Page 1

Furettomania Informa

A voice from America:

Nutrizione e malnutrizione del furetto Furettomania Incontra: Dott.ssa Marzia Possenti medico comportamentalista


Articoli per il giornalino Ricordiamo che i Soci che vogliono mandare articoli per il Giornalino sono sempre i benvenuti! Ognuno di noi ha esperienze e insegnamenti da comunicare o condividere con gli altri, quindi se vuoi inviarci storie dei tuoi furetti, foto, suggerimenti, notizie o articoli, segnalarci siti web o letture che parlano di furetti, non esitare a contattarci!


Anno 12 - n.73

FURETTOMANIA INFORMA

1

Furettomania Informa

NOVEMBRE - DICEMBRE 2011 Pubblicazione bimestrale riservata ai Soci di Furettomania

Direttivo News Cari soci, Quest’anno è partita la nuova iniziativa “Natale Solidale” che ha riscontrato molto successo tra soci e non, un regalo diverso dal solito che aiuta anche i tanti abbandonelli bisognosi di cure. Grazie a tutti coloro che hanno già regalato, o si sono regalati, l’abbonamento a Furettomania Informa e il simpaticissimo addobbo furettoso, e a tutti i ritardatari… affrettatevi, sono disponibili le ultimissime decorazioni natalizie!”

Redazione Direttore responsabile: Cinzia Fresia Vicedirettore: Viviana Puzone Redattore e coordinatore Scientifico: Claudio Cermelli

Sommario pag. 2 Editoriale pag. 3 Buon 2012 Lettera del presidente pag. 6 A voice from America pag. 9 I soci raccontano Quando si dice il “destino” pag. 10 Furettomania incontra Intervista a Marzia Possenti pag.14 Concorsi ed eventi VI Concorso Internazionale di bellezza per furetti pag.16 Concorsi ed eventi I Soliti Ignoti

Redattore: Federica Repossi Grafica e impaginazione: Chiara Vercesi

pag. 18 Adozioni Novembre-Dicembre

Spedizioni postali e web: Gaia Franzoso pag. 22 Il ponte dell’arcobaleno

Furettomania informa Edizioni Furettomania onlus Via Petrarca n.12 21012 Cassano Magnago (Varese)

pag. 24 Visitato per voi pag. 25 Furettomania consiglia: Allevare un cane


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

2

Editoriale Buon Natale e felici feste .. da tutta la redazione Furettomania onlus. Ed è questo che vorrei augurare a voi , e a ringraziarvi personalmente di averci letti e di aiutare Furettomania. Ogni fine anno si fanno bilanci pianificando soprattutto buoni propositi, nel 2011 Furettomania ha operato molto e ottenuto grandi soddisfazioni, continuiamo così! Il 2012 si aprirà con un provvedimento di legge che spero con tutto il cuore non entri in vigore, siamo al corrente che il governo di emergenza attualmente in carica, desideri ripristinare la tassa sugli animali di affezione, secondo il presidente del consiglio Monti, gli animali domestici sono da considerarsi un bene di lusso, come imbarcazioni, aerei e altre cose del genere e come tali andrebbero tassati. Questa affermazione mi allarma e non poco, e sono sicura di non essere da sola. Pensare al proprio cane, gatto, furetto o altro animale che viva con noi un bene di “lusso” mi lascia sgomenta, forse chi dice così non conosce cosa significhi voler bene ad un animale, e quanti sacrifici occorra fare per offrirgli ciò di cui ha bisogno. Io penso alle persone anziane con un reddito pensionistico basso e tristemente sole ma anche a persone giovani, non fortunate o che possono contare su poco le quali si vedono penalizzate economicamente da una tassa che è ben lungi dall’essere costituzionale.

Tassare gli animali perché? Se io pago una tassa, ho diritto ad un servizio, quale? I bisogni dei cani vengono gestiti dal proprietario com’è giusto, i gatti, furetti e altri animali vivono in casa totalmente a carico della famiglia. come giustifico la tassa? Quali saranno le conseguenze di questa iniziativa? Gli abbandoni aumenteranno, proprio da chi non se lo potrà permettere, e le categorie colpite saranno sempre le stesse: chi ha redditi bassi o precari. Un animale non è un lusso, ma è solo amore, gioia e condivisione, mi auguro che questa legge non passi, che ci pensino bene, che non mettano le persone nelle condizioni di allontanare dalla famiglia questi affetti, spero che i gruppi di volontariato, veterinari, e tutte le persone sensibili facciano sentire la propria voce e impediscano questa crudeltà. Con queste premesse e cercando di pensare “positivo” auguro a voi tutti e “piccini” pelosi compresi, un felice e luminoso 2012 .

Cinzia Fresia


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

3

Buon 2012 Miei cari soci, arriva dicembre e con esso la fine di un anno intero di volontariato, si tirano le somme, si fanno i conti in cassa per fare il bilancio annuale, e si guarda al passato e al futuro con animo coraggioso e pieni di speranza. Un anno molto intenso soprattutto per l’ufficio adozioni e i suoi collaboratori che hanno avuto purtroppo molto lavoro sul campo. Tantissimi i furetti abbandonati quest’anno, molte le situazioni disperate e di disagio, ma tante sono state anche le adozioni e anzi quasi tutti i cerca casa anno 2011 sono stati adottati. E questo grazie al prezioso lavoro dei collaboratori di Furettomania. Nel corso del 2011 alcuni uffici hanno visto i propri responsabili lasciare l’incarico ma ne abbiamo trovato di nuovi per quasi per tutti i ruoli! Gaia Franzoso oltre a occuparsi già dell’amministrazione e spedizioni giornalino, ha accettato la mia proposta per l’ufficio tesseramenti! Grazie quindi Gaia e mamma Paola, e grazie a Melissa Morselli per l’impegno profuso in questi anni! Anche il nostro Webmaster Giuliano Farris ha lasciato l’incarico, che attualmente resta vacante in attesa di trovare un volontario disposto a darci una zampa! Grazie a Giuliano per la sua collaborazione.

L’ufficio certificati è stato affidato a Claudia Segafredo e Rocco Pellegrino, che hanno raccolto il testimone passato da Deborah Bonomo che ringraziamo per il suo operato di tanti anni. Alexandra Mura si è unita a Federica Repossi come collaboratore dell’ufficio manifestazioni, ed è diventata neo aiuto giudice! Grazie Alexandra! A fine settembre è stato organizzato e portato a termine con successo il 4°corso giudici per i concorsi di bellezza organizzati da Furettomania, che ha visto rimpolpate le fila con nuovi giudici e aiuti. Ottimo lavoro dello staff e grazie a tutti i partecipanti! Le campagne informative elaborate e migliorate, sono state ben diffuse e apprezzate: SoSangue, Anagrafe., Allevamento Consapevole, Adozioni, Gestione e Soci. Ma per il 2012 vogliamo una maggiore diramazione di questi temi cosi tanto importanti e ancora troppo poco conosciuti e messi in pratica. E in tal proposito


