Page 1

Rivista Internazionale ISSN 1363-0148 www.zincatura.it

Palazzo diWhite Chapel, Londra | 5 Teatro Hardelot, Francia | 8 Piazza Emanuel Merck, Germania | 10 15 Clerkenwell Close, Londra |12

ZINCATURA A CALDO 02|2019

ZINCATURA A CALDO

02 | 2019

1


02|2019 ZINCATURA A CALDO

Editoriale Questa edizione della rivista HDG, dando risalto a determinati progetti, contribuisce a mettere in luce alcuni aspetti importanti della zincatura da comunicare con forza ai progettisti. Il dato oggettivo è che la reazione naturale tra l'acciaio e lo zinco fuso fornisce un rivestimento duraturo che è anche legato metallurgicamente all'acciaio. La reazione naturale che si verifica tra l'acciaio e lo zinco comporta che la finitura non sia scelta dallo zincatore. Come opportunamente specificato da uno dei nostri collaboratori, Tim Fyles, partner di Fletcher Priest: "Come per materiali come il legno e la pietra, la finitura della zincatura a caldo, con la sua naturale variazione nel tempo, offre una ricchezza visiva che si modifica gradevolmente nel tempo". La sfida con i concorrenti consiste nel fatto che il rivestimento può auto guarirsi nelle aree danneggiate. I prodotti di corrosione del rivestimento possono depositarsi sull'acciaio risigillandolo e separandolo dall'atmosfera. Una recente tendenza che si è sviluppata in particolare in Germania è l'uso di piastre di acciaio zincato per sistemi di facciate. Potrebbe essere interessante anche per noi in Italia creare una nostra propria tendenza.

Carmine Ricciolino, Presidente Associazione Italiana Zincatura

Zincatura a Caldo: Rivista Internazionale pubblicata dalle Associazioni degli zincatori di Germania, Regno Unito, Italia e Spagna

Foto di copertina | Rory Gardiner

2

2


ZINCATURA A CALDO 02|2019 1

di Holger Glinde

Involucro di diamanti

Il quartier generale diDie Tageszeitung , Germania

Una rete zincata avvolge la nuova sede centrale del rinomato giornale Die Tageszeitung, nei nuovi quartieri multimediali di Berlino, accanto a Bessel Park. La falsa facciata forma uno spazio aggiuntivo che confonde i confini tra interno e esterno, offrendo nuove prospettive visive per i dipendenti.

3


02|2019 ZINCATURA A CALDO

3

Fondato nel 1978, - Die Tageszeitung, ha sempre avuto la reputazione di essere un giornale indipendente, una voce alternativa rispetto alla stampa tradizionale tedesca. Irriverente per definizione, caratterizzato da un giornalismo intelligente ed onestà intellettuale, una delle sue caratteristiche principali è stata quella di avere salari uguali per tutti i dipendenti. Dopo 25 anni alla Rudi-Dutsche-Strasse, di fronte al Checkpoint Charlie, il quotidiano di Berlino ha indetto un concorso di architettura per portare sotto un unico tetto i suoi tentacolari uffici di Berlino. E2A ha vinto la competizione per sviluppare il nuovo sito in Friedrichstrasse 20-22. Cemento, vetro e acciaio zincato a caldo, i materiali principali utilizzati per l'edificio, contribuiscono a creare lo spazio e l'atmosfera desiderati. Una struttura in cemento simile a una rete costituisce la struttura dell'involucro dell'edificio, che non richiede alcun supporto interno. I 13 mt di pavimenti aperti degli uffici creano spazi di lavoro flessibili e assenza di gerarchia, simboli dell'etica lavorativa del TAZ. La struttura raggiunge la massima capacità di carico utilizzando il minor numero possibile di elementi. Il modello diagonale della struttura di supporto in cemento è raddoppiato esternamente per formare una facciata in acciaio zincato appesa fuori dall'edificio. Questa 'coperta fatta a uncinetto' ispirata dal materiale stesso, consente all'edificio di espandersi nello scenario della città, utilizzando al tempo stesso un balcone che gira intorno e che consente ai dipendenti di godere dello spazio esterno aggiuntivo. Una serie centrale di scale in acciaio zincato che vanno a zig zag in altezza lateralmente all'edificio fungono da punti di accesso principali di tutto l'edificio e offrono l'accesso ai balconi esterni per incoraggiare la comunicazione tra persone. La nuova scintillante pelle zincata dell'edificio del TAZ è inserita in modo naturale nell'ambiente circostante e fornisce robustezza senza preziosismi al suo involucro esterno, che si ricoprirà di patina nel tempo.

