Page 1

EDIZIONE

Periodico d'Informazione - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012 www.bisceglie15giorni.com Registrato al Tribunale di Trani - n. 350 del 21.05.1999 Direttore Responsabile - Salvatore Valentino E-Mail: redazione@bisceglie15giorni.com E d i t r i c e : A s s o c i a z i o n e “ B I S C E G L I E H O S T & C O M M U N I C AATT I O N S ” - R e d a z i o n e e T E L E M AT I C A A m m i n i s t r a z i o n e - TTe e l - F a x : 0 8 0 . 3 9 5 2 3 2 8 - V i a d e l C o m m e r c i o , 4411 - 7 6 0 1 1 B i s c e g l i e ( B t )

VACANZE ED INCIVILTA’: IGIENE U R B A NA , L ’ U LT I M A . . . S P I AG G I A

F

ra i tanti interventi dei nostri “Amici-Lettori” ho accolto con piacere il grido d’allarme, l’ennesimo per la verità, di Marisa Cioce sullo stato dell’igiene delle spiagge biscegliesi. Un argomento che ha da sempre appassionato i “protagonisti” della politica, fissi o avventizi, le cui polemiche strumentali non hanno prodotto l’auspicata presa di coscienza da parte dei cittadini, inducendoli a rispettare i luoghi di comune uso, ma sono rimaste nella mente dei lettori per quello che sono: fuochi fatui dell’ennesima estate torrida... Nonostante gli sforzi di piccoli e grandi imprenditori del settore turistico, a Bisceglie si fatica a capire che il vero successo di una località (sia essa di mare o di montagna) sta tutto nell’accoglienza dell’ospite. Accogliere significa anche non imbrattare le strade, le piazze, le spiagge; offrire una serie di servizi immateriali, ma dalla fondamentale importanza, quali indicazioni, informazioni, cordialità. In un unicum: la Buona Educazione, utile nei rapporti fra indigeni, ma vero biglietto da visita da presentare all’ospite che, oggi più che mai, non è uno sprovveduto o un pollo da spennare e basta: l’utenza turistica ha raggiunto livelli di esigenza molto qualificata a cui occorre dare risposte altrettanto qualificate e professionali. Il tempo dell’improvvisazione sarebbe dovuto cessare già qualche anno fa... Speriamo di essere in tempo per imboccare la strada della credibilità. Salvatore Valentino

NUOVA SEDE PER LA GUARDIA COSTIERA DI BISCEGLIE

CONVERGENZE MEDITERRANEE, L’EVOLUZIONE DI MEDITERRARTE


Pagina 2 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012

Il Coro Ligneo della Cattedrale è di autore ignoto, risale alla metà del ‘600 e fu concessa alla Cattedrale nel 1807 da Giuseppe Bonaparte in seguito alla soppressione della Badia Benedettina di S. Maria dei Miracoli di Andria.

IL CONCERTO IN CATTERALE

“S

eguire il Maestro sulle orme dei Martiri” si intitola il Concerto Meditazione a cui la cittadinanza ha assistito mercoledì 8 agosto alle ore 20,30 nella Basilica Concattedrale di Bisceglie a cura del Coro della stessa Basilica. Il concerto-meditazione è uno degli eventi organizzati per raccogliere fondi destinati ad ultimare il restauro del pregevole coro in noce massiccio posto ai l at i d e l p r e s b i t e r i o d e l l a n o s t r a Concattedrale. L’opera è di autore ignoto, risale alla metà del ‘600 e fu concessa alla Cattedrale nel 1807 da Giuseppe Bonaparte in seguito alla soppressione della Badia Benedettina di S. Maria dei Miracoli di Andria. Sulle due ali del Coro, lunghe otto metri ciascuna ed alte m 3,36, è

rappresentata la storia dell’Ordine benedettino dalle origini alla fine del Medioevo. La restauratrice Loredana Acquaviva sta portando alla luce la bellezza del Coro. Purtroppo i finanziamenti ottenuti dal Comune di Bisceglie con delibera del 27/

08/2010 non sono stati sufficienti a completare i lavori. E’ per questo che il Comitato promotore del restauro del Coro ha messo a disposizione un conto corrente bancario intestato al Capitolo della Cattedrale di Bisceglie a cui possono essere devolute offerte.

A “ROMA INTANGIBILE” SI PARLA DI SHOA: ORTO SCHINOSA, IL “GIARDINO DEI GIUSTI” Presidente del Comitato La Foresta dei Giusti-Gariwo di Milano. Dott. Zaccaria Gallo Direttore del Gruppo di lettura Drammaturgica “EUTERPE 2010” Conclusioni: Avv. Francesco Spina, Sindaco della Città di Bisceglie Ore 20,00 Trasferimento nell’Orto Schinosa per la PROGRAMMA: presentazione dell’albero Saluti: Nicolantonio Logoluso (carrubo) e del cippo al Giusto Presidente Soc. Operaia “Roma dedicato KHALED Wahab. Intangibile” Interventi: Dott. Gabriele Nissim, giornalista, storico, scrittore, La Società Operaia di Mutuo Soccorso “Roma Intangibile” invita la cittadinanza all’evento: Dell’Albero del Giusto e del Cippo dedicato al Giusto KHALED ABDUL WAHAB Che salvò a Mahdia molti Ebrei durante la Shoah in Tunisia Mercoledì 05 Settembre 2012 ore 18,30 - Auditorium “Roma Intangibile” – Via Giovanni Bovio 53


Pagina 3 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012

Grazie a un’iniziativa coordinata con l’Associazione “I Negozi del Borgo Murattiano” di Bari, ZONAEFFE, ente gestore del CEA (Centro Educazione Ambientale) del Comune di Bisceglie, referente regionale del progetto “City4bike”, ha dato il via al primo esperimento in Puglia di diffusione della “bicicletta di cortesia”.

E’

un'estate su due ruote quella entrata nel vivo a Bari con l’arrivo di City4bike nel cuore pulsante del c a p o l u o g o p u g l i e s e. G r a z i e a un’iniziativa coordinata con l’Associazione “I Negozi del Borgo Murattiano” di Bari, ZONAEFFE, ente gestore del CEA (Centro Educazione Ambientale) del Comune di Bisceglie, referente regionale del progetto “City4bike”, ha dato il via al primo esperimento in Puglia di diffusione della “bicicletta di cortesia”. I negozianti aderenti, con la spesa minima dell’acquisto di una bicicletta, personalizzata con il proprio marchio, garantiscono alla loro clientela e a quanti ne avessero necessità, un servizio in più: la disponibilità di una bicicletta facilmente accessibile per piccoli spostamenti urbani. L’identificazione del punto City4bike più vicino, oltre che da una vetrofania, è assicurata anche dall’APP gratuita “City4bike” che fornisce infor mazioni utili sull’attività commerciale e rende possibile scoprire rapidamente come accedere alla “bicicletta di cortesia” più vicina quando se ne ha bisogno! ZONAEFFE, da sempre attiva nella promozione della mobilità sostenibile e della ciclabilità urbana, ha raccolto la sfida di rilanciare sul territorio regionale un progetto che, nato a Caserta, si andava diffondendo in altre regioni d’Italia ma non in Puglia. «Quello che ci affascina e appassiona” - racconta Angela Di Ceglie, referente ZONAEFFE del

CITY4BIKE SBARCA IN PUGLIA!

progetto - è che City4bike inverte la logica del Bike Sharing classico, nelle sue molteplici versioni, innescando un processo di diffusione della mobilità sostenibile dal basso, attraverso la condivisione. Non più un Ente pubblico che si dota di uno stock di biciclette rendendole accessibili ai possessori di una tessera (oggettivamente un numero spesso irrilevante di utenti potenziali in rapporto ai residenti), ma una molteplicità di soggetti, polverizzata sul territorio, che condividendo una bicicletta con chi ne ha occasionalmente bisogno, diventano protagonisti attivi di un percorso virtuoso di miglioramento della qualità della vita urbana». City4bike ha, infatti, risvolti inediti e interessanti. Non prevede investimenti pubblici per la realizzazione di postazioni e per l’acquisto di biciclette, né costi collettivi per manutenzioni o interventi a seguito di atti vandalici e manomissioni. Non vi sono vincoli in rapporto all’utilizzo (tesseramento, pagamento, etc.). Chi aderisce acquista semplicemente una bicicletta personalizzata che di suo darà un ritor no d’immagine immediato, rilanciato ogni volta che il mezzo circola. L’affido della bicicletta sarà volontario, in funzione dei propri orari di apertura e chiusura, e dell’uso per necessità interne (piccole consegne o commissioni, percorso casa-lavoro, etc.). L’utilizzatore occasionale dovrà soltanto lasciare un documento e s o t t o s c r i ve r e u n m o d e l l i n o d i comodato d’uso gratuito che libera il proprietario della bicicletta da

responsabilità conseguenti all’utilizzo. Il risultato finale, accanto a quello di for nire un servizio, è quindi molte plice: agevolare i piccoli spostamenti urbani disincentivando l’uso improprio dell’automobile, incentivare la riduzione del traffico, delle emissioni, del parcheggio selvaggio, innescare un effetto moltiplicare di comportamenti virtuosi che nel quotidiano ognuno può adottare. «Partire dal capoluogo di regione – continuano dal CEA ZONAEFFE – ha dimostr ato che innescare l’inversione di tendenza a favore della mobilità dolce in aree a vocazione commerciale è un’azione credibile ed efficace anche sul terreno difficile di grandi città come Bari, dove il servizio è partito con 100 biciclette. Presto saremo anche a Bisceglie, le adesioni sono già in corso con risposta positiva dei commercianti». City4bike Puglia intende diffondersi ovunque ci siano sensibilità in grado di coglierne il potenziale, con attenzione particolare a Bisceglie e alla provincia BAT, le cui città aderiscono al Patto dei Sindaci, promosso dalla Commissione Europea, che prevede azioni mirate all’abbattimento del 20% delle emissioni di CO2 entro il 2020. Obiettivo perseguibile anche attraverso la diffusione di stili di vita più sobri e sostenibili legati alla mobilità urbana, come incentivare l’uso della bicicletta in città. Info e adesioni: ZONAEFFE 3495291885 - 3496392494 city4bike@zonaeffe.it Pagine face book: www.facebook.com/ zonaeffe - www.facebook.com/ city4bikepuglia


Pagina 4 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012

X Mostra Internazionale del Video e del Cinema d’Autore 13 | 14 | 15 agosto 2012 a Bisceglie Il cinema e il teatro di Flavia Mastrella Antonio Rezza