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

4

investiremo nella stampa di alcune brochure e/o manifesti da poter distribuire e spedire ai veterinari così da poter essere esposti nelle loro sale d’attesa! La cooperazione con gli enti e le altre associazioni è stata proficua e grazie ad essa molti furetti abbandonati sono arrivati a furettomania e non sono rimasti nei canili, voliere, o altri luoghi non idonei sebbene la breve permanenza presso di loro. Grazie all’efficace comunicazione, sono stati correttamente alloggiati e alimentati. E parlando di collaborazione con enti, Furettomania Onlus ha firmato un protocollo d’intesa per la tutela degli animali con l’UDA (ufficio diritti animali) del comune di Pisa che prevede una “sistematica consultazione sulle politiche inerenti i diritti degli animali e per gli interventi a tutela degli stessi nell’ambito del territorio pisano”. Il nostro giornale è cresciuto esponenzialmente e di questo il merito va tutto a Cinzia Fresia responsabile della redazione e a Chiara Vercesi per la grafica. Siete fantastiche ragazze!! Inoltre “Furettomania Informa” è arrivato anche nelle sale dei maggiori ambulatori e cliniche veterinarie, dandoci ulteriore visibilità. Quest’anno siamo stati presenti in Toscana, a Pisa, con un concorso di preselezione al bellezza che ha riscosso molto successo. E proprio le realtà locali saranno oggetto di nuovi sviluppi: per il nuovo anno è nostra intenzione incrementare maggiormente eventi in varie zona d’Italia, cosi da facilitare la partecipazione e la diffusione di una corretta informazione, e rendere maggiormente partecipi i soci, che sono sin d’ora invitati a farsi avanti per dare una mano in qualunque modo possano o vogliano. Ogni singolo aiuto sarà ben accetto e prezioso. VI PREGO AIUTATECI! Abbiamo bisogno di tutti.

La lotta per la corretta informazione sui nostri amici furetti è incessante e ha bisogno di tutto il nostro supporto, i furetti abbandonati sono sempre molti e la tempestività e collaborazione di soci, enti, veterinari, staff è sempre fondamentale per salvare delle vite innocenti. Quest’anno abbiamo salvato una coppia di furetti, lei era incinta ma non solo..in procinto di partorire…ed essere venduta al miglior offerente senza cura, senza alcuna accortezza per il suo delicato stato…Cinzia Fresia ha percorso centinaia di km senza esitazione e grazie anche a una clinica veterinaria, siamo riusciti a recuperarli (senza ovviamente dare un solo centesimo a chi li abbandonava!) Il lungo viaggio, uno stallo provvisorio e alcune staffette non hanno impedito alla dolce Louise di dare alla luce ben 8 piccoli…3 sono diventati angeli in pochi giorni..ma 5 sono sopravvissuti e grazie a una mamma furetta super in gamba e alla nostra collaboratrice Gessica Stagni da cui sono stati in affido, sono paffuti e robusti nelle loro nuove famiglie così come i genitori. Ma questo è solo uno dei tantissimi eclatanti casi, ma è un esempio forte che vede in una storia drammatica un lieto fine.

Per il 2011 avevamo progettato novità e restyling del sito ma non ci è stato possibile attuarlo. Rinnoviamo questo impegno per il 2012 sperando quest’anno di riuscirci. L’incarico è stato intanto affidato, e quindi il primo passo è stato fatto!

Poi ci sono le storie che finiscono male: come quella di un furetto gettato nel cassonetto della pattumiera.. nonostante le cure tempestive del veterinario il piccolo a causa della gravi condizioni, non ce l’ha fatta.

Ora cerchiamo anche un volenteroso programmatore per creare un database! Vi è l’intenzione di instaurare un dialogo con gli allevatori di furetti in Italia e con i veterinari per poter organizzare meeting e convegni a tema e confrontarsi per meglio gestire e divulgare il furetto in Italia in modo consapevole e responsabile.

Furettomania Onlus salva ogni anno centinaia di furetti e contribuisce a far gestire bene questi fantastici animali arrivando nelle case degli italiani grazie anche a tutti voi, che correttamente ne parlate e fate sapere che esistiamo e possiamo dare una mano a chi ha in casa questi animali.


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

Ma a volte non arriviamo in tempo, o la situazione è ormai così grave da punto di vista gestionale o di salute da non poter salvare la vita che altri hanno deciso di non curare e abbandonare. L’impegno di Furettomania ONLUS è arrivare ancora più in là, far capire alla gente come gestire al meglio questo animale cosi intelligente e appassionato alla vita e all’uomo. Arrivare prima affinché tanti altri furetti possano vivere degnamente, come è giusto e merita ogni essere vivente. Il mio grazie sincero va a tutto lo staff di Furettomania ONLUS per l’impegno e la passione! Senza di voi, nulla sarebbe possibile, continuate a credere in furettomania, i furetti hanno bisogno di voi! E non potete immaginare quanto! Un grazie però speciale e dal profondo del cuore va a Patrizia Puccetti dell’ ufficio adozioni centrale, metà amica e metà furetta: è il mio pilastro e la mia ispirazione ogni minuto..non potrei affrontare ogni giorno il difficile compito che mi è stato dato, se non avessi avuto al mio fianco, sempre, lei, che con anima e corpo si dedica a Furettomania e ai furetti abbandonati ( e al presidente !)con assoluta diligenza e competenza. Un esempio per molti, per me innanzitutto. Grazie Amica. E a voi soci, che fedeli ogni anno rinnovate in Furettomania la vostra fiducia e aprite i vostri cuori ai furetti in cerca di casa..continuate a farlo, abbiamo bisogno di voi! Un dolce pensiero per tutti i furetti ammalati con la speranza che possano stare meglio e vivere ancora tanti anni con le loro famiglie, continuate a lottare, ne vale la pena, sempre.

5

E a quelli che sono diventati degli Angeli, che possano essere custodi dei nostri cuori, per sempre. Buon fine 2011 e Buon inizio 2012 Buon Natale a tutti voi e ai vostri furetti i miei più sinceri sgrattugi!

Viviana Puzone Presidente –FURETTOMANIA ONLUS Nelle prime foto in alto Tinny, in affido da me, che cerca ancora casa.

