Issuu on Google+

Poste Italiane s.p.a. spedizione in A.P. – D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27 febbraio 2004 n. 46) art. 1 comma 1, NE/VE

Venezia, idee, stili e storie

Anno 64, n°5 Mensile € 3,90

100 COSE DA FARE

A VENEZIA OGGI

STORIE ILLUSTRI: quest’estate Giocate! È il consiglio del filosofo pop Franco Bolelli / continua il viaggio con gli chef stellati: Filippo Chiappini Dattilo del teatro di piacenza cooking @ Cip’s L’illustre In ENGLISH: The Spirit Of The Music of Venice

Calliandro Editore


il st u tr ll lustre l i illustre ustre illustre i stre illustre ill tre illustre illu e illustre illus e r t s e illu s tr ll r lu i s u t l l i s u l e l i r stre u l e t l i r u l e s t l i r l e s u t i r l e s u t r l il e s u t l r l i s u t l illus stre i tre ill re illu lustre e s u t l r l i s u t l l i s u l e l i r u l e t l i r l e s t lustre i r l e s t i r e s u t r l illu e s u t l r l i s u t l l i s u l e l i r u stre il tre ill llustre lustre i s u l e illust l i r u l e t l i r ustre l e s t l i r l e s u t i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e l i s u l e stre i tre ill llustr re illu lustre i s u t l l i s u l e l i r stre u l e t l i r u l e s t l i r l e s u t i r l e s u t r l e s u t l r l i s u t l e il illus stre i tre ill re illu lustre e s u t l r l i s u t l l i s u l e l i r u l e t l i r l e s t lustre i r l e s t i r e s u t r l e s u t l r l i s u t l l i re illu s u l e l i r u l e stre i tre ill llustr lustre i s u l e illust l i r u l e t l i r ustre l e s t l i r l e s u t i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l l i re s u l e stre i tre ill llustr re illu lustre i s u t l l i s u l e l i r stre u l e t l i r u l e s t l i r l e s u t i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e tr re illu e illus stre ill ustre i t llustre r l i s u t l l i s u l e l i r u l e t l i r l e s t lustre i r l e s u t i r e s u t r l e s u t l r l i s u t l l i s u l e l i r u l e stre ill stre i tre ill llustr lustre i s u l e illust l i r u l e t l i r ustre l e s t l i r l e s u t i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e l i r s u l e t s stre i tre ill llustr re illu lustre i s u t l l i s u l e l i r stre u l e t l i r u l e s t l i r l e s u t i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e l i ustr re illu e illus stre il ustre t llustre r l i s u t l l i s u l e l i r u l e t l i r l e s t lustre i r l e s u t i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e l i r s u l e t l i r u l e s u stre i tre ill llustr lustre i s u l e illust l i r u l e t l i r ustre l e s t l i r l e s u t i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e l i r s u l e t l us re illu illustr stre il ustre i t llustre l i s u l e l i r stre u l e t l i r u l e s t l i r l e s u t i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e l i lustr re illu e illus stre il ustre t llustre r l i s u t l l i s u l e l i r u l e t l i r l e s t i r llustre e s u t i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e l i r s u l e t l i r u l e s t llu illustr stre ill ustre i llustre e illus l i r u l e t l i r ustre l e s t l i r l e s u t i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e l i r s u l e t l i illus re illu illustr stre il ustre t llustre l i s u l e l i r stre u l e t l i r u l e s t l i r l e s u t i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e l i r illust e illus stre il ustre tre illu llustre r l i s u t l l i s u l e l i r u l e t l i r l e s t i r llustre e s u t i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e l i r s u l e t l i r u l e s t l i illu illustr stre il ustre llustre e illus l i r u l e t l i r l e s t lustre i r l e s u t i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e l i r s u l e t l i r re illu illust stre il ustre t llustre e illus l i s u l e l i r stre u l e t l i r u l e s t l i r l e s u t i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e l i r s stre il tre illu * illustre illu llustre lustre i s u l e illust l i u l e l i r stre l e t i r u e s t l r l e s u t i r l i s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e i r s u ll e re illust illustre illustr llustre illustre ustre illustre i stre illustre ill tre illustre illu e illustre ill re str us llu ei re illust illustre illustr llustre illustre ustre illustre i stre illustre ill tre illustre illu e illustre tre illus re ill llustr e illu stre i t i r e s u t r l e s u t l r l i s u t l l i s u l e tre illus l i r stre u l e t l i r u l e s t l i r l e s u t i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e str tre illus stre i tre ill re illu e s u t r l s u t l l i s u l l i u l e stre illu e illustre illus l i r l e t lustre i r l e s t i r e s u t r l e s u t l r l i s u t l l i r s u l e t l i r u s t stre il tre ill llustre lustre i s u l l i stre u l e stre illu e illustre illus l i r u l e t l i r l e s t i r e s u t r l e s u t l r l i s u t l l i r s u l e str tre lust stre i tre ill re illu s u t l s u l l i stre u l l i u l e ustre il tre illustre illu re illustre illus l i r l e t i r e s t r e s u t r l s u t l st tre i illus lus tre ill re illu e s t r s u t l s u l l i u l l i l e ustre il tre illustre illu re illustre illus lustre i r l e t i r e s t r e s u t r l s u t l l i s u l l i u l e st tr lus stre i tre ill lustre s u l l i u l l i ustre l e ustre il tre illustre illu re illustre illus l i r l e t i r e s t r e s u t r l s u t l l i s u l stre ust tre i llus tre ill re illu s t s u l stre u l l i u l l i lustre i stre illustre ill re illustre illu e illustre illus l e i r e t r e s t r s u t str tre ill llu re illu lust e illus t r s t s u l u l l i l i llustre e llustre i stre illustre il tre illustre illu re illustre illus i r e t r e s t r s u t l s u l l i u l illu stre ust tre i llus tre ill s u l ustre l l i l i illustre ustre illustre i stre illustre ill tre illustre illu e illustre illus e r e t r s t s u ill str us tre ill llu re illu t s stre u l u l l i l i illustre ustre illustre i stre illustre ill tre illustre illu e illustre illus e r e t r s t re illu ill e illus str us t llu r l i s u t l e l i r s u l e t l i r u l e s t l i r l e s u t lustre i r l l e s u t l i r l i e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e l i r s u l e t l i r u l e s illust stre i tre ill llustr e illu lustre i r s u l e t l i r u l e s t l i r ustre l e s u t l i r l l e s u t l i r l i e s u t l r l i e s u t l e r l i s u t l e l i r s u l e t l re illu illustr stre il ustre i t llustre e illus l i r s u l e t l i r stre u l e s t l i r u l e s u t l i r l l e s u t l i r l i e s u t l r l i e s u t l e r l i s u t l e l i re illu illustr e illus stre il ustre t llustre r l i s u t l e l i r s u l e t l i r u l e s t l i r l e s u t i r l llustre e s u t l i r l e s u t l r l i e s u t l r l i re i s u t l e l i r s u l e t l i r u l e s t illustr re illu stre ill ustre i llustre e illus t l i r u l e s t l i r ustre l e s u t l i r l l e s u t l i r l i e s u t l r l i e s u t l e r l i r s u t l e l i r s u l e t l i re illu illustr stre il ustre t llustre e illus l i r s u l e t l i r stre u l e s t l i r u l e s u t l i r l l e s u t l i r l i e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e tre l i r illust e illus stre il ustre tre illu llustre r l i s u t l e l i r s u l e t l i r u l e s t l i r l e s u t i r l llustre e s u t l i r l e s u t l r l i e s u t l r l i s u t l e l i r s u l e stre i t l i r u l e s t l i illustr re illu stre il ustre llustre e illus t l i r u l e s t l i r l e s u t lustre i r l l e s u t l i r l i e s u t l r l i e s u t l e r l i s u t l e l i r s u l e str * t l i r t e saperne di piÚ visita ustraleCaffè Florian tre il re illu illusdella swww.lillustre.it ustrPer t llIllustri e illus collabora l i r s u l e t l i r stre u l e s al restauro Sala degli Uomini a Venezia. t l i r u l e s u t l i r l l e s u t l i r l i e s u t l r l i e s u t l e r l i r s u t l e t l i r s us illust e illu stre il ustre tre illu llustre r l i s u t l e l i r s u l e t l i r stre u l e s t l i r u l e s u t l i r l l e s u t l i r l i e s u t l r l i e s u t l e r l i r s u t l e ust illus stre i tre ill llustr re illu lustre i e s u t l r l i s u t l e l i r s u l e t l i r u l e s t l i r l e s u t lustre i r l l e s u t l i r l i e s u t l r l i e s u t l e r l i r s u t l e t l i r s u l e s t l i r u illust e ilstre il ustre tre illu llustre e illus r l i r s u t l e t l i r s u l e s t l i r u l e s u t l i r l l e s u t l i r l i e s u t l r l i s t l e re lu


L’illustre

il sommario

Venezia, idee, stili e storie

Un’instaboat per un’inst-art night p. 14 Nella notte dell’arte

cover story

Art-Contest, cerchiamo i 10 top instagramers dell’Art Night p. 14 2

Mash-Up p. 55 Quando uno stilista, un fotografo e un art-director si incontrano

1

Ecco i finalisti del Campiello p. 59 Queste le cinque proposte della 50esima edizione del prestigioso premio letterario

4

Giocate! p. 60 Il filosofo-pop Franco Bolelli ci spiega i suoi undici comandamenti da leggere con il sorriso

3

5

10

6

8 7

“Benvenuti in cucina” Continua il viaggio dell’Illustre tra gli chef stellati

p. 66

Alle origini di Venezia La storia della Serenissima - Quarta puntata

p. 71

Il lotto dopo il crollo del campanile p. 73 Saluti da Venezia

le rubriche 9

Un’Estate a tutta Venezia p. 16 Uno zibaldone di idee, iniziative ed eventi da fare oggi

Inglese per tutti English for everybody L’illustre International p. 7 Foyer Persone, personaggi, e personalità a San Marco e dintorni p. 9

STORIA E STORIE Le origini di Venezia e altri racconti p. 70 L’illustre International Venice, ideas, styles and stories p. 77

il sommario

Direttore Responsabile Daniele Pajar Direttore Editoriale Yuri Calliandro In redazione Shaula Calliandro Hanno collaborato Pierluigi Tamburrini, Lucio Maria D’Alessandro, Andrea Gion, Savino Liuzzi, Federico Moro, Carlo Sopracordevole, Mariachiara Peron, Luisa De Salvo, Vera Mantengoli, Gioia Tiozzo Relazioni Esterne, Commerciale Vanni Gasparato vanni.gasparato@calliandroeditore.it Marketing Cristina Andretta Immagini Manuel Silvestri Si ringraziano gli uffici stampa degli enti che ci hanno fornito le immagini presenti in questo numero. Per info e segnalazioni eventi ed iniziative scrivere a illustre@calliandroeditore.it Redazione San Marco 4152, 30124 Venezia Telefono: 041 2413030 Fax: 041 5220391 illustre@calliandroeditore.it Editore Calliandro Editore San Marco 4152, 30124 Venezia Telefono: 041 2413030 Fax: 041 5220391 info@calliandroeditore.it Impaginazione Idvisual - www.idvisual.it Tipografia Grafiche Veneziane

Abbonamenti: scrivere a abbonamenti@calliandroeditore.it

Libri&Co. Idee editoriali per la vostra libreria p. 58

Giornale iscritto al Tribunale di Venezia in data 23 agosto 1949 al n. 58 del registro pubblicazioni del ruolo stampa

Periodico iscritto all’Uspi Unione Stampa Periodica Italiana Numero del Repertorio del ROC. 16878


L’illustre International

Inglese per tutti English for everybody di Daniele pajar

CITTA’ DI VENEZIA

Assessorato alle Politiche Giovanili e Pace

C’è poco da fare: per l’italiano è finita. Non vorrei sembrare caustico o catastrofista, dato che qui parliamo di lingue parlate e non di persone, ma il nostro idioma non ci porta lontano. Quantomeno qui a Venezia la parola d’ordine è inglese (o americano) per tutti. Con, magari, anche una punta di russo e cinese. Un recentissimo studio sull’andamento turistico della città (dati Carive) ci mette sotto al naso dei numeri veramente impressionanti: lo straniero a Venezia è da sempre una fetta importante del turismo. Ma numeri così non me li aspettavo proprio. Il grado di internazionalizzazione di questa città è salito moltissimo e risulta essere il più alto delle città Italiane con il 79,7% di presenze straniere. Ormai solo due, su dieci ospiti della città, sono italiani. A questo si aggiunga anche un ulteriore dato, più qualitativo che quantitativo, la percentuale di hotel quattro e cinque stelle pesa per il 54,1% dell’intera offerta locale (il lusso è la norma oramai). La direzione dell’andamento turistico della città è chiara e questi tratti di demarcazione appena evidenziati saranno sempre più evidenti negli anni: tra il 2003 e il 2010 Venezia ha registrato una crescita delle presenze pari al 25,5%; e quelle straniere sono cresciute del 27,2% nel medesimo periodo: in testa i turisti di provenienza europea, in primis tedeschi, austriaci e francesi, davanti ai turisti statunitensi. La crescente eterogeneità delle presenze straniere in città è messa in risalto soprattutto dall’avanzata dei turisti provenienti da mete emergenti, come Repubblica Ceca, Ungheria, Russia, Cina. Venezia si aggiudica inoltre un primato in termini di permanenza media dei turisti stranieri: i 3,2 giorni medi del 2010 la collocano al 1° posto rispetto alle altre città italiane per turismo d’arte. È perciò per raccontare la nostra Venezia al restante 80% dei suoi visitatori che questo mese su L’illustre debutta, in “versione Beta” come direbbero gli informatici, una sezione del giornale per chi si diletta a parlare inglese o per chi capisce solo quello. Raggiungiamo così più persone. Ripassiamo l’idioma e il nostro giornale cresce. Anche così.


Foyer

Persone, personaggi, personalità a San Marco e dintorni

1

3

Il comandante generale della Guardia di Finanza Gen. Nino Di Paolo, inaugura la Mostra il Vero e il Falso a Palazzo Ducale a Venezia (fino all’8 luglio) (2); alla presentazione sono intervenute numerose autorità (1); alla promozione dell’iniziativa ha partecipato anche il nostro giornale (3); il taglio del nastro da parte della dott.ssa Maria Paola Ingo moglie del Gen. Di Paolo (4)

2

4

Restauro delle Pale di Tintoretto e Leandro Bassano Dopo soli sei mesi dall’inizio dei lavori di restauro hanno visto nuova luce tre opere d’arte di grande importanza storica per Venezia: “S. Lucia trascinata al martirio” di Leandro Bassano, “Martirio di S. Stefano” di Jacopo e Domenico Tintoretto, “Incoronazione della Vergine, S. Benedetto, S.Gregorio Papa, altri santi benedettini e committenti” di Domenico Tintoretto, situati all’interno della Basilica di San Giorgio Maggiore. Il progetto di sostenere e finanziare un intervento conservativo volto a restituire a questi straordinari dipinti la loro corretta lettura e presentazione estetica è stato annunciato lo scorso novembre da Serapian, storico brand milanese di pelletteria di lusso da poco sbarcato in laguna con una boutique in Calle Larga XXII Marzo, in collaborazione con Il Comitato Italiano per Venezia che opera nell’ambito del programma UNESCO e i

Comitati Privati Internazionali per la Salvaguardia di Venezia, sotto la direzione della Soprintendenza Speciale per il Patrimonio storico, artistico e etnoantropologico e per il Polo museale della città di Venezia e dei comuni della Gronda Lagunare. I tre capolavori presentavano un esteso attacco di muffe generatesi a causa dell’umidità. Senza un tempestivo intervento, le muffe avrebbero potuto intaccare non solo la vernice, ma anche il colore. Contestualmente, un generale effetto di sbiancamento alterava pesantemente la corretta percezione dei colori. Attraverso un attento lavoro di analisi, documentazione e diverse fasi manutentive (dalla rimozione delle muffe, alla disinfestazione e alla reintegrazione delle superfici danneggiate con nuova verniciatura) la restauratrice Claudia Vittori e il suo team hanno restituito ai dipinti i loro antichi splendori. (Shaula Calliandro)


1

2

3

4

6

5

7

Da sempre un grande Una grande passione, un prezioso talento di famiglia

8

L

L’attrice Bérénice Marlohe, Ambassador Omega, arriva in gondola all’inaugurazione della boutique (1); si inaugura il nuovo negozio Omega a San Marco: ecco il taglio del nastro (2); un momento della festa Omega sul terrazzo di Ca’ Giustinian sede della Biennale (3); l’attrice Carolina Crescentini passeggia a San Marco prima dell’inaugurazione del negozio di gioielli Pandora (4); la madrina Carolina Crescentini taglia il nastro della nuova boutique (5); alcune immagini del party organizzato da Pandora ai granai della Giudecca (6-7-8)

Spumanti F.lli Pisoni Srl | Via S. Siro, 7/a | 38076 PERGOLESE di Lasino (TN) T. 0461 564106 | F. 0461 563163 | info@pisoni.it | www.pisoni.it


Restauri

1

LA SALA DEGLI UOMINI ILLUSTRI La Sala degli Uomini Illustri, uno dei simboli del Caffè Florian di Piazza San Marco a Venezia, tornerà al suo antico splendore grazie ad un accurato lavoro di restauro finanziato esclusivamente attraverso il contributo di sponsor privati. Un intervento molto delicato, che costerà 200mila euro, ma che riporterà all’antico splendore la sala che si affaccia sul salotto della città. Ma chi sono gli Uomini Illustri che affollano questa sala? Eccoli: Palladio, Paolo Sarpi, Francesco Morosini, Benedetto Marcello, Enrico Dandolo, Carlo Goldoni, Pietro Orseolo, Marco Polo, Vettor Pisani e Tiziano; ad ogni ritratto è alternato uno specchio d’epoca. “Ebbene oggi abbiamo iniziato a restaurare l’ultima Sala, quella degli ‘Uomini Illustri’ - spiega Andrea Formilli Fendi, presidente del Caffè Florian - e siamo orgogliosi di sottolineare che quest’operazione di attento restauro riporterà allo splendore originale un bene artistico ed architettonico che appartiene al nostro Paese, a noi tutti, perchè di proprietà demaniale. Quindi il Florian, assieme ad Ubs, Pomellato e Rubelli contribuisce fattivamente a restaurare e riportare all’antica bellezza il Florian, tessera di quell’incommensurabile mosaico di splendore che è Venezia”.

www.nesting.org Human-Computer Interaction HCI o human-computer interaction è un settore di grande importanza nell'ambito dell'ICT. Nesting offre servizi di studio e realizzazione di interfacce utente applicate ai settori che richiedono l'esplorazione di grandi basi di dati multimediali, arte, cultura, editoria elettronica, archivi storici. La nostra consulenza è basata su una - robusta conoscenza sia delle best practice che dei principali strumenti di sviluppo e dei device disponibili. La particolare cura che viene data all'usabilità degli strumenti interattivi è il punto nodale per qualificare i nostri progetti.

Data Visualization

2

3

4

DV o Data Visualization è un settore di interesse per Nesting per via delle sue peculiari ricadute sull'usabilità delle interfacce uomomacchina e per l'attinenza con i settori dell'arte della cultura e dell'esplorazione di grandi database multimediali. Tale disciplina dell'informatica studia la rappresentazione visuale dei dati ed elabora dei modelli grafico-dinamici che permettano una comunicazione efficente e sintetica di relazioni massive. Nesting offre la sua esperienza sia per lo studio che per la realizzazione di sistemi di Data Visualization.

Data Management

INNOVAZIONE ICT

INTERATTIVITÀ – ACCESSIBILITÀ GEOLOCALIZZAZIONE MULTIMEDIALITÀ – EDITORIA DIGITALE

Con Data Management si intende la capacità di gestire con efficenza e in maniera sicura l'archiviazione, la fruizione, l'accesso e il back up di database di grandi dimensioni. I settori della cultura e dell'arte, dell'editoria e degli archivi storico-digitali, oltre che progetti di knowledge management richiedono il supporto di grandi strutture di dati. Il cloud computing, la virtualizzazione dei server ed altre recenti tecnologie permettono una pianificazione diversa della locazione fisica dei dati che, opportunamente combinata, può dare luogo a maggiore efficenza, sicurezza e risparmio di costi. Nesting offre studi e realizzazione di progetti nell'ambito del Data Management forte di esperienze sul campo.

NESTING SCRL – Dorsoduro, 3488/U – 30123 Venezia tel. +39 041 22 01 217 – fax. +39 041 22 01 296 – info@nesting.org

S 5

Sephora sbarca in laguna con un nuovo negozio. Brave e belle truccatrici consentivano il giorno dell’inaugurazione di provare i prodotti e nuovi look tra una coppa di champagne e l’altra (1-2-34); Energy Team festeggia la vittoria nelle World Series dell’America’s Cup con una cena a Venezia al ristorante Antica Sacrestia con L’illustre (nella foto, in piedi, l’editore del nostro giornale riceve la maglia del team) (5)


Nella notte dell’arte

Un’Instaboat, per un’Inst-aRT Night

Una notte dedicata all’arte in tutte le sue forme. Art Night, ideata dall’università Ca’ Foscari, è questo e molto di più. L’edizione di quest’anno ha una caratteristica che la porta a intrecciarsi con L’illustre: la nascita dell’Instaboat, una barca che navigando tutta la notte in città, a partire dalle 17.00, consente a un selezionato gruppo di Instagramers di ‘leggere’ l’Art Night con le immagini e condividerle all’istante attraverso Instagram, l’applicazione indubbiamente rivelazione del momento, sulla rete. A cose fatte L’illustre selezionerà le foto più affascinanti e indivduerà i 10 top instagraamers dell’Art Night grazie ad un Art Contest. “Ca’ Foscari – evidenza Carlo Carraro, Rettore dell’università – con la sua energia propulsiva e di idee fa da traino all’enorme forza e al potenziale culturale di tutta Venezia, lavorando in primis assieme all’amministrazione comunale, ma anche a tutte le istituzioni cittadine”. Per Carraro tre sono le peculiarità propulsive di Art Night e di tutto quello che ci gira attorno: “è universale perché coinvolge l’intero universo delle istituzioni culturali veneziane, è assolutamente gratuita, dall’ingresso nei musei all’utilizzo del vaporetto dell’arte, ed è internazionale grazie al coinvolgimento dei social network e degli istagramers” capaci di “mandare in tutto il mondo le immagini della notte veneziana”. Il prorettore alle produzioni culturali dell’ateneo, Silvia Burini, spiega che: “la nuova edizione di Art Night si apre al mondo grazie a Instagram, il social network che sta diventando il più diffuso nel mondo e chiama a Venezia i più popolari fotografi e reporter per scattare fotografie e condividerle immediatamente in rete, mentre l’evento si svolge. La lunga notte di Ca’ Foscari continua quindi fra arte e cultura con proposte suggestive nel segno, quest’anno, della poesia”. Instagram è il social network per la condivisione di immagini che sta spopolando in rete con 55 milioni di utenti, in costante crescita, appena

acquistato da Facebook per un miliardo di dollari. Scattare fotografie e condividerle immediatamente in rete, applicare filtri, raccontare luoghi: gli Instagramers comunicano con immagini scattate ed editate su iPhone e Smartphones, georeferenziate e pubblicate online e poi fatte rimbalzare su Facebook, Twitter e su diverse altre piattaforme. Per l’operazione è grande l’impegno di “Venezia da vivere” (promotori dell’evento) che, collegati attraverso un live blogging, creerà un unico trat-d’union tra immagini e racconto della grande notte dell’arte. “È la Venezia che ci piace – sottolinea il Sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni – nella quale tutte le istituzioni culturali dialogano e costruiscono attorno a un’idea vincente una kermesse di grande valore. Art Night è un evento voluto fortemente da questa amministrazione che ne condivide lo spirito e gli intenti, in stretta e proficua collaborazione con l’Università Ca’ Foscari. Rappresenta una parte importante del disegno che il Comune sta realizzando, dove la cultura è la grande forza motrice, così come lo sono le giovani generazioni e quegli studenti che diventeranno molto probabilmente i nostri nuovi cittadini”. L’assessore al Commercio del Comune di Venezia Carla Rey ricorda che la notte dell’arte si può entrare proprio dappertutto volendo “radunare tutti i soggetti che in città si occupano di cultura, in aggiunta ai già tanti che hanno aderito fin dalla prima edizione: le librerie, le chiese e le gallerie”.

L’illustre

Art-Contest, cerchiamo i 10 top instagramers dell’Art Night Chi saranno i 10 top Instagramers dell’Art Night? La rivista L’illustre in collaborazione con l’università Ca’ Foscari, selezionerà le 10 foto ritenute più interessanti scattate durante l’Art Night dagli Instagramers che parteciperanno alla notte più cool d’Italia a bordo dell’Instaboat a Venezia; gli scatti condivisi verranno poi pubblicati in un photo-reportage dell’Art Night, vista dal popolo di Instagram, che apparirà sulle pagine della rivista. Dal digitale alla carta, per una volta.

Info su www.lillustre.it e www.unive.it


100

2

1

Uno zibaldone di idee, iniziative ed eventi da fare oggi

un’estate a tutta Venezia

4

di Daniele Pajar

Cento cose da fare a Venezia oggi? Che si intende? Una lista? Un elenco? Una guida? Tutto, e quindi niente, messo insieme senZa soluzione di continuità. Con l’arrivo dell’estate abbiamo ritenuto utile cercare di raccogliere una selezione delle cose che succedono a Venezia da qui a fine stagione. Uno zibaldone di eventi e curiosità diviso in due. La prima parte si collega ad alcune cose da fare che vi suggeriamo noi e che si potrebbero fare in qualsiasi momento dell’anno ma che vi consigliamo di fare oggi (o quantomeno prima della fine dell’estate): si tratta di dieci ideuzze che (non ve lo nascondiamo) ci siamo fatte ispirare da Gianni Nosenghi, veneziano d’elezione, scrittore, che ha ottenuto un buon successo iN libreria con le “Centouno cose da fare a Venezia almeno una volta nella vita” (Newton Compton Editori); la seconda parte invece, decisamente più nutrita, vi porta a comprendere come la città di Venezia possa essere un calEidoscopio di iniziative costruite dai singoli ma che alla fine creano una rete fittissima di eventi. L’idea è quella di scegliere una delle prime dieci idee che vi segnaliamo qui sulla base del vostro stato d’animo e poi agganciare uno o più eventi selezionati nelle successive pagine del giornale. Ed ecco fatta la vostra Venezia su misura.

Tra le tante cose che si possono fare in città la piu scontata e banale è la passeggiata senza meta: resta un must comunque perdersi a Venezia tra calli e campielli di quelle zone, come Castello o verso Fondamente Nove, dove c’è una atmosfera ancora surreale (1). Alla Biblioteca Marciana, dove si entra come in tutte le biblioteche gratuitamente, i muri parlano; qui spunta il Mappamondo di Fra Mauro. Ecco come vedevano il globo in pieno Medioevo (la carta è datata 1460) e, rispetto alle moderne consuetudini, è sostanzialmente capovolta. Cercate l’Italia: il Nord è Sud e viceversa. C’è sempre un diverso punto di vista (2). Trovare un buon amico con la barca ed esplorare la laguna meno conosciuta di Venezia: la Laguna Nord. Angoli di natura incontaminata. Una Venezia da vedere, difficile da scoprire (3). Sentirsi un po’ rockstar o milionario in vacanza oppure il principe dei dandy; lo si può provare per poche ore soggiornando durante la settima-

na in un albergo da mille e una notte, fare tardi la sera e al mattino, far colazione in camera con vista Venezia (ancora piuttosto assonnati) (4). Pensare di fare la spesa tra Pescharia ed Erbaria respirando i profumi dei banchi ascoltando, da veri ficcanaso, le voci del mercato piu bello: per arrivarci prendete il traghetto da S. Sofia (5). Essere riflessivi e farsi qualche domanda seria su come va il mondo passeggiando tre le sette sinagoghe del Ghetto (6). Inseguire l’ultimo Templare tra le calli, i campi veneziani ed i libri di storia partendo da Ca’ Vendramin Calergi dove sulla facciata lato Canal Grande compare il motto dei cavalieri “Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam” (7). Sentirsi un Re adagiandosi sul trono di Attila a Torcello usando come scettro un segno dei tempi come ad esempio un Pirulo (è un gelato) comprato alla bancarella che si trova lì a due passi (8). Chiudere il mondo fuori, per pensarci su,

e passare una o più notti nel convento dei frati nell’isola di San Francesco del Deserto e il giorno dopo entrare con occhi diversi a San Marco (9) Prendere il sole alle Zattere e brindare a Venezia sotto l’ombra del paron de casa (il campanile di San Marco): alle origini dell’ombra di vin (10). A voi la scelta.

