Page 1

maggio 2014

57

www.aiutareibambini.it DC NT 00 57

foto di Paolo Cecchin

Poste Italiane SpA - Sped. In Abb. Postale - Dl 353

STORIA DI COPERTINA

In Italia Nuovi asili nido, ma non solo: rette agevolate, buonimensa, prodotti per la prima infanzia. Cresce l’impegno per i bambini nel nostro Paese. Anche grazie al tuo 5x1000. Continua a pagina 3

La conduttrice tv Ellen Hidding, nuova testimonial di “aiutare i bambini”

DONA Il tuo 5xmille per gli asili nido IN ITALIA

Firma nella casella del volontariato e inserisci il codice fiscale: 1 3 0 2 2 2 7 0 1 5 4 EVENTO NAZIONALE

ANNUAL REPORT

IO VOLONTARIO

17 e 18 maggio, in tutta Italia: arriva il “Banco per l’infanzia”

115.000 bambini aiutati nel 2013, in Italia e nel mondo: grazie!

Senegal: quelle piccole, grandi mani

pagina 6

pagine 7-10

pagina 13

Per donare: CCP n° 17252206 - IBAN: IT63U 03359 01600 100000067111 - Codice Fiscale: 13022270154


editoriale

Più risorse per il nostro Paese

In Italia per la prima volta dal 2004 sono diminuiti i bambini cha vanno all’asilo nido pubblico: è un dato ufficiale, elaborato dall’Istat. Anche questo è un effetto della crisi: molte famiglie infatti hanno ritirato i propri figli (pur avendo diritto al posto) perché uno dei genitori ha perso il lavoro e non riescono a pagare la retta. In altri casi, le mamme pur avendo un lavoro si trovano costrette a stare a casa perché lo stipendio è così basso da non rendere conveniente l’iscrizione al nido. Si è creato insomma un circolo vizioso, che penalizza le famiglie, ma anche i bambini. Non va dimenticato infatti che l’asilo nido - oltre ad essere un aiuto nella riconciliazione dei tempi famiglia/lavoro ha anche una forte valenza educativa.

Goffredo Modena Fondatore e Presidente

Come Fondazione “aiutare i bambini”, da ormai 7 anni siamo impegnati nel sostenere asili nido e spazi gioco in Italia. I servizi che sosteniamo sono gestiti dal privato sociale (associazioni, cooperative), ma le difficoltà vissute dalle famiglie sono le stesse che nel pubblico. Anzi, nel privato in genere le rette sono ancora più elevate. Per questo i nostri asili nido riservano una quota di posti (il 25%) a bambini provenienti da situazioni di fragilità sociale, che pagano una retta agevolata. Ciò anche grazie ad una significativa presenza di volontari in funzioni ausiliarie (cucina, pulizie, manutenzioni): si abbassano i costi di gestione e di conseguenza le rette. La presenza di volontari anche in affiancamento agli educatori professionali, contribuisce inoltre a migliorare la qualità del servizio.

Attraverso la campagna “Un nido per ogni bambino”, i nostri sforzi si sono concentrati sull’avvio di nuovi asili o sul loro potenziamento, per aumentare l’offerta complessiva di posti. Anche grazie alle collaborazioni con UniCredit Foundation e Fondazione CON IL SUD, fino ad ora ne abbiamo sostenuti in questo modo 81. Sempre più oggi ci poniamo anche il problema di rendere accessibili questi servizi a chi vive difficoltà economiche o sociali. Ecco perché abbiamo avviato nuove iniziative, come l’adozione in vicinanza o il “Banco per l’infanzia”, che favoriscono le famiglie più bisognose: potete leggere i dettagli alle pagine 5 e 6. Il nostro impegno crescente sui servizi alla prima infanzia è coerente con la strategia di dedicare sempre più risorse al nostro Paese: nel 2013 abbiamo erogato a favore di progetti in Italia quasi 1 milione di euro. Continueremo su questa strada: data la situazione generale ancora critica, è per noi un dovere. Insieme possiamo fare molto per i bambini che hanno bisogno in Italia: i modi per aiutarci sono tanti, anche senza spendere nulla, ad esempio destinando il 5x1000 alla Fondazione. Desidero quindi ringraziarvi per il sostegno e per la fiducia che continuerete a riporre in noi e nel nostro lavoro.

Donazioni in memoria Esiste da sempre, in concomitanza di una scomparsa, il desiderio di ricordare per sempre chi non c’è più. Farlo aiutando i bambini che soffrono è come far rivivere i nostri cari nei loro sorrisi. Per le “donazioni in memoria” non servono atti formali o l’assistenza di un notaio. È possibile decidere quale progetto sostenere e su richiesta comunicare l’avvenuta donazione ai congiunti della persona scomparsa, con una lettera o una pergamena. Per maggiori informazioni: Chiara D’Alto, tel. 02 21.00.24.306, email chiara.dalto@aiutareibambini.it. 2 / Fondazione “aiutare i bambini” Onlus

Bomboniere e partecipazioni solidali Puoi vedere le bomboniere e le partecipazioni solidali su www.aiutareibambini.it oppure contattare Laura Leone al numero 02 21.00.241 o all’email: bomboniere@aiutareibambini.it


campagna nazionale

Asili nido: contro la povertà, investiamo sull’infanzia In Italia i bambini hanno sempre più bisogno di aiuto: il peso della crisi economica ha investito le famiglie italiane, e con loro i bambini. Secondo gli ultimi dati Istat, relativi al 2012, il 18,3% delle famiglie con figli minori vive in condizioni di povertà relativa, in notevole aumento rispetto al 15,6% del 2011. Un dato allarmante, destinato purtroppo ad aggravarsi. Un dato che per i nostri bambini si traduce in peggiori con-

dizioni di vita oggi e mette a rischio il loro futuro domani. Per aiutare i bambini e le famiglie italiane, la Fondazione “aiutare i bambini” ha scelto di concentrare i propri sforzi sulla prima infanzia (bambini fino ai 3 anni di età), sostenendo asili nido e spazi gioco. Alcuni dati possono aiutarci a capire perché questo sostegno è così importante.

