Issuu on Google+

Giovedì 30 Dicembre 2010 - N. 51 - Anno 95 - Riviera dei Fiori e Costa Azzurra Fondato nel 1915 S p e d i z i o n e i n A . P. - 4 5 % a r t . 2 c o m . 2 / b L . 6 6 2 / 9 6 D i r. C o m m . I m p e r i a - Ta s s a p a g a t a

Direttore Roberto Basso

www.ecodellariviera.it

MAGAZINE Teo Teocoli Con Lavezzi Lo show al Teatro Ariston giovedì 30 dicembre

da pag 19

Max Giusti Per Capodanno Al teatro dell’opera del casinò

Esclusiva

Il calendario 2011 de L’Eco ed Unogas

pag. 27

pag. 14

Dracula

2011: UCFLOR addio

Roberto Basso

Il futuro non è altro che l’attesa Diciamo la verità, il 2010 ci ha tradito. Esattamente un anno fa tutti si sperava in un futuro migliore. Solo pochi sono stati accontentati, la maggioranza ha dovuto affrontare un mare di problemi e per tantissimi la terra promessa rimane un miraggio. Il 2011 promette poco di buono. A Roma chi dovrebbe tracciare la rotta del riscatto continua a balbettare, a dare segnali sconfortanti, a deludere. Tutti sembrano aver perso la strada dell’onore, del rispetto, dell’onestà, dell’esempio. Tutti vogliono “apparire”, senza “essere” e chi meno lo merita assurdamente lo pretende. Nel 2011 festeggeremo i 150 anni dell’Unità d’Italia. Facciamo un esame di coscienza e domandiamoci se meritiamo ed onoriamo i sacrifici di chi ci ha preceduto. Buon anno a tutti.

Oroscopo

I segni zodiacali dei VIP

L’editoriale di:

pag. 7

Provincia

Taggia

I nostri politici ed i loro sosia

La rivolta dei rifiuti

pag. 9

Capodanno e Befana 15 giorni di spettacoli ed eventi di Natale DA PAG. 19

pag. 8


Attualità

GLI AUGURI A L’ECO ED AI SUOI LETTORI DA... FRANCO AMADEO Presidente Camera di Commercio “Costruiamo un anno migliore” Auguro a l’Eco della Riviera e a tutti i suoi lettori un Natale di gioia e serenità e un 2011 di prosperità e nuovi successi. L’Eco appartiene alla tradizione e alla cultura della gente di Riviera e forte del suo passato che affonda radici nella storia di una Sanremo indimenticabile oggi interpreta e dà voce all’intera provincia di Imperia con spirito critico ma sempre costruttivo. E’ lo spirito costruttivo in cui anche come presidente della Camera di Commercio di Imperia, credo fermamente. E’ attraverso il confronto aperto, la collaborazione e la messa a punto di idee, progetti, strategie che può nascere la condivisione di percorsi comuni tra le varie forze economiche e sociali e tra i diversi soggetti che operano in questo splendido angolo di Liguria. Con un obiettivo comune. Lasciarci alle spalle la crisi, sostenere le nostre imprese e guardare al futuro con ottimismo e fiducia. E in questa direzione stiamo lavorando per dare sostegno, valorizzare le nostre aziende, favorirne l’aggregazione per stare al passo con i tempi, sfruttare al meglio le opportunità offerte da programmi e finanziamenti per la ricerca e l’innovazione. La Riviera ha retto meglio di tantissime altre realtà del Paese alla crisi. Ed è da qui che occorre ripartire per avviare una ripresa solida e concreta attraverso idee e iniziative da portare avanti assieme alle associazioni di categoria. Con questo spirito chiudiamo il 2010 ricordando che il Natale è festa di luce e di pace, un giorno in cui la gioia si espande nell’universo e con speranza ci affidiamo al nuovo anno. Rinnovo dunque a L’Eco della Riviera, al suo direttore e a tutti i lettori l’augurio di un felice 2011. Franco Amadeo

L’Eco della Riviera

giovedì 30 dicembre 2010

3

SANDRO CEPOLLINA Presidente Confindustria Imperia “Fiducia verso il futuro” Caro Direttore, L’anno appena trascorso è stato indubbiamente uno dei più complessi degli ultimi decenni da un punto di vista economico, soprattutto in alcuni comparti, caratterizzato da una situazione di crisi economica internazionale che ha prodotto pesantemente i suoi effetti sulle nostre aziende ed in qualche caso purtroppo sui nostri collaboratori. La preoccupazione per l’andamento delle nostre aziende, per l’occupazione e per le famiglie non possono tuttavia prevalere sulla nostra voglia e capacità di reagire con energia e determinazione, non accettando passivamente questo stato di cose e recuperando quella fiducia verso il futuro che caratterizza la nostra bella e difficile professione. Molte circostanze degli ultimi ventiquattro mesi hanno seriamente messo in discussione la nostra visione del futuro. Mi sento tuttavia di dire a Lei ed ai lettori de l’Eco, che come ogni cosa umana il futuro è nelle nostre mani e questo deve spingerci verso un ulteriore sforzo che in questo momento va compiuto per le nostre imprese, grandi, medie o piccole, che pur essendo in difficoltà hanno la volontà di ristrutturasi, di stare sul mercato in modo competitivo raccogliendo le sempre più complesse sfide che il mondo ci riserva. La nostra storia, la storia degli imprenditori di questo territorio è una storia di successi e di grande serietà e qualità del fare impresa. Non sempre l’ambiente che ci circonda è portatore di una cultura dello sviluppo e del fare impresa, ma garantendo la serietà, l’alto profilo etico che deve contraddistinguere chi porta la responsabilità di garantire il pagamento di molti stipendi a fine mese ed il senso di responsabilità verso il territorio che mai deve venire meno, dobbiamo continuare a lavorare giorno per giorno con fiducia, sicuri che il quadro migliorerà e cogliendo anche l’occasione per rinnovare le nostre aziende operando, anche con scelte difficili e impegnative ma che siano d ‘impulso per aprire all’economia del territorio nuove prospettive di sviluppo. Come territorio dobbiamo assolutamente fare ogni sforzo per tenere unite le forze sane e positive in tutti gli ambiti economici, sociali e istituzionali in modo responsabile, per recuperare fiducia verso il futuro al fine di garantire il meglio ai nostri figli così come i nostri genitori e nonni hanno fatto con noi. Nella speranza di poter registrare per il 2011 tante occasioni positive per Lei il Suo giornale ed i suoi lettori porgo a tutti, i miei più cari e sinceri auguri di sereno Natale e buon anno nuovo. Sandro Cepollina

MAURIZIO ZOCCARATO Sindaco Di Sanremo “Un 2011 all’insegna dei valori” Rivolgo gli auguri di Buon Anno a tutti i cittadini ed agli ospiti che hanno scelto Sanremo e la Riviera dei Fiori per trascorrere le loro feste. Un pensiero particolare va ai bambini che, in questi giorni, sono al centro dell’attenzione. Queste festività sono un momento di gioia, ma anche di responsabilità in cui più forte diventa la necessità di rinnovare la tolleranza, il dialogo, la solidarietà, la volontà di spegnere i conflitti, la capacità di saper ascoltare le richieste dei più bisognosi, dei più deboli, degli ammalati, delle persone anziane, di coloro che vivono in solitudine o in situazioni di disagio. Valori come la fratellanza, l’accoglienza e l’attenzione all’uomo e alle sue necessità sono baricentriche nelle scelte che noi Amministratori vogliamo tenere presenti per riuscire a dare risposte concrete ai bisogni dei sanremesi, creando nuove occasioni di socializzazione, di sviluppo culturale, economico e turistico. L’augurio che faccio a tutti, a nome dell’Amministrazione comunale, è quello di trascorrere un divertente inizio d’anno con gli eventi organizzati in città, nel segno dei migliori auspici per tutto il 2011. Maurizio Zoccarato