“AVVISTAMENTI” 20022012, DIECI ANNI DI (R)ESISTENZA

I

l 27 dicembre 2002 nasceva la Mostra Internazionale del Video e del Cinema d’Autore Avvistamenti. Sono passati dieci anni da quella prima memorabile edizione svoltasi nella chiesetta sconsacr ata di Santa Margherita a Bisceglie. Impossibile per noi fare un bilancio esaustivo di queste dieci edizioni di “Av v i s t a m e n t i ” o p r ova r e a ripercorrerne le tappe, senza fare torto a qualcuno degli oltre cento artisti e critici che hanno condiviso con noi visioni espanse, dilatate, eccentriche e coerentemente “non-riconciliate”. Dieci anni dopo quell’edizione, “Avvistamenti” torna a guardare lontano con spirito immutato e resistente, ripartendo da Bisceglie: il 13, 14 e 15 agosto 2012, con il cinema e il teatro di Flavia Mastrella e Antonio Rezza. Flavia Mastrella e Antonio Rezza si occupano di comunicazione; sono uniti da più di vent’anni nella produzione di performance teatrali, f i l m a c o r t o e l u n g o r e s p i r o, trasmissioni televisive, performance e set migratori. Mastrella, fornita di una fantasia plastica, espone negli anni sculture, video-sculture e fotografie in Italia e all’estero. Una sua opera fa parte della collezione permanente della Certosa di San Lorenzo a Padula all’interno della mostra “Le opere e i giorni”, curata da Achille Bonito Oliva. Il PAN di Napoli ha ospitato l’installazione Boe alla deriva, mentre n e l 2 0 0 8 s i è t e n u t a a Ro m a l’esposizione dell’habitat di Autopatia. Rezza, performer con il fiato rotto, muove da un’esperienza linguistica anti narrativa, approdata a quattro libri pubblicati da Bompiani di cui l’ultimo, Credo in un solo oblio, ha vinto il Premio Feronia nel 2008. Insieme hanno partecipato più volte al festival del Cinema di Venezia, hanno

realizzato programmi televisivi e hanno vinto il Premio Alinovi per l’arte interdisciplinare nel 2008. Nel gennaio del 2010 presentano a Madrid e a Palencia Pitecus in lingua spagnola. Nel Giugno del 2011 presentano 7-14-21-28 al Théâtre de la Ville di Parigi all’interno del Festival Face à Face. Nell’ Aprile del 2012, edito da Barbès, è uscito il libro La noia incarnita – il teatro involontario di Flavia Mastrella e Antonio Rezza a cura di Rossella Bonito Oliva. La Mostra, organizzata e diretta da Daniela Di Niso e Antonio Musci e patrocinata dall’Assessorato al Mediterraneo, alla Cultura e al Turismo della Regione Puglia e dal C o m u n e d i B i s c e g l i e , è s t at a inaugurata il 13 agosto 2012 alle ore 19.00 ancora una volta presso la Chiesa S. Margherita di Bisceglie. Il 13 e il 15 agosto saono stati dedicati al cinema e alla televisione di Flavia Mastrella e Antonio Rezza, con proiezioni che si svolgeranno per tutta la sera a partire dalle ore 19.00 presso la Chiesa di S. Margherita (ingresso libero), seguite da incontri con gli autori. Sono stati proiettati tutti i corti e lungometraggi cinematografici ed una selezione di episodi del programma TV Troppolitani, andato in onda oltre dieci anni fa su Rai3. Negli stessi giorni sono stati presentati il libro La noia incarnita (ed. Barbès) e il dvd Ottimismo democratico (ed.

Kiwido – F. Carra). Il 14 agosto alle ore 21.00, presso l’Anfiteatro Mediterraneo, si è svolto invece lo spettacolo teatrale Doppia identità elevata al superficiale di Flavia Mastrella e Antonio Rezza, con Antonio Rezza e Ivan Bellavista. Lo spettacolo è un viaggio a ritroso nei temi trattati nel tempo e che hanno avuto l’omosessualità al centro dei pensieri di chi non li ha e non lo è, con estratti in tema dalle opere Pitecus, Io, Fotofinish, Bahamuth, 7-14-21-28. Il programma completo è su: www.avvistamenti.it


Pagina 5 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012

di Francesco Brescia La bellezza, si, è importante ma Maria Roberta Losapio ha messo al primo posto la formazione personale e la tenacia nel portare avanti le cose che fa. E che fa con ottimi risultati

LA MODA, LA RADIO, LO SPETTACOLO. MA PRIMA DI TUTTO LO STUDIO

E

chi l'ha detto che non è possibile conciliare interessi, lavoro, famiglia, studio? Basta avere come base del proprio operato quotidiano una g rande passione nei confronti di tutto ciò che si ama fare. É il chiaro e lampante esempio di Maria Roberta Losapio, classe 1993, fresca di 100 e lode (Liceo Scientifico “L. da Vinci” di Bisceglie), prefinalista nazionale al concorso Miss Italia 2011 e conduttrice radiofonica di “Estate in Città”, programma estivo di Radio Centro Stereo. Vo g l i o m o t i v a r e i l p e r c h é dell'inserimento di Maria Roberta nel novero dei giovani talenti pugliesi. Maria Roberta non me ne voglia: ma la bellezza qui c'entra poco. O meglio: conta, ma come condimento che non rovina un piatto giù ricco di ottimi e squisiti ingredienti. La sua attività di modella è portata avanti con la consapevolezza, a “soli” 19 anni, di chi cammina su un campo delicato, impervio e irto di ostacoli. Un campo in cui, senza pregiudizi ma anche senza ipocrisia, servono due occhi grandi così, una testa ben fissa sul collo e una personalità tenace, determinata per saper dire “no” quando si deve dire “no” e “si” quando si può dire di “si”. E questi primi ingredienti ci sono. Nulla ha mai deviato le attenzioni costanti che Maria Roberta dedica allo studio. Cinque anni di liceo condotti in maniera egregia ed esemplare ottenendo risultati che farebbero dormire sonni tranquilli anche ai genitori più premurosi e ansiosi e che farebbero invidia a quelli non proprio abituati ai successi dei propri figli. Bene, presenti anche questi ingredienti.

Dal mese di luglio Maria Roberta è anche speaker radiofonica: è la conduttrice della tr asmissione radiofonica “Estate in Città” di Radio Centro Stereo e ha anche condotto il Fe s t i v a l , i n s e r i t o n e l l a programmazione estiva cittadina e o r ga n i z z at o d a l l ' A s s o c i a z i o n e culturale “Teclas”, “Contaminazioni” lo scorso 30 luglio presso il Teatro Mediterraneo di Bisceglie. Una conduzione esteticamente mozzafiato (e vabbé, non ce l'ho fatta: qui la bellezza si vedeva! E complimenti pure ad Antonella Pipoli, creatrice degli abiti indossati da Maria Roberta nel corso della serata), professionale sotto il profilo dell'interazione con il pubblico e impeccabile nel ruolo di

intervistatrice. E anche questi altri ingredienti ci sono. Se a tutto ciò aggiungiamo che la protagonista di questa decima (e ultima) puntata della rubrica “Giovani Talenti Pugliesi” collabori con un periodico d'informazione locale, otteniamo una ragazza completa, preparata, informata. Ma voglio, in conclusione, tornare alla premessa: in tutte le situazioni in cui decide di presentarsi e lavorare incisivamente Maria Roberta ci mette il cuore, ci mette quell'elemento che rende, seppur nell'ambito dello studio e/o del lavoro, leggera ogni cosa perché la si fa con un motore che non tutti detengono: la passione.


Pagina 6 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012

di Nunzia Palmiotti

LA “FESTA DELL’OLIO” IN UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE IL FRANTOIO GALANTINO ALL’INSEGNA DEI PERCORSI DEL GUSTO

I

l 18 agosto il Fra n t o i o Galantino, uno dei più qualificati della nostra città è stato raggiunto da alcune migliaia di visitatori, giunti anche dai paesi limitrofi, per il consueto appuntamento con la gastronomia locale , all’insegna dell’”oro biondo” o “Olio Galantino”, ormai noto in tutti i mercati del m o n d o, p e r c h é d i p r o d u z i o n e controllata e di proprietà o r ga n o l e t t i c h e d i p r e s t i g i o s a produzione. La “Sagra dei percorsi del gusto” è stata preceduta da un servizio televisivo, il giorno 17 agosto, nella famosa trasmissione Eat Parade di Rai 2. In realtà, il successo o la notorietà del frantoio si deve al maestro oleario dr. Michele Galantino, pioniere e discendente da un’antica famiglia di frantoiani, agl’inizi del secolo, che per primi acquistarono un vecchio mulino, trasformandolo in frantoio. «Le olive provengono - sostiene il d r. G a l a n t i n o - d a l l ’ u b e r t o s a campagna della Daunia, dalla località la “Fenice” (San Ferdinando di Puglia), maturate al bel sole del Tavoliere». La lavorazione è continuamente seguita, secondo tecnologie avanzate, per il raggiungimento di un olio che conserva integ ro il suo sapore altamente qualificato, proposto nei suoi diversi gusti dall’”Affiorato”, al “Limoncello”, al “Mentolo”, alla “Salvia”, al “Peperoncino”. Sono rispettati tutti i i desideri dei buongustai della cucina pugliese, che giungono anche dagli Stati Uniti, per seminari di studi presso il Frantoio, che, fra l’altro, gode di accoglienza in un’antica sala convegno. Il dr. Galantino si avvale della collaborazione del dr. Massimo Cassanelli, un giovane colto, che coordina le relazione pubbliche con l’estero e la pubblicità del prodotto. Insomma “l’Olio Galantino” è una garanzia per i piaceri della tavola, ci affascina il sapore dell’olio che non contiene acidità, perché è puro all’origine. Si sta, infatti, sperimentando nell’ambito del frantoio, anche l’utilizzo dell’oro biondo per la

“cosmesi”. Infatti è risaputo che nella nostra terra di Puglia (Magna Grecia), fin dal VI secolo a. C., gli atleti nelle competizioni olimpiche amavano detergere il corpo di olio d’oliva, con l’utilizzo di uno “strigile di bronzo”. Il Percorso del Gusto ci ha fatto gustare: una fantasia di riso con l’olio a preferenza; una frittura di pesce con olio extravergine; “spiedino KM. O con verdura e frutta biscegliese, inebriato con il buon Primitivo di Manduria e, per concludere, un gelatino all’extravergine. Alla festa dell’olio, il dr. Michele Galantino associa la cultura e le tradizioni biscegliesi: i mestieri d’altri tempi. Il sig. Marino Aruanno, biscegliese verace, residente a Milano, maestro

funaio da 50 anni ha evidenziato la realizzazione dei fiscoli, che erano creati con steli di giunco; la maestra sig.ra Maria Carmela Todisco ha prestigiosamente esposto all’attenzione dei visitatori i pregevoli lavori al tombolo, che rappresentano un unicum per lavorazione in città; il sig. Giacinto Galantino ha esordito con le sue creazioni in pietra: piccoli trulli, miniature di monumenti della città di Bisceglie, tra cui Villa Fiori; il pittore-artista Francesco Cassanelli, noto con il nome di “Mbà Frenk” ha esposto i suoi dipinti su Bisceglie, che sono considerati dei piccoli gioielli. Cassanelli vive a Chiavari, ma è legato alla sua città. Al frantoio Galantino si deve la realizzazione di un DVD che illustra la produzione dell’olio nell’ambito dell’azienda.


