Page 1

23.04.2015 ENERGIA Trilaterale Bulgaria – Romania - Grecia sul progetto comune del Corridoio verticale Un incontro trilaterale Bulgaria - Romania - Grecia si è svolto a Sofia per discutere il progetto del cosiddetto ‘Corridoio verticale’ per l’approviggionamento di gas naturale che dovrebbe collegare i tre Paesi limitrofi allo scopo di ridurre la dipendenza dalle forniture di gas russo. Nel suo intervento, il Ministro dell'Energia bulgaro, Temenuzhka Petkova, ha dichiarato che i lavori di costruzione dell'interconnessione tra le reti del gas dei tre paesi dovrebbero iniziare nella primavera del 2016 e terminare entro la fine del 2018. All'incontro hanno preso parte anche il Ministro dell'Energia greco, Panagiotis Lafazanis, e il Segretario di Stato del Ministero dell'Energia romeno, Mihai Albulescu. Temenuzhka Petkova ha definito “storico” l'incontro ed ha annunciato che è stata istituita una società congiunta, con un capitale di base di 10 milioni di euro, che seguirà i lavori del progetto. Il Corridoio verticale dovrebbe garantire il trasporto annuale di circa 5 miliardi di metri cubi di gas dall'Azerbaigian tramite i gasdotti trans-anatolico e trans-adriatico. DIFESA Contingente militare al confine con la Turchia per contrastare l’afflusso di migranti clandestini Il Ministro della Difesa, Nikolay Nencev, ha annunciato che 70 militari saranno inviati al confine con la Turchia a sostegno della polizia di frontiera per contrastare l’afflusso di migranti clandestini. Il contingente sarà di stanza alla frontiera il 27 aprile. Secondo Nencev, i principali problemi per la sicurezza nazionale provengono dalle regioni controllate dallo Stato islamico e dalla situazione in Ucraina. Questi temi saranno discussi nel Consiglio consultivo per la sicurezza nazionale convocato dal Presidente della Repubblica, Rossen Plevneliev, per lunedì prossimo. La riunione verterà sulle condizioni delle forze armate bulgare. La polizia di frontiera bulgara ha riscontrato, nei primi tre mesi del 2015, un significativo aumento del numero degli immigrati illegali provenienti dal confine con la Turchia. Un totale di 956 persone sono state arrestate dopo aver tentato di attraversare illegalmente il confine. Questo dato rappresenta un aumento pari al triplo, rispetto ai dati dello stesso periodo dell’anno scorso. KOSOVO Il comandante Plevneliev

Kfor

Figliuolo

incontra

il

Presidente

bulgaro

Founded in 2003 and acknowledged by Italian Government in law no.518/70 Member of the Association of Italian Chambers of Commerce Abroad Bul. Knyaghinya Maria Luisa, 2, Business Center TZUM, fl.5 – Sofia 1000 – Bulgaria Tel: +359 2 8463280/1–Fax: +359 2 9440869 info@camcomit.bg –www.camcomit.bg


Il comandante della missione multinazionale Kfor della NATO, Generale di divisione Francesco Paolo Figliuolo, ha incontrato ilP della Repubblica bulgaro, Rossen Plevneliev, durante la sua visita di stato in Kosovo. L’incontro si è svolto presso il quartier generale della missione a Camp Film City a Pristina. Il presidente Plevneliev e il generale Figliuolo si sono confrontati sullo stato della sicurezza e sulla situazione socio-politica in Kosovo. Il Presidente ha espresso il suo apprezzamento per l’operato di Kfor e ha assicurato al generale Figliuolo che la Bulgaria continuerà a supportare la missione finché il processo normalizzazione in Kosovo non sarà irreversibile. Plevneliev ha inoltre confermato l’appoggio economico bulgaro al Kosovo soprattutto nel campo delle infrastrutture e dell’energia. PARLAMENTO Mozione per riconoscere il genocidio armeno Il parlamento bulgaro discuterà domani una mozione sull'opportunità di riconoscere come genocidio i massacri del popolo armeno avvenuti durante la Prima guerra mondiale. La proposta, presentata ieri dal Vicepresidente del partito nazionalista Ataka, Desislav Chukolov, è stata sostenuta da 105 parlamentari, mentre 31 hanno votato contro e 41 si sono astenuti. La discussione parlamentare arriva in un momento in cui l'occidente ha rinnovato la richiesta alla Turchia di riconoscere le uccisioni di massa come genocidio, già accettato da molti paesi europei. Papa Francesco ha affermato che quello armeno è stato “il primo genocidio del 20mo secolo”, mentre il Parlamento Europeo ha adottato una risoluzione che chiede alla Turchia di riconoscere il genocidio.

Founded in 2003 and acknowledged by Italian Government in law no.518/70 Member of the Association of Italian Chambers of Commerce Abroad Bul. Knyaghinya Maria Luisa, 2, Business Center TZUM, fl.5 – Sofia 1000 – Bulgaria Tel: +359 2 8463280/1–Fax: +359 2 9440869 info@camcomit.bg –www.camcomit.bg

News ccib 23 04 2015  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you