Issuu on Google+


1

“Non c'è mai una seconda occasione per fare una buona impressione la prima volta”. Oscar Wilde

apidario, acuto ed essenziale. Così era Oscar Wilde che, nell’aforisma scelto, evidenzia quanto sia importante, nella vita e nel lavoro, puntare in alto da subito, perché l’impressione del primo incontro non si bruci in un’ occasione perduta. Si parte dunque al top, anche con questo nuovo numero di The Excellence Magazine, non solo per gli argomenti trattati, accattivanti e attuali, per la bellezza delle immagini e la cura grafica, ma anche per la fiducia che i più grandi brand hanno riconosciuto al Magazine affidandogli la loro icona. Sfogliare The Excellence Magazine diventa allora un piacere: per la vista, catturata dall’armonioso succedersi degli argomenti e delle fotografie, per il tatto, affascinato dal discreto fruscio della carta patinata; ma, soprattutto, The Excellence Magazine si distingue, ancora una volta, per essere lo specchio d’ogni eccellenza, dalla moda all’arredamento, dalla finanza agli investimenti immobiliari, dal lifestyle alla vita dei grandi campioni. Perché l’eccellenza non è un capriccio, ma un lungo percorso dove persone votate alla perfezione studiano e s’impegnano per offrire il meglio e cercare di superarlo, come fanno gli atleti del salto in alto, che spostano la sottile asticella sempre più verso il cielo.

L

Così è The Excellence Magazine, la vetrina perfetta di ogni eccellenza, perché ogni prima occasione non vada perduta.

“You never get a second chance to make a first impression.” Oscar Wilde

C

oncise, sharp and to the point. Such was the style of Oscar Wilde who, with this saying, highlights the importance of aiming high right from the start, in your profession and private life, so that the impression you make in a first encounter does not just fizzle out into a missed opportunity. Let’s start from the top then, as we have done with the latest edition of The Excellence Magazine, not only in terms of subject-matter, which is appealing and highly topical, or the beauty of its images and its finely executed graphic design, but also for the confidence great brands have shown in our Magazine by entrusting us with their icons. So what a pleasure it is to browse through The Excellence Magazine: a pleasure to the eye, attracted by the harmonious sequence of topics and photographic images, to our sense of touch, charmed by the discreet rustle of glossy paper; but, more than anything else, The Excellence Magazine continues to stand out for the way in which it acts as a mirror for every form of excellence, from fashion to furnishing, from finance to real estate investments, from lifestyle to the life stories of great champions. Because excellence is no mere whim, but a lengthy process in which people dedicated to perfection study and work hard at offering the best, and trying to exceed it, as athletes do in high jump events, by moving that thin bar higher and higher towards the sky.

Such is The Excellence Magazine, the perfect showcase for every expression of excellence, so that no first chance may be a lost one.


6

8

28

60

Lo stile oltre la moda. The Little Black Jacket

Lusso. Gli artefici di una magia

Style surpasses fashion. The Little Black Jacket

Luxury. Those who work the magic

16

Caballus International Lifestyle

A Milano la rinnovata boutique Dior: un sogno realizzato

Caballus International Lifestyle

The renovated Dior boutique in Milan: a dream comes to life

40

92

144

History of the Arabian Horse

50 La carta vincente è la diversificazione

Grand-Hôtel du Cap-Ferrat: one century of glorious tradition

Dreams come true at the Hotel Martinez

When diversif ication is the trump card

64

A unique and glamorous city resort in the heart of the Principality

82

Villa Sola Cabiati sul Lago di Como

Castadiva Resort: a f ive-star opera

Villa Sola Cabiati sul Lake Como

Hotel President: cinque stelle di benessere

Villa Nocetta Rome

Hotel President: f ive-Stars of wellbeing

98

Seven Stars Galleria by Town House Collection

Villa Principe Leopoldo, a true work of art

70

Castadiva Resort: un’opera a cinque stelle

Villa Nocetta Roma

88

Linee moderne dal cuore antico. I ricami d’autore di Gianluca Saitto

104

Quarant’anni di successo per il Gruppo Battaglia e iHD

114

Forty years’ successful activity for the Battaglia Group and iHD

130

CCTAvalor: a team of professionals at your service

Modern lines reveal an old-fashioned heart. Gianluca Saitto’s designer embroidery

Hotel Splendide Royal: una splendida storia

122

CCTAvalor: un team di professionisti al vostro servizio

Villa Principe Leopoldo, un vero quadro d’autore

126

Storia del Cavallo Arabo

All’Hotel Martinez i sogni diventano realtà

Seven Stars Galleria by Town House Collection

108

22

Made in Italy, the most effective way to beat the crisis. So says Saverio Moschillo

Grand-Hôtel du Cap-Ferrat: un secolo di gloria

Un city resort elegante ed esclusivo nel cuore del Principato

78

Made in Italy, il vero antidoto contro la crisi. Parola di Saverio Moschillo

Hotel Splendide Royal: a history of splendour

Hotel Stanglwirt, dove l’unicità è di casa

136

Hotel Stanglwirt, Where uniqueness feels at home

Marc Girardelli: campione sulla neve, campione nella vita

La Soirée Blanche di Saint Tropez: un evento indimenticabile

ANA: un ponte ideale fra l’Europa e il Giappone

Marc Girardelli: a champion in every sense of the word, on or off the snow

The Soirée Blanche of Saint Tropez: a memorable event

ANA: an imaginary bridge between Europe and Japan

154

158


8

LO STILE OLTRE LA MODA. The Little Black Jacket di Lucrezia Doria

Ci sono vessilli di stile che vanno oltre il gusto del momento. La camicia bianca, il tubino nero, la giacca Chanel, meglio se del colore preferito di Mademoiselle Chanel, il nero. “La moda è fatta per diventare fuori moda” soleva ripetere Gabrielle Chanel. Proprio per questo il suo genio si è spinto oltre e così è stato per tutte le sue folgoranti intuizioni che hanno segnato un’intera epoca.

MAKING OF THE CHANEL JACKET

STYLE SURPASSES FASHION. The Little Black Jacket by Lucrezia Doria

There are certain things that never go out of style: the white button-down shirt, the little black dress and the Chanel jacket (even better if it’s in Mademoiselle Chanel’s favorite color, black). “Fashion is made to become unfashionable,” Gabrielle Chanel used to say. It is precisely for this reason that her genius has always gone a step further, which is how it’s been for all of her brilliant intuitions that have marked an entire era.


9

Mademoiselle-Chanel-portrait--Š-Douglas-Kirkland-Dalmas-Corbis


10

N

ella sua battaglia per rivoluzionare il concetto di lusso, contrapposto alla volgarità piuttosto che alla povertà, e allontanarlo dall’ostentazione della ricchezza, l’ingegno impertinente di Chanel ha saputo interpretare le necessità di una donna nuova, ormai protagonista della società al pari dell’uomo. Una donna dinamica che ha bisogno di praticità e funzionalità, ma che, al tempo stesso, non vuole rinunciare alla sua femminilità e alla sua naturale capacità di seduzione. Da qui l’idea di creare un tailleur elegante, portabile sia di giorno che di sera, femminile ma dalle linee androgine, e che si distacca nettamente da quelle proposte negli anni ’50 che Chanel trovava terribilmente inadatte per quei tempi. Fu proprio la sua ammirazione per la donna a rendere le creazioni della sua Maison innanzitutto comode, quasi un inno a una libertà faticosamente conquistata. Via dunque l’imbottitura dalle spalle, sì agli inserti laterali che aumentano la flessibilità di movimento – a tal fine Mademoiselle Chanel chiedeva ai suoi clienti di incrociare le braccia all’altezza delle spalle nel prendere loro le misure – e alla leggera curvatura delle maniche per conferire il massimo confort.

PAP AH H 1989 n°1 Copyright CHANEL

I

n her battle to revolutionize the concept of “luxury” - in contrast of vulgarity rather than poverty, and distancingit from the ostentation of wealth - Chanel strived to be able to interpret the needs of a new woman, one that society sees as equal to men – a dynamic woman that needs something practical and functional, but also doesn’t want to give up her femininity and natural ability of seduction. Hence came the idea to create a stylish suit that can be worn both as day wear and evening wear, something that is feminine yet has androgynous lines which stands apart from the suits in the 50’s that Chanel found terribly unfit for the times. It was her admiration for women that led her to make the fashion house’s creations comfortable, almost as an anthem of a hard-won freedom. Out went the shoulder pads and in came lateral inserts that increased flexibility in movement (Mademoiselle Chanel asked her clients to cross their arms at shoulder height when taking their measurements) along with a slight curvature of the sleeves in order to deliver maximum comfort. Tweed became the emblematic fabric for this iconic jacket, integrated with an inner lining. There were also slits that allowed for the pockets to be easily opened to slip one’s hands inside, which was decidedly masculine at the time.


11

The finishing touches are all feminine, like the brass chain attached to the bottom of the jacket, which ensures a perfect form. The trim on the jacket’s edges, pockets and cuffs are highlighted by the use of a braid and reinforced with intentionally frayed grosgrain. Its jeweled buttons add decoration with various symbols, including a lion (Mademoiselle Chanel’s zodiac sign), camellias, an ear of wheat, and since 1959, the interlocking “C” letters. The atelier on Rue Cambon’s standards have remained unchanged. Karl Lagerfeld, the creative mind behind the fashion house, honors the Chanel jacket in every one of his collections by reinventing it, modernizing it and making it a piece that is in line with the times, with a closer fit, softer sleeves and tight in the shoulders. Sometimes it’s done in an irreverent way, but it always respects tradition. Paired with jeans and a mariner’s shirt, made in terry cloth, faux fur and glossy neoprene, mixed with dresses, pants of every kind, even with shorts and bathing suits - the Chanel jacket never ceases to be the belle of the ball, even when the woven trim is made with chains, pearls or braided plastic. In 2012, Kaiser decided to feature her in his new book, “The Little Black Jacket: CHANEL's classic revisited by

Anna Mouglalis by KL 2002©CHANEL - Karl Lagerfeld

Il tweed diventa il tessuto emblematico di questa giacca iconica e forma un unicum con la fodera interna. E ancora: le asole che consentono la facile apertura e le tasche per infilarvi le mani, un gesto decisamente maschile per l’epoca. Le rifiniture sono invece tutte al femminile: la catena in ottone, fissata sul fondo della giacca, ne garantisce una linea perfetta; i contorni della giacca sul bordo, sulle tasche e sui polsini sono evidenziati dall’utilizzo della treccia e rafforzati dall’uso del gros-grain intenzionalmente sfrangiato; i bottoni gioiello portano decorazioni con varie raffigurazioni, quali il leone (segno zodiacale di Mademoiselle Chanel), le camelie, la spiga di grano e, dal 1959, il motivo “C” a doppio incastro. Gli standard degli Atelier di Rue Cambon sono ancora oggi immutati. Karl Lagerfeld, mente creativa della Maison, celebra la giacca Chanel in ogni sua collezione, reinventandola, modernizzandola, facendone un capo sempre al passo con i tempi con un taglio più aderente, maniche più sottili e spalle più strette. Talvolta in modo irriverente, ma sempre nel rispetto della tradizione. Abbinata a jeans e top alla marinara, realizzata in spugna, in pelliccia sintetica e neoprene lucido, accostata ad abiti, pantaloni di ogni sorta, addirittura agli shorts e ai costumi


Stella Tennant portant une veste en tweed en 1996© Karl Lagerfeld

da bagno, la giacca Chanel non smette mai di essere protagonista della scena, anche quando l’intreccio dei contorni è fatto utilizzando catene, perle o plastica intrecciata. E nel 2012, il Kaiser decide di celebrarla nel suo nuovo libro, “The Little Black Jacket: CHANEL's classic revisited by Karl Lagerfeld and Carine Roitfeld” dove oltre un centinaio di fotografie illustrano la modernità di questo pezzo iconico. Come lui stesso dice: “La giacca Chanel si è ispirata alla giacca Austriaca maschile. Coco Chanel ha inventato un nuovo tipo di giacca che non esisteva ancora, dalle forme particolari, e nessuno può prendersene il merito oltre a lei… Si tratta di un’icona che incarna l’essenza dello stile Chanel…”. Le immagini sono state scattate nell’arco di un anno a Cannes, New York e Parigi, nello studio di Karl Lagerfeld che ha immortalato oltre cento fra modelli, attori, cantanti e artisti, un cast che ritrae tutte le sfaccettature della cultura contemporanea, attraverso generazioni e nazionalità diverse. Charlotte Casiraghi, Roberto Bolle, Sarah Jessica Parker, Vanessa Paradis, Uma Thurman sono fra le celebrity che hanno indossato la giacca culto Chanel, ciascuno con il suo stile unico, sia femminile che maschile. In alcune immagini, la giacca appare nella sua classicità, in altre invece le maniche sono state tagliate, la giacca è stata girata al rovescio o trasformata in un copricapo.

Karl Lagerfeld and Carine Roitfeld” where more than a hundred photographs portray the modernity of this iconic piece. As Kaiser himself says, “The Chanel jacket was inspired by the Austrian men’s jacket. Coco Chanel invented a new type of jacket that up until then didn’t exist, from particular shapes, and no one can take credit for that other than her. It’s all about an icon that is Chanel’s style incarnate…” The photographs were taken over the course of one year in Cannes, New York and Paris, in Karl Lagerfeld’s studio. He captured more than a hundred models, actors, singers and artists – a group that depicts every facet of contemporary culture through different generations and nationalities. Charlotte Casiraghi, Roberto Bolle, Sarah Jessica Parker, Vanessa Paradis and Uma Thurman are among the celebrities who have worn the famous Chanel jacket, each in their own unique way, whether they be male or female. In some photos the jacket retains its “classic” state, while in others the sleeves have been cut, turned inside out or transformed into a headpiece.


Melle Chanel par M de Dulme en appartement


14

“È stato meraviglioso; sono venuti da tutto il mondo, dal Giappone, da Los Angeles e da Londra per essere fotografati da Karl. Tutti si sono prestati al gioco durante tutte le trasformazioni. Questa è la caratteristica favolosa di questo capo: è versatile come una giacca in denim ed estremamente elegante”, ha raccontato Carine Roitfeld.

PAP AH 1994 n°14 Copyright CHANEL

PAP PE 1992 n°108 Copyright CHANEL

PAP PE 1995 n°18 Copyright CHANEL

La moda passa, lo stile resta. Merci, Coco.

“It was amazing. They came from all over the world – Japan, Los Angeles, London – to be photographed by Karl. Everyone participated in the game during the transformations. This is the amazing part of this piece – it’s as versatile as a denim jacket and extremely elegant,” said Carine Roitfeld. Fashion comes and goes, but style lasts forever. Merci, Coco.


LUSSO. GLI ARTEFICI DI UNA MAGIA di Claudia Chiari

Un’aurea che incanta e stupisce quella del lusso. La bacchetta magica o un gioco di prestigio? Né l’una né l’altro. Ma chi sono gli artefici del successo del lusso?

LUXURY. THOSE WHO WORK THE MAGIC by Claudia Chiari

That of luxury is an aura that enchants and amazes. A magic wand or a conjuring trick? Neither. So who, then, are the people behind the success of luxury goods?


18

S

i dice, a buona ragione, che sono le persone a fare la differenza: mai alcuna verità fu più calzante come per questo settore. Fermiamoci per un attimo a pensare a un prodotto o un servizio di lusso. Probabilmente le prime cose che ci vengono in mente sono un creativo all’opera mentre disegna un bozzetto, un gioielliere che opera nel suo laboratorio, oppure un artigiano che anima la pelletteria sotto le sembianze di borse e scarpe. Persone con eccellenti abilità: ecco a cosa pensiamo. E infatti, artigianalità, creatività e innovazione sono il cuore pulsante del pianeta Lusso. Una forza lavoro che richiede un vero e proprio apprendistato dell’arte di un mestiere, altrimenti detto è necessario un periodo di investimento in cui non si vedono i frutti da raccogliere, ma durante il quale occorre aspettare con pazienza. Così come la Natura detta i suoi tempi ai frutti della terra, il Lusso impone i suoi all’arte del saper fare. E le aziende, che possono essere insensibili alle tradizioni, ma di certo non lo sono al fatturato, hanno ben afferrato il concetto: così, ad esempio, Gucci, Salvatore Ferragamo ed Emilio Pucci sono partner del Polimoda International Institute of Design and Marketing di Firenze, Louis Vuitton ha inaugurato tre laboratori per i suoi artigiani nel 2011 e ne ha in preparazione un quarto, Richemont, il gruppo trainante nella gioielleria, supporta la Creative Academy fondata nel 2003 per offrire master in Arte e Design. Non solo manualità, ma anche proprietà intellettuale legata a design e innovazione: questi i campi di maggiore investimento dove, ancora una volta, ritorna centrale il ruolo delle idee e delle competenze, il grande valore aggiunto che l’Europa mette sul piatto per aggiudicarsi il 70% del fatturato mondiale del lusso.


19

I

t is said, quite rightly, that people make the difference: never was this saying so apt as in this industry. Let’s stop for a moment and consider a luxury product or service. Probably, the first images that come to mind are those of a creative person intent on sketching a model, a jeweller busily engaged in his workshop or a craftsman bringing leather to life in the form of bags and shoes. People with excellent skills: that’s where our mind turns. And, in fact, craftsmanship, creativity and innovation are the pulsing heart of the planet we know as Luxury. A workforce that requires a proper apprenticeship in the art of each trade, in other words, it is necessary to allocate a period of investment in which there are no fruits to be reaped, but one in which it is necessary to wait patiently. Just as Nature dictates its seasons to the fruits of the earth, so Luxury imposes its own pace on the art of savoir-faire. And some companies, which may be insensitive to tradition but certainly not to turnover, have now fully grasped this concept: for instance, Gucci, Salvatore Ferragamo and Emilio Pucci are partners of the Polimoda International Institute of Design and Marketing in Florence, Louis Vuitton opened three workshops for its craftsmen in 2011 and has a fourth in the pipeline, Richemont, a leading group in the jewellery sector, supports the Creative Academy founded in 2003 to offer master’s degrees in Art and Design. Not just manual skills but also the intellectual attributes associated with design and innovation: these are the areas on which most investments are concentrated and where, once again, there is a rediscovery of the central role played by ingenuity and expertise, the great added value that Europe can put on the table to carry off its 70% share of luxury sales worldwide.


20

Un numero che vale da solo oltre il 3% del PIL di tutti i paesi europei. Un prodotto, per quanto di valore, non si vende da solo sui mercati saturi occidentali né quelli con crescita a doppia cifra del BRIC. Accanto alla distribuzione, implementata ove occorre a ritmi vertiginosi, c’è un altro punto chiave per gestire il successo: il manager giusto al posto al giusto, ovvero manager diversi per aree di mercato con una velocità diversa, poiché, sebbene la tentazione di concentrare tutte le forze verso il Sol Levante sia forte, non bisogna dimenticare che i paesi occidentali, quelli dei mercati maturi, rappresentano ancora da soli l’80% del PIL mondiale. Da qui la necessità di persone flessibili e di larghe vedute, disposte a trasferirsi e fluenti in più lingue straniere. Senza dimenticare un fattore essenziale: la gestione dell’incertezza unita all’intuito per cambiare direzione rapidamente. Senso del business, confidenza con i numeri, gusto per il bello e per lo stile. Insomma chi capitana le navi del lusso ne deve avere di assi nella manica! E per concludere, eccone una su tutte: l’attitudine mentale perché, più che la preparazione tecnica, conta l’allenamento dei muscoli del cervello a pensare in positivo e a trovare soluzioni sempre, anche quando la magia sembra impossibile.

A figure which, on its own, amounts to 3% of the PIL produced by all European countries. Regardless of its value, this product will not sell itself alone on saturated western markets, or on the so-called BRIC countries with their double-digit growth. Alongside distribution, implemented where necessary at a dizzy pace, there is another key factor in handling success: the right manager in the right place, that is to say, different managers for markets that grow at different speeds because, even though it may be tempting to direct all resources towards the eastern area, it must not be forgotten that western countries, our mature markets, still represent 80% of the planet’s PIL. Hence the need for flexible, open-minded people who are willing to relocated and are fluent in several foreign languages. Without forgetting a vital factor: the management of uncertainty combined with the intuitive ability to make rapid changes of course. A business sense, familiarity with numbers, an appreciation of beauty and style. In brief, whoever steers the ship of luxury, has to have plenty of aces up his sleeve! Finally, the most important characteristic of all: the right mindset because, what counts most of all is not so much technical know-how, but a willingness to exercise the brain muscle, to think positively and be able to identify a solution at all times, even when magic seems unable to do the trick.


