro il Borgo a Buggiano

U

Luca Ogrilio

n punto per sbloccare l'empasse. Per gli ottimisti, il pareggio a reti bianche dell’Hinterreggio contro il Borgo a Buggiano, fa vedere il bicchiere mezzo pieno, per i cultori del bel gioco, segna un netto passo indietro rispetto alle rassicuranti prove di inizio stagione, compreso il ko di domenica scorsa in casa del Campobasso. LE FORMAZIONI - Di Maria conferma le indiscrezioni della vigilia e manda in campo lo stesso undici che ha perso in Molise. Aliperta, Khoris e Figliomeni i tre davanti, mentre Anzilotti in campo dal primo minuto, dopo l'influenza che lo ha tormentato nell'ultima settimana. Masi, tecnico del Borgo a Buggiano, scegli il 4-3-3, con il giovane Santini ad arretrare spesso sulla trequarti. PRIMO TEMPO - L’inizio dell'Hinterreggio è tutto sommato positivo. I ragazzi di Di Maria approcciano bene alla gara, anche se trovano subito di fronte, una formazione molto organizzata, sopratutto a livello difensivo, capace di concedere poco al centro, mentre sugli esterni, bene il duo Cutrupi-Figliomeni. La prima opportunità è però per gli ospiti. Al 12esimo, su un cross dalla sinistra, indecisione in uscita di Mengoni, D'Antoni ha la possibilità di colpire indisturbato davanti alla porta, ma manca l'appuntamento con il gol. L’Hinterreggio prova sempre a ragionare, partendo con la palla al piede dalla difesa, ma le gambe girano poco.

Al 24esimo, grandissima occasione per i toscani: bellisima punizione battuta da Goncalves, Mengoni toglie letteralmente la palla dalla porta e salva in angolo. La risposta dei reggini al 29esimo: Aliperta serve bene Figliomeni al limite dell'area, conclusione dell'attaccante ex Catanzaro, pallone a lato: si poteva fare meglio. Al 31esimo, sale in cattedra l'arbitro Lacagnina di Caltanissetta, alla prima in un campionato Professionistico: rosso a Candiano, per netto fallo su Anzilotti. Ci può stare. Ma passano dieci minuti e torna la parità numerica: è Vicari a vedersi estratto il rosso, per un intervento da tergo su Goncalves: da rivedere la decisione del fischietto siculo. Primo tempo che si chifde senza guizzi ne da una parte, ne dall'altra. SECONDO TEMPO - Di Maria manda subito in campo, in avvio di ripresa, Zampaglione e Borghetto, al posto di Aliperta e Figliomeni. Il bomber ex Valle Grecanica, fuori da lungo tempo per infortunio, prova a dare sbocchi offensivi, ma la difesa buggianese è sempre attenta. Rispetto alla prima frazione, il ritmo si abbassa ulteriormente e le squadre giochicchiano in mezzo al campo. Al 59esimo, bomba di Khoris su punizione dal limite, il portiere Tonti respinge con qualche difficoltà. La girandola dei cambi, propone in campo il giovane attaccante tosvano Delporto, che mette pauraalla difesa di casa al 69esimo,

quando è Cutrupi a metterci una provvidenziale pezza nell'area piccola. Al 72esimo, il terzo rosso del pomeriggio. E' Khoris a beccarsi la sanzione, per un intervento dadietro su Nolè: Lacagnina vede il fallo passibile da rosso e non ha esitazioni a buttare fuori il numero 7 dei reggini. La gara ha un ulteriore sussulto verso il basso. Il Borgo si accontenta del punticino, anche se potrebbe affondare il colpo alla ricerca del gol vittoria, l'Hinterreggio è invece incapace di fare gioco. All’82esimo, enorme occasione per gli ospiti. Contropiede velocissimo, Delporto tiene bene palla e si presenta in posizione defilata, davanti a Mengoni, con-

clusione che però si spegne sull’esterno della rete. Brivido per i biancoazzurri. La gara si chiude, senza ulteriori emozioni. Qualche fischio sull'Hinterreggio, da cui era lecito aspettarsi qualcosadi più. Un punto che muove la classifica, ma per qualcuno non è sufficiente. Ecco le dichiarazioni nella sala stampa dello Stadio Granillo, nel post Hinterreggio-Borgo a Buggiano DI MARIA «Se non si gioca con velocità e ritmo, non si possono creare occasioni da gol. QWuest'oggi, abbiamo provato due-tre volte, ma senza convinzione. Una giornata no può capitare.

