Issuu on Google+

SOCI DELTA • Ischia: Regine inaugura l’eco show-room high tech

Numero 3

L’informazione web di Delta Its, distributori idrotermosanitari

ASSEMBLEA SOCI, UN ANNO POSITIVO GRAZIE AI NUOVI SERVIZI OFFERTI DA DELTA

I GRUPPI ALZANO LA VOCE: “VOGLIAMO PIU’ DIALOGO CON LA PRODUZIONE”

INSTALLATORE CERTIFICATO PRESENTATO IL PROGETTO DI DELTA E ASSOBAGNO

Cartoline dal Festival

le immagini, i retroscena, i concorsi, gli eventi formativi della terza edizione di Pesaro


2

DInews PARIGI INDUSTRY

Premiata la comunicazione 2010

cazione, queste alcune delle le motivazioni del premio conferito dalla giuria della XXIII Edizione del Premio Agorà, composta dai rappresentanti delle seguenti associazioni e istituzioni: Acpi, Adico, Assocomunicazione, Assirm, Cdm, Iaa, Ied, Iulm, Pubblicità Progresso, Spot&Web, TP, Unicom, Upa e presieduta dal presidente Salvatore Limuti.

TERMOREGOLAZIONE

Contributi a fondo perduto

La comunicazione 2010 di Parigi Industry ideata dall’ Agenzia Publitrust di Monza ha vinto il premio “Argento Nazionale per la Migliore Comunicazione Integrata” . Chiarezza ed efficacia del messaggio, coordinamento della campagna di comuni-

Pubblicazione web non periodica di Delta Its Direttore: Michele Caterino Redazione: Silvia Mecca Alessandra Lanzini Contatti: segreteria@deltaits.it www.deltaits.it http://news.deltaits.it La riproduzione degli articoli e delle illustrazioni è riservata e non può avvenire senza autorizzazione di Delta Spa

La Regione Lombardia ha pubblicato un bando per l’erogazione di contributi a fondo perduto per l’installazione di sistemi per la contabilizzazione autonoma, diretta o indiretta, della quantità di calore consumata e di sistemi per la termoregolazione, in edifici residenziali serviti o in fase di allacciamento a reti da teleriscaldamento. Il contributo ammonta al 30% del costo totale dell’investimento, fino ad un massimo di 300.000 euro per ogni singolo beneficiario. Le risorse finanziarie complessive messe a disposizione sono pari a € 3.000.000. Possono beneficiare del bando Enti Locali, Aler, Enti privati, condòmini rappresentati da amministratori di condominio, singoli proprietari nel caso di edifici con più unità immobiliari ma privi di amministratore.

SITE 2010

Grande attesa per la quinta edizione

Si respira un clima di grande attesa tra gli addetti ai lavori per la prossima edizione di SITE. Il Salone dell’Impiantistica Termoidraulica ed Elettrica organizzato da ROS – società partecipata da Fiera Roma e Senaf – aprirà la sua 5° edizione presso il polo fieristico della capitale dall’11 al 14 novembre 2010. Di particolare attualità Termoclima, una delle quattro aree – Ecoenergie, Elettro e Domotica- in cui si articola la manifestazione, interamente dedicata al mondo dell’impiantistica idrotermosanitaria, e quindi anche a tutte le soluzioni per climatizzare gli ambienti.

TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO

Pubblicata la norma UNI 11353/2010

E’ stata pubblicata la norma UNI 11353/2010 “Tubi flessibili di acciaio inossidabile a parete continua per allacciamento di apparecchi a gas per uso domestico e similare - Prescrizioni di sicurezza”. La nor-

ma stabilisce i requisiti costruttivi, i requisiti dimensionali ed i metodi di prova dei tubi flessibili di acciaio inossidabile a parete continua. La norma si applica ai tubi flessibili destinati all’allacciamento di apparecchi utilizzatori per uso domestico e similare, alimentati con gas combustibile appartenenti alla I, II e III famiglia, in conformità alla UNI EN 437, con pressione di esercizio non maggiore di 0,5 bar. Tali tubi possono essere installati, sia in ambiente interno che esterno, nel campo di temperatura (-20 °C a 120 °C). La norma integra la Norma Europea EN 14800 “Assemblaggi di tubi metallici ondulati di sicurezza per il collegamento di apparecchi domestici che utilizzano combustibili gassosi” per i diametri da questa non coperti. Congiuntamente le due norme EN 14800 e UNI 11353 sostituiscono la UNI 9891.