1 | Una rete zincata avvolge il nuovo quartier generale per il rinomato giornale TAZ di Berlino 2 + 5 | Il nuovo edificio è un'aggiunta interessante al Bessel Park, futuro importante centro per i quartieri dei media a Berlino 3 | Il modello diagonale della struttura di supporto in cemento è raddoppiato esternamente a formare una facciata in acciaio zincato appesa fuori dall'edificio 4 | Cemento vetro e acciaio zincato a caldo sono i materiali principali dell'edificio e contribuiscono a creare lo spazio e l'atmosfera desiderati Architetti | E2A, Zürich Foto |Karsten Tielker (1), Rory Gardiner (2, 4, 5), Yasu Kojima (3)

4 4

5


ZINCATURA A CALDO 02|2019

di Iqbal Johal

Ricchezza visiva

Palazzo White Chapel, Londra Attraverso una serie di interventi strategici, la Fletcher Priest ha rimodellato un edificio poco apprezzato degli anni '80, destinato ad uffici nel “The White Chapel Building” per la Derwent di Londra, creando un vivace centro per società creative, tecnologiche e mediatiche. Come parte di questa trasformazione, lo spazio dell’edificio pre-esistente adibito ad uffici sito al piano terra, di 8.270 m2, è stato utilizzato per ospitare il Museo della Fotografia di Londra, gestito da Fotografiska. Questo importante museo fotografico scandinavo gestisce un programma espositivo che mette in luce il lavoro di fotografi di fama mondiale.

1 | "la finitura della zincatura a caldo con la sua naturale variabilità nel tempo, offre una ricchezza visiva che invecchia gradevolmente”

5 1


02|2019 ZINCATURA A CALDO

La Derwent di Londra ha commissionato a Fletcher Priest l'incarico di sostituire l’inutile capannone addossato alla facciata ovest, con un elegante padiglione al primo piano le cui linee classiche riecheggiano quelle dell'edificio principale. Il padiglione che “galleggia” sopra l'ingresso attira l’attenzione dei visitatori sulle infrastrutture del piano terra, da dove potranno accedere agli ampi spazi espositivi e agli spazi dedicati agli eventi. Il salone dei soci posto all'interno del padiglione al primo piano sporge sulla strada, animando la facciata. La struttura a rete del padiglione è rivestita con pannelli zincati a caldo. La zincatura a caldo è stata scelta seguendo una totale revisione del progetto, sia per motivi estetici che per la durabilità, fondamentale in un ambiente urbano molto aggressivo come quello all’incrocio di Whitechapel High Street. Lavorando a stretto contatto con ISG, il principale appaltatore, con OAG, specialisti di vetrate strutturali e con Christian Pohl, loro fornitore, i campioni e i modelli dei pannelli zincati (gestiti e prodotti interamente da OAG) sono stati allestiti come parte integrante dello sviluppo del progetto. Questi pannelli hanno contribuito a dare forma ai dettagli e a confermare l'aspetto accattivante del processo di zincatura a caldo. Derwent London e Fotografiska sono stati conquistati dalla qualità industriale della finitura zincata a caldo, dalla superficie variabile, con la sua capacità di riflettere la luce e la patina che si forma nel tempo. Come per i materiali come il legno e la pietra, la finitura della zincatura a caldo con la sua naturale variabilità nel tempo, offre una ricchezza visiva che invecchia gradevolmente", ha osservato Tim Fyles, partner di Fletcher Priest e direttore dei lavori.

2

2 | Un modello completo del padiglione zincato a caldo prima della costruzione 3 | La zincatura a caldo è stata scelta per la sua estetica e durabilità in un ambiente urbano aggressivo 4 | “Galleggiando” sopra l'ingresso, il padiglione zincato a caldo fungerà da attrazione per i potenziali visitatori

Architetti | Fletcher Priest

3

6

Foto | Lawrence McCafferty, OAG (1), Fletcher Priest (2), Adelina Iliev (3, 4)


7

4

ZINCATURA A CALDO 02|2019


02|2019 ZINCATURA A CALDO

1

di Iqbal Johal

Prestazioni senza tempo Teatro Hardelot, Francia

8 2


ZINCATURA A CALDO 02|2019

1+3 | L'acciaio zincato è uno dei materiali strutturali principali di tutto l'edificio, dalle travi laminate al caratteristico esterno dell’edificio delimitato da pali di bambù tenuti insieme da un anello di acciaio zincato sostenuto da sottili bracci a sbalzo 2| Il nuovo teatro si trova comodamente inserito all'interno del paesaggio esistente

