Issuu on Google+

Furettomania Informa

La carica dei cercafamiglia Speciale vacanze:

i consigli di Cinzia, Federica e Claudio


Anno 13 - n.76

FURETTOMANIA INFORMA

1

Furettomania Informa

MAGGIO - GIUGNO 2012 Pubblicazione bimestrale riservata ai Soci di Furettomania

Direttivo News Il Consiglio Direttivo e lo staff di Furettomania ONLUS si stringono intorno a tutti i soci e non Emiliani. Sperando non siano personalmente coinvolti in situazione severe, ricordiamo di contattare lo staff di riferimento, se si necessitasse di supporto per la gestione dei piccoli in questo momento di difficoltà: Giancarla 0522/941256-349/7189259 oppure email info@furettomania.com. Coraggio siamo con voi! Vi ricordiamo l’importanza di mettere il microchip ai vostri furetti e registrarli contestualmente all’Anagrafe. per info contattare Tommaso Bobini, 345/6103451 email: anagrafe@furettomania.com, modulo per registrazione gratuita: http://WWW.FURETTOMANIA.COM/ Brochurine/NEW/MODULO_ANAGRAFE_2012. PDF Microchip e Anagrafe, un gesto d’amore e responsabilità!

Sommario pag. 2 Editoriale pag. 3 A voice from America: Una festa a prova di furetto pag.5 Vacanze e furetti pag. 8 Provato per voi pag. 9 I soci raccontano Pompeo va in vacanza pag.11 Concorsi ed eventi La Carica dei Cercafamiglia pag.15 Concorsi ed eventi Concorso di bellezza - Pisa 2012 pag. 19 Furettomania incontra Intervista a Paola Francone pag. 20 Furetti in tragheto

Per vacanze e pensioni ecco qualche buon consiglio: http://www.furettomania.it/pages/download/ SCHEDA%20CONSIGLI%20FERRETSITTER. doc

Prossimi Eventi: Olimpiadi dei Furetti a Bologna, 16 settembre 2012

pag. 24 Furettomania consiglia: La mia vita è uno zoo pag. 25 Adozioni Maggio - Giugno pag. 28 Il ponte dell’arcobaleno


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

2

Editoriale Ieri leggendo sul giornale... Sulla Stampa quotidiano della città di Torino, di alcune settimane fa, mi soffermo su un articolo il cui giornalista che lo ha realizzato, esprime il suo sdegno verso una vicenda che ha riguardato un gatto soccorso a Teheran da una volontaria animalista iraniana, che vedendo il povero animale, a cui era stato dato fuoco, agonizzante in una pozzanghera ha deciso di salvarlo mandandolo negli Stati Uniti. Là, è stato salvato in extremis, da una volonterosa clinica veterinaria della California, a San Francisco, che ha non solo salvato la vita al gatto ma gli ha fornito una sorta di protesi con rotelle per potersi muovere, il gatto Maloos, così l’hanno chiamato, è stato dato in adozione per offrirgli uno scampolo di vita in famiglia, per fargli dimenticare la terribile esperienza. Il giornalista in questione fa molta confusione, parla di un gatto che vive il “sogno americano”(boh!), che a Teheran la gente muore per strada e soffre la fame, e tutta questa attenzione al gatto non è giustificata secondo lui, e ultima cosa, se è vita per un gatto trascorrerla su una pseudo sedia a rotelle. Ho ragionato un po’ su queste impressioni, di una persona che ritiene gli animali inferiori agli uomini o comunque senza diritti. Personalmente ho visto con i miei occhi gli animali domestici cibarsi di immondizia nei paesi del terzo mondo, morire di malattia soffrendo per la strada, proprio a causa della povertà, che colpiscono tutti gli aspetti dell’umanità e gli animali arrivano comunque per ultimi. Io però vorrei dire la mia: contrariamente al giornalista, non condanno affatto la collega volontaria che ha deciso sicuramente in perfetta autonomia di aiutare il povero micio, come tutte le persone che sono in quei posti, incontrare la morte fa parte della giornata, Sara, così si chiama, ha deciso di rompere gli schemi, e ha detto no! La sua iniziativa ha voluto non legittimare un gesto orribile effettuato su una creatura innocente che passava lì per caso, e che non aveva nulla a che fare con la guerra, che sebbene esista non giustifica atti di questo genere contro niente e nessuno. Siamo ormai abituati a sentirci “cosa dobbiamo fare e pensare” ogni giorno, ben venga questo episodio che apre una porta verso un altro dolore, quello animale.

“Se è giusto che un gatto viva con una protesi agli arti posteriori?” Il nostro luogo comune, ci dice che il gatto è felice se corre in giardino a caccia di topi e lucertole, questa almeno è la teoria che noi supponiamo di sapere, ritengo però di aver visto gatti felicissimi, a stare in braccio ai propri famigliari e non sentire nessuna esigenza a voler uscire per “essere veri gatti”. D’altronde, lo possiamo osservare, a casa nostra con i nostri furetti, soprattutto chi ne ha più di uno. Io ne ho 5 attualmente, e posso dirvi, che ognuno ama fare cose diverse, chi vuole stare sempre fuori, chi sempre dentro, chi dorme tutto il giorno, chi cerca di salire sui mobili, chi vuole giocare tutto il giorno e così via ...qual’è la vita da furetto? certo ho dei limiti, non abito in campagna sto in appartamento, ma è la loro casa, e me lo dimostrano ogni qual volta ci ritorniamo. Certo spesso mi pongo dei dubbi, se sto facendo bene, se non sto sbagliando, però, credo che la sensibilità di un’animale non vada mai sottovalutata, e che il loro benessere o malessere è sotto i nostri occhi, e siamo i primi ad accorgerci se qualcosa non va. Quindi andiamo avanti così, tutti noi facciamo del nostro meglio, istintivamente loro se ne rendono conto.

Cinzia Fresia


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

3

A voice from America Una festa a prova di furetto: che sia sicura e non occasione di dolore per questa stagione di vacanze Di Mike a Anita Morett Voi ed i vostri furetti potete godere le vacanze insieme quando si prendono le dovute precauzioni. Tutte le vacanze sono dei periodi speciali dell’anno di gioia e felicità. Ma non compromettete la vostra gioia con la tragedia. La sicurezza deve essere al top delle priorità per bipedi e quadrupedi Halloween e il Capodanno sono momenti di festa che portano amici e famigliari in casa propria. Tra nuovi odori e nuovi oggetti scintillanti stimolano la curiosità dei furetti. Prendete le corrette precauzioni per proteggerli o Halloween: un’inaspettata disgrazia potrebbe succedere. Qui sono alcuni pericoli da controllare durante alcune di queste Ogni vacanza porta la sua personale area di pericolo, Durante Halloween, quella scatola di caramelle in vacanze. casa potrà causare una serie di problemi se i furetti ne dovessero ingerirne. Nessuna caramella fa bene ai Pericoli nascosti: furetti, oltre all’elevato contenuto in zucchero, può Il giorno di San Valentino, di San Patrizio, Pasqua, causare un blocco intestinale. Se i furetti avessero il Memorial Day, dell’indipendenza, del lavoro, accesso alle caramelle, ne potrebbero nascondere del ringraziamento, Natale, Compleanni e tutti gli in giro per la casa, e mentre siete distratti dal party, eventi religiosi-culturali: Tutte queste occasioni potreste non saperlo. Mai tenere in braccio un presentano gli stessi pericoli come fosse un party di furetto mentre un diavoletto vi chiede il “dolcetto o Capodanno. Per queste celebrazioni, una gran parte di scherzetto”, accarezzandolo, potrebbe fargli provare persone porta da mangiare e da bere, incluso bevande un dolcetto. In più questi spiritelli con il buffo costume alcooliche. Queste cose ci stuzzicano, altrettanto i potrebbero impaurire il vostro furetto. nostri furetti. I furetti liberi, possono e accederanno al tavolo delle vivande, e cercheranno allegramente Giorno del ringraziamento: di assaggiare tutto, ma molto non è buono per loro. Il giorno del ringraziamento porta nuovi profumi e persone che i furetti non riconoscono, quando visiti la tua famiglia o amici, lascia i furetti a casa al sicuro, o in una camera o gabbia, quando la famiglia o gli amici vengono da voi, assicuratevi che i furetti siano nella loro camera o gabbia in sicurezza. Se i bambini piccoli girando per casa vostra interagiscono maneggiando i vostri animali, siate presenti per supervisionare la completa interazione, il furetto se tenuto male può mordere, i furetti dovrebbero non essere presenti quando avete ospiti, potrebbero rovinare un’adunata famigliare. Natale: I furetti sono noti per arrampicarsi in cima e saltare dall’albero di Natale o provare a farlo. Naturalmente c’è sempre la possibilità di autoferirsi facendo cadere l’albero in terra, un altro disordine da


