Page 1

dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

n.

228

N° tribunale QUOTIDIANO GIOVANI 292/2010 del 22.6.2010

TUTTE BELLE SUYOUTUBE: PAROLA DI CLIO La geniale trovata di una make up artist di creare un canale di YouTube in cui dare a tutte le donne utili consigli su come truccarsi!

Ambiente Identikit dell’ecologista doc

04 L’ITALIA NELLA MORSA DEL CALDO DI FINE STAGIONE L’Italia, dopo un falso inizio di autunno a fine luglio, si ritrova un’altra volta nella morsa del caldo, temperature record e bollino rosso in tutte le principali città dello stivale. La Protezione Civile lancia l’allerta.

07 REPRESSIONE IN SIRIA: SALGONO A 2200 LE VITTIME Sale il numero dei manifestanti uccisi in Siria. L’ONU ha più volte denunciato la violazione dei diritti umani e sottolineato la necessità di porre fine allo sterminio.

Vita da Giovani Hai un’idea geniale? Ecco cosa fare per renderla redditizia

Spettacolo Una panoramica dei film più attesi

08 RC AUTO PER NEOPATENTATI? NIENTE PAURA! Per voi utili consigli su come fare un’assicurazione per un’automobile, tutte le innovazioni del decreto Bersani e le agevolazioni per i neopatentati.

09

Curiosità Nei centri commerciali inglesi è già Natale


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

n. pag.

E

228

LA CORONA ROMA

SHIRTS & TIES

002

ditoriale

Buongiorno ragazzi! Oggi vi parleremo degli sviluppi della tragica repressione in Siria che purtroppo ormai conta circa 2200 vittime. Navi Pillay, Commissario per i Diritti Umani, ha affermato che le violazioni dei diritti dell’uomo da parte del governo siriano potrebbero costituire crimini contro l’umanità. Continueremo con un’inchiesta sull’assicurazione auto per i neopatentati, tanti e interessanti i cambiamenti al riguardo: uno fra tutti la legge che prevede che tutti coloro che hanno appena preso la patente di guida non possono guidare veicoli che superino i 70 kw di potenza. E ancora, parleremo di quanto noi italiani, nonostante la crisi, restiamo sempre un popolo d’inventori e quindi vi diremo come sviluppare e rendere redditizia un’idea geniale. Per concludere troverete tante novità culle nostre consuete rubriche di Spettacolo, Cinema, Musica, Tecnologia e Gossip e infine…il Video del Giorno! Buona lettura!

Lo staff di Quotidiano Giovani

Concessionaria pubblicitaria: First Class Advertising srl società del Gruppo Montemurro Via R. Gigante n18 00143 Roma – Tel: 06 50990000 Fax: 06 5018066 Progetto grafico e impaginazione: Am&Partners srl Editore: Andrea Montemurro Registrazione Tribunale di Roma: 292/2010 del 22.6.2010 Edizione del 24 Agosto 2011


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

A N

ews in pillole

n. pag.

228 003

CRONACA ANCORA CARCERE PER SALVATORE PAROLISI

SPETTACOLO BOOM DI “MAMME SURROGATE” IN CINA

Salvatore Parolisi rimarrà in carcere. Il tribunale del riesame dell’Aquila ha respinto l’istanza di scarcerazione. Il caporalmaggiore dell’Esercito era stato arrestato il 20 luglio scorso perché ritenuto l’assassino della giovane moglie Melania Rea, scomparsa il 18 aprile da Folignano (Ascoli Piceno), dove i due vivevano, e trovata morta, con 32 coltellate, il 20 aprile in un boschetto di Ripe di Civitella del Tronto (Teramo). Il Tribunale ha stabilito che il quadro indiziario è rimasto immutato.

In Cina fare da madre surrogata, ovvero affittare il proprio utero per la modica cifra di duecentomila yuan (oltre 20.000 euro), è pratica molto diffusa, e per molte donne rappresenta una vera fonte di guadagno. Secondo il Global Times sono tante le agenzie che si assumono il ruolo di mediatori tra le madri in affitto e le coppie che intendono avvalersi di questo “servizio”.

CRONACA AL VIA IL TELEALLARME PER I BENZINAI Parte oggi la sperimentazione del teleallarme per la salvaguardia dei benzinai. In situazioni di pericolo, in particolare per le rapine, ci si potrà collegare direttamente al 113 senza dover parlare con l’operatore. Un’innovazione, questa, decisa dal questore Francesco Tagliente e dalle associazioni di categoria aderenti a Confcommercio e Confesercenti per cercare di arginare, il più possibile, crimini come l’omicidio di Mario Cuomo, il benzinaio ucciso il 9 agosto scorso durante una rapina sulla via Aurelia vicino Cerenova.

SPETTACOLO INIZIANO LE RIPRESE DEL FILM SU NIKI LAUDA L’attrice tedesca Alexandra Maria Lara (gia’ vista in “The Reader”) è l’ultima recluta del regista Ron Howard per il suo film “Rush”, che rievoca l’epico duello su quattro ruote tra il pilota austriaco Niki Lauda e il rivale inglese James Hun. Per quel che riguarda il resto del cast, Daniel Bruhl interpreterà il ruolo di Lauda e Chris Hemsworth quello di James Hunt. Il film sarà finanziato da La Cross Creek Pictures insieme alla Working Title e la Which Imagine di Brian Grazer e Howard.

SPETTACOLO TOTOSCOMMESSE SUL FESTIVAL DI VENEZIA ESTERO VINI PER LE VITTIME DELL’11 SETTEMBRE Vini per commemorare il decimo anniversario degli attacchi alle Torri Gemelle. Questa l’idea di un produttore vinicolo di Long Island, a New York. L’iniziativa è indirizzata a raccogliere fondi destinati al Memorial che ricorda le vittime degli attentati dell’11 settembre 2001 al World Trade Center, al Pentagono e vicino a Shanksville, in Pennsylvania.

“Un è un tè brulant”, il film diretto da Philippe Garrel con la lunga scena di nudo integrale dell’incantevole Monica Bellucci è tra le prime scelte dei quotisti per il Leone d’Oro. Un’altra opera ben proiettata alla vittoria della Mostra del Cinema di Venezia è “Shame” di Steve McQueen che promette tanto scalpore alla pari proprio con “Un è tè brulant”. Quotato a 9,00 anche “The ides of March”, diretto e interpretato da George Clooney. Tre i film italiani in concorso sono “Terraferma”, “Quando la notte” e “L’ultimo terrestre”.


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

A N

ews in pillole

n. pag.

228 004

CRONACA ROMA:VENTUNENNE ARRESTATO PER COLTIVAZIONE DI CANAPA SU TERRAZZO Un ragazzo romano di 21 anni è stato arrestato dal Nucleo Operativo dei carabinieri della Compagnia Roma San Pietro per aver coltivato canapa indiana sul terrazzo di casa, sita in Via delle Fornaci, adiacente al colonnato di San Pietro. Ad avviare le indagini è stata la caduta accidentale in strada di un ramo di una delle piante, spezzatosi per il vento.

CRONACA PRATO: UCCISA GIOVANE CINESE A Prato è stata uccisa una ragazza di origine cinese probabilmente con un’arma da taglio, visto che sul corpo della giovane trentenne è stata trovata una ferita al petto compatibile con l’oggetto. Il corpo è stato ritrovato nella ditta di confezioni della sua famiglia, che si trova nella zona della ‘Chinatown’ pratese, nei pressi di Via Pistoiese.

ESTERO URAGANO IRENE MINACCIA I CARAIBI Il Centro nazionale americano degli uragani (Nhc) ha riclassificato l’uragano Irene, che sta minacciando Porto Rico, la Repubblica dominicana e Haiti, come fenomeno di categoria 2, decretando lo stato di allarme rosso. Il Centro ha dichiarato che Irene si è formato sabato scorso nei Caraibi, e lunedì notte era a circa 210 chilometri da Puerto Plata in Repubblica dominicana, con venti che soffiavano a quasi 160 km/h.

ESTERO DIVAMPA ROGO NELLAVILLA IN CUI È OSPITE. SALVA KATEWINSLET L’attrice Kate Winslet è scampata a un incendio che si è propagato nella villa di Richard Branson, di cui era ospite, in seguito alla caduta di un fulmine durante un uragano. L’abitazione è andata completamente distrutta nel rogo ma gli ospiti e la star, che ha anche aiutato la novantenne madre di Branson a mettersi in salvo, sono rimasti illesi.

SPETTACOLO ADDIO A JERRY LEIBER, LA MUSICA PERDE UNO DEI SUOI PIÙ GRANDI PAROLIERI All’età di 78 anni a Los Angeles si è spento per insufficienza cardiopolmonare Jerry Leiber, paroliere che ha scritto alcune delle canzoni di maggior successo di Elvis Presley. Leiber ha lavorato con il compositore Mike Stoller scrivendo i testi di celeberrimi brani come “Hound Dog”, “Love me” e “Stand by me”.

SPETTACOLO RED HOT CHILI PEPPERS CONCERTO IN DIRETTA MONDIALE È iniziato il conto alla rovescia per il mega evento che vedrà protagonisti i Red Hot Chili Peppers. La band americana il prossimo 30 agosto si esibirà infatti in un live a Colonia che verrà ripreso e trasmesso in via satellitare nei cinema di tutto il mondo. Questa è la prima volta che in concomitanza con l’uscita di un album un gruppo decide di presentare ai fan il nuovo lavoro tramite un concerto visibile nei cinema di tutto il mondo.