Architetti | Studio Andrew Todd 3 Foto | Martin Argyroglo

Il teatro elisabettiano del castello di Hardelot - sulla Costa d'Opale vicino a Calais - è il primo teatro neo-shakespeariano permanente della Francia, il primo edificio di arti complesse naturalmente areato e il primo edificio al mondo totalmente ricurvo con legno compensato a vista. È anche il primo edificio francese a fare largo uso di bambù tropicale come materiale da rivestimento. È costruito accanto a una riserva naturale di 80 ettari nel parco del Castello di Hardelot, ex dimora di Charles Dickens e ora sede del Centro Culturale di Entente Cordiale. Accolto alla sua inaugurazione come "un capolavoro architettonico” alla maniera del Guggenheim di Bilbao" (Le Moniteur) e pubblicato in tutto il mondo in più di 50 riviste e giornali nazionali, ha raggiunto la notorietà anche prima dell'inaugurazione quando il suo rivestimento in legno e bambù è stato deturpato da vandali di estrema destra che ne hanno condannato sia l’aspetto che il costo (4,2 milioni di euro). Commissionato dal Consiglio distrettuale del Pas de Calais, l'edificio ha 390 posti a sedere per una grande varietà di formati, tra cui l’opera (con una platea). Fuori terra, la struttura e le finiture sono quasi interamente in legno,

con pareti tamburate e curvate, fatte di legno compensato. Sviluppato in collaborazione con Merk e Metsawood, i pannelli sono stati lasciati esposti e non trattati (a parte una leggera mano di vernice opaca), creando un'atmosfera audace, calda e acusticamente ricca negli spazi dell'auditorium del foyer e della platea. La struttura in legno è stata eretta in sole sette settimane e rivestita durante i tre mesi successivi di listelli di larice a lenta crescita ruotati di 45 gradi, sopra uno schermo e un complesso isolante antipioggia su una cornice di legno tenero. I volumi asimmetrici, cesellati ai minimi funzionali, sono incoronati da uno scintillante cilindro di pali di bambù da 12 m, progettato per replicare la forma pura dei precedenti teatri shakespeariani e per far armonizzare l'edificio con il suo ambiente naturale L'acciaio zincato è uno dei materiali strutturali principali di tutto l'edificio, sia nelle travi laminate che sostengono le parti anteriori della balconata, nella grata a geometria radiale per le gallerie tecniche, sia nei paletti per le ringhiere di protezione, sia anche nel caratteristico esterno dell’edificio delimitato da pali di bambù tenuti insieme da un anello di acciaio zincato sostenuto da sottili bracci a sbalzo. La finitura grezza di questi elementi integra l'onnipresente legno non trattato e la facciata in legno.

9


02|2019 ZINCATURA A CALDO di Holger Glinde

Paesaggio scolpito

Piazza Emanuel Merck, Germania La Merck è una delle più antiche aziende farmaceutiche al mondo. Il quartier generale a Darmstadt è stato progressivamente ristrutturato dall’essere un impianto di produzione a un campus tecnologico e scientifico. Nel cuore di questa trasformazione c'è il Centro per l'innovazione. Gli edifici principali del nuovo centro di innovazione sono posti alle spalle della Frankfurter Straße, dando l'opportunità per la creazione di una piazza pubblica Emanuel Merck Platz (dal nome del fondatore di Merck). La piazza ondeggia lungo tutti i suoi 3000 m2 di cemento bianco armonizzandosi con gli spazi interni del centro di innovazione, il cui interno è caratterizzato dal dispiegarsi di una struttura spaziale che scorre continuamente. Le connessioni a ponte si estendono diagonalmente tra i nuclei ovali, collegando tra loro i singoli spazi di lavoro

1


HOTDIPGALVANIZING 04|2018

1+2 | La piazza ondeggia lungo tutti i suoi 3000 m2 di cemento bianco armonizzandosi con gli spazi interni del centro di innovazione 3 | Per mantenere l'estetica bianca brillante del rinforzo in cemento bianco, lo strato esterno del rinforzo è stato zincato a caldo

Architetti | Henn Paesaggisti |TOPOTEK 1 Foto | HGEsch (1, 2), Dyckerhoff (3)

Alla qualità della finitura della piazza, destinata a fungere da zona pubblica, gli architetti del paesaggio hanno dedicato un’attenzione particolare. Aiuole per le piante che formano delle sculture in un brillante sfondo bianco producono l'estetica desiderata. Il cemento è stato mescolato e livellato sul posto e il profilo è stato rifinito per creare uno spazio ondulato. Uno dei requisiti richiesti è stata l’assoluta assenza di macchie dal rinforzo in cemento al fine di mantenerne l'estetica bianca brillante. Per ottenere ciò le reti di rinforzo sono stati zincati a caldo.