Noi non conosciamo il campionato, stiamo valutando alcune cose e il tempo ci darà risposte su dove migliorare. In settimana abbiamo lavorato molto e il caldo può avere influito». KHORIS «L’espulsione mia non c'era e anche quella di Vicari ci ha penalizzato. Non ci sono alibi, ne caldo ne l'arbitro. Abbiamo pareggiato una partita in nove e dire grazie ai ragazzi, senza buttarli giù. Io non ci sarò alla prossima? Siamo sei attaccanti e speriamo che il nostro Zampaglione torni in forma Io sono contento di essere tornato a giocare avanti, perchè quando starò bene potrò fare la differenza».

Scontro duro tra Ceravolo e il presidente Foti

Allenamenti: Sarno lavora a parte

ra i tifosi, sui social network sopratutto, si è aperta una forte polemica contro le dichiarazioni di Fabio Ceravolo nel post Verona-Reggina, rilasciate all'emittente veronese Gialloblù. Ceravolo si sente progioniero di Foti. La vicenda Ceravolo va affrontata seguendo vari punti di vista. Non può far piacere al tifoso, che ama davvero la Reggina, sentire da uno dei giocatori più rappresentativi, che il suo desi-

iprendono gli allenamenti dopo la sconfitta di Verona. Davide Dionigi lavora in vista della ostica gara di sabato pomeriggio contro il Modena. Il tecnico emiliano spera di recuperare alcuni elementi cardini, tra cui Vincenzino Sarno che, nella sessione di allenamento odierna, si sta allenando a parte insieme al compagno di squadra Alessio Campagnacci. Nel frattempo, Bombagi, è sceso sul terreno di gioco dopo alcuni esercizi in palestra. Ieri doveva essere il giorno

T

derio fosse quello di partire, a maggior ragione verso l'odiata Verona. Ad ogni modo, dal suo specifico punto di vista, Ceravolo ha espresso un suo pensiero e se durante l'estate ha palesato la volontà di partire, questa è comunque una cosa lecita. E' chiaro che se un giocatore importante come Ceravolo va a scadenza tra meno di un anno, allora la società non ha certamente operato per il meglio.

Forse a questa Reggina servirebbero più dichiarazioni sincere, senza frasi di circostanza. Tipo quelle di mister Dionigi, diretto e sincero. «Ceravolo dice che vuol partire? Bene, si trovi un accordo per il bene della Reggina, non solo nell'interesse di uno solo dei soggetti coinvolti...» Si va avanti quindi con lo scontro assai duro tra le due posizioni, ma la punta forse non sembra ancora disposta a cedere posizioni.

R

di Maicon Da Silva a Reggio Calabria. maIl calciatore, classe 1993, non si è visto in campo. Difficile capire il perché, ma non dovrebbero esserci particolari problema per il lancio del giovane talento su cui la Reggina punta molto in vista della prossima stagione.


Martedì 11 Settembre 2012 il Domani dello Sport

9

SPORT INTERNAZIONALE

SERENA, ESTATE INDIMENTICABILE

TENNIS Prima Wimbledon, poi le Olimpiadi, ora gli Us Open: torna finalmente il sorriso

S

Carlo Liguori

erena Williams fa poker all’Us Open e offre champagne. La statunitense conquista il quarto titolo a New York dopo una battaglia in tre set contro la n.1 del mondo Victoria Azarenka. La minore delle sorelle Williams, sotto 3-5 nel terzo e deciso set, trova la forza per la rimonta e manda al tappeto la bielorussa per 6-2, 2-6, 7-5 in due ore e 18 minuti di gioco. Erano 17 anni che all’Us Open non si assisteva ad una finale in tre set (l’ultima la vinse Steffi Graf contro Monica Seles nel 1995). «Non c’è niente di più emozionante che vincere un match così tirato in una finale di uno Slam. Mi domando se mi sia mai capitato prima e non ne sono affatto certa», dice la Williams. Per lei il quarto sigillo arriva a ben 13 anni di distanza dal primo ottenuto nel 1999. «È stata una lunga estate, non pensavo di vincere così tanti titoli», dice in una conferenza speciale in cui la statunitense brinda e offre champagne. E di motivi per festeggiare la Williams ne ha. «L’anno scorso ero in ospedale», ricorda Serena, tornata ai massimi livelli dopo un anno tribolato per via di un’embolia polmonare preceduta da due operazioni al piede. La sua carriera solo un anno fa sembrava a rischio. Oggi a 30 anni la regina Usa del tennis è tornata a dettar legge. «Vincere Wimbledon è speciale, vincere qui nel mio Paese è ancora meglio», ammette la statunitense, che nel suo magico 2012 ha conquistato anche due medaglia d’oro alle Olimpiadi di Londra, sempre sull’erba di Wimbledon, in singolare e in doppio con la sorella Venus. «Dalla medaglia d’oro alla vittoria all’Us Open, è indimenticabile», dice. Ora l’obiettivo è riconquistare il n.1 del mondo. «Mi sento già pronta per il prossimo torneo. Vincere mi dà grandi motivazioni», sottolinea la Williams, che intanto intasca un assegno di 1,9 milioni di dollari e mette in bacheca un altro trofeo dello Slam: 4 titoli all’Us Open, 5 all’Australian Open e altrettanti a Wimbledon, uno al Roland Garros. La statunitense è la giocatrice in attività con più vittorie nei major, ben otto in più di sua sorella Venus, ed è a soli tre titoli dai miti Chris Evert e Martina Navratilova. Anche la Azarenka s’inchina: «Secondo me è la migliore giocatrice di tutti i tempi, è di un altro livello», dice

la bielorussa n.1 del mondo. «Io non ho niente di cui pentirmi aggiunge parlando dell’incontro , ho dato tutto e lei ha meritato di vincere. Per me è un onore essere al fianco di una campionessa come lei». A questo punto serena quasi si commuove alle parole di Vicky sincere e sentite. Il loro rapporto di amicizia si è fortificato quando sabato la Williams ha incontrato negli spogliatoi Vicky di ritorno dalla vittoria contro la Sharapova in semifinale. Le due si sono date il classico “cinque” dandosi appuntamento proprio per la finale. Ora Serena si riposa fino al torneo di pechino. Poi giocherà il Master.

Serena punta adesso ai 18 titoli di Martina Navratilova nei tornei dello Slam e intanto intasca oltre 2 milioni di dollari tra i premi di singolare e doppio

SARA ERRANI È 7ª

CLASSIFICHE Serena Williams resta al quarto posto

V

ictoria Azarenka resta n.1 del mondo. La bielorussa, sconfitta in finale all'Us Open, si conferma al vertice del ranking Wta pubblicato oggi. Guadagna una posizione la russa Maria Sharapova, che scavalca al secondo posto la polacca Agnieszka Radwanska. Stabile al n.4 la statunitense Serena Williams, che ha conquistato il suo quarto titolo in carriera a Flushing Meadows. Sara Errani, la n.1 d'Italia, guadagna ben tre posizioni e, grazie alla semifinale raggiunta nel major Usa, è ora al n.7 del mondo. Bene anche Roberta Vinci, fermata ai quarti dell'Us Open proprio dalla Errani, che fa segnare un +4 e si piazza al n.15. Scendono invece Flavia Pennetta al n.24 (-6) e Francesca Schiavone al n.37 (11). Fra le prime 100 anche Camila Giorgi, scesa però al n.93 (-6).


10 il Domani dello Sport

Martedì 11 Settembre 2012

SPORT INTERNAZIONALE STADI IN CRISI: 891 SPETTATORI PER GOIANIENSE-PORTUGUESA!

BRASILE La vera piaga del “futbol” continua ad essere la violenza

E’

Giuseppe Mosca

crisi di pubblico per il “Brasilerao”, campionato del paese dove il calcio è considerato un’arte e che ospiterà i prossimi Mondiali del 2014. Proprio la mancanza di spettatori negli stadi preoccupa la Fifa, visto che si stanno costruendo autentiche “cattedrali nel deserto” - tipo l’impianto di Manaus, città che non ha neppure un club di serie D -, ma a contribuire alla fuga della “torcida” è anche la violenza, autentica piaga del “futebol” che non si riesce a debellare. Così succede che per una partita della massima serie, valida per la 23ª giornata, come Atletico Goianiense-Portuguesa siano presenti allo stadio “Serra Dourada” solo 891 persone. Per una “classica” come Internacional-Fluminense, big-match del turno, a Porto Alegre ci sono stati solo 7.000 spettatori, che hanno assistito al successo degli ospiti (sempre primi in classifica) con un gol del solito Fred. 6.500 sono invece stati i presenti al “Vila Belmiro” per un’altra “classica”, quella tra il Santos privo di Neymar e Arouca, impegnati con la nazionale, e San Paolo (senza Lucas per lo stesso motivo): è finita 0-0. Continua la crisi del Palmeiras, dove “Felipao” Scolari rischia il posto ma non se ne

