Issuu on Google+

Anno LVI - n. 7/8 Giugno /Luglio 2011 - Sped. in Abb. Postale, art. 2 comma 20/c Legge 662/96 Regione Campania -BN- In caso di mancato recapito restituire al mittente


Angelus del Papa

Cari fratelli e sorelle! Quest’oggi, nella Liturgia, la Lettura dell’Antico Testamento ci presenta la figura del re Salomone, figlio e successore di Davide. Ce lo presenta all’inizio del suo regno, quando era ancora giovanissimo. Salomone ereditò un compito molto impegnativo, e la responsabilità che gravava sulle sue spalle era grande per un giovane sovrano. Per prima cosa egli offrì a Dio un solenne sacrificio – “mille olocausti”, dice la Bibbia. Allora il Signore gli apparve in visione notturna e promise di concedergli ciò che avrebbe domandato nella preghiera. E qui si vede la grandezza dell'animo di Salomone: egli non domanda una lunga vita, né ricin questo numero: 2 3 5 6 6 6 7 8 8 9 12 12 13 15

Angelus del Papa Il 15 agosto: giorno di Santa Maria Restauro del Pulpito e della Statua di S. Filippo Sotto la protezione dell'Assunta Si sono uniti in matrimonio Esprimono gratitudine all'Assunta Solennità Assunzione della B.V.M. Il significato del Dono Hanno collaborato con noi... Appunti di cronaca Dal mondo Oratoriano Nuovo Sito Web In memoria di... Sono tornati alla casa del Padre Santuario dell’Assunta 82034 Guardia Sanframondi

Direttore e Redattore: P. Filippo Di Lonardo Responsabile: P. Giuseppe Lando Dir. Red. Amm.: Congregazione dell’Oratorio PP. Filippini 82034 Guardia Sanframondi (BN) Tel. e Fax 0824.864013 www: santuarioassunta.com e-mail: santuarioassunta@email.it Aut. Tribunale BN Dec. 3/4/1956 n. 25/56 del Registro Stampe C.C.P. 11000825 IBAN: IT63Q0101075360041200000632 BIC: IBSPITNA Sped. in abb. post., art. 2, comma 20/C Legge 662/96 Regione Campania -BN Con approvazione ecclesiastica Stampato nel mese di Agosto 2011 da: TipoLitoGrafica nuova impronta Cusano Mutri (Bn) - Tel.-fax 0824/862723 info@nuovaimpronta.net - www.nuovaimpronta.net Foto di copertina: Aleksander Pushay

2

chezze, né l’eliminazione dei nemici; dice invece al Signore: “Concedi al tuo servo un cuore docile, perché sappia rendere giustizia al tuo popolo e sappia distinguere il bene dal male” (1 Re 3,9). E il Signore lo esaudì, così che Salomone divenne celebre in tutto il mondo per la sua saggezza e i suoi retti giudizi. Egli dunque pregò Dio di concedergli “un cuore docile”. Che cosa significa questa espressione? Sappiamo che il “cuore” nella Bibbia non indica solo una parte del corpo, ma il centro della persona, la sede delle sue intenzioni e dei suoi giudizi. Potremmo dire: la coscienza. “Cuore docile” allora significa una coscienza che sa ascoltare, che è sensibile alla voce della verità, e per questo è capace di discernere il bene dal male. Nel caso di Salomone, la richiesta è motivata dalla responsabilità di guidare una nazione, Israele, il popolo che Dio ha scelto per manifestare al mondo il suo disegno di salvezza. Il re d’Israele, pertanto, deve cercare di essere sempre in sintonia con Dio, in ascolto della sua Parola, per guidare il popolo nelle vie del Signore, la via della giustizia e della pace. Ma l’esempio di Salomone vale per ogni uomo. Ognuno di noi ha una coscienza per essere in un certo senso “re”, cioè per esercitare la grande dignità umana di agire secondo la retta coscienza operando il bene ed evitando il male. La coscienza morale presuppone la capacità di ascoltare la voce della verità, di essere docili alle sue indicazioni. Le persone chiamate a compiti di governo hanno naturalmente una responsabilità ulteriore, e quindi – come insegna Salomone – hanno ancora più bisogno

dell’aiuto di Dio. Ma ciascuno ha la propria parte da fare, nella concreta situazione in cui si trova. Una mentalità sbagliata ci suggerisce di chiedere a Dio cose o condizioni di favore; in realtà, la vera qualità della nostra vita e della vita sociale dipende dalla retta coscienza di ognuno, dalla capacità di ciascuno e di tutti di riconoscere il bene, separandolo dal male, e di cercare pazientemente di attuarlo e così contribuire alla giustizia ed alla pace. Chiediamo per questo l’aiuto della Vergine Maria, Sede della Sapienza. Il suo “cuore” è perfettamente “docile” alla volontà del Signore. Pur essendo una persona umile e semplice, Maria è una regina agli occhi di Dio, e come tale noi la veneriamo. La Vergine Santa aiuti anche noi a formarci, con la grazia di Dio, una coscienza sempre aperta alla verità e sensibile alla giustizia, per servire il Regno di Dio.