Nota: quella che incontrerete nelle prossime pagine è una selezione delle migliaia di cose che succedono ogni giorno a Venezia; ogni iniziativa segnalata spesso ne racchiude molte altre; è chiaro che abbiamo dovuto fare una scelta cercando di incontrare il gusto di tutti. La vostra iniziativa non c’è? Potremmo non essere riusciti a inserirla ma è evidente che non tutto arriva alla casella e-mail della redazione perciò se desiderate segnalare degli eventi basta scrivere a L’illustre: illustre@calliandroeditore.it.

3

5

10

6

8 7

9


Cose mai viste, mini itinerario tra nuove acquisizioni e restauri nei musei veneziani recenti acquisizioni: una pala del Tiepolo, “La Madonna in gloria e santi”, cinque sculture di Antonio Canova e la pala di S. Pietro firmata da Jacopo Palma il Vecchio. Da qui ci spostiamo alla Galleria Franchetti, alla Ca’ d’Oro, giusto ad un paio di fermate di vaporetto, dove si può trovare esposta una terracotta di Andrea Brustolon, “La morte di Francesco Saverio” e il bozzetto preparatorio per la pala lignea di Belluno. A Palazzo Grimani è possibile invece ammirare il dipinto di Giuseppe Porta detto il Salviati “Una scena di storia romana”, mentre al Museo d’Arte Orientale è stato completato il restauro della collezione degli avori, opere preziose del tardo periodo giapponese Edo e inizio periodo Meiji.

Per la serie “cose mai viste” vi proponiamo un mini percorso dettato dalle recenti acquisizioni fatte da alcuni musei di Venezia. Si tratta di capolavori che sono appena stati restaurati e che quindi tornano a vedere la luce in uno spazio museale. Si parte dalle Gallerie dell’Accademia che sfoggia sei

Romantico Lido, amore e musica in spiaggia La musica e l’amore, vissuti nel loro intreccio in tutte le sfaccettature possibili. Questo l’obiettivo della rassegna «Amore e musica in spiaggia» con una serie di concerti e spettacoli che animano per tutta l’estate la spiaggia del Blue Moon. I musicisti coinvolti proporranno una serie di brani del proprio genere musicale, che abbiano come tematica l’amore nelle sue molteplici espressioni. Ricco e articolato il programma: Il 28 giugno, dalle 20.45 alle 21.45, spettacolo di teatro per ragazzi “Circotresoldi” di e con Luca Tresoldi Venerdì 29 giugno, ore 21.30, “The 3 Soul Love Sister” Giovedì 5 luglio, ore 20.45, spettacolo di teatro per Ragazzi “Rapa Rules” di e con Marco Raparoli Venerdì 6 luglio, dalle ore 18.00 alle ore 23.00, “I Love Rock”

Dove: Gallerie dell’Accademia, Galleria G. Franchetti, Palazzo Grimani, Museo d’Arte Orientale Quando: fino al 20 agosto 2012 Info: Per il programma completo delle iniziative consultare il sito del Polo Museale veneziano: http://www.polomuseale.venezia.beniculturali.it/ Giovedì 12 luglio, ore 21.30, “Amore Tarantolato” Giovedì 26 luglio, ore 20.45, spettacolo di teatro per Ragazzi “Un principe, una volpe, una rosa” Venerdì 27 luglio, ore 21.30, “Cuba Libre e Amori da Spiaggia” Venerdì 3 agosto, ore 21.30, “Amore Veneziano” con Lucio Bisutto e il folclore veneziano doc Giovedì 9 agosto, ore 20.45, spettacolo di teatro per ragazzi “Vuelta” Compagnia Duo di Picche Venerdì 10 agosto, ore 21.30, “Amare Bahia Rosa Emilia” con Venezia Suona Love Band Sabato 25 agosto, dalle 21.30, Broken Heart Blues Dove: Lido di Venezia Quando: fino a 25 agosto 2012 Info: Tel. 041.2750049 - info@ilsuonoimprovviso.it

Carlo Scarpa. Venini 1932-1947

Il 29 agosto 2012 apre al pubblico nell’Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia la mostra Carlo Scarpa. “Venini 1932-1947” a cura di Marino Barovier. L’esposizione ricostruisce attraverso più di 300 opere il percorso creativo di Carlo Scarpa negli anni in cui operò come direttore artistico per la vetreria Venini (dal 1932 al 1947). La mostra costituisce la prima iniziativa pubblica de “Le Stanze del Vetro”, progetto culturale pluriennale avviato dalla Fondazione Giorgio Cini in collaborazione con Pentagram Stiftung per lo studio e la valorizzazione dell’arte vetraria veneziana del Novecento. L’inaugurazione della mostra “Carlo Scarpa. Venini 1932–1947” coincide con l’apertura di un nuovo spazio espositivo permanente che ospiterà negli anni una serie di mostre monografiche e collettive dedicate ad artisti internazionali, contemporanei e non, che hanno utilizzato il vetro come strumento originale di espressione e come mezzo di ricerca di una propria personale poetica. L’obiettivo è di mostrare le innumerevoli potenzialità di questa materia e di riportare il vetro al centro del dibattito e della scena artistica internazionale. L’edificio destinato alle esposizioni de “Le Stanze del Vetro” è situato nell’ala ovest dell’ex Convitto dell’Isola di San Giorgio Maggiore. Oltre alle mostre, lo spazio ospiterà convegni, laboratori didattici e altri eventi dedicati al vetro. I lavori di riqualificazione dell’edificio, fino ad oggi in disuso, sono stati affidati allo studio newyorchese di Annabelle Selldorf, specializzato nella progettazione di spazi e ambienti museali. Dove: Le Stanze del Vetro, Venezia, Isola di San Giorgio Maggiore Fondazione Giorgio Cini Quando: 29 agosto - 29 novembre 2012 Info: www.lestanzedelvetro.it - info@lestanzedelvetro.it

William Congdon a Venezia (1948-1960): uno sguardo americano La mostra, ospitata negli spazi di Ca’ Foscari Esposizioni, riunisce molti degli esiti più significativi della produzione di William Congdon sul soggetto veneziano, tra le prime Piazze del 1948 e il Crocefisso del 1960, realizzato dall’artista dopo la clamorosa conversione alla chiesa cattolica che finì per escluderlo dal mercato dell’arte statunitense. In esposizione quaranta opere dell’artista, per una vera e propria esperienza sensoriale attraverso anche l’impiego di nuove tecnologie realizzate da docenti e studenti cafoscarini.

Le tele di Congdon saranno esposte nelle sale del piano nobile, affiancate da gigantografie del suo soggiorno veneziano, da bacheche con lettere e schizzi, oltre che dalla proiezione di disegni, appunti grafici e opere di soggetto veneziano. Dove: Ca’ Foscari Quando: fino a 8 luglio 2012 Info: Tel. 041.2346947 - congdoninvenice@ unive.it - Orario: tutti i giorni escluso il martedì dalle 10 alle 18

La Festa del Redentore, tra frasche e lanterne La Festa del Redentore è tra le festività più sentite dai veneziani, in cui convivono l’aspetto religioso e quello spettacolare. La tradizione vuole che al tramonto le imbarcazioni, addobbate con frasche e palloncini colorati e ben illuminate, comincino ad affluire nel Bacino di San Marco e nel Canale della Giudecca. In barca si consuma un’abbondante cena a base di piatti della tradizione veneziana in attesa dello spettacolo pirotecnico, che inizia alle ore 23.30 e dura fino a mezzanotte inoltrata. La tradizione del Redentore risale al 1577 e ricorda la fine di una terribile pestilenza, festeggiata con l’edificazione dell’omonima basilica del Palladio sull’isola della Giudecca, alla quale ci si può oggi recare in pellegrinaggio attraversando un ponte di barche lungo 330 metri. Le celebrazioni includono la funzione solenne presieduta dal Patriarca e la processione religiosa, mentre il week-end si conclude con la Regata su gondole, all’interno della Stagione Remiera. Tra gli eventi principali: 14 luglio, alle 19.00, apertura del ponte che collega le Zattere con la Chiesa del Redentore alla Giudecca; alle 23.30 è previsto il grandioso spettacolo pirotecnico in bacino di San Marco 15 luglio, nel pomeriggio, si svolgeranno le attesissime regate del Redentore, a cura dell’Assessorato al Turismo del Comune di Venezia; alle 19.0 la Santa Messa Votiva presso la Chiesa del Redentore. Quando: 14 luglio 2012

Lo spirito della musica di Venezia A Palazzo Ducale avrà luogo il concerto operistico diretto da Myung-Whun Chung , direttore d’orchestra e famoso pianista sudcoreano. Le musiche sono di Gioachino Rossini, Giuseppe Verdi e Giacomo Puccini, orchestra e coro del Teatro La Fenice. Maestro del Coro è Claudio Marino Moretti. Dove: Palazzo Ducale Quando: 20 luglio 2012 Info: http://www.teatrolafenice.it

invito in marciana: chi cerca... trova

Photo Pattaro La Biblioteca Nazionale Marciana propone l’ultimo appuntamento dell’iniziativa “Invito in Marciana”, una serie di incontri, a cura dell’Ufficio storico-didattico della Biblioteca, che negli anni scorsi ha riscosso grande gradimento da parte del pubblico. Quest’anno il programma è completamente rinnovato e ha per sottotitolo “Chi cerca... trova: orientamento alla ricerca in Biblioteca attraverso i cataloghi cartacei e on line e l’illustrazione dei servizi offerti”.

Berico: le Vele di Venezia Una ricerca storica che diventa un viaggio nell’arte popolare della pittura su vela, una tradizione antica fatta rivivere con talento ed emozione. Figlio di pescatori, il pittore Berico ha reinventato l’arte della pittura su vela tipica dell’Alto Adriatico, utilizzando tecniche, materiali, colori e simboli di un tempo ma rivisitati con estrosa fantasia e trasformandoli in autentiche opere d’arte. In ogni tela di Berico è visibile – anche se stilizzato - un angelo, una farfalla, un occhio, quell’elemento protettivo che non doveva mai mancare per favorire una pesca generosa e un rientro sicuro in porto. A riva, le donne scrutavano i colori delle barche; e al mattino con pazienza e affetto ricucivano gli strappi delle vele, quanto più artisticamente potevano. Grandi vele “al terzo” e piccoli capolavori su misura sono esposti a Giudecca 795 fino al 15 Luglio 2012. Tra i primi estimatori dei lavori di Berico: Dario Fo, con il pittore nella foto durante una precedente mostra. Dove: Giudecca 795 Art Gallery Quando: fino al 15 Luglio 2012 Info: http://www.giudecca795.com/

Dove: Biblioteca Nazionale Marciana Quando: 30 giugno 2012 ore 11.00 Info: La prenotazione è indispensabile. Per prenotarsi scrivere a didattica@marciana.venezia.sbn.it oppure telefonare al n. 041.2407249 nei giorni: lunedì e martedì dalle ore 8.30 alle ore 10.00. Il punto di ritrovo è nell’androne della Biblioteca Nazionale Marciana (Venezia, Piazzetta San Marco n. 7).


¿DO YOU BEAD ? PER CHI CREA LE PERLE

Storicamente le perle di vetro sono sempre state realizzate a Venezia, e non nelle fornaci di Murano come si potrebbe pensare. Venezia vanta una tradizione secolare nella lavorazione di perle di vetro. La documentazione archivistica fa risalire al 1200 la produzione di grani di vitro commissionati dalla Chiesa per fare i rosari. Per tutto l’Ottocento, il commercio di perle è stato un’importante voce nell’economia della città, fino ad arrivare a dettar legge nella moda degli accessori per signore. Fino agli anni ’70, a Cannaregio, si concentravano miriadi di piccoli laboratori artigianali dove si lavoravano le perle a lume, mentre a Castello, all’interno di abitazioni private, era facile trovare giovani donne e anziane dedicarsi al mestiere di “impira perle”. Ad oggi, a Venezia, gli artigiani che si dedicano esclusivamente alla produzione di perle in vetro sono poco più di una decina. Da qui l’idea di Cristina Bedin, studiosa e collezionista di perle antiche nonché creatrice di collane, di riunire gli artigiani che lavo-

rano ancora, a Venezia e Murano, le perle in vetro. Sotto il marchio ¿Do You Bead? (che letteralmente significa “ti piace fare collane di perle?) collaborano assieme, da più di un anno, “L’Opera al Bianco” di Cristina Bedin, “Suv” di Salvatore Sito, “Collane di perle” di Susanne Sander, “Costantini Glassbeads” di Alessandro Moretti, “L’Atelier” di Muriel Balensi, “La Bricola” di Matelda Bottoni, “Venetian Dreams” di Marisa Convento e Ercole Moretti. Un impegnativo progetto che ha già visto realizzare esposizioni, sfilate, performance all’interno di sedi storiche di palazzi veneziani. Collezionisti, antiquari, imprenditori del settore bigiotteria, Confartigianato e Camera di Commercio di Venezia si sono dimostrati interessati all’iniziativa. Marchi come Bellini, Krumiri Rossi, vini Piovene, Acqua Perrier hanno deciso di associare il loro nome alle perle in vetro commissionando apposite creazioni. «L’idea è quella di mettere assieme i maestri artigiani che puntano ancora all’eccellenza e alla qualità - spiega Cristina Bedin – combinando assieme antiche tradizioni, design e creatività. In un momento difficile e di crisi economica, il lavoro di squadra può essere un’efficace risposta che porta gli artigiani a sentirsi parte attiva nell’economia di una città, spesso facile preda dell’omologazione e della contraffazione». Il marchio ¿Do You Bead? si propone quindi come garanzia per chi vuol esser sicuro di acquistare perle di vetro fatte a Venezia o a Murano. A guardare le creazioni fatte dai maestri artigiani, c’è da pensare che il mercato orientale difficilmente riuscirà mai a copiare collane di perle così elaborate e raffinate. E la qualità inevitabilmente si paga e ripaga l’artigiano. «Il primo passo – continua Cristina Bedin – è quello di diffondere la cultura della perla di vetro. A questo servono gli eventi che organizziamo durante l’anno con il coinvolgimento di operatori commerciali e del settore turistico. Puntiamo molto a farci conoscere anche all’estero». (Gioia Tiozzo) Dove: sedi varie Quando: 6 settembre, ore 18.00 - Perle in musica - chiesa della Bragora, a cura di Muriel Balensi 14 settembre, ore 15.00 - Caccia alle perle campo del Ghetto Novo, a cura di Marisa Convento Info: www.doyoubead.com

Viaggio in Italia: negli Occhi delle Donne Rubelli accoglie il progetto di Giudecca 795 Art Gallery ed ospita nello suo show-room la prima fase del lavoro dedicato al viaggio attraverso gli occhi delle donne. Ritratti di donne incontrate in Italia, ritratti dei loro occhi: senza dubbio insoliti. Ai pregevoli dipinti ad olio fanno da sfondo le preziose stoffe della collezione Rubelli. E alla pittrice Simona Bramati basta un dettaglio, uno sguardo intenso o intimidito, per raccontare le donne scelte a rappresentare alcune città riunite in un itinerario immaginario e letterario. Nel mese di luglio sono previste alcune letture poetiche. Dove: Palazzo Corner Spinelli, show-room Rubelli, San Marco 3877. Quando: fino al 27 Luglio 2012

Info: Visitabile esclusivamente su prenotazione, dal lunedì al venerdì. Per prenotazioni Tel. 340.8798327

Festival Internazionale di Musica Barocca: Festival Monteverdi Vivaldi

Il Festival Monteverdi Vivaldi si propone di narrare una storia scritta da numerosi compositori e impreziosita da molti capolavori. Centro di risorse e di diffusione, il “Venetian Centre for Baroque Music” conduce un lavoro approfondito nell’ambito della ricerca e dell’interpretazione. A punteggiare le attività editoriali, ogni anno viene programmato un Festival Internazionale affiancato da un’accademia di giovani musicisti, con lo scopo di ridare vita a gioielli misconosciuti che meritano di essere riproposti in tutto il mondo. Raggiungeranno Venezia alcuni tra i più grandi artisti della scena internazionale per una serie di concerti organizzati in luoghi suggestivi e significativi della città lagunare. Dove: sedi varie Quando: fino al 16 settembre 2012 Info: www.vcbm.it

Venezia Jazz Festival Quinta edizione per “Venezia Jazz festival”, in programma dal 22 luglio al 3 agosto 2012. Con la direzione artistica di Giuseppe Mormile e organizzato da Veneto Jazz, presenta un programma di concerti internazionali, arricchito da numerosi eventi collaterali, dedicati alla musica, all’arte, alla letteratura, e ospitati in location affascinanti e prestigiose. Dieci giorni da non perdere, nei quali la città sarà animata a diverse ore del giorno e della notte, con appuntamenti di musica live, incontri, proiezioni. Concerti ed eventi al Teatro La Fenice, nelle sedi museali come Palazzo Grassi, la Collezione Peggy Guggenheim, la Fondazione Querini Stampalia, in Campo dell’Erbaria a Rialto, per la prima volta all’Isola della Certosa, nei locali della città. Al Teatro Goldoni, giovedì 2 agosto, il doppio concerto di Hiromi (piano solo) e di Tord Gustavsen Ensemble. Dove: Teatro La Fenice, Collezione Peggy Guggenheim, Campo dell’Erbaria / Rialto, Palazzo Grassi, Punta della Dogana, Fondazione Querini Stampalia, Hard Rock Cafè, Hotel & club della città Quando: 22 luglio 2012 - 3 agosto 2012 Info: Tel. 0423 452069 - jazz@venetojazz.com

Si terrà dal 22 luglio all’8 agosto il Venezia Jazz Festival; tra le date più attese il doppio concerto della pianista Hiromi


Francesco Guardi (1712 – 1793)

Nel terzo centenario della nascita di Francesco Guardi, la mostra monografica promossa dalla Fondazione dei Musei Civici di Venezia e presentata al Museo Correr testimonia con una ricchezza di prestiti mai prima d’ora giunti a Venezia, le diverse fasi in cui si articola l’attività dell’artista. La formazione di Francesco Guardi avviene all’interno di una bottega a conduzione familiare, dove tutti sono pittori, dal padre Domenico ai fratelli Nicolò e Antonio.

Miniartextil. Energheia Il tessile declina il suo intreccio per interpretare sensazioni, emozioni, microcosmi esistenziali. La trama e l’ordito si incontrano per raccontare, attraverso stimoli quasi subliminali, l’universo creativo che presiede all’inarrestabile evoluzione della sintassi artistica di questo straordinario e antichissimo genere. Proprio su questa via è nata la preziosa collaborazione con Miniartextil di Como, che consente di effettuare un’importante apertura verso il contemporaneo, vitale e indispensabile per una struttura come il Museo di Palazzo Mocenigo. Dove: Palazzo Mocenigo Quando: dal 30 giugno al 26 agosto 2012 Info: www.visitmuve.it

Una visione interiore: Charles Seliger negli anni ‘40 Mostra dedicata agli innovativi dipinti che Charles Seliger (1926-2009) crea durante il primo decennio della sua carriera, ispirato dal Surrealismo europeo che aveva spostato il suo centro d’interesse da Parigi a New York. L’esposizione riunisce oltre

La prima parte dell’esposizione è incentrata sulle opere di figura, la produzione di vedute. Capricci e paesaggi di fantasia costituiscono invece la seconda sezione dell’esposizione. Le prime opere ricalcano le composizioni di Canaletto e Marieschi, la stesura pittorica è fluida e controllata. Con il tempo il suo stile diviene sempre più libero: le proporzioni fra i vari elementi sono alterate, la struttura prospettica diviene elastica e si deforma. Nell’ultima parte della sua produzione artistica le figure diventano semplici macchie di colore, un rapido scarabocchio bianco o un punto nero tracciato con un segno tremolante. La mostra conta su un comitato scientifico costituito dai maggiori studiosi internazionali della pittura veneziana del ‘700 ed è corredata da un catalogo illustrato, curato da Alberto Craievich e Filippo Pedrocco, edito da Skira, nel quale saranno pubblicati gli studi più aggiornati sull’artista. Dove: Museo Correr Quando: 28 settembre 2012 - 6 gennaio 2013 Info: www.correr.visitmuve.it

Vetro Contemporaneo: il futuro oltre la trasparenza. Omaggio a Egidio Costantini La mostra, momento di riflessione sulla produzione più recente, presenta una carrellata nella tradizione del vetro contemporaneo a completamento del percorso storico della collezione permanente. Organizzata cronologicamente, questa importante appendice contemporanea permette al visitatore di cogliere, dal punto di vista formale, artistico e tecnico, l’effetto che la fattiva collaborazione tra le imprese muranesi e i grandi architetti e artisti ha avuto e tuttora ha sull’eccellenza del manufatto finito. Dove: Museo del Vetro Quando: 6 luglio - 30 settembre 2012 Info: info@fmcvenezia.it

Vetro Murrino, da Altino a Murano

La mostra programmata in due sedi, il Museo Archeologico di Altino ed il Museo del Vetro di Murano, ha come focus l’antica arte della murrina, dall’epoca romana all’attualità muranese. Nel museo di Altino sono esposte opere vetrarie romane realizzate con questa particolare tecnica, provenienti non solo dagli scavi del sito archeologico altinate, ma anche da altri siti archeologici. Alcuni reperti archeologici murrini sono pressoché integri, altri restaurati con integrazioni, altri ancora ridotti a piccoli frammenti. Tutti comunque rivestono un notevole interesse scientifico. Nel Museo del Vetro sono invece presentate opere in vetro murrino realizzate a Murano a partire dal XIX secolo a oggi: furono i vetrai muranesi a recuperare quest’ antica tecnica, dopo lunghi studi sul materiale archeologico presente nel museo muranese ma anche su materiali di altre importanti collezioni archeologiche, come quella del Museo Nazionale di Napoli. I vetri murrini realizzati dai vetrai muranesi dell’ottocento ottennero il primo straordinario successo internazionale all’Esposizione Universale di Parigi del 1878. Tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX i vetrai di Murano svilupparono questa tecnica con esiti eccezionali, come nel caso delle opere prodotte da Vittorio Zecchin e Teodoro Wolf-Ferrari, esposte alla Biennale del 1914. Anche in epoca più recente alcuni dei migliori vetri murrini muranesi sono stati disegnati da noti artisti e designer, come Carlo Scarpa e Riccardo Licata.

ANA T ZARE V

Dove: Museo Archeologico di Altino e Museo del Vetro di Murano Quando: 16 giugno 2012 - 6 gennaio 2013 Info: www.museiciviciveneziani.it trenta dei migliori lavori degli anni ‘40, provenienti da collezioni pubbliche e private, per tracciare l’evoluzione artistica di Seliger ed esplorare il percorso che lo portò allo stile più maturo degli inizi degli anni ’50. Fu Peggy Guggenheim a organizzargli la prima personale, nel 1945 nella sua galleria newyorkese “Art of This Century”. La mostra è organizzata dal Mint Museum, Charlotte, NC, Usa. Dove: Peggy Guggenheim Quando: 9 giugno - 16 settembre 2012 Info: info@guggenheim-venice.it

For information: Studio Dal ponte Venezia tel. +39 041 5239315 email: studiodalponte@libero.it MUSEO DIOCESANO DI VENEZIA SANt’ApOllONIA Fondamenta della Canonica Castello 4312 - 30122 Venezia 30 June - 6 September 2012 www.museodiocesanovenezia.it


Ottocento anni di storia e cultura Il labirinto camaldolese nella laguna di Venezia Borges

Nel 2012 cade il Millenario della fondazione dell’Ordine dei Camaldolesi e si celebrano gli Ottocento anni dalla fondazione del Cenobio camaldolese veneziano di San Michele in Isola, centro di fervida vita religiosa e d’intensa attività cultura-

Tiepolo nero. Opera grafica e matrici incise

La mostra, nata dalla collaborazione di tre istituzioni, è curata da Lionello Puppi e Anna Ossanna Cavadini. Inaugurata al m.a.x. museo di Chiasso nel tardo inverno di quest’anno e trasferita nel mese di aprile all’Istituto Nazionale della Grafica di Roma, apre a Venezia, nelle sale di Ca’ Rezzonico nel mese di luglio. Si tratta di un’importante occasione di approfondimento su dei materiali artistici tutto sommato ancora poco noti, eppure di assoluta rilevanza per lo studio della storia dell’arte. Matrici e incisioni di proprietà della Fondazione Civici Musei di Venezia, fatte oggetto di un attento restauro da parte dell’Istituto Nazionale della grafica, saranno messe tra loro a confronto per permettere di valutare la qualità altissima dei risultati raggiunti da questo straordinario e raffinato autore, innovatore anche in questo genere. Ed è proprio sulla straordinarietà delle matrici in rame di Giovanni Battista Tiepolo che la mostra rivela l’originalità della sua proposta scientifica, documentando al meglio la grandissima immaginazione del pittore veneziano. Dove: Ca’ Rezzonico, Museo del Settecento Veneziano Quando: dal 22 luglio al 14 ottobre 2012 Info: www.carezzonico.visitmuve.it

le che ha svolto un ruolo di primo piano nell’ambito della cultura umanistica di Venezia. Per ricordare questo straordinario capitolo della vita culturale della Città, nelle Procuratie Nuove e presso le Sale monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana, è ospitata una mostra - organizzata in stretta collaborazione tra Fondazione Musei Civici Veneziani, Biblioteca Nazionale Marciana e Museo Archeologico Nazionale - che illustra i molteplici aspetti della presenza camaldolese a Venezia, a partire dalla ricostruzione della sede, delle collezioni e della prestigiosa biblioteca del convento di San Michele in Isola e di quella degli altri cenobi camaldolesi veneziani. Nell’occasione della mostra sono organizzati in collaborazione con il Comune di Venezia, visite a San Michele e al suo complesso monumentale. Dove: Museo Correr, Museo Archeologico e Biblioteca Nazionale Marciana Quando: fino al 2 settembre 2012 Info: info@fmcvenezia.it

L’Opera lirica Carmen al Teatro La Fenice Torna alla Fenice un capolavoro del repertorio francese assente dal 1997: “Carmen” di Georges Bizet, opéra-comique in quattro atti su libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy tratto dalla novella omonima di Prosper Mérimée. L’opera, proposta in un nuovo allestimento coprodotto dalla Fondazione Teatro La Fenice con il Gran Teatre de Liceu di Barcellona, la Fondazione Teatro Massimo di Palermo e la Fondazione Teatro Regio di Torino (già presentato a Barcellona nel settembre 2010 e a Palermo nel novembre 2011), permette di apprezzare per la prima volta a Venezia il lavoro del regista spagnolo Calixto Bieito, con le scene di Alfons Flores e i costumi di Mercè Paloma. L’Orchestra e il Coro del Teatro La Fenice (maestro del coro Claudio Marino Moretti) e il coro di voci bianche dei Piccoli Cantori Veneziani (maestro del coro Diana D’Alessio) sono diretti dal trentenne maestro israeliano Omer Meir Wellber. Dove: Teatro La Fenice Quando: 21 giugno - 12 luglio Info: www.teatrolafenice.it