PRONTO INTERVENTO GAS

Nuova campagna di controlli

Al via la nuova campagna di controlli sul servizio di pronto intervento gas promossa dall’Autorità per l’Energia in collaborazione con le Unità speciali della Guardia di Finanza. La campagna prevede telefonate a campione e “a sorpresa”, oltre a sopralluoghi presso le aziende di distribuzione del gas per verificare il corretto funzionamento dei servizi di pronto intervento; servizi essenziali per prevenire incidenti e garantire una sicurezza ottimale ai clienti finali del gas e a tutta la popolazione. Obiettivo della campagna è anche di rafforzare la prevenzione, migliorare ulteriormente l’affidabilità della rete di distribuzione del gas e ridurre i disservizi. Il potenziamento dei controlli è stato deciso anche a seguito dei risultati emersi dalle verifiche sviluppate nel 2009, che hanno portato all’avviamento di alcune istruttorie formali per violazioni degli obblighi in materia di pronto intervento gas (delibere VIS 142/09 e VIS 143/09).


DInews 3 Eventi • Lo scorso 23 luglio un successo oltre le aspettative

Inaugurato a Ischia il nuovo eco-showroom di Regine

Circa 600 persone hanno ammirato la nuova esposizione high tech del distributore campano. 250 metri quadrati di esposizioni in una struttura sensibile all’ambiente per le tecniche di ristrutturazione utilizzate, tra i primi posti nella classificazione di risparmio energetico Una serata indimenticabile, unica, di forte richiamo. L’annunciata inaugurazione del nuovo eco-showroom della Regine snc, svoltasi venerdì 23 luglio a Ischia, ha riscosso un grande successo, quasi oltre le aspettative. “Un appuntamento che ha richiesto una lunga preparazione e un notevole impegno – specifica il titolare Pasquale Castagliuolo – ma che ha regalato, a me e a tutta la mia famiglia, un’enorme soddisfazione”. L’evento infatti ha richiamato circa 600 persone, giunte per vedere i nuovi prodotti e le soluzioni avveniristiche di questo show-room assolutamente hight tech. 250 mq di esposizioni in una struttura sensibile all’ambiente per le tecniche di ristrutturazione utilizzate, tra i primi posti nella classificazione di risparmio energetico: eleganti e rilassanti aree dedicate a pavimenti, rivestimenti, resine, wellness, cucine, arredo bagno, termoidraulica ed illuminazione. Un ambiente moderno, illuminato da luci raffinate, decorato da suggestive video proiezioni murali, avvolto da profonde note musicali new age. La partecipazione è stata massiccia e la serata, a base di sushi, ha richiamato architetti di fama internazionale, tra i quali Peter Bohlin e Bernard Cywinski, a Ischia per ricevere il PIDA –Premio Internazionale Ischia di Architettura, di cui Regine è uno dei main sponsor. “E’ stato un vero successo – afferma Pasquale Castagliuolo – nonostante gli allestimenti non siano ancora del tutto completi. Dopo la pausa di agosto, infatti, finiremo la realizzazione di un giardino pensile sul tetto dello show room che dominerà la struttura e completeremo l’allestimento di altri prodotti da noi venduti, come i sistemi fotovoltaici e i pannelli solari. E’ stata una sfida contro il tempo, abbiamo lavorato fino all’ultimo momento per questa inaugurazione che ha sbalordito molti, anche tra gli stessi architetti, critici e giornalisti presenti. La gente poi è rimasta particolarmente

colpita dalle novità del settore wellness che hanno richiamato l’attenzione di molti”. I colori, le luci emozionali, soffuse, hanno esaltato le soluzioni tecnologiche di una struttura all’avanguardia che segna il rilancio alla grande di Regine snc.

Un ambiente moderno, illuminato da luci raffinate, decorato da suggestive video proiezioni murali, avvolto da profonde note musicali new age


4

DInews Rapporti di Filiera • Un coro unanime si leva tra gli esponenti dei Consorzi

Centro Studi Gruppi ITS: più dialogo con la Produzione Il mondo della distribuzione Its chiede un rapporto più chiaro coi fornitori Corale e univoca la richiesta emersa in occasione della seconda riunione tra gli esponenti dei consorzi del mondo della distribuzione ITS, incontratisi, come la volta precedente, nella sede di Angaisa a Milano per discutere e cooperare alla nascita di un dialogo tra i gruppi d’acquisto, finalizzato all’ottenimento di regole più chiare e precise. Il Centro Studi Gruppi ITS mira ad avere un peso distributivo per stabilire rapporti più chiari con la produzione: i presenti si sono trovati concordi nell’esprimere il bisogno unanime di instaurare un dialogo maggiore con i fornitori, al fine di mettere in pista attività in comune a breve, medio e lungo termine. I temi emersi dall’incontro riguardano principalmente la necessità, espressa dai presenti e da Delta spa in prima battuta, di incentivare attività mirate che possano far crescere sia il mondo distributivo sia il mondo produttivo all’unisono. “Un piano strategico, insomma, che ci porti ad avere un dialogo migliore con la produzione”, ha detto Michele Caterino, coordinatore del Gruppo Delta spa. “Ciò che è emerso dalla riunione resta per tutti la necessità di instaurare un dialogo migliore al fine di ottenere vantaggi in egual misura, sia per la distribuzione sia per la produzione”, precisa Caterino sottolineando che non si tratta di aspetti commerciali ma piuttosto strategici, mirati a ricercare una strada comune che porti la giusta soddisfazione a entrambi i poli. L’interesse a un confronto di questo tipo è testimoniato anche dal crescente numero dei gruppi d’acquisto partecipanti alla riunione, cui hanno preso parte , oltre alla dirigenza di Angaisa (Odorisio, Mari, Oppizzi), i rappresentanti dei consorzi Intesa, Idrotirrena, Idroteam, Delfino, Gruppo Lazio, Liguria.net, Gruppo Toscana, Leonardo,Triveneto.com, Pianeta e Distribuire Insieme. Intanto è già stata fissata già la data della prossima riunione, 28/7/2010, mentre un quarto incontro dovrebbe tenersi a settembre.

