Page 1

10.01

Pagina 1

Ada Marta Benevenuta

Vos perdue... Poesìe Piemontèise

Vos perdue...

12/06/2012

Ada Marta Benevenuta

copertina 3

... ëd cola masnà d’ un temp lontan

ADA MARTA BENEVENUTA è nata a Rivara (TO) nel 1922 e risiede a Rivarolo Canavese (TO). Grande è il suo impegno per difendere la parlata dei suoi avi; ha trovato nell’analsisi della sua anima piemontese e nella contemplazione della sua terra, che tanto ama, materia di canto. Ha frequentato un corso di lingua piemontese, tenuto da Camillo Brero, presso la “Cà dë Studi” Pinin Pacòt. Iscritta all’Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali, è stata nominata Delegata Regionale per il Piemonte e poi Consigliere della Associazione. Ha trovato nella “Famiglia Canavzan-a”, di cui è socia, tanta affettuosa accoglienza. Ha partecipato a diversi concorsi di poesia, ottenendo soddisfacenti riconoscimenti. Le sue opere compaiono su: Piemontèis Ancheuj, Ij Brandè, Franclin Canavzan, La Sentinella del Canavese, Il Risveglio, Il Canavesano, Voci dialettali e su varie Antologie.


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.11

Pagina 1

Ada Marta Benevenuta

Vos perdue... Poesìe Piemontèise

Illustrasion ëd Vanda Sciacero


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.11

Pagina 2


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.11

Pagina 3

A la mia famija mè amor sensa fin


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.11

Pagina 4


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.11

Pagina 5

N

ell’accorato rimpianto per la perdita del professor Giorgio Carpaneto, uomo di grande cultura, poeta, scrittore e appassionato studioso di dialettologia, desidero riportare su questa mia nuova opera, alcuni suoi lusinghieri giudizi sulle mie poesie. Il suo apprezzamento mi ha sempre spronato a proseguire con determinazione nel mio modesto percorso poetico. Serbo nel cuore con profonda gratitudine il suo ricordo e i suoi preziosi consigli.

“Il dialetto piemontese è ricco di parole melodiose, brevi quanto un sospiro, delicate e impalpabili, come sfumature di colori. E tali sono i versi delicatissimi di Ada Marta Benevenuta. La contemplazione della natura (fiori, cielo, sole, stelle, la primavera) è in armonia con tematiche mistiche rivelanti l’abbandono in Dio. Ma pure ci colpisce la ricchezza dei propri sentimenti, la profonda ricerca psicologica, l’evidenza sommessa dei suoi delicatissimi stati d’animo: poesie che sono di conforto, di speranza, di ricordi per il lettore.”


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.11

Pagina 6


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Vos perdue...

Pagina 1


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 2

Voci perdute… Care voci che tanto mi mancano, voci perdute che mi accarezzavano il cuore come una melodia. Si sono smorzate e il silenzio più profondo è calato nella mia anima dolente. Solo nei sogni della notte mi sfiora ancora quel sussurrare d’un lontano vivere sereno. Eco della prima poesia della mia vita che si è persa come si perdono nell’aria le note di un nostalgico violino che singhiozzando fa più forte il mio rimpianto.

2


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 3

Vos perdue... Care vos che tant am manco, vos perdue ch’am carёssavo ’l cheur come na melodìa. A son ёsmortasse e ’l silensi pì creus a l’é calà ’nt la mia ànima doleuria. Mach ant ij seugn ’d la neuit mё sfiora ’ncora col ciusioné d’un lontan vive seren. Arson ёd la prima poesìa ’d mia vita ch’a l’é pёrdusse come as perdo ’nt l’aria le nòte d’un nostalgich violin che ’n sangiutand a fa pì fòrt mè ringret.

3


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 4

Lassù… Lassù tra le nuvole, paesaggi del cielo, canteranno per me gli usignoli e lo splendore delle stelle schiarirà la strada dei sogni. Lassù in paradiso ritroverò quel pallone rosso sfuggito alle mie piccole mani, calando dolore profondo nel mio cuore bambino. Lassù nei giardini del cielo, tra mille altri fiori scoprirò quella rosa, che per fare bella la catapecchia era sbocciata accanto al suo muro scrostato. … e poi, tra musiche celestiali, mi compariranno in vesti luminose le figure della mia gente, che da troppo tempo mi mancano. Con loro finalmente vicino, continuerò a tessere la trama della lunga tela del nostro Amore, con tanta gioia e per sempre.

4


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 5

Lassù Lassù tra le nìvole, paesagi dёl cel, a canteran pёr mi j’arsigneuj e lё splendor dle stèile a s-ciairirà la stra dij seugn. Lassù an paradis artroverai col balon ross ёscapà a mie cite man, caland dolor ancreus an mè cheur masnà. Lassù ’nt ij giardin dёl cel, tra mila autre fior i dёscherverai cola reusa, che pёr fé bel ёl ciabòt a l’era dёsbandìa aranda a sò mur dёscrostà. … e peui, tra musiche celestial, am compariran an veste luminose le figure dla mia gent, che da tròp temp am manco. Con lor finalment davzin, continuerai a tesse la trama dla lunga tèila ’d nòstra Bin, con tanta gòj e pёr sempre.

5


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 6

Il pozzo singhiozza Al tramontare del sole un gregge d’ombre, quasi un tappeto di velluto, sulla terra cala e porta in cuore sentore di malinconia. In un angolo del cortile, lasciato all’abbandono, il pozzo triste singhiozza la sua sfortuna. Si sente forestiero in mezzo a quelle case che si sono vestite a nuovo cambiando la storia. Più non corrono i bimbi ridenti a calmare la sete alla sua acqua fresca. È muto il cigolare di quella catena e quel gocciolare gioioso dal secchio. È finita la sua stagione e l’opera sua è finita... Sul pozzo la mano del tempo, sempre più pesante, fa crollare adagio i suoi muri. L’abbraccio dell’edera non può salvarlo e quei fiorellini nati ai suoi piedi, riescono a malapena a confortarlo. Tra ombre e batticuore scende piano la notte: cullato dalla voce della luna il pozzo dorme.

6


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 7

Ël poss sangiuta Al tramonté dël sol un ëstrop d’ombre, squasi un tapis dë vlù, sla tèra a cala e a pòrta ’n cheur sentor ëd malinconìa. Ant un canton dla cort, lassà a l’abandon, ël poss tut trist a sangiuta sò maleur. As sent forestè trames a cole ca che a son vestisse ’d neuv cambiand la stòria. Pi nen a coro le masnà rijente a dëstissé la sej a soa aqua fresca. L’é mut lë scherziné ’d cola caden-a e col ëstissé giojos dël sigilin. Finìa soa stagion e l’euvra soa finìa... Sël poss la man dël temp, sempre pì greva, a fa droché adasi soe muraje. L’ambrass dël brassbòsch a peul pa salvelo e cole fiorin-e ch’a son na a sò caus, a riesso a malapen-a a confortelo. Tra ombre e baticheur a cala pian la neuit; cunà da la vos dla lun-a ’l poss a deurm.

7


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 8

DIALÈT CANAVZAN PARLADA ËD MÈ PAIS

Ruvèra Chi ch’a sògna ’l Paradis ò na perla pròpi rèra ma ch’a vegno a mè pais, ’l sò nòm a l’é Ruvèra. Con lё sfond dёl sò castel, fra le blёsse dla natura a l’é pròpi tanto bel, e as respira aria pura. A-j fan corona le montagne: ’l mont Seuli e l’Angiolin, pёr ’l verd dle soe campagne a-i va ’n penel, ma pròpi fin. A l’é na frisa ’d Canavèis, tra le tère pì pressiose cicita ’me ’n di dёl mèis, la pì bela tra le spose. La soà gent ardià e fiera, ricà ’d fòrsa e d’onestà, a travaja matinera e as n’anfota dla sità.

8


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 9

Le mariòire barivele tra le fijè dij contorn ëd sicur a son pì bele e ij fieuj a jё stan d’antorn. E an sl’onda dla violensa, an cost ora dёsgrassià, a Ruvèra la cossiensa a-i é ancor, a l’é anreisà. A l’é l’esempi dij nòst vej, che tra ij mur an pò sbrisà a resta, e an gropa ’me anej a col temp ch’a l’é passà. Bel pais perla rèra, brava gent, ben quadrà, as viv ben ’s costa tèra ëd sicur pì che an sità. E Nosgnor ch’a l’ha creà col di a l’era ’d bonimor e a j’ha dit fasend Ruvèra: - Veuj ch’a sio ’n caplavor -

9


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 10

Rivara Chi sogna il paradiso o una perla proprio rara venga al mio paese, il suo nome è Rivara. Con lo sfondo del suo castello, tra le bellezze della natura è proprio tanto bello, e si respira aria pura. Gli fanno corona le montagne : il monte Soglio e l’Angiolino, per il verde delle sue campagne ci vuole un pennello, ma proprio fine. È una briciola del Canavese, tra le terre più preziose piccola come un giorno del mese, la più bella tra le spose. La sua gente ardita e fiera, ricca di forza e di onestà, lavora mattiniera senza curarsi della città.

10


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 11

Le ragazze da marito tra le giovani dei dintorni sicuramente sono più belle e i ragazzi le corteggiano. E nell’onda della violenza, in quest’ora disgraziata, a Rivara la coscienza c’è ancora, è radicata. È l’esempio dei nostri vecchi, che tra i muri un po’ sbrecciati rimane, e ci lega come anelli a quel tempo che è passato. Bel paese perla rara, brava gente, ben quadrata, si vive bene in questa terra di sicuro più che in città. E il Signore che l’ha creata quel giorno era di buonumore e ha detto facendo Rivara : - voglio che sia un capolavoro-

11


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 12

An piassa Barbacana An piassa Barbacana ’me vele gonfià dal vent ij ninseuj a l’aria sana a suvan ant en moment. Bianch parèj dla fioca Lёssià ch’a prufuma ’d bon dl’ autra lingerìa pòca ma ’d ninseuj a-i na j’é ’n baron. Doè brave lavandere con en gròss baston an man son lì ’me sentinele pёr vёrnasse dai bacan. Coj bòcia sbёrgiarà as nё scapan vià lontan suit ij ninseuj e piegà le lavandere a van. Adasi ’l sol a spariss da drer a la montagna la giornà ’d travaj a finiss an piassa Barbacana. En vej compagnà dal can a bèica dёdsà e dёdlà peu as na va pian pian sla stra ch’ al pòrta a ca.

12

DIALÈT CANAVZAN PARLADA ËD MÈ PAIS


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 13

Am torna sèmper an ment sta vision dёl temp passà an mes a la brava gent quadrèt ёd serenità. Vita sensa pretèisa at pòch as contentavan a vivien con pòca spèisa ma drinta ij cheur cantavan.

13


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 14

In piazza Barbacana In piazza Barbacana come vele gonfiate dal vento le lenzuola all’aria sana asciugano in un momento. Bianche come la neve bucato che profuma di buono di altra biancheria poca ma di lenzuola ce ne sono molte. Due brave lavandaie con un grosso bastone in mano sono li come sentinelle per far la guardia ai birboni. Quei monelli cacciati se ne vanno via lontano asciutte le lenzuola e piegate le lavandaie vanno. Adagio il sole sparisce dietro la montagna la giornata di lavoro finisce in piazza Barbacana. Un vecchio accompagnato dal cane guarda di qua e di là poi se ne va pian piano sulla strada che lo porta a casa.

14


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 15

Mi ritorna sempre in mente questa visione del tempo passato in mezzo alla brava gente quadretto di serenitĂ . Vita senza pretesa di poco si accontentavano vivevano con poca spesa ma dentro i cuori cantavano.

15


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 16

San Giovanni Il giorno di San Giovanni sul ballo a palchetto le coppie se ne vanno due passi e un passetto. Il valzer li avvolge, girano come arcolai si tolgono la voglia, i curiosi li rimirano. Poi il tango li rapisce, si accendono di passione, - domani - lei dice, - là sotto il portone - . Ma la madre è sveglia, li guarda e capisce, richiama la figlia: - su presto! - e già freme. - Domani c’è da lavare, su, non farmi arrabbiare, bisogna lavorare! Adesso andiamo a dormire … La festa finisce, la mesta mocciosa si leva il chiodo fisso e non è più bricconcella.

16


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 17

PARLADA ËD RUVÈRA,

San Giovan

MÈ PAIS

Ёl di ’d San Giovan sёl bal a parchèt le cobie as na van dui pass e ’n passèt. Ёl valser a-j vёrtoja, ’me ’d vindoj a giran, as gavan la veuja, ij curios a-j rimiran. Peu ’l tango a-j rapiss, As viscan ’d passion, - doman - chilà a dis, - là sot al porton - . Ma mare a l’é ardià, a-j bèica e a capiss, arciama soa fijà: - su presto! - e già a friss - doman i-è da lavar, su, fame nin dir, antà travajar! Aora ’ndoma a dromir - . … La festa a finiss: la nèca morfela as gava ’l ciò fiss, a l’é pì nin barivela.

17


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 18

I vecchi Solitaria, una panchina lungo il viale aspetta quei vecchi stanchi per offrirgli riposo. Arrivano curvi sotto il peso dei troppi anni, si siedono e guardano il cielo attraverso le piante. Aspettano che un raggio di sole, filtrando tra il fogliame, venga a scaldargli le ossa, sicuri di cogliere da quel tiepido dono la dolcezza di una briciola di vita. Sembrano personaggi d’un libro di favole, rinsecchiti come foglie d’un tardo autunno, ma i loro vecchi cuori ancora battono ben forte nell’affannosa ricerca d’un po’ d’amore. E che grande bisogno di carezze loro hanno! Sembrano frassini tristi intaccati in mezzo al groviglio d’un feudo da tempo abbandonato. Sono come angeli di vetro appesi a chiodi arrugginiti, paurosi di cadere da un momento all’altro. Si stordiscono con dei racconti senza fine, ma quando tacciono si assopiscono: lasciamoli pure dormire... se ne stanno volando in alto, sebbene la loro testa sia china verso terra.

18


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 19

Ij vej Solenga, na banchin-a arlong dla leja a speta coj vej strach pёr ёsmonje arpos. A rivo curv sota ’l pèis dij tròpi ani, as seto e a guardo ’l cel travers dle piante. A speto che na rajà ’d sol, an filtrand tra ’l fojagi, a ven-a a scaudeje j’òss, sicur ёd cheuje da col tёbbi cadò la dosseur ёd na fёrvaja ’d vita. A smijo pёrsonagi d’un liber ёd faule, arsёchì come ’d feuje d’un tard oteugn, ma ij sò vej cheur ancora a bato bin fòrt ant l’afanosa arserca d’un pò d’amor. E che gran bzògn ёd carёsse lor a l’han! A smijo frasso arnos antamnà ’ntrames a l’angavign d’un feud da temp bandonà. A son ’me àngej ’d veder pendù a ciò rusnent, pauros ёd casché da un moment a l’autr. A sё stordisso con ’d conte sensa fin, ma quand ch’a stan ciuto a s’ansognochisso: lassomje pura deurme... a stan voland an aut, combin che soa testa a sìa chinà vers tèra.

19


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 20

Sogno svanito Cullata nell’abbraccio amoroso della tua terra come una ninfea che si culla nel suo stagno, non potevi aver l’idea che ci fossero dei bei paesi lontani oltre il tuo e timorosa guardavi trasparire dai miei occhi il desiderio profondo di spazi infiniti. Per non darti pena sono rimasto, mamma, ed ho sotterrato le mie scarpe da zingaro ai piedi di una quercia, assieme ai sogni. Mi son fermato all’ombra del nostro campanile ad ascoltare come da bambino il rintocco grave delle ore che segnano il passare del tempo. Lo sferragliare dei treni mi annunciava volta per volta la partenza degli amici. Sono rimasto tutto solo ad inchiodare sui muri di casa uno dopo l’altro i giorni sempre uguali e senza senso. Di te, mamma, solo più l’ombra del tuo ricordo... ma ancora sento il richiamo che cerca d trascinarmi fuori dall’uscio. Ormai sono vecchio e stanco e il mio rimpianto profondo si incespica fra i rami degli alberi che tristi rabbrividiscono nel cogliere il mio lamento.

20


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 21

Seugn ësvanì Cunà ’nt l’ambrass amoros ëd toa tèra come na ninfea ch’as cun-a ’n sò stagn, it podìe nen avèj l’idèja ch’a-i fusso ëd bej pais lontan fòravìa dël tò e temrosa it guardave straluse dai mè euj l’anvìa përfonda dë spassi ’nfinì. Për nen dete pen-a i son restà, mama, e i l’hai sotrà mie scarpe da singher al càuss ëd na pianta ’d rol, ansema ai seugn. I son fërmame a l’ombra ’d nòstr ciochè a scoté come da masnà l’arbat grev ëd j’ore ch’a marco ’l passé dël temp. Lë sfrajé dij treno am nunsiava vòlta për vòlta la partensa dj’amis. Son restà tut sol a ’nciodé sij mur ëd ca un dòp l’àutr, ij di sempre uguaj e sensa sens. Ëd ti, mama, mach pì l’ombra ’d tò arcòrd... ma ’ncora i sento l’arson d’un arciam ch’am cissa për rableme fòra da l’uss. Giumai son vej e strach e mè rigret ancreus a s’antrapa trames ai branch ëd j’ erbo che arnos a frisson-o ’nt ël cheuje mè lament.

21


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 22

Borgà Bandonà I l’hai sercà trames a la boscaja, stermà da feuje e rovij, col cit senté ch’a men-a a la borgà. I l’hai arvist lassù ’n sël brich cole ca squasi sospeise ’n ël veuid, ch’a smijo desse da man për ten-se sù, për nen droché, për sosten-se ’nt ël maleur. Mur ampërgnà dë stòrie veje, che mach la tèra a conoss e a-j ten an guerna për conteje ’nt la neuit a la lun-a. L’òm a l’é andasne e ’l temp a l’ha scancelà soe orme... Mach pì ’l sol a ven a scaudé cole muraje dëscrostà, a meisiné cole chërpure ’ncreuse. Ùnich segn ëd vita, col sajëtté ëd na laserta ’n serca ’d calor. Un ram ëd vis antorzù l’é restà ’mbrassà a la lòbia camolà: unì ’nt la midema sòrt.

22


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 23

Stansie veuide, camin dëstiss, fnestre barà da drinta, uss ciavà. Mach col dla stala, restà ’mbajà, a lassa antravëdde dzora la grupia un malinconich Crist ëd giss, che velure d’aragnà squasi a quato. Ant un canton ëd la cort un bron d’erba a l’é scampà a la mòrt. Im chin-o a sfiorelo... a l’é squasi na carëssa, la mia. La tèra a trasuda l’arson ëd vos antiche, rigret ëd còse përdue, e doss arcòrd ch’as fan vision, ma j’ombre longhe dël tramont a trasso stra sensa surtìe... An costa sèira ’n pò velà dë stèmber, trames a coj mur ch’ampërson-o ’l passà, mia ànima as vest ëd malinconìa. J’ùltime rondole a vòlo àute ’nt cel e con mila giravòlte a së sfòrzo ëd trasmëtte mëssagi d’amor, ma peui... as na van... e chi sa se a torneran doman... Ma staneuit un cel dë stèile a vnirà a sanguité an sl’angonìa ’d cola pòvra borgà bandonà.

23


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 24

Borgata abbandonata Ho cercato in mezzo alla boscaglia, nascosto da foglie e rovi, quel piccolo sentiero che porta alla borgata. Ho rivisto lassù sul colle quelle case quasi sospese nel vuoto, che sembrano darsi mano per non cadere, per sostenersi nella cattiva sorte Muri impregnati di vecchie storie, che solo la terra conosce e le tiene in serbo per raccontarle di notte alla luna. L’uomo se n’è andato e il tempo ha cancellato le sue orme... Solo il sole viene a scaldare quei muri scrostati, a curare quelle crepe profonde. Unico segno di vita, quel saettare di una lucertola in cerca di calore. Un ramo di vita contorto resta abbracciato alla logga tarlata: uniti nella stessa sorte.

24


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 25

Stanze vuote, camini spenti, finestre sbarrate dall’interno, porte chiuse a chiave. Solo quella della stalla, rimasta socchiusa, lascia intravvedere sopra la greppia un malinconico Cristo di gesso, che velature di ragnatele quasi coprono. In un angolo del cortile un ciuffo d’erba è scampato alla morte. Mi chino a sfiorarlo... ed è quasi una carezza la mia. La terra trasuda il risuono di voci antiche, rimpianti di cose perdute, e dolci ricordi che si fanno visioni, ma le ombre lunghe del tramonto tracciano strade senza uscita... In questa sera un po’ velata di settembre, tra questi muri che imprigionano il passato, la mia anima si veste di malinconia. Le ultime rondini volano alte nel cielo e con mille giravolte si sforzano di trasmettere messaggi d’amore, ma poi... se ne vanno... e chissà se torneranno domani... Ma stanotte un cielo di stelle verrà a singhiozzare sull’agonia di quella povera borgata abbandonata.

25


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 26

Per quella strada delle pietre All’alba della mia vita correvo spensierata per quella strada delle pietre dietro ad una farfalla, incantata dai suoi colori, anche il mio cuore volava. È stanco il mio passo oggi e tanto mi pesano gli anni, ma son tornata a cercare sulla filigrana delle ombre, un piccolo segno del mio passato. L’odore giallo delle foglie sospeso nell’aria di settembre mi lascia dentro un vuoto che sfuma i ricordi sul grigio. Più nulla come prima... solo una margherita spuntata in riva al fosso richiama la mia attenzione. Solo lei autentica! peccato sfogliarla per interrogare il destino; tanto lo so, sarebbe vano. Ha ben poco da offrire a me il domani.

26


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 27

Per cola stra dle pere A l’alba dla mia vita I corìa spensierà për cola stra dle pere dapress a na farfala, ancantà dai sò color, ëdcò mè cheur volava. A l’è strach mè pass ancheuj e tant am peiso j’ani, ma son tornà a serché sla filigrana dj’ombre, un cit segn dël temp passà. L’odor giaun ëd le feuje sospeis ant l’aria dë stember, am lassa drinta ’n veuid ch’a sfuma j’arcòrd sël gris. Pì gnente come prima... mach na margritin-a spuntà ’n sël bòrd dël fòss arciama mia atension. Autentica mach chila! Dërmagi dësfojela për anteroghé ’l destin; tant lo sai, a sarìa van. A l’ha bin pòch da eufre a mì ’l doman.

27


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 28

Stelline della terra Stelline della terra che nella notte si accendono e si spengono tremanti e spandono nell’aria danzando quei brillanti suoi lumini con bel garbo. E la notte addormentata dell’estate sotto il canto d’un uccellino che si lamenta, per virtù delle stelline diventa all’improvviso una notte incantata. Hanno iniziato a suonare i suoi violini mille grilli da sottofondo a questa danza a questo volare di una certa eleganza che ci riporta a qualcosa del divino. Quante corse una volta nel prato! lucciole d’un tempo già lontano che sfuggivano alle svelte mie mani deludendo il mio desiderio bambino.

28


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 29

Stèilin-e dla tèra Stèilin-e dla tèra che ’nt la neuit a s’anvisco e as dёstisso tёrmoland e a spantio ’nt l’aria ’n dansand coj briland sò lumin con bel deuit. E la neuit andurmìa ’d l’stà sota‘l cant d’un oslin ch’as lamenta, për virtù dle stèilin-e a diventa ёd bòt an blan na neuit ancantà. A l’han tacà a soné ij sò violin mila grij da sotfond a sta dansa a sto volé d’un-a certa eleganza ch’a n’arciama a cheicòs dёl Divin. Quante corse na vòlta ant ёl pra! lusentele d’un temp già lontan ch’a scapavo a le svicce mie man deludend mia anvìa masnà.

29


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 30

Lo scialle della nonna Quando ti vedevo comparire al fondo della strada, alta, sottile, con sulle spalle un lungo scialle ricamato di rose rosse sullo sfondo nero, mi sembravi una visione, nonna. E, per calmare il mio batticuore, ti correvo incontro a cercare in fretta la gioia del tuo abbraccio. Le lunghe frange dello scialle mi solleticavano la faccia e mi mettevo a ridere, e tu con me. Assieme cercavamo di non far sfuggire tutta la grande fortuna di quel magico momento. Poi, dal tuo borsone quel pacchetto di gallette, fatte da te per me, profumava d’amore. Coglievo nei tuoi occhi tutto il piacere del donare, coglievi nei miei occhi la gioia del ricevere. Briciole d’un tempo ormai lontano... ricordo che ancora vive dentro al mio cuore. ... Stasera fuori sta nevicando senza tregua, quel silenzio bianco sfarina rimpianti... Il desiderio di calore mi ha spinto a cercare dentro al cassetto il tuo scialle ricamato. Me lo sono messo sulle spalle per scaldarmi, ma non sono riuscita a togliermi il freddo. Neppure le frange sebbene mi facessero il solletico, sono state capaci di farmi ridere.

