Issuu on Google+

Libreria Villa d’Este

Distribuzione Gratuita

Sempre a p e r to

Viale Roma, 78 – 00012 Guidonia Viale Tomei, 65 – 00019 Tivoli

TIVOLI  Piazza Garibaldi, 7

tel./fax 0774.332440

Quindicinale per le Associazioni, la Cultura e il Tempo Libero

Anno XVI - Autor. Trib. di Roma 403/98 del 6-8-1998

Tel. 0774 336714

Fax 0774 315378

www.xlgiornale.it

info@xlgiornale.it

13

13 febbraio 2014

Rifiuti andata e ritorno Inaccessibile ormai, ai rifiuti non trattati, l’Inviolata. La regione Lazio, con grande ritardo, si è adeguata alla normativa europea e non consente più che i rifiuti indifferenziati vengano conferiti in discarica. Per i 49 Comuni che utilizzavano gli invasi di Guidonia-Montecelio, da un giorno all’altro è sorta la necessità di trovare un impianto di Trattamento mec-

canico biologico disponibile. Si tratta di Colfelice, in provincia di Frosinone, nel cui impianto i rifiuti indifferenziati di comuni come Tivoli, Moterotondo, Mentana, Fontenuova, dovranno essere trattati e poi riportati all’Inviolata. Costi elevatissimi di trattamento e trasporto che appesantiranno molto le prossime bollette della tassa sui rifiuti.

I nodi sono arrivati al pettine, il crollo dell’impero Cerroni ha messo a nudo le inadempienze delle amministrazioni comunali che finora non hanno avviato la raccolta differenziata spinta. Si penserà di sfruttare il ritardo accumulato per partire con il piede giusto? Se dal 2015 entrerà in vigore, con la Tari, il regolamento mi-

nisteriale secondo il quale chi più produce rifiuti indifferenziati più paga, è d’obbligo avviare almeno la tariffa puntuale di tipo volumetrico. Solo così la percentuale differenziata di rifiuti farebbe un salto verso l’alto e le bollette, inevitabilmente più care, sarebbero più giuste.

a pag. 5

Tivoli - Alla ricerca di un Sindaco disperatamente pag. 3

Guidonia - In attesa della Conferenza dei servizi

La storia delle case fantasma

pag. 5

Cultura - Gli appuntamenti

I terreni dell’ex Pio Istituto Santo Spirito sono di nuovo delle Asl e si torna così a parlare delle case “fantasma” costruite su quella terra tra Guidonia Montecelio e Tivoli, circa 180 ettari. Sembrerebbe non esserci nulla da fare e si ripropone sempre lo stesso problema: i proprietari delle case, che pagano nella maggior parte dei casi tutte le tasse, non possono diventare proprietari dei terreni. In questo modo non sarà loro possibile condonare nulla. A dicembre però la Asl Rmg ha dato incarico a far luce e chiarezza sulla questione, per i prossimi tre anni, all’avvocato Michele Pagano, capogruppo Udc in Consiglio comunale a Guidonia Montecelio e Segretario provinciale del partito.

delle prossime settimane pag. 8-9

Sport - Impianti degli Arci terra di nessuno pag. 13

a pag. 2

finEco. SEmplicE, comE immAGinARE.

lA bAncA chE SEmplificA lA bAncA

Tivoli - viAlE TRiESTE, 26 - TEl. 0774 080486

VENDI IL TUO VECCHIO ORO nalisa A CHI TI OFFRE DI PIÙ

An

IN OMAGGIO AI NOSTRI CLIENTI CENA PER DUE PERSONE ALLA PIZZERIA

PARCHEGGIO RISERVATO ORARIO NO STOP 8:00-20:00 TIVOLI - via Empolitana 45 tel. 0774 336631


2

XL

TERRITORIO

n. 3 2014

La storia delle case fantasma Cambia la normativa nel Lazio in tema di protezione civile ROMA - Il Consiglio regionale ha approvato con 31 voti favorevoli e 6 contrari (quelli del Movimento 5 stelle) la proposta di legge numero 42, che vede come primi due firmatari il consigliere Pd, Massimiliano Valeriani, e quello di FI, Adriano Palozzi, sul sistema integrato regionale di protezione civile e sull’istituzione dell’Agenzia regionale di protezione civile. Proprio la nascita di questo organo rappresenta la vera novità della legge. La maggioranza e gran parte dell’’opposizione si sono trovati concordi nel sostenere questa scelta e respingere “l’assalto” del Movimento 5 stelle, che invece avrebbe preferito all’’Agenzia l’’internalizzazione in una direzione regionale. Altri due elementi caratterizzanti sono la formazione (anche se l’ipotesi di una scuola è stata stralciata in seguito a un accordo con i pentastellati) e il ruolo dei volontari, con la nascita della Consulta regionale delle organizzazioni di volontariato di protezione civile (i cui componenti “lavoreranno” a titolo gratuito e saranno in carica due anni). La norma prevede anche l’istituzione del Centro funzionale multirischio, della Sala operativa unificata permanente, del Comitato regionale di protezione civile (presieduto dal presidente della Regione e composto anche dai presidenti delle Province, dai sindaci dei Comuni capoluogo di provincia, dal sindaco di Roma e dai presidenti di Cal, Anci Lazio, Uncem Lazio e della Consulta regionale delle organizzazioni di volontariato di protezione civile).

Rete gas: confermato capofila il Comune di Guidonia GUIDONIA - La Città di Guidonia Montecelio è confermata Comune capofila dell’Ato di riferimento Roma Tre, meglio delineato in un territorio compreso tra la Valle del Tevere e l’Asse Tiburtino, il riconoscimento andato alla città, al suo sindaco Eligio Rubeis, riguarda principalmente la gestione dell’appalto relativo al servizio di distribuzione del gas naturale. La riconferma è avvenuta la scorsa settimana nell’ambito di una assemblea alla quale hanno partecipato i 40 sindaci, o loro rappresentanti, dei comuni dell’Ato. Tutti hanno votato per Guidonia capofila del progetto, con la sola astensione di Monterotondo. La legge imponeva di individuare l’Ente, il soggetto giuridico cui potesse essere attribuito il ruolo di stazione appaltante, che potesse ossia gestire la gara d’appalto per la distribuzione del gas. Un appalto record da ogni punto di vista. Soprattutto dei numeri. Esso dovrà infatti affidare un servizio che servirà una popolazione stimata al 2010 in 400mila abitanti. Un appalto in cui, secondo un dato del 2008, per questa popolazione verranno erogati, ancora, l’anno, circa 111mila metri cubi di gas naturale; un appalto che interesserà una rete lunga oltre mille chilometri

I terreni dell’ex Pio Istituto Santo Spirito sono di nuovo delle Asl e si torna così a parlare delle case “fantasma” costruite su quella terra tra Guidonia Montecelio e Tivoli, circa 180 ettari. Sembrerebbe non esserci nulla da fare e si ripropone sempre lo stesso problema: i proprietari delle case, che pagano nella maggior parte dei casi tutte le tasse, non possono diventare proprietari dei terreni. In questo modo non sarà loro possibile condonare nulla. A dicembre però la Asl Rmg ha dato incarico a far luce e chiarezza sulla questione, per i prossimi tre anni, all’avvocato Michele Pagano, capogruppo Udc in Consiglio comunale a Guidonia Montecelio e Segretario provinciale del partito

Viale Trieste, 28/30 - 00019 Tivoli Tel./Fax: 0774.317941

La storia di quasi 2mila famiglie tra Tivoli e Guidonia si perde nel tempo e ciclicamente, dopo sprazzi di sereno, torna nell’oblio e sempre al punto di partenza. Alla fine della II Guerra Mondiale i reduci ottennero questi terreni per uso agricolo ma, dopo averli bonificati, vi hanno costruito le loro case. Nel corso degli anni, i 2500 soci delle quattro cooperative di “reduci” ed eredi, Menghi, Unitaria, Iemerense e 2000, hanno più volte tentato di sanare gli abusi, presentando numerose richieste di condono che, non essendo i terreni di proprietà dei richiedenti, ma prima della Asl RMG, poi della regione e poi ancora dei Comuni e di nuovo (oggi) della Asl, non è stato e non sarà mai possibile accogliere. Nel primi anni ’80 la proprietà dei terreni fu trasferita ai Comuni. Nei primi anni ’90 la proprietà si trasferì alle nascenti Asl, demandando la regolamentazione dei passaggi alle Regioni incaricate di legiferare in materia. Nel 1998 la Regione Lazio costituisce la Gepra incaricata della gestione di queste proprietà. Ma la Gepra, “sparisce” disintegrata dagli scandali. Ad un certo punto, nel 2008, questi terreni sono passati alla Regione. Sembrava arrivato il momento della soluzione di una vicenda che, da più di 60 anni, affligge più di 1.500 famiglie. La Regione ha cercato di procedere all’alienazione dei terreni a favore delle cooperative ed ha effettuato il frazionamento dei primi 200 lotti: 80 a Case Rosse e 120 della cooperativa Menghi di Guidonia. Dopo qualche spiraglio, in questi ultimi anni tutto come prima. Sui terreni dell’ex Pio Istituto oltre a quelle delle cooperative sono state costruite molte altre case, anche sulle pericolose sponde del fiume Aniene. Per cercare di far fronte alla situazione la Direzione Generale della

Asl Rmg uscente, guidata da Nazareno Brizioli, ha firmato il 22 novembre del 2013 una convenzione con un avvocato, la cui presa d’atto è avvenuta con deliberazione della direzione generale il 2 dicembre 2013 (n. 1237) pubblicata sull’albo online dell’Ente. Si tratta di Michele Pagano, Capogruppo Udc in Consiglio comunale a Guidonia Montecelio e Segretario provinciale del partito. A lui spetteranno per tre anni e per un costo da stabilire in base al tariffario e di volta in volta “Le problematiche sottese e connesse all’ese-

Si torna al doppio senso in via Roma GUIDONIA - Dopo circa tre anni di sperimentazione e le proteste di residenti, commercianti e politici si torna al doppio senso da via dei Consoli fino a via Tiburtina e l’inversione del senso unico da via dei Consoli a piazza Baracca. Restano allo studio i provvedimenti sulla mobilità collaterale a queste vie. Questo è quanto è stato deciso in occasione di una conferenza dei servizi che si è svolta lo scorso 6 febbraio. Presenti all’incontro i rappresentanti delle autolinee Cotral e Sap, il dirigente dei Vigili urbani, Marco Alia con il funzionario incaricato della viabilità il tenente colonnello, Norberto Grisci ed il Capo di Gabinetto, Angelo De Paolis.

TIVOLI ATTICO

lucianiimmobiliare@gmail.com

www.lucianimmobiliare.agenzie.casa.it

LOCALITÀ MONITOLA - Costruzione di 50 mq con acqua e luce + terreno di 7.000 mq. ACE-G € 105.000,00 trattabili CASTEL MADAMA - App.to 2° piano completamente da ristrutturare, 50 mq centrale. ACE-G € 70.000,00 TIVOLI - CASALI DELLA CASTELLUCCIA - Porzione di bifam. per 400 mq con 3.000 mq di giardino. Ottime rifiniture.ACE-G € 450.000,00 CASTEL MADAMA - ZONA EMPOLUM - Rustico da rifinire 45 mq + 16 mq preesistenti sanati come civile abitazione con 1.200 mq di terreno. Splendida posizione. ACE-G € 70.000,00 TIVOLI - VILLA ADRIANA - porzione di villa composta da appartamento con ingresso salone cucina tre camere e bagno con ampio giardino. Box ampio. ACE-G € 280.000,00

TIVOLI VIA A. SCALPELLI appartamento da 110 mq composto da ampio ingresso sala cucina abitabile due camere bagno due balconi e cantina. ACE-G € 180.000,00 TIVOLI AD.ZE STAZIONE - appartamento composto da ingresso, cucina abitabile, due camere, bagno e terrazzo soprastante di 50 mq. Ristrutturato. ACE-G € 140.000,00

CESSIONI AZIENDE TIVOLI - Centralissima attività di edicola e cartoleria cedesi € 220.000,00 tratt.

cuzione degli appalti, quelle relative all’amministrazione di tutto il patrimonio immobiliare dell’ente; ai contratti di locazione, alla ricognizione degli stessi (siano essi attivi che passivi) e dunque alla corretta esecuzione, alle procedure di esproprio, alle indennità di occupazione, ai rinnovi e/o subentri per effetto di cessioni, oltre al progetto relativo ai beni dell’ex Pio Istituto Santo Spirito con particolare riferimento alle regolarizzazioni degli occupanti ovvero detentori degli immobili”. Michela Maggiani

PRESTIGIOSO CON ASCENSORE 150 mq sull’intero piano con 200 mq di terrazzo perimetrale composto da ampio ingresso, salone doppio, cucina abitabile, studio, tre camere, doppi servizi, due ripostigli esterni ed uno interno. Rifiniture di pregio con marmo nell’ingresso, nello studio e nel salone e parquet nelle camere. Posto auto. ACE-G

€ 470.000,00


XL

POLITICA

13 febbraio 2014

3

Tivoli, cercasi Sindaco disperatamente Pedoni, fanti e cavalli, re e regine, i pezzi sullo scacchiere della politica tiburtina cominciano a muoversi sempre più velocemente in vista delle prossime elezioni comunali di maggio ma troppe mosse occorrono ancora prima di vederli tutti sistemati. Da sinistra a destra, passando per il centro, sono pochi i punti fermi e tante le variabili che, comunque, si vanno sempre di più assottigliando con l’approssimarsi dell’appuntamento elettorale.

to Sel e Rifondazione Comunista oltre ad alcuni referenti di associazioni e società civile. Le ultime voci danno possibile una campagna solitaria verso le elezioni comunali.

Liste e Movimenti civici Fermento, poi, anche nel sempre più vasto mondo delle liste civiche. Proseguono gli incontri tra Progetto Tivoli, Movimento Tivoli Terme e Tivoli Mia a cui potrebbero unirsi anche altri movimenti civici. In ballo continuano ad esserci le primarie tra questi ma negli ultimi giorni spunta anche l’ipotesi di un possibile accordo su un unico candidato, magari anche con l’assenso di W Tivoli. Entrambe le soluzioni vedrebbero degli scontenti e questa alleanza di liste e movimenti civici rischia di perdere, in ogni caso, qualche pezzetto.

