Page 1

COMUNICATO STAMPA DEL 6 GIUGNO 2014 ATTIVITA’ DI POLIZIA GIUDIZIARIA E DI PREVENZIONE

 Nel primo pomeriggio di ieri, alle ore 13.40 circa, un equipaggio delle Volanti, nel corso di attenta attività di prevenzione e controllo effettuata in via Magnolfi, procedeva all’intersezione con via P. Cironi all’identificazione di alcuni noti tossicodipendenti che stazionavano in zona, tra i quali veniva generalizzato anche un trentunenne fiorentino, il quale veniva trovato in possesso di un coltello a serramanico, immediatamente sequestrato dagli Operatori della Polizia di Stato, che hanno provveduto pertanto a denunciare in stato di libertà il trentunenne per il reato di porto illegale di oggetto atto all’offesa.

 Ieri sera, a partire dalle ore 19.00 circa, equipaggi delle Volanti unitamente a pattuglie di rinforzo del Reparto Prevenzione Crimine di Firenze hanno effettuato, coadiuvati anche dalle pattuglie interforze “Pegaso”, composte dal Poliziotti e Parà della Folgore, un articolato Servizio Straordinario di controllo del territorio finalizzato come sempre al rafforzamento dell’azione di prevenzione e repressione di episodi di criminalità diffusa nel capoluogo pratese. L’attività, su preciso impulso del Questore di Prato Dott. Filippo Cerulo, ha privilegiato alcuni dei principali “punti caldi” della città, quali i giardini pubblici di via Pomeria, della Passerella di via Sant’Antonio nonché piazza Stazione e via Matteotti, via Piave, viale Vittorio Veneto, via Bologna, piazza Ciardi e i giardini pubblici di viale Galilei, non disdegnandosi peraltro attenta attività di prevenzione e controllo in alcune delle frazioni periferiche pratesi. Nel corso di tale azione, alle ore 20.45 circa, una delle pattuglie interforze “Pegaso” notava nei giardini pubblici della passerella di via Sant’Antonio un individuo sospetto il quale, alla vista degli Operatori, cercava di disfarsi nella vegetazione di una borsa che, immediatamente recuperata dalla pattuglia, risultava essere stata sapientemente schermata internamente con carta stagnola, stratagemma utilizzato per eludere gli impianti elettronici antitaccheggio, contenendo peraltro due confezioni di profumo di una nota griffe internazionale ancora perfettamente integre, senza alcuno scontrino fiscale al seguito, sicuramente asportate in maniera furtiva in un qualche negozio della zona. Sequestrato quanto sopra e identificato l’uomo per un trentottenne georgiano irregolare, sprovvisto di qualsiasi documento identificativo, lo straniero è stato pertanto condotto in Questura dove veniva denunciato in stato di libertà per il reato di ricettazione, quindi messo a disposizione del locale Ufficio Immigrazione per la necessaria prosecuzione dei dovuti accertamenti sulla sua posizione giuridica in Italia. Più tardi, alle ore 00.40 circa della notte, un equipaggio del Reparto Prevenzione Crimine di Firenze, nel corso di attenta attività di prevenzione e controllo effettuata, anche in forma appiedata, nei giardini pubblici di viale Galilei, procedeva all’identificazione di alcuni individui che si aggiravano in maniera sospetta in zona, uno dei quali, un ventitreenne pratese, veniva trovato in possesso di sostanza stupefacente di tipo hashish per 3,5 grammi, della quale si appurava l’uso personale, sequestrata dagli Agenti con contestuale segnalazione alla locale Prefettura del ventitreenne pratese quale assuntore di droghe. Infine, alle ore 03.35 circa, personale delle Volanti, nel corso di attenta attività di prevenzione e controllo effettuata nella zona periferica di Casale, notava un furgone sospetto in via Traversa delle Caserane che, alla vista della pattuglia della Polizia di Stato, accelerava rapidamente l’andatura nel chiaro intento di sottrarsi a un eventuale controllo. Impostone l’alt in via delle Caserane, venivano identificati nel veicolo tre orientali, con il conducente, un quarantaquattrenne cinese titolare di patente di guida ma annoverante precedenti di polizia, il quale veniva trovato nell’immediata disponibilità, nascosto nella tasca dello sportello di guida, di uno


scalpello con punta artigianalmente molto affilata che lo rendeva una vera e propria arma, mentre i due passeggeri, rispettivamente un ventiquattrenne e un trentacinquenne, cinesi entrambi con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e la persona, venivano trovati in possesso di lunghi giraviti e di una chiave, anche questa artigianalmente alterata, utilizzabile come passepartout. Sequestrati tutti tali attrezzi, gli Operatori della Polizia di Stato provvedevano pertanto a condurre i tre cinesi in Questura e a denunciarli in stato di libertà per il reato di possesso ingiustificato di strumenti atti all’offesa e allo scasso. Al termine dell’articolato Servizio Straordinario di controllo, gli equipaggi in esso impiegati avevano complessivamente identificato 69 persone e controllato 19 veicoli su strada.

Mattinale  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you