www.ecodellariviera.it


4

Attualità

L’Eco della Riviera

giovedì 30 dicembre 2010

Migra Point: l’aiuto giusto per gli immigrati

P

rosegue il viaggio de L’ECO nel mondo degli extracomunitari a Sanremo. Facendo un rapido riepilogo, all’inizio abbiamo parlato, in modo generico, se nella città dei fiori fosse presente il razzismo e il grado di diffusione. Avevamo sentito il parere di alcuni ragazzi di colore, i quali ci avevano raccontato le loro storie e le loro esperienze. Alcuni erano soddisfatti, altri si lamentavano di alcuni episodi discriminatori, altri ancora, dopo un inizio in salita, sono riusciti a integrarsi. In seguito abbiamo toccato le tematiche delle “latin-gang”, bande ti teppisti provenienti dall’America meridionale, e della delinquenza in generale. Avevamo sottolineato che i molteplici crimini perpetrati da alcuni immigrati, non aiutavano di certo l’integrazione dei numerosi extracomunitari ligi alle regole, soprattutto per l’innescarsi di pregiudizi difficili da estirpare. Fortunatamente vi sono persone che vogliono opporsi a tutto questo e dare la possibilità di una vita normale anche agli stranieri che decidono di vivere nel nostro Paese ed in particolare nella nostra provincia. Stiamo parlando del Migrapoint, un centro di informazione e orientamento per migranti. Questo progetto nasce da un’idea dell’associazione “Mappamondo”, che da anni tratta i temi legati all’interculturalità e si occupa di mediazione culturale, e dall’Arci, associazione di promozione sociale che da sempre è sensibile alle tematiche socio-culturali e alla tutela dei diritti di cittadinanza dei migranti, con la collaborazione del Ce.S.P.Im. (centro servizi al volontariato della Provincia di Imperia). Al momento vi sono due uffici disponibili, uno a Sanremo e l’altro ad Imperia. Siamo andati a visitare lo sportello di Sanremo per farci spiegare più nello specifico la loro iniziativa. Ad accoglierci abbiamo trovato

www.ecodellariviera.it

Serena Ragazzoni, una delle operatrici del centro, la quale con molta disponibilità ci ha guidato in questo mondo fatto di piccoli passi, ma di grandi soddisfazioni. “Durante questi due anni di attività a Sanremo e uno ad Imperia si sono rivolti allo sportello 359 persone e sono stati svolti 1050 colloqui” spiega Serena. “Gli uomini sono stati 176, mentre le donne 183 e la fascia d’età più rappresentata è quella compresa tra i 30 ed i 40 anni. Per quanto riguarda le nazionalità, quelle più rappresentate sono la marocchina e la tunisina, con una buona presenza di utenza proveniente dall’Est Europa. La richiesta principale riguarda l’orientamento lavorativo dove la difficoltà maggiore consiste nell’insufficiente conoscenza della lingua ai fini della compilazione del curriculum e dei documenti da allegare, della consultazione delle offerte di lavoro e della autocan-

Serena Regazzoni e Giorgia Bobone con lo staff Migra Point di Sanremo didatura. Proprio per questo motivo, nell’aprile del 2010, è stato avviato nella sede di Sanremo un corso di lingua italiana, condotto ed animato da volontari italiani e stranieri. Dopo questa prima esperienza sono stati progettati e avviati nuovi corsi di diverso livello sia a Sanremo che ad Imperia con lo scopo di fornire gli strumenti linguistici per una gestione autonoma di attività quotidiane, quali andare

al mercato, utilizzare i mezzi pubblici, recarsi presso gli uffici, comunicare con gli insegnanti dei figli e interagire sul posto di lavoro. L’apprendimento avviene in piccoli gruppi, solitamente di quattro o cinque individui, in un clima familiare. In questo modo si riesce a vincere la timidezza, la riservatezza e lo scetticismo di alcune persone. Soprattutto le donne arabe all’inizio sono quelle più titubanti

a lasciarsi andare, ma alla fine si trovano tutti a proprio agio. Inoltre, a partire da quest’anno, lo sportello Migrapoint è presente anche all’interno della Casa Circondariale di Sanremo dove svolge attività di ascolto e orientamento per i detenuti stranieri. Per svolgere tutte queste varie attività, oltre a noi operatori, si alternano alcuni volontari, tirocinanti e stagisti”. Alessio Pastorelli

Lo sportello per gli stranieri rischia di chiudere “Il finanziamento regionale che abbiamo avuto vale fino all’autunno del 2011, poi se l’ente locale, ovvero il Comune, non ci supporta, questo servizio, lo sportello, chiude e verrebbe a mancare quindi un importante supporto ai cittadini stranieri” afferma Antonella Squillace, presidente dell’associazione e prosegue: “Tutte le città hanno uno sportello di orientamento al lavoro e ai servizi per gli stranieri. Direi che è necessario mantenerlo proprio nell’ottica di quella sicurezza e integrazione di cui si parla tanto. Così come è necessario mantenere e potenziare la mediazione nelle scuole, visto che i bambini stranieri stanno aumentando, soprattutto nelle medie, segno di stabilizzazione nel territorio degli immigrati”. In effetti sarebbe una perdita importante per tutto il territorio, inoltre ai cittadini stranieri verrebbe a mancare un fondamentale punto di riferimento. Non bisogna pensare che si tratti di un servizio esclusivamente per extracomunitari: se l’integrazione avviene con più semplicità, se si riesce a facilitare la loro ambientazione, l’intera città ne beneficia. Per chi invece è contrario a questa interazione di razze deve capire che la sua è una battaglia persa in partenza, può forse riuscire a rallentarla, a complicarla, ma non può evitarla. In fondo non c’è nulla da “mischiare”, siamo tutti essere umani, con le proprie diversità, ma è giusto che sia così ed è normale che sia così. Gli essere umani hanno un grande dono, quello del libero arbitrio. Se fossimo tutti uguali, fisicamente, cerebralmente, a cosa servirebbe questo dono? Siamo così sicuri che il colore della pelle abbia tutta questa importanza? In fondo, come dice Gino Paoli, “il colore è solo luce, e la luce è la speranza”, e la vera speranza della società futura è trovare un modo per convivere il più pacificamente possibile. Gino Paoli A.P.


Sorridi con Riverso

L’Eco della Riviera

giovedì 30 dicembre 2010

5

Gerenza Direttore responsabile Roberto Basso Editore Cyrano S.r.l. P.zza Colombo - Sanremo partita Iva 01329030082 Redazione Sanremo - P.zza Colombo,17 Tel. 0184.506818 - Fax 0184 507081 Orario: da lunedì a venerdì 9,30 - 12,00 e 16.00 - 18,30 mercoledì 9,30 - 12,00 - pomeriggio chiuso E-mail: redazione@ecodellariviera.it Web site: www.ecodellariviera.com Abbonamento annuale € 60,00 c/c postale n. 43938604 intestato a Cyrano srl Stampa: San Biagio Stampa - Genova Registrazione trib Sanremo n.4 del 19 dicembre 2002 Salvo accordi scritti con la società editrice la collaborazione a questo settimanale è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. Qualsiasi materiale inviato alla redazione non verrà restituito. www.ecodellariviera.it


Attualità 6 giovedì 30 dicembre 2010 Multe e severità, primi importanti deterrenti contro i soliti e troppi maleducati che buttano i rifiuti per terra L’Eco della Riviera

Marciapiedi sporchi solo per colpa dei pedoni? Chewing gum masticati, mozziconi, pezzi di carta, tutto gettato in terra, come se il suolo urbano fosse un’enorme discarica. Quante volte, infatti, è capitato di camminare per strada e imbattersi anche a Sanremo, Imperia, ovunque in questi “spiacevoli” inconvenienti? E quasi sempre questo gesto di inciviltà genera inevitabili polemiche. Ed è proprio in seguito a questo che città come Londra o Singapore, quest’ultima metropoli asiatica diventata famosa per le leggi rigorose a tutela dell’ordine e del decoro urbano, han deciso di punire simili gesti di ineducazione in maniera molto severa. Cosa che non ha lasciato indifferenti alcuni comuni italiani, che han dichiarato guerra a questi gesti di inciviltà. Cumuli di cicche per terra, infatti, non sono certo la cosa più elegante a vedersi. Per questo motivo il Consiglio comunale di Trento ha stabilito, nel gennaio del 2010, che chi verrà sorpreso a gettare a terra mozziconi di sigaretta sarà sanzionato con una multa fino a 500 euro. Una cifra da capogiro e che fa riflettere. Forse la somma è eccessiva, ma evidentemente indispensabile per punire quanti continuano a contaminare il suolo pub-

Carmen Del Gaudio

Francesco Ghilardi dei fiori? Siamo anche noi una città di incivili oppure no? Dovrebbero applicare leggi severe come quella trentina anche nella nostra amata città? “La sporcizia per le strade c’è, è innegabile, ma certo non è tutta colpa dei cittadini” sono le parole di Francesco Ghilardi “ io non credo che le persone ci provino gusto a sporcare o a comportarsi come maleducati. Se lo fanno, è perché il Comune ha messo a disposizione pochissimi cestini e, fuori dai locali, è difficile trovare dei portaceneri sopra i bidoni della spazzatura. Più che punire con multe salate i cittadini, dovremmo chiedere al Comune di mettere a disposizione più bidoni e più posa-

