Page 1

EDIZIONE ITALIA • anno 3 • 1/2018 For Professional Use Only

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in Abbonamento Postale Aut. n° NO02606/2016 – Periodico ROC

EURO 6,50

bodySTYLING www.beauty-forum.it


ISO Benessere

Attrezzature per centri benessere ed estetici. ISO Benessere offre soluzioni tecnologiche e affidabili che regalano benessere agli ospiti di SPA, centri benessere ed estetici. Non solo un lettino SPA, ma un CONCEPT e una ESPERIENZA EMOZIONALE per infiniti trattamenti.

MADE IN ITALY ITALIAN SPA BEAUTY EQUIPMENT

www.isobenessere.com www.facebook.com/isoitalia


EDITORIALE IN OGNI NUMERO

Gli italiani e la lettura

Non perdere il numero di Gennaio/Febbraio 2018 di Nailpro.

www.nailpro.it

Come ogni anno l’Istat diffonde i dati che descrivono gli italiani e le loro abitudini ed è sempre interessante vedere qual è il nostro rapporto con la lettura. Il numero di coloro che hanno letto almeno un libro nell’ultimo anno è in calo di un ulteriore 2%, ma cresce il numero di libri letti. Questo conferma un trend che abbiamo già osservato nei precedenti report: chi legge lo fa sempre di più, ma il numero di lettori attivi si riduce. Nell’ultimo anno possiamo però osservare due cambiamenti. Il primo, più tecnico, riguarda la diffusione degli e-book, che hanno subito una battuta d’arresto a favore delle vendite di libri cartacei; inoltre, anche i lettori di e-book, nel 98% dei casi, preferiscono leggere i libri cartacei, utilizzando gli e-book solo per la comodità di trasporto, di acquisto e quando trovano prezzi notevolmente più bassi. Questo vuol dire che gli italiani preferiscono ancora la carta stampata e ricorrono all’editoria digitale prevalentemente quando sono in viaggio. In generale, il numero di lettori di e-book in Italia rimane esiguo. Il secondo fenomeno osservato riguarda invece il sistema distributivo. Il numero delle piccole librerie indipendenti, dopo anni di contrazione, è tornato a crescere. Le ragioni sembrano da ricercare nella professionalità dei librai, che sono in grado di offrire consigli personalizzati ai propri clienti suggerendo nuovi titoli o nuovi autori e che organizzano presentazioni e corsi all’interno della libreria facendola diventare un vero e proprio centro culturale. Gli editori riconoscono in queste attività il vero volano per rendere ancora interessante il mondo dei libri, laddove invece le grandi catene e le vendite online spersonalizzano completamente un settore che ha bisogno di immaginazione e di essere fortemente caratterizzato. Per anni si è creduto che la soluzione per l’editoria fosse la riduzione dei costi e dei prezzi al pubblico; oggi si inizia a capire che una delle necessità è invece creare una comunità culturale per ridare fascino a questo mondo e stimolare la curiosità dei lettori persi negli anni. Se volessimo sviluppare queste indicazioni e magari sfruttarle, potremmo dire che gli italiani hanno bisogno di tornare ai rapporti umani, vogliono relazionarsi con professionisti, ricercano consigli competenti, vogliono scoprire cose nuove e riconoscono la qualità, per la quale sono disposti a pagare il giusto. Buona lettura.

Loris Sparti loris@zeroventi.com

BEAU T Y - FO RU M . I T

3


Qualunque cosa sogni d’intraprendere, cominciala. L’audacia è potere.


Sommario

N° 1/2018

IN COPERTINA: SvetlanaFedoseyeva / Shutterstock.com

16

36

IN OGNI NUMERO 009  010  012  098 

L’Opinione Forse Non Tutti Sanno Che News Prodotti L’appunto

BEAUTY & CARE 016  Cicatrici? No Problem! Tipologie di cicatrici e possibili soluzioni estetiche 022

Buono a Sapersi Dalla dieta al fumo, le abitudini che favoriscono la pelle impura

026

Giù le Dita Dermatillomania: come si manifesta e in che modo si può contenere?

030

Concentrazione, Prego Il segreto dell’efficacia di sieri e prodotti in fiala

036

Concorrenti o Alleati? Apparecchiature estetiche domiciliari: un’opportunità da sfruttare

040

Un Occhio di Riguardo Zoom sul trucco permanente per il contorno occhi

042

Naturalmente Avvolgente Le straordinarie virtù delle maschere in biocellulosa

046

Un Elisir di Benefici L’olio d’oliva come prezioso ingrediente di bellezza

BEAU T Y - FO RU M . I T

5


DOSSIER 050  BODYSTYLING Trattamenti e consigli per ridisegnare la silhouette 052  Antiage per il Corpo Come combattere l’invecchiamento di mani, collo e décolleté 056  Modellamento Naturale Sali di Epsom e fitoestetica per modellare il corpo con dolcezza 058  In Perfetta Forma Gli ultimi trend in tema di apparecchiature per il bodystyling 061  Buone Abitudini L’alimentazione come prezioso complemento al trattamento estetico 064  Missione Cross-selling Come impostare la rivendita di prodotti per il corpo

50

STYLE 066  Airbrush Mania Make up con aerografo: uno step by step 071  News 072  Profondo Viola Ultra Violet e gli altri colori di tendenza per la bella stagione 074  News

LIFE & WORK 076  Un Lusso Accessibile La manicure come gratificazione: un’analisi psicologica

66

082  La Fiorida Farm&Beauty Spa Natura e tradizione per una nuova concezione di benessere 087  SPA Advisor 088  Ehi, Funziona! Clienti teenager: come attirarli in istituto? 091  News

EVENTI 092  Agenda BEAUTY FORUM 094  Cosmoprof 2018 097  News

6

BEAUTY FORUM 1 /2018

76


PAINT4LIPS SEDUZIONE E FASCINO PaolaP Make Up propone i suoi rossetti long lasting ad alta definizione dal finish matt in 10 nuance, dalle più classiche a quelle liberamente ispirate ai trend più attuali. La texture cremosa e confortevole regala una perfetta scorrevolezza sulle labbra garantendo la massima precisione nell’applicazione. La sua particolare formula consente di ottenere un colore pieno e asciutto ed una durata impeccabile. E’ arricchito con olio di jojoba e burro di karitè per nutrire le labbra e mantenerle naturalmente morbide; contiene inoltre la vitamina E che svolge un’azione antiossidante.

IN E S NEI CLUS IVA MI IST GLIOR I DI B ITUT ELL I EZZ A

01 SNOWBALL

04 AUDREY

05 BRIGITTE

06 SOFIA

07 KIM

08 MARILYN

09 CHARLIZE

10 CARAMEL

11 SIENNA

12 MILK CHOCOLATE

www.paolapmakeup.it tel. +39 049 89 34 254


La Nostra Lettrice

2

NON LIMITA IL SUO INTERESSE A TRATTAMENTI E PRODOTTI. È cosciente del fatto che la sua è un’attività imprenditoriale e come tale deve essere trattata. Si interessa di comunicazione, marketing e gestione del centro.

3 4 5 6

SI INTERESSA ED È SEMPRE INFORMATA su quello che succede nei mercati vicini al suo. Pur non operando in questi settori, sa di doverli conoscere per accrescere la sua professionalità.

IL CUORE DELLA SUA ATTIVITÀ RIMANGONO I TRATTAMENTI, sempre al passo con i tempi, con protocolli costantemente aggiornati, attenzione nell’esecuzione e personalizzazione per le clienti più esigenti. Queste sono solo alcune delle caratteristiche distintive del suo Istituto.

È ATTENTA AL DESIGN DEL SUO CENTRO, che rappresenta una parte della sua strategia di comunicazione. Si preoccupa che ogni visita delle sue clienti sia un’esperienza che lascia un segno positivo.

È DINAMICA: partecipa a corsi, fiere di settore e presentazioni di nuove linee di prodotti. Aggiornamento è la sua parola d’ordine e gli eventi sono il modo più efficace per raggiungere questo obiettivo.

FOTO: SHUTTERSTOCK.COM/ DASHA PETRENKO

1

Cerca in BEAUTY FORUM una fonte di ispirazione per eccellere nella sua professione. È CONSAPEVOLE CHE PER MANTENERE LA LEADERSHIP È NECESSARIO NON FERMARSI MAI e non sentirsi arrivati.


L’OPINIONE IN OGNI NUMERO

Social Reputation

Siamo liberi di pubblicare sui social le immagini che preferiamo, ma prima di farlo dobbiamo pensare che quelle foto - magari a distanza di anni - potrebbero compromettere la nostra credibilità.

Oggi basta un click per ricavare molte più informazioni di noi di quante potremmo immaginare. Pensate ai social network e alla moltitudine di immagini, notizie, post e aggiornamenti di stato legati ai profili o alle pagine ufficiali. Così, di fianco alla tradizionale reputazione alla quale eravamo abituati, è comparsa la cosiddetta web reputation, decisamente più difficile da controllare. Le agenzie che si occupano di selezione del personale, ad esempio, dopo aver esaminato il curriculum dei candidati, fanno una ricerca approfondita su Internet, a partire dai social network. E possiamo stare certi che nella maggior parte dei casi spunta qualche immagine che tradisce la reputazione dei professionisti. Basta inserire in Google nome e cognome, premere invio ed ecco che appaiono decine di link che riconducono ai nostri profili social, ricchi di immagini, filmati e notizie interessanti sulle nostre abitudini, dal cibo preferito alla squadra del cuore, fino all’orientamento politico. Ancora qualche click ed ecco che compare quella foto in spiaggia in déshabillé o quella al compleanno dell’amico con lo sguardo annebbiato da un bicchiere di troppo… Immagini che restano intrappolate nella rete in modo indelebile e svelano informazioni che avremmo voluto condividere soltanto con i nostri amici più intimi. Siamo liberi di pubblicare sui profili social le immagini che preferiamo, ma prima di farlo dobbiamo pensare che quelle foto - magari a distanza di anni - potrebbero compromettere la nostra credibilità, attribuendoci un’immagine che non ci appartiene più. Ma non è tutto, perché bisogna fare attenzione anche ai testi che pubblichiamo, magari scritti di fretta con il correttore dello smartphone, che potrebbero metterci in cattiva luce… Un apostrofo al posto sbagliato, un congiuntivo dimenticato, un errore di grammatica in qualche commento scritto d’impulso: sono tutti dettagli che danneggiano la nostra immagine. Qualcuno potrebbe pensare di evitare questi problemi scomparendo dal web… Ma anche questa scelta potrebbe avere ripercussioni negative, perché secondo gli esperti le persone che non hanno un’identità social sono viste con un po’ di sospetto. Un consiglio efficace… Date una sistemata ai vostri profili social e gestiteli con la giusta professionalità.

Andrea Bovero Presidente CIDESCO ITALIA General Manager LIFEXCELLENCE

BEAU T Y - FO RU M . I T

9


IN OGNI NUMERO FORSE NON TUTTI SANNO CHE...

→ ? ←

È VERO CHE LE donne asiatiche HANNO MENO CELLULITE?

Secondo alcuni studi, le donne asiatiche hanno un livello di testosterone leggermente più alto e, di conseguenza, un tessuto connettivo più forte rispetto alle donne occidentali.

Non è facile rispondere alla domanda sul perché le donne asiatiche sembrino soffrire più raramente di cellulite rispetto alle donne occidentali. Una cosa è certa: la cellu-

10

BEAUTY FORUM 1 /2018

lite è un inestetismo strettamente legato al sesso della persona, tant’è che gli uomini non ne soffrono quasi mai. La ragione risiede nella micro-architettura del loro tessuto lipidico sottocutaneo: nelle donne i fasci di tessuto connettivo si dipanano in direzione verticale, posizione che permette alle particelle lipidiche troppo grandi di unirsi formando dei cuscinetti di grasso visibili fino in superficie; al contrario, i fasci connettivi sottocutanei maschili sono disposti come un reticolo, struttura che riesce a trattenere le particelle lipidiche prima che queste raggiungano la superficie.

PIÙ TESTOSTERONE Secondo uno studio americano, il livello di testosterone nelle donne asiatiche è leggermente più elevato

rispetto a quello riscontrato nelle donne occidentali, con il risultato di un tessuto connettivo più forte; al contrario, l’alto livello di estrogeni che caratterizza le donne occidentali rende il loro tessuto connettivo più debole. Ecco perché, a parità di stile di vita e di attività fisica svolta, alle donne asiatiche la cellulite compare più raramente. Un’altra conseguenza dell’alto livello di testosterone potrebbe essere la pelle mediamente più grassa e impura che caratterizza le donne asiatiche e che rallenterebbe il processo di invecchiamento cutaneo, avendo un effetto positivo sul metabolismo di collagene, altro prezioso alleato anti-cellulite.

Christine Schrammek

Dermatologa, allergologa ed esperta di antiaging, ha sviluppato noti protocolli di trattamento.

FOTO: PHUANGPHECH / SHUTTERSTOCK.COM

La maggior parte delle donne combatte contro la cellulite, mentre gli uomini ne sono raramente colpiti - questo, ormai, è un dato scientificamente provato. Sembra, però, che le donne asiatiche siano interessate da questo inestetismo in misura minore rispetto alle occidentali. Come mai?


IN OGNI NUMERO NEWS PRODOTTI

Mesauda

Linea Detergente

Overline

Élite Resolution Face Lab Overline dice no al crono e al photo-aging con un’apparecchiatura di nuovissima generazione che si prende cura degli inestetismi di viso, collo e décolleté grazie all’utilizzo delle tecnologie più innovative per trattamenti di pulizia, ossigenazione, tonificazione e rigenerazione. Completa, sicura e funzionale, Élite Resolution Face Lab permette di scegliere tra due distinte modalità di lavoro: il Trattamento Guidato, attraverso il quale il sistema esegue un’analisi della pelle e, dopo aver individuato l’inestetismo, accompagna l’estetista in ogni step del trattamento, indicandole le tecnologie e le frequenze più adatte; il Trattamento Manuale, che invece mette l’estetista nella condizione di provvedere autonomamente alla scelta della procedura. Questa modalità non esclude l’eventuale ricorso al supporto dell’apparecchiatura che, in base alle caratteristiche dell’imperfezione, propone la soluzione ad hoc. www.overline.it

12

BEAUTY FORUM 1 /2018

La nuova linea di detergenti di Mesauda Milano si compone di 4 prodotti formulati per rimuovere efficacemente il trucco e pulire a fondo il viso in maniera delicata, rispettando l’equilibrio della pelle. Smart Remover è lo struccante bifasico a base di acqua di Hamamelis e Rosa Damascena che dona un effetto lenitivo; Crystal Clear è l’acqua micellare per viso, occhi e labbra ricca di oligoelementi minerali che rivitalizzano la pelle e di Betaina che rinforza la barriera epidermica; Cleaning Me Softly è il latte detergente cremoso dalla texture soffice e vellutata a base di burro di Cacao, burro di Karité e olio di Jojoba; Prep N’Tonic ha una formula delicata senza alcol che, grazie alla presenza dell’Acido Ialuronico, forma un leggerissimo film sulla pelle per un effetto elasticizzante e idratante. www.mesaudacosmetics.it

Gerard’s

Calmsense Nuova linea viso che risponde efficacemente alle esigenze delle pelli sensibili, reattive o con couperose. Ripristinando la funzione barriera, che protegge dalle aggressioni degli agenti esterni e allevia le reazioni psicosomatiche dovute a condizioni di stress, attenua visibilmente i rossori diffusi, riequilibra il livello di idratazione e lenisce nel profondo, restituendo una pelle più compatta e un incarnato uniforme e luminoso. Grazie ai suoi ingredienti naturali, accuratamente selezionati per la loro efficacia e tollerabilità, la linea è in grado di proteggere le pelli più fragili anche in presenza di climi rigidi: tutti i prodotti Calmsense sono infatti formulati senza parabeni, siliconi, petrolati, SLS e SLES, per agire nel massimo rispetto delle pelli sensibili. www.gerards.it


NEWS PRODOTTI IN OGNI NUMERO

LPG

Thé Bio Minceur Express J14

Luxura

Vegaz Nuovo lettino solare imponente sia nel design che nelle dimensioni! Ogni singolo dettaglio di questo nuovo prodotto premium è stato progettato in perfetta armonia. Lo sviluppo tecnico ha determinato un’eccellente efficienza energetica e le innovazioni intelligenti hanno aggiornato le funzionalità già ben apprezzate, come Sound-Around con Bluetooth, Climate-Control e IP Control 2. Vegaz combina le innovative lampade Maxlight Premium blu con le Premium Collagen Red, garantendo un’abbronzatura intensa con un tocco antiage. www.inprema.it

Beauty Technology

Body Slimmer Nuova linea di attrezzature per il dimagrimento attivo, potenziate con tecnologia Vacuum + Infrared che consente di perdere peso in minor tempo e in modo più efficace. Si tratta di speciali tapis-roulant e cyclette che combinano a una moderata attività aerobica l’azione del Vacuum e dei raggi Infrarossi che, stimolando circolazione e metabolismo, permettono di bruciare grassi e calorie più velocemente. Una seduta da 30’ su Body Slimmer può essere fino a 5 volte più efficace di una sessione aerobica della stessa durata su macchine tradizionali. La linea si completa con un lettino a Infrarossi per esercizi di tonificazione e rimodellamento e da un rullo massaggiante drenante e anticellulite. www.bodyslimmer-concept.it

Con il suo nuovo tè ottenuto da agricoltura biologica, LPG propone un nuovo trattamento in grado di bruciare i grassi, drenare e disintossicare l’organismo in soli 14 giorni. Il Thé Bio Minceur Express J14 è una combinazione di piante, frutti e verdure biologiche riconosciute per le loro virtù snellenti. Ricercati e selezionati in modo attento, questi ingredienti di alta qualità sono stati perfettamente calibrati per apportare a questo tè tutta l’efficacia di LPG. 4 le azioni principali: perdita di peso (Guaranà del Brasile 5%); bruciagrassi (Tè verde cinese 16%); drenaggio (Ortica della Francia 8% e Finocchio dell’Egitto 14%); digestione (Menta dolce del Marocco 14% e Zenzero dello Sri Lanka 10%). Il prodotto è disponibile in bustine singole per preservare tutte le proprietà delle piante contenute nella sua formulazione. Si raccomanda di lasciare in infusione 3-5 minuti, in modo da permettere a principi attivi e aromi di diffondersi nella tazza. Dose consigliata: due tazze al giorno per 14 giorni. www.endermologie.com

BEAU T Y - FO RU M . I T

13


IN OGNI NUMERO NEWS PRODOTTI

Panestetic

Mesopeel L’ultimo macchinario nato nei laboratori Panestetic Technology rappresenta una soluzione innovativa e versatile per il centro estetico. Mesopeel combina la mesoporazione con la microdermoabrasione, una sinergia vincente per soddisfare le richieste di tutte le clienti, anche le più esigenti. Numerosi e immediati i benefici: Mesopeel idrata profondamente, dona immediata compattezza alla pelle, elimina le impurità, attenua rughe, cicatrici e smagliature, schiarisce e illumina la pelle, migliora il drenaggio attenuando borse e occhiaie, accelera i processi rigenerativi della pelle e il metabolismo cellulare, incrementandone il turn-over. www.panestetic.com

Hesito

Pleasure Intense Massage Oil Un vero e proprio rituale di bellezza per il corpo dalle intense proprietà nutrienti: questo olio trattante, formulato per elasticizzare e idratare i tessuti, lascia la pelle liscia, morbida e compatta, contribuendo a prevenire la comparsa di smagliature e altri inestetismi tipici della pelle secca. Tra gli ingredienti chiave troviamo l’Olio di Cocco, nutriente e idratante, l’Olio di Mandorle, dal forte potere elasticizzante, e la Vitamina E naturale, portentoso antiossidante che ristruttura e aiuta la riepitelizzazione. Un trattamento avvolgente e rilassante, che favorisce un’esperienza polisensoriale unica grazie alla profumazione calda e sofisticata. www.hesito.it

14

BEAUTY FORUM 1 /2018

Estrosa

Smart Lamp Ultra piatta, leggera, maneggevole e richiudibile: Estrosa ha ideato una lampada LED&UV perfetta per essere trasportata e utilizzata in qualunque situazione, rendendo l’applicazione dello smalto semipermanente più agevole che mai. Dotata di timer a 60 e 90 secondi, con spegnimento automatico come tutte le lampade professionali, Smart Lamp può essere appoggiata sul piano di lavoro grazie alle alette pieghevoli, o utilizzata tenendola semplicemente in mano. Le sue eccezionali prestazioni si uniscono a un design moderno ed elegante: bianca lucida con profili in acciaio, una volta richiusa occupa l’ingombro di uno smartphone! Smart Lamp si ricarica con un cavo USB (incluso nella confezione), ma funziona perfettamente anche con tre batterie stilo AAA. www.estrosa.it


BEAUTY & CARE

Cicatrici?

NO PROBLEM! CAMUFFARE LE CICATRICI - Le cicatrici sono un cruccio

FOTO: BLACKDAY / SHUTTERSTOCK.COM

per molte persone - non solo per la storia che ha portato alla loro formazione, ma spesso anche perché risultano spiacevoli alla vista. Inoltre, non è raro che le clienti si sentano a disagio quando devono sottoporsi a un trattamento in una zona del corpo dove è presente una cicatrice. Impara a trattare questi inestetismi con i guanti di velluto!


BEAUTY & CARE DERMATOLOGIA

Esempio di cicatrice ipertrofica.

N

on c’è nessuna legge che vieti all’estetista di mettere le mani su una cicatrice; l’essenziale è trattarla con la dovuta cautela, soprattutto quando è di recente formazione. Ma come si forma una cicatrice e per quale motivo? Quante diverse tipologie se ne possono incontrare in istituto? Conoscere le risposte a queste domande è basilare per saper trattare nel modo corretto queste aree delicatissime.

Esempio di cicatrice atrofica.

LA GENESI DI UNA CICATRICE Nei primi istanti che seguono un trauma o una ferita, si avvicendano una fase emostatica e una fase infiammatoria, che provvedono rispettivamente all’approvvigionamento di sangue e alla risposta immunitaria da parte del nostro organismo per evitare che dalla ferita penetrino degli agenti patogeni. La fase che ci interessa in questa sede è successi-

va, ed è la cosiddetta “fase proliferativa”, che solitamente si estende dal 5° al 21° giorno del processo di guarigione della ferita. In questo arco temporale, i fasci di collagene sono ancora molto deboli, ed è necessario impostare una terapia il cui obiettivo sia quello di migliorarne la resistenza agli stress esterni. Solitamente questo compito è affidato al fisioterapista, e consiste in una stimolazione del flusso sanguigno e del metabolismo tramite linfodrenaggio

DIAGNOSI DI UNA CICATRICE

Un’anamnesi dettagliata ti aiuterà a trattare la cicatrice in modo appropriato e a fornire alla cliente una valutazione realistica dei risultati che si potranno raggiungere con il trattamento estetico. Tenendo a mente che il tuo compito non è quello di far sparire completamente la cicatrice bensì di migliorarne l’aspetto, spiega alla cliente in modo preciso che cosa

18

BEAUTY FORUM 1 /2018

farai per raggiungere questo scopo: le infonderà un senso di sicurezza! Cosa chiedere durante la diagnosi di una cicatrice: –– Come si è formata. –– Quanto è vecchia. –– Com’è guarita. –– Eventuali disturbi associati. –– Eventuali danni alle zone limitrofe. –– Quali limitazioni comporta. –– Quanto è sensibile al tocco.

FOTO: MAYLEEN ERAERTS

Prima di iniziare il trattamento, devi avere un’idea ben chiara del tipo di cicatrice che hai sotto gli occhi. Devi anche conoscere la causa che l’ha originata e il livello di fastidio o dolore che la cliente avverte al tocco.


DERMATOLOGIA BEAUTY & CARE

o massaggi specifici. La fase successiva (dal 21° al 60° giorno circa) è quella detta “di maturazione”, durante la quale il nuovo tessuto comincia a organizzarsi e a guadagnare massa, aiutato anche dagli esiti della terapia precedente. In questo momento, la sintesi di collagene è molto prolifica, i tessuti si rinforzano e migliorano la loro elasticità e la loro resistenza. Solo a partire dal 60° giorno ha inizio la trasformazione vera e propria della ferita, che può durare mesi. A questa fase ne seguono una di granulazione e una di “remodeling”, che possono prolungarsi fino a vent’anni. Attenzione: se per qualche ragione la ferita della cliente fatica a guarire, consigliale immediatamente di consultare il suo medico curante. Come estetista non è tuo compito trattare

cicatrici appena formate (soprattutto se rischiano di aprirsi) o ustioni, casi in cui deve intervenire un medico. Se però la pelle è completamente guarita e la ferita non corre più il rischio di riaprirsi o infiammarsi, allora puoi procedere tranquillamente con il trattamento programmato.

CICATRICI IPERTROFICHE Questa tipologia di cicatrice si forma in seguito a un surplus nella produzione di collagene; per questo motivo, è in genere rigida e poco elastica, e può avere la tendenza a ritirarsi. Compare solitamente in corrispondenza di traumi o ferite alle articolazioni, e in seguito a interventi chirurgici. Per trattare questo tipo di cicatrice si

TRATTAMENTO CON MICRONEEDLING

può “sciogliere” il tessuto sottostante comprimendolo o sollevandolo, in modo da restituire all’area una maggiore flessibilità e alleviare dolore e fastidio. Con la compressione, tecnica che può essere utilizzata con la maggior parte delle cicatrici, il tessuto cicatriziale viene sottoposto a una leggera pressione; se la cicatrice è “vecchia” bisogna esercitare un po’ di pressione in più. Passando la mano sopra l’area si può sentire chiaramente un indurimento intorno alla cicatrice: sono i tessuti sotto questo indurimento che devono essere "sciolti". Con la tecnica del sollevamento, invece, è possibile lavorare su aree del corpo più ampie, come l’addome, la schiena o le gambe; come suggerisce la parola, il metodo consiste nel sollevare (quindi “tirare”) il tessuto cicatriziale. Questo movimento può causare un leggero dolore che può durare anche per diverso tempo. Nonostante questo, il sollevamento è particolarmente efficace, soprattutto nella zona addominale dove i tessuti sono più morbidi.

