Guida Socio Sanitaria Termini Imerese

Page 1

Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo

Distretto 37 di Termini Imerese ALIMINUSA, CACCAMO, CALTAVUTURO, CERDA, MONTEMAGGIORE BELSITO, SCILLATO, SCIARA, SCLAFANI BAGNI, TERMINI IMERESE, TRABIA

GUIDA SOCIO SANITARIA DIREZIONE - Via Ospedale Civico, 10 - Termini Imerese - distretto37@asppalermo.org - www.asppalermo.org


ADV Lime Edizioni srl


S

ono al Distretto 37 dal Maggio, la prima priorità affrontata è stata rivolta ad avviare dei miglioramenti qualitativi e quantitativi, non soltanto rivolta all’utenza ma anche al personale distrettuale. Si è proceduto ad unificare l’attività dell’ U.O.S. Socio – Sanitaria integrando l’Ufficio Protesi Presidi e Ausili in essa. Si è passati quindi al potenziamento delle attività del poliambulatorio, con la richiesta di nuove tecnologie, quali: ecografi per la Medicina Interna, Cardiologia e Angiologia; ed inoltre implementando le ore di branca specialistica. In materia di cambiamenti e riammodernamenti, è già avvenuta la sistemazione della cartellonistica esterna e presto verrà completata quella dell’area interna della struttura. Verranno installate delle panchine e dei cestini per i rifiuti nell’atrio antistante alla struttura. Anche gli arredi interni saranno rimodernati per rendere più confortevole il lavoro al personale e più gradevole l’attesa per l’utenza. Per quanto riguarda le azioni quantitative, la mia attenzione si è rivolta a potenziare la branca specialistica di pneumologia in quanto patologia da attenzionare visto che rappresenta la terza causa di morte. E’ nei propositi di questa Direzione, infatti, creare all’interno del Nostro Distretto un ambulatorio dedicato alla Pneumologia di Secondo Livello in grado quindi di erogare prestazioni complesse ( emogasanalisi-spirometria complessa- etc.). Un piano già messo in atto riguarda direttamente il personale del Distretto 37, attraverso l’implementazione delle ore di formazione attraverso convegni specifici, ed inoltre è stata operata la rimodulazione del personale creando i presupposti per l’interscambiabilità dei ruoli. Altro obiettivo è quello di privilegiare i territori limitrofi a Termini Imerese a tal riguardo a Trabia potrebbe allocarsi il servizio di neuropsichiatria infantile e l’ambulatorio dedicato all’autismo , il tutto in un bene immobile confiscato alla mafia. Il centro potrà diventare un punto di forza anche per gli altri comuni vicini a prescindere dall’appartenenza al Distretto, intanto si è proceduto ad attenzionare la problematica sull’autismo accorpando l’ambulatorio alla neuropsichiatria infantile. L’ambulatorio servirà ad aiutare sia i bambini che gli adulti affetti dal disturbo dello spettro autistico. Per il 2018 è intento di questa Direzione ospitare una postazione, all’interno del Distretto Sanitario, per Cittadinanza Attiva, organizzazione questa che promuove l’attivismo dei cittadini per la tutela dei diritti, la cura dei beni comuni e il sostegno alle persone in condizione di debolezza.

Dottor Luigi Lo Giudice Direttore del Distretto 37 di Termini Imerese


ADV Lime Edizioni srl


1PRESENTAZIONE 2DIREZIONE

4

..............................................................................................................

•ASP DI PALERMO DISTRETTO 37 DI TERMINI IMERESE •COMPRENSORIO SANITARIO

5

.......................................................................................................................................

•uffici, numeri utili e specifiche •Segreteria - Direzione del Distretto 37 •Commissione Invalidi Civili

2UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.O.S. ASSISTENZA SANITARIA L F 3 B M DI

ASE E

EDICINA

EGALE E

5

.................

ISCALE .........................................7

•Anagrafe assistiti •Esenzione ticket •Assistenza all’estero e assitenza indiretta •Medicina Penitenziaria sanitari per la tutela della salute dei •Servizi cittadini stranieri comunitari e non comunitari •Ambulatori migranti •assistenza sanitaria di medicina legale e fiscale •Servizio di continuità assistenziale (guardia medica)

U.O.S. ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE INTERNA ESTERNA

4

15

.....................................

•Allergologia •Cardiologia •Oculistica •Odontoiatria •Ortopedia •Ambulatorio Medicina dello Sport •Riepilogo orari Medici Specialisti Ambulatoriali

SOCIO SANITARIA 5U.O.S. e Ufficio Protesi Presidi, Ausili

32

..........................................

•A.D.I. •Erogazione Protesi e Ausili •U.V.M.

6PRENOTAZIONI VISITE 7AREA DIPARTIMENTALE CIMINO 8OSPEDALE S

33

..................................................................................

•CUP Centro Unico di prenotazione

35

.............................................................................

ALVATORE

38

......................................................

•uffici e numeri utili •reparti •Audiologia e Otorinolaringoiatria •Anagrafe Canina

9SERVIZI INTERDISTRETTUALI 10DIRITTI E DOVERI

45 48

.....................................................

......................................................................................................

SOMMARIO

•SER.T (Servizio per le Tossicodipendenze) o SER.D •Psicoterapeuta Ser.T


ASP DI PALERMO DISTRETTO 37 DI TERMINI IMERESE

L

’opuscolo ha lo scopo di informare sulle attività e sui servizi rivolti al pubblico e svolti dal Distretto 37 dell’Asp Palermo che comprende i comuni di: Aliminusa, Caccamo, Caltavuturo, Cerda, Montemaggiore Belsito, Scillato, Sciara, Sclafani Bagni, Termini Imerese, Trabia. Alle prestazioni del Distretto si aggiungono, inoltre, quelle dell’ospedale Salvatore Cimino.

Sia il Distretto 37 che l’ospedale si trovano a Termini Imerese; il primo in via Ospedale Civico al civico 10, dove risiede il Poliambulatorio, gli uffici amministrativi, il Cup (Centro unico di prentotazione), il front office per l’anagrafe, la Direzione, guidata dalla Dottor Luigi Lo Giudice, e altri uffici, e il secondo in via Salvatore Cimino, 2. Nei comuni limitrofi si trovano le ex guardie mediche, chiamate oggi “servizi di continuità assistenziale”, mentre a Cerda e Caltavoturo è possibile trovare alcuni servizi sanitari aggiuntivi. All’interno dell’opuscolo sono indicati i numeri di telefono e i giorni di ricevimento, oltre ad esempio le istruzioni sulle prenotazioni o disdette e approfondimenti di diverso genere. Lo scopo è quello di migliorare il servizio per il paziente e ridurre i tempi di attesa.

Comprensorio sanitario

Estensione (km²)

Aliminusa Caccamo Caltavuturo Cerda Montemaggiore Belsito Scillato Sciara Sclafani Bagni Termini Imerese Trabia Azienda Sanitaria

1

PRESENTAZIONE

Golfo di Carini Punta Raisi Cinisi Terrasini Golfo di Castellammare Trappeto

Balestrate

13,68 km² 188,23 km² 97,95 km² 43,83 km² 32,08 km² 31,70 km² 31,19 km² 134,90 km² 78,19 km² 20,57 km² 672,32 km²

Tab.1 - Popolazione residente e estensione del Comprensorio sanitario (dati ricavati da Wikipedia)

Mondello

Capaci Carini Torretta

Golfo di Palermo

PALERMO

Ficarazzi

Giardinello

Monreale Montelepre Borgello Altofonte

Piana degli Albanesi S. Giuseppe Jato

S. Cipirello

Belmonte Mezzagno

Villabate

Misilmeri S. Cristina Bolognetta Gela

Camporeale

Capo Zafferano Santa Flavia Bagheria Casteldaccia

Roccamena

per TRAPANI e MAZZARA DEL VALLO per SCIACCA

[4

Contessa Entellina

Campofelice di Fitalia

Corleone Campofiorito

Chiusa Sclafani

Cefalù Campofelice di Roccella

Ventimiglia Marineo di Sicilia Sciara Cefalà Diana Baucina Caccamo Cerda Ciminna Villafrati Godrano Aliminusa Vicari

Montemaggiore Belsito

Roccapalumbo Alia Lercara Friddi

Prizzi

Bisacquino Giuliana

Golfo di Termini Imerese

Trabia Termini Imerese

Altavilla Milicia

Mezzojuso

A29

1. 209 8. 154 3. 962 5. 214 3. 324 612 2. 810 431 26.144 10. 721 62.581

Capo Gallo

Isola delle Femmine

Partinico

Popolazione (nr. abitanti)

Palazzo Adriano

Lascari Collesano

Gratteni

Pollina

Isnello

San Mauro Castelbuono Castelverde o c d r e a lle Mado P nie Geraci Siculo Scillato Polizzi Petralia Sclafani Generosa Sortana Bagni Gangi Caltavuturo Valledolmo

Castellana Petralia Soprana Sicula Bompietro Blufi Alimena

Castronovo di Sicilia per AGRIGENTO

A20

per MESSINA

A19

per CATANIA


DIREZIONE

I

l Poliambulatorio di Termini Imerese si trova in via Ospedale Civico 10 e racchiude all’interno esattamente 18 branche specialistiche. Inoltre allergologia, cardiologia, diabetologia, ortopedia ed endocrinologia sono presenti anche presso l’ambulatorio di Cerda mentre cardiologia, diabetologia, endocrinologia e ortopedia sono anche all’interno dell’ambulatorio di Caltavuturo.

Uffici, Numeri Utili E Specifiche Segreteria - Direzione del Distretto 37  091 8153106 – 091 8153122 Fax 091 8142578

Commissione Invalidi Civili In Via Ospedale Civico, 10 si trova anche la Commissione Medica Integrata per il Riconoscimento dell’Invalidità Civile, Handicap e legge 68. Per maggiori informazioni il numero è  091 8153178

DIREZIONE • U.R.P.

UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

G

li uffici per le relazioni con il pubblico (URP) hanno l'obiettivo di agevolare i rapporti tra ente pubblico e cittadini (singoli e associati), garantendo il diritto d'accesso agli atti e favorendo la trasparenza amministrativa. Si potrebbe dire che questi uffici sono la "prima linea" delle pubbliche amministrazioni. Gli URP aiutano il cittadino ad orientarsi nella pubblica amministrazione e a trovare le risposte delle quali ha bisogno. Per il suo carattere fortemente "relazionale" il personale dell'URP deve essere specializzato e fortemente motivato.

Ufficio Relazioni con il Pubblico Via Ospedale Civico, 10  091 8153133 Ricevimento: da Lunedì a Venerdì 8:30-13: 30; Martedì e Giovedì 15:00-17:00

2

[5



U.O.S. ASSISTENZA SANITARIA DI BASE E MEDICINA LEGALE E FISCALE

ANAGRAFE ASSISTITI Dove: Via Ospedale Civico, 10  091 8153126 Ricevimento: lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8.30 alle12.00 martedì e giovedì 15.00- 17.00

ESENZIONE TICKET Dove: Via Ospedale Civico, 10  091 8153126 Ricevimento: lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8.30 alle12.00 martedì e giovedì 15.00- 17.00 Dottoressa Enza Maria Pusateri, Responsabile dell’Unità Operativa Semplice Assistenza Sanitaria di Base e Medicina Legale e Fiscale

Dagli uffici o da internet la procedura non cambia, basta compilare un modulo

Negli anni le modalità per presentare le richieste di diverso genere agli uffici del Distretto, non solo di Termini Imerese, sono cambiate. Oggi insieme alla classica presentazione cartacea, con i moduli stampati e precompilati, c’è anche quella online. Attraverso il sito www.asppalermo.org è, infatti, possibile scaricare i modelli da compilare per la richiesta: dell’esenzione ticket da reddito; per il cambio del medico di medicina di base e del pediatra. Attraverso le procedure online è possibile ridurre i tempi di attesa sia del cittadino che degli stessi uffici. Consigliamo dunque ai nostri utenti di prendendere in considerazione la possibilità di effettuare le pratiche online. Per quanto riguarda invece la scelta del medico o del pediatra per la prima volta biso-

gna fare la pratica cartacea attraverso gli uffici”. “La trafila per la scelta o per la revoca del medico di base è molto semplice. L’utente deve semplicemente compilare un modulo che può ritirare presso gli uffici, in via Ospedale Civico, 10. A questo foglio bisogna allegare: il documento d’identità, in corso di validità; la tessera sanitaria e il libretto dell’attuale medico di famiglia. Saranno in seguito gli uffici a portare avanti le procedure richieste dell’utente. Per quanto riguarda la scelta o il cambio del pediatra la procedura è molto simile a quella del medico di base. La documentazione è la seguente: tessera sanitaria del bambino/a e il documento d’identità, se già in possesso, oppure una dichiarazione dei genitori”

•COME OTTENERE L’ESENZIONE TICKET DA REDDITO? Le modalità per richiedere l’esenzione del ticket per reddito sono due. La prima è quella di recarsi personalmente presso lo sportello in via dell’Ospedale Civico, 10 – dal Lunedì al Venerdì dalle 8,30 alle 13, tranne il Martedì che l’ufficio apre al pubblico dalle ore 15 alle 17. In questo caso si raccomanda all’utente di andare

con i corretti documenti: documento di identità in corso di validità (va bene anche la patente); tessera sanitaria e domanda in autodichiarazione precompilata, da ritirare presso gli uffici o da scaricare sul sito web www.sportello.asppalermo.org. Nel caso in cui l’utente è impossibilitato a recarsi presso gli uffici, occorre compilare una delega pre-

3

[7

U.O.S. Assistenza Sanitaria di Base e Medicina Legale e Fiscale

Gli uffici di Medicina di Base si occupano di: anagrafe assistiti per la scelta o revoca del medico e del pediatra di base, esenzioni ticket per patologie e redditi, continuità assistenziale, pratiche estero e ricovero, rimborso ricovero Italia ed estero, trasporto pazienti emodializzati, pagamento per le dialisi domiciliari. Via Ospedale Civico, 10  091 8153116 – 091 8153117



aperta la sezione bisogna cliccare su “Esenzioni per reddito online” e registrarsi. Dopo qualche minuto verrà inviato automaticamente il codice pin all’indirizzo e-mail o tramite un messaggio al numero del cellulare, indicato durante la registrazione, il quale permetterà di procedere con la pratica.

•ESENZIONE TICKET DA PATOLOGIA In questo caso l’utente deve consegnare all’impiegato dell’ufficio competente oltre alle copie dei documenti personali (carta di identità o patente in corso di validità e la tessera sanitaria), la documentazione del medico dove attasta il codice della

malattia secondo la norma del Decreto Ministeriale per le patologie croniche e del D.M. 259 e successive modifiche, per le malattie rare. L’esenzione dà diritto a prestazioni e/o farmaci gratuiti.

