Issuu on Google+

L’Eco della Riviera

giovedì 28 aprile 2011

29

Giochi Protagonisti del futuro A Sanremo, Riva , Albenga, le prime 50 Videolottery della Liguria sono targate Fun Seven-G.Matica Da oggi a Sanremo, Riva Ligure ed Albenga chi vuole vincere in un colpo solo 500 mila euro (1 miliardo di vecchie lire) può anche fare a meno di andare a giocare al casinò. Da oggi, infatti, le Videolottery non sono più un sogno, ma una realtà per chi ama tentare la fortuna alle “macchinette”. Da oggi, infatti, grazie a Fun Seven ed al suo presidente Raffaele Fasuolo, e a G.Matica ed al suo direttore commerciale Marco Tordella, è possibile tentare la sorte alle Vlt sotto casa, a Sanremo, Riva Ligure e ad Albenga. In anteprima assoluta, per la province di Imperia e Savona, Sale da gioco da poche ore sono entrate in Il mondo delle funzione 50 Vlt del nuovo mar“macchinette” chio “NovoMatic”. A festeggiare l’eccezionale evento a Imperia sta cambiando e a Savona, destinato sicuramente ad influenzare costume, abitudini e numeri dell’intero Tordella manager di G.Matica e Raffaele Fasuolo di FunSeven comparto economico del gioco, sono stati proprio Fasuolo e Tordella in persona. I due manager ne hanno approfittato per ribadire la perfetta e proficua collaborazione Fun Seven e G.Matica, marchi leader del settore. A Sanremo si può giocare alle Videolottery in due sale: a San Martino, in via della Repubblica, alla Sala 777; in via Martiri della Libertà, alla Sala Joker. Ad Albenga, in pieno centro, nella Sala Gioco JackPot di Luigi Bellino ed Andreina. A tutti buona “buena suerte” e...giocate con giudizio.

Michela ed Enzo Madeddu della Sala 777

Ombretta Mangiola della Sala Joker

Luigi e Andreina Bellino della Sala Jackpot

www.ecodellariviera.it


Giochi

Protagonisti del futuro

L’Eco della Riviera

giovedì 28 aprile 2011

31

Via libera alla sala giochi nella città di Aosta Missione fallita per i 76 insegnanti dell’Istituto Tecnico-Professionale Regionale “Corrado Gex” di Aosta, firmatari di una lettera inviata al primo cittadino di Aosta contro l’apertura di una nuova sala giochi accanto all’Istituto Don Bosco e a due passi dall’Istituto superiore per Geometri. Non ci sarà alcuna revisione al regolamento comunale per l’apertura di sale giochi. Lo ha deciso il Consiglio comunale respingendo una mozione dell’opposizione, che chiedeva limiti più stringenti, la creazione di distanze minime tra le sale giochi e luoghi “sensibili”, come monumenti storici, chiese, luoghi di culto e scuole, e la fissazione di un numero massimo di sale giochi in rapporto alla popolazione. La mozione è stata bocciata, con 13 astenuti (Union Valdôtaine, Stella Alpina, Ettore Viérin del PdL), 4 contrari (Fédération Autonomiste, Luca Lattanzi e Luca Mantione del PdL) e 9 favorevoli (Alpe, Pd, Sinistra per la città).

Anche la FormulaUno nell’offerta scommesse online Slot e Vlt in rapido incremento L’ Amministrazione ausin dall’ inizio del 2011 tonoma dei monopoli di Stato ha comunicato che da questa settimana è prevista l’apertura di una nuova tipologia di scommessa “Live” a quota fissa accettata sulla Formula 1. La nuova scommessa, denominata “Vincente qualifica ufficiale – GP - Live”, amplia l’offerta di gioco delle scommesse sportive a quota fissa, e costituisce una novità assoluta per gli sport motoristici.

FEBBRAIO E MARZO IN NEGATIVO L’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato ha reso noti i dati di raccolta relativi al gioco on line dei mesi di febbraio e marzo 2011. Per quanto riguarda il mese di febbraio 2011, la raccolta è stata di circa 412 milioni di euro. La media giornaliera di raccolta è di 14,7 milioni di euro. Le scommesse sportive sono in lieve diminuzione rispetto a gennaio (–6,0%, con tre giorni in meno di raccolta) e rispetto allo stesso mese del 2010 (– 3,3%). La quota di scommesse sportive giocate on line rispetto a quelle giocate “a terra” scende, a febbraio, al 30,1%. La raccolta di giochi di abilità si assesta a 253 milioni di euro, con una media giornaliera di 9,0 milioni di euro. La raccolta complessiva di gioco a distanza ha dunque fatto segnare, nel mese, –1,7% rispetto a febbraio 2010. Per quanto riguarda i giochi di abilità a distanza, la categoria che comprende il poker in forma di torneo a gennaio ha raccolto più di 250 milioni, totalizzando 253.083.319 euro (–15,2% rispetto al mese precedente, –3,3% rispetto a febbraio 2010).

