Issuu on Google+


PAUL HARVEY page 44 BILLIE HOLIDAY page 44 AL JARREAU page 44

CONTENTS

KEITH JARRET page 44 QUINCY JONES page 44



THE MANHATTAN TRANSFER page 44

KING page 44 HENRY MANCINI page 44

BILL MEYERS page 44

CANNONBALL ADDERLEY page 44

DOM MINASI page 44

LOUIS ARMSTRONG page 44

CHARLES MINGUS page 44

CHET BAKER page 44

LARRY MINSKY page 44

RAY BARRETTO page 44

BOB MINTZER page 44

GEORGE BENSON page 44

THE MODERN JAZZ QUARTET page 44

CLIFFORD BROWN page 44

ORIGINAL DIXIELAND JAZZ BAND page 44

CAB CALLOWAY page 44

CHARLIE PARKER page 44

RAY CHARLES page 44

JOE PASS page 44

NAT KING COLE page 44

DUKE PEARSON page 44

ORNETTE COLEMAN page 44

RED NICHOLS’ FIVE PENNIES page 44

CHICK COREA page 44

BUDDY RICH page 44

MILES DAVIS page 44

SHORTY ROGERS page 44

PAUL DESMOND page 44

JOHN SCOFIELD page 44

TOMMY DORSEY page 44

ARTIE SHAW page 44

DUKE ELLINGTON page 44

NINA SIMONE page 44

BUDDY FITE page 44

WILLIE “THE LION” SMITH page 44

ELLA FITZGERALD page 44

FATS WALLER page 44

GEORGE GERSHWIN page 44

CHICK WEBB page 44

DIZZY GILLESPIE page 44

MARY LOU WILLIAMS page 44

BENNY GOODMAN page 44

ED WILSON page 44

HERBIE HANCOCK page 44

THE YELLOWJACKETS page 44


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.

DUKE ELLINGTON



INEXHAUSTIBLE COMPOSER AND DIRECTOR Considerato da molti “il re dei riff” per la gran quantità di riff di successo prodotti negli oltre 45 anni di attività con i Rolling Stones, e per questo soprannominato “Riff Richards”, Keith Richards si è più volte descritto, a ragione, come un chitarrista puramente ritmico, molto attaccato alla dimensione acustica della chitarra, per quanto poi negli anni abbia fatto un uso estensivo di chitarre elettriche. Ne possiede più di 1000, la maggior parte delle quali sono frutto di regali, ma usa quasi sempre le stesse, principalmente Fender e Gibson e con il medesimo suono. Tant’è vero che ha spesso ironizzato su questo fatto, spiegando come sia capace di far suonare qualsiasi chitarra allo stesso modo. Fortemente ispirato dal grande rhythm and blues americano di Bo Diddley e Chuck Berry, assieme a Mick Jagger all’inizio degli anni ’60 ha trasferito quel tipo di sensibilità nell’ambiente beat inglese, dando vita a un modo diverso di concepire l’accompagnamento a due chitarre che poi, a partire dal successo di “Satisfaction”, avrebbe riconquistato l’America. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi

e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde


11 | La Gibson Les Paul è il modello

11 | La Gibson Les Paul è il modello

classico della chitarra creata dal

classico della chitarra creata dal

musicista Les Paul nel 1952. Ancora

musicista Les Paul nel 1952. Ancora

oggi è prodotta sostanzialmente con

oggi è prodotta sostanzialmente con

gli stessi materiali e le stesse

gli stessi materiali e le stesse

tecniche di allora.

tecniche di allora.


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.

38 Duke Ellington


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.

CAB CALLOWAY



HIS HIGH-THE-HIGHNESS OF HO-DE-HO Considerato da molti “il re dei riff” per la gran quantità di riff di successo prodotti negli oltre 45 anni di attività con i Rolling Stones, e per questo soprannominato “Riff Richards”, Keith Richards si è più volte descritto, a ragione, come un chitarrista puramente ritmico, molto attaccato alla dimensione acustica della chitarra, per quanto poi negli anni abbia fatto un uso estensivo di chitarre elettriche. Ne possiede più di 1000, la maggior parte delle quali sono frutto di regali, ma usa quasi sempre le stesse, principalmente Fender e Gibson e con il medesimo suono. Tant’è vero che ha spesso ironizzato su questo fatto, spiegando come sia capace di far suonare qualsiasi chitarra allo stesso modo. Fortemente ispirato dal grande rhythm and blues americano di Bo Diddley e Chuck Berry, assieme a Mick Jagger all’inizio degli anni ’60 ha trasferito quel tipo di sensibilità nell’ambiente beat inglese, dando vita a un modo diverso di concepire l’accompagnamento a due chitarre che poi, a partire dal successo di “Satisfaction”, avrebbe riconquistato l’America. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi

e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde


11 | La Gibson Les Paul è il modello

11 | La Gibson Les Paul è il modello

classico della chitarra creata dal musicista

classico della chitarra creata dal musicista

nel

prodotta

Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta

sostanzialmente con gli stessi materiali e

sostanzialmente con gli stessi materiali e

le stesse tecniche di allora.

le stesse tecniche di allora.