Benito Mussolini disse: “Bisogna essere disciplinati, soprattutto quando la disciplina costa sacrificio e rinunzia” blico senza alcun rispetto per gli abitanti e l’ambiente. La sanzione, inoltre, è prevista anche per chi getterà a terra gomme da masticare e pezzi di carta. L’iniziativa non è la prima nel suo genere. Già nel 2004, a Varese, il sindaco emanò provvedimenti contro la sporcizia con multe da 55 a 330 euro; dall’agosto scorso a Pollica–Acciaroli, in provincia di Salerno, sono previste multe da 550 a 1000 euro per chi butta le sigarette a terra; a Tirano, in Valtellina, dall’ ottobre 2009 si rischiano multe fino a 500 euro per cartacce e mozziconi. E nella nostra amata città

ceneri. Un fumatore non può camminare per chilometri e chilometri con un mozzicone in mano alla ricerca di un bidone, è normale che si stufi e lo getti per terra”. Dello stesso parere Ilaria Goya, insegnante di inglese al liceo Cassini di Sanremo: “In città civili come Padova, già dieci anni fa c’erano portacenere/bidonetti in metallo per la spazzatura e panchine in tutto il centro e sotto i portici. Ce li ho ritrovati l’anno scorso, insieme a molti punti per la raccolta differenziata. Temo che le multe, senza dare agli abitanti i mezzi per ottemperare alle ordinanze comunali, siano un ulteriore modo per raccimolare soldi, non dando nulla in cambio, in linea con l’anima “sporca” di chi le emana. Così si aiuta il cittadino e il turista a tenere la città pulita?! “ E, infine: “Non vedo l’esigenza di multare le per-

I Leo e la storia del “pino” di piazza Colombo Sanremo. A volte entrare nella storia lo si fa con dei piccoli gesti, brillanti intuizioni che via via nel tempo si riveleranno lungimiranti e significativi. E’ il caso del Leo Club Sanremo che grazie all’installazione, quindici anni fa, di una nuova pianta di araucaria in piazza Colombo, ha dato un segnale forte della propria presenza sul territorio e nello stesso tempo, la città di Sanremo è tornata ad avere un bell’albero nella piazza. Sabato mattina, infatti, si è svolta la cerimonia di posa della nuova targa, in sostituzione della vecchia usurata dal tempo e dall’incuria, così dopo tre lustri si è potuto fare un piacevole amarcord Tacchi e Panizzi tra i presenti. Ilaria Tacchi, presidente del Leo Club nell’anno sociale 1995/1996, era presente alla cerimonia, assieme all’attuale presidente del Leo matuziano Elisa Panizzi e all’assessore ai giardini Gianni Berrino, visto che sotto il suo mandato da presidente fu deciso di dare alla piazza un nuovo albero, dopo che il precedente venne tagliato. “La storia di come fu deciso di piantare questo albero nasce da lontano. Era il 1995 e facendo uno dei nostri numerosi services ci venne in mente di fare un dono importante per la nostra città e per far vedere che la presenza dei Leo fosse proprio presente. Così grazie ai soldi raccolti coi services, riuscimmo ad acquistare presso il vivaio Novaro di Camporosso, alla modica cifra di un milione di lire, questo esemplare di araucaria, in modo da piantarlo al posto del vecchio ‘pino’ rimosso in precedenza”. Ricordi qualche curiosità su questo fatto? “Si, - ha continuato Ilaria – quel giorno fu molto emozionante perché vennero i bimbi delle scuole attigue a festeggiare questo piccolo grande evento per la città. Inoltre ci furono anche delle critiche, qualcuno disse che l’albero era troppo storto e che non ci sarebbe stato bene in piazza. I fatti hanno dato torto alle critiche, l’albero è alto e forte e continua a crescere rigoglioso, questo grazie anche all’ottima manutenzione dei tecnici del comune”. E ha concluso: “Oggi (sabato 11 dicembre ndr) sono contenta che dopo parecchio tempo siamo riusciti a mettere la targa nuova e vedere che questo “nostro” ‘pino’ sia diventato ormai un simbolo della città intera”. Andrea Di Blasio

www.ecodellariviera.it

sone perché sporcano la strada “sono le parole di Carmen Del Gaudio, napoletana di nascita ma sanremese di adozione “Per me Sanremo è sostanzialmente pulita, anche se il fine settimana, quando arrivano i turisti e tutti quelli delle seconde case, gettano le cartacce per terra. Me ne sono accorta uscendo la sera, anche se, fuori dai locali, non c’è sporcizia perché comunque ci sono i posaceneri che sono molto funzionali.” Quali soluzione alternativa, allora, per punire quanti continuano comunque a “infestare” la nostra città? Ce ne accorgiamo soprattutto nelle zone più periferiche, come la Foce, mentre in centro, per garantire un migliore aspetto ai turisti, gli spazzini non mancano mai e il loro servizio è superefficiente. “Anche secondo me l’ideale sarebbe mettere più cestini sparsi per la città” continua Carmen Del Gaudio “e magari, perché no, colorati o con dei disegni sopra, che sono più carini e, oltre ad essere funzionali, abbellirebbero anche la città, che non guasta mai.” Inutili le multe quindi, che, alla luce di queste osservazioni, non sono un buon deterrente per quanti sembrano non amare abbastanza la propria città e si divertono a sporcarla. Tutta colpa delle amministrazioni, che non vanno incontro ai loro cittadini non mettendo a loro disposizione un servizio valido e abbastanza bidoni, almeno a giudicare da quanto hanno confessato i sanremesi. Basta multe ai cittadini, quindi, meglio darle, e anche più salate, al Comune. E chissà che, per una volta, non impari la lezione. Luca Masselli


Attualità

L’Eco della Riviera

giovedì 30 dicembre 2010

7

2011: Ucflor addio. Tramonta il mito dei fiori

Colpo basso all’economia locale. Tutta colpa di scelte politiche sbagliate e tanta malafede

Sangue, sudore e lacrime nel 1938 Sir Neville Chamberlain, Primo Ministro inglese, ottenne il proprio maggior successo personale quando fece ritorno dopo la firma degli accordi di Monaco, annunciando solennemente al Paese di portare “pace per la nostra epoca”; la sua buona fede fu tuttavia smentita dai fatti, in quanto dopo l’annessione anche dei territori slavi della Cecoslovacchia, in dispregio ai patti sottoscritti, divenne chiaro che la Germania si stava prendendo gioco delle diplomazie europee. Sir Winston Churchill tuonò dai banchi del parlamento: “Gran Bretagna e Francia potevano scegliere fra il disonore e la guerra. Hanno scelto il disonore. Avranno la guerra”. E guerra, inevitabilmente, fu! Il momento per l’Inghilterra era tragico e, per fronteggiare una crisi di portata mai vista, venne chiamato alla carica di Primo Ministro quello stesso sir Winston Churchill, che aveva così pesantemente osteggiato la politica della pace a tutti i costi, e che promise al paese “Sangue, sudore e lacrime”; e Churchill vinse, nonostante lo sfavore del pronostico e lo spessore degli avversari che si trovò ad affrontare. Quante singolari analogie con la attuale crisi in cui, perseguendo la “pace sociale” a tutti i costi, si galoppa irresponsabilmente verso una conflagrazione sociale di portata inaudita, dimenticandosi che la pace, per sua stessa definizione, è il periodo, più o meno lungo, che intercorre tra due guerre, e che le guerre affondano le loro radici in disagi sociali ed economici mal gestiti dalla classe

Mercato dei fiori:

Riposa In Pace

politica, spesso per scarsa lungimiranza, talvolta per malafede, in rare occasioni a causa di fattori esterni. Nel nostro piccolo a Sanremo abbiamo combattuto malamente e perso la battaglia della floricoltura, confondendo i sintomi con le cause e cercando di curare la malattia con placebo che hanno portato, fatalmente, al decesso del paziente: ci accingiamo (a giusta ragione) a celebrare i funerali solenni della UCFLOR senza renderci conto che il suo decesso è il sintomo della crisi generale della floricoltura sanremese, che costituisce, a sua volta, una delle cause della patologia economica, ben più grave di quella nazionale, che affligge da tempo la nostra Sanremo. Il PIL (che non è la traduzione in francese di PILU, ma significa Prodotto Interno Lordo) è un indicatore di ricchezza complessiva che viene determinato, in assenza di risorse naturali primarie (petrolio, alluminio o altro) dalla produzione industriale, dalla ricerca tecnologica o dall’agricoltura; e senza la produzione di ricchezza non vi possono essere risorse da destinare

ad infrastrutture o al sistema di ammortizzatori sociali, a meno di gravare in maniera ormai intollerabile con il prelievo fiscale sui settori produttivi determinando, quindi, la recessione economica. Sanremo ha sempre fondato le sue fortune su floricoltura, turismo e Casinò e la situazione non mi pare rosea su tutti i fronti, ma è tragica in quello che, ritengo, era e resta quello più strategico, e cioè la floricoltura, settore in cui la ricchezza viene estratta dalla terra in maniera primaria, tanto da far assumere ai fiori di Sanremo la stessa valenza economica del petrolio per l’ Arabia Saudita. La crisi della floricoltura sanremese, una volta tanto, non è un problema di infrastrutture, ma, come sempre, di scelte politiche sbagliate, per scarsa lungimiranza, mancanza di determinazione o malafede. Una oculata scelta strategica quale la costruzione del mercato dei Fiori di Valle Armea realizzato, con l’utilizzo di finanziamenti statali proprio in considerazione della valenza economica nazionale della floricoltura

Winston Churchill

Neville Chamberlain

sanremese, è stata vanificata da suicidarie scelte gestionali quali il sistema di vendita “alla araba” che ha privilegiato le realtà commerciali esterne rispetto ai produttori locali, che pure

Quale futuro?

Riconvertire la produzione, nuove strade

qualche responsabilità sul punto ce l’hanno, ma sotto il profilo egoistico di scarsa lungimiranza. Affrontare il sistema Olanda con la vendita “alla araba” è come contrapporre la bottega artigiana di un fabbro ferraio alla Mitsubishi o ai combinati siderurgici cinesi: il risultato è scontato prima ancora del fischio di inizio della partita. La classe politica, che non deve occuparsi dei problemi tecnici della produzione di ranuncoli e garofani ma delle scelte gestionali, non ha avuto il coraggio e la capacità di imporre scelte gestionali all’altezza dei tempi e della struttura; lo ha fatto, da un lato, per convenienza elettorale, per accaparrarsi (con la solita scusa di mantenere la quiete sociale) un pugno di voti

di produttori che temevano (ingiustamente) che il sistema di vendita olandese li avrebbe esposti ad indesiderata pressione fiscale, e, dall’altro lato, in linea con le più fulgide tradizioni, per collocare nei consigli di amministrazione dei vari enti i soliti incompetenti che ne sanno di floricoltura come io di danza classica, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Appare oggi ridicolo sentire i politicanti parlare di comunicazione quando non si è stati in grado di spiegare agli interessati le esatte conseguenze delle scelte strategiche che avrebbero dovuto essere fatte, imponendogli, se del caso, la soluzione in linea con la struttura realizzata, ha pesantemente compromesso le sorti dei produttori floricoli. Penso che, attualmente, l’unica cosa seria da farsi è incominciare a parlare di riconversione della produzione del settore floricolo in altre e ben più redditizie forme di coltivazione alla luce dell’indiscusso valore trainante del comparto agroalimentare sul PIL nazionale: gli Olandesi, per quanto attrezzati, non potranno mai produrre il Vermentino di Poggio e, ne sono convinto, sono disponibili ad acquistarne, e bersene, un considerevole numero di bottiglie, pagandole un prezzo nettamente superiore a quello dei fiori con cui invadono un mercato che era tradizionalmente il nostro. Questo significa conquistare mercati, questo significa produrre ricchezza, ma sono scelte che, anche se porterebbero alla immancabile vittoria finale, presuppongono sangue, sudore e lacrime che il nostro tessuto sociale, alla disperata ricerca del posto fisso in Comune o al Casinò, o alla sovvenzione dei servizi sociali, non vede di buon occhio, ma che la politica, intesa in senso alto, ha l’obbligo di spiegare e, se del caso, di imporre.

Il Conte Dracula www.ecodellariviera.it


8

Attualità

L’Eco della Riviera

giovedì 30 dicembre 2010

Taggia sotto i rifiuti, la solita storia dei 30 denari La rabbia di molti cittadinit sull’affaire spazzatura: “vogliamo respirare aria pulita” Sulla decisione della Provincia e dei comuni imperiesi che in regione Colli si debba realizzare l’impianto di smaltimento rifiuti e la discarica dell’intera Riviera dei fiori in molti taggesi ed armesi stanno crescendo sentimenti di ribellione. Al grido di “non vogliamo diventare la pattumiera del Ponente” in molti si stanno mobilitando. In redazione stanno arrivando numerose telefonate e lettere di protesta. Tutte accusano di “tradimento” i politici che hanno votato, di tutti i schieramenti. Pubblichiamo una delle tante missive che ci sono state inviate per email: “La storia insegna e sempre si ripete. La musica è finita, i musicanti se ne vanno ed a Taggia rimangono i rifiuti, Sì, 1.000.0000 di metri cubi di spazzatura. In cambio dicono di darci, per risarcimento danni, 1 mi-

Genduso

Negroni

Albanese

Alberghi

lione emezzo di euro. Se li tengano, questi signori, con tutti i loro rifiuti. Ognuno si tenga e smaltisca la propria spazzatura. Grazie sindaco Genduso, grazie vice sindaco ed assessore all’ambiente Ivan Lombardi (ti ergi paladino e difensore di Tabia, sei ammirevole nel “ballo della morte” alla festa dei Madeinanti però non ti fai scrupoli quando si tratta di rifiuti), grazie assessori e consiglieri comunali dell’attuale maggioranza, ma soprattutto grazie opposizione

e membri tutti di minoranza. Grazie Mauro Albanese, grazie Maurizio Negroni che in campagna elettorale come il sindaco Genduso avevi promesso che il nostro Comune avrebbe fatto di tutto pur di non diventare il raccoglitore di tutta la spazzatura della provincia per poi dimenticarvene. G, razie anche al coordinatore cittadino del PDL, che parla, parla, ma non agisce. Grazie a tutti quei membri di destra, sinistra, centro di quelle Commissioni che,

con molta ambizione, ma scarsa determinazione, dicono di prendersi cura della salute e del futuro dei cittadini. Politicamente parlando non vorrei che, per trenta denari, si sia venduto il futuro, lo sviluppo, la prosperità del nostro territorio. Non vorrei che non ci sia più tempo e spazio per dire “no”, per impedire che tutto questo avvenga enza sapere nemmeno esattamente quello che sarà il nuovo impianto di trattamento dei rifiuti di cui tutti parlano. Senza

sapere quale veramente sarà l'impatto della mega discarica di servizio che dovrebbe essere realizzata da Ghillardi, a meno di 300 metri dal mare. Senza sufficienti studi tecnici specializzati per valutare gli effetti ambientali. Il pifferaio ha suonato ed i suoi seguaci, e non solo loro, senza fiatare, senza pensare al futuro dei loro figli. si sono allineati. Visto certi andazzi cari politici sappiate che il nostro futuro allora vogliamo scegliercelo da soli”.

Ceriana

Ancora eventi e manifestazioni

il sindaco Bruna Rebaudo Sabato 1° Gennaio, alle ore 11, presso la chiesa Parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo si celebrerà la S. Messa di Capodanno. A seguire sotto l’albero di Piazza Marconi la Banda Musicale di Ceriana augura buon 2011. Inoltre, ricordiamo che fino al 6 gennaio sarà possibile ammirare l’esposizione dei presepi artigianali e la mostra fotografica “Gente di Ceriana”. Prosegue anche la pesca di beneficenza.

www.ecodellariviera.it

Imperia Il comune celebra i 150 anni dell’Unità d’Italia col tricolore Il comune di Imperia celebra i 150 anni dell’unità d’Italia. Sopra il portale di Palazzo Civico è stata posizionata un’insegna luminosa, recante la scritta 150, che sarà accesa a partire del primo gennaio 2011 primo giorno dell’anno in cui si celebra l’importante anniversario. A dare ulteriore risalto all’evento saranno esposte tre bandiere tricolori installate al di sopra delle bandiere istituzionali. Nel corso del mese di gennaio 2011 il tricolore sarà assoluto protagonista sui pennoni cittadini di viale Matteotti, passeggiata Petrén Aicardi, a Borgo Marina e Spianata Borgo Peri.


Attualità

L’Eco della Riviera

giovedì 30 dicembre 2010

9

I nostri politici e i loro sosia: tutti facce da vip

Gaetano Scullino sindaco di Ventimiglia e Bill Clinton ex presidente U.S.A.

