Issuu on Google+

- International Voluntary Service - Workcamps - European Voluntary Service YAP Italia, Via Marco Dino ROSSI, 12/g, 00173 - Roma, Italia Tel +39-06-72.10.120; Fax +39-06-72.20.194 http://www.yap.it <yap@yap.it>; skype: yapitalia

REALIZZAZIONE DI UN CAMPO INTERNAZIONALE DI VOLONTARIATO WORKCAMP : COS’È? Il campo internazionale di volontariato (in inglese workcamp) è una forma di volontariato a breve termine rivolto a tutti, dai 15 ai 90 anni, senza bisogno di qualifiche particolari. Il campo di volontariato è basato sulla convivenza e l'autogestione, è uno strumento di lavoro sociale che favorisce la conoscenza e la comunicazione tra giovani di tutto il mondo. Il campo di lavoro è un momento di educazione alla diversità e alla solidarietà. Vi sono campi aperti tutto l'anno e in tutto il mondo, anche se la maggior parte dei campi si svolgono durante l’estate. Generalmente la durata del campo di lavoro è di 2-3 settimane ma a volte possono durare anche solo dieci giorni o un mese. Il numero di partecipanti varia, generalmente, tra 8 e 20 volontari provenienti da tutto il mondo. Il gruppo dei volontari internazionali è sempre accompagnato da un coordinatore (campleader) che essendo un volontario come gli altri gestisce le dinamiche del gruppo e facilita la comunicazione tra i volontari e la comunità locale. Il gruppo generalmente viene composto in modo da essere il più misto possibile non solo dal punto di vista della nazionalità (se possibile non si accettano più di 2 volontari dalla stessa nazione) ma si cerca anche di avere un ugual numero di uomini e donne. Gli obiettivi di un campo sono: - la crescita personale - lo scambio interculturale - l'integrazione nel tessuto locale dei giovani internazionali - l'educazione alla cultura della diversità e della pace I mezzi principali attraverso cui perseguire gli scopi sono la vita collettiva e la realizzazione di un lavoro concreto.

WORKCAMP : PERCHÉ E COME? I campi sostengono piccoli progetti di sviluppo locale senza fini di lucro, coinvolgono i giovani e le forze attive del territorio dove si svolgono. Il lavoro ha un valore formativo ed educativo alla socialità, a relazioni collaborative e cooperative, alla responsabilità comune, tutto in uno spirito di solidarietà e impegno civile. Per organizzare un campo servono quattro elementi fondamentali: * un progetto di pubblica utilità * un luogo d'accoglienza pulito con i comfort principali (1 bagno almeno ogni 6-8 volontari, doccia, cucina e stoviglie, materassi o tatami per appoggiare i sacchi a pelo, bacinelle per lavare panni etc.); * un finanziamento per sostenere il vitto e le spese di coordinazione nazionale e internazionale; * uno o più referenti locali che fungano da supporto al gruppo per la soluzione di ogni problema legato alla logistica o al territorio. La proposta di progetto deve venire dall'ente o associazione interessato alla creazione del campo. YAP generalmente non crea progetti in autonomia ma supporta con la sua rete di YAP is member of CCIVS ( Coordinating Committee of International Voluntary Service, UNESCO ), ALLIANCE of European Voluntary Organizations


- International Voluntary Service - Workcamps - European Voluntary Service YAP Italia, Via Marco Dino ROSSI, 12/g, 00173 - Roma, Italia Tel +39-06-72.10.120; Fax +39-06-72.20.194 http://www.yap.it <yap@yap.it>; skype: yapitalia

volontariato internazionale piccoli progetti di sviluppo locale proposti da enti o associazioni o gruppi giovanili.

PARTNER LOCALE: Responsabilità                                                      Risultati  • Progettazione del lavoro concreto • Vitto • Alloggio (di solito spartano, una struttura comunale, una scuola, un ostello, una palestra o altro) • Attrezzature tecniche e di sicurezza • Coordinazione tecnica • Interazione tra il gruppo e la comunità locale

VOLONTARI: Responsabilità  • Viaggio dal paese d'origine al luogo del campo • Abiti da lavoro e biancheria necessaria alla permanenza (sacco a pelo/lenzuola/biancheria da bagno etc) • Pulizie e preparazione del pasto • Tempo libero e necessità personali • Quota di iscrizione all’associazione d’invio (la quota varia da paese a paese e rimane sempre ed esclusivamente all’associazione d’invio)