Pagina 7 - Anno XIV N. 323 (15) 18 -08 - 2012

INAUGURATA LA NUOVA SEDE DELL’UFFICIO LOCALE Ad un anno dall’inizio dei MARITTIMO lavori di recupero e restauro di Chiara Valentino

dei vecchi locali della Dogana, la Guardia Costiera dispone oggi di una sede che of fre un panorama invidiabile.

L

o scorso martedì 7 agosto è stata inaugurata la nuova sede dell’Ufficio Locale Marittimo di Bisceglie, in precedenza ospitato in via Taranto. Il trasferimento dell’ufficio della Guardia Costiera in Via Trieste rappresenta una delle tante iniziative del processo di crescita del centro storico e dell’area portuale previste dal progetto Waterfront siglato il 23 n ove m b r e s c o r s o d e l s i n d a c o Francesco Spina presso la sede della Regione Puglia. La cerimonia di inaugurazione ha avuto luogo alla presenza delle altre autorità militari della città, dell’Ammiraglio Giovanni De Tullio, Direttore delle Capitanerie di Porto della Puglia e della Basilicata Ionica e del comandante Francesco dell’Orco, responsabile dell’Ufficio Marittimo di Bisceglie. Dopo una breve cerimonia e la benedizione dei locali effettuata da Don Antonio Antifora, il Sindaco Francesco Spina ha proceduto con il simbolico taglio del nastro, esprimendo nel suo discorso un augurio di buon lavoro agli addetti dell’Ufficio della Guardia Costiera e grande soddisfazione per l’iperattività dell’amministrazione in merito al processo di riqualificazione della città: «La nuova sede dell'Ufficio Locale Marittimo - ha dichiarato il sindaco Spina nel suo messaggio di saluto - si inserisce nel grande programma di recupero e riqualificazione dell'area portuale con gli interventi sul waterfront, della nuova diga foranea e del centro storico. L'Amministrazione Comunale ha ottenuto importanti finanziamenti per questi interventi e pone grande attenzione allo sviluppo di questa area. Sono sicuro che questo presidio della Marina Militare, nell'ambito delle

proprie competenze, opererà in sinergia con le altre istituzioni p u bbl i c h e e p r i v at e c h e s o n o impegnate per il rilancio e la crescita di questa parte significativa della Città».


Pagina 8 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012

N

on è solo un gioco di parole quello contenuto nel titolo dell’interessante iniziativa che si svolgerà a Bisceglie il 25 Agosto. Il concerto itinerante, avrà inizio ai leoni in Piazza Vittorio Emanuele alle ore 20.00 e si concluderà, presso il Teatro Del Mediter r aneo, per ricongiungere la musica al mare, un mare che da sempre regala emozioni e pensieri e con le sue onde dona forme nuove alle cose, portando sorprese e rubando sguardi, oggetti, pezzi di storie e di paesaggio. “Giuliani…ricercar”, questo il titolo del percorso territoriale-musicale che prende spunto dalla storia e dalle opere di Mauro Giuliani, compositore, pedagogo e musicista tanto caro alla nostra terra. Un evento che vuol mescolare le radici territoriali della musica dell’Artista, la sua storia ed i sentimenti connessi, ma non per riproporli come testimonianza di una grande storia, umana e musicale. L’intento è quello di far vivere, con estrema vivacità e con una nuova energia, lo spirito, lo strato culturale sotteso, i sentimenti…e contestualizzarli negli spazi, nei colori,

PERCORSO MUSICALE ITINERANTE PER L’ESTATE BISCEGLIESE: “GIULIANI... RICERCAR” nei profumi e tra gli uomini contemporanei. Proprio come propone la forma musicale del “Ricercar”, trarre spunto e note dal maestoso passato, cucirlo sul pentagramma del qui ed ora, senza malinconia ma con la voglia di una rinnovata e gioiosa esistenza che si intreccia sulle corde della chitarra di Giuliani e scivola leggera sui tasti del pianoforte del compositore Davide Liuni. Il percorso musicale, per questo, sarà un vero e proprio itinerario per le strade di Bisceglie, attraverso un mezzo alquanto bizzarro. Un modo per mescolare i sensi, la musica ai paesaggi, caratterizzati da diversi odori e da colori tipici, per racchiudersi in un quadro scenografico e sensoriale senza eguali. E’ proprio ai colori del mare e della terra Biscegliese che sarà ispirata la scenografia, ad opera dell’artista autoctona Monica Casalino, una scenografia che segue il passo musicale e lo accompagna, con il medesimo volo temporale, tra passato e presente, dal legno, la pietra, attraverso l’acqua, la carta fino alla resina e la luce, il verde, il blu e le tipiche tonalità mediterranee, per unirsi alla perfezione del pianoforte ed alla sapiente creatività dell’artista Davide Liuni. Silvia Valente

A PAESTUM PREMIO PER LA MIGLIOR REGIA AD ENZO MATICHECCHIA

B

uona la prima…volta! Lunedì 20 agosto 2012 nel suggestivo scenario della Piazza della Basilica in quel di Paestum a poca distanza dalle celeberrime rovine della cittadina campana, si è svolta la premiazione della XIII Edizione della Rassegna Nazionale di Teatro “Sipario Aperto” che ancor a una volta ha visto protagonisti l’attore/regista Enzo Matichecchia e la “Compagnia dei Teatranti” da lui diretta. Dopo aver vinto 3 anni fa proprio a Paestum il premio quale Miglior Spettacolo con PINOCCHIA di Stefano Benni e dopo aver ricevuto ben 36 premi nazionali dagli spettacoli e dagli attori ed attrici della sua Compagnia, finalmente per (Continua a Pag. 9)


Pagina 9 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012

G

i ove d ì 9 a g o s t o 2 0 1 2 l a CompagniAurea si è presentata al territorio sbancando in via Marconi. Circa cinquecento gli spettatori intervenuti alla piece, in collaborazione all’amministrazione comunale e al comitato delle feste patronali. Si ringraziano tutti coloro che hanno partecipato. Grazie per sino al cinquecentesimo spettatore, grazie di vero cuore. Quando l'amore, l'arte, il talento e la passione si fondono nel teatro non c'è forza che resista. La mediocrità e il buio viene sconfitto. «E’ per questo che spengo la luce, sulle quattro battute finali; è più forte la spinta d'amore o il timore di essere soli? Ricordati, di me - “l'amore, in genere,vince e straripa su tutto. Un'altra vittoria per la compagniAurea. Si ringraziano gli attori: Angela Di Ceglie, Annarita Galantino,Antonio Altamura,Camilla Sinigaglia, Cristiano Turtur,Daniela Sterlaccio, Federica Di Leo, Gabriella Di Corrado, Giosuè Di Pierro, Ilaria D’Addato, Lino Storelli, Luana Bianchi, Mariateresa Di Corrado, Mariateresa Fata, Marina Terrone, Margherita Ferrucci, Paola Porcelli, Pierpaolo Sasso e Vincenza Porcelli. Si ringraziano tutti coloro che sono rimasti colpiti e hanno avuto la possibilità di rivivere le loro storie,lo scenografo Andrea Di Molfetta e lo staff Palmiotti. Oltre a ciò compagnia Aurea promuove artisti del territorio, i

COMPAGNIAUREA, LA RIVELAZIONE DELL’ESTATE 2012

costumi curati da Maria Napoletano e Francesco Suriano con l’aiuto tecnico di Lucrezia Losciale, Mariana Colangelo e Maria Pasquale; fotografia Enzo Todisco, il trucco e acconciature guidate da Carmela Ferrante. Un sentito ringraziamento al presidente della S.O.M.S Roma Intangibile da cui è stato tratto lo spettacolo teatrale. «In fondo faccio solo quello che mi piace fare. Ar te». Sostiene il presidente/direttore artistico g i ova n i s s i m o d e l l a c o m p ag n i a Francesco Sinigaglia (regista, attore, drammaturgo, sceneggiatore). «Prossimamente la compagniAurea ancora in scena con una nuova drammaturgia. c'è aria nuova, pulita, fresca e vera. Decide con la sua ultima fatica di

A PA E S T U M P R E M I O P E R L A MIGLIOR REGIA AD ENZO M AT I C H E C C H I A l’artista tranese arriva il primo riconoscimento quale Migliore Regia per LISISTRATA, la commedia scritta da Aristofane nel 411 a. c. il cui adattamento dello stesso Enzo Matichecchia sarà replicato mercoledì 22 agosto al Centro Jobel di Trani nell’ambito della Rassegna “Trani di Scena”, e che per soli 3 punti (94 a 97) è giunto secondo alla corsa di Miglior Spettacolo. Questa la motivazione che

la giuria di Sipario Aperto ha inteso conferire all’artista tranese: “Un testo che appartiene al patrimonio culturale del teatro classico greco, riletto in chiave leggera e moderna ma nel contempo tradizionale, evidenzia una regia sapiente e professionale, trattando un tema che attraversa ed attraverserà tutto il percorso umano nell’eterna e dolce lotta tra maschi e femmine”.

darsi connotazioni ben precise, richiamare i valori: quelli veri, quelli buoni della tradizione e rimembrare l’arte che NON appartiene solo a pochi permettendo così di farla entrare nelle case e nei cuori di tutti. Un grido acuto per dire che noi ci siamo,nel nostro piccolo,nei nostri giorni. E tra una pizzica e una ballata l’associazione offre al suo pubblico indiscreto, “RICORDATI”». “Quassù, si vive di tradizioni e di storie semplici: questa è la tua storia.” Terzo lavoro, dopo la vittoria nel concorso Rotary International con il “Motorino” scritto e diretto da Francesco Sinigaglia e la piece teatrale “ROSSO, tutte le storie iniziano e finiscono con il rosso”. Questa è la nostra storia. Di quando c a d eva m o e c i s b u c c i ava m o l e ginocchia. Di quando con i nostri cugini, giocavamo a fare i marinai con il balcone della nonna che diventava la nostra barca, il nostro peschereccio. Era tutto più facile. Era tutto più buono. Era tutto più vero. Era il luglio del 1960. Il nostro tempo non è scaduto, è solamente appena cominciato. C’erano lavori che oggi non ci sono più,mi piacerebbe da grande fare uno di quei lavori. Una storia d’altri tempi, tra canti e tradizione. Tra il sole nel fango,ad invocare il venticello che non arrivava mai. A preparare con le nonne “u ciambut” ,“ u cucue” e “ r ciacidr”. Le campane suonavano. E io, io non ero ancora nato.


