Page 1


INDICE / INDEX

Le vostre vele, la nostra passione di famiglia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 Your sails, our family passion. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 Passione, prestazioni, forza e stile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 Passion, performance, strength and style. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 Classic. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 Classic. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 Alcuni dei nostri progetti di barche storiche. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 Some of our historic ship projects. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 Alcyon. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 Bona fide. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 Chinook . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 Eilean . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 Elena. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 Emilia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 Esterel. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32 Il Moro di Venezia I. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 Jalina. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38 The Lady Anne. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40 Sirius. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43 Tuiga. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45 Vistona . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48 Amerigo Vespucci. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50 Come lavorare insieme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56 How to work together. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56 Cosa fare ora? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59 What to do now?. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59

1


LE VOSTRE VELE, LA NOSTRA PASSIONE DI FAMIGLIA

B

B

Il progetto di diventare velaio nasce negli Anni 70, un po’ per gioco ed un po’ per sfida, con un curioso aneddoto:

In 1970s he decided to become a sailmaker, both for fun and to challenge himself. There is a fascinating anecdote about how that project originated:

eppe Zaoli, fondatore dell’omonima veleria, nasce a Sanremo in una casa sulla spiaggia e si dice che abbia imparato prima a veleggiare che a camminare. La passione per il mare, la vela e le regate gli è stata trasmessa dal padre Floriano ed è diventata per Beppe una filosofia di vita.

Da sempre appassionato dello Snipe, Beppe compra un nuovo gioco di vele per il suo “Mia”. Purtroppo, dopo la prova in mare, l’entusiasmo del nuovo acquisto viene disatteso: le nuove vele, ed in particolare il fiocco, non erano quelle che avrebbe voluto. La regata era ormai alle porte e non c’era più il tempo per ordinare un nuovo fiocco. In quel periodo aveva da poco conosciuto Rossana, che diventerà sua moglie e parte attiva della veleria, e la coinvolge in una avventura dicendo: “Non posso fare la regata con questo fiocco, dobbiamo

2

YOUR SAILS, OUR FAMILY PASSION eppe Zaoli is the founder of the namesake sailmaking company. He was born in a beachside house in Sanremo, and people say he learned to sail before he would learn to walk. The passion for sea, sailing and regattas came from his father Floriano and became Beppe’s own way of life.

Beppe had been always keen on racing in the Snipe class; he bought a new set of sails for his boat named Mia, but all of his enthusiasm about the new purchase was gone after a sea test: the new sails were not what he expected, especially the jib. The race was fast approaching and there was no longer time to order a new jib. At that time he had recently met Rossana, who would then become his wife and an active part of the company, so he involved her in this adventure; he said: “I can’t take part in the race with this


fare una nuova vela!” e la risposta di Rossana fu: “Non c’è problema! Cosa vuoi che sia cucire un triangolo di tessuto bianco…”

jib, we need to make a new sail!”, and Rossana’s answer was “No problem! It’s as easy as sewing a white cloth triangle...”

Si va a comperare dieci metri di tessuto da vela, filo ed occhielli, si consulta una serie di manuali sulla progettazione delle vele, e si parte…non fu esattamente una passeggiata, ma con quel fiocco Beppe vinse la regata.

So they bought ten metres of sailcloth, some thread and eyelets, they read some sail design handbooks and… off they went! It wasn’t exactly a piece of cake, anyway Beppe won the race with that jib.

Da quel giorno il loro futuro è tracciato: Beppe e Rossana vogliono continuare a produrre vele. Hanno bisogno però di aumentare le loro competenze e con la sfacciataggine che solo due giovani ragazzi possono avere, si presentano alla porta di una nota veleria americana, che ha sede nella loro zona, chiedendo se potevano insegnare loro a fare le vele. Il responsabile della veleria accetta la proposta e si ritrovano a fare un periodo di apprendistato nella veleria dove imparano molto e Beppe inizia a fare regate anche professionalmente.

That day, the future was mapped out: Beppe and Rossana wanted to go further in sailmaking. They needed to improve their skills, though. With this purpose in mind and with the sheer nerve that only young people have, they showed up at a well-known American sail loft based in their area, asking to be taught to make sails. The head of the sail loft accepted, and during their sailmaking apprenticeship they learned a lot. Meanwhile Beppe also began to take part in yacht races as a professional.

Beppe Zaoli, fondatore e presidente della Veleria Zaoli

Rossana Paloschi Zaoli, gestisce da Dopo qualche tempo, nel 1979, In 1979 the American company sempre la produzione della veleria la veleria americana decise di decided to close the sail loft and chiudere e spostare la produzione move production elsewhere. This in un’altra sede. A questo punto la giovane coppia is when the young couple made an important prende una decisione importante: rilevare la decision: they would take over the sail loft. They veleria. Si rimboccano le maniche e iniziano la rolled up their sleeves and started that new loro nuova avventura con dedizione, impegno, adventure with dedication, commitment and passione e con il nuovo marchio Zaoli. passion, under the new Zaoli brand.

Negli anni la veleria continua a crescere, la sede si sposta da Sanremo a Ospedaletti per adattarsi alle mutevoli richieste del mercato per arrivare infine nel 2011 all’attuale loft all’interno della Marina degli Aregai a Santo Stefano al Mare (IM). Con 2.500 mq di superficie e un team composto da 26 persone, la veleria è strutturata per realizzare qualsiasi tipo di vela: dalle derive e i

Over the years the business went on growing. In order to adapt to the ever-changing market demands, the company moved from Sanremo to Ospedaletti, and in 2011 to the present sail loft in Marina degli Aregai, Santo Stefano (IM). Extending on a surface of 2,500 square meters, and boasting a team of 26 people, the sail loft is well equipped to make any type of sail: from

3


Andrea e Vittorio Zaoli dal 2005 diventano parte operativa della veleria.

monotipi ai Mega Yachts, dalle barche da crociera a quelle da regata con un particolare focus sulle barche d’epoca. Inoltre, grazie alla sua posizione strategica di fronte alle banchine, la veleria è facilmente raggiungibile direttamente con la barca per facilitare le operazioni di carico/scarico vele.

4

dinghies and monotypes to Mega Yachts, from cruising to racing boats with a special focus on vintage yachts. Thanks to its ideal location in front of the docks, the loft is easily accessible by boat, making the process of loading and unloading sails simple and smooth. Over time, their sons Andrea and Vittorio began to work in the sail loft too, and the company took much benefit from their innovative ideas, organizational skills as well as the passion that they share with their family.

Nel tempo anche i figli Andrea e Vittorio hanno iniziato a lavorare in veleria dando un grande contributo con le loro idee innovative, le capacità organizzative e la passione che contraddistingue da sempre tutta la famiglia. Importante è stato anche l’ingresso nella società di Andrea Mannini come

Andrea Mannini direttore settore One Design

Another important contribution came from Andrea Mannini, who joined the company as head of One


responsabile del settore derive. Per più di 10 anni ha lavorato con i migliori team di 470 con un unico obiettivo: la medaglia d’oro alle Olimpiadi. Con un continuo lavoro di progettazione e ottimizzazione e con grande impegno e sacrificio. Andrea riesce nell’intento di portare le vele Zaoli sul più alto gradino del podio alle Olimpiadi di Rio de Janeiro nel 2016, grazie all’equipaggio croato del 470 Šime Fantela/Igor Marenić. Nella realizzazione di una nuova vela niente è lasciato al caso. Nei progetti riguardanti Maxi e Mega Yachts la progettazione è affidata ad un partner di grande esperienza: Antoine Bonnaveau. velaio dal 1978 e sail-designer dal 1987. Ha all’attivo ben 6 Campagne di America’s Cup: con Team Francia come velaio nel 1987 e 1995; con Luna Rossa 2003, 2007, 2013 e BMWOracle Racing 2010 in qualità di sail performance analyst. È partner di “BSG-developments” un’azienda che realizza software per la progettazione delle vele.

Design department. For more than 10 years he worked with the best 470 Class teams with one goal in mind: to win a gold medal at the Olympic Games. Carrying on his design and optimization work with much commitment and sacrifice, Andrea finally succeeded in taking Zaoli sails to the highest pitch of the podium at the 2016 Olympic Games in Rio de Janeiro, thanks to the Croatian 470 sailors Šime Fantela/Igor Marenić. When making a sail, nothing is left to chance. The design of sails for Maxi and Mega Yachts is entrusted to the long-experienced partner Antoine Bonnaveau. He’s been working as a sailmaker since 1978 and as a sail designer since 1987; he has no less than 6 America’s Cup campaigns under his belt: as a sailmaker, with France Team in 1987 and 1995; as a Sail Performance Analyst, with Luna Rossa in 2003, 2007, 2013 and with BMW-Oracle Racing in 2010. He is a partner of BSG Developments, a software company providing solutions for the sailmaking industry.

