Page 1

EDIZIONE ITALIA • anno 3 • 5/2018 For Professional Use Only

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in Abbonamento Postale Aut. n° NO02606/2016 – Periodico ROC

EURO 6,50

FATTORE Pelle SOTTO wellness ATTACCO www.beauty-forum.it


ISO Benessere

Attrezzature per centri benessere ed estetici.

ISO Benessere offre soluzioni tecnologiche e affidabili che regalano benessere agli ospiti di SPA, centri benessere ed estetici. Non solo un lettino SPA, ma un CONCEPT e una ESPERIENZA EMOZIONALE per infiniti trattamenti.

MADE IN ITALY ITALIAN SPA BEAUTY EQUIPMENT

www.isobenessere.com www.facebook.com/isoitalia


EDITORIALE IN OGNI NUMERO

Disintossicarsi dall’informazione digitale Indipendentemente dal mezzo sul quale fruite dell’informazione, prendete il tempo di cui avete bisogno per informarvi e fatelo con accuratezza, scegliendo le fonti più autorevoli che avete a disposizione.

Farhad Manjoo è un nome che non vi dirà molto. A gennaio di quest’anno ha deciso di disintossicarsi dall’informazione digitale. Per due mesi ha letto le notizie solo dalle edizioni cartacee dei giornali e non ha visitato i suoi profili social; salvo piccole eccezioni, ha fruito dell’informazione analogica del passato. Il risultato di questa esperienza è più interessante se considerate che Farhad Manjoo è il cronista specializzato in tecnologia del New York Times, quindi una persona esperta di informazione e di tecnologia allo stesso tempo. Ha deciso di allontanarsi dal mondo digitale a causa dell’eccessivo numero di fake news, volontarie e involontarie, che circolano sul web ed anche per la consapevolezza che la troppa informazione veloce a cui internet ci ha abituati danneggia la nostra capacità di concentrarci e, in ultima analisi, ci rende meno informati. Un giornalista del New York Times potrebbe essere accusato di tessere le lodi della carta stampata per interesse personale; in realtà, la prima valutazione che ha fatto non riguarda tanto il supporto carta o video -, quanto la forma che le notizie prendono sul web rispetto alla carta stampata. Sui giornali gli argomenti vengono studiati, valutati e approfonditi: chi legge può veramente informarsi. Sul web, invece, la notizia è sommaria e assume principalmente la forma del commento: l’informazione è quindi frammentaria e poco autorevole. La velocità dell’informazione è il secondo problema riscontrato. Anche in questo caso il tema non è il mezzo, ma la fretta che il web ci ha imposto nel produrre e leggere le notizie a danno dell’accuratezza e della capacità dei lettori di mantenere l’attenzione su quanto stanno leggendo. Abbiamo quindi l’impressione di essere più informati impegnando minor tempo, mentre in realtà siamo solo più confusi e dedichiamo anche più tempo a questa attività. Il risultato di questa esperienza può essere riassunto in questo modo: indipendentemente dal mezzo sul quale fruite dell’informazione, prendete il tempo di cui avete bisogno per informarvi e fatelo con accuratezza, scegliendo le fonti più autorevoli che avete a disposizione. Buona lettura. Loris Sparti loris@zeroventi.com

BEAU T Y - FO RU M . I T

3


Oggi prendi una decisione che hai sempre rimandato, e domani fai la stessa cosa. Ti allenerai a cambiare la tua intera vita.


Sommario

N° 5/2018

IN COPERTINA: Elena Kharichkina / Shutterstock.com

IN OGNI NUMERO 007  L’Opinione 008  Forse Non Tutti Sanno Che 010  News Prodotti 082  L’Appunto

BEAUTY & CARE

14

014  Come Un Libro Aperto Una guida per imparare a “leggere” il corpo della cliente 020

Sapore di Mare Zoom sugli ingredienti cosmetici di provenienza marina

026

A Testa Alta Tricopigmentazione: cos’è, come si esegue, per chi è adatta

028

Pelle e Ormoni Cosmetici ed equilibrio ormonale: la parola all’esperto

030

L’Analisi È Tutto Una panoramica delle principali anomalie delle unghie

032

Una Bomba di Idratazione Le prodigiose virtù di un grande amico della pelle: il burro di Karité

32 BEAU T Y - FO RU M . I T

5


DOSSIER 036  PELLE SOTTO ATTACCO Cura e protezione della pelle dalle aggressioni esterne e interne 038  Il Sole Ti Fa Vecchia Gli effetti dei raggi UV sulla pelle e le contromisure in istituto 041  Una Pelle Come Nuova Q Italy presenta Q Skin Perfect 2.0 042  Nemico Pubblico I migliori principi attivi anti-inquinamento e le opzioni di trattamento 046  Un Supporto Prezioso L’estetica oncologica raccontata dalla presidente di APEO

STYLE 050  Glam Look d’Autunno I migliori make up trend visti alle sfilate Autunno/Inverno 2018-19 055  News 056  Parola d’Ordine: Personalizzare! La manicure perfetta per 3 particolari clienti-tipo 060  News

LIFE & WORK

36 50

062  Bellezza a Tavola I consigli del medico nutrizionista per una corretta alimentazione in autunno 068  Cosa Dire e Come Dirlo Semplici strategie per un efficace discorso di vendita 070  QC Terme Pré Saint Didier & QC Termemontebianco Il regno del benessere in Valle d’Aosta 075  Spa Advisor 076  33° BEAUTY FORUM Monaco Le ultimissime sulla fiera Beauty d’autunno n°1 in Europa 078  Agenda BEAUTY FORUM 079  News

62 6

BEAUTY FORUM 5 /2018


L’OPINIONE IN OGNI NUMERO

Ritorno alla cortesia

Sembra che gli italiani stiano rivalutando il concetto di gentilezza, considerata una qualità positiva non solo a livello individuale, ma come bene collettivo.

A detta dei sociologi, la crisi economica e lo sviluppo di nuovi strumenti di comunicazione virtuali hanno generato un profondo cambiamento nel modo di relazionarsi, a partire dal dialogo, sempre più essenziale e meno curato nella forma. Le abbreviazioni e le emoticon - considerate elementi sostitutivi di concetti e giri di parole - sono soltanto alcuni dei numerosi esempi che testimoniano come il linguaggio stia cambiando velocemente, sotto la spinta dei moderni mezzi di comunicazione, che rettificano, integrano e propongono frasi e parole, non sempre corrette. Inoltre sembra che siano tramontate alcune buone abitudini, come l’educazione, la gentilezza, la cortesia, che in passato costituivano le fondamenta di un modo di comunicare orientato al rispetto dell’altro e all’instaurazione di una relazione cordiale con le persone. La cosa assurda è che queste buone abitudini sono passate di moda proprio nel momento più sbagliato, in cui il mercato ha posto al centro del sistema il cliente e la vendita è diventata una relazione di fiducia tra operatore e consumatore. Soprattutto nel settore Beauty&Wellness, per sua natura orientato all’accoglienza. È giunto il momento di rivedere la comunicazione professionale e recuperare alcuni valori, perché ci troviamo ancora una volta nel mezzo di un nuovo cambiamento. Sembra infatti che gli italiani stiano rivalutando il concetto di gentilezza, considerata una qualità positiva non solo a livello individuale, ma come bene collettivo. Una ricerca condotta dal portale Meetic su un campione di 10.500 adulti, ha rivelato che i gesti di cortesia sono apprezzati dal 91% degli uomini e dal 94% delle donne. Il termine “cortesia” deriva dall’aggettivo provenzale cortes - che significa “proprio della corte” - e nelle società antiche caratterizzava la nobiltà d’animo sulla quale si fondava il codice di comportamento del cavaliere… Che meraviglia! Non ci resta che iniziare subito, seguendo i consigli della linguista Robin Lakoff, che ha proposto tre regole della cortesia, utili per chi lavora a contatto col pubblico: - non imponetevi, usate espressioni del tipo: “per favore”, “gentilmente”, “mi perdoni, ma…”; - offrite alternative: “le suggerisco questo, oppure se preferisce…”; - mettete gli interlocutori a proprio agio, cercando di instaurare la giusta empatia. Regole semplici ma efficaci, che permettono di partire con il piede giusto in qualsiasi situazione. Andrea Bovero Presidente CIDESCO ITALIA General Manager LIFEXCELLENCE

BEAU T Y - FO RU M . I T

7


IN OGNI NUMERO FORSE NON TUTTI SANNO CHE...

→ ? ←

Accavallare le gambe AUMENTA

IL RISCHIO DI VENE VARICOSE? Molti trovano che stare seduti con le gambe accavallate non sia solo una posizione elegante, ma anche molto comoda. Come influisce, però, sul nostro sistema venoso? Il verdetto del flebologo.

Benché sia una posizione molto elegante (e per alcuni molto comoda), stare seduti a lungo con le gambe accavallate potrebbe avere delle ricadute negative sulla circolazione sanguigna. Questa posizione ostacolerebbe infatti il regolare flusso di sangue nelle vene, portando a un aumento della pressione nei vasi sanguigni che farebbe crescere il rischio della comparsa di vene varicose. Non è possibile, tuttavia, determinare con certezza se esista effettivamente una correlazione: in altre parole, non si può dimostrare che chi accavalla più spesso le gambe abbia maggiori probabilità di soffrire di vene varicose.

LA RISPOSTA È NEI GENI La comparsa delle cosiddette “varici”, in realtà, è spesso dovuta a

8

BEAUTY FORUM 5 /2018

ragioni genetiche. In presenza di tessuti connettivi deboli, i vasi sanguigni sono meno elastici e tendono ad allargarsi molto più facilmente, causando dei versamenti di sangue nei punti in cui le pareti sono più fragili. Il sangue circola con più difficoltà e aumenta il rischio di formazione di coaguli, con conseguente pericolo di trombosi. Un altro fattore di rischio importante è l'essere sovrappeso; anche condurre una vita sedentaria (indipendentemente dalla posizione che si assume da seduti) favorisce la dilatazione delle pareti venose. Ecco perché, quando si è costretti a trascorrere molto tempo seduti, bisognerebbe alzarsi spesso in piedi e fare delle brevi camminate o, in alternativa, distendere le dita dei piedi e far roteare il piede su se stesso. Il problema delle vene varicose oggi può essere trattato in modo sem-

plice e delicato grazie a moderne tecnologie. La tecnica più usata è l'ablazione laser endovenosa, nella quale il medico utilizza degli impulsi luminosi per scaldare le vene patologiche dall’interno, stimolando la produzione di collagene. L’aumento del collagene genera un restringimento delle pareti venose chiudendo, così, i vasi sanguigni che hanno generato il problema. Dopo l’intervento (in genere di carattere ambulatoriale), l’organismo provvederà da solo a smantellare i percorsi chiusi e il sangue cercherà delle vie alternative tra i vasi sanguigni adiacenti.

Stefan Hillejahn Flebologo e proctologo, lavora in una clinica specializzata in patologie venose ed emorroidarie.


DAL 1988, LA SCELTA PIÙ NATURALE

I rituali Mei SPA: emozione e risultato immediato. Nati dalla ricerca del Prof. Giuseppe Mazzocco, rappresentano la nuova frontiera del Benessere Scientifico: là dove natura e scienza si incontrano in rituali efficaci, emozionanti, indimenticabili. Mei è partner delle migliori SPA con l’Academy di formazione e linee prestigiose: Rituali e trattamenti di Benessere · Viso e Corpo · PMP-Phytomassopodia® · Oli essenziali Aromatherapy · Fragranze per ambiente e saune · Tisaneria · Amenities Mei srl · Treviso · Italy

www.casamei.com


IN OGNI NUMERO NEWS PRODOTTI

Aboutluxe

b.tan®

Physio Natura

Crema Corpo Rosmarino e Salvia Coadiuvante dei trattamenti drenanti e tonificanti corpo con bendaggio, garantisce risultati visibili grazie all’associazione di principi attivi naturali: l’olio essenziale di menta tonifica la pelle, la caffeina assicura l’effetto lipolitico e gli oli essenziali di salvia e rosmarino favoriscono il drenaggio dei liquidi in eccesso. L’aloe vera e la camomilla provenienti da coltivazione biologica donano invece un effetto lenitivo ed emolliente. Da applicare sul corpo con l’apposita benda per circa 30 minuti, ottimizza i risultati se abbinato agli altri prodotti della linea. La crema è disponibile per uso professionale e in formato homecare. www.physionatura.it

Una nuova concezione di abbronzatura: con b.tan® niente trucchetti né sostanze potenzialmente nocive, ma un sistema abbronzante made in Australia di alta qualità, con una profondità e una definizione di colore mai viste prima. La gamma di prodotti, semplicissimi da usare, parte dall’Ultra Dark, e da lì a salire: è sufficiente scegliere il livello di colore desiderato e sciacquarlo via quando si raggiunge il risultato perfetto. www.btanitalia.it

Dermophisiologique

Glowing Body Cream Dalla linea Essenza, una nuova emulsione dalla texture leggera e morbida che dona alla pelle un’idratazione intensa grazie a un pool di attivi specifici quali Aloe, Pantenolo e Saccharide Isomerate. La presenza di micro-perle a base di Mica le conferisce un piacevole riflesso color oro, che esalta lo splendore e la luminosità della pelle. Applicata sul corpo, valorizza e leviga gambe, spalle, braccia, seno e décolleté; sui punti luce del viso, dopo la crema specifica, dona un effetto glowing immediato, ed è perfetta anche come base per il make up. Le note aromatiche di Rosa di Turchia, Vaniglia, Ambra e Caramello lasciano sulla pelle un delicato profumo.

www.dermophisiologique.it

10

BEAUTY FORUM 5 /2018


NEWS PRODOTTI IN OGNI NUMERO

Elizabeth Arden PRO

Cellular Recovery Serum

Dermatrophine PRO

Chrono Repair Un trattamento professionale completo e mirato per soddisfare tutte le problematiche legate alla pelle stressata e sensibilizzata. Il metodo prevede due fasi: Maschera Siero e Maschera in crema, da utilizzare in sedute alternate per un ciclo di 5 trattamenti studiati allo scopo di offrire un’intensa azione lenitiva, riparatrice e antiossidante grazie all’azione di principi attivi come Vitamina C, Acido Ialuronico, estratto di Vite Rossa e di Echinacea, acido 18 ß glicitirretico. Completano il trattamento professionale due prodotti specifici, disponibili anche in formato vendita da utilizzare a casa: la Crema Viso Protettiva Ristrutturante e la Crema Viso Antiossidante Uniformante.

Nasce un cosmeceutico appositamente studiato per favorire la riparazione del DNA e delle proteine dai danni causati dall’esposizione solare: un siero innovativo per viso, collo e décolleté che contribuisce a massimizzare l’efficacia dei prodotti antiage impiegati nella beauty routine. Contiene ingredienti antiossidanti in un sistema di rilascio liposomiale, ingredienti umettanti e il DNA Enzyme Complex™, per promuovere la rigenerazione cellulare e la riparazione dal danno solare, restituendo così una pelle radiosa e giovane. www.elizabethardenpro.it

www.dermatrophine.it

Image Skincare

Claya

Crema Viso Antiage Arricchita con Phytaluronate, potente stimolatore della produzione di collagene, garantisce resistenza e tono alla pelle. Grazie all’azione combinata del Phytaluronate e della vitamina E presente nell’olio d’oliva, combatte efficacemente i radicali liberi. La contemporanea azione dell’aloe vera lascia la pelle straordinariamente morbida, tonica e levigata. www.claya.it

Ageless Total Repair Creme Crema dal forte potere esfoliante, rinnova la pelle di viso e collo grazie agli alfa-idrossiacidi e dona un aspetto sano e nutrito grazie agli antiossidanti, che combattono le rughe e i segni del tempo. Studiata per pelli mature, tendenti all’acne o danneggiate dal sole, favorisce il rinnovamento cellulare, migliora la texture e il tono del derma. Ricca di vitamine nutrienti, rassoda la pelle con un effetto immediato, per un aspetto visibilmente più sano e più giovane. www.imageskincare.it

BEAU T Y - FO RU M . I T

11


IN OGNI NUMERO NEWS PRODOTTI

Rhea Cosmetics

SOS Skin

Balsamo cremoso che agisce sui processi infiammatori cutanei, per riportarli a uno stato di eudermicità ed equilibrio. L’azione complementare delle molecole antipruriginose e decongestionanti crea un apporto cosmetologico di sostanze funzionali efficaci nello smorzare sensibilizzazioni di varia natura. Ideale per un utilizzo a largo spettro su: secchezza e disidratazione profonda; couperose, eczemi e dermatiti; arrossamenti e scottature; xerosi, traumi e reazioni cutanee. Un cosmetico che si spinge oltre la sfera correttiva ed estetica, per approdare a un’azione cosmeceutica di natura rieducativa profonda, che calma e decongestiona immediatamente la cute stimolandone al contempo i processi rigenerativi. www.rheacosmetics.com

Natì

ADD Color Nuova generazione di emulsioni colorate antiageing nata dall’avanguardia scientifica e cosmetica di Natì, ADD Color rappresenta la combinazione di un trattamento completo altamente rigenerante, idratante e protettivo e di un risultato make up perfettamente naturale e fondente. Cinque benefici in un solo gesto: crono-invecchiamento ridotto; effetto mimetico dato dal finish mat; super idratazione; rituale lenitivo; media protezione SPF20. Disponibile in tre nuance: light 01 per pelli chiare, medium 03 per pelli medie e bronze 03 per pelli abbronzate. www.nati.it

Pea Cosmetics

UNIQA Vitamina C Forte Nuovo trattamento urto anti-discromie per pelli spente e atoniche a base di Vitamina C pura in monodose ad alta concentrazione. Grazie al 22% di Acido Ascorbico, la novità di Pea Cosmetics consente di stimolare e regolare la produzione di melanina, contribuendo a ridurre e contrastare in modo significativo la presenza di aree colpite da iper o ipo pigmentazioni cutanee. Incrementando la produzione di collagene, l’utilizzo regolare di UNIQA Vitamina C Forte dona un aspetto più luminoso alla pelle del viso e aiuta a rallentare il processo di invecchiamento cutaneo. Pratica, igienica e sicura, la monodose contiene 1 ml di vitamina pura, la quantità ideale per un efficace trattamento cosmetico su mani, viso e décolleté. www.uniqapeacosmetics.it

12

BEAUTY FORUM 5 /2018


27.–28. OTTOBRE

2018

I visitatori italiani potranno acquistare il biglietto d’ingresso a prezzo speciale, ma solo in prevendita dal 27 giugno.

ANTEPRIME ESPLOSIVE

IN AUTUNNO LA FIERA DEL BEAUTY N°1 IN EUROPA SOLO PER OPERATORI DEL SETTORE

ESTETISTE, MEDICI ESTETICI, PEDICURISTI, PROFESSIONISTI NAIL, OPERATORI WELLNESS E SPA

1.100 AZIENDE E BRAND INTERNAZIONALI

ULTIME NOVITÀ, TREND E TRATTAMENTI NEI PADIGLIONI C1 E C3

FORMAZIONE CONTINUA QUALIFICATA E CAMPIONATI INTERNAZIONALI

NOVITÀ: 1° CONGRESSO DI DERMATOLOGIA, 11° CONGRESSO DI PODOLOGIA, WORKSHOP, CONFERENZE E PRESENTAZIONI

NOVITÀ: MAKE-UP-DAY

WORKSHOP PRATICI PER IL PERFETTO MAKE UP

BBUNTE BEAUTY DAYS - GRATUITO PER I VISITATORI DELLA FIERA

CHIRURGIA ESTETICA E PLASTICA, PANEL CON ESPERTI DEL SETTORE E INTRATTENIMENTO DAL VIVO NEL PADIGLIONE C4

www.beauty-fairs.de/munich Contatti:

+49 (0)7243 7278-162

kundenservice@health-and-beauty.com


FOTO: AFRICA STUDIO / SHUTTERSTOCK.COM


BEAUTY & CARE

COME UN libro APERTO CONSULENZA ESTETICA - La bravura

di un'estetista si riconosce prima di tutto dalla sua capacitĂ di interpretare correttamente le indicazioni che il corpo della cliente tacitamente le fornisce. Scopri a quali segnali fare attenzione.


BEAUTY & CARE DERMATOLOGIA

S

ono diversi i campanelli d'allarme con cui il nostro corpo ci fa capire che qualcosa non sta funzionando come dovrebbe. Solitamente è il medico a interpretare questi segnali quando ci visita, osservando le condizioni della pelle e delle articolazioni, analizzando il colore della lingua e, soprattutto, tastando alcuni punti precisi per rintracciare rigidità, dolore o altri sintomi. Mettendo insieme questi "indizi", lo specialista può iniziare a inquadrare la patologia e a fare previsioni, da confermare con eventuali esami radiologici o di laboratorio (come il classico esame del sangue). Questi campanelli d’allarme possono comparire in qualunque punto del corpo.

SEGNALI VISIBILI L'estetista incontra molti di questi speciali "indicatori" nella sua quotidianità lavorativa, e spesso ha imparato a riconoscerli già durante la scuola di specializzazione. Un esempio è la rosacea, una patologia che sappiamo interessare tutti i vasi sanguigni (e non solo quelli del viso).

16

BEAUTY FORUM 5 /2018

I gonfiori sotto gli occhi possono essere il segno visibile di un problema alla vescica o ai reni.

Con questo in mente, se abbiamo una cliente che ne presenta i sintomi sul volto, possiamo presumere con un buon margine di certezza che rischi di sviluppare teleangectasie o addirittura vene varicose - anche sulle gambe. L’informazione può essere molto importante per te se, per esempio, devi eseguire un massaggio alle gambe. Tra le zone del corpo maggiormente trattate in istituto troviamo viso, collo e décolleté: è proprio qui che possono manifestarsi molti di questi famosi campanelli d’allarme.