MADE IN ITALY, IL VERO ANTIDOTO CONTRO LA CRISI. Parola di Saverio Moschillo di Claudia Chiari

Origini irpine, slancio internazionale, determinazione e lungimiranza.

Ritratto di Saverio Moschillo, realizzato in esclusiva dal famoso fotografo Bob Krieger ed esposto durante la( mostra "Bob Krieger. Ricordi tra fotografia e arte"( a Palazzo Reale a Milano da giugno a settembre 2010

MADE IN ITALY, THE MOST EFFECTIVE WAY TO BEAT THE CRISIS. So says Saverio Moschillo by Claudia Chiari

Originally from the area of Irpinia, but projected towards International scenarios and endowed with determination and foresight.


S

S

averio Moschillo, a successful entrepreneur on the Italian fashion scene, has been collecting successes, showroom after showroom, from the seventies to the present day: passionate about style – in fact a fair share of the creative spirit of Richmond is attributable to him – and helmsman of the Moschillo group, he recognizes the value of the most important patrimony existing within the bootshaped peninsula, the Made in Italy trademark. And he makes it the principal ingredient of his anti-crisis formula. «The Moschillo empire is a global business built up by an entrepreneur who has successfully moved in all directions through the meanders of the fashion maze. What strong points have enabled you to build it up, brick by brick?» «The story of the Moschillo empire starts around the late 70’s when, under the guidance of my mentor, Cavalier Guido Ranieri, I started to make my first real steps in this field; from then on it was an upward course, as I started to travel around Italy looking for sales points to distribute the fashion brands I represented, labels that were becoming more and more important and prestigious.

Immag gin ni dii sffilata John Richmond AI 12/13

averio Moschillo, imprenditore di successo del panorama della moda italiana, dagli anni ’70 ad oggi ne ha messi a segno di successi, showroom dopo showroom: appassionato di stile – l’anima creativa di Richmond è in buona parte anche la sua – e guida del Gruppo Moschillo, sa quanto vale il più importante patrimonio della penisola dello stivale, il Made in Italy. E ne fa l’ingrediente principale della sua formula contro la crisi. «L’Impero Moschillo è una realtà globale costruita grazie ad un imprenditore che ha saputo muoversi a 360 gradi fra i meandri della moda. Quali punti di forza hanno permesso di edificarlo, mattone dopo mattone?». «La storia dell’Impero Moschillo ha inizio intorno alla fine degli anni ’70 quando, sotto la guida del mio maestro di vita, il Cavalier Guido Ranieri, ho iniziato a muovere i primi concreti passi in questo mondo; da lì è partita la scalata, iniziando ad andare in giro per l’Italia a cercare punti vendita dove distribuire i marchi di moda che rappresentavo, che diventavano sempre più importanti e prestigiosi.


24

Immagini di sfilata John Richmond AI 12/13

In poco tempo ho inaugurato il primo showroom a Bari, a cui hanno fatto seguito Napoli, Roma, per poi passare alle prestigiose location del quadrilatero della moda di Milano. Il passo verso l’estero è stato breve, perché all’inizio degli anni ’90 avevo già aperto showroom a Parigi, Dusseldorf, Monaco di Baviera, Londra e New York. A quel periodo risale anche l’incontro con John Richmond, che decido di iniziare a produrre tramite la Falber di Forlì, baluardo della qualità Made in Italy, diventando così partner del marchio e artefice del suo successo. Oltre al marchio John Richmond, oggi produco e distribuisco anche Husky, marchio simbolo delle tipiche giacche trapuntate inglesi, molto amate da lady Diana e tuttora indossate dai Reali inglesi, e Rodolphe Menudier, esclusiva griffe francese di calzature extra lusso». «Quali saranno i suoi prossimi passi nell’ottica della internazionalizzazione?». «In questo momento di crisi globale per l’imprenditore è necessario non mollare: è per questo che guardare all’estero esportando l’eccellenza tipica dell’Italia è la via giusta da percorrere, e bisogna avere il coraggio di rettificare alcune aperture iniziate negli anni ’90 annullandone anche qualcuna, vista l’attuale situazione politica europea. In questo momento grandi soddisfazioni le stiamo avendo dalla Cina: il successo riscosso

In the space of a short time, I opened the first showroom in Bari, followed by Naples and Rome, and then went on to inaugurate prestigious locations in Milan’s luxury fashion district, the so-called “quadrilateral of fashion”. From there, international markets were only a short step away and in the early 90’s I had already opened showrooms in Paris, Dusseldorf, Munich, London and New York. That was also the period in which I met up with John Richmond, whose creations I decided to start producing in collaboration with Falber of Forlì, a champion of quality Italian manufacturing, which was how I became a partner of the brand and contributed to its success. Along with the John Richmond brand, today I also produce and distribute Husky, the iconic brand of the typical quilted jackets that were so popular with Lady Diana and are still worn by the British Royal family, and Rodolphe Menudier, the exclusive French signature line of extra luxury footwear.» «What are the next steps you envisage in this process of internationalization?» «In times of global crisis like these, it is necessary for an entrepreneur not to throw in the sponge: for this reason, the correct course of action is to focus one’s sights on foreign markets and export the excellence so typical of Italy and to have the courage to reconsider the openings effected during the 90’s, eliminating


25

some of them if need be, in view of the current European political situation. At the moment, we are getting a lot of satisfaction from China: the success achieved in this country is indicative of the great confidence shown by foreigners in everything that is Made in Italy, which continues to produce results on global markets thanks to its inimitable qualities. Italy is known and appreciated worldwide for the quality of its products in all sectors, from food to clothing, from design to footwear. Style, attention to detail, an exquisite sense of taste: these are the winning cards of the Made in Italy trademark, a dream for others, a reality for those of us who produce it. China is also flanked by the other emerging countries of the Far East, but let’s not forget Russia and Ukraine, which have always laid great store by the quality and excellence of our products. We certainly have our sights focused on North Africa as well, and we are also starting to look towards the USA, with a forthcoming opening in New York’s prestigious Fifth Avenue. » «The global crisis and the Italian economic situation: how are you addressing them? And how do you think they can be faced by small craftsmen and young people who often have ideas but are unable to obtain the necessary funding?» «At the present time, we have to rely on the particular factor that gives us an edge over others, Made in Italy that is: so we

Immagini di sfilata John n Richmond AI 12/13

in questo Paese è indice della grande fiducia riposta dagli stranieri nel Made in Italy, che continua a mietere successi a livello globale grazie alle sue competenze inimitabili. L’Italia è nota e apprezzata in tutto il mondo per la qualità dei suoi prodotti in tutti i settori, dall’alimentazione all’abbigliamento, dal design al calzaturiero. Stile, attenzione ai dettagli, senso del gusto: queste sono le carte vincenti del Made in Italy, un sogno per gli altri, una realtà per noi che lo produciamo. Alla Cina si affiancano anche altri Paesi emergenti dell’Estremo Oriente, ma non dimentichiamo Russia e Ucraina, che da sempre hanno scommesso sulla qualità e sull’eccellenza della nostra produzione. Un occhio è sicuramente puntato verso il Nord Africa, e stiamo anche ricominciando a guardare verso gli USA, con una nostra prossima apertura sulla prestigiosa Fifth Avenue di New York». «La crisi globale e la situazione economica italiana: come le state affrontando? E come pensa possano affrontarla piccoli artigiani e giovani che spesso hanno idee ma non trovano fonti di finanziamento?». «In questo momento bisogna puntare sulla nostra marcia in più, cioè sul Made in Italy: è per questo che tutelare i piccoli artigiani e salvaguardare gli antichi mestieri manuali è un dovere per difendere il nostro futuro. Da qui è nata la mia idea di


26

creare Fashion Capital, che vuole essere una sorta di venture capital a cui possono partecipare investitori istituzionali e non, con l’obiettivo di finanziare l'avvio e la crescita di realtà in settori in cui l’Italia ha le proprie eccellenze, quali la moda, il design ma anche l’enogastronomia. Nella mia idea, il Fashion Capital prevederà un comitato di credito formato da operatori del settore, persone che quando giudicano un’idea sanno vederne le effettive potenzialità, perché conoscono bene problemi e prospettive del mercato in cui l’attività che richiede il finanziamento potrebbe svilupparsi. Chi se ne intende di moda, per esempio, sa vedere se un giovane stilista o un artigiano ha le carte in regole per crescere nel fashion-system. In questa mission non bisogna dimenticare la partecipazione di Camera di Commercio di Milano, nonché l’appoggio di Camera Nazionale della Moda Italiana». «Capacità e professionalità le hanno valso il ben meritato titolo di Vice Presidente vicario della Camera Nazionale della Moda Italiana. Cosa auspicherebbe per il sistema moda italiano in questo momento?». «Sono molto orgoglioso di aver ottenuto un tale riconoscimento dal mondo della Moda italiana: non solo sono Vice Presidente vicario di CNMI, ma faccio anche parte del comitato per la lotta alla contraffazione con delega per la protezione della produzione italiana. Non posso quindi che augurarmi per il futuro che la moda italiana sia sempre più unita nel proteggere, salvaguardare e sviluppare il nostro Made in Italy».

Borsa John Richmond AI 12/13 in pelle nera con crest in rilievo

Immagine pubblicitaria AI 12/13 della campagna John Richmond(realizzata per la seconda stagione consecutiva dal fotografo di fama mondiale(Patrick Demarchelier

have a duty to safeguard small manufacturers and traditional crafts in order to defend our future. Hence my idea to create Fashion Capital, a sort of venture capital in which institutional and non-institutional investors may participate, with the aim of financing the set-up and growth of new enterprises in those sectors where Italy excels, such as fashion and design, but also fine food and wine. As I see it, Fashion Capital will entail the formation of a credit committee made up of operators in the industry, people who recognize the actual potential of an idea when they are called on to judge it, since they are well aware of the issues and prospects of the market on which the activity in search of funding could develop. Fashion experts, for example, can spot a young stylist or artisan who has got what it takes to be successful in the fashion system. This mission must also involve the participation of the Milan Chamber of Commerce as well as the support of the National Chamber of Italian Fashion (Camera Nazionale della Moda Italiana).» «Your expertise and professional skills have won you the well-earned title of Deputy Vice President of the National Chamber of Italian Fashion. What do you wish for the Italian fashion system at the present time?» «I am very proud to have been honoured in this way by the world of Italian fashion: I am not only Deputy Vice President of the CNMI, but I also belong to the committee for combating counterfeited goods, responsible for defending Italian products. So, I can only hope that in the future the Italian fashion system shows an increasingly united front in protecting, safeguarding and developing our Made in Italy.»


CABALLUS INTERNATIONAL LIFESTYLE


30

C

aballus International Lifestyle è un portale aperto sul mondo del lusso e dell’esclusività, che offre un approccio originale e personalizzato all’acquisto e alla promozione di servizi e beni di lusso unici nel proprio genere, tra un elitario portafoglio clienti. La clientela esigente di Caballus può accedere ai migliori marchi, servizi, luoghi e persone al mondo. Caballus Lifestyle offre un servizio completo per chi desidera acquistare: cavalli arabi, veicoli di lusso, yacht, jet privati, gioielli pregiati, orologi raffinati, viaggi personalizzati e quanto di meglio esista al mondo. La lista dei nostri clienti include: famiglie reali del Medio Oriente, imprenditori provenienti da Russia, Cina, India, Brasile, Nord America, Giappone, Hong Kong, Australia e clienti dai settori minerario, immobiliare, alberghiero, fashion, design, sport ed entertainment. Caballus Lifestyle fornisce anche servizi esclusivi e opportunità di business, cercando di aumentare la riconoscibilità e le vendite del marchio attraverso grandi sponsorizzazioni sportive, esposizione mediatica e partecipazione attiva a eventi di portata mondiale. Caballus effettua sia servizio di consegna sia di promozione.

C

aballus International Lifestyle, is portal to the world of luxury and exclusivity. It offers a unique, personalised approach to the acquisition and the promotion of one of a kind luxury goods and services, among an elitist portfolio of clientele. Caballus discerning clients have access to the world’s finest brands, services, places, and people. Caballus Lifestyle offers an all-in-one service for those wishing to acquire Arabian Horses, Luxury Vehicles, Yachts, Private Jets, Exquisite Jewellery, Fine Timepieces, Bespoke Travel and the world’s best. Our clients include: Royal Families from the Middle East, Entrepreneurs from Russia, China, India, Brazil, North America, Japan, Hong Kong, and Australia, as well as individuals from the Mining, Real Estate, Hospitality, Fashion, Design, Sports, and Entertainment sectors. Caballus Lifestyle also provides exclusive services and opportunities for businesses looking to increase awareness and sales through major sport sponsorships, media exposure and active participation to worldwide events. Caballus both delivers and promote.


For more info please contact: Vittorio.gai@caballus.com


For more info please contact: Vittorio.gai@caballus.com


A MILANO LA RINNOVATA BOUTIQUE DIOR: UN SOGNO REALIZZATO di M. Giulia Baiocchi

THE RENOVATED DIOR BOUTIQUE IN MILAN: A DREAM COMES TO LIFE by M. Giulia Baiocchi


42

E

legante ed esclusiva. Così si presenta la nuova boutique Dior di Via Montenapoleone a Milano, completamente rinnovata e ampliata grazie all’estro di designer e artisti di fama internazionale coinvolti dall’architetto Peter Marino. Così, per la flagship milanese sono stati ideati pezzi unici come la seduta floreale a forma di ginko biloba di Claude Lalanne o l’innovativa installazione di centoventiquattro schermi LCD ad alta risoluzione che compongono un murale di Oyoram; essi arricchiscono la scala con ringhiera forgiata in ferro che porta al primo piano.

E

legant and exclusive: it’s the new Dior boutique on Via Montenapoleone in Milan, completely renovated and enlarged thanks to the creativity of internationally renowned artists and designers involved by architect Peter Marino. One of a kind pieces were created for the Milan flagship store, like Claude Lalanne’s floral seating in the form of ginko biloba and the innovative installation of 124 high resolution LCD screens that compose an Oyoram mural. These pieces enhance the staircase with forged iron railing that leads to the first floor.


43

E proprio al piano superiore, le tende in velluto di seta, i ninnoli preziosi e le sculture di porcellana di Liu Jianhua rendono l’ambiente ricercato e chic. La zona riservata all’abbigliamento donna regala ai clienti la sensazione d’essere nel salone privato di Monsieur Dior; uno dei pezzi più esclusivi del salone è il camino dal bagliore metallico creato da Juan e Paloma Garrido, che ben si fonde al tavolo di Hubert Legall e al tavolino da caffè di Wily Rizzo. Ogni elemento di design conferisce all’ambiente quel tocco di raffinatezza insito nella Maison francese.

Upstairs, the silk velvet curtains, previous trinkets and porcelain sculptures by Liu Jianhua create a sophisticated and chic ambiance. The women’s clothing area gives clients the feeling of being in Monsieur Dior’s private lounge. One of the most exclusive pieces in the room is the chimney in glowing metal, made by Juan and Paloma Garrido, which masterfully blends with Hubert Legall’s table and Wily Rizzo’s coffee table. Each element of design contributes to a refined feel, which is intrinsic to the French fashion house.


44

Anche l’area vip, alla quale si accede attraverso uno specchio-porta trompe l’oeil, riserva la meravigliosa sorpresa di una stanza rivestita di pannelli papier-paints, dipinti da vari artisti francesi e della vista di una splendida scultura di Martin Kline e di un tavolo di Paul Evans. La boutique Dior continua, dunque, a essere vicina a ogni espressione d’arte ricalcando così le idee del suo lungimirante fondatore, Christian Dior, che prima ancora di diventare un couturier, fu un gallerista appassionato ed esperto. Animato da un profondo amore per l’arte, Christian Dior fu il primo a esibire a Parigi le opere di Calder, Dalì, Mirò e Giacometti; egli espose anche alcuni dei lavori di Picasso, Dufy, Ernst e Klee.


45

Even the VIP area, accessed through a mirrored trompe l’oeil door, holds a wonderful surprise – a room covered in papierpaints panels, paintings by various French artists and a view of a splendid sculpture by Martin Kline and a Paul Evans table. The Dior boutique continues to hold true to every expression of art, mirroring the idea of its visionary founder Christian Dior, who was a passionate art dealer and expert before he became a couturier. Driven by his deep love for art, Christian Dior was the first to exhibit works of art by Calder, Dalì, Mirò and Giacometti in Paris, as well as a few pieces by Picasso, Dufy, Ernst and Klee.


46

Forte di questa tradizione, la Maison Dior ha lanciato un progetto speciale, “Lady Dior As Seen By/A New generation of Italian Artists” rivolto ai giovani creativi italiani e con il patrocinio dell’Accademia delle Belle Arti di Brera di Milano. Ai giovani artisti emergenti dell’Accademia di Brera è stato proposto un concorso legato a un progetto ispirato alla mitica borsa Lady Dior. La borsa fu creata nel 1995 e regalata a Lady Diana dalla première dame di Francia, Bernadette Chodron de Courcel, in occasione della visita della principessa del Galles a Parigi per la mostra di Cezanne. Diana s’innamorò dell’elegante borsa che entrò nell’immaginario collettivo quale simbolo di una classe e un’eleganza esclusive.

JENNY VAN SUMMERS

LORIS CECCHINI

VEDOVAMAZZEI

JEAN BAPTISTE MONDINO


47

NAN GOLDIN

With a stronghold in this tradition, the Dior house launched a special program, “Lady Dior As Seen By/A New generation of Italian Artists”, aimed at young, creative Italians and with the support of the Academy of Fine Arts of Brera in Milan. A competition has been offered to young emerging artists from the Academy of Brera, tied to a project inspired by the legendary Lady Dior bag. The bag was made in 1995 and given as a gift to Lady Diana by France’s first lady, Bernadette Chodron de Courcel, during the princess’s visit to Paris for a Cezanne exhibit. Diana fell in love with the elegant bag, which became considered as a symbol of class and exclusive elegance.

PETER LINDBERG

OLYMPIA SCARRY

RUNE GUNERIUSSEN

LUCA TREVISANI

RONG RONG & INRI


48

I ventiquattro artisti selezionati per partecipare al concorso hanno dato prova di grande estro e creatività e una giuria ha poi incoronato i due vincitori: Alessandro Carano e Davide Stucchi, le cui opere sono state esposte nella mostra “Lady Dior As Seen By”, dal 10 Ottobre al 4 Novembre 2012 alla Triennale di Milano, permettendo così ai due giovani artisti un debutto internazionale fra i grandi nomi della fotografia e dell’arte contemporanea. Un’ulteriore dimostrazione dello stile Dior, leader non solo nella haute couture ma anche nella cultura internazionale. DAVIDE STUCCHI

ALESSANDRO CARANO

The 24 artists selected to participate in the competition have shown their inspiration and creativity, and a jury declared two winners, Alessandro Carano and Davide Stucchi. Their work was shown in the “Lady Dior As Seen By” exhibit from October 10 to November 4, 2012 at the Milan Triennale, giving the two young artists and international debut amongst the greatest names in photography and contemporary art. This is just another demonstration of Dior’s style, as a leader not only in haute couture but in international culture as well.


“Your gateway for business in Qatar�

In Europe Elite Qatar LLC, Doha, is represented by

For more info: www.laurointernational.com


STORIA DEL CAVALLO ARABO E Dio prese una manciata di vento del Sud e con esso plasmò un cavallo, dicendo:

«Io ti creo, oh Arabo. Alla tua chioma, intreccio la Vittoria in battaglia. Sulla tua schiena poso un ricco bottino e un Tesoro sui tuoi reni. Faccio di te una delle Glorie della Terra.. Ti lascio il dono di volare senza ali». Da un’antica leggenda beduina. (“Origine della razza Araba” di Byford e altri; libera traduzione)

A

rabo: è la più antica razza di cavalli, l’unica vera purosangue del mondo equino. Gli arabi hanno avuto un ruolo significativo nella storia del rapporto tra uomini e cavalli, e anche in futuro continueranno a regalare piacere e compagnia grazie al lavoro di organizzazioni nazionali e internazionali dedite alla promozione e alla conservazione della razza. Nel corso dei secoli, i cavalli arabi sono stati apprezzati come esemplari di enorme bellezza, intelligenza, coraggio, resistenza e romanticismo. L’arabo è stato allevato e cresciuto con una forte vicinanza dell’uomo. Sopravvivendo al difficile clima desertico, le antiche tribù di beduini e i cavalli arabi hanno vissuto con una dipendenza reciproca. Vivendo in tale vicinanza all’uomo, questa razza ha sviluppato una natura gentile e affettuosa che mantiene ancora, e la si può osservare anche oggi nei puledri allevati in ambiente estraneo.


