Issuu on Google+

Anno 2 - N. 206

portiamo le scarpe da novemila anni: quanta strada! - 8 pagine nell’inserto

€ 0,50 - Venerdì 2 dicembre 2011

fiat

marchionne manda messaggi, poi ritrattA

Il testacoda di Sergio

La Fiat è una “multinazionale. Gestiamo attività in tutte le parti del mondo”. Così l’amministratore delegato del Lingotto, Sergio Marchionne, ai microfoni di Radio 24 ha risposto a chi gli chiedeva se la società volesse lasciare l’Italia. Marchionne “non ha mai parlato di lasciare l’Italia” afferma la Fiat che smentisce seccamente le dichiarazioni dell’a.d. riportate da alcuni media che hanno scatenato una bufera, con il rischio di accendere un fronte di scontro sociale forte. Già

in precedenza quando Marchionne aveva paventato anche se lontanamente l’ipotesi di un quartier generale a Detroit, i sindacati e la politica si erano scagliati contro il Lingotto. Marchionne nell’intervista, registrata a Washington dove ha partecipato a un incontro al Peterson Institute, critica la Fiom, che “sta insistendo sull’applicazione di un contratto che ormai non ha più senso. Resta tuttavia il sospetto che Marchionne abbia voluto mandare un messaggio forte ai sindacati. a pag. 4

governo & manovra

per monti l’ora del confronto: convocate le parti sociali

Si lavora. Di domenica Incontro anche con i rappresentanti degli enti locali. tutto avverrà a 24 ore dal consiglio dei ministri che adotterà le misure. contattati anche i leader di partito. Intanto draghi dalla bce ammonisce i governi: la bce è l’ultimo baluardo, servono riforme strutturali e i trattati europei possono essere cambiati D’Ortenzio e Garimberti alle pagg. 2 e 3 dimissioni

Sede comunale intesa col demanio

Finmeccanica c’è Orsi alla guida a pag. 4 nel napoletano

Sedicenne violentata dal branco a pag. 5

a pag. 8

Fallito l’assalto a un portavalori a pag. 12

incontro a roma

Vendola: “Fondi al sicuro” a pag. 7 nuova inchiesta

Scommesse dei clan sul Bari nello sport


governo & crisi

2

manovra

Venerdì 2 dicembre 2011

Sulla “quota 40” per raggiungere l’anzianità Bersani cerca una mediazione con l’esecutivo In attesa del pacchetto di misure anticrisi che lunedì arriverà in Cdm, il Pd cerca una mediazione interna sulla riforma delle pensioni tra l’ala filo-Cgil, contraria a toccare quota 40, ed i “riformisti”. “E’ il momento di uno sforzo collettivo ma noi chiediamo equità: il governo non resti sordo e disattento alle nostre idee”, chiede Bersani per il quale si può discutere sull’innalzamento dell’età a patto che le risorse non servano a fare cassa ma a sostenere i ceti più deboli e i giovani.

corsa contro il tempo per il varo di lunedì in cdm

la “spinta” del presidente

Napolitano “L’Italia deve farcela”

Monti chiama i sindacati a “lavorare” di domenica

Prima il “bastone”, ora la “carota” della diplomazia con parti sociali e partiti federico garimberti

D

opo il “bastone” usato da Bruxelles per piegare le resistenze di forze sociali e partiti sulle riforme strutturali necessarie per mettere il Paese al riparo da “gravi conseguenze”, prima su tutte quella delle pensioni, Mario Monti opta per la “carota” della diplomazia: avvia i primi contatti con i leader dei partiti; convoca le parti sociali a palazzo Chigi (di domenica); e fa sapere che il governo intende affrontare nodi cari a sindacati e parte del Parlamento come la lotta alla disoccupazione e l’adeguamento salariale. Il presidente del Consiglio passa l’intera giornata a palazzo Chigi, presiedendo un “mini-vertice” ministeriale al quale, fra gli altri, partecipano Corrado Passera, Enzo Moavero, Piero Giarda e Antonio Catricalà. La crisi impone risposte rapide e viene confermato il percorso accelerato in Parlamento per il decreto (anche se forse ci sarà pure un ddl) per avere l’ok entro Natale. Si lavora molto anche sul fronte delle misure. Il governo ha pochi giorni per definire i dettagli dei provvedimenti (raccontano che la cifra definitiva degli interventi sarà decisa solo domani). Che il tempo stringa lo dimostra il fatto che il premier rinuncia alla cerimonia organizzata all’Università la Sapienza per la presentazione del libro del capo dello Stato, Giorgio Napolitano, sui 150anni dell’Unità d’Italia. Il premier esprime soddisfazione per il via libera alla Camera della modifica dell’articolo 81 sul pareggio di bilancio e non mette minimamente in discussione l’ineludibilità delle “riforme strutturali” anti-deficit annunciate a margine dell’Ecofin. Ma sul piatto mette anche alcuni nodi cari ad alcuni settori del Parlamento e ai sindacati, già sul piede di guerra contro la riforma delle pensioni. Il compito viene affidato al ministro dello Sviluppo Economico e a quello del Welfare: dobbiamo far capire che non puntiamo solo sul rigore, ma anche su crescita e equità, spiega il professore ai ministri. Passera, dopo aver ammonito sul serio rischio “recessione”, lo dice

La Cgil dopo il “niet” sulle pensioni plaude a Passera che parla di lavoro chiaramente: non ci saranno solo “sacrifici” ma anche “benefici”. Ma soprattutto sottolinea che “l’emergenza numero uno” è quella del “disagio occupazionale” che resta la “priorità assoluta” del Paese. Parole che ottengono il plauso di Susanna Camusso, leader della Cgil, che dalle critiche sull’ipotesi di riforma delle pensioni passa agli elogi: è un segnale “molto importante”. Sull’altro fronte caldo, quello della riforma delle pensioni, è il ministro del Welfare a confermare la volontà di intervento del governo “in pochi giorni”. Nessun passo indietro, dunque. Ma Fornero, da Bruxelles, spiega anche che il governo intende andare verso il reddito minimo garantito. Insomma, dopo il “bastone” arriva la “carota”. La controffensiva diplomatica non è solo sulle misure. Il governo, infatti, convoca parti sociali e enti locali domenica a palazzo Chigi. Forse tardi visto che l’incontro è fissato appena 24 ore prima del Cdm che varerà le misure, ma è sempre meglio che niente. Il presidente del Consiglio si muove anche sul fronte dei partiti. Pier Luigi Bersani, del resto, si fa sentire: chiede che il governo non sia “sordo” alle richieste del Pd e sottolinea la necessità che le misure siano “eque”. E anche dal Pdl, dopo l’incontro di Silvio Berlusconi con i vertici del partito, si preme per conoscere i provvedimenti. Forse preoccupato per i crescenti malumori, Monti alza il telefono e contatta personalmente i leader dei partiti che lo sostengono, confermando che ci saranno incontri (separati) prima del 5. Non entra nei dettagli delle misure che del resto ancora del tutto definite. Oltre alle pensioni e agli interventi sugli immobili (con Ici e una sorta di patrimoniale immobiliare) si starebbero valutando misure sul fronte della crescita (dalla liberalizzazione dei servizi pubblici allo sblocco dei fondi per le infrastrutture). Incerto, invece, un ritocco in alto dell’Iva. “Rischia di deprimere i consumi”, spiega una fonte di governo, sostenendo tuttavia che l’intervento potrebbe comunque rendersi necessario.

si va verso il reddito minimo garantito e contributivo pro-rata

La Fornero: interventi in pochi giorni Reddito minimo garantito per chi si trova senza lavoro e l’arrivo certo del contributivo pro-rata per chi non lo applica ancora. E poi: un’ accelerazione dell’aumento dell’età pensionabile per le donne e anche nuovi strumenti per favorire l’occupazione dei giovani, tutelando chi oggi è precario. Il Ministro del Lavoro Elsa Fornero stringe i tempi e annuncia da Bruxelles “una riforma

incisiva ma che rispetta il principio “di equità tra le generazioni”. Riforma che - dice - “verosimilmente sarà annunciata entro pochi giorni”. Lunedì è previsto il Consiglio dei Ministri e qui, fra le altre misure per la crescita, è attesa la parte strutturale del piano pensioni che prevederà anche anche un adeguamento agli standard europei dell’età pensionabile delle donne.

Ossimporent. Il iumqui ad que vendunt quidunt aut porem sit quiassi moluptate dolupta quam res alitaque nullorum ressi doluptatur a expliam fugit dolenis dit pro volorup tatusci qui volorro te conet eum explibus corem rest occus ene odiaepr estius


3

Venerdì 2 dicembre 2011 “L’Italia deve farcela”. Non c’è altro scenario secondo il Presidente della Repubblica Napolitano, nella foto mentre incontra alcuni giovani. E proprio i giovani - e il loro disagio occupazionale - per il ministro Passera, saranno al centro dell’attenzione del Governo. Intanto la Cancellieri, alla prima uscita internazionale al G6 degli Interni, ha siglato una “pace” con la Francia sul tema dell’immigrazione.

Il Fmi si prepara a vedere al ribasso le stime sulla crescita Finora nessun contatto con l’Italia per l’arrivo degli ispettori La ripresa economica mondiale rallenta e il Fondo Monetario Internazionale (Fmi) si prepara a rivedere al ribasso le stime di crescita. Sull’economia pesa la crisi europea, nella quale il Fmi è coinvolto per aiutare la Grecia: lunedì si riunirà il board dell’istituto per lo stanziamento della sesta tranche di aiuti alla Grecia e invierà i propri ispettori ad Atene il 12 dicembre. Nessun contatto - ribadisce Washington - invece con l’Italia, per la quale non è stata neanche fissata una data per l’arrivo degli ispettori.

crisi

occorre sforzo dei governi per riforme strutturali

Draghi “sputa fuoco”

Il leader Bce: cambiare i trattati si può andrea d’ortenzio

L’

Unione Europea può pure modificare i suoi trattati ma quello che serve in questi giorni “cruciali” è una risposta veloce e immediata ai mercati per restituire credibilità all’euro attraverso un “accordo fatto di regole e impegni degli stati” su bilancio e debito comuni, in pratica una vera integrazione senza passare quindi per le complesse procedure di ratifica. Questo potrebbe consentire alla Bce di avere un ruolo più attivo sempre però nell’ambito delle sue attribuzioni. Il presidente della Bce Mario Draghi lancia il suo monito a fare presto nell’audizione al Parlamento Europeo perché i prossimi giorni e in particolare il vertice europeo del 9 dicembre, saranno decisivi per la zona euro in una situazione dove l’economia mostra segnali rallentamento, la stretta del credito i cui canali si sono inceppati morde soprattutto le Pmi e le banche soffrono per lo stress delle obbligazioni sovrane. Una situazione di estremo rischio che induce addirittura la Bank Of England a prepararsi al default dell’euro dopo che mercoledì il commissario Ue Olli Rehn aveva parlato di rischi di disintegrazione della moneta unica. E per Draghi, che prima legge un discorso e poi risponde a braccio ai pochi europarlamentari presenti, la Bce rimasta “l’ultimo baluardo” della moneta unica può portare avan-

Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi

ti per un tempo limitato le azioni straordinarie come l’acquisto dei titoli di stato oltre che tagliare, con ogni probabilità, nuovamente i tassi sebbene questo il presidente non lo dica in vista della riunione di giovedì prossimo. Se i governi faranno la loro parte, sembra far intendere Draghi, l’istituto centrale non mancherà di giocare un ruolo maggiore con misure straordinarie senza però oltrepassare i limiti dello statuto

come chiede insistentemente la Francia. “Qualcuno dice che la Bce deve fare di più - spiega altri che deve fare di meno” ma “noi non possiamo fare nulla che non sia previsto dai trattati”. Draghi apre comunque alla modifica dei trattati Ue, ipotesi “che non va esclusa” e riconosce come da parte dell’Unione è stato fatto molto per rafforzare la cooperazione e vigilanza con le ultime iniziative come il “six pack” mentre

il leader francese: rischiamo di essere spazzati via dalla crisi

Lunedì un vertice Sarkozy-Merkel “L’Europa rischia di essere spazzata via dalla crisi”, per riprendersi deve essere “riformata”, anzi “rifondata”. E a indicare la rotta saranno Francia e Germania. Dal palco di Tolone - senza mai accennare al “triumvirato” con l’Italia - Nicolas Sarkozy si rimette al timone dell’Europa a due insieme con Angela Merkel: per il capo dell’Eliseo, saranno lui e la cancelliera tedesca a

stabilire le priorità e i principi della nuova Europa, e dei nuovi trattati. Quindi l’annuncio del vertice straordinario di lunedì all’Eliseo: un classico “Merkozy”, niente Mario Monti, per preparare “insieme le proposte franco-tedesche volte a garantire il futuro dell’Europa”. Questo, a quattro giorni dal cruciale summit Ue di venerdì 9.

anche i governi nazionali si sono messi in carreggiata. Tuttavia nella scaletta degli interventi possibili, il presidente Bce mette al primo posto un segnale forte e immediato per placare la tempesta attraverso un “fiscal compact” (accordo) che dimostri la volontà dei governi di essersi avviati “verso un complessivo approfondimento dell’integrazione” e che dimostri la loro credibilità come debitori. Una proposta che arriva mentre la Germania propone un nuovo patto di stabilità dell’eurozona in 10 punti con sanzioni automatiche, deficit ridotti al 2% e un “Fondo Monetario europeo”. Quindi per Draghi occorre uno sforzo dei governi nazionali, anche quelli appena insediati (il riferimento è a Italia, Spagna e Grecia) a varare misure non solo di bilancio ma anche riforme strutturali. Terzo e ultimo elemento è quello del Fondo salva stati Efsf su cui bisogna creare la fiducia affinché sia operativo. E alla fine anche Draghi si prende un “richiamo”: non sull’operato come presidente della Bce ma per essersi attardato in aula a ricevere i convenevoli dei deputati. Il numero uno della Bce accoglie con un sorriso il rimbrotto del presidente della plenaria, fa un leggero inchino e lascia velocemente l’aula. Per lui un “arrivederci” a Bruxelles visto che presto tornerà a riferire in Commissione Affari economici.


4

Venerdì 2 dicembre 2011

economia

CAMBI

il caso

Valore

1,3464

0,7427

1 Euro

Dollaro USA 1,3464 Sterlina 0,8581 1,2331 Franco Svizzero Yen 104,6393 Corona Danese 7,4355 Corona Svedese 9,1207 Corona Norvegese 7,8221 Corona Ceca 25,186

polemiche dopo l’intervista registrata mercoledì a washington

Marchionne nella bufera smentisce: “Fiat resta in Italia” L

a Fiat è una “multinazionale. Gestiamo attività in tutte le parti del mondo”. Così l’amministratore delegato del Lingotto, Sergio Marchionne, ai microfoni di Radio 24 risponde a chi gli chiedeva se la società volesse lasciare l’Italia. Marchionne “non ha mai parlato di lasciare l’Italia” afferma la Fiat che smentisce seccamente le dichiarazioni dell’a.d. riportate

dr motor dopo la fiat

Termini Imerese a Di Risio Lo stabilimento Fiat di Termini Imerese passa alla Dr Motor di Massimo Di Risio. è quanto sanciscono i due accordi firmati ieri al ministero dello Sviluppo economico tra tutte le parti coinvolte. Così, dopo 41 anni il Lingotto lascia il sito siciliano, avviando come ultimo atto la cassa integrazione straordinaria per tutti i 1.566 dipendenti.

da alcuni media che hanno scatenato una bufera, con il rischio di accendere un fronte di scontro sociale forte. Già in precedenza quando Marchionne aveva paventato anche se lontanamente l’ipotesi di un quartier generale a Detroit, i sindacati e la politica si erano scagliati contro il Lingotto. Marchionne nell’intervista, registrata mercoledì a Washington

L’amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne. Nel tondo, il leader della Fiom Maurizio Landini

dove ha partecipato a un incontro al Peterson Institute, critica la Fiom, che “sta insistendo sull’applicazione di un contratto che ormai non ha più senso. Abbiamo avuto la maggioranza dei lavoratori che hanno appoggiato un’alternativa. Il treno è passato, è inutile cercare di insistere che bisogna rinegoziare e riaprire il tavolo. Non posso rivotare fino a quando non vince la Fiom”. “C’è una tirannia della minoranza sulla maggioranza. Uno su dieci dipendenti mi va a condizionare come funziona l’azienda. La Fiat non può essere vittima di una minoranza. Non possiamo decidere con la maggioranza di fare una

cosa e poi girarci e vedere una decisione presa altrove che è diversa. Io così non posso investire, parliamo di miliardi di euro non di aprire un supermercato”. E quindi l’alternativa è lasciare l’Italia? viene chiesto a Marchionne. “Siamo una multinazionale, gestiamo attività in tutte le parti del mondo. Abbiamo attività economiche e industriali al di fuori dell’Italia.

guarguaglini ha rassegnato le dimissioni, una mossa inattesa

Finmeccanica a Orsi Una soluzione di continuità, e a sorpresa, per Finmeccanica. Nel Cda straordinario sulle deleghe convocato per arginare la situazione creatasi dopo gli sviluppi dell’inchiesta sugli appalti Enav, che coinvolge il presidente Pier Francesco Guarguaglini e la moglie Marina Grossi (ad di Selex Sistemi Integrati), Guarguaglini ha rassegnato le dimissioni e i suoi poteri sono passati all’amministratore delegato Giuseppe Orsi. Una soluzione inattesa dopo che per giorni nel totonomine per la poltrona di Guarguaglini erano finiti molti altri nomi e Orsi veniva citato solo per l’ipotesi di un suo possibile esautoramento.

L’ex presidente di Finmeccanica Pier Francesco Guarguaglini

Vendiamo macchine in Brasile, in Cina, in America, in Messico. La cosa importante è la sopravvivenza della Fiat che non può essere messa in discussione. Ci abbiamo messo otto anni per rimetterla in piedi. Abbiamo creato un’alternativa con Chrysler e non possiamo metterla in dubbio. Chiunque pensa di condizionare la Fiat si sbaglia”.

investimento da 110 mln

Luxottica sbarca in Brasile Luxottica sbarca in Brasile dove conquista Tecnol, il principale gruppo dell’occhiale del Paese, con un investimento complessivo di 110 milioni di euro. Nei primi mesi del 2012 l’azienda italiana si prenderà l’80% del capitale e salirà al 100% nei quattro anni successivi rilevando quote del 5% all’anno. Luxottica era già presente in Messico.