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

4

pulire velocemente sono gli ornamenti distrutti. Non ho mai incontrato un furetto che non voglia bere l’acqua del contenitore dove stava l’albero, la vostra migliore scelta è isolare l’albero in una zona protetta dove il furetto non riesca ad arrivarci. Vogliamo che il nostro albero sia molto ben decorato dall’inizio fino alla fine, ma quelle luci elettriche scintillanti ornamentali penzolanti dai rami, sono un invito aperto al tuo furetto. Alcune luci elettriche diventano molto calde e possono causare ustioni a polpastrelli, gengive, naso. Se una corda elettrica è masticata, può accadere che il furetto prenda una scossa che porti addirittura alla morte. Le decorazioni in vetro sono conosciute per scomparire se appese ai rami bassi. I furetti le tirano giù cercando di portarle nei loro nascondigli preferiti e spesso durante questo processo, si rompono, ciò significa che i vetri rotti sparsi possono ferire il furetto o creargli problemi seri se ingeriti. Laminati, capelli d’angelo, neve artificiale se mangiati, può creare un’emergenza veterinaria, che dovrà ricorrere alla chirurgia per evitare il blocco intestinale, tenete ogni genere di decorazione in alto e fuori dalla portata dei furetti. Anche le prolunghe elettriche possono diventare molto pericolose, attenzione a non situarle vicino alle gabbie o zone dove abitualmente soggiornano i furetti, a tutti i furetti piace giocare con la carta dei regali e dentro le scatole vuote, ma sempre con la vostra supervisione.

Capodanno: Che sia una simpatica e tranquilla serata con amici intimi o un grande e rumoroso party, tenete I furetti al sicuro fino all’arrivo del nuovo anno. Troppo spesso, persone che eccedono con gli alcoolici diventano totalmente irresponsabili nei confronti degli animali della famiglia, i furetti possono essere pestati, colpiti, buttati a terra, o tormentati da adulti e ragazzi. Evitate questi fastidi a tutti i vostri bimbi a 4 zampe, e fate attenzione all’ospite fuori controllo che potrebbe buttare fuori di casa il vostro furetto per la coda. Cibo: La maggior parte del cibo mangiato durante le feste non è adatto ad essere offerto al furetto, che sono carnivori, così verdure, frutta, pane, leccornie e dolci non sono validi per loro. Una fetta di tacchino, capretto, maiale, pollo o manzo possono essere concessi, non dategli le pelli degli insaccati, una piccola porzione di panna senza lattosio è un modo sicuro per festeggiare anche con loro. Divertitevi con sicurezza! Non lasciate che le vacanze diventino un triste ricordo di una tragedia che si poteva evitare.

Traduzione a cura di Cinzia Fresia Redazione Furettomania Onlus


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

5

Cultura generale

Si parte per le vacanze ma con i furetti ... Le vacanze non devono diventare un motivo di ansia e preoccupazione per noi con i furetti, e ve lo dice una viaggiatrice che si porta i furetti quasi dappertutto. Se le vostre vacanze saranno all’estero, molto probabilmente vi appoggerete a qualcuno che si occuperà di loro, diversamente se decidete di portarli in aereo, controllate che: il paese dove andrete accolga gli animali da affezione nello specifico il furetto, la compagnia aerea li accetti: leggete le policy e munitevi di trasportino omologato e conforme alle norme IATA, alcune compagnie aeree non si formalizzano su questo particolare, ma nell’ipotesi di un responsabile di volo particolarmente ligio alle regole o poco propenso agli animali, potrebbe rilevarlo e non permettere l’imbarco, tenete contro che il comandante è la massima autorità in aeroplano ed è nella sua facoltà far valere il regolamento. Ricordatevi di attrezzare il trasportino con ciotola d’acqua fresca pulita e cibo: • Controllate che i documenti dei vostri animali siano in regola, se andrete all’estero e viaggerete nei paesi dell’unione europea, sarà necessaria la vaccinazione antirabbica, fatta almeno 21gg. prima della partenza, è necessario altresì il passaporto che potrete richiedere alle ASL-anagrafe canina della vostra zona e sarà rilasciato solo con l’inserimento del microchip identificativo, importante comunque informarsi circa le regole sanitarie del paese in cui vorrete soggiornare e se permettono l’ingresso ai furetti, oppure no.

In treno: Se opterete per il treno, accertatevi che la linea che vorrete utilizzare accolga i vostri animali, i quali dovranno essere sistemati in un trasportino attrezzato di tutto: lettiera, acqua e cibo, collegatevi al sito www.trenitalia.it e leggete le parti che riguardano gli animali in viaggio. Se si tratta di un trasportino non di grandi dimensioni di solito viene sistemato in un vano apposito vicino ai sedili, fate attenzione all’aria del condizionatore, se sentite freddo eccessivo, magari isolate il trasportino con un panno o una coperta gli sbalzi di temperatura possono essere nocivi al furetto. Importantissimo, qualunque tipo di viaggio dobbiate intraprendere, assicuratevi che i trasportini o gabbie dove i furetti affronteranno il viaggio siano ermeticamente chiuse, se non siete sicuri, rinforzate le aperture con dei moschettoni.


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

6

Il viaggio in auto: Anche i furetti hanno bisogno di un nécessaire, mentre noi prepariamo la nostra trousse da viaggio, dovremo pensare a quella del nostro furetto. Intanto, bisogna decidere, che tipo di soggiorno sarà il luogo di vacanza, può cambiare a seconda che si tratti di albergo o appartamento, se sarete a casa vostra, avrete tutto ciò che vi serve, diversamente, dovrete essere provvisti di alcuni accessori, come il nastro americano: utile a tappare qualunque fessura o buco che metta in pericolo il nostro animale, portatevi dei deodoranti o oli essenziali per l’odore, ad alcune cameriere il furetto non piace, altra cosa importante è la pulizia dell’ambiente e della camera o appartamento, portatevi i vostri detergenti abituali perché nessuno abbia niente da ridire, pensate alle cucce e alle coperte, e all’alloggio vero e proprio per il furetto, gabbia o play pen, se sarete in albergo, evitate di tenere gli animali liberi nelle ore dove devono sistemare le camere, onde evitare problemi con il personale della struttura, magari scrivete un biglietto visibile chiedendo per favore di non toccare o accarezzare l’animale per evitare incidenti.