Šime Fantela e Igor Marenić esultando per la vittoria dell’oro olimpico a Rio 2016

5


PASSIONE, PRESTAZIONI, FORZA E STILE

D

al 1979 queste sono le quattro caratteristiche principali con le quali la veleria Zaoli lavora, allo scopo di migliorare continuamente il processo produttivo delle sue vele, disegnate per barche e situazioni diverse tra loro come possono essere la crociera, il mondo delle barche d’epoca, i maxi yachts, i monotipi e le lunghe navigazioni oceaniche. Passione, prestazioni, forza e stile: è la filosofia del marchio Zaoli.

Zaoli Sails è la veleria di riferimento sia per vele in monotipia che per realizzazioni custom, e in quanto tale utilizza le tecnologie più moderne e all’avanguardia per garantire la performance dei suoi prodotti. Il suo team, competente ed esperto, ha contribuito a costruire la reputazione della veleria grazie all’attenzione per i dettagli, producendo vele della più alta qualità e vincenti in regata.

6 Vele per Optimist in partenza per una regata

PASSION, PERFORMANCE, STRENGTH AND STYLE

F

rom 1979, these are the four major characteristics with which Zaoli Sails works in order to always search the finest process for the realization of their sails, designed for any type of boats and performances such as Cruising, Classic, Maxi Yacht, One Design and long oceanic navigation. Passion, performance, strength and style – is the philosophy of the Zaoli brand. As a leading manufacturer of one-design and custom sails, Zaoli Sails uses the most advanced and cutting-edge technology to guarantee the performance of our products. Our highly-skilled and talented team have built the Zaoli reputation on attention to detail, producing race winning sails of the highest quality.


470 Zaoli Team

7 Šime Fantela and Igor Marenić gold medal Rio 2016


Imbarcazione Seawonder, vincitore di numerose regate nel mediterraneo

8


La veleria produce We produces sails vele per tutta la across the spectrum gamma di questo of the sport; sport: invela classi powering junior giovanili, flotte Classes, Olympic olimpiche, barche da fleets, cruising yachts, crociera, barche da offshore yachts, altura, barche d’epoca classic yachts and ed è presente sui più the grand prix racing importanti campi da scene. regata internazionali. We work closely Lavora a stretto with owners and contatto con armatori Ange Trasparent 2, Swan 45, vincitore della Capri Sailing Week 2017 sailors to fully e velisti, per capirne pienamente le esigenze e understand their needs and produce the realizzare il miglior prodotto possibile, dalla optimum product, from design to completion. progettazione fino all’ultimazione. La squadra Team Zaoli are amongst some of the world’s Zaoli conta alcuni dei migliori velisti al mondo, most talented sailors, competing on the che regatano nei circuiti internazionali provando international racing circuit, continuously ed ottimizzando le sue vele. testing and refining their sails. Dal 1979 la veleria, nata come piccolo laboratorio, si è completamente trasformata ed è diventata un importante gruppo internazionale. Può operare in ogni settore di questa attività, mantenendo inalterati i valori originari di alto artigianato sui quali è stata fondata.

From 1979 Zaoli Sails, born as a small laboratory, has completely transformed and has become an important international group. Zaoli Sails can operate in every sector of sails making, always keeping the original handicraft values upon which Zaoli Sais was founded.

Grazie ai suoi metodi all’avanguardia e all’enorme disponibilità di spazio di lavoro garantisce a tutti i suoi clienti tempi di produzione e consegna rapidi (due settimane), supporto tecnico durante il tuning delle vele, test in mare e il controllo finale della barca.

Thanks to the cutting edge technology of development and to the enormous amount of space available Zaoli Sails can guarantee fast production and delivery (two weeks), technical support during the sail tuning, testing in the open sea and the final boat check up to all its customers.

“Ogni vela ha una garanzia di due anni ed il controllo gratuito a fine stagione. Ogni singolo prodotto è progettato con i software più avanzati e tagliato ad hoc da due plotter, a seconda della sua tipologia. Ogni vela è creata con uno strumento unico: la passione”.

“Every sails come with two years of warranty and a check-up is offered at the end of the season. Every single product is designed with the latest software and specifically cut depending on the type by two plotters. Every single sail is created with a unique tool: the passion.”

9


10


Swan 601 Wohpe

11


CLASSIC

L

a nostra linea per barche classiche rappresenta il perfetto connubio tra tecnologie moderne e stile antico.

O

Infatti le vele, disegnate al computer e tagliate da plotter moderni, sono progettate tenendo in considerazione i sistemi tradizionali di lavorazione, e moltissimo tempo è dedicato alla ricerca storica ed allo studio dei piani velici originali.

The sails in fact, designed by computers and cut by modern plotters, are projected considering the systems of traditional working, where a lot of time is dedicated to the historical research and study of original sail plans.

ur Classic Boat sails line represents a perfect marriage between modern technologies and old style.

Punto di scotta randa Tuiga

12

I disegni delle vele sono riprodotti con fedeltà assoluta, mentre gli accessori e le finizioni sono realizzati con gli stessi materiali usati nel passato, per rispettare le peculiarità e la storia di ogni barca d’epoca.

The designs of the sails are reproduced with absolute fidelity while accessories and finishings are realized with the same materials used in the past, in order to respect the particularities and the history of every single classic boat.

Ogni fase della lavorazione viene svolta all’interno della veleria ed ogni vela è creata con passione, il valore aggiunto che contraddistingue le vele Zaoli.

Every sail is created with passion, the extra value which always points out the difference of Zaoli Sails products as none of our production steps are outsourced.


Particolare randa Elena

13 Finizione penna Yankee con anello cucito a mano e rastrematura della corda di inferitura


ALCUNI DEI NOSTRI PROGETTI DI BARCHE STORICHE

SOME OF OUR HISTORIC SHIP PROJECTS

ALCYON Introduzione degli armatori Edith and Marc Frilet: Alcyon 1871 è la prima vera riproduzione dei famosi yacht da crociera/regata Houari i quali, a partire dal 1855, per oltre 30 anni primeggiarono nelle regate mediterranee. Queste barche erano delle pioniere, avendo una superficie velica più che doppia rispetto a qualsiasi altra barca da regata della stessa misura, quindi la scelta del velaio era fondamentale. Ad esempio, l’enorme antenna di legno di oltre 10 metri deve flettere in una certa maniera e la vela deve assecondarla.

14

Introduction of shipowners Edith and Marc Frillet:

Edith e Marc Frilet, armatori di Alcyon

Quando regatavamo su Oriole abbiamo sentito per la prima volta parlare delle vele Zaoli e della passione di Beppe per le regate d’epoca; iniziare a collaborare con lui è stata una conseguenza naturale. Negli ultimi 4 anni ha contribuito, in maniera al contempo professionale ed amichevole, alla progettazione ed ai test di 6 vele e di un Ballonnier, ognuna delle quali andava bene sin da subito, nonostante i requisiti richiesti fossero alquanto complessi e non ci fossero precedenti a cui rifarsi. Edith e Marc Frilet

Alcyon1871 is the first authentic replica of the famous Houari Racer cruisers: they were on the forefront of mediterranean races for over 30 years from 1855’s, pioneers having more than twice the sail area of any other racing boat of the same size; so the choice of a sailmaker was critical. As an example, the huge free wooden antenna of over 10 meters needs to bend in a certain manner and the sails must follow.

When racing on Oriole we heard for the first time of Zaoli sails and the passion of Beppe for classic racing, and we naturally engaged with him. In the last 4 years he contributed in a most friendly and professional manner to the design and test of 6 sails and Ballonner, fitting each time immediately despite most complex requirements and hardly no precedent. Edith and Marc Frilet


15


Tipo / Type

Spirit of tradition yacht

Progettista / Designer

Gilles Vaton (France)

Costruttore / Builder

Daniel Scotto Di Perrotolo(Marseille-France)

Anno / Year

2013

Storia

Story

I 9,38 metri dello scafo sono quasi nulla rispetto alla lunghezza, pari a 21 metri, compresa tra la fine del bompresso e la varea del boma.

Her hull length (9,38 m) is almost nothing compared to the 21 m of length between boom and bowsprit.

Alcyon è stata costruita nel 2013, commissionata da Edith e Marc Frillet, francesi di Marsiglia, che hanno voluto ricostruire l “Houari Marseillais” che il loro trisavolo aveva nel 1871. Questo tipo d’imbarcazione è caratterizzata da un’imponente velatura aurica alla portoghese.

16

Alcyon was built on demand in 2013 for Edith and Marc Frillet, a French couple from Marseille who wanted to rebuild their great-great grandfather’s 1871 “Houari Marseillais”. This boat type has impressive auric sails in Portuguese style.


Alcyon ha il fasciame in legno di cedro rosso, l’ossatura in quercia e mogano e la coperta in legno verniciato. Ha partecipato ai raduni di Imperia, Montecarlo, Marsiglia, Porquerolles, La Ciotat, Cannes e Saint Tropez regatando nella classe ‘Vintage aurici’.

Alcyon has a red cedar planking, an oak and mahogany framework and a painted wooden deck. She took part in the regattas in Imperia, Montecarlo, Marseille, Porquerolles, La Ciotat, Cannes and Saint Tropez, racing in the ‘Auric Vintage’ category.