HISTORY OF THE ARABIAN HORSE And God took a handful of South wind and from it formed a horse, saying: «I create thee, Oh Arabian. To thy forelock, I bind Victory in battle. On thy back, I set a rich spoil And a Treasure in thy loins. I establish thee as one of the Glories of the Earth.. I give thee flight without wings.» From ancient bedouin legend (Byford, et al. “Origination of the Arabian Breed“)

T

he oldest breed of horse, Arabians are the only true purebred in the equine world. They have played a significant role in the history of man and horse, and will continue to provide enjoyment and companionship for years to come through the work of national and global organizations dedicated to the promotion and preservation of the breed. Through the centuries, Arabian horses have been cherished as a horse of great beauty, intelligence, courage, endurance, and romance. The Arabian was bred and reared with a strong kindredship to man. Surviving amongst the harsh desert climate, ancient Bedouin tribes and Arabian horses existed with a mutual inter-dependence. Living in such a close proximity with man, Arabian horses developed a gentle and affectionate nature that is now inherited, and is observed even today in foals that are bred in a foreign environment.


52

Nella maggior parte dei casi l’arabo era considerato un dono di Dio, e trattato come tale dalla società beduina. È cresciuto e si è sviluppato nel verde territorio della Mezzaluna Fertile, oggi Siria, Iraq, Iran e Penisola araba. Sebbene le origini del cavallo arabo rimangano misteriose, i suoi lineamenti risalgono a cinquemila anni fa. I suoi antenati erano leggermente più piccoli degli arabi di oggi, che all’apparenza sono comunque molto simili. Ci sono molte caratteristiche che distinguono il cavallo arabo dalla altre razze, e la più evidente è il muso. La testa dell’arabo ha un tipico profilo piatto con l’occhio pronunciato, le narici larghe, e un piccolo profilo camuso. Il torace largo, il dorso corto ma forte e la spalla inclinata garantiscono potenza e un’andatura leggera; possono essere di diversi colori: grigio, sauro, baio, marrone e talvolta nero. La maggior parte degli arabi ha una lunghezza compresa tra 140 e 155 cm e pesa tra 360 e 450 kg, da adulti. La gamma di attività possibili con i cavalli arabi è molto vasta, dalla semplice esposizione all’applicazione in più discipline: cavalcata all’inglese, park, cross country, caccia, western style, amazzone, salto, dressage, sport e halter.

In most cases, the Arabian was considered a gift from god, and treated as such by the Bedouin society. The Arabian horse grew and flourished in the rich grass along the Fertile Crescent, now Syria, Iraq, Iran, and the Arabia peninsula. Though the origin of the Arabian horse remains a mystery, his lineage traces back five thousand years. His ancient ancestors were slightly smaller than the Arabians of today, but otherwise the modern Arabians are exceptionally similar in appearance. There are several characteristics that set the Arabian horse apart from other breeds, the most noticeable being their face. The Arabian’s head has a characteristic dished profile with a prominent eye, large nostrils and small teacup muzzle. The Arabian’s broad chest, short, but strong back, and sloped shoulder give him power and floaty gaits. Arabian horses come in many colors, grey, chestnut, bay, brown, and occasionally black. Most Arabians stand between 14.1 and 15.2 hands (one hand is equivalent to four inches) and weigh between 800 and 1,000 pounds as adults. People enjoy many activities with their Arabians, from showing to pleasure in a variety of discipline, which include English, park, country,


53

Sono diventati i cavalli privilegiati nella tipologia endurance grazie alla loro resistenza e agilità, che non solo li rende ideali per le competizioni, ma anche abili in diversi settori come l’allevamento, l’agricoltura, il diletto e sono una scelta molto diffusa per programmi educativi e cavalcate terapeutiche. Gli arabi sono diventati compagni fedeli, e sono una testimonianza della tradizionale importanza che hanno avuto per la vita dei popoli con i quali convivono. Per secoli, gli arabi sono stati la scelta preferita di grandi condottieri e di semplici appassionati. Anche Napoleone, George Washington, Gengis Khan e Alessandro Magno cavalcavano cavalli di razza araba. La loro incredibile bellezza, intelligenza, resistenza e devozione al padrone li ha resi una delle razze più diffuse da possedere e mostrare. Con l’aiuto di club e registri, gli arabi resteranno fedeli all’Asil (tradizionale standard di purezza) delle tribù beduine. Grazie ad accurati programmi di allevamento, gli arabi saranno apprezzati dalle generazioni future, e i cavalli da sogno dei bambini potrebbero anche diventare realtà.

hunter, and western pleasure, sidesaddle, jumping, dressage, gaming events, and halter. They have also become the breed of choice in the endurance world because of their stamina and agility which not only makes them ideal for racing but just as skilled in diverse environments such as cattle and ranch work, and pleasure trail riding and are a popular choice for instructional programs and therapeutic riding. Arabians become devoted companions, a testament to their long history of importance in the people’s lives they share. For centuries Arabians have been the mount of choice from world leaders to backyard horse owners. Even Napoleon, George Washington, Genghis Khan, and Alexander the Great rode Arabians. Their exquisite beauty, intelligence, stamina, and devotion to their owners has made Arabians one of the most popular breeds to own and show. With the help of clubs and registries, the Arabian will remain unchanged from the Asil of the Bedouin tribes. Thanks to careful breeding programs, the Arabian will be enjoyed for generations to come, and the black stallions of children’s dreams may eventually be a reality.


54

Azionisti Importanti nell’industria dei Cavalli Arabi CABALLUS INTERNATIONAL

C

aballus International si occupa di vendite equine, gestione e intrattenimento. Fulcro della società sono l’onestà e l’integrità e, attraverso questi valori, Caballus International serve i propri clienti con un servizio dal livello impareggiabile. La gestione di Caballus International ha molti anni di esperienza nel settore equino e ha stabilito rapporti duraturi con i clienti. Caballus International crede che la bellezza di un cavallo sia uno dei più grandi collegamenti con l’anima. Per questo si dedica a migliorare e sviluppare il settore equino, e a essere all’avanguardia in questo processo, oltre a far provare ai possessori di cavalli arabi tutto ciò che questo lifestyle può offrire. Seguendo questo principio Caballus International organizza e promuove, nel corso dell’anno, numerosi eventi di gala dedicati al cavallo arabo. Caballus International ti accoglie nell’esclusivo lifestyle dettato dal cavallo arabo. Ti offre un approccio unico e personale all’acquisto di equini e del relativo lifestyle, e gestisce le esigenze di coloro che hanno ambizioni elevate. Caballus International è stata fondata esclusivamente a beneficio degli appassionati del cavallo arabo di tutto il mondo, per accedere a una comunità che ne ammira lo stile e il lussuoso lifestyle che comporta questa razza speciale. Attraverso il suo sito a 5 stelle, allevatori, appassionati e investitori possono interagire liberamente ed abbattere la commissione del 20%. È comunque possibile usufruire dell’esperta consulenza del Team Caballus a un costo decisamente inferiore rispetto allo standard. Provare, vivere e amare tutto ciò che il cavallo arabo può offrire, grazie a Caballus International.


55

Key Stakeholders in the Arabian Horse Industry CABALLUS INTERNATIONAL

C

aballus International is a global equine sales, management and entertainment provider. The backbone of the company is honesty and integrity, and its through these values that Caballus International provides its clients with an unparalleled level of service. The Caballus International management team has many years of experience within the equine industry and has forged lasting relationships with its peers. The integral belief at Caballus International is that true equine beauty is one of the greatest connections to the soul. The team is committed to be at the forefront of improving and evolving the equine industry, in addition to Arabian horse owners experiencing all that the Arabian horse lifestyle has to offer. With this in mind Caballus International organises and executes several gala Arabian horse events throughout the year. Caballus International welcomes you to the exclusive Arabian horse lifestyle. It offers a unique, personal approach to equine and lifestyle acquisitions, and addresses the needs of those whose sophistication is of great standard. Caballus International was formed strictly to benefit Arabian horse enthusiasts around the world to enter a community of enjoying the Lifestyle of the Arabian horse and the luxury Lifestyle that involves this special breed. Through Caballus and its 5 Star website, Breeders, Enthusiasts and Investors can interact amongst themselves and eliminate the controversial 20% commission. However you do have the option to utilize the consultancy expertise of the Caballus Team at a much lower rate than the industry standard. Enjoy, live, and love all that the Arabian horse can offer through Caballus International.


56

SERVIZI CABALLUS Caballus International offre i seguenti servizi ai clienti nuovi e a quelli consolidati: • Consulto Vendite Online • Vendite Private, Aste Pubbliche e Dispersal Sale • Gestione Eventi di Esposizioni Cavalli • Consulenza Globale • Tour • Produzione di Contenuti Multimediali

CABALLUS SERVICES Caballus International offers the following services to both existing and new clients: • Online Sales Consultation • Private Sales, Public Auctions & Dispersal Sales • Event Management for Horse Showing • Global Consultancy • Farm & Event Tours • Media Content production

Postal Address PO Box 538 Welshpool Western Australia 6986 Phone +61 8 6254 1830 Website www.caballus.com


58

SUA ALTEZZA LA MANUFACTURE DE PORCELAINE La Manufacture de Porcelaine di Monaco ティ stata fondata nel 1972 da Erich Rozewicz, grazie allツ段ncoraggiamento e al sostegno di Sua Altezza Serenissima il Principe Ranieri III e di Sua Altezza Serenissima la Principessa Grace di Monaco.

HIS HIGHNESS THE MANUFACTURE DE PORCELAINE The Manufacture de Porcelaine de Monaco was founded in 1972 by Erich Rozewicz with the encouragement and support of His Serene Highness Prince Rainier III and Her Serene Highness Princess Grace of Monaco.


L

a Manufacture de Monaco produce da sempre porcellana di altissima qualità, famosa per essere bianchissima, translucida ed estremamente dura. Un livello di eccellenza raggiunto grazie alle capacità uniche di artigiani specializzati e alla severa selezione cui sono sottoposti gli articoli finiti. In un mercato dove i principali produttori possono facilmente perdere la propria identità per seguire la moda del momento invece dei propri sogni, la Manufacture de Monaco si distingue per la scelta di rinnovarsi costantemente. Articoli da regalo lussuosi e raffinati, accessori decorativi e, naturalmente, una varietà di servizi da tavola sono apprezzati da conoscitori in ogni parte del mondo per il loro stile inconfondibile. Erich Rozewicz non ha mai smesso di cercare nuove strade per migliorare la qualità e la bellezza delle sue creazioni. Oggi, sotto la direzione del figlio e della figlia che hanno appreso, negli anni, il suo know-how unico, la Manufacture de Porcelaine di Monaco continua a lavorare per portare avanti la propria tradizione: creare splendidi oggetti di porcellana.

F

rom the very beginning, the Manufacture de Monaco has produced luxury quality porcelain distinguished by being very white, hard and translucent. This quality is achieved thanks to the unique skills of specialist craftsmen, and through a very critical selection of each finished article. In a market where major manufacturers can so easily lose their identity by following the fashion of the moment instead of dreaming new dreams, the Manufacture de Monaco distinguishes itself by its constantly renewed creations. Luxurious and refined gift-articles, decorative accessories and, of course, a variety of tableware are appreciated by connoisseurs from all over the world for their unique style. Erich Rozewicz has for ever searched new ways to improve on the quality and beauty of his products. Now, under the management of Mr Rozewicz’s son and daughter, who have learned his unique savoir-faire over many years, the Manufacture de Porcelaine de Monaco can look forward to perpetuating its tradition of creating beautiful pieces of porcelain.


GRAND-HÔTEL DU CAP-FERRAT: un secolo di gloria Il Mar Mediterraneo e la lussureggiante natura del sud della Francia cingono l’elegante struttura del Grand-Hôtel du Cap-Ferrat, storico e prestigioso hotel di lusso. Inaugurato nel 1908, il Grand-Hôtel du Cap-Ferrat, circondato da sette ettari di giardino e con una vista mozzafiato sul Mediterraneo, è da sempre un simbolo dell’eleganza e del lusso più esclusivi. Lo conferma anche il prezioso riconoscimento “Best Palace in the world” che l’importante rivista francese “Hotel & Lodge” gli ha riconosciuto lo scorso gennaio 2012.

GRAND-HÔTEL DU CAP-FERRAT: one century of glorious tradition The Mediterranean Sea and the lush natural environment of Southern France girth the elegant complex of the Grand-Hôtel du Cap-Ferrat, a time-honoured and prestigious luxury hotel. First opened in 1908, the Grand-Hôtel du Cap-Ferrat, surrounded by a garden of seven hectares and blessed with a breathtaking view of the Mediterranean, has always stood as an icon of the most exclusive elegance and luxury. What better endorsement than the sought-after title of “Best Palace in the world” conferred by the leading French magazine “Hotel & Lodge” last January 2012.


62

I

l Grand-Hôtel è stato completamente rinnovato nel 2009 e oggi comprende 73 fra camere ed eleganti suite. È possibile soggiornare anche nella splendida villa “Rose-Pierre” che, oltre alla bellezza della sua collocazione e all’eleganza degli arredi, dona agli ospiti una piacevole riservatezza. Al Grand-Hôtel du Cap-Ferrat si può scegliere di gustare mille prelibatezze fra tre ristoranti, uno dei quali, Le Cap, si fregia di una stella Michelin e vanta una scelta di vini davvero unica per la sua ricchezza e varietà. Lo chef Didier Aniès incanta ogni ospite con la sua deliziosa e curatissima cucina. A La Véranda, invece, ristorante inaugurato nel giugno 2009, è possibile gustare l’autentica cucina mediterranea o i piatti classici di quella internazionale, ammirando il lussureggiante giardino e la bellezza del Mediterraneo. Un pranzo leggero ma raffinato si può ordinare al Club Dauphin Restaurant, sfiziose prelibatezze da assaporare accanto alla piscina. Il Grand-Hôtel Bar, situato vicino a La Véranda, con un angolo dedicato alla lettura, è il luogo ideale per trascorrere piacevolmente del tempo, soli o con gli amici più cari. Il Club Dauphin, raggiungibile con una funicolare privata, offre un’incantevole piscina ideale per bagni di sole e la possibilità di avere una vista mozzafiato sul Mediterraneo. La nuova Spa, inserita nel bellissimo parco e con una superficie di 1200 metri quadrati, accoglie gli ospiti con la sua struttura armoniosa e garantisce un relax esclusivo. Coloro che desiderano dei trattamenti terapeutici o estetici mirati possono avvalersi della competenza del personale specializzato nei bellissimi interni, splendidamente arredati dal celebre architetto Pierre-Yves Rochon. Oltre al nuoto e alle suggestive passeggiate, al Grand-Hôtel du Cap-Ferrat si può praticare il tennis e la bicicletta. Gli amanti dell’arte possono agevolmente raggiungere i musei dedicati a Chagall e a Matisse situati ad appena dodici chilometri dall’hotel, o recarsi a visitare Monaco vicina undici chilometri. Al Grand-Hôtel du Cap-Ferrat è possibile anche organizzare eventi o intime riunioni familiari. Questo e altro ancora si può trovare al Grand-Hôtel du Cap-Ferrat, un luogo magico tutto da scoprire.


63

GRAND-HÔTEL DU CAP-FERRAT 71 Boulevard du Général de Gaulle 06230 Saint-Jean-Cap-Ferrat Tel.: +33(0)493765050 Fax: +33(0)493760452 e-mail: reservation@ghcf.fr www.ghcf.fr

T

he Grand-Hôtel was completely made over in 2009 and it now offers 73 different accommodation solutions comprising rooms and elegant suites. It is also possible to stay in the splendid villa “Rose-Pierre” which, along with the charm of its position and the elegance of its furnishings, offers guests the additional pleasure of perfect privacy. The Grand-Hôtel du Cap-Ferrat invites guests to choose from a vast selection of delicacies to be enjoyed in one of its three restaurants. Of these, Le Cap has been awarded a Michelin star and boasts a wine list that is singularly vast and varied. The chef, Didier Aniès, is able to delight the most discerning diner with his deliciously refined cuisine. Alternatively, at La Véranda, a restaurant that was opened in June 2009, it is possible to enjoy authentic Mediterranean dishes or the classics of international cuisine, while admiring a luxuriant garden and the beauty of the Mediterranean. A light yet refined lunch may be ordered at the Club Dauphin Restaurant, with tasty titbits to be enjoyed beside the pool. Positioned close to La Véranda, the Grand-Hôtel Bar with its reading corner, is an ideal place for pleasantly wiling away the time, whether alone or in the company of one’s dearest friends. The Club Dauphin is accessed by means of a private funicular and offers a charming swimming pool that is ideal for sunbathing, along with an impressive view of the Mediterranean Sea. The new Spa, set within a beautiful park and extending over a surface area of 1200 square metres, welcomes guests to its harmonious structure where relaxation is guaranteed in an exclusive atmosphere. Those interested in specific beauty or therapeutic treatments may take advantage of the presence of specialized staff, in the Spa’sfine interiors splendidly furnished by the archistar, Pierre-Yves Rochon. As well as swimming or taking delightful walks, it is also possible to practise tennis and cycling at the Grand-Hôtel du Cap-Ferrat. Art lovers may easily reach the museums dedicated to Chagall and Matisse at just twelve kilometres from the hotel, or visit Monaco at a distance of just eleven kilometres. The Grand-Hôtel du Cap-Ferrat also caters for events or intimate family gatherings. This and much more is offered by the Grand-Hôtel du Cap-Ferrat, a magical location just waiting to be discovered.


64

ALL’HOTEL MARTINEZ i sogni diventano realtà Presente su tutte le cartoline che ritraggono la Costa Azzurra, l’Hotel Martinez deve la sua fama allo stile elegante e all’invidiabile posizione sul celebre “Boulevard de la Croisette” a Cannes … Il nome “Martinez” evoca glamour in tutto il mondo. Oltre a essere una delle mete predilette dalle star dello spettacolo, l’hotel è anche il luogo ideale per rilassarsi, divertirsi e vivere un’esperienza meravigliosa …

DREAMS COME TRUE at the Hotel Martinez On postcards depicting the French Riviera, the Hotel Martinez is known for stylish living and its eminent position on the famous “Boulevard de la Croisette” of Cannes… The name “Martinez” evocates glamour all over the world… Not only one of the favorite destination for show business, the hotel is also an ideal place to relax, to have fun and to live an amazing experience…


65

D

urante il giorno, contemplando lo scintillio del Mar Mediterraneo dalle terrazze direttamente sul mare, sorseggiando un cocktail a bordo piscina o sulla spiaggia privata del “Zplage Beach Club”, l’atmosfera che si respira al Martinez è davvero unica … Le serate trascorrono all’insegna dell’eleganza tra fiumi di champagne e feste esclusive, dove gli ospiti possono sentirsi belli, giovani e con la voglia di assaporare ogni singolo istante … Oggi come in passato, l’Hotel Martinez è il luogo ideale per soggiornare durante il Festival di Cannes. Come una stella del cinema, la facciata Art Déco dell’hotel risplende, inalterata, dal 1929. Ogni intervento di restauro mira a preservare l’eredità lasciata dagli Anni Ruggenti, integrando allo stesso tempo tutti i comfort e le tecnologie moderne. Questo storico hotel di lusso cinque stelle è caratterizzato da una struttura eccezionale dotata di 409 camere e suite, tra cui la meravigliosa Suite Penthouse che, con i suoi 1000m², è una delle più grandi d’Europa, e la Suite des Oliviers, che dispone di una terrazza affacciata sul mare. L’eleganza delle camere Prestige Sea View svela un volto completamente nuovo del lusso, coniugando classico e moderno. Lo spirito Art Déco della struttura è stato recentemente rinnovato sposando la leggerezza degli Anni Venti con una vista mozzafiato sulla baia di Cannes.