preoccupa più di tanto visto che il suo nome circola con sempre maggiore insistenza come possibile sostituto dell’attuale ct della Selecao, Mano Menezes. Il “Verdao” ha perso per 3-0 contro l’Atletico Mineiro che si mantiene quindi in scia alla capolista Fluminense. Protagonista del match è stato il 19enne trequartista Bernard (foto, in basso) che in un primo momento non avrebbe dovuto giocare in quanto squalificato. All’ultimo momento ha però ottenuto una sospensiva della pena ed è andato in campo

realizzando una doppietta. Bruttissimo scivolone interno del Vasco da Gama che, al Sao Januario, perde per 4-0 (doppiette di Souza e Jones) contro il Bahia: la squadra carioca è stata duramente contestata dai suoi sostenitori, arrivati a gridare “Ole” di scherno ad ogni tocco di pallone degli ospiti durante gli ultimi 20’ della partita. Questi i risultati della 23ª giornata del “Brasilerao”: Ponte PretaFigueirense 2-2, Coritiba-Flamengo 3-0, Corinthians-Gremio 3-1, Botafogo-Nautico 3-1, San-

tos-San Paolo 0-0, InternacionalFluminense 0-1, Vasco da GamaBahia 0-4, Atletico Mineiro-Palmeiras 3-0, Sport Recife-Cruzeiro 2-1, Atletico Go.-Purtuguesa 1-1. Classifica: Fluminense 50; Atletico Mineiro 48; Gremio 44; Vasco da Gama 39; Botafogo 37; San Paolo 36; Internacional 35; Cruzeiro 34; Corinthians e Ponte Preta 31; Portuguesa 29; Nautico 28; Flamengo, Bahia e Santos 27; Coritiba 25; Sport Recife 22; Palmeiras 20; Figueirense 19; Atletico Go. 17.

Ciclismo: Contador pensa già ai Mondiali

A

lberto Contador, trionfatore domenica nella Vuelta, ai Mondiali di fine mese a Valkenburg (Olanda) vuole gareggiare anche nella prova a cronometro oltre a quella in linea, e «mentalmente» si considera tuttora vincitore di 7 grandi corse a tappe, nonostante i 2 titoli che gli sono stati revocati per la vicenda del doping. «Voglio andare ai Mondiali nella prova in linea ma anche nella cronometro», ha detto Contador (foto, in basso), 29 anni, all’emittente pubblica spagnola Tve. «La crono mi motiva particolarmente, anche se forse ci sono specialisti più forti di me», ha aggiunto, annunciando: «Poi farò alcune classiche in Italia e porrò fine alla mia stagione». Un mese dopo aver finito di scontare una sospensione di 2 anni, in parte retroattiva, inflittagli nel febbraio scorso per un controllo antidoping positivo durante il Tour de France 2010, Contador ha vinto il 2° Giro di Spagna della sua carriera (il precedente risale al 2008). Interrogato sulla ragione per cui sul podio, domenica, ha mostrato con le dita il numero 7, il campione ha risposto: «Mentalmente, è l’immagine dei grandi giri che sono riuscito a vincere. Che su un foglio di carta compaia un’altra cifra, è secondario per me. Quel che conta, è la mia sensazione e le impressioni che restano sulla retina degli spettatori». Ufficialmente, il Palmares di Contador comprende 5 grandi corse a tappe: il Tour 2007 e 2009, il Giro d’Italia 2008, la Vuelta 2008 e 2012. Le vittorie nella Grande Boucle 2010 e nella corsa rosa 2011 sono state annullate per squalifica per un controllo in cui è risultato positivo al clenbuterolo. (gm)


Martedì 11 Settembre 2012

il Domani dello Sport

11

SPORT INTERNAZIONALE

LA MCLAREN A HAMILTON: «CON NOI PUOI VINCERE» F1 La scuderia inglese “carica” il suo pilota dopo il successo nel Gp d’Italia

I

Massimiliano Venzi

l giorno dopo il trionfo di Lewis Hamilton nel Gran Premio d’Italia a Monza, la scuderia della McLaren ha inviato al pilota inglese il seguente messaggio: «Resta, con noi puoi vincere». Domenica il driver di Stevenage (nella foto, al momento della premiazione) ha trionfato candidandosi come principale avversario del ferrarista Fernando Alonso nella volata iridata. Il pilota spagnolo, invece, comanda ancora la classifica generale con 179 punti, mentre Hamilton insegue con 142. Per quest’ultimo ci sono da recuperare 37 punti in 7 gare: impresa difficile ma non impossibile, soprattutto se si guida la monoposto che ha vinto gli ultimi tre Gran Premi. Le prestazioni della McLaren diventano un asso da giocare nella complessa trattativa per il rinnovo del contratto del pilota: l’accordo con Hamilton scade al termine della stagione e il rischio di un divorzio è concreto. «In questo weekend abbiamo visto che i tentativi di distrarci non sono andati a buon fine. Noi dobbiamo pensare ad andare avanti per provare a vincere», ha

detto il team principal Martin Whitmarsh al magazine Autosport. «La mia sensazione - ha aggiunto Whitmarsh - è che questa sia una grande squadra per Lewis. Deve essere lui a voler rimanere, stiamo lavorando bene insieme: siamo un team

vincente, lui è un pilota vincente e insieme formiamo un pacchetto eccellente». Il nome di Lewis Hamilton è stato più volte accostato alla Mercedes, che potrebbe sceglierlo per sostituire Michael Schumacher. Il mercato si sta infiam-