Michele Caterino, coordinatore Delta: “Troppo spesso, nella filiera, si assiste allo scavalcamento della distribuzione. Si rende perciò necessario fare scelte ben definite che consentano a tutti di crescere, produzione compresa, e godere di vantaggi in egual misura”. Energie rinnovabili

L’Epee sostiene le pompe di calore

Secondo l’EPEE (European Partnership for Energy and the Environment), le pompe di calore possono aiutare tutti gli Stati Membri dell’UE a raggiungere l’obiettivo del 2020 relativo alle energie rinnovabili. Oltre al vantaggio rappresentato dalla sostanziale riduzione delle emissioni di CO2, le pompe di calore sono sia un mezzo per il risparmio energetico, sia una tecnologia di energia rinnovabile. Impiegano, infatti, energia aerotermica, geotermica e idrotermica; queste sono tutte fonti rinnovabili riconosciute dalla Direttiva UE del 2009 sulla Promozione delle Fonti di Energia Rinnovabile. Nel dicembre 2008, i 27 Stati Membri dell’UE hanno deciso che, entro il 2020, le fonti di energia rinnovabile dovranno rappresentare il 20% del mix energetico dell’UE. Per raggiungere gli obiettivi nazionali individuali facenti parte dell’obiettivo generale, nel 2009 gli Stati Membri hanno stabilito un Piano d’Azione Nazionale per le Energie Rinnovabili che definisce la quota di energia rinnovabile che dovrà rientrare, entro il 2020, nel consumo energetico complessivo di trasporti, elettricità, riscaldamento e raffreddamento. Le statistiche rese note dall’Associazione Europea per le Pompe di Calore (EHPA) mostrano come le vendite di pompe di calore in Francia siano aumentate del 127% tra il 2007 e il 2008, triplicando quasi quelle della Germania, le cui vendite sono aumentate del 47%, seguita da Svezia (37%), Finlandia (30%) e Svizzera e Austria (27%).


DI News 5 Formazione • Se ne è discusso durante l’ultima edizione del Festival di Pesaro

Installatore Certificato: un requisito indispensabile Dall’accordo tra Delta e Assobagno nasce una nuova figura professionale, fondamentale per evitare i danni e gli sprechi derivanti da una cattiva installazione dei prodotti dell’arredobagno Installatore Certificato. Se ne è discusso all’ultima edizione del Festival Nazionale dell’Installatore, svoltosi a Pesaro l’8 maggio 2010, durante una tavola rotonda alla quale hanno partecipato Mauro Odorisio (presidente Angaisa e vice presidente Fest), Michele Raffaele (presidente Delta spa), Gianluca Marvelli (presidente Assobagno), Gerardo Iamunno (vice presidente Assobagno), Michele Caterino (coordinatore nazionale Delta spa), Andrea Giuliacci, noto per la sua attività di metereologo e climatologo, ma chiamato in questa sede in qualità di utente finale, e Giovanni De Logu, Installatore Certificato. Il mercato offre oggi prodotti sempre più sofisticati, che richiedono un’installazione eseguita con massima perizia, cioè a regola d’arte. Il progetto siglato da Delta e Assobagno prevede proprio un percorso formativo sulle varie tecniche di installazione dei prodotti di arredo bagno, che comprendono vasche idromassaggio, box doccia, rubinetti, sanitari, mobili e accessori, termoarredatori e saune.

Parla Gerardo Iamunno, vice presidente Assobagno

Perche’ un installatore certificato?