5

Venerdì 2 dicembre 2011

attualità

Il procuratore Boccassini sulla mafia calabrese “La ‘ndrangheta è trasversale, appoggia tutti” Il capo della Dda milanese Ilda Boccassini ha illustrato l’operazione sulla ‘ndrangheta. La mafia calabrese, ha ammonito, non è “parcellizzata in ‘ndrine che si scontrano tra loro’’, ma va trattata come una realtà “unitaria”. Un fenomeno di “contaminazione” - come l’ha definito il gip che ha firmato i 10 arresti di ieri, tra cui quello del magistrato Giuseppe Vincenzo Giglio e del consigliere regionale calabrese del Pdl Francesco Morelli - che divora qualsiasi “ambiente”. E che si muove nella politica in modo “trasversale, appoggia chiunque nelle campagne elettorali”.

violenza

è accaduto nel napoletano in una situazione di degrado sociale

Ragazza vittima di 4 sedicenni: il suo fidanzato e i loro “amici”

D

i lui, il suo fidanzatino, si fidava, anche se si frequentavano da poche settimane. E anche degli altri forse si fidava. Del resto si conoscevano tutti, vivevano nello stesso rione, quasi vicini di casa. Eppure, l’hanno violentata. E poi anche minacciata. A farlo quattro sedicenni, fidanzatino compreso. Lavori saltuari, in famiglia esponenti di clan e pregiudicati per armi e droga. Minorenni, tutti di Brusciano (Napoli) che quando ieri mattina hanno visto i carabinieri sono rimasti fermi, impassibili. Quasi come dei boss. La storia è quella del branco. E del coraggio di una sedicenne che ha deciso di denunciare, tutto. è accaduto il 16 novembre, alle 10 di sera. La vittima e il suo ragazzo erano usciti, come spesso accadeva. Ma alla fine della serata non l’ha riaccompagnata a casa, non quella sera. L’ha condotta, a bordo del suo motorino, alla stazione della Circumve-

suviana del vicinissimo comune di Castello di Cisterna, un posto buio e isolato a quell’ora. Ad aspettarla, sul retro, dove c’era finanche un divano, altri tre ‘amici’. E lì che l’hanno violentata, a turno. Poi, l’hanno minacciata: il tutto si sarebbe dovuto ripetere il giorno dopo. E per convincerla alla ragazzina hanno detto di aver ripreso quanto successo con il loro cellulare, anzi se ne sono vantati. L’hanno poi riaccompagnata a casa. Ed è lì che la sedicenne ha raccontato tutto ai suoi genitori e immediatamente dopo ai carabinieri. Ma non si sono fermati, non subito. Il giorno dopo, infatti, i quattro, di sera, si sono presentati all’esterno dell’abitazione della vittima. Hanno chiesto di incontrare la ragazzina e al rifiuto hanno iniziato a colpire con i loro caschi la porta d’ingresso: il tutto con insulti e ingiurie. Si conoscevano, vittima e carnefici. Nessuno andava a scuola, per loro solo lavori saltuari. Dei

quattro sedicenni nessuno aveva precedenti, tutti incensurati. A differenza dei loro genitori: tre famiglie su quattro ha pregiudicati in casa, anche ergastolani. Famiglie modeste, piene di criminalità. Centrale la denuncia della vittima, neanche lei studiava ed ora, almeno per un po’, ha lasciato Brusciano; fondamentale anche il sopralluogo alla stazione della Circumvesuviana. Sotto esame anche i telefonini e pc, per verificare se davvero i quattro hanno ripreso la violenza sessuale. Intanto, a loro carico, secondo il gip, ci sono gravi indizi di colpevolezza, tanto da disporre la misura cautelare presso il centro di prima accoglienza dei Colli Aminei di Napoli. I sedicenni sono in attesa di essere interrogati. Ferma la loro reazione al momento dell’arresto: non una lacrima, niente scuse, nessun tentativo di difendersi con un ‘non sono stato io’. Impassibili. Quasi come se fosse normale.

emergenza rifiuti / braccio di ferro de magistris-clini

Napoli dice no all’esercito

Tesi e posizioni diverse sull’opportunità di inviare l’esercito a Napoli per occuparsi di rifiuti. Da un lato il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, da Trieste, rilancia la possibilità di ricorrere al contributo dei soldati, sottolineando che quella dei rifiuti a Napoli “non è una faccenda di organizzazione della raccolta, ma una questione di ordine pubblico” e, in quanto tale, va risolta “con le forze dell’ordine ed eventualmente con l’esercito”. Il ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola, sottolinea, che occuparsi di rifiuti “non è nostro compito”. Da Napoli, il sindaco Luigi de Magistris, invece, risponde che i soldati non servono, così come non sono necessari termovalorizzatori. “I commissariamenti non hanno portato a nulla di buono e l’esercito non serve - sostiene - abbiamo bisogno di aiuto dal Governo, chiediamo ciò che ci spetta: soldi per la differenziata, per l’impiantistica adeguata e per la sfida della rivoluzione ambientale”. Perché Napoli, ribadisce, “è uscita dall’emergenza senza esercito o leggi speciali. Quando sabato il ministro sarà qui glielo diremo”. Dopodomani è,

infatti, in programma un vertice tra Clini, il sindaco, il governatore Stefano Caldoro, e il presidente della Provincia di Napoli Luigi Cesaro. Nessuna emergenza in città, precisa comunque il sindaco, insieme con il suo vice Tommaso Sodano e confermano il ‘No’ di Palazzo San Giacomo al termovalorizzatore. ‘Quell’impianto non risolve il problema immediato dei rifiuti - dice il sindaco - l’inceneritore sarebbe pronto tra quattro anni. In ogni caso spetta alla Regione farlo e il bando che hanno indetto è andato deserto, segno che neppure gli industriali lo vogliono”. “Non capiamo perché si parli di emergenza - afferma Sodano - Il sospetto è che dietro questa evocazione ci sia qualche regia occulta”. Il procuratore di Napoli, Giovandomenico Lepore ha espresso la sua contrarietà all’invio dell’esercito a Napoli: “Sono sempre stato contrario all’esercito come protezione del territorio. Questa è una storia vecchia sulla quale sono sempre stato contrario”. Caldoro invita a “non creare allarmismi”, anche se “la situazione è molto seria”.

le altre news Iran: l’Italia richiama l’ambasciatore a Teheran L’Italia ha richiamato per consultazioni l’ambasciatore a Teheran, Alberto Bradanini, dopo l’attacco di martedì scorso contro l’ambasciata britannica che i ministri degli esteri della Ue hanno oggi duramente condannato.

NY: arrestato il killer di Rita Morelli ha confessato un 41enne del Gambia Un uomo di 41 anni originario del Gambia, Bakary Camara, è stato arrestato a New York dopo aver ammesso di essere stato lui ad avere ucciso Rita Morelli (nella foto), l’italiana trovata morta nella sua abitazione di East Harlem.

Assange: le aziende fanno affari spiando la gente Siamo tutti facilmente spiabili. è l’inquietante scoop messo a segno da WikiLeaks. Società private sparse per il mondo, Italia compresa, sono in grado di offrire tecnologie capaci di monitorare email, sms e telefonate “di un’intera popolazione”.


6

Venerdì 2 dicembre 2011

REGIONE & PROVINCIA

Caso San Raffaele, la Uil attacca: Taranto rischia di perdere due anni “L’uscita di scena di Don Verzé (nella foto) non risolverà d’incanto ogni problema: siamo convinti che né la fondazione milanese, né l’omonima fondazione locale, siano nelle condizioni di trasformare in realtà il grande progetto ospedaliero tarantino”. Aldo Pugliese, segretario generale Uil Puglia, ribadisce il proprio scetticismo nei confronti dell’operazione San Raffaele del Mediterraneo, la cui conferma da parte del presidente Nichi Vendola rischia di far perdere “altri due anni inutilmente”.

ddl per le ricerche di petrolio

convegno

da lunedì a mercoledi ad andria

Mare Adriatico Psicologia dello sport da tutelare la “luce” sul benessere iniziativa Pd Nuova cultura per il territorio

“Fermare le autorizzazioni per la prospezione, la ricerca e la coltivazione di idrocarburi”. Parte dalla Puglia la mobilitazione per la salvaguardia dell’Adriatico: presentato a Bari il disegno di legge messo a punto dal Partito Democratico per bandire le ricerche di petrolio a poche miglia dalle coste di Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia. “Abbiamo voluto raccogliere il sentimento che anima la mobilitazione della Puglia - ha detto il segretario regionale del PD Sergio Blasi - impegnandoci per salvaguardare ciò che per noi rappresenta una ricchezza e fonte di sviluppo”. La norma ha per oggetto le

ricerche non ancora autorizzate, come quelle della Northern Petroleum, che in questi giorni sta conducendo delle indagini preliminari a largo delle coste pugliesi. A rilasciare le autorizzazioni dal 2009 - è il Governo: il ddl stabilisce che siano di nuovo le Regioni a dover dare il via libera. Puglia e Abruzzo avevano già presentato alle Camere una proposta di legge simile. Intanto il presidente del Consiglio Regionale pugliese Onofrio Introna ha sollecitato al sottosegretario all’Ambiente Tullio Fanelli un incontro e la richiesta di una moratoria di ogni attività di prospezione petrolifera.

L’arte del movimento, ossia, un momento di riflessione “per i mediatori della pace tra corpo e mente”. Un titolo di sicuro impatto per un meeting scientifico, organizzato e promosso dal Dipartimento di Psicologia e Scienze Pedagogiche dell’Università di Bari “Aldo Moro”, in collaborazione con l’Amministrazione provinciale di Barletta-Andria-Trani e la Città di Andria, che ha l’obiettivo dichiarato di promuovere la cultura della psicologia dello sport a beneficio del territorio, per il benessere dei praticanti in ogni momento della vita. Un tentativo unico a sud di Roma dalle potenzialità davvero rilevanti. “La pratica e la cultura sportiva - fa notare Giancarlo Tanucci, ordinario di Psicologia del lavoro dell’Università di Bari e presidente del convegno -  stanno assumendo una rilevante importanza nello stile di vita di larghe fasce di popolazione in ragione della centralità dei fattori di benessere fisco e psicologico che lo sport rappresenta nella vita individuale. L’intento di promuovere un convegno di Psicologia dello Sport presso l’Università di Bari - precisa Tanucci - risponde ad una duplice esigenza: qualifi-

Domani in edicola 5,49% L E D O C AL ell’auto

to d Il merca o a mano” e o Schiron col “fri eAn lessandr d

N CE N T I I V E I R S TO ccesso

di su Aziende d eccellenti te e piccole di Giuseppe Dapon

T TO DISTRE l’ora

è coltura ione i r g ’A l r z Pe ” innsoimvoaLevantaci e r a D “ i d di Mas

ZIATA N E R E F F DI igliora

lt a m La racco bbastanza a s ma nondi Pierluigi De Santi

24 pagine - 1,00 euro

care le linee di ricerca che interessano la psicologia dello sport in un’ottica interdisciplinare rispetto alle tematiche del benessere, della sostenibilità fisica e psicologica; promuovere l’attenzione e l’interesse degli operatori ed i professionisti del mondo dello sport verso le tematiche di ordine sociale e psicologico che la pratica sportiva, ai diversi livelli, comporta”. Nell’iniziativa sono impegnati il Dipartimento di Psicologia e Scienze Pedagogiche, le Università pugliesi, le Istituzioni e gli enti locali, in particolare della Provincia di BAT e di Andria - le associazioni professionali e di categoria. L’occasione è anche quella di presentare la costituita “Associazione di Psicologia dello Sport di Puglia” che si propone come polo di animazione, promozione e diffusione delle problematiche connesse al benessere individuale e sociali che la pratica sportiva promuove e favorisce”. Il meeting si terrà nella sala consiliare della Provincia di Barletta-Andria-Trani da lunedì 5 a mercoledì 7 dicembre prossimi a partire dalle 15 del giorno inaugurale.


7

Venerdì 2 dicembre 2011

“Vendola non speri di fare il solito gioco delle tre carte per continuare a rastrellare dalle tasche dei pugliesi soldi da spendere in sprechi e cattiva amministrazione”. Lo afferma il coordinatore della Puglia prima di tutto, Salvatore Greco, che ha presentato una interrogazione agli assessori alla Salute, Tommaso Fiore, e al Bilancio, Michele Pelillo. “Occorre che l’assessore Fiore faccia chiarezza prima che si metta mano al Bilancio del 2012” sostiene.

regione & provincia

“Chiarezza sul Bilancio 2012” Interrogazione di Greco a Pelillo e Fiore

L’incontro fra il governatore e il ministro per la cosione del territorio

“Le nostre risorse al sicuro”

Vendola da Roma: confermato l’impegno del Governo

“R

esta confermato l’impegno del governo a non sottrarre alcuna risorsa ai nostri territori. E questo mi permette di esprimere soddisfazione per le rassicurazioni ricevute”. Lo ha dichiarato in una nota il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, al termine di un incontro di ieri a Roma tra il ministro per la Coesione territoriale, Fabrizio Barca, i presidenti delle Regioni Convergenza (Sicilia, Calabria e Campania e Puglia) più la Basilicata. “Abbiamo inoltre avuto modo di verificare ha proseguito Vendola - la volontà del governo di riprogrammare gli interventi in base alla capacità delle singole Regioni di impegnare e di spendere le proprie risorse. E anche da questo punto di vista, l’esito del confronto di questo pomeriggio (ieri, ndr) è certamente

Il presidente della Regione, Vendola più ottimista dopo l’incontro col ministro Barca

tranquillizzante per noi, che rivendichiamo queste capacità”. Quanto alla possibilità di dirottare una minima parte delle quote di cofinanziamento nazionale verso le infrastrutture del settore ferroviario, Vendola ha offerto la disponibilità della Puglia a condizione che si discuta contestualmente anche di servizi ferroviari ai cittadini pugliesi. “Si può discutere di interventi in questa materia - ha ribadito il presidente della Regione - solo se contemporaneamente si assicurano a tutti i cittadini pugliesi adeguati servizi ferroviari. I tagli dei treni e il ridimensionamento dei servizi a cui stiamo assistendo in questi giorni nella nostra regione sono inaccettabili e rappresentano un colpo al cuore della nostra economia e dei diritti dei cittadini pugliesi. Senza il rispetto di questa condizione, il negoziato non ha futuro”.

una giornata di studi con i rappresentanti di 9 paesi stranieri. il punto sulla riforma

Pesca sostenibile nel Mediterraneo: vertice allo Iam Analizzare tutti gli aspetti della proposta di riforma della nuova politica comune europea della pesca (PCP). è questo l’obbiettivo del Forum sulla Pesca Sostenibile organizzato dall’Istituto Agronomico del Mediterraneo (Iam), in programma oggi nella sede di Valenzano. Nella prima parte della giornata, i delegati delle associazioni mediterranee del settore Pesca discuteranno della nuova riforma allo studio a Bruxelles insieme ai rappresentanti istituzionali del

Parlamento e della Commissione Europea, oltre che con i tecnici del ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. è stato proprio il ministero ad avere incaricato lo Iam di realizzare l’iniziativa, come punto di incontro di tutti gli operatori in vista della nuova normativa. Oltre alla presentazione dei rapporti Paese sul settore Mediterraneo, si farà il punto sullo stato dell’associazionismo e sui modelli di partecipazione responsabile alla gestione della pesca.

I lavori saranno aperti alle 9.30 dal presidente dello IAM Cosimo Lacirignola. La discussione continuerà con gli interventi, tra gli altri, dell’assessore regionale all’Agricoltura Dario Stefano, e del vicepresidente della Commissione Pesca del Parlamento Europeo Guido Milana. Nel pomeriggio sono attesi i delegati di ben 9 paesi stranieri. Le conclusioni saranno affidate al presidente della Commissione Generale per la Pesca nel Mediterraneo Mario Catania, responsabile di Pescamed.

oggi una riunione allargata a parlamentari e consiglieri regionali

Editoria in crisi, iniziativa Assostampa

Il presidente dell’Assostampa Puglia, Raffaele Lorusso

La grave situazione di crisi che stanno attraversando il comparto dell’emittenza locale e i giornali editi in cooperativa sarà al centro di un confronto fra la giunta esecutiva dell’Associazione della Stampa di Puglia e i rappresentanti istituzionali (parlamentari e consiglieri regionali) della Puglia. L’incontro è per oggi, alle 10.30, nella sede dell’Assostampa, in strada Palazzo di Città 5, a Bari. “La pesante crisi economica del Paese, unita ai tagli progressivi dei contributi pubblici per l’editoria e per l’emittenza televisiva locale, peraltro erogati con sempre maggiore ritardo

rispetto alle scadenze - si legge i un comunicato - sta mettendo in ginocchio numerose imprese editoriali di questa regione. Nei giornali editi da cooperative di giornalisti il pagamento degli stipendi si è fermato ai primi mesi dell’anno. La quasi totalità delle emittenti locali pugliesi, pure in difficoltà con il pagamento delle spettanze ai lavoratori, sta facendo invece ricorso agli ammortizzatori sociali in deroga, per continuare a sostenere i crescenti costi di produzione senza intaccare i livelli occupazionali. Sono a rischio migliaia di posti di lavoro. In pericolo è però anche il pluralismo dell’informazione”.


8

Venerdì 2 dicembre 2011

bari

Il ruolo della Polizia municipale nella città: lunedì convegno Uil “Troppo spesso ci si dimentica del ruolo e dell’apporto fondamentale, nel processo di crescita delle nostre città, della Polizia municipale, che nonostante le condizioni a volte precarie, dimostra puntualmente un impeccabile senso del dovere ed un’efficacia encomiabile”. Giuseppe Vatinno, segretario generale della Uil Fpl, introduce così il convegno “Quale ruolo per la Polizia municipale?, che si terrà il 5 dicembre nella sala “Ianni” del Comando a Japigia.

grandi opere

il suolo fra via brigata regina e il lungomare vittorio veneto

Nuova sede del Comune c’è l’intesa col Demanio Sannicandro: ora possiamo iniziare la bonifica dell’area

I

l Comune pensa al futuro, mirando a compattare in un’unica struttura tutti gli uffici che sono dislocati per la città, una sorta di “Palazzo di città bis” che verrà realizzato nei prossimi tre anni, come ha assicurato l’assessore all’Urbanistica Elio Sannicandro presentando l’accordo di locazione con l’Agenzia del Demanio dello Stato, stipulato ieri. Il suolo dove sorgerà la struttura è situato nella maglia tra via Brigata Regina, lungomare Vittorio Veneto e via Napoli. “Con la locazione, in attesa di procedere all’acquisizione definitiva in capo al Comune - sottolinea Sannicandro - il Demanio consente espressamente la possibilità di effettuare l’intervento di bonifica, quindi la demolizione dei manufatti precari esistenti, al

fine di preparare l’area ad accogliere l’ampliamento del Park & ride. L’incremento di posti auto nella nuova area compenserà la riduzione di posti che si determinerà tra qualche mese con l’avvio della cantierizzazione delle opere edilizie previste nell’Accordo di programma della Ferrotranviaria

approvato un anno fa dal Consiglio comunale”. In sostanza, dunque, verrà creata un’area provvisoria in cui potranno essere ospitate le auto del Park & ride, in attesa che lo spostamento si completi e, con esso, anche l’ingrandimento. A lungo termine, come detto, vale

a dire tra il 2014 e il 2015 tutta la maglia “acquisita nella disponibilità del Comune con un’estensione complessiva di 27.000 mq - ribadisce l’assessore all’Urbanistica - è destinata alla realizzazione dei nuovi uffici comunali in cui saranno accorpate tutte le ripartizioni e gli assessorati tutto-

la scheda / le spese annue di palazzo di città

Quattro milioni all’anno per i fitti Il Comune spende, in media, 4 milioni all’anno per gli affitti di singoli appartamenti o interi palazzi. Di questi sodi, la metà serve solo per gli Uffici giudiziari e viene rimborsata dal Governo, mentre il resto è suddiviso per i rimanenti 26 edifici. Per esempio, il palazzo dove si trova l’assessorato a

Contratti e appalti - insieme alla sede della IX Circoscrizione - è in affitto: 1.780 euro mensili alla Tecon. In affitto anche l’Ufficio di collocamento di via Devitofrancesco, per 1.200 euro. Alla Nicomar, invece, il Comune versa poco meno di 9.000 euro per la ripartizione Programmazione economica.

ra dispersi in locali in fitto”. Il Comune, in questo modo, punta anche al risparmio, evitando il pagamento dei tanti canoni di affitto e, al tempo stesso, razionalizza la distribuzione degli uffici, accorpandoli nella nuova struttura. “Lo studio di fattibilità per la progettazione esecutiva e la realizzazione della nuova sede municipale mediante leasing in costruendo è stato approvato dalla Giunta comunale che ha richiesto agli uffici di procedere alla predisposizione del disciplinare tecnico ed il relativo bando”. (a.col.) Nella foto l’incrocio fra via Brigata Regina e il lungomare Vittorio Veneto dove sarà realizzato il palazzo del Comune. Nel riquadro un’immgine del progetto

GLI SPECIALI DI

Non ci sono più le 4 stagioni?