• ESENZIONE TICKET PER INVALIDITÀ Per il rilascio dell’esenzione ticket per l’invalidità e il verbale rilasciato dalla commissione invalidi occorrono i documenti personali (carta di identità civili validato dall’Inps. o patente in corso di validità e la tessera sanitaria)

ASSISTENZA ALL'ESTERO E ASSISTENZA INDIRETTA L’ufficio si occupa di gestire le richieste dei rimborsi e dei supporti necessari, ad esempio i moduli, a tutti gli utenti che devono sottoporsi ad un’operazione o ad un trattamento che non è possibile effettuare all’interno del territorio regionale, per mancanza di strutture idonee specializzate nella cura di una determinata patologia. Il cittadino deve farne richiesta all’ufficio qualche mese prima, attraverso una serie di documenti e soprattutto la dichiarazione da parte di uno specialista dove si accerti che in Sicilia non esiste il tipo di assistenza di cui necessita il paziente. La pratica potrà essere avviata sia nel caso in cui l’utente sostiene l’operazione in una struttura pub-

blica che privata e sia all’interno dell’Unione Europea che all’estero. La domanda una volta presentata all’ufficio del Distretto 37 di Termini Imerese verrà trasmessa all’assessorato alla Salute della Regione siciliana, che darà il parere, favorevole o contrario. Inoltre nel caso in cui un cittadino si trovi all’estero o in un Paese membro dell’Unione Europea e improvvisamente si sente male e sostiene delle cure o anche un’operazione, una volta rientrato in Italia, in questo caso nel Distretto 37 di Termini Imerese, può presentare le spese sostenute e accertate, ad esempio con fatture, e sempre con il consenso dell’assessorato regionale ottenere il rimborso.

Via Ospedale Civico, 10 Telefono:  091 8153164 Ricevimento: Lunedì, Mercoledì e Venerdì dalle 8.30 alle ore 12.00 Martedì e Giovedì 15.00- 17.00

MEDICINA PENITENZIARIA minorile, alle Asp, aziende sanitarie provinciali. In questo modo alcune branche specialistiche sono garantite all’interno del penitenziario, mentre per altre i pazienti vengono accompagnati all’interno del Poliambulatorio o dell’ospedale e una volta ricevute le cure necessarie vengono dimessi, per tornare all’interno della casa circondariale.

[9

3

Attraverso il decreto legislativo del 15 dicembre del 2015 “Norme di attuazione dello statuto speciale della Regione siciliana per il trasferimento delle funzioni in materia di sanità penitenziaria” la cura e l’assistenza medica dei detenuti negli istituti penitenziari siciliani è passata dal ministero della Giustizia, esattamente dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria e della Giustizia

U.O.S. Assistenza Sanitaria di Base e Medicina Legale e Fiscale

compilata, da ritirare sempre in via dell’Ospedale oppure sul sito dell’Asp, dove indicare l’incaricato. La seconda modalità è quella online, studiata per evitare le perdite di tempo. In questo caso basta andare sul sito www.sportello.asppalermo.org, sulla home page in basso e cliccare sull’icona “Sportello Online”, dal computer o dal telefono. Una volta


3 U.O.S. Assistenza Sanitaria di Base e Medicina Legale e Fiscale

SERVIZI SANITARI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DEI CITTADINI STRANIERI COMUNITARI E NON-COMUNITARI •AMBULATORIO MIGRANTI Dove: Via Ospedale Civico, 10 Ricevimento: Ricevimento: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle ore 13.00 Accoglienza ai Migranti - Unità di Crisi Aziendale Intervista dott. Vincenzo Prestianni

Migranti, il servizio dell’Asp comincia al porto con l’accoglienza

Per l’Asp la cura per i migranti è un dovere istituzionale e morale cominciando sin da subito, esattamente appena la nave attracca al porto di Palermo, di Lampedusa o di Linosa. ”Ricordo – afferma Prestianni, medico dell’emergenza sanitaria territoriale, coordinatore degli sbarchi presso il porto di Palermo che opera all’interno dell’UOC cure primarie, diretta dal dott. Francesco Cerrito- che la prima chiamata per l’arrivo di una nave al porto l’abbiamo ricevuta nel 2013. Da allora l’Asp ha messo su una task force dedicata, formata da: mediatori culturali, dermatologi, pediatri, ginecologi ed ostetrici, infermieri, medici di emergenza, psicologi, pediatri e tante altre figure professionali”. “La prima cosa che facciamo, dopo che l’Usmaf ha accertato le con-

dizioni di salute dei migranti a bordo della nave, è fare una breve ma indicativa anamnesi dedicata al triage, per definire se è necessario un ulteriore approfondimento clinico all’interno delle tende dedicate alle donne e ai bambini e agli uomini” spiega il medico, che svolge la sua opera insieme alla coordinatrice Giuseppina Panvini. “Inoltre individuiamo, attraverso l’interpretazione dei segni e dei sintomi le eventuali emergenze, operando una prima eventuale idratazione e somministrazione di farmaci”. Ma non è tutto. “Cerchiamo anche di riunire i gruppi familiari”. “Inoltre – conclude Prestianni- è fondamentale per le donne e gli uomini dell’Asp riconoscere i migranti nelle loro individualità”. ”.

•IMMIGRATI, MEDIATORE CULTURALE NEGLI UFFICI E IN OSPEDALE PER QUANTI FANNO RICHIESTA “LA LEGGE ITALIANA DEFINISCE L’OBBLIGO DI PRESTARE ASSISTENZA MEDICA A CHIUNQUE NE ABBIA BISOGNO SENZA DISCRIMINAZIONI” Dal mese di luglio 2016 è stato istituto l’ambulatorio per i migranti che si trovano nei centri di accoglienza. Il servizio è rivolto sia agli adulti che ai minori stranieri non accompagnati. I pazienti saranno visitati, insieme al tutore, ad esempio nel caso dei minorenni, e sarà data loro l’assistenza sanitaria di cui hanno bisogno. L'Asp di Palermo, nell'ambito delle attività previste dal Progetto CCM 2010 "Linee d'intervento transculturale nell'assistenza di base e nel materno infantile" ha attiviato inoltre un servizio di mediazione culturale nei propri servizi e negli ospedali cittadini, in modo da facilitare l'accesso dei cittadini immigrati ai servizi del Servizio Sanitario Nazionale. La mediziaone va richiesta, almeno 24 ore prima dell'intervento (entro le 13 del venerdì per il lunedì) inviando il modulo apposito per fax, allo 091 7035468 o una mail all'indirizzo : mediatori@asppalermo.org; alla richiesta seguirà una conferma della disponibilità del mediatore richiesto. Una volta eseguito l'intervento sarà cura del richiedente firmare il foglio di avvenuto intervento, con la descrizione e la durara dell'intervento stesso, che, controfirmato dal mediatore, dovrà essere consegnato

[10

o inviato per fax a: U.O. Promozione salute Immgrati c/o aiuto Materno; fax 091 7035468. È importante sapere che chi è in possesso di un regolare permesso di soggiorno per motivi di lavoro, per motivi familiari, per motivi di salute, o richiesto asilo politico o asilo umanitario, oppure ha ottenuto lo status di rifugiato, gode di parità di trattamento e di piena eguaglianza di diritti e doveri rispetto ai cittadini italiani. Per accedere ai servizi e alle cure sanitarie devi iscriverti al Servizio Sanitario Nazionale: può fare l’iscrizione presso gli uffici dell’anagrafe assistiti della ASP (Azienda Sanitaria Provinciale) del comune di residenza o di effettiva dimora, come dichiarato nel permesso di soggiorno, e verrà rilasciata una tessera sanitaria. Se invece non si è in possesso di un regolare permesso di soggiorno e il paziente ha bisogno di cure mediche, avrà diritto a ricevere assistenza sanitaria nelle strutture ospedaliere e ambulatoriali del SSN. Non bisogna avere paura di essere denunciati. La legge italiana definisce l’obbligo di prestare assistenza medica a chiunque ne abbia bisogno senza discriminazioni. Il personale sociosanitario non chiedererà i documenti e non può denunciare.


ASSISTENZA SANITARIA DI MEDICINA LEGALE E FISCALE •Medicina Legale e Fiscale

Gli uffici di Medicina Legale e Fiscale si occupo di: certificazioni, rilascio e rinnovo patenti auto e diporto, rinnovo porto d’armi, contrassegno posto auto portatori handicap, commissione invalidi civili e legge 104, certificato per idoneità psicologica, certificato per ingresso al cimitero, visite necroscopiche, certificato per cessione 1/5 dello Stipendio, visita medico legale interdizione dal lavoro e/o gravidanza e altri. TARIFFA

Certificato di idoneità Psicofisica Certificato per il rilascio o rinnovo Patente di Guida cat. A e B

€ €

25,00 25,00

Certificato per il rilascio o rinnovo Patente di Guida categorie superiori Certificato per il conseguimento o rinnovo Porto d’Armi Certificato per il rilascio o rinnovo Patente Nautica

€ €

40,00 25,00

Certificato per il Contrassegno Invalidi e Posto Auto Certificato per ingresso Cimitero Certificato per Cessione 1/5 dello Stipendio

€ € € €

40,00 25,00 25,00 25,00

Certificato M-legale per inabilità e proficuo lavoro (Pens. Reversib. ecc.) Certificato M-legale per benefici contrattuali Gravi Patologie

25,00

50,00

Certificato M-legale per esonero cinture di sicurezza Certificato per Patentino Conduttori di Caldaie Certificato per personale addetto ai servizi di controllo

25,00

€ €

25,00 25,00

Ricorso per Porto d’Armi

50,00

I costi indicati potrebbero subito delle modifiche fonte :www.asppalermo.org

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

CERTIFICATI MEDICO-LEGALI A PAGAMENTO

•Rinnovo e rilascio della patente di guida, cosa fare? Ecco le istruzioni Tra i documenti da portare: documento di identità e tessera sanitaria DOCUMENTI PER RINNOVO PATENTE documento di identità, in corso di validità patente di guida • 1 Fotografia formato tessera recente • codice fiscale (tessera sanitaria con codice a barre) • versamento di imposta di bollo di € 16,00, da effettuare presso qualsiasi sportello dell'Unicredit • bollettino postale € 10,20 su c/c 9001 intestato a Dipartimento Trasporti Terrestri • in caso di utilizzo occhiali, certificazione gradazione lenti • in caso di diabete, certificato diabetologo di riferimento • ricevuta del pagamento tariffa ASP Palermo di: € 25,00 , per le patenti di categoria A e B € 40,00, per le patenti di guida C,D,E,K da effettuare entrambi presso la cassa ticket dell'ASP

Per quanto riguarda invece il RILASCIO DELLA PATENTE DI GUIDA PER LA PRIMA VOLTA, PER PASSARE A CATEGORIA SUPERIORE, PER CONVERTIRE UNA PATENTE ESTERA O PER DUPLICARE UNA PATENTE, ad esempio in caso di perdita o di furto, l'utente deve portare con sé i seguenti documenti: • documento di identità in corso di validità • 3 fotografie formato tessera recente uguale a quelle per la Motorizzazione Civile • marca da bollo di € 16.00 • in caso di utilizzo occhiali, certificazione gradazione lenti • in caso di diabete, certificato diabetologo di riferimento • certificato del medico di base, per i casi di: primo rilascio, passaggio a categoria superiore e conversione di patente estera • ricevuta del pagamento tariffa ASP Palermo di: € 25,00, per le patenti di categoria A e B € 40,00, per le patenti di guida C,D,E,K da effettuare entrambi presso la cassa ticket dell'ASP

[11

3

I costi indicati potrebbero subito delle modifiche

U.O.S. Assistenza Sanitaria di Base e Medicina Legale e Fiscale

Dove: Via Ospedale Civico, 10  091 8153124  091 8141884 Ricevimento: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle ore 12.30 martedì e giovedì 15.00- 17.00


SERVIZIO DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE Quali sono i compiti del servizio di continuità assistenziale? Il Servizio di continuità assistenziale, precedentemente chiamato Guardia medica, notturna e festiva, è quel servizio organizzato dall'Asp di Palermo con l'obiettivo di garantire le prestazioni solitamente fornite dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta, al di fuori dei giorni e degli orari di lavoro di questi ultimi. Il servizio dunque non è da confondere con il pronto soccorso.

Le prestazioni erogate Il personale medico effettua visite ed interventi, sia domiciliari che territoriali, su proprio giudizio, quando per l'utenza risulti impossibile, a causa dello stato di salute, recarsi di presenza presso la sede del servizio di continuità assistenziale.

Prescrizioni farmaceutiche Il medico di guardia compila, nei limiti delle norme in vigore, anche prescrizioni farmaceutiche per terapie d'urgenza e comunque per una durata massima di 48/72 ore. In tali casi il cittadino deve esibire il codice fiscale (oltre che l'eventuale certificazione di esenzione dal pagamento della quota ticket, anche nel caso sia esente per patologia).

Certificazioni Il medico di guardia, dopo apposita visita e su richiesta dell'interessato, rilascia anche certificati medici per giustificazione dell'assenza dal lavoro, per un massimo di tre giorni.

Proposte di ricovero Nei casi di urgenza, e su personale valutazione del caso, il medico di guardia può proporre o disporre il ricovero.

Il servizio di continuità assistenziale non esegue:  certificati necroscopici - il medico, se chiamato per un'urgenza, può soltanto constatare l'avvenuto decesso.  esami chimico-clinici-diagnostici - se li ritiene urgenti, nel corso di una visita, il personale del servizio di guardia medica può soltanto inviare l'utente al più vicino Pronto Soccorso.  interventi di emergenza - la continuità assistenziale non è un servizio di emergenza, tali interventi possono essere richiesti al Servizio di Emergenza Sanitaria telefonando al numero gratuito 118.

ADV Lime Edizioni srl


GUARDIA MEDICA Guardia Medica di Termini Imerese Via S. Cimino, 2 presso P. O. Cimino Telefono:  091 8143809 Ricevimento: dalle 20:00 alle 8:00 dei giorni feriali; dalle 10:00 del Sabato o di giorno prefestivo alle 8:00 di Lunedì o del giorno successivo al festivo.