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

A

pprofondimento

n. pag.

228

LA CORONA ROMA

SHIRTS & TIES

005

TUTTE BELLE SU YOUTUBE: PAROLA DI CLIO!

di Francesca Salvatore

Make up tutorial Clio fonte youtube

“Ciao ragazze!”, questo è il “grido” di battaglia con cui questa bella e vivace ragazza bellunese saluta le sue fan nei video che posta su YouTube. La sua è una delle tante storie che dimostra come la rete, e in particolar modo YouTube, non sono necessariamente il palcoscenico di esibizionisti, ma possono anche essere validi strumenti per raccontare agli altri la propria attività, le proprie passioni e perché no, dare anche dei consigli. Quasi ogni giorno questa make up artist tutto pepe, dal chiaro accento del nord Italia, posta su YouTube un consiglio o un make up: dall’intimità della sua camera da letto, dalla quale spuntano i dettagli della sua vita come foto, valige, abiti e il suo gattino sempre pronto a mordere i piedi, Clio insegna alle ragazze come truccarsi con pochi semplici gesti. Inizialmente nei video era

molto timida e lei, da make up artist professionista qual è, si lasciava andar e pochi consigli nel giro di qualche minuto. Oggi, che ha preso confidenza con la webcam, è molto più sciolta, racconta momenti della sua vita, ride tantissimo dei suoi strafalcioni, ogni tanto rincorre qualche pennello sfuggito dalla scrivania, oppure elargisce notizie sulla salute del suo gattino. Tutto all’insegna della sobrietà e della fantasia, proprio come una sorella maggiore, davanti allo specchio, insegnerebbe. Anche la sua è la storia di un’italiana che ce l’ha fatta, ma soprattutto di una giovane donna che, nonostante da adolescente non sapesse bene cosa fare della vita, ha scoperto per caso la sua vocazione. Si è inventata un mestiere ed è diventata bravissima. Clio Zammatteo, 28 anni, è originaria di Belluno: qui è cresciuta con i nonni in mezzo alla natura incontaminata i cui colori sono stati complici del suo destino. Clio fin da piccolina adorava dipingere e se ne stava per ore in mezzo all’erba con i suoi colori: ma ben presto la tela non le basterà più e passerà direttamente alla faccia, che si impiastriccia con tutto ciò che può trovare nel beauty case della mamma. Come tutti gli adolescenti diventa un po’ irrequieta, la scuola non le piace tantissimo, nemmeno il liceo artistico che sembrerebbe la via giusta per un’artista come lei. Nel frattempo però Clio cresce e, tutte le volte che qualcosa non va, si rinchiude nella sua

segue a pag. 6


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

A

pprofondimento

n. pag.

228 006

continua da pag. 5

cameretta e si mette a davanti allo specchio a giocare a Picasso con la sua faccia. Poi è la volta di Milano, dove approda all’Istituto Europeo di Design: qui frequenta il corso video design e, galeotta fu una lezione di comunicazione contemporanea, conosce nel 2006 l’uomo che diventerà suo marito, Claudio. È il 2007 ed è tempo di laurearsi allo IED: Clio è felicissima perché come lavoro finale parteciperà alla realizzazione di un video per Elio e le storie teste. Ma sa benissimo che quella non è la sua strada: la produzione video non le interessa, lei continua a essere rapita ancora dai colori, proprio come quando era bambina. E qui Claudio è provvidenziale: le chiede di trasferirsi in America per studiare, lui design e lei trucco. La proposta è imperdibile e i ragazzi approdano nella grande mela. All’inizio è molto difficile, non conoscono nessuno, non parlano bene la lingua (che Clio si mette a studiare diventando bravissima nel giro di tre mesi), ma sono armati di tanta passione e forza di volontà. In quei primi mesi Clio comincia a pensare a una buona scuola a cui iscriversi e, mentre è intenta a navigare sul web scopre un’interessante realtà: esiste una community di ragazze americane e inglesi che posta su YouTube dei video-tutorial per il make up. Stranamente non ce n’è nessuna italiana: perché non cominciare anche lei a postare video? Le suggerisce Claudio. Così, dopo tanti anni di studio Clio, armata di pennelli e ombretti, sbarca dall’altro lato della telecamera registrando da subito un grande successo. Nel frattempo si è iscritta al MUD, il Make Up Designory, prestigiosa scuola per make-up artist. Nasce anche il canale Cliomakeup, un po’ per gioco, un po’ per pro-

fessione, fin quando i suoi sostenitori da poche decine diventano circa seimila. Lei, ormai diventata una piccola celebrità, inizia a essere ospite di salotti e programmi importanti ma non solo: una nota casa produttrice di cosmetici la vuole come consulente. Così è cominciata la sua vita tra l’Italia e gli Stati Uniti, sempre all’insegna di mascara e rossetto. Poi è stata la volta del suo libro, in cui ha raccolto anni e anni di segreti, da come avere una pelle perfetta fino a come riparare un ombretto rotto: con un linguaggio semplice, spiritoso, adatto a essere seguito da ragazzine, donne e anche mamme. La sua bravura, il suo impegno e la sua dilagante simpatia hanno fatto si che il suo canale oggi è uno dei più visti su YouTube (stiamo parlando a livello mondiale) tanto da averla resa ormai una celebrità del web: basta digitare il suo nome e verrete sommersi da video di ogni genere, a metà tra il video blog (spesso la si vede mentre è a caccia di novità in profumeria o mentre va a fare rifornimento di ombretti) e il tutorial, che rende questi video piacevoli da guardare per chiunque volesse imparare. Anche per i maschietti, a cui ha dedicato alcune lezioni di vanità, qualora volessero imparare il mestiere di make up artist. Rimpianti? Nessuno. Soddisfazioni? Tantissime. Un solo, divertentissimo particolare: i suoi genitori non hanno ancora ben capito che “cosa fa di mestiere”… approfondimento@quotidianogiovani.it


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

AI

talia news

n. pag.

228 007

L’ITALIA NELLA MORSA DEL CALDO DI FINE STAGIONE di Valentina Nanni

con 35 e 36, Bologna con 36 e 37, Brescia con 34 e 38, Firenze 38 e 39, Frosinone 36 e 38, Latina 37 e 38, Rieti con l’ex equo tra temperatura massima e percepita a 37 gradi, Perugia con 36 e 37 gradi, Napoli con 33 e 38, Torino con 36 e 38, Trieste 31 e 38 gradi, Verona con 35 e 38 gradi e in dulcis in fundo Messina con i suoi 34 gradi di temperatura massima e 43 di percepita!

foto fonte internet

Brezza mattutina e maglioncino dopo il tramonto. I jeans che tornano a fare capolino nel nostro armadio e le prime scarpe chiuse che sono utili nella scarpiera in caso di acquazzone pomeridiano. O almeno questo succederebbe durante un’ultima settimana d’agosto normale! Quest’anno il grande caldo è arrivato quasi alla fine della stagione, dopo settimane tiepide che certo non facevano gridare all’emergenza estiva. Eppure eccolo, in ritardo ma è arrivato, spiazzando tutti con temperature ben al di sopra delle medie stagionali. E subito è scattata l’allerta della Protezione Civile in ben 16 città italiane da bollino rosso, tra cui anche delle insospettabili. Non solo Roma e Milano dunque con rispettivamente 36 gradi di massima e 37 di temperatura percepita e 34 e 37 gradi, ma anche Bolzano

Insomma dalle Alpi alla Sicilia nel nostro Paese è impossibile sottrarsi al caldo africano che, stando alle previsioni metereologiche, perdurerà per tutta la settimana con buona pace degli amanti del freddo e dell’inverno che quest’anno già gridavano al miracolo di un’estate tiepida e senza temperature soffocanti, che invece si sono fatte maggiormente sentire nelle città della pianura padana e al centro. Al nord qualche pioggia che potrebbe rinfrescare l’aria è prevista nel week end, mentre in tutto il resto d’Italia continuerà imperterrito a splendere il sole. Fortunati dunque quanti potranno trascorrere questi ultimi giorni d’estate al mare godendo magari degli ultimi rigeneranti bagni di stagione, a tutti gli altri invece non resta che cercare refrigerio in qualche locale super climatizzato. Sempre che l’aria condizionata non nuoccia alla salute per l’eccesso di sbalzo termico… italia@quotidianogiovani.it


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

A E

stero news

n. pag.