Dati Lunghezza dell’armamento / Length over spars:

9.38

Lunghezza al galleggiamento / Waterline length:

8.00

Larghezza / Beam:

3.60

Pescaggio / Draft:

1.81

Superficie velica / Sail area: Dislocamento / Displacement:

151.00 5.87

17


BONA FIDE Introduzione dell’armatore Giuseppe Giordano:

Introduction of shipowner Giuseppe Giordano:

Beppe è il Maitre Voilier di Cerida e Bona Fide dal 1999. Tanti anni di passione e entusiasmo con lui e con Andrea e Vittorio. Sperimentazioni continue nella infaticabile ricerca del rigore storico. Una indimenticabile avventura.

Beppe is Cerida’s and Bonafide’s “Maitre Voilier” since 1999. It’s been so many years of passion and enthusiasm with him, Andrea and Vittorio; it’s been continuous tests and experiments, recklessly pursuing historical fidelity. It’s been an unforgettable adventure.

Giuseppe Giordano Come abbiamo lavorato con Bona Fide:

How we worked with Bona Fide:

Durante il progetto di restauro di Bona Fide, seguito dal “Cantiere dell’argentario” ci siamo impegnati a riprodurre il piano velico il più possibile conforme al progetto originale, ed abbiamo costruito delle vele che rispecchiassero anche dal lato estetico le lavorazioni e le tipologie di materiali dell’epoca.

During the restoration of Bona Fide by the Italian shipyard Cantiere dell’Argentario, we committed to reproduce a sail plan that would match the original project as much as possible. We made a set of sails whose appearance recalls the materials and working methods that were in use at that time.

Il tessuto, il tipo di taglio (all’inglese per i fiocchi e verticale per la randa, con pannelli bassi e cuciture marroni), gli occhielli (rigorosamente cuciti a mano così come le finizioni in pelle ed i moschettoni) hanno contribuito ad ottenere delle vele che, oltre alle performance, danno alla barca un fascino particolare.

The cloth, the cut type: English style for the jibs and vertical for the mainsail, with low panels and brown stitches, the eyelets that were meticolously hand-sewn as well as the leather finishes and the spring hooks: all this resulted in a set of sails that give the yacht a special fascination as well as good performances.

Storia 18

Giuseppe Giordano

Tipo / Type

Epoca / Vintage

Progettista / Designer

Charles Sibbick

Costruttore / Builder

C. Sibbick & Co.

Anno / Year

1899

Sfidando resistenze e pregiudizi, l’inglese Charles Sibbick nel 1899 disegnò e costruì nel suo cantiere di Cowes una barca che in vista delle competizioni al di là della Manica

Story

Defying all sorts of resistance and prejudice, in 1899 the English designer Charles Sibbick designed, and then built in his yard at Cowes, a yacht according to the Godinet rule ( Jauge


si sarebbe adeguata alla formula di Godinet, ovvero alla Jauge Nationale Française.

Nationale Française) for taking part in competitions on the other side of the Channel.

La barca, che era Bona Fide, nei primi mesi del 1900 fu portata in Normandia e quindi sulla Costa Azzurra, dove cominciò a far regate e a mietere successi, 15 vittorie e 6 secondi posti.

This yacht was named Bona Fide. In early 1900 she was to Normandy and then to the French Riviera, were she began to take part in races and to reap success (15 victories and 5 second places).

Nel maggio dello stesso In May of the same anno fu trasferita a Meulan year she was brought to nei pressi di Parigi, perché Paris to take part at the vi sarebbero state disputate second Olympic Games le gare delle seconde of the modern era, Olimpiadi dell’età moderna, Bona Fide in configurazione Drifter e Trinchetta which introduced sailing nelle quali per la prima volta leggera ottimale per andature dai 70 ai 110 gradi events for the first time. era ammessa anche la vela. Having being delayed by Giunta in ritardo per intralci burocratici, Bona red tape, Bona Fide could not take part in Fide non poté partecipare alla prima prova, ma si the first race, but she still won the Olympic aggiudicò comunque la medaglia olimpica. medal.

19


Portata in seguito sui laghi italiani (di Como e poi Maggiore), Bona Fide vi è rimasta per una trentina d’anni, usata sempre più per il diporto e sempre meno per le regate. Nel 1962 subisce le maggiori alterazioni in quanto l’armo aurico viene sostituito da uno bermudiano e al posto della lunga barra del timone viene posta una ruota. Il degrado si converte in abbandono, in cui resta fino al 1999. Condotta in cantiere, dopo tre anni di pazienti lavori, il 19 giugno 2003 Bona Fide è gloriosamente tornata in mare e nelle regate per barche d’epoca ha ripreso la sua impressionante serie di vittorie.

Bona Fide was then brought to Italian lakes (Como Lake and then Maggiore Lake), where she remained for around thirty years, to be used more as a pleasure boat than as a racing yacht. She underwent the most significant alterations in 1962, when the auric rigging and the long tiller were replaced respectively by a Bermudan rigging and a steering wheel. The degradation became abandonment, and she remained in that state until 1999. Bona Fide was then brought to the shipyard, and in 2003, after three years of accurate work, she gloriously went back to sea and resumed an impressing winning streak in vintage yachts regattas.

Dati Tipo di Yacht / Yacht Type:

20

Cutter Aurico / Auric Cutter

Lunghezza dell’armamento / Length over spars:

16.10

Lunghezza dello scafo / Hull length:

13.60

Lunghezza al galleggiamento / Waterline length:

8.84

Larghezza / Beam:

2.50

Pescaggio / Draft:

1.86

Superficie velica / Sail area:

110.00

Dislocamento / Displacement:

11.40


CHINOOK

Storia

Tipo / Type

Epoca / Vintage

Progettista / Designer

Nathanael G. Herreshoff (Bristol – Usa)

Costruttore / Builder

Herreshoff Man. Co. (Bristol – Usa)

Anno / Year

1916

Chinook (numero velico NY-48), ex Pauline, appartiene alla classe dei NY 40, i cosiddetti ‘Fighting Forties’. È uno dei 14 scafi realizzati

History

Chinook (sail number NY-48), formerly named Pauline, belongs to the NY 40 class, the famous “Fighting Forties”. She is one of the 14 yachts

21


22


tra il 1916 e il 1926 su commessa di un gruppo di soci del New York Yacht Club. Se ne contano non più di quattro esemplari ancora naviganti, tra cui Rowdy (1916) e Marilee (1926). Quest’ultima e Chinook sono le uniche ad essere armate a cutter aurico.

that were built on demand between 1916 and 1926 for some New York Yacht Club members. There are no more than four of them still sailing, including Rowdy (1916) and Marilee (1926). The latter and Chinook are the only ones with an auric cutter rig.

È stata costruita contemporaneamente insieme ad altre 11 gemelle in soli 6 mesi, a cavallo tra il 1915 e 1916. Chinook, acquistata nel marzo 2010 a Newport dallo skipper irlandese Jonathan Greenwood e Sandra Ugolini, è stata trasferita via cargo a Genova e quindi a Bizerta, in Tunisia.

She was built along with her 11 sister ships in just 6 months between 1915 and 1916. Chinook was purchased in March 2010 in Newport by Jonathan Greenwood, the Irish skipper, and Sandra Ugolini, and then shipped via cargo to Genoa and subsequently to Bizerta, Tunisia.

Il successivo proprietario, Graham Walker, già plurivincitore del Trofeo Panerai con Rowdy, la rivende al londinese Paolo Zannoni, che nel 2016 si aggiudica il Trofeo Panerai nella categoria “Epoca”.

Graham Walker, the next owner as well as the winner of several Panerai trophies with Rowdy, sold her to the Londoner Paolo Zannoni, who won the Panerai Trophy in the “Vintage” category in 2016.

Dati Lunghezza dell’armamento / Length over spars:

19.80

Lunghezza al galleggiamento / Waterline length:

12.50

Larghezza / Beam:

4.40

Pescaggio / Draft:

2.60

Superficie velica / Sail area:

240.00

Dislocamento / Displacement:

23.00

23


EILEAN Tipo / Type

Epoca / Vintage

Progettista / Designer

William Fife III

Costruttore / Builder

William Fife & Son

Anno / Year

1937

Storia

Eilean, che significa piccola isola in gaelico, nacque presso i cantieri Fife per i fratelli Fulton. Negli anni Settanta fu acquistata dall’architetto-marinaio inglese John Shearer, che visse a bordo tra l’Europa e l’isola di Antigua. Nel 1982 diventò set per il videoclip “Rio” dei Duran Duran. Nel 2006 l’azienda di alta orologeria Officine Panerai la acquistò e la trasferì via cargo a Viareggio presso il cantiere Francesco Del Carlo, per un restauro integrale e filologico durato tre anni. Questo ketch, che ha compiuto 36 traversate atlantiche, è tornata in mare il 22 ottobre del 2009, a La Spezia. Nell’Aprile 2010 vince il “Premio Italia per la Vela come Migliore Restauro per Barca d’Epoca” e viene varata con un nuovo gioco di vele Zaoli.