In Italia il 18% delle famiglie con minori risultano povere

F ocus A sili N ido Cosa sono > servizio educativo per l’infanzia di interesse pubblico, organizzato per accogliere i bambini fino ai 3 anni d’età. Deve prevedere la permanenza del bambino, con la possibilità di usufruire del pasto e del riposo.

Quanto costano? > nel privato le rette sono più alte e vanno dai 550 ai 750 euro al mese circa. Nel pubblico sono differenti da Comune a Comune, e all’interno dello stesso Comune variano in funzione della situazione economica familiare (ISEE).

Gestione pubblica o privata > la gestione è pubblica (Comune) oppure privata. Per avere accesso al nido pubblico bisogna fare domanda al Comune, ma i posti sono limitati. Per questo il Comune “convenziona” alcuni nidi privati, che accolgono quindi una parte dei bambini che rientrano nelle graduatorie comunali. Gli asili privati possono essere di natura “profit” o “non profit”.

Famiglie in difficoltà > nel 2012 sono diminuiti i bambini che vanno al nido comunale, per la prima volta dal 2004. In termini assoluti sono quasi 9.000 bambini in meno. Molte famiglie non riescono a pagare la retta e rinunciano al posto pur avendone diritto.

Un diritto per tutti? > il Comune valuta la situazione familiare e lavorativa dei genitori per decidere chi far entrare in graduatoria. Se ad esempio entrambi i genitori lavorano, si ha un punteggio superiore. Alcuni bambini restano esclusi dalle graduatorie, cioè non trovano posto né nei nidi pubblici né in quelli privati convenzionati. Le famiglie devono allora rivolgersi direttamente agli altri asili privati presenti sul loro territorio. Quanti sono? > in Italia c’è posto al nido per circa 1 bambino su 5, mentre secondo la Strategia di Lisbona tutti i Paesi europei entro il 2010 avrebbero dovuto garantire il posto ad 1 bambino su 3. Carenza di servizi si registra soprattutto nelle regioni del Mezzogiorno.

Chi ci rimette? > ci rimettono i bambini: come accertato da diversi studi specialistici, frequentare il nido, dove i bambini sono seguiti da educatori professionisti e hanno la possibilità di un primo confronto con i coetanei, favorisce migliori risultati nella vita scolastica successiva. L’asilo è ancora più importante per i bambini di famiglie che vivono situazioni di solitudine ed emarginazione sociale. > ci rimettono le famiglie: le mamme spesso devono rinunciare al lavoro o ridurre l’orario, impoverendo ulteriormente il bilancio familiare. Le mamme che non possono permettersi di rinunciare al lavoro, trovano per i figli soluzioni “di ripiego” (nonni, vicini etc.). Ma le famiglie che non hanno queste possibilità? Le mamme sole, le situazioni segnalate dai servizi sociali, i nuclei con gravi problemi economici? Sono abbandonate a se stesse…

È importante sostenere gli asili nido (e gli altri servizi alla prima infanzia) per assicurare a tanti bambini una crescita serena e venire incontro alle difficoltà di tante famiglie. Scopri nelle pagine successive cosa fa “aiutare i bambini” per gli asili nido in Italia! Fondazione “aiutare i bambini” Onlus / 3


CAMPAGNA NAZIONALE

Uno degli asili sostenuti da “aiutare i bambini”: il nido “Primi passi” di Novara.

Il nostro aiuto agli asili nido in Italia Dal 2006, la Fondazione “aiutare i bambini” è impegnata nel sostegno ai servizi alla prima infanzia in Italia. Attraverso la campagna “Un nido per ogni bambino” finanziamo l’avvio di nuovi asili nido e spazi gioco o il loro “potenziamento”: l’obiettivo è aumentare l’offerta di posti, che nel nostro Paese sono pochi rispetto alla domanda. I servizi che sosteniamo sono tutti gestiti dal privato sociale (cooperative sociali, associazioni etc.) e sono quindi di natura “non profit”. Il nostro contributo serve per coprire i costi di personale e gli eventuali costi di ristrutturazione, arredo, affitto. Gli asili nido e spazi gioco che sosteniamo riservano una quota di posti (il 25%) a bambini di famiglie in difficoltà (mamme sole, situazioni segnalate dai servizi sociali, nuclei con problemi economici), che accedono a condizioni agevolate. Ad esempio in alcuni asili, se i genitori si impegnano come volontari in funzioni ausiliarie (cucina, pulizie, manutenzioni), pagano una retta agevolata. In sette anni, abbiamo sostenuto in questo modo 81 asili nido e spazi gioco in tutta Italia. Negli ultimi anni, abbiamo selezionato i servizi da sostenere attraverso appositi Bandi promossi con altre due

Diamo anche ai bambini di famiglie fragili la possibilità di frequentare il nido

importanti fondazioni impegnate a favore della prima infanzia: UniCredit Foundation e Fondazione CON IL SUD. Gli asili che sosteniamo sono localizzati in particolare in zone di forte disagio ed emarginazione sociale (ad esempio in quartieri come Scampia, Ballarò e Brancaccio) o in zone “isolate” (ad esempio piccoli comuni, valli montane) dove mancano servizi di questo tipo. Facendo tesoro di questa esperienza pluriennale e dei rapporti di collaborazione sviluppati con cooperative sociali e associazioni, abbiamo deciso di sostenere gli asili nido in Italia attraverso due nuove modalità: le “adozioni in vicinanza” (lanciate lo scorso anno) e l’iniziativa “Banco per l’infanzia” in programma il 17 e 18 maggio. Leggi nelle prossime pagine di cosa si tratta.