PELLE DESQUAMATA Quello della pelle molto secca e desquamata è un problema comune, che può interessare potenzialmente qualunque area del corpo. Spesso si tratta di una condizione ereditaria, ma quando le condizioni ambientali (come il freddo) portano a una minore produzione di sebo cutaneo, la situazione peggiora in modo evidente. Possibili cause: Patologie cutanee come neurodermite, psoriasi o ittiosi, oppure mico-

si della pelle. Attenzione: se le aree colpite sono state intensamente esposte al sole, potrebbe trattarsi di cheratosi solare. In ogni caso, solo il dermatologo può formulare una diagnosi sicura e affidabile. Possibilità di trattamento per l’estetista: Per il trattamento in istituto, prediligi prodotti contenenti calcio, che migliora la produzione di grasso cutaneo, o a base di ceramidi dermoaffini, che aiutano a riparare la barriera cutanea. Per riportare il pH a livelli ottimali, invece, usa dei prodotti acidificanti come le soluzioni tampone, che aiutano a mantenere acido l’ambiente della pelle. La cliente, poi, dovrebbe fare la sua parte a casa inserendo questi prodotti nella sua beauty routine quotidiana. Molte clienti pensano che, per levigare e ammorbidire una pelle squamosa, sia necessario sottoporsi a numerosi peeling. Niente di più sbagliato! Esfoliare continuamente la pelle altro non fa che indebolire ancora di più una barriera cutanea già compromessa e, in alcuni casi, rischia addirittura di rendere la pelle ancora più secca. Meglio affidarsi a un pe-

FOTO: TIMONINA; ILARIA BURLINI / SHUTTERSTOCK.COM

Profonde rughe naso-labiali possono essere il segno di un problema al fegato, al pancreas, al cuore, all’intestino o allo stomaco.


DERMATOLOGIA BEAUTY & CARE

I nei possono modificarsi nel corso della vita e trasformarsi in un tumore maligno: il melanoma.

eling meccanico in istituto: se ben calibrata dall'estetista, una seduta di microdermoabrasione può essere estremamente utile. Prima di procedere con qualunque trattamento, però, bisogna attendere la diagnosi del medico curante, così da poter valutare correttamente come procedere. In caso di patologie cutanee come quelle citate, il ruolo del trattamento estetico è solo ed esclusivamente di "accompagnamento" alla terapia.

FOTO: JULIAN POPOV; SWEETHEART STUDIO / SHUTTERSTOCK.COM

NEI Come ci insegnano alla scuola di estetica, i nei - anche quelli di vecchia data - posso mutare nel tempo e, nel peggiore dei casi, degenerare trasformandosi in un tumore maligno: il melanoma. Per questo, è sempre bene consigliare alla cliente di rivolgersi a un medico quando noti sul suo corpo un neo dalla forma anomala, in modo da fugare ogni possibile dubbio. Se disponi di un’apparecchiatura per l’analisi elettronica della pelle, puoi servirtene per osservare le eventuali trasformazioni dei nei e, se necessario, documentarli: potrai, così, rico-

Possibili cause della pelle desquamata possono essere patologie come la neurodermite, la psoriasi o l'ittiosi.

noscere eventuali anomalie prima ancora che la cliente se ne accorga. Tieni d’occhio anche la colorazione della pelle sotto le unghie e, se noti delle anomalie (ne parliamo a pagina 30, ndr), invita caldamente la cliente a rivolgersi a un dermatologo.

Instaurare un rapporto di collaborazione con un dermatologo che visita nella tua zona può essere un'ottima idea: potrai così indirizzare le tue clienti da uno specialista di fiducia, e lui potrà ricambiare il favore mandando da te le sue pazienti che necessitano di un "supporto" estetico alla terapia dermatologica che stanno seguendo per i loro problemi di pelle.

L’AREA DEGLI OCCHI Un altro problema che affligge un gran numero di persone sono gli occhi gonfi e talvolta segnati da ombre scure. Possibili cause: 1. Gonfiore delle palpebre superiori: conseguenza di un edema generalizzato dovuto a insufficienza cardiaca. 2. Gonfiore sotto gli occhi: problemi alla vescica o ai reni, spesso legati a una scarsa assunzione giornaliera di acqua. Possibilità di trattamento per l’estetista: Puoi ricorrere a trattamenti decongestionanti, come quelli che sfruttano l'alternanza freddo/caldo, le sfere di vetro ghiacciate, gli ultrasuoni (a una lunghezza d’onda di 10 MHz), le maschere rinfrescanti per gli oc-

BEAU T Y - FO RU M . I T

17


BEAUTY & CARE DERMATOLOGIA

Rughe profonde e in evidenza possono talvolta segnalare un malfunzionamento o un sovraccarico di lavoro di alcuni organi. chi o i prodotti specifici per quest’area con applicatore "fresco" roll-on (questi ultimi li puoi consigliare alla cliente come cura domiciliare). Possibili cause: 3. Ombre scure sotto gli occhi: se il colore tende al marrone può essere segno di problemi al fegato, mentre un'ombra rossastra potrebbe indicare dei problemi nella parte alta del ventre. 4. Accumulo di materia grassa intorno agli occhi (xantelasma): segno di una disfunzione del fegato. 5. Colorazione giallastra del bulbo oculare: ittero. 6. Sopracciglia rarefatte alle estremità: probabile ipotiroidismo. 7. Sopracciglia estremamente sottili per natura: carenza di estrogeni. 8. Sopracciglia estremamente cespugliose: sovrabbondanza di testosterone. Possibilità di trattamento per l'estetista: Purtroppo in questi casi l’estetista non può intervenire in prima persona per migliorare la situazione. La sua analisi è però preziosa per indirizzare la cliente da un medico per una diagnosi corretta e un'opportuna terapia.

RUGHE Rughe profonde e in evidenza possono talvolta segnalare un malfunzionamento o un sovraccarico di lavoro di alcuni organi.

18

BEAUTY FORUM 5 /2018

Possibili cause: 1. Rughe trasversali alla base del naso: ipotiroidismo. 2. Rughe sulle palpebre superiori: mancanza di estrogeni. 3. Rughe naso-labiali: problematiche a livello del fegato, del pancreas, del cuore, dell’intestino o dello stomaco. Possibilità di trattamento per l’estetista: Per il trattamento delle rughe hai a disposizione un ampio ventaglio di opzioni: dalla microdermoabrasione alla radiofrequenza, dalla mesoporazione al trattamento con principi attivi mirati.

NON FARE DIAGNOSI! Quando ti appresti a "leggere" il corpo della cliente, tieni sempre a mente una cosa: l'interpretazione di ciò che vedi non può mai essere sicura al 100%. Anche se alcune manifestazioni ti sembrano avere una causa ben distinguibile (e anche se probabilmente hai ragione), ricorda che non spetta a te fare diagnosi mediche di alcun tipo, che sono esclusiva competenza del medico. Questo non significa che il tuo ruolo sia meno importante: l'attività di osservazione del corpo della cliente ti permette di rilevare particolari che a lei potrebbero sfuggire e che potrebbero indicare un problema di salute. Durante l’anamnesi, o quando li noti durante il trattamento, chiedi

sempre alla cliente se sa di soffrire di qualche malattia o disturbo: in questo modo la aiuterai a prendere coscienza dell'eventuale problema e, se ne fosse già consapevole, le sue indicazioni ti serviranno per indirizzare in modo opportuno (ed eventualmente modificare) gli step del trattamento. Saper riconoscere i campanelli d'allarme del corpo e saperli interpretare correttamente non è sempre facile e, spesso, non è un argomento trattato in modo abbastanza approfondito nei programmi scolastici. Ecco perché è importante continuare a formarsi. Alcune scuole di specializzazione offrono, ad esempio, corsi di formazione dedicati in modo specifico all'anamnesi del viso. In alternativa, potrebbe essere utile seguire un corso di riflessologia plantare, disciplina che collega diversi punti del piede a precise parti del corpo (ricordando, però, che si possono eseguire massaggi riflessi solo se in possesso di opportuna qualifica). Se non hai tempo per seguire dei corsi, puoi sempre studiare su libri dedicati. Prenditi del tempo per allenare la tua capacità di lettura del corpo: le tue clienti te ne saranno grate!

Ranina Monika Janz È medico empirico, dermo-estetista e Manager di Spa e centri wellness. Dirige un centro a Korschenbroich, in Germania.


BEAUTY & CARE COSMETOLOGIA

SAPORE DI Mare INGREDIENTI MARINI - Nostalgia delle vacanze estive? Porta il mare in cabina

predisponendo un trattamento a base di principi attivi di origine marina, ideali per lenire le pelli sensibili e ringiovanire quelle mature.

G

li effetti benefici dei sali del Mar Morto sono celebri fin dall’antichità: situato a quasi 400 metri sotto il livello del mare, questo bacino d'acqua salmastra ha la caratteristica di evaporare molto velocemente a cau-

20

BEAUTY FORUM 5 /2018

sa della bassa umidità atmosferica della regione, lasciandosi alle spalle una soluzione concentrata di sale marino che contiene una quantità di bromo, magnesio, calcio e sodio più elevata rispetto alla normale acqua di mare.

AZIONI ED EFFETTI Gli oligoelementi e i sali minerali contenuti nell'acqua del Mar Morto formano un mix che la pelle tollera molto bene; il processo di penetra-

FOTO: VVVITA / SHUTTERSTOCK.COM

I cosmetici con ingredienti provenienti dal mar Morto sono molto ben tollerati dalla pelle.


COSMETOLOGIA BEAUTY & CARE

zione e assorbimento delle sostanze negli strati cutanei profondi avviene in modo del tutto naturale. Questi minerali agiscono in modo molto efficace sulle pelli problematiche, calmando la irritazioni e mitigando il prurito. L’impiego dei sali del Mar Morto è prezioso in caso di: –– pelle che tende ad arrossarsi velocemente; –– ipersensibilità ai cosmetici che contengono profumazioni artificiali, oli minerali e conservanti. Possono essere usati anche nel trattamento di patologie cutanee come: –– neurodermite; –– psoriasi; –– eczema.

TRATTAMENTI COSMETICI A BASE DI INGREDIENTI MARINI Trattamento per pelle problematica/sensibile –– Pulisci a fondo la pelle della cliente servendoti di un detergente delicato a base di ingredienti del Mar Morto. Procedi poi con un peeling, che può variare a seconda del tipo di pelle della cliente: in caso di pelle sensibile usa un peeling enzimatico; per pelli normali o a tendenza grassa, scegline invece uno classico. –– Dopo aver neutralizzato il peeling,

purifica e idrata a fondo la pelle utilizzando un tonico a base di ingredienti provenienti dal Mar Morto, dalle virtù curative e calmanti. –– Modella le sopracciglia e rimuovi le imperfezioni nella zona del contorno occhi. Anche in questo caso, termina il passaggio applicando il tonico usato in precedenza. –– Se la cliente ha una pelle normale o sensibile, massaggia il viso servendoti di una crema delicata; in caso di pelle irritata o fortemente impura, invece, non eseguire alcun massaggio e passa direttamente allo step successivo. –– È il momento della maschera: sce-

ANTIAGE DAL MARE Oltre allo straordinario effetto calmante dei sali del Mar Morto, l'acqua di mare è fonte di molti altri benefici per la pelle. Assomigliando molto al plasma sanguigno umano, oltretutto, gode di un’elevata tollerabilità. L'acqua non è però l'unico ingrediente marino utile in cosmesi: sono molti i prodotti con ingredienti derivati dal mare che trovano applicazione nei trattamenti estetici, soprattutto in ottica antiage. Tra questi ingredienti troviamo: –– conchiglie; –– caviale (ricavato dallo storione); –– alghe; –– estratto di ostrica; –– cavolo marino ("crambe maritima"); –– plancton; Esistono poi molti altri estratti e complessi di attivi brevettati dalle aziende e utilizzati con successo in intere linee di prodotti. Combinando tra loro principi attivi selezionati, è possibile migliorare l’elasticità della pelle incrementando le sue riserve di idratazione. La giusta combinazione di ingredienti marini è in grado anche di stimolare l’attività cellulare e, contemporaneamente, di proteggere le cellule cutanee dagli effetti dei radicali liberi.

RENDI SPECIALE IL TRATTAMENTO Malinconia da fine estate? Coccola le tue clienti con attenzioni extra. Calcola nella durata della seduta qualche minuto extra alla fine in modo che, in chiusura di trattamento, la cliente possa godersi una tazza di tè che le avrai preparato poco prima. Intavola una breve, rilassata conversazione, sfruttando l'occasione anche a scopo "promozionale". I cosmetici a base di ingredienti marini sono ottimi per la rivendita perché, oltre a essere efficaci, richiamano l'idea di benessere che il mare da sempre evoca. Con l'avvicinarsi delle festività, potrebbero anche diventare una perfetta idea regalo. Ora possiamo iniziare con il trattamento per pelli problematiche: oltre al viso, è una buona idea concentrarsi anche su collo

e décolleté, aree molto fragili e delicate. Spiegalo alla cliente, aggiungendo anche che con una cura domiciliare ad hoc gli effetti saranno ancora più visibili e duraturi. Se l'intenzione è quella di evocare in qualche modo le atmosfere estive, è molto importante pensare al benessere della cliente. Eseguire il trattamento su un lettino riscaldato è senz'altro un'idea super nel periodo autunnale e invernale. Se non disponi di un lettino con sistema riscaldante integrato, puoi coprire la cliente con una coperta morbida e calda, che la faccia sentire dolcemente "avvolta" mentre lavori sul suo viso.

BEAU T Y - FO RU M . I T

21


BEAUTY & CARE COSMETOLOGIA

gline una adatta al tipo di pelle della cliente e alla sua età. –– Trascorso il tempo di posa, rimuovi la maschera con un panno inumidito e tiepido. –– Concludi il trattamento applicando una crema giorno che sia adatta al tipo e alle necessità della pelle della cliente. Scegline preferibilmente una che faccia parte dalla stessa linea di prodotto usata fino a quel momento. –– Per offrire alla cliente un servizio a tutto tondo, termina la seduta con una veloce sessione di make up. Per un trattamento viso di questo tipo va calcolata indicativamente un'ora; se si decide di estenderlo anche a collo e décolleté, vanno aggiunti circa 15 minuti.

Trattamento antiage La cosmesi marina ha rinomate proprietà anti-invecchiamento. Sfruttale così. –– Dopo aver fatto mettere la cliente a proprio agio, inizia il trattamento (viso, collo, décolleté) scegliendo prodotti adatti al suo tipo di pelle. –– Detergi delicatamente la pelle. –– A seconda del dermotipo della cliente, applica e neutralizza un peeling; in alternativa, puoi sostituire il peeling con una sessione

22

BEAUTY FORUM 5 /2018

La microdermoabrasione è uno step preparatorio molto utile in un trattamento antiage.

Se desideri intavolare un discorso di vendita, fallo durante la pulizia iniziale del viso: una pelle perfettamente detersa si mostra "al naturale" e ti permette quindi di consigliare alla cliente il prodotto o i prodotti più adatti a lei. Evita di tirare fuori l'argomento "vendita" durante il massaggio o il tempo di posa di una maschera: in questi momenti, la cliente deve potersi semplicemente rilassare.

di microdermoabrasione (perfetta per la pelle grassa, la pelle delle fumatrici e quella dall'aspetto stanco e spento). –– Modella le sopracciglia e rimuovi le imperfezioni nella zona del contorno occhi. –– Continua praticando un delicato massaggio con una crema neutra o un olio profumato specifico per

il viso. –– Terminato il massaggio, rimuovi ogni residuo di crema o di olio, così da non lasciare niente di "grasso" sulla pelle. –– Applica quindi una maschera a effetto lifting. –– Concluso il tempo di posa, rimuovila accuratamente. –– Applica ora un prodotto in fiala ad azione anti-age. –– Concludi il trattamento applicando un leggero strato di crema giorno adatta al dermotipo della cliente. –– Per offrire alla cliente un servizio a tutto tondo, termina la seduta con una veloce sessione di make up. Per un trattamento così strutturato vanno calcolati circa 90 minuti. La durata e il costo variano a seconda che si usi la microdermoabrasione o meno.

Sieglinde Karle

Estetista, visagista e consulente d’immagine, lavora come freelance da oltre 20 anni e ha una consolidata esperienza in tema di trattamenti estetici per pelli problematiche.

FOTO: VITA SUN / SHUTTERSTOCK.COM

La maschera è una parte fondamentale di ogni trattamento.


COSMETOLOGIA BEAUTY & CARE

1 Perfect Skin Gift Set

1

Repêchage • 3 best seller formulati con le migliori alghe ecocert in un pratico set regalo: C-Serum Seaweed Filtrate previene la disidratazione, le increspature e le rughe sottili del viso; Mineral Face Shield, crema setosa, crea un invisibile strato protettivo sulla pelle; One Minute Exfoliating Mask, maschera esfoliante illuminante, assorbe l'eccesso di sebo e migliora l'incarnato. www.repechage.it

2 Magic Spheres Inspira Cosmetics • Preziosi sieri in perle basati sulle potenti proprietà delle alghe brune e realizzati tramite un sofisticato processo biotecnologico. Arricchiti con principi attivi specifici per diverse azioni, sono disponibili in tre versioni: idratante, rigenerante, liftante. La formula si completa con una miscela di ingredienti che forniscono una protezione ideali da fattori esterni quali raggi UV e inquinamento atmosferico, e caratterizzati da elevate proprietà riempitive e leviganti. www.interbeauty.it

2

3 ADD Blu Natì • Potenziatore funzionale super idratante per pelli secche e prive di vitalità. La composizione a base di Acqua BioTecnologica® ad azione antiageing, antinfiammatoria, anti radicali liberi, pro elastina è combinata con Plasma di Quinton, acqua purissima dell'Oceano Pacifico che agisce da acceleratore idrico e Chlorella Vulgaris, alga che ristruttura il Fattore di Idratazione Naturale. www.nati.it

3

4 Caviar Crema Viso Gerard's • Pregiata crema ridensificante a base di preziosissimo estratto di Caviale Grigio, ricco in fosfolipidi e fosfoproteine e attivo nella rigenerazione cellulare prolungata nel tempo. Corregge rughe, solchi e perdita di tonicità rimpolpando, rassodando il viso e ridisegnandone i lineamenti. La pelle, più compatta e ridensificata, riacquista una texture setosa al tatto, levigata e perfezionata. www.gerards.com

4 BEAU T Y - FO RU M . I T

23


BEAUTY & CARE COSMETOLOGIA

5 Multiaction Algae Pack Brittany

5

Janssen Cosmetics • Maschera impacco professionale a base di un prezioso mix di alghe brune e rosse che sviluppano un approccio differenziato alle molteplici alterazioni legate alla cellulite: lo iodio stimola il metabolismo, riducendo i pannicoli cellulitici; le sostanze minerali e gli oligoelementi favoriscono una maggiore elasticità e compattezza dei tessuti. www.janssen-cosmetics.it

6 Marine Force

6 7

Apotherm • Trattamento completo contro gli inestetismi della cellulite. Il protocollo in cabina prevede: stimolazione, con il concentrato modellante alle macroalghe Slimarine; avvolgimento, con i Marine Wrap; massaggio, con la crema perfezionante Marine Massage. La crema corpo alle macroalghe per uso domiciliare amplifica i benefici delle sedute, lasciando sulla pelle coinvolgenti note marine. www.apotherm.it

7 Soluzione Talasso Liquida Hely's • Concentrato liquido salino con importanti proprietà drenanti grazie all'azione combinata di elementi marini come Sale del Mar Morto, Sale Marino e Alghe Marine, e oli essenziali di Rosmarino, Limone e Menta. Studiata come liquido per il bendaggio estetico, può essere anche nebulizzata sul corpo per potenziare l'effetto di fanghi professionali. www.helys.it

8 Start Up Cataplasma Erboristico

8 24

BEAUTY FORUM 5 /2018

Mei • Tre tipi di Alghe, Argilla Verde italiana e macerato di Curcuma e Zenzero in aceto di Mele per un cataplasma altamente efficace contro cellulite e ritenzione idrica. Combina l'azione antinfiammatoria dell'Argilla e dell'Arnica Montana, quella drenante del pool di oli essenziali in formula e l'azione stimolante del microcircolo data dallo iodio delle Alghe. www.casamei.com


COSMETOLOGIA BEAUTY & CARE

9 Gel Lipo Réducteur LPG • Gel fresco con Complex Exclusif Minceur che aiuta a eliminare le rotondità in eccesso. La Coralline G, estratta dal corallo vegetale marino, è un principio attivo intelligente, capace di adattarsi al bioritmo delle cellule adipose: di notte, limita l'accumulo dei grassi e la formazione di nuovi adipociti maturi e stimola il collagene; di giorno, favorisce l'eliminazione dei grassi. www.endermologie.com

9

10 Pro-Slim Crema Salina Bioline Jatò • Crema-trattamento intensiva, ad alta concentrazione salina, formulata per sfruttare al meglio i bioritmi notturni della pelle. Estratti d'alghe e un innovativo principio biotecnologico di origine marina migliorano l'aspetto degli inestetismi cutanei della cellulite e della pelle a buccia d'arancia, rendendo più elastiche e compatte le aree trattate. www.bioline-jato.com

11 Bain Marin Matis • Gel doccia riequilibrante che avvolge la pelle donandole una piacevole sensazione di benessere e freschezza. Tra gli attivi, alga rossa Palmaria Palmata e Mousse d'Irlanda, le cui proprietà neutralizzano gli effetti nocivi del calcare presente nell'acqua, svolgendo un'azione mineralizzante. Ideale per mantenere l'abbronzatura e migliorare l'azione dei trattamenti corpo. www.matis-paris.it

11 10

12 Crema Marina Dermophisiologique • Parte della linea Osmoderm Thalasso, questa crema gel per il corpo dalla texture leggera vanta un mix di ingredienti attivi di origine minerale e marina che svolgono un'intensa azione idratante e remineralizzante. La presenza di attivi energizzanti, unita ai polisaccaridi contenuti negli estratti di alghe brune e rosse, mantiene la pelle morbida, fresca, tonica e protetta dagli agenti esterni. www.dermophisiologique.it

12 BEAU T Y - FO RU M . I T

25


BEAUTY & CARE DERMOPIGMENTAZIONE

A Testa ALTA TRICOPIGMENTAZIONE - Il versante pratico e quello psicologico

L

a tricopigmentazione è la dermopigmentazione estetica sul cuoio capelluto: una soluzione poco conosciuta, ma efficace e comoda. Purtroppo, questa specialità è accompagnata da alcune inesattezze, spesso conseguenza di lavori mal eseguiti, ed è proposta da pochissimi dermopigmentisti specializzati.