Per i furetti: pasta hair remover, un taglia unghie, cotton fioc per la pulizia delle orecchie con relativo prodotto sciogli cerume, in ultimo, consultatevi con il vostro veterinario su quale tipo di farmaco antibiotico portarvi con voi, qualora lo stress o il troppo caldo, procuri qualche piccolo malessere al vostro amico, solitamente questi imbarazzi durano poco e sono risolvibili con dei fermenti lattici, ma non si sa mai, e non dimenticate il trattamento contro la filaria, meglio avere con sé alcune pipette del l’antiparassitario abituale, nell’eventualità vi foste dimenticati o siate in un paese ad alto rischio, e poi ciotole, beverini ...Ma dove metto tutta questa roba? Personalmente quando parto insieme a loro, mi porto molte cose, le ho riunite tutte in uno di quei prodotti della DEXTER o STANLEY sono valige utensili da lavoro, molto pratiche e multifunzionali che si dividono in diversi stadi, consentendo di prendere solo la parte che mi serve. sono molto Spaziose e possono anche contenere bottiglie erette, le potete reperire nei grandi magazzini con reparti da lavoro e fai da te, come Brico center, o Leroy Merlin.

Il cibo: Se il vostro furetto mangia solo crocchette problemi non ce ne sono, possono essere trasportate in un barattolo ermetico, in plastica o latta, ma quando si tratta di carne è diverso: Se il vostro furetto mangia la sua carne, che voi reperirete in un posto più che sicuro, va portata quella, è vero che riuscireste a trovarne altra se non sarete su “un isola deserta” ma


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

7

potrebbe diventare una ricerca difficile, e rischiereste di trovare solo pollo e tacchino, per organizzare un trasporto sicuro di carne congelata conviene fare così: dividere in porzioni,procurarsi una borsa termica tipo frigo portatile,quelli da auto o da pique -nique inserire le porzioni di carne dentro ad un sacco termico quello dei surgelati, mettere dentro dei panetti di ghiaccio, e introdurlo nel contenitore termico, alcuni possono essere alimentati con una presa di corrente all’accendisigari dell’auto che mantenga il freddo per molte ore, assicuratevi dove alloggerete che ci sia un freezer che ospiti questo genere di merce, potrete anche chiedere al vostro albergatore se potete utilizzare la loro cella frigorifera. e invece volete la tecnologia ed essere super indipendenti, esiste un Freezer portabile, utilizzato in auto e con un trasformatore anche a terra, questo oggetto veramente efficace, congela come fosse il frigo di casa, proposto dalla WAECO, azienda tedesca con sede anche in Italia, specializzata in allestimenti per natanti e camper. Un ultimo consiglio: se avete più di un furetto, portatevi un trasportino vuoto, non si sa mai, a volte, un malessere che fa sorgere dubbi, o un calore improvviso, consigliabile non doversi trovare nella condizione di cercarlo urgentemente, meglio averlo, alcuni sono smontabili e necessitano di poco posto! Aquesto punto se le valige sono pronte ..Buone vacanze!

Cinzia Fresia

Ago, filo e fantasia di Lucilla De Nardi

Divani, tappeti gioco,cucce originali e resistenti, tutte per la comodità dei nostri piccoli! http://ricamareconlucy.com/ Parte del ricavato viene devoluto per i furetti abbandonati


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

8

Provato per voi

Frigorifero e congelatore portatile Per conservare al meglio la carne fresca per i furetti durante i vostri viaggi, Waeco propone un congelatore portatile adatto alla vostra auto e grazie ad un trasformatore può funzionare con la normale corrente elettrica domiciliare. Prestazioni di altissimo livello, come un congelatore normale. PRF +10° -18°C Frigoriferi/congelatori portatili - Realizzati in materiale plastico anti-urto e alluminio all’interno - 9 modelli, disponibili con capacitł da 11 a 110 litri - Controllo elettronico-digitale della temperatura (meccanico mod. 18 e 25) - Dotazione interna a cestello in filo d’acciaio plastificato (esclusi mod. 11, 18 e 25) - Illuminazione interna (esclusi mod. 18 e 25) - Per voltaggi 12/24V e 110-230V/50-60Hz (con (www.waeco.it) adattatore opzionale mod. 11, 18 e 25) (www.evermed.it) - Refrigerazione statica a compressore

Responsabili uffici di furettomania E-mail centrale: info@furettomania.com •Consiglio Direttivo: Viviana Puzone (Presidente) 339-1158668, Ariela Trovato (Consigliere) 334-8586875, Claudio Cermelli (Consigliere) 340-5226910, Ambra Gianotti (Consigliere) 340-3172621 Gaia Franzoso (Tesoriere) 333-8911991 Consiglio.direttivo@furettomania.com •Ufficio Tesseramenti e Iscrizioni: Gaia Franzoso 333-89119991 Tesseramenti@furettomania.com •Ufficio Adozioni: Patrizia Puccetti 335/6678218, Viviana Puzone 339-1158668 Ufficio.adozioni@furettomania.com •Ufficio Amministrativo: Gaia Franzoso 333-89119991 Amministrazione@furettomania.com •Ufficio Anagrafe (Microchip e Albo): Tommaso Bobini 345/6103451 anagrafe@furettomania.com •Ufficio Certificati: Claudia Segafredo 338-5430132 Certificati@furettomania.com •Ufficio Grafica: Chiara Vercesi chiara.vercesi@furettomania.com •Ufficio Manifestazioni: Federica Repossi 347-4513736, Manifestazioni@furettomania.com •Angolo delle Coccole: Fabrizia Orlandini, (articoli visibili su www.furettomania.com/forum e ordinabili all’indirizzo e-mail: Angolodellecoccole@furettomania.com •Ufficio Redazione Giornalino: Cinzia Fresia 338-5289565 (dopo le ore 15) Redazione@furettomania.com


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

9

I soci raccontano

Pompeo va in vacanza “Papi quando andiamo in montagna? In quel bel posto, a Macugnaga?”: è Pompeo che borbotta. Dopo l’ultima operazione non riesce più a potpottare, ma gorgoglia in continuazione come una pentola di fagioli in ebollizione. “Presto, tra poche settimane” “Wow! Non vedo l’ora!” sfagiola Pompeo. “Chissà poi perché sei tanto ansioso di andarci: quando andiamo a fare le passeggiate nei boschi ti metti a dormire nel trasportino!! Anzi, stai sveglio finché ti scarrozziamo nel trasportino e gratti per uscire, poi quando arriviamo ti abbiocchi.” “Ma non è vero! … e poi dai, io sono vecchio: mi godo il panorama dal finestrino del trasportini. E comunque abbiamo sempre fatto delle belle passeggiate. A me piace tanto quel bel posto col lago e la valle lunga che sembra non finire mai…” “Il Lago delle Fate” “Si, proprio quello. Ti ricordi che là quella scema di Polpetta l’anno scorso inseguiva i cavalli? Ah ah, che stupidina! E quell’altra volta che voleva attraversare il fiume senza bagnarsi: ah ah ah” “Certo che me lo ricordo: vi divertite sempre come dei matti al Lago delle Fate. Anche quella volta che ci ha preso il temporale e ti ho preso in braccio e siamo corsi giù a casa a rotta di collo: ti sei bagnato, perché il trasportino ce l’aveva l’altro papi con Polpetta.” “Stavi per schiantare dalla fatica e romperti un piede sul sentiero…ih ih ih…io non capivo perché corressi tanto. Al Lago delle Fate siamo andati anche d’inverno, con tutta quella neve… brrrrr che freddo: il lago era ghiacciato.”