History

Eilean (“small island” in Gaelic) was built by the Fife shipyard for the Fulton brothers. In the 1970s she was purchased by John Shearer, an English architect and sailor who lived on board between Europe and the island of Antigua. In 1982 she was used as the set for the music video of Duran Duran’s song “Rio”. In 2006 she was purchased by the luxury watch manufacturer Officine Panerai and shipped via cargo to the Francesco Del Carlo shipyard in Viareggio, where she remained for three years for a complete and meticulous restoration. This ketch, that has completed 36 Atlantic crossings, returned to sea on 22nd October 2009 in La Spezia. In April 2010 she won the award “Premio Italia per la Vela” for Best Vintage Boat Restoration, and was launched with a new set of Zaoli sails.

Dati Tipo di Yacht / Yacht Type:

24

Ketch Bermudiano

Lunghezza dell’armamento / Length over spars:

25.60

Lunghezza dello scafo / Hull length:

22.20

Lunghezza al galleggiamento / Waterline length:

15.52

Larghezza / Beam:

4.65

Pescaggio / Draft:

3.25

Superficie velica / Sail area:

301.00

Dislocamento / Displacement:

50.00


25


ELENA Introduzione del comandante Steve McLaren Elena è una imbarcazione che naviga tutto l’anno, in Mediterraneo d’estate e ai Caraibi durante l’inverno. Percorrendo molte miglia a vela, una delle nostre principali esigenze è potere contare su una veleria che possa darci sia un prodotto valido, sia la garanzia di una tempestiva assistenza.

26

Introduction of captain Steve McLaren The S/V Elena sails all year long: she spends her summers in the Mediterranean and on winters she moves to the Caribbean.

She sails a huge amount of miles, so one of our main concerns is to collaborate with a sailmaker who can Steve McLaren, comandante di Elena give us both good sails and a reliable sail care service.

La Veleria Zaoli in questi sei anni di collaborazione è sempre stata puntuale nelle consegne e ci ha fornito ottime vele, sia per le regate che per le numerose navigazioni oceaniche.

During our six-years-old collaboration with Zaoli Sailmakers, we always enjoyed in-time deliveries and excellent sails, both for racing and for our countless ocean passages.

Steve McLaren

Steve McLaren


Elena e Zaoli: una storia adrenalinica

Elena and Zaoli: an exciting story

Dopo avere partecipato alla “Schooner Cup” a Sanremo, il comandante Steve McLaren ed il suo armatore si sono resi conto che avevano bisogno di più tela per potere controllare gli avversari con vento leggero, abbiamo fatto uno studio su come potere sfruttare la massima superficie alle portanti e la soluzione è stata realizzare due asimmetrici da portare contemporaneamente. Naturalmente era necessario avere le due vele pronte per la regata seguente, due settimane dopo, e per stupire si è deciso di realizzare uno splendido logo rosso.

After taking part in the “Schooner Cup” in Sanremo, the skipper Steve McLaren and the owner realized that they needed more canvas to counter their opponents under light wind. We seriously studied how to exploit the widest area at the carriers, and resolved to make two asymmetric spinnakers to be used along each other, with a total area of nearly 2,000 square meters. Of course these two sails needed to be ready for the next race that was in two weeks, and we decided to add a beautiful red logo to impress.

Abbiamo realizzato per Elena diverse vele, rande, fiocchi, controrande, ecc. Tra questi lavori, anche due spinnaker asimmetrici di cui uno con un grande logo rosso per un totale di quasi 2.000 mq. realizzati in 10 giorni appositamente per le “Regates Royales de Cannes” 2016.

Da sempre possiamo contare sul nostro staff, molto motivato e coinvolto. Come in un sogno, il giorno prima della regata le vele erano a bordo, e per gli avversari non ci fu storia…

We made several sails for Elena, including mainsails, jibs, gaff-topsails etc., and two asymmetric spinnakers, one of which bearing a big red logo, for a total of nearly 2,000 square meters made in 10 days specifically for the 2016 edition of the “Regates royales de Cannes”.

As always we could count on our motivated and engaged staff, and thanks to their help it all went like a dream: the day before the race the sails were on board, and the opponents never had a chance...

27


28


Tipo / Type

A class racing schooner

Progettista / Designer

Nathanael G. Herreshoff

Costruttore / Builder

Factoria Naval De Marin Galicia, Spain

Anno / Year

2009

Storia

Story

Le istruzioni di Plant per il progetto furono precise: fammi una goletta che possa vincere! Herreshoff diede a Elena una chiglia leggermente più profonda di quanto si usasse all’epoca, abbassandole così il centro di zavorra e migliorandone le capacità boliniere. Appena uscita dal cantiere, Elena vinse la maggior parte delle prime regate contro il meglio della flotta americana di golette. Diciassette anni dopo raggiunse la gloria, vincendo nel 1928 la Trans-Atlantic Race.

Plant gave a wonderful design brief: build me a schooner that can win! Herreshoff gave Elena a slightly deeper keel than preceding designs of that time, lowering her centre of ballast, which improved her windward ability. Fresh out of the shed, Elena won most of her early races against the cream of the American schooner fleet. Seventeen years later came her crowning glory - victory in the 1928 TransAtlantic Race.

Nel 1910 Morton Plant commissionò la progettazione di Elena all’architetto navale americano Nathanael Herreshoff, il cosiddetto “mago di Bristol”, che era celebre per aver progettato barche a vela per l’elite Americana.

In 1910 Morton Plant commissioned Elena to be designed by American naval architect Nathanael Herreshoff, the “Wizard of Bristol”, who was famed for designing sailing yachts for America’s elite.

Dati Lunghezza dell’armamento / Length over spars:

55.00

Lunghezza dello scafo / Hull length:

41.60

Lunghezza al galleggiamento / Waterline length:

29.60

Larghezza / Beam:

8.14

Pescaggio / Draft:

5.20

Superficie velica / Sail area:

1.800

Dislocamento / Displacement:

215.00

29


EMILIA Introduzione del co-armatore Valter Pizzoli

Introduction of co-shipowner of Emilia

Amore a prima vista per una storica barca a vela da regata non sempre succede, con Emilia lo è stato. Riportarla tra i primi posti in regata con I consigli di Beppe Zaoli e le sue vele è stato entusiasmante.

Love at first sight with a historical racing yacht doesn’t happen that often, but this was the case with Emilia. To bring her back on top racing positions, following Beppe Zaoli’s advices, was amazing.

Valter Pizzoli

Storia

Valter Pizzoli, co-armatore di Emilia

Tipo / Type

Epoca / Vintage

Progettista / Designer

Attilio Costaguta

Costruttore / Builder

Cantiere Costaguta

Anno / Year

1930

Fu progettato da Attilio Costaguta come 12 Metri S.I. quale regalo del Sen. Giovanni Agnelli al genero Nasi. La sua improvvisa partenza per l’America del Sud portò alla vendita dello scafo alla famiglia Bruzzone ed al cambio dell’armo in goletta Marconi. Battezzata Emilia in onore della madre di Attilio Bruzzone, partecipa per una decina d’anni alle regate crociera di quell’epoca con buoni risultati.

30

Story

Valter Pizzoli

This boat was originally designed by Attilio Costaguta following the International Rule of the 12 meters as a gift from the Senator Giovanni Agnelli to his son-in-law Carlo Nasi. Due to his unexpected departure to South America, the vessel was sold to the Bruzzone family, and her rigging was changed to a Marconi schooner. She was named Emilia in honour of Attilio Bruzzone’s mother and took part in several cruising regattas


Nel 1940 viene venduto al banchiere Alfredo Coppola che lo mantiene in perfetto stato. Alla sua morte (anni settanta) diviene di proprietà di Giorgio Trani e nel 1988 lo yacht viene sottoposto ad un completo restauro presso il cantiere Beconcini su progetto di Ugo Faggioni. Poi, dieci anni più tardi, un nuovo restauro in Costa Azzurra fin che, nel 2005 viene riportato all’armo originale ed invelata con l’intero gioco di vele Zaoli.

for about ten years with encouraging results. In 1940 she was sold to the banker Alfredo Coppola, who kept her in perfect condition. Upon his death (1970s), her ownership was transferred to Giorgio Trani, and in 1988 the yacht underwent a complete restoration at the Beconcini shipyard, following the project by Ugo Faggioni. Ten years later, she underwent another restoration in the French Rivera, and in 2005 she was converted to the original rigging and equipped with a full set of Zaoli sails.