In occasione dei venticinque anni dalla morte del celebre scrittore argentino Jorge Luis Borges, la Fundación Internacional Jorge Luis Borges e la Fondazione Giorgio Cini hanno presentato lo scorso anno “Il Labirinto Borges”, ricostruzione del giardino-labirinto che l’architetto Randoll Coate progettò in suo onore. Opera permanente, il labirinto è accessibile al pubblico tramite un servizio di visite guidate. Il disegno originale, ispirato al racconto borgesiano “Il Giardino dei sentieri che si biforcano”, venne progettato tra il 1979 e il 1986. Il labirinto è ora collocato nello spazio retrostante il Chiostro del Palladio e il Chiostro dei Cipressi, così da costituire una sorta di “terzo chiostro” di dimensioni all’incirca uguali a quelle degli altri due. Questo spazio diventerà sede di eventi culturali di varia natura (ricerche, conferenze, master classes, seminari, mostre d’arte, produzioni e performance teatrali, audiovisive, coreografi che e musicali), ispirati all’opera dello scrittore argentino. Dove: Fondazione Giorgio Cini Quando: fino a 31 dicembre 2015 Info: Accessibile al pubblico tramite servizio di visite guidate. Nei giorni feriali le visite guidate sono riservate a gruppi e solo su prenotazione. Nei giorni di sabato e domenica il complesso monumentale è visitabile dalle ore 10 alle ore 17, ogni ora. Per prenotazioni o ulteriori informazioni: Civita Tre Venezie - 041.2201215 segreteria@civitatrevenezie.it, info@cini.it


Ulrich Tukur & die Rhythmus Boys in concerto

Il 2 settembre 2012 l’attore tedesco Ulrich Tukur e i suoi “Rhythmus Boys”, si esibiscono nella splendida cornice del Teatro Goldoni. Il concerto è organizzato da Trocadero, Amburgo, e Venezia Spettacoli in collaborazione con il Centro Tedesco di Studi Veneziani e il Comune di Venezia. Dove: Teatro Goldoni Quando: 2 settembre 2012 Info: Tel. 041.5369810 info@veneziaspettacoli.it www.veneziaspettacoli.it

Al Mercatino dell’Antiquariato di Rialto

La Mostra Mercato dell’Antiquariato si svolge ogni seconda domenica e lunedì del mese (agosto escluso) nel sestiere di San Polo, sotto la Loggia della Pescheria di Rialto ed è uno tra i piu affascinanti appuntamenti che propongono i negozianti di antiquariato presenti in città. Nella Mostra Mercato dell’Antiquariato a Rialto sono presenti oggetti interessanti come vetri, specchi, stampe antiche e quadri, bambole, orologi d’epoca, mobili e molto altro ancora. Tra questa vasta gamma di oggetti si possono trovare a volte delle occasioni, ma soprattutto delle ottime idee regalo per tutte le tasche. Dove: Pescheria di Rialto Quando: 8 Lug 2012 - 9 Lug 2012 9 settembre 2012 - 10 settembre 2012 14 ottobre 2012 - 15 ottobre 2012 11 novembre 2012 - 12 novembre 2012 9 dicembre 2012 - 10 dicembre 2012

Estate 2012 all’Oasi delle Dune degli Alberoni L’area naturale dell’Oasi delle Dune degli Alberoni, all’estremità sud del Lido di Venezia, è un sito di grande interesse ambientale, unico nel contesto dell’ecosistema della Laguna di Venezia e del litorale veneziano. Alle spalle della spiaggia si trova uno dei più estesi e meglio conservati sistemi di dune delle coste dell’Alto Adriatico. Si tratta di un biotopo di notevole importanza e relativamente giovane di formazione, legato a dinamismo litoraneo susseguente alla realizzazione della diga alla bocca di porto di Malamocco. Gran parte di questi habitat è l’obiettivo di conservazione degli interventi, messi in atto ormai dal 2002 da Comune di Venezia, WWF e Comitato WWF anche con il prezioso contributo dei Servizi Forestali Regionali di Treviso e Venezia. Le strade da percorrere, avendo come obiettivo finale la tutela naturalistica e la compatibilità ambientale dei servizi balneari, sono naturalmente le attività d’informazione, divulgazione ed educazione. A questo proposito, fino a settembre 2012 sono organizzate numerose visite all’Oasi delle dune degli Alberoni alla scoperta della storia ma anche della flora e della fauna locale. Molto interessante, tra gli altri, è l’appuntamen-

to del 15 luglio alle 10.30, giornata in cui è prevista una visita guidata al borgo antico di Malamocco, al Palazzo del Podestà. La notte di San Lorenzo, il 15 agosto, è invece dedicata all’osservazione delle stelle cadenti. Il luogo di ritrovo degli appuntamenti, salvo alcuni casi, sarà Piazza Alberoni (angolo via Ca’ Rossa) presso infopoint. L’entrata dell’Oasi Alberoni si trova in Strada Bagni Comunali, località Alberoni. Dove: Oasi Dune Alberoni Quando: fino al 4 ottobre Info: alberoni@wwf.it - www.dunealberoni.it. Il calendario completo degli eventi è consultabile al sito www.venezia.net

Carlo Fontana. Bepi e la Scuola di Santa Margherita Le opere qui proposte, all’interno di un percorso che si sviluppa in maniera non convenzionale e non descrittiva, appaiono come la metafora di un cammino di luce, di uno straordinario viaggio attraverso il misterioso giardino della memoria pittorica di questo secolo. Ritroviamo in queste pitture accattivanti e coinvolgenti i colori luminosi di Matisse, il grido dirompente di Braque, il silenzio ascetico di Mondrian, tanto da poter dire che in esse vi è l’altro volto dell’avventura dello spirito dell’uomo occidentale; non quello sfrenato e disilluso, tragico e malconcio, inorridito dalla barbarie di un’umanità tradita e

che ha condotto alle consumazioni iconiche di Giacometti e Bacon, bensì quello solare, positivo, gioioso. L’esuberanza è positiva: dà gioia e rincuora chi ha timore di accostarsi all’opera d’arte perché l’opera del Maestro ha questo particolarissimo dono: riesce a parlare, in maniera diretta e immediata, alle menti più semplici come a quelle più sofisticate. Dove: Galleria Totem, Il Canale Quando: 2 giugno - 11 luglio 2012 Info: Tel. / Fax 041.5223641-041.943158 Orario 10.00 - 13.00 / 15.00 - 19.00

Beatrice Helg, fotografa svizzera, da trent’anni concentra la sua ricerca artistica sullo spazio, la materia, la luce, la nozione del tempo e del divenire. Architetto dell’impalpabile, crea spazi monumentali dove scultura, pittura, scenografia e soprattutto il contrasto tra luce e oscurità si fondono e compongono visioni di silenziosa meditazione. La mostra comprende venticinque opere fotografiche a colori e un’istallazione, creata appositamente per Palazzo Fortuny.

Durante tutta l’estate, più di 120 regate nella laguna di Venezia Fino a settembre nella laguna di Venezia si svolgono più di centoventi regate oltre alla famosa Regata Storica che ha luogo la prima domenica di settembre, nel caratteristico stile detto “voga alla veneta”. Molte di queste competizioni nascono per iniziativa spontanea; undici sono promosse dal Comune di Venezia in collaborazione con l’Associazione Regatanti e il Coordinamento delle Società Remiere allo scopo di mantenere viva e diffondere una pratica sportiva che trae le sue origini dalla natura stessa della città e del territorio. Molte di queste regate coincidono con feste e sagre tradizionali nelle quali, un tempo, la competizione

rappresentava un’occasione di autentica gloria popolare e istituzionale. L’impegno dell’Amministrazione Comunale intende rinnovare l’antica usanza, nella consapevolezza dei valori non solo sportivi connessi alle regate: una disciplina che, accanto al valore etico comune a tutti gli sport, è anche veicolo di conoscenza e rispetto dell’ambiente lagunare e riscoperta della cultura marinara della città.

Beatrice Helg. Architetture

La Traviata al Teatro La Fenice

Quando: fino a settembre 2012 Info: il calendario completo delle regate è scaricabile dal sito www.veniceconnected. com Photo Michele Crosera “La Traviata” è un’opera in tre atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, tratto dalla pièce teatrale di Alexandre Dumas “La signora delle camelie”; è considerata l’opera più significativa e romantica di Verdi e fa parte della “trilogia popolare” assieme a “Il trovatore” e a “Rigoletto”. La prima rappresentazione avvenne al Teatro La Fenice di Venezia il 6 marzo 1853 ma si rivelò un sonoro fiasco; ripresa l’anno successivo con interpreti più validi e retrodatando l’azione di due secoli, riscosse finalmente il meritato successo. Maestro e direttore è Diego Matheuz, Orchestra e Coro del Teatro La Fenice, Maestro del Coro Claudio Marino Moret. Dove: Teatro La Fenice Quando: 1 settembre - 30 settembre 2012 Info: www.teatrolafenice.it

Annamaria Zanella. Oltre l’ornamento Artista raffinata e mai banale, Annamaria Zanella presenta per Palazzo Fortuny un’ampia selezione delle sue creazioni più recenti. Ferro, rame, acciaio, vetro, legno, porcellana, carta, cemento e altro ancora sono le sue materie predilette. Le stesse materie che poi, attraverso ricordi, emozioni, pensieri e una straordinaria abilità tecnica si trasformano in preziose forme e geometrie che raccontano frammenti della storia personale dell’artista, andando al di là della loro mera funzione di ornamenti. Dove: Museo Fortuny Quando: 1 settembre 2012 - 19 novembre 2012 Info: www.museiciviciveneziani.it

Dove: Museo Fortuny Quando: 1 settembre - 19 novembre 2012 Info: www.museiciviciveneziani.it

Le Opere Grafiche di Raffaele Boschini Tra i primi a entrare negli studi Bevilacqua La Masa dove rimane dal 1910 al 1915, Raffaele Boschini si lega immediatamente all’artista Ugo Valeri, (scomparso tragicamente proprio a Ca’ Pesaro nel 1911) ma lascia in Boschini tracce e segni inconfondibili. Quest’affetto, questo calore, identificano la satira del veneziano Raffaele Boschini (1893-1960) di cui Ca’ Pesaro, grazie alla cospicua donazione della famiglia, conserva numerose opere grafiche tra disegni, acquerelli, incisioni, xilografie, puntesecche, acquetinte, litografie e monotipi. Dove: Ca’ Pesaro, Galleria Internazionale d’Arte Moderna Quando: 1 settembre - 30 settembre 2012 Info: www.museiciviciveneziani.it


Ciclismo, Cubo Futurismo e la quarta dimensione

Teresa Emanuele, Ecfrasi

La mostra ruota intorno a una delle più importanti opere cubiste della Collezione Peggy Guggenheim, il dipinto di Jean Metzinger “Al velodromo”(Au Vélodrome) del 1912. Per far luce sul soggetto dell’opera sono esposti altri due dipinti e un disegno di Metzinger sullo stesso tema, oltre a numerosi dipinti sul ciclismo. Sono inoltre presentati diversi modelli di biciclette, attuali e del passato, insieme alla bicicletta di Einstein, per illustrare la teoria della relatività. Materiale fotografico del velodromo di Roubaix, biciclette da corsa vecchie e nuove e altri oggetti contestualizzeranno il dipinto di Metzinger. In mostra anche una scultura dell’artista svizzero contemporaneo Paul Wiedmer sul tema del tempo. Dove: Collezione Peggy Guggenheim Quando: fino a 16 settembre 2012 Info: Tel. 041 2405411 - info@guggenheim-venice.it

Ana Tzarev Masterpiece Theatre La mostra “Masterpiece Theatre” allinea dipinti influenzati dall’ interesse dell’artista Ana Tzarev per la cultura, la storia e l’arte Giapponese. Queste opere sono il risultato dei suoi numerosi viaggi in Giappone che l’hanno portata a sviluppare un profondo rispetto per le persone e la cultura di quel paese. I suoi dipinti del teatro Kabuki catturano l’essenza del teatro in una sola immagine, rinforzando ogni aspetto della performance e conservando per le future generazioni questa bellissima creazione della cultura giapponese. Nei suoi dipinti, la Tzarev rappresenta lo stato emotivo degli attori. Per esaltare queste figure potenti, l’artista unisce il suo caratteristico uso dei colori vivaci e della materia densa, con una pennellata precisa e teatrale. Con questo gesto e la sua profonda conoscenza del teatro giapponese, Ana Tzarev cattura l’essenza del teatro Kabuki.

La mostra fotografica di Teresa Emanuele a cura di Luca Beatrice, dall’enigmatico titolo “Ecfrasi”, tenta di riqualificare l’estetica del bello, soffermandosi su particolari e dettagli del “meraviglioso” che esiste in natura e che uno sguardo distratto non riesce a catturare. L’artista romana, poco più che trentenne, dopo aver abbandonato il lavoro a Wall Street nel 2006, ha deciso di dedicarsi a tempo pieno alla fotografia, seppur intesa come un linguaggio spurio e antirealista, una vera e propria “scrittura attraverso la luce”. Dopo essersi cimentata in diverse forme di composizione, in soggetti che variano dal ritratto al paesaggio, Teresa Emanuele si concentra oggi sulla foto in bianco e nero, sperimentando nuove tecniche di stampa. In occasione della mostra presso la Galleria Contini saranno le ombre le indiscusse protagoniste dei lavori, “Shadow Boxes” tutti inediti. Inoltre, l’artista presenta in questa mostra la sua prima serie di incisioni fotografiche.

Dove: Museo Diocesano di Venezia Sant’Apollonia, Fondamenta della Canonica, Castello 4312, 30122 Venezia Quando: 30 giugno - 6 settembre 2012 Info: studiodalponte@libero.it - www.studioantoniodalponte.it

Dove: Galleria d’Arte Contini San Marco 2765 (Campo Santo Stefano) Venezia Quando: fino a 23 settembre 2012 Info: Apertura tutti i giorni, h. 10:30-19:30 - Tel. 041.5230357 contini@continiarte.com - www.continiarte.com

Francesco Simonini e il mestiere delle armi

Alla Guggenheim la mostra Ciclismo, cubo futurismo e la quarta dimensione fino al 14 settembre; nella foto Jean Metzinger Al velodromo, 1912 Olio e collage su tela

Francesco Simonini (Parma 1686-1766) gode in questi ultimi anni di una rinnovata fortuna critica e di un ampio interesse nell’ambito collezionistico. È stato senz’altro uno fra i più interessanti artisti di genere attivi nel corso del Settecento a Venezia, dove lavora fra il 1731 e il 1748. Specialista nel dipingere scene di battaglia, lavora nella città lagunare per mecenati prestigiosi come il maresciallo von der Schulenburg, i Gradenigo e i Pisani del ramo di Santo Stefano. Esegue anche grandi cicli decorativi nei palazzi Cappello e Balbi, oggi purtroppo perduti ma documentati grazie al nutrito corpus di disegni che si conserva nel Gabinetto dei disegni e stampe del Museo Correr. Questi fogli, restaurati per l’occasione, sono per la prima volta esposti a Ca’ Rezzonico. Nella stessa

ANA T ZARE V

circostanza è presentato al pubblico un gruppo di dipinti raffiguranti battaglie opera dello stesso Simonini e di altri artisti coevi.

Dove: Ca’ Rezzonico Quando: 26 settembre 2012 - 14 gennaio 2013 Info: www.museiciviciveneziani.it


Enrico Castellani e Gunther Uecker Due grandi maestri dell’arte contemporanea, rappresentanti di rilievo dell’ultima generazione del “Gruppo Zero”, si ritrovano dopo quasi cinquant’anni per questo evento espositivo. La mostra offre un particolare paragone tra due strade artistiche, quella italiana e quella tedesca, tra due modelli di un’arte sistematica, concettuale e anche sensoriale, che permette di riflettere sulle grandi linee dello sviluppo della ricerca artistica del secondo dopoguerra. Una selezione di lavori storici, tra i più rappresentativi, della produzione dei due artisti, oltre a opere recenti, alcune realizzate appositamente per l’evento, è allestita nelle sale monumentali di Ca’ Pesaro. Dove: Ca’ Pesaro - Galleria Internazionale d’Arte Moderna Quando: 1 settembre 2012 - 13 gennaio 2013 Info: www.museiciviciveneziani.it

Franco Vimercati. Fabrizio Plessi in Blu, alla Tutte le cose Galleria Contini emergono dal nulla

Tutte le domeniche lo Spritz cool è alla Guggenheim

La mostra documenta l’opera di Franco Vimercati (Milano, 1960-2000) attraverso l’esposizione di oltre un centinaio di sue opere. Artista di grande rilevanza per il particolare cammino intrapreso nell’ambito della sperimentazione contemporanea, Vimercati è ancora oggi poco conosciuto al grande pubblico. Attraverso gli anni Vimercati si è in particolare concentrato sulla ripresa fotografica di oggetti del suo quotidiano, dando loro un’anima e una magia particolari: trentasei bottiglie d’acqua, le liste di legno del pavimento, un barattolo, un vaso, un bicchiere…

Ormai è diventato un classico l’appuntamento estivo con le “domeniche al museo” a base di spritz. Sulla terrazza Marino Marini della Peggy Guggenheim Collection il barman veneziano Piero Ballarin serve l’aperitivo piu cool in città. In collaborazione con Aperol.

Dove: Museo Fortuny Quando: 1 settembre 2012 - 19 novembre 2012 Info: www.museiciviciveneziani.it

Negli spazi espositivi della Galleria d’Arte Contini di Venezia sono esposti disegni, progetti e installazioni di “Mariverticali” di Fabrizio Plessi, già esibiti nel “Padiglione Venezia” della 54° Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia del 2011 ed i progetti “Llaut Light” esposti sempre nel 2011 al Palazzo della Llotja di Palma di Mallorca. Per l’occasione l’artista ha realizzato tre “Digital Boat” video-sculture inedite che saranno presentate nella mostra.

Dove: Collezione Peggy Guggenheim Quando: a partire dal 10 giugno, tutte le domeniche alle ore 12.00 Info: www.guggenheim-venice.it

Dove: Galleria Contini, San Marco 2288 - Venezia Quando: fino al 23 settembre 2012 Info: Apertura tutti i giorni h. 10:30-13:00 e 14:00-19:30 - Ingresso libero Tel. 041.5230357 galleriavenezia2@continiarte.com www.continiarte.com

Corsi di pittura e disegno alla Galleria Holly Snapp I corsi sono tenuti da Geoffrey Humphries, maestro di pittura e disegno dal vivo, di ritratti e di acquarelli di scene veneziane. I corsi danno la possibilità a studenti di tutti i livelli, dal principiante al professionista, di dipingere con il Maestro nei suoi angoli preferiti e, allo stesso tempo, di imparare qualche piccolo trucco e varie tecniche. Questi non sono solo corsi di pittura, ma avventure uniche in una Venezia che sta sparendo velocemente, in compagnia del pittore che ha catturato lo charme fragile ed eterno di questa città per più di quarant’anni.

I corsi sono limitati a non più di dodici persone. Questi corsi generalmente, ma non sempre, includono il dipingere en plein air di mattina in giro per Venezia, un consiglio per dove pranzare in un ottimo bacaro nelle vicinanze e, nel pomeriggio, ancora pittura e/o disegno dal vivo nel famoso studio alla Giudecca. Lezioni private possono essere organizzate individualmente contattando la galleria Holly Snapp. Dove: Holly Snapp Gallery San Marco 3133 30124 Venezia Italy Info: Tel. 041.2960824 - holly@snapp.it


Qui e (non) altrove. Poetiche e didattiche all’Accademia di Belle Arti di Venezia Sant’Erasmo. Una mostra che riguarda il nucleo delle loro poetiche e dunque la possibilità per il pubblico di entrare in contatto con la produzione recente di artisti che abbinano alla loro attività creativa quella didattica. “Qui e (non) altrove” si sviluppa in dodici stanze individuali con opere che riguardano i diversi linguaggi presenti in un’istituzione per le arti: dal disegno all’incisione, dall’installazione multimediale alla pittura, dall’installazione visiva a quella sonora. Diversi sono i progetti “site specific”, cioè concepiti e realizzati appositamente per gli spazi della Torre: un modo per interpretare la pregnanza di un luogo così intimamente legato alla storia di Venezia. Artisti partecipanti: Marta Allegri, Alberto Balletti, Luca Bendini, Mirella Brugnerotto, Manuel Frara, Aldo Grazzi, Gaetano Mainenti, Marotta & Russo, Miriam Pertegato, Martino Scavezzon, Cristina Treppo, Atej Tutta.

Una mostra collettiva di dodici artisti, tutti docenti all’Accademia di Belle Arti di Venezia, è la nuova proposta per la Torre Massimiliana a

Alla scoperta dell’isola del Lazzaretto Nuovo: archeologia, storia, natura… L’isola, nel Medioevo monastero benedettino con il nome di Vigna Murada, dal 1468 ospitò un “lazzaretto” con compiti di prevenzione dei contagi, divenendo luogo di quarantena per le navi della Serenissima e per le merci, provenienti dal Levante, sospette di peste. Detto “novo” per distinguerlo dall’altro, il “vecchio” (1423), dove erano invece confinati i casi manifesti di malattia. Imponenti edifici (come il cinquecentesco Tezon Grande, che ancora conserva alle pareti scritte e disegni originali), oltre a documenti e reperti che

Dove: Torre Massimiliana Quando: fino al 15 luglio 2012 Info: Apertura mostra: mercoledì, giovedì e venerdì 15.00-19.00/sabato e domenica 11.0019.00 Tel. 041.2747543-7549 - Fax 041 2747528

provengono da scavi tuttora in corso, testimoniano questa funzione sanitaria. Nel 1800, durante il dominio austriaco, l’isola, utilizzata per scopi militari, entrò a far parte del sistema difensivo lagunare, con la realizzazione di una cinta muraria con feritoie e corpi di guardia, protetta da bastioni e terrapieni esterni. In epoca recente, dopo alcuni anni di abbandono, ha conosciuto una decisa azione di recupero, diventando un’interessante area storico-archeologica e naturalistica. L’isola è aperta da aprile a ottobre, sabato e domenica, solo con visite guidate alle ore 9.45 e alle ore 16.30 (vaporetti Linea 13 Actv da Venezia Fondamente Nove: ore 9.25 e ore 16.05). In altri giorni e altri orari su prenotazione.

Il tempio di Osiride svelato. L’antico Egitto nell’Osireion di Abydos Un viaggio alla scoperta di una delle civiltà più affascinanti e misteriose di tutti i tempi. Attraverso un percorso che si dipana tra gigantografie e imponenti pannelli, il visitatore è condotto alla scoperta dell’antica civiltà dei faraoni dalle prime dinastie fino agli splendori dell’epoca di Ramses II. Per la prima volta inoltre viene esposto al pubblico il Sarcofago della Dea Nut che è stato anche completamente restaurato per l’occasione. Il “Progetto Abydos” nasce dall’idea del fotografo Paolo Renier di far conoscere il sito archeologico di Abydos, in Egitto. Il lavoro di Renier, infatti, è stato lungo e minuzioso ed ha suscitato l’interesse di studiosi ed istituzioni, a partire dall’ex Ministro della Cultura egiziano S.E. Farouk Hosny fino ad arrivare all’Accademia d’Egitto di Roma. Alla base di questa mostra e di tutto il “Progetto Abydos” ci sono tre fondamentali principi: la conoscenza dell’antichità egizia, il suo rispetto e l’apprezzamento del suo valore storico immutato nel tempo. Dove: Scuola Grande di San Giovanni Evangelista Quando: fino a 21 ottobre 2012 Info: Tel. 041.718234 - info@scuolasangiovanni.it

Maurizio Donzelli e le Metamorfosi

Dove: Isola del Lazzaretto Nuovo Quando: fino al 31 ottobre 2012 Info: www.lazzarettonuovo.com info@lazzarettonuovo.com

La mostra prende le mosse dagli elementi poetici che Maurizio Donzelli ha sviluppato nella sua ricerca degli ultimi anni. I disegni cangianti “Mirrors”, frutto di un’arguta riflessione sull’immaterialità e sulla temporaneità dell’immagine, sono affiancati ad acquerelli, collage, installazioni e ai recenti tappeti che l’artista ha prodotto per il Museo Fortuny. Dove: Museo Fortuny Quando: 1 settembre - 19 novembre 2012 Info: www.museiciviciveneziani.it

Il tempio di Osiride svelato. L’antico Egitto nell’Osireion di Abydos. In mostra fino al 21 ottobre alla Scuola Grande di San Giovanni Evangelista. Photo Paolo Renier


Dove: Magazzino del Sale e Spazio Vedova Quando: 30 giugno - 25 novembre 2012 Info: www.fondazionevedova.org

ne

Dove: Piazza San Marco 101 - Procuratie Vecchie Info: Tel. 041.5228387 - Fax 041.5220785 fainegoziolivetti@fondoambiente.it

Fulvio Roiter s Douglad n Kirkla y Harr ter De Zit ia Giorg o Fiori sco France utti ci Baras colo Cir rafico Fotog dola n La Go fredo Man froi Man lo Pao Monti Gino nini Bolog Gab World Ser pperiel s iu ies 2012 G e no la Belli-Musei Civici, Chiara Ber ru tola-Fo B Martin Bethen ndazione Querini Sta od-Fondazione Pinaul mpalia, sco ce n t, ra Ang F ela Vettese-Bevilac e ancora la Fondazion qua La Masa, Pavan

o E ditore C alliandr

n°3 Mensile € 3,90

Venez ia, ide e, stil

i e sto rie

a mostr

VE

falso mo netale in un

1, NE/ comma art. 1

anni di

febbraio 200

falso, 25 00

L. 27

nv. in

3 (Co

arte e cultura og gi

C alliandr

o E ditore

FARE

*(Il ve ro e il

. 353/200

. spedizion

ne s.p.a

C alliandro E ditore

, n°4 Mensile € 3,90

STOR IE Benv ILLUSTR SUo StenUtI a I: Stefan o In CU UDIo a “CaSa” PL ContIn ve I, L CIna e / Ia In neZIa / SSI, L’art a MIa MU Ma IS Sa M Ur r ay, n SSIMo Bo ta CI aP È L’IntU re IZ t e L Ba Ck St tUra, eSt Le Port Ione / age D e e eL L’ atICa eD e DeL M er IC tICa a’ S CU P

46) art.

2004 n.

febbraio

in L. 27

(Conv.

353/2003

e in A.P.

Calliandro Editore

chiesto chi son o i talenti emerg enti di Poste Italia

A loro abbiamo

Anno 64

a a Palaz zo Du cale)

E

1, NE/V

Anno 64

L ARGO AI GIOVANI

– D.L.

ne in A.P. – D.L.

s.p.a. spedizio

e storie

1 comma

n. 46) art. 1 comma

27 febbraio 2004

353/2003 (Conv. in L.

ne

zio da colle

ite foto ined iter Ro di Fulvio

IL G O T O F DEI

Poste Italia

Il Negozio Olivetti è una sede espositiva che ospita piccole mostre dedicate ad architettura e design del XX secolo. È allestita un’esposizione degli anni Cinquanta e Sessanta di modelli di macchina da scrivere. Tra i modelli presenti, la celebre macchina da scrivere portatile Lettera 22, esposta al MOMA di New York, insieme alla Lexikon 80 e alla calcolatrice scrivente Divisumma 24, tutte opere del designer emiliano Marcello Nizzoli.