Guardia Medica di Caccamo Piazza S. Agostino Telefono:  091 8148109

Guardia Medica di Caltavuturo Piazza E. Loi Telefono: 

0921 541579

Guardia Medica di Cerda Via A. De Gasperi Telefono:  091 8991776

Guardia Medica di Montemaggiore Belsito Via M.SS degli Angeli Telefono:  091 8993766

Guardia Medica di Sciara Via Anime Sante Telefono:  091 8994183

Guardia Medica di Scillato Via Europa, 154 Telefono:  0921 663154

Guardia Medica di Sclafani Bagni Piazza S. Agostino Telefono:  0921 541792

Guardia Medica di Trabia Via Verga Telefono: 

091 8147284


ADV Lime Edizioni srl


U.O.S. ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE INTERNA ED ESTERNA razie ai servizi effettuati dai professionisti del Poliambulatorio e messi in atto dal Sistema sanitario nazionale, come ad esempio lo sportello del malato cronico, sono diminuiti i ricoveri ospedalieri. Secondo il ministero della Salute, infatti, nel 2016 è possibile notare una generale diminuzione del volume di attività erogata degli ospedali italiani, pubblici e privati. Questo perché il paziente è costantemente seguito senza rischiare di andare “in emergenza”. Dottor Rosario Meli, Responsabile Unità Operativa Semplice Assistenza Specialistica Ambulatoriale Interna ed Esterna Dottoressa Maria Crimi Stigliolo, Dirigente medico

Ambulatorio a Gestione Integrata e sportello del paziente cronico, due servizi per diverse patologie Diabetologia, neurologia e urologia: le prestazioni più richieste di pazienti

Tra i servizi resi dagli specialisti del Poliambulatorio i più richiesti sono: diabetologia, neurologia e urologia. Questo perché – spiega il dottor Meli – la popolazione del Distretto 37 abbraccia, in misura maggiore, la fascia della terza età. Ad esempio il servizio di diabetologia, all’interno del Poliambulatorio, si occupa, oltre alla normale attività di controllo, anche di tutti quei pazienti che necessitano di un percorso particolare denominato AGI, Ambulatorio a Gestione Integrata. Lo scopo del servizio è quello di offrire ai pazienti diabetici che si trovano all’esordio o hanno degli scompensi oppure sono in gravidanza, un'assistenza completa e per tutta la durata emergenziale della malattia, attraverso l’aiuto degli specialisti. Nello specifico i pazienti avranno una gestione integrata tra i medici di medicina di base, inseriti in un particolare elenco, e gli specialisti del Poliambulatorio. Per cui un diabetico non avrà più la preoccupazione di dover prenotare le visite di controllo, ma sarà direttamente il proprio medico di famiglia, in accordo con i medici del Distretto 37, a fissare tutti gli appuntamenti necessari. Il medico di famiglia assisterà anche alla visita effettuata con lo specialista. In questo caso quando il paziente esce dall’emergenza le visite verranno prenotate di volta in volta. Altro servizio dedicato a coloro che sono affetti da diabete, e non solo, è lo sportello del paziente cronico. In questo caso saremo

noi medici che operiamo all’interno del Distretto 37 di Termini Imerese, a prenderci carico del paziente. La presa in carico avviene attraverso una normale ricetta del medico di base o direttamente con la scheda di dimissione dell’ospedale”. “L’insorgere del diabete, ad ogni modo – spiega la dottoressa Maria Crimi Stigliolo, Responsabile Unità Operativa Speciale assistenza specialistica ambulatoriale interna – dipende dai geni. Però abbiamo appurato ultimamente che la patologia è in aumento già in età giovanile. Dunque consigliamo sempre e a tutti di condurre uno stile di vita sano e un’alimentazione corretta, senza esagerare con l’assunzione di grassi o zuccheri”. “Inoltre tra le branche attenzionate presso il Poliambulatorio del Distretto 37 di Termini Imerese c’è quella di cardiologia, legata - spiegano i medici - all’età dei pazienti. Il percorso maggiormente attenzionato è quello per i pazienti in scompenso, segnalati dal proprio medico o direttamente dai medici della struttura ospedaliera e presi in cura dal Distretto attraverso lo sportello del paziente cronico.”

4

[15

U.O.S. Assistenza Specialistica Ambulatoriale Interna Esterna

G


LE ALLERGIE RESPIRATORIE SINTOMI E CONSIGLI DEL MINISTERO DELLA SALUTE L'allergia ai pollini o pollinosi – si legge sul sito del ministero della Salute- è caratterizzata prevalentemente da lacrimazione, starnutazione e talvolta tosse e asma con ricorrenza stagionale. Con l'alternarsi delle stagioni e nei diversi periodi di fioritura delle piante, in particolare in primavera, si verifica un evento naturale di fondamentale importanza per il regno vegetale: invisibili nubi di polline, seguendo le correnti aeree, si riversano nell’atmosfera diffondendosi in altezza e a distanza anche per diversi chilometri dalla sorgente. I pollini, quindi, si depositano un po' ovunque, anche sulle mucose della congiuntiva, del naso e dei bronchi delle persone che vivono nelle zone interessate. Queste persone, se sensibilizzate alle proteine allergeniche liberate dai pollini, reagiscono con i caratteristici sintomi clinici. Le allergie respiratorie rappresentano la forma più diffusa di allergie in Europa e nel mondo. Inoltre, la diffusione delle malattie allergiche sta aumentando in Europa e, anche a causa del cambiamento climatico, non e più limitata a stagioni o ambienti specifici. La rinite allergica (con o senza congiuntivite) colpisce il 60% della popolazione europea: dal 15% al 20% di tali pazienti soffre di una forma grave della malattia. Si stima che l’asma allergico colpisca il 5%-12% della popolazione europea.

Consigli utili In presenza di sintomatologia che possa far sospettare un’allergia respiratoria, la prima cosa da fare è rivolgersi al medico curante e/o allo specialista per la corretta diagnosi e l’identificazione dell’allergene (o degli allergeni) a cui si è sensibilizzati, per stabilire un corretto programma preventivo-terapeutico da mettere in atto prima dell’inizio della stagione pollinica. A scopo preventivo possono essere anche consigliati, quando è possibile, brevi soggiorni in clima marino durante il periodo della pollinazione, dato che al mare la concentrazione atmosferica dei pollini è relativamente bassa. Inoltre chiedete al vostro allergologo consigli sui vaccini. Alcuni sono anche gratis. ADV Lime Edizioni srl


ALLERGOLOGIA

U.O.S. Assistenza Specialistica Ambulatoriale Interna Esterna

Via Ospedale Civico, 10 Ricevimento: martedì Termini Imerese dalle 8.00 – 13.00 Telefono:  091 8153150 giovedì ambulatorio Cerda 8.00 – 13.00 Telefono:  091 7037858 Specialista: Allergologo dott. Marcello Zambito, specialista ambulatoriale di Allergologia Asp 6 Palermo

In aumento le allergie, specie tra i più piccoli”. A fare il punto della situazione e a spiegare cosa fare è l’allergologo Marcello Zambito, che afferma:” La rinite allergica è di sicuro un’allergia in crescita ed è destinata ancor di più ad aumentare. Si prevede, che un soggetto su due nel 2020 ne soffrirà. Nel nostro territorio, facendo un’analisi a livello regionale, le allergie più diffuse sono quelle verso gli acari della polvere e per quanto riguarda i pollini quelle della parietaria, seguite da graminacee e olivo, quest’ultime in linea con la media nazionale. Bisogna specificare, ad ogni modo, che le reazioni allergiche variano a seconda della zona dove si vive, per cui chi abita in città, nella maggior parte dei casi, non ha gli stessi sintomi di chi vive in campagna”. “L’età più colpita –continua- è quella che va dai 20 ai 30 anni, anche se già in età infantile i bambini manifestano i primi sintomi di un’allergia”. Quale potrebbe essere uno dei campanelli d’allarme per comprendere che il bambino o la bambina è allergico a qualcosa? “Una delle prime manifestazioni allergiche è

la dermatite atopica – spiega Zambito- . In questi casi, il piccolo paziente deve essere studiato per valutare il tipo di allergia”. “Nel caso in cui si sospetta un’allergia bisogna fare i test allergici che possono essere: Cutanei o Prick test, effettuati con una goccia di un estratto allergenico sulla cute; Rast test, che consiste in un esame del sangue finalizzato ad identificare possibili allergeni responsabili ed infine attraverso la diagnostica molecolare, che permette sempre con semplice esame del sangue, di individuare la singola molecola che causa il disturbo e dunque di valutare se si tratta di allergia “crociata”. Molte persone, infatti, sono allergiche ad alcune molecole che possono essere presenti in più alimenti. Nel nostro ambulatorio effettuiamo tutti gli esami e per quanto riguarda la diagnostica molecolare Palermo è all’avanguardia”. Come possiamo alleviare l’allergia? “Una delle terapie in grado di cambiare il corso naturale dell’allergia- risponde Zambito- è il vaccino. È stato dimostrato che il vaccino ha un effetto anche a distanza di 6/7 anni e già a 5 anni i piccoli pazienti possono ricorrere alle cure”.

•INFORMAZIONI

moderni canali sociali e dei Kit di materiali informativo destinati al pubblico, distribuiti gratuitamente in tutti i centri di allergologia italiani, afferenti ad AAIITO.

[17

4

Per conoscere il mondo delle allergie è nato AllergicaMente è un progetto di informazione digitale ma non solo, ideato da AAIITO, Associazione Allergologi Immunologi Italiani Territoriali e Ospedalieri. Lo scopo del progetto è quello di favorire la conoscenza e la corretta gestione di un problema complesso e di grande attualità come quello delle allergie. Il progetto si sviluppa attraverso: un sito web ricco di informazioni (www.allergicamente.it), in continuo aggiornamento, semplici e fruibili, ma validate da esperti allergologi, messe a disposizione delle persone; una pagina facebook, dove l’informazione sarà interattiva ed adeguata ai


4 U.O.S. Assistenza Specialistica Ambulatoriale Interna Esterna

Cardiologia Via Ospedale Civico, 10 Telefono:  091 8153146 -149 Ricevimento: lunedì dalle 8.30 – 14.00 ;14.30 – 18.00 martedì dalle 8.30 – 13.30 ;14.00 – 17.30 giovedì 15.00 – 18.00 venerdì 8.30 – 14.00

Ambulatorio Cerda mercoledì 8.30 ; 13.30

Specialista: Dottor Ernesto Vinciguerra

P

resso il Poliambulatorio, in via Ospedale Civico, 10 a Termini Imerese, è presente l’ambulatorio dedicato allo scompenso cardiaco. “Lo scompenso cardiaco – afferma il dottor Ernesto Vinciguerra, responsabile dello stesso ambulatorio – è una delle malattie del secolo; nel recente passato infatti le cure per le cardiopatie, in particolare per la cardiopatia ischemica , erano molto meno efficaci, spesso si era costretti ad osservare l'evoluzione della malattia senza potere agire con armi efficaci. Oggi la storia e l'evoluzione delle cardiopatie è cambiata radicalmente grazie all'introduzione di metodi di cura avanzati, sia farmacologici che chirurgici. Pertanto è aumentata la fascia di popolazione che sopravvive ad un evento cardiovascolare, e questa fascia di popolazione è proprio quella che beneficia di interventi tera-

peutici mirati e ravvicinati. Si è inoltre di fronte ad un aumento della vita media della popolazione. Il nostro obiettivo attraverso l’ambulatorio dedicato è quello di ridurre il più possibile i ricoveri e la mortalità dei cardiopatici noti”. La fascia più colpita è quella anziana, ma non solo. Ma in cosa consiste esattamente lo scompenso cardiaco? Il problema è causato dall'incapacità del cuore di svolgere le normali funzioni, esattamente quella contrattile di pompa, e dunque di distribuire la giusta quantità di sangue agli organi. “È importante sapere– spiega Vinciguerra – che lo scompenso cardiaco, ancora oggi, se la malattia non è attenzionata con i dovuti controlli, entro un anno ha un esito infausto, ma grazie alla presa in carico da parte di un ambulatorio dedicato migliora notevolmente la prognosi come si evince da diversi studi scientifici internazionali.

•INFORMAZIONI Quali sono i campanelli d’allarme? “Il primo campanello – aggiunge Vinciguerra- si verifica dopo un primo evento, ad esempio un infarto oppure su pazienti che soffrono di diabete o ipertensione. Il secondo campanello invece potrebbe essere la condizione di cardiopatici o valvulopatici”. Come è possibile usufruire del servizio ambulatoriale? “Il paziente affetto da scompenso cardiaco è un paziente “fragile” e in quanto tale ha una corsia preferenziale. L’utente infatti non deve prenotare attraverso il Cup, Centro unico di prenotazione, ma può direttamente chiamare il

[18

numero 091 8153143 saltando in questo modo, qualora ne abbia le caratteristiche, parte della lista d'attesa. È ad ogni modo necessario che il paziente sia munito di ricetta medica”. Il dottor Vinciguerra oltre a dettare la cura lancia anche un monito rivolto a tutti, anche ai giovani, e sostiene: “Un’attenzione particolare deve essere data alla prevenzione ciò si attua anche lavorando insieme all’ambulatorio di Medicina dello Sport, per cui si effettuano lo step test per uso agonistico o visite di base per uso non agonistico”. All’interno dell’ambulatorio si effettuano quindi le visite cardiologiche di controllo ed Elet-


trocardiogramma, Ecg secondo Holter, Ecocardiocolordoppler, Ecocolor Doppler dei tronchi epiaortici. In ultimo ma non meno importanti sono le visite cardiologiche ed elettrocardiogrammi domiciliari

che possono essere effettuate a domicilio per i pazienti con patologie estremamente invalidanti, previa prenotazione e ricetta del medico curante attestante le condizioni fisiche del paziente.

“Il movimento è salute! ... a tutte le età”, il ministero della Salute lancia la campagna È stata presentata dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, insieme al Presidente dell’Istituto superiore di sanità Walter Ricciardi ed al Presidente del CONI Giovanni Malagò la Campagna di comunicazione “Salute, sport e movimento fisico” realizzata dal Ministero in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità ed il Comitato Olimpico Nazionale Italiano. Il claim della campagna è “Il movimento è salute! ... a tutte le età” ed è una call to action diretta ad attivare il proprio fisico e ad abbandonare definitivamente un atteggiamento sedentario, perché lo sport e più in generale l’attività fisica fanno bene alla salute psicofisica e possono considerarsi un vero e proprio strumento di medicina preventiva. Nonostante i tanti benefici di salute collegati al regolare svolgimento di attività fisica, secondo i dati del sistema PASSI 2017, più del 32% degli italiani è da considerare sedentario. Questo dato, si legge sul sito, è ancora più preoccupante considerato che la percezione soggettiva del livello di attività fisica praticata non sempre corrisponde a quella effettivamente svolta: almeno un sedentario su cinque percepisce infatti come sufficiente il proprio impegno motorio quotidiano.

La promozione dello sport e del movimento, oltre a rappresentare un investimento per la prevenzione delle malattie croniche e per il miglioramento della salute, ha effetti positivi sulla società e sull’economia. L’inattività fisica, infatti, incide anche sui costi diretti e indiretti dell’assistenza sanitaria dovuti al negativo impatto sulla produttività e sugli anni di vita in buona salute persi. A fronte di tali evidenze, il Ministero della Salute, l’Istituto Superiore di Sanità ed il CONI hanno deciso di avviare una comune campagna di comunicazione per promuovere la diffusione della cultura del regolare svolgimento dell’attività sportiva e più in generale dell’attività fisica che riconosca nell’empowerment dell’individuo il volano del cambiamento culturale in senso salutistico del proprio stile di vita. Obiettivo della campagna è, quindi, quello di informare e sensibilizzare la popolazione sui benefici di salute che comporta lo svolgimento di uno sport o di un’attività fisica regolare. Fare movimento vuol dire svolgere una disciplina sportiva ma anche più semplicemente camminare, ballare, giocare, andare in bicicletta. In questo senso sarà, quindi, promossa la pratica sportiva e l’attività fisica quotidiana alla portata di tutti.


