Page 1

web

70, 5, 0, 0

in copertina foto di Ciamillo Castoria

mezzogiorno di fuoco a1

caserta e avellino, sfida alle metropoli Adil

laziali, trasferte da primato bdil

stella-tiber, il derby Settimanale ::: Anno 4 N.110 ::: 23 Ottobre 2009 ::: 1,5 â‚Ź ::: Always Sport Magazine


EDITORIALE m ag

w eb

bordo bianco intorno ai loghi 0, 50, 100, 0 70, 5, 0, che 0 Finalmente torna l’Eurolega, sia sui campi su AS. E per l’Italia è un dolce risveglio, perché le no50, 50, 50, 100 stre si sono comportate in maniera egregia: che Siena vinca non è una novità (certo umiliare così il Cibona sul proprio campo non era in preventivo…), ma che la Virtus Roma domini il Caja Laboral di Vitoria e che l’Armani Jeans Milano giochi alla pari con i campioni in carica del Pana cedendo nel finale sono due notizie che devono far sorridere tutto il nostro basket. Nella speranza che non sia solo un caso, e che le due metropoli possano finalmente lasciare un segno in Europa. Il “weekend” di Eurolega però è già un ricordo, il campionato incombe, e le protagoniste sono sempre le stesse, Roma e Milano sfidate dalle due squadre che fanno sognare tutto il Sud cestitito (a cui abbiamo dedicato la nostra copertina): Caserta ed Avellino vogliono diventare grandi, e quale miglior occasione per farlo nell’affrontare le due candidate antagoniste di Siena? Nessuna. Ed allora non resta che mettersi comodi e godersi lo spettacolo.

Sede e Redazione Via Tommasini 31 00162 Roma

Tel/Fax 06.96035835

Email redazione.as@gmail.com direttore.as@gmail.com www.basketincontro.it info@basketincontro.it

Andrea Alemanni e Nicola Rampa

Direttore responsabile

Redazione

Foto

Edito da

Andrea Alemanni

Alessandro Baldi Giuseppe Capuano Roberto De Simone Roberto Contini Emanuele Del Baglivo Matteo Bassi Roberto Pelizzi Vincenzo Arma Emanuele Bellizzi

Ciamillo/Castoria Christian De Massis Pino Rampolla Giuliano Ciolini Sonia Simoneschi Cecilia Palombo

Registrato presso il Tribunale di Roma N° 370/2006 del 29/09/2006

Vicedirettore Nicola Rampa

Art Director Stefania Gubbiotti

Grafico Rocco Lotito

2008


L’EUROPA CHIAMA, Poco sorprese e molte conferme. Qualche novità arriva forse proprio dalle italiane con Roma che piace (anche se la vittoria va tarata con un’avversaria di certo non all’altezza del nome che porta), Sien che domina e Milano che se la gioca davvero col Pana che alla fine ringrazia i soliti fuoriclasse Spanoulis e Diamantidis per strappare la vittoria al Forum. La squadra di Gentile di sicuro merita la citazione tra le “nostre” in quanto la sfida era di cartello contro una big europea (che però ha ridotto tanto in budget e di fatto di fuoriclasse ha tenuto solo Splitter) e in più i romani avevano tante assenze (oltra al solito Vitali, anche Datome e Minare più l’ormai fuori rosa

De La Fuente). Ovvio che con una rotazione a 8 con Tonolli (sempre pronto) a dover dare minuti anche importanti, non era facile imporsi e invece Jaaber e soci lo fanno con un grande terzo quarto arrivando anche sul +20 per poi soffrire la rimonta spagnola guidata placata dai canestri dell’MVP Winston e da un sorprendente Crosariol. Tra le altre la copertina ovviamente va per la megasfida “italiana” tra Scariolo e Messina col Khimki dell’allenatore delle Furie Rosse che alla fine esulta dopo un overtime. Grandissimo Cabezas (uomo di fiducia del coach col gel) mentre dall’altra parte non basta la prestazione mostruosa del Lavrinovic del Real (fra-

le italiane CIBONA ZAGABRIA- MPS SIENA 40-85 Parziali: 13-21, 24-35, 32-67 CIBONA: Gordon 5, Bogdanovic 3, Troha, Radosevic, Vukusic 2, Andric 4, Bagaric 4, Zubcic 5, Princ, Rozic 5, Graves, Tomas 12 SIENA: Domercant 7, Mc Intyre 6, Zisis 6, D’Ercole, Eze 8, Carraretto 3, Sato 14, Lavrinovic 26, Ress 2, Marconato 2, Stonerook 3, Hawkins 8.

ROMA – TAU 77-65 Parziali: 17-15, 37-32, 64-43 ROMA: Giachetti 6, Gigli 8, Jaaber 18, Tonolli, Hutson 14, Toure 5, Crosariol 8, Winston 18, D’Alessio, Casale, Di Pasquale. TAU: Ribas 3, Micov, Lofton 6, Uriarte, Huertas 6, Teletovic 17, San Emeterio 8, Splitter 17, Eneglish 8, Barac.

GRUPPO A Cibona vs. Montepaschi Siena 40 - 85 Zalgiris vs. Asvel Basket 71 - 52 Fenerbahce Ulker vs. FC Barcelona 59 - 82 CLASSIFICA Montepaschi Siena 1 0 Regal FC Barcelona 1 0 Zalgiris 1 0 Asvel Basket 0 1 Fenerbahce Ulker 0 1 Cibona 0 1

GRUPPO B Olympiacos vs. Entente Orleanaise 94 - 72 Lietuvos Rytas vs. Efes Pilsen 77 - 70 Partizan vs. Unicaja 64 - 72 CLASSIFICA Olympiacos 1 0 Unicaja 1 0 Lietuvos Rytas 1 0 Efes Pilsen 0 1 Partizan 0 1 Entente Orleanaise 0 1



di Andrea Alemanni foto Ciamillo Castoria ma g

we b


L’ITALIA RISPONDE tello del senese) che segna 32 punti con 49 di valutazione e praticamente da solo tiene in scacco gli avversari aiutato dall’altro lituano eccellente Kaukenas. Messina però cede dopo 45’ e maledice l’errore del girello Velickovic che si fa stoppare da Javtokas sul tiro decisivo nei tempi regolamentari di una sfida bellissima tra due squadre oggettivamente di livello superiore. Nel resto del tabellone notevole la vittoria di Rytas sull’Efes Pilsen di Ataman. Con i lituani, trascinati da uno strepitoso Gecevicius (ventenni tiratore micidiale) che infila 5 triple e regala ai padroni di casa la prima vittoria di questa Eurolega davanti a 7.000 persone in festa.

MILANO – PANATHINAIKOS 67-75 Parziali: 22-21, 38-35, 52-56 MILANO: Acker 9, Mancinelli 8, Hall 3, Maciulis 12, Mordente 3, Finley 13, Bulleri 5, Rocca 9, Filloy, Patravocius 5, Beard. PANATHINAIKOS: Tepic 3, Spanoulis 19, Perperoglu 13, Fotsis 2, Golemac, Nicholas 2, Diamantidis 12, Pekovic 17, Calathes 5, Shermadini 2, Verginis,

GRUPPO C Maccabi Electra vs. Union Olimpija 85 - 65 Maroussi BC vs. CSKA Moscow 65 - 66 Lottomatica Roma vs. Caja Laboral 77 - 65 CLASSIFICA Maccabi Electra 1 0 Lottomatica Roma 1 0 CSKA Moscow 1 0 Maroussi BC 0 1 Caja Laboral 0 1 Union Olimpija 0 1

we b

GRUPPO D Asseco Prokom vs. Oldenburg 81 - 87 BC Khimki vs. Real Madrid 84 - 81 Armani Jeans Milano vs. Panathinaikos 67 - 75 CLASSIFICA Panathinaikos 1 0 EWE Baskets Oldenburg 1 0 BC Khimki 1 0 Real Madrid 0 1 Asseco Prokom Gdynia 0 1 Armani Jeans Milano 0 1




milano nella bolgia di caserta

A1

Pronto ad infiammarsi il PalaMaggiò, per una delle partite più sentite dal pubblico casertano: la sfida contro Milano, che rievoca i dolci ricordi dello storico scudetto targato Phonola. Oggi è semplicemente una terza di campionato, ma in palio ci sono già punti importanti: Caserta vuole da subito inserirsi tra le prime 8, l’Armani ha bisogno di trovare sicurezze e sbancare un parquet così difficile potrebbe essere il viatico migliore per cominciare a far quadrare il cerchio. Sacripanti, rispetto alla sconfitta con Montegranaro, si attende sicuramente di più da Jumaine Jones, piuttosto abulico contro i marchigiani, e da Ere Ebi, disastroso nelle percentuali al tiro dove ha sbagliato praticamente tutto, compreso l’ultimo della possibile vittoria. Bucchi è ancora parecchio indietro col lavoro, anche la vittoria striminzita in casa contro Ferrara lo ha dimostrato, ma gli uomini di classe ed esperienza non mancano a questa Armani che può pescare il jolly praticamente da tutti gli uomini del suo roster; un punto di forza che però può rivelarsi anche un punto di debolezza, se mancano gerarchie e ruoli precisi. Milano non vince al Pala Maggiò addirittura dal 1993, nei 17 precedenti infatti

Caserta ne ha vinti 11, compresa l’ultima sfida dello scorso anno; in dubbio per i campani il centro lituano Kavaliuskas, che non si è allenato in settimana, mentre per i lombardi fuori Viaggiano dopo l’operazione alla mano sinistra. Pronostico: Caserta 51%; Milano 49%.