i risultati dal 2005

81

asili nido avviati o potenziati

3.629

bambini aiutati

2.922.000 euro

donati a cooperative e associazioni

AIUTACI ANCHE TU! Con 20 euro offri la mensa a un bambino per una settimana Con 30 euro contribuisci all’acquisto dei pannolini per i bimbi di un asilo nido Con 50 euro doni un kit di materiale didattico a un asilo nido

Dona il tuo 5x1000 Per sostenere la campagna “Un nido per ogni bambino”, ricordati di devolvere il tuo 5x1000 alla Fondazione “aiutare i bambini”. Firma nella casella del volontariato e inserisci il codice fiscale: 13022270154. Per diffondere il nostro appello, richiedi il kit 5x1000 con le locandine e i volantini da distribuire ai commercialisti che conosci, nelle scuole, negli uffici, nei negozi, negli oratori. Per info: tel. 02 21.00.241. 4 / Fondazione “aiutare i bambini” Onlus


foto di Dante Valenza

ADOZIONI IN VICINANZA

Luisa Bruzzolo, Direttore Generale della Fondazione “aiutare i bambini” insieme ai bambini e alle educatrici dell’asilo nido “Il sentiero incantato” di Marcheno (BS), uno dei 7 in Italia dove è attiva l’adozione in vicinanza.

Adotta a chilometro zero I bambini che hanno bisogno di aiuto sono sempre più vicini a noi. “La povertà infantile in Italia coinvolge il 29% dei piccoli sotto i 6 anni”, spiega Luisa Bruzzolo, direttore Generale di “aiutare i bambini”. “Spesso sono figli di ragazze madri, disoccupati o vittime della crisi economica che devono trovarsi un lavoro ma non riescono a farlo se nessuno bada alla loro prole”. Per questo è nata l’adozione in vicinanza. Con un contributo di 15 euro al mese il donatore può sostenere un asilo nido in Italia, cui va il contributo, ed è poi la struttura a destinarlo a chi ne ha più bisogno. In questo momento sono 68 i bambini che possono frequentare un asilo nido grazie al sostegno di un donatore che garantisce loro rette agevolate, buoni pasto, latte in polvere, pannolini, vestiti e materiale didattico.

In meno di un anno sono state attivate oltre 400 adozioni in vicinanza presso 7 asili nido a Catania, Maddaloni (CE), Marcheno (BS), Napoli, Novara, Palermo e Salaparuta (TP). Un bel risultato che ci incoraggia a proseguire in questa direzione perché molti bambini in Italia aspettano ancora il nostro aiuto. Nel 2014 vorremmo coinvolgere altri 8 asili nido distribuiti sul territorio. Aiutaci anche tu: attiva subito la tua adozione in vicinanza! Se vorrai, potrai anche conoscere direttamente la struttura e i bambini beneficiati, toccando con mano il risultato concreto del tuo sostegno.

i risultati da giugno 2013

473

adozioni in vicinanza attivate

68

bambini aiutati

7

asili nido coinvolti

Attiva subito un’adozione in vicinanza! Visita il nostro sito www.aiutareibambi.it/adozione o contatta il nostro Ufficio Adozioni: tel. 02 21.00.241, adozioni@aiutareibambini.it. Fondazione “aiutare i bambini” Onlus / 5


17 e 18 maggio: arriva il “Banco per l’infanzia” È la prima raccolta nazionale di prodotti per la prima infanzia ed è stata pensata da “aiutare i bambini” per dare un aiuto concreto a tanti bambini che frequentano gli asili nido nel nostro Paese e alle loro famiglie. Si chiama “Banco per l’infanzia” e avrà luogo sabato 17 e domenica 18 maggio in tutti i 170 negozi Prénatal presenti sul territorio nazionale. Testimonial dell’iniziativa è Ellen Hidding. Molti bambini nel nostro Paese vivono in condizione di scarso benessere: questo significa anche che sono privi di indumenti nuovi, di scarpe della misura giusta, di libri adatti all’età. Grazie al “Banco per l’infanzia” tutti avranno la possibilità di acquistare e donare subito ai volontari della Fondazione “aiutare i bambini”, che saranno presenti all’interno dei negozi, beni di prima necessità per i più piccoli. Per fare qualche esempio: pannolini, biberon, asciugamani, copertine, vestiti, piattini, bicchieri. I prodotti raccolti durante le due giornate verranno poi distribuiti ad una rete di 100 asili nido selezionati dalla Fondazione. “Gli asili nido che sosteniamo in tutta Italia – dichiara Goffredo Modena, Presidente della Fondazione “aiutare i bambini” – ci segnalano una crescente difficoltà da parte di molte famiglie a far fronte alle spese quotidiane per i propri bambini. Per questo abbiamo deciso di dar vita a questa iniziativa, muovendoci sulla scia di analoghe esperienze nel settore alimentare e farmaceutico. I prodotti raccolti in ciascuna regione verranno distribuiti agli asili nido selezionati all’interno della stessa regione. Ringraziamo Prénatal per la disponibilità ad ospitarci nei suoi spazi e per la donazione fatta a sostegno del nostro progetto”.

Partecipa anche tu al “Banco per l’infanzia”! Per conoscere il negozio Prénatal più vicino a te: www.aiutareibambini.it.