Il 15 agosto: giorno di

“SANTA MARIA” La solennità dell’Assunzione della Beata Vergine Maria, per i suoi molteplici significati, è ritenuta la grande festa mariana di tutta la Chiesa: il “giorno di Santa Maria”. Nel periodo delle ferie di agosto, tempo di vacanze, di riposo e di tranquillità, il cristiano è invitato a spalancare le porte che offuscano la nostra vita come l’egoismo, la mediocrità, l’incomprensione, per volgere lo sguardo al cielo e contemplare la Donna che proprio del cielo è la regina. L’Assunzione della Santa Vergine è una singolare partecipazione alla risurrezione del suo Figlio e un’anticipazione della risurrezione di tutti i suoi figli e quindi richiama: la salvezza operata da Gesù, la gloria pasquale del Risorto, il valore della vita umana e la glorificazione del corpo, ciò che la Chiesa tutta desidera e spera di essere e la garanzia della fedeltà del Signore alle sue promesse.

Nel nostro tempo i segni di speranza e di certezza scarseggiano ma per i credenti tiepidi, per i cristiani sfiduciati, per i fedeli paurosi, per chi crede, ma vive come se non credesse, per tanti che dubitano della verità del loro destino di gloria, Maria è certezza e speranza. Il suo invito pressante è quello di fare della nostra esistenza umana un evento di risurrezione. Il cristiano è invitato a non cedere alle lusinghe di una vita fine a se stessa, chiusa nell’egoismo e nella paura della morte, ma a vivere una vita aperta agli orizzonti infiniti dell’amore e della risurrezione. Maria glorificata nella sua carne verginale è la nostra terra ormai assunta in cielo e ci ricorda il valore e il destino del nostro corpo, che non è fatto per la corruzione del sepolcro, ma per la pienezza di vita nella gloria. “Pio XII – nella proclamazione del dogma

3


dell’Assunta – ci invita a volgere lo sguardo verso Maria assunta nella gloria celeste. Ci invita a invocarla fiduciosi, perché ci faccia apprezzare sempre più il valore della vita sulla terra e ci aiuti a volgere lo sguardo verso la mèta vera cui siamo tutti destinati: quella vita eterna che, come assicura Gesù, possiede già chi ascolta e segue la sua parola” (Benedetto XVI). Dio nel suo luminoso amore, proclama che lui è la sorgente della vita e suo figlio Gesù è “la risurrezione e la vita”. Maria è inseparabile dal Figlio per questo è stata Assunta in cielo ma poiché Gesù ha detto: “Io sono con voi tutti i giorni sino alla fine del mondo” (Mt 28, 20b) anche Maria è per sempre “gloriosa in cielo ma opera sulla terra”. La liturgia bizantina interpreta il mistero dell’Assunzione non come l’addio della Madre, ma quale festa della sua presenza tra noi: “Nella tua Dormizione tu non hai abbandonato il mondo, o santa Theotokos”. Anche la liturgia della Parola cattolica dell’Assunta propone, leggendola in chiave mariana, l’arca dell’alleanza, il più alto simbolo cultuale di Israele. Ciò sta a indicare che per la liturgia esiste una certa connessione tra l’Arca dell’alleanza, simbolo della presenza divina, e il mistero dell’Assunta al cielo. E’ consolante poter rendere evidente la dottrina della presenza spirituale di Maria nel popolo cristiano in conseguenza della condizione glorificata del suo corpo. Il testo di un canto dice: “Mentre trascorre la vita solo tu non sei mai: Santa Maria del cammino sempre sarà con te”.

4

Il Santo Curato d’Ars propone un’immagine molto efficace della Vergine assunta. Egli la presenta intenta a tenere ben salda con le sue mani una scala, mezzo di unione fra il cielo e la terra. “Non più soggetta ai limiti della condizione terrestre, essa accompagna il cammino di tutti e di ciascuno con la sua intercessione presso Dio e con la sua azione di carità aiutandoci a salire i gradini che conducono al Padre”. Benedetto XVI il 15 agosto 2005 specificava: ”Nel cielo abbiamo una madre. Il cielo è aperto. Il cielo ha un cuore” e nel Sacramentum caritatis, 33 precisa che Maria assunta in cielo. “indica a noi, pellegrini nel tempo, quella meta escatologica che il sacramento dell’Eucaristia ci fa fin d’ora pregustare”. Accogliamo l’invito del Papa e ciò che i nostri antenati ci hanno trasmesso, accostiamoci al sacramento della Penitenza per ricevere degnamente l’Eucaristia che la Chiesa elargisce ai suoi figli come farmaco d’immortalità. Sappiamo bene che il centro della nostra vita di fede è la Pasqua di Gesù. Egli è l’immagine perfetta dell’uomo e del Figlio di Dio pienamente realizzata, che tutti siamo chiamati a seguire e imitare, ma nel celebrare l’Assunta, la Pasqua della Madre di Dio, la Chiesa vede “la propria, come meglio riuscita e la contempla come modello insostituibile di vita eucaristica… In lei risplende il fulgore della gloria di Dio” (Sacramentum caritatis 96). Pace e gioia.

