Page 1

Guida all’uso letteratura e protocolli fisioterapia & ortopedia

medical device


E

ntrare nel programma di laser Terapia High Dose significa affidarsi ad

una gamma di prodotti tra i più affidabili al mondo e sentirsi perfettamente a proprio agio.

Il simbolo che caratterizza in modo indelebile la tecnologia Winform, rappresentando la miglior innovazione al mondo, è la creazione e lo sviluppo del metodo di trasferire alto dosaggio energetico in tempi brevi su ampie superfici al corpo umano.

La gamma dei prodotti sviluppati dalla Winform nasce con un’ambizione: dare ogni giorno il meglio.

Qualità e precisione si riflettono in ogni dettaglio, il valore di questi prodotti è scoprire, giorno dopo giorno, come ogni lunghezza d’onda venga emessa per ottenere il massimo della soddisfazione in funzione del massimo risultato.

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

1


2


www.winformweb.it

Indice Referenze mediche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 5 Breve storia del laser . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 6 Tipi di laser . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 7 Modalità di emissione della luce laser . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 8 Effetti biologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 10 Effetti biochimici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 11 Effetti istologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 11 Il dolore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 12 Due teorie alternative per spiegare l’interazione tra energia luminosa e cellula . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 13 Il tessuto connettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 14 Campi di applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 15 L’ernia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 16 Ernia del disco lombare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 16 Ernia del disco cervicale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 19 Ernia del disco dorsale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 21 Protocolli per utilizzo pratico laserterapia High Dose . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 23 Trattamento delle lombalgie / lombosciatalgie da ernia disco lombare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 24 Trattamento delle cervicalgie / cervicobrachialgie da ernia cervicale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 25 Trattamento di dorsalgie da ernia dorsale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 26 Trattamento delle lesioni muscolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 27 Trattamento delle condropatie rotulee . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 28 Trattamento sindrome del tunnel carpale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 29 Trattamento sindrome del tunnel tarsale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 30 Trattamento del neuroma di Morton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 31 Trattamento della coccigodinia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 32 Trattamento della tendinopatia inserzionale della cuffia dei rotatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 33 Trattamento della tendinopatia calcifica della cuffia dei rotatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 34 Trattamento dell’epicondilite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 35 Trattamento delle patologie della fascia del piede . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 36 Trattamento della tendinopatia achillea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 37 Trattamento della distorsione tibiotarsica in supinazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 38 Trattamento del legamento collaterale mediale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 39 Trattamento del legamento collaterale laterale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 40 Trattamento della sintomatologia dolorosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 41 Trattamento delle infiammazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 42 Trattamento delle artrosi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 43

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

3


4


L’

applicazione della luce laser avente lunghezze d’onda di 1064 nm, 975 nm e 810 nm in campo terapeutico, è considerata

una metodica comprovata sia negli effetti biologici sia in quelli clinici. Lo sviluppo tecnologico avvenuto negli anni, ha dato all’operatore sanitario un mezzo sicuro ed efficace. I campi di applicazione vanno dalla sintomatologia del dolore, all’infiammazione sia in fase acuta che cronica. Le nuove tecnologie ad alto trasferimento energetico hanno consentito di affrontare in modo più concreto anche le patologie artrosiche nella fase iniziale della degenerazione cartilaginea. La terapia laser ad alto dosaggio con gestione della termica consente la somministrazione di fluenze elevate senza produrre danni termici alle strutture proteiche. Winform con il nuovo laser 3 Chronic ha fatto un importante passo in avanti nell’uso di questa tecnologia per risultati, sicurezza di utilizzo ed affidabilità.

Dott. Alessandro Pastore

C

on l’utilizzo del laser Winform 3 Chronic posso affermare che abbiamo fatto dei notevoli progressi nella cura delle

lombalgie e delle lombosciatalgie da ernia discale con risultati che nella mia personale casistica clinica si attestano sul 100% nella risoluzione della sintomatologia dolorosa , con piena soddisfazione del medico e del paziente.

Dott. Marino Baldo

Q

uando la tecnologia è davvero al servizio del paziente... un sorprendente apparecchio laser da considerare un gra-

dino intermedio prima o in alternativa all’approccio chirurgico nelle patologie della colonna.

Prof. Silvio Rossi

Ortopedico, docente di Terapia Fisica Riabilitazione Università la Sapienza, Roma

F

inalmente un aiuto valido al neurochirurgo per curare le lombosciatalgie senza procedure chirurgiche (microchirurgia) e

parachirurgiche (ozono, coblazione, epiduroscopia, ecc...): il nuovo laser 3 Chronic ha dimostrato effetti sorprendenti ed immediati nella maggior parte dei casi.

Prof. Romano Greco

Neurochirurgo European Hospital Roma

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

5


Breve storia del laser 1917 - Einstein presentava la sua teoria della “emissione stimolata” che si trova alla base del processo di rafforzamento della luce e che si basa sulla teoria del quantum di Planck.

La prima applicazione teorica Townes nel 1954 rende applicativa la teoria del rafforzamento dei raggi con il “Maser” (Magnetic Amplification by Stimulated of Radiation) in cui le onde elettromagnetiche erano rafforzate dal principio di emissione stimolata. Nel 1958 Townes conclude che era possibile applicare tale rafforzamento nel campo dei raggi visibili e in particolare della LUCE

Il primo laser 1960 - Maimain presenta il suo primo “Maser” a rubino . 1961 - Javan presenta “maser” ottico a gas (miscela di gas Elio e Neon). Da allora il nome “Maser” fu cambiato in “laser” per evidenziare l’azione nel campo delle onde luminose.

Cos’è la luce Esattamente come la materia la luce ha due “Facce”: • un carattere ondulatorio • un carattere corpuscolare

Carattere ondulatorio la luce è una perturbazione di un campo elettrico e di un campo magnetico che si propaga nello spazio.

Carattere corpuscolare Il raggio luminoso è un flusso di fotoni ciascuno dei quali trasporta un’energia.

Caratteristiche corpuscolari Un raggio luminoso è un flusso di fotoni ciascuno dei quali trasporta un ‘energia che risulta uguale a:

E= h x f Energia/h = cost. Planck / frequenza Evoluzione Max Planck affermava che l’energia di irradiazione elettromagnetica non era continua ma poteva essere frammentata in piccoli elementi denominati quanti. Einstein conferma questa teoria e afferma che anche la propagazione dell’energia luminosa nello spazio si realizza sotto forma di piccole particelle i fotoni. Teoria dei quanti atomici quando un elettrone cambia di livello energetico viene scambiata una determinata quantita’ di energia o quanto di energia

Emissione spontanea (o fotone) Se un elettrone dell’atomo eccitato, dopo alcuni nanosecondi, torna alla sua orbita primitiva, emette un surplus di energia che libera sotto forma di irradiazione elettromagnetica. Questa è la luce.

Emissione stimolata Quando un atomo si trova già in una situazione di eccitazione può essere stimolato ad emettere un fotone. Questo fenomeno avviene quando l’atomo entra in collisione con un altro fotone. Quando un elettrone a livello energetico primitivo assorbe un fotone si eccita e può irradiare spontaneamente energia liberando a sua volta un fotone. Un atomo eccitato può anche essere stimolato per liberare un fotone quando viene toccato da un fotone esterno. I due fotoni avranno la stessa lunghezza d’onda ma il livello di energia del fotone entrato in collisione si accresce con il fotone ceduto dall’atomo.

Caratteristiche ondulatorie Quest ’onda è caratterizzata da: • un periodo T (frequenza F =1/T) • una lunghezza d’onda L • si trasmette nel vuoto a velocità C=3.108m/sec (Dove C= F x L) Esiste quindi un rapporto fra la frequenza e la sua lunghezza d’onda. La parte visibile dello spettro, parte della quale è sensibile il nostro occhio è posta tra: 10 alla 15esima e 10 alla sedicesima Hertz cioè in lunghezza d’onda noi vediamo le luci tra i 400nm (violetto) e 760 nm (rosso).

6

Principi Fisici laser è l’acronimo di “Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation” ovvero Luce Amplificata tramite l’Emissione Stimolata di Radiazioni; altro non è che un raggio di energia: • coerente • unidirezionale • monocromatica • in fase


Grandezze fisiche

Diodo laser

La radiazione laser è un’onda elettromagnetica caratterizzata dalle seguenti grandezze fisiche: Frequenza: numero di oscillazioni complete in un secondo (una frequenza di 200 Hz indica che ci sono 200 emissioni di luce laser in un secondo). Lunghezza d’onda: spazio percorso dall’onda in un periodo. Potenza: misurata in Watt è data dall’energia nell’unità di tempo. Energia: misurata in Joule è data dal rapporto tra la potenza e il tempo. Intensità: misurata in Watt/cm2 è data dalla potenza per unità di superficie. Fluenza: misurata in Joule/cm2. Spot size: misurato in cm2 è data dalla dimensione della sezione del raggio laser che colpisce il tessuto biologico.

Un diodo laser è composto da materiale semiconduttore drogato presente su uno strato molto sottile sulla superficie di un wafer di cristallo. Il cristallo viene drogato per produrre una regione di semiconduttore di tipo n e una regione di semiconduttore di tipo p, una sopra l’altra, per ottenere una giunzione p-n, cioè un diodo. Come in altri tipi di diodo, quando il diodo viene polarizzato direttamente, le lacune provenienti dalla regione p vengono iniettate nella regione n, dove gli elettroni sono i portatori maggioritari di carica. Analogamente, gli elettroni dalla regione n sono iniettati nella regione p, dove le lacune sono i portatori maggioritari. Quando un elettrone e una lacuna sono presenti nella stessa regione, possono ricombinarsi per emissione spontanea, cioè l’elettrone può rioccupare lo stato energetico della lacuna, emettendo un fotone con un’energia uguale alla differenza tra gli stati dell’elettrone e della lacuna coinvolti. Le proprietà dei diodi laser sono determinate dalla geometria della cavità ottica. La lunghezza d’onda emessa è una funzione del gap di energia tra le bande del semiconduttore e dei modi di propagazione della cavità ottica. In generale il guadagno massimo si ottiene per fotoni con energia leggermente superiore a quella del gap, e i modi di propagazione più vicini al picco di guadagno emetteranno in modo predominante. Se il diodo è pilotato con sufficiente potenza, si avranno anche emissioni addizionali, dette modi laterali. I diodi laser operano a lunghezza d’onda fissa.

Tipi di laser laser solid-state Viene qui utilizzato un vetro cristallino “drogato” con gli ioni che gli forniscono gli stati di energia necessaria. Per esempio i primi laser di questo tipo erano i laser a rubino (cromo drogato corindone). L’inversione di popolazione è mantenuta dal “drogante” cromo o neodimio. In questo caso “allo stato solido – solid state” si riferisce al cristallo o vetro che fornisce gli ioni. Il neodimio è il più comune “drogante” tra le differenti tipologie di laser solid-state e include ittrio vanadato (Nd:YVO4), fluoruro di ittrio e litio (Nd:YLF), granato di ittrio e alluminio (Nd:YAG). Tutti questi laser possono produrre alte potenze nello spettro dell’infrarosso, in particolare a 1064 nm. laser a stato solido sono barrette di cristalli drogati con terre rare o elementi di transizione, come per esempio lo YAG (granato di ittrio e alluminio) drogato con neodimio, o lo zaffiro (ossido di alluminio) drogato con cromo (rubino).

laser a gas Il materiale attivo è allo stato gassoso o di vapore, costituito da atomi neutri, ioni, molecole, con aggiunta di altri elementi (in particolare l’elio) per facilitare la scarica elettrica e migliorare il rendimento energetico. I laser a gas vengono pompati mediante luce ultravioletta, fasci di elettroni, corrente elettrica o reazioni chimiche. Tra questi ve ne sono a miscele di: • gas atomici (He-Ne) • molecolari (CO2 vapori di H2O) • e ionici (Argon, Kripton, Xenon, vapori di metallo, Elio-Cadmio)

Ultimi sviluppi tecnologici del diodo L’evoluzione dei diodi laser ha avuto in questi ultimi anni sviluppi impensabili. Grazie alla ricerca per l’applicazione di questi laser a livello industriale, si sono sviluppati laser diodici di potenze superiori ai 3 KW. Per l’applicazione di questi sistemi nel taglio di metalli o nella loro incisione è di primaria importanza, oltre che la potenza, la brillanza del fascio luminoso la quale determina la qualità del taglio e la perfezione dell’incisione perché in questi casi sono necessarie macchie focali molto piccole. Grazie a questi ultimi progressi tecnologici i laser diodici hanno eguagliato la qualità dei sistemi a CO2 e dei laser a fibra, e li stanno via via sostituendo per la loro dimensione meno ingombrante, per i minori costi di gestione e per la maggiore affidabilità. Questo sviluppo tecnologico ottenuto dalla ricerca e applicato in ambito industriale, può ora essere trasferito in ambito medicale, senza temere il confronto con i più classici sistemi laser ancora oggi usati.