Poste Italiane s.p.a. spedizione in A.P. – D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27 febbraio 2004 n. 46) art. 1 comma 1, CNS VE

VE 1, CNS 1 comma 46) art. 2004 n. febbraio in L. 27 (Conv. 353/2003 – D.L.

Da riscoprire: il negozio Olivetti in Piazza San Marco

numero

Mensile € 3,90

Re CinOTTA università Ca’ Foscar i, Iuav e Viu SUi, leV I MILLE VOLTI B E U I N L F E C A ZIA R del Carnevale

e in A.P.

‘77/’78” presenta per la prima volta insieme tre cicli completi e alcuni “Plurimi/Binari” singoli. Il luogo dove il ciclo “Lacerazione” è installato, nell’ex squero cinquecentesco dove Vedova per lungo tempo ha lavorato, è lo stesso dove l’artista nacque tanti anni fa e questo rappresenta un’occasione straordinaria per un ulteriore approfondimento del suo lavoro, oltre che un appassionato e affettuoso ricordo del grande pittore veneziano. La scelta del titolo, nelle abitudini di Emilio Vedova, era operazione di particolare importanza e spesso assai laboriosa perché suggeriva la prima indicazione di poetica e il suo nucleo problematico ed emozionale. “Lacerazione”, definizione che suona inusuale e sorprendente nel panorama delle opere vedoviane, esprime tutta la passione e l’intensità di quel disagio esistenziale testimoniato con distacco e lontananza. I “Plurimi Binari” esprimono una condizione di particolare raffreddamento interiore, graffiti da alfabeti indecifrabili, spaccati di luce bianca su “vuoti insostenibili”, presenze e tracce di umano in un camminare senza meta e gravità.

izion s.p.a. sped

La Fondazione Emilio e Annabianca Vedova presenta, in contemporanea negli spazi espositivi alle Zattere, due straordinarie mostre. La mostra “Aldo Rossi. Teatri”, al Magazzino del Sale, a cura di Germano Celant, l’architettura dell’allestimento è affidata allo Studio Gae Aulenti. Nello Spazio Vedova è esposto il ciclo “Lacerazione. Plurimi / Binari ’77 / ’78” dell’artista veneziano, a cura di Fabrizio Gazzarri. L’esposizione di Aldo Rossi riunisce per la prima volta quindici progetti dell’architetto-designer milanese dai primi anni sessanta al 1997, attraverso quasi 120 tra studi e schizzi architettonici, modelli di studio e di concorso, disegni, oggetti di scena o riguardanti il tema teatrale e le sue diverse articolazioni, sia in architettura che nel design: dalle architetture progettate e costruite, alle scenografie per opera e balletto, fino agli allestimenti d’impatto spettacolare. Il teatro, come edificio e come concezione dello spazio, ha un significato del tutto particolare nel lavoro e nella vita di Aldo Rossi. Per quest’occasione è stato ricostruito in grande scala il modello del Teatro del Mondo, per riportarlo idealmente nella porzione di laguna dove era approdato per la prima volta durante la Biennale Teatro del 1979-1980. L’esposizione “Lacerazione. Plurimi/Binari

Anno 64 n°2

i e storie

Venezia , idee, st ili

1, NE/VE

Aldo Rossi e Emilio Vedova al Magazzino del Sale

Venezia, idee, stil

4 n. 46)

ie ili e stor , idee, st Venezia

Anno 64 n°1 € 3,90

Venezia, idee, stili e storie

Poste Italiane

Dove: Lido di Venezia Quando: 30 agosto - 30 settembre 2012 Info: Arte Communications - Tel. 041.5264546 Fax 041 2769056

L ’ i l l u L s t ’ r i e L’illustre l l e u r t s s t re u l l i ’ L Anno 63 n°11 € 3,90

in A.P . – D.L

Dove: Palazzo Mocenigo Quando: 1 settembre - 6 gennaio 2013 Info: info@fmcvenezia.it - www.museiciviciveneziani.it

L’illustre dizione

In concomitanza con la Mostra del Cinema, un allestimento di grande impatto di abiti d’eccezione indossati da grandi attrici, che hanno fatto la storia del cinema, come Angelina Jolie seduttrice in satin per “The Tourist”, Gwyneth Paltrow fidanzata fedele e raffinata negli abiti a corolla di “Il Talento” di Mr. Ripley; Katherine Hepburn in “Tempo d’estate”, da donna sola ad amante passionale, e documenti (fotografie, schizzi, video-interviste) di attori e costumisti realizzati per questa esposizione.

a. spe

La quindicesima edizione di “Open, Esposizione Internazionale di Sculture e Installazioni” si tiene a Venezia Lido parallelamente alla Mostra d’Arte Cinematografica e alla Biennale di Architettura. Quest’anno in anteprima un nuovo format: “Open Flags” presenta le opere di artisti internazionali realizzate su bandiere che sono esposte presso gli spazi aperti del Lido di Venezia. Le bandiere possono essere dipinte o stampate. “Open Flags” è realizzata in collaborazione con il Comune di Venezia - Assessorato alla Produzione Culturale.

Venezia, idee, stili e storie

ane s.p.

Trame di moda. Donne e stile alla Mostra del Cinema di Venezia

Poste Itali

Open “Flags” 15. Esposizione Internazionale di Sculture e Installazioni

C allian

SOLD I

dro E d it

*

ore

Mai più senza. L’illustre a casa tua a soli € 35 e con l’abbonamento non perdi nemmeno un numero Per attivare il tuo abbonamento esegui un versamento di 35 euro sul conto corrente postale numero 78002979, intestato a Calliandro Editore con causale “Abbonamento L’illustre”; per informazioni ulteriori puoi scrivere ad abbonamenti@calliandroeditore.it o chiamare lo 041.2413030


Madame Fisscher protagonista a Palazzo Grassi fino al 15 luglio

Quando l’arte non va in vacanza: Che Bello 2

Madame Fisscher La mostra inaugura una serie di esposizioni monografiche dedicate ai più importanti artisti contemporanei che sono presentate a Palazzo Grassi in alternanza e complementarietà con le mostre tematiche della collezione. Ideata da Urs Fischer e Caroline Bourgeois espressamente per gli spazi di Palazzo Grassi, la mostra raccoglie una trentina di opere e comprenderà lavori provenienti da collezioni internazionali, realizzati dall’artista a partire dagli anni ’90 sino a oggi, oltre ad alcune nuove produzioni. L’esposizione si articola negli spazi dell’atrio di Palazzo Grassi e lungo tutto il primo piano, mentre al secondo prosegue la presentazione di opere della François Pinault Foundation. La mostra è accompagnata da una pubblicazione curata dall’artista e da un programma di film da lui selezionati. Dove: Palazzo Grassi Quando: fino al 15 luglio 2012

Quando l’arte non va in vacanza. Soprattutto nell’angolo dell’arte veneziano, quel tratto di San Samuele a ridosso di Palazzo Grassi caratterizzato da una serie di gallerie. Tra cui Perl’A, sorta nel 2006 con l’obiettivo di valorizzare soprattutto gli artisti del Nordest e che propone, per la sua mostra estiva, una serie impressionanti di nomi. L’esposizione comprende infatti opere di Afro, Baldan, Batacchi, Battistello, Biasi, Bonetti, Borsato, Cane, Castagna, Celiberti, Della Croce, De Marco, Leoncini, Licata, Malvezzi, Modolo, Morandis, Santomaso, Livio Seguso, Vazzoler. (Pl. T.)

Helga Elben InNamorata d’Italia, un’esposizione ispirata alle fiabe dei fratelli Grimm

Dove: Galleria Perl’A Salizada San Samuele San Marco, 3216 - Tel. 041.2413218 Quando: dal primo luglio al 30 settembre

Bomben, Gonzato, Penso e Tree3 Strategy

Le Custodie Vuote diventano arte Nella mostra “Custodie Vuote” nelle sale di Palazzetto Tito dal 27 luglio al 30 settembre 2012 Arienti indaga il concetto del “Piacere della Conoscenza”, tema che è stato sviluppato anche nei suoi corsi all’Università Iuav e all’Accademia Carrara di Bergamo. Nel salone centrale sono esposti gli involucri trasparenti e le copertine di cd musicali contenenti brani di diversi generi e di diversa provenienza geografica. “Custodie Vuote” è il titolo di questa installazione, dalla quale nasce il video per “Fenix” (vedi segnalazione a parte) che Arienti proietta sul sipario tagliafuoco del Teatro La Fenice. Questo doppio lavoro è frutto di un’accanita ricerca di questi oggetti nei negozi ancora esistenti, in un momento in cui la maggior parte del commercio musicale si smaterializza e finisce preferenzialmente nella rete. Sia la proiezione che l’installazione sono mute e, nel caso dei cd sulle pareti della sala di Palazzetto Tito, i dischi sono stati volutamente rimossi dalle custodie (nella foto). Dove: Palazzetto Tito, Dorsoduro 2826 Quando: 27 luglio - 30 settembre 2012 Info: www.bevilacqualamasa.it

La sede è quella della Galleria Upp dove viene ospitata una collettiva chiamata Tree3 Strategy. Assieme vengono ospitati i lavori di Ludovico Bomben, Paolo Gonzato e Michelangelo Penso, che propongono una riflessione sulle dinamiche di impossessamento dello spazio da parte dell’opera d’arte, capace di adattarsi e di mutare similmente alle piante al variare delle condizioni. Dove: Galleria Upp, ponte Longo, Giudecca 282, Tel. +39 328.4643887 www.galleriaupp.com Quando: fino al 28 luglio

Tornano le mostre a Palazzo Albrizzi, sede dell’Associazione Culturale Italo Tedesca a Cannaregio. Si riparte il 15 settembre alle 17,30 con la vernice della mostra di Helga Elben, artista molto nota in Germania e che qualche anno fa propose una mostra dal significativo titolo “Innamorata dell’Italia”. Questa volta la Elben espone opere ispirate alle fiabe dei fratelli Grimm. L’inaugurazione prevede anche un intermezzo musicale della pianista Letizia Michielon con musiche di Schumann e Debussy. (Pl.T.) Dove: Palazzo Albrizzi, Cannaregio, 4118 Tel. 041.5225475 Quando: 15 settembre (vernissage) ore 17.30


“Fusti tu mai a VinEgia?” di Maria Orioli Inaugurata il primo giorno d’estate da Manfredo Manfroi, presidente del Circolo Fotografico “La Gondola”, è aperta fino al 7 luglio la personale di Maria Orioli “Fusti tu mai a Vinegia?”, serie di scatti (foto a lato) realizzati nella città lagunare dalla fotografa romana nata a Pola. L’artista, che prima di trasferirsi da giovane a Roma aveva vissuto per un periodo anche a Venezia, da quasi 40 anni espone i suoi lavori in tutta Italia. Ad ospitare questa sua personale la Galleria La Salizada in Calle delle Botteghe a San Samuele, specializzata proprio nella valorizzazione dell’arte fotografica, e dove si è appena chiusa la rassegna “Stelle sotto il sole” dedicata alle celebrità immortalate a Venezia dagli obiettivi dello storico Archivio Cameraphoto.

S. Pietro in Volta in festa Festa tradizionale con appuntamenti a carattere religioso, artistico, sportivo e musicale nella tipica atmosfera del borgo di San Pietro in Volta nell’isola di Pellestrina. Una Venezia che si può vedere di rado. Dove: Isola di Pellestrina Quando: fino al 1 luglio 2012 Info: Tel. 041.2720523 - 524 - 525

Quando: fino al 7 luglio Dove: Galleria La Salizada, San Marco 3448 Tel./Fax 041.2410723 - info@lasalizada.it

STEFANO CURTO AL CAFFÈ FLORIAN

Fino al 22 luglio 2012 il Caffè Florian di Venezia prosegue la sua stagione culturale con la personale di Stefano Curto, curata da Stefano

Stipitivich. L’artista trevigiano, famoso per i suoi originali lavori composti da cristalli e minerali, impreziosirà la Sala delle Stagioni del Caffè più antico del mondo con alcune delle sue opere più note, tra cui “The Marvellous flight of coexistence”, una creazione di cristalli dalle tinte naturali e declinati in una vastissima varietà di forme, dove ogni singola gemma viene scelta come fosse una pennellata sulla tela. Il tappeto di pietre, sospeso e quasi in procinto di spiccare il volo, alludendo all’unione dei fili intrecciati nei manufatti originali, evoca simbolicamente l’indissolubile legame e la coesistenza fra i popoli. Dove: Caffè Florian Quando: fino al 22 Luglio 2012

IMPARO A DIPINGERE A CASA DEL TINTORETTO Imparare l’arte in casa del Tintoretto. Una delle attività più singolari che si possono fare durante l’estate è un bel corso di disegno o di acquerello. Un’idea che ha ancora più fascino se il corso lo si frequenta nella bottega di Fondamenta dei Mori che fu laboratorio del Tintoretto e oggi è famosa, oltre che proprio per i suoi corsi di arte, anche per ospitare una stamperia. Questo il programma dei corsi. Dal 9 al 13 luglio disegno: segno, tratteggio, costruzione dei volumi, copia dal vero, principi di composizione; oppure incisione: acquaforte, acquatinta, puntasecca, dalla preparazione della lastra alla stampa. Dal 23 al 27 luglio acquerello: velature, sfumature, macchie, studio del colore, uscite en plein air; e ancora: arte del libro ovvero come ideare un libro, esperienze di xilografia e di legatoria, principi di tipografia. Dal 6 al 10 agosto disegno e acquerello: uso della matita e del colore ad acqua, esercizi di base, copie e piccole composizioni. Quando: corsi di quattro giorni da luglio ad agosto Dove: Cannaregio, Fondamenta dei Mori, 3400 Info: tintoretto@tin.it - Tel. 041.722081

Future, Landscape. A changing exhibition

Fenice prefestival: Fenix, arte e teatro con Stefano Arienti e Foowfa d’Immobilité Torna “Arte contemporanea a teatro”, il progetto curato da Francesca Pasini, nato nel 2004 dalla collaborazione tra la Fondazione Bevilacqua La Masa e il Teatro La Fenice di Venezia. Questa nuova edizione inserita nel Festival “Lo spirito della musica di Venezia” (in programma dal 18 luglio al 3 agosto 2012), si inaugura con un’opera di arte visiva e danza dal titolo “Fenix”, realizzata dall’artista Stefano Arienti e dal coreografo Foofwa d’Immobilité. Il Teatro La Fenice, la cui attività segue un unico filo conduttore che lega tradizione ed innovazione, repertorio e contemporaneità, rinnova la propria tradizione sperimentale, proponendo un’opera unica nel panorama dei teatri lirici italiani. Arienti e Foofwa d’Immobilité collaborano nell’ottica di stabilire una relazione autonoma ma dialogante tra arte visiva e danza. Dove: Teatro La Fenice Quando: 27-28 luglio 2012

Cosa rimane del paesaggio ai giorni nostri fra residui del passato e trasformazioni produttive, abbandono e riqualificazione ambientale, nostalgie di un sentire la terra come luogo di appartenenza e visioni di un altro futuro possibile? La mostra vuole proporre una ricognizione ad ampio spettro fra luoghi descritti e luoghi immaginati, cogliendo del paesaggio le sue stratificazioni di naturale e artificiale, di aspetti esteriori e proiezioni interiori. Artisti in mostra: Bruno Estevan, Cristian Chironi, Marco Citron, Cuoghi Corsello, Roberta Franchetto, Antonio Guiotto, Dritan Hyska, Hannes Lang, Dacia Manto, Tiziano Martina, Giovanni Morbin, Pavel Mrkus, Serse, Paolo Parisi, Eltjon Valle, Jonathan Vivacqua, Andreea Werner. Dove: Forte Marghera Quando: fino al 31 agosto 2012 Info: www.parcodelcontemporaneo.it


Sophia Vari. GioIelli, Sculture, Dipinti

In mostra presso la Galleria Contini di Venezia una prestigiosa selezione delle opere di Sophia Vari, con i suoi gioielli, sculture, oli e tecniche miste. Sophia Vari nasce in Grecia da madre ungherese e padre greco. Pittrice e scultrice viene fortemente influenzata dalle origini della cultura mediterranea. Vivendo a Parigi fin dalla fine dell’adolescenza diviene un’attenta studiosa delle diverse tendenze della scultura e in particolare del Cubismo e del Surrealismo. Dal suo talento creativo nascono delle opere piene di sensualità, movimento e intelligenza in cui sono riconoscibili gli elementi della scultura dei Maya, degli Egizi, degli Olmec del Centro America e le forme tradizionali delle Cicladi, dell’Antica Grecia e dell’epoca barocca. Le sue sculture monumentali sono presenti in molte delle grandi città di tutto il mondo: Parigi, Atene, New York, Montreal, Monaco, Miami, Caracas… Sophia Vari si è rivelata anche nel campo del design dei gioielli, lasciandosi suggestionare con successo da materiali diversi, come argento, oro e corallo. Dice l’artista: “quando ero in viaggio per le mostre, nei momenti liberi, facevo piccoli modelli di plastilina. Un giorno li vidi tutti insieme nel mio studio e mi venne l’idea di usarli come gioielli: io li chiamo “sculture portabili”. Sono in argento, oro e in legno molto scuro. Dove: Galleria d’Arte Contini San Marco 2288, Calle Larga XXII marzo Venezia Quando:fino 23 settembre 2012 Info: Apertura tutti i giorni, h. 10:30-19:30 Tel. 041.5230357 - contini@continiarte.com www.continiarte.com

Il Mit veneziano è qui, ma si parla di barche tradizionali Si chiama Mit ed è il Museo di Barche Tradizionali. Si tratta di un angolo di paradiso selvaggio in cui si possono ancora ammirare gli antichi edifici napoleonici costruiti con mattoni a vista e immersi in una fitta foresta di pioppi, pruni selvatici, platani, olmi e acacie dove non è raro vedere volare martin pescatori, aironi, cormorani e sentire il ticchettio del picchio. È qui, in uno dei capannoni, che un paio di anni fa inizia a ricrearsi la simbiosi originaria tra legno e acqua che ha da sempre caratterizzato la laguna di Venezia. Non sapendo più dove riunire le barche che nel corso degli anni aveva raccolto, o per acquisto diretto o per donazione, il costruttore di barche Nicolò Zen, classe 1968, ha infatti il permesso dalla Marco Polo System di trasferire la sua flotta in uno dei capannoni, proprio di fronte al canale. Lo spazio è tutto da risistemare, ma la passione per le imbarcazioni è tale da essere disposto a rimboccarsi le maniche e ripulire l’edificio. Per sapere come mai Zen è arrivato qui con sandali veneziani, pellestrinotti e buranelli, qualche sanpierotta, alcune gondole, un caiccio, dei batei e alcuni modelli di topi, bisogna tornare indietro nel tempo quando suo padre, a dieci anni, gli regala un kayak. Passa il tempo, ma il kayak non cambia e si rivela davvero utile per gli spostamenti in laguna. Una sera di venti anni dopo qualcuno gli ruba il mezzo. Con il passare dei giorni Nicolò si accorge che gli manca non solo la sua barca, ma anche un certo stato, quello del «galleggiamento». In quel periodo ha appena ottenuto il diploma di teoria e solfeggio al Conservatorio Benedetto Marcello e si diletta a suonare qualsiasi strumento emetta un suono: fisarmonica, pianoforte, violino e altri, ma senza il suo kayak la vita non è più come prima. Inizia a interessarsi dei mezzi di navigazione della laguna e si accorge davvero di vivere in un arcipelago di isole dove un tempo, prima della realizzazione dei ponti, l’uomo viveva in relazione continua con l’acqua. «Lo sfruttamento della laguna - afferma mentre lavora su una gondola usata per traghettare, interamente da sistemare - è così forte e violento che non si riesce a compensare. Un tempo si diceva che lo spazio che l’uomo toglie alla laguna bisogna restituirglielo, ma come si può fare? Il mio contributo è quello di cercare di mantenere vivo il patrimonio culturale legato alla laguna, partendo per esempio dal tentativo di restaurare le barche utilizzando i metodi e i prodotti tradizionali». Frequenta dei corsi per maestri d’ascia promossi dalla Confindustria. Conosce uomini speciali: il maestro e amico Matteo Tamassia,

Michael Kiersgaard, il siciliano Pippo del cantiere Crea e, infine, due maestri chiave, purtroppo deceduti: Fagherazzi del Bucintoro detto «Gepa» e Piero Mesetto di Pellestrina. «Quando mi è capitato di passare del tempo con il Gepa - ricorda - stava fabbricando una barca e un mandolino. Utilizzava la stessa terminologia e lo stesso approccio. È grazie a lui che, anche dentro di me, ho saputo unire la musica alla costruzione delle barche. Lui mi ha mostrato che era possibile». Questo incontro sarà decisivo per la storia di Nicolò Zen. Nel corso del tempo molte persone si sono avvicinate spontaneamente al MIT, incuriosite dalla possibilità di conoscere le storie di ogni singola barca (alcuni modelli sono in custodia e provengono da altre associazioni). Tra i più assidui frequentatori ricordiamo: Stefano Montagner, Antonella Gentile, Luca Bianchetto, Mattia Pantaloni, Boris Borella e Alice Niccolai. All’interno del Museo è possibile prendere un foglietto bianco e scrivere un proprio pensiero sulla laguna, sul mare e sull’acqua per poi attaccarlo alle reti che decorano le pareti. Andando al MIT si vede dal vivo come avviene il restauro di una barca e, su prenotazione, è possibile prenotare delle visite in barca attorno al Forte e delle lezioni di voga. Come arrivare: da Venezia autobus 12, scendere alla prima fermata di Viale San Marco. Attraversare la strada e cercare, nel campo di fronte, un sentiero di terra battuta. Dopo una cinquantina di metri si giunge sulla strada principale da dove si vede già l’ingresso del Forte. (Vera Mantengoli) Dove: MIT Museo Imbarcazioni Tradizionali di Forte Marghera Quando: sempre nei weekend Info: Aperto ogni fine settimana (ven. sab. dom.) dalle 10 alle 18. Venerdì possibilità di piccole escursioni in barca a offerta libera info@ilcaiccio.org - Tel. 328.4227690

James Coignard, à la lumière du verre A quattro anni dalla scomparsa di James Coignard, Adriano Berengo ha deciso di ricordare e celebrare la sua amicizia e collaborazione con il Maestro, con una mostra a lui interamente dedicata presso gli spazi della Berengo Collection Art Gallery di Venezia. La mostra presenta circa 50 opere in vetro, realizzate da James Coignard presso le fornaci Berengo Studio dal 1996 al 2008. Alle sculture in vetro si accompagnano numerose opere pittoriche e disegni, che completano il percorso artistico di questo grande pittore, incisore e scultore. Da sempre affascinato dalle tecniche, dai materiali e dalla loro versatilità espressiva, l’artista sperimentò con il carborundum (tecnica che prevede l’impiego della polvere di silicio per ottenere delle stampe dagli effetti materici e vellutati), con il bronzo e poi anche con il vetro.

La prima scultura in vetro fu realizzata da James Coignard negli anni ‘60 presso la Fucina degli Angeli di Murano. Solo in seguito, però, dopo l’incontro con Adriano Berengo, la produzione in vetro iniziò a farsi più organica e sostanziosa. Del vetro lo affascinò la capacità di catturare la luce e del mondo che vi ruota attorno il magico rapporto tra la materia, l’artista e le mani del maestro vetraio. Infine nel corso della sua carriera mise il suo talento anche al servizio di molti poeti, con i quali lavorò intorno all’avventura del libro. Dove: Berengo Collection Art Gallery, San Marco 412/413 Quando: 16 giugno - 15 luglio 2012 Info: www.berengo.com


Il “Genio di Leonardo” a Venezia Il museo “Il Genio di Leonardo” si trova in Campo San Rocco nel sestiere di San Polo. Dedicato a uno dei maggiori inventori di ogni tempo, è localizzato all’interno della Scoletta Vecchia di San Rocco, posta sulla destra della omonima chiesa. Il museo è interamente dedicato all’artista, uomo moderno che seppe concepire delle macchine straordinarie per il proprio tempo. Tra di esse Leonardo inventò macchine da guerra, o da utilizzare nell’idraulica, nella meccanica e persino nel volo. Solo la limitata tecnologia della sua epoca gli impedì di farle funzionare tutte come le aveva concepite. Il museo propone 65 macchine e dei pannelli con le riproduzioni dei suoi disegni sull’anatomia. La mostra si articola interamente sui due piani della Scoletta Vecchia di San Rocco

L’art d’inventer à l’improviste autour de Mozart. Concerto in ricordo di Giovanni Morelli

Giovanni Maria Morlaiter a Ca’ Rezzonico

e presenta l’opportunità di vedere anche i dipinti di proprietà della confraternita che permanentemente rimangono nell’edificio. Dove: Scoletta di San Rocco, Campo San Rocco Quando: tutti i giorni dalle ore 9.30 alle ore 18.30 Info: www.fondazioneanthropos.com

Matt McClune, Material Colour and Elena Monzo, Venice Queens

Il filo conduttore del concerto è, come indica il titolo, “L’art d’inventer à l’improviste autour de Mozart”. Questa indicazione è tratta da esempi d’improvvisazioni scritte da Bartolomeo Campagnoli (1751-1827) pour amuser i violinisti che vogliono impararne l’antica arte. Tuttavia l’improvvisazione ai tempi di Mozart non si inseriva unicamente nelle cadenze e nelle fermate oppure attraverso l’arte dell’ornamentazione, ma anche e soprattutto in quella sottile e difficile arte di “interpretare” ogni esecuzione diversa dall’altra, nel sentire le differenze pur nell’uguaglianza del principio comune d’espressione.