Padre Filippo Di Lonardo d. O.


Restauro del pulpito e della statua di San Filippo Grazie al restauro conservativo operato, il C.S.R. Restauro Beni Culturali di Roma ha recuperato all’antico splendore sia il pulpito scolpito e dorato (sec. XVII) della Basilica Santuario che la scultura lignea policroma raffigurante San Filippo Neri. E’ stata eseguita un’operazione di disinfestazione degli insetti xilofagi mediante ripetute applicazioni di prodotto disinfettante. Le lacune e le cadute di colore sono state reintegrate con stucco a base di colla di coniglio e gesso di Bologna. In un secondo momento è stata rimossa la porporina presente ed è stata eseguita una reintegrazione pittorica con colori a vernice ed è stata compiuta la nuova doratura a mecca. E’ stata infine stesa una mano di vernice per nebulizzazione quale protezione finale.

5


sotto la protezione

dell’Assunta

Ilenia Orso I genitori Antonio e Maria in occasione della laurea, pongono la figlia sotto la materna protezione dell’Assunta.

Antonio Camardella n. 24-5-2006 I genitori Mirella e Daniele lo affidano alla materna protezione dell’Assunta.

Filippo Mattarelli e Raffaella Alterisio Ringraziano la Vergine Assunta e si affidano alla sua materna e celeste protezione.

si sono uniti in matrimonio giugno 2011

19 – Sebastianelli Roberto e Blasiello Milena. Larry Zarpaylic

Caprese Zarpaylic

Laureato in architettura al Roger Williams University (USA)

Laureata in Psicologia ed Educazione il 13-5-2011 al Rider University N.J. (USA)

I nonni Ada e Raymond Cielo con immensa gratitudine ringraziano l’Assunta e affidano a Lei il futuro dei loro nipoti.

Luglio 2011

9 – Del Vecchio Angelo e Gambuti Nicolina. 10 – Meoli Umberto e Petronzi Marika. 16 – Di Blasio Filippo e Di Lonardo Pamela. 17 – Di Libero Claudio e Sanzari Pasqualina. 23 – Di Gioia Piero e Morone Eleonora 24 – Miotto Walter e Falato Ilenia. 30 – Mannato Jonathan e Plenzick Filomena. 31 – Iannotti e Rainone.

esprimono gratitudine all'Assunta Giugno 2011 13 - Tomaselli Floriano. 26 - Santacroce Sergio Bruno e Petronzi Maria Concetta. 29 - Una devota. Luglio 2011 2 - Mattarelli Filippo e Alterisio Raffaella (Australia). 3 - Falato Antonio e Grillo Alfonsina per il 35° di matrimonio. - Borrelli Carlo. 10 - Foschini Michele e Foschini Pina per il 25° di matrimonio.

6

13 - Falato Annibale e Di Lorenzo Luisa per il 25° di matrimonio. 17 - Alcuni devoti. 20 - Casbarra Paqualina (Sanremo). 20 - Casbarra Pasqualina (Sanremo). 23 – Foschini Pasquale e Di Virgilio Lina per il 50° di matrimonio. - Una devota. 24 - Florio Giuseppe e Di Blasio Fausta Giustina per il 60° di matrimonio. 31 - Filippelli Mario - Ciervo Rosa e Lorise.


7


Il significato di un Dono

L’amore filiale, alla Madre del Signore e madre nostra, è espressa sempre in modo semplice, profondo e spontaneo dalla pietà popolare. Tutti abbiamo ancora negli occhi, nel cuore e nella mente l’immagine della Madonna Assunta portata a spalla, nel corso dell’ultima edizione dei Riti, dalla gente che faceva a gara per accaparrarsi un simile privilegio mentre raggiungeva il Santuario a conclusione del lungo corteo penitenziale di domenica 24 Agosto 2010. Tantissimi, lungo il percorso, protendevano le mani nel tentativo di toccare la statua o almeno il manto, spesso con gli occhi gonfi di lacrime, perché non c’è colpa che non sia perdonata a un figlio che si protende verso sua madre. Entrando nella Basilica Santuario ancora oggi a distanza di un anno si resta avvolti da un alone di mistero e lo sguardo è attratto dalla statua raffigurante Maria in trono con il bambino Gesù benedicente, la nostra Madonna Assunta. Si sente il bisogno di rivolgersi a Lei con un canto, una preghiera, una supplica e un ringraziamento. Questo è stato uno dei motivi per cui la scala allestita per i riti è stata lasciata al suo posto per consentire a tanti di avvicinarsi ancora alla nicchia della Madonna. Tutti vogliono ancora lasciare un segno visibile della loro presenza: chi accende una candela, chi porta dei fiori, chi lascia un’offerta per la celebrazione di Sante Messe, per il mantenimento del culto, per la carità o per l’abbonamento al nostro Bollettino. Simili espressioni, che si tramandano da tempo, sono un modo diretto e semplice di manifestare esternamente il sentire del cuore e l’impegno di vivere cristianamente. Da secoli è consuetudine che, dopo i Riti settennali in onore della Madonna Assunta, i Rioni facciano sempre il loro dono. Negli ultimi anni anche i penitenti incappucciati hanno sentito il bisogno di offrire un loro