CICATRICI ATROFICHE

Step

Durata

Detersione, Peeling, Leggera anestesia locale

30 minuti

Microneedling + Combinazione di sieri

15 minuti

Maschera al collagene oppure ultrasuoni

20 minuti

Trattamento di chiusura

5 minuti

TRATTAMENTO DI COMPRESSIONE/SOLLEVAMENTO* Step

Durata

Diagnosi della cicatrice

15 minuti

Detersione

5 minuti

Preparazione della cicatrice (con una crema a base di acido ialuronico)

3 minuti

Tecnica della Compressione o del Sollevamento

circa 20 minuti

*(Si consiglia un ciclo di almeno 3 trattamenti dopo la prima seduta; dalla seconda seduta in poi, si salta il passaggio della diagnosi).

Vengono definite atrofiche tutte quelle cicatrici nelle quali, a causa di un’insufficiente produzione di collagene, il tessuto che si forma non basta a rimpiazzare quello perso. Può comparire in seguito a ferite traumatiche, ma il più delle volte è conseguenza di patologie cutanee come acne, herpes o ascessi. Rientrano in questa categoria tutte le cicatrici che, a causa della morbidezza dei tessuti, appaiono “depresse”, ovvero si sviluppano a un livello più basso rispetto all’epidermide. Le cicatrici atrofiche si distinguono tra loro a seconda della forma e della profondità: –– Cicatrici “a scodella”; –– Cicatrici “ice-pick” (puntiformi e molto profonde); –– Cicatrici “rolling” (piatte e “sprofondate” nella pelle); –– Cicatrici “boxcar” (a forma di cratere e con i bordi taglienti).

BEAU T Y - FO RU M . I T

19


BEAUTY & CARE DERMATOLOGIA

Le cicatrici atrofiche che si incontrano maggiormente in un centro estetico sono quelle provocate dall'acne, e ne soffrono sia le donne che gli uomini.

CICATRICI ACNEICHE: RIMEDI E TRATTAMENTI Da ormai diverso tempo il microneedling è sulla cresta dell’onda come trattamento antiage; originariamente, però, i suoi aghi erano impiegati per la guarigione delle cicatrici e delle ferite. È un metodo efficace e dai risultati visibili soprattutto sulle cicatrici atrofiche o, in linea generale, quando per qualche motivo la produzione di collagene è ridotta. I trattamenti di questo tipo dovrebbero essere sempre venduti all’interno di pacchetti che comprendano più sedute: in caso di profonde cicatrici da acne, ad esempio, per ottenere risultati soddisfacenti ne servono indicativamente dalle 6 alle 10.

E A CASA? Per conseguire risultati significativi e permanenti, è fondamentale che la cliente accompagni il trattamento in istituto con delle cure domiciliari mirate.

20

BEAUTY FORUM 1 /2018

Con la tecnica del sollevamento, invece, la cicatrice viene sollevata (“tirata”).

Ogni ferita rilevante causa uno stress fisico e mentale. Dal momento che il processo che conduce alla sua guarigione è molto complesso e coinvolge tutto l’organismo, c’è un grande bisogno di sostanze nutritive. Questo è vero soprattutto durante la prima fase della formazione di una cicatrice, quando i fibroblasti hanno estremo bisogno di amminoacidi; si possono integrare queste sostanze con una dieta equilibrata e ricca di vitamine.

Un primo accessorio molto utile sono le creme roll-on, ovvero fornite di applicatore “a pallina” che, stimolando il tessuto interessato, favorisce la circolazione sanguigna e linfatica. Molti prodotti di questo tipo contengono acido ialuronico per l’idratazione degli strati cutanei più profondi; spesso sono formulati anche con agenti lenitivi, che aiutano a calmare il prurito che spesso ac-

compagna il processo di guarigione di una cicatrice fresca. Chi volesse affidarsi a prodotti naturali per migliorare l’aspetto delle cicatrici può optare per il miele, la cui azione antibiotica è ormai ben nota. Si può ricorrere a un trattamento a base di miele in caso, ad esempio, di ferite e cicatrici da ustione; in alcuni casi, la cliente può anche continuare il trattamento direttamente a casa propria. L’applicazione è molto piacevole, e la continua evaporazione dell’acqua rende lo stimolo meccanico a mano a mano più intenso ed efficace. Per questo tipo di trattamenti il miele più indicato è quello di Manuka (che vi abbiamo presentato sul numero 3/2017 di BEAUTY FORUM); in alternativa si può utilizzare anche il comune miele che si trova in commercio, ma è necessario assicurarsi che la ferita sia completamente chiusa. Spalma il miele sopra e intorno all’area cicatriziale, poi appoggiavi sopra la mano aperta, eseguendo un movimento ripetuto oscillante dal palmo alla punta delle dita.

Mayleen Eraerts

Estetista, dirige un istituto a Barsinghausen, in Germania. È specializzata in estetica antiage ed esperta di ingredienti cosmetici.

FOTO: MAYLEEN ERAERTS

Con la tecnica della compressione, il tessuto cicatriziale viene sottoposto a una leggera pressione.


DAL 1988, LA SCELTA PIÙ NATURALE

I rituali Mei SPA: emozione e risultato immediato. Nati dalla ricerca del Prof. Giuseppe Mazzocco, rappresentano la nuova frontiera del Benessere Scientifico: là dove natura e scienza si incontrano in rituali efficaci, emozionanti, indimenticabili. Mei è partner delle migliori SPA con l’Academy di formazione e linee prestigiose: Rituali e trattamenti di Benessere · Viso e Corpo · PMP-Phytomassopodia® · Oli essenziali Aromatherapy · Fragranze per ambiente e saune · Tisaneria · Amenities Mei srl · Treviso · Italy

www.casamei.com


BEAUTY & CARE VISO

BUONO A

Sapersi!

PELLE IMPURA - Aiuta le tue clienti a combattere la pelle impura su due fronti:

con efficaci trattamenti su misura, ma anche spiegando loro cosa provoca questa condizione e quali sono le abitudini che la favoriscono.

I

n tema di salute e bellezza della pelle, le donne contemporanee sono molto più attente e informate di quanto lo fossero le loro mamme e nonne. Spesso, tuttavia, ignorano come semplici abitudini quotidiane possano involontariamente esasperare i tanto odiati inestetismi del viso: lo abbiamo visto con le rughe nello scorso numero (“Rughe Quotidiane”, BEAUTY FO-

22

BEAUTY FORUM 1 /2018

RUM 7/2017), ma lo stesso discorso vale anche per la pelle impura. Ecco perché un’anamnesi molto approfondita è un prerequisito essenziale di un trattamento di qualità: ti consente di risalire all’origine del problema della tua cliente e di trasformarti in una vera e propria “skin coach”, capace di intervenire alla radice del problema e risolverlo. Per cominciare, ecco una serie di

domande che andrebbero sempre rivolte alla cliente durante il colloquio preliminare: Quali medicinali, vitamine o integratori alimentari assume ogni giorno? Farmaci e integratori hanno importanti ripercussioni sulla nostra pelle. Se, ad esempio, la cliente assume dei medicinali contro l’acne, è preferibi-

FOTO: KIRILL / SHUTTERSTOCK.COM

Trattare la pelle impura fa parte del nostro lavoro, ma come estetista puoi (e devi) agire a monte, sulle cause scatenanti.


VISO BEAUTY & CARE

COME RIDURRE LE INVASIONI BATTERICHE QUALCHE CONSIGLIO PER LA VITA DI TUTTI I GIORNI

I batteri scorrazzano volentieri nelle pochette del make-up e, da lì, si distribuiscono su tutto il viso.

Lo smartphone è una fonte inesauribile di germi - e siamo noi stesse a creare le condizioni ideali per il loro proliferare…

Cambia spesso gli asciugamani! L’ideale sarebbe utilizzare asciugamani e panni monouso almeno per il viso. Cambia spesso la federa del cuscino! Durante la notte, sulla federa si depositano dei batteri che possono portare a nuove infezioni.

FOTO: GVICTORIA; TSYHUHN / SHUTTERSTOCK.COM

Pulisci lo smartphone! Lo smartphone viene appoggiato praticamente ovunque: lo lasciamo sul tavolino del bar, nella tasca del cappotto o dei pantaloni e lo tiriamo fuori in continuazione per telefonare,

le non eseguire peeling o trattamenti con vapore. Fuma? Se sì, quanto? Fumare favorisce la comparsa di comedoni. Ultimamente ha iniziato una dieta? Oppure è a dieta già da qual-

messaggiare, navigare o scattare foto; in pratica, siamo sempre con le mani sullo schermo. Il problema è che lo puliamo raramente. In caso di pelle impura, pulire regolarmente lo schermo dello smartphone è un’ottima abitudine: per farlo basta usare una salvietta disinfettante. Pulisci i pennelli da make up! Anche se usiamo i pennelli da make up tutti i giorni, spesso non li puliamo con altrettanta solerzia. Per evitare proliferazioni batteriche, tuttavia, i pennelli andrebbero puliti quotidianamente con un dischetto di cotone imbevuto di alcol puro, e almeno una volta a settimana con una soluzione antibatterica. Anche le spugnette da trucco dovrebbero essere accuratamente ripulite dopo ogni utilizzo. Prima di fare esercizio fisico, struccati! Quando si ha un’agenda fitta di impegni, andare in palestra direttamente dopo il lavoro è un’abitudine molto pratica; prima, però, ci si dovrebbe preoccupare di struccare completamente il viso. Per un appuntamento dopo il lavoro, truccati da zero! In genere, quando si ha un impegno subito dopo il lavoro si ha appena il tempo di dare al make up un ritocco veloce. Un’abitudine sbagliatissima, però: è così, infatti, che germi e batteri si distribuiscono in tutto il viso. Meglio struccarsi completamente il viso con una salvietta detergente e disinfettante e riapplicare da zero il make up.

che tempo? Quando si è a dieta o si è digiuni, il corpo inizia un processo di eliminazione delle tossine, tra le cui conseguenze ci può essere il verificarsi di uno squilibrio ormonale. Questo squilibrio favorisce, tra le altre cose, la comparsa di impurità.

Tieni puliti la tastiera del computer, il telefono dell’ufficio e la scrivania! È qui che i batteri si muovono più liberamente: il posto di lavoro. È buona norma pulire regolarmente la propria postazione con delle salviette disinfettanti. Cambia il pigiama! Per le impurità di collo e décolleté, il consiglio è quello di cambiare con molta frequenza il pigiama o la camicia da notte. Lava prima i capelli e poi il viso! Quando fai la doccia, lava prima i capelli e poi il viso: così facendo, eviti che residui di shampoo si depositino sulla pelle e vi rimangano. Pulisci tablet e telecomando! L’ambiente in cui viviamo è un covo di batteri: pulisci regolarmente le superfici dei device elettronici con dei panni disinfettanti. Pulisci la tua borsa! Le borsette dovrebbero essere pulite regolarmente sia dentro che fuori usando un panno umido. Rinuncia allo zainetto! In caso di impurità cutanee sul collo, il consiglio è di smettere di portare lo zainetto: questo, infatti, sfrega sulla pelle irritandola e rendendola un perfetto lasciapassare per germi e batteri, favorendo la diffusione di eventuali infezioni.

È molto stressata? Lo stress aumenta la produzione di sebo che, a sua volta, può portare alla comparsa di impurità. In questo caso, oltre agli ordinari consigli di bellezza, è bene chiarire anche l’importanza di allentare i ritmi e trovare

BEAU T Y - FO RU M . I T

23


BEAUTY & CARE VISO

il tempo per rilassarsi: a beneficiarne sarà la bellezza della pelle, ma non solo! Quali prodotti cosmetici sta usando a casa al momento? Questa domanda ti offre uno spaccato sulla beauty routine della cliente e su cosa abbia fatto, finora, per prendersi cura della propria pelle: la risposta a questa domanda può aiutarti a capire se la pelle riceve troppe attenzioni (o se ne riceve troppo poche) e se la cliente utilizza prodotti di skin care o make up che potrebbero contenere degli ingredienti sconsigliati in caso di pelle impura. Assume dei contraccettivi orali? Oppure li ha appena interrotti? Entrambe le circostanze possono causare la comparsa di pelle impura; in caso di interruzione del contraccettivo orale, e della conseguente comparsa di impurità, la causa è da ricercare nello sbalzo ormonale. In questi casi, spiega alla cliente che si tratta di una situazione temporanea e che la pelle impiegherà un po’ di tempo per abituarsi alla nuova situazione ormonale e tornare alla “normalità”.

La pelle a tendenza acneica arriva a produrne addirittura 4-5 volte di più rispetto alla pelle sana! Questa 'ingombrante' presenza rallenta il naturale processo di esfoliazione delle cellule che, di conseguenza, rimangono incollate al sebo e si depositano dentro i follicoli e sulla superficie della pelle. I batteri che si trovano sulla superficie del viso riescono a sopravvivere anche senza ossigeno e, addirittura, si nutrono del sebo stesso: se quindi i follicoli sono ostruiti, aumenta anche la quantità di batteri presenti sulla superficie cutanea. Questi batteri, poi, decompongono il sebo e lo trasformano in acidi grassi che si manifestano sul viso sotto forma di irritazioni cutanee e infiammazioni. Altri fattori che possono scatenare la pelle impura sono la predisposizione genetica, l’uso di cosmetici sbagliati, gli influssi ambientali e l’assunzione di alcuni medicinali. Per proseguire il trattamento in modo proficuo, è bene identificare chiaramente i fattori che possono aver contribuito alla pelle impura.”

IL TRATTAMENTO COSA DIRE ALLE CLIENTI Come detto in apertura, le donne oggi sono molto più informate rispetto a qualche anno fa; le loro conoscenze, però, si limitano in genere ai prodotti da utilizzare, e solo raramente approfondiscono le ragioni della comparsa di impurità come l’acne. Ha poco senso bombardare le tue clienti con le tue conoscenze (l’esperta della pelle sei tu!), perché non faresti altro che confonderle, ma puoi influenzare positivamente il trattamento fornendo loro delle spiegazioni a riguardo e consigliando loro prodotti a esso collegati. Ma come si può “spiegare” in modo efficace la pelle impura a una cliente? Prova così: “Il problema principale delle pelle impura, e causa principale dall’acne, è un’eccessiva produzione di sebo.

24

BEAUTY FORUM 1 /2018

Dopo l’anamnesi e un dettagliato colloquio consultivo, disponi di tutti gli elementi che ti servono per predisporre un trattamento individuale per la tua cliente dalla pelle impura. Eccone un esempio: Rimuovi l’eventuale trucco, anche su occhi e labbra. Detergi a fondo la pelle, passando sul viso un olio detergente per sciogliere lo sporco liposolubile e gli ultimi residui di make up. Rimuovi poi l’olio con un panno in microfibra umido e caldo. Concludi quindi questa fase applicando un gel detergente a base di acido salicilico per “sbloccare” le ostruzioni nei pori e lenire le infiammazioni; dopo averlo massaggiato, rimuovilo con un panno in microfibra umido e caldo. A questo punto la pelle può essere sottoposta a vaporizzazione. Esegui ora un’accurata anali-

si della pelle. Durante questa fase, focalizzati in particolare sulle aree in cui si concentrano i pori ostruiti e, nel frattempo, continua la chiacchierata con la cliente per stabilire le cause delle sue impurità e poter proseguire il trattamento nel modo più adeguato. Se non sono presenti controindicazioni, esegui ora un peeling a base enzimatico-alcalina: in questo modo puoi pulire i pori in profondità e rendere più ricettivi e malleabili quelli che ancora sono fortemente ostruiti (e che verranno aperti nei passaggi successivi). Applica il peeling in maniera uniforme, lascialo agire sotto il vapore per 5-7 minuti e rimuovilo con un panno caldo. La pelle è ora pronta per la spremitura manuale: puoi rimuovere non solo i comedoni aperti, ma anche i micro-comedoni e le pustole di milia. Terminata la spremitura, disinfetta le aree da cui hai rimosso le impurità con un dischetto di cotone imbevuto di una soluzione antibatterica e priva di alcol. Applica ora un complesso di principi attivi a effetto astringente e calmante. Stendi una maschera purificante ad azione calmante e antibatterica e, trascorso il tempo di posa, rimuovine i residui con un panno umido e caldo. In chiusura di trattamento, applica sul viso un prodotto curativo personalizzato sulla base del dermotipo della cliente e, se lo desidera, truccala leggermente usando dei cosmetici minerali.

Stephanie Seng

Estetista ed esperta in trattamenti per la pelle, dirige il suo istituto di bellezza vicino a Friurgo, in Germania.


VISO BEAUTY & CARE

1 Pura+

1

Bioline Jatò • Gamma di prodotti domiciliari e da cabina per pelli impure, miste, grasse e a tendenza acneica. Cuore della linea l’innovativo Pure Intensive Complex, selezione di attivi che promuove il controllo della secrezione sebacea e della proliferazione batterica, riduce l’effetto lucido e la visibilità dei pori dilatati. Tra i cosmetici domiciliari, la Crema Acida Equilibrante pH con semi di Pompelmo, polimero “effetto mat” ed estratto di Pompelmo Rosa: una formula SOS normalizzante per viso e collo che ripristina il pH cutaneo e il corretto livello di idratazione della pelle. www.bioline-jato.com

2 Derma Pure Dermatrophine PRO • Risposta mirata per pelli miste, grasse, asfittiche e con problematiche di acne in età tardiva. La linea, formulata con sostanze funzionali di efficacia comprovata in campo dermatologico, unisce azioni specifiche come la riduzione della produzione di sebo e dell’ostruzione dei follicoli a importanti attività anti-ageing. Il kit professionale Derma Pure è composto da 5 trattamenti high performance in cabina; al suo interno troviamo due tipologie di maschere: Derma Salic, per un’esfoliazione cornea profonda, e la maschera in gel che unisce all’attività antibatterica una forte azione antinfiammatoria. www.dermatrophine.it

2

Pure Solution Suntronic • Trattamento ideale per pelli impure o disidratate. L’azione normalizzante del metodo Suntronic, non invasivo, permette infatti di ridare equilibrio a una pelle impura, con ipersecrezione sebacea, o al contrario disidratata e asfittica. Adatto a ogni età, il trattamento è in grado di trattare il problema dell’acne giovanile e/o tardiva, accelerando il ripristino delle normali attività fisiologiche cellulari, migliorando le condizioni generali della pelle e risolvendo l’inestetismo anche in maniera definitiva. Percorso completo: 8-10 sedute da 55 minuti. www.healthbeautysrl.com

BEAU T Y - FO RU M . I T

25


BEAUTY & CARE VISO

GIÙ LE dita DERMATILLOMANIA - Benché interessi principalmente le adolescenti, la

Q

uando ci troviamo di fronte a un caso di dermatillomania, non dobbiamo fare confusione con l’acne; il disturbo, infatti, non mostra i classici segni distintivi dell’acne comune (come pori ingrossati e ipercheratosi) e può colpire tutti i tipi di pelle, comprese quelle che non presentano seborrea - anche se l’esperienza pratica ha dimostrato una maggiore incidenza della dermatillomania tra le persone con “seborrea secca”, con pelle normale o mista.

26

BEAUTY FORUM 1 /2018

LA SCOPERTA Sir Erasmus Wilson, medico inglese, parlava già nel 1875 di “escoriazioni nevrotiche”, ma è in Francia che è stata coniata l’attuale etichetta della dermatillomania quale “acne excoriée des jeunes filles”: questo perché il disturbo si manifesta soprattutto nelle ragazze durante la pubertà.

Dal punto di vista medico, invece, la dermatillomania è molto ben circoscritta: viene classificata come uno “skin picking disorder” (traducibile come “disturbo da stuzzicamento della pelle”) ed è caratterizzata da un istinto continuo a toccare e tormentare la pelle - soprattutto del viso - e dalla spremitura regolare di alcune aree cutanee davanti allo specchio. La quotidianità di chi soffre di questo disturbo è caratterizzata dalla compulsione a grattare o graffiare piccole porzioni di pelle, immaginari punti neri o brufoli, cau-

FOTO: ALEXANDER RATHS / SHUTTERSTOCK.COM

dermatillomania non è una forma di acne nel classico significato del termine: chi ne soffre è convinto di veder spuntare in continuazione nuove impurità cutanee e di doverle spremere, riducendo il proprio viso a un vero e proprio campo di battaglia. Come intervenire?


VISO BEAUTY & CARE

volontà individuale. Inoltre, non è raro che le dermatillomani abbiano a casa una moltitudine di prodotti domiciliari (spesso inadeguati al problema), o che nascondano la propria pelle sotto spessi strati di trucco. La dermatillomania si può accompagnare a un comportamento compulsivo che interessa altre parti del corpo, ad esempio le sopracciglia: stai all’erta quando noti la presenza di molti peli incarniti all’attaccatura, quando le sopracciglia sono troppo fini, e se rilevi leggere infiammazioni, iperpigmentazioni diffuse e peli spezzati.

sando uno stress cutaneo costante che provoca importanti danni ai tessuti, abrasioni o, nel peggiore dei casi, escoriazioni.

CROSTE E CICATRICI Come si accennava, questo tipo di dermatosi si identifica essenzialmente con una (severa) abrasione della pelle. Si parla di sola abrasione, in realtà, quando il danno si ferma a livello superficiale, coinvolgendo quindi solamente l’epidermide; in caso di escoriazione vera e propria, invece, viene danneggiato addirittura il derma, zona cutanea posta in profondità. Se vengono coinvolti anche dei capillari, la situazione diventa ancora più grave, arrivando a provocare il sanguinamento dell’area interessata. Se durante il processo di guarigione si formano delle croste, poi, queste diventano per il dermatillomane nuovi “invitanti” punti da grattare; invece di rimarginarsi, le ferite si fanno quindi sempre più estese, aumenta il rischio di contrarre infezioni batteriche ed è più facile che si formino cicatrici permanenti. Quando finalmente queste zone riescono a guarire, al loro posto compaiono antiestetiche iperpigmentazioni post-infiammatorie.

UN PIANO DI CURA Consiglia alla tua cliente di distrarsi tenendo le mani (e le dita) impegnate con qualcos’altro quando sente l’impulso di stuzzicare le sue immaginarie imperfezioni; un esempio potrebbe essere tenere a portata di mano una pallina antistress da schiacciare all’occorrenza. Un altro consiglio utile è di limitare il tempo trascorso davanti allo specchio, evitando in particolare gli specchi ingrandenti.

FOTO: LIFE-LITERACY / SHUTTERSTOCK.COM

SOGGETTI COLPITI La dermatillomania tende a colpire in particolare le ragazze in età adolescenziale e le giovani donne, mentre gli uomini ne sono interessati in misura minore. Vista la delicatezza della situazione, quando tratti con queste clienti prendi sempre sul serio quello che ti dicono, anche e soprattutto quando ti parlano dei loro brufoli immaginari. Fai poi un’analisi approfondita della loro pelle e complimentati per il buono stato in cui si trova, invitando la cliente a osservare allo specchio le aree in cui è più uniforme e raffinata (ad esempio le guance). Tra le zone maggiormen-

te interessate dalla dermatillomania, invece, troviamo l’area periorale, ma anche la fronte e la pelle intorno alle sopracciglia. La principale difficoltà nel trattare con queste clienti consiste nel fatto che spesso molte di loro hanno già cercato e sperimentato diverse soluzioni senza, però, riuscire a trovarne una definitiva; guarire dalla dermatillomania è difficile, perché il problema ha origine nella psiche e coinvolge direttamente la forza di

Quando tratti una cliente che soffre di dermatillomania, è essenziale procedere seguendo un progetto ben chiaro e assegnarle un piano di cura dettagliato e pensato su misura per lei. Tieni conto che una dermatillomane passa gran parte del suo tempo davanti allo specchio (solitamente ingrandente e ben illuminato) a controllare la sua pelle: ecco, questa è la prima abitudine che bisogna “riprogrammare”. Tieni occupata la mente della cliente obbligandola a seguire un protocollo domiciliare preciso e rigido, “vietandole” l’utilizzo di prodotti estranei che non le hai prescritto tu. Definisci con lei dei traguardi realistici come, ad esempio, arrivare a migliorare l’aspetto della pelle in modo da non doverla nascondere sempre con il fondotinta. Il passo successivo è proporre alla cliente, in abbinamento a un programma domiciliare ad hoc, un ciclo di trattamenti nel tuo centro a intervalli ravvicinati: per convincerla, poni l’accento sul fatto che, tra voi due, la professionista della pelle sei tu, e sai come intervenire sui suoi inestetismi meglio di lei. Con il procedere della sedute entrerai in sintonia con lei e la cliente sarà portata a fidarsi sempre più dei tuoi metodi. Molte clienti che soffrono di dermatillomania vogliono un trattamento che vada molto “in profondità”, in modo da percepire davvero dei cam-

BEAU T Y - FO RU M . I T

27


BEAUTY & CARE VISO

Alcune manifestazioni della dermatillomania.

specifico per rimuovere le imperfezioni. Al tatto la pelle deve risultare il più morbida e liscia possibile, in modo tale che la cliente non abbia alcuna scusa per metterci mano. Per trattare le zone più problematiche, sono molto adatti i trattamenti ad alte frequenze. Queste tecnologie possono essere usate anche sulla

PRINCIPI ATTIVI AD HOC –– Niacinamide/Vitamina

B3: agisce rinforzando la barriera della pelle e contrastando gli arrossamenti, l’acne, le infiammazioni e le iperpigmentazioni. Può dunque essere usata sulle zone rese sensibili dalla dermatillomania, oltre che su quelle infiammate. Grazie all’effetto rinforzante della barriera cutanea, la pelle irritata può ritrovare il suo equilibrio.