Buon anno da Furettomania


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

6

A voice from America La nutrizione e malnutrizione del furetto Di Jerry Murray – DVM Quali elementi rendono una bilanciata nutrizione e cosa andrà male se il furetto non mangia correttamente? I furetti sono carnivori obbligati il che significa che la loro dieta sia costituita da carne nell’ordine di sopravvivere, i furetti sono anche, relativamente alla loro evoluzione, progettati ad avere una dieta fatta di carne. I furetti hanno un semplice tratto gastrointestinale e un’unica fisiologia, e un tratto intestinale corto, essi hanno un tempo di transito rapido attraverso l’intestino, il cibo, dalla bocca alla lettiera impiega dalle tre alle quattro ore. Questo rende il tratto digestivo del furetto inefficiente. Per rendere le cose anche peggiori, si aggiunge una flora intestinale semplice, enzimi delle cellule cigliari epiteliali al minimo, e mancanza dell’intestino cieco. Ciò significa che i furetti non possono digerire fibre, amidi di carboidrati complessi, per rimediare a questa inefficiente digestione, i furetti hanno bisogno di una dieta con alti livelli di proteine, alti livelli di grassi e con bassissime percentuali di amidi e fibre. Le proteine necessarie al furetto Le proteine sono alla base di ogni componente strutturale di tutti i tessuti del corpo, che sono richieste per crescere e mantenere normali i tessuti nel corpo. Le proteine sono formate da aminoacidi e approssimativamente si sono trovati 24 aminoacidi nel tessuto animale. I furetti ne richiedono un alto livello, (dal 35 al 55 per cento), di più del cane e del gatto che devono essere di carne di alta qualità per portare la giusta dose richiesta di aminoacidi. Carenze di queste sostanze possono causare seri problemi, la taurina è fondamentale per la funzionalità muscolare, del cuore e della vista, una dieta che non ha abbastanza taurina può caricare e ingrossare il cuore (cardiomiopatia dilatativa) questo può portare ad uno scompenso cardiaco congestizio e la morte. Per la vista, una dieta carente di taurina può portare alla cecità a causa della degenerazione retinica. La taurina è presente nel pollame e nel pesce, e in molti cibi commerciali per furetti è aggiunta taurina. In alcuni

paesi, come in Australia, alcuni furetti lavoratori sono nutriti con una dieta “fatta in casa” di coniglio, capretto e canguro, come ingredienti principali. Queste carni possono avere un contenuto basso di taurina così un supplemento è richiesto per evitare le conseguenze di questa deficienza. Gli aminoacidi metionina e cistina sono anche importanti per una buona salute. Questi due aminacidi contengono zolfo. Quando hanno digerito, lo zolfo è convertito in acido solforico, che viene eliminato attraverso i reni e nell’urina. Questo acidifica le urine prevenendo infezioni alla vescica e formazioni di calcoli. Le proteine estratte dalle piante come glutine di mais, glutine di grano, farina di soya o proteine di soya isolate, non contengono questi zolfoaminoacidi. Le diete con un alta concentrazione di proteine derivate dalle piante alzerà il ph dell’urina, quindi causare calcoli alla vescica. Fortunatamente, la maggior parte dei cibi commerciali hanno il dlmethiotina aggiunto proprio per acidificare le urine.


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

7

Perché i furetti hanno bisogno di grassi? Il grasso è importante nella dieta del furetto per diverse ragioni. I grassi hanno l’energia 2,25 volte circa l’energia delle proteine o carboidrati, questa è una fonte altamente energetica per i furetti. Sono contenuti anche gli acidi grassi essenziali, linoleico, linolenico e arachidonico indispensabili per la pelle e il pelo, il grasso contiene anche le vitamine liposolubili A D E e K. Carenze di vitamine: A: può causare il rachitismo, cecità notturna, e scoordinazione nelle zampe posteriori D: sviluppo delle ossa abnorme E: Anemia, anoressia e un sistema immunitario debole, un’andatura indebolita con conseguente paralisi K: grumi di sangue che possono portare a emorragie. La maggior parte delle diete a livello di grasso dal 20 al 30 per cento dovrebbero prevenire questi problemi, in aggiunta di vitamine liposolubili, è inclusa in alcuni cibi commerciali una miscela di vitamina b solubile in acqua. I minerali necessari per i furetti I minerali sono anche un problema cruciale per la nutrizione del furetto, calcio e fosforo sono quelli la cui carenza porta a più problemi. La carne può contenere più fosforo e pochissimo calcio, ma i furetti attualmente necessitano quasi più calcio che fosforo, se il calcio non è aggiunto alla dieta il furetto sviluppa una mancanza.

Col tempo il furetto perde peso e diventa riluttante al gioco, se le ossa non contengono il giusto apporto di calcio si possono fratturare, e i giovani furetti diventano incapaci di stare su perché le loro ossa sono deboli. Essi spesso provano a muoversi “strisciando o nuotando” questi piccoli sono chiamati nuotatori. Nei cibi industriali si trova il giusto apporto di calcio e fosforo che può essere integrata alla normale nutrizione così da evitare questi problemi. Furetti e carboidrati I furetti non richiedono i carboidrati, non ne hanno bisogno se nel loro modo di alimentarsi ci sono le giuste proteine e grassi, i carboidrati stimolano il pancreas o produrre insulina, i furetti normalmente mangiano di frequente e piccoli pasti, così il pancreas è ripetutamente chiamato a produrre insulina, questa cronica soprastimolazione del pancreas porta all’insulinoma ( tumore al pancreas) altri problemi dati dai carboidrati è la diarrea, se il furetto non digerisce amidi o carboidrati complessi, molta acqua sarà portata all’intestino causando la diarrea. Furetti e fibra La dieta del furetto dovrebbe avere un livello di fibre molto basso, un alto contenuto di fibre nel colon attira acqua la cui conseguenza è la diarrea. Troppa fibra inibisce l’assorbimento dei grassi e proteine, se c’è un eccesso di fibre nella dieta il furetto non sarà in grado di mangiare abbastanza e soddisfare il suo fabbisogno energetico.


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

8

Disturbi che attaccano la nutrizione del furetto Ci sono anche malattie che possono portare alla malnutrizione e anche inappetenza, nonostante il giusto nutrimento. I furetti sono predisposti alle ulcere gastriche, i furetti con l’ulcera non riescono a mangiare bene ed adeguato per colpa del dolore addominale. Questa patologia deve essere trattata con un gastroprotettore, un antidolorifico e antiacido, che ridurranno acidità e dolore nello stomaco, ed usare un cibo leggero per favorire l’appetito. I furetti anziani possono avere dolori da malattie dentarie, la giusta nutrizione le preverrà insieme ad un’attenta pulizia dei denti ed eventuale estrazione di quelli malati. Un trattamento antibiotico adeguato potrà risolvere questo inconveniente. La nutrizione dei furetti è la complicata interazione tra proteine, grassi, vitamine, minerali e fibre. Il tutto deve essere equilibrato, non troppo ma neanche poco, la giusta formula eviterà oltre alle deficienze nutrizionali, l’insorgere del cancro al tratto gastrointestinale e infiammazioni all’intestino, che può creare problemi alla digestione e assorbimento dei principi attivi.