Centro Sinistra Per ora l’unica certezza sembra essere la candidatura di Manuela Chioccia alle primarie del Pd, o della coalizione di centro sinistra, ma cerca ancora uno sfidante. Sembra tramontata la sfida alle primarie con Massimiliano Iannilli e del suo movimento Città in comune al quale hanno aderi-

possibili nomi, anche il Nuovo Centro Destra ha un “candidato” ma apre alle primarie. “Che il nome sia frutto di una condivisione o di primarie, basta che non viene imposto da Roma e calato dall’alto”, questa la sintesi del “Ncd” pensiero. In casa Fi, invece, la scelta sembra essere ristretta a quattro nomi e sembra essere tramontata l’ipotesi Gallotti bis (o tris considerando l’esperienza amministrativa del 1996). In pole ci sarebbero l’ex consigliere comunale “storico” Laura Cartaginese, l’ex assessore al Turismo ed Attività Produttive (di Amore per Tivoli) Vincenzo Tropiano, l’ex assessore alle Politiche Sociali (mandato via durante uno dei tanti rimpasti di Gallotti per “far posto” ad un assessore di Alleanza per Tivoli) Federica Mondani e Riccardo Luciani. Intorno al nome di quest’ultimo si è aperto un piccolo “caso”. Luciani, infatti, è e resta il candidato sindaco di Tivoli Mia, che ad oggi sta parlando con le altre liste civiche, smentita, quindi, la candidatura con Fi. Da vedere, poi, anche cosa deciderà di fare Fratelli d’Italia.

Il Centro Centro Destra Situazione ben più intrigata nel centro destra che, orfano di un Pdl che a Tivoli era diviso in tante correnti ed oggi è diviso in tanti partiti, deve ancora trovare un accordo. Se Forza Italia lavora su diversi

In questo quadro resta ancora da “sola” Alleanza per Tivoli, ma con tutti questi scenari ancora aperti non è affatto da escludere che degli accordi vengano trovati appena qualche casella incomincia a “sistemarsi”. Fulvio Ventura

GUIDONIA Primarie del centro sinistra a Guidonia: l’UDC porta Fabiano Valelli “Sosteniamo, nel comune di Guidonia Montecelio, con convinzione, la candidatura alle primarie di coalizione del centrosinistra di Fabiano Valelli, un imprenditore che ha anche investito e portato lavoro nel nostro territorio dichiara Michele Pagano, Capogruppo Udc in Consiglio comunale e Segretario provinciale del partito -. D’altronde, il principio delle autonomie locali, così come la necessità di valorizzare le specificità territoriali, non consente improvvise virate politiche nelle quali, spesso, non ci si riconosce. Valelli è un manager, conosce in maniera approfondita questa realtà. Ha competenze e professionalità e, in più, tantissima voglia di fare a favore della comunità. Rappresenta, a nostro avviso, la società civile in maniera ottimale. Questa scelta, come ho avuto modo di precisare nel corso di una recente conferenza stampa, prosegue un discorso politico iniziato con la mia precedente candidatura a Sindaco, non riuscita per pochi voti. E’, dunque - conclude Pagano -, una scelta legata alla coerenza e al buon senso”. “Credo, comunque, che in un

contesto generale così difficile per il nostro Paese – ha detto Fabiano Valelli che ha ufficializzato la sua candidatura lo scorso 6 febbraio - ognuno di noi debba mettere a disposizione della collettività competenze e professionalità

- dichiara Fabiano Valelli -. Le famiglie e i giovani, in particolare, stanno vivendo una sidi tuazione grande disagio che non sembra trovare adeguata risposta dalle Istituzioni”.

De Vincenzi si presenta Sala gremita la sera del 1° febbraio per la presentazione del consigliere del Pd, presidente di Cotral spa, Domenico de Vincenzi come candidato alle primarie a sindaco di Guidonia Montecelio del centrosinistra, previste per il 9 marzo, dietro lo slogan “Guidonia cambia colore”. Sono intervenuti a sostenere la candidatura di De Vincenzi: Luigi Zanda - Presidente Senatori PD, Bruno Astorre - Senatore PD, Anna Parente - Senatrice PD, Andrea Ferro Deputato PD, Daniele Leodori - Presidente Consiglio Regionale Lazio PD, Riccardo Agostini - Consigliere Regionale Lazio PD. In prima fila nella sala del cinema The Space: Rita Salomone - Capogruppo PD Comune di Guidonia Montecelio, Emanuele Di Silvio - Consigliere Comunale di Guidonia Montecelio. Il consigliere ha detto di voler affrontare la campagna elettorale in vecchio stile, in strada e tra le persone.

Festa di San Valentino Cena Cuori c i na C ARN EOP ESCE

Tivoli - vicolo di Prassede, 17 • Prenota allo 0774334545


Guidonia Montecelio sogna l'Expo 2015 Guidonia Montecelio all’Expo guarda 2015 di Milano con uno sguardo interessato. Sì, perché la Città dell’Aria sogna di poter far parte di questo importante appuntamento per tutta la nazione. L’iter è complesso e pieno di ostacoli, ma l’amministrazione comunale tutta ed il sindaco Eligio Rubeis faranno in modo di concretizzare questa opportunità proseguendo quel progetto di crescita culturale avviato nel giugno del 2009. Una Guidonia Montecelio sempre più protagonista. Milano, come sappiamo, ospiterà l’Esposizione Universale nel 2015, un evento che si svolge ogni cinque anni per una durata di sei mesi e si sviluppa attorno a un tema universale di interesse globale. L’appuntamento di Milano sarà uno straordinario evento universale che darà visibilità alla tradizione, alla creatività e all’innovazione nel settore dell’alimentazione, raccogliendo tematiche già sviluppate dalle precedenti edizioni di questa manifestazione e riproponendole alla luce dei nuovi scenari globali al centro dei quali c’è il tema del diritto ad una alimentazione

sana, sicura e sufficiente per tutto il pianeta. Questo evento può segnare la fine di un incubo per la nostra nazionale rappresentato da una crisi che ha messo in ginocchio tutta l’Italia. Guidonia Montecelio vuole esserci, vuole avviare questa rinascita. Il primo passo del viaggio di Guidonia Montecelio verso Milano è l’approvazione di un atto di indirizzo per l’adesione al “Piano città nazionale 2014” con la possibilità di partecipazione all’evento fieristico. La proposta arriva dall’Area IV – Urbanistica e assetto del territorio, approvata all’unanimità dalla Giunta comunale lo scorso nove gennaio, e si inserisce in una serie di progetti già in essere, come quello denominato “Smart city di iniziativa pubblica e per promuovere stand multiplo presso gli enti fieristici nazionali”

e le iniziative di registrazione di marchi ad uso esclusivo del Comune. Verso questi progetti l’amministrazione sta impegnando risorse importanti: ad esempio per l’iniziativa Smart city, con affidamento nel corso del 2013 di un incarico professionale all’ingegnere Stefania Viceconti, l’Ente ha già investito 32mila euro. Altri 24mila euro sono serviti alla ditta Present Spa per lo “Studio di fattibilità per la gestione degli open data”. A novembre del 2013 100mila euro sono stati investiti per la registrazione dei marchi. Impegno, lungimiranza e tanto lavoro per la realizzazione di un sogno: quello di vedere Guidonia Montecelio tra le grandi città. La motivazione di “dare lustro alla città e diffondere la cultura e le tradizioni proprie dei nostri territori, nonché promuovere le tecnologie in esame” è solo la base di una possibilità concrete per le imprese e per l’economia. Opportunità di business e lavoro, nuova occupazione, visibilità delle capacità imprenditoriali e dell’immagine della nostra città.

Rifiuti ingombranti a Guidonia

Convegno studio epidemiologico

Continuano gli appuntamenti per la raccolta dei rifiuti ingombranti a Guidonia Montecelio. L’iniziativa dell’assessorato all’Ambiente guidato da Andrea Di Palma consente ai residenti della Città dell’Aria di liberare cantine, garage e ripostigli da apparecchiature elettriche, mobilio e quant’altro ancora in uso. Dal 25 gennaio un giorno diverso per ogni quartiere fino al 10 maggio. Tutte le date, gli indirizzi e le informazioni utili saranno poi accessibili tramite l’applicazione per smartphone dell’assessorato all’ambiente. Resterà in vigore comunque il servizio di ritiro a domicilio dei rifiuti ingombranti. Contattando il numero di telefono 800.91.61.39, i cittadini potranno richiedere l’intervento degli operatori che operano dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle 12. Per chi ha buona memoria e riesce a ricordare da subito la data in cui operatori e cassonetti appositi saranno nel suo quartiere, ecco la lista: Collefiorito, piazza Dalla Chiesa 22 febbraio; Villanova, piazza San Giuseppe artigiano 1 marzo; Setteville, via De Ledda 15 marzo; Bivio di Guidonia, via Dei Platani 22 marzo; Pichini, viale Tiziano 12 aprile; La Botte, piazza Colle Grato 16 aprile; Villalba, via Delle Regioni 3 maggio; Albuccione, piazza De Mazenod 10 maggio.

Venerdì 14 febbraio, presso il Grand Hotel Duca d’Este di Tivoli Terme, saranno presentati gli esiti dello studio epidemiologico promosso dall’amministrazione comunale di Guidonia Montecelio a metà dello scorso anno per individuare gli impatti sulla salute pubblica che potrebbero essere legati al deterioramento della qualità dell’aria nella zona delle cave, in particolare tra gli stessi operai esposti per molte ore alle polveri killer prodotte dall’intensa attività estrattiva che si effettua in quei luoghi. Il convegno, organizzato dall’assessorato all’Ambiente, vedrà la partecipazione dei medici di base dell’azienda sanitaria locale Rmg, della dottoressa Victoria Tourtchenko che ha realizzato gli accertamenti clinici presso il Distretto Sanitario di via Fratelli Gualandi e che esporrà quanto dedotto dall’analisi svolta su un campione volontario di soggetti sottoposti a visita pneumologica ed esame spirometrico per misurare la funzionalità respiratoria. Attesa anche la partecipazione del nuovo direttore generale dell’Asl Roma G, Giuseppe Caroli, appena nominato dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. Altro tema una mappatura delle patologie respiratorie e l’incidenza con la quale esse si manifestano sulla cittadinanza ma con un’attenzione particolare agli impiegati nel settore estrattivo, una categoria potenzialmente esposta a grandi concentrazioni di polveri determinate dal taglio e dalla movimentazione dei blocchi di travertino e particolarmente esposta al contatto con rifiuti speciali non pericolosi e con i residui per la produzione di calcestruzzo.

INPS a Guidonia Un impegno condiviso per sollecitare quanto più possibile l’iter burocratico e la ristrutturazione degli immobili di Guidonia per riportare quanto prima la sede dell’Inps nella Città dell’Aria. Questo quanto emerso al termine di una riunione svoltasi tra i rappresentanti sindacati e dipendenti, Tonino Albertini della Uil e Rossana De Angeli della Cgil oltre al consigliere comunale Alberto Morelli, il capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale Mario Valeri con l’unico consigliere d’opposizione presente Emanuele Di Silvio (Partito Democratico). Sarebbe già pronto un atto di ristrutturazione e riassetto degli uffici dell’area metropolitana di Roma che darebbe ufficializzazione alla sede complessa di Guidonia. Dodici mesi quindi per riaprire una sede Inps a Guidonia, non più semplice ufficio ma una sede complessa come quella di Tiburtino o Monteverde. La storia si trascina dall’anno scorso, parte con la determinazione della direzione regionale del Lazio che annuncia, causa razionalizzazione dei costi, la chiusura dell’ufficio Inps di Collefiorito con accentramento delle funzioni nella sede di Tivoli. A seguire l’interessamento dell’amministrazione, preoccupata dalla perdita di un servizio così importante, che sfocia nell’individuazione di alcuni uffici di proprietà dell’Inps a Guidonia centro per i quali il comune si mette a disposizione per la ristrutturazione e l’adeguamento ed un ricorso al Tar del Lazio contro la chiusura, rifiutato e riproposto in appello. Nel frattempo, il 31 dicembre, scade il contratto tra i proprietari dell’immobile a Collefiorito, pratiche e dipendenti vengono trasferiti nella sede tiburtina.