28

BEAUTY FORUM 1 /2018

–– Liquirizia (Glycyrrhiza

glabra): ha un’azione antinfiammatoria in caso di acne e di arrossamenti e, grazie al suo effetto inibitorio sull'enzima tirosinasi, è molto usata come rimedio alle iperpigmentazioni.

–– Betaglucano: polisaccaride

dal grande potere idratante, rafforza il sistema immunitario. La sua azione principale è quella di rigenerare la pelle lacerata e guarire le ferite.

pelle secca, a patto che il manipolo venga passato molto delicatamente sulle aree interessate. Non solo la guarigione sarà più rapida, ma il leggero formicolio avvertito dalla cliente durante l’applicazione le farà percepire, anche a livello psicologico, l’efficacia del trattamento. Se la pelle è particolarmente irritata e molti punti non sembrano guariti correttamente, utilizza dei patch alle alghe: sono patch liofilizzati che vanno applicati sulla pelle leggermente inumidita e si sciolgono con un tonico e/o un gel idratante. Si forma, così, un film dalla consistenza gelatinosa che puoi far assorbire con gli ultrasuoni. Concludiamo questa panoramica con un’ultima osservazione su questo disturbo così peculiare: è vero che bisogna sempre tenere conto delle necessità individuali di ogni singola cliente, ma in caso di cliente con dermatillomania questa attenzione diventa ancora più necessaria ed è bene accompagnare i trattamenti con spiegazioni dettagliate e parole di incoraggiamento.

Susanne Pfau

Estetista e naturopata, è specializzata in cure cosmetiche medico-dermatologiche, trattamenti antiage e peeling.

FOTO: SUSANNE PFAU

biamenti: a seconda del tipo di pelle, quindi, lavora con gli acidi della frutta o con la microdermoabrasione. Se però ti trovi di fronte a una pelle molto sottile, o che si è ipersensibilizzata a causa delle continue ferite, ricorri piuttosto a peeling enzimatici. Nei punti in cui la pelle è più squamosa, applica un trattamento


VISO BEAUTY & CARE

1

1 Crema Purificante al Gel Osmotico₂ Marzia Clinic • Dermopurificante e seboregolatrice, grazie a una ricca formula a base di estratto di Propoli, Acido Oleanolico e Didiidroguaiaretico (NDGA), questa crema viso per pelli a tendenza acneica svolge una triplice azione: normalizza la produzione di sebo, riduce le imperfezioni cutanee e limita l’ipercheratosi e la proliferazione batterica. www.marziaclinic.com

2 Dermopura Cream Revivre • Per sconfiggere i pori dilatati, la pelle lucida e le eruzioni cutanee, Revivre propone un’innovativa crema purificante a base di Acido Azelaico ed estratto di Propoli, che combatte le imperfezioni cutanee e migliora l’aspetto della pelle, liberandola dai pori. Adatta a pelli grasse e impure, è disponibile sia per uso professionale, sia per uso domiciliare. www.revivre.it

3 Crème C17 Phyt’s • Trattamento giornaliero purificante, ideale per pelli miste e grasse. Crema fluida e leggera che purifica la pelle giorno dopo giorno, riducendo visibilmente le imperfezioni, minimizzando i pori e opacizzando l’incarnato. Tra gli attivi anti impurità, dall’efficacia provata, troviamo Timo, Lavanda, Limone e Chiodi di Garofano. www.arcadistribution.com

2 3

4 Puresense Gerard’s • Risposta completa e specifica per purificare e riequilibrare la pelle mista, grassa e impura, agendo contro imperfezioni cutanee, pelle spenta e lucida, grana irregolare, pori dilatati, brufoletti e comedoni. Puresense regola la produzione di sebo, lenisce le zone irritate dall’acne, leviga la texture e favorisce il rinnovamento cellulare, uniformando e perfezionando l’incarnato. www.gerards.it

4

BEAU T Y - FO RU M . I T

29


BEAUTY & CARE COSMETOLOGIA

Concentrazione, PREGO

BOOSTER DI PRINCIPI ATTIVI - Sieri e fiale sono veri e propri concentrati

di efficacia, tanto in cabina quanto nelle cure domiciliari. L’estetista Stefanie Jostock ci racconta come ha trasformato questi prodotti nella punta di diamante del suo istituto.

S

ieri e fiale rivestono un ruolo molto importante all’interno dei protocolli estetici del nostro istituto - sia per quanto riguarda la seduta in cabina, sia come completamento domiciliare. D’altro canto, questi due aspetti (cabina e domiciliare) sono per noi strettamente legati e interdipendenti. La parola d’ordine è “costanza”: proprio come succede nello sport, infatti, la forma fisica dei sogni non si raggiunge andando in palestra una volta ogni tanto, ma è bene de-

30

BEAUTY FORUM 1 /2018

dicare al movimento un po’ di tempo ogni giorno.

SIERI I sieri rappresentano per noi degli autentici compagni quotidiani - un po’ come la corsetta mattutina al parco vicino a casa. Sono perfetti per essere utilizzati ogni giorno: agendo in sintonia con la crema a cui è abbinato, e penetrando molto rapidamente nella pelle, il siero è un

cosmetico di facilissima gestione. Quasi tutte le nostre clienti utilizzano siero e crema insieme, perché siamo riuscite a far capire loro che combinando i due prodotti si possono ottenere più velocemente risultati migliori. A seconda del tipo di pelle sul quale viene applicato, un siero può avere effetti diversi. Questa proprietà lo rende un prodotto prezioso anche per me come estetista, perché posso adattare la combinazione siero-crema a seconda delle necessità speci-

FOTO: BABOR:STEFANIE JOSTOCK

L’estetista Stefanie Jostock sa quali sono le cose importanti in un trattamento con fiale.


COSMETOLOGIA BEAUTY & CARE

fiche della pelle della mia cliente. –– Un siero è in grado di rendere più fine una pelle con pori molto dilatati. –– In caso di couperose, può essere usato per minimizzare le piccole vene. –– Nel campo dell’antiage, i moderni sieri sono in grado di ridurre le rughe e rendere più luminosa la pelle della cliente. Il siero è lo specialista della pelle da usare quotidianamente, e contiene principi attivi ad alte concentrazioni scelti per intensificare l’azione riparatrice della crema a cui viene abbinato. I principi attivi contenuti in un siero dipendono dall’effetto che si vuole ottenere: tra quelli attualmente più richiesti troviamo ad esempio i sieri capaci di rendere più “fresco” l’incarnato, i quali si servono spesso del “lumicol”, un principio attivo estratto da micro-alghe; la carnosina, invece, è in grado di impedire alle molecole di zucchero di legarsi

alle proteine dei fasci di collagene (effetto anti-glicazione) facendo apparire la pelle visibilmente più giovane. Gli estratti di ippocastano e centella asiatica vengono usati per combattere la couperose grazie alla loro capacità di rinforzare le pareti dei capillari sanguigni. Così come per un prodotto in fiala, la texture di un siero è molto fluida e penetra velocemente nella pelle. Al contrario delle fiale, però, i sieri impiegano più tempo a produrre risultati evidenti e visibili, anche se vengono usati tutti i giorni. Di solito, dunque, la scelta dei principi attivi si concentra su ingredienti che mostrano tutto il loro potenziale su un arco di tempo più lungo - motivo per cui i sieri sono progettati per essere utilizzati in combinazione con una crema giorno. È così possibile influenzare sul lungo periodo i processi che avvengono all’interno della pelle.

TRATTAMENTO RAPIDO CON FIALE Da proporre come trattamento express prima di un evento speciale, oppure come pausa pomeridiana: –– Detersione della pelle (questo rituale rilassa e pulisce i pori in profondità). –– Peeling agli acidi della frutta (per liberare la pelle dalle cellule morte senza irritarla meccanicamente). –– Applicazione dei prodotti in fiala (durante questa fase vengono fatte assorbire dalle tre alle cinque fiale, applicate sulla pelle una dopo l’altra; questa azione ha un effetto rimpolpante intensivo). –– Ultrasuoni (per attivare ulteriormente la pelle, come farebbe un micromassaggio, e "riempirla" dall’interno). –– Applicazione di un prodotto per il contorno occhi e di una crema giorno (scelti individualmente). Durata: Senza ultrasuoni circa 45 minuti / con gli ultrasuoni circa 60 minuti.

FIALE I concentrati in fiala sono dei prodotti particolari, che hanno come caratteristica principale la capacità di produrre un effetto immediato per tornare alla metafora sportiva: sono come una sessione di power workout in palestra. Le fiale rappresentano delle piccole armi miracolose perfette da usare prima di un evento speciale oppure quando la pelle ha bisogno di una cura mirata e specifica. Queste straordinarie virtù sono sottolineate anche dall’inconfondibile packaging: benché i prodotti in fiala siano usati in estetica ormai da molti anni, ancora oggi una boccetta di vetro trasmette l’idea che al suo interno sia contenuto un elisir prezioso e misterioso. Un’immagine forse legata all’ambito farmaceutico di derivazione, dove principi attivi ad alte concentrazioni, perfettamente dosati, venivano somministrati usando delle fiale in vetro. La loro introduzione in estetica è stata piuttosto rivoluzionaria perché, grazie alle fiale, è stato possibile formulare in modo esatto i principi attivi da usare per ogni singola applicazione, così da ottenere sempre il miglior effetto possibile. Naturalmente oggi questi booster sono molto più efficaci di quanto non lo fossero cinquant’anni fa, perché grazie agli sviluppi degli studi sulla pelle conosciamo con più precisione cosa succede al suo interno e come influenzare tali processi. Ad oggi, all’interno di piccole fiale di vetro vengono conservate formulazioni dai principi attivi molto puri: questi elisir sono concepiti in modo tale da agire in maniera particolarmente rapida e attiva all’interno della pelle grazie, soprattutto, alla loro texture estremamente fluida e alla dose molto alta di sostanze funzionali presenti. La funzione principale di questi piccoli “agenti speciali” è di ottimizzare le funzioni cutanee; per farlo, agiscono in modo specifico a seconda del problema: ciò significa che la loro azione è perfettamente calibrata sulle esigenze che la pelle ha in quel momento.

BEAU T Y - FO RU M . I T

31


BEAUTY & CARE COSMETOLOGIA

Si possono così combattere i segni visibili di: –– stress, –– mancanza di idratazione, –– rughe, –– impurità. Come succede con i sieri, anche la scelta dei principi attivi in fiala dipende dall’obiettivo del trattamento in cui questa viene impiegata. Nel caso delle fiale, però, la scelta si concentra soprattutto su sostanze che hanno un effetto immediatamente visibile. Alcuni esempi? I peptidi segnale, che mettono subito in moto i processi tensori della pelle; l'estratto di indigofera tinctoria, ottimo principio attivo d'emergenza in caso di pelle sensibile grazie al suo immediato effetto lenitivo; l'olio di tea tree, perfetto per combattere molto rapidamente le impurità cutanee. L’applicazione della fiala può diventare il momento culminante di qualunque trattamento: da una parte perché l’apertura della fiala è un rituale particolarmente affascinante; dall’altra, perché solo la fiala può dare un colpo extra al trattamento.

CAMPIONI D’INCASSI Circa il 65% del volume di affari che generiamo nel mio istituto proviene dalla rivendita di prodotti in fiala. Sono i nostri best-seller. Il loro effetto, il packaging particolare e il buon rapporto qualità-prezzo le rendono, ai miei occhi, il prodotto

32

BEAUTY FORUM 1 /2018

Un trattamento in fiala si presta a essere abbinato agli ultrasuoni, che attivano ulteriormente la pelle, come un micromassaggio, e rimpolpano dall’interno.

TECNICHE DI APPLICAZIONE DEI PRODOTTI IN FIALA Per far assorbire correttamente un prodotto in fiala, ma anche per “celebrarne” l’applicazione e renderne l’utilizzo un rituale straordinario, fallo penetrare nella pelle “picchiettandolo”: per la cliente sarà un momento piacevole e la pelle assorbirà completamente i principi attivi. Per farlo, io verso un po’ di liquido sulla mano vuota e lo applico a piccole dosi con la punta delle dita; una volta terminata l’operazione, esercito una leggera pressione con il palmo della mano aperta per far penetrare delicatamente nella pelle i residui del concentrato. Trovo sia molto importante dare a questa fase del trattamento un connotato celebrativo, per conferire maggiore rilievo alla peculiarità di questo prodotto. Le fiale non sono adatte ai massaggi: non agevolano il movimento massaggiante ma, al contrario, vengono assorbiti molto velocemente. Qualunque cliente troverebbe un massaggio eseguito con un prodotto in fiala particolarmente sgradevole.

I sieri, invece, sono ideali per l’uso quotidiano: agendo in sintonia con la crema a cui sono abbinati, e penetrando molto rapidamente nella pelle, sono cosmetici di facilissima gestione.

perfetto da “portarsi a casa”. Le fiale che proponiamo sono concepite come trattamenti settimanali e ogni confezione ne contiene sette. Non vendiamo quasi mai una confezione per volta, però: a una pelle giovane, ad esempio, consigliamo una sessione da due settimane per rimpinguare le riserve di idratazione, altrimenti le vendiamo come trattamento da quattro settimane. Ci concentriamo prima di tutto sull’idratazione perché solo una pelle sana e idratata riesce ad assorbire efficacemente i preziosi principi attivi antiage; procediamo poi focalizzandoci sulle necessità specifiche, come il lifting o il rassodamento della pelle. Il trattamento domiciliare ideale comprende sia sieri che prodotti in fiala (a seconda dei principi attivi che contengono), meglio se uno al mattino e l’altro la sera. È così possibile garantire effetti davvero visibili. Vale sempre lo stesso principio di cui abbiamo parlato all’inizio: con la cura della pelle è come per lo sport - solo chi si allena regolarmente raggiunge la forma fisica desiderata!

Stefanie Jostock

Estetista, dirige con sua madre Christine l’istituto “Babor Beauty Spa”, specializzato in trattamenti viso e corpo.

FOTO: SWAPAN PHOTOGRAPHY; PUHHHA; OLENA YAKOBCHUK / SHUTTERSTOCK.COM

Le fiale sono delle piccole armi miracolose: si possono usare quando la cliente ha in programma un’occasione speciale o quando la pelle ha bisogno di un intervento intensivo.


COSMETOLOGIA BEAUTY & CARE

1 Siero Corpo Geranio e Zenzero

1

Physio Natura • Concentrato di attivi ad azione riducente che aiuta a combattere gli inestetismi della cellulite. L’azione drenante dello Zenzero, del Geranio e dell’Escina si unisce all’efficacia lipolitica di Caffeina e Rosmarino, che sciolgono gli accumuli di adipe. La Menta, infine, dona sollievo e rende più tonica la pelle. Il siero è adatto anche a chi soffre di fragilità capillare. www.physionatura.it

2 Siero Sebo Equilibrante Hely’s • Siero vegetale concentrato con olio essenziale di Ylang Ylang, estratto di Calendula e di Ippocastano, efficaci nel riequilibrio della pelle impura. Regolando la secrezione sebacea, contrasta visibilmente gli inestetismi cutanei. Grazie al suo effetto opacizzante long lasting, è particolarmente indicato prima della consueta crema giorno. www.helys.it

2

3 Phyto Staminal + Caviar & Retinol Bioline Jatò • Siero concentrato che sublima la bellezza di contorno occhi, labbra e collo. Formulato con Cellule Staminali Vegetali da Melo, Caviale e Retinolo, facilita il processo di rigenerazione della pelle con un effetto rivitalizzante a lunga durata. Le imperfezioni sono minimizzate, borse e occhiaie visibilmente ridotte, il viso è ridefinito, più luminoso e compatto. www.bioline-jato.com

3

4 ADD Orange Natì • La vita di città rende la pelle impura e spenta, invecchiandola precocemente. ADD Orange della linea di potenziatori funzionali ADD++ la protegge dalle aggressioni esterne grazie all’Acqua BioTecnologica® combinata con l’estratto di Moringa Oleifera, che cattura le tossine a contatto con il viso. L’incarnato è subito luminoso e compatto, i tessuti purificati e disinfiammati. www.nati.it

4 BEAU T Y - FO RU M . I T

33


BEAUTY & CARE COSMETOLOGIA

Inhibit High Definition Treatment Natura Bissé • Spettacolare trattamento non invasivo che combina due potenti formulazioni dall’elevata efficacia capaci di levigare visibilmente la texture della pelle con un’intensa azione ringiovanente. Il siero concentrato a effetto lifting distende le rughe grazie alla Skinform Molecular Technology, con molecole che inibiscono le contrazioni facciali, triplo acido ialuronico e agenti idratanti superfilling che conferiscono volume e ridensificano la pelle dall’interno. I patch abbinati contengono centinaia di microaghi indolori costituiti da potenti principi attivi ringiovanenti che penetrano direttamente l’epidermide dove si dissolvono, riempiendo rughe e linee d’espressione. www.luxurylabcosmetics.it

5 Sebocontrol Fluid

5

IO’ Skincare • Concentrato con effetto purificante, decongestionante e normalizzante che agisce attraverso un mix di estratti vegetali quali Iperico e Camomilla, e con effetto lievemente cheratolitico grazie alla presenza di Salice. È arricchito dal principio attivo intelligente Aqualance™, in grado di regolarizzare l’idratazione cutanea, e da uno speciale estratto di Cannella che riequilibra i disordini cutanei dovuti all’ipersecrezione sebacea. www.io-cosmetics.it

6 GenHyal Extreme

6

34

BEAUTY FORUM 1 /2018

Prigen • Siero riparatore altamente idratante e lenitivo a base di acido ialuronico all'1% (concentrazione reale) e Vitamina E. Efficace nel trattamento delle pelli ipersensibili, sottoposte a stress, irritazioni e arrossamenti, il siero è basato sull’innovativa tecnologia glicerosomiale brevettata Prigen, che intensifica l’azione degli ingredienti attivi di oltre tre volte rispetto alle normali formulazioni. Fedele alla filosofia Gen-Hyal®, il siero contiene solo ingredienti attivi, riducendo così il rischio di possibili allergie. www.prigen.it


COSMETOLOGIA BEAUTY & CARE

7 Sérum Jeunesse Sothys • Linea di sieri ispirati alle più note tecniche dermo-estetiche: iniezioni di acido ialuronico, radiofrequenza, trattamenti illuminanti, mesoterapia, cure detox e ultrasuoni. Ricchi in principi attivi high tech, possono essere utilizzati in layering. 6 le azioni: ridurre la lucidità e le macchie della pelle; conservare la tonicità; ripristinare la densità; scacciare i segni della fatica; riempire le rughe; preservare l’ovale del viso. www.sothys.it

7 8

8 Sérum Anti-âge Régénération Cellulaire LPG • Eccezionale cosmetico che concentra una sinergia del 22% di principi attivi anti-età selezionati, con tecnologia di incapsulamento che permette di liberare le sostanze funzionali nel cuore del fibroblasto, riattivandone il metabolismo. Dalla consistenza rosea e vellutata e arricchito da microperle, illumina la carnagione, ne affina la grana e attenua le rughe. www.endermologie.com

9 Siero Antirughe Khadija Argan Cosmetic • Grazie ai suoi attivi naturali, poche gocce di questo siero idratano e levigano le rughe di viso e collo, restituendo elasticità e luminosità a tutti i tipi di pelle: l’olio di Argan puro bio esercita un’azione elasticizzante e tonificante, e ripristina il film idrolipidico cutaneo; la Bava di Lumaca ha un’azione fortemente liftante e tonificante dei tessuti. www.argancosmetic.it

9 10

10 Sérum Correcteur Performance Matis • Concentrato antiage mirato, ispirato a tre tecnologie della medicina estetica: iniezioni di botox, iniezioni di acido ialuronico e peeling dolce. Giorno dopo giorno, Sérum Correcteur Performance dona alla pelle benefici straordinari: tratti levigati e rimpolpati, un aspetto visibilmente più giovane, rughe d’espressione minimizzate, viso riposato e disteso. www.matis-paris.it

BEAU T Y - FO RU M . I T

35


BEAUTY & CARE APPARECCHIATURE

I dispositivi estetici a uso domiciliare prodotti dalle grandi aziende si basano spesso su tecnologie laser e led. Nell’immagine: apparecchio per epilazione a luce pulsata.

DISPOSITIVI ESTETICI DOMICILIARI - Il mercato dei cosiddetti HUD

(Home Use Devices) è aumentato vertiginosamente nel giro di pochi anni. Significa forse che i classici trattamenti estetici da cabina diventeranno presto fuori moda? 36

BEAUTY FORUM 1 /2018

FOTO: AFRICA STUDIO / SHUTTERSTOCK.COM

CONCORRENTI O alleati?


APPARECCHIATURE BEAUTY & CARE

A

d oggi, una buona percentuale di consumatrici è elettrizzata al solo pensiero di poter eseguire trattamenti di bellezza nella comodità del proprio ambiente domestico. Tendenza che va di pari passo con il cosiddetto “cocooning” (“coccolarsi”, “rilassarsi”), moda nata negli anni ‘80 che continua ancora oggi a essere molto in voga. Il cocooning è un’implicazione diretta del forte individualismo che caratterizza la moderna società, e che ci spinge a privilegiare sempre di più la dimensione privata a scapito di quella pubblica; come conseguenza, sempre più persone finiscono per prediligere la familiarità delle proprie mura domestiche all’estraneità del “mondo esterno”. È anche con il cocooning che si può spiegare, in parte, la grande diffusione conosciuta recentemente dai cosiddetti HUD (Home Use Devices), le apparecchiature di bellezza a uso domiciliare.

UN MERCATO IN ESPANSIONE Si stima che la vendita di apparecchiature estetiche domiciliari a livello mondiale abbia un valore di 2,3 miliardi di dollari; considerando che il giro d’affari dell’industria cosmetica si aggira intorno ai 400 miliardi, appare evidente come quello degli HUD sia un segmento di mercato ancora abbastanza ridotto. Le grandi multinazionali del settore hanno però iniziato a commercializzare nuovi prodotti, gettando le basi per una crescita potenzialmente travolgente di questo business nel giro di pochi anni. Secondo una ricerca condotta nel 2014 su scala globale, sono soprattutto le donne ad avvalersi di dispositivi di bellezza per l’uso domestico (vedi tabella in alto).

QUALI APPARECCHIATURE? Le apparecchiature per uso domestico commercializzate dalle gran-

Trattamento di bellezza

In istituto

A casa

Trattamenti per i capelli

51%

49%

Schiarimento della pelle / Abbronzatura

37%

63%

Trattamenti corpo

56%

44%

Trattamenti mani/unghie

36%

64%

Trattamenti viso

31%

69%

Epilazione

21%

79%

di aziende consumer si basano soprattutto su tecnologie laser e led; sembra quindi che questo segmento di mercato si rivolga in modo privilegiato all’ambito dell’epilazione e al trattamento di alcuni inestetismi cutanei. Quando dal mercato consumer si passa al canale professionale, invece, gli Home Use Devices ruotano quasi tutti intorno all’ottenimento di una pelle bella e giovane: con tecnologie come ultrasuoni, ionoforesi, calore, corrente galvanizzata o needling è possibile purificare la pelle, riattivarla, schiarirla, levigarla e rassodarla. Usando queste tecnologie si possono migliorare non solo inestetismi come cicatrici o smagliature da gravidanza, ma intervenire con successo anche sulla pelle secca o irritata. Alcuni produttori hanno messo a punto persino tecnologie che mirano ad alleviare problemi come acne, couperose o psoriasi.

LA SICUREZZA PRIMA DI TUTTO Dal punto di vista normativo, queste apparecchiature si trovano in una sorta di “terra di mezzo” tra i prodotti estetici e i dispositivi medici e non sono ancora soggetti a una vera e propria regolarizzazione formale. Ciò significa, tra le altre cose, che non esistono standard di sicurezza comuni e condivisi, e che non vi è alcuna “prova provata” dell’efficacia

di queste tecnologie. Mancano anche studi sui loro effetti collaterali sul lungo periodo. La maggior parte di questi prodotti viene pubblicizzata con l’esperienza diretta degli altri utenti - una strategia fantastica, se non fosse che metodologie come la ionoforesi o gli ultrasuoni comportano dei rischi e alcuni pazienti non dovrebbero assolutamente ricorrervi. Già nel 2012 la Commissione Internazionale per la Protezione dalle Radiazioni aveva fornito delle indicazioni precise sui rischi che alcune di queste apparecchiature comportano quando vengono usate a scopo non medicale; ciò vale soprattutto per i macchinari con una frequenza compresa tra 1 e 3 MhZ, che dovrebbero essere maneggiati esclusivamente da personale medico autorizzato e adeguatamente qualificato. La Commissione Internazionale vorrebbe far rientrare anche gli HUD con finalità estetiche tra i dispositivi medici, così da garantire ai consumatori un maggiore livello di sicurezza. In virtù del loro scopo, anche alcuni prodotti utilizzati per trattare specifiche patologie cutanee possono essere considerati dispositivi medici; è dunque solo una questione di tempo prima che anche queste apparecchiature vengano regolate da apposite leggi. Negli Stati Uniti, l’utilizzo di questi dispositivi è regolamentato dalla FDA (Food and Drugs Administration) con una deroga chiamata “510

BEAU T Y - FO RU M . I T

37


BEAUTY & CARE APPARECCHIATURE

Clearance”; i problemi di sicurezza, invece, sono stati discussi dallo “Home Use Device Working Group”, un team internazionale composto da esperti nei campi della dermatologia e della tricologia che ha elaborato un primo standard di sicurezza internazionale per quelli che sono stati battezzati “cosmetic and beauty care appliances incorporating laser and intense light” (“apparati cosmetici e di bellezza che incorporano laser e luci intense”). Il documento è stato pubblicato nel marzo del 2016 (IEC 60335-2-113) ed è stato siglato durante il 5CC (il 5° Congresso Continentale) che si è tenuto ad agosto 2017 in Spagna.