Dati Tipo di Yacht / Yacht Type:

12 Metri S.I.

Lunghezza dell’armamento / Length over spars:

20.93

Lunghezza dello scafo / Hull length:

20.93

Lunghezza al galleggiamento / Waterline length:

14.36

Larghezza / Beam:

3.74

Pescaggio / Draft:

2.95

Superficie velica / Sail area:

204.00

Dislocamento / Displacement:

28.00

31


ESTEREL

Storia

Tipo / Type

Epoca / Vintage

Progettista / Designer

L. Léon Sébille

Costruttore / Builder

Chantiers De M. Léon Sébille et Grossi (France)

Anno / Year

1912

Esterel è un 8 Metri Stazza Internazionale con velatura aurica, costruito secondo la prima versione della formula. Commissionato all’epoca dai fratelli Michel, nel 1990 è stato acquistato da Patrick Williamson, proprietario del cantiere

32

Story

Esterel is an 8-Metre yacht with auric sails, designed following the first version of the International Rule. She was originally commissioned by the Michel brothers, and in 1990 she was purchased by Patrick Williamson,


Esterel all’arrivo di una prova alla “Les Voiles de Saint Tropez”

33


navale a Pointe-Rouge. Da quel momento è stato avviato un restauro integrale che ha riportato l’imbarcazione all’antico splendore. La bellezza e le linee di questo scafo non sono mai passate inosservate alle manifestazioni alle quali ha partecipato. Nel 1992, anno in cui ha preso parte al raduno di Brest, il mito della vela francese Eric Tabarly propose che Esterel divenisse monumento storico nazionale. La barca ha regatato ai raduni di Cannes, St. Tropez e Marsiglia.

owner of the shipyard in Pointe-Rouge. At that time, she underwent a complete restoration that brought her back to her original splendour. Her beauty and design never went unnoticed at the events where she took part. In 1992, when she took part in the Brest Festival, the legendary French yachtsman Eric Tabarly proposed that Esterel should have been declared a national historic monument. This yacht has raced in Cannes, St. Tropez and Marseille regattas.

Dati

34

Lunghezza dell’armamento / Length over spars:

12.04

Lunghezza al galleggiamento / Waterline length:

8.24

Larghezza / Beam:

2.42

Pescaggio / Draft:

1.80

Superficie velica / Sail area:

120.00

Dislocamento / Displacement:

5.5 tons


IL MORO DI VENEZIA I Il lavoro con “Il Moro di Venezia I” è iniziato nel 1980 col precedente armatore Miramonti e da allora abbiamo seguito questa storica imbarcazione per un periodo che dura da oltre 35 anni. Beppe Zaoli è stato spesso a bordo ed ha condiviso con Massimiliano Ferruzzi alcune delle più belle emozioni che questa barca sa dare.

Our work with the historical yacht Il Moro di Venezia I started in 1980 with the former owner Miramonti, and since then it has been going on for more than 35 years. Beppe Zaoli has often been on board, sharing with her current owner Massimiliano Ferruzzi some of the best emotions that this yacht can offer.

Tipo / Type

Sloop Marconi

Progettista / Designer

German Frers

Costruttore / Builder

Carlini (Rimini – Italia)

Anno / Year

1976

35


Storia

Story

Il progetto del Moro di Venezia I, costruito The design of Il Moro di Venezia I, a yacht in legno lamellare a 7 strati su ordinate in built in 7-layered laminated timber on acacia lamellare di acacia, è datato laminated frames, dates back 1975 e in occasione delle to 1975. She takes part in regate di vele d’epoca corre tra classic boat regattas in the i Classici. Varato nel febbraio Classic category. Launched in 1976, capostipite della classe February 1976, the first-born italiana di Maxi Yacht IOR, è of the Italian Maxi Yacht IOR stata voluta da Raul Gardini, class was sponsored by Raul l’ex re della chimica italiana. Gardini, the former king of Le successive imbarcazioni Italian chemical industry. The recanti questo nome hanno subsequent yachts bearing this fatto la storia della vela name have been milestones in italiana, gareggiando in Coppa the history of Italian sailing, America. Nel 1977 ha vinto in racing in the America’s Cup. In Inghilterra la Channel Race e 1977 she won the Channel Race l’anno successivo ha attraversato in England, and the following l’Atlantico per partecipare alle year she crossed the Atlantic to regate del SORC e dominare take part in SORC races and Il Moro di Venezia nelle acque dell’Argentari la classica Miami-Nassau. Ha to dominate the classic Miamipartecipato al drammatico Nassau competition. She took Fastnet del 1979 e detenuto il record della part in the tragic 1979 Fastnet race and held Barcolana dal 1987 al 2005. È armata da the Barcolana record from 1987 to 2005. With Massimiliano Ferruzzi, che nel 2013, 2015 Massimiliano Ferruzzi, she won the Panerai e 2016 ha vinto il Panerai Classic Yachts Classic Yachts Challenge in the Classic category Challenge tra i Classici. in 2013, 2015 and 2016.

Dati

36

Lunghezza dell’armamento / Length over spars:

20.41

Lunghezza al galleggiamento / Waterline length:

18.09

Larghezza / Beam:

5.80

Pescaggio / Draft:

3.40

Superficie velica / Sail area:

191.00

Dislocamento / Displacement:

37.00


37


JALINA Tipo / Type

Epoca / Vintage

Progettista / Designer

Eugene Cornu

Costruttore / Builder

Cantieri P. Jouet

Anno / Year

1946

Storia

Sloop bermudiano, progetto dell’architetto francese Eugene Cornu, costruita nel 1946 nei cantieri Jouet di Sartouville, per l’armatore francese Jaques Barbou. Gia’ nel 1947 Jalina coglie le prime vittorie nelle regate “CowesDinard” e “CannesPortoferraio”. Nel 1953, nella prima edizione della Giraglia (CagnesGiraglia-S.Remo), Jalina vince staccando di quasi 7 ore il ben piu’ famoso Cerida. Sempre nella Giraglia, edizione 1954, Jalina si conferma prima di classe: successive edizioni degli anni ‘50 della Giraglia, la vedono tra le principali protagoniste (seconda nella edizione 1955, terza nel 1959, quarta nel 1960).

38

Story

This Bermudan sloop was designed by the French architect Eugene Cornu and built in 1946 at the Jouet shipyard in Sartouville for the French owner Jaques Barbou. As early as 1947 Jalina gained her first victories in the “Cowes-Dinard” and “Cannes-Portoferraio” races. In 1953 she won the first edition of the Giraglia race (Cagnes-Giraglia-Sanremo) with a lead of almost 7 hours over the much better known Cerida. In the 1954 edition of the Giraglia race she was again the first of her class, and in the following editions during the 1950s she remained among the top racers (ending up second in 1955, third in 1959, and fourth in 1960).

Nel 1958, l’imbarcazione vince la “Ajaccio-Monaco”, sempre con skipper Monsieur Barbou.

In 1958 she won the “AjaccioMonaco” race, again with her skipper Monsieur Barbou.

Tra gli anni ‘60 e ‘70 Jalina viene modificata parzialmente, al fine di renderla piu’ confortevole e adatta alla crociera.

Between 1960s and 1970s Jalina was partially altered to make her more comfortable and suitable for cruising.

Nonostante l’armo oramai profondamente modificato, ancora nel 1989 Jalina conquista

Despite the significant alteration in her rigging, in 1989 Jalina managed to come home fourth


un onorevole quarto at the Imperia Classic posto al Raduno di Yachts Challenge. In Imperia. Nel 2007 2007, after being out of l’imbarcazione, da service for several years, anni in disarmo, the yacht was purchased viene acquistata dal by a new owner, who nuovo armatore che, carried out a meticulous attraverso una paziente historical research ricerca storica, la to have her perfectly riporta alle antiche restored to her original Jalina di bolina con Yankee e trinchetta bomata forme, perfettamente beauty by the Italian restaurata dai fratelli brothers Marco and elbani Marco e Stefano Bonacina. Stefano Bonacina on the Elba island. Nel giugno del 2010, al termine del lungo restauro, Jalina viene salutata come ospite d’onore a Sanremo, meta di arrivo della Giraglia edizione 2010.

In June 2010, at the end of that long restoration, Jalina was hailed as an honoured guest in Sanremo, the arrival destination of the Giraglia race for that year.

Dati Tipo di Yacht / Yacht Type:

Sloop Bermudiano

Lunghezza dell’armamento / Length over spars:

13.46

Lunghezza dello scafo / Hull length:

13.46

Lunghezza al galleggiamento / Waterline length:

9.20

Larghezza / Beam:

3.20

Pescaggio / Draft:

1.90

Superficie velica / Sail area: Dislocamento / Displacement:

107.00 9.50

39


THE LADY ANNE I 15 Metri Stazza Internazionale, anche se sembrano tutti uguali, hanno in realtĂ delle rilevanti differenze. Pur avendo giĂ  progettato diverse vele per altre due barche gemelle, per The Lady Anne abbiamo strettamente collaborato con il responsabile Paul Goss ed il comandante Richard Le May, modificando il precedente piano velico e rimpiazzando diverse vele, con un risultato ottimale.

40

Despite looking all the same, the 15-Metres designed following the International Rule differ considerably one from another. Even though we had already designed several sails for two sister ships, for Lady Anne we worked closely with the manager Paul Goss and the skipper Richard Le May. By modifying the original sail plan and replacing several sails, we got an outstanding result.