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

7


Modalità di emissione della luce laser Continua, pulsata e Duty Cycle Un laser può essere classificato in base alla modalità operativa cioè in continuo o in pulsato, dipende se il segnale in uscita è essenzialmente continuo nel tempo o se viene emesso sotto forma di pulsazioni di luce. Cw = in continuo, CWF = pulsato, e Pulsato in Duty Cycle

Esempio di emissione in Duty Cycle

Profondità e assorbimento

Modalità continua Il fascio laser viene emesso in continuo durante il tempo, finché non si spegne lo strumento. Un laser di questo tipo viene definito a onda continua (CW – Continuous Wave).

Modalità pulsata La luce laser viene emessa in modalità pulsata (CWF – Continuous Wave Fluctuation). Fa parte della modalità pulsata il Duty Cycle.

Duty Cycle Il Duty Cycle è una modalità di emissione di energia, in particolare è una modalità ultrapulsata. Con il Duty Cycle è possibile somministrare alte dosi energetiche all’organismo, senza però surriscaldare (e quindi danneggiare) i tessuti. Questo perché la pausa tra un impulso energetico e l’altro è tale da permettere al tessuto di assorbire l’energia e di disperdere quella in eccesso; il tessuto è così più “pronto” ad assorbire l’impulso energetico successivo. Si consideri un’onda quadra. Il Duty Cycle è il rapporto che c’è tra il periodo in cui c’è il segnale ed il periodo di pausa. Può essere espresso con un valore percentuale oppure con un valore frazionario. Se il Duty Cycle è al 50% (oppure 1⁄2) significa che il segnale energetico dura tanto quanto il periodo di pausa. Se il Duty Cycle è al 20% (20/100) significa che il segnale è al 20%, mentre il periodo di pausa è pari all’80%.

8

Ogni laser emette il proprio raggio ad una ben definita lunghezza d’onda, ed ovviamente ciascun diverso tipo di laser ha la capacità di raggiungere una certa profondità nei tessuti bersaglio. Esperimenti di laboratorio condotti in varie Università hanno indicato un aumento di assorbimento di ossigeno da parte di colture cellulari sottoposte ad irraggiamento con energia laser di diverse lunghezze d’onda. In particolare, si ha attivazione per due zone dello “spettro delle lunghezze d’onda”: tra i 600 ed i 1200 nm. Lunghezza D’onda

Tipo Di laser

Proteine Acidi Nucleici

200/500 Nm

Eccimeri

Melanine

400/600 Nm

Argon

10.000 Nm In Su

Co2

Tra 600 E 1200 Nm

I.R. - Yag - Diodo

Acqua Finestra Terapeutica

Assorbimento e dispersione Dal punto di vista della “Fisica”, il raggio laser attraversando le strutture biologiche interagisce attraverso due meccanismi: l’assorbimento e la dispersione. Infatti, la cellula dei tessuti viventi si presenta come un sistema semitrasparente (una specie di boccia di vetro con un contenuto semiopaco) che trattiene una certa quantità di energia, e che cede l’eccedenza dell’energia che la colpisce in parte per “riflessione” ed in parte per il suo “attraversamento” e cessione verso gli strati sottostanti.


Penetrazione ed incidenza Anche se nell’impatto con la cute il raggio laser è perpendicolare (ed i fotoni sono in parallelo), via via che avviene la penetrazione nei tessuti (per effetto della dispersione) la sezione di tessuto irradiata avrà uno sviluppo vagamente conico e reso irregolare dalla diversa densità delle strutture attraversate.

Tipologia di assorbimento in relazione alla lunghezza d’onda Lunghezza d’onda (nm) 200

300

400

500

600 700

32%

10%

65%

78%

Assorbimento

Con l’assorbimento della luce laser si associa anche la sparizione di più livelli quanto-energetici il cui valore di energia è:

1100

1400 10600

810 nm 65%

20%

In presenza di radiazioni laser le molecole del tessuto biologico interagiscono assorbendo energia, operando a stati energetici più elevati. Di conseguenza si può verificare un interazione sugli stati vibrazionali e di rotazione nei nuclei atomici e interessare gli elettroni che passano su quanti energetici più alti.

900

+

5%

21%

28%

Epidermide Derma

8%

17%

Sottocute

= 86% energia in superficie -> nocicettori

Miofasciale

Miofasciale

810 nm: 65 + 21 = 86% dell’energia si ferma in superficie, quindi interazione con i nocicettori e conseguente effetto antalgico.

Lunghezza d’onda (nm) 200

300

400

500

600 700

E = hv

900

1100

1400

10600

975 nm

(h) è la costante di Planck - (h) = 6,67x10-27 (v) è la frequenza.

32%

10%

45%

65%

78%

20%

28%

Epidermide

+

Il fenomeno di assorbimento si manifesta in rapporto a leggi di probabilità quantistiche che dipendono da diversi parametri tra i quali: • frequenza e polarizzazione della radiazione incidente

Derma

5% 21%

8%

17%

Sottocute

= 62% energia in superficie

Miofasciale

Miofasciale

• l’intensità della radiazione (numero di fotoni) 975 nm: 45 + 17 = 62% dell’energia si ferma in superficie -> agisce a livello della melanina

• la durata dell’esposizione alla radiazione • il momento del dipolo elettrico della molecola colpita dalla luce laser, ecc.

Lunghezza d’onda (nm) 200

Da questo si può dedurre che maggiore è il numero di fotoni che interagiscono con la molecola più si verifica la probabilità che una percentuale di essi vengano assorbiti e, di contro, se il numero di fotoni diventa esiguo si può verificare la possibilità di avere si una radiazione laser presente ma una bassa probabilità che essa sia assorbita e automaticamente l’assenza di effetti biostimolanti. Diventa quindi importante trovare i giusti parametri che portino in profondità il massimo dell’energia senza danneggiare il tessuto biologico.

300

400

500

600 700

900

1100

1400 10600

1064 nm 32%

10%

65%

78%

28%

65%

20%

Epidermide

+

5% 21%

17%

Derma

8%

= 55% energia in profondità -> patologie croniche

Sottocute

Miofasciale

Miofasciale

1064 nm: 28 + 17 = 45% dell’energia si ferma in superficie, 55% arriva in profondità: questa specifica lunghezza d’onda trova applicazione nelle patologie croniche superficiali e profonde.

Questo grafici permettono di osservare che all’aumentare della lunghezza d’onda non è strettamente correlato un aumento del livello di assorbimento da parte dei tessuti. Come è possibile osservare, la maggior parte dell’energia assorbita si ferma nei primi strati cutanei (epidermide e derma). Un fattore estremamente im-

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

9


portante sono i cromofori, ovvero le particelle che assorbono le radiazioni luminose e che rendono il laser uno strumento a elevata selettività e precisione per la cura della patologia. Il grafico è estremamente utile per comprendere a che livello si va ad agire in base alla lunghezza d’onda. Infatti ogni lunghezza d’onda è selettiva e adatta per il tipo di patologie e di trattamento che si vuole fare. A parità di energia somministrata, le differenze di applicazione in virtù della lunghezza d’onda, determineranno l’interazione con i cromofori presenti. La lunghezza d’onda di 810 nm è assorbita prevalentemente dalla melanina, invece i 975 nm e 1064 nm vengono riconosciuti prevalentemente dall’emoglobina. A parità di energia assorbita dai tessuti e di profondità, l’interazione delle lunghezze d’onda determinerà risposte terapeutiche specifiche differenti tra loro.

Effetti biologici Gli effetti biologici indotti dalle radiazioni laser possono essere così sintetizzate: • aumento del flusso ematico per vasodilatazione capillare ed arteriolare, con conseguente • azione antiflogistica, anti-edematosa, eutrofica e stimolante del tessuto cellulare; • modificazione della pressione idrostatica intracapillare con conseguente maggiore • assorbimento dei liquidi interstiziali e quindi riduzione degli edemi ed attivazione del microcircolo vascolo-tissutale • ricambio tissutale; • aumento della soglia di percezione delle terminazioni nervose algotrope, con conseguente azione analgesica.

Quindi la luce laser produce sui tessuti umani essenzialmente gli effetti: • antalgico • biostimolante • antiflogistico • antiedemigeno

10

L’effetto antalgico è indotto principalmente dalla iperpolarizzazione della membrana della cellula nervosa e dalla liberazione di beta endorfine. L’effetto biostimolante si manifesta con l’aumento della velocità di cicatrizzazione, unitamente ad un effetto antiedemigeno ed un effetto antiflogistico. A livello sperimentale, è stato sottoposto al trattamento con laser un gruppo di parameci aurelia (un organismo unicellulare che si riproduce per clonazione ogni 14 ore e dura circa 30 minuti). Si è rilevato che la divisione cellulare avveniva molto più rapidamente che in condizioni normali e non si evidenziavano anomalie strutturali. Posti a confronto con il gruppo di controllo i parameci irradiati erano geneticamente identici, ma il tempo di clonazione era considerevolmente più breve. La sospensione dell’irradiazione con luce laser determinava nel paramecio un ritorno al normale tempo di scissione. Appare evidente quindi che le radiazioni laser non determinano alcuna modificazione endogena nella cellula, ma provocano un incremento dell’attività mitocondriale e perciò nell’ATPasi. Questo spiegherebbe perché il laser trova applicazione nel trattamento di piaghe ed ulcere. L’azione antiflogistica della radiazione laser è la conseguenza di quanto segue: quando una cellula è affetta da flogosi si spacca e lascia fuoriuscire i lisozomi, che attaccano altre cellule, distruggendole. Le radiazioni laser esercitano la loro azione sulle lipoproteine che circondano i lisozomi, proteggendo le cellule sane dall’attacco e dalla distruzione. Le radiazioni laser sono per questo particolarmente indicate nel trattamento di disturbi di tipo infiammatorio come artrosi, neuriti, gengiviti, flebiti, tendiniti, stiramenti muscolari. Sperimentalmente è stata indotta una flogosi nel mesenterio di un ratto, provocando una microemorragia ed un edema. Il mesenterio è stato successivamente trattato con radiazioni laser. Osservato al microscopio si è constatato un notevole miglioramento consistente nella riattivazione dei vasi, specialmente vasi linfatici. È perciò evidente che il laser può essere impiegato con successo nel trattamento di disturbi articolari e traumi recenti.


Le indicazioni terapeutiche sono indirizzate verso la riparazione delle ulcere di ogni tipo: • traumatiche

inibiti, altri fra cui ad esempio la Chimotripsina, ed enzimi glicolici, sono stimolati oltre che nella loro sintesi, nella loro attività.

• da decubito • da ustioni • refrattarie ad altre terapie • venose (specialmente di tipo cronico) e in tutte quelle patologie in cui è richiesto una maggiore micro vascolarizzazione e/o rigenerazione tessutale, quali l’attecchimento di autotrapianti, il consolidamento di calli ossei ecc. Nel trattamento antalgico la radiazione laser, stimolando la produzione di ATP ripristina l’equilibrio ionico ai lati della membrana cellulare e agendo a livello delle terminazioni nervose, variando appunto i potenziali di membrana innalza la soglia del dolore, ciò trova applicazione nel trattamento di: • lombaggini • sciatalgie • dolori cervicali • periartriti scapolo-omerali • epicondiliti ecc..

Effetti biochimici Gli effetti biochimici a livello cellulare, ottenibili con radiazione laser, possono essere così raggruppati: • aumento della sintesi proteica • stimolazione della sintesi di acidi nucleici • stimolazione dell’attività mitocondriale • modulazione delle attività enzimatiche, variazione del pH inter ed intra cellulare. Questi effetti, strettamente legati fra loro, comportano una accelerazione del metabolismo cellulare, e se la cellula può riprodursi, ad un aumento della mitosi. Con l’aumento dell’attività funzionale della cellula, si può spiegare intuitivamente l’azione antalgica della luce laser; infatti la iperpolarizzazione della cellula comporta un innalzamento della soglia dolorifica che ha inoltre come risultato un’eventuale effetto decontratturante muscolare. Per ciò che riguarda la modulazione delle attività enzimatiche, mentre alcuni enzimi vengono

Molto interessante è il lavoro scientifico sulla rigenerazione nervosa post-traumatica e sulla prevenzione dell’atrofia muscolare conseguente, svolto dal Prof. Shimon Rochkind del reparto di neurochirurgia dell’università di Tel Aviv, Israele. In questo lavoro scientifico è stata applicata una irradiazione laser a bassa potenza con lunghezza d’onda di 780 nm per il trattamento della lesione del nervo periferico usando un modello di nervo sciatico di ratto dopo una lesione da schiacciamento, anastomosi del nervo o ricostruzione artificiale con neurotube, oltre al trattamento del muscolo denervato. Il risultato sull’animale ha permesso uno studio randomizzato clinico a doppio cieco e controllato con placebo che ha misurato l’efficacia della fototerapia laser su pazienti che soffrivano di lesioni nervose periferiche incomplete per un periodo di almeno 6 mesi fino a parecchi anni.