P a g i n a 1 0 - A n n o X I V N . 3 23 ( 1 5) 18 - 0 8 - 2 0 1 2

A

seguito di una segnalazione pervenuta presso la sala operativa della Capitaneria di Porto di Molfetta riguardo all’avvistamento di una Tartaruga comune (tipo CarettaCaretta) a meno di mezzo miglio dalle ostruzioni del porto di Molfetta con e v i d e n t i d i f f i c o l t à n a t at o r i e , prontamente interveniva sul posto il battello “G.C.A75” della Guardia Costiera che recuperava la tartaruga portandola in banchina all’interno del porto stesso. Attraverso il primo intervento di soccorso effettuato dai militari si è riusciti a consegnare l’esemplare di circa 60 kg. e lungo 70 cm. ancora in vita al Centro WWF Recupero Tartarughe di Molfetta. Dall’inizio dell’anno è stato ormai raggiunto il trentaquattresimo rilascio in mare di queste testuggini, dopo il ritrovamento e le lunghe cure del centro recupero, e grazie soprattutto alla stretta collaborazione tra il WWF e la Guardia Costiera locale. Le tar tar ughe sono animali onnivori che si nutrono di molluschi, crostacei, gasteropodi, pesci e meduse ma nei loro stomaci viene oramai rinvenuto di tutto, dalle buste di plastica, probabilmente scambiate per

CARLO MONOPOLI E R A F FA E L L A MONTINI SPOSI I

l 6 agosto scorso presso la chiesa della Madonna di Passavia si sono congiunti in matrimonio l’attore di teatro, scenografo, Carlo Monopoli e Raffaella Montini, stupenda ragazza di origine cremonese.

GUARDIA COSTIERA DI MOLFETTA E W.W.F. SALVANO UN’ALTRA “CARETTA-CARETTA”

meduse, a tappi di plastica, portachiavi ed altri oggetti di plastica pericolosi per gli esemplari (maschi e femmine) che nei mesi di giugno, luglio ed agosto si “ritrovano” per riprodursi al largo delle nostre spiagge. Anche nell'età adulta le tartarughe muoiono intrappolate nelle reti dei pescatori o con gli ami aguzzi delle canne da pesca così come vengono anche ferite o nella

Testimoni di matrimonio: i dott. Torchetti e Giuseppe Ruggeri di Bisceglie. Gli sposi hanno salutato parenti e amici presso “Villa Carafa”. Carlo, diletto figlio del pittore artista Eugenio, è noto per la sua attività nel campo teatrale, per le commedie di Eduardo De Filippo e il mondo delle operette (Compagnia Souvenir). La Redazione di “Bisceglie 15 Giorni” augura agli sposi Carlo e Raffaella tanta felicità. Nunzia Palmiotti

peggiore delle situazioni uccise dalle eliche delle barche a motore, che triturano pinne e carapace. Le tartarughe comuni sono fortemente minacciate, infatti ovunque il numero di nidi è in declino e la cattura accidentale di migliaia di animali ogni anno negli attrezzi da pesca rende la situazione in Mediterraneo davvero preoccupante.


P a g i n a 1 1 - A n n o X I V N . 3 2 3 ( 1 5) 18 - 0 8 - 2 0 1 2

I

controlli predisposti dalla Capitaneria di porto di Molfetta, agli ordini del Capitano di Fregata (CP) Alessandro Ducci, nell’ambito dell’operazione Mare Sicuro 2012, finalizzati alla tutela della sicurezza della balneazione e della navigazione, con mezzi navali della Guardia Costiera in tandem con pattuglie via terra, sono stati intensificati nel periodo dal 10 agosto al 20 agosto. Il dispositivo predisposto dalla Guardia costiera ha visto impegnati, lungo la costa da Bisceglie a Santo Spirito, 3 mezzi navali e 2 pattuglie a terra che, mattina e pomeriggio, negli orari di massimo afflusso di bagnanti, hanno garantito la sicurezza della balneazione e la tranquillità dei turisti presenti sulle spiagge. Durante la dieci giorni sono stati eseguiti 224 controlli, sono state soccorse 3 persone e sono state elevate 13 contravvenzioni. In par ticolare, sono stati verbalizzati conduttori di unità da diporto nelle acque di Molfetta e Giovinazzo, perché non aver rispettato il limite delle acque riservate alla balneazione. Gli stabilimenti balneari presenti

III TORNEO DI TIRO CON L’ARCO STORICO. IL 2 SETTEMBRE IL TROFEO “DOLMEN DELLA CHIANCA”, A CURA DEL GRUPPO ARCIERI BISCEGLIESI

“MARE SICURO”: IL BILANCIO DELLA GUARDIA COSTIERA

lungo il litorale del Compartimento multati per non avere tutte le dotazioni di sicurezza previste sono stati 2 m e n t r e s o n o s t at e d e n u n c i at e all’Autorità Giudiziaria di Trani n. 2 motopesca per non possedere a bordo tutti i dispositivi di sicurezza per la navigazione. Con l’operazione “Mare Sicuro”, coordinata a livello regionale dalla Direzione marittima di Bari, si vuole garantire attraverso il dispiegamento di uomini e mezzi della Guardia Costiera, il massimo impegno in termini di sicurezza, rispetto delle regole

demaniali, della balneazione e di tutto quello che concerne la vita umana in mare in modo da garantire, a diportisti e bagnanti, la libera e sicura fruizione dei litorali nel corso di tutta la stagione estiva. Viene doverosamente ricordato che le zone di mare riservate alla balneazione sono quelle sino alla distanza di 200 metri dalla riva e soprattutto che eventuali situazioni di pericolo per la vita umana che comportano un tempestivo intervento possono essere segnalati chiamando gratuitamente il numero blu 1530 della Guardia Costiera.

L’appuntamento è per le ore 8 in Piazza Vittorio Emanuele, dove sarà allestito il campo medioevale, dove gli arcieri partecipanti si iscriveranno al torneo ed assumeranno gli abiti storici. Dalle 9,30 alle 13,00 tiro con l’arco nelle vie del Centro Storico, nel Bastione di San Martino e nel Parco delle Beatitudini. Alle ore 16,00 gara in Piazza Castello per l’assegnazione del Trofeo Dolmen della Chianca. Alle 16,30 circa avrà inizio il Corteo Storico per le vie della Città: Piazza Castello, Piazza Vittorio Emanuele, Via Aldo Moro, Piazza Diaz, Via De Gasperi, con ritorno in Piazza Vittorio

Emanuele. Alle ore 18,00 premiazione dei vincitori, con l’esibizione del Gruppo Falconieri di Melfi e de gli sbandieratori “Il Fieramosca” di Barletta.


Pagina 12 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012

Il grido d’allarme lanciato dal Sindacato Autonomo di Polizia, sede provinciale di Bari

L

e cronache dei TG ci raccontano di caselli autostradali scorrevoli e alberghi semivuoti, a testimonianza che la crisi economica avrebbe indotto tanti milioni di italiani a rinunciare alle vacanze. Per la Polizia la crisi è iniziata già da tempo e non è solo economica ma anche strutturale, e si fa avvertire soprattutto al Sud, nelle Questure, nei Commissariati e neivari Uffici di specialità. Il problema principale è la carenza di personale, aggravata da un intollerabile innalzamento dell'età media e dalla progressiva riduzione delle risorse destinate agli straordinari, alle indennità, al mantenimento della catena logistica. Le continue riforme peggiorative del sistema pensionistico e gli annunci di ulteriori sacrifici richiesti a chi non ha più nulla da sacrificare hanno innescato una vera e propria fuga all'insegna del "si salvi chi può". Ogni anno centinaia di poliziotti scelgono di congedarsi senza attendere il compimento dei limiti di anzianità anagrafica: chi può andarsene in pensione oggi, non ha alcun interesse a restare in servizio, sapendo che anziché dirgli grazie dovrà subire gli effetti di provvedimenti peggiorativi. Non c'è bisogno di essere scienziati o filosofi per capirlo: se potete andarvene in pensione oggi con 1200 euro al mese, perché mai dovreste restare in servizio e andarvene tra 10 anni con 900 euro? Eppure a Roma c'è qualcuno che proprio non capisce, non ci arriva. E mentre c'è un flusso in uscita, che peraltro spesso riguarda colleghi di grande esperienza e capacità professionale, si riduce sempre più quello in entrata. Gli organici si contraggono, l'età media si innalza. A cinquant'anni si può correre dietro a un rapinatore che ne ha trenta di meno? A 50 anni, con gli occhi rovinati dai videoterminali, l'udito zoppicante, con l ' a r t r i t e r e u m at o i d e p r ovo c at a d a innumerevoli servizi di O.P. con ogni condizione meteo, con lo stomaco rovinato da mense, pasti saltati e panini arrangiati, si può avere la verve e lo slancio necessari ad affrontare inseguimenti spericolati, irruzioni, nottate di appostamenti, missioni fuori sede e tutto quello che per un poliziotto è quotidianità? Non stiamo esagerando. Lo leggiamo sui provvedimenti con i quali le commissioni mediche centrali negano il riconoscimento della dipendenza da causa di servizio a tutte queste patologie, con la dicitura: "Sono normali degenerazioni causate dall'età". Ah, ma allora lo sanno, che con l'età arrivano gli acciacchi. Solo che se ne scordano quando a quelle stesse persone viene chiesto di lavorare come quando