Tipo / Type

Cutter Aurico, 15 m. S.I.

Progettista / Designer

William Fife III (Fairlie - Scotland)

Costruttore / Builder

William Fife & Son (Fairlie – Scotland)

Anno / Year

1912


The Lady Anne sotto Gennaker davanti a tutti gli altri 15 metri Stazza Internazionale

Storia

The Lady Anne, uno dei rari 15 Metri Stazza Internazionale ancora naviganti. Ăˆ gemella di Tuiga (1909), Mariska (1908) e Hispania (1909). Varata per il facoltoso yachtsman George Coats. Costruita nel mitico cantiere scozzese della famiglia Fife nel piccolo villaggio di Fairlie, sulla costa occidentale della Scozia, da William Fife III. Fino agli anni 20 ha navigato con un armo Marconi, poi è diventata un ketch e sembra che durante la seconda guerra mondiale sia stata impiegata per il trasporto di munizioni. Dopo avere trascorso alcuni anni in Spagna, The Lady Anne (numero velico D10) è stata ritrovata sul fiume inglese Hamble e sottoposta a restauro presso il cantiere Fairlie Restorations, vicino a Southampton.

Story

The Lady Anne is one of the rare, still sailing 15-Metre yachts designed following the International Rule. She is the sister ship of Tuiga (1909), Mariska (1908) and Hispania (1909). This vessel was launched for the wealthy yachtsman George Coats. She was built by William Fife III at the legendary Scottish yard owned by the Fife family in Fairlie, a small village on the West coast of Scotland. Until 1920s she sailed with a Marconi rigging, then she was converted into a ketch, and it is said that she was used to transport ammunition during Word War II. After spending a few years in Spain, The Lady Anne (sail number D10) was found in England on the Hamble river and restored at the Fairlie Restorations shipyard, near Southampton.

41


Dal 1999 ha cominciato a partecipare ai raduni di vele d’epoca. Nel 2003 ha vinto la Fife Regatta, ora naviga nel circuito dei 15 Metri Stazza Internazionale.

In 1999 she started taking part in competitions for vintage yachts. In 2003 she won the Fife Regatta, and at present she is racing in the 15-Metres category.

Dati

42

Lunghezza dell’armamento / Length over spars:

22.90

Lunghezza al galleggiamento / Waterline length:

15.90

Larghezza / Beam:

4.15

Pescaggio / Draft:

3.00

Superficie velica / Sail area:

185.00

Dislocamento / Displacement:

39.00


SIRIUS

Storia

Tipo / Type

Epoca / Vintage

Progettista / Designer

Olin Stephens

Costruttore / Builder

Henry B. Nevins Shipyard

Anno / Year

1936

Costruzione numero 19 della serie dei NYYC 32, varata nel 1936 col nome di Dolphin per Henry S. Morgan. Nel 1947 passa nella mani di Harlow W. Davock che, col nome di Away, la fa correre numerose volte alla Miami Nassau Race ed alla Lipton Race. Nel ‘56 un nuovo passaggio di proprietà la porta nelle mani di Henry C. Boschen che le da l’attuale nome di Sirius e partecipa, spesso vittoriosa, a numerose regate tra le quali la N.Y.Y.C. Cruise (vinta nel ‘63), la Storm Trisail Race e la Newport to Bermuda Race. Dopo alcuni passaggi di proprietà nel 1970 diviene armatore John Ruzika, che sottopone Sirius ad un attento restauro sotto la supervisione della Sparkman & Stephens. Nel 2004 vengono effettuati una serie di restauri presso i Cantieri Navali dell’Adriatico e i Cantieri Navali dell’Argentario, che l’hanno riportata alle regate di

Story

Numbered 19 in the NYYC 32 series, this yacht was launched in 1936 with the name Dolphin for Henry S. Morgan. In 1947 her onwership was transferred to W. Davock, who rechristened her Away and had her take part in several editions of the Miami Nassau and Lipton races. In 1956 she was acquired by Henry C. Boschen, who gave her the name Sirius, and took part in several races such as the N.Y.Y.C. Cruise (won in 1963), the Storm Trisail Race and the Newport to Bermuda Race, gaining a good deal of victories. After some more transfers of ownership, in 1970 Sirius was purchased by John Ruzika, who had her undergo an accurate restoration under the supervision of Sparkman & Stephens. In 2004 a series of restoration works were done at the Italian shipyards Cantieri Navali dell’Adriatico and Cantieri Navali

43


barche d’epoca nel 2006 durante le quali Sirius si è riconfermata una barca estremamente competitiva.

dell’Argentario, then in 2006 Sirius took part in regattas for vintage yachts, where she proved very competitive once again.

È purtroppo tragicamente scomparsa nel 2016, in una tempesta durante un trasferimento tra Cannes e Palma di Maiorca.

Unfortunately she was tragically lost in a storm during a voyage from Cannes to Palma de Mallorca in 2016.

Dati Tipo di Yacht / Yacht Type:

NYYC 32

Lunghezza dell’armamento / Length over spars:

13.83

Lunghezza dello scafo / Hull length:

13.83

Lunghezza al galleggiamento / Waterline length:

10.55

Larghezza / Beam:

3.21

Pescaggio / Draft:

1.97

Superficie velica / Sail area:

90.00

Dislocamento / Displacement:

11.80

Foto aerea di Sirius in regata alla Regates Royales di Cannes

44


TUIGA Tuiga è, tra i quattro 15 Metri Stazza Internazionale del circuito, quella che piÚ ha voluto mantenere l’aspetto tradizionale delle vele, con tessuti colore crema, cuciture a due tempi con filo marrone, tagli classici ma soprattutto con occhielli, pelli e finiture cucite interamente a mano.

Amongst the four 15M IR racing in the 15 Msi circuit, Tuiga is the one that chose to keep the most traditional look for her sails by using cream-colored cloth, two-stroke sewings with brown thread, classic cuts and especially by using eyelets, leathers and entirely hand-stitched finishings.

Pur con un profilo generato da sofisticati software di progettazione e simulazione, le vele che abbiamo realizzato per Tuiga per il particolare metodo di lavorazione, hanno un irresistibile fascino di altri tempi.

Sails profile was generated by sophisticated design and simulation software; though, the sails we made for Tuiga have the irresistible charm of a bygone era, thanks to the special working method.

Tipo / Type

Epoca / Vintage

Progettista / Designer

William Fife III

Costruttore / Builder

William Fife & Sons

Anno / Year

1909

45 Tuiga timonata da Pierre Casiraghi durante la vittoria alla Portofino Rolex Trophy 2015


Storia

Story

La randa del Tuiga è realizzata in doppio tessuto da 6 oz. Il quale permette di avere una vela più morbida e allo stesso tempo una stabilità di forma eccezionale.

Abbiamo sviluppato un sistema che permette di proteggere i moschettoni ed evitare che le drizze e le scotte possano aprirli. Questo è un notevole vantaggio sia sulla sicurezza che sulla performace della vela.

Tuiga è una delle pochissime sopravvissute della classe dei 15 metri della formula internazionale (o metrica). Disegnata da William Fife nel 1908, nell’anno successivo fu varata nel suo cantiere per conto del duca di Medinaceli, che insieme ad altri nobili intendeva gareggiare con il suo re, Alfonso XIII di Spagna. Bruscamente interrotto dalla prima guerra mondiale il periodo delle loro regate e presto soppressa la loro classe, per i 15 m il tempo dell’abbandono e del degrado è venuto molto prima che per tanti altri. Ceduta, dunque, subito la fine del conflitto, Tuiga passò di mano in mano e cambiò nome. Nel 1935 con quello di Kismet giunse prima in tempo reale nella regata del Fastnet, proprio in quell’anno vinta da Stormy Weather. Portata in Scozia, rimase lontana dal teatro della seconda guerra mondiale, sfuggendo alla distruzione e alla requisizione, ma quando agli inizi degli anni ’70 fu trasferita nel Mediterraneo per essere adibita al noleggio, era pressoché irriconoscibile. Nel 1989 è finalmente entrata nel cantiere inglese Fairlie Restoration specializzato nel restauro delle barche di

46

Tuiga is one of the very few remaining 15-Metres designed following the International Rule. She was designed by William Fife in 1908 and launched the following year in his shipyard for the for the Duke of Medinacelli, who wanted to race together with other noblemen against the King of Spain Alfonso XIII. When the outbreak of World War I cut the racing season short, and then their class was soon cancelled, the 15-Metres fell into degradation and abandonment much sooner than other yachts. Tuiga was sold just after the end of the war, and then she underwent several changes of ownership and name. In 1935, under the name Kismet she ended up first in real time at the Fastnet race, that was won by Stormy Weather. She was then brought to Scotland where she stayed far from the theatre of World War II, thus avoiding destruction and seizure. However, when she was brought to the Mediterranean Sea in the early 1970s to be used as a charter yacht, she had changed beyond recognition. In 1989 she was finally brought to the English shipyard Fairle Restoration, specializing in the restoration


Fife e ne è uscita quattro anni dopo avendo recuperato il suo splendido aspetto originario, dal quale tuttavia divergono la suddivisione e l’arredamento dell’interno. Oggi è portabandiera dello Yacht Club de Monaco.

of Fife yachts, and when she came out four years later she had regained her original beauty, even if the interior layout and furnishing were altered. Today she is the flagship of Yacht Club de Monaco.