Risultati Gli studi su animali rivelano che la fototerapia laser ha un effetto protettivo immediato, mantiene l’attività funzionale del nervo leso, diminuisce la formazione di tessuto cicatriziale sul sito della lesione, diminuisce la degenerazione nei corrispondenti motoneuroni del midollo spinale, aumenta in modo significativo la crescita assonale e la mielinizzazione e accelera la rigenerazione tramite anastomosi diretta e neurotube artificiali. Nel muscolo denervato lo studio sugli animali suggerisce che la funzione dei muscoli denervati può essere parzialmente preservata dai cambiamenti biochimici indotti dalla denervazione. La funzione dei muscoli denervati può essere ripristinata non completamente ma ad un livello molto sostanziale dal trattamento laser iniziato il più tempestivamente possibile dopo la lesione.

Effetti istologici Sono stati studiati da vari autori sia in vivo che in vitro, sia su cellule in coltura che su prelievi bioptici. Sui tessuti in condizioni normali gli effetti istologici dei laser terapeutici sono dapprima nulli, poi aumentando progressivamente le

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

11


dosi di irradiazione si ha un aumento della velocità di microcircolo e, in seguito, si hanno quei fenomeni che portano alle ustioni: • denaturazione dei citoplasmi cellulari, • iperemia attiva e passiva, • microtrombi e microemorragie, • necrosi coagulativa massiva, • carbonizzazione Tali effetti istologici presentano variazioni quantitative, con prevalenza dell’uno o dell’altro aspetto in funzione del tessuto, del tipo di laser e dalle condizioni di irradiazione. Alle dosi e con le modalità di emissione impiegate in terapia fisica nessuna radiazione laser adoperata genera ustioni sul tessuto sano irradiato. Non si hanno effetti sui tessuti sani neanche nei confronti della vaso-motilità: vi è un aumento locale della velocità di circolo capillare locale ed un aumento del drenaggio veno-linfatico della zona irradiata. Nel tessuto leso da un trauma (ferita, ulcera) istologicamente si ha: • dapprima una micro-vasodilatazione e neovascolarizzazione sui margini della lesione e sul fondo • una riduzione dell’edema esteso alle zone circostanti • un notevole aumento del tessuto di granulazione con la riduzione della proliferazione di cellule fibroblastiche e neo-formazione di collagene, • un aumento locale dei macrofagi

Il Dolore Il dolore è la risultante di particolari stimolazioni meccaniche, emozionali e neuro-fisiologiche importanti in egual misura. I recettori del dolore, detti anche nocicettori, presenti nella cute e nei muscoli, rappresentano il sistema di trasmissione e sono di due tipi: • Meccanici • Termomeccanici Per innescare la trasmissione del dolore, è necessaria la presenza di sostanze accumulate nelle terminazioni nervose libere che ne inducono la depolarizzazione. La sostanza più nota attivante il dolore è certamente la bradichinina. I nocicettori sono innervati da fibre mieliniche di piccolo calibro e da fibre afferenti non mielinizzate. Le fibre mieliniche di maggior calibro innescano in genere i recettori meccanici, sono più eccitabili delle corrispondenti di piccolo calibro per stimolazione diretta e/o transcutanea. Le terminazioni nervose periferiche terminano nelle corna vertebrali o dorsali del midollo. Nelle radici ventrali del midollo sono presenti fibre nocicettive i cui corpi cellulari sono situati nei gangli delle radici dorsali ed hanno soglie dolorose elevate; le fibre nocicettive delle corna dorsali del midollo afferiscono attraverso il tratto spino-talamico al talamo. Nel midollo spinale i neuroni si diversificano in base alla loro funzione e sono stati classificati in: • classe 1 = Recettori tattili

• una notevole riepitelizzazione dei margini con scorrimento dell’epitelio verso il fondo della ferita

• classe 2 = Meccanocettori e nocicettori

• tendenza alla saldatura dei bordi.

• classe 4 = Termosensoriali specifici

Tutti questi segni istologici sono identici a quelli che si avrebbero senza applicazione laser dopo 15-20 giorni dal trauma se non intervengono fenomeni infettivi ad aggravarne il quadro clinico, mentre con l’utilizzo della luce laser questi tempi si dimezzano a 7-12 giorni, e oltre ad un’aumentata velocità di cicatrizzazione si ha una minore flogosi, un minor ispessimento della cute e quindi si riduce la formazione di cheloidi.

Nei meccanismi algogeni I neuroni della seconda e terza classe sono i più coinvolti. Nei nervi periferici vi sono due fibre afferenti che portano dolore: • il gruppo A-DELTA mielinizzato che evoca dolore acuto e ben localizzato

• classe 3 = Selezionatori

• le fibre C non mielinizzate a lenta reazione che generano un dolore urente e mal delimitato. Se un nervo periferico viene danneggiato si rigenera per gemmazione o per invio di bottoni di rigenerazione alle fibre vicine.

12


La compressione su un nervo non provoca in genere dolore, fatto salvo che esso non sia danneggiato o demielinizzato gli impulsi allora vengono trasmessi alle fibre algogene sottili innescando un dolore molto intenso. Nel caso in cui il dolore abbia origine nelle radici dorsali del midollo, esso può essere generato o da demielinizzazione o da danni che alterino la funzione neuronale;; c’è inoltre la possibilità che vengano sensibilizzati i neuroni della seconda stazione algogena con un incremento della sensibilità dei neurotrasmettitori. A livello spinale i neuroni del dolore si connettono con i motoneuroni e con il sistema nervoso simpatico. I motoneuroni provocano il riflesso di contrazione muscolare nel dolore acuto, mentre nel dolore cronico si può verificare la possibilità che i muscoli aumentino il proprio tono, attivando meccanismi nocicettivi, che sfociano nel dolore continuo: Questo per esempio si verifica nei dolori lombo-sacrali. Circuiti simili, stimolando il sistema nervoso autonomo, possono accentuare dolori ischemici, cusalgici e viscerali. Nelle radici dorsali esiste una complessa interazione fra le fibre del dolore e quelle della sensibilità tattile, queste ultime in grado di inibire, una volta stimolate, le prime. Di fatto, l’attività delle fibre nervose di maggiore calibro, attiva un interneurone inibitore che provoca un’inibizione presimpatica delle fibre nervose algogene. L’aumentata attività delle fibre algogene al contrario porta alla inibizione dell’interneurone.

Le terminazioni delle radici posteriori sono soggette ad inibizione pre-simpatica da parte di fibre terminali afferenti nei nuclei posteriori del midollo. Il dolore si trasmette tramite impulsi o stimoli che evocano una sensazione dolorosa, eccitando i recettori distribuiti a livello della cute e/o degli organi interni, che sono i rami terminali delle fibre afferenti dei nervi sensitivi periferici. Le fibre di questi nervi partono dalle cellule dei gangli cerebro-spinali situati ai due lati della colonna vertebrale. Questi trasmettono gli impulsi nervosi dalla periferia ai neuroni recettori del midollo spinale. La trasmissione degli stimoli dolorosi dalla periferia all’encefalo avviene seguendo questo percorso: • cellule gangliari • tratto spino-talamico • tratto talamo-corticale Nei centri corticali viene analizzata la percezione (localizzazione, intensità, durata) e viene inviata la risposta più idonea di controreazione all’impulso doloroso in modo da eliminare o combattere la causa che genera l’impulso stesso. La genesi del dolore perciò non va interpretata solo in funzione dell’effetto sensoriale, ma occorre tener conto anche dell’aspetto psicosomatico. Qualsiasi trattamento terapeutico del sintomo dolore acquista perciò significato solo dopo una formulazione medico diagnostica, dove il dolore viene considerato e curato senza perdere di vista l’insieme della malattia e dell’individuo sofferente.

Le fibre nervose di tipo A-Beta di grosso calibro, le fibre A-Delta di minor diametro e le fibre C sono tutte coinvolte durante gli stimoli nocicettori dei recettori periferici.

Due teorie alternative per spiegare l’interazione tra energia luminosa e cellula

Nel midollo spinale esiste un “cancello” che, in certe condizioni, quando vengono stimolate le fibre di piccolo calibro, lascia passare la sensazione di dolore, mentre quando vengono stimolate le fibre di maggior calibro blocca la sensazione algogena. Questo “cancello” è presente a tutti i livelli ed interagisce sia con meccanismi ascendenti che discendenti. Questo spiega perché il dolore non si produce sempre per stimolazione periferica, ma può essere generato per stimolazioni di fibre non direttamente correlate alla percezione algogena.

Teoria della biorisonanza Il biologo russo Gurvich osservò che quando una cultura cellulare entra in mitosi induce anche in cellule vicine senza interposizione di barriere di vetro il processo di divisione. Ma cosa interessante, anche interponendo una barriera di quarzo tra le due colture, questo fenomeno di induzione non si arresta. Ciò ci può far ritenere (Injuschin) che le cellule e i tessuti possiedono una loro carica elettrica libera e sono circondati da questo campo biologico (bioplasma) e le interconessioni tra le diverse strutture dell’organismo non sono soltanto di

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

13


tipo umorale o nervoso, ma richiedono anche dei rapporti bioenergetici ben precisi.

saccaridi ad alto peso molecolare (glicosaminoglicani).

Questo campo bioenergetico possiede una sua stabilità, ma è altresì molto sensibile alle interferenze elettromagnetiche esogene come a squilibri interni che lo destabilizzano. In conclusione si può dire che secondo questa teoria lo stato di malattia può essere causato da una disorganizzazione bioplasmatica.

Per quanto riguarda il condroitin solfato evidenze sperimentali dimostrano la sua attività condroprotettiva (stimolazione della sintesi dei proteoglicani, inibizione dell’attività collagenolitica, inibizione degli effetti dell’IL-1 sulla sintesi di proteoglicani e collagene, riduzione dell’apoptosi condrocitaria).

La luce laser con le sue caratteristiche di luce monocromatica e coerente (ovviamente con l’opportuna lunghezza d’onda) avrebbe la proprietà di ripristinare l’equilibrio bioenergetico della cellula e della sua omeostasi fisiologica.

La stimolazione del condroitin solfato permette di arrestare la progressione del danno strutturale.

La teoria di Popp Fritz Popp biofisico ed il suo gruppo di ricerca dell’università di Marburg (Germania) ipotizzano che al di la di ciò che si è già consolidata come conoscenza a riguardo della regolazione dei processi biochimici che si manifestano all’interno della cellula, potrebbe sussistere anche un altro sistema di diffusione di informazioni a livello cellulare che sfrutta il mezzo delle onde sonore e di particolari onde elettromagnetiche con lunghezze che si collocano all’interno dello spettro del rosso e del vicino infrarosso, nel quale le sostanze che costituiscono la cellula presentano la maggiore trasparenza.

Connettivo maturo si classifica in: • connettivo Propriamente Detto. • connettivo Specializzato (Cartilagine Ossa Sangue)

Funzione dei tessuti connettivi Supporto strutturale e metabolico per altri tessuti ed organi in tutto il corpo: • portano i vasi, mediano lo scambio di nutrienti e metaboliti • negli organi sono il materiale di rivestimento • supporto per la pelle ed i tendini • impalcatura dello scheletro • riserva di grasso

In dettaglio si può affermare che le cellule presentano dei range di oscillazione ottica ed acustica che determinano le comunicazioni intra ed extracellulari. Ci troveremo in uno stato patologico in relazione ad una alterazione degli stati oscillatori della cellula, ne consegue un suo isolamento e l’inizio di un processo degenerativo. Una luce laser di frequenza compresa nella cosidetta finestra terapeutica che abbia caratteristiche di purezza e coerenza potrebbe interagire ristabilendo la corretta oscillazione fisiologica cellulare.