Una chiesa per la comunità Ortodossa Una chiesa per la comunità Ortodossa del territorio: l’obiettivo è sempre più vicino. Pochi passi alla conclusione dell’iter, avviato a seguito di un accordo siglato tra il sindaco di Guidonia Montecelio Eligio Rubeis ed i rappresentanti della Diocesi Ortodossa Romena d’Italia. Una nuova struttura per le celebrazioni e spazi per tutti i servizi. La comunità per adesso usufruisce della Sala della Cultura in piazza Leone Bernardini in orari e giorni stabiliti, condividendo l’uso con altre associazioni. Troppo poco secondo il primo cittadino che ha pensato bene di intervenire concretizzando una promessa. L’Ente destinerà gratuitamente, tramite la cessione del diritto di superficie, il terreno su cui a spese proprie la comunità religiosa edificherà il luogo di culto. Ultime formalità da espletare ora per regolarizzare l’iter burocratico della cessione, la destinazione urbanistica dell’area individuata. È così che con la determinazione numero 18 del 28 gennaio 2014, il dirigente all’Urbanistica del comune di Guidonia Montecelio ha provveduto a “variare la destinazione d'uso del terreno distinto al catasto al foglio 13 parto 240, e foglio 14 particella 381, Sezione Le Fosse, da Sottozona Verde Pubblico, a Sottozona a Servizi Pubblici, F4”. Seguirà l’atto formale della concessione del diritto di superficie alla Diocesi Ortodossa Romena d'Italia a favore della Parrocchia Ortodossa Romena "San Geremia Profeta".

uff.stamparubeis@libero.it - 0774.301238

PAGINA A CURA DEL COMMITTENTE

GuidoniaComuneinforma


Per Tivoli in particolare i risvolti potrebbero essere pesantissimi vista la difficilissima situazione in cui versa l’azienda partecipata del Comune che solo pochi giorni fa ha visto il tribunale approvare il piano di ristrutturazione del debito. Dieci milioni solo nei confronti di Eco Italia 87, la società di Cerroni che gestisce l’Inviolata. Un salvataggio dal fallimento che però si confronta immediatamente con una nuova pesantissima emergenza. LA REGIONE LAZIO ha deciso la chiusura delle discariche, per quei Comuni che hanno continuato a conferire rifiuti indifferenziati. All’atto della scadenza del regime di proroga, non ci saranno altri rinnovi ed i comuni che, ostinatamente, hanno continuato a raccogliere rifiuti utilizzando i cassonetti stradali dovranno utilizzare impianti di Trattamento meccanico biologico prima di conferire in discarica. Per la grande discarica guidoniana, che per quasi trent’anni ha risolto i problemi del territorio Sabino-Tiburtino, consentendo sonni tranquilli ai pigri amministratori comunali, il termine ultimo della proroga, firmata allora dal vice presidente regionale Smeriglio, era fissato al 12 febbraio. POCHI E GIÀ RISOLTI i problemi di Guidonia che ha già individuato i siti dentro e fuori regione in cui conferire la quota di indifferenziato residuo del porta a porta, analoga situazione per gli altri che hanno istituito già da tempo la raccolta differenziata spinta. Enormi i problemi per gli altri che vedranno lievitare tantissimo i costi di trasporto e trattamento, posto che i siti idonei accettino il nuovo imponente carico. Ovviamente tutto pese-

XL

TERRITORIO

13 febbraio 2014

Rifiuti al pettine! Inviolata chiude È arrivato il momento della crisi definitiva per i Comuni che non hanno avviato la raccolta differenziata spinta. L’Inviolata chiude e per Tivoli, Monterotondo, Mentana e Fonte Nuova si apre una crisi che sembra trovare una soluzione provvisoria ma costosissima, in Provincia di Frosinone rà sulle già gravate tasche dei cittadini. I più tartassati saranno quelli di Tivoli che pochi giorni fa hanno pagato la mini-imu e ricevuto dalla Andreani tributi le, a volte cervellotiche, ingiunzioni di pagamento relative agli accertamenti della Tia per gli anni 2008-2011. AD OGNI TIBURTINO, un servizio che più scadente non si può, lascia la città sporca oltre la decenza e raggiunge una percentuale minima di differenziato intorno al 14%, già costa, in media, più di 150 euro l’anno! Ad un abitante di Guidonia che fa la differenziata spinta il servizio costa 141 euro, ad uno di Subiaco, dove il porta a porta comincerà tra pochissimi mesi circa 100 euro, ad uno di Castel Madama, dove il porta a porta è attivo da un anno insieme al compostaggio domestico e la percentuale di differenziato è oltre il 70%, costa circa 80 euro l’anno. Per i tiburtini non finisce qui, quando il Commissario prefet-

tizio riuscirà ad attivare l’ormai obbligatorio sistema di raccolta porta a porta, che comporta un inevitabile aumento di personale impegnato, i costi e le relative bollette, saliranno alle stelle. Almeno però, sparirà la spesa per il conferimento in discarica delle circa 1400 tonnellate l’anno di rifiuti che gli abitanti dei comuni confinanti, nei quali si effettua il Porta a porta, scaricano nei cassonetti tiburtini . E’ evidente allora che, per non portare i cittadini,all’esasperazione, alla disobbedienza civile ed al rifiuto delle bollette, sarebbe opportuno pubblicare un bando pubblico per affidare la gestione dei rifiuti in regime di concorrenza, salvaguardando i posti di lavoro dei dipendenti. COSÌ È STATO FATTO A GUIDONIA, a Castel Madama ed in altri comuni dove un servizio migliore e più affidabile, costa molto meno. Troppo facile gestire le cose pensando che tanto sono i cittadini a pagare comunque.

Occorre sicuramente riflettere meglio nell’ipotizzare un rinnovo dell’affidamento all’Asa per cinque anni che prevede un nuovo ricorso al credito i cui ulteriori costi graverebbero sulla cittadinanza che già paga. I tiburtini sono stanchi di essere vessati. Come si potranno convincere a pagare bollette molto più alte di quelle attuali quando negozi, bar e ristoranti si vedono recapitare bollette da migliaia di euro, alcune da oltre ventimila l’anno? E soprattutto, è giusto che le inefficienze delle ultime amministrazioni ricadano così pesantemente sulle spalle dei cittadini? PER TORNARE ALL’IMMEDIATO, il rischio è quello di vedere a breve le strade della città dell’Unesco riempirsi nuovamente di rifiuti, poiché spedire i rifiuti lontano, utilizzando gli obsoleti compattatori dell’Asa, fa pensare all’impossibile. In modo particolare se, come sembra, la destinazione sarà l’impianto TMB di

Guidonia, in attesa della conferenza dei servizi del 18 febbraio La Regione non rinnova l’ordinanza, spedisce tutti e 49 a Colfelice solo per il trattamento dei rifiuti che poi torneranno a Guidonia, perché all’Inviolata, c’è ancora spazio. Si attende poi con ansia il 14 marzo quando l’impianto Tmb sarà pronto “La Regione Lazio, in attuazione della circolare del ministero dell'Ambiente e per superare le criticità presenti da tempo nella gestione del ciclo dei rifiuti dei comuni della provincia di Roma – si legge in una nota dello scorso 10 febbraio -, ha deciso di non rinnovare l'ordinanza in scadenza il prossimo 12 di febbraio per la discarica de l'Inviolata”. Nell'ordinanza regionale si obbligava il gestore del sito dell'Inviolata a realizzare l'impianto di Tmb, autorizzato nel 2010, e i 49 Comuni del comprensorio a promuovere la raccolta differenziata Porta a Porta o almeno a separare l'umido. “La Regione è stata informata dal gestore - aggiunge - in prossimità della scadenza dell'ordinanza stessa, che l'impianto di Tmb sarà realizzato entro il prossimo 14 marzo. Quindi, in via temporanea e per il tempo utile al completamento dell'impianto, sarà necessario utilizzare un sito alternativo per il solo trattamento”. “Dal prossimo mercoledì 13 febbraio – si legge nella nota della Regione -, pertanto, tutti i rifiuti dei 49 Comuni che conferiscono a l'Inviolata potranno essere trattati a Colfelice, per essere poi smaltiti nel sito di Guidonia che dispone ancora di volumetrie sufficienti per gestire la fase transitoria in attesa del completamento del Tmb”. COS’ERA SUCCESSO NELLE SETTIMANE PRECEDENTI La discarica guidoniana dell’Inviolata sempre in primo piano, tra colpi di scena, chiusura temporanea, e previsioni rispettate, chiusura definitiva il 12 febbraio. A sorpresa la discarica ha chiuso i battenti il 6 febbraio per una sorta di “malinteso” tra il gestore e la Regione per poi riaprire il giorno dopo, quando contemporaneamente in Regione si teneva la conferenza dei servizi sulle nuove autorizzazioni conclusasi con un nulla di fatto. Il tavolo era stato convocato per discutere le nuove autorizzazioni chieste per un nuovo invaso da 500mila metri cubi di servizi all'impianto Tmb e ulteriori abbancamenti per 87mila metri cubi. La decisione è stata rimandata. Si attende l'esito dell'altra conferenza dei servizi prevista in Comune per il 18 febbraio nella quale si dovrà discutere dell'inquinamento delle falde sottostanti la discarica. Dai dati definitivi del Piano di caratterizzazione con i monitoraggi puntuali effettuati dal-

l'Arpa Lazio, “si presenta una situazione di persistente contaminazione della falda acquifera da parte di sostanze organiche ed inorganiche (Manganese, Ferro, Nichel, Piombo, Arsenico, Diclorobenzene, Dicloropropano ecc.), e con la presenza anche del pericolosissimo Tallio, rinvenuto nei suoli”. Prima della nuova conferenza, l'unica cosa per il momento certa, è la scadenza della proroga che non sarà rinnovata. "Guidonia Montecelio è un esempio di buona amministrazione – ha detto il sindaco Rubeis -. Per cui non abbiamo bisogno di alcun impianto, né di alcuna discarica di servizio. Per quanto ci riguarda sia Zingaretti a dire se l’impianto lo vuole ancora". Presenti in Regione anche i rappresentanti delle associazioni e dei comitati che stanno facendo fronte comune e che hanno depositato le proprie memorie e inviato lettera di diffida contro la realizzazione dell'impianto Tmb che sarà terminato il 14 marzo . La lettera è a firma dell’Associazione Culturale Onlus “Amici dell'Inviolata”, del Comitato Cittadini Marco Simone-Setteville Nord e dell’Associazione Comitato Popolare Nord-Est Lazio ed ed è stata inviata al Prefetto, alla Regione, al Comune di Guidonia Montecelio, al Mibac, al Comune di Fonte Nuova, alla Procura. “L'impianto Tmb – spiegano i comitati - è in costruzione su un'area fortemente inquinata (falda sottostante la discarica e suoli), sottoposta a Piano di caratterizzazione da cui dovrebbe scaturire un'immediata bonifica del sito, non è sottoposto ad iter autorizzativo legittimo, tant'è che il Ministero dei Beni e le Attività culturali ne ha recentemente denunciato l'illegittimità, chiedendo con forza la sospensione dei lavori”. A questo si aggiunga che il nuovo impianto “Si trova al centro del Parco regionale naturale archeologico dell'Inviolata di Guidonia”. Per i cittadini “Tale impianto dovrebbe essere sospeso, vista la sua presenza su un'area pesantemente inquinata e per rispetto della salute dei cittadini che risiedono nelle zone limitrofe”. Continua, quindi, da parte dei comitati e dei cittadini la duplice lotta per chiudere e bonificare l’Inviolata e per impedire la fine dei lavori dell’impianto.

Michela Maggiani

Colfelice in Ciociaria, dove i rifiuti dovrebbero essere trattati per tornare poi all’Inviolata. I costi dell’operazione sarebbero quasi doppi rispetto al conferimento tale e quale: 170 euro circa a tonnellata! LA REGIONE LAZIO, dopo il crollo del sistema Cerroni che con le sue tariffe stracciate ha adescato gli amministratori del Lazio rendendo antieconomico il Porta a porta, di colpo chiude le porte delle discariche senza indicare soluzioni e senza soprattutto risolvere il problema della mancanza di impianti di trattamento. “È ora compito dei Comuni l’individuazione della soluzione più favorevole alle proprie esigenze e la relativa comunicazione in merito, che la Regione Lazio aspetta di ricevere entro le prossime 24 ore”. Così scrive, nella comunicazione inviata ai Comuni, l’Ente che nell’ultimo decennio non ha fatto nulla, o quasi, per stimolare la realizzazione degli impianti di trattamento dei rifiuti, non si è

5

adeguata alle leggi in vigore ed alla normativa europea ed ora scarica tutto su quei comuni che da parte loro hanno dimostrato una inefficienza paurosa. Dimentica però che gli impianti di compostaggio sono assolutamente insufficienti e quelli di Trattamento meccanico biologico ipotizzati restano bloccati perché progettati in luoghi dove i fattori escludenti sarebbero superabili solo attraverso il regime di emergenza. Basta guardare quello TMB in via di realizzazione all’interno dell’area dell’Inviolata per esempio: rilievi ostativi del Ministero dei beni Culturali che chiede la sospensione dei lavori per mancanza dell’autorizzazione paesaggistica e pareri negativi della Provincia di Roma perché il terreno sottostante l’impianto vede inquinamento diffuso da percolato e deve essere bonificato. STESSA STORIA A GALLICANO NEL LAZIO dove il mega impianto di compostaggio, a digestione anaerobica e produzione di biogas da ben 50.000 tonnellate l’anno, progettato all’interno della Tenuta di Passerano, vede l’opposizione furiosa dei cittadini di Valle Martella che pochi giorni fa hanno costretto il presidente dell’assemblea a sospendere il Consiglio comunale. Non sarà allora che, come per la discarica che si voleva realizzare a San Vittorino-Corcolle, si cerca di far scoppiare il caos per legittimare l’arrivo di un nuovo Commissario con poteri eccezionali? Speriamo di sbagliarci perché sarebbe qualcosa di già visto, che non funziona ed in più ci lascia con le tasche vuote! Gianni Innocenti

ASA: sì alla ristrutturazione dei debiti TIVOLI - Salva l’Asa ed i 91 posti di lavoro, il tribunale ha approvato il piano di ristrutturazione dei debiti che la municipalizzata ha accumulato negli anni. In Municipio, però, ora si lavora per dare un futuro all’azienda che deve passare, necessariamente, per la raccolta porta a porta e per un contratto di servizio pluriennale. Problemi in vista, però, per la lotta “all’evasione” della Tia e della Tares. Dal palazzo di giustizia di Tivoli è arrivata la tanto attesa notizia, ponendo così fine ad una lunga procedura iniziata mesi fa e che ha visto subito coinvolti i vertici dell’Eco Italia 87, la società del patron Manlio Cerroni che gestisce la discarica dell’Inviolata, con cui l’Asa ha accumulato circa 10 milioni di euro di debiti su 13 totali. Risolto questo passaggio, altre sfide attendono i vertici della società e l’amministrazione comunale ed in primis capire cosa succederà alla spazzatura tiburtina qualora venisse chiusa la discarica dell’Inviolata. “Abbiamo sollecitato già la Regione a darci notizie in merito – spiegano dal Municipio – attendiamo il piano dei rifiuti”. BILANCIO E PORTA A PORTA E’ ancora aperta, da dicembre, l’assemblea dei soci con cui deve essere approvato il bilancio del 2012 con il Commissario Prefettizio che, oltre ad aspettare la decisione del tribunale, aveva anche chiesto dei chiarimenti sui conti presentati dal managment dell’Asa. C’è da affrontare, poi, la questione della raccolta porta a porta. La nuova differenziata oltre che un atto di civiltà rappresenta anche un passaggio decisivo per il futuro dell’azienda. Affidare all’Asa il porta a porta vorrebbe dire stipulare un contratto pluriennale che servirebbe alla società per poter accedere al credito bancario e gestire più facilmente, così, i problemi di “liquidità”. Il contratto quinquennale sarebbe anche la chiave per arrivare a nuovi investimenti da parte della società sul parco mezzi, esaudendo così una delle richieste dei dipendenti che lamentano da tempo l’insicurezza del lavoro. LA VOCE DEL COMUNE “Abbiamo accolto con favore la decisione del tribunale – ha spiegato il commissario prefettizio Alessandra de Notaristefani di Vastogirardi – ora dobbiamo continuare a lavorare per il porta a porta. Anche lunedì ci sono state riunioni e sopralluoghi, non è facile avviare il porta a porta in un comune così grande e poi ci sono dei tempi tecnici da rispettare. Stiamo facendo il possibile”. TIA E TARES Continua il lavoro dell’Andreani Tributi, la società scelta dall’allora amministrazione Gallotti per scovare evasori ed elusori dell’imposta sui rifiuti, Tia prima e Tares poi. Molte aziende hanno ricevuto gli avvisi di accertamento, alcuni anche superiori ai 100 mila euro, ma diversi commercialisti stanno riscontrando errori e le contestano. Fulvio Ventura