“Si Pompeo, ricordo bene: è stata l’ultima volta che Attila è venuto in montagna. C’eravate tutti e tre, tu Attila e Polpetta e abbiamo fatto la foto per l’avatar. Come si divertivano Attila e Polpetta nella neve, che tunnel che scavavano!” “Anche io!!” “Si, si, anche tu, patato: è stato bellissimo per tutti. Attila sembrava un carrarmato panzer che avanzava nella tundra russa!” “Attila nei boschi era uno schianto! Si infilava dappertutto, ogni cespuglio, ogni anfratto, era suo: seguiva le tracce fin nei posti più impervi. E che nuotatore che era! Grande Attila, mi manca, anche a Polpetta manca.” “A tutti manca” “Anche Polpetta è davvero una selvaggia quando andiamo nei boschi…una matta, corre come un’isterica di qua e di là. Papi, ci porti in quel bel posto, quel rifugio…come si chiama??” “Quale?” “Quello dove ci avete portato quando ero appena uscito dall’ospedale. Me e Polpetta, che quando siamo arrivati su abbiamo iniziato a rotolarci uno sull’altra, abbracciandoci e potpottando di felicità”.


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

“Si, ricordo bene: che fatica arrivarci, con voi due nel trasportino-zaino! Ma che posto magnifico: come eravamo tutti felici, abbiamo festeggiato il tuo ritorno e quando avete iniziato a rotolarvi potpottando, leccandovi, mordendovi a noi sono venuti le lacrime agli occhi! Ma che paura alla sera, quando siamo ritornati! Non avevamo considerato che avevi il pancino rasato e col sole si era tutto arrossato, sembravi un peperone: come ci siamo sentiti stupidi e in colpa!” “Ma dai papi, a me non dava fastidio e il giorno dopo era già passato: è stata una giornata bellissima: mi piaceva crogiolarmi al sole, davanti al Monte Rosa, dopo tanto tempo chiuso in gabbia in clinica!” “Passiamo sempre delle magnifiche giornate in montagna.” “E’ vero papi, a noi piace da matti. Prima o poi anche quella testa matta di Poldo lo potremo portare nei boschi. Mi ha detto che gli piacerebbe” “Vedremo, se mette la testa a posto” “Ci porti quest’anno in quel posto, quel rifugio con tutti i mirtilli?”

10

“ Certo! Quanti ne avevamo raccolti: Attila mi aiutava e qualcuno se l’è anche mangiato” “Blahhhhhhh, che schifo!” “Parla lo schifiltoso. Mentre noi cercavamo mirtilli, tu te ne stavi a dormire!” “Dirigevo i lavori! A me piace quando ci togli il guinzaglio e ci lasci andare nei prati: come corriamo contenti… con voi che ci seguite passo passo.” “Si, ma a noi servono mille occhi. Soprattutto con Polpetta…. Tu sei un poggiapiano, ma quella è un fulmine! Però è davvero bello vedervi scorazzare liberi e felici: nei prati grandi e aperti con l’erba alta siete stupendi quando saltellate come cangurini.” “E sai una cosa, papi? A noi piace quel posto anche perché in paese ci conoscono tutti e quando ci portate in giro tutti vengono a farci carezze e complimenti. Dopo un po’ io mi rompo, ma Polpetta fa la diva….” “Si, siete le star del paese!” “W la montagna, papi, w le vacanze!” borbotta la pentola di fagioli e se ne va via allegro, caracollando col suo pancione. Claudio Cermelli

Furantasia di Giancarla Anigoni

Morbide amache, sacchi nanna, bellissimi oggetti a decoupage e altro ancora dedicato ai furetti e non! http://furantasia.iimdo.com/ Tutto il ricavato viene devoluto per i furetti abbandonati


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

11

Concorsi ed eventi

La Carica dei Cercafamiglia: un successo! Largooooo, arriva la Carica!!! Strepitosa, unica, irrinunciabile e superlativa!! Ecco come posso definire la giornata del 3 giugno presso la Fattoria Didattica Cascina Tua a Roppolo (Bi) www.viverelafattoria.it Un misto di vivacità, allegria, solidarietà e divertimento che ha accompagnato una giornata che di certo non era un “cavallo vincente” in partenza! E invece i Cavalli sono stati vincenti eccome e protagonisti indiscussi insieme a furetti, galline, oche e papere, il super maiale Francy e l’asinello Tobia, le caprette, i cani, il gattone e chi più ne ha più ne metta! Ognuno di loro ha resto indimenticabile questa edizione della Carica!

Paola Cortoni, nostra socia e guida in questa Carica è stata semplicemente eccezionale e bravissima nell’aiutare tutti e tutto il giorno: la sua disponibilità è stata fondamentale per l’ottima riuscita della giornata! Grazie cara senza di te non ce l’avremmo mai fatta! E direi che i suoi 10 anni furettosi sono stati festeggiati egregiamente!! La Carica dei CercaFamiglia è un evento di solidarietà e un momento di “reunion” dello staff di Furettomania che dopo un anno di lavoro e volontariato, si gode una giornata rivivendo le adozioni fatte e rilassandosi tutti insieme. Ma la carica è anche una giornata piena di giochi, divertimento, raccolta fondi e tanta informazione sulle attività di volontariato delle associazioni che vi partecipano.

Quest’anno la Fattoria Didattica Vivere la Fattoria ci ha davvero emozionato. E’ un’associazione che con energia e tanta volontà porta avanti un progetto unico e oggi molto raro: rispettare gli animali! I loro cavalli vivono in branco, non sono forzati in nulla e rispettati. Ognuno di loro, ma questo vale per tutti gli animali della fattoria, vivono una vita, un piccolo miracolo a cui cercano di donare serenità e amore, come ben pochi oggi sanno fare. Nerone (il difensore del branco) e Vivì (la guida del branco), Caramello, Leda e il dolcissimo asinello Tobia e molti altri, ognuno ha una sua identità e un suo ruolo ben preciso. La maggior parte di questi animali sono stati salvati da macelli, stato di abbandono o peggio…e hanno avuto una seconda possibilità grazie a Cristiana e a Vivere la Fattoria!