Il tessuto connettivo Questa sezione è stata introdotta in quanto l’azione terapeutica del laser è indirizzata anche al connettivo. Il laser è uno strumento altamente selettivo. La luce laser permette di stimolare componenti fondamentali della matrice extracellulare come glucosammina solfato, condroitin solfato, e poli-

14

• difesa immunologica • riparazione dei tessuti

Composizione dei tessuti connettivi Tutti i tessuti connettivi sono formati da due principali costituenti: • cellule: fibroblasti, miofibroblasti, adipociti, astociti, macrofagi tissutali, globuli bianchi • matrice extra cellulare: costituita dalla cosidetta sostanza fondamentale in cui sono disciolte varie tipi di fibre e di glicoproteine strutturali. La proporzione di ciascuna componente varia a seconda del tipo di tessuto connettivo considerato.


Cellule del connettivo Le cellule del tessuto connettivo possono essere divise in tre tipi: • cellule responsabili della sintesi e mantenimento matrice extra cellulare (fibroblasti e miofibroblasti) • cellule responsabili dell’accumulo e del metabolismo del grasso (adipociti -> tessuto connettivo adiposo) • cellule con funzioni difensive e immunitarie (mastociti, macrofagi tissutali, globuli bianchi)

Matrice Extra Cellulare • sostanza fondamentale: gel semifluido, amorfo e trasparente composto da glicosaminoglicani (acido ialuronico e proteoglicani) • fibre: molecole che forniscono resistenza alla trazione ed elasticità: collagene, fibre reticolari, elastina • glicoproteine strutturali: molecole composte da catene proteiche legate a polisaccaridi ramificati, ruolo non completamente chiarito: fibrillina, fibronectina, laminina, entactina, tenascina

Cellule del connettivo • fibroblasti • cellule di sostegno • macrofagi • cellule del plasma • adipociti • cartilagine • osso • sangue La laser terapia è un trattamento efficace per la sua capacità di migliorare, di mantenere o ripristinare i sistemi biologici a condizioni adeguate di omeostasi e per la sua caratteristica di avviare o ampliare sistemi di rigenerazione propri del corpo. Il movimento di cariche ioniche che il laser produce sul connettivo consente un passaggio gel-sol della matrice extracellulare ed un conseguente miglioramento dell’ambiente nel quale la cellula vive. Lesioni o altre malattie croniche possono avere un effetto deleterio sulla sostanza fondamentale e di conseguenza compromettere la capacità delle cellule di funzionare regolarmente o per effettuare riparazioni, dove il tessuto è stato danneggiato.

Quando le membrane cellulari sono state danneggiate, la terapia laser aumenta il movimento di ioni e altre particelle attraverso la membrana cellulare. Quindi ha un effetto positivo sulla capacità della cellula di mantenere o ripristinare il corretto funzionamento, la manutenzione di sistemi enzimatici della cellula e ristabilire il giusto equilibrio di proteine, carboidrati o ioni per permettere alla cellula di funzionare normalmente.

Campi di applicazione I laser terapeutici ad alto dosaggio sono applicabili nella cura per il recupero dell’integrità anatomica e nella fase riabilitativa per il recupero della funzione. Questo mezzo è affidabile e conclamato, segue la prescrizione del medico ed è utilizzato dall’operatore sanitario. La terapia laser deve essere eseguita con una somministrazione energetica adeguata per le fasi acute, subacute e croniche in grado di ottenere la corretta applicazione dei processi energetici protocollati. Le patologie che traggono vantaggio dall’utilizzo della terapia con luce laser è estremamente vasta e la selezione avviene grazie alla lunghezza d’onda di emissione del campo elettromagnetico. L’applicazione della laserterapia è indicata nei seguenti casi: • patologia artro - reumatica artrosi e artrite nella fase iniziale, deficit cartilaginei. • traumatologia contusioni, infiammazioni, lesioni muscolari, ematomi, ecc. Il processo energetico ad alto dosaggio accelera il recupero da parte del paziente fin dalla fase acuta dell’infiammazione e del dolore con un ritorno veloce alla propria attività, soluzione importante per la diminuzione dei costi dovuta ad assenza dal lavoro o da attività sportive ad alto livello, evitando peraltro il rischio di degenerazione cronica. • terapia riabilitativa riabilitazione motoria articolare pre e post intervento chirurgico ortopedico • altre indicazioni sinusite acuta e cronica, cheloidi, ustioni, ulcere vascolari e da decubito. il laser accelera e favorisce il processo di cicatrizzazione, inibisce la presenza di superinfezioni microbiche ed ha un effetto iperemizzante con miglioramento della detersione della ferita.

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

15


L’ernia Richiami anatomici alla colonna vertebrale e al midollo spinale È l’asse portante del corpo, si estende dal cranio alla pelvi tramite la quale scarica il peso del corpo sugli arti inferiori, sostenuta dai muscoli e dal tono muscolare. È costituita dalle vertebre, ossa corte e irregolari, disposte in serie l’una sopra l’altra articolate fra loro, formando una lunga asta flessibile. La colonna vertebrale è suddivisa in settori, in base a criteri topografici e morfologici. La colonna vertebrale è costituita dalle vertebre che nell’adulto sono 26: • 24 vertebre mobili • il sacro (fusione di 5 vertebre) • il coccige (fusione di 4 vertebre) Le vertebre posseggono una struttura generalizzabile che comprende: • corpo a forma di cilindro, presenta una faccia superiore e una inferiore • foro vertebrale che contiene il midollo spinale • arco vertebrale formato dall’unione di due lamine e provvisto di un processo spinoso che si proietta all’indietro • processi trasversi laterali • canale di coniugazione all’interno del quale scorrono le radici nervose • processi articolari, 2 superiori e 2 inferiori per le articolazioni vertebrali Le vertebre si articolano una con l’altra formando 4 curvature fisiologiche

Regione cervicale Il primo tratto è costituito da 7 vertebre cervicali che sono le più piccole, sostengono il peso della testa e formano lo scheletro del collo. Le prime due, atlante ed epistrofeo, sono particolari, le altre sono simili tra loro, tranne la settima, detta vertebra prominente, perché presenta un lungo e sottile processo spinoso.

Regione toracica Il segmento toracico della comprende 12 vertebre toraciche; sono più cospicue e resistenti delle cervicali. Sono caratterizzate dalla presenza di faccette articolari per le coste sui processi trasversi in posizione laterale e sul corpo (semifaccette). Il processo spinoso, prominente è rivolto verso

16

il basso. Le ultime tre si modificano progressivamente somigliando alle vertebre lombari.

Regione lombare Il segmento lombare della colonna è costituito da 5 vertebre lombari che sono le più grandi in assoluto. Queste vertebre sostengono il peso maggiore del corpo. Le vertebre sono separate da dischi intervertebrali ovvero cuscinetti fibrocartilaginei che fungono da ammortizzatori e conferiscono flessibilità. I dischi sono ricchi di acqua, ma con l’età tendono a disidratarsi: ciò comporta una maggiore rigidità e un accorciamento della colonna vertebrale. La coesione tra le vertebre è anche assicurata da legamenti presenti fra i corpi e i processi vertebrali. Il disco intervertebrale è formato da un nucleo polposo rivestito dall’anello fibroso; in condizioni patologiche si può verificare una fuoriuscita del nucleo polposo dalla sua sede andando a comprimere il midollo spinale o un nervo spinale causando la cosiddetta ernia del disco (vedi pagine successive).

Midollo spinale Nella cavità centrale della colonna vertebrale trova protezione il midollo spinale: tessuto nervoso di forma cilindrica lungo circa 45 cm e dello spessore di circa 2,5 cm che decorre nel canale centrale della colonna vertebrale; esso rappresenta un’estensione verso il basso dell’encefalo. Il midollo spinale e l’encefalo possono essere considerati parte del sistema nervoso centrale.

Struttura Al centro del midollo spinale esiste una regione con sezione trasversa simile a una farfalla, chiamata sostanza grigia. Contiene i corpi cellulari dei neuroni (cellule nervose) e anche le cellule gliali (di sostegno). Alcune delle cellule nervose sono motoneuroni i cui assoni (lunghe fibre sporgenti) escono dal midollo spinale sotto forma di fasci all’interno dei nervi spinali e si estendono alle ghiandole e ai muscoli del tronco e degli arti. Altri sono interneuroni (cellule nervose contenute completamente nel sistema nervoso centrale) che convogliano i messaggi tra diversi neuroni. Nella sostanza grigia entrano anche gli assoni dei neuroni sensoriali (che hanno i corpi cellulari all’estremo del midollo spinale); questi assoni si collegano con i motoneuroni e gli interneuroni. La sostanza grigia è circondata da zone di sostanza bianca, formata da fasci di assoni di cellule nervose che decorrono longitudinalmente attraverso il midollo. Da entrambi i lati del midollo


spinale si dipartono, a intervalli regolari, due fasci di nervi, cioè le radici dei nervi spinali che contengono le fibre delle cellule nervose motorie e sensoriali. I fasci si uniscono formando i nervi spinali che emergono dalla colonna vertebrale e costituiscono i “cavi di comunicazione” tra il midollo spinale e tutte le regioni del tronco e degli arti. Nota bene: Nel caso dell’ernia del disco, il dolore percepito dalla compressione della radice nervosa, si manifesta nell’area del corpo supportata da quel particolare nervo. Ad esempio se l’ernia comprime la radice nervosa in C6, la sofferenza radicolare si distribuirà nel rispettivo metamero con distribuzione a tutto l’emisoma corrispondente al lato della compressione.

Ernia del disco Avvengono per rottura o sfiancamento dell’anello fibroso del disco e conseguente dislocazione del nucleo polposo nel canale spinale del rachide cervicale, toracico, lombare o lombo-sacrale. Si tratta di ernie interne.

Eziopatogenesi dell’ernia del disco La fuoriuscita del nucleo polposo (la porzione più idratata della vertebra) è causata dal cedimento degli strati periferici dell’anulus (anello fibroso di lamine concentriche che procedendo verso la periferia sono sempre meno idratate). Tale cedimento di solito avviene a causa di un processo degenerativo progressivo a carico del complesso osteoarticolare tra una vertebra e l’altra (processo che avviene con l’avanzare dell’età). Tuttavia fattori ambientali come la vita sedentaria, il sovrappeso, il protrarsi di posture viziate, maldistribuzione dei carichi sulla colonna o ripetuti microtraumi sul rachide possono provocare una degradazione precoce (lavori pesanti o attività sportive a livello agonistico). Si distinguono (elencate dalla più frequente alla meno frequente): • ernia del disco lombare

Eziopatogenesi

• ernia del disco cervicale

La rottura o e lo sfiancamento del disco sono abitualmente secondari ad una degenerazione o invecchiamento del disco, fenomeno che parte dalle cartilagini discali.

• ernia del disco dorsale

Le ernie più frequenti sono quelle lombari, seguite da quelle cervicali e da quelle dorsali. Frequenti i casi di ernie multiple e di ernie famigliari. L’ernia del disco non va confusa con la protrusione che consiste nello schiacciamento da parte del nucleo delle fibre dell’anello.

Nota bene: il vero problema dell’ernia del disco non è tanto il singolo episodio che può guarire, quanto la tendenza alle recidive successive.

Questo non comporta una rottura delle fibre dell’anello come avviene per l’ernia ma il suo schiacciamento soprattutto a livello del legamento longitudinale posteriore. In rapporto al grado di fuoriuscita del nucleo polposo si possono distinguere: • ernia contenuta: quando il disco presenta una sporgenza circoscritta nel canale vertebrale (l’anello è sfiancato ma non completamente rotto) • ernia protrusa: da non confondere con la protrusione: è una vera e propria ernia che consiste nello spostamento parziale del nucleo, a livello del midollo spinale che rompe le fibre dell’anulus ma rimane in parte attaccato al centro del disco nel quale alloggia normalmente. • ernia espulsa o migrata: quando vi è rottura dell’anello e fuoriuscita nel canale del materiale discale

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

17


Ernia del disco lombare Solitamente il disco ernia ai lati del legamento longitudinale posteriore (una sorta di nastro che unisce e copre i corpi vertebrali ed i dischi interposti) che è anche la zona prossima alla radice nervosa. Gli spazi L4-L5 ed L5-S1 sono interessati nel 95% con una quota rispettiva del 45 e 50%. Segue lo spazio L3-L4 col 5% circa. Il dolore ed i più rari deficit muscolare o sfinterico corrispondono al livello dell’ernia discale e quindi al nervo compresso (= la radice).