Sul perché sia nato questo progetto è intervenuto Gerardo Iamunno, vice presidente Assobagno. “Dobbiamo partire a monte della filiera. Perché la filiera si è mossa? La filiera si è mossa perché evidentemente c’erano dei problemi. Qualsiasi prodotto che c’è nel bagno proviene dalle più grosse aziende ed è disegnato dai più grossi architetti del mondo. Anche uno scopino da bagno è disegnato da un architetto famoso. Noi ci siamo resi conto, all’interno della nostra filiera della produzione, che fare innovazione, fare tecnologia, investire in showroom era un processo inutile, perché veniva distrutto velocemente da una cattiva installazione. E ce ne siamo accorti anche dai costi che sosteniamo. Perché una cattiva installazione fa sì che i prodotti difettosi tornino in azienda, oltre a pregiudicare la sicurezza dell’edificio. Quindi svanivano tutti gli investimenti che gli industriali mettevano in essere per fare innovazione. Da queste constatazioni è partita l’idea di creare la figura dell’Installatore Certificato”. Spa Lazio – noi come azienda abbiamo immediatamente aderito. Abbiamo chiamato a raccolta i nostri migliori installatori, che hanno seguito un corso, quindi hanno superato anche un esame dopodiché è stato rilasciato loro l’attestato di installatore qualificato”.

Idrobestialità

Diffidare dell’inesperienza

“Installatore certificato – ha detto De Logu - significa poter offrire qualcosa in più al nostro cliente: la sicurezza per lui di avere di fronte una persona qualificata che può dare un contributo superiore rispetto a quello offerto da un normale installatore”. Come dimostra la incredibile gallery delle idrobestialità allestita anche quest’anno nell’area riservata a Delta Academy al Festival, sono molteplici le installazioni che testimoniano una troppo diffusa incompetenza da parte di molti idraulici, spesso causa di conseguenze anche pericolose. “Quando Assobagno ha lanciato la proposta di creare questa rete di installatori professionali – ha affermato Mauro Odorisio, membro del Cda Delta, nonché presidente Angaisa e titolare della Odorisio

Si parla dunque di una figura veramente qualificata e professionale, che deve anche essere facilmente riconoscibile dall’utente finale, come ha spiegato lo stesso presidente Assobagno, Gianluca Marvelli . “Attualmente il processo di questo programma si sta particolarmente strutturando e si amplierà sempre più grazie all’accordo che stiamo sviluppando con Delta. Quindi non parliamo ancora di un vero e proprio Albo previsto per questa figura professionale, però parliamo di un certificato che potrà essere esibito e quindi anche identificato visivamente dal cliente. Oggi i consumatori sono molto più esigenti anche perché sono più informati e noi miriamo ad essi con un unico obiettivo: la loro soddisfazione. Il consumatore insoddisfatto è

anche un consumatore che genera poi dei costi a tutta la filiera”. L’importante, secondo Michele Raffaele, presidente Delta spa, è far capire all’utente finale che deve diffidare dell’installatore inesperto e poco professionale. “Non bisogna solo parlare del prezzo, ma bisogna dare al cliente la possibilità di valutare e scegliere. L’installatore qualificato è innanzitutto colui che ha la partita Iva e ha quindi le certificazioni previste dalla legge. Pertanto come consiglio in generale, direi di diffidare del classico dopolavorista”.

Che cos’e’ - Installatore

Certificato è il progetto scaturito dall’accordo tra Delta spa e Assobagno, che sancisce la nascita di una figura veramente qualificata e professionale, formata sulle tecniche d’installazione dei prodotti del settore arredobagno. Se ne è discusso l’8 maggio alla tavola rotonda tenutasi in occasione del Festival Nazionale dell’Installatore.


6

Cartoline dal Festival 2010

Il Festival fa tris e co

Successo oltre le aspettative per la manifestazione-evento organizzata dal


7

onsolida il successo...

Gruppo Delta nel quartiere ďŹ eristico di Pesaro, giunta alla sua terza edizione


8

Cartoline dal Festival 2010

...A Pesaro pi첫 spaz


9

zio alla formazione

Spettacolo, divertimento, giovialità’ e tanta formazione Quest’anno il Festival dell’Installatore ha proprio fatto centro riscuotendo un successo oltre le aspettative. La manifestazione-evento organizzata dal Gruppo Delta l’8 maggio 2010 nel quartiere fieristico di Pesaro e giunta alla sua terza edizione ha superato tutti i pronostici confermando la genuinità di una formula tanto originale quanto vincente, come spiegano gli stessi organizzatori, Maurizio Chiessi, amministratore delegato Delta, e Michele Caterino, coordinatore del gruppo: “Siamo estremamente soddisfatti, gli installatori hanno risposto in modo molto positivo a questa edizione, dimostrando di gradire particolarmente l’innalzamento del livello tecnico dell’evento”.

La formazione

Centotrè le aziende produttrici espositrici, mentre dislocate in un’area molto grande riservata a Delta Academy, erano presenti le aziende in partnership con Delta Its per quanto riguarda la formazione, e cioè Logicà, Progetto Gas, Assobagno e alcuni rappresentanti di Angaisa e Bigmat, a testimonianza di quanto il gruppo Delta stia mirando le proprie attività verso questa direzione. Lo dimostrano anche i momenti di approfondimento creati appositamente all’interno del Festival, come gli incontri annunciati con gli esperti di Progetto Gas per l’aggiornamento sulle normative del settore e con Assobagno, per presentare la nascita dell’Installatore Arredatore Certificato.