9

Venerdì 2 dicembre 2011

Da oggi fino a domenica nel Cus il congresso nazionale di Legambiente

L’EVENTO

FACCIA A FACCIA DAVANTI AGLI STUDENTI

BARI

I lavori del IX Congresso nazionale di Legambiente prenderanno il via questa mattina per concludersi a domenica, 4 dicembre, e si terranno nelle sale del Centro sportivo universitario di Bari. Sui siti internet www.legambiente.it e www.lanuovaecologia.it sarà possibile seguirli in diretta e scaricare tutte le informazioni sull’attività quotidiana che Legambiente svolge non solo in Puglia ma in tutte le regioni italiane. (Nella foto la postazione di Legambiente al convegno “La Bellezza ci salverà”)

Emiliano e Vecchioni sul palco del Petruzzelli

Vecchioni-Emiliano elogio della bellezza “Non lasciate la vostra terra”

ALESSANDRA COLUCCI a.colucci@epolisbari.com

“I

ragazzi devono sognare, devono lottare per i loro progetti, devono restare nella loro terra per farla fiorire, non possono abbandonarla e andare altrove, non è giusto”. Roberto Vecchioni ha raccolto applausi a grappoli incitando i tanti studenti delle scuole baresi a credere nei propri sogni, nel corso dell’intervento clou del convegno “La bellezza ci salverà”. Ha parlato di bellezza, di libertà e di vita, parole “con etimologie simili in molte lingue, con somiglianza di significati, parole molto belle”. Non ha risparmiato frecciate politiche, il “professore” vincitore dell’ultimo Festival di Sanremo quando la sua “Chiamami ancora

MUTUO DI

e 100.000 e 150.000 e 200.000 e 250.000 e 300.000 e 350.000

10 anni e 995,00 e 1.490,00 e 1.990,00 e 2.490,00 e 2.985,00 e 3.485,00

amore” fu indicata come un inno dell’antiberlusconismo e, proprio all’ex presidente del Consiglio, ha riservato la battuta più velenosa “usciamo da un Medioevo durato 17 anni”. Ha duettato con il sindaco Emiliano che ha confessato “mi hai fatto emozionare”: hanno parlato di Nord e di Sud, di speranza e di impegno e Emiliano lo ha invitato formalmente a Bari, al Petruzzelli, per suonare con l’Orchestra sinfonica del politeama, “verrò sicuramente”, ha promesso Vecchioni. Poi abbandonate le parole della politica, il “professore” è passato a quelle della musica cantando, “a cappella” proprio “Chiamami ancora amore”, interrotta tre volte dagli applausi. Con la chitarra, invece, Vecchioni ha intonato “Sogna, ragazzo, sogna”, scritta per

15 anni e 720,00 e 1.080,00 e 1.440,00 e 1.805,00 e 2.165,00 e 2.525,00

20 anni e 585,00 e 880,00 e 1.175,00 e 1.470,00 e 1.760,00 e 2.058,00

i suoi studenti nel 2000, quando andò in pensione, “Samarcanda”, che ha definito “un inno per la libertà” e, , “Luci a San Siro”. Ma i lavori del convegno internazionale organizzato dal Comune e da Legambiente sono andati avanti per tutta la giornata. “In una città come la nostra, piena di contraddizioni - ha dichiarato Emiliano - organizzare un convegno sulla bellezza significa far crescere consapevolezza e speranza. Noi l’abbiamo voluto a Bari perché siamo consapevoli delle nostre contraddizioni e intendiamo lavorare per il futuro”. Numerosi gli ospiti che si sono confrontati sul tema, tra gli altri, lo scrittore Vincenzo Cerami, Leopoldo Freyre, presidente del Consiglio nazionale e Maria Krautzberger, segretario di Stato per i Trasporti di Berlino.

25 anni 30 anni e 505,00 e 455,00 e 760,00 e 685,00 e 1.015,00 e 910,00 e 1.270,00 e 1.140,00 e 1.525,00 e 1.370,00 e 1.780,00 e 1.595,00

Meno emozioni, più fatti Ha ragione Vecchioni. Non è giusto che i nostri ragazzi siano costretti ad abbandonare la loro terra. Non abbiamo dubbi sulle nobili motivazioni che hanno portato il cantautore ad ottenere l’applauso di ragazzi che sprigionano energia e hanno la mente piena di sogni. Ma ci sono due cose che sono ancora più ingiuste: prima prendersi gioco dei nostri ragazzi e poi costringerli ad una vita che li vede superati e sconfitti da disinvolti, raccomandati e figli di papà. Non si gioca con i sogni dei ragazzi, ma si deve fare in modo che si materializzino. Altrove accade, qui da noi ancora no. Ma confidiamo che il momento che sta attraversando il Paese farà riflettere le persone sulle proprie future rappresentanze. Qualcosa cambierà, speriamo. A cominciare dalle parole: meno emozionalità e più opportunità. (***)

RATA e 100,00 e 150,00 e 200,00 e 250,00 e 300,00 e 500,00

Netto ricavi 60 mesi e 5.080,00 e 7.628,00 e 10.176,00 e 12.724,00 e 15.272,00 e 25.463,00

Netto ricavi 120 mesi e 8.900,00 e 13.376,00 e 17.839,00 e 22.303,00 e 26.766,00 e 44.620,00

RATA e 100,00 e 150,00 e 200,00 e 250,00 e 300,00 e 500,00

Netto ricavi 60 mesi e 4.500,00 e 7.000,00 e 9.400,00 e 11.700,00 e 14.100,00 e 23.400,00

Netto ricavi 120 mesi e 8.500,00 e 12.500,00 e 17.000,00 e 20.500,00 e 25.000,00 e 40.500,00


10

Venerdì 2 dicembre 2011

bari

Filippo Anelli presidente dell’Ordine dei medici Si chiama “Uniti per l’autonomia e il rinnovamento” la lista che ha vinto le elezioni dell’Ordine dei medici della provincia di Bari per il triennio 2012-2014. Il Consiglio direttivo dell’ordine, quindi, ha eletto, nei giorni corsi all’unanimità, il nuovo presidente, Filippo Anelli. Anelli succede a Paolo Livrea, attuale preside della facoltà di Medicina. Il nuovo Consiglio entrerà nel pieno delle proprie funzioni dall’1 gennaio del prossimo anno.

il tar ha respinto la richiesta di sospensiva dell’ordinanza

Mercatini etnici addio

Ora lo sgombero in corso Cavour e via Crisanzio

A

giorni gli ambulanti che operano su corso Cavour e su via Crisanzio saranno sgomberati: il Tar di Bari ha respinto la richiesta di sospensiva e così l’ordinanza diventerà esecutiva. Gli ambulanti, insomma, dovranno andare via. Una doccia fredda per i circa 50 operatori, tra cui molti stranieri, ma tutti in regola, soprattutto sotto Natale, “credo - spiega l’assessore al Commercio Franco Albore - che dovranno essere sgomberati prima delle feste, dopo non sarà possibile”. Insomma, non si è riusciti a trovare l’accordo che tanto avevano auspicato i giudici amministrativi, che, appunto, avevano concesso una proroga per far sì che si trovasse un’intesa. A rendere più curiosa la vicenda, era anche intervenuto il fatto che

uno degli avvocati degli operatori è Nicola D’Alconzo, ex assessore al Commercio della Giunta Di Cagno Abbrescia e proprio D’Alconzo ha più volte sottolineato “l’atteggiamento schizofrenico del Comu-

ne che prima li riconosce come mercati e poi ne decreta la fine”. Infatti era stato proprio Palazzo di città, nel 2001, a concedere loro lo status di “mercatino multietnico” revocandolo, 10 anni dopo.

Albore dal canto suo da mesi ha preparato una controproposta, suggerendo ipotesi alternative, ossia lo smembramento, tra la Manifattura, il mercato di piazza Balenzano e il molo di San Nicola. Ipotesi tutte bocciate dagli operatori, che vedono messe a rischio le proprie attività a causa del trasloco, senza contare, come ha ricordato più volte D’Alconzo “che se le bancarelle si spostano da via Crisanzio, quella zona diventa terra di nessuno, davvero pericoloso”. “Trovare un accordo - risponde Albore - è stata per molto tempo una mia priorità, ho tentato un dialogo, un confronto, ma non ho ricevuto alcuna risposta”. (a.col.) Nella foto le bancarelle di via Crisanzio

Per Natale un campo da golf in via Argiro Il centro Murattiano si prepara a festeggiare il Natale 2011 e, grazie all’impegno dei privati, anche quest’anno saranno garantiti gli addobbi nelle principali strade del quartiere. D’altra parte, la Circoscrizione aveva già fatto sapere che non erano rimasti fondi in cassa, a causa dei micidiali tagli operati dal Comune, mentre Palazzo di città ha deciso di contri-

buire con 25mila euro all’iniziativa dei commercianti di addobbare con luci tutte uguali i palazzi storici. Via Sparano sarà costellata di alberi di Natale, mentre in corso Vittorio Emanuele saranno allestite casette in legno. Occhi puntati, naturalmente, su via Argiro che tra qualche giorno sarà chiusa al traffico per sempre: nella nuova isola pedonale, saranno siste-

mati fioriere, tavolini, un tappeto rosso e persino un campo da golf. Intanto è iniziato il conto alla rovescia per l’apertura del mercato coperto dell’ex Palmiotto, dedicato a Santa Scolastica, L’assessorato alle Attività economiche ha varato i finanziamenti per la sistemazione di un ritratto della Santa e di otto alberelli di Natale agli ingressi.

un primo passo

Distretti commercio: nominata commissione L’unione fa la forza: è questa la filosofia che anima la creazione dei Distretti urbani, grandi aree fisiche per raccogliere i commercianti baresi. Franco Albore, assessore alle Attività economiche del Comune, elenca i benefici dell’iniziativa che potrà portare facilitazioni “nell’ottenimento dei contributi, dei finanziamenti, faciliterà il marketing e il rilancio del commercio in città”. Ieri, dunque, per dare seguito materiale al progetto si è insediata la commissione che coordinerà la formazione dei Distretti - per ciascuno dei quali occorrono minimo 600 ragioni sociali, ossia iscritti - e in generale ne garantirà l’attività. Componenti della commissione saranno Gaetano Nigri per il Comune, Sandro Ambruosi per la Camera di commercio, Alessandro Fusco per Confcommercio, Piero Luisi per Confesercenti e Giuseppe Margiotta per Unimprese. “Faranno sistema - auspica Albore - e questo si tradurrà in un peso specifico molto più importante quando si tratterà di far valere i propri diritti”. Dato l’alto numero di iscritti necessario per la creazione di ciascun Distretto, è ipotizzabile che gli esercenti di più strade si riuniranno, “un ottimo segnale per sperare nel futuro” conclude Albore. (a.c.)


11

Venerdì 2 dicembre 2011

Gli assessori diventano attori per promuovere le attività del Comune

bilancio 2012

bari

Il primo è stato il delegato ai Rapporti con il Consiglio Filippo Barattolo, poi è stata la volta di Marco Lacarra (Lavori pubblici, nella foto) e Franco Albore (Commercio): gli assessori si riscoprono “attori” e girano veri e propri spot per pubblicizzare le attività del Comune. Ieri è stato girato quello dedicato al mercato coperto del Palmiotto che aprirà venerdì 9 dicembre: sarà on line sul sito del Comune, www.comune.bari.it, dal 15.

in previsione ci sono aumenti su tarsu e servizi individuali

Prove di dialogo sui “tagli”

Da Giannini appello alle associazioni: decisioni condivise

N

on gli va di fare la parte del cattivo, di quello che, armato di forbici, deve tagliuzzare i conti del Comune. Per questo, l’assessore al Bilancio Giovanni Giannini “apre” alle associazioni e, più in generale, alla città. “Mi piacerebbe - spiega - iniziare un percorso di condivisione, perché i baresi possano capire il perché dei tagli che faremo e dei sacrifici che saranno necessari”. Insomma, davanti ad una cifra come 23 milioni - vale a dire la somma che verrà decurtata dai trasferimenti statali - non c’è nulla di reale, “ma gli aumenti sulle tasse, sulla quotidianità, quelli sono più comprensibili e sono quelli che noi vogliamo spiegare”. Giannini, insomma, mira ad una comunicazione condivisa, alla vigilia di un anno, il 2012, che sarà particolarmente faticoso da un punto di vista economico e fiscale. A conti fatti, il Comune dovrà contare su almeno 32 milioni in meno, in totale, sen-

L’assessore al Bilancio Giovanni Giannini e l’ingresso di Palazzo di città

za contare le manovre che saranno varate dall’Europa e dal Governo centrale - una per tutte la paventata reintroduzione dell’Ici anche sulla prima casa - che costituiscono, al momento, un’incognita. A soffrire sarà, per esempio, il Welfare, ma i tagli si estenderanno anche, per esempio, ad alcune spese comunali come missioni, vetture, consulenze, mostre, pubblicità, convegni e sponsorizzazioni. In quest’ottica, tenuto conto che la spesa corrente di Palazzo di città dovrà per forzare attestarsi sui 308 milioni, potrebbero essere previsti aumenti ai servizi a domanda individuale e alla Tarsu. “Ed è questo - precisa Giannini - che vorremmo far capire ai cittadini, che dobbiamo condividere”. Però, nonostante i tagli, su un punto l’assessore non deroga: “Cercheremo sempre e comunque di tutelare chi è in difficoltà, chiedendo i sacrifici più evidenti a chi potrà sopportarli”. (a.col.)

per la poltrona di assessore i dipietristi hanno indicato mara giampaolo

Rimpasto Giunta: Idv da Emiliano Il sindaco Michele Emiliano sta continuando nel lavorìo per arrivare alla ridefinizione della Giunta, dopo la rimozione di Lino Pasculli (Idv) e le dimissioni di Annabella Degennaro (Realtà pugliese). Proprio i dipietristi paiono avere scelto una donna per la sostituzione: si tratta di Mara Giampaolo, eletta nell’Udc e poi passata con l’Idv. Il gruppo non perderà

il consigliere, però: al posto della Giampaolo, che si dovrà dimettere, scatterà Giuseppe Margiotta che farà lo stesso percorso. Eletto nell’Udc, passerà all’Idv. Per quanto riguarda realtà pugliese, invece, il nome è praticamente definitivo: si tratta dell’avvocato Tobia Binetti. Le ambizioni di Realtà pugliese in fatto di deleghe, però, potrebbero creare

qualche problema ad Emiliano e non è detto che il primo cittadino non ridistribuisca gli incarichi tra i suoi. Resta comunque da risolvere la questione della partià di genere: ad Emiliano serve almeno un’altra donna. E se Sel nicchia su questo tema, il Pd potrebbe offrire una sponda con Maria Maugeri.

Maria Maugeri del Pd


12

Venerdì 2 dicembre 2011

BARI

Avevano rubato cavi elettrici da una scuola: arrestati dai CC

RAPINA 1

Due persone sono state arrestate dai carabinieri dopo essere state sorprese a rubare cavi di rame in una scuola di via Redavid. Si tratta di Gaetano De Carne (23 anni) e Luigi De Mattia (20), già noti alle forze dell’ordine. I militari si erano insospettiti notando le luci della scuola accese in piena notte. Entrando dalla porta laterale, insolitamente aperta, i carabinieri hanno colto sul fatto i due giovani, che hanno cercato inutilmente di fuggire.

PAURA SULLA PROVINCIALE BITRITTO-ADELFIA

Fallisce assalto a portavalori feriti i vigilanti

Furgone blindato “salva” i soldi

H

anno scatenato l’inferno, ma il colpo non è riuscito. Un commando composto da una decina di persone ha dato l’assalto ieri mattina a un portavalori sulla provinciale Adelfia-Bitritto, ma dall’automezzo hanno risposto al fuoco, e i rapinatori alla fine hanno deciso di rinunciare. Le guardie giurate della società IVRI che intorno alle 8.30 stavano per raggiungere Bitritto, dirette a un istituto di credito, si sono ritrovate nel bel mezzo di uno scenario di guerra. Il blindato era infatti appena salito sul cavalcavia dell’autostrada A14, quando la sua corsa è stata bloccata da due camion in fiamme posti di traverso sulla carreggiata. Subito dopo le guardie giurate sono state tamponate da un terzo furgone: da qui è sceso il commando che ha iniziato a fare fuoco con i kalashnikov. Il portavalori è stato crivellato di colpi, ma le tre guardie, che sono riuscite a dare subito l’allarme, hanno mantenuto il sangue freddo. Nonostante la pioggia di colpi, un operatore, che durante la sparatoria è rimasto colpito da un proiettile alla scapola, ha risposto al fuoco: una complicazione che ha costretto i rapinatori a mollare la preda. Gli uomini del commando sono scesi a piedi dal cavalcavia verso l’autostrada, dove un complice

Pronti all’azione Usi, abusi e soprusi: basta una telefonata per richiedere l’intervento di un cronista di EPolis Bari. Segnalateci malcostume, degrado e qualsiasi prevaricazione. È sufficiente chiamare in redazione allo 0805857350 (o 51, 52, 53 finale) o inviare una mail a redazione@epolisbari.com

probabilmente li attendeva in auto per fuggire. Sul posto sono intervenuti i carabinieri - che hanno contato circa 20 bossoli sull’asfalto -, i vigili del fuoco e il personale medico del 118, che ha accompagnato le guardie giurate all’ospedale Di Venere, a Carbonara. Anche i colleghi dell’operatore colpito sono rimasti feriti, a causa delle schegge dei vetri. Uno di loro ha riportato escoriazioni al volto. Per tutti i medici hanno riscontrato un forte stato ansioso reattivo. I carabinieri che hanno effettuato anche ricognizioni aeree con l’utilizzo di un elicottero, hanno anche verificato che i furgoni utilizzati per sbarrare la strada al blindato, erano stati rubati in provincia di Foggia e di Taranto. Nelle prossime ore saranno passati fotogramma per fotogramma i filmati delle auto in transito sul tratto dell’autostrada nelle vicinanze del luogo dell’assalto. Gli artificieri hanno effettuato un sopralluogo a scopo precauzionale per verificare la presenza di eventuali ordigni che il commando avrebbe potuto far esplodere per aprire il portellone del blindato. (d.bis.) Nelle foto il lizzagto per

Rubano borsa Vuitton da auto in piazza Diaz

blindato e un furgone util’assalto

Derubata da tre ladri mentre era tranquillamente a bordo della sua auto. È successo l’altra sera in piazza Diaz, nel rione Madonnella, intorno alle 20.30. Una 61enne barese si è vista entrare all’improvviso nella sua macchina tre persone, che dopo aver spalancato gli sportelli della vettura, con fare minaccioso si sono impossessati di una borsa Lous Vuitton con dentro effetti personali, un telefono cellulare e 10 euro. È ormai da tempo che gli articoli di abbigliamento griffati sono diventati oggetto di attenzione da parte di ladri e rapinatori. Di solito a essere predi di mira sono i negozi, ma a quanto pare neanche i semplici cittadini adesso possono sentirsi al sicuro.

CONTROLLI DEI CARABINIERI SU CONSERVAZIONE TRACCIABILITÀ DEL

Multe per 30mila euro in pesche Blitz dei carabinieri al mercato ittico. A conclusione di un controllo i militari hanno elevato al responsabile di una ditta commerciale sanzioni amministrative per quasi 25mila euro. I militari hanno constatato, tra l’altro, la mancata tracciabilità dei prodotti alimentari e l’irregolare occupazione dei dipendenti. Al termine dell’operazione

sono stati sequestrati 50 chili di pesce persico e 30 di merluzzo. Nel corso di un altro controllo a Modugno, è stato sanzionato anche un altro commerciante per un importo pari a 4mila euro. I carabinieri gli hanno contestato la mancata pulizia ordinaria e straordinaria, e l’assenza di etichettatura sui prodotti.