228

LA CORONA ROMA

SHIRTS & TIES

008

REPRESSIONE IN SIRIA: SALGONO A 2200 LE VITTIME di Antonello Di Muccio

A Ginevra il 22 agosto si è tenuta una sessione straordinaria del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite per discutere sulla situazione di grave crisi che sta coinvolgendo la Siria dal mese di marzo, foto fonte internet e che ha portato, ad oggi, all’uccisione di 2200 manifestanti che protestavano contro il regime del dittatore Bashar Assad . Il Commissario per i Diritti Umani, la sudafricana Navi Pillay, ha affermato che le violazioni dei diritti umani da parte del governo siriano contro i manifestanti pacifisti nelle città di tutto il paese potrebbero costituire crimini contro l’umanità. Il 18 agosto scorso la Pillay aveva emesso una relazione che è stata presentata al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite con la raccomandazione di deferire la Siria presso la Corte Penale Internazionale. La relazione dell’ONU è stata stilata da un team di 13 ricercatori. Questa squadra, però, non ha ottenuto il permesso di entrare in Siria, e quindi ha dovuto raccogliere le testimonianze di 180 profughi siriani (vittime, testimoni e militari disertori) in tre paesi confinanti. Foto e video forniti dai manifestanti confermano gli abusi e un uso spropositato della forza da parte dei militari siriani. Il periodo a cui si riferisce questo monitoraggio dell’Onu riguarda un esiguo arco temporale, dal 15 marzo al 15 luglio, ma si presume che queste violenze continuino ancora oggi.

Il governo siriano ha negato qualsiasi accusa di abuso, riconoscendo la morte di circa 1900 persone, e insistendo più volte sul fatto che la maggior parte delle vittime erano membri delle forze di sicurezza, uccisi da gruppi armati. Ha ribadito inoltre che ad organizzare queste manifestazioni sono terroristi ed estremisti. Dalle testimonianze sono venuti alla luce degli atti disumani perpetrati dalle autorità siriane. In molte città è stato imposto il blocco con veicoli militari per impedire alla popolazione di rifornirsi di cibo e privarla, così, dei servizi primari e assistenziali. Gli ospedali sono stati chiusi prima delle operazioni militari non permettendo ai medici di ospitare i feriti. Molte persone, tra cui anche bambini, sono morti a causa di torture, pratica profondamente diffusa nel paese. Il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon la scorsa settimana ha parlato al telefono con il presidente siriano Bashar Assad e ha espresso la sua preoccupazione sulle informazioni più recenti che mostrano significative violazioni dei diritti umani e l’uso eccessivo della forza da parte delle forze di sicurezza. L’esponente principale dell’ONU ha sottolineato, inoltre, la necessità di porre immediatamente fine alle operazioni militari e agli arresti di massa e ha espresso il suo apprezzamento per la decisione del governo siriano di permettere una missione delle Nazioni Unite incaricata di valutare le necessità umanitarie. Missione importantissima per fornire un’adeguata assistenza alla popolazione siriana che ha avuto inizio soltanto lo scorso 20 agosto. Il presidente siriano, in un’intervista concessa alla tv di stato, ha ribadito che la situazione nel paese potrebbe sembrare pericolosa ma le forze siriane hanno tutti i mezzi per controllarla. Minaccia, inoltre, qualsiasi paese che voglia interferire con azioni militari sul territorio della Siria. estero@quotidianogiovani.it


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

A I

nchiesta

n. pag.

228 009

RC AUTO PER NEOPATENTATI? NIENTE PAURA! di Alessia Strinati

foto fonte internet

Il 2011 è stato un anno di notevoli cambiamenti per quanto riguarda le disposizioni e le leggi per i neopatentati. Per prima cosa la legge dell’8 febbraio di questo stesso anno prevede che tutti coloro che hanno appena preso la patente di guida non possono guidare veicoli che superino i 70 kw di potenza e rapporto potenza/peso o per essere più precisi kw/tara inferiore a 55. Notevoli e interessanti cambiamenti per gli utenti erano già però arrivati con la nota Legge Bersani del 2 aprile 2007. Tale decreto prevede che un neopatentato che acquisti un’automobile rientri nella classe assicurativa di merito di uno dei due genitori, a condizione, ovviamente, che sia ancora inserito nel nucleo familiare e che viva quindi con loro. Prima di questa legge, infatti, si rientrava automaticamente nella classe di merito più alta, ovvero la quattordicesima, pagando il massimo del bonus assicurativo. In questo modo una persona che ha già un veicolo assicurato a suo carico può far rientrare la seconda automobile nella stessa classe, pur cambiando agenzia assicurativa. La legge prevede inoltre la possibilità di non cambiare la classe assicurativa anche a seguito di sinistri, ma questo però solo nel caso in cui sia previsto nel contratto assicurativo e venga rimborsata all’assicurazione la cifra necessaria per risarcire il terzo coinvolto nell’incidente. La situazione però varia a seconda del neo-patentato: se infatti si ottiene la patente in età avanzata (25 anni) e non si risiede insieme ai propri genitori i costi dell’rc auto aumentano notevolmente.

In materia di assicurazioni, secondo una rapida indagine su internet, sembra che, contrariamente a quanto si è soliti pensare, non convenga rivolgersi a quelle on-line che negli ultimi anni stanno crescendo e prolificando. È piuttosto difficile tracciare un profilo unico per un utente tipo in ambito assicurativo, in quanto sono molti i fattori che influiscono sul pagamento: la classe del genitore, il tipo di assicurazione, la posizione geografica (le grandi città sono considerate, infatti, più a rischio di incidenti dei piccoli centri), il tipo di vettura, e via di seguito. Cercando nel web è stato possibile verificare in linea di massima che la maggior parte dei preventivi si è assestata intorno ai 1.000-1.200 euro l’anno: una cifra considerevole. Tra i migliori ci sono Carige, Arca, INA Assitalia, Helvetia, Padana Assicurazioni che propongono tutte tariffe sotto i 1.100 euro. Quixa, una delle compagnie online più recenti, che dovrebbe avere tariffe promozionali, chiede 1.650 euro annuali. Genialloyd arriva a 2.200 euro, mentre DirectLine ben 2.800 euro, ovvero quasi il triplo di molte assicurazioni tradizionali! Ancora più salati i conti di Toro Assicurazioni e Duomo Unione, che sforano i 3.000 euro. Per maggiori informazioni e per essere sicuri delle cifre che si andrebbero a pagare, rimandiamo ai vari siti delle agenzie assicurative, dove è possibile ricavare on-line il proprio profilo utente e far una stima dell’ammontare annuale delle tasse automobilistiche. inchiesta@quotidianogiovani.it

foto fonte internet


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

A A

rcheologia

n. pag.

228

LA CORONA ROMA

SHIRTS & TIES

010

TARQUINIA: SCOPERTA UNA NUOVA CAMERA NEL TUMULO DELLA REGINA di Laura Buscè

Tumulo della Regina foto fonte internet

Il sito archeologico di Tarquinia continua a riservare bellissime sorprese agli archeologi che qui sono impegnati negli scavi. È stata infatti riportata alla luce una camera secondaria del Tumulo della Regina che era rimasta celata per ben 2.700 anni. Agli occhi degli archeologi che hanno rimosso la grande lastra di pietre che celava l’ingresso alla camera, è quindi apparso un locale di piccole dimensioni (4x2,5 metri), praticamente intatto, decorato con intonaci dipinti, pieno di terriccio nella parte anteriore, mentre nella parte posteriore sono stati ritrovati dei manufatti riconducibili a dei letti funerari o a dei componenti di una pietra adibita ad altare. L’importantissimo ritrovamento è avvenuto nel corso della quarta campagna di scavo dell’Università di Torino (che ha cominciato a lavorare nel sito nel 2008), della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale e della Città di Tarquinia in collaborazione con l’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro. Un altro grande tesoro torna dunque alla luce dopo millenni e va a incrementare il superbo patrimonio archeologico del nostro Paese che può vantare siti straordinari, che non smettono di riservare sorprese agli studiosi, che ritengono che questa camera potrebbe essere la più antica mai rinvenuta a Tarquinia visto che i decori sembrerebbero essere stati realizzati secondo un’antichissima tecnica pittorica utilizzata dai maestri greci tra l’VIII e il VII secolo a. C..

www.landsrl.it


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

A V

ita da giovani

n. pag.

228 011

HAI UN’IDEA GENIALE? ECCO COSA FARE PER SVILUPPARLA E RENDERLA REDDITIZIA di Ilaria Serrotti

foto fonte internet

Nonostante la crisi, noi italiani restiamo sempre un popolo d’inventori. Tanto che è stato stimato che in un anno di difficoltà economiche come quello che abbiamo vissuto nel 2010 (e che porta con sé strascichi anche oggi), son state presentate in Italia 66.460 domande di deposito di brevetti e marchi, con un incremento del 2,2%. Un andamento decisamente positivo, che va dall’1,7% del deposito di disegni al 2,1% dei marchi, al 2,4% delle invenzioni, al 5,3% dei modelli di utilità. Come dire che esiste un segnale di dinamismo del sistema e dei singoli cittadini. Ma come si deve muovere chi vuole brevettare un’idea? Innanzitutto occorre precisare che le idee non sono brevettabili; lo sono i congegni, i supporti fisici, i disegni, i marchi, ma non le pure idee che non siano state in qualche