30


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 31

Ёl sal ёd nòna Quand it vёddìa comparì al fond ёd la stra, granda, sutila, con sle spale un lungh sal ricamà ’d reuse rosse slё sfond nèir, it m’ёsmijave na vision,nona. E, per calmé më baticheur, it corìa ancontra a serché ampressa la gòj ’d tò ambrass. Le lunghe frange dёl sal am gatijavo la facia e im butava a rije, e ti con mi. Ansema i sercavo ’d nen lassé scapé tut ёl gran boneur ёd col magich moment. Peui, da tò borson col pachèt ёd galёtte, fàite da ti pёr mi, a pёrfumava d’amor. Cheuija ’nt ij tò euj tut ёl piasì dёl doné, it cheuije ’nt ij mè euj la gòj dёl riceve. Fёrvaje d’un temp giumai lontan... Arcòrd che ancora a viv andrinta mè cheur. ... Stassèira fòra a sta fiocand sensa arlass, col silensi bianch a sfarin-a regret... L’anvìa ’d calor a l’ha cissame a serché andrinta ’l tirol ёl tò sal ricamà. I l’hai butamolo a col pёr ёscaudeme, ma son nen riussìa ’d gaveme la frèid. Gnanca le frange combin ch’am fèisso gatij, a son ёstàite bon-e ’d feme rije.

31


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 32


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Ă’asi ‘d pas

Pagina 33


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 34

Oasi di pace Come le api che cercano affannose il nettare nel cuore dei fiori, i miei pensieri vanno esplorando dentro ai perché delle cose cercando risposte di speranza. E se dinnanzi a me passano in processione fantasmi vestiti di vuoto che non sanno nascondere tristezza, non voglio seguirli. So che nel deserto della mia sete, non è un miraggio ciò che i miei occhi vedono, ma un oasi di pace che m’invita per offrirmi ristoro e conforto.

34


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 35

Òasi ‘d pas Come j’avije ch’a serco afanose ’l giuss ant ёl cheur ёd le fior, ij mè pensé a van esplorand drinta ai pёrchè dle còse sercand rispòste dё speransa. E se dnans a mi a passo an procission fantasma vestì ’d veuid ch’a san nen ёsconde tristёssa, i veuj pa ’ndeje dapress. I sai che ’nt ёl desert ёd mia sèj, a l’é nen un miragi col che ij mè euj a vёddo, ma un’òasi ’d pas ch’a m’anvita pёr ofrime ristòr e confòrt.

35


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 36

Una giornata serena Chiudo la mia finestra sull’ultimo barlume d’un tramonto che piano piano muore triste preludio della notte che arriva. Fuggo le ombre che il cuore opprimono e tra i muri della mia stanza cerco la calda protezione che loro mi offrono. Ricordi gioiosi di una giornata serena fanno da trama ai sogni che verranno. E se ci sarà per me un domani, se un giorno ancora il Signore mi regalerà, spero che sia come questa giornata. Il dolce carezzare di una piccola mano sulla mia faccia ormai avvizzita, il riso argentino di una boccuccia a cuore di quel bimbetto regalo del cielo, mi hanno dato oggi, i momenti più belli.

36


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 37

Na giornà seren-a Saro mia fnestra an sl’ùltim barlum d’un tramont che pian pian a meuir trist preludi dla neuit ch’a riva. Scapo da j’ombre che ’l cheur a craso e tra ij mur ёd mia stansia i serco la cauda protession che lor am eufro. Arcòrd giojos ёd na giornà seren-a fan da trama ai seugn ch’a riveran. E se a-i sarà pёr mi un doman, se un di ancor Nosgnor am regalerà, spero ch’a sia come sta giornà. Ёl doss carёssé ’d na cita man sla mia facia dёsormai passìa, ’l rije sclint ёd na bochin-a a cheur ’d col ninin cadò dёl cel, a l’han dame ancheuj, ij moment pì bej.

37


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 38

Sulla riva dell’ “Eva d’ Ờr” Incantata da tanta meraviglia gli occhi si perdono dietro lo scorrere gioioso dell’acqua, che sfiora le pietre in un abbraccio d’amore. Scivola dolcemente... e sono forse scaglie d’oro trascinate dalle onde, quei riflessi abbaglianti... I magici racconti dell’acqua ridente, parlano di ricerche, di speranze e di piccole conquiste. Tutte le pietre le sentono e mentre le ascoltano brillano e si sfumano dei colori più belli. Acqua dolce mai affrettata o spassionata - ha suono umano scultrice senza riposo della pietra; specchio chiaro che riversa, e affonda cielo e nuvole e ruba rubini al sole. Seduta qui, sulla riva, dove ho cercato rilassamento, cullata dolcemente da questa visione incantevole, godo la pace che l’ “Eva d’Ờr” mi regala.

38


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 39

Sla riva dl’ “Eva d’òr” Ancantà da tanta maravija j’euj as perdo dapress a lё score giojos ёd l’eva, ch’a sfiora le pere ’nt un ambrass d’amor. A sghija dosman... e a son forse a scaje d’òr rablà da j’onde, coj rifless ёsblaucant... Le magiche conte ’d l’eva rienta a parlo d’arsёrche, dё speranse e ’d cite conquiste. Tute le pere a-j sento e’ntant ch’a jё scoto a bёrluso e a sё sfumo dij color pì bej. Eva dossa mai ampressà ò dёspassionà - a l’ha son uman ёscultris sensa arpòs ёd la pera; specc ciair ch’arvёrsa, a fonga cel e nìvole e a roba rubin al sol. Setà sì, sla riva, ’ndoa i l’hai sercà arlass, cunà dosman da sta vision anmascà, i gòdo la pas che l’eva d’òr am regala.

39


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 40

Un germinare di speranza Vado pellegrinando per la campagna richiamata dal gioire della natura. Rive e piante ridenti mi porgono fiori in una sinfonia di vivi colori. Stupore tra il velluto dei prati, che ferma il mio passo dinnanzi, al rosa dondolante di campanelle, al timido azzurro dei non-ti-scordar-di me, e il formicolare indaffarato delle mille nuove vite. Ali di rondini scrivono nell’aria la storia di un lontano aprile: vaghe nostalgie che hanno la trasparenza di un sogno. Ma il giorno che si veste di sole è lusinga al domani. Oggi posso offrire ai miei occhi desiderosi di sereno, uno sprazzo di cielo azzurro, che è un germinare di speranza da dividere con il desiderio del cuore.

40


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 41

Un germinè dё speransa I vad pelegrinand pёr la campagna ’nciarmà da l’argiojì dla natura. Rive e piante rijente a mё smon-o fior ant un-a sinfonìa ’d viv color. Stupor trames a l’ёvlù dёl pra, ch’a ferma mè pass dёdnans al reusa dindanè ’d ciocchёtte, al bleussiel genà ’d nёmobliepà, e al furmiolé ’ndafarà dle mila neuve vite. Ali ’d rondole a scrivo ’nt l’aria la stòria d’un lontan avril: vaghe nostalgìe ch’a l’han la trasparenza d’un seugn. Ma ’l di ch’as vest ёd sol a l’è lusinga al doman. Ancheuj i peus eufre ai mè euj anvìos ёd seren, un tòch ёd cel asur, ch’a l’è un germiné dё speransa da divide con l’anvìa dёl cheur.

41


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 42

Il mio balcone vestito a festa Preparo le ali per un bel volo, perché sono sicura che oggi basterebbe un leggero soffio di vento per portermi lassù, nell’infinito, a cercare quel giardino incantato, dove i fiori mai sfioriscono. Sarà la magia della primavera, saranno gli acquerelli fatati dell’aprile che sfumano azalee di mille tonalità, a fare in modo che la voce del mio cuore si accordi con quella degli uccellini, per cantare tanta meraviglia. Gerani, ortensie, pomin d’amor si pavoneggiano nei loro colori accesi e si contendono il primato della bellezza dinnanzi ad occhi incantati dallo stupore. Per favore, vi prego, fate silenzio, affinché non si rompa l’incantesimo. Il mio balcone agghindato a festa deve rimanere a lungo così. Sarebbe un peccato che ritornasse a riprendere i tristi colori dello squallore con il vestito grigio del ieri.

42


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 43

Mè pogieul tapà da festa Preparo j’ale pёr un bel vol, pёrchè i son sicura che ’ncheuj a basterìa ’n leger sofi ’d vent pёr porteme lassù, ’nt l’infinì, a serché col giardin ancantà, andoa le fior mai a dёsfiorisso. Sarà la magìa dla primavera, saran j’aquarej anmascà dl’avril ch’a sfumo zalee ’d mila nuanse, a fé che la vos ёd mè cheur a s’acòrda con cola dj’oslin, pёr canté tanta maravija. Gerani, ortensie, pomin d’amor a blago ’nt ij sò color anvisch, e as contendo ’l primà dla blёssa dnans a euj ’ncantà da lё stupor. Pёr piasì, iv prego, fé silensi, ch’as rompa nen st’incantesim. Mè pogieul a l’è tapà da festa e a dev resté ’mpess soagnà parèj. Sarìa ’n darmagi ch’artornèissa arpijè j’arnos color dl’ёsqualor con la muda grisa dёl jer.

43


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 44

In coda ad un aquilone Oh, potermi mettere in coda ad un aquilone per fuggire da muri vuoti di presenze e cercare sul desiderio di albe,il chiarore del cielo. Stupirmi ancora come un bambino sul timido sbocciare delle prime viole. Se la mia fantasia non inventa più castelli voglio cercare sulle orme del ieri dolci memorie per ricomporre il tempo. E come l’ultima foglia già rinsecchita che, saldamente attaccata al suo ramo sfida il vento, anch’io, sebbene i fiori del mio balcone rovinati dalla polvere di sogni sbriciolati abbiano smesso da tempo di sbocciare, aspetto ancora lo spuntare del sole. Mi porterà domani il regalo del suo calore, che fa sciogliere la nebbia che mi appanna gli occhi.

44


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 45

An coa a n’aquilon Oh, podèj buteme an coa a n’aquilon pёr ёscapé da muraje veuide ’d presense e serché, sl’anvìa d’albe, ’l ciairor dël cel. Stupime ancora parèj d’una masnà sёl genà dёsbandì dle prime viòle. Se mìa fantasìa anventa pì nen castej i veuj serché, an sle pianà dёl jer, dosse memorie pёr arcompon-e ’l temp. E parèj dl’ùltima feuja già arsёcchìa che, bin tacà a soa rama a sfida ’l vent, ’dcò mi, combin che le fior ёd mè pogieul crasà da la poer dij seugn ёsfrisà l’abio chità d’ampress ёd fiorì, i speto ancora lё sponté dёl sol. Am porterà doman ёl cadò ’d sò calor, ch’a fa slingué la nebia ch’am pana j’euj.

45


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 46

Una bianca meraviglia Un leggero fiocco bianco, calando giù dal cielo, si è posato per sua sfortuna sul fango di quella strada grigia di malinconia. È bastato il suo grido angosciato a richiamare tanti altri fiocchi che, sfarfallando, sono scesi abbondanti per portargli aiuto e fargli compagnia. In un istante hanno coperto quella strada di una bianca meraviglia. Un bimbo, gli occhi incollati ai vetri della finestra, ha gridato al miracolo: - Nevica!, Nevica! Anch’io non mi stanco di guardare. Intensità di uno sguardo che cerca di fermare il tempo, sebbene sappia che domani un raggio di sole basterà a cancellare questa magia.

46


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 47

Na bianca maravija Un leger fiòch bianch, caland giù dal cel, a l’é posasse për sò maleur an sël paciòch ëd cola stra grisa ’d malinconìa. A l’é bastà sò crij angossà për arciamé tanti autri fiòch che, sfarfaland, a son calà bondos për deje agiut e feje companìa. Ant un nen a l’han quatà cola stra ëd na bianca maravija. Na masnà, j’euj ancolà ai veder ëd la fnestra, a l’ha crijà al miracol: - A fiòca!, a fiòca! Ëdcò mi i më straco nen ëd guardé... Fòrsa d’un ësguard ch’a serca ’d fermé ’l temp, combin ch’a sapia che doman un ragg ëd sol a basterà a dëscancelé costa magìa.

47


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 48

Pensieri colorati Mille piccoli sogni che volano in alto, legati a palloncini leggeri come un velo, messaggi innocenti destinati al cielo. Mille piccole voci che chiedono pace, per poter tornare a giocare in un mondo sereno e correre gioiosi incontro all’arcobaleno. Mille palloncini guidati da un angelo tra crocchi di stelle che, curiose, guardano il passare della strana processione. Mille richieste semplici, pensieri colorati che volano al di sopra delle nuvole, e, portati del vento, vanno sempre piÚ su, fino dal Signore che tutto può. Per Lui, i bambini sono tesori preziosi, e sicuramente li ascolterà per far vivere un sogno dentro ai loro piccoli cuori.

48


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 49

Pensé colorà Mila seugn masnà ch’a volo ’n àut, gropà a baloncin leger come ’n vel, mëssagi nossent destinà al cel. Mila cite vos ch’a ciamo pas, për torné a gieughe ’nt un mond seren e core gioios ancontra a l’arcansel. Mila baloncin guidà da n’angel tra crosiere dë stèile che, curiose, a guardo ’l passé dla dròla procession. Mila arceste sempie, pensé colorà ch’a volo dzora dle nìvole, e, portà dal vent, a van sempre pì sù, fin-a da Nosgnor che tut a peul. Për Chiel, ij cit a son pressios tesòr, ëd sicur a jë scoterà për fé vive un seugn andrinta a coj cheur masnà.

49


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 50

Correre dietro a un sogno Ho scelto il sentiero delle stelle per correre dietro a un sogno. L’ho cercato in tutti gli angoli del cielo ma neppure il chiarore della luna mi ha aiutato a scoprirlo. Già il mio cuore si era fatto nido per accoglierlo e per custodirlo gelosamente come in uno scrigno. Ma, quel sogno, sicuramente nascosto in una soffice nuvola bianca, si è negato ai miei occhi. Magari domani, alla viva luce del giorno, mi sarà più facile trovarlo. O forse non potrà mai essere mio perché è un sogno troppo bello e per quello, è solo destinato al cielo.

50


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 51

Core dapress an seugn I l’hai sernù ël senté dle stèile për core dapress a un seugn. I l’hai sercalo për tuti ij canton dël cel ma gnanca ’l ciairor ëd la lun-a a l’ha giutame a dëscheurvlo. Già mè cheur a l’era fasse ni për deje ël bin ëvnù e për guernelo gelosament come ’nt un ëscrign. Ma, col seugn, ëd sicur ëstermà ’nt una còtia nìvola bianca, a l’é negasse ai mè euj. Magari doman, a la lus ciaira dël di, am sarà pì facil trovelo. Ò forse a podrà mai esse mè përchè a l’é un seugn tròp bel e për lòn, a l’é mach dëstinà al cel.

51


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 52

Chissà se domani… Chissà se domani... un piccolo luccichio di sole facendosi strada tra le nuvole di questo mio cielo grigio, arriverà fino a me per scaldarmi il cuore. Chissà se domani... fiori già un po’ sciupati di questo mio giardino, al fresco bacio della rugiada ritorneranno a prendere vigore per offrire ancora bei colori allo scialbo mio vivere... Domani chissà...

52


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 53

Chi sa se doman... Chi sa se doman... un cit ёslus ёd sol fasendse stra tra le nìvole ёd cost mè cel gris, a riverà fin-a a mi pёr ёscaudeme ’l cheur. Chi sa se doman… fior già ’n pòch fanè ёd cost mè giardin, al fresch basin ёd la rosà artorneran a pijé vigor pёr eufre ’ncor bej color, a lё spali mè vive... Doman chi sa...

53


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 54

Desidero la primavera Impietoso il tempo se ne va senza tregua, e sebbene mi piacerebbe fermare il suo scorrere perché so che mi porta in fretta al triste traguardo, tuttavia la forte voglia della bella stagione mi spinge sempre più verso il domani. Desidero la primavera che mi porta il sole e finalmente mi scalderò al suo tepore come un passero raggomitolato dal freddo. Terra e cielo saranno tutto un gioire e persino il fiore dimenticato sul balcone che dentro al suo vaso sta già per morire tornerà a vivere sfiorato da quel calore. Solo una nota stonerà il canto dell’universo: è quel nido abbandonato da una rondine che là, sotto il balcone, rimarrà vuoto a sfarinare ripianti di voli e garriti festosi.

54


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 55

Susto la primavera Ampietos ёl temp as na va sensa arlass, e combin ch’am piasrìa frenè sò score pёrchè sai ch’am pòrta ’mpressa al trist traguard, tutun na fòrta anvìa dla bela stagion am cissa sèmper ёd pì vers ёl doman. Susto la primavera ch’am pòrta ’l sol e finalment i mё scauderai a sò tёbbior come un passaròt angrumlì da la frèid. Tèra e cel a saran tut n’argiojì e fin-a la fior dёsmentià sёl pogieul che drinta sò vas a sta già pёr meuire a tornerà arvive sfiorà da col calor. Mach na nòta a stonerà ’l cant ёd l’univers: a l’è col ni badà da na ròndola che là, sota la lòbia, a resterà veuid a sfarinè regret ёd voj e ’d crij festos.

55


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 56

Ritornerò a ridere… Il gorgheggiare di una risata nell’aria è come il canto argentino di una cascata, è il trillo festoso di un bambinetto dinnanzi allo scoprire di una cosa nuova. Nel cogliere quel riso il tempo si ferma, si fa sereno il cielo e il mondo s’incanta. Ed io mi sento sull’onda dell’età innocente e voglio ritrovarmi nel bambino di allora per godere delle inezie che saziano il cuore. Voglio fermare il mio passo davanti ad un fiorellino scoprire nelle sue sfumature una nuova bellezza. La mia vita già un po’ sbiadita riprenderà colore e per miracolo ancora ritornerò a sorridere.

56


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 57

Artornerai a rije... Ёl gasojé ’d na rijada nt l’aria l’é com ёl cant argentin ёd na cascada, a l’é col tril festos ’d na masnain-a dёdnans al dёscurvi ’d na còsa neuva. Ant ёl cheuje col rije ’l temp as ferma, as fa seren ёl cel e ’l mond s’ancanta. E mi ’m sento sl’onda ’d l’età nossenta e veuj artroveme ’nt la masnà d’antlora pёr gòde le minussie ch’arpato ’l cheur. Veuj fёrmé mè pass dnans a na fiorin-a dёscheurve an soe nuanse na neuva blёssa. Mia vita già ’n po’ fanè arpijrà color e miraco ancor artornerai a rije.

57


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 58

Verso l’illusione dell’eterna primavera Le rondini hanno preso il volo stamattina: già di buonora, prima dello spuntar del sole, si sono levate tutte unite nello spazio. Spinte dalla fiducia di trovare all’orizzonte rive fiorite e il calore che scalda il cuore, e fatte ardite dalla gran voglia di arrivare si sono slanciate coraggiose in un lungo volo. Solo io sono rimasta,perché le mie ali stanche mi hanno negato la gioia di unirmi a loro. Mi consolano i magici colori dell’autunno, poi l’aria già fresca mi da un brivido. Forse una coppa di schiuma di stelle verserà, stanotte, il suo oro nel mio nido vuoto e per magia mi regalerà un sogno. Mi ritornerà la froza di arrischiare un volo anch’io, assieme alle rondini, lassù incontro al cielo e al sole, portata dal vento verso l’illusione dell’eterna primavera.

58


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 59

Vers l’ilusion dl’eterna primavera Le ròndole a l’han pijà ’l vol stamatin: già bonora, prima dlё sponté dёl sol, a son alvasse tute unìe ’nt lё spassi. Cissà da la fiusa ’d trové a l’orisont rive fiorìe e ’l calor ch’a scauda ’cheur, e fàite ardìe da la gran veuja ’d rivé son ёslansasse coragiose ’nt un longh vol. Mach mi i son restà, pёrché mie ale strache a l’han negame la gòj d’andeje apress. Am consolo ij magich color ёd l’oteugn, peui l’aria che già as fa fresca ’m dà ’n frisson. Forse na copa dё scuma dё stèile a verserà, staneuit, sò òr an mè ni veuid e pёr magià ’m regalerà un bel seugn. A m’artonerà la forsa d’arzighé un vol ёdcò mi, ansema a le ròndole, lassù ancontra al cel e al sol, portà dal vent vers l’ilusion dl’eterna primavera.

59


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 60

Ali d’oro Sensazione di batticuore stupore bambino dinnanzi ad una meraviglia della natura prima di oggi mai vista. Sarà forse il baluginare dei miei occhi sempre più stanchi che con l’aiuto della fantasia mi fa inventare miracoli... Eppure le ali di quella farfalla, dipinte dei colori dell’arcobaleno, hanno anche degli spruzzi d’oro come pagliuzze sparse. Incipriata da questa polvere di stelle, la farfalla si pavoneggia e, leggera vola adagio, poi si posa sulle labbra invitanti di una rosa. Sarà un’illusione? Non lo so, ma dinnanzi a questa meraviglia, rimango estasiata.

60


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 61

Ale d’or Sensassion ёd baticheur stupor masnà dnans a na maravija dla natura prima d’ancheuj mai vista. A saran forse le baluёtte di mè euj sempe pì strach che giutà da la fantasìa am fa ’nventè miracoj... Epura j’ale ’d cola farfala, piturà dij color ёd l’arcansel, a l’han ёdcò dё sbrinc d’òr come pajёtte spatarà. Ansiprià da sta poer dё stèile, la farfalla a blaga e, legera, a vola dosman, peui as posà, sij làver anvitant ёd na reusa. Ch’a sìa n’ilusion? I lo sai pa, Ma dёdnans a sta maravija, resto ambajà.

61


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 62

Piccolo messaggio di primavera Il sole ha sentito il suo lamento e con tutto il calore del suo cuore ha sciolto il ghiaccio che lo teneva prigioniero. Il filo d’erba desideroso di libertà ha finalmente visto la luce. Un po’ stupito di trovarsi solo in mezzo a quello squallore, ma tanto orgoglioso di essere il primo ad annunziare l’arrivo della bella stagione. Tanta gente indaffarata gli sarà passata accanto senza neppure accorgersi di quella piccola verde presenza. Ma io, ho subito notato sul bordo di quella strada grigia di malinconia, quella briciola di vita nuova e avvertendo quel suo piccolo messaggio di primavera, ho sentito dentro di me una sensazione di piacere.

62


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 63

Cit mёsagi ’d primavera Ёl sol a l’ha sentù sò lament e con ёl calor tut ёd sò cheur a l’ha slinguà la giassa ch’a lo tenìa pёrzoné. Ёl fil d’erba anvios ёd libertà l’ha finalment vist la lus. Un pòch ёstupì ’d trovasse sol antrames a col ёsqualor, ma tant orgojos d’esse ’l prim a nunsié l’ariv ёd la stagion bela. Tanta gent andafarà sarà passaje aranda sensa gnanca ancòrzёsse ’d cola, cita, verda presensa. Ma mi, i l’hai sùbit notà ’n sёl bòrd ёd cola stra grisa ’d malinconìa, cola fёrvaja ’d vita neuva e avertend col sò cit mёssagi ’d primavera, i l’hai sentù drinta ’d mi na sensassion ёd piasì.

63


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 64

SensibilitĂ Il richiamo del sole con il suo splendore incita una farfalla che arrischia un timido volo e sceglie e coglie tra migliaia di fiori pennellate di colore per abbellire le sue ali. Dietro al canto della natura poi; si slancia in un ballo sfrenato ma, stordita dal profumo intenso di quelle tante erbe selvatiche va a finire in un cespuglio di spine. Voglio con mano leggera liberarla da quel groviglio che la tiene prigioniera. Voglio restituire al sole e al mondo la grazia del suo bel volo prima che spine aguzze le lacerino le ali.

64


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 65

Sensibilità N’arciam ёd sol con sò splendor a cissa na farfala ch’a arziga ’n vol genà a sern e a cheuj tra le millanta fior penlà ’d color pёr soagnè soe ale. Apress al cant ёd la natura peui; a sё slansa ’nt un bal dёsfrenà ma, stordìa da col pёrfum satì ёd cole tante erbe servaje a va finì ’nt un bosson ёd ronse. I veuj con man legera liberela da l’angavign ch’a la ten pёrzonera. Veuj rende al sol e al mond la grassia ёd sò bel vol anans che spin-e aùsse a-j delabro j’ale.