Tale test è positivo nell’83% dei casi, per ernie localizzate in L5- S1 e nei pazienti giovani. Il Laségue crociato (elevazione dell’arto non dolente) è positivo quando evoca dolore controlaterale indicando la presenza quasi certa di ernia (97%, ma con un’alta incidenza di falsi negativi). Per verificare la presenza di cruralgia si mette in tensione il nervo femorale, ossia col paziente prono (sdraiato sul ventre) si eleva la gamba. Per cruralgia si intende dolore irradiato alla coscia anteriore o anteromediale fino al ginocchio L2, L3, parte di L4.

Il livello L4-L5 interessa la radice di L5, L5-S1 interessa S1.

La pressione nelle aree algiche, lungo i punti paravertebrali e lungo il decorso dei nervi interessati (sciatico o femorale) causa o accentua il dolore.

L’ernia rimane di solito contenuta negli involucri naturali del disco (l’anulus), altre volte viene espulsa come frammento libero, che nel 70% dei casi migra verso il basso.

Talora bisogna differenziare la sofferenza radicolare da una patologia dell’anca.

Sintomatologia Si manifesta in due tempi successivi: prima con lombalgia e successivamente con la sciatalgia arrivando fino alla pianta o dorso del piede. L’esordio può manifestarsi con dolore improvviso.

Questa si evidenzia a ginocchio flesso o semiflesso, ruotando, abducendo e flettendo la coscia così da mettere in tensione l’articolazione coxo-femorale.

La sciatica è la manifestazione all’ernia del disco in sede lombare. Il dolore esprime la sofferenza radicolare (della radice nervosa, all’origine del nervo sciatico). Si tratta della radice di L5 o S1, con prevalenza dei sintomi verso il dorso (L5), o il malleolo esterno (l’osso che sporge sul collo del piede) e la pianta del piede (S1). La cruralgia indica invece la sofferenza di L4, ed il dolore è nella parte anteriore della coscia. Il dolore è accentuato dai movimenti della schiena, da posizioni protratte (specie la lunga permanenza in piedi o in posizione seduta), da tosse, starnuto e defecazione. Al contrario il giacere con le gambe flesse attenua il dolore.

Esame clinico per ernia del disco lombare La sciatica viene diagnosticata attraverso la manovra di Laségue: si esegue con paziente supino ed elevazione della gamba estesa fino a provocare dolore e tensione nell’area del nervo sciatico; nel caso di sciatica, il dolore compare tra i 30° e 60°.

18

Manovra di Laségue Segno di Laségue crurale o invertito: dolore all’estensione della coscia sul bacino

Gli esami strumentali per la diagnosi dell’ernia del disco L’elettromiografia è l’esame obiettivo per la diagnosi dell’ernia al disco. La radiografia diretta mostra la colonna vertebrale con le modificazioni (transitorie) indotte dal dolore (irrigidimento, scoliosi etc.) o le modificazioni indotte da processi degenerativi (permanenti), come la riduzione dello spazio discale o la presenza di osteofiti ( = escrescenze superficiali dell’osso, causate dall’accumulo di calcio sulla cartilagine articolare). In proiezione laterale si valutano i diametri del canale neurale e la posizione delle faccette arti-


colari, queste meglio evidenziabili in posizione obliqua. La radiografia preoperatoria serve a rilevare eventuali malformazioni ossee congenite (lombarizzazione di S1 o sacralizzazione di L5), aiuta nella localizzazione dello spazio di interesse ed evidenzia l’ampiezza dello spazio interlaminare. Anche la TC (tomografia computerizzata) rileva molti di questi elementi, ma soprattutto evidenzia il disco e l’ernia, permettendo la diagnosi e quindi l’eventuale intervento chirurgico.

in quelle iposteniche (indebolite), è opportuno un periodo di terapia fisica per rinforzare i muscoli addominali e para-vertebrali così da dare maggiore solidità alla colonna e ridurre le sollecitazioni meccaniche sulla radice. Esaurite le possibilità delle terapie non invasive si rende necessario l’intervento chirurgico per la rimozione del disco e degli eventuali osteofiti.

Ernia del disco cervicale

Bisogna osservare l’entità del grasso periradicolare per avere un’idea della sofferenza radicolare e le dimensioni della radice.

L’ernia del disco cervicale è una sporgenza del disco intervertebrale che comprime la radice nervosa diretta ad uno degli arti superiori ed, eventualmente, anche il midollo spinale.

La Risonanza Magnetica dimostra meglio la posizione dell’ernia in rapporto allo spazio discale (proiezione sagittale), un indizio fondamentale nel sospetto di recidive.

Si osservano ai livelli cervicali medio inferiori (C4-C5, C5-C6, C6-C7). Può essere “molle”, o “dura” a seconda della consistenza.

Col gadolinio permette di differenziare la fibrosi dalla recidiva (che non si impregna), ed in caso di complicazioni, illumina la diagnosi mostrando bene lo pseudomeningocele, la discite, gli ascessi epidurali e la persistenza di frammenti erniari.

Possibili trattamenti per l’ernia del disco Non invasivo: la terapia conservativa medica e riabilitativa per l’ernia del disco Il trattamento deve essere in primo luogo conservativo. Si ricorre per questo all’uso del laser ad alto dosaggio di energia su lunghezze d’onda comprese all’interno della finestra terapeutica sulle quali spicca in assoluto il 1064 nm, per gli importanti effetti di biostimolazione profonda ed anti edemigeni, meglio se associato al 975 nm e all’ 810 nm per i prevalenti effetti antalgici. Si consiglia inoltre l’uso di antinfiammatori ed antidolorifici veicolati per via transdermica. Possono essere utilizzati con ottimi risultati e senza controindicazioni anche principi attivi di origine vegetale (fitocomposti). Particolare rilievo assume il riposo a letto per qualche giorno in modo da evitare sollecitazioni meccaniche sulla colonna. Allo stesso scopo, specie per quei pazienti che per il dolore non riescono a riposare, può essere consigliabile un busto ortopedico per qualche giorno.

Si manifesta tipicamente con dolore e debolezza dell’arto superiore, la “cervicobrachialgia”, ma spesso il corteo sintomatologico diventa fuorviante anche per il medico. Infatti, quando la compressione sul midollo spinale è significativa, viene compromessa anche la motilità e la sensibilità degli arti inferiori. Si parla invece di spondilosi cervicale in presenza di una modificazione marcata dei dischi e delle vertebre cervicali con una sofferenza estesa delle radici e del midollo spinale.

Ernia cervicale molle È la classica ernia, per estrusione del disco nel canale neurale. Si produce per usura e “degenerazione” del disco e può essere dovuta a traumi cervicali con colpo di frusta. Usualmente si riscontra prima dei 50 anni. Il livello più colpito è C6-C7 (70%), segue C5-C6 (20%). La manifestazione prevalente è il dolore al braccio ed al collo, che spesso insorge acutamente al risveglio mattutino. È usuale una certa rigidità del collo, con torcicollo. Per il medico è importante ricordare che il dolore dell’ernia C5-C6 può simulare un infarto miocardico. La sofferenza di C8 invece può accompagnarsi a una sindrome di Horner incompleta, ossia alterazione del diametro pupillare.

Superata la fase algica, nelle persone anziane ed

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

19


Sul piano clinico-diagnostico, alcune manovre evidenziano la sofferenza cervicale e radicolare. L’estensione della testa aggrava il dolore al collo ed al braccio, mentre l’elevazione delle braccia dietro il collo risulta benefica. Il dolore al braccio ed al collo si accentua premendo sulla testa dell’ammalato inclinata dal lato interessato (segno di Spurling), mentre la flessione anche spontanea della testa talora provoca una sensazione elettrica che scende lungo la colonna vertebrale, per tensione sui cordoni posteriori (segno di Lhermitte). La trazione sul collo allevia il dolore. Da un punto di vista terapeutico è consigliabile un periodo di terapia conservativa, con immobilizzazione in collare di Shantz, eventuali trazioni e veicolazione transdermica e laser-terapia, prima dell’intervento per via anteriore (Cloward) o posteriore (Scoville).

Ernia cervicale dura Indica un conflitto radicolare sostenuto da una osteofitosi al margine del corpo vertebrale (Malattia caratterizzata dalla presenza di neoformazioni ossee, di solito superficiali, a forma di becco o artiglio). Una radiografia in posizione obliqua dimostra la riduzione del canale neurale, laddove la radice nervosa esce dal canale vertebrale. L’insorgenza dei sintomi è solitamente graduale, con dolore radicolare a cui spesso si associano deficit muscolari ed alterazioni dei riflessi osteo tendinei. Talora sono coinvolte più radici, perchè il processo spondilotico, a differenza della semplice ernia “molle”, interessa più di un livello.

Quando poi si associa una compressione posteriore per ipertrofia del legamento giallo, si ha un deficit della sensibilità tattile e vibratoria degli arti inferiori.

Diagnosi Mentre per l’ernia molle prevalgono i segni radicolari, ossia dolore e debolezza al braccio, in caso di ernia dura bisogna dividere l’interessamento radicolare da quello midollare. Infatti l’osteofitosi marginale spondilosica è strettamente associata alla mielopatia (ossia sofferenza del midollo spinale e coinvolgimento degli arti inferiori). L’iter diagnostico è in ogni caso uguale. Già la radiografia del rachide cervicale mostra gli indizi di una sofferenza radicolare e/o midollare per la presenza di osteofiti e per il restringimento del canale vertebrale e/o del forame di coniugazione. L’esame diagnostico di scelta è senz’altro la risonanza magnetica che permette di valutare il rapporto del midollo col canale cervicale e delle radici col forame di coniugazione, sia in proiezione assiale che sagittale. La TC è meno efficace della risonanza magnetica nel rilevare la malattia ed è nettamente insufficiente per la presenza di artefatti a C7-D1.

Terapia

Spondilosi cervicale

La terapia medica mira al controllo dell’infiammazione e del dolore.

La spondilosi cervicale riduce drasticamente i diametri del canale vertebrale (stenosi vertebrale).

La veicolazione transdermica di fitocomposti può venire in aiuto.

Il midollo assume un aspetto a corona di rosario, con diametri nettamente inferiori alla norma (a C5 il canale vertebrale misura normalmente 1,4 x 2,5 cm ed il midollo 0,8 x 1,3 cm).

Siccome l’irritazione meccanica prodotta dai movimenti del collo contribuisce ad esacerbare i sintomi, risulta efficace per qualche tempo l’uso di un collare.

Nei tagli trasversali si ha il caratteristico aspetto a fagiolo.

Anche le tecniche fisioterapiche di trazione riescono ad alleviare i sintomi. Consigliata vivamente una terapia laser mirata.

Tali deformazioni sono dovute alla produzione di becchi osteofitici, all’ossificazione del legamento longitudinale posteriore ed eventualmente alla ipertrofia del legamento giallo.

20

La sofferenza midollare che ne risulta determina un quadro di mielopatia spondilosica, con sintomi agli arti superiori, indeboliti, ed agli arti inferiori, indeboliti e rigidi, cosicchè anche la deambulazione risulta alterata.

Esaurite le possibilità della terapia non invasiva, si rende necessario l’intervento chirurgico per la rimozione del disco e degli eventuali osteofiti.


Ernia del disco dorsale Ernia che usualmente interessa il livello T6-T7 e T7-T8. Come l’ernia cervicale, può essere di tipo “molle” o “dura”. È un raro tipo di ernia.

Sintomi Dolore toracico a “cintura”, talora esteso verso il basso e con segni di compressione midollare. In questo caso si osserva rigidità e difficoltà motoria agli arti inferiori. La compressione sulla radice corrispondente comporta dolore verso il torace o la parte alta dell’addome, la compressione del midollo determina estensione del dolore e dei disturbi sensitivi agli arti inferiori e soprattutto difficoltà motorie. L’esame clinico rivela ciò che in termini tecnici è indicata come sofferenza piramidale o cordonale.

La diagnosi La diagnosi viene fatta con l’esame anamnestico (la storia della malattia) e clinico (la visita) e confermata dalla risonanza magnetica o dalla tomografia computerizzata. La sofferenza delle radici e dei tratti nervosi viene documentata dall’esame elettromiografico e dallo studio dei potenziali evocati sensitivi e motori. La diagnosi differenziale riguarda soprattutto la patologia tumorale vertebro-midollare.