HUD: NUOVE POSSIBILITÀ? Già nel 2014 circa il 61% dei classici trattamenti di bellezza sono stati eseguiti in casa e, a giudicare da questo sviluppo, è lecito avere alcune preoccupazioni per il futuro.

ri; inoltre, vista la mancanza di una regolamentazione precisa, la legge sulla pubblicità ingannevole si può applicare solo in casi eccezionali. Ne consegue che le industrie del settore possono pubblicizzare i propri HUD facendo promesse inverosimili e citando termini tecnici altisonanti che nessun consumatore medio sarebbe in grado di classificare né tantomeno di capire. Ci sarebbe proprio bisogno di un traduttore simultaneo che aiuti il consumatore finale a rendere il prodotto più comprensibile e a vedere le pubblicità sotto la luce giusta - e chi può svolgere al meglio questo ruolo delicato? L’estetista, ovviamente, che dispone di tutte le conoscenze necessarie a districarsi in un ambito tanto specialistico come quello della bellezza. Ecco perché diventerà sempre più importante per un’estetista tenersi aggiornata anche sugli sviluppi degli HUD, oltre che sui tradizionali prodotti da rivendita. Solo chi ha una conoscenza approfondita del mercato sarà in grado di trasformarsi in un vero e proprio consulente di bellezza.

CONOSCERE IL MERCATO Quello dei dispositivi di bellezza è un mercato particolarmente ostico e confuso per i non addetti ai lavo-

38

BEAUTY FORUM 1 /2018

CONSULTO SPECIALISTICO La maggior parte dei dispositivi di

bellezza per uso domestico viene acquistata su internet o nei grandi centri commerciali, ovvero in situazioni in cui il potenziale utilizzatore si trova davanti a un articolo senza avere i mezzi necessari per valutarne la reale qualità; senza contare che, sul web come ai grandi magazzini, trovare un interlocutore competente, che risponda in modo esaustivo a tutti i nostri dubbi, è molto difficile. Ecco allora che l’acquisto, maturato magari sull’onda di un prezzo apparentemente vantaggiosissimo, si rivela deludente o sbagliato. Per trovare l’apparecchio adatto alle necessità del singolo bisogna conoscere esattamente quale sia il problema a cui il consumatore desidera porre rimedio. È qui che entra in gioco il know-how dell'estetista che, grazie alle proprie competenze e allo speciale rapporto di fiducia che instaura con la sua cliente, gode di un punto d’osservazione privilegiato sulle sue reali necessità e sui suoi desideri. È così possibile trovare una soluzione sicura ed efficace per il problema della pelle del singolo senza escludere necessariamente un aumento del profitto per il centro, perché è chiaro che chi è in grado di rispondere alle domande su que-

FOTO: DENYS KURBATOV / SHUTTERSTOCK.COM

Il consiglio di un’estetista esperta può ridurre il rischio di utilizzo improprio degli HUD.


APPARECCHIATURE BEAUTY & CARE

Utilizzo di un’apparecchiatura agli ultrasuoni durante un servizio di pulizia del viso.

sti dispositivi deve, poi, anche offrire questi prodotti nella sua rivendita.

FOTO: DENYS KURBATOV / SHUTTERSTOCK.COM

OPPORTUNITÀ DI INTEGRAZIONE Che si tratti di estetica o di medicina estetica, la moderna concezione di trattamento consiste nella procedura vera e propria accompagnata da un pre e un post trattamento professionali; sono ormai lontani i tempi in cui si pensava che la sola seduta in cabina fosse sufficiente a risolvere qualunque inestetismo. Le clienti stesse, oggi, sono ben consapevoli del fatto di doversi impegnare in prima persona se vogliono mantenere buoni risultati sul lungo periodo. È a partire da questa consapevolezza che si aprono diverse opportunità per poter sfruttare anche in un centro estetico il trend degli HUD. Crea dei protocolli domiciliari che forniscano una specifica preparazione della pelle in vista del trattamento in istituto, come una pulizia profonda del viso che la renda particolarmente ricettiva; anche le irritazioni che impedirebbero un trattamento in istituto potrebbero essere ridotte in precedenza a casa. Un altro modo interessante per aumenta-

re sia la soddisfazione della cliente che le entrate del tuo centro potrebbe essere predisporre dei programmi di mantenimento dei risultati ottenuti in cabina. Molte aziende che producono apparecchiature per l’uso domiciliare propongono in vendita abbinata dei cosmetici ad hoc; un’altra opportunità meravigliosa per generare profitto. Dal momento che non tutti i trattamenti si esauriscono con una sola seduta, poi, esistono dei prodotti domiciliari da usare tra un appuntamento e l’altro che sfruttano la combinazione prodotto-apparecchiatura, incrementando i risultati delle sedute e creando un vero e proprio concept di trattamento.

UNO STRUMENTO DI FIDELIZZAZIONE Come sappiamo, il successo di un centro estetico si misura in termini di clienti fidelizzate. Attenzione, però: la lealtà della clientela non dipende dal basso costo dei trattamenti offerti (come erroneamente si pensa), ma dalle competenze, dall’affidabilità e dal livello di innovazione che il centro è in grado di offrire loro.

Gli Home Use Devices possono configurarsi come strategia innovativa per distinguersi dalla concorrenza sfruttando le proprie competenze specialistiche e lo sviluppo di concept di trattamento completamente nuovi, generando così un nuovo flusso di entrate. Tutto questo, però, va fatto senza mai dimenticare la qualità e la sicurezza dei prodotti. Ovviamente, per riuscire in questa impresa servono impegno e inventiva, perché senza una conoscenza approfondita del mercato e un’elevata abilità nella consulenza c’è il rischio di perdere la cliente a favore della vendita al dettaglio. La scelta di puntare sull’integrazione tra programmi in istituto e dispositivi per uso domestico è senz’altro coraggiosa, ma va alimentata con formazione e informazione. Solo così potrai remare controcorrente: se ti fermi, torni indietro!

Astrid Tomczak

Laureata in economia aziendale, è consulente nell’ambito della medicina estetica. Come autrice, si occupa di tematiche di business e legali nel mondo Beauty.

BEAU T Y - FO RU M . I T

39


BEAUTY & CARE DERMOPIGMENTAZIONE

TRUCCO PERMANENTE AL CONTORNO OCCHI - La “riga perfetta” può

letteralmente trasformare lo sguardo, sottolineandolo e rendendolo magnetico. Ecco le principali tecniche e gli errori da non commettere per conseguire con successo questo risultato con il trucco permanente.

40

BEAUTY FORUM 1 /2018

FOTO: EUGENE PARTYZAN / SHUTTERSTOCK.COM

UN Occhio DI RIGUARDO


DERMOPIGMENTAZIONE BEAUTY & CARE

G

li occhi sono tra i più potenti strumenti di seduzione. Le donne lo sanno bene, e molte di loro si esercitano fin da ragazzine con matita e eyeliner per sottolineare lo sguardo rendendolo naturalmente ammaliante. Con il trucco permanente al contorno occhi si può dire addio alle lunghe sessioni davanti allo specchio e alle temute sbavature causate dalla fretta o dalla mancanza di precisione. Ma a chi si rivolge questo servizio di dermopigmentazione e quali sono le sue caratteristiche?

DUBBI E INTERROGATIVI Il trucco permanente al contorno occhi è un trattamento meraviglioso ma che provoca, generalmente, molta diffidenza e paura tra le potenziali clienti. Le motivazioni sono fondamentalmente due. Innanzitutto, Internet e le riviste femminili sono piene zeppe di foto di trattamenti appariscenti e di pessimo gusto. È in parte comprensibile, quindi, se le donne che aspirano a un risultato che sia il più possibile sobrio e naturale siano scettiche circa questo tipo di intervento e titubanti a sottoporvisi. Il secondo motivo è il dolore: considerata la zona e la sua vicinanza all’interno dell’occhio, è diffusa la convinzione che il trattamento sia molto doloroso. In realtà, questa paura è infondata; benché possa capitare che qualche traccia di pigmento o un po’ di detergente entrino nell’occhio, il trattamento può risultare al massimo fastidioso, ma mai doloroso. In effetti, la vicinanza alla mucosa e alle congiuntive fa sì che i prodotti utilizzati per ridurre la percezione del dolore agiscano molto bene, rendendolo assolutamente sopportabile.

TIPOLOGIE DI CLIENTI A differenza del trucco permanente alle sopracciglia, che intercetta un bacino di potenziali clienti molto

ampio e variegato, il trattamento al contorno occhi è rivolto principalmente a coloro che truccano giornalmente i propri occhi, che sono in qualche misura “dipendenti” dall’occhio bordato di nero e non riescono a vedersi senza. Questo tipo di trattamento suscita tuttavia l’interesse anche di persone che hanno subito la perdita delle ciglia, in genere a causa di una malattia; è il caso, ad esempio, dell’alopecia universale che, come suggerisce il termine, provoca la perdita totale dei peli corporei, ciglia e sopracciglia comprese. In questi casi l’occhio viene privato di un elemento non secondario, bensì fondamentale per il fascino dello sguardo. Trattare l’area con il trucco permanente può essere una buona soluzione per riempire il vuoto provocato dalla perdita delle ciglia.

DUE TECNICHE DISTINTE Attualmente la tecniche di trucco permanente al contorno occhi sono principalmente due: l’infracigliare (inferiore e superiore) e il vero e proprio eyeliner. Il primo è un tipo di trattamento molto delicato, che consiste in una linea sottile e discreta che congiunge le ciglia; la sobrietà del risultato è tale da rendere questa tecnica adatta anche a un cliente uomo. Il secondo metodo simula invece il vero e proprio eyeliner, con un infracigliare un po’ più spesso nella zona esterna della rima cigliare, superiore e anche inferiore. In realtà esistono svariate tecniche possibili sul contorno occhi: ultimamente si sta diffondendo la tendenza a truccare l’occhio con sfumature molto belle, o di aggiungere pigmenti che invece di restituire un occhio totalmente “truccato” creino un particolare effetto traslucido. Questo riflesso può movimentare gli esiti e la bellezza del trattamento e regalare allo sguardo un tocco di originalità.

DUE ERRORI DA EVITARE

mentali che sento di consigliare a chiunque si avvicini a questa branca del trucco permanente. Innanzitutto, l’operatore non dovrebbe mai avvicinarsi troppo con la linea all’angolo interno dell’occhio, vicino alla ghiandola lacrimale per intenderci. Oltrepassando questo immaginario confine, infatti, si rischia di provocare una migrazione del colore, ovvero un allargamento della tinta sottocute che in alcuni casi si trasforma in una vera e propria occhiaia, per rimuovere la quale è poi necessario sottoporsi a sedute di laserterapia. Il secondo consiglio è quello di evitare di tracciare la classica “codina” ascendente all’esterno dell’occhio. Questo perché la linea realizzata dal dermopigmentista, pur sbiadendosi con il passare del tempo, è e rimane qualcosa di permanente: in seguito al cedimento dei tessuti dovuto all’avanzare dell’età, dunque, ci si potrebbe trovare con una codina che punta in orizzontale o, peggio, verso il basso, andando a intristire terribilmente lo sguardo invece di ravvivarlo e renderlo affascinante. Bando, quindi, al prolungamento tipo eyeliner anni ‘70; per un effetto naturale e a prova di tempo, è bene rimanere sempre attaccati alla rima cigliare.

IL POST-TRATTAMENTO Molte clienti hanno dei dubbi su come trattare la zona nel post-seduta. In realtà, la cura è molto semplice; è importante soprattutto mantenere pulita l’area e azzerarne la carica batterica. Non consiglio l’applicazione di nessun prodotto che non sia specifico per quella zona; si può valutare, al contrario, una guarigione senza l’applicazione di alcunché.

Ennio Orsini

Dermopigmentista e insegnante di fama internazionale, è CEO della Orsini & Belfatto e presidente dell’AIDer (Associazione Italiana Dermopigmentazione). Ha inventato la tricopigmentazione.

Da dermopigmentista di lungo corso, ci sono due indicazioni fonda-

BEAU T Y - FO RU M . I T

41


BEAUTY & CARE COSMESI NATURALE

Naturalmente

MASCHERE IN BIOCELLULOSA - Le maschere per il viso sono lo strumento

perfetto per far pervenire alla pelle principi attivi preziosi. Il trend del momento? Quelle in biocellulosa, completamente naturali e super efficaci. Ecco come funzionano.

42

BEAUTY FORUM 1 /2018

FOTO: IONTO COMED

AVVOLGENTE


COSMESI NATURALE BEAUTY & CARE

La struttura a rete, estremamente fine, è in grado di conservare a lungo i principi attivi per poi rilasciarli sulla pelle in modo costante e uniforme.

L

a natura è da sempre una delle maggiori fonti di ispirazione per lo sviluppo di nuovi materiali, ma rappresenta anche il più grande serbatoio esistente di principi attivi curativi: non stupisce, dunque, che in estetica si faccia diffuso ricorso a materiali naturali per veicolare ingredienti che lo sono altrettanto. Un esempio di questa combinazione sono le maschere per il viso in biocellulosa. Queste maschere, estremamente idrofobe, hanno una straordinaria capacità di legarsi alle molecole di acqua (riuscendo a trattenerne una quantità fino a 100 volte superiore rispetto al loro peso) e sono molto resistenti ed elastiche nonostante siano composte da fasci molto fini; sono anche biodegradabili e particolarmente igieniche. Tutte queste caratteristiche le rendono il mezzo ideale per far arrivare a destinazione le più svariate sostanze funzionali. Inoltre, le qualità della biocellulosa non vanno perse durante il peculiare processo produttivo di queste maschere, ma al contrario si mantengono perfettamente intatte.

PRODUZIONE La materia prima che compone queste maschere è l’acqua di cocco fermentata. Il risultato di questa fermentazione è una “velina” continua formata da fibre che sono mille volte più sottili di un capello e la cui strut-

tura a rete, estremamente fine, è in grado di conservare a lungo i principi attivi per poi rilasciarli sulla pelle in modo costante e uniforme. Le fibre della velina sono intrecciate molto strettamente tra loro; di conseguenza, la maschera riesce ad adattarsi perfettamente a ogni avvallamento del viso e ad aderirvi come fosse una seconda pelle.

IMPIEGO IN ESTETICA L’utilizzo della maschera è molto semplice. Ogni singola velina è confezionata in un pacchetto sterile, pre-tagliata, dotata di aperture in corrispondenza di occhi, naso e bocca e già imbevuta di principi attivi: è dunque sufficiente rimuovere la pellicola protettiva in garza sterile, stendere la maschera direttamente sul viso, aggiustandola con le mani fino a farla aderire completamente, e rimuovere il secondo strato protettivo. Una delle particolarità di questo materiale è proprio la sua capacità di essere tirato, spostato e riposizionato con precisione nonostante la sua estrema umidità. Malgrado il tempo di posa sia diverso a seconda della finalità del trattamento, la maschera rimane perfettamente imbevuta di prodotto addirittura dopo un’ora dall’applicazione, in seguito a un massaggio manuale o all’utilizzo di un manipolo agli ultrasuoni direttamente sulla

sua superficie. I residui che permangono sulla pelle dopo la rimozione della maschera non vanno puliti, ma fatti assorbire con un delicato massaggio prima di proseguire con il trattamento.

PRINCIPI ATTIVI Il vettore delle maschere è sempre lo stesso, ovvero la biocellulosa. Quello che cambia sono i principi attivi di cui è imbevuta, che variano a seconda del trattamento e del tipo di pelle su cui andranno ad agire. Le maschere in biocellulosa possono veicolare, ad esempio, acido ialuronico, collagene, estratti d’alga, Q10, caviale, camomilla e Aloe vera. Abbiamo individuato quattro tra i principi attivi attualmente più diffusi. Acido ialuronico: per pelli a carenza di idratazione e che hanno bisogno di rigenerarsi Cosa c’è di meglio se non combinare il principio attivo idratante per eccellenza, l’acido ialuronico, con l’elevata capacità di accumulo di idratazione della biocellulosa? L’acido ialuronico, infatti, è una catena di molecole di zuccheri semplici che può legarsi all’acqua fino a 6.000 volte il proprio peso. È una sostanza che si trova già all’interno del nostro organismo: è il componente principale dei tessuti connettivi, e dalla sua quantità dipendono la tonicità e l’elasticità

BEAU T Y - FO RU M . I T

43


BEAUTY & CARE COSMESI NATURALE

unguento, è riconosciuto come farmaco. Utilizzata a piccole dosi come additivo cosmetico, questa tossina naturale non solo agisce sui muscoli distendendo immediatamente le linee sottili, ma stimola anche il flusso sanguigno, facilitando il trasporto nelle cellule delle sostanze nutritive, favorendo l’accumulo di collagene ed elastina nei tessuti e aumentando così la resistenza e l’elasticità della pelle. Gli insetti non vengono feriti quando viene estratta l’apitossina: viene utilizzato un apposito telaio che, con piccole scariche elettriche a bassa tensione, induce le api a estromettere il loro pungiglione e a rilasciare il loro “dono” su un’apposita lamina.

Pressomassaggio eseguito sopra la maschera.

della pelle; è anche un elemento fondamentale per la proliferazione e la migrazione cellulare. Con l’avanzare dell’età, però, le riserve di acido ialuronico nei tessuti diminuiscono; ecco perché molti trattamenti antiage mirano a reintegrarlo dall’esterno. Pappa reale La pappa reale, che in natura è l’alimento riservato esclusivamente all’ape regina, è una sostanza cremosa e ricca di nutrienti che si può trovare all’interno del favo. È grazie alla pappa reale che l’ape regina vive molto più a lungo rispetto alle comuni api operaie. Questa “gelatina” naturale è formata da una grande quantità di proteine, amminoacidi, vitamine, minerali e lipidi; la sua composizione è talmente complessa che neanche la ricerca scientifica è ancora riuscita a stabilire con precisione quali ingredienti la rendano così efficace. Ad oggi sappiamo che è una miscela rivitalizzante formata da acqua, zucchero (fruttosio, glucosio, saccarosio), proteine e amminoacidi; contiene anche maltosio, lievito, polline, concentrati di frutta, vitamina E, concentrato di bacche e

44

BEAUTY FORUM 1 /2018

carotenoidi. Al suo interno troviamo anche minerali, oligoelementi e una serie di vitamine: tiamina (vitamina B1), riboflavina (vitamina B2), niacina (vitamina B3), acido pantotenico (vitamina B5), piridossina (vitamina B6), biotina (vitamina B7), acido folico (vitamina B9), steroli, neopterina, biopterina e nipagina. Questa straordinaria densità di elementi nutritivi è sufficiente a spiegare il diffuso utilizzo della pappa reale a fini terapeutici ed estetici. Se assunta oralmente, questa sostanza ci rende più produttivi (favorendo l’attenzione e la concentrazione), aiuta a contrastare le disarmonie depressive e mette le ali alla libido; da un punto di vista estetico, invece, oltre a vantare generiche proprietà di rigenerazione cellulare, aumenta l’accumulo di ossigeno nei tessuti e migliora il metabolismo. Apitossina Si possono potenziare i trattamenti per le pelli mature e per quelle che necessitano di una rigenerazione profonda utilizzando l’apitossina, il prodotto delle api più efficace dal punto di vista medico e che, sotto forma di principio attivo in fiala o di

Tè verde: per le pelli impure e infiammate Una maschera in biocellulosa combinata ai principi attivi del tè verde non è solo in grado di rifornire la pelle di idratazione (a beneficio di qualunque dermotipo), ma agisce anche contro le impurità e l’ipersensibilità cutanea. Le foglie non fermentate del tè verde hanno un’azione benefica sull’organismo se assunte in infusione e sono un toccasana anche a livello cutaneo. Questo grazie ai loro numerosi e preziosi ingredienti di bellezza, quali minerali e oligoelementi come calcio, potassio, magnesio, ferro e zinco, vitamine (A, diverse vitamine del gruppo B, C ed E), caffeina e catechine, flavonoidi dalle straordinarie proprietà antiossidanti che, insieme ai polifenoli, proteggono e rivitalizzano la pelle mentre la aiutano a rigenerarsi. Le foglie di tè verde contengono anche una buona percentuale di tannini dall’azione antibatterica e antinfiammatoria, ulteriormente accentuata dall’alto contenuto di zinco.

Petra Peck

Oltre a essere laureata in economia aziendale, è un’estetista qualificata e pedicurista. È consulente per l’azienda Ionto-Comed.


COSMESI NATURALE BEAUTY & CARE

1 Maschera al The Rosso Africano Physio Natura Bio • Maschera monouso in soffice cellulosa naturale, arricchita da estratto di the rosso africano e Aloe vera derivanti da coltivazione biologica. Le straordinarie proprietà idratanti, lenitive e antiossidanti degli estratti naturali rendono la pelle del viso rigenerata e luminosa. Certificata Vegan Ok CCPB e nickel tested. www.physionatura.it

1 2

2 Masque Bio Cellulose Collagène Payot • Maschera in biocellulosa imbevuta di collagene ristrutturante, acido ialuronico idratante, Aloe vera lenitiva e Fucogel, che offre un tocco di seta e rende morbida la pelle. Leviga e rassoda la pelle in profondità, ne regola l’idratazione e restituisce al viso un incarnato fresco e luminoso. Formato cabina: confezione da 10 buste. www.payot.com

3 Maschera AGE Beauty Secret Bioline Jatò • Inedita forma cosmetica costituita da una biomatrice di polisaccaride marino cross-linkato: la sua struttura, simile a quella di una spugna naturale, ha sottili ramificazioni nelle quali gli ioni possono ancorarsi in modo stabile. All’attivazione, per effetti osmotici, gli ioni di sodio e calcio penetrano negli strati cutanei, appianando rughe e segni dell’invecchiamento. www.bioline-jato.com

4 Lifting Mask & Anti-Age Mask

iSol • Nuovissime maschere viso in pura biocellulosa, arricchite da principi attivi dalle proprietà liftanti e riparatrici. Indicate per ringiovanire, ristrutturare e riparare la pelle del viso, rallentano il processo di invecchiamento cutaneo e sono studiate per avere un’azione sinergica di supporto alla tecnologia Overline, potenziando i risultati del trattamento. www.isolbeauty.com

3

4

BEAU T Y - FO RU M . I T

45


BEAUTY & CARE COSMESI NATURALE

UN elisir DI BENEFICI OLIO D’OLIVA - Ingrediente indispensabile nella nostra alimentazione quotidiana,

È

ricco di acidi grassi essenziali, di polifenoli antiossidanti e di vitamine: stiamo parlando dell’olio d’oliva, estratto prezioso che vanta svariate proprietà nutrienti e rigeneranti. L’olio d’oliva, considerato già ai tempi di Creta un elisir di lunga vita, grazie al suo apporto di grassi mono-insaturi e di altri elementi nutritivi dagli effetti antinfiammatori, racchiude in sé una miriade di virtù. I suoi benefici non riguardano solo l’alimentazione, ma possono essere impiegati anche in campo beauty: acerrimo nemico dei radicali liberi, è dunque un alleato nella prevenzione dell’invecchiamento prematuro della pelle. Come tutti gli oli vegetali, anche

46

BEAUTY FORUM 1 /2018

quello d’oliva può essere usato come olio da massaggio con il vantaggio che, al contrario degli oli essenziali, è adatto a tutti (bambini e donne in dolce attesa compresi); per sicurezza, però, è sempre bene fare un test di tollerabilità spalmando una piccola quantità di prodotto nell’incavo del braccio della cliente, così da scongiurare un’eventuale allergia.

I trattamenti a base di olio d’oliva eseguiti in istituto sono un vero e proprio toccasana per la pelle ma, per ottenere risultati ancora migliori, invita la tua cliente a proseguire le cure domiciliari per via orale: consigliale di assumere un cucchiaino di olio d’oliva miscelato con del succo di limone tutti i giorni per un mese. È un rimedio molto efficace per depurare l’organismo.

OPERAZIONE DETOX Un prima applicazione dell’olio d’oliva in cabina è il trattamento della pelle a fini detox, ad esempio usandolo in un gommage naturale al 100% ottenuto mescolando 2-3 cucchiai di olio d’oliva e 5-6 cucchiai di sale fine (ma non troppo).

UN’ARMA CONTRO I PUNTI NERI Si può utilizzare l’olio d’oliva anche per regolare l’eccesso di sebo: prepara una maschera mescolando 2 cucchiai di olio con 1 cucchiaio di farina

FOTO: MARYNA PLESHKUN / SHUTTERSTOCK.COM

l’olio d’oliva vanta molteplici proprietà anche nel campo della bellezza.


COSMESI NATURALE BEAUTY & CARE

Gommage, massaggio o maschera: gli utilizzi dell’olio d’oliva sono davvero molti e sono adatti proprio a tutti.

QUALE SCEGLIERE? Per godere pienamente di tutti i suoi benefici, l’olio d’oliva deve essere biologico, extra-vergine e spremuto a freddo; sono assolutamente da evitare, invece, gli oli raffinati. • Olio vergine: quando l’olio è vergine (o extra-vergine) significa che è stato ottenuto solamente spremendo le olive e senza l’utilizzo di trattamenti chimici. • Spremuto a freddo: significa che l’olio è stato estratto senza prima cuocere le olive (dunque a freddo).

FOTO: HAYATI KAYHAN / 123RF

• Tasso di acidità: più è alto il tasso di acidità dell’olio, più è bassa la sua qualità. Questo valore dipende dalla sua freschezza, dalla natura dei frutti e dai semi utilizzati.

e 1 di latte, e aggiusta le dosi fino a quando non ottieni un impasto piuttosto oleoso; se necessario, aggiungi anche qualche goccia di limone per favorire la cicatrizzazione dei brufoli. Applica quindi la maschera sul viso pulito, lasciala in posa per una ventina di minuti e rimuovila poi con dell’acqua tiepida.