4 U.O.S. Assistenza Specialistica Ambulatoriale Interna Esterna

Oculistica Specialista: Dott. Giovanni Cinnirella Responsabile ambulatorio oculistico Telefono:  091 8153137

A

ll’interno del Poliambulatorio è possibile effettuare le visite oculistiche. Per prenotare bisogna contattare il Cup, Centro unico di prenotazione, ed essere in possesso della ricetta del medico di famiglia. “Presso l’ambulatorio effettuiamo l’esame complessivo oculistico dell’occhio – spiega il dottor Cinnirella – e oltre alle normali visite prendiamo in carico anche dei pazienti che, ad esempio, affetti da diabete, vengono prenotati per il controllo da altri specialisti, come nel caso dello sportello del paziente cronico”. “Fisiologicamente i cambiamenti dell’apparato visivo iniziano intorno ai 40 anni– afferma il responsabile – ammenochè non subentrino patologie di diverso gene-

Ricevimento: lunedì e venerdì dalle 7.45 – 13.45 martedì e mercoledì dalle 7.45 – 12.45 giovedì dalle 7.45 – 13.15 dalle 14.00 – 17.30 re. È fondamentale, ad ogni modo, – continua Cinnirella – rivolgersi ad un professionista e prima di andare da un ottico, che si occupa di correggere i difetti attraverso le lenti, è importante effettuare una visita dall’oculista che accerta le patologie dell’occhio”. Come possiamo accorgerci se i nostri figli, in età non scolare e quindi non in grado di leggere, soffrono di determinati disturbi? “ In genere - conclude il medico - è il pediatra ad effettuare degli screening particolari, adatti all’età del piccolo paziente, e ad accertare una diagnosi. Ad ogni modo, se si notano dei problemi i genitori è bene che si rivolgano ad uno specialista”.

•Il decalogo del ministero della Salute Se non vedi bene basta prendere un paio di occhiali da vista già pronti. FALSO! In caso di problemi di vista è fondamentale fare una visita dal medico oculista che valuterà lo stato di salute degli occhi, la necessità o meno degli occhiali o darà altre indicazioni. Mai affidarsi al fai-da-te quando si tratta della propria vista! Stare troppo di fronte ad uno schermo fa ammalare gli occhi. FALSO! Il computer, la tv e i cellulari non danneggiano l’occhio, ma è importante rispettare pause regolari di riposo e avere una buona illuminazione (senza riflessi) per evitare di affaticare la vista. Gli occhi storti non sono curabili. FALSO! Lo strabismo, ossia i cosiddetti "occhi storti", soprattutto in età pediatrica, è un campanello d’allarme: bisogna andare subito dall’oculista e individuarne le cause. Può essere anche un importante segnale associato all’ambliopia (occhio pigro): la diagnosi prima dei 6 anni consente un recupero totale del visus grazie alla riabilitazione, l’occhio che vede bene deve essere bendato al fine di inco-

[20

raggiare quello pigro a lavorare di più. Se lo strabismo si manifesta per un difetto rifrattivo occorre mettere delle lenti. In alcuni casi si può intervenire chirurgicamente sui muscoli oculari. Allattare al seno fa calare la vista. FALSO! Il nesso non è scientificamente dimostrato. È fondamentale, comunque, mantenere una buona idratazione durante l’allattamento (bere almeno due litri d’acqua al giorno). Portare troppo gli occhiali peggiora la vista. FALSO! Al contrario è vero che si affatica la vista se non si portano gli occhiali prescritti dall’oculista. Al mare e in piscina si possono sempre mettere le lenti a contatto. FALSO! Non è così, anzi è sconsigliabile. Infatti le lenti a contatto possono contaminarsi e predisporre maggiormente a cheratiti e congiuntiviti. Chiunque ne facesse uso e avesse un contatto con l’acqua è opportuno che le levi immediatamente e le butti via.


Fare il laser guarisce dalla miopia e permette di non portare più gli occhiali. FALSO! Il laser corregge il difetto di refrazione (la miopia), ma le caratteristiche anatomiche dell’occhio miope non cambiano. Ciò significa che i soggetti che si definiscono "ex-miopi" devono continuare a fare regolarmente le visite oculistiche di controllo. Inoltre non è detto che si eliminino del tutto gli occhiali e, anche se l’intervento laser ha avuto esito positivo, in seguito potrebbe essere necessario rimetterli. Operarsi di cataratta è pericoloso. FALSO! Si tratta dell’operazione chirurgica più eseguita al mondo e l’intervento presenta elevati livelli di sicurezza. Naturalmente, come per ogni trattamento chirurgico, non si possono escludere delle complicanze. Allo stato attuale normalmente non viene eliminata la necessità degli occhiali, però c’è la possibilità di impiantare lenti intraoculari (IOL) multifocali che potrebbero persino consentire di farne a meno.

La cataratta si opera sempre col laser. FALSO! Si tratta di un intervento chirurgico che si effettua in sala operatoria utilizzando un microscopio operatorio, un macchinario dedicato (il facoemulsificatore) e altri strumenti chirurgici. Al momento, tuttavia, in pochi centri si utilizza il laser per alcune fasi dell’intervento. Parlare di diottrie è lo stesso che parlare di decimi o di gradi. FALSO! Le diottrie sono l’unità di misura del difetto di vista (miopia, ipermetropia, astigmatismo, presbiopia) e possono avere segno negativo o positivo. Esprimono, in sintesi, il valore delle lenti correttive che annullano il difetto. Non esistono i "gradi" di vista, ma bisogna parlare invece di acuità visiva. Per quantificarla si utilizza una scala decimale che va da 10/10 (dieci decimi), ossia il massimo, fino a 0/10 (zero decimi) ovvero assenza di vista. Le diottrie, quindi, non sono sinonimo né di decimi né di gradi.



Odontoiatria Ricevimento: da lunedì a giovedì dalle 8.00 – 13.00

T

ra le prestazioni sanitarie offerte dal Poliambulatorio del Distretto 37 di Termini Imerese c’è odontoiatria. “Il servizio - spiega la dottoressa Rosa Rizzuto, responsabile dell’ambulatorio- è garantito a tutti i cittadini del comprensorio ed è possibile accedere tramite un appuntamento fissato dal Cup, Centro unico di prenotazione, previa prescrizione della ricetta del medico di famiglia”, oppure attraverso il libero accesso, e in questo caso è la stessa dottoressa a scrivere la richiesta. Quali servizi offre esattamente l’ambulatorio? “Visita generale – spiega Rizzuto- estrazione, cura delle carie, igiene dentale, ad esempio ablazione del tartaro oppure cura della gengivite, cioè dell'infiammazione delle gengive causata il più delle volte da

U.O.S. Assistenza Specialistica Ambulatoriale Interna Esterna

Specialista: Dott.ssa Rosa Rizzuto, Responsabile dell’ambulatorio di odontoiatria Telefono:  091 8153147

una cattiva igiene orale”. “A rivolgersi all’ambulatorio di odontoiatria sono per lo più gli anziani ma la media dell’età- sostiene l’odontoiatra Rizzuto – è stata abbassata soprattutto dai minori stranieri non accompagnati che vivono nelle comunità”. Ma oltre ad illustrare come funziona la prestazione la dottoressa lancia un avvertimento: “Una corretta igiene orale è fondamentale a tutte le età, sin dai primi mesi di vita. Invito dunque i genitori a far effettuare ai propri figli i dovuti controlli sin da piccoli”. I farmaci prescritti sono antibiotici e antidolorifici e uno dei problemi maggiormente riscontrato è la parodontite, “un problema legato –conclude Rizzuto- ad un discorso genetico familiare”.

•INFORMAZIONI La prevenzione delle malattie dei denti e delle gengive si fonda sull'adozione e la pratica quotidiana di precise norme di comportamento legate a pratiche di igiene orale e igiene alimentare. Inoltre, periodiche visite specialistiche permettono il precoce intercettamento di eventuali processi patologici. Una buona igiene orale prevede innanzitutto il corretto spazzolamento dei denti, che deve avvenire almeno tre volte al giorno (dopo i pasti principali), e l’uso quotidiano del filo interdentale. Tali manovre hanno lo scopo di eliminare meccanicamente la placca batterica dalle superfici dei denti allontanando eventuali residui di cibo. Per quanto riguarda invece le abitudini alimentari, è stato dimostrato che un abbondante apporto di zuccheri con la dieta determina, da parte dei batteri cariogeni, la formazione di sostanze acide responsabili della demineralizzazione della componente inorganica dello smalto e della dentina. Le visite a cadenza periodica, invece, oltre a creare una consapevolezza del proprio stato di salute, servono a far conoscere i mezzi oggi a

disposizione per una buona prevenzione ed a intercettare precocemente eventuali patologie. Per una corretta igiene orale è indispensabile lavarsi i denti con spazzolino e dentifricio dopo ogni pasto, quindi, almeno tre volte al giorno e utilizzare quotidianamente il filo interdentale in maniera corretta. In particolare, si consiglia di: • spazzolare i denti dopo ogni pasto per un tempo di almeno 2-3 minuti • usare uno spazzolino dalla testina medio-piccola in modo da arrivare in tutte le zone della bocca; è preferibile che sia provvisto di setole artificiali di durezza media • sostituire lo spazzolino almeno ogni due mesi • spazzolare accuratamente tutti i denti sia quelli anteriori che quelli posteriori • completare la pulizia dei denti mediante l'uso regolare del filo interdentale. L'uso del filo non è consigliato in età evolutiva • usare possibilmente un dentifricio a base di fluoro

4

[23


A.R.E.S.S. Fabiola onlus

DAL 1997 RIVOLGIAMO LA NOSTRA ATTENZIONE AL MONDO DELLA DISABILITÀ Il Centro convenzionato con l’ASP di Palermo, progetta e realizza le attività mirate al sostegno e al miglioramento della qualità della vita degli utenti e delle loro famiglie

T

ADV Lime Edizioni srl

utte le attività vengono realizzate secondo i principi legislativi vigenti, perseguendo obiettivi e finalità che prevedono l’assistenza e la cura, la riabilitazione, il raggiungimento della massima autonomia possibile e l’integrazione socio familiare della persona, nel pieno rispetto della dignità e dei diritti civili e sociali. Il nostro Ente, sin dall’inizio, ha interagito con i servizi socio assistenziali, sanitari e scolastici, sia pubblici che privati, presenti nel territorio, collaborando attivamente alla presa in carico globale della persona e della sua famiglia in situazione di svantaggio sociale e diventando negli anni, un punto di riferimento significativo nel territorio locale, a favore delle politiche di sostegno della disabilità e dello svantaggio. Dal 2001 l’ARESS Fabiola Onlus è convenzionata con l’ASP 6 di Palermo per la Riabilitazione Domiciliare e Ambulatoriale. La nostra Associazione al fine di migliorare e arricchire la tipologia delle prestazioni offerte, ha attivi i seguenti servizi: • Rieducazione Equestre: l’Associazione è dotata di struttura equestre/maneggio con personale specializzato per poter eseguire l’attività riabilitativa con il mezzo del cavallo. • Progetti di Servizio Civile: il Nostro Ente è accreditato in I classe per la progettazione e gestione di volontari in Servizio Civile a supporto di tutte le attività avviate. • Servizio di Assistenza Igienico Personale nelle Scuole di ordine primario e secondario nel territorio provinciale. Nel corso degli anni, ha realizzato anche: Centri Socio Educativi e Ricreativi per disabili e ragazzi svantaggiati, Centri Socio Ricreativi per anziani, gestione Comunità Alloggio per disabili “Dopo di noi”, gestione Casa di Riposo per anziani, Attività di pre-sport con il cavallo per ragazzi difficili, Progetti di Inclusione Sociale, Servizio di Assistenza alla Comunicazione nelle scuole, Bonus socio-sanitario.

L’ARESS Fabiola Onlus inoltre è iscritta all’Albo Regionale ai sensi della L. 22/86 alle seguenti sezioni: Assistenza Domiciliare Anziani, Inabili e Minori. L’Associazione è altresì accreditata presso la Regione Sicilia come sede orientative e formativa e presso il Ministero della Sanità come sede formativa per i corsi ECM.


MODALITA’ DI ACCESSO AI SERVIZI RIABILITATIVI AMBULATORIALI E DOMICILIARI Per poter accedere ai Servizi erogati dal nostro Centro di Riabilitazione bisogna rivolgersi allo Sportello Handicap del Distretto Sanitario 37 di Termini Imerese – Via Ospedale Civico n. 1, con la seguente documentazione: •Verbale Legge 104/92, in corso di validità. •Prescrizione medico specialista convenzionato (neurologica o fisiatrica o neuropsichiatrica infantile), con indicazione del piano terapeutico da effettuare, con specifica di tipologia di prestazioni e durata dell’intervento. •Copia dei documenti personali (carta d’identità e codice fiscale) sia dell’utente e sia del richiedente, se diverso dall’assistito.

SEDE OPERATIVA DELL’ASSOCIAZIONE, VIA MOLA, TRAVERSA DI VIA TAORMINA. LA STRUTTURA È FORNITA DI AMBULATORI E DI SPAZI ADEGUATI ALLA FRUIZIONE DELLE PRESTAZIONI ESEGUITE DAGLI OPERATORI

SERVIZI DI RIABILITAZIONE DOMICILIARE E AMBULATORIALE Il servizio, convenzionato con l’ASP 6 di Palermo per la Riabilitazione Domiciliare e Ambulatoriale, è rivolto a soggetti che presentano disabilità motorie, psichiche e sensoriali, senza limiti di età, riconosciute ai sensi della Legge 104/92 art. 3, comma 1 o 3, residenti in tutti i Comuni appartenenti all’ASP 6 di Palermo.

Il Centro opera attraverso un’ Equipe pluridisciplinare formata da: Medici Specialisti (Neurologi e Neuropsichiatri Infantili), Assistenti Sociali, Psicologi, Terapisti della Riabilitazione (Fisioterapisti, Logopedisti, Neuropsicomotricisti), Personale Osa. L’Equipe elabora, fin dalla presa in carico dell’utente, il progetto riabilitativo individualizzato, in considerazione delle potenzialità e delle risorse di ciascun utente tenendo conto del suo contesto di vita e stabilendo obiettivi, tempi e modalità di valutazione in itinere e finale. Alle prestazioni riabilitative di cui sopra, l’equipe supporta le seguenti consulenze: mediche, di sostegno psicologico e psicoeducativo e di segretariato sociale.