CASERTA MILANO TOP GIOCATORE MEDIA TOP GIOCATORE Punti Di Bella 14,5 Punti Finley Rimbalzi Jones 7,5 Rimbalzi Hall Assist Bowers 3,5 Assist Finley Recuperi Di Bella 3,0 Recuperi Finley Minutaggio Jones 33,0 Minutaggio Finley % da 2 Di Bella 77,8% % da 2 Finley % da 3 Di Bella 44,4% % da 3 Finley



MEDIA 19,5 5,5 5,5 3,0 29,5 71,4% 33,0%

di Alessandro Baldi foto Ciamillo Castoria ma g

we b


caserta, roma rischia con avellino siena - teramo Morale opposto dopo la settimana europea: Siena reduca dalla scorpacciata di Zagabria, Teramo uscita con le ossa rotte da Nicosia dopo il preliminare di Eurocup. Odore di altra “goleada” per la squadra di Pianigiani che non sembra voler fare sconti davvero a nessuno. Precedenti: 6 (6w Siena) Pronostico: 95% Siena; 5% Teramo TREVISO - PESARO Treviso vuole provare a tenere il passo del Montepaschi, Pesaro cerca ulteriori passi in avanti dopo la dignitosa prestazione proprio contro Siena. La Benetton ha nel fattore campo l’arma che può fare la differenza, assieme ad un Neal in buona forma che sembra poter prendere in mano la squadra. Precedenti: 29 (20w Treviso; 9w Pesaro) Pronostico: 70% Treviso; 30% Pesaro

A1

alle prese con piccoli problemi fisici, a Napoli invece è rivoluzione, con l’arrivo di Damon Jones e l’addio di Marcelletti. In panchina incertezza sul sostituto dopo il rifiuto di Phil Melillo. Precedenti: 14 (14w Bologna) Pronostico: 95% Bologna; 5% Napoli CANTù - MONTEGRANARO Squadre praticamente al completo, reduci entrambe da vittorie sofferte ma molto importanti. Cantù cerca la prima gioia casalinga, Montegranaro sogna il blitz. Precedenti: 3 (2w Cantù; 1w Montegranaro) Pronostico: 55% Cantù; 45% Montegranaro

FERRARA - CREMONA Partita già importante tra due formazioni a caccia di punti salvezza, una sfida che vale doppio proprio per lo scontro diretto. Ferrara è partita benissimo, Cremona ROMA - AVELLINO paga lo scotto dell’esordio in A1 ma semAvellino lanciatissima spaventa Roma, bra in crescita. reduce dal giovedì di Eurolega, che non Precedenti: Inedita può permettersi ulteriori passi falsi dopo Pronostico: 60% Ferrara; 40% Cremona il ko con Treviso. Partita che si preannuncia molto equilibrata e di grande in- VARESE - BIELLA teresse, da valutare nell’Air le condizioni A Varese tiene banco il caso Slay, in atdi Troutman, che ha saltato la sfida di do- tesa di conoscere il suo destino dal Tas menica scorsa con Napoli, per la Virtus di Losanna per il caso anti-doping in cui Datome out tre settimane, Vitali ha ripre- è coinvolto. Tusek sarebbe il sostituto, la so ad allenarsi da questa settimana, ma Cimberio rischia però di dover affrontaè ancora in cerca della forma migliore. re l’importante match con Biella senza Precedenti: 11 (10w Roma; 1w Avellino) l’americano e senza il suo sostituto. Pronostico: 55% Roma; 45% Avellino Precedenti: 7 (7w Varese) Pronostico: 51% Varese; 49% Biella BOLOGNA - NAPOLI Bologna recupera tutti, Koponen e Moss

we b




VENEZIA ACQUE AGITA

A2

La caduta fragorosa contro Udine ha lasciato qualche strascico in casa veneziana, mentre alle porte si affaccia un’altra avversaria scomoda, con speranze di promozione, come Casale Monferrato lanciata invece da 2 vittorie di fila. Un match davvero interessante quello che si disputerà al Palasport Taliercio, coach Dell’Agnello chiede ai suoi un approccio alla gara più deciso rispetto alla settimana scorsa, mentre dall’altra Crespi lavora per fare il definitivo salto di qualità ad una squadra ormai in orbita prime posizioni da un paio di stagioni. Per Casale attenzione alla coppia Hall-Jackson, il primo un playmaker tuttofare che è anche il miglior rimbalzista dei suoi con ben 6 palloni catturati di media, il secondo è il quarto bomber della Legadue con oltre 21 punti per allacciata di scarpa; in casa veneziana è soprattutto la truppa italiana a cercare il riscatto, da Di Giuliomaria a Causin, passando per Meini, le prestazioni di coloro che sono a supporto delle 3 punte Garris-Davis-Janicenoks hanno lasciato a desiderare nella sconfitta con la Snaidero. Gara molto incerta, con un’eventuale seconda caduta consecutiva interna che potrebbe avere ripercussioni molto negative sulla Reyer; Casale con meno pressione, ma che deve dimostrare di essere matura per una vittoria su un parquet così importante. Pronostico: 51% Venezia ; 49% Casale CASERTA casale monferrato TOP GIOCATORE MEDIA TOP GIOCATORE Punti Davis 17,7 Punti Jackson Rimbalzi Di Giuliomaria 10,3 Rimbalzi Hall Assist Garris 4,3 Assist Hall Recuperi Davis 3,7 Recuperi Hall Minutaggio Janicenoks 34,0 Minutaggio Jackson % da 2 Rinaldi 66,7% % da 2 Fantoni % da 3 Janicenoks 40,0% % da 3 Pierich



MEDIA 21,3 6,0 3,3 2,3 35,3 59,0% 66,7%

di Alessandro Baldi foto Ciamillo Castoria ma g

we b


ATE, CASALE CI PROVA

A2

BRINDISI- SASSARI Riscattata la sconfitta interna contro Rimini, Brindisi si gode il record di Crispin, 10/10 da 3 e miglior realizzatore della Lega con 28 di media, e cerca di dare la prima gioia ai tifosi che affolleranno le tribune del Pala Pentassuglia; Sassari però è in salute, Marcelus Kemp- Rowe una coppia da rispettare. Pronostico: 55% Brindisi; 45% Sassari JESI- LATINA Latina sul difficile campo di Jesi per cercare passi in avanti in trasferta, la squadra marchigiana non può però sbagliare e perdere ulteriore terreno dalle prime: l’uomo più in forma, Klaudio Ndoja prova a gli ospiti dopo una buona partenza hanno rallentato, ripartire con una vittoria in uno trascinare i suoi. scontro diretto sarebbe la miglior mediciPronostico: 70% Jesi; 30% Latina na. Pronostico: 51% Pavia; 49% CasalpusterSCAFATI- REGGIO EMILIA Reggio Emilia prova a mantenere la vet- lengo ta e l’imbattibilità, Scafati con l’acqua alla gola cerca i primi punti: due stati comple- VEROLI- PISTOIA tamente opposti, ma risultato meno scon- Cresce Veroli, che vuole approfittare degli impegni in trasferta delle due prime per tato di quanto possa dire la classifica. Pronostico: 45% Scafati; 55% Reggio raggiungere la vetta; Pistoia si aggrappa al suo uomo guida, Tamar Slay, secondo Emilia miglior realizzatore del campionato con 23 di media. IMOLA- RIMINI Derby di fuoco tra l’altra capolista Rimini, Pronostico: 65% Veroli; 35% Pistoia anch’essa finora sempre vincente, e Imola che sogna lo scherzetto con gente come UDINE- VIGEVANO Whiting in grado di fare la differenza. Ci si La festa per la vittoria bel derby è durata poco per Udine, che perde Brkic e capitan attende battaglia. Mathis per infortunio e guarda al mercaPronostico: 40% Imola; 60% Rimini to (Spinelli in arrivo?); Vigevano però non appare in grado di impensierire la squadra PAVIA- CASALPUSTERLENGO Sfida salvezza con Pavia che non può più di coach Cavina. fallire e deve schiodare lo 0 in classifica, Pronostico: 65% Udine; 35% Vigevano