Vincenzo Genduso sindaco di Taggia e Raul Bova, attore, il più amato dalle italiane.

Claudia Lolli vicesindaco di Sanremo e il Comandante Florant, protagonista della fortunata serie televisiva francese

Giorgio Giuffra presidente di Sanremo Promotion e Aldo Fabrizi, splendido attore italiano

Paolo Strescino sindaco di Imperia e Gegè di Giacomo, mitico batterista di Carosone di “Tu vuò fà l’americano”

Marco Lupi presidente del consiglio comunale di Sanremo e Alf protagonista dei telefilm cult del 1986, stessa acconciatura

Maurizio Zoccarato sindaco di Sanremo e Zorro, interpretato da Guy Williams nel 1957

Pasquale Indulgenza capo gruppo del Prc del comune di Imperia e Alessandro Arigoni maestro della Filarmonica Italiana, due gocce d’acqua

a cura di Francesco Basso

www.ecodellariviera.it


10

Attualità

L’Eco della Riviera

giovedì 30 dicembre 2010

Rivolte San Sebastiano, parte l’atteso restyling Sanremo. La giunta comunale ha deliberato un intervento assai importante per il centro storico: il recupero delle Rivolte di San Sebastiano e del palazzo soprastante, in corrispondenza di via Ferruccio e piazza Dei Dolori. Questi i numeri: 2 milioni di euro, già finanziati dalla Regione Liguria, nell’ambito del Progetto Pigna Mare, che ha fatto entrare nelle casse sanremesi ben 9 milioni di euro (in aggiunta ad altri 2 milioni e 640 mila euro finanziati con fondi di bilancio) per il recupero della città vecchia e delle attigue vie del centro. E’ dalla fine degli anni ’90 che le rivolte San Sebastiano sono sorrette da strutture in ferro, antiestetiche ma utili per evitare crolli dell’antica struttura. Col recupero dell’area il centro storico potrà porre le basi per una rinascita, soprattutto a partire da quel vicolo che ospita

www.ecodellariviera.it

Lombardi

uno dei locali che settimanalmente organizza concerti live e punto della movida alternativa matuziana. Quando inizieranno i lavori, i giovani dovranno scegliere altri lidi per passare i loro sabati sera (impresa ardua a Sanremo!) ma non sarà una attesa vana perché le rivolte cambieranno, finalmente volto. Per questa ragione abbiamo sentito il parere di alcuni giovani sanremesi su questo restyling. Christian Gullone: “se i lavori verran-

no fatti con un criterio logico le cose potranno cambiare in meglio. Attenzione perchè è anche un lavoro a rischio, nel senso che nel migliore dei casi possono formarsi un paio di crepe sui muri…Mi chiedo se sia necessario in un momento di crisi, una riqualificazione di un luogo in cui hanno già speso un sacco. Non vengano a dirci che a decidere è stata l’amministrazione precedente. L'orientamento di quei lavori, se non erro, era

Battistelli il loro. Sarebbe forse necessario un ripensamento della proposta culturale, dirottare soldi nelle rivolte che, se pur brutte, sono molto frequentate. Basterebbe creare un bell’impianto luminoso sotto le stesse, un’installazione artistica permanente.

Gullone Costerebbe meno, anche minori disagi per i pochi locali che fanno sopravvivere una città vecchia ed in agonia”. Luca Lombardi: “Per me, con tutto il tempo che è passato, i ferri sono ben integrati e non stanno male. Tra i tanti interventi che dovrebbero fare nel centro storico, questo mi sembra il meno utile ed urgente ”. Riqualificazione o no la “Pigna” ha bisogno di un forte intervento strutturale e sotto il profilo della sicurezza. (foto Albycocco) Andrea Di Blasio


Augura

a tutti i lettori Buone Feste e un fantastico 2011


12

Attualità

L’Eco della Riviera

giovedì 30 dicembre 2010

L’oroscopo di il 2011 per vip e comuni mortali lieve disturbo ve lo trasmette, qualche ritardo e probabilmente anche il malumore ma tutto, sempre in “ lieve” misura!!! Arcano per il 2011: Il Sole, anno riscaldato, anno fortunato!!! Auguri anche al direttore del giornale, che un Ariete!!|! Auguri!!

21 marzo-20 aprile

Lady Gaga - 28 marzo Adorabili amici decisamente il 2011 sarà, o forse è meglio dire, è il vostro anno!!! Il transito di Giove nel vostro segno, precisamente dal 23 di Gennaio fino al 4 di Giugno, vi terrà compagnia. Giove è un pianeta buono e generoso, mai negativo e nefasto!!! Cosa vi regala!?!? Sicuramente le questioni finanziarie e di lavoro avranno un’impennata oserei dire “corpulenta”!! Se avete una società, potreste far entrare un nuovo socio, ovviamente con un bel capitale per chi, invece, gestisce una attività in proprio, non mancheranno le possibilità di incrementare e magari di ingrandirsi; niente male, direi!!! Per chi non opera in proprio non avete da preoccuparvi, per il 2011, potete star tranquilli, la fortuna sarà con voi!!! Per quel che riguarda i sentimenti, la passione e l’amore il 2011 sarà un anno molto passionale, magari anche un tantino movimentato, e le romantiche “ scaramucce” non mancheranno potrei quasi garantirvelo e per chi è single sono previsti incontri dai toni, forse aggressivi, ma tanto, tanto piacevoli!!! E diciamocela tutta; voi siete così generosi e aggressivi e tanto, tanto passionali ma... ebbene sì, avete un ‘ma’. Non dimenticatevi di Saturno, sempre in transito nel segno della Bilancia che, opposto al vostro segno un

www.ecodellariviera.it

la famiglia dove qui, siete veri “maestri”!!! Non sono impazzita forse un tantino gelosa si fa per dire il buon gioioso e caldo Giove, inizierà il suo magico transito, nel vostro segno, precisamente dal 4 Giugno 2011, questo magnifico transito, si protrae fino al 11 Giugno 2012 un bel lasso di tempo per realizzare i vostri sogni ma quanto siete “fortunati”!!! Sono felice per voi e vi auguro un buon anno!!! Arcano per il 2011: Il Mondo non poteva capitarvi di meglio!!! Auguroni e bacioni!!!

21 aprile-20 maggio

Georges Clooney - 6 maggio Adorabili Toro il 2011 inizierà un poco in “ sordina”, quasi non volesse farsi sentire da voi, forse per i primi sei mesi vi sembrerà una monotonia un “tran, tran” noioso e poco gratificante in questi primi mesi del 2011, vi sembrerà di vivere come sulla Luna, senza forza di gravità, al rallentatore o come se aveste la colla attaccata alla suola delle scarpe. Immagino la vostra espressione, mentre state leggendo questo oroscopo per il 2011. Non scoraggiatevi adorabili Toro, anche per voi le “cose”cominciano a girare da tutt’altra parte ed in maniera spettacolare ed ecco arrivare “il botto”, ma che dico, le sonore “trombe” si faranno sentire. Iniziate a dar spazio a tutte le vostre aspettative, come ai desideri più intimi, che avete lasciato in un angolino, aspettando tempi migliori. E’ arrivato il vostro tempo, comprate casa, ufficializzate la vostra relazione, mettete in cantiere “il pupo” che da tempo desideravate fate il viaggio dei vostri sogni e da buoni Toro che siete, tenete “vicino” a voi

21 maggio-21 giugno

Osvy

della vostra esistenza, regalatevi degli “attimi”giusti per voi senza strafare, non sarebbe il momento giusto, astrologicamente, intendo!!! Ricordatevi che con voi c’è sempre l’ausilio di Saturno, in transito nel segno amico della Bilancia, valido amico!!! Saturno vi da grande forza e vi indica la “giusta” via delle decisioni da prendere per il lavoro come per i sentimenti! Saturno è un duro ed ostinato, usate con tutti i mezzi questa posizione astrologica, avete tempo fino al 2012!!!Vi ricordo che se avete tagliato rapporti di ogni specie nello scorso anno, molto probabilmente sarà difficile ricucire. Siete stati troppo duri, e Giove, a quel tempo in transito nel segno dei Pesci, vi ha offuscato la mente ed avete esagerato!!! Affidatevi al nuovo anno, ne avete bisogno!!! Buon anno, anche a voi!!!Arcano per il 2011: Il Sole, fatevi riscaldare l’anima!!!