6 / Fondazione “aiutare i bambini” Onlus

La conduttrice tv Ellen Hidding ha sposato il progetto, donando la propria immagine e la propria voce per la campagna di comunicazione. “Ho deciso di sostenere il Banco per l’infanzia - dichiara Ellen Hidding innanzitutto perché sono una mamma. Ogni genitore desidera che ai propri figli non manchi nulla. Tanti bambini oggi hanno anche troppo, altri invece non hanno neanche il necessario. Credo che questa iniziativa possa dare un aiuto davvero concreto a tanti bambini e a tante famiglie che vivono nel nostro Paese in condizioni difficili”.

La prima raccolta di prodotti per bambini in difficoltà, nei negozi Prénatal

foto di Paolo Cecchin

EVENTO NAZIONALE


Mission “aiutare i bambini” è una fondazione italiana nata nel 2000 per iniziativa dell’industriale Ing. Goffredo Modena, con lo scopo di dare un aiuto concreto ai bambini poveri, ammalati, senza istruzione, che hanno subìto violenze fisiche o morali e garantire loro l’opportunità e la speranza di una vita degna di una persona. La Fondazione è una ONLUS laica e indipendente. Valori Nel perseguire la propria missione la Fondazione si ispira ai seguenti valori: Libertà, Giustizia, Verità, Rispetto degli altri, Solidarietà. Risultati dal 2000 In 14 anni di attività, “aiutare i bambini” ha operato a beneficio di 1.135.000 bambini, finanziando 1.145 progetti di aiuto in 72 Paesi. Modello operativo Dalla sua nascita al 2013 la Fondazione ha operato con l’approccio tipico dell’ente erogatore, sostenendo finanziariamente specifici interventi gestiti da organizzazioni locali (partner). A partire dal 2013 “aiutare i bambini” ha intrapreso anche un’attività di implementazione diretta dei progetti, in particolare in Zimbabwe grazie ai finanziamenti ottenuti attraverso Bando da donatori pubblici internazionali. Strategia 4 aree Estero: - “Cuore di bimbi”: cura delle cardiopatie infantili - “Manca l’acqua!”: water and sanitation - “Emergenza alimentare”: food security - “Adozione a distanza”: interventi educativi pluriennali

Annual Report

2013

4 aree Italia: - “Un nido per ogni bambino”: avvio/ potenziamento servizi per la prima infanzia - “Diventare grandi”: contrasto dell’abbandono scolastico - “Giovani al lavoro”: sostegno all’occupazione giovanile - “Adozione in vicinanza”: supporto per bambini che frequentano servizi per la prima infanzia Risorse umane Al 31/12/2013 lo staff della Fondazione è composto da 22 dipendenti e 9 collaboratori a progetto. Fondazione “aiutare i bambini” Onlus / 7


Risultati 2013 Il Bilancio di “aiutare i bambini” è certificato ogni anno da una società esterna di revisione. L’Annual Report 2013, in versione integrale comprensiva di Bilancio, sarà disponibile da giugno sul sito www.aiutareibambini.it.

Progetti

188

115.075

progetti sostenuti in 35 Paesi

6.051

bambini aiutati

bambini sostenuti attraverso adozioni a distanza in 27 Paesi

68

Asia

25,4%

Italia

Distribuzione dei fondi erogati per area geografica

bambini sostenuti attraverso adozioni in vicinanza in Italia

36,8%

Est Europa 2,2%

I fondi erogati a progetti in Italia rappresentano il 36,8% del totale

26,4% 9,2%

America Latina 8 / Fondazione “aiutare i bambini” Onlus

Africa


Raccolta fondi

51.052 donazioni 4.744.333 euro raccolti Oltre alle risorse messe direttamente a disposizione dai fondatori di “aiutare i bambini” (10,5%), le quote più importanti dei fondi raccolti provengono da privati (51,7%), aziende (15,3%), altre fondazioni (12,6%) e da eventi (4,6%). Destinazione fondi: 3.435.533 euro a favore dell’attività istituzionale, equivalenti al 71,7% del totale dei fondi disponibili.

VOLONTARIATO

51 volontari hanno visitato 59 progetti in 35 viaggi all’estero 1.200

più di volontari in tutta Italia hanno partecipato ad eventi locali e nazionali di raccolta fondi

93 volontari di sede hanno

supportato il personale della Fondazione nei lavori d’ufficio,

12.000

per oltre ore di volontariato complessive

Aziende

250 aziende sostenitrici 71 nuove aziende acquisite 350 dipendenti coinvolti

in programmi di payroll giving

275

più di dipendenti coinvolti in giornate di volontariato Fondazione “aiutare i bambini” Onlus / 9


Stato patrimoniale Stato patrimoniale attivo

31/12/2013

31/12/2012

A) Crediti verso associati B) Immobilizzazioni I. Immobilizzazioni Immateriali II. Immobilizzazioni Materiali III. Immobilizzazioni Finanziarie C) Attivo circolante I. Rimanenze di magazzino II. Crediti verso donatori III. Crediti diversi IV. Attività finanziarie non immobilizzate V. Disponibilità liquide D) Ratei e risconti attivi TOTALE ATTIVO

0 1.354.901 58.042 6.202 1.290.657 1.572.083 168.336 19.764 487.505 301.961 594.517 14.380 2.941.364

0 1.330.349 61.826 11.512 1.257.011 1.265.878 136.541 14.391 355.609 7.161 752.176 23.003 2.619.230

Stato patrimoniale passivo

31/12/2013

31/12/2012

A) Patrimonio netto B) TFR lavoro subordinato C) Debiti I. Debiti verso fornitori II. Debiti tributari III. Debiti verso Istituti Previdenza e Sicurezza Sociale IV. Altri debiti D) Ratei e risconti passivi I. Ratei e risconti passivi II. Risconti passivi per progetti vincolati III. Risconti passivi per progetti non vincolati TOTALE PASSIVO E PATRIMONIO NETTO