UN TOCCASANA PER LE PELLI SECCHE

UN ALLEATO ANCHE PER I CAPELLI

Grazie alla sua componente grassa, l’olio d’oliva è il migliore amico delle pelli secche e, contrariamente a quanto si pensi, penetrando molto in profondità nell’epidermide non rende particolarmente unta la pelle. Si può anche applicare come latte idratante su aree del corpo particolarmente secche e rugose come piedi, gomiti, ginocchia, mani o labbra: l’olio lascia sulla cute una leggera “pellicola” protettiva che la salvaguarda dalle aggressioni esterne del vento e del gelo e da sfregamenti e irritazioni.

L’olio d’oliva è un ingrediente portentoso non solo per purificare la pelle, ma anche per ridonare naturale lucentezza ai capelli e per aiutare il cuoio capelluto a riassorbirne le squame. Inumidisci le lunghezze con dell’olio, chiudile in uno chignon e lascia in posa per alcune ore (meglio se tutta la notte); al mattino, poi, sciacqua i capelli e lavali con uno shampoo delicato.

Isabelle Louet

BEAU T Y - FO RU M . I T

47


BEAUTY & CARE COSMESI NATURALE

1 HD Ready Cream

1

Marzia Clinic • Crema multifunzionale dalla straordinaria capacità idratante, formulata con ingredienti naturali derivati dalla pianta dell’Olivo. Nutriente, lenitiva e restitutiva, forma una particolare emulsione costituita da una rete di cristalli liquidi che contribuiscono a mantenere l’elasticità cutanea, per una pelle morbida e setosa. Dalla texture leggera e sensoriale, è un prodotto ideale anche per le pelli più sensibili. www.marziaclinic.com

2 Antiage Extreme Gold 24H SPF 15

2

3

48

BEAUTY FORUM 1 /2018

Lakshmi • Crema dall'azione idratante prolungata che migliora l’elasticità della pelle e, grazie alle microparticelle d’oro, dona giovinezza e vitalità al viso. Indicata per pelli secche, mature, stressate e atone, ha come ingrediente chiave il Sorbitan Olivate, autoemulsionante derivato dall’Olio di Oliva a rapido assorbimento, con effetto rinfrescante, emolliente e re-idratante. www.lakshmi.it

3 Crema Dermo Riparatrice Dermatrophine PRO • Formulata con Olio di Oliva Ozonizzato, che vanta un alto grado di penetrazione nelle membrane cellulari della cute, questa crema favorisce il processo di riparazione dell’epidermide in caso di arrossamenti e screpolature, ma è ideale anche per il trattamento delle cicatrici post laser e chirurgiche. Aumentando il numero dei fibroblasti, favorisce la formazione di fibre di collagene ed elastina, determinando un aumento del trofismo e della riparazione tissutale. Inoltre, riattiva il microcircolo locale e incrementa l’energia cellulare. Tra gli altri ingredienti chiave troviamo Acido Ialuronico, Vitamina E e Betaglucano. www.dermatrophine.it


BEAUTY FORUM

ABBONAMENTO ANNUALE

ABBONAMENTO BIENNALE

(7 numeri)

(14 numeri)

euro 57,00 Tel. 011 5637338 abbonamenti@zeroventi.com www.beauty-forum.it/abbonamenti

ABBONATI ONLINE SU WWW.BEAUTY-FORUM.IT 


FOTO: IRINA BG / SHUTTERSTOCK.COM


DOSSIER

bodySTYLING L’estate è ancora lontana, ma il desiderio di scoprirsi farà capolino tra le tue clienti già con le prime giornate di sole. È il momento giusto per mettere in bella mostra le tue proposte di trattamenti corpo, accompagnandole con consigli e strategie personalizzate. Nelle prossime pagine, qualche consiglio per rinnovare la tua offerta e renderla ancora più appetibile.

SOMMARIO Antiage per il Corpo Interventi anti-invecchiamento per mani, collo e décolleté Modellamento Naturale Sali di Epsom e fitoestetica per modellare il corpo con dolcezza In Perfetta Forma Gli ultimi trend in tema di apparecchiature per il bodystyling Buone Abitudini L’alimentazione come prezioso complemento al trattamento estetico Missione Cross-selling Come impostare con successo la rivendita di prodotti per il corpo


DOSSIER BODYSTYLING

ANTIAGE PER IL CORPO

FOTO: MICHAELHEIM / SHUTTERSTOCK.COM

Da anni, ormai, i trattamenti più in voga nei centri estetici sono quelli che mirano a combattere i segni visibili dell’invecchiamento. Perché, però, limitarsi al viso? I trattamenti antiage andrebbero estesi anche al resto del corpo: che senso ha avere un viso curato e fresco se mani, collo e décolleté dimostrano vent’anni di più?

52

BEAUTY FORUM 1 /2018


BODYSTYLING DOSSIER

Peeling, mesoporazione e microneedling sono tutte ottime opzioni antiage per il collo, ma attenzione a operare con delicatezza: in quest’area la pelle è molto sottile.

FOTO: SUSANNE PFAU

I

n generale, nell’ambito delle procedure estetiche, vengono definiti “antiage” quei trattamenti atti a contrastare l’invecchiamento della pelle e le sue conseguenze visibili. Per essere davvero efficaci nel ringiovanire l’aspetto globale della persona, però, questi trattamenti non dovrebbero limitarsi al solo viso, ma interessare tutto il corpo. Questo cosa significa per un’estetista? L’antiage è qualcosa che va oltre i segni visibili che l’invecchiamento lascia sulla pelle, come le rughe, le macchie e la perdita di elasticità; si tratta di concepire l’invecchiamento stesso come un processo a tutto tondo, che coinvolge il corpo nella sua interezza. Ecco perché, quando parli con la cliente, ci sono alcune circostanze a cui dovresti prestare attenzione: –– fattori psicologici (in una cliente meno stressata il processo di invecchiamento è più lento); –– il tipo di pelle e le sue implicazioni genetiche; –– l’attività (fa sport?); –– la quantità di liquidi che assume giornalmente (acqua, tè…); –– la sua beauty routine; –– l’esposizione al sole e/o le sedute di abbronzatura artificiale; –– la sua professione; –– se assume nicotina, caffeina o alcol; –– la sua situazione ormonale. Inizia esaminando da vicino le varie parti del corpo, così da determinare con precisione quali trattamenti

proporre e con quale ordine di priorità.

LE MANI

L’aspetto delle mani è un indicatore particolarmente veritiero dell’età anagrafica di una persona.

Fai capire alla tua cliente l’importanza di un trattamento globale, che si prenda cura di tutto il corpo. Soprattutto quando si raggiunge un’età più matura, infatti, non è sufficiente qualche veloce seduta primaverile per prepararsi alla prova costume. I trattamenti per il corpo dovrebbero essere parte integrante della beauty routine durante tutto il corso dell’anno.

Si dice che le mani siano un indicatore molto preciso dell’età anagrafica di una persona. E di solito è vero! Questo perché le mani, come il viso, sono costantemente esposte alle intemperie, ai raggi UV e alle variazioni meteorologiche. Professioni manuali, faccende domestiche e alcuni hobby, come il giardinaggio, giocano a loro volta un ruolo cruciale nell’invecchiamento precoce di queste parti del corpo; come se non bastasse, in media le nostre mani entrano in contatto con l’acqua una ventina di volte al giorno, fenomeno che disidrata inevitabilmente la loro pelle,

TRATTAMENTO PER LE MANI Maniluvio Peeling all’acido lattico Prodotto in fiala Prodotto per la cura delle unghie Maschera Crema mani con filtro solare

BEAU T Y - FO RU M . I T

53


DOSSIER BODYSTYLING

È su collo e décolleté che si manifestano in modo più evidente gli effetti di una prolungata esposizione ai raggi UV.

PROPOSTA DI TRATTAMENTO Inizia preparando un maniluvio, per detergere le mani della cliente e farla entrare in sintonia con il trattamento. Esegui poi un peeling all’acido lattico sul dorso delle mani, lasciandolo in posa dagli 8 ai 10 minuti. Massaggia ora una fiala di principi attivi a base di vitamina C e applica un gel curativo sulle pieghe ungueali eseguendo dei delicati movimenti circolari. Prosegui stendendo una maschera a effetto schiarente; dopo l’applicazione, fai calzare alla cliente un paio di guanti in polietilene: il loro effetto occlusivo favorirà la penetrazione dei principi attivi, e la cliente potrà rilassare le mani senza dover fare attenzione a non “ungere” tutto quanto. Lascia agire la maschera

TRATTAMENTO COLLO E DÉCOLLETÉ Prodotto detergente Tonico Peeling agli acidi della frutta Prodotto in fiala Maschera Crema curativa

54

BEAUTY FORUM 1 /2018

per circa 15 minuti, poi rimuovila e applica una crema mani con filtro UV. La cliente dovrebbe assolutamente portarsi a casa questa crema, in combinazione a un altro prodotto rigenerante pensato per la notte! Se la cliente ha mani straordinariamente stressate, opta per dei veri e propri trattamenti curativi: destano molto interesse i sistemi intensivi come le maschere in bio-cellulosa per le mani o i patch a base di alghe. Un altro metodo per trattare in modo efficace i segni dell’invecchiamento cutaneo è la crioterapia (o “terapia del freddo”), sistema che produce effetti simili a quelli della laserterapia. È molto importante, dopo una seduta di crioterapia, provvedere a un’adeguata protezione dai raggi UV dell’area trattata.

COLLO E DÉCOLLETÉ Il décolleté è una delle aree del corpo maggiormente esposte ai raggi del sole - non per niente lo chiamiamo “balconcino”! È qui che si manifestano con particolare evidenza le conseguenze dell’esposizione quotidiana ai raggi UV. Alle donne più formose, spuntano addirittura delle rughe: si formano tra i due seni e appaiono come linee longitudinali che attraversano il décolleté. Il collo è quasi sempre trascurato,

ma a torto. Al contrario, merita tutte le nostre attenzioni: è anche dal collo che si può riconoscere la vera età di una donna. Con il passare degli anni iniziano a comparire sul collo delle rughe trasversali, i fasci muscolari perdono tonicità e la pelle appare più lassa. C’è chi dice ironicamente che queste spiacevoli manifestazioni dovute al tempo che passa facciano assomigliare la pelle del collo a quella “di un tacchino”. Per trattare in modo efficace queste aree si può ricorrere a pratiche come mesoporazione e microneedling, oltre che ai peeling. Bisogna però operare con grande attenzione, perché la pelle del collo è particolarmente sottile e, di conseguenza, sensibile. Esorta la tua cliente ad applicare con frequenza e in dosi generose una crema specifica per quest’area.

PROPOSTA DI TRATTAMENTO Esegui una doppia pulizia della pelle e concludi questa fase con un prodotto tonificante. Dopo la pulizia, applica un peeling agli acidi della frutta: lascialo agire dai 4 ai 10 minuti (a seconda del tipo di pelle), poi rimuovilo o neutralizzalo. Prosegui ora con la mesoporazione: scegli un concentrato di principi attivi adatto al dermotipo della cliente e fallo penetrare accuratamente attraverso il manipolo. Conclusa la mesoporazione, stendi una ricca maschera dalle proprietà idratanti e nutrienti; per ottenere risultati ancora migliori, copri il prodotto con un telo sottile e lascialo in posa per circa 15 minuti. Rimuovine i residui e concludi applicando una crema specifica per collo e décolleté.

Susanne Pfau

Estetista e naturopata, è specializzata in cure cosmetiche medico-dermatologiche, trattamenti antiage e peeling.

FOTO: SUSANNE PFAU

favorendo la formazione di zone più ruvide e di rughe da pelle secca, segni evidenti dell’invecchiamento. Quando si tratta di studiare e trattare le mani in ottica antiage, i più comuni inestetismi sui quali ci si trova a dover intervenire sono: –– alterazioni nella pigmentazione / macchie da vecchiaia sui dorsi; –– secchezza cronica delle mani, anche sulle unghie; –– tono e turgore cutaneo non ottimali; –– rughe sui dorsi.


Nailpro

ABBONAMENTO ANNUALE

ABBONAMENTO BIENNALE

(6 numeri)

(12 numeri)

,00 euro 49 Tel. 011 5637338 abbonamenti@zeroventi.com www.nailpro.it/abbonamenti

ABBONATI ONLINE SU WWW.NAILPRO.IT 


DOSSIER BODYSTYLING

MODELLAMENTO NATURALE Ritrovare la forma ideale senza interventi drastici e in modo del tutto naturale? È la solenne promessa del metodo Osmode, che unisce le virtù inestimabili dei sali di Epsom ai più innovativi ritrovati della fitoestetica. A raccontarcelo è direttamente la sua creatrice, Michela Bonetti.

C’

è stato un tempo in cui sembrava proprio che, per ottenere un corpo snello e armonioso, fosse necessario ricorrere a diete super rigide e a massacranti sessioni di workout in palestra; per fortuna, questo tempo è durato poco ed è stato soppiantato con successo da metodiche di body-shaping più dolci e naturali, che mettono in cima alla lista delle priorità il rispetto del corpo e del suo delicato equilibrio fisiologico. L’ultima novità, da questo punto di

56

BEAUTY FORUM 1 /2018

vista, è rappresentata dal rivoluzionario metodo Osmode, che unisce le proprietà dei sali di Epsom alla fitoestetica per rendere il modellamento del corpo non solo efficace, ma assimilabile a un vero e proprio trattamento relax.

OSSIGENAZIONE E DEPURAZIONE Nato da 25 anni di studio ed esperienza sul campo, il metodo Osmode

garantisce, in soli 4 step e senza il ricorso a interventi chirurgici o prodotti aggressivi, la perdita di almeno una taglia. Impossibile? Non se si parte dalle premesse giuste. Il sistema poggia infatti le basi sui principi fondamentali di ossigenazione e depurazione dei tessuti, condizioni indispensabili ai fini del modellamento del corpo. Il meccanismo su cui si sviluppa il metodo è molto semplice: il trattamento sfrutta il processo osmotico di passaggio di elettroliti dall’interno all’esterno

FOTO: INEWSFOTO / SHUTTERSTOCK.COM

L’azione snellente e depurativa del magnesio solfato libera i tessuti dalle scorie e rende il corpo immediatamente più leggero.


BODYSTYLING DOSSIER

L’ossigenazione e la depurazione dei tessuti sono condizioni fondamentali ai fini del modellamento del corpo.

della pelle e viceversa. A stimolare questo passaggio, il sale di Epsom (o magnesio solfato) che, tra le altre cose, depura il tessuto connettivale, riossigena, disinfiamma e, soprattutto, si rivela portentoso nel ridurre le congestioni tipiche della Panniculopatia Edemato Fibroso Sclerotica ovvero l’odiatissima cellulite. Il metodo, studiato per intervenire in particolare sugli inestetismi di gambe e addome, si avvale di protocolli strutturati in 4 step: 1) Fase preparatoria di mineralizzazione Dopo la diagnosi estetica e dello stile di vita della cliente, il corpo viene reso più permeabile e idratato affinché il microcircolo capillarizzi bene anche in superficie e sia adeguatamente predisposto a eliminare le scorie. 2) Fase di depurazione Le scorie sottocutanee vengono “mosse”, si mobilitano i micronoduli, i macronoduli e le aree fredde e si stimola la microcircolazione sottocutanea. In questa fase è imperativo apportare una maggiore idratazione interna e integrare gli effetti della seduta con il trattamento domiciliare. 3) Fase di drenaggio Si esegue il drenaggio profondo con osmosi-ossigenazione interna, spiegandone i meccanismi di funzionamento alla cliente e coinvolgendola così in prima persona. In questa fase viene offerta l’esperienza unica del-

la Float Room - la vasca di deprivazione sensoriale - che regala un momento di rigenerante relax. 4) Fase di modellamento A questo punto, il corpo è pronto per essere modellato. In questa fase si opera la cernita dell’apparecchiatura a seconda della tipologia di cute. La quinta, importantissima fase è quella del mantenimento: è fondamentale saper spiegare alla cliente l’importanza della continuità e verificare periodicamente l’uso corretto

I SALI DI EPSOM Quello che viene chiamato sale di Epsom, dal nome della cittadina inglese di origine, altro non è che magnesio solfato. Ricco di principi attivi naturali concentrati, è un prodigioso esfoliante e, grazie alla sua capacità di rilassare e distendere i muscoli, è l’ingrediente chiave di molti rituali benessere. Un toccasana contro inestetismi e stress, ma anche un farmaco naturale - viene usato, ad esempio, come lassativo e per combattere i sintomi dell'influenza - e utilizzato persino nel giardinaggio come fertilizzante naturale.

e i risultati del trattamento domiciliare.

UN APPROCCIO “DOLCE” La peculiarità di Osmode sta nella combinazione tra un approccio dichiaratamente “soft” e risultati “strong”, visibili e misurabili. La valorizzazione della componente “relax” rende il trattamento confortevole, escludendo con decisione il ricorso a diete forzate o allenamenti snervanti in quanto, nel pieno rispetto di ciascuna individualità, aiuta il corpo a depurarsi, a far defluire i liquidi in eccesso e a riattivare la microcircolazione. Se è vero che un regime alimentare adeguato e il movimento fisico regolare ci aiutano a rimanere snelli e in forma “dall’interno”, infatti, il ristagno di sostanze di scarto, linfa e liquidi extracellulari nel sottocute è un problema che va preso inevitabilmente “dall’esterno”, con interventi di drenaggio e depurazione mirati. Risultato? Il corpo è più leggero fin dalla prima seduta, e la cute riceve una sferzata di vitalità.

Michela Bonetti

Estetista, operatrice shiatsu e tuina, studiosa di naturopatia e medicina antroposofica, da 25 anni si dedica al benessere della persona. Dirige il centro Seta Nature & Wellness a Darfo Boario Terme (BS).

BEAU T Y - FO RU M . I T

57


DOSSIER BODYSTYLING

Trattamento anti-cellulite con combinazione di infrarossi e vacuum-terapia a radiofrequenza.

IN PERFETTA FORMA Q

uando arriva il momento di scoprirsi, ogni donna (e non solo) sogna di vedersi in forma. Purtroppo, a volte, uno stile di vita sano e i semplici cosmetici per il modellamento non producono i risultati sperati, ed estetista e cliente devono scontrarsi con la dura realtà. Oltre alla perdita di centimetri nella zona addomina-

58

BEAUTY FORUM 1 /2018

le, in cima alla lista dei desideri delle clienti ci sono l’eliminazione della cellulite e il rassodamento delle lassità; per poter soddisfare al meglio queste richieste, sempre più istituti stanno inserendo tra le proprie proposte trattamenti di bodyshaping eseguiti con macchinari altamente tecnologici. Questi metodi comportano pochissimi rischi e offrono una

soluzione per ogni problema; sono inoltre pressoché indolori, non rendono necessario un periodo di inattività e rappresentano, quindi, una valida alternativa ai trattamenti di chirurgia estetica. Ricorda, però: neanche i macchinari fanno miracoli! La loro efficacia si limita al trattamento locale di zone del corpo relativamente piccole.

FOTO: CARLOS ALBUQUERQUE

Quando i trattamenti convenzionali non raggiungono i risultati sperati, la soluzione per avvicinarsi alla silhouette dei propri sogni è ricorrere all’aiuto di moderni macchinari per il bodystyling. Ecco una panoramica degli ultimi trend in materia.


BODYSTYLING DOSSIER

INFRAROSSI + RADIOFREQUENZA Un trattamento anti-cellulite che riduca contemporaneamente i depositi adiposi, drenando e rassodando i tessuti? È possibile unendo la tecnologia a infrarossi con la vacuum terapia a radiofrequenza. La combinazione fra queste tecnologie consente di riscaldare in profondità non solo le cellule di grasso, ma anche i tessuti connettivi e i fasci di collagene; allo stesso tempo, i fibroblasti sono stimolati a costruire nuova matrice extra-cellulare. Il risultato è una diminuzione delle lassità e un miglioramento generale della struttura della pelle. Il trattamento è ideale per tutte quelle zone del corpo che necessitano di un rimodellamento dei contorni. Procedimento: Durante la vacuum terapia, eseguita con un apposito manipolo, vengono inviate nella pelle onde di radiofrequenza e infrarossi che raggiungono i tessuti più profondi, riscaldando la pelle fino a una temperatura di 40-42° C. Le clienti più sensibili potrebbero trovare questo trattamento leggermente spiacevole, ma tutto sommato sopportabile. I primi risultati sono visibili già dopo la prima seduta; per ottenere una riduzione visibile della circonferenza di aree come le cosce, tuttavia, sono necessarie almeno tre sedute a cadenza bisettimanale.

ULTRASUONI Gli ultrasuoni sono una tecnologia estetica molto versatile, diventata ormai un classico tra le proposte di diversi istituti. Oltre che sul viso, vengono impiegati sempre più spesso anche per trattare il resto del corpo, in particolare per il rassodamento delle lassità che interessano tipicamente cosce e glutei. Gli ultrasuoni, infatti, riscaldano i tessuti in modo continuativo fino a raggiungere i 42° C (una temperatura in grado di sciogliere anche le cellule adipose più ostinate), mentre il manipolo dirige delle onde da 40,68 MhZ diretta-

mente all’interno dei tessuti. Il risultato è una stimolazione della sintesi di collagene e un accorciamento delle sue fibre (il cosiddetto “collagen shrinkage”). Procedimento: Dopo aver applicato un apposito gel di contatto, si fa scorrere il manipolo sulla pelle. In base alle sue dimensioni, è possibile trattare zone del corpo più o meno ampie; con i manipoli più grandi si riescono a trattare i glutei o le cosce in soli 30 minuti. L’intensità delle onde va regolata in base allo spessore della pelle della cliente e al tipo di azione che si vuole esercitare. Benché questi macchinari siano dotati, in genere, di un sistema di raffreddamento, le clienti più sensibili al calore potrebbero trovare il trattamento fastidioso; è anche possibile che si formino dei piccoli arrossamenti là dove è stato passato il manipolo, che scompariranno al più tardi il giorno successivo. Con gli ultrasuoni si possono ottenere risultati visibili già dopo cinque sedute a cadenza settimanale; risultati definitivi si raggiungono in circa 6 mesi.

LIPOMASSAGGIO Da quando è stato sviluppato dal francese Louis Paul Guitay negli anni ‘80, questo trattamento - ideato in modo specifico per i tessuti connettivi e brevettato dal marchio che porta le iniziali del suo inventore - ha continuato incessantemente a evolversi. La nuova generazione di questa tecnologia agisce come un massaggio profondo in grado di levigare la cellulite e rassodare la pelle. Il principio su cui si basa prevede l’utilizzo di rulli motorizzati, posti nella testa di un manipolo, che ruotano in direzione contraria l’uno dall’altro. I rulli sono abbinati a una camera stagna e a un sistema di aspirazione (controllabile da remoto con un computer), ed è possibile massaggiare il tessuto sottocutaneo di fianchi, cosce, addome o glutei stimolando al contempo l’ossigenazione dei tessuti. Viene così attivato lo

scioglimento delle cellule adipose e stimolato sia il flusso sanguigno che quello linfatico. Procedimento: Per rendere la procedura più piacevole e proteggere la pelle della cliente, è necessario farle indossare speciali leggings sottilissimi. La testa del manipolo va quindi posizionata sull’area da trattare e spostata eseguendo dei movimenti crociati: si formeranno così delle onde cutanee che faranno ruotare il dispositivo in direzioni alternate. A seconda dell’area su cui si lavora, una seduta può durare dai 40 ai 60 minuti; per ottenere buoni risultati l’ideale è predisporre un percorso di 12 sedute spalmate su sei settimane.

COPPETTAZIONE La coppettazione (in inglese “cupping”) è un metodo estremamente in voga negli Stati Uniti: consiste nel posizionare sulla pelle delle coppette sferiche - solitamente di vetro creandovi all'interno una pressione negativa. Eseguendo dei movimenti massaggianti con queste coppette vengono messe in movimento le cellule adipose che, poi, saranno trasportate via in modo del tutto naturale attraverso i vasi linfatici. Con la coppettazione si stimola la circolazione sanguigna, si sciolgono le aderenze nei tessuti e si riesce a ridurre la cellulite di lieve entità. Procedimento: In una seduta di cupping (o vacuum terapia), le coppette hanno il compito di “risucchiare” letteralmente la pelle; per facilitarne lo spostamento, sulla cute va applicata una sorta di pellicola oleosa. Si eseguono poi dei movimenti circolari decisi, che devono assecondare la direzione del flusso linfatico. Un “effetto collaterale” molto positivo di questo metodo è che, dopo la seduta, la pelle risulta estremamente ricettiva e l’azione di agenti disintossicanti concentrati (ad esempio in siero o in fiala) è particolarmente amplificata. L’ideale è proporre la coppettazione in un pacchetto da 4-5 sedute.

BEAU T Y - FO RU M . I T

59


DOSSIER BODYSTYLING

supportata anche dal parere di un dermatologo. Un esempio: la combo infrarossi-radiofrequenza abbinata al lipomassaggio. Con il primo trattamento si sciolgono le cellule adipose e si rafforza la pelle, mentre con il lipomassaggio si stimola l’attività linfatica e si contribuisce alla riduzione della cellulite. Altre combinazioni di successo sono: il lipomassaggio con gli ultrasuoni, per rimodellare la silhouette e ridurre i depositi di grasso, e il cupping con la combo infrarossi-radiofrequenza, per ridurre la circonferenza delle cosce e levigare la pelle a buccia d’arancia.

Il massaggio meccanico profondo leviga la cellulite e rassoda la pelle.