1952.

Ancora

oggi

è


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.

BILLIE HOLIDAY

 “ LADY DAY ”

Considerato da molti “il re dei riff” per la gran quantità di riff di successo prodotti negli oltre 45 anni di attività con i Rolling Stones, e per questo soprannominato “Riff Richards”, Keith Richards si è più volte descritto, a ragione, come un chitarrista puramente ritmico, molto attaccato alla dimensione acustica della chitarra, per quanto poi negli anni abbia fatto un uso estensivo di chitarre elettriche. Ne possiede più di 1000, la maggior parte delle quali sono frutto di regali, ma usa quasi sempre le stesse, principalmente Fender e Gibson e con il medesimo suono. Tant’è vero che ha spesso ironizzato su questo fatto, spiegando come sia capace di far suonare qualsiasi chitarra allo stesso modo. Fortemente ispirato dal grande rhythm and blues americano di Bo Diddley e Chuck Berry, assieme a Mick Jagger all’inizio degli anni ’60 ha trasferito quel tipo di sensibilità nell’ambiente beat inglese, dando vita a un modo diverso di concepire l’accompagnamento a due chitarre che poi, a partire dal successo di “Satisfaction”, avrebbe riconquistato l’America. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi

e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde


11 | La Gibson Les Paul è il modello

11 | La Gibson Les Paul è il modello

classico della chitarra creata dal

classico della chitarra creata dal

musicista Les Paul nel 1952. Ancora

musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi

oggi è prodotta sostanzialmente con gli

è prodotta sostanzialmente con gli stessi

stessi materiali e le stesse tecniche di

materiali e le stesse tecniche di allora.

allora.

52 Billie Holiday


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.

LOUIS ARMSTRONG



TRUMPET AND A RASPY SINGING VOICE Considerato da molti “il re dei riff” per la gran quantità di riff di successo prodotti negli oltre 45 anni di attività con i Rolling Stones, e per questo soprannominato “Riff Richards”, Keith Richards si è più volte descritto, a ragione, come un chitarrista puramente ritmico, molto attaccato alla dimensione acustica della chitarra, per quanto poi negli anni abbia fatto un uso estensivo di chitarre elettriche. Ne possiede più di 1000, la maggior parte delle quali sono frutto di regali, ma usa quasi sempre le stesse, principalmente Fender e Gibson e con il medesimo suono. Tant’è vero che ha spesso ironizzato su questo fatto, spiegando come sia capace di far suonare qualsiasi chitarra allo stesso modo. Fortemente ispirato dal grande rhythm and blues americano di Bo Diddley e Chuck Berry, assieme a Mick Jagger all’inizio degli anni ’60 ha trasferito quel tipo di sensibilità nell’ambiente beat inglese, dando vita a un modo diverso di concepire l’accompagnamento a due chitarre che poi, a partire dal successo di “Satisfaction”, avrebbe riconquistato l’America. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi

e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.


“The bottom line of any country in the world is ‘what did we contribute to the world?’ …We contribute Luois Armstrong.” Tony Bennett

11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.

CHET BAKER



TRUMPET PHENOMENON Considerato da molti “il re dei riff” per la gran quantità di riff di successo prodotti negli oltre 45 anni di attività con i Rolling Stones, e per questo soprannominato “Riff Richards”, Keith Richards si è più volte descritto, a ragione, come un chitarrista puramente ritmico, molto attaccato alla dimensione acustica della chitarra, per quanto poi negli anni abbia fatto un uso estensivo di chitarre elettriche. Ne possiede più di 1000, la maggior parte delle quali sono frutto di regali, ma usa quasi sempre le stesse, principalmente Fender e Gibson e con il medesimo suono. Tant’è vero che ha spesso ironizzato su questo fatto, spiegando come sia capace di far suonare qualsiasi chitarra allo stesso modo. Fortemente ispirato dal grande rhythm and blues americano di Bo Diddley e Chuck Berry, assieme a Mick Jagger all’inizio degli anni ’60 ha trasferito quel tipo di sensibilità nell’ambiente beat inglese, dando vita a un modo diverso di concepire l’accompagnamento a due chitarre che poi, a partire dal successo di “Satisfaction”, avrebbe riconquistato l’America. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi

e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde


“A lot of the gentle singing style of Chet Baker I noticed more than once showing up in my delivery.” Frank Black

11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.

