Issuu on Google+

26

SPORT

21 maggio 2010-n°20

IL MARTINA DELLE MERAVIGLIE ARRIVA A GARA-3

Successo netto e meritato contro un Gaeta per nulla remissivo. Sabato si torna nel Lazio per tentare il colpo esterno che vorrebbe dire ‘semifinale’ di MICHELE LILLO

L

a cavalcata continua per la Pallavolo Martina. Dopo la sconfitta patita in gara1 contro Gaeta, è l’aria del PalaWojtyla a ridare carica agli uomini del Presidente Massafra, capaci di dominare in lungo e in largo riportandosi sulla parità e rimandando il discorso qualificazione alle semifinali playoff per la B1 a sabato 22 maggio, sempre in terra laziale. Due gare a specchio, con il Gaeta che sfrutta il fattore campo conducendo primo e terzo set con autorità e strappando il secondo set, il più equilibrato, ai vantaggi. Uno 0-3 che non rispecchiava totalmente i valori in campo, mostrando un Gaeta ordinato ma non irresistibile contro un Martina sfiancato dal lungo viaggio e con poche idee. C’è da dire che i laziali rappresentavano un grande punto interrogativo in quanto appartenenti a un girone diverso. Poche le informazioni sull’Allianz Bank e poco tempo per preparare le giuste difese. In gara-2, invece, Coach Spinelli riesce a far valere la sua esperienza sulla preparazione dell’in-

contro e i ragazzi rispondono sul campo a chi pensava che l’avventura potesse concludersi senza vittorie. Il grande calore di Martina, però, ha dato quella marcia in più alla prima squadra di volley ionica ribaltando i valori e rimandando il verdetto definitivo allo scontro in terra laziale. Una gara dominata sotto tutti gli aspetti, un gioco variabile e sempre ficcante, uno sviluppo della manovra che ha costretto gli ospiti a sbagliare molto portandoli spesso in confusione. Una gara, comunque, mai segnata a dimostrazione di come il Gaeta sia approdato con pieno merito agli spareggi per la B1 e che le insidie per la PM siano ancora tante. Il sogno è ancora intatto e il 3-0 interno ha dato nuovo morale e una nuova spinta a una formazione che ha saputo soffrire e imporre la propria lucidità, recuperando una fase di ricezione-difesa a tratti impenetrabile, con pochissimi momenti di appannamento e una capacità di ripartire degna di una formazione di categoria superiore. Martina ha trovato la sua nuova realtà. Non che sia una novità ma ora la visibilità è si-

curamente maggiore per l’entourage biancoazzurro, premiato dalle vittorie ma anche da un’organizzazione perfetta e da una vicinanza dei media che fa sperare in nuove e avvincenti sfide. E’ di lunedì la spinta del presidente della Fipav tarantina che tesse le lodi di una società e di una città che ‘possono raggiungere anche l’A2’. Il traguardo è ambizioso ma serviranno tante componenti: dall’Amministrazione comunale ai tifosi, dalle nuove leve alle primizie imprenditoriali della città e di tutto il comprensorio tarantino. C’è un movimento da portare avanti, quello della pallavolo tarantina, che in massa ora si affida alla capacità di programmazione umile e proficua di una società che ha messo in campo capacità spesso sottovalutate ma che oggi regalano record così come in passato hanno regalato promozioni e successi, tutti ottenuti sul campo. Avanti Martina, tutta la provincia che ama il volley si stringe attorno a te.

Foto D. D’Andria


Extra