AGOSTO: LA CRISI SI SENTE ANCHE PER LA POLIZIA avevano vent’anni. Nei commissariati di Provincia, poche decine di persone, in gran parte anziane, devono coprire tutti i servizi e i compiti istituzionali necessari a garantire la sicurezza su territori estesi e popolati: così Bitonto, Trani, Corato, Barletta, Gravina. Fanno eccezione solo Andria (dove sono stati assegnati numerosi agenti in previsione della nascita di una Questura che ben difficilmente vedrà la luce, visti i tagli alle Province) e in parte Monopoli (che però è l’unico Commissariato a dover coprire l’intero territorio a Sud di Bari). Ogni tanto a questi Commissariati viene assegnata qualche nuova unità che non basta nemmeno a rimpiazzare chi va in pensione. Uno o due “nuovi” agenti (quasi sempre colleghi ormai anziani che aspettavano il trasferimento da una quindicina di anni) servono a poco. Per mettere su strada una sola Volante in più servono almeno 10 uomini (2 per turno) senza contare le assenze necessarie (ferie, corsi di aggiornamento, ecc.). E anche le squadre di P.G. dei Commissariati, che dovrebbero assicurare le indagini sui vari fatti criminosi (per i quali da più parti e specialmente dal nord-barese giungono preoccupanti segnali di recrudescenza), sono sempre più a corto di uomini. La situazione non è migliore per le “specialità”, ossia quei servizi di Polizia che si occupano di settori specifici e particolari. La Polizia Postale di Bari riceve più denunce di quante ne riesca a smaltire: l’arretrato si è accumulato a tal punto che il Dirigente ha recentemente deciso di autodenunciare il proprio Ufficio per il ritardo! N e l C e n t r o Po l i f u n z i o n a l e, p e r ripristinare la funzionalità della palestra e delle strutture addestrative, si è dovuta accettare, letteralmente, la beneficenza di soggetti (la cui identità non ci è nota) che hanno gratuitamente inviato operai a compiere lavori di ristrutturazione e hanno donato attrezzature. La Polizia Stradale è allo stremo: ci sono distaccamenti in cui il personale è ridotto a pochissime unità, non riescono a garantire una turnazione H/24 regolare per mettere in strada una sola pattuglia. I colleghi potrebbero approfittarne, perché in quella situazione dovrebbero limitarsi a svolgere comodi turni di servizio di mattina e pomeriggio, e chiudere baracca e burattini alle 20. E invece no, alcuni di loro, a turno, si organizzano con una turnazione H/24 ed escono di pattuglia la sera e la notte, per garantire una minima presenza nelle fasce orarie più a rischio, quando la gente esce da locali pubblici e discoteche e spesso si mette alla guida dopo aver alzato un po’ il gomito. Come se non bastasse, molte pattuglie della Stradale vengono periodicamente distolte dal pattugliamento delle strade per

effettuare i controlli ai TIR in transito dai varchi doganali del porto: ce lo chiede l’Europa. Ma con tutto il rispetto per l’Europa, anche i cittadini italiani avrebbero bisogno della Polizia Stradale italiana sulle strade italiane. Gli Uffici di Frontiera, specialmente quelli marittimi, devono far fronte a flussi di migliaia e migliaia di passeggeri e viaggiatori di ogni genere. Spesso ci sono soltanto tre o quattro agenti che dovrebbero controllare migliaia di passaporti, documenti, persone, autovetture. Da Roma, per il periodo estivo, hanno inviato una decina di uomini di rinforzo per il porto di Bari. Ma il problema non è solo estivo: la situazione è la stessa tutti i mesi dell’anno, perché le navi da crociera, i traghetti e i mercantili arrivano ad agosto come a dicembre e ad aprile. Apprezziamo comunque – e molto – il rinforzo estivo, che consente a qualche collega di andare in ferie come le persone “normali”, ma visto che siamo in tempi di spending review, perché bruciare migliaia di euro inviando in missione gente da tutta Italia, quando ci sono c e n t i n a i a d i c o l l e g h i i n at t e s a d i trasferimento per la Puglia che ben volentieri si farebbero aggregare a costo zero per i mesi estivi? E sì che da Roma continuano a dirci che non ci sono soldi. Abbiamo visto missioni annullate perché gli uffici cassa non potevano pagare gli acconti e i colleghi non potevano permettersi di pagare a spese proprie i costi di viaggio, vitto e alloggio. Abbiamo visto la reperibilità ridotta al lumicino, ben al di sotto del minimo indispensabile per garantire l’intervento al di fuori degli orari di servizio. Non ce n’è abbastanza per garantire la presenza degli elicotteri H/24, ad esempio. Ma nemmeno per gli artificieri, per i cinofili, per i sommozzatori, per i tiratori scelti e così via. E in tutto questo, dobbiamo sentirci dire, com’è successo di recente, che i delinquenti arrestati (e anche quelli condannati) non possono stare in galera perché le carceri sono piene e al collasso. E quindi? Liberi tutti di tornare a rubare e rapinare? Spiegateci come funziona la cosa, perché facciamo prima a non arrestarli. E se questa è la situazione della Polizia, non crediamo che le cose vadano meglio per le altre forze dell’ordine. L’unica differenza è che noi possiamo parlare, grazie al Sindacato. In conclusione, ci spiace molto che gli alberghi siano in crisi, in questo caldo mese di agosto. Ma ci teniamo a ricordare che noi in crisi ci siamo già da un bel pezzo, e sul piatto della nostra bilancia non ci sono ombrelloni e piadine, ma la sicurezza dei cittadini. Buone vacanze a tutti… Bari, 6 agosto 2012 Il Segretario Provinciale John Battista


Pagina 13 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012

IDENTITA’ POPOLARE. 14 AGOSTO, “Al mattino del giorno 14 riceviamo COMMEMORARE IL SACRIFICIO DI l ' o rd i n e s u p e r i o r e d i e n t ra r e a Pontelandolfo, fucilare gli abitanti, meno PONTELANDOLFO, UN DOVERE DI le donne e gli infermi e incendiarlo. Entrammo TUTTI I MERIDIONALI nel paese, subito abbiamo cominciato a fucilare

i preti e gli uomini, quanti capitava; indi il soldato saccheggiava e infine ne abbiamo dato l'incendio al paese[...] Non si poteva stare d'intorno per il gran calore e quale rumore facevano quei poveri diavoli la cui sorte era di morire abbrustoliti o sotto le rovine delle case [...]".Così racconta il bersagliere Carlo Margolfo che partecipò all'eccidio. E così anche quest'anno per il 14 agosto ci siamo riuniti per onorare la memoria delle vittime del massacro di Pontelandolfo e per narrare la storia di coloro che dalla Storia sono stati dimenticati. Si sono riuniti sotto la bandiera duosiciliana gli appartenenti ai vari gruppi meridionalisti tra cui i Comitati Due Sicilie, Italia Prima e i Neoborbonici. Dopo i convenevoli e i saluti iniziali, s i a m o s t at i a c c o l t i d a l d i s c o r s o commemorativo di Vincenzo D'Amico che è stato al tempo stesso commovente e pieno di interessanti spunti di riflessione. Al termine del discorso di accoglienza ci siamo recati al fiume vicino, luogo dello scontro tra i bersaglieri e i nostri valorosi compatrioti, noti sui libri con l'appellativo di "briganti", capeggiati dal cerretese Cosimo Giordano. E' seguito poi un piacevole convivio durante il quale il Presidente Nazionale dei CDS, Fiore Marro, ha invitato gli e s p o n e n t i d e g l i a l t r i m ov i m e n t i meridionalisti a tenere brevi discorsi rivolti a tutti i presenti. L'idea che tutti hanno espresso e sulla quale tutti hanno

concordato è che al di là della visione che ciascun movimento fa propria, dobbiamo essere uniti poichè è l'unione a fare la forza. Questo è indubbiamente un effetto significativo della commemorazione di Pontelandlofo: di fronte al dolore per i torti subìti ci si sente tutti fratelli e tutti egualmente spronati a collaborare. A tal proposito il Presidente Nazionale dei CDS Fiore Mar ro, ci tiene a ringraziare la parlamentare del M ovimento Neoborbonico Nadia Citarella e suo marito, Lillino e Francesco Ladisa con Francesco Romano di Italia Prima e inoltre Roberto della Rocca, direttore del Giornale del Sud, nonchè responsabile dell'Istituto di Ricerca Storica delle due Sicilie. Si ringraziano anche gli amici di Pietralcina, poi Don Luciano Rotolo e Don Massimo Cuofano, un grazie particolare va poi ai dirigenti nazionali CDS Vincenzo Tortorella ed Ezio Spina.

Grazie anche Giovanni Palmulli, referente CDS per Foggia, i CDS Caserta con Rino Cuomo, Pasquale Visone e Gennaro Conte. Grazie poi al responsabile CDS di Scafati, Carmine Di Somma, a Chiara Foti CDS Lazio. Grazie agli amici Domenico Colapinto e Pina D'Isanto e naturalmente ai due espositori Enzo De Maio e Vincenzo D'Amico. Un altro grazie particolare va poi a Mimmo Marazia dei CDS di Bari e al giornalista Giovanni Maddamma del Corriere del Mezzogiorno. Infine è giusto e doveroso ringraziare anche i gestori del sito di Borgo Cerquelle che ci hanno generosamente accolti e altrettanto generosamente ci hanno permesso di dar luogo all'evento di quest'anno. L'evento si è concluso con il ricordo delle vittime della strage e con le dovute preghiere dette da Don Luciano Rotolo e Don Massimo Cuofano assieme a tutti i partecipanti. Chiara Foti

“AMBARABA’” E PRO LOCO PRESENTANO: “MAMMA CHE DENTI!” Venerdì 31 agosto alle ore Una nuova iniziativa mirata alla 18:45. La lezione sarà tenuta sensibilizzazione sul tema dell'igiene dal Dott. Marco Dell'Olio, orale quella ideata dalla Ludoteca igienista dentale

“Ambarabà” in collaborazione con l'Associazione Pro Loco UNPLI Bisceglie che avrà luogo in Via Mauro Giuliani n. 6 venerdì 31 agosto alle ore 18:45. r i vo l g e r s i p r e s s o l a L u d o t e c a La lezione sarà tenuta dal Dott. “A m b a r a b à ” o v i s i t a r e i l s i t o www.prolocobisceglie.it. Marco Dell'Olio, igienista dentale. Modererà il vice presidente della Francesco Lucivero Pro Loco Francesco Brescia. Responsabile Comunicazioni Esterne L'ingresso è libero. Per infor mazioni è possibile Pro Loco Bisceglie (Bt)


Pagina 14 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012


Pagina 15 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012

Bollettino Informativo a cura dell'Ufficio Stampa dell'Associazione Commercianti BISCEGLIE ANNO XI - N.15/2012 www.confcommerciobisceglie.it

“MAGLIA NERA” ALL’ITALIA PER INEFFICIENZE, COSTI E LUNGAGGINI BUROCRATICHE

Mancata semplificazione normativa, lungaggini burocratiche, bassa qualità dei servizi pubblici e onerosità degli adempimenti collocano il nostro Paese in fondo alle classifiche nel confronto internazionale.

R

ispetto agli altri Paesi l’Italia registra il più basso livello di efficienza del sistema giudiziario ed è agli ultimi posti per la capacità di risolvere controversie tra imprese, per la diffusione di pagamenti irregolari e tangenti, per i costi e i tempi di adempimento degli obblighi fiscali (occorre un numero di ore quasi 5 volte superiore a quello del Lussemburgo). L’Ufficio Studi di Confcommercio ha costruito un indicatore sulla base di grandezze legate al rapporto impresa-giustizia, quali la presenza di un quadro normativo di riferimento efficiente, la diffusione di pagamenti irregolari e tangenti, i tempi di attesa della giustizia nella soluzione di problemi legati all’attività economica, la complessità delle pratiche burocratiche legate alla giustizia civile. I risultati dell’indicatore evidenziano per l’Italia il più basso livello di efficienza del sistema giudiziario tra i paesi considerati, situazione che non ha registrato negli anni grandi cambiamenti. Nella graduatoria 2010, l’Italia occupa l’ultimo posto su 26 paesi, preceduta da Grecia, Slovacchia, Slovenia e Messico, segnalando un peggioramento di una posizione rispetto al 2000. Negli ultimi dieci anni, il tempo di attesa per una sentenza di fallimento o di insolvenza è praticamente raddoppiato passando da uno a quasi due anni (quasi 5 volte i tempi dell’Irlanda e il doppio del Regno Unito). Nella graduatoria 2010, l’Italia occupa la penultima posizione preceduta da Portogallo, Grecia, Slovenia e Messico. Anche sul fronte dei servizi pubblici resi ai cittadini l’Italia registra risultati tutt’altro che brillanti, in particolare per la scarsa qualità ed efficienza delle istituzioni e delle infrastrutture. Nel 2010, il nostro Paese è all’ultimo posto nella graduatoria a 26 nazioni, ben lontana sia da Francia e Germania (che si posizionano, rispettivamente al primo e al quinto posto), che da Paesi quali Spagna, Grecia o Irlanda. Nel campo dell’istruzione, ad una percezione abbastanza positiva della qualità della scuola primaria, fa riscontro una minore performance del sistema educativo superiore, anche a causa della scarsa diffusione del web all’interno delle scuole. Solo sul versante della sanità si registra un risultato positivo.

CONVERGENZE MEDITERRANEE. MEDITERRARTE 24 AGOSTO-9 SETTEMBRE Giunge al quinto anno la rassegna d’arte organizzata da BISCEGLIEVIVA-CONFCOMMERCIO, curata dal Prof. Piero Di Terlizzi, Direttore dell’Accademia delle Belle Arti di Foggia. LEO CARRIERA «Per il quinto anno consecutivo abbiamo sollecitamente sostenuto il tradizionale evento artistico che, in uno spirito di sinergia, vede coinvolti i commercianti aderenti al circuito “Bisceglie Viva”. Durante la durata della mostra all’interno delle vetrine degli esercizi commerciali avremo modo di visitare e di godere della bellezza delle opere e arricchire il nostro bagaglio culturale con le ultime novità che ci vengono proposte da diverse generazioni a c o n f r o n t o. E ’ u n a n i m e m e n t e riconosciuto che le attività collaterali connesse alla vendita contribuiscono a richiamare ulteriori consumatori e questa manifestazione nella sua unicità corrisponde perfettamente alle esigenze del commercio qualificato e professionale che Confcommercio e Bisceglie Viva propongono nella nostra Città. Con la crescita connessa alle attività produttive si arricchisce la qualità della vita e si contribuisce in maniera significativa allo sviluppo del nostro territorio». NICOLA PAPAGNI «Premesso che le imprese aderenti al progetto Bisceglie Viva stanno vivendo un momento delicato a causa di una molteplicità di fattori (crisi economica,

pressione fiscale insostenibile, globalizzazione della concorrenza) che hanno modificato i consumi delle famiglie italiane, producendo effetti negativi che possono compromettere, in futuro, l’esistenza delle stesse sul territorio, abbiamo rinnovato l’appuntamento con l’ ARTE e la CULTURA: Confermata la direzione artistica dell’evento, nella persona del Prof. Piero Di Terlizzi – Direttore dell’ Accademia delle Belle Arti di Foggia - e noto professionista nel campo dell’arte in Puglia e in Italia. “Convergenze Meditterranee” rappresentano il filo che unisce le precedenti edizioni di “MediterrArte”, con uno spirito di rinnovamento e continua ricerca nell’eccellenza e qualità, caratteristiche che contraddistinguono le attività commerciali associate. Il catalogo, predisposto per l’edizione 2012, è un’occasione d’incontro fra le due generazioni artistiche e il pubblico fruitore delle opere, a cui porgo il saluto da parte di tutti i commercianti. Ringrazio, infine, l ’ A m m i n i s t r a z i o n e C o m u n a l e, l a Confcommercio di Bisceglie, l’Associazione Host & Communication e tutti gli enti che con il loro impegno hanno contribuito alla realizzazione dell’evento».

VENTIMILA NEGOZI IN MENO NEL 2012 grande distribuzione. Ma ci sono forti Nell`anno in corso le chiusure di riduzioni anche nelle panetterie,

negozi nel commercio al dettaglio potrebbero superare le nuove aperture di circa 20.000 unità. La stima è del direttore dell`Ufficio Studi di Confcommercio, Mariano Bella, secondo il quale «se cumuliamo» questi dati «con i numeri degli anni scorsi quello che poteva essere una preoccupazione ora sta diventando una realtà». «Si tratta - spiega Bella - di una crisi di redditi e dunque di una crisi dei consumi». E la crisi si fa sentire in particolare in alcuni settori: «ad esempio gli elettrodomestici sono fagocitati dalla

fruttivendoli e macellerie. Soffre pure il dettaglio alimentare più tradizionale e generalista, non specializzato». Oltre alla crisi dei consumi, prosegue Bella, «il commercio al dettaglio ha anche un problema sulle locazioni. Gli affitti sono alti e tendono a crescere, così a volte i commercianti devono lasciare. Si vedono situazioni molto brutte in città come Roma e Bologna. E` necessario ridurre i costi burocratici e fare in modo che sia più agevole l`incontro tra domanda e offerta di locazioni commerciali».


Pagina 16 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012

INCIVILTA’ di Marisa Cioce

C

i vogliono due minuti per “depositarla”, ma, a distanza di 5 giorni quella testimonianza, anche se “biodegradabile, è ancora lì: parlo di resti di escrementi che qualche civilissimo “umano” ha lasciato tra i massi della spiaggia a me tanto cara. Arrivata sulla spiaggetta del molo vecchio, mi rendo conto che il “mio” masso abituale è libero e che tutt’intorno non ci sono bagnanti (vedi foto) a differenza del resto della spiaggia!!! Ne gioisco egoisticamente perché penso che potrò dedicarmi tranquillamente alla mia lettura preferita. Ma rimango indignata quando mi rendo conto della motivazione di tale “deserto”: non è una “cacca”finta depositata in piazza dall’Associazione “Essere animali”…. È proprio il “frutto” del gesto di massima inciviltà di qualcuno che la sera

precedente non si è accontentato di mangiare e bere, ma ha espletato tutte le necessità fisiologiche e che al sole di 38/40 gradi di questi giorni ha iniziato ad emanare un olezzo non proprio piacevole. Ma a che serve denunciare, anche con le foto, questi atti di scarsissimo civismo? Le spiagge poco pulite? I sacchi dei rifiuti lasciati aperti fino alle 11? Un gattino morto rimasto lì per una settimana con sassi che ne hanno schiacciato la testa,( tanto per non accanirsi) e che gli operatori ecologici, da me avvisati, hanno lasciato là ancora per due gior ni? Ed il frigorifero accanto ai sacchi dei rifiuti di questa mattina (non avevo la

macchina fotografica)? E gli abusivi che vendono bibite ai poveri bagnanti assetati, senza averne licenza? Ribadisco una proposta fatta già l’anno scorso: degli ausiliari delle spiagge (come gli ausiliari del traffico) che, di sera, perlustrano il litorale con possibilità di comminare multe a coloro che lasciano i rifiuti sulle spiagge! In questo mese, con il caldo intenso, il ritorno degli emigranti e l’arrivo di turisti, le spiagge sono affollate ed un maggiore controllo non farebbe male! Contemporaneamente diventiamo tutti “paladini delle spiagge” e, col sorriso, cerchiamo di comunicare l’amore di quel bene di tutti che è la natura!!!

OCCORRE REDISTRIBUIRE LA RICCHEZZA PER USCIRE DALLA RECESSIONE D

ue giovani su dieci hanno il posto fisso. Gli altri … solo lavori e contratti precari. E’ quanto emerge da uno studio di Unioncamere e Ministero del Lavoro per il trimestre in corso ed è, in sintesi, l’immagine dell’Italia proiettata nel futuro. Un futuro che non ha nulla di stabile per il Paese e per una generazione di giovani destinati a “campare alla giornata”. La riforma del lavoro “Fornero”, nella mente del ministro, mirava a favorire le assunzioni a tempo indeterminato e a rendere più oneroso ogni altro tipo di contratto. Il prezzo di questa nuova filosofia era la possibilità di licenziare senza eccessivi condizionamenti. Sappiamo come è finita: sindacati e partiti si sono azzuffati. I primi, in difesa delle vecchie garanzie, i secondi a protezione delle lobby di riferimento. Risultato finale: un aborto che non giova a nessuno. Eppure, la strada da percorrere è quella indicata dalla Fornero, a cui devono però accompagnarsi garanzie di mantenimento del reddito negli intervalli di disoccupazione, con contestuale utilizzo temporaneo dei disoccupati in lavori socialmente utili.

E’ lo stato sociale che va rivisitato. Vent’anni di berlusconismo hanno generato una miriade di leggi a protezione delle grandi aziende, che hanno favorito l’accumulo del capitale da parte di un ristretto numero di individui. La prova è fornita dai dati diffusi da Bankitalia che attribuisce il 50% della ricchezza nazionale al 10% della popolazione. Una minoranza di privilegiati anche dal fisco a cui non versano, come sarebbe logico, il 50% delle imposte dirette necessarie al funzionamento dello Stato. Occorre procedere, e con urgenza, a una redistribuzione della ricchezza, sottraendo di più a chi ha redditi elevati in favore di chi non ha nemmeno il necessario per vivere dignitosamente. Operazione necessaria, se si vuole istituire un Fondo di garanzia per coloro che perdono il lavoro. Solo la certezza di mantenere un reddito minimo per ogni nucleo familiare, infatti, potrà annullare quel senso di precarietà che permea il nostro presente e impedisce ai giovani di fare progetti, di assumere impegni,

di contrarre mutui. Le incertezze frenano l’economia, la paura di restare senza reddito riduce i consumi all’essenziale, l’impossibilità di progettare un futuro impedisce alle g i ova n i c o p p i e d i s p o s a r s i , d i procreare. Si crea un circolo perverso che porta ad una recessione permanente e allo svilimento delle funzioni dello Stato. Uno Stato che avrà un numero di contribuenti sempre più basso, che sarà costretto a smantellare i ser vizi sociali, a risparmiare sulle spese che qualificano il suo ruolo: la sanità, la giustizia, la sicurezza. Questo è il futuro che ci aspetta se non ci renderemo conto che è necessario un lungo periodo di riequilibrio sociale: nei salari, nella pressione fiscale, nelle agevolazioni alle assunzioni durature, nelle garanzie al reddito. Una politica che nel tempo arreca benefici anche al capitale, perché l a m agg i o r e c a p a c i t à d i s p e s a determina profitti maggiori del sacrificio che si chiede alle classi più abbienti. Pasquale Consiglio


Pagina 17 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012

di Mino Dell’Orco CALCIO, L’UNIONE SBARCA IN PRIMA CATEGORIA. L’Unione Calcio Bisceglie, realtà sbocciata a seguito della fusione tra Neroazzurro Stellato e La Biscegliese, giocherà nel prossimo campionato di Prima Categoria. Gli organi competenti hanno valutato positivamente la richiesta di ripescaggio inoltrata dalla dirigenza del neonato sodalizio, presieduto da Enzo Pedone (foto). Il salto d’ufficio nella serie superiore genera un’ulteriore iniezione d’entusiasmo all’interno di un progetto che, unitamente al cammino della prima squadra, intende sviluppare e promuovere con grande vigore il settore giovanile. Intanto lunedì 13 agosto ha preso il via la fase precampionato agli ordini di mister Gianpiero Di Pierro, affiancato da uno staff di assoluto valore composto dai preparatori atletici Natale Monopoli e Mauro Capogrosso, nonché dai preparatori dei portieri Ruggiero Amoroso e Domenico Ingravalle. Il capitano dell’Unione sarà Angelo Monopoli, bandiera del calcio locale con

CICLISMO,

L’ASD LUDOBIKE IN EVIDENZA IN BA S I L I C ATA A

Rotondella (MT) e Cassano delle Murge (BA) tra gli esordienti ha primeggiato Susco (S.C.D.NUCLEO GIOVENTU' POTENZA); in ottima evidenza Spiriticchio e Loconsolo (ASD LUDOBIKE OMCA SUD) Il 29 luglio 2012 a ROTONDELLA (MT) si è svolto il “Trofeo Libertas Pro Loco Rotondella Memorial Melidoro” – Campionato Provinciale Provincia di Matera - su un circuito da ripetere 7 volte per un totale di Km 26.6. Buon risultato per Giuseppe Spiriticchio giunto 4° in una gara piuttosto dura, da scalatori, penalizzata ulterior mente da una temperatura torrida. Oltre una settantina, tra esordienti, allievi e juniores, i partecipanti al 1° Trofeo Madonna degli Angeli, manifestazione indetta dalla società ASD Biking Team Cassano sabato 4 agosto 2012 a Cassano delle Murge (BA) in corsa notturna tipo pista con la regia del

CALEIDOSCOPIO,

illustri trascorsi in serie C2 e nelle più alte categorie dilettantistiche regionali. La dirigenza non si sbilancia in merito all’organico, limitandosi a rimarcare la presenza in gruppo di alcuni calciatori provenienti da Eccellenza e Promozione nel corso della preparazione. L’esordio in Coppa Puglia dell’Unione avverrà domenica 16 settembre, una settimana più tardi partirà invece il campionato. HALITI FINALMENTE ITALIANO. Una notizia attesa da mesi che rallegra il movimento dell’atletica leggera a tutte le latitudini. Il 21enne Eusebio Haliti, pluridecorato specialista dei 400 metri con e senza ostacoli, ha ottenuto finalmente la cittadinanza italiana che una norma obsoleta gli aveva finora impedito di conseguire. Nativo di Scutari e figlio di genitori albanesi, Haliti è giunto in Italia nel 1999 ed ha dovuto fare i conti per molto tempo con gli assurdi cavilli della burocrazia italiana, vedendo finora precluse importanti opportunità per indossare quella maglia azzurra che ha sempre sognato. «E’ la fine di un piccolo grande incubo – sottolinea il talento allenato da Tonino Ferro - . La conclusione di questa vicenda mi permette

responsabile Pastore Francesco. Il percorso, tracciato nella centralissima piazza Garibaldi, presentava curve abbastanza tecniche che bel esaltavano le performance e le velocità sostenute dagli atleti nelle volate per aggiudicarsi i punti validi per la classifica finale. Una bellissima opportunità per tanti giovani esordienti, allievi e juniores di confrontarsi tra loro in una suggestiva gara serale con numerosissimi spettatori, entusiasmo tra il pubblico e le famiglie al seguito. L’ ASD LUDOBIKE OMCA SUD si è fatta largo tra gli esordienti con il secondo posto di Loconsolo Roberto e la valida prestazione di Davide Sasso. Nella gara allievi, Colia Gianluca e Leone Nicolò hanno ben mantenuto l’alto ritmo della gara ( media 36 Km/h ). Merita una doverosa citazione l’atleta Spiriticchio che, coinvolto in una caduta nella fase iniziale della corsa ha dovuto fermarsi per gli evidenti danni al mezzo mentre il compagno di squadra Caputo (anch’egli coinvolto nell’incidente) è riuscito, con tenacia, a rimettersi in gioco e recuperare numerose posizioni. Presenti nel corso della gara e della cerimonia di premiazione per la FCI Puglia il commissario straordinario Sardone, il presidente della commissione provinciale Pasquale De Palma.

L’UNIONE CALCIO PARTE DALLA I CATEGORIA

di proseguire la carriera con maggiore s e r e n i t à e d e t e r m i n a z i o n e ve r s o un’ulteriore salto di qualità. L’attuale annata è stata contraddistinta da qualche acciacco muscolare che ormai mi sono lasciato alle spalle». L’acquisizione della cittadinanza italiana potrà infine consentire ad Haliti l’accesso in un gruppo sportivo militare. T E N N I S, P E L L E G R I N O O K ANCHE IN GERMANIA. Il talento e le cristalline capacità tecniche di Andrea Pellegrino hanno trovato g radita conferma in occasione della recente avventura del tennista biscegliese al tor neo inter nazionale Under 16 di Waiblingen. Nella competizione tedesca, inserita nel prestigioso circuito Tennis Europe (Grade 2), Pellegrino si è distinto con il miglior risultato in singolare della stagione guadagnando la semifinale: iscritto quale testa di serie n. 5 del tabellone, il campione italiano in carica U14 si è sbarazzato nettamente nell’ordine dei tedeschi Uli Guyot, Royi Lasowski e Loris Guenther, quindi ha beneficiato del forfait nei quarti da parte del greco Stefanos Tsitsipas, n. 2 del seeding. Il cammino di Andrea Pellegrino si è interrotto solo in semifinale davanti all’argentino Franco Capalbo, poi vincitore della competizione: dopo aver prevalso nel set inaugurale per 6/2, il biscegliese ha ceduto nelle due successive frazioni col punteggio di 6/2, 6/4. L’eccellente settimana in terra teutonica è stata inoltre coronata dal trionfo nel tabellone di doppio, in coppia con il barese Marco Micunco. Nel match decisivo per l’assegnazione del titolo Pellegrino/ Micunco hanno prevalso in due set (6/3, 7/6) sulla coppia tedesca composta da Tom Hande e Dustin Werner.


Pagina 18 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012

di Gianluca Valente La società neroazzurra conferma per la prossima stagione, i portieri D’Addato e Belsito, il centrale Di Leo e i l l at e r a l e Pa l e rm o.

L’

CAL CIO A 5: QUATTRO CONFERME IN CASA “FUTSAL BISCEGLIE”

Conversano nella sfida vinta da Olimpiadi per 5-0. Nella scorsa stagione, Palermo è andato a segno nella partita inaugurale contro la squadra calabrese del Mirto vinta dai biscegliesi per 3-1 e nel match contro la Libertas Scanzano persa per 4-1 ed ha indossato la fascia di capitano con l’under 21 di Tritto, mancando per un soffio l’approdo ai play-off scudetto. Leonardo Di Leo invece rappresenta la chioccia del nuovo corso, nato il 30 gennaio 1974, dopo una lunga esperienza nel calcio a 11, nel 1995 entra nel mondo del futsal indossando la maglia del Bisceglie Calcio a 5 sino al 1997. Successivamente il centrale biscegliese approda al Nettuno, vincendo un campionato di C2, matura esperienze alla Beppe De Cesare, Hobby Calcetto ed infine alla Vigor Bisceglie. Di Leo potrà mettere a disposizione anche per questa stagione la propria esperienza in un gruppo molto giovane, sfruttando il buon tiro di cui è dotato ed il vizio del gol che non gli manca, infatti nella stagione 2011/2012 ha timbrato il cartellino per 4 volte siglando due doppiette contro Sammichele e Fata Morgana.