Venerdì 2 dicembre 2011

I

A cura della redazione speciali

PIANETA SCARPE REALIZZATE NELL’ERA PREISTORICA

Speciale

Erano fatte con pelli di animale oppure in legno. Si scelgono secondo le occasioni e si collegano all’abito. L’evoluzione: quelle del tempo libero

Un cammino lungo novemila anni!

Anche femminilità

Decolltè eezeppa Decollété zeppa mondo-donna mondo-donna

L

e calzature femminili si distinguono da quelle maschili principalmente per la presenza del tacco. Non che l’uomo non lo utilizzi. Solitamente, infatti, la scarpa col tacco consiste in una normale calzatura modificata sulla base del tallone per incrementare l’altezza.

Manutenzione

Dalla saliva alla crema

Un “must”

Quelle Oxford “giuste” per gli eventi

S

cegliere una calzatura adatta per ogni occasione non è un’abitudine esclusivamente femminile. Oggi, infatti, gli uomini sono particolarmente attenti ad optare per il giusto stile della propria scarpa da abbinare ad un certo tipo di abbigliamento. La scarpa elegante con allacciatura chiusa è lievemente più formale della scarpa con allacciatura aperta.

Q

uando parliamo di cura e manutenzione della scarpa, dobbiamo ricordare la ricetta dell’artigiano: cera e alcool, olio di gomito e saliva. Erano queste, infatti, le quattro regole seguite dal mastro ciabattino quando approntava le scarpe per il cliente.


II

A cura della redazione speciali

Protezione ed estetica caratteristiche delle calzature

PIANETA SCARPE Origini

La scarpa serve per vari scopi: protezione, estetica e funzionalità. Nel primo caso, quello principale, la scarpa è importante perché protegge il piede dal contatto diretto con il suolo e lo copre mantenendo il calore nei mesi invernali. In secondo luogo, la scarpa fa apparire il piede più curato ed attraente; nel terzo rappresenta un elemento di grande utilità.

I primi esemplari nell’epoca preistorica

Sandali e zoccoli gli “avi” delle scarpe

L

Venerdì 2 dicembre 2011

e indossiamo in tutte le stagioni dell’anno, rappresentano un elemento indispensabile della nostra quotidianità e vanno acquistate sempre in coppia. Parliamo ovviamente di scarpe, calzature cui l’uomo non ha mai saputo rinunciare. Le prime furono fatte in epoca preistorica con pelli di animale o legno. Alcuni ritrovamenti archeologici made in USA, infatti, dimostrano che il più antico paio di scarpe finora ritrovato risale a circa 9mila anni fa. Nelle regioni temperate, le scarpe erano molto semplici (simili a moderni sandali), mentre nelle regioni fredde si usavano scarpe rivestite. La produzione di una scarpa era un processo

complicato per l’epoca, per cui questi oggetti erano considerati articoli di lusso. In epoca storica le scarpe divennero di uso comune. Tra gli antichi romani, quelle più diffuse erano i sandali. Le fonti iconografiche e storiche ci hanno tramandato che si potevano sfoggiare più di una ventina di tipi di calzature differenti. Le tendenze, insomma, erano già in voga da quei tempi. Nel Medioevo, invece, la popolazione comune portava scarpe di legno (zoccoli), di pelle o semplici pezze di stoffa che venivano avvolte intorno al piede. In Inghilterra e Francia, nel XIV secolo, si affermarono le poulaine, scarpe della nobiltà con la punta superiore ai 15 cm, una

moda che pare sia tramontata alla fine del XV secolo con Carlo VIII di Valois, Re di Francia. Nel XVII secolo, invece, le scarpe made in Europa vennero disegnate con tacchi alti anche per gli uomini. Portate in auge dal Re Sole, che era piccolo di statura, oggi le calzature dal tacco alto sono diventate più basse solo per gli uomini. Nel XVIII secolo, a Venezia, si affermò invece la scarpa “col pattino”, una sorta di ciabatta-involucro che serviva per non sporcare la scarpa vera e propria durante i tragitti da casa a casa. Nel XIX secolo, le scarpe furono prodotte in serie nelle fabbriche fino ad essere alla portata di tutti almeno nei paesi industrializzati.

Il servo e il Faraone

La prima attestazione storica di cui si abbia testimonianza risale al periodo egizio e più precisamente all’Antico Regno (3mila a.C.). Nella cosiddetta “Paletta di Narmer”, come evidenziato nell’ovale, si nota un servo che porge al faraone un paio di sandali.


Venerdì 2 dicembre 2011

III

A cura della redazione speciali

PIANETA SCARPE

Come individuare la misura Sistemi diversi nel mondo La scarpa può essere misurata in vari modi, ognuno con un nome. C’è il “Punto francese” che equivale a 2/3 del centimetro; la “coreana” per la quale la misura è espressa in millimetri; l’“Americana & Canadese” che ha le taglie maschili più piccole di quelle femminili; l”Australiana” uguale a quella “Americana & Canadese”; l’“Inglese” in cui quella maschile è di mezza taglia più grande di quella femminile.

Le calzature, ormai, sono anche uno dei simboli della femminilità

Ildecollété decolltè eela Il lazeppa zeppa “distinguono” la donna

L

e calzature femminili si distinguono da quelle maschili principalmente per la presenza del tacco. Non che l’uomo non lo utilizzi, ma rispetto a quello della donna il tacco risulta visibilmente differente. Solitamente, infatti, la scarpa col tacco consiste in una normale calzatura modificata sulla base del tallone per incrementare l’altezza. Nel corso degli anni, le scarpe col tacco sono diventate un simbolo di femminilità da esibire nelle diverse colorazioni disponibili, nei modelli e soprattutto in qualunque genere di situazione. Oltre alle scarpe con la “zeppa”, ovvero una sorta di tacco più consistente rispetto a quello tradizionale, alcune calzature sono dotate anche di una piattaforma sul davanti nota come “plateau” per attenuare il dislivello. I nomi delle scarpe da donna sono numerosi e per lo più sconosciuti al genere maschile.

Le più semplici e classiche sono le decollété, generalmente in vernice o in pelle nera, da abbinare ad un elegante vestito nero o ad un tailleur, tipico abbigliamento che contraddistingue le donne lavoratrici o in carriera. Ma questo genere di calzatura è disponibile anche in variegate colorazioni, proprio per adattarsi alle circostanze. Una varietà delle decollété è costituita da quelle con il cinturino dietro, posto sopra il tallone. Più popolari e casual i sandali, in ogni foggia e colore, adatti all’estate e alle feste in spiaggia, specie se con le zeppe. Molto variegate in stile e vestibilità, che indicano una personalità allegra e vivace. D’autunno e d’inverno, inoltre, molto diffusi sono gli stivali, anch’essi invariabilmente con i tacchi. Si possono portare o sopra o sotto i pantaloni, con una gonna e con calze di vario genere e grammatura. Molto dipende dal singolo modello, passando dallo scamosciato alla pelle.


IV

A cura della redazione speciali

VenerdĂŹ 2 dicembre 2011


Venerdì 2 dicembre 2011

La differenza di comodità tra scarpe artigianali e industriali

PIANETA SCARPE Consuetudini

V

A cura della redazione speciali

A differenza di quelle create su misura dal mastro ciabattino, le scarpe industriali – che possono essere fatte più o meno bene e con materiali più o meno di qualità – non possono essere molto comode perché seguono delle scale di misure che non coincidono sempre con la morfologia del piede. Ovviamente però costano meno, essendo prodotte in grosse quantità.

Tutte le pratiche per ottenere una scarpa pulita e gradevole

Manutenzione Dalla saliva alla cera sino alla crema Decisiva la funzione delle spazzole

Q

uando parliamo di cura e manutenzione della scarpa, dobbiamo ricordare la ricetta dell’artigiano: cera e alcool, olio di gomito e saliva. Erano queste, infatti, le quattro regole seguite dal mastro ciabattino quando approntava le scarpe per il cliente. Cera ben stesa per chiudere i pori, una goccia

di alcool per togliere l’eventuale eccesso di grasso, energia con spazzole e strofinacci, ogni tanto uno sputino per facilitare l’operazione. Idea certamente poco elettrizzante quest’ultima, ma efficace. E come tocco finale, una “tirata” col palmo della mano che, grazie al calore naturale, contribuisce a far sciogliere e

penetrare il grasso, rendendo la scarpa più lucida. Oggi, quello del mastro ciabattino, è un mestiere in via di estinzione. Se ne possono contare sulle dita di due mani quelli ancora presenti nelle città, forse però sopravvivono ancora quelli di paese dove le abitudini cambiano con tempi diversi. Per la manutenzione della

scarpa bisogna sempre utilizzare prodotti di primissima qualità. Perché la pelle è delicata, non ha bisogno di lucidi che ne coprano le pieghe ma di creme che la nutrano e rallentino il processo di invecchiamento. I prodotti migliori sono inglesi o tedeschi a consistenza cremosa, perché la crema penetra più facilmen-

te. I lucidi a pasta dura sono più indicati per la lucidatura vera e propria. L’artigiano ne utilizza uno del colore più vicino a quello delle scarpe per non alterarlo. Evita quello neutro, che tende a ingrigire la tomaia. Usa le spazzole e gli spazzolini di setola naturale, morbidi e con setole alte perché lucidano di più.


VI

A cura della redazione speciali

VenerdĂŹ 2 dicembre 2011


Venerdì 2 dicembre 2011

VII

A cura della redazione speciali

PIANETA SCARPE

Con l’abbigliamento casual va bene il modello da ginnastica La scarpa da ginnastica (o da tennis) è il nome generico che indica una calzatura creata per svolgere attività sportive. Originariamente erano utilizzate solamente in ambito sportivo, mentre oggi sono indossate comunemente nell’abbigliamento casual. Esistono scarpe da running, adatte a correre, o da calcetto, per giocare sui campi sintetici o di sabbia.

La scelta in funzione dell’abito

Scarpe Oxford un “must” per le occasioni

S

cegliere una calzatura adatta per ogni occasione non è un’abitudine esclusivamente femminile. Oggi, infatti, gli uomini sono particolarmente attenti ad optare per il giusto stile della propria scarpa da abbinare ad un certo tipo di abbigliamento. La scarpa elegante con allacciatura chiusa è lievemente più formale della scarpa con allacciatura aperta. Il piede in una scarpa con allacciatura chiusa, però, appare più vestito. Negli Stati Uniti d’America, una scarpa di questo tipo viene chiamata Balmoral o più semplicemente Bal, e ne esistono diverse versioni. Trattasi della scarpa Oxford, in perfetto stile britannico molto ele-

gante. Se nera, può essere abbinata con un gessato o abiti eleganti scuri per occasioni come ricevimenti, matrimoni ed altre ricorrenze. La versione in marrone può essere utilizzata con abiti in tweed ed anche con giacche sportive. Se la scarpa riporta delle decorazioni in punta è sicuramente meno formale. In nero si abbina felicemente con abiti di tessuto morbido tipo Principe di Galles. Entrambe le versioni sono sconsigliate con jeans o pantaloni di cotone. Ogni uomo che possiede un abito dovrebbe indossare ai piedi almeno un paio di scarpe Oxford, la calzatura più adatta per le occasioni speciali.

è nato nell’America settentrionale

Quel comodissimo mocassino I l mocassino è una calzatura informale, comoda e pratica senza stringhe. Nata nell’America Settentrionale, ha avuto ampia diffusione in Italia. La versione più pregiata del mocassino è il loafer cucito a guardolo (sistema che prevede la cucitura del fondo alla tomaia per mezzo di una striscia di cuoio, particolarmente robusta). Il mocassino Penny Loafer, invece, si adatta in breve tempo al piede avendo il tomaio sfoderato, e si può indossare senza calzini. Il nome deriva dall’abitudine degli studenti della Ivy league negli anni Cinquanta di nascondere un penny nella linguetta. La versione del mocassino con le nappine si utilizza con abbigliamento più classico.

I mocassini dalla forma allungata, che hanno sulla mascherina una cucitura decorativa a mano e rappresentano una elegante alternativa alle scarpe stringate, si abbinano al meglio con un guardaroba formale. Il nero, senza dubbio, rappresenta la scelta migliore. Il mocassino è l’esatto opposto dello stivaletto da uomo, una calzatura nata per preservare il piede dalle intemperie (acqua, fango e neve). Si può abbinare ad una giacca sportiva, sotto uno spezzato, o jeans. L’abitudine di indossarlo con l’abito è concessa solo nel caso in cui le condizioni atmosferiche siano poco buone, come quelle precedentemente descritte.


VIII

A cura della redazione speciali

VenerdĂŹ 2 dicembre 2011


13

Venerdì 2 dicembre 2011

RAPINA 2

PAURA FRA I CLIENTI IN VIA CAMPIONE. IN AZIONE AGENTE FUORI SERVIZIO

Tenta colpo in farmacia: preso Il 19enne messo in fuga dal titolare DARIO BISSANTI

È durata pochissimo la fuga del rapinatore che l’altra sera ha fatto irruzione in una farmacia del quartiere Picone. La Polizia lo ha arrestato subito dopo il colpo messo a segno nel negozio del dott. Morea, in via Campione. Si tratta di un ragazzo di 19 anni, Michele Barile, che aveva ancora indosso il passamontagna utilizzato per la rapina, quando gli agenti della squadra Mobile lo hanno individuato nelle vicinanze. Poco prima, il ragazzo aveva fatto irruzione nella farmacia. Alle 19 c’erano non pochi clienti, che sono rimasti immobilizzati dal terrore nell’assistere alle mosse del giovane criminale. Con un coltello ben saldo nella mano, Barile ha minacciato i dipendenti, facendosi consegnare l’incasso della giornata. Non contento del bottino, ha rivolto le sue attenzioni su una cliente, aggredendola per sottrarle la borsa. A quel punto il farmacista, approfittando di un

momento di distrazione del rapinatore, ha reagito, mettendolo in fuga. Subito dopo ha chiamato il 113. Dalla centrale operativa è partita la segnalazione per un equipaggio della squadra Mobile, che proprio in quel momento si trovava dalle parti della farmacia. Con l’aiuto di un agente libero dal servizio, Barile è stato immediatamente bloccato e accompagnato in carcere. Adesso si tratterà di verificare la sua eventuale responsabilità in altre rapine, avvenute con le stesse modalità. Quella dell’altra sera avrebbe potuto essere infatti la quinta farmacia presa d’assalto in poco più di due mesi nel capoluogo. In tre casi su quattro, i rapinatori si erano fatti consegnare l’incasso sotto la minaccia di un grosso coltello. Questa volta, però, al rapinatore è andata male. Il prefetto Mario Tafaro durante l’ultima riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza mercoledì, aveva annunciato un aumento della presenza delle forze dell’ordine in prossimità delle feste natalizie.

ANALISI AMBIENTALI RAPIDE. IL MEZZO GIÀ UTILIZZATO NEL NORD BARESE

Laboratorio mobile per la Capitaneria Un Laboratorio ambientale mobile (in sigla Lam) in grado accelerare i tempi di accertamento e repressione di illeciti ambientali perpetrati ai danni dell’ambiente marino e costiero: è la nuova struttura presentata ieri dal comandante della Capitaneria di porto di Bari e direttore marittimo della Puglia, contrammiraglio Salvatore Giuffré, al procuratore della Repubblica di Trani, Carlo Maria Capristo. Il laboratorio è già utilizzato da alcuni giorni lungo il litorale fra Trani e Barletta. Il veicolo è stato messo a diposizione dal Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia costiera. È dotato di attrezzature da laboratorio per analisi ambientali, di stazione meteo e di gruppo elettrogeno, è munito di kit per i campionamenti e le analisi delle

Beni per un milione e mezzo eria sequestrati dalla GdF a Bitonto

L PESCE

Beni per un milione e mezzo di euro sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza a un uomo ritenuto legato al clan bitontino Conte-Cassano-Modugno. Il sequestro è stato disposto dalla sezione per le misure di prevenzione del tribunale. Il destinatario del provvedimento ha precedenti penali per associazione per delinquere finalizzata all’estorsione, all’usura, al traffico di sostanze stupefacenti, al sequestro di persona e reati in materia di armi. A suo carico i militari avrebbero accertato una forte sproporzione tra i redditi dichiarati e gli immobili acquistati e posseduti. Tra i beni sequestrati un immobile, un garage, quote di una società edile, quote di due terreni edificabili in provincia di Treviso.

acque, sia dolci che marine, nonché di una specifica strumentazione per la dissezione degli organismi prelevati. Questa dotazione tecnico-scientifica consente di eseguire, in tempi molto brevi e direttamente in loco, una prima valutazione delle caratteristiche chimico- fisiche delle sostanze inquinanti e quindi dell’impatto sull’emergenza in atto. Il laboratorio ambientale mobile è diretto da due giovani ufficiali del Corpo, due biologhe specializzate nel campo della biologia ecologico-ambientale e molecolare. La campagna di monitoraggio ambientale, programmata d’intesa con la Procura di Trani, costituisce, di fatto, la prima esperienza operativa, a livello nazionale, di questa avanzata struttura mobile.

Scatto vincente Una situazione singolare, un’immagine unica, la foto di una situazione da denunciare. EPolis Bari mette a disposizione dei suoi Lettori “Scatto vincente”, uno spazio dedicato sia alla creatività sia all’impegno sociale. Inviate le vostre foto a redazione@epolisbari.com

BE

CC

AT O!


14

Venerdì 2 dicembre 2011

SALUTE e dintorni

A cura di P.R. Area4

Cereali

Sono tante le qualità: dalle proteine a una buona quota calorica

Se l’avena sativa non ci fosse bisognerebbe inventarla!

I

cereali e, in particolare, semi e prodotti della loro lavorazione, sono i principali alimenti della nostra cultura nutrizionale. Appartenenti alla grande famiglia delle graminacee o poacee, comprendono numerosi generi, variamente diffusi e coltivati nei diversi continenti, in relazione all’habitat ottimale di crescita e sopravvivenza. L’avena e, precisamente l’Avena sativa, è un cereale caratteristico delle regioni dell’Europa centro-settentrionale e del Nord America, prediligendo le temperature più fredde ed i terreni con maggiore umidità. Rientra nella preparazione del porridge e del muesli. Pare venisse coltivata già a partire dal VI secolo a. C. E’ reperibile in chicchi, fiocchi, farina, crusca e latte. E’ un prezioso alimento ricco di principi nutrizionali. Veniva denominata “donatrice di oligoelementi” per l’alto contenuto di minerali quali calcio, manganese, zinco, fosforo, selenio, ferro e magnesio. Contiene anche una buona quota di proteine,

con una significativa quantità dell’aminoacido lisina, amido, acidi grassi polinsaturi come l’acido linoleico, vitamine (tiamina, riboflavina e niacina), fibre solubili, alcaloidi quali la gramina e l’avenina. L’Avena sativa è un alimento tonificante, antiastenico, energizzante e stimolante, particolarmente adatto agli sportivi, nelle fasi di convalescenza e nel periodo di allattamento. Rimineralizza. Aiuta la regolarizzazione del tono dell’umore per l’azione dei suoi alcaloidi sull’attività di alcuni neurotrasmettitori, cioè del GABA e delle catecolamine. Favorisce il metabolismo del colesterolo. Apporta una buona quota calorica senza provocare bruschi incrementi dei valori glicemici. Ne è particolarmente indicata l’assunzione a colazione. Può favorire nei soggetti predisposti la formazione di calcoli renali di ossalato ed una risposta esaltata agli ormoni tiroidei. Dott.

ssa

Caterina Origlia

www.dottssacaterinaoriglia.com


Un problema

15

A cura della Redazione Speciali

Rimpiazzare lo zucchero spesso è più dannoso

SALUTE E DINTORNI

Venerdì 2 dicembre 2011

Alimenti light: spesso un alibi per mangiare di più o deragliare dalla dieta. Oltre 500 di questi prodotti (valore calorico inferiore del 25% al prodotto di referenza) sono in offerta. Ma, a volte, un prodotto senza zuccheri o 0% di grassi non è meno calorico dell’equivalente. Per rimpiazzare il “colpevole” zucchero, sono aggiunti gelificanti, fibre d’amido od altri zuccheri diversi dal saccarosio.

