Page 1

Pagina 14 - Anno XV

N. 341 (10)

15 - 06 -2013


Pagina 15 - Anno XV

N. 341

(10)

Bollettino Informativo a cura dell'Ufficio Stampa dell'Associazione Commercianti ANNO XII - N. 10 /2013 - www.confcommerciobisceglie.it 10/2013

L

a Regione Puglia ha deciso di utilizzare per sostenere le piccole attività commerciali, organizzate cioè su aree inferiori a 250 metri quadrati. Il 20 giugno è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia il bando con il quale si stabilisce che le risorse saranno assegnate dopo aver valutato tutti i progetti presentati dal 27/6 al 27/9 e tendendo in considerazione di alcuni parametri in particolare: Imprese gestite da donne che non abbiamo mai ottenuto altri finanziamenti regionali, che puntino

sul commercio elettronico e che siano localizzati nei centri storici o in aree mercatali. Il Bando commercio era incappato in una falsa partenza il 4/ 3/2013, quando la piattaforma informatica alla quale dovevamo essere indirizzate le domande di finanziamento andò in tilt per le molte richieste di accesso. Dopo 24 ore e tantissime polemiche, la Regione Puglia decise di sospendere il bando per rafforzare la piattaforma. La Regione Puglia ha quindi deciso di abbondonare la strada

Salvo proroghe, entro il 30 giugno prossimo anche le imprese individuali devono munirsi di un indirizzo PEC (Posta Elettronica Certificata). Tutti coloro che siano in possesso di una casella di Posta Elettronica Certificata, siano essi imprenditori individuali, società, Pubblica Amministrazione, liberi professionisti possono quindi scambiarsi tra loro corrispondenza amministrativa, commerciale o informativa, in modalità ufficiale, legale e sicura. Per quanto riguarda la comunicazione della PEC alla competente Camera di Commercio, quindi, dopo aver acquistato la casella presso uno dei Gestori autorizzati, bisogna effettuare una pratica di “Comunicazione Unica” utilizzando gli strumenti appositamente dedicati sui siti delle diverse Camere di Commercio provinciali. L'iscrizione della PEC non prevede alcun onere in diritti, bolli e tariffe. Se gli aspetti legati all’attribuzione della PEC e alla comunicazione al Registro delle Imprese sono stati ampiamente sin qui approfonditi, rimane un’altra importante e fondamentale questione cioè quella legata alla “gestione” della PEC. Infatti proprio perché trattasi di strumento alternativo alla raccomandata postale A/R, giuridicamente valido, ciò significa che debba essere trattata come una vera e propria cassetta postale quindi necessita di una gestione “fisica” continuativa, professionale e costante in quanto le comunicazioni ricevute dall’Azienda o dal Professionista o dalla Società a mezzo PEC, qualora, non lette e/o non riscontrate, si intendono ricevute regolarmente quindi legalmente acquisite.

l popolo delle imprese del Terziario della Regione Puglia si prepara a gridare un ‘NO’ forte ed inequivocabile contro l’aumento dell’IVA al 22%. La grande sfida è partita da Bari, dalla sede regionale di Confcommercio, e come sempre la risposta delle cinque sedi provinciali non si è fatta attendere. In sole 24 ore la macchina di Confcommercio ha predisposto il suo piano di azione per far partire in tutta la regione una grande raccolta di firme di imprenditori e cittadini che chiedono al Governo di recedere dal proposito di aumentare l’Iva. Le sedi provinciali, supportate da Confcommercio Puglia che ha pianificato l’iniziativa, si attiveranno per raccogliere -entro il prossimo sabato (29 giugno)- diverse migliaia di firme. I punti di raccolta saranno attivati nei capoluoghi e nei centri sedi delle delegazioni Confcommercio; nelle piazze, nei mercati rionali, nei grandi negozi saranno ben visibili i gazebo presso i quali sarà possibile sottoscrivere la petizione che sarà aperta a chiunque

I

15 - 06 - 2013

BISCEGLIE

del click day e ritornare ai bandi tradizionali con criteri di gara comparativi tra le diverse proposte. Con questo bando, infatti, verranno le domande verranno valutate secondo alcuni parametri e in particolare 30 punti saranno assegnati ai commercianti che abbiano avviato l’attività da almeno 6 mesi e non abbiano ottenuto altri contributi; 20 punti saranno riconosciuti alle donne o alle società nelle quali le donne abbiano i 2/3 del capitale sociale e alla cooperative nelle quali le donne siano il 60%; 10 punti per chi punta sul commercio elettronico. Con riferimento ai tre criteri, se le attività commerciali siano svolte nei centri storici il punteggio verrà aumentato del 15%. Ad ogni impresa ammessa sarà destinato un finanziamento massimo di 25mila euro.

(imprenditori, ma anche semplici cittadini) voglia condividere questo percorso e voglia manifestare il proprio dissenso. Un mezzo mobile girerà in questi giorni per mettere in collegamento tutte le sedi Confcommercio dalla provincia di Foggia ai centri del Barese, della Bat, del Salento, del Brindisino e della provincia di Taranto. Le firme raccolte saranno inviate al presidente Carlo Sangalli per dare manforte alla sua netta presa di posizione contro quella che consideriamo una azione scellerata e ingiusta, che avrebbe il solo risultato di aggiungere benzina sul fuoco. «Non vogliamo essere i fanti di una moderna Caporetto, non possiamo restare fermi di fronte a quella che è per le nostre famiglie e per le nostre imprese una sconfitta annunciata- afferma il presidente di Confcommercio Puglia Alessandro Ambrosi - Per questo ribadiamo “senza se e senza ma” il nostro “NO” all’aumento dell’Iva. Se muoiono le imprese, muore il Paese».

Profile for Salvatore Valentino

B15g 341 confcomm 15 giu 2013 10  

Bisceglie15Giorni, il quindicinale On Line della Città di Bisceglie diretto da Salvatore Valentino. Gratis per tutti i lettori del mondo.

B15g 341 confcomm 15 giu 2013 10  

Bisceglie15Giorni, il quindicinale On Line della Città di Bisceglie diretto da Salvatore Valentino. Gratis per tutti i lettori del mondo.