Page 1

Mercoledì 26 agosto 2009 - Edizione Estate

Altro

l’

quotidiano

Anno I - n° 61 - € 0,50

Ora di punta di MoIsè AstA

I rifugiati e i peccatori

I

risvolti giudiziari che hanno raggiunto, come atto dovuto, i 5 eritrei sopravvissuti al naufragio di qualche giorno fa, nel canale di Sicilia, ove hanno perso la vita, in un colpo solo, 73 extracomunitari del corno d’Africa, la dicono lunga sull’umana ingiustizia che tracima dal decreto-sicurezza di cui, senza rossore, menano vanto i leghisti e lo stesso sponsor (Berlusconi) che li privilegia seguendone le richieste che sanno sempre di ricatto e imposizione. Come preannunziato dall’incolpevole Procuratore di Agrigento, Di Natale, i 5 sono stati iscritti nel registro degli indagati, anche se hanno già manifestato l’intenzione di chiedere asilo politico. E, ovviamente, sussistendo il diritto allo status di rifugiato, il provvedimento sarà revocato e l’inchiesta verrà archiviata. eppure tale prospettiva, però, concede indulgenze alla politica governativa sulle migrazioni che si presenta lacunosa, disumana, incivile, rigida, sì da mettere alla berlina la tradizione consolidata dell’ospitalità italiana. Né sembra reggere l’onerosa, pretesa, grande intesa Berlusconi-Gheddafi proprio in questa materia. Non convinceva molto, pertanto, la polemica (un’autentica forzatura!) di Frattini nei confronti dell’Ue, accusata di far poco o niente per il blocco dei flussi di immigranti. Polemica opportunamente, seppur tardivamente, ammorbidita dopo che il presidente dell’Europa, Bildt, parlandone al meeting Cl di Rimini, gli ha risposto per le rime. Giocare a scaricabarile non giova mai. L’Italia d’oggi farebbe bene, semmai, a recitare un onesto

N

www.altroquotidiano.it

Si parte da metà novembre: ecco come verrà attuato

Il piano vaccinazioni A metà novembre partirà la campagna di vaccinazione contro l’influenza e riguarderà il 30%-40% della popolazione. Il vaccino sarà gratuito e somministrato dai medici di famiglia e pediatri di base. Secondo quanto ha stabilito il tavolo permanente delle cure primarie territoriali riunito il 20 agosto scorso presso il ministero del Welfare, la campagna di vaccinazione partirà con circa 8,5 milioni di dosi, ha detto il presidente della Federazione medici pediatri (Fimp), Giuseppe Mele, che ha partecipato all'incontro. Vaccinazione in due fasi. Nella prima fase verranno vaccinati operatori sanitari (medici di medicina generale, pediatri, personale delle Asl), operatori di servizi pubblici essenziali e e categorie a rischio. Queste saranno indicate in una circolare del ministero attesa nei prossimi giorni. A quanto si apprende, potrebbero avere la priorità persone fino a 65 anni con malattie respiratorie e cardiovascolari croniche, diabetici e donne in gravidanza. La seconda fase scatterà dal 31 gennaio 2010 con 16 milioni di dosi a disposizione e prevede la vaccinazione di bambini e giovani da 6 mesi a 27 anni. Vaccino gratuito. Il vaccino non sarà venduto in farmacia, ma sarà somministrato dai medici di medicina generale, pediatri e i medici competenti. Richiamo e adiuvante. Il vaccino sarà somministrato in due dosi (una prima iniezione e richiamo dopo un mese) e conterrà un adiuvante, ossia una sostanza che lo rende più

efficace. A chi tocca. Vaccinare circa il 40% della popolazione è l'obiettivo del ministero. Per

Aveva 77 anni

E’ morto Ted Kennedy

Il senatore Edward di Kennedy è morto stamattina nella sua casa di Hyannis Port, in Massachusetts. Aveva 77 anni ed era malato da tempo di un tumore al cervello. Edward, soprannominato «Ted», era il più giovane fratello di John, il presidente ucciso nel novembre 1963 a Dallas, e di Robert - detto «Bob» - assassinato nel giugno 1968 a Los Angeles mentre era in corso per la nomination democratica per le presidenziali. Le sue aspirazioni per la Casa Bianca vennero messe alla prova nel '69, quando in un incidente stradale morì la sua assistente, Mary Jo Kopechne. Il senatore era alla guida, ma lasciò la scena dell'incidente e non avvertì subito la polizia.

il direttore del dipartimento Malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità, Giovanni Rezza è un obiettivo più realistico di quello dichiarato da alcuni Paesi, che intendono raggiungere l'intera popolazione. Basterebbero cinque Paesi a vaccinare il 100% dei loro abitanti e le scorte mondiali del vaccino si esaurirebbero. Vaccinare fino al 40% della popolazione, aggiunge l'esperto, «potrebbe comunque avere un effetto indiretto, sufficiente per impedire al virus di circolare velocemente». Italia in fase di transizione. Al momento l'Italia è in una fase di transizione perché «la grande maggioranza di casi di registra nei viaggiatori, che d'estate sono particolarmente numerosi», osserva. «Ma adesso siamo vicini a settembre, le città stanno per ripopolarsi, tra poco riapriranno le scuole e si tornerà a frequentare luoghi sovraffollati: si creeranno le condizioni per amplificare la circolazione del virus». Cautela sui numeri. Sono poco chiari perché non tutti i Paesi riferiscono i casi confermati, così sembra che in alcuni Paesi il virus sia più letale che in altri. In questo momento, per esempio, la Gran Bretagna è al primo posto per morti e a ha un numero di casi confrontabile a quello della Germania. Per Rezza «i casi reali sono probabilmente molto più numerosi di quelli riferiti dalle statistiche ufficiali, ma il virus A/H1N1 è probabilmente meno letale di quanto sembri ed è in linea con la letalità dell'influenza


Altro Estate

l’

VentiquattrOre

quotidiano

mercoledì 26 agosto 2009

2

Napolitano

in italia

«Il patrimonio del Paese è inscindibile»

Sulmona Uccide la figlia: non voleva disintossicarsi

«L’inscindibilità del nostro patrimonio nazionale dal nord al sud, del patrimonio di storia e di bellezza che fa grande la nostra Italia», è stata sottolineata dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel discorso in occasione della iscrizione delle Dolomiti nel patrimonio Unesco, il presidente ha evidenziato come i due patrimoni naturali iscritti nel patrimonio siano le isole Eolie e le Dolomiti. «Tutelare il paesaggio e il patrimonio storico e artistico è responsabilità che dobbiamo, sì, sollecitare i poteri pubblici ad assolvere piena-

mente, ma è anche responsabilità che dobbiamo assumerci noi cittadini, ciascuno di noi, dovunque viviamo e operiamo, specie se in luoghi di inestimabile valore per l’umanità intera». Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel suo intervento alla cerimonia per la nomina delle Dolomiti nel Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco, in corso ad Auronzo di

Cadore in provincia di Belluno. Della ricchezza naturale e artistica dell’Italia, ha spiegato Napolitano, «dobbiamo condividere non solo l’orgoglio ma anche la responsabilità. Abbiamo di fronte al mondo la responsabilità di salvaguardare questo grande patrimonio comu-

Roma. Eseguita dalla polizia l’ordinanaza del gip

Arrestato aggressore dei gay Risponderà di tentato omicidio e di lesioni aggravate Andria. In carcere 6 romeni

Violentavano e costringevano una connazionale a prostituirsi L'avevano fatta venire in Italia promettendole un lavoro onesto, l'hanno invece costretta a prostituirsi minacciandola di morte. Fino a quando la malcapitata, una 18enne romena, esasperata e fisicamente stremata, non li ha denunciati. E' successo ad Andria, in provincia di Bari. I sei responsabili, tutti romeni, che percepivano i ricavi della giovane e abusavano, anche sessualmente, di lei, sono stati arrestati dai carabinieri.

Altro

l’

quotidiano

Direttore responsabile: Ennio Simeone Redazione e stampa: via Carciano 45, 00131 Roma tel. 06 4131710 - Fax 06 41299020 redazione@altroquotidiano.it Editrice: GECEM (Gestione Cooperativa Editoria Multimediale) - Presidente:Stefano Clerici Sede legale: Via Aldo Sandulli 45, Roma Registrazione del Tribunale Roma n..343/08 del 18 settembre 2008 - Registrato al ROC Partita Iva 09937731009

La squadra mobile di Roma ha eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip Renato Laviola nei confronti dell’uomo di 40 anni che ha aggredito sabato scorso due giovani gay a Roma. L’uomo è stato arrestato nella sua abitazione alla periferia di Roma e portato in carcere. L’uomo sarà sentito nelle prossime ore dal gip per l’interrogatorio di garanzia a cui parteciperà anche il pm Pietro Pollidori. L’aggressore è accusato di tentato omicidio in relazione all’accoltellamento di Dino, uno dei due omosessuali aggrediti nel quartiere Eur. Deve rispondere anche di aver colpito con una bottiglia al capo l’altro ragazzo gay. Il procuratore Giovanni Ferrara e il pm Pollidori avevano inoltrato ieri al gip la richiesta della custodia cautelare in carcere. L’uomo, che abita nel quartiere periferico Laurentino 38 a poca distanza dal Gay Village dove nella notte tra venerdì e sabato è avvenuta l’aggressione, a quanto è appreso è stato portato negli uffici della squadra mobile della questura di Roma.

Un agente in pensione della polizia penitenziaria a Sulmona (L’Aquila) ha ucciso la figlia con un colpo di pistola perché la ragazza (25 anni) si rifiutava di curarsi dalla tossicodipendenza. La tragedia è avvenuta in auto: padre e figlia erano di ritorno da una visita medica. L’uomo - 55 anni - le ha sparato un colpo alla testa, poi ha proseguito verso il commissariato, dove ha manifestato il proposito di suicidarsi, ma è stato prontamente bloccato dagli agenti di Ps. L’omicida era stato collocato in pensione anticipatamente, pare, per motivi di salute mentale, ma non gli era stata sequestrata l’arma.

Capri Mare sporco: chiusa la Grotta azzurra Ancora un colpo durissimo per il simbolo di Capri, la Grotta Azzurra prima invasa da liquami, poi lambita da una coltivazione di marijuana. Stavolta, però, il colpo è letale. Una striscia di schiuma bianca maleodorante è penetrata all’interno dell’antro e ha reso l’atmosfera irrespirabile. Si è così deciso di interrompere le visite frequentissime e chiudere l’ingresso. Un marinaio ha avvertito anche un malore e sono stati chiamati i tecnici dell’Asl.

Tabaccaia a Torino S’indebita per il lotto e inventa una rapina Quella del lotto era una tentazione irresistibile che l'ha indotta a prosciugare il suo conto corrente. E così una tabaccaia di Torino ha deciso di fingere una rapina all'interno del suo negozio per tentare di incassare dall'assicurazione i soldi per pagare i debiti: decine di migliaia di euro. Ma i carabinieri hanno capito che si trattava di un tentativo di truffa. La donna ha confessato: «Sono malata di gioco e non ho più soldi». E' stata denunciata.


Altro

l’

VentiquattrOre

quotidiano

nel MOndO Iraq Ritrovato un Picasso rubato in Kuwait

U

n dipinto di Picasso, rubato in Kuwait durante l’invasione del 1990, è stato ritrovato oggi a Hilla, la capitale della provincia irachena di Babil, circa 100 km a Sud- Ovest di Baghdad. Lo riferisce l’agenzia irachena Aswat al Iraq, specificando che si tratta di «Donna nuda», una tela di proprietà del Museo Nazionale del Kuwait, il cui valore stimato è di 10 milioni di dollari. Il dipinto è stato ritrovato dalle forze di sicurezza a casa di un contrabbandiere nell’area di Mashroo Jabla, nei pressi di Hilla.

Tunisia Peschereccio italiano sequestrato con 7 uomini

U

n peschereccio della flotta di Mazara del Vallo (Tp), il “Chiaraluna”, con a bordo sette uomini di equipaggio (tre italiani e quattro tunisini) è stato sequestrato all’alba da una motovedetta di militari tunisini a sud del canale di Sicilia. Sembra che il peschereccio venga condotto verso il porto di Sfax. Nel marzo scorso il «Chiaraluna» era stato sequestrato dalle autorità libiche mentre si trovava a circa quaranta miglia a Nord della costa africana. Allora a bordo si trovavano dieci uomini di equipaggio (sei tunisini e quattro italiani).

Cecenia Quattro poliziotti uccisi in un attentato Quattro poliziotti sono rimasti uccisi e uno gravemente ferito in un attentato kamikaze in Cecenia, all’indomani della visita a sorpresa del premier russo Vladimir Putin. Lo riferisce l’agenzia Ria Novosti citando una fonte delle forze dell’ordine del distretto federale meridionale della Russia. L’episodio è avvenuto nel villaggio MeskerYurt, nel distretto di Shali. L’attentatore si è avvicinato ad un gruppo di agenti davanti ad un autolavaggio. Un altro poliziotto è stato ammazzato ed un altro è rimasto ferito durante un conflitto a fuoco.

mercoledì 26 agosto 2009

3

Scelta in nome della continuità. Incarico fino al 2014

Alla Fed resta Bernanke Secondo Obama ha allontanato la depressione Il presidente americano Barack Obama si appresta a riconfermare Ben Bernake alla guida della Fed per i prossimi quattro anni: riconoscendogli il merito di aver «allontanato l’economia da una depressione», Obama annuncerà che Bernanke resterà presidente della Fed fino al 2014. Secondo quanto dichiarato da un rappresentante dell’amministrazione, l’annuncio ufficiale avrà luogo alle 9:00 del mattino (le 15 in Italia), alla presenza dello stesso Bernanke, che solo poche ore fa si trovava a Jackson Hole, in Wyoming, per il tradizionale simposio organizzato dalla Fed di Kansas City. Obama ritiene che «Ben abbia fatto un gran lavoro in qualità di presidente della Fed, aiutando l’economia ad affrontare la peggiore recessione dal 1930 e allontanandola dall’orlo di una nuova depressione. Nel combattere la crisi finanziaria spiega un rappresentante dell’amministrazione Obama - Bernanke si mostrato audace e brillante. La

Q

uaranta attivisti di Greenpeace hanno posizionato oggi il più grande «messaggio» di tutti i tempi sul ghiacciaio di Gorner, sul lato svizzero del Monte Rosa: un banner di 5200 metri quadri, con la scritta «Our climate - your decision!» («Il nostro clima - La vostra scelta!»). Lo striscione (130 x 40 metri) è indirizzato a tutti i capi di governo affinchè, spiega Greenpeace, «si prendano le proprie responsabilità in materia di protezione del clima del Pianeta. A poco più di cento giorni dalla Conferenza sul clima di Copenhagen, infatti, il momento di prendere decisioni importanti sul proseguimento del Protocollo di Kyoto si avvicina». Le conoscenze scientifiche più recenti mostrano che il riscaldamento globale è ben più rapido e drammatico di quanto previsto. In quanto paesi alpini, l'Italia e la

decisione di riconfermalo è stata assunta aggiungono dall’amministrazione - per favorire la stabilità dei mercati e ridurre il rischio di potenziali perdite per l’economia e per i mercati finanziari». Wall Street e la maggior parte degli osservatori si erano espressi favorevolmente per la riconferma di Bernanke, che anche secondo i più critici meritava di restare al suo posto. Nouriel Roubini, uno dei suoi più acerrimi nemici, nelle ultime settimane si è detto favorevole alla sua riconferma, constatando che Bernanke e la Fed hanno fatto un buon lavoro. «Ha realizzato che la recessione avrebbe potuto trasformarsi in un’altra Grande Depressione, e coraggiosamente ha messo in atto le azioni necessarie», ha osservato Roubini. La riconfer-

ma di Bernanke dovrà essere ora sottoposta al voto del Senato. Il secondo mandato alla guida della Fed di Bernanke è caratterizzato da due principali sfide: una sul lato economico, con la Fed che deve decidere come e quando ritirare le misure di emergenza messe in atto. L’altra è sul lato politico, con Bernanke intento a cercare di difendere i poteri e l’indipendenza della Fed mentre la Casa Bianca e il Congresso discutono la riforma delle regole del sistema finanziario.

il CasO Clima

Greenpeace posiziona il suo banner più grande Svizzera sono toccati in modo particolare dal fenomeno, con gran parte dei ghiacciai in ritirata. Le conseguenze sul clima come indicato dagli scienziati membri dell'Ipcc (il panel dell'Onu che studia i cambiamenti climatici) - sono potenzialmente devastanti. «Per questo secondo Greenpeace- è fondamentale mantenere l'aumento delle temperature terrestri al di sotto di 2 gradi centigradi (finora la crescita è stata di 0.7

gradi). I leader mondiali, in occasione dell'ultimo G8, hanno accettato l'obiettivo 2 gradi, ma non hanno indicato il modo in cui verrà raggiunto. L'azione sul Monte Rosa è un memo in questa direzione, in vista della Conferenza sul clima di Copenhagen, il prossimo dicembre». «I paesi maggiormente responsabili dei cambiamenti climatici , tra i quali l'Italia- si legge in un comunicato di Greenpeacedevono dare l'esempio.


Altro

l’

repOrtage

quotidiano

mercoledì 26 agosto 2009

4

Ferie d’agosto

Dai last minute a Trenitalia le disavventure delle vacanze Doppioni dei biglietti ferroviari, pacchetti vacanza comprati su internet... Tra un reclamo e l’altro tempo perso e telefonate a vuoto di EloiSa CovElli Alzi la mano chi non ha mai preso una fregatura estiva in vista delle vacanze. Quest’anno -ahimè- è toccato a me, per ben due volte in due settimane di vacanze. La prima mi è arrivata da Trenitalia. Non si tratta certo del treno superaffollato e dei viaggi con le valigie tra i piedi. A quelli ormai ci siamo abituati tutti. Compro per tempo il biglietto per evitare di rimanere in piedi durante i lunghissimi viaggi verso il Sud e, arrivata al fatidico giorno della partenza, salgo sul treno e... sorpresa! Al mio posto c’è un altro passeggero, con un biglietto identico al mio. Carrozza 6, posto 38, nessun dubbio. Fortuna che pochi posti più in là c’è un posto vuoto (l’unico nell’intero vagone). Appena arriva il controllore segnaliamo il disguido e lui ci dice che “capita”, perché «a volte le agenzie di viaggio ritardano nel comunicare a Trenitalia il biglietto venduto» e quindi Trenitalia vende due volte lo stesso biglietto. Nel nostro caso, ci dice il controllore, dato che entrambi abbiamo trovato un posto, non abbiamo diritto a

nessun rimborso. Tornata a casa faccio un reclamo dal sito di Trenitalia, che promette una risposta entro 30 giorni (ancora non sono passati, ma vi farò sapere). Non è finita qui. Tornata a casa dal viaggio al Sud, non contenta della vacanza programmata in Calabria, decido di prendere un last minute su internet per passare un weeke nd in una capitale europea. Vado sul sito di

Una locandina che pubblicizza pacchetti vacanze me. Clicco e vedo che l’offerta rimane inalterata, continuo la procedura, inserisco il numero della carta di credito prepagata e alla fine mi compare la scritta “errore tecnico”. Controllo il saldo della carta di credito ed effettivamente quell’importo mi è stato scalato dal saldo disponibile. A quel punto contatto il call center di lastminute.com (al prezzo di 12 centesimi alla risposta e 96 centesimi al minuto) e mi dicono che devono verificare se effettivamente i soldi sono stati prelevati dalla mia carta. Dopo un paio d’ore mi richiamano dicendo che l’importo è stato

Avete una disavventura estiva da raccontarci? Scriveteci a redazione@altroquotidiano.it lastminute.com, uno dei più conosciuti e affidabili portali di intermediazione di viaggio e decido di prendere un pacchetto “volo+hotel” per Varsavia. Dopo aver cercato tra le varie offerte, molte delle quali risultate poi inestistenti, perché cliccando sull’offerta prescelta veniva modificato il prezzo o il volo (che spesso diventavano due voli con un cambio intermedio), trovo finalmente quello che fa per

prelevato e che avrebbero proceduto alla registrazione. Dopo pochi minuti mi ritelefonano per dirmi che l’offerta non è più disponibile, ma che posso avere un albergo di importo uguale, anche se occorre un nuovo prelievo dalla mia carta di credito, perché (misteriosamente) non è possibile prendere i soldi dal credito che mi è già stato prelevato, soldi che mi verranno restituiti entro 4-5 giorni. Accetto questa opzione per-

ché l’importo da aggiungere è irrilevante, ma subito dopo ricevo un’altra chiamata che mi dice che il nuovo importo da prelevare è molto più alto, perché non riescono a comprare il biglietto aereo con i miei soldi bloccati. Anche stavolta ribadiscono che l’importo mi verrà restituito entro pochi giorni. A questo punto non accetto e chiedo la restituzione dei miei soldi: mi dicono che mi verranno restituiti dopo 4-5 giorni lavorativi (ancora non sono passati, ma vi farò sapere). Decido quindi di partire con un’altra compagnia per un’altra destinazione, dopo aver perso però un giorno di vacanza e speso un po’ di soldi al call center. Tornata dalle vacanze, faccio anche qui un reclamo via internet e una centralinista di lastminute.com mi chiama dopo pochi minuti ribadendomi quello che mi è stato già detto: «Non si poteva fare altrimenti, poiché c’è stato un errore tecnico», si rendevano conto del disagio che mi era stato creato, ma che avevo diritto solo al rimborso dei miei soldi e nient’altro (neanche il rimborso delle telefonate effettuate). D’altronde il lungo elenco di “termini e condizioni” del sito dice che loro non hanno alcuna responsabilità per i guasti tecnici...


Altro

l’

quotidiano

L’interVista

mercoledì 26 agosto 2009

5

Una giornalista in Afghanistan

I talebani non si fermano E' da alcune settimane in Afghanistan; è una delle poche giornaliste presenti al seguito delle forze militari di pace americane, proprio nel momento in cui gli attacchi dei talebani sono all'ordine del giorno. Gina di Meo, free lance, vive da diversi anni negli Stati Uniti, a New York per la precisione, dove collabora con il settimanale Oggi 7. In Italia, invece, racconta le vicissitudini d'oltre oceano per l'Eco di Bergamo. In Afghanistan, oltre a Kabul, ha visitato diverse località ed è stata a stretto contatto con la cittadinanza locale. Tuttavia in questo arco di tempo è stata anche coinvolta in almeno quattro scontri a fuoco tra talebani e militari afghani. Il primo a ferragosto, l'ultimo poche ore fa. «Da quando mi trovo in Afghanistan sono quattro i conflitti a fuoco ai quali sono scampata. I talebani spuntano all'improvviso», spiega Gina di Meo, e sparano all'impazzata con mitra, a volte con mortai e razzi. Ormai, purtroppo, più nessuno ci fa caso. Il guaio è che molte volte ci sono delle vittime». L’Altro quotidiano ha intervistato la giornalista per avere un quadro più chiaro su ciò che sta accadendo in Afghanistan in questi giorni. L'Afghanistan è in attesa di conoscere il nome del nuovo presidente. Karzai (il premier uscente) dato per vincente, è stato accusato dal suo rivale Abdullah di brogli. Credi che, come è accaduto in Iran, ci possa essere il rischio di manifestazioni da parte della popolazione? L'Afghanistan è molto diverso dall'Iran: non credo ci possa essere la stessa mobilitazione popolare. Al massimo sarebbe limitata solo a Kabul, il resto del paese, quasi, non è a conoscenza dell'esistenza di un presidente, conta il capo villaggio, al massimo il governatore. Intanto gli attacchi dei talebani continuano sia nei confron-

La free lance Gina di Meo racconta degli agguati subiti e l’accoglienza riservata dalla popolazione locale ai militari italiani di aStolfo PErronGElli

ti dei militari che dei civili. C'era da aspettarselo che i talebani non si sarebbero fermati, non basta un voto a farli scomparire, vorrebbe dire cominciare a credere alle favole, ci vorranno anni e anni prima che in questo paese possa cambiare qualcosa, bisogna vedere per capire. L'Afghanistan non è solo Kabul. Parliamo un po' delle condizioni in cui si trovano le donne. Esiste per loro la parola “diritti” in Afghanistan? Diritti per le donne? Ma figuriamoci! Questo non vuol dire che tutte le donne indossino il burqa, ma una ragazza è fortunata solo se appartiene ad una ricca famiglia (il discorso vale se vive nelle città) e se ha la possibilità di studiare. Ma intendiamoci, la parola diritti non va intesa in senso occidentale: in Afghanistan che diritti può avere una povera ragazza nata in un villaggio, in mezzo alle montagne, e che non ha la possibilità di comunicare e confrontarsi con il resto del mondo?

Gina di Meo (con la maglia azzurra) a un pranzo, ospite di cittadini afghani. sotto un militare su un carro armato italiano

Che considerazione hanno gli afghani degli italiani? Sono stata con gli italiani una settimana a Kabul: per quello che ho potuto vedere sono molto apprezzati dalla cittadinanza locale. Ho partecipato con loro ad una shura e sono stati accolti a braccia aperte. Ma non va dimenticato che oltre alla protezione militare, gli italiani portano soldi, nel senso che finanziano progetti. Cosa pensa della politica adottata dagli Usa verso l'Afghanistan? Se vogliono davvero sconfiggere i talebani, servono più truppe, anche per quanto riguarda l'Isaf. Bisogna raddoppiare gli sforzi altrimenti i risultati raggiunti diventano fumo. L'Afghanistan è un paese sconfinato, un territorio difficile. E' dura per le truppe alleate perché il nemico è imprevedibile.


Altro

l’

quotidiano

CarteLLOne Estate

Musica jazz sulle “Bocche” Al via la nona edizione del Festival Internazionale di Jazz "Musica sulle Bocche", in programma a Santa Teresa di Gallura dal 26 al 31 agosto, interamente dedicata al mito del Sudamerica visto dal jazz. Durante il festival, diretto dal musicista Enzo Favata, si susseguiranno molti appuntamenti, dai concerti sulla piazza, nel porto e sui traghetti alle performance di solo piano all’alba sulla spiaggia, dalle marching band lungo le strade agli appuntamenti di jazz per i più piccoli. Tra gli ospiti d’eccezione Beppe Severgnini per il tradizionale appuntamento con gli scrittori contemporanei intitolato "Racconti sulle Bocche". Ambiente e cultura, musica e turismo convivono in perfetto equilibrio nelle cinque giornate disseminate di concerti ed eventi a tutte le ore del giorno e in diversi luoghi: a Santa Teresa Gallura la musica è un flusso ininterrotto che parte dalle ormai famose albe sulla spiaggia Rena Bianca, attraversa le strade e le piazze con i concerti itineranti, si imbarca sui traghetti che collegano con la Corsica, arriva fino al Chiostro del Porto e al faro di Capo Testa, per concludersi a tarda sera sulla piazza principale della cittadina. All’interno della prestigiosa

6

Nel Cilento

Il Festival

di CriStina arChillEtti

agosto 2009

A Santa Teresa di Gallura dal 26 al 31 agosto la kermesse interamente dedicata al mito del Sudamerica

rassegna si susseguiranno i concerti di artisti rappresentativi del panorama jazz e non solo: dal duo Antonio Marangolo e Juan Carlos “Flaco” Biondini agli Aires Tango guidati da Javier Girotto, dal chitarrista classico Simone Onnis al progetto Ajo’ Mandi & Youngers tra Sardegna e Friuli, dal soprano Karin Schmidt, accompagnata da Paolo Alderighi, al Michelangelo Decorato Quartet. Si esibiranno anche il quartetto di sassofoni Arcadia, il Nuovo Quintetto Atlantico di Enzo Favata, il Nuevo Tango Ensamble, l’Armeria dei Briganti, Francesco Bearzatti Tinissima Quartet e Tina Modotti Video Project, il latin jazz di Calixto Oviedo Band con

Maurizio Brunod e tanta altra buona musica. Tutte le giornate e i luoghi del festival saranno accompagnati dalla trascinante Bandakadabra e dal gruppo di percussionisti Timbales, mentre sui traghetti per la Corsica saliranno due giovani, promettenti formazioni sarde, Killer Wave Trio e Pixeldrama. Ai pianisti Roberto Piana e Mario Laginha sono affidati i due emozionanti concerti che accompagneranno il sorgere del sole sulla spiaggia di Rena Bianca. Come sempre il Festival si apre anche ad altri linguaggi artistici. La letteratura sarà rappresentata da Beppe Severgnini che ogni sera precederà il concerto serale con i “Racconti sulle Bocche”.

Lo stage a Velia

Sogno di fine estate a passo di danza Dopo il successo delle precedenti edizioni torna dal 29 agosto al 5 settembre l’appuntamento con “Danzamaremito”, lo Stage Internazionale di danza organizzato e diretto da Adriana Cava, Amalia Salzano, Loredana Mutalipassi. Per molti giovani e giovanissimi allievi un sogno di fine estate che prende forma. Danza fa rima con vacanza, ma anche sole, mare e divertimento nello splendido Villaggio Olimpia, immerso nella zona archeologica di Velia, nel cuore della costiera cilentana, tra il blu del Mar Tirreno e il verde del Parco Nazionale del Cilento. Uno stage speciale anche nel format: un vero e proprio “Campus” per la danza. Gli allievi vivono per una settimana a stretto contatto con i maestri anche al di fuori delle classi, dividendosi tra lezioni e momenti di relax, confrontandosi tra loro e stringendo nuove amicizie. Un posto speciale anche quest’anno è riservato ai bambini dai 10 ai 12 anni con lezioni esclusive dedicate a loro . Tanti i maestri di fama internazionale che si sono susseguiti in queste edizioni: da Matt Mattox, da Andrè De La Roche (coreografo e danzatore internazionale) a Tuccio Rigano.


Altro

l’

quotidiano

CarteLLOne Estate

A settembre la Fiera del Levante

Una torta di luci e grancasse Nuova formula per l’evento pugliese. Non solo stand ma anche musica, spettacoli e convegni

Oltre 150 scatti inediti della vita di Michael Jackson saranno in uscita il 29 agosto nella raccolta: 'Michael Jackson. Il Re del Pop'. Il volume, curato da Chris Roberts, sara' pubblicato nel giorno stesso in cui il Re del Pop avrebbe compiuto 51 anni e in cui verra' sepolto a Los Angeles. Una vera opportunita' per conoscere meglio una star che ha saputo conquistare milioni di fans. Nel libro, gli anni dell'adolescenza, il backstage di 'Thriller' e foto di

Uno scatto alla fiera del levante tori pugliesi alle Bande e al Teatro pubblico pugliese, passando attraverso giovani professionalità come quella di Michele Casella. I luoghi deputati saranno i padiglioni 7 e 116 con i relativi spazi antistanti riservati rispettivamente a cassa armonica e a palco per i concerti della sera. Al mattino le lezioni e le presentazioni dei volumi a cura di casa Piccinni e al pomeriggio i concerti della rassegna "Mousikè" che, quest'anno, appunto si sposterà in Fiera. Dalle 19,30 partiranno i concerti curati dai conservatori di Bari, Monopoli, Lecce e Foggia.

7

In uscita gli scatti inediti di Jackson

di Marina MaSEtti Il titolo -"È qui la musica"di per sé crea aspettativa. Anche perché, dopo svariati anni, la Fiera del Levante, farà coincidere le giornate della Campionaria con altrettante giornate di musica, da mattina a sera, dalla classica alla leggera. Compresa la riabilitazione della cassa armonica con le migliori bande cittadine della regione che ogni giorno si daranno il cambio sull'evocativa "torta" di luci, grancasse e ottoni. In questa prospettiva nelle settimane che separano dall'inizio della Fiera del Levante, in programma dal 12 al 20 settembre, negli uffici si lavora alacremente per far quadrare un programma fitto, affidato al coordinamento del critico cinematografico Carlo Gentile e alla direzione artistica del critico musicale Nicola Morisco. Sono in tanti a collaborarvi, dalla Fondazione Petruzzelli a Casa Piccinni, dai conserva-

agosto 2009

Per arrivare alla sera con gli showcase che ospiteranno, tra gli altri, un progetto di bossa-jazz firmato da Dario Schepisi con Fabrizio Bosso, Fabrizio Accardi, Mirko Signorile e Daniele Scannapieco, il duo Mario Stefano Pietrodarchi e Luca Lucini e una serata dedicata a Woodstock con le voci di Erica Mou e Tiziana Felle. E, ancora, Dub Sync e Il Genio. La Fondazione curerà, tra gli altri appuntamenti, un gala lirico-sinfonico allo Spazio 7. I convegni saranno dedicati allo stato della critica musicale in Italia, della

Michael Jackson famiglia con i suoi due bimbi. musica in Puglia e all'editoria musicale. «Abbiamo cercato di realizzare un programma per diversi tipi di pubblico - spiega Carlo Gentile - con un'offerta musicale che spazia dalla musica colta e raffinata sino ai generi più popolari e conosciuti dal grande pubblico. Così come, i convegni e gli incontri in calendario porteranno Bari alla ribalta nazionale e faranno il punto sulla musica scritta e non solo suonata». Un numero zero che potrebbe diventare un appuntamento annuale di riferimento per gli appassionati di musica. «Così come abbiamo già fatto con la ripresa di Expolibro, nell'ambito del recente ExpoLevante - aggiunge il presidente della Fiera, Cosimo Lacirignola - la Fiera prosegue il suo impegno nel campo della cultura che continuerà nel 2010 con una serie di attività e di nuovi appuntamenti fieristici dedicati al cinema, alla televisione, al calcio".


Altro

l’

quotidiano

CarteLLOne Estate

agosto 2009

8

Passato e futuro

Yellow Submarine tornerà nel 2012 di alba StErPa La Disney e il regista Robert Zemeckis sono in trattative, scrive Variety, per il remake di Yellow Submarine, il film animato psichedelico del 1968 basato sulla musica dei Beatles. Lo studio sta gestendo con discrezione un accordo per i diritti che darà a Zemeckis accesso a 16 canzoni dei Beatles da utilizzare per un film in 3d girato da lui con la tecnica del performance capture (la tecnica con cui attraverso speciali tute fatte indossare agli attori si 'catturano' le loro immagini ed espressioni per poi trasporle in animazione digitale). Il regista ha appena usato la stessa tecnica per A Christmas Carol, tratto da Dickens, il film in uscita il 6 novembre negli Stati Uniti, in cui Carrey recita il ruolo del protagonista Scrooge e dei tre fantasmi che lo perseguitano. La speranza è di avere Yellow Submarine pronto per debuttare nel periodo delle Olimpiadi del 2012, che cominceranno il 27 luglio a Londra. Il film, coprodotto dalla Imagemovers abbina la tecnologia più d'avanguardia in 3D con il rinnovato interesse per i Beatles, che apparivano solo nella scena finale del film. Erano stati degli attori a dare le voci ai personaggi animati di Paul McCartney, John Lennon, George Harrison and Ringo Starr. La storia originale era ambientata a Pepelandia, un paradiso sotto il mare in cui regnano felicità e canzoni. Quando quel mondo viene invaso dai Biechi blu, l'unico a riuscire a scappare é il giovane

La Disney a lavoro per il remake del film animato psichedelico che aveva come protagonisti i Beatles

Un’immagine tratta da Yellow Submarine Fred che va a Liverpool e chiede ai Beatles aiuto per liberare la sua terra. I Fab Four si mettono in viaggio e vengono coinvolti in una serie di straordinari incontri e avventure. La chiave dell'accordo è l'abilità di Zemeckis di usare per il film brani come Yellow Submarine, All Together Now, Baby Yoùre a Rich Man, All You Need Is

Love, When I'm 64, Lucy in the Sky with Diamonds e Sgt. Peppers Lonely Hearts Club Band. All'accordo lavora una schiera di avvocati da mesi, che si sta occupando anche del futuro utilizzo delle canzoni per un eventuale musical teatrale tratto dal film (come la Disney ha già fatto per Il re leone) e il merchandise.

Da venerdì 21 agosto, sono aperte le vendite di tutti gli spettacoli della trentesima edizione del festival “Benevento Città Spettacolo “attraverso i seguenti canali: on line tramite il sito www.greenticket.it e www.cittaspettacolo.it; tramite call center al numero verde 800 90 45 60 (solo da telefono fisso) e nei punti vendita autorizzati Greenticket presenti in tutta Italia. La biglietteria Centrale del Festival, invece, sarà operativa dal 1° settembre presso il bookshop di Palazzo Paolo V al Corso Garibaldi dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 18,30. Sempre dal

Benevento Città Spettacolo Prevendita aperta 1° settembre, gli spettatori interessati potranno optare anche quest’anno per l’acquisto del “Carnet Amico Festival”, una card-abbonamento che dà diritto a 10 spettacoli a turno libero e a ritiro immediato nonché all'ingresso a prezzo ridotto a tutti gli altri appuntamenti in cartellone. Il carnet può essere acquistato presso la biglietteria centrale del festival a Palazzo Paolo V. Il costo è di 60 euro (intero) e di

Tre eventi a Bagheria in onore del film Tre eventi per celebrare l'uscita dell'ultimo film di Giuseppe Tornatore, 'Baari'a', a Bagheria, la cittadina natia del regista. La kermesse (18 e 19 settembre) prevede una mostra con le immagini piu' belle realizzate sul set dai fotografi di scena Marta Spedaletti e Stefano Schirati, un conc e r t o dell'Orchestra Sinfonica Siciliana diretta dal maestro Carmelo Caruso,e l'anteprima del film cui parteciperanno Giuseppe Tornatore, Ennio Morricone, autore delle musiche, e gran parte del cast.

30 (per i giovani e studenti fino a 26 anni e gli over 65). Un’ora prima dell'inizio dei singoli spettacoli, i biglietti residui dei canali di prevendita, saranno disponibili presso i botteghini dei luoghi di spettacolo.


Altro

l’

quotidiano

CarteLLOne Estate

Lamezia Demofest

In Calabria De Andrè canta De Andrè di lUiGi aMbroSio Dopo aver contribuito alla riuscitissima rappresentazione della "Divina Commedia - I Canti di Dante" dello scorso anno ed alle varie fortunate edizioni del 'Lamezia Demofest', Wanda Ferro, presidente della Provincia di Catanzaro, conferma la sua attenzione per Lamezia Terme, la seconda citta' della Provincia e la terza della Calabria, annunciando un altro prestigioso appuntamento musicale che ha inteso organizzare proprio a Lamezia. Confermato per il prossimo 31 agosto alle 21.30 il grande concerto di Cristiano De Andre', "De Andre' canta De Andre'", in Piazza della Cattedrale, nel cuore del centro storico di Nicastro,

Giornata Europea della Cultura Ebraica a Trani: dal tramonto di venerdi 4 al tramonto di sabato 5 presso la Sinagoga Scolanova: Yom ha–Shabbath, il Sabato ebraico. Lo Shabbath ha un’importanza fondamentale nella vita dell’Ebreo che in questo giorno ricorda la Creazione e, rinunciando ad ogni opera d’ingegno, riconosce che queste doti vengono da Dio. L’obbligo nell’osservanza dello Shabbath investe anche chi lavora alle

la locandina

prestigiosa cornice dei principali eventi capace di ospitare migliaia di persone. L'appuntamento fara' da anteprima alla terza edizione di "Settembre al Parco Festival", l'evento musicale internazionale che si svolgera' dal 3 al 6 settembre nell'Anfiteatro del Parco della Biodiversita' di Catanzaro e che sara' aperto

A Trani la giornata della Cultura ebraica dipendenze di un Ebreo e i suoi animali quale affermazione di un concetto di uguaglianza, dignità umana e del lavoro che precorre i tempi di tante conquiste sociali. La festa termina il Sabato sera all’uscita delle prime tre stelle visibili ad occhio nudo con la cerimonia della havdalà. Domenica

ufficialmente il 3 settembre dall'attesissimo concerto di Ivano Fossati. L'ingresso e' libero per entrambi gli appuntamenti, De Andre' e Fossati, organizzati tecnicamente dalla Show Net di Ruggero Pegna. "Il concerto di Cristiano De Andre' si e' rivelato tra i piu' belli dell'anno -ha detto Wanda Ferro- Bravissimo Cristiano e superlativa la band. Questo evento vuole dare il bentornato in Citta' a tutti i lametini di rientro dalla ferie, ma anche un saluto della Provincia a tutti i giovani e cittadini che hanno trascorso a Lamezia le proprie vacanze. Quando si chiude agosto e' come se ripartisse un nuovo anno, che cosi' intendiamo riavviare nel salotto della Citta' con un'autentica festa di musica".

Cerim onia ebraica

per le vie del centro storico di Trani gli araldi in costume rinascimentale annunceranno nelle diverse lingue parlate all’epoca dagli ebrei di Trani (italiano, spagnolo, ebraico, francese, tedesco, latino).

agosto 2009

9

A Roma apre la Casa della Memoria La Casa della Memoria e della Storia di Roma riapre dopo la pausa estiva e propone, come primo appuntamento, “La Cerimonia” una serata dedicata agli “interrogativi sulla Resistenza”, di e con Ferdinando Vaselli, con Orchestralunata e Raffaella Misiti, con la collaborazione artistica di Alessia Berardi, a cura dell’Anpi in collaborazione con Ventichiavi Teatro e 369gradi centro diffusione cultura contemporanea, martedì 8 settembre 2009 alle ore 18.30 sulla Terrazza. L’iniziativa sarà inaugurata da Massimo Rendina Presidente dell’Anpi. Una riflessione intergenerazionale sul tema della memoria a partire da storie di guerra e di resistenza dell’alto Lazio, da elementi di memoria orale, da spunti letterari e da un progetto parallelo, fotografico che è anche una mostra ed un libro. La serata inizia con un tentativo di show vagamente paesano, maldestramente televisivo, un'ossessione verso un committente che si trasforma in domanda esistenziale: a che cosa serve la resistenza? a che cosa serve la memoria? a che cosa serve raccontare ancora certe storie? Ma alla fine le storie sembrano prevalere e si trasformano in un viaggio immaginato a bordo di una carovana guidata da un narratore, Ferdinando Vaselli, che racconterà di sette personaggi come pezzi della vita di un ottavo personaggio immaginario. La storia finisce con un sogno, un sogno orrorifico, carnascialesco ma reale, del mito della fondazione del nuovo stato.


Altro

l’

quotidiano

CarteLLOne Estate

Una grotta di desideri per aiutare l’Aido Moda, musica, bellezza e cultura. Sono gli ingredienti di un evento davvero speciale che unirà lo spettacolo alla solidarietà. Gli organizzatori della “Grotta dei Desideri”, l’evento di arte, moda e cultura, proposto dall’associazione “CP Produzioni”, con il supporto dei comuni di Amantea, Belmonte Calabro e San Pietro in Amantea, dopo aver definito il cast artistico che animerà l’intera manifestazione, la quale verrà poi trasmessa in esclusiva nazionale sulla piattaforma di Sky attraverso l’emittente Play TV 869 Sky, hanno provveduto a siglare un accordo con i referenti provinciali dell’Aido, per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla difficile tematica della donazione, predisponendo, all’interno dei diversi momenti legati alla manifestazione, una serie di spazi informativi dedicati, per l’appunto, alla donazione. Tanti gli ospiti che parteciperanno alla serata e che regaleranno arte e bellezza: dall’attrice Daniela Fazzolari, all’ammaliante Roberta Morise, senza dimenticare il talento canoro di Rosa Martirano, delicata ed amabile anima jazz che lo scorso 11 agosto ha partecipato alla prima edizione della “Notte di Stelle e

Personaggi del mondo della moda e della cultura protagonisti del doppio evento sul Tirreno calabrese

Daniela fazzolari di Pace” dal Santuario di San Francesco di Paola insieme a Noa e Mira Awad, e di Ilaria Andreini, indimenticabile interprete di “Esmeralda”, nel musical Notre Dame de Paris che in Italia, ha registrato oltre due milioni di spettatori. “La Grotta dei Desideri – spiegano gli organizzatori – si evolve e da evento televisivo

10

Il libro

Spettacolo e solidarietà

di robErta CUCCi

agosto 2009

si trasforma in progetto integrato di moda e solidarietà, grazie anche all’apporto dell’Aido che sposato le finalità dell’evento; giorno 24 agosto alle ore 20.30 si svolgerà il talk – show televisivo “Anteprima Grotta de Desideri 2009”, in programma sulla maestosità dello Scoglio Grande della Scogliera di Coreca (CS), alla presenza del direttore di Star TV, Giacomo Airoldi, della presidente della Federazione Moda della Confartigianato, Patrizia Curiale e della giornalista – scrittrice Maria Francesca Rotondaro che presenterà il suo ultimo libro “Sex and Fb. Monopensieri di una single ai tempi di Facebook”.

Il mondo magico della Urso E’ appena uscito il nuovo libro di Maria Rosa Lauriano Urso. Ne “Il castello invisibile” (La ZisaPalermo) è possibile scivolare in un mondo magico, fatto di arcobaleni da seguire, di pecorelle impaurite, uccellini innamorati, bruchi che si trasformano in meravigliose farfalle e stelline buone. Un mondo in cui, nonostante le insidie, i tranelli, la fatica, alla fine le cose buone e l'amore trionfano sempre, un mondo che seppure non ci è dato da vivere, almeno, attraverso le parole, possiamo ancora sognare. Le undici favole de Il castello invisibile sono racconti da spacchettare pian piano come doni desiderati, da assaporare come deliziose praline, ma soprattutto da ricordare come insegnamenti preziosi. Infatti, vestite di nature incontaminate, su uno sfondo di infinite primavere, queste favole hanno innanzitutto il merito di affrontare temi importanti.

Giornate di studio

A Soveria si discute di Sud Lo Stato dell'Inganno. Sud, Banche e Media è il tema della X Università d’estate di Soveria Mannelli. Secondo il punto di vista di Mario Caligiuri, sindaco di Soveria Mannelli e direttore dell’Università insieme a Florindo Rubettino e Mimmo Barile: “L'inganno è niente meno che la democrazia in Italia, ridotta a mera procedura senza sostanza, senz'anima e, quel che è peggio, senza futuro. Torna di attualità la questione

meridionale che già nella nona edizione era stato anticipato con il tema: Parliamo tanto di Sud. ” Sono previste tre giornate di lezioni magistrali che si terranno a Villa Pellico dalle 17.00 alle 20.00 il 26, il 27 e il 28 agosto. L’iscrizione e la frequenza delle lezioni ha il valore di 2 crediti formativi per gli iscritti ai Corsi di Laurea della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria.


Altro Estate

l’

quotidiano

persOne

Nuove coppie

agosto 2009

11

Heidi al quarto figlio con il terzo marito

L’ex di George parla della Canalis «Ha le palle»

heidi Klum

Heidi Klum aspetta il suo quarto figlio, il terzo dal marito Seal (la primogenita Leni pare sia il frutto della relazione con Flavio Briatore). La splendida modella di origine tedesca ha dichiarato che questa sarà la sua ultima gravidanza. La bionda 36enne ha detto che non ha nessuna intenzione di allargare ulteriormente la famiglia perché quat-

tro bambini portano molto lavoro: "Siamo in sovrannumero. Quattro è perfetto. E se già con tre c'è molto da fare figuriamoci dopo". La Klum ha anche rivelato di sentirsi sottopressione per la scelta del nome del nascituro: "Perché - ha dichiarato - sappiamo che sarà il nostro ultimo figlio ed è ancora più difficile”.

Il click

Investimenti

Mamma Eva di nuovo in forma

Un nuovo nido d’amore per Bruce ed Emma

a tre mesi dal parto, Eva henger è tornata già in gran forma. l'ex pornostar, sulle spiaggie della Puglia, è apparsa tonica e non appesantita: con lei il marito Massimiliano Caroletti e la piccola Jennifer (nata, appunto, 3 mesi fa). i tre se la sono spassata in acqua, facendo il pieno di baci e coccole sotto il sole cocente.

bruce Willis

Elisabetta Canalis Elisabetta Canalis è come un profiterol, dolce, ma con le 'palle', parola di Romy Ferrara, una che George Clooney l'ha conosciuto a fondo, pèur fermandosi ai preliminari. La ragazza, oggi 24enne, a soli 19 anni ha avuto una breve liaison con il divo. A causa della giovane età, decise di non raggiungerlo negli States. Ma non solo: era pure innamorata di un altro. Romy ha deciso di parlare sulle pagine di Oggi e, quando le si chiede cosa ne pensa della battuta di Brad Pitt in cui si lascia intendere che il bel George in realtà sarebbe gay, risponde: "Smentisco categoricamente. E ne ho le prove... Un amante poco focoso? Non lo so perché ci siamo fermati ai preliminari. Baci, magnifici. Ma se lui ama come corteggia, allora nessuna donna avrebbe il diritto di lamentarsi". Sull'ex velina dice: "Ora ha forse trovato la fidanzata giusta. La Canalis mi sembra perfetta per lui. E' una donna profiterol: dolce ma con le palle. E poi mi dà l'idea di essere una tipa simpatica”.

Il maghetto rifiuta il “Signore degli anelli” Harry Potter non vuole vestire i panni di Bilbo Baggins. Daniel Radcliffe ha detto di no al prequel del "Signore degli Anelli". L'attore doveva essere il protagonista di "The Hobbit", ma pare proprio che non abbia alcuna intenzione di accettare la parte, meglio darla a qualcun altro, almeno secondo

lui. Pensa di essere troppo legato al ruolo di maghetto e aggiunge: "Mi piacerebbe vedere nel film James McAvoy, è fantastico!". Daniel, impegnato sul set dei nuovi episodi sulla saga di Harry Potter, ha già dato.

Bruce Willis ha di recente sposato la giovane modella Emma Heming ed ora sta cercando un bel nido d'amore dove vivere con la sua dolce mogliettina. La coppia avrebbe adocchiato un appartamento multimilionario dopo aver visitato l'esclusivo Carlyle Residence di Los Angeles, dove il costo di una casa si aggira tra i 2,5 e i 15 milioni di dollari. Bruce ed Emma sarebbero rimasti colpiti da una proprietà che comprende tre camere da letto, quattro bagni, una palestra, la biblioteca, la sala da pranzo e una cantina per il vino. Un perfetto nido d'amore per i due piccioncini che costerà a Willis la modica cifra di 5,1 milioni di dollari. Alla faccia della crisi economica!


CarteLLOne Estate

Altro

l’

quotidiano

agosto 2009

12

Anteprime cinema

I dinosauri da 90 milioni di dollari “L’era glaciale 3” nelle sale dal 28 agosto in 650 copie. Ne parliamo con alcuni degli attori che danno voce ai personaggi di lUCiana vECChioli CHIAMARLI cartoni animati è riduttivo, ed anche un po' offensivo visti i record d'incasso ai botteghini e la loro capacità di ammaliare grandi e piccoli. Nel tempo sono riusciti a ritagliarsi una consistente fetta del mercato cinematografico. In questo senso, la dice lunga la loro presenza sempre più rilevante nei grandi festival internazionali. Una volta venivano tenuti fuori, oggi sono considerati una sorta di fiore all'occhiello delle rassegne. E allora, potranno mancare nella programmazione della prossima s t a g i o n e ? Neanche per sogno. Il primo ad arrivare, il 28 agosto, l'attesissimo L'era Glaciale 3 - L'alba dei dinosauri. Realizzato

interamente in 3D, diretto ancora una volta dal Carlos Saldanha, costato oltre 90 milioni di dollari, il t e r z o appuntamento (debutto nel 2002, secondo capitolo nel 2006, incasso complessivo nel mondo oltre un miliardo di dollari) sarà distribuito in circa 650 copie, una parte in sale attrezzate per la visione tridimensionale. «Sono molto affezionato a L'era Glaciale - dice Claudio Bisio che con la serie ha debuttato nella veste di doppiatore dando la voce al bradipo Sid - Sette anni fa decisi di farlo per mio figlio, che allora aveva cinque anni e che si divertì molto con le scene che gli avevo portato. E' un film buono, non buonista, racconta grandi e bei sentimenti, non banalità.

in alto: la locandina del cartoon “l’era glaciale 3”. A sinistra: un fotogramma del film in programmazione dal 28 agosto Nel testo: leo Gullotta, Claudio bisio e Pino insegno che danno voce ai personaggi

Il mio personaggio, Sid, che diventa mamma, è il simbolo dell'amicizia, del gruppo che stavolta viene fuori ancora di più». La storia parte da una frattura che si crea all'interno del celebre branco. Il leader, il mammuth Manny (Leo Gullotta), sempre più in ansia per la gravidanza della sua compagna Ellie (Roberta Lanfranchi), litiga con Sid quando l'amico decide di adottare tre uova di dinosauro. Si allontana anche Diego (Pino Insegno), la tigre con i denti a sciabola che teme di aver perso il suo vigore da cacciatore. Mentre l'irresistibile Scrat, sempre alla rincor-

sa della sua ghianda, trova l'amore, Scrattina. Quando però Sid viene rapito dalla mamma T-Rex dei tre piccoli il gruppo si ricompatta. L'avventura questa volta si svolge in un misterioso mondo sotterraneo in cui i dinosauri non sono ancora estinti. «Quando si doppia un cartone è un po' come rimanere stampato nella storia. Il personaggio diventa tuo per sempre, soprattutto in un film epocale come questo - spiega Pino Insegno - Anche se non è un lavoro semplice, perché devi dargli un'anima, un carattere, mentre nel doppiare un attore c'è sempre la forza del suo corpo».


Altro Estate

l’

quotidiano

grande sChermO

agosto 2009

13

Ragazzi contro extraterrestri

Romanticismo a buon mercato

alieni in soffitta

Sex movie

Regia: John Schultz con Kevin Nealon, Robert Hoffman A parte il consueto pistolotto moralistico finale, è piacevole e divertente, con alcune trovate interessanti. Senza tante pretese. Un film adolescenziale con tanto di alieni che un giorno decidono di atterrare sul tetto di una casa di periferia del Michigan dove alloggia una grande famiglia ed un bel gruppetto di ragazzini. Saranno proprio quest'ultimi ad ingaggiare una cruenta battaglia con i bellicosi extraterrestri, all'insaputa degli adulti, ed a salvare il pianeta. Potrebbe essere la metafora dei nostri tempi. Non tutto ciò che viene da lontano è minaccioso.

Un horror in piena regola il messaggero Regia: Peter Cornwell con Virginia Madsen, Kyle Gallner Foto d'epoca raffiguranti una serie di bare con tanto di cadaveri. La testimonianza diretta della protagonista che inizia a raccontare l'orribile storia. Vera. Un horror in piena regola, con tutti i trucchetti e gli escamotage del genere. I Campbell hanno un figlio malato di tumore e periodicamente devono affrontare un faticoso e lungo viaggio verso un costoso ospedale del Connecticut, fino a quando non decidono di affittare una graziosa (e stranamente economica) villetta accanto alla casa di cura. Peccato che la bella dimora in stile vittoriano sia infestata da fantasmi e spiriti. Come se non bastasse, il figlio del proprietario è un messaggero demoniaco. Alla sfiga non c'è mai fine!

Regia: Sean Anders con Josh Zuckerman, Amanda Crew

Una delle bambine in “guerra” con gli “alieni in soffitta”

L’inventore dei tergicristalli

Il concerto diventa film

flash of genius

Jonas brothers: the 3D concert experience

Regia: Marc Abraham, con Greg Kinnear

Regia: Bruce Hendricks

Eccoci di nuovo alle prese con un film che avrebbe meritato da parte della distribuzione una maggiore considerazione. Non stiamo parlando di un capolavoro (per la verità è un classico biopic). Ma la storia di un ingegnere che inventa i tergicristalli con spazzole intermittenti e li propone alla Ford che gli ruba l'idea, desta qualche interesse. Invece è destinato ad una uscita in sordina. L'uomo (scomparso nel 2005), dopo una lunghissima e dolorosa controversia giudiziaria vince la causa ed ottiene un risarcimento record di 18 milioni di dollari.

Un film-concerto in 3D per scoprire gli idoli delle teenager: Kevin, Joe ed il piccolo (minorenne) Nick. Sono i mitici (per le migliaia di ragazzine che li seguono su Disney Channel) Jonas Brothers, gruppo statunitense pop-rock formatosi nel 2005. Momenti del backstage, fan scatenati, spezzoni più importanti del tour "Burning Up" del 2007, insieme ai loro beniamini Demi Lovato e Taylor Swift. Qualche brano inedito. Bellocci, facce da bravi ragazzi, sul genere casa-chiesa-rock n' roll(!), la Walt Disney dopo il successo di Hannah Montana ci riprova.

Il maghetto in battaglia

precedenti, un eccellente connubio tra entertainment e qualità. Colpisce il livello di bravura raggiunto dai tre attori protagonisti e dal loro antagonista, il cattivo Tom Felton, alias Drago Malfoy, che dopo anni di ferree certezze conosce per la prima volta il dubbio e la crisi. La battaglia tra Harry Potter e Lord Volemort, tra il bene ed il male, è serrata ed ancora più evidente. Episodio cruciale per poter entrare nella fase finale che esigenze di marketing hanno voluto sdoppiare.

harry Potter e il principe mezzosangue Regia: David Yates con Daniel Radcliffe

Avvincente, oscuro, un noir che a tratti sconfina con l'horror, pieno di colpi di scena e attraversato da una velata ironia, soprattutto rispetto agli sconvolgimenti adolescenziali dei protagonisti. Ancora una volta non delude. Il film è, come i

Parlano tutti di sesso ma quasi nessuno lo fa. Grossi dubbi si nutrono subito anche nei confronti del muscoloso Rex, il fratello maggiore del protagonista Ian Lafferty, il diciottenne goffo ed ingenuo che cerca in ogni modo di perdere la verginità. Titolo fuorviante, crea aspettative immediatamente disattese. Il tema dominante invece è un romanticismo quasi imbarazzante, nonostante il tentativo di costruire una commedia dai toni dissacranti e demenziali. Pensate che le sequenze più divertenti sono quelle girate nella comunità Amish. Tratto da "All the way" di Andy Behrens.

Brutta copia di un cult movie S. Darko Regia: Chris Fisher con Jackson Rathbone, Daveigh Chase Per fortuna il regista e sceneggiatore Richard Kelly non si è fatto coinvolgere nell'operazione sequel. La nuova pellicola, che negli Usa esce solo in dvd, non è altro che la brutta copia di un film che nel 2001 diventò in poco tempo un cult movie, per aver saputo coniugare la freschezza delle immagini di un film fantastico alle inquietudini adolescenziali. La storia appare confusa, priva di una sceneggiatura credibile, con sequenze spazio-tempo (e tanti effetti speciali) che rendono il tutto ancora meno chiaro. Personaggi di contorno, scontati e banali.

Pagina a cura di lUCiana vECChioli


Altro Estate

l’

quotidiano

Letture

StEfano ClEriCi

Memorie di un cronista/24

Quel lapidario “autogol” targato Biscardi L

a storia che vi ho raccontato su Daniele Del Giudice e lo scherzo del Marc'Aurelio trafugato dimostra che la voglia di divertirsi e l'ironia facevano anch'esse parte della nostra vita quotidiana. Non ci si doveva mai prendere troppo sul serio. E se qualcuno invece lo faceva, allora diventava il bersaglio ideale per le frecciate dei colleghi più buontemponi (o più rancorosi). Uno di questi bersagli era Aldo Biscardi. Trent'anni fa era esattamente come lo vedete e sentite adesso nel suo storico "Processo", in onda da un quarto di secolo, prima alla Rai, poi su La 7 e oggi su un network privato. Aldo aveva e ha una naturale propensione all'enfasi. Nelle sue cronache gli aggettivi si sprecavano. E più roboanti erano e meglio era (per lui). Più la sua penna si lanciava nell'immaginazione senza confini e più lui si sentiva fiero e felice. Più era ricca e barocca la sua prosa e più noi ci divertivamo. Qualcuno s'era preso addirittura la briga di leggere ogni giorno i suoi articoli alla ricerca delle frasi più pittoresche ed esilaranti o degli strafalcioni nei quali a volte Aldo incappava, ma sempre credo in buona fede, e certamente con successiva assoluta indifferenza. Frasi del tipo "sgusciando tra gli incunaboli della difesa avversaria", oppure "sbarchiamo nella terra di Amleto, protagonista dell'omonima tragedia di Shakespeare". O, ancora, "Qui Toluca, arriviamo a Toluca di notte, me ne accorgo perché le stelle brillano in cielo". Edmondo Dietrich, detto Momo, un trasteverino puro-

aldo biscardi, che diresse la redazione sportiva di Paese sera per molti anni. A destra: Edmondo Dietrich e Edo Parpaglioni accanto al poster della nazionale e al calendario del campionato dati in omaggio ai lettori di Paese sera sangue che, visto il suo cognome, diceva d'essere discendente di un lanzichenecco, a Paese Sera lavorava allo sport ed era uno di quelli che si occupavano di fare (letteralmente) il giornale. Cioè di mettere in pagina titoli, articoli, sommari, occhielli, didascalie e quant'altro. Momo raccontava che quando Aldo tornava dalla riunione di redazione con direttore e capiredattori, dove si stabilivano spazi e gerarchie delle varie notizie del giorno, gli dava sempre indicazioni di questo genere: «Allora Momo, nella prima pagina di sport metti il pezzo mio con un titolo a nove colonne. E mi raccomando la mia firma in carattere celebrativo. E poi..» E poi? Chiedeva Momo. «E poi, e poi...E poi fai un po' come cazzo ti pare!», rispondeva quasi infastidito Aldo. Edo Parpaglioni, carissimo amico e collega (che da poco ci ha lasciato), anche lui approdato in seguito a Repubblica e autore di un pregevole libro,

Stefano Clerici, 61 anni a ottobre, presidente della cooperativa che edita “l’Altro quotidiano”, è collaboratore di “Repubblica”, di cui è stato caporedattore per la cronaca di Roma. Iniziò la professione a “Paese sera”, diventandone in breve tempo capocronista. scritto col cuore (“C'era una volta Paese Sera”, Editori Riuniti) pensò a un certo punto che con il materiale raccolto si potesse scrivere, almeno a uso e consumo interno, una vera e propria "Biscardeide". Ma non se ne fece nulla. Peccato. Sta di fatto, però, che il libro di Edo è stata una delle principali molle che mi hanno spinto a buttar giù questa specie di diario. Il suo è un racconto un po' più storico, frutto anche di accurati studi e ricerche sul campo (oltre, ovviamente, che di ancor vivissimi comuni ricordi). Il mio, invece, è più scritto di getto, più personale, più sbarazzino, diciamo così. Ma quanti fatti e sentimenti s'incrociano nella nostra memoria.

A

proposito di cose divertenti (ma anche per qualcuno allora, e non solo allora, molto serie) non posso non ricordare la figura di P. Un simpaticissimo collega che chissà per quale destino si fece la fama di jettatore. Al punto che, quando a P.

mercoledì 26 agosto 2009

14

morì il padre, si dice che il commento di Aldo Biscardi, superstizioso al mille per mille, fu tanto cinico quanto lapidario: "Autogol". P. aveva lavorato in diversi settori del giornale. Principalmente allo Sport e agli Spettacoli. Lasciando - raccontavano - pesanti strascichi tra i protagonisti dell'uno e dell'altro ambiente. Atleti caduti in gara, artisti colpiti da improvvisi infortuni durante le loro esibizioni. Coincidenze? Certamente (e sempre ammesso che tutto ciò che si raccontava fosse vero). Ma sta di fatto che (prima e dopo quegli episodi) la presenza di P. nei piani bassi della tipografia veniva guardata con una certa diffidenza, se non addirittura temuta. Anche perché quando qualche volta s'era trovato a "chiudere" le pagine in tipografia era successo poi che si rompesse all'improvviso la carta della rotativa, il che aveva come diretta conseguenza un notevole ritardo sulla stampa e sulla distribuzione del giornale. Storie (o leggende) sulle quali spesso anche noi ricamavamo sopra. Ma senza malizia. E storie sulle quali lo stesso P. ci ha riso più volte sopra. Anzi ogni tanto lanciava apocalittiche minacce, con una grande autoironia.

M

a adesso passiamo ad altro. Visto che abbiamo parlato di Biscardi, parliamo di sport. Ero, come già vi ho detto, un ragazzo di grande buona volontà e pronto al sacrificio. Ma ero pur sempre un ragazzo senza una lira in tasca. Papà, mamma, nonni e zii benemeriti mi davano una bella mano, una gran bella mano piena, ma io avevo dentro il sacro fuoco e (senza disdegnare alcun regalo di famiglia, sia chiaro) avevo voglia di emanciparmi, di poter dire con orgoglio che quel pranzo (o più spesso quella pizza) che sarei stato in grado di offrire ad amici o colleghi era frutto del mio sudore e del mio sangue gettato sul "campo di battaglia". Perciò mi diedi allo sport cosiddetto minore. Ma approdiamo la prossima volta. 24. continua

aq26agosto2009  

aq26agosto2009

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you