Quote, il titolo ad Alonso vale 1.67

L

ewis Hamilton ha vinto il Gp d’Italia restando al comando dal primo all’ultimo giro sul circuito di Monza e centrando la terza vittoria stagionale dopo quelle ottenute in Canada e in Ungheria. Ma il vero protagonista

della giornata è stato Fernando Alonso (foto) con una grande rimonta e un prezioso terzo posto che gli consente di restare al comando della classifica piloti a quota 179 punti. Lo spagnolo della Ferrari, ora, ha un vantaggio di 37

punti su Hamilton (142), di 38 su Kimi Raikkonen, Lotus, (141) e di 39 su Sebastian Vettel, Red Bull, fermo a 140 punti. In lavagna lo spagnolo della Ferrari rimane favorito per il titolo a 1.67, con Hamilton che insegue a quota 4.00. A 7.50 se Vettel dovesse confermarsi vincendo il Mondiale anche in questa stagione, mentre si gioca a 10.00 Kimi Raikkonen. William Hill, si legge su Agipronews, ha anche aperto scommesse dedicate alla McLaren: l’ipotesi che la scuderia britannica trionfi in tutte le sette prossime gare che rimangono da qui alla fine della stagione è a 51.00, mentre la possibilità che si qualifichi nelle prime due posizioni (come accaduto a Monza) anche nel prossimo Gp di Singapore è data a 4.50. (mv)

mando, ma la McLaren non sembra avere troppa fretta: ufficialmente, non c’è un calendario per la trattativa con il pilota. «Non credo sia importante», ha detto Whitmarsh. «Fare previsioni sul momento in cui due persone andranno a ballare è sempre pericoloso. Il tempo a disposizione è ben definito e io non l’ho sprecato per attività diverse da quelle necessarie per avere una monoposto veloce, per vincere le gare e per vincere i campionati». La “corte” a Lewis Hamilton non prevede un trattamento speciale nel finale della stagione 2012. Le chance iridate della McLaren, nel Mondiale piloti, secondo l’aritmetica sono legate anche al rendimento di Jenson Button (nella foto, in basso): con 78 punti di distacco da Alonso, però, per il pilota di Frome la rimonta è quasi un miraggio. «Le dinamiche all’interno del team

Whitmarsh: «La mia sensazione è che sia una grande squadra per Lewis. Deve essere lui a voler rimanere, stiamo lavorando bene insieme» funzionano. Ci vorrà tempo prima di cambiare approccio», ha affermato Whitmarsh escludendo, almeno per ora, gerarchie rigide. Button a Monza si è ritirato facendo evaporare la doppietta del team di Woking. Il flop lo depenna di fatto dalla lista degli aspiranti al titolo ma non lo trasforma in un gregario: «Io vado in pista per correre, Lewis non ha bisogno del mio aiuto». ha detto lo stesso Button intervistato a fine gara.


12 il Domani dello Sport MartedĂŹ 11 Settembre 2012

a cura della redazione di

QUALIFICAZIONI MONDIALI


MartedĂŹ 11 Settembre 2012 il Domani dello Sport 13 a cura della redazione di

QUALIFICAZIONI MONDIALI


Martedì 11 Settembre 2012 il Domani dello Sport 15

GIOCHI & SCOMMESSE

a cura della redazione di

GALLES Premier League

Per Aberystwyth e Bala è ancora fuga dalla vittoria er almeno un altro turno, l’Aberystwyth e il Bala continueranno a guardare tutti dal punto più infimo del torneo, colpa della terza sconfitta delle due che finora hanno rimediato un paio di pari in 5 incontri. Il Bangor City, invece, si è imposto in casa dell’Air-

P

Classifica

PT G

BANGOR CITY THE NEW SAINTS GAP CONNAH PRESTATYN TOWN PORT TALBOT AFAN LIDO CARMARTHEN AIRBUS UK LLANELLI NEWTOWN BALA ABERYSTWYTH

10 10 9 7 7 7 7 6 5 5 2 2

bus UK, ancora senza «X», affiancando The New Saints in testa. Prestatyn travolgente: 7-1.