Siamo primi in Europa. Uno su tre, a 8 anni, è grasso

I “cicciotelli” in crescita Le mamme sono il modello? A cura del prof. Nicola Simonetti

B

imbi d’Italia cicciottelli primi in Europa. Uno su tre, ad 8 anni, è grasso. Sovrappeso il 24%, obesi il 12%. Tra 6 e 9 anni sfiorano il 30%, tra 10 e 13 anni superano il 25%. E’ stata un’ascesa continua. Nel 1985 erano in sovrappeso meno del 5%. Ogni 5 anni, l’obesità sta crescendo, in Italia, del 2,5%. Nel mondo, 45 milioni i ragazzi obesi, di età tra 5 e 17 anni; i sovrappeso 110 milioni. C’è da preoccuparsene seriamente perché il bimbo cicciottello di oggi diventerà l’adulto grasso o sovrappeso con i relativi rischi per la salute e la durata della vita. Per loro, le complicazioni arriveranno prima e ne ridurranno le aspettative di vita e la stessa qualità di vita. Già oggi, tra 45 e 64 anni, solo un uomo su tre è normopeso. Bambini a rischio, ma le mamme (“ogni scarafone…”) non se ne accorgono, sottovalutano il problema. Una ricerca Usa ha accertato che tre genitori su quattro non ammettono il peso in più che effettivamente grava sul corpo dei propri figli e non se ne interessano, non sono motivati a porvi rimedio. Spesso a figli grassi corrispondono mamme su di peso. Ma l’82% delle obese ed il 43% delle sovrap-

peso non si riconoscono come tali. Le taglie over size non le riguarderebbero, pur se le utilizzano. Ma sono convinte che queste siano la normalità. L’oggettività cala con il crescere del peso corporeo. Dimagrire, perdere qualche chilo? Esse non credono che le riguardi. I figli, per proprio conto, inseriscono le mamme grassottelle nel modello standard di normalità e, se invitati a disegnare una donna,

la rappresentano grassoccia anche se, interrogati riguardo alle misure della propria madre, dicono (il 41%) che, probabilmente, dovrebbe perdere 1-2 chili di peso. Anche gli eventuali animali tenuti nelle loro case “copiano” i padroni sovrappeso che non si riconoscono come tali. Gli psicologi parlano di “barriera psicologica” riguardo alla perdita di peso.

Analisi Chimico Cliniche, Immunologiche, Microbiologiche e Ormonali, Manuali HACCP, Esami per Alimenti, Medicina del Lavoro

Imputati: pasti ricchi ed abbondanti, facili e frequenti spuntini tra i pasti, abuso di bevande, sedentarietà (spesso in palestra o campo di gioco si trova la connivenza di “mister” od istruttori per impegnarsi poco e – più frequentemente che non si immagini, prima, durante e dopo – si indulge in bevande ed alimenti da masticare scusati dal comodo “recuperare le energie spese”).


16

Venerdì 2 dicembre 2011

MEGANE BERLINA

TWINGO


17

Venerdì 2 dicembre 2011

Qualche mese fa fece discutere la scoperta di due informatici britannici che avevano individuato nell’iPhone un file che registrava i movimenti dei proprietari. Adesso, sotto la lente, c’è il sistema operativo Android. Secondo un giovane programmatore americano sarebbe agganciato a milioni di dispositivi un software prodotto dalla Carrier Iq in grado di registrare non solo la locazione, ma anche la pressione dei tasti e persino i messaggi ricevuti dagli utenti.

LOS ANGELES

CULTURA & SPETTACOLI

Android registra tutto segretamente anche gli sms

IL VERONESE BRUNO SERATO NELLA TOP TEN DEGLI EROI DELLA CNN

Il cuoco dei Vip che cucina per i bimbi “Q

ual è il mio piatto preferito? Gli spaghetti al pomodoro!”: i bambini del centro Boys & Girls Club di Los Angeles non hanno dubbi, soprattutto da quando Bruno Serato, chef veronese arrivato giovanissimo in California come lavapiatti e diventato poi cuoco di successo, cucina loro ogni giorno, gratuitamente, 5 chili di pastasciutta. Senza il suo aiuto questi ragazzini non cenerebbero affatto. Sono i figli dell’emarginazione della città del cinema, vivono in motel senza cucina, in quartieri disagiati tra prostitute e trafficanti di droga. Ma ora hanno un eroe, e una cena, in cui sperare: ogni pomeriggio alle 17 attendono impazienti l’arrivo di Bruno e del suo pasto caldo.

L’Anaheim White House Restaurant a Los Angeles e nel riquadro il cuoco Bruno Serato

Con questo progetto Bruno Serato si è aggiudicato un posto nella lista dei ‘CNN Heroes’, dieci persone che in tutto il mondo si sono distinte per attività benefiche. È il primo italiano ad entrare nella top ten. Il vincitore sarà premiato a Los Angeles l’11 dicembre. A decidere è il pubblico che, fino al 7 dicembre, può scegliere l’eroe preferito cliccando questo link: http://heroes.cnn. com/vote_en.aspx. Il processo di selezione è stato lungo: “CNN cerca in giro per il mondo i suoi candidati eroi e riceve a sua volta segnalazioni - ha spiegato Bruno -. Qualcuno ha fatto il mio nome e hanno iniziato a indagare sul mio progetto. Poi ho ricevuto una telefonata in cui mi hanno comunicato che

sarei stato sottoposto a più investigazioni da parte loro. In seguito sono stato contattato una quindicina di volte, hanno voluto delle referenze e poi sono venuti qui, per seguirmi fino al Boys and Girls club e farmi un’intervista. Dopo diverso tempo ho saputo di essere uno dei canditati, ero tra i primi venti. Sono molto orgoglioso”. Nel suo ristorante di Anaheim, a Los Angeles, le tavole sono gioielli, le tappezzerie scintillanti, il soffitto è a cassettoni e per giungere alle cucine si attraversa una galleria di ritratti, con foto autografate di star come Robert De Niro, Leonardo DiCaprio, Susan Sarandon e Sofia Loren. Quando lo ha rilevato, venti anni fa, il locale aveva già una storia di tutto rispetto.

Oggi è un punto di riferimento della cucina italiana per il mondo della politica e dello spettacolo. Su un tavolino sono sistemati pacchi di pasta che i clienti decidono di donare al progetto. In cambio possono prendere una cartolina con stampata una foto di gruppo: la madre di Bruno, Caterina, circondata dai una trentina di bambini. “L’idea è stata di mia madre. E’ venuta a trovarmi dall’Italia, sei anni fa, e siamo andati al centro insieme. Uno dei responsabili ci ha raccontato che questi bambini spesso mangiano solo a pranzo al centro, saltando la cena. ‘Bruno - ha detto mia madre - perche’ non gli prepari un po’ di pastasciutta?’. Da allora lo faccio”.

IL LIBRO / IN LIBRERIA PER ADDA EDITORE IL NUOVO INTERESSANTE VOLUME DI GIOVANNI GIUA E PAOLO MARTURANO

Anni ‘70 a Bari: terribili e meravigliosi Terribili e meravigliosi. Gli Anni ‘70 (come in gran parte dell’Italia) furono proprio così. E a raccontarceli sono un farmacista ed un dentista, Giovanni Giua e Paolo Marturano, una coppia collaudata nell’editoria barese. L’ultimo nato di una felice produzione si chiama proprio così: “Quei terribili meravigliosi Anni ‘70 a Bari” (260 pagine). A pubblicarlo è Adda, raffinato editore che nella storia di Bari e della Puglia entra sempre a pieno titolo. Un viaggio dal 1970 al 1980 scavando nei ricordi, recuperando immagini, riportando aneddoti, ricostruendo vicende. Belle e brutte, entusiasmanti e mortificanti, ma comunque sempre ben scolpite nella mente dei due autori che nel loro curriculum vantano impegno politico, sociale e sportivo. Due Baresi che hanno deciso di non

dimenticare e di non far dimenticare un decennio di storia cittadina che è certamente stato vitale e fibrillante. Sono stati anni di grandi successi, ma anche di tensioni politiche che a Bari ebbero il loro apice nel delitto Petrone. Ci sono i nomi, i volti, di una Bari che aspirava e credeva: aspirava ad essere un vero punto di riferimento nel Paese e credeva di averne le qualità. Un antico male cittadino segnato dal convincimento che per raggiungere i traguardi bastino intraprendenza e poco più. La città sta pagando a caro prezzo il suo mancato investimento in competenze, formazione e meritocrazia. E ripercorrendo quel decennio affiora l’amarezza per quello che Bari poteva diventare e non è diventata. Tuttavia il brutto vizio di far ricorso ad

una lente di ingrandimento per “maggiorare” le proprie proporzioni non è stato perduto. Anzi. La consistente iconografia e le testimonianze di alcuni protagonisti fanno riaffiorare i ricordi di stagioni intense. Di una città che scopriva il calcio maggiore e di una mobilitazione studentesca che bloccava la città fisicamente, ma in qualche modo la incoraggiava a crescere. C’è una città che molti hanno dimenticato e altri non possono riconoscere. Giua e Marturano continuano a contribuire ad arricchire la memoria storica di una baresità che nonostante la globalizzazione conserva i suoi segni distintivi nel bene e nel male. Mille facce, i circoli, le squadre, le feste: terribili e meravigliosi quegli anni. E ancora non sapevamo cosa ci aspettasse. (d.c.)


18

Venerdì 2 dicembre 2011

Classifica serie a

sport

Juventus Milan Udinese Lazio Palermo Roma Catania Napoli Genoa Parma

alle 20.45

26 24 24 22 19 17 17 17 15 15

Cheivo Inter Siena Atalanta Cagliari Fiorentina Bologna Novara Cesena Lecce

15 14 14 14 14 13 11 10 9 8

top ten marcatori

La 14a giornata

Denis Di Natale Ibrahimovic Giovinco Klose Jovetic Palacio Marchisio Matri Cavani

Genoa-Milan Inter-Udinese Napoli-Lecce Catania-Cagliari Bologna-Siena Chievo-Atalanta Fiorentina-Roma Juventus-Cesena Parma-Palermo Lazio-Novara

Atalanta Udinese Milan Parma Lazio Fiorentina Genoa Juventus Juventus Napoli

10 9 7 7 6 5 5 5 5 5

oggi

20.45

domani

20.45

domani

20.45

domenica

12.30

domenica

15

domenica

15

domenica

15

domenica

15

domenica

20.45

lunedì

20.45

al ferraris l’anticipo di serie a

Contro il Genoa mister Allegri vuole un Milan “più cattivo” E sul rinnovo si dice tranquillo paolo cappelleri

“I

o sono uno diretto”, dice di sé Massimiliano Allegri. E la conferenza stampa alla vigilia della sfida con il Genoa lo conferma. In mezz’ora spiega che attende il rinnovo di contratto promesso mesi fa, non offre nuovo spazio a Pippo Inzaghi che medita l’addio, e fra una cosa e l’altra sollecita il suo Milan a non abbassare il ritmo, “a essere ancora più cattivo” perché la rimonta della Juventus a Napoli ha consolidato le credenziali bianconere. In ordine di importanza, si comincia con il rinnovo. Fra le righe si vede che è un tasto do-

lente per l’allenatore, l’unico delle squadre di vertice a parte Edy Reja con un contratto in scadenza a giugno. “Non ci saranno sorprese, assolutamente”, dice Allegri, confidando nella parola data dall’ad Galliani dopo la conquista della Supercoppa a Pechino. Era agosto, quattro mesi dopo non ci sono novità e all’orizzonte spunta il nome di Marco Van Basten, da sempre pallino di Silvio Berlusconi. “Galliani ha detto che resterò fino al 2014, sia a lui sia al presidente ho spiegato che la mia ambizione è quella di rimanere chiarisce Allegri -. Da parte mia non c’è nessun problema. Biso-

gna solo mettersi a parlare e definire tutto”. Potrebbe discuterne direttamente con Berlusconi, che si appresta a tornare formalmente al vertice del club. “Berlusconi - spiega Allegri - è sempre stato il presidente del Milan, ma adesso spero che venga più spesso a Milanello, perché la sua presenza fisica è uno stimolo in più per tutto l’ambiente”. Un ambiente piuttosto sereno in questo momento, se si fa eccezione per Inzaghi. Finora ha giocato solo 25’, ed è stato escluso dai convocati anche per la trasferta di Genova, in cui mancheranno Van Bommel, fermato da un’infiammazione al gi-

nocchio e sostituito davanti alla difesa da Ambrosini, oltre agli altri infortunati Abbiati e Nesta, rimpiazzati rispettivamente da Amelia e Yepes. In attesa del rinforzo in attacco (“Tevez è ottimo, ma pensiamo al presente”), sta convincendo Pato. Rientrato dopo l’ennesimo infortunio muscolare, il brasiliano “ha ritrovato il gol, sta bene fisicamente e psicologicamente e ora andrà in crescendo”, conta Allegri, che medita di scegliere proprio Pato al posto di Robinho per affiancare Ibrahimovic a Genova, in una partita che può lanciare i rossoneri in testa solitari almeno in attesa dei risultati di Juventus e Udinese.

europa league

Vaslui-Lazio 0-0 la qualificazione è compromessa La Lazio non va oltre lo 0-0 in Romania contro il Vaslui nella penultima giornata del gruppo D dell’Europa League e compromette così la qualificazione ai sedicesimi di finale. Nell’ultimo turno la squadra di Reja dovrà battere all’Olimpico lo Sporting Lisbona e sperare che lo Zurigo in Svizzera fermi il Vaslui”. (nella foto Cissé)

inizio alle 18 / a kiev gli azzurri scopriranno gli avversari della fase a gironi

Euro 2012: Italia ai sorteggi con l’incubo Spagna Comincia nel gelo di Kiev la cavalcata di Euro 2012, il campionato continentale che nell’aprile del 2007 a Cardiff venne assegnato a sorpresa, ed a spese dell’Italia, a Polonia ed Ucraina e che vedrà il suo atto conclusivo il prossimo 30 giugno nell’Olimpico di Kiev. Quel giorno si saprà il nome del successore della Spagna oppure se le Furie Rosse confermeranno il titolo vinto nel 2008 all’Happel di Vienna. Intanto il primo atto è quello del sorteggio che, in questo Paese ancora un po’ indietro nei preparativi, si terrà oggi (alle 19 locali, le 18 in Italia) nel palazzo delle Arti della capitale ucraina.

Per l’ultima volta sarà un Europeo a 16 squadre (a Francia 2016 saranno in 24), da suddividere in 4 gironi da 4 ciascuno in base alle criterio delle fasce: ogni urna conterrà quattro nomi scelti in base al ranking della federazione continentale. Unica anomalia è che le due squadre in teoria più deboli, quelle di casa, saranno considerate teste di serie in base a criteri organizzativi, e quindi Polonia ed Ucraina sono già state collocate nella prima urna assieme alle due finaliste dell’ultimo Mondiale, la Spagna e l’Olanda. I polacchi, ha fatto sapere l’Uefa, sono stati inseriti nel gruppo A in posizione A1, gli

ucraini nel D come D1. L’Italia è in seconda fascia, e quindi eviterà di scontrarsi, almeno nella fase a gironi, con potenze del calibro di Germania, Russia e l’Inghilterra di Fabio Capello. Ma gli azzurri di Prandelli, sempre in base al criterio delle fasce, rischiano comunque di trovarsi in un girone di ferro, magari quello tutto latino assieme a Spagna, Portogallo (terza urna) e Francia (quarta urna). Oppure potrebbero ritrovare due delle avversarie dei gironi di Euro 2008, ovvero Olanda e ancora Francia, e sarebbe un altro ‘gruppo della morte’, visto che ai quarti di finale passano soltanto in due.


19

Venerdì 2 dicembre 2011

Classifica serie b 38 33 32 31 31 28 25 24 23 21 21

Bari Livorno Crotone AlbinoLeffe Empoli Vicenza Brescia Modena Nocerina Gubbio Ascoli

20 20 20 19 18 18 18 16 14 14 8

La 17a giornata

Tavano Abbruscato Cocco Immobile Sansovini Castaldo Insigne Missiroli Sforzini Boakye Cacia

AlbinoLeffe-Nocerina Crotone-Sassuolo Empoli-Ascoli Juve Stabia-Gubbio Livorno-Verona Modena-Vicenza Padova-Torino Pescara-Grosseto Varese-Brescia Reggina-Sampdoria Bari-Cittadella

Empoli Vicenza AlbinoLeffe Pescara Pescara Nocerina Pescara Reggina Grosseto Sassuolo Padova

l’inchiesta

12 10 9 9 9 8 7 7 7 6 6

domani domani domani domani domani domani domani domani domani domani lunedì

15 15 15 15 15 15 15 15 15 18 20.45

sport

Torino Pescara Sassuolo Padova Verona Reggina Varese Sampdoria Grosseto Juve Stabia Cittadella

top ten marcatori

dieci indagati. “fari” sul 4-1 al livorno del 2010

Scommesse dei clan sul Bari Garzelli “assolve” la società “Club impotenti su combine dei calciatori”

A

ncora scommesse, ancora tribunali di mezzo, ancora sport al servizio non del gioco, ma del malaffare. E infine il commento dell’amministratore unico del Bari, Garzelli: “I club sono impotenti rispetto a possibili combine dei giocatori”. Gli scommettitori questa volta non miravano a truccare l’esito delle partite di calcio, ma a riciclare il denaro sporco con puntate illegali. è l’ipotesi su cui si muove l’inchiesta della Procura di Bari cominciata dieci mesi fa sulla base di una segnalazione fatta dal bookmaker Skysport 365, lo stesso citato nell’inchiesta sul calcio scommesse della Procura Cremona. Al centro del fascicolo barese, nel quale sarebbero al momento iscritti una decina di indagati per il reato di riciclaggio, secondo alcune fonti, ci sarebbero le modalità con cui venivano puntati i soldi provento di attività illecite sulle partite non solo di calcio, ma anche di altri sport, come tennis e basket. All’attenzione degli investigatori, sin dal gennaio scorso, è la partita di coppa Italia Bari-Livorno

per il pass olimpico

L’Italvolley oggi contro la Polonia Oggi in campo contro la Polonia dell’ex ct Anastasi per tentare il colpo e volare alle Olimpiadi di Londra. Per gli azzurri della pallavolo, impegnati alla World Cup in Giappone, è l’ora dell’esame di maturità. La squadra di Berruto ha finora fatto bene e con sei vittorie e due sconfitte è al terzo posto che in questo momento varrebbe il pass per i Giochi olimpici.

i possibili acquirenti

L’avvocato della Meleam indagato per falso ideologico Da sinistra, il ds Angelozzi, il tecnico Torrente e l’amministratore unico Garzelli

(4-1) del 1° dicembre 2010 mentre nessuna conferma si è avuta su altri incontri finiti nelle indagini. Dalle stesse fonti si apprende che l’inchiesta barese, più che a quella di Cremona (incentrata invece proprio sull’esito delle partite che sarebbero state truccate dagli stessi giocatori), sarebbe strettamente collegata all’indagine napoletana che il 23 settembre scorso ha portato all’arresto di otto persone, tra cui il ristoratore barese Nicola De Tullio, mai interrogato nell’ambito del fascicolo aperto dalla Procura di Bari, nel quale non risulta coinvolto. La magistratura barese sta quindi

accertando se le puntate anomale denunciate da Skysport 365, e non solo quelle, siano state un modo per riciclare il denaro del clan Parisi che da tempo avrebbe deciso di investire sul business delle scommesse sportive aprendo agenzie trasformate, a loro insaputa, in “lavatrici” per ripulire i soldi sporchi provenienti da attività illecite. In serata, il commento di Claudio Garzelli, amministratore unico del Bari: “Attendiamo l’esito delle inchieste della magistratura. I club sono impotenti rispetto a possibili combine organizzate dai calciatori”.

fronte sportivo / il portiere lamanna: “serve più concentrazione”

Torrente recupera Polenta

Dopo il trequartista Bogliacino, torna a lavorare in gruppo il difensore Polenta (foto): ancora un recupero per il Bari di Torrente. La squadra ieri mattina si è allenata all’antistadio. Proseguono il lavoro differenziato i difensori Masi, Sini e Ceppitelli, i centrocampisti Scavone e Defendi, e l’attaccante Forestieri. Nel pomeriggio quattordici giocatori, tra i quali gli attaccanti ritornati nel gruppo, Kutuzov e Castillo, hanno disputato a Corato una partita amichevole contro la formazione locale. Oggi è prevista una doppia seduta di allenamento. Il portiere Eugenio Lamanna si è soffermato con i giornalisti sul momento non brillante della retroguardia: “Dobbiamo migliorare

nelle situazioni legate alle palle inattive. Ci vorrà maggiore concentrazione. Far bene contro il Cittadella è importante per ritornare a muovere la classifica”. Sul fronte societario intanto, a seguito dell’inibizione per quattro mesi dell’amministratore unico Claudio Garzelli (sanzione stabilita dalla Commissione disciplinare a metà novembre per inadempienze negli atti di iscrizione al torneo) a rappresentare il club negli organismi federali sarà il direttore sportivo, Guido Angelozzi. Di fatto però non potrà far parte dei gruppi di studio della Lega al lavoro sul tema spinoso dei diritti televisivi, ambito nel quale Garzelli era impegnato.