CLIENTI-TIPO L'impiego del tatuaggio estetico nei

26

BEAUTY FORUM 5 /2018

problemi legati alla calvizie è ampio e a volte provvidenziale; non si tratta, infatti, di un trattamento meramente estetico, ma di un intervento che, come vedremo più avanti, fornisce un vero e proprio aiuto psicologico al cliente. Si ricorre alla tricopigmentazione in vari casi, ad esempio se si soffre di alopecia totale, areata o androgenetica, o in caso di diradamento generale dei capelli. Questa tecnica si rivela molto funzionale, inoltre, per coprire cicatrici nucali da autotrapianto.

Non è raro che ad avvicinarsi alla tricopigmentazione siano proprio soggetti che hanno effettuato l'autotrapianto in passato rimanendo insoddisfatti del risultato. L'obiettivo di queste persone è trovare una soluzione al senso di disagio che vivono quotidianamente: nonostante i capelli non abbiano alcuno scopo funzionale - e nonostante si possa benissimo vivere senza -, svolgono senz'altro un ruolo sociale molto importante. Per l'uomo, la perdita dei capelli può essere vissuta come una perdita di virilità, o come una

FOTO: STOCKED HOUSE STUDIO / SHUTTERSTOCK.COM

del tatuaggio estetico al cuoio capelluto, un trattamento spesso provvidenziale ma ancora poco conosciuto.


DERMOPIGMENTAZIONE BEAUTY & CARE

Si ricorre alla tricopigmentazione in vari casi, ad esempio se si soffre di alopecia o in caso di diradamento generale. È una tecnica molto funzionale anche per coprire cicatrici nucali da autotrapianto.

regressione allo stato infantile. Ecco perché è fondamentale che l'operatore prenda in considerazione questo aspetto emotivo, rispettando la probabile e comprensibile diffidenza iniziale.

L'ASPETTO ETICO Effettuare un trattamento di tricopigmentazione non significa solo intervenire esteticamente su un cliente, ma instaurare con lo stesso un rapporto umano, in cui i risvolti psicologici hanno pari importanza di quelli prettamente pratici. All'operatore si richiede la capacità di andare oltre l'aspetto tecnico (ed economico) del trattamento, dando valore soprattutto all'aspetto etico, che deve essere parte integrante dell'arte del dermopigmentista. Questo vale soprattutto nella fase di consulenza iniziale, durante la quale il cliente ascolta le proprie sensazioni e cerca di capire se e quanto possa fidarsi di chi ha di fronte. Può capitare che l'operatore, in fase di consulenza, dia aspettative eccessivamente elevate rispetto al risultato che otterrà, illudendo il cliente e facendolo aggrappare a false speranze. Di solito il trattamento viene effettuato con pigmenti bioriassorbibili e necessita, quindi, di ritocchi orientativamente annuali, in quanto con il tempo i pigmenti schiariscono. È necessario che il cliente sia

pienamente consapevole di questo aspetto e dell'esigenza di ritoccare periodicamente il tatuaggio. Fornire al cliente tutti gli elementi che gli servono per fare le opportune valutazioni è il primo passo per creare un rapporto di fiducia con lui, indispensabile affinché un intervento di questo tipo possa avere successo.

COME SI SVOLGE IL TRATTAMENTO La tricopigmentazione è un trattamento rivolto prevalentemente agli uomini. Le tecniche più richieste sono essenzialmente due: l'"effetto rasato", il più diffuso, che consiste in una rasatura tatuata sul cuoio capelluto; il cosiddetto "dermatoppik" (talvolta praticato anche sulle donne), utile per coprire i diradamenti in aree specifiche. Prima di effettuare la seduta si procede a una consulenza con il cliente, durante la quale l'operatore illustra le caratteristiche dell'intervento. Il cuoio capelluto viene solitamente diviso in 5 settori e, in base alla situazione individuale, si procede al trattamento di un solo settore o di più settori. Un dubbio da fugare circa il livello di dolore percepito durante la seduta: benché il cuoio capelluto sia una zona delicata, a differenza di quanto si possa pensare il trattamento non è doloroso. Capita addirittura che il cliente si addormenti durante la procedura!

Chi si sottopone alla tricopigmentazione può svolgere esattamente le stesse attività svolte da una persona non tatuata. La vivibilità del soggetto non cambia minimamente; solo nei primi giorni successivi alla seduta si sconsiglia l'esposizione al sole o a lampade solari.

MEGLIO DELL'AUTOTRAPIANTO? Spesso ci si chiede quali siano i vantaggi della tricopigmentazione rispetto ad altre tecniche, ad esempio l'autotrapianto. Esiste una differenza molto importante: il tatuaggio aggiunge un effetto di densità, che regala l'impressione che il numero di follicoli in attività sia superiore rispetto al numero effettivamente attivo. L'autotrapianto, invece, consiste in un vero e proprio spostamento chirurgico dei capelli, che si distribuiscono differentemente sul cuoio capelluto. Il numero dei capelli, però, sembrerà inferiore, a causa di un fenomeno definito "Transaction Rate", per il quale la percentuale di capelli presenti sul cuoio capelluto si perde in seguito allo spostamento.

Ennio Orsini

Dermopigmentista e insegnante di fama internazionale, è CEO della Orsini & Belfatto e presidente dell’AIDer (Associazione Italiana Dermopigmentazione). Ha inventato la tricopigmentazione.

BEAU T Y - FO RU M . I T

27


BEAUTY & CARE MEDICAL BEAUTY

PELLE E

LA PAROLA ALL'ESPERTO - In che modo gli ormoni influenzano l'aspetto della

pelle? Come può la cosmesi contrastare i loro effetti? Esistono nei cosmetici sostanze che possono interagire con l'equilibrio ormonale? Le risposte del dottor Hans Lautenschläger ci aiutano a fare chiarezza.

28

BEAUTY FORUM 5 /2018

FOTO: AFRICA STUDIO / SHUTTERSTOCK.COM

Ormoni


MEDICAL BEAUTY BEAUTY & CARE

C

ome agiscono gli ormoni sulla pelle e come si manifesta la loro azione?

Le azioni più visibili sono quelle scatenate dagli ormoni sessuali. Sono questi ormoni che, tra le altre cose, regolano lo sviluppo durante l’infanzia, la pubertà, l’età fertile, la menopausa e la vecchiaia. Come si può intuire, quindi, quello che chiamiamo “equilibrio ormonale” non è mai costante, ma varia in continuazione a seconda del periodo della vita in cui ci troviamo. Ci sono poi alcuni fattori esterni che possono alterare questo equilibrio tra i quali, ad esempio, l'assunzione della pillola anticoncezionale, le terapie ormonali effettuate quando si è in cura oncologica, gli sbalzi dovuti alla menopausa. Ulteriori alterazioni possono essere scatenate da quelli che vengono chiamati “interferenti endocrini”, come l’alimentazione, le cure per la pelle e le influenze dell’ambiente che ci circonda. Gli effetti che gli ormoni hanno sulla pelle variano da persona a persona e sono diversi a seconda del sesso: durante la pubertà sono comuni pelle grassa e acne; nelle donne adulte possono comparire cellulite, pelle mista, acne adulta; durante la menopausa non è raro che la pelle sia molto secca e che si verifichino cambiamenti nelle zone intime. Alcune particolari circostanze ormonali, come la gravidanza, possono al contrario regolarizzare la pelle e risolverne spontaneamente le imperfezioni. Anche la caduta dei capelli o, al contrario, il rafforzamento dei peli varia enormemente in base al sesso, all'età e alle aree del corpo. Per tenere sotto controllo queste variabili da un punto di vista estetico, si sono registrati dei buoni risultati con l’impiego di prodotti contenenti fitoestrogeni.

Quali trattamenti possono utili? Oltre al cambiamento dei dosaggi ormonali e al controllo degli inter-

ferenti endocrini, l’unico modo per limitare gli effetti indesiderati degli ormoni è trattarli in maniera sintomatica. In fase di acne attiva, ad esempio, è utile ricorrere agli inibitori della proteasi, agli acidi grassi essenziali e alle vitamine che promuovono la rigenerazione cellulare; per trattare la pelle grassa, invece, preziosissimi sono gli ingredienti sebo-regolatori, mentre per la pelle secca vanno usati agenti idratanti e sostanze che riparino il film protettivo della pelle. Problemi come cellulite e crescita dei peli, invece, sono questioni diverse e più complesse.

Nei prodotti cosmetici dove si possono trovare ingredienti di natura ormonale e quali conseguenze producono sull'organismo? Tra gli ingredienti "ormonali" più diffusi troviamo i fitoestrogeni, anche noti come isoflavoni. Queste sostanze sono utilizzate spesso come coadiuvanti nelle diete vegane e si trovano in concentrazioni elevate nell'estratto di soia o di trifoglio rosso. Nell’INCI dei cosmetici, gli isoflavoni sono indicati solo se vengono usati in forma pura (ad esempio: genisteina) o come glicosidi (un legame con il glucosio, ad esempio: genistina). Le loro molteplici azioni sono impiegate soprattutto nei cosmetici antiage. Un altro esempio? Per stimolare la crescita delle ciglia vengono usati in maniera mirata ingredienti simili alle prostaglandine. Si ritiene che un certo numero di sostanze impiegate da lungo tempo nei prodotti cosmetici possano interagire con i recettori ormonali allo stesso modo degli ormoni; alcune di queste sono state ritrovate anche nel latte materno. Sono stati svolti vari studi su questo tema, basati che principalmente su indagini statistiche, somiglianze strutturali con gli ormoni ed esperimenti in vitro. Talvolta i risultati sono contraddittori e non permettono di dare alcuna risposta definitiva. Tra gli ingredienti

incriminati che - a ragione o a torto - vengono indicati tra gli interferenti endocrini troviamo: i parabeni (conservanti), alcuni filtri solari di vecchia generazione, gli ammorbidenti (ftalati) e il disinfettante noto come Triclosan. Proprio quest’ultimo è stato recentemente vietato all’interno dei prodotti che permangono sulla pelle una volta applicati (i cosiddetti “leave-on”). Non è ancora stato chiarito se e come questi interferenti agiscano sulla pelle dopo un uso prolungato.

Si può fare a meno di questi ingredienti? Quali sono le alternative a disposizione? È possibile sostituire i parabeni con altri conservanti consentiti dalla normativa europea per i prodotti cosmetici. Per una maggiore sicurezza, comunque, l'ideale sarebbe optare per formulazioni completamente prive di conservanti. È possibile sostituire anche gli altri interferenti endocrini con ingredienti alternativi. In questi casi, tuttavia, spesso varia anche il prezzo finale del prodotto, a causa dei costi di produzione più elevati; è il caso, ad esempio, dell’alcol denaturato ftalato (INCI: Alcohol denat.) che è sottoposto a una super-tassazione. I fitoestrogeni multifunzione, invece, possono essere sostituiti efficacemente solo da precise combinazioni di principi attivi. Al momento, comunque, non c’è alcuna ragione che giustifichi la sostituzione di questi ingredienti, attualmente usati in moltissimi prodotti cosmetici. In questo contesto non va tralasciato, oltretutto, che le prescrizioni di creme ormonali stanno sperimentando un vero e proprio boom.

Intervista a cura di Martina Schmieder

BEAU T Y - FO RU M . I T

29


BEAUTY & CARE MANI

L'ANALISI È Tutto ANOMALIE DELLE UNGHIE - Un'analisi accurata dello stato delle unghie naturali

della cliente è il primo, imprescindibile step di qualunque servizio manicure.

30

BEAUTY FORUM 5 /2018

approfondimenti medici. Ecco le occorrenze più comuni.

LAMINA SOLLEVATA Il parziale distaccamento della lamina dal letto ungueale prende il nome di onicolisi e può essere causato da patologie cutanee - psoriasi, eczemi, allergie da contatto -, dal contatto prolungato con agenti chimici o da un evento traumatico quando, ad esempio, si effettua una pulizia troppo aggressiva dell'iponichio. La porzione di lamina sollevata, che in genere assume un colore bianco-giallognolo, è fortemente soggetta a rotture e rende l'unghia complessivamente più fragile e vulnerabile; lo spazio che si crea tra la-

mina e letto, inoltre, diventa terreno fertile per la proliferazione di funghi e batteri. In fase di manicure cerca quindi, se possibile, di accorciare la parte di unghia sollevata; dedicati poi a una minuziosa ma delicata pulizia dell'area sottostante.

SOLCHI ORIZZONTALI Le depressioni orizzontali che attraversano l'unghia in senso parallelo alla lunula hanno un nome scientifico: linee di Beau. Si tratta di solchi che si formano nella matrice ungueale, spesso in seguito a un trauma, e deformano la lamina spostandosi man mano che questa cresce. Quando il solco è presente su una singola unghia, l'ipotesi del

FOTO: DENISPRODUCTION.COM / SHUTTERSTOCK.COM

O

ggi più che mai, mani dall'aspetto ordinato e gradevole sono un biglietto da visita importante nei rapporti personali come in quelli professionali: lo dimostra l'inarrestabile ascesa dei servizi per unghie, sempre più differenziati e personalizzabili (ne parliamo a pagina 56, ndr). Come per ogni procedura estetica, tuttavia, prima dell'abbellimento viene l'analisi: osservare e valutare lo stato delle unghie naturali della cliente è fondamentale per scegliere il trattamento più adeguato, ma anche per rilevare eventuali anomalie di cui la cliente potrebbe non essere consapevole e che potrebbero essere collegate a patologie cutanee (e non solo) meritevoli di


MANI BEAUTY & CARE

trauma è particolarmente fondata. Se le depressioni si presentano su più unghie, invece, possono essere sintomo di una patologia cutanea (ad esempio certi tipi di eczema), di una carenza nutrizionale o un'infezione in corso; anche alcuni farmaci (ad esempio quelli usati in chemioterapia) possono causare queste anomalie. Di per sé, le linee di Beau non sono pericolose: a livello estetico, possono essere facilmente camuffate con l'applicazione di basi riempitive, che renderanno la lamina ungueale nuovamente liscia, omogenea e pronta, se lo si desidera, alla stesura del colore.

SOLCHI VERTICALI Tra le conseguenze dell'invecchiamento c'è la progressiva disidratazione non solo della pelle, ma anche delle unghie: fragili e indebolite, con l'età le unghie possono iniziare a presentare striature verticali. È un disturbo chiamato onicoressi e, com'è facile intuire, si manifesta soprattutto nelle persone più in là con gli anni. L'applicazione di prodotti rinforzanti e nutrienti, accompagnata da un apporto di idratazione a pelle e cuticole, può contribuire in modo significativo ad alleviare l'inestetismo.

DEPRESSIONI PUNTIFORMI Le unghie "a ditale da cucito", come suggerisce la definizione, presentano la lamina ungueale costellata di piccole depressioni a forma di puntino. Il fenomeno, noto come pitting, è in genere associato a patologie cutanee come dermatite atopica, alopecia e soprattutto psoriasi (dove compare nel 50% dei soggetti colpiti). In caso di lamina ungueale "bucherellata", attendi il via libera del medico prima di eseguire qualunque servizio nail.

MACCHIE BIANCHE Quando sulle unghie compaiono

delle macchioline bianche, nella maggior parte dei casi si tratta di leuconichia, un disturbo che colpisce la lamina ungueale a partire dalla matrice. Tra le cause più comuni troviamo la psoriasi, la dermatite seborroica, alcuni disordini metabolici, certi tipi di micosi. Spesso, tuttavia, la leuconichia è originata da un microtrauma avvenuto a livello della matrice, provocato ad esempio da un lavoro troppo energico con lo spingicuticole. Nella maggior parte dei casi, la discromia cresce insieme all'unghia e scompare nel momento in cui la porzione di lamina in cui si trova viene limata o tagliata. Se le macchie bianche sono allungate e parallele alla lunula, e se non si spostano con la crescita dell'unghia, potrebbe trattarsi di linee di Muehrcke, conseguenza tipica di una carenza di albumina (ipoalbuminemia). Quando a essere bianca è l'intera lamina di tutte le unghie (a eccezione di una sottile striscia verso il margine libero), potresti essere di fronte alla sindrome delle unghie bianche di Terry, che colpisce soggetti affetti da cirrosi epatica, ma anche da patologie renali e cardiache, diabete e ipertiroidismo.

MACCHIE GIALLE Talvolta, una macchia giallo-brunastra su un'unghia (o su più unghie adiacenti) è il campanello d'allarme della presenza di un fungo. Come sappiamo, se si sospetta un'onicomicosi, è bene interrompere il servizio e trattare le unghie solo dopo la completa guarigione, avendo cura di evitare qualunque tipo di contaminazione. Molto spesso, tuttavia, il colore giallo sulle unghie si manifesta per ragioni del tutto innocue: smalti molto pigmentati, se applicati senza base direttamente sull'unghia naturale, lasciano spesso e volentieri un alone giallognolo quando vengono rimossi. A poco serve tentare di risolvere queste decolorazioni con prodotti sbiancanti, o peggio limando. L'unica soluzione è aspettare che

l'unghia ricresca, in modo da tagliare via l'area ingiallita. E, ovviamente, ricordare alla cliente che l'uso del base coat non è mai facoltativo!

MACCHIE VERDI Una discromia tendente al verde su un'unghia è quasi sempre la manifestazione di un'infezione da Pseudomonas aeruginosa, un batterio che secerne una sostanza di questo colore. L'infezione si sviluppa spesso in corrispondenza di ricostruzioni sollevate o in caso di onicolisi, quando cioè la lamina ungueale si distacca dal letto ungueale a causa di traumi o patologie. Se rilevi questa anomalia, indirizza subito la cliente da un medico; un'unghia colpita da Pseudomonas aeruginosa non dovrebbe essere mai trattata in fase di manicure e, anzi, andrebbe privata di qualsiasi prodotto (smalto e/o prodotto da ricostruzione) in modo che possa guarire al meglio, agevolando l'azione della terapia prescritta dallo specialista.

MACCHIE NERE La comparsa di una macchiolina di colore nero, il più delle volte, è il risultato di un piccolo ematoma formatosi a seguito di un trauma. Per prima cosa, chiedi alla cliente se ricorda di aver urtato contro qualcosa; in caso affermativo puoi procedere con il trattamento cercando, se dolorante, di evitare di toccare l'area. Una discromia di colore nero può essere però anche l'avvisaglia di un melanoma ungueale: in questi casi, la macchia ha le sembianze di una "banda" scura che, invece di scomparire naturalmente come farebbe un ematoma, si allarga nel tempo e talvolta si estende anche alla piega ungueale (il cosiddetto "segno di Hutchinson"). Se rilevi questi sintomi, consiglia alla cliente di rivolgersi a uno specialista per una biopsia mirata.

A cura della redazione

BEAU T Y - FO RU M . I T

31


BEAUTY & CARE COSMESI NATURALE

BURRO DI KARITÉ - Un antico prodotto africano che, grazie alle sue virtù

emollienti e restitutive, è annoverato tra i più classici ingredienti di bellezza.

32

BEAUTY FORUM 5 /2018

FOTO: AFRICA STUDIO / SHUTTERSTOCK.COM

UNA bomba DI IDRATAZIONE


COSMESI NATURALE BEAUTY & CARE

I

l burro di Karité è un ingrediente naturale a cui non manca proprio nulla: ricco in vitamina A, E e F, contiene acidi grassi, acidi organici (in particolare l'acido cinnamico) e ha un'elevata percentuale di frazione insaponificabile, formata in particolare da steroli. Un mix che lo rende un preziosissimo alleato di bellezza.

IDEALE PER LE PELLI DANNEGGIATE Prodigioso agente idratante ed eccellente coadiuvante per la rigenerazione cellulare, il burro di Karité è in grado di addolcire, ristrutturare, lenire e nutrire gli strati superiori della pelle; stimola inoltre la produzione di collagene e aiuta a ridurre rughe e linee d'espressione, mentre combatte le iperpigmentazioni cutanee. Per ridonare morbidezza alla pelle, è sufficiente aggiungere un cucchiaio di burro di Karité all’acqua del bagno; per levigare zone ruvide come gomiti e talloni, invece, è utile massaggiarne una noce sulle aree interessate prima di andare a dormire e lasciarlo agire durante la notte. Il burro di Karité possiede, inoltre, delle naturali proprietà antinfiammatorie e antimicrobiche e, grazie agli estratti resinosi e alla vitamina D che contiene, è considerato un ottimo agente cicatrizzante in

caso di piccoli incidenti quotidiani come graffi, sbucciature o punture d’insetto. In questi casi, se ne deve ammorbidire una piccola quantità sul palmo di una mano e massaggiarla sull’area colpita fino al completo assorbimento. È anche l’alleato perfetto per le donne in gravidanza e allattamento: aiuta a cicatrizzare velocemente le ragadi al seno e, grazie alle sue proprietà anti-elastasi, è ottimo per prevenire la comparsa delle smagliature. Gli specialisti, inoltre, consigliano di ricorrere al burro di Karité per prevenire o trattare eczema, psoriasi ed eritema da pannolino. Anche gli sportivi possono trarre giovamento da questo ingrediente versatile: impiegato durante un massaggio, favorisce la distensione dei muscoli dopo lo sforzo fisico.

AMICO DEI CAPELLI Le maschere a base di burro di Karité sono portentose nel ridonare brillantezza e vigore ai capelli secchi, sfibrati o spenti, o per nutrire quelli colorati. Il procedimento per creare una maschera di questo tipo è molto semplice: basta ammorbidire una discreta quantità di burro di Karité sui palmi delle mani e distribuirlo in maniera uniforme sulla capigliatura, insistendo soprattutto su radici e

COSA SI INTENDE CON "FRAZIONE INSAPONIFICABILE"? La frazione insaponificabile di un olio o burro cosmetico è quella parte che non diventa sapone se fatta reagire con una sostanza basica forte (ad esempio la soda caustica usata per produrre i saponi). Maggiore è la frazione insaponificabile di un prodotto, maggiore sarà la capacità di quest'ultimo di stimolare la produzione di collagene ed elastina e di idratare la pelle a fondo. In quanto a frazione insaponificabile, il burro di Karité è secondo solo all'olio di Avocado.

punte; va poi lasciato agire per tutta la notte e, la mattina seguente, risciacquato con acqua tiepida prima di lavarsi i capelli con uno shampoo dolce.