BALA NEWTOWN ABERYSTWYTH AIRBUS UK AIRBUS UK AFAN LIDO PRESTATYN TOWN CARMARTHEN LLANELLI BANGOR CITY

Il pronostico di TS Bangor City - Afan Lido Llanelli - Newtown

1 1

La possibile sorpresa Bala - Prestatyn

0-5 1-0 2-3 1-3 7-1 0-0

5 4 4 4 5 5 5 5 4 5 5 5

3 3 3 2 2 2 2 2 1 1 0 0

1 1 0 1 1 1 1 0 2 2 2 2

RETI F S

IN CASA V N P

1 14 7 0 8 2 1 9 4 1 14 9 2 8 5 2 7 9 2 7 11 3 6 6 1 5 6 2 9 11 3 5 9 3 2 15

2 2 2 2 1 2 1 1 0 1 0 0

0 1 0 0 0 0 1 0 1 1 1 2

RETI F S

0 9 0 5 0 5 0 11 1 2 1 4 0 3 2 4 0 2 1 5 1 4 1 1

V

2 1 1 3 2 4 1 5 2 6 6 6

1 1 1 0 1 0 1 1 1 0 0 0

2 PRESTATYN TOWN 7

BANGOR CITY

AFAN LIDO 4-2 ▲ LLANELLI 2-2 = THE NEW SAINTS 1-4 ▼ CARMARTHEN 7-1 ▲ THE NEW SAINTS Pos. . BALA . PORT TALBOT . GAP CONNAH . NEWTOWN .

GAP CONNAH NEWTOWN ABERYSTWYTH ABERYSTWYTH AIRBUS UK AFAN LIDO THE NEW SAINTS CARMARTHEN BALA

7 THE NEW SAINTS 10

GAP CONNAH

4-4 = 1-1 = 0-1 ▼ 0-2 ▼ 0-1 ▼ . . . .

FUORI N P 1 0 0 1 1 1 0 0 1 1 1 0

RETI F S

1 0 1 1 1 1 2 1 1 1 2 2

5 5 3 1 4 3 3 6 6 3 3 5 4 10 2 1 3 4 4 5 1 3 1 9

«UNDER» Bala Aberystwyth Airbus UK Port Talbot Afan Lido Carmarthen Newtown The New Saints Bangor City Gap Connah Llanelli Prestatyn Town

PRESTATYN TOWN THE NEW SAINTS CARMARTHEN CARMARTHEN BALA BANGOR CITY GAP CONNAH NEWTOWN ABERYSTWYTH

2-4 ▼ 1-3 ▼ 1-1 = 2-1 ▲ 1-0 ▲ . . . .

CARMARTHEN

9 ABERYSTWYTH

2

(6ª GIORNATA) Bala - Prestatyn Town 15-09 Bangor City - Afan Lido “ “ Carmarthen - The New Saints “ “ Gap Connah - Aberystwyth “ “ Llanelli - Newtown “ “ Port Talbot - Airbus UK “ “

ABERYSTWYTH AIRBUS UK AFAN LIDO AFAN LIDO PRESTATYN TOWN THE NEW SAINTS BALA BANGOR CITY PORT TALBOT

2-0 ▲ 2-1 ▲ 1-1 = 1-2 ▼ 1-7 ▼ . . . .

AIRBUS UK AFAN LIDO PRESTATYN TOWN LLANELLI PRESTATYN TOWN CARMARTHEN BANGOR CITY PORT TALBOT GAP CONNAH

1-0 ▲ 3-1 ▲ 4-1 ▲ 0-0 = Pos. . . . . .

BANGOR CITY PORT TALBOT LLANELLI NEWTOWN ABERYSTWYTH AFAN LIDO PRESTATYN TOWN THE NEW SAINTS CARMARTHEN

CARMARTHEN BALA BANGOR CITY BANGOR CITY PORT TALBOT GAP CONNAH LLANELLI AIRBUS UK AFAN LIDO

0-2 ▼ 1-1 = 1-7 ▼ 0-0 = 0-5 ▼ . . . .

7 AIRBUS UK

6

1-2 ▼ 2-0 ▲ 3-1 ▲ 3-1 ▲ . . . . .