La responsabile legale della sede di Battipaglia (Salerno) della Meleam - società in trattativa per acquistare dalla famiglia Matarrese il Bari calcio è indagata per concorso in falsità ideologica dalla procura di Salerno. A Paola Marallo, di 39 anni, residente a Benevento, ad un medico barese ex dipendente della Meleam e ad un’imprenditrice di Matera, è stato notificato un avviso di conclusione delle indagini preliminari a firma del pm Carmine Olivieri. Secondo l’accusa, il medico e Marallo avrebbero confezionato, su istigazione dell’imprenditrice, quattro certificati di idoneità alla mansione specifica dei lavoratori nei quali si attestava che i dipendenti erano stati sottoposti a visita medica che invece - secondo l’accusa - non era mai stata eseguita. A Marallo, in particolare, viene contestata la falsità ideologica commessa da persone esercenti un pubblico servizio per aver ratificato l’operato del medico della Meleam che attestava falsamente di aver visitato i quattro lavoratori mentre in realtà in quei giorni si trovava in un’altra località.


20

Venerdì 2 dicembre 2011

TV

PROGRAMMI

in televisione

Raiuno 09:30 TELEGIORNALE TG 1 - FLASH 10:55 PREVISIONI DEL TEMPO 11:00 TELEGIORNALE TG 1 11:05 RUBRICA Occhio alla spesa 12:00 GIOCO La prova del cuoco 13:30 TELEGIORNALE TG 1 14:00 RUBRICA TG1 Economia 14:05 RUBRICA TG1 Focus 14:10 SHOW Verdetto Finale 15:15 RUBRICA La vita in diretta 16:50 TELEGIORNALE TG 1 18:50 GIOCO L’Eredità 20:00 TELEGIORNALE 20:30 RUBRICA Qui Radio Londra 20:35 GIOCO Soliti Ignoti 21:10 SHOW I migliori anni 23:20 RUBRICA TG1 60 secondi 23:30 RUBRICA TV7

RaiDUE 10:00 RUBRICA TG2punto.it 11:00 TALK SHOW I Fatti Vostri 13:00 TELEGIORNALE TG 2- GIORNO 13:30 RUBRICA TG 2 Costume e Società 13:50 RUBRICA TG2 Eat Parade 14:00 RUBRICA Italia sul Due 16:05 TELEGIORNALE TG 2 Flash L.I.S 16:10 TELEFILM Ghost Whisperer 16:50 TELEFILM Hawaii Five-0 17:50 TELEGIORNALE TG 2 18:00 SPORT Campionati europei 2012 19:30 TELEFILM Squadra Speciale Cobra 11 20:30 TELEGIORNALE TG 2 21:05 TELEFILM N.C.I.S.: Los Angekes 21:50 TELEFILM Blue Bloods

RESTO UMILE WORLD SHOW

THE FAMILY MAN

Alle 21.10 su CanaleCinque. Show speciale di Checco Zalone (alias Luca Medici, nella foto) con il meglio dei suoi cavalli di battaglia (dall’imitazione di Nichi Vendola a quella dello scrittore Roberto Saviano), novità e ospiti che duetteranno con lui dal vivo.

Alle 21.10 su ItaliaUno. Jack(Nicolas Cage, nella foto), vive a New York e ha tutto: successo, soldi, donne. Un giorno aiuta un ragazzo di colore, che vorrebbe ricambiare il favore, ma Jack non ha bisogno di nulla. La mattina dopo si sveglia però e si ritrova in una casa nel New Jersey…

22:40 TELEFILM Cold Case 23:25 TELEGIORNALE TG 2 23:40 RUBRICA L’ultima parola

RaiTRE 10:00 RUBRICA Rai 150 anni La storia siamo noi 11:00 RUBRICA Apprescindere 11:10 TELEGIORNALE TG3 Minuti 12:00 TELEGIORNALE TG3 12:25 RUBRICA TG3 Fuori TG 12:45 RUBRICA Le storie - Diario italiano 13:10 TELEFILM La strada per la felicità 14:00 TELEGIORNALE TG Regione 14:20 TELEGIORNALE TG3 14:50 RUBRICA TGR Leonardo 15:00 TELEGIORNALE TG3 LIS 15:05 TELEFILM Lassie 15:50 RUBRICA Cose dell’altro Geo 17:40 RUBRICA Geo & geo 18:10 PREVISIONI DEL TEMPO 19:00 TELEGIORNALE TG3 19:30 TELEGIORNALE TG Regione 20:00 RUBRICA La crisi - In 1/2 h 20:20 RUBRICA Blob 20:15 TELEFILM Sabrina vita da strega 20:35 TELEFILM Un posto al sole 21:05 ATTUALITA’ Mi manda RaiTre 23:15 SERIE TV Boris

RETE 4 09:55 TELEFILM R.I.S. Delitti imperfetti 10:50 RUBRICA Ricette di famiglia 11:25 TELEGIORNALE Anteprima tg4

11:30 TELEGIORNALE Tg4 11:50 NEWS Meteo 11:55 TELEGIORNALE Tg4 12:00 NEWS Vie d’italia Notizie sul traffico 12:05 TELEFILM Detective in corsia 13:00 TELEFILM La signora in giallo 13:50 RUBRICA Il tribunale di forum - Anteprima 14:05 RUBRICA Sessione pomeridiana: il tribunale di forum 15:35 SOAP OPERA Sentieri 15:50 FILM Intrigo internazionale 17:20 NEWS Vie d’italia Notizie sul traffico 18:50 TELEGIORNALE Anteprima tg4 18:55 TELEGIORNALE Tg4 19:19 NEWS Meteo 19:23 TELEGIORNALE Tg4 19:35 TELEFILM Tempesta d’amore 20:30 TELEFILM Walker Texas ranger 21:10 ATTUALITA’ Quarto Grado 23:50 RUBRICA I bellissimi di Rete4 23:55 FILM Arlington Road - L’inganno

CANALE 5 10:00 TELEGIORNALE Tg5 10:05 REALITY SHOW Grande Fratello 11:00 RUBRICA Forum 13:00 TELEGIORNALE Tg5 13:39 NEWS Meteo 5 13:41 SOAP OPERA Beautiful 14:10 SOAP OPERA Centovetrine 14:45 TALK SHOW Uomini e donne 16:20 NEWS Pomeriggio cinque 17:20 TELEGIORNALE Tg5 minuti 17:25 NEWS Pomeriggio cinque 18:50 GIOCO Avanti un altro 19:44 TELEGIORNALE Tg5 - Anticipazione 19:45 GIOCO Avanti un altro 20:00 TELEGIORNALE Tg5 20:30 NEWS Meteo 5

toro

gemelli

cancro

leone

vergine

Fissate gli obiettivi principale e cercate di raggiungerli con impegno e sfruttando al meglio le vostre qualità. Pensate a un investimento. Concentratevi sull’amore e sulle cose belle che avete intorno: vi farà sentire più sereni e più forti per affrontare gli impegni lavorativi. Siate vigili e non cullatevi: dimostrate il vostro amore e la vostra dedizione al partner e non rischierete mai di perdere ciò che avete. Siate consci del vostro valore e sfoderate tutti le armi in vostro possesso per raggiungere il successo desiderato. In famiglia tutto sotto controllo. Riflettete su voi stessi, sulle vostre necessità e sulle cose giuste da fare, per voi stessi e per le persone che dipendono da voi. Non puntate sulle stesse carte se vedete che non riuscite ad averla vinta: cercate di raggiungere l’obiettivo percorrendo altre strade.

ITALIA 1 09:45 TELEFILM Una mamma per amica 10:35 TELEFILM Grey’s anatomy 12:25 TELEGIORNALE Studio aperto 12:45 RUBRICA Cotto e mangiato 13:00 NEWS Studio sport - anticipazioni 13:02 NEWS Studio sport 13:40 TELEFILM I Simpson 14:35 CARTONI ANIMATI What’s my destiny Dragon Ball 15:00 SITUATION COMEDY Big bang theory 15:35 TELEFILM No Ordinary Family 16:25 SITUATION COMEDY La Vita secondo Jim 16:50 TELEFILM Giovani Campionesse 17:45 CARTONI ANIMATI Dragon Ball 18:28 TELEGIORNALE Studio aperto - Anticipazioni 18:30 TELEGIORNALE Studio aperto 18:58 NEWS Meteo 19:00 NEWS Studio sport 19:25 TELEFILM Dr House Mediacl Division 20:20 TELEFILM C.S.I. - Scena del crimine 21:10 FILM The Family Man 23:45 FILM Un semplice desiderio

LA SETTE 09:40 RUBRICA Coffee Break 10:30 RUBRICA L’aria che tira

AGENDA

l’oroscopo ariete

20:31 SHOW Striscia la notizia 21:10 SHOW Resto umile World Show 23:15 SHOW Mai dire Grande Fratello

Bilancia

scorpione

sagittario

capricorno

acquario

pesci

Non fatevi esasperare inutilmente da problemi e disguidi che non hanno a che fare con voi direttamente. Siate ottimisti e propositivi. Siate sinceri e corretti con il partner e ridurrete la distanza che si è creata fra di voi. Sul lavoro fate la vostra parte e cercate di rimanere obiettivi. Grande momento in amore e negli affetti in generale: avete faticato tanto fino ad ora ma adesso le cose andranno esattamente come avete sperato. Preparatevi ad un periodo denso di novità e cambiamenti: non fatevi spaventare da nulla, ma continuate a mostrare grinta e determinazione. Concludete un progetto che avete cominciate nel più breve tempo possibile e raccoglierete subito i frutti del vostro impegno. Usate l’ingegno. Siate più concentrati e impegnati o rischierete di dimenticare le cose più importanti. Siate risolutivi e non rimandate a domani le scelte di oggi.

Venerdì 2 dicembre 09.45

Inaugurazione Anno Accademico Si terrà nell’aula magna “Attilio Alto” del Campus universitario a Bari, la cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico 2011-2012 del Politecnico. La Lectio Magistralis sarà affidata, al prof. Alberto Sangiovanni Vincentelli (University of California at Berkeley), che tratterà il tema: “Il futuro della Information Technology: miliardi di sensori intelligenti e interfacce nascoste.”

MTV 10:00 SHOW Karaoke Box 11:00 SHOW Made 12:00 NEWS MTV News 12:05 SHOW Disaster Date 13:00 NEWS MTV News 13:05 SHOW Hitlist Italia - Daily 14:00 NEWS MTV News 14:05 SITUATION COMEDY Scrubs 15:00 NEWS MTV News 15:05 REPORTAGE Ginnaste: Vite parallele 16:00 SHOW Made 17:00 TELEFILM Teen Mom 18:00 SHOW Disaster Date 19:00 NEWS MTV News 19:05 REPORTAGE Ginnaste: Vite parallele 20:00 TELEFILM Vita segreta di una teenager americana 21:00 REPORTAGE Ginnaste: Vite parallele 23:00 NEWS MTV News 23:30 TELEFILM South Park

agenda@epolisbari.com show dal titolo “Dire, fare, creare… secondo natura”. L’evento si completerà con installazioni, testimonianze imprenditoriali e colorate degustazioni. 18.30

Graziosetto alle Officine Culturali Il professor Michele Graziosetto presenterà i suoi libri “Francesco Crispi” e “Trasformazione trasformismo o transumanza?” a Bitonto, nelle Officine culturali (Largo Gramsci 7). Modererà l’incontro il giornalista Marino Pagano. 20.00

16.00

Sul patrimonio immobiliare Si terrà a Bari, nella Salla Convegni della CCIAA, l’incontro “Gestione, valorizzazione e dismissione del patrimonio immobiliare dello Stato e degli enti pubblici: profili economici e profili giuridici”. 17.00

11:25 SHOW S.O.S. Tata 12:25 RUBRICA I menù di Benedetta 13:30 TELEGIORNALE Tg La7 14:05 FILM Il cacciatorpediniere maledetto 16:15 DOCUMENTARIO Atlantide Storie di uomini e mondi 17:10 DOCUMENTARIO How Does it Work 17:30 TELEFILMThe District 19:20 SHOW G’ Day 20:00 TELEGIORNALE Tg La7 20:30 RUBRICA Otto e Mezzo 21:10 ATTUALITA’ Italialand Nuove attrazioni 23:05 ATTUALITA’ Italialand Antiche attrazioni 23:30 SPORT Sotto canestro

Il Fuoco del Sud di Lino Patruno Lino Patruno presenterà il suo ultimo libro “FUOCO DEL SUD. La ribollente galassia dei Movimenti meridionali” a Capurso (Ba), nella Biblioteca comunale “Giuseppe D’Addosio” (Piazza Matteotti). 21.00

Dire, fare creare...secondo Natura Nel salone della Camera di Commercio di Bari si terrà la VI Edizone di “Donna Crea Impresa”, con un dibattito-talk

Il Carro dei Comici: eretico furore Si terrà a Bitonto, nel teatro comunale Tommaso Traetta, lo spettacolo “Giordano Bruno - L’eretico furore” presentato da “il Carro dei Comici”.

Questo spazio è dedicato agli appuntamenti di associazioni, enti, club, circoli ecc. Inviate le segnalazioni ad agenda@epolisbari.com


21

Venerdì 2 dicembre 2011

in sala IL GIORNO IN PIU’

Gil e Inez sono in viaggio a Parigi con la famiglia di lei. Gil, che è uno scrittore, comincia a girovagare per le strade di notte alla ricerca di ciò che non trova durante il giorno e si innamora della splendida città e di tutto ciò che può regalargli.

Un 40enne, manager di successo, passa di donna in donna, con successo, ma senza interesse. Durante i suoi tragitti in tram, però, incontra ogni mattina una ragazza di cui finalmente si innamora, ma lei sta per partire per New York per cambiare vita.

IL NOSTRO TEMPO

MIDNIGHT IN PARIS

cinema Andria Multisala Cinemars C. Barbadangelo Ipercoop Mongolfiera Tel. 0883261022

Sala 1

Il giorno in più 19.10 - 21.30

Sala 2

1921 - Il mistero di Rookford 18.05 - 20.15 - 22.30

Sala 3

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 21.45 Bari ABC - Circuito d’Autore Via Marconi, 41 - Tel. 080 9644826

Sala 4

Anonymous 16.30 - 18.50 1921 - Il mistero di Rookford 21.00 - 22.45

Ambasciatori Via Toma, 67 - Tel. 080 5425000

Sala 5

Il giorno in più 18.30 - 21.00

Sala 4

Armenise Via Pasubio, 178 - Tel. 080 5562590

Sala 5

Lo schiaccianoci 3D 16.40 Anche se è amore non si vede 18.45 - 20.45 - 22.40

Le nevi del Kilimangiaro 18.00 - 20.00 - 21.50

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 19.00 - 21.30 - 22.30 Il giorno in più 18.00 - 20.20 - 22.35

Sala 3

Sala 1

Real Steel 17.30 - 20.00 - 22.30

Sala 6

Il Re leone 3D 16.45 Il giorno in più 18.40 - 20.40 - 22.40

Anche se è amore non si vede 18.10 - 20.20 - 22.30

Midnight in Paris 16.45 - 18.40 - 20.40 - 22.30

Sala 7

Sala 6

Balafon (Rassegna Film Festival)

Sala 8

Midnight in Paris 18.10 - 20.20 - 22.30

Sala 7

Happy Feet 2 3D 18.10 - 20.20

Sala 8

Tower Heist - Colpo ad alto livello 18.00 - 20.15 - 22.30

Sala 9

Real Steel 19.30 - 22.10 Multisala Roma Circuito d’autore Via F. Giugno 6 - Tel. 0883542622

Sala 1

Midnight in Paris 17.30 - 19.30 - 21.30

Sala 2

Anche se è amore non si vede 19.30 - 21.30

Sala 3

Scialla! 17.15 - 19.15 - 21.15 Barletta Opera - Circuito d’autore Via Imbriani, 27 - Tel. 0883510231

Sala 1

Il giorno in più 18.00 - 20.00 - 22.00

Sala 2

Anonymous 19.00 - 21.30

Sala 3

Midnight in Paris 18.00 - 20.00 - 22.00 Paolillo C.so Garibaldi, 27 - Tel. 0883531022

Sala 1 - Manfredi

Anche se è amore non si vede 19.30 - 21.45

Sala 2 - Tognazzi Napoletans 19.30 - 21.45

Sala 3 - Gassmann Happy Feet 2 19.30

Sala 2

Esedra Largo Mons. Curi 17 - Tel. 080 5537760 Il paese delle spose infelici 18.15 - 21.00 Il Piccolo - Circuito d’Autore Via Giannone 4 - Santo Spirito Tel. 080 5333100 Lo Schiaccianoci 18.30 Il paese delle spose infelici 21.00

Midnight in Paris 17.00 - 19.00 - 21.00 The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 16.45 - 19.00 - 21.15 Splendor Via Buccari, 24 - Tel. 080 5569729 Miracolo a Le Havre 18.30 - 20.30 - 22.30 Royal C.so Italia, 112 - Tel. 080 5211668

Politeama Italia Via Montello, 6 - Tel. 0803968048

Sala 6

Midnight in Paris 16.30 - 18.30 - 20.45 - 22.45 Multisala Showville Trav. Conte Giusso, 9. Bari-Mungivacca Tel. 0809757084