modo materializzate. In secondo luogo, è sempre meglio tenere a mente che per proteggere un’idea, è consigliabile avvalersi di esperti piuttosto che seguire la strada del fai da te. Perché un’invenzione sia brevettabile occorre che siano presenti congiuntamente alcuni requisiti. Innanzitutto, com’è ovvio, deve trattarsi di qualcosa di nuovo (cioè prima inesistente) e di originale (cioè non consistente in una lieve modifica di un bene già esistente); deve poi trattarsi, come già accennato, di un bene materiale (quindi sono esclusi i software o le formule matematiche) e industriale (cioè avente l’attitudine a essere riprodotto in serie: sono escluse perciò opere d’arte o artigianali). Il primo passo è dunque quello d’informarsi sul mercato, onde evitare di scoprire che la nostra invenzione è già stata realizzata da altri. In questo, un valido supporto ce lo potrebbero dare tutti gli sportelli diffusi sul territorio presso Camere di commercio e Università dei Pip e dei Patlib (Patent information point e Patent library) – nati proprio per la diffusione delle informazioni a livello europeo – o anche il sito dell’Ufficio italiano marchi e brevetti, presso il Ministero dello Sviluppo. Passiamo all’aspetto economico … Per registrare un brevetto in Italia e mantenerlo in vita, si va da un minimo di 50 euro, fino a 600 euro. Per la tutela, ogni anno (oltre al quarto) si pagano dai 60 ai 650 euro sino al ventesimo, oltre il quale l’invenzione è ritenuta libera. A questo vanno aggiunti gli utilizzi di consulenti privati, che cambiano a seconda del progetto e ammontano almeno a 2-3 mila euro. Chiudiamo con una curiosità. Pare che i Paesi più “inventivi” siano gli Stati Uniti, seguiti dal Giappone, dalla Germania e dalla Corea. Mentre nel nostro Paese, le regioni più creative sono la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Piemonte. vitadagiovani@quotidianogiovani.it

V U E R R E P O I N T S . r. l. - w w w. v r p o i nt. i t - i n fo @ v r p o i n t . i t V i a d e l l a C r o c e , 4 4 - 0 0 1 8 7 R o m a - Te l . + 3 9 0 6 6 9 9 2 1 0 0 9 - 0 6 6 7 8 8 8 2 7 -


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

A A

mbiente

n. pag.

228 012

IDENTIKIT DELL’ECOLOGISTA DOC: IN ITALIA È DONNA, È DIPLOMATA E HA FRA I 35 E I 54 ANNI di Ilaria Serrotti Una recente indagine condotta da Fondazione Impresa, da sempre attiva nel campo della green economy e dell’eco sostenibilità delle PMI, avrebbe stilato l’identikit dell’italiano ecologista. foto fonte internet Stando ai risultati emersi, l’italiano “green” sarebbe la donna del nord, dotata di un’istruzione medio alta e relativamente giovane (età compresa tra i 35 ed i 54 anni). Questa tipologia di italiano, infatti, sarebbe quella maggiormente sensibile ai temi del riciclo, del consumo di alimenti bio, dello spreco delle riserve idriche e, in generale, di tutti gli argomenti correlati all’ecologia e alla preservazione degli equilibri naturali. A seguire, invece, troviamo donne più anziane (età superiore ai 54 anni) sia del nord che del sud, comunque dotate di un titolo di studio medio-alto. Peggio di tutti fanno gli uomini, in particolare i meridionali di età superiore ai 54 anni che possono vantare un titolo di studio medio-basso. Sembrerebbe, dunque, che il tasso di istruzione e l’età degli intervistati (circa 600 distribuiti in tutta Italia) abbiano influenzato moltissimo sul risultato del questionario facendo emergere come i giovani (piuttosto che gli

anziani), e le persone colte (piuttosto che quelle poco istruite) abbiano, nel corso degli anni, meglio recepito l’importanza di vivere in modo ecosostenibile. Ma quali sono i comportamenti ecologisti su cui si è basata la ricerca? Ebbene, analizzando quelli adottati dagli italiani, è emerso come il tema più caro agli intervistati sia quello dello spreco dell’acqua. Il 94,8% dei cittadini del Belpaese, infatti, adotta comportamenti che potrebbero influire sulla durata delle riserve idriche. A seguire troviamo l’utilizzo di lampadine a basso consumo energetico, con l’88,8% della popolazione, seguito dall’84,5% di quanti consumano alimenti biologici. Gli ultimi due posti della top five, invece, sono occupati dal non utilizzo di impianti di riscaldamento o di raffreddamento (82,5%) e dall’adesione alla raccolta differenziata (75%). Più modesta è invece la quota di italiani che preferisce utilizzare i mezzi di trasporto pubblico o la bicicletta (58,6%); non usa o ha ridotto i prodotti come bicchieri e piatti in plastica, fazzolettini di carta e protezioni igieniche (55,8%); preferisce l’acqua di rubinetto rispetto all’acquisito di quella già imbottigliata (46,8%). Minoritario è infine il numero di italiani che pianificano l’utilizzo dell’automobile in modo da poterla condividere con più persone (33%) e acquista prodotti sfusi come latte, pasta, farina, detersivi, legumi (31,5%). ambiente@quotidianogiovani.it


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

S

pettacolo

n. pag.

228 013

UNA PANORAMICA DEI FILM PIÙ ATTESI

di Carlo Lanna

Trailer “Kung Fu Panda” fonte youtube

Avventura, brividi, passione e divertimento. Così si può riassumere la nuova stagione cinematografica. Tanti sono i film che tra settembre e ottobre verranno proiettati nelle sale, di cui alcuni saranno già in anteprima a fine agosto. Ma quali film sono veramente imperdibili? Ecco a voi una guida semplice e rapida. -Kung fu Panda 2: oggi, 24 agosto il cartone della Dreamworks torna nelle sale. Il panda Po e i suoi compagni inizieranno una nuova avventura a base di risate, di kung fu e questa volta arricchita dalle immagini in 3D. Da non perdere perché Po è un personaggio carico di simpatia e rivederlo in azione è un occasione di puro svago. -Lanterna verde: già in uscita il 31 agosto il film, interpretato da Ryan Reynols e dalla splendida Blake Lively, racconta la nascita del super eroe Lanterna verde. Duecento milioni di dollari è il budget per riportare in live-action la figura dell’eroe dei fumetti. Perché lo aspettiamo? Prima di lanciare in pista altri grandi calibri dei fumetti, la Marvel rispolvera dal suo catalogo un personaggio non famoso, ma con una “mitologia” da brivido . - Bad Teacher: il 9 settembre Cameron Diaz ritorna alla commedia. Lei è una pessima insegnante di scuola media, quando viene lasciata dal suo ricco fidanzato, la donna punta un altro ragazzo benestante: il cantante Justin Timberlake, su cui però ha già messo gli occhi un’altra insegnante. Una commedia dai doppi sensi e dalle mille risate. Imperdibile non credete? - Super 8: il 9 settembre è tempo di fantascienza con il ritorno di JJ Abrams dietro la macchina da presa e con la supervisione di Steven Spielberg. Perché questo film è tanto atteso? Alieni, anni ‘70, cittadine di provincia, adolescenti, militari ottusi e il connubio tra Abrams e Spielberg. È necessario continuare? -I Puffi 3D : il 16 settembre le “strane creature blu” ritor-

nano in un film divertente e spensierato. Chi di voi quando era piccolo non ha mai visto i Puffi? Con questo film i cartoni per la prima volta si presentano in forma tridimensionale a contatto con gli umani. Già successo in Usa dove è in cantiere un sequel. -The Eagle: il 16 settembre è tempo di fare un salto indietro nel tempo e tornare in Britannia nel II secolo dopo Cristo. A venti anni dalla scomparsa del padre Flavius il figlio Marcus “Step Up “ cerca la verità per riabilitare la figura del genitore. Attesissimo per la prova degli attori, ma soprattutto per la rivisitazione di una delicata pagina della nostra storia. - Crazy, stupid, love: ancora il 16 settembre l’attore Steve Carell e Ryan Gosling danno vita a una commedia romantica vecchio stampo. Atteso perché? Oltre per la bravura di Gosling anche per una mitica battuta che già impazza sul web. -L’alba del pianeta delle scimmie: il 23 settembre, dopo 4 sequel, due serie tv e un remake, James Franco ridà vita al “Pianeta delle scimmie”. Rivisitazione rivista e corretta del film “ 1999 – Conquista della Terra “, per una saga che continua ancora ad affascinarci. -Cowboys & Aliens: il 14 ottobre Harrison “Indiana Jones” Ford e Daniel “007” Craig si perdono nel far west. Ford boss del piccolo paese accoglie lo smemorato Craig, senza sapere di un imminente attacco alieno. In un mix inusuale, si sente già aria di blockbuster! E ora un piccolo accenno a tre film che usciranno uno a novembre e i restanti due a dicembre. Attesissimo è, infatti, la prima parte del capitolo finale della “Twilight Saga”: stiamo parlando di “Breaking Down“ in arrivo il 18 novembre. L’amore tra il vampiro Edward e l’umana Bella arriva finalmente al matrimonio, ma un figlio in attesa rovina tutto. Molto aspettato per i fan della saga soprattutto per la tanto chiacchierata scena d’amore tra i due protagonisti. Concludiamo questo breve excursus, menzionando un altro film: questa volta parliamo di un cartone, dove il 16 dicembre da una “costola” di Shrek potremmo gustare una mirabolante avventura del “Gatto con gli stivali”. Incredibile ma vero. E poi il ritorno di “Sherlok Homes”, che dopo il successo del primo film è pronto a regalarci un nuovo e intricato caso da risolvere. Vi lasciamo con una domanda: voi che film vedrete ? La scelta sembra ardua. spettacolo@quotidianogiovani.it


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

C

inema

n. pag.

