a product message image
{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade
3 minute read

La mia esperienza con i Phaeo

testo e foto di EMILIOSABATINO

La mutazione Phaeo nel canarino di colore ha dato a questo uc cel - lo una bellezza ed un effetto cromatico a dir poco meraviglioso. Nell’osservare questo esemplare, a prima vista, lo scacchiere intervallato tra chicchi di riso e fondo cioccolata fondente (feomelanina), si resta senza parole, colpiti dall’affascinante, accattivante, ammaliante gioco di colori. Quelle piume, remiganti e timoniere, ricche, cariche di feomelanina bruna, che danno tonalità terra bruciata, al

La feomelanina, oltre ad essere il più possibile scura e lucente, dovrà orlare ogni singola piuma e penna

Maschio Phaeo intenso giallo e femmina Phaeo bianco

Femmina Phaeo bianco in cova

biscotto, al castagna, con rifrazioni melanzana violacea, dando vita ad uno dei canarini di colore più belli e dif fi cili, da me nominato “canarino d’oro”. In questo canarino la particolarità della feo non consiste solo nella totalità della distribuzione ma so prat - tutto nella lucentezza e tonalità. Un Phaeo con feomelanina sbiadita opa - ca o slavata, non sarà mai un soggetto da esposizione o da riproduzione. Bisogna tener presente, sempre, che la feomelanina, oltre ad essere il più possibile scura e lucente, dovrà orlare

ogni singola piuma e penna, dando vita al dorso l’effetto scaglia. Le noti dolenti nell’allevare questo canarino sono rappresentate dalla muta o caduta di remiganti o timoniere, perché nella ricrescita non avranno più orlature. Molte volte, spesso, nel giu - di ca re un intenso da un brinato non si tie ne conto della variazione e della diffi col tà da un tipo all’altro (intenso: molta feomelanina, disegno sottile impercettibile in testa, brinato: disegno largo meno feomelanico, disegno in testa). Se ci si imbatte in un sog - getto intenso con grande tonalità feomelanica e lieve disegno in testa, siamo certi che si tratta di un soggetto di gran lunga superiore al brinato. Alla base di un ottimo puro c’è sempre un eccellente porta to re: bruno o nero-bruno. Ciò comporta un allevamento molto dispendioso, in quanto i portatori saranno sempre in numero superiore ai puri. La scelta del portatore è subordinata al disegno, feomelanina,

Femmina Phaeo bianco

Quadro di Adelmo Zannini regalato all’autore

eumelanina, melanina centrale. I miei neri venivano tutti da un accoppiamento Fanello per Bruna portatrice: anche qui, una storia infinita ma

pur vera. Tutto il mio ceppo è partito da questi accoppiamenti e, di seguito, con i vari passaggi. Gli accoppiamenti vanno fatti sempre tra soggetti a chicchi di riso con quelli a chicchi di caffè, o meglio, disegno lungo con cor to, mai ac coppiare disegno a binari. Nei limiti del possibile formare sempre nidi omogenei, o tutti portatori o tutti puri, poiché le fattrici in gran parte si comportano inadeguatamente, favorendo l’im - becco dei portatori e tralasciando i puri. Per raggiungere questo obiettivo ci è voluto un lavoro lungo e laborioso, soprattutto costante senza mai arrendersi. Infatti, ho iniziato ad allevare nel lontano 1994, prima Rubino ossidato, poi Phaeo. La mia passione nasce già dai tempi adolescenziali e rafforzata con l’incontro - confronto con due grandi dell’Ornitologia (Adelmo Zannini e Marino Rosetti) da me considerati “Enciclopedia vivente": essi sono stati ottimi maestri di vita, sotto l’aspetto umano, relazionale ed ornitologico. Grazie ai loro consigli, alla loro esperienza, alla mia caparbietà, ho consolidato il mio interesse ad allevare e a migliorare questo canarino. Con la scomparsa di questi due “grandi”, ho conosciuto un amico fraterno ed un cultore di Phaeo, Bruno Ginda: unen - do le nostre esperienze, capacità e competenze innate si è giunti ai Phaeo effetto Melanzana, strumento di grande orgoglio. Da due anni ho smesso ad allevare i Phaeo, non vi nascondo che sono stati per me oggetto di grande orgoglio e e soddisfazione, soprattutto sentendoli denominare "cioccolatini fondenti", da chi li apprezzava. Il ceppo ora vive nella città di Bari presso un fraterno Amico: Nicola Coniglio. Un abbraccio a tutti coloro che allevano questo splendido canarino e un au - gurio, quindi, a tutte quelle persone che si accingeranno in futuro a selezionare questa interessante mutazione; sarò a disposizione per aiutare chi vorrà, in quella che è stata la mia esperienza e, perché no, per divulgare le tecniche di accoppiamento. Grazie di cuore a tutti.