• lavoro concreto realizzato che resta alla comunità locale • scambio interculturale che rende più attiva la vita quotidiana locale • rivalutazione del patrimonio storico, culturale e ambientale da parte dei giovani provenienti da tutto il mondo • coinvolgimento dei giovani locali nelle attività

Risultati • incontrare giovani di altri paesi e scoprire così la ricchezza e il fascino delle altre culture • migliorare la conoscenza delle lingue • fare qualcosa di concreto e di immediatamente utile per costruire un mondo migliore • arricchire il proprio CV

YAP ITALIA: Responsabilità  • Assicurazione e Visti (qualora necessari) • Coordinazione Internazionale e promozione del campo ai volontari attraverso i partner internazionali • Individuazione e selezione partecipanti • Animazione e gestione del gruppo internazionale • Interazione tra il gruppo e la comunità locale

WORKCAMP : FASI DI REALIZZAZIONE 1. progettazione: una volta presi accordi con il partner ed individuati il luogo ed il contesto socio-culturale nel quale si vuole inserire il progetto, è necessario stabilire con esattezza quali sono le attività lavorative che si vogliono realizzare, quanti volontari si ritengono necessari al fine di completare le attività (che si possono anche realizzare prevedendo più di un gruppo di volontari in periodi successivi), come si organizzeranno vitto ed alloggio ed in che periodo si vuole realizzare il progetto. YAP is member of CCIVS ( Coordinating Committee of International Voluntary Service, UNESCO ), ALLIANCE of European Voluntary Organizations


- International Voluntary Service - Workcamps - European Voluntary Service YAP Italia, Via Marco Dino ROSSI, 12/g, 00173 - Roma, Italia Tel +39-06-72.10.120; Fax +39-06-72.20.194 http://www.yap.it <yap@yap.it>; skype: yapitalia

2. promozione e selezione dei partecipanti: la fase di promozione prevede la stesura di un documento informativo (in inglese e italiano) che contiene la descrizione del progetto; tale documento viene sottoposto all'attenzione dei partners internazionali di YAP e, attraverso loro, ai volontari. Parallelamente alla selezione dei partecipanti, YAP individua il coordinatore che durante il progetto segue e coordina il gruppo di volontari internazionali, la loro partecipazione alle attività lavorative e le loro interazioni con il partner, la popolazione e l'ambiente che ospitano il campo di lavoro. 3. realizzazione delle attività che prevede a sua volta due componenti egualmente importanti: • la realizzazione e la coordinazione tecnica delle attività lavorative È fondamentale che i dettagli relativi all'organizzazione del lavoro siano chiaramente indicati nel documento informativo (infosheet) che viene inviato ai volontari almeno 1 mese prima dell’inizio del progetto. L'orario di lavoro varia dalle 4 alle 6 ore al giorno, 5/6 giorni a settimana. Nel caso di un lavoro semplice da effettuare, l’organizzazione del lavoro è responsabilità del coordinatore/coordinatrice del progetto. Quando è necessario, i volontari lavorano sotto la guida di un responsabile tecnico (preferibilmente proveniente dall'area d'intervento) che sappia indicare, insegnare e dirigere le attività lavorative. Vitto e alloggio (di solito spartano!) sono offerti dall'organizzazione di accoglienza, non in cambio del lavoro prestato ma come condizione indispensabile ai volontari per impegnarsi su un progetto di breve durata in un Paese straniero. • l’animazione e la gestione del gruppo di volontari e delle sue interazioni con la comunità e l'ambiente circostanti Il partner locale e il coordinatore si incaricano inoltre di organizzare insieme ai volontari sia la gestione della vita collettiva sia la realizzazione di piccoli eventi da condividere con la comunità o tra i membri del gruppo (visite culturali, gite, escursioni, cene internazionali etc, a seconda delle disponibilità).

YAP ITALIA WORKCAMPS Ogni anno YAP Italia organizza circa 15 campi di lavoro in Italia accogliendo più di 150 volontari da tutto il mondo.

CPI 14. Etruscan oil, 23/10 – 02/11/2010. I volontari raccolgono le olive per l’olio biologico

CPI 07. Napoli GIS II, 17/07 - 31/07/2010. I volontari in attività di animazione al baby parking dell’ospedale Monaldi di Napoli

YAP is member of CCIVS ( Coordinating Committee of International Voluntary Service, UNESCO ), ALLIANCE of European Voluntary Organizations


Workcamp with YAP Italy