Johnny Deep - 9 giugno Caspiterina amici dei Gemelli, è stato veramente un anno pesantuccio e poco gratificante dove a volte avreste avuto voglia di sparire!!! Iniziate a rilassarvi, come a tranquillizzarvi, anche se, non sono proprio vostre “doti”!!! Dal giorno 23 Gennaio 2011, finalmente il mitico Giove inizierà il suo transito nel segno dell’Ariete; forse non è propriamente una posizione “ idonea” al vostro carattere, ma vi è vicina o perlomeno vi aiuterà a vivere situazioni più leggere!!! Il transito di Giove nel segno dell’Ariete, funge da ausilio ad organizzarvi per il vostro futuro nel quotidiano. Mi rendo conto, siete “tipi” svolazzanti e sempre in movimento e la quotidianità è per voi una piccolezza. Allontanate questo pensiero, mettevi in quella condizione, curatevi delle piccolezze

non tutto riuscirà come noi vorremmo!!! Ancora una lieve discrepanza, un leggero malessere, piccoli malumori per non parlare dei contrattempi!!! Dobbiamo tener duro, cari fratelli astrologici, la costanza e la tenacia sono sicuramente le nostre migliori “doti” e che sia quello il volere delle stelle che presto ci regaleranno momenti saldi ed al tempo stesso indimenticabili e magari anche romantici, come concerne al nostro temperamento!!! Si, si è proprio così e perché mai vi state chiedendo??? Basta dubbi ed incertezze e che diamine!!! Ebbene, sì il mitico Giove inizierà uno spettacolare transito nel segno “amico” del Toro donandoci quei magici momenti di cui noi, “teneroni” dello zodiaco, amiamo tanto!!! E allora si comincia, diamo spazio ai nostri desideri ed ai nostri progetti, anche ai più reconditi; in fondo quei primi mesi del 2011 ci serviranno per organizzarci il tutto, senza dimenticare nulla, anche quel desiderio chiuso nel cassetto, da tanto tempo!!! Era ora caspiterina!!! Buon anno fratelli astrologici e tanti auguri!!! Arcano del 2011: Il Bagatto, magico arcano per i nostri desideri e progetti!!!

22 giugno-22 luglio

23 luglio-23 agosto Luca Bizzarri - 13 luglio Carissimi ed adorati fratelli Astrologici che dire?? Il 2011 non è proprio il nostro “anno”, almeno per i primi sei mesi, sarà così, aimhè!!! Il caro Giove lascia il suo transito nel segno degli amici Pesci sigh! sigh! ed entra nel segno dell’Ariete che non è proprio nostro amico; la tensione e lo stress ci accompagneranno per un discreto periodo ed a volte,

Paolo Kessisoglu - 25 luglio Cari amici, eccoci qua; il 2011 sarà anche per voi un buon anno, ricco di sorprese ed abbondanza. Ricaricatevi e mettete tutto in linea per i vostri progetti, sia lavo-


Attualità rativi che sentimentali; in ambito lavorativo ci saranno notevoli cambiamenti, realizzerete grandi progetti per chi gestisce un mestiere in proprio, non mancheranno “grosse occasioni” per nuovi contatti ed innovazioni nella gestione per chi opera in conto terzi, sono possibilissimi salti di grado e magari, anche nuovi incarichi, potrebbero anche “spostarvi” dalla sede, per nuovi percorsi, magari all’estero!!! Non dubitate, son meriti che vi riscattano in maniera esemplare, e sono vostri non può toccarveli nessuno!!! Per chi, invece svolge una attività in proprio, non mancheranno le gratificazioni, come le grosse entrate di denaro!!! Per chi ha intenzione di avviare, una attività in proprio, forse è giunto il momento più idoneo alla sua realizzazione, affrettatevi, non perdete tempo prezioso!!! Non male direi, ma e si, cari miei, c’è un ‘ma’, dovete velocizzare il tutto, fosse anche solo con il vostro pensiero ed i vostri desideri, perché il transito di Giove nel segno dell’Ariete inizierà dal 23 di Gennaio per terminare il 4 di Giugno del 2011 ed è per questo che vi chiedo di velocizzare tutto, ed al meglio che potete!!! Dopo, il magico influsso di Giove, si sposterà nel segno del Toro ed allora le cose possono farsi molto più difficili e tormentate aimhè!!! E l’amore?? Per i single sarete travolti dalla passione più sfrenata e per chi ha una relazione più storica?? Matrimonio?!?! E perché no?!?! E allora tanti auguri!!! Arcano del 2011: Il Diavolo, attenti alle passioni travolgenti!!!

L’Eco della Riviera

giovedì 30 dicembre 2010

24 agosto-22 settembre

Belen Rodriguez - 20 settembre Adorabili e meticolosi Vergine, il nuovo anno, forse inizialmente, non vi sembrerà tanto piacevole, un poco pesante, ma è una pesantezza sopportabile, tenete duro e resistete, anche per voi ed i vostri amici di terra (Toro e Capricorno), le realizzazioni, i desideri, come le relazioni sentimentali, avranno la meglio dal 4 Giugno 2011 con l’entrata di Giove nel segno del Toro; questo transito si protrae molto avanti nel tempo ma adesso pensiamo al 2011. Bene, da quella “mitica” data, dovete e ribadisco, dovete, tirar tutto fuori dal vostro magico cappello e sono immensamente felice di annunciarvi che ogni vostro desiderio e iniziativa di lavoro o realizzazione, dovete, e ribadisco dovete, svolgerla al meglio con il supporto di questo spettacolare transito di Giove nel segno del Toro. Ma chi meglio di voi??? E allora.. bando alle “ciance”, di cosa avete bisogno??? Creatività,

metodo, ordine e dimestichezza, ed anche una “buona dose”del mitico senso pratico vostro grande amico. Volete quel lavoro?? Potete ottenerlo!!! Volete quel partner? Lanciatevi nella conquista!!! Volete mettere in “cantiere” il pupo che desiderate da tempo? Non c’è tempo da perdere! Volete realizzare il vostro sogno nel cassetto che sia di qualunque specie? Potrete realizzarlo!!! Chi può fermarvi, da questo magico influsso astrologico?!? Nessuno, proprio così, cari amici di terra e sono molto felice per voi !!! Auguri e besotes!!! Arcano del 2011: L’Imperatore, e che vi dicevo?!? Nulla vi fermerà!!!

23 settembre-22 ottobe

Lory Del Santo - 28 settembre Anche per voi, splendidi Bilancia, questo 2011 non inizia come vorreste; vi trascinate un po’ nelle vostre situazioni, di ogni tipo, e questo vi rende irritabili e magari anche noiosi allo sguardo del prossimo. Tene-

te duro e cercate di non dare troppa importanza a ciò che vi sta intorno, cosa molto difficile per voi, me ne rendo, astrologicamente, conto!!! Ma per voi ora è così. concentratevi su voi stessi e cercate di “ascoltare” i consigli di Saturno che da tempo vi è a fianco o per meglio dire, è ancora in transito nel vostro segno e ci starà per parecchio tempo. E’ una buona situazione, anche se, con il transito di Giove in Ariete, dal 23 di Gennaio, si formerà una leggera e ribadisco leggera, opposizione che porterà una malinconia indefinita. Ascoltate i pianeti, che hanno più esperienza di noi umani, lasciatevi alle spalle questi malesseri immotivati. Dal 4 di Giugno 2011, Giove abbandonerà quella posizione fastidiosa per iniziare un piacevole percorso nel segno del Toro, allora qui si cambia, eccome!!! Basta pesantezza, nervosismo, agitazione e quant’altro vi disturba, potete cominciare ad abbandonarvi a tutto ciò che siete, astrologicamente intendo!!! E allora date sfogo alla vostra creatività, come al vostro mitico senso di “giustizia”!!! Il segno del Toro è un Venusiano, cioè sorretto da Venere, proprio come voi ed allora viva la seduzione come l’Arte, l’Amore e la Creatività e dal 4 Giugno 2011, cominciate a dare spazio e peso a tutte queste meravigliose capacità, dove sarete i migliori artefici!!! Tantissimi auguri e baci Astrologici!!! Arcano del 2011: Il Sole, magico arcano che tutto fa risplendere, ma ricordatevi, il vostro orizzonte inizia da Giugno!!!