we b




Adil

BRESCIA E SIENA, SI ATTENDONO CONFERME

GIRONE A Forlì – Bologna, la coppia emiliana già prende le distanze. Un duo di testa che sembra poter dare il passo alla stagione ancora per molto anche considerando che in questa giornata le sfide con Treviglio e Fidenza sembrano decisamente favorevoli. Per il resto in vetta potrebbe essere la giornata di Brescia che ha l’occasione di dare un segnale al campionato battendo Verona sotto la guida di Musso, sino ad ora tra i migliori giocatori del girone. Da seguire la sua sfida con Gori altro bomber di razza. Di certo questa quinta giornata rende al meglio anche l’idea del duello generazionale con la partita tra Montecatini e Trieste. La squadra forse più senior del campionato contro una delle più giovani. Vincerà la classe eterna di Andrea Niccolai (classe ‘68) o la faccia di tosta di un ragazzo come Spanghero (classe ‘91) già

in campo per quasi 22’ di media? E’ il bello della Adilettanti. GIRONE B Di Ferentino e Palestrina abbiamo scritto fiumi di inchiostro in settimana e tornarci su sembra anche superfluo. La quinta giornata riserva due trasferte toste per le capoclassifica oltre al big match di cui parliamo questa settimana: Perugia-Trapani. Per il resto da seguire le sfide tra Siena e Ruvo, squadre imprevedibili sotto tutti i punti di vista, così come Ostuni-Sant’Antimo in cui i pugliesi sono favoriti ma i napoletani hanno il dente avvelenato per la sconfitta interna della scorsa settimana. Considerazioni di chiusura per la sfida tra Barcellona e Potenza, gara piuttosto segnata dal punto di vista del risultato, con la curiosità di vedere se i siciliani si sono veramente sbloccati e sono pronti a dare la caccia alle posizioni di vertice.

GIRONE A - 5a giornata Brescia Leonessa Tezenis Verona Paffoni Omegna PentaGruppo Ozzano JesoloSandonà Bk Bitumcalor Trento Robur BK Osimo Nobili SBS Castelletto Fortitudo Bologna Siram Fidenza AgricolaGloria Montecatini Acegas Aps Trieste VemSistemi Forlì Co.Mark Treviglio GIRONE B - 5a giornata Liomatic Perugia Basket Trapani Consum.it Siena Adriatica Industriale Ruvo Assi Basket Ostuni Nuove Frontiere S.Antimo Mazzeo San Severo Centro Auto Ford Molfetta Sigma Barcellona Publisys Potenza Moncada Agrigento FMC Ferentino Bawer Matera Etika & Solsonica Palestrina di Andrea Alemanni

10

ma g

we b


Adil

l’etika & solsonica torna in matera NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4   AMADORI Marco  2  1989 191   5   D’ERCOLE Luca  1  1993 186   6   GILARDI Federico Adolfo  1-2  1979 190   7   GERGATI Francesco  1  1987 190   8   PROVENZANO Stefano  3  1986 195   9   LONGOBARDI Francesco  2-3  1969 198   10   LOVATTI Fabio  1  1989 192   12   VIGNOLA Innocenzo  2-3  1992 190   16   MAESTRELLO Matteo  3-4  1981 198   17   HASSAN Norman  2  1990 197   19   GRAPPASONNI Cristiano  4  1972 204   20   CANDIDO Fulvio  5  1983 207   All. Claudio Corà Ad una settimana esatta dalla vittoria in rimonta contro Potenza, Palestrina torna nuovamente in terra lucana, ma per affrontare stavolta la Bawer Matera. I ragazzi di Steffé confermano il primo posto in solitaria con Ferentino, complice la sconfitta di Pe-

12

rugia, e si preparano ad una trasferta molto difficile ed insidiosa. Come si è visto contro Potenza, i cali di tensione sono sempre dietro l’angolo e gli avversari di sicuro non stanno a guardare, bisogna perciò tenere la guardia alta e non pensare alla classi-

di Emanuele Bellizzi foto Fornari ma g

we b


lucania, ora tocca a matera

Adil

solsonica palestrina NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4   ALESSANDRI Filippo  1-2  1989 190  5   BRONZINO Gustavo  1-2  1990 194  7   PERNA Luca  1-2  1989 182  8   LAUDONI Stefano  2-3  1989 197  10   GAGLIARDO Filippo  5  1978 206  11   LAGIOIA Andrea  2-3  1986 193  12   BENINI Emiliano  4  1977 204  14   GIRONI Simone  4-5  1976 205  15   RISCHIA Simone  1-2  1990 182  16   CARA Augusto  3  1989 196  18   BARRACO Giacomo  3  1987 204  20   PLATEO Tommaso  1-2  1978 187  All. Furio Steffè fica. Matera invece fino ad ora ha raccolto punti solo sul parquet del PalaSassi, e di sicuro vorrà portare una nuova gioia ai propri tifosi. Tra l’altro la posizione in classifica degli arancioverdi sarà un incentivo in grado di pizzicare l’orgoglio dei padroni di casa in cerca di una prestigiosa vittoria. In estate poi il presidente Lorusso ha rivoluzionato il roster e modificato gli obiettivi: con l’acquisto di Maestrello, top player per la categoria, e un contorno di tutto rispetto la dirigenza vorrebbe per lo meno i playoff a dispetto della scorsa stagione terminata con una salvezza travagliata e troppo ostentata. “Filo” del discorso Anche stavolta gran parte delle sorti del match si decideranno in cabina di regia dove l’imperativo per Matera sarà fermare Filo Alessandri. Il play umbro è puntualmente tra i migliori nelle fila dei romani: segna 13,5 punti a partita e guida la graduatoria degli assist con 4,5 di media. Per arginare l’inventiva del play, coach Corà si affiderà

we b

                       

all’argentino Federico Gilardi, che non ha lo stesso talento offensivo di Alessandri ma sa cambiare marcia in difesa dove recupera 2,3 palloni a partita, e chiederà minuti di sacrificio a Francesco Gergati, da cui si attende l’esplosione definitiva. Intimidatori d’area Sotto canestro ci si aspetta una sfida molto rocciosa, a suon di spallate e stoppate. Infatti i padroni di casa guidano la graduatoria delle stoppate, con Fulvio Candido leader, con ben due a partita. Il brindisino segna col contagocce, ma sopperisce alle carenze offensive con un ampio “repertorio” difensivo. A questo proposito diventa importante il lavoro di Filippo Gagliardo, che dovrà essere bravo a portare fuori dall’area il pari ruolo dei lucani. Attenzione poi alla sfida tra Grappasonni e Benini: se il primo è un uomo d’area, Mamo è pericoloso dalla media e lunga distanza. Per suonare la quinta sinfonia, Steffé avrà bisogno anche stavolta che tutta l’orchestra suoni per lui.

13


LA FMC fa visita alla Fortitudo:

Adil

agrigento NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4   VIRGILIO Davide  1  1972 180 cm  5   ANELLO Giuseppe  1  1988 188 cm  6   PAPARELLA Emiliano  1-2  1983 180 cm  7   RANERI Salvatore  4  1991 198 cm  8   DI SIMONE Giancarlo  4  1987 198 cm  9   CARDILLO Marco  3  1985 196 cm  10   CAPRARI Marco  2  1976 193 cm  11   PENNISI David John  5  1978 208 cm  13   ROTONDO Paolo  4-5  1989 203 cm  14   GIOVANATTO Michele  3  1981 201 cm  17   MAYER Christian  1-2  1972 196 cm  20   DE GREGORIO Bernardino  4  1990 190 cm  All. Luca Corpaci Trasferta insidiosa e “lontana” per la capolista Ferentino che forte delle quattro vittorie su altrettante gare disputate fa visita alla Fortitudo Agrigento, squadra dalle ambizioni impor-