65


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 66

Ammiro incantata… Mi perdo a guardare: un filo d’erba, un fiore... Il mio sguardo corre dietro alle ombre nelle pieghe profonde delle colline. Ammiro incantata: la distesa senza fine del mare, la schiuma bianca che ricama attorno agli scogli. Abbraccio con gli occhi questa grandiosità fino ai confini dell’orizzonte vivo questa magia che mi rallegra il cuore dimentico il mondo con tutte le sue disgrazie.

66


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 67

Amiro ’ncantà... Im perdo a guardé: un fil d’erba, na fior... Mё sguard a cor dapress a j’ombre ant le pieghe ’ncreuse dle colin-e. Amiro ’ncantà : la dёstèisa sensa fin dёl mar, la scuma bianca ch’a ricama d’antorn a jё scheuj. Ambrasso con j’euj sta grandiosità fin-a ai confin dl’orisont vivo sta magìa ch’a m’arlega ’l cheur dёsmentio ’l mond con tuti ij sò maleur.

67


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 68

Vale la pena... Se la mia gioventù è ormai passata, se le ali che avevo si sono logorate e la paura a volte mi dà un brivido, conservo dentro di me le illusioni che se non sono arrivate a certezza non hanno lasciato in me tristezza. Anzi,penso nell’ora più serena che vivere questa vita valga la pena, sia nella malasorte che nella fortuna, fino a quando si addormenti il cuore.

68


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 69

A val la pen-a... Se mia gioventù a l’è ormai passà, se j’ale ch’i l’avìa as son frustà e la paura ’d vòlte am dà ’n frisson, conservo drinta ’d mi le ilusion che se a son nen rivà a certёssa a l’han nen lassà an mi tristёssa. Ansi, penso ’nt l’ora pì seren-a che vive costa vita a val la pen-a, sia ’nt la malasòrt che ’nt ёl boneur, fin-a a quand ch’a s’andeurma ’l cheur.

69


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 70

L’angelo di pietra Prigioniero di un incantesimo antico dentro a un masso lassù sul monte, dormiva il suo lungo sonno di pietra e sognava lo splendore del sole. Uno scultore risponde al richiamo; con un tocco di sapienza e di magia fa uscire il bel angelo del cielo. Lo rimira e incantato se ne innamora. Con il desiderio di una piccola carezza sospira: le mani sono di pietra... Ma dalle labbra che gli sorridono, dalle mute parole sa cogliere un conforto nei momenti più tristi. Se nella notte, avara di stelle, l’uragano imperversa rabbioso, con la voce misteriosa del suo angelo subito s’infrange l’onda del male, tanto che si sente avvolgere dalla dolcezza.

70


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 71

L’àngel ёd pera Pёrzoné ’d n’incantesim antich drinta ’n ròch lassù sla montagna, a durmìa sò longh seugn ёd pera e a sugnava lё splende dёl sol. Nё scultor a respond a l’arciam; con un tòch ёd sapiensa e ’d magìa a fa seurte ’l bel angel dёl cel. Lo rimira e ’nciarmà s’an-namora. Con l’anvìa ’d na cita carёssa a sospira: le man a son ёd pera... Ma dai laver ch’a-j mostro un soris, da le mute paròle a sa cheuje un confòrt ant ij moment pì arnos. Se ’nt la neuit, avara dё stèile, lё stravent ampёrversa rabios, con la vos misteriosa ’d sò àngel tòst s’ёsbrisa col’onda dёl mal, tant ch’as sent anvlupà da dosseur.

71


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 72

Urbino Posata dolcemente sulle colline Urbino, sembra sgorgata da quel pennello Divino dal suo grande figlio, sublime pittore, da un suo disegno creato con tanto amore. Del Grande Raffaello aleggia nell’aria quasi l’ombra sua solitaria che fa il mio cuore tremare d’emozione e nell’anima mia fa calare un brivido. Splendida città di arte e di cultura che si armonizza con il bello della natura. Nata tra cielo e terra per incanto, ci porge orgogliosa tanti monumenti. Voglio cantare questa meraviglia unica al mondo che ha suscitato in me un sentimento profondo una commozione che non so descrivere dinnanzi a tanta bellezza ho pianto.

72


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 73

Urbin Posà dosman an sle colin-e Urbin, a smija sgorgà da col penel Divin ëd sò Grand fieul, sublim pìtor, da un sò disegn creà con tant amor. Dël Grand Rafael alegia ’nt l’aria squasi l’ombra soa solitaria ch’a fa mè cheur tërmolé d’emossion e ’nt l’ànima mia, fa calé ’n frisson. Splendida sità d’art ëd coltura ch’a s’armonisa con ël bel ëd la natura. Nà tra cel e tera për ancantament, a në spòrz orgojosa tanti mònument. I veuj canté sta maravija, ùnica al mond ch’a l’ha dësvijà an mi un sentiment përfond na comossìon che spieghé i sai pà dëdnans a tanta blëssa i l’hai piorà.

73


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 74

Oggi mi piace pensare così... Mi piace pensare di sveglairmi una mattina in un mondo fatto di tanta brava gente dove l’eco dell’amore non ha fine. Un mondo bello, dove non mettono radici le guerre, il malaffare e la carestia perché nella sua terra, solo il Bene fiorisce, e dai colori e profumi dei fiori da tutta l’armonia della natura si alzi eterna lode al Creatore. Sarà solo desiderio o bruciante sete eppure io credo che quel mondo esista oggi mi piace pensare così...

74


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 75

Ancheuj am pias pensé parèj... Am pias pensé ’d dësvijeme na matin ant un mond fàit ëd tanta brava gent andoa l’arson dl’amor a l’ha nen fin. Un mond bel, andoa a buto nen radis le guère, ël malfé e la carestìa përché ’n soa tèra, mach la Bin fioriss, e dai color e përfum ëd le fior da l’armonìa tuta dla natura a s’àussa eterna lauda al Creator. A sarà mach anvìa o brusanta sej pura i chërdo che col mond a esist ancheuj am pias pensé parèj...

75


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 76

Ёl Pressi Dl’ Evasion L’aqua dёl ri, che bela... fa an-namoré la feuja. La pressa ’d carёssela a-j buta ’n cheur la veuja. A ciama l’agiut dёl vent pёr bandoné soa rama e pa gnun regret a sent lassand soa vita grama. Adess, a meu ’d barchёtta, as fa porté da l’onda, ’s na va ’me na sajёtta lontana da la sponda. Òh che bel dёscheurve ’l mond, sta vita ’n libertà, core sensa fren an tond pì nen al ram gropà. As la gòd, ma sёl pì bon a s’antrapa, a l’amprovis, an cheicòs ch’a-j dà ’n boron: l’é rumenta, ’n gròss pastiss.

76


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 77

Tёrmola cola feuja, anvёrtojà ’me strass as fa cita, mineuja, arpìa pì nen sò pass. As sent ёsperdua e trista: mare pianta protetriss, lontana da soa vista tacà s-ciassa a soe radis, a peul pì nen giutela, a bandon-a a sò destin cola fija barivela an piorand soa bruta fin. Car ёl pressi dl ’ evasion: cola feuja adess capiss, e crasà da delusion con regret pian a svaniss.

77


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 78

Il Prezzo dell’Evasione L’acqua del ruscello, che bella... fa innamorare la foglia. La fretta di carezzarla le mette in cuor la voglia. Chiede aiuto al vento per abbandonare il suo ramo e nessun rimpianto sente nel lasciar la sua vita grama. Adesso a modo di barchetta, si fa portar dall’onda, se ne va come una saetta lontana dalla sponda. Oh che bello scoprire il mondo, questa vita in libertà, correre senza freno, in tondo non più al ramo legata. Se la gode, ma sul più bello s’inciampa, all’improvviso in qualche cosa che le dà una spinta: è una lordura un grosso pasticcio.

78


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 79

Trema la foglia attorcigliata come uno straccio si fa piccola, indugia non riprende più il suo passo. Si sente sperduta e triste: madre pianta protettrice, lontana dalla sua vista, trattenuta dalla sue radici, non può più aiutarla, abbandona al suo destino quella figlia avventata piangendo la sua brutta fine. Caro il prezzo dell’evasione: quella foglia adesso capisce e avvilita dalla delusione con rimpianto piano svanisce.

79


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 80

La voce leggera del vento - Sono il vento quasi vellutato che sfiora con dolcezza i fiori che fremendo di piacere colorano e profumano la vita. Al mio bisbigliare tremano le foglie e ascoltano incantate dalla mia voce le favole più belle. Sono l’arietta di marzo che canta l’amore sul nascere della primavera, sullo spuntare dei teneri mobbliepà e violette. Mi slancio verso azzurri spazi sfioro increspando le onde del mare cercando nell’acqua riflessi di cielo. La mia voce è il suono melodioso nell’armonia di luci e colori che invadono l’anima. Il mio soffio delicato come un gesto d’amore, come un leggero volo d’ali, si perde piano, nell’infinito senza tempo. -

80


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 81

La vos legera dёl vent - I son ёl vent ёsquasi vlutà ch’a sfiora con dosseur le fior che frissonand ёd piasì, a coloro e pёrfumo la vita. Al mè bёsbijé a tёrmolo le feuje e a scoto ’ncantà da mia vos le faule pì bele. I son l’ariёtta ’d mars che a canta l’amor sёl nasse dla primavera, slё spunté ’d tёnner mobliepà e violette. Mё slanso vers asur ёspassi sfioro ’n crëspand j’onde dёl mar sercand ant l’aqua rifless ёd cel. Mia vos a l’é ’l son melodios ant l’armonìa ’d lus e color ch’a ’nvad l’anima. Mё sofi dlicà come un gest d’amor, come un leger vol d’ale, as perd dosman, ant l’infinì sensa temp. -

81


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 82

Il lamento della rosa Richiamata dal suo splendore non ho saputo resistere e senza nessun timore la mia mano, con desiderio, il fiore ha strappato dal suo cespuglio. In casa, sulla scrivania, sorridono i suoi colori, messi in risalto dal sole entrato da una fessura. Con il passar del tempo sbiadisce la rosa, e pian piano si sfoglia lasciando malinconia. Sicuramente le sarà mancata la frescura della rugiada, o solo la compagnia delle rose sue sorelle. Tra l’erbetta del suo giardino forse vivrebbe ancora... Sul tormento di questo pensiero il rimpianto si fa piÚ forte, tanto che mi sembra di sentire il lamento di quella rosa.

82


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 83

Ёl lament ёd la reusa Anciarmà da sò splendor l’hai nen savù resiste e, sensa gnun-a tёmma mia man, con anvìa, la fior l’ha rancà da sò busson. Antёcà, sla scrivanìa, a sorido ij sò color, butà an risalt dal sol intrà da na filura. Con ёl passé dël tёmp as fa fanè la reusa, e pian pian as dёsfeuja lassand malinconìa. ’D sicur sarà mancaje la frёscura dla rosà, ò mach la companìa dle reuse soe sorele. Tra l’erbёtta ’d sò giardin magari a vivrìa ancora... Sёl torment dё sto pensè ёl regret as fa pì fòrt, tant ch’a mё smija ’d sente ’l lament ёd cola reusa.

83


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.12

Pagina 84


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Anvìa d’amor

Pagina 85


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 86

Desiderio d’amore Desiderio d’amore che mai mi lascia, che alla ricerca mi spinge per calmare la mia sete. Cerco l’amore, lo cerco ancora... So che per me ormai solo in altre forme vive: è il sorriso innocente di un bimbo a darmi forte il batticuore, o le note di una musica delicata a portarmi una ventata di fortuna. E se guardo incantata un fiore che al dolce bacio della rugiada si sfuma di un più bel colore, ancora m’innamoro e, leggera mi alzo in volo, a sfiorare con un dito il cielo.

86


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 87

Anvìa d’amor Anvìa d’amor che mai am chita, che a l’arseca am cissa për pasié mia sej. Serco l’amor, lo serco ancora... Sai che për mi ormai, mach pì an autre forme a viv: a l’è ’l soris nossent ëd na masnà a deme fòrt ël baticheur, ò le nòte ’d na musica dlicà a porteme na ventà ’d boneur. E se guardo ancantà na fior che al doss basin ëd la rosà a së sfuma d’un color pi bel, ancora i m’an-namoro e, legera i m’auso an vol, a sfioré con un di ël cel.

87


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 88

La dolce parola Sulla pagina bianca che aspetta la mia ispirazione, voglio scrivere una parola, che da sola è già una poesia. Scrigno prezioso delle virtù più belle, con una dolcezza infinita abbraccia tutto l’universo. Magica parola, che se pur piccola è il vero senso della vita. Sfiora con delicatezza i cuori portando loro fortuna e nel dolore è un raggio di sole che aiuta e dolcemente consola. Scolpita dalle mani del Divino Artefice è il più bello dei suoi capolavori. Per questo dono prezioso, Ti ringrazio mio Signore e sulla pagina bianca scrivo la dolce parola: “Amore”

88


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 89

La dossa paròla An sla pagina bianca ch’a speta mia ispirassion, veuj scrive na paròla, che da sola a l’é già na poesìa. Scrign pressios ëd le virtù pì bele, con na dosseur infinìa ambrassa tut l’univers. Magica parola, che se pur cita a l’é ël ver sens ëd la vita. A sfiora dlicà ij cheur portand-je boneur, e ant ël dolor a l’é un ragg ëd sol ch’a giuta e dosman consola. Scolpìa da la man dël Divin Artista a l’é l’pì bel dij sò caplavor. Për cost cadò pressios, It ringrassio mè Signor e sla pagina bianca i scrivo la dossa paròla: “Amor”

89


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 90

La tenerezza del tuo amore Trucioli d’infanzia giocano a far rinascere una stagione ormai capovolta. I ricordi ancora implorano sepoltura: il ritornello inutilmente insiste ma poi, il tuo sorriso, fa sciogliere il bandolo della memoria e la tenerezza del tuo amore, come perla vera preziosa, s’intaglia in una sfera universale senza tempo...

90


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 91

La tenerëssa ’d tò amor Buscaje d’infansia a gieugo a fé arnasse na stagion dësormai arversà. J’arcòrd ancora imploro sepoltura: ël refren inutil ansist ma peui, tò soris, a fa slingué ël cavion ëd la memoria e la tenerëssa ’d tò amor, come perla vera pressiosa, a s’antaja ’nt una sfera universal sensa temp...

91


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 92

Una nuova gemma... Una nuova gemma nel mio giardino nella nostra casa un nuovo sorriso in un’ondata di Paradiso è arrivato questo bel bambino. Oggi per me, il cielo si colora di vive sfumature di arcobaleno, tenera creatura, faccino bello la commozione piano mi sfiora. Guardo i tuoi occhioni, la tua figura in me la fortuna luccica come l’oro e su di te mio piccolo tesoro, la vita sorride piena di promesse. E tutto il bene che ti voglio bambino, solo il Signore, solo Lui lo sa.

92


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 93

Un neuv but... Un neuv but an mè giardin an nòstra ca un neuv soris ant un’ondà ëd Paradis a l’é rivane sto bel citin. Ancheuj për mi, ël cel as colora ëd vive nuanse d’un arcancel, tënra creatura, facin bel la comossion dosman më sfiora. Guardo ij tò uijon, le tue fatësse an mi ’l boneur a lus ‘me l’òr e dzora a ti mè cit tesor, la vita sorid pien-a ’d promësse. E tut ël bin che it veuj masnà, mach ël Signor, mach Chiel lo sa.

93


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 94

Notte di San Lorenzo Un vecchio muro scrostato si pavoneggiava abbellito da un cespuglio di fiori, trionfo di colori che nascondevano le crepe per la delizia degli occhi di chi guardava. Ma poi, afa e siccità dell’estate hanno cancellato quell’ incanto evidenziando la rovina del muro. Foglie avvizzite, fiori con il capo chino sembrano piangere il loro antico splendore, e la tristezza delle cose che se ne vanno li avvolge in una ragnatela di rimpianti. Ma non tutto è perduto: ancora sperano in questa notte magica di San Lorenzo. Cadrà certo una stella!... A lei chiederanno la grazia di una goccia d’acqua per tornare a vivere. Anch’io, con lo sguardo fisso al cielo, aspetto che cada una stella, e prego che la sua scia sia lunga e duri molto per darmi il tempo di nominare, uno ad uno, tutti gli amori chiusi dentro il mio cuore, e chiedere per loro ogni fortuna.

94


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 95

Neuit ёd San Lorens ’Na veja muraja dёscrostà a blagava soagnà da ’n busson ёd fior, trionf ёd color ch’a scondijo chёrpure pёr la delissia dj’euj ’d chi a vardava. Ma peui, tuf e suitin-a dl’istà, a l’han dёscancelà col incant armarcand la rovin-a dёl mur. Feuje passìe, fior con la testa chin-a a smijo pioré sò antich ёsplendor, e la tristёssa dle còse ch’as na van a-j’anvlupa ’nt un’aragnà ’d rigrèt. Ma nen tut a l’è perdù: ancora a spero an costa neuit anmascà ’d San Lorens. A tomberà bin na stèila!... A chila a-j ciameran la grassia ёd na gossa d’aqua pёr torné a vive. Ёdcò mi, con lё sguard fiss al cel, i speto ch’a dròca na stèila, e prego che sò sorch a sìa lungh, e ch’a dura’ mpess pёr deme ’l temp ёd mёnsioné, un pr’un, tuti j’amor sarà drinta mè cheur, e ciamé pёr lor ògni boneur

95


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 96

…per sempre risuonerà Mamma, prima parola piemontese uscita dalla mia boccuccia bambina. Prima conquista d’amore del mio piccolo cuore, che mi ha incitato, giorno dopo giorno, ad imparare l’armonia di una lingua forte e delicata. Intonazione di dolci note, modellate sulle voci antiche dei nostri vecchi, per cantare le meraviglie della nostra terra. Eternamente scolpita dentro l’anima la nostra parlata piemontese per sempre vivrà. Come una stella che mai si smorza, questa bella lingua che il Signore ci ha dato, non può morire, per sempre risuonerà. Questa certezza si radica dentro di me, e scende nel mio cuore a portare fortuna.

96


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 97

…pёr sempre arsonerà Mama, prima parola piemontèisa surtìa da mia bochin-a masnà. Prima conquista d’amor ёd mè cit cheur, ch’a l’ha cissame, ’n di dòp l’autr, a amprende l’armonìa d’una lenga fòrta e dlicà. Antonassion ёd dosse nòte, modlà an sle vos antiche dj nòstri vej, pёr cantè la maravija dla nòstra tèra. Eternament ёscolpì ’ndrinta j’anime, nòstr parlè piemontèis pёr sempe a vivrà. Parèj d’una stèila che mai a sё smorta, sta bela lenga che Nognor l’ha dane a peul nen meuire, pёr sempe arsonerà. Sta certëssa che drinta’d mi s’anreisa a cala ’nt ёl mè cheur a portè boneur.

97


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 98

“QUI A SANTARCANGELO DI ROMAGNA... CITTÀ DEL DIALETTO” Ho rubato il soffio del vento, che chiaro e forte scende al piano dalle montagne incappucciate di neve. Ho affidato alla sua voce di flauto, che armonizza con la lingua piemontese, un grande messaggio d’amore. Voglio che lo porti a Santarcangelo, dolce ospitale terra romagnola, che oggi apre a noi le sue braccia. Sotto il suo tetto, che come ala si stende, un coro di poetiche voci si alza, un coro di dialetti di tutta Italia, musica sublime che si diffonde. Ed è stupore nell’aria... curioso un gabbiano arriva planando... I cuori dei poeti fremono e insieme palpitano: a Santarcangelo, terra di poesia, si stringono in un abbraccio d’amore.

98


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 99

“QUI A SANTARCANGELO DI ROMAGNA... CITTÀ DEL DIALETTO” I l’hai robà ’l sufi dёl vent, che ciair e fòrt a cala sla pian-a da le montagne ancapussà ’d fiòca. I l’hai afidà a soa vos ёd flaut, armonisà a nòstra lenga piemontèisa, un grand mёssaggi d’amor. I veuj ch’a lo pòrta a Santarcangel, dossa ospital tèra romagneula, che ancheuj an deurb ij sò brass. Sota sò cop, ch’ a sё stend a ’meu d’ala, un còro ’d poetiche vos a s’àusa, un còro ’dialèt ёd tuta Italia, musica sublim ch’a s’ёspantia. E a l’è stupor ant l’aria... curios un gabian a riva planand... A frisson-o ij cheur dij poeta e a bato tuti ansema gropandse a Santarcangel, tèra ’d poesìa, ant un ambrass d’amor.

99


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 100

Ottant’anni Quanti anni m’hai donato, Signore: a Te rendo profondo il mio grazie. Non rinnego le rughe che una lunga avventura raccontano e non piango le stagioni finite. Ho bruciato trucioli di sbiaditi ricordi ma in me rimane la gioia grande di madre nel primo abbraccio ai figli. Sfumature di arcobaleno colorano la mia vita di nonna. Mi sento appagata, serena, ma non so quante volte ancora le rose del mio giardino vedrò rifiorire. Voglio vivere intensamente ogni attimo e godere le albe, i tramonti. E per vincere il gelido brivido del tempo che avanza impietoso, mi scalderò al calore del vivere accanto a voi che mi amate.

100


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 101

Otant’ani Quanti ani it l’has dame, Nosgnor: a Ti ’t rendo mè grassie sincer. Arnego nen le rupie ’d mia facia ch’a conto na lunga aventura e pioro nen le stagion finìe. I l’hai brusà buscaje d’arcòrd ёsbiaji ant ёl feu dёl jer, ma ’m resta ’nciarmanta la gòj granda ёd mama ’n col prim ambrass ai mè cit. Sfumadure d’arcansel a coloro mia vita ’d nona. Im sento sodisfàita e seren-a, ma i sai nen vaire vòlte ancora le reuse ’d mè giardin vёddrai arfiorì. I veuj bèive a stisse ij mè di pёr gòdme j’albe e ij tramont. E pёr vince ’l frisson geilà dёl temp ch’as na va sensa pietà, im ёscauderai al calor dёl vive davzin a tuti coj ch’am veulo bin.

101


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.13

Pagina 102


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

Solit첫din

12.14

Pagina 103


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 104

Solitudine Triste e sola mi trascino nel vuoto della mia stanza, intanto che nella mente s’incrociano scaglie di ricordi, dolci e tristi, di una lunga vita trascorsa insieme. Silenzio profondo d’attorno a me, solo l’angoscia batte alla mia porta. Soffro la nuvola nera che copre il mio cielo. Sono il fiore sfiorito di un giardino d’autunno, sono il pallore di un vecchio lampione nell’angolo della strada. Ma poi... una mano gentile mi porta in casa un soffio di primavera sul profumo di viole vellutate. Mi sembra di cogliere un sorriso dal suo ritratto e, per un istante, dentro di me si smorza la mia profonda tristezza.

104


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 105

Solitùdin Trista e sola ’m rabasto ant ël veuid ëd mia stansia, antant che ’nt la ment a s’ancrosio scaje d’arcòrd, doss e trist, ’d na lunga vita passà ’nsema. Silensi përfond d’antorn a mi, mach l’angossa a tabussa a mè uss. I seufro la nìvola nèira ch’a quata mè cel. Son la fior ësfiorìa d’un giardin d’oteugn, son lë spalior d’un vej lampion ant ël canton ëd la stra. Ma peui... ma man gentila am pòrta ’ntëcà un sufi ’d primavera sël përfum ëd violette vlutà. A më smija ’d cheuje un soris da sò ritrat e, për un moment, andrinta ’d mi a së smòrsa mia tristëssa ancreusa.

105


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 106

Sento la tua presenza Sobbalzo al rumore di un passo che mi sembra di risentire illusione che mi dà il batticuore. Si smorza la fiducia che mi fa correre dietro a quel ieri ormai svanito. Eppure ti sento ancora vicino, ti trovo in mezzo al mucchio delle tue scartoffie, e con gli occhi del cuore vedo le tue mani d’artista, che nel plasmare creano la poesia della forma. In mezzo alle tue opere sento la tua presenza, vivo con loro per vivere ancora insieme a te. Ora lassù plasmerai le nuvole e io mi fermerò incantata a rimirare, sperando di vedere il tuo sguardo che cerca la mia approvazione.