D

uring the daytime, with the hotel’s balconies opening onto the sparkling Mediterranean Sea, around the pool drinking cocktails or at the private sandy ‘Zplage Beach Club’…, the Martinez is truly unique… At night, prestigious parties are set for ladies in elegant dresses and gentlemen in tailor-made evening wear, and champagne is flowing... Here you feel beautiful, you feel young and you want to savour every moment… The Martinez has for a long time and still is the place to be and stay during the Cannes Film Festival. Like a movie star, the hotel’s Art Déco façade has been impeccably preserved and keeps on shining since 1929. Any redecoration work is carried-out in the spirit of preserving the legacy of the roaring twenties, while integrating modern comfort and technology. This legendary 5 star luxury hotel is an exceptional building with 409 rooms and suites. They include a stunning 1,000sqm Penthouse Suite, one of the largest in Europe, and the Suite des Oliviers which opens to an incredible seafront terrace. The elegant Prestige Sea View rooms reveal a whole new world of luxury that is both classic and modern. The Art Déco spirit of the premises has been recently restyled combining the lightness of the roaring twenties, and offer breathtaking view over the Bay of Cannes.


66

L’hotel è noto anche per la sua squisita cucina gourmet, che mescola stili diversi sotto l’occhio attento di Christian Sinicropi. Come un artista, il nostro Executive Chef trasforma i prodotti locali in capolavori culinari, serviti su piatti di ceramica creati appositamente per La Palme d’Or (2 stelle Michelin). Eleganza e relax contraddistinguono il ristorante Le Relais, che propone una cucina stile bistrot da gustare a bordo piscina, accanto al Bar L’Amiral, noto a Cannes per la calda accoglienza e il pianobar. Da non perdere il Zplage Beach Club & Restaurant, aperto d’estate, che, oltre a un menu ispirato ai sapori di tutto il mondo, offre lettini, pergolati e ombrelloni privati, sport acquatici, spettacoli dal vivo e DJ Mix per le “Summer Znights”. Infine, la L. Raphael Beauty Spa for Hotel Martinez, all’ultimo piano, propone una vasta gamma di trattamenti per il viso e massaggi esclusivi. I nostri ospiti possono accedere in qualsiasi momento al nostro fitness centre completamente attrezzato e aperto 24 ore su 24. Al Martinez regna l’eccellenza, che fa dell’hotel una meta da non perdere sulla Costa Azzurra…


67

The hotel is renowned for its exquisite gourmet cuisine with a range of styles overseen by Christian Sinicropi, the Executive Chef. As an artist, he utilises local produce and transforms it into extraordinary works of culinary art, served in ceramic dishes that he designed especially for La Palme d’Or (2 Michelin stars). “Chic & relax” the restaurant Le Relais which serves bistrostyle cuisine is located alongside the swimming pool, near the Bar L’Amiral, famous in Cannes for its warm hospitality and piano-bar atmosphere. Last but not least, the Zplage Beach Club & Restaurant which opens in summer is an absolute must go in Cannes, offering a menu inspired by flavors from around the world, sun-loungers, private pergolas, water sports, Live Show and DJ Mix during “Summer Znights.” Finally, the L. Raphael Beauty Spa for Hotel Martinez, on the top floor, proposes a wide choice of highly exclusive facials and massages. Our guests may also enjoy free access 24 hours a day to the fully equipped fitness centre. At the Martinez excellence takes centre stage all year long and remains the ‘place to be’ on the French Riviera…


68

R

ichard Schilling, un esperto conoscitore degli hotel di lusso, è entrato a far parte del team del Martinez nel 2006 in veste di General Manager. Nato in una famiglia di albergatori, per Richard Schilling è stato naturale seguire le orme dei genitori. Ha studiato al Shannon College of Hotel Management in Irlanda. Dopo anni di gavetta e perfezionamento, ha iniziato la propria carriera internazionale in Medio Oriente, a Riyadh e Abu Dhabi, per poi trasferirsi negli Stati Uniti, dove ha aperto “Ma Maison” e diretto il Sofitel a Los Angeles e San Francisco, in California. Dopo aver trascorso dieci anni negli USA, si è trasferito in Asia, lavorando prima per gli hotel Four Seasons & Regent, in Malesia, e successivamente per i Park Lane Hotels in Indonesia, dove ha aperto e gestito diversi hotel. Rientrato nel gruppo Accor, ha supervisionato l’apertura del Sofitel a Cancun, in Messico, e del Las Dunas Beach & Spa a Marbella, in Spagna.

RICHARD SCHILLING - General Manager

R

ichard Schilling, an experienced globetrotter in luxury hotels, joined the Martinez’s team as General Manager in 2006. Born in an hotelier’s family, it was only natural that Richard Schilling should follow his parents’ footsteps. He studied at the Shannon College of Hotel Management in Ireland. After a long apprenticeship, he launched his international career in the Middle East, in Riyadh and Abu Dhabi, before relocating to the USA where he opened “Ma Maison” and supervised the Sofitel in both LA and San Francisco, California. After 10 years in the US, he moved to Asia, first with Four Seasons & Regent, in Malaysia, and then, with Park Lane Hotels where he opened and managed several hotels, in Indonesia. Back with the ACCOR group, he supervised the opening of the Sofitel in Cancun, Mexico, and the Las Dunas Beach & Spa in Marbella, Spain.

HOTEL MARTINEZ 73 La Croisette - Cannes Tel. +33 (4) 92 98 73 00 Concorde-hotels.com/martinez www.facebook.com/HotelMartinez


LA CARTA VINCENTE È LA DIVERSIFICAZIONE di Nino Cossu

Abbiamo incontrato Luigi Lauro, Chairman e fondatore della “Lauro & Partners”, un’affermata società di consulenza internazionale di Lugano, durante una breve vacanza con la sua famiglia lungo uno dei litorali più belli e famosi d’Europa, la Costa Azzurra.

A

Luigi Lauro abbiamo chiesto di spiegarci qual è il segreto del successo della sua Società. «Oggi viviamo in un mondo globalizzato dove tutto accade molto rapidamente; noi, sfruttando la globalizzazione e la continua evoluzione in ogni campo, abbiamo deciso di diversificare le nostre attività spaziando dall’editoria al marketing, dal design al trading, dalle nuove tecnologie al settore immobiliare senza perdere di vista il mondo finanziario. Alcune delle nostre attività, anche se avviate da pochi mesi, stanno già registrando un ottimo successo e tante altre le abbiamo sul trampolino di lancio». «Come riuscite a gestire così tante iniziative che spaziano in campi molto diversi fra loro?» «È molto importante che alla base di ogni progetto ci sia tanta passione e altrettanta voglia di mettersi in gioco per affrontare con determinazione e forza ogni nuova sfida. Anche il desiderio di vedere il proprio progetto concretarsi deve essere molto forte. Poi non deve mancare un team affiatato di collaboratori, che possieda un solido know-how e che sia in grado di sostenere con entusiasmo e anche con un necessario spirito di sacrificio ogni progetto. Ma la nostra forza è data anche dal network delle nostre relazioni internazionali che costituiscono le fondamenta delle nostre iniziative insieme ai partner finanziari che ci sostengono nelle fasi di start up». «Che cosa la appassiona del marketing e dell’editoria?» «Io penso che entrambi questi settori possano essere racchiusi in un’unica parola: comunicazione. La comunicazione è alla base di ogni attività, perché se una società non è in grado di comunicare correttamente e ampiamente i propri prodotti, è quasi inutile che li abbia! Com’è possibile fare business senza prima aver fatto conoscere quanto si può offrire?».


WHEN DIVERSIFICATION IS THE TRUMP CARD by Nino Cossu

We met up with Luigi Lauro, the Chairman and founder of “Lauro & Partners”, a consolidated international consulting firm of Lugano, during the short holiday he and his family took on one of the most beautiful and famous coasts of Europe, the Côte d’Azur.

W

e asked Luigi Lauro to reveal the secret behind his Company’s success. «Today we live in a globalized world in which everything occurs very rapidly; while exploiting globalization and the constant evolution taking place in all spheres of activity, we have chosen to diversify our business by spreading it over many different sectors, from publishing to marketing, as well as design and trading, from the new technologies to real estate, without forgetting the world of finance. Some of our activities, even though they were only launched a few months ago, are already doing excellently and we have many more in the pipeline.» «How do you succeed in managing numerous activities pertaining to sectors that are so far removed from each other?» «It is very important for each project to be backed up by heaps of enthusiasm and a readiness to step forward and face each new challenge with determination and vigour. There must also be a strong desire to see your project materialize… Then you have to have a close-knit team of assistants endowed with consolidated know-how and able to support each project with enthusiasm and the necessary spirit of sacrifice. But our strength also lies in a network of international relations, which form the cornerstones of our business ventures, together with our financial partners that provide the necessary backing in the start-up phases.» «What particular aspects interest you most in marketing and publishing?» «I believe both of these sectors may be summarized in one word: communications. Communications are fundamental to any activity, because if a company is unable to communicate its products effectively and extensively, there’s almost no point in having them! How can you do business without first letting the market know what you can offer?»


72

«Che cosa l’ha avvicinata anche al design?». «Secondo la nostra filosofia, ho colto un’opportunità … Ho visto un segmento di business molto interessante in un paese in grande sviluppo, il Qatar. Così, con la mia Società ho formato una squadra di esperti in diversi settori e all’inizio del 2012 abbiamo dato il via alla Elite Qatar a Doha, start up realizzata con Sheikh Nasser Al-Thani, membro della famiglia reale del Qatar, che ha abbracciato con entusiasmo l’idea di creare una piattaforma che importasse nel Qatar e in tutta l’area del Golfo (GCC) il made in Italy in diversi settori. Il Qatar sta vivendo un momento di grande sviluppo nel ramo immobiliare, per questo pensando a un full integrated design abbiamo creato un team che possa offrire una consulenza a tutto tondo nel campo dell’architettura, dell’ingegneria strutturale, dell’impiantistica e della progettazione d’interni nei settori commerciale, turistico e sportivo. A breve, nei nostri progetti coinvolgeremo delle aziende, come già abbiamo fatto nell’ambito dell’interior design». «Vi state occupando anche delle nuove tecnologie …» «Sì, esatto … Stiamo puntando su un'azienda che è entrata di recente nel nostro mondo e che ha sviluppato una tecnologia innovativa nell'audio tridimensionale; è un’innovazione straordinaria che permette di entrare nel suono riproducendo la realtà e tutto questo senza rivoluzionare i normali sistemi

«How did you start getting involved in design?» «In line with our philosophy, I grasped an opportunity … I noticed a very interesting business segment in Qatar, a country that is developing considerably. So, together with my Company, I formed a team of experts from various sectors and, early in 2012, we founded Elite Qatar at Doha, a start-up realized in collaboration with Sheikh Nasser Al-Thani, a member of the Qatar royal family, who enthusiastically adopted the idea of creating a platform for importing Italian made design products of various types to Qatar and to the entire Gulf area (GCC countries). The real estate business in Qatar is going through a phase of rapid development so, with the concept of full integrated design in mind, we have created a team to offer complete advisory services on all aspects of architecture, structural engineering, systems engineering and interior design for commercial, tourist and sports projects. We shall soon be involving other companies in our projects, as we have already done in the ambit of interior design.» «You are also engaged in the new technologies …» «Yes, that’s right … We have focused our sights on a company which is a relative newcomer to our world, having developed an innovative three-dimensional audio technology; this is an extraordinary breakthrough that allows you to reproduce reality in sound without revolutionizing normal transmission


73

di trasmissione ma utilizzando, fra l'altro, dei semplici sistemi di registrazione. Stiamo negoziando alcuni contratti nel mondo del calcio che faranno da apripista nei settori del cinema e della pubblicità». «E nel settore finanziario quali sono i vostri progetti?». «Con alcuni partner stiamo costituendo un fondo di private equity che investirà in progetti nel settore immobiliare, un settore che, tra l'altro, ci ha già dato buone soddisfazioni, e anche nel settore delle energie alternative, tema che troverà sempre più spazio negli interessi degli investitori privati e istituzionali». «Questo fa intendere che puntate molto sul settore immobiliare?». «Il settore immobiliare e quello delle costruzioni in genere, infrastrutture comprese, sono gli elementi portanti nella crescita di un paese e dunque non si può prescindere da questi

systems, but by using, among other things, simple recording systems. We have negotiations in course with the world of football which will lead the way to further opportunities in the film industry and advertising.» «And what are your projects in the financial sector?» «We are setting up a private equity fund with some partners, whose objective will be to invest in real estate projects, a sector which, incidentally, has already produced excellent results for us, as well as in sustainable energy projects, this being a theme destined to kindle more and more interest among private and institutional investors.» «This leads us to believe that you are highly focused on the real estate business?» «The property market and the construction industry in general, infrastructures included, are the main drivers of a


74

settori se si vogliono cavalcare le economie dei paesi in espansione. Anche in questo caso, nello spirito che anima il nostro gruppo, abbiamo creato un team di professionisti di comprovata esperienza e professionalità e abbiamo fatto partire due iniziative: BRA-IN SA (www.bra-in.net), che opera nel settore dello sviluppo e della gestione di progetti nel campo dell’urbanistica, dell’architettura e dell’ingegneria e MH3 SOLUTION SA (www.mh3solutions.com) la cui attività principale consiste nella gestione e commercializzazione di progetti basati su soluzioni edilizie modulari, parzialmente o totalmente prefabbricate in base a un apposito brevetto. MH3 SOLUTION SA ha acquistato tale brevetto che, nel corso degli ultimi anni, è stato elaborato da un gruppo di ingegneri e architetti italo - svizzeri; essi hanno saputo unire la precisione e affidabilità svizzera alla sapiente creatività italiana, un connubio di sicuro successo». «Con tutte queste attività, la sua giornata lavorativa inizierà molto presto …» «All'alba! Perché all’alba trovo il momento migliore, più sereno e creativo della mia giornata, perché sento che le mie energie sono al massimo. Nelle prime tre ore della giornata, prima che tutto il mondo si metta in moto, gioco le mie carte migliori perché subito dopo iniziano a squillare i telefoni, ci sono le innumerevoli riunioni e tutto diventa più complesso.


75

country’s growth and so these sectors cannot be overlooked if we wish to penetrate the economies fast growing countries. Also in the case, true to the spirit animating our group, we have created a team of professionals of proven background and ability, and we have launched two new initiatives: BRA-IN SA (www.bra-in.net), which operates in the business of developing and managing projects of urban planning, architecture and engineering and MH3 SOLUTION SA (www.mh3solutions.com) whose main activity consists in managing and marketing projects based on modular construction solutions, partially or totally prefabricated according to a particular patent. MH3 SOLUTION SA has acquired this patent which, in recent years, has been re-elaborated by a group of Swiss-Italian engineers and architects; they have successfully combined Swiss precision and reliability with expert Italian creativity, a combo of guaranteed success.» «With all of these activities in course, your working day must start very early …» «At dawn! Because, as I see it, dawn is the best time of the day, when I feel most relaxed, creative and bursting with energy. In the first three hours of the day, before the rest of the world starts to make a move, I can get the most out of my time because, straight after, the phones start to ring, there are countless meetings to attend and everything becomes more complex.


76

Poi di sera, dopo una pausa, magari un po’ di sport e una cena leggera, mi dedico a leggere e a rispondere alle e-mail che ricevo durante la giornata, perché trovo corretto rispondere a tutti prima di programmare una nuova, emozionante e stimolante giornata». «Ma non è un po' troppo?». «Troppo poco intende? Vede, alcuni anni or sono ho perso mio padre, personaggio d'altri tempi, che, sul letto di morte, mi disse: “Luigi me ne vado presto, ma ho fatto talmente tante cose nella mia vita che è come se avessi vissuto almeno 120 anni. Non mi sono perso nulla, ho vissuto intensamente e non cambierei la mia vita con nessun altro, nemmeno oggi!”. Il giorno dopo si spense, aveva 67 anni. Dunque alzarsi tutti i giorni all'alba e spegnere la luce a notte fonda significa semplicemente guadagnare anni di vita che un domani potranno farti comodo, quando stenderai il bilancio della tua vita terrena … bilancio che tutti, presto o tardi, saremo costretti a fare». «E la sua famiglia?». «Tutti insieme viviamo pochi ma intensi momenti, e penso che questo sia quello che conti veramente!».

Then, in the evening, after taking a break - some sports activities perhaps and a light supper - I get down to reading and answering the e-mails I have received during the day, since I think it is right to answer everyone before planning an exciting and stimulating new day.» «But isn’t it all a bit too much?» «Too little, you mean? You see, a few years ago I lost my father, a character of times gone by, who said to me on his death bed: “Luigi I’m going early but I’ve done so many things in my life that I feel as though I’ve lived at least 120 years. I haven’t missed anything, I’ve lived intensely and I wouldn’t swap my life with anyone else’s. Not even today”. He passed away the day after, at the age of 67. So getting up at dawn each day and switching off the light late at night simply means gaining years of life that may come in handy one day, when you look back and assess your life in this world… an assessment we all have to make sooner or later.» «And what about your family?» «The little time we are able to spend together is an intense experience, and I think that is what really matters!»

www.laurointernational.com info@laurointernational.com


UN CITY RESORT ELEGANTE ED ESCLUSIVO NEL CUORE DEL PRINCIPATO “Il solo e unico” Glamour, eleganza, intimità: tre parole che definiscono perfettamente l’Hotel Métropole Monte-Carlo di Monaco, l’hotel di lusso del XXI secolo.

A UNIQUE AND GLAMOROUS CITY RESORT IN THE HEART OF THE PRINCIPALITY “The One to Watch” Glamour, elegance, intimacy: three words which describe perfectly the Hotel Métropole Monte-Carlo, Monaco’s 21st century luxury hotel.


80

I

naugurato nel luglio 2004, l’edificio, una proprietà privata, è stato arredato dal celebre architetto d’interni francese Jacques Garcia, che ha saputo dare vita a un palazzo Mediterraneo di una bellezza classica e senza tempo. Mentre l’esterno e l’atmosfera generale mantengono uno stile classico, all’interno Garcia ha dato un tocco di modernità, mettendo in risalto l’Hotel Métropole rispetto agli altri edifici della Piazza del Casinò. Situato a pochi passi dal celebre Casinò di Montecarlo, l’Hotel Métropole Monte-Carlo è diventato l’hotel più glamour della città. Lo sfarzo dell’atrio e della cupola di vetro, unica nel suo genere, anticipa l’atmosfera lussuosa ed elegante che regna nell’hotel. Ognuna delle 141 camere è curata nei minimi dettagli ed è ricca di decorazioni. I colori freddi si fondono con i materiali naturali più raffinati come il legno massiccio e l’ardesia, decorando le sontuose stanze da bagno.

O

pened in July 2004, the privately-owned property was decorated by the famous French interior designer Jacques Garcia, who created a classic and timeless Mediterranean palace. Whilst the exterior of the property and its overall ambience remain classic in style, Garcia has added a modern twist, ensuring that Hotel Métropole is now set apart from the other Casino Square properties. Located just a few steps from Monte-Carlo’s legendary Casino, the Hotel Métropole Monte-Carlo has since become the hottest hotel address in town. The opulent atrium, with its unique glass dome, sets the scene for the stylish and lavish atmosphere. Each of the 141 bedrooms is finished to the highest specification and is rich in textures. Cool colours come together with the finest natural materials including solid wood and smooth slate to offer stunning bathrooms.


81

La “Suite Carré d’Or”, all’ultimo piano, dispone di una terrazza di 110 m2 che si affaccia sul Mediterraneo, la Piazza del Casinò e la piscina scoperta con acqua di mare riscaldata, scenario ideale per un aperitivo o una cena privata. Il Ristorante Joël Robuchon Monte-Carlo, premiato con due stelle Michelin, che propone una superba cucina in cui i sapori moderni si fondono allo stile mediterraneo, ha contribuito a rendere l’Hotel Métropole Monte-Carlo una delle mete predilette a livello mondiale. La Métropole ESPA Monte-Carlo, che è entrata a far parte del gruppo esclusivo delle “Leading Spas of the World” pochi mesi dopo la sua apertura nel 2006, è una Spa urbana esclusiva interamente dedicata al benessere. Nel dicembre 2008, Joël Robuchon ha aperto il suo primo ristorante giapponese all’interno dell’hotel, YOSHI. Il ristorante, 35 posti, è stato progettato da Didier Gomez, che ha scelto un arredo accogliente e sofisticato, coniugando con eleganza lo stile giapponese e l’inconfondibile classe dell’Hotel Métropole Monte-Carlo. Nel novembre 2010, tre anni dopo l’assegnazione del titolo di “Best Hotel in Europe”, l’Hotel Métropole Monte-Carlo è stato nominato “Best Hotel in the World 2010” alla convention annuale “Leading Hotels of the World”, una grande conferma dei continui progressi dell’hotel e della sua volontà di mantenere e accrescere la propria leadership nel settore degli hotel di lusso a livello internazionale. Questa primavera, l’Hotel Métropole Monte-Carlo aprirà la sua area piscina che, oltre al ristorante di Joël Robuchon, il terzo all’interno dell’hotel, e la sua modernissima concezione culinaria, vanta anche un meraviglioso interior design, che contribuisce a rafforzare la fama dell’Hotel Métropole Monte-Carlo di hotel unico nel suo genere, votato al glamour e all’alta cucina.

