Page 1

MOECHE ******************************************************************************** N° 0 – Venezia 25 Aprile 2008 Mensile di Venessia.com

Perché Moeche ? Nasce il periodico di venessia.com con il numero 0 che oggi inauguriamo Moeche che prende il nome dal piatto tipico della tradizione culinaria veneziana. Abbiamo scelto Moeche per diversi motivi in primis perché le moeche sono un piatto unico nella tradizione culinaria mondiale, un’invenzione veneziana che non ha paragoni in altre cucine. Moeche che si pescano proprio in questa periodo in cui nasce questo nuovissimo mensile di venessia.com . Moeche perché l’effige del Leone in moeca è una delle più famose rappresentazioni di Venezia.

Venessia.com è il nome che ormai per tutti in città indica un gruppo di amici veneziani, aggregatosi attorno al lavoro fatto sul sito internet da Stefano il nostro webmaster. Il nostro stile è un mix di ironia goliardica e attivismo civico. Il nostro è un gruppo pluralista, democratico e trasversale, lo possiamo definire intergenerazionale, al cui interno qualsiasi cittadino può avere il proprio spazio esprimendo la sua opinione e può contribuire portando le proprie proposte indipendentemente dalle sue idee politiche, dalla sua professione e dal suo grado di istruzione. In Venessia.com troviamo gomito a gomito commercianti con infermieri, gondolieri con albergatori, lavoratori dipendenti e studenti, pensionati con politici. Dal 2000 venessia.com rappresenta una finestra su Venezia, sulla sua vita quotidiana, sui suoi problemi e le sue contraddizioni.Abbiamo la fortuna di vivere in una città unica ma siamo coscienti che ha enormi problemi. Venessia.com ha creato un agorà vivace e colorato, un luogo virtuale che sfrutta le potenzialità della rete : si discute, si litiga, si propone e si organizzano eventi .

Ma non solo. Moeche anche per sottolineare la caratteristica tipica della civiltà di Venezia il gusto per la buona tavola ed il buon vivere, caratteristica che ha sempre contraddistinto venessia.com come gruppo di amici che amano discutere e ritrovarsi assieme nel più tradizionale dei modi veneti: davanti a “un’ombra” di vino ed ad un buon “ cicheto “.

Il periodico on line di Venessia.com sta nascendo!

Moeche perché ci ricorda le nostre radici più autentiche e le nostre tradizioni più antiche: le fatiche della pesca e la semplice ma dura vita dei nostri avi.

Troverete rubriche e speciali dedicati alla vita veneziana, news, aggiornamenti, segnalazioni, sms.

Moeche perché tutto ciò che viene a contatto con l’aria e la vita salmastra in laguna cambia, come i granchi nel periodo di muta, si trasforma e diventa altro. Venezia fedele alla sua tradizione bizantina rende tutto più complicato di come sembra in apparenza.Sarà la luce, sarà il salmastro, sarà l’aria, sarà l’umidità…. Moeche perché venessia.com da sempre si augura che per i veneziani del 2000 sia giunta l’ora della muta, il momento di cambiare corazza, abbandonando vecchi rituali e luoghi comuni, prendendo in mano il proprio destino, sicuri della propria forza e orgogliosi della nostra diversità contro ogni stereotipo contro le vecchie esauste logiche localistiche inadatte a interpretare il cambiamento globale che ci circonda come le acque lagunari.

Numero 0 - MOECHE - numero 0

Attraverso MOECHE vi terremo aggiornati sulle iniziative di venessia.com Moeche verrà inviato mensilmente a tutti gli iscritti a venessia.com e a quanti ne faranno richiesta via e-mail in formato pdf. Se volete contribuire con qualche vostro scritto scrivete a : Per mandare sms che verranno pubblicati dopo il vaglio della redazione inviarli a:

Davide

1


Storie di Venessia.com Il contatore dei veneziani Abbiamo ideato e realizzato l'operazione contatore degli abitanti di Venezia per inchiodare alla cruda realtà i cittadini. Il titolare della farmacia Morelli , Andrea, ci ha gentilmente offerto un po' di spazio per questa simbolica iniziativa che crediamo sia un monito contro il noto esodo dei veneziani dalla loro Città. Lo spopolamento è una notizia che appare forse una volta all'anno sui giornali ma poi viene dimenticata, ormai sembra che l’opinione pubblica sia abituata all’inevitabilità della perdita di abitanti a Venezia, un problema grave che non viene affrontato come si dovrebbe per la sua urgenza. Il contatore degli abitanti funge altresì da monito verso la nostra amministrazione che spende soldi per ponti inutili e costosi, funivie, ovovie e trenini altrettanto inutili o per progetti infiniti, mentre per la casa si investe poco rispetto all’urgenza del problema spopolamento. Il giorno dell’inaugurazione (10 marzo 2008) eravamo 60.720 oggi a quasi un mese di distanza siamo 60.675 ovvero 45 abitanti in meno di questo passo a fine anno Venezia avrà perso altri 500 abitanti: un trend impressionante. Il contatore quotidianamente ricorda a cittadini e amministratori che i 20 milioni di euro spesi per il Ponte di Calatrava potevano essere utilizzati per far restare in città almeno 70 famiglie che invece hanno dovuto lasciare la città per l’impossibilità di trovare casa. Vogliamo anche sottolineare che è urgentissimo intervenire sul tema della residenzialità: qualsiasi città muore senza i suoi abitanti, Venezia che ha tradizioni antichissime e una storia millenaria ancora di più. LINK Il posizionamento del "nissioeto", al posto di quello originale, sul ponte di San Giovanni Grisostomo. Ponte che vorremo chiamare "ponte dei Zogàtoi" per la presenza decennale di uno dei più famosi negozi di giocattoli della città ora sparito. LINK La lenzuolata. Il posizionamento di una lenzuolo da record lungo la riva degli Schiavoni, calle Larga XXII Marzo e Strada Nuova contro l'abusivismo. LINK . La protesta del quarto ponte sul Canal Grande. Un grande spreco. L'eco della nostra protesta è finita nei giornali di tutto il mondo. Dal New York Times al Daily Telegraph. LINK LINK2 LINK3 LINK4

2


Facce da Venessia.com

La Redazione di MOECHE: *Stefano Soffiato* *Davide Ubizzo* *Massimo Fadalti* *Matteo Secchi* *Dario Busetto* *Giulia Zambon* *Beata Secchi* 3


“Moéca è il nome che i veneziani hanno dato al granchio verde della specie Carcinus moenas, quando esso arriva al culmine della fase di muta, con la perdita della sua corazza e prima che, in poche ore, a contatto con l’acqua salmastra o salata, se la ricostruisca. È in queste poche ore che la moéca diventa una preziosa leccornia, una specialità della sola cucina veneziana e la sua storia è ancora per molti assai misteriosa, nonostante le moéche abbiano conosciuto un boom nei consumi a partire dall’ultimo dopoguerra. La tradizione delle moéche è presente soprattutto a Burano, dove operano alcune decine di famiglie di pescatori di laguna che continuano ad usare il tradizionale apparato tecnico delle reti da posta. In verità questa tradizione inizia solo dopo la metà del secolo scorso perché prima, e per ben due secoli, la “produzione” di questo stranissimo granchio era un segreto professionale dei moecanti di Chioggia, scoperto grazie alla furbizia e alla costanza dei pescatori di Burano. “

( tratto da : www2.regione.veneto.it/videoinf/rurale/prodotti/moeche.htm)

4

moeche 2008  

numero di aprile

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you