LINFODRENAGGIO 2.0 In alternativa alla variante manuale, esistono apparecchiature per praticare meccanicamente il drenaggio linfatico. Queste tecnologie si avvalgono di speciali indumenti che, gonfiandosi in modo mirato, esercitano una pressione che massaggia l’area interessata in maniera specifica, favorendo l’eliminazione dei prodotti di scarto del metabolismo e dei fluidi che si sono depositati nei tessuti. Ideale per trattare casi di ritenzione idrica e gonfiori localizzati, la pressione accelera anche lo smaltimento dei cuscinetti adiposi, migliorando al contempo il sistema venoso delle gambe e la struttura della pelle. Procedimento: Il linfodrenaggio meccanico viene utilizzato in particolare per trattare gli arti inferiori. La cliente deve semplicemente indossare uno speciale paio di pantaloni che arrivano fino alla vita: questi sono dotati di camere d’aria che, alternativamente, si gonfiano e si sgonfiano. A seconda dell’intensità del trattamento (regolabile in base

60

BEAUTY FORUM 1 /2018

alle esigenze individuali della cliente), una sessione può durare dai 40 ai 55 minuti, e permette di eseguire altri trattamenti in contemporanea (come, ad esempio, un trattamento viso). Per un risultato durevole nel tempo, si consiglia di iniziare con 6 sedute ravvicinate per poi continuare con una seduta di mantenimento ogni sei settimane.

LA COMBINAZIONE TOP Non esiste un unico strumento multi-funzione che vada bene per tutte le aree problematiche del corpo: ogni dispositivo per il bodystyling è uno specialista nel suo campo di applicazione. Distinguiamo fondamentalmente tra le tecnologie che mirano al rafforzamento della pelle e quelle specifiche contro la cellulite. Per ottenere performance migliori, i singoli trattamenti si possono combinare tra loro secondo un sistema modulare. Quali dispositivi associare dipende dalle circostanze individuali; la decisione dovrebbe essere

UN PROGRAMMA A TUTTO TONDO Per conseguire risultati a lungo termine bisogna sempre considerare anche lo stile di vita della cliente e, se necessario, consigliarle qualche cambiamento. Potrete così creare insieme un piano di trattamento individuale che contempli sia una dieta sana ed equilibrata - in collaborazione con un nutrizionista - sia dell’attività sportiva - l’ideale è mescolare allenamento aerobico e anaerobico, ma anche in questo caso è bene lavorare in concerto con uno specialista. Per quanto riguarda la routine domiciliare, massaggi regolari con un guanto esfoliante in fibra di Sisal sono perfetti per migliorare l’aspetto delle aree problematiche, così come l’utilizzo di cosmetici a base di caffeina e mentolo. Inoltre, è importante utilizzare un filtro solare il più elevato possibile, almeno per le prime quattro settimane successive al trattamento (con qualunque apparecchiatura) eseguito in istituto.

Nadja Mokhtari

Estetista, gestisce un centro di medicina estetica a Monaco, in Germania.


BODYSTYLING DOSSIER

BUONE ABITUDINI

FOTO: YURIY MAKSYMIV / SHUTTERSTOCK.COM

La nostra alimentazione ci modella: ecco perché un buon regime nutrizionale, accompagnato ad adeguato movimento fisico, è un prezioso completamento al trattamento estetico. Soprattutto quando arriva il momento di scrollarsi di dosso la pesantezza invernale per entrare con slancio nella bella stagione!

S

e è vero che il DNA è il patrimonio genetico acquisito, l’espressione dei geni dipende invece da molteplici fattori: ciò che introduciamo nel nostro corpo con l’alimentazione determina tante e tali modifiche a livello fisico e psicologico da meritare sempre più attenzione in ogni trattamento che voglia migliorare, modellare, raffinare e curare tanto il corpo quanto la mente. È quindi fondamentale che

ogni professionista della bellezza e del benessere sia in grado di padroneggiare queste informazioni. Tutti i trattamenti che mirano a combattere gli inestetismi del corpo possono essere favoriti e ottimizzati quando abbinati a un’alimentazione salutare, così come ostacolati da un’alimentazione sbagliata o non adatta a quella persona in quel momento. Lo stesso dicasi, ovviamente, per lo stile di vita.

UN’UTILE INFARINATURA Per aiutare le proprie clienti a ottenere i migliori risultati possibili, l’ideale sarebbe che l’estetista collaborasse con un medico esperto in materia, che possa seguire alimentazione e stile di vita e proporre percorsi su misura per ognuna. L’abbinamento fra il trattamento estetico e il consiglio medico-alimentare per-

BEAU T Y - FO RU M . I T

61


DOSSIER BODYSTYLING

 PREPARAZIONE ALLA PRIMAVERA: I CONSIGLI TOP

Ritaglia questi preziosi consigli e appendili in istituto. Su beauty-forum.it trovi anche la versione stampabile, per distribuirla a tutte le tue clienti come utile promemoria di benessere.

• Abbi cura della tua alimentazione: riduci i trash food! • Mangia colorato: a ogni pasto introduci qualcosa (che appartenga al mondo vegetale) di colore rosso, qualcosa di colore verde, qualcosa di colore giallo. • Consuma più frutta. • Dai da mangiare anche alla tua pelle, ai tuoi capelli, alle tue unghie, alla tua mente. • Approfitta di ogni occasione per fare più movimento. • Se desideri un regime alimentare individuale, su misura per te, un tuo personale progetto di salute, rivolgiti a un medico esperto e qualificato. • Evita gli integratori fai da te, quelli alla moda, quelli di qualcun altro. • Disintossicati anche dallo stress, almeno durante i cambi di stagione!

sonalizzato ha una grande valenza in termini di salute e bellezza, ed è tuo dovere farlo presente alle clienti: spiega loro che la bellezza, per esprimersi al meglio, richiede buona salute; il consiglio medico è ciò che può far “sbocciare” la bellezza attraverso l’incremento del benessere globale della persona, senza costringere chi si occupa di estetica a faticose acrobazie. Però si sa, non sempre si può lavorare con l’ideale… pertanto: organizziamoci. La professionista dell’estetica può, con delle conoscenze di base, suggerire alla cliente un minimo di attenzione alla propria alimentazione e al proprio stile di vita. A cominciare proprio dall’inizio dell’anno, quando i buoni propositi sono in cima alla lista delle priorità - e quando si comincia già a fare il conto alla rovescia per le vacanze estive e per la “prova costume” che le precede.

62

BEAUTY FORUM 1 /2018

ROTONDITÀ INVERNALI Come tutti abbiamo probabilmente già sperimentato, durante la stagione fredda si tende ad appesantirsi un po’. Per cominciare ci si muove meno, ostacolati dalle condizioni atmosferiche sfavorevoli, dalla riduzione delle ore di luce e dalle temperature spesso rigide; inoltre, più fa freddo più abbiamo voglia di mangiare, preferendo tradizionalmente cibi più calorici. È ora che il nostro corpo (e le nostre abitudini) si modernizzino un po’: la diminuzione delle temperature, infatti, su di noi incide ben poco! Contrariamente a quanto ci piaccia pensare, non ci servono più calorie per far fronte al rigore invernale, dato che trascorriamo la maggior parte del tempo in ambienti riscaldati, abbiamo i cappotti, i piumini, le caldaie e le coperte. È pur vero, tuttavia, che le ridotte ore di luce ci fanno trascorrere più

tempo in casa che all’aperto, favorendo la sedentarietà e un consumo eccessivo di cibo. Stare a casa fa ingrassare, si sa! La mancanza di luce solare, le giornate brevi e la permanenza al chiuso determinano spesso anche un peggioramento dell’umore, cui spesso consegue un aumento del ricorso al cibo come “compensativo”. Un primo suggerimento utile per i centri estetici pertanto è: tirate le tende! Permettete alla luce solare di illuminare il più possibile i locali in inverno: la clientela ne trarrà giovamento, prima di tutto in termini di buon umore. Come contrastare gli “arrotondamenti” invernali? Consigliamo di fare passeggiate all’aperto o di svolgere qualsiasi attività fisica gradita e di esporsi il più possibile alla luce del sole invernale. Tutte le attività motorie moderate, dalla semplice camminata al ballo, liberano endorfine, definite “ormoni del benessere”, che, facendoci sentire meglio, a loro volta riducono il senso di fame. Consideriamo poi che in inverno ci si scopre di meno, quindi le attenzioni che riserviamo all’aspetto estetico sono ridotte, così come i sensi di colpa quando ci abbuffiamo di cibo. Sarebbe invece molto utile insegnare con pazienza ad avere cura di sé in ogni stagione, anche (ma non solo) per ritrovarsi a proprio agio con il proprio corpo quando arriverà il momento di scoprirlo. Un’alimentazione funzionale tutto l’anno ci mantiene in forma, riduce la comparsa di rughe e danni a carico dei tessuti, della cute e dei capelli, è salutare e ci regala globalmente un aspetto migliore. Anche perché i tessuti non gradiscono molto le modifiche troppo rapide, peggio ancora se ottenute a discapito di muscoli e pelle, come spesso avviene quando


BODYSTYLING DOSSIER

Verde, giallo, rosso: inseriamo a ogni pasto alimenti vegetali contraddistinti da questi colori.

si seguono percorsi di dieta poco adatti, che puntano a ridurre il peso senza tenere conto della fisiologia della persona e della sua salute.

AMICO FREDDO

FOTO: BOJSHA / SHUTTERSTOCK.COM

Il freddo non ha solo ripercussioni negative sulla nostra salute e bellezza: se non eccessivo, è amico ad esempio di chi soffre di insufficienza venosa lieve, le “gambe gonfie” tanto fastidiose in estate. Durante la stagione fredda, dunque, si possono intraprendere misure preventive che contribuiranno al benessere delle gambe durante i mesi più caldi. Il riscaldamento negli ambienti chiusi, soprattutto se eccessivo, determina invece un malessere agli arti inferiori. Se la tua cliente ti rivela che, pur essendo in inverno, alla sera le sue gambe sono particolarmente gonfie, consigliale di rivolgersi al suo medico di fiducia e di prendere in considerazione l’utilizzo di calze elastiche. Ricorda però sempre che soltanto un medico è in grado di valutare un’insufficienza venosa e di indicare la giusta terapia.

UNA NUOVA CONCEZIONE DI DETOX Noi professionisti del benessere siamo sempre in prima linea nella promozione dell’educazione alimentare, di uno stile di vita più sano e della prevenzione. Cosa suggerire,

nella pratica, per chi desidera disintossicarsi e prepararsi al meglio alla primavera? Meglio fornire poche istruzioni utili, incisive, e cercare di farle seguire, piuttosto che creare confusione con un eccesso di informazioni e consigli. Il messaggio che dobbiamo far passare alle clienti è che la salute, la forma e la bellezza “poggiano” tutte sugli stessi presupposti: il rispetto per noi, per le nostre esigenze, per i nostri bisogni. Se riusciamo a trasmettere in modo efficace questo concetto abbiamo già ottenuto molto. Educare, informare, dirimere i molti dubbi creati dalla cattiva informazione richiede tempo, pazienza e un po’ di tecnica. Ma ripaga sempre con la gratitudine e la soddisfazione del destinatario delle nostre attenzioni, che si tratti di noi stesse, di amici o di clienti. Ricordiamoci sempre: quando dobbiamo dare consigli, meno ne diamo meglio è. Ecco perché i consigli che trovate nel box da staccare e appendere in istituto sono studiati apposta per rimanere impressi ed essere memorizzati facilmente. Ovviamente, se il professionista della bellezza li conosce e li propone, il rinforzo positivo garantisce il risultato. Chi si rivolge a voi ripone la sua fiducia nelle vostre conoscenze e capacità: essere informati e informare non sono optional! Non addentratevi, però, in dettagli perigliosi: scendere troppo nel particolare espone voi e il destinatario dei vostri consigli a rischi inutili e

controproducenti. Un esempio? Le classiche 8 porzioni di frutta e verdura al giorno non sono adatte a tutti: alcune persone, se seguissero alla lettera questo generico consiglio, ne ricaverebbero fastidiosi disturbi, se non peggio. Mangiare molta frutta e verdura (e pesce) per noi italiani è un must. Quanta? Dipende! Ognuno ha la propria “quota” personale. Per disintossicarsi efficacemente dagli eccessi dell’inverno e depurare l’organismo in vista della bella stagione, lasciamo perdere i fantasiosi “intrugli” detox che vanno tanto di moda e suggeriamo piuttosto di limitare al massimo, almeno per un periodo, le schifezze che mettiamo nel piatto. La “ricetta magica” esiste ma è personale, diversa per ognuno di noi. Ridurre le schifezze - e sappiamo tutti di cosa stiamo parlando! - fa bene a tutti, senza eccezioni. E se lo fate, si vede! Eliminare i trash food dalla propria alimentazione ha un immediato effetto positivo sulla salute e sulla bellezza. A un’alimentazione ripulita dalle cosiddette schifezze andrebbe accompagnato sempre del movimento, immancabile in qualunque progetto di bellezza. Fare moto rassoda, tonifica, disintossica, rilassa e snellisce; in altre parole, rende il nostro corpo (e la nostra mente) perfettamente predisposti all’arrivo della bella stagione. Una chicca: consigliate di consumare senza timore arance e pompelmi, fanno bene (quasi) a tutti - le eccezioni sono rare. Questi frutti rappresentano dei toccasana sia in termini di salute che di estetica che, come abbiamo visto, non sono altro che due diversi aspetti della stessa questione e, non dimentichiamolo, della stessa persona.

Sara Ciastellardi

Medico chirurgo, nutrizionista e omeopata, si occupa di Dietoterapia e Terapia Nutrizionale. È autrice del manuale “Condannati a dieta” e cura rubriche di alimentazione e benessere.

BEAU T Y - FO RU M . I T

63


DOSSIER BODYSTYLING

MISSIONE CROSS-SELLING

D

a diverso tempo, ormai, la rivendita di prodotti supplementari al trattamento nei centri estetici - anche detta “cross-selling” - è un argomento particolarmente in auge: questa tecnica di vendita promette un considerevole incremento delle entrate grazie a una pianificazione accurata

64

BEAUTY FORUM 1 /2018

e a un minimo sforzo. Sarà sicuramente successo anche a te che, alla cassa di un supermercato, ti venisse offerto “per caso” un prodotto a prezzo stracciato se acquistato in combinazione a un altro, oppure di ordinare un menù al fast food e ricevere, per pochi euro in più, un torti-

no di mela come dessert. In qualunque ambito e settore commerciale fioccano le occasioni di cross-selling: perché, allora, non fare la stessa cosa nel tuo istituto? Nell’ambito dell’estetica questa strategia può dare ottimi frutti - rendendo felice sia te che le tue clienti.

FOTO: SYLV1ROB1 / SHUTTERSTOCK.COM

Con l’avvicinarsi della bella stagione, i prodotti per la tonificazione e il modellamento della figura stanno per conoscere il loro picco di popolarità: con il cross-selling puoi venderli in modo semplice, incrementando con intelligenza i profitti del tuo istituto.


BODYSTYLING DOSSIER

Il cross-selling è una tecnica di vendita che non lascia spazio all'insistenza, né a offerte campate in aria.

VENDERE… TRA PARENTESI Il cross-selling è una strategia di vendita tutta basata su un’apparente “casualità”. È una tecnica che non lascia spazio all’insistenza, né a offerte campate in aria; non deve neanche riguardare necessariamente prodotti attinenti al trattamento appena eseguiti, ma può riguardare qualunque tipo di prodotto. In un centro estetico distinguiamo il cross-selling vero e proprio dalla vendita dei cosiddetti prodotti “di largo consumo” - ovvero quelli con un’elevata rotazione di vendita - e dall’up-selling - strategia che mira a vendere un servizio “deluxe” laddove la richiesta iniziale era di un servizio di base, che può essere facilmente messa in atto durante il trattamento, ma anche prima o dopo. Quando si tratta di cross-selling, la prima cosa da tenere presente è che non bisogna essere timidi. In un’azione di questo tipo è necessario approcciarsi alla vendita in modo attivo e riferirsi direttamente e senza fronzoli al prodotto o servizio in questione: non risulti invadente se menzioni “per caso” che un certo articolo è momentaneamente scontato, o che sarà disponibile in istituto solo per un periodo di tempo limitato. Gli articoli in cross-selling, infatti, sono solitamente quelli in offerta speciale (per fine serie, esaurimento scorte…) e questa loro caratteristica deve essere evidenziata in maniera

sufficientemente plateale durante tutto il periodo della promozione.

POSIZIONAMENTO Metti in evidenza gli articoli destinati al cross-selling sia sulla home page del sito internet del tuo centro che sulle sue pagine social, così da avere sempre qualcosa da offrire alle tue clienti; posizionali virtualmente abbinando la loro descrizione a una o più immagini ad alta risoluzione. In istituto, invece, assicurati che siano letteralmente “sotto i riflettori”, visibili e riconoscibili da chiunque e, quindi, appetibili. Non importa se di fianco alla cassa, nella sala d’attesa o lungo il percorso che conduce alle cabine: per promuovere un cross-selling devi fare in modo che la cliente “inciampi con gli occhi” su quei prodotti. Al contrario, quando stai parlando con lei, non è necessario averli sotto mano: presentaglieli come dei “benefit” che potrebbero andare a suo vantaggio e cerca di crearvi intorno una certa aspettativa.

CROSS-SELLING E BODYSTYLING Tra qualche mese arriverà l’estate e, con essa, lo stress della prova costume: perdere peso, fare esercizio fisico, mangiare in modo corretto, ricorrere a qualche aiutino extra per modellare il corpo… ognuna cerca

di provvedere a modo proprio, ma ciò non toglie che tu possa inserirti con successo in questo business. Attenzione, però: molte clienti non gradiscono quando si fa notare loro che dovrebbero rimettersi in forma! Sfrutta quindi il cross-selling per far sì che i prodotti si vendano da soli: posizionali in modo visibile e richiamali graficamente con poster o depliant lasciati in punti strategici del tuo centro. Di solito, basta menzionare gli esperti più in vista e collegarli ai prodotti in offerta limitata per convincere la cliente ad acquistare un gel snellente, una crema modellante o uno spray abbronzante per arrivare all’estate con le gambe già ambrate. Per rendere il prodotto ancora più appetibile, lo si può anche collegare al trattamento in istituto, spiegando come uno intensifichi gli effetti dell’altro e viceversa. Tutte le tue clienti sognano un corpo da favola, ed è ciò che tu stai offrendo loro. Il cross-selling promette profitti extra con uno sforzo minimo: vale quindi la pena provare. I prodotti per il corpo, che offrono risultati visibili e misurabili, sono un ottimo punto di partenza per lanciarti in questa tecnica di vendita. Ricorda: se la cliente è felice, lo sarà anche la tua cassa!

Sabine Chroszcz-Erharter

Esperta e coach di comunicazione e marketing per centri estetici.

BEAU T Y - FO RU M . I T

65


FOTO: MILKICA R / SHUTTERSTOCK.COM


STYLE

Airbrush MANIA

MAKE UP CON AEROGRAFO - Ci sono molte

occasioni in cui il make up deve essere assolutamente perfetto - pensiamo ad esempio ai servizi fotografici per riviste e pubblicità, o ai matrimoni. Uno strumento a cui i visagisti ricorrono con sempre maggiore frequenza è l’aerografo. La Make Up Artist Isabella Appl, convinta utilizzatrice di questa tecnica, ce ne svela i segreti.


STYLE MAKE UP

DOPO

In istituto si può ricorrere al make up con aerografo per il trucco sposa, in vista della realizzazione di book fotografici o quando si deve realizzare il beauty look per un evento o una campagna di comunicazione.

68

BEAUTY FORUM 1 /2018

PRIMA

FOTO: MICHAEL WITTIG

Il make up con aerografo è molto usato sui set fotografici e cinematografici, dove si ha a che fare con immagini ad alta risoluzione. Oltre ad applicarsi con estrema precisione, questo tipo di make up è leggero, idrorepellente, igienico ed estremamente resistente. A seconda delle case produttrici, è possibile mescolare i colori desiderati per venire incontro alle esigenze della pelle su cui viene applicato.


MAKE UP STYLE

Non entrando mai in contatto con la pelle, il make up con aerografo è particolarmente igienico.

1 Prepara la pelle della cliente con una crema giorno idratante e un primer, così da uniformare l’incarnato e prolungare la durata del make up.

2 Nascondi le occhiaie e le ombre del contorno occhi con un correttore colorato. (Per sapere quale colore usare, ti rimandiamo a “Il trucco c’è ma non si vede”, sul numero 5/2017 di BEAUTY FORUM).

3

4 Applica in modo uniforme con l'aerografo il fondotinta, scegliendo una tonalità che si accordi all’incarnato della cliente. Assicurati di nascondere in modo naturale le irregolarità della pelle.

Scolpisci i contorni del viso aerografando un bronzer: applicato sotto gli zigomi, donerà profondità e freschezza al viso. Per un effetto strobing, invece, utilizza un illuminante rosa-dorato.

BEAU T Y - FO RU M . I T

69


STYLE MAKE UP

5 Completa la base del make up con il blush, scegliendolo di una tonalità adatta al sottotono della cliente. Fissa il tutto con la cipria, così da neutralizzare la lucidità e non far colare i prodotti.

7 Completa il trucco occhi spruzzando una tonalità argentata sulle palpebre. Per dare un tocco di luce in più allo sguardo, spingiti fin sotto le sopracciglia.

6 Vaporizza un volumizzante per le ciglia di colore nero e un delicato eye-liner della tonalità preferita, per rendere le ciglia visivamente più “piene”.

8 Aiutandoti con una guida, definisci le sopracciglia vaporizzando un colore adeguato.

Isabella Appl

9 Stendi ora un rossetto in crema per dare il tocco finale al beauty look.

70

BEAUTY FORUM 1 /2018

Hairstylist, visagista e formatrice, lavora nel settore della bellezza da più di 20 anni. Dal 2006 è specializzata nel make up con aerografo e collabora con il marchio Airbase.


NEWS STYLE

1 Starlight PatriciaMi • Ombretto ultra luminoso che, grazie all’innovativa texture, consente di illuminare ed esaltare lo sguardo. La formulazione a lunga tenuta, morbida e vellutata, aderisce perfettamente alla palpebra creando giochi di luce grazie alle perle contenute all’interno. L’ombretto è disponibile in una decisa sfumatura di nero e in una più delicata tonalità lilla. www.patriciami.it

1

2 Paint4Lips Snowflake

2

PaolaP • L’affascinante Ultra Violet, decretato da Pantone colore del 2018, sarà protagonista delle prossime collezioni moda e make up. In linea con il trend del momento, PaolaP propone il viola intenso di Paint4Lips Snowflake, rossetto long lasting ad alta definizione dal finish mat. Dalla texture cremosa e confortevole, è arricchito da olio di Jojoba e burro di Karité che nutrono le labbra e le rendono morbide. www.paolapmakeup.it

3 Wonder Lash Mesauda • Lo straordinario mascara firmato Mesauda è perfetto per ottenere uno sguardo deciso e profondo, con ciglia perfettamente incurvate, lunghezza esagerata e volume spettacolare. Tutto con un unico prodotto, che non appesantisce né danneggia mai le ciglia grazie alla formula cremosa a base di Pantenolo.

3

www.mesaudacosmetics.it

4 Rouge Mat & Prodigy Karaja • Due novità labbra per la primavera/ estate 2018: Rouge Mat, rossetto opaco dalla consistenza ricca e cremosa e dal finish straordinariamente opaco e vellutato, in 5 diverse tonalità; Prodigy, matita labbra longwear e waterproof che disegna e riempie perfettamente le labbra grazie a un’estrema precisione, a un’eccellente scorrevolezza e a una perfetta sfumabilità. www.karaja.it

4

BEAU T Y - FO RU M . I T

71


STYLE TENDENZE COLORE

PROFONDO

Viola

COLORE PANTONE 2018 - Forte, provocante, anticonvenzionale: Ultra Violet è

I 72

l 2018 si apre nel segno di Ultra Violet (PANTONE 18-3838): il colore dell’anno è questo meraviglioso viola a base blu, scenografico

BEAUTY FORUM 1 /2018

ma al tempo stesso contemplativo, complesso ed enigmatico, carico di fascino e di significati nascosti. “Viviamo in un’epoca che ci richiede

estro e inventiva” ha dichiarato Leatrice Eiseman, Executive Director del Pantone Color Institute, “ecco perché abbiamo scelto una tonalità capace

FOTO: ALEXEI ZATEVAKHIN; PHOTOPIXEL / SHUTTERSTOCK.COM

il colore dell’anno. Come utilizzarlo per creare beauty look da favola?


TENDENZE COLORE STYLE

di elevare la nostra consapevolezza e le nostre potenzialità: dallo sviluppo di nuove tecnologie all’esplorazione del cosmo, dall’espressione artistica alla riflessione spirituale, l’intuitivo Ultra Violet illumina la strada verso ciò che deve ancora venire.” Ed ecco tutto quello che c’è da sapere sulla nuance che ha già conquistato guardaroba e beauty case.

UN INNO ALLA CREATIVITÀ La scelta di Pantone rappresenta per certi versi un’inversione di tendenza rispetto agli anni passati: Rose Quartz e Serenity, colori del 2016, erano ariosi e leggeri, decisamente spensierati; il vitaminico verde Greenery, colore del 2017, traeva la sua forza dall’essere fresco, vitale, istintivo. Ultra Violet è piuttosto una tonalità riflessiva, da decifrare con calma. Da un lato, le sue note intense e profonde evocano la misteriosa vastità del cielo notturno e delle galassie che lo attraversano: uno sguardo rivolto al futuro, a nuove sfide e nuove conquiste. Al tempo stesso, Ultra Violet mostra un carattere introspettivo, che ci predispone alla meditazione: il viola ha da sempre un connotato spirituale, quasi mistico, che in questa specifica nuance emerge con grande forza, invitandoci a sfuggire dalla sovrabbondanza di stimoli della vita moderna per riscoprire il nostro io interiore. Ultra Violet, insomma, incarna il fascino dell’ignoto, evocato dall’universo che ci circonda ma anche dal turbinio di emozioni che si agita dentro ognuno di noi. Spinta propulsiva alla conoscenza e alla scoperta del nuovo, il viola è anche il colore della creatività. Ricordate la hit “Purple Rain”? Fu uno dei più grandi successi del compianto Prince. Come lui, sono stati molti gli artisti - da Jimi Hendrix a David Bowie - che hanno scelto sfumature simili a Ultra Violet come cifra stilistica della propria espressività, portando il viola sotto i riflettori della cultura pop più eclettica e anticonvenzionale. Ecco allora che il colore

COLOR TREND DI PRIMAVERA Com’è consuetudine, Pantone accompagna il colore dell’anno con palette di tendenza per la primavera/estate e per l’autunno/inverno. Come già sperimentato nel 2017, le proposte per la bella stagione ricalcano i color trend emersi dalle passerelle delle Fashion Week di Londra e Parigi: diciassette tonalità in tutto, tra cui spiccano alcuni irresistibili must-have primaverili. Blooming Dahlia (PANTONE 15-1520) Presente tanto nella palette di Londra che in quella di New York, è un rosa aranciato dall’appeal velato e soffuso. Perfetto come blush su ogni tipo di carnagione.