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

12

Nei loro occhi oggi vedi la serenità: vengono a salutarti come cagnolini e sono rilassati e ben disposti verso le persone…ma se guardi bene, la loro anima è segnata nel profondo dalla cattiveria subita dall’uomo ma ciò nonostante loro perdonano e danno una seconda possibilità. Lo stesso si è visto negli occhi di Tashi, ex furetto abbandonato, arrivato a Furettomania all’età di 8 anni e mezzo…lui ha solo amore da donare e per fortuna ha trovato Gaia e la sua famiglia ad accoglierlo! Durante la giornata ci sono stati tanti giochi divertenti per i furetti seguiti da Angelo e Claudio, che sono stati strepitosi e divertentissimi anche con i nuovi “pacchi sorpresa”. Siete straordinari in tutto ciò che fate per Furettomania! Grazie vi adoro! Questa pesca dei pacchi sorpresa, organizzata dai bravissimi Laura e Alberto per raccogliere altri fondi è stata un successo e davvero grazie di cuore per esservene occupati! Il super banco di cucce amache e tubi: alcune creazioni della nostra mitica e brava Lucilla e altre donateci da Teresa (un’amica di Anna, la mamma di Claudia), che è solita fare cucce per il canile! Rocco, Claudia e Anna sono stati bravissimi e hanno raccolto tante donazioni per i furetti abbandonati! Grazie! Il fantastico concorso Fotografico gestito da Ambra e Antonio bravissimi e attivissimi durante tutta la giornata, grazie mille ragazzi, siete la mia roccia, e tu Antonio una fonte inesauribile di idee e un aiuto preziosissimo per Furettomania, e poi ti riesco a spillare soldi con una facilità incredibile, come non adorarti!!!! Questo concorso ha visto ben 80 foto in gara!!! Tutte davvero bellissime! E le più votate andranno nel calendario 2013! E proprio la fantastica

Ambra ha concluso l’adozione della coppia di furettoni Ettore e Marley, che finalmente hanno una famiglia e sono felici con Klaus e la sua mamma davvero in gamba! Durante la giornata abbiamo parlato dell’importanza del microchip e relativa registrazione all’anagrafe (furettomania e anche asl!) e con il veterinario presente Dott. Mattia Bielli di Novara, che ringraziamo nuovamente per la sua disponibilità, abbiamo provveduto a leggere e registrare GRATUTITAMETE come sempre, alcuni furetti presenti con microchip, ma non ancora inseriti nel database. Abbiamo parlato delle nostre campagne informative (Sosangue e Allevamento Consapevole), dell’importanza di diventare Soci di Furettomania Onlus e di come sostenerci (http://www.furettomania. it/pages/soci/download.htm). Abbiamo cercato di sensibilizzare le persone verso le adozioni del cuore, di quei furetti anziani, malati o con problemi comportamentali, che hanno ancora più bisogno di noi, a cui invitiamo di aprire il vostro cuore: provate! vi stupirete e imparerete che l’amore è davvero immenso e ha un’intensità unica quando si decide di adottare una di queste anime! Il Premio Amore 2012 relativo proprio a queste adozioni (2011/2012 alla data della carica) è stato come sempre un momento di grande emozione, e con le lacrime che ancora scendono copiose ringrazio nuovamente i miei amici e lo staff per avermi riconosciuto il premio amore per l’adozione della dolcissima Tinny, il mio piccolo miracolo.


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

13

Il Premio allo Staff per un anno di intenso lavoro e volontariato: non smetterò mai di ringraziarvi tutti e di ricordarvi quanto il vostro operato piccolo o grande, sia importante e fondamentale per la nostra Associazione e tutti i furetti che cerchiamo di salvare e tutelare! Grazie a tutti! E nuovamente grazie di cuore per il bellissimo attestato e l’orchidea che mi avete donato, è stato del tutto inaspettato e una vera sorpresa! La carica dei cercafamiglia è l’evento più denso di sentimenti dell’anno e per me, che ho creato questa manifestazione, è emozionante seguirla e organizzarla, e una sorpresa tutte le volte! Ho rivisto vecchi soci come Riccardo con il suo bimbo, e poi la famiglia adottiva di Niche, Igor e Laura sorridenti ed emozionati! Soci che danno costantemente una zampa come Alexia, e staff storico come Cristina che nonostante una caviglia slogata e le stampelle non si è voluta perdere la carica! Sei mitica, ragazza! Ma anche soci nuovi, o solo nuovi volti che per la prima volta si sono affacciati a un nostro evento, be’ spero vi siate divertiti! E Simo e Angelo, che il giorno prima erano fuori città e domenica, anche se ancora stanchi per la sfacchinata, hanno contribuito a rendere speciale questa giornata! Mio marito Alberto che ha badato al mio cucciolo bipede Leonardo, che si è divertito tantissimo salendo anche a cavallo per la prima volta. E tutti gli altri dello staff presenti e non, ma che so con il pensiero erano li, vi ringrazio all’unisono perché senza di voi nulla sarebbe stato possibile! GRAZIE!! Quando ormai tutti erano andati via e il grande prato era pressoché libero da playpen, auto ecc, c’è stato il momento forse più emozionante della giornata: la liberazione dei cavalli dai recinti al pratone antistante la fattoria…vedere questi animali nobili, correre verso lo spazio aperto e sgroppare liberi e felici ha concluso degnamente una giornata davvero speciale,

unica e bellissima che sicuramente molti di noi non dimenticheranno! Mi sono tornati alla mente tanti dei furetti che in più di 10 anni abbiamo aiutato a essere cosi: liberi e sereni come i cavalli di Vivere la Fattoria, dopo angherie e cattiverie, dopo magari anni di gabbia, privati della dignità...e ora nuovamente vivi e rispettati. E tanti ancora aspettano il nostro aiuto, forse la sentiamo un po’ come una “missione”, forse ci sentiamo un po’ paladini della “giustizia del furetto”, forse a volte pecchiamo di modestia…ma forse un po’ questa, è anche la nostra forza, sappiamo e speriamo anche di riuscire bene in quello che facciamo cercando di migliorarci sempre, ma è indiscusso… abbiamo bisogno del vostro aiuto, i furetti ne hanno bisogno e tutti insieme, con tenacia, coraggio e passione possiamo fare molto per loro! Ora la parola al Claudio Cermelli che ci racconterà la parte dei giochi che ha diretto lui stesso con Angelo! Grazie a tutti e alla prossima!! Viviana Puzone


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

14

Il versante agonistico della giornata ha visto in gara alcuni dei campioni che sempre raccolgono un cospicuo bottino di medaglie alle gare di Furettomania e anche questa volta non si sono smentiti: Artù, Akira, Buck, Niky, Zeus. Praticamente hanno vinto tutto loro! Nella finale della corsa nei tubi duello all’ultimo sangue tra Akira, Zeus e Artù, che erano stati dei fulmini anche nelle batterie eliminatorie. Il Kiss me Babe ha visto lo strapotere di Niky, che si è stufata di baciare dopo ben 1’ 41”!!! La mia Polpetta, vincitrice di passate edizioni della gara dei furo-baciatori, non si è sprecata molto e ci siamo dovuti accontentare del secondo posto, ben distanziati da Nicky. Nello Stand up non si sono avute prestazioni da record: forse la bellezza del posto e la presenza di tanti bellissimi e simpaticissimi animali “vecchietto” Tashi, neoadottato da Gaia, forse il furetto più anziano presente in manifestazione: i suoi dolci occhi pieni di riconoscenza hanno conquistato anche i bambini! Sul podio del Premio Simpatia, anche Artù e Buck, tanto per cambiare…

hanno distratto anche i nostri campioni, molti dei quali non si sono nemmeno degnati di sollevarsi per mezzo secondo, rimanendo ben ancorati al tavolo: anche i vincitori non hanno segnato tempi memorabili. Il “Fuori dal sacco” ha visto un paio di furetti (… i soliti, Artù e Akira) uscir fuori in tempi rapidi, ma molti altri … decidere di schiacciare un pisolino dentro al sacco e dopo pochi tentativi poco convinti di trovare la strada per uscire, si sono acciambellati lì dentro. Infine il Premio Simpatia, la simpatica “gara” in cui una giuria di bambini vota il furetto che più gli ispira simpatia. Due i giurati, questa volta. Sara, figlia di Luisa e Leonardo, il figlio di Viviana, in perenne disaccordo tra loro: infatti, mentre Sara dava 10 a tutti i furetti, Leonardo cercava in tutti i modi di appioppare loro dei 4 e dei 5 e solo la materna pazienza della mamma riusciva a rendere il giudizio di Leo meno severo. Alla fine, con grande gioia di tutti, ha vinto il