In mostra la raccolta di bozzetti scultorei che formavano il fondo di bottega dello scultore Giovanni Maria Morlaiter (Venezia, 1699-1781). Si tratta di un centinaio di pezzi in terra cruda e terracotta che, proprio per il loro carattere unitario e omogeneo, offrono l’opportunità di entrare nell’atelier di uno scultore del Settecento e seguirne, passo dopo passo, il percorso creativo, ossia il momento in cui l’artista modella la creta per dar forma ai primi pensieri che saranno poi trasposti nell’opera finita. Gli esemplari qui esposti rivelano al pubblico un protagonista della scultura rococò che più di altri seppe tradurre in forma tridimensionale i vibranti effetti luministici della pittura contemporanea, tanto da essere spesso paragonato per la freschezza esecutiva delle sue opere a Sebastiano Ricci di cui, peraltro, fu intimo amico. Complice la duttilità del materiale, la mano di Morlaiter si esalta nel trattamento mosso, fremente, delle superfici che, soprattutto nei rilievi, infondono un vorticoso movimento alle figure. Dove: Ca’ Rezzonico, Dorsoduro 3136, Venezia Quando: fino al 31 dicembre 2012 Info: info@fmcvenezia.it

Una Eco Orientale per Marilena Berti

Dove: Venezia, Isola di San Giorgio Maggiore Quando: 27 giugno 2012 Info: Tel. 041.2710220 - Fax 041.2710215 musica@cini.it

Prima personale in Italia per Matt McClune, artista americano che vive in Francia, nella campagna attorno a Lione, e opera tra Stati Uniti, Germania e Svizzera. Alla sua terza personale per la Galleria Traghetto, invece, la svizzera Elena Monzo, che per dedica la sua mostra proprio a Venezia. Le sue “Venice Queens” sono il trionfo del dettaglio che trae ispirazione dal fashion e dalla pubblicità per trasfigurarsi in un singolare teatro dell’assurdo. (Pl. T.) Dove: Galleria Traghetto - San Marco, 2543 (Campo Santa Maria del Giglio) Quando: Fino al 10 luglio Info: Tel./Fax 041.5221188 Dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19

Piante, fiori, temi della Natura connotati da richiami orientali secondo Marilena Berti (nella foto Sasaki Performance alla 54. Biennale): è la sua Eco Orientale. Arte contemporanea, per “gli ospiti di Ca’ Gottardi” a cura di Federica Pozza, oltre la sola rappresentazione visiva in una location diversa ovvero l’hotel Ca’ Gottardi. Dove: hotel Ca’ Gottardi Salizada Santa Fosca, Cannaregio 2283, Tel. +39 041.2759333 Quando: fino al 7 luglio

NEIL HARBISSON: CYBER VENEZIA “Immaginate di essere nati e cresciuti in un mondo in bianco e nero per un brutto scherzo della genetica: dopo aver cercato di capire cos’è il colore, senza riuscirci, probabilmente vi sentireste feriti dalla diversità. Ma forse non vi rassegnereste, specialmente se aveste modo di intuire che la vita offre sempre nuove possibilità, e nuove dimensioni di conoscenza da esplorare. Perché senza rendercene conto siamo immersi in una materia fatta di onde, luminose o sonore che siano, e potreste ad esempio “ascoltare i colori”. Cioè ascoltare l’energia. Ripensare lo spazio. Il vostro spazio, la vostra casa. Voi stessi, il vostro viso, o quello degli altri”. Una storia intensa, raccontata con semplicità disarmante. Se la grandezza di un artista è comunicare qualcosa di universale ed innovativo partendo dalla propria piccola esperienza, magari da un problema, la storia di Neil Harbisson è davvero straordinaria. Nato a Belfast il 27 Luglio 1982, è un artista e musicista nato con una condizione visiva rara (l’acromatopsia) che gli permette di vedere soltanto in toni di grigio. Ed è la prima persona al mondo ad indossare un eyeborg (un occhio cibernetico) che “traduce” i colori in suoni, una collaborazione realizzata con un ricercatore dell’Università di Barcellona. Un progetto entusiasmante, che Harbisson ha presentato con successo in tutto il mondo, traducendo colore in suono e viceversa: da un lato i “ritratti sonori” (lo sapevate che il vostro viso suona?), dall’altro l’arte digitale “sonocromatica” (opere coloratissime che costituiscono una sorta di spartiti a colori delle prime 100 note di brani musicali). In una parola: cyber-arte, una produzione artistica che ha presentato anche a Venezia lo

Matteo Pericoli. Drawings from Within

Per la prima volta a Venezia, una selezione dei più affascinanti disegni di Matteo Pericoli. L’iniziativa nasce dalla cooperazione tra il Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali dell’Università Ca’ Foscari Venezia e Artes Forschungsschule, la scuola di dottorato delle facoltà umanistiche dell’Università di Colonia. Indagando le architetture della città, l’artista ha esplorato l’arte del disegno inteso come strumento di percezione, comprensione, traduzione grafica del visibile. La mostra veneziana presenta in anteprima per il pubblico italiano il disegno definitivo del progetto “Skyline of the World”. Lungo oltre tre metri, rappresenta una città utopica, un capriccio contemporaneo in cui sono riuniti più di quattrocento edifici realmente esistenti in oltre settanta città del mondo, con l’aggiunta di una costruzione immaginaria. Dove: Università Ca’ Foscari Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali San Sebastiano, Aula Colonne Quando: fino al 31 luglio Info: www.unive.it

scorso anno in occasione della Biennale Arte, con performance interattive. Ed è del 2012, anno della Biennale Architettura, il lancio di “Cyber Venezia”, progetto il cui primo capitolo è “Il Suono di Burano”. “Ho iniziato a ritrarre, ovvero a “dipingere in suono” la stessa Venezia, esplorandola con pazienza, rispetto, e curiosità artistica e scientifica a partire dalle coloratissime case dell’isola di Burano, con risultati molto suggestivi. Non si tratta di un’associazione cromatica arbitraria, ma del frutto di uno studio complesso”. Presentato in anteprima a Palazzo Loredan - Istituto Veneto di Lettere Scienze Arti, e a Giudecca 795 Art Gallery durante la Art Night Venezia il 23 giugno, Cyber Venezia proseguirà secondo le varie fasi previste, ed i suoi primi risultati si potranno apprezzare man mano in galleria per tutta la durata della Biennale Architettura, insieme al resto della produzione artistica di Harbisson. Come nel 2011, su prenotazione, Harbisson è a disposizione del pubblico per realizzare i “ritratti sonori”: puntando il suo eyeborg verso le varie parti del viso, Harbisson scrive le note su uno speciale foglio manoscritto a 360 linee. Dal 2005 ha realizzato i ritratti sonori anche di varie “celebrities” tra cui Carlo d’Inghilterra, Leonardo di Caprio, Nicole Kidman e Woody Allen. Dove: Giudecca 795 Art Gallery, Fondamenta San Biagio 795 Quando: dal 23 giugno al 25 Novembre 2012 Info: www.giudecca795.com - www.cybervenezia.com Prenotazioni per i “ritratti sonori”: Tel. 340 .8798327

Pochi giorni per vedere la pala d’Argento a San Salvador La pala d’argento con la Trasfigurazione del Tiziano torna a illuminare la chiesa di San Salvador dal 6 al 13 agosto. La pala, in argento sbalzato, cesellato e dorato, di 246 centimetri di altezza per 294 di larghezza, si divide in cinque registri di cui il principale, al centro, rappresenta appunto la Trasfigurazione nel linguaggio di un capolavoro rinascimentale, riscoperto solo da pochi anni. L’opera infatti, che attende ancora una lettura iconografica certa, ha trovato una più precisa attribuzione grazie a studi dei primi anni del nuovo millennio. Un’occasione, quindi, per ammirarla anche fruendo delle tre visite guidate gratuite, in italiano e in inglese, previste in quei giorni. (Pl. T.) Dove: Chiesa di San Salvador Quando: dal 6 al 13 agosto

Mostra di Porcellane del Settecento a Ca’ Rezzonico a Venezia

La mostra di Porcellane del Settecento, esposta nella Sala del Clavicembalo di Ca’Rezzonico a Venezia, espone opere e manufatti prodotti in Europa nel XVIII sec.d.c. Ca’ Rezzonico conserva un’importante selezione di oggetti in porcellana che offre una panoramica di quasi tutte le manifatture europee. Da quella celebre di Meissen, a Sèvres e Vienna. Il nucleo più importante riguarda le produzioni locali: Vezzi e Cozzi a Venezia, Antonibon a Bassano. Dove: Ca’ Rezzonico, Museo del Settecento veneziano Quando: fino a 31 dicembre 2012 Info: www.museiciviciveneziani.it


Common Ground, David Chipperfield e la sua Mostra Internazionale di Architettura

Dove va e come s’ispira l’architettura di oggi del futuro. A orientare la bussola delle tendenze la Biennale Architettura che quest’anno è diretta dall’archistar David Chipperfiled. Common Ground, questo il nome della Mostra, formerà un unico percorso espositivo dal Padiglione Centrale ai Giardini all’Arsenale: Chipperfield presenterà una Biennale composta

Tutto il settececento veneziano a Ca’ Rezzonico

Il fascino del Settecento veneziano lo si puo trovare condensato in un un solo palazzo: maestoso ed affascinante, con il suo salone da ballo da mille e una notte (nella foto Muve), questo è Ca’ Rezzonico. La visita parte dal Mezzanino Brownin dove sono ospitate le opere della Collezione Mestrovich, tra cui spiccano autori quali Iacopo Tintoretto, Bonifacio de’ Pitati. Ma il cuore del percorso museale inizia invece dal grande scalone d’onore progettato da Giorgio Massari, sul lato opposto al Canal Grande. Al primo piano, attraverso undici sale è possibile ammirare, dipinti, sculture, e arredi settecenteschi, oltre ai preziosi affreschi decorativi dei soffitti. Al secondo piano, che si apre con il portego dei dipinti dominato da due tele giovanili del Canaletto, da non perdere sono la sala dedicata all’opera del Longhi e gli affreschi staccati dalla Villa Zianigo eseguiti da Giandomenico Tiepolo. Al terzo piano, infine, oltre ai tre ambienti della Farmacia Ai do San Marchi, è ospitata la preziosa Pinacoteca Egidio Martini. Dove: Museo del Settecento veneziano a Ca’ Rezzonico - Tel./Fax +39 041.2410100 info@fmcvenezia.it Quando: tutto l’anno

da 61 progetti realizzati da architetti, fotografi, artisti, critici e studiosi. Molti di loro (sono 104) hanno risposto al suo invito presentando proposte originali e installazioni create espressamente per questa Biennale e coinvolgendo nel proprio progetto altri colleghi con i quali condividono un Common Ground. La Mostra sarà affiancata, come di consueto, negli storici Padiglioni ai Giardini, all’Arsenale e nel centro storico di Venezia, da 54 Partecipazioni nazionali. Le nazioni presenti per la prima volta sono 4: Angola, Repubblica del Kosovo, Kuwait, Perù. Dove: Arsenale, Giardini della Biennale, eventi collaterali in piu sedi cittadine www. labiennale.org Quando: vernissage 27-28 agosto - apertura al pubblico dal 29 agosto al 25 novembre 2012 cerimonia di premiazione e di inaugurazione il 29 agosto

Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica Tra gli appuntamenti imperdibili segnaliamo naturalmente la 69. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica. Il direttore quest’anno è Alberto Barbera e si terrà dal 29 agosto all’8 settembre 2012. Due consigli: siate in controtendenza, sbarcate al Lido senza alcun genere di pass (c’è la gara a chi ne porta di più appesi al collo), camminate con noncuranza tra il palazzo del cinema e l’Excelsior, tra le sei e le sette e mezzo della sera tra stuoli di fan in delirio e cinefili incalliti forzati della proiezione, godendovi l’atmosfera hollywoodiana; secondo consiglio: andate a vedere i film ma se potete non privilegiate quelli da botteghino (quelli si possono vedere al cinema); scegliete le produzioni piu strane e curiose, lontane dalle superstar, che non finiranno mai nel multisala sotto casa e nemmeno in dvd. Queste pellicole le vedrete solo una volta: voi e un centinaio di pochi di privilegiati. Per saperne di piu www.labiennale. org è sempre super aggiornato. Dove: Lido di Venezia, Palazzo del Cinema Quando: 29 agosto 2012 - 8 settembre 2012 Info: Tel. 041.5218711 - www.labiennale.org cinema@labiennale.org

Imparare a fare le maschere a Ca’ Macana Il laboratorio è conosciuto soprattutto per due motivi: ha collaborato con teatri e con registi cinematografici importanti (il più famoso è stato Stanley Kubrick per il film Eyes Wide Shut), ma principalmente perché ha scelto di restare fedele alla tradizione. Tutte le maschere sono fatte e dipinte rigorosamente a mano come si faceva a Venezia già 800 anni fa. Le decorazioni non sono ripetute, ogni maschera è, quindi, un pezzo unico. Dal 1989 Ca’ Macana ha cominciato anche a tenere corsi intensivi e conferenze sulle maschere veneziane. Da queste esperienze sono nati i “minicorsi” e le “miniconferenze” per tour operators, scuole, ma anche per famiglie e singoli. Tutte le attività si svolgono nel laboratorio situato a pochi passi dal negozio principale e che rappresenta un posto di lavoro ancora tradizionale e non “turistico” con tutti materiali usati, le maschere in lavorazione, i modelli nuovi iniziati. Dove: Ca’ Macana - Dorsoduro 3172 Info: Tel. 041.2776142 - info@camacana.com

Alla scoperta delle inusuali opere di Hubert Duprat

Alla galleria Tognon di campo San Maurizio le inusuali opere di Hubert Duprat, artista francese che infila larve all’interno di tubicini in oro, opale o anche diamante che rappresentano la tana dove avviene la metamorfosi da baco in farfalla. Duprat, nato nel ’57, iniziò i suoi singolari lavori all’inizio degli anni Ottanta raccogliendo larve dal loro ambiente naturale e ponendole in gusci realizzati, invece che con materiali poveri, con scaglie di metalli e pietre preziose. Sarà poi la larva a ultimare la costruzione della sua “casetta” utilizzando materiali preziosi come fossero pagliuzze o foglie. (Pl. T.) Dove: galleria Caterina Tognon arte contemporanea - Venezia da martedì a sabato 10-13 / 15-19 Venezia San Marco 2746 in campo San Maurizio, Tel. +39 041.5207859 - info@caterinatognon.com Quando: fino al 30 settembre

La maschera di Eyes Wide Shut realizzata per il film di Stanley Kubrick dal laboratorio Ca’ Macana


Vespri d’organo alla Basilica della Salute

Fotografiamo il Redentore a Venezia

Anche quest’anno la Basilica della Salute propone i “Vespri d’organo”, un’iniziativa avviata nel 2000. I brani, affidati all’organista titolare della Basilica, sono tratti da un repertorio musicale che va dal XVI fino al XX secolo; è posta un’attenzione particolare agli autori del Settecento, tra cui Bach e Vivaldi, di cui si propongono inediti e trascrizioni originali. Dove: Basilica della Salute Quando: fino al 29 settembre 2012 Info: Tel. 041.2743911/928 - Fax 041 2743998 salute@seminariovenezia.it www.seminariovenezia.it

SUONI DI PIANOFORTE A PALAZZO ALBRIZZI

Proseguono fino alla fine di luglio i pomeriggi musicali a Palazzo Albrizzi, uno degli appuntamenti di più alto livello in città con i recital pianistici. Merito della bravura degli interpreti, in genere musicisti giovani ma di ottime capacità; del fascino della sede, l’antico palazzo della famiglia

Albrizzi a Cannaregio, e soprattutto della passione dell’Associazione Culturale Italo-Tedesca nell’organizzare questi appuntamenti musicali. 30 giugno, esegue Francesca Vidal. Musiche di Chopin, Schumann, Debussy. 7 luglio, eseguono Cinzia Dato e Donato Cuciniello (violino). Musiche di Beethoven e Brahms 14 luglio, esegue Claudio Soviero, musiche di Schumann e Ravel 21 luglio, esegue Haruka Kuirowa, musiche di Bach, Rachmaninov, Schumann 28 luglio, esegue Mayer Goldenberg, musiche di Bach, Siloti, Villa Lobos, Krieguer, Guarnieri, Chopin, Listz, Rachmaninov. Quando: fino al 28 luglio Dove: Palazzo Albrizzi, Cannaregio, 4118 Tel. 041.5225475 - 041.2410491

Le figlie dell’armonia: quattro concerti a Palazzo Grimani “Le figlie dell’Armonia” è uno speciale ciclo di concerti che si svolge tra giugno e luglio a Palazzo Grimani di Santa Maria Formosa: un intreccio di musica, cultura, storia del pensiero del tutto fuori dal consueto, nato da una ricerca sul repertorio degli Ospedali veneziani che si è estesa poi, in modo del tutto sorprendente, all’orizzonte musicale europeo della fine del Settecento. I concerti presenteranno così opere di autori

come Mozart, Cimarosa, Hasse, Sacchini accanto ad altri meno conosciuti. Il progetto è frutto di una stretta e appassionata collaborazione tra la Regione del Veneto, gli Amici della Musica di Venezia, la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Venezia e dei comuni della Gronda Lagunare, la direzione e lo staff di Palazzo Grimani, Venezia Accademia. Questi gli appuntamenti: - Venerdì 15 giugno ore 19,30 “Come piuma sul respiro di Dio” - Venerdì 29 giugno ore 19,30 “Fuochi invisibili” - Venerdì 13 luglio ore 19,30 “Virgo virago” - Venerdì 20 luglio ore 19,30 “L’Armonica” Dove: Palazzo Grimani Quando: dal 15 al 20 luglio 2012 Info: Tel. 349.3905119

Il Redentore è la festa dei Veneziani. La festa in cui la città si ferma a festeggiare in ogni angolo della città ma soprattutto nel bacino davanti a San Marco... al culmine della festa, un lunghissimo spettacolo pirotecnico suggella una giornata di “bagordi”. Durante il Workshop si fotograferà la festa, la gente, le barche, le luci, il tramonto, i fuochi. Si discuteranno le foto, si imparerà a scegliere le foto da tenere, ma soprattutto quelle da “buttare”. E soprattutto si cenerà all’interno del prestigioso e lussuosissimo Caffè Florian in Piazza San Marco, dove si potrà fare qualche splendida foto ai suoi preziosi interni (Photo Yorick Photography). Quando: da sabato 14 luglio 2012 ore 16.00 a domenica 15 luglio ore 1.30 Info: www.yorick-photography.com, (la quota di partecipazione di 95 Euro e comprende il Workshop e una cena al Caffè Florian). Attrezzatura necessaria: fotocamera (reflex digitale o compatta avanzata) e treppiedi

Gli antenati d’africa Dalla sua fondazione nel 1985, con la fusione di Totem Gallery e della galleria Il Canale, l’atelier situato ai piedi del ponte dell’Accademia ha fatto dell’arte africana una delle cifre stilistiche della propria proposta artistica. Anche quest’estate la Galleria Totem il Canale, diretta da Hentus du Toit e Claudio Gatta, propone, dal 2 luglio, una mostra, intitolata “Antenati” di statue dell’Africa Occidentale e Centrale. Dal 14 luglio al 29 agosto, invece, in un’altra delle tre sale che compongono lo spazio espositivo, torneranno in mostra opere contemporanee degli artisti legati alla galleria. (Pl. T.) Dove: Galleria Totem il Canale Dorsoduro 878/b Tel. 041.5223641 Quando: dal 2 luglio al 29 agosto (e dal 14 luglio al 29 agosto rassegna estiva di artisti della galleria)


Buon Canaletto. Il Quaderno Veneziano compleanno Palazzo Grimani ospita la mostra “Canaletto. Il Quaderno veneziano” dedicata al celebre Quaderno di schizzi di Canaletto: il codice, esposto per a Venezia. la prima volta al pubblico, è ora presentato assieme a ventiquattro  disegni di E la serata antica provenienza veneziana, appartenenti a collezioni pubbliche e private. occasione straordinaria: il Quaderno è un piccolo  volume formato è gratis al Casinò Un’ da 7 fascicoli, rilegati nell’Ottocento, ma in origine sciolti,  ricco di schiz(con tanto zi realizzati probabilmente in un breve arco di tempo e poi riutilizzati dal pittore veneziano negli anni. Ogni fascicolo racconta il processo creativo di regalo) e tecnico del suo lavoro: le tipiche annotazioni sui colori, sui materiali e sui luoghi ritratti, le correzioni e abrasioni, i cambi di inchiostro e di penna, lo sporadico uso del righello e l’impiego della punta metallica. Dove: Palazzo Grimani - Quando: fino all’1 Luglio 2012

Istoria d’Amore a Nippo Se decidete di fare una bella passeggiata a Venezia il giorno del vostro compleanno un passaggio vale la pena farlo al Casinò di Venezia. Lì vi attende un doppio regalo: l’ingresso è omaggio e vi donano pure un orologio. Inaugurato nel 1638, il Casinò di Venezia è da sempre centro d’attrazione internazionale tanto per le sue sale da gioco quanto per la sede dove è ospitato: sicuramente tra le piu affascinanti e ricche di storia del mondo. Dove: Casinò di Venezia, Ca’ Vendramin Calergi Quando: il giorno del tuo compleanno Info: www.casinovenezia.it

Il ciclo delle mostre dossier di Ca’ Pesaro, ospitate nella Sala 10, apre con una riflessione sull’attività di Arturo Martini incisore. Attraverso le tavole della storia d’amore a Nippo, una cartella di sette linoleumgrafie oro su carta beige, la piccola mostra offre la possibilità di conoscere un aspetto inedito nella produzione del celebre artista

trevigiano che, in questo caso, lascia il linguaggio scultoreo per quello della grafica. Arturo Martini (Treviso 1889 – Milano 1947) propone, nella sequenza delle incisioni, una storia d’amore drammatica e misteriosa in cui i personaggi, circondati da una natura selvaggia e aspra, cui corrisponde un tratto rilevato e deciso, vivono le loro vicende in un tempo mitico scandito dal grande astro che si sposta in cielo. Dove: Ca’ Pesaro Quando: fino all’8 Luglio 2012

La Salizada Galleria negozio - archivio alinari foto d’autore - spazio espositivo PRESENTA

Fusti tu mai a Vinegia? Fotografie di Venezia di

Maria Orioli 21 giugno - 07 luglio 2012

Le Arti di Piranesi, architetto, incisore, antiquario, vedutista, designer L’esposizione “Le Arti di Piranesi, architetto, incisore, antiquario, vedut ista, designer” rappresenta un’esplorazione della p r ot e i for me attività di Giambattista Piranesi (Venezia 1720 - Roma 1778), personalità artistica tra le più complesse e affascinanti del Settecento europeo. Nel suggestivo percorso espositivo le stampe, selezionate dal corpus integrale conservato presso le collezioni grafiche della Fondazione Giorgio Cini, sono affiancate a una serie di creazioni moderne che restituiscono il linguaggio di Piranesi e la sua naturale tendenza alla geniale contaminazione dei repertori formali antichi e moderni. Le “Arti di Piranesi” è una mostra originale pensata per valorizzare la poliedricità, lo stile e la straordinaria modernità dell’artista veneziano. Saranno in mostra la simulazione in 3d delle “Carceri d’Invenzione” a cura di Factum Arte e otto oggetti originali elaborati sulla base delle stampe dell’artista, cui si aggiungono le vedute di Roma, Tivoli e Paestum di Gabriele Basilico, che costituiscono un personale omaggio del fotografo al grande maestro.

Roba da matti, è a San Servolo il Museo del Manicomio Diciamolo pure. Questa è una visita per la quale bisogna essere appassionati del genere. Al Museo del Manicomio di San Servolo si puo trovare molto di quella che è stata la storia manicomiale di questa ma anche di molte altre strutture. A spiccare, tra le varie sezioni, sicuramente, la sala anatomica dove troviamo esposta (in bell’ordine) una serie di cervelli e crani. Un viaggio tra reperti, a volte inquietanti, che nella loro sequenza hanno lo scopo di mostrare l’evoluzione della disciplina e delle strutture psichiatriche dai suoi albori (il primo internamento a San Servolo avviene già nel 1725) fino alla chiusura dell’ospedale. Esposti, ed inutilizzati, strumenti di contenzione e medicinali ottocenteschi (custoditi in quella che allora era la farmacia del manicomio rappresentata nella foto Fondazione San Servolo), gli strumenti per l’elettroterapia (come gli elettroconvulsivanti) e quelli per le analisi del Novecento, i manufatti dei degenti che venivano sottoposti all’ergoterapia (ossia il lavoro come forma di cura), il pianoforte a scopo ricreativo e per la musicoterapia, documenti medici e amministrativi, foto di alienati, foto della struttura asilare e dei suoi padiglioni un tempo attivissimi. Dove: Isola di San Servolo Quando: il Museo è inserito nell’ambito delle visite guidate all’Isola di San Servolo. Il servizio può essere richiesto telefonando tutti i giorni dalle ore 9,30 alle 17,30 (Venerdì dalle 9,30 alle 15,30) al numero 041.5240119 oppure consultando il sito www.fondazionesanservolo.it

Dove: Fondazione Cini, Isola di San Giorgio Quando: fino al 9 settembre Info: Tel. 041 2710229 - Fax 041 5223563

Tony Green New Orleans Venice

Domenica 3 giugno negli spazi espositivi della ImagoArs si è inaugurata la mostra dell’artista americano Tony Green. Dove è stata presentata una serie di lavori recenti, olii, acquerelli ed incisioni creati tra Venezia e New Orleans nei quali, attraverso la luce e il colore, l’artista riesce a cogliere perfettamente le atmosfere delle due città. “Il vivere tra due città che sono autentici poli d’attrazione per l’arte, Venezia e la mia città natale, New Orleans – afferma Tony Green – mi porta ad essere costantemente ispirato dagli aspetti unici di queste città piene di colori e questo è raffigurato nella mia arte”. Si tratta di opere che rappresentano soprattutto scene di vita sociale, feste, incontri e cerimonie. I lavori più recenti di Tony Green raffigurano le famose “Second Line” di New Orleans che consistono in gruppi di persone al seguito delle parate ufficiali delle “brass band” (musicisti suonatori di ottoni) cosiddette “First Line”. I suoi dipinti risultano, perciò, sempre in movimento: rappresentano l’aspetto festivo, ma anche caratteristico e fortemente umano, della celebrazione. Dove: Spazio espositivo ImagoArs, Venezia Quando: dal 3 giugno al 31 luglio Info: www.imagoars.com

Picasso e Vollard. Il genio e il mercante

Presso la galleria a : San Marco 3448 - Venezia vaporetto: San Samuele - Palazzo Grassi info@lasalizada.it www.lasalizada.it con il patrocinio di

Per la prima volta in Italia, 150 opere che raccontano l’intenso rapporto tra il mercante d’arte Ambroise Vollard e quello che diventerà il più grande artista del XX secolo, Picasso. Tra le opere in mostra la serie completa delle 100 incisioni della Suite Vollard, la Minotauromachia, forse l’assoluto capolavoro grafico di Picasso, le 30 acqueforti originali per l’Histoire Naturelle di Buffon, le acqueforti dei Saltimbanchi. Quando, nel 1901, il giovanissimo artista catalano giunse a Parigi e cercò di farsi strada nel mondo dell’arte e delle gallerie, fu proprio Ambroise Vollard a offrirgli l’occasione di esporre nella sua galleria, confermandosi il mercante-editore capace di promuovere le avanguardie con i più grandi collezionisti europei e americani. Dove: Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, Palazzo Cavalli Franchetti Quando: fino all’8 luglio Info: www.istitutoveneto.it


Contattateci al nostro numero +39 3382883980 attivo 24 ore su 24 o visitate il nostro sito www.classylimoservices.com e-mail: ope@classylimoservices.com - Skype: classylimoservices Вы можете связаться с нами круглосуточно по тел. + 39 333 1759016 Посетите также наш сайт www.classylimoservices.com e-mail: russo.dpt@classylimoservices.com - Skype: russo.classylimoservices Contact the 24/7 number +39 3382883980 or visit our site www.classylimoservices.com e-mail: ope@classylimoservices.com - Skype: classylimoservices

Visit Veneto with Classy Chi non conosce Venezia? Piazza San Marco, il ponte di Rialto, le gondole, i piccioni. Quello che molti non sanno è che una città così bella e particolare nasconde un sistema organizzativo e logistico con problematiche complesse che solo chi conosce bene la città può prevedere e risolvere. E cosa dire di Verona, Vicenza o le Dolomiti? Come muoversi, cosa vedere e cosa possono offrire. Siete amanti dei vini o dei prodotti genuini dai sapori antichi ma non conoscete il territorio? Affidatevi a CLASSY Limo&Services, saremo al vostro fianco per suggerirvi e proporre la soluzione migliore per le vostre esigenze, fornirvi il mezzo di trasporto più idoneo (terrestre o acqueo) per i vostri trasferimenti, organizzarvi le escursioni e le visite più mirate, consigliarvi nella scelta di hotels, ristoranti o location, accompagnarvi in stuzzicanti tour enogastronomici creati su misura per voi!

Кто не знает Венецию? Площадь Сан Марко, мост Риальто, гондолы, голуби... То, чего не знают многие - это то, что такой красивый и очень своеобразный город спрятал большую систему организации и логистики со всем своим комплексом проблем. И только те, кто хорошо знает этот город, в состоянии решить многие из них.А что сказать о Вероне, о Виченце или о Доломитах? Как передвигаться, что смотреть, что эти места могут предложить? Вы любите вина или вы любитель экологически чистых продуктов? Или вы гурман? но не знаете территорию? Доверьтесь CLASSY Limo&Services. Мы будем рядом с Вами для того, чтобы посоветовать или предложить лучшее решение проблемы согласно Ваших пожеланий. Предоставим вам транспорт, более подходящий вам (водный или наземный). Opганизуем для вас экскурсии, визиты согласно ваших пожеланий, подберем или посоветуем отель, ресторан или location и предложим вам дегустации вин и типичных продуктов Региона Венето.