dono. Un altro motivo per cui la scala è rimasta è perché i Comitati Rionali hanno deciso, questa volta congiuntamente, di effettuare un dono unico: offrire una nuova veste alla Madonna simile all’attuale, che è in pessimo stato di conservazione in quanto avverte l’usura del tempo. Infatti la veste che ha sempre indossato la madonna è stata realizzata e donata nel lontano 1736. Dopo aver effettuato tantissime indagini per trovare in Italia una ditta artigianale specializzata nella realizzazione di vestimenti sacri, i Comitati alla fine ci sono riusciti. La stoffa per la veste nuova alla Madonna è stata confezionata esclusivamente per rivestire la nostra statua. Oggi sul mercato è difficile trovare di meglio. La veste antica sarà comunque restaurata dalla Soprintendenza e poi sarà esposta in chiesa perché i fedeli possano sempre ammirare. Altre informazioni saranno date sul prossimo Bollettino. L’altro dono, pure necessario, che sarà offerto dai penitenti incappucciati anche su mia indicazione, in quanto me ne hanno fatta esplicita richiestasarà la porta della Basilica Santuario, anzi tutte e tre le porte della chiesa. Infatti quelle attuali presentano gravi segni di deterioramento e di cedimento strutturale, per cui c’è effettiva necessità di sostituirle con altre che conservino però la manifattura e lo stile semplice che si addicono al tempio. Si è pensato di farle realizzare così come erano una volta, ricavando le immagini di quelle vecchie dal film “La Maddalena”, girato a Guardia nel 1953. Ulteriori dettagli circa la loro realizzazione saranno dati sul prossimo Bollettino. Un ringraziamento dal profondo del cuore va a tutti coloro che si sono adoperati per fare in modo che i doni potessero essere realizzati e offerti. Padre Filippo Di Lonardo d. O. Preposito - Parroco

Hanno collaborato con noi per sostenere il Bollettino da Guardia:

Pigna Silvia in De Cesare – Zacchino Vincenzo – Foschini Irma – Ferrigno Enzo – Foschini Adelina – Plenzich Cecilia – Tessitore Pasqualina – Tessitore Maria Elena – Ceniccola Luisa – Di Staso Raffaele – Turco Giovannina – Sebastianelli Filippo – Labagnara Leda – Blasiello Raffaele – Sebastianelli Gabriele – Ceniccola Vittorina – De Blasio Maria – De Blasio Vittorio - Foschini Pasquale e Di Virgilio Lina - Morone Maria.

dall’Italia:

Falato Mara, Milano – Di Cosmo Pasquale, Napoli – Carlesimo Espedito, Firenze – Falato Angiolina, Frattaminore (NA) – Ciarleglio Campolattano Tittina, Benevento – Sebastianelli Mario, Erba (CO) – Cutillo Anna, S.Salvatore Telesino (BN) – Tomaselli Nina, Pisa – Silvestri Bruno, Sanremo (IM) – Di Lonardo Assunta, Benevento – Pigna Luigi, Castelvenere (BN) – Benevento Silvio, Roma – Tessitore Elena, Benevento – Lombardi Italo, Pinerolo (TO) - Mancini Dino, Cerreto S. (BN).

dall’Estero:

Cavallo Gino e Pezzullo Filomena, Australia – Pascale Ugo, Australia – Pengue Guido e Clara, Australia – Lombardi Angela e Rita, USA – Pelosi Michele e Elisa, Australia.

8


cronaca Giugno 2011 Fino alla metà del mese ci sono state giornate con pioggia o per l’intera giornata o solo nel pomeriggio. Poi con l’arrivo dell’estate vera e propria si sono viste giornate belle, assolate e calde. In parrocchia, si è iniziato con la celebrazione (giovedì 2) dei dieci anni di fondazione della Confraternita di Misericordia presieduta dal prof. Filadelfio Vasi e che ha l’attuale sede presso la scuola elementare. Un’intera giornata dedicata a questa ricorrenza che ha avuto come punto centrale la S. Messa in basilica alle ore 11 presieduta dal nostro Vescovo Mons. Michele De Rosa ed accompagnata dalla corale parrocchiale “Cantate Domino in laetitia” guidata da Alfonso De Nicola. Durante la celebrazione nove confratelli iscritti al sodalizio hanno proceduto al rito della “vestizione”: hanno ricevuto ed indossato l’antico abito nero con cappuccio ad occhiaia simbolo del bene fatto nell’anonimato. Alla manifestazione hanno partecipato tutte le autorità civili e militari del luogo e numerose associazioni con i loro stendardi provenienti da ogni parte d’Italia. Al termine c’è stata la sfilata dei mezzi di soccorso per le vie del paese. E’ seguito il Primo Sabato con l’Assunta (4) che ha avuto il solito svolgimento: veglia alle 21 e S. Messa alle 22. Il giorno dopo (domenica 5 ore 10:30) c’è stato il secondo turno delle Prime