14

tanti. Dopo una partenza falsa con due confitte consecutive, i siciliani hanno invertito la tendenza e conquistato altrettanti successi: facile immaginare un PalaGiglia infuocato per fare

di Nicola Rampa foto Savelloni ma g

we b


: ad Agrigento non sarà facile

Adil

ferentino NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

5   CALBINI Paolo  1  1972 184  6   METZ Matteo  3  1988 194  7   CIRCOSTA Valerio  1  1987 188  8   MASTRANGELI Ernesto  1-2  1990 180  9   BONAIUTI Mauro  2-3  1978 192  10   GUASTAFERRO Gabriele  1-2  1991 178  11   ZACCARIELLO Leonardo  2  1982 190  12   BRIGLIANTI Lorenzo  3  1990 194  13   PONGETTI Luca  4-5  1990 200  14   ZIVIC Diego  4  1976 198  15   OCHOA Ignacio  4-5  1979 202  18   MODICA Francesco  3-4 1982 203  All. Massimo Friso lo sgambetto alla squadra che finora ha mostrato una solidità straordinaria non trovando rivali all’altezza. DIFESA Sarà l’ago della bilancia in questa sfida tra la miglior difesa del campionato (Ferentino) e quella che nelle ultime tre giornate ha tenuto gli avversari a meno di 65 punti, come a dimostrare che gli 82 subiti a Palestrina siano stati un incidente di percorso. Per la Fmc il messaggio è molo semplice: per passare ad Agrigento c’è bisogno di “sfondare” il muro dei 65, anche perché segnando di meno, è difficile pensare di vincere in trasferta. Non si preannuncia una gara spettacolare quindi, ma l’intensità e l’aggressività non mancheranno di certo, e questo renderà comunque il match gradevole, ma soprattutto emozionante. ESPERIENZA PADRONA Ferentino ed Agrigento sono due squa-

we b

                       

dre costruite sull’esperienza, con la voglia ed il tentativo di vincere subito: tante le sfide tra ultratrentenni (o quasi) in campo. Partendo dalla cabina di regia dove Virglio e Calbini si daranno battaglia alla veneranda età di 37 anni (anche se per caratteristiche, forse Friso manderà più Circosta sulle tracce dell’ex play di Latina), passando per la posizione di guardia, dove Caprari (33), il miglior realizzatore della squadra (12.3) se la vedrà con capitan Bonaiuti (31), che si è “sporcato” la sua media punti (scesa da quasi 10 a meno di 8) dopo la prestazione contro San Severo limitata dai falli; infine, sotto canestro, David Pennisi (31) dovrà affrontare Zivic (33) e un vero spauracchio come Ochoa (30). Forse si correrà poco, ma il talento non dovrebbe mancare: sempre che non decidano di esser decisivi Circosta o Cardillo, con tanto di sberleffo all’esperienza…

15


Trapani-Perugia: due

Adil

perugia NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4 CHIATTI Giacomo 1 1986 178 5 CASUSCELLI Edoardo 1 1989 180 6 CAROLDI Mattia 1 1982 185 7 PAZZI Marco 4-5 1979 203 8 GRILLI Daniele 3 1987 191 10 RASCHI Andrea 2-3 1979 200 11 URBINI Nicolo’ 3 1990 198 12 DEFANT Massimiliano 3-4 1989 200 13 POLTRONERI Davide 2-3 1985 195 14 SALIBRA Lorenzo 1 1990 175 16 TESSITORI Alessio 4 1987 205 19 BONAMENTE Simone 5 1979 203 All. Maurizio Buscaglia Si è infranto contro Barcellona il sogno del primo posto della Liomatic. C’hanno provato fino alla fine i grifoni ma stavolta la Sigma non ha scherzato ed è arrivata la vittoria. Perugia comunque ha figurato bene contro Barcellona e ha dimostrato di meritare ampiamente punti e posizione in classifica. Adesso sarà importante tornare a vincere subito e ricominciare a mostrare quel gioco spumeggiante che era valso tantissimi elogi alla squadra e a coach Buscaglia. Di fronte agli umbri ci sarà Trapani, che al contrario dopo aver sconfitto Matera, vorrà continuare a vincere e guadagnare quei due punti che le permetterebbero di agganciare proprio Perugia e portarsi finalmente nei quartieri alti della classifica. La formazione del presidente Massinelli non ha iniziato la stagione nel migliore dei modi, ma ora coach Benedetto sembra stia trovando il bandolo della matassa, e i miglioramenti pian piano si vedono. Questa partita perciò

16

sarà utile a saggiare le condizioni e gli obiettivi dei siciliani. La sfida si giocherà, come noto, di nuovo al PalaTreSassi di Alcamo, e ne siamo certi, Trapani vorrà far gioire i tifosi ancora “senza una casa”. I soliti noti Gli osservati speciali nella formazione di Benedetto saranno come al solito Santarossa ed Evangelisti, aghi della bilancia per i siciliani. Infatti il romano viaggia a 14,3 punti a partita, mentre Evangelisti arriva a 15,3. I due insieme formano più di un terzo del fatturato offensivo di Trapani. I due esterni comunque non sanno solo segnare: dalle loro mani partono la metà delle “assistenze” di squadra. Dato questo che dimostra la grande capacità di capire e gestire i momenti della partita. Menzione di merito anche per Fabio Marcante che sta dando un grande contributo sia in attacco che in difesa. Il nativo di Schio segna quasi 8 punti partita, tirando col di Emanuele Bellizzi foto www.iltrapanibasket.it ma g

we b


due punti per l’aggancio

Adil

trapani NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4   CORRAL Diego Nahuel  5  1986 205   5   DI CAPUA Vincenzo  1-2  1987  186   6   CANELO Jean Carlos  1  1989 185   7   EVANGELISTI Marco  2-3  1984  198   8   TESSITORE Gennaro  2-1  1982 193   10   SANTAROSSA Walter  3-4  1978 200   12   MASPER Cristiano  4-5  1973 208   13   CANDELA Simone  3-4  1987 198   15   MARCANTE Fabio  2-3  1980 196   18   MOLLURA Vincenzo  2  1990 188   19   PELLEGRINO Francesco  5  1991 200   20   SOLOPERTO Mattia  5  1980 210   All. Giovanni Benedetto 63% da due punti ed è il miglior rimbalzista di squadra con 6,2 palloni arpionati a partita. Cose da Pazzi Da par suo coach Buscaglia, si affiderà soprattutto a Marco Pazzi da cui nascono fortune ed avversità per la formazione umbra. Pazzi per ora si sta dimostrando imprescindibile per doti realizzative, 11,8 punti a partita, e di rimbalzista, con 8,3 di media. Ad ogni modo l’ex rosetano non è il solo pericolo per la difesa avversaria, ed è questa la forza più grande della Liomatic: oltre ai big Poltroneri e Rischia, un grande contributo lo stanno dando i giovanissimi, come Grilli e Defant, che grazie ai loro punti possono essere gregari e protagonisti all’interno della stessa partita. Sulla carta regna l’equilibrio e la differenza la farà sicuramente l’intensità, croce e delizia per tutti gli allenatori, ma unica vera arma in grado di modificare le sorti di un match così delicato.

we b

17


DUE PUNTI PER R

Adil

omegna NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4   ANSELMI Luca  3  1988 198   5   BONETTA Alessandro  2  1992 186   7   PICAZIO Pierpaolo  2  1979 193   8   KUSHCHEV Oleksandr  5  1990 201   10   TEMPESTINI Tommaso  1  1987 180   11   SCROCCO Stefano  2-3  1977 195   12   CARUSO Martin  4  1978 201   13   FERRARO Innocenzo  4-5  1982 200   14   CARRA Marco  1-2  1980 185   17   ROSSI Emanuele  5  1982 208   18   STRIGINI   4  1989 200   19   SAVOLDELLI Mattia  1-2  1989 196   All. Andrea Da Prato Sembra ormai chiaro che le due squadre Dietro di loro però regna grande equilibrio, che si contenderanno la vittoria finale del con sette squadre in appena due punti e girone A sono Forlì e Fortitudo Bologna. tra queste ci sono Omegna, squadra molto quotata che già da inizio stagione era considerata tra le migliori del suo girone, e Ozzano, formazione baby che con la sua grinta e determinazione sta stupendo tutti, che si scontreranno in Piemonte nel big match della quinta giornata. ALTEZZA DECISIVA La formazione di coach Da Prato in queste prime gare ha sempre dimostrato una grande solidità sotto canestro dove i suoi lunghi, da Rossi a Caruso, passando per Ferraro e in qualche occasione anche l’under Kushchev, hanno spadroneggiato. L’unica volta in cui non ci sono riusciti, nella sfida con la capolista Forlì, hanno perso; quindi per i piemontesi la chiave di volta per la loro gara risiede proprio nel gioco sotto canestro. Se si considera poi che il centro avversario Perego non sarà della sfida e che il play Carra sta attraversando un ottimo momento di forma, ecco

18

di Matteo Bassi foto Ciamillo Castoria, www.gsriva.it ma g

we b


RIMANERE IN SCIA

Adil

ozzano NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

SPIZZICHINI Stefano 3 1990 202 CORSALETTI Leonardo 2 1990 193 4 CASELLA Andrea 2 1990 197 5 STOJKOV Stevan 1 1989 182 7 PEREGO Riccardo 4-5 1981 203 8 DIVIACH Marco 3 1988 203 10 BUSCEMI Francesco 1 1990 180 11 RANUZZI Alex 3 1986 195 13 MURREDDA Diego 2-3 1992 189 14 SANGUINETTI Giacomo 1 1990 180 16 ROSIGNOLI Davide 4 1988 203 17 PRANDIN Roberto 2 1986 188 All. Stefano Salieri che i favori del pronostico pendono tutti per Omegna. ASSENZE Situazione molto più critica invece per Ozzano, che da inizio stagione è tempestata di infortuni ed anche in questa settimana in allenamento si sono fermate pedine importanti come le guardie Casella e Corsaletti ed il lungo Perego; tutti elementi con ampio minutaggio nelle rotazioni di coach Salieri. Dall’infermeria però non arrivano solo brutte notizie, infatti è certo il pieno recupero dell’ala grossa Divach che insieme all’altro lungo Rosignoli dovrà cercare quantomeno di limitare lo strapotere piemontese sotto canestro. Per vincere la gara però gli emiliani avranno anche bisogno di un ritmo di gioco elevato e del massimo apporto disponibile non solo dai due leader Prandin e Ranuzzi, ma anche di quello dei baby Sanguinetti, peraltro in netto miglioramento, e Stojkov, ancora un po’ incerto, che date le assenze giocheranno tanti minuti.

we b

19


Bdil

Potenza-Siracusa, ancora voi!