L’ESTRAZIONE: GARANZIA DI QUALITÀ Affinché il burro di Karité mantenga inalterate le sue proprietà e la sua efficacia, deve essere grezzo e non raffinato: il processo di raffinazione, infatti, fa perdere a questa sostanza tutti i suoi estratti resinosi, che sono gli agenti riparatori utili ai fini della cicatrizzazione. Prima di acquistare del burro di Karité, quindi, controlla com’è stato ottenuto. Il prodotto finito si ottiene a partire dai frutti del Karité: una pianta che può raggiungere altezze comprese tra i 12 e i 20 metri, che può vivere anche fino a trecento anni e che cresce principalmente in Africa - in modo particolare nel Burkina Faso. I suoi frutti assomigliano a grosse prugne che presentano una buccia grigiastra all’esterno e rossa all’interno; la buccia si chiude intorno a un seme a forma di mandorla che contiene tra il 45 e il 55% di massa grassa. È spremendo questo seme che si ottiene il burro di Karité. Per preservare le proprietà benefiche del burro di Karité, l’estrazione deve avvenire per spremitura a freddo. Se viene estratto con solventi (generalmente l’esano), il prodotto finito perde l’80% delle sue proprietà, tra cui vitamine e principi attivi. Distinguere i due prodotti è semplice: quello estratto tramite spremitura a freddo ha un colore leggermente giallastro e un caratteristico odore di fresco; quello estratto tramite solventi, invece, è completamente bianco, inodore e, talvolta, viene profumato artificialmente con un'aroma di vaniglia.

Isabelle Louet

BEAU T Y - FO RU M . I T

33


BEAUTY & CARE COSMESI NATURALE

1

1 Dolce+ Crema Addolcente Nutriente Bioline Jatò • Morbida crema viso-collo nutriente e protettiva con una formulazione a base di Mirtillo, Aloe e burro di Karité che la rende perfetta per il trattamento delle pelli più sensibili e delicate. Favorisce l'attenuazione della sensibilità cutanea e lascia la pelle particolarmente morbida e luminosa. www.bioline-jato.com

2 Intense Repair Shea Butter

2

Vitalis Dr. Joseph • Una formula intensiva a base di burro di Karité certificato BIO: balsamo di bellezza usato fin dall'antichità per la protezione di pelle e capelli, il burro di Karité è noto in cosmetica per il suo effetto lenitivo e protettivo, ideale per il trattamento delle pelli a tendenza secca. www.teamdrjoseph.com

3 Crema Idratante Viso Khadija Argan Cosmetic • Crema viso quotidiana a base di burro di Karité, olio di Argan e Aloe Vera che assicura idratazione, luminosità e nutrimento alla pelle di viso e collo. Le componenti lipidiche del burro di Karité aiutano il ripristino della cute, garantendo una riduzione della perdita d'acqua e migliorando l'idratazione. A rapido assorbimento, è perfetta come base trucco. www.argancosmetic.it

3 4

34

BEAUTY FORUM 5 /2018

4 Luxury Mask FABY • Maschera idratante e nutriente per la pelle secca e screpolata di mani e piedi. L'azione emolliente e calmante del burro di Karité si unisce all'efficacia detossinante e antiradicalica del complesso vitaminico (A, E, B5, C); l'estratto di alga rossa in sinergia con l'agilla naturale favorisce una prolungata azione idratante e riequilibrante del film idrolipidico. Un vero trattamento di bellezza che regala alla pelle un aspetto morbido, fresco e luminoso. www.fabynails.com


COSMESI NATURALE BEAUTY & CARE

5 Hydra+ Biodea • Trattamento ideale per ridonare idratazione e tono alle pelli secche e aride dopo le vacanze estive, eliminando la fastidiosa sensazione di pelle "che tira". Al burro di Karité, noto per le sue proprietà emollienti, idratanti e rigeneranti, si accompagnano olio di Crusca di Riso, olio di Mandorla, Diglycerin, attivo idratante, e Biosaccharide Gum, che protegge e idrata. www.golmar.com

5

6 Crema Mani Riso e Cotone Mei SPA • Il potere altamente nutriente del burro di Karité e la freschezza dell'Aloe si sposano perfettamente con la delicata ed elegante fragranza naturale Riso e Cotone, creando una crema mani idratante a rapido assorbimento. Il suo formato pocket è perfetto per la borsetta, da abbinare al Balsamo Labbra Tonificante e Protettivo anch'esso a base di burro di Karité. www.casamei.com

7 Soin Corps Phyt's • Crema corpo emolliente e nutriente studiata per le pelli secche e arricchita da ingredienti provenienti da agricoltura biologica. La formula, a base di Argan, Canapa, burro di Karité, vitamina E naturale e Lavanda ibrida, nutre e lenisce la pelle caratterizzata da secchezza intensa, calmando le eventuali irritazioni cutanee in corso. www.arcadistribution.com

6 7

8 Sacred Nature Bio-certified Body Butter Comfort Zone • Burro nutriente per il corpo agli esclusivi principi attivi naturali e biologici, ideale per la cura della pelle sensibile e disidratata. Tra gli ingredienti attivi, contiene estratto di arbusto delle farfalle, olio di Buriti, burro di Karité, acqua distillata di arancio e olio di Jojoba da agricoltura biologica. La texture ricca dona immediatamente setosità e morbidezza. www.comfortzone.it

8

BEAU T Y - FO RU M . I T

35


FOTO: COOKIE STUDIO / SHUTTERSTOCK.COM


DOSSIER

Pelle

SOTTO ATTACCO La nostra pelle è sottoposta quotidianamente a una grande varietà di aggressioni esterne: raggi UV e inquinamento ambientale sono le minacce più significative. Come può intervenire l'estetista per correggere gli inestetismi e proteggere la pelle? E come comportarsi, invece, quando l'agente del cambiamento cutaneo è rappresentato dalla terapia oncologica?

SOMMARIO Il Sole Ti Fa Vecchia Gli effetti dei raggi UV sulla pelle e le contromisure in istituto Una Pelle Come Nuova Q Italy presenta Q Skin Perfect 2.0 Nemico Pubblico I migliori principi attivi anti-inquinamento e le opzioni di trattamento Un Supporto Prezioso Intervista alla presidente dell'Associazione Professionale di Estetica Oncologica


DOSSIER PELLE SOTTO ATTACCO

IL SOLE TI FA VECCHIA I raggi UV sono tra i principali responsabili dell’invecchiamento cutaneo “estrinseco”, provocato cioè da interferenze esterne all'organismo. Vediamo nel dettaglio come agiscono e quali altri fattori contribuiscono a rendere la nostra pelle più vecchia di quanto non sia.

L’

invecchiamento cutaneo è un processo dinamico, complesso e in larga misura soggettivo, che non abbiamo ancora compreso del tutto nonostante decine e decine di studi e sperimentazioni. Nel tempo si sono scoperte nuove cause scatenanti e svariati fattori che possono influenzarlo; ciò che sappiamo con certezza è che il

38

BEAUTY FORUM 5 /2018

processo comincia dopo i 25-30 anni e che il suo decorso non può essere arrestato completamente. Se ne possono, però, ritardare visibilmente e profondamente le conseguenze. Ecco perché è fondamentale conoscere ciò che lo provoca. La nostra pelle è interessata da due tipi di invecchiamento: quello intrinseco e quello estrinseco. Il primo

ha a che fare con il fisiologico passare degli anni, che provoca tutta una serie di trasformazioni nella pelle, e ha un decorso abbastanza omogeneo per tutti gli individui; il secondo, invece, è scatenato da fattori che stanno all’esterno del corpo e può avere un decorso molto diverso da persona a persona. Per ricordare meglio la differenza, possiamo chiama-

FOTO: CUNAPLUS / SHUTTERSTOCK.COM

Anomalie nella pigmentazione, ipercheratosi e texture cutanea ruvida sono manifestazioni tipiche di una pelle invecchiata precocemente a causa dell'esposizione prolungata ai raggi UV.


PELLE SOTTO ATTACCO DOSSIER

re il primo “crono-invecchiamento”, cioè invecchiamento causato dal tempo, e il secondo “invecchiamento ambientale”. Le ricerche effettuate finora hanno evidenziato come l'invecchiamento ambientale sia responsabile di quasi l'80% dell’invecchiamento cutaneo visibile; ecco perché la maggior parte dei trattamenti antiage si concentra in modo specifico sulle sue cause. D'altro canto, l'influsso nocivo dei fattori ambientali è qualcosa che la cosmesi può combattere ad armi pari; contro il crono-invecchiamento - a meno di non disporre di una macchina del tempo - si può fare ben poco!

FATTORI ESTERNI RAGGI UV I raggi ultravioletti sono il nemico n°1: rappresentano infatti la principale causa di invecchiamento estrinseco della pelle. I loro effetti negativi variano a seconda del tipo di raggio, della sua intensità, della durata dell’esposizione e, soprattutto, del nostro fototipo. Non tutti i raggi sono uguali: distinguiamo tra raggi UV-A, raggi UV-B, raggi infrarossi (IRA) e HEV-Light (“High Energy Visible Light”, ovvero "luce visibile ad alta energia"). Le persone con fototipo chiaro sono più predisposte all’invecchiamento cutaneo provocato dai raggi UV. Quando questi raggi penetrano nella pelle mettono in moto la sintesi di diversi enzimi che smontano alcuni componenti della matrice intercellulare (come l’elastina e il collagene) e contribuiscono ad accelerare i cambiamenti strutturali nella pelle. Tra questi enzimi troviamo, ad esempio, le collagenasi, la stromelisina e le gelatinasi. Nell'ambito dello spettro dell'ultravioletto, i principali responsabili dell’invecchiamento cutaneo estrinseco sono i raggi UV-A che, rispetto agli UV-B, hanno una lunghezza d’onda maggiore e penetrano più in profondità nella pelle. Recentemente sono stati scoperti anche gli

Per farci un'idea di come invecchierebbe la pelle senza l'interferenza di fattori esterni, osserviamo l'incavo interno superiore del braccio: è un’area molto ben protetta dai raggi del sole e dai suoi effetti.

effetti negativi della cosiddetta “luce visibile ad alta energia” (HEV-Light), anche nota come “luce blu”. È un tipo di fonte luminosa alla quale siamo esposti in continuazione: viene emessa dai moderni display elettronici, come schermi piatti di computer e pc, tablet e smartphone. Secondo alcuni studi, le luci blu favorirebbero la formazione di radicali liberi, arrecando alla pelle un danno simile a quello provocato dai raggi UV. Gli altri raggi che favoriscono l’invecchiamento della pelle sono i raggi infrarossi ad onda corta; anch'essi agiscono come stimolatori di particolari enzimi che smontano il collagene. Il 50% di questi raggi proviene solitamente dal sole. I principali effetti dei raggi UV sono: –– Invecchiamento cutaneo precoce. –– Cambiamenti strutturali della pelle. –– Cheratosi solare: ipercheratosi cutanea che si accompagna a una texture della pelle grossolana e ruvida; nei casi più gravi, il danno coinvolge anche il derma. –– Macchie e anomalie nella pigmentazione. –– Rughe causate da un danno a lungo termine dei tessuti connettivi (“solar scar”). TOSSINE AMBIENTALI I raggi UV giocano sicuramente un ruolo centrale nel processo di invecchiamento, ma non sono gli unici imputati. Tra le cause estrinseche

troviamo anche diverse sostanze presenti nell’ambiente che ci circonda, tra cui l'ossido di azoto, il biossido di zolfo, l'ozono, il monossido di carbonio e gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA o PAH). L’inquinamento dell’aria e le sostanze nocive presenti nell’ambiente lasciano tracce sulla pelle, favoriscono la formazione di radicali liberi e ci rendono più vulnerabili ai processi infiammatori. Di conseguenza, si attivano i processi di ossidazione della pelle, che ne accelerano l'invecchiamento. Ecco spiegato il recente successo di trattamenti e prodotti “anti-pollution”, che si stanno ritagliando un ruolo di prim'ordine nell'attuale panorama beauty (ne parliamo nel prossimo articolo del Dossier, ndr). I principali effetti delle tossine ambientali sono: –– Invecchiamento cutaneo precoce. –– Macchie e anomalie nella pigmentazione. NICOTINA La pelle dei fumatori invecchia molto più in fretta rispetto a quella dei non fumatori, ed è un fatto ampiamente documentato da evidenze scientifiche. Proprio come succede con i raggi UV, il fumo di sigaretta attiva le metalloproteasi della matrice (di tipo 1 e di tipo 3) che provocano una riduzione significativa della sintesi di collagene. I principali effetti della nicotina sono: –– Invecchiamento cutaneo precoce. –– Cambiamenti strutturali della pelle. –– Ridotta circolazione sanguigna causata dal restringimento dei vasi sanguigni, che rende la pelle del viso pallida e spenta. INFLUSSI CLIMATICI Alcune particolari condizioni climatiche, o il rapido passaggio tra una e l'altra, possono avere delle ripercussioni negative sulla pelle, accelerandone l’invecchiamento. Clima secco e ventoso, freddo e caldo intensi

BEAU T Y - FO RU M . I T

39


DOSSIER PELLE SOTTO ATTACCO

raggi UV-B che contro i raggi UV-A; per una protezione davvero completa contro l’invecchiamento, può essere utile applicare anche prodotti capaci di schermare i raggi infrarossi e le luci blu. Per arginare la formazione dei radicali liberi e i loro processi ossidativi, andrebbe anche aumentato l’apporto di antiossidanti. Hanno dato ottimi risultati principi attivi come la vitamina C, l’acido ferulico e il resveratrolo.

EPIDERMIDE

DERMA

I raggi UV-A hanno una lunghezza d’onda maggiore rispetto a quelli UV-B e penetrano più in profondità nella pelle.

IPODERMA

I principali effetti degli influssi climatici sono: –– Alterazione del mantello acido protettivo della pelle. –– Invecchiamento cutaneo precoce. STILE DI VITA SREGOLATO Naturalmente, anche uno stile di vita poco equilibrato influenza negativamente la salute e l'aspetto della pelle. Un regime alimentare scorretto causa ad esempio carenze di minerali che si ripercuotono sulla capacità di rigenerazione della pelle accelerandone l’invecchiamento. Un consumo massiccio di alcol, invece, oltre a sottrarre idratazione alla pelle, mette anche sotto sforzo i vasi sanguigni. Bere poca acqua, invece, è l'anticamera di pelle secca, disidratata e piena di rughe. I principali effetti di uno stile di vita sregolato sono: –– Ridotte capacità di rigenerazione

40

BEAUTY FORUM 5 /2018

della pelle. –– Alterazioni nel mantello acido protettivo della pelle.

COME DIFENDERSI? Metodi preventivi: Dal momento che sono i raggi UV a incidere maggiormente sull’invecchiamento cutaneo estrinseco, il modo migliore per rallentare questo processo è usare con regolarità i filtri solari. Spiega alle clienti che i raggi UV sono presenti ovunque, anche se il cielo è nuvoloso, è inverno o siamo dietro a un vetro. Il filtro solare deve avere un alto potere schermante sia contro i

Sarah White

Giornalista e Trainer internazionale nel campo della cosmesi, ha un sito web (www.iluqua.com) in cui tratta temi legati a pelle, principi attivi e bellezza.

TRATTAMENTO ANTIAGE Passaggi

Pulizia del viso con un olio detergente Peeling agli acidi della frutta (acido glicolico) Tonico Fiala di acido ialuronico (breve lavorazione con gli ultrasuoni) Maschera antiage in crema (dopo il tempo di posa può essere eseguito un massaggio). Chiusura di trattamento (siero antiossidante, crema giorno, protezione solare e fondotinta)

FOTO: NEOKRYUGER / SHUTTERSTOCK.COM

sono fattori di stress per la cute, che influiscono direttamente sui vasi sanguigni e compromettono i livelli di sebo e idratazione della pelle, a scapito dell’integrità del mantello acido protettivo. Se non ne vengono contrastati gli effetti, i cambiamenti climatici estremi possono accelerare il processo d'invecchiamento.

Quando i danni della pelle sono già visibili: Se i danni dell’invecchiamento sono già visibili, si possono correggere utilizzando dei cosmeceutici specifici. Tra i principi attivi più efficaci in questo frangente troviamo il Retinol (vitamina A), gli AHA/alfa-idrossiacidi (acidi della frutta come l’acido glicolico, l’acido mandelico e simili) e i PHA/polidrossiacidi (come il gluconolattone). Tra i trattamenti con macchinari, invece, quelli che hanno dato i risultati migliori nel minimizzare visibilmente i segni dell’invecchiamento sono gli ultrasuoni, il microneedling, il laser e la microdermoabrasione.


VISTO SU BEAUTY FORUM DOSSIER

Una Pelle Come Nuova

FOTO: Q ITALY

S

e l'estate è un toccasana per la mente che si rilassa, la pelle vive invece il suo momento più impegnativo: esposta frequentemente ai raggi del sole, agli agenti atmosferici e a continui bagni in piscina e al mare, può sviluppare arrossamenti, secchezza, macchie solari, ruvidità e piccole imperfezioni. Come può la professionista difendere il capitale di bellezza delle proprie clienti? Q Skin Perfect 2.0 è stato progettato specificamente per intervenire efficacemente sull'epidermide delle tue clienti e riportarla al suo originario stato di bellezza, idratazione, tono ed elasticità. Q Skin Perfect 2.0 rappresenta il top della tecnologia nei trattamenti rigeneranti viso. Agisce direttamente sulle discromie dovute ad anomalie della pigmentazione e sulle differenze di spessore cutaneo, stimolando il metabolismo cellulare e la microcircolazione locale con conseguente

miglioramento del tono, del colore e dell'elasticità della pelle. Contrasta attivamente l'invecchiamento cutaneo sia del viso che del corpo, rendendo uniforme il colorito e restituendo alla pelle la sua naturale luminosità. Il macchinario è dotato inoltre della radiofrequenza frazionata, che permette di erogare molta più energia al tessuto da trattare (sia viso che corpo) in quanto unisce la termostimolazione per il rimodellamento plastico del derma alla correzione delle irregolarità della texture, determinando così un ringiovanimento della cute a tutto spessore. Un trattamento mirato, perfetto per aiutare le tue clienti ad affrontare al meglio l'ingresso nell'autunno e nella stagione fredda che verrà.

VISTO SU BEAUTY FORUM

Q Italy

Strada Fornace Vecchia, s.n. 61122 - Pesaro (PU) Tel. 0721 25198 info@q-italy.it www.q-italy.it

BEAU T Y - FO RU M . I T

41


DOSSIER PELLE SOTTO ATTACCO

Il tema dell’inquinamento e dei suoi effetti sulla pelle è estremamente discusso al momento, tanto che il trend dell'anti-pollution è in rapida crescita nei centri estetici. Abbiamo chiesto a 7 esperti quali siano i principi attivi più efficaci e le opzioni di trattamento più in voga per vincere la battaglia contro questo nemico della bellezza. 42

BEAUTY FORUM 5 /2018

FOTO: SERGEY EDENTOD / SHUTTERSTOCK.COM

NEMICO PUBBLICO


PELLE SOTTO ATTACCO DOSSIER

C

osa intendiamo quando parliamo di inquinamento atmosferico, o "pollution"? Con questa espressione ci riferiamo all’insieme di gas nocivi e particelle solide inquinanti presenti nell’atmosfera. In cima alla lista delle fonti di emissione di questi elementi dannosi troviamo i sistemi di scarico degli autoveicoli, le fabbriche, gli impianti di riscaldamento. Anche l'industria agricola adotta processi estremamente inquinanti: se è senz'altro vero, dunque, che chi vive in contesti urbani o nei pressi ad aree industriali è esposto quotidianamente agli attacchi degli agenti inquinanti, chi abita in aree rurali non è certo esente da rischi. La grande famiglia degli agenti inquinanti comprende composti organici e inorganici, così come minuscole particelle estremamente dannose per la nostra salute note come "polveri sottili" (o "particolato"). È stata proprio l’Organizzazione Mondiale della Sanità, negli ultimi anni, a puntare i riflettori sulle polveri sottili, dichiarandole ufficialmente fattore cancerogeno e reclamando a gran voce l'adozione di contromisure che ne limitino le conseguenze. Oltre a una grande varietà di patologie, anche gravi, l'inquinamento ambientale è un acerrimo nemico della bellezza. La pelle, infatti, è fortemente esposta agli agenti inquinanti, con conseguenze visibili che vanno dall'invecchiamento cutaneo precoce alle irritazioni diffuse, fino all'aggravarsi di condizioni cutanee problematiche pregresse.

COME AGISCONO LE POLVERI SOTTILI Le polveri sottili sono composte da microscopiche particelle liquide e solide in sospensione, sulla cui superficie si accumulano altri agenti inquinanti. Per la loro dimensione estremamente piccola, queste particelle riescono a penetrare facilmente nella pelle attraverso i pori: un poro ha un diametro di circa 50 micron, mentre una particella di pol-

vere sottile misura circa 10 micron. Una volta raggiunta la pelle, queste particelle mettono in moto i meccanismi di formazione dei radicali liberi, favorendo così l’invecchiamento cutaneo. Le conseguenze sono quelle che conosciamo molto bene, dalle anomalie nella pigmentazione alla formazione delle rughe, fino alla perdita di collagene ed elastina, che rende i tessuti progressivamente meno sodi e più "rilassati". Un'altra conseguenza dell’inquinamento ambientale è la sensibilizzazione della pelle, con arrossamenti, prurito e tutti gli altri sintomi tipici di una barriera cutanea danneggiata. La patina di smog che quotidianamente si forma sul viso complica notevolmente la vita anche a chi ha la pelle a tendenza grassa, moltiplicando le impurità e gli inestetismi collegati.

I MIGLIORI ATTIVI ANTI-INQUINAMENTO In anni recenti, la ricerca cosmetica ha fatto passi da gigante nell'ambito dell'anti-pollution: dai laboratori sono usciti e stanno uscendo principi attivi mirati, spesso combinati tra loro in complessi funzionali altamente efficaci nella lotta agli effetti dannosi dell'inquinamento, a cominciare dal più gravoso: la sovrapproduzione di radicali liberi. "Gli effetti tossici indotti dallo smog nell'uomo si verificano principalmente attraverso meccanismi di stress ossidativo e conseguente risposta infiammatoria della pelle" spiega la dottoressa Carolina Ambra Redaelli, socia e direttore Ricerca & Sviluppo Dermophisiologique; per combattere questi effetti, il brand mette in campo attivi come l'acido fitico, dalla forte azione antiossidante, il sistema filtrante di ultima generazione 4UV Defence™, l'attivo Pollustop® che agisce come "scudo" protettivo e, non da ultimi, i polifenoli di vite rossa, essenziali per il nutrimento e l'ossigenazione dei tessuti e preziosi alleati del microcircolo cutaneo.