Tuttavia in alcune situazioni il sistema immunitario non riesce a regolare l’infiammazione: • stato acuto • stato cronico L’infiammazione cronica può essere la fase successiva all’acuta oppure essere tale sin dall’inizio. Recentemente è stato dimostrato che le due tipologie di risposta infiammatoria sono attivate dal rilascio di due citochine diverse: la Th1 nel caso dell’acuta, mentre la Th2 nel caso dell’infiammazione cronica. In entrambi i casi, la risposta immunitaria non riesce a riportare l’organismo alle condizioni di equilibrio. Nel caso dell’infiammazione cronica, il rilascio di citochine Th2 si perpetua nel tempo, causando un peggioramento delle condizioni cliniche del paziente. Per riportare i livelli di citochine alle condizioni di equilibrio e quindi condurre l’organismo alla guarigione, si agisce sui cromofori specifici presenti nei tessuti. È possibile utilizzare una forma di luce coerente per modulare l’attività delle cellule viventi in modo da favorire il processo di guarigione. Con una luce monocromatica a 1064 nm si va ad agire a livello dell’emoglobina ossigenata (ossiemoglobina) si favorisce la risoluzione dell’infiammazione.

Il trattamento Le forme infiammatorie con il laser trovano giovamento. L’infiammazione è una reazione difensiva dell’organismo, strettamente collegata alla risposta immunitaria. L’infiammazione è un processo necessario affinché ci sia guarigione ed è un meccanismo finemente regolato dall’organismo. Vengono rilasciati dei mediatori solubili chiamati citochine che consentono la comunicazione tra le varie molecole coinvolte nella risposta immunitaria. I vari tipi di citochine regolano la risposta immunitaria variando la loro concentrazione e riportando la situazione allo stato di equilibrio iniziale.

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

21


Avvertenze e regole prima del trattamento •

Tutte le persone presenti nell’area operativa devono indossare gli occhiali di protezione.

Non eseguire trattamenti in presenza di lesioni della cute.

Non guardare mai direttamente nelle aperture segnalate dall’etichetta “apertura laser”.

Eliminare dall’area operativa tutte le superfici riflettenti.

L’operatore ed il paziente debbono accertarsi di non essere allergici all’alluminio. Il manipolo è, infatti, costruito con questo materiale.

Non utilizzare il laser in presenza di abbondante anestetico o disinfettante sia allo stato liquido che di vapore.

IMPORTANTE. Il medico e/o l’operatore sanitario che effettua il trattamento deve essere informato se la paziente è in stato di gravidanza, anche solo presunta.

Non utilizzare gas infiammabili come gas di copertura.

Evitare di utilizzare anestetici infiammabili o di gas ossidanti, come l’ossido nitrico (N2O) e l’ossigeno. Alcuni materiali, per esempio l’ovatta, quando sono saturi di ossigeno possono infiammarsi a causa dell’alta temperatura prodotta nell’utilizzazione normale dell’apparecchio laser. I solventi degli adesivi e le soluzioni infiammabili utilizzate per pulire e disinfettare devono essere lasciati evaporare prima di adoperare l’apparecchio laser. Si richiama inoltre l’attenzione sul pericolo dei gas endogeni.

Se la paziente si trova in stato di gravidanza anche solo presunta non utilizzare nessun dispositivo medico.

Avvertenza: l’interferenza prodotta dal funzionamento dell’apparecchio può compromettere il funzionamento di un altro apparecchio elettrico.

Avvertenza: il dispositivo non dovrebbe essere usato vicino o posto sopra altri apparecchi e, se necessario usarlo sopra o vicino ad altri apparecchi, dovrebbe essere osservato per controllare il funzionamento nella normale configurazione in cui è usato.

Avvertenza: l’uso di accessori diversi da quelli specificati, ad eccezione di quelli venduti dal costruttore, può causare un aumento delle emissioni e una diminuzione della sicurezza dell’apparecchiatura.

Avvertenza: I fumi e vapori prodotti dal fascio laser possono contenere particelle di tessuto vitale.

22

Maneggiare con cura la fibra ottica, facendo in particolare attenzione a non piegarla troppo. Un danneggiamento della fibra può infatti provocare una perdita di potenza dell’emissione e soprattutto un danno a paziente ed operatore. Il dispositivo non è protetto contro la penetrazione di liquidi pertanto prestare la massima attenzione a non bagnarlo.


Protocolli per utilizzo pratico laserterapia

Filmati dei protocolli disponibili sul canale YouTube www.youtube.com/winformweb

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

23


Trattamento delle lombalgie / lombosciatalgie da ernia disco lombare Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a sistemarsi in una posizione confortevole; munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore sanitario deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa. 2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C. 3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione parametri preimpostati selezionando il programma infiammazione 6 punti. 4. Il calcolo della fluenza da somministrare è misurata in J/cm2. I parametri di riferimento sono dai 300 J/cm2 ai 500 J/cm2 per punto.

5. I punti da trattare sono i seguenti Radice nervosa compressa dall’ernia

Muscolo quadrato dei lombi e muscolo gran dorsale SIPS (Spina Iliaca Postero Superiore)

6. Prima di somministrare l’energia eseguire una valutazione della scala del dolore. 7. Iniziare l’irradiazione mantenendo il manipolo in posizione verticale ad andamento obliquo fino a 45° tra i due processi trasversi bilaterali. È necessario lavorare a step: irraggiare ogni punto con 50 J/cm2 e poi spostarsi sul punto successivo. trattati tutti i punti tornare al punto iniziale e ridare ancora 50 J/cm2 col secondo passaggio avremo trasferito circa 100 J/cm2. Il trattamento sarà da considerarsi finito quando avremo trasferito per ogni punto circa 400 J/cm2. 8. Attenzione: durante il trattamento verificare l’innalzamento della temperatura che il paziente avverte e mantenere una soglia di accettabilità. 9. La sintomatologia dolorosa diminuirà progressivamente man mano che si procede con i trattamenti. 10. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato avvenuto. Si consigliano dalle 4 alle 6 sedute a giorni alterni.

NOTA BENE: A parità di energia trasferita con laser One, 2 CHRONIC sport, 3 CHRONIC, avremo evidentemente risultati differenti legati alle differenti potenze di picco e alla gamma delle lunghezze d’onda che il laser emette. Il laser ideale per il trattamento dell’ernia discale è il 3 CHRONIC per l’elevata potenza di picco e per le sue 3 lunghezze d’onda (810 nm - 975 nm - 1064 nm).

24


Trattamento delle cervicalgie / cervicobrachialgie da ernia cervicale Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a sistemarsi in una posizione prona, confortevole, munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa.

2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C.

3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma infiammazione 6 punti.

4. Il calcolo della fluenza da somministrare è misurata in J/cm2. I parametri di riferimento sono massimo 400 J/cm2 totali. È necessario lavorare a step: irraggiare ogni punto con 50 J/cm2 e poi spostarsi sul punto successivo. Trattati tutti i punti tornare al punto iniziale e ridare ancora 50 J/cm2 col secondo passaggio avremo trasferito circa 100 J/cm2. Il trattamento sarà da considerarsi finito quando avremo trasferito per ogni punto circa 400 J/cm2.

5. I punti da trattare sono i seguenti •

Paravertebrale e intervertebrale dei processi trasversi vertebre cervicali (da C2 a C7)

6. Prima di somministrare l’energia eseguire una valutazione della scala del dolore.

7. Iniziare l’irradiazione mantenendo il manipolo in posizione verticale ad andamento obliquo fino a 45° tra i due processi trasversi bilaterali.

8. Attenzione: durante il trattamento verificare l’innalzamento della temperatura che il paziente avverte e mantenere una soglia di accettabilità.

9. La sintomatologia dolorosa diminuirà progressivamente man mano che si procede con i trattamenti.

10. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato avvenuto. Si consigliano dalle 6 alle 8 sedute a giorni alterni.

NOTA BENE: A parità di energia trasferita con laser One, 2 CHRONIC sport, 3 CHRONIC, avremo evidentemente risultati differenti legati alle differenti potenze di picco e alla gamma delle lunghezze d’onda che il laser emette. Il laser ideale per il trattamento dell’ernia discale è il 3 CHRONIC per l’elevata potenza di picco e per le sue 3 lunghezze d’onda (810 nm - 975 nm - 1064 nm). Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

25


Trattamento di dorsalgie da ernia dorsale Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a sistemarsi in una posizione prona, confortevole e munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa.

2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C.

3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma infiammazione 6 punti.

4. Il calcolo della fluenza da somministrare è misurata in J/cm2. I parametri di riferimento sono dai 300-400 J/cm2 totali. Non superare i 500 J/cm2. È necessario lavorare a step: irraggiare ogni punto con 50 J/cm2 e poi spostarsi sul punto successivo. trattati tutti i punti tornare al punto iniziale e ridare ancora 50 J/cm2 col secondo passaggio avremo trasferito circa 100 J/cm2. Il trattamento sarà da considerarsi finito quando avremo trasferito per ogni punto circa 400 J/cm2.

5. I punti da trattare sono i seguenti •

Radice nervosa compressa dall’ernia su due punti e simmetricamente sui due controlaterali

Muscoli paravertebrali e muscolo gran dorsale

6. Prima di somministrare l’energia eseguire una valutazione della scala del dolore.

7. Iniziare l’irradiazione mantenendo il manipolo in posizione verticale ad andamento obliquo fino a 45° tra i due processi trasversi bilaterali.

8. Attenzione: durante il trattamento verificare l’innalzamento della temperatura che il paziente avverte e mantenere una soglia di accettabilità.

9. La sintomatologia dolorosa diminuirà progressivamente man mano che si procede con i trattamenti.

10. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato avvenuto. Si consigliano dalle 4 alle 6 sedute a giorni alterni.

NOTA BENE: A parità di energia trasferita con laser One, 2 CHRONIC sport, 3 CHRONIC, avremo evidentemente risultati differenti legati alle differenti potenze di picco e alla gamma delle lunghezze d’onda che il laser emette. Il laser ideale per il trattamento dell’ernia discale è il 3 CHRONIC per l’elevata potenza di picco e per le sue 3 lunghezze d’onda (810 nm - 975 nm - 1064 nm).

26


Trattamento delle lesioni muscolari Il protocollo per l’utilizzo di energia laser con lunghezza d’onda 1064 nm, 975 nm e 810 nm ad alto dosaggio nella patologia delle lesioni muscolari, prevede una diversa irradiazione in funzione dei tessuti attraversati. È necessario:

• classificare il grado di lesione • valutare eventuale presenza di ematoma e/o edema • a quale profondità si trovi In presenza di ematoma superficiale non trattare entro i primi 4 giorni la parte con energie superiori ai 1500 mJ/cm2, per evitare processi di fotocoagulazione e denaturazione di proteine fino alla possibilità di provocare miositi ossificanti. L’obiettivo nella prima fase (primi 5 giorni dall’evento traumatico) è quello di sfruttare l’effetto anti edemigeno e di biostimolazione sulla fase macrofagica. Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a rilassarsi sul lettino e munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa. 2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C. 3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi. L’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma infiammazione 4 punti riducendo nei primi giorni l’energia a 1500 J/cm2. 4. Il calcolo della fluenza da somministrare è misurata in J/cm2; i parametri minimi di riferimento sono 200 J/cm2. 5. Prima di somministrare l’energia, eseguire una valutazione della scala del dolore. 6. Trattare la giunzione miotendinea e seguire le fasce corrispondenti del fuso muscolare 50 J/cm2 per punto fino ad un massimo di 400 J/cm2. 7. Iniziare l’irradiazione mantenendo il manipolo in posizione verticale alla cute da trattare, ripetere il trattamento a spot fino al raggiungimento della quantità di fluenza desiderata. 8. Attenzione: durante il trattamento verificare l’innalzamento della temperatura che il paziente avverte e mantenere una soglia di accettabilità. 9. Ripetere il trattamento fino ad un raggiungimento immediato della diminuzione del dolore, controllando le fasi di diminuzione. Non somministrare più di 400 J/cm2 nella stessa zona nella singola seduta. 10. Dalla decima giornata dall’evento traumatico per favorire i fenomeni di angioneogenesi e di biostimolazione in loco, possiamo aumentare le dosi per punto fino a 700 J/cm2 (solo se in assenza di edema superficiale) procedere come in precedenza a step di 50 J/cm2. 11. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato ottenuto; si consigliano 10 sedute, a giorni alterni.

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

27


Trattamento delle condropatie rotulee Il protocollo per l’infiammazione degenerativa si prefigge il contenimento dei sintomi che essa crea, portando energia sufficiente per la biostimolazione dei tessuti profondi; l’irraggiamento provoca una effetto biochimico fisiologico stimolando una reazione delle cellule del connettivo, nello specifico quelle cartilaginee. Il protocollo prevede due macro fasi: la prima è la diagnosi del medico. La seconda l’impostazione corretta dei parametri di energia da applicare al tessuto. Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a rilassarsi sul lettino e munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento. L’operatore sanitario deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa. 2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C. 3. I punti da trattare sono i seguenti: •

Impostare i parametri infiammazione 4 punti dal menù programmi preimpostati. Irradiare 500 J/cm2 per punto procedendo a step di 50 J/cm2 è consigliabile spostare la rotula medialmente e lateralmente usando il pollice della mano libera per facilitare l’accesso della luce laser alle strutture articolari sottostanti.