4 3 3 3 2 2 2 2 1 1 1 0

(1-3) (2-1) (1-2) (1-2) (1-1) (2-0) (1-1) (2-0) (0-1) (1-0) (0-1) (0-0)

«OVER»

7

10 AFAN LIDO 2-1 ▲ 2-3 ▼ 7-1 ▲ 0-0 = 3-2 ▲ . . . .

Statistiche

REGOLAMENTO Le vincente in Ch. League. La 2ª in Europa L. insieme alla vincente della Coppa del Galles. Dalla 3ª alla 7ª play off per un 3° posto in Europa L. Retrocedono le ultime 2. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto della differenza reti.

Bangor City Prestatyn Town Afan Lido Carmarthen Gap Connah Llanelli Newtown Aberystwyth Airbus UK Port Talbot The New Saints Bala

2

IL TURNO PRECEDENTE IL TURNO SUCCESSIVO (5ª GIORNATA) Aberystwyth PARTITE- Port DEL Talbot 08-09 Afan Lido - Bala Airbus UK - Bangor City Newtown - Gap Connah Prestatyn Town - Carmarthen The New Saints - Llanelli

PARTITE V N P

4 4 3 3 3 3 3 2 2 2 2 1

(2-2) (2-2) (2-1) (0-3) (1-2) (1-2) (2-1) (1-1) (2-0) (1-1) (1-1) (1-0)

«GOAL» Afan Lido Bangor City Carmarthen Newtown Prestatyn Town Gap Connah Llanelli Aberystwyth Airbus UK Bala Port Talbot The New Saints

4 4 4 4 4 3 3 2 2 2 2 2

(2-2) (2-2) (1-3) (3-1) (2-2) (1-2) (1-2) (1-1) (2-0) (1-1) (1-1) (1-1)

«NO GOAL»

5

5 NEWTOWN

LLANELLI PORT TALBOT PRESTATYN TOWN GAP CONNAH THE NEW SAINTS NEWTOWN ABERYSTWYTH BALA AIRBUS UK BANGOR CITY

2-1 ▲ 2-2 = 1-3 ▼ 0-0 = . . . . .

BALA BANGOR CITY PORT TALBOT PORT TALBOT GAP CONNAH LLANELLI AIRBUS UK AFAN LIDO PRESTATYN TOWN

PORT TALBOT

4-4 = 3-2 ▲ 0-1 ▼ 1-1 = 1-3 ▼ . . . .

LLANELLI GAP CONNAH NEWTOWN NEWTOWN ABERYSTWYTH AIRBUS UK PRESTATYN TOWN THE NEW SAINTS CARMARTHEN

I 10 numeri più frequenti

I 10 numeri più in ritardo 16 47 12 71 27 34 17 30 67 24 Rit. 101 75

69

64

17 21 71 76 Rit. 87

74

46 9 Rit. 70

65

11 8

73

72

57

55

47

2

11 79 14 44 53

54

52

49

46 48

46 48

45 47

23 52 33 22 68 20 14 11 61

61

49

45

42

40

38

37

58 17 78

9

1

45 19 75

66

53

45

43

39

71 56 58 57 89 23 74

9

65 46

35

34

Rit. 74

67

Rit. 112 81

73

63 45

56 40

39

38

37 33

4

7

47 44 52 20 49 68 59 54

Rit. 71

54

54

52

49

48

46

45

41

40

47 32 77 82 10 54 39 84 43 58 Rit. 100 68

55

54

53

46

44

44

41

38

19 34 43 35 86 51 50 41 56 81 Rit. 105 95

68

56

54

52

50

40

36

35

12 14 34 47 76 65 59 13 45 3 Rit. 52

46

44

6

3

48 66 83 13 35 47 81 59

Rit. 68

64

61

Rit.

44

53

42

41

38

38 50

37

52

52

52

6

49 44 47

49

43

39

39

2 34 86 89

1

13

7

15 18 59

8

5

5

4

6

6

4

38

48

69

7

84

54

43

19 83 55 35 43 29 Rit. 121 93

0-1 ▼ 1-2 ▼ 1-0 ▲ 2-0 ▲ 2-3 ▼ . . . .

(2-1) (1-2) (1-2) (1-2) (2-0) (1-0) (0-1) (1-0) (1-0) (0-1) (0-1) (0-0)