"L'inquinamento atmosferico è una delle principali problematiche del secolo" osserva Donatella Lenzi, Beauty Expert Selvert Thermal Italia, citando l'allarmante dato secondo cui chi vive in contesti metropolitani sviluppa oltre il 25% di macchie e rughe in più sul viso. "Nata dopo anni di studi, la nostra linea anti-inquinamento è composta da attivi innovativi tra cui lo Shield MP, estratto da un microrganismo della Polinesia francese, che protegge la pelle diminuendo l'adesione delle particelle inquinanti" spiega. Un recente principio attivo inserito nei prodotti anti-inquinamento è l'estratto multi-attivo dei fiori di camelia rossa, un arbusto sempreverde originario del Giappone. Come sottolineato da Lucia Chiarini, Beauty Expert Janssen Cosmetics, "questo estratto prezioso ha dimostrato di essere anti-ossidativo e in grado di alleviare le irritazioni; inoltre, idrata e migliora la densità della pelle". "L'ingrediente fondamentale per proteggere ogni tipo di pelle dai danni causati dai radicali liberi e dall'inquinamento è, come sappiamo, la vitamina C, nelle sue forme più pure e attive" ricorda Clara Macchiella Corradini, fondatrice di Bioline Jatò e responsabile Ricerca, Sviluppo & Formazione del brand. Per potenziarne i benefici, Bioline la accompagna al DE-OX Complex, "un potente complesso multifunzionale che combina sapientemente attivi di originale naturale e vegetale, come l'ectoina e l'acido maslinico, e un attivo di ultima generazione, l'Oxishield, vero e proprio schermo protettivo dall'efficacia superiore rispetto agli anti-ossidanti tradizionali". Il dottor Luigi Grassato, responsabile Ricerca & Sviluppo Revivre, accosta alla già citata vitamina C altre preziose sostanze naturali, dal resveratrolo ricavato dall'uva rossa ai polifenoli dell'ulivo, tutti eccellenti anti-ossidanti; un ingrediente di particolare importanza è poi l'ubichinone, meglio noto come Coenzima Q10: "presente in tutte le cellule viventi" precisa Grassato, "è un

BEAU T Y - FO RU M . I T

43


DOSSIER PELLE SOTTO ATTACCO

ottimo agente antiossidante che si presta a prevenire i danni causati dai radicali liberi". "Considerando che le particelle inquinanti che si depositano sulla pelle raggiungono con estrema facilità i nostri pori, serve una strategia di contrattacco completa e incisiva" spiega Chiara Treppiccioni, Brand Manager Hesito®. Il programma anti-inquinamento del brand prevede appunto l'azione combinata di due complessi ad hoc: "Da un lato abbiamo l'HESITO Natural Complex, esclusiva miscela ad ampio spettro con 35 antiossidanti di derivazione botanica, tra cui cacao, curcuma, açai, estratto di semi d'uva e tè verde; dall'altro, un complesso anti-pollution con estratto di fiore di zafferano e licopene (estratto dalla buccia di pomodoro italiano), ingredienti che intervengono sulla prevenzione del danno cutaneo da inquinamento e si prendono cura della pelle quando questo è già avvenuto". Per Carlotta Del Canale, Technical Marketing Comfort Zone, gli ingredienti anti-pollution intervengono principalmente in due frangenti: la rimozione e la difesa. "Tra gli ingredienti che possono catturare con successo le molecole inquinanti, liberando la pelle, ci sono sostanze assorbenti come il carbone e le argille, ma anche attivi più ricercati e selettivi per i metalli pesanti come la clorella, superfood dall'altissima concentrazione in clorofilla". La difesa della pelle dall'attacco delle polveri sottili può essere esercitata invece da due meccanismi differenti: "uno meccanico, con la creazione di un film protettivo, l'altro più fisiologico, legato all'azione antiossidante" spiega.

AZIONE MIRATA IN CABINA Quando si tratta di predisporre un protocollo anti-pollution da cabina, il primo, indispensabile passaggio è rappresentato da una profonda detersione associata a un'efficace esfoliazione. Liberare la pelle dalle

44

BEAUTY FORUM 5 /2018

La maschera al carbone attivo è fondamentale in un trattamento antiinquinamento, perché 'risucchia' le tossine e il particolato sottile. Donatella Lenzi Beauty Expert Selvert Thermal Italia Per attivare gli scambi osmotici, la tonificazione e l'ossigenazione cellulare si può eseguire un micromassaggio del viso. Carolina Ambra Redaelli Socia e Direttore Ricerca & Sviluppo Dermophisiologique L'azione detossinante, depurante e antiossidante in cabina si ottiene con principi attivi specifici uniti a manualità drenanti. Lucia Chiarini Beauty Expert Janssen Cosmetics L'ingrediente fondamentale per proteggere la pelle dai danni causati dai radicali liberi e dall'inquinamento è la vitamina C nelle sue forme più pure e attive. Clara Macchiella Corradini Fondatrice e Responsabile Ricerca, Sviluppo & Formazione Bioline Jatò La rimozione delle impurità deve essere eseguita senza compromettere il mantello idrolipidico, la nostra ultima barriera di difesa da ciò che ci circonda. Luigi Grassato Responsabile Ricerca & Sviluppo Revivre Ogni antiossidante ha proprietà protettive specifiche: un ampio spettro di antiossidanti offre dunque una protezione migliore contro i radicali liberi. Chiara Treppiccioni Brand Manager Hesito® Gli ingredienti anti-pollution di ultima generazione agiscono su due fronti: la rimozione degli inquinanti e la difesa dai loro successivi attacchi. Carlotta Del Canale Technical Marketing Comfort Zone

sostanze inquinanti, infatti, crea la base perfetta per la successiva applicazione di maschere, sieri e creme formulate con i già menzionati principi attivi anti-inquinamento, garantendo alla cute un protezione ad ampio spettro dalle aggressioni ambientali. "La fase di detersione riveste un ruolo fondamentale e deve essere in grado di alleviare la sensibilità della pelle stressata dai fattori inquinanti, ma allo stesso tempo decisa nel catturare le impurità che quotidianamente vengono a contatto con la superficie cutanea" spiega Lucia Chiarini di Janssen Cosmetics. Le fa eco Donatella Lenzi di Selvert Thermal, che per la fase di detersione ed esfoliazione consiglia "prodotti a base di acido salicilico e olio d'oliva, per eliminare in profondità le impurità causate dall'inquinamento e da altri fattori esterni, come ad esempio il fumo". "Il trattamento ideale non deve concentrarsi solo sull'agente che attacca la cute, in questo caso l'inquinamento; è necessario anche ripristinare la qualità cutanea, riportandone i livelli in equilibrio" spiega Chiara Treppiccioni di Hesito®; "per riuscirci" continua, "è necessario far coincidere un'azione esfoliante non troppo aggressiva con la stimolazione dell'idratazione profonda". È d'accordo Carlotta Del Canale di Comfort Zone, per la quale "il trattamento professionale offre l'opportunità di predisporre una profonda azione detossinante attraverso manualità e prodotti ad azione restitutiva, creando una sequenza che elimini le tossine e ripristini gli elementi essenziali per l'equilibrio fisiologico della pelle". Nell'ambito di un protocollo anti-pollution, le maschere sono un'arma preziosa nelle mani dell'estetista. Protagonista del trattamento professionale multi-correzione di Bioline Jatò è, come ci spiega Clara Macchiella Corradini, "una maschera uniformante agli estratti d'alga: un'autentica sorgente di idratazione, che aiuta a rivitalizzare il viso,


PELLE SOTTO ATTACCO DOSSIER

restituendo freschezza e luminosità alle pelli spente, secche e segnate". Selvert Thermal punta invece sulla ben nota maschera "nera" a base di peptidi e carbone attivo, dalle straordinarie proprietà antiossidanti, che, spiega Donatella Lenzi, "ha il compito di 'risucchiare' le tossine e il particolato sottile" liberando così la pelle e preparandola al meglio all'applicazione dei prodotti successivi, in particolare i sieri concentrati. Pulizia, esfoliazione, applicazione di un siero e di una maschera dalle virtù antiossidanti, idratanti e illuminanti sono gli step fondamentali dell'anti-pollution in cabina anche per Revivre; come chiusura di trattamento, rivela Luigi Grassato, si esegue poi "un leggero massaggio con una crema arricchita da un fattore di protezione solare a largo spettro, per prevenire il foto-invecchiamento cutaneo". Proprio il massaggio, sottolineano i nostri esperti, rappresenta un altro step fondamentale in questo tipo di trattamento, in chiave drenante da un lato, rivitalizzante dall'altro. "Per attivare maggiormente gli scambi osmotici, la tonificazione e l'ossigenazione cellulare è molto utile un micromassaggio del viso con la digitopressione" spiega Carolina Ambra Redaelli di Dermophisiologique.

FOTO: SISACORN / SHUTTERSTOCK.COM

UNA BEAUTY ROUTINE AD HOC Il mantenimento domiciliare è un supporto indispensabile ai risultati ottenuti in cabina, e questo vale, a maggior ragione, anche quando si tratta di anti-pollution: la pelle di chi vive o lavora in contesti urbani è sottoposta allo stress generato dall'inquinamento su base quotidiana; appare evidente, allora, come una beauty routine anti-inquinamento che si rispetti debba ruotare necessariamente intorno a una detersione accurata e regolare. "Può sembrare banale" osserva Luigi Grassato di Revivre, "ma per proteggersi dall'inquinamento sicuramente la cosa migliore è procedere

Alla pulizia del viso da tossine e impurità va abbinata la successiva applicazione di prodotti capaci di rigenerare la pelle e di proteggerla dalle aggressioni.

più volte al giorno alla detersione della pelle con prodotti specifici, atti a rimuovere le impurità senza compromettere il mantello idrolipidico, come mousse o latti privi di tensioattivi aggressivi e tonici privi di alcol". Per Carlotta Del Canale di Comfort Zone, la pelle andrebbe detersa "scegliendo possibilmente un prodotto specifico contro le polveri sottili"; Lucia Chiarini di Janssen Cosmetics individua nella beauty routine serale il momento perfetto per una detersione che "elimini tutto ciò che durante il giorno si può essere legato alla superficie cutanea"; per una pulizia ottimale consiglia, in alcuni casi, di procedere con una doppia detersione. Alla pulizia del viso da tossine e impurità va abbinata la successiva applicazione di prodotti capaci di rigenerare la pelle e di proteggerla dalle aggressioni. "Bioline Jatò ha ideato un programma domiciliare che prevede l'utilizzo di quattro referenze: una crema occhi/labbra, un siero booster e due creme, una dalla texture più leggera e setosa che offre alla pelle uno scudo invisibile dalle aggressioni esterne e una più ricca e preziosa per la notte, a rinforzo delle difese cutanee" ci spiega Clara Macchiella Corradini. Anche Selvert Thermal adotta un approccio cronobiologico, puntando sull'azione complementare di referenze per

il giorno e per la notte: come ci illustra Donatella Lenzi, "la crema giorno fornisce la necessaria protezione contro polveri sottili, fumo e raggi UV, prevenendo lo stress ossidativo; la crema notte ripara i danni visibili provocati dalla degenerazione cellulare". La ricetta proposta da Carolina Ambra Redaelli di Dermophisiologique prevede "una crema viso riparatrice dall'azione antiossidante e rivitalizzante del metabolismo cutaneo e, per creare una 'barriera' contro l'inquinamento, un perfezionatore dell'incarnato a base di filtri solari, minerali e siliconi dermoaffini". Non va sottovalutato, infatti, il ruolo svolto dal make up minerale, che può rivelarsi un validissimo strumento di difesa contro gli agenti inquinanti. È il caso della linea di recente lancio Hesito® Minerals, in cui, ci spiega Chiara Treppiccioni, "il primer idrata e stimola la cute, preparandola all'applicazione

della

protezione

trattante che svolge contemporaneamente la funzione di fondotinta, trattamento anti-aging e filtro solare SPF25".

A cura della redazione

BEAU T Y - FO RU M . I T

45


DOSSIER PELLE SOTTO ATTACCO

UN SUPPORTO PREZIOSO

O

gni anno in Italia vengono diagnosticati circa 365.000 nuovi casi di tumore (esclusi i tumori della pelle, per i quali esiste una classificazione a parte). La stima, fornita dall'Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM), è senz'altro

46

BEAUTY FORUM 5 /2018

impressionante, ma l'indagine rileva anche come siano sensibilmente migliorate, negli anni, le percentuali di guarigione. Il merito, oltre che delle sempre più sofisticate tecnologie di screening, va attribuito anche alla maggiore efficacia delle terapie che, grazie alla ricerca, hanno fatto e

stanno facendo passi da gigante. Come sa bene chiunque abbia avuto a che fare con questa patologia, le terapie oncologiche hanno ricadute significative sul corpo. Per quanto riguarda la pelle, i cambiamenti possono essere anche molto visibili e investire la sfera psicologica del

FOTO: JPC-PROD / SHUTTERSTOCK.COM

La lotta contro un tumore può mettere a dura prova la pelle: l'estetista, adeguatamente formata, può intervenire tanto sugli inestetismi quanto sul disagio psicologico che ne deriva, fornendo con le proprie competenze e la propria sensibilità un utile accompagnamento alla terapia. Ne abbiamo parlato con la presidente di APEO, Carolina Ambra Redaelli.


PELLE SOTTO ATTACCO DOSSIER

paziente, generando imbarazzo e insicurezze legate al proprio aspetto. Eppure, sentirsi bene con se stessi è di fondamentale importanza quando ci si accinge ad affrontare un percorso di guarigione. È a partire da questa premessa che si è fatta strada l'estetica oncologica, disciplina che sta riscuotendo un grande successo tra professioniste e pazienti. Ma quali sono, nello specifico, le ripercussioni estetiche che la terapia ha sulla pelle? E quale può essere il ruolo dell'estetista in questo delicato frangente? Lo abbiamo chiesto a Carolina Ambra Redaelli, presidente dell'Associazione Professionale di Estetica Oncologica (APEO).

Le terapie oncologiche provocano cambiamenti piccoli e grandi sulla pelle del paziente, con ripercussioni fisiche e psicologiche: quali sono quelli più comuni? Le tossicità cutanee generate dai farmaci impiegati nelle terapie oncologiche, soprattutto in quelle di ultima generazione come le "target therapy", sono parecchie e di gradi diversi. Tra le manifestazioni più importanti troviamo certamente i rash cutanei al viso o al corpo, formati da lesioni simili a quelle dell'acne ma, a differenza di queste, dovute a un'irritazione del complesso pilosebaceo non di origine microbica. Altra manifestazione importante è la xerosi generalizzata, in cui la pelle soffre di una fortissima disidratazione superficiale e profonda. Questa genera nel paziente pizzicore e prurito, fino a complicarsi in fissurazioni su zona periungueale particolarmente dolorose e che possono arrivare a sanguinare. Un altro possibile disturbo è la sindrome mano-piede, caratterizzata da lesioni alla cute e alle unghie delle mani e dei piedi, che limita fino a rendere impossibile l'utilizzo delle mani e quello dei piedi - e, quindi, di un'azione quotidiana come il semplice camminare. Da menzionare anche l'elevata foto-

sensibilità, che impedisce l'esposizione alla luce solare. Tutti questi disturbi riguardano l'organo cute: la parte del corpo che, di fatto, ci mette in collegamento con le altre persone. È facile comprendere quanto questi cambiamenti possano quindi inficiare la qualità della vita, generando profondi turbamenti psicologici.

Quali opzioni di trattamento può mettere in campo l'estetista in relazione a questi inestetismi? Adeguatamente formata sulla malattia oncologica, l'estetista APEO può, seguendo protocolli ben precisi, trattare attraverso procedure specifiche la cute di tutte le aree corporee che presentano gli effetti sopra descritti. Tra i trattamenti più importanti ci sono sicuramente manicure e pedicure appropriate, e impacchi lenitivi, emollienti e idratanti su viso e corpo. Un altro aiuto prezioso che può fornire l'estetista è quello di suggerire prodotti per la cosmesi quotidiana scientificamente studiati e adatti al paziente oncologico in base alle terapie che sta seguendo.

Ci sono prodotti o trattamenti che l'estetista dovrebbe tassativamente evitare quando ha a che fare con una cliente in cura oncologica? L'estetista APEO, quale figura non sanitaria, dopo aver preso in considerazione il momento terapeutico della persona in terapia oncologica sa benissimo cosa fare, ma soprattutto cosa non fare. Tra i trattamenti assolutamente off-limits troviamo gli interventi su cute lesa, quelli che vanno a lavorare sulla microcircolazione e tutti i massaggi non protocollati e validati su paziente oncologico. Dal punto di vista cosmetologico, non vanno applicati prodotti che contengano oli minerali, profumi allergizzanti, sostanze e sistemi conservanti potenzialmente allergizzanti.

Un'adeguata formazione è basilare in un frangente così delicato: su quali argomenti si concentra il percorso proposto da APEO? Nel percorso APEO la formazione è fondamentale perché l'estetista deve conoscere la malattia oncologica e, quindi, sapere come può evolvere la patologia; deve conoscere in modo approfondito anche le terapie oncologiche, siano essere farmacologiche o radioterapiche, al fine di gestire la tossicità di queste ultime. Fondamentali sono poi le nozioni di cosmetologia, utili a indirizzare la scelta del cosmetico oncologico, e un'adeguata conoscenza delle manualità che possono essere effettuate nell'ambito dei trattamenti. Va padroneggiata, infine, la cosiddetta psiconcologia, per approcciare nel modo corretto la persona in terapia oncologica.

L’attenzione all'aspetto psicologico è sempre fondamentale per un'estetista, a maggior ragione quando la cliente è una persona che sta combattendo contro un tumore. Qual è l'approccio giusto? Nel percorso APEO, alla psicologia è riservato un ruolo molto importante sia durante il corso, sia durante gli aggiornamenti obbligatori. L'estetista, per sua formazione, è inserita in un mondo di benessere e bellezza: il lavoro di psicologia che viene fatto ad APEO è primariamente studiato per lei, per aiutarla a gestire il proprio stress e prepararla a un ascolto competente della persona in terapia. L'obiettivo è quello di insegnarle ad avere un approccio non pietistico verso la persona che si troverà di fronte, ma di presa in carico e di accompagnamento professionale. L'estetista APEO, così formata, può essere un punto di riferimento nel momento terapeutico del paziente, aiutandolo a migliorare la qualità della vita e, di conseguenza, la compliance terapeutica.

BEAU T Y - FO RU M . I T

47


NON È MEGLIO ESSERE PIÙ INFORMATI? Tel. 011 5637338 abbonamenti@zeroventi.com www.nailpro.it/abbonamenti

ABBONATI ONLINE SU www.nailpro.it


Nailpro ABBONAMENTO ANNUALE (6 numeri)

ABBONAMENTO BIENNALE euro 49,00 (12 numeri)

BEAUTY FORUM ABBONAMENTO ANNUALE (7 numeri)

ABBONAMENTO BIENNALE euro 57,00 (14 numeri)

Nailpro + BEAUTY FORUM ABBONAMENTO ANNUALE (13 numeri) (7 numeri di BEAUTY FORUM + 6 numeri di Nailpro)

euro 49,00 ABBONAMENTO BIENNALE euro 80,00 (14 numeri di BEAUTY FORUM + 12 numeri di Nailpro)


STYLE

Glam Look D'AUTUNNO TENDENZE - Le sfilate Autunno/Inverno 2018-19

FOTO: KOKULINA / SHUTTERSTOCK.COM

ci regalano tanti spunti per stupefacenti make up viso: dagli occhi alle labbra, ecco le nostre scelte per un look di tendenza.


STYLE MAKE UP

sul classico, Tibi lo rende minimal nella forma - una virgola appena accennata all'angolo esterno dell'occhio - ma appariscente nei colori dall'arancio all'azzurro intenso. Antonio Marras aggiunge all'"occhio di gatto" graffianti sbavature di colore nei toni dell'arancio e del fucsia, o enfatizzando la linea con un doppio tratto. Da Altuzarra, il cat eye si fa estremo: le modelle sfoggiano con disinvoltura spesse e precise virgole nere allungate verso l'alto, quasi a congiungersi con l'angolo esterno del sopracciglio, circondate da pennellate di colore che si spingono fino allo zigomo. Grafismi pop e appariscenti anche da Prada, dove il cat eye diventa gioiello grazie all'applicazione di una cangiante coda di Swarovski.

S

ulle passerelle delle Fashion Week per la prossima stagione Autunno/Inverno se ne sono viste (letteralmente) di tutti i colori: trascinati dall'energia prorompente di Ultra Violet, colore Pantone del 2018, i Make Up Artist hanno deciso di osare, sperimentando accostamenti cromatici insoliti e spregiudicati. La palette per la stagione fredda, insomma, è più variopinta che mai: abbiamo selezionato le tendenze più glam da riproporre in salone.

OCCHI ARCOBALENO Se è vero che lo smokey eye nelle classiche sfumature del grigio e del marrone è e rimane una scelta sicura per il trucco occhi di stagione, le passerelle Autunno/Inverno 2018-19 hanno inaspettatamente puntato su

52

BEAUTY FORUM 5 /2018

Cat eye minimal ma dai colori accesi per la sfilata di Tibi.

palette vivaci e variopinte per dare enfasi allo sguardo. Il colore dell'anno, Ultra Violet, fa capolino in svariati beauty look: glitterato e luminescente, incornicia lo sguardo delle modelle di Marc Jacobs; da Anna Sui diventa vero e proprio statement, vestendo l'intera palpebra o dividendo la scena con tonalità altrettanto "bold", come il rosso (gira pagina per un esclusivo step by step nei toni del viola e del rosso!). Ma non c'è solo Ultra Violet: il make up occhi scelto da Salvatore Ferragamo è un trionfo di ombretti dai colori accesi, dal giallo al celeste; anche Dior sceglie accenti pop, colorando la rima ciliare superiore e inferiore con una sottile riga di eyeliner in vivaci tonalità fluo. Il trend del cat eye sopravvive all'estate e si ripresenta in veste autunnale, in una miriade di varianti facili da personalizzare: Les Copains va

Si dice che le donne, oggi, siano ormai così disinibite da aver perso la capacità di arrossire: a quanto pare, non in passerella! Gote e guance sono indiscutibilmente al centro del beauty look di stagione: velate di sfumature albicocca come da Hèrmes; rosate a a effetto glow, come da Isabel Marant; illuminate da riflessi color bronzo, in un tutt'uno con palpebre e tempie, come da Chanel. Alleato n°1 di questi look, il blush: capace di rendere il volto raggiante in pochi semplici tocchi, si conferma must have irrinunciabile anche e soprattutto con l'approssimarsi della stagione fredda. Il segreto del tanto ambito effetto "bonne mine"? La naturalezza! Ombreggiature sfumate a regola d'arte, che seguono la forma del viso e lo valorizzano anche in assenza di un trucco occhi/labbra particolarmente appariscente. Ne sono un esempio i beauty look creati per le sfilate di Stella McCartney e Prabal Gurung, nei quali un make up completamente nude si accende grazie a sapienti tocchi di colore sulle guance. Da Missoni si va ancora oltre: una cascata di lentiggini finte, disegnate ad arte

FOTO: OVIDIU HRUBARU; RON ADAR / SHUTTERSTOCK.COM

Ultra Violet protagonista assoluto del trucco occhi per il fashion show di Anna Sui.