Cherry Tomato (PANTONE 17-1563) È un rosso acceso e impetuoso, che dà una sferzata di energia a entrambe le palette. Avete capito bene: le labbra rosso fuoco saranno un must nel 2018!

Pink Lavender (PANTONE 14-3207) Anch'esso segnalato fra i color trend sia londinesi che newyorkesi, è un rosa romantico e delicato, alternativa perfetta a Ultra Violet per truccare gli occhi azzurri.

Arcadia (PANTONE 16-5533) Sarà il verde più trendy della primavera: presentato nella palette di New York, ha un tocco di blu che gli conferisce un’anima retrò ma al tempo stesso contemporanea. Perfetto sulle unghie, o per il make up occhi.

Pantone del 2018 si pone come spinta propulsiva all’ingegno e alla sperimentazione, stimolando la nostra fantasia e aiutandoci a pensare fuori dagli schemi.

OCCHI, LABBRA, UNGHIE In linea generale il viola, grazie alla sua estrema versatilità, è un colore amatissimo dai Make Up Artist. Il sottotono freddo di Ultra Violet, più tendente al blu che al rosso, è perfetto per valorizzare gli occhi castani e, soprattutto, quelli color nocciola: via libera quindi a ombretti anche molto pigmentati, da sfumare in smokey eyes da urlo. Per chi ama i colori pastello, questo viola si presta perfettamente a delicati degradé verso i toni del lilla, da sperimentare soprattutto in primavera ed estate. Il trucco labbra in genere predilige toni di viola più tendenti al rosso che al blu; questa nuance rappresenta dunque una scelta audace e provocante: per esaltarla al massimo, meglio scegliere un lip style matte, e accompagnarlo a un make up occhi sobrio e naturale e ad accessori dal gusto minimal. E le unghie? Ultra Violet è un colore che si presta a ogni nail look: su unghie corte o leggermente più lunghe, dalla finitura lucida o satinata, in stesura monocolore o impreziosito da decori floreali o geometrici. Per i nailartist il 2018 sarà un anno particolarmente creativo: nessun limite alla fantasia! EXTRA TIP Un colore dal forte magnetismo come Ultra Violet viene ulteriormente esaltato da finish cangianti e riflettenti: scegli ombretti metallizzati per gli occhi, e sulla manicure via libera a smalti e gel dalla texture shimmering!

Spiced Apple (PANTONE 18-1325) È un marrone dal sottotono rosso presente nella palette di Londra, perfetto per chi non ama rinunciare ai colori scuri nemmeno in primavera. Da provare in match labbra-unghie!

A cura della redazione

BEAU T Y - FO RU M . I T

73


STYLE NEWS

The Nude Collection CND • CND lancia una speciale capsule collection che regala a ogni donna la sua “naked manicure” perfetta, in linea con un trend che non accenna a tramontare. La collezione si declina in 4 meravigliosi colori, diverse gradazioni di nude pensate per esaltare ogni carnagione. Le tonalità sono disponibili in match CND Shellac e VINYLUX e anche in un unico, prezioso kit. Uncovered, Unlocked, Unmasked e Unearthed vestono le unghie di eleganza e raffinatezza, per un look di tendenza che valorizza ogni mano. www.cndshellac.it

1 Lost My Bikini in Molokini

1

OPI • OPI risponde alla scelta di Pantone di eleggere Ultra Violet colore del 2018 rilanciando il suo intenso viola ispirato alla barriera corallina hawaiana: Lost My Bikini in Molokini! Una tonalità vibrante, profonda e ammaliante proprio come Ultra Violet, disponibile nei sistemi di applicazione Nail Lacquer (smalto tradizionale) e GelColor (smalto semipermanente). Per una manicure assolutamente modaiola e di tendenza! www.opiitalia.it

2 Royal Temptations

2

74

BEAUTY FORUM 1 /2018

Gelish & MORGAN TAYLOR • Ispirata al fascino iconico di Maria Antonietta, regina di Francia, la collezione primavera 2018 di Gelish smalto semipermanente e MORGAN TAYLOR smalto professionale propone sei irresistibili tonalità che ricordano giocose caramelle, come il verde Ruffle Those Feathers o il corallo Beauty Marks the Spot. La collezione si completa con uno “special effect” glitter multicolor, per donare alla manicure un tocco in più. www.gelish-italia.it


NEWS STYLE

3 Colori Primavera/Estate 2018 Londontown • Amalfi Love, Out of Office, Guilty Pleasure, Summer Sling… la primavera 2018 lakur si tinge di tonalità pastellate che spaziano dal blu al rosa, e di nuance decise che ripropongono l’immancabile rosso in chiave ciliegia e il rosa acceso in modalità shocking. Rigorosamente 9-free, vegani, senza glutine e cruelty free, gli smalti lakur sono arricchiti con il brevettato Florium Complex, complesso botanico che rivitalizza, rinforza e ripara le unghie. www.euracom.it

3

4 Pastel City ORLY • La metropoli si trasforma in una giungla di cremose tinte pastello e abbaglianti riflessi metallizzati con la collezione primaverile di ORLY, fatta di tre nuance creamy - Power Pastel, Pink Noise e Cyber Peach - e tre colori metal - Electric Jungle, Lilac City e Metallic Haze. Le 6 sorprendenti tonalità sono disponibili in versione smalto professionale vegano e 12-free e in versione smalto semipermanente alle vitamine ORLY GelFX. www.orlyitalia.it

4

Top of the Fabies FABY • Un esclusivo e prezioso cofanetto contenente 6 colori FABY tra i più amati di sempre - il sensuale nero Black is Black!, i rossi iconici Rouge Foncè e Faby’s Red, l’elegante prugna scuro Every Woman is Chic..!, il rosa nude My Little Secret… e l’argento glitter Meteor Shower - più un Nourish Base Coat per proteggere e nutrire le unghie naturali e un Top Coat Fast per rendere il colore brillante e duraturo in pochi minuti. Il kit perfetto per manicure in linea con le tendenze moda della prossima stagione, capaci di arricchire e rendere speciale ogni outift. www.fabynails.com

BEAU T Y - FO RU M . I T

75


LIFE & WORK

UN lusso ACCESSIBILE FOTO: ESB PROFESSIONAL / SHUTTERSTOCK.COM

PSICOLOGIA DELLA MANICURE - Non

un semplice vezzo: per molte donne, una seduta dalla propria manicurist di fiducia rappresenta un importante rito di autoaffermazione e un valido antidoto allo stress quotidiano.


LIFE & WORK LIFESTYLE

C’

è un motivo ben preciso se, pur nella profonda crisi dei consumi che ha caratterizzato gli ultimi anni, l’industria dei prodotti e dei servizi per unghie è riuscita a non soccombere e, anzi, a crescere e a evolversi con costanza. Il motivo è da ricercarsi nel valore psicologico del “farsi le unghie” e, ancora di più, del “farsi fare le unghie”. Per capirlo, occorre partire da un’analisi della vita della donna di oggi, nella quale

i servizi nail hanno saputo ritagliarsi una posizione privilegiata.

FRENESIA QUOTIDIANA La giornata media di una donna moderna, da quando spegne con un gesto insofferente la sveglia al mattino a quando poggia la testa sul cuscino la sera, assomiglia molto a un giro sulle montagne russe. Senza voler generalizzare, possiamo dire

Impegni pressanti e corse contro il tempo caratterizzano la vita di ogni donna: per difendersi dallo stress, è importante sapersi premiare con una gratificante ricompensa.

78

che ogni donna ingaggi giornalmente una vera e propria lotta contro il tempo, barcamenandosi tra il lavoro (o lo studio) con le sue pressanti scadenze, le esigenze della casa e della famiglia, qualche hobby a cui non vuole rinunciare ma che talvolta finisce per diventare quasi un peso in più. In molti casi, stress e stanchezza diventano insostenibili, e la frustrazione che deriva dal non riuscire a fare tutto si sostituisce alla soddisfazione per ciò che, invece, si è riuscite


LIFESTYLE LIFE & WORK

a fare. Una spirale negativa da cui è bene uscire appena se ne avvertono i primi segnali. Con un po’ di buona volontà, imparare a rallentare e godersi la vita non è impossibile. Posto che non possiamo eliminare il traffico, gli appuntamenti né tantomeno gli imprevisti quotidiani, abbiamo tuttavia la possibilità - e il dovere - di premiarci per l’impegno profuso. La parola chiave è “gratificazione”: fare qualcosa che ci appaga e ci regala piacere non solo

ci fa sentire meglio a livello psicofisico, ma ci aiuta anche ad affrontare la prossima sfida con rinnovata energia.

ALLA RICERCA DELLA GRATIFICAZIONE Ognuno mette a punto la propria strategia anti-stress: c’è chi medita, chi va a correre al parco, chi si concede un cioccolatino a fine giornata. Tutte queste attività hanno qualcosa in comune: favoriscono il rilascio di endorfine, ormoni “del buon umore” (vedi box in basso). Studi recenti hanno dimostrato come anche lo shopping abbia questo effetto: comprare qualcosa da tempo desiderato, o semplicemente entrare in un negozio e acquistare quell’oggetto visto per caso in vetrina, sono attività che ci gratificano e ci fanno sentire più felici. Per una donna alle prese con una vita frenetica, lo shopping è anche un modo per affermare la propria femminilità, spesso trascurata per mancanza di tempo: una borsa, un paio di scarpe, un foulard nuovo non sono solo un capriccio, ma un modo per fare qualcosa per sé e per sentirsi più belle. Proprio come la manicure, che da semplice “imbellimento” si è trasformata, negli ultimi anni, in

un vero e proprio accessorio di stile, per di più alla portata di tutte.

UN LUSSO ACCESSIBILE Mai sentito parlare di “lipstick index”? È un particolare indicatore elaborato qualche anno fa da Leonard Lauder, che stabilisce un singolare collegamento tra crisi economica e… rossetti. Dopo gli attentati dell’11 settembre, il n°1 di Estée Lauder rilevò che, pur nel clima di insicurezza generale e nell’involuzione dei consumi che ne derivò, curiosamente la vendita di rossetti del suo brand fece registrare un aumento significativo. Questo dato lo portò a una riflessione: è possibile, pensò, che non potendosi momentaneamente permettere lussi più costosi le donne sfoghino la propria “voglia di glamour” con l’acquisto di cosmetici strumenti di bellezza decisamente a buon mercato? Il lipstick index diede il via a un dibattito che dura ancora oggi. Più che i rossetti, però, sembra che negli ultimi anni in cima alla lista dei desideri delle donne ci siano proprio i prodotti e i servizi nail. A dimostrarlo sono i numeri, ma anche le stesse consumatrici: “Ero direttrice marketing di un’azienda di medie

FOTO: JACOB LUND / SHUTTERSTOCK.COM

COSA SONO LE ENDORFINE Le endorfine sono sostanze prodotte dal cervello in risposta a precisi impulsi nervosi. È stato dimostrato come, a provocarne il rilascio, siano tipicamente condizioni di forte sollecitazione fisica (ad esempio un allenamento sportivo prolungato) o mentale (un'emozione particolarmente forte). Le endorfine hanno un forte potere analgesico - aumentano la soglia di percezione del dolore - e antidepressivo sono in grado di migliorare l'umore. Il rilascio di endorfine, infatti, produce una sensazione di euforia simile a quella scatenata dalle sostanze stupefacenti - in misura certamente ridotta, ma senza effetti collaterali!

BEAU T Y - FO RU M . I T

79


LIFE & WORK LIFESTYLE

dimensioni, ma ho perso il lavoro; mi sono ritrovata a dover limitare le cene fuori e a rimpiazzare il mio acquisto compulsivo di libri con una normalissima tessera della biblioteca” spiega una giovane donna intervistata dal Fiscal Times in un reportage di qualche tempo fa; è lei stessa a confessare come, invece, l’idea di risparmiare i 35 dollari della sua manicure periodica non le sia neanche passata per la testa. Riferendosi all’appuntamento nel suo nail center di fiducia, lo definisce “the one luxury that is really a necessity”, l’unico lusso veramente necessario. Se è indispensabile rinunciare a qualcosa per far quadrare il proprio bilancio personale, insomma, in poche sono disposte a depennare dalla lista la visita periodica alla propria manicurist: la gratificazione che ne deriva è evidentemente maggiore se confrontata ad altre voci di spesa. Un'osservazione pare scontata: lo smalto si può mettere comodamente anche a casa propria, con un risparmio economico ancora maggiore. Dedicarsi distrattamente alle proprie unghie in un contesto casa-

80

BEAUTY FORUM 1 /2018

QUESTIONE DI STILE Sono gli stessi protagonisti del mercato a mettere in luce il valore emotivo di una manicure per una donna. Intervistata qualche tempo fa sul rapporto tra unghie e moda, la co-fondatrice del nail brand statunitense CND, Jan Arnold, ci ha offerto un interessante spunto di riflessione. “Creare con il mio team il nail look per una sfilata significa offrire a ogni donna la possibilità di indossare ‘un pezzo’ di quella collezione o di quel brand, indipendentemente dalle sue possibilità economiche” ci ha spiegato. Le fa eco Suzi Weiss-Fischmann, vicepresidente di un’altra azienda leader del settore come OPI: “Un set di unghie colorate o decorate completa l’intero look, ed è un ‘vizio’ che ogni donna può permettersi” afferma. Non c’è stilista, ormai, che non mandi le proprie modelle in passerella con unghie perfettamente laccate o, sempre più spesso, con nailart create ad hoc per la collezione del momento. Allo stesso modo, influencer e celebrità non mancano di condividere sui social le foto delle loro manicure, elevandole a vero e proprio status symbol. Una tendenza che anche la donna comune può facilmente fare propria. Non possiamo permetterci il capo firmato? Nessuno, però, ci può impedire di sfoggiare

FOTO: FASHIONSTOCK.COM / SHUTTERSTOCK.COM

Replicare sulle proprie unghie il nail look di una sfilata di moda è come indossare un pezzo di quella collezione.

Se è indispensabile rinunciare a qualcosa per far quadrare il proprio bilancio personale, in poche sono disposte a depennare dalla lista la visita periodica alla propria manicurist: la gratificazione che ne deriva è evidentemente maggiore se confrontata ad altre voci di spesa.

lingo non ha però nulla a che vedere, a livello psicologico, con la seduta di manicure in un istituto di bellezza. A fare la differenza è il valore dell’appuntamento: riuscire a ritagliarsi un momento di pausa, di fuga dalla quotidianità, è una piccola ma importante vittoria. Sedersi a un tavolo da manicure e lasciarsi coccolare anche solo per mezz’ora, dimenticando impegni e problemi (e lo smartphone, visto che le mani sono impegnate in altro!) equivale a una vera e propria seduta anti-stress, a cui ripensare con un sorriso quando, alla sera, si farà il bilancio della giornata.


LIFESTYLE LIFE & WORK

Se i social media sono pieni di foto di manicure coloratissime è perché le unghie sono uno strumento per comunicare chi siamo e cosa ci piace.

lo stesso nail style di Gigi Hadid, né tantomeno di fotografarlo e postarlo su Instagram, proprio come farebbe lei.

FOTO: IORDANI / SHUTTERSTOCK.COM

PERSONALITÀ E COMMUNITY Se i social media sono pieni di foto di manicure coloratissime è perché, proprio come l’abbigliamento, l’acconciatura e gli accessori di cui ci adorniamo, anche le unghie sono uno strumento per comunicare chi siamo e cosa ci piace: la loro forma, la loro lunghezza, il loro colore e le eventuali decorazioni inviano un messaggio ben preciso, raccontando qualcosa di noi. Il mercato ha saputo cogliere con intelligenza questo aspetto e oggi i prodotti a disposizione delle onicotecniche sono sempre più performanti, le collezioni colore sempre più evocative, le procedure di lavoro sempre più rapide e sicure. Saper personalizzare il servizio nail in base alle esigenze di ogni cliente è diventata la vera chiave per il suc-

Per rendere la seduta di manicure ancora più gradevole per la tua cliente, adotta qualche semplice accorgimento che possa farla sentire “accolta” in un posto intimo e sicuro. Potresti, ad esempio, allestire la sua seduta con un comodo cuscino, farle trovare un gustoso dolcetto vicino al poggia-mani, accendere una candela profumata sul piano di lavoro: più i suoi sensi saranno coinvolti, più la cliente si sentirà a suo agio. E attenderà con ansia di provare le stesse sensazioni all'appuntamento successivo.

cesso in un settore così incredibilmente competitivo (ne parliamo sul numero di gennaio/febbraio di Nailpro, ndr). Un altro motivo del successo - commerciale e social - dei servizi per unghie è il loro essere, in qualche modo, “democratici”. È Ann Friedman, editorialista del periodico femminile The Cut, a sottolineare come la dimensione del centro nail sia in grado di far sentire ogni donna esattamente "alla pari" rispetto alle altre. Al contrario dello shopping, ricevere una manicure è un’attività che non implica paragoni di taglia o di forma fisica: “Ogni donna ha dieci unghie sulle dita, ogni donna può farsele abbellire come meglio crede” sottolinea la giornalista. Ecco allora che la manicure diventa un mezzo di comunicazione della propria individualità, ma anche qualcosa che amiamo sfoggiare e condividere per sentirci parte di una community: uguali e speciali al tempo stesso.

Valeria Federighi

BEAU T Y - FO RU M . I T

81


LIFE & WORK SPA

LA FIORIDA FARM&BEAUTY

Spa

MANTELLO (CO) - Una meravigliosa fattoria con ristorante stellato Michelin,

situata nella splendida cornice della Valtellina. Un elegante centro benessere di 400 mq, accogliente e caloroso, per rilassarsi al ritmo della natura, circondati dalle montagne e dall’abbraccio dell’acqua.

82


SPA LIFE & WORK

Qui il benessere si declina in una concezione inedita, che porta l'ospite a contatto con sensazioni naturali e tradizionali.

D

ove l’estremità settentrionale del Lago di Como incontra le Alpi Lombarde c’è un angolo di Valtellina completamente immerso nella tra-

dizione e nei ritmi della natura: è l’Agriturismo La Fiorida, una struttura unica che affonda le radici nella terra, nei campi, nelle stalle e nei sapori inconfondibili che soltanto questo territorio è in grado di offrire. Qui la vacanza trascorre tra benessere e armonia, tra trekking e bike, coccolati al rientro dall’area benessere, dai suoi trattamenti e dalle creazioni dello chef Gianni Tarabini nel ristorante La Présef - stella Michelin dal 2013.

NATURA E TRADIZIONE

FOTO: LA FIORIDA

L’elemento distintivo di questa struttura è senza dubbio il rito dell’allevamento: tramandato da generazioni, qui ritrova una moderna realizzazione, votata ad un’estrema attenzione agli animali, e si riflette nei prodotti caseari, nei salumi e nei piatti del ristorante, che traducono in sapori ed emozioni i frutti dell’azienda agricola e del territorio circostante.

Qui il benessere si declina in una concezione inedita, che prende vita al di fuori della Spa e diventa cultura, conoscenza, esperienza pratica di una vita senza tempo… Dalle visite guidate alle stalle o al caseificio per bimbi e famiglie, sino ai soggiorni benessere per la coppia, tutto porta l’ospite a contatto con ispirazioni, ritmi e sensazioni naturali e tradizionali. Una qualità percepita nella soddisfazione del desiderio di autentico relax e di abbandono delle insostenibili routine quotidiane. Nel 2013 La Fiorida ottiene il riconoscimento della stella Michelin per il Ristorante La Présef, grazie alla quotidiana valorizzazione dei prodotti “a chilometro zero” dell'Azienda Agricola e del territorio, suggello riconfermato ininterrottamente sino ad oggi e ancora unico caso in Europa.

BEAU T Y - FO RU M . I T

83


LIFE & WORK SPA

LA FIORIDA - SCHEDA TECNICA NOME STRUTTURA TIPOLOGIA (Hotel-Resort Spa, Day Spa, Thalasso Spa, Medical Spa, Destination Spa) CATENA/GESTIONE ANNO DI APERTURA/RESTYLING SUPERFICIE PISCINE SCOPERTE PISCINE COPERTE VASCHE/DOCCE CON IDROGETTI

HOTEL SPA

NESSUNA 2007 400 MQ NO 1 SI

SAUNE

2

BAGNI TURCHI

1

VASCHE/DOCCE DI REAZIONE

SI

DOCCE EMOZIONALI

SI

PERCORSI VASCOLARI/KNEIPP AREA RELAX CABINE TRATTAMENTI

NO SI 4

CABINA DI COPPIA

SI

AREA FITNESS

SI

OPERATORI

6

CONSULENZE MEDICHE

NO

PERIODO DI APERTURA

ANNUALE

SITO WEB

84

LA FIORIDA FARM&BEAUTY SPA

BEAUTY FORUM 1 /2018

www.lafiorida.com

UNA SPA A KM 0 La Fiorida si prende cura dei bisogni dei propri ospiti con il Centro Benessere La Fiorida Farm&Beauty. L’offerta dei trattamenti si ispira al territorio, associando il latte e il fieno ad apparecchiature specifiche. La Spa è un luogo speciale in cui trascorrere ore di pace e relax, circondati dal verde e immersi in un panorama alpino indimenticabile. All’interno si trovano: piscina riscaldata a 29-30°C, vasche idromassaggio a 33-34°C, sauna finlandese, bagno turco, sala fitness, sala relax, tisaneria, cabine e centro estetico. Da non perdere i trattamenti a base di ingredienti del territorio. Il bagno a base di siero derivato dal latte delle mucche della fattoria dona alla pelle lucentezza ed elasticità, purificandola dalle tossine. Ric-


SPA LIFE & WORK

co di proteine, amminoacidi essenziali, minerali e vitamine. Il bagno al latte della fattoria, a base di acqua calda e latte crudo munto poche ore prima dalle mucche dell’allevamento. Un trattamento rilassante, distensivo e idratante. Il bagno al vino della Valtellina, ideale per attenuare inestetismi della pelle come smagliature, rughe e macchie cutanee. Durante il trattamento viene offerta una degustazione di prodotti tipici accompagnata da un calice di vino. Il bagno al cioccolato fondente: il bagno al cacao esplica effetti remineralizzanti e nutrienti, grazie alla presenza di numerosi principi attivi e grassi naturali che nutrono la pelle, restituendole un’idratazione ottimale. Durante il trattamento viene offerta una degustazione di piccola pasticceria accompagnata da un bicchiere di latte. Il bagno di fieno: i vapori sprigionati insieme agli oli essenziali conferiscono al trattamento effetti curativi naturali. Utilizzati da secoli dalla popolazione contadina come rimedio casalingo, grazie alle proprietà benefiche di erbe come l’arnica, la camo-

milla di montagna, la veronica e la piantaggine, i bagni di fieno alleviano i dolori articolari e la stanchezza muscolare.

Andrea Bovero

SPA Spectator, General Manager di LIFEXCELLENCE e Presidente di CIDESCO Italia.

BEAU T Y - FO RU M . I T

85


ABBONAMENTO COMBINATO

BEAUTY FORUM + Nailpro ABBONAMENTO ANNUALE 13 numeri (7 numeri di BEAUTY FORUM + 6 numeri di Nailpro)

Tel. 011 5637338 abbonamenti@zeroventi.com www.beauty-forum.it/abbonamenti

ABBONATI ONLINE SU www.beauty-forum.it O www.nailpro.it


SPA ADVISOR LIFE & WORK

IL BENESSERE: una nuova eccellenza italiana I turisti nazionali e internazionali richiedono un servizio adeguato alla bellezza della nostra terra e anche la clientela stanziale del centro estetico ricerca sempre più un tocco Spa.

L’Italia è il Paese in cima alla lista dei desideri turistici. Cucina, cultura e clima sono gli ingredienti che rendono incomparabile la nostra offerta. Sul fronte del benessere, dopo aver disperso la preziosa eredità delle antiche terme romane, ci stiamo avviando verso un vero e proprio rinascimento. “Crisi” è un termine che deriva dal greco antico, significa “cambiamento”; i cambiamenti sono di stimolo al miglioramento e spesso fonte di positività. La difficile situazione economica ha spinto il settore dei servizi alla persona a porre attenzione anche all’offerta di benessere. I turisti nazionali e internazionali richiedono un servizio adeguato alla bellezza della nostra terra e anche la clientela stanziale del centro estetico ricerca sempre più un tocco Spa. Il cliente vuole vivere un’emozione e le scelte imprenditoriali, organizzative e commerciali vanno adeguate a questo trend. Una ceretta? Si trasforma in esperienza. Un percorso benessere? In evento. Un massaggio? In rituale. Questa sarà la chiave del successo per rendere il benessere italiano un nuovo must. Come è avvenuto per la moda e il cibo, così dobbiamo fare in modo che avvenga per l’estetica e il benessere. Personalmente suggerisco la massima attenzione all’accoglienza, alla qualità professionale del personale e dei trattamenti, alla profumazione d’ambiente, alla musica, all’immagine, allo stile, al rapporto qualità-prezzo e soprattutto ai prodotti offerti. Consiglio di scegliere cosmetici di eccellenza italiana che esaltino il successo dei rituali e che rafforzino il posizionamento dell’istituto o della Spa. Nell’era della digitalizzazione, il contatto umano, la passione e la ricerca della qualità sono beni estremamente ricercati. Servizi e prodotti devono essere adeguati a questa precisa esigenza, con la massima attenzione alla formazione e all’aggiornamento professionale: valori primari e imprescindibili per il successo dell’attività.