1.127.620 170.272 470.797 273.049 27.300 57.448 113.000 1.172.675 5.586 442.089 725.000 2.941.364

1.125.288 132.027 285.362 124.507 18.802 45.342 96.711 1.076.553 2.104 216.449 858.000 2.619.230

Proventi

31/12/2013

31/12/2012

1. Proventi delle attività tipiche (Fondatori) 2. Proventi da raccolta fondi* 2.1 Proventi da 5 e 8 per mille 2.2 Proventi da Privati 2.3 Proventi da Aziende 2.4 Proventi da Fondazioni 2.5 Proventi da Eventi 3. Proventi delle attività accessorie 4. Proventi finanziari e patrimoniali 5. Proventi straordinari TOTALE PROVENTI

500.000 4.222.669 249.841 2.453.115 703.246 599.130 217.337 21.664 45.619 728 4.790.680

600.000 3.594.523 248.071 2.290.053 545.629 296.397 214.373 73.589 88.892 31.436 4.388.449

Oneri

31/12/2013

31/12/2012

1. Oneri da attività tipiche 1.1 Per progetti in Italia 1.2 Per progetti all’estero 1.3 Per progetti da realizzare non vincolati 1.4 Per progetti da realizzare vincolati 1.5 Personale e collaboratori per progetti 1.6 Altre spese per progetti 1.7 Oneri di sensibilizzazione 2. Oneri da raccolta fondi 3. Oneri finanziari e patrimoniali 4. Oneri di supporto generale 4.1 Personale 4.2 Oneri di gestione 4.3 Godimento beni di Terzi 4.4 Ammortamenti 4.5 Oneri straordinari 4.6 Accantonamenti per rischi Risultato gestionale positivo TOTALE ONERI

3.435.532 628.367 835.391 725.000 436.683 375.659 19.173 415.259 251.950 19.236 1.081.630 674.448 186.040 109.067 41.600 20.475 50.000 2.332 4.790.680

3.107.307 523.114 874.786 858.000 96.257 288.536 29.030 437.584 334.797 17.053 926.226 592.115 160.671 106.379 37.275 8.532 21.254 3.066 4.388.449

Bilancio 2013 PROVENIENZA DELLE DONAZIONI PER TIPOLOGIA DI DONATORE (Euro 4.744.333)* Enti Pubblici (5x1000, 8x1000) 5,3%

Fondatori 10,5%

Eventi 4,6% Privati 51,7%

Fondazioni 12,6%

Aziende 15,3% *non comprende: Proventi finanziari e patrimoniali, Proventi straordinari

Rendiconto Gestionale DESTINAZIONE DEI FONDI RACCOLTI (Euro 4.788.349)* Oneri di raccolta fondi 5,3%

Oneri finanziari 0,4%

Oneri di supporto generale 22,6%

Attività istituzionale 71,7% * non comprende: Risultato gestionale positivo

Fondazione “aiutare i bambini” Onlus Via Ronchi, 17 - 20134 Milano Tel. 02 21.00.241 Email: info@aiutareibambini.it www.aiutareibambini.it seguici su

* la voce “Proventi da Privati” comprende anche i fondi raccolti tramite SMS solidale, che nei Bilanci precedenti erano compresi nella voce “Proventi da Eventi”. Nella presente tabella si è provveduto a rendere omogeneo con il 2013 il dato relativo al 2012.


foto di Cosimo Filippini

lasciti testamentari

Un aiuto per i bambini nel tuo lascito Sono tante le persone vicine ad “aiutare i bambini” che decidono di fare testamento disponendo un lascito a favore della Fondazione, per continuare a fare del bene ai bambini che in Italia e nel mondo vivono in condizione di povertà, abbandono, malattia. Tra queste, ricordiamo con particolare affetto il signor Fulvio, una persona che amava la solitudine. Non aveva famiglia, trascorse buona parte della sua vita a Milano, lavorando in banca, fino alla pensione. Con l’avanzare dell’età aveva deciso di ritirarsi in una confortevole casa di riposo, vicino alla nostra Fondazione. A causa delle sue precarie condizioni di salute non poteva uscire. Soffriva molto da sempre con forti dolori, ma non lo dava a vedere. Di tanto in tanto riceveva visite da parte di conoscenti o di persone che desideravano tenergli compagnia. Nonostante il carattere riservato, amava raccontare della sua vita, dell’avventurosa partecipazione alla seconda guerra mondiale in Libia, della sofferenza della prigionia in Inghilterra, dei trascorsi all’estero, in Argentina, come emigrante in cerca di fortuna.

Ricordando il passato, il suo volto si illuminava. Era come se rivivesse quei momenti lasciando trasparire la sua notevole cultura con citazioni in latino, in spagnolo o in inglese. Nel 2007 il Signor Fulvio venne a conoscenza della nostra Fondazione, proprio leggendo il Notiziario, trovato per caso nella struttura dove viveva. Rimase molto sorpreso nell’apprendere che “aiutare i bambini” aveva sostenuto l’apertura di un asilo nido a Bisignano, in provincia di Cosenza, suo paese natale, e ci contattò per avere informazioni. Le persone di Fondazione che avevano preso la richiesta del Signor Fulvio gli si erano affezionate e iniziarono a fargli visita periodicamente, colpiti dalla sua cultura e dalla sua sensibilità. Erano sempre accolti come amici e fu dopo breve tempo che il Signor Fulvio comunicò loro l’intenzione di provvedere ad un lascito a favore di alcune associazioni benefiche, inclusa la nostra Fondazione. Non si parlò più di questa sua iniziativa, ma le visite continuarono rispettando il desiderio del Signor Fulvio di isolarsi di tanto in tanto, rimanendo in silenzio ad ascoltare il fiume di ricordi lieti e soprattutto meno lieti, che scorrevano

nella sua mente e non lo abbandonavano mai. La vigilia di Natale dello scorso anno il Signor Fulvio, ormai novantaquattrenne, è mancato e ha voluto lasciare un segno della sua grande generosità: come aveva accennato ha provveduto ad aiutare i bambini costretti a vivere una vita molto disagiata. Noi tutti di “aiutare i bambini” siamo grati al Signor Fulvio, persona di carattere riservato e a tratti un po’ burbero, ma infinitamente sensibile e generoso, per aver fatto un lascito a favore dei nostri progetti. Con il suo aiuto potremo sostenere la nostra campagna “Un nido per ogni bambino” per aiutare i più piccoli, come nel caso di Bisignano. Grazie da parte loro e delle loro mamme!