Le prestazioni riabilitative possono essere erogate sia in regime Ambulatoriale che Domiciliare: -RIABILITAZIONE AMBULATORIALE: prestazioni neuromotorie, logopediche e neuro psicomotorie. -RIABILITAZIONE DOMICILIARE: prestazioni neuromotorie domiciliari. Convenzioni e Certificazioni I NOSTRI CONTATTI:  091 8112787• 091 8115288 • 388 9479796 091 6197473 SEDE LEGALE: PIAZZA DELLE TERME N. 16/A – TERMINI IMERESE (PA) SEDE OPERATIVA : VIA MOLA SN (TRAV. VIA TAORMINA) – TERMINI IMERESE (PA)

www.aressfabiola.it info@aressfabiola.it aressfabiola@docucert.it



Ortopedia Ricevimento: da martedì a giovedì 7.45 – 13.45 martedì 14.30 – 16.30 Amb. Cerda lunedì 7.45 – 13.45 a prassi per effettuare una visita presso Poliambulatorio. L’ortopedico Rigoglioso effettua l’ambulatorio di ortopedia è uguale, le visite nei seguenti giorni e luoghi: Lunedì a come per il resto dei servizi sanitari offerti dal Cerda, Martedì, Mercoledì e Giovedì a Termini Poliambulatorio cioè: chiamare il Cup, Centro Imerese e Venerdì e Sabato a Bagheria, tutte unico di prenotazione, e farsi prescrivere dal le visite vengono svolte dalle ore 8 alle 14. medico curante la ricetta. In cosa consiste il “Un altro consiglio che do a tutti i pazienti, specialmente quelli che non vivono nei comuni del servizio? “Si effettuano visite ortopediche e forniture di comprensorio del Distretto 37 di Termini Imeprotesi, quest’ultime però possono essere rila- rese, è quello di leggere attentamente il luogo sciate dopo che l’utente ha ottenuto l’invalidità della visita. civile e nella diagnosi è scritta la patologia di Anche in questo caso a causa dei disguidi si che trattasi ”, a spiegare nel dettaglio l’attività accumulano ritardi sul sistema. Molte persone è il dottor Vincenzo Rigoglioso, responsabile scambiano l’ambulatorio di ortopedia del dell’ambulatorio di ortopedia che continua: “Ai Poliambulatorio con quello che si trova all’innostri pazienti raccomandiamo prima di effet- terno dell’Ospedale Cimino”. tuare la visita di pagare il ticket. Capita spesso che alcuni signori o signore arrivino in orario Qual è il problema maggiormente riscontrato all’appuntamento ma devono saltare il turno, nei suoi pazienti? perché non hanno pagato, e di conseguenza “Di sicuro –spiega- l’artrosi, non in una zona quest’incomprensione ha un effetto domino specifica del corpo”. Cosa possiamo fare per prevenire? sull’intera attività”. Il dottor Rigoglioso esegue anche le visite domi- “Una moderata attività fisica in base all’età e ciliari, fino al comune di Montemaggiore Belsito, poi intervenire subito al primo dolore. È impore il ritardo si ripercuote anche in questo servizio. tante rivolgersi ad un ortopedico specialista ed Lo sportello ticket si trova al piano terra del evitare di assumere farmaci”.

U.O.S. Assistenza Specialistica Ambulatoriale Interna Esterna

Specialista: Dott. Vincenzo Rigoglioso Responsabile dell’ambulatorio di Ortopedia Telefono:  091 8153144

L

•Cos’è l’artrosi? accentua con il movimento e diminuisce con il riposo. Una valida prevenzione, come sostiene il dottor Rigoglioso, è un’attività fisica leggera e moderata, ad esempio è consigliato camminare, lo yoga, il pilates, tutte le attività in acqua e la ginnastica, meglio se mirata a correggere la postura e riuscire in questo modo anche ad ottenere altri risultati come ad esempio: rinforzare e migliorare il tono muscolare, tenere il peso sotto controllo, aumentare l’ossigenazione dei tessuti e migliorare l’equilibrio. Sono sconsigliati invece gli sport dove vengono caricati pesi oppure allenamenti intensivi. E comunque sempre consigliato consultarsi con un medico specialista e valutare insieme la scelta.

[27

4

L' artrosi è una malattia degenerativa caratterizzata dal deterioramento della cartilagine delle articolazioni, colpisce entrambi i sessi e secondo alcuni numeri in Italia ne soffrono oltre 4 milioni di persone e rappresenta la principale causa della perdita di giornate lavorative. L'artrosi, ad ogni modo, colpisce la maggior parte delle persone anziane anche ne sono risparmiati i soggetti più giovani e il suo decorso è lento, progressivo e invalidante. Le articolazioni più colpite sono: la colonna vertebrale, l’anca, il ginocchio, le dita delle mani e dei piedi. Il sintomo più frequente con artrosi è il dolore. Non ci sono infatti, come sottolinea il dottor Rigoglioso, veri e propri campanelli d’allarme che facciano intuire il succedere dell’evento. Il dolore inoltre si


Ambulatorio Medicina dello Sport Responsabile del Servizio: dott. Giovanni Alberti Telefono:  091 8153149 info@giovannialberti.it Ecco tutte le informazioni per ottenere il certificato per attività: agonistica, non agonistica e per i concorsi A spiegare come ottenere i vari certificati è il dottor Giovanni Alberti, responsabile dell’ambulatorio di Medica dello Sport. Per l’ attività agonistica la visita va richiesta dalla società sportiva affiliata al Coni o agli Enti di Promozione Sportiva. È prevista anche l’autocertificazione per certificati inerenti concorsi nelle Forze Armate o similari (es. Vigili del Fuoco). La società in questo caso attesterà il tipo di certificato richiesto in modo che gli utenti, che rientrano nelle fasce d'età minime per l'attività agonistica delle singole discipline sino ai 18 anni, rientrino nei LEA e pertanto siano esentati dal pagamento ticket. Per i maggiorenni che svolgono attività agonistica il ticket previsto è di 45,76 euro mentre per tutti i certificati per attività non agonistica il ticket è di 20,34 euro, tranne su richiesta Scuola. Il certificato per attività agonistica prevede 2 tabelle: A e B. Il Tipo A riguarda sport a minor impegno cardiocircolatorio come bocce, scacchi, automobilismo ecc. e prevede: esame della vista, un ECG di base ed un esame d'urine oltre al calcolo IRI. Il Tipo B per sport a maggior impegno cardiovascolare come calcio, pallavolo, basket ecc e prevede, oltre ai già citati esami della tabella A,

anche una spirometria ed un ECG dopo step-test. In ogni caso il medico certificatore, per motivato dubbio diagnostico, può richiedere esami supplementari di II livello con modalità proprie del SSN , ovvero soggetti a pagamento ticket o ad esenzione per reddito o patologia. Per attività non agonistica si intendono: gli alunni che svolgono attività fisico-sportive parascolastiche, organizzate cioè dalle scuole al di fuori dall'orario di lezione; coloro che fanno sport presso società affiliate alle Federazioni sportive nazionali e al Coni (ma che non siano considerati atleti agonisti); chi partecipa ai Giochi sportivi studenteschi nelle fasi precedenti a quella nazionale. Per ottenere il rilascio del certificato è necessaria l'anamnesi e l'esame obiettivo con misurazione della pressione e di un elettrocardiogramma a riposo effettuato almeno una volta nella vita, a livello ASP è previsto anche un esame d'urine e l’EGC viene ripetuto annualmente. Per chi ha superato i 60 anni di età associati ad altri fattori di rischio cardiovascolare, è necessario un elettrocardiogramma basale debitamente refertato annualmente. Il medico, inoltre, può prescrivere altri esami che ritiene necessari o il consulto di uno specialista.



Riepilogo Orari Medici Specialisti Ambulatoriali Branca

Specialisti

Lunedì

4 U.O.S. Assistenza Specialistica Ambulatoriale Interna Esterna

Zambito Marcello

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

8.00 – 13.00

ALLERGOLOGIA Zambito Marcello Amb. Cerda

ANGIOLOGIA

AUDIOLOGIA

8.00 – 13.00

Scrivano Vincenzo (quindicinale)

14.30 – 19.00

Lipani Maria Teresa

14.00 – 18.00

Chimento Manuela Vinciguerra Ernesto

8.00 – 11.00 8.30 – 14.00 8.30 – 13.30 14.30 – 18.00 14.00 – 17.30

Vinciguerra Ernesto Amb. Cerda

15.00 – 18.00 8.30 – 14.00 8.30 – 13.30

CARDIOLOGIA

DERMATOLOGIA

Di Maio Amb. Caltavuturo

8.00 – 14.00

Schirru Giuseppina Amb. Cerda

7.45 – 13.45

Gucciardino Calogero Vitellaro Maria Rosaria

DIABETOLOGIA

7.45 – 12.45

7.45 – 12.45

Alletto Giuseppe

Vitellaro Maria Rosaria Amb. Caltavuturo

7.45 – 13.45 14.15 – 17.15

7.45 – 12.45

14.30 – 17.30 14.30 – 17.30 8.30 – 13.30

8.00 – 12.00

Mazzola Provvidenza Amb. Cerda

DIABETOLOGIA

Mangione Amb. Cerda

8.30 – 12.30 8.30 – 13.30 8.00 – 13.00

Vallone Angela

ENDOCRINOLOGIA Meli Giuseppa O. Amb. Cerda

[30

8.00 – 13.00 14.00 – 18.00

8.00 – 13.00


DISTRETTO N.37 TERMINI IMERESE Specialisti

ENDOCRINOLOGIA

Schembri Angela Amb. Caltavuturo

GERIATRIA

Durante Marco

MEDICINA INTERNA

Vitale Rosa Bruna

MEDICINA DELLO SPORT

Alberti Giovanni

NEFROLOGIA

Crisci Gaetano

NEUROLOGIA OCULISTICA

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

9.00 – 15.00

14.00 – 18.00

7.45 – 14.00

7.45 – 14.00

7.45 – 14.00 7.45 – 14.00 14.30 – 17.30 15.00 – 18.00

8.30 – 12.30

Russo Diega

7.45 – 14.15

7.45 – 14.15 14.45 – 18.45 7.45 – 13.15 7.45 – 13.45 14.00 – 17.30

Cinnirella Giovanni

7.45 – 13.45

7.45 – 12.45 7.45 – 12.45

Rizzuto Rosa

8.00 – 13.00

8.00 – 13.00 8.00 – 13.00

8.00 – 13.00

ODONTOIATRIA Santomauro Aldo

ONCOLOGIA

7.45 – 12.45 8.00 – 12.00 8.00 – 14.00 14.30 – 16.30

Busuito Mario Rigoglioso Vincenzo

ORTOPEDIA

Rigoglioso Vincenzo Amb.Cerda

7.45 – 13.45 7.45 – 13.45 14.30 – 16.30

7.45 – 13.45

7.45 – 13.45

Solaro Renato Amb.Caltavuturo

8.30 – 13.30

OTORINO

Boccadutri Giovanni

REUMATOLOGIA

Longo Ennio

14.30 – 17.30 8.00 – 14.00

UROLOGIA

Cassata Giorgio

8.00 – 14.00 14.30 – 18.30

8.00 – 13.00 7.45 – 13.45

[31

4

I giorni e gli orari indicati nel prospetto potrebbero subire delle modifiche

7.45 – 13.45

U.O.S. Assistenza Specialistica Ambulatoriale Interna Esterna

Branca


U.O.S. SOCIO SANITARIA E UFFICIO PROTESI, PRESIDI, AUSILI Responsabile dott.ssa Giuseppina D’Asaro I servizi dell’ Unità Operativa Socio Sanitaria sono:

ADI ASSISTENzA DOMICILIARE INTEGRATA, “che si occupa- spiega D’Asaro- di fornire l’assistenza domiciliare a tutti coloro che non possono deambulare. L’assistenza avviene o su richiesta del medico curante oppure su segnalazione ospedaliera. Il servizio consiste in assistenza infermieristica e fisioterapica. Inoltre per i malati terminali si attiva la Samot o Samo”.  091 8153103 Ricevimento: Lunedì e Mercoledì 8 - 12. Mentre Giovedì 14,45 – 16,30

PROTESI, PRESIDI E AUSILI

5

L’ufficio si occupa di fornire le protesi, i presidi e gli ausili a tutte le persone disabili o a quanti ne hanno necessità, anche per un periodo limitato. Per ottenere il servizio è necessario presentare una richiesta. Via Ospedale Civico, 10 Telefono:  091 8153165 – 091 8153131 Ricevimento: Lunedì, Mercoledì e Venerdì dalle 8.30 alle ore 12.00 Martedì e Giovedì 15.00- 17.00

UVM UNITà VALUTATIVA MULTIDIMENSIONALE, si occupa della gestione dei disabili gravissimi e della formulazione PAI, Piani Assistenziali Individuali, ed è composta da vari medici specialisti, dirigenti medici e vario personale dell’Unità.

Cyberbullismo, cos’è e perché parlarne?

Per «cyberbullismo» si intende qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d'identita', alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni, realizzata per via telematica, nonche' la diffusione di contenuti on line aventi ad oggetto anche uno o piu' componenti della famiglia del minore il cui scopo intenzionale e predominante sia quello di isolare un minore o un gruppo di minori ponendo in atto un serio abuso, un attacco dannoso, o la loro messa in ridicolo”. È questa la definizione che la legge n. 71/2017 Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo, entrata in vigore lo scorso mese di giugno, dà del fenomeno. Il cyberbullismo o bullismo online è uno dei problemi sempre più diffusi , specie tra i preadolescenti e gli adolescenti, in quanto maggiori fruitori di social ma meno conoscitori delle regole che vigono nel web così come nella realtà. Il cyberbullismo è un reato e in quanto tale denunciabile e dal punto di vista civilistico, la responsabilità ricade in primo luogo sui genitori i quali rispondono a titolo di culpa in educando ex art. 2048 c.c. qualora non dimostrino di aver fornito al proprio figlio un’educazione appropriata. Il fenomeno, essendo sociale, col tempo si evolve e ogni giorno si assistono a “nuove sfumature” di un unico problema: sexting, sextortion ed altri ancora.

Da oggi, con la legge creata ad hoc, ciascun minore ultraquattordicenne, nonché ciascun genitore o soggetto esercente la responsabilità del minore può inoltrare al titolare del trattamento o al gestore del sito internet o del social media un’istanza per l’oscuramento, la rimozione o il blocco di qualsiasi altro dato personale del minore, diffuso nella rete internet , previa conservazione dei dati originali”. È importante dunque che anche i genitori si informino sul fenomeno e sull’uso che i propri figli fanno dello smartphone. Per farlo è importante stare al passo con i tempi, conoscere i social, le app e il linguaggio connesso, ma soprattutto dialogare con i figli. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito www.intreccio.eu

cyberbullismo violenza 2.0


CUP CENTRO UNICO DI PRENOTAZIONE

C

ome funzionano le prenotazioni? Attraverso il Cup Provinciale, Centro unico di prenotazione, è possibile prenotare le visite o riscuotere i ticket e i crediti, ad esempio per i controlli non effettuati oppure per le esenzione che non sarebbero dovute essere applicate. La richiesta del paziente riporta una priorità assegnata dal medico, in base alla patologia e all’urgenza. La priorità da assegnare è: urgente (entro 48 ore); breve (entro 30 giorni); differita (entro 60 giorni) e programmata (180 giorni).

La ricetta del medico di famiglia presto sarà sostituita con la ricetta dematerializzata

Cosa fare per prenotare o disdire una visita?

Come prenotare una visita Per prima cosa bisogna avere la richiesta del medico di medicina generale o del pediatra o di altro medico prescrittore, la tessera sanitaria (in alternativa il codice fiscale) e l'eventuale attestato di esenzione ticket. Per alcune branche specialistiche (odontoiatria, ostetricia e ginecologia, psichiatria, visus) è possibile l'accesso diretto, cioè senza la richiesta del medico di famiglia, sempre previa prenotazione. Tra i tanti modi, è possibile effettuare una prenotazione tramite WhatsApp al numero 3371456730. In questo caso basta inviare la fotografia della ricetta e si verrà contattati dall’operatore per concordare la data. In alternativa è possibile prenotare attraverso lo sportello online dell'Asp di Palermo - http://sportello.asppalermo.org - ed indicare nell'apposita sezione il numero di ricetta ed il tipo di prestazione richiesta. È possibile anche prenotare attraverso il Numero Verde: 800.098.739 - dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.30 - 13.30 e il Martedì e il Giovedì dalle 15.00 alle 17.00.