Who hasn't ever heard of Venice? St. Mark square, Rialto bridge, the gondolas, the pigeons… what most people don't know is that such a beautiful and particular city hides a problematic logistic system that only those who really know the city itself can foresee and solve. And what about Verona, Vicenza and the Dolomites? what to see, what can they offer? Are you wine lovers or you like better the ancient flavors of genuinity but you don't know how to reach them? Trust CLASSY Limo&Services, we will be by your side by suggesting the best solutions for your needs, by giving you the best transportation, on water or on wheels; by organizing the best excursions for you; by suggesting hotels, restaurants or by accompanying you to delicious wine-tastings!

Venezia: Poesia delle ombre Venedigs Poesie der Schatten

La mostra “Venezia: poesia delle ombre”, di Bernhard Jott Keller, permette di scoprire aspetti della città recepibili in modo nuovo. Alla luce del giorno, il fotografo indaga come un detective Venezia, cogliendone al momento giusto forme meravigliose, intrecci, ornamenti, immagini distorte che possono scomparire veloci come compaiono; che crescono di continuo, trasmutano, si restringono. Bernhard Jott Keller “si è posto un compito concreto. Doveva far nascere immagini aperte a un nuovo dialogo con l’osservatore. Esse raffigurano la realtà, senza mostrarla, nascondendovi persino dei piccoli segreti. L’artista ha soddisfatto questa sua esigenza solo con le ombre”.

Aimez vous les abeilles? Vi piacciono le api? Do you like bees? Arnie funzionali e design contemporaneo ll progetto “Aimez-vous les abeilles” ha l’obiettivo di promuovere la conoscenza delle api e di parlare della loro salvaguardia, anche attraverso una riflessione sull’integrazione nelle realtà urbane. “The Seven Projects”, in collaborazione con l’Accademia di Brera, ha organizzato un concorso rivolto ad architetti, designer e artisti under 30, ma aperto a tutti gli amanti delle api, per la progettazione e la realizzazione di arnie replicabili artigianalmente, ideate per la collocazione su tetti e terrazze delle città. La mostra, curata da Elis Saint Juste e Fortunato D’Amico, è ospitata dal Museo in concomitanza con la Biennale Architettura e prevede l’esposizione delle quindici arnie finaliste, accompagnate da materiale informativo sulla biologia delle api. Le arnie esposte si potranno anche “adottare” per permettere l’insediamento delle api in città. Dove: Museo di Storia Naturale Quando: 15 settembre - 14 ottobre 2012 Info: www.msn.ve.it

Dove: Associazione culturale Italo-Tedesca Venezia Onlus Quando: 9 giugno - 4 agosto 2012 Info: Tel. 041.5225475 - Tel./Fax 041.5245275 acitve@shineline.it Orario d’apertura: 10.00.-13.00 / 15.00-18.00

Il “Venezia Salsa Congress” all’Isola di San Servolo Si tiene a Venezia dal 10 al 13 agosto 2012 la prima edizione del “Venezia Salsa Congress”, uno tra gli eventi salseri più suggestivi per la location che lo ospita: San Servolo, un’isola nella laguna veneziana situata di fronte a San Marco. Il “Venezia Salsa Congress” nasce dalla volontà di portare anche a Venezia un evento in cui ballerini di ogni età, dai principianti ai più esperti, possano incontrarsi per condividere la passione per le danze caraibiche in una location unica al mondo. Sono previsti tre giorni di danza, musica spettacoli con più di quaranta ore di stage in quattro sale in contemporanea per tutti i livelli e stili di ballo (Cubana, Portoricana, Los Angeles Style, New York Style, Latin Jazz, Salsa Colombiana, Reggaeton, Bachata, Son, Afro, Rumba, Gestualità maschile e femminile, Latin Hustle) con artisti di fama internazionale. Si potrà pernottare sia nell’isola di San Servolo (fino ad esaurimento

Visite al Museo Archeologico Nazionale di Piazza San Marco

Il Museo Archeologico fa parte del percorso museale integrato “I Musei di Piazza San Marco”: l’ingresso coincide quindi con quello del Museo Civico Correr, in Piazza San Marco, ala napoleonica. Il biglietto unico integrato “I Musei di Piazza San Marco”, che comprende la visita a Palazzo Ducale, Museo Correr, Museo Archeologico e Sale Monumentali delle Biblioteca Marciana si acquista negli orari di apertura del Correr, presso la biglietteria dello stesso o presso la biglietteria di Palazzo Ducale. Nucleo fondamentale della raccolta antiquaria è lo statuario - proveniente dai patrimoni di Federico Contarini (1538-1613), Zuanne Mocenigo (1531-1598), del monastero di S. Giovanni di Verdara di Padova e del collezionista veneto Girolamo Zulian (1730-1795) - formato da pregevoli statue votive, rilievi e stele funerarie giunte soprattutto dai territori del Mediterraneo orientale, dall’Attica, dal Peloponneso e dalle isole (prima fra tutte Creta) dove si estendevano i domini e i traffici commerciali della Serenissima. Il Museo dispone inoltre di un importante patrimonio numismatico e ceramico. Dove: Museo Archeologico Nazionale Quando: il Museo Archeologico è aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00 (dal 1 novembre al 31 marzo) e dalle 10.00 alle 19.00 (dal 1 aprile al 31 ottobre). Giorni di chiusura: 1 gennaio, 25 dicembre. Info: Tel. e Fax 041-5225978 sspsae-ve.archeologico@beniculturali.it

posti) sia a Ca’ del Moro al Lido di Venezia, in una bellissima struttura alberghiera immersa nel verde e a pochi passi dal mare (con servizio navetta per San Servolo incluso). Il programma delle tre giornate è davvero ricco, ci saranno aree dedicate agli stand espositivi commerciali, animazioni e molto altro ancora… E per chi volesse fermarsi qualche giorno in più per visitare questa bellissima e unica città, è previsto anche un pacchetto soggiorno extra, oppure anche solo una bellissima gita in barca per visitare le isole della laguna. Dove: Isola di San Servolo, Venezia Quando: 10 - 13 agosto 2012 Info: Asd Venezia Danza Tel. 041.2750802 info@veneziasalsacongress.com


“Assenti Giustificati”, in contemporanea a Venezia e Cortina L’arte si sveglia a Ferragosto. In contemporanea con Cortina, dal 10 al 19 agosto nello spazio espositivo Project Space di Campo san Tomà, Fluida Art, galleria fondata nel marzo del 2011 per promuovere giovani artisti, presenta le opere del pittore veneziano Stefano Bullo. Collezionista di immagini mediatiche, Bullo presenta nei suoi dipinti scene o personaggi strappati alle visioni quotidiane dello spettatore di massa, sfocate e indefinite come si sedimentano nella memoria di ciascuno. Artista che non manca di originalità, tra le sue opere ha presentato quadri che ritraggono in maniera singolare e inquietante anche la Nazionale o i calciatori del Milan. (Pl. T.)

Dove: Fluida Art Gallery - Arte Contemporanea, Campo San Tomà - info@fluida-art.it www.fluida-art.it Quando: dal 10 al 19 agosto 2012

Come suonano gli organi al festival Callido Torna, dopo il successo della prima edizione lo scorso anno, il Festival internazionale dedicato all’organo e a uno dei più grandi costruttori di questi strumenti, Gaetano Callido. In mezzo secolo di attività tra Settecento e Ottocento il maestro di Este realizzò alcuni dei più importanti organi della Repubblica Veneta tra cui quello della chiesa di San Trovaso. Dotato di doppia tastiera, tra i più belli e meglio conservati organi settecenteschi, sarà uno dei protagonisti del festival organistico. Di sicuro interesse, poi, il confronto tra il suo suono, antico di trecento anni, e quello dell’organo della chiesa dei Carmini, un Mascioni novecentesco, anch’esso utilizzato dagli interpreti della rassegna. Quest’anno il repertorio, che affianca a composizioni più classiche esecuzioni a quattro mani o associazioni singolari con il flauto o anche con la siringa di Pan, propone tutto lo spettro dell’evoluzione musicale di uno strumento, spesso considerato a torto un semplice supporto alla musica sacra. Tra gli interpreti meritano una citazione almeno due virtuosi come Roberto Antonello e Andrea Mancinanti, personalità musicali di grandissima levatura e capaci di proporre il suono dell’organo anche al grande pubblico.

Chiesa dei Carmini 29 giugno Giulio Mercati 6 luglio Roberto Velasco ed Elisa Fontana (organo a 4 mani) Chiesa di San Trovaso 13 luglio Nicolò Sari e Paola Fasolo (organo e violino) 20 luglio Luc Paganon 27 luglio Maurizio Salerno 3 agosto Dalibor Miklavcic 10 agosto Christian Tarabbia e Luca Magni (organo e flauto) 17 agosto Roberto Fresco 24 agosto Roberto Antonello 31 agosto Rui Soares 7 settembre Yuzuru Hiranaka e Anders Danman (organo a 4 mani) Chiesa di S.Elena 14 settembre Daniele Dori e Philippe Emmanuel Haas (organo e flauto di pan)

Portolani e Carte Nautiche

anch’essi provenienti dalle raccolte del Museo Correr e libri di navigazione, espressione della grande cultura nautica veneziana, completano un percorso ricco di curiosità e di sicuro in-

Le Mostre dossier, realizzate nel corso del 2012 a Palazzo Ducale e caratterizzate da opere provenienti dai vasti e articolati fondi artistici e bibliografici della Fondazione dei Musei Civici di Venezia, intendono approfondire e mettere a fuoco aspetti della vita sociale e culturale della Serenissima, in stretta connessione con i grandi cicli affrescati, ma anche con la funzione socio-politica degli spazi architettonici monumentali del prestigioso Palazzo. In omaggio all’evento della America’s Cup, che proprio a Venezia ha organizzato le gare di qualificazione, a Palazzo Ducale, è esposta la prestigiosa collezione di Portolani e carte nautiche del Museo Correr che consta di più di cinquanta rarissimi pezzi di cartografia nautica datati tra il XIV e il XVIII secolo: strumenti originali usati a bordo delle navi veneziane,

La Biennale Teatro di Alex Rigola in un laboratorio Con il Laboratorio Internazionale di Arti Sceniche, che si svolgerà a Venezia dal 4 al 12 agosto, Àlex Rigola, direttore del Settore Teatro (nella foto), approfondisce e amplia la riflessione sul fare teatro oggi attraverso un programma articolato in laboratori, concepiti come momento del confronto con i Maestri per chi si affaccia sulla scena professionale, e residenze, destinate al lavoro autonomo di giovani artisti con la possibilità di progettare e sedimentare le proprie intuizioni artistiche. Due momenti di un percorso unitario che intende fare di Venezia un luogo di incontro e di confronto per gli artisti, un cantiere di lavoro sulla contemporaneità. Dove: la Biennale di Venezia - www.labiennale.org Quando: dal 4 al 12 agosto

Dove: nelle chiese dei Carmini, di San Trovaso e di Sant’Elena, ore 21. Ingresso gratuito. Quando: fino al 14 settembre Info: www.callidoavenezia.com

teresse per quanti amano “andare per mare”. Dove: Palazzo Ducale Quando: dal 18 maggio al 30 agosto 2012

Il Festival Callido fino al 14 settembre; nella foto uno degli organi protagonisti dell’evento


Quando uno stilista, un fotografo e un art-director si incontrano

MASH-up

I

di LUCIO MARIA D’ALESSANDRO

I dj usano l’espressione “Mash Up” in sostituzione del concetto di remix. Tecnicamente è il termine con cui s’indica, in ambito musicale, un brano composto da frammenti di altri brani. Traslando il termine in senso artistico non si parla semplicemente di decostruire o reinterpretare, bensì di plasmare materiale preesistente in una nuova forma. Ed è questo il significato della mostra fotografica, che ripercorre il lavoro nato dalla collaborazione di tre grandi fotografi che si incontrano, lavorano insieme e, in modo quasi inconsapevole, segnano una vera e propria svolta nella comunicazione visiva tra il 1998 e il 2012: Guillermo Mariotto, stilista, Antonio Barrella, fotografo e Luca Cosenza, art director. Immagini che parlano non solo di moda, ma che esprimono un contenuto, raccontano una storia, stupiscono, scandalizzano, generano pensieri, a volte scatenano critiche feroci, a volte suscitano vere e proprie ovazioni.

Mash-Up - Opere di Antonio Barrella, Guillermo Mariotto, Luca Cosenza Museo di Roma in Trastevere - Piazza S. Egidio 1B Aperta fino al 22 luglio chiuso il lunedì Orari: martedì-domenica 10.00-20.00 Biglietto: € 6,50 intero, € 5,50 ridotto; gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente Alcune foto della mostra Mash-Up che rendono molto bene l’ idea del lavoro congiunto fatto dai tre creativi Antonio Barrella, Guillermo Mariotto, Luca Cosenza


LA PINACOTECA DI TORTONA

ZINGARI Apre il 21 giugno presso la Fondazione Forma per la Fotografia, la mostra “Zingari” di Josef Koudelka. Si tratta di uno dei lavori fotografici più celebri del Novecento. La mostra presentata in prima mondiale, rispecchia fedelmente la sequenza e il menabò del volume Cikáni (zingari in ceco) che lo stesso Koudelka aveva progettato nel 1970, prima di lasciare la Cecoslovacchia, e rimasto a lungo inedito. Quel volume, riproposto da Contrasto, testimonia la spettacolare teatralità visiva che Josef Koudelka aveva concepito intorno al suo lavoro di ricognizione fotografica delle comunità gitane dell’Est Europa. In esposizione le 109 immagini del libro, sontuo-

samente stampate (sotto la stretta sorveglianza dell’autore) appositamente per la presentazione di Forma. Da un lato, le immagini raccontano la quotidianità delle comunità gitane negli anni Sessanta in Boemia, Moravia, Slovacchia, Romania, Ungheria e in alcuni casi in Francia e Spagna. Dall’altro, testimoniano lo sguardo penetrante e insolito dell’autore. Zingari di Josef Koudelka Fondazione Forma per la Fotografia Milano, Piazza Tito Lucrezio Caro, 1 Aperta fino al 9 settembre 2012 Orari: tutti i giorni 11 - 21; giovedì e venerdì fino 11- 23. Chiuso il Lunedì Biglietto: € 7.50, ridotto € 6, scuole € 4

I CAVALIERI DELL’IMPERATORE

La Pinacoteca della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona ha aperto a fine maggio con un nuovo allestimento e circa 90 opere della sua collezione, per la maggior parte dedicata al Divisionismo. Nata ufficialmente nel 2001, la Pinacoteca ha raccolto negli anni un’interessante collezione che, formatasi inizialmente con l’obiettivo di valorizzare un importante primo nucleo di dipinti del grande maestro Giuseppe Pellizza da Volpedo, comprende ora, grazie a mirate acquisizioni e significativi comodati, rappresentative opere di celebri artisti italiani che, tra Otto e Novecento, hanno aderito al Divisionismo. La Pinacoteca rappresenta un unicum nel panorama museale italiano, con lavori di Carlo Fornara, Emilio Longoni, Angelo Morbelli, Plinio Nomellini, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Gaetano Previati, Giovanni Segantini e molti altri: una grande varietà di linguaggi pittorici legati alla teoria divisionista della miscela ottica dei colori complementari per ricreare l’effetto della luce. Il progetto è stato appoggiato da alcuni collezionisti privati, e più di recente dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, che hanno condiviso gli obiettivi culturali della Fondazione C.R. Tortona attraverso il comodato di opere significative. Il catalogo delle opere presenti nella Pinacoteca, è edito da Skira. PINACOTECA DI TORTONA Palazzetto medievale - Pinacoteca Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona Corso Leoniero, 2 - angolo Piazza Duomo - Tortona (Al) Orari apertura Maggio - settembre sabato e domenica, dalle 15.30 alle 19.00 Ottobre - aprile sabato e domenica, dalle 15.00 alle 18.30 Ingresso gratuito

Dal 23 giugno al 18 novembre 2012 l’arte della guerra sarà protagonista al Castello del Buonconsiglio e a Castel Beseno con una magnifica mostra dedicata alle armi rinascimentali intitolata “I cavalieri dell’imperatore: duello e guerra nelle armerie rinascimentali.” Una suggestiva mostra in due castelli dove rivivrà l’affascinante mondo degli uomini d’arme che, vestiti d’acciaio, si scontravano in battaglia o esibivano la loro audacia e abilità nei tornei. La mostra sarà ricca di postazioni multimediali, filmati e ricostruzioni scenografiche di grande effetto. Un’occasione unica per ammirare pezzi provenienti da importanti armerie europee oltre alla più completa collezione al mondo di armi e armature da combattimento e da parata forgiate a mano da maestri fabbri rinascimentali proveniente dall’Arsenale di Graz. I cavalieri dell’imperatore Luogo: Trento, Castello del Buonconsiglio 23 Giugno - 18 Novembre 2012 - Orario: 10 - 18

L’operazione concettuale Nell’ambito della programmazione espositiva del CIAC Centro Italiano Arte Contemporanea di Foligno, splendido spazio per l’arte contemporanea inaugurato nel 2009 nel centro storico della bella cittdina umbra, si tiene la mostra dedicata all’opera di Vincenzo Agnetti, a cura di Italo Tomassoni e Bruno Corà, in collaborazione con l’Archivio Agnetti di Milano, diretto da Bruna Soletti e Germana Agnetti. Singolare protagonista outsider dell’arte italiana degli anni Sessanta-Settanta, Agnetti è considerato anche uno dei massimi esponenti dell’arte concettuale internazionale. La Macchina drogata

presente al CIAC nella mostra di Foligno non è che una delle circa straordinarie cinquanta opere esposte insieme ad alcuni altri capolavori come l’Apocalisse, 1970, il Libro dimenticato a memoria, 1970, gli Assiomi, 1969-70, su bachelite, i Feltri, pannelli incisi a fuoco e altre importanti opere, tra cui Surplace, 197980, quattro sculture e le Photo-Graffie, 1980, di poco precedenti la sua scomparsa. L’Operazione Concettuale di Vincenzo Agnetti ClAC Centro Italiano Arte Contemporanea Via del Campanile, 13 Foligno Aperta sino al 9 settembre

Il Settembre dell’Accademia 2012 XXI EDIZIONE Sabato 1 settembre Anteprima BUDAPEST MAV SYMPHONY ORCHESTRA Vittorio Bresciani direttore e solista Ravel, Gershwin, Bernstein

Giovedì 20 settembre ORCHESTRA DELL’ACCADEMIA NAZIONALE DI SANTA CECILIA Andrés Orozco-Estrada direttore Mariangela Vacatello pianoforte Mozart, Beethoven, Brahms

Martedì 4 settembre LONDON SYMPHONY ORCHESTRA Michael Tilson Thomas direttore Emanuel Ax pianoforte Brahms, Mahler

Martedì 25 settembre KAMMERORCHESTER BASEL Patricia Kopatchinskaja violino Boccherini, Haydn, Hartmann

Domenica 9 settembre WARSAW PHILHARMONIC ORCHESTRA Michal Dworzynski direttore Olga Kern pianoforte Rachmaninov, Brahms Sabato 15 settembre FILARMONICA DELLA SCALA Andrea Battistoni direttore Louis Lortie pianoforte Brahms, Rachmaninov

Mercoledì 3 ottobre WIENER PHILHARMONIKER Daniele Gatti direttore Brahms Martedì 9 ottobre ORCHESTRA E CORO DELLA FONDAZIONE ARENA DI VERONA Daniel Cohen direttore Cinzia Forte soprano Daniela Pini mezzosoprano Francesco Demuro tenore Marco Vinco basso Pärt, Mozart

Teatro Filarmonico ore 20,30 Biglietteria Via Roma, 3 - ore 10-12 e 17-19 (esclusa la domenica) Biglietti: dal 27 agosto Informazioni: tel. 045 800 91 08 - fax 045 801 26 03 www.accademiafilarmonica.org

In caso di necessità l’Accademia Filarmonica si riserva di modificare il programma


Il mercato di Rialto era un turbinio di voci, colori e odori che riempivano i sensi. Le piazzette e le calli, gli stretti vicoli veneziani, erano gremite di persone.

Queste le cinque proposte della 50esima edizione del prestigioso premio letterario

ecco i finalisti del campiello

Da “La viaggiatrice di O” di Elena Cabiati, Editrice Nord

LIBRI &co. LIBRI LIBRI pagine a cura di SHAULA CALLIANDRO Per segnalazioni editoriali scrivere a shaula@calliandroeditore.it

questo mese parliamo di: PREMIO CAMPIELLO, CONSIGLI POP PER RITORNARE A GIOCARE, STRAORDINARIE DIMORE VENEZIANE, IL PONTE DEGLI ASSASSINI, ALESSANDRO DEL PIERO

S

Sono stati selezionati nella prestigiosa cornice di Palazzo del Bo, sede dell’Università degli Studi di Padova, i finalisti della 50esima edizione del Premio Campiello, promosso ed organizzato da Confindustria Veneto. Un anno importante per lo storico riconoscimento letterario, istituito nel 1962 con lo scopo di ritagliare un preciso spazio per l’imprenditoria veneta nel mondo culturale italiano, ma affermatosi sin da subito come uno dei punti di riferimento per la letteratura nazionale. Molti gli autori che, negli anni, si sono aggiudicati il Premio: tra i tanti, nel 1963 Primo Levi per “La tregua” (Einaudi), nel 1990 Dacia Maraini per “La lunga vita di Marianna Ucrìa” (Rizzoli) e nel 1994 Antonio Tabucchi per “Sostiene Pereira” (Feltrinelli). La Giuria dei Letterati, quest’anno presieduta da Massimo Cacciari, ha indicato i cinque titoli finalisti, che si sono aggiudicati così il Premio Campiello – Selezione Giuria dei Letterati. Gli autori che si contenderanno il premio finale sono: Carmine Abate per “La collina del vento” (Mondadori), Francesca Melandri per “Più alto del mare” (Rizzoli), Marco Missiroli per “Il

Il presidente della Fondazione Il Campiello, nonchè presidente di Confindustria Veneto, Andrea Tomat

senso dell’elefante” (Guanda), Giovanni Montanaro per “Tutti i colori del mondo” (Feltrinelli), Marcello Fois per “Nel tempo di mezzo” (Einaudi). Sarà poi la Giuria dei Trecento Lettori a decretare il vincitore: i giurati, i cui nomi restano segreti fino alla proclamazione del vincitore, vengono selezionati sul territorio nazionale in base alle varie categorie sociali e professionali, cambiano ogni anno e ognuno può partecipare solo una volta. La Cerimonia di Premiazione si terrà sabato 1 settembre al Gran Teatro La Fenice di Venezia. Nel corso della cerimonia di selezione della cinquina finalista, la Giuria dei Letterati ha inoltre assegnato il riconoscimento Premio Campiello - Opera Prima al libro di esordio “Il trono vuoto” di Roberto Andò, pubblicato da Bompiani, con la seguente motivazione: “Un’opera prima, ma già fortemente matura. È un magnifico apologo shakespeariano sulla malinconia del potere. Il romanzo procede con sicurezza e apparente leggerezza; e grazie anche a un ritmo ben concertato, accerchia il potere nei suoi aspetti più inquietanti”.

I cinque finalisti sono: Carmine Abate, Francesca Melandri, Marco Missiroli, Giovanni Montanaro e Marcello Fois


Il filosofo–pop Franco Bolelli ci spiega i suoi undici comandamenti da leggere con il sorriso

giocate! di luisa de salvo

Il filosofo–pop ci accoglie all’Hotel Londra con entusiasmo e anche con una disarmante informalità. Camicia aperta e sotto una t-shirt bianca a coprire un corpo snello. Ha sopracciglia folte e ribelli, forse come i suoi pensieri: stanno sopra gli occhi, ma in verità si muovono dentro. ll tuo libro “Giocate!” è influenzato più dalla figura di nonno o da quella di padre? Tutte e due. È il filo del passaggio da una cosa all’altra. Pensavo che tutta la storia con mio figlio, che è nato quando io avevo 23 anni, fosse assolutamente irripetibile e poi mi sono reso conto di trovarmi con la bimba di mio figlio che riprendeva esattamente da quel punto lì. Non era cambiato niente: rispetto al trascorrere degli anni, di esperienze e di tutto quello che è passato in mezzo. Raccontaci te stesso come se dovessi farlo di fronte ad un ragazzo, con estrema sincerità e semplicità. Io faccio esattamente la vita che voglio, il che mi sembra un punto di partenza interessante. Scrivo libri che non parlano di niente di specifico, ma raccontano delle varie applicazioni della vita e dunque del mutamento, dunque di tutto quello che evolve e degli esseri umani come stanno cambiando. Non ho mai avuto un lavoro fisso, non ho mai avuto un contratto, nessuna struttura stabile, naturalmente per scelta. E alla fine ho sempre cercato di fare solo quello che volevo fare accettando di pagarne il prezzo. Trattandosi di un appuntamento dedicato ai racconti, ti propongo di giocare con le parole e con le evocazioni che queste ti suscitano. Se dico “casa”… Non voglio tirare in ballo l’oroscopo, ma da buon cancro sono un ultra-casalingo. Viaggio molto poco volentieri se non per andare cinque volte all’anno a Los Angeles, ma quella è casa, la casa di mio figlio. Lui e la bimba sono là. Per il resto ho un rapporto quasi patologico con la casa, è il luogo dove amo stare, anche perchè scrivendo è inevitabile che la casa sia un luogo centrale.

Dopo “Viva Tutto!”, arriva “Giocate!”, Stesso punto esclamativo, stesso autore: Franco Bolelli è tornato a Venezia per il secondo anno. Il tempo di scrivere il suo ultimo libro quale atto d’amore per la piccola figlia di suo figlio, che ormai conosciamo grazie alle tante foto che la ritraggono in braccio al suo adorato nonno. Il filosofo-pop, in occasione della rassegna Mecenate d’A nime, ci spiega come il gioco possa diventare una luce diversa con la quale illuminare l’educazione dei bambini e intorno a

questa far ruotare 11 comandamenti (10 più uno per tutti) rivolti a genitori e single che però piacerebbero anche ai figli, se non fosse altro perché garantisce un senso di libertà che generalmente viene loro negato. Le pagine, lontane dall’essere un manuale, oscillano tra l’importanza della responsabilità e quella del divertimento, tra valori e voleri, eccellere senza eccedere, con in più il sapore dell’energia vitale che dovrebbe accompagnare la vita che non ci piace ma soprattutto quella che viviamo.