Il lascito di Fulvio sosterrà gli asili nido

Fare un lascito testamentario è facile Nel rispetto delle regole di successione, previste dal codice civile, si può destinare parte dei propri beni ad una Onlus come “aiutare i bambini”. La nostra Responsabile Lasciti Chiara D’Alto è sempre a sua completa disposizione per informazioni. Per contattarla: tel. 02 21.00.24.306, email chiara.dalto@aiutareibambini.it. Fondazione “aiutare i bambini” Onlus / 11


Aziendamica

“aiutare i bambini” al Giro d’Italia 2014 Fondazione Mediolanum Onlus sostiene il progetto “Un nido per ogni bambino” della Fondazione “aiutare i bambini” anche in occasione del Giro d’Italia 2014. Grazie al coinvolgimento di Banca Mediolanum, sponsor del Gran Premio della Montagna al Giro d’Italia 2014, la campagna di raccolta fondi sarà presente in tutte le tappe della gara rosa, presso le aree hospitality della Banca e ai Mediolanum Party, le cene su invito dedicate ai clienti e realizzate in location esclusive lungo il percorso di ogni tappa. Tra i protagonisti dei Mediolanum Party, anche gli ex ciclisti professionisti Gianni Motta, vincitore del Giro d’Italia del 1966 e testimonial di Banca Mediolanum e di “aiutare i bambini”, e Maurizio Fondriest.

Con Banca Mediolanum e Fondazione Mediolanum, per gli asili nido

Sopra Sara Doris, Presidente esecutivo di Fondazione Mediolanum, in visita ad un asilo nido sostenuto da “aiutare i bambini” a Milano.

Alle serate saranno presenti anche numerosi volontari di “aiutare i bambini”, che nelle diverse città si sono offerti di dare una mano nella raccolta fondi. Inoltre Fondazione Mediolanum si impegna a raddoppiare ogni euro raccolto tramite le pubbliche donazioni effettuate nel periodo del Giro d’Italia. Per sostenere il progetto “Un nido per ogni bambino” e far raddoppiare il valore della donazione, basta effettuare nel periodo della manifestazione sportiva un bonifico sul Conto corrente intestato a Fondazione Mediolanum Onlus, IBAN IT68C0306234210000000417750, CAUSALE Un nido per ogni bambino. Grazie a Banca Mediolanum, Fondazione Mediolanum e a tutti i volontari di “aiutare i bambini” che parteciperanno ai Mediolanum Party.

Heartbeat, il nuovo braccialetto Cruciani in edizione speciale per “aiutare i bambini” Cruciani C, da anni attiva nel sociale, ha lanciato Heartbeat: un nuovo braccialetto dall’animo benefico a sostegno del progetto “Cuore di bimbi” della Fondazione “aiutare i bambini”, per salvare oltre 300 bambini malati di cuore. Il braccialetto Heartbeat in pizzo macramè è disponibile al costo di 10 euro in 13 colori: un’idea carina e di sicuro effetto per regali in ogni occasione! Per vederli tutti e ordinarli visita la pagina: www.aiutareibambini.it/cruciani.

12 / Fondazione “aiutare i bambini” Onlus


IOTARIO

N VOLO

Silvia e Francesca (a destra) volontarie per “aiutare i bambini” alla scuola di Ngarigne.

SENEGAL Quelle piccole “grandi” mani: la nostra Africa Le volontarie Silvia Manfredi e Francesca Maggioni hanno iniziato l’anno (dal 23 gennaio al 7 febbraio) con un’esperienza di volontariato presso la scuola “Enrico Visconti” di Ngarigne, in Senegal. Qui “aiutare i bambini” sostiene da diversi anni i bambini della scuola attraverso adozioni a distanza di gruppo. Ecco il racconto della loro esperienza, scritto da Francesca.

Se vuoi visitare uno dei nostri progetti all’estero in qualità di volontario, iscriviti al corso di formazione “IO volontarIO”. La prossima edizione è in programma a Roma il 27-28-29 settembre. Per informazioni e iscrizioni: Ufficio Volontariato, tel. 02 21.00.241, volontari@aiutareibambini.it.

L’impatto con il ritorno alla realtà non è così scontato: esperienze come questa, in qualche modo, anche solo in parte, ti rendono una persona diversa. La scuola “Enrico Visconti” è semplicemente il futuro di tutti i bambini che abbiamo conosciuto a Ngarigne, in Senegal. Leopold, responsabile del progetto e direttore della scuola, fa in modo di rendere concreta per questi piccoli la possibilità di condurre nel loro futuro quella vita dignitosa che ogni persona dovrebbe avere. La Fondazione “aiutare i bambini”, col proprio sostegno, fa in modo che questo possa avvenire anche per quei bambini che senza un aiuto non potrebbero nemmeno sognarlo. Nel periodo trascorso a scuola, insieme ai bambini della scuola materna, elementare e i più grandi delle medie, io e Silvia abbiamo reso le ore di lezione momenti di creatività e scoperta. Abbiamo fatto grandi disegni sui muri per decorare le classi dei più piccoli (ma anche l’ufficio di Leopold!), creato braccialetti con cannucce e carta crespa, giocato tutti insieme alla tombola e insegnato loro qualche frase in italiano, ma solo dopo aver imparato da loro un po’ di Wolof! E poi... abbiamo vissuto un po’ della nostra vita dentro le loro vite, abbiamo conosciuto tradizioni, punti di vista, sapori, culture.