Momento clou

La manifestazione ha vissuto i suoi momenti clou nelle estrazioni a premi, in particolare con

l’assegnazione di un superpremio in materiale, vinto da un installatore cliente del distributore Mielepiù di Atripalda. Ma il momento più emozionante e forse più atteso della kermesse è stata l’esibizione canora dei quindici finalisti del Talentour, tutti installatori clienti di distributori Delta, selezionati a marzo nel concorso che ha toccato diverse location sparse in tutto il Paese. Dopo una esibizione canora emozionante, la vittoria è andata al gruppo Kill the Cat, di cui fanno parte un dipendente della Semar (alla batteria) ed un installatore cliente; contenti e commossi i ragazzi vincitori del Talentour, soprattutto perché il premio consiste nella possibilità di incidere un CD vero e proprio.

Esilarante

Tra musica, grande spettacolo e premiazioni varie, il Festival ha vissuto uno dei suoi momenti più divertenti con l’esibizione dei Fichi d’India, e poi la chicca della serata, il momento più esilarante di tutta la manifestazione, l’esibizione del comico Checco Zalone. Al termine la premiazione dei vincitori del Talentour e classico taglio della torta, tra ospiti e vip che hanno animato anche il resto della giornata, come le bellissime Melita Toniolo, Cristina dal Basso, Francesca Fioretti, Cecilia Rodriguez, e i dj Federico l’Olandese Volante e Angelo Baiguini; al termine, gran finale con il concerto dei mitici Gipsy Kings. Immancabile animatore e mattatore anche quest’anno l’istrionico Fernando Proce, il più famoso DJ, animatore del panorama radiofonico italiano, Direttore Artistico d’eccezione, cui era affidata la presentazione di tutto l’evento trasmesso in diretta nazionale con la voce di Francesca Faggella su Radio Festival.


10

Cartoline dal Festival 2010

...Talentour: spopolano Premiati anche Diana Costabile e Massimiliano Bocci Si chiamano Kill the Cat e sono i vincitori del Talentour2010, il concorso lanciato dal Festival dell’Installatore che ha permesso di scoprire veri e propri talenti nascosti, dotati vocalmente e artisticamente preparati. I quindici finalisti del Talentour, tutti installatori clienti di distributori Delta, selezionati a marzo durante le serate organizzate in varie location sparse in tutto il Paese, si sono esibiti al Festival di Pesaro davanti a un pubblico entusiasta sottoponendosi al giudizio di una giuria di qualità che ha decretato i Kill the Cat vincitori assoluti. Contenti e commossi i ragazzi della band - di cui fanno parte Andrea Madeccia dipendente della Semar (alla batteria) ed un installatore cliente - soprattutto perché il premio del Talentour consiste nella possibilità di incidere un CD, insomma un contratto discografico vero e proprio.

I Kill the Cat, vincitori assoluti del Talentour 2010

Miglior voce

Premiata, come miglior voce, Diana Costabile della Raffaele spa, che si è esibita fuori concorso intonando “Why don’t you do right” di Kansas Joe McCoy, la canzone resa famosa dall’interpretazione di Jessica Rabbit. Ventisei anni, di Maida, provincia di Catanzaro, l’affascinante Diana ama spaziare dal pop rock al funky fino ad apprezzare il jazz. Un premio speciale è andato a Massimiliano Bocci, cliente della Odorisio spa, per la sua bellissima interpretazione di Renato Zero.

Vera giuria

Oltre alla giuria di qualità, composta da Andrea Giuliacci, Conte Galè di Rtl 102.5 e dalla cantante dance Regina Saraiva, una delle Sister di Chiambretti Night, hanno votato per il Talentour anche tutti i fornitori presenti al Festival, per mezzo di un televoter che ha consentito di esprimere la propria preferenza al termine di ogni esibizione. Presentatore d’eccezione e mattatore della kermesse l’incontenibile Fernando Proce, il più famoso DJ, animatore del panorama radiofonico italiano, direttore artistico del Festival.

Diana Costabile, miglior voce fuori concorso

Il pensiero di Maurizio Chiessi

Maurizio Chiessi, amministratore delegato Delta ha dichiarato a DI Magazine: “Oltre che rivelarsi come una formula vincente dal punto di vista dello spettacolo, il Talentour ha avuto il pregio e la funzione di fare da collante fra i distributori e i loro clienti. Con il Talentour abbiamo portato l’installatore al centro dell’evento, sul palco insieme alle star, dimostrandogli in questo modo quanto i distributori Delta tengano a lui. Un grande entusiasmo che si è tradotto, per i soci Delta, in una maggior affluenza al banco e in un’accresciuta fidelizzazione”.