Tre big match da analizzare nel preview di questa quinta giornata di B dilettanti, uno per girone. Al nord, nell’anticipo del sabato si affrontano le due squadre a punteggio pieno a braccetto in testa alla classifica: al Pala Ipq di Monza sarà di scena la Pallacane-

plementare, trascinata dal sempre verde Riccardo Esposito. Proprio l’ex Benetton dovrà vedersela con Chiamarello, lo scorso anno a Montegranaro, e senza dubbio si preannunciano scintille dai due lunghi che hanno calcato i parquet della massima serie.

stro Moncalieri per una gara che promette scintille; terzo attacco contro quarto del campionato, prima contro seconda difesa. I numeri giustificano la vetta. Sfida nella sfida quella tra i due bomber, Munini dei padroni di casa e Giadini tra gli ospiti, entrambi caldi nell’ultima giornata con, rispettivamente, 25 e 29. Nel girone B invece il match clou si è già visto nella finale del concentramento di Coppa Italia a Scauri, quando ad avere la meglio fu Senigallia dopo un tempo sup-

Nel girone Sud, quello D, l’attenzione è focalizzata sulla gara tra Potenza e l’imbattuta Siracusa, nel remake della finale promozione della C dilettanti di quattro mesi e mezzo fa. Solo questo basterebbe per capire l’attesa per il match; se poi aggiungiamo la voglia sicula di rimanere imbattuta e quella lucana di trovare continuità, ecco che l’interesse sale alle stelle. In più in campo ci saranno giocatori del calibro di Corvino e Corvo, Giuffrida e Saccoccio, bè lo spettacolo è assicurato!

20

di Nicola Rampa foto www.pnsbasketball.com ma g

we b


ANAGNI PER IL POKER, CASTELLO PE

Bdil

romana chimici anagni NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4   GIAMPAOLI Andrea  1  1990 180   5   FRANZE’ Raffaele 5 1975 203 6   BUONANNO Roberto  1-2  1978 190   7   ROMANO Riccardo  2  1984 191   8   SANTOLAMAZZA Riccardo  1-2  1983 193   10   ROCCHI Renato  1-2  1981 180   11   CACERES Juan Manuel  1-2  1984 195   13   ROMANI Mirko  4-5  1988 202   14   PERAZZO Ezequiel Alejandro  4-5  1977 203   15   BRUNI Giovanni  1-2  1981 185   16   RUGGIERI Giorgio  3  1990 1,90   18   PASTORE Francesco  1-2 1992 188   All. Luciano Nunzi Un altro impegno toscano (terzo consecutivo) per la Romana Chimici Anagni, e sulla carta un altro impegno non troppo impegnativo, quando al PalaCoge sarà di scena l’Abc Castelfiorentino, reduce da due sconfitte consecutive. Ma questo non inganni, anche lo scorso anno Ragionieri e compagni ebbero una partenza “lenta”, per poi tenere il passo della capolista Perugia; certo c’è da dire che la squadra è totalmente rin-

22

novata e dal punto di vista della qualità sembra inferiore. Cambiata anche la guida tecnica, in panchina a sostituire Cadeo (finito a Ruvo di Puglia in Adil, insieme a Bonfiglio, Zerini e Delli Carri), è arrivato coach Granchi, alla prima esperienza in una B dilettanti: nell’ambiente però c’è molta fiducia, e per una squadra giovane come Castello il tempo è necessario per mettere a punto tutti i meccanismi.

di Nicola Rampa foto Palombo ma g

we b


ER EVITARE IL TRIS (DI SCONFITTE)

Bdil

castelfiorentino NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4   IARDELLA Alessio  2  1988 187   7   ZANI Marco  3  1984 196   11   VISIGALLI Davide  3  1990 203   12   GANDOLFO Giorgio  1  1991 180   13   RAGIONIERI Gianluca  1-2  1975 193   14   LOTTICI Matteo  1-2  1991 192   15   SAPONI Alberto  5  1985 203   17   MOIA Alessio  3  1991 196   18   VERDIANI Juri  2-3  1992 190   19   PUCCIONI Samuele  5  1983 205   20   FALLANI Fabio  5  1992 200   21   GIANNONI Luca  2-3  1991 188   All. Luca Granchi ACCIACCHI SUPERATI Entrambe le squadre sembrano aver superato i problemi fisici della scorsa settimana, perché in casa Anagni Franzè e Romani hanno recuperato quasi del tutto dai postumi della gara contro Cecina, che aveva costretto Nunzi ad un minutaggio ridotto a Firenz, mentre per Castelfiorentino Friscia ha smaltito la fascite plantare, così come smaltite sono la tonsillite di Visigalli e l’influenza di Ragionieri assente solo martedì. Insomma i due allenatori potranno contare su tutto il proprio roster. AREA PITTURATA Una squadra giovane e dinamica con-

we b

tro una esperta costruita con un obiettivo ben preciso. Coach Nunzi vorrà senza dubbio sfruttare la maggiore fisicità della sua squadra, infatti l’Abc, nel settore lunghi, ha poche alternative a Puccioni e Saponi. Anche Visigalli sarà impiegato come numero 4, ma i gialloblù avranno vita dura contro il quartetto che i ciociari possono vantare: differenza non solo numerica, ma anche tecnica (Caceres chi lo ferma?) e di esperienza. Se Anagni sfrutta il maggiore peso vicino a canestro, il resto sarà tutto in discesa, in caso contrario, allora Castello si giocherà le proprie chance.

23


GRANDE DERBY STELLA –

Bdil

stella azzurra NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4   DE FABRITIIS Antonio  2  1990 191   5   COLONNELLI Simone  2  1991 186   6   VERDEROSA Marco  2  1978 189   7   CICIVE’ Patrisio  4-5  1991 204   8   IANNONE Armando  1  1990 187   9   BARUCCA Nicolas  2  1990 193   13   ONDO MENGUE Bruno  3  1992 193   14   RICCI Gianpaolo  4-5  1991 200   15   DELLE CAVE Gianni  2  1991 186   17   FALL Kader Abdel Pierre  4  1991 202   19   IANNILLI Andrea  5  1984 207   20   D’ASCANIO Matteo  3  1989 197   All. Germano D’Arcangeli Nessun dorma, c’è il derby di Roma. StellaTiber non ha mai bisogno di ulteriori carichi di attesa tanto è forte la rivalità ma per l’ennesimo duello tra le “cugine” di Bdilettanti c’è bisogno di una presentazione speciale. PLAY BY PLAY. Iannone contro Ricciardi. E’ più una sfida tra point guard piutto-

24

sto che tra registi nel senso classico ma è chiaramente uno dei duelli determinanti del match. Ricciardi fin qui non ha ancora dato il massimo in termini realizzativi e il derby potrebbe stimolarne le attitudini mentre per quanto riguarda Iannone le sue prime 4 giornate sono state molto positive con oltre 16 di media in 26’ di utilizzo e prove di personalità notevoli. DUE CONTRO DUE. De Fabritiis e Dicone sono invece due giocatori molto diversi. Più tiratore il primo, molto più fisico e all around il secondo. Nel nasce comunque un duello tra ottimi atleti che vede leggermente favorito il secondo in termini di esperienza e continuità. 3ON3. D’Ascanio contro Vecchi. Qui invece parliamo di due elementi dalle caratteristiche simili, poco appariscenti ma determinanti allo stesso modo. Il capitano della Tiber ha ovviamente molta più esperienza (pur essendo classe ‘86) e offre più garanzie al suo coach, ma D’Ascanio ha comunque già quasi 12 punti di media al di Stefano Cecchetti foto Palombo, Basket Club Rieti ma g