FOCUS SULLE GUANCE


MAKE UP STYLE

BONUS TREND: CIGLIA ESAGERATE Curvature pronunciate, volume estremo e, perché no, un tocco di colore: le ciglia giocano un ruolo di prim'ordine nei beauty look di stagione. Al fashion show di Dries Van Noten, le modelle le hanno sfoggiate arancioni, violette, blu e rosa fluo, ma è sufficiente un tocco di ombretto rosso scuro, applicato sulle ciglia con l'ausilio di uno scovolino da mascara pulito, per dare un tocco glam allo sguardo, magari in occasione di ricorrenze particolari come i party di Halloween o di Natale.

e distribuite casualmente tra guance, naso e fronte completa il beauty look rendendolo frizzante e sbarazzino.

FOTO: OVIDIU HRUBARU; TINXI; (IN ALTO) IMCSIKE / SHUTTERSTOCK.COM

LABBRA: METAL O MATT? Per quanto riguarda il trucco labbra, due sono le grandi tendenze di stagione: colore pieno dal finish rigorosamente opaco da un lato, riflessi perlati e metallici dall'altro. Il trend matte si veste di rosso fuoco sulle labbra delle modelle di Alexander McQueen, di intenso borgogna su quelle di Rochas; da Max Mara si osa con un fucsia neon vellutato alternato a delicati toni nude, come quelli visti anche da Versace. Anche per quanto riguarda le labbra non mancano, tuttavia, proposte audaci e sopra le righe: la sfilata di Maison Margiela è un'esplosione multicolor, con lipstyle matte nei toni iperpigmentati del verde smeraldo, del blu cobalto, dell'arancione e del viola. In alcuni casi, il colore è impreziosito anche da effetti olografici, per un look futuristico che è ancora una volta in pieno mood Ultra Violet. Ed è proprio il finish cangiante l'altro grande trend dell'autunno/inverno in fatto di labbra: finish metal-

lizzati o perlescenti, che illuminano l'intero volto. A scegliere questo look è Stella Jean, che punta su un color silver rosato; riflessi argentei anche da Roksanda, dove il tocco metallizzato sulle labbra richiama quello del trucco occhi.

A cura della redazione

Riflettori puntati sulle guance nel beauty look realizzato per Prabal Gurung.

Labbra dai riflessi metal per le modelle di Stella Jean.

Step by step a cura di Christine Eleven, Make Up Artist e Hairstylist

BEAU T Y - FO RU M . I T

53


STYLE MAKE UP

UNO SGUARDO ULTRA VIOLET: LO STEP BY STEP Ultra Violet, colore Pantone del 2018, sarà al centro della scena del make up autunnale, soprattutto per quanto riguarda gli occhi. Questo viola intenso e di carattere si presta bene a essere abbinato ad altre tonalità: per uno sguardo super magnetico, è perfetto con l'oro, con i toni bronzati o, come in questo caso, con il rosso. Non dimenticarti delle unghie: una manicure Ultra Violet sarà il contrappunto perfetto al make up.

1

2 Usiamo un ombretto in polvere dalla tonalità Ultra Violet per disegnare il contorno degli occhi, poi applichiamo lo stesso colore sulla palpebra mobile, sfumandolo verso la piega palpebrale. Evidenziamo la rima ciliare con un tratto di kajal viola.

54

BEAUTY FORUM 5 /2018

3 Per un make up da sera, stendiamo dell’ombretto rosso metallizzato lungo la rima ciliare inferiore; per un make up da giorno, invece, sostituiamo il rosso con un tono bronzato o dorato. Disegniamo con il kajal nero la parte interna della rima ciliare inferiore, poi intensifichiamo ulteriormente lo sguardo applicando un mascara volumizzante.

4 Incorniciamo lo sguardo perfezionando la forma delle sopracciglia: riempiamone gli spazi vuoti, disegniamole e pettiniamole con una spazzolina a spirale. Per controbilanciare un trucco occhi così "importante", manteniamo le labbra sobrie, enfatizzandole solamente con un lipgloss nude. Concludiamo realizzando un accenno di contouring sugli zigomi.

FOTO: MARINA SCHNEIDER-MOOG / WWW.SCHNEIDER- MOOG.DE

Stendiamo il fondotinta su guance, fronte, naso e mento con un ampio pennello per make up. Camuffiamo i punti critici con il correttore, poi applichiamo un illuminante color bronzo sulle aree del viso più in evidenza, creando dei chiaroscuri. La pelle deve risplendere quasi "di luce propria": applichiamo quindi la polvere con parsimonia, senza appesantire l'incarnato.


NEWS STYLE

1 Pure Metal Veil Absolute New York • Una formula fluida e ricca di pigmenti per un ombretto liquido che offre una versatilità di applicazione a 360 gradi. Applicato da solo regala un eye look multidimensionale, ma è perfetto anche per essere sfumato, in combinazione con i propri ombretti in polvere preferiti. La formula a base d’acqua assicura un risultato cromatico brillante e un’intensità metallica sorprendente, dando vita a make up sensazionali grazie alle differenti sfumature olografiche. Disponibile in 12 cangianti nuance, dal delicato beige Champagne all’intenso viola Posh Plum, passando per irresistibili sfumature in toni caldi e freddi. www.absolutenewyork.it

1

2 Border Lip Pencil PaolaP • Esclusivo trattamento studiato per ridisegnare il contorno labbra, riempire e attenuare le piccole rughe e, agendo da barriera, eliminare le antiestetiche sbavature del rossetto e del gloss. La formulazione, impreziosita con attivi antiossidanti e vitamina E, previene l’invecchiamento della pelle, mentre gli oli contenuti al suo interno garantiscono una perfetta scorrevolezza, rendendo le labbra morbide e idratate. Le cere vegetali idrorepellenti, inoltre, garantiscono un’emollienza a lunga durata, per una sensazione di comfort totale, mentre l’aggiunta della mica assorbe l’eccesso di sebo. www.paolapmakeup.it

2

Natural Make-Up Revolution Artdeco • Una collezione di innovativi prodotti multiuso per enfatizzare i lineamenti del viso creando un look perfetto e naturale. Il Multi Stick per viso e labbra, disponibile in 6 tonalità, può essere usato come ombretto, rossetto, fard illuminante, bronzer, stick per contouring, correttore o stick coprente. Instant Skin Perfector regala un incarnato radioso e privo di imperfezioni, adattandosi alla struttura della pelle grazie alla consistenza cremosa e alla texture con pigmenti incapsulati. I prodotti liquidi e in polvere possono essere miscelati e modellati con il Medium Oval Brush Premium Quality. Completano la collezione il primer multiuso per ombretti All in One Eye Primer, il Luminous Skin Stick con pigmenti perlescenti e iridescenti, il Color Booster Lip Balm che nutre e risalta il colore naturale delle labbra, lo smalto high-tech Art Couture Nail Lacquer in 4 nuovi toni nude, la base Smoothing Base Coat e l’illuminante per unghie Illuminating Top Coat. www.artdeco.com/it

BEAU T Y - FO RU M . I T

55


STYLE NAIL

personalizzare! NAIL LOOK PER OGNI ESIGENZA - Disponiamo ormai dei sistemi piĂš svariati per

regalare alle clienti una manicure colorata e di tendenza. Le caratteristiche e le preferenze di ognuna giocano un ruolo fondamentale nella scelta di una laccatura a smalto, di un semipermanente o di una ricostruzione. Ecco come leggerle e come rispondere in modo adeguato. 56

BEAUTY FORUM 5 /2018

FOTO: STUDIO LUCKY / SHUTTERSTOCK.COM

PAROLA D'ORDINE:


NAIL STYLE

"La tecnica è nulla senza aggiornamento", potremmo dire parafrasando un vecchio spot pubblicitario. In un settore così dinamico, stare al passo con le innovazioni del mercato è cruciale per essere competitive. La formazione è l'anticamera della personalizzazione: solo una conoscenza approfondita degli strumenti e dei prodotti che il mercato mette a tua disposizione ti per-

C

orte o allungate, monocolore o arcobaleno, semplici o decorate, oggi le unghie rappresentano per le donne di tutte le età un irrinunciabile strumento di espressione di sé e del proprio stile. Il mercato nail, negli ultimi anni, si è nutrito di questa tendenza e l'ha contemporaneamente alimentata, lanciando nuovi prodotti e accessori, affinando tecnologie e formulazioni. Come risultato, oggi la professionista beauty ha a disposizione una vastissima gamma di opzioni per abbellire le unghie delle proprie clienti: come orientarsi in mezzo a tanta varietà?

CHIAVI DI LETTURA Non c'è una cliente uguale a un'altra: la morfologia e le caratteristiche delle unghie naturali possono variare in modo sostanziale da mano a mano, e un'accurata analisi preliminare (ne parliamo a pagina 30, ndr) permette all'operatrice di valutare a monte le possibili opzioni di trattamento. Una manicurist esperta è in grado, già a partire da questa prima osservazione, di orientare la cliente verso il servizio più adeguato. La sola analisi visiva delle unghie non è però sufficiente ai fini della personalizzazione del servizio. Le variabili in gioco sono diverse: che professione svolge la cliente? Come impiega il suo tempo libero? Che

mette di offrire a ogni cliente ciò di cui ha bisogno. Ricorda che le tue clienti sono le prime a spulciare web e riviste alla ricerca dell'ultimissima tendenza! Oltre a partecipare ai corsi tecnici di aggiornamento, allora, mantieniti costantemente informata su trend e mode del momento: per poter offrire il meglio, devi essere sempre un passo avanti!

tipo di manicure desidera in termini di lunghezza e spessore delle unghie, durata del colore, resistenza e tenuta? Sono solo alcune delle domande preliminari che dovresti rivolgere alla tua cliente, specie se è la prima volta che siede al tuo tavolo da manicure. In base alle sue risposte, sarai in grado di consigliarle il trattamento che meglio coniuga i suoi gusti e le sue esigenze, ciò che vorrebbe e ciò che le serve.

CLIENTI-TIPO Per quanto standardizzate possano essere le domande che decidi di rivolgere alle tue clienti durante l'intervista preliminare, con le loro bizzarre e fantasiose risposte potresti compilare un'enciclopedia intera: dall'eterna indecisa a quella che pretende un servizio palesemente non adatto alle sue unghie, intorno alla postazione manicure se ne sentono ogni giorno di tutti i colori. Il più delle volte, tuttavia, una cliente incerta o che avanza richieste insolite è semplicemente una cliente che non ha un'idea ben precisa di cosa puoi fare per lei. I brand ne sono consapevoli, e le innovazioni che lanciano sul mercato non sono casuali: ogni nuovo prodotto è studiato per rispondere a un'esigenza specifica, accontentando la consumatrice finale, ma soprattutto rendendo più facile la vita all'operatrice. In linea generale, potremmo traccia-

re tre profili di cliente-tipo: una classificazione certamente non esaustiva, ma utile per inquadrare la cliente e indirizzarla fin da subito verso il prodotto/trattamento più adeguato alle sue preferenze e al suo stile di vita. Vediamoli insieme.

LA CLIENTE-SMALTO: MODA E VERSATILITÀ Lo smalto ha fatto passi da gigante negli ultimi decenni, sia per quanto riguarda le formulazioni, sia in termini di colori e finish. Le palette sono sempre più ricche, e da tempo le collezioni colore proposte dai brand seguono la stagionalità delle sfilate di moda, segno di un legame ormai indissolubile tra i due mondi. Al pari di borse, scarpe e gioielli, le unghie completano il look, raccontano lo stile di una donna e la sua personalità. E qual è la cosa che amiamo di più degli accessori? Il fatto di poterli cambiare quando vogliamo, abbinandoli di volta in volta all'outfit del giorno o all'umore del momento. È naturale, allora, che chi vede le unghie prima di tutto come un accessorio moda voglia poterle "vestire e svestire" a proprio piacimento e senza perdite di tempo. È la cliente perfetta per lo smalto classico, che asciuga all'aria, si rimuove facilmente con qualunque solvente e può essere riapplicato all'infinito anche a casa, in tutte le nuance dell'arcobaleno.

BEAU T Y - FO RU M . I T

57


STYLE NAIL

A CHI PROPORRE COSA Smalto classico

Smalto Semipermanente

Ricostruzione

Per chi non vuole una laccatura a lungo termine

Per chi è sempre di corsa

Per chi cerca tenuta e resistenza

Per chi desidera o ha necessità di rimuovere il colore in autonomia

Per chi vuole un colore brillante e intatto per settimane

Per chi ama sperimentare forme e lunghezze diverse

Per chi ama giocare con gli abbinamenti

Per chi non tollera graffi e sbeccature

Per chi non ha paura di "legarsi" a lungo termine a un servizio

Smalto classico: per la cliente modaiola, che vuole abbinare le unghie a ogni outfit.

Verrebbe da obiettare che una cliente di questo tipo non rappresenti esattamente il profilo ideale per il business di un centro nail. Se si mette e si toglie lo smalto da sola, io estetista/onicotecnica cosa ci guadagno? Non bisogna dimenticare l'importanza della rivendita, aspetto spesso trascurato da molte professioniste: se è vero che queste clienti dai gusti eclettici amano cambiare colore ogni giorno, è facile presumere che a casa abbiano un cassetto pieno di smalti.

58

BEAUTY FORUM 5 /2018

Dove li hanno acquistati? Online, in qualche grande catena di cosmetici low cost, o nel tuo centro estetico perfettamente rifornito di prodotti di qualità superiore e in linea con le ultime tendenze moda? Allestisci un angolo rivendita ricco di opzioni colore, aggiornalo spesso con le ultime novità, affianca ai colori basi curative, top coat di ogni tipo, oli per cuticole e altri prodotti affini: diventerai la meta shopping preferita dalle tue clienti.

Se è vero che lo smalto tradizionale ha il pregio di essere facile da applicare e rimuovere, risente da sempre di un limite insuperabile: la breve durata. Perdita di lucentezza e vulnerabilità a graffi e sbeccature sono problemi a cui i brand hanno in parte posto rimedio con gli smalti ibridi, meglio noti come smalti "settimanali" o "long-lasting". Anche in questo caso, tuttavia, il massimo risultato che si può ottenere è una laccatura che non supera comunque i 6-7 giorni di perfezione. Non è affatto raro che a una donna manchi il tempo (o la voglia) di ritoccare o riapplicare settimanalmente il colore sulle unghie. Studentesse, lavoratrici, mamme: lo sono molte donne, e moltissime rivestono più di un ruolo. Come conciliare una vita frenetica con il desiderio di mani curate e colorate? Con lo smalto semipermanente, o gel polish. Ritenuto la più grande innovazione mai introdotta nel mercato nail, ha indubbi vantaggi: si applica come uno smalto, polimerizza velocemente in una lampada LED o UV senza generare fastidioso calore sulle unghie, rimane perfetto fino almeno a tre settimane, si rimuove in pochi minuti e, se il prodotto è di qualità e l'operatrice sa fare il proprio lavoro, non arreca alcun danno all'unghia naturale. Una soluzione perfetta per la cliente perfezionista, e una gallina dalle uova d'oro per il salone di bellezza: le virtù dello smalto semi-

FOTO: DARIA_CHERRY / SHUTTERSTOCK.COM

LA CLIENTE-GEL POLISH: BRILLANTEZZA E DURATA


NAIL STYLE

permanente lo rendono infatti un trattamento perfetto in ottica di fidelizzazione, tanto che molte clienti entusiaste non hanno alcuna esitazione a prenotare di volta in volta l'appuntamento successivo.

LA CLIENTE-RICOSTRUZIONE: RESISTENZA E SPERIMENTAZIONE

FOTO: (DAL BASSO VERSO L'ALTO) PAOLO BONA; IMAGEFLOW / SHUTTERSTOCK.COM

Abbiamo visto come gli smalti - tradizionali e semipermanenti - siano prodotti dalle tante virtù. Non sono adatti, tuttavia, a ogni tipo di unghia: per cominciare, non sempre il colore si aggrappa a dovere a unghie fragili o irregolari; l'aspetto estremamente naturale della laccatura sottile, apprezzata da molte, non garantisce una resistenza alle sollecitazioni più intense; né l'uno né l'altro tipo di smalto consente, inoltre, di effettuare allungamenti, e quindi la possibilità di sperimentare con forme alla moda come la Marilyn o la ballerina è ovviamente off-limits. Il variegato mondo della ricostruzione unghie ha una risposta per ognuno di questi problemi - e per le donne che li sperimentano quotidianamente. Come comportarsi con una cliente le cui esigenze si sposerebbero perfettamente con lo smalto semipermanente, ma le cui unghie naturali non

Smalto semipermanente: brillantezza e lunga durata per chi vuole unghie perfette ma ha poco tempo libero a disposizione.

sono purtroppo idonee al trattamento? In questo frangente, la soluzione perfetta è il dip system, o acrilico a immersione, un vero e proprio trend esploso negli ultimi mesi (ne abbiamo parlato su BEAUTY FORUM n°7/2017, ndr). Semplice da effettuare e con un'applicazione ancora più veloce di quella del gel polish, questo sistema dona unghie sottili ma resistenti. Con un ulteriore bonus rispetto al gel polish: permette di realizzare allungamenti, anche estremi, con l'ausilio di tip. Per una tenuta e una resistenza ancora più "strong", i classici metodi di ricopertura/ricostruzione/allun-

La resistenza di una ricostruzione unghie con un piccolo allungamento: a prova di schiacciata!

gamento in gel e acrilico sono sempre la migliore soluzione. Pensa alle atlete professioniste, o a chi esercita professioni manuali: perché il timore di rovinare le proprie unghie dovrebbe frenare la voglia di glamour di queste donne? Di recente, i vantaggi di entrambi i sistemi di ricostruzione sono stati unificati in una nuova categoria di prodotto: il gel "in tubetto" (di cui parliamo diffusamente su Nailpro di settembre/ottobre, ndr). Inodore, flessibile, estremamente leggero ma incredibilmente resistente, questo gel di nuova generazione è caratterizzato da una viscosità che gli impedisce di colare, permettendo all'operatrice di modellare con calma le cinque unghie e di farle polimerizzare in lampada tutte insieme. Dal gel e dall'acrilico questo prodotto "ibrido" eredita, tra le altre cose, la versatilità: si presta ad allungamenti su tip e su nail form, lasciando libero sfogo alla creatività della manicurist e della cliente; inoltre, permette di eseguire laccature e nailart al di sopra della ricostruzione. Il tutto in meno tempo e con una lavorabilità mai sperimentata prima. Le nail-addicted che rincorrono forme vistose e decori stravaganti se ne innamoreranno a prima vista.

Valeria Federighi

BEAU T Y - FO RU M . I T

59


STYLE NEWS

Wild Estrosa • Ispirata alla forza e alla determinazione della donna di oggi, che affronta gli impegni quotidiani rimando sempre elegantissima e curata, la collezione autunno/inverno di smalti semipermanenti Estrosa propone una palette di sfumature naturali, vicine ai colori della terra, che si sposano perfettamente agli outfit di stagione. Wild Rose è un rosa caldo e intrigante, perfetto da giorno e da sera; Tribal Red un bordeaux rosato polveroso dall’accattivante profondità voluttuosa; Savannah Night un viola polvere grintoso e selvaggio, che esprime emotività e sensualità. Tinte intense ma delicate, vibranti nella loro semplicità. www.estrosa.it

1 The New Neutral

1

ORLY • Le texture cocoon dell’autunno incontrano lo stile luxury nella nuova collezione ORLY per l’autunno 2018: una palette di nuance bon ton sofisticate, rivisitate in chiave contemporanea. Olive You Kelly è un cremoso verde oliva; Fall Into Me un color metallo brunito shimmer; Cashmere Crisis un cremoso grigio fumo; Snuggle Up un rosa nude con sottotono grigio; Mauvelous un cremoso rosa scuro con sottotono taupe; Seize the Clay un cremoso rosso carminio. La collezione è disponibile in versione smalto professionale e GelFX smalto semipermanente. www.orlyitalia.it

2 Pure

2 60

BEAUTY FORUM 5 /2018

FABY • 6 colori pastello che, pur nella semplicità, rivelano tutta la loro essenza: tenui pigmenti per una manicure gentile, perfetta per una cerimonia o per essere trendy tutti i giorni senza alzare troppo i toni. Anima Pura è un incantevole bianco floreale; Camellia un romantico e discreto rosa; Soffio un timido verde; Sweet Whisper un carezzevole color crema; Blushing Beauty un taupe chiaro; A Reflection of Love un tenerissimo bianco antico. La nuova linea è arricchita nel formulato dalla sferzata rigenerante e antiage dell’olio di Camelia, prezioso attivo che agisce direttamente a livello cellulare rendendo le unghie più forti e più sane. www.fabynails.com


NEWS STYLE

3 Wild Earth CND • Un’incredibile palette di colori suggeriti da Madre Natura compongono la collezione autunnale di CND, declinata in versione Shellac e VINYLUX. 6 le imperdibili nuance, colori pieni che ci riportano in armonia con la natura e si prestano ad accostamenti superbi e meravigliose nailart ispirate ai paesaggi naturali: Spear, color rosa del deserto; Element, rosso fuoco acceso; Dreamcatcher, viola orchidea intenso; Blue Moon, blu cobalto; Brimstone, beige sabbia; Arrowhead, profondo marrone. www.cndshellac.it

3

4 Perù OPI • L’architettura, il cibo e la moda peruviana si trasformano in colore nella collezione Fall 2018 di OPI: 12 nuove shade declinate nei 3 sistemi Nail Lacquer, Infinite Shine e GelColor che spaziano dal delicato color sabbia/pesca Machu Peach-u al rosa bubblegum dal sottotono lavanda Suzi Will Quechua Later!, dal verde/grigio Alpaca My Bags al profondo borgogna Como se Llama?, passando per accattivanti gradazioni di rosso e di violetto. www.opiitalia.it

4

African Safari Gelish & MORGAN TAYLOR • Una gamma grintosa di 6 tonalità rubate ai selvaggi paesaggi africani: la collezione di Gelish & MORGAN TAYLOR per l’autunno, eccezionalmente disponibile anche in perfect match con le polveri Gelish dip, porta in scena colori intensi come il peltro brillante Are You Lion to Me?, il marrone intenso cremoso Off The Grid, il blu zaffiro perlato No Cell? Oh Well!, il granata perlato Wanna Share a Tent?, il rosa malva perlato No Sudden Mauves e il nude caldo cremoso Neutral by Nature. “Volevamo aggiungere alle nuance autunnali ulteriore sostanza e texture e per questo ci siamo ispirati ai maestosi paesaggi africani e allo spirito avventuroso dei pionieri di questo continente” ha spiegato Danny Haile, CEO e fondatore di Gelish. www.gelish-italia.it

BEAU T Y - FO RU M . I T

61


LIFE & WORK

Bellezza A TAVOLA

COSA MANGIARE IN AUTUNNO - L'estate ci ha rilassati e rigenerati;

FOTO: ANTONINA VLASOVA / SHUTTERSTOCK.COM

come prepararsi, ora, ad affrontare l'autunno in salute e bellezza? Ecco i consigli del medico nutrizionista per un corretto regime alimentare nel passaggio dalla stagione calda a quella fredda.