Se dico “viaggio”… Ho un rapporto difficile con i viaggi. Non mi muoverei mai di casa, dal mio perimetro. Sembra una roba snob, però se esco di casa è solo per andare a Los Angeles e quindi in un’altra casa. Non sono mai stato un grande viaggiatore, non ce l’ho nell’animo. Posso usare una citazione? Giuro che sarà l’unica. Cerchiamo sempre delle giustificazioni a noi stessi… C’è una meravigliosa verità Tao di 2000 anni fa che più o meno dice così “Non esco di casa, conosco tutto l’universo”. Un po’ l’ho presa come mia giustificazione, un po’ come “l’autore del tao conosceva internet”. Non c’era storia. Se dico “rete”… Per me la rete è un punto chiave. Quello che mi interessa della rete come web, come nuove tecnologie è il fatto che rispecchia esattamente la struttura a rete del nostro sistema nervoso, la dimensione biologica della nostra mente, del funzionamento di quello che accade nel nostro organismo. Le cellule, i neuroni comunicano in maniera a rete. Ce ne siamo dimenticati, nel senso che comunque ci siamo affidati per un centinaio di anni a delle tecnologie e a dei modelli di pensiero meccanici. Per me la rete è quel-

lo che oggi ci consente di recuperare la dimensione biologica. È paradossale e meraviglioso: il tecnologico serve a farci vedere il biologico. Se dico “futuro”… Oggi facciamo una fatica dannata a prevedere il futuro perchè si realizza con più velocità di quello con cui noi lo immaginiamo. Cinque-sette anni fa non esistevano cose che oggi sono al centro della nostra vita e non le abbiamo previste. Non esisteva facebook e nel 2012 ha 900 milioni di iscritti. Non c’è un singolo fenomeno nella storia dell’umanità che in sette anni sia arrivato a questi numeri. Non l’ha previsto nessuno, ma ha fatto futuro esistendo. Questo fa decadere l’idea ideologica dell’utopia, dell’aspettativa di futuro. A me piace che il futuro sia adesso, lo trovo meraviglioso, perché dà un’enfasi all’idea di poterselo costruire in diretta. Se dico “no”… Non è una parola che mi piace, preferisco quelle affermative. Non ho una formazione di resistenza, opposizione, negatività. È necessario dire dei no, ma è ancor più necessario secondo me che gli esseri umani tirino fuori il loro potenziale creativo, costruttivo, e allora è più necessario dire dei forti sì. Mi interessa di più dire un sì clamoroso alla vita nel suo complesso che un no a tutto quello che frena, impedisce. Anche se le due cose alla fine coincidono. Se dico “fare”… Da scrittore, da teorico non c’è una singola frase che abbia mai scritto che non nasca dalla pratica: visi, gesti, azioni, scelte, ecc. A me interessa quel pensiero, quella filosofia che è strettamente connessa con la realtà pragmatica, con le cose che facciamo. Se dico “Venezia”… Venezia mi suscita una duplice reazione e mi piacciono le emozioni che mi provocano una duplice reazione, nel senso che quelle unilaterali son troppo facili. Per i miei gusti da una parte ci vedo troppo passato, storia, troppa tradizione - adoro i luoghi costruiti il giorno prima-, dall’altra parte però Venezia è tutto quello che manca nei luoghi comuni. È, lo dico in un senso buono, come se fosse un parco a tema e il tema è tutto quello che le città, che pure mi piacciono, non hanno. Mi piace Venezia, mi piace guardarla, mi piace respirarla perché mi dà quello che non trovo normalmente.

la spiego meglio da un punto di vista più generale. Secondo me bisogna provare vergogna soltanto nei confronti della mancanza di coraggio, di slanci vitali, di non essere all’altezza del proprio potenziale. Tutto il resto va bene. Bisogna vergognarsi dei tradimenti nei confronti della vita. Se dico “guarda”… Guarda alla vita nel suo complesso. Il mio molto famoso coautore, Lorenzo, ed io abbiamo scritto un anno e mezzo fa un libro che si chiama Viva Tutto!, dove dice esattamente “guarda l’insieme, non guardare solo il buono e non guardare solo il cattivo, che invece è quello che fanno in tanti. Guarda il tutto, guarda da più punti di vista contemporaneamente. Guarda la totalità dei fenomeni e non solo una parte”. Se dico “tocca”… Ah! Ho un rapporto chiave con il tatto. In qualche modo è la cosa che ti dicevo prima sulla filosofia, sul pensiero. Non riesco a staccarlo dalla realtà. Ho un contatto molto fisico con le cose, ho bisogno di toccare, di sentire. Non credo a nulla che non nasca dai sensi e che non si realizzi in essi. Se ti dico parla… È il mio mestiere. Che devo fare? Mi piace, ma mi piace molto farlo collegando le parole all’azione. Ricominciamo dall’inizio…quando avevo 16, 18 anni ero affascinato sia dai libri, la filosofia, la letteratura, sia dallo lo sport, le partite, l’azione e il rock. Non sono mai riuscito a scinderli. Per me parlare è il risultato del fatto di mettere insieme più cose. Se dico senti… Ho un rapporto particolare con la musica: mi piacciono le voci degli umani e trovare in esse e nella musica la dissonanza, l’elemento disarmonico nell’armonia, il suono strano nella canzone cantabile. E infine, se dico “libertà”... poi abbiamo finito No, non ti preoccupare. Mi sto divertendo un casino. Uscire dalla retorica della parola è molto complicato. Per me la libertà fondamentalmente coincide con la libertà di scelta. Mi piacciono quelle situazioni, quei luoghi, quelle culture in cui c’è più possibilità di scelta rispetto a quelle dove ce n’è meno. Credo che la libertà sia l’unità di misura fondamentale, non riesco a misurarla astrattamente.

Se dico “storia”… Passo per essere un avversario della storia. Ed è vero, nel senso che mi interessa quella storia che ti offre lo slancio per fare una cosa adesso. In realtà se ci penso ci sono delle cose del passato che mi nutrono in maniera straordinaria, perché sono ancora nutrimento, altrimenti mi infastidisce la cultura che enfatizza la storia rispetto al mutamento, la tradizione rispetto all’innovazione. Non sono contro la storia, ma deve servire a progredire altrimenti non serve a nulla. Mi interessa il suo aspetto funzionale. Se dico “vergogna” Non so, non ricordo di essermi mai vergognato. Poi magari dico una cazzata colossale e semplicemente non me lo ricordo. Mi vengono in mente due risposte diverse: una nasce dal fatto che sono sempre talmente proiettato su quello che faccio che dico “tanto è già andato, non ci sto a pensare, anche magari a tutte le cose sbagliate che ho fatto”. Ma

Giocate! di Franco Bolelli Add Editore Pagine 77 Prezzo € 6,00


V

SELEZIONE

Idee dalla laguna

SELEZIONE VENEZIA

ENEZIA

Giovanni Casoni Guida per l’Arsenale di Venezia Cierre Edizioni Pagine 464 Prezzo € 20,00

Guido Biscontin, Francesca Bisutti (a cura di) Ca’ Foscari Palazzo Giustinian – Uno sguardo sul cortile Terra Ferma Pagine 156 Prezzo € 20,00 L’affresco “La Madonna con Bambino” di Giovanni Schiavoni, ricollocato dopo il restauro nel cortile maggiore di Ca’ Giustinian, è l’occasione da cui prende vita questo volume di contributi di illustri studiosi sulla ricerca storico-artistica, conservazione e restauro della sede universita-

ria veneziana. Dal cortile con pietre e reperti di ogni genere, l’attenzione si sposta sull’edificio stesso ed il suo gemello, sul Teatro di Ca’ Foscari e sulla Biblioteca Generale. Ancora, si approfondisce la storia di personaggi quali William Dean Howells, Lady Helen D’Abernon e la famiglia di artisti Schiavoni.

Il volume contiene la ristampa anastatica della “Guida per l’Arsenale di Venezia” composta nel 1829 da Giovanni Casoni, oltre ad alcuni saggi che informano sulle trasformazioni dell’Arsenale negli ultimi anni. La ristampa, realizzata dal Centro Studi Arsenale con la collaborazione dell’Istituto

Enrico Ricciardi Tradire a Venezia Casa Editrice el squero Pagine 198 Prezzo € 15,00

Un fortuito incontro a Parigi tra un maturo e ammogliato direttore d’orchestra con una giovane concertista si conclude con la promessa di rivedersi, da lì a qualche mese, a Venezia. Per lui è un ritorno nei luoghi della sua giovinezza; per lei l’opportunità di scoprire un mito che ancora non conosce. Tra città e laguna, la

dimensione affascinante degli itinerari della visita fa da sfondo al progressivo riandare della memoria, da parte del protagonista maschile, alla Venezia da lui conosciuta in passato, unitamente al nascere della passione amorosa nei confronti della sua giovane accompagnatrice.

Veneto di Scienze, Lettere ed Arti e la Biblioteca della Fondazione del Museo Correr, si rivolge non solo a studiosi interessati alla storia di questa straordinaria struttura ma anche ad un pubblico più vasto o a quanti vi operano al suo interno. Offre inoltre l’occasione di una riflessione sul futuro dell’Arsenale.

Elena Cabiati La viaggiatrice di O Editrice Nord Pagine 250 Prezzo € 14,90

Magia nera e magia bianca: è questo l’eterno conflitto che Gala, giovane e potente strega, dovrà affrontare nel suo viaggio nella Venezia del Settecento. In compagnia del mago Kundo, Gala dovrà compiere un’importante missione: salvare un prezioso libro dall’incendio che distruggerà la Scuola

Paolo Francesco Gusso, Renata Candiago Gandolfo Caorle sacra Marcianum Press Pagine 333 Prezzo € 55,00

Sessanta chilometri a nord di Venezia si trova Caorle, località di antiche origini che affondano nel mondo romano e bizantino, in quell’alto Medioevo di vicende remote e suggestive legate alle migrazioni di genti in laguna. Il volume, di carattere storico-artistico,

ricco di un vasto apparato fotografico, presenta una ricerca dettagliata e largamente inedita su questa materia, unica e completa, fatta di informazioni archeologiche, architettoniche, artistiche e archivistiche relative al sito sacro del duomo di Santo Stefano di Caorle, vero fulcro della sua storia, e alle terre dell’antica diocesi.

Il libro del mese

dimore straordinarie in laguna

Grande di San Rocco. Nello stesso periodo, Giacomo Casanova è detenuto presso le prigioni di Piazza San Marco e sta preparando la sua evasione. E forse proprio lui potrà aiutare la strega a risolvere l’enigma, in una Venezia misteriosa da sempre ideale scenario per romanzi fantasy adatti ai lettori più giovani. Arturo Pérez-Reverte Il ponte degli assassini Marco Tropea Editore Pagine 288 Prezzo € 16,90

Un misterioso funzionario si presenta al capitano Alatriste, di stanza a Napoli, con una convocazione ufficiale: un gruppo di uomini dovrà raggiungere Venezia e assassinare il doge Giovanni Corner durante la messa di Natale, imponendo con la forza un nuovo governo, favorevole alla corona

spagnola. Dalla parte di Alatriste, oltre ai compagni di sempre, ci saranno soldati in grado di affrontare le imprese più rischiose ed il vecchio nemico Gualterio Malatesta, spietato assassino siciliano, con il quale il capitano dovrà stringere una temporanea tregua per scampare alle ombre della città lagunare.

Gli interni di Venezia raccontano storie insospettate di passioni, racchiudono collezioni fuori dal comune, evocano storie di terre lontane portate dal mare che penetra in ogni spazio abitato, nelle soluzioni progettuali come negli androni delle case. Questo volume ci spalanca le porte delle case di antiche famiglie veneziane o di persone che, innamorate della città lagunare, l’hanno eletta loro dimora. Ogni interno rivela dettagli insospettabili, come la collezione di scarpe e abiti vintage della proprietaria dell’Hotel Metropole o la

casa piena di influssi orientali della creatrice di tessuti Mirella Spinella, le armonie in bianco e blu di palazzo Rubelli, le apparecchiature all’avanguardia del dj Spiller nell’antico palazzo di famiglia dai soffitti affrescati e le boiseries rocaille alle pareti, fino alle armonie geometriche pensate dall’architetto londinese Michael Carapetian come continuazione di un edificio storico sull’isola della Giudecca. Un itinerario privilegiato e suggestivo dentro Venezia: quindici abitazioni vengono immortalate negli scatti inediti di Giuseppe Molteni e Roberta

Motta, accompagnate dalla narrazione dei testi di Nicoletta Del Buono, che ne svela i segreti.

Giuseppe Molteni, Roberta Motta Testi di Nicoletta Del Buono Abitare a Venezia Rizzoli Pagine 248 Prezzo € 50,00


La nostra libreria Idea n. 1

Fulvio Ervas Se ti abbraccio non aver paura Marcos Y Marcos Pagine 320 Prezzo € 17,00

Il verdetto di un medico ha ribaltato il mondo: l’autismo ha fatto prigioniero Andrea, ed il suo papà Franco ha iniziato a combattere per suo figlio, senza fermarsi mai. Per anni hanno viaggiato inseguendo terapie tradizionali, sperimentali, spirituali. Adesso li aspetta un viaggio diverso, senza bussola e senza meta. Tagliano l’America in moto, si perdono in città, foreste, deserti. Per tre mesi la normalità è abolita; per tre mesi è Andrea a insegnare a suo padre ad abbandonarsi alla vita. Un’avventura grandiosa, difficile, imprevedibile proprio come Andrea. Una storia vera, tenera, commovente.

Brice Matthieussent La vendetta del traduttore Marsilio Pagine 368 Prezzo € 19,00

Un traduttore si ribella al libro mediocre che sta traducendo e lo cancella progressivamente moltiplicando ed espandendo le note a piè pagina, le famose N.d.T., che usa per dare voce al disgusto che gli provoca il romanzo, al disprezzo che nutre per il suo autore e soprattutto per riferire le ferite inflitte al testo: prima elimina singole parole, poi paragrafi e infine intere pagine, facendo spazio alle proprie considerazioni e digressioni. Un vero e proprio romanzo nel romanzo, finché il traduttore trionfa sull’autore e s’insedia nella parte alta della pagina per proseguire la propria storia.

GLIATO CONSI

Idea n.2 Donato Carrisi La donna dei fiori di carta Longanesi Pagine 176 – Prezzo € 11,60 Idea n.3

GLIATO CONSI

Idea n.4 Sveva Casati Modignani Léonie Sperling & Kupfer Pagine 516 – Prezzo € 19,90 Idea n.5 W. Somerset Maugham Storie ciniche Adelphi Pagine 221 – Prezzo € 18,00 Idea n.6 GLIATO CONSI

Idea n.7 Allegra Goodman La collezionista di ricette segrete Newton Compton Editori Pagine 480 – Prezzo € 9,90 Idea n.8

GLIATO CONSI

Andrea Pagliardi (a cura di) L’indice dei libri dell’anno Mursia Pagine 260 – Prezzo € 15,00

Niccolò Ammaniti Il momento è delicato Einaudi Pagine 370 – Prezzo € 17,50

Gianni Simoni Piazza San Sepolcro Tea Pagine 234 Prezzo € 12,00

Gianni Simoni, ex magistrato, inaugura una nuova serie con protagonista Andrea Lucchesi, ispettore del commissariato milanese di Piazza San Sepolcro. Nonostante il suo brutto carattere, è uno dei migliori elementi della polizia milanese: un temperamento tenace, dotato di un forte ideale di giustizia. Si ritrova ad indagare su una serie di violenze a danno di donne sole, e negli stessi giorni viene trovato il corpo senza vita di un giovane. Quale sarà il legame tra i delitti? Andrea Lucchesi è un personaggio vero e sincero, che anima un romanzo appassionante ed incalzante che stupirà i lettori.

Alessandro Del Piero Giochiamo ancora Mondadori Pagine 120 Prezzo € 15,90

Alessandro Del Piero, storico capitano e bandiera della Juventus, sta vivendo il suo sogno di bambino: fare della sua passione la sua professione. È la storia del ragazzino più piccolo e timido del paese, San Vendemiano (TV), che diventa uno dei più grandi calciatori del mondo. Adesso, dopo aver lasciato la sua squadra, che in vent’anni l’ha visto nascere e crescere, Alessandro descrive i dieci valori che hanno sempre animato la sua vita: talento, passione, stile sono solo alcuni lati del suo carattere che l’hanno reso uno dei calciatori più amati di tutti i tempi, e non solo dai suoi tifosi.

Segnala il tuo libro preferito a: shaula@calliandroeditore.it


Continua il viaggio dell’Illustre tra gli chef stellati

“BENVENUTI IN CUCINA” Filippo Chiappini Dattilo, chef dell’Antica Osteria del Teatro di Piacenza, posa per L’ illustre davanti al Cipriani dove ha cucinato per una notte dedicando un dolce a Marco Polo


di Andrea Gion e Savino Liuzzi

È

È agli inizi degli anni ‘80 che Filippo Chiappini Dattilo abbandona gli studi di ingegneria per inseguire l’arte della cucina. Sotto l’ala maestra di George Cogny e dopo un intenso trascorso parigino, torna a Piacenza e rileva L’Antica Osteria del Teatro, di cui è Patron ancora oggi, in un raffinato palazzo del 1400 recentemente restaurato. Filippo Chiappini Dattilo è un perfezionista, un uomo preciso, estremamente colto, uno chef attento alla qualità e alle esigenze dei clienti, dalle più temerarie alle più semplici. E non lascia mai scontento nessuno, anche perché la sua cantina ospita quasi 1300 etichette vinicole di tutto rispetto.

Da studente di ingegneria a chef stellato. Com’è avvenuta la transizione? “Ho avuto la fortuna di nascere in una famiglia in cui si insegnava ai bambini che dietro la cucina c’è sempre la cultura. Quando si preparavano i pasti in casa, vi era sempre una spiegazione sul perché si facesse un determinato piatto e che tipo di materia prima si utilizzasse. La comprensione e la conoscenza dettagliata del prodotto sono nel mio DNA. L’entusiasmo e la passione hanno fatto il resto. Soprattutto, ho imparato che ci si deve dedicare costantemente alla ricerca del sapere e alla sperimentazione, altrimenti si resta aridi. La mia vita professionale è cresciuta moltissimo negli anni, abbracciando il binomio fondamentale cibovino, due elementi che ritengo essere inscindibili e straordinari. Ho avuto modo di capire quanto sia importante anche la scelta di un luogo capace di completare la stimolazione sensoriale, che crei atmosfera e emozioni ulteriormente i commensali. L’Antica Osteria del Teatro ha sede in un palazzo prestigioso nel centro storico di Piacenza, il più antico della città. Ho rimodernato da poco l’ambiente, stravolgendo l’arredamento con l’aggiunta di una serie di luci particolari, ideate dall’artista Davide Groppi. Credo sia importante creare una cornice che assicuri profondità d’animo e piacevolezza. Non rinnego gli studi matematici, anzi, posso dire di avere un bagaglio culturale in più: la conoscenza deve essere a 360 gradi, perché un bravo cuoco deve possedere una base di sapere tale da poter apprezzare la materia prima di qualità e poterla poi lavorare e predisporre nel migliore dei modi”. Come si svolge la sua giornata lavorativa? “Nel mio ristorante lavoro quasi senza sosta dalle otto del mattino all’una del mattino successivo. Si inizia con un rendez-vous con i ragazzi dello staff, la mia cosiddetta “allegra brigata”, per organizzare bene i menù. Poi arriva la materia prima che si seleziona accuratamente e si procede alla lavorazione. Segue un piccolo break e un nostro pranzetto interno, molto sano. Alle 12.30 apriamo il ristorante fino alle 14. Nel pomeriggio

mi occupo della burocrazia: contatto i fornitori, leggo le e-mail e predispongo il secondo turno di apertura che inizia verso le 19.00 e termina a sera inoltrata. Sia a pranzo che a cena, devo fare gli onori di casa e mi rendo disponibile a intrattenere gli ospiti, rispondo alle curiosità culinarie, stimolo nuove degustazioni e cerco di capire se il messaggio viene recepito in maniera efficace”.

Il messaggio? “Noi non ci limitiamo a usare correttamente la padella, per dirla in termini grossolani. Ricerchiamo degli abbinamenti ispirati e amiamo scambiare opinioni e consigli con i nostri clienti, perché questo ci aiuta a crescere e progredire. Abbiamo il compito di valorizzare i prodotti locali, di riproporre la tradizione in chiave moder-

na e accessibile, senza snaturare il fulcro su cui ruota l’intera proposta. Mi piace dialogare con chi viene a trovarci e attuare così uno scambio reciproco di informazioni, di idee, perché è la spinta che mi stimola giorno dopo giorno verso l’evoluzione del pensiero e il piacere della scoperta inattesa. Da noi non si viene solamente per mangiare. Tutt’altro. Si viene a vivere un’esperienza. A pranzo, per esempio, abbiamo reintrodotto il culto della pausa relax prima di tornare al lavoro: la gente è abituata a cibarsi in fretta privandosi della gioia di una sosta a metà giornata, ma da noi si può davvero allentare i ritmi frenetici della quotidianità e ritagliarsi un po’ di tempo all’insegna della leggerezza. L’iniziativa ha riscosso un largo consenso”. Viene spontaneo chiedersi se, quando è a casa, lei si dedichi alla cucina con lo stesso amore. “La conditio sine qua non, sono i prodotti di qualità. Il che vuol dire che se non ho voglia di fare qualcosa di elaborato a casa e voglio una semplice omelette, magari uso delle uova fantastiche reperite dai contadini delle nostre colline, con delle buone erbe fresche, una buona manciata di grana padano, e abbiamo già un grande piatto. Basta poco, ma la scelta è fatta con intelligenza”. Quali sorprese riserverà la cena di stasera? “Posso darvi qualche anticipazione. Ho studiato un menù all’altezza di una grande kermesse, ispirato dal fascino del territorio della città

di Venezia. Ci saranno piatti dedicati alle suggestioni della laguna, creati ad hoc per l’occasione, come le Cannocchie Marinate “Bellini”, per non parlare degli omaggi classici della zona, tipo le Tagliatelle al Nero di Seppia con polenta bianca o il Cremino di Fegato. Ai formaggi sarà riservato un posto di rilievo e saranno tutti prodotti di primissima scelta. Porterò, inoltre, una chicca delle mie parti: la pancetta croccante piacentina della Val Nure. Adoro affumicare carne e pesce, è una delle mie passioni predilette. Non mancheranno adeguati abbinamenti con vini d’eccellenza, mi pare ovvio. Dulcis in fundo, il dessert chiamato “Il Dolce Ritorno di Marco Polo”, vale a dire, un dolce costruito con pezzi culinari raccolti dalle tappe del viaggio dell’autore de Il Milione: biscotti di riso, tè e spezie come il cardamomo e lo zenzero, la frutta secca turca, yogurt di capra e altre influenze orientali”.

“Il segreto è che la meta è sempre da raggiungere. Non si smette mai di imparare e non bisogna mai sedersi sugli allori”

Dove scova tanta inventiva? “Il segreto è che la meta è sempre da raggiungere. Non si smette mai di imparare e non bisogna mai sedersi sugli allori. Anche nei confronti della tecnica. È una mentalità applicabile in tutti i campi, non solo nella nostra professione. Ci vuole grande sacrificio. Il lavoro è bestiale a livello fisico e psicologico, ma non dobbiamo dimenticare l’avventura delle percezioni. La cultura è vitale: è l’architettura che sostiene e plasma la struttura esteriore. Stiamo vivendo un momento storico di crisi e spero, nel mio piccolo, di aiutare il superamento di questo periodo con la piacevolezza dello stare insieme a tavola”.

A sinistra lo chef Filippo Chiappini Dattilo ci mostra la preparazione de “Il Dolce Ritorno di Marco Polo”, un dessert che richiama i sapori incontrati dall’esploratore lungo il suo viaggio verso l’oriente; spiccano quindi, tra gli ingredienti, biscotti di riso, tè e spezie come il cardamomo e lo zenzero, la frutta secca turca, yogurt di capra e altre influenze orientali


La storia della Serenissima – Quarta puntata

ALLE ORIGINI DI VENEZIA

I STORIA E STORIE Noi tutti abbiamo in mente una certa idea della laguna, qualcuno anche alcune delle trasformazioni che l’hanno modificata in modo radicale, un numero con ogni probabilità esiguo, però, discuterebbe sul fatto sia sempre esistita. Invece… RIPARTIAMO CON IL NOSTRO VIAGGIO NELLA STORIA DI VENEZIA DALLA FIGURA DEL DOGE PAOLUCCIO ANAFESTO, PERSONAGGIO ALQUANTO MISTERIOSO.

Il primo, leggendario Doge, muore nel 717. Chi sia mai stato sul serio Paoluccio Anafesto resterà per sempre un mistero. Custodito dal Mito delle antiche cronache cui gli storici successivi saranno costretti ad attingere come unica traccia possibile. L’unica certezza è che non furono i rappresentanti delle dodici principali famiglie di Civitas Nova Heracleiana a nominarlo. Allo stesso tempo, però, è sicuro che il grumo di case, chiese, magazzini e orti aggrappato ai canneti dell’isola Melidissa al centro del Piavon continua a essere il perno della vita politica dei Veneti della costa. Qui, del resto, s’è fermata buona parte della popolazione e della nobiltà “laica” in ritirata dalla terraferma dominata dai germanici Longobardi. È uno scontro di civiltà. Da un lato il Mondo Nuovo calato dal Nord dopo una lunga tappa nelle pianure euroasiatiche, dall’altro quello Antico, Mediterraneo e Classico, tenacemente legato al lascito dei padri. Un’eredità non di poco conto, del resto, se diventa con incredibile rapidità il modello unico di riferimento per entrambi. Alla morte di Anafesto, si elegge suo successore Marcello Tegalliano. Personaggio scolorito e di cui si tramanda solo un intervento in campo religioso nell’eterno dissidio tra i due Patriarchi rivali di Grado, che diventerà poi di Venezia, e di Aquileia. Il primo è “Romano” e quindi impegnato a tutelare gli interessi della “costa”, oltre ai propri diretti ben s’intende, il secondo “Longobardo” e pertanto al servizio del potere ormai feudale dei signori germanici dell’interno. Le presunte divergenze di ordine teologico coprono anche in questo caso concrete ragioni di carattere politico. L’Ottavo secolo segna una prima decisiva svolta nella giovane storia della Venetia marittima. Alle pretese egemoniche della città-fortezza di Eraclea e della sua nobiltà laica si contrappone l’endemico ribellismo di un altro centro costiero, sempre sul fiume Piave, ma alla foce: Equilio che, in quanto Jesolo è destinata a essere conosciuta sino ai giorni nostri. A Equilio, in un’altra isola secondo una geografia che oggi si stenta a riconoscere, si è rifugiato a suo tempo il vescovo di Oderzo con il seguito di chierici e di nobili legati alla Chiesa. Sembra quasi un’anticipazione di un conflitto destinato a infiammare l’intero Medio Evo, autorità politica contrapposta a quella religiosa, se non fosse in realtà una “guerra civile” all’interno della comunità veneta dell’esodo per questioni di supremazia. È pure un duro confronto tra due visioni del futuro di quest’angolo di mondo, sospeso tra nostalgia del passato “terrestre”, il Mito del “ritorno a casa” e del riacquisto delle perdute proprietà fondiarie, e fatale attrazione per la prospettiva di un destino “marino”. Un dibattito capace di attraversare l’intera storia veneziana. L’attrito tra dimensioni, città, poteri diventa presto contrapposizione, sabotaggio, scaramuccia capace di arrivare alla guerra aperta. Succede sotto il terzo dei dogi eletti a Eraclea, Orso, insignito dal lontano imperatore di Costantinopoli del

di federico moro

titolo di “cavaliere” e per questo diventato noto come Ipato. L’onorificenza se l’è guadagnata poco dopo la morte del predecessore Tegalliano avvenuta nel 726. Approfittando di un momento di difficoltà dei Romei di Ravenna, i Longobardi si sono impadroniti della città. Sembra la fine per la tormentata storia dell’Italia riconquistata a caro prezzo da Giustiniano al termine della devastante Guerra Gotica. Invece… dalle lagune venete arriva in soccorso, inaspettata, una flotta. La novità è sconvolgente: è l’Impero ad avvalersi del supporto militare di quel lontano lembo di terra mista ad acqua e la piccola provincia costiera a riconquistare la capitale dell’Esarcato. A guidare la spedizione il dux/doxe veneticorum, Orso destinato, grazie al successo, a diventare Ipato. Un uomo così non può più tollerare l’arrogante insubordinazione dell’irrequieta Equilio, bisogna risolvere la questione, una volta per tutte. Come a Ravenna. Per questa ragione nel 737 lungo il Canale dell’Arco che al limite del Pineto Jesolano divide il territorio di Eraclea da quello della rivale, si fronteggiano due armate. Veneti da entrambe le parti per stabilire chi debba comandare e chi obbedire. Il doge Orso è tranquillo e ritiene non ci sarà partita, invece… Lo scontro è lungo e feroce, di fronte non ci sono eserciti ben organizzati ma bande di contadini e pescatori armati alla meglio e peggio organizzati. La carneficina, però, è degna di una vera battaglia, tant’è che per il tanto sangue versato il canale diventa noto come Archimicidium e hominicidiale. Anche lo scontro passa alla Storia con questo nome assieme alla notizia che i cittadini di Era-

clea, sconvolti per l’esito sfavorevole e le tante perdite subite, si scagliano contro Orso e lo trucidano. La vittoria di Equilio non è certa ma l’abolizione per i cinque anni successivi della carica di doxe e il ritorno alla figura del magister militum, cioè di un semplice comandante militare delle milizie venete depotenziato dal punto di vista politico, induce a pensare a un successo jesolano. La svolta c’è ed è anche più radicale di quanto possa sembrare a prima vista: nel 742, infatti, si torna a eleggere un doge. Si tratta dell’ultimo magister, uno dei figli di Orso, Deudedit o Teodato Ipato. Il titolo del padre è diventato una sorta di cognome. Si tratta, quindi, di una personalità di Eraclea… eppure… forse per sua iniziativa, più facilmente per una sorta di compromesso tra le varie entità di quella sorta di federazione che è la Venetia marittima dei primi secoli, comunque sia il centro politico del riorganizzato dogado viene spostato: da Eraclea, estrema Laguna Nord, a Metamauco/Malamocco, nella Laguna Sud. Non è un cambiamento da poco. Malamocco si trova alla foce del ramo principale del Medoacus/Brenta, rappresenta sin dall’Antichità la porta d’ingresso fluviale per Patavium/Padova e qui si è rifugiato, infatti, in cerca di sicurezza il vescovo della città euganea (a Malamocco e non a Rialto come vorrebbe il Mito). Insieme ai fuggitivi dalle città della Pianura poste lungo l’asse Brenta/Bacchiglione e al quasi parallelo Atesis/Adige. La Venetia muove un altro passo per diventare Venezia. Con Orso termina l’avventura dei Dogi a Eraclea, con il figlio Deusdedit inizia quella altrettanto breve di Malamocco Ducale. Lo vedremo nella prossima puntata.