6

XL

TERRITORIO

n. 3 2014

La grande crisi attanaglia le imprese Adele Minestrini è da un anno segretaria della CNA Roma Est. È stata eletta in un momento di crisi mai vista per le imprese. Una crisi che ha anche investito le stesse associazioni di categoria che fanno difficoltà a gestire la situazione e offrire assistenza e servizi alle imprese. Abbiamo posto alcune domande alla Minestrini proprio alla vigilia di una grande manifestazione organizzata per il 18 febbraio da tutte le associazioni delle piccole imprese e dei commercianti a Roma. Domanda ovvia e banale: qual è lo stato della crisi delle piccole aziende del nostro territorio? Non trovo sia banale questa domanda tutt'altro, diciamo che la domanda è alquanto complessa in quanto Lo stato attuale della crisi del nostro territorio rispecchia il quadro generale di tutto il Paese ed il dato è alquanto allarmante. Crolla la capacità di produrre ricchezza, aumentano i cittadini che non cercano più lavoro e cresce il ricorso agli ammortizzatori sociali. Allo stesso tempo cresce il numero delle imprese attive, ma non cresce l'occupazione. Questo perchè la media impresa, quella che maggiormente soffre il costo del lavoro, chiude e da qui prendono vita nuove micro imprese.É maggiormente la micro impresa, spesso formata dal

Qual è la situazione delle imprese della nostra zona e come uscire da una crisi che ha lasciato per strada molti fallimenti e tanti posti di lavoro. I commercianti e le piccole imprese non ce la fanno più. Abbiamo intervistato Adele Minestrini, imprenditrice e segretaria della zona Roma est della CNA - Confederazione Nazionale dell’Artigianato e delle piccole imprese solo titolare, che tende a sopravvivere. Quali i settori più colpiti dalla crisi? Le imprese artigiane sono senza dubbio le più colpite dalla crisi economica. L’artigianato, che rappresenta il 25% del sistema produttivo italiano, ha accusato un forte calo, mentre le imprese non artigiane hanno sostanzialmente tenuto. Le più a rischio sono le imprese edili per le quali la crisi dura ormai interrottamente dal 2008. Mentre nel settore del manifatturiero a soffrire maggiormente sono il mercato del tessile, abbigliamento e nautica causato dal crollo della domanda e dalla concorrenza a basso costo delle economie emergenti. Quali le eccellenze e le peculiarietà delle aziende in particolare a Tivoli e Guidonia? Tivoli e Guidonia come tutta l'area Est della provincia di Roma, godono di grandi potenziali che vanno dall'artigianato (Laboratori della lavorazione dei marmi, falegnamerie, laboratori di sce-

notecnica, tipografie etc.) all'agroalimentare con prodotti tipici locali come l'olio extra vergine d' oliva DOP alle aree industriali di Fiano Romano, Monterotondo Fonte Nuova, Polo Tecnologico Tiburtino e centri di ricerca come CNR a Palombara Sabina. Senza dimenticare l'estrazione del travertino che da secoli è il motore trainante di buona parte dell'economia tibutina. Le cementerie a Guidonia, la produzione di calci idrate a Marcellina. La nostra area inoltre possiede un ricco patrimonio artistico e culturale, castelli, ville borghi medioevali. Tivoli rappresenta la città d'arte per eccellenza dall'arte Romana all'arte contemporanea di I. Mitoraj e A. Pomodoro. Si intravedono segnali di ripresa? Sono stati stanziati 260 milioni di euro dall' UE per start up, innovazione reti d'impresa green economy accesso al credito. Ci sono bandi per i comuni mirati per il rilancio e la valorizzazione del territorio, in infrastruttu-

Riceviamo e pubblichiamo

Lettera aperta agli elettori Cari amici, tra pochi mesi andremo alle urne per eleggere il nuovo sindaco di Tivoli. La giunta Gallotti per la nostra città è stata un disastro generale: tre anni di abbandono totale della città. Noi abbiamo bisogno di eleggere persone che abbiano a cuore il bene della città e dei suoi cittadini. (...) Vi chiedo di fare una grande riflessione da oggi fino al giorno in cui andremo alle urne. Faccio presente che i cittadini non hanno solo il dovere di pagare le tasse IRPEF, ICI, TARSU e tante altre, ma hanno soprattutto il diritto di usufruire

di vari servizi. Vi chiedo di non ascoltare le solite persone false che vengono a chiedere il voto promettendo il posto di lavoro o altri favori. Poi, dopo le elezioni, queste persone spariscono come avviene sempre. Io vi chiedo per il bene di Tivoli di esprimere il voto per quelle persone che nel passato hanno lavorato per il bene della città e dei suoi cittadini (…). Al PD vorrei dire di presentarsi con una sola lista e di superare le divergenze interne e presentare un programma unito per migliorare l’economia della nostra città. Stessa cosa

chiedo al PDL. Vorrei ricordarvi che a palazzo San Bernardino bussa la porta il Movimento 5 stelle di Beppe Grillo e voi tutti lo sapete meglio di me, nelle ultime elezioni politiche i voti che hanno preso, sia in Italia che a Tivoli. Sta a voi riconquistare la fiducia degli elettori riportandoli all’interno dei partiti istituzionali. Agli elettori dico: bisogna andare a votare tutti, per dare una nuova maggioranza a Tivoli, disertare le urne è contro i nostri interessi. Il futuro di Tivoli risiede nelle nostre mani Cappelletti Nunzio

Fatti avvenimenti opinioni La tua città sul web L’informazione quotidiana nei territori di:

www.notizialocale.it

Tivoli

Guidonia Montecelio

Area Sabina

Area Nomentana Valle dell’Aniene

info@notizialocale.it

Empolitana

Adele Minestrini è titolare dal 1993 della PubbliDada, l’azienda grafica per la promozione pubblicitaria. Importanti marchi si sono rivolti alla sua azienda per la realizzazione di campagne pubblicitarie, anche grazie alle numerose novità che porta sul mercato. Imprenditrice determinata e tenace è dal 2013 presidente della Cna zona Roma Est (Confederazione Nazionale degli Artigiani e delle piccolo imprese).

re come università e biblioteche mirate al rilancio del manifatturiero dell'agricoltura e prodotti tipici locali. Potrebbero essere la chiave d'accesso per un inizio di una anche se lenta ma efficace ripresa. Cosa occorrerebbe fare in primo luogo da parte delle istituzioni per aiutare l’economia? In senso stretto i Comuni debbono investire in intrastrutture, innovazione, turismo, conservazione e valorizzazione dei ben culturali e lavorare su progetti impegnando le imprese locali ad utilizzare le risorse del proprio territorio nel vero senso del termine.

In senso ampio del termine meno ammortizzatori sociali e più soldi alle imprese. Lo stato preferisce pagare indennità di mobilità o cassa integrazione anziché dare gli stessi proventi alle imprese affinché possano mantenersi i propri dipendenti (una sorta di sconto sul costo del Lavoro insomma), impegnando le risorse provenienti anche dalle nostre tasche (tasche delle Pmi). Gli istituti bancari debbono rivedere i tassi di interessi spesso molto alti che non agevolano affatto la salute dell'impresa. E cosa dovrebbero fare imprenditori e cittadini?

Innanzitutto difendere il proprio lavoro e riprendersi la propria dignità di lavoratore e cittadino. Mettersi insieme e fare rete come in molti casi sta accadendo può essere una soluzione, investire in ricerca, innovazione e collaborazione tra imprese. E ovviamente pensare in grande . Bisogna ritrovare la forza di nazionalizzare (riprodurre nel nostro Paese ) e poi internazionalizzare e delocalizzare come valore aggiunto. Iniziando da qui dai nostri distretti, comuni aree ricche di potenzialità che debbono solo emergere. Parlando con il titolare di un'impresa a Fonte Nuova alla quale ho realizzato un'insegna mi diceva: “pensi sono conosciuto a Londra e non mi conoscono nella mia area”. Inoltre rivolgersi presso associazioni di categoria come la CNA e Caf i quali spesso forniscono un valido e efficace supporto a possibili soluzioni. E la CNA? Continuare a fornire gli strumenti necessari a sostegno delle imprese quali l' informazione, la formazione e i servizi continuando ad essere un valido interlocutore per la politica, richiamando quest’ ultima ai propri compiti nei confronti dell’imprenditoria nazionale e locale. L’intervista è del 10 febbraio 2014


XL

CULTURA

13 febbraio 2014

7

Le meraviglie di Tibur alla Bit di Milano? Iniziamo la nostra proposta di visita virtuale procedendo secondo un ordine storico temporale. I primi insediamenti umani della zona tiburtina, risalgono al Paleolitico Superiore, ossia dodicimila anni fa! Restano, di questa fase preistorica, manufatti di pietra e osso con incisioni, rinvenuti nella grotta Polesìni, tra cui il famoso ciottolo con lupo, gelosamente conservato al Museo Pigorini di Roma La Tibur protostorica sorge su un antico villaggio di capanne presso il guado dell’Aniene: il fiume ha rappresentato per la città una vera fortuna: in tutte le epoche! Tutto iniziò grazie alla strategica posizione geografica: dopo 50 chilometri dalla sua sorgente, l’Aniene offriva alle genti dell’Appennino abruzzese -l’antico Sannio- un fondo praticabile per raggiungere le verdi pianure, bagnate dal Tirreno. Il piccolo, ma potentissimo centro, sfruttò al meglio la sua posizione di frontiera, a controllo di una antica via di transumanza, che ben presto si trasformò in un importantissimo asse stradale: la via Tiburtina. La potenza di Tibur si fa pietra. Dal II sec. a.C., lungo questa strada si crearono ardimentose costruzioni, rivestite di lapis tiburtinus, il famoso travertino, ancor oggi punta di diamante dell’economia cittadina, nonostante le crescenti problematiche del settore. Tra questi monumenti un santuario -prima tappa del biglietto integrato- dedicato ad Ercole Vincitore, divinità protettrice dei commerci; era un edificio, tanto grande da contenere, virtualmente, nel suo recinto, il Colosseo. Si tratta di uno tra i più vasti complessi del genere, mai realizzato nell’Italia

In vista della prossima esposizione della Bit a Milano ci piace pensare di poter partecipare con un pacchetto turistico da presentare per incantare gli operatori del settore. Una sorta di prova generale della rinascita tiburtina, ma… centrale, disposto su più piani. La sua ardita e, per certi versi innovativa, costruzione, fu il prodotto di abilissimi architetti, che riuscirono a risolvere problematiche complesse, anche in altre zone della città. Purtroppo saltato all’attenzione delle cronache per una vergognosa cerimonia di inaugurazione tanto fastosa quanto fasulla, nonché per un devastante restauro, da rivoltare nella tomba Cesare Brandi, padre della Teoria del restauro. L’acropoli. Esemplare è la soluzione che le maestranze di epoca repubblicana adottarono sull’acropoli tiburtina riuscendo ad edificare un tempio rotondo a sbalzo sul precipizio, impostandolo su una finta terrazza, sostenuta da archi; è il cosiddetto tempio di Vesta, affiancato dal più antico tempio rettangolare dedicato, sembra, alla Sibilla Albunea. L’effetto scenico doveva essere strabiliante: l’alta rupe dominata dai templi, un baratro ove si gettava l’Aniene creando spettacolari grotte carsiche ed un susseguirsi di risonanti cascate! Il connubio di vegetazione e acqua, nonché la vicinanza dell’Urbe, fece sì che Tibur divenisse luogo di villeggiatura per ricchi patrizi, letterati, poeti del circolo di Mecenate; anche Ottaviano Augusto vi si recò più volte. Ma non basta. La villa imperiale più grande mai realizzata. Nel II sec. d.C., verrà realizzata la residenza di uno degli uomini più potenti del-

la terra: l’imperatore Publio Elio Adriano. Estremamente colto e raffinato si fece edificare un microcosmo del suo vasto impero, mediante edifici che solidificano nella pietra, i ricordi dei suoi numerosi viaggi. Dal 2000, sito Unesco, la villa Adriana è la terza tappa consigliata al turista contemporaneo. La Villa Adriana oggi versa in condizioni di conservazione gravi, occorre

brio nell’inventare il suo futuro turistico. Panem et circenses. Allo stesso periodo, risale l’anfiteatro di Tivoli detto di Blaeso, dal nome di uno dei tanti sponsor, che contribuì alla costruzione. Situato a ridosso della Rocca Pia, edificata nel 1461, da Pio II Piccolomini, che vorrà proprio segnare in modo indelebile il territorio con l’edificazione della Rocca, una sorta di timbro del potere papale. I bastioni dovrebbero essere trasformati in Punto informazioni turistiche; la fortezza insieme all’anfiteatro, costituirà un’altra meta turistica da non perdere nella visita: se solo si capisse perché non la riaprono! Tibur città turrita. Dopo la fine dell’impero romano, Tivoli fu tutto eccetto che un comodo rifugio per mercanti e venditori: venne letteralmente presa d’assalto dalle invasioni dei Goti e dei Bizantini. Tra il XII e il XIII sec., una selva di costruzioni a vertiginose altezze dominava il paesaggio urbano medioevale. Piccoli e grandi cavalieri avevano le loro case difese da torri. Edificate in origine per scopi militari, divennero dei veri manifesti di propaganda. Dall’edificio fortificato era possibile controllare agevolmente interi isolati, sorvegliare gli incroci, vie commerciali, spazi privati, corti interne, persino le chiese parrocchiali e le piazzette erano parte del territorio controllato da qualche consorteria di famiglie. I mercanti e gli artigiani che caratterizzavano l’aspetto economico della città, ancora raccolta entro le mura antiche, vivevano in case a schiera, degne di esempio quelle sulla via del Colle e la cosiddetta casetta Gotica di via Campitelli. La turrita Tivoli si alleerà al partito