Comunioni. Altri dieci ragazzi della parrocchia per la prima volta hanno ricevuto l’Eucarestia. La S. Messa nel Santuario è stata celebrata dal Parroco P. Filippo Di Lonardo, il gruppo delle catechiste ha preparato la celebrazione ed i canti sono stati eseguiti dalla corale parrocchiale "Cantate Domino in laetitia" guidata da Maria Grazia d’Angelo. La domenica successiva, solennità di Pentecoste, (domenica 12 ore 10:30) c’è stato il lancio delle rose durante la recita della Sequenza e molti fedeli si sono meravigliati per questa antica tradizione nelle chiese di Roma poi diffusa-

si nelle chiese cattoliche sul territorio e ripresa da qualche anno dal parroco nella nostra Basilica. Durante questa celebrazione, come da programma pastorale, si è tenuta anche la celebrazione comunitaria dell'Unzione degli Infermi che ha avuto circa 50 partecipanti. P. Filippo Di Lonardo e P. Gustino Di Santo hanno proceduto prima alla imposizione delle mani sul capo di

ciascuno e poi al segno di croce con l’olio santo sulla fronte e sulle mani. La Confraternita di Misericordia ha contribuito attivamente e fattivamente alla sua organizzazione impegnando mezzi e soci. A tutti i partecipanti il Parroco ha consegnato una immagine ricordo. I canti durante la S. Messa sono stati eseguiti dalla corale parrocchiale.

Il Gruppo di Preghiera San Pio da Pietrelcina “Il Tralcio” è stato in pellegrinaggio sulla tomba di Padre Pio (giovedì 23). La festa del Corpus Domini (domenica 26) ha avuto svolgimento ed orari soliti. Dopo la S. Messa delle 18 al Santuario, celebrata dal Parroco, il corteo processionale ha preso il via verso le ore 18:50 ed ha seguito l'itinerario di tutte le processioni per le vie del paese con inizio e termine in piazza San Filippo. Hanno preso parte alla processione quasi tutti i gruppi parrocchiali con i propri stendardi e le proprie bandiere che hanno preceduto l’Ostensorio Eucaristico portato in processione da P.

9


Giustino Di Santo. L'Amministrazione Comunale, come sempre, era presente in forma ufficiale con il gonfalone ed il sindaco Floriano Panza indossava la fascia tricolore. Lungo il percorso sempre tantissime le coperte appese ai balconi in onore dell'Eucarestia che ha fatto il giro di tutta Guardia Sanframondi accompagnata dal gruppo bandistico Città di Marigliano. Si è ripetuta anche l’infiorata realizzata alla fine di via Campopiano dagli abitanti del luogo che è sempre ricca e suggestiva. Gli altarini, che vengono fatti lungo il percorso per lo più con coperte e tovaglie da famiglie fedeli e devote e dove ci si ferma per pregare e dare la benedizione, anche questa volta sono stati numerosi. Al microfono, a guidare i canti, le litanie e le preghiere nella processione è stato il parroco P. Filippo Di Lonardo. Al termine, prima di entrare nel Santuario verso le ore 21.10, c'è stata la benedizione eucaristica e i fuochi d'artificio organizzati dal Comitato Festa. L’Asilo Brizio guidato dalle suore Vittime Espiatici ha realizzato due saggi di fine anno (giovedì 23 e sabato 25) e, come ogni anno, ha fatto visita alla Casa Madre di Casoria partecipando all’adorazione eucaristica e alla Santa Messa (venerdì 24). Ultimo giovedì del

10

nica 12 ore 11:30). Il pellegrinaggio è partito da Cerreto Sannita con la benedizione del Vescovo ed ha avuto come tappa conclusiva il convento di Santa Maria della Strada nella piana di S. Lorenzo Maggiore dove alle 17 è stata celebrata la S. Messa. E’ partito (lunedì 20) il Torneo di Calcetto “VII Memorial Gianni

mese a S. Sebastiano (30, ore 18) con S. Messa ed adorazione eucaristica.. In paese la Scuola

Elementare, diretta dalla Prof.ssa Silvana Santagata, nell’ambito del progetto legalità “Gli altri siamo noi” ha presentato (giovedì 9) la manifestazione “1861… e l’Italia si fece. 150 anni di Italia unita” che è partita da Piazza Campopiano ed è arrivata in Piazza San Filippo. La manifestazione “Il Cammino dell’Anima”, primo cammino sulla via Fr a n c i g e n a d e l S u d nell’area del Titerno, organizzata dal Gal Titerno, ha fatto tappa nel nostro Santuario (dome-

Uccellini” organizzato dalla A.S.D. Sporting Guardia che si concluderà il 15 luglio, nell’apposito campetto vicino alla Scuola Media. A Piazza San Filippo (giovedì 23) la Scuola Elementare ha presentato “la laude guardiese”. Molta la partecipazione e applausi meritati per tutti gli organizzatori e gli attori. In Piazza Municipio (sabato 25 ore 21) la scuola di ballo “Isa Dance” ha presentato l’applauditissimo saggio di fine corso.