RAY CHARLES



THE MASTER OF SOUNDS Considerato da molti “il re dei riff” per la gran quantità di riff di successo prodotti negli oltre 45 anni di attività con i Rolling Stones, e per questo soprannominato “Riff Richards”, Keith Richards si è più volte descritto, a ragione, come un chitarrista puramente ritmico, molto attaccato alla dimensione acustica della chitarra, per quanto poi negli anni abbia fatto un uso estensivo di chitarre elettriche. Ne possiede più di 1000, la maggior parte delle quali sono frutto di regali, ma usa quasi sempre le stesse, principalmente Fender e Gibson e con il medesimo suono. Tant’è vero che ha spesso ironizzato su questo fatto, spiegando come sia capace di far suonare qualsiasi chitarra allo stesso modo. Fortemente ispirato dal grande rhythm and blues americano di Bo Diddley e Chuck Berry, assieme a Mick Jagger all’inizio degli anni ’60 ha trasferito quel tipo di sensibilità nell’ambiente beat inglese, dando vita a un modo diverso di concepire l’accompagnamento a due chitarre che poi, a partire dal successo di “Satisfaction”, avrebbe riconquistato l’America. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi

e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora. 11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.

72 Ray Charles


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.

GEORGE BENSON



GUITAR LEGEND Considerato da molti “il re dei riff” per la gran quantità di riff di successo prodotti negli oltre 45 anni di attività con i Rolling Stones, e per questo soprannominato “Riff Richards”, Keith Richards si è più volte descritto, a ragione, come un chitarrista puramente ritmico, molto attaccato alla dimensione acustica della chitarra, per quanto poi negli anni abbia fatto un uso estensivo di chitarre elettriche. Ne possiede più di 1000, la maggior parte delle quali sono frutto di regali, ma usa quasi sempre le stesse, principalmente Fender e Gibson e con il medesimo suono. Tant’è vero che ha spesso ironizzato su questo fatto, spiegando come sia capace di far suonare qualsiasi chitarra allo stesso modo. Fortemente ispirato dal grande rhythm and blues americano di Bo Diddley e Chuck Berry, assieme a Mick Jagger all’inizio degli anni ’60 ha trasferito quel tipo di sensibilità nell’ambiente beat inglese, dando vita a un modo diverso di concepire l’accompagnamento a due chitarre che poi, a partire dal successo di “Satisfaction”, avrebbe riconquistato l’America. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi

e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde


“I have been doing music all my life so everyday when I get up I expect music will be part of it.” George Benson

11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora. La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.

76 George Benson


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.

KEITH JARRETT



PIANO IMPROVISATIONS Considerato da molti “il re dei riff” per la gran quantità di riff di successo prodotti negli oltre 45 anni di attività con i Rolling Stones, e per questo soprannominato “Riff Richards”, Keith Richards si è più volte descritto, a ragione, come un chitarrista puramente ritmico, molto attaccato alla dimensione acustica della chitarra, per quanto poi negli anni abbia fatto un uso estensivo di chitarre elettriche. Ne possiede più di 1000, la maggior parte delle quali sono frutto di regali, ma usa quasi sempre le stesse, principalmente Fender e Gibson e con il medesimo suono. Tant’è vero che ha spesso ironizzato su questo fatto, spiegando come sia capace di far suonare qualsiasi chitarra allo stesso modo. Fortemente ispirato dal grande rhythm and blues americano di Bo Diddley e Chuck Berry, assieme a Mick Jagger all’inizio degli anni ’60 ha trasferito quel tipo di sensibilità nell’ambiente beat inglese, dando vita a un modo diverso di concepire l’accompagnamento a due chitarre che poi, a partire dal successo di “Satisfaction”, avrebbe riconquistato l’America. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi

e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Un tipo di ritmica dove le parti suddivise tra i due chitarristi non sono fisse ma intercambiabili e spesso sovrapposte. Coadiuvato prima da Brian Jones, poi da Mick Taylor e infine da Ron Wood, con la sua maniera di suonare e di accordare la chitarra ha portato, a sua detta, a “una rinascita musicale” alla fine degli anni ’60. L’accordatura aperta, infatti, riducendo il numero di note gli consentiva di concentrarsi sui ritmi e sui riff. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde e di uno stronzo che suona”. Tutta la sua carriera ruota attorno alla vicenda musicale e personale dei Rolling Stones, con i quali milita fin da giovanissimo e che non solo non ha mai abbandonato, ma dei quali è il motore musicale. Lui stesso ha commentato che “per fare del blues hai bisogno solo di tre corde


11 | La Gibson Les Paul è il modello classico della chitarra creata dal musicista Les Paul nel 1952. Ancora oggi è prodotta sostanzialmente con gli stessi materiali e le stesse tecniche di allora.


/leggendejazz