Saluti da Venezia

Il lotto dopo il crollo del Campanile

1 di Carlo sopracordevole Tra i divertimenti e i giochi cosiddetti d’azzardo più diffusi nella tradizione popolare, un posto di rilievo va attribuito senza dubbio al gioco del lotto, il cui nome avrebbe origine dalla parola franEspresso in forme eterogenee e dissimili da quella attuale, sia a Milano sia a Genova già nel XV e XVI secolo, in Italia il lotto sembra essersi sviluppato soprattutto nella città ligure dove trovò una precisa regolamentazione nel 1620. Negli altri Stati italiani invece, questo gioco stentò ad affermarsi perché osteggiato per motivazioni di ordine morale. Nel 1728 il Papa Benedetto XIII era arrivato addirittura a minacciare la scomunica per chiunque vi avesse partecipato, ma tre anni dopo il gioco era stato riammesso dal suo successore Clemente XII e nel 1785 Pio VI ne decise la destinazione a favore delle opere pie. A Venezia il lotto comparirebbe per la prima

cese lot che significa sia “porzione” che “sorte”. Si ritiene che il termine sia giunto in Francia dal mondo germanico, diffondendosi poi negli altri paesi dell’area romanza.

volta nel 1734 svolgendosi sotto il controllo del Governo della Repubblica, dove conquista un grande rilievo soprattutto fra il popolo che spera di ottenere fortuna puntando sui numeri. Nel resto d’Italia, la liceità del gioco viene ammessa gradualmente e trova via via una regolamentazione ufficiale. Considerati i notevoli introiti derivanti dalle giocate, le Autorità pubbliche pongono il gioco sotto il proprio monopolio. L’aumento della popolarità del gioco porta anche all’incremento delle estrazioni, che dalle 2 o 3 all’anno del 1737, arrivano a 18 dal 1797 al 1806; dal 1807 diventano quindicinali e, infine, dal 1871, settimanali. Allora si giocava su 6 differenti ruote (Firenze, Milano, Napoli, Palermo,

Torino e Venezia) che sarebbero arrivate a 7 nel 1871, dopo l’annessione di Roma all’Italia e a 8 nel 1874 con l’introduzione della ruota di Bari. La struttura a 10 ruote viene inaugurata l’8 luglio 1939 con l’introduzione delle ruote di Cagliari e Genova mentre l’introduzione della ruota Nazionale (11ª ruota) è molto recente, risalendo al 4 maggio 2005. Prima del 16 giugno 2009 le estrazioni avvenivano contemporaneamente nelle dieci città italiane, una per ogni ruota, tranne Roma in cui si estraeva l’omonima ruota e quella Nazionale. Da quella data le urne, ormai tutte automatizzate, sono state raggruppate in sole tre sedi, allo scopo di ridurre i costi di gestione e di consentire un più efficace controllo delle opera-


2

zioni. Adesso a Roma sono ospitate le urne di Cagliari, Firenze, Roma e Nazionale; a Milano sono presenti le urne di Genova, Milano, Torino e Venezia; a Napoli si svolgono le estrazioni di Bari, Napoli e Palermo. Per ogni ruota vengono estratti 5 numeri tra l’1 e il 90 e il numero estratto non viene reimmesso nell’urna. L’estrazione è effettuata su tutte le ruote attraverso un’urna meccanica che mischia le palline con un getto di aria compressa e le cattura con una nicchia rotante ai bordi dell’urna. In passato si utilizzava un’urna fatta girare a mano con una manovella, dalla quale i bussolotti con i numeri venivano pescati da un bambino bendato. Se adesso parliamo del gioco del lotto è per ricordare un fatto legato alla caduta del campanile di San Marco, avvenuta il 14 luglio 1902, di cui si è già scritto in alcuni articoli recenti. Occorre sapere che a Venezia le estrazioni dei numeri vincenti avvenivano nella loggetta del Sansovino, notoriamente situata alla base del campanile. Il testo apparso su l’Illustrazione Popolare di quell’anno è assai esplicito: “Nella loggetta del Sansovino, si estraeva ogni sabato il lotto, e quella scena, caratteristica, che non si rinnoverà più, con quei monelli, che, appena usciti i numeri, correvano gridando: La nota dei numari del Loto. Co’ bei che i xe!... non li vedremo più alle ore 3 pomeridiane in piazza.” Sul periodico appare anche uno schizzo disegnato da M. Pagani, un collaboratore del giornale (fig.1) di cui diamo riproduzione, assieme a una cartolina illustrata (fig.2) che riprende appunto “Una delle ultime estrazioni nella loggetta del Sansovino”, come si può leggere nella didascalia sottostante. Venne spedita negli U.S.A. nei primi giorni dell’agosto seguente. Il crollo e la conseguente distruzione della loggetta comportarono dunque il problema contingente di reperire un luogo dove eseguire le estrazioni ed è proprio una cartolina che ce ne fornisce documentazione in fig.3, rivelando come si sia trovato un ripiego in un palazzo di Riva del Vin, a Rialto. Si nota un assembramento di gente e, in rosso, sono riportati i cinque numeri dell’estrazione del 19 luglio 1902, la prima dopo il crollo, dunque. In fig.4 ecco invece una bolletta del lotto, la ricevuta di una giocata avvenuta a Venezia alcuni decenni or sono in uno degli appositi botteghini ora scomparsi da tempo. Alla 5 presento invece una simpatica cartolina illustrata da Bernini che riproduce la maschera di Pantalone mentre indica una bolletta del gioco “porta fortuna”. Il disegno della cartolina alla fig. 6 raffigura invece alcune donne intente a discutere presso un botteghino.

3

4

5

6


Venice, ideas, styles and stories

international

Invitation to the Marciana “Those who seek... find” Ana Tzarev Masterpiece Theatre Carlo Scarpa. Venini 1932-1947 Berico: the Sails of Venice

The Spirit of the Music of Venice

Myung-Whun Chung, South Korean conductor and pianist, in St Mark’s Square


“Cycling, Cubo-Futurism and the 4th Dimension”

“Ana Tzarev Masterpiece Theatre” The exhibition “Masterpiece Theatre” gathers paintings influenced by artist Ana Tzarev’s passion for Japanese culture, history and art. These works are the result of her numerous travels to Japan, which helped her develop a profound respect for its people and culture. Her paintings of the Kabuki theatre capture the essence of theatre in a single image, strengthening every aspect of the performance, and saving this wonderful creation of the Japanese culture for future generations. In her paintings, Tzarev presents the emotional state of actors. To celebrate these powerful characters, the artist combines her personal preference for bright colours and dense material with a precise and theatrical brush stroke. With this gesture and her deep knowledge of the Japanese theatre, Ana Tzarev captures the essence of the Kabuki theatre. Venue: Museo Diocesano di Venezia Sant’Apollonia, Fondamenta della Canonica Date: 30 June - 6 September 2012 Info: studiodalponte@libero.it www.studioantoniodalponte.it

The exhibition centers on one of the most important Cubist works at the Peggy Guggenheim Collection, Jean Metzinger’s At the Cycle-Race Track (Au Vélodrome) painted in 1912. Two other paintings and a drawing by Metzinger on the same theme are also exhibited, with the aim of inquiring into the subject of the artwork, including numerous other paintings on the theme of cycling. Also on display are several models of racing bicycles, old and new, as well as Einstein’s bicycle, illustrating the theory of relativity. Photographic material from the Roubaix vélodrome, old and new racing bicycles, and related objects recreate the era of Metzinger’s painting. In addition, a sculpture about time by contemporary Swiss artist Paul Wiedmer is included.

“Carlo Scarpa. Venini 1932-1947”

On 29th August 2012 the exhibition “Carlo Scarpa. Venini 1932–1947”, curated by Marino Barovier, will open to the public on the Island of San Giorgio Maggiore, Venice. Showing more than 300 works, it will reconstruct Carlo Scarpa’s creative path as artistic director of the Venini Glassworks (from 1932 to 1947). The exhibition is the first public event of the multi-year cultural project “Le Stanze del Vetro” (Rooms for Glass) launched by the Giorgio Cini Foundation in collaboration with Pentagram Stiftung, with the aim of studying and promoting the art of Venetian glassmaking in the 20th century. The opening of the exhibition “Carlo Scarpa. Venini 1932–1947” coincides with the inauguration of a new permanent exhibition space which over the next years will host a series of solo and group shows featuring international artists, both contemporary and historical, who have used glass as an original means of expression and medium for researching their own personal aesthetics. The aim is to show the endless potential of the medium, and return glass to the centre of attention and discussion in the international art scene. The building hosting “Le Stanze del Vetro” is located in the west wing of the former boarding school of the Island of San Giorgio Maggiore. In addition to exhibitions, the venue will host conferences, workshops and other events dedicated to glass. New York architect Annabelle Selldorf, specializing in the design of public space and museums has been entrusted for the requalification of the building, until recently in disuse. Date: 29 August - 29 November 2012 Venue: Le Stanze del Vetro, Isola di San Giorgio Maggiore Fondazione Giorgio Cini Info: www.lestanzedelvetro.it info@lestanzedelvetro.it

Venue: Peggy Guggenheim Collection Date: through 16 September 2012 Info: Tel. + 39 041 2405411 info@guggenheim-venice.it

“William Congdon a Venezia (1948-1960): uno sguardo americano” The exhibit, hosted at Ca’ Foscari Esposizioni, gathers many of the most significant works of William Congdon about Venice, from the first Piazze dated 1948 to the Crucifixion of 1960, painted by the artist after his sensational conversion to the Catholic Church, a choice which cut him out of the US art market. Over 40 artworks are on display for a true sensorial experience through the new technological applications by the teachers and students of Ca’ Foscari. Congdon’s canvasses are exhibited in the first floor’s halls (piano

nobile), including giant posters from his Venetian sojourn, cases displaying letters and sketches, and projections of drawings, graphic notes and Venetian-themed works. Venue: Ca’ Foscari Date: through 8 July 2012 Info: +39 0412346947 congdoninvenice@unive.it Opening hours: every day except Tuesday, 10am to 6pm

“Il tempio di Osiride svelato. L’antico Egitto nell’Osireion di Abydos” A journey towards one of the most fascinating and mysterious civilizations of all times. Traveling a path between giant prints and huge panels, the visitor is guided through a discovery of the ancient civilization of the pharaohs, from the early dynasties to the splendors of the reign of Ramses II. In addition, for the first time the public will be able to admire the Sarcophagus of the Goddess Nut, completely restored for the occasion. The “Abydos Project” originated from an idea of the photographer Paolo Renier to promote the archaeological site of Abydos, Egypt. Renier’s activity has been long and detailed and has attracted the interest of scholars and institutions, from the former Egyptian Minister of Culture Farouk Hosny to the Egyptian Academy of Rome. This exhibition and the entire “Abydos Project” are based on three fundamental principles: the knowledge, respect and appreciation of the history of ancient Egypt, whose historical value remains unchanged over time.

“The Spirit of the Music of Venice” Palazzo Ducale (the Doge‘s Palace) will host the operatic concert directed by Myung-Whun Chung, famous South Korean conductor and pianist. Music by Gioachino Rossini, Giuseppe Verdi and Giacomo Puccini; Teatro La Fenice Orchestra and Choir. Chorus Master: Claudio Marino Moretti. Venue: Palazzo Ducale - Doge’s Palace Date: 20 July 2012 Info: www.teatrolafenice.it

Invitation to the Marciana “Those who seek... find”

Venue: Scuola Grande di San Giovanni Evangelista Date: through 21 October 2012 Info: Tel. +39 041.71.82.34 info@scuolasangiovanni.it Photo Pattaro The Biblioteca Nazionale Marciana (National Library of St Mark’s) proposes the final round of “Invitation to the Marciana,” a series of meetings, organised by the Bureau of Education and the historical library, which in recent years has enjoyed great popularity with the public. This year the program has been completely redesigned and is subtitled “Those who seek… find: focus on research in the Library through printed documents, online catalogues, and illustration of services offered”. The last meeting is on 30 June at 11am.

“Berico: the Sails of Venice” An historical research becomes a journey into the popular art of sail painting, an ancient tradition revived with talent and loving emotion. A fisherman’s son, the painter Berico has reinvented the art of painting typical of the Upper Adriatic sea, revisiting the techniques, materials, colors and symbols of the past with whimsical imagination, transforming them into true works of art. In any Berico canvas is visible - even if stylized - an angel, a butterfly, an eye, that protective image which never fails to help plentiful fishing and a safe return to the port. On the shore, the women scanned the sea for the colors of the boats, and in the morning with patience and affection sewed the torn sails, as artistically as they could. Large sails “al terzo” and small customized masterpieces are shown at Giudecca 795 through 15 July 2012. Among the first to appreciate the work of Berico: the Italian Nobel Prize for Literature winner Dario Fo, here with the painter in a photo from a previous show. Venue: Giudecca 795 Art Gallery Date: through 15 July 2012 Info: http: www.giudecca795.com

The meeting point is at the entrance of the Biblioteca Nazionale Marciana. Venue: Biblioteca Nazionale Marciana Date: 30 June 2012 Info: Reservations are strictly required: please e-mail didattica@marciana.venezia.sbn.it or call +39 041.2407249 on Mondays and Tuesdays from 8.30am to 10am. The meeting point is at the entrance of the Biblioteca Nazionale Marciana (Venice, 7 Piazzetta San Marco).


“NEIL HARBISSON: CYBER VENEZIA” “Imagine being born and raised in a black and white world as a bad joke of genetics: after trying to understand what colors look like -- without success -- you would probably feel hurt by your limitation. But perhaps you would not give up hoping and searching, especially if you had an intuition that life always offers new possibilities and new dimensions of knowledge to be explored. You are unaware of being immersed in a material made of waves, be they light or sound waves, and you might “hear colors” for example, rather than seeing them. That is, you could be listening to en-

“Venezia Jazz Festival”

ergy. Rethinking space. Your space, your home. Rethinking your face, or that of others.” A powerful story, told with disarming simplicity. If the greatness of an artist is to communicate something universal and innovative out of his own small experience, even perhaps from a personal disadvantage, the story of Neil Harbisson is truly extraordinary. He is an artist and musician, born in Belfast on 27 July 1982 with a rare visual condition (color blindness) which means he sees only in shades of gray. He is the first person ever to wear an Eyeborg (a cybernetic eye) that “translates” colors into sounds, through a collaboration with a researcher from the University of Barcelona. It is an exciting project, which Harbisson presented successfully around the world, translating color into sound and vice versa: on one hand the “sound portraits” (did you know that your face makes a sound?), and on the other, “sonochromatic” digital art (colored works which constitute a sort of musical score in color for the first 100 notes of music). In a word: cyber-art, an artistic production that was also presented with interactive performances in Venice last year on the occasion of the Visual Arts Biennale. This 2012, the year of the Architecture Venice Biennale, Harbisson is launching “CyberVenezia “, a project with the first chapter, “The Sound of Burano.” “I began to depict, or to “paint in sound” Venice itself, exploring it with patience, respect, and artistic and scientific curiosity, starting from the colorful houses on the island of Burano. It is very impressive. This is not an arbitrary association of colors, but the result of a complex study.”

“Venezia Jazz Festival” in its fifth edition, takes place from 22 July to 3 August 2012. Featuring Giuseppe Mormile as artistic director and organised by Veneto Jazz, the festival offers a programme of international concerts enriched with numerous concurrent events dedicated to music, the visual arts and literature, and is hosted in fascinating and prestigious locations. Ten days not to miss: the city will be enlivened at different times of day and night with live music, meetings and screenings. The programme includes concerts and events at the Teatro La Fenice, and in museums such as Palazzo Grassi, the Peggy Guggenheim Collection, the Querini Stampalia Foundation, in Campo dell’Erbaria at Rialto, and for the first time at the Isola della Certosa, and in the city clubs. The Teatro Goldoni on Thursday, 2 August, hosts a double concert by Hiromi (piano solo) and the Tord Gustavsen Ensemble.

Previewed at Palazzo Loredan – Istituto Veneto di Lettere Scienze Arti, and Giudecca 795 Art Gallery during Art Night Venice on 23 June, CyberVenezia will continue according to its various phases, and the first results of this work-in-progress can be appreciated for the entire duration of the Architecture Biennale, together with an additional artistic production by Harbisson. As in 2011, Harbisson is available to the public (by reservation only) to realize their own “Sound Portraits” – by aiming his Eyeborg at various parts of the face, Harbisson transcribes the resulting notes on a special 360-lined paper sheet. Since 2005 he has also realized the sound portraits of various “Celebrities” including Prince Charles, Leonardo Di Caprio, Nicole Kidman and Woody Allen, among others. Venue: Giudecca 795 Art Gallery , Fondamenta San Biagio 795 Date: from 23 June to 25 November 2012 Info: www.giudecca795.com www.cybervenezia.com Reservations for Sound Portraits: Tel +39 340.8798327

“Tiepolo nero. Opera grafica e matrici incise” zionale della Grafica, Rome; then this new opening in July in Venice at Ca’ Rezzonico. It presents an important occasion to inquire about materials which are not yet well known, but are of a certain

The exhibit, originating from the collaboration between three institutions, is curated by Lionello Puppi and Anna Ossanna Cavadini. After opening at m.a.x. (the art museum in Chiasso, Switzerland) this past winter, in April it traveled to Istituto Na-

Venues: Teatro La Fenice, Peggy Guggenheim Collection, Campo dell’Erbaria / Rialto, Palazzo Grassi, Punta della Dogana, Fondazione Querini Stampalia, Hard Rock Cafè, Hotels & city clubs Date: 22 July 2012 – 3 August 2012 Info: Tel. +39 0423 452069 jazz@venetojazz.com

relevance for scholars of the history of the arts. Matrices and engravings owned by Fondazione Civici Musei di Venezia and carefully restored by Istituto Nazionale della grafica, will be compared to allow the appreciation of the impressive quality and results obtained by this extraordinary and refined author, also an innovator in this technique. The extraordinary copper matrices by Giovanni Battista Tiepolo mark the singular originality of the scientific proposal of his exhibit, documenting the great imagination of the Venetian painter. Venue: Ca’ Rezzonico, Museo del Settecento Veneziano - Museum of the 18th century Venice Date: from 22 July to 14 October 2012 Info: www.carezzonico.visitmuve.it

“Ottocento anni di storia e cultura camaldolese nella laguna di Venezia” The year 2012 sees the millenary of the founding of the Camoldolese Order, and the celebrat ion of the 800th anniversary of the founding of the Venetian Camoldolese monastery of San Michele in Isola, the centre of a fervent religious life and intense cultural activity, which played leading roles in the humanist culture of Venice. To commemorate this special chapter in the cultural life of the city, and in close collaboration between Fondazione Musei Civici Veneziani, Biblioteca Nazionale Marciana and the National Archaeological Museum, an exhibition will be held in the Procuratie Nuove and in the main rooms of the Biblioteca Nazionale Marciana, to illustrate the many aspects of the Camoldelese presence in Venice beginning with the reconstruction of the monastery, and including the collections and prestigious library of San Michele in Isola, and of the other Camoldelese centres in Venice. On the occasion of the exhibit, San Michele in Isola and its monumental complex are open to the public for visits, in collaboration with the Municipality of Venezia. Venue: Museo Correr, Museo Archeologico, Biblioteca Nazionale Marciana Date: through 2 September 2012 Info: info@fmcvenezia.it

“A Journey Through Italy: in Women’s Eyes” Rubelli welcomes the project “In Women’s Eyes” by Giudecca 795 Art Gallery and hosts in its showroom the first artworks about a journey through the eyes of women. Portraits of women encountered in Italy, and portraits of their eyes are no doubt unusual. The precious fabrics of the Rubelli collection form the backdrop for the treasured oil paintings. And for the painter Simona Bramati only a detail suffices with their intense or intimidated glances, able to reveal the women chosen to represent something of the city in an imaginative and literary journey. In July, some poetry readings will take place at Rubelli’s. Venue: Palazzo Corner Spinelli, Rubelli show-room, San Marco 3877. Date: through 27 July 2012

Info: Reservations are strictly required. From Monday to Friday. Please call +39 3408798327

“Il labirinto Borges”

On the occasion of the 25th anniversary of the death of the famous Argentine writer Jorge Luis Borges, the Fundación Internacional Jorge Luis Borges and the Fondazione Giorgio Cini present “Il Labirinto Borges”, reconstructing the gardenlabyrinth designed in his honour by architect Randoll Coate. A permanent work, the labyrinth can be accessed by the public only through guided visits. The original design, inspired by the Borges story “The Garden of Forking Paths”, was projected between 1979 and1986. The labyrinth is now set in the space behind Palladio’s Cloister and the Cypress Cloister, so as to reconstruct a kind of “third cloister” of similar size. This space will become the site to host various cultural events (workshops, conferences, master classes, seminars, art exhibits, theatrical, musical, dance and multimedia productions and performances), inspired by the works of the Argentine writer. Venue: Fondazione Giorgio Cini Date: through 31 December 2015 Info: The public can only access through guided visits. On weekdays the guided tours are reserved for groups, and only upon reservation. On Saturday and Sunday the monumental complex can be visited from 10 am to 5 pm, every hour. Reservations and other details: Civita Tre Venezie +39 041.2201215 segreteria@civitatrevenezie.it, info@cini.it


“Francesco Guardi (1712 – 1793)”

In the third centenary of the birth of Francesco Guardi, the monographic exhibition organised by the Fondazione dei Musei Civici di Venezia and presented at the Correr Museum witnesses thanks to a series of major loans of works never previously made to Venice - the various phases of the artist’s works. Francesco Guardi’s training took place within a family workshop in which everyone was a painter, from his father Domenico to his brothers, Nicolò and Antonio. The first part of the exhibition focusses on the

“Miniartextil. Energheia” Textile arts use weaving to interpret sensations, emotions and existential microcosms. The warp and the weft meet to describe - through almost subliminal stimuli - the creative universe underlying the unstoppable evolution of the artistic syntax of this extraordinary, ancient medium. This is the path originating the precious collaboration with Miniartextil of Como, enabling a new approach to contemporary art, which is vital and indispensable for a structure like the Museo di Ca’ Mocenigo. Venue: Palazzo Mocenigo Date: From 30 June to 26 August 2012 Info: www.visitmuve.it

“Seeing the World Within: Charles Seliger in the 1940s” This exhibition is dedicated to the innovative works painted by Charles Seliger (1926-2009) in the first decade of his career inspired by European Surrealism, which had shifted its centre of interest from Paris to New York. The show presents more

works of genre painting, and paintings of views, capriccios and fantastical landscapes comprise the second part of the exhibition. His first works recall the compositions of Canaletto and Marieschi, with fluid and controlled brushstrokes. Over time, his style became freer: the proportions between the various elements are modified, the perspective framework became elastic and deformed. During the last period of his artistic production, the characters became simple splashes of colour, a rapid white scribble or a black dot traced out with a trembling movement. The exhibition boasts a scientific committee of the leading international scholars of 18th-century Venetian painting, and is accompanied by an illustrated catalogue curated by Alberto Craievich and Filippo Pedrocco, published by Skira, which contains the latest studies about the artist. Venue: Museo Correr Date: 28 September 2012 - 6 January 2013 Info: correr.visitmuve.it

“Vetro Contemporaneo: il futuro oltre la trasparenza. Omaggio a Egidio Costantini” Offering a time for reflection on the most recent product ion, the exhibition presents an overview of the tradition of contemporary glass, rounding out the historical survey of the permanent collection. Chronologically arranged, this important contemporary addition offers the visitor a formal, artistic and technical point of view to appreciate the effects of the fruitful collaboration between the enterprises of Murano and leading architects and artists, which continues with the excellence of the finished products. Venue: Museo del Vetro - Glass Museum Date: 6 July - 30 September 2012 Info: info@fmcvenezia.it

“Vetro Murrino, da Altino a Murano”

L’Illustre anche su App Store

This exhibition held in two venues – the Archaeological Museum in Altino, and the Glass Museum in Murano – focuses on the ancient art of producing murrina, from Roman times to the present day in Murano. The museum of Altino displays some Roman glass works made using this particular technique, not only from digs from the archaeological site of Altino, but also from other archaeological sites. All are of great academic interest. The Glass Museum displays murrina glasswork made in Murano from the 19th century to the present; it was the Murano glassmakers that revived this ancient method after lengthy research of the archaeological material present in the museum at Murano and in other important archaeological collections, such as the one in the Museo Nazionale, Naples. The murrina glass made by the 19th-century masters of Murano gained its first extraordinary international success at the Exposition Universelle of Paris in 1878. Between the end of the 19th and the early 20th century, the Murano glassmakers developed the technique further, with exceptional results as demonstrated in the works of Vittorio Zecchin and Teodoro Wolf-Ferrari displayed at the Biennale of 1914. And in more recent times, some of the best murrina glass of Murano has been designed by noted artists and designers, including Carlo Scarpa and Riccardo Licata. Venue: Museo Archeologico (Archaeological Museum), Altino; Museo del Vetro (Glass Museum), Murano Date: 16 June 2012 - 6 January 2013 Info: www.museiciviciveneziani.it than thirty of his best paintings from the 1940s loaned by both public and private collections and traces Seliger’s evolution as an artist, and explores the route which led him to his mature style in the early 1950s. Peggy Guggenheim organized Seliger’s first solo show in 1945 at her gallery “Art of This Century” in New York. The exhibition is organized by the Mint Museum, Charlotte, NC, USA. Venue: Peggy Guggenheim Date: 9 June - 16 September 2012 Info: info@guggenheim-venice.it

www.lillustre.it



illustre numero 5