Come disdire una visita

[33

6

La disdetta deve essere effettuata almeno tre giorni lavorativi prima del giorno dell'appuntamento direttamente agli sportelli del CUP, cioè presso il Poliambulatorio, oppure al numero di FAX 091 7482016 o alla casella email: disdettacup@asppalermo.org.

Prenotazione Visite

I modi per poter prenotare una visita sono tanti. Ma attenzione, nel caso in cui non fosse possibile recarsi all'appuntamento fissato per una visita o per un esame, è necessario disdire la prenotazione almeno 3 giorni lavorativi prima ( a meno che non si tratti di una causa di forza maggiore improvvisa e in questo caso occorre giustificare l’assenza con certificato medico), pena una multa pari all’importo della prestazione, anche se si è esenti. Lo spirito è quello di scoraggiare il malcostume di prenotare una prestazione senza poi presentarsi, togliendo in tal modo spazio ad altri utenti e allungando le liste di attesa.


ATTENZIONE: FAX ed E-mail sono entrambi dedicati ESCLUSIVAMENTE alle disdette di prenotazioni già effettuate. Per disdire una prenotazione è necessario trasmettere la seguente documentazione: •foglio di promemoria prenotazione •ricetta del medico prescrittore con la richiesta della prestazione a suo tempo prenotata •copia del documento di riconoscimento in corso di validità dell'intestatario della ricetta •recapito telefonico •documentazione giustificativa (solo in caso di disdetta effettuata nei tre giorni lavorativi prima del giorno dell'appuntamento) I medici del Distretto 37 lanciano una raccomandazione a tutti i pazienti: “RISPETTATE GLI ORARI DEGLI APPUNTAMENTI” “Il problema – spiegano dal Poliamblatorio – è che molti utenti hanno la cattiva abitudine di arrivare in ritardo, facendo, in questo modo, slittare tutti gli altri appuntamenti. Ricordiamo infatti che i medici effettuano visite anche a domicilio, ad esempio elettrocardiogramma o visite neurologiche. Il ritardo, anche solo di 10 minuti, significa dunque stravolgere la giornata di tante persone”. Presso il Cup, Centro unico di prenotazione, è possibile prenotare anche alcune discipline intramurarie.

Cosa significa? Significa che i medici possono esercitare visite private al di fuori dell'orario di lavoro, all’interno della struttura sanitaria, dunque: Azienda Sanitaria Locale, Presidio Ospedaliero, Dipartimenti funzionali. Le prestazioni sono gestite da un tariffario specifico. Quest’esercizio della professione è denominato Attività Libero Professionale Intramoenia, abbreviato ALPI. Per maggiori informazioni e per sapere quali tra le discipline a disposizione presso l’Ospedale Cimino sono intramurarie è possibile rivolgersi al Cup.

Tessera Sanitaria

6

Prenotazione Visite

La Tessera sanitaria è valida per 5 anni e rappresenta un importante documento personale e sostituisce il tesserino plastificato del codice fiscale. Sulla tessera oltre al microchip, al nome e cognome e codice fiscale è indicata la data di scadenza. In caso di furto, smarrimento o deterioramento della Tessera Sanitaria è possibile richiedere il duplicato online, senza doversi recare all’ Asp di appartenenza o all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate. La tessera serve ad attestare il diritto all’assistenza sanitaria sul territorio nazionale e in tutti gli stati dell’Unione Europea, nonché in Norvegia, Islanda, Liechtestein e Svizzera e deve essere obbligatoriamente mostrata ogni qualvolta si debba accedere ai servizi sanitari. Per maggiori informazioni sull’utilizzo o per richiederne il duplicato è possibile collegarsi al sito www.sistemats.it

[34


SERVIZI PER LE TOSSICODIPENDENZE (SER.T), O SERVIZI PER LE DIPENDENZE PATOLOGICHE (SER.D) Unità Operativa SER.T o SER.D Via Ospedale Civico, 10 Telefono:  091 8153105 - 091 8153191 - 091 8153192 - 091 8153193 Ricevimento: da lunedì a venerdì dalle ore 8:15 alle 13:30 martedì e giovedì dalle 15:00 alle 17:30 Responsabile del Servizio : Dottor Giuseppe Passalacqua

per l’età e il paese. La struttura, infatti, abbraccia i comuni di: Aliminusa, Caccamo, Caltavuturo, Cerda, Montemaggiore Belsito Sciara, Scillato, Sclafani Bagni, Petralia Sottana, Petralia Soprana, Castellana Sicula, Geraci, Gangi, Blufi, Alimena, Bompietro, Polizzi Generosa”. “Ritengo, ad ogni modo, che c’è ancora un forte sommerso della popolazione che malgrado i disturbi non si è ancora rivolta al servizio. Purtroppo la dipendenza da sostanze è legata ancora ad alcuni stereotipi datati, come ad esempio al buco nel braccio per chi fa uso di droga per endovena. Oggi si preferisce fumare, inalare o sniffare le sostanze, e queste modalità fanno si che il soggetto non si percepisca come tossico dipendente”. “Ricordiamo - conclude il medico- che per poter usufruire del servizio, assolutamente gratis non è necessario alcuna prescrizione medica, non bisogn pagare alcun ticket e l’utente ha diritto all'anonimato”.

AREA DIPARTIMENTALE

Spesso, in giovane età, si cominciano ad assumere sostanze stupefanti per gioco o per far parte di un gruppo o anche per un disagio che non viene espresso. Succede però il gioco sfugge di mano e l’assunzione diventa una vera dipendenza”. A spiegare le dinamiche sociali e qual è l’attività che ogni giorno il Ser.t di Termini Imerese svolge è il dottor Giuseppe Passalacqua, responsabile del servizio, che continua:”La maggior parte dei nostri utenti si rivolge a noi per smettere con l’utilizzo di sostanze stupefacenti, seguita poi da quanti fanno uso di sostanze alcoliche. Ci sono anche coloro che decidono di rivolgersi al Ser.t perché soffrono di disturbi dell’alimentazione oppure di dipendenza da web. Ma l’utenza – afferma Passalacqua non è variegata soltanto per le prestazioni richieste ma anche

•INFORMAZIONI Il Ser.t svolge anche interventi di informazione, prevenzione e promozione della salute salute in collaborazione con Enti, Scuole e agenzie sociali sia pubbliche che private. Le prestazioni specialistiche fornite dal Ser.T sono: Visite mediche; Diagnosi; Esami ematochimici; Test epatiti e HIV; Trattamenti farmacologici; Colloqui sociali; Sostegno educativo; Counselling; Supporto psicologico; Psicoterapie individuali e familiari; Gruppi di auto aiuto;Inserimento in comunità terapeutica; Orientamento professionale (intenso come reinserimento del soggetto nella società); collabora con altri enti nel progettare percorsi di inserimento lavorativo e programmi terapeutici su invio della Prefettura.

[35

7

L'operatività del Ser.T – si legge sul sito dell’Asp- è ispirata al principio della "centralità della persona" e delle sue specifiche esigenze. È un servizio a carattere interdisciplinare nel quale lavorano medici, infermieri, psicologi, pedagogisti, assistenti sociali, educatori che danno aiuto alla persone e alla sua famiglia. L'obiettivo è il conseguimento del benessere psicofisico e dell'integrazione sociale. La persona con problemi di dipendenza può anche concordare con il Ser.T l'inserimento in Comunità Terapeutiche. Per gli Enti Ausiliari convenzionati la retta è a carico della AUSL. Il Sert svolge interventi di informazione, prevenzione e promozione della


ADV Lime Edizioni srl ADV Lime Edizioni srl


Psicoterapeuta Ser.T Unità Operativa SER.T o SER.D Via Ospedale Civico, 10 Telefono:  091 8153105 - 091 8153191 - 091 8153192 - 091 8153193 Ricevimento: da lunedì a venerdì dalle ore 8:15 alle 13:30 martedì e giovedì dalle 15:00 alle 17:30 Specialista: Dottoressa Nadia Barbagallo

A Termini il Cic è attivo in quattro istituti superiori, una volta a settimana per ogni istituto, durante le ore scolastiche per permettere agli studenti di servirsi dello sportello in totale libertà, dando in questo modo l’opportunità di usufruirne anche ai pendolari, e in maniera del tutto riservata. “Il Cic rappresenta uno spazio “neutro” dove gli alunni non vengono giudicati e il contenuto del colloquio è garantito dal segreto professionale” afferma Barbagallo. “ lo scopo, sostiene la dottoressa, è innanzitutto quello di ascoltare i ragazzi, aiutandoli a superare i loro disagi e a trovare insieme a loro delle strategie condivise”. A chiedere aiuto, sempre secondo l’esperienza di Barbagallo, sono soprattutto le ragazze. Si riscontra invece nei ragazzi una certa ritrosia a parlare di se stessi. Infine la dottoressa lancia un invito: “Il CIC è aperto anche ai genitori, alcune mamme sono già venute, ma dove sono i papà?

AREA DIPARTIMENTALE

Agli adolescenti bisogna fornire gli strumenti per affrontare le ansie e conflitti della loro età. Gli adulti hanno il dovere di ascoltarli . Nelle famiglie quello che a volte manca è l’ascolto profondo sintonizzato sulla relazione”. A fare un quadro di quelli che sono i disagi giovanili e la psicoterapeuta del Ser.T. del distretto 37 Termini Imerese, Nadia Barbagallo, che aggiunge: “È scoraggiante vedere come alcuni adolescenti si avvicinino alle sostanze stupefacenti pensando di poterle gestire. I genitori a volte non mettono in atto i comportamenti di protezione, a causa di uno sguardo poco attento”. La dottoressa si occupa in prima linea, già dal 2004, di portare avanti lo sportello d’ascolto nelle scuole superiori, denominato Cic, centro di informazione e consulenza, in linea con la legge n.162 del 26 giugno 1990.

•INFORMAZIONI Quali sono, oggi, le dipendenze giovanili? “Sono in aumento le dipendente senza sostanza, con quali intendiamo indicare il gioco d’azzardo, la dipendenza da Internet, la dipendenza da cellulare, mentre la guardia deve essere sempre alta per le dipendenze da sostanze, e cioè le droghe, alcol e le dipendenze alimentari, anoressia e bulimia. Purtroppo nei giovanissimi si riscontra un abuso di alcol, soprattutto nei fine settimana. Questo consumo di alcol si comincia a riscontrare già in ragazzi dai 13 ai 14 anni. Anoressia e bulimia si riscontrano soprattutto in molte ragazze dai 15 ai 30 anni.”

In Italia, secondo i dati Sdo, ne soffrono più di tre milioni e mezzo di persone, con 8.500 nuovi casi all’anno. Soltanto il 10 per cento sono maschi. Nel 2016 l’anoressia ha fatto 3240 vittime. Il numero comprende tanti casi di bulimia, il 50 per cento dei pazienti spesso soffre di entrambi i disturbi. Come accorgersi se il proprio/a figlio/a soffre di un disturbo alimentare? “Bisogna osservare tanto i propri figli. In genere tendono ad isolarsi, a fare tantissima palestra. I segnali sono tanti e per questo bisogna ascoltarli e rivolgersi subito ad un esperto”.

7

[37


OSPEDALE SAlvatore CIMINO

L

’Ospedale Salvatore Ciminio, si trova nell’omonima via al civico 10 e agisce in integrazione con i servizi del Poliambulatorio del Distretto 37 di Termini Imerese. Il nosocomio racchiude all’interno 12 reparti con diversi ambulatori, oltre ai servizi di Pronto Soccorso e, al piano sotto terra, anagrafe canina e obitorio. Ultimamente l’ospedale, costruito all’incirca nella metà degli anni ’80, è stato in gran parte ristrutturato e sono già in previsione i lavori per l’avvio dei cantieri dei reparti di: otorinolaringoiatra, chirurgia generale e sala operatoria. Intanto ortopedia, pedia-

tria, ostetricia e ginecologia e pronto soccorso sono stati interamente rinnovati, non solo negli arredi, e riqualificati, secondo i più moderni standard sanitari e tecnologi. Nella nuova sala dell’Area di Emergenza e Urgenza dell'Ospedale Cimino sono stati installati alcuni monitor alle pareti che indicano le priorità di ingresso in base ai codici assegnati al paziente, televisori collegati a programmi di informazione e distributori di acqua gratuiti per pazienti e familiari. Le sale visita inoltre sono distinte per codici di accesso.

Ufficio Relazioni con il Pubblico Ospedale S. Cimino: Via S. Cimino, 2  091 8151353 e-mail: urp@asppalermo.org FAX: 091 7482071 Ricevimento: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 08,30 alle ore 13,00

8

L’OSPEDALE

Martedì e Giovedì dalle ore 14,30 alle ore 17,15

Centralino 

091 8151111- 8145455

Direzione Sanitaria 

091 8151318 - 091 8151315

Accettazione  091 8151355 Ricevimento: da Lunedì a Venerdì 8.00-14.00

Pronto soccorso 

[38

091 8151312/3


Punto di Primi Intervento (PPI) per urgenze di basso e medio livello Il Punto di Primo Intervento è una struttura che serve a fronteggiare e stabilizzare, in modo temporaneo, le emergenze di minore criticità degli utenti. Il Ppi funziona nei giorni feriali dalle 8.00 alle 20.00 e nei prefestivi dalle 8.00 alle 10.00 secondo le esigenze locali e dispongono di competenze cliniche e strumentali. I punti di primo intervento permettono di razionalizzare gli accessi al pronto soccorso. Via S. Cimino, 2  091 8153138 Ricevimento: tutti i giorni 8.00-20.00

Punto di Primo Intervento Pediatrico (PPIP) per urgenze di basso e medio livello Via S. Cimino, 2 Ricevimento: aperto tutti i giorni prefestivi e festivi dalle ore 10.00 alle ore 20.00

Rilascio Cartelle Cliniche La cartella clinica è costituita da una serie di documenti che registrano un insieme di informazioni, comprendenti dati anagrafici, sociali e sanitari, e ha lo scopo di tracciare il percorso diagnostico – terapeutico del paziente. Può richiedere la cartella clinica il diretto interessato compilando un modulo insieme alla copia del documento di identità oppure attraverso il delegato. Per quanto riguarda ad esempio soggetti minori oppure pazienti incapaci di intendere e volere o analfabeti è prevista una modulistica specifica, scaricabile dal sito www.asppalermo.org.  091 8151355 Ricevimento: da Lunedì a Venerdì 8.30-12.00

U.O. Farmacia All’interno dell’ospedale Cimino si trova la farmacia territoriale e quella ospedaliera. La prima si occupa di erogare alcuni tipi di farmaci o/e di dispositivi medici ai pazienti presenti nel territorio della Asl e non solo. La farmacia ospedaliera invece si occupa di fornire ai pazienti dimessi dall’ospedale i farmaci appartenenti alla Fascia A per i successivi 30 giorni. Via S. Cimino,2  091 8151310 - Fax 091 8151311 Ricevimento: Lunedì, Martedì, Giovedì dalle 8.30 alle 13.00 Martedì 15:00-17:00


REPARTI

I

diversi reparti dell’ospedale Salvatore Cimino sono distribuiti nei cinque piani dell’edificio. All’interno è presente anche il punto nascite dove tra l’altro la partoriente può scegliere di eseguire il travaglio in acqua oppure la partoanalgesia, che grazie ad una serie di tecniche, che sfruttano l’effetto specifico di alcuni farmaci, il dolore del parto è ridotto fino a diventare sopportabile. Fiore all’occhiello del nosocomio sono i reparti di ortopedia e ginecologia e ostetricia, interamente ristrutturati, con zone comfort appositamente studiate, non solo per pazienti ma anche per i familiari come, ad esempio, le aree relax oppure le cucine con frigo, piano cottura, lavastoviglie ed altro ancora. Il reparto di ostetricia e ginecologia, dove si trova anche pediatria, è stato colorato con murales ed è stata realizzata un’area gioco, dove i piccoli pazienti possono ritrovarsi anche per studiare. Inoltre i bambini ricoverati possono richiedere il

Reparto

L’OSPEDALE

L’ospedale in più è dotato di una sala convegni, dove gli stessi medici specialisti organizzano alcuni corsi anche rivolti alla cittadinanza, ad esempio il corso preparto per le future mamme, oppure degli eventi di più ampio respiro, che coinvolgono cittadini ed istituzioni interessati alla tematica trattata. Dalle finestre di molte stanze inoltre è possibile ammirare il mare. L’edificio è dotato anche di balconi. La struttura ospedaliera, all’esterno è circondata di verde, e sul viale per accedere al nosocomio sono state installate delle panchine per godere nei giorni di sole di un po’ di relax, quel tanto che a volte può servire ad un paziente per distrarsi.