LIFE & WORK ALIMENTAZIONE

B

ellezza, salute e benessere sono tre aspetti strettamente connessi, inseparabili. Tutti e tre dipendono in larga parte dall'alimentazione. Gli addetti ai lavori lo sanno da tempo, ma questa consapevolezza sta crescendo sempre più anche nell'opinione pubblica. Integrare nella professione estetica delle conoscenze sull'alimentazione è fondamentale se si vuole apparire aggiornati e sul pezzo. Questo non significa, ovviamente, trasformarsi in medici e avere una risposta per

tutti, bensì sensibilizzare la propria clientela sull'argomento e conoscere qualche piccolo segreto che possa aiutare a sviluppare un rapporto operatore-cliente fondato sulla fiducia e sul rispetto.

SUGGERIRE COMPORTAMENTI Ad oggi, i medici specializzati si servono dell'alimentazione per curare, modificare, prevenire, migliorare: si

può intervenire sull'aspetto del viso, del corpo e dei capelli cambiando il regime alimentare, suggerendo combinazioni nuove, a volte integrando con cibi specifici. Oggi nessun percorso di bellezza o di benessere può dirsi completo se non include in qualche misura l'alimentazione. E la differenza nel risultato è notevole. C'è ancora chi sottovaluta questi aspetti, ma insistere sulla correlazione tra processi interni (l'alimentazione) e processi esterni (il trattamento estetico) è il modo migliore

FOTO: ANNEKA / SHUTTERSTOCK.COM

La melagrana è una vera e propria "bomba" di antiossidanti, e arriva a maturazione proprio in una stagione in cui una carica di polifenoli, tannini e antocianine ci aiuta a preparare l'organismo per l'inverno.

64

BEAUTY FORUM 5 /2018


ALIMENTAZIONE LIFE & WORK

Per disintossicarsi dai "pasticci" estivi, proviamo a ridurre al minimo i cibi confezionati e le bibite, compreso il tè in bottiglia, per 15 giorni. Suggerimento che non può far danno a nessuno ma fa benissimo a tutti, e ci fa fare un figurone!

per diffondere una corretta cultura della salute e della bellezza. Rifuggite dal dare il consiglio personalizzato, che va demandato con professionalità a chi di dovere; sappiate piuttosto suggerire comportamenti, creare curiosità. Così facendo, il vostro lavoro darà migliori risultati e dimostrerete di avere quella "marcia in più" di cui oggi un istituto di bellezza non può proprio fare a meno.

UNA DOSE EXTRA DI VITAMINA D Di cosa abbiamo bisogno per affrontare la stagione autunnale al nostro meglio? E cosa ci offre questa stagione, a livello di alimenti, per riuscirci con successo? Partiamo da una vitamina fondamentale, che condiziona, tra le altre

cose, la salute e l'aspetto di pelle, capelli, unghie e persino il tono dell'umore: la vitamina D. Autunno significa minore illuminazione naturale: la riduzione delle ore di luce rallenta la trasformazione nella forma attiva della vitamina D (il 25-OH-colecalciferolo o vitamina D3). Per contrastare questo fenomeno, possiamo innanzitutto aumentare l'illuminazione nei nostri luoghi di lavoro e le attività all'aria aperta; dal punto di vista alimentare si consiglia di incrementare il consumo di pesce, uova, fegato, latte intero. Quando non è possibile, o serve un surplus di vitamina D, la somministrazione di integratori mirati è affidata ovviamente al medico. In tema di integratori, occorre fare un po' di chiarezza: i rinforzanti per le unghie o per i capelli sono utilissimi, ma da soli non sono sufficienti; per ottenere l'aspetto

NON SCORDIAMOCI DI BERE Quando il caldo si riduce, la sete diminuisce e, sentendone meno lo stimolo, tendiamo a dimenticarci di bere acqua con regolarità. La pelle, tuttavia, non si idrata solo dall'esterno: se l'apporto di acqua non è adeguato al fabbisogno, le rughe si moltiplicano, diventano più profonde e più difficoltose da mitigare. Anche le articolazioni possono esserne danneggiate, così come i reni, dove aumenta la probabilità che si formino dei depositi. Beviamo!

radioso che tutti sogniamo, è indispensabile un apporto adeguato dei nutrienti necessari.

MINERALI E PROTEINE In autunno, cresce il nostro fabbisogno di minerali, fondamentali per rinforzare la struttura ossea, delle unghie, dei denti, ma anche per migliorare l'umore, la qualità del sonno e, non da ultimo, lo splendore dell'incarnato. Calcio, boro, silicio e magnesio sono indispensabili sempre, ma lo sono soprattutto in questo periodo dell'anno: via libera, quindi, al consumo di legumi, rucola, verdura a foglia e pesce, specialmente acciughe, sarde, latterini e triglie. Spesso l'inizio dell'autunno ci trova anche in una situazione di eccesso di proteine: non è raro, infatti, che per perdere qualche chilo in estate si aumentino le proteine nella dieta a discapito dei carboidrati. È il momento di riportare in equilibrio il regime alimentare reintroducendo, oltre ai già citati carboidrati, frutta e verdura ad hoc. Quale?

FRUTTA DI STAGIONE I frutti di bosco sono il vero jolly del quale approfittare durante i mesi autunnali. Mirtilli, lamponi, ribes, ma anche frutti meno noti come uva spina, lamponi bianchi, mirtilli rossi

BEAU T Y - FO RU M . I T

65


LIFE & WORK ALIMENTAZIONE

I frutti di stagione - come lamponi, mirtilli o melograno - possono diventare preziosi ingredienti per maschere viso, meglio ancora se abbinati durante il trattamento al loro stesso succo da bere.

e bacche fresche sono un concentrato di vitamine preziose. I mirtilli sono ideali anche per contribuire al ripristino di pelle e occhi danneggiati dal sole, oltre che per la corretta circolazione sanguigna. I lamponi sono gustosi e contengono poche calorie. Integriamo queste bacche prelibate nelle nostre colazioni e nelle nostre merende, e non dimentichiamo che una coppetta di frutti di bosco è un dessert sempre gradevole, che fa bene e non appesantisce. A partire dal mese di ottobre, è il momento di gustare il succoso frutto del melograno: la melagrana è una vera e propria "bomba" di antiossidanti, e arriva a maturazione proprio in una stagione in cui una carica di polifenoli, tannini e antocianine ci aiuta a preparare l'organismo per l'inverno. Ottimo come merenda o sotto forma di succo, va consumato fuori dai pasti per ottenerne il massimo beneficio.

VERDURE LOW FAT La zucca è la regina dell'autunno: è gustosa, ha pochissime calorie e si

66

BEAUTY FORUM 5 /2018

I frutti di stagione come lamponi, mirtilli e melograno - sotto forma di succo/frullato possono diventare preziosi ingredienti per maschere viso, meglio ancora se abbinati durante il trattamento al loro stesso succo da bere. Mirtillo e melograno, in particolare, sono indicati per lenire gli arrossamenti; il lampone è di grande aiuto per la pelle del viso delle donne in menopausa. Con qualche goccia di gel d'aloe e d'olio di rosa mosqueta, tutti e tre questi estratti sono ottimi contro la secchezza cutanea.

presta a numerose preparazioni. Essendo molto ricca di fibre, rallenta l'assorbimento dei grassi e favorisce la funzionalità intestinale. Il suo elevato contenuto di beta carotene protegge la pelle e aiuta a preservare più a lungo l'abbronzatura estiva. Il modo migliore per gustarla? Cotta al forno è un ottimo contorno, ma è anche una deliziosa base per gnocchi e un ripieno perfetto per ravioli golosi. Come crema a inizio pasto è un buon primo piatto ad alto potere saziante. È ricca di magnesio, calcio, fosforo e potassio, che la rendono un fantastico rimineralizzante per sportivi e non. Tra i suoi componenti antiossidanti troviamo la zeaxantina, molto utile per la vista e le cellule nervose. Un alimento dai mille benefici, insomma, ma attenzione: il suo abbondante contenuto di fibre non la rende adatta a tutti.

Sara Ciastellardi

Medico chirurgo, nutrizionista e omeopata, si occupa di Dietoterapia e Terapia Nutrizionale. È autrice del manuale “Condannati a dieta” e cura rubriche di alimentazione e benessere.


3-5 NOVEMBRE 2018 FIERA PORDENONE

L’UNICO EVENTO DEL NORD-EST DEDICATO A PROFESSIONISTI E APPASSIONATI

2A EDIZIONE LA MANIFESTAZIONE PER IL TUO BUSINESS NEL NORD EST!

WWW.ESTETICA.SHOW ORGANIZZATO DA:

Via Gramsci, 57 - 20032 Cormano (MI) Tel: +39 02 8721 3851 - Fax: +39 02 8721 3854

Via Vigevano, 1 - 20144 Milano (MI) Tel.: +39 02 22228345


LIFE & WORK BUSINESS

Cosa DIRE E Come DIRLO TECNICHE DI VENDITA, PARTE 2 - Non sapendo come impostare un

Q

uando due persone si incontrano per la prima volta, basta qualche semplice scambio di battute e la sentenza è servita: o si piacciono, o non si piacciono. È il classico giudizio "a pelle", frutto di una mentalità a compartimenti stagni che ha radici antiche: i nostri progenitori, infatti, per assicurarsi la sopravvivenza in una società selvaggia e senza regole dovevano decidere su due

68

BEAUTY FORUM 5 /2018

piedi se chi avevano di fronte avesse intenzioni amichevoli o meno. Sebbene oggi non sia più rilevante per la nostra sopravvivenza, conserviamo ancora questo istinto primordiale, il cui risultato è quello di farci percepire una persona come "amica" o "nemica", talvolta facendocela catalogare in maniera errata. Qualche esempio che potrebbe esserti familiare? –– Spesso e volentieri, ad esempio,

per il solo fatto che una persona abbia un aspetto "trasandato" tendiamo ad accordarle meno stima di quanta ne riserviamo a chi appare più curato e attraente; –– È corretto presumere che una persona che dà meno importanza al proprio abbigliamento o al taglio di capelli non abbia un soldo e che, dunque, non valga neanche la pena proporle un servizio deluxe o l’acquisto di prodotti aggiuntivi?

FOTO: IAKOV FILIMONOV/SHUTTERSTOCK.COM

discorso orientato alla vendita, molte estetiste preferiscono non provarci affatto. Sbagliato! Il trucco sta nel sapere in anticipo quali parole usare. L’esperto Oliver Schumacher ci dà qualche dritta.


BUSINESS LIFE & WORK

–– Non trovi ingiusto (se non addirittura stupido) che le clienti si rivolgano a un’estetista meno esperta e meno competente di te solo perché, visto dall’esterno, il suo istituto sembra più bello e più professionale del tuo?

LA PRIMA IMPRESSIONE CONTA È un fatto: le clienti sono tanto più aperte alla tua offerta di prodotti e servizi quanto più hanno la sensazione di potersi fidare di te. Per ottenere questa fiducia, fare una buona prima impressione è di cruciale importanza. Tutto ciò che riguarda l'esperienza della cliente prima, durante e al termine della sua visita in istituto concorre nel costruire la sua fiducia: il sito web, l’aspetto esterno del centro, l’ingresso, i saluti di benvenuto, la sala d’attesa, il guardaroba, la toilette, l’anamnesi preliminare, il trattamento in sé, le spiegazioni fornite dall'operatrice, l’esposizione dei prodotti da rivendita, il pagamento, la gestione degli appuntamenti e i saluti di congedo. Anche il modo in cui le colleghe interagiscono tra di loro e con le altri clienti, così come il tono che usano nel rispondere al telefono, giocano un ruolo nella costruzione della prima impressione. Ripercorri mentalmente tutti questi aspetti e pensa a cosa puoi migliorare; le tue clienti devono percepirti come un’interlocutrice professionale e competente: è la premessa affinché accettino di buon grado i tuoi consigli su prodotti e servizi aggiuntivi e decidano di dar loro una chance.

COMUNICARE I VANTAGGI La prima cosa che una cliente vuole sapere prima di acquistare un prodotto o un servizio è quale beneficio ne potrà trarre. Se la spiegazione dell'estetista non dovesse essere abbastanza chiara, però, difficilmente la cliente si spingerà oltre chieden-

do: “Mi scusi, ma non capisco perché dovrei spendere 80 euro per questo prodotto. Gentilmente, mi potrebbe spiegare ancora una volta i suoi vantaggi?”. Più probabile, invece, che la cliente rifiuti educatamente, magari adducendo una scusa come “Grazie, ma uso già un prodotto simile”, o al limite chiedendo un campioncino di prova. Questo significa che devi imparare a comunicare il valore aggiunto di ciò che stai vendendo già durante i primi secondi della vostra conversazione, altrimenti rischi di “perdere” la tua interlocutrice; nel peggiore dei casi, se continui a presentarle la tua offerta e lei a non capirne il senso, non farai altro che innervosirla.

TU COSA COMPRERESTI? Per avere successo nella vendita, devi proporre alle clienti qualcosa che tu stessa compreresti. Quando non riesci a piazzare determinati prodotti, che rimangono sullo scaffale a prendere polvere, spesso la ragione è proprio questa: tu stessa non li compreresti. Magari non sapresti neanche che fartene! Con i tuoi prodotti preferiti, invece, succede l’esatto contrario: parlare degli effetti positivi che hanno avuto su di te in prima persona rende il discorso di vendita estremamente convincente. Mettiti allora nei panni delle tue clienti, ripensa alla tua offerta e prova a descriverla usando verbi come “creare/rendere”, “diminuire/ridurre”, “migliorare/aumentare” e simili: automaticamente ti sarà più facile snocciolare l’utilizzo e il senso del singolo prodotto, e lo potrai comunicare nel momento in cui ti servirà. Per allenarti, prova a fare questo semplice esercizio: prendi un foglio bianco e fai una lista dei tuoi prodotti e servizi; collegali, poi, ai verbi sopracitati e integra la descrizioni con le informazioni che, se tu fossi una cliente, vorresti assolutamente sapere. Un esempio semplice: se vuoi vendere una crema antirughe, scrivi sul foglio la descrizione del pro-

dotto usando i verbi della tua lista. Probabilmente userai espressioni come: “Rende l'incarnato perfetto”, “Riduce la formazione delle rughe” e “Aumenta i depositi di idratazione della pelle, per un viso dall'aspetto più fresco”.

UN DISCORSO COMPRENSIBILE Quando predisponi il tuo "prontuario" di frasi di vendita da usare con le clienti, ricorda di inserire formule che siano semplici da capire. È vero che, per te, la terminologia tecnica è estremamente familiare, ma per le tue clienti non è sempre così - anzi, per la maggior parte di loro è come se parlassi in un’altra lingua. Se, per esempio, vuoi dire che un prodotto “protegge dai radicali liberi”, dì semplicemente che “protegge dall’invecchiamento”. Le migliori conversazioni sono quelle che avvengono tra pari, e questo significa che gli interlocutori devono poter seguire il filo del discorso senza fare troppi sforzi. Non dimenticare che nella nostra cultura non è consuetudine interrompere immediatamente chi sta parlando quando non si capisce qualcosa; piuttosto si preferisce "sopportare" in silenzio una lezione incomprensibile cercando di memorizzare qualche informazione qua e là. Le clienti che ammettono apertamente di non aver capito qualcosa sono davvero pochissime! Nello scenario peggiore, hai tra le mani l’offerta perfetta per la tua cliente ma, non riuscendo a spiegarne in modo efficace i benefici, ricevi un rifiuto. Ecco, quindi, perché è molto importante impostare la tua comunicazione lasciando perdere tecnicismi e giri di parole, ma andando dritta al punto: comprensione e fiducia sono due facce della stessa medaglia.

Oliver Schumacher

Formatore, relatore e autore di libri di settore, lavora come consulente in ambito Beauty.

BEAU T Y - FO RU M . I T

69


LIFE & WORK SPA

QC TERME PRÉ SAINT DIDIER & QC TERMEMONTEBIANCO VALLE D'AOSTA - Dal 1800 sono considerate le Terme ai piedi del Monte

Bianco. Un elegante palazzo ottocentesco e un hotel raffinato con vista mozzafiato sulle montagne, luoghi ideali per vivere emozioni magiche tra relax e divertimento, in perfetto stile QC Terme.

70


SPA LIFE & WORK

Una sintesi inedita tra caldo e freddo, tra acqua e montagna, immersi nel tepore delle piscine all'aperto con una vista incomparabile sulle meravigliose vette alpine.

B

FOTO: QC TERME PRÉ SAINT DIDIER

enessere ad alta quota: le due strutture "sorelle" di QC Terme Pré Saint Didier e QC Termemontebianco regalano un'appagante esperienza di relax a

tutto tondo tra gli inconfondibili panorami della Valle d'Aosta.

QC TERME PRÉ SAINT DIDIER Cascate tonificanti, idromassaggi con acqua termale che sgorga nella profonda gola dell'Orrido e saune-chalet di legno in cui ritrovare tutti i profumi della montagna: sono soltanto alcune delle numerose attrazioni che QC Terme Pré Saint Didier offre ai suoi ospiti. Un luogo magico, dove ritrovare pace interiore e benessere esteriore; una sintesi inedita tra caldo e freddo, tra acqua e montagna, immersi nel tepore delle piscine all'aperto con una vista incomparabile sulle meravigliose vette alpine. Dal centro benessere, un suggestivo passaggio nell'acqua porta all'esterno in una prima grande vasca termale, che a sua volta è collegata direttamente a una seconda vasca satellite con getti idromassaggio. Fino ad arrivare alla stanza del sale, costruita con mattoncini di sale rosa dell'Himalaya che riproducono il microclima marino e aiutano gli ospiti a ossigenare e nutrire la pelle, smaltendo le tossine e i liquidi in eccesso. I più coraggiosi possono percorrere una breve distanza nella neve per arrivare a una terza vasca e sperimentare la tonificante reazione caldo-freddo. In una splendida posizione di fron-

te al massiccio del Monte Bianco e a pochi chilometri dalle località sciistiche di Courmayeur e La Thuile, QC Terme Pré Saint Didier è uno snodo strategico per una vacanza speciale, dove lasciarsi incantare dalla maestosità delle cime e dalla natura incontaminata della valle; punto di partenza ideale per escursioni alla scoperta di paesaggi di rara bellezza in tutte le stagioni dell'anno, è il luogo perfetto per trascorrere indimenticabili momenti di relax e svago.