we b


TIBER , ROMA VI GUARDA

Bdil

tiber NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

 FIASCO Ruggero  4-5  1979 205   6   PUGLIESE Davide  2  1991 188   7   RAMBALDI Stefano  2-3  1991 194   8   CHIMINELLO Giacomo  4-5  1986 198   9   NUCIFERO Simone  1  1991 178   11   DICONE Fabrizio  1-2  1981 194   12   BERTOLDO Filippo  1-2  1989 180   13   RICCIARDI Daniele  1-2  1981 185   14   VECCHI Emanuele  2-3  1986 185   15   DI Pietropaolo Andrea  4-5  1984 198   19   PADOVANI Federico  3-4  1981 198   20   GASPONI Federico  4-5  1989 202   All. Marco Cilli suo primo vero anno di Bdilettanti. Niente male. FAB FOUR. Ricci e Padovani. Giocatore d’area il primo, atipico per eccellenza il secondo. Anche qui c’è la giovane età contro l’esperienza pluriennale ma ci sono anche oltre 200 cm dello stellino contro i 190 del diretto rivale. Padovani comunque ha sempre dimostrato di non soffrire la differenza di statura soprattutto per l’atletismo e la capacità di tenere il contatto, carat-

we b

teristica che, una volta acquisita, farebbe proprio di Ricci un giocatore importante a questo livello. TOP FIVE. Chiusura per i due giocatori di eccellenza delle due squadre. Iannilli e Fiasco hanno età diverse ma storie simili e sono entrambi “reduci” da esperienze professionali di alto livello. Tornati a casa ora sta a loro dimostrare di essere giocatori di categoria superiore. Quale occasione migliore del derby?

25


Bdil

QUARANTA MINUTI PER LA use NomE

Ruolo

Nato

4   MONTAGNANI Giacomo  1-2  5   MARIOTTI Daniele  1-2  6   FONTANI Gianni  1-2  7   SESOLDI Daniele  3  8   GELLI Simone  1-2  10   TERROSI Gianni  1-2  12   DAMIANI Nicolò  5  14   ACUNZO Claudio  4-5  15   GHIZZANI Alessandro  3-4  16   VANNINI Fabio  5  19   MANCINI Francesco  2 

1986 1984 1980 1992 1978 1989 1990 1973 1980 1987 1992

AltEZZA

188   180   190   195   190   191   190   204   190   205   180  

All. Francesco Mazzoni Nemmemo il tempo di rifiatare che sabato sera il Basket Club Rieti incrocerà le armi contro la Consorzio Etruria Empoli, squadra a pari punti dei sabini e con la quale condivide assieme allo Scauri la pole position del girone C della Bdil. Rieti viene da una sofferta e discussa vittoria in casa contro la Stella Azzurra mentre i toscani hanno vinto il derby a casa di Castefiorentino. La truppa di Crotti per questa sfida al vertice svuoterà definitivamente l’infermeria, infatti Bagnoli ha totalmente risolto il problema al ginocchio e smania, voglioso di perorare la causa della squadra alla quale ha giurato per questa stagione fedeltà. L’ Use gioca un bel basket e sopratutto, visti i risultati sino ad oggi conquistati, ha in se già una tranquillità che le permette di giocare sul velluto. La squadra toscana ha tanti buoni giovani e un “vecchietto” come Acunzo pronto a far da chioccia nei momenti topici. Il lungo, vecchia

26

conoscenza del pubblico reatino sin dai tempi di Caserta, ha spesso sciolinato delle prestazioni superlative esaltando le sue doti migliori ossia mobilità sotto le plance e buon tiro dalla lunga. Da par sua la compagine di Crotti final-

di Stefano Cicchetti foto Ufficio Stampa USE, Renzi ma g

we b


A TESTA DELLA CLASSIFICA!

Bdil

rieti NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4   CAVOLI Mattia  2  1989 192   5   RADAELLI Luca  3-4  1973 196   6   FILATTIERA Marcello  1  1982 182   7   GRILLO Diego  1  1987 188   8   MARSILI Valerio  4-5  1987 202   9   MOSSI Paolo Emilio  1-2  1976 193   10   MAPELLI Giorgio  3  1978 202   11   DI VIESTO Giuseppe  2  1984 190   13   BAGNOLI Simone  4-5  1981 205   16   DEL SIGNORE Riccardo  1  1992 182   17   ADDAZI GOUVEIA LIMA Ramon  3  1988 198   20   BERNARDI Luca  1  1984 184   All. Alessandro Crotti mente al completo ha avuto la possibilità di rodare gli ingranaggi a puntino, non potendosi affidare esclusivamente alle individualità (contro la Stella super Mapelli con 5/5 da tre dopo la pausa e “concretezza” Bernardi con penetrazioni e giocate sopraffine ).Va bene per forgiare il caratter,e ma per vincere i campionati occorre ben altro. IL DUELLO DELLA SERATA Da non perdere assolutamente le scintille sotto le plance tra Bagnoli e Acunzo, abile nel gestione di grane del genere; a limitare l’ex Sebastinai ci proverà anche Vannini, il pisano che nonostante la giovane età vanta già una discreta esperienza nella categoria e che sta ben figurando in questo campionato (tredici punti media gara). LA CHIAVE DEL MATCH Anche in questa gara i sabini devono frenare assolutamente l’euforia atletica della giovane squadra toscana, riuscendo a servire con continuità palle

we b

dentro il pitturato, dove l’Use ha meno rotazioni. Di contro i toscani dovranno giocare col piede sull’acceleratore per stancare i giocatori reatini reduci dagli infortuni (Bagnoli,Grillo,Filattiera) ancora non al top della condizione.

27


Bdil

IANNARILLI: “ORA VINCIAM scauri NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

 ERRANTE Luca  2  1991 182    D’AGOSTINO Agostino  2  1991 191    PASSERO Simone  4-5  1993 191   5   RICHOTTI Dante  1  1985 180   7   TONETTI Daniel  1-2  1986 188   8   VIOLO Guido  3  1984 193   9   LOMBARDO Andrea  2  1990 195   14   PIERI Federico  1-2  1970 192   15   BIANCHI Pietro  5  1973 204   16   SERPENTINO Antonio  4-5   1990 202   18   COMIGNANI Ernani  3-4  1982 198   20   AMBRUOSO Francesco  3-4  1985 200   All. Enrico Fabbri Era veramente difficile cominciare in questo modo il campionato, ma Scauri è riuscita a trovare quasi immediatamente il giusto equilibrio. Dopo la meravigliosa vittoria a Vado gli uomini del presidente Giardino proveranno a scrollarsi di dosso le altre due capolista nella gara contro Arezzo al PalaBorrelli, inutile dire che i biancoazzurri partono da strafavoriti proprio alla luce dell’ultimo risultato positivo ottenuto in Liguria. PARTENZA INCREDIBILE Siamo rimasti tutti molto sorpresi di fronte all’inizio positivo di Scauri, anche se alla fine potevamo benissimo immaginarci uno scenario di questo genere. La società laziale nel mercato estivo aveva lavorato nel migliore dei modi ed era riuscita a mettere insieme un roster equilibrato e competitivo, probabilmente migliore di tante altre squadre più quotate.

28

di Emanuele Del Baglivo foto Ufficio Stampa Scauri ma g

we b


MO ANCHE SULLE TRIBUNE”

Bdil

arezzo NomE

Ruolo

Nato

AltEZZA

4   ROBBA Michael  2  1990 190   6   PROVENZAL Carlo  1  1992 178   8   PACINI Leandro Jesus  4-5  1987 200   9   MORONI Federico  1-2  1985 186   10   MARCONATO Roberto  4-5  1978 203   12   PUGLIA Dario  3  1989 198   13   GALIAZZO Andrea  1-2  1983 178   14   VALENTINI Alessio  5  1988 202   15   PICHI Riccardo  2  1993 185   16   LISCHI Federico  5  1988 204   18   STUART Federico  3  1989 200   20   CACIOLI Luca  5  1991 202   All. Paolo Bertini La vittoria della scorsa settimana ha poi segnato un ulteriore passo in avanti per Violo e compagni, non era affatto scontato andare a vincere a Vado e poi così nettamente. Iannarilli non può che essere soddisfatto: “Siamo stati un po’ bravi ed un po’ fortunati, in ogni caso la sensazione di poter migliorare rispetto all’inizio dello scorso anno c’è sempre stata. Più di questo non potevamo fare continua il gm- inoltre quest’anno il campionato è ancora più interessante e colgo l’occasione per rinnovare i miei complimenti ad una delle protagoniste del torneo, la Stella Azzurra, veramente una bella realtà”. Rispetto alla passata stagione anche il pubblico di Scauri sembra aver trovato il suo equilibrio e Iannarilli ci tiene a sottolinearlo: “Quest’anno finalmente vinciamo anche sulle tribune e possiamo vantarci di avere un pubblico straordinario e correttissimo”.

we b

AREZZO SQUADRA IN CRISI? Sicuramente il prossimo avversario degli scauresi non brilla per i risultati ottenuti fino a questo momento, anzi dopo aver vinto nella prima giornata (contro Firenze tra l’altro) ha conosciuto solo sconfitte. Se non stiamo parlando di un gruppo in crisi ci andiamo molto vicino, evidentemente. Proprio per questo la preparazione di Scauri sarà ancora più meticolosa: “Stavolta sarà ancora più difficile -dichiara coach Fabbri- nonostante la situazione in classifica, Arezzo ha dei giocatori molto temibili come Moroni (ex di turno ndr), Marconato e Galiazzo, dovremo stare molto attenti”. L’elemento caratterizzante di questo match sarà senz’altro il ritorno di Moroni a Scauri, bellissima la sfida con Richotti; da non perdere nemmeno la duello sotto le plance tra Marconato e Bianchi.