Ambulatorio

PIANO

Anestesia Cardiologia

Terapia del dolore Ecocolordoppler Holter Test Ergometrico Visita e Ecg (Elettrocardiogramma) Ecocolordoppler dei tronchi sovraortici

piano primo piano quarto

Chirurgia Generale

Chirurgia, visite

piano secondo

Audiologia

Audiologia

piano terra

Pnemologia

Ambulatorio per disturbi respiratori del sonno Pnemologia Bpco Endoscopia della medicina Holter pressorio Medicina Interna visite Ortopedia

piano terra

Ostetricia e Ginecologia

Chirurgia ambulatoriale Colposcopia Isteroscopia

piano quinto

Otorinolangoiatra

Otorino

piano secondo

Pediatria Radiologia

Pediatria Ecografie

piano quinto piano terra

Medicina Generale

8

computer, messo a disposizione dalla struttura ospedaliera. L’ospedale di Termini Imerese è rinomato per la chirurgia della colonna vertebrale e per altre pratiche eseguite dagli specialisti che vi lavorano.

Ortopedia

Radiologia - Rx Tac

[40

piano quarto

piano terzo


02 OTORINO Il reparto di otorinolaringoiatra, dove si trova anche audiologia, è in lista per essere ristrutturato secondo gli standard dei reparti già rinnovati. Ciò nonostante l’unità ospedaliera si presenta confortevole, con delle poltrone sparse lungo il corridoio per i parenti dei pazienti.

03 ORTOPEDIA Prese per il computer, televisore in ogni stanza e collegamento wifi. Sono questi alcuni comfort (oltre a quelli già elencati) messi a disposizione dei pazienti ricoverati nel reparto di ortopedia dell’Ospedale Cimino, al terzo piano della struttura.

05 OSTETRICIA

05 PEDIATRIA Una volta entrati all’interno del reparto di pediatria sembra di trovarsi in una ludoteca. Pareti dipinte con colori vivaci, in una stampa ad esempio c’è anche un murales che raffigura della famiglia Simpson, giochini che scendono dal soffitto e una sala piena di giochi a disposizione dei piccoli pazienti.

8

[41

L’OSPEDALE

Nella prima foto – In sala parto una vasca da bagno, dotata di scalini, per le partorienti che vogliono portare avanti il travaglio in acqua. Nella seconda foto – Altra sala parto, dotata di defibrillatore e tutti gli strumenti utili per intervenire tempestivamente in caso di emergenza. In questa stanza inoltre la partoriente può decidere di effettuare il travaglio sotto la doccia. Entrambe le sale sono dotate di grandi finestre da dove entra tanta luce naturale, di pareti colorate con toni tenui e di quadri che raffigurano elementi della natura, ad esempio l’acqua o dei fiori. Nella stessa sezione del reparto di ostetricia, prima di entrare nella porta di accesso alle sale parto, c’è la sezione dedicata agli interventi di ginecologia.


ADV Lime Edizioni srl


Audiologia e Otorinolaringoiatria Via Ospedale Civico, 10 Telefono:  091 8153343

Specialista e responsabile di reparto: Dott. Cataldo Pellegrino

A

microchirurgia dell’orecchio, su perforazione timpaniche, c’è anche quella di audiologia, cioè uno studio sulla capacità uditiva, effettuata da un tecnico all’interno del nostro reparto”. Il vanto del reparto è inoltre “quella di far parte del programma screening audiologico neonatale, che permette – dichiara il medico- sin da subito di fare una diagnosi sulla prima infanzia e di provvedere alla cura o al bisogno del piccolo paziente. Questo permette di migliorare la diagnostica e di non arrivare alla conseguenza del mutismo del bambino o della bambina”. Quale sono le fasce d’età più soggette ad avere problemi di udito? “Sicuramente – sostiene Pellegrino – per un fatto fisiologico le persone oltre i 60 anni. Fino a qualche tempo fa inoltre c’erano delle categorie lavorative sottoposte ad uno stress uditivo importante, tale da riportare dei problemi. Ma fortunatamente adesso sono stati presi degli accorgimenti, ad esempio facendo indossare le cuffie, e questo tipo di problema è diminuito”.

Specialista Ospedaliero

ll’interno dell’ospedale Cimino si trova il reparto di otorinolangoiatra e audiologia con a capo il dottor Cataldo Pellegrino. Il servizio è a disposizione sia degli utenti esterni che dei pazienti ricoverati all’interno del nosocomio e quest’anno ha effettuato oltre nove mila prestazioni e 450 ricoveri. Di cosa si occupa esattamente l'otorinolaringoiatra? A rispondere è Pellegrino che spiega “L’otorinolaringoiatra è un medico chirurgo specializzato nella diagnosi e nella cura delle malattie o dei disturbi che interessano le orecchie, le cavità nasali, la gola ma anche i punti collegamenti a livello di faccia e collo”. l nome “otorinolaringoiatra” deriva infatti da una serie di parole di origine greca: oto - orecchio, rino -naso, laringo –laringe ed infine iatra- medico. ” Tra le tante attività di chirurgia che svolgiamo, ad esempio, del setto nasale– afferma Pellegrino – o la

•INFORMAZIONI “L’udito - si legge sul sito del ministero della Salute- è uno dei preziosi cinque sensi e influisce sullo sviluppo educativo, professionale e sociale delle persone. Milioni di adolescenti e giovani adulti corrono il rischio di andare incontro a perdita uditiva a causa di un uso improprio dei dispositivi di riproduzione audio, come smartphones e lettori MP3, e all’esposizione a livelli sonori nocivi nei luoghi di intrattenimento quali locali notturni, discoteche, bar, pub ed eventi sportivi. La tendenza sempre più diffusa di ascoltare musica ad alto volume e per periodi prolungati pone a rischio il nostro udito”. “Per sensibilizzare su rischi e prevenzione il 3 marzo l'Organizzazione Mondiale della Sanità celebra il World Hearing Day”. Tante le iniziative ogni anno anche in Italia.

Ecco i consigli del ministero della Salute Consulta il tuo medico curante ed eventualmente lo specialista in caso di: •acufene (percezione di un suono in assenza di un’origine esterna) o di difficoltà nel sentire i suoni ad alta frequenza come campanelli, telefoni, sveglie e altro •difficoltà nel comprendere le conversazioni, specialmente al telefono •difficoltà nel seguire le conversazioni in ambienti rumorosi, come ristoranti e luoghi di aggregazione sociale. Inoltre, fai controlli dell'udito periodici. Bisogna consultare il medico per programmare i controlli dell’udito anche per identificare l’insorgere di una perdita uditiva fin dallo stadio iniziale.

8

[ 43


Anagrafe canina fonte www.anagrafecaninapalermo.it/home.php

U.O. di Termini Imerese Referente Area C: Dr. Passafiume Giuseppe Via S. Cimino  091 8151410

L

a Regione Siciliana, con la L.R. 15/2000 – si legge nel sito- ha istituito l’anagrafe canina cui devono essere iscritti tutti i cani presenti nell’ambito territoriale della Regione Sicilia. I cittadini sono obbligati a registrare all'anagrafe i cani di cui siano proprietari o detentori, a qualsiasi titolo, entro sessanta giorni dalla nascita degli animali. L’anagrafe canina si trova nel piano sotto terra dell’ospedale Cimino. Le operazioni di impianto del microchip e di compilazione della scheda anagrafica sono effettuate gratuitamente dal personale medico nei locali del Dipartimento di Prevenzione Veterinario dell'Asp di Palermo. Sono a carico del proprietario nel caso in cui siano effettuate dai medici veterinari libero professionisti appositamente autorizzati. I proprietari o i detentori di cani iscritti all'anagrafe devono segnalare al Dipartimento di Prevenzione Veterinaria: la cessione a qualsiasi titolo dell'animale o il cambio della propria residenza entro trenta giorni dall’evento la morte dell'animale o la sua scomparsa entro sette giorni. La denuncia di morte dell'animale iscritto all'anagrafe, effettuata dal proprietario o dal detentore ai fini della cancellazione dall'anagrafe, deve essere corredata di apposita certificazione rilasciata da un medico veterinario. Molteplici sono i vantaggi derivanti dall'adesione a questo sistema di registrazione dei cani:

•immediata identificazione del padrone o del detentore di un animale smarrito; •deterrente ai furti: un animale sempre identificabile non può essere rivenduto; •inibizione degli abbandoni, in quanto il cane porta per sempre in sé il nome del proprietario che, in caso di abbandono o incuria andrebbe incontro a pesanti sanzioni. Per maggiori informazioni è possibile collegarsi al sito www.anagrafecaninapalermo.it Tra i ruoli del Dipartimento Sanitario, Prevenzione Veterinario, inoltre c’è anche la lotta al randagismo e il controllo della popolazione canina.

Cos’è il microchip? Il microchip è un piccolo dispositivo elettronico innocuo, di forma cilindrica di 11 millimetri di lunghezza e 2 millimetri di diametro, rivestito di materiale biocompatibile, che viene iniettato nel sottocute della porzione media sinistra del collo, dietro l’orecchio sinistro del cane con una speciale siringa sterile monouso che al suo interno contiene un codice numerico. Il microchip non ha carica, il circuito è infatti attivato dal campo elettrico del lettore che è in grado di rilevare il numero al suo interno che risulta inalterabile. La superficie esterna della capsula è trattata con microsolchi per facilitare l'ancoraggio nei tessuti sottocutanei ed impedirne la migrazione. Il codice assegnato è conforme alla normativa internazionale, il che ne garantisce la leggibilità e la unicità del numero in tutto il mondo. Il numero ivi riportato infatti è costituito di 15 caratteri di cui i primi 3 indicano il paese di riferimento, i secondi 4 indicano il produttore, e gli ultimi 8 sono un numero diverso da un microchip all’altro ed irripetibile tra di loro; inoltre tali codici per motivi tecnici, non vengono forniti in serie e quindi si presentano all’utilizzo in ordine completamente casuale. Il microchip impiantato accompagnerà il cane per tutta la vita.


SERVIZI INTERDISTRETTUALI Tra le attività svolte dai diversi Distretti appartenenti all’Asp di Palermo alcune sono definite “interdistrettuali”, cioè servizi uguali per tutti i distretti. Fonte: www.asppalermo.org C/da Pietra Pollastra Cefalù c/o P.O. Nuovo

0921-920226

Martedì e Giovedì 8:00-14:00, Mercoledì 8:30-13:30

Ambulatorio Prevenzione Talassemia

Via de Gasperi, 43 S.Flavia-Porticello

Tel/Fax: 091-991363

Lunedì e Giovedì 15:00-17:30 o previo appuntamento

Ufficio Interdistrettuale per l'Assistenza Sanitaria diretta e indiretta in Italia e all'Estero

Via Lancia di Brolo, 10/bis PA 091-7035422 c/o P.O. Aiuto Materno

da Lunedì a Venerdì 9.00-12.00

Servizio Accoglienza per Cittadini Extracomunitari

Via Lancia di Brolo, 10/bis PA 091-7035465 fax 091 7035468 c/o P.O. Aiuto Materno

Lunedì 8.00-16.00 Mercoledì, Giovedì e Venerdì 8.30-13.00 Martedì e Giovedì 15.30-18.00 da Lunedì a Venerdì 9:00-13:00, Martedì e Giovedì 15.00-17.00

Via Pindemonte,88 PA CEDOC studi - Centro Studi e Presso U.O.C. Dipendenze Documentazione su dipendenze, salute mentale e disagio giovanile patologiche

091-7033132 091 7033956 fax 091 7033164

Ambulatorio EMERGENCY (in collaborazione con l'ASP di Palermo)

via G. La Loggia, 5 Palermo

091-6529498

Centro di Salute Immigrati e Nomadi

Via Massimo D'Azeglio, 6/A Palermo

091-7032379

Martedì, Mercoledì, Venerdì 8:30-12:30, Giovedì 15:30-17:30

Centro di Psicoterapia dell'Età Pediatrica

Via Lancia di Brolo, 10/bis PA 091-7035444 091-7035554 c/o P.O. Aiuto Materno

Centro di Psicologia per la Cura dei Legami Familiari

via Papa Sergio I n.5 c/o ex Ospedale "E.Albanese"

da Lunedì a Venerdì 9:00-13:00, Martedì e Giovedì 16.00-18.00

Centro Aziendale di profilassi internazionale del viaggiatore

Via C, Onorato, 6 Palermo

091-7033536

Per appuntamento da Lunedì a Venerdì 9.00-12.30, Martedì e Giovedì 15.30-17.30

Ambulatorio per il gioco d'azzardo patologico - GAP

Via Antonello da Messina, 4 Palermo

091-7036808

Martedì e Venerdì 8:30-12:30

Centro antimobbing

Via Roma 519 Palermo

091-7032253

Telefono Donna contro la violenza, Via Roma 519 Palermo il maltrattamento e l'abuso 800397363 Via C.lo Onorato, 6 Palermo

091-7033522

da Lunedì a Venerdì 9:30-12:30, Martedì e Giovedì 15:30-17:30

9

Formazione e integrazione scolastica dei soggetti disabili adulti

800397363

SERVIZI INTERDISTRETTUALI

Centro per la Prevenzione e Cura dell'Obesità, Servizio di Medicina dello Sport e Scienza dell'Alimentazione


Centro di Psicologia per la Cura dei Legami Familiari fonte: www.asppalermo.org

Psicologia per la cura della fragilità genitoriale e dei traumi da abuso e maltrattamento Responsabile Dott. Massimo Santoro Palermo presso l'ex Ospedale "Albanese", in via Papa Sergio I n.5. Il Centro è contattabile attraverso la e-mail: uofg@asppalermo.org

I

l Centro di Psicologia per la Cura dei Legami Familiari, è tra i servizi definiti “interdistrettuali” e costituisce una risorsa – si legge sul sito dell’Azienda- istituita dall'Asp di Palermo per promuovere le iniziative più idonee nell'ambito della prevenzione e della cura del maltrattamento psicologico nei confronti di minori coinvolti in fenomeni disfunzionali che attraversano le loro famiglie in relazione a separazioni caratterizzate da un alto livello di conflitto, mettendo a rischio il loro armonico sviluppo psichico. Se la conflittualità a seguito di tali eventi appare fisiologica ed è gestita da numerosi strumenti che la società ha messo in campo (giudici, avvocati, CTU, mediatori familiari, consulenti familiari...), in alcune situazioni questa si cronicizza, determinando un livello di alta distruttività che si riverbera in modo drammatico sullo sviluppo delle nuove generazioni.