The one-bedroom “Suite Carré d’Or”, the hotel’s Penthouse Suite, boasts a 110sq.metre terrace overlooking the Mediterranean sea, Casino Square and the outdoor heated sea-water swimming pool, making it the perfect venue for small private cocktail or dinner parties. The 2-Michelin starred Joël Robuchon Monte-Carlo Restaurant, which offers gastronomic cuisine blending contemporary flavours and Mediterranean styles, has contributed to the Hotel Métropole Monte-Carlo establishing itself as one of the top destination hotels in the world. The Métropole ESPA Monte-Carlo, which joined the close-knit circle of ‘Leading Spas of the World’ a few months after its opening in 2006, is an exclusive urban Spa entirely dedicated to well-being. In December 2008, Joël Robuchon opened his first ever Japanese restaurant, YOSHI, within the hotel. The 35-seat restaurant was designed by Didier Gomez who created a warm and slick décor, gracefully combining the Japanese influences and the elegance of the Hotel Métropole Monte-Carlo. In November 2010, three years after being awarded the title of “Best Hotel in Europe”, Hotel Métropole Monte-Carlo was named “Best Hotel in the World 2010” at the Leading Hotels of the World annual convention. This came as a great confirmation of the hotel’s constant progress and strong desire to maintain and improve its leadership in the international luxury hotel industry. In spring 2012, Hotel Métropole Monte-Carlo will reveal its pool area, featuring not only a brand new Joël Robuchon food concept, his third restaurant within the hotel, but also a fabulous interior design, reinforcing the Métropole Monte-Carlo’s reputation of a unique and glamorous gastronomic destination.

HOTEL MÉTROPOLE MONTE-CARLO 4, avenue de la Madone - MC98000 Monaco Tel: +377 93 15 15 15 - www.metropole.com


83

CASTADIVA RESORT: un’opera a cinque stelle

È magnifica la collocazione della splendida struttura a cinque stelle lusso CastaDiva Resort & Spa affacciata com’è sul panorama mozzafiato del Lago di Como.

CASTADIVA RESORT: a five-star opera

The splendid five-star luxury complex of CastaDiva Resort & Spa enjoys a magnificent position overlooking the breathtaking view of Lake Como.

elegante Resort, inaugurato nel maggio 2010, è composto da nove ville, le camere sono settantasette, superbamente collocate all’interno di un parco botanico di 26 mila metri quadrati ricco di piante secolari. Sentieri ombrosi, vialetti pedonali o romantiche scalinate abbracciate da una natura rigogliosa uniscono, in un suggestivo percorso, le ville. Fra le mille tonalità di verde si scorge l’azzurro del lago, così vivo e presente tanto da sentirlo respirare. Dalle camere, alcune ampie sino a 250 metri quadrati, dalle terrazze e dai giardini privati, si scorgono le acque lacustri così pregne di fascino nel loro eterno mutare.

T

his elegant Resort, which was inaugurated in May 2010, comprises nine villas for a total of seventy-seven rooms, superbly set within a 26,000 square metre botanical park with its profusion of century-old plants. It is fascinating to walk along the shady footpaths, pedestrian walkways or up and down the romantic flights of steps embraced by lush vegetation, which meander between the villas. Through a myriad of different shades of green, it is possible to glimpse the blue water of the lake, so intense and present that it seems to breathe. The lake waters, steeped in the charm of their eternal transformation, can be seen from the rooms, some of which are as large as 250 square metres, or from the terraces and private gardens.


84


85

Intorno a Villa Roccabruna, storica abitazione della cantante lirica Giuditta Pasta che l’acquistò nel 1827, sorgono le altre ville dai romantici nomi delle protagoniste delle più belle opere di Wolfgang Amadeus Mozart, Giuseppe Verdi, Richard Wagner e naturalmente Vincenzo Bellini. Fra viali, cascatelle e lussureggianti giardini ecco ergersi Villa Fiordiligi, Gilda, Leonora, Dorabella, Violetta, Isotta e le due ville private, Amina e Norma, ognuna con le proprie ricche vestigia. È invece lussuosamente all’avanguardia la Spa che si sviluppa su una superficie di 1.300 metri quadrati, capace di offrire splendide esperienze sensoriali fra i mille giochi d’acqua, la caratteristica stanza del sale e le VIP Spa Suite dedicate ai quattro elementi della natura: Terra, Aria, Acqua e Fuoco. E proprio dalla Spa, addentrandosi in un paesaggio da fiaba, si raggiunge la piscina galleggiante e riscaldata, affacciata sul lago, dotata di jacuzzi, sundeck e pool bar. L’Orangerie è il ristorante à la carte che offre una cucina tradizionale italiana e locale, con mille specialità come le paste fresche, il pane e i dolci dal nostalgico profumo casalingo; il bar Bellini, invece, offre una selezione di piatti per colazioni informali e una carta cocktail e drink serviti nella suggestiva Sala Camino o, nella stagione estiva, sulla terrazza vista lago.

Positioned around Villa Roccabruna, once home of the opera singer Giuditta Pasta, who bought it in 1827, are the other villas, all romantically named after the protagonists of the most marvellous operas by Wolfgang Amadeus Mozart, Giuseppe Verdi, Richard Wagner and of course Vincenzo Bellini. Set between avenues, cascades and luxuriant gardens, here we find the Villas Fiordiligi, Gilda, Leonora, Dorabella, Violetta, Isotta along with two other private villas, Amina and Norma, each one with its own particular traces of a sumptuous past. In contrast, an ultra-modern and luxurious Spa extends over a surface area of 1,300 square metres, offering splendid sensorial experiences to be enjoyed amidst countless plays of water, a characteristic salt room and the VIP Spa Suite dedicated to the four elements of nature: Earth, Air, Water and Fire. And leaving the Spa behind them, visitors then pass through a fairytale landscape on their way to a heated floating pool which, looking onto the lake, is complete with a Jacuzzi tub, sundeck and pool bar. L’Orangerie is the name of the à la carte restaurant offering traditional and local Italian cuisine with a great selection of specialities, such as freshly made pasta, bread and desserts, all with the nostalgic aroma of home cooking; the Bellini bar, on the other hand, offers a choice of dishes that are perfect for informal lunches and a list of cocktails and drinks served in the enchanting Sala Camino or, in the warm season, out on the terrace with its lake view.


86

La magica cornice del CastaDiva Resort & Spa ben si addice agli eventi esclusivi dove, nelle sale preposte, Sala Aida, Sala Nabucco, Sala Don Pasquale e Sala Semiramide, si fondono le bellezze naturali del luogo con la più moderna tecnologia. Dal ristorante L’Orangerie si accede alla marina con darsena privata per servizi barca e approdo; ma il lago offre anche la possibilità di cimentarsi in diversi sport come il nuoto, lo sci d’acqua, la vela, la canoa e le immersioni. Gli sportivi potranno anche praticare il golf, nei numerosi golf club, o il trekking e la bicicletta. Anche il tempo libero, organizzato fra lo shopping a Milano o a Lugano, le visite culturali o gli spettacoli teatrali allieteranno un soggiorno al CastaDiva Resort & Spa, un luogo d’incanti capace di creare la calda atmosfera che ogni ospite saprà apprezzare perché a lui dedicata, in esclusiva.

The magical setting of the CastaDiva Resort & Spa well lends itself to exclusive events where, in the rooms designated for these occasions, Sala Aida, Sala Nabucco, Sala Don Pasquale and Sala Semiramide, the natural beauty of this location goes hand in hand with the most avant-garde technology. From the L’Orangerie restaurant, access is gained to the lakeside with its private landing for boat services and berthing; but the lake also offers the chance to practise many other activities such as swimming, water skiing, sailing, canoeing and diving. Sports enthusiasts may also play golf, in one of the many golf clubs in the area, or go trekking and cycling. Free time, spent between shopping sprees to Milan or Lugano, cultural trips or theatre shows, will also enliven a stay at the CastaDiva Resort & Spa, an enchanting venue that knows how to create that warm atmosphere any guest will appreciate, knowing that it is dedicated exclusively to him.


CASTADIVA RESORT & SPA Via Caronti, 69 - 22020 Blevio Lago di Como - Italy Tel +39 031 32511 info@castadivaresort.com www.castadivaresort.com


VILLA SOLA CABIATI, SUL LAGO DI COMO Arrivando dal lago e approdando allツ段mbarcadero, la vista di Villa Sola Cabiati, una delle dimore piテケ splendide e celebri sulla sponda occidentale del lago di Como, riempie gli occhi di meraviglia. Coming from the lake towards the pier, the sight of one of the most beautiful and famous residences on the western shore of Lake Como, Villa Sola Cabiati, fills the eyes with wonder.


90

L

a doppia scalinata conduce alla maestosa cancellata in ferro battuto e rivela i particolari dorati e le statue di figure mitologiche e di animali che la decorano. A occupare lo spazio tra le acque del lago e la Villa, un parterre di quattro aiuole fiorite disegna un giardino all’italiana di arabeschi capricciosi e volute in ghiaietto colorato. Davanti, imponente, villa Sola Cabiati, un edificio tardo barocco con il corpo principale affiancato da due ali laterali, le cappuccine, una delicatezza di stucco e pietra colore grigio perla, interrotto dall’azzurro spento delle persiane. Oggi, a ripercorrere i passi di Parini, il poeta de Il giorno - che qui abitò come precettore del giovane Gian Galeazzo, figlio dei duchi Gabrio e Maria Vittoria Serbelloni – sono gli ospiti delle poche suite della Villa. Una parte, infatti, è stata trasformata in una dimora di charme, che conserva volutamente e gelosamente i decori e gli arredi settecenteschi. Tra le poche concessioni alla modernità, la doccia a telefono nei bagni e un salotto business con i computer. L’ edificio principale della villa fu fatto costruire agli inizi del ‘500 dai duchi del Carretto. Ma fu il duca Gabrio Serbelloni, nella seconda metà del ‘700, a dare alla residenza il suo aspetto attuale, con l’aggiunta delle due ali e della decorazione di timpani ricurvi e balconi in marmo. L’insieme è un complesso architettonico equilibrato, in cui l’eleganza giocosa della residenza estiva di una famiglia patrizia non diventa mai leziosa.

T

he double staircase leads to the majestic wrought iron gates and reveals the golden details and statues of mythological figures and the animals that decorate it. Filling the space between the lake and the Villa is a parterre of four flower beds that create an Italian-style garden with whimsical arabesques and swirls in colored gravel. In front is the imposing Villa Sola Cabiati, a late baroque building with the mainsection sitting alongside two lateral wings, the Capuchins, a delicacy of stucco and pearl-grey stone set apart by its blue shutters. Nowadays, retracing the steps of Parini, the poet behind Il giorno – who lived here as a tutor to the young Gian Galeazzo, son of dukes Gabrio and Maria Vittoria Serbelloni – are the guests of the Villa’s handful of suites. A part was transformed into a charming residence, which purposefully and pridefully preserves the eighteenth-century décor and furnishings. Among the few concessions to modernity are the handheld showerheads in the bathrooms and a business room outfitted with computers. The villa’s main building wasbuilt in the beginning of the ‘500s by the del Carretto Dukes. It was Duke Gabrio Serbelloni, in the second half of the ‘700s, who gave the residence its current look, with the addition of two wings and the decoration of curved gables and balconies in marble. Altogether it is a balanced architectural complexity, in which the playful elegance of a noble family’s summer home never became “over the top”.


91

La dimora passò poi per matrimoni ai conti Sola Cabiati e ai loro discendenti, non cambiando mai proprietà. Oggi è gestita, insieme al neoclassico Palazzo Serbelloni a Milano, dall’omonima Fondazione. Villa Sola Cabiati ospita un museo nel corpo centrale, visitabile su richiesta e sempre con la presenza dotta di un membro della famiglia, mentre sale e camere da letto per gli ospiti si trovano nelle ali cappuccine. Nell’edificio principale sono stati trasportati gli arredi dell’appartamento napoleonico di Palazzo Serbelloni dove soggiornò il Bonaparte e, più a lungo, Joséphine de Beauharnais, salvandoli così dall’incendio che distrusse parte del Palazzo a Milano. All’ultimo piano si possono visitare le stanze di Parini e dell’abate Frisi, l’altro precettore di Gian Galeazzo, mentre al piano nobile sono ancore splendide e intatte le sale monumentali decorate da Muzio Canzio e Francesco Conegliani, allievi milanesi di Gianbattista Tiepolo. Altrettanto sfarzosi i saloni, che formano gli spazi comuni della Foresteria, con tappeti orientali e affreschi, lampadari di cristallo, busti di marmo e un pianoforte d’epoca.Nelle cinque suite e nella stanza matrimoniale sono di rigore tappezzerie originali del ‘700 e tessuti damascati. L’impressione, entrando, è quella di un viaggio a ritroso nel tempo, l’aria che si respira è la stessa che ispirò a Parini i versi del Giovin Signore, uno dei suoi testi più conosciuti. Ai piaceri del passato, nella Villa Sola Cabiati di oggi, se ne aggiunge uno più contemporaneo: la piscina nel giardino sul retro della casa, verso i boschi e le colline. La Villa può essere affittata anche per eventi privati, dai matrimoni alle cene di gala e ai congressi.

The residence was passed on through marriage to the Sola Cabiati counts and their descendants, never changing ownership. Today it is managed by its namesake foundation, together with the neoclassical Palazzo Serbelloni in Milan. Villa Sola Cabiati hosts a museum in the main section which can be visited upon request with a learned member of the family, while the rooms and guest bedrooms are located in the Capuchin wings. Furniture from Palazzo Sorbelloni’s Napoleonic apartment, where Bonaparte and later Joséphine de Beauharnais stayed, was transported into the main building, saving it from the fire that destroyed a part of the Palazzo in Milan. On the last floor, Parini and the abbot Frisi’s (Gian Galeazzo’s other tutor) rooms can be visited, while on the first floor remain the splendid and intact monumental rooms, decorated by Muzio Canzio and Francesco Conegliani, Gianbattista Tiepolo’s Milanese pupils. Equally impressive are the sitting rooms, which form the common area in the guest quarters with oriental rugs and frescoes, crystal lighting, marble busts and an antique piano. In the five suites and master bedroom there are original tapestries from the ‘700s and damask fabrics. The impression upon entering is almost that of a journey back in time, breathing in the same air that inspired Parini to write the verses of Giovin Signore, one of his more popular works. As the Villa Sola Cabiati of today delights in that of the past, a more contemporary addition has been made – that of the pool in the garden behind the house which overlooks the woodlands and hills. The villa can be rented for private events, from weddings, gala dinners and meetings.


VILLA NOCETTA Roma Villa Nocetta è una vera oasi di pace, situata nel cuore di Roma, è il rifugio ideale per un’ incantevole vacanza all’insegna della privacy e del benessere. É il luogo ideale per dare inizio alla propria esperienza nella Città Eterna. Villa Nocetta aggiunge un nuovo particolare all'idea di stile italiano, un innovativo concetto di arte nell'ospitalità più esclusiva. La Villa, elegante e di lusso, è situata in una delle zone più esclusive e tranquille della città, conosciuta anche come"Valle dei Casali". Gode di una posizione unica e strategica nel cuore più verde della città: il meraviglioso parco di Villa Doria Pamphili, che dista solo 2 km dalla Città del Vaticano e pochi minuti di auto dal famoso e caratteristico quartiere romano di Trastevere.

VILLA NOCETTA Rome Villa Nocetta is a true haven of peace located at the heart of Rome, the ideal retreat for a charming, intimate holiday. There’s no better place to begin your Eternal City experience, it brings new meaning to notions of Italian style, and new purpose to the fine art of exclusive hospitality. Villa Nocetta is an exclusive and luxury Villa, it is conveniently located in one of the most elegant and quieter areas of the city, also known as “Valle dei Casali” (Valley of the Villas). The Villa is in a unique strategic position inside the city's greenest spot: the wonderful park of Villa Doria Pamphili Houses in the Valley, which is only 2 km away from the Vatican City and on few minutes drive from the characteristic Trastevere area.


94

L

a Villa è una residenza esclusiva, dove il lusso incontra l’eleganza, offrendo così ai propri ospiti una vacanza davvero indimenticabile. Una volta varcato il cancello si è pervasi dalla sensazione di tornare a casa dopo un lungo viaggio per godersi le meritate coccole. Villa Nocetta è arredata e decorata con complementi originali della tradizione italiana dei primi del’ 900, e mantiene la promessa di soddisfare le aspettative dell’ospite anche più esigente. É la residenza ideale per vacanze e week-end con la famiglia e gli amici, ma è anche la destinazione perfetta per i manager alla ricerca di una location alternativa alla classica struttura alberghiera per il loro soggiorno d’affari a Roma. La posizione permette trasferimenti comodi e facili per tutti i punti di massimo interesse storico, artistico e commerciale della città. L'ospitalità è fatta di piccoli dettagli, un servizio eccellente e, soprattutto, presenze discrete. I due custodi continuamente si assicurano che tutto sia al posto giusto al momento giusto e il Personal Concierge organizza soggiorni “su misura” degli ospiti. Una visita esclusiva ai Musei Vaticani la mattina presto, quando la folla non ha ancora preso d'assalto i suoi tesori custoditi, una corsa emozionante su una spider d'epoca con il vento tra i capelli, sulla scia della “Dolce Vita” o su una Vespa, in stile Audrey Hepburn, e ancora, per coppie con bimbi al seguito, “Vacanze Romane” a misura di famiglia. Visite private negli antichi palazzi della nobiltà romana, solitamente chiusi al pubblico e ancora abitati dai membri delle nobili famiglie, le quali sono liete di aprire le porte delle loro residenze ai nostri ospiti per mostrar loro secoli di storia… oppure, per soddisfare, non solo la vista, ma anche il palato proponiamo di scoprire i sapori, i gusti della famosa cucina italiana con i nostri personalizzati percorsi di degustazione in giro tra le vie del centro storico.

Chef professionisti sono a disposizione per una cena romantica. Gli ospiti possono gustare la cena in torretta in compagnia di una vista incantevole o una divertente cena tra amici in giardino e per gli ospiti che vogliono vivere la movida romana, il Personal Concierge ha selezionato ristoranti, enoteche e lounge bar, in grado di soddisfare i palati più esigenti. Villa Nocetta è stata costruita alla fine del 1960 da un noto industriale romano. Recentemente è stata ristrutturata con cura e con una grande attenzione per il dettaglio. Lo stile originale e i preziosi arredi sono stati conservati, trasformando la villa in un residenza di lusso, elegante ed esclusiva. La Villa sorge in un grande parco privato, circondata da alberi ad alto fusto come pini marittimi, palme e aranci e da una varietà di piante e fiori che creano una vera e propria oasi naturale. Il parco, completamente recintato, offre moltissimi spazi per rilassarsi e svagarsi in totale privacy: dalla splendida piscina, dove far giocare i bambini o semplicemente prendere il sole, al patio elegantemente arredato con sedie e tavolo in ferro battuto e grandi cuscini bianchi per organizzare aperitivi e cene o semplicemente rilassarsi in compagnia del piacevole canto degli uccelli, alla piccola terrazza sulla torretta da cui ammirare lo splendido panorama circostante. L’ingresso della Villa si apre su un luminoso ed elegante salone con pavimenti di marmo, preziose tende, tappeti persiani e un bellissimo camino, il tutto arredato con raffinati e ricercati complementi d’arredo e studiato in modo che gli ospiti possano vivere Roma sentendosi a casa, nella “Propria Residenza Privata”. Al piano terra si colloca anche l’ampia e attrezzatissima cucina moderna dotata di zona isola, che si affaccia su un patio attrezzato con area pranzo e barbecue e uno studio dotato di PC, connessione Wi-Fi, stampante, fotocopiatrice, fax, TV satellitare e stereo.