Roberto Paladin Spa Advisor LIFEXCELLENCE

BEAU T Y - FO RU M . I T

87


LIFE & WORK BUSINESS

EHI, Funziona! TEENAGER IN ISTITUTO - Un’adolescente entusiasta oggi può diventare una cliente fedele domani: perché, allora, non mettere in campo nuove strategie per avvicinare questa clientela così potenzialmente interessante per il futuro del tuo centro?

L’

adolescenza e la giovinezza sono periodi in cui si sperimentano tanti cambiamenti e si attraversano grandi e piccole rivoluzioni quotidiane; questa continua esigenza di novità coinvolge, ovviamente, anche i prodotti e i trattamenti per la cura del corpo. Da questo punto di vista, i teenager rap-

88

BEAUTY FORUM 1 /2018

presentano per il centro estetico un target-group estremamente interessante: per un'estetista vale la pena considerare l’idea di orientarsi verso questa fetta di pubblico con strategie mirate. Se è vero che, tendenzialmente, una clientela molto giovane non assicura grandi guadagni, devi d’altro canto

tenere presente che: 1. Gli adolescenti che frequentano il tuo centro oggi possono potenzialmente diventare tuoi clienti fedeli domani. 2. I giovani oggi sono sempre più in rete e possono rivelarsi il passaparola perfetto.

FOTO: ANDREIKORSHYTS / SHUTTERSTOCK.COM

I giovani amano sperimentare, sono aperti alle novità e si interessano ai prodotti innovativi.


BUSINESS LIFE & WORK

INTERESSE PRECOCE La percentuale di giovanissimi che frequentano i centri estetici è aumentata rispetto a qualche anno fa, e le ragioni sono sicuramente da ricercare in una maggiore consapevolezza del proprio corpo e nella possibilità di trattare gli inestetismi cutanei in modo tempestivo ed efficace. Gli ambiti di intervento sono leggermente differenti tra ragazzi e ragazze: mentre queste ultime prediligono l’attenzione al proprio aspetto e cercano trattamenti per sentirsi “più belle”, per i ragazzi l’obiettivo fondamentale è trovare delle soluzioni rapide e incisive contro precisi inestetismi, come quelli tipici della pelle impura. Per cogliere nel segno, è importante che il centro estetico proponga offerte “a misura di teenager” non solo in classici servizi come la ricostruzione delle unghie, ma anche e soprattutto puntando su trattamenti specifici contro i problemi della pelle: gli adolescenti che possono vantare una pelle perfetta sono una vera e propria rarità! Al contrario, la maggior parte di loro soffre di pelle grassa, secca, sensibile e/o impura, con i temutissimi brufoli a farla da padrone. Nel periodo dell’adolescenza, le ghiandole sebacee sono particolarmente attive - situazione che, in molti casi, è causa della comparsa dell’acne. Anche se per i giovani che ne soffrono può essere una magra consolazione, normalmente la pelle ritrova una situazione di regolarità in età adulta, diventando più equilibrata e meno sensibile. Grazie alle tue competenze, puoi fare molto per agevolare e facilitare questa transizione. Di solito questi trattamenti hanno obiettivi simili: lenire le infiammazioni, regolarizzare la produzione di sebo, calmare la pelle e/o migliorarne l’idratazione. Molti giovani, tuttavia, non disdegnano anche i trattamenti benessere. Prova, ad esempio, combinando una manicure con un peeling, una maschera o un leggero massaggio alle mani: apprezzeranno sicuramente!

FACCIAMO DUE CONTI –– Per i trattamenti rivolti

a una clientela molto giovane, abbassa leggermente il prezzo al minuto (circa € 1,00-1,20 al minuto).

–– Pianifica come “slot” di

tempo per un trattamento teen (che può essere composto da pulizia, detersione profonda e maschera) circa 30-45 minuti.

PREZZI ATTRAENTI Molte aziende di prodotti cosmetici particolarmente lungimiranti hanno da tempo adattato la propria offerta al fatto che molti dei loro giovani clienti vanno ancora a scuola o si stanno appena affacciando al mondo del lavoro e che, quindi, hanno a disposizione un budget limitato da spendere in prodotti di skin care. Ecco allora che molti brand hanno iniziato a offrire linee di prodotto che, oltre a essere pensate appositamente per le necessità della pelle dei giovani, hanno anche un prezzo più accessibile; l’importante è che si adattino sempre alle condizioni attuali della pelle e che non vengano cambiati in continuazione.

OFFERTE SU MISURA I clienti più giovani danno molto valore alla qualità del trattamento, anche se il basso prezzo rimane comunque un criterio preponderante quando devono scegliere a quale istituto rivolgersi. Un buon rapporto qualità-prezzo è dunque fondamentale per attirare questo tipo di clientela. Ecco perché è molto importan-

te riuscire a ideare offerte creative: elabora dei pacchetti con un prezzo alternativo e chiamali con un nome riconoscibile, così che si capisca che l’offerta speciale è rivolta agli adolescenti (come “Dream Teen”, “Young Basic” o simili). In cabina, poi, non è necessario inserire prodotti costosi: la cosa più importante, quando esegui un trattamento su un cliente adolescente, è che la sua pelle sia perfettamente detersa, e i prodotti per la detersione non hanno bisogno di ingredienti di lusso per essere efficaci. Puoi così tenere leggermente più basso il prezzo al minuto (ad esempio tra € 1,00 e € 1,20 al minuto) e il trattamento può essere compreso tra i 30 e i 45 minuti.

PRENDITI UN BEL “LIKE”! Come sa bene chi ha figli o nipoti in questa fascia d’età, gli adolescenti di oggi sono perennemente connessi e usano molti social contemporaneamente; ecco perché il web marketing ha un grosso peso quando si ha a che fare con questa clientela. Ciò significa che, se vuoi attirare una clientela teen nel tuo centro, devi andare a cercarla dove sei sicura di trovarla, ovvero nel mondo digitale Facebook, Instagram, YouTube e via dicendo. L’altra faccia della medaglia è che gli utenti adolescenti possono diventare una preziosa fonte di pubblicità online per il tuo centro: se si sono trovati bene con te e sono soddisfatti del trattamento, potrebbero condividere le loro impressioni (o un bel selfie, magari) sul loro social preferito. Rifletti: i giovani postano ormai tutto ciò che amano, mettono “like” e commentano. Se hanno avuto un riscontro positivo, il tuo marketing non potrà che giovarne. Se già hai una pagina Facebook dedicata al tuo istituto, con l’aiuto dei tuoi giovani clienti potrai ampliare velocemente il tuo pubblico e raggiungere altri utenti che potrebbero trasformarsi in nuovi clienti. Se, ad esempio, hai deciso di lanciare

BEAU T Y - FO RU M . I T

89


LIFE & WORK BUSINESS

DERMATILLOMANIA: DALLA PSICHE ALLA PELLE

Se non l’hai già fatto, torna a pagina 26 e leggi l’articolo “Giù le Dita!”, che approfondisce proprio questo tema. Nell’articolo potrai trovare spiegazioni dettagliate sui cosmetici e i principi attivi da utilizzare in caso di dermatillomania e qualche consiglio utile per trattare queste clienti così particolari.

5 CONSIGLI PER ADOLESCENTI E GIOVANI ADULTI 1. Detergi a fondo la pelle del viso mattina e sera! Uno degli errori più comuni che fanno i giovani è non lavarsi a fondo il viso. “La pelle è sempre così secca e sensibile” è la giustificazione più frequente. Come se non bastasse, spesso vengono usati i prodotti sbagliati: i giovani sportivi, ad esempio, spesso usano un gel doccia dopo aver fatto sport anche per lavarsi il viso. 2. Usa un prodotto topico per rimuovere i brufoli e le piccole impurità! Sono prodotti che si possono applicare localmente e servono per rimuovere le imperfezioni in modo mirato; oltretutto, sono molto semplici da usare. 3. Via le mani dal viso! Stuzzicando continuamente brufoli e impurità, la pelle si infiamma sempre di più e i batteri si diffondono indisturbati. Qui serve una buona dose di auto-disciplina: la spremitura deve rimanere di competenza dell’estetista. 4. Evita di cambiare continuamente prodotti! La consulenza sui prodotti da usare (ed eventualmente sostituire) deve essere lasciata all’estetista o al medico. 5. Attenzione ai prodotti che contengono ingredienti discutibili o problematici! Spesso succede di imbattersi in prodotti i cui ingredienti sono dichiaratamente inadeguati. In questi casi non bisogna lasciarsi attirare dai prezzi stracciati e affidarsi solamente al consiglio dell’estetista. La pelle ringrazierà!

90

BEAUTY FORUM 1 /2018

un’offerta speciale “Young Beauty”, Facebook è il mezzo perfetto per risvegliare l’attenzione su questo pacchetto: crea dei post su misura, utilizzando immagini accattivanti e un linguaggio tale per cui i giovani capiscano che il contenuto è rivolto a loro.

SHOPPING ONLINE Sappiamo che gli adolescenti e i giovani adulti si procurano gran parte delle informazioni online, e che online fanno volentieri anche shopping. Elaborando un sistema di bonus sul tuo e-shop puoi aumentare la fidelizzazione dei tuoi clienti teen e, contemporaneamente, offrire loro un sostegno concreto nella cura della loro pelle attraverso spiegazioni e consulenze inviate (ad esempio via mail) a corredo dell’acquisto di questo o quel prodotto.

Amela Boetsch

Laureata in infermieristica, è anche un’estetista qualificata con oltre 15 anni di esperienza e Managing Director della Skin Wellity Day Spa a Karlsruhe, in Germania.

FOTO: SUSANNE PFAU

Da un punto di vista medico, la dermatillomania è classificata come “skin picking disorder” ("disturbo da stuzzicamento della pelle").

La dermatillomania non è una forma di acne in senso stretto, ma porta chi ne soffre a sentire continuamente l’esigenza di grattarsi o di spremere piccole aree di pelle, immaginari brufoli o punti neri. Questa compulsione può causare danni ai tessuti, lesioni o, nel peggiore dei casi, escoriazioni. A soffrire di questo peculiare disturbo sono soprattutto le ragazze in età puberale: come aiutarle a superarlo?


NEWS LIFE & WORK

Hely’s

Massage & Wellness Academy Dall’iniziativa di Emanuela Rey e in stretta relazione con Hely’s Cosmetica Naturale, azienda attiva da anni sul territorio piemontese, nasce Massage & Wellness Academy: un centro di alta formazione volto alla diffusione di molteplici tecniche di massaggio. Responsabili dei corsi, il dottor Giorgio Chiappari e Silvia Zacchigna, docenti con anni di insegnamento alle spalle presso altre scuole di massaggio riconosciute a livello nazionale. I corsi si rivolgono sia a chi per la prima volta decide di avvicinarsi a queste discipline, sia a chi desidera approfondirle e affinarle. Sono previsti sia un Percorso Olistico che un Percorso Sportivo, entrambi volti all’ottenimento del diploma nazionale. Entrambi i percorsi prevedono la frequentazione di corsi fondamentali per apprendere i rudimenti dell’arte del massaggio, come il corso di Massaggio Base e di Anatomia del Massaggio, per poi differenziarsi a seconda della specialità scelta. Tutti i corsi sono a numero chiuso. www.accademiamassaggimwa.com

Health & Beauty

Suntronic si rinnova

Mei

Cocktail da SPA Nell’ambito del 67° Congresso Nazionale CIDESCO - SPA&Beauty Forum tenutosi a Roma lo scorso dicembre, il main sponsor Mei ha presentato la sua ultima innovazione: spettacolari cocktail agli oli essenziali di grado alimentare, che hanno allietato a bordo piscina gli oltre 300 fortunati partecipanti dello SPArkling Party, la prima serata di gala in SPA, novità assoluta nella storia del Wellness. Scopri tutta la linea di oli essenziali Mei per i trattamenti e per i tuoi eventi su www.maispa.it o scrivendo a info@casamei.com.

In occasione di Estetica Show a Pordenone di fine novembre, HB ha presentato la nuova veste del Metodo Suntronic per il 2018. La nuova grafica e il nuovo claim, “Ricarica l’energia della tua pelle”, incarnano le migliorate performance del sistema che, a seguito di nuove sperimentazioni, ha ottimizzato ulteriormente i protocolli: il percorso di cosmetologia generativa con Suntronic, che fino ad oggi prevedeva da 12 a 24 trattamenti viso e corpo, oggi passa a 6/8 per il viso e a 10/12 per il corpo. Non solo: da quest’anno Suntronic sarà reso ancora più accessibile alle estetiste interessate con l’introduzione di workshop personalizzati sul metodo presso lo showroom HB Center di Milano e l’organizzazione di servizi di open day presso il centro cliente. www.healthbeautysrl.com

BEAU T Y - FO RU M . I T

91


FOTO: KURHAN / SHUTTERSTOCK.COM


EVENTI

FIERE BEAUTY FORUM BEAUTY FORUM SVIZZERA

Zurigo, 3/4 Marzo 2018 BEAUTY FORUM POLONIA

Varsavia, 3/4 Marzo 2018 BEAUTY FORUM SLOVACCHIA

Trencin, 23/24 Marzo 2018 BEAUTY FORUM LIPSIA

Lipsia, 21/22 Aprile 2018 BEAUTY FORUM GRECIA

Atene, 21/23 Aprile 2018 BEAUTY FORUM MACEDONIA

Salonicco, 12/14 Maggio 2018

i

BEAUTY FORUM & SPA POLONIA

Varsavia, 22/23 Settembre 2018 BEAUTY FORUM PARIGI

Parigi, 7/8 Ottobre 2018 BEAUTY FORUM UNGHERIA

Budapest, 26/27 Ottobre 2018 BEAUTY FORUM MONACO

Monaco, 27/28 Ottobre 2018 BEAUTY FORUM GRECIA

Atene, Novembre 2018 BEAUTY FORUM MACEDONIA

Salonicco, Novembre 2018

Agenzia per l’Italia:

Via Valprato 68 10155 Torino T. +39 011 5637338 loris@zeroventi.com


EVENTI FIERE DI SETTORE

COSMOPROF

2018

Cosmo Hair & Nail & Beauty Salon 16 - 19 MARZO 2018 Bologna - Quartiere Fieristico www.cosmoprof.com

Novità e anticipazioni sulla grande fiera bolognese dedicata alla Bellezza professionale, dal nuovo format espositivo alle tante iniziative in programma per l’aggiornamento professionale.

L’

edizione 2018 di Cosmoprof si presenta con un nuovo format “tailor-made”, pensato per venire incontro agli operatori professionali proponendo loro un’esperienza fieristica su misura, con tre saloni specifici: la filiera produttiva del cosmetico è protagonista a Cosmopack dal 15 al 18 marzo; negli stessi giorni va in scena Cosmo Perfumery & Cosmetics, dedicato al mondo del retail e della profumeria. Gli operatori di centri estetici, Spa e saloni di acconciatura si incontrano invece a Cosmo Hair & Nail & Beau-

94

BEAUTY FORUM 1 /2018


FIERE DI SETTORE EVENTI

ty Salon dal 16 al 19 marzo. Nell’ambito di questa terza “fiera nella fiera”, oltre alla ricca area espositiva animata da aziende e marchi leader, è in programma un vivace calendario di dimostrazioni live, Cosmoprof On Stage, realizzati in collaborazione con Esthetiworld by Cosmoprof. Tra i temi affrontati, le tecniche di massaggio più innovative, il make up “da red carpet”, la dermopigmentazione e il suo utilizzo per scopi correttivi estetici e ricostruttivi. Il mondo delle unghie sarà invece protagonista a Nail Education

Bologna, in programma lunedì 19. Grande attesa per la seconda edizione dello SPA Symposium, in collaborazione con ISPA - International Spa Association: venerdì 16 e sabato 17 esperti internazionali del settore e trend setter presenteranno tematiche di interesse per gli operatori dei centri Spa e Wellness e per le aziende specializzate, con focus ad hoc per mercati specifici. Forte del successo ottenuto nel corso della fiera milanese Esthetiworld, replica a Bologna JOB@SPA, iniziativa per il recruiting nel settore Wellness.

Grande attenzione, infine, per Cosmoprof Awards, iniziativa che coinvolge aziende di tutti i settori dell’industria Beauty presenti in fiera, in collaborazione con l’agenzia di trend internazionale Beautystreams. Cosmoprof Awards celebrerà le migliori proposte di prodotto finito presenti in manifestazione, premiando la creatività e la strategia di marketing più performante per ogni segmento di mercato.

BEAU T Y - FO RU M . I T

95


BEAUTY FORUM Edizione Italia www.beauty-forum.it Regitrazione ROC: 20462 In collaborazione con: Health and Beauty Germany GmbH

Editore Loris Sparti loris@zeroventi.com Direttore responsabile Monica Sparti monica@zeroventi.com Redazione Valeria Federighi valeria@zeroventi.com Contenuti Internazionali Carla Manavella carla@zeroventi.com Progetto grafico Samuele Mairo samuele@zeroventi.com Hanno Collaborato Amela Boetsch, Andrea Bovero, Astrid Tomczak, Christine Schrammek, Ennio Orsini, Isabella Appl, Isabelle Louet, Mayleen Eraerts, Michela Bonetti, Nadja Mokhtari, Petra Peck, Roberto Paladin, Sabine Chroszcz-Erharter, Sara Ciastellardi, Stephanie Seng, Stefanie Jostock, Susanne Pfau. Stampa Reggiani Arti Grafiche srl Via Alighieri 50 - 21010 Brezzo di Bedero (VA)

Redazione / Pubblicità

Servizio Abbonamenti

Abbonamenti

Via Valprato 68 10155 Torino Tel. +39 011 5637338 info@zeroventi.com www.zeroventi.com

Tel. +39 011 5637338 abbonamenti@zeroventi.com www.beauty-forum.it/abbonamenti

Annuale Euro 35,00 Biennale Euro 57,00

Abbonamento per studenti di estetica: Annuale Euro 17,00 Biennale Euro 28,00

SEDI INTERNAZIONALI Germania: Health and Beauty Germany GmbH Ludwig-Ehrard-Str. 2, 76275 Ettlingen, Germania; www.health-and-beauty.com Polonia: Health and Beauty Media Sp.z.o.o. Krolowej Mamrysienki 9/10 Street, 02-954 Varsavia, Polonia; www.health-and-beauty.com.pl Svizzera: Health and Beauty Marketing Swiss GmbH, Ziggentorstraße 1a, 6006 Lucerna, Svizzera; www.health-and-beauty.ch Francia: Health and Beauty Marketing France SARL, 50, Rue de Miromesnil, 75008 Parigi, Francia; www.beauty-forum.fr Spagna: Health and Beauty Marketing Spain, S.L.U. Provenza, 111-113, entresuelo 2a, 08029 Barcellona, Spagna; www.health-and-beauty.es Ungheria: Health and Beauty Business Media Hungary Kft., Hattyu utca. 14.8 em, 1015 Budapest, Ungheria; www.health-and-beauty.hu Cina/Hong Kong: Health and Beauty Marketing China Ltd., Room 917, 9/F, Kwong-Loong Tai Building, 1016-1018 Tai Nan West Street, Cheung Sha Wan, Kowloon, Hongkong, Cina. www.beautyforum.com.cn Turchia: Interteks international Trade Exhibitions Inc., Mim Kemal Öke Cad. No: 10, 34367 Nisantasi/Istambul, Turchia; www.interteks.com Grecia: Beauty Greece Tsirimokou O.E., Ergano Typou 2 & Vouliagmenis Av. 415 163 46 Ilioupoli, Atene, Grecia; www.beautygreece.gr Slovenia: Apertus d.o.o., Kamniska ulica 12, 2000 Maribor, Slovenia. www.apertus.si

I testi e le fotografie inviati alla redazione non vengono restituiti anche se non pubblicati. La redazione si riserva il diritto di riportare i testi pervenuti anche in maniera parziale. Gli autori sono gli unici responsabili dei testi. La riproduzione intera o parziale di testi o fotografie è vietata senza l’autorizzazione scritta dell’Editore.


NEWS EVENTI

Roma International Estetica

Una fiera di successo

Ha chiuso i battenti lo scorso 5 febbraio Roma International Estetica, appuntamento fieristico tra i più attesi dagli operatori Beauty di tutta Italia. Accanto alla ricca area espositiva, anche quest’anno grande attenzione è stata dedicata alla formazione e all’aggiornamento professionale; il fitto programma di conferenze, tavole rotonde e workshop ha infatti coinvolto le tematiche più svariate, dalle unghie all’extension ciglia, dai rituali benessere alla medicina estetica, coinvolgendo rinomati esperti di ciascun campo. Un’edizione che conferma il successo degli anni scorsi, rendendo la fiera romana un punto di incontro sempre più privilegiato tra tutti i protagonisti del settore. www.romainternationalestetica.it

Ladybird house

CND Shellac Certified Show Un doppio appuntamento dedicato ai clienti CND di tutta Italia, con imperdibili momenti formativi e ospiti d’eccezione: hanno avuto luogo gli scorsi 5 e 6 novembre, a Roma e Milano, i due CND Shellac Certified Show, che hanno coinvolto oltre 500 professionisti. L’occasione è nata per festeggiare i 25 anni di attività di Ladybird house e l’unione sempre più salda dell’azienda modenese con CND. Ad alternarsi sul palco, la Presidente di Ladybird house Libera Ciccomascolo, il General Manager Gilberto Pietrantoni e l’eclettica co-fondatrice e Style Director di CND, Jan Arnold. Ad arricchire gli eventi, una panoramica sui nail trend di stagione proposti dal brand, a cura dell’International Education Manager di CND Kelly Melanitou. www.cndshellac.it

KyLua

Studentesse Erasmus+ in visita all’azienda Il 25 ottobre scorso la sede di KyLua ha ricevuto per la seconda volta la gradita visita di alcune studentesse della più prestigiosa scuola di estetica croata, la Scuola Professionale per i Servizi alla Persona di Zagabria, che già da 5 anni partecipa attivamente al progetto “Andiamo in Europa!”. Il progetto, parte del programma Erasmus+, ha coinvolto KyLua nell’organizzazione di una giornata formativa a cui hanno preso parte le migliori allieve delle classi di pedicure e manicure dell’istituto croato. Le ragazze hanno avuto l’opportunità di visitare l’azienda, scelta dalla docente Sanda Modrić per la sua vocazione Made in Italy e per la qualità dei suoi protocolli di insegnamento, e di assistere a esclusive dimostrazioni pratiche di prodotti e servizi. Grande soddisfazione da parte delle partecipanti, particolarmente incuriosite dal processo produttivo ed entusiaste di quanto appreso sul campo dalle Master Pro KyLua Graziella Manfrin e Stefania Franco. www.kylua.it

BEAU T Y - FO RU M . I T

97


IN OGNI NUMERO L’APPUNTO

Donne che odiano le donne “Si è fatto infinocchiare dalla tardona… mi crolla un mito.” “Lei è una tamarrona tremenda.” “Che brutta coppia! Lei non merita tutta questa notorietà.”

Cos’avrà combinato la signorina Markle, mi chiedo, per spingere le varie Irene, Giada e Daniela a criticarne le gesta con tale livore?

Sono tre commenti, in ordine sparso tra altri dello stesso tenore, al post Facebook di un noto settimanale femminile. Oggetto: il fidanzamento tra il principe Harry e l’attrice americana Meghan Markle. A firmare le velenose sentenze, sempre e invariabilmente donne. Cos’avrà combinato la signorina Markle, mi chiedo, per spingere le varie Irene, Giada e Daniela a criticarne le gesta con tale livore? La risposta è sorprendentemente banale, e accomuna la new entry di casa Windsor a molte altre vittime della gogna social al femminile: è bella e ha successo. Come Chiara Ferragni o Belen, tanto per citare le più bersagliate. Che il pretesto sia un rossetto troppo appariscente, un abitino troppo attillato o un cambio di fidanzato troppo repentino, il giudizio non è quasi mai argomentato, ma assume con sorprendente regolarità le asciutte sembianze dell’insulto: rapido, diretto, incisivo. Si fa un gran parlare, negli ultimi tempi, delle tante e differenti situazioni di svantaggio che interessano le donne in tutto il mondo – dalla bassa alfabetizzazione scolastica alle disparità in busta paga, fino alle recenti vicende legate ai ricatti sessuali nel mondo dello spettacolo. Discorsi che potrebbero aprire uno spiraglio per la nascita di un femminismo 2.0, consapevole e solidale, fatto di iniziative concrete e non solo di slogan. Eppure, sembra proprio che il nemico n°1 delle donne siano le donne stesse. Che si criticano a vicenda, spesso con ferocia, usando l’arma della sopraffazione per affermare il proprio essere “più donne” delle altre. E facendo fronte comune solo quando ne compare una più bella, più ricca e più famosa da attaccare. Forse tutte queste energie potrebbero essere convogliate verso obiettivi più nobili. Prima di usare l’hashtag #girlpower a corredo del prossimo selfie con le nostre amiche, allora, prendiamo un impegno: ricordiamoci, di tanto in tanto, di dire qualcosa di carino a un’altra donna, che sia una collega, nostra madre, la cassiera del supermercato. La gentilezza può innescare rivoluzioni, ed è contagiosa.

Valeria Federighi valeria@zeroventi.com

98

BEAUTY FORUM 1 /2018


COMUNICHIAMO ATTRAVERSO LA BELLEZZA

le Riviste, il Web, le Newsletter

679.000 i contatti con i professionisti della bellezza ogni anno in Italia Tel. 011 5637338 info@zeroventi.com www.zeroventi.com


Overline prevede 3 anni di garanzia su tutte le apparecchiature

BEAUTY FORUM 1/2018  
BEAUTY FORUM 1/2018