Grazie! Ai meravigliosi bambini di cui abbiamo visto un bel futuro possibile

certa ci accompagneranno ancora per molto tempo. Abbiamo toccato storie difficili, emozionanti, vere. Abbiamo stretto ogni giorno le minuscole mani dei bimbi all’uscita di scuola, mani sporche di terra e tempera, mani calde, mani già grandi anche se ancora piccole, mani che ancora oggi ci sembra di avere nelle nostre. Abbiamo “assaggiato” un pezzo di Africa, e quello che è nato dentro di noi credo si possa esprimere con una sola parola: Dieuredief! (Grazie!). A Leopold, alla Fondazione, a tutti i bambini, che sono la cosa più bella che abbiamo mai visto al mondo, a chi spera e combatte, a chi dona sostegno, a chi c’era e a chi ci sarà, a chi crede ancora di poter fare qualcosa, “ogni giorno, davvero”.

Abbiamo visto occhi e sorrisi che sono Fondazione “aiutare i bambini” Onlus / 13


Fatti e parole Allevi? La tappa del 19 marzo del suo “Piano solo tour 2014”, cha ha avuto luogo al Palazzo dei Congressi di Lugano, in Svizzera, ha visto coinvolta anche “aiutare i bambini”, che ha ricevuto i saluti dal palco da parte dell’artista. Come sempre, Allevi ha saputo regalare emozioni con le melodie entrate ormai nell’immaginario musicale di tutto il suo pubblico e che lo hanno portato ad essere considerato l’enfant terrible della musica classica contemporanea. Prima del concerto, alle 19, il Presidente di “aiutare i bambini”, Ing. Goffredo Modena, ha incontrato per un rinfresco  i partecipanti che si erano prenotati tramite la Fondazione.

31 marzo, Italia 106 giovani al lavoro con “Occupiamoci!” In tutta Italia 106 giovani avranno un’opportunità di lavoro grazie al Bando “Occupiamoci!”, promosso da quattro Fondazioni private: oltre ad “aiutare i bambini”, Fondazione San Zeno, Fondazione Umana Mente e UniCredit Foundation. I promotori, che insieme hanno stanziato 600.000 euro per contrastare la disoccupazione giovanile nel nostro Paese, il 31 marzo hanno reso noti i 14 progetti vincitori del Bando, selezionati tra i 270 pervenuti. I 106 giovani coinvolti hanno tra i 16 e i 29 anni di età e vivono in condizioni di “svantaggio” sociale. Due i filoni di intervento dell’iniziativa: nel primo caso i ragazzi verranno inseriti attraverso tirocini formativi in realtà produttive del territorio di residenza, nel secondo il sostegno è diretto ad attività di imprenditorialità sociale che favoriscano l’occupazione giovanile. Tutti i progetti sono gestiti da organizzazioni senza scopo di lucro o imprese sociali. Nel dettaglio, saranno finanziati 8 progetti nell’area dei tirocini formativi (3 al Nord, 2 al Centro, 3 al Sud) per un totale di 240 mila euro e 67 beneficiari; 6 progetti nell’area dell’imprenditorialità sociale (2 al Nord, 2 al Centro, 2 al Sud) per un totale di 360 mila euro e 39 beneficiari. Tutti i dettagli sul sito www.aiutareibambini.it. 16 febbraio, Bologna Burraco per “Cuori di bimbi” Pomeriggio a favore di “Cuore di bimbi” a Bologna, domenica 16 febbraio, presso il Circolo Sociale della Pace in via del Pratello per un torneo solidale di burraco. Per i partecipanti, oltre alle partite, una golosa merenda, premi e l’assistenza di un arbitro federale Fibur, Elio Montebugnoli. Il ricavato dalle quote di partecipazione, pari a 1.370 euro, è stato devoluto alla campagna “Cuore di bimbi”. Grazie ai volontari bolognesi! 23 febbraio, tutta Italia Grazie per gli Sms solidali Si è conclusa il 23 febbraio la tradizionale campagna Sms “Cuori di bimbi”. Al momento disponiamo dei dati provvisori forniti dalle compagnie telefoniche (che ringraziamo tutte!) e che indicano un totale di 240 mila euro. Questi fondi contribui14 / Fondazione “aiutare i bambini” Onlus

ranno a salvare la vita di 300 bambini cardiopatici nati nei Paesi più poveri. Appena avremo il risultato definitivo, ne daremo notizia. Grazie intanto a tutti quanti hanno inviato un Sms o telefonato. 9 marzo, Mogliano Veneto (TV) A tutta musica in Piazzetta Tanti gruppi musicali e gli studenti delle scuole si sono alternati sul palco per una giornata all’insegna della solidarietà. Con il patrocinio del Comune, Mogliano Veneto ha dedicato il 9 marzo a varie iniziative solidali nella Piazzetta del Teatro. I volontari di “aiutare i bambini” erano presenti con un banchetto di sensibilizzazione sulle attività della Fondazione. 19 marzo, Lugano (Svizzera) Speciale concerto di Giovanni Allevi E chi poteva perdere uno spettacolo del giovane ed eccezionale pianista Giovanni