imperiale, durante le lotte fra papato e impero, ottenendo dal Barbarossa alcuni privilegi e l’aquila imperiale da inserire nello stemma civico. Tibur visse un brillante periodo di ricostruzione: vennero ampliate le mura urbane (1155); alcune chiese, come la splendida San Silvestro, San Pietro alla Carità, Santo Stefano ai Ferri, furono rinnovate e arricchite di affreschi; risalgono a questo periodo alcuni capolavori dell’arte italiana, quali le tre tavole dipinte del Santissimo Salvatore (fine XII sec.) e il gruppo ligneo di Deposizione (seconda metà XIII sec), entrambi conservati nella cattedrale di San Lorenzo. La parabola discendente di Federico II, pose fine alla gloriosa fase ghibellina e la conseguente, definitiva, sottomissione al pontefice. Il quartiere medioevale, adeguatamente sistemato per accogliere il turista in visita, rappresenterebbe degnamente la città con i suoi gioielli d’arte. Magie d’acqua e luce. Ruolo fondamentale ebbe il governatore Ippolito II d’Este, che trasformerà le stanzette del conventobenedettino prima, francescano poi- di Santa Maria Maggiore, sede del governatorato, nella splendida Villa d’Este, su progetto di Pirro Logorio. Una simbiosi magica tra architettura, scultura e acqua, elemento principe dell’incantevole giardino. Anch’essa tra i siti Unesco. Un Museo civico. Cinquecentesco è anche il Palazzo San Bernardino, oggi sede del Municipio, un tempo situato nella piazzetta delle Erbe; attualmente è anche la sede espositiva di una notevole raccolta di reperti storico-artistici. Nel XVII, sarà ricostruito il Duomo tiburtino, scrigno di opere

straordinariamente importanti come la Deposizione lignea o il Trittico del Santissimo Salvatore. La cattedrale di san Lorenzo occupa l’antica area della basilica civile sul foro dell’antica Tibur, ove nel 1883 è stata rinvenuta la Mensa ponderaria, ufficio dei pesi e delle misure risalente al I secolo d.C. Entrambi situati nel quartiere medioevale. Tibur meta del grand tour. La città divenne famosa nel ‘700, in tutta Europa proprio grazie ai racconti, alle incisioni e agli acquerelli di quei famosissimi artisti, che s’incantarono di fronte alle rovine e alla natura di prepotente bellezza. Ancora nel XIX secolo, salterà all’attenzione delle cronache europee, un intervento straordinario di ingegneria idraulica; dopo l’ennesima e disastrosa piena dell’Aniene (1826), si trovò un rimedio definitivo, deviando le acque sotto il monte Catillo, mediante due cunicoli, in base al progetto dell’architetto Clemente Folchi. L’opera proseguirà con la sistemazione del parco naturale di Villa Gregoriana (1835). Tivoli accolse trionfante, Garibaldi nel 1867, partecipando così al lungo processo per l’unificazione d’Italia. Purtroppo, alla ribalta anche durante la II Guerra Mondiale, per le grandi distruzioni subite: tra le macerie tanti uomini e grandi edifici, tra cui la splendida chiesa del Gesù, monito di un altro grande momento della storia tiburtina, il passaggio dei Gesuiti. I doni storico-archeologici del passato, gli angoli naturali, gli impianti termali di acque sulfuree, fanno di Tivoli una piacevolissima perla tra le città d’arte d’Italia, nonostante l’indefinibile capacità di chi dovrebbe amministrarli! Ilaria Morini

TIVOLI Via Palatina, 23 Tel. 0774317557 www.domuspoint.com www.colaneracostruzioni.it TIVOLI CITTÀ - VENDITE TIVOLI - VIA DEL GOVERNO: Nuda proprietà appartamento 2 camere sala cu€ 150.000,00 cina bagno 2 balconi Cl. En. G TIVOLI - VIA ENRICO TOTI: ultime disponibilità garage. Varie metrature. Tratt. riserv. TIVOLI - STRADA ACQUORIA: porzione di villa a schiera composta da soggiorno, cucina, 3 camere, 3 bagni, locale sottotetto, sala hobby, 2 balconi, terrazzino, € 345.000,00 garage, giardino, ottimo stato. Cl. En. G TIVOLI - STRADA POMATA: ampia disponibilità di terreni agricoli pianeggianti con a partire da € 110.000,00 piante di ulivo PIAZZA TRENTO: attico mq 205 doppio salone, 7 camere, cucina, 3 bagni, 2 terrazzi. Cl. En. G Trattative riservate VIALE MAZZINI: locale commerciale mq 575 attualmente locato € 1.200.000,00 Possibilità affitto € 6.200,00 VIA DEI SOSII: appartamento sala con angolo cottura, camera, bagno, terrazzino. Cl. En. G € 92.000,00 VIA EMPOLITANA: appartamento con entrata indipendente salone, 2 camere, bagno, open space, cucina-salotto, terrazzo, portico, ristrutturato. Cl. En. G € 255.000,00

TIVOLI - VIA SILLA ROSA DE ANGELIS: app.to mq 100 ingresso, soggiorno, cucina, 3 camere, bagno, 2 balconi, cantina, ottimo stato. Panoramico. Cl. En. G € 225.000,00 VICOLO LEONCINI: APPARTAMENTO su due livelli soggiorno pranzo con angolo cottura, bagno, camera soppalcata, ampia sala hobby con annesse caratteristiche grotte completamente ristrutturato. Cl. En. G € 160.000,00 € 600,00 POSSIBILITÀ AFFITTO VIA DEL COLLE: App. sala, cucina, 2 camere, 2 bagni. Cl. En. G € 165.000,00 € 35.000,00 VIA DEI SOSII: Locale commerciale mq 21.

VIA GIORDANI: PROSSIMA COSTRUZIONE APPARTAMENTI ESCLUSIVI A RISPARMIO ENERGETICO VIA SCALPELLI: appartamento con entrata indipendente salone con ang. cottura, 2 € 115.000,00 camere, bagno. Cl. En. G VIA PLATONE TIBURTINO: appartamento mq 140 secondo piano, ampio salone, cucina, 3 camere, bagno. Cl. En. G € 250.000,00 VICOLO DEL MORO: appartamento sala, cucina, camera, bagno, balcone. Cl. En. G € 112.000,00

TIVOLI CITTÀ - AFFITTI LOTT. IL GIGLIO: appartamento 3° piano sala con angolo cottura, camera, bagno, € 550,00 balcone, garage. Cl. En. G VIA ANTONIO DEL RE: Appartamento secondo piano uso ufficio, composto da 4 stanze, bagno, balcone. Cl. En. G € 700,00 VIA DEI SOSII: Locale commerciale 20 mq, magazzino 20 mq, bagno, balcone. Cl. En. G € 500,00 VIA DELLE PIAGGE: Soggiorno, cucina, bagno, 2 ampie camere, balconi. Com€ 750,00 pletamente ristrutturato. Cl. En. G VIA EMPOLITANA/VIA ACQUAREGNA: DISPONIBILITA’ LOCALI COMMERCIALI MQ 250 CIRCA. Cl. En. G a partire da € 2.500,00 VIA PALATINA: Appartamento uso abitazione o ufficio, ingresso, sala, cucina, ca€ 650,00 mera, bagno, terrazzo a livello, arredato. VIA PALATINA: Appartamento uso ufficio mq 30 ca, 2 stanze, ripostiglio, bagno. Cl. En. G € 350,00 VIA SEGRÉ: Appartamento arredato mq 100 ca, sala con angolo cottura, camera, bagno. Cl. En. G € 700,00 VICOLO TEOBALDI: Appartamento sala con angolo cottura, 2 camere, bagno, ri€ 600,00 postiglio esterno, arredato. Cl. En. G VIA PARMEGIANI: Locale commerciale mq 35. € 700,00 € 1.350,00 VIA DUE GIUGNO: Locale commerciale mq 50.

FUORI TIVOLI - AFFITTI LOTTIZZAZIONE IL GIGLIO: nuova costruzione locale commerciale mq 50 € 500,00 con bagno. € 90.000,00 POSSIBILITÀ VENDITA

BIVIO SAN POLO - VIA SCUOLE RURALI: Appartamento con entrata indipendente arredato: sala, cucina, camera, bagno, corte esterna, terreno. Cl. En. G € 700,00 CAMPOLIMPIDO - VIA DEL PESCHETO: Appartamento 3 camere, sala, cucina, studio, bagno, terrazzino posto auto Cl. En. G € 800,00 CERRETO - PIAZZA MONTE RUFFO Appartamento sala, cucina, 2 camere, 2 ba€ 400,00 gni, balcone, arredato Cl. En. G FAVALE: Appartamento sala con angolo cottura, 2 camere, bagno, 2 balconi, cantina. Cl. En. G € 600,00

FUORI TIVOLI - VENDITE CICILIANO: in costruzione porzioni di ville a schiera su tre livelli. Cl. En. F a partire da € 330.000,00 CICILIANO: Attico composto da ingresso, salone, cucina, 2 camere, bagno, circa 80 € 95.000,00 mq; terrazzo panoramico e di ampia metratura. Cl. En. G VILLA ADRIANA - VIA ROSOLINA: locale artigianale mq 100 + locale autorimessa mq 100. € 180.000,00 VILLA ADRIANA – VIA ABRUZZO: In costruzione due appartamenti 50 mq, soggiorno con angolo cottura, 2 camere, bagno, garage, terrazzo a livello. Cl. En. G a partire da € 180.000,00 VILLANOVA - VIA OBERDAN appartamento salone con angolo cottura, 2 camere, bagno, 2 saloni. Cl. En. G € 225.000,00 ARCI: Villino indipendente salone con camino, cucina, 2 camere, bagno, magazzino, terreno mq 2.900. Cl. En. G € 195.000,00

VILLAGGIO ADRIANO appartamento su 2 livelli ampio salone con an€ 285.000,00 golo cottura, 4 camere, 2 bagni, terrazzi. Cl. En. G CASTEL MADAMA: Villa unifamiliare con uliveto mq 5.000, ottima per realizzare due unità immobiliari Cl. En. G € 267.000,00 VICOVARO: Terreno edificabile mq 1.500 € 83.000,00

TIVOLI - BIVIO SAN POLO: ULTIMA DISPONIBILITÀ nuova costruzione VILLINO A SCHIERA. Cl. En. A € 285.000,00

Info in agenzia TIVOLI TERME - VIA DEI MARTIRI TIBURTINI: appartamento mq 65 ca da ristrutturare. Cl. En. G € 96.000,00 appartamento mq 65 ca, terrazzo mq 120 ca, locale magazzino e bagno. DA RISTRUTTURARE. Cl. En. G € 138.000,00 TIVOLI TERME - VIA DEI MARTIRI TIBURTINI: locale commerciale mq 150 + corte esterna mq 150, possibilità ampliamento Cl. En. G Tratt. riservate TIVOLI TERME - VIA TIBURTINA: Locale commerciale mq 160 ottima posizio€ 250.000,00 ne Cl. En. G € 1.500,00 POSSIBILITÀ AFFITTO TIVOLI TERME - VIA LAGO DELLA REGINA: Appartamento 68 mq ingresso, € 160.000,00 sala, cucina, camera, bagno. Cl. En. G CICLIANO: terreno edificabile mq 10.000 con prog. approvato per realizzare una vil€ 70.000,00 la unifamiliare con ricovero attrezzi CAMPOLIMPIDO - VIA C. FRASCHETTI: disponibilità di n. 2 garage garage mq € 13.000,00 13 ca Cl. En. G € 17.000,00 garage mq 17 ca Cl. En. G CAMPOLIMPIDO - VIA C. FRASCHETTI: locale commerciale mq 55 con ba€ 148.000,00 gno e corte esterna mq 120 Cl. En. G BIVIO DI SAN POLO: disponibilità di villa bifamiliare ampia metratura con terrazzo € 350.000,00 a porzione e giardino. Cl. En. G

VICOVARO LOC.TÀ COLLEROSSO Porzione di villa a schiera. Cl. En. C ULTIMA DISPONIBILITÀ € 265.000,00


XL

CULTURA

13 febbraio 2014

11

Carnevale a Tivuli vogghio i’ Salvo, in extremis, il Carnevale di Tivoli. Anche se in forma “ridotta” si terranno lo stesso due sfilate organizzate da un gruppo di associazioni riunite dal Cenacolo degli Ardenti che, pur se non rispondendo al bando indetto dal comune a fine gennaio, hanno deciso di mantenere viva la tradizione. Il gruppo si è già messo al lavoro, organizzando riunioni ed incontri, e sta cercando di aggregare quante più realtà possibile. “Il Comitato spontaneo interassociativo tiburtino Salviamo il Carnevale – spiegano in una nota , dopo diversi incontri autoconvocati e svolti allo scopo di mantenere comunque questa antica tradizione, cara ai tiburtini, e di garantire qualche ora di festosità collettiva per la popolazione, in particolare per i bambini”. Le associazioni Cenacolo degli

Dopo il gran rifiuto rispetto al bando del comune molte associazioni si sono unite per organizzare due cortei mascherati il 23 febbraio e il 4 marzo. Una tradizione decennale da non disperdere Ardenti, Associazione Carnevale di Tivoli, Comitato Centrale Festeggiamenti Tiburtino, associazione per le Tradizioni Tiburtine Le Tamburellare Tiburtine, gruppo Balli di gruppo e zumba! Duomo, associazione culturale Fenix Tibur, associazione di pro-

mozione sociale Passioni in Movimento, hanno deciso di: “organizzare due sfilate di Gruppi mascherati e folcloristici (nelle giornate di domenica 23 febbraio e di martedì 4 marzo), con sosta e esibizione in varie Piazze della Città, e cioè: Piazza Rivarola, Piazza Pa-