106


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 107

Sento toa presensa Arsaut a l’arson d’un pass ch’a mё smija d’arsente ilusion ch’am dà ’l baticheur. A sё smòrsa la fiusa ch’am fa core dapress a col jer ormai svanì. Epura ’t sento ’ncora davzin, it treuvo trames al mugg ёd toe scartofie, e con j’euj dёl cheur vёddo toe man d’artista, che ’nt ёl plasmé a creo la poesìa dla forma. Trames a toe euvre sento toa presensa, vivo con lor pёr vive ’ncora ’nsema a ti. Adess lassù ’t plasmeras le nìvole e mi ’m fermerai ’ncantà a rimiré, sperand ёd vёdde tò sguard ch’a serca mia aprovassion.

107


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 108

Cerco... Cerco nel caldo abbraccio del sole alla terra, il calore del tuo abbraccio. Cerco nel bisbigliare misterioso delle fronde degli alberi, il suono della tua voce. Ma la mia lacrima amara cola sui petali di una rosa smorzando della rugiada lo splendore. Mi sento legata al fiore dallo stesso grande dolore... Sola nel buio della mia notte, guardo il cielo e cerco una stella per chiederle di schiarirmi la strada che mi porta da te. E che poi, con l’aiuto del vento, disperda finalmente la nuvola impietosa, che ti nasconde ai miei occhi desiderosi.

108


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 109

Serco... Serco ’nt ël caud ambrass del sol a la tèra, ël calor dël tò ambrass. Serco ’nt ël ciusioné misterios ëd le bronde dj ’erbo, ël son ëd toa vos. Ma mia lacrima amara a cola an sij laver ëd na reusa smortand ëd la rosà lë splendor. Im sento gropà a la fior da un midem gran dolor... Sola ’nt top ëd mia neuit, guardo ël cel e serco na stèila për ciameje dë s-ciairime la stra ch’am porta da ti. E peui, con l’agiut dël vent, ch’a dësperda finalment la nìvola ampietosa, ch’a të scond ai mè euj anvios.

109


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 110

Il nostro amore non avrà fine Il mio sorriso forzato ha rattristato la luna, che con gli occhi offuscati dal pianto si perde per le vie del cielo. Si nasconde dietro una nuvola e soffre per la delusione di un amore che crede finito. Ma non è così... La fantastica storia, che per noi aveva intrecciato, vive ancora... Sono qui che aspetto con pazienza e fiducia che dal cielo una mano si sporga a cercare la mia, per portarmi lassù, nel respiro delle stelle, nel regno dello splendore. Là, dove tutto è eterno, anche il nostro amore non avrà fine e finalmente raggiante sarà lo sguardo della luna.

110


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 111

Nòstr amor a l’avrà nen fin Më soris ësforsà a l’ha intristì la lun-a, che con j’euj panà dal pior, as perd për le stra dël cel. A së sterma darera ’d na nìvola e a seufr për la delusion d’ un amor ch’a chërd finì. Ma a l’è nen parèj... La fantastica stòria, che për noi a l’avìa ‘ntersà a viv ancora... Son si ch’i speto con passiensa e fiusa che dal cel na man a së sporza a serché la mia, për porteme lassù, ant ël respir dle stèile, ant ël regn ëd lë splendor. Là, ’ndoa tut a l’é etern, ëdcò nòstr amor l’avrà nen fin e finalment radios a sarà lë sguard ëd la lun-a.

111


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 112

La croce del Cristo Non cercate di arricchire la croce del Cristo ornandola con pietre preziose scegliendo legno di qualità o addirittura l’oro o l’argento. Non chiedete alla mano dell’artista le decorazioni più fini. Fatela povera la croce del Cristo con un qualsiasi legno come quella che hai vegliato la sua agonia, il Suo martirio e che, testimone di un grande dolore, lacrime brucianti ha visto versare per lavare tutto il male del mondo. Fatela povera la croce di Cristo perché sappia toccarci il cuore. Vestitela solo di tanta umiltà la sola che sa parlarci della ricchezza più grande della preziosa eredità d’amore, fatela povera la croce del Salvatore.

112


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 113

La cros dël Crist Serché nen d’anrichì la cros dël Crist soagnandla con pere pressiose, sernend ij bòsch ëd qualità ò dritura l’òr ò l’argent. Ciameje nen a la man dl’artista le decorassion pì fin-e. Fela pòvra la cros dël Crist, con un qualsëssìa miser bòsch come cola ch’a l’ha vijà Soa angonìa, Sò martiri e che, testimone d’un gran dolor, làcrime brusante a l’ha vist vërsè pë lavé tut ël mal dël mond. Fela pòvra la cros dël Crist përché a sapia tochene ’l cheur. Vestila mach ëd tanta umiltà, la sola ch’a sa parlene ëd la richëssa pì granda, dla pressiosa ardità d’amor. Fela pòvra la cros dël Salvator.

113


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 114

Un bel posto in Paradiso Ăˆ certo che tu, che hai stretto nelle tue, le mani tremanti di quel povero vecchio, che hai ascoltato sempre con stupore e pazienza quella storia mai finita che giĂ conoscevi a memoria, e che, asciugando una sua lacrima, hai cercato di dargli conforto nelle ultime ore della sua vita... Ăˆ sicuro che quel sorriso rimasto sulle labbra di quel povero vecchio, era il sorriso del Signore, che ha preparato per te, un bel posto in Paradiso.

114


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 115

Un bel pòst an Paradis A l’è sicur che ti che ’t l’has ëstrenzù ’nt le toe, le man tërmolante ’d col pòr vej, che ’t l’has ëscotà sempre con stupor e passiensa cola stòria mai finìa che già ’t conossìe a memòria, e che, an suvand na soa lacrima, it l’has sercà ’d deje confòrt ant j’ultime ore ’d soa vita... A l’é sicur che col soris restà an sij laver ëd col pòr vej, a l’era ’l soris ëd Nosgnor che a l’ha preparà për ti, un bel pòst an Paradis.

115


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 116

Conturbamento A te per mano andavo verso il sole, coglievo pietre preziose di speranza e diamanti splendenti d’innocenza. A Te porgevo i fiori più belli cantando al cielo la mia voglia di vivere. … Poi, d’attorno a me, il mondo si è oscurato è diventato una fiumana d’ombre e nella sua buriana mi ha trascinato. Ti ho perso Signore e mi sono persa voglio venire da Te, ma i miei passi si sono fatti di piombo. Pietà Signore! Prendimi per mano ancora fammi ritrovare la mia anima bambina che alla luce del Tuo amore ritorni a vivere.

116


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 117

Conturbament A Ti pёr man i m’andasìa vers ёl sol, cheuija pere pressione dё speransa e diamant ёsplendent ёd Fe e’d nossensa. A Ti sporzìa le fior pì bele cantant al cel mia veuja ёd vive. ... Peui, d’antorn a mi, ’l mond l’é scurisse a l’é diventà na fiuman-a d’ombre e ant la soa burian-a a l’ha rablame. L’hai perdute Nosgnor e i son pёrdume Veuj vnì da Ti, ma ij mè pass son fasse ’d piomb. Pietà Nosgnor! Dame da man ancora fame artrové mia ànima masnà che a la lus ёd Tò amor i torna a vive.

117


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 118

Sarò la stellina più piccola... E quando arriverà per me quell’ora... il forte desiderio di venirmi a trovare non vi porti in quel campo del silenzio. Con gli occhi spenti non potrei vedervi e anche quei bei fiori nelle nostre mani disperderebbero inutilmente i loro profumi. Il Signore che per sua bontà perdona avrà certamente misericordia di me, della mia nullità, delle mie debolezze e mi aprirà le porte del paradiso! – Grande è la mia fiducia in Lui! – Cercatemi allora lassù nel firmamento, farò parte anch’io di un cielo stellato. Sarò sicuramente la stellina più piccola, ma molto lucente per quell’amore quel grande amore che sempre ci ha legato, che vive oltre i confini dell’esistenza. Come sgorgata da musica sognante vibrerò ancora sulle note dolci dei ricordi per restare sempre dentro ai vostri cuori

118


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 119

Sarai la stèilin-a pì cita… E quand a riverà pёr mi col’ora... ёl fòrt desideri dё vnì a troveme ch’av pòrta nen an col camp dёl silensi. Con j’euj dёstiss i podrìa nen vёdd-ve e ’dcò cole bele fior an vostre man a dёsperderìo inutilment ij sò pёrfum. Ёl Signor che pёr soa bontà pёrdon-a a l’avrà ’d sicur misericòrdìa ’d mi, dla mia nullità, dla mia debolёssa e am durbirà le pòrte dёl paradis ! – Granda a l’è mia fiusa an Chiel! – Sercheme alora lassù nt ёl firmament, farai part ёdcò mi d’un cel ёstèilà. Sarai ’d sicur la stèllin-a pì cita, ma motobin lusenta pёr col amor col gran amor che sempre a l’ha gropane, che a viv oltra ij confin ёd l’esistensa. Com ёsgorgà da musica sognanta vibrerai ’ncor sle nòte dosse dj’arcord pёr resté pёr sempre drinta ai vòstri cheur.

119


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 120

Son caduti gli ideali Come castelli di carta sono caduti gli ideali ingannati da troppe bugie: ormai piÚ nessuno crede. Le bandiere si sono scolorite i colori si sono mischiati. Sbiadite le idee grandiose morti i sogni. Solo incertezza e delusione si fanno strada nei cuori. E se all’orizzonte si profila un barlume di speranza, subito si disperde come sparisce il sole dietro a quella nuvola nera che annuncia il temporale.

120


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 121

A son drocà j’ideaj Parèj ’d castej ëd carta a son drocà j’ideaj anganà da tròpe busìe: òrmai pì gnun a chërd. Ij drapò a son dëscolorisse ij color a son mës-ciasse. Sbiaije le idèje grandiose mòrt ij seugn. Mach pì incertëssa e delusion as fan ëstrà ’nt ij cheur. E se a l’orisont as profila në slusor dë speransa, tut subit as dësperd com a spariss ël sol darè ’d cola nìvola nèira ch’a nunsia ’l temporal.

121


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 122

…incontro alla mia sera M’incammino adagio adagio incontro alla mia sera. Ombra tra le ombre avanzo tesa come i rami delle piante nella ricerca degli ultimi sprazzi di sole. Visioni filtrate dai ricordi si alterano nel groviglio della memoria. Contorno sbiadito di eventi contrari, strappi dolenti di vita, ma anche splendore di ore gioiose tra l’ondeggiare di riccioli di bimbi, che mi portavano a spaziare con loro in un facile paradiso. Oggi non tutto è perduto, come allora si rinnovano i fiori, e uguale è il sole luminoso che sveglia le bellezze della terra e la notte, che serena si trapunta di stelle. Presenze senza tempo che mi rubano lo sguardo. Si rasserena ora la mia mente per ascoltare il richiamo dell’universo. Calo nella pace ombrosa della mia sera, e nell’abbraccio del silenzio aspetto con fiducia il domani...

122


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 123

…ancontra a la mia sèira I m’ancamin-o adasi adasi ancontra a la mia sèira. Ombra tra j’ombre avanso tendua come ij ram dle piante ’nt l’arserca dj’ ultime rajà ’d sol. Vision filtrà da j’arcòrd a s’alterno ’nt l’anvёrtoj dla memoria. Contorn ёsbiaji d’event contrari, s-cianch doleuri dla vita, ma ’dcò lusor d’ore giojose tra l’ondegé ’d rissolin ёd masnà, ch’am portavo a spassié con lor ant un facil paradis. Ancheuj nen tut a l’é perdù, come ’ntlora a s’arneuvo le fior, e midem a l’é ’l sol luminos ch’a dёsvija le blёsse dla tèra e la neuit, che seren-a as trapunta dё stёile. Presense senza temp ch’am robo lё sguard. As pasia adess mia ment pёr ёscoté l’arciam dl’univers. Calo ’nt la pas ombrosa dla mia sèira, e ’nt l’ambrass dёl silensi i speto con fiusa ’l doman.

123


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.14

Pagina 124


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

Natal !

12.15

Pagina 125


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 126

Natale ! Vi è un’aria di mistero lassù tra il timido tremolare delle stelle. Anche i lumini che sulla terra luccicano, portano in cuore sensazione di fortuna. Cielo e terra stupiti si abbracciano al sentore della buona novella cantata dagli angeli, dalle loro trombe annunciata. - Che stanotte il Bambino è nato Rintoccano le campane lontano e quel suono si disperde nella vallata sulle note di un canto di Natale. Voglio correre dietro alla “Stella” a cercare il Signore tra i bambini e invocare per questo mondo la sua pietà. Voglio pregarlo con tanta umiltà per chiedergli perdono dei peccati. Ai suoi piedi posare i miei dolori, e con il dono del fiore più bello voglio offrirgli il mio cuore e il mio amore.

126


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 127

Natal ! A-i è n’aria ëd misteri lassù tra ’l genà tërmolé ëd le stèile. Ëdcò ij lumin che sla tèra a bërluso, porto an cheur sensassion ëd boneur. Cel e tèra stupì a s’ambrasso, al sentor ëd la bon-a novela cantà da j’angej, da soe trombe nunsià - Che staneuit ël Bambin a l’é nà A dindan-o le ciòche lontan e col son as dësperd ant la valada an sle nòte d’un cant ëd Natal. I veuj core dapress a la “Stèila” a serché ’l Signor tra ij masnà e invoché për cost mond soa pietà. I veuj preghelo con tanta umitlà për ciameje përdon dij pecà, ai sò pè veuj posé ij mè dolor, e con ël cadò dla pì bela dle fior, i veuj ofrije mè cheur e mè amor.

127


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 128

Pace in terra Angeli del cielo date fiato alle trombe, e cantando il messaggio Divino risuoni potente la vostra voce. L’esortazione di “Pace in terra” tutta l’umanità deve sentirla, perché dinnanzi a Gesù Bambino possa essere finalmente sincera la promessa di “Buona Volontà”. Se l’alba di ogni giorno marca con segni d’angoscia il volto dell’uomo, se i bimbi invocano un mondo diverso che offra loro serenità di un domani, solo in Te Bambino Celeste la fiducia. Tu solo sai allontanare il male. Sull’ala del tempo è ritornato oggi un altro Natale, ed io dietro a un bel sogno mi perdo. Dando mano alla speranza mi lascio cullare dalla musica delle trombe d’argento degli angeli, e mi riempio gli occhi di stelle.

128


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 129

Pas an tèra Angej dël cel, dé fià a le trombe, e cantand ël mëssagi Divin ch’arson-a potenta vòstra vos. L’esortassion ëd “Pas an tèra” tuta l’umanità a dev sent-la, përché dëdnans a Gesù Bambin a peussa esse finalment sincera la promëssa ’d “Bon-a volontà”. Se l’alba d’ògni di a marca con segn d’angossa la facia dl’òm, se le masnà a ciamo ’n mond divers ch’a-j eufra serenità d’un doman, mach an Ti Bambin Celest la fiusa. Ti sol it sas ëslontané ’l mal. An sl’ala dël temp a l’é artornà ancheuj un autr Natal, e mi apress a ’n bel seugn im perdo. Dand-je man a la speransa, ’m lasso cuné da la musica ëd le trombe d’argent ëd j’angej, e m’ampinisso j’euj dë stèile.

129


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 130

Solitaria veglia una stella Ondeggiano le note leggere delel campate devote laggiù al fondo della vallata. È musica che dolce ci invita all’amore tra sfarzi di luci di mille colori. Agghindate da candidi pizzi si pavoneggiano spalliere lungo il sentiero che porta al presepe. E là nell’umile capanna tra il tenero verde del muschio distese sulla paglia ghiacciata riposa sereno il Bambino. Con gli occhi incantati guardiamo i pastori le vallate i fuochi troppo tenui di misere case. Di sopra alla povera capanna solitaria veglia una stella e spande fortuna. Da sempre schiarisce le ombre del cuore.

130


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 131

Solitaria a vija na stèila A ondegio le nòte legere dle ciòche devòte lagiù an fond ëd la valada. A l’é musica che dossa a n’anvita a l’amor tra sfars ëd lumin dai mila color. Soagnà da candi pissèt a blago spalere arlongh dël senté ch’a pòrta dosman al presepi. E là ant l’ùmil caban-a tra ’l tënner verd ëd la mofa cogià an sla paja giassà arpòsa seren ël Bambin. Con j’euj ’mbajà i guardoma ij pastor le valade ij feu tròp ësmòrt ëd misere ca. Dëdzora a la pòvra caban-a solitaria a vija na stèila e a spantia boneur. Da sempre a s-ciairiss le ombre dël cheur.

131


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 132

Fantasia di Natale Voglio sognare un bel Natale in cima ad una montagna di candore incappucciata. Lassù, il profondo silenzio ha la voce degli angeli. Dalla luminaria di stelle fili d’argento, come nastri, legano i bianchi doni che i rami dei pini offrono. Sogno di una veglia di Natale in quella povera baita sorella alla capanna, dove il suono di una campana non soffocato dal frastuono, giunge a portare fortuna. Lassù, più vicino al cielo, Gesù Bambino sentirà la mia invocazione angosciata per un mondo migliore. E la speranza che cullo in cuore, farà del mio sogno una realtà.

132


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 133

Fantasìa ’d Natal I veuj sogné un bel Natal ansima ’d na montagna ёd candor ancapussà. Lassù, ’l pёrfond silensi a l’ha la vos ёd j’angej. Da la luminaria dё stèile fij d’argent, a meu ’d bindej, a gropo ij bianch cadò che ij ram ёd pin a smon-o. Seugn ёd na vijà ’d Natal an cola pòvra bàita sorella a la caban-a, andoa ’l son ёd na ciòca nen ёstrangià dal rabel, a riva a porté boneur. Lassù, pì davzin al cel, ёl Bambin a sentirà mia invocassion angossà pёr un mond ch’a sìa pì bel. E la speransa che cun-o ’n cheur, farà ’d mè seugn na realtà.

133


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 134

Gesù Bambino sempre più solo Non più la “Magia del Natale” che ci avvolgeva nell’emozione della storia vera del Presepe. Non più lo stupore trasognato, il batticuore al rintocco della mezzanotte, annuncio dell’evento Divino. Frastornato da giornate senza respiro, l’uomo si perde nel nulla. Persino i bambini che già hanno tutto, la poesia dei regali non scarta più sorprese. Gesù Bambino sempre più solo, posato sulla paglia, il sorriso sulle labbra e le braccine spalancate all’abbraccio, ci offre e ci chiede Amore. Ci guarda paziente e ci dice che fino a quando la Fede e la Preghiera fioriranno in noi, Lui ci aspetta nell’eco dei canti e nello splendore della luce.

134


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 135

Gesù Bambin sempre pì sol Pì nen la “Magìa dël Natal” che a n’anvlupava ’nt l’emossion dla stòria vera dël Presepi. Pì nen lë stupor trasognà, ’l baticheur a l’arbate dla mesaneuit, anonsi dl’event Divin. Frastornà da giornà sensa respir, l’òm as përd ant ël niente. Fin-a për le masnà, che già a l’han tut, la poesìa dij regaj a dèscarta pì nen sorprèise. Gesù Bambin sempre pì sol, posà dosman sla paja, ël soris an sij laver e ij brassin spalancà a l’ambrass, a në smon e an ciama Amor. An guarda passient e an dis che fin a tant che la Fe e la Preghiera a fioriran an noi, Chiel a në speta ant l’arson dij cant e ant lë splendor ëd la lus.

135


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 136

Canto di Natale Sul bordo della strada radiosa di colore una zampogna risuona una nenia di Natale: la gente incantata si ferma ad ascoltare. Brilla disopra al presepe una stella tra le altre più bella: e guida i pastori e i Re Magi che vanno dal Bambino appena nato. È là nella povera capanna sulla paglia che d’amore profuma. È venuto a portare pace in terra agli uomini che sempre fanno guerra. Degli angeli le note armoniose ci sembra di risentire nel cielo, i cuori fatti bambini tremano e si vestono d’innocenza e bontà. Sotto il cielo stellato della notte Santa rivive la luce della speranza e sulla cenere di un pallido fuoco avvampa una fiammata d’amore.

136


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 137

Cant ëd Natal Sël bòrd ëd la stra radiosa ’d color na piva arnenia ’n cant ëd Natal: la gent ancantà as fèrma a scoté. A brila dëzdora al presepi na stèila tra j’àutre pì bela: a guida ij pastor e ij Re Magi ch’a van dal Bambin apen-a nà. A l’é là ’nt la pòvra caban-a sla paja che d’amor a përfuma. A l’é vnù a porté pas an tèra a j’omo che sempre as fan guera. Ëd j’angej le nòte armoniose a në smija d’arsente ’nt ël cel, ij cheur fàit masnà a tërmolo e as vesto ’d nossensa e bontà. Sota ’l cel ëstèilà dla neuit Santa arviv ël lusor dla speransa e sla sënner d’un feu ’n pòch ësmòrt a s-ciupliss na fiamada d’amor.

137


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 138

Alleluia è nato! Il mondo affondato nel buio della notte aspettava la luce... La gente martoriata da troppe sfortune invocava pietà... L’uomo gravato da ogni specie di dispiaceri desiderava un po’ di pace... Ma stanotte, il Signore fatto Bambino Alleluia è nato! Le stelle incantate fremono e lo splendore inonda la terra. Già quasi morta, la speranza rifiorisce, come a primavera il miracolo sulle piante sempre stupisce. Il Bambino che sulla paglia ci aspetta ci porge il suo sorriso colmo di tanta bontà. Ci vuol dire che il suo Amore non ha fine che ancora perdona e che ci vuol sempre bene.

138


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 139

Aleluja a l’è nà! Ël mond fongà’nt ël top ëd la neuit a spetava la lus... La gent martorià da tròpi maleur anvocava pietà... L’òm gravà da ògni sòrta’d sagrin a sustava’n pò’d pas... Ma staneuit, Nosgnor fàit masnà, Aleluja a l’è nà! Le stèile’ncantà a tërmolo e lë splendor a inonda la tèra Già squasi mòrta la speransa arfiorìss, come a primavera’l miracol an sle piante sempre a stupiss. Ël Bambin che sla paja a në speta a në spòrz sò soris colm ëd tanta bontà. A veul dine che sò Amor a l’ha nen fin che ancora an përdon-a e che an veul sempre bin.

139


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 140

Presepi d’antlora... Da un cel ësteilà, ch’a vija passient dzoza un mond andurmì, angeliche nòte a l’improvis a së spantio ’nt l’aria a nunsié ’l Natal. Sël dindané ’d na ciòca ij mè seugn vagabond a m’arpòrto la vision dël presepi d’antlora. Vëddo tanta brava gent, che apres al sorch luminos trassà da la stèila pì bela, a van cantand vers la caban-a. A calo ij pastor da la montagna, guidand lë strop ëd cole fèje da j’euj pasi e seren come gosse ’d rosà... Ij bè bè dj ’agnelin a smijo squasi la vos ëd le masnà. E trames a col mond ampërgnà ’d serenità, i m’ancamin-o ’dcò mì an serca dël Bambin.

140


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 141

I veuj posé ai sò pé ël fardel ëd le mie incertësse e ’l cit cadò dle mie promësse. E là, an cola caban-a ch’a l’é tuta na chërpura, cheuje na splùa dë speransa e un pòch ëd pas ancora, cola ch’a sa doneme l’arcòrd dël presepi d’antl’ora.

141


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 142

Presepe d’allora... Da un cielo stellato, che veglia paziente sopra un mondo addormentato, angeliche note all’improvviso si spandono nell’aria ad annunciare il Natale. Sui rintocchi di una campana i miei sogni vagabondi mi riportano la visione del presepe di allora. Vedo tanta brava gente, che dietro la scia luminosa tracciata dalla stella più bella, vanno cantando verso la capanna. Scendono i pastori dalla montagna, guidando greggi di pecore dagli occhi miti e sereni come gocce di rugiada... I belati degli agnellini sembrano quasi voci di bambini. In mezzo a quel mondo impregnato di serenità, mi avvio anch’io in cerca del Bambino.

142


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 143

Voglio posare ai suoi piedi il fardello delle mie incertezze e il piccolo dono delle mie promesse. E là in quella capanna che è tutta screpolata cogliere una favilla di speranza e un poco di pace ancora, quella che sa donarmi il ricordo del presepe di allora.

143


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 144

Preghiera di Natale Signore per il Natale ti prego mandami un sogno fatto di un pezzetto di mondo di cose orami perdute. Dammi un piccolo cuore bambino che si senta come allora in un giardino fiorito di rose senza spine. Portami un po’ di quel tempo dal dolce profumo lontano quando nelle nostre povere case si viveva in serenità. Aspetto la notte Santa e nel piacere del suo abbraccio, cerco l’emozione d’un lontano Natale di pace.