L’Associazione Sapar ha commentato, tramite le pagine del proprio portale ufficiale, i dati della raccolta degli apparecchi da intrattenimento relativa al mese di marzo. Sul sito Aams sono stati pubblicati i dati della raccolta del suddetto mese . Per quanto riguarda gli apparecchi da gioco è stata toccata la quota complessiva di 3572 milioni di euro, che comprende i 2648 mln raccolti dalle NewSlot e i 924 mln delle Vlt. Forte è stata l’impennata rispetto al mese di febbraio – in cui le slot hanno raccolto 2383 mln e le Vlt 719, per un totale di 3102 mln - che però è solitamente un mese poco indicativo dato che, anche negli anni passati, è stato contrassegnato da una diminuzione del turnover, ben al di là del fatto che abbia solo 28/29 giorni. Per quanto riguarda il comma 6A, i 2648 mln raccolti sono sostanzialmente in linea con il dato di gennaio (2688). Davvero impressionante, invece, l’incremento del comma 6B: dai 555 milioni incassati nel primo mese dell’anno si è passati agli attuali 924, ovvero oltre il 60% in più. Nel rapporto fra i primi tre mesi del 2011 e il periodo corrispondente del 2010, il comma 6A mantiene una certa stabilità: 2648 mln contro 2605 per marzo; 2383 contro 2342 per febbraio; 2688 contro 2559 per gennaio.

www.ecodellariviera.it


Giochi

L’Eco della Riviera

Protagonisti del futuro

giovedì 28 aprile 2011

33

L’Orgoglio di vestire PuntoScommesse Un Poker da gustare in compagnia di tanti amici: i Team proliferano e sono sempre più vincenti sia online che live. Da parte dell’azienda, tanta cura per i dettagli: e sono in partenza i FreeRoll per le Wsop di Vittorio Lusvardi Cosa serve per costituire un buon team? Prima di tutto l’entusiasmo, poi lo spirito di gruppo, infine un giocatore “di razza” che assuma il ruolo di collante. Al resto, naturalmente, deve pensare una poker room capace di valorizzare appieno le risorse umane. Contano anche i piccoli particolari: una felpa dal design indovinato, un freeroll Il Team diu Vito Erasmo Labarile (quasi) al completo esclusivo, un blog di famiglia. Il risultato, alla fine, si può riassumere in proibisce di giocare. A que- le, e i fatti gli stanno danuna sola parola: apparte- sto mondo semi sommerso do ragione: i Team stanno nenza. Nella storia che stia- che violava contemporane- proliferando come primule mo raccontando, l’orgoglio amente le leggi americane e a primavera. “Ho voluto di vestire PuntoScommesse. quelle italiane, PuntoScom- sovrintendere personalmenLa gioia di condividere le messe ha sempre opposto te - racconta Luca Battista proprie esperienze di gioco il rispetto delle regole e un Gagni - anche al disegno è l’ultimo fenomeno socio- gioco alla luce del sole, delle nostre felpe e camicie: logico legato al mondo del che rimanga sempre quel i piccoli particolari, diciamo Poker, e lo si apprezza an- che dovrebbe essere ogni pure il tocco di classe, hancora di più in questi giorni, gioco: un divertimento. A no un ruolo importante”. dopo la spettacolare azione questi patti, il Poker diventa Poi, alle porte, iniziative sidell’Fbi contro celebri mar- un gioco ad alto indice di curamente di sostanza. Anchi che operavano a dispet- socializzazione, perché as- cora Luca Battista Gagni: to delle severissime leggi sieme ci si diverte anche di “PuntoScommesse è stabilamericane. Il ciclone d’oltre più e si esalta la vocazione mente inserita in quel ciroceano sta facendo tremare sportiva del Texas Hold’em. cuito Microgame anche il vecchio continente, Luca Battista Gagni, presi- che è diventato a cominciare dai tanti gio- dente di PuntoScommesse, una scorciatocatori che avevano affidato ha fatto del rapporto diretto ia per le Wsop, i i propri conti ai punto.com, col giocatore uno dei pilastri mondiali di Poker sui quali la legge italiana della sua strategia azienda- di Las Vegas. A nostra volta, per

