Page 96

rofessionisti in elevazione. Una definizione calzante per RIAM, azienda che ha fatto dell’ascensore il proprio mondo. 55 anni di storia, 63 persone, 3 sedi in Triveneto, 4500 impianti, 3500 progetti. Ascensori, piattaforme elevatrici, montavivande, montauto, montacarichi, impianti diversi, con un denominatore comune: l’approccio sartoriale. Accurate realizzazioni su misura, con forme, dimensioni e materiali particolari, in linea con il design d’interni e con il progetto architettonico.

interni:

Gli ascensori RIAM sono integrati all’abitare più che all’abitazione, perché tengono conto dei modi, dei gusti, delle abitudini di chi li vive oltre che degli spazi a disposizione. “Alla base del nostro modo di lavorare c’è il fatto che siamo appassionati di architettura e di design. Per questo la complessità di certi progetti non ci spaventa”, spiega Alessandra Recchia, AD RIAM, parlandoci dei progetti per contesti storici di pregio architettonico. In centro a Verona, Venezia, Padova e in tante città del Triveneto, territorio d’elezione dell’azienda, sono tanti i palazzi antichi che hanno ritrovato vita, accessibili a tutti fino all’ultimo piano grazie agli impianti RIAM. La piattaforma elevatrice in questi casi è la soluzione ideale perché ha bisogno di pochissimo spazio, non richiede un locale macchine né opere di scavo, e può quindi essere inserita anche in un vano scala senza intervenire sulla struttura. Cabina e sbarchi ai piani in cristallo trasparente rendono l’impianto visivamente leggero e allo stesso tempo consentono una veduta verticale e dinamica sull’architettura durante la corsa.

96

|

RIAM ASCENSORI

Tutto un altro piano

Per gli edifici contemporanei le scelte sono più numerose, a maggior ragione quando il progetto nasce in sinergia con gli architetti. “In questi casi gli ambienti interni sono concepiti in relazione all’ascensore, nascono già in dialogo. Con un ruolo nevralgico nei percorsi interni, l’ascensore acquista peso anche nel design e tutti gli interni risultano valorizzati”, afferma Alessandra Recchia. Ascensore significa anche Manutenzione e Assistenza, aspetti centrali per RIAM che ha eletto i servizi ad area strategica dell’azienda. Tutto il personale è interno all’azienda e i tecnici manutentori sono formati costantemente per intervenire su impianti di ogni marca e tipo. Presenza, capacità di riposta, tempestività e continuità sono più che parole chiave per RIAM, rappresentano un modo di essere che ha fatto crescere l’azienda nel tempo. I suoi primi impianti sono stati per un Hotel e per una struttura ospedaliera, settori che hanno dato modo a RIAM di sviluppare una marcia in più nel servizio e che ancora oggi sono fondamentali per l’azienda. Luoghi pubblici, intensi flussi di traffico e stagionalità richiedono infatti la massima esperienza ma anche flessibilità e capacità innovativa. “La presenza sul territorio è un ulteriore valore aggiunto e una responsabilità d’impresa che anche quest’anno abbiamo voluto esprimere con un progetto speciale. Per il 55° compleanno, RIAM ha deciso di aderire a “67 colonne per l’Arena”, il progetto della Fondazione Arena per la ripartenza dell’Arena di Verona dopo la chiusura dovuta alla pandemia” conclude Alessandra Recchia.

Profile for Staff CarnetVerona

Abitare Verona 54  

La rivista affronta in ogni numero tematiche diverse – dalla casa all’architettura, dal sociale alla cultura, dalla moda all’arte –, propone...

Abitare Verona 54  

La rivista affronta in ogni numero tematiche diverse – dalla casa all’architettura, dal sociale alla cultura, dalla moda all’arte –, propone...

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded