Page 1

Trimestrale di informazione - Anno III numero 4 - Ottobre/Dicembre 2007 - In caso di mancato recapito restituire al mittente che si impegna a pagare la relativa tassa.


Sommario Cristina Busi Ferruzzi presidente

Editoriale 1999, la primavera albanese

2

Il Lavoro di squadra premia Sibeg

3

di MARIA CRISTINA BUSI FERRUZZI

Luca Busi amministratore delegato

di Luca Busi

Commerciale Obiettivo eccellenza di Fabio Fronti

Natale Lia direttore generale

4

Istituzionale Fit for the future di Nunzio Orsini

5

Management Fabio Fronti direttore commerciale

L’innovazione passa dalla formazione

6

In Sibeg con il cuore a Malta

6

di Antonio Marletta

Sicurezza Marcello Mammana direttore amministrativo

La terra trema: Sibeg protagonista di una esercitazione di protezione civile 7 Sicurezza aziendale: imponente esercitazione per le squadre interne

7

Fotocronaca esercitazione “Sibeg 07”

8

di Sergio Sapienza e Luigi Di Mauro

a cura di Carlo Coriolani e Gaetano Bonanno

Sergio Sapienza direttore produzione e logistica

Anno III numero 4 Ottobre/Dicembre 2007 Direttore editoriale Luca Busi Direttore responsabile Sebastiano Mazzarino Segreteria Manuela Panebianco Comitato editoriale Maria Cristina Busi Ferruzzi, Luca Busi, Fabio Fronti, Natale Lia, Marcello Mammana, Nunzio Orsini, Sergio Sapienza Propietario, editore, direzione, redazione e amministrazione Sibeg S.r.l. Strada V Zona Industriale, 28 - Catania Tel. 095.59.11.44 - Fax 095.73.57.651 sibeginside@sibeg.it Impaginazione Claudio Cocuzza / +ADD DESIGN Via Alberto Mario 2, 95129 Catania www.addd.it Stampa Arti Grafiche le Ciminiere - Catania Registrazione n. 27/2005 del 20.09.2005 è vietata la riproduzione totale o parziale di articoli, fotografie e illustrazioni pubblicati su Sibeg Inside senza espressa autorizzazione dell’editore.

Marketing & Communication è Natale, arriva un carico di…

10

MA è Natale anche nei punti vendita siciliani!

10

Il truck Coca-Cola in regalo

11

Powerade sempre più leader a supporto dello sport in Sicilia.

12

Tennis club Umberto, test center per i prodotti a marchio The Coca-Cola Company

13

Visite di stabilimento, da quest’anno solo over 12.

13

di Massimo Stella

di Antonio Panebianco

di Giovanna Bonanno

Eventi Ottobrata di Zafferana: Il successo della mezzo litro PET.

14

Brevi dal trade marketing

15

di Marcello Leone

Visti da vicino Fabio Lopez / Antonio Oliva

“Non accontentarti dell’orizzonte… cerca l’infinito… Jim Morrison

16


Editoriale

1999 la Primavera Albanese.

La fine della guerra e la ricostruzione dello stabilimento segnano l’ascesa di CCBS, anche in Kossovo vogliono la Coca-Cola made in Albania. di MARIA CRISTINA BUSI FERRUZZI

N

el 19 9 9, a co nclusi o n e d e l rifacimento dello stabilimento dopo l’incendio, che è costato 3 milioni di dollari e di cui INSIG, l’assicurazione albanese di proprietà del governo Albanese, ci rimborsò 1.750.000 dollari, abbiamo organizzato una magnifica riaper tura. Quasi come un’altra prima inaugurazione, e dovevamo festeggiare la produzione e il lancio della lattine, prodotte da noi: bellissime! Le prime lattine prodotte in Albania. Da Atlanta avevamo avuto, molti mesi prima l’approvazione e finalmente si

Philippe Marmara, Amministratore Delegato della Division Italy, Nicola Kettliz, il nostro area manager, Fabio Albanese, responsabile relazioni esterne. Del Governo Albanese, praticamente tutti a partire dal Presidente della Repubblica che era il Prof. Mejdani. Fin dall’inizio le nostre lattine hanno avuto successo e anno dopo anno continuano a crescere i volumi. Una bella primavera, malgrado il dramma Kossovo. Dopo mesi d i b o m b a r d a m e n t i, l a g u e r r a c e s s ò all’improv viso. E i profughi Kossovari, silenziosi come sono venuti, se ne sono

una notevole differenza. Puntuali come tutte le notizie fastidiose, in Luglio arriva Pepsi. Un gran brutto colpo! Immediatamente l’Albania è diventata blu: affissioni, spot, cooler, ombrelloni, di tutto! E la nostra visibilità, svanita. Sembrava di tornare indietro di 4 anni e mezzo. Forse è stata una fortuna, perché la nostra reazione è stata immediata e forte: abbiamo chiuso l’anno con 4.078.862 c.u., un più 25% rispetto all’anno precedente. Un bel giorno si presenta un signore kossovaro alla CCBS, tale Beargo, che voleva comprare le nostre bevande per distribuirle in Kossovo. In

partiva. Fu una festa memorabile: in 3 mesi avevamo rimesso a posto lo stabilimento. Venne una società tedesca, unica in Europa, per disinfettare le pareti e dipingerle con una vernice speciale in quanto la plastica bruciata emana dei batteri che vanno a depositarsi ovunque con gravissimi danni alle linee. Un lavoro incredibile! E avevamo terminato il montaggio della linea per le lattine. Alla festa vennero in tantissimi: della Company vennero Gavin Darby, Presidente per l’Europa,

andati. Li abbiamo guardati andare via con grande tristezza perché ci chiedevamo: “chi” avrebbero ritrovato? “Cosa” avrebbe trovato? Intanto circolavano notizie preoccupanti: in Luglio, Pepsi avrebbe inaugurato la produzione in Albania nello stabilimento dell’acqua Glina. Glina in quel momento era la prima acqua in Albania. Non certamente un’acqua buona, troppo calcio, troppo pesante, ma di grande successo. Adesso è la seconda, come volumi, dopo Tepelene, e con

Kossovo stava entrando la Pepsi dalla Bulgaria ed era diventato terra di conquista. Ma i kossovari volevano la Coca-Cola albanese. E così è iniziato il nostro rapporto commerciale. A dicembre avevamo venduto 400 mila casse quest’anno dopo 8 anni, vendiamo più di 2 milioni di casse unitarie. I nostri prodotti sono distribuiti solo tra Pristina e la zona confinante con l’Albania che è la regione dove tutt’ora ci sono i nostri militari italiani in missione di pace.

2


Il lavoro di squadra premia Sibeg. Le eccellenti performances dell’anno trascorso come base per il 2008. di LUCA BUSI

2

007, un cambio di passo che si è tradotto in un anno di importanti soddisfazioni grazie all’impegno e alla costante dedizione di tutti. L’anno che sta per concludersi ha visto l’implementazione di ben 1730 nuove attrezzature che arredano i pdv rafforzando cosi l’immagine di Coca-Cola sul territorio. Sempre in tema di pdv ricordiamo la valorizzazione dei centri di eccellenza. Un capitolo a parte merita il piano turismo al quale è stato dedicato del materiale ad hoc raggiungendo l’apice con la realizzazione e l’immediato successo della full body sleeve, dedicata alla storia e ai colori della Sicilia, divenuta un veicolo di promozione del nostro territorio ed un oggetto da collezione, soprattutto tra i turisti che hanno soggiornato sull’isola. Un valido supporto alla vocazione turistica dell’isola è stato dato dalla puntuale e capillare presenza dei nostri brand in occasione dei molteplici eventi, dall’Eurochocolate di Modica all’Infiorata di Noto, passando per l’Ottobrata, che si sono susseguiti, nel corso dell’anno, sul territorio, supporto portato a termine con successo grazie all’impegno costante dei promoter. Mappatura del territorio. Il 2007 ha visto ultimata la capillare mappatura dei punti vendita, suddivisi per sub canale, presenti in Sicilia e la definizione del Geomarketing, uno strumento prezioso che facilita il piano di lavoro giornaliero dei

promoter attraverso le attività di marketing. è proseguito nel contempo il percorso verso una sempre maggiore informatizzazione dei processi e delle attività, sia con il potenziamento degli strumenti esistenti (ancora una volta il SAP), sia con il supporto tecnologico ai progetti descritti in precedenza quali il Geomarketing, sia con l’avvio di progetti nuovi quali ad esempio l’EDI che consentirà a breve il dialogo telematico con i principali clienti della GDO. Le risorse per le attività e gli investimenti sono anche il frutto del costante monitoraggio della struttura dei costi, del rispetto dei termini di incasso e delle condizioni praticate all’acquisto di beni e servizi: su tutti questi ambiti il 2007 è stato un anno proficuo e ricco di aspettative realizzate. Nuovi prodotti. è andato a buon fine il lancio di Powerade Pro, soddisfazioni con Coca-Cola Zero che, in Sicilia, si è distinta a livello di sistema Italia. Ancora successi per i pack strategici PET 0,5 e vetro con quest’ultimo che ha registrato una crescita del 15%. Ancora percentuali di rispetto con il 37% di quota mercato raggiunta sull’isola da Powerade, risultato di cui possiamo andare fieri rappresentando questo dato un record a livello nazionale. Tutto il lavoro svolto ad oggi è stato in linea con la BPPC che mirava all’ottica delle occasioni di consumo. L’anno 2007 è stato una anno di successi anche grazie all’apporto sempre efficiente ed efficace dell’area produzione e logistica, che ha profuso anche quest’anno il massimo sforzo per poter

garantire i risultati attesi. Questo infatti è stato l’anno in cui l’efficienza degli impianti Sibeg ha raggiunto il suo massimo valore, ma è stato anche l’anno della realizzazione di nuovi prodotti (dalla bottiglia silver per la Coca-Cola Light e gold per la Coca-Cola senza caffeina alla nuova Coca-Cola Zero, ai nuovi formati full body sleeve, alla nuova bottiglia 1,75 cl in pet). Sibeg e l’ambiente. In quest’anno si sono fatti anche interessanti investimenti quale ad esempio l’impianto fotovoltaico che permette l’auto produzione di circa il 6% dell’energia necessaria alle nostre esigenze produttive con un’importante risparmio energetico a tutela ambientale. Tra gli ultimi eventi che hanno visto Sibeg protagonista nel 2007 c’è anche la recente esercitazione di protezione civile che ha permesso un confronto diretto, delle nostre squadre interne di primo intervento e squadre antincendio, con i professionisti del soccorso e dei Vigili del Fuoco; un’esercitazione che ha visto per la prima volta a Catania un’azienda al fianco degli enti esterni. Possiamo quindi affermare serenamente che i risultati ottenuti sono il frutto del lavoro di tutta la squadra Sibeg e rappresentano la base solida per guardare sempre più avanti al futuro. Grazie a tutti.

3


Commerciale

Obiettivo eccellenza.

Il valore dei nostri prodotti come riferimento per il mercato e guida per il consumatore. di FABIO FRONTI

I

I l p e rc o r s o d i c re s c i t a d e l l a m i a organizzazione e del contestuale sviluppo di una nuova politica c o m m e rc i a l e , i n i z i a t o o r m a i d u e a n n i e mezzo fa con l’impostazione di un s a n o e c o s t a n t e c o n f ro n t o c o n t u t t e le componenti della distribuzione s i c i l i a n a , c o n t i n u a a p ro c e d e re c o n ritmo serrato, collezionando risultati ma soprattutto riconoscimenti.

I risultati sono ovviamente sotto gli occhi di tutti: siamo arrivati ad a v e re u n b u o n c o n t ro l l o d i t u t t i i p ro c e s s i i n t e r n i l e g a t i a l l a v e n d i t a , alla im p lementazion e de lle polit ic he di brand e soprattutto di attivazione del mercato. I numeri ci danno ragione!

4

A n c h e i l l i v e l l o d i p re p a r a z i o n e d e l l e r i s o r s e u m a n e c o n t i n u a a re g i s t r a re s i g n i f i c a t i v i i n c re m e n t i a l p u n t o c h e abbiamo trasformato l’organizzazione da una struttura “orientata ai volumi” ad una macchina da guerra e s t re m a m e n t e o r i e n t a t a a l l ’ e ff i c i e n z a s e n z a p e rd e re c o n t a t t o c o n u n a “efficacia pragmatica”. Tu t t o c i ò c i v i e n e r i c o n o s c i u t o a n c h e dall’esterno: da Coca-Cola Italia c h e n o n m a n c a m a i d i e s p r i m e re u n c o m m e n t o e s t re m a m e n t e p o s i t i v o s u i nostri risultati, ma anche da parte d e l Tr a d e c h e , n o n o s t a n t e g l i a l t i e i b a s s i d i u n m e rc a t o m a t u ro , e s p r i m e a p p re z z a m e n t o p e r i l n o s t ro m o d o d i interpretare un nuovo ruolo. Ma tutto questo non è sufficiente. C i s o n o a n c o r a d e l l e a re e i n c u i dobbiamo prendere maggiore coscienza della nostra potenzialità e svilupparla al massimo. D o b b i a m o m i g l i o r a re u l t e r i o r m e n t e l a nostra capacità di dialogare con il Trade e s o p r a t t u t t o c o n i l n o s t ro p r i n c i p a l e motore: il consumatore. U n n u o v o o r i z z o n t e c i s i a p re d i n n a n z i , s u l l a s t r a d a d e l l a r i c e rc a dell’eccellenza. L’ o p p o r t u n i t à d a c o g l i e re è q u e l l a d i rendere ancora più facile e intellegibile il messaggio che la nostra azienda v u o l e p o r t a re a l c o n s u m a t o re ; i n u n p e r i o d o s t o r i c o e s t re m a m e n t e d i ff i c i l e dal punto di vista economico per i l n o s t ro p a e s e , r i t e n g o c o e re n t e e maturo voler implementare sul mercato una politica che dia un riferimento p re c i s o i n t e r m i n i d i v a l o re a i n o s t r i prodotti. Si tratta indubbiamente di una politica i n n o v a t i v a , n e l m e rc a t o s i c i l i a n o d e i soft drinks, che ha degli importanti precursori in altri importanti mercati di largo consumo, primo fra tutti quello del gelato confezionato. L’ i d e a è q u e l l a d i s v i l u p p a re u n a s e r i e di strategie aventi come obiettivo q u e l l o d i c o m u n i c a re u n v a l o re p re c i s o d e i n o s t r i p ro d o t t i , c h e p o s s a f u n g e re da riferimento per il mercato e possa in q u a l c h e m o d o e s s e re u n a g u i d a p e r i l

nostro consumatore. Questo è il motivo per cui ci sarà una forte accelerazione s u l l a s t r a d a d e i p re z z i a l p u b b l i c o s u g g e r i t i ( l e g g i M e n ù b o a rd n e i p d v H o re c a ) o d e i p ro d o t t i f l a s h a t i p e r i l canale tradizionale (operazione “prezzo amico”). Su questo tema la distribuzione giocherà ancora una volta un ruolo importante a supporto della strategia

e in una logica di gestione integrata d e l m e rc a t o . S e r i u s c i re m o a c o m p i e re q u e s t o u l t e r i o re p a s s o i n a v a n t i potremo veramente affermare che Sibeg ha raggiunto un livello di eccellenza insuperabile nel nostro territorio.


Istituzionale

Fit for the future, la nutrizione è pienamente integrata nella nostra strategia. Nel corso dell’incontro le risposte in tema di salute e benessere.

di Nunzio Orsini

S

i è svolto a Milano, lo scorso 16 ottobre, il “ Fit for the Future A c a d e m y “. All’importante appuntamento, oltre ai dipendenti di CocaCola Italia, sono stati convocati anche i tre imbottigliatori nazionali. Sibeg era presente con un squadra di 12 persone capitanata dal top management. Fit for the Future Academy è un programma intenso ed interattivo che ha come obiettivi quelli di aiutare gli associati ad avere una migliore conoscenza dei prodotti Coca-Cola e una migliore comprensione dei temi chiave sulla nutrizione. Il meeting è stato l’occasione per gli associati partecipanti, di ricevere tutte le risposte necessarie non solo per rispondere alle domande degli amici in materia di salute e benessere, ma anche per agire proattivamente come ambasciatori per i brand del nostro business. Al termine dei lavori sono stati tracciati i punti cardine intorno ai quali ruotano le scelte strategiche, confermando valori prioritari di trasparenza, motivazione e stile di vita attivo basati sui fatti reali. Ciò premesso di seguito vi elenco i contenuti degli obiettivi:   Coca-Cola è un sistema responsabile che:   • Si cura dei consumatori, offrendo una vasta gamma di prodotti, che permette una maggiore scelta. •

Si impegna ad informare i consumatori sulle calorie e gli ingredienti presenti nei prodotti (introduzione delle informazioni nutrizionali volontarie dal 1 maggio 2007 sulle etichette). Vende responsabilmente i suoi prodotti e non pratica alcuna attività di marketing o comunicazione direttamente sul target “bambini al di sotto dei 12 anni”. Gioca un ruolo importante nel supportare i programmi di “Stile di Vita attivo” della comunità/nazione dove tutti possono partecipare.

Nella vastità delle scelte.

Nel fornire informazioni trasparenti ai consumatori.

Nel promuovere attività fisica e stile di vita attiva.

Nel disegnare e implementare una politica di marketing responsabile.

Il meeting molto intenso ed efficace avrà nel 2008 altre sessioni. Noi di Sibeg, vista l’importanza degli argomenti organizzeremo, nei prossimi mesi, un meeting Fit For the Future direttamente all’interno dello stabilimento per tutte le aree del personale. Vi aspetto sul prossimo numero di Sibeg Inside dove vi darò maggiori interessanti aggiornamenti sull’argomento.

Messaggi chiave: Il nostro Ambiente sta cambiando e noi stiamo cambiando con esso:

5


Management

L’innovazione passa dalla formazione, in 150

dietro i banchi. 2008: al via 15 nuovi corsi, dal time management al presidio

del mercato.

di Antonio Marletta

Q

uando si parla di sviluppo delle risorse umane uno dei primi argomenti che viene in mente è la formazione. Investire in formazione è, per qualunque azienda moderna, un segno tangibile dell’importanza attribuita ai propri collaboratori, oltre che un utile strumento per acquisire il background tecnico-manageriale necessario ad affrontare le sfide competitive che il mercato impone. Durante la convention svoltasi ad inizio 2007 si è detto che, per SIBEG, questo sarebbe stato l’anno dello “Step change”, ed il piano formativo, partito lo scorso ottobre e che si completerà nel corso del 2008, ne è un valido esempio in termini di contenuti ed obiettivi. Già in fase di progettazione del piano si è puntato all’eccellenza, e grazie alla collaborazione con Coca-Cola HBC, sono state coinvolte primarie società di consulenza italiane e straniere, come ISTUD, Dale Carnagie o Summit, solo per citarne qualcuna. Ma di cosa si tratta?

Per semplicità, possiamo considerare che il piano si articola in quattro percorsi fondamentali, più un corso di lingua inglese su più livelli, che lavorano su diverse competenze degli individui: Competenze di base: in questo percorso rientrano corsi come quelli di time management o problem solving che rappresentano gli strumenti di base che ciascuno di noi deve possedere per operare al meglio nel proprio lavoro. Competenze manageriali: raggruppano corsi nei quali si lavora sulle competenze gestionali, particolarmente in termini di gestione di uomini, degli economics e della propria unità organizzativa. Competenze organizzative: questi corsi affrontano gli aspetti di integrazione interfunzionale per acquisire la capacità di

gestire i “conflitti interni” presenti in tutte le organizzazioni. Competenze di vendita: sono i corsi relativi alla vendita rivolti specificatamente ai componenti della Direzione commerciale, inclusi i promoter, per affinare le loro capacità di vendita e di presidio del mercato. I primi 4 corsi si sono svolti nell’ultima parte del 2007 ed hanno riscosso un elevato indice di gradimento tra i partecipanti. Per il prossimo anno si prevede l’erogazione di altri 15 corsi che coinvolgeranno oltre 150 persone provenienti dalle diverse Direzioni aziendali. L’implementazione di questo piano rappresenta un impegno importante in termini di risorse economiche ed organizzative, ma è anche un chiaro segnale della strada intrapresa da SIBEG e dal gruppo ACIES per consolidare il proprio successo sul mercato.

In Sibeg con il cuore a Malta

Giuseppe Finocchiaro, ingegnere meccanico, dallo scorso agosto è il nuovo coordinatore utilities.

N

ato a Catania il 24 ottobre del 1969 Giuseppe Finocchiaro dopo aver conseguito la sua laurea in ingegneria meccanica inizia a viaggiare in Europa per conto di una primaria azienda di impiantistica catanese. Il lavoro lo porta in Francia, Scozia, Germania e Malta. Ed è nell’isola dei cavalieri che Giuseppe lascia il cuore. “ L’esperienza maltese racconta Finocchiaro - è indubbiamente quella più bella dal punto di vista umano. La lunga permanenza nel crocevia del Mediterraneo mi ha dato l’opportunità di istaurare rapporti interpersonali s t r a o rd i n a r i . N o n p o s s o d i m e n t i c a re i p ro p r i e t a r i , n a p o l e t a n i , d e l r i s t o r a n t e “Sotto voce” dove andavo tutti i giorni a cena sentendomi a casa”. L’esperienza lavorativa oltre confine ha permesso a

6

Giuseppe di stilare una sua personale classifica sui colleghi:” Sul lavoro come nella quotidianità gli americani sono decisamente alla mano, gli scozzesi amiconi, gli inglesi non smentiscono la loro freddezza mentre guai a chiedere il perché ad un rigido tedesco, anche se dopo un po’ potrebbe diventare un amico”. Rotta ben definita ”Arrivando in Sibeg - conclude Giuseppe Finocchiaro - la prima cosa che mi ha colpito è stata la chiarezza sui compiti e gli obiettivi da raggiungere, dopo anni di navigazione a vista finalmente delle idee chiare”. Non solo lavoro ma anche lettura, fotografia e nuoto nella vita di Giuseppe.


Sicurezza

La terra trema: Sibeg protagonista di

un’esercitazione di protezione civile.

Vigili del Fuoco, SUES 118 e

Croce Rossa Italiana, in azienda anche dal cielo.

P

er la prima volt a un’azienda catanese ha aperto le proprie porte ad un’imponente esercitazione di protezione civile che ha coinvolto i tre attori principali del sistema di risposta alle urgenze ed alle emergenze sul territorio. Vigili del fuoco, SUES 118 e Croce Rossa Italiana, congiuntamente alle squadre interne di primo intervento aziendale, hanno dato vita ad una simulazione di emergenza a seguito di un evento sismico localizzato nella piana di Catania. L’esercitazione ha permesso

I numeri dell’esercitazione: Uomini e mezzi impiegati. • 2 Ambulanze (AB 16 + I 4) • 1 Centro Mobile Rianimazione (CMR - CT 2) • 2 Elicotteri AB 412 (Drago 68 Nucleo Elicotteri Vigili del Fuoco - I - MALF Eliambulanza 118 base Cannizzaro) • 1 APS con relativa squadra VVF (Distaccamento Zona Industriale) • 1 Automedica (C.O. SUES 118 Cannizzaro) • 1 Direttore Tecnico Soccorsi • 1 Direttore Sanitario Soccorsi • 4 Medici (3 rianimatori - 1 aerosoccorritore) • 4 Aerosoccorritori (2 CRI - 2VVF) • 25 Soccorritori • 4 Simulatori • 1 Truccatore

un confronto costruttivo tra professionisti dell’emergenza e quanti potenzialmente potrebbero ritrovarsi a fronteggiare i primi momenti di un evento critico in attesa dei soccorsi qualificati. Le scene predisposte hanno permesso agli operatori Sibeg di confrontarsi con situazioni realisticamente possibili in caso di incidente, compreso l’intervento dal cielo. L’impiego dei due elicotteri AB 412 (Drago 68 Vigili del Fuoco e I MALF del 118) ha dato modo di comprendere il concetto di sicurezza a terra in prossimità

dell’eliambulanza del 118 e “provare” l’effetto di un “flusso rotore” in prossimità della verticale dell’hovering del “Drago 68”, l’AB 412 dei pompieri di Catania dal quale si sono verricellati gli aerosoccorritori dei Vigili del Fuoco e della Croce Rossa. Per gli enti esterni “Sibeg 07” è stata l’occasione per la periodica verifica del sistema di comando e controllo sulla scena dell’evento; delle procedure di comunicazione in emergenza e della risposta operativa dell’intero sistema di emergenza. (u/s)

Sicurezza aziendale: imponente esercitazione per le squadre interne. 23 ottobre 2007 ore 09:50:

addetti antincendio e primo soccorso alla prova del fuoco.

di Sergio Sapienza e Luigi Di Mauro Il D.Lgs. 626/94 pone a carico del Datore di Lavoro, dei Dirigenti e dei preposti una serie di obblighi legati alla prevenzione dai rischi in ambito lavorativo. La prevenzione all’interno di ogni organizzazione si attua prevalentemente attraverso l’applicazione e verifica di una periodica formazione mirata all’attuazione di procedure e istruzioni specifiche. In particolare il D.Lgs. in esame, ai sensi del quinto comma dell’art. 22, stabilisce che i lavoratori incaricati dell’attività di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave ed immediato, di salvataggio, di pronto soccorso e, comunque, di gestione dell’emergenza devono essere adeguatamente formati. La formazione in Sibeg degli operatori è stata eseguita mediante la frequenza di appositi corsi di formazione presso il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco per le nozioni di antincendio e primo soccorso presso la AUSL n° 3 - Catania. Questo tipo di approccio ha fatto sì che nei diversi anni le squadre addette venissero coinvolte in esercitazioni semplici senza la presenza di professionisti del soccorso antincendio e sanitario. L’anno 2007 per quanto concerne la gestione delle emergenze è stato rivoluzionario. L’organizzazione interna SIBEG ha avvertito la necessità di condurre un’esercitazione di

evacuazione e di primo soccorso pensando di coinvolgere gli enti locali quali Vigili del Fuoco, Croce Rossa e 118 per affrontare una simulazione legata alla capacità d’intervento. Il Responsabile della Sicurezza, Luigi Di Mauro, comunicando gli scenari che si intendevano attivare ha visto il Direttore Operation, Sergio Sapienza, il Direttore Generale, Natale Lia insieme all’Amministratore Delegato, Luca Busi, ben lieti a condurre una esercitazione sino ad ora unica nel suo genere. Dal consenso ne è scaturito uno scenario d’incendio in un cantiere per simulare come a seguito di un crollo, generato da un evento sismico, fosse possibile trovare persone ustionate causa l’incendio di carburanti e materiale combustibile nelle dirette vicinanze. Inoltre all’interno di un locale, adibito a magazzino con presenza di scaffalatura, si è simulato il soccorso di persone che, causa il crollo di strutture e merci, sono rimaste intrappolate rendendo necessario l’intervento delle squadre di soccorso. La grande soddisfazione che si è avuta, nella conduzione di detta esercitazione, non è tanto la scenografia quanto la voglia di confrontarsi e portare su di un tavolo le carenze riscontrate che si valuteranno per migliorare il proprio modo di agire in modo che tutta l’organizzazione possa nel tempo intervenire in modo efficace ed efficiente.

7


Foto di Carlo Coriolani (Sibeg) e Gaetano Bonanno (Inf. prof. SUES 118 Catania)


è Natale, arriva un carico di…

S

anta Claus, ideato su incarico di Coca-Cola nel 1931 dall’illustratore Haddon Sundblom, quest’anno, abbandonata la sua tradizionale slitta trainata dalle fedeli renne, salirà a bordo di fiammanti ed imponenti trucks che lo porteranno, dal 30 novembre al 23 dicembre, nelle più belle piazze delle principali località della penisola. Saranno 14 le località coinvolte dal tour e 10 magazzini Rinascente. Due le tappe siciliane in cui sosteranno i trucks: 8 e 9 Dicembre Palermo nella bellissima Piazza Ruggero Settimo (Piazza Politeama). L’11 e il 12, ad ospitare il truck Coca-Cola saranno, nel cuore della città etnea Piazza Duomo e Piazza Università. Un paesaggio natalizio ricreato in queste piazze porterà un’atmosfera magica ed unica accogliendo le persone tra cantastorie e giochi legati a Babbo Natale. Trucks illuminati, un vero e proprio ufficio postale dove potrai inviare la tua cartolina personale a Babbo Natale, paesaggi da fiaba e per un’esperienza indimenticabile. Un’area del villaggio con giochi e foto opportunity, sarà riservata alle famiglie.

Parallelamente all’attività che coinvolgerà il pubblico nelle piazze, verranno attivate le Rinascenti delle 2 città: dal 7 al 9 Dicembre la Rinascente di Palermo di via Ruggero Settimo, dall’11 al 16 i magazzini Rinascente di via Etnea a Catania. Dalle piazze alla rete il salto è breve: il sito internet di Coca-Cola (www.coca-cola.it) consentirà di seguire le tappe del tour, attraverso un calendario aggiornato e un videogame gratuito, permetterà di giocare on line su due livelli di gioco: il secondo riservato agli utenti registrati.

Ma è Natale anche nei punti vendita siciliani! Le attività dedicate alla festa più importante dell’anno sono come sempre più ricche e molteplici: dal canale moderno oltre alle tradizionali in-store che permetteranno di ricevere una fedele riproduzione dei trucks natalizi Coca-Cola, 5 tra le più importanti gallerie dei centri commerciali siciliani ospiteranno un’attività natalizia che riprodurrà in piccolo ciò che si potrà vivere nelle piazze, con un Babbo Natale, i suoi aiutanti e tante foto ricordo. I centri commerciali coinvolti saranno Ferdico di Carini, Ipercoop di Ragusa, L’Ipersimply di Acirelae, Le Zagare di san Giovanni La Punta ed

10

Etnapolis di Belpasso. Inoltre un’edizione limitata di Alu bottle (le esclusive bottiglie in allumino) sarà disponile in alcuni dei supermercati e superstores siciliani. Grande novità di quest’anno: anche nel Canale Tradizionale verranno attivate delle promozioni per poter vincere il truck Coca-Cola. E poteva mancare la full body sleeve natalizia? Le bottiglie di Coca-Cola in vetro da 0,33 cl e Pet 0,50, disponibili nei migliori punti vendita del Canale Immediate, si vestono di rosso per augurarvi un magico Natale.


Marketing & Communication

Il truck coca-cola in regalo, dal 15 novembre al 6 gennaio, con coca-cola, fanta e sprite.

A

Arriva il camioncino Coca-Cola!! Dal 15 Novembre al 6 gennaio 2008 una fantastica promozione natalizia: acquistando solo 4 bottiglie da 1 litro e mezzo o 8 bottiglie da mezzo litro di Coca-Cola o Coca- Cola Senza Caffeina o Coca-Cola Zero o Coca-Cola Light o Fanta oppure Sprite. Riceverai immediat amente in o m a g g i o u n e s c lu s i v o camioncino Coca-Cola.

11


Marketing & Communication

Powerade sempre più leader a supporto dello sport in Sicilia. Lo sport drink a marchio The Coca-Cola Company vince in Sicilia. di Massimo Stella

U

no degli elementi di successo del 2007 è senz’altro il buon andamento delle vendite del nostro sport drink Powerade che rafforza la sua leadership in Sicilia raggiungendo una market share del 42,1% a valore (+8% verso Gatorade e +22% verso Energade). A dare forza allo sviluppo di questo importante

segmento di mercato che pesa a valore il 2,3% del mercato AFB, abbiamo lanciato la versione isotonica Powerade Pro nella impattante bottiglia nera da 750 ml con una proiezione di circa 44.000 c.u. vendute nell’anno. Abbiamo anche attivato circa 500 “Point of Sweat” ovvero palestre, campi di calcetto e circoli sportivi di tutta la Sicilia. A completamento del piano sentivamo l’esigenza di spingerci oltre… .e provare a stare sempre più vicini agli sportivi siciliani. è per questo motivo che abbiamo esteso il piano di sponsorizzazioni finora concentrato sulle principali squadre di calcio (Catania, Palermo e Messina) e sull’Orlandina Basket anche ad altri sport come Pallanuoto, Volley, Rugby e Calcio a 5. Di questo siamo orgogliosi perché ci sentiamo anche noi protagonisti e sostenitori di queste squadre che tanti sacrifici affrontano ogni giorno per competere a livelli sempre più alti. Le squadre che rientrano in questo piano vantano una storia di tutto rispetto: parliamo

12

dell’Orizzonte Waterpolo femminile di Catania squadra capace di vincere ben 15 scudetti e 7 coppe dei campioni, la Volley Catania che è prima in classifica nel campionato di A2 e vuole a tutti i costi ritornare in A1 e l’Amatori Catania di Rugby che milita da tantissimi anni in serie A tra le Top 10 in Italia; il Tennis Club Umberto in Serie B, il Pro-Scicli in A1 nel calcio a 5 e l’Himera

Basket di Termini Imerese squadra femminile in B1. Tante squadre perché vogliamo essere sempre più vicini ai giovani, contribuendo alla trasmissione dei valori sani che lo sport è in grado di trasmettere e ci fa piacere andare allo stadio e vedere che i giocatori bevono Powerade e che il nostro sport drink è sponsor presenziando con numerosi elementi di visibilità.


Tennis club Umberto, test center per

i prodotti a marchio The Coca-Cola Company. Nel tempio indiscusso del tennis etneo si incrementano le vendite.

di ANTONIO PANEBIANCO

C

’è chi riconosce al termine Tennis l’origine francese: “tenez” era, infatti, l’espressione con cui i nostri cugini d’oltralpe riprendevano l’incontro disputato, fino all’ultimo sudato affondo, coi nerboruti e infallibili racchettoni. Tenez! Toh, rispondi su questo meteorite, se ci riesci! Siamo al Club Tennis Umberto, sancta sanctorum dello sport catanese, vivaio di giocatori in erba e sede di dispute internazionali, crocevia di incontri importanti, di teresina, tressette e business, nonché indiscusso testcentre per i prodotti a marchio The Coca-Cola Company. E, a proposito di bevute, un ricco melange di occasioni di consumo s’offre à la carte nell’esclusivo salotto dei Fonsmorti: Bar, Bar Ristoro, Pizzeria, OTG, Sport, in primis. La presenza, oggi, di 4 coolers one door, 1 frigopozzetto RB 32, 1 Can Trolley e di uno sfavillante Chiosco Coca-Cola CSol con bandiera al top rappresenta il game che Sibeg. sta servendo all’interno di questa attrattiva e dinamica realtà dello sport etneo. Il corner Coca-

Cola si pone quale avamposto esterno dello storico bar: se, infatti, questo è più elitario, al servizio d’una fascia d’utenza più matura, i cui interessi ruotano attorno al tennis, la seconda è

più massiva, con adolescenti a bordo di microcar. Proprio questi ragazzi sono il nostro prezioso target. Lo ha capito subito Franco Taglieri, papà di Antonio, che, piegata in naftalina divisa e

fischietto di Vigile Urbano, vigila sui traffici delle nostre bevande all’ombra della coloratissima oasi Coca-Cola. Molto si deve alla fede, alla costanza e tenacia di quest’uomo che, anche sotto la mortale canicola del dopo pranzo, ha condotto la baracca con l’abnegazione d’un militare; la sera le lancette dell’orologio segnavano anche oltre la mezzanotte. E lui ad aspettare che terminasse il torneo. é uno che ci crede, eccome! Va l u t i a m o l a p r o d u t t i v i t à . Confrontando due periodi di tempo: tra l’aprile e l’ottobre 2006 (Distribuzione Palma Drink, agente Dario Caruso) e lo stesso periodo dell’anno 2007 (Distribuzione Doreca Battiato, agente ancora Caruso), ma con una variabile in più, il Chiosco Coca-Cola e le attrezzature al suo interno. Nel confronto tra periodi, un dato emerge: 145 casse incrementali che, nell’arco di 5 mesi, è uguale a 29 c.f./mese. Con riferimento solo al comparto bevande piatte - can 0,25 cl., pet 0,50-0,75 cl., (portfolio Sport) - l’incremento è pari a 222 casse unitarie sul periodo, cioè 44 c.u./mese.

Visite di stabilimento

da quest’anno solo over 12. In linea con le

direttive Assobibe in azienda solo studenti delle classi superiori con un’attenzione agli stili di vita sani. di Giovanna Bonanno Da anni Sibeg dedica uno spazio quotidiano ai giovanissimi e anche quest’anno, dal 5 novembre e sino al 30 maggio del 2008, ha aperto le sue porte alle scolaresche siciliane, circa 8 mila giovani visitano l’azienda ogni anno. In linea con il codice di autoregolamentazione di Assobibe, da quest’anno a differenza di quelli precedenti, Sibeg si rivolge essenzialmente ad un pubblico di ragazzi over 12. Porte aperte a scuole medie e superiori, università e, come di consueto, anche ad enti pubblici e corsi di formazione professionale. Le visite giornaliere ospitano circa 30 giovani la cui accoglienza prevede un programma introduttivo al sistema Coca-Cola in Italia, per poi entrare nello specifico di Sibeg, come opera sul mercato siciliano e i suoi prodotti. Il contatto con il mondo scolastico è ritenuto, dai vertici aziendali, molto importante: non si tratta

solo di una dimostrazione e di una spiegazione ma di un vero e proprio colloquio con il visitatore che spesso pone domande non solo su CocaCola Company ma anche sul mondo del lavoro più in generale. La visita in stabilimento è un opportunità per approfondire argomenti spesso trattati in classe. La durata media della visita è di circa 2 ore durante le quali viene illustrata la storia della bibita più famosa al mondo, la struttura aziendale di Sibeg, tutti i prodotti imbottigliati in azienda e quelli a marchio The Coca-Cola Company. Un video, accompagnato dalle spiegazioni della guida, anticipa il ciclo di produzione e imbottigliamento che gli ospiti avranno modo di seguire dal vivo dopo uno snack che prevede anche la degustazione dei prodotti a marchio The Coca-Cola Company. 13


Eventi

Ottobrata di Zafferana: il successo della mezzo litro PET.

Aumenta l’impegno di Sibeg all’importante appuntamento enogastronomico. di Marcello Leone

S

ibeg all’ot tobrata zaf feranese. Tutte le domeniche di ottobre, nonostante le non ottimali condizioni meteorologiche che hanno carat terizzato l’edizione 20 07, hanno visto affluire migliaia di visitatori alla o r m a i s to r i c a f i e ra e t n e a d e d i c a t a ai sapori culinari dell’Etna e alle sue tradizioni artigianali. In questa edizione è stata riscontrata, rispetto alle edizioni precedenti, la crescita dell’utilizzo dei formati mezzo litro carbs e del formato alla spina. Nel 2007 si contano già 400 casse di formato mezzo litro carbs e circa 60 fusti in più rispetto al 2006. Da du e anni Sib e g p ar te cip a alla manifestazione dando in comodato d’uso non solo attrezzature, per le quali aumenta la richiesta di anno in anno, ma anche i chioschi che hanno trovato la loro

sis temazione all’interno dell’area comunemente chiamata “arrusti e

14

m a n g i a” d e d i c a t a a l barbecue. Qui i set te chioschi di beverage, che una volta erano dedicati esclusivamente alle aziende di birra, oggi

danno spazio anche al non alcolico con la presenza dei due gazebo Coca-Cola. Oltre ai chioschi in questa edizione sono stati impiegati, tra la strada principale di Zafferana e l’area dedicata al consumo dei pasti, due can trolley e quindici attrezzature refrigeranti. La kermesse di enogastronomia e artigianato è divenuta un’impor tante vetrina anche per i prodotti a marchio The Coca- Cola Company come Coca-Cola Zero, Coca-Cola senza caffeina, Fanta chinotto mezzolitro e la sleeverata light. Il segreto del successo. Determinante si è rivelata la sinergia creata fra LP Distribuzione, di Domenico Lo Presti, Sibeg e i promoter della zona di Catania i quali si sono alternati per la realizzazione degli stand e il caricamento delle frigovetrine attuando un vero e proprio gioco di squadra. Il successo degli ultimi due anni non fa escludere una partecipazione ancor più incisiva da parte di Sibeg all’edizione 2008 della storica Ottobrata.


Brevi dal trade marketing, le iniziative in sicilia negli ultimi mesi. future consumption

Nuove aperture Nel canale GDO segnaliamo le riaperture del PdV Cityper di Ognina (CT) e le nuove aperture del Centro commerciale Guadagna, a Palermo, e Le “Ginestre” a Tremestieri (CT).

Back to school: sono state completate le attività di in store promotion Back to School in 30 punti vendita con un focus specifico su Coca-Cola senza caffeina in formato da pet 50 nel suo unico ed esclusivo pack “gold” solo per la Sicilia.

Immediate Consumption Sono stati attivati i piani tailor made per i consorzi Cda e Intesa che sono serviti a raggiungere gli obiettivi di sviluppo distributivo per i pack strategici Pet 50 e Vap 20 e per sostenere le crescite su Brand strategici come Aquarius e Powerade regalando premi per gli esercenti siciliani. Sui punti vendita sono da registrare le attività su 200 Point of Sweat e l’attivazione di espositori in extra display in 70 pdv top del canale tradizionale.

Le Ginestre.

Co marketing Con Carrefour è stata attivata una iniziativa di co-marketing promuovendo per il consumatore l’acquisto combinato di Coca-Cola nel formato da pet 50 e in omaggio una confezione di pasta della marca privata dell’insegna francese. Da segnalare anche l’interessante tailor made realizzata con Conad che prevede la possibilità di vincere frigoriferi brandizzati Coca-Cola in limited edition sempre legato all’acquisto combinato di Coca-Cola in formato pet 50 e di una confezione di pizza a marchio Conad. Con il gruppo Selex, pdv A&O, è stato attivato un concorso che mette in palio una Fiat 500, la meccanica è quella del gratta e vinci. Ha suscitato parecchio interesse l’operazione tailor made realizzata con Conad. In palio frigoriferi brandizzati Coca-Cola, in limited edition. La vincita del premio è legata all’acquisto combinato di Coca-Cola in formato pet 50 e di una confezione di pizza a marchio Conad.

Sibeg, con Coca-Cola Light, all’inaugurazione del nuovo centro commerciale “ Le Ginestre” di Tremestieri Etneo. La struttura ospita un IperSpar, 3 medie superfici (Trony, Non Solo Sport, La Galleria) e una galleria di 30 negozi. I sampling di Coca-Cola Light si sono svolti il 29 e il 30 novembre scorso in occasione dell’inaugurazione.

15


Visti da vicino

Fabio lopez Età: 34 : coniugato Stato civile o Figli: 2 Perito Meccanic a o: Diploma 5 linea Leader Titolo di studi : Team o in azienda Ruolo ricopert 10 g: Sibe in Da quanti anni

Il tratto principale del suo carattere: Presuntuoso, ostinato, sincero. La qualità che preferisce in un uomo: L’onestà. La qualità che preferisce in una donna: Spero solo sappia riflettere, sempre. Il suo sogno di felicità: Non mi manca nulla, ma chissà, le porte sono spalancate. Il suo rimpianto: Potevo parlare di più con una persona che non potrò più vedere. L’incontro che le ha cambiato la vita: Mia moglie, ovviamente Il giorno più felice della sua vita: Se lo dicessi non apprezzerei gli altri giorni futuri. Il più infelice: Non importa, vi metterei tristezza. La materia scolastica preferita: Italiano, Dante, Manzoni, Leopardi, Foscolo. La città: apprezzo la mia. Il colore: Non ho preferenze. La bevanda: Domanda stupida!!! Il piatto preferito: Sono sempre a dieta, riso e pollo. Libro preferito di sempre: Lo Zahir di Paulo Coelho. Poeti preferiti: Tutti coloro che utilizzano chiaramente le parole per esprimere ciò che non sappiamo dire. Il suo eroe o eroina: Esistono ancora? La trasmissione televisiva più amata: Guardo poca tv, cartoni animati. Il film cult: “La vita è bella” di Benigni. Attore preferito: Anthony Hopkins. Attrice preferita: Jennifer Lopez attrice, cantante, donna… La canzone che fischia più spesso sotto la doccia: Canto di tutto, non saprei dire, a volte invento. Personaggio storico più ammirato: Napoleone. Se non avesse fatto il mestiere che ha fatto: Mi lamenterei di più Il dono che vorrebbe avere: La pazienza, sono molto istintivo. Il regalo più bello che ha ricevuto: Essere pensato è già un bel regalo. Come vorrebbe morire: Vi fanno un corso per queste domande? Non ho intenzione di morire. Le colpe che le ispirano maggiore indulgenza: … Cosa si aspetta di ottenere da qui ad un anno in ambito lavorativo: Spero di ottenere di più dalla vita, dai miei figli, dalle persone che amo, il lavoro è una piccola parte della vita in sè. Il suo motto: Mai pensato ad un motto.

16

antonio oliva Età: 56 Stato civile: coniugato Figli: 1 Titolo di studio: Perito Elettr otecnico Ruolo ricoperto in azienda : team leader linea 1 Da quanti anni in Sibeg: 2

Il tratto principale del suo carattere: Pazienza. La qualità che preferisce in un uomo: Trasparenza. La qualità che preferisce in una donna: Onestà. Il suo sogno di felicità: Un 6 all’enalotto. Il suo rimpianto: Non essermi laureato. L’incontro che le ha cambiato la vita: Quello con mia moglie. Il giorno più felice della sua vita: 8 ottobre ’98 nascita di mio figlio. Il più infelice: quello della morte di mio padre. La materia scolastica preferita: Matematica. La città: Roma. Il colore: Azzurro. La bevanda: Coca-Cola. Il piatto preferito: Tagliatelle al ragù. Libro preferito di sempre: Le profezie di Nostradamus. Poeti preferiti: Giacomo Leopardi. Il suo eroe o eroina: Non ho eroi. La trasmissione televisiva più amata: Tutte quelle “Leggere”. Il film cult: Arma Letale. Attore preferito: Mel Gibson. Attrice preferita: Sharon Stone. La canzone che fischia più spesso sotto la doccia: Fischio di tutto di più. Personaggio storico più ammirato: Napoleone. Se non avesse fatto il mestiere che ha fatto: Avrei fatto l’elettricista. Il dono che vorrebbe avere: Leggere del pensiero. Il regalo più bello che ha ricevuto: Mio figlio. Come vorrebbe morire: Non penso alla morte ma ho paura della sofferenza. Le colpe che le ispirano maggiore indulgenza: Ipocrisia. Cosa si aspetta di ottenere da qui ad un anno in ambito lavorativo: Tante soddisfazioni in tutti i sensi. Il suo motto: La calma è la virtù dei forti.


Sibeg S.r.l. Catania - 95121 - ITALY - V Strada Zona Industriale, 28 tel. +39 095 523811 fax +39 095 592713 email sibeg@sibeg.it www.sibeg.it

Sibeg inside  

sibeg_inside_anno3-n4