Sala 1

Happy Feet 2 16.30 - 18.30 Tower Heist - Colpo ad alto livello 20.30 - 22.30

Sala 2 Sala riservata

1921 - Il mistero di Rookford 15.40 - 18.00 - 20.15 - 22.35

Sala 9

Il giorno in più 17.15 - 19.45 - 22.15 corato Alfieri - Circuito d’autore L.go Aregano - Tel. 080 3588551

Sala 1

Il giorno in più 17.00 - 19.15 - 21.30

Sala 2

1921 - Il mistero di Rookford 17.15 - 19.30 - 21.40

Sala 3

Il paese delle spose infelici 17.30 - 19.30 - 21.30

Casamassima The Space Cinema Centro commerciale Auchan Via Noicattaro 2 - Tel. 080 892111

Sala 1

Happy Feet 2 3D 15.40 - 17.55 - 20.15 La peggior settimana della mia vita 22.30

Sala 2

Anche se è amore non si vede 17.00 - 19.20 - 21.40

Sala 3

Midnight in Paris 15.20 - 17.30 - 19.45 - 22.00

Sala 4

Lo schiaccianoci 3D 15.20 - 17.45 - 20.10 The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 22.30

Lo schiaccianoci 3D 17.40 - 20.00 Immortals 3D 20.20

Sala 10

Il giorno in più 17.00 - 19.20 - 21.40

Sala 11

Tower Heist - Colpo ad alto livello 18.05 - 20.15 - 22.25

Sala 12

La peggior settimana della mia vita 17.30 - 20.00 - 22.10 spinazzola Supercinema C.so Umberto 206/A - Tel. 0883681862 Riposo settimanale trani Impero Via Pagano, 192 - Tel. 0883583444

Sala A

Il giorno in più 17.30 - 20.00 - 22.00

Sala B

Anche se è amore non si vede 17.30 - 19.30 - 21.45

Il Re Leone 3D 17.30 Anche se è amore non si vede 20.00 - 22.00

Sala 2 - Truffaut

mola

Happy Feet 2 17.30 Midnight in Paris 19.30 - 21.45

Sala B

Sala 4

Happy Feet 2 3D 16.10 - 18.20 Tower Heist - Colpo ad alto livello 20.25 - 22.35

Sala 8

Multisala Uci Cinemas Ss 16/bis usc. Z.I. c/o Fashion District Molfetta Outlet - tel 892960

Happy Feet 2 3D 17.00 Midnight in Paris 19.00 - 21.00

Sala 5

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 16.40 - 19.20 - 22.00

molfetta

Sala 3

Anche se è amore non si vede 16.20 - 18.35 - 20.40 - 22.45

Sala 7

Sala A

Lisistrata (Teatro) 20.30 - 21.00

Il Re Leone 3D 16.00 Scialla! 18.00 - 20.20 - 22.30

Sala 9

Il Re Leone 3D 15.40 - 17.50 Immortals 3D 20.00 - 22.25

Sala 1 - Fellini

Il giorno in più 17.00 - 19.15 - 21.30

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 15.50 - 18.10 - 21.00

Sala 6

Bisceglie

Il giorno in più 16.00 - 18.15 - 20.30 - 22.45

Sala 2

Real Steel 17.10 - 19.50 - 22.25

Cinema Elia d’Essai C.so Garibaldi, 36-38 - Tel. 080 3588581

Nuovo Via Piave, 85 - Tel. 0803921022

Sala 8

Anche se è amore non si vede 15.30 - 17.45 - 20.00 - 22.15

Sala riservata

Multicinema Galleria C.so Italia, 15 - 17 - Tel. 080 5214563

Sala 1

Sala 5

Sala 1

The Twilight Saga: Breaking Dawn parte 1 17.25 - 19.50 - 22.15

Metropolis - Circuito d’Autore Via Baracca - Tel. 080 4713038

Sala 1

Il giorno in più 19.20 - 21.50

Sala 2

Midnight in Paris 17.50 - 20.00 - 22.00

Sala 3

Sala 2

Anonymous 19.00 - 21.30

Sala 3

Anche se è amore non si vede 19.10 - 21.40

1921 - Il mistero di Rookford 17.40 - 20.05 - 22.20 Il giorno in più 17.50 - 20.10 - 22.30

Sala 4

Anche se è amore non si vede 18.10 - 20.25 - 22.30

Sala 5

Happy Feet 2 3D 17.15 Anche se è amore non si vede 19.20 - 21.30

Sala 6

Midnight in Paris 18.00 - 20.10 - 22.15

Sala 7

Napoletans 18.20 - 20.20 - 22.20

Sala 4

Polignano Multis. Vignola - Circ. d’Autore Viale Rimembranza, 13 - Tel. 080 4249910

Sala 1

Anche se è amore non si vede 18.00 - 20.00 - 22.00

Sala 2 Il giorno in più 19.45 - 22.00

Sala 3 Il Re Leone 3D 18.00 Anonymous 19.30 - 21.45


22

Venerdì 2 dicembre 2011

COLLEGAMENTI AEREI ORARI IN VIGORE dal 30/10/2011 al 23/03/2012

Partenze da BARI Compagnia BERLINO Airberlin BOLOGNA Ryanair Ryanair Ryanair Alitalia Alitalia Alitalia Alitalia Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair BUCAREST W!ZZ W!ZZ BUDAPEST W!ZZ W!ZZ CAGLIARI Ryanair Ryanair Ryanair CATANIA Blu-Express Blu-Express COLONIA Germanwings Germanwings Germanwings

Part.

Arr.

18:05 20:20 08:15 08:35 12:00 14:30 14:30 14:30 14:30 18:00 22:15 22:15 22:15 22:30 22:35

MaV

09:35 LMaMeGVS 09:35 LMaMeGVS 13:20 D 15:50 LMaMeGVSD 15:50 LMaMeGVS 15:50 MaMeGVS 15:50 LMaMeGVSD 19:20 S 23:35 L 23:35 LS 23:35 L 23:50 V 23:55 D

Note

da 01/11/11 a 23/03/12 da 27/12/11 a 24/03/12 da 31/10/11 a 24/12/11 da 30/10/11 a 18/12/11 da 24/11/11 a 08/12/11 da 26/12/11 a 31/12/11 da 20/12/11 a 24/12/11 da 10/12/11 a 18/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 31/10/11 a 05/12/11 da 12/12/11 a 19/12/11 da 26/12/11 a 26/12/11 da 04/11/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

08:30 11:10 18:20 21:00

LV Me

da 31/10/11 a 23/03/12 da 21/12/11 a 11/01/12

22:20 22:20

23:45 23:45

Ma MaS

da 27/12/11 a 03/01/12 da 01/11/11 a 20/12/11

10:20 11:45 18:05 19:30 18:30 19:55

LMe V S

da 31/10/11 a 21/03/12 da 04/11/11 a 23/03/12 da 05/11/11 a 17/12/11

21:20 22:30 21:50 23:00

LMeV D

da 02/11/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/03/11

12:50 15:05 12:50 15:05 13:45 16:00

D MeD V

da 13/11/11 a 18/12/11 da 21/12/11 a 25/12/11 da 11/11/11 a 23/03/12

Ma S G

da 01/11/11 a 20/03/12 da 05/11/11 a 17/12/11 da 22/12/11 a 05/01/12

L S S MaS Ma G L

da 19/12/11 a 19/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 24/12/11 a 24/12/11 da 01/11/11 a 20/12/11 da 27/12/11 a 27/12/12 da 03/11/11 a 22/03/12 da 26/12/11 a 26/12/11

17:30 18:25

LMeV D

da 31/10/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

08:30 16:10 18:35 21:45 21:50

D LMeV S S Ma

da 30/10/11 a 18/12/11 da 31/10/11 a 23/03/12 da 31/12/11 a 31/12/11 da 17/12/11 a 17/12/11 da 20/12/11 a 03/01/12

DUSSELDORF WEEZE Ryanair 07:00 09:30 Ryanair 19:10 21:40 Ryanair 20:25 22:55 FRANCOFORTE HAHN Ryanair 09:20 11:30 Ryanair 12:20 14:30 Ryanair 13:30 15:40 Ryanair 17:15 19:25 Ryanair 17:15 19:25 Ryanair 18:30 20:40 Ryanair 18:50 21:00 GENOVA Ryanair 16:05 Ryanair 17:00 LONDRA STANSTED Ryanair 06:35 Ryanair 14:15 Ryanair 16:40 Ryanair 19:50 Ryanair 19:55 MADRID Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair MALTA Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair

Frequenza

14:10 16:00 18:50 18:50 20:00

17:00 18:50 21:40 21:40 22:50

14:00 15:20 14:05 15:25 21:25 22:45 22:00 23:20

S S G GS L

da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 29/12/11 a 29/12/11 da 03/11/11 a 22/12/11* da 31/10/11 a 19/12/11

S S S Ma

da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 05/11/11 a 17/12/11 da 01/11/11 a 20/03/12

MILANO LINATE Alitalia 06:40 Alitalia 06:40 Alitalia 06:40 airItaly 09:00 airItaly 09:20 airItaly 09:20 Alitalia 09:25 Alitalia 09:25 Alitalia 09:25 Alitalia 09:25 Alitalia 09:25 Alitalia 12:25 Alitalia 12:25 Alitalia 12:25 Alitalia 12:25 Alitalia 15:15 Alitalia 15:15 Alitalia 15:15 Alitalia 15:15 Alitalia 17:20 Alitalia 17:20 Alitalia 17:20 Alitalia 17:20 MeridianaFly 19:40 MeridianaFly 19:40 Alitalia 20:55 Alitalia 20:55 Alitalia 20:55 Alitalia 20:55

08:10 08:10 08:10 10:30 11:00 11:00 10:55 10:55 10:55 10:55 10:55 13:55 13:55 13:55 13:55 16:45 16:45 16:45 16:45 18:50 18:50 18:50 18:50 21:10 21:10 22:25 22:25 22:25 22:25

LMaMeGV LMaMeGV LMaMeGV S LMaMeGV LMaMeGV GV LMaMeGVS LMaGVSD MaMeGVSD LGS LMaMeGVSD LMaMeGVD LMaMeGVSD LMaMeGVSD GVD LVD LG LMaMeGV LMaMeGVSD MaMeSD LMaMeGVSD LMaMeGVD LMaMeGVD LMaMeGVD MeGV LMaMeGVD LMaMeGVD LMaMeGV

da 08/11/11 a 06/12/11 da 12/12/11 a 23/12/11 da 27/12/11 a 23/03/12 da 19/11/11 a 24/03/12 da 14/11/11 a 23/12/11 da 27/12/11 a 23/03/12 da 01/12/11 a 02/12/11 da 03/12/11 a 10/12/11 da 11/12/11 a 20/12/11 da 21/12/11 a 29/12/11 da 31/12/11 a 05/01/12 da 21/11/11 a 03/12/11 da 05/12/11 a 14/12/11 da 17/12/11 a 24/12/11 da 31/12/12 a 13/01/12 da 02/12/11 a 08/12/11 da 11/12/11 a 16/12/11 da 22/12/11 a 26/12/11 da 30/12/11 a 05/01/12 da 18/11/11 a 03/12/11 da 07/12/11 a 14/12/11 da 15/12/11 a 25/12/11 da 27/12/11 a 06/01/12 da 26/12/11 a 23/03/12 da 18/11/11 a 24/12/11 da 21/12/11 a 23/12/11 da 21/11/11 a 06/12/11 da 08/12/11 a 18/12/11 da 26/12/11 a 05/01/12

MILANO MALPENSA Alitalia 09:40 Alitalia 10:40 Easyjet 14:05 Easyjet 16:20 Easyjet 16:20 Easyjet 16:20 Alitalia 18:45 Easyjet 18:55 Alitalia 19:45 Alitalia 19:45 Easyjet 21:30

11:15 12:15 15:40 17:55 17:55 17:55 20:20 20:30 21:20 21:20 23:05

LMaMeGVS D S LMaMeGV LMaMeGVD LMeVD S S GVD LMaMeGVD LMaMe

da 02/12/11 a 24/03/12 da 06/11/11 a 11/12/11 da 03/12/11 a 10/12/11 da 22/12/11 a 30/12/11 da 06/12/11 a 18/12/11 da 31/10/11 a 15/12/11 da 05/11/11 a 24/03/12 da 17/12/11 a 07/01/12 da 01/12/11 a 04/12/11 da 06/12/11 a 23/03/12 da 19/12/11 a 21/12/11

note: *La frequenza 6 del volo è cancellata dal 19/11/2011 al 03/12/2011

MILANO ORIO AL SERIO Ryanair 06:30 08:00 Ryanair 06:30 08:00 Ryanair 08:30 10:00 Ryanair 08:30 10:00 Ryanair 08:35 10:05 Ryanair 11:05 12:35 Ryanair 13:15 14:45 Ryanair 14:15 15:45 Ryanair 14:15 15:45 Ryanair 14:20 15:50 Ryanair 14:20 15:50 Ryanair 14:35 16:05 Ryanair 15:25 16:55 Ryanair 15:30 17:00 Ryanair 21:00 22:30 Ryanair 21:00 22:30 Ryanair 21:20 22:50 MONACO Lufthansa 11:55 13:35 Airberlin 13:00 14:45 Airberlin 14:15 16:10 PALERMO Blu-Express 13:00 14:00 Blu-Express 15:00 16:10 Blu-Express 19:05 20:15 PARIGI BEAUVAIS Ryanair 06:55 09:25 Ryanair 10:00 12:30 Ryanair 10:20 12:50 Ryanair 10:20 12:50 PISA Ryanair 12:15 14:40 Ryanair 17:00 18:25 Ryanair 17:30 18:55 Ryanair 17:30 18:55 Ryanair 18:30 19:55 PRAGA W!ZZ 21:50 23:45 W!ZZ 21:50 23:45 ROMA CIAMPINO Ryanair 08:35 09:35 Ryanair 08:35 09:35 Ryanair 13:35 14:35 Ryanair 17:30 18:30 Ryanair 21:05 22:05 Ryanair 21:15 22:15 ROMA FIUMICINO Alitalia 06:50 08:00 Alitalia 07:20 08:30 Alitalia 07:20 08:30 Alitalia 07:20 08:30 Alitalia 07:20 08:30 Alitalia 11:15 12:25 Alitalia 12:15 13:25 Alitalia 12:15 13:25 Alitalia 12:15 13:25 Alitalia 15:05 16:15 Alitalia 15:05 16:15 Alitalia 19:20 20:30 Alitalia 19:20 20:30 STOCCARDA Germanwings 12:50 14:45 Germanwings 13:15 15:10 TIMISOARA Carpatair 13:45 16:15 TIRANA Belleair 09:50 10:40 Belleair 17:30 18:20 Belleair 21:30 22:20 TORINO Ryanair 06:50 08:35 Alitalia 09:15 10:55 Ryanair 10:20 12:05 Alitalia 14:25 16:05 Alitalia 14:25 16:05 Alitalia 14:25 16:05 Alitalia 14:25 16:05 Alitalia 14:55 16:35 Alitalia 14:55 16:35 Alitalia 14:55 16:35 Ryanair 18:30 20:15 Ryanair 19:45 21:30 Ryanair 19:50 21:35 Ryanair 19:50 21:35 TREVISO Ryanair 06:30 07:50 Ryanair 06:30 07:50 Ryanair 10:20 11:40 Ryanair 11:10 12:30 Ryanair 12:35 13:55 Ryanair 13:05 14:25 Ryanair 20:40 22:00 VALENCIA Ryanair 16:50 19:25 Ryanair 16:50 19:25 VENEZIA Ryanair 06:30 07:50 Ryanair 10:20 11:40 Ryanair 11:10 12:30 Ryanair 12:35 13:55 Ryanair 13:05 14:25 Alitalia 16:00 17:15 Alitalia 16:20 17:35 Alitalia 16:50 18:05 Ryanair 20:40 22:00 VERONA Air Italy 09:10 10:30 Air Italy 14:50 16:10 Air Italy 14:50 16:10 Air Italy 14:50 16:10 Air Italy 14:50 16:10 Ryanair 16:20 17:40 Air Italy 20:10 21:30 Ryanair 20:45 22:05 ZURIGO Helvetic 08:45 10:35

LMaMeGVSD MaMeGVS S S GS Ma V S S MaMeG LMaMeG D S L LMaMeGV LMaMeGVSD D

da 30/10/11 a 24/12/11 da 27/12/11 a 31/12/11 da 17/12/11 a 17/12/11 da 31/12/11 a 07/01/12 da 22/12/11 a 29/12/11 da 20/12/11 a 03/01/12 da 04/11/11 a 23/03/12 da 05/11/11 a 17/12/11 da 31/12/11 a 24/03/12 da 01/11/11 a 22/12/11 da 26/12/11 a 29/12/11 da 06/11/11 a 18/12/11 da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/10/11 a 19/12/11 da 19/12/11 a 30/12/11 da 31/10/11 a 17/12/11 da 18/12/11 a 18/12/11

LMaMeGVSD S L

da 30/10/11 a 23/03/12 da 05/11/11 a 24/03/12 da 31/10/11 a 23/03/12

D D MaG

da 11/12/11 a 11/12/11 da 06/11/11 a 18/03/12 da 03/11/11 a 22/03/12

G LMeV SD SD

da 22/12/11 a 05/01/12 da 31/10/11 a 23/03/12 da 31/12/11 a 24/03/12 da 30/10/11 a 24/12/11

LV LMeV MaGS MaGS D

da 31/10/11 a 23/03/12 da 31/10/11 a 23/03/12 da 01/11/11 a 22/12/11 da 27/12/11 a 24/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

MeD MeD

da 28/12/11 a 21/03/12 da 30/10/11 a 21/12/11

LMaMeGVSD MaMeGVS S S LMaMeGV SD

da 30/10/11 a 23/12/11 da 27/12/11 a 31/12/11 da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 31/10/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

LMaMeGVSD G LMaMeGVS LMaMeGVS LMaMeGV LMaMeGVSD LGV LMaMeD LMaMeGV LMaMeGVSD LMaMeGVS LMaMeGVSD LMaMeGVSD

da 30/10/11 a 24/03/12 da 08/12/11 a 08/12/11 da 12/12/11 a 24/12/11 da 27/12/11 a 05/01/12 da 30/11/11 a 06/12/11 da 21/11/11 a 08/01/12 da 24/11/11 a 01/12/11 da 05/12/11 a 14/12/11 da 15/12/11 a 26/12/11 da 25/11/11 a 24/12/11 da 27/12/11 a 07/01/12 da 21/11/11 a 24/12/11 da 26/12/11 a 24/03/12

D V

da 13/11/11 a 18/03/12 da 11/11/11 a 23/03/12

LMeV

da 31/10/11 a 24/03/12

LMaMeS V GD

da 31/10/11 a 24/03/12 da 04/11/11 a 23/03/12 da 10/11/11 a 23/03/12

S L MaG LMaMeGV LMaMeGV MeGV Me D S LMaMeGV Ma Me LVD LVD

da 05/11/11 a 24/03/12 da 26/12/11 a 26/12/11 da 01/11/11 a 22/03/12 da 21/11/11 a 07/12/11 da 12/12/11 a 19/12/11 da 21/12/11 a 23/12/11 da 07/12/11 a 07/12/11 da 20/11/11 a 18/12/11 da 24/12/11 a 24/12/11 da 27/12/11 a 23/03/12 da 20/12/11 a 03/01/12 da 02/11/11 a 21/03/12 da 30/10/11 a 23/12/11 da 26/12/11 a 23/03/12

LMeV LMeV V S MaG D D

da 05/12/11 a 23/12/11 da 28/12/11 a 23/03/12 da 09/12/11 a 23/03/12 da 10/12/11 a 24/03/12 da 06/12/11 a 22/03/12 da 11/12/11 a 18/12/11 da 11/12/11 a 18/12/11

MaGS MaG

da 01/11/11 a 22/12/11 da 27/12/11 a 29/12/11

LMeV V S MaG D LMaMeS D G D

da 31/10/11 a 02/12/11 da 04/11/11 a 02/12/11 da 05/11/11 a 03/12/11 da 01/11/11 a 01/12/11 da 30/10/11 a 04/12/11 da 18/11/11 a 24/03/12 da 11/12/11 a 18/12/11 da 24/11/11 a 22/03/12 da 30/10/11 a 04/12/11

S LMaMeGVD LMaMeGV LMaMeGVD LMaMeGVD D D LMeV

da 05/11/11 a 24/03/12 da 26/12/11 a 23/03/12 da 19/12/11 a 23/12/11 da 06/12/11 a 16/12/11 da 30/11/11 a 04/12/11 da 30/10/11 a 18/12/11 da 18/12/11 a 18/12/11 da 31/10/11 a 23/03/12

LMaMeGVSD

da 30/10/11 a 24/03/12

Arrivi a BARI Compagnia

Part.