4

37 4

BA CA FI GE MI NA PA RM TO VE NZ TT

I 10 numeri più in ritardo

14 51 20 13 46 57 65 81 35 44 Freq. 17

17

16

1 56 77 Freq. 17

17

17

15

15

6 15

15

15

15

35 78

7

23 27 31

15

14

14

15

14 14

14 14

18 37 41 42 60 73 74 17 40 58 Freq. 18

15

15

15

15

34 39 47 86 38 Freq. 18

16

79 8 Freq. 17

16

16

15

15

15

14

4

22 33 62 68

14

14

14

14 14

14 14

15

15

15

15

14

12 80

3

77

9

42 54 60 67 74

17

16

15

15

Freq. 21

18

90 1 Freq. 17

16

14 15

14 15

14 15

14

16

16

15

15

15

8

45 83

14

14

60 30

1

27 42 70 78 22 37 41

15

14

14

18 41 77

9

46 25 27 34

1 11

16

16

14

17

17

14 15

15

14

16

Freq. 17

16

15

17

17

16

15

17

Freq. 19

14 15

13 15

80 27 70 15 36 43 50 85 Freq. 17

15

15

15

13

NELLA SESTINA 14 10 1 37 90 48 21 44 65 26 RITARDO 49 46 36 36 35 32 30 30 28 27

Il sistema 10 numeri Ridotto a garanzia di tre “5” con 6 numeri Combinazioni 30 € 15,00

7 7 7 13 7 7 13 36 7 28

13 28 13 28 13 36 28 44 13 36

36 36 28 44 28 44 52 61 44 44

52 44 36 61 36 52 61 69 52 52

74 74 44 74 52 61 69 74 61 69

87 87 69 87 61 87 87 87 69 87

16

15

14

14

37 78

1

77 60 42 41 44 22 3 119 116 115 115 114 113

NELLA SESTINA 54 49 74 90 75 67 45 55 38 69 FREQUENZA 51 50 46 46 45 44 44 43 43 43

7 7 7 13 7 7 7 13 7 28

13 13 52 28 13 28 28 28 13 44

44 28 61 36 36 36 44 36 36 52

69 52 69 69 44 61 61 44 61 61

7

11 24 34 89

2

15

20 16

10

10

8

8

15

9

9

9

I 10 numeri più frequenti NUMERO 35 FREQUENZA 15

29 30 73 38 41 87 37 44 55 14

14

14

12

12 12

11

11

11

74 69 74 74 61 69 69 52 69 69

87 74 87 87 74 74 87 74 87 74

7 13 7 28 13 7 13 13 7 7

36 36 13 36 44 28 36 28 13 28

44 52 28 52 52 36 44 36 28 44

52 61 44 61 69 52 52 44 61 52

69 69 52 74 74 69 61 61 74 61

Il sistema 13 numeri Garanzia di due “9” con 10 numeri e 1 fissa: 34 Combinazioni 20 - € 20,00 Pronostico: 3, 6, 16, 27, 34, 40, 43, 52, 59, 65, 78, 82, 85

14

4 38

16

Freq.123 123 122 121

15

13

14

I 10 numeri più frequenti

I 10 numeri più in ritardo

58 21 49

15

20 78 24 41 44 58 81 4

1 31 88 53 56 66 79 Freq. 18

NUMERO RITARDO

28 34 60 11 35 38 57 63

SUPERENALOTTO

Pronostico: 7, 13, 28, 36, 44, 52, 61, 69, 74, 87

THE NEW SAINTS CARMARTHEN BALA BALA BANGOR CITY PORT TALBOT NEWTOWN ABERYSTWYTH LLANELLI

3 3 3 3 2 1 1 1 1 1 1 0

10eLOTTO

LOTTO BA CA FI GE MI NA PA RM TO VE NZ TT

1-2 ▼ 0-2 ▼ 1-0 ▲ 1-1 = 5-0 ▲ . . . .

Aberystwyth Airbus UK Bala Port Talbot The New Saints Afan Lido Bangor City Carmarthen Gap Connah Llanelli Newtown Prestatyn Town

74 74 87 87 87 87 87 69 87 74

3 3 3 3 3 6 3 6 3 3 3 3 3 3 6 16 6 3 3 3

6 6 6 6 16 16 6 16 6 6 6 16 6 6 16 27 16 27 16 6

16 27 16 16 27 27 16 27 16 27 16 34 16 27 27 34 34 34 27 34

27 34 27 27 34 34 27 34 27 34 34 40 34 34 34 43 40 40 34 40

34 40 34 34 40 40 34 40 34 40 43 43 40 43 40 52 43 43 40 43

40 52 40 40 43 43 52 43 43 43 52 52 43 52 59 59 52 52 52 52

43 65 43 52 52 52 59 52 59 59 59 65 59 59 65 65 59 59 59 59

52 78 65 59 59 59 65 65 65 65 65 78 78 78 78 78 65 65 78 65

78 82 78 65 65 78 78 82 78 82 82 82 82 82 82 82 78 78 82 78

82 85 82 82 85 85 85 85 85 85 85 85 85 85 85 85 82 82 85 85


il domani  

Edizione del 11 Settembre 2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you