Il punto dell’Associazione “Pur mantendo il punto fermo (di non partecipare al bando pubblicato dal Comune, ndg) l’Associazione Carnevale di Tivoli – ha commentato il presidente Delio Petrini - ha deciso di sostenere questa iniziativa spontanea per non spegnere la fiammella del carnevale”. @notizialocale.it

latina, Piazza Plebiscito, Piazza S. Croce e Piazza Garibaldi. Di diffondere a rioni, scuole ed altre associazioni l’invito a partecipare a dette sfilate, di presentare dettagliata comunicazione al Comune di Tivoli e alle Forze dell’Ordine per le conseguenti azioni di competenza”. “Nel contempo auspichiamo fortemente che il Comune di Tivoli e la futura amministrazione vogliano salvaguardare e sostenere, anche economicamente, tutte le importanti tradizioni e feste cittadine (sia nel centro città che nei rioni e quartieri periferici) come il Carnevale, la Sagra del Pizzutello, le varie Feste Religiose, ecc., elevandone la qualità, favorendo l’occupazione e il turismo e, soprattutto, permettendo agli Organizzatori potenziali di poter progettare e operare per tempo”. Fulvio Ventura

Caro ministro Carrozza, Dato che tra allarmismi e smentite una verità di mezzo c’è sicuramente, vorrei chiederle un po’ di chiarezza riguardo la notizia della bocciatura dell’emendamento circa il ripristino della Storia dell’Arte, per quanto devo dirle che quella definita bufala mi è parsa più un’inesattezza, e che le smentite non mi abbiano convinto molto. (...). Ho letto le sue dichiarazioni rilasciate ad Artribune, e vorrei tranquillizzarla che tutti, per quanto trasportati dall’ondata di condivisioni sui socialnetwork, sapevano, o per lo meno ora non c’è dubbio che non sappiano, che i provvedimenti lentamente applicati in questi anni risalgono ad una riforma che non è sua, e che risale al 2008, quando al suo posto c’era Mariastella Gelmini. Vorrei capire perché però lei pensa che questo basti a de-responsabilizzare chi è venuto dopo. (...) Sono una ragazza di 25 anni fresca fresca di laurea in Storia dell’arte. Percorso iniziato col massimo dell’entusiasmo, sebbene ora ...(...) E no, non scrivo questa lettera solo perché siamo in Italia , perché abbiamo dato i natali a Giotto, padre della “maniera latina”; non sono qui per denunciare lo stato disastroso dei nostri beni culturali, per stare qui ad elencare dati, a dirle che abbiamo più del 50 % del patrimonio artistico mondiale e che lo stiamo buttando; a dirle che con 200 reperti di Pompei ed Ercolano prestati (gratuitamente) il British Museum con 6 mesi ha guadagnato 11 milioni di sterline. Non mi ci soffermo perché non è competenza sua almeno questa, perchè penso di essermi già abbastanza ‘sfogata’ con la preparazione della mia tesi, e, infine, perché vorrei farle capire che avrei difeso questa mate-

ria indipendentemente dal capitale economico che rappresenta e dal paese in questione. Non sopporto chi si lava la coscienza con frasi fatte, chi parla di “petrolio” italiano e poi effettivamente fa poco o niente per preservarlo e valorizzarlo; né tanto meno mi rassegno a chi crede che davvero non lo sia, sebbene cominci a rassegnarmi al fatto che siano molti. 3 anni fa un nostro ministro ironizzando, tristemente, su un panino alla Divina Commedia, sosteneva anch’egli che con la cultura non si mangia. Pochi, sempre “gli stessi”, sempre troppo pochi, si sono indignati realmente per queste affermazioni, e questo si è preoccupante, perché vuol dire che in questa battuta sono riassunti i pregiudizi e l’arretratezza di buona parte del paese. (...) Io credo fortemente che la storia dell’arte sia una materia fondamentale allo sviluppo di ogni individuo. Studiarla non significa ripetere l’Argan a memoria, magari senza comprenderlo. Significa conoscere storie, linguaggi e simboli che “raccontano” e rappresentano la realtà che ci circonda, la realtà che è stata e che è. È un’opportunità per riflettere sul mondo e su se stessi, per sviluppare un proprio senso critico, per permettere di scegliere. L’arte, da sempre rispecchia l’anima. Il fatto che non le venga più riconosciuto questo importante ruolo, proprio dalla scuola, dovrebbe farci riflettere. Rachele Censi www.tivoliliberatutti.it/index.php/component/content/article/7blog/57-caro-ministro-carrozza

Nuovo Aperilibro con i Lettori Virali Un nuovo appuntamento con l’AperiLibro promosso da Lettori Virali è in programma il 18 febbraio a Guidonia. L’incontro di lettura a voce alta, rivolto a tutti gli amanti della lettura, vuole essere un’accasione di confronto e di scambio su diversi temi che emergono dai libri che più ci hanno appassionato. L’incontro è aperto sia a chi vuole leggere sia a chi vuole soltanto ascoltare, mentre si sorseggia un aperitivo. L’invito è quindi quello di partecipare, magari portando un bel libro e contagiando un amico. Da lettori virali non si guarisce, ma si cresce. L’AperiLibro si svolgerà il 18 febbraio ore 18.30 al Ristorante Le Quattro Vigne, in Via Romana, 1 a Guidonia. Puoi seguire i Lettori Virali su Facebook

I libri più venduti di Gennaio 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10.

Splendore Margaret Mazzantini La strada verso casa Fabio Volo Diario di una schiappa. Guai in arrivo Jeff Kinney Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza Luis Sepulveda Inferno Dan Brown La regina scalza Ildefonso Falcones La voce degli uomini freddi Mauro Corona Hunger Games. La ragazza di fuoco Suzanne Collins Hunger Games. Il canto della rivolta Suzanne Collins Il gioco di Ripper Isabel Allende

Le classifiche sono elaborate su indicazione di: LIBRERIA VILLA D’ESTE - Tivoli - Piazza Garibaldi CANDIDO LIBRERIA - C. Comm. Tiburtino Guidonia

I.T.C.G. Enrico Fermi

anno 2014-2015

CORSI DI STUDIO

Nuovo corso di

Settore Economico

Settore Tecnologico

• Amministrazione, Finanza e Marketing • Sistemi Informativi Aziendali

• Costruzioni, Ambiente e Territorio • Tecnologie del legno nelle costruzioni

GRAFICA e COMUNICAZIONE Gli studenti che seguono il nuovo corso potranno acquisire tutte le competenze che il mercato del lavoro richiede

• nel campo della COMUNICAZIONE • nel settore della PROGETTAZIONE GRAFICA, dell’EDITORIA e della STAMPA • nel campo delle NUOVE TECNOLOGIE • nella realizzazione di PRODOTTI MULTIMEDIALI, FOTOGRAFICI e AUDIOVISIVI • nella conoscenza e nell’uso di STRUMENTI HARDWARE e SOFTWARE GRAFICI e MULTIMEDIALI, di SISTEMI AUDIOVISIVI, FOTOGRAFICI e di STAMPA Ulteriori informazioni e il quadro orario dei singoli corsi di studio sono disponibili sul sito web:

www.fermitivoli.it Via Acquaregna, 112 - 00019 TIVOLI (Roma) Tel. 06.121126985 - Fax 0774.334373 - rmtd07000g@istruzione.it C.F.:86000020585 - Cod. Ist. RMTD07000G


Feste, attività e nuovi corsi In forma col Centro Culturale

l Dopo il successo dello scorso anno, si riprende il progetto “Fare Energia”, che coinvolge i ragazzi di III media, facendoli cimentare di nuovo nel ruolo di ‘insegnanti’ con i compagni di II media. l 28 Febbraio: “Festa di Carnevale” aperta a tutti i ragazzi per trascorrere un fantastico pomeriggio in maschera tra giochi, karaoke e balli. l Marzo: “Gita sulla neve” a Monte Livata per divertirsi nelle discese con il bob e nella gara di pupazzi di neve. l Sala Giochi: Al via i Tornei! Sono aperte le iscrizioni ai tornei di Ping Pong, Biliardino, Videogiochi e Giochi di società. L’attività è rivolta a tutti i ragazzi di II e III media. Tutti i GIOVEDI’ dalle 16.00 alle 17.30 presso i locali dell’Istituto Comprensivo Vincenzo Pacifici. l Non solo giochi... Recupero Scolastico Presso lo Spazio Giovani di via di Villa Adriana 178/D sono attivi corsi di recupero scolastico tenuti da giovani universitari o laureati per ragazzi delle scuole elementari, medie e superiori che hanno difficoltà nello svolgere i propri impegni scolastici. Per info : Michela 3333989893

I corsi della sessione invernale Saranno a costo veramente calmierato i corsi della sessione invernale della Libera Università Igino Giordani. Tutte le informazioni sui programmi e gli orari dettagliati sono disponibili sul sito www.luig.it oppure in segreteria dove agli interessati sarà fornito un opuscolo con tutte le informazioni (il libretto è reperibile anche presso la redazione di XL a Tivoli in via Pietro Nenni 5). Il costo di quasi tutti i corsi è di € 60,00 tranne per quelli che richiedono un numero di ore di lezione maggiore. Nell’elenco che pubblichiamo a seguire, in corsivo i docenti. dialetto tiburtino Franco Sciarretta € 70,00 Allestimento Vittorio Pacifici € 60,00 Arredamento d’interni Vittorio Pacifici € 60,00 Il fascino dell’acquerello Franco Meli € 60,00 Spagnolo per viaggiatori Marisa Blandi € 60,00 Tedesco per viaggiatori Maria Teresa Ceddia € 60,00 Italiano senza errori Maria Rita Lattanzi € 60,00 Flauto traverso Giustina Marta € 120,00 Io canto Michela Varvaro € 60,00 Io scrivo... il mio viaggio Maria Rita Lattanzi € 60,00 L’artigiano delle parole Giusy Martinelli € 60,00 dalle stelle... ai confini della terra Marco Palumbo € 60,00 Il moto della terra come chiave della relatività Piero Sammartino € 60,00 “dolls & Friends” Federica De Luca € 60,00 “Handmade” Federica De Luca € 60,00 Pirkka o Twist art Rossella Petricca € 60,00 decoscrap (scrapbooking) Rossella Petricca € 60,00 Riciclo creativo Rossella Petricca € 60,00 “Refashion” Federica De Luca € 60,00 A proposito di donna ...mi difendo da sola Daniele Errichiello € 60,00 Change Now - Prendi in mano la tua vita Massimo Vidmar € 60,00 E tu come ti trucchi? L’ABC del make-up Melita Santolamazza € 60,00 Fiori di Bach - Una chiave per l’anima Federica Cogliati Dezza € 60,00

Presso Istituto Comprensivo Villa Adriana • via Leonina 8

Il bullismo? Un male dal quale è possibile difendere i nostri figli Daniele Errichiello € 60,00 Il magico mondo delle erbe Massimo Cougn € 60,00 Innamorati di te Daniele Errichiello € 60,00 Passeggiando nella natura Lillo Boenzi € 60,00 Prevenzione e primo soccorso pediatrico Boccolini Nicolina € 75,00 Impariamo a mangiare da piccoli Serena Gentili € 60,00 Cake design Katiuscia Carbone € 60,00 mangiare con il cervello Serena Gentili € 60,00 Lezioni di cucina a temi: Pane, pizza e dolci da forno; Terrine e sformati; Risi, risotti e minestre; Finger food e piccola pasticceria al cucchiaio ogni lezione monotematica € 60,00 Fernando Maruccia presso Ristorante “La tenuta di Rocca Bruna Come difendersi dal marketing aggressivo Martina Creti € 60,00 Event planner Valeria Turano € 60,00 ABC del diritto al lavoro Martina Creti € 60,00 Giornalismo Maggiani, Ventura, Consalvi € 60,00

Il Centro Sportivo Vincenzo Pacifici invita i soci

Venerdì 21 Febbraio ore 20,30 presso il Ristorante “Il maniero” di Villa Adriana a

pe Pizza no sto ale v e n r a C i d o l Bal musica dal vivo Il costume di carnevale è facoltativo ma ...gradito! Prenotazione obbligatoria allo 0774 534204 entro e non oltre venerdì 14 febbraio

Premio

La Libera Università Igino Giordani e nel suo ambito il circolo dei Libernauti promuovono un concorso denominato “Premio Liberi - 2014”. Il concorso è aperto a tutti gli autori italiani e stranieri che abbiano compiuto il sedicesimo anno di età (per i minorenni è richiesta autorizzazione scritta alla partecipazione firmata da un genitore), è completamente gratuito e si articola in due sezioni: A) Poesia inedita in lingua italiana o dialetto a tema libero (non si devono superare i 40 versi) B) Immagini e parole a tema libero. Consiste nell’associazione di un’immagine inedita (fotografia, pittura, disegno, clip ecc.) e di un insieme di parole (una frase, una poesia, un aforisma, un proverbio ecc.). L’immagine deve essere inedita mentre le parole che l’accompagnano possono essere del concorrente o riprese da libri o altre opere già pubblicate nel qual caso va citata la fonte. Immagine e parole costituiscono un tutt’uno. Ogni autore può partecipare con una sola opera per ogni sezione. Le opere devono pervenire entro il 30 marzo 2014 o tramite e-mail all’indirizzo premioliberi2014@luig.it oppure tramite posta o recapitate a mano in busta chiusa all’indirizzo Libera Università Igino Giordani – Premio Liberi via Leonina, 8 – 00019 Tivoli – Villa Adriana (Rm) Ulteriori informazioni possono essere richieste a premioliberi2014@luig.it o sulla pagina facebook dei Libernauti della Libera Università Igino Giordani. Dal sito www.luig.it possono essere scaricati il regolamento e i documenti. Le premiazioni dei finalisti avranno luogo nel mese di maggio 2014.