INTERVIENE LUCA BATTISTA GAGNI

Il ciclone sul poker americano? Un’occasione per fare chiarezza Secondo il presidente di PuntoScommesse, Luca Battista Gagni, il ciclone americano lascerà dietro di sé un poker più trasparente, dove gli operatori seri e responsabili potranno finalmente operare nella certezza del diritto: “Il gioco non autorizzato - rimarca Luca Gagni - è anche concorrenza sleale. Per un operatore di gioco che rispetta le regole e onora gli obblighi fiscali fino all’ultimo centesimo, può essere faticoso muoversi nella giungla dei punti.com. I controlli, anche i più severi, sono sempre i benvenuti”. Al centro di tutto, il benessere del giocatore: “Chi apre un conto - continua Luca Battista Gagni - deve avere la certezza che i suoi quattrini sono più sicuri che in banca. Le nuove normative costringeranno gli operatori a regole ancora più severe anche sulle garanzie offerte all’utenza: io saluto le nuove regole con gioia, perché l’amico giocatore è il nostro bene più prezioso”.

La nuova felpa di Punto Scommesse: occhio ai dettagli offrire sempre di più agli amici giocatori, vareremo un calendario di FreeRoll che aggiudicherà pacchetti per questo evento straordinario. La struttura è allo studio. Anticipo solo che saranno riservati a un determinato ranking, che non sarà troppo elevato. Non proprio FreeRoll per tutti, ma per quasi tutti”. Cresce a vista d’occhio, ad esempio, il Team di Vito Erasmo Labarile a Santeramo in Colle provincia di Bari. Oramai, più che un Team, è una vera e propria università del Poker, dove giovani e meno giovani apprendono i segreti del gioco e in breve tempo sono messi in

Emiliano Moscato con l’inseparabile coniglietto porta fortuna

Sara Viozzi, oggi a PuntoScommesse

grado di primeggiare nei tornei più importanti. Gli ottimi risultati nell’online vengono poi regolarmente confermati negli eventi Live: nel grande circuito del People’s Poker Tour, ad esempio, non manca mai qualche ragazzo griffato Labarile

al tavolo finale. Quel che impressiona è vedere giocatori mai finiti a premio, che dopo le cure del team guadagnano podi di tutto rispetto. Un esempio su tutti, la giovanissima giocatrice Sara Ruggio che dopo una breve militanza in quel di Santeramo si è qualificata online per la seconda tappa del PPT, in programma a Nova Gorica. Sta crescendo molto, e molto in fretta, anche il Team Baronia di Sergio Quaglia: prestigiosi risultati nell’online, e una presenza sicura nel prossimi eventi live. Il nome del team è un omaggio alla terra di Sergio Quaglia, la Baronia, un suggestivo quanto tormentato angolo dell’Avellinese. Al di là del valore sentimentale, sono tutte da esplorare le potenzialità di traino turistico che un Team vincente può rappresentare. Ancora più recente, la formazione di un Team a nome Morfett00, che è poi il nick dietro cui si nasconde Emiliano Moscato, un ristoratore di Gela che gode di largo seguito anche per la sua travolgente simpatia: un poker, il suo, intercalato da risate omeriche e convivi pantagruelici. Anche per Emiliano Moscato vale ormai l’orgoglio di vestire Agile. Come vale per Sara Viozzi, la campionessa di Ascoli che ha lasciato Joka per accasarsi con PuntoScommesse: debutto a Nova Gorica, e un futuro tutto da inventare... ma sicuramente Agile!