228

LA CORONA ROMA

SHIRTS & TIES

014

L’AVVENTURA CINEMATOGRAFICA DI WOODY ALLEN A ROMA SI ARRICCHISCE DI NOVITÀ! di Valentina Malgieri

Roberto Benigni e Woody Allen foto fonte internet

Nel nuovo film del celebre regista americano Woody Allen, cinema e letteratura si circondano dell’intensa nube di storia nella quale è immersa Roma, scelta, come ormai ben saprete, come set naturale di questa sua nuova realizzazione cinematografica! Senza sosta, ma con laboriosa continuità Allen prosegue la lavorazione del suo “Bop Decameron” che ha, fino ad ora, richiamato l’attenzione di un gruppo consistente di curiosi, romani o stranieri in visita! Il set principale scelto dall’artista newyorkese è stato, infatti, in questi ultimi giorni niente meno che la rinomata Via del Corso nel centro della capitale, blindatissima per l’occasione. La location, tuttavia, non è l’unico ‘simbolo italiano’ del film, il cui cast, come abbiamo avuto modo di riportarvi già qualche tempo addietro, vanta nomi di attori nostrani quali Riccardo Scamarcio, Antonio Albanese, Alessandra Mastronardi, Ornella Muti e, soprattutto, Roberto Benigni. E nell’italianità sembra essersi voluto immergere totalmente il veterano regista, visto che per la sua ultima fatica ha scelto di adottare anche un titolo (“The Bop Decameron” appunto) che riprende il passo dal capolavoro del poeta fiorentino Giovanni Boccaccio, che scrisse il suo Decamerone tra il 1349 e il 1351. Come quest’ultimo (una raccolta comprendente cento novelle), anche il nuovo film di Woody Allen tratta di 4 diverse vignette; e se l’ultima volta che ne abbiamo parlato trama e composizione delle quattro short story apparivano distribuite con il contagocce, ora siamo ben contenti di potervi dire qualcosa in più: una di queste vignette tratta ad esempio di una coppia (il ruolo del marito è interpretato dallo stesso Allen) che si trova a Roma per conoscere il futuro sposo della loro figlia, mentre la seconda e la terza, nelle

quali si muovono rispettivamente Alec Baldwin, Alessandra Mastronardi e Alessandro Tiberi, raccontano prima la visita a Roma di un architetto e poi il passaggio familiare di una giovane coppia, dispersa tra i vicoli della città eterna nel tentativo di salutare dei parenti. Nel quarto segmento invece, ecco il più atteso dei nostri, chiamato a lasciarsi dirigere dall’illustre regista: parliamo naturalmente del talentuoso Roberto Benigni nel ruolo di Leopoldo Pisanello, un uomo che si riscopre improvvisamente famoso senza conoscerne il motivo, e che dà in escandescenze quando si accorge che la gente non lo riconosce più. Una scena particolare e al momento cliccatissima, in cui il regista americano mette letteralmente “in mutande” l’attore toscano sul marciapiede di Via Veneto per rappresentare la sua follia. Ed è proprio l’interpretazione di Roberto Benigni a essere stata la più attesa, sia per quanto riguarda la potenzialità cinematografica, sia per l’unicità che caratterizza una scena tanto particolare, che vede fianco a fianco due comici tanto diversi e tanto amati impegnati in una realizzazione comune come mai prima era capitato! Il binomio Allen-Benigni dà, infatti, un peso specifico particolare al film, attesissimo data la caratura dei grandi attori presenti e dei due grandissimi registi-attori che presentano tratti comuni nelle loro comicità, seppur fondamentalmente diverse: una, quella di Allen, ironica sarcastica e riflessiva, l’altra, quella di Benigni, esplosiva surreale e più universale. E quest’ultima è stata sicuramente apprezzata da subito dal regista newyorkese, che ha dichiarato di non poter fare a meno di avere al suo fianco il simbolo autentico del cinema italiano in un film in cui l’Italia gioca sicuramente un ruolo fondamentale. Di conseguenza, l’attore toscano si mostra entusiasta della sua parte, interpretandola con il suo inconfondibile quanto versatile stile che lo rese famoso sin dall’uscita dei suoi più importanti capolavori, da “Johnny Stecchino” al celeberrimo “La vita è bella”, segnati profondamente dal suo carisma e dalla sua esorcizzante simpatia. Dunque un film dal cast ricchissimo e di spessore, rispecchiante la passione di Woody Allen per la letteratura e l’arte italiana, fonte necessaria per ideare ‘l’upload’ dell’opera boccacciana e spingere il genio del regista americano ancora una volta fuori dai grattaceli di New York. cinema@quotidianogiovani.it


www.missgadgetfranchising.com

* RO TY E Z AL Y RO

Miss

GADGET

®

by GruppoMontemurro

Miss Gadget, primo franchising a livello nazionale in questo settore,

ti sta cercando!!

ZE RO D’I FEE NG RE SSO*

Affiliandoti gratuitamente entro il 15 Ottobre 2011 avrai la possibilità di entrare a far parte del primo network di agenzie specializzate nel settore degli articoli promozionali e pubblicitari. Questo ti consentirà di operare durante il periodo Natalizio, momento molto proficuo per questo settore, SENZA ROYALTY E FEE D'INGRESSO fino al 31 dicembre 2011. Dopo questo periodo sarai TU a decidere se diventare franchisee del marchio Miss Gadget e continuare ad usufruire di tutti i vantaggi! La tua agenzia sarai TU , non avrai bisogno di struttura e spese fisse mensili, tutti gli aspetti organizzativi e logistici saranno gestiti dalla casa madre, sarai messo nelle condizioni di focalizzarti esclusivamente sul raggiungimento dei TUOI OBIETTIVI.

Non perdere questa occasione! Numero Verde

* fino al 31 dicembre 2011

800 913561


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

n.

M usica

pag.

228 016

PRONTI PER GLI MTV VIDEO MUSIC AWARDS? di Valentina Malgieri

foto fonte internet

Ha stupito anche noi il modo in cui scorra velocemente il tempo se ci si ferma a pensare che è già nuovamente tempo di celebrare gli Mtv Video Music Award, che si terranno il prossimo 28 agosto nella suggestiva location del Nokia Theatre di Los Angeles. Come saprete, l’evento, organizzato dall’emittente televisiva MTV fin dall’ormai lontano 1984, celebra i migliori videoclip musicali degli ultimi 12 mesi e sul finire di questo agosto renderà noti i nomi vincitori di questa annualità. L’anno passato a stravincere sul palco furono essenzialmente Lady Gaga, regina per le categorie Video of the Year, Best Female Video, Best Pop Video, Best Dance Music Video, Best Choreography, Best Direction, Best Editing e Best Collaboration ( per il suo duetto con Beyoncè in “Telephone”) ed Eminem; questo 2011 invece, vede nomi un po’ più vari, sebbene figurino artisti candidati a concorrere in un numero elevatissimo di categorie. Iniziamo da Kate Perry, che troviamo in corsa con ben 9 nominations (Video of the year, Best Pop Video, Best Female Video, Best Collaboration, Best Art Direction, Best Cinematography, Best Direction, Best Editing e Best Special Effects); la segue, a strettissimo giro, la rivelazione di quest’anno, Adele, che si assesta a quota 7 candidature (Video of the year, Best Pop Video, Best Female Video, Best Art Direction, Best Cinematography, Best Direction e Best Editing per ‘Rolling in the Deep)! Scende inevitabilmente la figura dell’ormai affermatissima Lady Gaga che è candidata solo nelle categorie: Best Female Video, Best Art Direction, Best Choreography, esattamente le stesse per le quali è in corsa Beyoncè che svolgerà per questi

Video Music Award il ruolo di tutto rispetto di maestra di cerimonia…Come hanno infatti reso noto i principali tabloid degli ultimi tempi, Lady Germanotta è stata scelta per confezionare il video promo degli Mtv Video Music Awards 2011, che sta imperversando sul web già da alcuni giorni. In questo promo, l’artista ci delizia in un black and white ad effetto, come suo solito, cimentandosi in una versione jazz del suo ultimo singolo “You And I”. Ora, Lady Gaga a parte, quel che appare chiaro è come le attenzioni di questo VMA 2011 saranno prepotentemente destinate ad una stella che è parsa offuscarsi in più occasioni negli ultimi anni, parliamo naturalmente di Britney Spears, alla quale gli Mtv Video Music Awards 2011 hanno in programma di dedicare un tributo di tutto rispetto. Il 28 agosto perciò, oltre che un’occasione per celebrare la musica e il video musicale quale strumento comunicativo di massa, darà a tutti l’opportunità di rendere grazie ad una delle icone pop più grandi a cavallo tra gli anni Novanta e il primo decennio del nuovo secolo. A rendere concreto questo intento saranno molte sue altrettanto affermate colleghe che, secondo le prime indiscrezioni si recheranno sul palco per cimentarsi nell’interpretazione di alcuni dei suoi brani di maggiore successo, da “Baby One More Time” a “I’m A Slave 4 You”, passando per “Gimme More” a “Circus”….e chissà se non sarà proprio Lady Gaga a deliziarci in questa ultima fatica! Ma il grande tributo a Britney Spears non si esaurirà certo qui, dato che, per chiudere in bellezza, salirà lei in persona sul palco per proporre al pubblico musicale un medley di “Hold It Against Me” e “I Wanna Go”. Insomma, gli ingredienti per incuriosire tutti noi a seguire gli eventi del 28 agosto ci sono tutti….e per quanto riguarda la corsa ai premi….eccovi l’intera lista dei nominati perché possiate farvi un’idea completa: Video of the year: Adele – Rolling In The Deep, Bestie Boys – Make Some Noise, Bruno Mars – Grenade, Katy Perry – Firework, Tyler, The Creator – Yonkers; Best Pop Video: Adele – Rolling In The Deep, Britney Spears – Till The World Ends, Bruno Mars – Grenade, Katy Perry – Last Friday Night, Pitbull f/ Ne-Yo, Nayer, Afrojack – Give Me Everything; Best Female Video: Adele – Rolling In The Deep, Beyonce – segue a pag. 17


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

n. pag.