95

T

he Villa is an exclusive residence, where luxury meets prestige thus offering our guests truly unforgettable holidays. Crossing the gate of the Villa gives the impression of coming home after a long journey to enjoy the deserved cuddles. The Villa has been furnished and decorated to exceed the expectations of our variegated and demanding guests, it is the ideal place for holidays and weekends with the family and friends, but it is also the perfect destination for professional executives seeking an alternative location to traditional hotel for their stays in Rome. The location allows comfortable and easy transfers to all major historical, artistic and commercial points of interest of the city. The hospitality is made up of small details, excellent service and, above all, discrete attendance. The two keepers continuously supervise that everyting is in the right place at the right time and the Personal Concierge organizes the day tailoring it to the guests. An exclusive visit to the Vatican Museums early in the morning, when the crowd has not stormed the valuable treasures yet; a thrilling ride on a vintage Spider with the wind through the hair on the heels of the Dolce Vita or on a Vespa, Audrey Hepburn-style, and, for couples with children, family-friendly Vacanze Romane. Attractive visits to private noble historic residences, usually closed to the public and still inhabited by members of the nobel families, they are glad to open the doors of their residences to meet our guests and show their treasures or discover the flavours, tastes of our famous Italian cuisine with our delicious degustation tours. Professional chefs are available for a romantic dinner.

Guests may enjoy dinner with a beautiful view in the turret or a nice supper among friends in the garden and for the guests that would like to enjoy the roman night life the Personal Concierge have selected special restaurants, able to satisfy even the most demanding and sophisticated palates. Villa Nocetta was built in the late 1960s by a renowned Roman industrialist. It has been recently renovated with lavish care on every detail. The original style and precious furnishings have been preserved, turning the villa into an elegant and exclusive luxury residence. The Villa stands in an extensive private garden and is surrounded by tall forest trees such as maritime pines, palm and orange trees as well as a large variety of plants and flowers which create a true natural oasis. The garden is completely fenced and offers extensive space for relaxation and leisurely activities in a totally secluded setting: the charming swimming pool where children can play and parents sunbathe; the elegantly furnished patio equipped with wroughtiron tables and chairs covered with soft, large, white cushions is perfect to hold aperitif or dinner parties thanks to a night lighting system or listening the singing of birds and last but not least, on the top of the building the charming turret is the perfect place to admire the splendid surrounding view. The entrance to the Villa opens up to a brightly lit, elegant hall with marble flooring, exquisite curtains, Persian carpets and a charming fireplace, the whole being decorated with refined furnishings and dĂŠcor items and designed so that guests may live in Rome and yet feel at home in “their own private residenceâ€?. The ground floor also features an extensive and fully equipped kitchen fitted which overlooks a patio serving as lunch or barbecue area, and an office room equipped with PC, Wi-Fi Internet connection, printer, photocopy machine, fax machine, satellite TV and stereo.


96

La Villa dispone di cinque incantevoli suite, più una esterna, ognuna dotata di bagno privato, tutte arredate in modo personalizzato con mobili e dettagli originali del primo ‘900. Ogni camera dispone di TV SKY, digitale terrestre, connessione Wi-Fi, cassaforte e aria condizionata, per un soggiorno intimo, accogliente e con tutti i comfort necessari. Le suite Augusta, Cecilia e Virginia possiedono dei bellissimi balconi con vista sul polmone verde della Città. Il piano ricreativo comprende una ampia sala con luce naturale, con una zona soggiorno e una zona pranzo con caminetto. Inoltre, la Villa offre ai suoi ospiti una sala fitness dotata di macchinari di nuova generazione della Technogym® (tapis roulant, cyclette, panca e pesi) e un tavolo da biliardo per trascorrere piacevoli serate in compagnia. Lusso, silenzio, privacy sono le caratteristiche principali di Villa Nocetta. I servizi inclusi e la dotazione di questa splendida villa assicurano vacanze indimenticabili e fantastiche esperienze. Ogni mattina è servita una genuina e freschissima prima colazione a buffet, il servizio di navetta attende gli ospiti all'ingresso della Villa per accompagnarli nel cuore di Roma e mentre sono alla scoperta e passeggiano per i mille vicoletti della città, la governante riassetta le suite, il Personal Concierge organizza il corso di cucina o un massaggio rilassante per quando gli ospiti saranno di ritorno e…il maggiordomo accende il caminetto nelle sere invernali.Villa Nocetta un elegante rifugio in cui il tempo sembra rallentare e il cuore ritrova il proprio ritmo brioso e leggero.

Villa Nocetta offers five delightful suites plus one outbuilding. Each has a private bathroom and is uniquely furnished with original furniture and décor from the early 1900s. Every suite is equipped with Sky satellite and DTT TV, safe, Wi-Fi connection and air conditioning enabling guests to spend a private, restful stay with any comfort they may require. Cradles and small-size beds can be added to accommodate very young guests. The Augusta, Virginia and Cecilia Suites enjoy of a beautiful panoramic terrace on the "Valle dei Casali", the greenest area in the Eternal City. The recreation floor includes an ample room with natural lighting, featuring a living area as well as a lunch area with a cozy fireplace. In addition, the Villa provides guests with a fitness room equipped with new-generation Technogym® machinery ( dreadmill, bicycle, bench and weights) and a pool table where they can spend pleasant evenings in company. Luxury, silence, privacy and emotion are the main features of Villa Nocetta. The included services and the facilities of this wonderful Villa ensure unforgettable holidays and fantastic experiences. The genuine and homemade continental buffet breakfast is ready for the guests every morning, the shuttle service waits at the entrance of the Villa to take guests into the heart of Rome and while they are discovering and walking around the thousands of little streets of Rome, the housekeeper cleans the suites, the personal concierge plans the Italian cooking course or a relaxing massage when guests come back to the Villa…and the majordomo lights a fire in the winter nights. Villa Nocetta is a calm retreat in the heart of the Eternal City, an elegant and exclusive refuge where time slows and hearts quicken.

VILLA NOCETTA Via della Nocetta 157/A-159 00164 Roma Tel / Fax. +39 06 6637119 info@villanocetta.it www.villanocetta-roma.it


HOTEL PRESIDENT: Cinque stelle di benessere Nel cuore di Abano Terme, a due passi da Venezia, brillano le cinque stelle dell’Hotel President, dove il benessere è di casa.


HOTEL PRESIDENT: Five-Stars of wellbeing In the heart of Abano Terme, at a stoneÂ’s throw away from Venice, the five stars of the Hotel President shine out brightly to prove that wellness is an intrinsic feature of this complex.


100

Hotel President si erge con eleganza nel cuore di Abano Terme, celebre città termale ricca di storia e grande fascino ad appena un’ ora da Venezia. Progettato e edificato nel 1968 dalla famiglia Sabbion, che ancora oggi lo gestisce, l’Hotel President si distingue per la raffinata cura degli ambienti, per l’innovativo Centro Benessere, per la capacità di conquistare l’ospite ponendolo al centro di ogni attenzione salvaguardando però la sua privacy e il desiderio di rilassarsi e godere di trattamenti unici e mirati. Da oltre quarant’anni, l’Hotel President è il simbolo del successo nell’ambito delle cure termali, estetiche e riabilitative, grazie anche al progetto MedicalSpa, studiato per ottenere i maggiori risultati e un effettivo miglioramento della qualità della vita di tutti coloro che decidono di affidarsi all’alto livello di specializzazione e alla decennale esperienza raggiunti in questo campo dal personale medico e paramedico dell’Hotel. Un medico termalista, specializzato in medicina dello sport, che è supportato da un coadiutore specializzato in dietologia, coordina e dirige lo staff medico dell’Hotel President. Ben quattro laureati in fisioterapia e riabilitazione, tre personal trainer laureati in scienze motorie e sedici tra estetiste e operatori termali sono a disposizione degli ospiti che possono così avvalersi delle cure e dei consigli di un’ equipe all’avanguardia.


101

T

he Hotel President rises elegantly in the heart of Abano Terme, the renowned spa town steeped in history and great charm at just one hour from Venice. Designed and constructed in 1968 by the Sabbion family, who still manage it today, the Hotel President is characterised by finely finished interiors and an innovative Wellness Centre, by its capacity to pamper guests and make them feel cared for, without of course neglecting to safeguard their privacy and their desire to relax and enjoy unique and personalized treatments. For over forty years, the Hotel President represents a symbol of success in the sphere of spa treatments, whether of a rehabilitative or aesthetic nature, thanks to the MedicalSpa project, specially studied to achieve more effective results and to enhance the quality of life of all those who turn to the high standard of specialization and the ten-year experience built up in this field by the medical and paramedical staff of the Hotel. A spa doctor, specialized in sports medicine, supported by an assistant dietician, coordinates and directs the medical staff of the Hotel President. As many as four graduates in physiotherapy and rehabilitation, three personal trainers with university degrees in physical education and sixteen other staff members comprising beauticians and spa operators assure guests the benefit of treatments and advice provided by an avant-garde team of experts.


102

Ma l’ospite, oltre alle cure termali, può anche scegliere fra diversi menù gourmet, dove l’eccellenza della cucina veneta si sposa ai piatti della cucina internazionale; il raffinato accostamento del vino ai cibi scelti, completa la squisitezza di un pranzo o di una cena rendendoli speciali. A bordo piscina il Pool Restaurant accoglie gli ospiti per un lunch confortevole e disimpegnato pur nella consueta cura dei piatti proposti. Le serate trascorrono piacevoli e rilassanti, allietate dalla musica e dalle danze, con sfiziose degustazioni alla romantica luce delle candele. Tutto intorno all’Hotel President la tranquilla isola pedonale di Abano Terme dove agli edifici storici si mescolano i negozi più alla moda, l’incantevole cornice della dolcezza dei Colli Euganei e la bellezza del Parco Montirone, contribuiscono a rendere l’Hotel ancora più esclusivo.

Spa treatments aside, guests may also choose from several gourmet menus, where the excellence of Venetian cuisine mingles with numerous international specialities and where fine wines accompany choice food to complete the delights of a lunch or dinner and make them truly memorable experiences. At the pool side, the Pool Restaurant welcomes guests for lunch to be enjoyed in informal comfort, with a choice of dishes prepared and presented with the customary care. The evening entertainment is relaxingly pleasant, animated by music and dancing, as guests enjoy their dinner by romantic candlelight. All around the Hotel President extends the quiet pedestrian precinct of Abano Terme where historical buildings are intermixed with fashionable stores, standing against the charming setting of the gentle Euganean hills and the beauty of the Montirone park, which add to the exclusive character of this Hotel.

Diverse e sfaccettate le attività alle quali ogni ospite dell’Hotel President può dedicarsi: da una semplice e facile passeggiata per le vie del centro al fitness quotidiano di aquagym in acqua termale, dalle escursioni di Nordic Walking attraverso i suggestivi itinerari del Parco Regionale dei Colli Euganei alle arrampicate su pareti ben attrezzate o, per i più temerari, affrontando la palestra naturale di roccia di Rocca Pendice, ad appena venti minuti dall’Hotel. All’interno del Parco Regionale l’ampia scelta fra percorsi di differenti difficoltà, permette agli appassionati di mountain bike, trekking ed equitazione di decidere il proprio itinerario. Rilassanti e gradevoli, soprattutto in primavera e in autunno, anche i numerosi Golf Club sparsi fra gli angoli più spettacolari del Parco con i quali l’Hotel President è naturalmente convenzionato.

Guests staying at the Hotel President may choose to occupy their time in many different activities: from simply taking a leisurely stroll in the centre of town to daily sessions of aquagym in the spa pools, as well as Nordic Walking excursions, fascinating trips to the Regional park of the Euganean Hills, or wall climbing, while the more daring may even decide to take up the challenge of the natural gym presented by Rocca Pendice, at just twenty minutes from the Hotel. The Regional Park offers an ample choice of trails of varying difficulty, enabling enthusiasts of mountain bike, trekking and horse riding to pick out the itinerary that suits them best. The numerous Golf Clubs disseminated among the more scenic corners of the Park, and which of course have special agreements with the Hotel President, are particularly relaxing and agreeable in spring and autumn.


HOTEL PRESIDENT TERME Via Montirone, 31 35031, Abano Terme (PD) - Italia Tel: +39 049 8668288 president@presidentterme.it www.presidentterme.it


104

LINEE MODERNE DAL CUORE ANTICO. I ricami d’autore di Gianluca Saitto C’erano una volta l’arte del ricamo, l’abito sartoriale e l’intimità dell’atelier per la propria clientela. Ed è grazie all’audacia di un Couturier contro corrente che ci sono ancora.

MODERN LINES REVEAL AN OLD-FASHIONED HEART. Gianluca Saitto’s designer embroidery Once upon a time, there used to be an art of embroidery, tailor-made clothes and the intimate atmosphere of an atelier frequented by its clientele. And it is thanks to the courage of a non-conformist Couturier, that they do still exist.


105

G

ianluca Saitto, architetto e appassionato di antichità, lascia trasparire il suo amore per la cura dei dettagli in ogni sua creazione: i tessuti e le decorazioni rivivono l’anima dell’epoca di cui si fanno portavoce, reinterpretati con asimmetrie e movimenti che segnano l’ultima frontiera in fatto di ricerca dello stile. Un gusto ricco, capace di ripercorre quei momenti storici in cui un abito era la creazione su misura per antonomasia, un pezzo unico, tanto più fastoso quanto più il committente poteva permettersi che lo fosse. Questa è la magia che si avvera nell’Atelier di Gianluca Saitto, un angolo di stile senza tempo nel cuore della moda di Milano. Niente collezioni che si susseguono con il ritmo frenetico delle sfilate, niente insegne pubblicitarie. Solo un campanello in un antico palazzo di Brera e una vetrata che si affaccia all’interno del silenzioso cortile.

Photo: Marco Leonardi - Stylist: Jessica Cecchini

G

ianluca Saitto, an architect in love with yesteryear, reveals his passion for detail in every one of his creations: fabrics and trimmings relive the spirit of the age they represent, reinterpreted in their hang and asymmetric effects in a way that marks the latest frontier in terms of stylistic research. A lavish taste, one that takes us back to those bygone times when a garment represented the very essence of a tailor-made creation, one of its kind and as sumptuous as the client wanted it to be. This is the sort of magic that goes on in Gianluca Saitto’s Atelier, a corner of timeless style in the heart of Milan’s fashion quarter. No succession of collections that follow each other with the frenetic pace of fashion parades, no shop signs. Just a door-bell in an old building in the Brera district and a store window looking onto a quiet inner courtyard.


106

Specchiere d’epoca dai riccioli dorati, marmi e poltrone – Gianluca è anche un ottimo arredatore in grado di conferire all’antico un’atmosfera sempre attuale grazie all’uso di elementi moderni, proprio come fa con i suoi abiti - che si alternano ad abiti esposti del giovane di origine milanese. L’Atelier è un tutt’uno con il laboratorio dove nascono le sue creazioni a metà tra gioielli, abiti e opere d’arte, anche in collaborazione della clientela più esigente che vuole capi dedicati. Ebbene sì, Gianluca Saitto ha dedicato più di due anni di apprendistato alla manualità sartoriale per far propri tutti i segreti del mestiere e realizzare qualunque capo per dame e monsieur: dall’alta sartoria al capo classico su misura, passando per le proposte delle collezioni che seguono il fil rouge dettato dall’ispirazione, come nel caso della collezione invernale 2012/2013 che rende omaggio alla Cina e al suo Esercito di terracotta, richiamando elementi architettonici ed iconografici, e li mescola a un mood del tutto contemporaneo. Ma la vera punta di diamante sono i ricami, molto più di un semplice particolare, che Gianluca realizza con pazienza certosina anche utilizzando pietre preziose, sempre alla ricerca di nuove sperimentazioni nei materiali e nelle tecniche. Un vero emblema del lusso. Allora è vero che, a dispetto dell’economico e seriale fast fashion, le proposte d’autore ci sono. Basta volerle trovare.

Large period mirrors with gilt flourishes, marble surfaces and armchairs – Gianluca is also an excellent interior designer with an ability to confer an ever contemporary look on antiques thanks to the use of modern elements, just as he does with his outfits – mingled with the collections showcased by this young designer from Milan. Somehow poised between gems, clothing and works of art, his creations materialize in this Atelier-cumworkshop, also in collaboration with the most discerning clients who seek custom-made garments. Indeed, Gianluca Saitto has done a two years’ apprenticeship in dress-making and tailoring to acquire the secrets of the trade and to confection any type of garment for dame and monsieur: from haute couture to classical made-to-measure garments, comprising all the proposals of his collections that follow themes dictated by inspiration, as in the case of the Winter Collection 2012/2013, which pays homage to China and its Terracotta Army, while drawing from architectural and iconographic elements, and mixing them with a mood that is unmistakably contemporary. But the real cutting edge of his creations is the embroidery work, much more than a mere detail, which Gianluca executes with infinite patience, even using precious stones, and always on the lookout for new experimental uses of materials and techniques. A veritable emblem of luxury. So it is true to say that, despite cheap and mass-produced fast fashion, couture creations do exist. So long as you want to look them out.


Crediti fotografici GP. Briozzo

SEVEN STARS GALLERIA by Town House Collection


110

S

even Stars Galleria, aperto il 7 Marzo 2007, rappresenta un nuovo ed unico modello di ospitalità, nel centro di Milano. Dedicato ai più sofisticati uomini d’affari e visitatori. Situato nel cuore di Milano, all’interno della famosa Galleria Vittorio Emanuele, monumento nazionale, che collega Piazza Duomo con Piazza della Scala, il più prestigioso Teatro dell’Opera italiano. L’ entrata, privata e limitata ai soli ospiti, è situata in Via Silvio Pellico 8 e tutte le sette suite si affacciano direttamente sulla Galleria riuscendo a dare una visione unica della cupola e di questo gioiello di architettura di fine Ottocento.

S

even Stars Galleria, opened on 7th march 2007, it is a unique link of the hospitality in Italy, created from an ideal of home away from home. Inside the famous Galleria Vittorio Emanuele II, which connect Piazza Duomo, the main Cathedral of the city, with Piazza della Scala, the famous Opera Theatre of Milan. The entrance is at number 8th of Via Silvio Pellico and all the seven suites have direct view inside the Galleria and get you an exclusive panorama of the cupolas of this magnificent historical jewel.


111

Le suite sono tutte diverse e tutte sono state allestite in modo personale ed elegante dall’ architetto Ettore Mocchetti, sotto il diretto controllo dell’Istituto per le Belle Arti.

Thanks to Architect Ettore Mocchetti, under the control of the Italian Institute of Arts, all the seven suites have been renovated maintaining the antiques and precious decorations.

Il 7 marzo 2008 SGS, leader mondiale nei servizi di ispezione, verifica, testing e certificazione, ha consegnato ufficialmente a Seven Stars Galleria il primo certificato al mondo “7 Stelle SGS”, la certificazione internazionale di servizio mirata a identificare la natura extra-lusso di una struttura alberghiera.

Last 7 March 2008, SGS, a world leader in inspection services, certification, testing and control has officially awarded Seven Stars Galleria the first ever seven star certificate hotel in the world, the first certificate that guarantees a category of extra luxurious service within the area of hotel hospitality at International level.


112

All’interno di questa nuova Casa di Lusso ogni ospite è seguito da un Maggiordomo personale, che può parlare ogni lingua straniera e che diventa per l’ospite stesso un efficiente Personal Assistant, un prezioso Event Planner, per prenotare i migliori ristoranti o per organizzare un evento importante, per lo shopping esclusivo e per chi ha poco tempo da dedicarsi. Ogni Butler presso Seven Stars Galleria si distingue per la serietà e per occuparsi del proprio ospite nella più completa privacy. Seven Stars Galleria dedicato alle grandi eccellenze.

Inside this veritable ‘House of Luxury’ every single visitor is cared for by a personal butler, not only fluent in their language but who also acts as ultra efficient personal assistant. These butlers can become prestigious event planners, booking the best possible restaurants or organizing important meetings. Every butler is chosen for their dedication to each guest with complete discretion. Seven Stars Galleria, a luxury home dedicated to excellence, houses an elegant restaurant in its interior for the exclusive use of the guests. “La Sinfonia”, which translated means “the symphony” is a reserved restaurant, which allows one to try different traditional culinary dishes. Guests can request particular food choices at the very instant they make their reservation for their personal suite, and upon arrival will find themselves greeted by a chef who will cater to their every need. This is ideal for those who may have intolerances or specific food preferences. The restaurant is blessed with a superb view of the dome of the Galleria Vittorio Emanuele II. It is possible to book for special events and important dinners, in complete privacy. For the “Aperitivo” or after dinner drinks the lounge invites you to sip a glass of wine of the finest quality in a peaceful setting. Room service is a guaranteed 24 hour service. Seven Stars Galleria is synonymous with excellence.