Massimiliano Bocci, durante l’interpretazione di Renato Zero


o e vincono i Kill the Cat

11


12

Assemblea Soci

Un anno positivo grazie ai nuov L’innalzamento generale dei contenuti e delle attività ha confermato il buon andamento del Gruppo leader del comparto idrotermosanitario In un clima di soddisfazione generale l’Assemblea dei soci Delta spa, riunitasi lo scorso 11 giugno, ha approvato il bilancio consuntivo 2009, confermando un andamento del Gruppo pressoché positivo, nonostante le flessioni subite dal mercato its in quest’ultimo anno. Durante l’Assemblea, caratterizzata da un cauto ottimismo e alla quale erano presenti quasi tutti i distributori associati, i soci si sono soffermati prevalentemente sui servizi che hanno catalizzato quest’anno l’attività di Delta spa, testimoniando un innalzamento generale dei contenuti proposti dal gruppo leader del comparto idrotermosanitario. In particolare, l’accordo strategico con BigMat per la formazione degli imprenditori, la partnership con Progetto Gas per offrire consulenza nel campo tecnico, normativo e legi-

Soddisfazione e buoni numeri per Delta Its. L’Assemblea dei soci, riunitasi lo scorso 11 giugno, ha approvato il bilancio consuntivo 2009, confermando un positivo andamento generale del Gruppo

slativo in materia di impianti termici/termoidraulici, i corsi sulla logistica, e soprattutto l’iniziativa, siglata insieme ad Assobagno, che sancisce di fatto la nascita dell’installatore arredatore certificato, sulla base di un percorso formativo sulle tecniche d’installazione dei prodotti del settore arredobagno. L’accordo, che è stato anche tema di discussione di una Tavola Rotonda nel corso del recente Festival dell’installatore, rientra nell’insieme delle iniziative portate avanti da Delta in quest’ultimo anno, mentre altre sono in fase di preparazione per offrire un servizio sempre più qualificato ai soci del gruppo. Molto apprezzato dal Consiglio di Amministrazione anche il nuovo sito web che testimonia l’obiettivo dichiarato da Delta di rendere sempre più vicini i diversi attori della filiera - Produzione, Distribuzione e Installatori configurandosi come un partner d’eccezione anche sul fronte della comunicazione. Un’assemblea svoltasi dunque in un clima tranquillo e piacevole, con un vicendevole scambio di opinioni sul mercato. Molto seguito, in proposito, l’intervento del dottor Roberto Schiesari, che ha illustrato una panoramica del rapporto di Delta con il mercato e con i suoi


13

vi servizi offerti soci, evidenziando le valenze positive dello stare in gruppo. Interessante e attesa, tra i contenuti emersi durante l’Assemblea, anche l’analisi del mercato delle costruzioni, che ha sottolineato le previsioni sugli sviluppi del settore a breve-medio e lungo termine. In generale l’Assemblea ha confermato lo spazio predominante riservato ai servizi piuttosto che alle attività, confermando un bilancio e un anno positivi nonostante tutto. Tra le novità, anche l’annuncio di un allargamento e un’apertura del Gruppo verso i settori che in questo momento sembrano direzionare maggiormente le opportunità del mercato e cioè solare termico, fotovoltaico e geotermia. Nuovi comparti che si stanno affacciando con notevole accelerazione, portatori di grosse potenzialità, verso i quali il gruppo ha espresso il proprio crescente e reale interessamento. Dunque, un generale programma di rinnovamento per Delta che, nel frattempo, ha dato appuntamento ai propri associati per le prossime scadenze: il tradizionale incontro con i fornitori in programma il 16 settembre a Milano, e la partecipazione a due fiere, il Site, in autunno a Roma, e Green Energy dal 17 al 19 novembre a Milano


14

DInews Formazione • Delta e ProgettoGas: insieme per informare

Termoidraulica: vietato sbagliare!