228 017

continua da pag. 16

Run The World (Girls), Katy Perry – Firework, Lady Gaga – Born This Way, Nicki Minaj – Super Bass Best Rock Video: Cage The Elephant – Shake Me Down, Foo Fighters – Walk, Foster The People – Pumped Up Kicks, Mumford & Sons – The Cave, The Black Keys – Howlin’ For You Best Hip-Hop Artist: Chris Brown – Look At Me Now, Kanye West f/ Rihanna and Kid Cudi – All Of The Lights, Lil Wayne – 6 Foot 7 Foot, Lupe Fiasco – The Show Goes on, Nicki Minaj – Super Bass Best New Artist: Big Sean, Foster The People, Kreashaywn, Tyler The Creator, Wiz Khalifa Best Male Video: Bruno Mars – Grenade, Cee-Lo – Fuck You, Eminem – Love The Way You Lie Justin Bieber – You Smile, Kanye West – All Of The Lights; Best Collaboration: Chris Brown f/ Lil Wayne and Busta Rhymes – Look At Me Now, Kanye West f/ Rihanna and Kid Cudi – All Of The Lights, Katy Perry f/ Kanye West – E.T, Nicki Minaj f/ Drake – Moment 4 Life, Pitbull f/ Ne-Yo, Nayer, and Afrojack – Give Me Everything, Best Art Direction, Adele – Rolling In The Deep, Death Cab For Cutie – You Are A Tourist, Kanye West f/ Dwele – Power, Katy Perry f/ Kanye West – E.T, Lady Gaga – Judas Best Choreography: Beyoncé – Run The World (Girls), Britney Spears – Till The World Ends, Bruno Mars – The Lazy Song, Lady Gaga- Judas, LMFAO f/ Lauren Bennett & Goon – Party Rock Anthem; Best Cinematography: Thirty Seconds To Mars – Hurricane, Adele – Rolling In The Deep, Beyoncé – Run The World (Girls), Eminem f/ Rihanna – Love The Way You Lie, Katy Perry – Teenage Dream Best Direction: Thirty Seconds To Mars – Hurricane, Adele – Rolling In The Deep, Beastie Boys – Make Some Noise, Eminem f/ Rihanna – Love The Way You Lie, Katy Perry f/ Kanye

West – E.T Best Editing: Thirty Seconds To Mars – Hurricane, Adele – Rolling In The Deep, Katy Perry f/ Kanye West – E.T, Manchester Orchestra – Simple Math, Kanye West f/ Rihanna and Kid Cudi – All Of The Lights; Best Special Effects: Chromeo – Dont Turn The Lights On, Katy Perry f/ Kanye West – E.T, Kanye West f/ Dwele – Power, Manchester Orchestra – Simple Math, Linkin Park – Waiting For The End Pronostici o scommesse !!!?? musica@quotidianogiovani.it

foto fonte internet


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

T ecnologia

n. pag.

228 018

FACEBOOK IN PERICOLO? di Giovanni Tortoriello strani e nei loro messaggi ci sono link a siti che ospitano pubblicità”.

foto fonte internet

Il prossimo 5 novembre Facebook non esisterà più. Lo ha annunciato, attraverso un messaggio che da qualche giorno circola nella rete, il gruppo hacker Anonymous affermando di avere intenzione di attaccare il popolare social network proprio nel prossimo mese di novembre. La data non è casuale: il 5 novembre 1605 l’attivista inglese Guy Fawkes tentò di far saltare in aria il parlamento inglese. Negli anni il volto di Fawkes, la maschera del protagonista di V per Vendetta, è divenuto uno dei simboli del mondo hacker. Le motivazioni di questo gesto vengono espresse da Facebookop, il gruppo hacker che ha annunciato l’attacco. Secondo il sito “bisogna uccidere Facebook per proteggere la libertà di informazione. Tutto ciò che c’è sul social network rimane là, nonostante le vostre preferenze di sicurezza e cancellare l’account è inutile, anche se lo fate, tutti i vostri dati restano raggiungibili”. Il messaggio è molto forte e ha già messo in allarme gli affezionati del social network, tuttavia alcuni hanno espresso dei dubbi sull’autenticità del testo. Ad esempio il celebre inventore dell’omonimo antivirus Eugene Kaspersky ha dichiarato che l’annuncio “ è molto probabilmente un falso. I nomi che usano sono

Gli stessi messaggi, lasciati sulla bacheca Twitter di Anonops, evidenziano opinioni contrastanti. In uno si sottolinea che si tratta di un piccolo gruppo che non necessariamente rispecchia le idee del collettivo mondiale Anonymous. In un altro si dice esplicitamente che l’annuncio è falso e il gruppo non c’entra niente, per questo i media vengono invitati a non cadere in inganno. In effetti, lo stile e il contenuto del messaggio sembrano in antitesi con l’atteggiamento mostrato sin qui da Anonymous, che ha sempre cercato di attuare proteste costruttive e non distruttive. In secondo luogo non pare avere molto senso annunciare un attacco hacker, specificando addirittura la data: in tal modo il soggetto a rischio ha tutto il tempo per aumentare le proprie difese e prepararsi a fronteggiare nel migliore dei modi l’imminente attentato. D’altra parte non bisogna sottovalutare il gruppo di hacker dato che negli ultimi anni ha assunto una fisionomia mondiale. L’associazione si è sviluppata anche in Italia e, proprio nel nostro Paese, lo scorso mese è stata pesantemente rimaneggiata da un blitz delle forze di polizia, nel quale è stato arrestato Frey, italiano di 26 anni del Canton Ticino che viene considerato uno dei membri di spicco dell’organizzazione. Anonymous Italia ha promesso di vendicarsi dell’arresto di numerose persone legate all’associazione, sottolineando che non si trattava di pericolosi hacker bensì di “persone come tutti, arrestate mentre protestavano pacificamente per i nostri diritti”. Si attendono nuovi attacchi, come quelli già avvenuti a dei siti del parlamento italiano, dell’esecutivo e dell’Agcom, accusata di censurare il web. Non ci resta che aspettare, ma questa vicenda pone l’accento sulle contraddizioni insite nel mondo della rete. tecnologia@quotidianogiovani.it


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

A C

uriosità dal web

n. pag.

228

LA CORONA ROMA

SHIRTS & TIES

019

NEI CENTRI COMMERCIALI INGLESI È GIÀ NATALE di I. S.

ancora fuori stagione. In particolare sarebbero i musulmani a fare la differenza. La festività islamica del Ramadan – che quest’anno è caduta proprio in agosto – è tradizionalmente periodo di acquisti e regali per i clienti musulmani. E Londra è sempre più spesso meta del turismo di lusso, islamico. Certo chi professa la religione di Allah il Natale non lo festeggia, è vero, ma – così spiegano gli esercenti inglesi – l’usanza di addobbare la casa con i gadget natalizi è sempre più diffusa anche in quella cultura.

foto fonte internet

Ok, quest’estate non passerà alla storia per essere stata particolarmente calda, nonostante i picchi di temperature record registrate in questi giorni nel nostro paese, ed è vero soprattutto nel nord Europa dove le temperature sono state decisamente miti. Tuttavia la scelta di alcuni grandi centri commerciali londinesi ci sembra davvero un pochino esagerata! Di cosa parliamo? Ebbene, pare che Harrods e Selfridges abbiano già (e già da un po’, visto che si parla di fine luglio) aperto i padiglioni natalizi con ben centocinquantuno giorni di anticipo rispetto al canonico Natale. A quanto riporta Harrods, la tendenza ad anticipare sempre di più l’apertura delle aree natalizie sarebbe una risposta alla crescente domanda di turisti internazionali, i quali apprezzano la possibilità di visitare le aree festive, anche se siamo

E così Harrods ha inaugurato il reparto ‘Winter Wonderland’, mettendo in mostra Santa Klaus, alberi imbiancati di neve e ogni genere di addobbo per la casa. Tutti articoli che si possono trovare anche da Selfridges, come confermato da una sua portavoce. Immaginate che atmosfera surreale dev’esserci da quelle parti, dove a passeggiare fra i diversi reparti, ci sono i turisti che – ovviamente – ancora vestono in abiti a maniche corte e occhiali da sole e in contemporanea si aggirano Babbi Natale e in sottofondo la voce di Dean Martin che canta il celebre motivo ‘Let it snow!’. Infine, come sottolinea il quotidiano britannico ‘Independent’, da Selfridges proprio l’anno scorso il reparto natalizio è stato inaugurato l’8 agosto e i volumi di vendita raddoppiarono rispetto all’anno precedente. E quest’anno a Londra è atteso il 40% in più di turisti rispetto al 2010. Vi basta come motivazione di questa atipica apertura in super anticipo? curiosita@quotidianogiovani.it

Due vite che cambiano

per sempre… e una è la tua

Scopri come!