www.ecodellariviera.it


Giochi

Protagonisti del futuro

L’Eco della Riviera

giovedì 28 aprile 2011

35

Poker online non autorizzato tre denunce ad Arezzo

Cinque apparecchi da intrattenimento e sei personal computer posti sotto sequestro, tre persone denunciate all’A.G. per gioco d’azzardo. E’ questo il frutto dell’ennesima operazione messa a segno dalle Fiamme Gialle di Arezzo nella lotta al gioco illegale. Gli immediati accertamenti svolti sul posto dalle Fiamme Gialle hanno permesso di rilevare la presenza di postazioni computerizzate, asservite al gioco del poker online tramite collegamento a siti internet inibiti e/o non autorizzati, tutte collegate ad un computer “centrale”, mediante il quale il titolare del circolo poteva gestire in tempo reale i pc utilizzati dai clienti, accreditando le giocate dei singoli utenti, gestendo i crediti dei giocatori, nonché visionando l’elenco delle singole giocate. Nel corso della medesima operazione, i finanzieri scoprivano e sottoponevano a sequestro, a fini amministrativi, anche cinque apparecchi da intrattenimento non conformi alla normativa di settore. I congegni, infatti, oltre ad essere privi dei prescritti titoli autorizzativi, i cosiddetti “nulla-osta” rilasciati dall’A.A.M.S., erano completamente scollegati dalla rete telematica dei Monopoli. I titolari del circolo rischiano ora una sanzione pecuniaria amministrativa di quasi 17mila Euro, ed inoltre sono in corso mirati accertamenti di natura fiscale finalizzati al calcolo dell’imposta dovuta sulle giocate effettuate, il cosiddetto PREU (Prelievo Erariale Unico).

Il gioco d’azzardo in Belgio piace troppo ai minori

Il CRIOC, Centro di Ricerca d’Informazione delle organizzazioni dei Consumatori, ha pubblicato i risultati di un’indagine realizzata tra ottobre e novembre 2010 sul gioco e i minori in Belgio. Dall’analisi è emerso che, nonostante l’attuale divieto, su 2.867 ragazzi intervistati il 15% dei giovani belgi ha dichiarato di aver giocato d’azzardo prima dei 18 anni. La maggior parte ha iniziato a intrattenersi con questa pratica tra i 13 e i 14 anni ma la maggiore concentrazione di giocatori è tra i 16 e i 17 anni. Investono in media 32 euro al mese e la tipologia di gioco più popolare sono i gratta e vinci (56%), che acquistano in media 2 - 3 volte a settimana. Circa la metà dei giovani che giocano d’azzardo hanno già partecipato a una lotteria, il 42% ha giocato a poker, il 40% ha giocato a carte con denaro, mentre circa il 30% dei giovani partecipanti ha puntato del denaro su un avvenimento sportivo. I giovani partecipano meno di frequente ai giochi on line, ma le scommesse senza soldi, i concorsi alla tv e attraverso gli SMS riscuotono un grande successo. Un ragazzo su due ha già partecipato a una lotteria e quattro su 10 hanno già sperimentato il poker. Esistono, quindi, tanti buoni motivi - dichiara il CRIOC - per incoraggiare i governi a proteggere i giovani consumatori.

Il Poker Players Alliance reagisce all’Fbi la protesta dei giocatori Il Poker Players Alliance, il più grande movimento che difende gli interessi di giocatori di poker con oltre un milione di membri negli Stati Uniti d’America, ha prodotto un comunicato stampa con lo scopo di invitare i propri membri ad esprimere indignazione alla sospensione del poker online. Una class action modernissima, incentrata su tre strumenti di spamming: e-mail, Facebook e Twitter. “L’azione del Dipartimento di Giustizia deve servire da campanello d’allarme per i giocatori di poker in tutto il Paese, i quali devono comprendere come il diritto fondamentale di giocare online sia in serio pericolo. Non possiamo perdere questa occasione per proteggere i nostri diritti come cittadini americani. Ora è il momento per i poker players di combattere in difesa di questa tipologia di gioco, attraverso alcune azioni specifiche che possono fare molto se, con il minimo sforzo, tutti parteciperanno”, ha dichiarato John Pappas, direttore esecutivo della PPA.

Trieste si propone come sede di un casinò Rispunta la proposta di realizzare un casinò a Trieste. Una struttura che, secondo il suo promotore, permetterebbe di evitare, almeno in parte, la fuga di capitali in Slovenia. A lanciare l’idea è il candidato del Pdl al Consiglio comunale, Lorenzo Giorgi, che nella sua “Idea per Trieste” annuncia la volontà di “fare pressione sul Governo nazionale affinché si giunga alla definizione delle nuove normative sui giochi d’azzardo, facendo inserire Trieste come sede di un Casinò (ricordando – precisa – che vicino a Trieste ne esistono già, a decine, a pochi metri dal confine, in Slovenia)”. I primi di dicembre il Ministro delle Finanze sloveno Franc Krizanic ha annunciato la nuova strategia con la quale il governo intende rivitalizzare l’industria di gioco della Slovenia. Il piano, in un documento che ora è stato ufficialmente adottato, è stato oggetto di forti critiche, perfino da parte del Ministro dell’Economia Darja Radic.

www.ecodellariviera.it


Eco della Riviera Giochi