SEVEN STARS GALLERIA Via Silvio Pellico, 8 Milan, Italy Tel +39 02 89058297-99 galleria@townhouse.it www.sevenstarsgalleria.com


P L C A S . r. l . Viale Umbria, 126 20135 Milano Tel. +39 02 4817513 Fax + 39 02 70105808 e-mail: info@plca.it web site: www.plca.it


QUARANT’ANNI DI SUCCESSO PER IL GRUPPO BATTAGLIA E IHD di Bruna Belluschi


FORTY YEARS’ SUCCESSFUL ACTIVITY FOR THE BATTAGLIA GROUP AND IHD by Bruna Belluschi


I

HD (Hotel Design International) nasce dall’esperienza maturata in quarant’anni di attività del Gruppo Battaglia, nel corso dei quali la Società ha realizzato, con successo e grande soddisfazione dei suoi clienti, progetti commerciali e residenziali, hotel a cinque stelle, negozi d’alta moda, uffici, residenze private, yacht e navi da crociera. In particolare, la divisione iHD del Gruppo Battaglia, con sede a Ginevra, una filiale operativa a Lugano e a Zurigo, si occupa principalmente di creare degli arredamenti interni ad hoc per boutique hotel, residenze private, negozi e showroom prestigiosi. IHD, che si avvale di venticinque esperti nel settore commerciale, residenziale e della hôtellerie, è in grado di offrire allestimenti completi di squisita e perfetta fattura, dove materiali di pregio si fondono alle soluzioni più innovative.

I

HD (Hotel Design International) stems from an experience built up in the Battaglia Group’s forty years of business activity, during which time the Company has successfully executed commercial and residential projects, such as five-star hotels, fashion boutiques, offices, private homes, yachts and ocean liners, to the immense satisfaction of its clients. In particular, the iHD division of the Battaglia Group, headquartered in Geneva with operative branches in Lugano and Zurich, is mainly engaged in creating customized interiors for boutique hotels, private homes, retail stores and prestigious showrooms. IHD, which can count on twenty-five experts in the commercial, residential and hospitality sectors, is able to offer complete interior furnishings of exquisite and perfect workmanship in which materials of the highest quality go hand in hand with the most innovative solutions.


118

Prendono così forma arredi fissi, mobili, porte, lavorazioni di legno speciali, pannellature, finiture di pavimenti, pareti e soffitti (fra i materiali usati: il legno, il gesso, il marmo, le piastrelle, la laminatura in oro o in argento). Ma le competenze di iHD si estendono anche alle ristrutturazioni di bagni, cucine e ascensori, incluso il richiesto adeguamento delle parti tecniche secondo le normative vigenti del luogo di lavoro. Grazie al suo altissimo livello di competenze, iHD è in grado di proporre ai suoi potenziali clienti un’offerta comprendente lo studio del progetto, l’ammontare dei costi di produzione e di assicurazione con il realizzo di ogni singola parte concordata all’interno delle proprie strutture. Inoltre iHD garantisce il preciso avanzamento dei lavori e il rispetto delle scadenze prefissate. A ogni cliente è assegnato un unico interlocutore e questo permette un risparmio notevole di tempo e di costi di produzione, snellendo anche lo svolgimento dei lavori. Comprendere i desideri dei propri clienti e realizzarli nel migliore dei modi è il plusvalore di iHD, l’esperienza accumulata il mezzo più adatto per garantire risultati unici e indimenticabili.


119

iHD Interior Haut Design s.a. Via Nassa 29 CH 6900 Lugano Ph. + 41 58 2583010

This is the story behind the creation of fitted and free-standing furniture, doors, specially crafted items in wood, wall panels, floor, wall and ceiling surface coverings (among the materials used are wood, plaster, marble and tiles, as well as gold and silver leaf ). However, the expertise of iHD also extends to the renovation of bathrooms, kitchens and elevators, including the necessary modernization of technical systems as required by current workplace safety norms. Thanks to its top-notch expertise, iHD is able to present its potential customers with an estimate comprising project planning and overall production and insurance costs, with the realization of each individual item agreed to, all within its own organization. Moreover iHD guarantees on-time and complete delivery of each phase of the work, according to prearranged lead times. A single contact person is assigned to each client and this allows a considerable saving of time and production costs, while also streamlining the way in which the job progresses. IHD’s plus value is that of understanding its clients’ desires and interpreting them as accurately as possible, while its consolidated experience is the most sure-fire way to guarantee unique and memorable results.


123

HOTEL SPLENDIDE ROYAL: una splendida storia

Quest’anno, l’Hotel Splendide Royal di Lugano festeggia un compleanno di tutto rispetto: 125 anni.

HOTEL SPLENDIDE ROYAL: a history of splendour

This year, the Hotel Splendide Royal of Lugano celebrates an important anniversary: 125 years.

O

ltre cent’anni di gloria che hanno visto l’hotel crescere dal punto di vista strutturale e di prestigio, in una perfetta fusione fra il fascino che una simile età dona e la modernità di cui si è dotato nel tempo. Fu la felice intuizione di Riccardo Fedele senior, discendente di una nobile famiglia di Bellinzona, a fargli acquistare la bellissima Villa Merlina, situata in un parco sulla riva del Ceresio, per trasformarla nell’Hotel Splendide, inaugurato nel 1887. L’aggettivo Royal, reale, fu aggiunto nel 1956 dal figlio Riccardo Fedele junior che ne assunse la direzione dopo la morte del padre e confermò lo Splendide quale hotel di lusso, luogo prediletto di famiglie reali ed esponenti di spicco del mondo politico e culturale.

O

ver one hundred years of glorious activity which have seen this hotel grow in dimensions and prestige, in a perfect fusion between the charm conferred by its venerable age and the modernity it has chosen to adopt in the course of time. It was the fortunate intuition of Riccardo Fedele senior, descendent of a noble family of Bellinzona, that made him buy the beautiful Villa Merlina, set in a park on the side of Lake Ceresio, and to transform it into the Hotel Splendide, which was then inaugurated in 1887. The adjective Royal was added in 1956 by Riccardo Fedele junior, who took over the management following his father’s death and confirmed the status of the Splendide as a luxury hotel patronized by royal families and prominent figures of the political and cultural milieus.


124

Nel 1977 gli eredi della famiglia Fedele cedettero la proprietà alla famiglia dell’ingegner Giovanni Naldi che effettuò dei lavori di ampliamento senza nulla togliere alla bellezza architettonica dell’antica struttura. A metà degli anni Novanta, il dottor Roberto Naldi assunse la presidenza dello Splendide, sua carica attuale, e apportò degli ammodernamenti nelle camere. Dopo l’acquisizione della famiglia Naldi, la direzione dell’hotel fu affidata ad Aniello Lauro, discendente di una famiglia di albergatori di Sorrento. Sino alla sua prematura scomparsa, avvenuta nel 2008, Aniello Lauro diresse l’hotel comprendendo che il segreto per ottenere il successo era legato alla capacità di saper conquistare la fiducia degli ospiti; fiducia che si poteva ottenere mantenendo costantemente aperto il dialogo e offrendo un servizio impeccabile, facendo della perfetta e regale accoglienza uno dei punti di forza dell’hotel. Sotto la sua direzione, l’Hotel Splendide Royal acquistò notorietà a livello internazionale attirando personaggi di spicco, come l’Agakhan, George Bush Senior, François Mitterrand, Lorin Maazel, Luciano Pavarotti, Alberto Sordi, Ray Charles e tanti altri. Attualmente la direzione è affidata a Giuseppe Rossi che, grazie alla sua grande esperienza alberghiera internazionale e al suo splendido rapporto con Aniello Lauro, continua impeccabilmente il lavoro affidatogli. Oggi l’Hotel Splendide Royal è dotato di 93 camere, 4 Junior Suite e 3 Suite. A disposizione degli ospiti il ristorante La Veranda, dove è possibile apprezzare un’ ottima cucina mediterranea e internazionale. La meravigliosa collocazione dell’Hotel Splendide Royal, affacciato sul Lago Ceresio, a due passi dal centro di Lugano, l’impeccabile ma calda accoglienza riservata a ogni ospite, la capacità davvero speciale di creare un ambiente intimo e ricco di calore umano e la cucina curata, rendono lo Splendide un luogo ideale per un soggiorno indimenticabile.

In 1977 the heirs of the Fedele family sold the property to the family of Giovanni Naldi, an engineer who carried out extension work on the complex without in any way impairing the architectural beauty of the old building. In the mid-nineties, Dr. Roberto Naldi became Chairman of the Splendide, a position he still occupies today, and had the rooms modernized. Following the acquisition of the hotel by the Naldi family, its management was entrusted to Aniello Lauro, the descendent of a family of hoteliers in Sorrento. Up until his premature decease in 2008, Aniello Lauro conducted this hotel, fully aware that the secret of success lies in being able to win the guests’ confidence; a confidence that is gradually built up by maintaining an on-going dialogue and offering an impeccable service, so much so that one of the hotel’s winning features is that of a perfect and royal welcome. Under his guidance, the Hotel Splendide Royal acquired international fame, attracting celebrities such as the Aga Khan, George Bush Senior, François Mitterrand, Lorin Maazel, Luciano Pavarotti, Alberto Sordi, Ray Charles to name but a few. Its management has now been entrusted to Giuseppe Rossi who, thanks to his extensive international hotel experience and his marvellous relationship with Aniello Lauro, continues to conduct this activity impeccably. Today the Hotel Splendide Royal disposes of 93 rooms, 4 Junior Suites and 3 Suites. The La Veranda restaurant offers guests the possibility to enjoy excellent Mediterranean and international cuisine. The enchanting position of the Hotel Splendide Royal, looking straight onto Lake Ceresio, at a short distance from the centre of Lugano, the impeccable yet warm welcome extended to every guest, that special ability to create an intimate and caring environment, together with a refined cuisine, make the Hotel Splendide the ideal location for an unforgettable stay.


125

HOTEL SPLENDIDE ROYAL Riva Antonio Caccia, 7 6900 Lugano, Svizzera Tel.: +41(0)919857711 Fax: +41(0)919857722 e-mail: welcome@splendide.ch www.splendide.ch


VILLA PRINCIPE LEOPOLDO,

un vero quadro d’autore È meravigliosa l’ubicazione di Villa Principe Leopoldo Hotel & Spa, situata com’è in cima alla Collina d’Oro, uno dei luoghi più suggestivi di Lugano, dove la vista può spaziare sulla città ticinese e sul suo meraviglioso golfo.


VILLA PRINCIPE LEOPOLDO,

a true work of art

Villa Principe Leopoldo Hotel & Spa enjoys a wonderful position on top of the Collina dÂ’Oro, one of the most breathtaking spots in Lugano, where the eye roams freely over the Ticino city and its marvellous gulf.


128

V

illa Principe Leopoldo Hotel & Spa è un boutique hotel storico cinque stelle, membro di Relais & Châteaux, con grande classe ed eleganza, posto sulla “Collina d’Oro” quartiere residenziale di Lugano, con vista mozzafiato sul lago e sulle montagne circostanti. Grazie alla sua ubicazione, diventa un lussuoso punto d’appoggio non solo per visitare Lugano e il Ticino, ma anche per raggiungere Milano, la capitale italiana della finanza e del fashion. La Villa è caratterizzata da un forte spirito italiano e propone spaziose camere e suite in stile mediterraneo. Il ristorante gastronomico Principe Leopoldo è una pietra miliare dell'hotel con una cucina che rivela autenticità, passione e rispetto per i suoi ingredienti, senza dimenticare il territorio e le tradizioni. Il gioiello dell’albergo è Kiso, una Spa celestiale, che offre lusso, privacy e trattamenti su misura. Niente altro da desiderare - una sensazione veramente regale!

V

illa Principe Leopoldo Hotel & Spa is a five-star boutique hotel of great class and elegance, member of Relais & Châteaux. It is situated on the “Collina d’Oro”, a residential area of Lugano, with breathtaking views over the lake and the mountains. Thanks to its location, Villa Principe Leopoldo Hotel & Spa has become a luxurious stopover not only for those interested in visiting Lugano and Ticino, but also for reaching Milan, the Italian capital of finance and fashion. The Villa is marked by its strong Italian spirit and offers spacious rooms and suites in Mediterranean style. The gourmet temple Restaurant Principe Leopoldo is the hotel’s most prized attraction with a cuisine that reveals authenticity, passion and respect for its ingredients, without forgetting the territories and traditions. Jewel of the Hotel is Kiso, a heavenly, exclusive Spa offering luxury, privacy and personalized treatments. What else can you ask for - a truly royal feeling!

Villa Principe Leopoldo Hotel & Spa Via Montalbano 5 6900 Lugano - Switzerland Tel.: +41 (0)91 985 88 55 Fax: +41 (0)91 985 88 25 e-mail: info@leopoldohotel.com www.leopoldohotel.com


130

CCTAVALOR: un team di professionisti al vostro servizio di Bruna Belluschi

Abbiamo rincontrato l’avvocato Stefano Cecchetto, CEO di CCTAvalor Law’s Firm e, visto lo sviluppo in continua crescita dello studio, oltre che delle attività associate, gli abbiamo chiesto quali strategie sta attuando e come pensa di assistere i propri clienti in un momento finanziariamente particolare come quello che si sta vivendo in Europa.

L’ingresso

Castello Interiore

CCTAVALOR: a team of professionals at your service by Bruna Belluschi

We met up with Stefano Cecchetto, lawyer and CEO of the CCTAvalor Law Firm and, in view of the steadily growing expansion of this firm, together with its associated activities, we asked him what strategies he is implementing and how he intends to assist his clients in such financially uncertain times as those characterizing Europe today.


131

G

li avvocati di CCTAvalor perseguono obiettivi legati alla qualità e alla competenza, rappresentando nelle proprie aree di specializzazione l'alternativa. Ma il punto di forza essenziale risiede nella capacità di penetrare le situazioni vissute in questo particolare momento economico dai clienti. Se non si ha una chiara visione delle problematiche da affrontare sapendole inquadrare nella prospettiva più ampia di scelte economiche, finanziarie e strutturali adeguate al singolo caso, pur avendo un’elevata conoscenza giuridica difficilmente si riesce ad essere vincenti. In pratica i nostri professionisti diventano businessman, solo così, fuori dallo studio, entrando nel problema reale, riescono a valutare e adottare le soluzioni migliori per l’assistenza richiesta. «Avvocato, vuole accennare quali sono le aree di specializzazione di CCTAvalor?». «Lo studio legale è specializzato in Diritto Bancario e Finanziario - Ristrutturazione del Debito - Fusioni e AcquisizioniFinancial Management - Capital Market - Advocacy Lobbying - Fund Provider e Fund Management. Entrare nel dettaglio richiederebbe soffermarsi a lungo in argomenti difficilmente trattabili in questa sede, ma qualora un imprenditore necessitasse avere delle delucidazioni, saremmo lieti di essere a disposizione nell’illustrare ogni singola area».

Castello di Sogno VI

T

he lawyers of CCTAvalor pursue quality and competency-related objectives and, in their own particular area of specialization, represent an alternative solution. But our real strong point lies in a capacity to penetrate our clients’ actual everyday experience in this difficult economic context. If you do not have a clear picture of the problems to be addressed or fail to view them in a wider perspective of the economic, financial and organizational decisions most suited to the case in hand, despite having an elevated juridical grounding, it is difficult to be successful. Our professionals practically become business people because it is only by penetrating the real-life problem outside the firm that they can successfully evaluate and adopt optimal solutions for the type of assistance being requested. «Would you kindly indicate the particular areas of specialization in which CCTAvalor is engaged?» «The law firm is specialized in Banking and Financial Law - Debt Restructuring - Mergers and Acquisitions - Financial Management - Capital Market - Advocacy Lobbying - Fund Providers and Fund Management. To go into detail would entail lengthy explanations of topics that are not easy to deal with in this context but, should any business person require information, we would be happy to illustrate each specific area in which we operate.»


132

Interiorità

Realtà

«E le novità?». «Grazie a nuove collaborazioni internazionali, siamo in grado di offrire ai nostri clienti prodotti finanziari alternativi, quali fidejussioni, cauzioni, bond assicurativi e altri prodotti che agevolano le aziende e l’imprenditoria internazionale, favorendone la liquidità. Altra novità in assoluto è CIV & Property Family,(www.civ-property.ch). È l’alternativa al fondo d’investimento, segue parallelamente lo stesso principio con la differenza che, anziché conferire in un fondo, si cede a un trust. Anche in questo caso consiglio ai lettori di prendere contatto con il team manager di CIV o direttamente con lo studio, le soluzioni sono talmente vaste che preferiamo capire le esigenze dei clienti, per poi adattarle o indirizzarli nelle possibili aree o attività più congrue alle loro necessità del momento. Non ultima, da maggio 2012, siamo nel consiglio direttivo di I.A.L.A. (Interational Association of Lawyers and Accountants specializing in financial practice law - www.iala-financial.com, con sede a Londra), questo ci permette di essere in contatto con i colleghi associati presenti in altre aree territoriali, confrontandoci, condividendo il singolo caso particolare, per assicurare la migliore soluzione per il nostro assistito.

«And are there any novelties in the pipeline?» «Thanks to our collaboration with new International associates, we are able to offer alternative financial products to our clients, such as guarantee bonds, bail bonds, insurance bonds and other products that come to the aid of companies and international businesses, by supporting their need for liquidity. Another brand new product is that of CIV &PropertyFamily, (www.civ-property.ch). It represents an alternative to the investment fund and works in parallel according to the same principle but with the difference that, instead of being paid into a fund, it is transferred to a trust. Also in this case, I advise readers to get in touch with the team manager of CIV, or directly with our firm: the range of solutions is so vast that we prefer to understand the client’s requirements so that we may then adapt them or direct the client towards possible areas or activities that are most appropriate to their needs at any given time. Last but not least, since May 2012, we have been on the executive board of I.A.L.A. (International Association of Lawyers and Accountants specializing in financial practice law - www.iala-financial.com, headquartered in London), this enables us to be in touch with associated colleagues operating in other geographical areas, with the possibility to exchange opinions and share individual cases of particular interest, guaranteeing the best solution for our client.


133

Ricordiamo sempre, e ci tengo particolarmente in quanto è un “veicolo” talmente duttile e di un’opportunità ancora unica nel suo genere, SPF-Fund, (www.spf-fund.li), il nostro punto di forza, sempre più adottato da clienti privati, aziende, ma soprattutto banche internazionali, in progressiva crescita tra la nostra clientela.Consideratelo sempre quale alternativa alle vostre esigenze!». «Cosa consiglia ai nostri lettori?». «Oggi per noi professionisti, come per tutti gli imprenditori di successo, il tempo è l’anello debole, pertanto anche noi siamo costretti a fare delle scelte e purtroppo ciò comporta a volte di dover rifiutare delle assistenze. Consigliamo, quindi, di non aspettare mai l’ultimo minuto per rivolgersi a noi, di consultarci anche per attività che apparentemente sembrano semplici o con un solo percorso. In questo momento più che mai bisogna ragionare fuori dagli schemi, avere soluzioni innovative, noi possiamo e sappiamo proporre alternative di cui spesso non solo non si è a conoscenza ma nemmeno si immaginano. Noi abbiamo le soluzioni per il vostro business e per le vostre esigenze patrimoniali».

I would also like to remind readers of our SPF-Fund (www.spf-fund.li), something I am particularly keen to do since it represents such a flexible “vehicle” and an opportunity that is still one of a kind, a strong point of ours that is being increasingly adopted by private clients and companies alike, but especially international banks, which are becoming increasingly numerous among our clients. Always consider it as an alternative solution to your requirements!» «What advice would you give our readers?» «Today, for professionals like ourselves, as for all successful business people, time is the weak link, so we too are forced to make our choices and unfortunately this sometimes implies having to refuse some requests for assistance. Therefore, we advise people not to wait until the last moment before turning to us, but to consult us even with regards to activities that may seem simple or particularly straightforward. Now more than ever before, it is necessary to abandon set ways of thinking and to dispose of innovative solutions; we can and do propose alternatives that are not only unknown to most, but even quite unimaginable. We have the solutions for the requirements of your business and private estate.»