BEAU T Y - FO RU M . I T

71


LIFE & WORK SPA

QC TERME PRÉ SAINT DIDIER - SCHEDA TECNICA

TIPOLOGIA (Hotel-Resort Spa, Day Spa, Thalasso Spa, Medical Spa, Destination Spa) CATENA/GESTIONE ANNO DI APERTURA/RESTYLING SUPERFICIE

THERMAL SPA

QC TERME 2005 3000 MQ (interni) + 7000 MQ (esterni)

PISCINE SCOPERTE

7

PISCINE COPERTE

4

VASCHE/DOCCE CON IDROGETTI SAUNE BAGNI TURCHI

SI 7 + 1 NELL'AREA PRIVATE SPA 3

VASCHE/DOCCE DI REAZIONE

SI

DOCCE EMOZIONALI

SI

PERCORSI VASCOLARI/KNEIPP

SI

AREA RELAX

SI

CABINE TRATTAMENTI CABINA DI COPPIA AREA FITNESS OPERATORI

4 SINGOLE + 2 DI COPPIA SI NO 60

CONSULENZE MEDICHE

NO

PERIODO DI APERTURA

ANNUALE

SITO WEB

72

QC TERME PRÉ SAINT DIDIER

BEAUTY FORUM 5 /2018

https://www.qcterme.com/it/presaint-didier/qc-terme-pre-saintdidier

QC TERMEMONTEBIANCO Un hotel a 4 stelle con 57 camere e ristorante, che gode di una posizione unica e consente di ammirare il Monte Bianco in tutto il suo candido splendore, circondati da uno dei panorami più suggestivi al mondo. L'esperienza enogastronomica offre prima colazione e cena a base di prodotti tipici del territorio, una vera e propria immersione nel meraviglioso mondo del gusto. Le cortesie in camera sono firmate QC Terme Cosmetics. Nella Spa di 1000 mq situata all'interno di QC Termemontebianco gli ospiti vivono un'esperienza di relax completa e gratificante, scegliendo tra idromassaggi, vasche panoramiche, saune, bagno a vapore, percorsi Kneipp, olfattorio e meravigliose sale

FOTO: QC TERME PRÉ SAINT DIDIER

NOME STRUTTURA


SPA LIFE & WORK

relax. La carta dei massaggi offre numerose tipologie di trattamenti e rituali, dal massaggio tailor-made pensato su misura per l'ospite, al più romantico massaggio di coppia. Nel giardino della Spa, la vasca principale e la sauna chalet esterna offrono una vista mozzafiato sulle montagne, un panorama unico da vivere appieno con l'esperienza della Funivia del Monte Bianco Skyway: una sfida ingegneristica estrema a 3.500 metri di altezza tra i ghiacci. Nel weekend, QC Termemontebianco diventa uno yoga recovery ai piedi del Monte Bianco, con sessioni tematiche e servizio di personal yoga training su prenotazione: il benessere più autentico, nella piena armonia tra il mondo interiore e l'ambiente circostante. La pratica dello

QC TERMEMONTEBIANCO - SCHEDA TECNICA NOME STRUTTURA TIPOLOGIA (Hotel-Resort Spa, Day Spa, Thalasso Spa, Medical Spa, Destination Spa) CATENA/GESTIONE ANNO DI APERTURA/RESTYLING SUPERFICIE

QC TERMEMONTEBIANCO RESORT SPA

QC TERME 2014 1000 MQ

PISCINE SCOPERTE

1

PISCINE COPERTE

3

VASCHE/DOCCE CON IDROGETTI

SI

SAUNE

5

BAGNI TURCHI

2

VASCHE/DOCCE DI REAZIONE

SI

DOCCE EMOZIONALI

SI

PERCORSI VASCOLARI/KNEIPP

SI

AREA RELAX

SI

CABINE TRATTAMENTI

4 SINGOLE + 1 DI COPPIA

CABINA DI COPPIA

SI

AREA FITNESS

SI

OPERATORI

15

CONSULENZE MEDICHE

NO

PERIODO DI APERTURA

ANNUALE https://www.qcterme.com/it/presaint-didier/qc-termemontebianco

FOTO: QC TERMEMONTEBIANCO

SITO WEB

BEAU T Y - FO RU M . I T

73


LIFE & WORK SPA

lness, gli ospiti possono concedersi una cena gourmand curata dallo chef Nicola Ricciardi nel ristorante interno all'hotel.

Andrea Bovero

SPA Spectator, General Manager di LIFEXCELLENCE e Presidente di CIDESCO Italia.

FOTO: QC TERMEMONTEBIANCO

yoga aiuta a raggiungere l'equilibrio interiore e dona una sensazione di benessere amplificata dal contatto con il potere rigenerante della natura. Concedersi un momento di meditazione ed esercizio, allontanare i pensieri e immergersi in acque benefiche sono modalitĂ efficaci per liberarsi dallo stress e ritrovare il proprio bioritmo. Per concludere l'esperienza wel-

74

BEAUTY FORUM 5 /2018


SPA ADVISOR LIFE & WORK

La pelle: un organo da proteggere La detossinazione periodica rallenta il processo di invecchiamento, rinnova la pelle, ne migliora la salute, le difese immunitarie e il metabolismo di rigenerazione.

Gli organi emuntori sono quelli addetti allo smaltimento delle tossine: reni, fegato, intestino e la pelle. Considerata solo come una sorta di involucro di rivestimento del corpo, nella realtà è il più prezioso tra gli organi emuntori. È possibile sopravvivere con il 20% del fegato, mentre l’ustione di 2/3 della pelle determina la morte. La pelle è la cartina di tornasole della salute, con il cambio di colore indica lo stato delle emozioni e, grazie alla sudorazione, è una via di espulsione delle tossine. Per questo merita il massimo rispetto e non può essere maltrattata. In primis il focus va posto sull’igiene quotidiana. La scelta deve cadere su detergenti privi di SLS, EDTA, PEG, petrolati, coloranti e profumi sintetici che disgregano il mantello idrolipidico, alterando la rigenerazione della pelle che si riproduce ogni 28 giorni circa. Oltre all’attenzione ai detergenti è essenziale disintossicare. Buona norma è eseguire uno scrub purificante, corpo e viso, almeno una volta ogni 10-15 giorni. Da prediligere i prodotti all’argilla verde o al sale che hanno un’azione naturale non lesiva. Lo scopo è rimuovere le tossine che si depositano, i metalli pesanti dell’inquinamento atmosferico, dei coloranti dei tessuti, o le tossine cedute attraverso il sudore, prodotte dagli scarti dell’alimentazione, dall’alcol o dai farmaci. La detossinazione periodica rallenta il processo di invecchiamento, rinnova la pelle, ne migliora la salute, le difese immunitarie e il metabolismo di rigenerazione. Il risultato è una pelle più bella, elastica, sana e giovanile. Le Spa offrono rituali specifici a base di Argilla o altre sostanze vegetali. Consiglio anche all’istituto di bellezza di dotarsi di queste soluzioni, con prodotti specifici e adatti allo scopo, per proteggere la pelle garantendo anche un risultato estetico di bellezza, che sarà sicuramente apprezzato dai clienti.

Roberto Paladin Spa Advisor LIFEXCELLENCE

BEAU T Y - FO RU M . I T

75


33° BEAUTY FORUM Monaco Novità, tendenze, un programma formativo d'eccellenza e tutta l'emozione dei campionati: scopri cosa ti aspetta alla fiera beauty d'autunno n°1 in Europa.

76

BEAUTY FORUM 5 /2018

FOTO: HEALTH AND BEAUTY GERMANY GMBH

LIFE & WORK EVENTI


EVENTI LIFE & WORK

I

l 27 e 28 ottobre, presso il Quartiere Fieristico di Monaco di Baviera, si terrà la 33esima edizione di BEAUTY FORUM Monaco, il punto d’incontro per i professionisti Beauty di tutta Europa. All’evento prenderanno parte più di 1.100 tra brand e aziende internazionali, disposti su una superficie espositiva di circa 35.000 mq; nei padiglioni C1, C2 e C3 saranno presentati al pubblico i trend più attuali in fatto di Estetica, Medical Beauty, Cosmesi Naturale, Wellness & Spa, Cura dei Piedi, Nail e accessori da salone.

UN RICCO PROGRAMMA FORMATIVO Due congressi professionali, workshop pratici, campionati nazionali e internazionali che si affiancano a dimostrazioni live e presentazioni aziendali: tutto questo, e molto altro, avrà luogo presso il BEAUTY POINT e il FUSS POINT; le occasioni di formazione e aggiornamento, durante la fiera, saranno più numerose che mai.

INTERNATIONAL MASTERS’ AWARD MAKE UP Sabato 27 ottobre i vincitori del Campionato Tedesco di Make Up 2017/2018 sfideranno gli altri campioni internazionali durante il 31° International Masters’ Award Make Up. Il tema sarà “Miami Beach - Time To Party”: vieni a scoprire in che modo i partecipanti decideranno di interpretare il tema, e assisti all'incoronazione del vincitore!

TANTE SFIDE, TANTE EMOZIONI Oltre all'International Masters' Award Make Up, durante la fiera avranno luogo altre importanti competizioni: –– la 10° WorldCup NailArt, dal tema: “Candyland - Cupcakes and Sweets”. –– il 32° Campionato tedesco di

Make Up, dal tema: “Ultra Violet Il Color Trend dell’Anno”. –– il 16° Bodypainting Trophy, dal tema: “Lascia che l’impossibile diventi possibile”. –– il 6° International Lashes Trophy, dal tema: “Volume Lashes”.

NOVITÀ: IL MAKE-UP DAY Domenica 28 ottobre il palinsesto fieristico sarà impreziosito dal primo "Make-Up Day”, durante il quale verranno presentate le ultime tendenze in fatto di make up e i consigli dei massimi esperti in materia: 5 Make Up Artist di fama internazionale si alterneranno sul palco della fiera durante altrettante lezioni, in cui verranno condivisi con i partecipanti trucchi e suggerimenti sugli argomenti più caldi del momento. Un evento estremamente pratico, il cui risultato può essere subito implementato in istituto! Puoi trovare tutte le informazioni sul Make-Up Day sul sito www.beauty-fairs.de/ munich. I biglietti per l’evento sono disponibili a un prezzo scontato sul sito shop.beauty-fairs.de.

SCEGLI LA PREVENDITA! Per i visitatori italiani è previsto uno sconto sul prezzo del biglietto d'ingresso a BEAUTY FORUM Monaco, se acquistato in prevendita. Affrettati: anche i biglietti per i workshop sono a prezzo scontato! Per acquistarli, vai sul sito: shop.beauty-fairs.de.

MESSE MÜNCHEN INTERNATIONAL (Quartiere Fieristico di München - Riem) Orari di apertura: Sabato 9:00 - 18:00 Domenica 9:00 - 17:00 Organizzato da: Health and Beauty Germany GmbH Per tutte le informazioni visita il sito: www.beauty-fairs.de/munich

BEAU T Y - FO RU M . I T

77


LIFE & WORK AGENDA BEAUTY FORUM

Agenda

BEAUTY FORUM BEAUTY FORUM & SPA POLONIA

La manifestazione polacca apre la stagione fieristica autunnale. L’evento, fortemente business-oriented, pone l’accento in particolare sull’aspetto formativo. Durante lo show, le più importanti aziende cosmetiche polacche e internazionali presentano le loro novità e i trend per la stagione successiva. Data: 22/23 Settembre 2018 Luogo: Varsavia http://beauty-fairs.com.pl/en/

BEAUTY FORUM PARIGI

Torna al Palais de Congrès di Parigi la fiera francese della Bellezza, che vedrà i professionisti del settore confrontarsi sugli ultimi trend, i prodotti e le innovazioni della Cosmesi, del Nail e del Foot Care. Tante le opportunità di networking, in un ambiente aperto, stimolante e business-oriented. Data: 7/8 Ottobre 2018 Luogo: Parigi http://beauty-fairs.com.pl/en/

CALENDARIO FIERE

BEAUTY FORUM MACEDONIA winter

Varsavia, 22/23 Settembre 2018

Salonicco, 1/3 Dicembre 2018

Lipsia, Aprile 2019

BEAUTY FORUM PARIGI

BEAUTY FORUM SVIZZERA

BEAUTY FORUM GREECE summer

Parigi, 7/8 Ottobre 2018

Zurigo, Marzo 2019

Atene, Aprile 2019

BEAUTY FORUM UNGHERIA

BEAUTY FORUM ROMANIA

BEAUTY FORUM MACEDONIA summer

Budapest, 26/27 Ottobre 2018

Cluj, Marzo 2019

BEAUTY FORUM MONACO

BEAUTY FORUM POLONIA

Monaco, 27/28 Ottobre 2018

Varsavia, Marzo 2019

BEAUTY FORUM GRECIA winter

BEAUTY FORUM SLOVACCHIA

Atene, 3/5 Novembre 2018

Trencin, Marzo 2019

i 78

BEAUTY FORUM LIPSIA

BEAUTY FORUM & SPA POLONIA

BEAUTY FORUM 5 /2018

Agenzia per l’Italia:

Salonicco, Maggio 2019

Via Valprato 68 10155 Torino T. +39 011 5637338 loris@zeroventi.com


NEWS LIFE & WORK

Dermophisiologique

Nasce la partnership con Montefarmaco Esthetiworld

A Milano va in scena la Bellezza Il 6, 7 e 8 ottobre torna Esthetiworld by Cosmoprof, l’appuntamento dedicato all’estetica professionale, al nail e alle Spa in programma al MiCo - Fiera Milano Congressi. Tante le iniziative formative e informative per gli operatori del settore: oltre al consueto Congresso Italiano di Estetica Applicata, l’edizione 2018 della fiera milanese si focalizzerà sulle tecniche corporee con la 1ª Giornata del Massaggio, domenica 7 ottobre dalle 10 alle 17, con sessioni specifiche sulle tecniche più innovative e con la partecipazione di docenti di CIDESCO Italia e di TAO - Scuola Nazionale di Massaggio. Altra novità di rilievo, il Make Up Forum, in programma lunedì 8 ottobre. Tornano lo SPA Symposium e il Congresso Italiano Nail, oltre all’attesissimo premio Estheti-award, che per il quarto anno celebra i prodotti più interessanti delle aziende espositrici, confermando il valore della ricerca e della creatività per l’intero settore. www.esthetiworld.com

Massage & Wellness Academy

Alla scoperta del Massaggio Svedese

È in programma a Torino, dal 28 al 30 settembre, il corso di Massaggio Base Classico Svedese organizzato dalla Massage & Wellness Academy: un corso rivolto a chi vuole acquisire le prime conoscenze pratiche e teoriche dell’arte del massaggio, comprensivo di nozioni di anatomia e fisiologia del corpo umano, spiegazione delle manualità e focus sulla scelta e sull’impiego di creme e oli da massaggio. Il corso, bagaglio fondamentale per ogni massaggiatore, è parte del Percorso Formativo Base della MWA, ma può anche essere frequentato singolarmente per ottenere l’attestato di specializzazione. www.mwascuolamassaggio.com

Due eccellenze italiane si alleano per il benessere della pelle: la storica azienda farmaceutica Montefarmaco, punto di riferimento per il mercato dell’automedicazione in farmacia, ha siglato un accordo di partecipazione con Dermophisiologique srl SB, che da oltre 30 anni opera nell’ambito della ricerca dermatologica e scientifica per la creazione di prodotti dermocosmetici e metodologie di trattamento legate alla fisiologia cutanea per il settore dell’estetica professionale. I prodotti dermocosmetici per tutti i tipi di pelle, ma in particolare per quella dei pazienti in terapia farmacologica e oncologica, entrano così nel portfolio Montefarmaco, dando a Dermophisiologique la possibilità di portare la professionalità estetica qualificata anche in farmacia. www.dermophisiologique.it

Pea Cosmetics

I Mesoceutici di Institute BCN sbarcano in Italia Pea Cosmetics ha annunciato l’accordo di distribuzione della linea di Mesoceutici di Institute BCN, azienda multinazionale leader nello sviluppo di principi attivi, formulazioni e protocolli di lavoro innovativi, capaci di esaltare al massimo la professionalità del settore estetico. Con l’importante accordo - a cui si aggiunge la commercializzazione di TED (Trans Epidermal Device), rivoluzionaria apparecchiatura che unisce elettroporazione e nano-needling non invasivo -, Pea Cosmetics entra nelle cabine estetiche con un’offerta unica che si distingue per l’efficacia e la sicurezza dei prodotti, veicolati attraverso la miglior tecnologia disponibile sul mercato, e per il supporto formativo altamente qualificato. www.uniqapeacosmetics.it

BEAU T Y - FO RU M . I T

79


BEAUTY FORUM Edizione Italia www.beauty-forum.it Registrazione ROC: 20462 In collaborazione con: Health and Beauty Germany GmbH

Editore Loris Sparti loris@zeroventi.com Direttore responsabile Monica Sparti monica@zeroventi.com Redazione Valeria Federighi valeria@zeroventi.com Contenuti Internazionali Carla Manavella carla@zeroventi.com Progetto grafico Samuele Mairo samuele@zeroventi.com Hanno Collaborato Andrea Bovero, Carlotta Del Canale, Carolina Ambra Redaelli, Chiara Treppiccioni, Christine Eleven, Clara Macchiella Corradini, Donatella Lenzi, Ennio Orsini, Hans Lautenschläger, Isabelle Louet, Lucia Chiarini, Luigi Grassato, Oliver Schumacher, Ranina Monika Janz, Roberto Paladin, Sara Ciastellardi, Sarah White, Sieglinde Karle, Stefan Hillejahn. Stampa CPZ spa Via Nucleo Landri 37 - 24060 Costa di Mezzate (BG)

Redazione / Pubblicità

Servizio Abbonamenti

Abbonamenti

Via Valprato 68 10155 Torino Tel. +39 011 5637338 info@zeroventi.com www.zeroventi.com

Tel. +39 011 5637338 abbonamenti@zeroventi.com www.beauty-forum.it/abbonamenti

Annuale Euro 35,00 Biennale Euro 57,00

Abbonamento per studenti di estetica: Annuale Euro 17,00 Biennale Euro 28,00

SEDI INTERNAZIONALI Germania: Health and Beauty Germany GmbH Ludwig-Ehrard-Str. 2, 76275 Ettlingen, Germania; www.health-and-beauty.com Polonia: Health and Beauty Media Sp.z.o.o. Krolowej Mamrysienki 9/10 Street, 02-954 Varsavia, Polonia; www.health-and-beauty.com.pl Svizzera: Health and Beauty Marketing Swiss GmbH, Ziggentorstraße 1a, 6006 Lucerna, Svizzera; www.health-and-beauty.ch Francia: Health and Beauty Marketing France SARL, 50, Rue de Miromesnil, 75008 Parigi, Francia; www.beauty-forum.fr Spagna: Health and Beauty Marketing Spain, S.L.U. Provenza, 111-113, entresuelo 2a, 08029 Barcellona, Spagna; www.health-and-beauty.es Ungheria: Health and Beauty Business Media Hungary Kft., Hattyu utca. 14.8 em, 1015 Budapest, Ungheria; www.health-and-beauty.hu Cina/Hong Kong: Health and Beauty Marketing China Ltd., Room 917, 9/F, Kwong-Loong Tai Building, 1016-1018 Tai Nan West Street, Cheung Sha Wan, Kowloon, Hongkong, Cina. www.beautyforum.com.cn Turchia: Interteks international Trade Exhibitions Inc., Mim Kemal Öke Cad. No: 10, 34367 Nisantasi/Istambul, Turchia; www.interteks.com Grecia: Beauty Greece Tsirimokou O.E., Ergano Typou 2 & Vouliagmenis Av. 415 163 46 Ilioupoli, Atene, Grecia; www.beautygreece.gr Slovenia: Apertus d.o.o., Kamniska ulica 12, 2000 Maribor, Slovenia. www.apertus.si

I testi e le fotografie inviati alla redazione non vengono restituiti anche se non pubblicati. La redazione si riserva il diritto di riportare i testi pervenuti anche in maniera parziale. Gli autori sono gli unici responsabili dei testi. La riproduzione intera o parziale di testi o fotografie è vietata senza l’autorizzazione scritta dell’Editore.


beauty-forum.it Seguici anche sul web


IN OGNI NUMERO L’APPUNTO

Nostalgia Canaglia

È il presente che ha poco da dirci, o il passato che non ci aveva detto abbastanza?

Cos’hanno in comune “Baby One More Time” di Britney Spears e “Angels” di Robbie Williams? “Torn” di Natalie Imbruglia e “Io No” di Vasco? Hanno appena compiuto vent’anni. Un’annata musicalmente prolifica quella del 1998, tanto da aver reso virale sui social un video che ne ricorda tutte le hit più famose, risvegliando una struggente malinconia in coloro che, come chi scrive, vent’anni fa si stavano affacciando all’adolescenza. All’improvviso, ricordiamo e rimpiangiamo anche ciò che era meglio dimenticare, come l’ombretto color puffo e i codini alla Baby Spice. Il critico musicale Simon Reynolds l’ha chiamata “retromania”: quella tendenza a idealizzare un passato che, mentre lo vivevamo, ci sembrava insopportabilmente ordinario. Il mondo della musica cavalca (e alimenta) da tempo questo filone, basti pensare al ritorno in pompa magna del vinile. Neanche il cinema resiste al seducente richiamo dei bei tempi andati: mentre fioccano i revival di vecchi successi cinematografici, le nuove produzioni sono farcite di omaggi e citazioni. E non parliamo della moda, dove il capo o l’accessorio vintage sono ormai più una regola che l’eccezione. È il presente che ha poco da dirci, o il passato che non ci aveva detto abbastanza? Nel bel film di Woody Allen “Midnight in Paris”, uno scrittore americano dei giorni nostri si ritrova catapultato nella Parigi degli Anni ‘20, dove conosce e si intrattiene, oltre che con Hemingway, Dalì, Picasso e i Fitzgerald, con la bella Adriana. Rapito da quella che lui considera “l’epoca d’oro” per eccellenza, rimane stupefatto quando, finendo ancora più indietro nel tempo, si rende conto che per Adriana il presente degli Anni ‘20 è semplicemente noioso. Agli occhi di lei è quel nuovo passato, la Belle Époque di fine Ottocento, la vera epoca d’oro. E così, il protagonista capisce. “Se tu resti qui e questo diventa il tuo presente, molto presto comincerai a immaginare che un’altra epoca sia davvero la tua epoca d’oro” la incalza. “Sì, ecco che cos’è il presente: è un po’ insoddisfacente, perché la vita è un po’ insoddisfacente!” conclude. Rifugiarsi nei fasti di un glorioso passato è allora solo un meccanismo mentale che sfruttiamo per rimuovere l’ansia legata al presente e, soprattutto, al futuro? Certo, senza memoria saremmo contenitori vuoti. Ma senza curiosità per l’ignoto, siamo solo dei nostalgici brontoloni.

Valeria Federighi valeria@zeroventi.com

82

BEAUTY FORUM 5 /2018


COMUNICHIAMO ATTRAVERSO LA BELLEZZA

le Riviste, il Web, le Newsletter

679.000 i contatti con i professionisti della bellezza ogni anno in Italia Tel. 011 5637338 info@zeroventi.com www.zeroventi.com


LA LINEA MAKE UP DEL PROFESSIONISTA

IN ESCLUSIVA NEI MIGLIORI CENTRI ESTETICI, PARRUCCHIERI E NAIL CENTER

CENTRI ESTETICI

PARRUCCHIERI

NAIL CENTER

INNOVAZIONE DI PRODOTTO

DIFFERENZIAZIONE

PaolaP è una linea di make up professionale in continuo sviluppo e aggiornamento. Ogni anno proponiamo novità straordinarie in esclusiva.

Coinvolgimenti in azioni di co-marketing locali e supporto commerciale.

AZIONI DI MARKETING MULTICANALE

FORMAZIONE

campagne pubblicitarie su riviste consumer, di settore e sui social network per garantire lo sviluppo di una forte brand identity.

Formazione per professionisti grazie alla PaolaP Academy. Mettiamo a disposizione il nostro team di make up master e un programma di corsi di alto livello formativo.

www.paolapmakeup.it T. +39 049 89 34 254

Profile for ZEROVENTI

BEAUTY FORUM 5/2018  

BEAUTY FORUM 5/2018