22 marzo-28 giugno, Italia In visita ai “nostri” nidi I nidi aprono le porte a chi ha adottato un bambino “in vicinanza”. L’adozione in vicinanza consiste in un contributo mensile di 15 euro che il donatore si impegna a versare alla Fondazione e che va a favore di alcuni asili nido che sosteniamo in Italia. Presto allargheremo il nostro aiuto ad altri 8 asili. Intanto ecco le date degli “open day” negli asili sostenuti finora: 22 marzo a Napoli, 12 aprile a Marcheno (BS), 16 aprile a Palermo, 9 maggio a Salaparuta (TP), 14 giugno a Novara, 28 giugno a Maddaloni (CE). 26 marzo, Milano In gioco per i bambini italiani Torneo di burraco per i bambini italiani: si è tenuto il 26 marzo sera presso la Società Svizzera di Milano, in via Palestro 2. Il ricavato dalle quote di partecipazione, pari a circa 2.000 euro, è andato a favore dei bambini di famiglie in difficoltà economiche che vivono in Italia e che vengono supportati da “aiutare i bambini” con il progetto “Un nido per ogni bambino”. 12 aprile, tutta Italia Un compleanno cui partecipare Il 12 aprile Alessandra De Luca, storica e appassionata volontaria della Fondazione “aiutare i bambini”, ha raggiunto una tappa importante: i 50 anni. E ha voluto festeggiare in modo “solidale” organizzando una raccolta fondi e scegliendo, quale progetto da sostenere, il Centro d’accoglienza per i bambini di strada di Kinshasa (Repubblica Democratica del Congo). Se volete unirvi ad Alessandra in questa importante iniziativa, siete ancora in tempo: potete fare una donazione citando la causale “50 anni Alessandra De Luca”. Grazie Alessandra!


Formazione volontari: a Napoli il Laboratorio Nazionale Appello generale: 20-21-22 giugno tutti al Laboratorio Nazionale dei Volontari di “aiutare i bambini” (ma ben accetti anche i non volontari) che quest’anno si svolgerà a Napoli, al Centro spirituale Sant’Ignazio, in via Sant’Ignazio di Loyola. Arrivo il venerdì sera, partenza la domenica pomeriggio. Il Laboratorio di quest’anno sarà focalizzato sul problema dell’abbandono scolastico in Italia. Il programma non è ancora del tutto confermato, ma tra i relatori è stato invitato in particolare Marco Rossi Doria, sottosegretario all’Istruzione dal 2011 al 2014, ma soprattutto “maestro di strada” con alle spalle una lunga esperienza proprio a Napoli. Altri esperti terranno importanti interventi. Da segnalare inoltre i momenti formativi per i volontari candidati per i campi estivi della Fondazione. Ma non ci sarà solo da studiare: come ogni anno, il Laboratorio verrà ricordato per i tanti momenti di allegria e di divertimento, per il rapporto spontaneo e giocoso che si crea tra i partecipanti. Vi aspettiamo! Per informazioni e iscrizioni: Ufficio Volontariato, tel. 02 21.00.241, volontari@aiutareibambini.it. Intanto seguiteci su twitter: #LabNaz2014.

Notiziario della Fondazione “aiutare i bambini” Onlus (Organizzazione non Lucrativa di Utilità Sociale), registrata in data 4/07/2001 al N. 40 del Registro delle persone giuridiche della Prefettura di Milano. Autorizzazione del Tribunale di Milano N. 711 del 10/11/2000 Poste Italiane SpA - Sped. In Abb. Postale - Dl 353

Editore: Fondazione “aiutare i bambini” Via Ronchi 17, Milano, telefono 02 21.00.241 E-mail: info@aiutareibambini.it Sito: www.aiutareibambini.it Direttore Editoriale: Goffredo Modena goffredo.modena@aiutareibambini.it

Pubblicazione iscritta al R.O.C. Nr. 22012 del 12/3/2012

Direttore Generale: Luisa Bruzzolo luisa.bruzzolo@aiutareibambini.it

Redazione: Chiara D’Alto, Alessia Gilardo, Serena Zoli

Coordinamento Comunicazione: Chiara Parisi chiara.parisi@aiutareibambini.it

Progetto Grafico e impaginazione: Francesco Poroli

Responsabile Redazione: Alex Gusella alex.gusella@aiutareibambini.it

Stampa: EURO INTERMAIL S.r.l., Lallio (BG)

Per anteprime e aggiornamenti sulle nostre attività ed iniziative seguici su Come puoi donare:

Come puoi aiutarci:

1. Conto corrente postale n. 17252206, intestato a: Fondazione “aiutare i bambini” Onlus

• CON UNA DONAZIONE A SOSTEGNO DI UN PROGETTO

2. Carta di credito: telefona al n. 02 21.00.241 oppure online sul sito www.aiutareibambini.it

• CON L’ADOZIONE A DISTANZA o in vicinanza

3. Bonifico bancario: Banca Prossima, codice IBAN: IT 63 U 03359 01600 100000067111, BIC: BCITITMX

• DIVENTANDO VOLONTARIO

4. 5xmille dell’Irpef: sulla tua dichiarazione dei redditi riporta il codice fiscale 13022270154 di “aiutare i bambini” e firma nella casella che identifica le Onlus

Fondazione “aiutare i bambini” Onlus Via Ronchi, 17 - 20134 Milano - Tel. 02 21.00.241 Email: info@aiutareibambini.it - www.aiutareibambini.it

• CON UN LASCITO TESTAMENTARIO O UNA DONAZIONE IN MEMORIA • CON LE NOSTRE BOMBONIERE SOLIDALI


'aiutare i bambini' NOTIZIE n. 57 - Italia  

Nuovi asili nido, ma non solo: rette agevolate, buoni mensa, prodotti per la prima infanzia. Cresce l’impegno per i bambini nel nostro Paese...

Advertisement