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

G

ossip

n. pag.

228 020

FILIPPO E FEDE A SIENA? LUCA SI CONSOLA A IBIZA

di Valentina Nanni

Luca Marin foto fonte internet

Magnini-Pellegrini-Marin. Se quest’estate non avete ancora sentito parlare di loro probabilmente vi siete trasferiti per un po’ in qualche isola tropicale senza connessione internet! Il triangolo amoroso dei campioni del nuoto ha infatti tenuto banco tra le notizie di cronaca rosa delle ultime settimane, e gli ultimi sviluppi della vicenda vengono stavolta da Luca Marin, che finora aveva rilasciato pochissime dichiarazioni e si era lasciato fotografare in un numero ancora minore di occasioni. Se dei movimenti di Federica e Filippo si sa praticamente ogni cosa (baci rubati al Palio di Siena compresi), del bel Luca dopo i chiacchieratissimi mondiali di Shanghai (in cui purtroppo non ha di certo brillato) non si era sentito molto parlare. O almeno è stato così fino a ieri quando è stato trovato in dolce compagnia a Ibiza, dove è i paparazzi l’hanno pizzicato mentre baciava una nuova ragazza. Che sia l’ennesima prova della veridicità del detto ‘chiodo scaccia chiodo’? Al momento non è dato sapere, ma di certo la ripresa di Marin affranto e tradito dal suo capitano e dalla

sua compagna (che a onor di cronaca continuano a smentire con forza qualsiasi illazione in merito alla loro presunta relazione) è stata piuttosto rapida! Sicuramente la soluzione di quest’intricatissima vicenda amorosa è lontana dall’essere raggiunta e intanto però tutti i protagonisti continuano a conquistarsi le copertine delle riviste con i loro baci (o presunti tali), abbracci e occhiate fugaci. Quello che a noi viene spontaneo chiedere è perché debba esserci ancora tutto quest’alone di mistero! Sono tutti belli, giovani e famosi, non avranno il diritto di vivere la loro vita come meglio credono? La risposta affermativa è scontata, ma la messa in pratica del proposito sembra alquanto ardua… gossip@quotidianogiovani.it

Filippo Magnini e Federica Pellegrini al Palio di Siena foto fonte internet


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

G

ossip

n. pag.

228 021

UN ALTRO BEBÈ IN CASA AFFLECK di Alessia Strinati

Jennifer Garner foto fonte internet

Ancora una cicogna in arrivo per Ben Affleck e Jennifer Garner. La coppia sposata ormai da sei anni deve amare veramente tanto i bambini. I due sono, infatti, già genitori di Violet Anne e Seraphina Rose Elizabeth e ora pare non vedano l’ora di abbracciare un maschietto. Jennifer e Ben si erano conosciuti sul set di Derdevil e da allora sono stati inseparabili. Da un po’ di tempo i paparazzi tenevano sott’occhio la pancina di Jennifer che sembrava essere leggermente più pronunciata…quando, alla fine, è arrivata la notizia dall’Associated Press del terzo bebè in arrivo. I due sposini sembrano essere una delle poche coppie “normali” del jet set hollywoodiano: innamoratissimi e fedeli… vera rarità in un mondo di riflettori. Il loro matrimonio fu immediato: si sposarono ai Caraibi nel giugno del 2005, mentre lei era già incinta di tre mesi della prima figlia e dopo tre anni è arrivata la seconda. La coppia si è detta felicissima e la mamma è apparsa veramente radiosa negli ultimi scatti. Ben deve aver realizzato il sogno di una famiglia numerosa che, come i più attenti ricorderanno, fu una delle cause di separazione con la bella cantante (ora reduce da un divorzio) J Lo. A questo punto non resta che dire “auguri e figli maschi”, e data la fertilità della coppia la forma al plurale sembra essere la più adatta!!! gossip@quotidianogiovani.it

LA CORONA ROMA

SHIRTS & TIES


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

S

alute e benessere

n. pag.

228

LA CORONA ROMA

SHIRTS & TIES

022

POSIZIONI PER DORMIRE BENE: ECCO LE MIGLIORI PER OGNI NECESSITÀ di Ilaria Serrotti

Sono davvero moltissimi i motivi per cui il momento del riposo notturno può essere meno piacevole del dovuto: mal di schiena, problemi di respirazione, allergie, accumulo di stress sono soltanto alcuni di essi. Tuttavia occorre precisare che dormire (e, possibilmente, bene) è un passaggio fondamentale per la nostra salute psicofisica. foto fonte internet A tal proposito, è oltretutto necessario sapere che vi sono alcune posizioni che risultano essere migliori rispetto ad altre, al fine di un sonno al top. Ecco allora, di seguito, i modi ideali per non rinunciare a una bella dormita. Innanzitutto, attenzione alla postura La posizione più sbagliata in cui dormire è quella supina con le gambe dritte; questa postura aggiungerebbe stress ai muscoli, alle articolazioni e ai nervi della schiena e del collo. Quindi meglio addormentarsi di lato o supini, ma con le gambe piegate lasciando la pancia all’aria. Per chi tende a russare Secondo alcune stime, sarebbero ben 90 milioni gli americani adulti che russano, ma anche in Europa le cifre non

sono da meno. Perché si russa? Per problemi al setto nasale o alle vie respiratorie, ad esempio. Si russa anche perché i muscoli della gola si rilassano e la lingua cade all’indietro, ostruendo il flusso dell’aria. Quindi la posizione migliore è dormire a pancia in giù: in questo modo la lingua e la mascella cadono in avanti e sono meno propense a bloccare le vie respiratorie. Per chi ha problemi al collo Per tutti quelli che hanno problemi di cervicale si consiglia si dormire con un asciugamano arrotolato sotto le scapole, ma ... ricordatevi sempre che il cuscino non deve essere né troppo alto né troppo basso e che deve servire come giusto sostegno per mettere testa, collo e schiena in posizione confortevole. Quindi meglio che sia un guanciale ergonomico o ortopedico. Per chi soffre di mal di schiena A volte oltre al collo, si può “bloccare” anche la schiena, e una delle possibili cause è proprio il fatto di dormire in posizione sbagliata. In questi casi è meglio evitare di addormentarsi a pancia in giù perché non mantiene la spina dorsale in una posizione neutrale. Sarebbe allora meglio dormire di lato, in modo da allungare maggiormente la spina dorsale. Per chi soffre di allergia Soprattutto in primavera, moltissime persone hanno allergie provocate dal polline e di notte fanno molta fatica a dormire. Quindi solo per quei mesi è consigliato riposare con qualche cuscino in più per migliorare la respirazione. salute@quotidianogiovani.it


LA CORONA R

ROMA SHIRTS & TIES

PUNTI VENDITA Roma: Granada: (Spagna)

Via Frattina 58 Tel: 06/69924337

Plaza del Carmen s/n Tel: 0034 958229780

Via Del Gambero 31 Tel: 06/6790164 Valmontone Outlet Fashion District - Unità 12 Tel: 06/9596415 Via V.Veneto 88 (Corner Camicie) Tel: 06/4741395

Castellòn: (Spagna) Ruiz Zorrilla 20 Tel: 0034 636496148

www.lacoronaroma.it


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

V G

iaggi

n. pag.

228 024

BENVENUTI NEL PAESE DEI BALOCCHI: ROTHENBURG OB DER TAUBER di Francesca Salvatore

foto fonte internet

Cioccolata e orsacchiotti: benvenuti nel paese dei balocchi! Rothenburg ob der Tauber è una graziosa cittadina bavarese, posta sul colle che sovrasta il fiume Tauber: una vera bomboniera raccolta all’interno di altissime mura fortificate. Questo piccolo gioiello sarebbe stato raso al suolo durante la Seconda Guerra Mondiale se non fosse stato per la volontà di un generale americano che, nel 1945, volle risparmiarla dall’annientamento totale per via della sua bellezza. Il borgo, da allora, è divenuto la meta di turisti e innamorati: non bisogna dimenticare, infatti, che Rothenburg si trova all’interno dell’itinerario turistico di 341 chilometri che va sotto il nome di Romantische Strasse, una “strada romantica” e languida che unisce Fussen, in Baviera, a Wurzburg, in Franconia. E allora quale luogo migliore per respirare un po’ di sano romanticismo? Passeggiare per questo centro storico equivale a fare un tuffo nella storia, che qui sembra continuare a raccontare incessantemente negli angoli, nell’architettura, nei campanili delle chiese e nella forma delle piazze. A dire la verità, sarà l’aria sempre pungente di queste zone (che anche ad agosto fa stringere i passanti nelle loro giacche), ma qui sembra che sia sempre Natale: i negozi pieni di luci, l’atmosfera accogliente, la musica per le stradine del borgo antico, le bancarelle zeppe di zucchero filato e mele candite fanno davvero pensare di essere capitati nel paese di

