Issuu on Google+

Pagina 15 - Anno XV

N. 336

(05)

Bollettino Informativo a cura dell'Ufficio Stampa dell'Associazione Commercianti ANNO XII - N.0 5 /2013 - www.confcommerciobisceglie.it N.05

31 - 03 - 2013

BISCEGLIE

«E'

necessario sospendere immediatamente l'operatività della Tares, prorogandone i termini di entrata in vigore almeno fino al primo gennaio 2014. E la sospensione deve riguardare anche la componente servizi che, da sola, comporta un aggravio di oltre 1 miliardo di euro per famiglie e imprese e che è già in parte ricompresa dalle voci servizi indivisibili presenti nell'IMU. Cittadini e imprese finirebbero per pagare due volte, sulla stessa base imponibile, gli stessi servizi che anche l'imposta sul mattone è chiamata a finanziare». E' la posizione di Confcommercio riguardo la nuova imposta sui rifiuti. «Occorre inoltre -

Dopo l'annuncio del Ministero dello Sviluppo Economico secondo il quale l'articolo 62 del decreto 'Cresci Italia' andava considerato abrogato da una successiva norma Ue, il Ministero delle Politiche agricole replica: "la norma ha piena efficacia"...

A

rticolo 62, ovvero beato chi ci capisce qualcosa. Il Ministero delle Politiche agricole ne ha ribadito infatti in una nota ''la piena efficacia e vitalità" dopo il parere reso noto venerdì scorso dal Ministero dello Sviluppo economico. Quest'ultimo, ricordiamolo, aveva risposto affermativamente nei giorni scorsi a un quesito giuridico posto da

Su richiesta del Presidente del

Consorzio Mercatincittà, accolta dal Commissario Straordinario del Comune di Bisceglie, Gianfelice Bellesini, è stata autorizzata l’apertura di mercati straordinari in città nei seguenti giorni: 07 APRILE nel rione zona San Pietro (via A. Vescovo) 07.00-13.00

prosegue la Confederazione - aprire un tavolo tecnico di lavoro, partecipato dalle principali associazioni di categoria, con il compito di ridefinire la struttura complessiva del sistema tariffario e di individuare nuovi coefficienti che rappresentino al meglio la reale produzione di rifiuti delle varie categorie economiche. L'attuale sistema, infatti, se non prorogato e completamente rivisto,

determinerà un aumento spropositato delle tariffe sui rifiuti». Da un'elaborazione di Confcommercio emerge che l'applicazione della Tares comporterà un incremento medio dei costi per il servizio urbano dei rifiuti del 290% e per alcune tipologie di attività incrementi medi superiori al 400%, come per la ristorazione, o addirittura al 600%, come per l'ortofrutta e le discoteche.

Confindustria relativo all'eventuale superamento della disposizione ("la disciplina in materia di ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali afferenti alla cessione di prodotti agricoli e agroalimentari, di cui al citato articolo 62, è stata tacitamente abrogata da quella successiva più generale, di derivazione europea, introdotta dal decreto legislativo 192 del 2012 di attuazione della direttiva 2011/7/Ue in materia di ritardi di pagamento in tutte le transazioni commerciali"). Ma ecco che l'ufficio legislativo del Mipaaf chiarisce invece come l'articolo 62 non possa considerarsi superato dalle normative comunitarie, ''in quanto, avendo ad

oggetto la 'Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari', si pone in un rapporto di evidente specialità rispetto alle revisioni di carattere generale delle normative comunitarie''. Lo stesso legislatore, si legge nella nota del Ministero delle Politiche agricole, con la legge 17 dicembre 2012 n. 221 è intervenuto modificando l'assetto normativo, escludendo effetti abrogativi. Il Mipaaf ricorda anche che il Consiglio di Stato ha osservato che ''la finalità della normativa induce a ritenere che le disposizioni abbiano la caratteristica delle norme nazionali 'ad applicazione necessaria''' e che l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha approvato il ''Regolamento sulle procedure istruttorie in materia di disciplina delle relazioni commerciali concernenti la cessione di prodotti agricoli e alimentari'' che si riferisce palesemente all'articolo 62.

05 MAGGIO nel rione zona San Pietro (via A. Vescovo) 07.00-13.00 02 GIUGNO nel rione zona San Pietro (via A. Vescovo) 07.00-13.00 07 LUGLIO in piazza Vittorio Emanuele 17.00-21.00 28 LUGLIO in piazza Vittorio Emanuele 17.00-21.00 06 OTTOBRE in piazza Vittorio Emanuele 07.00-13.00

03 NOVEMBRE nel rione San Pietro (via A. Vescovo) 07.00-13.00 01 DICEMBRE nel rione San Pietro (via A. Vescovo) 07.00-13.00 08 DICEMBRE in piazza Vittorio Emanuele 07.00-13.00 15 DICEMBRE in piazza Vittorio Emanuele 07.00-13.00 05 GENNAIO 2014 in piazza Vittorio Emanuele 07.00-13.00


BISCEGLIE 15 GIORNI DEL 31 MARZO 2013 CONFCOMMERCIO_5