2

Le doppie curve attorno alle aiuole sono state modellate e rifinite a mano. L'attenzione ai dettagli nell'ottenere la finitura finale è stata ulteriormente enfatizzata in altre aree in cui è stato utilizzato un processo di levigatura a quattro stadi. Un rivestimento protettivo finale è stato applicato al cemento per evitare graffiature da parte dei visitatori e i depositi di sporco sul cemento.

11

3


02|2019 ZINCATURA A CALDO

1

di Iqbal Johal

Finitura naturale

15 Clerkenwell Close, Londra Con l’utilizzo di materiali strutturali semifiniti, residui di colonne intagliate e cadute, chiostri dischiusi e pavimenti a mosaico, l’edificio di Via Clerkenwell Close 15 rappresenta un tipo di archeologia locale sia materiale che sociale, e in più solleva la questione della conservazione dell’eredità architettonica in una panoramica culturale più ampia. L'edificio residenziale, progettato e sviluppato dall'architetto Amin Taha, ospita un ufficio per il suo studio di architettura Groupwork + Amin Taha e vari appartamenti, tra cui la casa dell'architetto stesso. L’edificio di via Clerkenwell Close 15 si trova ad Islington, quartiere centrale di Londra, e riporta alla natura storica del suo sito.

12


13

2

ZINCATURA A CALDO 02|2019


02|2019 ZINCATURA A CALDO

3

L’idea del progetto lasciava l'architetto libero di studiare il contesto e di trovare un numero di possibili soluzioni per un edificio che fosse posto all'interno delle fondamenta ancora presenti di un'abbazia normanna calcarea dell’11° secolo. Originariamente costruita dal barone Jordan Briset, fu ampliata e restaurata fino al suo scioglimento nel 16° secolo, quando la rivoluzione religiosa portò la struttura ad un graduale disfacimento e alla sua conversione, nonché suddivisione in grandi abitazioni per i nuovi signori protestanti. La facciata è formata da colonne strutturali in calcare e travi arretrate, ma strutturalmente collegate allo strato esterno dell'edificio da sezioni in acciaio zincato verniciato con una varietà di finiture: liscia, ruvida, forata e grezza. Oggi l’utilizzo di queste finiture naturali è molto inusuale, poiché il legame esistente tra gli architetti e le cave da cui estrarre i materiali è andato perduto, e le piccole piastrelle campione sono spesso l'unica connessione per comprenderne i materiali. La decisione di ascoltare il suggerimento del maestro di cava di lasciare i fossili all’interno della sottodivisione del letto di pietra è stata una scelta intenzionale dettata da quest’ampia visione filosofica di far interagire in stretta collaborazione la scelta di abilità materiali, strutturali, di lavoro e di progettazione per fare architettura. La qualità naturale della facciata è il riflesso della scelta del materiale interno. Nel progetto sono stati utilizzati per le finestre telai fatti su misura e zincati per ottenere un effetto bronzo-stagionato. L’edificio di via Clerkenwell Close 15 ci ricorda che la trasformazione culturale dell’ambiente più ampio attraverso le costruzioni si basa sulla comprensione e sulla manifestazione delle caratteristiche strutturali ed estetiche dei materiali. Del resto il vocabolario di tutti i linguaggi architettonici è costituito dalle possibilità poetiche della diversa combinazione di tutti i materiali disponibili.

4

14


2 | La trasposizione degli elementi calcarei aggiunge un’altra dimensione alla facciata esterna

ZINCATURA A CALDO 02|2019

1+5 | La finitura grezza della facciata esterna è il riflesso della scelta dei materiali per il design degli interni

3 | Nel progetto sono stati utilizzati per le finestre telai fatti su misura e zincati per ottenere un effetto bronzo-invecchiato 4 | L’edificio di via Clerkenwell Close 15 si rifà ai resti di un'abbazia che fa parte della ricca storia del quartiere

Architetti | Groupwork + Amin Taha Architects Foto | Timothy Soar (1, 2, 4, 5), Groupwork + Amin Taha Architects (3)

5

15


Delizia zincata

Inaugurata a Potsdam nel novembre 2018, l'installazione bauhausTWINS apre le celebrazioni per il 100° anniversario del movimento Bauhaus nel 2019. L'installazione viaggerà verso l'Europa centrale e orientale come ambasciatrice del Goethe-Institut. L'installazione mobile fa riferimento al progresso verso la modernità e allo sviluppo sostenibile delle nostre città e edifici. Una struttura aperta in acciaio zincato a caldo, che conferisce un'impressione spaziale diversa a seconda della prospettiva, riutilizza gli elementi originali delle finestre prese dalla facciata dell’atelier del Bauhaus a Dessau. Foto | Industrieverband Feuerverzinken

Profile for aiz.

Zincatura A Caldo 2 2019  

Zincatura A Caldo 2 2019  

Profile for zincatura