144


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 145

Preghiera ’d Natal Nosgnor për ël Natal it prego mandeme un seugn fàit d’un tochèt ëd mond ëd còse ormai përdue. Dame un cit cheur masnà ch’as senta come ’ntlora ant un giardin fiorì ëd reuse sensa spin-e. Portme un pòch ëd col temp dal doss përfum lontan quand an nòstre pòvre ca as vivìa an serenità. I speto la neuit Santa e ’nt piasì ’d sò ambrass, i serco l’emossion d’un lontan Natal ëd pas.

145


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 146

Ti prego Gesù Bambino Sarà forse il rintocco di una campana che spande nell’aria la sua armonia a portare nel mio cuore un soffio di poesia. Sarà forse tutta quella luminaria messa apposta per annunciare il Natale a smorzare oggi l’ombra del male. Provo l’illusione di ritornare bambina che mi dà una gioia calma e innocente sebbene ci sia una cosa che m tormenta. È il pensiero che tanta povera gente ancora soffre e cerca un po’ d’amore è senza pane e vive nel terrore. Ti prego Gesù Bambino, ascolta queste voci che ti chiamano, hanno bisogno di pace dagli un po’ di Bene, porgi le Tue braccia. Grande è il male che distrugge l’umanità, ma in questo Natale che ha riflessi di cielo, regalaci la speranza di un mondo più bello.

146


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 147

It prego Gesù Bambin A sarà forse ël dindané ’d na ciòca ch’a spantia ’nt l’aria soa armonìa a porté ’n mè cheur un sofi ’d poesìa. A sarà forse tuta cola luminaria butà a pòsta për nunsié ’l Natal a smorté ’ncheuj j’ombre dël mal. I preuvo l’illusion d’artorné masnà ch’am dà na gòj pasia e nossenta contut ch’a-i é na còsa ch’am tormenta. A l’é ’l pensé che tanta pòvra gent ancor a seufr e a serca ’n pò d’amor a l’é sensa pan e a viv ant ël teror. It prego Gesù Bambin, ëscota ste vos ch’at ciamo, a l’han da manca ’d pas daje ’n pòch ëd Bin, spòrzje ij Tò brass. Grand a l’é ’l mal ch’a crasa l’umanità, ma ’n cost Natal che a l’ha rifless ëd cel, regalne la speransa d’un mond pì bel.

147


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 148

Nostalgia per quel Natale Nostalgia per quel Natale dei miei giorni di bambino, per quel mondo lontano ormai perduto. Oh! non è che pianga il mio autunno, che già raduna le ultime foglie, ma è quella pace sognante che tanto oggi mi manca. Facce di allora, segnate dalla fatica e invecchiate prima del tempo dalla miseria, a Natale si illuminavano. Davanti a quel presepe, fatto di ritagli di carta e di povere cose, medesima l’emozione per piccoli e grandi. Ma oggi sullo sfarzo d’un ricco Natale rabbiosa l’onda del male imperversa smorzando, dentro ai cuori della gente, persino il più piccolo barlume di speranza. ... Eppure, in cielo, medesime sono le stelle che tremolando di gioia annunciano il Divino Mistero... Gesù Bambino, ti prego, porta un bel sogno al mondo, che nell’anima della gente possa cancellare la tristezza. Fai sentire quella musica lontana, eco che mette il batticuore, e sull’onda della pace del tempo passato regala un bel Natale di serenità.

148


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 149

Nostalgìa për col Natal Nostalgìa për col Natal dij mè di masnà, për col mond lontan òrmai perdù. Oh! a l’é nen ch’i piora mè oteugn, che già a rabasa j’ultime feuje, ma a l’é cola pas sognanta che tant, ancheuj am manca. Facie d’antlora, marcà da la fatiga e anvejà prima dël temp da la miseria, a Natal a s’anluminavo. Dëdnans a col presepi, fàit d’artaj ’d carta e ’d pòvre còse, midema l’emossion për cit e grand. Ma ’ncheuj, slë sfars d’un rich Natal, rabiosa l’onda dël mal ampërversa smortand, drinta dij cheur dla gent, fin-a ’l pì cit bërlum ëd la speransa. ... Pura, an cel, mideme a son le stèile che ’n tërmoland ëd gòj a nunsio ’l Divin Misteri... Gesù Bambin, it prego, pòrta un bel seugn al mond, che ’nt l’ànima dla gent a peussa dëscancelé tristëssa. Fa sente cola musica lontana, arson ch’a buta ’l baticheur, e an sl’onda dla pas dël temp passà, regala un bel Natal ëd serenità.

149


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 150

Buon Natale Un leggero sospiro di vento sfiora la notte addormentata. Una stella trema stupita sul mistero Divino che si rinnova. Come fiore che sul ramo spoglio rifiorisce per offrire colore, anche il Bambino è tornato sulla terra per portare dentro ai cuori tanto amore. Sul mondo martoriato dalla sfortuna è sceso col suo aiuto giù dal cielo perché il male abbia un peso più leggero. Se ascoltiamo il suo aiuto a far Bene se preghiamo con un po’ d’umiltà, la sua bontà celestiale senza fine, tanta pace e fortuna ci darà.

150


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 151

Bon Natal Un leger sospir ëd vent a fiora la neuit andurmìa. Na stèila a tërmula stupìa sël misteri Divin ch’a s’arneuva. Come fior che sla rama dëspeuja arfioriss për ofrirne color, ’dcò ’l Bambin l’è tornà ’n sla tèra për porté drinta ij cheur tant amor. Dzora ’s mond martorià dal maleur l’è calà con sò agiut giù dal cel përché ’l mal l’abia ’n pèis pì leger. Se scotoma sò anvit a fé Bin, se pregoma con un pòch d’umiltà, soa bontà celestial sensa fin, tanta pas e boneur an darà.

151


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 152


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 153

Prose ‘d vita e fĂ ule

153


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.15

Pagina 154


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.16

Pagina 155

Neuit agità (Dal mè diari ëd quand che ij’era masnà)

155


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.16

Pagina 156

Notte agitata (Dal mio diario di quando ero bambina)

notte! invisibili fate hanno disteso i loro manti di color viola, e le stelle si sono accese, come piccole fiamme tremolanti. Sembra che il cielo sia sceso ad abbracciare la terra in un meraviglioso battito, legando tutte le cose in un’armonia unica. È l’ora delle tristezze, l’ora in cui, con le vesti, si posano tutte le azioni buone o cattive, fatte durante la giornata. Non ci sono più voci sulla terra, e questa solitudine mi opprime come l’angoscia. È la coscienza che mi tormenta, sono le parole che oggi ho detto a mia madre, che mi risuonano così fredde e sfacciate come le ho pronunciate. Non posso prendere sonno,e questa notte d’incanto si trasforma in una notte di tormento. Tutto sembra gridarmi la mia colpa, tutte le cose che mi circondano prendono una forma nemica. Rivedo le sue lacrime chiuse dietro le pupille degli occhi offuscati da un velo e le labbra amare tremare. Non so quale sia stato lo stimolo che mi ha spinto a proferire quelle dure parole, e solo adesso, nell’intimità della mia stanza, la superbia cade, e mi rendo conto del male che le ho fatto. I ricordi mi investono e non ho pace. È inutile invocare il sonno amico pacificatore delle anime tormentate. Ho offeso mia mamma! Lei, che darebbe la vita per farmi contenta, e che sarebbe

È

156


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.16

Pagina 157

Neuit agità (Dal mè diari ëd quand che j’era masnà)

l’é neuit! Invisibij faje a l’han ënstendù ij sò mantej ëd color viòla, e le stèile a son anviscasse, come cite fiame tërmolante. A smija che ’l cel a sìa calà a ambrassé la téra ant un misterios bati, gropand tute le còse ant un’armonia sola. A l’é l’ora dle tristësse, l’ora che as poso, ansema a le veste, tute le assion bon-e ò grame, fàite durant la giornà. A-i son pì gnun-e vos an sla tèra, e costa solitudin am crasa come n’angossa. A l’é la cossiensa ch’am tormenta, a son le paròle che ancheuj i l’hai dije a mia mama, e ch’a m’arson-o parèj, frèide e sfacià come i l’hai prònonsiaje. I peus nen pijé seugn, e costa neuit d’anciarm as trasforma ant una neuit ëd torment. Tut a smija crijeme la mia colpa, tute le còse ch’am circondo a pijo na forma nemisa. Arvëddo soe làcrime sarà darè ai lumin ëd j’euj, panà da ’n vel, e ij sò laver amer tërmolé. I sai nen col ch’a sia stàit lë stimol ch’a l’ha possame a dì cole dure paròle, e mach adess, ant l’initmità ëd mia stansia, la supèrbia a casca, e im rendo cont dël mal che i l’hai faje. J’arcòrd a m’anvesto e i l’hai pi nen pas. A l’é inutil ël mè anvoché la seugn, amisa pacificatricis ëd j’anime tormentà! I l’hai ofendù mia mama! Chila, ch’a darìa la vita për feme contenta, e che sarìa sempre

A

157


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.16

Pagina 158

sempre pronta ad aprirmi le sue braccia quando sperduta per un improvviso naufragio nel mare della vita, l’onda potrebbe travolgermi. I ricordi si trasformano in visioni, e mi rivedo nella pace di una stanza, quando mia mamma stava a vegliarmi, piangendo lacrime d’angoscia per paura di perdermi... La rivedo andare avanti e indietro, senza mai riposarsi con una forza che non riuscivo a comprendere. Quella figura dolce e buona di allora prende adesso un’espressione di tristezza, di rimprovero che mi mette l’animo in tortura. Ho orrore di me stessa. Tante volte ho acceso e spento la luce, tante volte ho teso l’orecchio per sentire, profondo nella notte, il battito delle ore. Aspetto l’alba e la invoco, aspetto che si faccia giorno per potermi finalmente alzare e correre da mia mamma, per chiederle umilmente perdono.

158


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.16

Pagina 159

pronta a duverteme ij sò brass, quand, ësperdùa për n’amprovis naufragi ant ël mar ëd la vita, l’onda a podrìa arverseme. J’arcòrd as trasformo an vision, e mi i m’arvëddo ant la pas d’una stansia, quand mia mama a stasìa a vijeme, piorand làcrime d’angossa për paura ’d perdme. I l’arvëddo andé avanti e andarera, sensa mai arposesse, con na fòrsa che i riessìa nen a capì. Cola figura dossa e brava d’antlora a pija adess n’espression ëd tristëssa, d’arpròcc ch’am buta l’ànima an tortura. I l’hai oror ëd mi midema... Tante vòlte i l’hai anviscà e dëstissà la luce, tante vòlte i l’hai scotà për sente, ancreus ant la neuit, ël bati ëd j’ore. I speto l’alba e la ciamo, i speto ch’as fasa di për podèjme finalment alvé e core da mia mama, për ciameje umilment përdon...

159


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.16

Pagina 160


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.16

Pagina 161

Ël pì bel dij sò caplavor


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.16

Pagina 162

Il più bello dei suoi capolavori

... e l’ala della sfortuna senza pietà era calata su quella casa, smorzando in un attimo tutta la serenità modulata sull’eco di quelle voci canterine, che si spandevano nell’aria fino a rallegrare tutta la borgata. Era stata battezzata la casa degli usignuoli perché papà, mamma e le due figlie avevano ricevuto in dono dal Signore delle voci straordinarie, degne di esibirsi al “Regio”. Ma adesso, con la disgrazia di due sepolture avvenute nel giro di un anno, le due povere sorelle rimaste sole erano cadute in una profonda disperazione. Il silenzio più fondo gravava sui muri di quelle stanze vuote come l’ombra minacciosa di una nuvola nera. Alla sera Margherita e Lucia si sedevano accanto e, insieme, richiamavano alla memoria i momenti più belli passati con papà e mamma e cercavano di cogliere dai sorrisi dei loro ritratti appesi al muro, un po’ di conforto, ma finivano sempre con lo scoppiare in un pianto senza fine. Una nelle braccia dell’altra si scambiavano la promessa che, mai e poi mai, si sarebbero separate, e che avrebbero persino rifiutato i migliori partiti, solo per rimanere sempre assieme. L’autunno era arrivato e veniva loro incontro con il grigio dei suoi giorni. Il vento, già frescolino, scuoteva le foglie, che poco a poco si staccavano dai rami per abbandonarsi in un ultimo volo e poi posarsi sfinite ai piedi degli alberi. Le sere corte, senza tramonto, gravavano di malinconia quei due cuori già tanto afflitti e, Margherita, più delicata, era caduta in una depressione che la faceva sempre più pallida e sottile. Nessuna cura serviva a tirarla un po’ su, ormai era costretta a 162


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.16

Pagina 163

Ël pì bel dij sò caplavor

... e l’ala dël maleur sensa pietà a l’era calà dzora a cola ca, dësmortand ant un nen tuta la serenità ch’as modlava sl’arson ëd vos cantarin-e, ch’a së spataravo ’nt l’aria fin-a a ralegré tuta quanta la borgà. A l’era stàita batzà la ca dj’arsigneuj përché papà, mama e le doe fije a l’avìo arsevì dal Signor ël don pressios ëd vos strasordinarie, degne d’esibisse al “Regio”. Ma adess, con la dësgrassia ’d doe sepolture ’nt ël gir d’un ani, le doe pòvre sorele restà sole a l’ero cascà ’nt una disperassion përfonda. Ël silensi pì creus a grevava dzora le muraje ’d cole stansie veuide come l’ombra mnansosa d’una nìvola nèira. A la sèira Margritin e Lusìa as setavo davzin e, ansema, a memoriavo ij moment pì bej passà con papà e mama e a sercavo ’d cheuje dai soris dij sò ritrat pendù al mur un pòch ëd confort, ma finìo sempre con lë s-cionfé ’nt un pior sensa fin. Un-a ’nt ij brass ëd l’autra a së scambiavo la promessa che, mai e peui mai, a sarìo separasse, che a l’avrìo fin-a arfudà ij pì bon partì, mach për resté sempre ansema. L’oteugn a l’era rivà e a vnisìa ’ncontra con ël gris dij sò di. Ël vent, già frëscolin, a sbardlava le feuje, che pòch a pòch as dëstacavo dai branch për bandonesse ’nt un ùltim vol e peui posesse sfinìe al caus ëd j’erbo. Le seire curte, sensa tramont, a grevavo ’d malinconia coj doi cheur già tant magonà, e Margritin, pì dlicà, a l’era cascà ’nt una depression ch’a la fasìa sempre pì smòrta e pì sutila. Gnun-e cure a servìo a tirela ’n pòch su, dësormai a tnisìa ’l let

163


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.16

Pagina 164

letto e Lucia non sapeva più a che Santo raccomandarsi. Al mattino le portava la colazione e la malata le faceva tirare le tende della finestra per guardare le foglie cadere dalle piante. Si era fissata che quando l’ultima foglia si fosse staccata da quel ramo ben rasente al muro e per quello ben riparato, anche lei sarebbe volata in Cielo dal Creatore. Figuriamoci Lucia come poteva sentirsi entrando in quella stanza! La paura che tirando la tenda si presentasse la vista di un ramo spoglio, le faceva gelare il sangue nelle vene. Nell’alloggio di sopra viveva un pittore, un tipo molto strano, ma buono come un pezzo di pane. Il suo più grande difetto era quello che, quando la sua opera non riusciva come lui avrebbe voluto, si arrabbiava e sbatteva tutto quello che gli capitava sotto mano, facendo un chiasso della malora. Le due sorelle conoscendolo non ci facevano più caso, ma adesso che Margherita non stava più bene quel fracasso le avrebbe dato fastidio. Lucia, preso il coraggio a due mani, era salita di sopra a battere alla porta del pittore per chiedergli con bel garbo di calmarsi, e intanto gli aveva raccontato la storia della foglia. Lui tutto preso dalla commozione si scusava, promettendole che non avrebbe mai più fatto nessun chiasso, neanche il più piccolo rumore. Passavano i giorni, ed era arrivato l’inverno e le piante ormai scheletrite tremolavano sotto la neve scesa abbondante. Solo l’ultima foglia di quel ramo rasente al muro, resisteva all’intemperie della brutta stagione. Margherita la guardava tranquillizzata, pensando che quello era un segno del destino, che voleva dirle che non era ancora arrivata per lei l’ultima ora. Questo pensiero l’aiutava a prendere vigore con grande soddisfazione di Lucia, che la vedeva rifiorire giorno dopo giorno. ... e la foglia è sempre là ancora adesso, perché la mano pietosa del pittore, per aiutare una creatura, sotto lo sguardo benevolo del Signore si era sostituita alla natura, e aveva fatto il più bello dei suoi capolavori. 164


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.16

Pagina 165

e Lusìa a savìa pì nen a che sant arcomandesse. A la matin a-j portava la colassion e la malavia a-j fasìa tiré ij ridò dla fnestra për guardé le feuje a casché da la piante. A l’era fissasse che quand l’ùltima feuja a fussa dëstacasse da col branch bin aranda ’l mur e për lon bin riparà, ëdcò chila a sarìa volà an cel dal Creator. Figuromse Lusìa coma ch’a podìa sentse intrand an cola stansia! La paura che tirand ij ridò as presenteissa la vista d’una rama dëspeuja, a-j fasìa geilé ’l sanch ant la ven-e. Ant l’alògg dzora a vivìa ’n pitor, un tipo motobin drolo, ma bon parèj d’un tòch ëd pan. Sò pì gròss difet a l’era col che, quand la soa euvra a riessìa nen come che chiel a l’avrìa vorsù, a s’anrabiava, a sbatìa tut lon che a-j capitava sot man fasend un ciadel dla malora. Le doe sorele conoscendlo a-j fasìo pì nen cas, ma adess che Magritin a stasìa nen bin, col fracass a l’avrìa daje fastudi. Lusìa, pijà ’l coragi a doe man, a l’era montà dzora a tabussé a l’uss dël pitor për ciameje con bel deuit ëd calmesse, e ’ntant a l’avìa ’dcò contaje la stòria dla feuja. Chiel, tut pijà da comossion, a l’era scusasse, promëttendje che a l’avrìa mai pì fàit gnun ciadej, gnanca ’l pì cit romor. A passavo ij di, a l’era rivà l’invern e le piante dësormai scheletrìe a tërmolavo sota la fiòca calà bondosa. Mach l’ùltima feuja ’d cola rama aranda ’l mur, a resistìa a l’intemperio dla bruta stagion. Margritin a la guardava tranquilissà, pensand che col a l’era ’n segn dël destin, ch’a vorìa dije che a l’era ’ncor nen rivà për chila l’ùltima ora. Cost pensé a-j giutava a arpijé vigor con gran sodisfassion ëd Lusìa, che a la vëddìa rifiorì di për di. ... e la feuja a l’é sempre là ancora adess, përchè la man pietosa dël pitor, për giuté na creatura, sota lë sguard benevol ëd Nosgnor a l’era sostituisse a la natura, e a l’avìa fàit ël pì bel dij sò caplavor.

165


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.16

Pagina 166


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.17

Pagina 167

La grandÍssa ’d na cita creatura


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.17

Pagina 168

La grandezza di una piccola creatura

rossi gerani, che pendevano lungo i muri di pietra delle misere baite, davano a quel paesino di montagna un aspetto suggestivo: sembrava veramente un piccolo angolo di paradiso. Tommasino lì era nato e lì viveva sentendosi il bimbo più fortunato del mondo. Libero come un uccellino passava gran parte della giornata nella pineta, dove andava alla ricerca di rami secchi per accendere il camino, e dove si fermava anche a giocare. I suoi amici erano tutti gli animaletti che popolavano quel luogo di favola. Li conosceva uno ad uno e a tutti aveva dato un nome; ne aveva anche imparato il linguaggio e con loro conversava: erano il coniglio selvatico, i due vispi scoiattoli, i tanti uccelli che lo invitavano a cantare e tutti, appena lo vedevano, gli andavano incontro per festeggiarlo. Solo un ragno nero, dal suo cantuccio, si sforzava inutilmente di attirare la sua attenzione tessendo una lunga tela, e tanto soffriva dell’indifferenza di Tommasino. Per un lungo periodo a quel bambino tutto era filato bene, ma poi nel suo piccolo cuore si era fatta strada una pena, che col passare del tempo diventava sempre più grande. Presto avrebbe compiuto sette anni; avrebbe dovuto lasciare il paese con i suoi compagni, e scendere in pianura a fare lo spazzacamino per guadagnare qualche soldo. Il problema della sopravvivenza riservava questo brutto destino ai poveri montanari. Il triste giorno era purtroppo arrivato. Infagottato in una giacca più grande di lui, con un cappellaccio in testa che lasciava a

I

168


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.17

Pagina 169

La grandëssa ’d na cita creatura

j ross gerani ch’a pendìo orlongh dij mur ëd pera ’d cole misere bàite, a-j dasìo a col paisòt ëd montagna un aspet sugestiv: a smijava pròpi un cìt angol ëd paradis. Tomalin lì a l’era nà e lì a vivìa sentend-se ’l bòcia pì fortunà dël mond. Liber parèj ’d n’oslin a passava gran part ëd la giornà ’nt la pinera, andoa andasìa a l’arserca ’d ram sèch për visché ’l fornel, e andoa ’s fermava ‘dcò a gieughe. Ij sò amis a j’ero tute le bestioline ch’a popolavo col pòst ëd faula. A-j conossìa un-a për un-a e a tute a l’avìa daje ’n nòm. A l’avìa ’dcò amprendù sò lengagi e con lor a conversava: ël cunì servaj, ij doi svicc scherieuj, tanti oslin ch’a lo anvitavo a canté e tuti, apen-a lo vëddìo, a jë vnisìo ’ncontra a festegelo. Mach un ragn nèir da sò canton, a së sforsava inutilment ëd tiré la soa atension tessend na lunga tèila e, dl’indiferensa ’d Tomalin, tant a na sufrìa. Për ampess për col masnà tut a filava bin, ma peui an sò cit cheur a l’era fase strà na pen-a, che con ël passé dël temp a diventava sempre pì gròssa. Prest a l’avrìa compì set ani, e a l’avrìa dovù lassé ’l pais con ij sò cambrada, calé an pianura a fé lë spaciafornel për vagné chèich sòld. Ël problema dla sovravivensa a riservava col brut destin ai pòver montagnin. Ël trist di a l’era purtròp rivà. Ansacà ’nt una giaca pì gròssa che

I

169


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.17

Pagina 170

malapena intravvedere il suo faccino, con i raschietti in spalla, aveva abbracciato forte la mamma, mentre i lacrimoni gli colavano abbondanti. In quel momento gli mancava tanto la presenza del suo papà; purtroppo lui non c’era più, era morto di disgrazia proprio l’anno che erano nati i due gemellini. Tommasino era ormai l’unica risorsa della famiglia. I suoi fratellini erano lì dinanzi a lui e lo guardavano, più incuriositi che addolorati, perché troppo piccoli per capire la tristezza della sua partenza. Anche gli amici della pineta erano corsi a salutarlo e lui, mandando giù il nodo che in gola lo soffocava, aveva dato l’ultimo sguardo al suo paese, fatto ancora più bello dalle pennellate dell’autunno. Che pena vedere quei “gognin” avviarsi tristi verso l’incognito di quel “lavoro”! I più grandicelli, che avevano già un po’ di esperienza, si avvicinavano a Tommasino per dargli qualche consiglio, ma lui si sentiva comunque perso. Poi ricordando le parole di incoraggiamento e di conforto della mamma, si era fatto forza. L’indomani, davanti alla bocca nera di un camino, gli sembrava di essere sulla porta dell’inferno e tremando di paura stava per fuggire; ma poi, sapendo che se si fosse rifiutato di salire avrebbero acceso il fuoco alla base del camino, si era fatto coraggio e aveva incominciato ad arrampicarsi alla meglio. Gli occhi gli bruciavano, l’odore e la polvere della fuliggine, lo soffocavano, ma pensando ai soldini che avrebbe guadagnato, continuava a lavorare senza mai mollare. Era quasi a metà dell’opera quando, all’improvviso, gli mancarono i piedi. Sentendosi perso si mise a gridare: “MAMMA!”. In quel momento vide un filo bianco, poi un altro e un altro ancora. Tommasino in fretta si aggrappò, i fili resistevano e lui, piano piano, arrivò in cima. Con sua grande sorpresa aveva visto il ragno 170


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.17

Pagina 171

chiel, con un caplass calà ’n testa ch’a lassava a malapen-a ’ntravëdde sò facin, con ij ras-cet a spala, a l’avìa ’mbrassà s-ciassa soa mama, ’ntramentre ij lacrimon a-j colavo bondos. An col moment a-j mancava tant la presensa ’d sò papà ma putròp chiel a-i’era pi nen; a l’era mòrt ëd dësgrassia pròpi col ani ch’a l’ero nà doi binej, e Tomalin a l’era ormai l’ùnica arsorsa dla famija. Ij sò fratelin lì dëdnans a chiel, a lo guardavo pì ancuriosì che sagrinà, përché tròp cit, për capì la tristëssa dla soa partensa. Ëdcò j’amis ëd la pinera a j’ero corù a salutelo e chiel,mandand giù il grop che an gola a lo stensìa, a l’avìa dàit un ùltim ësguard a col sò pais, fàit ancora pì bel da le penelà dl’oteugn. Che pen-a vëdde coj gognin ancaminesse trist ancontra l’incognit ëd col travaj! Ij pì grand, ch’a l’avìo già ’n pòch d’esperiensa, a s’avzinavo a Tomalin për deje ’d consej, ma chiel tutun as sentìa spers. Peui , arcordand le paròle d’ancoragiament e ’d confort ëd soa mama, a l’era fase fòrsa. L’indoman, dëdnans a la boca néira ’d col fornel, a l’era smijaje d’esse sla porta dl’infern, e tërmoland ëd paura a stasìa për scapé. Ma peui savend che se a s’arfudava ’d monté a l’avrìo viscaje ’l feu da sota, al caus dël fornel, a l’era fase coragi e a l’avìa cominsà a rampiesse arangiand-se a la bela mej. J’euj a-j brusavo, l’odor, la poer dël caluso, a lo stensìo, ma pensand ai soldin ch’a l’avrìa vagnà, a l’avìa continuà a travajé sensa molè ’n moment. A l’era quasi a metà quand, a l’improvis, a son mancaje ij pé. Sentend-se pers a l’era butasse a crijé: “mama!”. An col moment a l’avìa vist calé un fil bianch, peui n’àutr e n’àutr ancora. Tomalin a l’era ’mbrancasse, ij fij a resistìo e chiel, pian pian a l’era rivà an ponta. Con soa gran sorpreìsa a l’avìa vist ël ragn ëd la pinera

171


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.17

Pagina 172

della pineta, diventato bianco per magia della fata della montagna, che aveva voluto premiarlo per la sua bontà . Il piccolo spazzacamino aveva poi saputo che il ragno era partito con lui, nascosto nella tasca della sua giacca! Voleva proteggerlo per far sÏ, che tornasse dalla sua mamma sano e salvo. Capita la grandezza della piccola creatura, si era profondamente commosso. Pentito di non averlo considerato prima, l’aveva ringraziato con tutto il cuore, promettendogli che da quel momento sarebbe stato il piÚ caro dei suoi amici.