Al di là dei risultati e delle medaglie, voglio però ricordare che i giochi e le gare in occasione delle Manifestazioni di Furettomania sono certo un momento di divertimento, di stretta interazione con i nostri amati furetti (che ci danno un pizzico di soddisfazione quando vincono le medaglie), ma sono anche l’occasione per raccogliere, con le offerte per le iscrizioni, fondi per sostenere la nostra Associazione ed aiutare così i furetti in difficoltà. E questa volta siete stati davvero generosi: grazie, a nome di tutto lo staff ma soprattutto a nome di tanti furetti che riusciremo ad aiutare con il vostro contributo! Claudio Cermelli


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

15

Concorsi ed eventi

Concorso di bellezza per furetti – Pisa 2012 E Pisa gridò …HIRO! Sicuramente, la nostra Federica Repossi non avrà creduto alle sue orecchie quando alla fine della manifestazione per l’assegnazione del best in Show è stato chiamato il suo Hiro! Splendido furettone mascherina di 3 anni, Hiro, ha vinto totalizzando il punteggio superiore di tutti i primi posti, complimenti a lui e alla sua famiglia che lo hanno preparato al meglio. Cosa dire della manifestazione di Pisa e del gruppo Toscano? Una parola sola... strepitosi, bravissimi davvero in tutto e sempre presenti quando serve, grazie a tutti voi, incontrarvi è solo un piacere. Ci siamo ritrovati in questo 2012, nella provincia di Pisa, a Lari, in zona 4 strade, in una struttura monoproteiche salutari per i nostri furetti, ringraziamo infinitamente la DRN per questa splendida collaborazione che grazie alla sua tempestività ha permesso questa operazione. Ringraziamo tutte le nostre creative che hanno fornito le cucce e oggetti, la cui vendita è andata ai furetti abbandonati, grazie quindi a Cristina Battistini per il banchetto “potpot accessori” e a Furantasia, di Gian Carla Anigoni, che ha donato i premi per i giochi e per il furetto che viene da più lontano...Grazie Giancarla!

polivalente con ampio spazio esterno, nonostante la giornata non promettesse bene, il pubblico non ha disertato e tanti sono stati i furetti iscritti sia al concorso che ai giochi! Per non parlare della gara delle torte! Un dolce intermezzo tra un furetto e l’altro. Anche quest’anno, la presenza dei due veterinari il dott. Salvadori e Petrini non è mancata, i quali si sono dedicati agli ospiti dispensando consigli a tutti... come sempre grazie, abbiamo bisogno di voi! Una presenza graditissima a questa manifestazione è stata quella della DRN, zootecnical e nutricional specialist, l’azienda di Palazzo Pignano (Cremona ) che produce la pappa monoproteica solo quaglia, la quale ci ha dotato di copiosa campionatura di pappe

Un evento importante durante il concorso, è stata la conferenza dei veterinari sull’alimentazione, i quali hanno intrattenuto il pubblico su questo delicato argomento chiarendone gli aspetti fondamentali.


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

16

Furo e Chicca di Emanuela Silivestro sono stati premiati come i furetti provenienti da più lontano, ma Tommaso Bobini, alias il signore dei fornelli, ha sbaragliato tutte le concorrenti vincendo la gara delle torte “Il con la torta intitolata:”Torta cioccolatosa sotto consiglio, con acquisto degli ingredienti in più step e panna montata di compagnia”, ma tutte le torte in gara sono state premiate perché davvero buonissime. I premi per la gara di Torte sono stati prodotti e donati dalla mamma di Ariela Trovato. La torta era imbattibile! Complimenti Tommaso... Ma il tempo scorre veloce a Lari, e in un soffio sono le 18,00 finiscono le premiazioni ed è tempo di tornare a casa, mi aspettano almeno 4 ore di auto...ma ne è valsa la pena...arrivederci ragazzi… Cinzia Fresia

Classifiche 16° Concorso nazionale di bellezza per furetti - 13 maggio 2012 Lari


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

17

Classifiche giochi

Articoli per il giornalino Ricordiamo che i Soci che vogliono mandare articoli per il Giornalino sono sempre i benvenuti! Ognuno di noi ha esperienze e insegnamenti da comunicare o condividere con gli altri, quindi se vuoi inviarci storie dei tuoi furetti, foto, suggerimenti, notizie o articoli, segnalarci siti web o letture che parlano di furetti, non esitare a contattarci!


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

18

Classifiche Giochi 9a edizione de “La Carica dei Cercafamiglia�

Pot Pot accessori di Cristina Battistini

Originalissime cucce per i nostri amici, dalle forme e colori sorprendenti! https://www.facebook.com/pot.pot.accessori.per.furetti Parte del ricavato delle creazioni vendute durante le manifestazioni di FM viene devoluto per i furetti abbandonati


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

19

Furettomania incontra Paola Francone - dirigente veterinarioanagrafe canina di Torino Quando pensiamo alle vacanze, dobbiamo provvedere in tempo alla regolarizzazione dei nostri amici animali se intendiamo portarli con noi. Oggi, soprattutto per l’estero è obbligatorio il chip identificativo, la vaccinazione antirabbica e la richiesta del passaporto. Parleremo di questi argomenti insieme alla dott.ssa Paola Francone dirigente- veterinario dell’anagrafe canina di Torino. Intanto grazie Paola per questo tuo intervento e per essere qui con noi. Paola, tu da anni operi nei canili comunali e ti occupi di animali abbandonati, il chip identificativo ha migliorato sul serio le condizioni degli animali, ha sinceramente limitato gli abbandoni? Dall’esperienza dell’ASL TO1 ( Canile Sanitario e Rifugio e Anagrafe Canina di Torino) da quando il microchip è diventato obbligatorio, nel 2004, il numero di cani abbandonati ha subito una riduzione del 40/50%.Va inoltre ricordato che le campagne di prevenzione sul randagismo e la crescita culturale dei proprietari, hanno portato ad una maggiore sensibilizzazione ed a detenzione e gestione dei propri animali più consapevole. Ritieni che il chip sia l’unico “certificato di proprietà” qualora l’animale venga perduto? Sì, poiché il microchip e la conseguente registrazione in banca dati è l’unico elemento che determina una correlazione inequivocabile fra il proprietario ed il suo animale.

Come funziona l’anagrafe per gli animali? E’ di fatto effettiva per tutti? Cani, gatti e furetti? L’anagrafe canina regionale è il registro informatico (BDR) dei cani identificati con microchip o tatuaggio in ogni Regione. Si tratta di una banca dati con riferimenti utili per rintracciare il proprietario e/o detentore ed il luogo di detenzione del cane. L’aggiornamento del numero dei cani censiti avviene in tempo reale e corrisponde alle registrazioni effettuate nell’anagrafe canina regionale informatizzata (ARVET). La registrazione informatizzata dei cani è stata avviata a seguito dell’entrata in vigore della legge regionale 19 luglio 2004, n. 18 “Identificazione elettronica degli animali da affezione e banca dati informatizzata”. Risultano pertanto registrati in banca dati i cani identificati con microchip a partire dai mesi successivi a quello di luglio 2004. Per i gatti e furetti, l’inserimento del microchip per ora è ancora su base volontaria, tuttavia, in caso di necessità di recarsi all’estero, questa operazione è diventata obbligatoria sia per il gatto che per il furetto per permettere l’identificazione e la vaccinazione antirabbica dell’animale, condizioni indispensabili per il rilascio del passaporto. Sappiamo che ogni regione ha un suo ufficio che svolge la funzione dell’anagrafe con delle regole diverse da regione a regione, perché? Si potrà un domani pensare di poter avere una legislazione nazionale uguale per tutti?