LUGLIO 2011 Nei primissimi giorni del mese c’è stata qualche giornata piovosa ma poi è arrivato il caldo dell’estate con giornate afose ed assolate. All’inizio della terza decade, e precisamente la mattina di mercoledì 20, c’è stato un fortissimo temporale che ha portato insieme ad po’ di acqua anche un po’ di frescura. In parrocchia c'è stata normale attività. Si è tenuto come ogni anno il pellegrinaggio alla Madonna delle Grazie di Cerreto Sannita nel giorno della festa (sabato 2). I fedeli partecipanti si sono ritrovati alle cinque del mattino vicino alla fontana della Sorgente e si sono incolonnati dietro la croce, guidati dal parroco P. Filippo Di Lonardo. A piedi hanno raggiunto il Santuario in quel di Cerreto Sannita e, come da programma, prima c’è stata la celebrazione della S. Messa alle 7 del mattino e dopo ognuno è tornato a casa con i propri mezzi. La sera nel Santuario il tradizionale appuntamento del Primo Sabato con l'Assunta: alle 21 incontro di preghiera con recita del santo rosario, litanie e canti, seguito alle 22 dalla celebrazione della Santa Messa. Anche quest’anno i devoti dell’icona della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo che si trova lungo Corso Umberto hanno voluto

nica 3) con diverse occasioni ed appuntamenti che resteranno impressi nella memoria dell’associazione e del paese. E’ tornata anche la nuova iniziativa, “Guardia in festa”, orgasottolineare la ricorrenza della festa. Con le offerte raccolte è stata celebrata una Santa Messa nella chiesa di San Sebastiano il giorno della festa (sabato 16). La quarta domenica del mese (24) si è celebrato il Patrocinio di San Filippo Neri e la sera dopo la Santa Messa delle ore 18 c’è stata anche la reposizione della statua di San Filippo Neri. Una breve processione sul piazzale antistante la basilica conclusasi con significativi fuochi d’artificio per avvertire tutti i fedeli di quello che si stava facendo. In paese ha compiuto dieci anni la locale associazione onlus “Gli Amici del Cuore”, guidata da Carlo Labagnara, fondatore primo ed attuale presidente del sodalizio. E per questo primo anniversario di fondazione e di attività è stata predisposta una intera giornata (dome-

nizzata dal comitato promotore e dall’amministrazione comunale. Si svolge a partire dal primo weekend di luglio (domenica 3) e fino alla fine di agosto in tutti i sabato e in tutte le domeniche. Musiche, mostre, esibizioni, balli e animazioni, come lo scorso anno, si sono alternate lungo Via Municipio, aperta solo al traffico pedonale, a partire dalle 18 e fino a mezzanotte. Moltissimi guardiesi e forestieri sono stati richiamati dall’iniziativa ed hanno affollato le serate nella parte alta del paese. Luca Iuliani

Sostieni il Bollettino del Rinnova il tuo abbonamento per il 2011. La Vergine Assunta ti benedice e ti protegge. 11


Dal mondo Oratoriano Dalla Congregazione dell’Oratorio di Nancy (Francia) Apprendiamo con gioia che il giorno 19 giugno 2011, solennità della SS.ma Trinità, il Preposito, i Padri e i Fratelli della Congregazione dell’Oratorio di Nancy hanno vissuto un momento molto importante. Attraverso l’imposizione delle mani e il dono dello Spirito Santo, per il servizio della Chiesa e l’annuncio del Vangelo, S.E. Mons. Jean-Louis Papin, Vescovo di Nancy e di Toul, ha ordinato Diacono in vista del Sacerdozio per quella Congregazione dell’Oratorio, David Vaimbois c.o. Da queste pagine facciamo giungere i migliori auguri al neo-diacono perché possa essere vero “servitore” a immagine di Cristo per i ministeri della Parola, dell’Eucaristia e della Carità. Ad maiora!!!

Dalla Congregazione dell’Oratorio di Biella Sabato 25 giugno, alle ore 15,00, nella Chiesa Cattedrale di Biella, sono stati ordinati Presbiteri P. Vincenzo D’Agostino e P. Simone Furno, per l’imposizione delle mani e la preghiera consacratoria di Sua Ecc. Rev.ma Mons. Gabriele Mana. I novelli Presbiteri hanno presieduto per la prima volta la S. Eucaristia, rispettivamente, domenica 26 Giugno nella Chiesa Parrocchiale Cristo Risorto di Villadossola, e Mercoledì 29 Giugno nella Chiesa di San Filippo a Biella. Ci uniamo alla gioia dei nostri Confratelli Biellesi ed esprimiamo ai novelli leviti l’augurio più sincero di un sacerdozio secondo il Cuore di Cristo e di un apostolato fecondo di ogni bene, nello spirito di San Filippo Neri.

