MCG_04_2019

Page 1

ANNO 9, NUMERO 4 EURO 1.90 AGOSTO 2019 SETTEMBRE 2019 Tutti gli eventi e gli spettacoli di Mantova, Brescia, Verona e Lago di Garda.

www.mantovachiamagarda.it

LIFESTYLE . MODA . ARTE . CULTURA . VIAGGI

Dal 9 al 11 Agosto non vendibile separatamente ma solo in abbinamento con la Voce di Mantova e il Giornale ( MCG € 1,90 + la Voce di Mantova e il Giornale € 1,50). Nei giorni successivi vendibile separatamente ad € 1,90.

In abbinamento con “La Voce di Mantova” al prezzo del quotidiano - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - LO/MN

TERME DI SIRMIONE

Best Day Spa in Europa FESTIVALETTERATURA Cinque giorni di incontri, laboratori, concerti e spettacoli con narratori di fama internazionale.

AMORI E TRADIMENTI L’infedeltà femminile rimane ancora un tabù. Una cosa che si fa, ma non si dice.

MCG.XV

showawards

Cop MCG 04-2019.indd 1

SPECIALE BMW Tullo Pezzo e Chef Bruno Barbieri protagonisti della presentazione della nuova serie 7, berlina e SUV.

25/07/19 15:44


pagina Mantova chiama Garda PROGTECH luglio 2019.pdf

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

1

09/07/19

19:23


in primo piano

Comprare e vendere con un click

L’inarrestabile corsa dell’e-commerce L’

acquisto di qualcosa “online”, tramite pc o cellulare, è ormai diventata un’azione consueta per buona parte della popolazione mondiale. Ne sono coinvolte direttamente o indirettamente tutte le aree geografiche economicamente più evolute e, in esse, le fasce sociali più assuefatte alla tecnologia di impiego quotidiano. Ma come si è potuto sviluppare questo fenomeno economico che ha stravolto i sistemi commerciali tradizionali, con pesanti ripercussioni, a volte non solo positive, sui fatturati delle aziende e sull’occupazione? Tutto è iniziato nel 1994. La travolgente cavalcata dell’e-commerce ha avuto origini quasi banali; vediamone un cenno. Nel 1994 la catena di ristorazione americana Pizza Hut, oggi presente in oltre cento nazioni nel mondo, si lasciò incuriosire dalle potenzialità inesplorate di Internet e aprì il suo primo negozio online. Parimenti, sempre nel 1994, la compagnia tedesca Intershop introdusse il suo primo sistema di acquisti online. In entrambi i casi il successo fu rapido ed altisonante, con grande risonanza mediatica che attirò l’attenzione di un mondo commerciale legato ancora indis-

solubilmente al negozio fisico. L’intuizione che Internet avrebbe potuto rivelarsi una grande opportunità commerciale spalancò ben presto le porte a quella che si sarebbe rivelato il più eclatante ed epocale fenomeno finanziario del terzo millennio. Nel luglio 1995 nel suo garage di Seattle, un certo Jeff Bezos, spedisce il primo libro venduto su Amazon, che in soli 30 giorni dalla sua nascita viene definita “la libreria più grande al mondo”. Bezos aveva intuito che il mercato librario sarebbe stato facilmente trasferibile sul web data la facilità di ordinazione e spedizione dei libri. Amazon raggiunse presto il successo allargando il proprio business a settori quali intrattenimento, elettronica, giocattoli, articoli per casa e giardino, abbigliamento e gioielli. Ritornando al 1995, mentre Bezos spediva libri dal suo garage, facendo i primi passi del suo attuale impero, un certo Pierre Omidyar, informatico ventottenne, programmava un sito dedicato alle aste. Andò online il 4 settembre 1995 e in meno di 24 ore riuscì a vendere un laser. Nacque così eBay, il portale che rivoluzionò il modo di fare e-commerce. Per vendere su eBay non bisognava essere un imprenditorie digitale, bastava inserire un semplice annuncio per trovare qualcuno interessato all’acquisto. La fine degli anni ’90 infine vede la nascita di

di giacomo gabriele morelli

La capillarizzazione domestica nella “comunicazione” apportata da Internet ha rivoluzionato il commercio mondiale


in primo piano

Secondo le statistiche mondiali il 71% degli acquirenti pensa di fare un affare migliore online rispetto a quello che farebbe recandosi in un negozio fisico Paypal, un servizio per effettuare pagamenti online. Da questi tre pilastri iniziali si sono poi sviluppate tutte le fantastiche trame dell’e-commerce attuale. Dopo 25 anni, e siamo ad oggi, la spinta delle vendite online è diventata un pilastro dell’economia mondiale. Per effettuare un acquisto in linea è solo necessario avere accesso a un computer, o a uno smartphone, nonché possedere una carta di credito o di debito. Il resto, con una minima conoscenza operativa, è un gioco da ragazzi. Un gioco che si autoalimenta, perché un ruolo importante nel cambiamento delle attitudini dei consumatori è stato apportato dalla progressiva evoluzione tecnologica; è stato provato che un’aumentata esposizione all’uso quotidiano di tecnologie incrementa e sviluppa un atteggiamento favorevole verso i nuovi canali di acquisto. Il livello del servizio di vendita online offre spunti sempre più calamitanti e convincenti. Un esempio tra i tanti: i venditori di capi di abbigliamento ed accessori possono essere dotati di camerini virtuali dove il cliente può caricare la propria immagine per provare in modo molto realistico l’effetto di un vestito o di un accessorio. E l’utente viene maggiormente motivato all’acquisto. KPMG International, società di revisione e statistica di diritto svizzero con sedi in tutto il mondo, ha condotto un’indagine nella quale mette in luce quali sono i principali vantaggi e svantaggi percepiti ancora oggi dai consumatori nel compiere acquisti online. Questa indagine risulta utile per comprendere i punti di maggiore resistenza da parte dei consumatori nei confronti di un sistema, qual è quello dell’e-commerce, che è in continua espansione. Oggi sono in larga parte svanite molte ritrosie derivanti dalla scarsa fiducia nella sicurezza di una transazione online, ma permangono ancora

numerose perplessità su altri aspetti dell’e-commerce. Contemporaneamente, gli utenti hanno ben chiaro che comprare online offre dei benefici che il negozio fisico non può dare. Vediamo dunque i principali vantaggi e svantaggi percepiti dagli utenti in riferimento all’e-commerce e agli acquisti via internet secondo lo studio statistico di KPMG. I negozi online sono dotati di molte frecce a proprio favore. Negozio aperto 24 ore su 24, 7 giorni su 7: uno dei vantaggi principali per cui i consumatori scelgono di comprare online è la possibilità di acquistare in qualunque momento del giorno e della notte; il negozio online è sempre aperto e questo facilita il consumatore che può gestire come meglio crede il tempo da dedicare allo shopping. Possibilità di comparare i prezzi per scegliere il più conveniente: quando si acquista online è possibile in pochi click visitare diversi siti che vendono lo stesso prodotto desiderato e scegliere quello che ha il prezzo migliore. Risparmio di tempo: recarsi fisicamente in un punto vendita può richiedere molto tempo, inoltre talvolta dopo tutta la fatica fatta il prodotto cercato non è presente o non convince; grazie all’acquisto online si risparmia tempo, perché ciò che si cerca è a portata di mouse. Grande varietà di scelta anche di prodotti di nicchia: la rete è piena di negozi virtuali che possono essere ‘visitati’ in maniera molto semplice offrendo al consumatore la possibilità di trovare realmente ed esattamente cosa si desidera; anche quando si parla di prodotti difficili da reperire o del tutto assenti nella propria città, la rete offre il modo per trovarli e acquistarli. Evitare la folla: affrontare la ressa è uno degli aspetti negativi dell’acquisto presso un negozio fisico; tutto questo non esiste quando si parla di acquisto online, non esiste calca e la cassa è sempre libera. Per contro, esiste una serie di motivazioni che lasciano dubbioso l’utente. Impos-

L’e-commerce sta costringendo il tradizionale commercio mondiale a profondi cambiamenti per poter sopravvivere o quantomeno essere competitivo sibilità di vedere e provare fisicamente l’oggetto: tra i principali svantaggi dell’acquisto online vi è l’impossibilità di vedere, toccare, annusare e provare fisicamente l’oggetto che si desidera comprare. Tempi di consegna troppo lunghi: talvolta i corrieri deputati alla consegna dei prodotti acquistati online possono impiegare molti giorni per recapitare l’oggetto; questo può creare delle resistenze dei consumatori nell’acquisto online dei prodotti. Necessità di comprare un prodotto molto prezioso: i prodotti troppo preziosi, come per esempio anelli di fidanzamento o automobili, non vengono generalmente acquistati tramite il web; per questi prodotti si preferisce ancora l’acquisto nel negozio fisico. Difficoltà del processo di restituzione della merce che non soddisfa: alcuni consumatori hanno dichiarato di sentirsi restii nell’acquisto online a causa del complicato processo di restituzione della merce appena comperata; questa barriera può essere superata rendendo chiaro il meccanismo di reso e offrendo continua assistenza al cliente. Mancanza di fiducia nei sistemi di e-commerce: una parte dei consumatori intervistati ha dichiarato di non avere fiducia nei sistemi di sicurezza associati

4

n. 4 Agosto-Settembre 2019


all’e-commerce. Confrontando questo dato con lo stesso di qualche anno fa si nota però un netto calo della percentuale degli scettici. Bisogno di parlare con un commesso: infine, alcuni consumatori hanno dichiarato di non affidarsi ai sistemi di shopping online perché sentono la necessità di confrontarsi con un commesso prima di procedere all’acquisto. Appare dunque chiaro che le aziende che vogliono svolgere con successo attività di e-commerce devono tenere conto di tutti questi aspetti, sia nella realizzazione di un sito funzionale e perfettamente a misura di utente, sia nella pianificazione di attività specifiche di marketing che servono a sostenere le vendite e la fidelizzazione della clientela. La sola creazione di un sito, per quanto ottimale

n. 4 Agosto-Settembre 2019

possa essere dal punto di vista tecnologico, non basta a ottenere ricavi importanti dal commercio elettronico. Servono una quantità di attività strategiche di relazione con i clienti in modo da portarli a conoscenza del sito e dei prodotti offerti e indurli ad acquistare grazie ad azioni commerciali efficaci. Una vera e propria scuola di psicologia e di strategia commerciale. Quali sono i “numeri” dell’e-commerce in Italia e nel mondo? Nel 2018, l’e-commerce ha registrato ben 3200 miliardi di dollari di vendite e gli esperti prevedono di raggiungere i 4.500 miliardi nel 2021. Ecco alcune curiosità. Il 33% degli acquirenti online in Europa ordina prodotti all’estero. In cima all’elenco: Lussemburgo, Russia e Svizzera. Tra i prodotti ordinati online in Europa si posizionano in vetta alla classifica i telefoni cellulari (30,1%); in ultima posizione i cibi e le bevande preconfezionati. Il 95% degli americani acquista online almeno una volta all’anno. La crescita dell’e-commerce cinese supererà quella degli Stati Uniti con 2.000 miliardi di dollari già quest’anno. In Italia l’e-commerce ha generato nel 2017 un fatturato di 35,1 miliardi di euro. Ecco invece alcune curiosità sul comportamento dei consumatori. L’81% degli utenti fa approfondite ricerche online prima di acquistare un prodotto. Il 71% degli acquirenti pensa di fare un affare migliore online, rispetto a quello che farebbe recandosi in un negozio fisico. Il 45% degli utenti di Internet nel mondo, oltre 1,7 miliardi di persone, ha acquistato prodotti o merci online nel 2018. Le

persone trascorrono in media 5 ore a settimana facendo shopping online. Gli uomini avrebbero speso il 28% in più negli acquisti online rispetto alle donne nell’ultimo anno. I genitori spendono più online rispetto a chi non ha figli (40% contro il 34%) e passano il 75% di tempo in più comprando sul Web ogni settimana: 7 ore contro le 4 ore di chi non ha prole. I prodotti più acquistati online: abbigliamento, scarpe e accessori (47%), computer ed elettronica (32%), libri, film, musica (28%), prodotti di bellezza e salute (24%). Il 66% degli acquirenti ha deciso di non acquistare un articolo a causa di costi di consegna non convenienti. Il 78% degli acquirenti online desidera più immagini sulle pagine degli e-commerce, mentre il 30% desidera più video. Il 70% degli acquirenti online preferisce ingrandire le immagini prima di ordinare. Sono gli utenti di Instagram quelli che trascorrono la maggior parte del tempo sui siti di e-commerce, con una durata media della sessione di 192 secondi, il doppio rispetto a quelli di Facebook. Amazon e Ebay sono i negozi online più popolari. Oltre il 90% delle persone che acquistano su Amazon non ordina un articolo con meno di tre stelle. Insomma un mondo vario e in costante evoluzione, che sta costringendo il tradizionale commercio mondiale a profondi cambiamenti per poter sopravvivere o quantomeno essere competitivo. Il futuro infatti ci riserverà nuove esperienze di shopping online con elevati contenuti di qualità, sempre più realistici, sfruttando le sempre più sorprendenti tecnologie della realtà virtuale.

5



6

IL Direttore

SOMMARIO AQUISTI ONLINE CHE PASSIONE!

La capillarizzazione domestica nella “comunicazione” apportata da Internet ha rivoluzionato il commercio mondiale

Una svolta di civiltà nel sentimento animalista?

N

elle scorse settimane i media nazionali si sono interessati in modo spasmodico delle vicende di M49, l’orso trentino protagonista della clamorosa evasione dal recinto elettrificato in cui era stato isolato dopo la cattura perché reo di intemperanze comportamentali (uccisione di animali domestici). Al momento di andare in stampa M49 è sempre latitante, ma una sua eventuale ricattura, o peggio abbattimento come certe autorità auspicherebbero, non influenzerebbe le brevi riflessioni che seguono. Gli innumerevoli servizi e l’attenzione che Tv e social network dedicano oggi all’entusiastico rapporto con gli animali ci suggeriscono che occorre prendere atto dell’incrementarsi esponenziale di un sentimento animalista internazionale, che as-

sieme a picchi di deprecabile radicalismo insensato si fa promotore anche di apprezzabili valori assoluti nei confronti del mondo naturalistico. Petizioni e manifestazioni a favore della conservazione di specie animali in pericolo in tutto il mondo sono sempre state appannaggio di WWF ecc., ma ora l’opinione pubblica sta assumendo pari autorevolezza verso le specie più comuni con cui condividiamo la vita quotidiana. Accade così che i media riportino marcatamente notizie di posizioni dure assunte dalla società contro la caccia, contro la pesca, contro il circo, contro gli allevamenti intensivi, insomma contro tutto quello che può interferire con la vita animale naturale. Come sopra detto in alcuni casi si sconfina nel talebanismo più ottuso (e magari tanti attivisti provano amnesie davanti ad una grigliata), o in iniziative politiche poco sincere per accaparrarsi consensi popolari, ma in altri contesti questa ondata di sensibilità verso gli animali ci conforta di un accresciuto senso del valore della vita, che speriamo sia rivolto non solo verso la vita animale che ci circonda, ma anche verso le vite più fragili e indifese di cui è costellata la società umana. “La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali” (Gandhi)

Marco Morelli

direttore@mantovachiamagarda.it

L’AMORE INFEDELE, QUANDO A TRADIRE è PROPRIO LEI L’infedeltà femminile rimane ancora un tabù. Una cosa che si fa, ma non si dice

8

Gran Premio Nuvolari, si ritorna a formula storica L’edizione 2019 prenderà il via alle 11 di venerdì 20 settembre da piazza Sordello sullo sfondo unico di Palazzo Ducale

18

FestivalETTERATURA 2019 LA FIERA DEL LIBRO Oltre 300 appuntamenti in programma per la 23esima edizione che si terrà a Mantova dal 4 all’8 settembre

20

RIABILITAZIONE, NUOVI PERCORSI TERMALI Alle Terme di Sirmione la ribilitazione termale significa riduzione del dolore e dei tempi di recupero

47

MantovachiamaGarda Periodico bimestrale

A PARER MIO

di GASTONE SAVIO

I GIOVANI COME LA PENSANO? Come la pensiamo noi adulti è importante, fondamentale è conoscere come la pensano i giovani, del presente poco importa, ciò che importa è come loro guardano al futuro. Sono stati recentemente presentati a Roma i risultati di una ricerca sociologica internazionale condotta per capire qual è l’idea dei giovani circa il loro futuro sia dal punto di vista personale sia come prospettive familiari, locali e nazionali del Paese in cui vivono. Lo spazio a nostra disposizione ci permette, almeno per il momento, di guardare ai “valori della vita” dei giovani, ritenendo questo il risultato più significativo della ricerca. L’indagine è stata compiuta su un ampio campione di giovani tra i 18 e i 30 anni nel periodo tra marzo e luglio 2018 e ha riguardato giovani

3

di quattro Paesi europei: Italia, Germania, Polonia e Russia. L’indagine è stata condotta su 1.356 giovani che vivono nei quattro Paesi indicati. Sono state intervistate 384 persone per ogni Stato. I quattro Stati sono stati scelti per motivi che li rendono significativi anche per le loro differenti vicende storiche, pur in una certa omogeneità culturale. Ai giovani intervistati è stata indicata una serie di 25 “valori di vita”, prendendo poi in considerazione solo le risposte sui valori che essi hanno indicato come “molto importanti” o “importanti”. Così si sono messi in evidenza i valori sui quali i giovani concentrano la loro attenzione e in base ai quali è probabile che agiranno in futuro. La struttura generale degli

Registrazione del Tribunale di Mantova N° 01/2011 del 15/02/2011 Direttore Responsabile Marco Morelli Capo redattore Giacomo Gabriele Morelli

orientamenti dei valori risulta abbastanza omogenea nei quattro Paesi considerati, ma con differenze specifiche. La salute risulta al primo posto in Italia (97,8%), Polonia (98%), Russia (95%); in Germania la percentuale scende all’86,1%, mentre il primo posto tocca al valore “amici”. L’istruzione è al primo posto in Italia (96,4%), mentre negli altri Paesi è stata indicata come importante in una percentuale che oscilla tra l’81,2 e l’88% delle risposte. Volendo dare delle indicazioni generali è bene sottolineare, ad esempio, che il valore “figli” è piuttosto basso nei gruppi di età più avanzata, non più del 70% in ciascun Paese. E quindi un valore giudicato meno importante degli “amici”, del “tempo libero” e dello “svago”.

Art Director e Progetto Grafico Matteo Zapparoli Pubblicità: MORELLI MEDIA PARTNER, Via Dante Alighieri 4, 46040 Gazoldo degli Ippoliti (Mn) Stampa: GRAFFIETTI STAMPATI S.n.c. - S.S. Umbro Casentinese Km 4,500 - S.S. 71 - 01027 Montefiascone (Viterbo) Editore: MARCO MORELLI, Via Dante Alighieri 4, 46040 Gazoldo degli Ippoliti (Mn) Hanno collaborato a questo numero: Alessandra Fusè, Anna Maria Catano, Antonio Scolari, Barbara Gazzi, Barbara Ghisi, Benedetta Bottura, Elena Andreani, Elena Benaglia, Elena Mantesso, Elena Kraube, Elide Bergamaschi, Enrico Maria Corno, Federico Martinelli, Flora Lisetta Artioli, Gastone Savio, Giacomo Cecchin, Gianmarco Daolio, Isolde Seeber, Lara Ferrari, Michela Toninel, M.T.San Juan, Paolo Carli, Rita Bertazzoni, Serena Maioli, Veronica Ghidesi, Vittoria Bisutti. Puoi ABBONARTI scrivendo a: abbonamenti@mantovachiamagarda.it oppure telefonando al numero: 333.6272824 Sarai ricontattato da un nostro incaricato. Puoi pagare con Bonifico bancario a: MONTE PASCHI DI SIENA Filiale di Gazoldo degli Ippoliti c.c. n° 100464.78 intestato a Morelli Media Partner IBAN: IT 39 R 01030 57640 000010046478 Causale: Abbonamento a MCG Mantovachiamgarda inserendo l’indirizzo esatto per la spedizione L’editore non si assume alcuna responsabilità in ordine al successivo cambiamento di date o programmi riportati in questa pubblicazione Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente magazine, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, difusione, o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’editore.


PARLIAMO DI

di elena benaglia

L’AMORE INFEDELE QUANDO A TRADIRE è PROPRIO LEI “La moglie in vacanza l’amante in città” era il titolo di una commedia italiana degli anni ’80. Ovviamente quella “gabbata” era la moglie, non il marito perché si pensava che a tradire fosse sempre l’uomo, e nel nostro comune parlare e sentire il concetto di infedeltà rimane per la maggior parte delle volte declinato al maschile. Oggi pare che le corna siano state sdoganate e che di infedeltà si parli tranquillamente, e non solo sui giornali di gossip, se pensiamo che ci sono addirittura programmi televisivi dedicati. Ma in realtà l’infedeltà femminile rimane ancora un tabù. Una cosa che si fa, ma non si dice. Una recente ricerca ha svelato che una donna su tre ha tradito il proprio partner ma non lo ha confessato e non lo ammetterebbe nemmeno con la migliore amica. L’infedeltà è considerata la più grande trasgressione che una donna possa commettere, condannata da quasi tutte le religioni, non solo nei paesi islamici (in alcuni dei quali è tuttora passibile di lapidazione), ma anche nella liberalissima Europa, alla cui storia tradimenti e adulteri sono sempre stati intimamente connessi. L’infedeltà femminile continua a suscitare un sentimento di biasimo sociale molto più forte della sua controparte maschile. Non solamente tra gli uomini, ma tra le donne stesse: ben tre donne su quattro condannano l’infedeltà femminile ma perdonano quella maschile. Nonostante i numerosi movimenti di emancipazione femminile, a giudicare in modo più spietato il comportamento di una donna, rimangono sempre le donne, pronte a condannare le loro simili al minimo sgarro. Altro che Gender Equality! Quasi la metà delle italiane pensa che sia più grave quando è la donna a tradire, non importa che la situazione possa più o meno spingerla all’atto, una donna deve sempre e comunque rimanere fedele al proprio compagno. E pare che questo “precetto” sia davvero seguito, visto che le donne italiane risultano essere le più fedeli in Europa, almeno stando ai dati dell’Osservatorio Europeo dell’Infedeltà 2019, una ricerca condotta periodicamente dall’Institut français d’opinion publique (Ifop) e commissionata da Gleeden, il sito per incontri extraconiugali leader in Europa. I dati sono stati raccolti tramite un questionario online (un metodo che riduce la possibilità di imbarazzo e, conseguentemente, si presume, quella di mentire) inviato a poco più di 5.000 donne maggiorenni in cinque paesi europei: Italia, Spagna, Francia, Germania e Regno Unito. Lo studio ha fornito dati precisi attraverso i quali è stato possibile tracciare una mappa dell’infedeltà femminile in Europa e in Italia, e scoprire che un’italiana su tre (33%) ha dichiarato di essere stata infedele almeno una volta nella vita. Un comportamento, per inciso, che comunque non si

8

OGGI PARE CHE DI INFEDELTÀ SI PARLI TRANQUILLAMENTE, E NON SOLO SUI GIORNALI DI GOSSIP, SE PENSIAMO CHE CI SONO ADDIRITTURA PROGRAMMI TELEVISIVI DEDICATI avvicina neanche lontanamente alla controparte maschile: sempre l’Ifop, infatti, nel 2014 aveva rilevato che gli uomini che confessavano almeno una scappatella nella vita erano ben il 55%. È sotto gli occhi di tutti che l’infedeltà femminile viene biasimata, dalla nostra società, in misura maggiore rispetto a quella maschile, ma sorprende vedere che sono proprio le donne (il 44% addirittura) a condannarla più ferocemente. Una visione estremamente rigida, soprattutto se paragonata a quella dei nostri vicini europei, in cui la percentuale di donne che appone la lettera scarlatta alle altre donne cala drasticamente al 33% in Francia, al 30% in Spagna e al 28% in

Germania. L’unico caso in cui le italiane sembrano biasimare maggiormente l’uomo è nell’eventualità che tradisca la moglie che è ingrassata qualche chilo di troppo, ma anche in questa situazione non si può parlare di solidarietà femminile, al massimo di “solidarietà nella dieta”! Anche riguardo a cosa s’intende con il termine infedeltà spiccano le differenze tra le italiane –le più “bacchettone”- e le donne del resto d’Europa: per due italiane su tre pensare di fare l’amore con un’altra persona è già tradimento, e quindi motivo di rottura per la coppia. Per le millennials, che nel mondo virtuale sviluppano la maggior parte della loro vita di relazione, è tradimento anche seguire il/la proprio/a ex sui social. Un altro dato che accomuna le italiane è la difficoltà ad ammettere un tradimento, in particolare dopo i trentacinque anni, quando la presenza di una propria famiglia fa sentire una donna maggiormente esposta al giudizio degli altri, inclusi gli amici. In famiglia poi, non ne parliamo: il segreto viene mantenuto tutta la vita, sia con i parenti più stretti (fratelli, cugini; 68%), ma soprattutto con i genitori (78%). Paradossalmente risulta più semplice confessarlo al partner tradito (48%), specialmente quando il “misfatto” è appena avvenuto (26%). Oppure al prete durante la confessione (38%, la percentuale più alta d’Europa). Nel questionario proposto da Ifop si chiedeva “cosa preferiresti confessare al posto di un tradimento?”, le risposte italiane sono state: di essere stata licenziata (79%), di avere una malattia grave (62%), di soffrire di depressione (56%), di avere problemi finanziari (55%), di avere problemi sessuali col marito (41%). Ma perché risulta ancora così difficile non solo ammettere un tradimento, ma anche semplicemente parlare di infedeltà? François Kraus, direttore di Ifop e responsabile dello studio ipotizza: «a dispetto della maggiore apertura mentale circa l’adulterio e, più in generale, sull’uguaglianza

n. 4 Agosto-Settembre 2019


L’infedeltà 2.0 è solo un micro tradimento?

di genere anche nella sessualità, la popolazione femminile sembra aver interiorizzato la norma secondo la quale le donne rischiano lo stigma sociale qualora vengano scoperte ad avere relazioni fuori dal matrimonio. E, sintomatico di un condizionamento di genere secondo cui la sessualità femminile diventa illegittima se vissuta al di fuori del vincolo coniugale o della coppia “fissa”, è proprio questo metro di giudizio più severo circa il tradimento femminile, che viene considerato con estremo biasimo – se non addirittura disprezzo – soprattutto da coloro che, secondo la società, dovrebbero essere le garanti di tale moralità, ovvero le donne stesse». Nonostante questa rigidità di giudizio, emersa dalla ricerca, i dati mostrano altro. E oltre al 33% di donne che hanno tradito magari una sola volta nella loro vita, c’è un 11% che dichiara di avere attualmente un rapporto extraconiugale continuativo, un amante fisso. La responsabile comunicazione e marketing per l’Italia di Gleeden, Sybil Shidden, afferma che «le

L’INFEDELTà VIRTUALE NON è ANCORA STIGMATIZZATA AL PARI DI QUELLA FISICA. MOLTE DONNE NON PROVANO LO STESSO SENSO DI COLPA SE SI LIMITANO A CHATTARE iscrizioni femminili al sito per incontri extraconiugali non hanno subito nessuna battuta d’arresto, le donne rappresentano il 40% della community italiana, che oggi conta oltre un milione e mezzo di utenti attivi. Forse perché l’infedeltà “virtuale” non è ancora stigmatizzata al pari di quella fisica

n. 4 Agosto-Settembre 2019

Chattare al giorno d’oggi è diventata un’abitudine sempre più frequente, non solo tra amici ma anche con persone sconosciute, contattate su siti online, a volte con il semplice scopo di distrarsi e trascorre un po’ di tempo spensieratamente. Ma attenzione: oltre ad essere davvero raro trovare qualcuno che si sia iscritto ad una chat solo per chiacchierare in amicizia, se siete sposati sappiate che potreste essere accusati di violazione dell’obbligo di fedeltà coniugale da vostra moglie o da vostro marito! Anche se non avete mai avuto contatti diretti e non avete mai conosciuto dal vivo la persona con cui state chattando. Non è necessario che dal virtuale si passi al reale, che la chat sia solo la miccia che accende un tradimento fisico, la trasgressione può anche restare confinata sullo schermo del pc o del cellulare. La Corte di Cassazione con la sentenza n.9384 del 2018 ha, infatti, equiparato il tradimento digitale a quello reale: chi flirta sui social network può subire la domanda di separazione giudiziale con addebito, esattamente come accade in caso di tradimento fisico, quello classico, quello che potremmo definire “di una volta”! Martin Graff, docente di Psicologia all’Università del South Wales, per questi incontri che avvengono solamente online, senza alcun coinvolgimento e contatto fisico, ha coniato il termine “micro-tradimenti”, ma sono davvero microscopici? In verità non sono poi così piccoli o leggeri perché dobbiamo pensare che ormai i rapporti digitali fanno parte della nostra vita, soprattutto per i più giovani che vivono le relazioni virtuali intensamente quanto le generazioni precedenti vivevano quelle reali. Dobbiamo renderci conto ed accettare il fatto che le conseguenze di ciò che facciamo online, dove trascorriamo sempre più tempo, ricadano anche nella vita reale. Ovviamente la condanna non è automatica, bisognerà, tra le altre cose, giudicare nel merito e caso per caso se l’infedeltà sia la causa di una rottura della coppia o la conseguenza di una crisi già in atto. Come afferma la nota avvocata divorzista Annamaria Bernardini de Pace: «tutti i comportamenti che sottraggono uno dei due coniugi all’altro (e all’attenzione e alla cura reciproche) entrano nell’ambito della slealtà, che è tradimento. Ma chat e social sono la punta dell’iceberg: di solito c’è una disaffezione nella coppia che si esprime anche in altri modi». Noi, intanto, vi abbiamo avvisati!

e molte donne non provano lo stesso senso di colpa se si limitano a chattare con uno sconosciuto. È quando si passa all’atto che scatta l’asticella della morale: Gleeden rappresenta quella zona grigia in cui ancora ci sono i margini per poter fare qualcosa di potenzialmente proibito senza che diventi, di fatto, una vera violazione». D’altra parte nell’era del web «amoreggiare online con una persona diversa dal partner, spesso a sua volta impegnata, è diventata un’abitudine diffusa» sostiene Rita D’Amico, ricercatrice e psicoterapeuta dell’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Cnr di Roma, che nel libro “Amori e infedeltà” (edito da Franco Angeli) descrive l’eros ai tempi dei social media. «Chi la commette spesso non gli dà una connotazione negativa, e non sente il bisogno di confessare le scappatelle perché non si sente in colpa».

9


Il succo del nostro lavoro renderà famoso il vostro. Spremiamo idee e forniamo servizi di comunicazione e marketing, dedicati al mondo del vino e delle cantine, perchè il succo del vostro lavoro sia conosciuto, apprezzato e bevuto in tutto il mondo.

Avda Rabassaires n. 28 08100 Mollet del Vallès Barcellona (ES) T. +34.932.203550

Grinder MCG - vino bianco.indd All Pages

Grinder è parte di Advance Group

grinderadv.es

consultingadv.com

10/07/19 13:03


Il succo del nostro lavoro renderà famoso il vostro. Spremiamo idee e forniamo servizi di comunicazione e marketing, dedicati al mondo del vino e delle cantine, perchè il succo del vostro lavoro sia conosciuto, apprezzato e bevuto in tutto il mondo.

Avda Rabassaires n. 28 08100 Mollet del Vallès Barcellona (ES) T. +34.932.203550

Grinder MCG - vino bianco.indd All Pages

Grinder è parte di Advance Group

grinderadv.es

consultingadv.com

10/07/19 13:03


mantova life&style POZZOLO

MANTOVA

Sagra del luccio A Pozzolo si svolgerà dal 5 al 9 settembre l’annuale sagra del luccio in salsa, giunta alla sua 46° edizione, che ne fa una delle sagre enogastronomiche più longeve del mantovano. Nell’area degli impianti sportivi di Pozzolo, in riva al Mincio, le principali orchestre locali allieteranno i partecipanti con i loro repertori che spaziano dal liscio al latino americano, dando modo agli appassionati del ballo, di calcare l’ampia pista a disposizione. Gli stand gastronomici, sapientemente allestiti dalla locale Polisportiva, apriranno tutte le sere alle ore 19,30, e oltre al luccio in salsa con polenta (piatto ufficiale della manifestazione), permetteranno di gustare anche altre specialità tipiche mantovane, come i tortelli di zucca, il risotto col pistum (salsiccia di suino), il risotto coi saltarei (gamberetti di fiume) e l’immancabile torta Sbrisolona.

MANTOVA

Questa è la nuova manifestazione che per un weekend, il 14 e 15 settembre, renderà possibile esplorare i più suggestivi e curiosi giardini privati del centro storico di Mantova, isole segrete ricche di memoria e ricordi, attraverso i quali è possibile leggere la storia, i cambiamenti e i vissuti della città. Arricchirà l’iniziativa un fitto calendario di eventi a tema, realizzato grazie alla partecipazione delle istituzioni, delle associazioni e delle aziende del territorio. Sia sabato che domenica i giardini saranno aperti dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Ognuno potrà scegliere in autonomia quali luoghi visitare e costruire il proprio itinerario attraverso la città. L’iscrizione al festival è valida per entrambe le giornate. Prevede un contributo di 10 euro, gratis per i bambini fino ai 13 anni di età.

MONZAMBANO

La giornata della famiglia Un Paese Family Friendly è una festa che vedrà la realizzazione di questa terza edizione domenica 29 Settembre nel cuore di Monzambano. Una giornata pensata per valorizzare e promuovere le azioni che mettono al centro i reali bisogni delle famiglie e dei bambini di oggi. Il nostro desiderio è sensibilizzare ulteriormente la comunità a sviluppare politiche educative a misura di bambino e a supporto della genitorialità consapevole. Diamo una particolare attenzione ai bisogni dei bambini e ragazzi diversamente abili, al rispetto della natura e al consumo sostenibile.

12

Domenica 29 settembre dalle 16.30 presso il Lungolago dei Gonzaga Mantova ospiterà la quarta edizione dell’evento più colorato e divertente dell’estate il Color Vibe. La manifestazione prende il nome da vibe che significa sensazione, emozione, vibrazione, sintonia ed energia. Il percorso è lungo 5 chilometri è aperto a tutti e non ci sono limiti di età, si può correre o camminare o ballare. Non è una gara ma una maniera alternativa per divertirsi.

VILLANOVA DE BELLIS

Il tortello e la tradizione Interno verde

Color Vibe, l’evento colorato dell’estate

Nel 1984 vide la luce una delle più belle, tradizionali e meglio riuscite feste a Villanova de Bellis: la 1° Festa dal Turtel, manifestazione che darà via via negli anni, per specializzazione, ospitalità, bontà e qualità, un lustro particolare al comune. Un’occasione per mantenere le tradizioni gastronomiche e culinarie, ecco che sabato 24 e domenica 25 agosto non potrete mancare all’irrinunciabile appuntamento con gli inimitabili tortelli di Zucca De.C.O, piatto simbolo della gastronomia territoriale: i tortelli sono realizzati a mano dai volontari della Nuova Unione Sportiva Villanova de Bellis; le serate saranno allietate da musica live e il divertimento è assicurato.

MANTOVA

MANTOVAFILMFEST & Ugo Tognazzi Dal 20 al 25 agosto torna il MantovaFilmFest, l’edizione 2019 è dedicata al talento e ai mille volti di Ugo Tognazzi. Questa dodicesima edizione del festival ritorna con sei giorni di proiezioni, più di trenta film, tanti ospiti e tre importanti premi da assegnare. Confermate le location del MantovaFilmFest: il Mignon, la prima storica sala d’essai di Mantova, e il Conservatorio Campiani con l’auditorium, il chiostro e il giardino. Tanto cinema di qualità con un percorso ricco di sfumature e sorprese e, soprattutto, all’insegna di quel marchio di fabbrica che è ormai diventato l’anima del MantovaFilmFest: rendere il pubblico il primo protagonista di una vera festa di cinema.

SORBARA ASOLA

Festa del cotechino Nella magica atmosfera del borgo di Sorbara di Asola, la sagra del cotechino rappresenta uno tra gli eventi gastronomici dedicato dell’insaccato nostrano più attesi dell’estate asolana. Venerdì 24 e sabato 25 agosto potrete trovare stand dedicati a lambrusco, birre artigianali, pasta fatta in casa e dolci caserecci e, ovviamente, il cotechino protagonista indiscusso. Il cotechino servito caldo cucinato alla maniera mantovana e gustato a gran bocconi. Non potrà mancare venerdì musica live e sabato gruppi locali che intratterranno il folto pubblico locale ma non solo.

n. 4 Agosto-Settembre 2019


a cura di Elena andreani gazoldo ippoliti

60 anni insieme Non è una favola ma una autentica storia di vita dove i protagonisti sono due splendide persone: Faustina Lucadello e Benito Leoni. 60 anni di matrimonio sembrano un miraggio, ma c’è chi raggiunge con amore e devozione questo magnifico traguardo della vita di coppia. Le chiamano “Nozze di diamante”. La parola dia-

MARMIROLO

Festa dello Stracotto

mante viene dal greco “adamas” e significa invincibile, duraturo. Ed è per questo che si usa contraddistinguere questo importante anniversario proprio con questa pietra preziosissima, da sempre simbolo di amore eterno. Faustina e Benito si sono sposati il 15 agosto 1959 a Montanara, lei originaria di Goito e lui nativo di Gazoldo Ippoliti. Dopo il matrimonio la prima convivenza a Campitello e poi a Sarginesco fino a trasferirsi definitivamente nel 1972 a Gazoldo circondati dai figli Caterina, Marco, Morena, che unitamente alla nuora, ai generi, ai nipoti e pronipoti, augurano a papà Benito e mamma Faustina nel loro 60° anniversario di matrimonio una serena continuità. Auguroni da tutta la redazione di MCG a questa coppia esempio di vera vita coniugale.

MONZAMBANO

Festa dell’uva e rievocazione Giunta alla 46° edizione la festa dell’Uva è tra gli eventi che anima il settembre monzambanese. La tanto attesa rievocazione degli antichi mestieri e del vivere medievale sono gli appuntamenti che i visitatori amano rivivere e nei quali immedesimarsi. Le vie del castello prendono vita, le fiaccole si accendono e si ritorna a vivere il Medioevo, tra nobili, armigeri e figure remote. Un borgo animato, dove si ritroverà un antico mercato, taverne con prodotti tipici, antichi mestieri e scene di vita quotidiana. Il castello sarà movimentato da cortei storici e avranno luogo spettacoli di giocolieri e teatranti. Appuntamento per il 14 e 15 settembre.

GRAZIE DI CURTATONE

fiera delle Grazie

Presso l’area feste prenderà il via da sabato 24 a lunedì 26 agosto la festa dello stracotto, la manifestazione è organizzata dal Gruppo Manifestazioni Marmirolese e sarà possibile assaggiare lo stracotto, uno dei piatti forti della tradizione enogastronomica mantovana. In questi anni la “Festa dello Stracotto” ha raggiunto e consolidato il suo carattere di buona cucina con un affermato menù di stracotto, preceduto da maccheroni, risotto e seguito dal classico gnocco fritto con prosciutto e di molto altro.

Dal 14 al 18 agosto torna l’appuntamento con l’Antichissima Fiera delle Grazie, a Grazie a Curtatone, uno dei borghi più belli d’Italia. La Fiera, con il suo mix unico di arte, cultura e tradizione gastronomica, avrà il suo momento clou, come da tradizione, nella notte fra il 14 e il 15 agosto e nel giorno stesso di Ferragosto, quando il piazzale del Santuario sarà invaso dai colori delle opere di oltre 150 Madonnari provenienti dall’Italia e dall’estero, che proporranno le loro opere più religiose e particolari.

CERESARA

Convivio a Palazzo un tuffo nel passato Dal 30 agosto al primo settembre torna a Ceresara si rinnova l’appuntamento con “Convivio a Palazzo”, la Festa Rinascimentale che si svolgerà presso Palazzo Secco-Pastore di San Martino Gusnago, dove l’Associazione “Compagnia delle Torri” in collaborazione con il Comune di Ceresara rievocherà lo stori-

n. 4 Agosto-Settembre 2019

co banchetto che si tenne nel Palazzo nel 1491 tra il padrone di casa – il nobile Francesco Secco d’Aragona, Francesco II Gonzaga – marchese di Mantova ed Ercole I d’Este, Duca di Ferrara. La Grande Cena con menù rinascimentale di “Convivio a Palazzo”, allestita per le serate di sabato e domenica, prenderà il via con l’arrivo dei commensali, per seguire con una visita guidata alle sale quattrocentesche e quindi allietati da musica, danze, tamburi e sbandieratori, con l’accesso alla cena allestita presso la grande Galleria affrescata dove, alla presenza del padrone di Casa Francesco Secco e degli altri illustri commensali del tempo, gli ospiti saranno immersi nelle atmosfere tipiche dei convivi di quel tempo. Le pietanze servite sono frutto di un lungo ed attento studio al fine di proporre piatti che siano creati sulla base di ingredienti che sono stati utilizzati nel Banchetto del 1491 rielaborando la preparazione delle portate in chiave moderna ed appetibile. In contemporanea al Banchetto saranno aperte al pubblico nella splendida cornice degli spazi aperti della Corte del Palazzo - le “Locande”, dove sarà possibile cenare in un’ambientazione particolarmente suggestiva.

13


brescia life&style DARFO BOARIO TERME/BRENO

Sagre delle tipicità

Dal 22 al 25 agosto imperdibile appuntamento con i “casoncelli”: il vero must della cucina camuna. Ogni zona ha i suoi segreti e modi per preparare il ripieno. Ma la festa per eccellenza che esalta questa prelibatezza camuna è la Sagra dei Casoncelli di Erbanno che si organizza da oltre 30 anni, riscuotendo sempre successo. Quali ingredienti sono alla base di questo particolare ripieno? Ovviamente sono un segreto. Dall’11 al 15 agosto ad Astrio di Breno si svolge la Festa del Baccalà. Astrio, piccola frazione del comune di Breno, è conosciuta per la Sagra del Baccalà, che da oltre 30 anni è una tappa fissa per gli amanti di questa pietanza insolita. Infatti seppure il baccalà non sia un prodotto locale, è utile sapere che in passato era un piatto che veniva consumato frequentemente fino a conquistarsi gli onori di una sagra a lui dedicata.

VALLE CAMONICA

Tradizioni e Sapori in Rifugio 2019 è un calendario di gustose proposte organizzate dall’Associazione gestori rifugi alpini ed escursionistici della Lombardia. Un viaggio alla scoperta dei gusti agroalimentari della Valle Camonica: insieme ai “rifugisti” camune e alle cantine del Consorzio Tutela Vini, sarà possibile salire in quota alla scoperta delle montagne camune, ma anche dei vini, dei formaggi, dei liquori e tanti altri prodotti locali. Fino a sabato 21 settembre tanti appuntamenti con i Sapori di Valle Camonica! Cori di Montagna delle valli bresciane portano il canto là dove è nato: nei rifugi alpini, tra le baite, i pascoli ed i profumi delle valli, fino a domenica 25 agosto tanti appuntamenti con i Cori di Montagna! In quota per assaporare le bollicine della Franciacorta e i vini delle valli bresciane, sino a domenica 8 settembre.

SAN MARTINO DELLA BATTAGLIA

Il vino e la magia dei fuochi Dal 10 al 15 agosto torna la Festa Del Vino a San Martino Della Battaglia: enogastronomia, giochi e musica. Le tradizionali casette in legno del centro sportivo di San Martino della Battaglia saranno di nuovo animate dalle aziende agricole del Basso Garda, per la 44ª Festa del Vino, organizzata dal Gruppo Sportivo di San Martino. Tutte le sere, stand gastronomici aperti dalle 19, rinomate orchestre di liscio e intermezzi artistici. La scenografica conclusione con uno tra gli spettacoli pirotecnici più rinomati del Garda si terrà la sera conclusiva.

14

Festa della transumanza La XXIII Festa della Transumanza si terrà quest’anno da venerdì 20 a domenica 22 settembre. Si tratta di una festa tradizionale incentrata sull’antica pratica della Transumanza del bestiame e sulle usanze delle generazioni passate di pastori e contadini. La festa tradizionale è incentrata su antiche pratiche contadine, in cui si trovano sfilata animali, prodotti tipici, sapori genuini e tanto divertimento. La manifestazione a cura della Pro Loco di Borno, del Comune e della Nuova Associazione Agricoltori.

FRANCIACORTA

Festival Rinascimento Culturale La stagione dei rifugi

BORNO

Dal 14 settembre al 17 ottobre torna il festival Rinascimento Culturale in Franciacorta. 20 relatori per 18 appuntamenti in 7 luoghi. Ideato e promosso dall’omonima associazione, sotto la direzione artistica di Alberto Albertini e quella organizzativa di Fabio Piovanelli, torna per la sesta volta il festival Rinascimento Culturale. Filosofia, Storia, Scienza, Sociologia e Arte per una vera e propria “rivoluzione del sapere” che porterà in Franciacorta alcune delle più illustri personalità del nostro tempo: da Alessandro Barbero a Umberto Galimberti da Vito Mancuso a Telmo Pievani e Guido Tonelli solo per citarne alcuni. Tutti gli incontri avranno inizio alle ore 20,45 e saranno ad ingresso libero e gratuito.

CHIARI

Palio delle quadre Il Palio delle Quadre di Chiari è una staffetta podistica, corsa per le vie del centro cittadino sul percorso della tradizionale processione. L’impegnativo tracciato viene affrontato dalle squadre di ognuna delle quattro quadre, ciascuna composta da quattro atleti che si danno il cambio in Piazza Zanardelli, dopo aver “dato l’anima” per i 1.380 metri del percorso. Alla Quadra vincitrice spetta il diritto di custodire il Palio presso la propria chiesa fino all’anno successivo. Durante la settimana, degustazioni di cibi tipici della tradizione bresciana vengono proposti in ognuno dei quattro stand che vengono allestiti nelle quattro “Quadre” della città. Ogni frazione organizza eventi musicali nel proprio stand per tutte le serate della settimana.

POZZOLENGO

Palio di San Lorenzo Sabato 10 agosto torna a Pozzolengo il Palio di San Lorenzo. Nato 24 anni fa, il Palio di San Lorenzo, conosciuto più comunemente come “Palio della Pastasciutta”, rappresenta l’amore per la tradizione enogastronomica del paese. Durante l’evento si terrà la sfida culinaria tra le contrade del paese che si fronteggiano nella preparazione del miglior sugo. Saranno presenti anche stand gastronomici e cantine del territorio dove degustare piatti tipici accompagnati da ottimi vini. Non mancherà l’intrattenimento musicale con le orchestre più rinomate del territorio.

n. 4 Agosto-Settembre 2019


a cura di elena andreani LONATO

Aquaria Best Day Spa Aquaria Thermal SPA è stata premiata all’ “European Health & Spa Award” come miglior Day Spa in Europa. Il Grand Hotel Terme, 5 stelle di Terme di Sirmione, si aggiudica il terzo posto in Europa come Best Medical Spa. Riconoscimento anche ai trattamenti a Metodo Terme di Sirmione: Antiage Coral e DNA è il miglior trattamento in Italia e

PISOGNE

22ª Mostra mercato

3° posto in Europa. Il premio, reputato il più indipendente e selettivo concorso europeo per l’innovazione nella salute e nel benessere, è stato consegnato a Vienna. Già premiata nel 2018 come Best Thermal Resort, Aquaria Thermal SPA porta a casa, il riconoscimento di aver creato un marchio innovativo con standard di massima qualità, in cui l’acqua e fango termali, sulfurei salsobromoiodici, e il benessere dell’ospite sono al centro dell’offerta e dei trattamenti. Proprio a uno di questi trattamenti a Metodo Terme di Sirmione, Anti-age Coral e DNA, è stato riconosciuto un premio importante. Si tratta di un protocollo di benessere studiato da dermato­logi in cui le risorse naturali, fango e acqua termali, si integrano con la linea cosmetica formulata con il 100% di acqua termale, Aquaria Thermal Cosmetics, e ingredienti innovativi.

PADENGHE

La magia del Medioevo Sabato 17 e domenica 18 agosto tuffo nel passato a Padenghe sul Garda! In centro storico tantissimi appuntamenti per rivivere i tempi dell’antico Medioevo: la fiera delle antiche arti e mestieri, con artigiani in costume che mostrano antiche attività (filiera della seta, lavorazione del ferro battuto, produzione della pergamena); il Palio delle Botti; sfilata di gruppi in costume (sbandieratori, sputafuoco, giocolieri); artisti di strada e ovviamente stand gastronomici. Per i più piccoli gli antichi Ludos (giochi medievali in legno) e grandi animazioni in costume a tema Re Artù, giostre medievali, e infine, fuochi d’artificio e incendio del Castello!

BRESCIA

Il “green” in città Dal 7 al 15 Settembre in Piazza della Loggia, torna Fiorinsieme, l’evento green ideato e progettato da Associazione Florovivaisti Bresciani in collaborazione con il Comune di Brescia che nel corso delle precedenti edizioni ha attirato oltre 60.000 visitatori trasformando gli oltre 1000 metri quadrati di una delle piazze più belle d’Italia in uno splendido bosco urbano, con fiori e piante di ogni tipo, incontri sul verde e mostre mercato con il meglio della produzione florovivaistica della nostra provincia. www.fiorinsieme.it.

Sei un artigiano e vuoi far conoscere il tuo lavoro e la tua passione nel corso di un evento che ogni anno porta sulle sponde del Lago d’Iseo migliaia di visitatori? Tra il 10 e il 17 agosto spettacoli, concerti, arte, cultura saranno le parole d’ordine in una manifestazione nel borgo che si affaccia sull’acqua, per una 22^ edizione della Mostra Mercato ricca di emozioni e sorprese. Per informazioni: mostramercatopisogne@gmail.com.

ISEO

giovani artisti tra promozione condivisione dialogo Promuovere il lavoro di giovani artisti under 35, selezionati tramite bando, favorendo la condivisione e il dialogo tra diversi linguaggi artistici. È questo l’obiettivo di “ContemporaneaMENTI”, l’iniziativa promossa, per la terza volta, dalla Fondazione l’Arsenale di Iseo.

n. 4 Agosto-Settembre 2019

Potranno presentare domanda gli artisti di qualsiasi nazionalità, aventi un’età compresa tra i 18 e i 35 anni. I partecipanti potranno presentare opere rientranti nell’ambito delle arti visive senza limiti di tecnica (pittura, scultura, fotografia), alla condizione che i progetti rispondano ad un concetto univoco espresso attraverso una o più opere. Il tema è libero. La partecipazione alla selezione del bando è gratuita. L’iscrizione alla selezione avverrà attraverso la compilazione di un modulo disponibile online sul sito dell’ente promotore: www.arsenaleiseo.it. Le opere verranno giudicate e selezionate secondo la capacità di utilizzare modalità espressive contemporanee, la qualità estetica, gli elementi di innovazione e sperimentazione; il valore della ricerca artistica; creatività, originalità e utilizzo dei linguaggi in modo trasversale. I progetti vincitori saranno poi oggetto della mostra “ContemporaneaMENTI 2019”, si svolgerà dal 21 settembre al 27 ottobre 2019 presso il Palazzo dell’Arsenale. Verranno assegnate delle Borse di Studio del valore di 200 € per ogni sezione.

15


verona life&style BREONIO DI FUMANE

LA FESTA DEL CICLAMINO

Con il mese di agosto, a Breonio, tornano i colori dell’ormai tradizionale “Festa del Ciclamino”, giunta alla 34ª edizione. Oltre ai fiori, protagonisti assoluti, appuntamento con gli stand gastronomici e l’intrattenimento musicale ed espositivo. Sabato 10, alle 22 “Max Mania – 883 Tribute Band”, domenica 11 dalle 10:00 “13° raduno auto storiche FIAT 500” in collaborazione col “Club Città di Giulietta” e dalle 22:00 “Al-B.Band Live Music”. Mercoledì 14 “Safari Live - Jovanotti Tribute Band”, giovedì 15 agosto dalle 16:00 alle 18:30 laboratori creativi e ludoteca itinerante “FUORIGIOCO” e la sera “Remember anni 80/90 coi dischi in vinile di Alessandro DJ”. Domenica 11 e giovedì 15 agosto, solo a mezzogiorno, specialità Gnocchi di Malga. Tutti gli aggiornamenti si possono trovare sulla pagina Facebook dell’evento: www.facebook.com/breonio

MOLINA

L’11 agosto, con ritrovo di fronte alla Chiesa di Breonio è previsto un percorso di facile – media difficoltà lungo il parco delle Cascate di Casrole. In mezzo alla natura incontaminata, tra i dolci paesaggi della Valpolicella, i podisti potranno apprezzare la ricca vegetazione che caratterizza il territorio, un connubio tra roccia, alberi, arbusti e acqua. Un parco, quello delle cascate, che è meta di turisti da ogni parte d’Italia proprio per la sua versatile connotazione che lo rende adatto a percorsi leggeri e percorsi impegnati. Terminata la passeggiata sarà possibile pranzare presso gli stand della 34° festa del Ciclamino, che per l’occasione cucinerà i tradizionali gnocchi di malga.

GARDA

LA CUCCAGNA Il 5 agosto a Garda appuntamento con “Ciapàr la cucàgna”, competizione sportiva della tradizione popolare, su palo orizzontale disteso sulle acque del Lago di Garda. L’evento, che si terrà alle 21 presso Molo del Porto Vecchio, fa parte del più ampio “Palio delle Contrade” che il comune organizza con la Proloco. Una competizione sportiva faticosa ma al contempo divertente, che si rifà ad antiche tradizioni che risalgono al 1913, anno in cui il vescovo fece visita alla paese lacustre.

16

SAPORI ED EVENTI NEL SEGNO DELLA TRADIZIONE Dal 16 al 20 agosto 2019 si svolgerà l’Antica Sagra di San Bernardo a Gardanello nello spazio circostante la Chiesetta dedicata al Santo. Tutte le sere gli stand gastronomici daranno la possibilità di gustare ottimi piatti tipici con un attenzione particolare alla tradizione. Dopo cena la festa continua con musica dal vivo e intrattenimento, a ideale complemento di un abbraccio tra arte culinaria e musicale. La manifestazione è organizzata dai volontari della contrada di S.Bernardo con la collaborazione della Pro Loco di Garda ed patrocinata dal Comune di Garda.

VILLAFRANCA DI VERONA

MERCATO TRA BELLEZZE E DELIZIE DEL TERRITORIO LA NATURA DELLE CASCATE

GARDA (VR)

11 agosto e 8 settembre appuntamento con “Il Mercatino dell’Antiquariato”. La manifestazione si svolge tutto l’anno da gennaio a dicembre ogni seconda domenica del mese ai piedi del Castello di Villafranca. Dalle 8:00 alle 18:00, lungo tutto Corso Vittorio Emanuele, passando davanti al Duomo e alla Chiesa della Disciplina, gli espositori presentano pezzi di pregio ma anche oggetti accessibili. La visita al Mercato di Villafranca permette una sosta a diversi monumenti della città, al meraviglioso Museo del Risorgimento, spesso sede di mostre temporanee di notevole importanza, di gustare prodotti tipici del territorio nelle numerose osterie oltre alle deliziose sfogliatine dolci, vanto della città nel mondo.

CAVAION VERONESE

WARDAGARDA, FESTIVAL DELL’OLIO GARDA DOP Sabato 7 e Domenica 8 Settembre 2019 torna la due giorni dedicata all’olio Garda DOP, alla sua zona di produzione e agli uliveti che si affacciano sulle acque del Lago di Garda. WardaGarda è la manifestazione dedicata a chi vuole scoprire tutte le qualità dell’olio Garda DOP, in programma sabato 7 e domenica 8 settembre a Corte Torcolo di Cavaion Veronese (VR). L’evento, giunto alla sua quarta edizione, è promosso dal Consorzio Olio Garda DOP con il contributo della Regione Veneto e con l’organizzazione della Pro Loco di Cavaion Veronese. Ospite della manifestazione sabato 7 settembre, dalle 16 all 18, sarà Alessandro Borghese, chef del ristorante “Alessandro Borghese – il lusso della semplicità” (Milano) e protagonista di Alessandro Borghese Kitchen Sound, la trasmissione in onda tutti i giorni su Sky Uno.

MARANO DI VALPOLICELLA

CAMMINANDO, ASPETTANDO IL TRAMONTO Sabato 31 agosto appuntamento con un percorso enogastronomico in notturna. Con ritrovo alle 17:15 presso Corte Borghetti, in Via Praele 19 a Prognol di Marano di Valpolicella, inizierà il percorso che porterà a una camminata verso l’antica contrada Gnirega e le ville “Lorenzi” e “Porta”. Dopo questo percorso, il cui dislivello è di 150 metri, l’evento prosegue, alle 20:30 con la degustazione vincola presso Corte Borghetti. Sarà occasione per abbinare Valpolicella Classico, Superiore, Ripasso e Amarone a salumi e formaggi del territorio e all’Olio d’Oliva EVO “Corte Borghetti”.

n. 4 Agosto-Settembre 2019


a cura di federico martinelli SOAVE

SI FESTEGGIA l’uva Dal 13 al 15 settembre 2019 si svolgerà la tradizionale “Festa dell’uva”. Pronta a tagliare il traguardo della 91^a edizione, la manifestazione organizzata dalla Pro Loco, che arriva in concomitanza con il periodo della vendemmia, è pronta a celebrare il frutto più pregiato delle colline soavesi. Degustazioni, sapori del territorio, cultura, storia e musica;

NEGRAR DI VALPOLICELLA

tRA I VIGNETI DEL VALPOLICELLA

con questo mix è stato allestito un programma che, oltre a portare visitatori in paese, punta a offrire un ventaglio completo di esperienze in grado di coinvolgere tutte le età e gli interessi. In concomitanza della sfilata ci sarà anche la premiazione delle migliori uve del Soave, in collaborazione con Coldiretti e Consorzio di Tutela del Soave. Sempre domenica si terrà il mercatino dell’antiquariato lungo corso Vittorio Emanuele.La musica e gli spettacoli saranno poi un altro degli elementi trainanti della Festa, con le hit e il divertimento dei dj e vocalist di Radio Company, protagonisti della serata di sabato, e la musica country alla domenica. A chiudere il programma quello che è forse l’evento più atteso e suggestivo: i fuochi d’artificio con l’emozionante incendio del castello scaligero. Informazioni: www.prolocosoave.it

ERBÈ

festa dell’anara di erbe’ Torna dal 27 al 29 settembre e dal 4 al 6 ottobre 2019 la “Festa dell’Anara di Erbè”. Per questo evento, che negli ultimi anno ha visto un aumento del flusso di persone, la Pro Loco allestisce nel Parco Due Tioni stand enogastronomici e organizza intrattenimenti musicali. Nel menù della sagra di Erbè ci sono deliziosi piatti tra cui lasagne con anara, risotto all’erbetana, tortelli di zucca, anatra arrosto, grigliata mista, vini, birra, dolci. Questa festa, fra le tante che arricchiscono le proposte aggregative dei vari comuni della provincia, è occasione per conoscere il piatti di tipici di un territorio confinante con Mantova.

CELLORE DI ILLASI

ESTATE INSIEME

Domenica 1 settembre si terrà la 17ª edizione della Magnalonga settembrina, una passeggiata enogastronomica attraverso le strade, i vigneti e le cantine del territorio. Un’occasione unica per vivere, passeggiando in una giornata di settembre, in prossimità della vendemmia, gli angoli, i panorami, le contrade, le ville, i vigneti e le cantine di Negrar. Il percorso, adatto anche ai non sportivi, permette più soste, oltre alla possibilità di ammirare ne numerose aziende vitivinicole che per l’occasione apriranno le loro porte per far conoscere tutto ciò che avviene nelle fasi di produzione del vino. Un appuntamento imperdibile tra i colori dei vigneti e i sapori delle cantine, per vivere una giornata emozionante!

Arrivata alla sua quinta edizione la rassegna “E...state insieme a Cellore” propone una serie di serate di commedie, musica e spettacoli per tutte le fasce d’età, organizzata dall’Associazione “Anche noi” in collaborazione con la Parrocchia di Cellore e con il Contributo del Comune di Illasi e il patrocinio della Regione Veneto. Gli appuntamenti si svolgeranno presso il Pala San Zeno in Via XXV aprile a Cellore d’Illasi (VR) anche in caso di pioggia con inizio alle ore 21. Le serate per famiglie del martedì saranno tutte con ingresso libero.

VALEGGO SUL MINCIO

TRA BORGHI E FIUMI LA TRADIZIONE DEI TORTELLINI “Tortellini e Dintorni”, dal 6 all’8 settembre, a Valeggio sul Mincio, è un percorso enogastronomico, alla scoperta del territorio valeggiano e dell’entroterra gardesano che offre l’occasione di conoscere e gustare i vini e i piatti più prelibati che Valeggio sul Mincio offre alla tavola: tortellini

n. 4 Agosto-Settembre 2019

e tortelli, Custoza, Bardolino e Bardolino Chiaretto e sorprendenti dessert. Le serate di “Tortellini e Dintorni” sono animate da concerti di musica dal vivo, spettacoli, mostre tematiche. Una sezione dedicata all’editoria presenta pubblicazioni e riviste dedicate alle ricette di cucina e allo style food. Il viaggio nel gusto, nei sapori e nelle tradizioni di Tortellini e Dintorni comprende anche il Mercato di eccellenza, di produttori selezionati. Per conoscere e ammirare le bellezze di Valeggio e il suo patrimonio naturale e storico, escursioni e visite guidate alla scoperta del paese e dei dintorni, ricchi di storia e fascino. Con l’occasione a pochi minuti di macchina, o a piedi, è possibile visitare Borghetto sul Mincio, assieme a Valeggio tra i più belli d’Italia. Info: 045.7951880.

17


19.20.21.22 Settembre Mantova

L’Evento

Partito il conto alla rovescia per la 29ª edizione

A CURA di M.T. SAN JUAN

P

er la 29esima edizione moderna del Gran Premio Nuvolari, manifestazione internazionale di regolarità per auto storiche secondo le normative Fia, Fiva e Aci Sport, in programma dal 19 al 22 settembre 2019. La manifestazione, organizzata sin dalla prima edizione del 1991 dalla Scuderia Mantova Corse, farà convergere a Mantova il mondo dell’automobilismo storico per celebrare la figura di Tazio Nuvolari:lo sportivo che più di ogni altro ha segnato la storia del XX secolo. L’edizione 2019 prenderà il via alle 11 di venerdì 20 settembre da piazza Sordello sullo sfondo unico di Palazzo Ducale. Il percorso propone il ritorno alla formula storica, che ha caratterizzato le prime edizioni del Gran Premi Nuvolari negli anni ‘90: il passaggio dal Lago di Garda. La manifestazione si aprirà con le prime prove sulle colline moreniche mantovane. Seguirà poi il transito Gardesano che accompagnerà i concorrenti al break tra gli ulivi del Golf Club di Marciaga, quindi tra la valle dell’Adige e le strade dell’Emilia, per giungere infine a Bologna. Il parco agroalimentare Fico Eataly World, location simbolo della tradizione culinaria italiana nel mondo, ospiterà la cena inaugurale. Poi, il pernottamento nei migliori alberghi del capoluogo emiliano. Sabato 21, la seconda tappa vedrà gli equipaggi affrontare un percorso rinnovato: dopo la partenza da Bologna, i concorrenti percorreranno la Strada Statale 65, col transito dai celebrati passi appenninici della Raticosa e della Futa. Seguiranno poi per le campagne fiorentine e per le

il mito di nivola Tazio Nuvolari è stato un pilota automobilistico e pilota motociclistico italiano. La sua carriera sportiva abbraccia un trentennio dal 1920 al 1950, con l’interruzione di oltre sei anni a causa del secondo conflitto mondiale. La carriera del “Mantovano volante” e di “Nivola”, fu tutt’altro che in discesa. Nuvolari è universalmente riconosciuto come il più grande pilota della storia dell’automobilismo mondiale, e persona dalle spiccate doti umane.

Gran Premio Nuvolari si ritorna a formula storica LA MANIFESTAZIONE, ORGANIZZATA SIN DALLA PRIMA EDIZIONE DEL 1991 DALLA SCUDERIA MANTOVA CORSE, FARÀ CONVERGERE A MANTOVA IL MONDO DELL’AUTOMOBILISMO STORICO

La domenica mattina 22 gli equipaggi prenderanno la via del ritorno verso Mantova. Le vetture affronteranno le mitiche prove di Meldola, poi Faenza, ospiti della Scuderia Toro Rosso, affronteranno l’esperienza adrenalinica in Autodromo ad Imola, quindi Ferrara, con le nuove prove di piazza Trento e Trieste, infine rientreranno in tempo a Mantova per il consueto pranzo di chiusura a Palazzo Ducale. Il rientro in terra mantovana, attraverso Borgofranco e Ostiglia, prevede l’arrivo dei concorrenti in piazza Sordello in tempo per il pranzo al Palazzo Ducale.

colline del Chianti, arrivando infine a Siena in piazza del Campo. Nel tardo pomeriggio gli equipaggi, percorrendo la Strada Marecchiese, giungeranno al traguardo in piazza Tre Martiri a Rimini. La serata riserverà ai concorrenti la tradizionale serata in onore di Tazio Nuvolari, nella cornice unica del Grand Hotel di Rimini.

18

n. 4 Agosto-Settembre 2019


JAGUAR E-PACE

ESCI DAL BRANCO.

E-PACE. Il primo SUV compatto Jaguar è la sintesi perfetta di design, agilità e guida dinamica. Ispirato alle linee di F-TYPE, con scocca sportiva, spazi interni eleganti e vano di carico fino a 1.234 litri. Disponibile anche con trazione integrale All Wheel Drive. Jaguar E-PACE. Per chi segue solo la propria strada.

AUTOCENTER

Via Roma 68/F, Castel d’Ario 0376 665881 concierge.autocenter@jaguardealers.it autocenter.jaguar.it

NATI PER DISTINGUERSI Consumi Ciclo Combinato da 5,4 a 8,9 l/100 km. Emissioni CO2 da 143 a 203 g/km.


4.5.6.7.8 Settembre Mantova

L’Evento

È il Festival di riferimento in Italia con un programma molto ricco che comprende autori famosi e altri poco conosciuti che di prassi, in breve tempo, raggiungono il successo

FESTIVALETTERATURA 2019 nulla di meglio per chi ama leggere a cura di m.t. san juan

la parola poetica nuova protagonista Festivaletteratura rinnova la sua attenzione verso la parola poetica attraverso un programma che vedrà tra le presenze internazionali – oltre al già ricordato Wole Soyinka – il ritorno del premio Pulitzer Philip Schultz, a cui si aggiungerà una serie di incontri con alcuni degli autori più significativi nel panorama della poesia italiana contemporanea: Chandra Livia Candiani, Anna Maria Farabbi, Umberto Fiori, Antonio Prete, Patrizia Valduga. Al centro dell’intervento di Giorgio Agamben sarà l’attualità della tensione tra dialetto e italiano nella lingua poetica del XXI secolo, a fronte di una rinnovata attenzione editoriale verso i poeti dialettali classici e contemporanei. Info: www.festivaletteratura.it

O

ltre 300 appuntamenti in programma per la 23esima edizione del Festivaletteratura, che si terrà a Mantova da mercoledì 4 a domenica 8 settembre. Festivaletteratura consolida la sua dimensione internazionale. Sono oltre 70 gli ospiti stranieri presenti, segnando un record assoluto per la manifestazione. Una scelta voluta, che risponde alla diffusa richiesta di chi viene al festival di estendere il più possibile il raggio di ascolto e accrescere la pluralità del confronto. Questa scelta si riflette anche nell’inserimento in programma di un numero più consistente di eventi in lingua, per favorire chi non ha necessità di traduzione e ridurre ulteriormente la distanza rispetto all’autore. Tra gli autori stranieri che saranno per la prima volta a Mantova si segnalano innanzitutto Margaret Atwood, narratrice canadese di fama mondiale (il 10 settembre, in contemporanea mondiale, Ponte alle Grazie pubblicherà I testamenti, seguito de Il racconto dell’ancella); l’egiziana Nawal al-Sa’dawi, icona dell’impegno per i diritti delle donne nel mon-

gli autori italiani sugli scudi Dacia Maraini (nella foto) ed Erri De Luca guideranno la squadra dei narratori italiani presenti a Festivaletteratura. A loro si aggiungeranno altri assidui frequentatori del Festival come Francesco Abate, Stefania Bertola, Adrian Bravi, Paolo Colagrande, Donatella Di Pietrantonio, Marcello Fois, Michela Marzano, Michela Murgia, Piersandro Pallavicini, Gabriele Romagnoli, Elvira Seminara e Alessandro Zaccuri. Marco Malvaldi porterà una lettura/spettacolo presso la Casa Circondariale di Mantova. Tra le nuove voci spiccano quelle di Erica Barbiani,

20

do musulmano; la scozzese Ali Smith, più volte candidata al Nobel; Valeria Luiselli, astro nascente della letteratura latino-americana; il romanziere statunitense Dave Eggers, fondatore del centro di lettura e scrittura per ragazzi 826Valencia; Bernhard Schlink, autore tedesco tra i più tradotti al mondo; Manuel Vilas, considerato uno degli autori di punta della letteratura spagnola contemporanea. L’edizione 2019 vedrà inoltre il ritorno di altri importanti autori: il premio Nobel nigeriano Wole Soyinka; Ian McEwan e Abraham B. Yehoshua, due delle stelle che hanno tenuto a battesimo Festivaletteratura nel 1997; Elif Shafak, tra le voci più riconosciute della letteratura turca a livello internazionale; lo scrittore e saggista statunitense Jonathan Safran Foer; Howard Jacobson, narratore e umorista britannico già vincitore del Man Booker Prize. Pilar del Rio, giornalista e traduttrice spagnola nonché vedova di José Saramago, ricorderà il Nobel portoghese, protagonista di una delle primissime edizioni del Festival, in un incontro che unirà la presentazione di alcuni scritti finora inediti del grande autore portoghese con le testimonianze legate al suo passaggio mantovano.

narratrice friulana e di Doris Femminis. Corrado Augias – sul rapporto con il divino nella società contemporanea –, Domenico De Masi – sulle sfide portate al nostro tempo dalla paura e dalla creatività – e Massimo Recalcati – sulla tensione desiderante verso l’etheros -.Imprescindibile resta al Festival una riflessione sulla lettura e sui lettori. Maryanne Wolf e Alberto Manguel guarderanno ai cambiamenti dello statuto della lettura e alle conseguenze sulle nostre pratiche di apprendimento portate dalla rivoluzione digitale in corso; Lina Bolzoni ricostruirà la nascita in età moderna della mitologia del lettore, in perenne dialogo con i suoi autori più amati; Gioele Dix confesserà le sue passioni letterarie nascoste in un monologo sul palco di piazza Castello. Gianrico Carofiglio, Massimo Gramellini e Arianna Porcelli Safonov, insieme a Neri Marcorè, apriranno una riflessione sugli usi e gli abusi delle parole.

una cinque giorni di incontri, laboratori, percorsi tematici, concerti e spettacoli con narratori e poeti di fama internazionale Festivaletteratura sceglie la grande narrativa come bussola per orientarsi nel mondo. A partire dagli Stati Uniti, paese che forse più di ogni altro riflette le contraddizioni del nostro tempo. Seguendo il passo del grande romanzo americano, reinterpretato da autori come Dorothy Allison, Salvatore Scibona, Benjamin Taylor e il premio Pulitzer Colson Whitehead, al Festival si potranno percorrere gli spazi immensi e la storia violenta di questo Paese, segnata da migrazioni, tensioni razziali, tragedie collettive, guerre rimosse che continuano a pesare sul suo presente. Il desiderio di emancipazione delle donne di Meg Wolitzer e la condizione umana ai tempi della Silicon Valley sviscerata da Joshua Cohen saranno alcune delle altre facce dell’America in cui specchiarsi nel corso delle giornate di Festivaletteratura.

n. 6 Dicembre-Gennaio 2013


Ottavino API MCG - 30°.indd 8

25/07/19 15:54


14.15 Settembre Brescia

L’Evento

UNA PROPOSTA RICCA, CHE ATTIRA SEMPRE PIÙ VISITATORI DA TUTTA ITALIA, PER I QUALI SONO STATI PENSATI PACCHETTI TURISTICI AD HOC CON PROPOSTE DI SOGGIORNO PER IL WEEKEND

FESTIVAL FRANCIACORTA IN CANTINA gli INTENDITORI SONO SERVITI a cura di m.t. san juan

T

orna il Festival del Franciacorta in Cantina, l’imperdibile appuntamento per gli amanti del bello e del buono che avranno l’occasione di trascorrere un rilassante weekend alla riscoperta dei luoghi dove nasce il Franciacorta. Sabato 14 e domenica 15 settembre, le cantine apriranno le porte per accogliere chiunque vorrà degustare le varie tipologie di Franciacorta e divertirsi in compagnia vivendo un’esperienza unica. Giunta alla sua decima edizione, la kermesse non cessa di sorprendere, con proposte coinvolgenti e una ricca offerta di iniziative dedicate all’intrattenimento e all’approfondimento enogastronomico e culturale. Un appuntamento quindi adatto a tutti: dagli enoappassionati, che potranno partecipare a verticali e degustazioni a tema, agli amanti del buon cibo, che godranno delle gustose proposte di ristoratori locali e chef, tra tradizione e innovazione. Ampio spazio sarà dedicato agli sportivi, che potranno avventurarsi tra i vigneti e le colline facendo trekking e percorrendo itinerari a piedi o in bicicletta, così come alle famiglie che avranno la possibilità di divertirsi con iniziative ludiche e pic-nic nella natura. Non c’è poi occasione migliore per perdersi tra i molteplici luoghi di interesse storico, i castelli, i monasteri e i musei che costellano la Strada del Franciacorta dove i cultori dell’arte avranno solo l’imbarazzo della scelta tra affascinanti borghi, abbazie e ville immerse nel verde. Una proposta ricca, che attira sempre più visitatori da tutta Italia, per i quali sono stati pensati

pacchetti turistici ad hoc con proposte di soggiorno per il weekend in combinazioni di ogni tipo tra cantine, agriturismi, hotel, ristoranti e trattorie. Per coloro che visitano la Franciacorta per la prima volta, o per chi vuole girarla in comodità, sono disponibili anche dei bus tour gratuiti della durata di tre ore circa, che partendo da Rovato fanno sosta da alcuni produttori, con l’accompagnamento di una guida turistica che racconterà il territorio. Il punto di ritrovo principale saranno ovviamente le cantine, che per i loro ospiti sempre più esigenti e curiosi, hanno ideato gli eventi più originali e fantasiosi. La prenotazione delle visite è obbligatoria contattando direttamente le cantine. Gli orari di apertura, salvo diverse indicazioni, saranno dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 19.00.

PROPOSTE COINVOLGENTI E UNA RICCA OFFERTA DI INIZIATIVE DEDICATE ALL’INTRATTENIMENTO E ALL’APPROFONDIMENTO ENOGASTRONOMICO E CULTURALE

Per scoprire quale itinerario è più adatto alle proprie esigenze e passioni, è a disposizione dei visitatori il sito www.festivalfranciacorta.it, dove ciascuno può trovare il percorso ideale.

Le 64 cantine aderenti al Festival 1701-Abrami Elisabetta -Alberelle - Antica Fratta -Azienda Agricola Fratelli Berlucchi - Barboglio De Gaioncelli - Bariselli Gabriella - Barone Pizzini - Bellavista - Berlucchi Guido - Bersi Serlini - Biondelli - Boccadoro- Bonfadini - Bosio - Ca’ Del Bosco - Ca’ D’or- Castello Bonomi Tenute In Franciacorta - Castello Di Gussago La Santissima - Castelveder Cavalleri- Clarabella - Colline Della Stella Di Arici Andrea - Contadi Castaldi - Corte Aura- Corte Fusia - CorteBianca Derbusco Cives - Faccoli Lorenzo - Ferghettina – IBarisèi - Il

22

Dosso - La Costa Di Ome - La Fiòca - La Fiorita - La Montina - La Riccafana di Riccardo Fratus - La Torre - Lantieri De Paratico - Le Cantorie - Le Marchesine - Lovera - Majolini Marchesi Antinori Tenuta Montenisa - Marzaghe – Massussi Luigi- Mirabella - Monte Rossa - Mosnel - Pian Del MaggioPlozza Ome - Quadra - Ricci Curbastro- Romantica - Ronco Calino - San Cristoforo - Tenuta Ambrosini - Tenuta Montedelma - Tenuta Moraschi - Turra- Uberti- Ugo Vezzoli - Villa Crespia - Villa Franciacorta.

n. 4 Agosto-Settembre 2019





Speciale BMW tullo pezzo

bmw clubs europa meeting 2019 Mantova e Tullo Pezzo protagonisti E’ stato giudicato uno dei Raduni BMW più entusiasmanti in oltre mezzo secolo di storia di BMW Clubs Europa. Un raduno europeo da record che si è tenuto in Italia dal 21 al 23 giugno scorso che ha visto sfilare 320 partecipanti provenienti da 17 Paesi, con 115 auto e 60 moto. La 52esima edizione della kermesse motoristica continentale della Casa dell’Elica ha visto per la prima volta quale nazione ospitante il nostro Bel Paese, con la sapiente organizzazione del BMW Auto Club Italia con il supporto dei Club affiliati BMW Drivers Club Italia, BMW E31 Club Italia, BMW Club Veneto. L’evento ha previsto ritrovi a Verona, Mantova e Peschiera del Garda, per permettere agli iscritti di visitare tre siti patrimonio dell’umanità per l’U-

Davide Pezzo con alune ospiti del BMW Europa meeting

nesco, programmi serali spettacolari e, ciliegina sulla torta, la partecipazione alla ‘prima’ dell’Arena, nella serata commemorativa del Maestro Franco Zeffirelli. I tour delle moto sono stati condotti dai membri del BMW Moto Club Verona. La concessionaria partner di Mantova della manifestazione, Tullo Pezzo, ha accolto tutti i partecipanti nella propria collezione permanente di auto e moto storiche e pezzi unici ‘Tullo Pezzo Veteran Cars’, restauro di Modelli BMW che hanno fatto la storia del mondo dell’Auto. Tra questi alcuni modelli rari come la BMW 335 Cabrio Sport, 2 porte, esemplare unico del 1939, che convivono con oggetti e foto storiche come quella del fondatore dell’azienda Tullo Pezzo a cavallo della sua moto al Circuito del Te a Mantova nel 1948, nonchè altri cimeli legate alla storia della prestigiosa azienda mantovana. Gli ospiti internazionali hanno anche avuto la possibilità di effettuare vari tour: da quello del Lago di Garda e Sirmione a quello della Valpantena, Valpolicella e Monte Baldo, dal città di Mantova e strade di Nuvolari, al Verona Storica. In più anche il giro in barca delle fortificazioni di Peschiera del Garda. Il calendario delle giornate ha previsto svariate opportunità di apprezzare, alla guida di auto e moto BMW di qualsiasi modello ed età, i siti più interessanti delle tre province interessate, comprese alcune eccellenze prodottive enogastronomiche dei territori coinvolti: Amarone DOCG, Lugana e Custoza DOC tra i vini del territorio,

lo spazio Spa e Benessere è sicuramente tra i più straordinari offerti nel panorama degli hotel votati al wellness

il riso nano vialone veronese IGP ed i formaggi della Lessinia. I programmi sono culminati nelle indimenticabili serate veronesi: visita e cena al Museo Lapidario Maffeiano di Verona al venerdì, che ha preceduto il concerto dell’Arena, e cena di gala al Palazzo della Gran Guardia al sabato, dove alla presenza di oltre 300 ospiti di svariate nazionalità sono state premiate le auto vincitrici del Concorso d’Eleganza che si è svolto durante il weekend: tra auto e moto BMW molto rare e pregiate premiate una rara BMW 2002 Turbo del 1974 e la più anziana, una BMW 326 del 1938.



LUXURY PLACES

Speciale BMW tullo pezzo a cura di Marco Morelli

BMW the x7 - the 7dome aqua

BMW Tullo Pezzo & Chef Bruno Barbieri, una nuova storia parallela

La vacanza che rigenera anima e corpo

ADLER therme Un’anteprima d’estate all’insegna dello stile, dell’eleganza, della cordialità che fanno parte del DNA della prestigiosa concessionaria mantovana. Un evento targato BMW Tullo Pezzo, che ha avuto come cornice unica nel suo genere Palazzo Castiglioni nella centralissima piazza Sordello a Mantova, dove mattatore della serata è stato lo chef pluristellato Bruno Barbieri, non nelle vesti di giudice delle famose trasmissioni televisive Masterchef e 4 Hotel, ma in qualità di testimonial d’eccezione per la concessionaria mantovana alla quale lo lega una amicizia di lunga data. Riccardo e Nicolò Pezzo, unitamente allo staff della concessionaria, hanno accolto nel più raffinato dei modi, come da consuetudine, un selezionato parterre di ospiti, tra i quali clienti, giornalisti ed amici. Protagoniste della serata mantovana le due nuove splendide ammiraglie di casa BMW, ovvero THE 7, la nuova berlina di lusso che offre un comfort eccezionale, design unico e funzioni all’avanguardia e il maestoso SUV dell’Elica, THE X7, una fusione elegante di look e personalità. Oltre ai momenti di convivialità, che hanno raggiunto l’apice con la luculliana cena di Gala, tanta emozione e istintiva curiosità nel momento in cui sono stati tolti i veli ai due capolavori BMW.

TENUTE A BATTESIMO NEGLI SPLENDIDI GIARDINI DI PALAZZO CASTIGLIONI, A MANTOVA, LE DUE NUOVE AMMIRAGLIE DELLA PRESTIGIOSA CASA BAVARESE. SERATA GLAMOUR ALL’INSEGNA DELLE EMOZIONI, DELL’ ELEGANZA E DELLA CUCINA RICERCATA



Speciale BMW tullo pezzo

BMW the x7

Il magnetismo di possenza ed eleganza ne che suscita la nuova BMW X7. La prima vettura di grandi dimensioni che unisce il mondo del lusso con quello del fuoristrada verrà prodotta in buona parte negli Stati Uniti . È un’auto che fa del comfort, dell’abitabilità e della tecnologia i suoi principali punti di forza, strizzando particolarmente l’occhio ai clienti costantemente alla ricerca dell’esclusività. La nuova BMW X7 colpisce già dal frontale, con l’enorme mascherina sdoppiata, i fari sottili (anche con i potentissimi abbaglianti laser, a richiesta) e le prese d’aria di taglio geometrico nei paraurti. Misura 515 cm in lunghezza, 200 cm in larghezza, 181 cm in altezza e 311 cm nel passo. Si rimane ammaliati anche dalla configurazione a sette posti dell’abitacolo, con tutti i sedili regolabili elettricamente rivestiti in pelle pregiata sin dall’allestimento “base” e la terza fila dotata di bracciolo, vano portabicchieri e presa USB. Il volume del bagagliaio varia dai 326 litri della modalità a sette posti ai 750 litri di capacità della configurazione a cinque posti, mentre la capienza massima nella modalità a pieno carico ammonta a 2.120 litri. Anche la gestione dei sedili è affidata completamente all’elettronica: attraverso dei singoli tasti è possibile abbattere uno o più schienali in pochissimi secondi. Tanto spazio, dunque, per un comfort da prima classe. Alla guida si apprezza la perfetta ergonomia, la risposta del volante e quella del motore 3.0 6 cilindri dotato di quattro turbine e di 400 CV e 760 Nm di potenza. L’erogazione è corposa, lineare e aggiunge quel tocco di adrenalina a un’auto (da circa 2,5 tonnellate) che non fa certo della sportività il suo “core business”, nonostante leprestazioni siano da sportiva di razza: da 0 a 100 km/h in appena 5,4 secondi, con velocità massima di 250 km/h autolimitati. Il cambio automatico Steptronic a 8 rapporti è rapido e preciso ed è gestibile anche dalle palette al

volante, mente la trazione integrale di serie intelligente privilegia sempre la trazione posteriore. La gamma motori si completa con un altro motore diesel, sempre 3.0 6 cilindri da 265 CV e con un benzina 3.0 6 cilindri da 340 CV. La dotazione di serie comprende i cerchi in lega da 20 pollici di diametro, i fari a led, gli interni in pelle Vernasca, il climatizzatore automatico quadrizona, il tetto panoramico in vetro a tre sezioni, i sistemi di illuminazione d’ambiente Welcome Light Carpet e Dynamic Interior Light, le sospensioni pneumatiche adattive a con ammortizzatori a controllo elettronico, il sistema Parking Assistant con il dispositivo Reversing Assistant integrato e i display da 12,3 pollici per BMW Live Cockpit Professional e Control Display. La lista degli optional per la nuova BMW X7, invece, prevede il sistema BMW Laserlight con

30

i fari abbaglianti di colore blu a forma di X che illuminano fino a 600 metri, i cerchi in lega da 21 o 22 pollici, il climatizzatore automatico a cinque zone, il pacchetto Ambient Air, il tetto panoramico Sky Lounge in vetro, l’impianto audio Bower & Wilkins Diamond Surround Sound System, i comandi in vetro, il sistema Rear-Seat Entertainment Professional, i pacchetti Design Pure Excellence ed MSport, la linea di personalizzazioni BMW Individual, i dispositivi Integral Active Steering ed Executive Drive Pro e il pacchetto Off-Road con le modalità di guida in fuoristrada xSand, xGravel, xRocks ed xSnow, più le funzioni BMW Intelligent Personal Assistant con i comandi vocali “Hey BMW”, BMW Digital Key e Remote Software Upgrade. Inoltre, tra gli optional della nuova BMW X7 figura anche il sistema Active Cruise Control con la funzione Stop&Go e il pacchetto Driving Assistant Professional completo dei vari dispositivi di sicurezza Steering & Lane Control Assistant, Lane Change Warning & Lane Departure Warning, Lane Change Assistant, Lane Keeping Assistant con Side Collision Protection, Evasion Aid, Crossing Traffic Warning, Priority Warning & Wrong-Way Warning ed Emergency Stop Assistant, quest’ultimo non disponibile per il mercato europeo. Il listino prezzi parte da un minimo di 94.500 euro per la versione “entry level” e arriva ad un massimo di 119.500 euro per la M50d.

BMW the 7 Berlina di gran lusso Performance sempre eccellenti per un piacere di guidare assicurato. La Nuova BMWSerie 7 Berlina è sinonimo di presenza forte e sicura, prestazioni eccezionali e massimocomfort. La Nuova BMW Serie 7 sembra nata appositamente per prendere il comando grazie al motore TwinPower Turbo di nuova concezione e la trazione xDrive.Il linguaggio emozionale delle eleganti forme di design, la particolare atmosfera dibenessere negli interni, la qualità del dettagli, la possibilità di design su misura e le innovazioni tecnologiche ne fanno la quintessenza della classe lusso BMW. La sovranità incontra l’esclusività. Il lusso incontra le performance. Il design è nuovo: il frontale è stato ridisegnato e presenta una griglia a doppio rene più larga del 40% e sovrastata da un logo più grande, come sulla X7. Cambia il cofano, il paraurti con finiture cromate e i gruppi ottici ora più sottili. Le dimensioni rimangono invariate ad eccezione della lunghezza, che a seconda delle versioni adotta un passo più lungo di 14 cm e quindi una lunghezza di 5,26 metri invece che 5,12. La larghezza è di 1,90 metri, mentre l’altezza è di 1,47 metri (1,48 metri per la versione lunga). Completano il look i cerchi in lega da 21”.

Gli interni danno spazio al lusso, dai rivestimenti pregiati agli inserti in legno. Di serie è previsto il BMW Live Cockpit Professional, con sistema d’infotainment con schermo touch da 12,3” e strumentazione digitale nel cruscotto da 10,25”, gestiti dal nuovo BMW operating system 7.0. Presente l’Intelligent personal assistant che risponde al comando “Hey BMW”. Di serie c’è il parcheggio assistito, mentre nel pacchetto Driving assistant professional, troviamo l’assistente di sterzata, il Traffic jam assist, il sistema di mantenimento corsia con protezione attiva dell’urto laterale, il Cross traffic alert, avviso di marcia contromano, cruise control adattivo con funzione Stop&Go. Sotto al cofano della nuova Serie 7 c’è ampia scelta di unità benzina e Diesel, a 6, 8 e 12 cilindri. Il top di gamma è la M760Li xDrive, con il motore V12 6.6 da 585 CV, mentre sulla 750i xDrive è previsto il motore V8 4.4 da 530 CV. La 750d xDrive monta il motore Diesel da 3 litri e 6 cilindri in linea che eroga 400 cavalli che dicentano 320 sulla 740d xDrive e 265 sulla 730d xDrive. La versione ibrida plug-in 745e ha un motore sei cilindri in linea di 3 litri, che insieme al motore elettrico fanno una potenza totale di 394 CV in modalità Sport.

n. 1 Settembre 2013



Speciale BMW tullo pezzo

bruno barbieri

La mia Bmw Serie 5 Tullo Pezzo per 4 Hotel Sicuramente una delle trasmissioni più azzeccate del palinsesto Sky. Stiamo parlando di “4 Hotel” condotto dal mitico chef Bruno Barbieri dove in ogni puntata si sfidano 4 hotel della stessa categoria e di una determinata area geografica. Bruno Barbieri e gli altri quattro albergatori, per un giorno e una notte nelle strutture in gara, soggiornano valutando con un voto da 1 a 10 la location, i servizi, le camere e il prezzo. I voti vengono svelati durante il confronto finale e, al termine di ogni puntata, lo chef alla guida del programma conferma o ribalta la classifica. E se lo chef è alla guida del programma il suo autista, che lo accompagna verso la designazione del vincitore, è alla guida di una BMW Serie 5 Berlina firmata Tullo Pezzo. Nessun veloce ringraziamento nei titoli di coda, intendiamoci, ma tante inquadrature in primo piano sul vetro lunotto posteriore dell’auto dove fa bella mostra di se il logo Tullo Pezzo. Bruno Barbieri è ormai da anni testimonial della prestigiosa concessionaria mantovana non avendo mai nascosto un’amore incondizionato verso il brand MINI - “La MINI è un auto che ha la sua storia, la sua filosofia, la devi amare e, quando la incontri per la prima volta, è difficile dimenticarla“ - ma soprattutto per un’amicizia storica che lo lega alla famiglia Pezzo.

Imponente bellezza: è questa la prima sensazio-

Concessionaria BMW group Tullo Pezzo srl Via Einstein, 19 - San Giorgio Bigarello (MN) www.tullopezzo.it info@tullopezzo.it



RATIO FAMIGLIA Il cane del vicino abbaia cosa possiamo fare? Nel caso in cui il cane del nostro vicino continui ad abbaiare, disturbando così la nostra quiete, possiamo far intervenire il Comune? La risposta è no: il Sindaco non può adottare ordinanze contingibili ed urgenti per allontanare cani “irrequieti” presenti all’interno di una proprietà privata, a cagione del loro abbaiare, con conseguenti rumori molesti al vicinato durante il giorno, con aggravio nelle ore notturne. Il potere di urgenza del Sindaco può essere

la miglior gestione dell’economia quotidiana

esercitato solo per affrontare situazioni di carattere eccezionale e imprevisto, costituenti concreta minaccia per la pubblica incolumità per le quali non sia possibile utilizzare i normali mezzi apprestati dall’ordinamento giuridico e unicamente in presenza di un preventivo accertamento della situazione, fondato su prove concrete e non su mere presunzioni. Tali presupposti non ricorrono, dunque, laddove il Sindaco possa fronteggiare la situazione con rimedi di carattere corrente nell’esercizio ordinario dei suoi poteri ovvero la situazione possa essere prevenuta con i normali strumenti apprestati dall’ordinamento. Le ordinanze contingibili e urgenti non possono essere adottate per regolare controversie tra privati, bensì possono essere adottate semplicemente per tutelare la collettività in situazioni eccezionali di particolare gravità in

relazione alla previsione di un danno incombente per cui non possa provvedersi con gli ordinari mezzi offerti dalla legislazione.

i nostri diritti

Bandiere blu, Recesso del il mare certificato contratto telefonico Aumentano le Bandiere blu in Italia: 385 spiagge distribuite lungo tutta la costa della penisola italiana, che toccano 183 Comuni, con 8 bandiere in più nel 2019. La Liguria è la regione più virtuosa che, con 3 nuovi ingressi, guida di gran lunga la graduatoria con 30 spiagge, seguita dalla Toscana con 19 e dalla Campania con 18. Le spiagge sono selezionate attraverso 32 diversi parametri, che vanno dalla pulizia e balneabilità delle acque alla depurazione di quelle reflue, dalla raccolta di rifiuti alla presenza di piste ciclabili e aree pedonali fino alla presenza di servizi di salvataggio e di strutture accessibili anche a portatori di handicap.

Condominio, I lavori straordinari non necessitano dell’assemblea? Se risulta urgente e necessario effettuare lavori di manutenzione straordinaria dello stabile condominiale e non c’è il tempo per convocare l’assemblea e ottenere l’autorizzazione dei condomini all’avvio delle opere, l’amministratore può intervenire immediatamente e incaricare una ditta esterna per le riparazioni. Egli deve, cioè, adoperarsi per evitare che si verifichino danni a persone o cose eliminando la situazione di pericolo. Dunque, pur essendo le decisioni relative alle manutenzioni straordinarie di competenza assembleare, la legge prevede che se queste manutenzioni rivestono carattere di urgenza, spetta all’amministratore intervenire. Una volta che ha autorizzato l’avvio dei lavori, l’amministratore deve convocare l’assemblea e riferire ai condomini di tale situazione affinché la spesa sia accettata. Appurato che, per eseguire dei lavori urgenti,

34

l’amministratore non deve prima convocare l’assemblea e farsi autorizzare, egli ha però l’obbligo di riferirne nella prima assemblea. Il Codice civile non richiede che l’assemblea ratifichi le spese straordinarie disposte, qualora queste rivestano i connotati dell’indifferibilità e dell’urgenza.

La facoltà di recedere dai contratti per adesione o di trasferire le utenze presso altro operatore è riconosciuta senza vincoli temporali e potrà essere esercitata in ogni momento, fatto salvo l’obbligo di preavviso che non può essere superiore a 30 giorni.Gli utenti devono poter conoscere anche il lasso temporale necessario per il compimento, da parte dell’operatore, di tutti gli adempimenti obbligatori per la compiuta lavorazione della richiesta di disattivazione o trasferimento così da poterne valutare

l’opportunità. La durata massima di tale lasso temporale è di 30 giorni, coincidenti con il termine previsto per il preavviso. L’Autorità ha stabilito che le spese di recesso non potranno eccedere il canone mensile mediamente pagato dall’utente: il riferimento al canone mensile consente di evitare che gli operatori addebitino agli utenti spese non proporzionate al valore del contratto. In caso si decida di recedere dal contratto anticipatamente, prima di una data scadenza, gli operatori dovranno sempre concedere agli utenti la facoltà di scegliere se continuare a pagare le rate residue (relative ai servizi e ai prodotti offerti congiuntamente al servizio principale) ovvero pagarle in un’unica soluzione. Solo in questo modo, secondo l’Autorità, sarà garantita all’utente la piena libertà di recedere dal contratto, senza limitare significativamente l’esercizio del suo diritto.

Pagina realizzata in collaborazione con Centro Studi Castelli. Per abbonarsi a Ratio Famiglia: Tel. 0376.775130 ; www.ratiofamiglia.it ; servizioclienti@ratiofamiglia.it

n. 3 Giugno-Luglio 2018


VENDITA

ASSISTENZA 4.0

Zanoni è concessionaria MAN, specializzata nella vendita e nell’assistenza di veicoli commerciali e industriali, nuovi e usati. Un team di professionisti che mette al centro il cliente rispondendo alle sue esigenze con competenza e professionalità. Ricambi originali, Assistenza 24H anche per tutto il mese di Agosto. Revisioni annuali completano in modo eccellente l’offerta dei servizi Zanoni. Vi aspettiamo nelle sedi di Castel Goffredo(MN) e Brescia Est (Autoparco).

www.zanoni-man.it Seguici su Facebook

Pag Man Zanoni Assistenza - MCG 4.indd 1

RICAMBI

L’ASSISTENZA ZANONI NON VA MAI IN VACANZA Strada Casaloldo, 3 46042 Castel Goffredo (Mn) Tel. +39 0376 770382 info@zanoni-man.it

Via Pertini, 16 25014 Castenedolo (Bs) Presso Autoparco Uscita Autostrada Bs EST Tel. +39 030 2040049

26/07/19 17:08


ABITARE

LUMEN, LA SICUREZZA SECONDO BAUXT Bauxt presenta le grate Lumen quale soluzione perfetta per mettere in sicurezza le finestre, le porte-finestra e le porte di servizio di casa, di uffici, di locali commerciali o negozi. Sono caratterizzate da una robusta struttura in acciaio arricchita da numerose protezioni antitaglio posizionate in tutti i punti più deboli ed esposti ad attacchi spesso presenti in prodotti di questo tipo. Le grate Lumen sono molto di più di un deterrente, sono una protezione attiva contro i tentativi di scasso e, secondo la stessa classificazione delle porte blindate, sono disponibili in Classe 3 e in Classe 4. Le inferriate sono disponibili in numerose configurazioni e dimensioni, dalla classica grata fissa alle versioni apribili per finestre e per portefinestre, a singolo o doppio battente. Sono caratterizzate da un ridotto ingombro in

di barbara gazzi

profondità (solo 30 mm) che le rende impiegabili anche in muri di ridotto spessore. La verniciatura a polveri epossidiche termoindurenti le rende idonee all’installazione esposta agli agenti atmosferici. A seconda della configurazione è possibile inserire fregi sulle barre o inserti (anche su disegno fornito dal cliente) su una fascia predisposta da 100 mm. Le grate Lumen 3 sono dotate di barre in acciaio pieno da 16 mm intercalate da barre in acciaio antitaglio da 16 mm, le grate Lumen 4 hanno la stessa tipologia di barre maggiorate a 20 mm di sezione. Le grate Lumen 3 permettono apertura sia verso l’esterno sia verso l’interno mentre le grate Lumen 4, caratterizzate da un’ulteriore lamiera da 3 mm di spessore a protezione della battuta centrale, si aprono esclusivamente verso l’esterno.

TENDENZE

BAXI, LA PRIMA CALDAIA AD IDROGENO

IL LIVING di SCANDOLA MOBILI

Il 25 giugno, la prima caldaia premiscelata certificata alimentata ad idrogeno è stata messa in funzione in un contesto reale nella cittadina di Rozenburg, Olanda. Il progetto è stato sviluppato da BDR Thermea Group, leader nella produzione di sistemi di riscaldamento smart, la cui mission è lo sviluppo e la produzione di soluzioni di riscaldamento e acqua calda senza emissioni di anidride carbonica. Questa rivoluzionaria caldaia utilizza idrogeno puro, prodotto dall’energia eolica e solare, come combustibile senza rilasciare alcuna CO2. La società Stedin, fornitore di gas che ha avviato il progetto, è responsabile della produzione ecosostenibile e della fornitura di idrogeno. Il principio di funzionamento della caldaia ad idrogeno è lo stesso di quello di una caldaia a gas naturale. In futuro, saremo in grado di sostituire le caldaie a gas con le caldaie ad idrogeno, a condizione che la fornitura di idrogeno sia disponibile attraverso i gasdotti. Ecco perché la collaborazione con gli operatori di rete è di fondamentale importanza per BDR Thermea. Oltre al progetto pilota di Rozenburg, sarà avviato anche un progetto dimostrativo nel Regno Unito. Oltre 400 caldaie ad idrogeno verranno installate nei prossimi due anni. Vorremmo invitare altri operatori di rete e proprietari di edifici in Europa a collaborare anche a test sul campo. In questo modo, lo sviluppo di un approvvigionamento di calore privo di CO2 sarà accelerato. Ciò stimolerà anche la produzione di idrogeno sostenibile tramite l’utilizzo di energia eolica e solare.

Scandola Mobili presenta la nuova collezione living Maestrale ampliando e completando questa linea che ha segnato l’evoluzione stilistica dell’azienda negli ultimi anni. Maestrale diventa così un catalogo ricco di proposte per la cucina, per la zona notte e giorno, tutte contraddistinte da un gusto contemporaneo. Il lancio di questo nuovo catalogo è un’importante tappa per Scandola Mobili sempre più in linea con le tendenze attuali dell’abitare. Il legno, che rimane il protagonista assoluto della produzione aziendale, viene esaltato con laccature e dettagli in alluminio e in vetro. Una collezione all’insegna della modernità senza rinunciare all’eleganza e al calore tipico degli ambienti firmati Scandola Mobili. Colori naturali ed essenze materiche per un living adatto a qualsiasi gusto. Con una struttura in abete color tortora, questa composizione è formata da una libreria con elementi a terra di profondità 36cm e basi sporgenti da 50cm di spessore. Il vano per tv è modulabile in larghezza. Lo schienale, così come le ante, del sistema è realizzato con un effetto cemento in finitura peltro.

REIWA SOLUZIONE SU MISURA La zona notte supera il concetto tradizionale di camera da letto. Per diventare un ambiente intimo interamente dedicato a noi stessi. E nel quale scegliere i capi d’abbigliamento che più amiamo in una cabina armadio dall’allure di uno scrigno prezioso. Reiwa è una soluzione su misura per bisogni sempre nuovi.

SOL SEDUTE OUTDOOR

TAVOLO YORK, che RAFFINATEZZA Sol è una collezione di sedute che, proprio come accade con le note di una composizione musicale, nasce declinando i vari moduli in diverse combinazioni. Ideate per l’outdoor, ma adatte anche all’interno, le sedute disegnate da Michela e Paolo Baldessari si distinguono per una base minimal e originale.

I 4Mariani presenta la nuova collezione York che si distingue per la base dal richiamo surrealista: una struttura in massello di noce canaletto scolpito come a formare delle braccia che sostengono il generoso piano, rotondo o rettangolare, realizzato in vetro. Un contrasto di materiali e sensazioni perfettamente riuscito.


ECo&green

FOCUS di giacomo gabriele morelli

di benedetta bottura

Integratori pillole miracolose Pare che oggi qualunque problema sia risolvibile con un integratore alimentare. Pochi sono davvero utili, molti sono inutili, altri possono rivelarsi dannosi. La parola d’ordine è chiedere al medico, ma facciamo un po’ di chiarezza. Una dieta equilibrata è di norma sufficiente ad apportare tutti gli elementi necessari al nostro benessere. È vero però che la maggior parte di noi non ha una dieta sana. Ed ecco che compaiono integratori di ogni tipo, che promettono di farci diventare atleti, modelle, geni e amanti eccezionali. Parliamo di circa 90000 prodotti, assunti da quasi la metà della popolazione. Solo persone con particolari problemi dovrebbero assumere integratori e solo delle analisi sono in grado di dire se abbiamo delle carenze. La maggior parte degli integratori sono, così come recitato dall’etichetta, sostanze naturali, normal-

Dal Giurassico lucertole, ramarri e gechi mente presenti nell’organismo e quindi la parte in più, la eliminiamo e basta, ma in alcuni casi possono provocare danni anche gravi. Qualche esempio? La niacina controlla il colesterolo, ma aumenta gli zuccheri nel sangue; il Sovraccarico secondario di ferro dà stanchezza e debolezza, affatica il cuore e il fegato; la vitamina C causa gastrite; il calcio dà ipercalcemia; lo zinco causa anemia e il magnesio influisce sulla pressione. Insomma non esistono pillole miracolose, basta avere una vita sana.

Nel mondo animale non c’è alcun dubbio che i sauri rappresentino la forma di vita più vicina a quelle che caratterizzavano il Giurassico. Sebbene le dimensioni delle specie attuali siano solo miniature degli esemplari talvolta terrificanti che imperversavano in quell’era, proprio per questo motivo emanano un fascino particolare. I sauri italiani, quelli padani in particolare, sia per le proprie abitudini schive, sia per l’habitat poco praticabile che in genere essi prediligono (siepi, gineprai e pietraie), non sono tra gli animali

natura & sport

Pedalare tra le cime degli alberi Pedalare tra le cime degli alberi con la sensazione di librarsi sopra la foresta. In Belgio è stata realizzata una ciclabile sospesa a 10 metri d’altezza, per sentirsi totalmente immersi nei colori e nei profumi della natura. Il percorso si trova in Fiandra, nel distretto di Limburgo, all’interno del parco De Wijers.

curiosità

Nara la città dei cervi sacri Centinaia di cervi si aggirano indisturbati per il centro cittadino, attraversando strade ed entrando nei negozi, coccolati dai turisti che li accarezzano e li nutrono. Questo succede A Nara, in Giappone. Nel Seicento i cervi erano ritenuti i sacri messaggeri degli dei del tempio shintoista di Kasuga. Una legge ne tutelava il benessere e la loro uccisione era punita con la morte. Oggi gli animali godono del riconoscimento di monumento naturale e sono ancora protetti dalla legge, anche se non è più così severa. Gli animali sono perlopiù mansueti e accettano volentieri il contatto umano. Naturalmente gli incidenti non mancano, capita che sprovveduti turisti vengano incornati dai cervi. Gli animali non hanno però vita facile, fuori dalla città, dove sono considerati animali invasivi che distruggono le colture. Per questo nel 2017 il governo ha sostenuto l’abbattimento di 450 mila esemplari.

n. 3 Giugno-Luglio 2013

La pista è circolare ed è lunga 700 metri. La ciclabile è sostenuta da piloni di acciaio che simulano i tronchi degli alberi per armonizzarsi il più possibile con l’ambiente. Con la stessa logica di fusione totale nella natura, nel parco c’è anche un’altra ciclabile, che taglia un laghetto, dando l’impressione di essere immersi nell’acqua.

il lago che scompare Che crediate o no alle superstizioni il lago di Loughareema, soprannominato The Vanishing Lake (il lago che scompare), esiste davvero. Parliamo di un grande specchio d’acqua che si trova in Irlanda del Nord. Senza una particolare ciclicità il lago si prosciuga così rapidamente da sembrare una vasca da bagno che si svuota. Il fenomeno è causato dall’ostruzione di un canale naturale. Con le piogge il lago si riempie, quando il “tappo” di torba non regge più il peso dell’acqua, cede lasciando che questa defluisca rapidamente in canali sotterranei. Le leggende narrano che quando l’acqua è al suo massimo livello, gli spiriti di chi ci è annegato dentro tornino sulle sponde del lago. Tra questi ci sarebbe il colonnello John Magee McNeille che morì per aver costretto il suo cocchiere ad attraversare il lago.

più conosciuti ed apprezzati. Se si escludono le lucertole più comuni, ben visibili, di ramarri e altri sauri affini si ignora l’esistenza. Eppure la grazia e la livrea multicolore (soprattutto nei maschi) di questi piccoli esseri ha sempre colpito gli artisti più noti. A Mantova nel Palazzo Te il ramarro sbuca un po’ da tutte le parti: nella Camera delle Imprese sul camino e nel fregio, nella Sala dei Cavalli sul soffitto, nella Camera di Amore e Psiche alcuni putti giocano con la “salamandra” (ma è un ramarro) tenendola per la coda, nella Camera dei Venti e in quella delle Aquile due lucertole scendono dai camini marmorei; e si potrebbe continuare. Sino a pochi anni fa nel Mantovano non era raro vedersi attraversare la strada da un lampo color verde smeraldo acceso. Oggi purtroppo l’inimita-

bile livrea del ramarro la si può cogliere solo sui sentieri meno trafficati (e occorre un buon colpo d’occhio). Nel Mantovano, e nelle provincie confinanti, si hanno qua e là segnalazioni sempre più frequenti di gechi. Probabilmente in questi ultimi anni le temperature in netto rialzo stanno permettendo la sopravvivenza e la diffusione di questa simpatica specie, non propriamente autoctona, che predilige il clima caldo della fascia mediterranea. La sua piccola sagoma appiccicata alla parete o al soffitto di casa potrebbe suscitare un ingiustificato timore, ma un innocuo geco costituisce un insetticida naturale di elevata efficacia, con zero effetti nocivi, nonché un’originale presenza.

37


ANNAMARIA CATANO CI CONDUCE NEI LUOGHI PIÙ ESCLUSIVI AL MONDO DOVE RITROVARSI NELLO SPIRITO E RICREARSI NEL CORPO

MEDICAL SPA La Remise en Forme

PARK HOTEL IMPERIAL

Armonia e benessere a Limone sul Garda È l’effetto Tao. Al Park Hotel Imperial di Limone sul Garda si arriva stanchi, stressati, sovrappeso. Se ne esce rilassati, dimagriti, tonici e, soprattutto, con il sorriso sulle labbra. La spiegazione è tutta in un antico ideogramma cinese. Il Tao, da cui il centro prende il nome, indica la Via della consapevolezza di sé e del mantenersi in salute. L’immagine di un uomo in cammino verso un obiettivo forte: il proprio benessere. E’ nata per questo scopo la Natural Medical Spa del Park Imperial, unica in Italia nel suo genere. Al Centro Tao di Limone infatti s’impara innanzitutto a star bene. Perché in Cina i medici venivano pagati solo quando i pazienti erano in salute. Non quando si ammalavano. “I medici saggi” recita un testo classico di medicina interna dell’Imperatore Giallo, 2600 anni prima di Cristo “sono coloro che non si limitano a curare gli ammalati ma insegnano ai sani il Tao cioè come fare per non ammalarsi”. L’Elisir di lunga vita La Via del Tao ha dunque origini antichissime ed una tradizione secolare che ben si sposa con un luogo, Limone sul Garda, alla ribalta della cronaca anche per essere depositario del segreto dell’elisir di lunga vita. Nel 1979 infatti si scoprì che i limonesi posseggono nel loro DNA una proteina anomala in grado di ripulire le arterie in gran velocità. Causa di questa piccola e felice mutazione sarebbe l’isolamento che per secoli ha permesso ai gardesani di nutrirsi esclusivamente di prodotti locali, ricchi di principi nutritivi preziosi. Il pesce, l’olio d’oliva, i limoni. Approccio olistico Così il Centro Tao, che sorge proprio in questo angolo di paradiso sulla sponda occidentale del maggior lago italiano, propone oggi su basi scientifiche un approccio olistico alla salute, che integra la medicina tradizionale cinese con la scienza medica occidentale. “L’alimentazione è importante per garantirsi una vita lunga e serena ma noi lavoriamo sulla salute a 360 gradi” spiega Arianna Risatti, gentile signora che è, al contempo, il direttore sanitario e l’anima del Centro. “Staccare la spina vuol dire capire che bisogna dare una svolta, cambiare stili di vita. Per questo proponiamo una vacanza mirata al benessere

Doppia Medical Beauty.indd 38-39

ed alla prevenzione delle malattie”. I benefici si sentono subito, ma soprattutto continuano quando si torna a casa. L’età degli ospiti è davvero varia, si oscilla dai 18 agli ottant’anni. Molti sono gli uomini, moltissimi i repeaters. “Dopo una prima esperienza continuano a venire” sottolinea “per me è un orgoglio vedere come queste persone si tengono in forma”. E non è tanto per dire. Ai tavolini, a fare la merenda Tao che tiene a bada l’indice glicemico, c’è un brizzolato architetto milanese che mi racconta di essere nuovamente al Park Imperial per la trentesima volta. Ogni anno scappa via una settimana per rigenerarsi dallo stress metropolitano in questa incantevole località lacustre. Le “coccole cinesi” creano proprio dipendenza. L’Elisir d’Arianna L’instancabile Arianna, oltre al metodo Tao, propone anche una linea di cosmetici naturali di altissima qualità. Longevità sì ma anche bellezza. La dottoressa Risatti studiando con grande passione la fitocosmetica ha creato una linea di prodotti e trattamenti vari: l’Elisir d’Arianna. Già nel nome è contenuta una promessa. Gli ingredienti, con coloranti, conservanti ed emulsioni esclusivamente vegetali, sono estratti dalle piante e dalle erbe locali. Come pure tutti gli integratori del Centro. Il metodo Tao La medicina tradizionale cinese è una scienza complessa che studia l’equilibrio dei vuoti (xu) e dei pieni energetici. Siamo parte integrante della Natura e dobbiamo costantemente riallineare e riequilibrare i nostri bioritmi. Per ripristinare il qi, l’energia vitale e rallentare il processo d’invecchiamento. Guidati e coccolati da un team di professionisti altamente qualificati e specializzati: non solo medici ma naturopati,

terapisti, trainers che insegnano a respirare e a mangiare in modo corretto. La dieta Tao sfrutta i principi della dieta mediterranea seguendo l’indice glicemico e i ritmi cronologici della nutrizione. In modo gustoso ed equilibrato. Palme, olivi, agrumi Ma è possibile anche godere dell’ospitalità dell’albergo senza sottoporsi alle cure. Completamente rinnovato nel 2018 il Park Imperial le sue cinque stelle se le merita tutte. Grazie all’impegno della famiglia Risatti, imprenditori alberghieri da oltre mezzo secolo, l’hotel è tra le più belle strutture turistiche dell’intera area gardesana. Sorge nel mezzo di un rigoglioso giardino mediterraneo tra agrumi, olivi, aceri e palme e vanta 66 camere color avorio.

Ve lo consigliamo perchè Perché il programma Tao è unico nel suo genere. Perché il riequilibrio energetico sposa l’aspetto nutrizionale Perché insegna un metodo per mantenere in autonomia, a casa, uno stile di vita sano Perché stanze e giardino accontentano l’ospite più esigente Perché anche solo Limone sul Garda vale il viaggio

Informazioni Utili La minicura Tao (tre notti da giovedì a domenica o da domenica a mercoledì) costa a partire da € 1200 a persona in camera doppia. La settimana invece parte da € 2340. I prezzi sono comprensivi di accertamenti medici ed energetico-funzionali, terapie di riequilibrio energetico, menù detox, lezioni Tao.

Le pareti in tessuto chiaro e i mobili in legno laccato si specchiano nei vetri e nei cristalli che arredano stanze luminose e silenziose. Ed il relax è assicurato. In bici a strapiombo sul lago Dulcis in fundo non può mancare almeno una passeggiata a Limone sul Garda: località incantevole, sulla sponda occidentale, tra monti e lago, di cui scrive già Goethe nel suo Viaggio in Italia. Un borgo fiorito, un vero spettacolo di grazia e bellezza, che ha anche appena inaugurato il primo tratto della pista ciclabile più panoramica d’Europa, una passerella in legno ed acciaio, costruita a sbalzo e a strapiombo sull’acqua.

www.parkhotelimperial.com www.centrotao.com Tel.0365 954591

28/07/19 09:37


ANNAMARIA CATANO CI CONDUCE NEI LUOGHI PIÙ ESCLUSIVI AL MONDO DOVE RITROVARSI NELLO SPIRITO E RICREARSI NEL CORPO

MEDICAL SPA La Remise en Forme

PARK HOTEL IMPERIAL

Armonia e benessere a Limone sul Garda È l’effetto Tao. Al Park Hotel Imperial di Limone sul Garda si arriva stanchi, stressati, sovrappeso. Se ne esce rilassati, dimagriti, tonici e, soprattutto, con il sorriso sulle labbra. La spiegazione è tutta in un antico ideogramma cinese. Il Tao, da cui il centro prende il nome, indica la Via della consapevolezza di sé e del mantenersi in salute. L’immagine di un uomo in cammino verso un obiettivo forte: il proprio benessere. E’ nata per questo scopo la Natural Medical Spa del Park Imperial, unica in Italia nel suo genere. Al Centro Tao di Limone infatti s’impara innanzitutto a star bene. Perché in Cina i medici venivano pagati solo quando i pazienti erano in salute. Non quando si ammalavano. “I medici saggi” recita un testo classico di medicina interna dell’Imperatore Giallo, 2600 anni prima di Cristo “sono coloro che non si limitano a curare gli ammalati ma insegnano ai sani il Tao cioè come fare per non ammalarsi”. L’Elisir di lunga vita La Via del Tao ha dunque origini antichissime ed una tradizione secolare che ben si sposa con un luogo, Limone sul Garda, alla ribalta della cronaca anche per essere depositario del segreto dell’elisir di lunga vita. Nel 1979 infatti si scoprì che i limonesi posseggono nel loro DNA una proteina anomala in grado di ripulire le arterie in gran velocità. Causa di questa piccola e felice mutazione sarebbe l’isolamento che per secoli ha permesso ai gardesani di nutrirsi esclusivamente di prodotti locali, ricchi di principi nutritivi preziosi. Il pesce, l’olio d’oliva, i limoni. Approccio olistico Così il Centro Tao, che sorge proprio in questo angolo di paradiso sulla sponda occidentale del maggior lago italiano, propone oggi su basi scientifiche un approccio olistico alla salute, che integra la medicina tradizionale cinese con la scienza medica occidentale. “L’alimentazione è importante per garantirsi una vita lunga e serena ma noi lavoriamo sulla salute a 360 gradi” spiega Arianna Risatti, gentile signora che è, al contempo, il direttore sanitario e l’anima del Centro. “Staccare la spina vuol dire capire che bisogna dare una svolta, cambiare stili di vita. Per questo proponiamo una vacanza mirata al benessere

Doppia Medical Beauty.indd 38-39

ed alla prevenzione delle malattie”. I benefici si sentono subito, ma soprattutto continuano quando si torna a casa. L’età degli ospiti è davvero varia, si oscilla dai 18 agli ottant’anni. Molti sono gli uomini, moltissimi i repeaters. “Dopo una prima esperienza continuano a venire” sottolinea “per me è un orgoglio vedere come queste persone si tengono in forma”. E non è tanto per dire. Ai tavolini, a fare la merenda Tao che tiene a bada l’indice glicemico, c’è un brizzolato architetto milanese che mi racconta di essere nuovamente al Park Imperial per la trentesima volta. Ogni anno scappa via una settimana per rigenerarsi dallo stress metropolitano in questa incantevole località lacustre. Le “coccole cinesi” creano proprio dipendenza. L’Elisir d’Arianna L’instancabile Arianna, oltre al metodo Tao, propone anche una linea di cosmetici naturali di altissima qualità. Longevità sì ma anche bellezza. La dottoressa Risatti studiando con grande passione la fitocosmetica ha creato una linea di prodotti e trattamenti vari: l’Elisir d’Arianna. Già nel nome è contenuta una promessa. Gli ingredienti, con coloranti, conservanti ed emulsioni esclusivamente vegetali, sono estratti dalle piante e dalle erbe locali. Come pure tutti gli integratori del Centro. Il metodo Tao La medicina tradizionale cinese è una scienza complessa che studia l’equilibrio dei vuoti (xu) e dei pieni energetici. Siamo parte integrante della Natura e dobbiamo costantemente riallineare e riequilibrare i nostri bioritmi. Per ripristinare il qi, l’energia vitale e rallentare il processo d’invecchiamento. Guidati e coccolati da un team di professionisti altamente qualificati e specializzati: non solo medici ma naturopati,

terapisti, trainers che insegnano a respirare e a mangiare in modo corretto. La dieta Tao sfrutta i principi della dieta mediterranea seguendo l’indice glicemico e i ritmi cronologici della nutrizione. In modo gustoso ed equilibrato. Palme, olivi, agrumi Ma è possibile anche godere dell’ospitalità dell’albergo senza sottoporsi alle cure. Completamente rinnovato nel 2018 il Park Imperial le sue cinque stelle se le merita tutte. Grazie all’impegno della famiglia Risatti, imprenditori alberghieri da oltre mezzo secolo, l’hotel è tra le più belle strutture turistiche dell’intera area gardesana. Sorge nel mezzo di un rigoglioso giardino mediterraneo tra agrumi, olivi, aceri e palme e vanta 66 camere color avorio.

Ve lo consigliamo perchè Perché il programma Tao è unico nel suo genere. Perché il riequilibrio energetico sposa l’aspetto nutrizionale Perché insegna un metodo per mantenere in autonomia, a casa, uno stile di vita sano Perché stanze e giardino accontentano l’ospite più esigente Perché anche solo Limone sul Garda vale il viaggio

Informazioni Utili La minicura Tao (tre notti da giovedì a domenica o da domenica a mercoledì) costa a partire da € 1200 a persona in camera doppia. La settimana invece parte da € 2340. I prezzi sono comprensivi di accertamenti medici ed energetico-funzionali, terapie di riequilibrio energetico, menù detox, lezioni Tao.

Le pareti in tessuto chiaro e i mobili in legno laccato si specchiano nei vetri e nei cristalli che arredano stanze luminose e silenziose. Ed il relax è assicurato. In bici a strapiombo sul lago Dulcis in fundo non può mancare almeno una passeggiata a Limone sul Garda: località incantevole, sulla sponda occidentale, tra monti e lago, di cui scrive già Goethe nel suo Viaggio in Italia. Un borgo fiorito, un vero spettacolo di grazia e bellezza, che ha anche appena inaugurato il primo tratto della pista ciclabile più panoramica d’Europa, una passerella in legno ed acciaio, costruita a sbalzo e a strapiombo sull’acqua.

www.parkhotelimperial.com www.centrotao.com Tel.0365 954591

28/07/19 09:37


LUXURY PLACES

a cura di Marco Morelli

aqua dome La vacanza che rigenera anima e corpo

In Austria, veramente a due passi dal confine italiano AQUA DOME abbina la bellezza del design contemporaneo con l’antica tradizione curativa dell’acqua termale. L’acqua curativa sulfurea che da millenni sgorga dalle rocce delle montagne di Längenfeld, piccola località alpina a un centinaio di km dal Brennero, scorre tra gli scenografici bacini di pietra cemento e vetro dalle linee minimaliste: AQUA DOME è, infatti, la fusione tra natura e innovazione. Per valorizzare il complesso termale e renderlo unico al mondo la natura si è affiancata all’architettura: le gigantesche vetrate e le pareti trasparenti consentono agli ospiti di vivere anche negli spazi interni l’atmosfera autentica del paesaggio alpino che circonda Längenfeld. Con i singolari giochi di luci e di specchi che creano le superfici acquatiche con le maestose cime delle montagne il connubio tra la natura e la struttura termale è perfetto. AQUA DOME è stato realizzato secondo gli ultimi

criteri di eco compatibilità ma anche seguendo i moderni concetti del feng shui con flussi energetici positivi che sostengono la salute la vitalità e la gioia di vivere di chi vi soggiorna. L’AQUA DOME è un tempio del benessere, dove assaporare il lusso del riposo assoluto. Qui si allargano gli spazi, gli orizzonti e si prolunga il tempo. E’ un filo conduttore che porta a rigenerarsi grazie alle numerose saune, bagni turchi, piscine, angoli relax che diventano intimi rifugi dove passare il tempo in un ambiente di qualità. Tutti gli angoli sono un omaggio al benessere e niente è dato al caso; ogni dettaglio è stato studiato per regalare emozioni agli ospiti. La parte centrale coperta delle terme AQUA DOME si chiama “Ursprung” (origine) e somiglia ad un immenso “duomo di cristallo“ con pareti trasparenti e due grandi vasche a 34 e 36 gradi. Un’altra vasca coperta è dotata di attrezzi fitness per l’acquagym. Splendida è l’ Area kids, completamente rifatta,

AQUA DOME IN CIFRE        

HOTEL 4 STELLE SUPERIOR Centro Fitness e Centro benessere Spa & Beauty 2 vasche interne 34° e 36° 3 vasche esterne circolari 1 piscina sportiva non termale 2 vasche fitness interna e esterna 4 vasche bambini 2 interne e 2 esterne con acqua non termale  1 oasi del caldo  Solarium e Zone relax su più livelli  Sigillo di qualità “Tirol Q”


con piscine, scivoli, aree relax per tutta la famiglia. Un paradiso per tutti i bambini, con tanti giochi da fare in acqua ma anche “all’asciutto”, con un parco divertimenti colorato per giocare e l’assistenza degli animatori. Accanto alla nuova area per famiglie, fiore all’occhiello per i “bagnati” di tutte le età sono le tre vasche esterne semisferiche, diametro da 12 a 16 metri, che sembrano fluttuare nel vuoto grazie all’originale architettura che le solleva svariati metri da terra: una vasca con fontana termale e massaggi (34°), una vasca salina con musica sottacqua (36°) e una vasca idromassaggio (34°) tutte raggiungibili attraverso una costruzione di vetro riscaldata alla quale si può accedere sia dall’interno nuotando nel corridoio acquatico sia a piedi dall’esterno. Ricordiamo di non perdere il “Bagno al chiaro di luna”: il venerdì terme e sauna sono aperti fino alle ore 24:00, per toccare con un dito il cielo della Ötztal.

Adults only è invece la grandissima zona sauna del centro termale, dove ci sono saune per tutti i gusti, per provare l’esperienza piú adatta ai propri desideri: con gettata di vapore o accompagnamento musicale, con effetti di luce o aromi speziati, con scrub pulizia o solo una sauna pura. Anche la zona docce offre varie possibilità: da una doccia rinfrescante a una pioggia tropicale, da una doccia a cascata ad un bagno di goccioline di vapore: anche questa è un’esperienza sensuale. Nelle saune si assapora il caldo, anche quello estivo: quando si esce si respira l’aria di montagna e ci si sente come rinati. Dopo le saune, si può andare nella grotta di ghiaccio, situata nel grande giardino di AQUA DOME e ci si rinfresca grazie ai cristalli di neve. Per inebriarsi di benessere e di rituali benefici e salutari. Tra le saune segnaliamo la “Schluchten”, arredata in stile alpino moderno, con camino centrale, che ha una magnifica vista panoramica:

si suda piacevolmente a 70°C e, in piena tranquillità, ci si gode la splendida vista sulla valle dell‘Ötztal. La rustica loft-sauna ha le caratteristiche della sauna finlandese: con travi di legno massiccio e pietra delle montagne dell’Ötztal è costruita su diversi piani. Così, scegliendo di sedersi a diverse altezze, si può scegliere la temperatura desiderata. Rilassatevi tra i 60°C e 90°C. Le gettate di vapore sono a disposione ogni 30 minuti. La Spa & Beauty offre 17 singole cabine dove gli ospiti possono sperimentare vari trattamenti e massaggi come i rituali AJARAN basati sulla saggezza di bellezza gioventù e salute del sudest asiatico. Allo stesso tempo la SPA propone massaggi di tradizione locale con le pietre con l’olio fossile tirolese massaggi vitali e con campane tibetane Softpack-Treatments pacchetti speciali per l’uomo e Pacchetti Manager Antistress e molti altri ancora.


LUXURY PLACES

a cura di Marco Morelli

L’ampia e innovativa SPA 3000 - in esclusiva per gli ospiti dell’hotel - si estende su due livelli e comprende diverse saune con piscina interna (e idromassaggio esterno) e un emozionante bagno di vapore di cristalli della Ötztal. Qui si diffonde il profumo aromatico delle erbe e dei fiori alpini: la sauna alle erbe alpine, il “tea-corner” così come l’area rilassante della fiabesca piscina decorata con muschio vero alle pareti, garantiscono puro benessere. Attraverso la grande vetrata, gli ospiti possono lasciare vagare lo sguardo tra le montagne della Ötztal e attraverso gli occhi sperimentare il benessere nel vero senso della parola. Altrettanto invitante: una sala per trattamenti di coppia, che gli ospiti possono affittare, la confortevole lounge che si snoda attorno al camino con il suo gioco di fiamme, il bar cosi come l’ampia sala relax con belle proiezioni video dell’alba. Lo sguardo e i pensieri spaziano all’infinito. Highlight della SPA 3000 sono le vasche gemelle esterne con l’originale acqua termale di Längenfeld e una sauna finlandese con vista panoramica sulle cime delle montagne circostanti. Un’esplosione dello spettacolo della natura alpina. L’HOTEL **** SUPERIOR: CAMERE DI CIRMOLO ANTI-INSONNIA 3 tipologie di suite e 140 ampie stanze la più piccola misura 35mq tutte con balcone costituiscono l’Hotel AQUA DOME; tra i plus: minibar analcolico e internet gratuiti. Il design minimalista dalle linee pulite e sobrie si sposa con materiali di eccellenza tipicamente alpini quali il legno di cirmolo che arreda tutte le camere migliorando la qualità dell’aria e stabilizzando il ritmo cardiaco. Gli studi sul sonno effettuati dall’Università di Graz e dell’Istituto di diagnostica non invasiva del Johanneum Research di Weiz- Austria hanno dimostrato che le persone che dormono in un letto di cirmolo il giorno dopo si sentono più vitali e più riposate. Inoltre è stata riscontrata una riduzione dei battiti cardiaci di 3500 battiti al giorno in presenza di stress fisico o psichico. L’effetto positivo è talmente forte che nelle persone testate non si è potuta dimostrare alcuna sensibilità meteoropatica. Inoltre il legno di cirmolo ha effetti antibatterici.

Recenti studi hanno dimostrato scientificamente che respirare gli influssi profumati derivanti dal legno di cirmolo migliora in modo significativo la qualità del sonno rilassa e favorisce il recupero psicofisico in situazioni di affaticamento. L’hotel dispone di un ottimo ristorante interno un lounge bar con musica dal vivo e spaziosi ambienti per seminari e congressi in grado di accogliere fino a 270 persone. Oltre al ristorante dell’hotel la struttura dispone di un grande ristorante termale che può ospitare fino a 250 persone e consente di mangiare in accappatoio. Nella zona sauna è disponibile un ulteriore ristorante/bar. I piatti spaziano dalla cucina tradizionale tirolese fino alle serate con cucina a tema. La zona termale si può raggiungere comodamente tramite un passaggio sotterraneo riscaldato o attraversando il giardino che circonda tutta la struttura. L’Hotel **** Superior di AQUA DOME offre sei sale riunioni estremamente luminose affacciate sul panorama alpino circostante. Grazie alle pareti modulari possono essere allargate o ristrette in base alle esigenze degli ospiti. Sono ovviamente tutte dotate di moderne attrezzature per proiezioni presentazioni e quanto altro richiesto per seminari incentive o eventi speciali. Il programma di cornice è veramente vasto e incre-


dibile: si spazia dalle offerte wellness sportive e di animazione della struttura alle possibilità infinite legate al luogo con escursioni estive sci sia estivo che invernale visite culturali alle vicine Innsbruck a Imst con il più lungo ottovolante delle Alpi e ai mercatini natalizi delle splendide cittadine medievali come Hall in Tirol. FUNIVIE E BICICLETTE GRATUITE PER SCOPRIRE LA VALLE DEL TEMPIO TERMALE PIÙ INNOVATIVO DI TUTTE LE ALPI Attorno al tempio termale di AQUA DOME, le terme più innovative e scenografiche di tutto l’arco alpino, ci sono 250 vette di tremila metri, 1.300 chilometri di sentieri, 852 chilometri di piste ciclabili, 43 percorsi per mountain bike, 32 singletrail, 110 chilometri di sentieri segnalati, 20 chilometri di percorsi pianeggianti per il nordic walking, 700 vie di arrampicata in diverse zone, 20 palestre di roccia, 8 ferrate, 4 ferrate per famiglie. Per chi ama l’avventura e gli sport adrenalinici, l’AREA 47, con la più alta parete di arrampicata artificiale dell‘Austria, sfida chiunque a provare il suo coraggio: dal rafting ai trampolini, qui davvero non ci si annoia mai. Adrenalina pura. Non meno avventurosi sono i rafting sul fiume Ötztal Ache e canyoning nei canyon. Quale luogo migliore per gli sportivi? E se dopo lo sport i numeri continuano, declinati al benessere: più di 10 piscine di acqua

termale, 2 piscine saline, 10 saune, biosaune e bagni turchi dove rigenerarsi, un aquafun per le famiglie con scivoli e giochi d’acqua, e tante sale relax dove riposare per incamerare energia per la giornata di sport successiva. Per tutta estate, coloro che soggiornano ad AQUA DOME a partire da tre notti, in regalo ci sono i biglietti per utilizzare gratuitamente le 5 funivie e seggiovie per scoprire le imponenti montagne dell‘Ötztal nei dintorni di Sölden e i biglietti per utilizzare i mezzi pubblici. Anche il pranzo al sacco è incluso! Per tutta estate, fino al 6 ottobre, AQUA DOME organizza escursioni guidate giornaliere, noleggia gratuitamente zaini, bastoncini da trekking e biciclette. Dopo aver esplorato l’incantevole Ötztal, si torna in hotel e si scoprono le diverse proposte benessere. Anche qui si respira aria di vacanza, sia dinamica, sia riposante. Sulle alte pareti di vetro delle piscine interne si riflette il sole, i colori sono potenziati dalla luce e le montagne incorniciano l’azzurro del cielo. PACCHETTO MIDWEEK! 5 notti in camera doppia, a partire da 823 euro a persona, fino al 6 ottobre Incluso: •Mezza pensione „Vital Thermal“ con colazione a buffet e cena con menu di 5 portate a scelta oppure buffet a tema •Utilizzo del centro termale con sauna e fitness il giorno dell’arrivo dalle ore 9:00 e il giorno della partenza fino alle ore 11:00 •Spa dell’hotel SPA 3000 – Relax su 2.000 m² in varie saune e bagni di vapore •accappatoio, teli da bagno e borsa da piscina per tutta la durata del vostro soggiorno •Programma d’attivitá nel centro di fitness* •Minibar di bevande analcoliche in camera, rifornito quotidianamente •parcheggio sotterraneo gratuito •Accesso WLAN in tutto l’hotel •Uso gratuito delle funivie Sölden •Uso gratuito dei mezzi pubblici nella valle •Pranzi al sacco per le gite In totale ci sono 5 funivie e seggiovie, gratuitamente e a vostra disposizione, tutti i giorni dalle ore 09:00 alle 16:00. Per scoprire le imponenti montagne dell‘Ötztal nei dintorni di Sölden!

AQUA DOME – Tirol Therme Längenfeld Oberlängenfeld 140 6444 Längenfeld / Österreich Tel.: +43-5253-6400 Fax: +43-5253-6400-480 office@aqua-dome.at www.aqua-dome.at


COLORI E GIOCHI DI LUCE TRASFORMANO L‘ACQUA IN UNA FONTE DI TRANQUILLITÀ. IL SILENZIO È RIPOSANTE, UN MORMORIO APPENA PERCETTIBILE INONDA LO SPAZIO E LA MENTE SI RIGENERA PIANO PIANO.


LIFT YOUR SPIRIT


Dal vigneto alla crema

di Alessandra FusÉ

Novità Caudalìe La Crema Solare Viso Anti-rughe SPF50 di Caudalìe offre alla pelle la massima protezione UVA/UVB per un’abbronzatura naturale, luminosa e duratura, preservandone la giovinezza. Arricchita con acqua d’uva bio, la sua texture cremosa, leggera e non appiccicosa idrata e lenisce le pelli sensibili. Associando un sistema di filtri innovativo ad un nuovo complesso antiossidante brevettato arricchito con polifenoli di vinaccioli d’uva, la sua formula offre la massima protezione insieme a un’azione anti-rughe efficace. Tra i consigli della Vinoterapeuta: per un incarnato perfetto e un’abbronzatura uniforme/zero difetti, applicare il Siero Illuminante Antimacchie Vinoperfect sotto la crema solare. Info: https://it.caudalie.com

Proposte per la pelle

WITT:

SOLARI IDRATANTI

Il “Latte Solare Bronzo” dell’azienda torinese Witt, protegge naturalmente la pelle dai raggi UV, idratandola e nutrendola grazie alla presenza di ricche sostanze nutritive presenti negli oli ed estratti vegetali; indicato per carnagioni scure o già abbronzate e per le zone meno sensibili; da applicare durante le ore meno calde o durante le esposizioni autunnali. L’ olio solare spray protegge la pelle dal foto-invecchiamento grazie allo speciale filtro a tripla azione e alla ricca miscela di oli vegetali. L’olio di Argan e di avocado nutrono e idratano in profondità l’epidermide stimolandone l’attività cellulare. Per info: www.witt.it

Formule innovative

Per pelli delicate

ISDIN è un’azienda internazionale leader in dermatologia, specializzata in soluzioni innovative per la cura e la protezione della pelle. Da oltre quarant’anni, ISDIN è accanto ai dermatologi e ai farmacisti nel rispondere alle necessità della pelle. Il risultato è una gamma di prodotti all’avanguardia, con formule innovative per una miglior compliance nei trattamenti. La vocazione nell’essere referente internazionale nel trattamento della pelle, ha portato ISDIN ad essere presente oggi in oltre 40 mercati. Nella foto due prodotti ad altissima protezione, adatti alle pelli più delicate. Info: www.isdin.com

DALLA TOSCANA

PIù SNELLA

CON IL PEPERONCINO Una crema anti-cellulite al peperoncino per gambe affusolate. Ecco la proposta di Biofficina Toscana, per il trattamento cosmetico degli inestetismi della cellulite, ideale massaggi tonificanti e drenanti. Ricca di attivi in grado di contrastare gli inestetismi cutanei come l’oleolito bio di peperoncino toscano (cuore di tutta la linea cellulite Biofficina Toscana), la caffeina, l’escina ed un mix di oli essenziali con azione rinvigorente sul microcircolo. Contiene estratti bio di betulla, rusco e ananas; centella; idrolato di eucalipto bio toscano rinfrescante ed oli vegetali che apportano nutrimento ed idratazione. Il giusto utilizzo aiuta a migliorare l’aspetto della pelle, lasciandola più compatta, tonica e levigata. Info: www.biofficinatoscana.com

Salute & Bellezza CON ALOE VERA

IDEALE

PER I BAMBINI Dalla texture leggera e light, questo latte solare di Màdara offre una protezione UVA/UVB ad ampio spettro sicura ed efficace. Ideale per il corpo, le mani e il viso previene le scottature solari, le macchie e il foto-invecchiamento. Formulata con aloe vera, questa protezione solare naturale si assorbe istantaneamente sulla pelle. Arricchita con olio di semi di lampone lascia la pelle idratata, lenitiva e confortante. Applicare generosamente prima dell’esposizione al sole. Riapplicare dopo il bagno. Utilizzare quotidianamente sulle aree esposte del corpo per proteggere la pelle dai danni dei raggi UV. Ideale per i bambini. Info: www.madaracosmetics.com

INTERVISTA AL dott. FRANCESCO GIORGINO

NUTRIZIONE E EVOLUZIONE LA DIETA BILANCIATA

L’uomo moderno, nonostante milioni di anni di evoluzione, condivide con il suo antichissimo antenato, lo scimpanzé, gran parte del codice genetico, e questo suggerisce un adattamento che ha richiesto piccole variazioni del DNA tra le due specie. Tuttavia, nell’ultimo secolo, una fortissima variazione dell’alimentazione ha introdotto cibi non esistenti durante l’evoluzione dell’uomo, esponendo l’uomo ad una collisione ambientale mai verificatasi in passato. Questi cibi hanno un’alta percentuale di derivati raffinati del grano, da zuccheri semplici e da grassi idrogenati di sintesi. Questo cambiamento si è associato ad

un aumento dell’incidenza di obesità, diabete mellito e malattie cardiovascolari che non accenna ad attenuarsi. Il Professor Francesco Giorgino, Presidente della Società Italiana di Endocrinologia ci spiega quali sono le prospettive. “I “nuovi” ingredienti presenti nella nutrizione, già dagli anni ‘50, hanno stimolato un dibattito nella comunità scientifica e nella società, ovvero se sono più nocivi gli zuccheri o i grassi saturi. Nonostante il susseguirsi di studi epidemiologici ed evidenze sperimentali recenti, i risultati sono ancora incerti. La dieta mediterranea, riconosciuta

dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità, si caratterizza per un maggior consumo di cereali integrali, frutta, verdura, semi, olio di oliva (grasso insaturo), pesce, carne bianca (pollame), legumi, uova, latticini, vino rosso, rispetto ad un più raro uso di carni rosse e grassi animali (grassi saturi). Questo modello alimentare sembra che offra la migliore combinazione qualitativa di calorie, di micro- e macro-nutrienti in termini di prevenzione delle malattie cardiovascolari, al pari di risultati ottenuti in studi clinici di intervento con farmaci ipoglicemizzanti e/o ipolipemizzanti”.


SPECIALE TERME DI SIRMIONE L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA IN PERFETTA SINERGIA CON LA CRENOCHINESITERAPIA E LA FANGOTERAPIA

RIABILITAZIONE, NUOVI PERCORSI TERMALI

La riabilitazione in ambito termale è validata da importanti evidenze scientifiche. L’associazione e l’integrazione fra la terapia termale e la fisiochinesiterapia tradizionale offre una soluzione più efficace e sostenibile in tempi più brevi. Terme di Sirmione fin dal 2012 ha attivato un centro riabilitativo termale altamente specializzato che quest’anno è stato ulteriormente implementato con strumenti tecnologici all’avanguardia e percorsi personalizzati integrati e innovativi. Lo staff di medici è sempre più multidisciplinare e si fonda sulla sinergia di specialisti in fisiatria, ortopedia, chirurgia vascolare, ginecologia, pneumologia, nutrizione, medicina interna, affiancati da fisioterapisti e osteopati. Oggi a Sirmione i Protocolli termali integrano tecniche riabilitative recenti come la Bemer terapia e l’Ozonoterapia e tecniche complementari e validate come l’Agopuntura e l’Osteopatia. Questo ventaglio di tecnologie, molto promettenti, in Terme di Sirmione sono presidiate da specialisti fisiatri in grado di garantire efficacia, integrazione e sicurezza degli interventi. L’Agopuntura ha l’obiettivo di offrire percorsi ginecologici specifici per la menopausa e per la gravidanza. L’Organizzazione Mondiale della Sanità riconosce i benefici della terapia termale nel percorso di prevenzione, cura e riabilitazione in molte patologie dell’apparato locomotore, post-chirurgiche e post-traumatiche, patologie sistemiche e metaboliche, patologie neurologiche e patologie dell’apparato respiratorio.

n. 2 Aprile-Maggio 2018

Riabilitazione termale: riduzione del dolore e dei tempi di recupero

Oltre che per questi target riabilitativi, utile ricordare che Terme di Sirmione sta collaborando con realtà sanitarie importanti nell’ambito di percorsi integrati e innovativi di riabilitazione Termale negli ambiti oncologico, ortopedico, metabolico come la riabilitazione post intervento del tumore della mammella, la riabilitazione post intervento ortopedico, la riabilitazione per il sovrappeso e l’obesità, e la riabilitazione nella fibromialgia. È, inoltre, più che mai attuale il ruolo degli interventi riabilitativi termali nell’ambito della traumatologia sportiva e del mantenimento e del recupero degli atleti. Specifica Carlo Sturani, Direttore Scientifico Sanitario di Terme di Sirmione: “la riabilitazione termale si basa su terapie termali integrate, quali l’utilizzo dell’acqua termale per la chinesiterapia in piscina termale (crenochinesiterapia) e la fangoterapia, in un contesto ambientale particolarmente favorevole al recupero della salute psichica oltre che fisica. L’acqua termale sulfurea salsobromoiodica ha importanti caratteristiche terapeutiche chimiche utili. Queste proprietà in sinergia con le caratteristiche fisiche di base dell’acqua, utili nel ripristino dell’escursione articolare e del tono-trofismo muscolare, consentono una significativa riduzione del dolore, dell’infiammazione e dei tempi di recupero.” www.termedisirmione.com T. 030 9904923, Chiedi al medico su: BLOG.TERMEDISIRMIONE.COM

47


speciale sente-mente

DALL’EVENTO DELLA DIAGNOSI CHE TRAVOLGE ALLA VENTATA DELLA RESILIENZA

V

ivere la relazione con una persona che con-vive con la demenza sappiamo che non è sempre semplice. Ogni giorno può essere un nuovo ostacolo, come una nuova preoccupazione, perché ciò che solitamente ci spaventa può prendere il sopravvento sul resto che accade attorno a noi. Ma allenarsi a cogliere ciò che accade oltre le fatiche è possibile. Un passo alla volta, attraverso piccoli e semplici gesti quotidiani che ognuno rende unici a modo proprio. Per chi con-vive con la demenza, per i suoi familiari o per i professionisti della relazione di cura, ogni giorno è un concentrato di situazioni, pensieri ed emozioni che allenano ad essere in un continuo fluire con gli eventi. Soprattutto i momenti faticosi sono portatori di poca soddisfazione e di certo non aiutano a cogliere anche il “bello” che può essere accaduto nella quotidianità. Prendersi cura di un familiare che convive con una diagnosi di malattia neurodegenerativa può essere difficile, complesso e complicato. Le relazioni impegnative coinvolte in queste situazioni possono influenzare la salute, la qualità della vita del caregiver e spesso sconvolgono la struttura familiare (Zauszniewski, Bekhet & Suresky, 2009; Zausniewski, Bekhet & Suresky, 2010). È quindi fondamentale considerare strumenti e opportunità per allenare le persone a vivere al meglio la quotidianità nonostante la diagnosi. Grazie ai recenti studi della Psicologia Positiva possiamo affermare che è possibile passare da uno stato di impotenza e frustrazione ad uno stato di autoefficacia. Ciascuno di noi può fare la differenza allenandosi alla resilienza. La resilienza viene definita come la capacità delle persone di far fronte agli eventi stressanti o traumatici e di riorganizzare in maniera positiva la propria vita dinanzi alle difficoltà. Quindi, la resilienza può essere un insieme dinamico di abilità utilizzate quando si affronta una

48

di elena mantesso

SE NON TU, CHI? UNA PROGETTUALITÀ CHE PROFUMA DI CRESCITA Da sei anni coloro che credono in un mondo socio sanitario capace di umanità, possibilità, professionalità ed entusiasmo si ritrovano per vivere una giornata di formazione GRATUITA capace di portare nuove sfide alle metodologie sanitarie, assistenziali ed educative. Il 7 ottobre, a Castel San Pietro (Bo), ci sarà la VI edizione del Sente-Mente® Day. Il programma della giornata quest’anno si arricchisce di nuove possibilità, movimento, azione e sperimentazione. In questa edizione desideriamo far vivere a te ed al tuo team maggiori conoscenze scientifiche e metodologiche rispetto a ciò che è possibile mettere in campo nella tua organizzazione. L’evento sarà riservato a solo 450 persone che ogni giorno lavorano con passione ed entusiasmo per creare un mondo socio sanitario migliore: se sei tra loro affrettati e ricorda che, oltre ad essere un evento di formazione innovativa e speciale, te lo regala SenteMente®. La giornata formativa è in fase di accreditamento ECM e per Assistenti Sociali. Per info e iscrizioni https://www.letiziaespanoli. com/eventi/sente-mente-day-se-non-tu-chi/ Contatti: FB Letizia Espanoli. FB Sente-Mente® FB Sente-Mente® per caregivers e persone che convivono con la demenza. emantesso@gmail.com FB Elena Mantesso

“Ho imparato ad attraversare le mie paure e godermi la mia esistenza, mentre vivo con l’Alzheimer. Anche tu puoi farlo” Harry Urban

situazione difficile, che comprende una serie di pensieri (ad esempio prospettive positive), sentimenti e comportamenti (Simpson & Jones, 2012). ABBI CURA DELLE TUE POTENZIALITÀ La resilienza della famiglia e del caregiver non deriva dall’evasione del rischio, ma piuttosto dall’utilizzo di fattori protettivi per gestire le avversità e uscire dalla situazione non solo più forte, ma “fiorente” (Benzies & Mychasink, 2009). L’arrivo dirompente della diagnosi rappresenta un evento che non si può cambiare. Non potendo cambiare l’evento, possiamo però scegliere il modo con il quale accoglierlo, attraversarlo e viverlo. Investire sullo sviluppo della resilienza può essere vista come una grande opportunità per cambiare punto di vista e svelare nuove prospettive nella relazione. Se scegliamo di focalizzarci sulle nostre potenzialità applicando strategie costruttive, possiamo trasformare lo stress e la disperazione in nuovi modi di vivere gli eventi. Studi recenti hanno indicato che i familiari che si prendono cura di persone che convivono con la demenza hanno tassi elevati di stress, depressione, ansia e disperazione. Ed è stato dimostrato come questo vissuto abbia delle ripercussioni importanti anche sulla longevità dei familiari malati, quindi quanto più i caregivers presentano alti livelli di stress, tanto più si abbassa l’aspettativa di vita del malato (Leven-

son, 2017). Una recente revisione (Petriwskyj et al, 2017) mette in evidenza come, in realtà, alcuni familiari caregivers non cedono agli effetti negativi del prestare le cure, ma sono in grado di recuperare e adattarsi alle esigenze fisiche e psicologiche richieste, dimostrando un alto tasso di resilienza. LA SCELTA IN OGNI ESPERIENZA Strumenti e abilità come la gratitudine, l’apprezzamento, la gentilezza e il perdono, se allenati e vissuti in modo consapevole, ci permettono di sviluppare al meglio la nostra resilienza. A fine giornata la mente è spesso abituata ad elencare le difficoltà vissute, i problemi che ci sono o le fatica di non essere riusciti in qualcosa. Il “rumore della mente” a volte rischia di occupare anche altro spazio prezioso, quello dedicato ai successi della giornata. O ripenso alle fatiche o rivivo istanti di apprezzamento e gratitudine. Non è facile e può essere comunque faticoso, ma cogliere la semplicità nell’ordinarietà è possibile. Se ci fermiamo ai limiti della mente nell’osservare modi, gesti e azioni che sembrano per niente razionali, allora lì c’è uno spazio che ci chiede di andare oltre. Spesso con le persone che con-vivono con la demenza, viviamo esperienza che non riusciamo a capire e a spiegarci. In realtà quelle opportunità ci chiedono di “sentire” e non capire.

n. 4 Agosto-Settembre 2019


MantovaChiamaGarda_235x330.indd 1

26/07/19 10:57


Fashion

WEEK

Il trench stile intramontabile

Il trench, uno dei capi più iconici della storia della moda, è pronto a reinventarsi in chiave attuale e audace

È il capospalla eletto più bello della stagione, un capo intramontabile capace di superare indenne i cambi della moda e del gusto e di tornare ogni anno più cool che mai. Stiamo parlando del trench, ovviamente. Nato come capo caldo e impermeabile che usavano i soldati della British Royal Flying Corps nel corso della Prima Guerra Mondiale, è diventato un capo iconico e di classe, un passepartout per tutte le occasioni. Le passerelle delle fashion weeks ci hanno regalato tantissimi modelli di trench, dalle versioni più classiche e formali, come quelle proposte da Burberry, Valentino e Max Mara, fino a quelle più audaci e moderne. In queste ultime versioni, lo stile è attualizzato da nuovi spunti che puntano sui tessuti, forme e colori. Via libera a pelle, nelle tonalità dal caramello al cioccolato, e a trame particolari, come il check (la trama che racchiude il tartan e il vichy) e l’animalier. Non solo in primavera o in autunno: il fascino del british style è destinato a rimanere anche in pieno inverno. Il winter trench coat è imbottito all’interno e si diverte a presentare polsi o girocollo di pelliccia ecologica, rinnovata e staccabile.

Una scelta di polso

di vittoria bisutti

I capispalla Come ogni anno i trend moda per il prossimo autunno inverno sono già stati decretati dalle diverse fashion weeks. Ovviamente tra i capi irrinunciabili per la fredda stagione non si può non considerare il cappotto. A riguardo, sono talmente tante le proposte presentate che sarà davvero difficile selezionare un solo capo per la stagione. Tralasciando la versione del cappotto più “classica”, declinata in diversi colori a cui il nero fa sempre capo, e proposta in diverse forme e lunghezze, che rimane sempre un evergreen, saranno però le mantelle le vere protagoniste della stagione. Presenti in tutte le collezioni, sia in versione lunga che con taglio alla vita, evocano una dimensiona magica e fiabesca difficile da resistere. Uniche grandi assenti quest’anno sono le pellicce, segno che nel fashion system si è iniziato concretamente a fare delle scelte consapevoli.

Ebbene sì, nella lista degli accessori che le donne amano di più al primo posto c’è proprio l’orologio. Tra i tanti modelli in circolazione il giovane brand Made in Italy OPSOBJECT propone tantissime scelte per tutti i gusti. Tra i più amati ci sono i modelli in acciaio, versatili e adatti a qualsiasi stile, quest’anno proposti con cinturino sottile e dettagli colorati nella cassa, per dare un tocco di vivacità. Un modello apprezzatissimo da chi ama lo stile più casual è invece quello con il cinturino in silicone, proposto in tantissime vivaci tonalità colorate.

Borse di rafia 42 Il trend delle borse in paglia sarà uno dei protagonisti anche del prossimo autunno

50

Come ogni anno con l’estate ritornano nuovi trend, destinati a spopolare durante la stagione calda per poi tornare dietro le quinte in attesa dell’anno successivo. Tra questi, le borse in paglia, vimini o rafia, non saranno più solo da sfoggiare solo in spiaggia, ma anche nelle situazioni più urban. E non solo, la tendenza sarà quella di indossarle anche in autunno, perfette in abbinamento con jeans e giacca, per donare un’ultima ventata di estate. Quest’anno i modelli più proposti dai diversi brand prediligono forme più stravaganti: da quelle più rotondeggianti, sempre gettonatissime, alle cassette, cestini, fino ad arrivare alle mini-handbag con la forma di animaletti. Una delle borse più apprezzate della stagione è quella del brand francese Elleme. Il modello, dalla curiosa forma di raviolo, è dotata di raffinati dettagli in pelle ed è stato chiamato Baozi, che in cinese significa appunto “raviolo”.

Sono tantissimi i modelli presentati nella nuova collezione OPSOBJECT: dai più casual a quelli più eleganti

n. 4 Agosto-Settembre 2019


Fashion

Flower power

WEEK Fantasie pazze, petali e fiori oppure multicolor, sono questi i dettagli che rimandano con la mente a spiagge tropicali e alle famose Hawai

e multicolor

Quest’estate va di moda osare e sbizzarrirsi con le camicie, rigorosamente a maniche corte e morbide nelle forme. Fantasie pazze, petali e fiori oppure multicolor, sono questi i dettagli che rimandano con la mente a spiagge tropicali e alle famose Hawaii. L’importante è indossarle su pantaloni neutri e studiare il resto degli accessori, per mantenere un mix audace ma anche minimal, evitando il total look se non per andare in spiaggia o in occasioni dove essere estrosi è consentito.

accessori da

non tralasciare Qualche accessorio da prediligere: la polo in maglia si conferma elegante anche con i pantaloni sartoriali o casual. Perfetta per ovviare alla t-shirt inflazionata. Gli occhiali sono quelli da ciclista, mentre lo zaino è stato rimpiazzato da borse a tracolla o a mano oppure in alternativa dal marsupio, un revival che trova conferme. In alternativa al bianco, trionfa il colore verde. Toni fluo quelli più vistosi mentre il salvia è il più usato per completi e capi singoli da abbinare agli altri colori preferiti. Un’estate ricca di toni colorati e nuove proporzioni, per un guardaroba rinnovato e rivisitato, che lascia spazio alla libertà e alla fantasia.

di antonio scolari

tendenze

Le sneakers, chunky e sempre cool Ritorniamo a parlare di sneakers che sono ancora molto cool e perfette per impersonare lo sporty chic tanto osannato dai brands più famosi della moda maschile. I modelli più in voga si chiamano chunky oppure dad shoes e da qualche anno sono quelli che vanno per la maggiore. Complice il fatto che vanno bene con ogni tipo di outfit: sia con i bermuda come per look sportivi, rendendo meno istituzionali anche quelli più eleganti e formali. La loro doppia versatilità li ha trasformati in un accessorio pratico e allo stesso tempo funzionale dalla mattina alla sera.

look da mare

Immancabili come ogni estate, gli shorts del 2019 sono davvero corti, quasi troppo in alcuni casi. I pantaloncini corti sono perfetti quando si indossa la camicia, in questo modo l’outfit diventa elegante e discreto e senza eccessi, farà capire che siamo attenti alle tendenze. Anche i costumi da bagno si accorciano a favore di quelli lunghi da surfista che non sono più in auge. Ritornando alla camicia, diventa oversize con proporzioni e tagli meno classici, anche nella versione elegante. Le maniche si accorciano a tre quarti, il collo diventa alla coreana o a kimono, le forme scomposte. Insomma, la regola è quella di rendere un capo cosi definito del guardaroba maschile, tutto tranne che noioso e ordinario.

n. 4 Agosto-Settembre 2019

Lo zaino è stato rimpiazzato da borse a tracolla o a mano oppure in alternativa dal marsupio, un revival che trova conferme

51


SCELTI DA NOI

a cura di mARCO MORELLI

CONOSCERE LE ERBE AL PFÖSL

E’ NATO LO CHALET DI FIENO

Badent da Fen autentico benessere Il profumo è avvolgente, l’esperienza è un’immersione nel benessere alpino, che coinvolge tutti e 5 i sensi: davanti all’Hotel Lac Salin SPA & Mountain Resort di Livigno, entra in scena dalla seconda metà di giugno uno speciale chalet dalla forma quadrata, costruito interamente con il fieno per regalare agli appassionati del benessere naturale un’esperienza insolita, capace di risvegliare vista, tatto, udito, olfatto e gusto. Il leit motiv è la natura alpina e il fieno è il materiale che meglio rappresenta sia il paesaggio di montagna, sia la cultura, la tradizione e il lavoro dei contadini. Si tratta di entrare, in senso letterale, in un ambiente raccolto (lo chalet misura internamente circa 25 metri quadri) e lasciarsi abbracciare dalle note olfattive del fieno, in grado di rilassare e di creare un’atmosfera ovattata. Per accedere al “Badent da Fen”, si passa per la SPA dell’Hotel Lac Salin SPA & Mountain Resort, la Mandira SPA, (fonte di ispirazione per la realizzazione della casetta di fieno), anch’essa legata al concetto di benessere naturale e contatto concreto con il territorio. Attraversando l’area della piscina si giunge al giardino esterno, dove è situata la casetta “Badent da Fen”, una sorta quindi di esclusiva “dependance” della Mandira SPA, dove provare l’esperienza circondati letteralmente da pareti di fieno. durata: 75 minuti, € 115,00 per una persona. www.lungolivigno.com

Art Design Gallery Hotel L’Antica Trasversale Sicula unisce 8 province, 55 comuni, 6 parchi archeologici, 47 siti di interesse storico-archeologico-monumentale e 7 riserve naturali, e si può affrontare anche a piedi, con 35 tappe in 44 giorni. Chi ha meno tempo a disposizione può optare per la versione motorizzata, concedendosi qualche giorno a Suite d’Autore Art Design Gallery Hotel di Piazza Armerina (EN), splendida dimora d’arte che offre sette suite – ognuna diversa dall’altra - ispirate all’arte del Novecento. Un viaggio nel viaggio, che avvolge con la bellezza e l’emozione della comunicazione artistica un tour indimenticabile. Il prezzo per il soggiorno a Suite D’Autore Art Design Gallery Hotel parte da 80 euro a camera a notte, con la prima colazione. www.suitedautore.it

52

IL SUGGERIMENTO

Tra cultura e natura, i 16 Parchi letterari

Viaggiare a ritroso nel tempo, nella storia della letteratura. Rivivendo atmosfere e personaggi. Vi ricordate la fuga che Manzoni rese immortale del povero Renzo verso l’Adda? Lontane reminiscenze scolastiche? Beh, oggi è possibile rivivere quelle stesse sensazioni passeggiando nei luoghi che hanno ispirato poeti e scrittori. E’ l’obiettivo dei Parchi Letterari Italiani, di cui è presidente Stanislao de Marsanich, creati con Paesaggio Culturale e la Società Dante Alighieri. Così il turismo diventa cultura, così la letteratura, attraverso un approccio innovativo, aiuta a tutelare e valorizzare il paesaggio. Itinerari a ritroso nel tempo. Da Nord e Sud i Parchi letterari italiani propongono sedici spazi verdi che diventano l’occasione per un weekend diverso. “Mantova mi ha dato i natali, la Puglia mi ha dato

RITORNO ALLA NATURA

Il culto e la coltivazione delle erbe officinali è antico come il mondo. Oggi, come in un passato lontano, si torna alla natura, alla madre della vita sulla terra. E nello scenografico Hotel Pfösl di Nova Ponente, a due passi da Bolzano, la conoscenza, la coltivazione e l’utilizzo delle erbe è una sorta di eredità mistica, un antico sapere che viene tramandato agli ospiti dell’hotel. La cornice è ovviamente unica: davanti a Latemar, Catinaccio e Sciliar. Durante il soggiorno all’HOTEL PFÖSL, chef Markus Thurner rivela agli ospiti gli antichi segreti delle erbe durante il corso di cucina, mentre le esperte di erbe Brigitte Zelger e Bernadette Müller accompagnano gli ospiti nella natura per toccare con mano ciò che si assapora poi con il palato. Ogni martedì è in programma il corso di cucina con erbe selvatiche, a cui segue - ogni mercoledì - un aperitivo alle erbe con informazioni e consigli sull’utilizzo delle essenze selvatiche, con Bernadette Müller. Segue ogni giovedì visita del giardino di erbe del Pfösl e corso di panificazione con Eva e Brigitte Zelger. Infine ogni venerdì escursione fra prati e boschi con Bernadette Müller per conoscere le erbe. www.pfoesl.it

di ANNA MARIA CATANO

la morte e ora sono sepolto a Napoli; ho cantato i pascoli, i campi, i condottieri” L’epitaffio inciso sulla tomba di Virgilio, a Napoli, riecheggia a Borgo Virgilio nel parco del Mincio, nella Riserva naturale Vallazza a lui dedicata. Dal Mantovano alle Cinque Terre: Eugenio Montale si ricorda camminando lungo le spiagge di Ossi di seppia fino ai terrazzamenti dove trasse ispirazione. E come non rimembrar Leopardi e il suo dolce “naufragare” tra le colline recanatesi? O il Sommo Poeta Dante Alighieri con un percorso itinerante che abbraccia un vasto territorio da Firenze a Ravenna? Ci sono poi le vie dei cipressi di Castagneto Carducci e l’Oasi Lipu di Ostia dove il parco è dedicato a Pier Paolo Pasolini. E ancora Aliano, nel mare di calanchi, il borgo reso immortale da Carlo Levi, e Galtellì, vicino Nuoro, che celebra i viaggi sentimentali di Grazia Deledda, prima donna italiana ad essere insignita nel 1926 del Nobel per la letteratura. Altri percorsi ancora, e tanti eventi estivi, li trovate su: www.parchiletterari.com

n. 4 Agosto-Settembre 2019


SPA &

BENESSERE

Un’estate di esperienze UNICHE alle Terme Tuhelj Horse Country Resort di Arborea

a cavallo contro la cellulite Rimettersi in forma divertendosi: chi non lo ha sempre sognato? Diciamocelo, la palestra è noiosa, correre stanca, i circuiti di cross fit sono ripetitivi… La nuova idea di Horse Country Resort di Arborea (OR), vero paradiso delle vacanze a cavallo, ha messo a punto un programma entusiasmante di remise en forme, che promette risultati strepitosi e, in più, regala autostima, benessere e buonumore. Si tratta di un pacchetto urto da una settimana e che prevede l’integrazione tra attività ed escursioni in sella e trattamenti beauty all’interno della Spa del Resort. Da integrare con passeggiate nella pineta e lunghe nuotate in mare, il tutto unito al relax assoluto di un breve soggiorno in uno degli angoli più incantevoli della Sardegna : la selvaggia costa occidentale. Horse Country Resort, come suggerisce già il suo nome, vede nella vacanza a cavallo il focus delle proprie proposte. Il pacchetto “In forma in sella” è composto da più attività mirate alla riduzione della cellulite ma anche della circonferenza di vita, glutei e cosce, aumentando nel contempo il tono muscolare. Appena scese dal cavallo si passa al trattamento nel centro benessere, partendo dal percorso biomarino (vasche e idromassaggio) con spa di 45 minuti. Si conclude col trattamento lipoactive da 50 minuti. Info: www.horsecountry.it

il giardino dell’eden È difficile immaginare qualcosa in grado di avvicinarsi al leggendario giardino dell’Eden più del trionfo della natura che per 30mila metri quadrati abbraccia l’Alpenpalace Luxury Hideaway & Spa Retreat di San Giovanni, in Valle Aurina, Alto Adige (BZ). Quella che riempie gli occhi e conquista i sensi di chi arriva non è una semplice area verde, ma un regno di rifioritura delle emozioni, prima ancora che delle piante e dei boccioli. Quasi che la vocazione al benessere avesse contagiato ogni singolo filo d’erba, questa oasi naturale prende vita e cambia forma, lasciando ai profumi e alle ombre di alberi e piante il compito di ridefinire i percorsi a seconda delle stagioni: il giardino, la grande piscina riscaldata anche d’inverno e dove d’estate vengono serviti i pasti, poi l’idromassaggio, le sedute attorno al fuoco contemplando la bellezza delle cime. La Valle Aurina vanta almeno 80 cime alte più di 3.000 metri, e da molte vette scendono meravigliose cascate . Info: www.alpenpalace.com

n. 4 Agosto-Settembre 2019

Le Terme Tuhelj sono un piccolo paradiso di relax e divertimento situato tra le colline dello Zagorje, regione della Croazia continentale rinomata per le sue acque termali e per le coltivazioni di vite. Proprio qui, dove il verde della natura incornicia il panorama, sorgono le strutture del polo termale tra cui l’Hotel Well**** e il Water Planet, il complesso di piscine indoor e outdoor con acqua termale più grande della Nazione. Un luogo dove contemporaneità e tradizione si fondono per regalare sia alle coppie che alle famiglie un’esperienza di soggiorno memorabile. In particolare durante l’estate che, grazie alle sue lunghe e calde giornate, permette di sfruttare tutte le attrazioni del centro termale, dal sorgere del sole al tramonto. Per la stagione 2019 Terme Tuhelj ha pensato a 3 grandi novità e ad una speciale rassegna di eventi, l’ART&SPA Festival, per soddisfare in modo ancora più completo i propri ospiti. L’ART&SPA Festival è una vera festa che durerà per tutta l’estate 2019 e che prevede 22 eventi a tema “Art&Fun” – previsti ogni sabato e domenica presso il Water Planet e che arricchiranno i pomeriggi di nuove esperienze d’intrattenimento, musicali, sportive e ludiche – 9 tra concerti e degustazioni “Art&Wine” e 30 workshops “Art&Spa” per bambini. A questo si aggiunge il ricco programma di animazione “Splash animation” che renderà la vacanza ancora più divertente grazie a camminate in mezzo alla natura, lezioni di pilates, spettacoli teatrali, show musicali, quiz, giochi di squadra e molto

altro. Oltre al ricco festival di eventi, Terme Tuhelj ha rinnovato le attrazioni del parco acquatico e sviluppato delle proposte per il wellness in famiglia. Per godere di tutte queste proposte in un’ambiente rilassato è possibile prenotare scegliendo il pacchetto “All inclusive light”. Info: www.terme-tuhelj.hr/it

VI CONSIGLIO di rita bertazzoni

TERME DI SATURNIA SPA & GOLF RESORT Fiore all’occhiello della Maremma, Terme di Saturnia è una tappa obbligata per chi desidera una vacanza di totale rigenerazione. 120 ettari di benessere, sviluppati intorno alla sorgente millenaria, fanno di questo esclusivo resort la “Natural Destination” più famosa d’Italia che, proprio quest’anno compie 100 anni e celebra l’anniversario con una serie di novità, tra importanti riqualificazioni e restyling negli ambienti interni ed esterni. Complice di questo successo è un’acqua termale unica al mondo, che sgorga ininterrottamente dal cuore della terra alla temperatura costante di 37° C ed è ricca di sali minerali e BiogleaTM, estratto di plancton ricavato dalle alghe con un principio attivo naturale dagli innumerevoli effetti benefici, protettivi e antiossidanti, sull’intero organismo. In particolare sulla pelle, ha proprietà esfolianti, detergenti e idratanti. Il complesso Terme di Saturnia comprende: l’elegante Resort 5 stelle, ricavato da un’antica costruzione in travertino, affiliato a The Leading Hotels of the World; le Terme e il parco piscine aperto ai visitatori esterni, con quattro piscine en plein air, idromassaggi e percorsi vascolari ad acqua fredda e calda; la Beauty Clinic riconosciuta come “Best medical Spa” da Italian Spa Awards, con innovativi trattamenti estetici

e programmi personalizzati di cura e bellezza, percorsi di balneoterapia e fangoterapia. Tra le novità 2019 spiccano Medi Face, due diversi protocolli integrati per viso e collo, ed Endermologie Viso e Corpo, con la tecnologia Cellu M6 – Alliance studiata per riattivare l’attività cellulare e lottare contro tutti gli inestetismi. I risultati sono immediatamente visibili. Bisogna provare anche il Ristorante 1919 firmato dallo chef stellato Roberto Rossi che propone ricette gourmet con materie prime del territorio. Ci sono, poi, un club dedicato ai soci o agli esterni che desiderano accedere alla sorgente e il Golf, un percorso da campionato Eco-Friendly 18 buche di 6316 metri su 70 ettari mossi, progettato dal noto architetto americano Ronald Fream. www.termedisaturnia.it

53


PARTIAMO BEAUTY EN PLEIN AIR AL LUSNERHOF

Non c’è SPA meglio caratterizzata di una palafitta nel bosco, accanto a un torrente di acqua sorgiva, all’ombra delle fronde degli alberi, per concedersi un trattamento 100% Natural. Per accompagnamento il cinguettìo degli uccelli e lo scrosciare lento e intermittente dell’acqua. Il soffio del vento potenzia e amplifica le sensazioni epidermiche. Accade durante i trattamenti en plein air del NaturHotel LusnerHof, l’albergo incastonato nella verde cornice dei pascoli di Luson, a 12 chilometri da Bressanone. Qui gli ospiti si aggirano a piedi scalzi nell’ampio parco che circonda l’hotel, si rilassano nell’orto di erbe aromatiche, si concedono un kneipp d’urto nel torrente d’acqua alpina, fanno il bagno nel laghetto balneabile fitode-

Tra mosto e salsedinetre Tra Portofino e le Cinque Terre, sulla Riviera Ligure di Levante, dove lo sguardo si perde tra i golfi scintillanti e le distese di filari a picco sul mare, sorge il Residence Hotel Kriss & Apartments di Deiva Marina (SP), punto di partenza d’eccezione per un tour multisensoriale delle cantine biologiche della zona. Tra le geometrie dei vigneti di Bonassola, laddove il profumo acre del mosto si confonde con quello della salsedine, è bello inerpicarsi su sentieri antichi, tra case ed orti, e ascoltare dai vignaioli la storia dei vitigni antichi e delle tradizioni locali, soffermandosi sui cespugli di more e lamponi biologici sparsi lungo la via, per ritornare infine al cospetto del mare per una degustazione dei vini più pregiati, abbinati a prodotti di stagione del territorio. Prezzi a partire da 80 euro a notte a persona, wine tour e degustazione a partire da 20 euro a persona. Per informazioni: Residence Hotel Kriss & Apartments. Tel. 0187 815 934 www.residencekriss.it

occasioni i l ibi d r e p im rafia

Tensioni - Geog delle relazioni 54

a cura di mARCO MORELLI purato dalle piante acquatiche, si distendono in 10 saune in legno e pietra disseminate all’interno e all’esterno dell’hotel. Poi è la volta del percorso barefooting: 1 km e mezzo di riquadri colmi di trucioli di legno, erba di campo, fieno appassito, sabbia, sassolini di fiume, biglie di legno, cubetti di ghiaccio. Abituano la pianta del piede a camminare libera e a ritrovare il contatto con diverse tipologie di materiale. La pausa di relax avviene nell’orto di Maria, dove tra fiori, frutti ed erbe aromatiche sono disposte chaise longue in legno pensate per il riposo. www.naturhotel.it

Quando in Alto Adige le foglie iniziano ad ingiallire è tempo di raccolta per il prezioso frutto dell’uva. In questo periodo trascorrere una vacanza in un maso vinicolo Gallo Rosso è particolarmente interessante, perché gli ospiti possono contribuire al raccolto e alla vinificazione, imparando con l’aiuto del contadino ciò che bisogna sapere riguardo al processo che dall’uva porta al vino. Passeggiare e fare escursioni in bicicletta in questa stagione è particolarmente indicato perché le temperature gradevoli consentono di trascorrere fuori l’intera giornata. L’Alto Adige è una terra molto fortunata per la produzione di vino. La sua posizione geografica, infatti, tra clima alpino e mediterraneo, la barriera naturale contro i venti freddi formata dalle Alpi del nord, i pendii tra i 200 e i 1000 metri sopra il livello del mare, la temperatura media di 18° C e le circa 1800 ore di sole all’anno creano una combinazione perfetta per il nettare divino ricercato in tutto il mondo. Gewurztraminer, Schiava, Lagrein sono vini conosciuti ed apprezzati ovunque. Gli ospiti dei masi vinicoli Gallo Rosso hanno l’opportunità di sperimentare da vicino l’entusiasmante lavoro della viticoltura: la vendemmia, i torchi e, perché no, anche la condivisione di un buon bicchiere di vino novello o dell’annata precedente. www.gallorosso.it

La Fabbrica dello Zucchero, l’interessante e innovativo progetto di riconversione della storica area industriale rodigina, nell’anno zero della sua attività propone il 28 e 29 settembre prossimi, Festival “Tensioni – Geografia delle relazioni”, un evento a cui partecipano artisti, professionisti di spessore etico e culturale e giovani attivi su progetti interdisciplinari, col preciso obiettivo di sollecitare una riflessione sulle forze, energie, scosse che generano cambiamenti. Il Festival Tensioni intende indagare e riflettere – in modo interdisciplinare – sulla Geografia delle Relazioni, quelle tensioni positive e negative che animano l’uomo e la società in cui viviamo. Una due giorni in cui, attraverso il teatro, la danza, la musica, la narrazione, gli incontri, si incrociano sguardi nuovi, punti di vista inaspettati che fanno guardare la realtà con occhi diversi. In sintesi, “tensioni” che creano nuove mappe e spostamenti come fattori imprescindibili dell’uomo, che si propone di creare uno spazio al sapere e alle passioni. “Il Festival vuole essere una riflessione sull’idea di comunità, di come cambiare, come affrontare presente e futuro. Il tutto raccontato da suoni, visioni, corpi, parole, arte, fotografia, poesia”, spiega il Direttore Artistico Claudio Ronda.

le vacanze gallo rosso

In un momento in cui l’arte, la cultura in generale devono giustificare e rendere esplicite le ricadute sociali del proprio ruolo, la comprensione e la consapevolezza diventano gli strumenti utili per “costruire” un futuro: in modo armonico, organico, comprendendo e interpretando in modo corretto il ruolo delle persone nel dare forma alle cose, nell’abitare i luoghi, nell’interagire con gli altri, nel saper attraversare i confini. E’ un Festival articolato, multiforme, dal programma intenso, desideroso com’è di confrontarsi e rapportarsi su temi dibattuti e attuali, per attingere a piene mani da esperienze significative e dar senso (e pratica) a una nuova visione del presente e del futuro. Basta un weekend... “Fabbrica dello Zucchero”, Rovigo, 28/29 settembre 2019. www.lafabbricadellozucchero.com

di Elena kraube

n. 4 Agosto-Settembre 2019


CALDO AUTUNNO A FORMENTERA VACANZE IN FAMIGLIA RELAX A 360°

Formentera, l’isola più piccola delle Baleari, è perfetta in ogni stagione ma soprattutto in autunno e primavera da’ il meglio di sé, sia per il clima piacevole che permette di muoversi in libertà a qualunque ora del giorno e sia perché offre il suo lato più autentico, al riparo dalla folla estiva. Settembre e ottobre sono mesi perfetti per il relax in spiagge semi deserte e per gli ultimi bagni in totale tranquillità, per rilassanti passeggiate immersi nel verde, per praticare numerosi sport sulla terra ferma e in mare o semplicemente per ritrovare se stessi grazie a una

Grado, Isola del Sole: un’oasi di relax unica nell’Alto Adriatico, uno scenario paesaggistico suggestivo, in cui il verde della rigogliosa vegetazione si perde nel blu del mare e nell’oro delle spiagge. Qui, a pochi passi dal mare e dal centro storico, sorge il Laguna Palace Hotel, moderna struttura a 4 stelle pensata per offrire ai propri ospiti un’esperienza di relax a 360 gradi, anche per chi viaggia con i bambini! Il Laguna Palace è infatti l’unico Family Hotel dell’isola e soddisfa le esigenze di tutta la famiglia: divertimento e intrattenimento per i piccoli, relax e benessere per gli adulti. La struttura dispone infatti di 24 Family Suites ampie e confortevoli, pensate appositamente per le necessità di una famiglia in vacanza: spazi comodi per lasciare libertà di movimento ai bimbi e, al contempo, permettere ai genitori di organizzarsi al meglio.Fiore all’occhiello della struttura è il servizio di Miniclub. Sempre seguiti da animatori specializzati, i piccoli ospiti dai 6 anni di età potranno fare amicizia e divertirsi con le attività in spiaggia, i giochi in acqua e i laboratori creativi. Il tutto fino alle 21.00, con la possibilità anche di cenare tutti insieme al ristorante con un menu a misura di bambino! www.lagunapalacehotel.it

lago di garda più romantik Il Romantik Boutique Hotel Villa Sostaga a Gargnano (BS), new entry del gruppo Romantik Hotels & Restaurants, può vantare una posizione davvero unica che si affaccia sulle dolci acque del Lago di Garda. Dalla storica villa del XIX secolo, si può contemplare una delle più spettacolari vedute sull’immenso specchio d’acqua, la quale, unita allo straordinario charme della struttura, un tempo dimora estiva e residenza di caccia della nobile famiglia Feltrinelli, ha conquistato anche l’attuale “padrone di casa”, il milanese Gabriele Seresina, Team Manager di Alfa Romeo e Opel, che insieme alla moglie ha scelto di realizzare proprio qui il sogno a lungo inseguito di gestire un hotel, e di farlo, soprattutto, con cuore, anima e carattere, proprio come si può vedere nello stile degli arredi: ognuna delle 19 camere, suddivise tra “Suite villa” e “Suite dépendance”, è stata allestita individualmente da Gabriella Seresina, attiva nel settore della moda milanese per diversi anni. Il panorama è sempre in primo piano al Romantik Boutique Hotel Villa Sostaga e accompagna una rilassante pausa sui nuovi letti a baldacchino a bordo della piscina riscaldata. Info: www.romantikhotels. com sostaga@romantikhotels.com

n. 4 Agosto-Settembre 2019

full immersion di yoga e meditazione nei numerosi retreat dell’isola.Anche in autunno, l’isola offre ai suoi visitatori un ricco programma di eventi. Il 5 di ottobre a Es Pujols, a nord dell’isola, si terrà la VII edizione di una gara di Triathlon, la competizione sportiva multidisciplinare che include gare di nuoto, ciclismo e corsa. Dal 25 al 27 ottobre si terrà invece la quarta edizione BTT Vuelta Cicloturista Formentera un percorso in bici che ripercorrerà i luoghi più caratteristici dell’isola attraverso tre tappe, Per coloro che desiderano disconnettersi, dal 12 al 13 ottobre si svolge il Formentera Zen, due giornate dedicate interamente al benessere, la meditazione e il relax nel contesto naturale dell’isola. Sessioni di yoga per rilassare i nervi, antigym per esercitare il corpo e la mente, paleo training mantenersi in forma. Per informazioni www.formentera.es

il viaggiatore La leggenda narra che in una delle stanze di questa dimora storica fosse stato nascosto dal proprietario un tesoro per evitare che cadesse in mano sbagliate durante la seconda guerra mondiale. Oggi invece dopo una recente ristrutturazione ci sono delle belle stanze accurate che riflettono la passione delle due proprietarie: Paola e Simona. Hanno fatto una scelta di vita importante e coraggiosa. Insieme hanno deciso di lasciare il vecchio caro e sicuro posto di lavoro per affrontare questa nuova avventura. Il desiderio di coronare un sogno diventato realtà che si esplicita in tutto quello che si vede. Ognuna delle sei stanza ha come tema un colore quindi la verde mela (adatta per famiglie), la rossa, la viola, la verde bosco, l’azzurra e la celeste. Ognuna esprime personalità con oggetti originali e non manca anche il tocco glitterato ideato da Simona. I materassi sono comodissimi e non hanno certo lesinato su questo particolare fondamentale. A disposizione anche un piccolo appartamento che definisce così la destinazione d’uso che sarebbe come foresteria lombarda ma nell’insegna esterna trovate la più familiare dicitura di B & B. I mobili sono stati restaurati per mantenere viva la storia di questo casale che risale al 1500 che fu un lazzaretto, una stazione di posta e pochi sanno che qui tra queste mura è nato Ugo Mulas, uno dei più famosi fotografi italiani che si trasferì poi a Milano. Gustosa e di design la colazione e a disposizione a qualsiasi ora un bollitore per rilassarsi con una tisana. All’esterno un grande giardino con piscina a soli 5 km dal casello di Sirmione. E via quindi a scoprire anche la Strada dei vini e dei sapori prima di fare una passeggiata al lago. Info: B & B La Terrazza, via Italia Libera 44 Pozzolengo (Brescia) tel. 0309918103 oppure tel. 3801296006 www.bblaterrazzadelgarda.it mail:info@bblaterrazzadelgarda.it

di alessandra capato

55


LUXURY places Quando il turismo sceglie l’eccellenza

ARBATAX PARK RESORT Un angolo di paradiso per un benessere totale very green È il più grande complesso turistico della Sardegna e l’unico al mondo inserito in un parco naturalistico. L’Arbatax Park Resort si estende per circa 60 ettari sull’estremità della penisola di Capo Bellavista, nell’Ogliastra, in una delle 5 “Blue Zone” del pianeta, patria di centenari custodi di antiche tradizioni. Un angolo di paradiso dove ritagliarsi momenti di relax e silenzio a contatto con una natura selvaggia e un mare dalle acque cristalline che si fregia di ben 6 bandiere blu. Lo scenario è di incomparabile bellezza: nel Parco Naturalistico e Faunistico Bellavista, in un’area di 40 ettari, tra olivastri, lentischi e mirti vivono in libertà mufloni, cinghiali, cavallini della giara, daini, asini, pecore e mucche, insieme ad una varietà di volatili che trovano rifugio in un ecosistema protetto. Oltre 500.000 piante, più di 500 animali, circa 5 km di passeggiate, e 500 persone che ogni giorno si prendono cura del parco e degli ospiti. L’Arbatax Park è stato eletto il miglior “Eco Resort d’Italia” nell’ambito dei prestigiosi World Travel Awards 2019. Un importante riconoscimento internazionale che lo indica quale punto di riferimento per il turismo eco-sostenibile. Qui tutto è pensato per la salvaguardia dell’ambiente: dalla raccolta differenziata, che supera il 90%, al riciclo della carta che diventa lettiera per gli animali; dal riciclo del vetro al recupero delle acque piovane che convogliano all’interno di una cava e vengono riutilizzate per irrigare orti, prati e giardini mentre il compostaggio di tutto il materiale organico proveniente dalle potature diventa humus per le piante. Anche l’elettricità utilizzata è in gran parte green (energia solare e altre fonti rinnovabili) e produce energia pulita derivante da un impianto fotovoltaico di 100 Kwh. All’Arbatax Park Resort si soggiorna in hotel, ville, suite e cottage arredati con estrema cura, fra cui spiccano le 12 nuove Suite del Mare, che ricreano un ambiente di eleganza e riservatezza. I vari alloggi sono distribuiti in aree diverse col-

legate fra loro da un servizio gratuito di navette con piccoli mezzi elettrici che percorrono a rotazione l’intero villaggio. Alcune camere hanno giardini privati, altre si affacciano alla piscina, altre ancora hanno terrazze incastonate nella roccia per contemplare il mare direttamente dalla stanza. Anche la cucina è curata e diversificata negli 8 ristoranti del resort. Tutti da provare.

UNA SARDEGNA INASPETTATA CHE AMMALIA CON I SUOI COLORI E PROFUMI, DOVE LA NATURA È PROTAGONISTA ASSOLUTA

“OLTRE IL MARE ED IL PROFUMO DEL MIRTO” Il Resort sfoggia un notevole centro benessere di 2.000 mq, la Thalasso & Spa Bellavista, sviluppata intorno ad un patio con piscina esterna e idromassaggio. Dopo essersi lasciati inebriare dal profumo del mare, ci si abbandona con piacere ad un massaggio antistress o aromatico agli oli essenziali. Quest’anno la Spa propone una novità assoluta: le settimane del benessere, denominate “Oltre il mare ed il profumo del Mirto”, durante le quali le virtù della millenaria medicina cinese si sposano con l’antica medicina tradizionale sarda per ritrovare l’equilibrio psicofisico. Un invito alla contemplazione della forza della natura, all’ascolto del silenzio, alla cura del corpo e dei sensi nell’ottica di un’esperienza olistica. “Dalla fitoterapia con essenze ed erbe aromatiche autoprodotte all’agopuntura, dal massaggio Tuina alla riflessologia plantare, dal Qi Gong allo stretching dei meridiani, è possibile vivere un percorso esperenziale personalizzato per ristabilire l’energia vitale” spiega il dott. Maurizio Corradin, medico–chirurgo, specialista in medicina dello sport, nutrizionista e agopuntore. Lo affianca la dott.ssa Tiziana D’ Onofrio, ginecologa ed agopuntrice, esperta in Medicina Biointegrata all’Università di Chieti. Fra i trattamenti consigliati in base alla diagnosi energetica iniziale, diversi tipi di massaggio corpo (“il respiro del passo”); la riflessologia plantare (“le radici ed i fiori”) basata sulle antiche mappe cinesi; la riflessologia del viso (“I colori del Cielo”) dove “corrono” alcune fra le principali linee energetiche del corpo; lo scrub “I sassolini di Venere” per pulire lo strato corneo della pelle ed eliminare le tossine. Il trattamento più gettonato? “Là dove il guerriero riposa” – confida il medico - un massaggio completo rigenerante che agisce su tutto l’organismo per riequilibrare le energie consumate dallo stress quotidiano”. Le prossime settimane del benessere si tengono dal 18 al 25 agosto e dall’ 8 al 15 settembre. (Rita Bertazzoni)

ARBATAX PARK RESORT Via Capri 49, 08048, Arbatax (OG), Italy Telefono +39.0782.690590 Fax +39.0782.667795 E-mail info@arbataxpark.com www.arbataxpark.com


HOTEL 4****S STELLE A SEEFELD IN POSIZIONE ECCELLENTE L’Hotel Eden dispone di 75 camere e suite con vista sulle montagne e l’eccellente qualità di 4 Stelle Superiore. Tutte le nostre camere sono dotate di balcone, cassetta di sicurezza, minibar, TV a schermo piatto e WLAN gratuito. A seconda della disponibilità proponiamo anche camere prive di barriere architettoniche. Il nostro hotel, situato a Seefeld in posizione centrale, dista solo un paio di minuti a piedi dalla zona pedonale e dalla stazione di Seefeld. I pullman regionali di Seefeld si fermano direttamente di fronte all’hotel, consentendo così di arrivare comodamente a destinazione.

GIORNI PER CONOS CERSI

€ 190,

per 2 pe 00 rsone in ca matrimon mera iale inclu sa la mezza pensione

das hotel eden **** Superior Münchner StraSSe 136 - 6100 - Seefeld in Tirol Tel.: +43 (0) 5212 50495 E-mail: info@eden-seefeld.at http://www.eden-seefeld.at


I NOSTRI SHOWROOM CARPI Via San Giacomo, 33/A 41012 Carpi (MO) info@dagaserramenti.it MANTOVA S.S. Cisa, 146/B 46034 Borgo Virgilio (MN) mantova@dagaserramenti.it MODENA Viale Alessandro Tassoni, 64 41124 Modena (MO) modena@dagaserramenti.it

ARRIVA LA BELLA STAGIONE? NON FARTI COGLIERE IMPREPARATO! RINNOVA IL TUO OUTDOOR

www.dagaserramenti.it pub archi2019.indd 1

24/01/19 09:49


I NOSTRI SHOWROOM CARPI Via San Giacomo, 33/A 41012 Carpi (MO) info@dagaserramenti.it MANTOVA S.S. Cisa, 146/B 46034 Borgo Virgilio (MN) mantova@dagaserramenti.it MODENA Viale Alessandro Tassoni, 64 41124 Modena (MO) modena@dagaserramenti.it

ARRIVA LA BELLA STAGIONE? NON FARTI COGLIERE IMPREPARATO! RINNOVA IL TUO OUTDOOR

www.dagaserramenti.it pub archi2019.indd 1

24/01/19 09:49


5 ANNI DA EVITARE A MANTOVA Ci sono dei momenti nella storia delle città in cui gli abitanti avrebbero voluto essere altrove magari in occasione di saccheggi, pestilenze o invasioni. In quei casi gli unici che invece avrebbero voluto partecipare sono normalmente gli storici e i giornalisti per raccogliere informazioni di prima mano e per capire come stavano davvero le cose. Perché allora non

1630 IL SACCO DI MANTOVA giocare un po’ con la storia pensando a quei momenti storici in cui sarebbe stato meglio non essere a Mantova? Queste sono le mie 5 scelte tra romani, ungari, peste, lanzichenecchi ed austriaci ma naturalmente il gioco può continuare. E voi? Quali scegliereste?

40 A.C. LA CENTURIAZIONE Se i Romani espropriarono le terre dei genitori di Virgilio figuriamoci cosa fecero con quelle degli altri mantovani. Certo per le città che, come Mantova, avevano parteggiato per Bruto, uno dei cesaricidi, il destino non poteva essere diverso. La centuriazione del territorio mantovano si coglie ancora oggi nella griglia dei terreni che si vede nelle foto aeree. Dopo questa sciagura Virgilio tornò a Roma con il padre ormai cieco portando con sé le Bucoliche, poesie dove esaltava la vita nei campi e condannava la violenza.

Era il 18 luglio del 1630 quando l’armata dei Lanzichenecchi capitanata dall’Aldringen riuscì a penetrare in città attraverso il ponte di San Giorgio e a dare il via al saccheggio. L’occupazione straniera durò fino al 20 settembre del 1631 e Mantova non si riprese più. Ancora oggi chi parli del Sacco con i mantovani ha l’impressione che sia appena successo. Ma d’altra parte una ferita di questo genere non si rimarginerà mai: dati riportati da alcune fonti dicono che al rientro del duca Carlo I in città gli abitanti erano 6.000 (40.000 prima del 1630) e nel territorio 43.000 (da 170.000 prima del Sacco).

1478 LA PESTE

1852 I MARTIRI DI BELFIORE

Molte sono state le pestilenze a Mantova (pensiamo a quella che seguì il Sacco del 1630 portata dai Lanzichenecchi). Nel 1478 però la pestilenza si porta via 18.000 vittime in città e il marchese Ludovico II Gonzaga a Goito dove si era trasferito per provare a sfuggire alla malattia. Con la morte di Ludovico chiude un’epoca per Mantova che nel 1459 era diventata per alcuni mesi centro del mondo con la Dieta convocata dal Papa Pio II e che avrebbe vissuto un periodo d’oro con Alberti, Mantegna e Fancelli.

923 INVASIONI DEGLI UNGARI Molti sono stati gli invasori ma scelgo l’ondata degli Ungari perché è legata alla storia dei Sacri Vasi. Infatti dopo che Longino fu martirizzato a Mantova si perdono le tracce della reliquia. È nell’804 che si riscopre il Sangue di Cristo ma nel 923 la paura degli Ungari fa sì che i mantovani nascondano la reliquia in modo così efficace da ritrovarla solo nel 1048.

60 Pag Mantovagando MCG 4 - 2019.indd 60

Il 7 dicembre del 1852 è la data simbolo di Belfiore quando furono impiccati Giovanni Zambelli, Angelo Scarsellini e Bernardo Canal (i congiurati veneziani) e i due mantovani don Enrico Tazzoli e Carlo Poma. Ma in realtà tutto inizia il 5 novembre del 1851 con la fucilazione di don Giovanni Grioli a Belfiore, prosegue con le esecuzioni, sempre nella valletta di Belfiore di Tito Speri, don Bartolomeo Grazioli e Carlo Montanari (3 marzo 1853) e Pietro Frattini (19 marzo 1853) e si conclude con l’impiccagione di Pietro Fortunato Calvi (4 luglio 1855) nella zona di Lunetta. Le morti dei martiri segnano la fine del mito dell’Austria Felix.

n. 4 Agosto-Settembre 2019

26/07/19 09:23


CON IL PATROCINIO

MANTOVA COMUNE DI CASTEL GOFFREDO

giancarlo masini IL CORAGGIO DELLA FOLLIA Tokio 2020

M

MAIN SPONSOR

a cura di Marco morelli

edaglia di bronzo alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro nel 2016, vice campione del mondo a Greeenville (Usa) 2014, dieci titoli nazionali tra gare su strada ed a cronometro. Campioni non lo si diventa per caso. Parliamo di Giancarlo Masini, classe 1970, di Castiglione delle Stiviere. Giancarlo persegue un progetto molto serio dal nome adrenalinico, “Il Coraggio della Follia” “Il progetto il Coraggio della Follia, ha come obbiettivo di coinvolgere aziende che mi supportino alla partecipazione delle paralimpiadi di Tokyo 2020” afferma Giancarlo. Prossimamente disputerò gare di coppa del mondo, mondiali, coppa Europa. A luglio ho vinto il campionato italiano sia su strada che a cronometro ed ho colto un ottimo risultato in una gara internazionale aggiudicandomi la medaglia di bronzo. Risultati che sono di buon auspicio per acquisire il punteggio che mi permetterà di staccare il pass per Tokio 2020. Sarò impegnato anche nel sociale, per portare un messaggio di speranza a chi come me ha avuto problemi gravi nella vita, facendo vedere che la disabilità può essere superata attraverso lo sport e che i muri che dividono i normodotati e i disabili si possono abbattere. Sarò in molte scuole e strutture per la riabilitazione, sia con la nazionale che a titolo personale, dove saranno trattati argomenti di disagio, disabilità e di integrazione. Inoltre ho pensato che questo evento possa anche diventare un momento solidale: abbiamo, infatti, aderito all’evento Paralympics Stars Games svoltosi lo scorso aprile a Castel Goffredo con oltre 30 atleti paralimpici di tennis tavolo e finanzieremo il Progetto Fiordaliso Social Sport della Coop.Fiordaliso di Castiglione delle Stiviere che ha come obiettivo la realizzazione di una Palestra per i ragazzi disabili che praticano sport”. Le aziende Pata e Sterilgarda, main sponsor del progetto, hanno aderito con sensibilità ed avranno il logo aziendale sulla maglia tricolore e del campione del mondo Giorgio Farroni. A Palazzo Menghini a Castiglione delle Stiviere si inaugurerà Sabato 21 settembre alle ore 10,00 una Mostra solidale con asta silenziosa di magliette e cappellini autografati di personaggi del mondo dello sport e spettacolo e l’introito andrà a sostenere il progetto della onlus e a Giancarlo Masini verrà conGOLD SPONSOR

1

2 Nella foto 1. Giancarlo Masini sul podio, medaglia di bronzo al Paralimpic World Cup di Corridonia. Nella foto 2. Masini col campione del mondo Giorgio Farroni.

Franco Sciannimanico

segnata l’onoroficenza del “Luigi D’oro” per meriti sportivi. Mercoledi 25 Settembre alle ore 10,00 si svolgerà un incontro-dibattito sul tema sport e disabilità, all’auditorium dell’istituto Gonzaga di Castiglione. Sabato 28 settembre partirà alle 10,00 dal Parco Pastore il 2°Fiordaliso Social Run passeggiata dei bambini, oltre 600, che giungeranno presso la sede della onlus che offrirà un buffet ed un omaggio a tutti i partecipanti. Mentre alle 18,00 si svolgerà la gara non competitiva 1°Fiordaliso Social Run by night, organizzata grazie alla strenua collaborazione della A.s.d. Podisti Castiglionesi. Tutti coloro che vogliono aderire al progetto potranno contribuire con 10 € che darà diritto ai primi 100 iscritti di avere, oltre al pacco gara, anche una maglietta della cooperativa. L’iscrizione alla gara sarà di 5€. Gli eventi rientrano nel calendario delle settimana dello sport promosso dall’Amministrazione ComuMEDIA PARTNER

nale di Castiglione delle Stiviere che si svolgerà a partire dal 21 al 29 settembre e che coinvolgerà tutte le discipline sportive domenica 29 al Parco Pastore. Le aziende che intendono aderire all’iniziativa possono effettuare un bonifico intestato alla cooperativa Fiordaliso Onlus Banca Prossima San Paolo cod iban IT70Z0335901600100000060555 con la dicitura erogazione liberale per potere usufruire dei benefici fiscali. Inoltre il vostro logo aziendale sarà pubblicizzato oltre che sul sito ed sui social della Fiordaliso anche sui flyer, sull’opuscolo di presentazione dei progetti, sul tnt che sarà posizionato lungo il tracciato della gara podistica, sul ledwall del centro commerciale il Leone e durante la mostra. Contatti: per ulteriori informazioni potete contattare Rino Redini, promotore e coordinatore dei progetti. redrin@tin.it cell.335-6087633

SILVER SPONSOR

Radio ufficiale

SPONSOR

n. 2 Aprile-Maggio 2019

61


MUSICA cinema & arte cremona musica

A CREMONA UN MONDO DI MUSICA IN TRE GIORNI DI EVENTI Se gli spazi rimangono quelli, affollati ed inevitabilmente caotici, di una fiera, l’appeal che Cremona Musica sta sempre più esplicitamente perseguendo è quello di una grande festa, capace di coniugare non solo strumenti e strumentisti diversi ma anche generi, linguaggi, approcci a volte lontani in una visione trasversale e gioiosamente “pop”. Esposizioni, certo, ma anche eventi, concerti, conferenze, presentazioni dislocate senza soluzione di continuità nel dedalo di sale che, dal 27 al 29 settembre prossimi sapranno coniugare l’arte al business. A poco meno di tre mesi dall’apertura delle porte di Cremona Musica, sono già tanti i grandi nomi che hanno confermato la propria presenza. Il primo è

A fine settembre, lo spazio Fiera della città aprirà le porte ad esposizioni, concerti, special guest

VISTI PER VOI AL CINEMA

di elena kraube

C’ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

TOLKIEN

Quentin Tarantino si esercita su uno dei casi criminali più celebri di fine anni Sessanta. Sharon Tate, promettente attrice americana e sposa di Roman Polanski, è la nuova vicina di Rick Dalton, star di Hollywood in declino. Dalton condivide la scena con Cliff Booth, controfigura che da anni ammortizza le sue cadute. Dopo un lungo viaggio, i due tornano a Los Angeles dove li attende la notte più calda del 1969.

Orfano scampato alla Prima Guerra Mondiale, J.R.R. Tolkien ripercorre in trincea la sua vita, risale il tempo fino alla stagione più bella, vissuta con immaginazione e interrotta bruscamente dalla guerra. La Grande Guerra che distruggerà la ‘comunità’ in cui si è forgiato come l’unico anello l’immaginario dei romanzi a venire. Da dove nasce l’idea di Tolkien per la Compagnia dell’Anello?

AD ASTRA

VIVERE

Vent’anni dopo la partenza di suo padre, per una missione di sola andata verso Nettuno alla ricerca di segni di vita extraterrestre, Roy McBride segue le orme paterne. Ingegnere dell’esercito attraversa il sistema solare in cerca di indizi sul fallimento della spedizione paterna, nella speranza anche di ricongiungersi al genitore. Ma lo spazio non lascia indenne il cuore dell’uomo...

62

quello di Salvatore Accardo, che ritirerà il Cremona Music Award nella categoria “performance – archi”; il liutaio israeliano Amnon Weinstein si aggiudicherà invece l’Award per il suo progetto “Violins of Hope”, la toccante esposizione di strumenti appartenuti alle vittime dell’olocausto e provenienti anche dai campi di concentramento. Tra i pianisti, immancabile Maurizio Baglini, storico ospite della rassegna.

Una ragazza alla pari che viene dall’Irlanda deve fare i conti con la stramba famiglia Attorre. In una periferia decorosa di villette a schiera vive la famiglia Attorre: Luca, giornalista free-lance molto free, confezionatore di articoli di colore che piazza a stento sui giornali, Susi, ballerina piegata a insegnare danza a signore sovrappeso, e Lucilla, la bimba seienne quieta e immaginifica ma affetta da asma bronchiale severa.

DI ELIDE BErGAMASCHI

IL MIRACOLO DI NETREBKO ZITTISCE UN’ARENA DA TUTTO ESAURITO Da più di un secolo, è l’incubatore perfetto della musica: l’opera lirica, il patrimonio che di noi italiani è radice inalienabile da cui tutto – storia, cultura, immaginario collettivo, insospettabili motivetti sopravvissuti alle generazioni – sembra prendere forma. Anno dopo anno, l’Arena di Verona si conferma dispensatrice di un rito collettivo in cui nessuno pare voler rinunciare a tuffarsi. In questa edizione 2019 a spiccare tra la rosa di titoli è Trovatore. Un cast stellare ha contrassegnato le prime tre recite, all’insegna del tutto esaurito: su tutti, attesissima, la coppia – nell’arte e nella vita – Netrebko – Eyvazov, affiancata da Luca Salsi e da Dolora Zajick. Un menu per palati sopraffini. Al suo debutto assoluto in Arena, Anna Netrebko era una Leonora che sin dalle prime note faceva correre la mente alle divine del passato; il timbro pieno, straordinariamente imponente in ogni registro, di una precisione infallibile, il legato plastico e capace di assolute morbidezze. Un miracolo di vocalità apparentemente priva di sforzi che ha zittito in un silenzio quasi sovrannaturale i 15.000 presenti prima di una pioggia di ovazioni.

ALL’AUDITORIUM ARVEDI LA FESTA DEL VIOLINO E DELLA CITTà I più acclamati violinisti del panorama internazionale; pianisti di fama mondiale; da sabato 28 settembre a sabato 12 ottobre torna a Cremona STRADIVARIfestival, con la direzione artistica di Roberto Codazzi. Per questa settima edizione l’Auditorium Giovanni Arvedi del Museo del Violino ospiterà infatti grandi nomi impegnati in concerti solistici tra i più celebri e amati e in opere del repertorio sinfonico e cameristico classico e romantico. La rassegna prende il via sabato 28 settembre con Giuliano Carmignola, violinista prediletto dell’ultima stagione artistica di Claudio Abbado con il quale ha realizzato memorabili incisioni discografiche. Al suo debutto al Festival, Carmignola suonerà il violino Pietro Guarneri 1733 e ricoprirà il doppio ruolo di solista e direttore, alla guida di una delle migliori orchestre da camera d’Europa, Concerto Köln, in un programma che spazia fra i grandi maestri del Settecento: Bach, Vivaldi, Avison, Dall’Abaco.

n. 4 Agosto-Settembre 2019


Marialuisa Quaini e l’energia dell’acquerello Marialuisa Quaini è tra i pochi artisti che possono dire di avere fatto dell’arte la propria professione di vita, oltre che la propria passione. Ci parla della sua formazione artistica? «Sono nata a Milano dove ho vissuto parecchi anni studiando pittura attraverso corsi privati. In seguito mi sono trasferita a Verona, dove ho ricominciato gli studi d’arte, inizialmente da privatista e poi attraverso l’Accademia di Belle Arti Cignaroli. Qui ho approfondito lo studio della pittura ad olio e dell’acrilico, alternando corsi di grafica e affresco. Alla Cignaroli ho ottenuto il primo diploma in pittura. Ho studiato anche storia dell’arte e acquerello. Durante gli anni successivi ho frequentato L’Accademia Internazionale di Brunico in provincia di Bolzano, per lo studio specifico dell’acquerello con insigni professori austriaci. Ho infine imparato la ceramica Raku

e approfondito la tecnica dell’acquerello all’Accademia di Tenno di Trento». Cosa l’ha spinta a frequentare diverse Accademie di Belle Arti? «Mi interessava poter discutere e lavorare con professori di varie formazioni culturali. Scambiare opinioni con pittori stranieri sempre alla ricerca di nuovi spunti e nuove idee». Come mai la scelta dell’acquerello come tecnica ideale? «La tecnica dell’acquerello mi ha sempre coinvolto. Operare con l’acqua vuol dire concepire meraviglie improvvise, guidare senza problemi le sensazioni, libera da costrizioni. Era quello che cercavo da sempre». Ci sono materiali diversi che uniti al suo acquerello lo rendono originale? «Per materie diverse io intendo quei prodotti che mi possano aiutare nella ricerca dell’originalità e della diversità. Il sale che assorbe il colore mi aiuta a trovare il sogno, l’etereo. L’inchiostro a delineare certi punti. Le polveri d’oro e d’argento a far risplendere parti del dipinto. Il caffè per usare un solo prodotto, riuscendo a trovare la via prescelta. I gessi per muovere le superfici creando spazi diversi, e le cere per realizzare spazi chiari e luminosi». Quali soggetti predilige e perchè? «Prediligo i paesaggi che riesco a visitare perché mi restano nella mente dopo i lunghi viaggi. Li elaboro come li ricordo e li sogno, con il cuore e con la mente». Quali Maestri pittori del passato o contemporanei l’hanno ispirata artisticamente? «Mi hanno ispirato Maestri meravigliosi come William Turner che ho avuto la possibilità di vedere a Londra, e i miei professori, insigni pittori contempo-

Marialuisa Quaini

ranei come: Giuliari, Patuzzi e Tavella». Quale è stata la soddisfazione più grande in campo artistico? «Soddisfazioni tante. In primis gli apprezzamenti fatti dai Maestri che mi hanno aiutato e seguito. Le citazioni sui diversi cataloghi, il Cavalierato per l’arte, e l’essere iscritta alla SBAV Società delle Belle Arti di Verona dal 1990, con successo di critica e riscontri positivi vari». Quale invece quella nel campo dell’insegnamento? «Essere stata in grado di trasmettere ai miei alunni l’amore per la pittura ad acquerello, e di averli seguiti con sentimento oltre che con professionalità». Come mai questa grande passione per la pittura? «Perché fa parte della mia vita, del mio cammino, del mio modo di vivere. Non concepisco la vita senza sfumature, luce e colori, senza potermi esprimere attraverso la pittura stessa». Info www.quaini-ml.com

DI Barbara Ghisi

GORKY. NEL SEGNO DELL’AMERICA

le mostre

Fondazione Musei Civici di Venezia ospita la più ampia retrospettiva mai realizzata in Italia sull’artista americano Arshile Gorky. Allestita a Ca’ Pesaro Galleria Internazionale d’Arte Moderna, la mostra riunisce, fino al 22 settembre, oltre 80 opere dell’artista. Sin dal suo interrogarsi, negli anni ’20, sui maestri moderni fino ai suoi ultimi dipinti degli anni ’40, nell’opera di Gorky è sempre presente una particolare visione che lo contraddistingue come una delle figure cardine dell’arte americana del XX secolo.

Libri

Venezia Isola di San Giorgio Maggiore Dal 14 settembre al 24 novembre EMILIO ISGRÒ

Rovigo Palazzo Roverella Dal 28 settembre al 26 gennaio GIAPPONISMO. Venti d’Oriente nell’arte europea. 1860 – 1915

Firenze Palazzo Antinori Dal 9 settembre al 10 novembre LA FIRENZE DI GIOVANNI E TELEMACO SIGNORINI

Trento Castello del Buonconsiglio Fino al 3 novembre FILI D’ORO E DIPINTI DI SETA. Velluti e ricami tra Gotico e Rinascimento

DI veronica ghidesi

IN MARE NON ESISTONO TAXI

una perfetta bugia

Nella notte del Getsemani non c’è Dio, ma solo l’uomo. È lo scandalo rimproverato a Gesù: aver trascinato Dio verso l’uomo. La notte del Getsemani è la notte dove la vita umana si mostra nella sua più radicale inermità. In primo piano c’è l’esperienza dell’abbandono assoluto, della caduta, della prossimità irreversibile della morte e della preghiera. La notte del Getsemani è la notte dell’uomo.

Pochi giorni prima di laurearsi, Harry riceve una telefonata. Suo padre è morto e la polizia pensa si tratti di suicidio. A comunicarglielo è la sua matrigna, Alice. Harry non può far altro che tornare a casa e cercare di capire, con l’aiuto della donna, cosa sia successo. Al suo arrivo conosce Grace, una ragazza che dice di essere nuova del posto, ma lui sospetta che sia in qualche modo legata alla sua famiglia, a quella parte del passato di suo padre che pezzo dopo pezzo sta venendo in superficie come un affresco sotto l’intonaco.

NEL SILENZIO DELLE NOSTRE PAROLE

TUTTO IN ORDINE E AL SUO POSTO

Come per il principio di Locard, secondo cui in ogni crimine si verifica un trasferimento di prove, per Lincoln Rhyme e Amelia Sachs sembra valere la legge per cui ovunque si trovino li aspetta un enigma che mette alla prova il loro talento da detective. La coppia ha scelto Bellagio, sul lago di Como, per sposarsi, insieme a un gruppo scelto di amici, ma la luna di miele si trasforma immediatamente in una investigazione privata. Allo stesso modo in Florida, i due vengono coinvolti nel caso di un aereo inabissato nell’Oceano Atlantico per cause tutte da chiarire. Incidente tecnico o attentato?

Brian Friel ha raccontato nelle sue opere l’Irlanda rurale degli anni 40, quella ridotta alla fame, votata alle tradizioni e al cattolicesimo, senza mai rinunciare alla sua identità nazionale, alla valorizzazione delle tradizioni della sua cultura e della mitologia celtica. In “Tutto è in ordine e al suo posto”, una raccolta di dieci racconti, il lettore ha davanti a sé storie di conflitti umani profondi, come amava descrivere Joyce; uomini e donne divisi tra la ricerca della libertà, della rinascita e la reale insoddisfazione di una vita che forse mai potrà cambiare.

n. 4 Agosto-Settembre 2019

63


musica/danza/teatro

spettacoli

di federico martinelli

30 ANNI DI CARRIERA VERONA / ARENA

ABBI CURA DI ME TOUR, POESIA DI CRISTICCHI

11, 12 e 14 settembre all’insegna della musica. Della storia della musica! Eros Ramazzotti sarà protagonista all’Arena di Verona di un concerto – show senza pari. Dopo l’annuncio di 60 date in Nord e Sud America con cui l’artista toccherà città come New York, Los Angeles, Miami, Chicago, Toronto, Mexico City, Buenos Aires, Rio De Janeiro, San Paolo, Santiago del Cile e molte altre, saranno quattordici gli appuntamenti europei del “Vita ce n’è world tour”. Quello all’Arena di Verona è sicuramente il più atteso. Oltre ai grandi successi che l’hanno reso celebre e con cui ha conquistato milioni di spettatori in più di 30 anni di carriera, il concerto presenterà le canzoni del nuovo album.

BRESCIA / PIAZZA DELLA LOGGIA

Simone Cristicchi – dopo 6 anni di successi teatrali, con oltre 300.000 spettatori, sold out, e il Festival di Sanremo 2019 che lo ha visto protagonista pluripremiato – torna in concerto sui palchi di tutta Italia, in concomitanza con la pubblicazione dell’album “Abbi cura di me”, prima raccolta dei suoi più noti e amati brani. Venerdì 6 settembre il cantautore e attore, grazie al suo tocco sensibile e alla capacità di fondere parole e musica, cantato e recitato, tornerà a emozionare il pubblico. Accompagnato dalla sua band, calibrata nell’enfatizzare la sua presenza scenica, farà rivivere il suo percorso: un alternarsi di racconti in musica che, attraverso variazioni di genere e di registri, ha raccontato talvolta in maniera seria e impegnata, talvolta con ironia e nonsense, il nostro quotidiano. Un vissuto che, anche grazie al suo contributo, si è consolidato nella storia, attraverso lo strumento che, più di tutti, è stato testimone del proprio tempo: la canzone.

L’ARTISTA FARÀ RIVIVERE IL SUO PERCORSO: UN ALTERNARSI DI RACCONTI IN MUSICA CHE, ATTRAVERSO VARIAZIONI DI GENERE E DI REGISTRI, HA RACCONTATO TALVOLTA IN MANIERA SERIA E IMPEGNATA, TALVOLTA CON IRONIA E NONSENSE, IL NOSTRO QUOTIDIANO.

ENZO RAPISARDA E LA SUA COMPAGNIA PADENGHE SUL GARDA (BS) / PIAZZA D’ANUNZIO Giovedì 15 agosto alle 21:00, appuntamento con “Il ventaglio di Lady Windermere”, commedia in tre atti di Oscar Wilde con Enzo Rapisarda, anche regista e la “Nuova Compagnia Teatrale”. Le vicende della giovane donna aristocratica – Lady Windermere – che, sospettando di essere tradita dal marito, arriverà al punto di mettere in dubbio la propria fedeltà, sono raccontate da una regia che enfatizza la voce schietta e beffarda come di Wilde.

DE GREGORI IN VERSIONE SINFONICA VERONA / ARENA DI VERONA

Venerdì 20 Settembre appuntamento con Francesco De Gregori. Il tour presenterà i più grandi successi del cantautore, per l’occasione accompagnato da una grande orchestra. È la prima volta che De Gregori presenta, in chiave sinfonica, i suoi successi. Composta da quaranta elementi l’orchestra avrà come nucleo centrale gli “Gnu Quartet” (composto da Raffaele Rebaudengo alla viola, Francesca Rapetti al flauto, Roberto Izzo al violino e Stefano Cabrera al violoncello). Un concerto magico arricchito, oltre che dalle parole e dalla musica, dal contesto scenografico che solo l’Arena può offrire. Davanti a quindicimila persone De Gregori racconterà il suo percorso, ancor oggi ricco di sorprese e crescita.

REI E BENVEGNÙ MANTOVA / DISANIMA FESTIVAL

ll duo sempre più affiatato, in questa avventura musicale, che presenterà a Mantova il 6 settembre, gioca e sperimenta come in un dialogo confidenziale tra amici. Un concerto di esposizione della memoria, di disobbedienza verso la disattenzione e di gioiosa appartenenza, che si sviluppa tra brani inediti, riletture di classici della canzone italiana e momenti più significativi dei rispettivi repertori.

LOREDANA BERTÈ, I SUCCESSI DI UNA CARRIERA

L’ESSERE UMANO VISTO DALL’IRONIA DI BRIGNANO

LEVANTE, LA POESIA CHE INCONTRA LA MUSICA

Continua l’ascesa di Loredana Berté nelle classifiche con “Non ti dico di no”, consenso che segue l’apprezzamento di “Cosa ti aspetti da me”, presentato al 69° Festival di Sanremo. Info: www.eventiverona.it

Il 4 settembre, risate assicurate al Teatro Romano di Verona per la tournée estiva di Enrico Brignano, che torna da protagonista con “Un’ora sola vi vorrei”, il suo inedito e imperdibile one-man-show che sfida e rincorre il tempo. Info: www.eventiverona.it

Il 3 settembre, al Teatro Romano di Verona appuntamento con l’icona del nuovo pop italiano: Levante. Con un nuovo tour la cantautrice, presenterà alcuni dei brani più suggestivi. Un percorso d’autore attento ai contenuti, ai messaggi e a significati profondi. Info: www.eventiverona.it


night life CRISTIANO DE ANDRÈ

LA NOBILE ARTE DELLE MARIONETTE SOIANO DEL LAGO (BS) / CASTELLO DI SOIANO Il 23 agosto a Soiano del Lago, appuntamento con “Le marionette di Tancredi Mucchetti”. Lo spettacolo, per grandi e piccini sarà occasione, non solo per apprezzare l’antica e nobile arte della marionetta ma per conoscere il valore dell’opera artistica di Mucchetti, pittore originario di Montichiari, nato ad Adro e noto proprio per questo genere d’arte, di derivazione familiare. Un arte che, grazie al padre, decoratore e allo zio pittore, arriva anche negli Stati Uniti per la presentazione delle sue marionette e delle scenografie teatrali.

TUFFO NEL MONDO DEL TEATRO IN PARCHI E VILLE SECOLARI VERONA E PROVINCIA / PARCHI SECOLARI

CLAUDIO SANTAMARIA E IL DECAMERONE

Tornano gli appuntamenti culturali delle rassegne “Teatro al Verde”, presso il Parco secolare di Villa Scopoli ad Avesa, quartiere di Verona alle pendici delle colline e “ScenArbizzano”, a Negrar di Valpolicella presso Villa Albertini ad Arbizzano. Ad Avesa il 2 agosto la compagnia “Matricola Zero” presenterà “La città invisibile”, il 9 agosto Michele Vigilante “L’uomo che piantava gli alberi” e il 23 agosto Stefano Paiusco “Il potere dei più buoni. A Negrar il 3 agosto “Matricola Zero” torna con il testo “Muoversi”. Il 10 agosto la compagnia “I tre pantaloni” sarà impegnata in “Dove vai tutta nuda?”. Chiude la rassegna, il 18 agosto, “Un curioso accidente” nell’allestimento della compagnia teatrale “La bottega”. Appuntamenti all’insegna dell’eterogeneità, un abbraccio tra stili e generi teatrali differenti. Info: www.quintaparete.it

PADOVA / CASTELLO CARRARESE “Il Potere” di Michele Santeramo interpretato da Claudio Santamaria e da Francesco Mariozzi al violoncello costituisce il terzo tassello dell’affascinante mosaico che prende il nome di “Storie dal Decamerone”, progetto trasversale che inaugura una concezione a posteriori della più grande opera di Giovanni Boccaccio, inserendola in una luce diversa dal solito, che si proietta verso il presente. Il 6 settembre alle 21:00, a Padova, grazie all’attore, emergerà il carattere precursore e immortale delle novelle del Decamerone. Il violoncello di Francesco Mariozzi, nell’allestimento, disegna sinfonie acute, da orchestra, che tracciano vertigini clamorose e che gettano il pubblico nel pieno della storia narrata dal suo protagonista.

RISATE ASSICURATE

Sabato 21 settembre in Piazza della Loggia (Brescia) alle 21:00 appuntamento con il tour “Storia di un impiegato”. L’appuntamento fa parte di un più ampio progetto – “De Andrè canta De Andrè” - ideato da Cristiano de Andrè dedicato all’opera del padre Fabrizio. Il tour, ispirato al celebre concept album di Faber, si presenta come una tappa importante di questo percorso. A cinquant’anni dalle rivolte sociali del 1968, con una nuova lettura grazie agli arrangiamenti, alle scenografie e alle proiezioni, le parole di Fabrizio saranno ancor più enfatizzate, consacrate da un’attualità senza pari. Un vero e proprio spettacolo multimediale che Cristiano, unico vero erede del patrimonio musicale deandreiano, ha pensato per coloro che hanno vissuto quegli anni ma anche, e soprattutto, per coloro che li hanno studiati sui libri di scuola e che, ancor oggi, sono sinonimo, in un connubio di contraddittorietà, di lotta e speranza in un mondo migliore. Messaggi, quelli delle canzoni, che riportano in auge “i figli della rivoluzione pacifista: l’utopia, l’anarchia, il Sogno, da una parte, il Potere, la paura, l’inabissamento delle qualità individuali a discapito delle esigenze globali, dall’altra”, sottolinea Cristiano. Come recita il testo di Nell’

ora di mia di libertà: “Certo bisogna farne di strada/da una ginnastica d’obbedienza/fino ad un gesto molto più umano/che ti dia il senso della violenza/però bisogna farne altrettanta/per diventare così coglioni/da non riuscire più a capire/che non ci sono poteri buoni”. Cristiano De André e Stefano Melone (alla produzione artistica) hanno dato una nuova vita musicale alle canzoni del disco, “un suono rock-elettronico, calibrato sui momenti psicologici del protagonista della storia, dall’iniziale clima di sfida dettato dall’introduzione sui giorni del Maggio francese sino al fallito attentato e al carcere. Un’opera rock, un vero e proprio spettacolo multimediale, con scenografie e proiezioni che inseriscono la musica live nel contesto dei tardi anni 60 e primi 70”. Canzoni celebri estratte da “Storia di un impiegato” come “Il bombarolo” a “Verranno a chiederti del nostro amore” saranno affiancate da altri brani di repertorio che hanno affrontato il tema della lotta per i dirit-

GARDA / PIEVE Mercoledì 7 agosto appuntamento con “Per Interposta Persona” di R. Gordon presso la Pieve di Garda (VR).

MARCO MENGONI ENERGIA TRAVOLGENTE VERONA / TEATRO ROMANO Il 20 luglio, a distanza di tre anni tornano in Italia Beirut con il suo ultimo lavoro “Gallipoli”, scritto e registrato tra New York, Berlino e Lecce.

n. 4 Agosto-Settembre 2019

SUONI E SUGGESTIONI DAL ROCK ALL’INDIE PER LA BAND BERGAMASCA BRESCIA / PIAZZA DELLA LOGGIA Il 4 settembre alle 21 appuntamento con “Fuori dall’Hype tour”, concerto del gruppo “I pinguini tattici nucleari”. La band bergamasca, capitanata da Riccardo Zanotti si dedica, dal 2012 all’interpretazione del genere musicale indie rock. Il concerto sarà occasione per presentare le canzoni dei loro album.

ti, come “La guerra di Piero”. Questi brani, contenuti nei progetti discografici di grande successo “De André canta De André – Vol. 1” (2009), “De André canta De André – Vol. 2” (2010) e “De André canta De André – Vol. 3” (2017) saranno protagonisti di due ore di musica, dove la sensibilità del musicista – eccezionale polistrumentista – e del cantante – dotato di una voce straordinaria, capace di toccare le corde dell’anima – renderanno un omaggio delicato ma al contempo energico al più grande Poeta della canzone italiana.

65


viaggi gourmet

Stüa de Michil nel segno della continuità

D

urante la pausa tra la stagione invernale e quella estiva in Stüa de Michil ci si è dati un gran da fare. Innanzitutto la cucina è stata completamente rinnovata e strutturata in modo più funzionale per rendere ancora più agevole il lavoro dello chef Nicola Laera e dei suoi sous chef Nicoló Zampieron e Alessandro Colombo insieme a tutta la brigata. Suddivisa in spazi dedicati alle diverse preparazioni, la cucina si presenta con un mosaico di piastrelle che alternano il bianco e il nero a creare un bell’effetto optical, mentre nuove credenze hanno sostituito i vecchi scaffali. Anche le antiche stube sono state ridisegnate per conferire più spazio fra un tavolo e l’altro senza modificare l’atmosfera che da sempre caratterizza questa Stüa dal fascino ladino più autentico. Adesso dalla Stube Anna è possibile interagire con i cuochi tramite un’ampia finestra. Quando i cuochi decidono di aprirla è perché saranno proprio loro a servire l’aperitivo. I tavoli sono sempre undici così come i posti a sedere: quaranta erano prima della ristrutturazione e quaranta sono adesso con in più la possibilità di riservare una sala grande per qualsiasi tipo di cerimonia. La botola che rende possibile l’unico accesso alla cantina, e che prima non era molto visibile, adesso si trova al centro della Stüa interamente rivestita di vetro. Quando il sommelier si cala attraverso la pertica centrale per risalire con la bottiglia richiesta l’effetto è tra l’esilarante e lo stupefacente. Oltre ai piatti che caratterizzano la carta della Stüa è possibile assaporare un menu degustazione intitolato Simbolo. Il termine deriva dal greco e significa mettere insieme, unire due parti distinte e si sposa perfettamente con la cucina dello chef Nicola Laera che, avendo il papà pugliese e la mamma ladina, sa quanto sia profondo il mare e quanto alte le montagne. Da questa connessione prende ispirazione la sua cucina che in un menu di otto portate trova una sintesi sincera, guizzante come un pesce e generosa come le Dolomiti. A proporvela è la giovane Elisa con il suo team di sala tutta al femminile, mentre in cucina, per la giusta parità, la brigata è tutta la maschile. Elisa è arrivata in Casa come stagista e dopo un periodo di tre anni è diventata la maître della Stüa. Oltre aver concluso con il miglior risultato il suo percorso di studi è anche sommelier certificata

66

a cura di m.t. san juan

STELLA MICHELIN DAL 2002, PROPONE TRADIZIONE E INNOVAZIONE, RICERCA E MATERIA PRIMA DI ECCELLENZA. MAMMA LADINA E PAPÀ PUGLIESE: È NICOLA LAERA CHE HA PRESO LE REDINI DEL RISTORANTE

dall’AIS. Infine da quest’anno è possibile degustare un aperitivo sull’albero che si trova nel giardino di Casa. Riservato per ragioni di spazio solo a due persone, chi sceglie di essere un po’ Cita e un po’ Tarzan si vedrà recapitare due calici di ottimo champagne accompagnati da alcuni snack. Dopo aver ammirato le stelle del cielo i due discendenti del Barone Rampante potranno proseguire la cena nella Stüa che da tempo è illuminata da una stella Michelin. A questo punto non rimane altro che venirci a trovare e scoprire ciò che di nuovo propone la Stüa de Michil, ristorante che presenta una cucina in perfetto equilibrio fra ricordo, esperienza e creatività.

Per informazioni: La Stüa de Michil Ristorante gourmet 1* Michelin Str. Col Alt, 105, 39033 Corvara in Badia BZ Telefono: 0471 831000 www.laperlacorvara.it/it/blog/archivio/la-stuade-michil/

n. 4 Agosto-Settembre 2019


Aqualux Hotel Spa & Suite

Benessere totale e armonia rigenerante: questo il binomio che contraddistingue un contesto unico che ha dato forma al progetto di AQUALUX Hotel SPA Suite&Terme. Acque incredibilmente azzurre, clima dolce, ulivi e vigneti si fondono alla filosofia di un bien vivre basato sulla sostenibilità e sullo charme. Le 125 camere caratterizzate dalla gamma di colori caldi e avvolgenti delle terre naturali, sfruttano i principi dettati dall’eco climatizzazione che sfrutta la veicolazione dell’energia naturale senza utilizzo di radiatori e condizionatori. La ricerca gastronomica condotta dai due ristoranti, Italian Taste (riservato agli ospiti dell’hotel) e EVO Bardolino (pensato anche per chi non soggiorna in hotel), punta

alla ricerca della qualità e dell’originalità delle ricette che esaltano i sapori e i profumi dei cicli naturali delle materie prime del territorio e privilegiano cotture brevi e accostamenti innovativi. Varcare la porta di EVO non significa semplicemente entrare in un ristorante ma vuol dire intraprendere un viaggio tra gusto, tradizione e creatività, guidati dal giovane chef Simone Gottardello. Cuore di AQUALUX Hotel SPA Suite&Terme, l’ampia corte che ospita l’AquaExperience, otto piscine (interne ed esterne) oltre a percorsi di acqua corrente, una zone dedicata al nuoto, stazioni idro e aeromassaggio, una vasca salina dedicata al relax. Ulteriore fiore all’occhiello della struttura

è lo spazio di 1000 mq per il benessere, AquaSpa & Wellness con cabine dedicate ai trattamenti, idroterapia e fangoterapia, una Private SPA, saune, bagni a vapore, una fontana di ghiaccio, un calidarium e un solarium. La luce naturale filtra delicatamente attraverso fenditure disegnate strategicamente in funzione dei raggi solari, favorendo in modo naturale l’ingresso in questo tempio del benessere e gli effetti rilassanti dei trattamenti: massaggi, bendaggi, maschere, azioni viso e corpo mirate, applicazioni con differenti finalità. AQUALUX Hotel SPA Suite&Terme, un luogo d’incanto per trascorre una vera vacanza.

Aqualux Hotel Spa & Suite Bardolino Via Europa Unita, 24/b 37011 Bardolino (VR) Italy tel+39 045-6229999 www.aqualuxhotel.com info@aqualuxhotel.com


sPECIALE frantoio manestrini OLIO DOP GARDA BRESCIANO

Freschezza, varietà e qualità della materia prima. Un menù ricco di ingredienti provenienti dalla nostra terra servito con allegria dal nostro personale, in un panorama che ti aiuterà ad apprezzarne ogni singolo sapore. Aperitivi, primi, secondi, pizza e le specialità di pesce, fritti e piadine: ecco cosa potete trovare in questo piccolo paradiso su una delle spiagge più confortevoli del Lago di Garda. Prenota o semplicemente richiedi informazioni Tel.: 334 509 8658 info@dallacugina.it www.dallacugina.it c/o Campeggio Rio Ferienglück Via del Rio, 37 – Manerba del Garda (BS)

68

n. 4 Agosto-Settembre 2013


sPECIALE frantoio manestrini OLIO DOP GARDA BRESCIANO

FARSI BELLI CON L’OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA DEL FRANTOIO MANESTRINI SALUTE E CURA DEL PROPRIO CORPO

L’

olio extravergine di oliva del Frantoio Manestrini è uno dei prodotti simboli fondamentali della nostra cultura culinaria. L’olio di oliva, ricavato dalla polpa dei frutti dell’olivo, è un potente antiossidante in grado di prevenire i segni dell’invecchiamento. La grande tradizione agricola italiana, gli ulivi secolari che si estendono nelle nostre campagne della Lombardia, gli antichi frantoi e le innovative delle aziende produttrici hanno saputo rendere questo alimento il caposaldo di ogni menù, rendendolo uno degli ingredienti principali della dieta mediterranea, sinonimo di salute e benessere in tutto il mondo. Il tipo di olive che viene utilizzato rende l’olio extravergine del Frantoio Manestrini il migliore dei classici oli d’oliva, in quanto viene ottenuto dalla spremuta di frutti di prima raccolta così che vengano mantenute tutte le qualità nutrizionali e organiche. Non c’è da stupirsi, quindi, che questo prodotto possa essere utile anche al di fuori della dimensione prettamente culinaria. Di cosa stiamo parlando? Della cosmesi, ovviamente… LE PROPRIETÀ COSMETICHE DELL’OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA FRANTOIO MANESTRINI Le proprietà cosmetiche di questo prezioso alimento sono ben note all’uomo già dai popoli antichi. Usato come trattamento di bellezza sin dai Fenici, i quali lo consideravano talmente prezioso da battezzarlo “oro liquido”, nel corso della storia gran parte delle popolazioni del Mediterraneo lo hanno utilizzato all’infuori della dimensione prettamente culinaria. Gli antichi Egizi, una delle civiltà più all’avanguardia rispetto ai tempi, ne traevano beneficio per ammorbidire la pelle e lucidare i capelli, mentre gli atleti dell’antica Grecia lo adoperavano come moderni membri di uno staff tecnico per massaggi e frizioni localizzate a temprare i muscoli e scaldarli. L’olio extravergine d’oliva, preziosissimo e prelibato in cucina, vanta quindi molteplici proprietà cosmetiche e rappresenta una scelta dal ridottissimo impatto ambientale. Può entrare tranquillamente a far parte di quei prodotti considerati a chilometro zero, una valida alternativa all’olio di argan e all’olio di avocado, con risultati simili. L’olio extravergine d’oliva Manestrini è un eccellente antiage, perfetto per ogni tipo di pelle, è emolliente, lenitivo, calma le irritazioni cutanee e come precedentemente accennato ridà vita ai capelli sfibrati. Vediamo insieme nella pratica, come l’extravergine d’oliva diventa un ingrediente fondamentale nelle

n. 4 Agosto-Settembre 2019

nostre formule di bellezza. Un primo uso cosmetico dell’olio di oliva extravergine è in gravidanza: un buon massaggio con il nostro amato olio può prevenire ed aiutare sin dai primi mesi la formazione di fastidiose e antiestetiche smagliature, da ripetere anche durante l’allattamento. Non c’è da meravigliarsi, inoltre, che l’olio extravergine d’oliva funzioni bene anche in compagnia di altri ingredienti: per una buona maschera antirughe per pelli impure consigliano di mescolarlo con un cucchiaio di argilla in polvere. Si otterrà, aggiungendo una goccia di olio essenziale di lavanda, un amalgama perfetta da spalmare su tutto il viso ad eccezione del contorno occhi e sciacquare via con acqua tiepida dopo circa dieci minuti di posa. Ricordiamo che per un effetto anti rughe anche qualche goccia di olio extravergine d’oliva puro, massaggiato sul viso, può funzionare in maniera sbalorditiva. Per un effetto ringiovanente, invece, è consigliato di utilizzarlo come base di uno scrub viso e corpo delicato: tre cucchiai di olio d’oliva extravergine con cinque cucchiai di farina di cocco, tre di olio di girasole e un cucchiaino di zucchero di canna. Un altro effetto combinato interessante lo si può ottenere con l’aiuto della curcuma, una spezia tipicamente asiatica anch’essa usata principalmente in cucina. Aiuta ad avere una pelle liscia, morbida ed elastica. Infine, se mescolato ad un cucchiaino di succo di limone appena spremuto, l’olio extravergine d’oliva andrà a costituire un’emulsione che resterà compatta per uno o due minuti prima che i due ingredienti si separino nuovamente: consigliano di applicare immediatamente sulle mani e lasciare agire per almeno mezz’ora. Questo piccolo segreto aiuta a prevenire l’invecchiamento della pelle delle mani, che saranno eccezionalmente morbide, la formazione di macchie scure tipiche dell’avanzamento dell’età e per rinforzare le unghie, le quali saranno più resistenti a smalti e decorazioni particolari.

Per tutto quello detto sino ad ora descritto e per essere ancora più performanti, abbiamo creato una linea di prodotti estetici in linea con la qualità esclusiva che da sempre abbiamo. L’olio extravergine d’oliva Manestrini, vero e proprio tesoro della nostra tradizione culinaria, è un prodotto talmente pregiato e ricco di elementi benefici che estende le sue qualità anche nel mondo della cosmesi, per la cura e il benessere del proprio corpo. Non possiamo che sentirci ulteriormente fieri di questo caposaldo della cultura italiana, un “oro liquido” per dirla come gli antichi fenici, che è sempre più protagonista della nostra quotidianità, a tavola e non solo. Siamo convinti che la Terra è un bel posto e vale la pena lottare per lei, venite a trovarci per provare direttamente questi nostri prodotti cosmetici a base di olio extravergine d’oliva. Presso il Frantoio Manestrini è possibile degustare l’olio prodotto direttamente dalle proprie olive e si possono acquistare i prodotti tipici gardesani: vini, grappe, olive e verdure sott’olio, oli aromatizzati, sughi e pasta oltre che cosmetici naturali a base di olio extra vergine di oliva. Frantoio Manestrini vi aspetta per degustare l’olio e gli altri prodotti dal lunedì a sabato nei seguenti orari: 9-18,30 Fa parte della Famiglia Manestrini anche il ristorante “Dalla Cugina” presso il Campeggio Rio Ferienglück (via Rio 37) a Manerba del Garda. www.dallacugina.it Nel menu del ristorante si possono gustare ottimi fritti di pesce e di verdure e piatti cucinati con l’olio extra vergine di oliva del Frantoio Manestrini. Il Frantoio Manestrini si trova a Soiano del Lago (BS) via Avanzi 7, GPS N 45.52616°, E 10.50980° Tel +39 0365 502231 www.manestrini.it Anche su facebook (Frantoio Manestrini) ed Instagram (Oliomanestrini)

69


86

n. 4 Agosto-Settembre 2013


ECONOMIA E LAVORO

tecnici cercasi Giovani talenti in fuga dall’Italia, per scelta o per necessità. Le aziende mantovane faticano a trovare giovani da assumere, soprattutto figure tecniche, che sono poche ed inoltre, secondo le statistiche, preferiscono emigrare. “E’ una tematica sulla quale siamo molto sensibili – spiega il presidente di Confindustria Mantova Edgardo Bianchi – perché ne va del futuro stesso della manifattura mantovana, e di conseguenza dell’intero territorio. Occorre fare una precisazione iniziale: è giusto che i ragazzi inseguano le proprie ambizioni, quindi se qualche posizione professionale non è presente nel Mantovano andare all’estero è una soluzione sicuramente comprensibile. L’incongruenza che dobbiamo e stiamo analizzando è invece l’espatrio di figure, come quelle tecniche, di cui le aziende mantovane sono affamate”. I motivi, e dunque le possibili soluzioni, sono il livello tecnologico delle aziende, la valorizzazione del merito e la conciliazione tra vita personale e

professionale. “Sul primo punto, grazie anche al piano Industria 4.0, sono stati fatti molti passi in avanti. Ci sono aziende nel Mantovano le cui linee di produzione sono diventate punti di riferimento in Italia ed all’estero. Lo testimonia, tra le altre cose, la grande richiesta di ingegneri evidenziata dalle indagini sul mercato del lavoro (l’ultima di pochi giorni fa). Certo il tessuto produttivo del territorio è composto da molte piccole e medie aziende, che dunque offrono scatti limitati di carriera. Per chi è molto ambizioso questo può rappresentare un limite, ma invito a vederla da un altro punto di vista: nel nostro tessuto imprenditoriale chi vale ha la possibilità di diventare vitale per un’azienda e di contribuire in modo concreto a determinarne gli eventi e lo sviluppo, spesso anche in termini di crescita economica. A livello nazionale inoltre il cuneo fiscale rappresenta un ulteriore limite alla possibilità di trattenere le risorse più valide e richieste dal mercato del lavoro. Ritengo pertanto fondamentale l’opera di stimolo da parte di Confindustria e auspico un intervento da parte del Governo in tempi brevi. Infine, il discorso welfare e conciliazione vitalavoro. Anche in questo ambito le aziende stanno

531 MLN PER IL MANTOVANO

RECUPERO immobili DISMESSI Ance Mantova, tramite il presidente Attilio Scacchetti, plaude alla decisone di alcuni Comuni, che stanno decidendo di intervenire sui costi di recupero degli immobili dimessi, ma chiede un ulteriore sforzo: “Apprezziamo e condividiamo la decisione della Giunta. Si può osare anche di più, ampliando il provvedimento agli edifici non dismessi e cercando di mettere in moto, con procedure semplificate, la riqualificazione di aree industriali, terreni ed edifici di grande valore storico e artistico”. Scacchetti ricorda come la rigenerazione urbana, oggetto peraltro dell’ultima assemblea dell’Ance, possa essere un volano per lo sviluppo del territorio: “Spesso queste aree, in stato di abbandono e non valorizzate, sono collocate in punti strategici

INNOVATION MANAGER

n. 4 Agosto-Settembre 2019

investendo molto, per offrire uno scenario di vita che sfrutti anche il vantaggio di risiedere in un territorio, come il nostro, a “misura d’uomo”, ma connesso a vie di comunicazioni veloci che rendano praticabile la mobilità delle persone. Come Associazione stiamo inoltre lavorando da parecchi anni sull’orientamento degli studenti e sulla creazione di percorsi formativi correlati alle effettive esigenze del sistema produttivo; ne sono esempi concreti l’ITS Agroalimentare e il Polo Universitario, di cui siamo soci fondatori“.

per la città ed i comuni limitrofi. Si deve agire per ridurre la quantità di suolo “consumato” mediante interventi che diminuiscano la superficie coperta dagli edifici obsoleti e dismessi e che migliorino il paesaggio urbano”. Ance chiede infine che l’Invito rivolto dal Sindaco Palazzi ai tecnici, di formulare proposte atte alla diminuzione dei costi per il recupero degli immobili più vecchi, venga esteso anche alle imprese edili, operatori attivi del settore.

Il Governo ha recentemente firmato la proposta di legge che ha istituito la figura dell’Innovation Manager. Il Decreto ha attivato un contributo a fondo perduto, fino ad € 40.000,00, destinato alle aziende per spese sostenute per prestazioni di consulenza specialistica, rese da un manager dell’innovazione qualificato, al fine di indirizzare e supportare i processi di innovazione, trasformazione tecnologica e digitale, i processi di ammodernamento degli assetti gestionali ed organizzativi, compreso l’accesso ai mercati finanziari e dei capitali. Per capire quale percorso formativo serve per essere Innovation Manager, come si ottiene la certificazione per essere iscritti all’Albo, e le possibilità per le Aziende di beneficiare del voucher messo a disposizione, Confindustria Mantova in collaborazione con Federmanager ha organizzato un appuntamento presso la sede lo scorso luglio, e rimane a disposizione con i funzionari Francesco Rossi e Lucia De Muro per offrire informazioni. A questo progetto se ne affianca un secondo, sempre in collaborazione con Federmanager, in cui un manager si rende disponibile ad affiancare le aziende, per il periodo di 1 mese, per migliorare specifiche.

Confindustria Mantova ed Ance Mantova, per bocca dei rispettivi presidenti Edgardo Bianchi ed Attilio Scacchetti, plaudono al successo ottenuto dal territorio Mantovano, che riceverà 531 milioni di euro, di cui 160 milioni per miglioramenti sulla viabilità e su Valdaro, dal rinnovo della concessione Autobrennero: “Il lavoro di squadra paga sempre. In questo caso il Sindaco Mattia Palazzi per il Comune di Mantova, Provincia e Camera di Commercio hanno ottenuto risorse che vanno ben oltre la quota percentuale rappresentata nella Società che gestisce e gestirà l’A22. La modalità di lavoro è la stessa messa in atto con gli Stati Generali, per individuare le priorità del territorio. Ora queste risorse potranno essere utilizzate per aumentare l’appeal di Mantova verso gli investimenti”. Per Bianchi, ora è determinante la velocità: “Sappiamo che abbiamo 5 anni per concretizzare i progetti individuati. Siamo disponibili da subito per creare un tavolo di lavoro tra pubblico e privato, che coinvolga anche le altre associazioni di categoria”. Scacchetti auspica una ampia ricaduta degli investimenti sul territorio: “La nostra volontà è quella di mettere in atto strumenti aggregativi per far sì che le aziende locali e la filiera del settore possano essere coinvolte nella fase esecutiva. In questo modo gli investimenti pubblici genereranno un “effetto moltiplicatore” che, viste le cifre di cui trattiamo, potrebbero muovere e migliorare significativamente l’economia Mantovana”.

71


ECONOMIA E LAVORO

L’agcom ci da’ ragione L’Agcom (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) si è espressa contro l’attuale formulazione dell’articolo 10 del Decreto Crescita, già in vigore dal 30 giugno scorso, che prevede l’ecobonus scontato in fattura per i lavori di efficientamento energetico. L’Autorità accoglie così le sollecitazioni di Confartigianato, che rilevava come con l’articolo 10 siano state create restrizioni della concorrenza nell’offerta di servizi di riqualificazione energetica a danno delle piccole e medie imprese, favorendo i soli operatori economici di più grandi dimensioni. Infatti, il nuovo sistema di incentivazione fiscale per i lavori di efficientamento energetico introdotto dal Decreto Crescita, prevede che i cittadini che effettuano lavori di riqualificazione energetica o antisismici, possano chiedere, in alternativa alla detrazione fiscale dal 50% all’85% spalmabile in 10 anni, uno sconto immediato sulle fatture da parte dell’impresa che ha realizzato i lavori. Sconto che l’impresa potrà farsi rimborsare dallo Stato tramite un corrispondente credito d’imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione, in cinque anni. Inoltre, l’impresa potrà scegliere di cedere il credito così acquisito ai suoi fornitori di beni e servizi. Non potrà invece

cederlo a istituti di credito e intermediari finanziari. L’Agcom rileva ancora come il provvedimento contestato da Confartigianato, possa generare un’indebita distorsione del mercato a vantaggio di pochi operatori, a detrimento delle imprese di medie e piccole dimensioni attive nell’offerta dei servizi di riqualificazione energetica, con evidenti ricadute negative ai danni dei consumatori, i quali vedrebbero significativamente ridotta la loro libertà di scelta. “Come Confartigianato Imprese Mantova – afferma il presidente Lorenzo Capelli – ci auguriamo che il governo faccia subito proprio il pronunciamento dell’Agcom e modifichi la norma al fine di non discriminare le Pmi che sono fortemente specializzate nel settore, ma che non hanno la liquidità per attendere il recupero dallo Stato delle somme detratte in fattura. Riteniamo sensato evitare di attivare un ulteriore procedimento amministrativo davanti alla Commissione Europea ed all’Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato allo scopo di ottenere che sia accertata l’illegittimità del provvedimento per violazione del diritto comunitario e/o nazionale della concorrenza. Basta agire con buonsenso e passare alla rapida modifica del Decreto Crescita”.

contributi per la rimozione dell’amianto

Confartigianato Mantova informa che è stato pubblicato il bando regionale, che finanzia l’eliminazione dei manufatti in cemento-amianto da parte dei privati proprietari di immobili a uso residenziale. Per loro è previsto un contributo a fondo perduto pari al 50% della spesa ammissibile e fino a 15.000 euro per ogni intervento. I manufatti da rimuovere devono essere coperture e manufatti in cemento-amianto posti all’interno degli edifici quali, ad esempio, canne fumarie, tubazioni, vasche, ecc. Saranno finanziati unicamente progetti i cui lavori saranno realizzati a seguito dell’approvazione della graduatoria. Sono esclusi dal finanziamento i lavori per i quali sia già stato ottenuto altro finanziamento pubblico (le agevolazioni fiscali non sono considerate “finanziamento pubblico”). Le domande vanno presentate tramite l’indirizzo web: www.bandi.servizirl.it entro il 9 settembre 2019 (ore 16). La misura rappresenta un’opportunità per le imprese edili e per i privati cittadini.

72

Privacy, dopo il “periodo di grazia” scattano i controlli E’ trascorso più di un anno dall’entrata in vigore del Nuovo Regolamento europeo sul Trattamento dei dati personali (GDPR Privacy 679/2016). Come noto, il 4 maggio 2019 é scaduto il cosiddetto “periodo di grazia”, tanto richiesto da Confartigianato, in attesa che tutte le imprese fossero in grado di adeguarsi alla normativa. L’Autorità Garante raccomanda a tutti i titolari del Trattamento (il legale rappresentante o il titolare) di attivare le misure minime necessarie per evitare l’erogazione delle pesantissime sanzioni previste (fino al 4% del fatturato). Da ricordare che il Registro dei Trattamenti dovrà essere predisposto da tutte le imprese con almeno un dipendente. Per fornire un orientamento utile alle imprese che non hanno dipendenti, Confartigianato Imprese Mantova ha organizzato per lunedì 23 settembre 2019 alle ore 17.30 nella sala convegni in via Londra 14 a Porto Mantovano un seminario con l’obiettivo di illustrare le modalità per assolvere agli obblighi di legge. Al termine del seminario, verrà rilasciata la documentazione personalizzabile (informative, check list, ecc.) che potrà dimostrare l’avvenuto adeguamento documentale da valere in sede di eventuali controlli. Per informazioni e iscrizioni contattare Confartigianato Imprese Mantova, tel. 0376-408778.

il Registro delle Baby Sitters Le mamme, che dopo la nascita dei figli non hanno voluto o potuto rinunciare a conciliare lavoro e cura della famiglia, vivono costantemente con l’ansia di non riuscire a fare tutto e di non passare abbastanza tempo con i figli. A complicare la situazione ci sono gli imprevisti come la malattia di un figlio, lo sciopero della scuola o la malattia della nonna a cui è affidata la gestione del piccolo. Questo aumenta il bisogno di asili nido e anche di un supporto a domicilio quando si ritiene utile, che il piccolo debba continuare a stare nel proprio ambiente domestico. Confartigianato Mantova si è attivata per fornire un aiuto alle famiglie con l’istituzione di un “Registro delle baby sitter” formate direttamente dall’associazione che rassicuri le famiglie sull’idoneità e la preparazione professionale di queste figure. L’idoneità che passa da un colloquio pre-

liminare con le operatrici e la professionalità che si acquisisce mediante un corso sulla gestione delle relazioni con il bambino, sulla psicologia infantile, la comunicazione, la funzione e gli scopi dei giochi, la nutrizione, il primo soccorso pediatrico e la disostruzione e la rianimazione pediatrica. Non solo questo: Confartigianato sarà di supporto alle famiglie e alla baby-sitter nella stesura del contratto di lavoro e per gli adempimenti connessi. Gli oneri dovuti alla baby-sitter sono in parte detraibili fiscalmente e possono essere sostenuti dall’impresa in base agli accordi sul welfare aziendale.

n. 4 Agosto-Settembre 2019


ECONOMIA E LAVORO

SOS VETRINE, CONSULENZA GRATIS PER GLI ASSOCIATI Tempo di saldi e di caccia agli affari, ma quanto è importante, per un negozio, riuscire a catturare l’attenzione dei passanti con una vetrina ben costruita e accattivante? E quante volte, presi da mille incombenze, all’imprenditore manca l’ispirazione e il tempo per esprimere la propria creatività? Confcommercio ha quindi messo in piedi il nuovo servizio (gratuito) di consulenza in vetrinistica e visual “SOS Vetrine”. Grazie ai consigli e agli accorgimenti forniti da Mario Masiero, Maestro Vetrinista dell’Accademia Vetrinistica Italiana, i titolari di negozi e di tutte quelle attività con un punto espositivo al proprio interno (bar, ristoranti, ecc) impareranno ad allestire in modo efficace i propri spazi espositivi. Oggi, infatti, i modelli di consumo sono completamente cambiati e, complici le nuove tecnologie, siamo continuamente sottoposti a stimoli e informazioni sempre nuovi in una condizione di perenne distrazione: la sfida più grande diventa quindi catturare l’attenzione del passante, in soli due secondi,

tanto è il tempo del passaggio davanti alla vetrina. Alcuni accorgimenti molto semplici aiutano a raggiungere il nostro obiettivo: ad esempio, occorre variare spesso la merce in esposizione e adottare quelle strategie visive e creative che non tutti conoscono. Qualche segreto: è molto meglio limitarsi a due o tre colori, piuttosto di una vetrina arcobaleno, ed è preferibile non stipare lo spazio di merce e prodotti per non dare a chi guarda una percezione di confusione. Usufruire del servizio SOS Vetrine è semplicissimo: è sufficiente scattare qualche foto alla propria vetrina ma anche dell’interno del proprio punto vendita, ed inviarle, insieme al proprio quesito, all’indirizzo email stampa@confcommerciomantova.it. I consigli del visual arriveranno in tempi rapidissimi. E il bonus non si esaurisce: si può chiedere una consulenza ogni qualvolta se ne abbia la necessità. Ma c’è di più, perché per i più attenti e sensibili a questo tema, è possibile organizzare un corso spe-

PETIZIONE DEI PUBBLICI ESERCIZI Anche i pubblici esercizi mantovani aderiscono alla petizione #PerNonMangiarsiilFuturo lanciata da Fipe con la quale la Federazione Italiana Pubblici Esercizi chiede alle istituzioni di garantire una concorrenza leale nel mercato. Il Manifesto è stato sottoscritto da centinaia di ristoratori e pubblici esercenti: tra i firmatari, accanto a grandi chef di fama internazionale, tra cui Claudio Sadler, Carlo Cracco e Filippo Giordano, ristoratori grandi e piccoli, gruppi della ristorazione commerciale, di città d’arte e di piccoli centri, senza distinzione. Perché la concorrenza senza regole rappresenta una ferita per tutto il settore. Per firmare l’appello: https://forms.gle/7bKTBVQyCdttszxQ7 FIPE CONFCOMMERCIO MANTOVA T. 0376 231226 – f.detogni@confcommerciomantova.it

AGENTI DI COMMERCIO

cni omo ne

Confcommercio ha messo a punto un’imperdibile offerta rivolta agli agenti e rappresentanti di commercio, valida due anni, che prevede: - Iscrizione a Confcommercio: 190,00 € (ditte individuali). Se la ditta è in regime forfettario la quota è di soli 100 euro - Tenuta contabilità per 2 anni (in regime semplificato) con verifica contabile trimestrale e stima del reddito annuale + dichiarazioni modello unico persone fisiche completo+fatturazione elettronica con Portale Azienda =1800+iva. SOLO 2,5 € al giorno! - Tenuta contabilità per 2 anni (in regime forfettario) con stima del reddito annuale + dichiarazioni modello unico persone fisiche completo=1200+iva. SOLO 1,6 € al giorno!

cifico di vetrinistica e visual merchandising, anche nel proprio negozio, ancche accedendo ai canali di formazione finanziata, a costo zero. “La formazione è uno dei nostri servizi di punta – afferma il direttore di Confcommercio Nicola Dal Dosso - Siamo convinti che solo chi si aggiorna continuamente riesce a rimanere sul mercato e a fare business. Soprattutto nel settore del commercio, dove la concorrenza è estrema e le difficoltà sono numerose”. SOS VETRINE - T. 0376 231226 stampa@confcommerciomantova.it

ATTIVITà STORICHE DOMANDE FINO AL 15 SETTEMBRE Le aziende lombarde, e quindi anche quelle mantovane, hanno tempo fino al 15 settembre prossimo per chiedere a Regione Lombardia il riconoscimento di attività storica, il prestigioso riconoscimento regionale che dà accesso a corposi finanziamenti pubblici. Molte le novità rispetto al passato. La Giunta regionale, infatti, ha di recente approvato le nuove modalità per il riconoscimento e la valorizzazione di negozi, locali e attività artigiane storiche del commercio abbassando da 50 a 40 anni la soglia temporale ed estendendo la possibilità di richiedere il riconoscimento anche agli artigiani. Per diventare attività storica, l’azienda deve essere in possesso di alcuni requisiti necessari previsti dalla normativa. Regione ha anche previsto un corposo stanziamento di risorse, oltre due milioni di euro, destinati alla valorizzazione delle attività storiche e alla loro innovazione, al fine di migliorare la qualità dei servizi e l’offerta commerciale. Nella provincia di Mantova sono ben 127 le attività storiche riconosciute da Regione e molte sono iscritte a Confcommercio. L’Associazione è a disposizione degli associati (gratuitamente) per presentare la pratica in Regione SPORTELLO NEGOZI STORICI CONFCOMMERCIO MANTOVA T. 0376 231235 s.davanzo@confcommerciomantova.it

Per info: T. 0376 231234 l.guglia@sviluppomantova.it

le di uti sdi

CONFCOMMERCIO MANTOVA via Londra 2 B/C Porto Mantovano (Mn) T. 0376. 2311 - info@confcommerciomantova.it www.confcommerciomantova.it

n. 4 Agosto-Settembre 2019

73


Alta Formazione per il Business

IL MASTER ACCELERA-CARRIERE

Sono aperte le iscrizioni al Master in Marketing e Comunicazione d’Impresa di Verona, da sedici anni crocevia di tanti percorsi professionali di successo È una vera e propria rivoluzione quella da cui sono stati investiti, negli ultimi vent’anni, i settori del marketing e della comunicazione. Il web, i social media, le app. E più recentemente l’internet delle cose e la realtà aumentata. La mole di informazioni e contenuti costantemente prodotta, così come la miriade di strumenti e canali a disposizione per processarla, hanno completamente ribaltato il rapporto tra aziende e consumatori. Il Master in Marketing e Comunicazione d’Impresa di Verona, fiore all’occhiello della formazione di Professional Datagest, è da anni il percorso di riferimento per i professionisti presenti e futuri del marketing e della comunicazione. Organizzato con Confesercenti Provinciale di Verona, il Master combina la solidità dei concetti e delle pratiche del marketing più tradizionale con le tendenze e gli

strumenti più innovativi del mondo digital. Nelle 300 ore complessive in cui si articola (in 7 mesi con formula weekend), il Master fornisce una visione completa delle attività di marketing e comunicazione dal punto di vista sia strategico che operativo. È proprio quest’approccio che ha sempre consentito al Master di sfornare specialisti capaci di imporsi subito, con successo, nel mondo business. E di dotarli al tempo stesso della visione necessaria perché potessero evolversi, nel corso degli anni, in grandi uomini e donne d’impresa. L’effetto-acceleratore sulle carriere dei partecipanti è garantito da tre elementi: la Faculty, composta da professionisti del settore pronti a condividere in aula nozioni, best practices e cultura imprenditoriale di altissimo profilo; lo speciale modulo per lo sviluppo delle com-

petenze trasversali, come public speaking, gestione della leadership e tutte quelle soft skills capaci di migliorare la vita lavorativa e professionale; il project work finale, che negli ultimi anni ha portato i partecipanti a sviluppare lavori per aziende di prestigio quali Pettenon Cosmetics, Maxi Zoo, Allegrini, AW Lab, Goldenlady, Volkswagen. Marketing Manager, Account, Responsabile comunicazione e RP e, negli ultimi anni, Web Content Manager e Digital strategist. Sono queste le principali figure professionali forgiate dal Master in questi sedici anni. A ottobre 2019 partirà la 17a edizione, che si concluderà a maggio 2020. Tutti gli interessati possono sottoporre la propria candidatura a Professional Datagest tramite sito web (www.professionaldatagest.it) o per via telefonica (051 220601).

Alta Formazione per il Business

Master in

MARKETING E COMUNICAZIONE D’IMPRESA DALLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA AL DIGITAL MANAGEMENT in collaborazione con

17ª edizione a Verona nel week end dal 4 ottobre 2019 Per informazioni: info@professionaldatagest.it – 051 220601


ECONOMIA E LAVORO

30 ANNI TRA I TALENTI E I SOGNI DELLE IMPRESE “Territorio, sostenibilità economica, giovani e le nuove sfide del digitale, dei mercati esteri e del welfare”: sono stati questi i temi su cui si è concentrata la presidente di Apindustria Confimi Mantova Elisa Govi. L’Assemblea annuale dell’Associazione Piccole e Medie Industrie è stata quest’anno un’occasione importante per festeggiare insieme agli associati e alla città i primi 30 anni di Apindustria. Dopo l’apertura del sipario è stata l’attrice Paola Ducci ad accompagnare i partecipanti in un viaggio che, iniziato nel 1989, prosegue ancora oggi con 560 aziende associate e circa 15.000 addetti. “Ci sono stati i tempi eroici degli esordi, il momento dell’entusiasmo e quello del coraggio di resistere alla crisi – ha raccontato la voce narrante mentre scorrevano le foto storiche di volti, personaggi ed eventi dei trent’anni – ma la parte più importante è il futuro da costruire insieme”. La Presidente Elisa Govi si è ricollegata a questa storia nel suo intervento. “Abbiamo sentito storie di fati-

ca, sogni, passione e genialità – ha esordito la presidente Govi - adesso si tratta di immaginare il futuro. E per far questo occorrono imprenditori “illuminati” capaci di scegliere le parole chiave per raccontare il prossimo capitolo della storia. Perché la tradizione non è culto delle ceneri ma custodia del fuoco”. La presidente ha sottolineato gli elementi chiave per stimolare una ripresa nel Paese: il rapporto con il Territorio, la centralità dei giovani, la sostenibilità economica delle imprese e le nuove sfide del digitale, dei mercati esteri e del welfare. “Oggi come ieri le Piccole e Medie imprese sono insostituibili per qualità, flessibilità e capacità di innovazione – ha concluso la presidente Govi - occorre mettere al centro i talenti delle persone, le progettualità delle imprese e ragionare insieme. Dobbiamo sviluppare forme di collaborazione tra persone, imprese, associazioni, amministratori e politica per elaborare progetti che puntino ad unire. Noi imprenditori dobbiamo per primi agire responsa-

L’ORCHESTRA, L’IMPRESA E IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Finale a sorpresa per l’Assemblea con un concerto dell’Orchestra del Conservatorio di Mantova che ha eseguito l’Ouverture delle “Nozze di Figaro” di Mozart sotto la direzione del Maestro Carla Delfrate. Una scelta che nasce dal rapporto di collaborazione con il Conservatorio di Mantova e dal sostegno che Apindustria Confimi ha prestato per la messa in scena dell’opera di Mozart, eseguita integralmente al Teatro Sociale di Mantova nell’aprile del 2019. “E’ un modo di valorizzare i giovani e il territorio – ha sottolineato Elisa Govi, presidente di Apindustria – basti pensare che sui 40 componenti dell’Orchestra, ben 38 sono allievi e professori del Conservatorio Campiani. Quale migliore conclusione per la nostra Assemblea di celebrazione dei 30 anni”.

UN’ASSEMBLEA DA FUOCHI D’ARTIFICIO

L’Orchestra del Conservatorio al Teatro Sociale

Non si è trattato di un semplice concerto ma di un racconto di come l’orchestra sia una perfetta metafora per l’impresa. Il maestro Carla Delfrate ha parlato del ruolo del direttore d’Orchestra e di come sia fondamentale l’intesa con i musicisti. E’ una metafora perfetta dell’organizzazione aziendale quella dell’orchestra e per sottolineare uno dei temi più importanti, quello del passaggio generazionale, il maestro Carla Delfrate ha passato il testimone per il bis al giovane Niccolò Spolettini, suo allievo del corso di direzione orchestrale. Applausi a scena aperta anche per la sorpresa finale: l’esecuzione di un’aria delle Nozze di Figaro interpretata dalla soprano Bomin Song, sempre allieva del Campiani.

Quanta strada è stata fatta da quel giorno del novembre del 1989 in cui gli “imprenditori che fecero l’impresa” di fondare Apindustria si misero in posa nel sottoportico dei Lattonai con un grande sogno: dare voce alle piccole e medie industrie di Mantova e provincia. Oggi a distanza di 30 anni da quel momento possiamo dire che la scommessa è vinta: 560 aziende associate per un totale di 15.000 addetti, Apindustria rappresenta una parte importante del tessuto economico e imprenditoriale del territorio. “E’ un traguardo importante e un altro passo avanti nel percorso di rappresentanza degli interessi delle industrie mantovane – ha sottolineato Elisa Govi, presidente in carica di Apindustria Confimi Mantova – abbiamo la responsabilità di costruire il futuro di questa associazione partendo dalle idee, dal coraggio e dalla passione dei nostri imprenditori”. La serata si è chiusa con un grande spettacolo di fuochi d’artificio e oltre 500 imprenditori ad osservare con emozione un altro momento della storia di un’Associazione che non dimentica il passato ma vive il presente e continua a costruire il futuro di un territorio fatto di imprese. Nella foto: i fuochi d’artificio che hanno chiuso l’Assemblea di Apindustria Confimi Mantova

n. 4 Agosto-Settembre 2019

Elisa Govi, presidente di Apindustria Confimi Mantova durante il suo intervento

bilmente a livello individuale e collettivo per il bene comune del nostro amato Paese. Solo così potremo a nostra volta costruire una bella storia, che le future generazioni potranno un giorno raccontare come abbiamo fatto noi quest’oggi”. E’ stato poi il momento del presidente nazionale Paolo Agnelli che ha spiegato la filosofia di Confimi Industria e che ha esordito sottolineando come le aziende italiane non siano competitive non per loro colpa ma per demerito di una politica che spinge una tassazione indiretta che uccide l’economia.

UBI, LA BANCA delle FAMIGLIE e delle PMI “UBI Banca continua ad essere vicina alla propria clientela, famiglie e aziende, non lesinando risorse e consulenza per accrescerne il grado di soddisfazione e aumentare la fidelizzazione” ha dichiarato Gabriele Pelati, il Direttore Territoriale su Mantova per UBI Banca. UBI ha chiuso un primo trimestre 2019 con un utile netto di 82,2 milioni di €, ben sopra le attese degli analisti. In un contesto di mercato estremamente complesso, la Macro Area Territoriale Brescia e Nord Est della Banca ha erogato finanziamenti alle aziende per 232 milioni di €, in gran parte destinati agli investimenti, oltre a 21 milioni di “stipulato” in locazione finanziaria (UBI Leasing). Non meno rilevante un significativo incremento nella factorizzazione dei crediti commerciali, misurabile in 80 milioni di turn over (UBI Factor). “Tutto questo è stato reso possibile affiancando i nostri 440.000 clienti privati e famiglie che, già oggi” – precisa Pelati – “utilizzano strumenti digitali evoluti per oltre la metà della loro operatività, con un servizio garantito 24/7”. Sul territorio di Mantova e Provincia, UBI Banca dispone di 12 sportelli e un Centro Imprese in Viale Risorgimento.

Gabriele Pelati, il Direttore Territoriale su Mantova per UBI Banca

75


ECONOMIA E LAVORO

Viaggiare in sicurezza, al via la Campagna di sensibilizzazione della CNA per gli automobilisti Al via la campagna di sensibilizzazione e di informazione lanciata dalla CNA per gli automobilisti per le vacanze estive 2019. CNA porta a conoscenza degli automobilisti alcuni consigli utili relativi ai controlli da effettuare sulle autovetture per viaggiare in sicurezza. In sostanza, si tratta di una campagna di informazione sulla cultura della sicurezza stradale - spiega il portavoce della CNA, Franco Bruno - che si traduce sull’importanza della corretta manutenzione del “bene automobile” ai fini della sicurezza stradale, della tutela della collettività, degli automobilisti e della tutela dell’ambiente. La sicurezza stradale è fondamentale ed è per questa valida ragione che CNA -aggiunge Bruno-invita gli automobilisti ad usare la massima attenzione sull’efficienza del mezzo per la salvaguardia della loro incolumità fisica e dei cittadini oltre ad evitare pesanti sanzioni. Ciò significa in sintesi, il controllo di specifiche operazioni: verifica dei livelli di olio del motore e liquido dei freni, dell’efficienza dell’im-

pianto frenante, del livello e qualità del liquido di raffreddamento del motore, dello stato della cinghia dei servizi, controllare l’usura delle spazzole tergicristallo e verificare il livello del liquido lavavetri. Importante controllare lo stato di usura e la pressione dei pneumatici e che il mezzo sia stato sottoposto alla revisione obbligatoria. CNA invita gli automobilisti a rivolgersi alle officine di autoriparazione di fiducia - conclude Bruno - iscritte regolarmente alla Camera di Commercio e relativi requisiti professionali e non ad operatori improvvisati del “fai-da te” che operano nel sommerso.

Nella sede della CNA di Mantova si è tenuto l’incontro con i manutentori ed installatoti di impianti termici per aderire all’iniziativa della Confederazione Nazionale per ricorrere sia all’Antitrust che alla Commissione Europea per ottenere la cancellazione dell’articolo 10 che riteniamo – afferma il Direttore della CNA di Mantova Elisa Rodighiero (nella foto) – un tentativo di favorire la concentrazione del mercato nelle mani di pochi operatori, con conseguente alterazione della concorrenza rappresentando un indebito aiuto di stato per le grandi imprese a danno delle piccole e medie. Se la volontà del Governo è quella di regalare questo mercato, che oggi vede protagoniste le piccole imprese, a qualche multiutilities o ad ex monopolisti nostalgici del passato – sottolinea la Rodighiero – noi non ci stiamo e non lasceremo nulla di intentato per far abolire una norma iniqua, che nei fatti mira a subordinare il tessuto della piccola impresa alle logiche ed agli interessi delle multiutilities nazionali e locali e che uccide la concorrenza”. “Lo sconto in fattura è uno scandalo e una mancanza di rispetto verso chi tutti i giorni con il proprio lavoro contribuisce anche al bene di questa nazione” aggiunge la Rodighiero.

apprendisti, CONCLUSO IL CORSO OBBLIGATORIO

energie rinnovabili Si è concluso il quarto corso obbligatorio promosso dalla CNA, nel quartier generale di Viale L. Guerra a Mantova, sulla formazione di base trasversale esterna della durata di 40 ore per una ventina di apprendisti, uomini e donne , assunti con contratto di apprendistato professionalizzante nei settori : meccanico, ristorazione , ammnistrativo, installatori di impianti termici ed elettrici, farmacia, panificatori , pubblici esercizi. L’apprendistato è da considerare fondamentale – sottolinea il Direttore della CNA, Elisa Rodighiero – per il passaggio dei giovani dalla scuola al mercato del lavoro . Il valore dell’apprendistato e della formazione nelle aziende contribuisce a far crescere i giovani sul piano professionale, sociale e culturale – aggiunge la Rodighiero – e risulta strategico per costruire il proprio futuro nel mondo del lavoro imparando un mestiere a contatto direttore con l’imprenditore.

76

ECOBONUS, LO sCONTO IN FATTURA è UNO SCANDALO

CNA sulle nuove frontiere dello sviluppo sostenibile ,del risparmio energetico, e della tutela ambientale ha istituito un centro formativo permanente per le imprese. Nei primi sei mesi del 2019, CNA ha promosso otto corsi obbligatori di aggiornamento per installatori di impianti elettrici e termici sulle fonti di energie rinnovabili (Fonti da energia rinnovabili: pompe di calore per riscaldamento, refrigerazione, sistemi di solare termicobiomasse per uso energetici,ecc.) della durata di 16 ore, per un totale complessivo di 175 installatori. L’ottavo corso che si è concluso recentemente ha portato sui banchi di scuola 16 operatori del settore. Nella foto: gli installatori che hanno partecipato al settimo corso

n. 4 Agosto-Settembre 2019


ECONOMIA E LAVORO

VACANZE, OCCHIO ALLA TRUFFA Dici estate e dici vacanze. Ma nel mare di offerte nuotano anche non poche truffe, soprattutto per chi cerca l’occasione online e si lascia attirare dal prezzo, senza verificare scrupolosamente le credenziali dell’organizzatore. Ne abbiamo parlato con Gianni Rebecchi che, oltre ad essere Presidente di Confesercenti Mantova, è alla guida nazionale di Assoviaggi, la sigla diConfesercenti che rappresenta agenzie di viaggi e tour operator. “Chi acquista online è necessario verifichi chi è il fornitore che sta vendendo il servizio - spiega Rebecchi - I servizi, infatti, sono numerosi: un consumatore può acquistare un pacchetto, un volo o altri tipi di servizi, che possono essere venduti in maniera più o meno collegata, come ad esempio o noleggio di un’auto. Il consiglio, quindi, è di verificare i dati fondamentali del soggetto da cui si sta acquistando un pacchetto o un servizio turistico: importante controllare Partita Iva, polizza di responsabilità civile e adesione a un fondo di garan-

zia, uno strumento fondamentale è obbligatorio per legge, che tutela e risarcisce il viaggiatore in caso di insolvenza o fallimento dell’azienda che gli ha venduto il viaggio. Prima di prenotare, dunque, è necessario essere molto prudenti. “Il web - prosegue Rebecchi - oggi manifesta il maggior numero di truffe online su determinati settori, tra i quali purtroppo c’è anche il turismo. Il mercato della vendita di viaggi e servizi turistici online negli ultimi anni si è sviluppato enormemente ma, proprio per la quantità di truffe che circolano su Internet, il canale statisticamente più sicuro restano le agenzie di viaggi. Per viaggiare tranquilli, quindi, è necessario rivolgersi sempre a un professionista certificato, che deve sempre aderire a un fondo di garanzia a tutela del consumatore. Ma dove andranno, quest’anno, i mantovani? Il 2019 è in controtendenza perché per la prma volta, da alcuni anni a questa parte, le mete di casa

AMBULANTI, SI CAMBIA

SALDI RECORD DOPO UNA STAGIONE DIFFICILE Il consueto appuntamento con i saldi di stagione è arrivato e promette di confermarsi, ancora più che nel passato, come un momento significativo per le imprese mantovane. Quest’anno, infatti, i saldi arrivano al termine di una stagione particolarmente difficile per il comparto abbigliamento, che ha visto vendite stagnanti a causa del meteo insolito e della partenza ritardata della stagione calda. “Ancora più che negli anni scorsi, quest’anno i saldi estivi si prospettano come un appuntamento molto atteso dalle nostre imprese, che hanno sofferto il maltempo prolungato di questa primavera”, afferma il Presidente di Confesercenti Mantova Gianni Rebecchi. Secondo l’osservatorio di Confesercenti, quest’anno gli sconti di partenza saranno superiori al solito, con una

CORRISPETTIVI TELEMATICI

n. 4 Agosto-Settembre 2019

nostra sono in calo.”L’Italia - spiega Rebecchi - era percepita fino a poco fa come più sicura rispetto ad altre mete, ma oggi, passata la paura, le destinazioni del Mar Rosso si stanno riprendendo in modo impressionante. Rispetto a Tunisia ed Egitto, il mare di casa nostra risulta meno competitivo perché Iva, tasse di soggiorno e costi di gestione elevati ci penalizzano”. In molti scelgono anche Kenya, Giordania e Israele. Boom delle crociere e dei viaggi culturali. Calano, invece, Baleari e Caraibi. Stabile la Grecia, sempre tra le mete preferite dai mantovani.

media del 30%. I clienti troveranno un assortimento record proprio a causa delle minori vendite a causa del meteo. Bisogna, infatti, invertire una stagione difficile che ha registrato una flessione al ribasso dell’1,3% nelle vendite di abbigliamento, aggravando una tendenza negativa che prosegue da anni.

“La moratoria di sei mesi sulle sanzioni per la mancata trasmissione telematica dei corrispettivi è necessaria a sopperire ai molti problemi tecnici e interpretativi che permangono sulla norma e che stanno mettendo in difficoltà gli operatori, come stiamo riscontrando parlando con imprese e tecnici”. Così il Direttore di Confesercenti Mantova Davide Cornacchia ha commentato la notizia, attesa dagli operatori, che non verranno di fatto applicate multe per altri 6 mesi. Con tale obbligo le attività devono dotarsi di un registratore di cassa idoneo a memorizzare e trasferire i corrispettivi all’Agenzia delle Entrate, adeguando il software oppure sostituendo il vecchio registratore. “Abbiamo registrato molte difficoltà che speriamo siano a breve risolte” prosegue Cornacchia. “Soprattutto in vista del fatto che, dal 1° gennaio 2020, tale obbligo riguarderà l’intera platea degli esercizi, indipendentemente dal fatturato. Il sistema va quindi rodato prima di essere applicato agli esercizi più piccoli che potrebbero trovarsi ancora più in difficoltà. Le principali segnalazioni che abbiamo ricevuto riguardano aspetti tecnici: registratori di cassa e aggiornamenti software, oltre alle procedure nebulose, solo parzialmente risolte dalla circolare del 29 giugno”.

Regione Lombardia ha recentemente emanato una nuova normativa che introduce importanti aggiornamenti per il settore del commercio ambulante. Diventa obbligatoria l’esposizione della carta d’esercizio: il documento che attesta l’autorizzazione a svolgere l’attività dovrà essere collocato in posizione ben visibile sul banco. Inoltre, ancora più importante, vengono introdotte nuove sanzioni in caso di inadempimenti. È prevista, infatti, la sospensione dell’attività per venti mercati nei seguenti casi: mancato rispetto delle disposizioni sulla pulizia del posteggio e dell’area mercatale; abusiva estensione oltre un terzo della superficie autorizzata; danneggiamento della sede stradale, degli elementi di arredo urbano e del patrimonio arboreo. Inoltre, potrà essere applicata la sanzione della sospensione per venti mercati in caso di mancato pagamento dei tributi comunali relativi all’attività oggetto di autorizzazione. Intanto ANVA-Confesercenti è impegnata in un’intensa attività di sensibilizzazione delle amministrazioni comunali, finalizzata alla riqualificazione dei mercati del nostro territorio. Fondamentale, poi, come sempre, la lotta all’abusivismo. “Portare avanti controlli regolari e costanti è un obiettivo auspicabile, innanzitutto, a tutela della stragrande maggioranza degli operatori, che operano correttamente con impegno e dedizione”. – spiega il presidente di ANVA Mantova Simone Nasi – “La Regione mette a disposizione comodi strumenti di controllo come la carta d’esercizio e il relativo portale regionale, di supporto alle verifiche da parte degli organi preposti”.

77


ECONOMIA E LAVORO

Revisione Nuovo calendario “Prendiamo atto delle nuove scadenze della revisione dei trattori e dei mezzi agricoli e degli sforzi del ministro delle Politiche agricole, Gian Marco Centinaio, a sostenere un percorso di ammodernamento della meccanizzazione agricola. Lo ringraziamo per l’impegno e per aver instaurato un dialogo costruttivo con Cai”. Così afferma il presidente della Confederazione Agromeccanici e Agricoltori Italiani, Gianni Dalla Bernardina, che in merito alla revisione aggiunge: “Ci rammarica purtroppo constatare che l’annunciata volontà di rinnovamento non si verificherà fino a quando non saranno adottate soluzioni concrete, tese a parificare lo status di imprenditore agromeccanico a quello agricolo, prevedendo pertanto idonee misure di sostegno per l’innovazione e l’adozione di strumenti di agricoltura di precisione”. Sul provvedimento in oggetto, se da un lato il dialogo col ministero è stato costante, qualche timore

rimane. “In assenza di decreti attuativi – precisa il vicepresidente di Cai, Sandro Cappellini (nella foto) - il rischio è per l’ennesimo anno di non partire con la revisione, uno strumento che Cai ritiene comunque non completamente sufficiente al rilancio della meccanizzazione agricola. Oggi il settore necessita di strumenti di rilevamento e lettura dei dati, di minima lavorazione, semina su sodo, riduzione dell’impatto ambientale, rispetto della fertilità del suolo. Non sarà certo un esame dal meccanico, senza peraltro sapere ad oggi chi svolge tali compiti e con quali costi, che renderà competitiva l’agricoltura italiana, ancora troppo parcellizzata e miope nell’ostracismo inamovibile verso le imprese che svolgono servizi qualificati”. Cai ricorda le nuove scadenze della revisione. Veicoli immatricolati entro il 31 dicembre 1983: revisione entro il 30 giugno 2021; veicoli immatricolati dal 1° gennaio 1984 al 31 dicembre 1995: revisione entro il 30 giugno 2022; veicoli immatri-

Rischio caos sui permessi di circolazione

Il foraggio? Lo fa il terzista La gestione dei foraggi è sempre più in mano alle imprese di meccanizzazione agricola, che consentono all’agricoltore di contare su un prezzo certo e di abbandonare le incognite della meccanizzazione in proprio. Lo sottolinea Confai Mantova, che delinea un fenomeno in crescita. “Sempre più aziende – dichiara Marco Speziali, presidente di Confai Mantova - ricorrono alla lavorazione del foraggio con la formula chiavi in mano, affidando per intero i lavori alle imprese agromeccaniche. Tale servizio permette alle imprese agricole di contare su un prezzo certo e definito in anticipo, evitando l’acquisto di mezzi e macchine per la fienagione, in un contesto di estrema volatilità del settore”. Un imprenditore agromeccanico specializzato nella

Carburanti, nuovi timori

78

colati dal 1° gennaio 1996 al 31 dicembre 2018: revisione entro il 30 giugno 2023; veicoli immatricolati dopo il 1° gennaio 2019: revisione al 5° anno entro la fine del mese di prima immatricolazione. Accordo Cai–Maschio Gaspardo. Altro scenario. Lo scorso giugno è stato siglato l’accordo fra la Confederazione Agromeccanici e Agricoltori Italiani e Maschio Gaspardo, che prevede speciali vantaggi riservati a tutti i soci, anche con la collaborazione delle associazioni territoriali. Lo scopo è fornire agli agromeccanici gli strumenti di lavoro più idonei, efficaci e sicuri nello sviluppo dell’agricoltura.

lavorazione dei foraggi può scegliere l’attrezzatura più adatta alla situazione (ranghinatore, falciacondizionatrice o rotopressa), ottenendo un fieno di qualità superiore. La possibilità di utilizzare macchine più potenti, in particolare, riduce il calpestamento e il compattamento, con benefici diretti per i tagli successivi. Il rispetto del suolo, inoltre, aumenta la permeabilità alle piogge e favorisce, di conseguenza, la produzione. Il ricorso a un contoterzista professionale consente a un’azienda agricola di risparmiare circa 30 € per tonnellata di foraggio raccolto.

“In questa fase particolarmente centrale per l’annata agraria Confai Mantova è molto preoccupata per le difficoltà sull’assegnazione e l’approvvigionamento del carburante agricolo, anche con riferimento ai cosiddetti supplementi, erogati dalla Regione alle imprese”. A dirlo è Sandro Cappellini, direttore di Confai Mantova, dopo la decisione di Regione Lombardia di modificare unilateralmente i criteri di assegnazione del gasolio agricolo, in contrasto con quanto previsto dalla norma nazionale. “Il rischio – ammonisce Cappellini – è che i costi di produzione all’ettaro aumentino in maniera sensibile, comportando gravi oneri sulle imprese agricole”. Il tema della mancata assegnazione del carburante agevolato coinvolge a vario titolo 1.500 imprese agromeccaniche in Lombardia. Ogni anno sono impiegati per le lavorazioni agricole in conto terzi oltre 70 i milioni di litri di gasolio agricolo, dei quali oltre 20 milioni di litri a Mantova, 17 milioni a Brescia e 11 milioni di litri in provincia di Cremona.

Confai Mantova sta seguendo con attenzione il tema della circolazione stradale, con particolare riferimento alla presunta abolizione del nullaosta per la circolazione delle macchine agricole eccezionali. Il permesso di circolazione, a quanto sembra, potrebbe essere sostituito da una specifica cartografia che dovrebbe essere predisposta dall’assessorato ai Trasporti di Regione Lombardia. “Siamo sorpresi che un simile disegno di riforma venga attuato senza interpellare la categoria delle imprese di meccanizzazione agricola, che detengono oltre l’80% delle macchine agricole eccezionali – denuncia Marco Speziali, presidente di Confai Mantova –. Ci chiediamo, inoltre, se sia costituzionale derogare con legge regionale a disposizioni del Codice della Strada. Sinceramente, sulla questione abbiamo più di un dubbio”. Il rischio, secondo quanto appreso da Confai Lombardia, è che la futura cartografia regionale non contempli tutte le strade sulle quali circolano i mezzi agricoli eccezionali, prevedendo solo le principali arterie. “In quel caso, senza più la possibilità di richiedere un permesso di circolazione, come potrà ad esempio una mietitrebbia raggiungere un campo per la raccolta del prodotto?”, si chiede Sandro Cappellini, direttore di Confai Mantova. “Confai – dichiara Speziali – è da sempre favorevole alle semplificazioni, purché si traducano in agevolazioni concrete. Eliminare i permessi di circolazione consentirebbe indubbiamente un risparmio per le imprese di meccanizzazione agricola, ma non vorremmo in cambio non poter accedere ai campi dei nostri clienti. Sarebbe un danno anche per loro”.

n. 4 Agosto-Settembre 2019


ECONOMIA E LAVORO

I SEGRETI DEI FORMAGGI DI FORTE D’ATTILA Al suo banco, al mercato contadino del sabato mattina, arrivano talmente tanti clienti che è stato costretto ad installare un segnalatore numerico da supermercato. È questo il termometro migliore per misurare la qualità dei prodotti realizzati dall’azienda agricola Forte d’Attila di Nosedole, una realtà perfettamente inserita nella campagna mantovana che ogni giorno raccoglie e lavora il latte (con quattro dipendenti) nel caseificio aziendale, realizzando oltre venti tipologie di formaggio diverse: «Siamo guidati dal sapore e dalla poesia che nasce dai vari accostamenti – spiega Enri Bonfante (nella foto), che gestisce l’azienda, associata a Confagricoltura Mantova, assieme alla moglie Sara – ma fin da subito abbiamo rinunciato a produrre i “tradizionali” Grana e Parmigiano, puntando su altri prodotti, dei quali in provincia si era un po’ persa la tradizione». Ecco allora che il caseificio di Forte d’Attila ogni giorno lavora per produrre stracchino, mozzarella, mascarpone, ricotta, caciotte, yogurt, formaggio verde e formaggi tipo Asiago ed Emmental. La materia prima la si trova poche decine di metri più in là, nella stalla da 100 vacche in mungitura (alimentate da 50 ettari di terreno coltivato e gestite da altri due dipenden-

ti), che forniscono ogni mattina il latte, che per due terzi viene conferito per la produzione di Grana Padano, mentre il terzo rimanente (circa 1.000 litri al giorno) finisce nel laboratorio aziendale: «L’azienda è stata acquistata da mio padre nel 1969 – prosegue Bonfante – ma il caseificio è nato nel 2006, dal recupero di un vecchio ricovero per il fieno. Prima di intraprendere questa attività abbiamo viaggiato e studiato altre realtà simili, dal nord al sud della penisola, sfruttando anche i preziosissimi consigli dei nostri clienti e lavorando attivamente in un caseificio, e ci siamo reinventati la tradizione dei formaggi molli in provincia di Mantova». E lo studio ha portato l’azienda a realizzare delle vere e proprie chicche, come un formaggio tipo brie con all’interno carbone vegetale, un formaggio aromatizzato alla birra, una caciotta al pepe verde, l’Ubriaco (con vino rosso) e lo Stravecchio (lasciato stagionare a 28 gradi centigradi e al 70% di umidità), tutti in vendita anche nello spaccio aziendale: «Ogni giorno produciamo un formaggio diverso, in modo da non incrociare i fermenti. I segreti sono pulizia e igiene, per noi fondamentali. Presto sperimenteremo un formaggio con tartufo e zafferano, creando sinergie con altre aziende del territorio».

PONTE DI S. BENEDETTO, si chiedono TEMPI CERTI

«Sul tema ponte di San Benedetto chiediamo garanzie certe su due tematiche. Sui tempi innanzitutto, per far in modo che non vi siano ulteriori disagi al territorio, e sulle misure di sostegno per le aziende danneggiate, che dovranno assolutamente includere anche quelle del settore agricolo». È questa la posizione di Confagricoltura Mantova, emersa durante il tavolo di discussione convocato in Camera di Commercio, al quale hanno preso parte tutti i rappresentanti delle categorie economiche provinciali: «È chiaro a tutti – dice il presidente Alberto Cortesi – che i lavori non rispetteranno i tempi previsti. A questo punto esigiamo un programma certo dei prossimi passi, ma soprattutto la certezza che i lavori per il nuovo ponte inizino quanto prima». La Toto, azienda aggiudicatasi l’appalto, dovrà comunicare entro fine luglio se accetterà le nuove condizioni poste dalla provincia di Mantova, che includono anche la sistemazione della zona di ponte inserita in zona golenale, verso San Benedetto Po. Se la trattativa non dovesse andare a buon fine, si dovrà procedere con una nuova gara d’appalto: «Ipotesi che tutti vogliamo scongiurare – prosegue Cortesi – perché porterebbe a immani ritardi nei lavori per l’infrastruttura. Andiamo avanti con la Toto, a patto che si inizino i lavori il prima possibile».

n. 4 Agosto-Settembre 2019

si chiede una CUN SUINI UNICA

ASSICURAZIONI AGEVOLATE NUMERI IN CRESCITA Continuano a crescere i numeri legati alle assicurazioni agevolate in provincia di Mantova. A fornirli è il Consorzio Agridifesa Italia, l’organismo nato dall’impulso di Confagricoltura Lombardia e dedicato alla copertura assicurativa per gli imprenditori agricoli: «I risultati della campagna 2018 – spiega Luigina Mattioli, direttore del Consorzio – sono stati caratterizzati dall’aumento dei valori assicurati e dei premi pagati in tutti i comparti. Da cosa deriva questa tendenza? Da un lato sicuramente dalla maggiore sensibilità dei nostri associati sul tema coperture assicurative, uno strumento oggigiorno fondamentale, al quale nessuna azienda agricola dovrebbe rinunciare. Dall’altro, di riflesso, dai crescenti fenomeni estremi a livello meteorologico, frutto di un cambiamento climatico con cui l’agricoltura deve fare i conti tutti i giorni, essendone l’attività più soggetta». Importante la crescita del numero di associati, che sono passati dai 499 del 2015 ai 1.264 del 2018, con una crescita superiore al 150%. Sono quasi un migliaio i soci assicurati, con 475 soci in provincia di Mantova, 407 a Brescia e 116 nelle altre province. Aumentato di conseguenza anche il valore assicurato totale, che è passato dai 54.253.952 euro del 2015 ai 131.013.345 euro dello scorso anno, con un +140% davvero importante. Ma i dati provvisori aggiornati al 31 maggio di quest’anno non fanno altro che confermare il trend di crescita del Consorzio Agridifesa Italia, con 1.521 soci totali (+20,3% sul 2018), 1.112 soci assicurati (+30%) e un totale del valore assicurato pari a 172.109.032 euro (+31,4%).

Non si placano le polemiche attorno al funzionamento della Cun suini, che ogni giovedì in borsa merci a Mantova si riunisce per determinare il prezzo di vendita delle carni. Le polemiche emerse nei mesi scorsi, con i continui scontri tra allevatori e macellatori, hanno portato Confagricoltura a una proposta senza precedenti, vale a dire quella di accorpare le cinque Cun suinicole (suinetti, suini da macello, tagli di carne suina fresca, grasso e strutti, scrofe da macello) in un solo giorno e in un’unica piazza, per favorire lo scambio di informazioni utili alla formulazione dei prezzi: «Questo tipo di organizzazione – spiega il presidente di Confagricoltura Mantova, Alberto Cortesi – potrebbe portare a un funzionamento più snello della Cun, favorendo il lavoro degli allevatori e dalla parte relativa alla macellazione. Senza dimenticare la questione trasparenza, importantissima in un organo come questo». Più volte è capitato infatti che la parte allevatoriale subisse evidenti penalizzazioni sul fronte prezzi.

79


sport

a cura di michela Toninel

FITNESS tutorial CON ENRICO MARTIN

Tutorial n. 8

arriva l’estate, VACANZE ALLENANTI Per i runners un’esperienza meravigliosa è senz’altro quella di visitare i luoghi più iconici di una città spostandosi di corsa da un punto all’altro. Se la scelta è ricaduta sulle località balneari, attrezzatevi con occhialini e approfittatene per vivere il mare nuotando in natura, oppure noleggiate un SUP o una canoa per ammirare le spiagge da un diverso punto di vista. In montagna le attività più classiche e alla portata di tutti sono senz’altro le escursioni Estate, periodo di ferie e di vacanze. E perché no, periodo ideale per sfruttare il tempo libero per fare anche qualcosa per mantenersi in forma! Per i più sportivi un viaggio può essere l’occasione per staccare sia fisicamente che mentalmente dalla routine di allenamenti impegnativi e divertirsi con attività e sport diversi da quelli abituali. Per i più sedentari e chi magari giustifica il poco moto con la mancanza di tempo e i troppi impegni invece l’estate può essere il momento per muoversi un po’ di più. Se abbiamo organizzato un viaggio, quale migliore occasione per visitare posti nuovi anche dal punto di vista sportivo? Lunghe camminate sia che ci troviamo in città estere o immersi nella natura. Pedalate con bici o tandem a noleggio alla scoperta di nuovi luoghi.

al via dal 4 al 6 ottobre

mantova half marathon La “Mantova Half Marathon 2019” si presenta come evento sportivo assolutamente nuovo per quanto rigaurda format e organizzazione. La mezza maratona mantovana, nata nel 1987 e fermatasi nel 2015 alla sua 24esima edizione, risorge quest’anno grazie a alla sinergia tra il Comune di Mantova, il Comitato UISP (ideatore della gara competitiva) con il supporto tecnico della SSD coop QUISPORT, il Gruppo Podistico Avis Suzzara e la FIDAL. Il programma si sviluppa nell’arco di tre giorni, dal 4 al 6 ottobre: un week-end denso di iniziative e attività che si concentreranno in piazza Sordello, dove sarà attivo l’MHM Village con stand ed espositori. Sabato 5 ottobre, alle ore 16, si terrà la Mini Running, corsa non competitiva per bambini e ragazzi da 3 a 13 anni su piccoli circuiti di distanza variabile. Domenica 6, invece, si svolgeranno le altre quattro iniziative con partenza e percorsi, in alcuni casi, diversificati. Per maggiori informazioni ed iscrizioni: www.mantovahalfmarathon.it

80

e il trekking, ma per i più avventurosi la scelta è infinita: arrampicata, mountain biking, rafting, canyoning, e molti altri. Dall’altro lato, come la vacanza può essere occasione di intraprendere nuovi sport, così la passione per uno sport ci può portare a visitare luoghi meravigliosi. Perché non iscriversi ad una gara, un torneo o partecipare ad un camp di allenamento in qualche angolo del mondo che ancora non conosciamo, e approfittare di questo evento per visitare ed esplorare allo stesso tempo le attrazioni turistiche del luogo? Se invece durante le vacanze avete deciso di restare a casa e di godersi un po’ di meritato riposo, anche questa può essere l’occasione per esplorare in maniera attiva ed alternativa le decine e decine di luoghi noti e meno noti di cui è piena la zona in cui viviamo e che ogni anno migliaia di turisti da tutto il mondo scelgono di visitare! L’estate e le sue lunghe giornate di luce è sempre periodo di energia e novità. Sfruttiamo al meglio questa stagione per rilassarci, divertirci, fare nuove esperienze e divertirci tenendoci in forma! Per saperne di più sulla mia personale esperienza con questo fantastico sport e condividere le tue storie, seguimi sui social o visita il sito: www.enricomartin.com

In Alta Badia c’è la palestra delle Dolomiti Quanto ci vuole da Mantova alla Val Badia? Meno di tre ore di auto che equivalgono a 257 km, buona parte dei quali percorsi in autostrada. Sono molti i mantovani, i veronesi e i bresciani che frequentano le Dolomiti, in particolar modo l’Alta Badia, anche in estate. È una questione di panorami, di aria buona, di quella suggestione che solo le Dolomiti sanno dare, della qualità dell’accoglienza e - perchè no? - anche del sapori dell’enogastronomia ladina. Di questi tempi però c’è una ragione un po’ più spotiva per frequentare l’Alta badia e la medesima risiede in quell’incredibile altopiano verdissimo a 2000 metri di quota, disegnato tra gli estremi del Piz La Ila (da dove parte la Gran Risa, la pista del gigante di Coppa del Mondo), dal Piz Sorega e del Pralongià sopra il Passo Campolongo. Questa terrazza sulle Dolomiti che d’inverno è attraversata da piste da sci, d’estate invece accoglie Movimënt, una serie di tre parchi attrezzati per le

di enrico corno

attività outdoor “non estreme” e adatte a tutta la famiglia: sulla cima del tre colli e accanto a confortevoli rifugi con menu e liste dei vini incredibili, ci sono altrettante aree fitness a cielo aperto dotate di macchinari in legno e metallo perfettamente in armonia con il paesaggio che permettono a tutti di fare pesi ed esercizi di allenamento funzionale. Non basta: ogni area si trova anche attorno ad un laghetto dove potere praticare il percorso kneipp camminando nell’acqua sul pietrisco a piedi nudi. A questi si aggiungono numerose strutture per arrampicare, per far giocare i bambini, per riposarsi o solo per prendere il sole, e ovviamente noleggi e punti di ricarica per le bici elettriche. Tutta l’area infatti è collegata da una fitta rete di sentieri con pendenze leggere da percorrere a piedi o in mtb. Come arrivarci? Da La Villa con la telecabina di Piz La Ila, da Corvara con la telecabina del Col Alto e da San Cassiano con quella del Piz Sorega (www.dolomitisupersummer.it).

n. 4 Agosto-Settembre 2019


ROTELLANDO VERSO SUD LA SFIDA DI PAOLO L’11 maggio è iniziata la lunga camminata di Rupp Bruno, da tutti conosciuto con il nome “Paolo”, che con la sua speciale carrozzella ha deciso di andare “rotellando” dalla Brianza alla Sicilia. Ad un primo sguardo, sembra una lunga passeggiata quella di Bruno, ma è una vera e propria impresa se si tiene conto del fatto che lui è diabetico, ha sessantanove anni ed è diversamente abile a causa di una amputazione bilaterale degli arti inferiori. Lo scopo dell’impresa è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della disabilità, mostrando le difficoltà strutturali che si incontrano

BIKE world HOTEL LA PERLA Bike World sul Lago di Garda veronese, nel comune di Garda, al Bike Hotel La Perla. L’attenzione per i ciclo amatori è molta in questa struttura che ha messo a punto servizi ed accorgimenti speciali per chi sceglie la bici come mezzo per scoprire il territorio gardesano. Recentemente rinnovato, l’hotel offre servizi ad hoc per le due ruote tra i quali spiccano il noleggio MTB Bianchi, il servizio riparazioni, dei posti bici riservati in garage, la lavanderia per abbigliamento bike. Ai ciclisti viene anche offerta una mappa cartacea gratuita con i percorsi del Garda-Baldo e, per chi lo desidera, viene organizzata una presentazione dei percorsi ciclabili del territorio con guida esperta e una particolare assistenza durante tutto il soggiorno. www.hotelperlagarda.com

DALL’ONDA ALLA PALESTRA

FITSURF novità fitness Si chiama Fitsurf Training ed è un nuovo modo per allenarsi in palestra o all’aria aperta (ma comunque sempre “all’asciutto”) che si ispira al mondo del Surf, delle onde e dell’equilibrio sulla tavola con lo scopo di preparare il soggetto a gestire le criticità che caratterizzano le attività del mondo surf, attraverso il condizionamento muscolare, la coordinazione e la mobilità. L’idea arriva dall’esperienza formativa e sportiva e dalla creatività atletica di Dario Nuzzi e Sergio Rossato, entrambi amanti dello sport nelle sue varie sfaccettature. Questi due sportivi, dapprima atleti ed in seguito coach, hanno dato vita ad un protocollo di allenamento che può essere applicato a vari ambiti ed interessare diversi target di persone. Tre sono le principali aree di applicazione: il Fitsurf Training ovvero l’allenamento fitness per le palestre, l’allenamento funzionale per gli atleti e la preparazione atletica per tutti gli sport; il Fitsurf Yoga, cioè tecniche di yoga orientate all’allenamento della mobilità e della meditazione per surfisti principianti ed esperti; Fitsurf Lab che propone studi e ricerche scientifiche sul mondo del surf, oltre a corsi di formazione per i maestri e atleti di surf. Con questa nuova pratica i centri fitness hanno la possibilità di portare in palestra un nuovo protocollo funzionale e divertente che aggiungere dei nuovi movimenti agli esercizi del fitness e all’allenamento funzionale. http://www.fitsurf.it

BIKE TEST TOUR

DA VEDERE E PROVARE A settembre inizierà il tour “Shimano Steps Italian Bike Test” dedicato al settore delle due ruote. Le 5 tappe del tour attraverseranno lo stivale e saranno ospitate in diverse città. Da nord a sud, gli appassionati del settore bike potranno scoprire le novità del prossimo anno e provare diverse tipologie di biciclette: mountainbike, bici da strada, ebike, emtb, e-road bike, gravel, enduro, urban bike. Ogni tappa offrirà un’occasione unica per scoprire in anteprima le novità 2020 del mercato bike su percorsi tracciati ad hoc per ogni tipologia di bici. Si partirà il 21 e 22 settembre in Piemonte a Sant’Ambrogio di Torino, mentre

il 28 e 29 settembre sarà la volta del Veneto, regione storicamente protagonista del mondo delle due ruote, con Montecchio Maggiore a Vicenza. Ad ottobre ci saranno 3 tappe in 3 diverse regioni: il 5 e 6 ad Alzano Lombardo, Bergamo; il 12 e 13 si andrà nel Lazio a Formello, nei pressi della Capitale; il 26 e 27 ottobre la carovana dei test arriverà fino al tacco dello stivale in Puglia per una tappa inedita a Castel del Monte. Nelle prossime settimane sul sito dell’evento saranno svelate le città e saranno presentate in maniera dettagliata le varie location. Info su https://italianbiketest.com o su Facebook Bike Events.

negli spostamenti. Prima della partenza, la fase preparatoria è stata molto particolare poiché Paolo e un gruppo di amici hanno progettato e costruito un equipaggiamento ad hoc con una carrozzella elettrica per permettere a Paolo di spostarsi opportunamente attrezzato, cioè con un carrellino che funge da deposito per l’occorrente necessario e sul quale sono installati dei pannelli solari per un ricarica batterie aggiuntivo. La “Ruppmobile” (cosi gli amici hanno chiamato la speciale carrozzella) è stata avvistata da molte persone e spesso è stato prezioso l’aiuto di persone incontrate sul cammino che hanno segnalato ad esempio le strade più adatte da percorrere in carrozzina o consigliato dove piazzare le tende oppure anche offrendo un riparo con una presa di corrente per la ricarica delle batterie e ristoro notturno. Tutte le tappe e la storia del tragitto sono riportate sul sito https:// rotellandoversosud.it/ : 1200 Km da percorrere, attraverso 7 regioni, per circa 50 tappe di viaggio. Al motto “Dopo il verbo amare il verbo aiutare è il più bello del mondo” il team di supporto di Paolo ha dato vita ad una raccolta fondi sul sito per regalare KM a e supportare questo viaggio. Uno speciale in bocca al lupo per Paolo che ha voluto affrontare la tematica della disabilità con un altro spirito, mostrando che la volontà individuale ha un ruolo chiave anche partendo da condizioni di evidente svantaggio.


speciale motori

michelin pilot sport 4 puro piacere di guida in sicurezza

M

ichelin Pilot Sport 4 si presenta come una gomma UHP ad elevate prestazioni e sviluppata grazie all’esperienza di Michelin nelle competizioni. Il battistrada vanta un’elevata capacità di adattamento alla strada grazie alle interazioni dinamiche tra architettura, scultura e materiali, per un controllo ottimale della superficie d’impronta al suolo. Il nuovo pneumatico UHP ad elevate prestazioni Michelin Pilot Sport 4 è destinato ad equipaggiare vetture Premium e auto Sportive di serie. Michelin PS4 assicura elevate performance, che coniuga con elevatissimi livelli di sicurezza e Handling su strade asciutte e bagnate ad alte velocità. Non a caso il nuovo Sport 4 deriva dalla ormai esperienza pluriennale Michelin: la prima generazione di gomme Pilot Sport risale al 1997 e da allora, ogni nuova generazione Pilot Sport ha beneficiato della crescente esperienza di Michelin maturata nelle competizioni e nel campo della cooperazione con i principali costruttori di auto. Il Michelin Pilot Sport 4, rispetto al precedente 3, ha il 10% di intagli in meno (una caratteristica che la avvicina ai pneumatici più prestazionali), un battistrada più rigido (grazie a una tela supplementare di aramide e nylon) e una spalla rinforzata. Inoltre, la nuova mescola comprende elastometri che la fanno aderire meglio all’asfalto, a vantaggio del grip. Il battistrada presenta larghi tasselli sulla spalla esterna, per favorire la tenuta sull’asciutto, e tre ampi canali longitudinali nella parte interna, per smaltire meglio l’acqua e offrire, così, buone prestazioni anche su fondi bagnati. È pure presente un cordolo sul bordo per proteggere il cerchio dalle “toccatine” contro i marciapiedi, nelle fasi di parcheggio. Grazie alla tecnologia Dynamic Response il nuo-

82

di marco morelli

UNA DELLE PRIORITÀ DEL GRUPPO MICHELIN, LA SICUREZZA, È STATA PARTICOLARMENTE CURATA DURANTE LO SVILUPPO DI QUESTA GOMMA vo Michelin Pilot Sport 4 estivo assicura handling elevatissimo sia in condizioni di strada bagnata, sia in condizioni di asfalto asciutto. Caratterizzato infatti da una tela supplementare di aramide e nylon, denominata tela a zero gradi (dalla struttura molto resistente) il nuovo PS4 è in grado di contrastare la forza centrifuga e dare stabilità all’impronta al suolo anche ad altissime velocità, fornendo un alto livello di trazione e handling al volante. Una delle priorità del gruppo Michelin, la sicurezza, è stata particolarmente curata durante lo sviluppo di questa gomma. “Elastomeri funzionali” di nuova generazione sono stati inseriti nella mescola per aumentare l’efficacia in frenata e trazione. Questi elastomeri sono in grado di assumere la forma della superficie stradale, fornendo grip elevatissimo sul bagnato. Profondi canali longitudinali inoltre permettono di liberare dall’acqua la superficie di contatto, riducendo sensibilmente il rischio di aquaplaning a tutte le velocità. Un pneumatico al top. Quando spingi sull’acceleratore capisci di aver speso bene i tuoi soldi. Pieni voti su tutto, frenata (la distanza di arresto da 80 a 0 km/h è di soli 30,2 metri, circa 5 metri più breve del peggior classificato nelle prove di Auto Motor und Sport), tenuta in curva, asciutto o bagnato non cambia niente, sul pavè ammortizzano, limitatamente a quello che può fare una spalla 35. Raccomandato dal 95% dei consumatori è un pneumatico che anche noi abbiamo provato con grande soddisfazione e che consigliamo vivamente di acquistare.

sistema antiforatura Michelin inventa il pneumatico che non si buca mai

Il sogno della gomma che non fora mai è dietro l’angolo. Michelin Uptis è una realtà, ma per vederlo montato sulle auto civili occorrerà attendere il 2024. Michelin e General Motors hanno annunciato una partnership di ricerca, durerà cinque anni, in cui le due società intendono testare il prototipo. Al momento, la sperimentazione è già attiva sul modello Chevrolet Bolt EV e nei prossimi anni sarà ampliata su una flotta di veicoli Bolt EV nel Michigan, Usa. Uptis (sigla di Unique puncture-proof Tire system (letteralmente, sistema “a prova di foratura”) segna una rivoluzione perché, essendo “airless”, ossia senza camera d’aria, elimina il rischio di forature. La gomma che non si buca mai è stata annunciata sul palco del Movin’on, l’evento annuale di Michelin sulla mobilità sostenibile di Montreal (Canada) dal 4 al 6 giugno. Senz’aria al suo interno, connesso nell’ottica dello sviluppo futuro dell’automobile, stampabile in 3D, e sostenibile perché ridurrà l’impatto degli pneumatici sull’ambiente»: sono i punti di forza sottolineati da Florent Menegaux, nuovo amministratore delegato di Michelin, appena nominato al posto di Jean-Dominique Senard passato in Renault. “Uptis dimostra che la visione di Michelin della mobilità sostenibile è un sogno realizzabile. La nostra collaborazione con partner strategici come GM, che condividono le nostre ambizioni di trasformare la mobilità, ci consente di guardare al futuro” Il pneumatico prototipo Uptis antiforatura non necessita di manutenzione ed è stato progettato per le auto di oggi ed è adatto ai veicoli autonomi, elettrici, condivisi o di altre tipologie. Uptis introduce miglioramenti rivoluzionari nell’architettura e nei materiali compositi che gli consentono di supportare sia il peso che la velocità di un’automobile. Queste innovazioni consentono di eliminare l’aria compressa e sostenere il carico del veicolo. Questo sistema antiforatura è anche molto amico dell’ambiente, infatti basti pensare che circa 200 milioni di pneumatici in tutto il mondo vengono smaltiti prematuramente ogni anno a causa di una foratura, di danneggiamenti causati da cattive condizioni del manto stradale o di usure irregolari dovute a pressione inadeguata.

n. 4 Agosto-Settembre 2019