[46

L'attività del Centro, avviata dal 2003 in via sperimentale, è stata stabilizzata ed implementata dall'Asp nel 2008 rispondendo ad una specifica richiesta del Tribunale per i Minorenni. Il Centro, opera per ridurre i rischi evolutivi conseguenti agli aspetti disfunzionali specifici • valutando, su richiesta del Tribunale per i Minorenni e/o del Tribunale Civile, i funzionamenti familiari, di coppia, individuali (sia per gli adulti che per i minori); • proponendo e realizzando i progetti di intervento più idonei per garantire lo sviluppo dei minori nel rispetto e nella cura dei loro legami affettivi; • sostenendo i minori attraverso interventi individuali e/o di gruppo • coinvolgendo i genitori in interventi volti a rafforzare le capacità genitoriali; • sviluppando le collaborazioni necessarie con le Istituzioni operanti nell'area, al fine di concordare e condividere le procedure per la Cura dei Legami Familiari nelle situazioni già compromesse. Il Centro opera attraverso una equipe di psicologi che interviene sulle diverse componenti del sistema familiare, minori e genitori, con la possibilità di coinvolgere le famiglie d'origine, per far emergere risorse utili a sostenere i minori e rafforzare le capacità genitoriali, ove possibile.


L'intervento del Centro si sviluppa quindi su diversi livelli: • livello individuale; • livello relazionale; • sostegno psicologico e psicoterapico ai minori; • livello familiare allargato (famiglie d'origine); • livello della percorso giudiziario (analisi e gestione delle refluenze relazionali dei passaggi giudiziari sul conflitto in atto);

Al fine di ampliare la consapevolezza dei rischi per lo sviluppo psicologico di minori coinvolti in contesti familiari disfunzionali conseguenti alle separazioni, il Centro è disponibile a sviluppare interventi formativi e/o informativi sui temi specifici della cura delle relazioni affettive dei minori coinvolti nelle separazioni, in collaborazione con Istituzioni ed associazioni.

Telefono Donna, un Numero Verde per chiedere aiuto anche da anonimo

U

e Associazioni impegnate nella stessa area d’intervento; •Promuovere momenti di sensibilizzazione sui temi della violenza e del maltrattamento per gli Operatori Aziendali. A Termini Imerese inoltre, come segnala il sito del ministero della Salute, è possibile rivolgersi anche al: Consultorio Familiare in Via del Progresso, 6 oppure chiamare al numero 091 8153119.

SERVIZI INTERDISTRETTUALI

no dei servizi messi a disposizione dall’Azienda Sanitaria Provinciale è il Telefono Donna, contro la violenza, il maltrattamento e l'abuso. Tutte le donne coinvolte in episodi di violenza possono rivolgersi agli specialisti attraverso il numero verde 800.39.73.63 e anche in anonimato essere ascoltate da assistenti sociali e psicologi, che le aiuteranno a individuare una via d'uscita. Le attività segnalate da Telefono Donna sono: •Fornire ascolto e sostegno a prime richieste di aiuto; •Sostenere la donna nel processo di ridefinizione del problema; •Restituire a chi telefona informazioni e riferimenti nuovi per iniziare un percorso di cambiamento; •Contattare i Servizi Sociali e Sanitari del territorio per offrire un "invio protetto"; •Creare collegamenti con Servizi Territoriali

“I consultori, istituiti dalla Legge 29 luglio 1975, n. 405, sono servizi sociosanitari integrati di base, con competenze multidisciplinari. Costituiscono un importante strumento per attuare gli interventi previsti a tutela della salute della donna, più globalmente intesa e considerata nell’arco dell’intera vita, a tutela della salute dell’età evolutiva e dell’adolescenza e delle relazioni di coppia e familiari”.

9

[47


10

DIRITTI E DOVERI

Carta dei diritti del malato Diritti

Doveri

Art. 1 - Il paziente ha diritto di essere assistito e curato con premura ed attenzione, nel rispetto della dignità umana e delle proprie convinzioni filosofiche e religiose. Art. 2 - In particolare, durante la degenza ospedaliera ha diritto ad essere sempre individuato con il proprio nome e cognome anziché secondo una prassi che non deve essere più tollerata, col numero o col nome della propria malattia. Ha, altresì, diritto di essere interpellato con la particella pronominale “Lei”. Art. 3 - Il paziente ha diritto di ottenere dalla struttura sanitaria informazioni relative alle prestazioni dalla stessa erogate, alle modalità di accesso ed alle relative competenze. Lo stesso ha il diritto di poter identificare immediatamente le persone che lo hanno in cura. Art. 4 - Il paziente ha diritto di ottenere dal sanitario che lo cura informazioni complete e comprensibili in merito alla diagnosi della malattia, alla terapia proposta e alla relativa prognosi. Il paziente ha diritto di stabilire quali informazioni relative alle cure debbano essere fornite ai familiari o ad altre persone e in quali circostanze. Art. 5 - In particolare, salvo i casi di urgenza nei quali il ritardo possa comportare pericolo per la salute, il paziente ha diritto di ricevere le notizie che gli permettano di esprimere un consenso effettivamente informato prima di essere sottoposto a terapie od interventi; le informazioni debbono concernere anche i possibili rischi o disagi conseguenti al trattamento. Art. 6 - Il paziente ha, altresì, diritto di essere informato sulla possibilità di indagini e trattamenti alternativi, anche se eseguibili in altre strutture. Ove il paziente non sia in grado di determinarsi autonomamente le stesse informazioni dovranno essere fornite alle persone di cui all’articolo “4”. Art. 7 - L’articolato che segue costituisce espressione ed integrazione dei principi contenuti nei sottoindicati documenti, elaborati alla luce di norme di diritto internazionale: • “Carta dei diritti del paziente”, approvata nel 1973 dalla American Hospital Association; • “Carta dei diritti del malato”, adottata dalla CEE in Lussemburgo dal 6 al 9 maggio 1979; • “Carta dei 33 diritti del cittadino”, redatta nella prima sessione pubblica per i diritti del malato, in Roma il 29 giugno 1980; • Art. 25 della “Dichiarazione universale dei diritti dell’Uomo”Art. 11 e 13 della “Carta sociale europea 1961”; • Art. 12 della “Convenzione internazionale dell’ONU sui Diritti economici, sociali e culturali”, 1966; • Risoluzione n. 23 dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, 1970, che trovano piena corrispondenza nei principi della Carta Costituzionale (art.2-3-32). Il paziente ha diritto di ottenere che i dati relativi alla propria malattia ed ogni altra circostanza che lo riguardi, rimangano segreti. Art. 8 - Il paziente ha diritto di proporre reclami che debbono essere sollecitamente esaminati, ed essere tempestivamente informato sull’esito degli stessi. La diretta partecipazione all’adempimento di alcuni doveri è la base per usufruire pienamente dei propri diritti. L’impegno personale ai doveri è un rispetto verso la comunità sociale e i servizi sanitari usufruiti da tutti i cittadini. Ottemperare ad un dovere vuol dire anche migliorare la qualità delle prestazioni erogate da parte dei servizi sanitari della propria Azienda USL.

Il cittadino malato quando accede in una struttura sanitaria della USL è invitato ad avere un comportamento responsabile in ogni momento, nel rispetto e nella comprensione dei diritti degli altri malati, con la volontà di collaborare con il personale medico, infermieristico, tecnico e con la direzione della sede sanitaria in cui si trova. L’accesso in ospedale o in un’altra struttura sanitaria esprime da parte del cittadino-paziente un rapporto di fiducia e di rispetto verso il personale sanitario, presupposto indispensabile per l’impostazione di un corretto programma terapeutico e assistenziale. È un dovere di ogni paziente informare tempestivamente i sanitari sulla propria intenzione di rinunciare, secondo la propria volontà, a cure e prestazioni sanitarie programmate affinché possano essere evitati sprechi di tempi e risorse. Il cittadino è tenuto al rispetto degli ambienti, delle attrezzature e degli arredi che si trovano all’interno della struttura ospedaliera, ritenendo gli stessi patrimonio di tutti e quindi anche propri. Chiunque si trovi in una struttura sanitaria della USL (ospedale, poliambulatorio ecc..) è chiamato al rispetto degli orari delle visite stabiliti dalla Direzione Sanitaria, al fine di permettere lo svolgimento della normale attività assistenziale terapeutica e favorire la quiete e il riposo degli altri pazienti. Si ricorda inoltre che per motivi igienico sanitari e per il rispetto degli altri degenti presenti nella stanza ospedaliera è indispensabile evitare l’affollamento intorno al letto. Per motivi di sicurezza igienico-sanitari nei confronti dei bambini si sconsigliano le visite in ospedale dei minori di anni dodici. Situazioni eccezionali di particolare risvolto emotivo potranno essere prese in considerazione rivolgendosi al personale medico del reparto. In situazione di particolare necessità le visite al degente, al di fuori dell’orario prestabilito, dovranno essere autorizzate con permesso scritto rilasciato dal Primario o da persona da lui delegata. In tal caso il familiare autorizzato dovrà uniformarsi alle regole del reparto ed avere un rispetto consono all’ambiente ospedaliero, favorendo al contempo la massima collaborazione con gli operatori sanitari. Nella considerazione di essere parte di una comunità è opportuno evitare qualsiasi comportamento che possa creare situazioni di disturbo o di disagio agli altri degenti (rumori, luci accese, radioline con volume alto, ecc..). È dovere rispettare il riposo sia giornaliero che notturno degli altri degenti. Per coloro che desiderino svolgere eventuali attività ricreative sono disponibili le sale soggiorno ubicate all’interno di ogni reparto. In ospedale è vietato fumare. Il rispetto di tale disposizione è un atto di accettazione della presenza degli altri e un sano personale stile di vivere nella struttura ospedaliera. L’organizzazione e gli orari previsti nella struttura sanitaria nella quale si accede, devono essere rispettati in ogni circostanza. Le prestazioni sanitarie richieste in tempi e modi non corretti determinano un notevole disservizio per tutta l’utenza. È opportuno che i pazienti ed i visitatori si spostino all’interno della struttura ospedaliera utilizzando i percorsi riservati ad essi, raggiungendo direttamente le sedi di loro stretto interesse. Il personale sanitario, per quanto di competenza, è invitato a far rispettare le norme enunciate per il buon andamento del reparto ed il benessere del cittadino malato. Il cittadino ha diritto ad una corretta informazione sull’organizzazione della struttura sanitaria, ma è anche un suo preciso dovere informarsi nei tempi e nelle sedi opportune.

[48


Numeri Utili EMERGENZA

SALUTE

CARABINIERI 112

PRONTO SOCCORSO 118

Comando Stazione 091 8141871 Comando Compagnia 091 8141049

POLIZIA DI STATO 113 Commissariato di Pubblica Sicurezza 091 8154011 Polizia Ferroviaria 091 8141049 Polizia Stradale 0921 933776

VIGILI DEL FUOCO 115 Caserma VV.FF. 091 8114955

POLIZIA MUNICIPALE Comando Polizia Municipale 091 8128354

GUARDIA DI FINANZA 117 Comando Compagnia e Stazione 091 8141094

PROTEZIONE CIVILE Gruppo Comunale Volontari 091 8128204

lime

OSPEDALE S. CIMINO Centralino 091 8151111 - 8145455 Pronto Soccorso 091 8151312/3

GUARDIA MEDICA Termini Imerese 091 8143809 Caccamo 091 8148109 Caltavuturo 0921 541579

SALUTE PUBBLICA 1500

Cerda 091 8991776

POLIAMBULATORIO Ufficio Relazioni con il Pubblico 091 8153133

Montemaggiore Belsito 091 8993766

C.U.P. CENTRO UNICO DI PRENOTAZIONE WhatsApp 337 1456730 Numero Verde 800.098.739

Sciara 091 8994183 Scillato 0921 663154 Sclafani Bagni 0921 541792

Trabia TELEFONO DONNA Numero Verde 800.39.73.63 091 8147284

COMUNICAZIONE e GRAFICA

Progetto grafico e impaginazione e grafiche inserzionisti Lime Edizioni srl

Ringraziamenti • Direttore ASP Palermo Distretto 37 Dottor Luigi Lo Giudice

Testi Cetty Mannino

• Un ringraziamento particolare ai dottori e alle dottoresse: Nadia Barbagallo, Giovanni Cinnirella, Rosario Meli, Giuseppe Passalacqua, Cataldo Pellegrino, Vincenzo Prestianni, Enza Maria Pusateri, Vincenzo Rigoglioso, Rosa Rizzuto, Maria Crimi Stigliolo, Ernesto Vinciguerra, Marcello Zambito

Fotografie Segreteria del Distretto 37 di Termini Imerese Banca Immagini 123 RF ©FreePick Le fotografie inserite all'interno delle pubblicità sono fornite dagli inserzionisti

• Si ringrazia inoltre la Segreteria del Direttore, in particolare Daniela Mercurio • Un particolare ringraziamento a tutti gli inserzionisti che con la loro collaborazione hanno reso possibile la realizzazione della presente guida

Responsabile Commerciale Salvatore D’Apolito Segretaria di Redazione Diana Cairati Nessuna parte della presente Guida può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico, chimico o meccanico, copie fotostatiche incluse, senza l’autorizzazione scritta di Lime Edizioni S.r.l. che se ne riserva tutti i diritti. Le informazioni contenute nella presente Pubblicazione sono state meticolosamente aggiornate alla data di pubblicazione. Malgrado ciò dati quali ubicazioni, orari, numeri telefonici possono essere soggetti a cambiamenti. L’Editore non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità di quanto dichiarato dalle ditte committenti, sui marchi e sulle immagini da queste utilizzate, né per qualsiasi conseguenza derivante dall’uso della presente Pubblicazione. Lime Edizioni sarà lieta di ricevere osservazioni e suggerimenti nonché comunicazioni di eventuali errori dei quali si scusa anticipatamente. L’Editore garantisce che i dati forniti dagli inserzionisti non vengono ceduti a terzi per alcun motivo. Lime Edizioni s.r.l. Via A. Capecelatro, 31 • 20148 Milano • [T] +39 02 36767660 • info@limedizioni.com • www.limedizioni.com finito di stampare novembre 2017


[#