Abbiamo la gioia di annunziare l’apertura del nuovo sito web ufficiale del nostro Santuario www.santuarioassunta.com questo è il nuovo indirizzo al quale potete connettervi per conoscere e approfondire notizie del nostro Santuario, del Bollettino Santuario dell’Assunta, dei riti settennali, della nostra Parrocchia, dei gruppi parrocchiali, della Congregazione dell’Oratorio e su tutto ciò che ci riguarda.

In occasione delle celebrazioni del 14 e 15 Agosto prossimi, tutti gli eventi saranno trasmessi in diretta sul nostro nuovo sito

www.santuarioassunta.com 12


in memoria di...

Maria Di Brigida

Mario Ceniccola

Caterina Falato

n. 13-12-1931 – m. 7-6-1996

n.1-3-1952 – m. 10-2-2011

n. 18-8-1942 – m. 8-8-2007

n. 24-5-1915 – m. 21-2-2011

La moglie e le figlie lo ricordano a quanti l’hanno conosciuto ed amato, per una preghiera.

La zia Rosina la ricorda a quanti la conobbero e l’amarono in vita e implora per lei la pace eterna.

Michele Ciaburri

Renato Plenzich n. 8-7-1929 – m. 30-5-2010

Filomena Ceniccola

La familiare Modestina li affida alla misericordia divina, con grande fede nel Signore Risorto.

Domizia Maria Garofano

n. 19-5-1941 – m. 24-7-2007

n. 23-3-1925 m. 29-6-2011 a Firenze

La nipote Angelina e famiglia lo ricorda con immutato affetto e lo affida al Signore risorto.

Nel quarto anniversario della morte il marito Luigi, il figlio Giovanni e nuora, i nipoti Luigi ed Alessio la ricordano con affetto.

Il fratello Armando la ricorda con immutato affetto e la affida alla preghiera della Chiesa.

Mario Nicolella

Maria Elena Garofano

n.14-7-1917 – m. 28-4-2006

n.25 - 10-1917 – m. 2-5-2011

I figli Giuseppe e Giustino li ricordano con affetto e implorano per loro la pace dei giusti.

Angelina Silvestri n.23 - 8 -1934– m. 19-5-2011

Giuseppe Di Lonardo n. 24-11-1927 m. 17-7-2008 La moglie Giuseppina e i figli Pasquale e Teresa lo affidano alla infinita misericordia di Dio.

Pasquale Sanzari n.6 - 11 -1930– m. 15-6-1995

I loro cari li affidano alla infinita misericordia del Signore.

13


in memoria di...

Salvatore Pezzullo n. 24-12-1907 – m. 3-12-1989

Giovannina Pengue n.12-10-1908 – m. 21-7-1988

Le figlie Angelina ed Elena li ricordano a quanti li ebbero cari in vita e li affidano alla misericordia divina.

Alfredo Ciaburri n.30-3-1930 – m. 26-4-1994 La moglie lo ricorda e lo affida alla Vergine Assunta e alla misericordia divina

Lorenzo Mariconte

Mirella Ciaburri

Giovanni Foschini

Fausto Falato

n.7-11-1921- m.28-12-2006

n. 29-4-1942 - m.20-7-2005

La moglie Vittorina, con grande fede nella risurrezione, lo affida al Signore della vita, perché gioisca nella luce dei giusti.

La moglie e i figli lo affidano alla misericordia infinita del Signore.

Pasquale Mineo n. 20-11-1941 – m. 28-8-2008

n. 1-7-1923 – m. 12-7-2005

La madre Ida la ricorda con immutato affetto.

Nel terzo anniversario della morte la moglie Angelina Orso e i figli lo ricordano con immutato affetto e lo affidano al Signore della vita.

Le figlie e il genero lo ricordano con tanto affetto e lo affidano alla Vergine Assunta.

Anna Di Paola

Ubaldo Mariconte

I familiari li ricordano e li affidano alla preghiera della Chiesa e alla misericordia divina.

14

Silvio Lombardi

n.22-7-1964 m. 5-3-2011

Rossella Ceniccola n. 4-5-1932 - m. 5-2-2008 I genitori, con immutato affetto, la affidano alla misericordia divina.


in memoria di... Giugno 2011 1 - Rubicondo Maria (trigesimo), i figli. 3 - Silvestri Angelina, la cognata Filomena. 4 - Garofano Generico, la moglie e figli. - Capobianco Armando e Simeone Giovannina, la figlia. 5 - Gambuti Michele, la moglie e figlie. - Grillo Salvatore, Carmela e Luisa, la familiare Filomena. - De Curtis Guido, la moglie e figlia. - Sebastianelli Arcangelo, la moglie e figlie. - Garofano Romualdo e Falato Concettina, la figlia Filomena. 6 - Di Paola Ida (anniversario), i figli. 7 - Ceniccola Giovanni (anniversario), la moglie e figli. 11 - Sanzari Amedeo, i familiari. 12 - Iacobucci Filippo e Anna, la familiare

Filomena. - Pelosi Angelantonio e Giovannina, il figlio Michele. - Maiorani Guido, la moglie e figli. - Grillo Alfredo e Maddalena, la nipote Renata. 15 - Del Vecchio Giacomo (trigesimo), le figlie. 16 - De Blasio Michele (anniversario), la mamma. - Iuliani Maurizio e Paolino, la congiunta Diomira. 18 - Guerrera Pasquale e Mastantuono Ida, il figlio Giuseppe. 19 - Verrillo Giuseppe, la moglie Lina. - Falato Pasquale, la moglie. - Di Staso Rodolfo, la moglie e figlie. - Filippelli Ettore, la moglie e figlia. 20 - Silvestri Angelina (trigesimo), le figlie.