Corso con certificazione Certipass European Informatics Passport

Hobbyettivo

La LUIG è sede d’esame per la Certificazione internazionale delle competenze informatiche. Il Certipass... prevede sette moduli con il corso così articolato: 1 – Concetti di base dell’ICT; 2 – Uso del computer e gestione dei file; 3 – Elaborazione testi; 4 – Fogli elettronici; 5 – Uso delle basi di dati; 6 – Strumenti di presentazione ; 7 – Navigazione web e comunicazione. Il costo totale in promozione è di € 500,00

Il Circolo fotografico della Luig “Hobbyettivo” comunica a tutti gli amanti della fotografia che gli incontri del circolo si svolgono, di norma, il mERCoLEdì alle ore 18,30 presso la biblioteca della scuola media di via Leonina. Il circolo ha come unico scopo quello di riunire persone con la passione della fotografia. organizza discussioni tematiche, workshop mirati cha nascano da richieste dei soci ed uscite fotografiche programmate. Informazioni in segreteria

Segreteria tel 0774 534204 Lun mer Ven ore 17-19 e mar Gio ore 10-12

www.centrocultvp.com www.luig.it


Sport 13 febbraio 2014

L’inserto XL Sport è a cura di Piergiorgio Monaco e Danilo D’Amico

Fatti avvenimenti opinioni La tua città sul web L’informazione quotidiana nei territori di: www.notizialocale.it

La soluzione La soluzione ci sarebbe, peraltro già scritta nel progetto iniziale della Lazio Nuoto, e prevederebbe la

costruzione nell’area della Città dello Sport di un ristorante, di una foresteria e di un piccolo centro commerciale. Alcuni problemi burocatrici, però, l’hanno bloccata. Fermi gli investimenti e fermi, quindi, anche i lavori di manutenzione agli impianti. L’area destinata ad ospitare queste costruzioni, è emerso dopo l’assegnazione della Città dello Sport, comprende anche la fascia di rispetto del vicino fosso dell’Arci che non può essere edificata. Proprio su questo aspetto si sta ora focalizzando il lavoro del Municipio e, in stretto contatto dallo scorso dicembre, dei tecnici della Lazio Nuoto. Si pensa, infatti, di spostare i nuovi edifici di qualche metro ma sono in corso valutazioni urbanistiche sulle destinazioni d’uso della nuova fascia di terreno che sarebbe coinvolta dal progetto. Sbloccata questa “pratica”, quindi, stadio e palazzetto potrebbero finalmente finire alla Lazio Nuoto.

TIVOLI - Novità per Campo Ripoli, in attesa di un nuovo bando per la gestione dello stadio il Comune ha nominato un gestore “temporaneo”. La struttura di viale Picchioni resta fino alla fine della stagione alla Città dello Sport e Salute Tivoli, che aveva vinto il bando annullato dal Consiglio di Stato, che usufruirà di una proroga tecnica “limitata – si legge nella delibera del Commissario Prefettizio - al periodo strettamente necessario per l’espletamento della nuova procedura di gara e comunque non oltre il termine delle correnti stagioni sportive ed agonistiche”. La CSS Tivoli, comunque, dovrà impegnarsi a consentire la “fruizione dell’impianto da parte di tutti i soggetti interessati, ivi compresa l’Asd Atletico Tivoli (i precedenti gestori, ndg), che non potrà in alcun modo essere discriminata sulla base di questioni e contenziosi eventualmente pendenti tra la medesima e la Css Tivoli.

Soldi Nel frattempo in comune si lavora anche per sistemare i “conti” della Città dello Sport. Nel bando di gara, infatti, era previsto anche un canone mensile di 10.800, circa, euro al mese oltre al pagamento delle utenze, in questi due anni circa 100 mila euro. D’altro canto, però, ci sono stati anche dei lavori “extra” che la Lazio Nuoto ha dovuto sostenere per rendere agibile il Polo Natatorio, che essendo il business centrale dell’Associazione è stato il primo ad essere sistemato. In municipio, così, si stanno facendo i conteggi tra “dovuto” e “speso”.

Area Sabina

info@notizialocale.it

Area Nomentana Valle dell’Aniene Empolitana

Campo Ripoli, resta al Css in attesa del bando

Gli impianti degli Arci terra di nessuno TIVOLI - Abbandonati ed inutilizzati, gli impianti sportivi degli Arci, palazzetto e stadio, rendono felici solo i vandali che impunemente continuano a compiere scorrerie di ogni tipo. Delle tre strutture di via Empolitana solo la piscina viaggia a gonfie vele, con iscrizioni in costante crescita. L’Olindo Galli, storico stadio della compianta Tivoli 1919, ed il palazzetto dello sport Paolo Tosto, usato solo per sporadiche manifestazioni, sono invece “terra di nessuno”. Solo l’atletica leggera solca la pista dello stadio per qualche allenamento. I due impianti, anche se facevano parte del bando per una gestione di 25 anni vinto dalla Lazio Nuoto, non sono mai stati presi in consegna e sono sempre rimasti nelle mani del Municipio. La causa, come più volte spiegato dal presidente della Lazio Nuoto Massimo Moroli, è da ricercare in interventi di manutenzione che non erano emersi al momento di redigere il bando e che avrebbero fatto lievitare l’investimento di quasi 1 milione e 500 mila euro, circa. «Noi siamo disponibili a farci carico di questi interventi – ha spiegato Moroli – visto che il Comune non ha i soldi per farli. Eravamo disposti ad accendere un mutuo ma il Municipio non ha potuto farci le fidejussioni necessarie. Stiamo lavorando con il Municipio, comunque, per trovare una soluzione. Noi siamo disposti a farci carico dei lavori ma bisogna trovare un meccanismo per rendere sostenibile l’operazione».

Tivoli

Guidonia Montecelio

Sicurezza/Vanda li/Crepe Una soluzione, però, andrebbe trovata subito per evitare gli atti vandalici. «Più volte abbiamo trovato bottiglie di alcolici vuote dentro il Palazzetto – ha aggiunto Moroli – e l’abbiamo sempre segnalato al Comune. Noi non possiamo farci niente. Ci sa-

rebbe la casa del custode, ma è occupata. Se il Comune la libera noi siamo disposti a mettere un vigilante». Altra questione da affrontare, non secondaria, sono le crepe che continuano a comparire sui muri del Palazzetto. «Potrebbero esserci problemi con le fondamenta –ha spiegato Moroli – con il Comune dovremo valutare la situazione».

LA STORIA DI CAMPO RIPOLI L’Atletico Tivoli aveva vinto un bando nel 2006 per una gestione triennale dell’impianto e poi aveva usufruito di tre proroghe fino al 2012 quando gli è subentrata la Css. Il bando, però, fu subito contestato dall’Atletico che vinse prima la battaglia Tar e poi anche in Consiglio di Stato. Già durante le prime battaglie la Css aveva ricevuto in gestione la struttura con l’impegno di garantire a tutti gli interessati l’utilizzo dell’impianto.

Scuola domani Centro Studi

GUE N I L I D CORSI

SE PENSI DI ESSERE BOCCIATO NON PERDERE TEMPO potrai sostenere gli esami di idoneità o maturità nello stesso anno scolastico

RITIRANDOTI ENTRO IL 15 MARZO 2014

TUTTE LE MATERIE

Corso EX REC: indispensabile per intraprendere attività commerciali nei pubblici esercizi (Ristoranti/Bar/Tavole Calde etc) Sede accreditata dalla Regione Lazio - Autorizzazione Ministero Pubblica Istruzione D.M. 26I06I2001

Via A. Palazzi, 8 - 00019 Tivoli (Rm) - Fax 0774.550051

Convenzionato con SAPPE (Sindacato polizia Penitenziaria), COTRAL, ATAC, TRAMBUS

info@scuoladomani.com


14

XL

SPORT

n. 3 2014

HOCKEY SERIE B/Sconfitti a Napoli... ma crescono le nuove leve

Lo Skating Club Tivoli Iene e gli Under 12 Manuel Lancia al terzo posto dei pesi leggeri Momento d’oro per Manuel Lancia, attuale campione italiano di categoria. A testimoniare la crescita del ragazzo di Marcellina la classifica dei professionisti italiani di “BoxeringWeb” pubblicata domenica 9 febbraio che ha posizionato Lancia al terzo posto dei Pesi Leggeri. Lancia è dietro a Emiliano Marsili e Brunet Zamora e davanti a Pasquale Di Silvio, battuto ai punti nell’ultimo confronto tra i due. Manuel Lancia, classe 1987, lo scorso 25 gennaio, presso il “Palasport” di Tolfa, ha battuto ai punti Zoltan Horvarth, mentre lo scorso 8 novembre 2013 aveva superato Gianluca Ceglia in un duro confronto presso la palestra Giovanni XIII di Villanova di Guidonia. Sempre ai punti il 20 luglio 2013 era caduto Pasquale Di Silvio a Guidonia. Più nette le altre vittorie del 15 marzo contro Michael Escobar e del 14 dicembre 2012 contro Mickale Lacombe. Insomma, una crescita costante per questo ragazzo che ha ancora tutta la carriera davanti. Al primo posto nella superclassifica, infatti, c’è Emiliano Marsili, nato a Civitavecchia l’11 agosto del 1976, professionista dal 2003 e nel 2012 campione mondiale dei pesi leggeri dopo aver battuto a Liverpool il britannico Derry Mathews. Insomma, il tempo è dalla parte di Lancia. Proseguono intanto i preparativi per il ritorno sul ring previsto ad aprile. Sul profilo Facebook del campione è apparsa una foto con l’organizzatore Davide Buccioni, Stefano Menniti ed il coach Giuseppe Fiori.

Solidarietà e calcio con Solid TIVOLI - Lo scorso sabato 8 febbraio si è svolto il primo trofeo di beneficenza organizzato da SolId, giovane associazione di volontariato europeo con forte senso di solidarietà, presso il Campo Ripoli di Tivoli.

L’Asd Pro Appio, la Nuova Tivoli Calcio 1919 e l’Asd Gerano hanno incarnato lo spirito di solidarietà, vero fulcro dell’intera giornata. Il calcio popolare è sceso in campo per sostenere il volontariato europeo. Il ricavato del torneo, biglietto d’ingresso a 5 euro, sarà devoluto interamente a finanziare le missioni solidali del 2014 dell’Associazione di volontariato europeo come ha sottolineato Ada Oppedisano, presidente di SolId. A vincere il torneo è stata l’Asd Pro Appio che nella prima partita ha battuto il Gerano per 2-0. Successivamente è scesa in campo la Nuova Tivoli Calcio 1919 che ha avuto la meglio sul Gerano per 3-1. Nell’ultimo decisivo incontro è stata la lotteria dei rigori a dare il successo al Gerano dopo l’1-1 dei 45 minuti regolamentari. Buona l’affluenza di pubblico. Per promuovere la manifestazione nella città di Tivoli era apparso anche uno striscione nel centro della città. Sicuramente un’iniziativa lodevole in un periodo di stop per la Prima Categoria. Tra i più entusiasti il presidente dell’Asd Pro Appio Claudio Fabrizi che durante il discorso della cerimonia ha sottolineato il vero spirito che deve animare il calcio popolare, parole che hanno suscitato grande piacere ai tifosi presenti in tribuna e capaci di animare la giornata con cori e coreografie.

L’Asd Skating Club Tivoli Iene torna dalla trasferta di Napoli con una sconfitta per 7-2. I napoletani si dimostrano più aggressivi dei tiburtini. Le Iene disputano un primo tempo sottotono, riscattandosi parzialmente nella ripresa. Da segnalare il primo gol in stagione della sempre eccellente Eleonora Raia e una prestazione memorabile del portiere Riccardo Giambra, subentrato nel secondo tempo a Marco Corsetti. Ancora una volta a segno il bomber Ciro Zaccaria che sale a quota sei reti in campionato, mentre Parmegiani è a quota quattro e Fantini è fermo

a tre. «Eravamo a conoscenza delle difficoltà di questa partita. Scelte differenti in fase tattica forse avrebbero pagato di più, ma noi stiamo portando avanti una concezione diversa dell’hockey. Una sconfitta che ci fa comunque guardare con serenità al futuro e ci fa sperare in una crescita costante», le dichiarazioni del coach Gavazzi. Ricordiamo che la squadra di Tivoli è iscritta al campionato nazionale di Serie B della Fihp. Intanto crescono le giovani leve. Durante il turno di riposo di fine gennaio, infatti, sono andati in campo quattro

elementi under 12 in prestito ai Pirati Civitavecchia contro i Panters Velletri. Segno che

le Iene si stanno attrezzando per un futuro roseo.

Guidonia Montecelio città degli eventi sportivi A Guidonia Montecelio si torna a parlare di sport anche se il convegno presenta come location la struttura del Grand Hotel Duca d’Este di Tivoli Terme. Giovedì 13 febbraio alle 18 l’appuntamento-incontro “Parliamo di sport: Guidonia Montecelio città degli eventi sportivi”, organizzato da Claudio Pauselli, imprenditore con un occhio verso la politica. Tanti gli ospiti illustri ad iniziare dall’assessore ai Lavori pubblici e periferie del comune di Roma Paolo Masini e dal presidente Uisp territoriale Giovanni Lucarelli. Ecco un breve curriculum dei relatori. Enrico Castrucci è il presidente della Maratona di Roma, conosciuto anche per aver dato vita alla Lega Mediterranea della Maratona. La Maratona di Roma si prepara a tagliare il traguardo prestigioso della ventesima edizione. Poi abbiamo Fausto Scotti, commissario tecnico della nazionale italiana Mountain Bike, capace di portare a Roma il mondiale di ciclocross con una tappa presso le Capannelle all’inizio di ques’anno. Enzo Vicennati, caporedattore della pubblicazione “Big Sport”, conosciuto ai più anche per il suo libro “Era mio figlio”, dedicato a Marco Pantani, indimenticato Pirata, vincitore di Tour e Giro nel 1998, venuto a mancare il 14 febbraio 2004. Nel libro la verità della famiglia con la rivelazione di papà Paolo sulla gravidanza della storica fidanzata danese Christine del 2002. Non poteva mancare all’appello Andrea Giocondi, ex atleta della nazionale italiana, mezzofondista, nato a Tivoli il 17 gennaio 1969, vice campione mondiale universitario dei 1.500 metri a Fukuoka nel 1995, capace di accompagnare l’atleta non vedente Annalisa Minetti ai Giochi paralampici estivi di Londra nel 2012 ad un’altra medaglia di bronzo. Oggi Giocondi collabora con la Tivoli Rugby. Ci sono quindi tutte le carte in regola per assistere ad un bel convegno di sport, una pratica che può aiutare a creare quell’identità che ancora manca a Guidonia Montecelio. Questo è il pensiero di Claudio Pauselli.