172


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.17

Pagina 173

diventà bianch për magìa dla faja dla montagna, ch’a l’avìa vorsù premielo për la soa bontà. Ël cit spaciafornel a l’avìa peui savù che ’l ragn a l’era partì con chiel, scundù ’nt la sacòcia dla soa giaca: a vorìa proteg-lo për fé an manera ch’a podèissa torné da soa mama san e salv. Capì la grandëssa ’d cola cita creatura, a l’era comovusse. Pentì ’d nen avèjlo considerà prima, a l’avìa ringrassialo con tut ël cheur, prometendje che da col moment a sarìa stàit ël pì car dij sò amis.

173


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.17

Pagina 174


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.18

Pagina 175

La pressiosa moneda da vint lire


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.18

Pagina 176

La preziosa moneta da venti lire

veva crediti da parte di vari clienti, ma per certa gente pagare e morire era la medesima cosa, e papà, che aveva una scadenza di pagamento per la fine della settimana, non sapeva più dove sbattere la testa. Quando alla sera tornava a casa dal lavoro, ripeteva come una cantilena: «Non è più un vivere questo qui, dove vado a trovarli questi soldi, non ho mica ucciso qualcuno per fare una vita grama così» e intanto camminava su e giù per la stanza. Noi stavamo male nel vederlo disperato in quel modo, ma non sapevamo cosa fare per aiutarlo. C’era poi venuta un’idea, quella di andare a Levone, un paese distante un paio di chilometri dal nostro, a battere cassa da una signora che aveva un grosso debito con papà. La speranza era poca, perché già altre volte eravamo andate a bussare a quella porta senza mai ottenere niente. Per quella signora tutte le scuse erano buone: la salute, le spese improvvise e ci mandava sempre a casa a mani vuote, tutte sconsolate. Ma, dovevamo ancora provare una volta, non era possibile che il Signore ci avesse abbandonate. All’indomani mattina, partito papà a lavorare, con quell’idea fissa, mia sorella ed io, ci preparavamo per incamminarci verso la nostra avventura. Ma, all’improvviso si era messo a nevicare deciso, e in un momento, la strada era diventata tutta bianca. Grossi farfalloni calavano giù abbondanti e mamma non voleva più lasciarci andare.

A

176


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.18

Pagina 177

La pressiosa moneda da vint lire

vansava pro ’d sòld da vaire client, ma për certa gent paghé e meuire a l’era la midema còsa e papà, ch’a l’avìa na scadensa ’d pagament për la fin ëd la sman-a, a savìa pì nen andoa bate la testa. Quand a la sèira a tornava a ca dal travaj, arpetìa come na cantilena: «A l’é pì nen un vive col si, ’ndoa i vad a troveje sti sòld, i l’hai pa massà gnun për fé na vita grama parèj» e ’ntant a marciava sù e giù për la stansìa. Noi i stasìo mal a vëddlo dësprà ’n cola manera, ma i savìo nen còs fé për giutelo. A l’era peui vnune n’ideja, cola d’andé a Lvon, un pais distant un paira ’d chilòmetri dal nòstr, a bate cassa da na madama ch’a l’avìa ’n gross debit con papà. La speransa a l’era pòca, përché già dj’autre vòlte j’ero ’ndaite a tabussé a col uss, sensa mai oten-e gnente. Për cola sgnora tute le scuse a j’ero bon-e, la salute, le speise amprovise e an mandava sempre a ca a man veuide, tute sconsolà. Ma i dovìo ancora prové na vòlta, a l’era pa possibil che Nosgnor a l’aveissa bandonane. L’indoman matin, partì papà a travajé, con col’ideja fissa, mia sorela e mi ,is preparavo për ancaminesse vers nòstra aventura. Ma, a l’amprovis, a l’era butasse a fioché decis, e ant un moment la stra a l’era dventà tuta bianca. Gròss parpajon a calavo giù bondos e mama a vorìa pi nen lassene ’ndé.

A

177


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.18

Pagina 178

Lei doveva stare a casa per badare al negozio e le mancava il coraggio di lasciarci andare da sole con un tempo simile. Noi avevamo tanto insistito, pianto e pregato, fino a quando mamma ci aveva dato il permesso. Ben vestite con un maglione spesso e guanti di lana nelle mani, ai piedi gli zoccoletti e la cuffia di lana ruvida che ci copriva anche le orecchie, ci eravamo incamminate. Non era ancora passato lo spartineve ad ammucchiare la neve ai bordi della strada, e noi sprofondavamo fino alle ginocchia andando avanti a fatica. Il paesaggio d’attorno era un incanto, le piante sembravano addobbate da bianchi pizzi, erano meravigliose, ma lo sforzo di tenerci in piedi, ci toglieva la gioia che di solito questo spettacolo ci dava. Ogni tanto una cadeva e l’altra ce la metteva tutta per tirarla su. Tribolando, e non poco, alla fine eravamo arrivate. Ci chiedevamo se sarebbe poi stata premiata la nostra costanza, il nostro grande sacrificio. Speranza e timore si alternavano nella nostra mente; davanti a quell’uscio trattenevamo quasi il fiato e per farci coraggio, avevamo tirato a quattro mani il cordone del campanello. Era sicuramente pietoso il nostro aspetto, se persino il cuore duro di quella Signora si era intenerito. Guardandoci con compassione aveva esclamato: «Povere bambine!» e ci aveva accompagante davanti alla stufa perché ci asciugassismo un po’. Poi avvicinandosi ad un cassetto, tirò fuori una moneta da venti lire e intanto che ce la porgeva, ci raccomandava con insistenza di custodirla bene. Voleva anche offrirci una tazza di latte caldo, ma noi ringraziando avevamo rifiutato per la fretta di tornare a casa. Intanto lo spartineve era passato e la strada resa più facile, ci permetteva di camminare più svelte, e la contentezza che non riuscivamo a contenere, ci metteva le ali ai piedi. 178


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.18

Pagina 179

Chila a-j tocava sté a ca a guerné la botega e a-j mancava ’l coragi ’d lassene ’ndé da sole con n’intemperio simil. Noi i l’avìo tant ansistù, piorà e pregà fin-a a quand mama a l’avìa dane ’l përmess. Bin tapà con un majon ëspess, le mofle ’nt le man, ’nt ij pé ij sòcolet e na baruccia ’d lan-a crua an testa, ch’an quatava ’dcò j’orije, i j’ero ’ncaminasse. A l’era pa ancora passà ’l leson a ’mbaroné la fìoca ai bòrd ëd la stra, e noi i spërfondavo fin-a ai ginoj ’ndand anans a fatiga. Ël paesagi d’antorn a l’era n’ancant, le piante a smijavo soagnà da candi pissèt, a j’ero maravìjose, ma lë sfòrs ëd tense an pé an gavava tuta la gòj, che ’d solit sto spetacol an dasìa. Ògni tant una a cascava e l’àutra a-i la butava tuta a tirela sù. An tribuland, e nen mach pòch, a la fin i j’ero rivà. Is ciamavo se a sarìa stàita premià la nòstra costansa, ël nòstr gròss sacrifissi. Speransa e paura a s’alternvao ’n nòstra ment; ’dnans a col uss artenìo squasi ’l fià e, për fesse coragi, i l’avìo tirà a quat man la cordin-a dël ciochin. A l’era sicurament pietos ël nòstr aspet, se fin-a ’l cheur dur ëd cola madama a l’era antenerisse. Guardandne con compassion a l’avìa sclamà: «Pòvre masnà!» e a l’avìa portane dnans a la stuva për ch’is suveisso ’n pòch. Poi avsinandse a ’n tirol, a tirava fòra na moneda da vint lire e antant ch’an la sporzìa , a n’arcomandava con ansistensa ’d tenla da cont. A vorìa ’dcò ofrine na tassa ’d làit càud, ma noi ringrassiand i l’avìo arfudà për la pressa ’d torné a ca. Antramentre ’l leson a l’era passà e la stra fàita pì facil, an përmettìa ’d marcé pì leste, e la contentessa che riussìo nen a conten-e an butava j’ale ai pé.

179


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.18

Pagina 180

La moneta ce l’avevo io che ero la maggiore e la tenevo ben stretta, tanto che a lungo era rimasta impressa nella mano la figura dei due cavalli rappresentata su quel venti lire. In un baleno eravamo arrivate a casa, dove la mamma che aveva già pregato tutti i Santi, ci correva incontro esclamando: «Che Dio sia lodato!» Noi ci sentivamo importanti per aver salvato la situazione di quel momento, non vedevamo l’ora che papà tornasse dal lavoro: già pregustavamo la gioia che avremmo provato nel vedere il suo sguardo stupito e finalmente rasserenato per merito nostro. Un suo bacio sarebbe poi stata la ricompensa più grande.

180


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.18

Pagina 181

La moneda i l’avìa mi ch’i j’era la pì granda e la tnìa bin ësciassa, tant che për ampess a l’era restà ’nt la man la figura dij cavaj rapresentà ’nsima a col vint lire. Ant un nen j’ero rivà a ca ’ndoa mama, ch’a l’avìa già pregà tuti ij Sant, an corìa ’ncontra sclamand: «Che Nosgnur a sìa lauda!» Noi is sentìo amportante për avèj salvà la situassion ëd col moment, vëddìo nen l’ora che papà a torneissa a ca da travajé, già i pregustavo la gòj ch’i l’avrìo provà ’nt ël vëdde sò sguard ëstupì e finalment arserenà për merit nòstr. Un sò basin a sarìa peui stàit l’arcompensa pì granda.

181


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.18

Pagina 182


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.19

Pagina 183

Ti ’t saras un grand òm


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.19

Pagina 184

Tu sarai un grande uomo

L

a manina di mio nipotino chiusa nella mia, ce ne andavamo tutte le mattine sulla riva del mare. Ridenti gli occhi del bambino ed anche i miei perché già pregustavamo la gioia delle ore che avremmo passate: il mio nipotino per i giochi con i suoi amici ed io per la soddisfazione di vederlo contento. Intanto che camminavamo, la mia mente mulinava mille idee, mille progetti per fare un castello di sabbia sempre più bello di quello del giorno precedente, aggiungendo magari una torre più imponente con qualche arcata in più. Lo sapevo che era un’impresa non da poco perché il più delle volte, sul più bello, quando l’opera era quasi finita, crollava tutto. Qualche onda del mare più invadente, era anche sovente causa di distruzione, perché se si azzardava ad avvicinarsi troppo al castello, in un nulla trascinava via tutta la nostra fatica. Allora, per evitare che Andrea si mettesse a piangere, lui che con la buona volontà dei suoi cinque anni si era dato tanto da fare per aiutarmi, con santa pazienza ricominciavo tutto dall’inizio. Quando le cose invece andavano bene, il mio nipotino e i suoi compagni battevano le mani dalla contentezza. Ma l’ora del bagno era forse il momento più bello: lasciarsi carezzare dall’acqua, godere la sua freschezza e giocare a spruzzarsi era per loro il più grande dei piaceri. Io a sentire quei gridi di gioia, quelle vocine squillanti come il cinguettare degli uccellini a primavera, mi sentivo rinascere. 184


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.19

Pagina 185

Ti ’t saras un grand òm

L

a manina ’d mè novodin sarà ’nt la mia, is n’andasìo tute le matin an riva al mar. Rijent j’euj dël cit e ’dcò ij mè përché già gustavo an anticip la gòj dle ore ch’i l’avrìo passà: mè novodin për ij gieugh con ij sò amis e mi për la sodisfassion ëd vëddlo content. Antramentre ch’i marciavo, la mia ment a mulinava mila ideje, mila proget për fé ’n castel ëd sabia semper pì bel ëd col dël di prima, magara giuntandje na tor pì imponenta con chèich archera ’d pì. I lo savìa pro ch’a l’era n’impreìsa nen da pòch përché ël pì dle vòlte, sël pì bel, quand che l’euvra a l’era squasi finìa, a drocava tut. Chèich onda dël mar pì ’nvadenta a l’era ’dcò sovens causa ’d distrussion, përché se a s’asardava a ’vzinesse tròp al castel, ant un nen a rabastava vìa tuta la nòstra fatiga. Antlora, për evité che Andrea as buteissa a pioré, chiel che con la bon-a volontà dij sò sinch ani a l’era dasse tant da fé për giuteme, con santa passiensa arcominsava tut da prinsipi. Quand che le còse andasìo bin, mè novodin e ij sò compagn a batìo le man da la contentëssa. Ma l’ora dë bagn a l’era forse ’l moment pì bel: lasesse carëssé da l’aqua, gòde la soa frescura e gieughe a sbrincesse a l’era për lor ël pì grand dij piasì. Mi a sente coj crij ’d gòj, cole vosin-e sclinte ch’a smijavo ’l gasoje dj ’oslin a primavera, im sentìa arnasse.

185


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.19

Pagina 186

Ma un triste mattino era arrivata una mamma che spingeva dolcemente uan carrozzina con il suo povero piccolo disgraziato, che poteva avere pressapoco una decina di anni. Povero bambino! Una faccina smunta, uno sguardo spento, occhi persi nel vuoto che nulla vedevano della bellezza che lo circondava. Persino il sole sembrava non osasse sfiorarlo per timore di fargli male. Stringeva proprio il cuore a guardarlo! «Perché nonna quel bimbo è così?» aveva chiesto Andrea. «È malato, ma poi guarisce.» gli avevo risposto. Un po’ tranquillizzato, il mio nipotino andava a cercare i suoi compagni per giocare, non senza però aver salutato quel bambino facendogli ciao con la manina. E così tutti i giorni lo salutava e gli sorrideva, forse sperando di vedere a sua volta un sorriso sulle labbra pallide del malatino. Era arrivato purtroppo l’ultimo giorno di vacanza. Il mio nipotino aveva salutato a malincuore uno per uno i suoi amici, poi il suo sguardo andava a quel povero bambino in carrozzina. Forse nella sua piccola mente pensava che in quel giorno non sarebbe bastato un ciao con la manina perché all’improvviso, senza il suggerimento di nessuno, gli era andato incontro di corsa, l’aveva abbracciato dandogli un bacio. Figuriamoci lo stupore di quella mamma, abituata a vedere nei riguardi del suo piccolo solo commiserazione, indifferenza e a volte vederlo addirittura schivato! Il gesto istintivo, genuino del mio nipotino l’aveva commossa profondamente e, guardandolo con tenerezza tra le lacrime che colavano abbondanti, aveva esclamato: “Tu sarai un grande uomo!”

186


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.19

Pagina 187

Ma na trista matin a l’era rivaje na mama ch’a possava dosman na carossin-a con sò pòr cit dësgrassià, ch’a podìa avèj sù për giù na desen-a d’ani. Pòvra masnà! Na facin-a patìa, në sguard dëstiss, euj perdù ’nt ël veuid che gnente a vëddìo dla blëssa ch’a lo sircondava. Fin-a ’l sol a smijava che ancaleissa nen a sfiorelo për paura ’d feje mal. A strenzìa pròpi ’l cheur a guardelo! “Përché nòna col cit a l’é parèj?” a l’avìa ciamame Andrea. “A l’é malavi, ma peui a guariss” i l’avìa risponduje. Un pòch tranquilisà, mè novodin andasìa a serché ij sò cambrada për gieughe, nen sensa però avèj salutà col cit fasendje ciao con la manina. E parèj tuti ij di a lo salutava e a-j soridìa, forse sperand ëd vëdde a soa vòlta un soris sij laver ësmòrt dël malaviòt. A l’era rivà purtròp l’ultim di ’d vacanza. Mè novodin a l’avìa salutà a malincheur un pr’ un ij sò amis, peui sò sguard andasìa a cola pòvra masnà ’nt la carossin-a. Forse ’nt la soa cita ment a pensava che col di a sarìa nen bastà un ciao con la manina përché a l’improvis, sensa che gnun a-j diseissa gnente, a l’era andaje ancontra ’d corsa e a l’avia ambrassalo dandje ’n basin. Figuromse lë stupor ëd cola mama, abituà a vëdde ’nt ij riguard ëd sò cit mach comiserassion, indiferensa e ’d vòlte vëddlo dritura schivià! Ël gest istintiv, genit ëd mè novodin a l’avìa comovula përfondament e, guardandlo con tenerëssa tra le lacrime ch’a colavo bondose, a l’avìa escalmà: “Ti ’t saras un grand òm!”.

187


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.19

Pagina 188


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.19

Pagina 189

Ël Pardis ëd j’Aquile


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.19

Pagina 190

Il Paradiso delle Aquile

l cappello da Alpino, appeso a un chiodo del muro della baita, aveva un’aria imponente, che metteva nel cuore del bimbo tanta ammirazione. Lo guardava quasi con religiosità e con un po’ con soggezione; stava per ore a rimirarlo incantato, anche perché sapeva che quello era il cappello del suo papà; e intanto immaginava episodi valorosi di guerra e marce estenuanti di alpini sui duri sentieri di montagna. Il nonno, nelle lunghe veglie invernali, quando la neve scendendo abbondante li costringeva in casa, gli raccontava che con quel cappello il suo papà era andato a cercare il paradiso delle aquile, e che tanto gli era piaciuto, che là era rimasto. Non gli aveva mai detto che invece era morto in guerra, e che gli era stata assegnata la medaglia d’oro al valor militare. Forse glielo teneva nascosto per scaramanzia, tanta era la paura che da adulto anche a suo nipote toccasse la stessa sorte; che se pure era stata una morte gloriosa, aveva lasciato nel suo cuore di padre, la disperazione. “Come ha fatto ad arrivare fin lassù?” gli domandava il bimbo. Il nonno gli rispondeva che gli alpini sono una cosa sola con la montagna, che a loro bastavano scarponi, piccozza e corda e in un battibaleno conquistano le cime più ardite. “Ma perché il cappello è rimasto qui?” domandava ancora suo nipote Tonino. “Il cappello con la piuma l’aveva in testa tuo padre, ma appena arrivato lassù, per la gioia l’aveva buttato in aria e il vento forte l’aveva riportato giù.” Gli rispondeva il nonno. Comunque il bambino si tormentava, non poteva darsi pace al

I

190


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.19

Pagina 191

Ël Pardis ëd j’Aquile

l capel da Alpin, pendù al ciò rusnent dël mur ëd la bàita, a l’avìa ’n aria imponenta, ch’a butava ’nt ël cheur dël masnà tanta amirassion. A lo guardava squasi con religiosità e con ’n pòch ëd gena; a stasìa d’ore a rimirelo ’ncantà, ’dcò përchè a savìa che col a l’era ’l capel ëd sò papà; e antant anmaginava assion valorose ’d guèra e marce stracante dj ’alpin sij senté dur ëd montagna. Sò nòno ’nt le lunghe vijà anvërnaj, quand che la fìòca caland bondosa a-j tapava ’ntëcà, a-j contava che con col capel sò papà a l’era ’ndait a serché ’l paradìs ëd j’àquile, e che tant a l’era piasuje ch’a l’era restà lassù. A l’avìa mai dije che a l’era nopà mòrt an guèra, e che l’avìa fina vagnà la midaja d’òr al valor militar. Forse a-j lo tnìa scondù squasi për scaramansìa, për paura che da grand a sò novod a-j tocheissa la midema sòrt, combin ch’a fussa stàita na mòrt gloriosa, ma a l’avìa lassà an sò cheur ëd pare, la disperassion. “Coma ch’a l’ha fàit a rivé fin-a-lassù?” a-j ciamava ’l cit. Nòno a-j rispondìa che j’ alpin a son na còsa sola con la montagna, che a lor a-j basto scarpon, picòssa e còrda e ’nt un nen a conquisto le sime pì aute. “Ma përché ël capel a l’é restà belessì?” a-j ciamava ancora sò novodin Tonin. “Ël capel con la piuma a l’avìa pro ’n testa, ma na vòlta rivà lassù, për la contentëssa a l’ha campalo ’n aria e ’l vent fòrt a l’ha arportalo giù” a-j respondìa ‘l nòno. Tant tutun ’l cit as tormentava, a podìa nen desse pas che ’l paradìs

Ë

191


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.19

Pagina 192

pensiero che il paradiso delle aquile fosse più bello del paesino dove lui viveva. Le poche baite affondate nel verde, con dinnanzi distese di prati fioriti e lo sfondo di montagne ardite con bianchi immensi ghiacciai, che l’alba colorava di rosa, facevano quel posto, il più bello del mondo. “Perché allora il suo papà l’aveva abbandonato lasciando tutto solo anche lui?”. Era questa, una domanda senza risposta che lo faceva molto soffrire. Gli anni passavano in fretta e Tonino era cresciuto, ma si sentiva sempre più solo e malinconico, specialmente ora che il nonno era partito per un viaggio senza ritorno. Quel suo tormento profondo gli aveva fatto prendere una decisione.Un mattino presto, staccato il cappello da Alpino dal chiodo, se lo metteva in testa e con scarponi, piccozza e corda partiva alla conquista del paradiso delle aquile. Arrampicandosi non avvertiva la stanchezza, tanto era forte il desiderio di arrivare. Era una cosa sola con la montagna e, in quel silenzio, sentiva battere forte il cuore. All’improvviso, un’aquila aveva incominciato a girargli intorno, proiettando l’ombra gigantesca delle sue ali, sui lastroni bruciati dal sole, e sembrava incitarlo ad arrampicarsi sempre più su. Incantato dallo spettacolo insolito, Tonino si avvicinanava troppo a uno spuntone di roccia e la piuma del suo cappello, impigliata, si staccava e volava via. “Come avrebbe fatto a presentarsi lassù con il cappello mutilato!” Disperato guardava l’aquila quasi a chiederle aiuto, ed essa, strappando con il becco poderoso una sua piuma, la buttava nell’aria. Tonino, allungandosi per prenderla perdeva l’equilibrio, ma anziché cadere si sentiva leggero, leggero e incominciava a volare... Sicuramente sarà arrivato lassù, tra le braccia del padre, a saziare la sua sete di spazi e d’infinito nel paradiso delle aquile, portando in trionfo “il cappello da Alpino”. 192


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.19

Pagina 193

ëd j’àquile a fussa pì bel che ‘l paisòt andoa chiel a vivìa. Le pòche bàite nijà ’nt ël verd con dëdnans na dësteisa ëd pra fiorì, lë sfond ëd montagne ardìe con ij bianch, immens giassè, che l’alba a colorava ’d reusa, a fasìo col pòst, ël pì bel dël mond. “Përché alora sò papà a l’avìa bandonalo lassand tut sol ëdcò chiel?” A l’era, costa, na domanda sensa rispòsta ch’a lo fasìa seufre motobin. J’ani a passavo an pressa e Tonin a l’era diventà grand, ma as sentìa sempre pì sol e malincònich, da quand che ’dcò sò nòno a l’era partisne për un viagi sensa artorn. Sò torment ancreus a l’avìa faje pijé na decision. Na matin bonora, dëstacà dal ciò ’l capel da Alpin, a slo calava ’n testa e con scarpon, picòssa e còrda a l’era partì a la conquista dël paradis ëd j’àquile. Antramentre ch’a rampiava a sentìa gnanca la fatiga, përché tròp fòrta a l’era l’anvìa ’d rivé. Chiel e la montagna a j’ero na còsa sola e an col silensi përfond a sentìa bate fòrt sò cheur. A l’improvis, un’àquila a l’avìa cominsà a gireje dantorn projetand l’ombra ’d soe ale strasordinarie sij lastron brusà dal sol, e a smijava cisselo a rampié sempre pì sù. Ancantà da lë spetacol fòravìa, Tonin a s’avzinava tròp a lë sponton d’un ròch e la piuma ‘d sò capel, antrapandse, as dëstacava e as na volava vìa. “Coma ch’a l’avrìa fàit a presentesse lassù con ël capel mutilà!” Tut sagrinà a guardava l’àquila squasi a ciameje agiut e chila, s-ciancà con sò bech poderos na soa piuma, a la campava ’nt l’aria. Tonin a së slongava për ciapela e a perdìa l’echilibri, ma nopà ’d casché as sentìa leger, leger e a cominsava a volé... Sicurament a sarà rivà lassù, ’nt ij brass ëd sò papà, a pasié soa sej dë spassi e d’infinì ’n col paradis ëd j’aquile, portand an trionf “ël capel da Alpin”.

