Page 58

Campionato Italiano GT

A

GARA 1 GT2-GT3-GT4

31 Luglio 2011 pole position: Merendino Corvette Z06 GT3R 1’49.934 giro più veloce: Capello Audi R8 LMS 1’50.674 podio: 1. Di Benedetto/Merendino Corvette Z06 GT3R

RACE REPORT

con un bel sorpasso su Sonvico. Il rientro in pista di tutti gli equipaggi dopo i cambi pilota non determinavano stravolgimenti nella classifica. Degna di nota la rimonta di Capello su Cordoni che giro dopo giro si realizza al 27° e ultimo passaggio quando Capello sferrava la zampata vincente su Cordoni, passando al comando e concludendo vittorioso la sua prima gara della stagione davanti al pilota dell’Autorlando e al

GARA 2

GARA 1

16 Luglio 2011 pole position: Capello Audi R8 LMS 1’44.626 giro più veloce: Livio Lamborghini Gallardo 1’49.741 podio: 1. Di Benedetto/Merendino Corvette Z06 GT3R 2. Capello /Cicognani Audi R8 LMS 3. Bonanomi /Sonvico Audi R8 LMS

La Corvette ci prende gusto

IMOLA pole position: Sonvico Audi R8 LMS 1’45.749 giro più veloce: Cordoni PORSCHE 911 GT3-R 1’47.228 podio: 1. Capello /Cicognani Audi R8 LMS 2. Cordoni/Ruberti Porsche 911 GT3-R 3. Bonanomi /Sonvico Audi R8 LMS

suo compagno di squadra Bonanomi. Al Mugello nella gara riservata alle classi GT2-GT3 e GT4 sono saliti sul gradino più alto del podio Merendino/Di Benedetto davanti alle 2 Audi R8 LMS di Bonanomi /Sonvico e Capello/Cicognani. Nella GT2 il successo è andato a Linossi mentre Cappelletti/Piron si sono imposti nella GT4. Erano i favoriti e alla fine Merendino e Di Benedetto hanno rispettato i pronostici. Al via, dopo la pole ottenuta in prova, Di Benedetto si portava subito al comando seguito dalle 2 Audi di Bonanomi e Cicognani. La gara si avviava al cambio pilota senza emozioni e al rientro in pista tutte le posizioni venivano confermate. Sul traguardo Merendino non aveva problemi a regolare gli inseguitori, concludendo al primo posto davanti a Sonvico, Capello e Cordoni. Molto combattuta e avvincente la gara riservata alle vetture in configurazione monomarca che ha proposto diversi cambi di leadership. Al via il po-

pole position:

GARA 1 GT CUP

l termine di una gara molto combattuta, è arrivata ad Imola la prima vittoria della Corvette Z06 grazie all’equipaggio Merendino – Di Benedetto che hanno preceduto le due Audi R8 LMS di Capello/Cicognani e Bonanomi /Sonvico. Al via alle spalle del poleman Capello che si portava subito al comando, si inseriva Di Benedetto, bravo a scavalcare Bonanomi nei primi metri di gara. Il primo colpo di scena nn tardava ad arrivare e vedeva sfortunato protagonista Bonanomi costretto a ripartire tredicesimo a causa di un testacoda. La situazione nelle posizioni di testa mutava al termine dei cambi pilota, quando Merendino, dopo aver preso il volante da Di Benedetto, si ritrovava al comando davanti a Cicognani. Con Merendino in vantaggio di oltre 13 secondi su Cicognani, la gara si portava verso le battute conclusive, ma il portacolori di Audi Sport Italia riusciva nelle ultime tornate ad avvicinarsi al pilota siciliano che, tuttavia, riusciva a gestire bene la situazione. Sul traguardo Merendino andava a conquistare una meritatissima vittoria davanti a Cicognani e Sonvico, mentre Ruberti faceva suo un buon quarto posto in ottica campionato. In gara due il poleman Sonvino prendeva subito la testa della gara facilitato anche dalla non buona partenza di Ruberti che si faceva sorprendere da Cicognani. La gara si accendeva subito con Ruberti che alla Tosa si riprendeva la posizione su Cicognani e si portava già al comando

58

16/31 Luglio 2011

4

Passuti Gagliardini Porsche 997 CUP 1’53.365 giro più veloce: Nalucelli Ferrari F430 1’53.863 podio: 1. Fornaroli Porsche 997

GARA 2

a cura di matteo pasquali. foto: photo

7ª| 8ª| 9ª| 10ª PROVA

MUGELLO pole position: Cicognani/Capello AUDI R8 LMS 1’49.099 giro più veloce: Bonanomi Audi R8 LMS 1’50.470 podio: 1. Sonvico Audi R8 LMS

leman Passuti si portava subito al comando allungando su Pierleoni e Livio. La lotta per la seconda piazza era molto accesa con Mastronardi che in un paio di occasioni riusciva a rintuzzare gli attacchi di Malucelli. Al 18° giro arrivava il primo colpo di scena con Gagliardini costretto ai box dal dechappamento di un pneumatico lasciando la testa della gara a Mastronardi. Al 22° giro Malucelli era costretto a rallentare per problemi al pescaggio della benzina, lasciando cosi il comando a Mastronardi seguito da Baccani e Sanna. Sotto la bandiera a scacchi, il pilota emiliano andava a cogliere cosi la sua seconda vittoria della stagione davanti a Baccani e Sanna. La terza ed ultima gara, che vedeva in pista le vetture di tutte le classi, registrava l’assenza sulla griglia della Corvette di Merendino – Di Benedetto per la rottura di un cuscinetto e la Porsche dei Coggiola per problemi al cambio. A conclusione del primo giro Capello affiancava Bonanomi e Camathias. Richiamato ai box per scontare un drive trough in seguito ad un contatto con Camathias, Sonvico ripartiva subito velocissimo recuperando ben presto la terza posizione. Al rientro in pista dopo i cambi pilota, Cicognani si confermava al comando davanti a Pierleoni. Nelle battute conclusive arrivava la zampata finale di Bonanomi che scavalcava Cicognani e si portava al comando che manteneva fin sotto la bandiera a scacchi, lasciandosi alle spalle Cicognani e Linossi.

ZR Magazine #43  
ZR Magazine #43  

The one and only Italian free Motorsport Magazine

Advertisement