29


Bdil

CAGLIARI PER CONTINUARE A SALIRE cagliari NomE

Ruolo

Nato

mazzanti

Alt

NomE

Ruolo

Nato

Alt

4   GRAVIANO Mauro  1-2 

1989 183  

4   CORTI Tommaso  1 

1990 175  

5   COSSU Gabriele  1-2 

1980 177  

6   PICCHIANTI alessandro  1 

1990 185  

6   SANNA Davide  2 

1984 190  

7   MANETTI Samuele  2 

1982 187  

8   PUTIGNANO Gionata  3-4 

1985 195  

8   PROFETI Alessandro  1 

1978 182  

9   VILLA SANTA Giuseppe  2-3 

1981 190  

9   CAPECCHI Marco  3 

1983 194  

10   PINTOR Roberto  1-2 

1983 188  

10   ANGIOLINI Walter  2 

1973 192  

11   VILLANI Fabio  2-3 

1987 185  

11   ALOISI Dario  5 

1977 202  

12   NANNI Federico  3-4 

1990 195  

12   SUSINI Francesco  5 

1982 204  

13   PEDRAZZINI Maurizio  3-4 

1970 196  

13   FONTANELLI Gioele  2 

1993 186  

16   CEPARANO Alessandro  4-5 

1982 206  

14   AMMANNATI Giacomo  3 

1978 198  

17   SABIU Gian Marco  1 

1992 175  

16   CARLI Stefano  3 

1990 196  

20   SOLLA Stefano  5 

1981 207  

18   LAZZERI Alberto  3 

1988 198  

All. Alessandro Caddeo

La vittoria di Arezzo vale oro per la Russo Cagliari, che ora deve però far fruttare il blitz confermandosi in casa contro una Mazzanti Empoli in salute, reduce anch’essa da una convincente vittoria sulla Tiber. PUTIGNANO LEADER Non potrà sempre giocare come domenica scorsa (29 punti e 71% dal campo), ma Gionata Putignano ha dimostrato di poter essere il vero leader della squadra di coach Caddeo, punto di riferimento in attacco assieme a Pintor, nonché preziosissimo rimbalzista. Tutta la squadra sarda sembra co-

All. Riccardo Paludi

munque in crescita, dopo l’avvio difficile sono arrivate 2 vittorie che hanno risistemato la classifica e ridato morale: la caccia la tris è aperta. SORPRESA MA NON TROPPO La Mazzanti Empoli, dal canto suo, sta facendo il suo campionato, soprattutto la squadra di coach Paludi ha conquistato i punti nelle partite in cui doveva vincere, ovvero contro due avversarie dirette per la salvezza come Tiber e Lucca. Forse i toscani non sono ancora maturi per una vittoria in trasferta, ma è certo che Ammannati e compagni senza troppe pressioni, non partiranno già battuti.

Viale Parioli 72/d 0 0 0 1 9 7 R o m a Tel +39 06 8088090 Fax +39 06 80693460 www.futurevents.it

di Alessandro Baldi

30

ma g

we b


VADO IN CERCA D’IDENTITA’ lucca

Bdil

vado ligure NomE

Ruolo

Nato

Alt

NomE

Ruolo

Nato

Alt

4   DROCKER Giampaolo  1-2 

1974 193  

4   FANCHINI Fabio  1 

1976 182  

7   AYTANO Matteo  1 

1987 181  

5   BEDINI Angelo  2 

1990 190  

10   PASSAGLIA Luca  5 

1984 207  

8   MARCHETTI Mattia  3 

1989 194  

11   LUCCHESI Federico  4 

1988 202  

9   BIGONI Roberto  3-4 

1988 195  

12   NIERI Giorgio  3 

1988 197  

10   CAPPA Tommaso  2-3 

1983 196  

13   LAZZERINI Italo  2 

1989 185  

11   PALEARI Andrea  3-4 

1981 198  

14   BIAGIONI Riccardo  1-2 

1980 185  

12   PATRIA Paolo  4-5 

1977 204  

15   BURICHETTI Luca  4 

1989 198  

14   GANGUZZA Daniele  4-5 

1983 200  

16   BINELLI Lauro  4-5 

1978 200  

17   BAGGIOLI Matteo  1 

1987 180  

17   MONTI Valentino  2 

1988 194  

18   VARRONE Davide  5 

1991 206  

19   BANDINI Fabio  4 

1984 192  

19   BOVONE Jacopo  3-4 

1990 199  

20   TOZZINI Jonny  3-4 

1990 198  

All. Maurizio Romani

Tanta voglia di riscatto per Vado Ligure, squadra di primo livello, che proveniente da due vittorie consecutive, si è presentata senz’anima davanti al proprio pubblico. Davvero brutta la sconfitta casalinga con Scauri, partita male fin da subito con soli di 6 punti segnati nel primo periodo. Nell’ambiente ligure non ci sono dubbi: approccio mentale sbagliato, molle e privo di personalità. Cose che con una formazione in forma come Scauri non ti puoi permettere. Due trasferte per riprendersi La settimana dei biancorossi non è stata facile anche per gli acciacchi di Miller, Patria e Bigoni, costretti ad allenarsi a singhiozzo. Adesso due trasferte consecutive in terra toscana, a Lucca e a Arezzo, per far vedere di che pasta è fatta. Lucca ha preso il via? Lucca, recuperando Ganis, ha conquistato a Cecina la prima vittoria del campionato con una gara di personalità. Gli ingredienti sono i soliti della truppa biancorossa: talento offensivo poco distribuito ma concentrato nelle mani dell’inossidabile Drocker e di di Cosimo Firenzani foto Palombo we b

All. Franco Passera

Biagioni. In questa stagione poi c’è Passaglia a rinforzare il settore lunghi rispetto alla passata stagione. Una squadra sicuramente modesta, ma che ha preso fiducia dopo le prime tre sconfitte su tre gare.

31


Bdil

Cecina, per tornare al suo gioco cecina NomE

Ruolo

Nato

Alt

firenze NomE

Ruolo

Nato

Alt

5   REALINI Maurizio  2-3 

1983 189  

5   BIANCHINI Gabriele  5 

1989 209  

7   DEL TESTA Maurizio  1 

1989 180  

6   GIANNETTI Tommaso  2 

1991 190  

8   BIANCANI Giuliano  1-2 

1984 185  

7   PACI Alessio  1 

1985 185  

9   BERTOLINI Roberto  3-4 

1986 198  

8   MARCHINI Simone  1 

1990 184  

11   SCANNELLA Federico  3 

1989 198  

9   CIONI Niccolò  5 

1990 203  

12   FRANCESCHINI Marco  5 

1988 205  

10   RATH Andrew  2 

1986 180  

13   FRATTO Francesco  3 

1991 198  

11   GALLI Andrea  2 

1989 192  

14   MARIANI Leonardo  3 

1990 195  

12   BARRECA Pietro   

15   VALLINI Nicolò  1 

1985 182  

13   FIORIO Andrea  3-4 

1976 195  

16   ELMI Davide  1 

1992 180  

14   ROTELLA Francesco  5 

1979 205  

17   RAVAZZANI Nicolò  5 

1985 200  

15   SANTOMIERI Carlo  4 

1985 200  

20   BERNARDINI Marco  2 

1992 180  

19   ZANUSSI Marco  3 

1992 194  

All. Mattia Ferrari

Cecina, ancora priva di Vallini, ospita Firenze, ancora a secco in classifica. I rossoblù erano partiti bene con la sconfitta allo sprint a Empoli, dopo una tenace rimonta davvero difficile da fare su quel campo, poi la vittoria in casa con Cagliari, per proseguire con due sconfitte consecutive, a Anagni e in casa con Lucca. Quest’ultima ha lasciato il segno nell’ambiente tirrenico, per coach Ferrari imputabile alla gioventù e all’assenza di Vallini, che darebbe più solidità in regia. E’ la seconda sfida casalinga consecutiva: un’occasione per tornare a esprimere quel gioco grintoso e veloce che aveva contraddistinto Cecina all’inizio della stagione. A caccia della prima vittoria Firenze, all’ennesimo episodio di una storia d’amore tra il basket e la città di Dante che non è mai ingranata, è una squadra mediocre che ancora deve raggiungere i propri equilibri. Cecina comunque deve stare attenta: i fiorentini