Successivamente Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi. L’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma biostimolazione articolare.

4. Il calcolo della fluenza da somministrare è misurata in J/cm2. I parametri minimi di riferimento sono 1000 J/cm2 per finestra di accesso. 5. Prima di somministrare l’energia eseguire una valutazione della scala del dolore. 6. Iniziare l’irradiazione mantenendo il manipolo in posizione verticale rispetto alla cute da trattare; usare il manipolo in scansione muovendosi di un centimetro al secondo sulle finestre di accesso dell’area articolare. 7. Attenzione: durante il trattamento verificare l’innalzamento della temperatura che il paziente avverte e mantenere una soglia di accettabilità. 8. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato ottenuto. Si consigliano almeno 10 sedute, 2 sedute alla settimana.

28


Trattamento sindrome del tunnel carpale Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a sistemarsi in una posizione supina e confortevole; munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa. 2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C. 3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma infiammazione 3 punti. 4. Il calcolo della fluenza da somministrare è misurata in J/cm2. I parametri di riferimento sono massimo 300 J/cm2 totali. È necessario lavorare a step: irraggiare ogni punto con 50 J/cm2 e poi spostarsi sul punto successivo. Se il medico ritiene necessario irraggiare due volte lo stesso punto prima di spostarsi, è obbligatorio attendere 60 secondi prima di dare il secondo spot energetico. 5. I punti da trattare sono i seguenti: •

lato palmare, anteriormente alla fascia trasversa del polso, in sede mediana obliqua, verso l’ulna 50 J/cm2

Eminenza tenar 50 J/cm2

Lato palmare in obliqua al polso verso l’ulna 50 J/cm2

Selezionare successivamente al programma biostimolazione articolare e procedere con una scansione sul tunnel carpale spostandoci di un centimetro al secondo col manipolo e trasferendo in tutto 400 J/cm2.

6. Prima di somministrare l’energia eseguire una valutazione della scala del dolore. 7. Iniziare l’irradiazione mantenendo il manipolo in posizione verticale 8. Attenzione: durante il trattamento verificare l’innalzamento della temperatura che il paziente avverte e mantenere una soglia di accettabilità. 9. La sintomatologia dolorosa diminuirà progressivamente man mano che si procede con i trattamenti. 10. Si consigliano dalle 4 alle 6 sedute a giorni alterni. Se il paziente non dovesse rispondere alla terapia è necessario consultare il medico per valutare la soluzione chirurgica.

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

29


Trattamento sindrome del tunnel tarsale Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a sistemarsi in una posizione prona e confortevole; munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa. 2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C. 3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma infiammazione 4 punti per la prima parte del trattamento e biostimolazione articolare per la seconda parte. 4. Il calcolo della fluenza da somministrare è misurata in J/cm2. È necessario lavorare a step: irraggiare ogni punto con 50 J/cm2 e poi spostarsi sul punto successivo. Se il medico ritiene necessario irraggiare due volte lo stesso punto prima di spostarsi, è obbligatorio attendere 60 secondi prima di dare il secondo spot energetico. 5. I punti da trattare sono i seguenti: •

Programma 4 punti

Trattare sottomalleolare su nervo tibiale posteriore 50 J/cm2. Massimo 150 J/cm2.

Trattare giunzione miotendinea distale del muscolo gastrocnemio interno, 50 J/cm2. Massimo 500 J/cm2.

Programma biostimolazione articolare.

Trattare paramalleolare posteriore e medialmente la fascia plantare dei flessori comuni su flessore lungo del primo dito, 50 J/cm2, massimo 300 J/cm2. Si utilizza il manipolo in movimento spostandoci di 1 cm al secondo e coprendo tutta l’area sopra descritta.

6.

Prima di somministrare l’energia eseguire una valutazione della scala del dolore.

7. Iniziare l’irradiazione mantenendo il manipolo in posizione verticale. 8. Attenzione: durante il trattamento verificare l’innalzamento della temperatura che il paziente avverte e mantenere una soglia di accettabilità. 9. La sintomatologia dolorosa diminuirà progressivamente man mano che si procede con i trattamenti. 10. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato ottenuto. Si consigliano dalle 6 alle 8 sedute a giorni alterni.

30


Trattamento del neuroma di Morton Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a sistemarsi in una posizione prona e confortevole; munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa. 2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C. 3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati e selezionando il programma infiammazione 4 punti. 4. Il calcolo della fluenza da somministrare è misurata in J/cm2. È necessario lavorare a step: irraggiare ogni punto con massimo 50 J/cm2 e poi spostarsi sul punto successivo. 5. I punti da trattare sono i seguenti: 3° e 4° spazio interdigitale (metatarso falangeo intermetatarsale) 50 J/cm2, massimo 400 J/cm2. Approcciarsi sia dall’accesso plantare sia da quello dorsale del piede.

Fase 2: programma P7 (biostimolazione articolare) Scansionare l’area già prima trattata a punti spostando il manipolo di un cm al secondo, somministrando 800 J/cm2 sulla porzione plantare e altri 800 J/cm2 sulla parte dorsale del piede.

7. Prima di somministrare l’energia eseguire una valutazione della scala del dolore. 8. Iniziare l’irradiazione mantenendo il manipolo in posizione verticale. 9. Attenzione: durante il trattamento verificare l’innalzamento della temperatura che il paziente avverte e mantenere una soglia di accettabilità. 10. La sintomatologia dolorosa diminuirà progressivamente man mano che si procede con i trattamenti. 11. Si consigliano dalle 4 alle 6 sedute a giorni alterni. È necessaria una valutazione ecografica pre e post trattamento per monitorare la dimensione del neuroma.

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

31


Trattamento della coccigodinia Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a sistemarsi in una posizione prona e confortevole; munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa.

2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C.

3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma infiammazione 3 punti.

4. Il calcolo della fluenza da somministrare è misurata in J/cm2. I parametri di riferimento sono massimo 750 J/cm2 totali.

5. È necessario lavorare a step: irraggiare ogni punto con 50 J/cm2 e poi spostarsi sul punto successivo.

6. I punti da trattare sono i seguenti •

Coccige centrale 250 J/cm2 a step di 50 J/cm2

Paracoccigeo destro 250 J/cm2 a step di 50 J/cm2

Paracoccigeo sinistro 250 J/cm2 a step di 50 J/cm2

7. Prima di somministrare l’energia eseguire una valutazione della scala del dolore.

8. Iniziare l’irradiazione mantenendo il manipolo in posizione verticale

9. Attenzione: durante il trattamento verificare l’innalzamento della temperatura che il paziente avverte e mantenere una soglia di accettabilità.

10. La sintomatologia dolorosa diminuirà progressivamente man mano che si procede con i trattamenti.

11. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato ottenuto. Si consigliano dalle 6 alle 8 sedute a giorni alterni.

32


Trattamento della tendinopatia inserzionale della cuffia dei rotatori Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a sistemarsi in una posizione prona e confortevole; munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa. 2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C. 3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma infiammazione 5 punti. 4. Si consiglia l’utilizzo del laser sui trigger points attivi •

Emettere su ogni punto 3/400 J/cm2 a step di 40 J/cm2 per punto (6-8 passaggi). Quando il paziente riferisce calore, sospendere il trattamento per qualche istante. Trigger point del sovraspinato 4 punti

Trigger point del sottospinato 3 punti

Trigger point del piccolo rotondo 3 punti

Trigger point del grande rotondo 3 punti

5. Eseguire a fine trattamento con il programma P7 biostimolazione articolare una scansione su tutta la cuffia trasferendo in tutto 1200 J/cm2 muovendo il manipolo di un centimetro al secondo.

6. È opportuno valutare ed eventualmente trattare il capo lungo del bicipite brachiale e il suo ventre muscolare, il muscolo coracobrachiale e il capo lungo del tricipite. 7. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato ottenuto. Si consiglia un programma terapeutico di 4/6 sedute a giorni alterni.

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

33


Trattamento della tendinopatia calcifica della cuffia dei rotatori Si consiglia di utilizzare il laser in un programma terapeutico associato con altre terapie strumentali come ad esempio Tecar SIN. Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a sistemarsi in una posizione prona e confortevole; munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa.

2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C.

3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma infiammazione 3 punti.

4. Iniziare il trattamento sfruttando le tre vie di accesso anteriore, laterale e posteriore della spalla. •

Emettere su ogni punto 3/400 J/cm2 a step di 52,5 J/cm2 per punto (6-8 passaggi). Quando il paziente riferisce calore, sospendere il trattamento per qualche istante.

5. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato ottenuto. Si consiglia un programma terapeutico di 4/6 sedute a giorni alterni.

34


Trattamento dell’epicondilite Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a sistemarsi in una posizione prona e confortevole; munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa.

2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C.

3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma infiammazione 3 punti.

4. Si consiglia l’utilizzo del laser sui tender points attivi •

Localizzare le strutture miotendinee periepicondiloidee interessate.

Emettere su ogni punto 3/400 J/cm2 a step di 52,5 J/cm2 per punto (6-8 passaggi). Quando il paziente riferisce calore, sospendere il trattamento per qualche istante.

5. Passare quindi al programma P7 biostimolazione articolare ed eseguire una scansione sui muscoli epicondiloidei (muscolo estensore radiale breve del carpo-muscolo estensore comune delle ditamuscolo estensore proprio del mignolo-muscolo estensore ulnare del carpo) trasferire su tutta la zona 1200 J/cm2 muovendo il manipolo di 1 centrimentro al secondo. 6. È opportuno valutare ed eventualmente trattare i muscoli romboidi, la cuffia dei rotatori, capo lungo e ventre del bicipite brachiale e muscolo supinatore.

7. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato ottenuto. Si consiglia un programma terapeutico di 4/6 sedute a giorni alterni.

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

35


Trattamento delle patologie della fascia del piede Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a sistemarsi in una posizione prona e confortevole; munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa.

2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C.

3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma infiammazione 5 punti.

4. Si consiglia l’utilizzo del laser sui trigger points attivi della muscolatura della pianta del piede.

5. I punti da trattare sono i seguenti

Si consiglia l’utilizzo del laser sui trigger points attivi della muscolatura della pianta del piede. Emettere su ogni punto 3/400 J/cm2 di energia con 6-8 applicazioni di 52,5 J/cm2 per punto.

Successivamente si consiglia di selezionare il programma P7 “biostimolazione articolare” procedere in scansione un centrimentro al secondo su tutta la fascia plantare, si considera finito il trattamento a scansione quando avremo trasferito 1200 J/cm2.

6. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato ottenuto. Si consiglia un programma terapeutico di 4/6 sedute a giorni alterni.

36


Trattamento della tendinopatia achillea Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a sistemarsi in una posizione prona e confortevole; munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa.

2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C.

3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma infiammazione 6 punti.

4. I punti da trattare sono i seguenti

Si consiglia l’utilizzo del laser su 6 punti del tendine d’Achille. Emettere su ogni punto 400 J/cm2 di energia con 6-8 applicazioni di 52,5 J/cm2 per punto.

Successivamente si consiglia di selezionare il programma P7 “biostimolazione articolare” procedere in scansione un centrimentro al secondo su tutta la porzione distale del tendine si considera finito il trattamento a scansione quando avremo trasferito 1200 J/cm2.

5. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato ottenuto. Si consiglia un programma terapeutico di 4/6 sedute a giorni alterni.

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

37


Trattamento della distorsione tibiotarsica in supinazione Sequenza operativa:

1. Far accomodare il paziente sul lettino in posizione supina e confortevole. munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa.

2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C.

3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma infiammazione 5 punti.

4. I punti da trattare sono i seguenti

Trattare i punti nella zona perimalleolare mediale più il seno malleolare, erogando 50 J/cm2 per spot passare ai punti successivi procedendo a rotazione fino al trasferimento totale di 400 J/cm2 per punto.

5. Passare poi al programma biostimolazione articolare P7 e procedendo in scansione manuale avanzando di 1 centimetro al secondo sulla zona perimalleolare mediale e sul seno malleolare trasferendo in totale 1000 J/cm2.

6. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato ottenuto. Si consigliano 5 sedute abbinate alla Tecar CRV o Tecar SIN per favorire il drenaggio dell’edema.