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

Con l’entrata in vigore dell’O.M. Martini del 2009, la registrazione dei microchip nell’ Anagrafe Canina Nazionale è diventata obbligatoria, la stessa Anagrafe viene aggiornata dai caricamenti dei singoli Servizi Veterinari delle Regioni, che inseriscono oltre al codice dell’identificativo (microchip o tatuaggio) informazioni relative all’animale quali la specie, la razza ed il sesso. Di conseguenza è possibile risalire alla Regione ed ASL di appartenenza del cane accedendo al sito

http://www.salute.gov.it/anagcaninapublic_new/home.jsp).

animali d’affezione

con cadenza quindicinale

dalle 14 alle 16 presso InformaCinque

Igiene urbana Anagrafe canina Microchip Passaporto

Canili Colonie feline Via Stradella 192 Benessere animale

Tel 011/44.35507/61

Informazioni Ufficio InformaCinque Via Stradella 192 011- 4435507/61 www.comune.torino.it/circ5

Quando una persona acquisisce un cane da fuori regione deve avere la scheda identificativa ed il certificato di cessione originale timbrato dall’ASL di provenienza e recarsi presso il Servizio Veterinario di residenza con questi documenti per registrare il cane. Per i cani c’è la scheda identificativa che viene rilasciata al momento dell’inserimento del microchip e registrata all’Anagrafe Canina, che risulta essere la vera e propria “carta d’identità” dell’animale. Per gatti e furetti identificati con microchip la documentazione è la medesima, ma non esiste altro incartamento per animali non “microchippati” Il passaporto per l’estero è stata una regolamentazione importante per gli animali? Ritieni che un documento di identità dovrebbe esserci anche per gli animali i quali abitualmente restano in territorio italiano? Si, con il nuovo passaporto europeo, viaggiare col proprio animale è ora molto più semplice poiché è un documento unico riconosciuto sia in ambito comunitario che verso Paesi Terzi, in quest’ultimo caso scortati da opportuna documentazione. Per i cani c’è la scheda identificativa che viene rilasciata al momento dell’inserimento del microchip e registrata all’Anagrafe Canina, che risulta essere la vera e propria “carta d’identità” dell’animale.

Sportello

Circoscrizione 5 dal 5 marzo 2012 il lunedì

20

Circoscrizione 10 dal 6 marzo 2012 tutti i martedi dalle 14 alle 16 presso la Casa nel Parco Via Panetti 1 Tel 011/6825390

Informazioni Ufficio InformaDieci Str. Com. Mirafiori 7 011- 4435050/75 www.comune.torino.it/circ10

Per gatti e furetti identificati con microchip la documentazione è la medesima, ma non esiste altro incartamento per animali non “microchippati”. Ti chiediamo, se hai suggerimenti che possano inibire l’iniziativa dell’abbandono, cosa potrebbero fare le istituzioni per fornire la massima tutela agli animali domestici? Sicuramente, come stiamo già facendo da anni nelle scuole, è importantissima l’educazione sanitaria. A questo proposito,inoltre, a Torino è stato istituito lo Sportello Animali d’Affezione rivolto a tutta la popolazione, che risponde a tutte le domande inerenti i “nostri amici animali da compagnia”.

Intervista a cura di Cinzia Fresia redazione Furettomania Onlus


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

21

Furetti in traghetto! Spesso ci troviamo a pensare a come godere delle vacanze insieme ai nostri piccoli amici. Una volta trovata la struttura che ci ospita (consiglio sempre di specificare bene che si tratta di furetti e che comunque metteremo in atto tutta una serie di misure per l’incolumità dell’animale ma anche del personale di servizio), bisogna pensare al viaggio. L’auto è sicuramente il mezzo più comodo, ponendo sempre molta attenzione al caldo e ai colpi d’aria. E’ importante, durante il viaggio, tenere bene sotto controllo i furetti, soprattutto quelli più anzianotti, e verificare che non abbiano eccessivamente caldo; in questo caso però si può porre subito rimedio bagnandoli con un po’ di acqua fresca. Allo stesso modo anche le correnti d’aria potrebbero infastidirli, così come il cambio brusco di temperatura dall’auto con aria condizionata al caldo ambiente esterno. E’ bene accendere l’aria condizionata in auto sempre ad una temperatura normale, in maniera che consenta a tutti i passeggeri, pelosi e non, di non avere caldo ma nemmeno freddo. A volte però, solo l’auto non basta e dobbiamo pensare ad altri mezzi di trasporto. Il viaggio in aereo può risultare difficoltoso soprattutto con alcune compagnie che non ammettono animali a bordo. In treno solitamente non ci sono grandi problemi, salvo qualche passeggero dall’olfatto fino che potrebbe lamentarsi, ma occorre sempre considerare che spostarsi con i furetti, che sia per un giorno o per un mese intero, comporta una quantità di bagagli non indifferente.

Se invece utilizziamo la nave, è importante sapere che, al momento, l’unica compagnia con la quale si viaggia senza alcun problema è la Corsica/Sardinia Ferries. Quando per la prima volta mi sono trovata a dover organizzare il nostro annuale viaggio per la Sardegna con i furetti, mi sono imbattuta in compagnie che non solo non garantivano l’accesso a bordo dei furetti ma consigliavano di lasciarli in auto, ben specificando che non si sarebbero presi la responsabilità di un eventuale decesso... Robe da matti!. Fortunatamente la Sardinia Ferries accetta animali a bordo, e oltretutto ne consente l’accesso anche nelle cabine della nave. Per un comodo viaggio in nave io consiglio sempre di prendere la cabina: la traversata può essere molto lunga, e, se si ha la fortuna di capitare in una cabina a prova di furetto, è possibile lasciarli liberi durante il viaggio, sempre e soltanto se siamo presenti noi in cabina, diminuendo di molto il loro disagio del viaggio. Una volta saliti sulla nave e giunti nella vostra cabina dovrete verificare che la stanza sia sicura. In tutti i miei viaggi ho identificato due tipologie di cabine, come potete vedere dalle immagini, quelle sicure, con semplici letti e quelle meno sicure, con divaniletto dotati di reti che ai furetti piacciono molto ma sono pericolose perché potrebbero ferirsi e potrebbe essere difficile recuperarli qualora decidessero di addormentarsi lì sotto. Quando la cabina è sicura, solitamente lascio i trasportini aperti, fissando bene la porticina che non si


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

22

chiuda, in maniera tale da aggiungere le ciotoline per l’acqua senza rischiare di bagnare tutto il pavimento. Solitamente i miei piccoli cominciano a curiosare potpottanti per la stanzetta e poi scelgono dove dormire: c’è chi, come Hiro, preferisce la sua comoda amachina e chi invece, come Dom, non riesce a resistere alla tentazione di mettersi a dormire sul mio cuscino. Importantissimo è chiudere a chiave la porta della cabina, onde evitare che il personale di bordo apra accidentalmente la porta durante la traversata o al mattino per la sveglia. Quando la cabina non è sicura purtroppo il viaggio per i nostri piccoli amici sarà un po’ più noioso; consiglio di lasciarli curiosare un po’ sotto sorveglianza e poi metterli a nanna nei trasportini, dove comunque hanno tutto ciò che serve loro per farsi una buona dormita! Ricordiamo sempre, prima di lasciare la cabina, di pulire eventuali bisogni fatti in giro (le salviette umidificate sono eccezionali!), è segno di buona educazione e ci consentirà di poter nuovamente portare in viaggio con noi i nostri piccoli amici.