193


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.19

Pagina 194


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.20

Pagina 195

Ël trenin ëd l’amor


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.20

Pagina 196

Il trenino dell’amore

l calar del sole gli gnomi della montagna si trovavano sempre ai piedi di una pianta secolare, in quel bosco fitto di ombre misteriose. Lì giocavano, scherzavano e poi discutevano su tutto quello che era successo durante la giornata. e cercavano di trovare la soluzione dei problemi loro e di quelli della gente della vallata. Quella sera avevano iniziato a parlare con animazione, e le facce tristi rivelavano preoccupazioni serie. Persino il più vecchio della compagnia, che chiamavano “il Saggio”, camminava in lungo e in largo senza mai fermarsi, tormentandosi continuamente la lunga barba bianca. La settimana precedente avevano conosciuto un bimbo di Torino, Paolin, venuto con i suoi compagni in gita scolastica, ad ammirare con loro e con le maestre le meraviglie della Val Soana. Quel ragazzo si era subito innamorato della montagna e si sarebbe fermato lì per sempre, tanto più che aveva conosciuto loro, gli gnomi, che l’avevano deliziato con fantastici racconti. Gli avrebbe fatto bene respirare quell’aria pura: era tanto delicato e quella faccina pallida avrebbe ripreso un po’ di colore, ma purtroppo la sua casa era a Torino. Appena giunto in città aveva scritto una lettera, che rivelava tutto il suo rimpianto per quei luoghi splendidi, ma ciò che amareggiava soprattutto gli gnomi era quel saluto finale che diceva: − Chissà se potrò ancora venire a trovarvi... – Come avrebbero fatto loro, poveri personaggi del bosco, a trovare il modo per far ritornare quel ragazzo tanto simpatico? Desideravano tutti la compagnia di Paolin, e per questo motivo erano ben

A

196


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.20

Pagina 197

Ël trenin ëd l’amor

calé dël sol ij faunèt ëd montagna as trovavo sempe al caus ëd na pianta secolar, an col bòsch satì d’ombre misteriose. Lì a gieugavo, a facessiavo, e peui a dëscuttìo su tut lòn ch’a l’era capità durand la giornà, e a sercavo ’d trové la solussion për ij problema sò, e coj dla gent ëd la valada. Cola sèira a l’avìo cominsà a parlé tuti farà, e le face nèche arvelavo fastudi motobin seri. Fin-a ’l pì vej dla companìa, ch’a ciamavo “ël Savi”, a marciava an lungh e an largh sensa mai fërmesse, tormentand-se continuament la lunga barba bianca. La sman-a prima a l’avìo conossù un cit ëd Turin, Paolin, vnù con ij compagn an gira scolastica, a vëdde con lor e le magistre le maravije dla Val Soana. Col bòcia a l’era subit annamorasse dla montagna, e a sarìa bele fërmasse lì për sempe, tant pì ch’a l’avìa conossù lor, ij faunèt, ch’a l’avìo delissialo con fantastiche conte. A l’avrìa faje bin respiré col’aria pura, a l’era tant dlicà e cola facin-a smòrta a l’avrìa pijà ’n pòch ëd color, ma purtròp soa ca a l’era a Turin. Apen-a rivà an sità a l’avìa mandà na litra, ch’a arvelava tut sò regret për coj pòst ësplendit, ma lon ch’a sagrinava dzortut ij faunèt a l’era col salut final, ch’a disìa: − Chi lo sa se podrai ancora vnì a troveve...– Coma ch’a l’avrìo fàit lor, pòvri personagi dël bòsch, a fè an manera che col bòcia tant simpatich a podèissa artonè? A sustavo ’dcò lor la companìa ’d Paolin, e për lòn a j’ero bin antensionà ’d

A

197


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.20

Pagina 198

intenzionati a trovare una soluzione, che avrebbe realizzato il loro desiderio. “Il Saggio” di solito aveva delle idee luminose e anche questa volta, dopo aver pensato e ripensato, all’improvviso gli era venuto in mente di andare a trovare la Fata Benefica, che di sicuro gli avrebbe dato un buon consiglio. Infatti, il giorno successivo, radunati gli gnomi ai piedi della pianta, mostrava loro il progetto suggerito dal cuore generoso della Fata. Avrebbero dovuto costruire una grossa macchina “carèt-a-feu” con vagoni, carrozze per i viaggiatori dotate di ruote, messe appositamente perché correndo su guide di ferro, chiamate rotaie, potessero mandare avanti il tutto, senza bisogno del tiro dei cavalli. Sotto la direzione del “Saggio”, che con il progetto in mano impartiva gli ordini, gli gnomi si erano dati subito da fare, senza mai fermarsi. Quel congegno avrebbe portato sù, Paolin da loro, e a quel pensiero le forze di ognuno si raddoppiavano, non sentivano neppure più la stanchezza. Qualcuno addirittura si dimenticava di mangiare, tanto era grande il desiderio di finire in fretta. L’impresa, sebbene fosse complessa, non era tuttavia impossibile, perché tra di loro vi erano degli ingegneri validi e poi, con la collaborazione di Fata Benefica, non c’era nulla da temere. Giorno dopo giorno, senza mai smettere di lavorare, l’opera grandiosa era giunta a compimento. Bello, agghindato a festa, il trenino che avrebbe collegato Torino con i paesi di montagna era pronto, e si presentava con un fischio acuto da richiamare tutta la gente. Gli gnomi lo guardavano incantati con gli occhi lucidi dalla commozione, e si sentivano orgogliosi di essere loro gli artefici di tanta meraviglia. Il giorno dell’inaugurazione, il suono delle campane e delle fanfare annunziava l’avvenimento straordinario. La popolazione sembrava ammattita dalla gioia e tra bandiere, fiori e canti festosi, era tutto un tripudio. 198


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.20

Pagina 199

trové na quadra për realisé sto desideri. “Ël Savi” ’d sòlit a l’avìa d’ideje luminose e ’dcò sta vòlta, dòp avèj pensà e arpensà, ’d bòt an blan a l’era vnuje an ment d’andé a trovè la Faja Benefica, ch’a l’avrìa daje ’d sicur un bon consej. An efet, ël di apress, radunà ij faunèt al caus ëd la pianta, a-j fasìa vëdde ’l proget sugerì dal cheur generos ëd la Faja. A l’avrìo dovù costrue na gròssa màchina “carèt-a-feu” con vagon, caròsse për ij viagiator dotà ’d tante roe, butà a pòsta përchè corend an sle guide ’d fer, ciamà rotaje, a podèissa mandè avanti ël tut, sensa lë bzògn dël tir dij cavaj. Sota la diression dël “Savi” che con ël proget an man a dasìa j’ordin, ij faunèt a j’ero dasse subit da fé, sensa mai fërmesse. Col angign a l’avrìa portà su Paolin da lor, e a col pensé le fòrse a s’ardobiavo, a sentìo gnanca pì la strachità. Quajdun dritura as dësmentiava fin-a d’andé a mangé, tant ch’a l’era granda la veuja ’d finì ’m pressa. L’imprèisa, combin ch’a fussa complicà, a smjava nen impossibil, përchè tra ’d lor a-j’ero d’ingegnè an gamba e peui, con la colaborassion ëd la Faja benefica, a-j’era pròpi nen da avèj paura. Un di dòp l’autr, sensa mai chité ’n moment ëd travajé, l’euvra grandiosa a l’era rivà a la fin. Bel, ghindà da festa ël trenin ch’a l’avrìa podù unì Turin con ij pais ëd montagna a l’era bele pront, e as presentava con un subi fòrt da arciamé tuta la gent. Ij Faunèt a lo guardavo ’ncantà con j’euj lucid da la comossion, as sentìo orgojos d’esse lor j’autor ëd tanta maravija. Ël di dl’inaugurassion, l’arson ëd le ciòche e dle fanfare a nunsiava l’aveniment strasordinari. La popolassion a smjava diventà mata da la contentëssa e tra bandiere, fior e cant festos, a l’era tut n’argiojì.

199


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.20

Pagina 200

Solo qualcuno guardava con diffidenza perché Giaco, lo scemo del paese, aveva diffuso la notizia che quella era una macchina infernale inventata dal diavolo. Loro creduloni, appena sentito quel fischio acuto, presi dallo spavento erano scappati a rifugiarsi in cantina. Ma poi, con il passare del tempo avevano capito che Giaco era solo un racconta frottole. Quel primo trenino che correva sulle rotaie segnava l’inizio di un’epoca storica, che apriva la strada a tanti altri treni sempre più grandi, più perfezionati dall’ingegno dell’uomo. Treni che sarebbero arrivati fino alle più alte montagne portando tanti viaggiatori a vedere, finalmente da vicino, il fantastico mondo delle aquile dei camosci e degli stambecchi. E lassù, dove il cielo è più azzurro, sentire quel misterioso silenzio fatto delle mille voci della natura, dei bisbigli dello scorrere delle acque di torrenti e cascate. Godere quel profondo silenzio, che neppure il rumore sordo della neve che cade dai ghiacciai, o il grido del falco può contaminare. Tutti avrebbero potuto vedere le baite tra ciuffi d’artemisia e rododendri, e nella sinfonia di profumi e colori sentire in cuore la dolcezza infinita, la commozione che inumidisce gli occhi, e che come una nota divina fa vibrare nell’anima sensazioni di bontà. Dinnanzi a quel paradiso, avrebbero capito perché ai montanari piange il cuore, quando per motivi di lavoro devono abbandonare quei posti magici. Adesso quei “carèt-a-feu”, più o meno grandi avvolti da nuvole di vapore, avrebbero portato benessere e gioia di vivere, ma ben pochi sapevano, e neppure ora sanno, che tutto era successo per merito del gran cuore degli gnomi che volevano il bene di Paolin. Per lui avevano affrontato i più duri sacrifici, spinti dal desiderio forte di dargli la possibilità di arrivare in montagna, dove avrebbe trovato salute e gioia. La Fata Benefica si era molto commossa dinnanzi a tanta generosità, li aveva aiutati a terminare l’opera per poi battezzarla: “Il trenino dell’amore”. 200


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.20

Pagina 201

Mach quajdun a guardava con difidensa përchè Giaco, ël fabiòch dël pais, a l’avìa spantià la vos che cola a l’era na màchina infernal anventà dal diav. Lor bonomeri, apen-a a l’avìo sentula subié, pijà da lë spavent a l’ero scapà a stërmesse an cròta. Ma peuj, con ël passé dël temp, a l’avìò capì che Giaco a l’era mach un conta cuche. Col prim trenin ch’a corìa sle rotaje a marcava l’inissi ’d n’epoca stòrica, ch’a duertava la stra a tanti àutri treno sempe pì gròss, pì përfessionà da l’ingegn ëd l’òm. Treno ch’a sarìo rivà fin-a a le pì aute montagne portand tanti viagiator a vëdde, finalment da davzin, ël fantastich mond ëd j’aquile, dij camos, djë stambech. E lassù, andoa ’l cel a l’è pì asur, sente col misterios silensi fàit ëd le mila vos ëd la natura, dij bësbij dlë score dj’eve dij torent e dle cascade. Sente col përfond silensi, che gnanca ’l crep sord ëd la fiòca ch’a casca dai giassè, ò ’l crij d’un falchèt a peul antamné. Tuti a l’avrìo podù godè la vista dle bàite tra bron d’artemisia e rododendri, e ant la sinfonìa ’d përfum e color sente an cheur cola dosseur anfinìa, cola comossion ch’a inumidis j’euj, e che, come na nòta divina, a fa vibré ’nt l’anima sensassion ëd bontà. Dnans a col paradis, a l’avrìo podù capì përché ai montagnìn a-j sagna ’l cheur quand për motiv ëd travaj a devo bandoné coj pòst magich. Adess coj “càret-a-feu”, pì o meno gròss anvlupà da nìvole ’d vapor, a l’avrìo portà bondansa e un bel vive, ma ben pòchi a savìo, e gnanca adess a san, che tut a l’era capità për merit dël gran cheur dij faunèt ch’a vorìo ’l bin ëd Paolin. Për chiel a l’avìo afrontà ij pì dur sacrifissi, cissà dal dësideri fòrt ëd deje la possibilità ëd rivé an montagna, andoa a l’avrìa artrovà salute e gòj. La Faja Benefica a l’era comovusse ’dnans a tanta generosità, a l’avìa giutaje a finì l’euvra për peui batzela: “Ël trenin ëd l’amor”.

201


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.20

Pagina 202


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.21

Arconessensa

Pagina 203


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.21

Pagina 204

Riconoscenza

muri vuoti di presenze in quella povera casupola di montagna trasudano ricordi del passato. E sebbene in quelle stanze risuonasse solo il rumore degli zoccoli di Pero, tuttavia lui non si sentiva solo. Gli bastava sedersi davanti al caminetto, guardare la fiamma, ascoltare il suo crepitare per sentirsi in compagnia. Le crepe dei mattoni gli sembravano orecchi aperti pronti ad ascoltarlo, a cogliere i suoi sfoghi di malumore o la gioia nei momenti di fortuna. Anche quella sera, arrivato a casa tutto contento, si era messo a raccontare la sua bella avventura. Diceva che non aveva saputo resistere alla bianca offerta dei ghiacciai e che le guglie trasparenti di quelle montagne avevano vestito di ardore la sua sete di conquista. E cosÏ, in cordata con i suoi compagni, era arrivato sulla cima piÚ alta e lassÚ aveva piantato la bandiera piemontese. Non smetteva mai di parlare, di descrivere le emozioni provate nel trovarsi a due passi dal paradiso, in mezzo a quella natura incontaminata, in quel mondo di pace dove solo la voce del vento si sente. Parlava, parlava e preso dall’entusiasmo quasi gridava. Poi aveva dato uno sguardo riconoscente alla Madonna del quadro, e ringraziandola per la sua protezione si era addormentato sul pagliericcio, stanco morto. Nella notte la neve era scesa abbondante senza tregua e la tormenta soffiava forte. Verso le due dopo la mezzanotte, un raspare ai vetri aveva fatto sobbalzare Pero, che con stupore vedeva vicino alla finestra un bel camoscio, che sembrava cercare qualcosa.

I

204


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.21

Pagina 205

Arconessensa

e muraje veuide ’d presense ’d col pòver ciabòt ëd montagna a strassudavo arcòrd dël passà. E, combin che an cole stansie arsonèissa mach pì ’l rumor dij sòcoj ’d Pero, tutun chiel as sentìa nen sol. A-j bastava setesse dëdnans al fornel, vardè la fiamma, scotè sò s-ciuplì, për sentisse an companìa. Le chërpure dij mon a jë smijavo orije duverte pronte a scotelo, a cheuje ij sò sfògh ëd malumor o la soa gòj ’nt ij moment ëd boneur. ’Dcò cola sèira, rivà ’ntëcà tut content, a l’era butasse a contè la soa bela aventura. A disìa che a l’avìa nen savù arsiste a la bianca oferta dij giassè e che le guje trasparente ’d cole montagne a l’avìo vestì d’ardor la soa sej ’d conquista. E parèj, an cordà con ij sò compagn, a l’era rivà sla sima pì àuta e lassù a l’avìa piantà ’l drapò piemontèis. A chitava pì nen ëd parlè, ëd dëscrive la fòrta emossion provà a trovesse a doi pass dal paradis, antrames a cola natura nen antammà da l’om, an col mond ëd pas andoa mach la vos dël vent as sent. A parlava, parlava pijà da la fòga squasi a crijava. Peui a l’avìa daje në sguard arconessent a la Madòna dël quàder, e ringrassiandla për la soa protession a l’era lassasse andè sël pajon, strach mòrt. Ant la neuit la fìòca a l’era calà bondosa sensa arlass e la tormenta a sofiava bin fòrt. Vers doi bòt dòp mesaneuit, un fërfojè tacà ai vèder a l’avìa fàit fè n’arsaut a Pero, che con ëstupor a vëddìa vzin a la fnestra ’n bel camos, ch’a smijava serché cheicòsa.

L

205


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.21

Pagina 206

− Forse avrà fame – pensava, e tosto che era uscito a porgergli una bracciata di fieno. Subito il camoscio aveva cercato di scappare, ma fatto audace dalla gran fame si era avvicinato e aveva mangiato in un baleno tutto il fieno, per poi fuggire di corsa. La cosa si ripeteva due volte la settimana e Fiochèt – così l’aveva battezzato Pero in ricordo della nevicata di quella notte – aveva preso confidenza ed era diventato suo amico. Pero lo accarezzava, gli parlava raccontando tutto ciò che succedeva. Tra le altre cose gli diceva che si stava preparando per la gara di “Sci di fondo”, che era per lui lo sport più bello. In effetti, oltre a permettergli di misurare la sua resistenza, questo sport gli dava la possibilità di immergersi in mezzo alla natura, di riempirsi gli occhi di paesaggi spettacolari – pinete cascate pietraie – e di respirare profondamente il profumo selvatico della montagna. Il camoscio ascoltava e lo guardava con due occhi luminosi dandogli l’impressione di aver capito tutto. Per nulla al mondo Pero avrebbe rinunciato ad iscriversi a quella gara, tanto più che si era sempre classificato bene. Mancava solo un giorno alla competizione, ma disgrazia volle che, scendendo dal fienile con una bracciata di fieno per Fiochèt, la scala si rompesse e lui cadendo si slogasse una caviglia. E adesso come avrebbe fatto? Il dolore era forte, ma il desiderio di partecipare era più forte ancora, tanto più che questa volta ci sarebbero stati i campioni più famosi. Così, il mattino della gara si era presentato, pronto a sfidare la malasorte. Che fatica! Tutti gli passavano davanti, ma lui, nonostante l’impegno e la determinazione, non poteva fare proprio di più. Quasi gli veniva da piangere, ma strozzava in gola le lacrime per non lasciar trapelare la debolezza. Intanto che la disperazione lo riprendeva sempre di più, all’improvviso vide in mezzo alla pineta apparire Fiochèt con due occhi luminosi come stelle. 206


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.21

Pagina 207

– Forse a l’avìa fam – a pensava Pero e tòst a l’era surtì për spòrzje na brassà ëd fen. Tut subit ël camos a l’avìa sercà dë scapè, ma fàit ardì da la sgheusia a l’era avzinasse e a l’avìa mangià ’nt un nen tut ël fen, për peui sparì ’d corsa. La còsa as arpetìa doe vòlte a la sman-a e Fiochèt – parej l’avìa batesalo Pero an arcòrd dla fiocada ’d cola neuit – a l’avìa pijà confidensa e a l’era diventà sò amis. Pero a lo caressava, a-j parlava contandje tut lon ch’a capitava. Tra l’àutr a-j disìa ch’as preparava për la gara dlë “schi da fond”, ch’a l’era për chiel lë spòrt pì bel. An efet oltra a përmëttje ’d misurè la soa resistensa, cost ëspòrt a-j dasìa la possibilità ’d fonghesse trames a la natura, ampìnisse j’euj ’d paesagi spetacolar – pinere cascade rochere – e respirè përfond ël përfum servaj dla montagna. Ël camos a scotava e a lo guardava con doi euj lumìnos, da deje l’impression ch’a l’avèissa capì tut. Për gnun sòld al mond Pero a l’avrìa arnunsià a marchesse a la gara, tant pì ch’a l’era sempre piassasse bin. A mancava mach pì ’n di a la competission, ma dësgrassia a veul ,che caland da la travà con na brassà ’d fen për Fiochèt, la scala as rompeìssa e chiel cascand as dëslogèisa na cavija. E adess coma ch’a l’avrìa fàit? Ël dolor a l’era fòrt, ma la veuja ’d partessipè a l’era pì fòrta ancora, tant pì che stavolta a-i sarìo staje ij campion pì famos. Parèj la matin ëd la gara a l’era presentasse, pront a sfidè sò maleur. Che fatiga! Tuti a-j passavo dnans, ma chiel, combin ch’a-j la butèissa tuta, a podija pròpi nen fè ’d pì. Squasi a jë vnisìa da piorè, ma stensìa drinta le lerme për nen mostrè debolëssa. Antant che la disperassion as fasìa sempre pì stra, a l’improvis a vëddìa, trames a la pinera, comparì Fiochèt con doi euj luminòs come stèile.

207


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.21

Pagina 208

Gli sembrava di sognare, ma si convinse della realtà quando il camoscio gli si avvicinò invintandolo ad attacarsi al le sue briglie, per trainarlo e farlo passare davanti a tutti. Per i compagni di gara era una cosa da non credere, lo guardavano incantati gridando: − Hai messo le ali? – Stupito Pero che gli altri non vedessero il camoscio, aveva capito che Fiochèt non apparteneva al branco degli animali della sua razza. Era sicuramente il famoso mago benefico della montagna, come gli raccontava la buonanima di suo nonno nelle lunghe veglie invernali accanto al camino. Era quel mago che andava sempre alla ricerca di persone di buon cuore per chiedere loro qualche favore, che poi ricompensava largamente. Aveva proprio ragione il nonno a dirgli che chi fa del bene non ha mai a pentirsene. Pero si era classificato al primo posto e mentre alzava trionfante la coppa verso il cielo, scorgeva tra le nuvole la sagoma del camoscio Fiochèt e a lui, con commozione e riconoscenza, offriva la sua vittoria.

208


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.21

Pagina 209

A jë sminava ’d sogné, ma l’era convinciusse dla realtà quand ël camos, avzinandse, a lo anvitava a tachesse a le brile ch’a l’avìa a còl, e peui a cominsava a rablelo an manera ’d felo passè dëdnans a tuti. Për ij compagn ëd la gara a l’era na còsa da nen chërde, a lo guardavo ’ncantà e a crijavo: − It l’has butà j’ale? – Stupì Pero che j’àutri a vëddèisso nen ël camos, a l’avìa capì che Fiochèt a fasìa nen part dlë strop dle bestie dla soa rassa. A l’era ’d sicur ël famos mago benefich dla montagna, coma ch’a-j contava bonanima ’d sò nòno ’nt le longhe vijà anvernaj aranda al fornel. A l’era col mago che andasìa sempre a l’arsërca ’d përson-e ëd bon cheur për ciameje chèich piasì, che peui arcompensava largament. A l’avìa pròpi rason sò nòno a dije che a fè del bin, un a l’ha mai da pentisse. Tut content Pero a l’era piassasse al prim pòst, e antramentre ch’a àusava trionfant la copa vers ë cel, a vëddìa trames a le nìvole la sagoma dël camos Fiochèt e, a chiel, con comossion e arconossensa, a ofrìa la soa vitòria.