13

23 ottobre-22 novembre

Lory Del Santo - 9 novembre Cari mitici seduttori dello Zodiaco spero abbiate sfruttato al meglio i consigli delle stelle per il 2010 perché il 2011 non sarà spettacolare come l’anno che se ne appena andato. Nel comunicarvi questo non sono molto contenta. Il transito di Giove nel segno dell’Ariete, dal 23 di Gennaio, fino al 4 di Giugno, non porta situazioni positive per il vostro temperamento. Il nervosismo farà da tiranno almeno fino a Giugno dopo di ché, sarà ancora più difficile, spiacente amici miei, ma non potrei mai dirvi delle bugie, non è corretto!!! Almeno astrologicamente!!! Dopo il 4 di Giugno, tutto diventerà ancor più difficile e la colpa sta nel transito di Giove nel segno del Toro, segno opposto al vostro!!! Forse la vostra esistenza verrà segnata da intoppi, disturbi e malesseri man mano che l’anno si porterà avanti, affidatevi ai passaggi planetari delle

www.ecodellariviera.it


14

Attualità

L’Eco della Riviera

giovedì 30 dicembre 2010

quattro stagioni come per esempio; Mercurio e Marte in Pesci dal 20 di Febbraio circa in poi Mercurio starà in quel segno fino al 9 Marzo, invece Marte soggiornerà fino al 2 Aprile, sempre da Marzo, ma dal 28 una splendida Venere in Pesci vi renderà molto seducenti, datevi da fare, sta solo fino al 21 Aprile; ci sarà uno speciale Mercurio in Cancro dal 17 Giugno al 2 Luglio e dal 5 Luglio al 29 dello stesso mese una magica Venere e continuando così piano, piano ricordandovi i vari passaggi del Sole nei segni d’acqua, durante il corso di questo 2011 spero di avervi donato uno spiraglio di luce e vi prometto che vi terrò informati con l’oroscopo settimanale!!! Un forte abbraccio ed un caloroso bacio!!! Arcano del 2011: La Forza, siete portatori sani !!! Auguroni!!!

23 novembre-21 dicembre

Gianni Morandi - 11 dicembre Simpaticissimi Sagittario anche per voi si prospetta un bel periodo veramente carico di cose buone e positive. L’entrata di Giove nel segno dell’ Ariete, nel giorno 23 di Gennaio, vi porterà tante novità; da dove comincio??? Dunque, per quel che concerne il lavoro, ci saranno notevoli sviluppi se avete intenzione di mettervi in società, cercate di farlo in maniera tempestiva ed oculata si intende. Potrete crearvi una vostra attività e se per caso siete già in opera in quel senso, non è detto che potreste allargare o migliorarla. Giove è un pianeta creativo e sempre positivo, detto ciò, volete rinnovare il vostro commercio??? Affrettatevi, non c’è tempo da perdere se lavorate per conto terzi, nessuno vi toglie un avan-

www.ecodellariviera.it

zamento o una promozione di ottimo livello!!! Complimenti vivissimi!!! Veniamo ai sentimenti dunque desiderate dare una forma concreta alla vostra relazione, è giunto il momento di farlo tempestivamente. State cercando il partner della vostra vita?? Beh, siete ancora lì? Muovetevi! Voi siete movimentati per temperamento e indole, non cincischiate, buttatevi, vi sto mettendo fretta??? Ma, a voi piace!!! Ho anche un valido motivo astrologico: Giove terminerà il suo transito nel segno dell’Ariete il 4 Giugno, dopo entrerà nel segno del Toro e forse il tutto, prenderà una piega “ingarbugliata” pesante e forse opprimente. Datevi da fare, regalatevi tutto quello che vi ho appena detto, dopo sarà più difficile!!! Tenete duro nobili centauri!!! Tanti auguri!!! Arcano del 2011: L’ Imperatore, che vi dicevo? Impera!!!

organizzare i vostri interessi, le aspettative come i progetti e i desideri, è un consiglio delle stelle e ricordate che, per quanto sia pesante una “posizione planetaria”, o dia difficoltà che sembrano insormontabili, non è poi così, anzi il tutto porta, poi, a situazioni positive ed allora come dicevo poco fa, dal 4 Giugno, potete cominciare a mettere in pratica i vostri progetti o sogni che vi siete organizzati; prima di quella “fatidica” data non tutti i “mali”vengono per nuocere!!! Insomma, sto cercando di dirvi di passare quei sei mesi “scarsi” per conto vostro, ed occupandovi solo di voi e delle vostre aspettative, di ogni natura esse siano. Mi ripeto, affettuosamente, siate circoscritti in quei pochi mesi dopo di chè buttatevi nel vivere quel che più vi aggrada e gratifica, e vi rende felice; avete dalla vostra parte un grande alleato e amico come Giove in transito nel segno del Toro. Sono un po’ “invidiosa”, invidia sana, intendo!!! Tanti auguri!!! Arcano del 2011: La Luna, non fatevi soggiogare dalla incertezza, non è il caso!!!

22 dicembre-20 gennaio

Umberto Eco - 5 gennaio Cari Capricorno il 2011 comincia per voi in “sordina” una lunga e irritante sordina e perché mai? La domanda sorge spontanea. Il transito di Giove nel segno dell’Ariete dal 23 Gennaio, e sono molto dispiaciuta nel dirvelo, non mancheranno forti malumori ed irritabilità; il tutto è “regalato” dalla posizione di Giove, che forma un quadrato, termine astrologico per indicare un “periodo” non consono a voi. Non allarmatevi e tenete duro. Voi siete dei “duri”, questa posizione si “dissolve” dal 4 di Giugno e l’entrata di Giove nel segno del Toro, segno di Terra come voi, vi donerà un mondo di cose buone e positive, insomma, giuste per voi. Nel periodo che va da Gennaio a Giugno cercate di

dove, dovete e potete, dare il meglio di voi. Innamoratevi e fate innamorare, organizzatevi per trovare il partner adatto a voi e perché no, sposatevi. Si sa, voi siete le persone giuste, per farlo in “quattro e quattro otto”. Viaggiate, buttatevi nel lavoro e cercate anche di arrivare ad un avanzamento, insomma, se avete delle “tappe”da bruciare, inceneritele anche in maniera veloce, non perdetevi per strada, il tempo si perde già da sé. Vorrei anche ricordare che avete, sempre vicino a voi, come per tutti i segni d’aria, il “tosto” Saturno in transito nel segno della Bilancia che sicuramente vi aiuterà a “vedere”meglio le “ambite” tappe. Vi sto mettendo sulle braci ardenti, me ne rendo conto, perché? Perché, dopo tutto questo sarà più difficile da svolgersi, potrebbero attuarsi rallentamenti e disturbi di ogni genere e natura, Giove inizierà il suo transito nel segno del Toro; non è la vostra storia, mi dispiace!!! Cercate di concretizzare velocemente il tutto e, mi ripeto, non perdetevi in bazzecole per “dindi rindina”!!! Ricordate che avrete il mio sostegno ogni settimana, sul giornale! I miei più sinceri auguri ed un bacione!!! Arcano del 2011: Le Stelle, stanno a guardarvi!

21 gennaio-19 febbraio

Vasco Rossi - 7 febbraio Adorabili e mitici amici “d’aria”, il 2011 sembra un anno pseudo transitorio, non è il vostro, ma non è poi così male. Lo so, dentro di voi vivete ancora gli strascichi di quel magico momento, dove Giove transitava nel vostro segno, ma si deve guardare oltre! E chi meglio di voi siete o non siete, i più “versatili”dello zodiaco? Allora le stelle vi consigliano: godetevi il transito di Giove nel segno dell’Ariete, dal 23 Gennaio al 4 Giugno

20 febbraio-20 marzo

“tanto” ed ecco cominciare un altro periodo, forse meno romantico ed interessante, ma pur sempre positivo. Giove inizia il suo percorso nel segno dell’Ariete, vostro vicino di casa e sarà un periodo leggermente aggressivo, e forse a volte vi sentirete poco motivati. Insomma, malgrado il passaggio planetario un po’ agressivo, la malinconia vi starà vicino, ma non temete e non lasciatevi condizionare da ciò. Dal 4 Giugno Giove lascerà il segno dell’Ariete per iniziare il suo percorso nel “segno amico” del Toro, così la malinconia non avrà motivo di esistere, i contrattempi si dissolveranno, l’aggressività lascerà spazio alla dolcezza e comprensione, anche se voi ne siete già molto dotati, ma ancora di più ce ne sarà! Godetevi questo passaggio planetario, godetevi tutto quel che vi porterà, realizzate i vostri progetti, ma quelli pratici, intendo. Si sa, Giove transiterà in un segno di terra, insomma un tipino molto concreto e pratico, dolce e romantico, ma con i piedi ben saldi al terreno. Forse è questo, quel che dovete imparare dal suo passaggio. Lasciatemelo dire, voi certo non brillate per “pratici e con i piedi per terra”, magari è più facile dirvi che siete dei romantici, ma pratici non direi, astrologicamente intendo. Sperando di non aver urtato la vostra sensibilità, vi invito nuovamente a dar spazio a quel passaggio che, son sicura, vi donerà molto e ricordando a tutti voi, e non solo voi, che i pianeti sono nostri amici fidati e sicuri! Arcano del 2011: La Torre, magico Arcano dell’improvviso.