Dati Tipo di Yacht / Yacht Type:

15 Metri S.I.

Lunghezza dell’armamento / Length over spars:

27.36

Lunghezza dello scafo / Hull length:

23.18

Lunghezza al galleggiamento / Waterline length:

15.68

Larghezza / Beam:

4.15

Pescaggio / Draft:

2.95

Superficie velica / Sail area:

390.00

Dislocamento / Displacement:

50.00

47


VISTONA

48

Introduction of shipowners Gian Battista Borea D’Olmo:

Introduction of shipowners Gian Battista Borea D’Olmo:

“Mio padre GianMarco, grande navigatore e vecchio proprietario di Vistona, spiegava a me, giovane regatante rampante, come dovevano essere fatte le vele di una barca che va seriamente per mare. Agli Zaoli non è stato necessario ripetere la lezione ricevuta. Ci siamo capiti all’istante e da allora Vistona è felice con le loro vele, che non solo sono solide e durano a lungo, ma sono tagliate magnificamente. Vistona oggi macina miglia su miglia ogni anno e con ogni condizione, ma si permette anche di non sfigurare con le sue coeve nate specificamente per regatare, nonostante sia stata concepita per affrontare i difficili mari della Scozia e dell’Irlanda. Vistona è grata a Beppe e Rossana per il loro contribuito così determinante a ridarle una seconda giovinezza.”

When I was a young ambitious racer, my father GianMarco, a great sailor and the former owner of Vistona, taught me how the sails should be made for a boat that is seriously to cruise the seas. There was no need to repeat that lesson to the Zaolis. We understood each other instantly, and since then Vistona proudly boasts their sails, that show a perfect cut besides being strong and long-lasting. At present, Vistona stacks up the miles every year and under all sort of weather condition, and even holds her own with her coeval counterparts that were built specifically for racing, despite having been designed to sail the challenging seas of Scotland and Ireland. Vistona is grateful to Beppe and Rossana for their invaluable help in giving her a second youth.

Gian Battista Borea d’Olmo, Armatore di Vistona

Gian Battista Borea d’Olmo Owner of Vistona


Tipo / Type

Epoca / Vintage

Progettista / Designer

McPherson Campbell (UK)

Costruttore / Builder

A.M. Dickie & Sons (UK)

Anno / Year

1937

Storia

Vistona, appartenuta a un ufficiale in pensione della Royal Navy e a una società di charter di Cannes, dai primi anni Settanta è diventata un’imbarcazione scuola al comando del Duca Gian Marco Borea d’Olmo. Fondatore del Centro Velico Altura e dei Venturieri di Chioggia, ha navigato a bordo di Vistona dal 1967 fino alla sua scomparsa, avvenuta nel 1999 all’età di 78 anni. Da quel momento i figli Gianbattista e Ottavia si sono presi cura di Vistona, che dal 2001 al 2004 è stata restaurata in Sardegna dal maestro d’ascia Marco Bonacina. L’armo a ketch bermudiano è stato sostituito da quello originale a cutter aurico. Vistona compie ogni anno circa 3000 miglia di navigazione e ha sempre preso parte al Trofeo Bailli de Suffren, la regata d’altura che collega St. Tropez a Malta, con tappa in Sardegna a Porto Rotondo.

Story

Vistona was previously owned by a retired Royal Navy Officer and a charter company based in Cannes, then in the early 1970s she became a training boat lead by the Duke Gian Marco Borea d’Olmo. The founder of the Centro Velico Altura and Venturieri di Chioggia sailing clubs sailed aboard Vistona from 1967 until he died in 1999 at the age of 78. From then on, his son and daughter Gian Battista and Ottavia took over the boat, and from 2001 to 2004 had her completely restored in Sardinia by shipwright Marco Bonacina. The Bermudan ketch rig was replaced by the original auric rig. Vistona sails about 3,000 miles each year and has always taken part in the Trophée Bailli du Suffren, the offshore race from St. Tropez to Malta, with a stop in Porto Rotondo, Sardinia.

Dati Lunghezza dell’armamento / Length over spars:

16.35

Lunghezza al galleggiamento / Waterline length:

12.60

Larghezza / Beam:

3.80

Pescaggio / Draft:

2.29

Superficie velica / Sail area:

158.00

Dislocamento / Displacement:

30.00

49


AMERIGO VESPUCCI

50

Le ventiquattro vele dell’Amerigo Vespucci che abbiamo realizzato si dividono tra le quadrate, quelle di strallo e i fiocchi, per una superficie totale di circa 2650 metri quadrati e sono tutte realizzate in tessuto di tela olona di lino.

The twenty-four sails we made for Amerigo Vespucci, including square sails, stay sails and jibs, for a total sail area of about 2,650 square metres, were all made of linen sailcloth.

Per la realizzazione di queste vele sono stati necessari 6624 mt di tessuto di lino, fatto realizzare appositamente in diverse grammature, 516 mt di ralinga di cavo d’acciaio da 16 mm di diametro, 1504 mt di ralinga di cavo di canapa da 36 mm di diametro, 236 kili di pelle di vacchetta per rifinire tutte le ralingature, 79.200 mt di filo cerato per cucire a mano.

To make these sails we used 6.624 metres of linen sailcloth, specifically commissioned in different weights, 516 metres of steel boltrope 16 mm in diameter, 1,504 metres of hemp boltrope 36 mm in diameter, 236 kgs of kip leather to trim all the boltropes, and 79,200 metres of waxed thread for hand sewing.

Le vele hanno 15.880 metri di cuciture realizzate esclusivamente in modo manuale e pesano complessivamente 5.036 kili.

The sails were sewn with 15,880 metres of stitches, all done only by hand, and weigh 5,036 kgs in total.


51


Storia

Tipo / Type

Epoca / Vintage

Progettista / Designer

Francesco Rotundi

Costruttore / Builder

Cantieri di Castellamare di Stabia

Anno / Year

1931

Progettata dall’ingegner Francesco Rotundi, tenente colonnello del Genio Navale, nel 1930 fu impostata nei cantieri di Castellammare di Stabia e varata il 22 febbraio 1931. Benché costruita in acciaio, somiglia molto a un vascello della prima metà del secolo XIX. Concepita per la funzione che ha costantemente svolto, quella di navescuola, a lungo, ossia dal 1946 al 1952, è rimasta l’unica del genere in dotazione alla Marina Militare italiana, in seguito alla cessione in riparazione di guerra della Cristoforo Colombo e fino all’acquisto dell’Ebe, un brigantino goletta del 1921. Alle crociere di addestramento (per le quali ha fatto un’intera circumnavigazione

52

Story

Designed by engineer Francesco Rotundi, Lieutenant Colonel of the Naval Engineers, the ship was laid down in 1930 in the shipyard at Castellammare di Stabia and launched on 22nd February 1931. Despite been made of steel, she was built to resemble a freighter from the first half of the 19th century. Designed and used consistently as a training ship, from 1946 (when Cristoforo Colombo was surrendered as war damages compensation) to 1952 (when the 1921 brigantine schooner Ebe was acquired) she was the only one of her kind in commission in the Italian Navy. Besides carrying out training campaigns (including a


1. TRINCHETTINA MQ. 66

1. FORE TOPMAST STAYSAIL 66 SQM

2. GRAN FIOCCO MQ. 108

2. INNER JIB 108 SQM

3. FIOCCO MQ. 99

3. JIB 99 SQM

4. CONTRO FIOCCO MQ 105

4. FLYING JIB 105 SQM

5. STRAGLIO DI GABBIA MQ. 102

5. MAIN TOPMAST STAYSAIL 102 SQM

6. STRAGLIO MEZZANA VOLANTE MQ. 47

6. MIZZEN STAYSAIL 47 SQM

7. STRAGLIO BELVEDERE MQ. 45 8. STRAGLIO DI VELACCIO MQ. 104 9. AUGELLETTO MQ. 99 10. RANDA DI MEZZANA MQ. 145 11. TREVO DI TRINCHETTO MQ 230 12. PARROCCHETTO FISSO MQ. 166 13. PARROCCHETTO VOLANTE MQ. 110 14. VELACCINO MQ. 93 15. CONTRO VELACCINO MQ. 49 16. TREVO DI MAESTRA MQ. 345 17. GABBIA FISSA MQ. 187 18. GABBIA VOLANTE MQ. 139 19. VELACCIO MQ. 115 20. CONTRO VELACCIO MQ. 49