Viaggiare con i furetti non è difficile, ma i viaggi vanno pensati ed organizzati bene. Buona traversata a tutti! Federica Repossi


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

23


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

24

Furettomania consiglia...

La mia vita è uno zoo

Recensione del film “La mia vita è uno zoo” Un racconto e subito film che vi farà compagnia questa estate, è la storia di una famiglia che trovandosi ad affrontare diverse traversie non rinuncia al proprio sogno. Benjamin Mee, il protagonista è un giornalista che non sa nulla di animali, ma per uno strano caso del destino compra uno zoo in rovina, contemporaneamente dovrà affrontare la malattia della moglie e badare a due bambini, dovendo fare i conti con la quotidianità dello zoo dove accadono incidenti tutti i giorni. L’ottimismo e la determinazione basteranno per non perdersi e restare una famiglia unita. Cinzia Fresia


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

Adozioni Maggio - Giugno 2012

25

Speady e Skizzo (Phobe e Nissa): Lele&Cristina non hanno resistito a questi musi fantastici! Grazie per avergli donato una casa ed un grazie speciale a papà Lele che non si è voluto separare da loro!

Daiki: Un’adozione piena d’amore! Grazie a Lara, a Silvano...E soprattutto a Birbo il tuo nuovo fratellino!

Amy: Batuffola mordicchiosa, ora la tua vita ricomincia con mamma, papà e la sorellina Smilla!Grazie Veronica!

Sprite: Grazie ad Augusto ed a Martina che non si è spaventata per la salute un po’ delicata di Sprite, ha creduto in lei dall’inizio conquistandola con il suo grande affetto e mantenendo la promessa.

Woody (Coriandolo): Quando l’armonia della miscela è quella giusta in un attimo è speziata magia! E’ arrivato il travolgente scoiattolino potpottante ad assediare Ariela, Tommaso Cannella e Cumino!


Anno 13 - n. 76

FURETTOMANIA INFORMA

Adozioni Maggio - Giugno 2012

26

Ettore & Marley: Uno specialissimo grazie a Klaus e alla sua mamma Rossana per l’adozione di questi due bellissimi furettoni, Casper (Ettore) e Marley, a cui hanno dato finalmente una casa, tanto amore e tanto spazio per giocare!!

Briscola (Anakin): Grazie a Laura e Igor per averti permesso di iniziare una nuova vita con due ottimi genitori e due sorelline!!

Ilia: Grazie Gabry, il tuo cuore è grande grande: ora Ilia potrà vivere in una famiglia che la ama davvero!

Medea: A Chiara, mamma premurosa, tutta la nostra ammirazione per aver accolto con se la piccola Medea, nonostante il disappunto di qualche altro (Ruby) peloso di casa!!;

Liquirizia: Grazie ad Andrea e Pamela per la pazienza dimostrata, per l’amore e...l’essere diventati raccoglitori ufficiali delle cacche-dispetto della minuscola e altezzosa Liquirizia!


Anno 13 - n. 75

FURETTOMANIA INFORMA

Adozioni Maggio - Giugno 2012

Schicchera: Il destino ha avuto bisogno di una spintarella ma alla fine la meravigliosa Gea è finalmente nella sua famiglia con GIOVANNA&GIOVANNI&KYRA

27

Nuvoletta (Alby): Grazie a Simona e Stefano per aver dato a questa nuvoletta mandata dal cielo una casa vera e un posticino nel loro cuore!

Hollywood: Grazie a mamma Anna Maria adesso questo potpottone ha una famiglia che gli vuole bene!

La carta azzurra dei servizi Diversi Soci in tutta Italia che posseggono negozi o altre attività, offrono sconti per i Soci di Furettomania che si presenteranno con la tessera valida per il 2011! I Soci interessati ad offrire sconti ed agevolazioni ad altri Soci, possono contattare la Redazione: Tel. 338-5289565 (dopo le ore 15.00) oppure via e-mail a Redazione@furettomania.com. Dai presenti servizi sono escluse tutte le attività inerenti il commercio di animali. L’Associazione precisa che il presente servizio è riservato ai Soci dell’Associazione stessa e dichiara di non percepire alcun compenso per questo servizio. Le agevolazioni offerte verranno comunicate di volta in volta sul Giornalino.

• Polleria girarrosto di Angela Masso Mercato- P.zza Borromini n.48 Torino Tel 347 4900848 Orario: dalle 8 alle 14 Carni tritate (compreso la quaglia intera) o a pezzi secondo le esigenze. In estate le quaglie esclusivamente su ordinazione. E’ consigliata la prenotazione. • Al cantun d’lè fiur (l’angolo dei fiori) Negozio di fiori e piante di Mauro Garelli C.so Casale 192/a - Torino Tel. 011 8980166 Sconto del 10% su tutti gli articoli escluso faxiflora.

• Azienda Agrituristica Arcadia (Rita, Graziano e Gabriele) Ospitalità e territorio: per le vostre vacanze: camere, • La pasticceria s.a.s. di Benvenuto Emanuele, cene, eventi, vendita prodotti biologici di stagione. La struttura accetta animali e i furetti sono benvenuti Piazza Adua, 8/B - Biella. Sconto 10%. l’azienda offre uno sconto ai soci di Furettomania del Per Informazioni: Riccardo, tel. 015-8492685. 10% su tutti i servizi. Via Cornetta 491 Poggetto di San Pietro in Casale • Bar Croce Bianca di Aries Emilia, Via dei (Bologna) Tel: 051 813176 Cel: 347 9161584 Pescatori, 1 -Cerro di Laveno Mombello (VA). www.arcadia-agriturismo.it arcadia_bb@libero.it Sconto 10% sulle consumazioni. Per informazioni: Emilia, tel. 338-7562220. Riservata ai soci di Furettomania Onlus


Anno 13 - n. 75

FURETTOMANIA INFORMA

28

Ponte dell’arcobaleno

Tinny: Stellina Cometa, sei passata splendendo veloce ed hai abbagliato d’amore e coraggio la tua mamma umana, i tuoi fratellini pelosi, Leo e chi ti ha conosciuto, riposa serena piccola stella.

Albachiara: ciao Alby, spero tanto che i 2 anni passati insieme siano stati felici, mi manchi Alby ora corri felice aldilà del ponte dove ci sono i tuoi compagni di giochi, ricorda che un giorno io attraverserò quel ponte per non lasciarci mai più. Stefano e Simona

Perla: La furettolina di Ramona riposa accanto al suo piccolo Teddy, adesso sono nuovamente insieme. Un caro abbraccio.

Reika (Didi): Piccola dolce Reika, hai lasciato mamma Ilaria tutta sola, ora mandale dal lassù un furetto speciale che possa farla innamorare e sperare ancora!

Roger: Ciao salsicciozzo... ovunque tu sia spero ti arrivi un bacio sul naso. Manchi a tutti quanti. Mamma, papà, Holly e Leon



Furettomania Informa Maggio Giugno 2012