BERLINO Airberlin Airberlin

09:05 11:25 10:00 12:15

BOLOGNA Ryanair Ryanair Ryanair Alitalia Alitalia Alitalia Alitalia Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair BUCAREST W!ZZ W!ZZ

Arr.

Frequenza Ma V

Note da 01/11/11 a 20/03/12 da 04/11/11 a 23/03/12

06:30 06:30 10:15 12:30 12:30 12:30 12:30 16:15 20:30 20:30 20:30 20:45 20:50

07:50 LMaMeGVS 07:50 LMaMeGVS 11:35 D 13:45 LMaMeGVSD 13:45 LMaMeGVS 13:45 LMaMeGVSD 13:45 MaMeGVS 17:35 S 21:50 LS 21:50 L 21:50 L 22:05 V 22:10 D

da 31/10/11 a 24/12/11 da 27/12/11 a 24/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11 da 24/11/11 a 18/12/11 da 26/12/11 a 31/12/11 da 10/12/11 a 18/12/11 da 20/12/11 a 24/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 12/12/11 a 19/12/11 da 26/12/11 a 26/12/11 da 31/10/11 a 05/12/11 da 04/11/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

07:10 17:00

08:00 17:50

LV Me

da 31/10/11 a 23/03/12 da 21/12/11 a 11/01/12

20:20 20:20

21:50 21:50

MaS Ma

da 01/11/11 a 20/12/11 da 27/10/11 a 03/01/12

12:10 16:25 20:20

13:25 17:40 21:35

LMe V S

da 31/10/11 a 21/03/12 da 04/11/11 a 23/03/12 da 05/11/11 a 17/12/11

19:45 20:55 20:20 21:25

LMeV D

da 02/11/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/03/12

MeD D V

da 21/12/11 a 25/12/11 da 13/11/11 a 18/12/11 da 11/11/11 a 23/12/11

DUSSELDORF WEEZE Ryanair 09:55 12:10 Ryanair 16:30 18:45 Ryanair 17:45 20:00

Ma S G

da 01/11/11 a 20/03/12 da 05/11/11 a 17/12/11 da 22/12/11 a 05/01/12

FRANCOFORTE HAHN Ryanair 06:50 Ryanair 09:50 Ryanair 11:00 Ryanair 14:45 Ryanair 14:45 Ryanair 16:20 Ryanair 21:05

08:55 11:55 13:05 16:50 16:50 18:25 23:05

L S S MaS Ma L G

da 19/12/11 a 19/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 24/12/11 a 24/12/11 da 01/11/11 a 20/12/11 da 27/12/11 a 27/12/11 da 26/12/11 a 26/12/11 da 03/11/11 a 22/03/12

17:55 19:20 18:50 20:15

LMeV D

da 31/10/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

D S S Ma LMeV

da 30/10/11 a 18/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 17/12/11 a 17/12/11 da 20/12/11 a 03/01/12 da 31/10/11 a 23/03/12

10:55 13:45 12:45 15:35 15:35 18:25 15:35 18:25 16:35 19:25

S S G GS L

da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 29/12/11 a 29/12/11 da 03/11/11 a 22/12/11* da 31/10/11 a 19/12/11

12:15 12:20 19:40 20:15

S S S Ma

da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 05/11/11 a 17/12/11 da 01/11/11 a 20/03/12

BUDAPEST W!ZZ W!ZZ CAGLIARI Ryanair Ryanair Ryanair CATANIA Blu-express Blu-express

COLONIA Germanwings 10:05 Germanwings 10:05 Germanwings 11:00

GENOVA Ryanair Ryanair

LONDRA STANSTED Ryanair 08:55 Ryanair 12:30 Ryanair 15:40 Ryanair 15:45 Ryanair 16:35 MADRID Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair MALTA Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair

12:15 12:15 13:10

12:40 16:15 19:25 19:30 20:20

13:35 13:40 21:00 21:35

MILANO LINATE Meridiana Fly 06:45 Meridiana Fly 06:45 Alitalia 06:55 Alitalia 06:55 Alitalia 06:55 Alitalia 10:10 Alitalia 10:10 Alitalia 10:10 Alitalia 10:10 Alitalia 13:00 Alitalia 13:00 Alitalia 13:00 Alitalia 13:00 Alitalia 14:55 Alitalia 14:55 Alitalia 14:55 Alitalia 14:55 airItaly 17:20 Alitalia 18:35 Alitalia 18:35 Alitalia 18:35 Alitalia 22:00 Alitalia 22:00 Alitalia 22:00

08:15 LMaMeGVD 08:15 LMaMeGVD 08:25 LMaMeGV 08:25 LMaGV 08:25 MaMeGV 11:40 VD 11:40 LMaMeGVD 11:40 LMaMeGVD 11:40 LMaMeGVSD 14:30 MaGVD 14:30 LVD 14:30 LMeGVS 14:30 LMaMeGV 16:25 LMaMeGVSD 16:25 MaMeGVSD 16:25 LMaMeGVS 16:25 MaMeGVSD 18:50 LMaMeGVD 20:05 LMaMeGVSD 20:05 LMaMeGVS 20:05 MeGVS 23:30 LMaMeGVD 23:30 LMaGVD 23:30 LMaMeGVD

da 27/12/11 a 23/03/12 da 18/11/12 a 25/12/11 da 01/12/11 a 06/12/11 da 12/12/11 a 20/12/11 da 21/12/11 a 29/12/11 da 18/11/11 a 20/12/11 da 21/11/11 a 02/12/11 da 05/12/11 a 14/12/11 da 17/12/11 a 31/12/11 da 02/12/11 a 08/12/11 da 11/12/11 a 16/12/11 da 21/12/11 a 26/12/11 da 30/12/11 a 05/01/12 da 19/11/11 a 04/12/11 da 10/12/11 a 18/12/11 da 19/12/11 a 24/12/11 da 27/12/11 a 06/01/12 da 18/11/11 a 07/12/11 da 19/11/11 a 18/12/11 da 26/12/11 a 07/01/12 da 21/12/11 a 24/12/11 da 07/11/11 a 04/12/11 da 05/12/11 a 11/12/11 da 12/12/11 a 23/12/11

MILANO MALPENSA Alitalia 07:30 Alitalia 08:30 Easyjet 11:50 Easyjet 14:05 Easyjet 14:05 Easyjet 14:05 Alitalia 16:35 Easyjet 16:40 Alitalia 17:35 Alitalia 17:35 Easyjet 19:15

09:00 10:00 13:30 15:45 15:45 15:45 18:05 18:20 19:05 19:05 20:45

da 02/12/11 a 24/03/12 da 06/11/11 a 11/12/11 da 03/12/11 a 10/12/11 da 31/10/11 a 05/12/11 da 06/12/11 a 18/12/11 da 22/12/11 a 30/12/11 da 05/11/11 a 24/03/12 da 17/12/11 a 07/01/12 da 01/12/11 a 04/12/11 da 06/12/11 a 23/03/12 da 19/12/11 a 21/12/11

LMaMeGVS D S LMeVD LMaMeVD LMaMeGV S S GVD LMaMeGVD LMaMe

MILANO ORIO AL SERIO Ryanair 06:35 08:05 S Ryanair 06:35 08:05 GS Ryanair 06:40 08:10 G Ryanair 08:25 09:55 LMaMeGVSD Ryanair 08:25 09:55 MaMeGVS Ryanair 09:05 10:35 Ma Ryanair 11:20 12:50 V Ryanair 12:20 13:50 S Ryanair 12:20 13:50 S Ryanair 12:25 13:55 LMaMeG Ryanair 12:25 13:55 MaMeG Ryanair 12:40 14:10 D Ryanair 13:30 15:00 S Ryanair 13:35 15:05 L Ryanair 19:05 20:35 LMaMeGVSD Ryanair 19:05 20:35 LMaMeGV Ryanair 19:25 20:55 D MONACO Lufthansa 09:25 Airberlin 10:25 Airberlin 11:55 PALERMO Blu-Express 11:20 Blu-Express 13:20 Blu-Express 17:30 PARIGI BEAUVAIS Ryanair 09:50 Ryanair 12:55 Ryanair 13:15 Ryanair 13:15 PISA Ryanair 10:30 Ryanair 15:15 Ryanair 15:45 Ryanair 15:45 Ryanair 16:55 PRAGA W!ZZ 19:35 W!ZZ 19:35 ROMA CIAMPINO Ryanair 07:00 Ryanair 07:00 Ryanair 12:00 Ryanair 15:55 Ryanair 19:30 Ryanair 19:40 ROMA FIUMICINO Alitalia 08:45 Alitalia 08:45 Alitalia 10:00 Alitalia 13:15 Alitalia 13:15 Alitalia 17:25 Alitalia 17:25 Alitalia 20:35 Alitalia 20:35 Alitalia 20:35 Alitalia 21:30 STOCCARDA Germanwings 10:20 Germanwings 10:45 TIMISOARA Carpatair 12:35 TIRANA Belleair Belleair Belleair TORINO Alitalia Ryanair Alitalia Alitalia Alitalia Alitalia Alitalia Alitalia Alitalia Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair TREVISO Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair Ryanair VALENCIA Ryanair Ryanair VENEZIA Ryanair Ryanair Ryanair Alitalia Alitalia Ryanair Ryanair Alitalia Ryanair VERONA Air Italy Air Italy Air Italy Air Italy Air Italy Air Italy Ryanair Ryanair ZURIGO Helvetic

da 17/12/11 a 24/12/11 da 29/12/11 a 31/12/11 da 22/12/11 a 22/12/11 da 30/10/11 a 24/12/11 da 27/12/11 a 31/12/11 da 20/12/11 a 03/01/12 da 04/11/11 a 23/03/12 da 05/11/11 a 17/12/11 da 31/12/11 a 24/03/12 da 26/12/11 a 29/12/11 da 01/11/11 a 22/12/11 da 06/11/11 a 18/12/11 da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/10/11 a 19/12/11 da 31/10/11 a 17/12/11 da 19/12/11 a 30/12/11 da 18/12/11 a 18/12/11

11:05 LMaMeGVSD 12:05 S 12:45 L

da 30/10/11 a 23/03/12 da 05/11/11 a 24/02/12 da 31/10/11 a 26/03/12

12:35 14:30 18:40

D D MaG

da 11/12/11 a 11/02/11 da 06/11/11 a 18/03/12 da 03/11/11 a 22/03/12

12:10 15:15 15:35 15:35

G LMeV SD SD

da 22/12/11 a 05/01/12 da 31/10/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 24/12/11 da 31/12/11 a 24/03/12

11:50 16:35 17:05 17:05 18:05

LV LMeV MaGS MaGS D

da 31/10/11 a 23/03/12 da 31/10/11 a 23/03/12 da 01/11/11 a 22/12/11 da 27/12/11 a 24/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

21:20 21:20

MeD MeD

da 28/12/11 a 21/03/12 da 30/10/11 a 21/12/12

08:10 LMaMeGVSD 08:10 MaMeGVS 13:10 S 17:05 S 20:40 LMaMeGV 20:50 SD

da 30/10/11 a 23/12/11 da 27/12/11 a 31/12/11 da 24/12/11 a 24/12/11 da 31/12/11 a 31/12/11 da 31/10/11 a 23/03/12 da 30/10/11 a 18/12/11

09:55 09:55 11:10 14:20 14:20 18:30 18:30 21:40 21:40 21:40 22:35

LMaMeGVSD LMaMeGVSD LV LMaMeGVS LMaMeGVSD LMaMeGVSD LMaMeGVSD LMaMeGVD LMaMeGVD LMaMeGVD LMaMeGVSD

da 19/11/11 a 06/12/11 da 08/12/11 a 23/03/12 da 23/12/11 a 26/12/11 da 27/12/11 a 07/01/12 da 25/11/11 a 24/12/11 da 19/11/11 a 24/12/11 da 26/12/11 a 30/01/12 da 29/11/11 a 07/12/11 da 26/12/11 a 04/01/12 da 11/12/11 a 23/12/11 da 30/10/11 a 24/03/12

12:15 12:40

D V

da 13/11/10 a 18/03/12 da 11/11/10 a 23/03/12

13:05

LMeV

da 31/10/11 a 24/03/12

08:30 09:20 16:10 17:00 20:10 21:00

LMaMeS V GD

da 31/10/11 a 24/03/12 da 04/11/11 a 23/03/12 da 10/11/11 a 22/03/12

07:00 09:00 12:10 12:10 12:10 12:10 12:10 12:40 12:40 12:30 20:40 21:55 22:00 22:00

L S Me LMaMeGV LMaMeGV LMaMeGV MeGV D S MaG Ma Me LVeD LVeD

da 26/12/11 a 26/12/11 da 05/11/11 a 24/03/12 da 07/12/11 a 07/12/11 da 22/11/11 a 05/12/11 da 12/12/11 a 19/12/11 da 27/12/11 a 23/03/12 da 21/12/11 a 23/12/11 da 27/11/11 a 18/12/11 da 24/12/11 a 24/12/11 da 01/11/11 a 22/03/12 da 20/12/11 a 03/01/12 da 02/11/11 a 21/03/12 da 30/10/11 a 23/12/11 da 26/12/11 a 23/03/12

08:15 09:35 08:15 09:35 12:05 13:25 12:55 14:15 14:20 15:40 14:50 16:10 22:25 23:45

LMeV LMeV V S MaG D D

da 05/12/11 a 23/12/11 da 28/12/11 a 23/03/12 da 09/12/11 a 23/03/12 da 10/12/11 a 24/03/12 da 06/12/11 a 22/03/12 da 11/12/11 a 18/12/11 da 11/12/11 a 18/12/11

20:00 22:30 20:00 22:30

MaGS MaG

da 01/11/11 a 22/12/11 da 27/12/11 a 29/12/11

08:15 09:35 12:05 13:25 12:55 14:15 14:00 15:15 14:20 15:35 14:20 15:40 14:50 16:10 14:55 16:10 22:25 23:45

LMeV V S LMaMeS D MaG D G D

da 31/10/11 a 02/12/11 da 04/11/11 a 02/12/11 da 05/11/11 a 03/12/11 da 01/11/11 a 24/03/12 da 27/11/11 a 18/12/11 da 01/11/11 a 01/12/11 da 30/10/11 a 04/12/11 da 03/11/11 a 22/03/12 da 30/10/11 a 04/12/11

08:30 10:40 13:40 13:40 13:40 13:40 13:40 14:10 14:10 14:10 22:20 23:35 23:40 23:40

07:00 12:40 12:40 12:40 18:00 18:00 18:05 22:30

08:20 14:00 14:00 14:00 19:20 19:20 19:25 23:25

S LMaMeGVD LMaMeGVD LMaMeGVD D LMaMeGV D LMeV

da 05/11/11 a 24/03/12 da 26/12/11 a 23/03/12 da 06/12/11 a 16/12/12 da 30/11/11 a 04/12/11 da 18/12/11 a 18/12/11 da 19/12/11 a 23/12/11 da 30/10/11 a 18/12/11 da 31/10/11 a 23/03/12

20:10

22:00 LMaMeGVSD

da 30/10/11 a 24/03/12


23

Venerdì 2 dicembre 2011

oggi

domani

Sereno

Poco nuvoloso Nuvoloso

min 8° max 17° Molto nuvoloso

Coperto Variabile/Temporali

Variabile/Pioggia

giorno e notte

min 10° max 18° Variabile/Neve Pioggia Pioggia forte

meteo

min 5° max 16°

dopodomani

sorge tramonta

Sole 06,59 16,29 Luna 12,01 00,10

Neve

Temporale VENTO: Debole Moderato Forte

MARE: Calmo Mosso Agitato Molto agitato

oggi

le previsioni Nord: Cieli molto nuvolosi o coperti con deboli piogge sparse, più frequenti su Liguria e Prealpi lombarde, assenti su Romagna e Polesine. Temperature stazionarie, massime tra 8 e 13°C. Venti moderati da Sud sul Ligure, deboli da Nord sull’Adriatico, mar Ligure fino a molto mosso. Centro: Generali condizioni di variabilita’ sulle Tirreniche con nuvolosita’ irregolare e piogge. Soleggiato altrove. Temperature in lieve aument, massime tra 12 e 17°C. Venti moderati meridionali; mari mossi o molto mossi. Sud: Nubi sparse con deboli piovaschi in arrivo entro sera su nord Campania. Prevalenza di sole altrove salvo foschia al mattino su Potentino, Salento e Sicilia. Temperature stazionarie, massime tra 14 e 19°C. Venti moderati, mari mossi.

domani

dopodomani

temperature in italia Ancona Aosta Bari Bologna Cagliari Campobasso Catanzaro Firenze Genova L’aquila Milano Napoli Palermo Perugia Potenza Roma Torino Trento Trieste Venezia

Min. Max. 2 14 2 9 5 16 4 10 8 19 7 13 11 14 5 14 12 14 1 13 4 9 8 17 11 19 2 10 7 14 8 16 2 10 1 8 6 13 5 10

temperature in europa

Amsterdam Atene Barcellona Belgrado Berlino Bucarest Copenaghen Dublino Helsinky Kiev Lisbona Londra Madrid Monaco Parigi Stoccolma Tirana Valletta Varsavia Vienna Zurigo

Min. Max. 8 11 11 16 15 16 -1 13 9 13 0 9 7 7 7 7 5 7 0 3 15 16 5 10 6 15 14 15 10 11 5 5 6 15 16 16 4 11 -1 9 6 15


24

Venerdì 2 dicembre 2011

www.epolisbari.com Direttore responsabile Dionisio Ciccarese Direttore editoriale Vito Raimondo Redazione Via delle Orchidee, 1 70026 Z.I. Modugno - Bari Tel. 080 5857350-1-2-3 Fax 080 5857349 redazione@epolisbari.com segreteria@epolisbari.com Responsabile trattamento dati personali Dionisio Ciccarese Società editrice

P.Q.S.

Periodici e Quotidiani del Sud

Via delle Orchidee, 1 70026 Z.I. Modugno - Bari Tel. 080 5857439 Fax 080 5857427 amministrazione@sedit.biz Reg. Trib. Bari n. Reg. Stampa 51 del 07/12/2010 Copyright P.Q.S. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano può essere riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sarà perseguita a norma di legge. Pubblicità

Area4 S.r.l. Via delle Margherite, 20/22 70026 Modugno - Bari Tel. 080 5857450 Fax 080 5857426 segreteria@area4.biz Su

trovate i nostri gruppi e la nostra pagina ufficiale Di EPolis Bari sono stampate e distribuite ogni giorno 18mila copie che i Lettori possono ritirare gratuitamente e senza obblighi di alcun genere nei punti distribuzione. Segnalazioni (per le quali garantiamo la totale riservatezza) di eventuali violazioni possono essere inviate a info@epolisbari.com.


EpolisBari