38


Trattamento del legamento collaterale mediale Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a sistemarsi in una posizione prona e confortevole; munirlo di occhiali proFar accomodare il paziente sul lettino in posizione supina e confortevole. munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa.

2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C.

3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma infiammazione 3 punti.

4. I punti da trattare sono i seguenti

Trasferire 50 J/cm2 per punto su tre punti del legamento collaterale mediale a rotazione fino al trasferimento totale di 500 J/cm2 per punto.

5. Selezionare successivamente il programma biostimolazine articolare P7 e procedere a scansione muovendoci di un centimetro al secondo lungo la proiezione del legamento collaterale trasferendo in totale 800 J/cm2.

6. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato ottenuto. Si consiglia un programma terapeutico di 5 sedute a giorni alterni.

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

39


Trattamento del legamento collaterale laterale Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a sistemarsi in una posizione prona e confortevole; munirlo di occhiali proFar accomodare il paziente sul lettino in posizione supina e confortevole. munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa.

2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C.

3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma infiammazione 3 punti.

4. I punti da trattare sono i seguenti

Trasferire 50 J/cm2 per punto su tre punti del legamento collaterale laterale a rotazione fino al trasferimento totale di 500 J/cm2 per punto.

5. Selezionare successivamente il programma biostimolazine articolare P7 e procedere a scansione muovendoci di un centimetro al secondo lungo la proiezione del legamento collaterale trasferendo in totale 800 J/cm2.

6. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato ottenuto. Si consiglia un programma terapeutico di 5 sedute a giorni alterni.

40


Trattamento della sintomatologia dolorosa Il protocollo per ottenere una diminuzione del sintomo doloroso si ottiene per due macro fasi: la prima è la diagnosi del medico, la seconda l’impostazione corretta dei parametri di energia da applicare al tessuto. Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a rilassarsi sul lettino e munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento. L’operatore sanitario deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa.

2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C.

3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi. L’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma antalgico.

4. Il calcolo della fluenza da somministrare è misurato in J/cm2. I parametri minimi di riferimento sono: 100 J/cm2 nella fase acuta / sub acuta e 150 J/cm2 per la fase cronica.

5. Prima di somministrare l’energia, eseguire una valutazione della scala del dolore.

6. Iniziare l’irradiazione mantenendo il manipolo in posizione verticale rispetto alla cute da trattare; ripetere il trattamento a spot fino al raggiungimento della quantità di fluenza desiderata. È necessario lavorare a step: irraggiare ogni punto con 50 J/cm2 e poi spostarsi sul punto successivo.

7. Attenzione: durante il trattamento verificare l’innalzamento della temperatura che il paziente avverte e mantenere una soglia di accettabilità.

8. Ripetere il trattamento fino ad un raggiungimento immediato della diminuzione del dolore, controllando le fasi di diminuzione; non somministrare più di 400 J/cm2 nella stessa seduta e nella stessa punto.

9. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato avvenuto. Si consigliano almeno 5 sedute nella fase cronica, 3 nella fase acuta e 2 per la sub acuta.

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

41


Trattamento delle infiammazioni Il protocollo per gli stadi infiammatori prevede, attraverso la biostimolazione dei tessuti, una normalizzazione dell’alterazione del processo flogistico, sia nei tessuti molli sia nei tessuti osteo articolari. Il protocollo prevede due macro fasi: la prima è la diagnosi del medico, la seconda l’impostazione corretta dei parametri di energia da applicare al tessuto. Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a rilassarsi sul lettino e munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento; l’operatore sanitario deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa.

2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C.

3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi; l’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati ed in base al numero di punti da trattare scegliere tra i programmi infiammazione.

4. Il calcolo della fluenza da somministrare è misurata in J/cm2. I parametri minimi di riferimento sono 300 J/cm2 nella fase acuta e 500 J/cm2 nella fase cronica.

5. Prima di somministrare l’energia eseguire una valutazione della scala del dolore.

6. Iniziare l’irradiazione mantenendo il manipolo in posizione verticale rispetto alla cute da trattare. È necessario lavorare a step: irraggiare ogni punto con 50 J/cm2 e poi spostarsi sul punto successivo, trattati tutti i punti tornare al punto iniziale e ridare ancora 50 J/cm2 col secondo passaggio avremo trasferito circa 100 J/cm2 . Il trattamento sarà da considerarsi finito quando avremo trasferito per ogni punto dai 300 J/cm2 ai 500 J/cm2.

7. Ripetere il trattamento a spot fino al raggiungimento della quantità di fluenza desiderata.

8. Attenzione: durante il trattamento verificare l’innalzamento della temperatura che il paziente avverte e mantenere una soglia di accettabilità.

9. Ripetere il trattamento fino ad un raggiungimento immediato della diminuzione del dolore, controllando le fasi di diminuzione.

10. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato avvenuto. Si consigliano almeno 6 sedute a giorni alterni.

42


Trattamento delle artrosi Il protocollo per l’infiammazione degenerativa si prefigge il contenimento dei sintomi che essa crea, portando energia sufficiente per la biostimolazione dei tessuti profondi; l’irraggiamento provoca una effetto biochimico fisiologico stimolando una reazione delle cellule del connettivo, nello specifico quelle cartilaginee. Il protocollo prevede due macro fasi: la prima è la diagnosi del medico, la seconda l’impostazione corretta dei parametri di energia da applicare al tessuto. Sequenza operativa:

1. Invitare il paziente a rilassarsi sul lettino e munirlo di occhiali protettivi di totale oscuramento. L’operatore sanitario deve indossare gli occhiali protettivi che consentono la visualizzazione operativa.

2. Pulire la cute da trattare con appositi detergenti privi di sostanze alcoliche come San C.

3. Impostare i parametri corretti di irraggiamento, espressi in secondi. L’operatore potrà avvalersi dei parametri che lo strumento indica nella sezione programmi preimpostati selezionando il programma biostimolazione articolare.

4. Il calcolo della fluenza da somministrare è misurata in J/cm2. I parametri minimi di riferimento sono 1800 J/cm2 ad articolazione.

5. Prima di somministrare l’energia eseguire una valutazione della scala del dolore.

6. Iniziare l’irradiazione mantenendo il manipolo in posizione verticale rispetto alla cute da trattare; usare il manipolo in scansione muovendosi di un centimetro al secondo sulle finestre di accesso dell’area articolare.

7. Attenzione: durante il trattamento verificare l’innalzamento della temperatura che il paziente avverte e mantenere una soglia di accettabilità.

8. Si considera conclusa la fase terapeutica quando è soddisfacente il risultato avvenuto. Si consigliano 10 sedute, 2 sedute alla settimana. Si consigliano 2 cicli all’anno.

Manuale operativo Laser High Dose rev. 3.1 19/01/14

43


Riferimenti bibliografici 1.

“Quaderni del ministero della salute – La centralità della Persona in riabilitazione: nuovi modelli organizzativi e gestionali”

21.

Schuocker, D. (1998). Handbook of the Eurolaser Academy. Springer. ISBN0412819104.

2.

Wikipedia, http://wikipedia.org (articoli vari e immagini)

22.

3.

Orazio Svelto, Principi dei laser, Tamburini, 1970

C. Stewen, M. Larionov, and A. Giesen, “Yb:YAG thin disk laser with 1 kW output power,” in OSA Trends in Optics and Photonics, Advanced SolidState lasers, H. Injeyan, U. Keller, and C. Marshall, ed. (Optical Society of America, Washington, DC., 2000) pp. 35-41.

4.

Anthony E. Siegman, laser, University Science Books, 1986

23.

5.

Mario Bortolotti, Storia del laser, Bollati, Borigheri, 1999

Wu, X.; et al. (25 October 2004). “Ultraviolet photonic crystal laser”. Applied Physics Letters 85 (17): 3657. arXiv:physics/0406005. Bibcode 2004ApPhL..85.3657W. doi:10.1063/1.1808888.

6.

Orazio Svelto, Il fascino sottile del laser, Di Renzo Editore, 2007

24.

7.

Gould, R. Gordon (1959). “The LASER, Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation”. In Franken, P.A. and Sands, R.H. (Eds.). The Ann Arbor Conference on Optical Pumping, the University of Michigan, 15 June through 18 June 1959. p.128.

“Picolight ships first 4-Gbit/s 1310-nm VCSEL transceivers”, laser Focus World, December 9, 2005, accessed 27 May 2006

25.

F. J. Duarte, Tunable laser Optics (Elsevier Academic, New York, 2003).

26.

Palmer, Jason (2011-06-13). “laser is produced by a living cell”. BBC News. Retrieved 2011-06-13.

27.

Fildes, Jonathan (2007-09-12). “Mirror particles form new matter”. BBC News. Retrieved 2008-05-22.

28.

Hecht, Jeff (May 2008). “The history of the x-ray laser”. Optics and Photonics News (Optical Society of America) 19 (5): 26–33.

29.

Robinson, Clarence A. (1981). “Advance made on high-energy laser”. Aviation Week & Space Technology (23 February 1981): 25–27.

8.

“laser” Reference.com. Retrieved 2008-05-15.

9.

Chu, Steven; Townes, Charles (2003). “Arthur Schawlow”. In Edward P. Lazear (ed.),. Biographical Memoirs. vol. 83. National Academy of Sciences. p.202. ISBN0-309-08699-X.

10.

G.P. Karman, G.S. McDonald, G.H.C. New, J.P. Woerdman, “laser Optics: Fractal modes in unstable resonators”, Nature, Vol. 402, 138, 11 November 1999.

11.

Steen, W. M. “laser Materials Processing”, 2nd Ed. 1998.

12.

“Il rischio da laser: cosa è e come affrontarlo; analisi di un problema non così lontano da noi Programma Corso di Formazione Obbligatorio anno 2004, Dimitri Batani (Powerpoint presentation >7Mb)”. wwwold.unimib. it. Retrieved January 1, 2007.

13.

30. 31.

Charles H. Townes (2003). “The first laser”. In Laura Garwin and Tim Lincoln. A Century of Nature: Twenty-One Discoveries that Changed Science and the World. University of Chicago Press. pp.107–12. ISBN0226-28413-1. Retrieved 2008-02-02.

The Nobel Prize in Physics 1966 Presentation Speech by Professor Ivar Waller. Retrieved 1 January 2007.

32.

Dalrymple BE, Duff JM, Menzel ER. Inherent fingerprint luminescence – detection by laser. Journal of Forensic Sciences, 22(1), 1977, 106-115

14.

Joan Lisa Bromberg, The laser in America, 1950–1970 (1991), pp. 74–77 online

33.

Dalrymple BE. Visible and infrared luminescence in documents: excitation by laser. Journal of Forensic Sciences, 28(3), 1983, 692-696

15.

Maiman, T.H. (1960). “Stimulated optical radiation in ruby”. Nature 187 (4736): 493–494.

34.

16.

Bibcode 1960Natur.187..493M. doi:10.1038/187493a0.

Kincade, Kathy and Stephen Anderson (2005) “laser Marketplace 2005: Consumer applications boost laser sales 10%”, laser Focus World, vol. 41, no. 1. (online)

17.

Townes, Charles Hard. “The first laser”. University of Chicago. Retrieved 2008-05-15.

35.

Steele, Robert V. (2005) “Diode-laser market grows at a slower rate”, laser Focus World, vol. 41, no. 2. (online)

18.

Hecht, Jeff (2005). Beam: The Race to Make the laser. Oxford University Press. ISBN0-19-514210-1.

36.

Heller, Arnie, “Orchestrating the world’s most powerful laser.” Science and Technology Review. Lawrence Livermore National Laboratory, July/ August 2005. URL accessed 27 May 2006.

19.

Csele, Mark (2004). “The TEA Nitrogen Gas laser”. Homebuilt lasers Page. Archived from the original on 2007-09-11. Retrieved 2007-09-15.

37.

Schewe, Phillip F.; Stein, Ben (9 November 1998). “Physics News Update 401”. American Institute of Physics. Retrieved 2008-03-15.

20.

“Deep UV lasers” (PDF). Photon Systems, Covina, Calif. Retrieved 200705-27.


Winform S.r.l. 30027 San DonĂ di Piave (VE) - Italy - Via Garda, 6 T. +39 0421 222026 F. +39 0421 225314 info@winformweb.it

www.winformweb.it

Fornitore Ufficiale FIPAV

Le foto dei prodotti sono puramente indicative, WinForm si riserva il diritto di apportare modifiche e migliorie ai prodotti secondo necessitĂ .

Man_op_laser_HD rev. 3.1 19/01/14

Guida all'uso dispositivi Yag High Dose  

Guida all’uso letteratura e protocolli per fisioterapia & ortopedia.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you