L’aggiornamento è necessario quando si parla di gas Gruppo Delta ed E.D.M. Editoriali Srl, editrice di progetto Gas, hanno dato vita al pacchetto denominato Infotecnorm che comprende una serie di servizi specificamente rivolti alla figura professionale dell’installatore. In particolare, proprio in virtù dell’accordo siglato, gli installatori clienti di rivenditori appartenenti alla rete distributiva Delta, possono sottoscrivere una speciale “card”, che consente di accedere ai servizi oggetto della partnership. Massimiliano Brenna, della direzione E.D.M. Editoriali Srl, propone un bilancio dell’iniziativa e una breve presentazione delle finalità di Progetto Gas. “Parlare di Progetto Gas come terreno fertile per tutti i professionisti che si occupano di Termoidraulica a 360° ci sembra innanzitutto una costruzione logica di quello che è, ma soprattutto sarà, il mondo della nostra pubblicazione. Col tempo siamo riusciti ad integrare oltre alla rivista cartacea, una serie di servizi che hanno in qualche modo disintegrato l’approccio classico ed indiretto di chi per lavoro è costretto ad informarsi per restare al passo coi tempi. Abbiamo sicuramente trovato il coraggio di dedicare tempo e forze propositive, a quello che sicuramente trasformerà anche nel corso dei prossimi anni, il sistema legato ai cosiddetti servizi puri. In primis abbiamo attivato un numero verde telefonico dedicato solo ed esclusivamente alla consulenza tecnica, gestito da ottimi professionisti. Un portale sempre aggiornato, con una serie di pagine web, che prendono per mano i nostri clienti, portandoli nel mondo degli esempi, della cultura e delle normative e in aggiunta la possibilità di partecipare ad incontri formativi per comprendere nel modo più completo, normative per esempio come la 7129/2008”. “Chi si occupa di termoidraulica - prosegue Massimiliano Brenna - sa benissimo che, con le attuali normative, è vietato sbagliare ma soprattutto è vietato sbilanciarsi. La realtà purtroppo è costellata di esempi luttuosi legati a incidenti gravissimi ed evitabili. L’improvvisazione non rende giustizia a

nessuno soprattutto quando si parla di Gas. Noi di Progetto Gas evidenziamo tutte le volte che possiamo il concetto di informazione come base per poter prevenire qualsiasi incidente. Quello che vediamo per essere chiaramente positivi, è un Installatore abbastanza preparato, che cerca di aggiornarsi per non restare nell’ombra dell’anonimato”. “Quello per cui abbiamo optato, per la cooperazione tra Delta e Progetto Gas è sicuramente un pacchetto valido ma decisamente non l’unico. Gli obbiettivi che abbiamo in cantiere sono molto più articolati, infatti ultimamente abbiamo proposto al Gruppo Delta un servizio che dà la possibilità alla singola rivendita, di aprire una linea telefonica privata dove tutti i clienti della rivendita stessa (se lo vorranno), potranno senza esitazioni chiamare un numero verde gratuito per consulenze tecniche e chiarimenti normativi”.

Per quanto riguarda il servizio telematico e telefonico, quali sono gli argomenti più richiesti ?

“Proprio recentemente abbiamo fatto un’attenta analisi, legata alla funzionalità del servizio e al registro cartaceo relativo alle domande che arrivano in redazione perché i quesiti, una volta evasi, vengono archiviati in maniera certosina dal nostro staff, per far sì che ci possa essere sempre una memoria storica per quanto riguarda tutte le tematiche trattate. Gli argomenti sono perlopiù legati all’impiantistica per gli impianti metano, Gpl, gasolio… etc., mentre per essere più esaustivi, le domande più frequenti sono sicuramente quelle riferite alla tipologia di impianti minori di 35kW (caldaie ad uso domestico)”.

Quanti installatori hanno sottoscritto finora la card?

“Diciamo subito con grande gioia che la card si sta espandendo a macchia d’olio in tutto il territorio italiano. Tanto per fare qualche esempio, rivendite

Massimiliano Brenna nell’area dedicata alla formazione allestita durante il Festival Nazionale dell’Installatore 2010 a Pesaro come il Gruppo Miele e/o Emmeffeci hanno totalizzato fra i loro clienti centinaia di card, garantendo così una fidelizzazione nei loro confronti davvero molto professionale e senza sforzi. Quella della card è sicuramente una delle realtà più promettenti ed innovative che ci fanno ben sperare”.

Come si approcciano i giovani installatori al discorso della formazione?

“Il 18, 19 e 20 Maggio 2010 all’IPSIA Moretto di Brescia, noi di Progetto Gas abbiamo finalmente assistito, ad una vera e propria Kermesse di qualità termotecnica senza eguali, visionando ma soprattutto sponsorizzando una gara fra giovani termotecnici. Vorremmo in qualche modo far tacere tutte quelle malelingue biforcute, che troppo spesso raccontano di giovani italiani, come una generazione fortemente allo sbando, senza un futuro logico, culturalmente impreparati e senza un minimo di volontà. Non ci è sembrato, anzi abbiamo capito sin dalla prima prova pratica idrosanitaria, che il mondo della Termoidraulica è ben messo, capace, se vogliamo irruente e con delle punte di ottimismo per il futuro, che fanno crollare tutti gli stigma noiosi accennati precedentemente. Noi ci sentiamo in dovere di dire che la termoidraulica avrà sicuramente le spalle coperte, anche grazie a questi acerbi ma talentuosi nuovi professionisti. Siamo convinti che i giovani installatori saranno parte integrante di questa stupefacente squadra, che dedicherà molto tempo all’informazione e alla formazione garantendo così un servizio moderno, sicuro e senza inutili e preoccupanti improvvisazioni”.