Asd Futsal Bisceglie è sempre molto attiva sul mercato e dopo aver ufficializzato gli acquisti di Navarro, Urbano, Lamanuzzi, Lavolpicella e Tortora, conferma ufficialmente per la nuova stagione i due estremi difensori Daniele D’Addato e Giuseppe Belsito, il centrale Leonardo Di Leo ed il biondo laterale Giacinto Palermo. Daniele D’Addato classe1986, nato calcettisticamente con Olimpiadi, dopo una breve parentesi nel calcio a 11 torna nel mondo del futsal come estremo difensore del Bisceglie Calcio a 5 con cui debutta in serie A2. L'anno successivo esordisce in serie A come vice di Zaramello. Nel 2009 il ritorno ad Olimpiadi in una stagione culminata con il raggiungimento dei playoff, togliendosi la soddisfazione di disputare la "Final Eight" di Coppa Italia in quel di Genzano di Roma. Quindi l'esperienza in serie A2 utile, per una ulteriore crescita tecnica e di esperienza. Nella scorsa stagione, mister Sciacqua, lo utilizza spesso come quinto uomo di movimento, in virtù dei notevoli miglioramenti con i piedi e

andando a segno nella partita vinta da Olimpiadi contro Sammichele per 7-5. Con l’arrivo del nuovo preparatore dei portieri Ruggero Amoroso, con il quale ha già lavorato in neroazzurro, D’Addato ha la possibilità di migliorare e crescere sempre più, potenziando le proprie capacità. Respingere i calci di rigore invece è la virtù di Giuseppe Belsito classe 1991, data l’altezza e l’agilità nel muoversi tra i pali. Nella stagione 2010/2011 è diventato portiere titolare dell'under 21, giocando diverse gare dal primo minuto in A2, dopo l'esordio avvenuto il 5 gennaio ad Acireale, ricevendo diversi attestati di stima dagli addetti ai lavori. La scorsa stagione ha giocato da titolare diverse partite nella parte finale del campionato cadetto. Nel suo curriculum vanta un’Apulia Cup vinta con la maglia della Vigor Bisceglie under 18. Giacinto Palermo, classe ’90, esordisce in Serie B nella stagione 2009/2010 realizzando 4 reti tra campionato e Coppa Italia, arrivando a disputare la “Final Eight” nel 2010 e i playoff promozione contro il Real Molfetta. In Serie A2 il biondo laterale ha realizzato una rete contro l’Azzurri

di Mino Dell’Orco

AMBROSIA BASKET: RADUNO GIOVEDI’ 16 AGOSTO

E’

partita giovedì la preparazione estiva della rinnovata squadr a nerazzurra affidata a coach Fabbri. Stabilito il provvisorio programma delle amichevoli, quadrangolare il 6 e 7 settembre al PalaDolmen. E’ tutto pronto per l’avvio della stagione 2012/’13 in casa Ambrosia. Giovedì mattina durante l’atteso raduno al PalaDolmen, la dirigenza presieduta da Domenico Di Benedetto ha por to il benvenuto ufficiale allo staff tecnico coordinato da coach Enrico Fabbri e al rinnovato roster nerazzurro. Dal pomeriggio si è cominciato a far sul serio con l’inizio della preparazione, che nella prima fase contemplerà doppie sedute quotidiane tra lavoro fisico ed atletico (in piscina

e su pista) nonché esercitazioni di natura tecnica e tattica sulle tavole del PalaDolmen. Comunicati i nomi dei 14 atleti che prenderanno parte al raduno, con ruolo e anno di nascita riportati fra parentesi: Vincenzo Di Capua (play, 1987), Mauro Torresi (guardia, ’84), Roberto Simeoli (ala, ’83), Juan Caceres (ala/pivot, ’84), Andrea Storchi (pivot, ’79), Damian Cena (ala/pivot, ’92), Andrea Chiriatti (ala, ’93), Fenny Abassi (play, ’94), Giuseppe De Leo (ala, ’94), Alberto Di Salvia (play/guardia, ’94), Raffaelle Mazzilli (pivot, ’94), Antonio Germinario (guardia, ’95), Vincenzo Campanale (guardia, ’96) e Mirko Fracchiolla (play, ’93).

E’ stato inoltre stabilito un provvisorio programma di amichevoli e tor nei precampionato. La prima sgambata dei nerazzurri avverrà sabato 1 settembre contro la neonata realtà del Basket Nord Barese, avversaria nella prossima Divisione Nazionale B, mentre il PalaDolmen ospiterà un interessante quadrangolare giovedì 6 e venerdì 7 con la presenza, oltre all’Ambrosia, di tre compagini iscritte alla Divisione Nazionale A. Primo giorno dedicato alle semifinali con Bari – Matera e Bisceglie – San Severo, mentre il 7 settembre si giocheranno le finali per il terzo posto e per l’assegnazione del quadrangolare.


Pagina 19 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012

di Mino Dell’Orco Contro il Matera Il suggestivo derby appulolucano sul prato del “Ventura” inaugura ufficialmente la stagione dell’ambizioso Bisceglie del patron Canonico. Domenica 2 settembre al via il campionato, intanto scatta la campagna abbonamenti.

E’

fissato per domenica 19 agosto il primo appuntamento ufficiale della stagione del Bisceglie. Nel tur no preliminare di Coppa Italia, infatti, i nerazzurri ospiteranno il Matera con inizio alle 16 sul prato del “Ventura” in un derby appulo-lucano che rievoca precedenti prestigiosi nel semiprofessionismo. La formula della competizione prevede gara secca fino alle semifinali (in caso di parità al termine dei 90’ saranno battuti i calci di rigore). In caso di successo, la formazione allenata da Ragno giocherebbe il primo turno sempre al “Ventura” contro la vincente della sfida Termoli – Foggia. La LND ha diramato anche la composizione dei gironi del

BISCEGLIE, DOMENICA 19 ESORDIO CASALINGO IN COPPA

prossimo campionato, il cui avvio è stabilito per il 2 settembre: il Bisceglie è inserito nel girone H con altre 7 squadre pugliesi (Brindisi, Foggia, Fortis Trani, Grottaglie, Monopoli, Nardò e Taranto), 3 lucane (Potenza, Francavilla e Matera) e 7 campane (Battipagliese, Pomigliano, Ctl Campania, Ischia, Puteolana, Gladiator, Sant’Antonio Abate). I n t a n t o, c o n l ’ a m i c h e vo l e disputata domenica sera di fronte al Tolentino, squadra di Eccellenza marchigiana, si è conclusa l’intensa parentesi del Bisceglie nel ritiro di Camerino. Le due settimane di lavoro agli ordini del tecnico Nicola Ragno e del suo staff hanno offerto indicazioni positive sotto molteplici punti di vista: dalla piena disponibilità dei 26 calciatori convocati ad allenarsi duramente in chiave atletica alla predisposizione degli stessi all’apprendimenti delle situazioni tattiche impartite dal mister molfettese. Ulteriori segnali incoraggianti sono giunti dai test contro formazioni di pari categoria, tutte allestite con l’obiettivo di puntare

quantomeno ai playoff. Al rientro da Camerino, la squadra ha beneficiato di alcuni giorni di pausa in prossimità del Ferragosto, quindi ricomincerà ad allenarsi giovedì 16 in vista dell’attesa “ouverture” in Coppa Italia. Nel frattempo è scattata in queste ore la campagna abbonamenti. La novità p r i n c i p a l e è r a p p r e s e n t at a d a l l e agevolazioni per donne e ragazzi dai 12 ai 17 anni, oltre alla possibilità di usufruire di uno sconto per le famiglie. Agevolazioni anche per l’acquisto della nuova maglia da gioco ad un costo di 30 euro anziché 40.


Pagina 20 - Anno XIV N. 323 (15) 18 - 08 - 2012

Sara Grassi e Giulia De Dato confermate alla corte di Sportilia Volley Bisceglie

“Q

uestione di feeling” cantavano Mina e Riccardo Cocciante nel 1985 ed è proprio questo uno dei motivi principali che ha spinto Giulia De Dato, centrale e Sara Grassi, palleggiatrice, a voler rimanere a Bisceglie. Desiderio esaudito dal Presidente Angelo Grammatica dopo aver consultato lo staff tecnico; entrambe, infatti, riconfermate per il secondo anno consecutivo nel roster della prima squadra, la stessa vincitrice di una fantastica promozione in serie C dello scorso campionato. Armate di buona volontà e umiltà, qualità da sempre richieste e promosse dalla società bisce gliese, le atlete, molfettese Giulia e terlizzese Sara, decidono di aderire con continuità al “progetto Sportilia”. Mai scelta fu più condivisa dalle compagne di squadra, con le quali Sara e Giulia hanno stretto un ottimo legame dentro e fuori il campo da gioco. « H o i n s t a u r at o u n b e l l i s s i m o rapporto con tutte le ragazze - afferma la Grassi - con lo staff si lavora bene e non vedo l’ora che cominci questa nuova stagione per superare i miei limiti e

VOLLEY FEMMINILE SERIE “C”:

ALTRE DUE CONFERME PER LA PRIMA SQUADRA migliorarmi ancora». Nella stessa direzione le considerazioni di Giulia: «Mi gratifica l’opportunità di rimanere ancora per quest’anno nella società, g razie alla quale avrò la possibilità di confrontarmi con un campionato per me nuovo, quello di serie C. Mi piacciono le sfide e conto di affrontare questa nel migliore dei modi». Buoni i propositi, quindi, con i quali le ragazze si apprestano ad affrontare la nuova stagione agonistica. «Per noi è importante - affer ma A n t o n e l l a To d i s c o, c a p i t a n o d e l l a squadr a bisce gliese neopromossa a ve r c o n s t a t at o s i n d a s u b i t o l a grande disponibilità e umiltà di queste due r agazze. Hanno dimostr ato un attaccamento alla squadra su cui molti, probabilmente, non avrebbero scommesso. Al di là delle qualità come giocatrici, mi sento di dire che Sara e Giulia, le nostre Sara e Giulia, sono ormai diventate “sportiliane doc”! E non è una denominazione di cui tutte possono fregiarsi. A qualcuno forse non importerà, ma a noi sì». Antonella e Angelica Todisco

Profile for Salvatore Valentino

Bisceglie 15 Giorni n. 323 del 18 Agosto 2012  

Il quindicinale On Line della Città di Bisceglie diretto da Salvatore Valentino

Bisceglie 15 Giorni n. 323 del 18 Agosto 2012  

Il quindicinale On Line della Città di Bisceglie diretto da Salvatore Valentino