Sharon Stone-10 marzo Cari amici oceanici, il vostro amico Giove lascerà il vostro segno, nel giorno 12 Gennaio. Ringraziate il pianeta che vi ha regalato veramente

E con l’ultimo segno dello Zodiaco vi auguro un goliardico, sorridente e spettacolare 2011. Baci astrologici!!! Osvy


Attualità

La verità sul mercato di via Barabino

Sanremo. Il mercatino di via Barabino alla Foce è in tono minore. Perchè? A riassumere il pensiero collettivo della “comunità di ambulanti” è l’ingegner Roberto Fiumara, proprietario di un vivaio locale, il quale, con l’aiuto della madre partecipa Fiumara ogni settimana al mercato di via Barabino, con il suo banco di piante e fiori recisi. “Un progetto partito in sordina - dice - forse anche a causa del periodo in cui è sorto, ma sono sicuro che crescerà. Finora abbiamo ricevuto risposte altalenanti da parte della clientela riscontrabili soprattutto nella scarsa pubblicità che è stata fatta a questa iniziativa. L’idea è buona, presenta svariati punti favorevoli per i consumatori. A Sanremo, da anni, arrivano prodotti da tutte le parti del mondo che soppiantano i nostri tipici. Trovo ridicolo e preoccupante vedere, nella “città dei fiori”, rose provenienti dal Sud America o dal Kenya. Per questo abbiamo deciso di prendere parte al mercato in via Barabino, per poter offrire alle persone un prodotto locale, sano, fresco, ben confezionato e a prezzi di produzione. La cosa che più ci irrita è che il Comune non fa nulla per rendere nota questa iniziativa. Si è limitato a posizionare divieti di sosta lungo via Barabino, per i giorni di mercato. Troppo poco”.. Alessio Pastorelli

L’Eco della Riviera

giovedì 30 dicembre 2010

15

Cervo La bella Iaia De Rose su Playboy Francesca De Rose, in arte “Iaia”, originaria di Cervo, è la nuova coniglietta sul numero natalizio di Playboy. La giovane Iaia, che ha condotto programmi televisivi su Italia Uno, ha partecipato attivamente a musical ed è stata protagonista di un video clip. Miss Padania nel 2002, sta scalando la parete rocciosa della carriera dello spettacolo ed è già a buon punto. Su Playboy una bellezza squisitamente nostrana.

Sanremo Vuoi un taglio ed una barba d’autore? Vai da Lino

Lino Mix Air, nella centralissima via Pallavicino, è il “barbiere di Siviglia” di Sanremo. A tutti augura un felicissimo Capodanno ed un magico 2011. Vi aspetta numerosi con tagli e novità di gran classe. Per tutto il prossimo anno il bravo e simpatico Lino offrirà agli affezionati clienti e a chi dirà “mi manda L’ECO” prezzi davvero speciali. Provare per credere!

www.ecodellariviera.it


PORTA L’ECO CON TE E RAMELLO TI TRATTERA’ ANCORA MEGLIO


Attualità

L’Eco della Riviera

giovedì 30 dicembre 2010

17

Bussana Vecchia, paese sempre più fantasma Perchè gli incontri col Comune per definire identità, proprietà e futuro si sono arenati?

Merillou

Sanremo. Quando si parla di Bussana Vecchia, ormai viene in mente il titolo di una soap opera brasiliana del 1999, intitolata “Força de um Desejo” (la forza del desiderio), perché ciò che da la spinta agli abitanti del villaggio di andare avanti, è proprio questa forza di manifestare civilmente le loro idee e il desiderio di avere delle risposte. Nell’ultima puntata, poco più di un mese fa, eravamo rimasti che l’amministrazione avrebbe nuovamente incontrato gli abitanti del

villaggio per fare un punto della situazione sui progetti futuri in programma per il recupero totale di Bussana Vecchia. Hanno detto Nicolas Stoppa e Marie Eve Merillou, improvvisati portavoce delle problematiche del borgo degli artisti: “dopo la prima riunione di fine ottobre 2010, aspettavamo con ansia la seconda prevista per fine novembre, ma con molto rammarico è stata rimandata a data da destinarsi. Al momento non ci resta che aspettare notizie dal comune…” Insom-

ma dopo i primi incontri e spiragli di una situazione davvero ingarbugliata, ora ci si è arenati aspettando che nel 2011 queste riunioni possano presto riprendere, soprattutto visto che il progetto di riqualificazione del villaggio e la sua situazione legale, legata a usucapione e tanto altro ancora, devono necessariamente andare avanti di pari passo. Comunque in questo mesetto, qualcosa si è mosso, infatti i tecnici del comune hanno presentato un progetto urbanistico sul villaggio, il quale previa analisi degli abitanti, potrebbe interessare, ma Nicolas e Marie Eve sottolineano: “Bussana Vecchia sta producendo un progetto complessivo come Panel Europeo, da analizzare a sua volta con l’ammi-

nistrazione comunale”. Il Panel è la "quantità" scelta su criteri rappresentativi, utilizzata per la misura statistica di uno specifico universo. Si tratta solitamente dell'insieme di persone o famiglie incluse in un'indagine campionaria. Ma secondo alcune indiscrezioni, nel passaggio dei beni che lo stato darebbe alle regioni ed enti locali, a sorpresa e stranamente, nell’elenco dei nomi il villaggio di Bussana Vecchia non sarebbe stato inserito e quindi il borgo terremotato rimarrebbe nelle mani dello Stato, con tutte le conseguenze del caso. E’ quindi necessario un interesse collettivo per adoperarsi a far che Bussana venga inserita in questo speciale elenco. E’ altresì importante capire, quanto il futuro di Bussana Vecchia possa interessare alla politica nostrana, impegnata tra Lele Mora e proclami vari. Bussana Vecchia è una realtà unica nel panorama nazionale della cultura e arte “alternative”. Vediamo se Sanremo riuscirà a perdere anche questa occasione. Parlando invece del punto

Stoppa di vista legale, entro l’anno dovrebbero svolgersi i processi in tribunale sull’usocapione, dove alcuni abitanti dovrebbero vedere regolarizzata la loro posizione abitativa. Se così fosse, questo sarebbe un piccolo grande passo per il futuro riconoscimento tout court del villaggio come luogo effettivamente abitato e vissuto e grazie al lavoro degli artisti, un paese conosciuto in Italia e nel mondo per la sua particolare peculiarità. Questa l’attuale situazione che vivono gli abitanti di Bussana Vecchia. C’è da augurarsi che la burocrazia italiana, assai bizantina, non spazzi via anche l’ultimo baluardo della memoria della nostra terra. Vi terremo aggiornati… Andrea Di Blasio

Sanremo

Ventimiglia

Bellezze di Capodanno e natalizie al Casinò

Battaglia dei fiori 2011 dedicata all’Unità d’Italia

Il Casinò ha affidato ad una squadra di “babbo natale” in gonnella il compito di fare gli auguri alla città e ai suoi visitatori. A partire da venerdì 24 dicembre dieci ragazze immagine con cappucci e mantelle rosse hanno iniziato a distribuire cioccolatini e depliant, promuovendo le proposte del capodanno sanremese. Un sorriso e un cioccolatino per dire “Buon Natale” ma soprattutto “Buon fortunato 2011 al Casinò”.

Molte le novità per l’edizione 2011 della Battaglia di fiori che si svolgerà il 18 e 19 giugno in cui si parlerà di “Unità d’Italia”.Vediamo nel dettaglio. Intanto la kermesse ventimigliese avrà una vetrina particolare ad Euroflora che si terrà a Genova da 21 aprile al 1 maggio. Non mancherà, nei giorni della Battaglia, un concorso internazionale, denominato “Boutique e bouquet”: con il coinvolgimento dei negozi cittadini che presteranno le loro vetrine per le composizioni floreali: eseguite da maestri infioratori e giudicate da esperti. La città sarà vestita a festa con le strade addobbate, per renderla più accogliente ed accattivante. Tra le altre iniziative nuove di zecca è in calendario una festa per i più giovani, in occasione della chiusura della scuola. E poi la regata, una volta dedicata al Corsaro nero.

www.ecodellariviera.it



Eco della Riviera n.51