7. MIZZEN TOPGALLANT STAYSAIL 45 SQM 8. MAIN TOPGALLANT STAYSAIL 104 SQM 9. MOONSAIL 99 SQM 10. MIZZEN MAINSAIL 145 SQM 11. FORE COURSE 230 SQM 12. FORE LOWER TOPSAIL 166 SQM 13. FORE UPPER TOPSAIL 110 SQM 14. FORE TOPGALLANT SAIL 93 SQM 15. FORE ROYAL SAIL 49 SQM 16. MAIN COURSE 345 SQM 17. MAIN LOWER TOPSAIL 187 SQM 18. MAIN UPPER TOPSAIL 139 SQM 19. MAIN TOPGALLANT SAIL 115 SQM

21. CONTRO MEZZANA FISSA MQ. 81

20. MAIN ROYAL SAIL 49 SQM

22. CONTRO MEZZANA VOLANTE MQ. 58

21. MIZZEN LOWER TOPSAIL 81 SQM 22. MIZZEN UPPER TOPSAIL 58 SQM

23. BELVEDERE MQ. 58

23. MIZZEN TOPGALLANT SAIL 58 SQM

24. CONTRO BELVEDERE MQ. 32

24. MIZZEN ROYAL SAIL 32 SQM

53


del globo e si è spinta nelle due Americhe e in Australia) ha aggiunto spesso funzioni di rappresentanza, come nel 2002 per le regate di Coppa America disputate ad Aukland, nel 2004 ad Atene per le Olimpiadi e infine nel 2005 per la commemorazione della battaglia di Trafalgar. Dopo 75 anni di servizio, ovvero nel 2006, nell’Arsenale Militare Marittimo della Spezia è stata sottoposta a estesi lavori di manutenzione straordinaria, con la sostituzione dell’intero albero di trinchetto, di ampi tratti del fasciame e di molti degli apparati ausiliari.

voyage around the world and several cruises in the Americas and in Australia), she has often undertaken “showing-the-flag” cruises, such as in 2002 on occasion of the America’s Cup races in Aukland, in 2004 at the Olympic Games in Athens or during the 2005 commemoration of the Trafalgar battle. In 2006, after 75 years of service, she underwent extensive special maintenance at Arsenale Militare Marittimo della Spezia, and the whole foremast, large portions of the planking and any pieces of auxiliary equipment were replaced.

Dati Tipo di Yacht / Yacht Type:

54

Nave / Ship

Lunghezza dell’armamento / Length over spars:

100.50

Lunghezza dello scafo / Hull length:

82.38

Lunghezza al galleggiamento / Waterline length:

70.00

Larghezza / Beam:

15.50

Pescaggio / Draft:

7.30

Superficie velica / Sail area: Dislocamento / Displacement:

-4146.00


55


COME LAVORARE INSIEME

56

HOW TO WORK TOGETHER

La gestione delle vele di una imbarcazione d’epoca è un processo complesso e che richiede una gestione molto particolare sia da parte dell’armatore o capitano che da parte della veleria.

The handling of vintage boat sails is a very complex endeavour, requiring special care on the owner’s or skipper’s as well as on the sailmaker’s part.

Per questo motivo noi di Zaoli abbiamo studiato un processo di lavoro che soddisfi al massimo le necessità anche delle barche più complesse da gestire.

With this in mind, at Zaoli we have developed a working procedure that is suitable even to meet the needs of the yachts that are most challenging to manage.

Ecco come è organizzato il nostro processo di lavoro:

Here is how we organized our working procedure:

Fase 1: Analisi Strategica delle Vele

Step 1: Strategic analysis of sails

In questa fase, sarà nostro compito analizzare nei dettagli le vele in modo da fornirti una consulenza approfondita su quelle che sono le tue vere esigenze.

At this stage, we will analyse the sails in detail in order to provide in-depth advice on your real needs.

L’obiettivo di questa fase è comprendere quali sono i tuoi obiettivi (di performance, di sicurezza e perché no, anche estetici) ed analizzare la situazione presente in modo tale da individuare:

In this phase we aim at understanding what goals you have in mind (performance, safety, and why not, aesthetic too) and to analyse the present state of your sails so as to identify:

Le vele che necessitano un semplice ritocco

The sails that need just a simple retouch

Le vele che necessitano di una revisione

The sails that need an inspection

Le vele che hanno bisogno di essere rifatte

The sails that need to be redone

Fase 2: Analisi del Piano Velico

Step 2: Sail plan analysis

In base ai tuoi obiettivi, oltre alle vele, analizzeremo anche la barca, l’armo e l’attrezzatura con l’obiettivo di consigliarti eventuali innovazioni e cambiamenti del piano velico per avere prestazioni migliori.

Depending on your goals, in addition to the sails, we will also analyse the yacht, rigging and equipment in order to advise on any possible innovation or alteration in the sail plan for better performance.


Questo tipo di analisi è frutto di un processo proprietario derivato dagli anni di esperienza tra i due mondi: quello competitivo e quello di velai. Ed è uno dei punti principali del nostro metodo di lavoro.

This analysis is the outcome of a proprietary process that resulted from many years of experience in both racing and sailmaking worlds. This is one of the key points of our working method.

Alla fine ti sarà consegnata una relazione in base alla quale discuteremo poi il piano di manutenzione e di lavoro successivo.

At the end of this phase you will receive a report, basing on which we will then discuss the subsequent maintenance and work plan.

Lo scopo principale delle prime due fasi è quello di darti una visione quanto più approfondita ed imparziale possibile sugli interventi da fare alle tue vele per raggiungere i tuoi obiettivi.

The main purpose of the first two steps is to advise you as thoroughly and impartially as possible about the assistance to be performed on your sails in order to achieve your goals.

Fase 3: Progettazione

Step 3: Design

Il nostro team di esperti progetterà le vele discusse nel piano di lavoro e alla fine del progetto ti invieremo una copia in modo che tu possa tenerla negli archivi, essere aggiornato sullo stato delle lavorazioni ed iniziare a visualizzare come sarà la barca.

Our expert team will design the sails according to the work plan, and at the end of this phase we will send you a copy for your records, in order to keep you updated about the progress of the works and to enable you to start viewing how the yacht will look like.

Fase 4: Lavorazione

Step 4: Working

Una volta ultimato il progetto il nostro team inizierà i lavori, che si concluderanno entro la data di consegna che avremo deciso insieme.

Once the design phase has been completed, our team will start the relevant work, to be completed within the agreed delivery date.

In questa fase potrai venire a trovarci quando vuoi anche solo per visionare lo stato dei lavori. Ci puoi sempre trovare (insieme alle tue vele che saranno cucite fino all’ultimo centimetro da noi) nella nostra veleria.

During this phase you will always be welcome at our premises, even just to have a look at the work in progress. You can always find us (along with your sails, that will be sewn by us up to the last centimeter) at our sail loft.

È importante che tu sappia che ci siamo sempre e che non avrai mai come interlocutore la burocrazia e i processi di una grande azienda ma una realtà artigianale nella quale puoi entrare e prendere un caffè quando vuoi guardando le lavorazioni delle tue vele.

Please keep in mind that you can always find us here, and never will have to deal with the red tape and processes of a big company. We run a craft business where you will always be welcome to enjoy a cup of coffee while watching us working on your sails.

57


58

Fase 5: Consegna delle vele

Step 5: Delivery of sails

Nei tempi prestabiliti ti consegneremo le vele e durante questo step ci assicureremo che tutto sia stato fatto alla perfezione.

Within the agreed time frame we will deliver your sails after ensuring that everything has been done to perfection.

È rarissimo che succeda, ma devi sapere che qualora ci sia una qualunque imperfezione sarà immediatamente risolta in modo tale da avere le tue vele immediatamente disponibili.

Although it is a very rare occurrence, please note that any imperfection will be instantly fixed, in order to have your sails immediately available.

Fase 6: Ottimizzazione

Step 6: Optimization

Come già detto, il nostro lavoro è sempre in doppia veste di velai e velisti, per cui saremo sempre a tua disposizione per consigli su regolazioni, modifiche, ottimizzazione, in modo da aiutarti a sfruttare al meglio le nostre vele.

As mentioned above, we always approach our job both as sailors and as sailmakers, so we will always be glad to advise you on adjustments, alterations and optimisation, to help you get the most out of our sails.


COSA FARE ORA?

WHAT TO DO NOW?

Contattaci per un’Analisi Strategica delle Tue Vele gratuita!

Please get in touch with us for a free Strategic Analysis of your sails!

Sarà un modo per fare conoscenza con te e con la tua barca e capire in che modo possiamo aiutarti a renderla sempre più performante.

We will be happy to get acquainted with you and your yacht, and to figure out how we can help you make her more performant.

Veleria Zaoli ZM Design Srl Via Gianni Cozzi 1 18010 - Santo Stefano al Mare - Imperia Italy +39 0184 48 11 15 classic@zaolisails.com www.zaolisails.com

59


Classic Sails, classic@zaolisails.com www.zaolisails.com

our Tradition

Zaoli classic sails  
Zaoli classic sails  
Advertisement