Hansel e Gretel, con tanto di casette di marzapane. Assolutamente da non perdere è la piazza del Mercato, fulcro della vita cittadina e di tutte le attività locali: su di essa sovrasta il Rathaus, nome tedesco che indica il Municipio, in stile gotico e rinascimentale, una delizia per gli occhi di chi se ne intende! Il corso principale di Rothenburg si chiama Herrengasse (la via dei Signori) e per chi non sapesse dove si trova, sarebbe facile intuire che si tratta di un’autentica strada bavarese: qui si susseguono centinaia di case multicolori, elegantemente sporte sulla strada, sempre addobbate con luci, piante dai colori vivacissimi e fiocchi tutti i giorni dell’anno. Ancora, per gli appassionati di architettura sono imperdibili le mura d’accesso alla città, la Klingentor e la Galgentor, nonché le numerose chiese, tra cui quella di San Giacomo, in stile tardo gotico. Ma per chi non volesse girare la città in base ai dettami delle guide turistiche, la cosa migliore è coprirsi bene e assaporare Rothenburg semplicemente passeggiando tra le sue viuzze, riposarsi in uno dei numerosi caffè e sgranare gli occhi davanti a tutto quello che emoziona o che ci fa tornare bambini. A questo proposito, per i bimbi e per gli eterni Peter Pan sarà imperdibile una bottega situata in Herrengasse al cisegue a pag. 25

foto fonte internet


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

V G

iaggi

n. pag.

228

LA CORONA ROMA

SHIRTS & TIES

025

continua da pag. 24

foto fonte internet

vico 1: un fantastico negozio di giocattoli! Ma non dovete immaginarne uno classico con scaffali pieni zeppi di videogiochi, macchinine e bambole troppo truccate. Qui si possono trovare ancora “giocattoli” vecchio stampo. Innanzitutto enormi, teneri e morbidissimi orsacchiotti, visto che proprio Rothenburg ne è la patria. Solitamente davanti alle sue vetrine, accanto all’ingresso vi è esposto un enorme orso marrone: farsi una foto o semplicemente tastarlo sarà inevitabile. Questo magico luogo venne fondato dalla famiglia Wohlfahrt nel 1977: l’idea era quella di costruire un posto dove fosse possibile non solo comprare ma anche giocare, vedere come si costruiscono trenini e bambole, e dove ci fosse una “clinica” dove portare una bambolina con un braccio rotto o un peluche con un occhio staccato. Forte del successo riscosso tra i turisti, questa piccola bottega si è trasformata in una vera azienda, che oggi vanta molte filiali all’estero. Ma occhio ai peccati di gola, perché qui sarà inevitabile commetterli. Complice l’aria fresca, le musiche dolci e l’atmosfera accogliente, non potrete non entrare nelle numerose boutique che sembrano vendere gioielli, ma che in realtà sfornano vere leccornie. Qui potrete acquistare la cioccolata a fette, mele caramellate, pan di zenzero, gustare una cioccolata calda al peperoncino, comprare una torta sacher, deliziarvi con krapfen ripieni di marmellata, ma soprattutto non potrete non assaggiare le “snowball”, dolci tipici della città. Si tratta di un impasto identico a quello delle nostre “chiacchiere” carnevalesche, che viene arrotolato fino a formare una palla e poi fritto in olio bollen-

te. Dopo essersi asciugato viene tuffato nel cioccolato fondente e cosparso di zucchero a velo: non c’è una regola per mangiarlo come personcine ben educate, ma bisogna affondarvi la faccia e sporcarsi in maniera vergognosa. Che bontà! Ma non si può salutare Rothenburg senza aver assistito alla cosiddetta “Bevuta del Borgomastro”. Perciò ovunque voi siate, ritornate in Piazza del Municipio e fissate con il naso all’insù il Taverna del Municipio, oggi ufficio per il turismo. A orari precisi, sulla facciata di questo vecchio edificio, nel bel mezzo degli applausi dei cittadini, sfileranno una serie di statuette azionate dall’orologio meccanico che sovrasta la piazza: una delle scene più pittoresche è quella del sindaco che beve dal suo boccale litri e litri di birra. Non abbiate timore di perdere questo spettacolo perché si ripete, sempre identico, alle 11, 12, 13, 14, 15 e alle 20, 21, 22: dopodiché tutti a nanna. Le vetrine si spengono, le finestre si chiudono, gli orsacchiotti vengono ritirati dalla strade e “si spegne anche l’insegna di quell’ultimo caffè”. E Rothenburg sonnecchierà fino al giorno dopo, immersa nel suo incantesimo. viaggi@quotidianogiovani.it

foto fonte internet


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

n.

C

pag.

ultura

228 026

UNO, NESSUNO, CENTOMILA: NOI E GLI ALTRI di Valentina Malgieri

Una delle opere più famose dello scrittore siciliano Luigi Pirandello, nonché uno dei capolavori indiscussi della letteratura mondiale del Novecento, è senza dubbio il romanzo “Uno, nessuno, centomila”, pubblicato ottantacinque anni fa, nel 1926. Tale opera letteraria ha il pregio di riuscire magistralmente a sintetizzare il pensiero pirandelliano nella maniera più completa e raffinata. Leggere i romanzi di PiPirandello, Uno,nessuno e centomilafoto fonte internet randello non è mai inutile; “Uno, nessuno e centomila” induce a pensare attentamente alla frammentarietà della identità personale di ciascuno di noi: noi crediamo di avere una sola identità mentre siamo centomila persone, una a seconda di ogni persona che ci conosce, dunque non siamo nessuno. Di qui il titolo del romanzo che riassume in tre parole il significato più autentico dell’opera. “Uno nessuno, centomila” è suddiviso in otto libri, i quali si articolano in capitoli titolati di varia lunghezza, per lo più brevi. In questo romanzo si possono trovare le principali tematiche trattate in precedenza da Pirandello, una su tutte la presa di coscienza della prigionia delle forme. Il protagonista, Vitangelo Moscarda detto Gengè, è la classica persona ordinaria, la cui esistenza viene sconvolta da un banalissimo fatto: sua moglie un giorno davanti allo specchio gli fa notare un difetto fisico (il naso un poco storto). Tale sciocca quanto semplice constatazione avrà lo stesso effetto di un cerino acceso in un deposito di esplosivo: essa rappresenta uno spartiacque nella vita del protagonista il quale inizia un’introspezione su chi egli sia per se stesso e per gli altri che lo porta a una frantumazione della propria identità. La vita in famiglia, così come i propri interessi e le proprie relazioni sociali - dopo quasi un trentennio di

placida e noiosa calma – si dissolvono come d’incantesimo, e il protagonista si trasforma in un alienato dalla società. Vitangelo per la prima volta, diviene consapevole che le molteplici persone che gravitano intorno a lui lo vedono in centomila forme differenti: ciò, turbandolo profondamente, suscita in lui il forte desiderio di scoprire chi sia realmente. Nell’animo del protagonista matura, dunque, un vero e proprio rifiuto per la prigionia delle forme in cui le altre persone lo costringono; ma egli inoltre arriva a comprendere di non essere nessuno per se stesso, e ciò in lui provoca un’ulteriore sensazione di sgomento, un senso di malinconia e solitudine. «Un irreparabile guasto sopravvenuto al congegno dell’universo» viene definita la percezione della frammentarietà della propria personalità: sembra una esagerazione ma in verità è paragonata alla dimensione simile ad una apocalisse che si apre nella coscienza del protagonista e che può a tutti gli effetti essere definita come uno «strappo nel cielo di carta» del teatrino dei pupi che rende un eroe classico (caratterizzato dal vigore fisico e morale, forte delle proprie convinzioni) in un moderno Amleto. L’attento e approfondito viaggio nella nostra psiche realizzato da Pirandello pare proprio non aver perso efficacia e validità – nonostante l’epoca in cui venne pubblicato fosse del tutto diversa da quella contemporanea – confermando, una volta ancora, la dimensione di classico moderno dell’autore siciliano. Ognuno di noi costruisce gli altri e ciascuno non si riconosce nella forma che viene attribuita dall’altro. Questo libro aiuta a riflettere profondamente sulla mutevole e sfuggevole realtà delle percezioni e delle sensazioni, su come noi percepiamo chi ci circonda e su come chi ci circonda percepisce la nostra natura. Ragionando durante la lettura si riesce a capire l’erroneità e la superficialità di certe convinzioni e altresì la falsità di molte convenzioni. cultura@gruppomontemurro.it


dai giovani per i giovani mercoledì 24 agosto 2011

V

ideo del giorno

n. pag.

228 027

ROTOLANDO VERSO SUD Oggi abbiamo scelto per voi un video dei Negrita. Noto gruppo musicale italiano, tornato nelle classifiche con grande successo da qualche anno. Il video della canzone “Rotolando verso sud” è stato girato a Rio De Janeiro, tra spiagge, foreste, parchi e mercati…che ci regalano gli ultimi assaggi di questa estate torrida. Buon ascolto e buona visione!

video fonte youtube

QG1  

Quotidiano giovani 24 Agosto

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you