La Tivoli Rugby, impegno e dedizione VILLA ADRIANA - Un week end faticoso per la Tivoli Rugby dove il maltempo ha fatto da padrone su diversi campi della Regione. Sabato 8 febbraio a Rocca Bruna si sono cimentati i ragazzi dell’Under 14 che hanno incontrato la formazione del Nuovo Salario e del Ceccano. Una bel concentramento che ha dato i suoi frutti: difatti i dirigenti tiburtini e quelli del Nuovo Salario faranno insieme una collaborazione proficua con lo scopo di far divertire i giovani atleti, partecipando a tre tornei nazionali della loro categoria. Per quanto riguarda l’Under 16 di mister Marco Porta si sino dovuti recare in quel di Lanuvio...ma complice la defezione di alcuni giocatori per febbre non hanno potuto fare la partita ufficiale bensi un’amichevole che ha visto il debutto di due nuovi iscritti... A Viterbo, invece, l’Under 18 ha perso per tre mete a zero su un campo “scivoloso” ma nonostante le difficolta di organico e la dedizione di tutti hanno disputato una gara con il cuore..veramente bravi. Continua la marcia della Seniores allenata da Alberto Bitocchi che supera lo Spartaco per 21 a 13...decisamente un buon gruppo che è da stimolo per tutte le altre categorie. Veniamo al 6 Nazioni dove il 22 febbraio all’Olimpico di Roma la nostra Nazionale affronterà la Scozia, una partita sentita da tutto il movimento rugbistico che veicola valori come lealtà, rispetto e fair play e...di questi tempi non è poca cosa.

CHRYSLER YOVAGER

Quindicinale per le Associazioni, la Cultura e il Tempo Libero Anno XVII- numero 3 Iscr. Trib. di Roma 403/98 del 6 agosto 1998

13 FEBBRAIO 2014

2.5 Diesel 2003 285.000 Km tagliandato euro 1.600 tel. 335.310342

Editore: Tritype srl - Tivoli Direttore responsabile ed editoriale: Piergiorgio Monaco Coordinamento editoriale: Claudio Iannilli, Gianni Innocenti Grafica ed impaginazione: Tritype srl Stampa: Europrint Sud srl - Strada provinciale ASI Ferentino (Fr). via P. Nenni, 5 - 00019 Tivoli - Tel. 0774336714 Fax 0774315378

info@xl.tritype.it - info@xlgiornale.it Diffusione: 13.000 copie distribuzione gratuita nei principali punti di ritrovo di Tivoli, Guidonia, Castel Madama, Marcellina, Palombara, Vicovaro, Empolitana, Valle dell’Aniene

Pubblicità: TRITYPE srl - tel. 0774 336714

TIVOLI Centro Storico

Vendesi TABACCHERIA Rivendita Lotto e Superenalotto

0774 314672


XL

SPORT

13 febbraio 2014

15

SOCIETÀ/Nasce nel 2013 dalla passione di alcuni amici, presidente Marco Rencricca

Atletica e sport per la Tibur Runners L’Associazione Sportiva Dilettantistica “Tibur Runners” nasce alla fine del 2013 dalla passione di un gruppo di amici che credono in tutti i veri e sani valori dello Sport. Nasce con l’intento di promuovere l’Atletica e lo Sport in senso generale, ma sopratutto con l’obbiettivo di promuovere uno “Sport” inteso come strumento essenziale per una vita salutare, un meraviglioso strumento di aggregazione e socializzazione, oltre che fonte di sana e sportiva competizione. Il Presidente Marco Rencricca, uomo legato al mondo dell’atletica ed in particolare alla corsa su strada da anni ormai, sia come atleta che come dirigente, ha voluto fortemente questa società contornandosi di ragazzi pieni di entusiasmo a cominciare dal Vice Presidente Pierfrancesco Sciarretta, passando per i due giovanissimi tecnici FIDAL con la qualifica di istruttori Francesco Tesoro e Andrea D’Offizi, senza dimenticare il resto dei componenti impegnati per la realizzazione della squadra: dalla gestione della segreteria ai rapporti con la FIDAL, dalla realizzazione del sito ai rapporti con gli sponsor. La Tibur Runners ha già fatto il suo esordio domenica 19

gennaio nella famosissima “Corsa di Miguel” (oltre 6000 partecipanti) piazzando 10 arrivati al traguardo, ben figurando con i due top runners Marco Proiet-

ti e Fabio Rinaldi tra i primi 100 assoluti, e la top femminile Annalaura Bravetti tra le 30 assolute. E’ stato solo il primo passo verso un anno ricco di gare, iniziative ed eventi sotto il se-

gno della Tibur Runners, tra i quali il progetto di un nuova gara nella nostra Tivoli. A breve potrete anche visitare il nostro sito www.tiburunners.it .

La Tivoli Marathon verso la Roma Ostia

Per info la nostra pagina facebook “Tibur Runners” oppure tel. 3393873106 Marco

“Aspettando la Mezza...” Roma, zona Tor Vergata domenica 9 febbraio, mattinata caratterizzata da pioggia e vento intensi che non hanno spaventato la Tibur Runners presentatasi con ben 8 atleti alla partenza. Gara molto nervosa piena di sali e scendi e cambi di direzione oltre che dal forte maltempo, nonostante tutto quasi 3000 gli iscritti tutti a testare la “gamba” in vista della più famosa e partecipata Mezza Maratona “RomaOstia” del 2 marzo; Come al solito la nostra squadra piazza tra i Top Marco Proietti 28° assoluto, buone le conferme tra i 100 del Presidente Marco Rencricca e del giovane Andrea D’Offizi, in crescita Daniele Peruzzi e Alessandro Gianni, all’esordio stagionale con la nuova maglia anche Luigi Sequino e Marco Berti, merita una nota di merito la strepitosa Annalaura Bravetti splendida 10° assoluta e anche a premio. Annalaura donna ormai capace di correre regolarmente sotto la dura soglia di 4 minuti a km punta dritta alla Roma-Ostia per regalarci ancora emozioni. Prossimo appuntamento in calendario per la Tibur Runners “Corriamo al Collatino” 10.000 metri domenica 23 febbraio, la corsa è appena iniziata...

Fervono i preparativi per la Roma-Ostia, la mezza maratona più partecipata d’Italia che dopo quaranta anni mantiene intatto il suo fascino. Appuntamento al 2 marzo e la Tivoli Marathon non si sta facendo trovare impreparata. Vista la consistente partecipazione tiburtina, infatti, verrà messo a disposizione un pullman per gli atleti. Ricco il programma: ritrovo alle 5.30 dal piazzale del Cimitero a Tivoli e dopo l’appello la partenza, fermata a Ponte Lucano, alle 8 foto di gruppo rigorosamente in canotta ufficiale. Il percorso della Roma-Ostia è vario, con lievi saliscendi e molto veloce. Il record maschile è di Kiprop Wilson (Ken) con 59’15’’, stabilito nel 2013, quello femminile di Kiplagat Florence Jebet (Ken) con 1h06’38’’, stabilito nel 2012. Per il primo classificato nella categoria uomini in palio 4mila euro, per il secondo 2mila e per il terzo mille e cinquecento euro. Stesso discorso per le donne. Premio di 1500 euro anche alla prima società classificata, 1200 alla seconda e mille alla terza. Verrà dato un riconoscimento a coloro che batteranno i record per età in carica. Con 10 euro è possibile iscriversi alla gara non competitiva con diritto all’esclusiva maglia tecnica Adidas, al pettorale, al sacchetto ristoro e all’esclusiva medaglia al termine della gara.

CALCIO/Battendo la Viterbese Castrense è emerso un gruppo pronto al riscatto

La Coppa Italia di Eccellenza all’Empolitana Giovenzano L’Empolitana Giovenzano è nella storia. Grazie ad una straordinaria vittoria nella finalissima di Frascati dello scorso mercoledì 5 febbraio contro la Viterbese Castrense la società nata dalle ceneri dell’ex Pisoniano ha vinto la Coppa Italia di Eccellenza, fase regionale, e ora si prepara ad affrontare la fase nazionale. Il 12 febbraio trasferta nella tana del Porto Corallo, il ritorno il prossimo 26. L’ULTIMO ATTO contro la Viterbese Castrense è stato straordinario per gli uomini del mister Amici, capaci di battere un avversario dato per favorito alla vigilia per effetto dei nomi della rosa e di un primo posto in classifica nel campionato conquistato a suon di goleade. Ma nel calcio non sempre vince il più forte e proprio per questo motivo siamo davanti allo sport più seguito al mondo. L’Empolitana Giovenzano ha rovesciato il pronostico disputando la classica partita perfetta con Scerrati, scartato dalla Viterbese, autore di una splendida tripletta con il secondo gol in girata al volo degno del migliore attaccante. A FRASCATI la Viterbese Castrense ha costruito molto ed è stata sicuramente sfortunata, ma l’Empolitana Giovenzano ha dato prova di carattere soffrendo l’iniziale sfuriata avversaria e passando in vantaggio

chiorre Zarelli ha consegnato la coppa agli empolitani che sono andati a festeggiare sotto il settore dei propri tifosi. RIPERCORRIAMO il cammino dell’Empolitana Giovenzano nella Coppa Italia Eccellenza 2013/2014. Sedicesimi di finale: Fonte Nuova-Empolitana Giovenzano 1-3 e 0-0. Ottavi di

finale: Empolitana Giovenzano-Formia 2-1 e 1-1. Quarti di finale: Rieti-Empolitana Giovenzano 0-3 e 3-0 (vittoria ai rigori). Semifinali: Empolitana Giovenzano-Sporting Real Pomezia 1-0 e 1-2. Finale: Empolitana Giovenzano-Viterbese Castrense 3-1.

CALCIO/Il punto sui campionati A colloquio con Marco Guidi direttore generale Marco Guidi, il direttore generale dell’Empolitana Giovenzano, è il grande artefice della vittoria della Coppa Italia di Eccellenza. Guidi, cosa ha pensato al triplice fischio finale dell’ultimo atto? “Siamo nella storia. Un’emozione indescrivibile. E’ stato veramente tutto troppo bello. La sera prima non ero riuscito a prendere sonno e fino all’una ero stato con i tifosi a preparare lo striscione. Questo trionfo ci ripaga di tanti sacrifici”. Tutti noi addetti ai lavori eravamo sicuri della vittoria della Viterbese Castrense. “Non poteva essere altrimenti. La Viterbese la scorsa estate ha costruito una squadra da sogno e infatti è in testa al campionato. Noi siamo partiti senza un euro. Anzi, adesso è difficile organizzare la fase nazionale perché non abbiamo risorse per le gare interregionali. Colgo l’occasione per ringraziare il sindaco di Pisoniano Enzo Aureli che ha detto che finanzierà a livello personale la trasferta contro il Porto Corallo”. Con quali criteri ha costruito questa squadra che si è rivelata vincente? “Abbiamo puntato su giocatori giovani oppure in cerca di riscatto. I ragazzi sono stati bravi a comprendere la situazione e hanno fatto gruppo con l’unico obiettivo di rilanciarsi. Non sono mancati i momenti di difficoltà, ad esempio con il tecnico Amici ci sono stati scontri duri. La nostra forza è stata quella di non nascondere mai i problemi. Abbiamo sempre parlato chiaro con tutti”. Come definisce questa vittoria? “Ha trionfato il calcio di una volta, quello dei valori veri, della passione. Indimenticabile, adesso il nome dell’Empolitana Giovenzano è nella storia”.

con una classica azione di contropiede, naturalmente con Scerrati. La reazione della Viterbese Castrense c’è stata con

Vegnaduzzo che ha siglato il pareggio ad inizio ripresa. Ma successivamente si è scatenato il ciclone Scerrati con una

doppietta da cineteca. LA GRANDE FESTA è scattata quando il presidente del Comitato Regionale Lazio Mel-

Copertina di giornata al Montecelio che vince il derby nel campionato di ECCELLENZA contro il Villanova e compie un passo in più verso la salvezza. Decide una rete di Mereu dopo 15 minuti di gioco. I gialloblù giocano bene e passano in vantaggio, ma nella ripresa restano in dieci per l’espulsione di De Michele. Il Villanova prova a reagire ma non riesce a trovare il pari. Così la squadra di mister Oddi può esultare davanti ai propri sostenitori, buona infatti la rappresentanza dei tifosi del Montecelio in tribuna tra i 300 spettatori. In classifica il Villanova resta a quota 33 punti, mentre il Montecelio si porta a 27. Nel prossimo turno Villanova in casa del Real Monterosi, mentre il Montecelio ospita la Caninese. L’Empolitana Giovenzano, dopo i festeggiamenti per la coppa conquistata, perde 4-2 a Rieti. In PROMOZIONE comanda sempre il Serpentara Bellegra Olevano con 43 punti, cinque in più della Vjs Velletri Flora battuta dal Cerreto Laziale. Crollo del Cretone Castelchiodato Città di Palombara contro il Torrenova. Risale la Vis Subiaco a quota 37. Bene il Guidonia che sembra essere uscito dal momento di difficoltà: 2-1 sul Città di Ciampino in rimonta grazie ad una nuova prodezza di Manuel Vittorini e a una autorete. Vittoria dedicata al capitano Fabrizio Borghi che in settimana ha riportato una frattura alla clavicola a seguito di un incidente stradale. Continua a stupire il Sant’Angelo Romano che va a vincere in casa de La Rustica. Nel prossimo turno occhi puntati sul match Cretone Castelchiodato Città di Palombara-Guidonia, di fronte i migliori attacchi stagionali.



XL Giornale 03 - 2014