La Casa del Calzolaio

CCTAvalor International Law’s Firm Sägehüslistrasse 7, Appenzell Steinegg CH9050 T +41 717 80 18 46 / +41 717 801847 Fax +41 717 80 13 65 E-mail info@cctavalor.ch - trust-singapore@cctavalor.ch cctavalor-canada@cctavalor.ch - www.cctavalor.ch

CIV & Property Family AG Info@civ-property.ch www.civ-property.ch


Société Privée de Finances Label Fund Liechtenstein Investor informations: info@spf-fund.li equity@spf-fund.li trading@spf-fund.li

Governance and fund provider informations: advisor@spf-fund.li compliance@spf-fund.li

Asset Management: CCTAvalor & CCTAdvisor Web site: www.cctavalor.ch - E-mail: info@cctavalor.ch T +41.717.80 18 46 - F +41.717. 80 13 65


For more info: www.spf-fund.li


HOTEL STANGLWIRT, dove l’unicità è di casa


HOTEL STANGLWIRT,

where uniqueness feels at home


138


139

a vista sul Wilder Kaiser, la bellezza pittoresca del Tirolo, la nobiltà del paesaggio, l’aria pura e cristallina sono la cornice perfetta per un luogo unico e indimenticabile: il Bio –Hotel Stanglwirt, a Going, in Austria. Lo Stanglwirt è il posto ideale per abbandonare dietro di sé ogni affanno e lasciarsi viziare dall’accogliente atmosfera che avvolge gli ospiti dell’hotel. Suite raffinate e camere accoglienti, una cucina in grado di offrire mille prelibatezze, una meravigliosa area benessere, la possibilità di scegliere fra diversi sport o di rilassarsi godendo della bellezza dei luoghi, tutto questo e altro ancora è lo Stanglwirt, collocato fra circa dodici ettari di prati, boschi e terreni coltivati. L’Hotel vanta una storia gloriosa, una fondazione che risale al 1609. È davvero suggestivo ripercorrerne la storia e scoprire che, nel 1643, Johann Stangl, il cui nome è rimasto indissolubilmente legato alla locanda, ottenne che l’insegna indicasse che il posto non era solo un’osteria ma anche un albergo e un ristorante assoggettati alle regole scritte nel “Giuramento dei locandieri e delle locandiere”, dove, fra l’altro, si sottolineava come si dovessero “servire con cura gli stranieri e le persone del luogo”.

L

T

he view of the Wilder Kaiser, the picturesque charm of the Tyrol, the marvellous landscape and pure, crystal-clear air act in concert to provide the perfect setting for a unique and unforgettable location: the Bio-Hotel Stanglwirt, at Going, in Austria. The Stanglwirt is the ideal place for leaving worries behind you and letting yourself be pampered by the welcoming atmosphere that surrounds the hotel’s guests. Refined suites and cosy rooms, a cuisine offering a vast array of delicacies, a superb wellness centre, the possibility to choose from various different sports or just relax and enjoy the beauty of the surrounding area; the Stanglwirt is all this and much more again, set amidst twelve hectares of meadows, woods and farmland. The hotel boasts a glorious past, since its foundation dates back to 1609. It is truly fascinating to study its history and discover that in 1643, Johann Stangl, whose name continues to be indissolubly associated with the lodging-house, obtained permission for its sign to indicate that the venue was not just a tavern but also a hotel and restaurant subject to the written regulations of the “Innkeepers’ Oath”, which emphasizes, among other things, that “foreigners and local people must be served with care”.


142

Quest’ultimo precetto, oggi è la regola della famiglia Hauser, che da diverse generazioni gestisce l’Hotel. Precursori del concetto, oggi tanto di moda, di offrire un ambiente e dei prodotti biologici ai propri clienti, l’Hotel vanta una struttura completamente di legno di cembro, compresi gli arredi, mentre gli accessori in tessuto sono esclusivamente in fibre naturali come il lino, il cotone o la lana. La stessa attenzione è rivolta all’offerta culinaria che punta tutto sull’ottima qualità e la rigorosa scelta dei cibi; il pane è sempre fresco perché è cotto nelle cucine dell’hotel; la carne, i formaggi e altri prodotti caseari provengono esclusivamente dagli allevamenti dello Stanglwirt, così come i diversi prodotti dell’orto e persino l’acqua, che scaturisce da una fonte di proprietà dell’Hotel. Fra i formaggi prodotti allo Stanglwirt, merita una citazione particolare il famoso “formaggio d’oro” le cui tre tonnellate annuali sono prodotte, ogni estate, utilizzando il latte grezzo dell’alpe lavorato manualmente in apposite pentole di rame. Davvero unica anche l’ampia sauna, ben milleduecento metri quadri, collocata magistralmente fra le rocce dove, oltre alla biosauna di abete, si può usufruire della grotta salina, della sauna di pietra naturale, della sauna Wilde Kaiser, dell’area idromassaggio e della grotta ai vapori e cristalli alpini con giochi cromatici e di luce. Qui si può ammirare anche il primo acquario d’acqua marino austriaco dove nuotano due squali pinna nera. Allo Stanglwirt anche lo sport è di casa: si può praticare il golf, usufruendo sia del Golf Driving Range, di proprietà dell’hotel, sia dei campi da golf raggiungibili in circa un’ ora dall’hotel;

The above rule is now that of the Hauser family, who have been running the hotel for several generations. They were among the first in the business to marry the concept, which is so fashionable nowadays, of providing a bio environment and organic products to their guests. In fact the hotel is proud to offer a facility built entirely in Swiss stone pine, comprising the furniture, while textile accessories are made exclusively from natural fibres such as linen, cotton or wool. Equal importance is given to the cuisine which lays great store on its excellent quality and meticulous selection of foodstuffs; bread is always fresh because it is baked in the hotel’s own oven; meat, cheese and other dairy products are sourced exclusively on Stanglwirt’s farm, in the same way as its vegetables and even the water which gushes from a spring belonging to the Hotel. Among the types of cheese produced at the Stanglwirt, a special mention has to go the famous “golden cheese”, of which three tons are produced each summer from non-pasteurized alpine milk, and hand made in special copper pans. The extensive sauna is quite unique, with its one thousand two hundred square metres set superbly among the rocks where, as well as a bio-sauna in fir timber, guests may also enjoy the salt grotto, the natural stone grotto, the Wilde Kaiser sauna, a hydro-massage area and a grotto with vapour and alpine crystals with its play ofcolour and light. Here they can also admire the first seawater aquarium in Austria housing two black-finned sharks. Sports are also part of the scene at Stanglwirt: golf can beplayed either on the hotel’s own Golf Driving Range or at one of the golf courses located


143

per gli appassionati di tennis, sono ben quattordici i campi da tennis, otto all’aperto e sei coperti, ai quali possono accedere gli ospiti; infine, grazie alla bellezza dei luoghi, si possono compiere splendide escursioni naturalistiche. Suggestiva è anche la visione dei bianchi lipizzani che pascolano liberi e creano un’atmosfera fiabesca e inusuale. Ma gli stessi lipizzani si possono cavalcare presso il maneggio dell’Hotel. Lo Stanglwirt è dunque un patrimonio culturale che la famiglia Hauser vuole preservare proiettandolo nel futuro. E nelle parole di Richard Hauser, amministratore delegato dell’hotel, è racchiuso il pensiero semplice ma profondo di questa grande famiglia: «… dobbiamo sempre essere disposti a imparare: dall’ospite, dalla natura, dai collaboratori».

within an hour’s reach of the hotel; for tennis enthusiasts there are as many as fourteen tennis courts, of which eight outdoor and six indoor, all at the guests’ disposal; and, finally, there are no end of splendid nature excursions to make in the presence of such beautiful surroundings. The white Lipizzaner horses make a fascinating sight as they graze freely in the grounds, creating a rare fairytale atmosphere. But it is also possible to ride these horses at the hotel’s riding school. The Stanglwirt is therefore a cultural heritage the Hauser family intend to preserve and project towards the future. The words of Richard Hauser, the hotel’s managing director, well express the simple yet profound philosophy of this great family: «… we must always be prepared to learn: from our guests, from nature itself and from our staff.»

HOTEL STANGLWIRT Kaiserweg 1 A - 6353 Going am Wilden Kaiser Phone: +43 5358 2000 w w w. s t a n g l w i r t . c o m


144

MARC GIRARDELLI: CAMPIONE SULLA NEVE, CAMPIONE NELLA VITA di M. Giulia Baiocchi

“Creare benessere è sacrificio, mantenerlo un dovere”. Marc Girardelli

MARC GIRARDELLI: A CHAMPION IN EVERY SENSE OF THE WORD, ON OR OFF THE SNOW by M. Giulia Baiocchi

“Creating well-being implies sacrifice, so it is our duty to maintain it.” Marc Girardelli


D

i Marc Girardelli colpiscono il sorriso che illumina il volto, la schiettezza dello sguardo, le rughe attorno agli occhi che segnano la geografia del viso e svelano una vita esaltante ma densa di sacrifici. Sugli sci è stato un grande campione e, dopo il suo ritiro dall’attività agonistica, ha dovuto rimettersi in gioco, con la professionalità, la forte volontà, la perseveranza e l’impegno che lo caratterizzano. «Quando ho smesso con lo sport, mi sono reso conto che non avevo pensato a cosa avrei fatto nella vita, questo è stato un errore. Con il tempo ho trovato la mia dimensione e ho scoperto che potevo avviare delle attività rimanendo legato al mondo dello sport. Fra l’altro, oggi sono Sport Ambassador per la Bemer Int. AG, un’azienda del Liechtenstein che ha creato una nuova tecnologia mirata a migliorare la microcircolazione nei processi di prevenzione, guarigione, recupero e rigenerazione del fisico. Inoltre, con l’amico Andrea Albertoni ho creato la Marc Girardelli Business Hub™ , un ufficio che agisce quale “Sport management agency” e “Integreted service provider” , offrendo soluzioni innovative finalizzate alla tutela personale, familiare e patrimoniale, la pianificazione e lo sviluppo di piani di carriera per sportivi professionisti, giovani talenti e anche imprenditori. Per poter essere performanti, vincenti abbiamo

W

hat first strikes you about Marc Girardelli is the smile that lights up his face, the frankness of his expression, the wrinkles around his eyes which map out the geography of his face and testify to a life that has been one of great excitement as well as intense sacrifice. He was a great skiing champion in his time and, when he retired from competitive sports, he had to reinvent his whole life, with the professional approach, the granitic willpower, the perseverance and commitment that make up his character. «When I gave up professional sports, I realized I had never really thought about what I wanted to do in life, and this was a mistake. It took me time but I eventually found my feet and discovered that I could set up an activity that was still associated with the sports world. Among other things, today I occupy the role of Sports Ambassador for Berner Int. AG, a Lichtenstein company that has created a new technology for improving microcirculation in the processes of physical prevention, healing and recovery. Furthermore, together with Andrea Albertoni, I am engaged in the business of new insurance solutions for safeguarding capital investments, targeting both individuals and corporate entities.»


146

selezionato a livello nazionale ed internazionale un panel di esperti di alto profilo, i quali sono a disposizione dei nostri assistiti.». «Lei ha sempre dimostrato una volontà di ferro e, pur avendo subito degli infortuni molto gravi, non si è mai dato per vinto. Questa sua disciplina interiore le ha permesso di superare anche gli inevitabili problemi della vita …». «Sicuramente lo sport mi ha aiutato molto perché mi ha temprato. Alla fine della carriera sportiva si ricordano solo le cose belle, anche se l’intensa attività agonistica mi ha lasciato tanti problemi. Ma anche le persone normali hanno acciacchi fisici, è naturale quando l’età avanza … Oggi sono meno stressato di quando sciavo e quando ho delle preoccupazioni, mi dico che devo stare tranquillo, perché quando si vuole trovare una soluzione a un problema, la soluzione arriva sempre. Ho una visione positiva della vita e ritengo che noi siamo fortunati a vivere in Europa, uno dei posti più belli del mondo, liberi, con accanto la nostra famiglia e gli amici più cari…». «Lei ha avuto la possibilità di viaggiare moltissimo, di entrare in contatto con diverse culture, come tutto questo l’ha arricchita personalmente?». «Per un uomo come me è un dovere incontrare persone diverse, penso sia un arricchimento culturale a cui non posso rinunciare. Ancora più dei trofei vinti, apprezzo la possibilità che ho avuto di conoscere gente interessante e questo continua a succedere anche grazie al mio lavoro…».

«You have always shown great willpower and, even though you have suffered some serious injuries, you have never thrown in the sponge. This inner fortitude has also enabled you to overcome the inevitable difficulties in life …» «My sports activity has certainly helped by tempering my character. At the end of a sports career, you only remember the good times, even though my intensely competitive past has left me with a number of problems. But even normal people have physical ailments, it’s all part of aging.… Nowadays I am less stressed out than I used to be when skiing, and whenever I am worried about something, I tell myself to keep calm, because if you seek a solution to a problem, it always turns up eventually. I have a positive outlook on life and believe we are fortunate to live in Europe, one of the most beautiful places in the world, in freedom, with our family and dearest friends at our side …» «You have had the chance to travel a great deal, to interface with different cultural environments; in what way has this benefited you personally?» «For a man like myself, who has a duty to meet different people, I think this is a cultural enrichment I cannot do without. More than any trophy I have won, I appreciate the opportunity I have had to become acquainted with interesting people and this continues to happen, also thanks to my work …»


147

«Che cosa oggi è importante per lei?». «Prima di tutto la mia famiglia, la qualità del tempo che passo con mia moglie e i miei quattro figli, il piacere di educarli, di vederli crescere e soprattutto che possano fare sport serenamente, perché mi rendo conto che non hanno né la mentalità né l’attitudine che avevo io e dunque non voglio pressarli o spingerli verso uno sport difficile e rischioso. Poi è importante il mio lavoro, che deve essere sempre appassionante …». «Quale sogno vorrebbe ancora realizzare?». «Mi piacerebbe scalare una montagna importante, come avevo già fatto dieci anni fa, perché la montagna è sempre nel mio cuore. E vorrei arricchirmi culturalmente, seguire il teatro, l’opera, la musica classica, andare a un concerto di Andrea Bocelli …». Il sorriso accende il volto di Marc Girardelli, lo sguardo rivolto alle mille cose da fare, alla vita che aspetta solo di essere vissuta con l’impegno e la pienezza di sempre, perché la sfida continua, ogni giorno.

«What is most important to you nowadays?» «First and foremost, my family, the quality time I spend with my wife and four children, the pleasure I have in bringing them up, of seeing them grow and, above all, the fact that they can practise sports with a serene attitude because I realize they neither have the mentality nor the mindset I used to have and so I do not wish to pressurize or push them into tackling difficult or risky sports. Then, I give importance to my work, which must always be absorbing …» «Do you have any dream you would like to see come true?» «I would like to climb an important mountain, as I did ten years ago, because the mountains still have a place in my heart. And then I would like to seek cultural enrichment, by dedicating time to the theatre, the opera, classical music, and going to a concert of Andrea Bocelli …» A smile lights up Marc Girardelli’s face, as his thoughts turn to the umpteen things he has to do, the life just waiting to be lived with the same commitment and fullness as ever, because the challenge goes on, day after day.


WE BUILD YOUR FUTURE…

Lugano * Milano * Doha


...A BETTER FUTURE !

Lugano * Milano * Doha


152

A

bbiamo creato un modello di architettura sostenibile, realizzato in tempi rapidi attraverso un processo di produzione ed assemblaggio industrializzato. Costruiremo in officina un elemento finito e pronto da collocare in opera, impianti compresi: un’ architettura “plug and play”, che combina alta qualità ed elevata flessibilità.

W

e created a new model of sustainable architecture, realized it in short times through an industrialized production and assembling process. We will build the finished modules in a plant, ready for the final delivery, devices included: a “plug and play” architecture, flexible in all its typologies.

Lugano * Milano * Doha

MH3 SOLUTIONS SA Via Lucchini 8a 6900 Lugano (Switzerland) info@mh3solutions.com www.mh3solutions.com


SARCHOCHBAU HOCHBAU HOLDING AG

SARC COSTRUZIONI ITALIA srl Tecnologia Tedesca • Design Italiano • Precisione Svizzera.

BENESSERE IN VACANZA Nuova realizzazione appartamenti in villette vista mare, nello splendido scenario della tranquilla riviera ligure. Per maggiori informazioni visita il nostro sito www.sarchochbau.ch

SARC HOCHBAU HOLDING AG Impresa di Costruzioni Generale & General Contract Sägehüslistrasse 7, Steinegg • Appenzello Interno E-mail: info@sarc-swiss.ch

SARC COSTRUZIONI ITALIA srl Via Giulini 12, Como


LA SOIRÉE BLANCHE DI SAINT TROPEZ :

un evento indimenticabile

È

stata meravigliosa come sempre la Soirée Blanche organizzata impeccabilmente da Christophe Leroy. La serata, come d’abitudine, ha aperto la stagione estiva di Saint Tropez 2012 e i numerosi ospiti, ben 570, sono stati dei veri privilegiati perché hanno vissuto momenti indimenticabili. Come vuole la tradizione, la Soirée Blanche fu ideata dal discografico Eddie Barcley, anche a questo appuntamento gli invitati vestivano elegantemente di bianco; a ogni tavolo sedevano personalità del mondo dello spettacolo, del cinema, del teatro, dello sport o degli affari. Quest’anno l’evento è stato arricchito dalla partecipazione di Caballus International, società che vanta una lunga esperienza nel settore equino e del lifestyle. Anche The Excellence Magazine ha partecipato alla Soirée facendo dono a ogni ospite dell’elegante rivista The Excellence Magazine.


THE SOIRÉE BLANCHE OF SAINT TROPEZ : a memorable event

T

he Soirée Blanche, so impeccably organized by Christophe Leroy, was as marvellous as ever. As usual, the evening event opened the 2012 Saint Tropez summer season and its numerous guests, as many as 570, were the truly privileged protagonists of some unforgettable moments. True to tradition – the Soirée Blanche was created by the record industrialist Eddie Barcley – also on this occasion the guests were elegantly dressed in white; celebs from the world of show business, cinema, theatre, sports and business sat at each table. This year the event was further enhanced by the participation of Caballus International, a company with a time-honoured experience in the equine and lifestyle sector. The Excellence Magazine was also represented at the Soirée, and presented a complimentary copy of this elegant publication to each guest.


156


157

Frank Dubosc

Marcel Desailly

Jeff McGlinn

GROUPE CHRISTOPHE LEROY 7 rue des Commerçants - 83990 Saint Tropez – France Tel.: +33 (0) 49 4979 191 - e-mail: info@christophe-leroy.com www.christophe-leroy.com


ANA: UN PONTE IDEALE FRA L’EUROPA E IL GIAPPONE

A

NA (la più grande compagnia aerea giapponese che sta superando la Japan Airline) arriva in Europa, con cinque voli non stop di collegamento tra Giappone e Francoforte, Monaco, Londra e Parigi. La prima linea aerea commerciale a portare in Europa il nuovissimo Boeing 787 con motori Rolls-Royce. ANA mostra grande interesse per l’Expo 2015 di Milano e, in collaborazione con Lauro & Partners SA, valuterà alcuni servizi da offrire durante questo importante evento per incrementare il traffico fra l’Europa e il Giappone.


ANA: AN IMAGINARY BRIDGE BETWEEN EUROPE AND JAPAN

A

NA (the largest Japanese airline company now surpassing Japan Airline) has landed in Europe, with five non-stop flights connecting Japan with Frankfurt, Munich, London and Paris. The first commercial airline company to introduce to Europe the brand new Boeing 787 aircraft with Rolls-Royce engine. ANA shows great interest in Expo 2015 in Milan and, in collaboration with Lauro & Partners SA, will evaluate its offer of special services to support this important event with a view to increasing traffic between Europe and Japan.


The Excellence Magazine www.theexcellencemagazine.com

The official magazine of

www.myworldexcellence.com Publisher Laurel International SA 6900 Lugano - Switzerland www.laurelinternational.com info@laurointernational.com Managing Director Luigi Lauro luigi.lauro@laurointernational.com Strategic Advisory Board Nino Cossu Antonella Greco Mayumi Yamazaki Francesca Babini Art Director Domenico Cuda domenico@logos-logos.it Contributors M. Giulia Baiocchi Bruna Belluschi Claudia Chiari Nino Cossu Lucrezia Doria Laurel network Translations Viceversa Communication Graphics and Printing Logos snc www.logos-logos.it Advertising Gianni Carminati info@theexcellencemagazine.com Web Advisors SoftCodex SA, www.softcodex.ch Distribution The Excellence’s Best Hotels Selection & The Excellence Platform Administration Mathildis Lauro

Tutti i diritti sono riservati. I punti di vista espressi non sono necessariamente quelli dell’editore che pertanto non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi errore o omissione anche per quanto riguarda il materiale pubblicitario o quello relativo agli editoriali. Il cliente deve pertanto predisporre di tutti i diritti relativi alle fotografie, ai loghi e in ogni caso di tutto il materiale fornito. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta senza consenso da parte dell’editore.


the art of business “We maximise the value of your business and relationships...�

M info@laurointernational.com - W www.laurointernational.com



The Excellence Magazine - Vol.4