DI News 15 Servizi • Un valore aggiunto per la Distribuzione

Con la formazione “globale” l’installatore è competitivo MielePiù: “Abbiamo creato il Professional Club InstallatorePiù per raggiungere l’obiettivo di qualificare maggiormente la figura dell’idraulico” Con una storia alle spalle di oltre 60 anni, MielePiù è oggi il marchio della Miele Giuseppe & Figli SpA divenuto un punto di riferimento in Campania nella distribuzione idrotermosanitaria, di pavimenti e rivestimenti. Due le sedi dell’azienda, la principale ad Atripalda, località vicina ad Avellino, e l’altra situata in località Fuorni, in provincia di Salerno, per un totale di 8.000 mq di esposizione, con una rete logistica radicata su tutto il territorio. Le scelte lungimiranti dell’azienda, sempre puntate sulle nuove tendenze del mercato, testimoniano l’attenzione dei titolari verso soluzioni innovative e al passo con i tempi, anche dal punto di vista della formazione e dell’approfondimento. In qualità di distributore Delta, MielePiù offre oggi ai suoi clienti installatori i servizi che fanno parte dell’accordo siglato tra Delta spa e Progetto Gas, più una serie di servizi non prettamente tecnici, ma sempre specificamente rivolti alla figura professionale dell’installatore , come spiega Marco Miele, titolare dell’azienda. “Abbiamo creato il Professional Club InstallatorePiù nel quale il professionista trova immediatamente risposte fruibili e concrete ai problemi quotidiani del suo lavoro: opportunità commerciali, strumenti per innalzare e certificare la propria qualificazione professionale, accesso semplice alle potenzialità della Rete, uso operativo dei software più sofisticati. L’adesione al Club InstallatorePiù contempla anche la fruizione dei servizi offerti da Progetto Gas. La nostra offerta rientra in un progetto più ampio che comprende anche servizi di vario tipo; in sostanza facciamo formazione non solo prettamente tecnica, ma anche di tipo manageriale, essendo gli installatori dei veri e propri imprenditori. Finora abbiamo sottoscritto circa 200 adesioni al Club InstallatorePiù che corrispondono a 200 adesioni al servizio di Progetto Gas. Quest’ultimo è molto efficiente e crea un livello di interesse sulle normative che tiene alta

la soglia di attenzione dell’installatore relativamente all’aggiornamento e a tematiche che poi noi approfondiamo con corsi e giornate di formazione specifiche”.

Quali sono i servizi di Progetto Gas più richiesti?

“La richiesta di informazione via telematica o telefonica sicuramente riscuote un alto gradimento, la possibilità di avere un consulente disponibile ad ogni esigenza crea un interesse particolare nell’installatore che si trova a volte disorientato rispetto al numero di novità e normative che deve gestire. In linea generale il servizio di consulenza è molto veloce e fruibile ed è molto apprezzato dall’installatore”.

I servizi che fanno parte dell’offerta di Progetto Gas, e in particolare la card, permettono al Distributore di offrire un valore aggiunto alla clientela?

“La card è certamente un valore aggiunto che noi diamo alla nostra clientela, infatti vendiamo non solo il prodotto, ma anche tutta la problematica ad esso collegata. Ad esempio, in collaborazione con Progetto Gas e grazie alla consulenza offerta abbiamo risolto questioni di carattere normativo e di interpretazione con l’Arpac (l’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Campania) o con l’azienda del gas locale che creava problemi al singolo installatore o a un gruppo di installatori”.

Che vantaggi ha ottenuto MielePiù come Distributore nel promuovere tali servizi ai clienti installatori?

“Sicuramente tra i plus ottenuti va annoverata la possibilità di affrontare con l’installatore argomenti diversificati. L’installatore lo si può coinvolgere con

Marco Miele, titolare di MielePiù il marchio della Miele Giuseppe & Figli SpA argomenti che non sono solo di prodotto e questo consente di fidelizzare, rafforzare una relazione, diventare più autorevoli dal punto di vista dell’immagine aziendale, con occasioni di incontro che non sono solo di vendita di prodotto ma piuttosto di approfondimento, di conoscenza, di coinvolgimento con tematiche di suo interesse. In proposito ci stiamo battendo da tempo sulla necessità di qualificare maggiormente la figura dell’installatore, che col passare del tempo diventa sempre più un professionista non tanto dal punto di vista manuale, quanto da quello intellettuale, della conoscenza della normativa. Questo è importante: l’installatore che dà anche alla clientela la sensazione di essere realmente competente è sicuramente un installatore più competitivo, per questo noi cerchiamo di fare formazione anche sulla parte prettamente imprenditoriale, sulle tecniche di vendita, su argomenti che non sfocino nella pura manualità”.



DI Magazine n.3