32

All. Francesco Puccetti

hanno fatto penare Scauri tra le mura amiche due giornate fa. Una delle cause di queste prime quattro sconfitte è l’ambientamento: nessuno dei giocatori di coach Puccetti l’anno scorso affrontava questo campionato. E il calendario non ha certamente aiutato.

di Cosimo Firenzani foto di Basket Cecina ma g

we b


per Collana pericolo ciampino Oltre a Benevento e alla Luiss, in cima alla classifica c’è anche il solido ed esperto e Collana che rischia a Ciampino, atteso da una squadra con grande entusiasmo dopo tre vittorie in fila. Squadre dalle diverse caratteristiche, i padroni di casa con la loro corsa potrebbero mettere in difficoltà la più fisica formazione partenopea. Trasferta insidiosa anche per l’altra big napoletana, Giugliano, che volerà a Cagliari per affrontare un’Olimpia in convalescenza, dopo aver ottenuto in

di Roberto De Simone foto di www.novabasketciampino.it we b

Cdil

casa contro la Smit la prima vittoria sofferta in campionato. Sfida d’alta quota, tra due squadre in cerca di riscatto, in programma ad Aprilia dove arriva la Lazio, reduce da due sconfitte consecutive al pari dei padroni di casa. Chi perde, dovrà già recuperare 6 punti dalla vetta, un distacco non facile da colmare in un girone così equilibrato. Non dovrebbe avere problemi un Fondi in crescita in casa della giovanissima Minerva, mentre appaiono equilibrati le rimanenti tre sfide, sulla carta tutte in chiave play-out. La Smit ospita la Scuola Basket Cagliari, reduce come l’altra sarda dal primo successo stagionale, a meno di 48 ore di distanza dal recupero infrasettimanale contro l’Aquila che invece, dopo tre trasferte in fila, esordisce in casa (si fa per dire, visto che il palazzetto è quello di Campli) contro un Serapo Gaeta in attesa del suo nuovo pivot. Chiude il quadro il derby campano di Napoli tra il Pontano e Airola, due formazioni costruite per disputare un campionato tranquillo, con gli ospiti che potrebbero ingaggiare Pappacena per sostituire l’infortunato Canzano.

33


Benevento-Luiss, chi

Cdil

benevento 4 5 6 7 8 9 10 11 12 15 18 20 All.

NomE Ruolo Nato AltEZZA PALMIERI Francesco 3-4 1988 192 IARRICCIO Pietro 2 1979 185 GABRIELLI Davide 1-2 1986 182 PISCITELLI Giuseppe 4-5 1979 203 VANI Andrea 5 1984 205 MURTAS Simone 3 1987 198 CATILLO Rocco 3-4 1983 195 MARIANI Piero 2-3 1990 190 NARDONE Angelo 2-3 1984 187 TOMASSONI Stefano 1-2 1990 188 PARLATO Salvatore 3-4 1986 197 DE SIMONE Carmine 3 190 Bruno Annecchiarico In pochi probabilmente si aspettavano di vedere queste due squadre in testa dopo 4 giornate, ma sia Benevento che la Luiss hanno dimostrato finora di meritare ampiamente il primo posto (in coabitazione con il Collana), che ora naturalmente cercheranno di conservare nel big match in programma al PalaTedeschi. 4 SU 4 Primo scorcio di stagione molto positivo da parte di entrambe le formazioni, quasi impeccabile quello dei neopromossi campani che hanno espugnato con autorità i difficili palazzetti di Airola e Gaeta, rispettando il pronostico nelle partite in casa al cospetto di due avversari sulla carta alla portata come la Smit e L’Aquila. Sicuramente più clemente il calendario per i romani che comunque hanno confermato quanto di buono fatto vedere nelle ultime due stagioni in C1, soprattutto quell’unità del gruppo decisiva a sopperire all’assenza forzata di Giambene, un fattore da tutti i punti di vista.

34

di Roberto De Simone foto di Palombo ma g

we b


chi rimane in testa?

Cdil

luiss 4 5 6 7 8 10 11 12 13 14 18 19 All.

NomE Ruolo Nato AltEZZA BERNARDINI Valerio 1 1986 178 LEOMBRONI Matteo 1 1990 180 GIAMBENE Claudio 1 1982 178 SELLE Federico 2 1985 185 LUCCI Emiliano 2 1982 190 URCIUOLI Costantino 2 1985 185 SPIZZICHINI Simone 5 1985 200 MIGLIACCIO Luca Salvatore 3 1988 190 ADINOLFI Luca 5 1987 204 CONTI Riccardo 3 1986 195 BALDRATI Gianluca 3 1988 185 ASPIDI Alberto 3 1988 190 Fulvio Polesello

PANCHINA Benevento vista al PalaMarina ha impressionato per la qualità del suo quintetto base, composto da tutti giocatori con parecchi punti nelle mani, compresi i due lunghi atipici Murtas e Piscitelli, in gradi di segnare in qualsiasi maniera. Considerate le indisponibilità tra gli universitari di Giambene e anche di Lucci (almeno un mese out), dal punto di vista tecnico al momento i padroni di casa sembrano superiori, anche in virtù del fatto che con l’assenza del suo capitano la Luiss perde un po’ dal punto di vista difensivo. Un aspetto importante dal lato tattico per la

we b

truppa di Polesello che però può vantare una maggior esperienza e anche una panchina più lunga. A Gaeta Annecchiarico ha tenuto a lungo sul parquet il suo quintetto di partenza (tutti e 5 abbondantemente oltre i 30’), ottenendo molto poco dalle sue giovani riserve, mentre il coach ospite si affida molto alla sua panchina che ha ripagato spesso la fiducia: su tutti un Selle che, insieme ad Adinolfi, è attualmente l’uomo più in forma della Luiss. Pronostico quindi piuttosto aperto, dalla parte di Benevento ci sarà sicuramente il fattore campo che spesso in Campania può davvero influire…

35


Cdil

Ci saranno altre sorprese?

L’interrogativo è d’obbligo dopo quanto è avvenuto la scorsa settimana. Sei vittorie esterne, una gara finita dopo tre supplementari ed un’altra dopo quattro, tre delle quattro capoliste che perdono in casa. Giornata irripetibile? Chissà.. Questa stagione sembra molto diversa dalle precedenti, quando i valori in campo erano più netti. Il match clou della prossima giornata è senza dubbio Mens Sana-Termoli. Basta leggere i due roster per rendersi conto degli investimenti che entrambe le società hanno fatto. Ospiti già all’inseguimento dopo l’inopinata sconfitta interna e che non possono quindi permettersi un ulteriore passo falso contro una diretta concorrente. Farà dunque davvero caldo al Palavazzieri di Campobasso.Un pronostico? Impossibile farlo. Interessante anche l’ennesimo derby pugliese tra Francavilla e Mola, entrambe ad inseguire la Mens Sana. Giornata che invece sembra favorevole per Pescara, che ospita Venafro e Monteroni che riceve Sulmona. A rischio la Cestistica, che in quel di Ceglie dovrà tentare di recuperare i due punti persi in casa domenica scorsa. La Virtus Fondi gioca in trasferta a Lucera. Per Romano (rientrato sabato scorso) e compagni, l’opportunità di proseguire del cammino intrapreso nello scorso turno.

36

Pugliesi ancora a secco, anche se nel turno precedente hanno lottato sino al quarto supplementare per portar via i due punti da Sulmona. Non sarà facile perché Lucera ha un buon quintetto e rischia di entrare in crisi collezionando un’altra sconfitta, ma non è semplice vincere come accaduto a Sulmona, con soli cinque giocatori che vanno a referto e senza che arrivi un buon contributo dalla panchina. Giulianova-Lecce ed Ascoli-Monopoli sono i due anticipi del sabato. In entrambi i casi le formazioni di casa sono le favorite.

di Giuseppe Capuano foto L. Lanzone ma g

we b


5 O N O V R E S E N I R ! 2 AGLI ALT O N A T S A B E N I CON NO . . . A O N I F A V I R R A . E A T I C N I V A L E R A TRIPLIC

r n e r I nt

Vieni a

us n o b BIG i co

lo t

o

e

ra

IL BIGbonus E’ VALIDO SINO AL 31/12/2009. TROVA IL REGOLAMENTO PRESSO LE NOSTRE AGENZIE.

rlo pr ess

tt i i ne gozi

I

ENT M I N E V V A 20 U S s u n o IL BIGb ITA! C N I V A L A TI TRIPLIC

ri op

tu

, I PRIMI INTRALOT IA CI IN ITAL I N U I L G E SCERTI A RICONO S GIA’ DA UN BONU IMENTI! N E V V A E DU

sc

+ 5%


AS WEB 110  

AS WEB 110

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you