Jerry Murray - DVM (traduzione a cura di Cinzia Fresia)

Responsabili uffici di furettomania E-mail centrale: info@furettomania.com •Consiglio Direttivo: Viviana Puzone 339-1158668, Angelo Frigerio 348-2607246, Angelo Rindone 339-2578813 Alberto Campagnola 338-7753530, Rocco Pellegrino 333-5819209 Consiglio.direttivo@furettomania.com •Ufficio Tesseramenti e Iscrizioni: Gaia Franzoso 333-89119991 Tesseramenti@furettomania.com •Ufficio Adozioni: Patrizia Puccetti 06-4466848, Viviana Puzone 339-1158668 Ufficio.adozioni@furettomania.com •Ufficio Amministrativo: Gaia Franzoso 333-89119991 Amministrazione@furettomania.com •Ufficio Anagrafe (Microchip e Albo): Deborah Bragaglia 347-3691933 Anagrafe@furettomania.com •Ufficio Certificati: Claudia Segafredo 338-5430132 Certificati@furettomania.com •Ufficio Website e Grafica: Giuliano Farris 328-8220298 webmaster@furettomania.com •Ufficio Manifestazioni: Federica Repossi 347-4513736, Manifestazioni@furettomania.com •Angolo delle Coccole: Fabrizia Orlandini, (articoli visibili su www.furettomania.com/forum e ordinabili all’indirizzo e-mail: Angolodellecoccole@furettomania.com) •Ufficio Redazione Giornalino: Cinzia Fresia 338-5289565 (dopo le ore 15) Redazione@furettomania.com


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

9

I soci raccontano

Quando si dice il destino... Oggi voglio raccontare la storia del mio incontro con il dolcissimo Tashi. Il 16 ottobre scorso Furettomania era a Torino ospite di un concorso felino. Nel pomeriggio veniamo contattati da una signora che ha un furetto che sta male e che non riesce a portare dal veterinario perché non ha un mezzo di trasporto autonomo a disposizione. Ci accordiamo con lei perché ci raggiunga con i mezzi pubblici e così avviene. Quando è arrivata, io ho aperto il trasportino e preso in braccio il furetto. Subito abbiamo visto che il furetto aveva un grosso rigonfiamento sul musetto e tenendolo, abbiamo sentito che scottava di febbre. Abbiamo ipotizzato un ascesso e ci siamo subito mobilitati. Quando l’ho avuto mi ha riempita di bacetti e anche gli ultimi dubbi si sono dissolti. Ho deciso di ignorare Manuela (non finirò mai di ringraziarla) ha portato completamente la mia parte razionale che mi diceva subito il furetto dal veterinario, dove lo hanno operato che un altro furetto sarebbe stato un grosso impegno d’urgenza asportando l’ascesso (avevamo ipotizzato (ne ho già sei) e inoltre poteva avere problemi di giusto). Nei giorni successivi abbiamo parlato con la salute anche gravi vista la sua età (non l’ho detto proprietaria che aveva già pensato di cedere il furetto prima ma Tashi ha otto anni e mezzo) ed è rimasto. a Furettomania e ci siamo accordati per andarlo a recuperare. Io mi sono occupata di andarlo a prendere Non vuole saperne degli altri furetti e vive separato, e già sapevo che sarebbe rimasto con me, perché mi però va bene così. Inoltre il veterinario mi ha sono innamorata di lui subito. comunicato che i suoi esami del sangue vanno bene e che ha solo una lieve insufficienza renale, perciò non potrei essere più felice. Tashi (l’ho chiamato così perché in tibetano è di buon auspicio) è amore allo stato puro, ama stare in braccio a dormire e cerca sempre la vicinanza delle persone. E’ speciale e io ringrazio il destino per aver fatto incrociare le nostre strade, perchè se quel giorno noi non fossimo stati a Torino e lui non fosse stato portato dal veterinario d’urgenza molto probabilmente sarebbe un furangelo e io non avrei vissuto neanche un momento con lui. Io non smetterò mai di ripeterlo ADOTTATE, perchè adottare non vuole dire avere un furetto gratis o con un piccolo rimborso ma significa concedere una seconda possibilità ad un animaletto donandogli serenità e amore per tutta la sua vita.

Gaia Franzoso


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

10

Furettomania incontra Marzia Possenti Medico veterinario comportamentalista La medicina comportamentale è diventata una parte importante e ormai imprescindibile della medicina veterinaria, spesso mi confronto con persone i cui furetti anche anziani manifestano atteggiamenti o patologie comportamentali da renderli inaffidabili nel sociale, furetti che apparentemente non hanno subito traumi ma che per chissà quale motivo mordono o non sono gestibili. Di solito proprio per questa ragione vengono abbandonati, il proprietario scoraggiato non si sente all’altezza di poterlo tenere. Per questa materia oggi, è nostra ospite la dott.ssa Marzia Possenti esperta in comportamento animale. Dottoressa, intanto grazie per il suo intervento ed essere qui con noi, ci può spiegare la differenza tra “comportamentalismo e comportamentismo”? La differenza fra comportamentista e comportamentalista sembra sottile, soltanto due lettere, ma cambia completamente il modo di vedere il comportamento animale: il comportamentismo è meccanicistico, l’animale è una macchina, non ha emozioni, sensazioni o pensieri, mentre invece nel comportamentalismo è insito il mentalismo: l’animale ha una mente, pensa, prova emozioni, può prendere decisioni in autonomia, ha capacità predittive, può ideare una strategia, ecc)

Le vorrei chiedere, il furetto è portato a mordere o per lo meno notiamo che usa i denti per conoscere e per esprimersi, inizialmente lo fa quando è in un ambiente estraneo o sente un particolare pericolo, trascorso un po’ di tempo di solito passa, quando persiste cosa è opportuno fare? Sicuramente rivolgersi ad un medico veterinario comportamentalista che si occupi di furetti, che sarà in grado di comprendere la motivazione sottostante la persistenza del comportamento. In ogni caso evitiamo di punire il furetto quando morde utilizzando punizioni fisiche che implichino l’uso delle mani o di oggetti volti a spaventare o dissuadere il furetto. Meglio utilizzare la presa per la collottola: i furetti, come i gatti, presentano da piccoli un riflesso, detto Portage, che provoca il rilassamento del corpo quando l’animale viene preso per la collottola. Molti furetti mantengono questo riflesso anche da adulti e, se sollevati per la collottola, si rilassano, si bloccano e spesso, sbadigliano. Lo sbadiglio rappresenta in questo caso un modo attivo e consapevole del furetto di calmarsi e rilassarsi. Nella maggior parte dei casi il morso si presenta in situazioni di forte eccitazione, sia positiva che negativa. Evitare di raggiungere situazioni di forte eccitazione aiuta a ridurre la probabilità che il furetto morda, così come prenderlo per la collottola non appena ci accorgiamo che sta iniziando ad agitarsi. Una volta che il furetto sarà agitato sarà invece molto difficile prenderlo senza rischiare l’aggressione: in questo caso meglio lasciarlo solo, tranquillo ed attendere che si calmi prima d’interagire con lui.