209


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.21

Pagina 210


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.22

Pagina 211

Tonin ĂŤl naneto


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.22

Pagina 212

Tonin il nanetto

on era più alto di un soldo di cacio e per questo i suoi compagni, con la crudeltà tipica dei bambini che non hanno giudizio, l’avevano battezzato con il nomignolo di “Tonin il nanetto”. Per quel povero ragazzo stare con loro era diventato un martirio, di sicuro un brutto vivere. Per fortuna accanto alla sua casupola c’era un bosco meraviglioso e solo lì, poteva trovare un po’ di pace e cogliere la carezza della frescura. Andava sovente e s’incantava nell’ammirare le mille sfumature del verde delle foglie, i mille fiori straordinari per forma e colore, lo svolazzare delle ali arabescate delle farfalle. Gli piaceva ascoltare la voce del vento, che giocando tra i rami delle piante creava delle note speciali che armonizzate a quelle del canto degli uccelli, formavano un concerto melodioso. Rimaneva incantato quando un raggio di sole, filtrando dai rami fitti delle foglie, sembrava frantumare la sua luce in una pioggia di stelle. Tutte sensazioni di una pace paradisiaca che lo avvolgevano. Senza contare poi, della gioia che gli davano le creature del bosco, dalle più piccole alle più grandi. Tutte le conosceva e con tutte aveva confidenza. Più di una volta si era presentata l’occasione di doverle aiutare e sempre l’aveva fatto volentieri. Anche quel leprottino che aveva salvato dalla tagliola, gli correva sempre incontro con il suo codino dritto e, quasi a ringraziarlo, gli salterellava d’intorno.

N

212


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.22

Pagina 213

Tonin ël naneto

l’era nen pì grand d’un sòld ëd toma e për lòn ij sò compagn, con crudeltà tipica dij masnà ch’a l’han pa giudissi, a l’aviò batzalo con lë stranòm ëd: “ Tonin ël naneto”. Për col pòr cit sté con lor a l’era diventà ’n martiri e ‘d sicur un brut vive. Për boneur aranda sò ciabòt a-i’era un bòsch meravijos e mach lì a podìa trové un pò ‘d pas e cheuje la carëssa dla frëscura dël frissoné dle piante. Andasìa sovens e a s’ancantava ’ant ël armiré le mila noanse dël verd ëd le feuje, la mila fior strasordinarie për forma e color, lë svolasse dj’ale arabescà dle farfalle. A-j piasìa scoté la vos dël vent, che an giugand tra ij ram ëd le piante a creava ëd nòte speciaj che armonisà con cole dj’oslin a formavo un concert melodios. A restava ambajà quand un ragg ëd sol, filtrand trames ai ram ës-ciass ëd le feuje, a smijava sfrisé soa lus ant una pieuva dë stèile. Tute misteriose sensassion ëd na pas paradisiaca ch’a l’anvlupava. Sensa conté peui, dla gòj ch’a-j dasìo le creature dël bòsch da le pì cite a le pi gròsse. Tute a-j conossìa e con tute a l’avìa confidenza. Pi ‘d vòlta a l’era presentasse l’ocasion ëd doveje giuté e sempe a l’avìa falo volenté. Ëdcò col levrotin ch’a l’avìa salvà da la tajòla, a-j corìa sempe ancontra con sò coetin drit e, squasi a ringrassielo, a-j sautërlava dantorn.

A

213


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.22

Pagina 214

Un giorno Tonin tornando da pascolare le pecore, si era imbattuto nei soliti monelli, che come sempre l’avevano beffeggiato chiamandolo “Nanetto”. Che brutta vita la sua! Angosciato era scappato e senza neppure entrare nella sua casupola, era andato direttamente verso il bosco. Era tanto forte il suo dispiacere, che non avvertiva neppure lo stimolo della fame, comunque al bisogno, avrebbe potuto ricorrere a quel torso di pane, che aveva nella tasca, per mangiarlo con le fragoline trovate lungo il sentiero. Una pianta secolare lo aspettava come sempre e lo invitava a distendersi sulle sue radici, che aveva preparato per lui disponendole a mo’ di culla. Anche le foglie avevano fatto la loro parte posandosi abbondanti per formare un morbido cuscino. Tonin anche questa volta si era lasciato andare e, confortato da tanta benevolenza, si era calmato finalmente e chiuse le palpebre pian piano si addormentava. Ma all’improvviso, una splendida Fata vestita d’oro e d’argento, con la sua bacchetta magica apriva una grande porta nel tronco della pianta. Agli occhi di Tonin svegliato di botto dallo splendore, appariva uno scalone di marmo bianco che lo portava in un palazzo talmente bello, che al mondo non ne esisteva uno uguale. Al cenno della Fata, i fauni si mettevano a suonare le trombe e da ogni parte i battimani festosi erano tutti indirizzati a Tonin. Poi lo accompagnavano in un suntuoso salone, per farlo accomodare al posto d’onore a una tavola imbandita da ogni qualità di pietanze e dolci prelibati. Tonin, frastornato da tanto sfarzo, non sapeva più proferire parola.

214


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.22

Pagina 215

Un di Tonin tornand da pasturé le feje, a l’era ambatusse ant ij sòlit bòcia balòss, che come sempe a l’avìo pijalo an gir ciamandlo “Naneto”. Che bruta vita la soa! Angossà a l’era scapà e sensa gnanca intré a sò ciabòt a l’era andasne drit vers ël bòsch. Tant ch’a l’era sagrinà, a sentìa gnanca pì lë stimol ëd la fam, contut che a lë bzògn, a l’avrìa peui podù tirè fòra dal fond dla sacòcia, col crostion ëd pan, për mangelo con ij frolin ch’as trovavo arlongh dël senté. Na pianta secolar a lo spetava come sempe e a lo anvitava a dëstendse an sle soe radis, ch’a l’avìa preparà për chiel dësponendije a meu ëd cun-a. Le feuje ‘dcò a l’avìo fàit la soa part posandse bondose për fé da còti cussin. Tonin ëdcò stavòlta a l’era lassase andé e, confortà da tanta benevolensa, a l’era finalment pasiasse e sarà le parpeile pian pian a s’andurmìa. Ma a l’improvis, na splendida Faja vestìa d’òr e d’argent con soa bachëtta magica a durbìa na gran pòrta ‘nt ël bion ëd la pianta. A j’euj ‘d Tonin, tut subit dësvijà da lë splendor, a comparìa në scalon ëd marmo bianch ch’a la portava ‘nt un palass mai vist al mond un ugual, tant ch’a l’era bel. Al comand ëd la Faja, tanti faunèt a tacavo a soné le trombe e da ògni part ij batiman festos a j’ero tuti për Tonin. Peui a lo compagnavo ‘nt un salon për felo seté al pòst d’onor a na taula pronta d’ògni sòrt ëd pitanse e’d doss delissios. Tonin, tut frasturnà trames a tant spatuss, a savìa pi nen còs di.

215


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.22

Pagina 216

Alla fine il capo dei fauni si alzava e, con una pergamena in mano, iniziava a leggere con una voce potente per dare più importanza alla comunicazione. Tra il silenzio e l’attenzione generale, risuonava il proclama: Il popolo dei fauni, per l’amore dimostrato al bosco, nostra piccola Patria, per consolarti delle pene causate da un mondo poco generoso, per il tuo animo magnanimo verso le nostre creature, ti proclama “Tonin Re del bosco”. Commosso fino alle lacrime, Tonin ringraziava e da quel giorno ha finalmente capito che conta ben poco la statura per un uomo. La vera grandezza è solo quella di possedere un grande cuore generoso.

216


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.22

Pagina 217

A la fin, ël cap dij faunèt a s’ausava an pè, con na përgamen-a an man, e a tacava a lese con na vos bin potenta për dé pì amportansa a la comunicassion. Tra ’l silensi e l’atension general, arsonava ël proclama: Ël pòpol dij faunèt, për l’amor dimostrà al bòsch, nòstra Patria cita, për consolete dle pen-e causà da’n mond pòch generos, për tò anim magnanim vers le nòstre creature, at proclama: “Tonin Re dël bòsch” Comòs fin-a a pioré, Tonin a ringrassiava e da col di a l’ha finalment capì che a conta bin pòch la statura dl’òm. La vera grandëssa a l’é mach cola d’avèj un gran cheur generos.

217


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.22

Pagina 218


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 219

Cit paradis an tèra


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 220

Piccoli paradisi in terra

li gnomi della pineta avevano dato fiato alle trombe per svegliare la fata “Primavera”, che ancora dormiva nel suo castello, lassù sulla montagna. Richiamata da quel suono, la fata apriva gli occhi assonnati e, abbagliata dal sole luminoso di marzo, si alzava e usciva a rispondere all’invito degli gnomi. In un attimo con la bacchetta magica vestiva le rive e le piante di ogni specie di fiori dai colori più svariati. La terra diventava tutta un giardino e le creature della pineta e del bosco non riuscivano a contenere la gioia, che lo splendore della natura regalava. Dalla cascina “Grossa”, i due gemellini Miclin e Paolin, arrivavano anche loro per prendere parte a tanta contentezza. Lo scoiattolo “Svicc” si era affacciato dal buco del suo nido e, come una saetta, era sceso dalla pianta a dondolare la sua folta coda. Da ogni angolo saltavano fuori: conigli selvatici, volpi, lepri, capretti e tante altre bestiole e, tutte insieme, si lanciavano in un ballo sfrenato. Il coro degli uccelli faceva da sottofondo alla danza. Persino i camosci e gli stambecchi erano presenti, mentre in cielo l’aquila sottolineava l’importanza di questo avvenimento con larghi voli solenni. Per lungo tempo la montagna fu il regno della felicità. Purtroppo la strega “Malefica”, già stava preparando la mistura velenosa per distruggere tutte le cose belle create dalla fata “Primavera”. Una notte, aveva mandato un vento rabbioso e gelido, che in un attimo aveva cambiato l’aspetto della natura: fiori

G

220


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 221

Cit paradis an tèra

j faunèt ëd la pinera a l’avìo dàit fià a le trombe për dësvijé la faja “Primavera”, che ancora a durmìa an sò castel, lassù sla montagna. Arciamà da col son, la faja a duertava j’euj ansugnochì e, sbalucà dal sol luminos ëd mars, a s’ausava e tut sùbit a surtìa për rispunde a l’invit dij faunèt. Ant un nen, con soa bachëtta magica, a vestìa le rive e le piante d’ògni sòrta ’d fior dij pì bej color. La tèra a diventava tuta ’n giardin e le creature dle pinere e dij bòsch a riussìo nen a traten-e la gòj, che lë splendor ëd la natura a-j regalava. Da la cassin-a “Gròssa”, ij doi binej Miclin e Paolin, a rivavo ’dcò lor për pijè part a tanta contentëssa. Lë schërieul “Svicc” a l’era afaciasse dal beucc ëd sò ni e, come na fuslëtta, a l’era calà giù da la pianta a biauté sua bela coa. Da ògni canton a sautavo fora cunij salvé, volp, levr, cravòt a tante dj’autre bestiolin-e e , tute ’nsema, a së slansavo ’nt un bal sfrenà. Ël còro dj ’oslin a fasìa da sotfond a sta dansa. Fin-a ij camos e ij bochettin a presensiavo e l’àquila a soslignava st’aveniment important con largh voj maestos. Për tant temp la montagna a lera diventà ’l regn dël boneur. Purtròp, la strìa “Malefica”, anvidiosa, già a stasìa preparand na mës-ciura velenosa për dëstrùe tute le còse bele creà da la faja “Primavera”. Na neuit, a l’avìa mandà un vent rabios e frèid, che ant un nen a l’avìa cambià l’aspet ëd la natura. Fior dësreisà e feuje sbardlà, che as anmugiavo për tèra, a presentavo un quàder ëd

I

221


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 222

sradicati, foglie sparpagliate, che ammucchiate a terra presentavano il quadro della desolazione. I pochi uccelli che ancora si posavano sui rami spogli, rimanevano fermi e tristi con nessuna voglia di cantare. Ma, le disgrazie, non erano ancora finite, perché il giorno dopo, al mattino presto, arrivava una banda di uomini armati di fucile che sparavano all’impazzata senza pietà, tra il fuggi fuggi terrorizzato delle creature del bosco. Miclin e Tonin sentivano da casa il rumore degli spari e tutti e due, spaventati correvano a vedere quello che era capitato. Con loro grande disperazione avevano visto un uccellino morto in un fosso e mancavano altre bestie finite sicuramente nelle borse da caccia di quegli uomini crudeli. Gli gnomi piangevano; scoiattoli, conigli e volpi si lamentavano a loro modo spezzando il cuore dei gemelli, che afflitti si chiedevano il perché di tanta crudeltà. Da quel giorno le bestie non si azzardavano più ad uscire dalla loro tana, aspettavano in silenzio che gli gnomi o i gemelli gli portassero il cibo. Non era più un vivere questo, e purtroppo, un’altra cosa ben triste stava per succedere. Sempre quella banda di delinquenti, il giorno dopo, tornava con una motosega per segare una dopo l’altra tutte le piante. Che pena vedere quei tronchi per terra e i nidi degli uccelli schiacciati e svuotati di tutte le provviste... Non era giusto che queste creature infernali avessero la rivincita sulle opere della buona fata “Primavera”! Purtroppo il male aveva trionfato sul bene. − Non è ancora detta l’ultima parola. – sentenziavano Paulin e Miclin e già facevano lavorare il cervello per trovare una soluzione. Con gli gnomi andarono a trovare la fata “Primavera” per chiederle aiuto. Tutti insieme dicevano: − Se non troviamo un rimedio, va a finire che le signore che vogliono la pelliccia di “petit gris” oppure 222


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 223

desolassion. Ij pochi oslin che ancor as posavo an sij ram dëspeuj, a stasìo lì, nèch, sensa pi gnun-a veuja ’d canté. Ma, le dësgrassie a j’ero pa ancora finìe, përché ël di dòp, a la matin bonora, na banda d’òmo armà ’fusil, a rivavo e a cominsavo a sparé a drita e manca, sensa pietà, tra lë scapé terorisà dle creature dël bòsch. Miclin e Tonin a sentìo ël fracass dij colp e tuti e doì, sbaruvà, a corìo a vëdde lon ch’a l’era capità. Con soa granda dësperassion a l’avìo trovà ’n oslin mòrto ’nt ël fòss e a mancavo ’dcò d’autre bestin-e finìe sicurament ant le cassadure ’d coj omnas crudej. Ij faunèt a pioravo; scherieuj, cunij e volp as lamentavo a sua manera s-ciancand ël cheur dij doj binej, che magonà as ciamavo ël përché ëd tanta crudeltà. Da col di pì gnun-e bestie a s’arsigavo ’d seurte da soa tana, a spetavo an silensi che ij fanèt ò ij binej a-j portèisso da mangé. A l’era pì nen ’n vive cost, e purtròp un’autra còsa bin trista a stasìa ’ncora për capité. Sempe cola banda ’d deliquent, al di apress, a tornavo con na ressia a motor e a ressiavo un-a dòp l’autra tute le piante. Che pen-a vëdde coj bion për tèra e coj ni d’oslin sbërgnacà e dësvoidà ’d tute le proviste... A l’era pròpi nen giust che ste creature infernaj a l’avèisso l’arvangia sle euvre dla brava faja “Primavera”. Purtròp ël mal a l’avìa stavòlta trionfà sël bin. − Ma, a l’é ’ncor nen dita l’ultima paròla – a sentensiavo Miclin e Paolin e già a fasìo travajé ’l servel për trové na solussion. Ansema ai faunèt andasìo a trovè la faja “Primavera” për ciameje agiùt. Tuti’nsema a-j disìo: − Se trovoma nen un rimedi, a va finì che le madame ch’a veulo le plisse ’d petit gris, ëd lapin, ëd marmòta

223


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 224

di lapin, di marmotta, di volpe o di visone, manderanno i cacciatori e le bestie non sapranno più dove nascondersi. Senza contare che anche gli uccellini non potranno scampare alla triste sorte di finire in padella. Per quanto riguarda le piante, se le distruggono mancherà l’ossigeno; persino le caprette non avranno più erba da brucare. – Miclin concludeva dicendo: − Sarà la fine del mondo! – Gli gnomi si portavano le mani al viso per nascondere la disperazione, e intanto tremavano di paura. La fata aveva ascoltato attentamente poi diceva loro: − Troverò la maniera di risolvere tutto, ve lo prometto. – Infatti il giorno dopo, richiamando alla memoria i nomi degli studiosi più famosi, se li segnava sul suo libro. Poi, nella notte li andava a trovare in sogno e a ciascuno suggeriva quello che avrebbero dovuto fare. Passato un po’ di tempo, gli studiosi che avevano ricevuto il messaggio, si incontravano con la “gent che conta” per proporre la soluzione del grosso problema. Spiegavano che per salvare gli animali e la natura da sicura estinzione si sarebbero dovuti creare dei parchi naturali sorvegliati, dove nessuno avrebbe potuto permettersi di danneggiare bestie e piante. Così il patrimonio dell’umanità sarebbe stato salvo e tutti ne avrebbero goduto. In sostanza il progetto era quello di creare dei piccoli paradisi in terra. I “Grandi”, che non sapevano che quell’idea meravigliosa venisse dalla fantasia e dalla bontà di fata “Primavera”, si stupirono e, convinti, da tanta genialità, si davano subito da fare, per portare tutto a compimento. Erano disposti ad affrontare tutte le difficoltà che in queste circostanze si presentano. Il progetto era stato ottimamente realizzato. Infatti da quel giorno uno dopo l’altro erano nati tanti parchi di ogni dimensione in tutte le parti della terra, specialmente nelle nostre montagne.

224


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 225

ò ’d volp, a manderan ij cassador e le bestie a savran pi nen andoa scond-se. Sensa conté che ’dcò j’oslin a scamperan nen da la trista sòrt ëd finì rostì an padela, e peui, riguard a le piante, se a-j distruo an mancherà l’ossigeno; fin-a le crave a l’avran pì nen erba da broté. − Miclin a concludìa disend: − A sarà la fin dël mond!− Ij faunèt as portavo le man a la facia për ësconde la disperassion e ’ntant a tërmolavo ëd paura. La faja a l’avìa scotà atentament peui a l’avìa dije: − I troverai la manera ’d risolve tut, iv lo promëtto. – An efet, ël di apress, arciamand a la memoria ij nòm ëd djë studios pi an gamba, a sij marcava ’n sò liber e peui, durand la neuit andasìa a troveje un, prun, an seugn e a tuti a-j sugerìa lòn ch’a l’avrìo dovù fé. Passà pòchi di, jë studios ch’a l’avìo arseivù ’l mëssagi, as trovavo con cola “gent ch’a conta” për propon-e la solussion dë sto gròss problema. A l’avìo dije che për salvé le bestie e la natura da sicura estinsion, a l’avrìo dovù creé dij parch naturaj sorvelià, andoa gnun a l’avrìo podù përmëtse ’d fé dël dan a bestie e a piante. Parej ’l patrimòni ’d l’umanità a sarìa stàit salv e tuti a l’avrìo godune. An sostansa ’l proget a l’era col ëd creé dij cit paradis an tèra. Ij “grand”, ch’a savìo nen che col’ideja maravijosa a vnisìa da la fantasìa e da la bontà dla faja “Primavera”, stupì e, convint da tanta genialità, as dasìo da fé për porté ’l tut a compiment a cost d’afronté ògni sòrta ’d dificoltà che ’n certe circonstanse a manco mai. La còsa a l’era ’ndàita a bon fin përché da col di, un dòp l’autr a son na tanti parch d’ògni dimension an tute le part dla tèra, specialment ant le nòstre bele montagne.

225


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 226

Gli gnomi, i gemelli e gli animali avevano capito che non bisogna mai disperare, che non tutti gli uomini sono cattivi, che la bontà esiste nell’animo della gente moralmente sana. Paolin e Miclin, ormai cresciuti, diventavano i guardiani di un parco e insieme alle creature della pineta respiravano, finalmente, per merito di fata “Primavera”, la magia di un mondo di favola. In mezzo alla natura godevano la serenità conquistata a fatica, ma per questo più preziosa e bella.

226


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 227

Ij faunèt, ij binej e le bestie a l’avìo capi ch’a bzògna mai dësperé, che nen tuti j’òmo a son përvers, che la bontà ancora a esist ant l’anima dla gent moralment san-a. Paolin e Miclin, ormai chërsù, a diventavo ij guardian d’un parch e ’nsema a le creature dla pinera a respiravo fialment, për merit ëd la faja “Primavera”, la magìa d’un mond ëd faula. Antrames a la natura a godìo la serenità conquistà a fatiga, ma për lòn pì pressiosa e bela.

227


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 228


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 229

Tàula

Vos perdue...

1

Vos perdue... ................................................................................3 Lassù ..........................................................................................5 Ël poss sangiuta ..........................................................................7 Ruvèra..........................................................................................8 An piassa Barbacana..................................................................12 San Giovan ................................................................................17 Ij vej ..........................................................................................19 Seugn ësvanì ..............................................................................21 Borgà Bandonà ..........................................................................22 Per cola stra dle pere..................................................................27 Stèilin-e dla tèra ........................................................................29 Ёl sal ёd nòna ............................................................................31

229


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 230

Òasi ‘d pas

33

Òasi ‘d pas ................................................................................35 Na giornà seren-a ......................................................................37 Sla riva dl’ “Eva d’òr”................................................................39 Un germinè dё speransa ............................................................41 Mè pogieul tapà da festa ............................................................43 An coa a n’aquilon ....................................................................45 Na bianca maravija ....................................................................47 Pensé colorà ..............................................................................49 Core dapress an seugn................................................................51 Chi sa se doman... ......................................................................53 Susto la primavera ....................................................................55 Artornerai a rije... ......................................................................57 Vers l’ilusion dl’eterna primavera..............................................59 Ale d’or ......................................................................................61 Cit mёsagi ’d primavera ............................................................63 Sensibilità ..................................................................................65 Amiro ’ncantà... ........................................................................67 A val la pen-a... ..........................................................................69 L’àngel ёd pera ..........................................................................71 Urbin ..........................................................................................73 Ancheuj am pias pensé parèj... ..................................................75 Ёl Pressi Dl’ Evasion ................................................................76 La vos legera dёl vent ................................................................81 Ёl lament ёd la reusa..................................................................83

230


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 231

Anvìa d’amor

85

Anvìa d’amor ............................................................................87 La dossa paròla ..........................................................................89 La tenerëssa ’d tò amor..............................................................91 Un neuv but... ............................................................................93 Neuit ёd San Lorens ..................................................................95 ...pёr sempre arsonerà ................................................................97 “QUI A SANTARCANGELO DI ROMAGNA... CITTÀ DEL DIALETTO” ..............................................................................99 Otant’ani ..................................................................................101

Solitùdin

103

Solitùdin ..................................................................................105 Sento toa presensa....................................................................107 Serco... ....................................................................................109 Nòstr amor a l’avrà nen fin ......................................................111 La cros dël Crist ......................................................................113 Un bel pòst an Paradis..............................................................115 Conturbament ..........................................................................117 Sarai la stèilin-a pì cita… ........................................................119 A son drocà j’ideaj ..................................................................121 ...ancontra a la mia sèira ..........................................................123

231


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 232

Natal !

125

Natal ! ......................................................................................127 Pas an tèra ................................................................................129 Solitaria a vija na stèila............................................................131 Fantasìa ’d Natal ......................................................................133 Gesù Bambin sempre pì sol ....................................................135 Cant ëd Natal ..........................................................................137 Aleluja a l’è nà!........................................................................139 Presepi d’antlora... ..................................................................140 Preghiera ’d Natal ....................................................................145 It prego Gesù Bambin ..............................................................147 Nostalgìa për col Natal ............................................................149 Bon Natal ................................................................................151

Prose ‘d vita e fàule

153

Neuit agità (Dal mè diari ëd quand che j’era masnà) ..............157 Ël pì bel dij sò caplavor ..........................................................163 La grandëssa ’d na cita creatura ..............................................169 La pressiosa moneda da vint lire..............................................177 Ti ’t saras un grand òm ............................................................185 Ël Pardis ëd j’Aquile................................................................191 Ël trenin ëd l’amor ..................................................................197 Arconessensa ..........................................................................205 Tonin ël naneto ........................................................................213 Cit paradis an tèra ....................................................................221

232


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 233


definitivo AdaMartaB

14/06/2012

12.25

Pagina 234

Finì dë stampé ant ël mèis ëd Giugn dël 2012

Ada Marta Benevenuta - Vos Perdue ...  

Poesie in piemontese di Ada Marta Benevenuta

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you