Luglio 2011 1 - Pengue Naborre (settimo), i cognati Amodio e Lina. - Falato Filippo, la figlia Maria. 2 - Guarnieri Gino, la moglie e figli. - Labagnara Raffaele, la moglie. 3 - Pigna Rosanna e Sebastianelli Giuseppe, i genitori. - De Blasio Michele, la mamma. - Pacelli Almerino e Gina, la figlia Annamaria. - Foschini Marino, la moglie e figli. 4 - Pengue Egidio, la moglie. 5 - Garofano Domizia Maria, il fratello e la sorella. 9 - Lombardi Carmela, Capocefalo Giuseppe e Francesco, la congiunta Maria. 10 - Sanzari Adamo, la moglie e figli. - Cerbo Giuseppe, Elena e Alfredo, la congiunta Lina. - Varrone Nicola e Filomena e Falato Aldo, la

famiglia. - Pingue Ersilia, il figlio e la nuora. - Varrone Filomena e Nicola e Falato Aldo, da Falato Renata. 11 - Di Lonardo Alfonsina (trigesimo), i figli. 12 - Lombardi Silvio, le figlie Angela e Rita (USA). 13 - D’Onofrio Alfredo (trigesimo), la figlia. 14 - Di Cosmo Alfonso, la moglie e figlie. 15 - Di Guglielmo Maria (anniversario), il marito e figli. 16 - Morone Luisa, la figlia. - Corbo Letovina (anniversario), il marito e figli. 17 - Di Lonardo Giuseppe, la moglie e figli. - Pengue Giovannina, la figlia Angelina. - Ceniccola Giovanni, i genitori. - Falato Fausto, la moglie e figli. 18 - Pigna Egidio, i familiari. 19 - Del Nigro Marcellino e Angela, la figlia Ida.

sono tornati alla casa del Giugno 2011 9 - Di Lonardo Alfonsina, nata a Guardia Sanframondi il 7 aprile1924, vedova Labagnara Geremia. 13 - D’Onofrio Alfredo, nato a Telese il 18 aprile 1915, vedovo Di Palma Morone Maria. 23 - Orso Antonio, nato a Guardia Sanframondi il 25 aprile 1956, coniugato Lavorgna Luisa.

21 - Di Paola Anna (trigesimo), i figli. 22 - Ceniccola Filippo e Giovannina, i figli. 24 - Garofano Giovanni, la famiglia. - Sebastianelli Silvio (anniversario), la moglie e figli. 25 - Ceniccola Giovanni, la moglie e figli. 26 - Garofano Giovanni e Teresa, la nuora Luisa. - Borrelli Elvio, la moglie e figli. - De Blasio Giovanni, la moglie e figli. - Foschini Giovanni, la moglie Vittorina. - Falato Angelo e Grillo Angiolina, la figlia Renata. 27 - Romano Silvio e Garofano Ida, il figlio Giovanni. 28 - Mancini Pietro, la moglie e figli. 30 - Sanzari Pasquale e Silvestri Angelina, la famiglia.

20 - Mancini Luigi, i genitori. - Pinto Elvio, la moglie Teresa. 21 - Gambuti Emma (anniversario), i figli. 24 - Ceniccola Filomena, il marito e figlio. - Adriano e Elena, la familiare Rodica. - Di Guglielmo Antonio e Di Brigida Speranza, le figlie. - Garofano Domenico, la sorella. - Falato Angelo e Grillo Angiolina, la figlia Renata. 25 - Orso Antonio (trigesimo), la moglie e figli. 26 - Crocco Antonio, i figli. - Anime del purgatorio, i fedeli. 27 - Di Blasio Ugo, la moglie. 30 - Di Lonardo Vinicio, la moglie e figli. 31 - Garofano Marino e Falato Maria. - Perfetto Gino, la moglie. - Silvestri Maturino e Nordina, la figlia Angelina

Padre

Luglio 2011 5 – Foschini Filomeno, nato a Guardia Sanframondi il 17 dicembre 1939, coniugato Mancini Ambrosina. 13 – Basile Gina, nata a Guardia Sanframondi il 2 gennaio1924, vedova Mancini Luigi.

15


San Filippo Neri S. Filippo riceve lo Spirito in forma di globo di fuoco Biella, Chiesa di san Filippo, Pala dell'Atare Maggiore

La maggiore tribolazione di una persona spirituale è non avere tribolazioni.


Bollettino Giugno-Luglio 2011