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

11

Come affrontare un problema di un furetto particolarmente mordace e traumatizzato? Intendo, che ha subito maltrattamenti o un abbandono, che manifesta oltre al morso, il desiderio di nascondersi per paura? Non sempre un furetto che si nasconde è un furetto che ha subito un trauma, molto spesso è un animale che non ha esperienza alcuna del mondo che lo circonda, che non ha potuto crescere in un ambiente adeguatamente ricco di stimoli o che non ha fatto sufficienti esperienze. Vi è un periodo cosiddetto sensibile nello sviluppo di tutti i mammiferi, ed il furetto non fa eccezione. In questo periodo, che va dalla nascita a poco prima della pubertà, ed è suddiviso in sottoperiodi con caratteristiche precise, il furetto è ben disposto a fare nuove esperienze, curioso, esplorativo ed estremamente prosociale (ha voglia di relazionarsi con altri individui, della stessa o di altre specie). Risulta molto semplice far fare esperienze ad un furetto in questo periodo e far si che queste siano marcate da emozioni positive. Tutte le esperienze positive che il furetto avrà fatto durante questa fase dello sviluppo gli serviranno come base culturale per vivere nel mondo. Questo non vuol dire che non è possibile per un furetto fare esperienze positive dopo la pubertà, ma semplicemente che è più difficile, soprattutto se il bagaglio culturale che si porta dietro è ridotto e carente. Con il tempo infatti cresce la diffidenza verso il nuovo, che è importante ed adattativa (altrimenti tutti gli animali preda si lascerebbero prendere dai predatori andandogli incontro fiduciosi), ma che rende più difficile avvicinarsi a qualcosa o qualcuno che non si conosce. Nella mia esperienza la maggior parte dei furetti che morde per paura lo fa perché carente di esperienze e di socializzazione, non perché è stato picchiato da piccolo o perché è stato aggredito da un altro animale. Si tratta di vere e proprie patologie del comportamento, che portano nomi come fobia sociale, sindrome da privazione sensoriale, dissocializzazione e desocializzazione. Curare queste malattie non è semplice e richiede tempo e tanta pazienza. Facciamo un esempio: una persona che soffre di aracnofobia (paura dei ragni) e vede dall’altra parte di una stanza in cui sta per entrare, un ragno, troverà pressochè

impossibile perfino fare un passo verso l’ingresso, mentre invece noi vedremo soltanto una persona terrorizzata che non si muove, molto probabilmente non noteremo neppure il ragnetto. Per questa persona fare anche soltanto un passo verso l’ingresso della stanza rappresenterà una grande vittoria, mentre invece per noi sarà soltanto un movimento naturale ed estremamente semplice. Questo è quello che succede ad un furetto che ha una fobia, ovvero che ha una paura irrazionale e incontrollabile di qualcosa, per esempio delle persone. per questo furetto anche soltanto restare allo scoperto quando una persona entra nella sua stanza sarà molto difficile e, se ci riesce, nella sua testa avrà fatto una cosa davvero eccezionale. Le aggressioni più gravi i morsi più forti, ripetuti ed incontrollati sono proprio quelli dettati dalla paura. Molti furetti appena adottati non hanno la forza per aggredire, per reagire quando li prendiamo, soprattutto se sono ancora cuccioli, subadulti. Si limitano a tremare, a bloccarsi e/o ad emettere i cosiddetti segnali calmanti (leccarsi le labbra, sbadigliare, girare la testa o lo sguardo di lato, appiattirsi in terra). Con il tempo, se non siamo stati capaci di leggere le loro difficoltà, inizieranno a prendere provvedimenti e mordere per allontanarci. E’ fondamentale saper leggere correttamente ed al meglio i segnali inviati dal furetto, il suo linguaggio, per comprendere le sue difficoltà ed aiutarlo a superarle. Meglio non insistere se un furetto ci dice che per lui è difficile fare una determinata cosa. si può lavorare fornendogli altre competenze che lo aiuteranno a comprendere di essere capace e gli daranno le informazioni necessarie per gestire anche la situazione in cui era in difficoltà.


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

12

Un esempio pratico: se un furetto si spaventa quando viene preso in mano si può fare il gioco del “corpo come palestra”, in cui una persona funge da attrezzo da conoscere e superare grazie all’aiuto di premi in cibo. In questo modo il furetto potrà conoscere il corpo umano con calma, in una cornice piacevole e giocosa, dove non gli è richiesto nessun risultato particolare ma tutto va bene, ed imparerà a fidarsi della persona che gioca con lui.

Secondo lei, un furetto con patologie comportamentali anche gravi può essere recuperato? Nella maggior parte dei casi il recupero è possibile, ovviamente a patto di essere disposti a lavorare con il furetto, a giocare con lui, a fare esercizi e, a volte, a somministrargli dei farmaci che lo aiutino ad apprendere ed a ridurre l’ansia e il malessere emozionale, che gli serviranno a stare meglio da subito e ad affrontare al meglio il percorso riabilitativo.

Ci sono casi di furetti tranquilli, che hanno avuto un percorso positivo di vita corretto, senza intermezzi sgradevoli o malattie gravi, che mordono o sono aggressivi ugualmente, secondo lei perché, o cosa può scattare a E’ fondamentale ricordare che il farmaco non è la terapia livello caratteriale a furetti così? di una patologia comportamentale ma uno strumento che ci permette di attuare un percorso riabilitativo fatto di cambiamenti nella relazione uomo-animale, di giochi, di attività, di esercizi, di nuove abitudini e di modificazioni ambientali. E’ uno dei tanti strumenti che il medico veterinario comportamentalista ha a disposizione, non è l’unico e non deve mai esserlo. Quasi sempre il farmaco viene mantenuto per il tempo necessario ad effettuare la riabilitazione comportamentale e svezzato a recupero avvenuto.

Una patologia del comportamento non compare mai all’improvviso, senza preavviso, ha sempre un decorso evidente al medico veterinario comportamentalista. Nei casi in cui un comportamento compare realmente fuori contesto, all’improvviso e senza alcuna evoluzione mi preoccupo sempre di effettuare indagini diagnostiche adeguate, perché non si tratta di un problema comportamentale ma organico, ovvero di un problema fisico e non mentale. Mi rendo conto che gli indizi evidenti al medico veterinario comportamentalista non sempre lo sono per il proprietario, proprio per questo è necessaria una visita comportamentale, che ci permette di differenziare le patologie comportamentali e quelle organiche e di comprendere le reali ragioni del comportamento presentato dal furetto. I comportamenti di aggressione non sono legati soltanto alla paura, possono essere causati da una difficoltà nella gestione degli autocontrolli, ovvero l’incapacità di calmarsi quando ci si eccita, oppure da un problema relazionale come il disturbo competitivo di relazione, una specie di bullismo del furetto. I furetti affetti da disturbo competitivo di relazione sono portati ad una comunicazione violenta, non chiedono cortesemente ma pretendono e non hanno pazienza, non accettano i no e adorano competere per le risorse, siano esse giochi, cibo, spazi o interazioni.


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

13

Quando un furetto arriva in casa nostra cucciolo morde più che altro per giocare,il morso è comunicazione nei confronti del mondo esterno, approccio che con il divenire adulto viene meno, in che cosa la famiglia umana non deve fare perché non diventi un imprinting e permanga nell’animale? Non si può parlare d’imprinting in una specie mammifera come il furetto, ma di apprendimento sociale e di comunicazione. E’ sicuramente vero che i furettini sono portati a mordere e non sanno controllare bene il morso, nel senso che hanno tarato la forza della presa sulla cute dei loro fratelli, che è decisamente più spessa a resistente della pelle umana. I furettini hanno Il furetto dovrà controllarsi, calmarsi (perché eccitato anche una forte motivazione all’esplorazione orale dall’esplorazione dell’oggetto che ha in bocca) e che, se non opportunamente canalizzata ed educata, lasciare l’oggetto se vuole venire a giocare con noi. può portare da adulti all’ingestione di oggetti o di parti di essi. Questo gli insegnerà il piacere della collaborazione e l’autocontrollo. Altro problema è il controllo del Innanzitutto il furetto deve imparare che noi non morso del furettino che, come già detto, è tarato vogliamo rubargli gli oggetti che sta esplorando, ma sulla pelle dei fratellini. In questo caso è importante che vogliamo giocare con lui. Spesso i proprietari si giocare con il furetto senza esagerare, controllando la spaventano quando vedono il furetto con un oggetto sua eccitazione ed evitando di sovraeccitarlo e, non in bocca e tendono a toglierglielo strappandolo via. appena accenna a mordere, prenderlo per la collottola Questo è un vero e proprio furto ed il furetto impara senza agitarlo o dire nulla ed attendere che si calmi. a distruggere ed ingerire velocemente l’oggetto per Nel caso di morsi ai piedi si possono indossare degli evitare che gli venga tolto. Ovviamente è importante stivali per qualche giorno e rimanere immobili quando organizzare la casa in modo che non ci siano oggetti il furetto arriva con l’intenzione di mordere (se si pericolosi per il furetto a portata di denti e, quando scappa si diventa una preda irresistibile), metterglisi vediamo che ha preso in bocca qualcosa, possiamo di fronte e pronunciare un forte “no!” con voce bassa giocare con un oggetto che lui ama e che può masticare e secca. Appena il furetto si sarà fermato, e di solito davanti a lui, senza chiamarlo ma semplicemente si appiattiscono anche in terra, ci si potrà accucciare mostrandogli che ci stiamo divertendo moltissimo. in terra ed offrirgli un oggetto che può masticare, chiamandolo gentilmente e dandoglielo quando arriva con calma. Il furetto imparerà rapidamente cosa si può mordere e cosa no.

Dott.ssa Marzia Possenti Intervista a cura di Cinzia Fresia Redazione Furettomania Onlus


Anno 12 - n. 73

14

FURETTOMANIA INFORMA

Concorsi ed eventi

VI concorso internazionale di bellezza FURETTOMANIA onlus Il 20 novembre 2011 si è svolto a Voghera, nel palaTexas al ranch Cowboyland il nostro sesto concorso internazionale di bellezza, che ha visto sfilare super -bellissimi furetti. Quest’anno la novità è stata la location, la manifestazione si è svolta in un’atmosfera molto western, in un pezzo di Texas in Lombardia: si tratta del cowboyland ranch a Voghera in provincia di Pavia. Questa struttura che potrebbe sembrare una club house per gli amanti dei cavalli è in realtà molto di più, inoltre la zona di accoglienza per cavalli, è presente un edificio per le manifestazioni il Palatexas, un albergo con reminiscenze western, una caffetteria, un ristorante, una birreria, un emporio “tutto per cow boy e cow girl” e un parco divertimenti tematico come intrattenimento per adulti e ragazzi, insomma non manca nulla e vale la pena una visita. Nonostante la giornata fosse immersa nella nebbia novembrina , il pubblico non ha disertato ed è stato con noi sfidando la condizione atmosferica e per questo diciamo grazie a chi è intervenuto. Per noi è stata la felice consuetudine che è il concorso di bellezza dove è possibile ammirare i furetti al meglio e in forma, e poter stare insieme agli amici aiutando “Furettomania”. Anche quest’anno tutti i furetti in manifestazione sono stati adottati, nota lietissima in un clima già scaldato dal Natale e dalle creazioni altrettanto avvolgenti del nostro angolo delle coccole, un “must” imperdibile dei nostri eventi.

Oltre al ring e a tutte le attrazioni, non è mancato il mercatino di Natale, sorprese per tutti a piccoli prezzi, ma non è stato solo “bellezza” si sono svolti i giochi che coinvolgono direttamente i furetti insieme ai “genitori” umani, insomma un grande successo come sempre. Dal mercatino di Natale quest’anno è nata l’idea del Natale solidale, nonostante i disagi della crisi questo Natale regaliamo “un anno di Furettomania”, ai vostri parenti più cari, agli amici a cui particolarmente tenete fate conoscere la nostra associazione, troverete tutti i dettagli su Furettomania-forum. E nonostante la nebbia che non si è mai alzata, lasciamo Voghera e il suo angolo di Far West per tornare a casa, chi un ora, due o anche 4 di viaggio, felicemente, per essere stati bene e soprattutto utili ai furetti senza famiglia e casa… Arrivederci al prossimo concorso. Redazione Furettomania Onlus


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

15

Classifiche • Junior Femmine Special 1° Classificato Manwe di Sara Terrani 2° Classificato Miriel di Luca Chelotti 3° Classificato Lilith di Cesare Lostia

• Junior Maschi Special 1° Classificato Mishka di Gaia Franzoso 2° Classificato Jasper di Elena D’Amore 3° Classificato Lupo di Cinzia Fresia

• Femmine Adulte Intere Special 1° Classificato Tasmania di Cinzia Fresia 2° Classificato Kitana di Cesare Lostia

• Maschi Adulti Premior Dark 1° Classificato Houdini di Anja de Vries 2° Classificato Storm di Gaia Franzoso 3° Classificato Aker di Ilaria Nicastro

• Maschi Adulti Premior Solid 1° Classificato Evan di Ambra Gianotti 2° Classificato Justus di Anja de Vries 3° Classificato Pepe di Giovanni Pozzetto

• Maschi Adulti Premior Special 1° Classificato White di Giovanni Pozzetto 2° Classificato Eragon di Giovanni Pozzetto

• Femmine Adulte Premior Altri Colori 1° Classificato Jade di Giovanni Pozzetto 2° Classificato Mittens di Anja De Vries 3° Classificato Cora di Cesare Lostia

• Femmine Adulte Premior Special 1° Classificato Mya di Alessandra Mura 2° Classificato Milù di Ambra Gianotti 3° Classificato Neliel di Eleonora Fontana

• Senior Maschi 1° Classificato Choco di Giovanni Pozzetto 2° Classificato Dominic di Giuliano Farris 3° Classificato Notu di Cinzia Fresia

• Senior Femmine 1° Classificato Trilli di Antonio Marinone 2° Classificato Ororo di Giuliano Farris

• Non Standard Femmine 1° Classificato Maya di Luca Chelotti 2° Classificato Luna di Mohamed Marah

• Best in Show:

Mishka di Gaia Franzoso


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

16

Concorsi ed eventi

E’ lei il giudice di concorsi per furetti? Una mattina, mi squillò il telefono. Risposi, e dall’altra parte c’era la redazione de “I Soliti Ignoti”, programma di Rai1 con Fabrizio Frizzi, che mi comunicava che avrebbero voluto avermi in trasmissione ad essere l’identità ignota, come colei che organizza concorsi di bellezza per furetti, con tanto di furetto al seguito, che avrebbe dovuto stare sulla scrivania di Frizzi durante la puntata. Un po’ incredula ma divertita da tutto questo, cominciai a rispondere a tantissime domande sui furetti che mi fece l’impiegato della redazione dall’altra parte del telefono. Ma i furetti sono domestici, cosa mangiano, come vivono, quanti ne hai, di cosa si occupa la vostra associazione, come funzionano i concorsi e così via per oltre 30 minuti. Accettai la loro proposta e rimasi in attesa di ricevere un’altra telefonata che mi avrebbe confermato la data della registrazione della puntata. Quando mi chiamarono venni sommersa da un mondo per me tutto…ignoto. Devo dire che sono rimasta piacevolmente stupita da tutte le attenzioni che hanno rivolto al mio Hiro, che è stato il prescelto a venire in puntata con me. Mi hanno chiesto misure della playpen, se si sarebbe potuto spaventare per le luci e i rumori del set, se potevo portare io il cibo o se avessero dovuto provvedere loro, se era vaccinato, microchippato e mi hanno Alle 6.51 io e Hiro partivamo con il treno dalla stazione comunicato che sarebbe servito un certificato di di La Spezia Centrale, e in 3 ore saremo arrivati a Roma. buona salute rilasciato dal veterinario. All’arrivo abbiamo trovato un’autista poco avvezza agli animali ad attenderci, la quale voleva già mettere il Abbiamo deciso di portare Hiro perché ci sembrava trasportino con Hiro nel baule. Credo proprio di averla quello più adatto; Dom, infatti, non ama molto fulminata con lo sguardo e Hiro è così rimasto con me viaggiare, a Ororo gli esseri umani proprio non sul sedile posteriore. piacciono, quindi immaginatevela con tutta la gente che avrebbe voluto accarezzarla o ancor peggio Arrivati al Teatro delle Vittorie siamo stati inghiottiti dal tenerla in braccio, sarebbe stato un disastro! Marcus trambusto delle cose da fare: prima la riunione, durante ogni tanto un bel pizzico lo rifila a chi ignaro si fa la quale Hiro ha ben pensato di sfurettare, poi le prove tentare dal suo dolce sguardo e mette la mano nella costumi, il pranzo, il trucco, il parrucco, gli indizi. E devo playpen… soprattutto alle donne! Quindi la scelta è dire che il piccolo Hiro è stato davvero bravo, di tanto in ricaduta sul “piccolo” e coccoloso Hiro. tanto gli mettevo il guinzaglio e lo portavo a passeggio sulla terrazza. Tutto lo staff della trasmissione, nonché La settimana successiva, dopo aver definito i dettagli gli altri ignoti, hanno passato la giornata a coccolarselo, di viaggio e di pernottamento, dopo aver parlato con e Hiro se l’è davvero goduta! Cosa ancor più importante la costumista che mi ha costretto a portare una valigia però è che tutti mi chiedevano informazioni: sul furetto, immensa, siamo partiti alla volta di Roma. sull’associazione, su come adottare, cosa che mi ha


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

17

davvero fatto felice! Ero davvero orgogliosa di poter insegnare tante cose sul furetto a queste persone, che fino al giorno prima ne ignoravano quasi l’esistenza. Ad un certo punto la redazione è andata a comprare una gabbia per Hiro, perché hanno realizzato che la playpen non ci sarebbe stata sulla scrivania di Frizzi (cosa che a me sembrava folle, la scrivania è davvero microscopica!!!), e hanno avuto la brillante idea di mettere 4 dita di tutolo di mais sul fondo: non vi dico come si è divertito Hiro a scavare e a buttare fuori tutto il tutolo dalla gabbietta. Erano oramai quasi le 19 quando iniziò la registrazione della puntata, e gli autori hanno pensato che sarebbe stato brutto vederlo in gabbia per tutta la trasmissione, quindi abbiamo deciso di lasciarlo fuori dal set per poi prenderlo quando la mia identità sarebbe stata scoperta. Ho avuto modo di parlare con Frizzi prima della trasmissione, al quale ho chiesto se gentilmente potevo parlare della nostra associazione, più che dei concorsi di bellezza, e quindi ci siamo accordati per le domande!

Mi assegnarono il numero 1, ero quindi la prima. Ovviamente la povera concorrente, che inizialmente non aveva capito che la dicitura corretta era giudice di concorsi per furetti (all’ultimo la redazione ha deciso di cambiarla) e non giudice di concorsi per fumetti (ma credo che per lei avrebbe fatto poca differenza) non ha indovinato la mia identità e battendo il martello ha affermato che facevo cocktail! E quindi via nel limbo ad attendere la fine della puntata con la paura che Hiro potesse combinare qualcosa o riuscire ad uscire dalla gabbietta. Alla fine, svelata la mia identità, sono andata a prendere Hiro, il quale ha sbadigliato per tutto il minuto di riprese, e grazie alla complicità con Fabrizio Frizzi sono riuscita a fare un po’ di pubblicità a Furettomania! Non vi svelo altro perché spero che possiate vedere la puntata quando andrà in onda o magari, se riuscissimo a registrarla, sul nostro nuovissimo canale Youtube di Furettomania, al quale invito tutti ad iscriversi! Federica Repossi


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

Adozioni Novembre - Dicembre 2011

18

Musetta Tashi Grazie a Daniela e a suo marito per l’adozione della Puzzola (Tashi) ora finalmente è felice da Gaia con tenerissima Musetta!! cui è stato amore a prima vista!

Flipper & Crack Grazie Chiara per questa doppia adozione!

Jasper Serena e Jasper: e amore fu! grazie di cuore!

Pisolo Impossibile non innamorarsene, e questa volta non sarà un fuoco di paglia, la sua famiglia è con Nadia, Andrea e Marco

Pippo Pippo (Birbo): la prova vivente che la prima impressione a volte non è quella che conta!!! Grazie a Lara e Silvio per aver saputo guardare oltre...


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

Adozioni Novembre - Dicembre 2011

Shiva Shiva è arrivata come una tempesta da Eleonora e la sua bellissima famiglia gioca e potpotta di felicità

19

Daisy Daisy (Priscilla) adottata da Roberto e compagna ha colmato un grande dolore ora tutti sono felici!

Bimba Amir Bimba ora è tranquilla e sicura tra le braccia di Maya Finalmente Amir ha trovato la sua famiglia con Serena

Gehry & Gaudì Un colpo di fulmine per Annalisa, li conosceva da 5 minuti e già era decisa ad allargare la famiglia con Gehry&Gaudì , grazie!


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

Adozioni Novembre - Dicembre 2011

20

Florida & Coconut Un trio di emozioni misto a coccole e vivacità! impossibile resistervi! Laura e la sua famiglia erano già convinti per un’adozione di coppia...ma come potervi separare! GRAZIE

Dolce & Claretta ... e dopo tanta attesa anche questi due amori hanno trovato la loro famiglia per sempre! Grazie a Daniela per questa adozione del cuore!

Mysha A volte le decisioni prese di slancio e quelle ponderate combaciano... e sono le decisioni giuste! buone coccole co Massimiliano piccolo Mysha!!!

Penelope Penelope (Kyra) allegria incontenibile per un innamoramento istantaneo, e adesso la sua famiglia è con Giovanna&Giovanni...


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

Adozioni Settembre - Ottobre 2011

Burro e Lola Grazie a Cristian e compagna per questa adozione che speriamo riporterà gioia dopo il lutto avuto.

21

Lilo e Stitch Due piccoli terremoti che hanno portato tanta allegria a Pamela&Andrea

Muffin Bignè Bignè (Mordicchio) Grazie a Mara per questa adozione Una bella famiglia anche per Muffin (Ciro), grazie Sara

Silvio e Gigi Un grazie immenso a Giovanni, Maria ed Emilio per questa adozione del cuore, dettata dal cuore e dal vostro grande amore per questi animali. Minnie&Pippo hanno trovato l’amore e le attenzioni che meritavano, grazie ancora Alessia


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

22

Ponte dell’arcobaleno

Pulcina (Alis) Dolce angioletto sei volata via troppo in fretta..un abbraccio alla tua mamma Raffaella

Whisky Whisky vogliamo ricordarti cosi, ciccottoso.. un abbraccio Melissa

Bruce Ti sei fatto conoscere ed amare da tutti, hai vissuto troppo poco ma hai lasciato un prezioso ricordo indelebile, abbraccia nei sogni Giovanni, Maria ed Emilio

Renato Tanto, troppo doloroso salutare questo piccolo volato via. Sara, Stefano e tutti i tuoi fratellini non ti dimenticheranno mai, ciao Renato....

ZororĂŹ Come si faceva a non innamorarsi di te? orsacchiotto coccolone e dispensatore di baci, hai fatto commuovere tutti col tuo arrivo ed ora con la tua partenza, grazie di esserci stato.

Ugo Vogliamo ricordarti col tuo bellissimo pelo e la tua gioia di vivere. Sei stato tanto sfortunato e la tua splendida famiglia l’hai lasciata troppo presto andando a raggiungere la tua sorellina Un abbraccio a MICHELA

patatone

e


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

23

Ponte dell’arcobaleno

Angelica Un abbraccio a Debora e la sua famiglia per averti accolto con tanto amore..

Lux (Cosetto) Hai portato tanto amore e tanta gioia ma la tua perdita è stata un dolore immenso

Willy Sei stato un grande lottatore e se anche se stato per poco con Alessia le hai donato tantissimo..veglia per sempre su di lei e i tuoi fratelli pelosi

Carrie Ciao piccolo splendido demonietto. Un abbraccio grande grande a Simone e sua mamma ed alla tua sorellina pelosa Samantha...

Tiffany Buon viaggio piccola, siamo vicini a Caterina

Mimosa Purtroppo la natura ci ha privato della piccola Mimosa ha raggiunto Milady e lascia un dolore immenso. Abbracciamo Paola

Kodiak Un saluto speciale a un furetto dolcissimo che ha potuto per troppo poco ritrovare la felicità. Un abbraccio a Claudia e Rocco, ora sei il loro angelo insieme a Furio

- Mille auguri di pronta guarigione ai nostri cari volontari Franco (n°1078) e Giancarla (n°1103) - Benvenuto Lorenzo da papà Marco & mamma Valentina


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

Visitato per voi

24

Centro faunistico uomini e lupi-Entracque (Cuneo) Nel cuore del parco delle alpi marittime nasce il centro Uomini e lupi, che offre al visitatore spunti e risposte su tante curiosità nei confronti del rapporto uomo e lupo. Diviso in due sezioni, la prima nel paese di Entracque, la parte più scentifica, la seconda nella località Casermette-Entracque ci racconta la storia dell’affascinante fotografa Caterina e del lupo Ligabue. Il centro ospita alcuni lupi non reintroducibili in natura, in un territorio di circa 8 ettari, visibili da una torre di avvistamento. Centro faunistico Uomini e Lupi - Entracque Piazza Giustizia e Libertà, 3 - 12010 Entracque CN tel.+39 0171 978616 - fax +39 0171 978977 info@uominielupi.it A cura della Redazione di Furettomania Onlus

La carta azzurra dei servizi Diversi Soci in tutta Italia che posseggono negozi o altre attività, offrono sconti per i Soci di Furettomania che si presenteranno con la tessera valida per il 2011! I Soci interessati ad offrire sconti ed agevolazioni ad altri Soci, possono contattare la Redazione: Tel. 338-5289565 (dopo le ore 15.00) oppure via e-mail a Redazione@furettomania.com. Dai presenti servizi sono escluse tutte le attività inerenti il commercio di animali. L’Associazione precisa che il presente servizio è riservato ai Soci dell’Associazione stessa e dichiara di non percepire alcun compenso per questo servizio. Le agevolazioni offerte verranno comunicate di volta in volta sul Giornalino.

• Polleria girarrosto di Angela Masso Mercato- P.zza Borromini n.48 Torino Tel 347 4900848 Orario: dalle 8 alle 14 Carni tritate (compreso la quaglia intera) o a pezzi secondo le esigenze. In estate le quaglie esclusivamente su ordinazione. E’ consigliata la prenotazione. • Al cantun d’lè fiur (l’angolo dei fiori) Negozio di fiori e piante di Mauro Garelli C.so Casale 192/a - Torino Tel. 011 8980166 Sconto del 10% su tutti gli articoli escluso faxiflora.

• Azienda Agrituristica Arcadia (Rita, Graziano e Gabriele) Ospitalità e territorio: per le vostre vacanze: camere, • La pasticceria s.a.s. di Benvenuto Emanuele, cene, eventi, vendita prodotti biologici di stagione. La struttura accetta animali e i furetti sono benvenuti Piazza Adua, 8/B - Biella. Sconto 10%. l’azienda offre uno sconto ai soci di Furettomania del Per Informazioni: Riccardo, tel. 015-8492685. 10% su tutti i servizi. Via Cornetta 491 Poggetto di San Pietro in Casale • Bar Croce Bianca di Aries Emilia, Via dei (Bologna) Tel: 051 813176 Cel: 347 9161584 Pescatori, 1 -Cerro di Laveno Mombello (VA). www.arcadia-agriturismo.it arcadia_bb@libero.it Sconto 10% sulle consumazioni. Per informazioni: Emilia, tel. 338-7562220. Riservata ai soci di Furettomania Onlus


Anno 12 - n. 73

FURETTOMANIA INFORMA

25

Furettomania consiglia...

Allevare un cane di Jiro Taniguchi

Recensione del libro “Allevare un cane” di Jiro Taniguchi Poetico autore di fumetti giapponese, Taniguchi ci mostra un ritratto autentico e toccante del rapporto semplice ed intenso avuto col suo cane e con i suoi gatti. Ce ne aveva già reso partecipi in un appendice de “Un cielo radioso” ma è in “Allevare un cane” che definisce l’affresco con immagini che in molti potremo sentir risuonare. Un piccolo capolavoro di semplicità e precisione sull’essenza dell’intimità con le creatura con cui condividiamo la vita. Buona lettura! Patrizia Puccetti


Ago,filo e fantasia Di De Nardi Lucilla Blog – ricamareconlucy.com Mail-denardilucilla@hotmail.it Cell.3929793600 Punto croce ,punto erba, intaglio per meravigliose tente, tovaglie, morbidi cuscini anche divani e poltrone e lavori di tappezzeria tutto ciò che rende più preziosa la tua casa trecce, punto riso,rombi nei caldi maglioni da indossare e poi non dimentichiamo i ns amici a 4 zampe amache coccolose, comodi divani, tappeti per giocare visita il mio blog per scoprire tutto ciò

parte del ricavato verrà devoluto a furettomania


Furettomania Informa novembre dicembre 2011  

Pubblicazione bimestrale riservata ai Soci di Furettomania

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you